Sei sulla pagina 1di 1356

JANE AUSTEN

Tutti i romanzi
A cura di Ornella De Zordo Editing by: comablack

Titoli originali: Northanger Abbey, trad. di Elena Grillo; Sense and Sensibility, trad. di Pietro eneghelli; Pride and Pre!udice, trad. di "talia #astellini, $iccardo $ei% e Natalia $osi; ans&'eld Par(, trad. di aria )elicita elchiorri; E%%a, trad. di Pietro eneghelli; Persuasione, trad. di )ioren*o )antaccini

Indice
,"s she -ueer. "s she /rudish.0: 1ane Austen e il suo con&or%is%o trasgressi2o...................3 Nota biobibliogra&ica............................................................................................................45 67Abba*ia di Northanger......................................................................................................48 9na raga**a suscettibile al linguaggio..................................................................................43 Pre%essa dell7autrice............................................................................................................++ 6ibro /ri%o..........................................................................................................................+: #a/itolo /ri%o...................................................................................................................... +5 #a/itolo secondo.................................................................................................................. +; #a/itolo ter*o....................................................................................................................... :4 #a/itolo -uarto..................................................................................................................... :< #a/itolo -uinto.....................................................................................................................:8 #a/itolo sesto....................................................................................................................... 5= #a/itolo setti%o...................................................................................................................5: #a/itolo otta2o..................................................................................................................... 58 #a/itolo nono....................................................................................................................... <: #a/itolo deci%o...................................................................................................................<8 #a/itolo undicesi%o.............................................................................................................>5 #a/itolo dodicesi%o.............................................................................................................>3 #a/itolo tredicesi%o.............................................................................................................;+ #a/itolo -uattordicesi%o......................................................................................................;; #a/itolo -uindicesi%o..........................................................................................................8: 6ibro secondo....................................................................................................................... 83 #a/itolo /ri%o...................................................................................................................... 3= #a/itolo secondo.................................................................................................................. 3< #a/itolo ter*o....................................................................................................................... 38 #a/itolo -uarto................................................................................................................... 4=+ #a/itolo -uinto...................................................................................................................4=< #a/itolo sesto..................................................................................................................... 44= #a/itolo setti%o.................................................................................................................. 44< #a/itolo otta2o................................................................................................................... 4+4 #a/itolo nono..................................................................................................................... 4+< #a/itolo deci%o.................................................................................................................4:=
:

#a/itolo undicesi%o...........................................................................................................4:< #a/itolo dodicesi%o...........................................................................................................4:3 #a/itolo tredicesi%o...........................................................................................................454 #a/itolo -uattordicesi%o....................................................................................................45; #a/itolo -uindicesi%o........................................................................................................4<+ #a/itolo sedicesi%o............................................................................................................4<; $agione e senti%ento.......................................................................................................... 4<3 6a ?co%%edia@ dell7esisten*a............................................................................................4>= #a/itolo /ri%o....................................................................................................................4>5 #a/itolo secondo................................................................................................................4>; #a/itolo ter*o..................................................................................................................... 4;= #a/itolo -uarto................................................................................................................... 4;: #a/itolo -uinto...................................................................................................................4;> #a/itolo sesto..................................................................................................................... 4;8 #a/itolo setti%o.................................................................................................................484 #a/itolo otta2o................................................................................................................... 48: #a/itolo nono..................................................................................................................... 48< #a/itolo deci%o.................................................................................................................488 #a/itolo undicesi%o...........................................................................................................43+ #a/itolo dodicesi%o...........................................................................................................43< #a/itolo tredicesi%o...........................................................................................................438 #a/itolo -uattordicesi%o....................................................................................................+=+ #a/itolo -uindicesi%o........................................................................................................+=< #a/itolo sedicesi%o............................................................................................................+=3 #a/itolo diciassettesi%o.....................................................................................................+4: #a/itolo diciottesi%o..........................................................................................................+4> #a/itolo dicianno2esi%o....................................................................................................+43 #a/itolo 2entesi%o.............................................................................................................++5 #a/itolo 2entunesi%o.........................................................................................................++8 #a/itolo 2entiduesi%o........................................................................................................+:: #a/itolo 2entitreesi%o........................................................................................................+:8 #a/itolo 2enti-uattresi%o...................................................................................................+5+ #a/itolo 2enticin-uesi%o...................................................................................................+5> #a/itolo 2entiseiesi%o.......................................................................................................+53
5

#a/itolo 2entisettesi%o......................................................................................................+<: #a/itolo 2entottesi%o.........................................................................................................+<; #a/itolo 2entino2esi%o......................................................................................................+>= #a/itolo trentesi%o............................................................................................................+>; #a/itolo trentunesi%o.........................................................................................................+;+ #a/itolo trentaduesi%o.......................................................................................................+;8 #a/itolo trentatreesi%o.......................................................................................................+8+ #a/itolo trenta-uattresi%o..................................................................................................+8; #a/itolo trentacin-uesi%o..................................................................................................+3+ #a/itolo trentaseiesi%o......................................................................................................+3> #a/itolo trentasettesi%o.....................................................................................................:=4 #a/itolo trentottesi%o........................................................................................................:=8 #a/itolo trentano2esi%o.....................................................................................................:4: #a/itolo -uarantesi%o........................................................................................................:4> #a/itolo -uarantunesi%o....................................................................................................:+= #a/itolo -uarantaduesi%o..................................................................................................:+5 #a/itolo -uarantatreesi%o..................................................................................................:+; #a/itolo -uaranta-uattresi%o.............................................................................................::: #a/itolo -uarantacin-uesi%o.............................................................................................:5+ #a/itolo -uarantaseiesi%o..................................................................................................:5> #a/itolo -uarantasettesi%o.................................................................................................:<4 #a/itolo -uarantottesi%o....................................................................................................:<< #a/itolo -uarantano2esi%o................................................................................................:<8 #a/itolo cin-uantesi%o......................................................................................................:>< Orgoglio e /regiudi*io........................................................................................................:>3 1ane Austen e la /regiudi*iale del %atri%onio...................................................................:;= #a/itolo /ri%o....................................................................................................................:;5 #a/itolo secondo................................................................................................................:;> #a/itolo ter*o..................................................................................................................... :;8 #a/itolo -uarto................................................................................................................... :84 #a/itolo -uinto...................................................................................................................:8: #a/itolo sesto..................................................................................................................... :8< #a/itolo setti%o.................................................................................................................:83 #a/itolo otta2o................................................................................................................... :3:
<

#a/itolo nono..................................................................................................................... :3; #a/itolo deci%o.................................................................................................................5== #a/itolo undicesi%o...........................................................................................................5=5 #a/itolo dodicesi%o...........................................................................................................5=; #a/itolo tredicesi%o...........................................................................................................5=3 #a/itolo -uattordicesi%o....................................................................................................54+ #a/itolo -uindicesi%o........................................................................................................545 #a/itolo sedicesi%o............................................................................................................54; #a/itolo diciassettesi%o.....................................................................................................5+: #a/itolo diciottesi%o..........................................................................................................5+< #a/itolo dicianno2esi%o....................................................................................................5:: #a/itolo 2entesi%o.............................................................................................................5:> #a/itolo 2entunesi%o.........................................................................................................5:3 #a/itolo 2entiduesi%o........................................................................................................55: #a/itolo 2entitreesi%o........................................................................................................55> #a/itolo 2enti-uattresi%o...................................................................................................553 #a/itolo 2enticin-uesi%o...................................................................................................5<+ #a/itolo 2entiseiesi%o.......................................................................................................5<< #a/itolo 2entisettesi%o......................................................................................................5<3 #a/itolo 2entottesi%o.........................................................................................................5>+ #a/itolo 2entino2esi%o......................................................................................................5>< #a/itolo trentesi%o............................................................................................................5>3 #a/itolo trentunesi%o.........................................................................................................5;4 #a/itolo trentaduesi%o.......................................................................................................5;5 #a/itolo trentatreesi%o.......................................................................................................5;; #a/itolo trenta-uattresi%o..................................................................................................58= #a/itolo trentacin-uesi%o..................................................................................................585 #a/itolo trentaseiesi%o......................................................................................................583 #a/itolo trentasettesi%o.....................................................................................................53+ #a/itolo trentottesi%o........................................................................................................53< #a/itolo trentano2esi%o.....................................................................................................53; #a/itolo -uarantesi%o........................................................................................................<== #a/itolo -uarantunesi%o....................................................................................................<=: #a/itolo -uarantaduesi%o..................................................................................................<=;
>

#a/itolo -uarantatreesi%o..................................................................................................<4= #a/itolo -uaranta-uattresi%o.............................................................................................<4; #a/itolo -uarantacin-uesi%o.............................................................................................<+4 #a/itolo -uarantaseiesi%o..................................................................................................<+5 #a/itolo -uarantasettesi%o.................................................................................................<+3 #a/itolo -uarantottesi%o....................................................................................................<:< #a/itolo -uarantano2esi%o................................................................................................<:3 #a/itolo cin-uantesi%o......................................................................................................<5: #a/itolo cin-uantunesi%o..................................................................................................<5; #a/itolo cin-uantaduesi%o................................................................................................<<4 #a/itolo cin-uantatreesi%o................................................................................................<<> #a/itolo cin-uanta-uattresi%o...........................................................................................<>4 #a/itolo cin-uantacin-uesi%o............................................................................................<>5 #a/itolo cin-uantaseiesi%o................................................................................................<>8 #a/itolo cin-uantasettesi%o...............................................................................................<;: #a/itolo cin-uantottesi%o..................................................................................................<;; #a/itolo cin-uantano2esi%o..............................................................................................<84 #a/itolo sessantesi%o.........................................................................................................<8< #a/itolo sessantunesi%o.....................................................................................................<88 ans&ield Par(...................................................................................................................<3= "l ?/re**o@ della 2irtA: la storia di )anny Price e della sua /er&e*ione...............................<34 6ibro /ri%o........................................................................................................................<3> #a/itolo /ri%o....................................................................................................................<3; #a/itolo secondo................................................................................................................>=+ #a/itolo ter*o..................................................................................................................... >=8 #a/itolo -uarto................................................................................................................... >45 #a/itolo -uinto...................................................................................................................>+= #a/itolo sesto..................................................................................................................... >+< #a/itolo setti%o.................................................................................................................>:4 #a/itolo otta2o................................................................................................................... >:8 #a/itolo nono..................................................................................................................... >5: #a/itolo deci%o.................................................................................................................><= #a/itolo undicesi%o...........................................................................................................><> #a/itolo dodicesi%o...........................................................................................................>>=
;

#a/itolo tredicesi%o...........................................................................................................>>5 #a/itolo -uattordicesi%o....................................................................................................>>3 #a/itolo -uindicesi%o........................................................................................................>;5 #a/itolo sedicesi%o............................................................................................................>84 #a/itolo diciassettesi%o.....................................................................................................>8< #a/itolo diciottesi%o..........................................................................................................>83 6ibro secondo..................................................................................................................... >35 #a/itolo /ri%o....................................................................................................................>3< #a/itolo secondo................................................................................................................;=+ #a/itolo ter*o..................................................................................................................... ;=; #a/itolo -uarto................................................................................................................... ;4+ #a/itolo -uinto...................................................................................................................;43 #a/itolo sesto..................................................................................................................... ;+> #a/itolo setti%o.................................................................................................................;:4 #a/itolo otta2o................................................................................................................... ;:3 #a/itolo nono..................................................................................................................... ;55 #a/itolo deci%o.................................................................................................................;<= #a/itolo undicesi%o...........................................................................................................;<< #a/itolo dodicesi%o...........................................................................................................;>= #a/itolo tredicesi%o...........................................................................................................;>5 6ibro ter*o.......................................................................................................................... ;;= #a/itolo /ri%o....................................................................................................................;;4 #a/itolo secondo................................................................................................................;;3 #a/itolo ter*o..................................................................................................................... ;85 #a/itolo -uarto................................................................................................................... ;34 #a/itolo -uinto...................................................................................................................;3; #a/itolo sesto..................................................................................................................... 8=: #a/itolo setti%o.................................................................................................................8=8 #a/itolo otta2o................................................................................................................... 84> #a/itolo nono..................................................................................................................... 843 #a/itolo deci%o.................................................................................................................8+: #a/itolo undicesi%o...........................................................................................................8+8 #a/itolo dodicesi%o...........................................................................................................8:+ #a/itolo tredicesi%o...........................................................................................................8:<
8

#a/itolo -uattordicesi%o....................................................................................................854 #a/itolo -uindicesi%o........................................................................................................85> #a/itolo sedicesi%o............................................................................................................8<: #a/itolo diciassettesi%o.....................................................................................................8>4 E%%a................................................................................................................................. 8>3 E%%a Boodhouse e l7a%biguo /iacere della libertC..........................................................8;= #a/itolo /ri%o....................................................................................................................8;< #a/itolo secondo................................................................................................................884 #a/itolo ter*o..................................................................................................................... 885 #a/itolo -uarto................................................................................................................... 88; #a/itolo -uinto...................................................................................................................83: #a/itolo sesto..................................................................................................................... 83; #a/itolo setti%o.................................................................................................................3=+ #a/itolo otta2o................................................................................................................... 3=> #a/itolo nono..................................................................................................................... 34: #a/itolo deci%o.................................................................................................................3++ #a/itolo undicesi%o...........................................................................................................3+; #a/itolo dodicesi%o...........................................................................................................3:4 #a/itolo tredicesi%o...........................................................................................................3:; #a/itolo -uattordicesi%o....................................................................................................35+ #a/itolo -uindicesi%o........................................................................................................35> #a/itolo sedicesi%o............................................................................................................3<+ #a/itolo diciassettesi%o.....................................................................................................3<> #a/itolo diciottesi%o..........................................................................................................3<8 #a/itolo dicianno2esi%o....................................................................................................3>+ #a/itolo 2entesi%o.............................................................................................................3>; #a/itolo 2entunesi%o.........................................................................................................3;4 #a/itolo 2entiduesi%o........................................................................................................3;8 #a/itolo 2entitreesi%o........................................................................................................384 #a/itolo 2enti-uattresi%o...................................................................................................38; #a/itolo 2enticin-uesi%o...................................................................................................33+ #a/itolo 2entiseiesi%o.......................................................................................................33> #a/itolo 2entisettesi%o....................................................................................................4==> #a/itolo 2entottesi%o.......................................................................................................4=44
3

#a/itolo 2entino2esi%o....................................................................................................4=4< #a/itolo trentesi%o..........................................................................................................4=+4 #a/itolo trentunesi%o.......................................................................................................4=+< #a/itolo trentaduesi%o.....................................................................................................4=+8 #a/itolo trentatreesi%o.....................................................................................................4=:5 #a/itolo trenta-uattresi%o................................................................................................4=:3 #a/itolo trentacin-uesi%o................................................................................................4=55 #a/itolo trentaseiesi%o....................................................................................................4=58 #a/itolo trentasettesi%o...................................................................................................4=<: #a/itolo trentottesi%o......................................................................................................4=<< #a/itolo trentano2esi%o...................................................................................................4=>+ #a/itolo -uarantesi%o......................................................................................................4=>< #a/itolo -uarantunesi%o..................................................................................................4=>3 #a/itolo -uarantaduesi%o................................................................................................4=;5 #a/itolo -uarantatreesi%o................................................................................................4=8: #a/itolo -uaranta-uattresi%o...........................................................................................4=83 #a/itolo -uarantacin-uesi%o...........................................................................................4=35 #a/itolo -uarantaseiesi%o................................................................................................4=38 #a/itolo -uarantasettesi%o...............................................................................................44=: #a/itolo -uarantottesi%o..................................................................................................444= #a/itolo -uarantano2esi%o...............................................................................................444< #a/itolo cin-uantesi%o....................................................................................................44+4 #a/itolo cin-uantunesi%o................................................................................................44+; #a/itolo cin-uantaduesi%o...............................................................................................44:4 #a/itolo cin-uantatreesi%o..............................................................................................44:; #a/itolo cin-uanta-uattresi%o.........................................................................................445+ #a/itolo cin-uantacin-uesi%o..........................................................................................4458 Persuasione....................................................................................................................... 44<= "l linguaggio del desiderio: 1ane Austen e la sua ulti%a eroina.........................................44<4 6ibro /ri%o....................................................................................................................... 44<; #a/itolo /ri%o..................................................................................................................44<8 #a/itolo secondo..............................................................................................................44>: #a/itolo ter*o...................................................................................................................44>; #a/itolo -uarto.................................................................................................................44;+
4=

#a/itolo -uinto.................................................................................................................44;< #a/itolo sesto...................................................................................................................4484 #a/itolo setti%o................................................................................................................ 448; #a/itolo otta2o.................................................................................................................443+ #a/itolo nono...................................................................................................................4438 #a/itolo deci%o................................................................................................................4+=: #a/itolo undicesi%o.........................................................................................................4+=3 #a/itolo dodicesi%o.........................................................................................................4+45 6ibro secondo................................................................................................................... 4++: #a/itolo /ri%o..................................................................................................................4++5 #a/itolo secondo..............................................................................................................4++3 #a/itolo ter*o................................................................................................................... 4+:: #a/itolo -uarto................................................................................................................. 4+:8 #a/itolo -uinto.................................................................................................................4+5+ #a/itolo sesto................................................................................................................... 4+58 #a/itolo setti%o................................................................................................................ 4+<< #a/itolo otta2o.................................................................................................................4+<3 #a/itolo nono................................................................................................................... 4+>< #a/itolo deci%o................................................................................................................4+;> #a/itolo undicesi%o.........................................................................................................4+8< #a/itolo dodicesi%o.........................................................................................................4+3>

44

Is she queer? Is she prudish?: Jane Austen e il suo conformismo trasgressivo


,9na cosa D certa di 1ane Austen: che D %olto /iA di2ertente leggere -ualcosa scritto da lei che -ualcosa scritto su di lei.0 #osE alludendo alla biogra&ia della scrittrice, Eli*abeth FardGic( a22erte di non as/ettarsi a22eni%enti sensa*ionali o anche solo e/isodi interessanti nella 2ita di una donna che trascorse tutti i suoi -uarantadue anni entro i con&ini di una /lacida 2ita &a%iliare, -uasi se%/re in un /iccolo 2illaggio della /ro2incia inglese. 67esisten*a di iss 1ane scorre in&atti /er&etta%ente entro gli sche%i che la cultura del te%/o /re2ede2a /er una raga**a della sua classe sociale, e l7i%%agine co%/osta e discreta che ci ri%andano le 2arie biogra&ie con&er%a un7adesione alle con2en*ioni sociali che non D %essa in discussione ne//ure dalle lettere che di lei sono ri%aste e che contengono /er la %aggior /arte noti*ie sui &a%iliari, co%%enti sui 2icini di casa, a//re**a%enti sui 2estiti e sulle serate %ondane cui da raga**a /arteci/a2a, %a /ochi ri&eri%enti ai /ensieri /iA inti%i e ai senti%enti. Era nata in una &a%iglia che discende2a da ris/ettabili /arroci, nobili di ca%/agna, u&&iciali %ilitari, e che &ace2a /arte della gentry, la /iccola nobiltC di ca%/agna ris/ettata anche se non ricca, che ritro2ia%o co%e /rotagonista assoluta dei suoi ro%an*i. A2e2a trascorso l7in&an*ia e la gio2ine**a nel /resbiterio di Ste2enton di cui era /arroco il /adre, nel Fa%/shire, una terra la cui con&igura*ione /aesaggistica se%bra2a ris/ecchiare e &a2orire l7isola%ento ti/ico della 2ita dei suoi abitanti: il 2illaggio era circondato da /rati e boschi che /are2ano /roteggerlo, %a anche isolarlo, dal %ondo esterno. Era stata educata in &a%iglia secondo il %odello ti/ico dell7anglicanesi%o ortodosso, che attribui2a /articolare 2alore a 2irtA -uali l7autocontrollo, l7altruis%o, la /acata ri&lessione, e alla donna riser2a2a uno s/a*io rigorosa%ente li%itato alla &a%iglia. #o%e era /re2isto, a2e2a i%/arato a di/ingere e a disegnare, a rica%are, a occu/arsi della casa, a con2ersare con /ro/rietC. Della sua cultura letteraria era res/onsabile so/rattutto il /adre, il re2erendo George Austen, che a%a2a trascorrere le serate a leggere ad alta 2oce ai &igli e /er%ette2a loro di accedere alla sua ricca biblioteca. 6a %onotonia della 2ita &a%iliare era interrotta, di tanto in tanto, da occasioni %ondane, balli, /ran*i, -ualche rice2i%ento /o%eridiano, do2e 1ane a2e2a %odo di /raticare uno dei suoi di2erti%enti /re&eriti: studiare da 2icino il co%/orta%ento di un7u%anitC che, ignara di essere osser2ata dal suo sguardo /enetrante e s/ietato, incauta%ente recita2a la sua /arte in societC.GiC in -uei /ri%i anni, una 2olta ritornata a casa, si di2erti2a a raccontare con brio -uello che l7a2e2a col/ita e so/rattutto a ricreare sulla /agina, in s/iritose /arodie che costitui2ano i suoi /ri%i eserci*i letterari, la co%%edia u%ana che non si stanca2a %ai di osser2are. Nel 48=<, -uando i%/ro22isa%ente %orE il /adre, a2e2a giC scritto le /ri%e 2ersioni di 67Abba*ia di Northanger, $agione e senti%ento, Orgoglio e /regiudi*io. Do/o a2er 2issuto con la &a%iglia /er -ualche anno a Hath e a Southa%/ton, nel 48=> era ritornata, insie%a alla %adre e all7inse/arabile sorella #assandra, ad abitare 2icino a Ste2enton, a #haGton #ottage do2e, ancora gio2ane, a2e2a abbandonato l7idea del %atri%onio, e con i suoi 2estiti e le cu&&iette &uori %oda si era calata nel ruolo di *ia dei suoi %olti e a%ati ni/oti, e si era dedicata intera%ente alla scrittura, rara%ente lasciando la sua casa. Gli anni &ino al 484> erano trascorsi tran-uilli, anche se con -ualche /reoccu/a*ione econo%ica; a2e2a ri2eduto i suoi /ri%i ro%an*i e ne a2e2a scritti
4+

altri tre, ans&ield Par(, E%%a, Persuasione, lasciando inco%/iuto l7ulti%o, Sanditon, /erchI a -uarantadue anni era stata col/ita dal %orbo di Addison, la %alattia /er la -uale si s/ense il 48 luglio 484;. E tutta2ia, dietro la linearitC di -uesta i%%agine di donna con&or%ista e /ro2inciale, la scrittrice 1ane Austen a//are una &igura co%/lessa e contro2ersa, una delle /iA a%bigue ed elusi2e di tutta la letteratura inglese, co%e di%ostrano gli studi critici che da se%/re ne hanno %esso in e2iden*a as/etti contrastanti e a//arente%ente inconciliabili. Si /uJ addirittura /arlare di due tradi*ioni critiche consolidate e antitetiche che 2edono 1aneAusten ris/etti2a%ente /rudish o -ueer, /er usare gli stessi ter%ini su cui si interroga Fenry #raG&ord a /ro/osito dell7insondabile distacco di )anny Price in ans&ield Par(. 6a stessa do%anda: ,1ane Austen D schi2a o eccentrica. 0, o22ero ,D con&or%ista o trasgressi2a.0 se%bra essere ri%asta in sos/eso al di so/ra dell7incredibile %ole di studi, letture, co%%enti che si sono succeduti nell7arco di -uasi due secoli sui suoi ro%an*i; e se 67arci2esco2o Bhateley nel 48+4 a&&er%a2a con tutta la sua autoritC che 1ane Austen era ,e2idente%ente una scrittrice cristiana0, da allora %olti critici si sono di%ostrati soddis&atti o//ure dis/iaciuti del %oralis%o e del conser2atoris%o che legge2ano nei suoi ro%an*i, d7altra /arte giC nel 48;= rs Oli/hant dichiara2a di a//re**are il ,cinis%o &e%%inile0 e lo ,scherno silen*ioso0 racchiusi nelle sue /agine, e da2a ini*io a una lettura delle sue o/ere in base alla -uale in seguito %olti sono stati a loro 2olta co%/iaciuti o//ure scandali**ati /erchI la sua scrittura non aderi2a a&&atto alle con2en*ioni e alle nor%e etiche e /olitiche del suo te%/o. #i sono in de&initi2a due i%%agini che alternati2a%ente si sono a&&acciate nella storia della &ortuna critica di -uesta scrittrice la cui centralitC nel canone letterario inglese non D stata %ai /osta in discussione: una Austen %oralista e didattica che usa la sua celebre ironia /er giudicare l7indi2iduo che non si uni&or%a ai 2alori della societC, e una Austen /iA intrigante e so&isticata, a %io a22iso %oltocon2incente, che usa l7ironia, %a anche l7autoironia, /er es/ri%ere il dissenso dalle con2en*ioni sociali e narrati2e. #i si /otrebbe chiedere co%e sia /ossibile -uesta dis/aritC di giudi*i su di lei, e -uale sia la ?2era@ 1ane Austen. )orse a2e2a ragione Kirginia Bool& che a%%ette2a di tro2arla ,di tutte le grandi scrittrici la /iA di&&icile a cogliere nell7atto della grande**a0 e de&ini2a ,te%erario0 chiun-ue si accingesse a scri2ere su di lei. #erto, una di&&icoltC di chi 2oglia ricostruire un7i%%agine non tro//o su/er&iciale di 1ane Austen sta /ro/rio nel &atto che la sua scrEttura si /resenta co%e l7es/ressione con2en*ionale e controllata del decoro e dell7ar%onia neoclassici, ed D caratteri**ata da strategie retoriche indirette co%e l7ironia, la /arodia, l7ellissi oltre che /er%eata da %odalitC elusi2e co%e la reticen*a e l7a%biguitC, che /ossono s&uggire a chi si lasci ingannare dall7a//arente statuto didattico e %oralista del testo e la cui 2alen*a critica /uJ essere o&&uscata dal ris/etto esteriore delle regole e delle con2en*ioni. Sono strategie e %odalitC ti/iche della scrittura &e%%inile del /ri%o Ottocento, stretta%ente legate alla costru*ione ideologica di uno stereoti/o che &a coincidere il &e%%inile con il do%estico e il senti%entale, e cancella, o ri%uo2e, tutto ciJ che risulta dissonante ris/etto a un %odello di donna che antici/a giC l7ideale 2ittoriano dell7angelo del &ocolare. PEA ancora delle sue conte%/oranee )anny Hurney, #harlotte S%ith, Fannah ore e aria EdgeGorth, 1ane Austen si ri2ela consa/e2ole dello s/a*io li%itato che le 2iene concesso co%e donna e co%e scrittrice, e sa che le D negata l7es/ressione libera del giudi*io critico; cosE utili**a &or%e indirette /er /oter dire cose che altri%enti non sarebbero accettate, /er introdurre argo%enti che le sarebbero /reclusi e /er es/ri%ere il suo dissenso sen*a do2er %ani&estare una critica es/licita. Per -uesti %oti2i, %olto di -uello che la scrittrice es/ri%e della sua
4:

2isione del %ondo, 2a cercato sotto la su/er&icie del testo, oltre la tra%a con2en*ionale dei suoi ro%an*i che /arlano se%/re di &idan*a%enti e di %atri%oni, oltre le ti/ologie dei suoi /ersonaggi che ri&lettono gli stereoti/i della classe %edia, oltre l7a%bienta*ione do%estica e /ro2inciale entro cui D contenuta l7a*ione, tutti caratteri che, ri/rendendo le &or%e del ro%an*o do%estico e didattico, a2e2ano &atto sE che la sua scrittura 2enisse da %olti inserita sen*a alcuna incerte**a in -uella consolidata tradi*ione settecentesca. A trarre in inganno i sostenitori di una Austen ine-ui2ocabil%ente con&or%ista contribuisce anche l7ironica %odestia con cui la scrittrice, aderendo a//arente%ente allo stereoti/o, %ini%i**a il 2alore della sua arte a&&er%ando di scri2ere su ,un /e**ettino di a2orio largo due /ollici0 e de&inendosi ,la donna /iA ignorante e disin&or%ata che abbia %ai osato di2entare scrittrice0; e intanto, con sguardo lucido, si /er%ette di giudicare e di ricreare nelle sue /agine l7i%%agine i%/ietosa diuna societC le cui regole sono sancite dai Ser%ons to Loung Bo%en M4;><N del dottor )ordyce e dai Duties o& the )e%ale SeO M4;3;Ndi Tho%as Gisborne, una societC che nega la /ossibilitC /er la donna di uscire dal suo ruolo sen*a conseguen*e catastro&iche sul /iano sociale e a&&etti2o, e che la costringe, /er so/ra22i2ere, a /iegarsi alle sue con2en*ioni. Se si indaga sui %eccanis%i testuali attra2erso cui l7autrice es/ri%e il disagio della /ro/ria condi*ione, se si s2ela la sua %ani/ola*ione linguistica e si indi2iduano le sue %odalitC discorsi2e, sco/ria%o che sotto la su/er&icie con2en*ionale del testo austeniano scorre una 2ena ironica e /arodica che destabili**a %olti dei 2alori cui l7autrice a//arente%ente si adegua, e che i suoi ro%an*i non ritraggono asettica%ente la serena "nghilterra $egency in cui la scrittrice 2i2e2a, %a %ostrano, se /ure con tono leggero e di2ertente, la /ressione -uotidiana delle con2en*ioni sociali in -uella societC. 6a scrittura di 1ane Austen %ostra una /erce*ione consa/e2ole delle costri*ioni che le nor%e sociali o/erano sul soggetto, in s/ecial %odo se -uesto soggetto D, /ro/rio co%e la stessa autrice e co%e 67eroina dei suoi ro%an*i, l7anello /iA debole di una instabile classe sociale, e cioD una donna non s/osata, sen*a grandi /ossibilitC econo%iche e sen*a una /osi*ione sicura, /ericolosa%ente collocata nella &ascia /iA bassa della %iddlePclass. "l te%a che ricorre sotto le lo2e stories con2en*ionali di -uesti ro%an*i D la di&&icoltC che una donna incontra nell7etC in cui de2e i%/ostare la sua &utura esisten*a Mle sue eroine hanno dai 4; ai +; anniN nell7a&&er%are se stessa s&ruttando it sottilissi%o %argine di libertC concesso dalle con2en*ioni sociali, /ri%a &ra tutte il %atri%onio. "l testo austeniano ra//resenta con inesorabile /recisione una realtC, conosciuta /er es/erien*a dalla stessa scrittrice, nella -uale il %atri%onio, /osto in ci%a alla scala dei 2alori, era un 2ero e /ro/rio i%/erati2o sociale; /er una raga**a di ceto %edio, non /articolar%ente abbiente, la te%uta alternati2a al %atri%onio D in&atti una condanna alla solitudine, alla %arginalitC sociale e alla /o2ertC, e%ble%atica%ente ra//resentata dalla /ro&essione della go2ernante, co%e ha ben /resente 1ane )air&aO in E%%a: ,non /ensa2o /ro/rio alla tratta degli schia2i Q...R 6a tratta delle go2ernanti, 2i assicuro, era tutto ciJ a cui /ensa2o ; di certo una cosa del tutto di2ersa, -uanto alle col/e di coloro che la /raticano; %a -uanto all7in&elicitC delle 2itti%e, do2e sia %aggiore non so0. D7altra /arte, nella societC ra//resentata nelle /agine di 1ane Austen il %atri%onio non de2e essere &atto solo /er con2en*ione, cosa ancora accettabile nel secolo /recedente, %a ne//ure solo /er a%ore, /erchI la raga**a che non sa %ediare tra ragione e senti%ento e lascia che le /ro/rie /assioni /redo%inino nella scelta, sarC destinata all7in&elicitC, co%e /untual%ente di%ostra la storia delle 2arie arianne DashGood, Eli*a Billia%s, aria Hertra%. Alla &elicitC dell7eroina austeniana contribuerC il caso, che /uJ
45

deter%inare o %eno l7incontro con l7uo%o giusto, %a sarC &onda%entale, co%e ese%/li&ica so/ra ogni altra la storia di )anny Price in ans&ield Par(, anche l7abilitC di lei a catturarne l7atten*ione, a non dis/iacergli, a %ostrarsi in&eriore, a %ettere in atto inso%%a tutte -uelle &or%e i%/licite di sedu*ione &e%%inile racco%andate dai conduct boo(s dell7e/oca su cui ironi**a la 2oce narrati2a dell7Abba*ia di Northanger: ,S/ecial%ente una donna, se ha la s&ortuna di sa/ere -ualcosa, do2rebbe se%/re &are in %odo di nasconderlo %eglio che /uJ0. Strette in -uesta &itta rete di do2eri e di regole che non tengono /resenti nI l7es/ressione di sI nI i loro desideri, le eroine di 1ane Austen non si ribellano a/erta%ente agli sche%i sociali, co%e &anno in2ece le tragiche /rotagoniste dei ro%an*i di ary Bollstonecra&t le -uali /agano un altissi%o /re**o /er la loro libertC intellettuale e senti%entale, e tutta2ia non 2i si sotto%ettono ne//ure del tutto co%e certi /ersonaggi di )anny Hurney che aderiscono /iA chiara%ente all7ideale &e%%inile del te%/o, %a, e da -ui si s2ilu//a il %ateriale narrati2o su cui il testo austeniano si costruisce, cercano il %odo di reali**are se stesse nego*iando abil%ente degli s/a*i di libertC con l7autoritC &a%iliare e sociale. #osE che -ueste /rotagoniste i%/arano l7arte, tutta %aschile, della ragione, a rischio di suscitare ,un7anti/atia istinti2a0 : uscendo dallo stereoti/o dell7eroina senti%entale, /er so/ra22i2ere non hanno altro %e**o se non a&&inare -uelle &acoltC %entali e intellettuali che giC ary Bollstonecra&t a2e2a ri2endicato /er le donne nella Kindication o& the $ights o& Bo%an M4;3+N, sal2o /oi di%ostrare con la loro stessa storia, la /recarietC di ogni costru*ione ra*ionale che tenti di controllare una realtC che si di%ostra se%/re incerta, i%/re2edibile e contraddittoria. E cosE l7ironia austeniana &un*iona su un du/lice li2ello ri2olgendosi sia contro la tradi*ione del ro%an*o senti%entale e le sue regole, che contro -uel %ondo %aschile che si ritiene su/eriore /erchI in /ossesso degli stru%enti ra*ionali che la cultura del te%/o nega2a /er de&ini*ione alla donna. 67uni2erso austeniano esclude di &atto dal /ro/rio ori**onte la realtC %aschile, cioD il %ondo degli a&&ari, della /olitica, della storia, che in -uesti ro%an*i 2iene co%/leta%ente ignorato, co%e se non a2esse alcuna i%/ortan*a. Alle do%ande che i critici si sono /osti ,do27D la $i2olu*ione &rancese in Orgoglio e /regiudi*io.0, e ,do2e sono le guerre na/oleoniche in ans&ield Par(.0 si de2e ris/ondere che non ci sono, che gli unici segnali del testo che testi%oniano che e2enti cosE i%/ortanti stanno accadendo %entre si s2olge l7a*ione sono le di2ise degli u&&iciali che &anno girare la testa alle raga**e di 6ongbourn o una cor2etta che le2a l7ancora da Southa%/ton. 67ori**onte narrati2o di 1ane Austen coincide con il /unto di 2ista &e%%inile, e arri2a solo &in do2e /uJ arri2are l7es/erien*a delle sue /rotagoniste la cui educa*ione le 2uole, co%e dice Anne Elliot in Persuasione ,a casa, in silen*io, con&inate0. Sono gli e2enti -uotidiani, le /iccole**e do%estiche, considerate banalitC dal serio %ondo 2irile, che di2entano -ui le cose i%/ortanti, %a an*ichI 2edere -uesto co%e la /ro2a che 1ane Austen D una signorina /ro2inciale e conser2atrice, che ignora e si disinteressa dei grandi &atti del %ondo, lo si /uJ leggere co%e un %odo /er scri2ere una storia che non sia -uella u&&iciale che gli uo%ini giC tante 2olte hanno raccontato, una Storia che non tocca le donne e non D &atta da loro nI /er loro, co%e dice la /rotagonista di 67Abba*ia di Northanger: ,6a Storia 2era, solenne, non /osso so//ortarla Q ... R-uelle dis/ute tra /a/i e re, con guerre e /estilen*e a ogni /agina. Suegli uo%ini tutti buoni a nulla e cosE /oche donne, alla &ine %istancano0; la storia raccontata da 1ane Austen D cosE cla%orosa%ente li%itata entro lo s/a*io concesso al &e%%inile da di2entare da un lato 67esalta*ione di -uel %ondo, e dall7altro un7i%/licita accusa 2erso chi ne ha segnato i con&ini. 6o stesso atteggia%ento di critica ironica 2iene tenuto da 1ane Austen 2erso ogni /rinci/io
4<

di autoritC, sia 2erso la realtC dell7es/erien*a che li%ita la libertC indi2iduale, sia 2erso le con2en*ioni narrati2e do%inanti con le -uali co%e scrittrice si tro2a a &are i conti. 6a sua rea*ione istinti2a D -uella del riso, ironico e autoironico, di cui lei stessa /arla -uando a%%ette in una lettera /oi di2enuta &a%osa di essere inca/ace di scri2ere anche un solo ca/itolo di ro%an*o serio sen*a ,sco//iare a ridere di %e o degli altri0. E cosE, il %e**o attra2erso cui la sua scrittura %antiene il ris/etto esteriore della tradi*ione /ur /rendendone le distan*e e suggerisce un ri&iuto dietro un7a//arente accetta*ione, D l7ironia, che ricorre nei suoi ro%an*i in una grande 2arietC di &or%e, da -uelle /iA es/licite della /arodia e del ?burles-ue@ a -uella /iA sottile che si tra2este da se%/lice i%ita*ione, e che coin2olge i te%i, le ti/ologie dei /ersonaggi, gli intrecci strutturali del testo. GiC gli scritti gio2anili raccolti nei tre 2olu%i dei inor Bor(s di%ostrano che i /ri%i eserci*i letterari non sono un7i%ita*ione seria dei generi narrati2i a cui si a22icinano, %a ri/rodu*ioni /arodiehe, ese%/i di ?burles-ue @, strategie caricaturali delle con2en*ioni che 2engono ri/ro/oste, co%e A%ore e a%ici*ia M4;3=N che ricrea l7eroina senti%entale del ro%an*o e/istolare solo /er %etterla in ridicolo; nel /iA co%/lesso testo dell7Abba*ia di Northanger M4;33N coesistono sia una es/licita /arodia del ro%an*o gotico sia una /iA indiretta %essa in discussione di un realis%o do%estico in cui ragione e buon senso so&&ocano l7i%%agina*ione e la &antasia; $agione e senti%ento M4844 N D una riscrittura del contrast no2ely di aria EdgeGorth, un genere di gran %oda negli anni No2anta, giocato sull7o//osi*ione di due /ersonalitC &e%%inili; Orgoglio e /regiudi*io M484:N D un ri&aci%ento /arodico della storia dell7eroina senti%entale di )anny Hurney; ans&ield Par( M4845N ri/ro/one in chia2e ironica il te%a dell7eroina /er&etta di $ichardson; E%%a M484<N D una 2ersione satirica del ro%an*o donchisciottesco di #harlotte 6ennoO. Solo in Persuasione M484;N, l7ulti%o ro%an*o, il registro ironico e /arodico caratteristico del testo austeniano s&u%a nel ?ro%ance @, in cui /re2ale una sottile autoironia ro%antica e che %ette in luce, -uesta 2olta in %odo es/licito, la /recarietC di ogni costru*ione ra*ionale e %ina l7autoritC della stessa 2oce narrati2a /er lasciar &iltrare nel testo un unico /unto di 2ista, chiaro e autore2ole, -uello della /rotagonista, che si D &aticosa%ente con-uistata la ca/acitC di riconoscere e di es/ri%ere i /ro/ri desideri, sottraendosi al silen*io e alle %odalitC indirette a cui se%bra2a condannata. 6a /roie*ione del desiderio di 1ane Austen di su/erare le regole sociali D rintracciabile nella sua ulti%a eroina: a lei scrittrice, che non ha %ai 2oluto trasgredire a/erta%ente le con2en*ioni, D concesso solo di ri2endicare la /ro/ria autono%ia di giudi*io trascri2endo sulla /agina nel /ieno ris/etto del decoro, la /ro/ria 2isione del reale, delle sue co%/lessitC e contraddi*ioni; %a attra2erso -uesto atto di scrittura dC un a//orto &onda%entale alla &or%a*ione di una 2oce &e%%inile a cui si riconosce 2isibilitC narrati2a e autore2ole**a, e contribuisce a creare all7interno del canone letterario una tradi*ione al &e%%inile che ria&&iora nelle /agine di E%ily Dic(inson, di Eli*abeth Gas(ell e si ritro2erC, con di2ersa consa/e2ole**a, negli esiti di Kirginia Bool&. O$NE66A DE ZO$DO T

4>

Nota biobibliografica
#$ONO6OG"A DE66A K"TA E DE66E OPE$E
4;;<. "" 4> dice%bre, a Ste2enton nello Fa%/shire, nasce 1ane Austen, setti%ogenita del re2erendo George Austen, /astore del luogo, e di sua %oglie, #assandra 6eigh. 4;85P8>. )re-uenta, insie%e alla sorella %aggiore #assandra, la Abbey School di $eading. 4;3<. Scri2e Elinor and arianne, /ri%a stesura di Sense and Sensibility. 4;3>. Scri2ere )irst "%/ressions che di2enterC Pride and Pre!udice Mlo &inirC nell7agosto del 4;3;N. 4;3;. "ni*ia a scri2ere la stesura de&initi2a di Sense and Sensibility. 4;38P33. Scri2e Northanger Abbey Mini*ial%ente l7o/era D intitolata SusanN. 48=4. A causa del ritiro del re2erendo Austen dalla sua atti2itC ecclesiastica, la &a%iglia si tras&erisce a Hath, do2e la scrittrice a%bienterC alcuni dei suoi ro%an*i. 48=<. uore il re2erendo George Austen. 6a Austen scri2e The Batsons e 6ady Susan Mo/ere a%bedue inco%/iuteN. 48=;. 6a &a%iglia Austen si stabilisce, con grande gioia di 1ane, che detesta2a Hath, a Southa%/ton. 48=3. 6a &a%iglia si tras&erisce a #haGton, nello Fa%/shire, in una casa di /ro/rietC del &ratello EdGard. 4844. "ni*ia a scri2ere ans&Ueld Par(. Pubblica Sense and Sensibility. 484:. Kiene /ubblicato Pride and Pre!udice. Seconda edi*ione di Sense and Sensibility. 4845. "ni*ia a scri2ere E%%a. Pubblica ans&ield Par(. 484<. "ni*ia a scri2ere Persuasion. Pubblica E%%a e, in )rancia, Sense and Sensibility con il titolo $aison et SensibilitI. 484>. Seconda edi*ione di ans&ield Par( che esce in )rancia, nello stesso anno, con il titolo 6e Parc de ans&ield. Kiene /ubblicato in )rancia anche E%%a, con il titolo 6a nou2elle E%%a. 484;. "ni*ia a scri2ere Sanditon %a, a causa della %alattia che la /orterC alla %orte, non lo ter%inerC. "l 48 luglio %uore a Binchester, do2e si era recata, assie%e alla sorella #assandra, /er tentare di curare la sua %alattia M&orse una &or%a del %orbo di AddisonN. E se/olta nella #attedrale. "n dice%bre, il &ratello Fenry cura la /ubblica*ione del 2olu%e contenente Northanger Abbey e Persuasion, e /er la /ri%a 2olta sul &rontes/i*io co%/are il no%e dell7autrice.

H"H6"OG$A)"A

67edi*ione critica delle o/ere di 1ane Austen D -uella a cura di $.B. #FAP AN, The No2el o& 1ane Austen, The teOt based on collation o& the early edition, Gith notes, indeOes and
4;

illustrations &ro% conte%/orary sources, OO&ord, OO&ord 9ni2ersity Press, 43+:, < 2oll. #o%/rende i sei ro%an*i /rinci/ali Mo ?canonici@N dell7autrice, le cui /ri%e edi*ioni in 2olu%e seguono la cronologia -ui indicata: Sense and Sensibility, 6ondon, T. Egerton, 4844. Pride and Pre!udice, 6ondon, T. Egerton, 484:. ans&ield Par(, 6ondon, T. Egerton, 4845. E%%a, 6ondon, 1ohn urray, 484<. Northanger Abbey, 6ondon, 4848 M/ostu%o; %a co%/osto negli anni 4;38P33N. Persuasion, 6ondon, 1ohn urray, 4848 M/ostu%o; %a co%/osto negli anni 484<P4>N.

Ai cin-ue 2olu%i so/ra citati dell7edi*ione #ha/%an, ne &u aggiunto un sesto nel 43<5 V inor Bor(s W che co%/rende tre -uaderni di o/ere gio2anili MKolu%e the )irst, Kolu%e the Second, Kolu%e the ThirdN e i ro%an*i inco%/iuti 6ady Susan, The Batson, Sanditon. Tra le edi*ioni /iA recenti si segnalano -uella /ubblicata dalla OO&ord 9ni2ersity Press nella collana econo%ica ,Borld7s #lassics0, curata da 1ohn Da2ie M43;4 e 433=N e -uella /er i ,Penguin #lassics0 in sta%/a dal 43;+. Tutte le o/ere di 1ane Austen sono state /ubblicate in 2arie edi*ioni italiane e in otti%e tradu*ioni. Kanno /articolar%ente segnate: E%%a, a una di . P$AZ, ilano, Gar*anti M," grandi libri0N, 43>< e 67Abba*ia di Northanger, a cura di O. DE ZO$DO, trad. di A. HANT", )iren*e, Giunti M,#lassici Giunti0N, 4335. 6e o/ere co%/lete di 1ane Austen sono in corso di /ubblica*ione /resso Theoria M$o%aP Na/oliN, in no2e 2olu%i curati da A6#O SXEL. A tutt7oggi sono usciti: 6ettere 4;3>P 484;, 433+; A%ore e a%ici*ia e altri scritti gio2anili, 4335; 67Abba*ia di Northanger, 438+P 3<; Orgoglio e /regiudi*io, 4335; Persuasione, 433< e $agione e senti%ento, 433> e E%%a, 433>.

Studi biogra&ici
1A ES EDBA$D A9STENP6E"GF, A e%oir o& 1ane Austen, 6ondon, Hentley, 48;=. B"66"A E $"#FA$D A$TF9$ A9STENP6E"GF, 1ane Austen, her 6i&e and 6etters, 6ondon, S%ith, Felder Y #o, 434:, riedito a cura di DE"D$E 6E )ALE co%e 1ane Austen, a )a%ily $ecord, 6ondon, The Hritish 6ibrary, 4383. $.B. #FAP AN, 1ane Austen: )acts and Proble%s, OO&ord, #larendon Press, 4358. 1ANE $EES, 1ane Austen Bo%an and Briter, 6ondon, $obert Fale Y #o, 43;>. GEO$GE FO6HE$T T9#XE$, A Goodly Feritage, A Fistory o& 1ane Austert7s )a%ily, anchester 9ni2ersity Press, 438:. 1OFN FA6PE$"N, The 6i&e o& 1ane Austen, Hrighton, Far2ester, 4385. PA$X FONAN, 1ane Austen, her 6i&e, NeG Lor(, )aGcett, 438;. DO$A XOTN"X, 1ane Austen, o22ero genio e se%/licitC, ilano, $usconi, 433>. #6A"$E TO A6lN, 1ane Austen. A 6i&e, NeG Lor(, Xno/&, 433;.
48

DEl$D$E 6E )ALE, 1ane Austen. A )arnily $ecord, #a%bridge 9ni2ersity Press, +==5.

Studi e saggi critici


A$L 6AS#E66ES, 1ane Austen and her Art, OO&ord 9ni2ersity Press, 43:3. A$K"N 9D$"#X, 1ane Austen. "rony as De&ense and Disco2ery, Princeton 9ni2ersity Press, 43<+. "AN BATT, a cura di, 1ane Austen. A #ollection o& #ritical Essays, EngleGoods #li&&s MN. L.N, Prentice Fall, 43>:. F. TEN FA$ SE6. 1ane Austen. A Study in )ictional #on2ention, The Fague, outon Y #o, 43>5. )$ANX B. H$ADH$OOX, 1ane Austen and her Predecessors, OO&ord 9ni2ersity Press, 43>>. H.#. SO9TFA , a cura di, #ritical Essays on 1ane Austen, 6ondon, $outledge Y Xegan Paul, 43>8. H.#. SO9TFA , 1ane Austen7s 6iterary anuscri/ts. A Study o& the No2elist7s De2elo/%ent Through the Sur2i2ing Pa/ers, OO&ord 9ni2ersity Press, 43>8. 1OFN FA6PE$"N, a cura di, 1ane Austen. Hicentenary Essays, #a%bridge 9ni2ersity Press, 43;<. A$"6LN H9T6E$, 1ane Austen and the Bar o& "deas, OO&ord, #larendon Press, 43;<. HA$HA$A FA$DL, A $eading o& 1ane Austen, 6ondon, Peter OGen, 43;<. SAND$A G"6HE$TPS9SAN G9HA$, "nside the Fouse o& )iction: 1ane Austen7s Tenants o& Possibility , in EAED., The adGo%an in the Attic, The Bo%an Briter and the NineteenthP#entury "%agination, NeG Fa2en, Lale 9ni2ersity Press, 43;3. A$GA$ET X"$XFA , 1ane Austen, )e%inis% and )iction, Hringhton, Far2ester, 438:. A$L POOKEL, The Pro/er 6ady and the Bo%an Briter "deology and Style in the Bor(s o& ary Bollstonecra&t, ary Shelley and 1ane Austen, 9ni2ersity o& #hicago Press, 4385. TONL TANNE$, 1ane Austen, 6ondon, ac i1lan, 438>. A$L EKANS, 1ane Austen and the State, 6ondon, Ta2istoc(, 438;. H.#. SO9TFA , a cura di, 1ane Austen, The #ritical Feritage, 6ondon, $outledge Y Xegan Paul, 43>8 e 438;, + 2oli. #6A9D"A 1OFNSON, 1ane Austen, Bo%en, Politics and the No2el, #hicago 9ni2ersity Press, 4388. 1O#E6LN FA$$"S, 1ane Austen7s Art o& e%ory, #a%bridge 9ni2ersity Press, 4383. "AN )E$G9SON, 1ane Austen. A 6iterary 6i&e, 6ondon, ac%illan, 4334. L$A STOXES, The 6anguage o& 1ane Austen, 6ondon, ac%illan, 4334. S9SAN SN"ADE$ 6ANSE$, Sense and $eticence: 1ane Austen7s ?"ndirections@, in EAD., )ictions o& Authority Bo%en Briters and Narrati2e Koice, "thaca, #ornell 9ni2ersity Press, 433+. EDBA$D SA"D, 1ane Austen and E%/ire, in "D., "%/erialis%, NeG Lor(, Xno/s, 433:. !an(t TODD, 1ane Austen, Politics and Sensibility, in EAD., Gender, Art and Death, #a%bridge, Polity Press, 433:. A6"STA"$ . D9#XBO$TF, The "%/ro2e%ent or the Estate, A Study o& 1ane Austen7s
43

No2els, 1ohns Fo/(ins 9ni2ersity Press, 4335. DEHO$AF XAP6AN, 1ane Austen a%ong Bo%en, 1ohn Fo/(ins 9ni2ersity Press, 4335. DEKONEL 6OOSE$, a cura di, 1ane Austen and Discourses o& )e%inis%, 6ondon, ac%illan, 433<. TA$A G. BA66A#E, 1ane Austen and Narrati2e Authority, 6ondon, St. artin7s Press, 433<. #6A9D"A 6. 1OFNSON, The Di2ine iss 1ane: 1ane Austen, 1aneites, and the Disci/line o& No2el Studies, in ,Houndary +0, +:, : M433>N. TO$$" B"6TSF"$E, $ecreating 1ane Austen, #a%bridge 9ni2ersity Press, +==4. PENNL GAL, 1ane Austen and the Theatre, #a%bridge 9ni2ersity Press, +==+. D.A. "66E$, 1ane Austen, or the Secret o& Style, Princeton 9ni2ersity Press, +==:. $"#FA$D 1ENX"NS, A )ine Hrush o& "2ory: An A//reciation o& 1ane Austen, OO&ord 9ni2ersity Press, +==5. 1ANET TODD, a cura di, 1ane Austen in #onteOt, #a%bridge 9ni2ersity Press, +==<. A$"6LN H9T6E$, 1ane Austen, OO&ord 9ni2ersity Press, +==;.

#ontributi critici italiani


PAT$"Z"A HE66 AN NE$OZZ", 1ane Austen, Hari, Adriatica, 43;:. S"6KANO SAHHAD"N", 67a2orio ideologico di 1ane Austen, in ,Paragone0, +53, 43;5. G"O$G"O SP"NA, 6inee classiche della narrati2a di 1ane Austen, Geno2a, Tilgher, 43;<. PAO6A #O6A"A#O O, 1ane Austen nessuna s/eran*a da Hir%ingha%, in ,Studi inglesi0, :P5, 43;;P;8. $OHE$TO HE$T"NETT", $itratti di signore. Saggio su 1ane Austen, ilano, 1aca Hoo(, 43;8. G"NEK$A HO P"AN", 1ane Austen, il ro%an*o e il 6abirinto, in EAD., 6o s/a*io narrante, 1ane Austen, E%ily HrontZ, Syl2ia Plath, ilano, 6a Tartaruga, 43;8. #A$6A TO HO$"N", 1ane Austen: struttura attra2erso le lettere, ilano, #oo/. 6ibraria "96 , 438+. G"96"ANA G"G6", 6a /assione dell7ironia, saggi su 1ane Austen, Torino, Tirrenia, 433=. HEAT$"#E HATTAG6"A, 6a *itella illetterata: /arodia e ironia nei ro%an*i di 1ane Austen, $a2enna, 6ongo, 438:. S9SAN PALNE, The Author in the TeOt: Parodic Strategy and eta&iction in 1ane Austen7s ,Northanger Abbey0, in EAD., The Strange Githin the $eal: the )unction o& )antasy in Austen, HrentZ and Eliot, $o%a, Hul*oni, 433+. "$E66A H"66", 1ane Austen: /arodia e rePin2en*ione del ro%an*o, in EAD., "6 testo ri&lesso.6a /arodia nel ro%an*o inglese, Na/oli, 6iguori, 433:. )$AN#ES#O A$$ON", a cura di, Dalla /arte di 1ane Austen, Pescara, Tracce, 4335. #F"A$A H$"GANT", "l /adre &uori gioco: &antasie e &ilia*ione &e%%inile in ,$agione e senti%ento0 , in EAD., Anche tu, &iglia %ia[ )iglie e /adri nelle letterature anglo&one, 9rbino, Suattro2enti, 433<. HEAT$"#E HATTAG6"A, a cura di, 1ane Austen. Oggi e ieri, $a2enna, 6ongo, +==+. STE)AN"A A", 6a %aschera e la 2isione. 1ane Austen, E%ily e #harlotte HrontZ, Pescara, Tracce, +==5.
+=

HEAT$"#E HATTAG6"A and D"EGO SAG6"A, a cura di, $ePDraGing Austen: Pictures-ue Tra2els in Austenland, Na/oli, 6iguori, +==<. T

+4

LAbba ia di Northanger
T

++

!na raga a suscettibile al linguaggio


Se Northanger Abbey M484;N D uno dei ro%an*i di 1ane Austen /re&eriti dal grande /ubblico /er il ritratto di2ertente dell7ingresso in societC dell7eroina e la descri*ione ironica del suo a//rendistato senti%entale, esso resta -uello &a2orito dei critici /er il suo carattere %etanarrati2o. #o%e /reannuncia il titolo, si %odella sugli scenari del gotico, e &acendo una /arodia di -uel genere, lo s2uota e a/re al nuo2o. $a//resenta dun-ue un %o%ento di ca%bia%ento, non solo nella storia del ro%an*o %a anche nella cultura inglese che nel /eriodo della /ri%a stesura di -uest7o/era M4;3;P38N si interroga, insie%e ai /ersonaggi di Austen, su -uel contrasto tra ragione e senti%ento, tra senno e sensibilitC, di cui l7autrice tratterC con %aggiore a%/ie**a nel ro%an*o chia%ato a//unto Sense and Sensibility, scritto in -uegli stessi anni %a /ubblicato nel 4844. "l /ersonaggio che &iltra -uesta critica sociale e culturale di Austen D #atherine orland, %odellata /er es/licito gioco di /aragoni sulle /rotagoniste del ro%an*o goticoPsenti%entale di allora. #atherine, a diciassette anni, D una a//rendista eroina Manche se non se%braN a//assionata di ro%an*i gotici e senti%entali; da essi i%/ara che la donna D una 2itti%a sacri&icale della catti2eria del %ondo M%aschileN, che bontC e innocen*a alla &ine trion&eranno, e giusti*ia sarC &atta. a #atherine non asso%iglia %olto a una ti/ica eroina goticoPsenti%entale, che /uJ non essere bellissi%a %a di solito D intelligente, s/esso addirittuta un %iracolo di cultura autodidatta. \ una raga**a -ualsiasi, abbastan*a carina, sognatrice; so/rattutto D %olto gio2ane, ines/erta, /oco in&or%ata. )iglia di un ecclesiastico, D stata alle2ata alle 2irtA cristiane che /ratica co%e se le &ossero connaturate. 6a bra2ura di Austen ] e /arte integrante della sua critica socioPletteraria al gotico ] sta /ro/rio nell7a2er &atto di una raga**a cosE nor%ale un7eroina, /ortando i lettori a identi&icarsi con lei, %an %ano che i%/ara, distan*iandosi dai suoi sogni ro%antici, a dare una /iA adeguata lettura della realtC. A #atherine, guarda caso, non succede %ai niente di -uello che raccontano i libri. 6a sua &a%iglia D deludente%ente /rosaica, e ne%%eno la /ros/etti2a del suo soggiorno a Hath, la &a%osa e %ondana cittadina ter%ale do2e 2errC os/itata /er sei setti%ane dagli Allen, ricchi a%ici di &a%iglia, suscita l7a//rensione di sua %adre. 6a signora orland, concentrata sugli altri no2e &igli, ha un atteggia%ento %olto /rag%atico nei con&ronti dei /ossibili /ericoli a cui 2a incontro la raga**a, e an*ichI /ros/ettare ra/i%enti e tur/i %acchina*ioni, si li%ita a racco%andarle di co/rirsi bene e tenere i conti delle /iccole s/ese. a il %ale, /er -uanto di /ro/or*ioni %eno a//ariscenti, non D %ai tro//olontano in un ro%ance, genere che s/esso si struttura tra%ite un assetto contrasti2o, con una do//ia tra%a che &un*iona /er congiun*ioni e disgiun*ioni te%atiche, e/isodi /aralleli e co//ie o//ositi2e, -uali /er ese%/io i &ratelli Tilney e i &ratelli Thor/e, le nuo2e conoscen*e di #atherine a Hath, ben /resto /ro/osti ai lettori co%e, ris/etti2a%ente, ?buoni@ e ?catti2i@. 6a &or%a*ione di #atherine a Hath do2rC natural%ente /assare attra2erso le &asi del ro%an*o rosa: essere notata Mlo sguardo del corteggiatore e-ui2ale a un7agni*ione di &e%%inilitCN; essere lodata Mla 2oce, co%%entando il co%/orta%ento, inscri2e il 2alore della &e%%inilitCN; essere scelta Ml7assun*ione di stato nell7econo%ia libidinale /atriarcale co%/ro2a il 2alore della donnaN.
+:

Se riuscia%o a non cedere alla tenta*ione di considerare #atherine un /o7 oca, co%e &anno /er ese%/io Patricia Heer e Diane Foe2eler, /ossia%o 2edere in lei una raga**a ,/eculiar%ente suscettibile al linguaggio0 Mda una /oesia di Adrienne $ichN, ansiosa%ente in cerca di una guida, di una %a//a /er tro2are -ualcuna che, co%e lei, non se%bra essere inclusa nel testo che il %ondo 2a scri2endo. Non ha un7a%/ia scelta di %odelli, #atherine. "l %odello /iA i%%ediato sarebbe, o22ia%ente, la %adre. a, /er 1ane Austen, il %aterno, grande ri&ugio di altre scrittrici a lei conte%/oranee, D se%/re a%biguo ] 2edi le %adri ra/aci co%e 6ady iddleton, o schiaccianti co%e 6ady #atherine de Hourgh, o garrule e cretine co%e rs. Hennet, o disattente co%e la stessa rs. orland. Suest7ulti%a, con la sua nidiata di &igli, non D certo una /ri%a scelta /er #atherine, %a ne%%eno rs. Allen lo D.#ha/eronne ine&&icace, co%e &igura %aterna D una %adre %ancata sia /erchI non ha &igli suoi, sia /erchI, non a2endo ,nI belle**a nI genio... nI %aniere0, D inca/ace di guidare la raga**a oltre i detta%i della %oda. "nteressante D in2ece l7altra %adre, -uella %orta, oggetto del la2oro di detection di #atherine nell7Abba*ia di Northanger di cui D os/ite. 6a signora Tilney, benea%ata da &igli e %arito ] e %orta serena%ente nel suo letto, non in una buia segreta ] D stata 2ista co%e /ersonaggioPs/ia di una occulta tra%a edi/ica se/olta nel ri%osso del ro%an*o. \ in&atti nell7architettura del castello gotico, secondo il critico Peter Hroo(s, che /ossia%o riscontrare una a//rossi%a*ione ,del %odello &reudiano della /siche, /articolar%ente /er -uanto riguarda le tra//ole tese alla coscien*a dall7inconscio e dal re/resso0. entre Austen D occu/ata a s%ascherare /untual%ente i to/oi letterari del ro%an*o gotico, noi lettori di -uesto tardo secolo /ossia%o occu/arci di ri2elare le /rede ri%aste nelle tra//ole dell7inconscio, /er ese%/io il desiderio di #atherine /er il Generale Tilney ] dun-ue non /er il &iglio, %a /er il /adre che attira il %asochis%o di lei con l7irascibile so%iglian*a ai ?catti2i@ signori del gotico. Suesto desiderio re/resso s/iegherebbe anche la &ascina*ione di #atherine /er la sua de&unta %oglie. 67angoscia sessuale dell7identi&ica*ione es/ri%erebbe il ri&iuto di #atherine di crescere, e non solo di crescere a so%iglian*a della sua /roli&ica %adre reale, %a di crescere nel senso di /erdere la sua nubile autosu&&icien*a, e -uindi, /aradossal%ente, di /erdere un controllo di sI che a /ri%a 2ista se%bra non a2ere. "l gotico 2iene a ra//resentare dun-ue il /aradosso /erturbante del desiderio di controllo che si %escola al terrore di /erdere il controllo. A -uesto si ri&eriscono le ri/etute cita*ioni di " isteri di 9dol&o M4;35N, ro%an*o di Ann $adcli&&e, la regina del noir di -uei te%/i, con -uei /iaceri in bilico tra la deli*ia e l7horror ri2isitati due secoli do/o da Anne $ice, che collocanol7eroina sull7orlo della dis&atta e della /erdita. a i corridoi in&estati dal 2ento, le scale a chiocciola /ullulanti di /i/istrelli, le ro2ine %uschiose e cadenti in Northanger Abbey non co%baciano %ai con l7as/ettati2a. Alla luce del giorno, la /a**a non abita /iA in so&&itta, e non sono i%%inenti gli incendi. 67attesa dell7ignoto, dell7esotico, del %acabro 2iene &rustrata dai %obili %oderni, le allegre ta//e**erie, le su/er&ici ben lucidate di -uesto castello ristrutturato. Persino il rotolo nel cassetto segreto non D un testa%ento di sangue %a una banale lista del bucato. Nelle o/ere di Austen non si s&ugge alla banalitC del -uotidiano nI al /ano/ticon &a%igliare. 67a*ione non sta altro2e, %a /ro/rio lC, nei %inuti e /untigliosi s/osta%enti dell7atten*ione, dettati dalle con2enien*e. 6o s/a*io claustro&obico, circoscritto dalle buone %aniere e dai buoni senti%enti, al %icrosco/io della chiacchiera, del gossi/ %esso a &uoco da 1ane Austen, si ri2ela terreno non %eno a22enturoso di -uell7altro incontro i%%aginario con il %ondo. 67i%%aginario si a&&ida alla &antasia /ro/rio /er ritro2are la sua strada 2erso il
+5

%ondo, /er riconciliarsi alla do%esticitC che sotto la tras/aren*a del -uotidiano nasconde le &or%e ben note di costri*ione del &e%%inile. \ -uindi /re2edibile -uale %odello sceglierC #atherine tra le /ossibilitC o&&erte dalle sue coetanee. Tra la ?catti2a@ "sabella Thor/e, che /ensa solo al /ro/rio tornaconto e si ri2ela del tutto ina&&idabile, e la ?buona@ iss Tilney, %odello di buone %aniere e co%/orta%ento corretto, #atherine sceglierC -uest7ulti%a, di2entandone la cognata, e ricreando un nucleo &a%igliare &orse sen*a %ordente %a certo rassicurante. "l ?sI@ di #atherine D or%ai tutto ?intra%ato@ nella geogra&ia del reale; le suggestioni del %elodra%%a sono state barattate /er gli agi di una ricca 2ita &a%igliare %odellata su un /rototi/o /iA borghese che aristocratico. 67identitC di #atherine, -uesta raga**a suscettibile al linguaggio, continua dun-ue a essere ri2endicata in ter%ini di una /roie*ione i%%aginaria, %a si tratta di un ?do2er essere@ che a//artiene a una &un*ionale econo%ia del discorso sociale. 6a ?&or%a*ione@ di #atherine in -uesto senso D a buon /unto -uando lei &inal%ente i%/ara Me se tal2olta 2acilla, c7D Fenry Tilney a guidarlaN a coniugare e&&icace%ente ragione e sensibilitC. "l ro%an*o tende, con un %o2i%ento ricorrente nelle o/ere di Austen, 2erso la risolu*ione a&&idata a %o%enti di chiare**a co%e il %oto di consa/e2ole**a di #atherine nel ca/itolo ^^K", -uasi un ris2eglio, una ri2ela*ione che lei ha, ri/ensando agli e2enti a//ena trascorsi. A -uesto /unto l7Abba*ia di Northanger, correlati2o oggetti2o delle sue as/ettati2e ro%antiche, non ha /iA alcun &ascino /er lei; le restituisce soltanto la %e%oria del /ro/rio sconsiderato senti%entalis%o, ed D in2ece la canonica di Fenry, a Boodson, cosE solida, nel /aese lindo e ordinato circondato dalla /iatta ca%/agna, che le &a battere il cuore. 6"ANA HO$GF" T

+<

"remessa dellautrice
)inita nell7anno 48=:, -uesta /iccola o/era a2rebbe do2uto essere subito /ubblicata. )u ceduta in&atti a un libraioPeditore e &u /er&ino /ubblici**ata: /er -uale %oti2o la &accenda non sia /oi /iA andata a2anti, all7autrice non D stato dato sa/ere. \ /eraltro una cosa /iuttosto curiosa che un -ualsi2oglia editore abbia ritenuto degno di ac-uisto ciJ che non ritene2a degno di /ubblica*ione. Tutta2ia nI l7autrice nI tanto%eno il /ubblico se ne debbono /reoccu/are /iA che tanto, se non /er il &atto che D necessaria una -ualche osser2a*ione relati2a a -uelle /arti dell7o/era che un inter2allo di tredici anni ha reso /iuttosto anti-uate. Prego -uindi il /ubblico di ricordare che sono /assati tredici anni da -uando il libro &u &inito, e %olti di /iA da -uando &u co%inciato, e che durante -uesto /eriodo i luoghi, le abitudini, i libri e le o/inioni hanno subito considere2oli %uta%enti. T

+>

Libro primo

+;

#apitolo primo
Nessuno che a2esse conosciuto #atherine orland nella sua /ri%a in&an*ia a2rebbe %ai su//osto che il suo destino sarebbe stato -uello di essere un7eroina. Tutto era contro di lei: la /osi*ione sociale, il carattere del /adre e della %adre, il suo as/etto &isico e /er&ino le sue inclina*ioni. "l /adre era un /astore nI dis/re**ato nI /o2ero, an*i era un uo%o assai ris/ettabile, nonostante il suo no%e &osse $ichard, e non era %ai stato bello. A2e2a una considere2ole &ortuna /ersonale, oltre alla rendita di due bene&ici ecclesiastici, e non era ne//ure lontana%ente inten*ionato a tenere le &iglie segregate. 6a %adre era una donna /ratica e sensata, di buon carattere e, cosa da sottolineare, di buona salute. A2e2a a2uto tre &igli /ri%a di #atherine e, in2ece di %orire dando alla luce -uest7ulti%a, co%e chiun-ue a2rebbe /otuto as/ettarsi, era so/ra22issuta: era so/ra22issuta an*i /er abbastan*a te%/o da a2ere altri sei &igli e 2ederseli crescere intorno, se%/re godendo di una salute eccellente. 9na &a%iglia di dieci &igli sarC se%/re detta una bella &a%iglia, se 2i sono teste, braccia e ga%be in giusto nu%ero: di &atto i orland a2e2ano /ochi altri diritti a essere detti belli. An*i, in generale erano /iuttosto insigni&icanti, e #atherine, /er %olti anni della sua 2ita, &u insigni&icante co%e gli altri. A2e2a una &igura %agra e go&&a, carnagione /allida tendente al giallastro, ca/elli scuri e lisci e linea%enti /esanti: ciJ /er -uanto concerne l7as/etto &isico; non /iA /ro/i*ia all7erois%o era la sua %ente. 6e /iace2ano i giochi da %aschiaccio e so/rattutto il cric(et, che /re&eri2a non solo alle ba%bole, %a anche ai di2erti%enti d7una in&an*ia eroica, co%e alle2are un ghiro, nutrire un canarino o anna&&iare un rosaio. Non a2e2a nessuna /ro/ensione al giardinaggio, e se raccoglie2a &iori era /rinci/al%ente /er il gusto della disobbedien*a: lo si /ote2a dedurre dal &atto che /re&eri2a se%/re raccogliere -uelli che le era stato /roibito /rendere. Sueste erano le sue /ro/ensioni; altrettanto /oco straordinarie erano le sue ca/acitC. Non era %ai riuscita a i%/arare o a ca/ire nulla che /ri%a non le &osse stato s/iegato, e -ualche 2olta ne//ure do/o, dal %o%ento che s/esso era disattenta e tal2olta /er&ino un /o7 ottusa. 6a %adre do2ette i%/iegare tre %esi /er insegnarle la Preghiera del %endicante e &inE che la sua sorella %inore, Sally, &u in grado di recitarla %eglio di lei. Non si de2e /ensare tutta2ia che #atherine &osse se%/re tarda: co%e ogni raga**ina inglese in&atti a2e2a i%/arato ra/ida%ente la &a2ola della 6e/re e i suoi %olti a%ici. 6a %adre a2rebbe desiderato che studiasse %usica e #atherine era certa che le sarebbe /iaciuto %oltissi%o /erchI si di2erti2a un %ondo a stri%/ellare sui tasti di una /ol2erosa s/inetta che nessuno /iA usa2a. A otto anni, cosE, co%inciJ a studiare %usica: andJ a2anti /er un anno, %a alla &ine ne &u cosE annoiata che la signora orland, la -uale non insiste2a %ai /erchI le &iglie /ortassero a ter%ine -ualcosa %algrado la loro inca/acitC o la loro scarsa /ro/ensione a &arla, le consentE di s%ettere. "l giorno in cui il %aestro di %usica &u licen*iato, &u uno dei /iA &elici della 2ita di #atherine. 6a sua inclina*ione /er il disegno non era %aggiore di -uella /er la %usica, nonostante il &atto che, ogni 2olta che riuscisse a ottenere dalla %adre l7esterno di una lettera o a %ettere le %ani su un -ualsi2oglia &oglio di carta, si sbi**arrisse a disegnare case, alberi, galline e /olli, tutti /eraltro %olto si%ili tra loro. "l /adre le insegnJ a scri2ere e a &ar di conto, la %adre le insegnJ il &rancese: il suo /ro&itto non &u certo ri%arche2ole, anche /erchI, non a//ena le era /ossibile, %arina2a le le*ioni di tutti e due. #he /ersonaggio curioso e stra%/alato[ "n&atti, nonostante giC a dieci anni %ostrasse tutti -uesti sinto%i di sregolate**a, non a2e2a
+8

un cuore catti2o nI un catti2o carattere: rara%ente da2a noia o era litigiosa, an*i era assai gentile con i /iA /iccoli, sal2o -ualche raro e/isodio di tirannia; era ru%orosa e sel2aggia, odia2a stare chiusa in casa, detesta2a la2arsi e le /iace2a in&inita%ente rotolarsi giA /er il /endio erboso che si erge2a sul retro della casa. Suesta era #atherine orland a dieci anni. A -uindici il suo as/etto era in &ase di %igliora%ento: a2e2a co%inciato ad arricciarsi i ca/elli e a %orire dalla 2oglia di andare ai balli. 6a sua carnagione %igliorJ, i linea%enti si addolcirono a%%orbidendosi e ac-uistando colore, gli occhi si &ecero /iA brillanti e il /ersonale &iorE. 6a sua tenden*a alla s/orci*ia lasciJ s/a*io a una certa /ro/ensione /er l7elegan*a e la %aggiore elegan*a /ortJ con sI una %aggiore /uli*ia. Ebbe tal2olta il /iacere di sentire che il /adre e la %adre nota2ano il %igliora%ento e tal2olta le ca/itJ di cogliere con grande /iacere &rasi co%e: ,#atherine sta di2entando /ro/rio una bella &igliola, oggi D -uasi gra*iosa0. Sentirsi de&inire ?-uasi@ gra*iosa D un grande co%/li%ento /er una &anciulla che /er i /ri%i -uindici anni della sua 2ita D stata solo insigni&icante: un co%/li%ento %aggiore di -uanti /ossa %ai rice2erne una che D stata bella &in dalla culla. 6a signora orland era una bra2issi%a donna e a2rebbe desiderato che i suoi &igli &ossero educati il %eglio /ossibile, %a il suo te%/o era /reso so/rattutto dai /uer/erii e dall7insegnare ai &igli /iA /iccoli, cosE, ine2itabil%ente, le &iglie /iA grandi 2eni2ano lasciate un /oco a se stesse e non de2e causare %era2iglia che #atherine, la -uale /er natura non a2e2a niente di eroico, a -uattordici anni /re&erisse il cric(et, la /alla, il ca2alcare o il correre in giro /er i ca%/i, ai libri V -uanto %eno ai libri di scuola. Non a2e2a niente contro i libri in sI: in&atti se da essi non si /ote2a rica2are niente di si%ile a una conoscen*a, se erano tutta narra*ione e niente ri&lessione, #atherine non a2e2a alcuna obie*ione contro di essi. Dai -uindici ai diciassette anni tutta2ia si esercitJ a di2entare un7eroina e lesse tutte -uelle o/ere che le eroine debbono leggere /er ri&ornire la %e%oria di -uel bagaglio di cita*ioni che tornano tanto utili e consolanti nella loro 2ita col%a di e2enti.

Da Po/e i%/arJ a dis/re**are chi esibisce la &in*ione del dolore. Da Gray che olti &iori nascono /er &iorire non 2isti e dis/erdono la loro &ragran*a nell7aria deserta. Da Tho%/son che ...D un co%/ito /iace2ole insegnare a una gio2ane idea co%e scoccare. Da Sha(es/eare accu%ulJ una gran -uantitC di in&or%a*ioni, tra cui che Hagattelle sottili co%e l7aria, /er i gelosi sono co%e /ro2e della Sacra Scrittura. che
+3

"l /o2ero insetto che noi cal/estia%o /ro2a nella so&&eren*a cor/orea tanta angoscia -uanta un gigante che %uore. e che una &anciulla inna%orata a//are se%/re co%e la $assegna*ione so/ra un %onu%ento &unebre, sorridendo al dolore. Se i suoi /rogressi in -uesto ca%/o erano da ritenersi su&&icienti, in altri ca%/i &urono straordinaria%ente buoni: in&atti, se non era in grado di scri2ere sonetti era in grado di leggerli; e se non era in grado di a&&ascinare i /arteci/anti a una &esta suonando al /iano&orte un /reludio da lei co%/osto, era in grado di ascoltare con /oca &atica le esibi*ioni altrui. 6a sua %aggiore caren*a era nell7uso della %atita: non a2e2a alcuna no*ione di disegno, ne//ure -uelle su&&icienti a schi**are il /ro&ilo del suo inna%orato in %odo che il suo a%ore segreto /otesse essere sco/erto attra2erso il disegno. Era, in -uesto, /ro/rio al di sotto delle eroiche alte**e. Al /resente tutta2ia non era consa/e2ole della sua %iseria, dal %o%ento che non a2e2a un inna%orato da ritrarre. A2e2a raggiunto l7etC di diciassette anni sen*a a2er ancora 2isto alcun a%abile gio2anotto che a2esse attratto la sua sensibilitC, sen*a a2er is/irato alcuna 2era /assione e /ersino sen*a a2er suscitato alcun senti%ento di a%%ira*ione che non &osse assai %oderato e transitorio. #he cosa strana[ a le cose strane si /ossono ben s/iegare -uando se ne cerchi attenta%ente la causa. Non c7era nessun lord nel 2icinato, e ne//ure un baronetto. Non c7era nessuna &a%iglia tra le loro conoscen*e che a2esse raccolto e alle2ato un ba%bino accidental%ente tro2ato alla /orta ] non c7era, an*i, alcun gio2anotto le cui origini &ossero ignote. Suo /adre non a2e2a /u/illi e lo s-uire della /arrocchia non a2e2a &igli. a -uando una gio2ane donna D nata /er di2entare un7eroina, la /er2icacia di -uaranta &a%iglie del circondario non glielo i%/edirC. Do2rC accadere sen*7altro -ualcosa, e accadrC, che %etta un eroe sulla sua retta 2ia. Al signor Allen, /adrone della %aggior /arte delle /ro/rietC terriere attorno a )ullerton, il 2illaggio del Biltshire in cui 2i2e2ano i orland, &u /rescritto, a causa della sua costitu*ione gottosa, di andare a Hath; sua %oglie, una donna gentile, assai a&&e*ionata alla signorina orland e /robabil%ente consa/e2ole che se a una gio2ane donna non ca/itano delle a22enture al suo /aese de2e andare a cercarsele &uori, la in2itJ ad andare con loro. "l signore e la signora orland accondiscesero e /er #atherine &u la &elicitC.

:=

#apitolo secondo
"n aggiunta a -uanto giC detto a /ro/osito delle -ualitC &isiche e %entali di #atherine orland, ora che lei sta /er essere cata/ultata tra le di&&icoltC e i /ericoli di sei setti%ane di /er%anen*a a Hath, /er %aggiore e /iA certa in&or%a*ione del lettore, nel caso che le /agine che seguono /ossano in -ualche %odo %ancare nel rendere e2idente co%e debba intendersi il suo carattere, D necessario dichiarare che a2e2a un cuore a&&ettuoso e un te%/era%ento 2i2ace e a/erto, non era 2anesia nI in alcun %odo /resuntuosa e le sue %aniere erano a//ena uscite dal bo**olo di go&&aggine e di ti%ide**a in&antili; era grade2ole e tal2olta /er&ino gra*iosa e /ossede2a una %ente ignorante e disin&or%ata /ress7a /oco -uanto -uella delle altre &anciulle di diciassette anni. Suando si a22icinJ l7ora della /arten*a, D naturale su//orre che l7angoscia %aterna della signora orland do2esse essere &ortissi%a. 9n %igliaio di s/a2entosi /resenti%enti dei %ali che sarebbero /otuti ca/itare alla a%ata #atherine a causa della terribile se/ara*ione, a2rebbero do2uto o//ri%ere il suo cuore di triste**a e s/ingerla alle lacri%e nell7ulti%o /aio di giorni che trascorse con la &iglia; dalle sue sagge labbra sarebbero do2uti sgorgare consigli i%/ortantissi%i e giusti, al %o%ento di salutarla, nel suo salottino /ri2ato. A22erti%enti contro la 2iolen*a di -uei nobiluo%ini e di -uei baronetti che si dilettano a trascinare a &or*a le gio2ani donne in re%ote &attorie, do2rebbero essere stati, in tali %o%enti, una sorta di sollie2o alla /iene**a del suo cuore. #hi non sarebbe d7accordo. a la signora orland conosce2a cosE /oco di lord e di baronetti da non a2ere la %ini%a no*ione della catti2eria della loro s/ecie e non sos/etta2a %ini%a%ente il /ericolo che sua &iglia a2rebbe /otuto correre a causa delle loro %acchina*ioni. " suoi a22isi /erciJ si li%itarono ai /unti seguenti: ,Ti /rego, #atherine, a22olgiti se%/re una sciar/a calda attorno al /etto, la sera, -uando esci dalle Sale; 2orrei /oi che /ro2assi a tenere i conti dei denari che s/endi... usa -uesto -uadernetto0. Sally, o %eglio Sarah M-uale gio2ane donna di buona &a%iglia arri2erebbe ai sedici anni sen*a %odi&icare al %assi%o il suo no%e.N, nelle /resenti circostan*e era l7a%ica /iA stretta e la con&idente di sua sorella, %a ciononostante D curioso notare che non insistette /erchI sua sorella le scri2esse con ogni /osta nI /erchI le descri2esse %inuta%ente ogni nuo2o conoscente e ne//ure /erchI le trascri2esse i dettagli di tutte le con2ersa*ioni interessanti che a22enissero a Hath. Tutto ciJ che era necessario a -uesto i%/ortante 2iaggio &u /ortato a co%/i%ento dai orland con -uella %odera*ione e -uella co%/oste**a che se%brerebbero /iA consone ai co%uni senti%enti della 2ita -uotidiana che alle ra&&inate sensibilitC e alle tenere e%o*ioni del /ri%o distacco di un7eroina dalla /ro/ria &a%iglia. "l /adre, in2ece di a/rirle un conto illi%itato /resso il suo banchiere o di /orle in %ano un assegno di cento sterline, le diede solo dieci ghinee e le /ro%ise di s/edirgliene altre -uando le &ossero state necessarie. #on -uesti s&a2ore2oli aus/ici si se/ararono, il 2iaggio inco%inciJ e &u /ortato a ter%ine con tran-uilla sicure**a, sen*a che accadesse nulla di note2ole. NI ladri nI te%/este 2ennero in loro soccorso, e ne//ure un ribalta%ento &ortunato che consentisse loro di conoscere l7eroe. "nso%%a non accadde nulla di allar%ante, a /arte il ti%ore della signora Allen di a2er di%enticato gli *occoli in una locanda e che si ri2elJ &ortunata%ente /ri2o di &onda%ento.
:4

Arri2arono a Hath. #atherine s/ri**a2a gioia da tutti i /ori: %an %ano che si a22icina2ano ai /iace2oli ed eleganti dintorni e /oi, -uando attra2ersarono le strade che li conduce2ano 2erso l7albergo, i suoi occhi si /osa2ano di -ua, di lC, /er ogni do2e. Era 2enuta /er essere &elice e giC co%incia2a a sentircisi. Presto si &urono siste%ati in un con&orte2ole alloggio in Pulteney Street. #on2iene adesso descri2ere bre2e%ente la signora Allen, /erchI il lettore /ossa essere in grado di giudicare in -ual %odo le a*ioni di lei, d7ora in a2anti, contribuiranno a creare il tono dra%%atico dell7o/era e so/rattutto co%e ella &arC a ridurre la /o2era #atherine in -uello stato di dis/erata in&elicitC della cui descri*ione D ca/ace l7ulti%o 2olu%e di un ro%an*o V se con l7i%/ruden*a, con la 2olgaritC, con la gelosia o//ure intercettando le sue lettere, distruggendole la re/uta*ione o gettandola sulla strada. 6a signora Allen a//artene2a a -uella cosE nu%erosa categoria di donne dalle -uali la societC non deri2a altre e%o*ioni se non la sor/resa che ci sia stato un -ualsi2oglia uo%o al -uale siano /iaciute abbastan*a da esserne s/osate. Non a2e2a nI belle**a nI intelligen*a nI educa*ione ra&&inata e solo l7as/etto da gentildonna, un buon carattere, tran-uillo se non addirittura /igro, e una certa si%/atica allegria erano gli as/etti /ositi2i che a2e2ano /otuto &arla scegliere da un uo%o sensibile e intelligente co%e il signor Allen. Sotto certi as/etti era assai adatta a /resentare in societC una gio2ane donna, dal %o%ento che anche lei a%a2a %oltissi%o andare da//ertutto e 2edere tutto, /ro/rio co%e do2rebbe &are una gio2ane donna. 6a sua /assione erano gli abiti. "l suo /iacere /iA grande era -uello innocuo dell7essere elegante; e l7entrIe in societC della nostra eroina non /otI a2er luogo che do/o che tre o -uattro giorni &urono s/esi a in&or%arsi su ciJ che &osse %aggior%ente in 2oga e do/o che la sua cha/eron si &osse /rocurata un abito all7ulti%a %oda. Anche #atherine &ece -ualche s/esa e -uando ogni cosa &u /ortata a ter%ine giunse il %o%ento di condurla alle 9//er $oo%s. 6e &urono tagliati e arricciati i ca/elli nel %odo %igliore, &u 2estita con cura e alla &ine la signora Allen e la sua ca%eriera dichiararono che a//ari2a al suo %eglio. #on tale incoraggia%ento #atherine s/erJ al%eno di /assare attra2erso la &olla sen*a rice2ere tro//e critiche. Suanto all7a%%ira*ione sarebbe stata se%/re ben2enuta se %ai 2i &osse stata, %a lei non ci conta2a. 6a signora Allen &u cosE lenta a 2estirsi che /oterono &are il loro ingresso nella sala da ballo solo %olto tardi. 6a stagione era al cul%ine, la sala era assai a&&ollata e le due signore do2ettero s/ingere /er entrare. Suanto al signor Allen, tro2J subito ri/aro nella sala da gioco e le lasciJ sole a sbrigarsela con -uel %are di gente. #on %aggior riguardo alla sal2e**a del suo abito nuo2o che a -uella della sua /rotetta, la signora Allen si &ece strada attra2erso gli uo%ini che &ace2ano ressa sulla /orta con tutta la ra/iditC /er%essa dalla necessaria /ruden*a; #atherine, dal canto suo, si tenne ben aderente al suo &ianco e strinse &er%a%ente col braccio -uello dell7a%ica, tanto che /er di2iderle la &olla 2ociante a2rebbe do2uto &arle a /e**i. #on suo grande stu/ore tutta2ia ella sco/rE che l7andare a2anti lungo la sala non signi&ica2a in alcun %odo liberarsi dalla &olla, che se%bra2a /iuttosto au%entare %an %ano che /rocede2ano, %entre a2e2a i%%aginato che una 2olta /assata la /orta a2rebbero &acil%ente /otuto tro2are dei sedili da cui osser2are tran-uilla%ente le dan*e. 6e cose in2ece erano assai di2erse e, sebbene con lode2ole i%/egno a2essero raggiunto la /arte alta della sala, la situa*ione ri%ase la stessa: non 2ede2ano i dan*atori, solo le alte /iu%e delle acconciature di alcune da%e. Procedettero ancora: c7era in 2ista la /ossibilitC di situarsi in /osi*ione %igliore e, con un /er2icace eserci*io di &or*a e di ingegnositC, alla &ine si ritro2arono in un /assaggio che si a/ri2a dietro alle /anche /iA alte. 6E c7era un /o7 %eno
:+

&olla che di sotto e da lE la signorina orland /otI a2ere una 2isione generale di tutta l7asse%blea sottostante e di tutti i /ericoli che a2e2a corso /oc7an*i attra2ersandola. Era una 2ista s/lendida e lei, /er la /ri%a 2olta in -uella serata, co%inciJ a sentirsi a un ballo: a2rebbe desiderato &olle%ente ballare, %a non a2e2a nessuna conoscen*a in sala. 6a signora Allen &ece tutto -uello che /ote2a &are in -uesto caso, dicendo di tanto in tanto /lacida%ente: ,Korrei tanto che tu /otessi dan*are, %ia cara, 2orrei tanto che tu a2essi un acco%/agnatore0. 6a sua gio2ane a%ica /er -ualche te%/o le &u grata /er -uesti desideri, che /erJ &urono es/ressi cosE s/esso e con cosE scarsi risultati che #atherine alla &ine se ne stancJ e non la ringra*iJ /iA. Non &urono /erJ in grado di gustare a lungo il ri/oso che si erano guadagnate con tanta &atica, lassA in alto. "n bre2e 2olger di te%/o tutti si %ossero /er andare a /rendere il tD e loro do2ettero accalcarsi con gli altri. #atherine co%inciJ a /ro2are un certo -ual disa//unto: era stu&a di essere continua%ente schiacciata tra /ersone i cui 2olti general%ente non erano a&&atto interessanti e che le erano total%ente sconosciute, di %odo che non /ote2a ne//ure, sca%biando -ualche /arola con i co%/agni di /rigionia, alle2iare la noia dell7i%/rigiona%ento; -uando alla &ine arri2arono nella sala da tD, ella /ro2J l7i%bara**o di non a2ere alcuna co%/agnia cui unirsi, alcuna conoscen*a da recla%are, nessun gentiluo%o che le assistesse. "l signor Allen non era in 2ista e, do/o che si &urono guardate attorno alla ricerca di una siste%a*ione %igliore, &urono costrette a sedersi al %argine di un ta2olo giC occu/ato da una nu%erosa co%/agnia, sen*a a2er niente da &are o nessuno con cui /arlare, eccetto l7una con l7altra. 6a signora Allen, non a//ena &urono sedute, si congratulJ con se stessa /er essere riuscita a e2itare danni al suo abito. ,Sarebbe stato un guaio se %e lo &ossi stra//ato0, disse, ,D una %ussola cosE delicata: non ne ho 2isto l7uguale in tutta la sala, te l7assicuro0. ,#o%7D sgrade2ole non a2ere neanche un conoscente -ui[0, sussurrJ #atherine. ,#erto, cara0, re/licJ la signora Allen con /er&etta serenitC, ,D /ro/rio sgrade2ole0. ,#he cosa dobbia%o &are. " signori e le signore che siedono a -uesta ta2ola se%brano do%andarsi /erchI sia%o -ui. Se%bra -uasi che ci 2oglia%o intru&olare nella loro co%/agnia0. ,Ahi%D[ D /ro/rio cosE. \ assai sgrade2ole. Korrei /ro/rio che a2essi%o %olte conoscen*e -ui0. ,Hasterebbe che ne a2essi%o una: /otre%%o raggiungerla0. ,Kerissi%o, %ia cara: se conoscessi%o -ualcuno ci unire%%o subito a lui. #7erano gli S(inner, l7anno scorso. Korrei /ro/rio che &ossero -ui adesso0. ,Non sarebbe %eglio che ce ne andassi%o. Sui non ci sono ne//ure le ta**e da tD /er noi0. ,Non ci sono, D 2ero. #he cosa esas/erante[ a credo che &are%o %eglio a restare sedute e tran-uille. #i si sco%/iglia tal%ente in -uesta &olla[ #o%e sta la %ia acconciatura, %ia cara. Sualcuno %i ha urtata e ho /aura che %e l7abbia ro2inata0. ,No, D assai gra*iosa. a, cara signora Allen, D sicura che non ci sia nessuno che conosce tra -uesta %oltitudine di /ersone. #redo che lei debba /ro/rio conoscere -ualcuno[0. ,Parola %ia, no. Korrei tanto. Korrei con tutto il cuore a2ere %olte conoscen*e -ui, cosE /otrei tro2arti un ca2aliere. Sarei cosE contenta che tu /otessi ballare. Toh, guarda che strana donna[ #he abito curioso indossa[ Suant7D anti-uato[ Guardalo dietro0. Do/o un certo te%/o uno dei 2icini o&&rE loro un tD che &u accettato con %olti ringra*ia%enti: ciJ diede luogo a una con2ersa*ione su/er&iciale con il gentiluo%o che a2e2a o&&erto il tD e &u l7unica 2olta che /er -uella serata -ualcuno ri2olse loro la /arola,
::

&ino al %o%ento in cui, -uando il ballo &u &inito, &urono sco/erte e raggiunte dal signor Allen. ,Allora, signorina orland0, le chiese subito, ,s/ero che il ballo le sia /iaciuto0. , olto, gra*ie0, re/licJ lei cercando 2ana%ente di nascondere un grosso sbadiglio. ,A2rei tanto desiderato che ballasse0, disse la %oglie, ,a2rei 2oluto tanto a2ere un ca2aliere da /resentarle. 6e ho detto -uanto sarei stata &elice se gli S(inner &ossero stati -ui -uest7in2erno in2ece di -uello /assato o se &ossero 2enuti i Parry, co%e a2e2ano detto; lei a2rebbe /otuto ballare con George Parry. i dis/iace cosE tanto che non abbia a2uto un ca2aliere[0. ,)are%o %eglio un7altra sera0, &u la consola*ione del signor Allen. Suando &inirono le dan*e, la co%/agnia co%inciJ a dis/erdersi e ci &u allora abbastan*a s/a*io /erchI chi era ri%asto /otesse /asseggiare con&orte2ol%ente. Era il %o%ento, /er un7eroina che non a2esse ancora sostenuto un ruolo i%/ortante negli e2enti della serata, di essere notata e a%%irata. inuto do/o %inuto la &olla si dirada2a lasciando a%/i s/a*i a/erti al suo &ascino. Era adesso 2ista da tanti gio2ani uo%ini che /ri%a non l7a2e2ano /otuta a22icinare. Nessuno di loro, tutta2ia, sussultJ ra/ito dallo stu/ore nel conte%/larla; nessun sussurro di a2ida curiositC corse attra2erso la sala; nessuno ne//ure la de&inE una di2initC. Tutta2ia #atherine a2e2a un otti%o as/etto e se soltanto l7a2essero 2ista tre anni /ri%a ora a2rebbero /ensato che era bellissi%a. )u co%un-ue considerata, e con a%%ira*ione: udE lei stessa che due gentiluo%ini la de&ini2ano una bella raga**a. Tali /arole sortirono il debito e&&etto: #atherine tro2J subito la serata assai /iA /iace2ole di -uanto non l7a2esse tro2ata &ino ad allora; la sua u%ile 2anitC era stata soddis&atta e lei si sentE assai /iA riconoscente ai due gio2anotti /er -uell7a//re**a%ento di -uanto una 2era eroina a2rebbe /otuto esserlo /er -uindici sonetti in lode del suo &ascino. #osE tornJ al suo /osto assai di %iglior u%ore nei con&ronti di tutti e co%/leta%ente soddis&atta della /arte di /ubblica atten*ione che a2e2a ottenuto.

:5

#apitolo ter o
Ogni %attina /orta2a adesso con sI do2eri &issi: si do2e2ano 2isitare i nego*i ; si do2e2ano andare a 2edere i nuo2i -uartieri della cittC; si do2e2a &re-uentare la Pu%/ $oo% e &ar2i, /er circa un7oretta, una sorta di /arata, guardando tutti e non /arlando con nessuno. 6a signora Allen a2e2a se%/re, co%e suo /iA grande desiderio, -uello di a2ere nu%erose conoscen*e a Hath, e lo anda2a ri/etendo ogni 2olta che il %attino le /orta2a nuo2e /ro2e del &atto che non conosce2a /ro/rio nessuno. )ecero la loro a//ari*ione alle 6oGer $oo%s e -ui la nostra eroina ebbe %iglior &ortuna. "l %aestro delle ceri%onie le /resentJ in&atti un gio2ane gentiluo%o, il cui no%e era Tilney, /erchI le &acesse da ca2aliere. Se%bra2a a2ere all7incirca 2enti-uattro o 2enticin-ue anni, era abbastan*a alto e /iace2ole di %odi, a2e2a lo sguardo 2i2ace e intelligente e, se non era /ro/rio bello, c7era abbastan*a 2icino. 6e si era ri2olto con garbo e gentile**a e #atherine si sentE enor%e%ente &ortunata. #7erano /oche /ossibilitC di /arlarle %entre dan*a2ano, %a -uando si sedettero /er /rendere il tD lo tro2J /iace2ole tanto -uanto si era as/ettata che &osse. "l gio2ane /arlJ &luente%ente e con s/irito, e nei suoi %odi c7erano una %ali*ia e un7argu*ia che la incuriosirono sebbene non le ca/isse del tutto. Do/o che ebbero chiacchierato /er un /o7 su argo%enti tratti dalla se%/lice osser2a*ione delle cose che li circonda2ano, i%/ro22isa%ente egli le si ri2olse dicendo: ,)ino ad ora sono stato assai negligente, signora, in -uelle atten*ioni che, in -uesto luogo, debbono essere /ro/rie di un ca2aliere. Non le ho ancora chiesto da -uanto te%/o D a Hath, se 2i era giC stata /ri%a, se D stata alle 9//er $oo%s, al teatro, al concerto, e se il luogo le /iace. Sono stato assai negligente, %a ora si sente /ronta a ris/onder%i su -uesti /articolari. Se lo D co%incio subito0. ,Non c7D bisogno che si disturbi, signore0. ,Nessun disturbo, le assicuro, signora0. Poi, co%/onendo il 2olto in un sorriso di %aniera e addolcendo a&&ettata%ente la 2oce aggiunse: ,\ da %olto te%/o -ui a Hath, signora.0 ,#irca una setti%ana, signore0, re/licJ #atherine cercando di non ridere. ,Da22ero[0, disse lui con a&&ettata %era2iglia. ,E /erchI %ai se ne %era2iglia, signore.0 ,PerchI.0, disse lui col suo tono naturale di 2oce. ,PerchI la sua ris/osta de2e suscitare in %e una -ualche e%o*ione, e la %era2iglia si &inge con &acilitC e non D %eno /lausibile delle altre. E adesso andia%o a2anti. Era giC stata -ui, signora.0 , ai, signore0. ,Kera%ente[ E ha giC onorato della sua /resen*a le 9//er $oo%s.0 ,SE, signore, ci sono stata lunedE scorso0. ,Ed D stata al teatro.0 ,SE, signore, sono stata allo s/ettacolo di %artedE0. ,E al concerto.0 ,SE, signore, %ercoledE0. ,E Hath nell7insie%e le /iace.0 ,SE, %olto0. ,Ora io debbo &are un sorriso sciocco e /oi /ossia%o tornare a &are le /ersone serie0. #atherine 2oltJ il ca/o /oichI non riusci2a a ca/ire se /ote2a o no %ettersi a ridere.
:<

,#a/isco cosa sta /ensando di %e0, disse lui gra2e%ente. ,)arJ una gran brutta &igura, do%ani, nel suo diario0. ,Nel %io diario[0. ,SE. #onosco con esatte**a -uello che scri2erC: ?KenerdE, andata alle 6oGer $oo%s; indossato il 2estito di %ussola a &iori con la /assa%aneria blu e se%/lici scar/e nere; ero a /osto sotto tutti i ris/etti %a tor%entata in %odo curioso da uno strano uo%o, %e**o sce%o, che %i ha 2oluto &ar dan*are con lui e che %i ha a&&litto con le sue battute sciocche@0. ,Non dirJ /ro/rio niente di si%ile0. ,Posso dirle che cosa do2rebbe scri2ere.0 ,Se 2uole0. ,Fo dan*ato con un gio2ane assai /iace2ole /resentato%i dal signor Xing, ho con2ersato /arecchio con lui che se%bra una /ersona straordinaria%ente intelligente; s/ero di conoscerlo %eglio. Suesto, signora, D -uanto 2orrei che lei scri2esse0. , a &orse io non tengo un diario0. ,)orse non D ne//ure seduta in -uesta stan*a, e &orse io non sono seduto accanto a lei. Suesti sE che sono /unti su cui D /ossibile /orre dei dubbi. a non tenere un diario[ #o%e /otrebbero le sue cugine lontane ca/ire che 2ita lei conduce a Hath, sen*a un diario. #o%e /otrebbe ri&erire nel %odo o//ortuno le cortesie e i co%/li%enti -uotidiani, se non li a2esse annotati ogni sera in un diario. #o%e /otrebbe ricordare i suoi di2ersi abiti, descri2ere il suo /articolare as/etto, o le di2erse acconciature dei ca/elli in tutte le loro %inute 2arianti sen*a /oter ricorrere costante%ente a un diario. #ara signora, non sono cosE ignaro dei costu%i delle gio2ani donne -uanto lei 2orrebbe creder%i: D -uesta deli*iosa abitudine di tenere un diario che contribuisce in %isura cosE grande a &or%are -uello stile scorre2ole di scrittura /er il -uale le signore sono cosE uni2ersal%ente celebrate. Tutti riconoscono che D un talento s-uisita%ente &e%%inile, -uello di scri2ere grade2oli lettere. PuJ darsi che in /arte sia un talento naturale, %a sono certo che essen*iale debba essere l7eserci*io costante del tenere un diario0. ,Sualche 2olta %i sono chiesta0, disse #atherine in tono dubbioso, ,se D 2ero che le signore scri2ono lettere /ro/rio %igliori di -uelle degli uo%ini[ #ioD... non credo che la su/erioritC sia se%/re dalla nostra /arte0. ,Per -uanto %i D stato /ossibile giudicare, %i se%bra che solita%ente lo stile e/istolare delle donne sia i%/eccabile, eccetto che /er tre /articolari0. ,E -uali sono.0 ,9na generica assen*a di argo%enti, una totale trascurate**a della /unteggiatura e una assai &re-uente ignoran*a della gra%%atica0. ,Parola %ia, non a2rei do2uto /ro/rio te%ere di ri&iutare il co%/li%ento. Non ha certo una tro//o alta o/inione di noi, in -uesto ca%/o0. ,Non /orrei co%e regola generale che le donne scri2ono lettere %eglio di -uanto non &acciano gli uo%ini, cosE co%e non direi che cantano %eglio duetti o disegnano %eglio /aesaggi. "n ogni abilitC alla cui base c7D il gusto, l7eccellen*a D i%/ar*ial%ente di2isa tra i due sessi0. )urono interrotti dalla signora Allen: , ia cara #atherine, togli%i -uesta s/illa dalla %anica. Fo /aura che ci abbia giC &atto un buco; ne sarei assai dis/iaciuta /erchI -uesto D il %io abito /re&erito, anche se non costa che no2e scellini la yarda0. ,\ esatta%ente -uello che a2rei su//osto, signora0, disse il signor Tilney guardando la %ussola. ,6ei ne ca/isce di %ussola, signore.0
:>

, olto. #o%/ro se%/re da solo le %ie cra2atte e sono ritenuto un giudice eccellente. ia sorella si D s/esso &idata del %io consiglio nella scelta di un abito. Ne ho co%/rato uno /er lei l7altro giorno, e ogni signora che l7ha 2isto ha detto che D stato un a&&are straordinario. Fo /agato solo cin-ue scellini la yarda /er una autentica %ussola indiana0. 6a signora Allen era assai col/ita dalle ca/acitC di lui. ,Gli uo%ini di solito /ro2ano cosE /oco interesse /er -ueste cose0, disse. ,Non sono %ai riuscita a &ar sE che il signor Allen distinguesse un %io abito da un altro. 6ei de2e essere di gran sostegno /er sua sorella, signore0. ,6o s/ero, signora[0. ,E, la /rego, signore, cosa /ensa dell7abito della signorina orland.0 ,\ assai gra*ioso, signora0, disse con gra2ita esa%inandolo, ,%a /enso che non terrC bene il la2aggio: ho /aura che si s&ilaccerC0. ,#o%e /uJ essere cosE0, disse #atherine ridendo, ?cosE@, sta2a -uasi /er dire strano. ,Sono d7accordo con lei, signore0, re/licJ la signora Allen, ,l7ho /ro/rio detto alla signorina orland -uando l7ha co%/rato0. , a lei sa/rC di certo, signora, che la %ussola torna se%/re utile in un %odo o nell7 altro: la signorina orland ne rica2erC se%/re a su&&icien*a /er &arne un &a**oletto, o una cu&&ietta, o una %antellina. 6a %ussola non 2a %ai s/recata, l7ho sentito dire da %ia sorella un7in&initC di 2olte: ogni 2olta che a2e2a ecceduto nelle s/ese e ne a2e2a co%/rata /iA di -uanta ne ser2isse o era stata disattenta a tagliarla0. ,Hath D un /osto /iace2olissi%o, signore: ci sono tanti bei nego*i[ Noi /urtro//o stia%o in ca%/agna. Non che non abbia%o bei nego*i anche a Salisbury, %a D %olto lontana... otto %iglia sono un lungo 2iaggio. "l signor Allen dice che sono no2e, no2e /recise, %a io sono sicura che non /ossono essere /iA di otto... ed D una tale &atica... torno stanca %orta. Sui in2ece basta uscire di casa e in cin-ue %inuti si tro2a tutto ciJ che si 2uole0. "l signor Tilney era abbastan*a beneducato da %ostrarsi interessato a ciJ che lei dice2a, e lei lo intrattenne sull7argo%ento %ussola &ino a che non rico%inciarono le dan*e. #atherine, ascoltando i loro discorsi, ebbe il ti%ore che lui &osse un /o7 tro//o indulgente con le debole**e degli altri. ,#osa /ensa con tanta serietC.0, le disse lui non a//ena si %ossero 2erso la sala da ballo. ,Non al suo ca2aliere, s/ero, /erchI, da co%e scuote il ca/o, le sue %edita*ioni non debbono essere tanto soddis&acenti0. #aterine arrossE e disse: ,Non /ensa2o a nulla0. ,\ una ris/osta abile e /ro&onda, certa%ente, %a /re&erirei che %i dicesse subito che non 2uole dir%elo0. ,Allora d7 accordo, non 2oglio dirglielo0. ,Gra*ie, adesso /otre%o /rocedere con %aggiore ra/iditC nella nostra conoscen*a /oichI sono autori**ato a stu**icarla, a -uesto /ro/osito, ogni 2olta che ci incontrere%o, e niente al %ondo &a /rocedere cosE tanto l7inti%itC0. Dan*arono di nuo2o e, -uando la riunione si sciolse, si se/ararono con, al%eno da /arte della da%a, una &orte inclina*ione a /rocedere oltre nella conoscen*a. Se lei abbia /ensato a lui %entre be2e2a il 2ino caldo %escolato ad ac-ua e si /re/ara2a /er andare a letto, a tal /unto da sognarlo una 2olta sotto le co/erte, non D accertabile, %a s/ero che sia stato solo nel dor%i2eglia o, al %assi%o, nel lie2e sonno %attutino /erchI se D 2ero, co%e ha a&&er%ato un celebre scrittore che nessuna gio2ane donna /uJ essere giusti&icata se si inna%ora di un gentiluo%o /ri%a che -uesti le si sia dichiarato de2e essere assai scon2eniente che una gio2ane donna /ossa sognare un gentiluo%o /ri%a che si sa//ia che
:;

un gentiluono ha sognato di lei /er /ri%o. Suanto il signor Tilney &osse adatto a essere un sognatore o un inna%orato non era ancora &orse chiaro nella testa del signor Allen, %a egli a2e2a su&&icienti in&or%a*ioni /er non obiettare in nessun %odo a che di2entasse una se%/lice conoscen*a della gio2ane che gli era stata a&&idata. "n&atti, all7ini*io della serata, il signor Allen si era /reso il disturbo di sa/ere chi &osse il ca2aliere della gio2ane e a2e2a a2uto assicura*ione che si tratta2a di un ecclesiastico a//artenente a una ris/ettabilissi%a &a%iglia del Gloucestershire.

:8

#apitolo quarto
#on /re%ura %aggiore del solito #atherine il giorno seguente si a&&rettJ 2erso la Pu%/ $oo%, certa, in cuor suo, che a2rebbe ri2isto, /ri%a che la %attinata &osse &inita, il signor Tilney, e /re/arata a incontrarlo con un sorriso. a ahi%D, non ebbe bisogno di sorridere, dal %o%ento che il signor Tilney non co%/ar2e. Ogni creatura di Hath, &atta ecce*ione di lui, &u 2ista nella sala in di2ersi %o%enti dell7orario alla %oda: &olle di gente entra2ano e usci2ano ogni %o%ento salendo e scendendo i gradini; gente di cui a nessuno i%/orta2a nulla e che nessuno desidera2a 2edere; solo lui era assente. ,#he /osto /iace2ole D Hath[0, disse la signora Allen -uando si sedettero accanto al grande orologio do/o a2er /asseggiato /er la sala &acendo s&oggio di sI &ino a -uando &urono stanche. ,E -uanto sarebbe /iA /iace2ole se 2i a2essi%o -ualche conoscen*a[0. Suesto senti%ento era stato es/resso cosE s/esso in2ano, che la signora Allen non a2e2a alcuna /articolare ragione di s/erare che -uesta 2olta sarebbe stato seguito da un -ualche risultato /ositi2o, %a c7D stato detto di ,non dis/erare di ciJ che 2orre%%o ottenere0, dal %o%ento ,che l7instancabile diligen*a &arC raggiungere lo sco/o0; e l7instancabile diligen*a con cui ogni giorno ella a2e2a desiderato la stessa cosa in&ine do2ette a2ere la sua giusta rico%/ensa /oichI si era seduta da a//ena dieci %inuti, -uando una signora, /ressa//oco della sua etC, che le sede2a accanto e che /er /arecchi %inuti l7a2e2a guardata con atten*ione le ri2olse con grande gentile**a -ueste /arole: ,$itengo, signora, di non sbagliare, anche se D trascorso %olto te%/o dall7ulti%a 2olta che ho a2uto il /iacere di 2ederla. "l suo no%e D Allen.0. Ottenuta ra/ida%ente ris/osta a -uesta do%anda, la sconosciuta si /resentJ co%e Thor/e e la signora Allen a -uel /unto riconobbe i%%ediata%ente in lei le &atte**e di una sua antica e inti%a co%/agna di scuola che a2e2a ri2isto solo una 2olta, %olti anni /ri%a, do/o i loro ris/etti2i %atri%oni. 6a loro gioia nell7incontrarsi &u grandissi%a, e tale do2e2a essere, dal %o%ento che erano state assoluta%ente indi&&erenti, negli ulti%i -uindici anni, al &atto di non sa/ere nulla l7una dell7altra. Si &ecero co%/li%enti reci/roci /er il loro bell7as/etto e, do/o a2er osser2ato co%e il te%/o &osse 2olato dall7ulti%a 2olta che erano state insie%e, -uanto &osse lontana da loro l7idea di incontrarsi a Hath e -uanto &accia /iacere ri2edere una 2ecchia a%ica, /rocedettero col &are do%ande e dare in&or%a*ioni sulle loro &a%iglie, sulle sorelle, sui cugini /arlando tutt7e due insie%e, /ronte a%bedue /iA a dare che a rice2ere noti*ie e ascoltando assai /oco ciJ che l7altra dice2a. 6a signora Thor/e, tutta2ia, a2e2a un grosso 2antaggio sulla signora Allen: a2e2a dei &igli e -uando co%inciJ a s/a*iare sull7argo%ento talento dei &igli e belle**a delle &iglie, -uando ri&erE a /ro/osito delle loro di2erse /osi*ioni e /ros/etti2e ] di 1ohn che era a OO&ord, di EdGard che era alla erchantPTaylors7, di Billia% che era /er %are ] e di -uanto tutti &ossero a%ati e ris/ettati laddo2e si tro2a2ano, assai /iA di ogni altro ter*etto di esseri 2i2enti, la signora Allen, che non a2e2a in&or%a*ioni si%ilari da dare nI trion&i si%ilari da ri2ersare nelle orecchie disattente e incredule dell7a%ica e do2e2a &or*ata%ente sedere &acendo %ostra di ascoltare tutte -ueste e&&usioni %aterne, si consolJ tutta2ia con la sco/erta che il %erletto del %antello della signora Thor/e non era bello la %etC del suo. ,Ecco che arri2ano le %ie care raga**e0, escla%J la signora Thor/e indicando tre belle &igliole che a braccetto si sta2ano allora dirigendo 2erso di loro. , ia cara signora Allen,
:3

%uoio dalla 2oglia di /resentargliele: saranno &elici di conoscerla. 6a /iA alta D "sabella, la %ia %aggiore; non D una bella raga**a. Anche le altre sono %olto a%%irate, %a /enso che "sabella sia la /iA bella0. 6e signorine Thor/e &urono /resentate e la signorina orland, che /er bre2e te%/o era stata di%enticata, &u /resentata anche lei. "l suo no%e se%brJ col/irle tutte e, do/o a2er /arlato con lei con grande cortesia, la %aggiore delle gio2ani donne si ri2olse alle altre osser2ando ad alta 2oce: ,Suanto asso%iglia a suo &ratello, la signorina orland[0. ,E /ro/rio il suo ritratto[0, escla%J la %adre, e: ,67a2rei riconosciuta da//ertutto co%e sua sorella[0, &u ri/etuto da tutte loro due o tre 2olte o anche di /iA. Sul %o%ento #atherine &u sor/resa, %a, non a//ena la signora Thor/e e le &iglie ebbero co%inciato la storia della loro conoscen*a col signor 1a%es orland, ricordJ che il suo &ratello %aggiore negli ulti%i te%/i a2e2a stretto a%ici*ia con un gio2ane del suo college di no%e Thor/e e che a2e2a trascorso l7ulti%a setti%ana delle 2acan*e di Natale con la &a%iglia di -uesti, nei /ressi di 6ondra. Do/o tutte le s/iega*ioni, le signorine Thor/e dissero %olte cose gentili a /ro/osito del loro desiderio di a//ro&ondire la conoscen*a con #atherine, del considerarsi giC a%iche a causa dell7a%ici*ia dei loro &ratelli, ecc.; cose che #atherine udE con /iacere e alle -uali ris/ose con tutte le cortesi es/ressioni che le 2ennero in %ente; /oi, co%e /ri%a /ro2a di a%ici*ia, &u in2itata a /rendere il braccio della %aggiore delle Thor/e e a &are con lei un giro della sala. #atherine &u lietissi%a dell7estendersi delle sue conoscen*e a Hath e, /arlando con la signorina Thor/e, -uasi di%enticJ il signor Tilney. 67 a%ici*ia D certa%ente il %iglior balsa%o /er le /ene d7a%ore. 6a loro con2ersa*ione 2ertI su -uegli argo%enti la cui libera discussione contribuisce in genere %oltissi%o a creare una subitanea inti%itC tra due gio2ani donne: abiti, balli, corteggia%enti e ti/i bu&&i. 6a signorina Thor/e, natural%ente, essendo di -uattro anni %aggiore della signorina orland e di conseguen*a di -uattro anni %eglio in&or%ata, a2e2a un decisi2o 2antaggio nella discussione dei /unti so/raelencati: /ote2a in&atti /aragonare i balli di Hath con -uelli di Tunbridge, la %oda locale con -uella di 6ondra; /ote2a retti&icare le o/inioni della sua nuo2a a%ica sul gusto di %olti articoli di abbiglia%ento; era in grado di sco/rire una si%/atia tra un gentiluo%o e una signora che solo si sorride2ano tra loro e indicare un eccentrico in %e**o a una &olla enor%e. Sueste ca/acitC ottennero la debita a%%ira*ione di #atherine, cui erano intera%ente nuo2e; il ris/etto che esse le is/irarono a2rebbe /otuto essere tro//o grande /er /er%etterle una 2era &a%iliaritC, se non &osse stato /er i %odi se%/lici e gai della signorina Thor/e e /er le sue &re-uenti es/ressioni di contente**a /er a2er &atto conoscen*a con lei che sciolsero ogni sogge*ione lasciando luogo solo a un tenero a&&etto. Suesto crescente attacca%ento non &u soddis&atto con una %e**a do**ina di giri nella Pu%/ $oo% %a richiese, -uando la lasciarono insie%e, che la signorina Thor/e acco%/agnasse la signorina orland &ino alla /orta della casa della signora Allen e che -ui esse si se/arassero con la /iA calorosa e la /iA lunga delle strette di %ano, do/o a2er a//reso, con reci/roco sollie2o, che si sarebbero incontrate la sera al teatro e che a2rebbero recitato le loro /reghiere nella stessa ca//ella al %attino seguente. #atherine /oi corse diretta%ente di so/ra e guardJ dalla &inestra del salotto la signorina Thor/e che si allontana2a giA /er la strada; ne a%%irJ l7andatura aggra*iata, l7elegan*a della &igura e dell7abito, e si sentE /iena di gratitudine /er la sorte che le a2e2a /rocurato una a%ica si%ile. 6a signora Thor/e era una 2edo2a non tro//o ricca, di buon carattere e di buone inten*ioni,
5=

e una %adre assai indulgente. 6a %aggiore delle sue &iglie era assai bella e le %inori, &ingendo di essere altrettanto belle, i%itando gli atteggia%enti della sorella e 2estendosi nello stesso stile di lei, riusci2ano ad a2ere un buon successo. Suesta bre2e descri*ione della &a%iglia intende e2itare la necessitC di un lungo e %inu*ioso resoconto da /arte della signora Thor/e stessa, delle sue a22enture /assate e delle sue so&&eren*e, che a2rebbe /otuto occu/are tre o -uattro dei ca/itoli seguenti nei -uali si sarebbe do2uta descri2ere la basse**a di lords e di a22ocati e si sarebbero do2ute registrare nei %ini%i /articolari con2ersa*ioni a22enute 2ent7anni /ri%a.

54

#apitolo quinto
#atherine -uella sera al teatro non &u cosE i%/egnata a ris/ondere ai cenni del ca/o e ai sorrisi della signorina Thor/e, sebbene la cosa le richiedesse sen*a dubbio un bel /o7 di te%/o, da di%enticare di guardare con occhio in-uisitore in ogni /alco che il suo sguardo /otesse raggiungere, alla ricerca del signor Tilney: in2ano. "l signor Tilney non era /iA a//assionato di s/ettacolo di -uanto non lo &osse della Pu%/ $oo%. S/erJ di essere /iA &ortunata il giorno do/o e -uando i suoi 2oti /er il bel te%/o risultarono esauditi dalla 2ista di una bella %attinata, non ebbe -uasi dubbi di incontrarlo, /erchI una bella do%enica a Hath s2uota le case dei loro abitanti e in tale occasione tutto il %ondo /are ri2ersarsi /er le strade /er dire ai conoscenti che bella giornata sia. Non a//ena il ser2i*io di2ino &u &inito, i Thor/e e gli Allen si a&&rettarono a riunirsi e, do/o essere stati alla Pu%/ $oo% abbastan*a a lungo da sco/rire che la &olla era inso//ortabile e che non c7era da 2edere ne//ure una /ersona distinta, cosa che tutti sco/rono ogni do%enica durante la stagione, si a&&rettarono ad andare 2ia e a dirigersi 2erso il #rescent /er res/irare la &resca aria di una %igliore co%/agnia. Sui #atherine e "sabella, sottobraccio, gustarono di nuo2o le dolce**e dell7a%ici*ia in una con2ersa*ione /ri2a di i%/acci: /arlarono %oltissi%o e con %olto /iacere, %a #atherine /ro2J di nuo2o il disa//unto di non 2edere il suo ca2aliere. Non c7era da nessuna /arte e ogni ricerca di lui risultJ in&ruttuosa sia durante il bighellonaggio %attutino sia durante le riunioni serali; non co%/ar2e nI alle 6oGer $oo%s nI alle 9//er $oo%s; nI ai balli eleganti nI a -uelli /iA %odesti; nonc7era, alle /asseggiate %attutine, nI tra coloro che anda2ano a /iedi nI tra i ca2alieri nI tra -uelli che guida2ano un calessino. "l suo no%e non c7era sul registro della Pu%/ $oo%, e la curiositC non /otI &are di /iA. Do2e2a essere andato 2ia da Hath, anche se non a2e2a %ai accennato al &atto che il suo soggiorno sarebbe stato cosE bre2e. "l %istero, che se%/re si con2iene a un eroe, aggiunse nuo2i %oti2i di interesse /er la /ersona di lui e /er le sue %aniere nell7i%%agina*ione di #atherine e accrebbe la sua ansia di sa/ere di /iA sul conto di lui. Dalle Thor/e non riuscE a sa/ere nulla, /erchI erano a Hath solo da due giorni -uando si erano incontrate con la signora Allen. Era un argo%ento del -uale s/esso si intrattene2a con la sua bella a%ica, da cui rice2e2a ogni /ossibile incoraggia%ento a continuare a /ensare a lui: l7i%/ressione che il gio2ane a2e2a lasciato sulla &antasia di lei non corse %ai cosE il rischio di indebolirsi. "sabella era sicurissi%a che egli do2esse essere un gio2ane a&&ascinante ed era altrettanto sicura che lui do2esse essere stato col/ito dalla sua cara #atherine e che sarebbe -uindi /resto tornato. 6e /iace2a ancora di /iA /erchI era un ecclesiastico, ,dal %o%ento che ella stessa si senti2a %olto /ar*iale 2erso chi esercitasse -uella /ro&essione0; e nel dirlo le s&uggE -ualcosa che so%iglia2a a un sos/iro. )orse #atherine sbagliJ a non chiedere la causa di -uella lie2e e%o*ione, %a lei stessa non a2e2a su&&iciente es/erien*a nelle &ine**e dell7a%ore o nei do2eri dell7a%ici*ia da sa/ere -uando &osse o//ortuna una delicata can*onatura o -uando in2ece &osse o//ortuno &or*are una con&iden*a. Adesso la signora Allen era abbastan*a &elice e abbastan*a soddis&atta di Hath. A2e2a tro2ato alcune conoscen*e, ed era stata cosE &ortunata da tro2arle /er&ino nella &a%iglia di una ris/ettabile 2ecchia a%ica e, /er col%o di &ortuna, le sue a%iche non erano assoluta%ente 2estite in %odo dis/endioso -uanto lo era lei. 6a sua -uotidiana es/ressione
5+

non &u /iA: ,Suanto 2orrei che a2essi%o -ualche conoscen*a a Hath[0, %a di2enne: ,Suanto sono stata &ortunata a incontrare la signora Thor/e[0. Ed era cosE atti2a nel /ro%uo2ere i ra//orti tra le due &a%iglie, -uanto /ote2ano esserlo la sua gio2ane os/ite e "sabella. Non era %ai soddis&atta della giornata se non ne trascorre2a la %aggior /arte al &ianco della signora Thor/e, in ciJ che chia%a2ano con2ersa*ione %a in cui non c7era alcuno sca%bio di o/inioni nI, s/esso, un argo%ento co%une, in -uanto la signora Thor/e /arla2a /rinci/al%ente dei suoi &igli e la signora Allen dei suoi 2estiti. "l /rocedere dell7a%ici*ia tra #atherine e "sabella &u ra/ido -uanto l7ini*io era stato caloroso ed esse /assarono cosE ra/ida%ente attra2erso ogni grada*ione di crescente tenere**a che in bre2e non ci &urono nuo2e /ro2e del loro a&&etto da &ornire ai loro a%ici o a loro stesse. Si chia%a2ano /er no%e, ca%%ina2ano se%/re a braccetto, si a//unta2ano reci/roca%ente lo strascico /er ballare e non accetta2ano di essere di2ise -uando si &or%a2ano i gru//i dan*anti; se una %attinata /io2osa le /ri2a2a di altri di2erti%enti, erano co%un-ue risolute a incontrarsi, a dis/etto dell7u%iditC e del &ango, e se ne sta2ano rinchiuse a leggere insie%e ro%an*i. SE, ro%an*i: non adotterJ in&atti -uell7abitudine ingenerosa e i%/olitica, cosE co%une tra gli scrittori di ro%an*i, di degradare con la loro s/re**ante censura -uelle stesse o/ere il cui nu%ero essi stessi stanno accrescendo, unendosi ai loro /eggiori ne%ici nello stig%ati**are con i /iA ro2enti e/iteti -uelle o/ere e rara%ente /er%ettendo /er&ino che siano lette dalla loro stessa eroina che, se accidental%ente /renderC in %ano un ro%an*o, sicura%ente ne s&oglierC le insi/ide /agine con disgusto. Ahi%D[ se l7eroina di un ro%an*o non D sostenuta dall7eroina di un altro ro%an*o, da chi %ai /otrC as/ettarsi /rote*ione e ris/etto. Non /osso a//ro2are un si%ile co%/orta%ento. 6ascia%o che i critici letterari s/arlino a loro /iacere di -ueste e&&usioni della &antasia e all7uscita di ogni nuo2o ro%an*o esercitino i loro 2ieti %otteggi sul ciar/a%e che &a ge%ere i torchi. Non abbandonia%oci l7un l7altro: sia%o un solo cor/o &erito. Sebbene le nostre /rodu*ioni abbiano &ornito /iacere assai /iA 2asto e costante di -uanto non abbia &atto -ualsiasi altro genere letterario al %ondo, nessun7altra co%/osi*ione D stata %ai altrettanto denigrata. Per su/erbia, ignoran*a, %oda, i nostri a22ersari sono -uasi altrettanto nu%erosi dei nostri lettori. E %entre l7abilitC del no2ecentesi%o scrittore d7un co%/endio della Storia d7"nghilterra o di colui che raccoglie e /ubblica in 2olu%e -ualche do**ina di 2ersi di ilton, Po/e e Price, un articolo dello ,S/ectator0 e un ca/itolo di Sterne 2iene elogiata da un %igliaio di /enne, se%bra che sia uni2ersale desiderio denigrare la ca/acitC e sotto2alutare la &atica del ro%an*iere disdegnando o/ere che si racco%andano solo /er intelligen*a, s/irito e buon gusto. ,Non sono un lettore di ro%an*i... $ara%ente do un7occhiata a un ro%an*o... Non crediate che legga s/esso ro%an*i... Non %ale, /er essere un ro%an*o0. Suesta D la solita sol&a. ,#osa sta leggendo, signorina.0 ,Oh, D solo un ro%an*o[0, ris/onde la gio2ane donna /osando il libro con indi&&eren*a a&&ettata o addirittura con 2ergogna. ,\ solo #ecilia, o #a%illa, o Helinda0 o22ero, in bre2e, sono solo o/ere in cui si di%ostrano le /iA grandi ca/acitC intellettuali, la /iA /ro&onda conoscen*a della natura u%ana nella /iA li%/ida descri*ione della sua 2arietC, la /iA 2i2ace e&&usione di s/irito e di u%oris%o, il tutto in linguaggio scelto e garbato. Se la stessa gio2ane donna &osse stata occu/ata, an*ichI con una tale o/era, con un 2olu%e dello ,S/ectator0, -uanto sarebbe stata &iera di esibire il libro e di dirne il titolo, sebbene %ini%e &ossero le /ossibilitC che &osse attratta da una -ualsiasi /arte di -uella 2olu%inosa /ubblica*ione di cui sia il contenuto sia la &or%a non do2rebbero tutta2ia dis/iacere a una gio2ane %ente educata; la sostan*a di -uegli scritti consiste /erJ cosE s/esso in circostan*e
5:

i%/robabili, in /ersonaggi innaturali, in argo%enti di con2ersa*ione che non interessano /iA nessun essere 2i2ente e il loro linguaggio inoltre D &re-uente%ente cosE gre**o da non dare un7idea %olto /ositi2a di un7e/oca che riuscisse a so//ortarlo.

55

#apitolo sesto
6a con2ersa*ione che segue, che le due a%iche ebbero nella Pu%/ $oo% una %attina, otto o no2e giorni do/o il loro /ri%o incontro, 2iene ri/rodotta co%e ese%/io del loro caldissi%o attacca%ento e della delicate**a, discre*ione, originalitC di /ensiero e buon gusto letterario che indicano -uanto a giusta ragione esse &ossero attaccate l7una all7altra. Si incontrarono /er un a//unta%ento e "sabella, dal %o%ento che era arri2ata -uasi cin-ue %inuti /ri%a dell7 a%ica, le si ri2olse o22ia%ente con le seguenti /arole: , ia adorata creatura, che cosa ti ha &atto tardare tanto. Ti ho as/ettato al%eno un secolo[0. ,Da22ero[ i dis/iace, /ensa2o /ro/rio di essere /untuale. \ l7una adesso. S/ero che tu non sia -ui da %olto0. ,Oh, da dieci secoli. Sono certa di essere stata -ui al%eno %e**7ora. a adesso andia%o a sederci dall7altro lato della sala e di2ertia%oci. Fo un centinaio di cose da dirti. Pri%o: a2e2o tanta /aura che /io2esse sta%attina, /ro/rio -uando 2ole2o uscire; era %olto co/erto e la /ioggia %i a2rebbe gettato nella dis/era*ione[ Sai, ho 2isto /ro/rio adesso in una 2etrina di ilso% Street il /iA gra*ioso ca//ellino che tu /ossa i%%aginare... /ro/rio co%e il tuo, solo con i nastri color /a/a2ero in2ece che 2erdi. Suanto lo desidero[ E tu, %ia cara #atherine, cosa hai &atto tutta la %attina. Sei andata a2anti con 9dol/ho.0 ,SE, ho letto da -uando %i sono s2egliata, e sono arri2ata &ino al 2elo nero0. ,Da22ero. #he %era2iglia[ Non ti direi /er nulla al %ondo cosa c7D dietro il 2elo nero[ Non %uori dalla 2oglia di sa/erlo.0 ,SE, certo. #he %ai /uJ esserci.... Non %e lo dire /erJ... non 2oglio che tu %i dica niente. So che de27essere uno scheletro, sono certa che D lo scheletro di 6aurentina. Oh[ Suanto %i /iace -uel libro[ #i /asserei la 2ita a leggerlo. Ti assicuro che se non a2essi a2uto un a//unta%ento con te non sarei uscita /er nessuna ragione al %ondo0. ,#ara creatura, -uanto ti sono grata[ E -uando a2rai &inito 9dol/ho leggere%o insie%e The"talian. Fo &atto /er te una lista di dieci o dodici altri libri dello stesso ti/o0. ,Da22ero[ Suanto sono contenta[ Suali sono.0 ,Te la leggo subito: ho i titoli -ui, annotati sul %io taccuino. Ecco: #astle o& Bol&enbach, #ler%ont, ysterious Barnings, Necro%ancer o& Hlac( )orest, idnight Hell, Or/han o& the $hine e Forrid ysteries. Suesti ci dureranno /er -ualche te%/o0. ,SE, bene, %a sono tutti /aurosi. Sei certa che siano tutti /aurosi.0 ,SE, ne sono certa /erchI una %ia a%ica, una certa signorina AndreGs, una gentile &anciulla, una delle creature /iA gentili del %ondo, li ha letti tutti. Korrei /ro/rio che tu la conoscessi, la signorina AndreGs, ti /iacerebbe %oltissi%o. Sta &acendosi un bellissi%o %antello a &ilet, il /iA bello che tu /ossa i%%aginare. Penso che sia bella co%e un angelo e sono %olto seccata che gli uo%ini non l7a%%irino[ 6i ri%/ro2ero se%/re dura%ente /er -uesto0. ,6i ri%/ro2eri[ 6i ri%/ro2eri /erchI non l7a%%irano.0 ,#erto, D -uello che &accio. Non c7D nulla che non &arei /er chi %i D 2era%ente a%ico. Non so cosa signi&ichi a%are la gente a %etC, non D nella %ia natura. " %iei a&&etti sono se%/re eccessi2i. "n una delle nostre &este, l7in2erno scorso, dissi al ca/itano Funt che, anche se %i a2esse %olestato /er tutta la sera, non a2rei ballato con lui &ino a che non a2esse con2enuto che la signorina AndreGs era bella co%e un angelo. Gli uo%ini ci ritengono inca/aci di una yera a%ici*ia, lo sai, e io sono deter%inata a di%ostrare loro che le cose stanno
5<

di2ersa%ente. Per ese%/io, se %i ca/itasse di sentire -ualcuno /arlare con noncuran*a di te, /renderei &uoco in un atti%o... %a -uesto non D certo il tuo caso /erchI tu sei /ro/rio il ti/o di raga**a che agli uo%ini /iace di /iA0. ,Oh, cara0, escla%J #atherine arrossendo, ,co%e /uoi dire una cosa del genere.0 ,Ti conosco bene: sei cosE 2i2ace... ed D esatta%ente -uello che la signorina AndreGs non D, /erchI debbo con&essarlo, c7D -ualcosa di terribil%ente insi/ido in lei. Oh[ de2o /ro/rio dirti che ieri, non a//ena ci sia%o lasciate, ho 2isto un gio2ane che ti guarda2a con tanta intensitC... sono certa che D inna%orato di te0. #atherine arrossE e di nuo2o si scher%E, %entre "sabella ride2a. ,\ /ro/rio 2ero, sul %io onore, %a ca/isco: sei indi&&erente all7a%%ira*ione di tutti eccetto a -uella di un gentiluo%o che non de2e essere no%inato. No, non /osso biasi%arti M/arlando seria%enteN, i tuoi senti%enti sono &acil%ente co%/rensibili. Suando il cuore D 2era%ente i%/egnato, so bene -uanto /oco /ossano interessare le atten*ioni di chiun-ue altro. Tutto ciJ che non D legato all7oggetto a%ato D cosE insi/ido, cosE /oco interessante[ #a/isco /er&etta%ente i tuoi senti%enti0. , a non do2resti /ersuader%i del &atto che /enso tanto al signor Tilney /erchI &orse /otrei non ri2ederlo %ai /iA0. ,Non ri2ederlo /iA[ ia cara creatura, non ne /arlare ne//ure. Sono certa che saresti in&elice se lo /ensassi0. ,No, non lo sarei. Non 2oglio &ingere di non essere stata %olto contenta con lui, %a &inchI ho 9dol/ho da leggere sento che nessuno /otrC render%i in&elice. Oh, il tre%endo 2elo nero[ ia cara "sabella, sono certa che dietro de2e esserci lo scheletro di 6aurentina0. , i se%bra strano che tu non abbia %ai letto 9dol/ho /ri%a d7ora; %agari la signora orland ha delle obie*ioni contro i ro%an*i0. ,No, non ne ha, an*i s/esso legge lei stessa Sir #harles Grandison, %a sai, non ca/itano %olti libri nuo2i sulla nostra strada0. ,Sir#harles Grandison[ #he libro orrendo[ $icordo che la signorina AndreGs non riuscE ne//ure a &inire il /ri%o 2olu%e0. ,Non D certo co%e 9dol/ho, %a /enso che sia abbastan*a grade2ole0. ,Da22ero. i sor/rendi. "o /ensa2o che non &osse ne//ure leggibile. a /iuttosto, %ia cara #atherine, hai deciso -uale acconciatura ti &arai -uesta sera. "o sono deter%inata in ogni %odo a 2estire esatta%ente co%e te. Gli uo%ini tal2olta &anno caso a -ueste cose, sai0. , a anche se lo &anno, non %i /are che abbia un gran senso0, disse #atherine con %olta innocen*a. ,Senso[ Oh, cielo[ i sono &atta una regola di non /rendere %ai in considera*ione ciJ che dicono. Sono cosE s/esso tre%enda%ente i%/ertinenti se non li tratti con s/irito e non li tieni a distan*a0. ,Sono i%/ertinenti. Non %e ne sono %ai accorta: si sono se%/re co%/ortati %olto bene con %e0. ,Oh, si danno tali arie. Sono le creature /iA /resuntuose del %ondo e /ensano di a2ere una tale i%/ortan*a. A /ro/osito, sebbene l7abbia /ensato un centinaio di 2olte, ho se%/re di%enticato di chiederti che ti/o d7uo%o /re&erisci. Ti /iacciono di /iA i bruni o i biondi.0 ,Pro/rio non lo so, non ci ho %ai /ensato. 9na 2ia di %e**o, credo: castani, nI biondi nI tro//o scuri0. ,Henissi%o, #atherine, D /ro/rio lui. Non ho di%enticato la tua descri*ione del signor Tilney: ?/elle scura, occhi neri e ca/elli /iuttosto scuri@. " %iei gusti sono di2ersi: /re&erisco gli occhi chiari e, -uanto a carnagione, lo sai, /re&erisco -uella oli2astra a -ualun-ue altra.
5>

Non de2i tradir%i se %ai %i do2essi incontrare con -ualcuno di tua conoscen*a che corris/onde a -uesta descri*ione0. ,Tradirti[ #he intendi dire.0 ,Niente, non angustiar%i. #redo di a2er detto tro//o: lascia%o cadere -uesto argo%ento0. #atherine, sebbene /er/lessa, accondiscese e, do/o -ualche %inuto di silen*io era sul /unto di tornare a ciJ che in -uel %o%ento la interessa2a /iA di ogni altra cosa al %ondo, o22ero lo scheletro di 6aurentina, -uando l7a%ica la /recedette dicendo: ,Per a%or del cielo, andia%ocene da -uesta /arte della sala. #i sono due gio2anotti odiosi che da /iA di %e**7ora non &anno che &issar%i. i con&ondono. Andia%o a 2edere il registro dei nuo2i arri2i, non ci seguiranno di certo &ino a lE0. Si %ossero 2erso il luogo do27era il registro e, %entre "sabella esa%ina2a i no%i, il co%/ito di #atherine &u -uello di controllare le a*ioni di -uei due allar%anti gio2anotti. ,Non 2engono da -uesta /arte, 2ero. S/ero che non siano cosE i%/ertinenti da seguirci. Di%%i, ti /rego, se 2engono, /erchI io non 2oglio /ro/rio guardarli0. Do/o /ochi %o%enti #atherine, con autentico /iacere la rassicurJ che non a2e2a /iA bisogno di sentirsi a disagio, dal %o%ento che i due gentiluo%ini a2e2ano a//ena lasciato la Pu%/ $oo%. ,E da che /arte sono andati.0, disse "sabella guardandosi ra/ida%ente intorno. ,9no dei due era /ro/rio un bell7uo%o0. ,Sono andati 2erso la chiesa0. ,Hene, sono /ro/rio contenta di esser%i sbara**ata di loro. E adesso che ne dici di 2enire agli Edgar7s Huildings con %e /er 2edere il %io nuo2o ca//ello. Fai detto che ti sarebbe /iaciuto 2ederlo0. #atherine acconsentE /ronta%ente. ,Soltanto0, aggiunse, ,&orse ci i%battere%o nei due gio2anotti0. ,Oh, non i%/orta. Se ci a&&rettia%o li sor/assia%o subito e io %uoio dalla 2oglia di %ostrarti il %io ca//ello0. ,PerJ se as/ettia%o -ualche %inuto non ci sarC /iA /ericolo di 2ederli0. ,Non 2oglio certo &ar loro -uest7onore, te lo assicuro. Non tratto %ai gli uo%ini con tanto ris/etto. \ /ro/rio il %odo di 2i*iarli0. #atherine non a2e2a obie*ioni contro tale ragiona%ento, -uindi, /er %ostrare l7indi/enden*a della signorina Thor/e e la sua risolute**a nell7u%iliare il sesso %aschile, si %isero i%%ediata%ente in %arcia, col /asso /iA 2eloce /ossibile, all7insegui%ento dei due gio2anotti.

5;

#apitolo settimo
HastJ loro %e**o %inuto /er attra2ersare la Pu%/ Lard 2erso l7arco, di &ronte all79nion Passage, e -ui &urono &er%ate. Tutti coloro che hanno &a%iliaritC con Hath ricorderanno la di&&icoltC di attra2ersare #hea/ Street in -uel /unto: D in&atti una strada di natura cosE dis/ettosa, cosE disgra*iata%ente collegata con le grandi strade di 6ondra e di OO&ord e con la /rinci/ale locanda della cittC che non /assa giorno che gru//i di signore, /er -uanto i%/ortanti siano i loro a&&ari, sia che si tratti di andare in cerca di /asticcini, di %odiste o /er&ino Mco%e nel caso /resenteN di gio2ani uo%ini, non siano bloccati da un lato o dall7altro, da carro**e, ca2alieri o carri da tras/orto. Suesta disgra*ia era giC occorsa a "sabella che se ne era la%entata, &in dal suo arri2o a Hath, al%eno tre 2olte al giorno: ora il destino gliela &ece ca/itare e la costrinse a la%entarsene una 2olta di /iA, /oichI /ro/rio -uando sta2ano /er attra2ersare l79nion Passage, in 2ista dei due gentiluo%ini che /rocede2ano attra2erso la &olla, e sta2ano /er in&ilarsi sotto le grondaie di -uell7interessante 2icoletto, &u loro i%/edito di attra2ersare dall7arri2o di un calessino condotto, %algrado la catti2a /a2i%enta*ione della strada, da un guidatore che se%bra2a sa/ere il &atto suo, con tutto l7i%/eto su&&iciente a %ettere a rischio la /ro/ria 2ita, -uella del co%/agno e -uella del ca2allo. ,Oh, -uesti odiosi calessini[0, disse "sabella al*ando gli occhi, ,-uanto li detesto[0. a la sua anti/atia, sebbene tanto a//ro/riata, durJ /oco, /oichI ella guardJ di nuo2o ed escla%J: ,Stu/endo[ "l signor orland e %io &ratello[0. ,Giusto cielo[ \ 1a%es[0, gridJ conte%/oranea%ente #atherine e, non a//ena i due gio2ani le 2idero, il ca2allo &u i%%ediata%ente trattenuto con una 2iolen*a tale che -uasi cadde all7indietro; essendo /oi arri2ato di corsa il ser2itore, i due gentiluo%ini saltarono giA a&&idando l7e-ui/aggio alle sue cure. #atherine, /er la -uale l7incontro era total%ente inas/ettato, rice2ette il &ratello con il /iA 2i2o /iacere e lui, essendo assai a%abile e sincera%ente a&&e*ionato a lei, le diede ogni /ossibile di%ostra*ione di /ro2are un /iacere si%ile al suo, /ur nei li%iti delle /ossibilitC concessegli: lo s&a2illio degli sguardi della signorina Thor/e, in&atti, richiede2a /ressante%ente la sua atten*ione, tanto che il gio2ane do2ette /orgerle i%%ediata%ente i suoi osse-ui con un %isto di gioia e di i%bara**o che a2rebbe /otuto rendere edotta #atherine, se ella &osse stata /iA es/erta nella co%/rensione dei senti%enti altrui e %eno /resa dai /ro/ri, del &atto che il &ratello considera2a la sua a%ica tanto gra*iosa -uanto la considera2a lei. 1ohn Thor/e, che nel &ratte%/o era stato occu/ato a dare ordini a /ro/osito dei ca2alli, /resto si unE a loro e da lui ella rice2ette subito i debiti o%aggi, /oichI, %entre a2e2a solo distratta%ente s&iorato la %ano di "sabella, a lei &ece un 2ero e /ro/rio inchino e una %e**a ri2eren*a. Era un gio2ane 2igoroso, di %edia alte**a, con un 2iso /iuttosto co%une e un /ersonale sgra*iato, che se%bra2a te%ere di essere tro//o bello se non a2esse indossato gli abiti di uno stalliere, e di asso%igliare tro//o a un gentiluo%o se non si &osse co%/ortato in %odo disin2olto -uando occorre2a essere beneducati e i%/udente -uando era su&&iciente essere disin2olti. TirJ &uori l7orologio: ,Suanto te%/o /ensa che abbia%o i%/iegato da Tetbury, signorina orland.0 ,Non so a che distan*a sia0. "l &ratello le disse che era distante 2entitrI %iglia.
58

,KentitrI %iglia[0, escla%J Thor/e. ,Kenticin-ue, -uant7D 2ero "ddio0. orland /rotestJ, /rese a testi%oni l7autoritC delle carte to/ogra&iche, dei locandieri, delle /ietre %iliari, %a il suo a%ico non se ne curJ: a2e2a una /ro2a /iA sicura di -uale &osse la distan*a. ,So che debbono essere 2enticin-ue %iglia0, disse, ,a causa del te%/o che abbia%o i%/iegato a /ercorrerle. Adesso D l7una e %e**a; sia%o /artiti dalla locanda di Tetbury %entre l7orologio della cittC suona2a le undici: s&ido chiun-ue in "nghilterra a &ar andare il %io ca2allo a %eno di dieci %iglia l7ora, -uando D attaccato. "l che &a esatta%ente 2enticin-ue %iglia0. ,Fai /erso un7ora0, disse orland, ,erano soltanto le dieci -uando sia%o /artiti da Tetbury0. ,6e dieci[ Erano le undici, /arola %ia[ Fo contato tutti i rintocchi. Suo &ratello 2orrebbe /ersuader%i che sono /a**o, signorina orland, %a dia un7occhiata al %io ca2allo. Fa %ai 2isto in 2ita sua un ani%ale /iA atto alla 2elocitC.0. M"n -uel %o%ento il ser2itore era a//ena salito sull7 attacco e lo sta2a conducendo 2ia.N ,9n /urosangue cosE i%/iegare tre ore e %e**o /er &are 2entitrI %iglia[ Guardi -uesta creatura e /ensi se D una cosa ragione2ole[0. ,Se%bra /arecchio accaldato, a dire il 2ero0. ,Accaldato[ Non si D s/ostato di un ca/ello &ino a che sia%o arri2ati alla chiesa di Balcot: gli guardi la testa, gli guardi i &ianchi, guardi co%e si %uo2e. Suesto ca2allo non /uJ &are %eno di dieci %iglia l7ora: gli leghi le ga%be e ca%%inerC lo stesso. #osa /ensa del %io calessino, signorina orland. Huono, 2ero. Helle sos/ensioni, costruito /er la cittC. #e l7ho da neanche un %ese. Era stato costruito /er un ti*io del college di #hrist #hurch, un %io a%ico, un caro raga**o che l7ha usato /er /oche setti%ane, &ino a che, credo, gli D con2enuto dis&arsene. "o sta2o giusto in -uel te%/o cercando una cosa leggera, di -uesto genere, sebbene &ossi -uasi deciso a /rendere anche un calesse /iA /esante. "n bre2e, lo incontrai /er caso al agdalen Hridge %entre si dirige2a 2erso il centro di OO&ord, lo scorso tri%estre, e %i disse: ?Ah, Thor/e, /er caso non 2orresti una cosetta co%e -uesta. \ /ro/rio ben &atta, nel suo genere, %a io ne sono stu&o@. ?Oh, dann...@, gli ris/osi, ?sono il tuo uo%o. #osa ne chiedi.@. E -uanto crede che %i abbia chiesto, signorina orland.0 ,Non credo /ro/rio che riuscirei a indo2inarlo0. ,Sos/ensioni da carro**a, lo 2ede da sI, sedile, /ortabagagli, &odero /er la s/ada, /ara&anghi, &anali, %odanature d7argento, tutto co%/leto, co%e 2ede, e la /arte in &erro %eglio che nuo2a. #hiese cin-uanta ghinee e io chiusi l7a&&are subito, tirai &uori il denaro e il calessino &u %io0. ,Ne so cosE /oco che non sono in grado di giudicare se D a buon %ercato o D caro0. ,NI l7una nI l7altra cosa. Oso dire che a2rei /otuto a2erlo /er %eno, %a odio %ercanteggiare e il /o2ero )reed%an a2e2a bisogno di contanti0. ,\ stato un bel gesto da /arte sua0, disse #atherine /iuttosto soddis&atta. ,Oh, dann...[ Suando si ha %odo di &are una gentile**a a un a%ico, odio essere %eschino0. A -uesto /unto ebbe luogo un7indagine /er conoscere i %o2i%enti delle due gio2ani e, sco/erto do2e erano dirette, i due gentiluo%ini decisero di acco%/agnarle agli Edgar7s Huildings /er /orgere i loro ris/etti alla signora Thor/e. 1a%es e "sabella a/ri2ano la strada e -uest7ulti%a era cosE soddis&atta della sua sorte, cosE occu/ata ad assicurare una /iace2ole /asseggiata a colui che le si racco%anda2a /er un du/lice ordine di ragioni, o22ero /er essere l7a%ico di suo &ratello e il &ratello della sua a%ica, cosE /uri e /ri2i di ci2etteria erano i suoi %odi che, sebbene a2essero raggiunto e sor/assato in ilso% Street -uei due gio2anotti tanto insolenti, &u tal%ente lontana dal cercare di attirare la loro atten*ione da non 2oltarsi indietro a guardarli /iA di tre 2olte.
53

Natural%ente 1ohn Thor/e restJ con #atherine e, do/o /ochi %inuti di silen*io, ri/rese a /arlare del suo calessino. ,#o%un-ue, signorina orland, tro2erC che -ualcuno lo /otrebbe ritenere un buon a&&are, /erchI lo a2rei /otuto 2endere il giorno do/o /er dieci ghinee in /iA: 1ac(son, di Oriel, %e ne o&&rE subito sessanta; c7era anche orland /resente0. ,SE0, disse orland che lo a2e2a sentito, ,%a di%entichi che c7era incluso anche il tuo ca2allo0. ,"l %io ca2allo[ Dann...[ Non lo 2enderei /er cento sterline. 6e /iace andare su di un calessino sco/erto, signorina orland.0 ,SE, %olto. Non ho %ai a2uto l7o//ortunitC di &arlo, %a %i /iace %olto0. ,Ne sono lieto. 6a condurrJ sul %io ogni giorno0. ,Gra*ie0, disse #atherine con una certa /reoccu/a*ione, a causa del dubbio che le era sorto se &osse con2eniente o %eno accettare tale o&&erta. ,6a condurrJ a 6andsdoGn Fill do%ani0. ,Gra*ie, %a il suo ca2allo non a2rC bisogno di ri/oso.0 ,$i/oso[ Fa &atto solo 2entitrI %iglia oggi, una sciocche**a. Niente ro2ina tanto i ca2alli -uanto il ri/oso. Niente li distrugge di /iA. No, no. "l %io &arC eserci*io /er al%eno -uattro ore al giorno, &inchI sarJ -ui0. ,Da22ero. a saranno -uaranta %iglia al giorno[0, disse #atherine con serietC. ,Suaranta[ agari cin-uanta, /er -uel che %e ne curo. Hene, la /orterJ a 6andsdoGn do%ani, lo ricordi, %i sono i%/egnato0. ,#he %era2iglia sarC[0, escla%J "sabella 2oltandosi. ,Suasi ti in2idio, %ia cara #atherine. Fo /aura che non a2rai /osto /er una ter*a /ersona, &ratello %io0. ,9na ter*a /ersona certo che no[ Non sono 2enuto a Hath /er /ortare a s/asso le %ie sorelle: sarebbe un bello scher*o, in &ede %ia[ orland si /renderC cura di te0. Suesto /ortJ a un cortese dialogo tra gli altri due, %a #atherine non ne ascoltJ nI i /articolari nI la conclusione. 6a con2ersa*ione del suo acco%/agnatore a -uesto /unto decadde dalle /recedenti alte**e a nulla /iA che bre2i categorici giudi*i di a//re**a%ento o di condanna del 2olto di ogni donna che incontra2ano e #atherine, do/o a2er ascoltato assecondando /er -uanto /otI con tutta la cortesia e la de&eren*a di una gio2ane %ente &e%%inile, ti%orosa di a**ardare una /ro/ria o/inione in o//osi*ione a -uella di un uo%o tanto sicuro di sI, so/rattutto su -uanto concerne2a la belle**a del suo sesso, alla &ine osJ ca%biare argo%ento con una do%anda che a2e2a a lungo %editato e che era: ,Fa %ai letto 9dol/ho, signor Thor/e.0 ,9dol/ho. Oh, buon Dio, no[ "o no[ Non leggo %ai ro%an*i, ho altro da &are[0. #atherine, u%iliata e 2ergognosa sta2a /er scusarsi della sua do%anda -uando &u /re2enuta: ," ro%an*i sono tutti /ieni di sciocche**e e di assurditC, non ne D uscito uno tollerabil%ente decente do/o To%1ones, eccettuato The on(. 67ho letto l7altro giorno, %a -uanto agli altri, sono le cose /iA stu/ide del creato0. ,#redo che 9dol/ho do2rebbe /iacerle, se lo leggesse, D cosE interessante[ 0. ,No, /arola %ia[ No, se /ro/rio debbo leggerne -ualcuno leggerei un libro della signora $adcli&&e, i suoi ro%an*i sono abbastan*a di2ertenti e 2ale la /ena di leggerli /erchI in essi al%eno c7D dello s/irito e un /o7 di 2eritC0. ,9dol/ho D stato scritto dalla signora $adcli&&e0, disse con un /o7 di esita*ione #atherine, che te%e2a di %orti&icarlo. ,No[ \ 2ero, %i ricordo[ Pensa2o a -uell7altro stu/ido libro scritto da -uella donna attorno alla -uale hanno &atto tanto ru%ore, -uella che ha s/osato l7e%igrato &rancese0.
<=

,Penso che intenda ri&erirsi a #a%illa.0 ,SE, D /ro/rio -uello. \ un libro cosE /ieno di sciocche**e[ 9n 2ecchio che 2a sull7 altalena[ Fo /reso in %ano una 2olta il /ri%o 2olu%e, gli ho dato un7 occhiata e %i sono accorto che /ro/rio non anda2a. Fo indo2inato subito, addirittura /ri%a di 2ederlo, che ra**a di stu/idaggine &osse: -uando ho sentito che a2e2a s/osato un e%igrato sono stato certo che non a2rei /otuto leggerlo0. ,"o non l7ho letto0. ,Non ha /erso nulla, glielo assicuro, D la /iA orrenda stu/idaggine che si /ossa i%%aginare, non c7D nient7altro che un 2ecchio che 2a sull7altalena e studia il latino, /arola %ia, nient7altro che -uesto[0. Suesta critica, la cui /ertinen*a andJ /urtro//o s/recata con #atherine, li condusse &ino alla /orta della casa della signora Thor/e e i senti%enti dell7intelligente e i%/ar*iale lettore di #a%illa lasciarono luogo ai senti%enti del de2oto e a&&e*ionato &igliolo, -uando -uesti incontrJ la signora Thor/e che li a2e2a 2isti arri2are dalla &inestra. ,Ah, %a%%a, co%e stai.0, disse lui stringendole la %ano con &or*a, ,/erchI /orti -uel bu&&o ca//ello che ti &a se%brare una 2ecchia strega. #7D orland con %e e sia%o 2enuti /er restare -ualche giorno, /erciJ cercaci due buoni letti da -ualche /arte, -ui 2icino0. Sueste &rasi di saluto /ar2ero soddis&are ogni /iA /ro&onda as/ira*ione del cuore della %adre, dal %o%ento che ella lo rice2ette con grande gioia ed esultan*a. Alle sorelle %inori egli riser2J una uguale /or*ione di tenere**a &raterna chiedendo loro co%e stessero e osser2ando che se%bra2ano tutt7e e due bruttissi%e. Sueste %aniere non /iac-uero a #atherine, tutta2ia Thor/e era l7 a%ico di 1a%es e il &ratello di "sabella e il giudi*io di lei &u ulterior%ente de2iato dall7assicura*ione che "sabella si a&&rettJ a &arle, -uando si a//artarono /er 2edere il nuo2o ca//ellino, che 1ohn la ritene2a la /iA a&&ascinante &anciulla del %ondo e dal &atto che 1ohn stesso, /ri%a di lasciarla, l7a2esse in2itata a ballare con lui, la sera. )osse stata /iA adulta o /iA 2anesia, -uesti attacchi sarebbero ser2iti a /oco, %a dal %o%ento che gio2entA e scarsa &iducia in sI si asso%%a2ano in lei, sarebbe stata necessaria una straordinaria ragione2ole**a /er resistere all7attratti2a di essere stata de&inita la /iA a&&ascinante &anciulla del %ondo e di essere stata in2itata cosE /resto da un ca2aliere. 6a conseguen*a &u che -uando i due orland, do/o a2er trascorso un7oretta con i Thor/e, se ne andarono insie%e 2erso la casa del signor Allen e 1a%es, -uando la /orta &u chiusa alle loro s/alle disse: ,Ebbene, #atherine, ti /iace il %io a%ico Thor/e.0, in2ece di ris/ondere co%e /robabil%ente a2rebbe &atto se non ci &osse stato di %e**o l7a%ici*ia e l7adula*ione ,No, non %i /iace /er niente0, #atherine ris/ose sen*a esitare: , i /iace %oltissi%o, %i se%bra %olto grade2ole0. ,Fa il /iA buon carattere che io conosca; %agari chiacchiera un /o7 tro//o, %a credo che -uesto lo &accia /iacere %aggior%ente alle donne. E ti /iace il resto della &a%iglia.0 , olto, %oltissi%o da22ero, /articolar%ente "sabella0. ,Sono /ro/rio &elice di sentirtelo dire: D /ro/rio il ti/o di &anciulla che %i /iace tu abbia accanto. Fa tanto buon senso ed D cosE se%/lice e a%abile[ Fo se%/re desiderato che tu la conoscessi, e anche lei se%bra %olto a&&e*ionata a te. Fa detto cose bellissi%e sul tuo conto e le lodi di una raga**a co%e la signorina Thor/e /ossono renderti orgogliosa, #atherine0, disse /rendendole a&&ettuosa%ente la %ano. ,6o sono0, re/licJ lei, ,le 2oglio %olto bene e sono contenta che anche a te /iaccia. Non ne hai %ai /arlato, -uando %i hai scritto do/o a2erle &atto 2isita0. ,PerchI /ensa2o che a2rei /otuto 2ederti /resto. S/ero che starete %olto insie%e &inchI
<4

starai a Hath. 6ei D la /iA a%abile delle &anciulle e ha un7intelligen*a su/eriore[ 6a &a%iglia la adora: D chiaro che D la /re&erita di tutti. E -uanto de2e essere a%%irata in un /osto co%e -uesto, non D 2ero.0 ,SE, /ro/rio %oltissi%o, %i /are. "l signor Allen /ensa che sia la /iA gra*iosa &anciulla di Hath0. ,Oso dire che ha ragione, e non conosco nessun %iglior giudice della belle**a &e%%inile del signor Allen. Non ho bisogno di chiederti se sei &elice -ui, %ia cara #atherine, con una co%/agna e a%ica -uale "sabella Thor/e ti sarebbe i%/ossibile non esserlo. E gli Allen sono assai gentili con te, ne sono certo0. ,SE, %olto gentili, e io non sono %ai stata /iA &elice di cosE e adesso che tu sei -ui sarJ /iA &elice che %ai. Suanto sei stato buono a 2enire cosE lontano /er 2eder%i[0. 1a%es accettJ -uesto tributo di gratitudine e si giusti&icJ con se stesso /er a2erlo accettato dicendo con /er&etta sinceritC: ,#atherine, ti 2oglio /ro/rio %olto bene[0. Poi co%inciarono a &arsi do%ande e a co%unicarsi noti*ie su &ratelli e sorelle, sulla /osi*ione di alcuni, sulla crescita di altri e su altre -uestioni di &a%iglia, e /roseguirono su -uesti argo%enti, con solo una /iccola digressione da /arte di 1a%es in lode della signorina Thor/e, &ino a -uando raggiunsero Pulteney Street do2e 1a%es &u assai bene accolto dal signore e dalla signora Allen, in2itato a cenare con loro dal /ri%o e obbligato a indo2inare il /re**o e a//re**are il 2alore di una nuo2a %antellina e di un %anicotto dalla seconda. 9n /recedente a//unta%ento agli Edgar7s Huildings gli i%/edE di accettare l7in2ito e lo obbligJ ad a&&rettarsi ad andar 2ia non a//ena ebbe soddis&atto le richieste della signora Allen. Stabilita esatta%ente l7ora in cui le due co%/agnie si sarebbero incontrate alla Sala Ottagona, #atherine &u lasciata al lusso di una in-uieta, instancabile, s/a2entata i%%agina*ione, sulle /agine di 9dol/ho, sen*a /reoccu/a*ione alcuna nI /er ciJ che concerne2a la cena nI /er ciJ che concerne2a l7abbiglia%ento, nonchI inca/ace di soccorrere la signora Allen, a&&ranta /er il ritardo di una sarta e solo /er un %inuto su sessanta ca/ace di abbandonarsi a ri&lettere sulla /ro/ria &elicitC di a2ere giC un ca2aliere /er la serata.

<+

#apitolo ottavo
algrado 9dol/ho e la sarta, il gru//o di Pulteney Street raggiunse le 9//er $oo%s /untual%ente. " Thor/e e 1a%es orland erano lE solo da due %inuti e, do/o che "sabella ebbe esaurito i soliti con2ene2oli andando incontro all7 a%ica con la &retta /iA sorridente e a&&ettuosa, do/o che ebbe a%%irato l7insie%e del suo abito e in2idiato i ca/elli arricciati, seguirono a braccetto i loro acco%/agnatori nella sala da ballo sussurrandosi l7una con l7altra ogni /ensiero e, in luogo di idee, sca%biandosi strette di %ano o sorrisi di tenere**a. Do/o /ochi %inuti che erano sedute ini*iJ il ballo e 1a%es, che, co%e sua sorella, si era i%/egnato /arecchio te%/o /ri%a, insistette %olto con "sabella /erchI si al*asse. 1ohn /erJ era andato nella sala da gioco /er /arlare con un a%ico e nulla, ella dichiarJ, l7a2rebbe indotta a unirsi alle dan*e /ri%a che la sua cara #atherine /otesse &are altrettanto: ,6e assicuro0, disse, ,che /er nulla al %ondo %i al*erJ sen*a la sua cara sorella, /erchI se %ai lo &acessi rischiere%%o di restare se/arate /er l7intera serata0. #atherine accolse con gratitudine -uesta gentile**a e /er /iA di tre %inuti ri%asero do27erano; "sabella /oi, che a2e2a /arlato con 1a%es che le sta2a all7altro &ianco, si 2olse di nuo2o 2erso la sorella di lui sussurrando: , ia cara creatura, ho /ro/rio /aura di do2erti lasciare. Tuo &ratello D cosE s/a2entosa%ente i%/a*iente di co%inciare. So che non te la /renderai se %e ne 2ado; sono certa che 1ohn sarC -ui a %o%enti, cosE /otrai &acil%ente raggiunger%i0. #atherine, sebbene &osse lie2e%ente seccata, a2e2a tro//o buon carattere /er o//orsi, cosicchI gli altri si al*arono e "sabella ebbe a//ena il te%/o di stringere la %ano dell7a%ica e di dire: ,Addio, tesoro %io0 /ri%a di sca//ar 2ia. PoichI anche le /iA gio2ani delle Thor/e sta2ano ballando, #atherine &u lasciata alla %ercI della signora Thor/e e della signora Allen tra le -uali ri%ase seduta. Non /otI e2itare di sentirsi seccata /er il &atto che il signor Thor/e non a//ari2a /erchI non soltanto desidera2a %oltissi%o ballare, %a era anche consa/e2ole che, dal %o%ento che la reale dignitC della sua situa*ione non /ote2a essere nota, sta2a condi2idendo con le &ile delle altre gio2ani donne ancora sedute tutto il discredito di chi desidera e non ha un ca2aliere. #adere in disgra*ia agli occhi del %ondo, indossare i /anni dell7in&a%ia -uando il cuore D tutto /ure**a, le a*ioni tutte innocen*a e solo la catti2a condotta altrui D la causa 2era dell7 abie*ione, D una circostan*a /eculiare della 2ita di un7eroina ed D la sua &orte**a in -uesti casi a nobilitarne il carattere. #atherina &u &orte: so&&rE, %a non un la%ento uscE dalle sue labbra. Da -uesto stato di u%ilia*ione nel giro di dieci %inuti ella si tro2J innal*ata a un /iA /iace2ole senti%ento scorgendo, a tre yarde di distan*a dal luogo in cui sede2a, non il signor Thor/e %a il signor Tilney. Se%bra2a che stesse 2enendo 2erso di lei, anche se non l7a2e2a ancora 2ista, di conseguen*a il sorriso e il rossore che il suo i%/ro22iso ria//arire a2e2ano /ro2ocato in #atherine sco%/ar2ero sen*a disonorare la -ualitC eroica di lei. 6ui a//ari2a bello e 2i2ace co%e se%/re e sta2a chiacchierando con interesse con una gio2ane donna elegante e di bell7as/etto che si a//oggia2a al suo braccio e che #atherine indo2inJ subito essere sua sorella, sconsiderata%ente gettando 2ia una bella occasione di crederlo /erduto /er se%/re /er lei, essendo egli giC s/osato. Guidata /eraltro soltanto da ciJ che era se%/lice e /robabile, non le era %ai /assato /er la testa che il signor Tilney /otesse essere s/osato: non si era %ai co%/ortato da /ersona s/osata, non a2e2a %ai /arlato co%e gli uo%ini s/osati ai -uali lei era a22e**a, non a2e2a %ai %en*ionato una %oglie, %entre
<:

a2e2a citato una sorella. Da -ueste circostan*e scaturE l7i%%ediata conclusione che la /ersona che era al suo &ianco &osse sua sorella: di conseguen*a, in2ece di i%/allidire %ortal%ente e cadere s2enuta sul /etto della signora Allen, #atherine ri%ase seduta eretta, /er&etta%ente in sI, con le guance soltanto un /o7 /iA rosse del nor%ale. "l signor Tilney e la sua acco%/agnatrice, che continua2ano sia /ur lenta%ente ad a22icinarsi, erano /receduti da una da%a, una conoscente della signora Thor/e e, /oichI -uesta da%a si era &er%ata a /arlare con lei, anch7 essi, in -uanto &ace2ano /arte di un unico gru//o, si &er%arono e #atherine, catturando l7atten*ione del signor Tilney, rice2ette da lui l7i%%ediato tributo di un sorriso. 6ei glielo rica%biJ con gioia e /oi, a2an*ando ancora un /oco, egli si ri2olse a lei e alla signora Allen, dalla -uale era stato cortese%ente riconosciuto. ,Sono %olto contenta di ri2ederla, signore, da22ero. Fo te%uto che lei &osse /artito da Hath0. Tilney la ringra*iJ /er i suoi ti%ori e disse che a2e2a lasciato la cittC /er una setti%ana, /ro/rio la %attina do/o che a2e2a a2uto il /iacere di incontrarla. ,Hene, signore, e /enso che non le dis/iacerC di essere di nuo2o -ui: D /ro/rio il giusto /osto /er la gio2entA, e, tutto so%%ato, anche /er tutti gli altri. Dico se%/re al signor Allen, -uando racconta di essere stanco di stare -ui, che sono certa che non do2rebbe lagnarsi, /erchI il /osto D cosE grade2ole che D assai %eglio stare -ui /iuttosto che a casa, in -uesto /eriodo dell7anno cosE triste. Glielo dico se%/re che de2e ritenersi &ortunato di essere stato %andato -ui a curarsi0. ,E io s/ero, %ada%e, che il signor Allen si senta obbligato a tro2are /iace2ole -uesto /osto che gli D cosE di bene&icio0. ,Gra*ie, signore. Non ho dubbi che lo &arC. 9n nostro 2icino, il dottor S(inner, D stato -ui a curarsi l7in2erno scorso ed D ri/artito in buona salute0. ,\ una circostan*a %olto incoraggiante /er lei e suo %arito0. ,SE, signore, e il dottor S(inner e la sua &a%iglia sono ri%asti -ui /er tre %esi. Fo detto /erciJ al signor Allen che non de2e a2er &retta di /artire0. A -uesto /unto &urono interrotti dalla richiesta della signora Thor/e alla signora Allen di s/ostarsi un /o7 /er lasciare /osto a sedere alla signora Fughes e alla signorina Tilney che erano d7accordo a unirsi alla loro co%/agnia. )atta la -ual cosa, ed essendo il signor Tilney ri%asto in /iedi da2anti a loro, do/o /ochi %inuti di ri&lessione -uesti chiese a #atherine di ballare con lui. Suesta atten*ione cosE /iena di gentile**a /rodusse una grande %orti&ica*ione nella &anciulla che, ri&iutando, si es/resse in toni cosE sconsolati che se Thor/e, che la raggiunse subito do/o, &osse arri2ato %e**o %inuto /ri%a, a2rebbe tro2ato il suo rincresci%ento un /o7 tro//o 2i2o. 6a %aniera su/er&iciale con cui le s/iegJ di essere stato trattenuto non la riconciliJ in alcun %odo con la sua sorte, nI la interessarono a su&&icien*a i /articolari, in cui egli si dilungJ %entre ancora sta2ano as/ettando di ballare, a /ro/osito di ca2alli e cani dell7 a%ico che a2e2a a//ena lasciato, e di un /ro/osto sca%bio di terrier tra di loro, da i%/edirle di guardare assai s/esso dalla /arte della sala in cui a2e2a lasciato il signor Tilney. Della sua cara "sabella, cui le /re%e2a %ostrare -uel gentiluo%o, non c7era traccia. Erano in gru//i di2ersi: lei era di2isa da tutta la sua co%/agnia e lontana da tutte le sue conoscen*e. 9na %orti&ica*ione segui2a l7altra e da tutto ciJ ella dedusse -uesta utile le*ione: che andare a un ballo giC i%/egnata non necessaria%ente contribuisce ad accrescere la dignitC o il di2erti%ento di una &anciulla. Da tale &atica %orali**ante &u i%/ro22isa%ente distolta da un tocco su di una s/alla. Koltandosi 2ide la signora Fughes /ro/rio dietro di sI, seguita dalla signorina Tilney e da un gentiluo%o. ,6e chiedo scusa, signorina orland0, disse -uella, ,/er la libertC che %i /rendo, %a non riesco a tro2are da
<5

nessuna /arte la signorina Thor/e e la signora Thor/e %i ha detto che lei non a2rebbe a2uto obie*ioni a /er%ettere a -uesta signorina di stare accanto a lei0. 6a signora Fughes non a2rebbe /otuto ri2olgersi a nessun altro nella sala che &osse /iA &elice di #atherine di &arle -uesto /iacere. 6e due gio2ani donne &urono /resentate, la signorina Tilney es/resse i suoi senti%enti di gratitudine /er tanta bene2olen*a, la signorina orland, con l7autentica delicate**a d7un ani%o generoso, %ini%i**J la sua a*ione e la signora Fughes, soddis&atta di a2er tanto ris/ettabil%ente siste%ato la sua gio2ane os/ite, &ece ritorno alla sua co%/agnia. 6a signorina Tilney a2e2a una bella &igura, un 2olto gra*ioso e un %odo di &are gentile e nell7insie%e, benchI non a2esse l7as/etto deciso e lo stile risoluto della signorina Thor/e, era assai /iA elegante. 6e sue %aniere ri2ela2ano buon senso e buona educa*ione: non erano nI eccessi2a%ente ti%ide nI tro//o disin2olte ed ella se%bra2a ca/ace di essere gio2ane, attraente e di tro2arsi a un ballo sen*a desiderare l7atten*ione di ogni uo%o che le &osse accanto e sen*a es/ri%ere senti%enti esagerati di gioia estatica o di straordinaria dis/era*ione /er ogni sciocche**a che le ca/itasse. #atherine, interessata allo stesso te%/o dall7as/etto della &anciulla e dalla sua /arentela col signor Tilney, era desiderosa di a//ro&ondire la rela*ione con lei: di conseguen*a si %ise subito a /arlarle e lo &ece ogni 2olta che &u in grado di /ensare a -ualcosa da dire e tro2J il coraggio e l7agio di dirla. a l7ostacolo &ra//osto al /rocedere d7una ra/ida inti%itC dalla &re-uente caren*a di uno o dell7alt'o dei due /resu//osti, le trattenne dal /rocedere oltre i /ri%i rudi%enti di una conoscen*a che consistettero nel chiedersi reci/roca%ente se /iace2a loro Hath, nel dirsi -uanto ne a%%irassero gli edi&ici e la ca%/agna intorno, nel do%andarsi se disegna2ano o canta2ano o se a%a2ano ca2alcare. 6e due dan*e erano a//ena &inite /ri%a che #atherine si tro2asse gentil%ente /resa sottobraccio dalla sua &edele "sabella che, col%a di ardore, escla%J: ,)inal%ente ti ho tro2ata[ #arissi%a creatura, ti ho cercato /er ore. #he cosa ti ha s/into a 2enire da -uesta /arte -uando sa/e2i che io ero dall7altra. Sono stata tanto in&elice sen*a di te[0. , ia cara "sabella, co%e a2rei /otuto &are a raggiungerti. Non ho ne%%eno 2isto do27eri[0. ,67ho detto a tuo &ratello un7in&initC di 2olte... %a non %i ha 2oluto credere. Andia%o a cercarla, signor orland, dice2o... %a in2ano.... non si riusci2a a &arlo %uo2ere d7un /asso. Non D 2ero, signor orland. Koi uo%ini siete cosE tre%enda%ente /igri[ 67ho ri%/ro2erato tanto, %ia cara #atherine, che ne saresti stata stu/ita. Sai bene che non &accio co%/li%enti con gente del genere0. ,Guarda -uella gio2ane donna con il 2e**o di /erline bianche attorno al ca/o...0, sussurrJ #atherine allontanando l7a%ica da 1a%es, ,D la sorella del signor Tilney0. ,Oh, cielo, non dir%elo[ )a%%ela guardare subito. #he &anciulla deli*iosa. Non ho 2isto %ai nessuna bella la %etC di lei[ a do27D il &ratello con-uistatore. \ in sala. "ndica%elo all7istante, se c7D. uoio dalla 2oglia di 2ederlo. Signor orland, lei non de2e sentire. Non stia%o /arlando di lei0. , a che cos7D tutto -uesto sussurrare. #he sta succedendo.0 ,Ecco, lo sa/e2o che sarebbe andata cosE. Koi uo%ini a2ete una curiositC insa*iabile. Parlano della curiositC delle donne... %a D niente in con&ronto[ Se ne /ersuada, non sa/rC nulla di -uesta &accenda0. ,E ritiene /ossibile che io sia /ersuaso.0 ,Dichiaro di non a2er %ai conosciuto nessuno co%e lei. #he cosa /uJ interessarle di che stia%o /arlando. )orse /arlia%o di lei, %a la 2oglio a22isare di non ascoltare, o le /otrC
<<

succedere di sentire -ualcosa di non tro//o grade2ole0. "n -ueste chiacchiere banali, che occu/arono un certo te%/o, l7argo%ento di /arten*a se%brJ essere stato total%ente di%enticato e, sebbene #atherine &osse assai contenta di 2ederlo lasciato da /arte /er un /o7, non /otI e2itare -ualche dubbio a causa della caduta totale, in "sabella, del grande desiderio di 2edere il signor Tilney. Suando l7orchestra inco%inciJ a suonare una nuo2a dan*a, 1a%es a2rebbe 2oluto /ortar 2ia la sua bella co%/agna, %a -uesta &ece resisten*a. ,Gliel7ho detto, signor orland, non &arei una cosa si%ile /er niente al %ondo. #o%e /uJ essere cosE dis/ettoso[ Pro2a solo a i%%aginare, cara #atherine, cosa tuo &ratello 2uole che io &accia. Kuole che io balli di nuo2o con lui, sebbene gli dica che D una cosa scon2eniente e contraria a tutte le nor%e. Di2entere%o la &a2ola di -uesto /osto se non ca%bia%o co%/agni0. ,Sul %io onore0, disse 1a%es, ,in -uesti luoghi /ubblici accade di &re-uente0. ,\ una sciocche**a, co%e /uJ dire una cosa si%ile[ Suando 2oi uo%ini do2ete sostentere un /unto niente 2i /uJ s%uo2ere. ia dolce #atherine, da%%i una %ano a /ersuadere tuo &ratello che D i%/ossibile ballare ancora insie%e. Digli che saresti scandali**ata se %i 2edessi &are una tal cosa: non D cosE.0 ,No, /ro/rio no. a se ritieni che sia una cosa sbagliata &arai %eglio a ca%biare ca2aliere0. ,Ecco0, escla%J "sabella, ,ha sentito cosa dice sua sorella. Non gliene i%/orta nulla. Hene, ricordi che non D col/a %ia se %ettere%o in agita*ione tutte le 2ecchie signore di Hath. Kieni, %ia cara #atherine, 2ieni con %e e, /er l7a%or del cielo, sta%%i 2icina0. E andarono 2erso il luogo do2e erano /recedente%ente. Nel &ratte%/o 1ohn Thor/e se ne era andato e #atherine, 2olendo se%/re &ornire al signor Tilney l7o//ortunitC di ri/etere la gradita richiesta che giC una 2olta l7a2e2a lusingata, si &ece strada 2erso la signora Allen e la signora Thor/e con tutta la ra/iditC che le era /ossibile, nella s/eran*a di tro2arlo ancora /resso di loro... una s/eran*a che, -uando si di%ostrJ 2ana, #atherine ca/E essere stata del tutto irragione2ole. ,Hene, %ia cara0, disse la signora Thor/e i%/a*iente di lodare suo &iglio, ,s/ero che lei abbia a2uto un ca2aliere gentile0. ,Gentilissi%o, signora0. ,Ne sono lieta. 1ohn ha un %odo di &are a&&ascinante, non D 2ero.0 ,Fai incontrato il signor Tilney, %ia cara.0, disse la signora Allen. ,No, do27D.0 ,Era -ui /ro/rio adesso, e ha detto che era stanco di giron*olare a 2uoto e che si era deciso ad andare a ballare, cosE ho /ensato che &orse, se ti a2esse incontrata, ti a2rebbe in2itata0. ,Do2e /uJ essere.0, disse #atherine guardandosi intorno. Non do2ette /erJ &arlo a lungo, /erchI /resto lo 2ide %entre conduce2a una gio2ane donna a dan*are. ,Ah, ha tro2ato una co%/agna[ A2rei desiderato che in2itasse te0, disse la signora Allen e, do/o un bre2e silen*io, aggiuse: ,\ un gio2ane da22ero /iace2ole0. ,Da22ero, signora Allen0, disse la signora Thor/e sorridendo co%/iaciuta. ,De2o /ro/rio dirlo, nonostante sia sua %adre, non c7D un gio2ane /iA /iace2ole al %ondo0. Suesta strana ris/osta sarebbe stato 2era%ente tro//o /er la co%/rensione di tutti, %a non con&use la signora Allen che, do/o un %o%ento di ri&lessione, sussurrJ a #atherine: ,$itengo che abbia /ensato che /arla2o di suo &iglio0. #atherine era delusa e dis/iaciuta. 6e /are2a di a2er %ancato di /oco il suo 2ero sco/o e -uesta con2in*ione non la rese incline a ris/ondere con tro//a gentile**a -uando 1ohn Thor/e la raggiunse, /oco do/o, e le disse: ,Allora, signorina orland, ho idea che noi due
<>

do2re%%o al*arci e andare insie%e di nuo2o a *o%/ettare0. ,Oh, no, le sono %olto obbligata %a le nostre due dan*e sono &inite e, oltre a tutto, sono stanca e non ho inten*ione di ballare ancora0. ,Da22ero. Allora /asseggia%o in cerca di ti/i ridicoli. Kenga con %e, le %ostrerJ i -uattro ti/i /iA eccentrici della sala: le %ie due sorelle %inori e i loro ca2alieri. Fo riso di loro /er %e**7ora0. #atherine si scusJ nuo2a%ente e alla &ine Thor/e se ne andJ da solo a /rendere in giro le sorelle. "l resto della serata /ar2e alla &anciulla assai noioso: il signor Tilney, al %o%ento del tD, si se/arJ dal loro gru//o /er /rendere /osto in -uello della sua acco%/agnatrice; la signorina Tilney, sebbene &osse con il gru//o di #atherine, non era tutta2ia seduta accanto a lei e 1a%es e "sabella erano tal%ente i%/egnati a con2ersare tra di loro che -uest7 ulti%a non ebbe s/a*io /er concedere all7a%ica altro che un sorriso, una stretta di %ano e un ,carissi%a #atherine0.

<;

#apitolo nono
"l /rogredire dell7in&elicitC di #atherine, a /artire dagli e2enti della serata, &u il seguente. Da//ri%a si trattJ, %entre ancora era nelle sale, di una generale insoddis&a*ione nei con&ronti di tutti -uelli che a2e2a intorno che la condusse a una note2ole stanche**a e a un /ro&ondo desiderio di andare a casa, desiderio che, una 2olta arri2ati a Pulteney Street /rese l7as/etto di una straordinaria &a%e e, una 2olta a//agata la &a%e, si %utJ in desiderio di andarsene a letto, e -uesto &u il %assi%o della %alinconia: in&atti, una 2olta a letto si addor%entJ /ro&onda%ente e dor%E /er no2e ore s2egliandosi /oi /er&etta%ente a suo agio, di otti%o u%ore, /iena di nuo2e s/eran*e e di nuo2i /ro/ositi. "l /ri%o desiderio del suo cuore &u -uello di a//ro&ondire la conoscen*a con la signorina Tilney, e il suo /ri%o /ro/osito, o -uasi, &u -uello di cercarla a %e**ogiorno alla Pu%/ $oo%. 9na /ersona da /oco arri2ata a Hath do2e2a sicura%ente tro2arsi alla Pu%/ $oo%; /eraltro -uell7edi&icio le era stato giC cosE &a2ore2ole nella sco/erta dell7eccellen*a &e%%inile e /er il co%/i%ento d7un7inti%a a%ici*ia &e%%inile che si senti2a ragione2ol%ente incoraggiata ad as/ettarsi di tro2are un7altra a%ica dentro le sue %ura. Stabilito cosE il suo /rogra%%a /er la %attina, do/o cola*ione sedette -uieta%ente a leggere il suo libro, risoluta a restare nello stesso /osto a &are la stessa cosa &ino a che l7orologio a2esse battuto un col/o, assai /oco disturbata, gra*ie all7abitudine, dai co%%enti e dalle interie*ioni della signora Allen la cui 2uotaggine %entale e la cui inca/acitC di /ensare erano di tal &atta che, se /ure non /arla2a %olto, non /ote2a stare del tutto in silen*io cosicchI, -uando sede2a a cucire, se /erde2a l7ago o s/e**a2a il &ilo, se udi2a una carro**a /er la strada o scorge2a una %acchia sul suo 2estito, do2e2a osser2arlo ad alta 2oce, sia che ci &osse -ualcuno a ris/onderle sia che &osse sola. All7incirca 2erso %e**ogiorno e %e**o, un /icchiare /esante la &ece a&&rettare 2erso la &inestra e a2e2a a//ena a2uto il te%/o di in&or%are #atherine che alla /orta c7erano due carro**e sco/erte V nella /ri%a soltanto un ser2itore, nella seconda suo &ratello che conduce2a la signorina Thor/e che 1ohn Thor/e corse su /er le scale gridando: ,Ebbene, signorina orland, ecco%i. Fa as/ettato %olto. Non sia%o /otuti arri2are /ri%a, -uel 2ecchio de%onio di carro**aio D stato eterno a tro2arci una cosa adatta ai nostri sco/i e ora, gliela do uno a dieci%ila che si ca/o2olgeranno /ri%a che sia%o &uori da -uesta strada. #o%e sta, signora Allen. 9n bel ballo, ieri sera[ Kenga, signorina orland, s2elta, gli altri hanno &retta di andare. Kogliono &ar /resto il loro ca/ito%bolo[0. ,#he cosa.0, disse #atherine, ,do2e state andando tutti.0 ,Do2e stia%o andando. #osa. Non ha %ica di%enticato il suo i%/egno. Non era2a%o d7accordo che a2re%%o &atto una /asseggiata sta%attina. #he testa ha[ Stia%o andando a #la2erton DoGn0. ,$icordo che ne a2e2a%o /arlato0, disse #atherine guardando la signora Allen /er sentire la sua o/inione, ,%a in realtC non l7as/etta2o0. ,Non %i as/etta2a[ Suesta D bella[ #hissC che /ol2ere a2rebbe al*ato se non &ossi 2enuto0. "l silen*ioso a//ello di #atherine all7a%ica nel &ratte%/o era stato del tutto s/recato, /erchI la signora Allen non era a&&atto abituata a es/ri%ersi con lo sguardo e non era ne//ure consa/e2ole che altri /otessero &arlo e #atherine, il cui desiderio di ri2edere la signorina Tilney /ote2a so//ortare in -uel %o%ento un bre2e ritardo in &a2ore di una /asseggiata in carro**a, e che /ensa2a che &osse del tutto con2eniente andare con il signor Thor/e, dal
<8

%o%ento che nello stesso te%/o "sabella era con 1a%es, &u -uindi obbligata a /arlare /iA es/licita%ente: ,Ebbene, signora, cosa ne dice. PuJ &are a %eno di %e /er un7ora o due. Posso andare.0 ,)ai -uello che 2uoi, %ia cara0, ris/ose la signora Allen con la /iA /lacida indi&&eren*a. #atherine accolse l7in2ito e corse 2ia /er /re/ararsi. "n /ochi %inuti ria//ar2e, a2endo lasciato agli altri /ochi %inuti /er dire due o tre &rasi in sua lode, do/o che Thor/e si era /rocurato l7a%%ira*ione della signora Allen /er il suo calessino. Poi, con gli auguri di buon 2iaggio dell7a%ica, tutti e due si a&&rettarono giA /er le scale. , ia cara creatura0, escla%J "sabella, 2erso cui i do2eri dell7a%ici*ia richia%arono #atherine /ri%a di salire in carro**a, ,ci hai %esso al%eno tre ore a /re/ararti. Te%e2o che ti sentissi /oco bene. #he ballo %era2iglioso, -uello dell7altra sera[ Fo %ille cose da dirti, %a &a7 /resto e sali in carro**a /erchI non 2edo l7ora di essere &uori cittC0. #atherine eseguE gli ordini e si allontanJ, %a non abbastan*a in &retta da non udire l7a%ica che escla%a2a, ri2olta a 1a%es: ,#he &anciulla adorabile[ 67a%o -uasi alla &ollia[0. ,Non si s/a2enti, signorina orland0, disse Thor/e aiutandola a salire, ,il %io ca2allo ballerC un /o7a//ena /artiti ed D /ossibile che dia due o tre stra//i e che /oi si &er%i /er un %inuto, %a ca/irC /resto che il /adrone sono io. \ /ieno di 2i2acitC e anche un /o7 giocherellone, %a non ha 2i*i0. #atherine non tro2J il ritratto %olto in2itante, %a era tardi /er ritirarsi e lei stessa era tro//o gio2ane /er /oter 2era%ente a2ere /aura; cosE, rassegnandosi al &ato e &idando nel &atto che 2era%ente l7ani%ale sa/esse chi era il/adrone, sedette tran-uilla%ente e Thor/e sedette accanto a lei. Essendo cosE tutto siste%ato, al ser2o che sta2a accanto alla testa del ca2allo &u ordinato con 2oce serissi%a di ,lasciarlo andare0 e /artirono con tutta la -uiete /ossibile e i%%aginabile, sen*a scosse nI sobbal*i nI altro di si%ile. #atherine, contenta di una /arten*a cosE tran-uilla, dichiarJ ad alta 2oce il suo /iacere con grata sor/resa e il suo co%/agno le s/iegJ il &atto in %odo se%/licissi%o assicurandole che tutto era stato cosE &acile solo gra*ie alla sua abilitC nel tenere le redini e alla singolare /eri*ia e ca/acitC con cui a2e2a usato la &rusta. #atherine, sebbene non /otesse &are a %eno di chiedersi /erchI %ai con -uella /er&etta /adronan*a del ca2allo Thor/e a2esse ritenuto necessario allar%arla /arlandole dei di&etti dell7ani%ale, si congratulJ sincera%ente con se stessa /er essere sotto la /rote*ione di un cosE 2alente guidatore e, constatando che il ca2allo continua2a a ca%%inare con la stessa andatura -uieta sen*a %ostrare la %ini%a /ro/ensione /er s/iace2oli atti di 2i2acitC e Mconsiderando che la sua 2elocitC do2e2a /er &or*a essere di dieci %iglia l7oraN /er 2elocitC allar%anti, si abbandonJ a tutte le gioie dell7aria e dell7eserci*io &isico, assai corroboranti in -uella tie/ida giornata di &ebbraio, certa di essere al sicuro. Al loro /ri%o bre2e dialogo tenne dietro un silen*io di /arecchi %inuti che &u rotto da Thor/e che disse brusca%ente: ,"l 2ecchio Allen D ricco co%e un giudeo, 2ero.0. #atherine non ca/E. 6ui allora ri/etI la do%anda aggiungendo co%e s/iega*ione: ,"l 2ecchio Allen, l7uo%o con cui lei sta0. ,Oh, 2uol dire il signor Allen. SE, credo che sia %olto ricco0. ,E non ha &igli.0 ,No, non ne ha0. ,Hella cosa /er i suoi eredi[ \ il suo /adrino, 2ero.0 ,"l %io /adrino. No0. , a lei sta %olto con loro0. ,SE, %oltissi%o0.
<3

,Ecco, /ro/rio -uello che intende2o dire. Se%bra una buona /asta di 2ecchietto, e de2e a2er 2issuto bene ai suoi te%/i, non D un caso se ha la gotta. Si be2e la sua bottiglia -uotidiana anche adesso.0 ,Hottiglia -uotidiana[ No. PerchI %ai crede una cosa del genere. \ un uo%o assai sobrio. Non /enserC che a2esse be2uto, ieri sera.0 ,#he Dio l7aiuti[ Koi donne /ensate se%/re che gli uo%ini si ubriachino. Non /enserC %ica che un uo%o sia %esso &uori gioco da una bottiglia[ "o sono certo che se ognuno be2esse la sua bottiglia -uotidiana, al %ondo non ci sarebbe la %etC dei disordini che ci sono adesso. Sarebbe una cosa %agni&ica /er tutti0. ,Non /osso crederci0. ,Oh, Signore, se ne sal2erebbero %igliaia. "n -uesto regno si consu%a un centesi%o del 2ino che si do2rebbe consu%are. "l nostro cli%a nebbioso lo richiede /ro/rio0. ,PerJ ho sentito dire che si be2e %oltissi%o 2ino a OO&ord0. ,OO&ord[ Non si be2e a&&atto a OO&ord adesso, glielo assicuro. Nessuno be2e /iA. \ di&&icile incontrare -ualcuno che su/eri al %assi%o le -uattro /inte. \ stato considerato un &atto ecce*ionale che nell7ulti%o rice2i%ento da %e ci sia%o be2uti circa cin-ue /inte a testa. \ stato ritenuto un &atto &uori del co%une. 6a %ia D roba di buona -ualitC, certo, non ce n7D uguale a OO&ord, -uesta /otrebbe essere la s/iega*ione. a cosE si D &atta un7idea di -uanto si be2e a OO&ord0. ,Oh, sE, %i sono &atta un7idea0, disse #atherine con calore, ,ed D che tutti 2oi be2ete /iA 2ino di -uanto /ensassi. Sono certa /erJ che 1a%es non be2e cosE tanto0. Suesta dichara*ione &u causa di una /rotesta 2iolenta e cla%orosa di cui nulla era chiaro eccetto le &re-uenti escla%a*ioni, consistenti -uasi esclusi2a%ente nelle i%/reca*ioni, che la adorna2ano, e #atherine, -uando &inal%ente la /rotesta &inE, ri%ase ra&&or*ata nella sua o/inione che a OO&ord si be2e2a tro//o e nella con2in*ione della relati2a sobrietC del &ratello. " /ensieri di Thor/e tornarono ai %eriti del suo e-ui/aggio e a #atherine &u richiesto di a%%irare la 2i2acitC e la sciolte**a con cui il ca2allo /rocede2a e la &acilitC con cui il suo /asso, attra2erso le otti%e sos/ensioni, si tras%ette2a al calessino. Per -uanto /otI, lei lo seguE nella sua a%%ira*ione. )are /iA di lui era /ratica%ente i%/ossibile. 6a sua conoscen*a dell7argo%ento e l7ignoran*a di lei, la ra/iditC d7es/ressione di lui e la scarsa &iducia in se stessa di lei, rende2ano la cosa &uori della sua /ortata. Ella non &u in grado -uindi di tirar &uori alcuna nuo2a lode, anche se &ece /ronta%ente eco a tutto ciJ che egli asseri2a e alla &ine stabilirono sen*a alcuna di&&icoltC che la 2ettura di lui era la %igliore, nel suo genere, in "nghilterra, la sua carro**a la /iA elegante, il suo ca2allo il %iglior corridore, e lui il %iglior guidatore. ,Non crede 2era%ente, signor Thor/e0, disse #atherine a22enturandosi do/o -ualche te%/o a considerare total%ente decisa la -uestione e a o&&rire una /iccola 2ariante all7argo%ento, ,che il calessino di 1a%es si ribalterC.0 ,$ibaltarsi, buon Dio[ Fa %ai 2isto niente di /iA cigolante in 2ita sua. Non c7D un &erro che suoni bene. 6e ruote hanno al%eno dieci anni e sono tutte consu%ate, e /ure la scocca[ Per l7ani%a %ia, si /otrebbe %andarla a /e**i con un dito. E il /iA dannato catorcio che abbia %ai 2isto[ Gra*ie a Dio il nostro D %igliore. #on -uello non ci &arei due %iglia /er cin-uanta%ila sterline0. ,Santo cielo[0, escla%J #atherine /iuttosto s/a2entata, ,allora /er &a2ore tornia%o indietro, a2ranno certa%ente un incidente se andia%o a2anti. Tornia%o indietro, signor Thor/e. Si &er%i e /arli con %io &ratello: gli dica -uanto D insicuro il suo calessino0.
>=

,"nsicuro[ Oh, Signore[ E che %ale c7D. )aranno un cascatone, se si ribalta. #7D %ota, cadranno sul %orbido. Dann... "l calesse D abbastan*a sicuro se si sa co%e guidarlo: una cosa di -uel genere /uJ durare anche /iA di 2ent7anni in buone %ani. #he Dio la benedica[ Per cin-ue sterline lo /orterei &ino a Lor( e ritorno sen*a /erdere un chiodo0. #atherine ascolta2a stu/e&atta: non sa/e2a co%e conciliare due di&&erenti 2ersioni di una stessa cosa, /oichI non era stata educata a ca/ire le inclina*ioni dei cialtroni nI a conoscere -uante sciocche asser*ioni e -uante &alsitC siano conseguen*a di un eccesso di 2anitC. 6a sua &a%iglia era di gente se%/lice e 2eritiera, che rara%ente si abbandona2a a s/iritosaggini: il /adre, al %assi%o, si contenta2a di un gioco di /arole, la %adre, di un /ro2erbio. Non a2e2ano l7abitudine di dire bugie /er accrescere la loro i%/ortan*a nI di asserire una cosa in un %o%ento /er negarla /oi un %o%ento do/o. Ella ri&lettI /er/lessa sulla &accenda /er un /o7 di te%/o e /iA di una 2olta &u sul /unto di chiedere al signor Thor/e di chiarirle il suo 2ero /unto di 2ista sull7argo%ento, %a si trattenne /erchI le se%bra2a che egli non brillasse nei chiari%enti, nI nel rendere se%/lici le cose che a2e2a /recedente%ente reso co%/licate. )ece /oi la considera*ione che egli non a2rebbe %ai 2oluto es/orre la sorella e l7a%ico a un /ericolo dal -uale /ote2ano &acil%ente essere /reser2ati e concluse alla &ine che Thor/e do2e2a certo sa/ere che il calesse era /er&etta%ente sicuro: di conseguen*a non ri%ase /iA a lungo in ansia. Suanto a lui se%bra2a a2er di%enticato l7intera &accenda e tutto il resto della sua con2ersa*ione, o %eglio, del suo s/rolo-uio, ebbe /er argo%ento lui stesso. 6e raccontJ di ca2alli che a2e2a co%/rato /er una sciocche**a e 2enduto /er so%%e incredibili, di gare di corsa in cui la sua ca/acitC di giudi*io a2e2a in&allibil%ente /re2isto il 2incitore, di /artite di caccia in cui a2e2a ucciso /iA uccelli M/ur sen*a a2ere un col/o &ortunatoN di tutti i co%/agni %essi insie%e, di giornate di caccia alla 2ol/e in cui la sua /re2eggen*a e la sua abilitC nel guidare i cani a2e2ano /osto ri/aro agli errori dei /iA es/erti ca/ocaccia e in cui l7audacia del suo ca2alcare, sebbene non a2esse %ai %esso a rischio la /ro/ria 2ita, a2e2a costante%ente %esso gli altri in di&&icoltC, cosa che, concluse con cal%a, a2e2a &atto ro%/ere il collo a %olti. #osE /oco abituata a es/ri%ere giudi*i e cosE /oco consa/e2ole dal canto suo di co%e gli uo%ini do2rebbero in genere essere, #atherine non /otI tutta2ia re/ri%ere total%ente il dubbio, %entre si annoia2a ascoltando le es/ressioni della in&inita /resun*ione di Thor/e, che -uesti &osse in &in dei conti non /ro/rio si%/atico. Era una su//osi*ione a**ardata, in -uanto si tratta2a del &ratello di "sabella e in /iA le era stato assicurato da 1a%es che i %odi di lui lo rende2ano racco%andabile /resso tutto il sesso &e%%inile %a, a dis/etto di ciJ, l7estre%a noia della sua co%/agnia, che la so/ra&&ece in %eno di un7ora da che erano &uori e che continuJ ad au%entare sen*a sosta &ino a -uando si &er%arono di nuo2o a Pulteney Street, la indusse, se//ure in lie2e %isura, a resistere ai detta%i di -uell7autoritC su/eriore e a di&&idare del &atto che Thor/e a2esse /ossibilitC di donare /iacere uni2ersale. Arri2ati alla /orta della signora Allen, D di&&icile dire lo stu/ore di "sabella nell7accorgersi che era tro//o tardi /er restare un /o7 a casa con gli a%ici: ,6e tre /assate[0. Era inconce/ibile, incredibile, i%/ossibile[ Non a2rebbe 2oluto credere al suo orologio nI a -uello del &ratello nI a -uello del ser2itore: non a2rebbe accettato alcuna garan*ia sull7ora &ondata sulla ragione2ole**a e sulla realtC &inchI orland tirJ &uori il suo orologio e constatJ il &atto; a -uel /unto sarebbe stato /er lei altrettanto inconce/ibile, incredibile, i%/ossibile continuare a dubitare un %inuto di /iA e /otI solo dichiarare /iA e /iA 2olte che %ai /ri%a di allora due ore e %e**o erano &uggite 2ia cosE in &retta, cosa che #atherine &u chia%ata a con&er%are. #atherine non a2rebbe %ai /otuto %entire, ne//ure /er co%/iacere
>4

"sabella, %a a -uest7ulti%a &u ris/ar%iata la disgra*ia del do2er /rendere atto della 2oce dissen*iente dell7a%ica /oichI non ne as/ettJ la ris/osta. Era total%ente assorbita dai suoi senti%enti e la sua %alinconia era tanto /iA acuta in -uanto si tro2a2a obbligata ad andarsene subito a casa. Erano secoli che non riusci2a a stare un /o7 da sola con la sua carissi%a #atherine e, sebbene a2esse %igliaia di cose da dirle, se%bra2a che non do2essero %ai /iA tro2arsi di nuo2o insie%e: cosE, con sorrisi di /ro&onda %alinconia e lo sguardo ridente del /iA /ro&ondo abbatti%ento, disse addio all7a%ica e andJ 2ia. #atherine tro2J che la signora Allen era a//ena rientrata dalle sue inda&&arate o*iositC %attutine e ne &u i%%ediata%ente salutata con un: ,Eccoti, %ia cara0, una 2eritC che non a2e2a nI l7inclina*ione nI la /ossibilitC di discutere, ,s/ero che tu abbia &atto una bella /asseggiata all7 aria a/erta0. ,SE, signora, gra*ie, non a2re%%o /otuto tro2are una giornata %igliore0. ,67ha detto anche la signora Thor/e, che era %olto %olto contenta del &atto che siate usciti tutti insie%e0. ,Fa 2isto la signora Thor/e.0 ,SE, sono andata alla Pu%/ $oo% -uando 2oi siete andati 2ia e lE l7ho incontrata. Abbia%o chiacchierato insie%e /er un bel /o7. Dice che era i%/ossibile tro2are del 2itello al %ercato sta%ani, D incredibil%ente scarso0. ,Fa 2isto nessun7altra nostra conoscen*a.0 ,SE, abbia%o deciso di &are un giro al #rescent e lE abbia%o incontrato la signora Fughes con il signore e la signorina Tilney0. ,Da22ero. E 2i siete /arlati.0 ,SE, abbia%o /asseggiato insie%e sul #rescent /er una %e**7ora. Sono /ersone %olto grade2oli. 6a signorina Tilney indossa2a un abito di %ussolina a /ois assai gra*ioso. #redo, da -uanto ho /otuto 2edere, che 2esta se%/re %olto elegante%ente. 6a signora Fughes %i ha /arlato %olto della loro &a%iglia0. ,E cosa le ha detto di loro.0 ,Oh, %olte cose: non ha /arlato d7altro0. ,6e ha detto da -uale /arte del Gloucestershire /ro2engono.0 ,SE, %a ora non %e ne ricordo. PerJ sono gente di rango, e sono anche %olto ricchi. 6a signora Tilney nasce2a Dru%%ond e lei e la signora Fughes erano co%/agne di scuola. 6a signorina Dru%%ond a2e2a un grande /atri%onio e -uando si D s/osata il /adre le ha dato 2enti%ila sterline di dote e cin-uecento sterline /er gli abiti da s/osa. 6a signora Fughes ha 2isto tutti gli abiti do/o che erano arri2ati dal nego*io0. ,E il signore e la signora Tilney sono a Hath.0 ,SE, i%%agino di sE, %a non ne sono certa. A /ensarci bene /erJ credo che siano %orti tutti e due, o -uanto %eno la %adre. SE, ne sono certa, la signora Tilney D %orta, /erchI la signora Fughes %i ha raccontato che c7erano dei bellissi%i gioielli con /erle che il signor Dru%%ond a2e2a regalato alla &iglia il giorno del suo %atri%onio e che adesso /ossiede la signorina Tilney /erchI le erano stati %essi da /arte -uando la %adre %orE0. ,E il signor Tilney, il %io acco%/agnatore, D l7unico &iglio %aschio.0 ,Non /osso esserne certa, %ia cara. Fo idea di sE; co%un-ue D un gio2ane %olto bello, dice la signora Fughes, e certa%ente si &arC strada0. #atherine non do%andJ altro: a2e2a sentito abbastan*a /er ca/ire che la signora Allen non a2e2a autentiche in&or%a*ioni da &ornirle e che era stata /ro/rio s&ortunata ad a2er %ancato -uell7incontro con i due &ratelli Tilney. Se a2esse /otuto /re2edere una tale circostan*a, niente l7a2rebbe /ersuasa a uscire con gli altri. #osE stando le cose non /otI altro che
>+

la%entare la sua catti2a sorte e /ensare a ciJ che a2e2a /erduto, &inchI non le &u chiaro, /er di /iA, che la /asseggiata non era stata in alcun %odo /iace2ole e che 1ohn Thor/e era /ro/rio sgrade2ole.

>:

#apitolo decimo
Gli Allen, i Thor/e e i orland si incontrarono la sera al teatro e, /oichI #atherine e "sabella sede2ano 2icine, -uest7ulti%a ebbe l7o//ortunitC di es/ri%ere alcune delle %igliaia di cose che, nel te%/o inco%%ensurabile che le a2e2a di2ise, a2e2a tenuto dentro di sI. ,#ielo, %ia cara #atherine, &inal%ente ti ho /er %e[0, &u il suo saluto all7ingresso di #atherine nel /alco e al suo sedersi /resso di lei. ,Adesso, signor orland0, /oichI lui le sta2a all7altro &ianco, ,non le dirJ /iA neanche una /arola /er tutto il resto della serata: non se lo as/etti, -uindi. ia dolcissi%a #atherine, che hai &atto /er tutto -uesto lunghissi%o te%/o. a non ho certo bisogno di chiedertelo: hai un bellissi%o as/etto. Ti sei acconciata i ca/elli in uno stile di2ino, %igliore del solito. Ah, birichina, 2uoi con-uistare tutti. io &ratello, /osso assicurartelo, D giC -uasi inna%orato di te e -uanto al signor Tilney ] %a -uesta D una cosa che giC si sa ] ne//ure la tua %odestia adesso /uJ dubitare del suo attacca%ento: il suo ritorno a Hath lo ha reso tro//o e2idente. Oh, che cosa non darei /er 2ederlo[ Sono -uasi &olle di i%/a*ien*a. ia %adre dice che D il gio2ane /iA /iace2ole del %ondo: lo ha 2isto sta%attina, lo sai. e lo de2i /resentare. \ -ui adesso.... Guardati in giro, /er l7a%or del cielo[ Ti giuro che non /osso 2i2ere sen*a 2ederlo0. ,No0, disse #atherine, ,non c7D, non lo 2edo da nessuna /arte0. ,Terribile[ Non lo conoscerJ %ai. Ti /iace il %io abito. i /are che non sia %ale. 6e %aniche le ho /ensate intera%ente io. 6o sai, sono cosE total%ente stanca di Hath[ Tuo &ratello e io era2a%o d7accordo, sta%ani, che sebbene ci si stia benissi%o /er /oche setti%ane, non ci 2orre%%o 2i2ere neanche se ci dessero dei %ilioni. Abbia%o sco/erto /resto che i nostri gusti erano esatta%ente gli stessi e che /re&eri2a%o tutti e due la ca%/agna a ogni altro /osto. Da22ero, le nostre o/inioni erano tal%ente uguali che era -uasi co%ico[ Non c7era un solo /unto sul -uale a2essi%o idee di&&erenti. Non a2rei 2oluto /er nulla al %ondo che tu &ossi con noi: sei tal%ente /ers/icace che sono sicura che a2resti &atto -ualche %ali*iosa osser2a*ione su -uesto argo%ento0. ,No, certa%ente non a2rei &atto osser2a*ioni0. ,Oh, sE, ne a2resti &atte. Ti conosco %eglio di -uanto non ti conosca tu stessa. #i a2resti detto che se%bra2a%o &atti l7uno /er l7altra, o altre sciocche**e del genere che %i a2rebbero %esso in i%bara**o al di lC del /ensabile, e sarei di2entata rossa co%e le tue rose. No, non ti a2rei 2oluta con noi /er nulla al %ondo0. ,Sei ingiusta con %e, /erJ: non a2rei %ai &atto osser2a*ioni cosE scon2enienti, e /oi non %i sarebbe neanche /assato /er la testa0. "sabella sorrise incredula, e /er il resto della serata /arlJ con 1a%es. 6a risolu*ione di #atherine di incontrare a ogni costo la signorina Tilney ebbe un nuo2o i%/ulso la %attina seguente e, &ino al %o%ento di andare alla Pu%/ $oo%, ella /ro2J il ti%ore che le si &ra//onesse un secondo ostacolo. Nulla tutta2ia accadde: non co%/ar2ero 2isitatori a &arli ritardare e tutti e tre uscirono in te%/o /er andare alla Pu%/ $oo% do2e ebbero luogo i consueti e2enti e le consuete con2ersa*ioni. "l signor Allen, be2uto il suo bicchiere d7ac-ua, raggiunse alcuni gentiluo%ini /er /arlare della /olitica del giorno e con&rontare le noti*ie dei ris/etti2i giornali; le signore /asseggiarono insie%e /rendendo atto di ogni nuo2o 2olto e di ogni nuo2a cu&&ietta che incontra2ano nella sala. 6a /arte &e%%inile della &a%iglia Thor/e co%/ar2e tra la &olla circa un -uarto d7ora do/o, scortata
>5

da 1a%es orland e #atherine /rese il suo /osto abituale al &ianco dell7a%ica. 1a%es, che adesso era costante%ente accanto a -uest7ulti%a, %antenne la sua /osi*ione e i tre, allontanatisi dal resto della co%/agnia, /asseggiarono /er -ualche te%/o in -uella &or%a*ione, &ino a che #atherine co%inciJ ad a2ere -ualche dubbio sulla &elicitC di una situa*ione che, /ur tenendola 2icina all7a%ica e al &ratello, le da2a in 2eritC assai scarse /ossibilitC di suscitare l7atten*ione dei due. Essi erano in&atti /erenne%ente i%/egnati in -ualche discussione senti%entale o in -ualche 2i2ace dis/uta, %a i loro senti%enti erano es/ressi con una 2oce tal%ente bassa e la loro 2i2acitC /unteggiata da tali sco//i di risa che, sebbene non in&re-uente%ente &osse richiesta dall7uno o dall7altra, a con&orto della /ro/ria o/inione, -uella di #atherine, ella non era %ai in grado di &ornirne una, non a2endo sentito una /arola dell7argo%ento. Alla &ine, tutta2ia, &u in grado di disi%/egnarsi dall7a%ica in2ocando la necessitC di /arlare con la signorina Tilney che, con sua grande gioia a2e2a a//ena 2isto entrare nella sala con la signora Fughes e che i%%ediata%ente raggiunse con la deter%ina*ione di a//ro&ondire l7a%ici*ia con lei: una deter%ina*ione assai /iA &er%a di -uanto non a2rebbe %ai a2uto il coraggio di i%/orsi se non 2i &osse stata s/inta dalla delusione del giorno /ri%a. 6a signorina Tilney &u %olto cortese con lei, rica%biJ i suoi a//rocci con uguale buona 2olontC e ri%ase a chiacchierare con lei &ino a che i due gru//i cui a//artene2ano si trattennero nella sala e, sebbene con ogni /robabilitC durante la con2ersa*ione non &osse stata &atta alcuna osser2a*ione nI usata alcuna es/ressione, nI dall7una nI dall7altra delle due gio2ani, che non &osse giC stata usata %igliaia di 2olte /ri%a di allora sotto il tetto di -uella stessa sala durante tutte le stagioni a Hath, tutta2ia il loro %odo di /arlare con se%/lice chiare**a e sen*a alcuna /resun*ione da nessuna delle due /arti &u abbastan*a inusuale. ,#o%e balla bene suo &ratello[0, &u l7ingenua escla%a*ione di #atherine 2erso la &ine della con2ersa*ione, che sor/rese e allo stesso te%/o di2ertE la sua co%/agna. ,Fenry.0, ris/ose sorridendo. ,SE, balla %olto bene0. ,De2e a2er tro2ato strano sentire che ero giC i%/egnata, l7altra sera, dal %o%ento che %i ha 2isto ancora seduta. a %i ero i%/egnata /er tutto il giorno con il signor Thor/e0. 6a signorina Tilney non /otI che assentire. ,Non /uJ ca/ire0, aggiunse #atherine do/o un %o%ento di silen*io, ,-uanto &ui sor/resa di 2ederlo di nuo2o. Ero certa che &osse /artito0. ,Suando Fenry ebbe il /iacere di 2ederla la /ri%a 2olta, era a Hath solo /er un /aio di giorni. Era 2enuto /er /rendere in a&&itto una casa /er noi0. ,Non %i era /ro/rio 2enuto in %ente e natural%ente, non 2edendolo da nessuna /arte, ho /ensato che do2esse essere /artito. Era la gio2ane signorina S%ith -uella che dan*a2a con lui lunedE.0 ,SE, una conoscente della signora Fughes0. ,Oserei dire che &osse &elice di ballare. 6e se%bra che sia gra*iosa.0 ,Non %olto0. ,"%%agino che lui non 2enga %ai alla Pu%/ $oo%0. ,SE, -ualche 2olta ci 2iene, %a sta%attina D do2uto uscire a ca2allo con %io /adre0. A -uel /unto le raggiunse la signora Fughes che chiese alla signorina Tilney se era /ronta ad andar 2ia. ,S/ero di a2ere il /iacere di ri2ederla /resto0, disse #atherine. ,KerrC al cotillon, do%ani.0 ,)orse noi... sE, credo che 2erre%o di sicuro0. ,Ne sono lieta, /erchI noi ci sare%o tutti...0. Suesta cortesia &u /ronta%ente rica%biata /oi
><

le due &anciulle si se/ararono... con, dalla /arte della signorina Tilney, una certa -ual cogni*ione dei senti%enti della sua nuo2a conoscen*a e, da -uella di #atherine, sen*a la %ini%a consa/e2ole**a di a2erli ri2elati. #atherine andJ a casa %olto contenta. 6a %attinata a2e2a esaudito tutte le sue s/eran*e e la sera del giorno seguente di2enne oggetto di attesa di un &uturo bene. #osa indossare e co%e acconciarsi i ca/elli /er l7occasione di2enne il suo /ensiero do%inante, e in ciJ ella non /uJ tro2are giusti&ica*ione alcuna. "n ogni occasione gli abiti sono un %odo &ri2olo di distinguersi e s/esso un7eccessi2a cura /er l7abbiglia%ento D addirittura contro/roducente. #atherine lo sa/e2a benissi%o: la /ro*ia le a2e2a letto, il Natale /recedente, un /asso che lo s/iega2a con chiare**a. Nonostante ciJ ella ri%ase s2eglia, %ercoledE notte, ben dieci %inuti, incerta tra la %ussolina a /ois e -uella rica%ata e solo la %ancan*a di te%/o le i%/edE di co%/rarsi un abito nuo2o /er la serata. Sarebbe stato un grossolano errore di 2aluta*ione, sia /ure non raro, dal -uale una /ersona dell7altro sesso, un &ratello /iuttosto che una /ro*ia, l7a2rebbe /otuta %ettere in guardia, /erchI solo un uo%o D consa/e2ole dell7insensibilitC degli uo%ini nei con&ronti degli abiti nuo2i. Sarebbe %orti&icante /er i senti%enti di %olte signore sa/ere -uanto /oco il cuore di un uo%o D toccato da ciJ che c7D di costoso o di nuo2o nel loro abbiglia%ento, -uanto /oco D toccato dalla -ualitC della loro %ussolina e -uanto scarsa%ente incline sia a una /articolare tenere**a 2erso la %ussolina a /ois, /iuttosto che -uella a &iori, 2erso la gar*a di cotone /iuttosto che 2erso la giaconetta. 6a donna si 2este elegante%ente solo /er se stessa: nessun uo%o l7a%%irerC di /iA e nessuna donna la tro2erC /iA si%/atica /er -uesto. Se%/licitC e buon gusto sono su&&icienti /er gli uo%ini, %entre -ualcosa di non tro//o nuo2o o di un tantino &uori %oda la renderC /iA a%abile alle donne... Nessuno di -uesti gra2i /ensieri turbJ /erJ la tran-uillitC di #atherine. )ece il suo ingresso nei saloni, il gio2edE sera, con senti%enti assai di2ersi da -uelli che a2e2a /ro2ato recando2isi il lunedE /recedente. Allora esulta2a di gioia /er il suo i%/egno con Thor/e, adesso in2ece era so/rattutto /reoccu/ata di e2itarlo, /erchI non la in2itasse nuo2a%ente a ballare; /erchI, sebbene non /otesse, non osasse as/ettarsi che il signor Tilney le chiedesse /er la ter*a 2olta di ballare con lui, tutti i suoi desideri, i suoi /rogetti e le sue s/eran*e a2e2ano -uest7unico sco/o. Sualsiasi gio2ane donna D in grado di co%/rendere i senti%enti della %ia eroina in -uesto %o%ento critico, /erchI ogni gio2ane donna, una 2olta o l7altra, ha conosciuto gli stessi ti%ori. Tutte hanno corso il /ericolo, o hanno creduto di correrlo, delle atten*ioni di -ualcuno che /re&eri2ano e2itare e tutte in2ece hanno /ro2ato l7ansioso desiderio delle atten*ioni di -ualcuno cui 2ole2ano /iacere. Non a//ena &urono raggiunti dai Thor/e, co%inciJ /er #atherine l7agita*ione: si guardJ attorno /er 2edere se 1ohn Thor/e sta2a 2enendo 2erso di lei, si nascose /er -uanto /ote2a alla 2ista di lui, e -uando lui le /arlJ &ece &inta di non sentire. " cotillon erano ter%inati, sta2a co%inciando la contraddan*a e ancora non a2e2a 2isto i Tilney. ,Non ti i%/ressionare, %ia cara #atherine0, le sussurrJ "sabella, ,sto /ro/rio andando a ballare di nuo2o con tuo &ratello. 6o so che D -uasi scandaloso. Gli ho detto che do2rebbe 2ergognarsi di se stesso: tu e 1ohn sosteneteci e dateci il 2ostro a//oggio. )ai in &retta, %ia cara, 2ieni con noti. 1ohn D a//ena andato 2ia, %a tornerC tra un %o%ento0. #atherine non ebbe nI il te%/o nI il desiderio di ris/ondere. Gli altri se ne andarono, 1ohn Thor/e era ancora in 2ista e lei si sentE /erduta. PerchI non se%brasse che lo sta2a as/ettando, &issJ gli occhi sul 2entaglio %entre le /assa2a /er la %ente una sorta di autocondanna /er la &ollia di a2er s/erato che, in %e**o a tanta &olla, a2rebbe /otuto ancora
>>

incontrare, in un te%/o ragione2ole, i Tilney. "n -uel %entre &u i%/ro22isa%ente inter/ellata e di nuo2o in2itata a ballare dal signor Tilney in /ersona. #on -uali occhi lucenti e con -uale /ronte**a ella accondiscese alla richiesta di lui e con -uale /iace2ole batticuore lo seguE nel luogo del ballo, si /uJ i%%aginare &acil%ente. S&uggire, e co%e a2e2a %oti2o di credere, s&uggire di stretta %isura a 1ohn Thor/e ed essere in2itata /ro/rio -uando sta2a /er essere raggiunta da lui, in2itata dal signor Tilney, co%e se l7a2esse cercata a//osta[... 6a 2ita non /ote2a riserbarle &elicitC /iA grande[ Si erano a//ena &atti largo a &atica e a2e2ano con-uistato un /osto -uando l7atten*ione di lei &u richia%ata da 1ohn Thor/e che le sta2a alle s/alle. ,Ehi, signorina orland[0, le disse -uesti. ,#he 2uoi dire.... Pensa2o che do2essi%o ballare insie%e0. , i chiedo /erchI lo abbia /ensato, dal %o%ento che non %e l7ha chiesto0. ,Suesta D buona, /er Gio2e[... Gliel7ho chiesto a//ena sia%o entrati e sta2o /ro/rio /er chiederglielo di nuo2o, %a -uando %i sono 2oltato lei era giC andata 2ia[.. \ /ro/rio uno scher*o di catti2o genere[ Sono 2enuto solo /er dan*are con lei ed ero &er%a%ente con2into che lei &osse i%/egnata con %e &in da lunedE. SE, lo ricordo, gliel7ho chiesto %entre as/etta2a%o il suo %antello, nell7ingresso. Fo detto a tutti i %iei conoscenti che a2rei ballato con la gio2ane /iA gra*iosa della sala e -uando 2edranno che lei sta con un altro %i /renderanno in giro sen*a &ine0. ,Oh, no. Non /enseranno %ai che si tratti di %e, do/o una descri*ione del genere0. , aledi*ione, se non lo &aranno li scara2enterJ &uori calci. #hi D il ti*io con cui sta.0. #atherine soddis&ece la curiositC di lui. ,Tilney0, ri/etI lui, ,eh%... non lo conosco. 9n bell7uo%o, ben &atto... Non 2orrebbe un ca2allo.... #7D -ui un %io a%ico, Sa% )letcher, che ne ha uno da 2endere che /iacerebbe a chiun-ue. 9n ani%ale intelligentissi%o, adatto ai 2iaggi... solo -uaranta ghinee. A2e2o una %e**a idea di /renderlo io, /erchI uno dei %iei /rincE/i D di co%/rare se%/re un buon ca2allo -uando %i ci i%batto, %a -uesto non ris/onde alle %ie necessitC: non andrebbe bene /er ca2alcare attra2erso i ca%/i. Pagherei -ualsiasi ci&ra /er un buon ca2allo da caccia. Adesso ne ho tre, i %igliori che si siano %ai 2isti. Non li 2enderei /er ottocento ghinee. )letcher e io 2oglia%o /rendere una casa nel 6eicestershire, la /rossi%a stagione. \ cosE dann... sco%odo 2i2ere in una locanda0. Suesta &u l7ulti%a &rase con la -uale riuscE ad annoiare #atherine, /oichI /ro/rio in -uel %o%ento &u tra2olto dall7irresistibile &or*a di una lunga &ila di da%e che /assa2ano /er di lE. 6e si &ece 2icino allora il suo ca2aliere che le disse: ,Suel signore %i a2rebbe &atto /erdere la /a*ien*a, se &osse ri%asto con lei ancora /er %e**o %inuto. Non ha %oti2o di distogliere da %e l7atten*ione della %ia da%a. Noi abbia%o sottoscritto un contratto di %utua a%abilitC /er lo s/a*io di una serata e /er -uesto te%/o tutta la nostra a%abilitC ci a//artiene reci/roca%ente. Nessuno /uJ attirare l7atten*ione di uno di noi sen*a ledere i diritti dell7altro. 6a contraddan*a /er %e D il si%bolo del %atri%onio: &edeltC e cortesia sono i do2eri /rinci/ali dell7una e dell7altro e -uegli uo%ini che decidono di non dan*are o di non s/osarsi non debbono a2ere nulla a che &are con le da%e o con le %ogli dei loro 2icini0. , a sono cose tal%ente di2erse[...0. ,...che lei /ensa che non si /ossano /aragonare0. ,No, certo. 6e /ersone che si s/osano non si /ossono se/arare e debbono abitare nella stessa casa. 6e /ersone che dan*ano debbono soltanto stare l7una di &ronte all7altra /er una %e**7ora in una grande sala0. ,E -ueste sono le sue de&ini*ioni del %atri%onio e della dan*a. Sotto -uesta luce, certa%ente non col/isce la loro rasso%iglian*a, %a io /enso di /oterli /orre sotto una luce
>;

di2ersa... SarC certa%ente d7accordo che in tutti e due l7uo%o ha il 2antaggio della scelta e la donna solo il /otere del ri&iuto; che in tutti e due c7D un i%/egno tra l7uo%o e la donna a bene&icio di ognuno dei due; e che una 2olta accettato essi a//artengono esclusi2a%ente l7uno all7altro &ino al %o%ento dello sciogli%ento; che D loro do2ere &are in %odo che l7uno o l7altro non desiderino essersi i%/egnati con altri e che D loro interesse trattenere la loro i%%agina*ione dal 2agabondare sulle /er&e*ioni dei loro 2icini o dal &antasticare che si sarebbero tro2ati %eglio con -ualcun altro. \ d7accordo con tutto -uesto.0 ,SE, certo, -uel che lei dice suona con2incente, %a le cose restano /arecchio di&&erenti... Non riesco a 2ederle nella stessa luce nI a /ensare che co%/ortino gli stessi do2eri0. ,Da un certo /unto di 2ista sicura%ente c7D una di&&eren*a. Nel %atri%onio l7uo%o de2e /ro22edere al sostenta%ento della donna e la donna a rendere la casa /iace2ole /er l7uo%o: lui de2e guadagnare, lei de2e sorridere. Nella dan*a in2ece i loro do2eri sono sca%biati: la grade2ole**a, la cortesia sono di /ertinen*a di lui, %entre a lei s/etta di &ornire il 2entaglio e l7ac-ua di la2anda. Suesta, su//ongo, sia la di&&eren*a di do2eri che l7ha col/ita &ino a &arle /ensare che le due cose sono inco%/arabili0. ,No, non ho %ai /ensato a -uesto0. ,Allora seno alle strette. PerJ debbo osser2are che -uesta sua dis/osi*ione di s/irito D /iuttosto allar%ante. 6ei non D d7accordo nell7indi2iduare una -ualsi2oglia so%iglian*a di obblighi: /osso &orse dedurne che le sue idee sui do2eri della dan*a non sono cosE rigide -uanto il suo ca2aliere /otrebbe desiderare. Non ho &orse ragione di te%ere che se il gentiluo%o con cui lei /arla2a /oco &a tornasse, o se -ualsiasi altro gentiluo%o le ri2olgesse la /arola, niente le i%/edirebbe dal con2ersare con lui /er -uanto te%/o ne a2esse 2oglia.0 ,"l signor Thor/e D cosE a%ico di %io &ratello che se %i ri2olge la /arola non /osso &are a %eno di ris/ondergli, %a -ui in sala non ci sono, oltre a lui, ne//ure tre gio2ani con i -uali ho un certo grado di conoscen*a0. ,E -uesta D la %ia unica sicure**a. Ahi%D, ahi%D[0. ,Sono certa che non /otrebbe a2erne di %igliori, /oichI, dal %o%ento che non conosco nessuno non %i D /ossibile /arlare con -ualcuno e, /er di /iA, non 2oglio /arlare con nessuno0. ,Adesso sE che %i ha dato un 2alido %oti2o di sicure**a: di conseguen*a /rocederJ con coraggio. Tro2a ancora Hath grade2ole co%e -uando ho a2uto l7onore di chiederglielo /er la /ri%a 2olta.0 ,SE, abbastan*a... an*i di /iA0. ,Di /iA[... )accia atten*ione, o//ure di%enticherC di stancarsene a te%/o debito... Se ne de2e stancare do/o sei setti%ane0. ,Non credo che /otrei stancar%ene ne%%eno do/o sei %esi0. ,A /aragone di 6ondra, Hath o&&re /oca 2arietC, tutti lo sco/rono, anno do/o anno. ?Per sei setti%ane con2engo che Hath D un luogo abbastan*a /iace2ole, %a oltre -uesto li%ite D il /osto /iA noioso del %ondo@. Se lo sentirC dire da ogni sorta di gente che 2iene regolar%ente ogni in2erno, /rolunga il soggiorno dalle sei setti%ane /re2iste a dieci o dodici e alla &ine 2a 2ia /erchI non /uJ /er%ettersi di restare /iA a lungo0. ,D7accordo, gli altri sono liberi di /ensare co%e 2ogliono, e -uelli che hanno l7abitudine di andare a 6ondra certo tro2eranno che Hath non o&&ra gran che, %a /er %e, che 2i2o in ca%/agna, in un /iccolo 2illaggio &uori %ano, un luogo co%e -uesto non D certo /iA noioso di casa %ia: -ui c7D un7in&initC di di2erti%enti, un7in&initC di cose da 2edere e da &are durante tutta la giornata di cui a casa non a2rei ne//ure idea0.
>8

,Non le /iace la ca%/agna.0 ,SE, %i /iace. Ki ho se%/re 2issuto, e &elice%ente. a non c7D dubbio che c7D /iA %onotonia nella 2ita di ca%/agna che in -uella di Hath. Ogni giorno, in ca%/agna, D esatta%ente uguale all7altro0. , a i%/iega il te%/o in %odo assai /iA ra*ionale, in ca%/agna0. ,Da22ero.0 ,Non D cosE.0 ,Non %i /are che ci sia una gran di&&eren*a0. ,Sui non &a che andare in cerca di di2erti%enti0. ,E anche a casa... solo che non ne tro2o cosE tanti. Passeggio -ui e /asseggio lE... %a -ui c7D una -uantitC di gente in ogni strada %entre lE /osso solo andare a &ar 2isita alla signora Allen0. "l signor Tilney era assai di2ertito. ,Solo andare a &ar 2isita alla signora Allen[0, ri/etI. ,#he -uadro di /o2ertC intellettuale[ "n ogni %odo, -uando s/ro&onderC di nuo2o in -uell7abisso a2rC /iA cose da dire: /otrC /arlare di Hath e di tutto ciJ che ha &atto -ui0. ,Oh, sE[ Non a2rJ /iA bisogno di cercare -ualcosa di cui /arlare, sia con la signora Allen sia con chiun-ue altra /ersona. #redo /ro/rio che /arlerJ se%/re di Hath, -uando sarJ di nuo2o a casa... %i /iace cosE tanto[ Se /otessi a2ere -ui /a/C e %a%%a e il resto della &a%iglia credo che sarei &in tro//o &elice[ 67arri2o di 1a%es Mil %io &ratello %aggioreN D stato una grande gioia... s/ecie -uando abbia%o sa/uto che la &a%iglia con la -uale era2a%o a//ena entrati in tanta a%ici*ia era giC sua a%ica. Oh[ chi %ai /otrebbe stancarsi di Hath.0 ,Non certo chi /ro2a senti%enti di tale &resche**a, co%e lei. a /er la %aggior /arte dei &re-uentatori di Hath /a/C e %a%%a, nonchI &ratelli e a%ici inti%i sono ricordi del /assato... e gli onesti di2erti%enti dei balli, del teatro e dei /anora%i -uotidiani sono /assati con loro0. A -uesto /unto la con2ersa*ione si concluse /oichI la dan*a richiede2a tutta la loro atten*ione. Non a//ena ebbero raggiunto il &ondo della sala da ballo, #atherine /erce/E su di sI lo sguardo attento di un gentiluo%o che sta2a tra gli s/ettatori, /ro/rio dietro al suo ca2aliere. Era un uo%o di bell7as/etto, /iuttosto autore2ole, non /iA nel &iore degli anni %a ancora gio2anile e, %entre la guarda2a &issa%ente, ella si accorse che si ri2olge2a al signor Tilney sussurrandogli &a%iliar%ente -ualcosa. #on&usa dall7atten*ione di lui e arrossendo /er il ti%ore che &osse /ro2ocata da -ualcosa di sbagliato nel /ro/rio as/etto, #atherine 2olse il ca/o. entre lo &ace2a, tutta2ia, il gentiluo%o si allontanJ e il suo ca2aliere, a22icinandosi, le disse: ,Si sta do%andando che cosa %i abbiano chiesto. Suel gentiluo%o conosce il suo no%e e lei ha diritto di conoscere il suo. \ il generale Tilney, %io /adre0. 6a ris/osta di #atherine &u soltanto ,Oh[0... %a era un ?Oh[@ che es/ri%e2a tutto il necessario: atten*ione alle /arole di lui e /er&etta &iducia nella loro 2eritC. " suoi occhi seguirono allora il generale che si allontana2a tra la &olla con /ro&ondo interesse e 2i2a a%%%ira*ione, co%%entando in cuor suo: ?#he bella &a%iglia sono[@. #hiacchierando con la signorina Tilney, /ri%a che la serata si concludesse, si a/rE /er #atherine una nuo2a sorgente di gioia. Dal suo arri2o a Hath non a2e2a %ai &atto una /asseggiata in ca%/agna. 6a signorina Tilney, cui erano noti tutti i dintorni /iA &re-uentati, gliene /arlJ in ter%ini che la s/insero a desiderare di conoscerli anche lei, e alla sua sincera dichiara*ione di a2er ti%ore di non tro2are nessuno che a2rebbe 2oluto acco%/agnar2ela, le &u /ro/osto dal &ratello e dalla sorella di &are una /asseggiata insie%e, una %attina o l7altra.
>3

, i /iacerebbe /iA di ogni altra cosa al %ondo0, escla%J lei, ,%a non %ettia%o tro//o te%/o in %e**o, andia%o do%ani0. Si %isero &acil%ente d7accordo, con l7unica riser2a, da /arte della signorina Tilney, che non /io2esse, cosa che #atherine era sicura che non sarebbe stata. 6a sarebbero andati a /rendere a Pulteney Street alle dodici in /unto e: ,lo ricordi... alle dodici0, &urono le sue /arole di co%%iato alla nuo2a a%ica. Dell7altra, della /iA antica, della /iA /ro2ata a%ica, di "sabella, la cui &edeltC e il cui 2alore a2e2a s/eri%entato e goduto /er due setti%ane, /oco o niente se//e /er tutta la serata. Tutta2ia, sebbene desiderasse 2i2a%ente renderla /arteci/e della sua &elicitC, si sotto%ise di buon grado al desiderio del signor Allen, che le condusse 2ia /iuttosto /resto, e, %entre la carro**a la &ace2a dan*are sulla strada di casa, la sua ani%a dan*J dentro di lei.

;=

#apitolo undicesimo
6a giornata seguente /ortJ una %attinata /iuttosto grigia: il sole &ece solo /ochi s&or*i /er a//arire e #atherine in ciJ 2ide segnali &a2ore2oli ai suoi desideri. 9na %attinata lu%inosa in un %o%ento cosE /recoce dell7anno, /ensa2a, general%ente 2olge al brutto, %entre una nu2olosa non /uJ che %igliorare. #hiese al signor Allen di con&ortarla nelle sue s/eran*e, %a -uesti, sen*a il suo baro%etro e lontano dal cielo di casa, non si a**ardJ a /ro%etterle la certe**a del sereno. Si ri2olse alla signora Allen, e l7o/inione della signora Allen &u /iA /ositi2a. Non a2e2a un dubbio al %ondo, in&atti, che sarebbe stata una bellissi%a giornata, se le nu2ole &ossero sco%/arse e &osse co%/arso in2ece il sole. All7incirca attorno alle undici tutta2ia, /oche gocce di /ioggerellina sui 2etri attrassero lo sguardo attento di #atherine che in tono desolato escla%J: ,Oh, %ia cara, credo che /io2erC[0. ,Pensa2o che sarebbe andata a &inire cosE0, disse la signora Allen. ,Niente /asseggiata /er %e, oggi0, sos/irJ #atherine, ,%a &orse s%etterC /ri%a di %e**ogiorno0. ,)orse s%etterC, %a allora, %ia cara, ci sarC /arecchia %ota0. ,Oh, non ha i%/ortan*a, non %i i%/orta della %ota0. ,No0, re/licJ /lacida%ente l7a%ica, ,lo so che non ti i%/orta della %ota0. Do/o una bre2e /ausa, #atherine, che sta2a ancora guardando &uori della &inestra disse: ,Pio2e se%/re /iA &itto[0. ,\ 2ero. Se continua a /io2ere cosE le strade saranno terribil%ente bagnate0. ,#i sono giC -uattro o%brelli a/erti. Suanto odio la 2ista degli o%brelli[0. ,Sono /ro/rio oggetti &astidiosi da /ortare. Pre&erisco se%/re /rendere una carro**a0. ,Era una %attina cosE bella[ Ero sicura che sarebbe stato bel te%/o[0. ,6o a2rebbe /ensato chiun-ue. #i sarC /ochissi%a gente alla Pu%/ $oo%, se /io2e tutta la %attina. S/ero che il signor Allen si %etta il suo ca//otto /esante -uando esce, %a te%o che non lo &arC: &arebbe -ualsiasi cosa /ur di non uscire col ca//otto /esante. i chiedo /erchI non gli /iaccia, de2e essere cosE co%odo0. 6a /ioggia continuJ a cadere, &itta %a non &orte. #atherine ogni cin-ue %inuti anda2a a guardare l7orologio e ogni 2olta si ri/ro%ette2a che, se &osse andato a2anti a /io2ere /er altri cin-ue %inuti, a2rebbe rinunciato alla &accenda /erchI non c7era /iA s/eran*a. 67orologio battI le dodici e ancora /io2e2a. ,Non /otrai andare, %ia cara0. ,Ancora non dis/ero del tutto. Non rinuncio &ino alle dodici e un -uarto. E /ro/rio il %o%ento della giornata in cui schiarisce e %i /are che giC sia un /o7 /iA sereno. Ecco, sono le dodici e 2enti, adesso debbo /ro/rio rinunciare a s/erare. Oh, se ci &osse il te%/o che c7D in 9dol/ho, o al%eno in Toscana o nel sud della )rancia[ 6a notte in cui %orE il /o2ero St. Aubin... che te%/o %era2iglioso[0. Alle dodici e %e**o, -uando l7ansiosa atten*ione di #atherine al te%/o cessJ, dal %o%ento che non /ote2a as/ettarsi /iA nulla di buono, il cielo co%inciJ s/ontanea%ente a rasserenarsi. 9n raggio di sole la s&iorJ e la sor/rese: si guardJ attorno e 2ide che le nu2ole si a/ri2ano. TornJ /resso la &inestra a osser2are e a incoraggiare il %igliora%ento del te%/o. Altri dieci %inuti bastarono a rendere e2idente che il /o%eriggio sarebbe stato bellissi%o e a giusti&icare l7o/inione della signora Allen che ,a2e2a se%/re /ensato che si sarebbe
;4

rasserenato0. a se #atherine do2esse ancora as/ettare i suoi a%ici o se non ci &osse stata tro//a /ioggia /erchI la signorina Tilney si a22enturasse a uscire di casa, resta2a tutta2ia ancora un interrogati2o a/erto. #7era tro//o &ango /erchI la signora Allen acco%/agnasse suo %arito alla Pu%/ $oo% e -uindi -uesti uscE da solo; #atherine lo a2e2a a//ena 2isto a22iarsi giA /er la strada, -uando la sua atten*ione &u attirata dall7a22icinarsi delle stesse due carro**e a/erte con dentro le stesse tre /ersone che l7a2e2ano tanto sor/resa /oche %attine /ri%a. ,"sabella, %io &ratello e il signor Thor/e, dico. )orse 2engono /er %e, %a io non andrJ con loro... non /osso /ro/rio, /erchI lei lo sa, la signorina Tilney /uJ ancora /assar%i a /rendere0. 6a signora Allen &u d7accordo. 1ohn Thor/e le raggiunse /resto e /ri%a ancora le a2e2a raggiunte il suono della sua 2oce /erchI dalle scale co%inciJ a dire alla signorina orland di a&&rettarsi. ,)accia /resto[ )accia /resto[0, disse s/alancando la /orta... ,Si %etta subito il ca//ello... non c7D te%/o da /erdere... stia%o andando a Hristol... #o%e sta, signora Allen.0 ,A Hristol. a non D tro//o distante.... #o%un-ue non /osso 2enire con 2oi oggi /erchI ho giC un i%/egno. As/etto da un %o%ento all7altro degli a%ici0. Suesta natural%ente non &u considerata una ragione 2alida e &u res/inta con 2ee%en*a; la signora Allen &u chia%ata in causa /erchI assecondasse la richiesta di lui, gli altri due entrarono in casa /er &ornire la loro assisten*a. , ia dolcissi%a #atherine, non D una cosa stu/enda. )are%o una /asseggiata celestiale. De2i ringra*iare %e e tuo &ratello /er il /rogetto: c7D 2enuto in %ente durante la cola*ione, /enso /ro/rio nello stesso %o%ento, e se non &osse stato /er -uesta detestabile /ioggia sare%%o do2uti giC essere /artiti da due ore. a non ha i%/ortan*a, in -ueste notti c7D la luna e stare%o %agni&ica%ente. Oh, sono giC in estasi al /ensiero di un /o7 d7aria a/erta e di tran-uillitC[... E tanto /iA bello che andare alle 6oGer $oo%s. Andre%o subito a #li&ton e lE /ran*ere%o, /oi, a//ena &inito il /ran*o, se c7D te%/o, andre%o 2erso XingsGeston0. ,Dubito che riuscire%o a &are tanta strada0, disse orland. ,Tu, %enagra%o[0, escla%J Thor/e, ,ne &are%o dieci 2olte tanta. XingsGeston[ E anche Hlai*e #astle, e ogni altra cosa ci 2ada di 2edere. a tua sorella dice che non 2uole 2enire0. ,Hlai*e #astle[0, escla%J #atherine. ,#he cos7D.0 ,\ il /osto /iA bello d7"nghilterra... 2ale se%/re la /ena di &are cin-uanta %iglia /er 2ederlo0. ,E 2era%ente un castello, un castello antico.0 ,"l /iA antico del regno0. ,Ed D co%e -uelli di cui si legge.0 ,#erto... /ro/rio uguale0. ,E ci sono ancora 2era%ente torri e lunghe gallerie.0 ,A do**ine0. ,Allora %i /iacerebbe 2ederlo, %a non /osso... non /osso 2enire0. ,Non /uoi 2enire.... ia a%ata creatura, che intendi dire.0 ,Non /osso 2enire /erchI0, Me %entre /arla2a abbassJ lo sguardo ti%orosa di 2edere il sorriso di "sabellaN ,as/etto la signorina Tilney e suo &ratello che debbono 2enire a /render%i /er &are una /asseggiata in ca%/agna. A2e2ano /ro%esso di 2enire a %e**ogiorno, solo che /io2e2a, %a adesso il te%/o D cosE bello che /enso che arri2eranno /resto0. ,Non loro, di certo0, escla%J Thor/e, ,/erchI -uando 2olta2a%o /er Hroad Street li ho
;+

2isti... lui non guida un /haeton tirato da due sauri.0 ,Pro/rio non lo so0. ,SE, lo so io. 67ho 2isto. Sta /arlando dell7uo%o con cui ha dan*ato ieri sera, 2ero.0 ,SE0. ,Ebbene, l7ho 2isto /ro/rio in -uel %o%ento che gira2a 2erso 6ansdoGn $oad... con una gra*iosa &anciulla0. ,Da22ero.0 ,#erto, /arola %ia. 67ho riconosciuto subito, e %i D /arso che a2esse anche delle belle bestie0. ,\ %olto strano. a su//ongo che abbiano ritenuto che ci &osse tro//o &ango /er &are una /asseggiata0. ,E hanno &atto bene, /erchI non ho %ai 2isto tanto &ango in 2ita %ia. Passeggiare[ Non D /ossibile /asseggiare, /ro/rio co%e non sarebbe /ossibile 2olare. Non c7D %ai stato tanto &ango in tutto l7in2erno: ci si s/ro&onda &ino alla ca2iglia da//ertutto0. "sabella con&er%J: , ia cara #atherine, non /uoi a2ere idea di -uanto &ango ci sia; 2ia, de2i 2enire con noi, adesso non /uoi ri&iutarti di 2enire0. , i /iacerebbe 2edere il castello. SarC /ossibile 2ederlo /er intero. Potre%%o salire tutte le scalinate ed entrare in tutti gli a//arta%enti.0 ,SE, sE, andre%o in ogni buco e in ogni angolo0. , a se in2ece sono usciti solo /er un7oretta, in attesa che si asciughi il terreno, e stiano /er 2enire a /render%i da un %o%ento all7altro.0 ,Si tran-uilli**i, non c7D /ericolo, /erchI ho sentito Tilney che grida2a a un uo%o a ca2allo che sta2ano andando &ino a Bic( $oc(s0. ,Allora 2a bene. Posso andare, signora Allen.0 ,#o%e 2uoi, %ia cara0. ,Signora Allen, la /ersuada a 2enire0, &u il grido di tutti. E la signora Allen non restJ insensibile: ,Ebbene, %ia cara0, disse, ,/otresti andare...0. E in due %inuti andarono 2ia. Suando salE in carro**a, i senti%enti di #atherine erano /iuttosto con&usi: /ro2a2a il dis/iacere di a2er /erduto un7occasione di grande di2erti%ento %a anche la s/eran*a di godere /resto di un altro, /ress7a /oco si%ile /er grado anche se di2erso di -ualitC. Non riusci2a a /ensare che i Tilney si &ossero /ro/rio co%/ortati bene con lei, rinunciando con tanta /ronte**a al loro i%/egno sen*a ne//ure in2iarle un %essaggio di scuse. Era trascorsa solo un7ora dal %o%ento &issato /er l7ini*io della loro /asseggiata e, nonostante -uanto a2e2a sentito in -uell7ora sullo straordinario accu%ularsi di %ota, non /ote2a &are a %eno di /ensare, da -uanto 2ede2a con i suoi stessi occhi, che a2rebbero /otuto /asseggiare con ben /ochi incon2enienti. 6e era causa di /ena sentirsi trascurata da loro e, d7altro canto, la gioia di es/lorare un edi&icio co%e -uello di 9dol/ho, cosE i%%agina2a Hlai*e #astle, controbilancia2a cosE bene il dis/iacere che l7a2rebbe consolata -uasi di ogni cosa. Passarono ra/ida%ente /er Pulteney Street e attra2ersarono 6aura Place sen*a dirsi gran che. Thor/e /arla2a al ca2allo e #atherine %edita2a su rotture di /ro%esse e su archi rotti, su /haZton e &alse i%/iccagioni, sui Tilney e sui trabocchetti. Suando /assarono /er gli Argyle Huildings, tutta2ia, il suo co%/agno la riscosse dalle sue %edita*ioni con la seguente do%anda: ,#hi D -uella &anciulla che /assando l7ha guardata con tanta dure**a.0 ,#hi.... Do2e.0 ,Sul %arcia/iede a destra... de27essere &uori 2ista or%ai0. #atherine si guardJ intorno e 2ide
;:

la signorina Tilney sottobraccio al &ratello che ca%%ina2a lenta%ente /er la strada. Tutti e due si erano 2oltati a guardarla. ,Si &er%i, si &er%i, signor Thor/e0, gridJ con i%/a*ien*a. ,\ la signorina Tilney, D /ro/rio lei... #o%e ha /otuto dir%i che erano andati 2ia.... Si &er%i, si &er%i, 2oglio scendere subito e andare da loro0. a /erchI %ai /arla2a.... Thor/e s/inse il ca2allo a un trotto /iA sostenuto; i Tilney, che a2e2ano s%esso di guardarla &urono /resto &uori 2ista, dietro l7angolo di 6aura Place e in ca/o a un %o%ento lei stessa si tro2J in ar(et Place. #ontinuJ tutta2ia, /er tutta la lunghe**a della strada che /ercorsero do/o, a chiedergli di &er%arsi. ,Per &a2ore, /er &a2ore, si &er%i, signor Thor/e... Non /osso /roseguire... Non 2oglio /roseguire... Debbo tornare indietro e andare dalla signorina Tilney0. a il signor Thor/e si li%itJ a ridere, a &ar sibilare la &rusta, a incitare il ca2allo, a &are strani berci e a correre %entre #atherine, arrabbiata e contrariata co%7era, non /otendo andarsene, do2ette s%ettere con le sue richieste e sotto%ettersi. Non ris/ar%iJ tutta2ia i ri%/ro2eri. ,#o%e ha /otuto ingannar%i cosE, signor Thor/e.... #o%e ha /otuto dir%i che li a2e2a 2isti andar 2ia in carro**a /er 6andsdoGn.... Non a2rei %ai 2oluto che succedesse una cosa si%ile[... Debbono /ensare che io sia cosE strana, cosE %aleducata[ E /assar loro 2icino sen*a dire una /arola[ Non sa -uanto sono contrariata[... Non /ro2erJ nessuna gioia a #li&ton nI altro2e. Pre&erirei, /re&erirei dieci%ila 2olte scendere adesso e tornare indietro a /iedi /er raggiungerli. #o%e ha /otuto dir%i che li a2e2a 2isti /artire in un /haZton.0. Thor/e si di&ese con %olta &or*a, dichiarJ di non a2er %ai 2isto in 2ita sua due uo%ini che si asso%igliassero tanto, e non a2rebbe -uasi 2oluto negare di a2er 2isto /ro/rio Tilney in /ersona. 6a loro scarro**ata, anche -uando &u chiuso l7argo%ento Tilney, non se%bra2a /erJ /oter essere %olto grade2ole. 67atteggia%ento di #atherine non era /iA -uello della /recedente /asseggiata. Ascolta2a a stento e le sue ris/oste erano /iuttosto secche. "l suo unico con&orto ri%ane2a l7idea di 2isitare Hlai*e #astle e a -uello /ensa2a, di tanto in tanto, con /iacere, sebbene, /iuttosto che %ancare alla /ro%essa della /asseggiata e, so/rattutto, /iuttosto che essere considerata s&a2ore2ol%ente dai Tilney, a2rebbe di buon grado rinunciato a tutta la &elicitC che le sue %ura /otessero &ornirle... alla &elicitC di inoltrarsi lungo una se-uela di stan*e a 2olta, con resti di s/lendidi %obili abbandonati da secoli... alla &elicitC di essere &er%ata lungo il ca%%ino /er stretti tortuosi sotterranei, da una bassa cancellata; o %agari di tro2arsi con la la%/ada, la loro unica la%/ada, s/enta da un i%/ro22iso col/o di 2ento 2enendosi cosE a tro2are nel buio /iA totale. Nel &ratte%/o /rocede2ano tran-uilla%ente nel loro 2iaggio ed erano in 2ista della cittC di Xeynsha% -uando si udE un richia%o di orland, che era dietro di loro, che costrinse Thor/e a &er%arsi. Gli altri si a22icinarono a su&&icien*a /er /oter /arlare con loro e orland disse: ,)are%%o %eglio a rientrare, Thor/e, D tro//o tardi /er /rocedere /iA oltre; anche tua sorella D d7accordo. #i abbia%o %esso esatta%ente un7ora ad arri2are &in -ui da Pulteney Street, cioD a &are /oco /iA di sette %iglia e /enso che ce ne restino da &are al%eno altre otto. Non ce la &are%o %ai. Sia%o /artiti tro//o tardi. )are%%o %eglio a ri%andare a un altro giorno e tornare indietro0. ,Per %e D uguale0, re/licJ Thor/e rabbiosa%ente; e sull7istante 2oltJ il ca2allo ri/rendendo la strada di Hath. ,Se suo &ratello non a2esse -uella dann... bestia0, disse /oco do/o, ,cel7a2re%%o &atta benissi%o. "l %io ca2allo sarebbe arri2ato a #li&ton in un7ora, se lo a2essi lasciato correre, e %i sono -uasi rotto un braccio /er &arlo andare al /asso di -uel ron*ino s&iancato. orland D un /a**o a non /rendersi un suo ca2allo e un suo calessino0. ,No, non D /a**o0, disse #atherine con calore, ,/erchI sono certa che non /uJ
;5

/er%etterselo0. ,E /erchI non /uJ /er%etterselo.0 ,PerchI non ha abbastan*a denaro0. ,E di chi D la col/a.0 ,Di nessuno, /er -uanto ne so0. Thor/e a -uel /unto disse -ualcosa, nel tono ru%oroso e incoerente cui &ace2a s/esso ricorso, a /ro/osito della dann... cosa di essere in %iseria e della gente che nuota nel denaro e che se non /uJ /er%ettersi le cose, lui non sa/e2a da22ero chi /otesse /er%ettersele: tutti discorsi che #atherine non tentJ ne//ure di co%/rendere. Dis/iaciuta /er non a2er /otuto tro2are consola*ione del suo /ri%o dis/iacere, ella era /oco dis/osta a essere grade2ole, o a tro2are grade2ole il suo co%/agno, cosE tornarono a Pulteney Street sen*a che lei a2esse detto ne//ure una 2entina di /arole. Suando rientrJ in casa, il ca%eriere le disse che un gentiluo%o e una signora erano 2enuti a chiedere di lei /ochi %inuti do/o che era andata 2ia; che, -uando lui a2e2a detto loro che lei era uscita con il signor Thor/e, la signora a2e2a chiesto se a2esse lasciato un %essaggio /er lei; e a2uta ris/osta negati2a, a2e2a cercato un biglietto da 2isita, %a /oi a2e2a detto di non a2erne con sI e se n7era andata. editando su -ueste noti*ie che le &ace2ano %ale al cuore, #atherine salE lenta%ente di so/ra. "n ci%a alle scale incontrJ la signora Allen che, sentendo le ragioni del loro 2eloce ritorno, disse: ,Sono contenta che tuo &ratello abbia tanto buon senso e sono contenta che siate tornati indietro. Era un /rogetto strano e &olle0. Passarono la serata tutti insie%e dai Thor/e. #atherine era di catti2o u%ore e assai de/ressa, %a "sabella se%bra2a tro2are che la /osta nel gioco di carte, che /er un loro /ri2ato accordo condi2ide2a con orland, &osse un %agni&ico e-ui2alente della tran-uillitC e dell7aria di ca%/agna di una locanda di #li&ton. Anche la sua soddis&a*ione nel non tro2arsi alle 6oGer $oo%s tro2J /iA di una es/ressione. ,Suanto co%/iango -uelle /o2ere creature che ci stanno andando[ Suanto sono &elice di non essere con loro[ i chiedo se ci sarC un ballo in grande stile o no[ Non hanno ancora co%inciato a ballare. Non 2orrei esserci /er nulla al %ondo. \ cosE /iace2ole a2ere una serata ogni tanto solo /er sI[ Oserei dire che non sarC certo un gran ballo. So che i itchell non ci andranno. Tutti -uelli che sono lE %i &anno solo /ena. a credo di /oter a**ardare, signor orland, che lei desidererebbe %oltissi%o essere lE, non D 2ero. Ne sono certa. Ebbene, la /rego, non si &accia scru/olo di nessuno. Se /osso osare, credo che &are%%o benissi%o sen*a di lei, %a 2oi uo%ini a2ete una tale /resun*ione[0. #atherine a2rebbe -uasi /otuto accusare "sabella di essere /oco incline a tener conto di lei e delle sue /ene, tanto /oco /osto se%bra2ano -ueste occu/are nella sua %ente e cosE inadeguato era il con&orto da lei o&&erto. ,Non essere cosE de/ressa, %ia cara0, le sussurrJ. ,Suasi %i s/e**i il cuore. \ stato tre%endo, %a il torto D tutto dalla /arte dei Tilney. PerchI non sono stati /iA /untuali. #7era /arecchio &ango, D 2ero, %a che cosa signi&ica. Sono certa che 1ohn e io non ci a2re%%o &atto caso. Non %i /reoccu/o %ai di nulla, se c7D di %e**o un a%ico: D il %io %odo di essere; e 1ohn D /ro/rio co%e %e: i suoi senti%enti sono tre%enda%ente &orti. Santo cielo[ #he bella %ano ti D ca/itata[ $e, cas/ita[ Non sono %ai stata tanto &elice in 2ita %ia[ Pre&erisco cin-uanta 2olte che l7abbia a2uta tu in2ece che io0. E adesso /osso lasciare la %ia eroina alla notte insonne che D destino di una 2era eroina: al cuscino cos/arso di s/ine e bagnato di lacri%e. E /uJ ritenersi &ortunata se a2rC una sola notte di ri/oso nel corso dei /rossi%i tre %esi.

;<

#apitolo dodicesimo
,Signora Allen0, disse #atherine la %attina seguente, ,sarebbe scon2eniente se oggi andassi a &ar 2isita alla signorina Tilney. Non starJ tran-uilla &ino a che non le a2rJ s/iegato tutto0. ,Ka7 /ure, %ia cara; solo %ettiti un 2estito bianco: la signorina Tilney 2este se%/re di bianco0. #atherine acconsentE ben 2olentieri e, abbigliata con /ro/rietC, uscE /iA che %ai i%/a*iente di recarsi alla Pu%/ $oo% do2e a2rebbe /otuto in&or%arsi sull7abita*ione del generale Tilney /erchI, sebbene &osse certa che si tro2asse in ilso% Street, non era sicura di -uale &osse la casa e le ondi2aghe con2in*ioni della signora Allen a2e2ano a2uto solo la ca/acitC di accrescere i suoi dubbi. Diretta a ilso% Street; do/o a2er sa/uto con esatte**a -ual era il nu%ero che cerca2a, si a&&rettJ, a /assi i%/a*ienti e col batticuore, /er &are la sua 2isita, s/iegare la sua condotta, essere /erdonata. PassJ 2eloce%ente /er la /ia**a del duo%o, 2olgendo risoluta%ente da /arte gli occhi in %odo da non do2er essere obbligata a 2edere la sua a%ata "sabella e la cara &a%iglia di lei che, a2e2a ragione di credere, erano in un nego*io lE /resso. $aggiunse la casa sen*a alcun i%/edi%ento, guardJ il nu%ero, bussJ alla /orta e chiese della signorina Tilney. "l ca%eriere /ensa2a che la signorina Tilney &osse in casa, %a non ne era del tutto certo. Si sarebbe co%/iaciuta intanto di &a2orire il suo no%e. Ella gli diede il suo biglietto da 2isita. "n /ochi %inuti il ca%eriere &u di ritorno e, con lo sguardo che non con&er%a2a a&&atto le sue /arole, disse di essersi sbagliato, /erchI la signorina Tilney era &uori. #atherine, %orti&icata, se ne andJ. Era /ersuasa che la signorina Tilney &osse a casa, e che &osse tro//o o&&esa /er rice2erla, cosE se ne andJ giA /er la strada non sen*a gettare uno sguardo alle &inestre del salotto, as/ettandosi di 2ederla lE: nessuno /erJ a//ar2e. "n &ondo alla strada, tutta2ia, guardJ di nuo2o dietro di sI, e allora, non alla &inestra, %a sulla /orta, 2ide /ro/rio la signorina Tilney. Era seguita da un gentiluo%o che #atherine ritenne essere suo /adre, e insie%e si a22iarono 2erso gli Edgar7s Huildings. #atherine, /ro&onda%ente %orti&icata, /roseguE /er la sua strada. Per una scortesia cosE grande a2rebbe /otuto sentirsi ora lei stessa o&&esa, %a trattenne il suo risenti%ento /oichI a2e2a /resente il suo atto scortese. Non sa/e2a bene co%e un7o&&esa co%e -uella che lei a2e2a &atto ai Tilney /otesse essere classi&icata secondo le leggi della %ondanitC, nI a -uale grado di i%/erdonabilitC /otesse essere ascritta o a -uali rigori di scortesia do2esse giusta%ente ella stessa essere sotto/osta. 9%iliata e abbattuta, le balenJ /er&ino l7idea di non andare al teatro con gli altri, -uella sera, %a le /assJ /resto in -uanto si rese conto che /er /ri%a cosa non a2e2a %oti2i 2alidi /er restare a casa, e seconda cosa, che c7era una co%%edia che desidera2a %olto 2edere. #osE andarono tutti al teatro; nessuno dei Tilney co%/ar2e, /er tor%entarla o /er rallegrarla e lei te%ette che, tra le %olte /er&e*ioni della &a%iglia non &osse da anno2erare -uella dell7a%ore /er il teatro, anche se &orse essi erano abituati alle %igliori ra//resenta*ioni dei /alcoscenici di 6ondra che, lei sa/e2a, stando all7autoritC di "sabella, rende2ano ogni altra cosa ,orribile0. Non &u delusa nella sua as/ettati2a di godi%ento: la co%%edia ac-uietJ a tal /unto le sue ansie che nessuno, osser2andola durante i /ri%i -uattro atti, a2rebbe /otuto su//orre che a2esse una -ualche /reoccu/a*ione. All7ini*io del -uinto, tutta2ia, l7i%/ro22iso scorgere il signor Fenry Tilney e suo /adre nel /alco di &ronte, la ri/ortJ nell7angoscia e nell7in&elicitC. "l /alcoscenico non &u /iA -uindi in grado di /rocurarle un
;>

lieto di2erti%ento e di attrarre la sua totale atten*ione. edia%ente il suo sguardo era /iuttosto attratto dal /alco di &ronte, e /er la durata di due intere scene ella osser2J Fenry Tilney sen*a /erJ riuscire a coglierne %ai lo sguardo. Non lo si /ote2a /iA sos/ettare di disinteresse /er la co%%edia: durante -uelle due intere scene di&atti la sua atten*ione non si distolse %ai dal /alcoscenico. Alla &ine, tutta2ia, lui guardJ 2erso di lei e si inchinJ. a che inchino[ Non &u seguito da un sorriso nI da una /rolungata atten*ione /er lei: gli occhi di lui tornarono i%%ediata%ente nella dire*ione di /ri%a. #atherine era &ebbril%ente in&elice; a2rebbe -uasi /otuto correre &ino al /alco in cui lui sede2a /er obbligarlo ad ascoltare le sue s/iega*ioni. Senti%enti /iA naturali che eroici la /ossede2ano: in2ece di considerare &erita la sua dignitC dalla /ronta condanna di lui; in2ece di risol2ersi, consa/e2ole della /ro/ria innocen*a, a %ostrare il /ro/rio risenti%ento nei con&ronti di lui che a2e2a osato dubitare di lei, lasciando a lui il &astidio di tro2are una s/iega*ione e illu%inandolo sul /assato solo e2itando la sua 2ista o &acendosi corteggiare da -ualche altro, ella si assunse tutta la 2ergogna di un co%/orta%ento scorretto, o -uanto %eno dell7a//aren*a di esso, e &u solo ansiosa di a2ere l7o//ortunitC di s/iegare i %oti2i delle sue a*ioni. 6a co%%edia &inE, calJ il si/ario: Fenry Tilney non era /iA do2e era stato seduto &in ad allora, %a suo /adre era se%/re lE. Probabil%ente lui sta2a andando 2erso il loro /alco. #atherine a2e2a ragione: di lE a /ochi %inuti egli co%/ar2e e, &acendosi strada tra le &ile or%ai se%i2uote, /arlJ con tran-uilla gentile**a alla signora Allen e alla sua a%ica. a non &u con la stessa cal%a che -uest7ulti%a gli ris/ose: ,Oh, signor Tilney, ero &olle dal desiderio di /arlarle, di &arle le %ie scuse. De2e a2er /ensato che io sia una /ersona tre%enda%ente %aleducata, %a da22ero, non D stata col/a %ia... non D 2ero, signora Allen. Non D 2ero che %i hanno detto che il signor Tilney e sua sorella erano andati 2ia insie%e in un /haZton. E allora cosa a2rei do2uto &are. A2rei 2oluto dieci%ila 2olte essere con 2oi, non D 2ero, signora Allen.0 , ia cara, %i sgualcisci il 2estito0, &u la ris/osta della signora Allen. 6e sue scuse, tutta2ia, /ur se sen*a a//oggi, non &urono gettate al 2ento: /ortarono un sorriso /iA cordiale e /iA naturale sul 2olto di lui, che le ris/ose in un tono che %antene2a solo una /iccola a&&ettata riser2a: ,#o%un-ue le sia%o stati assai obbligati /er a2erci augurato buona /asseggiata, /assando /er Argyle Street. \ stata /ro/rio gentile a 2oltarsi indietro /er &arlo0. , a io non 2ole2o /ro/rio augurar2i una buona /asseggiata; non ci ho /ro/rio /ensato. Fo solo chiesto con insisten*a al signor Thor/e di &er%arsi, gliel7ho urlato a//ena 2i ho 2isto, 2ero signora Allen... Oh[ %a lei non c7era. a io l7ho &atto, e se il signor Thor/e si &osse soltanto &er%ato, sarei saltata giA e sarei corsa dietro a 2oi0. #7D un Fenry al %ondo che /otrebbe ri%anere insensibile a una tale dichiara*ione. Fenry Tilney al%eno non /otI. #on un sorriso ancor /iA dolce, disse tutto ciJ che era necessario dire della /re%ura di sua sorella, del suo dis/iacere e della sua &iducia nella sinceritC di #atherine... ,Oh, non %i dica che la signorina Tilney non era arrabbiata0, escla%J #atherine, ,/erchI so che lo era. Non ha 2oluto rice2er%i sta%attina, -uando la sono andata a tro2are; l7ho 2ista uscire di casa un %inuto do/o che ero andata 2ia. Ne sono stata &erita, %a non o&&esa. a &orse lei non sa/e2a che ero stata lE0. ,Non ero a casa in -uel %o%ento, %a l7ho sa/uto da Eleanor. Anche lei a2rebbe desiderato 2ederla, s/iegarle i %oti2i di una tale scortesia, %a &orse /osso &arlo altrettanto bene io. Non D stato nient7altro che il &atto che %io /adre, /oichI sta2ano /re/arandosi a uscire e lui a2e2a &retta, non 2ole2a &ar tardi e l7ha costretta a dire che non era in casa. Ecco tutto, glielo
;;

assicuro. 6ei era %olto dis/iaciuta e desidera2a scusarsi al /iA /resto0. #atherine &u %olto solle2ata da -ueste in&or%a*ioni, anche se le era ri%asta una certa ansia dalla -uale scaturE la seguente do%anda che, sebbene del tutto innocente in sI, costituE una &onte di disagio /er il gentiluo%o: , a lei, signor Tilney, /erchI D stato %eno generoso di sua sorella. Se lei era cosE &iduciosa nelle %ie buone inten*ioni tanto da /oter su//orre che si &osse trattato solo di un e-ui2oco, /erchI lei si D subito o&&eso.0 ,O&&eso io.0 ,Sono sicura, dallo sguardo che a2e2a -uando D entrato nel /alco, che era %olto arrabbiato0. ,Arrabbiato. a non ne a2e2o alcun diritto0. ,Nessuno a2rebbe /ensato che non ne a2esse diritto, a giudicare dalla sua &accia0. 6a ris/osta di lui &u di chiedere di &argli un /o7 di /osto e /oi si %ise a /arlare della co%%edia. $estJ un certo te%/o con loro, e &u solo tro//o grade2ole /erchI #atherine /otesse essere contenta -uando lui andJ 2ia. Pri%a che lui andasse 2ia, co%un-ue, si erano accordati /er &are al /iA /resto la /asseggiata /rogettata e, tralasciando la so&&eren*a /rocuratale dal suo allontanarsi dal loro /alco, nell7insie%e ella ri%ase una delle creature /iA &elici del %ondo. entre sta2ano /arlando, #atherine a2e2a osser2ato con una certa sor/resa che 1ohn Thor/e, che non si tro2a2a %ai /er /iA di dieci %inuti nella stessa /arte del teatro, era i%/egnato in una con2ersa*ione col generale Tilney, e /ro2J -ualcosa di /iA della sor/resa -uando si accorse che era lei l7oggetto della loro atten*ione e della loro con2ersa*ione. #he %ai /ote2ano dire di lei. Te%e2a che il generale Tilney non l7a2esse in si%/atia: /ensa2a che -uesta &osse la causa dell7a2er i%/edito alla &iglia di rice2erla, /iuttosto che ritardare di /ochi %inuti la sua /asseggiata. ,#o%e %ai il signor Thor/e conosce suo /adre.0, &u la sua ansiosa do%anda, %entre indica2a i due al suo co%/agno. Egli non lo sa/e2a, %a suo /adre, co%e tutti i %ilitari, conosce2a %oltissi%a gente. Suando la serata ebbe ter%ine, Thor/e li raggiunse /er acco%/agnarli all7uscita. #atherine &u l7i%%ediato oggetto delle sue galanterie e %entre erano nell7ingresso in attesa di una carro**a, egli /re2enne la do%anda che dal /ro&ondo del cuore di lei sta2a /er arri2are alla /unta della lingua, chiedendole, /ieno di boria, se l7a2esse 2isto /arlare col generale Tilney. ,\ un caro 2ecchio signore, /arola %ia[ )orte, atti2o... /are gio2ane co%e il &iglio. Fo %olta sti%a /er lui, glielo assicuro: un 2ero gentiluo%o e una gran bra2a /ersona0. ,E co%e lo ha conosciuto.0 ,#o%e l7ho conosciuto[... #i sono /oche /ersone in cittC che io non conosco. 67ho incontrato da Hed&ord e l7ho riconosciuto subito oggi, nel %o%ento in cui D entrato nella sala da biliardo. \ uno dei %igliori giocatori che esistano, tra l7altro; abbia%o &atto una /artita insie%e e anche se al /rinci/io a2e2o a2uto /aura di /erdere Mera2a%o cin-ue a -uattro contro di %eN, se non a2essi &atto uno dei %igliori col/i che siano %ai stati &atti a -uesto %ondo... ho toccato la sua /alla esatta%ente... %a non /osso &arglielo ca/ire sen*a un ta2olo... beh, l7ho battuto. 9na bra2a /ersona, e ricco co%e un giudeo. i /iacerebbe /ran*are con lui, credo che dia dei /ran*i &a2olosi. a di cosa crede che abbia%o /arlato.... Di lei. SE, /er Gio2e[... e il generale /ensa che lei sia la /iA bella &anciulla di Hath0. ,Oh, che sciocche**a[ #o%e /uJ dire una cosa del genere[0. ,E cosa crede che abbia detto io.0, Mabbassando la 2oceN. ,?Hra2o generale@ 0, ho detto, ,?sono /ro/rio del suo /arere@0. A -uesto /unto #atherine, che era assai %eno grati&icata dall7a%%ira*ione di Thor/e che da -uella del generale Tilney, non &u dis/iaciuta di essere chia%ata dal signor Allen. Thor/e,
;8

co%un-ue, la acco%/agnJ &ino alla carro**a e, &ino a che ella non &u salita, continuJ con lo stesso ti/o di delicate adula*ioni, nonostante lei lo /regasse calda%ente di s%ettere. #he il generale Tilney in2ece di detestarla /otesse a%%irarla era una cosa 2era%ente /iace2ole e #atherine /ensJ con gioia che adesso non c7era nessuno della &a%iglia che do2esse te%ere di incontrare... 6a serata le a2e2a /ortato assai /iA di -uanto si &osse %ai as/ettata.

;3

#apitolo tredicesimo
6unedE, %artedE, %ercoledE, gio2edE, 2enerdE e sabato sono giC stati /assati in ri2ista: gli e2enti -uotidiani sono giC stati descritti uno /er uno con le loro s/eran*e e le loro /aure, le loro %orti&ica*ioni e i loro /iaceri e adesso restano da descri2ere i tor%enti della do%enica /er concludere la setti%ana. "l /rogetto #li&ton era stato accantonato, non abbandonato, e -uel giorno, nel /o%eriggio, all7ora della consueta /asseggiata al #rescent, &u nuo2a%ente tirato in ballo. "n una consulta*ione /ri2ata tra "sabella e 1a%es, la /ri%a a2e2a /articolar%ente a cuore il /rogetto di andare e il secondo a2e2a /articolar%ente a cuore -uello di &ar /iacere a lei, si era stabilito che, se il te%/o &osse stato bello, la gita a2rebbe a2uto luogo la %attina seguente e che sarebbero /artiti %olto /resto /er tornare a casa in un te%/o ragione2ole. )issato cosE il loro /iano e ottenuta l7a//ro2a*ione di Thor/e, non resta2a loro che ottenere -uella di #atherine. Suest7ulti%a li a2e2a lasciati da /ochi %inuti /er /arlare con la signorina Tilney. "n -uell7inter2allo il /iano &u co%/letato e non a//ena lei &u di ritorno le &u chiesta la sua a//ro2a*ione: %a in luogo della gaia adesione che "sabella si as/etta2a, #atherine assunse un as/etto gra2e: era assai s/iacente, %a non /ote2a andare. 67i%/egno che a2rebbe do2uto i%/edirle di andare con loro la /ri%a 2olta le rende2a ora i%/ossibile acco%/agnarli. A2e2a in -uel %o%ento stabilito con la signorina Tilney di &are l7indo%ani la /asseggiata /ro%essa: la cosa era stabilita e lei non 2ole2a a nessun costo tirarsi indietro. a che ella do2esse, che /otesse in2ece tirarsi indietro, &u l7i%%ediata ardente escla%a*ione dei due Thor/e: do2e2ano andare a #li&ton l7indo%ani, non sarebbero andati sen*a di lei, non sarebbe stato niente ri%andare una se%/lice /asseggiata di un giorno, e loro non a2rebbero accettato ri&iuti. #atherine era addolorata, %a non si sotto%ise. ,Non insistere, "sabella, sono i%/egnata con la signorina Tilney e non /osso 2enire0. 6a assalirono con gli stessi argo%enti di /ri%a: do2e2a andare, /ote2a andare, non a2rebbero accettato un ri&iuto. ,Sarebbe cosE &acile dire alla signorina Tilney che ti sei ricordata di un i%/egno /recedente: de2i solo ri%andare la /asseggiata a %artedE0. ,No, non sarebbe /er niente &acile e non /otrei &arlo /erchI non ho nessun i%/egno /recedente0. "sabella /erJ di2enne se%/re /iA insistente, cercando di con2incerla nei %odi /iA a&&ettuosi e ri2olgendosi a lei con teneri no%i. Era certa che la sua carissi%a, la sua dolcissi%a #atherine non a2rebbe 2era%ente ri&iutato di co%/iacere in una cosa cosE /oco i%/ortante un7a%ica che la a%a2a tanto. Sa/e2a che la sua a%ata #atherine /ossede2a un cuore cosE /ieno di senti%ento, un carattere tanto dolce che &acil%ente si sarebbe lasciata con2incere da chi l7a%a2a. a &u tutto 2ano: #atherine senti2a di essere nel giusto e, -uantun-ue addolorata da tali tenere e su//liche2oli lusinghe, non consentE che la in&luen*assero. "sabella allora /ro2J con un altro %etodo. 6a ri%/ro2erJ di /ro2are /iA a&&etto /er la signorina Tilney, sebbene la conoscesse da cosE /oco te%/o, che /er i suoi %igliori e /iA 2ecchi a%ici; in /oche /arole, di essere di2entata &redda e indi&&erente 2erso di lei. ,Non /osso &are a %eno di essere gelosa, #atherine, -uando %i 2edo trascurata /er degli estranei, io, che ti 2oglio cosE bene[ 9na 2olta che abbia donato il %io a&&etto, niente ha il /otere di &ar%i %utare idea. a sono con2inta che i %iei senti%enti sono /iA intensi di -uelli di chiun-ue altro e sono sicura che sono tro//o &orti /er la %ia stessa /ace; 2eder%i so//iantata nella tua a%ici*ia da estranei %i col/isce nel 2i2o, lo con&esso. Suesti Tilney se%brano assorbire ogni tuo interesse0.
8=

#atherine ritenne -uesti ri%/ro2eri strani e /oco gentili. Era /ro/rio necessario che un7a%ica %ettesse cosE a nudo i /ro/ri senti%enti di &ronte agli altri. "sabella le se%bra2a ingenerosa ed egoista, attenta solo a ciJ che le &ace2a /iacere. Sueste idee dolorose le attra2ersarono la %ente sen*a /erJ che lei ne &acesse /arola. Nel &ratte%/o "sabella si era /ortata il &a**oletto agli occhi e orland, in&elice a -uella 2ista, non /otI &are a %eno di dire: ,Oh, #atherine, non credo che tu /ossa ancora restare &er%a nei tuoi /ro/ositi. Non ti si chiede un grande sacri&icio: &are cosa grata a una tale a%ica... non /osso che /ensare che sei assai /oco gentile, se continui a ri&iutare0. Suesta era la /ri%a 2olta che suo &ratello si schiera2a a/erta%ente contro di lei e, ansiosa di e2itargli un dis/iacere, ella /ro/ose un co%/ro%esso. Se solo a2essero 2oluto ri%andare il loro /rogetto &ino a %artedE, cosa che a2rebbero /otuto &are &acil%ente dal %o%ento che di/ende2a esclusi2a%ente da loro, lei sarebbe andata con loro e tutti sarebbero stati soddis&atti. 67i%%ediata ris/osta /erJ &u che ,No, no, no[ Non si /ote2a &are /erchI Thor/e non sa/e2a se %artedE do2e2a o no andare in cittC0. #atherine se ne dis/iac-ue, %a non /ote2a &are di /iA. SeguE un bre2e silen*io che &u rotto da "sabella che con 2oce &redda e risentita disse: ,Henissi%o, allora -uesta D la &ine del nostro /rogetto. Se #atherine non 2iene, non /osso essere io la sola donna. Non 2orrei /er nulla al %ondo &are una cosa cosE scon2eniente0. ,#atherine, de2i 2enire0, disse 1a%es. , a /erchI il signor Thor/e non /uJ condurre un7altra delle sue sorelle. Sono certa di /oter a&&er%are che entra%be ne sarebbero &elici0. ,Gra*ie tante0, escla%J Thor/e, ,%a non sono 2enuto certo a Hath /er /ortare in giro le %ie sorelle e &are la &igura dello sciocco. No, se lei non 2iene, dann... se ci 2ado io. Kado solo /er il /iacere di /ortare lei0. ,Suesto D un co%/li%ento che non %i &a nessun /iacere0. a le /arole di #atherine &urono s/recate con Thor/e che brusca%ente se n7era andato 2ia. Gli altri tre continuarono a /asseggiare insie%e nel %odo /iA scon&ortante /er la /o2era #atherine: ta2olta in&atti non 2eni2a /ronunciata una sola /arola, tal2olta 2eni2a in2ece attaccata nuo2a%ente con su//liche e ri%/ro2eri, %entre il suo braccio era ancora attaccato a -uello di "sabella nonostante le loro ani%e &ossero in guerra. 9n %o%ento si senti2a raddolcita, il %o%ento do/o irritata, se%/re era dis/iaciuta, %a se%/re, co%un-ue, irre%o2ibile. ,Non /ensa2o che saresti stata cosE ostinata, #atherine0, disse 1a%es; ,di solito non era di&&icile /ersuaderti. 9n te%/o eri la /iA gentile e la /iA serena delle %ie sorelle0. ,S/ero di non esserlo di %eno adesso0, re/licJ lei con %olto senti%ento, ,%a da22ero non /osso 2enire. Anche se sto sbagliando, sono sicura che sto &acendo ciJ che ritengo sia giusto0. ,Sos/etto0, disse "sabella, ,che tu non debba sostenere una grande lotta con te stessa0. "l cuore di #atherine sobbal*J: staccJ il braccio da -uello di "sabella che non si o//ose. #osE /assarono dieci lunghi %inuti, &ino a che &urono di nuo2o raggiunti da Thor/e che, dirigendosi 2erso di loro con un7aria allegra, disse: ,Fo siste%ato tutto e adesso /ossia%o andare tran-uilla%ente tutti do%ani. Sono stato dalla signorina Tilney e le ho &atto le sue scuse0. ,Non /uJ a2erlo &atto[0, gridJ #atherine. ,67ho &atto, /er l7ani%a %ia[ 67ho lasciata /ro/rio adesso. 6e ho detto che %i a2e2a %andato lei a dirle che, /oichI si era a//ena ricordata di un i%/egno /recedente con noi /er
84

andare a #li&ton do%ani, non a2rebbe /otuto a2ere il /iacere di andare a /asseggio con lei &ino a %artedE. 6ei ha ris/osto che anda2a bene, che %artedE era una giornata /er lei altrettanto buona; cosE ecco &inite tutte le nostre di&&icoltC... 9na gran bella idea, la %ia, non D 2ero.0. 67atteggia%ento di "sabella era tornato a essere tutto sorrisi e buon u%ore, e anche 1a%es a//ari2a di nuo2o &elice. ,9n7idea /ro/rio di2ina[ Adesso, %ia dolce #atherine, tutti i nostri dis/iaceri sono &initi, tu ti sei onore2ol%ente liberata e /otre%o &are una bellissi%a gita0. ,Non /uJ essere0, disse #atherine; ,non /osso accettare che le cose 2adano cosE. Debbo correre subito dietro alla signorina Tilney e dirle co%e stanno le cose0. "sabella allora la a&&errJ /er una %ano, Thor/e /er l7altra e da tutti e tre /io22ero ri%ostran*e. Per&ino 1a%es era arrabbiatissi%o. Pro/rio adesso che tutto era stato acco%odato, che la stessa signorina Tilney a2e2a detto che /er lei %artedE anda2a altrettanto bene, era ridicolo, assurdo continuare a &are obie*ioni. ,Non %i i%/orta. "l signor Thor/e non a2e2a alcun titolo /er in2entarsi un %essaggio del genere. Se a2essi ritenuto giusto ri%andare la /asseggiata ne a2rei /arlato io stessa con la signorina Tilney. #osE lo si D &atto solo in un %odo assai /iA sgarbato; e co%e /osso sa/ere che il signor Thor/e abbia... /otrebbe &orse essersi di nuo2o sbagliato. i ha giC &atto &are uno sgarbo con il suo errore di 2enerdE. i lasci andare, signor Thor/e; non %i trattenere, "sabella0. Thor/e le disse che sarebbe stato inutile andare dietro ai Tilney: a2e2ano girato l7angolo di Hroc( Street -uando lui li a2e2a raggiunti e a -uel /unto erano a casa. ,Allora li seguirJ, li seguirJ do2un-ue si tro2ino0, disse #atherine. ,Non %ette conto di /arlarne ancora. Se non ho /otuto essere con2inta a &are -uello che ritene2o sbagliato, non lo sarJ certo con l7inganno0. E con -ueste /arole si liberJ e &uggE 2ia. Thor/e a2rebbe 2oluto inseguirla, %a orland lo trattenne: ,6asciala andare, lasciala andare, se 2uole andare0. ,\ ostinata co%e...0. Thor/e non &inE la si%ilitudine /erchI sarebbe stato di&&icile tro2arne una giusta. "n grande agita*ione #atherine si allontanJ 2eloce -uanto glielo /er%ette2a la &olla, te%endo di essere seguita e tutta2ia deter%inata a /erse2erare. #a%%inando ri&lette2a su ciJ che le era successo. 6e dis/iace2a a2er /rocurato disa//unto e dolore ai suoi a%ici e, in /articolare, a suo &ratello, %a non si /enti2a di a2er resistito. A /arte la sua /ersonale inclina*ione, %ancare /er la seconda 2olta a un i%/egno con la signorina Tilney, ritirare una /ro%essa 2olontaria%ente resa cin-ue %inuti /ri%a e, oltretutto, con un /retesto, le se%bra2a una cosa del tutto sbagliata. Non si era ri&iutata di &arlo /er %oti2i esclusi2a%ente egoistici, non a2e2a tenuto conto solo della /ro/ria grati&ica*ione: -uella le sarebbe stata assicurata co%un-ue dall7escursione stessa, dalla 2ista di Hlai*e #astle. No, ella a2e2a &atto ciJ che era do2uto agli altri, e a ciJ che, secondo la loro o/inione, era do2uto alla sua stessa /ersonalitC. 6a sua con2in*ione di essere nel giusto tutta2ia non &u su&&iciente a &arle ritro2are la serenitC: &inchI non a2esse /arlato con la signorina Tilney non /ote2a tro2arsi a /ro/rio agio; a&&rettJ -uindi il suo /asso non a//ena uscE dal #rescent e -uasi corse /er la strada che resta2a &ino a -uando raggiunse la /arte alta di ilso% Street. "l suo /asso era stato tanto ra/ido che nonostante il 2antaggio dei Tilney, -uesti sta2ano giusto entrando in casa -uando lei li 2ide e lasciando il ca%eriere sulla /orta ancora a/erta, lei disse soltanto che a2e2a bisogno di /arlare con la signorina Tilney subito e corse su /er le scale
8+

/recedendolo. Poi, a/erta la /ri%a /orta che si tro2J da2anti, che /er caso era -uella giusta, si tro2J subito in un salotto con il generale Tilney, suo &iglio e sua &iglia. 6e sue s/iega*ioni, con&use a causa dell7eccita*ione e del &iatone, an*i le sue non s/iega*ioni, &urono i%%ediate. ,Sono 2enuta in &retta... \ stato tutto uno sbaglio... non ho %ai /ro%esso di andare... ho detto loro che non a2rei /otuto andare... sono corsa -ui /er s/iegar%i... non %i i%/orta2a di -uello che a2reste /ensato di %e... non ho 2oluto as/ettare che il ca%eriere %i annunciasse0. 6a &accenda, sebbene non /er&etta%ente chiarita da -uesto discorso, assai /resto cessJ di essere un %istero. #atherine sco/rE che 1ohn Thor/e a2e2a /ortato il %essaggio e la signorina Tilney non ebbe scru/oli a con&essare di esserne stata %olto sor/resa. a se il &ratello a2esse ancora una 2olta %ostrato /iA risenti%ento di lei, #atherine, che istinti2a%ente si era ri2olta con le sue giusti&ica*ioni sia all7una che all7altro, non ebbe %odo di sa/erlo. Sualun-ue cosa &osse stata /ensata /ri%a del suo arri2o, le sue a&&annose s/iega*ioni &ecero sE che ogni sguardo e ogni &rase a lei ri2olti &ossero tanto a%iche2oli -uanto /otesse desiderare. #onclusa cosE &elice%ente la &accenda, #atherine &u /resentata dalla signorina Tilney al /adre, dal -uale &u rice2uta con cosE /ronta sollecitudine e tanta gentile**a che le so22ennero le in&or%a*ioni di Thor/e e le 2enne &atto di /ensare con /iacere che -ualche 2olta si /ote2a a2er &iducia in lui. 6a cortesia del generale arri2J a tal /unto che, non sa/endo con -uanta straordinaria ra/iditC ella era entrata in casa, si arrabbiJ %oltissi%o col ca%eriere la cui negligen*a l7a2e2a costretta ad a/rire da sola la /orta dell7a//arta%ento. #he a2e2a %ai /ensato Billia%. Si sarebbe &atto un do2ere di chiederglielo. E se #atherine non a2esse calorosa%ente sostenuto l7innocen*a di -uest7ulti%o, Billia% a2rebbe certa%ente /erso il &a2ore del /adrone di casa, se non il /osto di la2oro, e tutto a causa della ra/iditC di lei. Do/o una 2isita di un -uarto d7ora, si al*J /er /rendere co%%iato e &u allora grade2ol%ente sor/resa dalla richiesta del generale Tilney di 2oler onorare la &iglia restando con loro a /ran*o e /er il resto della giornata. 6a signorina Tilney aggiunse i suoi 2oti a -uelli del /adre e #atherine, se//ure obbligatissi%a, disse che non le era /ossibile. "l signore e la signora Allen l7as/etta2ano di ritorno da un %o%ento all7altro. "l generale disse allora di non /oter insistere: i diritti del signore e della signora Allen non do2e2ano essere trascurati, %a lui &ida2a che un altro giorno, con un /rea22iso /iA lungo, non a2rebbero a2uto obie*ioni a lasciarla /er un /o7 con la sua a%ica. Oh no, #atherine era certa che non a2rebbero a2uto la %ini%a obie*ione e lei, dal canto suo, a2rebbe a2uto grande /iacere a 2enire. "l generale stesso l7acco%/agnJ &ino alla strada dicendole, %entre scende2ano le scale, %olte cose galanti, a%%irando l7elasticitC del suo incedere che, a suo a22iso, corris/onde2a esatta%ente al %odo in cui dan*a2a e &acendole, al %o%ento in cui lei andJ 2ia, uno degli inchini /iA gentili che le &osse %ai stato dato di 2edere. #atherine, &elice /er tutto -uanto era successo, /rocedette allegra%ente 2erso Pulteney Street, ca%%inando, ritene2a, con grande elasticitC, sebbene non se ne &osse %ai accorta /ri%a. Arri2J a casa sen*a 2edere nessuno del gru//o degli o&&esi e adesso che a2e2a trion&ato su tutta la linea, che a2e2a %antenuto il /unto e si era assicurata la sua /asseggiata, co%inciJ M%an %ano che il suo cuore si tran-uilli**a2aN a dubitare del &atto di a2ere a2uto total%ente ragione. 9n sacri&icio era se%/re una nobile cosa: &orse se a2esse ceduto alle loro su//liche a2rebbe /otuto ris/ar%iarsi il /ensiero doloroso di un7a%ica dis/iaciuta, di
8:

un &ratello arrabbiato, di un &elice /rogetto andato a %onte &orse /er causa sua. Per tran-uilli**are il suo cuore e /er accertarsi con il /arere di una /ersona i%/ar*iale co%e &osse da 2alutare la sua condotta, colse l7occasione di %en*ionare al signor Allen il %e**o /rogetto di suo &ratello e dei Thor/e /er il giorno seguente. "l signor Allen colse subito l7occasione /er chiederle: ,E /ensa di andare anche lei.0 ,No, a2e2o a//ena /reso un a//unta%ento con la signorina Tilney /er &are insie%e una /asseggiata -uando %e l7hanno /ro/osto, cosE non /ote2o andare con loro, non le /are.0 ,No, certa%ente no, e sono contento che lei non /ensi di &arlo. Suesto genere di cose non 2anno /ro/rio[ Gio2ani uo%ini e gio2ani donne insie%e in giro in carro**a sco/erta /er la ca%/agna[ Sualche rara 2olta si /uJ /ure &are, %a andare insie%e nelle locande /ubbliche[ Non D una cosa giusta e %i chiedo co%e la signora Thor/e /ossa /er%etterlo. Sono contento che lei abbia deciso di non andare: sono sicuro che la signora orland non lo a2rebbe a//re**ato a&&atto. Signora Allen, non crede anche lei. Non crede che -uesto genere di /rogetti siano da ri/ro2are.0 ,SE, certo. 6e carro**e sco/erte sono delle cose tre%ende e i 2estiti in cin-ue %inuti si s/orcano terribil%ente. #i si %acchia salendo e scendendo e il 2ento sco%/iglia i ca/elli e &a 2olare 2ia le cu&&iette. "o le odio le carro**e sco/erte0. ,6o so, %a non si tratta di -uesto. Non le /are che &accia uno strano e&&etto 2edere gio2ani donne /ortate a s/asso &re-uente%ente in carro**a da gio2anotti che non sono ne//ure loro /arenti.0 ,#erto, %io caro, /ro/rio uno strano e&&etto. Non %i /iace a&&atto0. , a cara signora0, escla%J #atherine, ,/erchI non %e l7ha detto /ri%a. Sicura%ente, se a2essi sa/uto che era una cosa scon2eniente non sarei andata %ai col signor Thor/e. Fo se%/re s/erato che %e l7a2rebbe detto se /ensa2a che stessi &acendo una cosa sbagliata0. ,Ed D cosE, %ia cara, ci /uoi contare, /erchI co%e ho detto alla signora orland lasciandola, &arJ se%/re il %eglio che /osso /er te. a non si de2e essere tro//o insistenti. " gio2ani 2ogliono &are le cose che &anno i gio2ani, co%e dice anche tua %adre. 6o sai, -uando sia%o arri2ati, io non 2ole2o che tu co%/rassi -uella %ussolina a &iori, %a tu l7hai 2oluta co%/rare lo stesso. Ai gio2ani non /iace essere se%/re ostacolati0. , a -uesta era una cosa che co%/orta2a delle conseguen*e, e non credo che a2rebbe incontrato di&&icoltC a /ersuader%i0. ,Per -uanto D stato &inora non ci sono stati danni0, disse il signor Allen, ,2orrei solo consigliarla, d7ora in /oi, di non andare /iA &uori con il signor Thor/e0. ,\ /ro/rio -uello che sta2o /er dire0, aggiunse la %oglie. #atherine, solle2ata /er -uanto la riguarda2a, si senti2a ora a disagio /er "sabella e, do/o a2erci /ensato su un %o%ento, chiese al signor Allen se non sarebbe stato giusto e cortese che lei scri2esse alla signorina Thor/e /er s/iegarle la /oca con2enien*a, che ella non do2e2a a2er co%/reso, della gita in carro**a, dal %o%ento che ritene2a che "sabella sarebbe &orse andata a #li&ton il giorno seguente, nonostante tutto -uanto era accaduto. "l signor Allen la dissuase dal &arlo. ,)arC %eglio a lasciare che &accia ciJ che 2uole, %ia cara. \ abbastan*a adulta /er sa/ere -uello che &a, e, co%un-ue, ha una %adre che /uJ consigliarla. 6a signora Thor/e D tro//o indulgente, sen*a dubbio, tutta2ia lei &arC %eglio a non inter&erire. Se la sua a%ica e suo &ratello hanno deciso di andare un suo inter2ento le /rocurerebbe solo della %ale2olen*a0. #atherine obbedE e, sebbene &osse dis/iaciuta al /ensiero che "sabella /otesse &are -ualcosa di scon2eniente, &u assai solle2ata dall7a//ro2a*ione del signor Allen alla sua condotta e
85

sincera%ente &elice che i suoi consigli le a2essero ris/ar%iato il rischio di &are lo stesso errore. 67essere sca%/ata alla gita a #li&ton &u -uindi sca%/are autentica%ente a un /ericolo. #osa a2rebbero in&atti /ensato i Tilney di lei se a2esse in&ranto la sua /ro%essa /er &are -ualcosa che in sI era sbagliato. Se &osse stata col/e2ole di un atto scon2eniente solo /er essere libera di co%/ierne un altro.

8<

#apitolo quattordicesimo
6a %attina seguente era bel te%/o e #atherine si as/etta2a un altro attacco da /arte del gru//o riunito. $assicurata dal sostegno del signor Allen non lo te%e2a, %a a2rebbe &atto 2olentieri a %eno di una contesa nella -uale la stessa 2ittoria le era causa di /ena. Di conseguen*a &u contentissi%a di non 2ederli e di non sa/ere nulla di loro. " Tilney 2ennero a /renderla all7 ora stabilita, non sorsero altre di&&icoltC a scon2olgere i loro /rogetti, nI i%/ro22ise %e%orie di i%/egni, nI in2iti inas/ettati, nI intrusioni i%/ertinenti, e la %ia eroina &u, contro ogni naturale as/ettati2a, in grado di %antenere il suo i%/egno, nonostante esso &osse /ro/rio con l7eroe. Decisero di &are una/asseggiata attorno al Heechen #li&&, -uella nobile collina il cui bellissi%o %anto 2erde e i cui /endii boscosi sono oggetto di tanta %era2iglia /er chi li conte%/li da Hath. ,Non l7ho %ai guardato sen*a /ensare al sud della )rancia0, disse #atherine %entre ca%%ina2ano lungo la ri2a del &iu%e. ,\ stata all7estero.0, disse Fenry con una certa sor/resa. ,Oh, no[ i ri&erisco a cose che ho letto. i 2iene se%/re in %ente la ca%/agna che E%ily e suo /adre attra2ersano nei isteri di 9dol/ho. a credo che lei non legga ro%an*i0. ,PerchI no.0 ,PerchI non sono abbastan*a intelligenti /er lei... gli uo%ini leggono libri %igliori0. ,6a /ersona, uo%o o donna che sia, che non si di2erte a leggere un buon ro%an*o, de27essere intollerabil%ente stu/ida. Fo letto tutte le o/ere della signora $adcli&&e, e la %aggior /arte di esse con grande /iacere. " %isteri di 9dol/ho, una 2olta che l7ho co%inciato, non sono stato ca/ace di lasciarlo... ricordo di a2erlo &inito in due giorni... e con i ca/elli ritti in ca/o /er tutto il te%/o0. ,SE0, aggiunse la signorina Tilney, ,e ricordo anche che a2e2i l7inten*ione di legger%elo ad alta 2oce, %a che -uando do2etti allontanar%i /er cin-ue %inuti /er ris/ondere a un biglietto, in2ece di as/ettar%i ti sei /ortato il libro alla /asseggiata dell7Fer%itage e ho do2uto as/ettare a leggerlo che lo &inissi tu0. ,Gra*ie, Eleanor... una testi%onian*a assai onore2ole. Kede, signorina orland, l7ingiusti*ia dei suoi sos/etti. Ecco%i, i%/a*iente di andare a2anti, che %i ri&iuto di as/ettare anche solo cin-ue %inuti %ia sorella, ro%/o la /ro%essa di leggere /er lei ad alta 2oce e la lascio sul %o%ento /iA interessante sca//ando 2ia col libro che, la /rego di osser2are, era suo, /ro/rio suo. Ne sono orgoglioso, -uando ci ri&letto, e /enso che la cosa debba accrescere la sua buona o/inione di %e0. ,Sono /ro/rio contenta di sentire una cosa del genere, e d7ora in /oi non %i 2ergognerJ /iA del &atto che %i /iaccia tanto 9dol/ho. Kera%ente, /ri%a /ensa2o che gli uo%ini dis/re**assero s/a2entosa%ente i ro%an*i0. ,Pro/rio s/a2entosa%ente: ciJ /otrebbe ben suggerire lo s/a2ento, se lo &anno... /erchI essi leggono -uanto le donne. "o stesso ne ho letti centinaiae e centinaia. Non /ensi di /oter gareggiare con %e in -uanto a conoscen*a di Giulie e 6uise. Se andia%o a2anti su -uesta strada e co%incia%o a chiederci a 2icenda ?ha letto -uesto.@ e ?ha letto -uello.@ sono in grado di lasciarla /resto indietro co%e... che /osso dire... %i ser2irebbe una si%ilitudine a//ro/riata... co%e la sua a%ica E%ily lasciJ il /o2ero Kalancourt -uando se ne andJ con la *ia in "talia. #onsideri -uanti anni /ri%a di lei ho co%inciato. "o entra2o a OO&ord %entre
8>

lei era una bra2a raga**ina che sta2a a casa a &are il suo i%/araticcio[0. ,Non /ro/rio bra2a, te%o. a da22ero lei /ensa che 9dol/ho sia il libro /iA bello del %ondo.0 ,"l /iA bello... /arola che lei usa, credo, /er intendere -uello /iA di buon gusto. "l che de2e di/endere dalla co/ertina0. ,Fenry0, disse la signorina Tilney, ,sei %olto i%/ertinente. Signorina orland, la sta trattando esatta%ente co%e &a con sua sorella. #erca se%/re di tro2ar%i in di&etto /er -ualche uso scorretto della lingua e adesso si sta /rendendo la stessa libertC con lei. 6a /arola ?bello@ co%e lei l7ha usata, non gli /iace; sarC bene che la ca%bi al /iA /resto /ossibile o, /er tutto il resto della strada, sare%o so/ra&&atte da 1ohnson e Hlair0. ,Sono certa0, escla%J #atherine, ,di non a2er detto nulla di sbagliato. \ un bel libro e /erchI non do2rei dire cosE.0 ,Henissi%o0, disse Fenry, ,e -uesto D un giorno assai bello, e noi stia%o &acendo una bella /asseggiata, e 2oi siete due &anciulle %olto belle. Oh, D /ro/rio una bella /arola[... \ adatta a tutto. "n origine &orse /erJ era usata solo /er es/ri%ere elegan*a, /ro/rietC, delicate**a, ra&&inate**a... le /ersone erano belle /er gli abiti che indossa2ano, /er i senti%enti che /ro2a2ano, /er le loro scelte, %a ora, con -uesta unica /arola si es/ri%e ogni ti/o di giudi*io su -ualsi2oglia soggetto0. , entre, di &atto0, escla%J sua sorella, ,do2rebbe essere ri&erita solo a te, e sen*a co%%enti di sorta. Tu sei /iA bello che saggio. Andia%o, signorina orland, lascia%olo %editare sui nostri errori di es/ressione %entre noi lodia%o 9dol/ho con i ter%ini che /iA ci aggradano. E un7o/era interessantissi%a. A lei /iace -uesto genere di letture.0 ,A dire la 2eritC, a %e /iacciono -uasi esclusi2a%ente -ueste letture0. ,Da22ero[0. ,#ioD, %i /iace leggere la /oesia e le o/ere teatrali, e altre cose di -uesto genere, e non %i dis/iacciono i libri di 2iaggi, %a la storia, la 2era solenne storia, non riesce a interessar%i. E a lei.0 ,SE, a %e la storia /iace0. ,Korrei che /iacesse anche a %e. Ne leggo un /o7 /er do2ere, %a non %i dice niente che non %i de/ri%a e non %i annoi. 6e liti di /a/i e di re, le guerre e le /estilen*e che rie%/iono ogni /agina, gli uo%ini se%/re cosE inetti, -uasi %ai nessuna donna... sono da22ero stancanti: tutta2ia /enso s/esso che sia strano che la storia /ossa essere tanto noiosa, /erchI in gran /arte de27essere in2en*ione. " discorsi che 2engono %essi sulle labbra degli eroi, /er ese%/io, i loro /ensieri, i loro /rogetti... /er la %aggior /arte debbono essere &rutto di in2en*ione, e l7n2en*ione D -uello che %i /iace di /iA negli altri libri0. ,Gli storici, -uindi, secondo lei0, disse la signorina Tilney, ,non hanno la %ano &elice con i 2oli della &antasia. Dis/iegano l7i%%agina*ione sen*a suscitare interesse. "o sono a//assionata di storia... e sono ben contenta di goder%i il &also con il 2ero. Nei &atti /rinci/ali gli storici hanno le loro &onti di in&or%a*ione in libri /iA antichi e in docu%enti che &orse sono attendibili -uanto lo D ogni cosa che non sia stata diretta%ente osser2ata; e, -uanto a -uei /iccoli abbelli%enti di cui lei /arla, sono abbelli%enti, e %i /iacciono in -uanto tali. Se un discorso D ben scritto, io lo leggo con /iacere, da chiun-ue sia stato &atto... e /robabil%ente lo leggo con /iacere /iA grande se D o/era del signor Fu%e o del signor $obertson che se &osse l7utentico discorso di #aractacus, Agricola o Al&redo il Grande0. ,6ei D a//assionata di storia[... Anche il signor Allen e %io /adre lo sono. E ho due &ratelli cui la storia non dis/iace. #osE tanti ese%/i di a%anti della storia nella %ia /iccola cerchia
8;

di a%ici, che cosa note2ole[ Di -uesto /asso, non do2rJ /iA a2er co%/assione /er gli scrittori di storia. Se alla gente /iace leggere i loro libri, benissi%o[ a darsi tanta /ena /er rie%/ire dei 2olu%oni che, co%e crede2o, nessuno a2rebbe %ai letto 2olentieri, &ar tanta &atica solo /er tor%entare ba%bini e ba%bine, %i D se%/re se%brato un destino assai duro; e sebbene sa/essi che era giusto e necessario, %i sono s/esso %era2igliata del coraggio di chi sede2a al /ro/rio ta2olo di la2oro con l7intento di scri2ere libri di storia0. ,#he i ba%bini e le ba%bine debbano essere tor%entati0, disse Fenry, ,D cosa che nessuno che conosca la natura u%ana nel suo stadio di ci2ili**a*ione /uJ negare, %a, in di&esa dei nostri /iA eccellenti storici, debbo osser2are che essi do2rebbero o&&endersi se non si su//onesse in loro anche uno sco/a /iA alto, e che sono /er&etta%ente -uali&icati, a %oti2o del loro %etodo e del loro stile, a tor%entare lettori assai /iA intelligenti e %aturi di anni. 9so il 2erbo ?tor%entare@, co%e ho notato che &a lei in luogo di ?istruire@, nella su//osi*ione che essi or%ai /ossano considerarsi sinoni%i0. ,6ei /ensa che io sia una sciocca a chia%are l7istru*ione un tor%ento, %a se lei, co%e D accaduto a %e, &osse stato abituato a 2edere dei /o2eri ba%bini che i%/arano a leggere e a scri2ere; se lei a2esse 2isto -uanto /ossono a//arire instu/iditi /er l7intera durata di una %attina, e -uanto sia stanca alla &ine della %attinata la %ia /o2era %adre, cosa che io 2edo -uasi ogni giorno, nella %ia 2ita do%estica, allora /otrebbe con2enire che ?tor%entare@ e ?istruire@ /ossano talora essere usati co%e sinoni%i0. ,\ /robabile. a non si de2e &ar carico agli storici della di&&icoltC di i%/arare a leggere; e anche lei, che /eraltro non se%bra /articolar%ente /ortata 2erso una se2era e rigida a//lica*ione allo studio, &orse /otrC arri2are a riconoscere che D /re&eribile essere tor%entati /er due o tre anni della /ro/ria 2ita, /er il /iacere di essere ca/aci di leggere /er tutto il resto di essa. #onsideri... se non si i%/arasse a leggere, la signora $adcli&&e a2rebbe scritto in2ano... o %agari non a2rebbe scritto a&&atto0. #atherine assentE... e l7argo%ento &u chiuso con un suo caldissi%o /anegirico dei %eriti di -uella signora... " Tilney /oi si i%/egnarono nella discussione di un altro argo%ento su cui ella non a2e2a nulla da dire. Guarda2ano la ca%/agna con l7occhio di /ersone abituate a disegnare e %edita2ano sulla /ossibilitC di ri/rodurla in /ittura, con tutto il calore di chi ha un 2ero gusto /er la %ateria. Su -uesto argo%ento #atherine era /erduta. Non sa/e2a nulla di disegno... nulla di gusto:... li ascolta2a con un7atten*ione che le reca2a /ochissi%o /ro&itto, /oichI si es/ri%e2ano con &rasi che non a2e2ano -uasi alcun senso /er lei. Suel /oco che /ote2a ca/ire, co%un-ue, le se%bra2a che &osse in contraddi*ione con le /oche no*ioni che sulla %ateria a2e2a /recedente%ente ac-uisito. Se%bra2a che una bella 2ista non &osse /iA -uella che si gode2a dalla ci%a di un7 alta collina, e che un cielo a**urro non &osse /iA /ro2a di una bella giornata. Si 2ergogna2a di cuore della sua ignoran*a: una 2ergogna &uori luogo. Suando la gente desidera &are col/o, de2e se%/re essere ignorante. Presentarsi co%e /ersone aggiornate signi&ica essere inca/aci di soddis&are la 2anitC degli altri: cosa che una /ersona sensibile do2rebbe se%/re e2itare. S/ecial%ente una donna, se ha la s&ortuna di sa/ere -ualcosa, do2rebbe se%/re &are in %odo di nasconderlo %eglio che /uJ. " 2antaggi della naturale sce%/iaggine di una bella &anciulla sono stati giC descritti dalla straordinaria /enna di un7altra autrice; /er rendere giusti*ia agli uo%ini, tutta2ia, debbo soltanto aggiungere che, sebbene la %aggior /arte di essi, e in /articolare i /iA sciocchi, ritengano che la stu/idaggine &e%%inile sia una grande occasione /er /orre in rilie2o il loro &ascino /ersonale, c7D una /arte di loro che D tro//o intelligente e tro//o colta /er non
88

desiderare in una donna -ualcosa di /iA della se%/lice ignoran*a. a #atherine non conosce2a la sua &ortuna... non sa/e2a che una bella &anciulla, con un cuore a%ore2ole e una %ente ignorante, non /uJ non attrarre un gio2ane intelligente, a %eno che le circostan*e non siano /articolar%ente a22erse. Nelle /resenti circostan*e, ella con&essJ e la%entJ la sua %ancan*a di conoscen*e sull7argo%ento: dichiarJ che a2rebbe dato -ualsiasi cosa /er essere ca/ace di disegnare; ne seguE i%%ediata%ente una sorta di con&eren*a sul /ittoresco in cui gli insegna%enti di lui &urono cosE chiari che ella co%inciJ /resto a scorgere la belle**a in ogni cosa che egli a%%ira2a e si di%ostrJ cosE ricetti2a che egli &u total%ente soddis&atto di lei e del suo innato buon gusto. ParlJ di /ri%i /iani, di ca%/o 2isi2o, di secondi /iani, di -uinte e /ros/etti2e... luci e o%bre... e #atherine &u un7allie2a cosE /ro%ettente che, -uando arri2arono in ci%a al Heechen #li&&, di sua 2olontC considerJ l7intera cittC di Hath indegna di &ar /arte del /aesaggio. $allegrato dai /rogressi di lei e ti%oroso di annoiarla con tro//a sa/ien*a tutta in una 2olta, Fenry accondiscese a lasciar da /arte l7argo%ento e /assando da un /e**o di roccia e un ra%o di -uercia rinsecchita che egli stesso 2i a2e2a siste%ato in ci%a, alle -uerce in generale, alle &oreste, alla recin*ione delle &oreste, alle terre incolte, alle terre de%aniali e della corona, arri2J ra/ida%ente a /arlare di /olitica e, dalla /olitica al silen*io il /asso &u bre2e. )u #atherine che /ose &ine alla /ausa che era succeduta alla bre2e dis-uisi*ione sullo stato della na*ione, dicendo in tono /iuttosto solenne -ueste /arole: ,Fo sentito dire che 6ondra D in attesa di -ualcosa di tre%endo0. 6a signorina Tilney, alla -uale /rinci/al%ente era diretto -uesto discorso, sobbal*J, re/licando in &retta: ,Da22ero. E di che ti/o.0 ,Suesto non lo so, nI so chi ne sarC l7autore. Fo solo sentito dire che sarC la cosa /iA orribile che abbia%o a2uto &ino a oggi0. ,Huon Dio[... E co%e ha sa/uto una cosa del genere.0 ,Ne ha a2uto noti*ia ieri una %ia a%ica in una lettera che ha rice2uto da 6ondra. SarC una cosa 2era%ente tre%enda. #i do2re%%o as/ettare, /enso, assassini e ogni genere di cose di -uesto ti/o0. ,Ne /arla con una cal%a straordinaria[ a s/ero che le noti*ie della sua a%ica siano esagerate... E se un tale /iano D noto in antici/o saranno sen*a dubbio /rese dal go2erno acconce %isure /er i%/edire che un /iano si%ile 2enga /ortato a co%/i%ento0. ,"l go2erno0, disse Fenry cercando di non sorridere, ,non ha nI il desiderio nI l7audacia di inter&erire in tali &accende. Debbono esserci uccisioni e al go2erno non interessa -uante siano0. 6e signore lo &issarono e lui rise aggiungendo: ,Su22ia, &arJ in %odo che 2i ca/iate l7una con l7altra in2ece di lasciare che continuiate a giocare agli indo2inelli co%e state &acendo... No, sarJ nobile. Pro2erJ a %e stesso che sono un uo%o non %eno generoso che intelligente. Non ho /a*ien*a con -uelli del %io sesso -uando disdegnano di abbassarsi &ino a essere ca/iti dal 2ostro. )orse l7intelligen*a delle donne non D nI acuta nI 2igorosa nI /ers/icace. )orse le donne /ossono %ancare di ca/acitC di osser2a*ione, di discerni%ento, di &uoco, di genio, di s/irito0. ,Signorina orland, non &accia caso a -uello che dice... %a abbia la bontC di soddis&are la %ia curiositC su -uesta s/a2entosa ri2olta0. ,$i2olta.... Suale ri2olta.0 , ia cara Eleanor, la ri2olta D solo nel tuo cer2ello. 6a con&usione D i%/ressionante. 6a signorina orland non ha /arlato di nulla di /iA s/a2entoso che di un nuo2o libro che sta
83

/er uscire, in tre 2olu%i in dodicesi%o di duecentosettantasei /agine ciascuno con un &rontes/i*io nel /ri%o 2olu%e con due /ietre to%bali e una lanterna... #a/isci.... E lei, signorina orland... la %ia sciocca sorella ha &rainteso tutte le sue chiarissi%e es/ressioni. 6ei ha /arlato di orrori che erano attesi a 6ondra... e in2ece di ca/ire istantanea%ente, co%e ogni creatura ra*ionale a2rebbe do2uto &are, che -ueste /arole a2rebbero do2uto ri&erirsi solo a una biblioteca circolante, si D i%%ediata%ente ra&&igurata una &olla di tre%ila uo%ini radunata a St. George7s )ield, la Hanca centrale attaccata, la Torre %inacciata, le strade di 6ondra inondate di sangue, un distacca%ento del dodicesi%o cor/o di ca2alleria leggera dei dragoni Mla s/eran*a della na*ioneN richia%ato da Northa%/ton /er res/ingere gli insorti e il /rode ca/itano )rederic( Tilney, al %o%ento della carica alla testa delle sue tru//e, sbal*ato da ca2allo a causa di un col/o di %attone tirato da una &inestra in alto. Perdoni la sua stu/iditC. 6e /aure di una sorella si sono aggiunte alle debole**e della donna, %a in genere non D cosE sciocca0. #atherine era %olto seria. ,Adesso che hai &atto in %odo che ci ca/issi%o tra di noi, Fenry0, disse la signorina Tilney, ,de2i /orre lo stesso i%/egno a &ar sE che la signorina orland ca/isca te... altri%enti /enserC che tu sia intollerabil%ente sgarbato con tua sorella e che la tua o/inione delle donne in generale sia -uella di un uo%o assai ro**o. 6a signorina orland non D abituata ai tuoi strani %odi0. ,SarJ &elicissi%o di &ar sE che ci si abitui %eglio0. ,Non ne dubito... %a -uesto non s/iega -uel che D accaduto adesso0. ,E che cosa debbo &are.0 ,6o sai che cosa do2resti &are. S/iegarle bene -ual D il tuo carattere. Dille che hai un7o/inione assai alta delle ca/acitC intellettuali delle donne0. ,Signorina orland, ho un7o/inione assai alta della ca/acitC intellettuali di tutte le donne del %ondo... s/ecial%ente di -uelle... do2un-ue esse siano... con le -uali %i tro2o0. ,Suesto non D su&&iciente. Sii /iA serio0. ,Signorina orland, nessuno /uJ a2ere un7o/inione /iA alta delle ca/acitC intellettuali delle donne di -uella che ho io. Secondo %e la natura ha dato loro tro//a intelligen*a, tanto che esse non tro2ano %ai necessario usarne /iA della %etC0. ,Non ne ca2ere%o niente di /iA serio, adesso. Non D dis/onibile alla serietC, in -uesto %o%ento, %a le assicuro che se %ai si /ensasse che D ca/ace di dire -ualcosa di ingiusto riguardo a una -ualsiasi donna o di /oco gentile nei %iei con&ronti, sarebbe 2era%ente in errore0. Non &u uno s&or*o /er #atherine credere che Fenry Tilney non /otesse %ai sbagliare. " suoi %odi /ote2ano tal2olta sor/rendere, %a le sue inten*ioni do2e2ano se%/re essere rette: -uello che lei non ca/i2a era co%un-ue /ronta ad a%%irarlo tanto -uanto -uello che ca/i2a. 6a /asseggiata nel suo insie%e &u deli*iosa, e sebbene &osse &inita tro//o /resto, anche la sua conclusione &u deli*iosa... " suoi a%ici la acco%/agnarono in casa e la signorina Tilney, /ri%a di lasciarla, ri2olgendosi ris/ettosa%ente sia alla signora Allen sia a #atherine, richiese il /iacere della co%/agnia di -uest7ulti%a a /ran*o, due giorni do/o. Da /arte della signora Allen non &u &atta alcuna di&&icoltC... e la sola di&&icoltC di #atherine &u di nascondere la tro//a gioia. 6a %attinata era trascorsa in %odo cosE /iace2ole da bandire dalla sua %ente ogni ricordo di altre a%ici*ie e degli a&&etti &a%iliari: di&atti nessun /ensiero di "sabella o di 1a%es le a2e2a attra2ersato la %ente durante la /asseggiata. Suando i Tilney &urono andati 2ia, #atherine /ensJ di nuo2o a loro con a&&etto, %a /er un certo /eriodo la sua a%abilitC ebbe assai /oco
3=

e&&etto. 6a signora Allen, in&atti, non a2e2a noti*ie che /otessero alle2iare l7ansia di lei: non a2e2a sa/uto nulla di nessuno di loro. Kerso la &ine della %attinata #atherine, /rendendo a /retesto la necessitC di co%/rare sen*a un %o%ento di ritardo alcune yarde di nastro, andJ in centro e in Hond Street si i%battI nella seconda signorina Thor/e che /asseggia2a 2erso gli Edgar7s Huildings tra due delle /iA dolci &anciulle del %ondo che, /er tutta la %attina, erano state le sue /iA care a%iche. Da lei se//e che la gita a #li&ton a2e2a a2uto luogo. ,Sono /artiti alle otto -uesta %attina0, disse la signorina Anne, ,e certo non li in2idio a&&atto. Penso che lei e io abbia%o &atto /ro/rio bene a tenerci &uori da -uella gita... De2e essere la cosa /iA noiosa del %ondo, /erchI in -uesto %o%ento dell7anno a #li&ton non c7D un7ani%a. Helle era con suo &ratello e 1ohn ha condotto aria0. #atherine disse che le &ace2a 2era%ente /iacere di sentire che a2e2ano tro2ato -uesto acco%oda%ento. ,Oh, sE0, aggiunse l7altra, ,D andata aria. Era &olle dalla 2oglia di andare. Pensa2a che sarebbe stata una cosa bellissi%a. Non /osso dire di a%%irare il suo gusto, e da /arte %ia ero decisa &in dal /rinci/io a non andare, anche se hanno insistito %oltissi%o con %e0. #atherine, un /oco dubbiosa, non /otI &are a %eno di ris/ondere: ,Korrei tanto che a2esse /otuto andare anche lei. \ un /eccato che non siate /otuti andare tutti0. ,Gra*ie, %a la -uestione %i D assoluta%ente indi&&erente. Da22ero, non sarei 2oluta andare a nessun costo. 6o sta2o /ro/rio dicendo a E%ily e So/hia -uando lei ci ha raggiunte0. #atherine non era ancora del tutto con2inta, %a contenta che Anne a2esse l7a%ici*ia di una E%ily e di una So/hia /er consolarla, le &ece i suoi addii sen*a /ro2are /iA alcun disagio, contenta che la gita non a2esse subito /iA intralci a causa del suo ri&iuto di andare e desiderando di tutto cuore che /otesse essere cosE /iace2ole da non /er%ettere nI a 1a%es nI a "sabella di co2are ancora a lungo del risenti%ento /er il suo ri&iuto a /arteci/ar2i.

34

#apitolo quindicesimo
"l giorno do/o, /iuttosto /resto, un biglietto di "sabella, che trasuda2a /ace e tenere**a da ogni riga e che richiede2a l7i%%ediata /resen*a della sua a%ica /er una -uestione della %assi%a i%/ortan*a, &ece sE che #atherine si a&&rettasse, in un &elicissi%o stato di &iducia e di &elicitC, 2erso gli Edgar7s Huildings. 6e due /iA gio2ani signorine Thor/e erano da sole in salotto, e -uando Anne si allontanJ /er chia%are la sorella, #atherine colse l7o//ortunitC /er chiedere all7altra -ualche /articolare sulla gita del giorno /ri%a. aria non desidera2a altro che /arlarne e #atherine &u i%%ediata%ente in&or%ata che si era trattato del /iA deli*ioso /rogra%%a del %ondo, che nessuno a2rebbe %ai /otuto i%%aginare -uanto a&&ascinante &osse stato e che era stato /iA deli*ioso di -uanto nessuno /otesse /ensare. Sueste &urono le in&or%a*ioni dei /ri%i cin-ue %inuti; i secondi cin-ue %inuti ser2irono a &ornire %aggiori dettagli... #he si erano diretti subito allo Lor( Fotel, a2e2ano %angiato un /o7 di *u//a e a2e2ano ordinato che gli /re/arassero la cena di buon7ora; /oi erano scesi alla Pu%/ $oo%, a2e2ano assaggiato l7ac-ua e a2e2ano s/eso alcuni scellini in borsellini e ricordini &atti di /e**etti di %inerale. Poi erano andati in una /asticceria a /rendere un gelato, /oi erano corsi di nuo2o all7hotel e a2e2ano ingurgitato in &retta la cena /er e2itare di do2er guidare al buio. Poi a2e2ano &atto un deli*ioso 2iaggio di ritorno, solo che non c7era la luna e /io2e2a un /oco e il ca2allo del signor orland era cosE stanco che -uasi non ce la &ace2a ad andare a2anti. #atherine ascoltJ con autentica soddis&a*ione. A Hlai*e #astle e2idente%ente non a2e2ano ne//ure /ensato e, di tutto il resto, non c7era nulla che ri%/iangesse ne//ure /er %e**o %inuto. 6e in&or%a*ioni di aria si conclusero con una tenera e&&usione di /ietC /er la sorella Anne /er la -uale lei i%%agina2a &osse stato un dolore inso//ortabile essere esclusa dalla gita. ,Non %i /erdonerC %ai, ne sono certa, %a lei lo sa, co%e /ote2o e2itarlo. 1ohn 2ole2a che andassi io. Non a2rebbe %ai /ortato lei, /erchI ha le ca2iglie tro//o grosse. Fo /aura che non ritro2erC il suo buonu%ore /er tutto -uesto %ese, %a sono deter%inata a non &ar%ene una croce, non sarC certo una cosa tanto sciocca a &ar%i /erdere la tran-uillitC0. "sabella entrJ nella stan*a con /assi cosE i%/a*ienti e con l7as/etto di cosE &elice consa/e2ole**a che l7atten*ione dell7a%ica ne &u attratta. aria &u %andata 2ia sen*a ceri%onie e "sabella, abbracciata l7a%ica, co%inciJ a dire: ,...SE, %ia cara #atherine, D cosE da22ero: la tua intui*ione non ti ha ingannato... Oh[ che sguardo %ali*ioso il tuo[ Fai 2isto ogni cosa[0. #atherine ris/ose soltanto con un7occhiata di /er/lessa ignoran*a. ,No, %ia a%ata, %ia carissi%a a%ica0, continuJ l7altra, ,cal%ati. "o sono terribil%ente agitata, co%e 2edi. Sedia%oci e /arlia%o tran-uilla%ente. Hene, cosE tu l7hai indo2inato nel %o%ento in cui hai a2uto il %io biglietto.... #he creatura geniale[... Oh, %ia cara #atherine[ Solo tu che conosci il %io cuore /uoi giudicare la %ia attuale &elicitC[ Tuo &ratello D il /iA a&&ascinante degli uo%ini. "o 2orrei solo essere /iA degna di lui... a che cosa diranno il tuo eccellente /adre e tua %adre[... Oh cielo[ Sono cosE agitata -uando /enso a loro[0. 6a co%/rensione di #atherine co%incia2a a ris2egliarsi, le balenJ nella %ente all7i%/ro22iso un7idea della 2eritC e arrossendo /er la nuo2a e%o*ione escla%J: ,Santo cielo[ ia cara "sabella, che 2uol dire. \ /ossibile... D /ro/rio /ossibile che tu sia
3+

inna%orata di 1a%es.0. Suesta audace i/otesi, tutta2ia, non co%/rende2a, ella lo a//rese /resto, altro che %e**a storia. "l /ro&ondo a&&etto che era stata accusata di a2er continua%ente osser2ato in ogni sguardo e in ogni a*ione di "sabella, nel corso della gita del giorno /recedente a2e2a rice2uto la gradita con&essione d7un uguale a%ore. "l suo cuore e la sua &ede erano -uindi i%/egnati con 1a%es... #atherine non a2e2a %ai sentito niente di /iA interessante, di /iA %era2iglioso, di /iA gioioso. Suo &ratello e la sua a%ica &idan*ati[ Nuo2a a -uesto genere di circostan*e, la cui i%/ortan*a le se%bra2a indicibil%ente grande, conte%/lJ l7e2ento co%e uno di -uelli cosE ecce*ionali che l7ordinario corso della 2ita di&&icil%ente ne dona una re/lica. Non riuscE -uasi a es/ri%ere la &or*a dei suoi senti%enti, la natura dei -uali, co%un-ue, rese &elice la sua a%ica. 6a &elicitC di a2ere una tale sorella &u la loro /ri%a e&&usione e le due belle &anciulle %escolarono agli abbracci lacri%e di gioia. Nonostante #atherine &osse sincera%ente &elice all7idea di i%/arentarsi con "sabella, 2a co%un-ue detto che "sabella la sor/assa2a di gran lunga -uanto a tenere antici/a*ioni... , i sarai in&inita%ente /iA cara, %ia #atherine, di Anne e di aria: sento che sarJ /iA attaccata alla %ia cara &a%iglia orland che alla %ia stessa &a%iglia0. Suesta 2etta di a%ici*ia era /erJ al di lC delle ca/acitC di #atherine. ,Sei cosE uguale al tuo caro &ratello0, /roseguE "sabella, ,che %i sono a&&e*ionata a te -uasi dal /ri%o %o%ento che ti ho 2ista. a a %e succede se%/re cosE: D il /ri%o %o%ento che decide tutto. "l /ri%o giorno che orland 2enne da noi, lo scorso Natale, /ro/rio il /ri%o %o%ento che lo 2idi, il %io cuore &u co%/leta%ente /erduto. $icordo che indossa2o il %io abito giallo e a2e2o i ca/elli intrecciati e rial*ati sul ca/o e, -uando lui entrJ in salotto e 1ohn ce lo /resentJ, /ensai che non a2e2o %ai 2isto nessuno cosE bello /ri%a di lui0. A -uesto /unto #atherine si accorse in cuor suo di -uale /otere a2esse l7a%ore, /erchI, /er -uanto lei 2olesse bene al &ratello e &osse /ar*iale nei con&ronti di tutte le doti di lui, non a2e2a %ai in 2ita sua /ensato che &osse bello. ,$icordo anche che -uella sera c7era con noi /er il tD la signorina AndreGs che indossa2a un abito di seta leggera color /ulce ed era cosE gra*iosa che /ensai che tuo &ratello si sarebbe certa%ente inna%orato di lei e -uella notte, a -uesto /ensiero, non ho /otuto dor%ire neanche un %inuto. Oh, #atherine[ Suante notti insonni ho /assato /er col/a di tuo &ratello[ Non 2orrei che tu so&&rissi la %etC di -uello che ho so&&erto io[ Sono di2entata s/a2entosa%ente %agra, %a non 2oglio /ro/rio descri2erti -uanto sono stata in ansia: l7hai 2isto abbastan*a da te. Fo l7i%/ressione di esser%i tradita in continua*ione:... /arlare /er ese%/io in %odo cosE a/erto della %ia debole**a /er la chiesa... %a il %io segreto, co%un-ue, con te D stato se%/re al sicuro0. #atherine /ensJ che niente a2rebbe /otuto essere /iA al sicuro, e si 2ergognJ di essere stata cosE sciocca da non ca/ire nulla, cosa che l7altra non /are2a neanche i%%aginare. Non osJ tutta2ia contestare le a&&er%a*ioni di "sabella nI ri&iutare l7idea di essere stata cosE /iena di acuta /enetra*ione e di a&&e*ionata si%/atia -uanto "sabella a2e2a deciso di /ensare. Sco/rE che suo &ratello si sta2a /re/arando a /artire con tutta la 2elocitC /ossibile /er )ullerton /er in&or%are la &a%iglia e chiederne il consenso e ciJ era &onte di autentica agita*ione /er "sabella. #atherine tentJ di /ersuaderla, co%e lei stessa era /ersuasa, che il /adre e la %adre non si sarebbero %ai o//osti ai desideri del &iglio... ,\ i%/ossibile0, disse, ,/er due genitori essere /iA a&&ettuosi o /iA desiderosi della &elicitC dei loro &igli: non ho dubbi che acconsentiranno i%%ediata%ente0. , orland %i ha detto esatta%ente la stessa cosa0, re/licJ "sabella, ,tutta2ia non oso
3:

as/ettar%elo: la %ia sostan*a D cosE /iccola che non /otranno %ai acconsentire al %atri%onio. Tuo &ratello, che /otrebbe s/osare chiun-ue[0. E -ui #atherine intra2ide di nuo2o la &or*a dell7 a%ore. ,Da22ero, "sabella, sei tro//o %odesta... 6a di&&eren*a di %e**i non ha nessun signi&icato0. ,Oh, %ia dolce #atherine, nel tuo cuore generoso so che non signi&ica nulla, %a non dobbia%o as/ettarci un tale disinteresse in tutti. Suanto a %e, sono sicura che 2orrei soltanto che la situa*ione &osse in2ersa. Se io /ossedessi %ilioni, se tutto il %ondo &osse %io, la %ia unica scelta sarebbe tuo &ratello0. Suesti gentili senti%enti, racco%andabili sia /er il buon senso sia /er la no2itC, &ornirono a #atherine il /iacere del ricordo di tante eroine di sua conoscen*a e le 2enne &atto di /ensare che la sua a%ica non le era %ai se%brata cosE bella co%e -uando a2e2a es/resso -uell7alto sentire... ,Sono sicura che acconsentiranno0, &u la sua dichiara*ione /iA &re-uente. ,Sono sicura che /iacerai loro %oltissi%o0. ,Da /arte %ia0, disse "sabella, ,i %iei desideri sono cosE %odesti che la /iA /iccola delle entrate sarebbe abbastan*a /er %e. Suando due /ersone sono 2era%ente a&&e*ionate, la stessa /o2ertC di2enta ricche**a. Detesto il lusso e non 2orrei abitare a 6ondra /er niente al %ondo. 9n cottage in -ualche 2illaggio &uori %ano sarebbe /er %e il %assi%o della gioia. #i sono delle 2illette cosE carine nei /ressi di $ich%ond[0. ,$ich%ond[0, escla%J #atherine, ,%a do2ete siste%ar2i 2icino a )ullerton. Do2ete stare 2icino a noi0. ,Sono certa che se non lo &acessi %i sentirei in&elice. Se /osso stare 2icino a te sarJ in2ece certa%ente &elice. a -ueste sono 2era%ente 2ane /arole[ Non %i /er%etterJ di /ensare a cose di -uesto genere &ino a che non a2re%o la ris/osta di tuo /adre. orland dice che s/edendola -uesta sera stessa a Salisbury, /ossia%o rice2erla do%ani. Do%ani[... So giC che non a2rJ %ai il coraggio di a/rire la lettera. So giC che /er %e sarC la %orte0. A -uesta con2in*ione tenne dietro una /ausa di sogno a occhi a/erti... e -uando "sabella /arlJ di nuo2o, &u /er decidere sul suo 2estito da s/osa. 6a loro chiacchierata &u interrotta dallo stesso ansioso gio2ane inna%orato che 2enne a sos/irare il suo addio /ri%a di /artire /er il Biltshire. #atherine 2ole2a congratularsi con lui, %a non sa/e2a che dire e tutta la sua elo-uen*a si concentrJ negli occhi. Da essi, co%un-ue, le otto /arti del discorso, e%ersero con tutta la lora /regnan*a e 1a%es le rico%binJ con &acilitC. "%/a*iente /er la reali**a*ione di tutto ciJ che s/era2a di ottenere a casa, i suoi saluti non &urono lunghi e sarebbero stati, an*i, ancora /iA bre2i, se non &osse stato &re-uente%ente &er%ato dagli in2iti continui della sua bella ad andarsene. Per ben due 2olte era -uasi arri2ato alla /orta e ne &u richia%ato indietro a causa delle sollecita*ioni di lei ad andare. ,Da22ero, orland, de2o %andarla 2ia. #onsideri -uanto de2e ca2alcare. Non /osso so//ortare che lei indugi cosE a lungo. Per a%or del cielo, non /erda altro te%/o. Ecco, 2ada, 2ada... "nsisto che 2ada0. 6e due a%iche, con i cuori ora /iA che %ai uniti, &urono inse/arabili /er tutto il giorno e nei /rogetti di &elicitC &raterna le ore 2olarono. 6a signora Thor/e e suo &iglio, che erano a conoscen*a di ogni cosa e che se%bra2ano solo desiderare il consenso del signor orland /er considerare il &idan*a%ento di "sabella co%e la /iA &ortunata delle circostan*e i%%aginabili /er la loro &a%iglia, ebbero il /er%esso di unirsi ai loro conciliaboli e aggiunsero la loro -uota di sguardi signi&icati2i e di es/ressioni /iene di %istero &ino a col%are la %isura della curiositC che era stata ris2egliata dagli e2enti nelle /iA gio2ani sorelle che non a2e2ano a2uto il /ri2ilegio di conoscerli. Secondo la se%/lice %entalitC di
35

#atherine, -uesta strana sorta di riserbo non era nI gentile nI sensata e si sarebbe di&&icil%ente trattenuta dal dire ciJ che ne /ensa2a se l7inconsisten*a del segreto non l7a2esse resa cosa inutile: di&atti Anne e aria contribuirono /resto a %etterle il cuore in /ace con l7aria &urbetta con cui se%bra2ano dire ?so -uello che sta succedendo@ e tutta la sera trascorse in una sorta di guerra di intelligen*a e in un7esibi*ione di ingenuitC &a%iliare: da una /arte nel %istero di un &into segreto e dall7 altra in -uello di una sco/erta inde&inita. Tutt7e due le cose ugual%ente colorite di sagacia. #atherine trascorse con l7a%ica anche il giorno seguente, cercando di sostenerne l7ani%o %entre as/etta2ano che trascorressero le lunghe ore di tedio /ri%a che 2enisse consegnata la /osta; un eserci*io necessario /erchI, %an %ano che si a22icina2a il te%/o di una ragione2ole as/ettati2a, "sabella si a22ili2a se%/re di /iA; e /ri%a che la lettera &osse arri2ata, a2e2a &atto in %odo di ridursi in uno stato di autentica dis/era*ione. a -uando arri2J, o2e %ai si /ote2a /iA tro2are la dis/era*ione. ,Non ho a2uto di&&icoltC a ottenere il consenso dei %iei cari genitori che %i hanno /ro%esso che &aranno tutto ciJ che D in loro /otere /er la %ia &elicitC0, erano le /ri%e tre righe della lettera e in un solo %o%ento tutto di2enne gioiosa sicure**a. 6e &atte**e di "sabella subitanea%ente brillarono d7un sorriso lu%inoso, tutti i ti%ori, le ansie e le angosce se%bra2ano essersi allontanate, il suo s/irito di2enne -uasi tro//o lieto /er /oterlo controllare e sen*a esita*ioni ella si de&inE la /iA &elice dei %ortali. 6a signora Thor/e, con lacri%e di gioia, abbracciJ la &iglia, il &iglio, l7os/ite, e a2rebbe abbracciato con soddis&a*ione anche %etC degli abitanti di Hath. "l suo cuore era so/ra&&atto dalla tenere**a. Ogni /arola era seguita o /receduta da un ?caro@: ,caro 1ohn0, ,cara #atherine0... ,la cara Anne e la cara arie0 Mche do2e2ano i%%ediata%ente condi2idere la loro &elicitCN; e i due ?cara, cara@ che /recede2ano il no%e di "sabella ogni 2olta che 2eni2a /ronunciato, non erano niente di /iA di -uanto l7a%ata &igliola si era ben guadagnato. 6o stesso 1ohn non si di%ostra2a %eno allegro. Non solo dedicJ al signor orland l7alto riconosci%ento di essere una delle /iA bra2e /ersone del %ondo, %a, in -ualitC di lode, lo grati&icJ di una -uantitC di i%/reca*ioni. 6a lettera da cui era deri2ata tanta &elicitC era bre2e e contene2a /oco /iA della assicura*ione del successo: ogni /articolare era stato ri%andato a -uando 1a%es a2esse di nuo2o scritto. Per i /articolari, co%un-ue, "sabella era dis/osta ad a&&rontare l7attesa. Tutto -uello che occorre2a era co%/reso nelle /ro%esse del signor orland che si era i%/egnato a rendere le cose &acili; co%e do2essero essere &or%ate le loro entrate, se do2essero essere 2endute delle terre o dei titoli 2enire sca%biati, era &accenda di cui il suo s/irito disinteressato non 2ole2a /rendersi cura. Sa/e2a abbastan*a /er sentirsi sicura di una onore2ole e 2eloce siste%a*ione e la sua i%%agina*ione /rese un ra/ido 2olo 2erso l7attesa &elicitC. Kide se stessa, in ca/o a /oche setti%ane, a%%irata da tutte le nuo2e conoscen*e di )ullerton, in2idiata da ogni 2ecchio caro a%ico di Putney, con una carro**a ai suoi ordini, un nuo2o no%e sui biglietti da 2isita e una rilucente %ostra di anelli alle dita. Suando il contenuto della lettera &u noto, 1ohn Thor/e, che l7a2e2a as/ettata /ri%a di andare a 6ondra, si /re/arJ a /artire. ,Ebbene, signorina orland0, disse, tro2andola sola in salotto, ,sono 2enuto a dirle arri2ederci0. #atherine gli augurJ buon 2iaggio. Sen*a %ostrare di a2erla sentita, egli si diresse 2erso la &inestra, &ece -ualche /asso /er la stan*a e &ischiettJ una can*oncina a//arendo intera%ente /reso dai suoi /ensieri. ,Non &arC tardi /er arri2are a De2i*es.0, disse #atherine. 6ui non ri/ose, %a do/o un certo silen*io es/lose con: ,Gran bella cosa -uesto %atri%onio, /er l7ani%a %ia[ 9n bello
3<

scher*o di orland e Helle[ #he ne /ensa signorina orland. "o dico che non D una catti2a tro2ata0. ,Sono sicura che D una cosa otti%a0. ,Pensa.... Suesta D una ris/osta onesta, giusto cielo[ Sono contento che co%un-ue lei non sia ne%ica del %atri%onio. Fa %ai sentito -uella 2ecchia can*one che dice ?Do/o un %atri%onio ne 2iene un altro@. 6ei 2errC al %atri%onio di Helle, s/ero0. ,SE, ho /ro%esso a sua sorella di esserle 2icina, se /ossibile0. ,Allora lo sa0, disse agitandosi e s&or*andosi di ridere sciocca%ente, ,io dico, lo sa, /otre%%o /ro2are la 2eritC di -uella 2ecchia can*one0. ,Potre%%o cosa.... a io non canto %ai. Hene, le auguro buon 2iaggio. Pran*o con la signorina Tilney, oggi, e debbo /ro/rio andare a casa adesso0. ,No, non c7D tanta &retta... #hissC -uando /otre%o stare insie%e un7altra 2olta.... Non tornerJ /ri%a di due setti%ane, e due setti%ane %i se%brano un te%/o dannata%ente lungo0. ,E allora /erchI sta 2ia cosE a lungo.0, re/licJ #atherine, ca/endo che lui si as/etta2a la do%anda. ,\ %olto gentile da /arte sua, co%un-ue... gentile e generoso. Non lo di%enticherJ... 6ei ha un te%/era%ento buono /iA di chiun-ue altro al %ondo. olta bontC, e non solo bontC, %a tante altre cose, e /oi lei ha tal%ente... /er l7ani%a %ia... io non conosco nessuno co%e lei0. ,Oh, ci sono %olte /ersone co%e %e, e so/rattutto, oserei dire, assai %igliori di %e. Huon giorno0. ,Signorina orland, /otrei 2enire a /orgerle i %iei ris/etti a )ullerton, tra non %olto te%/o, se non le dis/iace0. ,6a /rego... io /adre e %ia %adre saranno %olto contenti di 2ederla0. ,S/ero, signorina orland, che a lei non dis/iacerC 2eder%i0. ,Oh, no, certo che no. #i sono /ochissi%e /ersone che %i dis/iace 2edere. 6a co%/agnia D se%/re cosE grade2ole0. ,\ /ro/rio -uello che /enso io: da%%i una co%/agnia grade2ole, la co%/agnia della gente a cui 2oglio bene, un /osto in cui %i /iace stare e con chi %i /iace, e che il dia2olo si /orti tutto il resto, dico io... Sono /ro/rio contento di sentire che lei dice la stessa cosa. i /are, signorina orland, che lei e io la /ensia%o in %odo %olto si%ile in tante cose0. ,)orse, %a non ci ho %ai /ensato. E riguardo alle tante cose di cui lei /arla, a dire il 2ero, non ci sono %olte cose su cui io so esatta%ente co%e la /enso0. ,Per Gio2e[ Ne%%eno io. Non D il %io siste%a, -uello di ro2inar%i il cer2ello con le cose che non %i riguardano. 6a %ia idea delle cose D abbastan*a se%/lice. Date%i una raga**a che %i /iace, una casa con&orte2ole sulla testa, e cosa %i i%/orta del resto. 6a ricche**a non D niente. "o /er conto %io ho la certe**a di una buona entrata e se lei non ha un soldo, tant7D0. ,Kerissi%o. Sui la /enso /ro/rio co%e lei. Se c7D ricche**a da una /arte non c7D necessitC che ci sia anche dall7altra, non i%/orta chi dei due ce l7ha, /urchI sia abbastan*a /er 2i2ere. Odio l7idea di una grande ricche**a che cerca altra ricche**a. S/osarsi /er denaro /enso che sia la cosa /eggiore della 2ita... Huon giorno... Sare%o contentissi%i di 2ederla a )ullerton0. E se ne andJ. Tutta la galanteria di lui non ebbe il /otere di trattenerla ancora. #on tali noti*ie da co%unicare e una tale 2isita da /re/arare, la sua /arten*a non a2rebbe /otuto essere ritardata da nulla che lui &osse in grado di dirle e -uindi si a&&rettJ ad andarsene lasciandolo con la non condi2isa idea di a2erle ri2olto &rasi di grande gentile**a e di a2erne
3>

a2uto in ca%bio il /iA es/licito incoraggia%ento. 67agita*ione che a2e2a s/eri%entato su se stessa a//ena a//resa la noti*ia del &idan*a%ento del &ratello &ece sE che lei si as/ettasse una note2ole e%o*ione da /arte del signore e della signora Allen -uando a2esse co%unicato loro -uel %era2iglioso e2ento. Grande &u in2ece il suo disa//unto[ 67i%/ortante a22eni%ento, /er il -uale a2e2a s/recato %olte /arole di /re/ara*ione, tutti e due lo a2e2ano /re2isto &in da -uando il &ratello era arri2ato, e tutto ciJ che essi /ro2arono nell7occasione, &u es/resso nell7augurio che i due gio2ani &ossero &elici, con una sottolineatura, da /arte del gentiluo%o, della belle**a di "sabella, e, da /arte della signora, della sua grande &ortuna. Per #atherine &u una sor/rendente /ro2a di insensibilitC. #o%un-ue, la ri2ela*ione del grande segreto che 1a%es era andato a )ullerton il giorno /recedente, suscitJ una -ualche e%o*ione nella signora Allen. Non lo /otI sentir dire, in&atti, con cal%a, %a si ra%%aricJ ri/etuta%ente della necessitC che a2e2a i%/osto di tenerlo nascosto. A2rebbe 2oluto sa/ere delle inten*ioni di lui, e a2rebbe so/rattutto 2oluto 2ederlo /ri%a che /artisse, cosE a2rebbe /otuto disturbarlo con l7incarico di /ortare al /adre e alla %adre i suoi %igliori osse-ui e agli S(inner i suoi /iA cari saluti. T

3;

Libro secondo

38

#apitolo primo
6e as/ettati2e di gioia di #atherine riguardo alla sua 2isita in ilso% Street erano cosE ele2ate che la delusione &u ine2itabile: in&atti, sebbene ella &osse assai cortese%ente rice2uta dal generale Tilney e gentil%ente accolta da sua &iglia; sebbene Fenry &osse a casa e non ci &osse nessun altro os/ite, -uando se ne &u andata, /ur sen*a /assare tro//e ore a esa%inare i /ro/ri senti%enti, sco/rE che era andata al suo a//unta%ento /re/arata a godere di una &elicitC che in2ece non c7era stata. "n2ece di accrescersi durante la serata trascorsa insie%e, la sua a%ici*ia con la signorina Tilney le se%brJ an*i che si &osse addirittura ridotta a una %inore inti%itC; in2ece di 2edere Fenry Tilney /iA a suo agio in un ristretto gru//o &a%iliare, e /oterlo cosE conoscere %eglio, -uesti non a2e2a %ai /arlato cosE /oco e %ai era stato cosE /oco /iace2ole e, nonostante le grandi cortesie ri2oltele dal /adre... nonostante i suoi ringra*ia%enti, i suoi in2iti e i suoi co%/li%enti, era stato -uasi un sollie2o andarsene. 6a cosa le costitui2a un 2ero /roble%a. Non /ote2a essere col/a del generale Tilney, dal %o%ento che lui era cosE gentile e a2e2a di%ostrato un cosE buon carattere e /er di /iA era anche un uo%o assai a&&ascinante, cosa che non a%%ette2a dubbi dal %o%ento che era alto e bello e /adre di Fenry. 6ui non era res/onsabile /er la %ancan*a di s/irito dei suoi &igli o /er la sua %ancan*a di gioia in sua co%/agnia. 6a /ri%a cosa, lei s/era2a che &osse casuale; -uanto alla seconda era da i%/utare solo alla sua stu/iditC. "sabella, ascoltando i /articolari della 2isita, diede una s/iega*ione di2ersa: ,Era stato solo orgoglio, orgoglio, inso//ortabile boria e orgoglio[ 6ei a2e2a sos/ettato da lungo te%/o che la &a%iglia &osse di rango %olto ele2ato e adesso ne era certa. 9na tale insolen*a di co%/orta%ento co%e -uella della signorina Tilney non l7a2e2a %ai sentita in 2ita sua. Non &are gli onori di casa co%e &a chiun-ue sia solo bene educato[... #o%/ortarsi con la /ro/ria os/ite con tale /resun*ione[... Suasi non /arlarle[0. , a non D stato cosE tre%endo co%e tu dici, "sabella. Non c7D stata nessuna boria, an*i lei D stata %olto gentile0. ,Oh, non di&enderla[ E allora il &ratello, /ro/rio lui che se%bra2a esserti cosE a&&e*ionato[ Santo cielo[ Heh, i senti%enti di certe /ersone sono inco%/rensibili. E anche lui, -uasi non guardarti /er tutta la sera[0. ,Non ho detto cosE, solo che non se%bra2a di buon u%ore0. ,Suanto D dis/re**abile[ Tra tutte le cose di -uesto %ondo, l7incostan*a D -uella che a22erso di /iA. Ti consiglio di non /ensare /iA a lui, %ia cara #atherine, da22ero non D degno di te0. ,Non D degno[ Non credo che lui abbia %ai /ensato a %e0. ,\ /ro/rio -uello che intende2o dire: lui a te non /ensa a&&atto... 9na tale incostan*a[ Oh[ -uanto sono di2ersi tuo &ratello e il %io[ "n 2eritC credo /ro/rio che 1ohn abbia un cuore dei /iA costanti0. , a -uanto al generale Tilney, te lo assicuro, sarebbe stato i%/ossibile a chiun-ue co%/ortarsi con %e in %odo /iA cortese e con %aggiore atten*ione: se%bra2a che la sua unica /reoccu/a*ione &osse intrattener%i e &ar%i contenta0. ,6o so che lui non ha col/e. Non lo sos/etto di orgoglio. #redo che sia un autentico gentiluo%o. 1ohn ne /ensa assai bene, e il giudi*io di 1ohn...0. ,Hene, 2edrJ co%e si co%/ortano con %e -uesta sera. #i dobbia%o incontrare alle Sale0.
33

,E io debbo 2enire.0 ,Non 2uoi 2enire. "o /ensa2o che &osse giC deciso0. ,GiC, dal %o%ento che /ensi cosE, non /osso ri&iutarti nulla, %a non insistere /erchI io sia di buon u%ore /erchI il %io cuore, lo sai, D lontano una cin-uantina di %iglia. Suanto a dan*are, non %e ne /arlare ne%%eno: D &uori -uestione. #harles Fodges %i tor%enterC a %orte, lo so, %a io taglierJ corto. Dieci a uno che ne indo2inerC il %oti2o ed D esatta%ente -uello che 2oglio e2itare: /erciJ insisterJ a che tenga /er sI le sue congetture0. 67o/inione di "sabella riguardo ai Tilney non in&luen*J la sua a%ica: ella era sicura che non c7era stata insolen*a nei %odi del &ratello e della sorella e non /ensa2a /ro/rio che ci &osse alcun atteggia%ento di orgoglio nei loro cuori. 6a serata rico%/ensJ la sua &iducia. 6i incontrJ: l7una le es/resse la solita gentile**a e l7altro le ri2olse le stesse atten*ioni di se%/re. 6a signorina Tilney si diede %olto da &are /er restarle 2icina ed Fenry le chiese di ballare. A2endo sentito il giorno /ri%a in ilso% Street che il loro &ratello %aggiore, il ca/itano Tilney, era atteso da un %o%ento all7altro, #atherine non ebbe bisogno di chiedere il no%e di un gio2ane elegante e bello che non a2e2a %ai 2isto /ri%a e che adesso e2idente%ente era assie%e al gru//o dei Tilney. 6o guardJ con grande a%%ira*ione e /ensJ anche /ossibile che -ualcuno lo ritenesse /iA bello di suo &ratello, sebbene, ai suoi occhi, a2esse un7aria tro//o consa/e2ole di sI e un co%/orta%ento tro//o arrogante. "l suo gusto e i suoi %odi erano sen*a dubbio in&eriori a -uelli del &ratello, /erchI lei /otI sentirlo non solo /rotestare contro l7idea stessa di ballare, %a anche ridere a/erta%ente del &atto che Fenry lo ritenesse /ossibile. Da -uest7 ulti%a circostan*a si /uJ /resu%ere che, -ualun-ue &osse l7o/inione che a2e2a di lui la nostra eroina, l7a%%ira*ione di lui /er lei non era /ericolosa, co%un-ue non era tale da /rodurre ani%ositC tra i due &ratelli nI alcun ti/o di /ersecu*ione nei con&ronti della signora. 6ui non a2rebbe %ai /otuto essere l7istigatore dei tre ti/acci che, a22olti in un %antello, a2rebbero /otuto trascinarla in una carro**a che, tirata da -uattro ca2alli, sarebbe /artita a una 2elocitC incredibile. Nel &ratte%/o #atherine niente a&&atto disturbata dal /resenti%ento di si%ili disgra*ie, o co%un-ue di nessuna disgra*ia in assoluto, eccetto -uella di a2ere /oco s/a*io /er ballare, si di2ertE e /ro2J la gioia di se%/re con Fenry Tilney, ascoltando con occhi brillanti ogni cosa che lui dice2a e tro2ando lui irresistibile, lo di2enta2a anche lei. Alla &ine della /ri%a dan*a, il ca/itano Tilney si a22icinJ di nuo2o a loro, e, con %olta insoddis&a*ione di #atherine, trascinJ 2ia il &ratello. Si ritirarono a chiacchierare a bassa 2oce in un angolo e, sebbene la delicata sensibilitC di lei non /ro2asse nessun ti/o di allar%e i%%ediato e non /rendesse in considera*ione l7i/otesi che il ca/itano Tilney do2esse a2er sentito -ualche diceria calunniosa sul suo conto e che ora, nella s/eran*a di se/ararli /er se%/re, si stesse a&&rettando a co%unicarla al &ratello, tutta2ia non /otI a2ere il suo ca2aliere lontano dalla 2ista sen*a /ro2are una sensa*ione di disagio. 6a sua attesa durJ cin-ue %inuti e sta2a giC co%inciando a /ensare che durasse da un lungo -uarto d7ora -uando i due ritornarono e le &u data una s/iega*ione dalla richiesta di Fenry di sa/ere se /ensasse che la sua a%ica a2rebbe a2uto -ualche obie*ione a dan*are, dal %o%ento che suo &ratello sarebbe stato &elicissi%o di esserle /resentato. #atherine, sen*a esita*ione, re/licJ che era sicurissi%a che la signorina Thor/e non intendesse dan*are. 6a crudele re/lica &u tras%essa all7altro che i%%ediata%ente se ne andJ. ,Suo &ratello non se la /renderC, lo so0, disse lei, ,/erchI /ri%a l7ho sentito dire che detesta2a dan*are; %a D stato un /ensiero gentile, il suo. $itengo che abbia 2isto "sabella
4==

seduta e credo che abbia i%%aginato che /otesse desiderare di a2ere un ca2aliere, %a si D sbagliato, /erchI non 2uole dan*are /er nulla al %ondo0. Fenry sorrise e disse: ,Suanta /oca &atica le costa co%/rendere il %oti2o delle a*ioni altrui[0. ,PerchI.... #he cosa 2uol dire.0 ,#on lei non D %ai: ?#o%e D /ossibile che una /ersona di -uel ti/o /ossa 2enire in&luen*ata. #he cosa /otrC indurla ad agire in un %odo /iuttosto che in un altro tenendo /resente i senti%enti, l7etC, la situa*ione e le /robabili abitudini di 2ita. @, %a /iuttosto: ?#o%e /otrei io 2enire in&luen*ata. #he cosa /otrebbe indur%i ad agire cosE o cosE. @0. ,"o non la ca/isco0. ,Allora sia%o su basi diseguali, /erchI io la ca/isco /er&etta%ente0. ,Da22ero. Heh, sE, non sono in grado di /arlare cosE bene da render%i inco%/rensibile0. ,Hra2a[ 9na satira eccellente del linguaggio %oderno0. , a /er &a2ore %i dica cosa intende0. ,Debbo /ro/rio.... Kera%ente lo desidera.... 6ei non sa le conseguen*e; la cosa la %etterC in un terribile i%bara**o e certa%ente /orterC disaccordo tra noi0. ,No, no. Non succederC nI una cosa nI l7altra. Non ho /aura0. ,Hene allora: io intende2o dire solo che lei attribuisce il desiderio di %io &ratello di dan*are con la signorina Thor/e solo a una sua gentile inclina*ione dell7ani%o, e -uesto %i ha con2into che lei stessa D, -uanto a gentile**a d7ani%o, su/eriore a tutto il resto del %ondo0. #atherine a22a%/J e negJ, e le /re2isioni del gentiluo%o tro2arono una 2eri&ica. #7era tutta2ia -ualcosa, nelle /arole di lui, che la rico%/ensarono del disagio della con&usione e -uel -ualcosa occu/J la sua %ente cosE che /er -ualche te%/o si di%enticJ di /arlare e di ascoltare, e -uasi /er&ino in -uale luogo si tro2asse, &inchI, ris2egliata dalla 2oce di "sabella, al*J gli occhi e la 2ide che si /re/ara2a a incrociare le %ani, nella dan*a, con -uelle del ca/itano Tilney. "sabella scosse le s/alle e sorrise; e -uella &u l7unica s/iega*ione che in -uel %o%ento /otesse &ornire del suo straordinario 2olta&accia, %a ciJ non &u abbastan*a /erchI #atherine ca/isse e di conseguen*a ella es/resse il suo stu/ore al suo ca2aliere con se%/lici /arole. ,Non riesco a ca/ire co%e sia /otuto accadere. "sabella era cosE deter%inata a non dan*are[0. ,"sabella non ha %ai ca%biato idea /ri%a.0 ,Oh, %a /erchI... e suo &ratello[ Do/o -uanto lei gli a2e2a detto da /arte %ia, co%e ha /otuto solo /ensare di chiederglielo.0 ,Suanto a -uesto non %i sor/rendo. Dice di essere sor/resa dalla sua a%ica, -uindi anch7io, /er ciJ che concerne lei, debbo esserlo, %a -uanto a %io &ratello, la sua condotta in -uesta &accenda, debbo con&essare, D stata esatta%ente -uella che io /ensa2o che sarebbe stata. 6a belle**a della sua a%ica era un7attratti2a %olto e2idente, la sua &er%e**a, la conosce2a solo lei0. ,6ei sta ridendo, %a le assicuro che, in generale, "sabella D %olto &er%a0. ,\ /iA di -uanto si /ossa dire di chiun-ue. Essere se%/re &er%i, s/esso signi&ica essere ostinati. #edere tal2olta D segno di giudi*io e sen*a ri&erirsi a %io &ratello, /enso che la signorina Thor/e non ha certo &atto %ale a scegliere di cedere in -uesto %o%ento0. 6e due a%iche non riuscirono a tro2arsi insie%e /er chiacchierare con&iden*ial%ente altro che -uando tutte le dan*e &urono &inite; allora, %entre /asseggia2ano sottobraccio /er la sala, "sabella s/iegJ cosE il suo co%/orta%ento : ,Non %i %era2iglio della tua sor/resa, io
4=4

sono 2era%ente stanca da %orire. \ un tale chiacchierone[ Abbastan*a di2ertente, se non a2essi la %ente occu/ata con altre cose, %a a2rei dato il %ondo /ur di seder%ene tran-uilla0. ,Allora /erchI non l7hai &atto.0 ,Oh, %ia cara, sarebbe /arso cosE strano[ Tu sai -uanto io aborrisca da cose del genere. 67ho ri&iutato -uanto D stato /ossibile, %a non ha 2oluto accettare ri&iuti. Non hai idea di -uanto ha insistito. 67ho /regato di scusar%i, di tro2arsi un7altra da%a... a no, non lui: do/o a2er as/irato alla %ia %ano non c7era /ro/rio nessun7altra nella sala che a2rebbe /otuto solo /ensare di so//ortare. E non D che 2olesse esclusi2a%ente dan*are: 2ole2a /ro/rio dan*are con %e. #he sciocche**a[... Gli ho detto che a2e2a scelto la strada sbagliata /er con2incer%i, /erchI di tutte le cose al %ondo -uelle che odio di /iA sono le chiacchiere 2ane e i co%/li%enti e cosE... e cosE... allora ho ca/ito che non a2rei a2uto /ace &ino a che non %i &ossi al*ata /er ballare. "n /iA, /ensa2o che la signora Fughes, che %e l7ha /resentato, /otesse /rendersela a %ale se non balla2o e il tuo caro &ratello, ne sono certa, si sarebbe dis/iaciuto se io &ossi ri%asta seduta /er tutta la sera. Sono cosE contenta che sia &inita[ "l %io s/irito D stanchissi%o di ascoltare le sue sciocche**e e /oi... essendo un tale bel gio2ane, ho 2isto che a2e2a%o gli occhi di tutti addosso0. ,\ /ro/rio bello0. ,Hello. SE, credo. Oso dire che la gente /otrebbe a%%irarlo, %a non D il ti/o di belle**a che /iace a %e. Odio la costitu*ione robusta e gli occhi scuri in un uo%o. #o%un-ue D ben &atto. Tre%enda%ente /resuntuoso, ne sono certa. 67ho do2uto ri%ettere a /osto /arecchie 2olte, co%e sai che sono solita &are0. Suando le due gio2ani donne si incontrarono la 2olta seguente, a2e2ano un argo%ento /iA interessante da discutere. Era a//ena arri2ata la seconda lettera di 1a%es orland in cui erano intera%ente s/iegate le generose inten*ioni del /adre. 9n bene&icio ecclesiastico di cui il signor orland gode2a lui stesso, del 2alore di circa -uattrocento sterline l7anno, sarebbe stato assegnato al &iglio non a//ena a2esse a2uto l7etC /er assu%erlo; certo non era una sottra*ione da /oco alle entrate della &a%iglia e ne//ure una assegna*ione %isera /er uno solo di dieci &igli. 9na /ro/rietC /iA o %eno dello stesso 2alore &u co%un-ue assicurata a 1a%es co%e &utura ereditC. 1a%es, in -uella occasione, si es/resse in ter%ini di estre%a gratitudine e la necessitC di attendere tra i due e i tre anni /ri%a di /otersi s/osare, /ur se &onte di triste**a, era ciJ che lui si era as/ettato e la so//ortJ /ertanto sen*a scontento. #atherine, le cui as/ettati2e erano state 2aghe -uanto le sue idee sulle entrate del /adre, e il cui giudi*io a /ro/osito di -ueste cose era intera%ente ri%esso al &ratello, era /ro&onda%ente soddis&atta e si congratulJ di cuore con "sabella /erchI le cose si erano cosE ben siste%ate. ,\ da22ero &antastico0, disse "sabella gra2e in 2olto. ,"l signor orland si D co%/ortato da22ero otti%a%ente0, disse la gentile signora Thor/e guardando ansiosa%ente la &iglia. ,Korrei solo /oter &are altrettanto. Non ci si /ote2a as/ettare di /iA da lui. Se /enserC in &uturo di /oter &are di /iA, oso dire che lo &arC, /erchI sono certa che D un uo%o con un cuore eccellente. Suattrocento sterline sono da22ero un7entrata esigua /er ini*iare, %a i tuoi desideri, %ia cara "sabella, sono cosE %oderati, che non /ensi ne//ure a -uanto /oco 2uoi, %ia cara0. ,Non D /er %e che desidererei di /iA, %a non /osso so//ortare l7idea di &ar del %ale al %io caro orland &acendo sE che debba accontentarsi di una entrata che non basterebbe a una sola /ersona /er le necessitC della 2ita -uotidiana. Per %e non conta nulla: io non /enso %ai
4=+

a %e stessa0. ,6o so che non ci /ensi, %ia cara, e tro2erai se%/re la tua rico%/ensa nell7a&&etto che -uesto tuo %odo di essere ti /rocura da /arte di tutti. Non c7D %ai stata una &anciulla cosE a%ata da tutti co%e te e oso dire che -uando il signor orland ti 2edrC, %ia cara ba%bina... beh, non ti 2oglia%o a&&liggere, cara #atherine, /arlando di tali cose. "l signor orland si D co%/ortato in %odo %olto generoso, tu lo sai, "sabella. Fo se%/re sentito dire che D un uo%o eccellente, e non dobbia%o ne%%eno su//orre che se tu a2essi a2uto una sostan*a adeguata a2rebbe &atto di /iA, /erchI sono certa che D un uo%o di sentire assai liberale0. ,Nessuno /ensa del signor orland cose %iglior di -uelle che /enso io, ne sono certa. a tutti &anno i loro sbagli, e tutti hanno il diritto di &are -uel che 2ogliono col loro denaro0. #atherine &u &erita da -ueste insinua*ioni. ,Sono certa0, disse, ,che %io /adre ha /ro%esso tutto -uello che /ote2a /er%ettersi di dare0. "sabella si ri/rese. ,Suanto a -uesto, %ia dolce #atherine, non ci sono dubbi, e tu %i conosci abbastan*a bene da sa/ere che sarei altrettanto soddis&atta di una entrata ancora %inore. Non D il desiderio di a2ere /iA denaro che %i turba in -uesto %o%ento; odio il denaro e se la nostra unione /otesse a2er luogo subito, anche con solo cin-uanta sterline l7anno, non a2rei altri desideri. Ah[ %ia #atherine, tu %i ca/isci. \ il dolore /er i lunghi, lunghissi%i due anni e %e**o che debbono /assare /ri%a che tuo &ratello /ossa ottenere il bene&icio0. ,SE, sE, %ia cara "sabella0, disse la signora Thor/e, ,ca/ia%o bene i tuoi senti%enti. Non de2i &ingere. #a/ia%o /er&etta%ente la tua ansia e tutti noi ti a%ia%o di /iA /er -uesta tua nobile, onesta so&&eren*a0. 4 senti%enti di disagio di #atherine co%inciarono ad a&&ie2olirsi. Si s&or*J di credere che l7unica causa dei ri%/ianti di "sabella &osse il ritardo del %atri%onio ; e -uando nel loro incontro seguente la 2ide lieta e a%abile co%e se%/re, si s&or*J di di%enticare che /er un %inuto l7a2e2a creduta di2ersa. Presto 1a%es seguE la sua lettera e &u rice2uto con la /iA grati&icante gentile**a.

4=:

#apitolo secondo
Gli Allen erano or%ai arri2ati alla sesta setti%ana di soggiorno a Hath, e /er un certo te%/o &u dibattuta la -uestione se do2esse o no essere l7ulti%a; cosa che #atherine ascoltJ con il cuore in tu%ulto. Kedere cosE /resto la &ine della sua a%ici*ia con i Tilney era una disgra*ia che niente a2rebbe /otuto controbilanciare. 6a sua intera &elicitC, %entre la decisione ri%ane2a in sos/eso, le se%bra2a in gioco e tutto si rasserenJ -uando si stabilE di con&er%are /er altri -uindici giorni l7a&&itto della casa. #iJ che -ueste due setti%ane addi*ionali a2rebbero /rodotto in lei, oltre al /iacere di 2edere tal2olta Fenry Tilney, occu/J solo una /iccola /arte dei /ensieri di #atherine. 9na o due 2olte in&atti, dal %o%ento che il &idan*a%ento di 1a%es le a2e2a insegnato che cosa /otesse succedere, lei si era lasciata andare a indulgere a un segreto ?&orse@, %a in genere la &elicitC di essere con lui al te%/o /resente era il li%ite delle sue as/ettati2e. "l /resente adesso era co%/reso in altre tre setti%ane e la &elicitC di lei era certa /er -uel /eriodo: il resto della sua 2ita era a tale distan*a da non suscitarle grande interesse. Nel corso della %attinata che a2e2a 2isto la siste%a*ione di -uesta &accenda, si recJ a &ar 2isita alla signorina Tilney /er ri2ersare su di lei i /ro/ri senti%enti di gioia. a era destino che -uello &osse un giorno di dure /ro2e. A2e2a a//ena &inito di es/ri%ere la sua gioia /er il /rolunga%ento del soggiorno degli Allen, che la signorina Tilney le disse che il /adre a2e2a deciso di lasciare Hath alla &ine della setti%ana seguente. )u un col/o[ 67incerte**a /recedente se%brJ essere tran-uillitC e cal%a a /aragone della delusione /resente. "l 2olto di #atherine si incu/E e in una 2oce di sincera ansia ri/etI co%e un7eco le ulti%e /arole della signorina Tilney: ,Alla &ine della /rossi%a setti%ana[0. ,SE, %io /adre rara%ente si lascia con2incere a dare alle ac-ue -uello che io ritengo essere il te%/o necessario /er agire. \ /oi stato deluso nell7as/ettati2a di alcuni a%ici che a2rebbe 2oluto incontrare -ui e, dal %o%ento che sta abbastan*a bene, ha &retta di tornare a casa0. , i dis/iace %oltissi%o0, disse #atherine triste%ente. ,Se l7a2essi sa/uto /ri%a[0. ,)orse0, disse la signorina Tilney i%bara**ata, ,lei 2orrebbe essere cosE buona... %i renderebbe 2era%ente &elice se...0. 67ingresso del /adre %ise &ine a -uella cortesia che #atherine sta2a co%inciando a s/erare /otesse es/ri%ere il desiderio di una corris/onden*a. Do/o essersi ri2olto a lei con la sua usuale gentile**a, si 2oltJ 2erso la &iglia: ,Ebbene, Eleanor, /osso congratular%i con te /er il successo ri/ortato nella richiesta &atta alla tua bella a%ica.0 ,Sta2o /ro/rio co%inciando a chiederglielo, signore, -uando lei D entrato0. ,Hene, 2ai a2anti sen*7altro. ia &iglia, signorina orland0, continuJ sen*a lasciare a sua &iglia il te%/o di /arlare, ,ha &or%ulato un audace desiderio. Noi lascia%o Hath, co%e &orse le ha giC detto, do%enica alle otto. 9na lettera del %io intendente %i co%unica che la %ia /resen*a D necessaria a casa, e /oichI sono stato deluso nella %ia s/eran*a di 2edere -ui il %archese di 6ongtoGn e il generale #ourteney, alcuni dei %iei /iA 2ecchi a%ici, non c7D nulla che %i trattenga oltre a Hath. Se /otessi%o a2ere la sua a//ro2a*ione /er un nostro egoistico desiderio, noi /artire%%o sen*a alcun ri%/ianto. "n bre2e, /otrebbe essere con2inta a lasciare -uesta scena di /ubblici trion&i e &ar cosa gradita alla sua a%ica Eleanor &acendole co%/agnia nel Gloucestershire. Suasi %i 2ergogno a chiederglielo, sebbene -uesta /resun*ione /otrebbe se%brare %aggiore a ogni altra creatura -ui a Hath che non a
4=5

lei. 9na %odestia co%e la sua... %a /er niente al %ondo 2orrei %etterla a disagio con lodi es/licite. Se lei /otesse essere indotta a onorarci con una sua 2isita ci renderebbe indicibil%ente &elici. \ 2ero che non /ossia%o o&&rirle nulla di si%ile alla 2arietC di -uesta 2i2ace cittadina e non /ossia%o tentarla ne//ure con di2erti%enti o s/lendori, /erchI il nostro %odo di 2ita, co%e lei 2ede, D se%/lice e sen*a /retese, tutta2ia da /arte nostra non %ancherC alcun tentati2o /er &ar sE che l7Abba*ia di Northanger non le sia intera%ente sgradita0. 67Abba*ia di Northanger[... Sueste /arole dense di suggestione /ortarono #atherine al cul%ine dell7estasi. "l suo cuore grato e &elice tro2J a stento la ca/acitC di es/ri%ersi in un linguaggio su&&iciente%ente cal%o. $ice2ere un in2ito cosE lusinghiero[ Essere sollecitata con tanto calore a donare la sua co%/agnia[ Tutto era un onore e una consola*ione e ra//resenta2a ogni sua gioia /resente e ogni sua &utura s/eran*a, e la sua accetta*ione, con la sola clausola dell7a//ro2a*ione di /a/C e %a%%a, &u data sen*a /or te%/o in %e**o... ,Scri2erJ subito a casa0, disse, ,e se loro non a2ranno obie*ioni, co%e /enso che non ne a2ranno...0. "l generale Tilney non era %eno &iducioso, dal %o%ento che a2e2a giC &atto 2isita agli eccellenti a%ici di Pulteney Street e ottenuto la loro san*ione ai suoi desideri. ,PoichI loro acconsentono a di2idersi da lei0, disse, ,/ossia%o as/ettarci rassegna*ione da tutto il resto del %ondo0. 6a signorina Tilney &u calorosa e gentile nell7es/ressione della sua cortesia, e la &accenda in /ochi %inuti &u siste%ata /er -uanto lo /er%ette2a l7attesa del consenso da )ullerton. 6e circostan*e della %attinata a2e2ano /ortato i senti%enti di #atherine attra2erso i di2ersi stadi dell7incerte**a, della sicure**a, della disillusione, %a adesso essi si erano stabili**ati in una /er&etta gioia e con lo s/irito esultante &ino al ra/i%ento, con Fenry nel cuore e l7Abba*ia di Northanger sulle labbra, ella si a&&rettJ a casa /er scri2ere la sua lettera. "l signore e la signora orland, con&idando nel discerni%ento degli a%ici cui a2e2ano giC a&&idato la &iglia, non ebbero alcun dubbio sulla o//ortunitC di una conoscen*a che a2e2a /reso 2ita sotto i loro occhi e in2iarono -uindi, a stretto giro di /osta, il loro consenso alla 2isita nel Gloucestershire. Suesta indulgen*a, sebbene non &osse nulla di /iA di -uanto #atherine si &osse as/ettata da loro, con&er%J la sua con2in*ione di essere, oltre ogni u%ana creatura, &a2orita /er ciJ che concerne2a gli a%ici, la sorte, le circostan*e e il caso. Ogni cosa a2e2a l7aria di coo/erare in suo &a2ore. Per la gentile**a dei suoi /ri%i a%ici, gli Allen, era stata introdotta in luoghi in cui a2e2a incontrato ogni sorta di gioia. " suoi senti%enti, le sue /re&eren*e, a2e2ano se%/re a2uto la &elicitC di essere rica%biati. Ogni suo attacca%ento a2e2a tro2ato un7adeguata ris/osta. 67a&&etto di "sabella era assicurato dal &atto che sarebbe di2entata sua sorella. " Tilney, dal canto loro, da cui so/rattutto desidera2a essere considerata con &a2ore, a2e2ano /ersino su/erato i suoi desideri con il %odo lusinghiero in cui si /ro/one2ano di /roseguire la loro a%ici*ia con lei. 6ei sarebbe stata la 2isitatrice scelta: /er setti%ane sarebbe stata sotto lo stesso tetto di /ersone la cui co%/agnia a//re**a2a /iA di -uella di ogni altra /ersona al %ondo... e in aggiunta a tutto il resto -uesto tetto era il tetto di un7abba*ia[ 6a sua /assione /er gli edi&ici antichi era seconda in grado solo alla /assione /er Fenry Tilney, e castelli e abba*ie rie%/i2ano general%ente di attratti2e -uei sogni a occhi a/erti che ancora non erano rie%/iti dall7i%%agine di lui. Kedere ed es/lorare bastioni e %aschio di un castello o i chiostri di un7abba*ia era stato /er %olte setti%ane un caro sogno, sebbene le &osse se%brato i%/ossibile anche solo desiderare di essere di /iA del 2isitatore di un7ora. Tutta2ia -uesto sta2a /er accadere. E con tutte le
4=<

/robabilitC contrarie, Northanger, che /ote2a essere un /ala**o, una casa di ca%/agna, un /arco, un %aniero, un cottage, si era ri2elata essere un7abba*ia: e lei ne sarebbe stata un7abitante. " lunghi u%idi corridoi, le strette celle e la ca//ella in ro2ina sarebbero state alla sua /ortata -uotidiana%ente e non rinuncia2a ne//ure del tutto alla s/eran*a di sco/rire, sulla scorta di un7antica leggenda, -ualche terribile traccia di una s2enturata %onaca oltraggiata. Era straordinario che i suoi a%ici se%brassero cosE /oco orgogliosi di /ossedere una tale casa; che la consa/e2ole**a di tale /ossesso &osse so//ortata con tanta tran-uillitC. Probabil%ente la cosa si s/iega2a con la lunga abitudine. Era una distin*ione alla -uale erano abituati &in dalla nascita e che -uindi non genera2a orgoglio. 6a loro su/erioritC in -uanto a residen*a non era da /iA, /er loro, di -uella della loro su/erioritC in -uanto /ersone. olte &urono le do%ande che #atherine /ose ansiosa%ente alla signorina Tilney, %a i suoi /ensieri si sussegui2ano con tale 2i2acitC che, -uando ebbe le ris/oste, &u addirittura %eno certa di /ri%a che l7abba*ia di Northanger &osse stata un ricco con2ento ai te%/i della $i&or%a, che &osse caduta nelle %ani di un antenato dei Tilney -uando era giC /ar*ial%ente in ro2ina e che una larga /arte dell7edi&icio antico ancora costituisse l7attuale residen*a, sebbene il resto &osse distrutto, o che si tro2asse in una bassa 2allata li%itata a nord e a est da alti boschi di -uercia.

4=>

#apitolo ter o
#on i /ensieri cosE col%i di &elicitC, #atherine -uasi non si accorse che due o tre giorni erano /assati sen*a che a2esse 2isto "sabella /er /iA di due o tre %inuti. #o%inciJ ad accorgersene /er la /ri%a 2olta e a sos/irare la con2ersa*ione dell7a%ica, %entre, un %attino, ca%%ina2a /er la Pu%/ $oo% al &ianco della signora Allen, sen*a a2er niente da dire o da ascoltare; non erano ne//ure cin-ue %inuti che /ro2a2a -uesto desiderio di co%/agnia, -uando l7oggetto del suo desiderio a//ar2e e la in2itJ a un conciliabolo segreto conducendola 2erso un sedile. ,Suesto D il %io /osto &a2orito0, disse "sabella %entre sede2ano su di una /anca situata tra le due /orte e che consenti2a una buona 2isione di chiun-ue entrasse dall7una o dall7altra. ,\ cosE &uori %ano0. #atherine, osser2ando che gli occhi di "sabella si indiri**a2ano continua%ente 2erso l7una o l7altra delle /orte co%e &osse in ansiosa attesa, e ricordando -uanto s/esso era stata &alsa%ente accusata di essere /ers/icace, /ensJ che -uella &osse un7otti%a o//ortunitC /er esserlo 2era%ente e cosE disse gaia%ente: ,Non essere a disagio, "sabella, 1a%es sarC -ui /resto0. ,Sss[ %ia cara0, re/licJ lei, ,non /ensare che io sia cosE sciocca da 2olerlo tenere se%/re con&inato accanto a %e. Sarebbe anti/atico stare se%/re insie%e, sare%%o /resto la &a2ola del luogo. E cosE stai andando a Northanger[ Sono terribil%ente &elice[ Fo sentito dire che D uno dei /osti /iA antichi e /iA belli d7"nghilterra. e ne as/etto da te una descri*ione dettagliata0. ,Ne a2rai certa%ente la %igliore che io sia in grado di &are. a chi stai as/ettando. Stanno arri2ando le tue sorelle.0 ,Non as/etto nessuno. Gli occhi debbono /ur /osarsi da -ualche /arte, e sai bene che stu/ida abitudine ho di &issarli da -ualche /arte %entre i %iei /ensieri sono lontani centinaia di %iglia. Sono terribil%ente distratta; credo di essere la /ersona /iA distratta del %ondo. Tilney dice che ca/ita se%/re cosE alle %enti di un certo ti/o0. ,Pensa2o, "sabella, che a2essi -ualcosa di /articolare da dir%i0. ,Oh, sE, ce l7ho. a ecco la /ro2a di -uello che ti sta2o giusto dicendo. 6a %ia /o2era testa[ 67a2e2o -uasi di%enticato. Hene. 6a cosa D -uesta. Fo a//ena a2uto una lettera da 1ohn; /uoi indo2inarne il contenuto...0. ,No, da22ero non /osso0. , io dolce tesoro, non &ingere[ #he cosa 2uoi che scri2a di te. 6o sai che D inna%orato &ino alla ci%a dei ca/elli di te0. ,Di %e, cara "sabella.0 ,SE, %ia dolcissi%a #atherine, e -uesto tuo %odo di &are D assurdo[ 6a %odestia e tutte -ueste cose 2anno bene, %a -ualche 2olta ci 2uole anche un /o7 di co%une onestC. "o non a2e2o idea che tu /otessi arri2are a -uesto /unto. #ol tuo %odo di &are 2ai in cerca di co%/li%enti[ 6e atten*ioni di lui erano tali che /er&ino un ba%bino se ne sarebbe accorto. E solo una %e**7ora /ri%a che /artisse da Hath tu lo hai incoraggiato. 6o dice anche in -uesta lettera. Dice che ti ha &atto una /ro/osta e che tu hai accettato le sue gentile**e nel %odo /iA cortese e che adesso 2uole che io solleciti una tua ris/osta. Dice tante cose gentili sul tuo conto, cosE D inutile che tu &inga di non sa/ere nulla0.
4=;

#atherine, con tutta l7onestC del 2ero, es/resse la sua %era2iglia /er tali accuse /rotestando la sua innocen*a e a&&er%ando di essere lontana da ogni idea che il signor Thor/e &osse inna%orato di lei e di conseguen*a a&&er%ando l7i%/ossibilitC di a2er %ai a2uto l7inten*ione di incoraggiarlo. ,E /er ciJ che concerne le atten*ioni da /arte sua, debbo dichiarare sul %io onore che non %e ne sono %ai accorta ne//ure /er un %o%ento, eccetto -uando %i ha chiesto di dan*are con lui il /ri%o giorno in cui era -ui. E -uanto a &ar%i una /ro/osta di %atri%onio o -ualcosa di si%ile, de2e esserci -ualche i%/ensabile errore, non /osso a2er e-ui2ocato su di una cosa di -uesto genere, lo sai[... E dal %o%ento che 2oglio se%/re essere creduta, a&&er%o solenne%ente che %ai una sillaba di tale natura D stata /ronunciata tra di noi. 67ulti%a %e**7ora /ri%a che lui /artisse... De27essere un errore colossale, /erchI io non l7ho 2isto /er l7intera %attinata0. ,Suanto a 2ederlo, de2i certa%ente a2erlo 2isto, /erchI hai /assato l7intera %attina agli Edgar7s Huildings... era la %attina in cui D arri2ato il consenso di tuo /adre... e io sono -uasi sicura che tu e 1ohn era2ate soli in salotto /oco /ri%a che tu te ne andassi0. ,Sei sicura. Heh, se lo dici sarC stato cosE, /osso dirlo... %a, ne andasse della %ia 2ita, non %e lo ricordo... $icordo ora di essere stata con te, e di a2erlo 2isto con tutti gli altri, %a che sia%o stati soli /er cin-ue %inuti... #o%un-ue non D di nessuna utilitC starci a ragionare so/ra, /erchI -ualsiasi cosa /ossa /ensare lui, de2i essere con2inta, /ro/rio dal &atto che io non %e ne ricordi, che non ho %ai /ensato, nI as/ettato, nI desiderato niente di -uesto genere da lui. Sono %olto dis/iaciuta che lui /ossa a2ere una tale atten*ione /er %e... %a da22ero da /arte %ia non c7D %ai stato nulla di inten*ionale, non ne ho %ai a2uto la %ini%a idea. Per /iacere chiarisci -uesta &accenda con lui al /iA /resto e digli che gli chiedo scusa... Non so -uello che debbo dire... %a &a7 in %odo che ca/isca -uello che intendo nel %odo %igliore. Non 2oglio /arlare sen*a ris/etto di tuo &ratello, "sabella, certo, %a sai che se io /otessi /ensare a un uo%o /iA che a un altro, non sarebbe lui0. "sabella tace2a. , ia cara a%ica, non de2i essere arrabbiata con %e. Non /ote2o su//orre che a tuo &ratello i%/ortasse tanto di %e e, tu lo sai, noi sia%o co%un-ue sorelle0. ,SE, sE0 MarrossendoN ,ci sono %olti %odi /er di2entare sorelle... a che 2ado sognando[... Ebbene, %ia cara #atherine, il caso se%bra essere chiuso, dal %o%ento che tu sei cosE deter%inata contro il /o2ero 1ohn. Non D cosE.0 ,#erto non /osso rica%biare il suo a&&etto, e non ho %ai inteso incoraggiarlo0. ,Dal %o%ento che le cose stanno cosE, non ti tedierJ oltre. 1ohn 2ole2a che io ti /arlassi di -uest7argo%ento e l7ho &atto, %a ti con&esso che non a//ena ho letto la sua lettera ho /ensato che &osse una &ollia, un7i%/ruden*a, una cosa che non anda2a a//oggiata, /er il bene di tutti e due. Di che cosa a2reste /otuto 2i2ere se 2i &oste s/osati. Tutti e due a2ete -ualcosa /er la 2ostra sicure**a, %a non D con -ualcosa che al giorno d7oggi si /uJ sostenere una &a%iglia e, nonostante tutto -uello che si dice nei ro%an*i, non si /uJ 2i2ere sen*a denaro. i %era2iglia solo che 1ohn abbia /otuto /ensare a una cosa di -uesto genere: non do2e2a a2er ancora rice2uto la %ia ulti%a lettera0. ,Allora %i /erdoni, se ho &atto -ualcosa di sbagliato. Sei con2inta che non ho %ai a2uto l7inten*ione di ingannare tuo &ratello nI ho %ai sos/ettato che /ro2asse un7attra*ione /er %e, &ino a -uesto %o%ento.0 ,Oh[ -uanto a -uesto0, ris/ose "sabella ridendo, ,non /retendo di sa/ere -uali /ossano essere stati i tuoi /ensieri e i tuoi /iani nel /assato, lo sai solo tu. 9n /iccolo innocuo ci2etta%ento /uJ ca/itare e s/esso si D /ortati a incoraggiare l7altro /iA di -uanto si desideri, %a ti assicuro che sono l7ulti%a /ersona al %ondo a giudicarti con se2eritC. Tutte
4=8

-ueste cose do2rebbero essere /er%esse ai gio2ani 2i2aci. #iJ che si 2uole un giorno /uJ non 2olersi /iA il giorno do/o; le circostan*e %utano e anche le o/inioni0. ,6a %ia o/inione nei riguardi di tuo &ratello non D %ai %utata. Stai descri2endo una cosa che non D %ai accaduta0. , ia carissi%a #atherine0, continuJ l7altra sen*a ascoltarla a&&atto. ,Non 2orrei, /er tutto l7oro del %ondo, che ti a&&rettassi a &idan*arti /ri%a di sa/ere esatta%ente -uello che 2uoi. "o non /enso che -ualcosa %i giusti&icherebbe se 2olessi sacri&icare la tua &elicitC /er rendere &elice %io &ratello solo /erchI D %io &ratello che &orse, do/otutto, lo sai, /otrebbe anche essere &elice sen*a di te, /erchI rara%ente la gente sa -uello che 2uole, s/ecie i gio2ani, che sono cosE terribil%ente incostanti e %ute2oli. Suello che 2oglio dire D: /erchI la &elicitC di un &ratello do2rebbe esser%i /iA cara di -uella di un7a%ica. Sai che la %ia conce*ione dell7a%ici*ia D %olto alta, %a so/rattutto, %ia cara #atherine, non a&&rettarti. Ascolta le %ie /arole, se hai tro//a &retta /otrai /entirtene. Tilney dice che non c7D niente in cui la gente si inganni cosE s/esso co%e sullo stato dei /ro/ri a&&etti, e io credo che abbia ragione. Ah, eccolo[ Non i%/orta, non ci 2edrC, ne sono certa0. #atherine, al*ando gli occhi, 2ide il ca/itano Tilney e "sabella, &issandolo %entre le /arla2a, ne catturJ l7atten*ione. Egli si a22icinJ i%%ediata%ente e /rese la sedia sulla -uale lei lo in2ita2a a sedersi. 6e sue /ri%e /arole stu/irono #atherine. Sebbene /arlassero a bassa 2oce /otI distinguere: , a co%e. Se%/re sor2egliata. "n /ersona o /er /rocura[0. ,Ssss[0, &u la ris/osta di "sabella che /arla2a anche lei a %e**a 2oce. ,PerchI %i %ette certe cose in testa. #o%e se io /otessi crederci[ "l %io s/irito, lo sa, D /iuttosto indi/endente0. ,Korrei che &osse indi/endente il suo cuore, sarebbe abbastan*a /er %e0. ,"l %io cuore, da22ero[ E che se ne &a dei cuori. Koi uo%ini non a2ete cuore0. ,Se non abbia%o cuore, abbia%o occhi; e ci tor%entano abbastan*a0. ,Da22ero. i dis/iace; %i dis/iace che i suoi occhi tro2ino -ualcosa di cosE sgrade2ole in %e. GuarderJ da un7altra /arte. S/ero che -uesto le &accia /iacere0 M2olgendogli la schienaN, ,s/ero che i suoi occhi adesso non siano /iA tor%entati0. , ai /iA di cosE, /erchI la linea di una guancia in &iore D /iuttosto in 2ista... e insie%e D tro//o e tro//o /oco0. #atherine udE tutte -ueste cose e -uasi &uori di sI non riuscE ad ascoltare /iA a lungo. Stu/ita che "sabella /otesse so//ortare tanto e gelosa a causa del &ratello, si al*J e, dicendo che a2rebbe 2oluto raggiungere la signora Allen, /ro/ose a "sabella di /asseggiare. "sabella tutta2ia non %ostrJ nessuna inclina*ione a &arlo. Era cosE terribil%ente stanca e le era cosE odioso &ar %ostra di sI in giro /er la Pu%/ $oo%; se si &osse %ossa dal suo sedile a2rebbe /otuto %ancar di 2edere le sorelle che as/etta2a da un %o%ento all7altro, cosE la carissi%a #atherine do2e2a scusarla e sedersi di nuo2o tran-uilla. a anche #atherine /ote2a essere testarda e, dal %o%ento che la signora Allen sta2a arri2ando /er /ro/orre loro di tornare a casa, la raggiunse e se ne andJ dalla Pu%/ $oo% lasciando "sabella ancora seduta col ca/itano Tilney. 6i lasciJ sentendosi /iuttosto a disagio. 6e se%bra2a che il ca/itano Tilney stesse inna%orandosi di "sabella e che "sabella, inconsa/e2ol%ente, lo incoraggiasse. Do2e2a essere necessaria%ente un atteggia%ento inconsa/e2ole /erchI l7attacca%ento di "sabella /er 1a%es era certo, e ben noto era anche il suo &idan*a%ento con lui. Dubitare della sinceritC o delle buone inten*ioni di lei era i%/ossibile e tutta2ia, /er tutta la durata della con2ersa*ione, i suoi %odi erano stati /iuttosto strani. #atherine a2rebbe desiderato che "sabella a2esse /arlato co%e se%/re, e non cosE tanto di denaro e non &osse a//arsa cosE
4=3

gioiosa alla 2ista del ca/itano Tilney. #o%7era strano che non si accorgesse dell7a%%ira*ione di lui[ #atherine %ori2a dalla 2oglia di a22ertire la sua a%ica, di %etterla in guardia, di /re2enirla di tutto il dolore che il suo co%/orta%ento tro//o 2i2ace a2rebbe /otuto causare nel ca/itano Tilney e in suo &ratello. 67onore dell7a&&etto di 1ohn Thor/e non &ece a%%enda della sconsiderate**a di sua sorella. #atherine era altrettanto lontana dal credere -uanto dal desiderare che &osse sincero, /oichI non a2e2a di%enticato che lui /ote2a sbagliare e la sua asser*ione di esserlesi /ro/osto e del &atto che lei lo a2esse incoraggiato la con2ince2a che gli errori di lui /ote2ano a 2olte essere 2era%ente enor%i. #o%un-ue, se la sua 2anitC a2e2a guadagnato -ualche /iccola cosa, il suo %aggior guadagno era stato in %era2iglia. #he Thor/e /otesse a2er /ensato che &osse una cosa /ositi2a inna%orarsi di lei era una &accenda che la stu/i2a enor%e%ente. "sabella /arla2a delle atten*ioni di lui: lei non se ne era %ai accorta, %a "sabella a2e2a anche detto %olte cose che s/era2a &ossero state dette sen*a tro//o ri&lettere e che a2rebbe &atto bene a non ri/etere %ai /iA. #o%un-ue al %o%ento #atherine era contenta di ri/osare un /oco e di godersi un /o7 di /ace e di tran-uillitC.

44=

#apitolo quarto
Passarono alcuni giorni e #atherine, sebbene non si /er%ettesse ne//ure di sos/ettare della sua a%ica, non /otI &are a %eno di osser2arla da 2icino. "l risultato delle sue osser2a*ioni non &u /iace2ole. "sabella se%bra2a un7altra /ersona. Suando lei la 2ede2a circondata solo dagli a%ici /iA stretti, agli Edgar7s Huildings o a Pulteney Street, il suo %uta%ento di %odi era cosE lie2e che, se non ci &osse stato altro, a2rebbe anche /otuto /assare inosser2ato. 9na certa languida indi&&eren*a o una certa dichiarata distra*ione, di cui #atherine non a2e2a %ai sentito /arlare /ri%a, /ote2ano tal2olta /renderla, %a non c7era nulla di /eggiore e -ueste cose a2rebbero /otuto soltanto darle nuo2a gra*ia e contribuire a is/irare %aggiore interesse /er lei. a -uando #atherine la 2ede2a in /ubblico, che accetta2a le atten*ioni del ca/itano Tilney con la stessa /ronte**a con cui erano o&&erte e che di2ide2a tra lui e 1a%es la stessa -uantitC di atten*ione e di sorrisi, il %uta%ento di2enta2a tro//o /alese /er /assare inosser2ato. #he cosa signi&icasse una tale condotta cosE instabile, che cosa /ensasse la sua a%ica, era al di lC della sua co%/rensione. "sabella non /ote2a essere consa/e2ole del dolore che sta2a in&liggendo, %a agi2a con una tale 2olontaria sconsiderate**a che #atherine non /ote2a che risentirsene. 1a%es era colui che ne so&&ri2a: ella lo 2ede2a se%/re /iA serio e a disagio e, /er -uanto la donna alla -uale a2e2a dato il suo cuore /otesse essere indi&&erente alla sua serenitC, /er lei -uesta era se%/re assai i%/ortante. Suanto al /o2ero ca/itano Tilney, anche /er lui #atherine era %olto /reoccu/ata. Sebbene -uanto le a//ari2a di lui non le /iacesse, il suo no%e era /er lui un /assa/orto di buona 2olontC e #atherine /ensa2a con sincera co%/assione alla sua &utura delusione /oichI, %algrado ciJ che lei a2e2a creduto di sentire alla Pu%/ $oo%, il suo co%/orta%ento era tal%ente inco%/atibile col &atto che sa/esse del &idan*a%ento di "sabella che, do/o a2erci ri&lettuto, non /otI /ro/rio credere che ne &osse a conoscen*a. )orse era geloso di suo &ratello co%e di un ri2ale, %a se in2ece c7era -ualcosa di /iA, l7errore do2e2a necessaria%ente essere stato /ro2ocato dal &atto che lui non sa/e2a. Desidera2a, con una gentile ri%ostran*a, ricordare a "sabella la sua situa*ione e renderla consa/e2ole della sua du/lice %ancan*a di tatto; %a /er la ri%ostran*a non si /resenta2a %ai l7o//ortunitC, o "sabella non ca/i2a %ai di cosa lei stesse /arlando. Se le ca/ita2a l7occasione di dirle -ualcosa, in&atti "sabella non la ca/i2a %ai. "n -uesta angoscia, la decisione della /arten*a della &a%iglia Tilney di2enne la sua /rinci/ale &onte di consola*ione: il 2iaggio nel Gloucestershire a2rebbe do2uto a2er luogo entro /ochi giorni e la /arten*a del ca/itano Tilney a2rebbe ri/ortato la /ace in ogni cuore. Per il %o%ento, tutta2ia, il ca/itano Tilney non a2e2a inten*ione di /artire: non a2rebbe &atto /arte del gru//o che /arti2a /er Northanger, sarebbe ri%asto a Hath. Suando #atherine lo se//e /rese subito una risolu*ione. ParlJ a Fenry Tilney dell7argo%ento ri%/iangendo l7e2idente inclina*ione del &ratello di lui /er la signorina Thor/e e /regandolo a&&inchI a22ertisse il &ratello del &idan*a%ento di -uest7ulti%a. , io &ratello lo sa0, &u la ris/osta di Fenry. ,6o sa.... E allora /erchI ri%ane -ui.0. Fenry non diede ris/osta, an*i co%inciJ a /arlare d7altro, %a lei continuJ ansiosa%ente: ,PerchI non 2uole /ersuaderlo ad andarsene. Suanto /iA ri%ane, tanto /eggio sarC /er lui, alla &ine. 6o a22isi, /er il suo bene e /er il bene di tutti, di lasciare subito Hath. Se se ne andrC, /resto starC di nuo2o bene, %a non ha s/eran*e -ui. Se resta -ui sarC solo %olto
444

in&elice0. Fenry sorrise e disse: ,Sono certo che %io &ratello non 2uole essere in&elice0. ,Allora lo /ersuaderC ad andar 2ia.0 ,Persuadere non D co%e ordinare, %a %i /erdoni se non /osso ne//ure tentare di /ersuaderlo. "o stesso gli ho detto che la signorina Thor/e D &idan*ata. Sa cosa sta &acendo ed D /adrone delle sue a*ioni0. ,No, non sa -uello che sta &acendo0, escla%J #atherine. ,Non che 1a%es %e ne abbia /arlato, %a sono certa che sta %olto %ale0. ,E lei D certa che sia /er col/a di %io &ratello.0. ,SE, ne sono certa0. ,\ /er col/a delle atten*ioni di %io &ratello 2erso la signorina Thor/e, o /er il &atto che la signorina Thor/e le accetti che suo &ratello so&&re.0 ,E non D la stessa cosa.0 ,Penso che il signor orland /otrebbe co%/rendere la di&&eren*a. Nessun uo%o si o&&ende /er l7a%%ira*ione di un altro uo%o /er la donna che lui a%a. \ solo la donna che /uJ renderla un tor%ento0. #atherine arrossE /er l7a%ica e disse: ,"sabella sbaglia. a io sono certa che non intende tor%entare %io &ratello, /erchI gli D %olto a&&e*ionata. Si D inna%orata di lui dalla /ri%a 2olta che l7ha incontrato e, %entre si era in attesa del consenso di %io /adre, si D angustiata &in -uasi a &arsi 2enire la &ebbre. \ %olto a&&e*ionata a lui0. ,#a/isco. \ inna%orata di 1a%es e ci2etta con )rederic(0. ,Oh, no[ Non ci2etta. 9na donna inna%orata di un uo%o non /uJ ci2ettare con un altro0. ,\ assai /robabile che non a%erC cosE bene nI ci2etterC cosE bene co%e a2rebbe &atto se a2esse do2uto &are una sola delle due cose. Tutti e due i gentiluo%ini do2ranno &are a %eno di -ualcosina0. Do/o una bre2e /ausa #atherine ri/rese l7argo%ento dicendo: ,Allora lei non crede che "sabella sia 2era%ente a&&e*ionata a %io &ratello.0. ,Su -uesto argo%ento non sono in grado di es/ri%ere un7o/inione0. , a che cosa 2uole suo &ratello. Se sa che D i%/egnata con un altro, /erchI si co%/orta cosE.0 ,6ei D una in-uisitrice %olto insistente0. ,Da22ero.... a chiedo solo ciJ che desidero che %i 2enga detto0. ,E -uello che chiede a %e, D sicura che io /ossa dirglielo.0 ,SE, credo di sE, /erchI lei de2e conoscere ciJ che c7D nel cuore di suo &ratello0. ,#iJ che c7D nel cuore di %io &ratello, co%e lei lo chia%a, le assicuro che nella situa*ione /resente /osso solo cercare di indo2inarlo0. ,E allora.0 ,Allora, se de27essere un indo2inello, ognuno indo2ini /er sI. \ un /eccato lasciarsi guidare da congetture di seconda %ano. 6e /re%esse le ha da2anti a sI. io &ratello D un gio2ane 2i2ace e &orse tal2olta scriteriato; conosce la sua a%ica da circa una setti%ana e da -uando la conosce sa che D &idan*ata0. ,Hene0, disse #atherine do/o -ualche %o%ento di ri&lessione, ,/robabil%ente da tutto -uesto lei sarC in grado di indo2inare le inten*ioni di suo &ratello, certo io no. a suo /adre non si dis/iace di -uanto sta succedendo.... Non 2uole che il ca/itano Tilney 2ada 2ia.... #erta%ente, se suo /adre gli /arlasse, lui se ne andrebbe0. , ia cara signorina orland0, disse Fenry, ,con -uesta a%abile /re%ura /er la &elicitC di
44+

suo &ratello, %i /are che stia &acendo una certa con&usione. Non le /are di essersi s/inta tro//o in lC. #rede che lui le sarebbe grato, /er sI o /er la signorina Thor/e, di a2er su//osto che l7a&&etto di lei, o -uanto %eno il suo buon co%/orta%ento, di/enda solo dal &atto che ella non 2eda il ca/itano Tilney. #he lui /ossa essere in sal2o solo se non ci sono concorrenti.... o che il cuore di lei sia costante esclusi2a%ente -uando non sollecitato da altri interessi.... 6ui non /uJ /ensare una cosa del genere... e non 2orrebbe che lo /ensasse ne//ure lei. Non le dirJ: ?Non si /reoccu/i@, /erchI so che in -uesto %o%ento non le sarebbe /ossibile, %a ?si /reoccu/i %eno che /uJ@. 6ei non ha dubbi sul reci/roco a&&etto tra suo &ratello e la sua a%ica, di conseguen*a non ci /uJ essere 2era gelosia tra loro; di conseguen*a non ci /uJ essere tra loro disaccordo di lunga durata. " loro cuori si leggono l7uno con l7altro %olto /iA di -uanto non sia in grado di &arlo lei: loro sanno esatta%ente cosa chiedersi e cosa so//ortare e, ne sia certa, nessuno di loro stu**icherC l7altro /iA di -uanto sa che all7altro /iace0. Kedendo /erJ che #atherine era ancora seria e /iena di dubbi, aggiunse: ,Sebbene )rederic( non /arta da Hath con noi, /robabil%ente resterC /er /oco te%/o, &orse solo /ochi giorni do/o la nostra /arten*a. 6a sua licen*a sta /er &inire e de2e tornare al reggi%ento... #he succederC allora della loro a%ici*ia.... Alla %ensa berranno alla salute di "sabella Thor/e /er due setti%ane e lei riderC con suo &ratello /er un %ese sulla /assione che ha scatenato nel /o2ero Tilney0. #atherine non lottJ /iA oltre contro chi 2ole2a darle con&orto. A2e2a resistito /er tutto il collo-uio, %a ora si dichiarJ 2inta. Fenry Tilney sa/e2a %eglio di lei co%e 2a il %ondo e lei si biasi%J /er le sue /aure e si risolse a non /ensare %ai /iA cosE seria%ente a -uell7argo%ento. Suesta decisione &u sostenuta anche dal co%/orta%ento che "sabella tenne -uando si salutarono. " Thor/e /assarono l7ulti%a sera del soggiorno di #atherine a Hath in Pulteney Street e tra i due ina%orati non ci &u nulla che &ece sentire -uest7ulti%a a disagio o che le &ece /ro2are una -ualche in-uietudine. 1a%es era di buon u%ore e "sabella attraente e serena. 6a tenere**a /er l7a%ica se%bra2a essere il senti%ento /iA &orte del suo cuore, e ciJ si ca/i2a, dato il %o%ento. Solo una 2olta contraddisse secca%ente l7inna%orato e una 2olta ritirJ la %ano da -uella di lui, %a #atherine ricordJ gli insegna%enti di Fenry e /ensJ che -uello &osse il loro %odo di a%arsi. E &acile i%%aginare -uali siano stati gli abbracci, le lacri%e e le /ro%esse delle due belle al %o%ento in cui si se/ararono.

44:

#apitolo quinto
"l signore e la signora Allen &urono dis/iaciuti di /erdere la loro gio2ane a%ica il cui buon u%ore e la cui allegria a2e2ano &atto loro tanta /iace2ole co%/agnia. "n /iA, nell7intento di /rocurare a lei dei di2erti%enti, anche loro si erano %olto di2ertiti. 6a &elicitC di lei di andare con la signorina Tilney era tale, /erJ, che non si /ote2a desiderare altro e, dal %o%ento che loro stessi non sarebbero ri%asti /iA di una setti%ana o /oco /iA a Hath, non so&&rirono tro//o della sua /arten*a. "l signor Allen la acco%/agnJ a ilso% Street, do2e era attesa /er la cola*ione, e do2e ella sedette con il caloroso ben2enuto dei nuo2i a%ici; cosE grande era tutta2ia l7agita*ione di lei nel tro2arsi tra di loro /ro/rio co%e una della &a%iglia e cosE tanta /aura a2e2a di non &are le cose giuste conser2ando la buona o/inione che a2e2ano di lei che, nell7i%bara**o dei /ri%i cin-ue %inuti, -uasi desiderJ di tornare col signor Allen in Pulteney Street. Presto /erJ i %odi gentili della signorina Tilney e il sorriso di Fenry dissi/arono le sensa*ioni s/iace2oli, anche se era ben lontana dal tro2arsi a /ro/rio agio; e ne//ure le incessanti atten*ioni del generale riuscirono a rassicurarla intera%ente. An*i, %algrado le se%brasse una gran catti2eria, le ca/itJ di /ensare che se gliene a2esse dedicate %eno /robabil%ente lei sarebbe stata %eglio. 67ansia di lui /er il suo benessere, le continue sollecita*ioni a&&inchI %angiasse e l7es/ressione continua del ti%ore che non ci &osse nulla di suo gusto, sebbene %ai nella 2ita #atherine a2esse 2isto una tale 2arietC di /ortate a una ta2ola da cola*ione, le resero i%/ossibile di%enticare anche /er un solo %o%ento che era un7os/ite. Si senti2a /ro&onda%ente indegna di tanto ris/etto e non sa/e2a co%e rica%biarlo. 6a sua tran-uillitC non &u certo accresciuta dall7i%/a*ien*a del generale /er il ritardo del &iglio %aggiore nI dal %alcontento che egli es/resse /er la /igri*ia di -uesti, -uando alla &ine il ca/itano Tilney arri2J. Era addolorata dalla se2eritC dei ri%/ro2eri che il /adre %uo2e2a al &iglio, che le se%bra2ano s/ro/or*ionati all7o&&esa, e le dis/iac-ue ancor di /iA accorgersi che la causa /rinci/ale del ri%brotto era lei in -uanto -uel ritardo 2eni2a criticato &onda%ental%ente in -uanto irris/ettoso nei suoi con&ronti. 6a cosa la &ace2a sentire a disagio e /ro2J una /ro&onda co%/assione /er il ca/itano Tilney, /ur non riuscendo a 2edere in lui nulla che /ro2asse la sua buona 2olontC di e%endarsi. Egli ascoltJ il /adre in silen*io, sen*a ne//ure cercare di di&endersi, il che con&er%J in #atherine il ti%ore che l7in-uietudine a causa di "sabella, tenendolo a lungo s2eglio la notte /recedente, a2esse &atto sE che si al*asse tanto tardi. Era la /ri%a 2olta che si tro2a2a real%ente in co%/agnia di lui e a2e2a s/erato di /otersi &or%are &inal%ente una sua o/inione sul suo conto, %a, &inchI il /adre ri%ase nella stan*a, egli -uasi non /ronunciJ una /arola; anche successi2a%ente, /erJ, il suo ani%o era cosE scon2olto che #atherine /otI distinguere solo -ueste /arole bisbigliate a Eleanor: ,Suanto sarJ contento -uando 2e ne sarete tutti andati[0. "l tra%busto della /arten*a non &u /iace2ole. 67orologio batte2a le dieci %entre i bauli 2eni2ano /ortati giA, e il generale a2e2a stabilito -uell7ora /er lasciare ilso% Street. "l suo so/rabito /esante, in2ece di essergli /ortato a&&inchI lo indossasse, era stato %esso nel calessino sul -uale do2e2a 2iaggiare col &iglio. "l sedile centrale della carro**a non era stato tirato &uori, sebbene do2essero 2iaggiar2i tre /ersone, e la ca%eriera di sua &iglia a2e2a cosE rie%/ito la carro**a di /acchi che la signorina orland non a2rebbe a2uto /osto /er sedere.
445

Era tal%ente /reoccu/ato da -uesto /roble%a -uando le /orse la %ano /er salire in carro**a che ella ebbe -ualche di&&icoltC a sal2are il suo nuo2o scrittoio /ortatile che egli sta2a /er gettare in strada... Alla &ine lo s/ortello della carro**a &u chiuso e le tre donne /artirono alla sobria andatura cui solita%ente si %uo2ono i -uattro ca2alli belli e ben nutriti di un gentiluo%o /er co/rire una distan*a di trenta %iglia: -uesta in&atti era la distan*a di Northanger da Hath e sarebbe stata /ercorsa in due ta//e uguali. Non a//ena &urono /artiti, lo s/irito di #atherine si risolle2J: con la signorina Tilney si senti2a a suo agio e, con la strada intera%ente nuo2a da /ercorrere, l7abba*ia da2anti, il calessino dietro, diede sen*a ri%/ianti un7ulti%a occhiata a Hath e si tro2J, /ri%a che se lo as/ettasse, a sor/assare /ietre %iliari su /ietre %iliari. SeguE la noia di due ore di attesa a PettyP)rance, in cui non c7era nulla da &are sal2o che %angiare sen*a a2er &a%e e giron*olare sen*a a2er niente da guardare, e la sua a%%ira*ione /er lo stile in cui 2iaggia2ano, /er l7elegante tiro a -uattro, /er i /ostiglioni nelle eleganti li2ree che ca2alca2ano con tanta regolaritC ben diritti sulle sta&&e, /er il nu%eroso seguito sulle belle ca2alcature, sce%J un /oco a causa di -uesto incon2eniente. Se la co%/agnia &osse stata co%/leta%ente a /ro/rio agio, il ritardo non sarebbe stato un grande /roble%a, %a il generale Tilney, sebbene &osse un uo%o cosE a&&ascinante, a2e2a se%/re l7aria di esercitare una sorta di controllo sugli ani%i dei &igli cosicchI &u -uasi esclusi2a%ente lui a /arlare. 6e sue osser2a*ioni, /oi, che es/ri%e2ano scontento /er ogni cosa la locanda o&&risse, la sua brusca i%/a*ien*a con i do%estici, &ecero sE che #atherine /ro2asse /er lui un ti%ore se%/re crescente e le due ore di sosta alla &ine le /ar2ero -uattro... )inal%ente &u dato l7ordine di /arten*a e #atherine &u assai sor/resa dalla /ro/osta del generale di /rendere /osto nel calessino /er il resto del 2iaggio: ,6a giornata era bella e lui era ansioso di /er%etterle di 2edere il /iA /ossibile della regione0. "l ricordo dell7o/inione del signor Allen a /ro/osito dei calessini sco/erti guidati da gio2ani uo%ini &ece arrossire #atherine e il suo /ri%o /ensiero &u di ri&iutare la /ro/osta; il secondo /erJ &u il grande ris/etto che a2e2a /er il giudi*io del generale Tilney: non le a2rebbe certo %ai /ro/osto di &are una cosa scon2eniente e in /ochi %inuti si tro2J -uindi nel calessino con Fenry, /iA &elice di chiun-ue al %ondo. Si &or%J /resto la con2in*ione che un calessino D il %iglior %e**o di tras/orto che ci sia; il tiro a -uattro certo ha una %aggiore grandiositC, %a D anche /esante e /resenta /arecchi /roble%i: lei non a2rebbe &acil%ente di%enticato l7attesa di due ore a PettyP)rance. "l calessino a2rebbe a2uto bisogno di %etC del te%/o e i suoi ca2alli leggeri erano in grado di %uo2ersi con tale 2elocitC che, se il generale non a2esse 2oluto a/rire la strada con la carro**a, lo a2rebbero &acil%ente sor/assato in %e**o %inuto. a il %erito del calessino non era tutto dei ca2alli: Fenry lo conduce2a cosE bene... cosE tran-uilla%ente... sen*a scosse, sen*a esibi*ioni di sorta e sen*a /arolacce. Era cosE di2erso dall7unico guidatore di calessini con cui era in grado di /aragonarlo[... E il ca//ello gli sta2a cosE bene, e gli innu%ere2oli strati del suo so/rabito gli da2ano un as/etto cosE serio[... Andare in calessino con lui era co%e ballare con lui, la /iA grande &elicitC del %ondo. E in aggiunta a tutti gli altri godi%enti, ella ora ascolta2a i co%/li%enti di lui: intanto la ringra*ia2a a no%e di sua sorella /er la sua gentile**a nell7a2er accettato il loro in2ito: cosa che 2eni2a considerata una /ro2a di 2era a%ici*ia degna di gratitudine. 6a sorella, disse lui, 2i2e2a in %odo /iuttosto triste... non a2e2a co%/agnia &e%%inile... e durante le &re-uenti assen*e del /adre ri%ane2a an*i total%ente sen*a co%/agnia. , a co%e /uJ essere.0, disse #atherine, ,non c7D lei.0 ,Northanger D solo /er %etC casa %ia: ho una /arrocchia a Boodston, a circa 2enti %iglia
44<

dalla casa di %io /adre, e debbo trascorrere lE una /arte del %io te%/o0. ,Suanto de2e esserne dis/iaciuto[0. , i dis/iace se%/re lasciare Eleanor0. ,SE, %a al di lC del suo a&&etto /er lei, de2e essere cosE attaccato all7abba*ia [... Essendo abituato a una casa co%e l7abba*ia, una co%une casa /arrocchiale de2e essere /ro/rio sgrade2ole[0. Egli sorrise e disse: ,Si D &atta un7idea assai &a2ore2ole dell7abba*ia0. ,A dire il 2ero, sE. Non D un luogo antico e bello, co%e -uelli di cui si legge nei libri.0 ,E lei D /ronta a incontrare tutti gli orrori che un edi&icio co%e ?-uelli di cui si legge nei libri@ /uJ &ornire.... Fa un cuore &orte.... Ner2i saldi che so//ortino /annelli scorre2oli e ara**i.0 ,Oh, non %i s/a2ento &acil%ente, anche /erchI ci sarC %olta gente in casa... e /oi la casa non D ri%asta 2uota e disabitata /er anni, con la &a%iglia che torna all7i%/ro22iso, ignara, co%e di solito a22iene0. ,No, certo... Non do2re%o &arci strada in un atrio &ioca%ente illu%inato dai ti**oni se%is/enti del &ocolare... nI sare%o obbligati a stendere i nostri letti sul /a2i%ento di una stan*a sen*a &inestre, /orte, %obilio. a lei de2e essere consa/e2ole che -uando una gio2ane donna D M/er -ualsiasi %oti2oN introdotta in una di%ora di -uesto genere, 2iene se%/re alloggiata lontano dal resto della &a%iglia. entre -uesta si ri&ugia co%oda%ente nella /ro/ria ala della casa, ella 2iene condotta nel %odo /rescritto da Dorothy, l7an*iana go2ernante, /er un di2erso scalone e lungo bui /assaggi &ino a un a//arta%ento non /iA usato da -uando un -ualche cugino o /arente 2i %orE, una 2entina d7anni /ri%a. PotrC reggere a tutto -uesto. 6a sua %ente non cederC ai /resenti%enti di disgra*ia -uando si tro2erC in -uella scura stan*a dal so&&itto altissi%o, tro//o 2asta /er lei, con solo il &lebile lucore di una la%/ada che illu%ina gli ara**i con le &igure a grande**a naturale e il letto rico/erto d7un dra//o 2erde scuro o di 2elluto 2iolaceo che gli con&eriscono un as/etto &unereo. Non le bal*erC il cuore nel /etto.0 , a -uesto non %i accadrC, ne sono certa0. ,#on -uanto ti%ore ella esa%inerC il %obilio del suo a//arta%ento[... E cosa 2edrC.... Nessun ta2olo, nessuna toilette, nessun guardaroba, nessun cassettone; in un angolo, &orse, i resti di un liuto s/e**ato e in un altro una /esante cassa/anca che nessuno s&or*o 2arrC ad a/rire e sul ca%inetto il ritratto di un bel guerriero le cui &atte**e inco%/rensibil%ente la col/iranno al /unto che non riuscirC a distogliere gli occhi da esso. Nel &ratte%/o Dorothy, non %eno scossa dal suo as/etto, la guarda &issa in grande agita*ione e si lascia s&uggire -ualche inco%/rensibile consiglio. Per con&ortarla, co%un-ue, le dC %oti2o di su//orre che la /arte dell7abba*ia in cui lei abita D sen*a dubbio in&estata dai &antas%i e la in&or%a che non ci sono do%estici a /ortata di 2oce. #on -uesti incoraggia%enti se ne 2a... e lei sente l7eco dei suoi /assi che si allontanano nei corridoi... e -uando, con il cuore tre%ante tenterC di chiudere a chia2e la /orta, sco/rirC, con allar%e crescente, che non c7D chia2istello0. ,Oh, signor Tilney, che s/a2ento[... \ /ro/rio co%e un libro[... a non /uJ succeder%i /er da22ero. Sono certa che la loro go2ernante non sia /ro/rio una Dorothy... E /oi.0 ,Probabil%ente /er la /ri%a notte non accadrC nulla di ulterior%ente allar%ante. Do/o a2er su/erato l7insu/erabile orrore di andare a letto, ella si ritirerC /er ri/osare e /er /oche ore dor%irC di un sonno in-uieto. Poi, la seconda o al %assi%o la ter*a notte do/o il suo arri2o, /robabil%ente ci sarC una 2iolenta te%/esta. " tuoni, dalle 2icine %ontagne, se%brano scuotere l7edi&icio dalle &onda%enta e s/a2entose ra&&iche di 2ento s/a**ano la casa. A -uel
44>

/unto le /arrC di 2edere M/oichI la sua la%/ada non si D s/entaN che una /arte della ta//e**eria si agita /iA 2iolente%ente del resto. "nca/ace, natural%ente, di re/ri%ere la sua curiositC, so/rattutto in un %o%ento cosE &a2ore2ole /er indulger2i, si al*erC istantanea%ente e gettandosi sulle s/alle una 2estaglia, /rocederC a esa%inare il %istero. Do/o una bre2issi%a ricerca sco/rirC nella ta//e**eria un segreto cosE abil%ente costruito da s&uggire alle /iA %inute ricerche e, a/rendolo, le a//arirC subito una /orta che essendo chiusa solo da sbarre %assicce di &erro e da un lucchetto, ella a/rirC con /oco s&or*o. Poi, con la la%/ada in %ano entrerC in una /iccola stan*a a 2olta0. ,No, da22ero: a2rei tro//o /aura /er &are una cosa del genere0. ,#osa[ Non -uando Dorothy le ha &atto ca/ire che c7D un /assaggio segreto sotterraneo tra il suo a//arta%ento e la ca//ella di St. Anthony, a due %iglia a//ena[ Potrebbe sottrarsi a una si%ile a22entura. No, no, lei andrC a2anti nella /iccola stan*a a 2olta e in /arecchie altre sen*a notare nulla di strano in nessuna di esse. "n una &orse ci sarC un /ugnale, in un7altra -ualche goccia di sangue, in una ter*a i resti di -ualche stru%ento di tortura, %a non essendoci in tutto -uesto niente di &uori dall7ordinario e dal %o%ento che la sua la%/ada sta /er s/egnersi, tornerC indietro 2erso il suo a//arta%ento. Passando tutta2ia /er la /iccola stan*a a 2olta, i suoi occhi saranno attratti da un a%/io anti-uato scrittoio d7ebano e d7oro che, nonostante in /receden*a a2esse attenta%ente esa%inato il %obilio, non a2e2a notato. S/inta da un /resenti%ento irresistibile si a22icinerC ansiosa%ente a esso e, a/ertolo cercherC in ogni cassetto... Al /rinci/io non tro2erC nulla d7i%/ortante... tranne &orse un considere2ole %ucchio di dia%anti. Alla &ine /erJ, toccando una %olla segreta, si a/rirC uno sco%/arto interno... a//arirC un rotolo di carte... lei lo a&&erra: contiene %olti &ogli e un %anoscritto... Si a&&retterC a tornare in ca%era sua col suo /re*ioso tesoro e a2rC a//ena il te%/o di deci&rare: ?Oh, tu... chiun-ue tu sia nelle cui %ani /ossano essere cadute le %e%orie della s2enturata atilda@... -uando la sua la%/ada i%/ro22isa%ente si s/egne nel /ortala%/ada e la lascia nella /iA co%/leta oscuritC0. ,Oh[ no, no... non dica cosE[ Kada a2anti0. a Fenry era tro//o di2ertito dall7interesse %ostrato da lei /er /rocedere oltre: non riusci2a /iA a i%/orre solennitC all7argo%ento nI alla sua 2oce e &u -uindi obbligato a chiedere a #atherine di i%%aginare da sola -uali &ossero i 2oti di atilda. #atherine, ri/rendendosi, si 2ergognJ della /ro/ria ansia e co%inciJ ad assicurare al signor Tilney che, sebbene la sua atten*ione &osse stata intera%ente catturata dal suo racconto, non a2e2a il %ini%o ti%ore di /oter andare incontro a -ualcosa del genere. ,6a signorina Tilney, ne era certa, non l7a2rebbe %ai siste%ata in una stan*a co%e -uella che lui le a2e2a descritto[ Non a2e2a nessuna /aura0. an %ano che si a22icina2ano al ter%ine del 2iaggio, l7i%/a*ien*a di 2edere l7abba*ia ] %essa da /arte a causa della con2ersa*ione su argo%enti di2ersi ] ri/rese 2igore in #atherine che a ogni cur2a si as/etta2a con re2erente ti%ore di cogliere con lo sguardo le %ura di /ietra grigia che si innal*a2ano da un bosco di antiche -uerce, con gli ulti%i raggi di sole che s/lende2ano sulle alte &inestre gotiche. a gli edi&ici sorge2ano cosE in basso che ella si tro2J ad a2er attra2ersato i grandi cancelli della residen*a e all7interno di Northanger sen*a a2erne 2isto ne//ure un antico co%ignolo. Non sa/e2a se a2e2a o no diritto di sor/rendersi, %a c7era sen*7altro -ualcosa di inatteso /er lei, nel %odo in cui erano arri2ati. Passare attra2erso edi&ici %oderni, tro2arsi cosE &acil%ente entro i con&ini dell7abba*ia, /ercorrere tanto in &retta una strada li2ellata dalla ghiaia sen*a incontrare alcun ostacolo, sen*a /ro2are alcun allar%e e sen*a 2i2ere la
44;

solennitC del %o%ento in nessun %odo, la col/E co%e -ualcosa di assai strano. Non ebbe co%un-ue agio di so&&er%arsi su tali considera*ioni. 9n i%/ro22iso scroscio di /ioggia la col/E in 2olto rendendole i%/ossibile osser2are ulterior%ente le cose che la circonda2ano e richia%J la sua atten*ione sullo stato della sua nuo2a cu&&ietta di /aglia...: era real%ente tra le %ura dell7Abba*ia. Scese in &retta, con l7aiuto di Fenry, dal calessino, si ri&ugiJ al ri/aro di un antico /ortico, /assJ nell7atrio do2e la sua a%ica e il generale la sta2ano as/ettando /er darle il ben2enuto, sen*a ne//ure un tre%endo /resenti%ento di &uture disgra*ie, sen*a un %o%ento di sos/etto /er le scene di /assato orrore che /ote2ano essere successe nell7edi&icio solenne. 6a bre**a non a2e2a /ortato con sI i sos/iri di un assassinato; non a2e2a /ortato nulla di /eggio di un /o7 di /ioggia e, scosso il 2estito, ella &u /ronta a essere introdotta in un co%une salotto e in grado di ca/ire do2e si tro2asse. 9n7abba*ia[... SE, era straordinario essere /ro/rio in un7abba*ia[... %a dubita2a, guardandosi intorno, di /otersene rendere conto, stando a ciJ che 2ede2a. "l %obilio era tutto secondo la /ro&usione e l7elegan*a del gusto %oderno. "l ca%inetto, che si as/etta2a enor%e e scol/ito, co%e erano i ca%ini dei te%/i antichi, era ridotto a essere un $u%&ord con lastre di se%/lice anche se bel %ar%o e orna%enti di bellissi%a /orcellana inglese. 6e &inestre, cui ri2olse lo sguardo con /articolare interesse /oichI a2e2a sentito il generale dire che le a2e2a conser2ate con cura in stile gotico, erano co%un-ue di2erse da co%e se le era ra&&igurate. Gli archi acuti c7erano, a dire il 2ero, la &or%a -uindi era gotica, e a2rebbero anche /otuto a2ere i battenti... %a i 2etri erano cosE a%/i, cosE chiari, cosE lu%inosi[ Ad una i%%agina*ione che a2e2a s/erato in /iccoli ri-uadri e in /esanti incassature in /ietra, in 2etri di/inti s/orchi e /ieni di ragnatele, la di&&eren*a a//ari2a assai deludente. "l generale, constatando in che %odo gli occhi di lei &ossero occu/ati, co%inciJ a /arlare della /iccole**a della stan*a e della se%/licitC del %obilio, tutto /er l7uso -uotidiano, adatto solo a essere con&orte2ole e cosE 2ia; lusingandosi del &atto /erJ che c7erano all7Abba*ia alcuni a//arta%enti non indegni d7essere /resi in considera*ione da lei... e sta2a /er l7a//unto /arlando della doratura costosa di uno in /articolare -uando, /rendendo l7orologio, si interru//e dicendo con sor/resa che erano le cin-ue %eno 2enti. Suesto se%brJ essere un saluto e #atherine si tro2J s/inta 2ia dalla signorina Tilney in %odo tale da ca/ire che a Northanger la &a%iglia si as/etta2a la /iA rigorosa /untualitC. Tornarono indietro /er l7a%/io atrio dall7alto so&&itto, salirono una larga scalinata di -uercia lucida che, do/o %olte ra%/e e %olti /ianerottoli, le condusse in una 2asta e lunga galleria. Da un lato c7era una serie di /orte e dall7altro era illu%inata da &inestre che, #atherine ebbe a//ena il te%/o di sco/rire, da2ano su di una corte -uadrata, /ri%a che la signorina Tilney la conducesse in una ca%era e, restata con lei solo /er es/ri%ere la s/eran*a che la tro2asse con&orte2ole, la lasciasse in2itandola con ansia a ca%biare dei suoi abiti solo il %ini%o indis/ensabile.

448

#apitolo sesto
9na ra/ida occhiata bastJ /erchI #atherine si rendesse conto che il suo a//arta%ento era assai di2erso da -uello che Ferny le a2e2a descritto tentando di %etterle /aura... "n nessun %odo si /ote2a ritenere irragione2ol%ente grande; non contene2a ne//ure ara**i o 2elluti... i %uri erano rico/erti di carta da /arati e sul /a2i%ento c7erano ta//eti; le &inestre non erano %eno /er&ette o %eno tras/arenti di -uelle del salotto del /iano di sotto; il %obilio, sebbene non &osse all7ulti%a %oda, era bello e con&orte2ole e l7insie%e della stan*a era ben lontano dall7essere disage2ole. "l suo cuore &u i%%ediata%ente tran-uilli**ato su -uesto /unto: si risolse -uindi a non /erdere te%/o in un /articolare esa%e di ogni cosa /oichI a2e2a gran ti%ore di &ar cosa sgradita al generale &acendo tardi. Di conseguen*a si tolse l7abito con tutta la /ossibile /re%ura e si /re/ara2a a sciogliere i legacci della cassetta della biancheria che a2e2a /ortato con sI in carro**a /er il suo uso i%%ediato, -uando i%/ro22isa%ente gli occhi le caddero su una 2asta e alta cassa/anca situata in un /ro&ondo recesso a lato del ca%inetto. 6a 2ista di ciJ la &ece sobbal*are e, di%entica di ogni altra cosa, la &issJ i%%obile /er la %era2iglia %entre le /assa2ano /er la testa -uesti /ensieri: ?\ /ro/rio curioso[ Non %i as/etta2o una cosa di -uesto genere[ 9na i%%ensa /esante cassa/anca[ #he conterrC %ai. PerchI l7a2ranno %essa -ui. Se%bra -uasi s/inta in un cantuccio co%e se a2essero 2oluto tenerla &uori 2ista[ Koglio guardarci dentro subito a tutti i costi, &inchI c7D luce... Se as/etto &ino a stasera, la candela %agari %i si /uJ s/egnere@. Si a22icinJ e la esa%inJ da 2icino. Era di cedro, strana%ente intarsiata di legno /iA scuro, /osa2a su un basa%ento intagliato dello stesso legno e si innal*a2a di un /iede dal /a2i%ento. "l chia2istello era d7argento, anche se annerito dal te%/o; ai lati 2i erano i resti irregolari di %aniglie anch7esse d7argento, &orse s/e**ate /re%atura%ente a causa di -ualche ignota 2iolen*a e, al centro del co/erchio, c7erano delle ci&re %isteriose dello stesso %etallo. #atherine 2i si chinJ so/ra /er scrutarle, %a non riuscE a distinguere nulla con certe**a. Da -ualun-ue /arte la guardasse, l7ulti%a lettera non /ote2a certo essere una ?T@: tutta2ia, che in -uella casa ci /otesse essere una ci&ra di2ersa, era una circostan*a da suscitare un non co%une li2ello di %era2iglia. Se originaria%ente la cassa/anca non era loro, attra2erso -uali strani e2enti sarebbe %ai /otuta cadere nelle %ani della &a%iglia Tilney. 6a sua s/a2entata curiositC cresce2a di %o%ento in %o%ento e, a&&errando con %ani tre%anti la chiusura, si risolse ad a**ardare ogni cosa /er soddis&are la sua curiositC di sco/rire cosa contenesse la cassa/anca. #on di&&icoltC, dal %o%ento che -ualcosa se%bra2a o//orre resisten*a ai suoi s&or*i, riuscE ad al*are il co/erchio di /ochi /ollici. "n -uel %o%ento, /erJ, un i%/ro22iso /icchiare alla /orta della stan*a la &ece sobbal*are e &ece sE che lasciasse il co/erchio che si chiuse con allar%ante 2iolen*a. 67ino//ortuna intrusa era la ca%eriera della signorina Tilney, %andata dalla /adrona ad aiutare la signorina orland e, sebbene #atherine la li-uidasse i%%ediata%ente, la 2enuta di -uesta la richia%J al senso del do2ere e la &or*J, nonostante il desiderio di /enetrare -uel %istero, a /rocedere nell7abbigliarsi sen*a ulteriore ritardo. " suoi /rogressi non &urono tutta2ia ra/idi, /erchI i suoi /ensieri e i suoi occhi erano ancora ri2olti all7oggetto che le a//ari2a cosE o//ortuna%ente situato /er interessare e allar%are e, sebbene non osasse /erdere ancora ne//ure un %o%ento /er un secondo tentati2o, non riuscE a restarne lontana neanche di
443

/ochi /assi. Alla &ine, tutta2ia, a2endo in&ilato un braccio nel 2estito, le se%brJ che la sua toletta &osse abbastan*a 2icina a concludersi e che la sua i%/a*ien*a e la sua curiositC /otessero essere in -ualche %odo soddis&atte. Pote2a certa%ente /erdere -ualche %inuto e &orse, con uno s&or*o dis/erato, se%/re che la cassa/anca non &osse chiusa con %e**i so/rannaturali, il co/erchio si sarebbe solle2ato. #on tale s/irito si a22icinJ e la sua &iducia non &u delusa. 9no s&or*o risoluto s/alancJ il co/erchio e ai suoi occhi %era2igliati si ri2elJ la 2ista di una so2racco/erta di cotone bianco ben ri/iegata che occu/a2a un angolo della cassa/anca 2antandone il non dis/utato /ossesso[ 6o sta2a &issando arrossendo /er la sor/resa, -uando la signorina Tilney, ansiosa che l7a%ica si /re/arasse /er te%/o, entrJ nella stan*a e, alla 2ergogna crescente di a2er nutrito /er -ualche %inuto assurde as/ettati2e, si aggiunse la 2ergogna di essere stata sco/erta in una cosE sciocca ricerca. ,E una curiosa 2ecchia cassa/anca, 2ero.0, disse la signorina Tilney, %entre #atherine la chiude2a ra/ida%ente e si 2olta2a 2erso lo s/ecchio. ,E i%/ossibile dire da -uante genera*ioni D -ui. #o%e %ai sia stata %essa in -uesta stan*a non lo so, %a non ho 2oluto che la s/ostassero /erchI ho /ensato che -ualche 2olta /uJ tornare utile /er ri/orre ca//elli e cu&&iette. 6a cosa /eggiore D che il suo /eso ne rende di&&icile l7a/ertura. "n -uell7angolo, co%un-ue, dC /oco &astidio0. #atherine non a2e2a agio di /arlare, do2endo conte%/oranea%ente arrossire, in&ilarsi l7abito e &or%ulare sagge risolu*ioni. 6a signorina Tilney accennJ garbata%ente al ti%ore di essere in ritardo e in %e**o %inuto corsero insie%e giA /er le scale. Era un ti%ore non del tutto in&ondato, /oichI il generale Tilney sta2a attra2ersando il salotto a grandi /assi con l7orologio in %ano e, /ro/rio nel %o%ento in cui loro entrarono, suonJ con 2iolen*a il ca%/anello e ordinJ: ,"" /ran*o subito in ta2ola[0. #atherine tre%J, a causa della 2irulen*a con cui si era es/resso, e sedette /allida e a&&annata, nel %odo /iA riser2ato /ossibile, /reoccu/ata /er i &igli e detestando le antiche cassa/anche. "l generale, /erJ, guardandola, recu/erJ tutta la sua gentile**a e /assJ il resto del suo te%/o ri%/ro2erando la &iglia /er a2er &atto cosE &olle%ente a&&rettare la sua a%ica, che era adesso assoluta%ente sen*a &iato /er la corsa, -uando non c7era /ro/rio un %oti2o al %ondo di a&&rettarsi tanto: %a #atherine non /otI co%un-ue su/erare del tutto il do//io disagio di a2er coin2olto l7a%ica in un ri%/ro2ero e di sentirsi lei stessa una grande sciocca, &inchI non si &urono &elice%ente seduti alla ta2ola da /ran*o e i sorrisi co%/iacenti del generale e il /ro/rio otti%o a//etito le restituirono la /ace. 6a sala da /ran*o era una sala %olto bella, /ro/or*ionata e adatta /er le sue di%ensioni a essere una sala da rice2i%ento, /iA che un salotto di uso co%une ed era a%%obiliata in uno stile lussuoso e costoso che /er l7occhio /oco /ratico di #atherine era -uasi s/recato /oichI ella non 2ide altro che la s/a*iositC della sala e il gran nu%ero dei ser2itori. Per la /ri%a es/resse la sua a%%ira*ione, e il generale, con %odi assai gentili, riconobbe che era in e&&etti una bella stan*a e in /iA disse che, /er -uanto egli non a2esse a cuore -ueste cose, co%e %olti, gli se%bra2a che &osse una stan*a da /ran*o abbastan*a a%/ia /er le necessitC della 2ita; su//one2a, co%un-ue, che lei do2esse essere abituata agli a//arta%enti %olto /iA grandi del signor Allen. ,No, certo0, assicurJ onesta%ente #atherine; ,la sala da /ran*o del signor Allen non D a%/ia ne//ure la %etC di -uesta0. 6ei non ne a2e2a %ai 2ista una cosE grande in tutta la 2ita. "l buonu%ore del generale crebbe... PerchI, dal %o%ento che lui a2e2a tali stan*e, ritene2a che la cosa /iA se%/lice &osse usarle; %a sul suo onore, crede2a che stan*e grandi la %etC sarebbero state certa%ente /iA co%ode. 6a casa del signor Allen, ne era certo, do2e2a essere dell7esatta %isura che consenti2a di 2i2ere con ra*ionale &elicitC.
4+=

6a serata /assJ sen*a altri /roble%i e, durante un7occasionale assen*a del generale, con %aggiore agio. Era solo in sua /resen*a che #atherine senti2a un /o7 di /iA la &atica del 2iaggio e, anche allora, anche nei %o%enti di a&&atica%ento o di tensione, ciJ che era /re/onderante in lei, era un senso generale di &elicitC ed era in grado di /ensare agli a%ici ri%asti a Hath sen*a /ro2are alcun desiderio di tro2arsi con loro. 6a notte &u te%/estosa. "l 2ento era cresciuto di intensitC a inter2alli /er l7intero /o%eriggio e, al %o%ento in cui il gru//o si sciolse, so&&ia2a con &uria e /io2e2a 2iolente%ente. #atherine, attra2ersando l7atrio, ascoltJ ti%orosa la te%/esta e -uando ne udE la 2iolen*a attorno all7angolo dell7antico edi&icio e udE sbattere con i%/ro22isa &uria una /orta lontana, /er la /ri%a 2olta /ro2J la sensa*ione di essere 2era%ente in un7abba*ia... SE, -uesti erano i suoni caratteristici di un7abba*ia... 6e ri/orta2ano alla %ente una 2arietC in&inita di situa*ioni s/a2entose, di scene orride, di cui tali edi&ici erano stati testi%oni e in cui c7erano state tali te%/este e si rallegrJ con tutto il cuore delle circostan*e /iA &elici che a2e2ano acco%/agnato il suo ingresso entro -uelle %ura cosE solenni[... 6ei non a2e2a niente da te%ere da assassini di %e**anotte e da seduttori ubriachi. Fenry a2e2a certo scher*ato -uando a2e2a detto -uelle cose durante il %attino. "n una casa cosE ben a%%obiliata e cosE sor2egliata, lei non a2e2a certo nulla da es/lorare nI da te%ere; /ote2a -uindi andarsene a letto sicura co%e se &osse stata nella sua stan*a di )ullerton. #osE, saggia%ente &orti&icata nella %ente, %entre /rocede2a su /er le scale, &u ca/ace, s/ecie -uando ebbe sa/uto che la signorina Tilney dor%i2a solo due stan*e do/o la sua, di entrare nella sua stan*a con cuore su&&iciente%ente saldo e la sua ani%a &u i%%ediata%ente ristorata dalla grade2ole 2ista del &uoco nel ca%inetto. ?Suanto D %eglio@, si disse %entre si a22icina2a al /ara&uoco, ?-uant7D %eglio tro2are il &uoco acceso, /iuttosto che do2er as/ettare tre%ante &ino a che tutta la &a%iglia sia a letto, co%e sono state obbligate a &are tante /o2ere &anciulle, e solo allora a2ere un 2ecchio ser2itore &edele che ti s/a2enta entrando con una &ascina[ #o%e sono contenta che Northanger sia cosE co%7D[ Se &osse stato co%e certi altri /osti, non so se in una notte co%e -uesta a2rei /otuto garantire del %io coraggio... %a certo -ui non c7D nulla di cui te%ere@. Si guardJ intorno nella stan*a. 6e se%brJ che le tende si %uo2essero. Non /ote2a essere altro che /er la 2iolen*a del 2ento che /assa2a attra2erso le &essure delle i%/oste; &ece un /asso baldan*oso in a2anti, canticchiando con indi&&eren*a un %oti2etto, /er assicurarsi che &osse /ro/rio cosE; guardJ coraggiosa%ente dietro ogni tenda e non 2ide nulla, su ciascuno dei bassi da2an*ali, che /otesse s/a2entarla, e %ettendo la %ano contro le i%/oste, sentE la &or*a 2iolenta del 2ento. 9n7occhiata alla 2ecchia cassa/anca, -uando &inE l7esa%e delle &inestre, non &u inutile: /ro2J dis/re**o /er gli assurdi ti%ori dettati dalla sua sciocca &antasia e co%inciJ con la /iA &elice indi&&eren*a a /re/ararsi /er andare a letto. 6o a2rebbe &atto con cal%a, non do2e2a a&&rettarsi, non a2e2a nessuna i%/ortan*a se era l7ulti%a /ersona al*ata della casa. a non a2rebbe atti**ato il &uoco: -uella sarebbe codardia; co%e se a2esse 2oluto essere /rotetta dalla luce del &uoco do/o essersi %essa a letto. "l &uoco -uindi %orE e #atherine, a2endo /assato -uasi un7ora a siste%arsi, inco%incia2a a /ensare di %ettersi a letto -uando, dando un7occhiata in giro /er la stan*a, &u col/ita dalla 2ista di un alto anti-uato scrittoio che, sebbene &osse situato in una /osi*ione %olto 2isibile, &ino ad allora non a2e2a ancora notato. 6e /arole di Fenry, la sua descri*ione dello scrittoio di ebano che do2e2a essere s&uggito alle sue osser2a*ioni &ino ad allora, le tornarono i%%ediata%ente alla %ente e, sebbene in realtC non /otesse esserci dentro niente, c7era -ualcosa di strano ed era certa%ente una coinciden*a note2ole[ Prese la candela e guardJ lo
4+4

scrittoio da 2icino. Non era certa%ente d7ebano e d7oro; era gia//onese, gia//onese nero e giallo, e anche %olto bello: e -uando /rese in %ano la candela il giallo le a//arE assai si%ile all7oro. 6a chia2e era nella serratura e #atherine /ro2J la strana &antasia di guardarci dentro. Non che a2esse la benchI %ini%a as/ettati2a di tro2arci -ualcosa, %a era assai strano tutto ciJ, do/o -uanto Fenry le a2e2a detto. "n bre2e, non /ote2a certo dor%ire sen*a a2erlo esa%inato. #osE, siste%ata con grande cautela la candela su di una sedia, con %ano tre%ante siste%J la chia2e e /ro2J a girarla, %a -uella resistette a tutti i suoi s&or*i. Allar%ata, %a non scoraggiata, /ro2J nell7altro senso: ci &u uno scatto e credette di a2er a2uto successo... %a, cosa strana e %isteriosa... la serratura restJ chiusa. Si &er%J un %o%ento sen*a &iato /er la %era2iglia. "l 2ento ruggi2a giA /er il ca%ino, la /ioggia batte2a a torrenti contro le &inestre e ogni cosa se%bra2a ri2elare l7orrore della sua situa*ione. $itirarsi a letto, tutta2ia, le se%bra2a una cosa total%ente insoddis&acente e 2ana, dal %o%ento che non sarebbe riuscita a dor%ire sa/endo di a2ere uno scrittoio chiuso e %isterioso nelle sue i%%ediate 2icinan*e[ Di nuo2o si diede da &are con la chia2e e -uando l7ebbe girata in ogni /ossibile senso /er alcuni istanti con la deter%inata celeritC dello s&or*o della dis/era*ione, lo s/ortello i%/ro22isa%ente cedette. "l cuore le sobbal*J dall7esultan*a /er una tale 2ittoria e, s/alancato anche un secondo s/ortello, che era assicurato da una chiusura %eno /rodigiosa della /ri%a, sebbene i suoi occhi non /otessero scorgere nulla di inusuale, le a//ar2e una do//ia &ila di /iccoli cassetti, con alcuni cassetti /iA grandi so/ra e sotto di essi e, al centro, una s/ecie di /orticina chiusa da una serratura con una chia2e che assicura2a con %olta /robabilitC una ca2itC %olto i%/ortante. "l cuore di #atherine batte2a ra/ida%ente, %a il coraggio non le %anca2a. #on le guance arrossate dalla s/eran*a e agu**ando la 2ista /er la curiositC, si aggra//J con le dita alla %aniglia di un cassetto e lo a/rE. Era intera%ente 2uoto. #on %eno allar%e e con %aggiore ansia ne /ro2J un secondJ, un ter*o, un -uarto: tutti erano ugual%ente 2uoti. Non ne trascurJ alcuno e in nessuno tro2J nulla. Hene in&or%ata dai libri sull7arte di nascondere un tesoro, la /ossibilitC di un do//io &ondo dei cassetti non le s&uggi2a, e /ertanto tentJ tutti i cassetti con ansia, %a in2ano. Solo la ca2itC centrale ri%ane2a ines/lorata e sebbene non a2esse a2uto ,%ai &in dal /rinci/io la /iA /iccola idea di tro2are -ualcosa in -ualsiasi /arte dello scrittoio e non &osse a&&atto delusa dalla %ancan*a di successo delle sue ricerche, sarebbe stato sciocco non esa%inare anche -uella ca2itC, dal %o%ento che ne a2e2a l7agio0. #i 2olle un /o7 di te%/o tutta2ia, /ri%a che /otesse a/rire lo s/ortello: incontrJ /er -uesta serratura /iA interna la stessa di&&icoltC che a2e2a incontrato /er la serratura esterna, %a alla &ine l7a/rE. E non 2ana, co%e /ri%a, &u la sua ricerca: i suoi occhi caddero subito su di un rotolo di carte s/into /arecchio in &ondo nella ca2itC, a//arente%ente /er nasconderlo. A -uel /unto i suoi senti%enti erano indescri2ibili. "l suo cuore sobbal*J, le ginocchia le tre%arono e le guance si &ecero /allide. A&&errJ con %ano incerta il /re*ioso %anoscritto: una %e**a occhiata le era stata su&&iciente ad accertarsi che c7era in&atti scritto -ualcosa; e %entre riconosce2a con ti%ore l7a22erarsi di ciJ che Fenry a2e2a /re2isto, si risolse i%%ediata%ente a esa%inare ogni riga /ri%a di tentare di ri/osare. Si 2oltJ /erJ allar%ata 2erso la candela, la cui luce era se%/re /iA &ioca: non c7era co%un-ue /ericolo che si s/egnesse all7i%/ro22iso, an*i a2rebbe continuato a bruciare /er ore, e /er non a2ere %aggiori di&&icoltC nel leggere lo scritto che do2e2a essere cosE antico, si a&&rettJ a s%occolare la candela. Ahi%D[ S%occolarla e s/egnerla &u tutt7uno. Nessuna la%/ada si sarebbe %ai s/enta con un e&&etto /iA s/a2entoso. #atherine /er /ochi %inuti ri%ase i%%obile /er l7orrore. Era /ro/rio s/enta, non c7era ri%asto ne//ure un bagliore
4++

all7estre%itC dello sto//ino che /otesse darle la s/eran*a di riani%arla so&&iando. "l buio /iA i%/enetrabile rie%/i2a la stan*a. 9na 2iolenta ra&&ica di 2ento, in&uriando i%/ro22isa%ente, aggiunse nuo2o orrore al %o%ento. #atherine tre%J dalla testa ai /iedi. Nella /ausa che successe, un suono co%e di /assi che si allontana2ano e di una /orta che si chiude2a a distan*a le arri2J alle orecchie. 6a natura u%ana non /ote2a so//ortare di /iA. 9n sudore &reddo le co/rE la &ronte, il %anoscritto le cadde di %ano e, cercando a tentoni il letto, 2i saltJ dentro in &retta e cercJ sollie2o da -uell7angoscia in&ilandosi sotto le co/erte. #hiudere gli occhi /er dor%ire, -uella notte, le se%bra2a total%ente &uori -uestione. #on una tale curiositC cosE giusta%ente ris2egliata, con l7ani%o agitato in tal %odo, ri/osare do2e2a essere assoluta%ente i%/ossibile. E la te%/esta, &uori, cosE s/a2entosa[... Non a2e2a a2uto %ai ti%ore del 2ento %a adesso ogni ra&&ica le se%bra2a densa di orribile signi&icato. "l %anoscritto cosE strana%ente tro2ato, cosE strana%ente ris/ondente alla /redi*ione del %attino, co%e si s/iega2a, -uale ne /ote2a essere il contenuto.... a chi si ri&eri2a... /erchI e in che %odo era /otuto restare cosE a lungo nascosto.... "n che strano e singolare %odo era ca/itato /ro/rio a lei di sco/rirlo[ )ino a che non a2esse sa/uto il suo contenuto, co%un-ue, non a2rebbe a2uto nI ri/oso nI con&orto e ai /ri%i raggi del sole era deter%inata a sco/rirlo. a %olte tediose ore do2e2ano tutta2ia trascorrere &ino ad allora. #atherine rabbri2idE, si agitJ nel letto e desiderJ un sonno tran-uillo. 6a te%/esta in&uria2a ancora; %olti, e assai /iA terri&icanti del 2ento stesso, erano i ru%ori che col/i2ano a inter2alli il suo orecchio terrori**ato. 6e stesse cortine del letto se%bra2ano %uo2ersi; in un altro %o%ento se%brJ %uo2ersi il chia2istello della /orta, co%e se -ualcuno tentasse di entrare. Sordi %or%orii se%bra2ano ser/eggiare lungo il corridoio. PiA di una 2olta le si gelJ il sangue /er il suono di ge%iti lontani. 6e ore si so%%arono alle ore e la /o2era #atherine a2e2a giC sentito battere le tre a tutti gli orologi della casa /ri%a che la te%/esta si /lacasse e che, sen*a accorgersene, cadesse addor%entata /ro&onda%ente.

4+:

#apitolo settimo
6a ca%eriera che a/ri2a le i%/oste alle otto del %attino del giorno seguente s2egliJ #atherine che a/rE gli occhi, %era2igliandosi di a2erli %ai /otuti chiudere, su una scena %olto lieta: il &uoco brucia2a giC nel ca%inetto e alla te%/esta era succeduta una lu%inosa %attina. "stantanea%ente, con la coscien*a, le tornJ alla %ente il ricordo del %anoscritto e, saltando &uori dal letto /ro/rio nel %o%ento in cui la ca%eriera anda2a 2ia, #atherine si /reci/itJ a raccogliere ansiosa%ente i &ogli s/arsi sul /a2i%ento e si in&ilJ di nuo2o a letto /er esa%inare il %anoscritto. Si accorse subito che non do2e2a as/ettarsi un %anoscritto di lunghe**a uguale a -uelli che general%ente 2engono descritti nei libri, /erchI il rotolo se%bra2a co%/osto intera%ente di &ogli s/arsi e se%bra2a co%un-ue abbastan*a inconsistente: di di%ensioni %olto %inori di -uanto a2e2a su//osto da /rinci/io. Diede un7occhiata ra/ida a una /agina. TrasalE. Non /ote2a essere /ossibile. " sensi &orse la inganna2ano.... Era una lista di biancheria in caratteri ro**i e %oderni ed era tutto ciJ che a2e2a da2anti. Se /ote2a &idarsi di ciJ che 2ede2a, tene2a in %ano il conto d7una la2anderia. A&&errJ un altro &oglio e 2ide elencati gli stessi articoli con /iccole 2arianti. Ne /rese un ter*o, un -uarto, un -uinto e, niente di nuo2o. #a%icie, cal*e, cra2atte, /anciotti erano elencati da2anti ai suoi occhi. Due altri &ogli, scritti dalla stessa %ano, /orta2ano elenchi di s/ese altrettanto /oco interessanti: carta da lettere, ci/ria /er ca/elli, stringhe da scar/e, s%acchiatore /er cal*oni. E il &oglio /iA grande, che a2e2a a22olto tutto il resto, /are2a, dalla /ri%a riga con&usa che reca2a scritto ,Per a2er %esso un i%/iastro alla ca2alla saura0, essere il conto del %aniscalco[ Ecco che cos7era la raccolta di carte M&orse lasciate, co%e /ote2a adesso su//orre, dalla negligen*a di un ser2o, nel luogo in cui le a2e2a tro2ateN, che l7a2e2a tenuta in allar%e e s2eglia /er %etC della notte[ Si senti2a u%iliata, /ro&onda%ente. 67a22entura della cassa/anca allora non le a2e2a insegnato alcuna sagge**a. 9no s/igolo di -uesta, catturando il suo sguardo %entre si sdraia2a, le se%brJ ergersi accusatorio contro di lei. Niente adesso /ote2a essere /iA chiaro dell7assurditC delle sue /iA recenti &antasie. Su//orre che un %anoscritto antico, risalente a %olte genera*ioni addietro, /otesse essere ri%asto nascosto in una stan*a co%e -uella, cosE %oderna, cosE con&orte2ole[... O che lei /otesse essere stata la /ri%a a /ossedere l7intelligen*a di a/rire uno scrittoio la cui chia2e era 2isibile a tutti[ #o%e a2e2a /otuto ingannare cosE se stessa[... Kolesse il cielo che Fenry Tilney non 2enisse %ai a sa/ere della sua &ollia[ #he era in gran /arte col/a di lui, tutta2ia, /erchI lo scrittoio le era a//arso cosE esatta%ente in accordo con la sua descri*ione delle a22enture che lei a2rebbe do2uto correre[ Se lo scrittoio non le &osse a//arso cosE si%ile a -uello da lui descritto, lei non a2rebbe %ai /ro2ato la /iA /iccola curiositC /er esso. Suesto era il suo solo con&orto. "%/a*iente di sbara**arsi di -uelle e2iden*e della sua &ollia, di -uelle detestabili carte s/arse sul suo letto, si al*J subito e ri/iegatele /er -uanto /ossibile co%e /ri%a, le ri%ise nello stesso /osto dentro lo scrittoio, desiderando di cuore che nessuna disgra*iata circostan*a gliele %ettesse di nuo2o da2anti /er &arla sentire in&elice con se stessa. Per -uale %oti2o la serratura &osse stata cosE di&&icile da a/rirsi, era ancora una cosa che le suona2a sor/rendente, dal %o%ento che adesso era in grado di a/rirla con estre%a &acilitC. Suesta era certa%ente una cosa %isteriosa, e indulse ancora in -ueste lusinghiere
4+5

suggestioni /er un %e**o %inuto, &inchI la /ossibilitC che lo s/ortello &osse stato &in dall7ini*io a/erto e che &osse stata lei stessa a chiuderlo, le balenJ nella testa &acendola di nuo2o arrossire. 9scE al /iA /resto dalla stan*a in cui il suo co%/orta%ento le a2e2a causato ri&lessioni tanto s/iace2oli e tro2J ra/ida%ente la stan*a della cola*ione che le era stata indicata dalla signorina Tilney la sera /ri%a. #7era solo Fenry lE, e la sua i%%ediata s/eran*a che lei non &osse stata disturbata dalla te%/esta, con il %ali*ioso ri&eri%ento al carattere dell7edi&icio che abita2ano, &u /er lei abbastan*a /enosa. Per nulla al %ondo a2rebbe 2oluto che lui sos/ettasse la sua debole**a e tutta2ia, inca/ace di %entire total%ente, &u costretta a riconoscere che il 2ento l7a2e2a tenuta s2eglia /er un /o7. , a adesso abbia%o una s/lendida %attinata0, aggiunse desiderando ca%biare argo%ento, ,le te%/este e l7insonnia non sono nulla -uando sono &inite. #he bei giacinti[... Fo a//ena i%/arato ad a%are i giacinti0. ,E co%e ha &atto a i%/arare, /er caso o attra2erso delle argo%enta*ioni.0 , e l7ha insegnato sua sorella, non so dirle co%e. 6a signora Allen si /rende2a /ena, anno do/o anno, di insegnar%i ad a%arli, %a non %7D %ai riuscito &inchI non li ho 2isti l7altro giorno in ilso% Street; io /er natura sono /iuttosto indi&&erente ai &iori0. ,"n2ece adesso le /iacciono i giacinti. E -uesto D %olto %eglio. Fa guadagnato una nuo2a &onte di gioia, ed D bene a2ere /arecchie &onti di gioia, se /ossibile. Do/o tutto, il gusto /er i &iori D desiderabile nel suo sesso, /erchI signi&ica, /er 2oi donne, essere costrette a uscire di /iA e &are %aggiore eserci*io &isico di -uanto ne &areste altri%enti. E sebbene l7a%ore /er i giacinti /ossa tro2are soddis&a*ione in casa, chi /uJ dire che una 2olta sorto -uesto senti%ento, non /ossa arri2are anche ad a%are le rose.0 , a io non ho bisogno di -uest7incenti2o /er uscire di casa. "l /iacere di /asseggiare e di res/irare l7aria &resca %i D su&&iciente e nelle belle giornate sto &uori /er %etC del %io te%/o. a%%a dice che non sto %ai in casa0. ,"n ogni caso, sono contento che lei abbia i%/arato ad a%are i giacinti. 67abitudine di i%/arare ad a%are D una bella cosa e la dis/osi*ione a lasciarsi insegnare -ualcosa in una gio2ane donna D una benedi*ione... ia sorella ha un %odo grade2ole di istruire.0. #atherine &u sal2ata dall7i%bara**o di cercare una ris/osta, dall7entrata del generale i cui co%/li%enti sorridenti annunciarono un &elice buonu%ore, %a la cui garbata allusione alla loro co%une abitudine di al*arsi /resto, non &ece sentire #atherine /iA a suo agio. 67elegan*a del ser2i*io da cola*ione s/inse #atherine a notarlo non a//ena si &urono seduti a ta2ola. )ortunata%ente era stato scelto dal generale che &u &elice che lei a//ro2asse il suo gusto; con&essJ che era una cosa se%/lice e lineare, e a2e2a /ensato che &osse giusto incoraggiare le %ani&atture del suo /aese e, da /arte sua, /er il suo /alato /oco critico, il tD a2e2a lo stesso buon sa/ore sia nella /orcellana dello Sta&&ordishire che in -uella di Dresda o di S_2e. Suello era un ser2i*io /iuttosto 2ecchio, co%/rato due anni /ri%a. 6a -ualitC della %ani&attura era assai %igliorata da -uel te%/o, e a2e2a 2isto alcuni begli ese%/lari, -uando era stato in cittC l7ulti%a 2olta e se non &osse stato assoluta%ente /ri2o di 2anitC a -uel /ro/osito, sarebbe stato tentato di ordinare un nuo2o ser2i*io. A2e2a &iducia, co%un-ue, che a2rebbe a2uto /resto l7o//ortunitC di sceglierne uno, anche se non /er se stesso. #atherine &u /robabil%ente l7unica /ersona del gru//o a non ca/ire che 2olesse dire. Poco do/o cola*ione, Fenry /artE /er Boodston, do2e era necessario che si recasse /er sbrigare degli a&&ari che 2e lo a2rebbero trattenuto /er due o tre giorni. 6o acco%/agnarono tutti nell7atrio /er 2ederlo salire a ca2allo e, rientrati nella stan*a della cola*ione, #atherine
4+<

si a22icinJ alla &inestra nella s/eran*a di /otergli dare un7altra occhiata. ,6a &or*a d7ani%o di tuo &ratello oggi de2e so//ortare un gra2e /eso0, osser2J il generale a Eleanor. ,Boodston gli se%brerC triste oggi0. ,\ un /osto gra*ioso.0, chiese #atherine. ,#he ne dici, Eleanor.... di7 la tua o/inione, /erchI le signore /ossono ca/ire %eglio i gusti delle altre signore di -uanto non sa//iano &are gli uo%ini. "o /enso che all7occhio /iA i%/ar*iale si racco%anderebbe /er %olti %eriti. 6a casa sorge in %e**o a bei /rati e si a&&accia a sudPest, c7D un orto eccellente dalla stessa /arte, le %ura che circondano il tutto le ho &atte costruire io stesso circa dieci anni &a /er %io &iglio. \ un bene&icio della &a%iglia, signorina orland, ed essendo le /ro/rietC di -uesto luogo /rinci/al%ente %ie, /uJ ca/ire -uanto io abbia cura che non siano %al tenute. Anche se le entrate di Fenry di/endessero esclusi2a%ente da -uesto bene&icio, non sarebbe certo %al /ro22isto. )orse se%brerC strano che con solo altri due &igli, io abbia /ensato /er lui che &osse necessario a2ere una /ro&essione. #erta%ente ci sono %o%enti in cui tutti noi desiderere%%o che non a2esse alcun i%/egno di la2oro. a sebbene io non /ossa certo s/erare di &ar /ensare a 2oi gio2ani donne la stessa cosa, sono certo che suo /adre, signorina orland, sarebbe d7accordo con %e nel /ensare, che sia utile /er ogni gio2ane uo%o a2ere un i%/iego. "l denaro D solo una cosa, l7i%/ortante D il la2oro. Anche )rederic(, il %io &iglio %aggiore, che erediterC una considere2ole /ro/rietC che si estende /iA di ogni altra /ro/rietC /ri2ata nella contea, ha la sua /ro&essione0. "l solenne e&&etto di -uest7ulti%a argo%enta*ione &u -uale il generale lo desidera2a. "l silen*io della &anciulla /ro2J che era indiscutibile. 6a sera /ri%a era stato detto -ualcosa a /ro/osito del %ostrarle la casa e adesso il generale si o&&erse co%e guida e, sebbene #atherine a2esse s/erato di es/lorarla acco%/agnata solo dalla &iglia, la /ro/osta in sI la rende2a tro//o &elice, -ualsiasi &ossero le circostan*e, /er non essere subito accettata, dal %o%ento che erano giC diciotto ore che era all7abba*ia e ne a2e2a 2iste solo /oche stan*e. 6a scatola da rica%o che #atherine a2e2a a//ena /reso s2ogliata%ente in %ano &u chiusa con gioiosa &retta ed ella &u subito /ronta a seguirlo. ,E -uando a2essero 2isitato tutta la casa egli si ri/ro%ette2a il /iacere di acco%/agnarla nei boschi e in giardino0. #atherine si inchinJ assentendo. , a &orse sarebbe stato /iA gradito /er lei &are -ueste cose /er /ri%e. "l te%/o era bello e in -uesta /arte dell7anno non era certo che si %antenesse tale a lungo. #osa /re&eri2a. 6ui era co%un-ue al suo ser2i*io. #osa /ensa2a la &iglia che sarebbe stato /iA gradito alla sua a%ica.... 6ui /ensa2a di /oter indo2inare... SE, certo, negli occhi della signorina orland legge2a il giudi*ioso desiderio di &ar buon uso dell7attuale bel te%/o... a -uando %ai lei sbaglia2a nel giudicare.... 67abba*ia sarebbe stata se%/re lE, e all7asciutto. 6ui cede2a incondi*ionata%ente: a2rebbe /reso il ca//ello e le a2rebbe raggiunte in un %o%ento0. 6asciJ la stan*a e #atherine, con disa//unto e con il 2olto ansioso, co%inciJ a es/ri%ere la sua riluttan*a all7idea di trascinarlo &uori di casa al di lC della sua 2olontC, solo /erchI si era &atto l7idea sbagliata di &arle /iacere. a &u &er%ata dalla signorina Tilney che, un /o7 con&usa, le dice2a: ,#redo che sarebbe /iA saggio a//ro&ittare della bella %attinata. Non essere a disagio /er %io /adre: lui &a se%/re una /asseggiata a -uest7ora del giorno0. #atherine non sa/e2a cosa /ensare. PerchI la signorina Tilney era cosE i%bara**ata. )orse il generale a2e2a -ualche riluttan*a a %ostrarle l7abba*ia. a la /ro/osta era stata la sua. E non era strano che lui &acesse se%/re una /asseggiata cosE /resto. NI suo /adre nI il signor Allen lo &ace2ano. Era certa%ente una cosa irritante. 6ei era tutta i%/a*iente di 2edere la
4+>

casa e non a2e2a nessuna curiositC di 2edere i terreni. Se solo Fenry &osse stato con loro[... a adesso lei non a2rebbe sa/uto riconoscere il /ittoresco delle cose, -uando 2i si &osse i%battuta. Tali erano i suoi /ensieri, %a li tenne /er sI e si %ise in ca/o la cu&&ia con /a*iente scontente**a. )u col/ita, co%un-ue, al di lC di ogni sua as/ettati2a, dalla grandiositC dell7 Abba*ia, -uando /er la /rina 2olta la 2ide dall7esterno. 67edi&icio include2a un 2asto cortile e due lati del -uadrato, ricco di orna%enti gotici, erano in e2iden*a in tutta la loro belle**a, %entre il ri%anente era celato da boschetti di 2ecchi alberi o da /iante lussureggianti e le ri/ide colline boscose che si innal*a2ano a /roteggerlo erano belle anche in -uel %ese di %ar*o cosE s/oglio. #atherine non a2e2a %ai 2isto nulla di si%ile e /ro2J una grande gioia: sen*a as/ettare l7a//oggio di nessuna autoritC su/eriore es/resse con i%/eto tutta la sua %era2iglia e la sua a%%ira*ione. "l generale ascoltJ con gratitudine consa/e2ole e /ar2e -uasi che la sua stessa ca/acitC di a//re**are Northanger &osse stata &ino a -uel %o%ento 2aga e indistinta. Successi2a%ente a%%irarono l7orto e il generale le guidJ attra2erso una /iccola /arte del /arco. "l nu%ero di acri che l7orto co/ri2a era tale che #atherine non /otI sentirlo sen*a sgo%ento, essendo /iA del do//io di tutta la /ro/rietC del signor Allen e di suo /adre %esse insie%e, co%/reso il ci%itero e il &rutteto. " %uri se%bra2ano in&initi /er nu%ero e /er lunghe**a; in %e**o a essi se%bra2a innal*arsi un 2illaggio di serre e l7intera /o/ola*ione di una /arrocchia se%bra2a la2orare nei ca%/i recintati. "l generale &u lusingato dalla sor/resa di lei, che la es/resse con %olta se%/licitC, non a//ena lui la /regJ di dirgli cosa /ensasse, dicendo che non a2e2a %ai 2isto un orto uguale a -uello /ri%a di allora. Egli riconobbe che ,/ur sen*a alcuna a%bi*ione... e sen*a tenerci /oi tanto... crede2a che il suo orto non a2esse ri2ali in tutto il regno. Era il suo /assate%/o /re&erito. Gli /iace2a a2ere un orto, sebbene non gli i%/ortase %olto di ciJ che %angia2a, gli /iace2a la buona &rutta... e se non &osse /iaciuta a lui, /iace2a ai suoi a%ici e ai suoi &igli. #o%un-ue un orto di -uel genere da2a %olte /reoccu/a*ioni. 6a /reoccu/a*ione /iA grande era che non se%/re si ottene2ano &rutti di buona -ualitC. 6a serra degli ananas l7ulti%o anno, /er ese%/io, a2e2a /rodotto solo un centinaio di &rutti. "l signor Allen, /ensa2a, do2e2a /ro2are anche lui lo stesso ti/o di incon2enienti0. ,No, a&&atto. "l signor Allen non si cura2a dell7orto e non ci anda2a %ai0. #on un sorriso trion&ante di autosoddis&a*ione, il generale si augurJ di /oter &are lo stesso /erchI non entra2a %ai nell7orto sen*a a2ere una -ualche /reoccu/a*ione deter%inata dal &atto che esso non ris/onde2a %ai ai suoi /rogetti. ,E co%e &un*iona2ano le serre /rogressi2e del signor Allen.0, chiede2a descri2endo la -ualitC delle sue %entre 2i &ace2ano ingresso. ,"l signor Allen a2e2a solo una /iccola serra che usa2a la signora Allen d7in2erno /er le sue /iante e di tanto in tanto 2i accende2ano un &uoco0. ,\ un uo%o &elice[0, disse il generale con dis/re**o co%/iaciuto. A2endola /ortata in ogni settore e sotto ogni %uro, &inchI ella &u &ranca%ente stu&a di 2edere e di a%%irare, egli accettJ che le raga**e, alla &ine, a//ro&ittassero di una /orta che da2a all7esterno e, es/ri%endo il desiderio di a%%irare l7e&&etto di alcune recenti %odi&iche a//ortate alla serra del tD, /ro/ose -uella %eta -uale una non s/iace2ole estensione della loro /asseggiata, se la signorina orland non era tro//o stanca. , a do2e 2ai, Eleanor.... PerchI scegli -uel sentiero &reddo e u%ido. 6a signorina orland si bagnerC. 6a strada %igliore D attra2erso il /arco0.
4+;

,E la %ia /asseggiata /re&erita0, disse la signorina Tilney, ,cosE /enso se%/re che sia la 2ia %igliore e la /iA bre2e, %a &orse sarC u%ida0. Era uno stretto sentiero che si snoda2a attra2erso un &itto boschetto di 2ecchi abeti sco**esi e #atherine, col/ita dal suo as/etto triste e ansiosa di entrar2i, non /otI &are a %eno, nonostante la disa//ro2a*ione del generale, di inoltrar2isi. 6ui si rese conto dell7inclina*ione di lei e, a2endole di nuo2o, in2ano, &atto /resente che la strada gli se%bra2a /oco salubre, era tro//o gentile /er o//orsi ulterior%ente. Si scusJ co%un-ue di non acco%/agnarle: ," raggi del sole non erano tro//o lu%inosi /er lui e sarebbe loro andato incontro /er un7altra 2ia0. Si girJ e #atherine &u sor/resa dallo sco/rire -uanto si sentisse solle2ata dalla se/ara*ione. 6a sor/resa, co%un-ue, essendo %eno reale del sollie2o, non lo rese %eno gradito, ed ella co%inciJ a /arlare con &elice gaie**a della deli*iosa %alinconia che -uel boschetto is/ira2a. , i /iace in %odo /articolare -uest7angolo0, disse la sua co%/agna con un sos/iro. ,Era la /asseggiata &a2orita di %ia %adre0. #atherine non a2e2a %ai sentito %en*ionare in &a%iglia la signora Tilney, e l7interesse suscitatole da -uesto tenero ricordo si %ostrJ nel %utarsi dell7es/ressione del 2olto e nella attenta /ausa con cui as/ettJ che 2enisse aggiunto -ualcosa. ,A2e2o l7abitudine di /asseggiare s/esso con lei in -uesto /osto0, aggiunse Eleanor, ,sebbene non %i /iacesse allora, co%e %i /iace adesso. A -uel te%/o addirittura %i %era2iglia2o della scelta di lei. 6a sua %e%oria adesso in2ece %e lo rende caro0. ?E non do2rebbe@, ri&lettI #atherine, ?renderlo caro anche al %arito. Tutta2ia il generale non D 2oluto 2enirci@. E /oichI la signorina Tilney tace2a, si a22enturJ a dire: ,6a sua %orte de2e a2erti causato un grande dolore[0. ,Grande, e se%/re /iA /ro&ondo0, re/licJ l7altra a bassa 2oce. ,A2e2o solo tredici anni -uando accadde; e sebbene io abbia sentito la /erdita in %odo cosE 2iolento -uanto /uJ accadere a una /ersona tanto gio2ane, non sa/e2o, non /ote2o sa/ere che /erdita &osse0. Si &er%J /er un %o%ento e /oi aggiunse con grande &er%e**a: ,6o sai, io non ho sorelle, e sebbene Fenry, sebbene i %iei &ratelli %i 2ogliano %olto bene, ed Fenry /assi %olto te%/o -ui, cosa di cui gli sono /ro&onda%ente grata, %i D i%/ossibile non sentir%i s/esso sola0. ,Sono certa che Fenry ti de2e %ancare %olto0. ,9na %adre sarebbe stata se%/re /resente, una %adre sarebbe stata una a%ica costante e la sua in&luen*a sarebbe stata /iA i%/ortante di -uella di ogni altro0. ,Era una donna a&&ascinante. Era bella. #7D nessun suo ritratto all7Abba*ia. PerchI le /iace2a tanto -uel boschetto. )orse era triste.0. )urono do%ande che #atherine /ose con una certa ansia... le /ri%e tre rice2ettero una /ronta ris/osta a&&er%ati2a, %entre le altre due non ebbero ris/osta e l7interesse di #atherine /er la de&unta signora Tilney au%entJ a ogni do%anda, sia che a2esse sia che non a2esse a2uto ris/osta. Si /ersuase della sua in&elicitC nel %atri%onio. "l generale certa%ente era stato un %arito /oco gentile. Non a%a2a la /asseggiata che lei a%a2a: /ote2a -uindi a2er a%ato lei. E, do/o tutto, /er -uanto &osse un bell7uo%o, c7era -ualcosa nelle sue &atte**e che ri2ela2a co%e lui non si &osse co%/ortato bene con lei. ,Su//ongo che il suo ritratto0, disse #atherine arrossendo /er la /ro/ria consu%ata arte nel /orre la do%anda, ,sia in ca%era di tuo /adre0. ,No... era stato di/into /er il salotto, %a %io /adre non ne &u soddis&atto e /er un certo te%/o non tro2J siste%a*ione. Do/o la %orte di %ia %adre l7ho /reso io e l7ho %esso nella %ia stan*a da letto. SarJ lieta di %ostrartelo... D %olto so%igliante0. Ecco un7altra /ro2a...
4+8

9n ritratto %olto so%igliante della %oglie %orta non a//re**ato dal %arito[... Do2e2a essere stato s/a2entosa%ente crudele con lei[ #atherine non tentJ /iA di nascondere a se stessa la natura dei senti%enti che, nonostante tutte le atten*ioni, il generale le a2e2a giC /recedente%ente suscitato; ciJ che era stato terrore e anti/atia /ri%a, &u adesso assoluta a22ersione. SE, a22ersione[ 6a crudeltC di lui nei con&ronti di una donna tanto a&&ascinante glielo rende2a odioso. A2e2a letto s/esso di tali /ersonaggi: /ersonaggi che il signor Allen a2e2a s/esso de&inito innaturali ed esagerati; %a -ui c7era la /ro2a e2idente del contrario. A2e2a a//ena &inito di decidere su -uesto /unto -uando il ter%ine del sentiero le /ortJ di &ronte al generale e, nonostante la sua 2irtuosa indigna*ione, si tro2J costretta a /asseggiare con lui, ad ascoltarlo e /er&ino a sorridere -uando lui sorride2a. Non essendo tutta2ia /iA in grado di godere di ciJ che la circonda2a, co%inciJ /resto a ca%%inare con una certa &atica; il generale se ne accorse e con %olta /re%ura /er la salute di lei, cosa che /eraltro /are2a contraddire l7o/inione che lei si era &atta di lui, la s/inse a tornare a casa con sua &iglia. 6ui le a2rebbe seguite entro un -uarto d7ora. Si di2isero di nuo2o, %a do/o %e**o %inuto Eleanor &u richia%ata indietro /er rice2ere da lui l7ordine tassati2o di non %ostrare all7a%ica l7Abba*ia &ino a che lui non &osse tornato. Suesta seconda /ro2a dell7ansia di lui di ritardare ciJ che ella desidera2a so/rattutto, col/E #atherine e le se%brJ /articolar%ente strana.

4+3

#apitolo ottavo
PassJ un7ora /ri%a che il generale rientrasse: un7ora trascorsa dalla sua gio2ane os/ite in considera*ioni non /ro/rio &a2ore2oli sul carattere di lui. ?Sueste lunghe assen*e, -ueste ca%%inate solitarie, non /arlano di una %ente serena o di una coscien*a che non abbia nulla da ri%/ro2erarsi@. Alla &ine egli ria//ar2e e, /er -uanto tristi /otessero essere state le sue %edita*ioni, con loro &u se%/re in grado di sorridere. 6a signorina Tilney, co%/rendendo in /arte la curiositC dell7a%ica di 2isitare la casa, tornJ sull7argo%ento, e, contraria%ente alle as/ettati2e di #atherine, il /adre non o//ose alcun /retesto /er ritardare ancora la 2isita e, se non si consideri un ritardo di cin-ue %inuti /er ordinare che, /er -uando &ossero tornati, ci &ossero /ronti dei rin&reschi lE nella sala, &u &inal%ente /ronto a scortarle. Si a22iarono e, con aria grandiosa e /asso solenne, cosa che catturJ lo sguardo %a non sciolse i dubbi di #atherine che tante letture a2e2a al suo atti2o, egli &ece loro strada attra2erso l7atrio, attra2erso la consueta sala e attra2erso una inutile antica%era 2erso una sala %agni&ica e /er di%ensioni e /er %obilio... un 2ero salone, usato solo /er i rice2i%enti... Era un salone assai nobile, assai grande, assai bello[ E &u tutto -uello che #atherine ebbe da dire, /erchI il suo occhio ines/erto /oco era in grado di notare il colore del satin: tutte le lodi /iA %inute e /iA signi&icati2e do2ettero di conseguen*a essere &atte dallo stesso generale: il costo o l7elegan*a dell7arreda%ento di ogni stan*a non signi&ica2ano nulla /er lei; lei non si cura2a di alcun /e**o di %obilio di data /iA recente del O2 secolo. Suando il generale ebbe soddis&atto la sua /ro/ria curiositC nell7esa%e ra22icinato di ogni orna%ento ] che /eraltro giC conosce2a a %enadito ] /assarono nella biblioteca: un a//arta%ento, nel suo genere, di uguale %agni&icen*a che %ostra2a una colle*ione di libri che a2rebbe reso orgoglioso anche l7uo%o /iA u%ile. #atherine ascoltJ, a%%irJ, si %era2igliJ con /iA sinceritC di senti%enti di /ri%a... a&&errJ -uello che /otI, -uanto a conoscen*a, scorrendo i titoli di un %e**o sca&&ale, e &u /ronta ad andare oltre. a non a//ar2ero da2anti ai suoi occhi, co%e era suo desiderio, a//arta%enti su a//arta%enti. Per -uanto l7edi&icio &osse grande, ella ne a2e2a giC 2isitata la %aggior /arte; sebbene le &osse detto che, con l7aggiunta della cucina, le sei o sette stan*e che a2e2a adesso 2isto circondassero tre lati del cortile, non lo credette e le ri%ase il sos/etto che ci &ossero %olte stan*e segrete. 6e &u di -ualche sollie2o co%un-ue il &atto che, /er tornare nelle stan*e che usa2ano co%une%ente, /assassero attra2erso alcune altre stan*e di %inore i%/ortan*a che a&&accia2ano sul cortile che, con altri occasionali /assaggi /iuttosto intricati, collega2a i di2ersi lati; &u ulterior%ente consolata nei suoi /rogressi -uando le &u detto che sta2a attra2ersando ciJ che una 2olta era stato un chiostro e le &urono %ostrate le tracce delle celle e osser2J /arecchie /orte che non le &urono a/erte e di cui non le &u data alcuna s/iega*ione; -uando si tro2J successi2a%ente in una sala da biliardo e negli a//arta%enti /ri2ati del generale sen*a co%/rendere co%e ci &ossero arri2ati e sen*a essere in grado di girare dalla /arte giusta -uando li lasciJ e, alla &ine, -uando /assarono /er una oscura stan*etta ricol%a di 2ecchi libri, &ucili e ca//otti, di /ro/rietC di Fenry. Dalla stan*a da /ran*o, che /eraltro a2e2ano giC 2isto e che a2rebbero 2isto ogni giorno alle cin-ue, e di cui il generale non /otI &are a %eno di /rendere le %isure con i /assi /er &ornire alla signorina orland in&or%a*ioni /iA certe di cui lei, co%un-ue, non a2e2a %ai dubitato
4:=

e /er le -uali non /ro2a2a grande interesse, /rocedettero /oi ra/ida%ente 2erso la cucina, l7antica cucina del con2ento, ricca di %ura %assicce e di a&&u%icature antiche nonchI di stu&e e &ornelli %oderni. 6a /ro22ida %ano del generale a2e2a -ui /ro&uso ogni %iglioria: era stata adottata ogni %oderna in2en*ione /er &acilitare il la2oro dei cuochi nel loro s/a*ioso teatro e, do2e l7ingegno degli altri a2e2a &allito, era stato s/esso -uello del /adrone di casa a /rodurre la /er&e*ione desiderata. 6e sole %igliorie di -uesto angolo della casa lo a2rebbero situato in ogni te%/o tra i bene&attori del con2ento. #on le %ura della cucina &ini2a la /arte antica dell7abba*ia. "l -uarto lato del -uadrato, in&atti, a causa del suo stato di decaden*a, era stato &atto abbattere dal /adre del generale e, in suo luogo, era stato eretto l7edi&icio attuale. Tutto -uanto ci &osse di 2enerabile &ini2a -ui. "l nuo2o edi&icio non solo era nuo2o, %a lo dichiara2a; era stato costruito solo /er i ser2i*i e racchiude2a i cortili delle scuderie, /erciJ non si era ritenuto necessario uni&or%are il suo stile al resto delle architetture. #atherine a2rebbe /otuto sentirsi &uriosa contro la %ano che a2e2a s/a**ato 2ia ciJ che &orse 2ale2a /iA di tutto il resto, a sco/i di /ura econo%ia do%estica e 2olentieri a2rebbe e2itato la noia di una /asseggiata attra2erso a%bienti cosE decaduti se il generale gliel7a2esse /er%esso; %a se -uest7ulti%o a2e2a una 2anitC, era -uella di %ostrarle co%e a2esse &atto siste%are i ser2i*i ed era con2into che, a una %ente co%e -uella della signorina orland, la 2ista della siste%a*ione e delle co%oditC /er %e**o delle -uali le &atiche degli in&eriori erano alle2iate, do2esse essere grati&icante e -uindi non ritenne o//ortuno scusarsi di a2erla condotta lE. Diedero un7occhiata su/er&iciale a tutto e #atherine &u i%/ressionata al di lC di ogni sua as/ettati2a dalla 2arietC e dalla co%oditC di tutto -uanto a2e2a 2isto. " la2ori /er cui a )ullerton 2eni2ano ritenuti su&&icienti /ochi bugigattoli e uno sco%odo retrocucina, -ui 2eni2ano os/itati in locali a//ro/riati, co%odi e s/a*iosi. "l nu%ero dei ser2itori che a//ari2ano continua%ente non la col/E %eno del nu%ero dei loro co%/iti. Do2un-ue andassero, c7era -ualche ser2etta in *occoli che si &er%a2a a ri2erirli o -ualche lacchD sen*a li2rea che s2icola2a. E//ure -uesta era un7Abba*ia[... #he indicibile di2ersitC tra -uesta organi**a*ione do%estica e -uella di cui a2e2a letto... di abba*ie e castelli in cui, sebbene &ossero certa%ente /iA grandi di Northanger, tutti i la2ori di casa erano &atti al %assi%o da due /aia di %ani &e%%inili[ #o%e a2essero /otuto &are era cosa che s/esso a2e2a suscitato la %era2iglia della signora Allen; e -uando #atherine 2ide ciJ che era necessario -ui, co%inciJ anche lei a %era2igliarsi. Tornarono nell7atrio /er risalire lo scalone /rinci/ale, di cui &urono %ostrati a #atherine la belle**a del legno e gli orna%enti ricca%ente intagliati: arri2ati in ci%a 2oltarono nella dire*ione o//osta a -uella della galleria in cui si tro2a2a la sua stan*a e, in bre2e, entrarono in un7altra galleria sullo stesso /iano %a che era /iA lunga e /iA larga della /recedente. 6e &urono %ostrate tre grandi stan*e da letto con i loro s/ogliatoi, arredate co%/leta%ente e con grande elegan*a: ogni cosa che gusto e denaro /ote2ano &are /er rendere con&orte2ole ed eleganti gli a//arta%enti 2i era stata /ro&usa; essendo stati a%%obiliati negli ulti%i cin-ue anni erano /er&etti dal /unto di 2ista di ciJ che general%ente /iace e carenti da -uello che sarebbe /iaciuto a #atherine. entre 2isita2ano l7ulti%o, il generale, do/o a2er no%inato distratta%ente alcuni /ersonaggi &a%osi dalla cui /resen*a di te%/o in te%/o gli a//arta%enti erano stati onorati, si ri2olse sorridendo a #atherine con la s/eran*a che d7ora in /oi tra i loro os/iti /otessero esserci anche ,i loro a%ici di )ullerton0. #atherine gradE il co%/li%ento inas/ettato e ri%/ianse /ro&onda%ente l7i%/ossibilitC di /ensar bene di un uo%o che era cosE gentile con lei e cosE /ieno di cortesia 2erso la sua &a%iglia.
4:4

6a galleria ter%ina2a con una /orta scorre2ole che la signorina Tilney, /recedendoli, a2e2a a/erto. 6a oltre/assarono e se%bra2a sul /unto di &are la stessa cosa con la /ri%a /orta a sinistra che conduce2a 2erso un7altra ala della galleria, -uando il generale, a2an*ando, la richia%J in &retta e, co%e #atherine ebbe a /ensare, /iuttosto dura%ente indietro, chiedendole do2e stesse andando. #osa c7era ancora da 2edere.... Non a2e2a la signorina orland giC 2isto tutto ciJ che /ote2a interessarla.... E non /ensa2a che la sua a%ica sarebbe stata /iA contenta, do/o tanto ca%%inare, di /rendere -ualche rin&resco. 6a signorina Tilney tornJ subito indietro e la /esante /orta si chiuse da2anti a una delusa #atherine che a2endo 2isto, lanciando una ra/ida occhiata al di lC di essa, un /assaggio /iA stretto e nu%erose /orte e, &orse, una scala a chiocciola, a2e2a /ensato di essere &inal%ente 2icina a -ualcosa di interessante. PensJ dun-ue, %entre torna2a indietro s2ogliata%ente lungo la galleria, che a2rebbe /re&erito che le &osse stato /er%esso di esa%inare -uella /arte della casa /iuttosto che le ra&&inate**e di tutto il resto... 67e2idente desiderio del generale di i%/edire tale 2isita costitui2a uno sti%olo in /iA. #erto c7era -ualcosa nascosto; la sua &antasia, sebbene a2esse ulti%a%ente una 2olta o due oltre/assato i li%iti, -ui non /ote2a certo ingannarla e che ci &osse un -ualcosa le /ar2e sottolineato da una bre2e &rase della signorina Tilney, %entre a una certa distan*a dal generale scende2ano le scale: ,Sta2o /er %ostrarti la stan*a di %ia %adre... la stan*a in cui D %orta0, &urono le /arole di lei; %a /er -uanto /oche, -ueste /arole se%bra2ano a #atherine contenere /agine e /agine di in&or%a*ioni. Non c7era da %era2igliarsi che il generale /otesse s&uggire la 2ista degli oggetti che la stan*a do2e2a contenere: una stan*a, con ogni /robabilitC, in cui non a2e2a /iA %esso /iede dal %o%ento in cui si era s2olta la s/a2entosa scena che a2e2a liberato la %oglie dalle so&&eren*e e a2e2a lasciato lui /ungolato dai ri%orsi. OsJ, -uando &u di nuo2o sola con Eleanor, es/ri%ere il desiderio che le &osse /er%esso di 2edere -uella stan*a e tutta -uella /arte della casa: Eleanor /ro%ise di acco%/agnar2ela non a//ena le &osse stato /ossibile. #atherine la ca/E: bisogna2a che il generale non &osse a casa /ri%a di /oter entrare in -uella stan*a. ,\ ri%asta co%7era, /enso0, le disse in tono a&&ettuoso. ,SE, co%/leta%ente0. ,Da -uanto te%/o D %orta tua %adre.0 ,Sono no2e anni0. E no2e anni erano una sciocche**a co%/arati col te%/o che general%ente trascorre do/o la %orte di una %oglie o&&esa /ri%a che la stan*a di lei sia ri%essa in ordine. ,E tu sei ri%asta con lei &ino alla &ine, i%%agino0. ,No0, disse sos/irando la signorina Tilney; ,s&ortunata%ente ero 2ia da casa. 6a sua %alattia D stata i%/ro22isa e bre2e e /ri%a che arri2assi tutto era &inito0. A #atherine si gelJ il sangue all7idea degli orrori che -ueste /arole nasconde2ano. Pote2a essere accaduto. A2rebbe /otuto il /adre di Fenry.... E tutta2ia -uanti erano gli ese%/i che giusti&ica2ano i sos/etti /iA neri[... a -uando lo 2ide, alla sera, %entre sede2a con la sua a%ica a la2orare, ca%%inare lenta%ente in salotto /er un7ora di seguito in silen*io, /ensieroso, a occhi bassi, con la &ronte corrugata, &u sicura di non sbagliare. Suella era l7aria, l7atteggia%ento di un ontoni... #o%e a2rebbe /otuto /iA chiara%ente es/ri%ere l7oscuro la2orio della sua %ente non del tutto %orta al senso dell7u%anitC, %entre /assa2a in ri2ista le scene s/a2entose della sua col/a. 9o%o in&elice[... E l7ansia del suo ani%o diresse gli occhi di lei 2erso la &igura di lui cosE ri/etuta%ente che la signorina Tilney se ne accorse. , io /adre0, sussurrJ, ,/asseggia s/esso cosE /er la sala. Non D niente di strano0.
4:+

?Peggio che %ai[@, /ensJ #atherine. 9n eserci*io cosE ino//ortuno era un altro tassello che si anda2a ad aggiungere alle strane irragione2oli /asseggiate %attutine e non lascia2a /resagire nulla di buono. Do/o una sera la cui %onotonia a2e2a &atto se%brare lunghissi%a e a2e2a reso #atherine /articolar%ente sensibile all7i%/ortan*a della /resen*a tra loro di Fenry, ella &u /articolar%ente &elice di /rendere congedo, benchI &osse stata un7 occhiata del generale, che si su//one2a lei non do2esse notare, a s/ingere la &iglia 2erso il ca%/anello. Suando il %aggiordo%o sta2a /er accendere la candela del /adrone, tutta2ia, -uesti glielo /roibE. Egli non si sarebbe ritirato: ,Fo da &inire di leggere alcuni /a%/hlet0, disse a #atherine, ,/ri%a di /oter chiudere gli occhi, e &orse ri%arrJ a %editare sugli a&&ari della na*ione /er ore, do/o che lei sarC addor%entata. PuJ ognuno di noi essere %eglio occu/ato. " %iei occhi di2errano ciechi /er il bene degli altri e i suoi si /re/areranno col ri/oso a &uturi %is&atti0. a nI gli a&&ari di cui /arla2a nI lo straordinario co%/li%ento /oterono e2itare che #atherine /ensasse che ci do2e2a essere -ualche altro %oti2o /erchI egli ritardasse il giusto ri/oso. $i%anere al*ato /er ore, do/o che la &a%iglia era a letto, /er degli stu/idi /a%/hlet, non le se%bra2a ragione2ole. Do2e2a esserci -ualche causa /iA /ro&onda: -ualche cosa da &are che /ote2a essere &atto solo -uando la casa dor%i2a; e la /robabilitC che la signora Tilney &osse ancora 2i2a, rinchiusa /er cause ignote, e che rice2esse dalle s/ietate %ani del %arito una notturna dose di /essi%o cibo, &u la conclusione che necessaria%ente ne seguE. Per -uanto l7idea &osse scon2olgente, al%eno era %igliore di -uella di una %orte 2il%ente a&&rettata, /oichI, secondo il corso naturale delle cose ella di lE a /oco do2e2a 2enire liberata. 6a subitaneitC della sua /retesa %alattia, l7assen*a di sua &iglia, e /robabil%ente anche degli altri &igli, a -uel te%/o, tutto &a2ori2a la su//osi*ione che lei &osse i%/rigionata. PerchI %ai. )orse /er gelosia, o /er tre%enda crudeltC. Era ancora tutto da sco/rire. Nel ri&lettere su -uesti argo%enti, %entre si s/oglia2a, i%/ro22isa%ente #atherine &u col/ita dal /ensiero che /robabil%ente -uella %attina era /assata 2icino al luogo do2e -uella s2enturata donna era con&inata. agari era stata a /ochi /assi dalla cella in cui ella langui2a giorno do/o giorno; /erchI -uale /arte dell7abba*ia a2rebbe /otuto essere /iA adatta allo sco/o di -uella che ancora reca2a le tracce del %onastero. Nel /assaggio a 2olta /a2i%entato in /ietra attra2erso cui era /assata con /articolare re2eren*a, ricorda2a bene che c7erano delle /orte di cui il generale non a2e2a dato s/iega*ioni. E do2e altro /ote2ano condurre -uelle /orte. A su//orto della /lausibilitC di -uesta congettura si so22enne anche che la galleria /roibita, in cui si tro2a2ano gli a//arta%enti della s&ortunata signora Tilney, do2e2a essere, se la %e%oria non le &ace2a di&etto, esatta%ente so/ra -uelle celle di cui sos/etta2a e la scala che era a &ianco di -uegli a//arta%enti cui a2e2a /otuto gettare solo un7occhiata, co%unicando segreta%ente con -uelle celle, a2rebbe /otuto benissi%o &a2orire i barbari co%/orta%enti del %arito. )orse ella era stata /ortata giA /er -uelle scale in uno stato di /ro2ocata incoscien*a[ Tal2olta #atherine era s/a2entata dall7 audacia dei suoi sos/etti e tal2olta s/era2a, o te%e2a, di essere andata tro//o lontano; %a -uei sos/etti erano sostenuti da a//aren*e tali che abbandonarli le era i%/ossibile. "l lato del -uadrato che su//one2a &osse teatro della col/a era, crede2a, /ro/rio di &ronte al suo, e la col/E l7idea che se a2esse osser2ato con cautela, -ualche raggio della luce della la%/ada del generale sarebbe /otuto &iltrare attra2erso le basse &inestre, %entre lui si reca2a alla /rigione della %oglie. Due 2olte, /ri%a di andare a letto, #atherine sci2olJ
4::

silen*iosa%ente dalla sua stan*a alla corris/ondente &inestra della galleria /er 2edere se la luce a//ari2a, %a tutto era buio: do2e2a essere tro//o /resto. " di2ersi ru%ori che sali2ano &ino a lei la con2insero che i ser2itori do2e2ano essere ancora al*ati. )ino a %e**anotte su//ose che &osse inutile sor2egliare. a allora, -uando l7orologio a2esse battuto dodici col/i e tutto &osse stato tran-uillo, lei, se non &osse stata tro//o s/a2entata dal buio, sarebbe andata di nuo2o a controllare. 67orologio battI le dodici e #atherine giC da %e**7ora dor%i2a.

4:5

#apitolo nono
"l giorno seguente non &ornE a #atherine alcuna o//ortunitC di reali**are il /ro/osito di esa%inare gli a//arta%enti %isteriosi. Era do%enica e l7intero te%/o tra il ser2i*io religioso della %attina e -uello del /o%eriggio &u, su richiesta del generale, occu/ato /asseggiando &uori casa o %angiando carne &redda in casa e, /er -uanto grande &osse la curiositC di #atherine, il suo coraggio non lo era altrettanto /er es/lorarli do/o cena, alla luce %orente del cielo tra le sei e le sette di sera, o a -uella /iA /ar*iale, anche se /iA &orte, di una la%/ada traditrice. 6a giornata non &u co%un-ue segnata da nulla di interessante che col/isse la sua i%%agina*ione, al di lC della 2ista di un bellissi%o %onu%ento eretto in %e%oria della signora Tilney che si tro2a2a di &ronte al banco di &a%iglia. 67occhio di lei ne &u i%%ediate%ente attratto: lo conte%/lJ a lungo e, leggendone il retorico e/ita&&io in cui l7inconsolabile %arito, /ro/rio colui che do2e2a esserne stato in un %odo o nell7altro la ro2ina, ascri2e2a alla %orta ogni 2irtA, si co%%osse &ino alle lacri%e. #he il generale, a2endo &atto innal*are tale %onu%ento, /otesse essere in grado di guardarlo, non era &orse %olto strano; tutta2ia, che egli /otesse seder2i cosE audace%ente da2anti %antenendo un7aria cosE nobile e guardandosi intorno cosE i%/a2ida%ente, an*i, che lui /otesse se%/lice%ente entrare in chiesa, se%bra2a a #atherine una cosa 2era%ente straordinaria. Non che, co%un-ue, non 2i &ossero nu%erosi ese%/i di esseri ugual%ente induriti nella col/a. 6ei stessa /ote2a ricordarne do**ine che a2e2ano /erse2erato in ogni /ossibile 2i*io, /assando da cri%ine a cri%ine, uccidendo chiun-ue 2olessero uccidere sen*a /ro2are %ai un senti%ento di u%anitC o alcun ri%orso, &ino a che la %orte 2iolenta, o il ritiro in con2ento, era 2enuta a chiudere la loro sinistra carriera. 67ere*ione del %onu%ento in sI non intacca2a %ini%a%ente i dubbi che lei nutri2a sulla realtC della %orte della signora Tilney. )osse anche scesa sotto la 2olta della ca//ella di &a%iglia, do2e si /ensa2a che ri/osassero le ceneri di lei; a2esse anche 2isto la bara in cui si dice2a che &osse chiusa... che cosa a2rebbe /ro2ato una cosa di -uesto genere. #atherine a2e2a letto tro//o /er non essere /er&etta%ente consa/e2ole della &acilitC con cui /uJ essere sostituita al cor/o una &igura di cera e /uJ essere tenuto un &also &unerale. 6a %attina seguente /ro%ette2a -ualcosa di %eglio. 6a /asseggiata %attutina del generale, ino//ortuna co%7era da tutti gli altri /unti di 2ista, in -uesto caso era &a2ore2ole, e -uando #atherine se//e che lui era uscito di casa, /ro/ose subito alla signorina Tilney di %antenere la sua /ro%essa. Eleanor era /ronta a &arle cosa grata e /oichI #atherine, %entre si a22ia2ano, le ricordJ un7altra /ro%essa, la loro /ri%a 2isita &u al ritratto nella stan*a da letto di lei. Esso ra&&igura2a una donna %olto gra*iosa, dall7as/etto dolce e /ensoso, che giusti&ica2a &ino a -uel /unto le as/ettati2e della sua nuo2a osser2atrice ; %a -ueste as/ettati2e non ebbero co%/leta%ente ris/osta /erchI #atherine /ensa2a di incontrare un7aria, dei linea%enti, una co%/lessione che &osse una sorta di s/ecchio, l7i%%agine &edele, se non /ro/rio di Fenry, di Eleanor... in&atti i soli ritratti cui a2e2a a2uto l7abitudine di /ensare, di%ostra2ano una totale rasso%iglian*a tra %adri e &igli. 9n 2olto resta in una &a%iglia /er genera*ioni. Sui &u in2ece obbligata a osser2are /arecchio /er tro2are una -ualche so%iglian*a. Nonostante -uesto incon2eniente conte%/lJ il -uadro con %olta e%o*ione e, se non &osse stato /er -ualche interesse /iA &orte, lo a2rebbe lasciato %olto %al2olentieri.
4:<

6a sua agita*ione, -uando entrarono nella grande galleria, era tro//o grande /er cercar di /arlare: /otI solo guardare la sua co%/agna. "l 2olto di Eleanor era triste %a sereno e -uella co%/oste**a ri2ela2a che era abituata alla 2ista dei tetri oggetti 2erso cui si sta2ano dirigendo. Passarono di nuo2o attra2erso le /orte scorre2oli e di nuo2o la sua %ano si /osJ su -uell7i%/ortante chia2istello e #atherine, -uasi sen*a &iato, si sta2a 2oltando /er chiudere la /ri%a /orta con ti%orosa cautela, -uando la s/a2entosa &igura del generale in /ersona, all7altro ca/o della galleria, le si /arJ da2anti[ Nello stesso %o%ento il no%e di ,Eleanor[0, /ronunciato ad alta 2oce, risuonJ attra2erso l7edi&icio, rendendo consa/e2ole la &iglia della sua /resen*a e aggiungendo a #atherine terrore su terrore. 9n tentati2o di nascondersi era stato il suo /ri%o istinti2o %o2i%ento nello scorgerlo, tutta2ia non a2e2a alcuna s/eran*a di essere s&uggita alla sua 2ista e, -uando la sua a%ica, con uno sguardo di scuse, l7ebbe raggiunto e &u sco%/arsa con lui, lei &uggE nella sua stan*a e 2i si chiuse dentro /ensando che non a2rebbe %ai /iA a2uto il coraggio di scendere. $i%ase lE al%eno /er un7ora in grande agita*ione, co%%iserando la sua /o2era a%ica e as/ettandosi di essere con2ocata anche lei al cos/etto dell7irato generale nel suo a//arta%ento. Non arri2J alcuna con2oca*ione e alla &ine, 2edendo una carro**a arri2are all7Abba*ia, tro2J il coraggio di scendere e di incontrarsi con lui sotto la /rote*ione dei 2isitatori. 6a stan*a della cola*ione era gaia e /iena di a%ici e lei &u /resentata dal generale co%e un7a%ica della &iglia, con -uello stile co%/li%entoso che tanto bene nasconde2a il suo risenti%ento e, al%eno /er il /resente, #atherine si sentE sicura che la sua 2ita non corre2a /ericoli. Ed Eleanor, con una /adronan*a dell7es/ressione che &ace2a onore alla sua /reoccu/a*ione /er il carattere di lui, a//ro&ittJ della /ri%a occasione /er dirle: , io /adre 2ole2a solo che ris/ondessi a un biglietto0. #o%inciJ allora a s/erare di non essere stata 2ista dal generale o che lui, /er -ualche considera*ioni di cortesia, le consentisse di su//orlo. OsJ cosE restare in sua /resen*a anche do/o che la co%/agnia se n7era andata; e nulla accadde a disturbarli. Durante le ri&lessioni del %attino #atherine era arri2ata alla decisione di /rocedere da sola nel /rossi%o tentati2o con la /orta /roibita. Sarebbe stato %olto %eglio che Eleanor non sa/esse nulla della &accenda. Es/orla al /ericolo di essere sco/erta una seconda 2olta, s/ingerla in un a//arta%ento la cui 2ista do2e2a &arle %ale al cuore, non era da a%ica. 67ira del generale, co%un-ue, non a2rebbe /otuto essere contro di lei tanto grande -uanto a2rebbe /otuto essere contro la &iglia e do/otutto /ensa2a che l7esa%e stesso sarebbe stato /iA soddis&acente se &atto sen*a altra co%/agnia. Sarebbe stato i%/ossibile s/iegare a Eleanor i sos/etti che &ino a ora a2e2a &elice%ente ignorato, nI a2rebbe /otuto cercare in sua /resen*a -uelle /ro2e della crudeltC del generale che, sebbene &ossero ri%aste celate &ino ad allora, era &iduciosa di /oter tro2are, sotto &or%a di un &ra%%ento di diario continuato &ino all7ulti%o res/iro. 6a strada /er arri2are all7a//arta%ento la conosce2a /er&etta%ente. Kole2a andarci /ri%a del ritorno di Fenry, che era atteso /er l7indo%ani. Non c7era un %o%ento da /erdere. 6a giornata era lu%inosa, il suo %orale alle stelle; alle -uattro, in -uella stagione, il sole era ancora alto sull7ori**onte e ci sarebbero state altre due ore di luce. Si sarebbe solo ritirata /er 2estirsi %e**7ora /ri%a del solito. )u &atto; e #atherine si tro2J nella galleria, sola, /ri%a che gli orologi a2essero s%esso di battere l7ora. Non era te%/o di /ensare. Si a&&rettJ silen*iosa attra2erso le /orte scorre2oli e, sen*a &er%arsi a guardare o a res/irare, sci2olJ 2erso -uella in -uestione. "l chia2istello cedette sotto la sua %ano, &ortunata%ente sen*a alcun suono che /otesse allar%are -ualcuno. EntrJ in /unta di /iedi: la stan*a era da2anti a lei, %a le ci 2olle -ualche %inuto /ri%a di /oter &are un altro /asso. #iJ che 2ede2a l7a2e2a bloccata e scon2olta... A2e2a
4:>

2isto una 2asta stan*a ben /ro/or*ionata, un bel letto rico/erto, dalle cure di una ca%eriera, con una so/racco/erta di cotone, una lucente stu&a %odello ?Hath@, dei guardaroba di %ogano e delle sedie elegante%ente di/inte su cui i caldi raggi del sole dell7o2est si ri2ersa2ano entrando da due &inestre s/alancate. #atherine si era as/ettata di /ro2are dei senti%enti di agita*ione: cosE era stato. Stu/ore e dubbio la a&&errarono, da /rinci/io, e in bre2e a essi si aggiunsero un raggio di buon senso e le a%are e%o*ioni della 2ergogna. Pote2a non essersi sbagliata -uanto alla stan*a, %a -uanto grossolana%ente si era sbagliata in ogni altra cosa[... Su ciJ che a2e2a detto la signorina Tilney, sui /ro/ri ragiona%enti[ Suesto a//arta%ento cui a2e2a attribuito una data cosE antica, una /osi*ione cosE s/a2entosa, era soltanto una /arte dell7ala costruita dal /adre del generale. #7erano altre due /orte nella stan*a, che conduce2ano /robabil%ente nello s/ogliatoio, %a lei non a2e2a alcun desiderio di a/rirle. Pote2a &orse l7ulti%a ca%icia da notte della signora Tilney, o l7ulti%o 2olu%e che a2e2a letto, essere ri%asto lE a dire ciJ di cui non era ne//ure /er%esso sussurrare. No: -ualsiasi /otessero essere stati i cri%ini del generale, era certa%ente tro//o intelligente /er lasciarsi dietro -uelle /ro2e. 6ei era stanca di es/lorare e non desidera2a altro che tro2are ri&ugio nella /ro/ria stan*a do2e solo il suo cuore conosce2a la sua &ollia. Era sul /unto di ritirarsi silen*iosa%ente cosE co%7era entrata, -uando un suono di /assi di cui non ca/i2a la /ro2enien*a, la arrestJ tutta tre%ante. Essere tro2ata lE, sia /ure da un ser2itore, sarebbe stato s/iace2ole, %a dal generale Mche se%bra2a se%/re tro2arsi do2e era %eno attesoN, -uanto /eggio[... Si /ose in ascolto... "l ru%ore era cessato e, risol2endosi a non /erdere ne//ure un %o%ento, attra2ersJ la /orta e la chiuse. "n -uel %o%ento una /orta del /iano di sotto si a/rE &rettolosa%ente: -ualcuno se%brJ salire ra/ida%ente le scale e lei do2e2a co%un-ue /assargli da2anti /er entrare nella galleria. Non riuscE a %uo2ersi. #on un terrore indescri2ibile &issJ le scale e in bre2e gli a//ar2e da2anti Fenry. ,Signor Tilney[0, escla%J con 2oce /iA che stu/e&atta. 6ui la guardJ con aria altrettanto stu/e&atta. ,Huon Dio[0, continuJ lei sen*a as/ettare che lui le dicesse -ualcosa, ,co%e %ai D -ui.... co%e %ai sale da -uesta /arte.0 ,#o%e %ai sono salito da -uesta /arte.0, re/licJ lui assai sor/reso. ,PerchI D la strada /iA bre2e dal cortile delle scuderie alla %ia ca%era. E /erchI %ai non a2rei do2uto salire di -ui.0. #atherine si ri/rese, arrossE 2iolente%ente e non riuscE a dire altro. 6ui se%brJ guardarla in 2olto /er tro2are una s/iega*ione che le labbra di lei non osa2ano /ronunciare. 6ei si inca%%inJ 2erso la galleria. ,E /osso, a %ia 2olta0, disse lui %entre a/ri2a la /orta scorre2ole, ,chiederle co%e %ai lei D 2enuta -ui.... -uesta strada, /er andare dalla sala della cola*ione al suo a//arta%ento, D altrettanto singolare della scala /er andare dalle scuderie al %io0. ,Sono stata a 2edere la ca%era di sua %adre0, disse #atherine guardando in basso. ,6a ca%era di %ia %adre[... E c7D -ualcosa di straordinario da 2edere.0 ,No, niente... Pensa2o che non sarebbe tornato &ino a do%ani0. ,Non /ensa2o di a2er %odo di tornare cosE /resto, -uando sono /artito, %a tre ore &a ho a2uto il /iacere di sco/rire che niente %i trattene2a... i se%bra /allida... Fo /aura di a2erla s/a2entata correndo cosE su /er le scale. )orse lei non sa/e2a... non era a conoscen*a del &atto che -uelle scale conducessero -ui diretta%ente dai ser2i*i0. ,No, non lo sa/e2o... Fa a2uto una bella giornata /er ca2alcare0. , olto bella... Ed Eleanor lascia che lei tro2i da sola la sua strada attra2erso le stan*e della casa.0
4:;

,Oh, no[ i ha %ostrato gran /arte della casa sabato... sta2a%o 2enendo -ui a 2edere -ueste stan*e, %a solo Mabbassando la 2oceN suo /adre era con noi0. ,E 2e l7ha i%/edito0, disse Fenry guardandola a/erta%ente, ,ha guardato in tutte le altre stan*e di -uesto corridoio.0 ,No, 2ole2o solo 2edere... a non D tardi. Debbo andare a 2estir%i0. ,Sono solo le -uattro e un -uarto0 M%ostrandole l7orologioN ,e non D a Hath. Non ci sono i teatri, o le Sale /er i -uali /re/ararsi. A Northanger %e**7ora basta0. 6ei non /otI contraddirlo e do2ette accettare di essere trattenuta, sebbene il suo ti%ore di ulteriori do%ande, /er la /ri%a 2olta da -uando si conosce2ano, le &acesse desiderare di lasciarlo. #a%%inarono lenta%ente giA /er la galleria. ,Fa rice2uto /osta da Hath, dall7ulti%a 2olta che ci sia%o 2isti.0 ,No, e ne sono %olto sor/resa. "sabella %i a2e2a /ro%esso cosE &edel%ente di scri2er%i /resto[0. ,Pro%esso cosE &edel%ente[... 9na /ro%essa &edele[... #iJ %i stu/isce... Fo sentito di atti di &edeltC, %a una /ro%essa &edele... la &edeltC di /ro%ettere[ \ un /otere che /oco 2al la /ena di conoscere, dal %o%ento che /uJ ingannarla e rattristarla. 6a stan*a di %ia %adre D %olto co%oda, non D 2ero. A%/ia, allegra, con gli s/ogliatoi cosE ben %essi[ Penso se%/re che sia l7a//arta%ento /iA co%odo della casa e %i chiedo /erchI Eleanor non ci 2ada a stare lei. "%%agino che sia stata lei a %andarla lE0. ,No0. ,\ stata un7idea intera%ente sua.0. #atherine non disse nulla... Do/o un bre2e silen*io, durante il -uale l7a2e2a osser2ata attenta%ente, egli aggiunse: ,Dal %o%ento che non c7D nulla nella stan*a che /otesse eccitare la sua curiositC, de2e a2erlo &atto a causa di un senti%ento di ris/etto /er la /ersona di %ia %adre, co%e le D stata descritta da Eleanor che ne onora la %e%oria. "l %ondo, credo, non ha %ai 2isto una donna %igliore. a non D &re-uente che la 2irtA susciti un interesse di -uesto genere. " %eriti do%estici sen*a /retese di una /ersona sconosciuta -uasi %ai creano una 2enera*ione cosE &er2ente da essere causa di una 2isita co%e la sua. Eleanor, /enso, le ha /arlato %oltissi%o di lei.0 ,SE, %oltissi%o. #ioD... no, non %olto, %a ciJ che ha detto era %olto interessante. 6a sua %orte cosE subitanea0 Mlo disse lenta%ente, esitandoN ,e lei, e nessuno di loro in casa... e suo /adre, /ensa2o... &orse non le era %olto a&&e*ionato0. ,E da -ueste circostan*e0, re/licJ lui Mi suoi occhi si &issarono ra/ida%ente in -uelli di leiN, ,lei ha tratto le conseguen*e di -ualche negligen*a... di -ualche... Min2olontaria%ente lei scosse la testaN... o %agari... di -ualcosa di ancora %eno /erdonabile0. 6ei al*J gli occhi 2erso di lui e lo guardJ co%e non a2e2a %ai &atto /ri%a. ,6a %alattia di %ia %adre0, continuJ lui, ,l7attacco che si concluse con la sua %orte &u i%/ro22iso. 6a %alattia in sI era una di cui ella a2e2a s/esso so&&erto: una &ebbre biliare e -uindi una %alattia costitu*ionale. "l ter*o giorno, non a//ena si /otI con2incerla, ci &u un %edico a curarla, un uo%o assai ris/ettabile, un uo%o in cui lei a2e2a se%/re ri/osto grande &iducia. Dal %o%ento che lui la ritenne in /ericolo &urono chia%ati altri due %edici che 2ennero il giorno do/o e la curarono costante%ente /er 2enti-uattr7ore di seguito. "l -uinto giorno %orE. Durante il decorso della %alattia, )rederic( e io, che era2a%o tutti e due a casa, la 2ede%%o continua%ente, e /ossia%o testi%oniare che ha a2uto ogni /ossibile atten*ione che l7a&&etto /otesse &ornirle e che la sua condi*ione sociale le rendesse utile. 6a /o2era Eleanor era assente e a tale distan*a che -uando D tornata ha /otuto 2edere la %adre solo nella bara0.
4:8

, a suo /adre0, disse #atherine, ,era addolorato.0 ,Per un certo te%/o lo &u %oltissi%o. 6ei ha sbagliato nel su//orre che non le &osse attaccato. 67a%a2a, ne sono con2into, -uanto gli era /ossibile a%arla. Non abbia%o tutti lo stesso ti/o di dis/osi*ione a&&ettuosa e non 2oglio dire che %entre lei era in 2ita non abbia do2uto so//ortare %olto, %a sebbene il suo carattere /ossa a2erla &erita, non l7ha %ai &erita di /ro/osito. 6a sti%a2a sincera%ente e, anche se non /er se%/re, &u 2era%ente a&&litto dalla sua %orte0. ,Sono contenta0, disse #atherine, ,sarebbe stato cosE scon2olgente[0. ,Se ca/isco bene, lei ha /ensato una cosa di un tale orrore che non ho -uasi /arole /er de&inirla. #ara signorina orland, consideri la s/a2entosa natura dei sos/etti che ha nutrito. #o%e ha /otuto &or%ularli. $icordi in che /aese e in che e/oca 2i2ia%o. $icordi che sia%o inglesi e che sia%o cristiani. )accia a//ello alla sua ca/acitC di ca/ire e al suo senso della realtC nonchI alla sua ca/acitC di osser2are ciJ che le accade intorno. 6a nostra educa*ione ci /re/ara &orse a tali atrocitC. 6e nostre leggi /ossono essere conni2enti con tali cose. Potrebbero essere /er/etrate all7insa/uta di tutti, in un /aese co%e -uesto, do2e gli sca%bi sociali e culturali sono a un tale li2ello, do2e ogni uo%o D circondato da un 2icinato di s/ie 2olontarie e do2e le strade e i giornali &anno sE che tutto a22enga a/erta%ente. #arissi%a signorina orland, -uale idea si D %ai &atta.0. A2e2ano raggiunto la &ine della galleria e con lacri%e di 2ergogna #atherine corse nella sua stan*a.

4:3

#apitolo decimo
6e 2isioni ro%an*esche erano &inite. #atherine si era co%/leta%ente ris2egliata. "l discorso di Fenry, /er -uanto bre2e, le a2e2a a/erto gli occhi sull7assurditC delle sua ulti%e &antasie /iA di -uanto &ossero riuscite a &are le sue %olte delusioni. PiA che addolorata, era u%iliata. Pianse a%ara%ente. Non era solo con se stessa che si 2ergogna2a... %a con Fenry. 6a sua &ollia, che adesso le /are2a /er&ino cri%inale, gli era co%/leta%ente nota e lui do2e2a dis/re**arla /er se%/re. 6a libertC che la sua i%%agina*ione a2e2a osato /rendersi con suo /adre, a2rebbe %ai /otuto /erdonargliela. 67assurditC della sua curiositC e le sue /aure, le a2rebbe %ai /otute di%enticare. Si odia2a /iA di -uanto /otesse es/ri%ere. Egli a2e2a... /ensa2a che egli a2esse, una 2olta, due 2olte, /ri%a di -uella &atale %attina, di%ostrato /er lei una -ualche a&&e*ione, %a adesso... "n bre2e, si tor%entJ il /iA /ossibile /er circa una %e**7ora e -uando l7orologio battI le cin-ue scese con il cuore s/e**ato e /otI a %ala/ena dare una ris/osta intellegibile alla do%anda di Eleanor che le chiede2a se stesse bene. Fenry la seguE /resto nella stan*a e l7unica di&&eren*a nel suo co%/orta%ento 2erso di lei &u nel &atto che le /restJ /iA atten*ione del solito. #atherine non a2e2a %ai a2uto /iA bisogno di allora di essere con&ortata e lui ne se%bra2a consa/e2ole. 6a serata trascorse sen*a che -uesta consolatoria gentile**a di%inuisse e lo s/irito di lei gradual%ente risalE &ino a una %odesta tran-uillitC. Non i%/arJ a di%enticare il /assato, o a di&enderlo, %a i%/arJ a s/erare che nulla sarebbe %ai tra/elato all7esterno e che &orse il suo co%/orta%ento non le sarebbe costato tutta l7intera considera*ione di Fenry. "l suo /ensiero essendo /rinci/al%ente ri2olto a ciJ che lei stessa a2e2a con tale i%%oti2ato terrore sentito e &atto, ca/E /resto che il tutto era stato una delusione 2olontaria creata /ro/rio da lei, /oichI ogni %ini%a circostan*a a2e2a dalla sua stessa i%%agina*ione rice2uto un cris%a di i%/ortan*a che l7a2e2a &atta di2entare /aurosa e ogni cosa era stata &or*ata%ente inter/retata con un unico /ro/osito, che lei si era ri/ro%essa ancora /ri%a di entrare all7Abba*ia: il desiderio di essere s/a2entata. $icordJ con -uali senti%enti si era /re/arata a &are conoscen*a di Northanger. Kide che l7in&atua*ione era stata creata, che l7errore era stato &atto assai /ri%a che lei lasciasse Hath e le se%brJ che tutto si /otesse ricondurre all7in&luen*a delle letture cui si era dedicata. Per -uanto &ossero a&&ascinanti le o/ere della signora $adcli&&e, e a&&ascinanti anche -uelle dei suoi i%itatori, &orse non si do2e2a cercare in loro la ra//resenta*ione 2eritiera della natura u%ana, al%eno di -uella delle contee dell7"nghilterra centrale. Delle Al/i e dei Pirenei, con le loro &oreste di /ini e con i loro 2i*i, &orse /ote2ano dare una descri*ione &edele, e "talia, S2i**era e sud della )rancia /ote2ano essere &econde di orrori cosE co%e erano ra//resentate. #atherine non osa2a estendere il suo dubbio al di lC del /ro/rio /aese, e anche di -uello, se costretta, non a2rebbe giurato sulle estre%itC nord e o2est. Nella /arte centrale dell7"nghilterra, /erJ, c7era certa%ente sicure**a, sia nelle leggi sia nella cultura, anche /er la so/ra22i2en*a di una %oglie non a%ata. 67assassinio non era tollerato, i ser2i non erano schia2i e nI 2eleni nI sonni&eri erano 2enduti, co%e il rabarbaro, da ogni &ar%acista. Tra le Al/i e i Pirenei, &orse, non c7erano %e**e %isure -uanto a caratteri, laggiA chi non era sen*a %acchia co%e un angelo /ote2a essere solo un de%onio. a in "nghilterra non era cosE. Tra gli inglesi, crede2a, nei cuori e nei costu%i, c7era un7ineguale %istura di bene e di %ale, anche se le /ro/or*ioni non erano uguali /er tutti. #on -uesta con2in*ione
45=

non si sarebbe sor/resa se, /er&ino in Fenry e in Eleanor Tilney, &ossero a//arse, di lE a /oco, alcune lie2i i%/er&e*ioni. E con -uesta con2in*ione, non ebbe /aura di riconoscere alcuni 2eri di&etti nel carattere del loro /adre che, sebbene liberato dagli ingiuriosi sos/etti che ancora arrossi2a all7idea di a2er nutrito, ella crede2a, do/o serie considera*ioni, non essere /ro/rio del tutto a%abile. #onsiderati tutti -uesti /unti e risoluta /er il &uturo a giudicare e agire se%/re con %aggiore buon senso, non a2e2a altro da &are che /erdonarsi ed essere /iA &elice che %ai e la %ano %edicatrice del te%/o /ian /iano, /er insensibili grada*ioni, &ece %olto /er lei nel corso del giorno seguente. 6a %era2igliosa generositC di Fenry e la nobiltC della sua condotta nel non alludere %ai, ne//ure nel %odo /iA lie2e, a ciJ che era successo, &u di grande aiuto /er lei, e, /iA /resto di -uanto a2rebbe /otuto su//orre all7ini*io delle sue /ene, il suo ani%o co%inciJ a sentirsi a suo agio e ca/ace di %igliorare a ogni cosa che lui dice2a. #7era ancora -ualche argo%ento, co%un-ue, che crede2a l7a2rebbe &atta tre%are... 6a %en*ione di una cassa/anca o di uno scrittoio, /er ese%/io... Non le /iace2a a&&atto la 2ista di %obili gia//onesi di ogni ti/o: %a anche lei /ote2a a%%ettere che -ualche occasionale ricordo della /assata &ollia, anche se /enoso, a2rebbe /otuto tornarle utile. 6e ansie della 2ita -uotidiana successero /resto ai terrori ro%an*eschi. "l desiderio di a2ere noti*ie da "sabella di2enta2a ogni giorno /iA grande. Era /iuttosto i%/a*iente di sa/ere cosa accade2a nel %ondo di Hath e chi &re-uentasse le Sale, ed era s/ecial%ente ansiosa di essere rassicurata sul &atto che "sabella a2esse tro2ato un certo cotone da rica%o /er lei e del &atto che continuasse il suo &idan*a%ento con 1a%es. 6a sua sola &onte di in&or%a*ione era "sabella: 1a%es a2e2a detto che non a2rebbe scritto &ino al suo ritorno a OO&ord; la signora Allen non a2e2a dato s/eran*e di una lettera &ino a che non &osse rientrata a )ullerton... %a "sabella a2e2a /ro%esso e /ro%esso e -uando lei /ro%ette2a una cosa era cosE scru/olosa nel %antenerla. Per -uesto il suo silen*io era cosE strano. Per no2e successi2e %attine #atherine es/resse la sua %era2iglia al ri/etersi di una delusione che ogni giorno di2enta2a /iA dura. "l deci%o giorno, -uando entrJ nella sala della cola*ione, la /ri%a cosa che 2ide &u una lettera che le /orge2a la %ano 2olenterosa di Fenry. 6o ringra*iJ di cuore, co%e se l7a2esse scritta lui. ,\ solo di 1a%es, co%un-ue0, disse guardando la /ro2enien*a. 6a a/rE. Keni2a da OO&ord e -uesto era il contenuto: ia #ara #atherine, sebbene, Dio lo sa//ia, -uanta /oca inclina*ione io abbia /er scri2ere, ritengo %io do2ere dirti che ogni cosa tra la signorina Thor/e e %e D &inita. Fo lasciato lei e Hath ieri e non 2edrJ %ai /iA nI l7una nI l7altra. Non entrerJ in /articolari: ti addolorerebbero solo di /iA. Ne sa/rai /resto abbastan*a da un7altra &onte e ca/irai di chi D la col/a; io s/ero che tu non 2orrai biasi%are tuo &ratello altro che /er la &ollia di a2er con tro//a &acilitC ritenuto rica%biato il suo a&&etto. Gra*ie a Dio sono stato deluso in te%/o[ a D un duro col/o[ Do/o il consenso di nostro /adre, dato con tanta gentile**a... %a non dicia%o di /iA. 6ei %i ha reso in&elice /er se%/re[ Da%%i /resto tue noti*ie, cara #atherine. Tu sei la %ia sola a%ica. \ sul tuo a&&etto che io %i a//oggio. i auguro che la tua 2isita a Northanger &inisca /ri%a che il ca/itano Tilney renda /ubblico il suo &idan*a%ento, se no andrC a &inire che ti tro2erai in circostan*e sgrade2oli. "l /o2ero Thor/e D in cittC: te%o anche di 2ederlo, il suo cuore onesto ne so&&rirebbe tro//o. Fo scritto a lui e anche a nostro /adre. 6a do//ie**a di lei D ciJ che so/rattutto %i &erisce. )ino all7ulti%o, a seguire i suoi ragiona%enti, dice2a di
454

esser%i a&&e*ionata co%e se%/re e ride2a delle %ie /aure. i 2ergogno di /ensare a -uanto ho so//ortato, %a se %ai un uo%o ha a2uto ragione di credersi a%ato, -uell7uo%o ero io. Non /osso ne//ure adesso ca/ire che cosa a2esse in %ente, /erchI non c7era bisogno di /rendere in giro %e /er essere sicura di Tilney. #i sia%o lasciati, alla &ine, di co%une accordo. Sarei stato /iA &elice di non a2erla %ai conosciuta[ Non /osso as/ettar%i di conoscere un7altra donna co%e lei[ #arissi%a #atherine, &ai atten*ione a chi doni il tuo cuore. #redi%i, tuo ecc. #atherine non a2e2a letto /iA di tre righe -uando il ca%bia%ento del suo 2olto e le bre2i escla%a*ioni di addolorata %era2iglia resero chiaro che a2e2a rice2uto noti*ie s/iace2oli e Fenry, guardandola a/erta%ente %entre scorre2a tutta la lettera, 2ide &acil%ente che essa ter%ina2a non %eglio di co%e era ini*iata. )u i%/edito co%un-ue dal %ani&estare la sua sor/resa dall7ingresso del /adre. Andarono subito a &ar cola*ione, %a #atherine non /otI -uasi %angiare. 6e lacri%e le rie%/i2ano gli occhi e le scende2ano giA /er le guance. 6a lettera la tene2a un %o%ento in %ano, se la /osa2a in gre%bo, la %ette2a in tasca, e la guarda2a co%e se non sa/esse che cosa &arne. "l generale, tra il suo cacao e il suo giornale, non ebbe %odo di notarla, %a /er gli altri due la sua agita*ione era e2idente. Non a//ena osJ al*arsi da ta2ola si a&&rettJ ad andare nella sua stan*a, %a c7erano le ca%eriere che la sta2ano riordinando e &u obbligata a scendere giA di nuo2o. Si recJ in salotto alla ricerca di un /o7 di solitudine, %a Fenry ed Eleanor si erano anche loro ritirati lE e /ro/rio in -uel %o%ento si sta2ano consultando a /ro/osito di lei. )ece /er ritirarsi chiedendo scusa, %a con garbata 2iolen*a &u &or*ata a restare e se ne andarono gli altri, do/o che Eleanor ebbe /re%urosa%ente es/resso il desiderio di /oterle essere di con&orto. Do/o una %e**7ora di dolore e di ri&lessione, #atherine si sentE in grado di incontrare i suoi a%ici, %a se do2esse dir loro del /ro/rio dolore era un7altra considera*ione. )orse, se richiesta in %odo /articolare, a2rebbe /otuto dare un7idea, giusto un accenno allusi2o... %a non di /iA. Es/orre un7a%ica, un7a%ica co%e "sabella era stata /er lei... e il loro &ratello, cosE stretta%ente i%/licato nella &accenda[... Ella crede2a di do2er co%un-ue e2itare l7argo%ento. Fenry ed Eleanor erano soli nella stan*a della cola*ione, e ognuno di loro, nel %o%ento in cui lei entrJ, la guardJ con ansia. #atherine si sedette a ta2ola e do/o un certo silen*io Eleanor disse: ,S/ero che tu non abbia a2uto catti2e noti*ie da )ullerton. "l signore e la signora orland... i tuoi &ratelli e le tue sorelle... s/ero che nessuno di loro sia %alato[0. ,No, gra*ie0 Msos/irJ %entre /arla2aN. ,6a lettera era di %io &ratello da OO&ord0. Per -ualche %inuto non &u detto altro, /oi /arlando attra2erso le lacri%e aggiunse: ,Non credo che desidererJ %ai /iA una lettera[0. , i dis/iace0, disse Fenry chiudendo il libro che a2e2a a//ena a/erto. ,Se a2essi sos/ettato che la lettera contene2a -ualcosa di non gradito gliel7a2rei data con senti%enti di2ersi0. ,#ontene2a -ualcosa di /eggio di -uanto chiun-ue /ossa i%%aginare. Po2ero 1a%es, D cosE in&elice... Presto anche 2oi sa/rete /erchI0. ,A2ere una sorella col cuore cosE gentile e cosE a&&e*ionata0, re/licJ con calore Fenry, ,de2e essere un con&orto a ogni /ena0. ,Fo solo un &a2ore da chieder2i0, disse /oco do/o #atherine, agitata. ,Se 2ostro &ratello do2esse 2enire, 2orrei esserne in&or%ata, in %odo da /oter andar 2ia0.
45+

,Nostro &ratello[ )rederic([0. ,SE. Sono certa che %i dis/iacerC %olto lasciar2i /resto, %a D successo -ualcosa che renderebbe /er %e %olto s/iace2ole stare nella stessa casa col ca/itano Tilney0. "l la2oro di Eleanor &u sos/eso, %entre lei &issa2a l7a%ica con stu/e&a*ione crescente; %a Fenry co%inciJ a su//orre la 2eritC e -ualcosa in cui era incluso il no%e della signorina Thor/e /assJ sulle sue labbra. ,#o%7D /ers/icace[0, escla%J #atherine. ,Fa indo2inato tutto[... E tutta2ia -uando ne /arla%%o a Hath, lei non /ensa2a certo che sarebbe andata a &inire cosE. "sabella, non %i %era2iglio adesso di non a2ere a2uto sue noti*ie, "sabella ha lasciato %io &ratello e sta /er s/osare il 2ostro. 67a2reste /otuto credere che esistesse tanta incostan*a e 2olubilitC e tutto ciJ che di /eggio c7D al %ondo.0 ,S/ero, /er -uanto concerne %io &ratello, che lei sia %ale in&or%ata. "o s/ero che non abbia a2uto /arte diretta nel dis/iacere del signor orland. "l &atto che s/osi la signorina Thor/e non D /robabile: /enso che lei su -uesto /unto si inganni. i dis/iace /er il signor orland... %i dis/iace che -ualcuno che lei a%a sia in&elice, %a di tutta la storia -uello che %i sor/renderebbe di /iA sarebbe il &atto che )rederic( s/osasse "sabella0. ,\ 2ero, co%un-ue. 6egga lei stesso la lettera di 1a%es. 9n %o%ento... c7D una /arte0, e ricordJ, arrossendo, l7ulti%a riga. ,Kuole /rendersi il disturbo di leggerci lei stessa i /assaggi che concernono %io &ratello.0 ,No, legga lei0, escla%J #atherine ri/ensandoci. ,Non so a cosa stessi /ensando0 Marrossendo di nuo2o, do/o che era giC arrossita /ri%aN... ,1a%es 2ole2a solo dar%i un buon consiglio0. Egli /rese di buon grado la lettera e, a2endola letta con atten*ione, gliela restituE dicendo: ,)rederic( non sarC il /ri%o uo%o che ha scelto una %oglie con %eno buonsenso di -uanto la &a%iglia si as/ettasse. Non in2idio la sua situa*ione, co%e a%ante e co%e &iglio0. 6a signorina Tilney, su in2ito di #atherine, lesse anche lei la lettera e, do/o a2er es/resso anche lei il /ro/rio dis/iacere e la /ro/ria sor/resa, co%inciJ a &are do%ande sulla &a%iglia e le sostan*e della signorina Thor/e. ,6a %adre D una bra2a /ersona0, &u la ris/osta di #atherine. ,E il /adre.0 ,9n a22ocato, credo... Ki2ono a Putney0. ,Ed D una &a%iglia ricca.0 ,No, non %olto. Non credo che "sabella abbia alcuna dote, %a /er la 2ostra &a%iglia la cosa non a2rC i%/ortan*a... Kostro /adre D cosE liberale[ 67altro giorno %i ha detto che /er lui il denaro ha 2alore solo /erchI gli consente di &a2orire la &elicitC dei &igli0. )ratello e sorella si guardarono. , a0, disse Eleanor do/o una bre2e /ausa, ,&a2orirebbe la sua &elicitC %ettendolo in grado di s/osare una tale /ersona. Non de2e a2ere saldi /rincE/i, altri%enti non a2rebbe trattato cosE tuo &ratello. E da /arte di )rederic(, che strana in&atua*ione[ 9na raga**a che, sotto i suoi occhi, 2iola un /atto stretto 2olontaria%ente con un uo%o /er andare con un altro[ Non D /ensabile, e /ro/rio )rederic(, che D se%/re stato cosE geloso del suo cuore[ #he non a2e2a %ai tro2ato una donna degna di essere a%ata da lui[0. ,Suesta D la circostan*a /iA s&a2ore2ole, il dato /iA &orte in suo s&a2ore. Suando /enso alle sue dichiara*ioni /assate, lo do /er &inito. "noltre, ho un7o/inione tro//o alta della /ruden*a della signorina Thor/e da su//orre che abbia lasciato un uo%o /ri%a di essersi assicurato l7altro. Per )rederic( D 2era%ente &inita[ \ un uo%o %orto, de&unto nell7intelligen*a. Pre/arati /er la nuo2a cognata, Eleanor, e che cognata deli*iosa[... A/erta, candida,
45:

se%/lice, sen*a arti&ici, ca/ace di a&&etto sincero e se%/lice, che non sa cosa sia darsi arie e cosa sia &ingere0. ,9na cognata cosE sarebbe certo una deli*ia, Fenry[0, disse Eleanor con un sorriso. , a &orse0, osser2J #atherine, ,anche se si D co%/ortata %ale con la nostra &a%iglia, /uJ darsi che si co%/orti %eglio con la 2ostra. Adesso che ha ottenuto l7uo%o che 2ole2a, il suo a&&etto sarC costante0. ,Fo da22ero /aura di sE0, re/licJ Fenry; ,ho /aura che sarC &edelissi%a, a %eno che non si i%batta in un baronetto: D l7unica /ossibilitC di )rederic(. PrenderJ il giornale di Hath /er 2edere gli arri2i0. ,Allora lei crede che sia a%bi*iosa. Parola %ia, /er certe cose lo se%bra /ro/rio. Non /osso di%enticare che -uando se//e ciJ che %io /adre a2rebbe &atto /er loro, se%brJ assai delusa che non &acesse di /iA. Non %i sono %ai tanto ingannata su di una /ersona in 2ita %ia[0. ,Tra tutte -uelle che ha conosciuto e studiato[0. ,"l %io dis/iacere /er la /erdita di tale a%ica D grande, %a %ai co%e -uello di 1a%es: te%o che non si ri/renderC /iA0. ,Suo &ratello D degno di ogni co%/assione in -uesto %o%ento, %a non dobbia%o, /reoccu/ati /er le sue so&&eren*e, di%enticare le sue. Penso che con la /erdita di "sabella, lei senta di a2er /erso %etC di se stessa: sente un 2uoto nel cuore che nulla /otrC col%are. 6a 2ita di societC le di2enta inso//ortabile e, -uanto ai di2erti%enti che a2e2ate condi2iso a Hath, la sola idea di /arteci/ar2i sen*a di lei le se%bra orrenda. Non 2orrebbe, /er tutto l7oro del %ondo, andare a un ballo. Sente che non /otrC %ai /iA a2ere un7a%ica cui dire tutto e della cui sti%a /uJ essere certa, e del cui consiglio nelle di&&icoltC /uJ &idarsi. Pro2a tutto -uesto.0 ,No0, disse #atherine do/o /ochi istanti di ri&lessione. ,No... do2rei. A dire il 2ero, sebbene sia &erita e addolorata /erchI non /osso 2olerle /iA bene, /erchI non sa/rJ /iA nulla di lei e &orse non la 2edrJ %ai /iA, non %i sento cosE... cosE a&&litta co%e si /otrebbe /ensare0. ,6ei, co%e se%/re, /ro2a -uei senti%enti che %eglio si addicono alla natura u%ana... Tali senti%enti do2rebbero essere anali**ati /er i%/arare a conoscere se stessi0. #atherine, /er un %oti2o o /er l7altro, si sentE assai solle2ata da -uesta con2ersa*ione e non ri%/ianse di esser stata condotta ins/iegabil%ente a /arlare della circostan*a che l7a2e2a /rodotta.

455

#apitolo undicesimo
A /artire da -uel %o%ento, l7argo%ento 2enne &re-uente%ente discusso dai tre gio2ani e #atherine, con una -ualche sor/resa, tro2J che i suoi due gio2ani a%ici erano /er&etta%ente d7accordo nel considerare che la %ancan*a di /osi*ione sociale e di &ortuna di "sabella a2rebbe intralciato considere2ole%ente il suo /rogetto di s/osare il loro &ratello. 6a loro con2in*ione che il generale, solo /er -uesto, indi/endente%ente dalle obie*ioni che a2rebbe /otuto %uo2ere al carattere di lei, si sarebbe o//osto a -uesta unione, la indusse a /ensare con un certo allar%e a se stessa. 6ei era altrettanto insigni&icante e, &orse, altrettanto sen*a %e**i, di "sabella, e se l7erede della /ro/rietC dei Tilney non a2e2a /er suo conto abbastan*a grandiositC e ricche**a, -uali /ote2ano essere le richieste, -uanto a interessi, del /iA gio2ane dei &ratelli. 6e ri&lessioni, assai dolorose, cui -uesto /ensiero la conduce2a, /ote2ano essere dissi/ate solo dalla &iducia in -uella /articolare si%/atia che, a -uanto ca/i2a dalle /arole e dalle a*ioni di lui, ella gode2a /resso il generale e dal ricordo di alcuni /ensieri generosi e disinteressati al riguardo dell7argo%ento denaro che gli a2e2a udito /iA di una 2olta es/ri%ere e che la s/inge2ano a /ensare che il suo /unto di 2ista su -uesto argo%ento &osse stato &rainteso dai &igli. Essi erano tal%ente con2inti, co%un-ue, che il loro &ratello non a2rebbe a2uto il coraggio di chiedere di /ersona il consenso del /adre, e cosE ri/etuta%ente la rassicurarono che %ai co%e in -uel %o%ento sarebbe stato %eno /robabile che egli 2enisse a Northanger che alla &ine #atherine si lasciJ /ersuadere che non c7era necessitC di una sua /arten*a i%/ro22isa. a dato che non era da su//orre che il ca/itano Tilney, -uando a2esse richiesto il consenso del /adre, gli a2rebbe %ai &ornito una giusta idea sulla condotta di "sabella, le 2enne in %ente, co%e un es/ediente assai intelligente, che Fenry es/onesse l7intera &accenda al /adre cosE co%e era in realtC, %ettendo in grado il generale, con -uesto %e**o, di &or%arsi un7o/inione &redda e i%/ar*iale, e di /re/arare delle obie*ioni che si a//oggiassero su di un terreno /iA solido di -uello dell7ineguaglian*a econo%ica e sociale. Glielo /ro/ose, di conseguen*a, %a egli non accolse la /ro/osta con l7entusias%o che lei si era as/ettata. ,No0, disse lui. , io /adre non ha bisogno di sostegno e la con&essione della &ollia di )rederic( non ha bisogno di essere raccontata in antici/o da -ualcun altro. De2e raccontarla lui, tutta la storia0. , a ne racconterC solo la %etC0. ,9n -uarto sarebbe giC abbastan*a0. 9n giorno o due /assarono e non /ortarono noti*ie del ca/itano Tilney. "l &ratello e la sorella non sa/e2ano che /ensare. A 2olte se%bra2a loro che il silen*io di lui &osse il naturale risultato del &idan*a%ento sos/ettato; altre 2olte che &osse co%/leta%ente inco%/atibile con -uesto. "l generale, tutta2ia, sebbene ogni %attina si di%ostrasse o&&eso dalla /igri*ia di )rederic( nello scri2ere, non /ro2a2a alcuna 2era ansietC /er lui e non a2e2a nessun7altra sollecitudine che -uella di rendere il te%/o della signorina orland a Northanger il /iA /iace2ole /ossibile. Egli s/esso es/ri%e2a il suo disagio a -uesto /ro/osito; te%e2a che la %onotonia della -uotidianeitC e degli i%/egni le rendessero sgradito il luogo e ri%/iange2a che 6ady )raser non &osse in ca%/agna; 2ole2a in2itare gente a /ran*o e -ualche 2olta co%inciJ /ure a calcolare -uanti gio2ani del 2icinato si /otessero in2itare /er un ballo. a era un te%/o %orto dell7anno: non c7era sel2aggina, non c7erano anitre sel2atiche e 6ady
45<

)raser non era in ca%/agna. )ini da ulti%o col dire a Fenry, una %attina, che -uando la /rossi%a 2olta &osse andato a Boodston, gli a2rebbero &atto un7i%/ro22isata /er /ran*are con lui. Fenry &u assai onorato e %olto &elice e #atherine &u &elicissi%a del /rogetto. ,E -uando /ensa, signore, che /ossa as/ettar%i -uesto /iacere. "o debbo essere a Boodston lunedE /er un incontro /arrocchiale e /robabil%ente sarJ costretto a ri%anerci /er due o tre giorni0. ,Hene, bene, coglierJ l7occasione uno di -uei giorni. Non D necessario &issare. Non de2i darti da &are /er noi. Sualsiasi cosa tu abbia in casa andrC bene. Penso di /oter garantire /er le gio2ani signore, che di%ostreranno co%/rensione /er la ta2ola di uno sca/olo. 6ascia%i 2edere: lunedE sarC un giorno occu/ato /er te; non 2erre%o -uindi lunedE. artedE sarC occu/ato /er %e. As/etto il %io intendente da Hroc(ha% che 2errC a &ar%i il suo ra//orto in %attinata e /oi non /osso %ancare di /assare al club. "n 2eritC non /otrei /iA guardare in &accia le %ie conoscen*e, se non ci /assassi. Dal %o%ento che si sa che io sono -ui, si o&&enderebbero se non andassi. Ed D una %ia regola, signorina orland, non o&&endere %ai nessuno dei %iei 2icini, se /osso &arne a %eno con un /iccolo sacri&icio del %io te%/o e della %ia atten*ione. \ un gru//o di /ersone di gran 2alore. Gli %ando da Northanger un %e**o cer2o due 2olte l7anno e /ran*o con loro tutte le 2olte che /osso. artedE dobbia%o -uindi dire che D &uori -uestione. "n2ece, /enso che tu /ossa as/ettarci %ercoledE, Fenry. Sare%o da te /resto, /er /oter a2ere il te%/o di guardarci intorno. "n due ore e tre -uarti /otre%o essere a Boodston, /enso. Partire%o alle dieci, cosE a un -uarto all7una di %ercoledE /uoi as/ettarci0. Ne//ure un ballo sarebbe stato /iA ben2enuto, /er #atherine, di -uella /iccola escursione, tanto grande era il suo desiderio di conoscere Boodston. "l suo cuore era ancora traboccante di.gioia -uando Fenry, circa un7ora do/o, arri2J con sti2ali e ca//otto, nella stan*a do2e lei ed Eleanor sede2ano e disse: ,Sono 2enuto, %ie gio2ani signore, in una 2este %olto %orali**ante, /er osser2are che i nostri /iaceri a -uesto %ondo 2anno se%/re /agati e s/esso li /aghia%o a caro /re**o cedendo /ronta cassa una &elicitC reale /er un /rogetto &uturo che /uJ non reali**arsi. "o ne sono testi%one in -uesto %o%ento. PoichI ho la s/eran*a di 2eder2i a Boodston %ercoledE, cosa che il catti2o te%/o o 2enti altre cause /ossono i%/edire, debbo andare 2ia subito, due giorni /ri%a di -uanto /ensassi0. ,Ka 2ia.0, disse #atherine col 2iso assai lungo. ,PerchI %ai.0 ,PerchI[... E co%e /uJ chiederlo.... PerchI non debbo /erdere te%/o a s/a2entare la %ia 2ecchia go2ernante e /erchI debbo andare a &ar /re/arare un /ran*o /er 2oi0. ,Oh, non dice seria%ente[0. ,Ahi%D[ E anche assai triste%ente[... A2rei /re&erito di gran lunga restare0. , a co%e /uJ /ensare una cosa del genere do/o -uello che il generale ha detto. Suando ha es/resso cosE chiara%ente il desiderio di non darle nessun /eso /erchI -ualsiasi cosa gli sarebbe andata bene.0. Fenry sorrise. ,Sono certa che /er %e e /er sua sorella D /ro/rio inutile che lei 2ada, lo de2e sa/er bene... e il generale ha detto cosE chiara%ente che non si de2e /reoccu/are e che non de2e &are nulla di straordinario... do/o tutto se egli non a2esse detto altro che la %etC di -uanto ha detto, a2rebbe se%/re co%un-ue eccellenti /ran*i a casa e /er un giorno /otrebbe accontentarsi di -ualcosa di %eno elaborato0. ,Korrei /oter ragionare co%e lei, /er il suo bene e /er il %io. Arri2ederci. Dal %o%ento che do%ani D do%enica, Eleanor, io non ritornerJ0. Se ne andJ; ed essendo in ogni %odo o/era*ione se%/re /iA se%/lice /er #atherine
45>

dubitare del /ro/rio giudi*io /iuttosto che di -uello di Fenry, si tro2J /resto obbligata a dargli credito di a2er ragione, -uantun-ue le &osse sgrade2ole l7idea che lui se ne &osse andato. a l7ines/licabilitC della condotta del generale le diede %olto da /ensare. #he egli &osse %olto esigente nel %angiare lo sa/e2a da sI, lo a2e2a giC osser2ato e giC sco/erto, %a /erchI do2esse dire una cosa e nello stesso te%/o /ensarne un7altra, era cosa che le risulta2a incredibile. #o%e /ote2a la gente, in -uel %odo, &arsi ca/ire. #hi, se non Fenry, a2rebbe /otuto rendersi conto di ciJ che suo /adre /ensa2a . Da sabato a %ercoledE, co%un-ue, adesso erano sen*a Fenry. Suesto il triste &inale di ogni ri&lessione: la lettera del ca/itano Tilney sarebbe certa%ente arri2ata in sua assen*a e %ercoledE sarebbe certa%ente stato brutto te%/o. "l /assato, il /resente e il &uturo erano i%%ersi in un7uguale triste**a. Suo &ratello cosE in&elice, la /erdita di "sabella cosE grande e l7u%ore di Eleanor se%/re rattristato dall7assen*a di Fenry. #osa c7era di interessante e di di2ertente /er lei. Era stanca di boschi e boschetti, se%/re cosE curati e cosE asciutti, e l7abba*ia in sI ora non era %olto di2ersa da ogni altra casa. "l doloroso ricordo delle idee &olli che a2e2a nutrito e ali%entato a causa dell7 abba*ia stessa, era l7unica cosa che /otesse ridestarle una -ualche e%o*ione. Suale ri2olu*ione nelle sue idee[ 6ei che a2e2a cosE desiderato di tro2arsi in un7abba*ia[ Ora non c7era nulla di /iA a&&ascinante nella sua i%%agina*ione di una canonica co%oda e sen*a /retese, -ualcosa co%e )ullerton, %a %igliore. )ullerton a2e2a i suoi di&etti, %a Boodston /robabil%ente non ne a2e2a alcuno. Se %ercoledE &osse arri2ato[ Arn2J, esatta%ente -uando era ragione2ole as/ettarselo. Arri2J, era bel te%/o, e #atherine &u &elice. Alle dieci il tiro a -uattro /rese a bordo i tre dell7abba*ia e do/o un 2iaggio grade2olissi%o di circa 2enti %iglia, arri2arono a Boodston, un grande e /o/oloso 2illaggio in /osi*ione non s/iace2ole. #atherine si 2ergogna2a di dire -uanto gra*ioso /ensa2a che &osse e il generale ritene2a necessario scusarsi /er la ca%/agna tro//o /iatta e /er la di%ensione del 2illaggio. Nel suo cuore, tutta2ia, ella lo /re&eri2a a ogni altro luogo che a2esse 2isto &ino ad allora e guardJ con a%%ira*ione ogni casetta che &osse -ualcosa di /iA di un cottage e ogni /iccolo nego*ietto che incontrarono. Alla &ine del 2illaggio, accettabil%ente staccata dal resto, c7era la canonica, un edi&icio nuo2o in /ietra col 2iale se%icircolare e cancelli 2erdi e -uando entrarono c7era Fenry con i co%/agni della sua solitudine, un grosso cucciolo di Terrano2a e due o tre terrier, /ronto a rice2erli. 6a %ente di #atherine, -uando entrJ in casa, era tro//o con&usa /erchI /otesse osser2are o dire gran cosa; e &inchI il generale non le richiese la sua o/inione, a2e2a assai /oche idee a /ro/osito della stan*a in cui si tro2a2ano. Solo allora si guardJ intorno e si accorse che era la /iA con&orte2ole stan*a del %ondo, %a &u tro//o guardinga /er dirlo con entusias%o e la sua &redde**a nel lodarla &ece arrabbiare il generale. ,Non dicia%o che D una bella casa0, disse lui. ,Non la /ossia%o co%/arare a )ullerton o a Northanger; consideria%o che D solo una /iccola canonica isolata, %a co%un-ue D decente e abitabile e certo non in&eriore ad altre si%ili. "n altre /arole, credo che ci siano /oche canoniche di ca%/agna, in "nghilterra, belle la %etC di -uesta. #erto, si /ossono a//ortare dei %igliora%enti. 6ontana da %e l7idea di sostenere il contrario e, co%un-ue, -ualsiasi cosa ragione2ole... )orse un7ala in /iA, sebbene, se c7D una cosa che detesto sono le aggiunte &atte alla %eno /eggio0. #atherine non sentE abbastan*a di -uesto discorso /er ca/irlo bene e, di conseguen*a, /er addolorarsene e gli altri argo%enti di con2ersa*ione accurata%ente introdotti da Fenry e un 2assoio /ieno di rin&reschi /ortato dal suo ser2itore, resero al generale i suoi %odi
45;

co%/iacenti e a #atherine tutta la sua abituale tran-uillitC. 6a stan*a in -uestione era a%/ia, /ro/or*ionata e ben a%%obiliata da salotto da /ran*o. Suando la lasciarono /er 2isitare i terreni, le &u %ostrato l7a//arta%ento del /adrone di casa, /iccolo %a straordinaria%ente tirato a lucido /er l7occasione. Do/o di ciJ &urono condotti in salotto la cui 2isione, sebbene ancora non &osse a%%obiliato, deli*iJ #atherine abbastan*a da soddis&are il generale. Era una stan*a di bella &or%a, con le &inestre che arri2a2ano &ino a terra e una 2ista /iace2ole sui /rati 2erdi e lei es/resse la sua a%%ira*ione con tutta l7onesta se%/licitC con cui la senti2a. ,Ah[ PerchI non a%%obilia -uesta stan*a, signor Tilney.P#he /eccato che non ci siano i %obili[ \ la /iA gra*iosa stan*a che io abbia %ai 2isto[ \ la /iA gra*iosa stan*a del %ondo[0. ,Fo &iducia0, disse il generale con un sorriso /iA soddis&atto, ,che sarC ra/ida%ente a%%obiliata. As/etta solo il gusto di una donna[0. ,Ebbene, se &osse casa %ia non starei altro che -ui[ #he bel /iccolo cottage c7D lE, tra gli alberi[ Sono %eli, non D 2ero. \ un cottage gra*iosissi%o[0. ,6e /iace.... 6o a//ro2a.... E abbastan*a. Fenry, ricorda di /arlarne a $obinson. "l cottage ri%ane0. Tale co%/li%ento ri/ortJ #atherine alla consa/e2ole**a e la rese i%%ediata%ente silen*iosa e sebbene le &osse richiesto dal generale -uale &osse il suo gusto /er il colore della carta da /arati e della ta//e**eria, non si riuscE a &arle es/ri%ere ne//ure un7o/inione. 67in&luen*a delle no2itC 2iste e dell7aria &resca &u co%un-ue assai utile nel dissi/are -ueste i%bara**anti associa*ioni e, a2endo raggiunto la /arte orna%entale del giardino, che consiste2a in una /asseggiata che corre2a ai due lati di un /rato in cui l7ingegno di Fenry a2e2a co%inciato a o/erare un %e**o anno /ri%a, ella si era rico%/osta e a2e2a recu/erato abbastan*a /ronte**a di s/irito da /ensare che &osse il giardino /iA carino che a2esse %ai 2isto /ri%a, sebbene non ci &osse ne//ure un ces/uglio /iA alto della /anchina dell7angolo. 9na 2isita ra/ida /er i /rati e /er una /arte del 2illaggio e alle stalle /er esa%inare alcuni %igliora%enti e un %o%ento di gioco con i cuccioli che non &ace2ano che ru**olare li &ece arri2are &ino alle -uattro, %entre #atherine /ensa2a che non /otesse essere /iA tardi delle tre. Alle -uattro do2e2ano /ran*are e alle sei /artire /er tornare indietro. Nessuna giornata era trascorsa con tanta ra/iditC[ #atherine non /otI non notare che l7abbondan*a delle /ortate non crea2a la %ini%a %era2iglia nel generale, an*i si accorse che egli guarda2a /er&ino 2erso la creden*a /er 2edere se non ci &osse della carne &redda. 6e osser2a*ioni di suo &iglio e di sua &iglia erano di2erse. 67a2e2ano rara%ente 2isto %angiare cosE di buon grado a una ta2ola di2ersa dalla sua e non si era %ai /reoccu/ato tanto /oco che il burro &uso &osse tro//o li-uido. Alle sei, do/o che il generale ebbe /reso il ca&&D, risalirono in carro**a. 6a condotta di lui durante la 2isita era stata cosE gentile che #atherine si sentE tanto rassicurata -uanto alle sue as/ettati2e che, se a2esse /otuto essere altrettanto &iduciosa dei desideri del &iglio, a2rebbe lasciato Boodston con assai /oca ansia sul co%e o sul -uando sarebbe /otuta tornarci.

458

#apitolo dodicesimo
6a %attina seguente /ortJ -uesta inas/ettata lettera di "sabella: Hath, a/rile... ia carissi%a #atherine, ho rice2uto le due tue gentili lettere con grande gioia e ho %ille scuse da &arti /er non a2er ris/osto /ri%a. i 2ergogno 2era%ente %olto della %ia /igri*ia, %a in -uesto orrido /osto non si tro2a te%/o /er &are nulla. Fo /reso la /enna in %ano /er co%inciare una lettera /er te -uasi ogni giorno, da -uando hai lasciato Hath, %a sono stata se%/re interrotta da -ualche sciocche**a. Per &a2ore scri2i%i /resto e indiri**a a casa %ia. Gra*ie a Dio lascia%o -uesto orrido /osto do%ani. Dal %o%ento che tu sei andata 2ia non ho /iA a2uto gioia -ui... oltre tutto c7D %oltissi%a /ol2ere e ogni /ersona cui2oglio bene D andata 2ia. Sono certa che se /otessi 2ederti non %i i%/orterebbe del resto, /erchI tu %i sei /iA cara di ogni altro. Sono /reoccu/ata /er il tuo caro &ratello, /erchI non ho a2uto /iA sue noti*ie da -uando D /artito /er OO&ord e ho /aura di -ualche &raintendi%ento. " tuoi gentili u&&ici %etteranno tutto a /osto. \ l7unico uo%o che abbia %ai a%ato o che %ai /otrei a%are: s/ero che 2orrai con2incerlo di -uesto. 6a %oda /ri%a2erile D /ar*ial%ente uscita e i ca//elli sono /iA brutti di -uanto tu /ossa i%%aginare. S/ero che tu /assi il tuo te%/o /iace2ol%ente %a ho /aura che non /ensi %ai a %e. Non 2oglio dire -uello che /otrei della &a%iglia con cui ti tro2i /erchI non 2oglio essere /oco generosa e non 2orrei %ai %etterti contro -uelli che tu sti%i, %a D 2era%ente di&&icile sa/ere di chi a2er &iducia e i gio2ani non sanno %ai -uello che 2ogliono /er due giorni di seguito. Sono contenta di dirti che il gio2anotto che tu sai, e che io /articolar%ente detesto, ha lasciato Hath. $iconoscerai da -uesta descri*ione che intendo /arlare del ca/itano Tilney che, co%e tu ricorderai, era se%/re dietro a %e ed era terribil%ente insistente giC /ri%a che tu andassi 2ia. Do/o D /eggiorato ed D di2entato -uasi la %ia o%bra. olte raga**e l7a2rebbero /otuto /rendere sul serio, /erchI le sue atten*ioni erano straordinarie, %a io so bene -uanto siano incostanti gli uo%ini. \ /artito due giorni do/o /er il suo reggi%ento e io credo che non %i tor%enterC /iA. \ il /iA gran belli%busto che si /ossa i%%aginare, e in /iA D tre%enda%ente sgrade2ole. Gli ulti%i due giorni era se%/re con #harlotte Da2is: %i dis/iace /er il suo catti2o gusto, %a non gli ho /ro/rio dato i%/ortan*a. 67 ulti%a 2olta che ci sia%o incontrati D stato in Hath Street e sono entrata subito in un nego*io cosicchI non /otesse /arlar%i... Non a2rei 2oluto neanche 2ederlo. Poi lui D andato alla Pu%/ $oo%, %a io non l7a2rei seguito /er nulla al %ondo. #7D un tale contrasto tra lui e tuo &ratello[ Per &a2ore, %anda%i noti*ie di lui... Sono %olto in&elice a causa del &atto che non so nulla di lui. Se%bra2a scontento -uando D andato 2ia: era ra&&reddato e -ualcosa lo /reoccu/a2a. Gli scri2erei io stessa, %a ho /erso il suo indiri**o e, co%e ti ho detto /ri%a, te%o che -ualcosa, nel %io %odo di co%/ortar%i, lo abbia seccato. Per &a2ore s/iegagli ogni cosa e se ancora do2esse a2ere -ualche dubbio, che %i scri2a -ualche riga o che 2enga a Putney la /rossi%a 2olta che sarC in cittC, che ci s/ieghere%o. Non sono stata alle Sale da secoli e ne//ure al teatro, eccetto ieri sera con gli Fodges, /er uno s/ettacolo a %etC /re**o: %i hanno tor%entato /erchI ci andassi ed ero deter%inata a &ar sE che non dicessero che %i ero chiusa in casa /erchI Tilney era /artito. #i sia%o seduti accanto ai itchell, che hanno &atto &inta di essere %olto sor/resi di 2eder%i &uori. So -uanto sono %ale2oli: una 2olta non erano ne//ure cortesi con %e, ora in2ece sono tutti
453

a%ici*ia, %a non sono cosE sciocca da creder loro. Sai che sono abbastan*a intelligente. Anna itchell si D %essa addosso un turbante co%e il %io, -uello che a2e2a indossato la setti%ana scorsa al concerto, %a a lei sta2a %alissi%o. Sta bene alla %ia strana &accia, credo; al%eno, a -uell7e/oca Tilney %i a2e2a detto cosE, e %i a2e2a anche detto che tutti %i guarda2ano, anche se D l7ulti%o uo%o al %ondo cui /otrei credere. Non 2esto altro che di 2iola, adesso. 6o so che %i i%bruttisce, %a non %i dis/iace, /erchI D il colore che tuo &ratello /re&erisce. Non /erdere te%/o, %ia carissi%a, %ia dolcissi%a #atherine, nello scri2ere a lui e a %e, che se%/re sono ecc. Degli arti&ici cosE strani e su/er&iciali, non &ecero /resa ne//ure su #atherine. 6a loro inconsisten*a, le contraddi*ioni e la &alsitC, la col/irono subito. Si 2ergognJ di "sabella e si 2ergognJ di a2erle %ai 2oluto bene. 6e sue /ro&essioni di a&&etto ora erano disgustose -uanto 2uote erano le sue scuse e i%/udenti le sue richieste. Scri2ere a 1a%es su suo incarico. No... 1a%es non l7a2rebbe certo %ai /iA sentita no%inare "sabella. All7arri2o di Fenry da Boodston, ella co%unicJ a lui e a Eleanor che il loro &ratello era sal2o, congratulandosi con loro con sinceritC e leggendo ad alta 2oce alcuni /assaggi della lettera di "sabella con tono assai indignato. Suando ebbe &inito: ,E cosE, basta con "sabella, e con tutta la nostra a%ici*ia[ 0, escla%J. ,De2e /ensare che io sia una sciocca; %a &orse D ser2ito a &ar%i conoscere il suo carattere %eglio di -uanto lei abbia conosciuto il %io. Kedo che cosa 2ole2a &are. \ una 2anitosa ci2etta e i suoi trucchi non a2ranno ris/osta. Non credo che abbia %ai /ro2ato 2ero interesse nI /er 1a%es nI /er %e, e 2orrei non a2erla %ai conosciuta0. ,E /resto sarC co%e se non l7a2esse %ai &atto0, disse Fenry. ,#7D solo una cosa che non riesco a ca/ire. Kedo che "sabella ha a2uto delle %ire che non hanno a2uto successo sul ca/itano Tilney, %a non ca/isco cosa ha a2uto in %ente /er tutto -uesto te%/o il ca/itano Tilney. PerchI le ha dedicato tanta atten*ione da &ar sE che bisticciasse con %io &ratello e /oi si D tirato indietro.0 ,Fo assai /oco da dire sul /erchI )rederic( abbia agito cosE; anche lui, co%e la signorina Thor/e, ha la sua 2anitC. 6a di&&eren*a D che a2endo una testa /ensante non si D ancora /rocurato dei danni. Se l7e&&etto del suo co%/orta%ento non lo giusti&ica con lei, &are%o %eglio a non cercarne oltre le cause0. ,Suindi lei non crede che abbia a2uto un 2ero interesse /er "sabella.0 ,Sono /ersuaso di no0. ,E l7ha solo &atto credere /er gusto della discordia.0. Fenry si inchinJ /er assentire. ,Heh, allora debbo dire che non %i /iace a&&atto. Sebbene la cosa sia andata a &inire bene /er noi, non %i /iace. "n -uesto caso non credo che sia stato &atto gran danno, /erchI non credo che "sabella abbia un cuore che /ossa subire &erite, %a /ensi se lei si &osse 2era%ente %olto inna%orata di lui[0. ,Per /ri%a cosa dobbia%o su//orre che "sabella a2esse un cuore... conseguente%ente sarebbe stata una creatura di2ersa e in -uel caso a2rebbe a2uto un tratta%ento di2erso0. ,\ giusto che lei stia dalla /arte di suo &ratello0. ,E se lei starC dalla /arte del suo, non sarC tro//o dis/iaciuta dalla delusione della signorina Thor/e. a la sua ani%a D contrassegnata da un /rinci/io innato di integritC generale e di conseguen*a non D accessibile ai &reddi ragiona%enti della /ar*ialitC &a%igliare o al desiderio di 2endetta0.
4<=

#atherine, con -uesto co%/li%ento, si sentE libera da ogni a%are**a. )rederic( /ote2a non essere un col/e2ole i%/erdonabile, dal %o%ento che Fenry si rende2a cosE grade2ole. Si risolse a non ris/ondere alla lettera di "sabella e a non /ensare /iA alla -uestione.

4<4

#apitolo tredicesimo
Poco do/o -uesti &atti, il generale si tro2J obbligato ad andare a 6ondra /er una setti%ana. Parti da Northanger ri%/iangendo sincera%ente di do2er /erdere anche un7ora della co%/agnia della signorina orland e racco%andando ai suoi &igli che &osse /osta ogni cura nel renderle il soggiorno co%odo e di2ertente e che -uesto &osse il loro /rinci/ale sco/o durante la sua assen*a. 6a sua /arten*a diede a #atherine la /ri%a certe**a s/eri%entale di -uanto una /erdita /ossa tal2olta essere un guadagno. 6a &elicitC con cui adesso /assa2ano il loro te%/o, la libertC che a2e2ano di &are ciJ che 2ole2ano, le risate cui indulge2ano, i /asti cosE di2ertenti e /iace2oli, le /asseggiate do2e loro /iace2a e -uando loro /iace2a, il te%/o scandito co%e loro 2ole2ano, i /iaceri e le &atiche che di/ende2ano esclusi2a%ente da loro, le &ecero a22ertire in %odo /articolare le restri*ioni che la /resen*a del generale a2e2a i%/osto e si senti assai grata della /resente libertC. Tale era la se%/licitC e tale la &elicitC, che si tro2J ad a%are se%/re di /iA il luogo e le /ersone; e se non &osse stato /er il ti%ore che &osse necessario lasciare il /ri%o e /er l7a//rensione di non essere ugual%ente a%ata dalle seconde, sarebbe stata /er&etta%ente &elice in ogni %o%ento di ogni giorno; %a era arri2ata alla -uarta setti%ana della sua 2isita; /ri%a che il generale tornasse a casa, an*i, la -uarta setti%ana sarebbe &inita, e &orse sarebbe se%brata un7intrusione se la sua 2isita &osse durata /iA a lungo. Sueste erano le /enose considera*ioni che tal2olta le ca/ita2a di &are e, ansiosa di togliersi -uesto /eso dal cuore, si risolse assai /resto di /arlarne a Eleanor e di dirle che sarebbe do2uta /artire: ciJ /er trarre dalla condotta di lei nel rice2ere la sua /ro/osta indica*ioni su co%e co%/ortarsi. #onsa/e2ole che se as/etta2a tro//o te%/o a2rebbe /otuto tro2arsi in di&&icoltC nel &are un discorso cosE s/iace2ole, colse la /ri%a o//ortunitC che le si /resentJ di tro2arsi sola con Eleanor e, /ur essendo -uest7ulti%a nel bel %e**o di un discorso che riguarda2a -ualcosa di assoluta%ente di2erso, co%inciJ a /arlarle della necessitC di /artire /resto. Eleanor la guardJ e si dichiarJ %olto dis/iaciuta. A2e2a s/erato di godere del /iacere della co%/agnia di lei /er /iA te%/o... si era ingannata &orse a causa dei suoi stessi desideri, su//onendo che le &osse stata /ro%essa una 2isita /iA lunga e non /ote2a &are a %eno di /ensare che se il signore e la signora orland a2essero sa/uto -uanto /iacere lei /ro2a2a nell7a2erla lE, sarebbero stati tro//o generosi /er 2oler a&&rettare la sua /arten*a. #atherine s/iegJ: ,Pa/C e %a%%a non hanno nessuna &retta e se lei era &elice loro sarebbero stati co%un-ue contenti0. ,E allora /erchI, /ote2a chiedere, a2e2a cosE &retta di lasciarli.0 ,Oh, /erchI sono ri%asta -ui cosE a lungo[0. ,Oh, se /uoi usare una /arola di -uesto genere non /osso insistere di /iA. Se /ensi che D stato un te%/o lungo0. ,Oh, no[ No da22ero[ Per %e io /otrei restare con 2oi altrettanto a lungo0. #osE stabilirono subito che non do2e2a /iA /ensare a /artire. $i%ossa -uesta causa di s/iace2ole**a in %odo cosE /iace2ole, la &or*a dell7altra &u di conseguen*a indebolita. 6a gentile**a, la cortesia di %odi di Eleanor nel con2incerla a ri%anere e lo sguardo contento di Fenry -uando gli &u detto che a2e2a deciso di restare, &urono /ro2e cosE dolci di -uanto lei &osse i%/ortante /er loro, che le lasciarono solo -uel /o7 di /reoccu/a*ione che la %ente u%ana non riesce %ai a eli%inare del tutto. #rede2a -uasi se%/re che Fenry l7a%asse e -uasi se%/re che
4<+

l7a%assero anche il /adre di lui e la sorella e che desiderassero che lei a//artenesse alla &a%iglia e, credendo cosE intensa%ente, i suoi dubbi e le sue ansie di2ennero solo /iccoli %alu%ori. Fenry non &u in grado di obbedire all7ingiun*ione del /adre di ri%anere se%/re a Northanger al ser2i*io delle due signore durante il /eriodo del soggiorno di luiPa 6ondra: gli i%/egni del suo %inistero a Boodston lo obbligarono a lasciarle il sabato /er un /aio di giorni. 6a sua /erdita non &u co%e -uando il generale era a casa: di%inui2a la loro gaie**a %a non ro2ina2a del tutto la loro gioia. 6e due &anciulle, tro2andosi d7accordo su cosa &are ed essendo se%/re /iA a%iche, tro2arono che erano abbastan*a autosu&&icienti tanto che arri2arono alle undici, un7ora /iuttosto tarda, all7abba*ia, /ri%a di lasciare la sala da /ran*o, il giorno della /arten*a di Fenry. A2e2ano a//ena raggiunto il /ianerottolo -uando se%brJ loro, /er -uanto lo s/essore delle %ura consentisse loro di giudicare, che una carro**a stesse arri2ando e, subito do/o, la loro idea &u con&er%ata dal &orte suono del ca%/anello di casa. Do/o il turba%ento della sor/resa, che /ortJ a un ,Santo cielo[ #he succede. 0, &u ra/ida%ente deciso da Eleanor che do2esse trattarsi del suo &ratello %aggiore, il cui arri2o era s/esso cosE i%/ro22iso, anche se non altrettanto ino//ortuno; e cosE si a&&rettJ ad andargli incontro /er dargli il ben2enuto. #atherine andJ in ca%era sua cercando di abituarsi all7idea di una rinno2ata conoscen*a col ca/itano Tilney e /ro2a2a con&orto, nonostante la s/iace2ole i%/ressione che la condotta di -uest7ulti%o le a2e2a dato e nonostante la sua /ersuasione che egli si ritenesse un gentiluo%o tro//o distinto /er a//ro2are lei, che alla &ine loro due non si sarebbero incontrati in circonsta*e tali da rendere l7incontro 2era%ente doloroso. A2e2a &iducia che lui non a2rebbe /arlato della signorina Thor/e e, co%un-ue, dal %o%ento che do2e2a 2ergognarsi di co%e a2e2a agito non do2e2a esserci tale /ericolo. E2itando inoltre di %en*ionare Hath, /ensJ di /otersi co%/ortare con lui cortese%ente. "n tali considera*ioni trascorse del te%/o ed era certa%ente una cosa che torna2a a &a2ore di lui il &atto che Eleanor &osse tanto contenta di 2ederlo e a2esse tanto da dirgli da lasciar /assare al%eno una %e**7ora dal suo arri2o sen*a essere risalita. "n -uel %o%ento /ar2e a #atherine di sentire il /asso di lei nel corridoio: si %ise in ascolto, %a tutto era tornato silen*ioso. Non era tutta2ia con2inta di essersi sbagliata, -uando il ru%ore di -ualcosa che si %uo2e2a 2icino alla /orta la &ece sobbal*are. 6e se%brJ che -ualcuno stesse toccando lo sti/ite della /orta e, /oco do/o, un lie2e %o2i%ento della %aniglia le con&er%J che do2e2a esserci -ualcuno. Tre%J un /oco all7idea di -ualcuno che si a22icina2a con tanta cautela, %a risoluta a non lasciarsi so/ra&&are ancora dalle a//aren*e di -ualcosa di s/a2entoso, o a essere condotta &uori strada da un7i%%agina*ione tro//o 2i2a, si &ece a2anti tran-uilla%ente e a/rE la /orta. Eleanor e solo Eleanor era lE. 67ani%o di #atherine si tran-uilli**J /er un %o%ento, %a solo /er un %o%ento, /erchI le gote di Eleanor erano %olto /allide e i suoi %odi estre%a%ente agitati. Sebbene e2idente%ente desiderasse entrare, se%bra2a -uasi che do2esse &are uno s&or*o /er &arlo e se%bra2a che, una 2olta dentro, do2esse &are uno s&or*o ancora /iA grande a /arlare. #atherine, /ensando che ci &osse -ualche di&&icoltC a /ro/osito del ca/itano Tilney, /otI solo es/ri%ere la sua /arteci/a*ione con una silen*iosa atten*ione; l7obbligJ a sedersi, le stroi%J le te%/ie con ac-ua di la2anda e si /iegJ su di lei con sollecitudine a&&ettuosa. , ia cara #atherine, non de2i... non de2i assoluta%ente...0, &urono le /ri%e /arole sensate di Eleanor. ,Sto abbastan*a bene. 6a tua gentile**a %i scon2olge... non /osso so//ortarla... io 2engo da te /er un tale &ine[ Debbo &arti una tale co%unica*ione[0.
4<:

,9na co%unica*ione. A %e[0. ,#o%e debbo dirtelo.0. Nella %ente di #atherine balenJ un /ensiero nuo2o e, i%/allidendo co%e la sua a%ica escla%J: ,\ un %essaggero da Boodston.0 ,Ti sbagli0, ris/ose Eleanor guardandola con /ietC. ,\ %io /adre0. 6e %ancJ la 2oce. #hinJ gli occhi a terra %entre &ace2a il no%e di lui. "l suo inas/ettato ritorno &u su&&iciente /erchI il cuore di #atherine sobbal*asse e /er -ualche %o%ento non riuscE a credere che ci &osse -ualcosa di /eggio. Non disse nulla, ed Eleanor, tentando di &arsi &or*a e di /arlare con &er%e**a, %a con gli occhi ancora abbassati, /roseguE. ,Sei tro//o buona, ne sono certa, /er /ensare %ale di %e a causa della /arte che sono obbligata a &are. "o sono un %essaggero assoluta%ente riluttante. Do/o ciJ che a2e2a%o a//ena deciso[ E -uanto era2a%o contente[ E -uanto te ne ero grata, da /arte %ia[... che tu continuassi a stare -ui /er %olte, %olte setti%ane ancora. #o%e /osso dirti che la tua gentile**a non D stata accettata e che la &elicitC che la tua co%/agnia ci ha dato &ino a oggi sarC ri/agata con... %a io non tro2o le /arole... non /osso... ia cara #atherine, dobbia%o di2iderci: %io /adre si D ricordato di un i%/egno che a2e2a giC /reso e che /orta tutta la nostra &a%iglia a /artire &in da lunedE. Andre%o da 6ord 6ongtoGn, nei /ressi di Fere&ord, /er due setti%ane. \ i%/ossibile s/iegare. Non /osso ne//ure tentare di darti s/iega*ioni0. , ia cara Eleanor0, escla%J #atherine so&&ocando alla %eglio i /ro/ri senti%enti, ,non essere cosE addolorata; un secondo i%/egno de2e se%/re cedere di &ronte al /ri%o. Sono %olto, %olto dis/iaciuta che ci dobbia%o di2idere cosE /resto e cosE all7i%/ro22iso, %a non sono o&&esa; da22ero non lo sono. Posso /artire da -ui in ogni %o%ento. S/ero che tu 2errai a tro2ar%i. Puoi 2enire a )ullerton, -uando tornerai dalla casa di -uesto 6ord.0 ,Non sarC in %io /otere, #atherine0. ,Kieni -uando /uoi, allora0. Eleanor non diede ris/osta e i /ensieri di #atherine tornarono a -ualcosa che la interessa2a /iA diretta%ente. #osE ella aggiunse: ,6unedE... cosE /resto. E andate tutti. Hene sono certa che /otrJ salutar2i: non c7D bisogno che io 2ada 2ia /ri%a di 2oi. Non ti angosciare, Eleanor, /osso /artire lunedE. io /adre e %ia %adre non saranno stati in&or%ati, %a non ha i%/ortan*a. "l generale %anderC con %e un ser2itore, ne sono sicura, al%eno &ino a %e**a strada. Presto allora sarJ a Salisbury e allora sarJ solo a no2e %iglia da casa0. ,Oh, #atherine[ Se le cose &ossero siste%ate cosE sarebbe -ualcosa di %eno intollerabile, sebbene con tali co%uni atten*ioni tu a2resti rice2uto solo %etC di ciJ che do2resti a2ere. a, co%e /osso dirtelo.... 6a tua /arten*a D &issata /er do%ani %attina e ne%%eno l7ora D lasciata alla tua scelta: la carro**a D &issata e sarC -ui alle sette e non ti sarC o&&erto nessun ser2itore0. #atherine sedette sen*a &iato e sen*a /arole. ,Non /ote2o credere alle %ie orecchie -uando ho sentito -uesta cosa... e nessun dis/iacere, nessun risenti%ento che tu /ossa sentire in -uesto %o%ento, /er -uanto grande, /uJ essere %aggiore di -uello che ho /ro2ato io... a non debbo /arlare di -uello che ho /ro2ato io[ #he cosa /otrei dire co%e giusti&ica*ione[ Huon Dio[ #osa diranno tuo /adre e tua %adre[ Do/o a2erti sottratta alla /rote*ione di a%ici 2eri e /ortata &ino -ui, al%eno al do//io della distan*a da casa tua, do2erti 2edere cacciata dalla casa sen*a nessuna considera*ione di cortesia[ #ara, cara #atherine, co%e latrice di tale %essaggio %i sento anch7io col/e2ole /er tutto ciJ che contiene di insultante. Tutta2ia ho &iducia che tu 2oglia /erdonar%i, /erchI sei stata abbastan*a a lungo in -uesta casa da sa/ere che io ne sono solo la /adrona no%inale e che il %io reale /otere D uguale a
4<5

*ero0. ,Fo o&&eso il generale.0, disse #atherine con 2oce tre%ante. ,Ahi%D[ Per i %iei senti%enti di &iglia, tutto ciJ che so e tutto ciJ di cui ris/ondo, D che tu non gli hai dato nessuna giusta causa di o&&esa. 6ui D certa%ente %olto, %olto scon2olto. $ara%ente l7ho 2isto /iA scon2olto di cosE. Non ha un buon carattere e adesso D successo -ualcosa che lo ha &atto arrabbiare ; -ualche cosa che gli ha /rocurato disa//unto, contrarietC, -ualche cosa che in -uesto %o%ento gli se%bra gra2e, %a non /osso /ensare che tu ne abbia col/a. #o%e sarebbe /ossibile.0. #atherine -uasi non /ote2a /arlare, e &u solo /er Eleanor che tentJ di &arlo. ,Sono %olto dis/iaciuta se l7ho o&&eso. \ l7ulti%a cosa che a2rei 2oluto &are. a non essere in&elice, Eleanor. 9n i%/egno, lo sai, de2e essere %antenuto. i dis/iace soltanto che non 2e ne siate ricordati /ri%a in %odo che /otessi scri2ere a casa, %a D una cosa che non ha %olta i%/ortan*a0. ,S/ero da22ero che la tua sicure**a non ne /atisca, %a in2ece la cosa ha grande i%/ortan*a: /er la co%oditC, /er le a//aren*e, /er le con2enien*e, /er la tua &a%iglia, /er gli occhi del %ondo. Se i tuoi a%ici, gli Allen, &ossero ancora a Hath, /otresti raggiungerli con &acilitC, ci %etteresti /oche ore, %a un 2iaggio di settanta %iglia con la diligen*a alla tua etC, sola e sen*a scorta alcuna[0. ,Oh, il 2iaggio D niente, non ci /ensare. E se dobbia%o di2iderci, /oche ore /ri%a o do/o, lo sai, non &anno di&&eren*a. SarJ /ronta alle sette. )a%%i chia%are in te%/o0. Eleanor si accorse che #atherine desidera2a restare sola e ritenendo che &osse %eglio /er tutte e due e2itare ogni ulteriore con2ersa*ione la lasciJ con un ,ci 2edre%o do%attina0. "l cuore addolorato di #atherine a2e2a bisogno di s&ogo. Alla /resen*a di Eleanor, l7a%ici*ia e l7orgoglio l7a2e2ano trattenuta dal /iangere, %a non a//ena -uesta se ne &u andata, le lacri%e scorsero a torrenti. #acciata dalla casa, e in tal %odo[... Sen*a alcuna ragione che /otesse giusti&icare o scusare -uella scortesia, an*i, -uell7insolen*a. Ed Fenry lontano[... E non essere ne%%eno in grado di /oterlo salutare. Ogni s/eran*a, ogni as/ettati2a ris/etto a lui, -uanto %eno in sos/eso... chissC /er -uanto[ #hi a2rebbe /otuto dire se %ai si sarebbero incontrati di nuo2o[... E tutto -uesto da /arte di un uo%o co%e il generale, cosE gentile, cosE bene educato e, &ino ad allora, cosE ris/ettoso con lei[ Era inco%/rensibile, %orti&icante e doloroso. Da che cosa /otesse essere stato /ro2ocato tutto ciJ e do2e sarebbe andato a &inire, erano considera*ioni che la lascia2ano /er/lessa e allar%ata. " %odi che erano stati usati con lei, cosE grossolani e inci2ili, la &retta di cacciarla 2ia sen*a alcuna atten*ione a ciJ che a lei con2enisse, sen*a ne//ure concederle l7a//aren*a della scelta del %odo e del te%/o di 2iaggiare; di due giorni /ossibili, &issare il /iA /rossi%o e l7ora /iA %attutina, co%e se il generale a2esse deciso che lei do2esse /artire /ri%a che lui si s2egliasse al %attino, /er non essere obbligato a 2ederla ancora. Suesto 2ole2a signi&icare un a&&ronto inten*ionale. "n ogni %odo lei do2e2a a2er a2uto la s&ortuna di o&&enderlo. Eleanor a2e2a 2oluto ris/ar%iarle una in&or%a*ione cosE dolorosa, %a #atherine non crede2a /ossibile che una -ualsiasi o&&esa o una -ualsiasi disa22entura /otessero /ro2ocare un tale %al2olere contro una /ersona sen*a col/e o che /erlo%eno si su//one2a non ne a2esse. 6a notte /assJ assai %ale. Dor%ire, o anche ri/osare, era &uori -uestione. Suella stan*a in cui la sua disturbata i%%agina*ione l7a2e2a tor%entata a//ena arri2ata, &u di nuo2o scena di agita*ione e di bre2i sonni in-uieti. Tutta2ia -uanto di2ersa era adesso la &onte della sua in-uietudine da -uella che era stata allora[ Suanto dolorosa%ente su/eriore in realtC e sostan*a[ 6a sua angoscia ora si &onda2a sui &atti, i suoi ti%ori di allora sulle /robabilitC; e
4<<

con la %ente cosE occu/ata nella conte%/la*ione di disgra*ie autentiche e naturali, la solitudine della sua situa*ione, il buio della sua ca%era, l7antichitC dell7 edi&icio, &urono sentiti e considerati sen*a la %ini%a e%o*ione e, sebbene il 2ento so&&iasse &orte /roducendo strani i%/ro22isi ru%ori attra2erso la casa, lo ascoltJ, ora do/o ora, sen*a curiositC o terrore. Subito do/o le sei Eleanor entrJ nella stan*a di #atherine, ansiosa di di%ostrarle il suo interessa%ento e di aiutarla do2e /ossibile, %a lei non a2e2a /erso te%/o: era -uasi 2estita e i suoi bagagli erano -uasi &initi. Non a//ena a//ar2e la &iglia, le 2enne in %ente la /ossibilitC che &osse latrice di -ualche %essaggio conciliatorio da /arte del generale. #osa ci sarebbe stato di /iA naturale che l7ira /otesse essere /assata e &osse in2ece succeduto il /enti%ento. a a2rebbe 2oluto sa/ere anche, do/o -uanto era accaduto, se a2rebbe /otuto accettare delle scuse. Sa/erlo, co%un-ue, sarebbe stato inutile, /erchI non le &u chiesto nulla: nI la sua cle%en*a nI la sua dignitC &urono %esse alla /ro2a. Eleanor non /orta2a alcun %essaggio. Si dissero /oche cose durante -uell7incontro: tutte e due tro2a2ano /iA sicure**a nel silen*io e si sca%biarono /oche &rasi co%uni, &inchI ri%asero di so/ra. #atherine, agitata, &ini2a di 2estirsi ed Eleanor, con /iA buona 2olontC che es/erien*a, &ini2a il baule. Suando ogni cosa &u ter%inata lasciarono la stan*a; #atherine, attardandosi un %e**o %inuto dietro la sua a%ica, lanciJ un ulti%o sguardo a tutti gli oggetti ben noti e a%ati. Scesero /oi nella sala della cola*ione do2e la cola*ione era /ronta. #atherine tentJ di %angiare, sia /er ris/ar%iarsi il dolore di essere in2itata ad a&&rettarsi sia /er &ar sentire /iA tran-uilla l7a%ica, %a non a2e2a a//etito e non /otI ingoiare %olti bocconi. "l contrasto con la sua ulti%a cola*ione nella stessa stan*a le /rocura2a nuo2o dolore e ra&&or*a2a il suo disgusto /er tutto ciJ che a2e2a da2anti. Non erano ancora /assate 2enti-uattr7ore dall7ulti%a 2olta che si erano incontrati tutti da2anti al %edesi%o /asto, %a in che circostan*e di&&erenti[ #on -uale /iace2ole allegria, con -uale &elice, ancorchI &alsa, sicure**a, allora si era guardata intorno, te%endo cosE /oco di ciJ che le a2rebbe riser2ato il &uturo, al di lC della /arten*a di Fenry /er Boodston /er un solo giorno[ )elice, &elice cola*ione[ PerchI Fenry era stato lE, Fenry era seduto accanto a lei e l7a2e2a ser2ita. PotI indulgere a lungo indisturbata in -ueste ri&lessioni /erchI la sua co%/agna non le /arlJ, an*i sede2a anche lei i%%ersa in /ro&ondi /ensieri e solo l7a//ari*ione della carro**a le scosse e le richia%J al /resente. Alla 2ista di essa #atherine arrossE e l7indigna*ione /er il %odo in cui era stata trattata la col/E in -uel %o%ento con /articolare &or*a e la rese sensibile solo al risenti%ento. Eleanor se%bra2a incline a /arlare, adesso. ,De2i scri2er%i, #atherine0, escla%J. ,De2i &ar%i a2ere tue noti*ie al /iA /resto /ossibile. )inchI non ti sa/rJ sal2a a casa non /otrJ a2ere un %o%ento di /ace. De2o /regarti di scri2er%i al%eno una lettera, in ogni caso. )a%%i a2ere la soddis&a*ione di sa/ere che sei sana e sal2a a )ullerton e che hai tro2ato la tua &a%iglia in buona salute, e allora, &inchI non /otrJ corris/ondere con te co%e do2rei, non %i as/etterJ di /iA. "ndiri**a%i da 6ord 6ongtoGn, e, debbo chiedertelo, scri2i sull7indiri**o il no%e di Alice0. ,No, Eleanor, se non ti D /er%esso rice2ere una %ia lettera, sono certa che D %eglio non scri2ere. Non ci sono dubbi che arri2erJ a casa sana e sal2a0. Eleanor /otI solo ris/ondere: ," tuoi senti%enti non %i %era2igliano. Non ti i%/ortunerJ /iA. A2rJ &iducia nella bontC del tuo cuore anche -uando sarJ lontana da te0. Sueste /arole, unite allo sguardo addolorato che le acco%/agna2ano, &urono su&&icienti a sciogliere il %o%entaneo orgoglio di #atherine che subito disse: ,Eleanor, certo che ti scri2erJ0. #7era un altro /unto che la signorina Tilney era ansiosa di siste%are, anche se era /iuttosto
4<>

i%bara**ata nel /arlarne. 6e era 2enuto in %ente che, do/o una cosE lunga assen*a da casa, #atherine /otesse non essere su&&iciente%ente /ro22ista di denaro /er le s/ese del 2iaggio e do/o a2erglielo suggerito o&&rendosi di siste%are la cosa, ebbe la /ro2a che il suo /ensiero era esatto. #atherine &ino a -uel %o%ento non ci a2e2a /ensato, %a esa%inato il suo borsellino, &u certa che, se non &osse stato /er la gentile**a della sua a%ica, a2rebbe /otuto essere cacciata 2ia da -uella casa sen*a ne//ure a2ere i %e**i /er arri2are a casa sua e il disagio in cui si sarebbe allora /otuta tro2are le col/E tutt7e due tanto che riuscirono a %ala/ena a /arlare /er il /oco te%/o che ri%asero insie%e. Hre2e &u co%un-ue -uel te%/o. 6a carro**a &u /resto /ronta e #atherine, al*andosi i%%ediata%ente, abbracciJ a&&ettuosa%ente l7a%ica e l7abbraccio sostituE le /arole di addio. Entrate nell7 atrio, inca/ace di lasciare la casa sen*a %en*ionare colui il cui no%e non era ancora stato /ro&erito da nessuna delle due, #atherine sostJ un %o%ento e con labbra tre%anti disse in tono a//ena intellegibile che ,2ole2a lasciare un caro ricordo al suo a%ico assente0. a /ronunciare il no%e di lui %ise &ine a ogni /ossibilitC di nascondere i suoi senti%enti e, nascondendosi il 2olto co%e %eglio /ote2a nel &a**oletto, attra2ersJ correndo l7atrio, saltJ in carro**a e in un atti%o &u lontana.

4<;

#apitolo quattordicesimo
#atherine era tro//o addolorata /er a2ere /aura. "l 2iaggio in sI non la s/a2enta2a e lo ini*iJ sen*a ti%ori /er la sua lunghe**a e sen*a sentire la solitudine. Abbandonata in un angolo della carro**a, in una 2iolenta crisi di lacri%e, &u tras/ortata alcune %iglia al di lC delle %ura dell7Abba*ia /ri%a di /oter rial*are il ca/o; e il /unto /iA ele2ato del terreno all7interno del /arco era giC &uori 2ista /ri%a che lei &osse in grado di 2olgere il suo sguardo 2erso l7Abba*ia. S&ortunata%ente, la strada su cui ora sta2a 2iaggiando era la stessa che solo dieci giorni /ri%a a2e2a /ercorso /er andare e /er tornare da Boodston e, /er -uattordici %iglia, i suoi senti%enti &urono a%areggiati dalla 2ista di -uelle cose che /er la /ri%a 2olta a2e2a osser2ato con ani%o cosE di2erso. Ogni %iglio, dal %o%ento che la /orta2a /iA 2icina a Boodston, le aggiunge2a so&&eren*e, e -uando, a cin-ue %iglia di distan*a, oltre/assJ il bi2io che conduce2a a Boodston e /ensJ a Fenry cosE 2icino e cosE inconsa/e2ole, il suo dolore e la sua agita*ione raggiunsero il cul%ine. 6a giornata che a2e2a trascorso in -uel luogo era stata una delle /iA &elici della sua 2ita. Era stato in -uel giorno che il generale a2e2a usato tali es/ressioni, riguardo a Fenry e a lei, e l7a2e2a guardata cosE da con2incerla di desiderare /ro&onda%ente il loro %atri%onio. SE: solo dieci giorni /ri%a lui l7a2e2a inorgoglita con le sue atten*ioni, l7a2e2a /er&ino con&usa con le sue allusioni tro//o signi&icati2e. E adesso, che cosa a2e2a &atto, o che cosa a2e2a o%esso di &are, /er %eritarsi un tale ca%bia%ento. 67unica o&&esa contro di lui di cui /otesse accusarsi era tale che era i%/ossibile che lui ne &osse 2enuto a conoscen*a. Fenry e il suo cuore soltanto conosce2ano il segreto dei tre%endi sos/etti che lei a2e2a cosE sciocca%ente nutrito e, sia con l7uno che con l7altro, il suo segreto era ugual%ente al sicuro. Di /ro/osito, certa%ente, Fenry non a2rebbe /otuto tradirla. Se, da22ero, /er una strana circostan*a il /adre a2esse /otuto ca/ire che cosa lei a2e2a osato /ensare e cercare, le sue &antasie i%%oti2ate e le sue indagini o&&ensi2e, lei non si sarebbe /otuta certo %era2igliare della sua indigna*ione. Se &osse stato consa/e2ole del &atto che lei l7a2e2a 2isto co%e un assassino, non si sarebbe /otuta %era2igliare che l7a2esse cacciata di casa. a una giusti&ica*ione cosE /iena di tor%ento /er lei, era sicura che l7altro non /otesse a2erla. Per -uanto tutte le sue congetture /otessero essere angosciose, su -uesto /unto, co%un-ue, non si so&&er%J. #7era un /ensiero /re2alente in lei, /iA i%/etuoso e /ressante: cosa a2rebbe /ensato Fenry, cosa a2rebbe /ro2ato, -uando &osse tornato il giorno do/o a Northanger e a2esse sa/uto che lei era andata 2ia. Suesta era una do%anda di un interesse %aggiore di tutte le altre e che non cessa2a alternati2a%ente di addolorarla e di consolarla; tal2olta le suggeri2a il ti%ore di una cal%a ac-uiescen*a di lui e tal2olta in2ece a2e2a /er ris/osta la dolcissi%a &iducia nel suo ri%/ianto e nel suo risenti%ento. Al generale, natural%ente, non a2rebbe osato /arlare, %a a Eleanor... che cosa non a2rebbe /otuto dire a Eleanor su di lei.... "n -uesta incessante alternati2a di dubbi e di do%ande su ogni argo%ento su cui la sua %ente era inca/ace di sostare a lungo, le ore /assarono e il 2iaggio /rocedette /iA 2eloce%ente di -uanto a2esse /ensato. 67angoscia /esante dei /ensieri che le i%/edi2a di notare ogni cosa che le a//arisse da2anti, una 2olta che &urono lontani da Boodston, le i%/edE di controllare il /rogresso del 2iaggio e, sebbene niente della strada /otesse attrarre
4<8

la sua atten*ione ne//ure /er un atti%o, non tro2J tedioso nessun %o%ento del 2iaggio stesso. Dalla noia &u sal2ata da un altro %oti2o: dal senti%ento di non /ro2are alcuna ansia /erchI il 2iaggio si concludesse, /erchI tornare in tal %odo a )ullerton signi&ica2a -uasi distruggere il /iacere dell7incontro con -uelli che lei a%a2a di /iA, /er&ino do/o un7assen*a co%e la sua... un7assen*a di undici setti%ane. #he cosa a2rebbe do2uto dire, che non la u%iliasse e non addolorasse la sua &a%iglia; che non accrescesse il /ro/rio dolore con la con&essione di esso, estendendo un inutile risenti%ento e &orse coin2olgendo il col/e2ole con l7innocente in una %ale2olen*a sen*a distin*ioni. 6ei non a2rebbe %ai /otuto rendere giusti*ia ai %eriti di Fenry e di Eleanor: sa/e2a che non sarebbe stata in grado di &arlo e i due gio2ani sarebbero /otuti a//arire sotto una luce s&a2ore2ole /er col/a del /adre e -uesto le a2rebbe &atto %ale al cuore. #on -uesti senti%enti ella /iuttosto te%e2a che desidera2a la /ri%a 2isione di -uella ben nota guglia che a2rebbe annunciato che si tro2a2a solo a 2enti %iglia da casa. Sa/e2a che Salisbury sarebbe stata la sua %eta, /artendo, %a do/o la /ri%a sosta a2e2a do2uto a&&idarsi agli u&&iciali di /osta /er i no%i dei luoghi do2e do2e2a essere condotta, cosE grande era la sua ignoran*a delle strade. Non incontrJ nulla, co%un-ue, che /otesse angosciarla o s/a2entarla. 6a sua gio2ine**a, i suoi %odi gentili e la sua generositC nel /agare le /rocurarono tutte le atten*ioni che un 2iaggiatore co%e lei /ote2a richiedere e, &er%andosi solo /er ca%biare i ca2alli, 2iaggiJ /er circa undici ore sen*a alcun incidente o ti%ore e, tra le sei e le sette di sera, si tro2J a entrare a )ullerton. 9n7eroina che ritorna, alla &ine della /ro/ria carriera, nel suo 2illaggio natio, in tutto il trion&o della re/uta*ione ricon-uistata e con tutta la dignitC di una contessa, seguita da una schiera di nobili /arenti in %olti /haZton e tre ca%erieri in un tiro a -uattro, D un e2ento su cui la /enna di uno scrittore /uJ deli*iarsi a indugiare: dC credito a ogni conclusione e l7autore de2e condi2idere la gloria che lei tanto liberal%ente concede... a la %ia storia D assai di2ersa: ri/orto a casa la %ia eroina in solitudine e disgra*ia e nessuna dolce esultan*a d7ani%o /uJ con2incer%i a descri2ere i /articolari. 9n7eroina in una carro**a a nolo D un tale col/o al senti%ento che nessun tentati2o di grandiositC o di /athos 2i /uJ resistere. "l cocchiere la condurrC 2eloce%ente attra2erso il 2illaggio, attra2erso gli o*iosi gru//i do%enicali e assai ra/ida%ente ella scenderC dalla carro**a. a -ualun-ue /otesse essere l7ansia del cuore di #atherine %entre a2an*a2a 2erso la canonica, e -ualun-ue /ossa essere l7u%ilia*ione della sua biogra&a nel ri&erirla, ella sta2a /re/arando una gioia rara /er -uelli dai -uali si sta2a recando: /er /ri%a cosa /er l7a//ari*ione stessa della carro**a e /er seconda /erchI -uesta conduce2a lei. Essendo la 2ista della carro**a di un 2iaggiatore cosa rara a )ullerton, l7intera &a%iglia &u subito alla &inestra; e 2ederla &er%are al /ro/rio cancello &u un /iacere che &ece luccicare ogni occhio e occu/J la &antasia di tutti... un /iacere -uasi inas/ettato /er tutti tranne che /er i due raga**i /iA /iccoli, un %aschietto e una &e%%inuccia di sei e di -uattro anni, che in ogni carro**a si as/etta2ano se%/re un &ratello o una sorella. )elice lo sguardo che /er /ri%o riconobbe #atherine[ )elice la 2oce che /er /ri%a /rocla%J la sco/erta[ a se tale &elicitC &osse /ro/rietC legale di George o di Farriet non sarC %ai /ossibile dirlo. "l /adre, la %adre, Sarah, George e Farriet, tutti riuniti /resso la /orta /er darle il ben2enuto con %olto a&&etto, costitui2ano una 2isione che ris2egliJ i %igliori senti%enti del cuore di #atherine e abbracciandoli tutti, %entre scende2a dalla carro**a, si tro2J consolata /iA di -uanto a2esse creduto /ossibile. #osE circondata, care**ata, era /er&ino &elice[ Nella gioia dell7a%ore della &a%iglia, ogni cosa &u ra/ida%ente su/erata e il /iacere di 2ederla, lasciando all7ini*io /oco s/a*io sia /ure a una cal%a curiositC, &ece sE che /resto tutti
4<3

sedettero alla ta2ola da tD che la signora orland si era a&&rettata a /re/arare /er con&ortare la /o2era 2iaggiatrice, il cui as/etto /allido e a&&aticato a2e2a attratto la sua atten*ione, /ri%a di /ensare a /orgerle -ualsiasi do%anda che necessitasse ris/oste /recise. #on riluttan*a, e con %olta esita*ione, /oi #atherine ini*iJ ciJ che &orse, do/o una %e**7ora, gra*ie alla cortesia dei suoi ascoltatori, /otI essere de&inita una s/iega*ione; %a in -uel te%/o essi non /oterono in alcun %odo sco/rire la causa o 2enire a conoscere i /articolari del suo i%/ro22iso ritorno. Erano assai lontani dall7essere /ersone irritabili, erano lontani da ogni /er%alositC e da ogni a%aro risenti%ento %a -ui, -uando l7intera &accenda &u loro s/iegata, si accorsero che era un insulto su cui non si /ote2a /assar so/ra nI, /er la /ri%a %e**7ora, che /otesse essere &acil%ente /erdonato. Sen*a /atire di alcun ro%antico ti%ore in considera*ione del lungo e solitario 2iaggio della &iglia, il signore e la signora orland non /oterono &are a %eno di /ensare che si sarebbe /otuta tro2are in -ualche situa*ione s/iace2ole che loro non a2rebbero %ai /otuto tollerare; e che &or*andola cosE a /artire il generale Tilney a2esse agito sen*a onore e sen*a senti%ento, e non si era co%/ortato nI co%e un gentiluo%o nI co%e un genitore. PerchI l7a2esse &atto, che cosa l7a2esse /ro2ocato &ino a &arlo arri2are a tale %ancan*a di senso dell7os/italitC e gli a2esse i%/ro22isa%ente &atto %utare un co%/orta%ento &ino ad allora gentile nei con&ronti della loro &iglia in 2era e /ro/ria %ale2olen*a, era -uestione che loro erano ben lontani dall7indo2inare, al%eno -uanto la stessa #atherine, %a che non occu/J i loro /ensieri tro//o a lungo e, do/o -ualche congettura, dissero che ,era uno strano a&&are e che do2e2a essere un uo%o assai strano0. #iJ se%brJ loro abbastan*a /er es/ri%ere tutta la %era2iglia e tutta l7indigna*ione e, sebbene Sarah indulgesse ancora nelle dolce**e dell7incredulitC lanciando escla%a*ioni e congetture con gio2anile ardore, la %adre alla &ine le disse: , ia cara, ti dai tanta /ena /er cercar di ca/ire -ualcosa che certo non 2ale la /ena di ca/ire0. ,Posso concedere che desiderasse che #atherine se ne andasse -uando lui si D ricordato del suo i%/egno0, disse Sarah, ,%a /erchI non &arlo con gentile**a. 0 , i dis/iace /er i gio2ani0, re/licJ la signora orland, ,debbono a2er /assato dei brutti %o%enti; %a, /er ogni altra cosa, non D il caso di &arsi dei /roble%i. #atherine D in sal2o a casa, e il nostro benessere non di/ende dal generale Tilney0. #atherine sos/irJ. ,Heh0, continuJ &iloso&ica%ente sua %adre, ,adesso che D tutto &inito, &orse non D stato un gran %ale. \ se%/re bene /er i gio2ani cercare di &are da sI, e lo sai, %ia cara #atherine, che sei se%/re un /o7 sbadata; adesso che hai do2uto /er &or*a badare da sola a te stessa, a ca%biare tante 2olte carro**a e cosE 2ia, s/ero che non ci accorgere%o che ti sei /ersa -ualche cosa o che hai lasciato -ualche bagaglio da -ualche /arte0. #atherine a2e2a la stessa s/eran*a e tentJ di /ro2are interesse nel /ro/rio %igliora%ento intellettuale, %a il suo s/irito era %olto abbattuto e il suo unico desiderio era -uello di tro2arsi da sola in silen*io, cosicchI &u d7accordo con l7ulti%o consiglio della %adre e cioD di andarsene subito a letto. " genitori, non 2edendo null7 altro nel suo as/etto so&&erente e nella sua agita*ione, delle naturali conseguen*e della %orti&ica*ione /atita e dell7inusuale stanche**a /ro2ocata dal 2iaggio, si di2isero da lei sen*a alcun dubbio che si sarebbe /resto addor%entata e, nonostante il &atto che, -uando l7incontrarono la %attina do/o, la sua ri/resa non &osse -uale l7a2e2ano s/erata, non ebbero alcun sos/etto che ci &osse -ualche %ale /iA /ro&ondo. Non /ensarono ne%%eno una 2olta al suo cuore, cosa che /er i genitori di una gio2anetta di diciassette anni a//ena tornata dal /ri%o 2iaggio lontano da casa &u abbastan*a strana. Non a//ena la cola*ione &u &inita, #atherine sedette /er %antenere la sua /ro%essa alla
4>=

signorina Tilney, la cui &ede negli e&&etti del te%/o e della lontanan*a sulle buone dis/osi*ioni della sua a%ica tro2a2a giC una giusti&ica*ione, /erchI #atherine si ri%/ro2era2a di essersi se/arata da Eleanor tro//o &redda%ente, di non a2er 2alutato abbastan*a i suoi %eriti e la sua gentile**a e di non a2erla abbastan*a co%%iserata /er ciJ che il giorno /recedente a2e2a do2uto so//ortare. 6a &or*a di -uesti senti%enti, tutta2ia, &u ben lontana dall7assistere la sua /enna. ai le era stato /iA di&&icile scri2ere che adesso che si indiri**a2a alla signorina Tilney: co%/orre una lettera che do2esse nello stesso te%/o rendere giusti*ia ai /ro/ri senti%enti e alla /ro/ria situa*ione, es/ri%ere gratitudine sen*a ri%/ianto ser2ile, essere attenta sen*a &redde**a e onesta sen*a risenti%ento, una lettera che Eleanor /otesse leggere sen*a addolorarsi e, so/rattutto, di cui lei stessa non do2esse arrossire se /er caso Fenry l7a2esse letta, era un co%/ito che la s/a2enta2a e che -uasi non a2e2a ca/acitC di assol2ere e, do/o %olto /ensare e %olte /er/lessitC, essere bre2e &u tutto ciJ che riuscE a decidere /er non sbagliare. "l denaro che Eleanor le a2e2a /restato &u ris/edito con niente di /iA che sentiti ringra*ia%ente e gli auguri di un cuore a&&e*ionato. ,E stata una strana a%ici*ia0, osser2J la signora orland -uando la lettera &u conclusa, ,/resto ini*iata e /resto &inita. i dis/iace che sia successo cosE: la signora Allen /ensa2a che &ossero /ro/rio dei gio2ani grade2oli e gentili. Sei stata /articolar%ente s&ortunata, anche con la tua "sabella. Ah, /o2ero 1a%es[ Heh, dobbia%o 2i2ere e i%/arare. " /rossi%i nuo2i a%ici s/ero che saranno /iA degni0. #atherine arrossE e ris/ose con calore: ,Nessun a%ico /uJ essere /iA degno di Eleanor[0. ,Se D cosE, %ia cara, /osso a**ardare che 2i incontrerete di nuo2o, una 2olta o l7altra. Non essere in&elice[ Dieci a uno che 2i rincontrerete di -ui a /ochi anni, e allora, che /iacere sarC[0. 6a signora orland non ebbe %ano &elice col suo tentati2o di consola*ione. 6a s/eran*a di incontrarsi di nuo2o, di lE a /ochi anni, /otI solo &ar ri&lettere #atherine su ciJ che sarebbe /otuto accadere in -uel lasso di te%/o, /er renderle l7incontro /enoso. Non a2rebbe %ai /otuto di%enticare Fenry Tilney o /ensare a lui con %eno tenere**a di -uanta ne /ro2a2a in -uel %o%ento, %a lui a2rebbe /otuto in2ece di%enticare lei e in -uel caso, che incontro[ " suoi occhi si rie%/irono di lacri%e %entre si &igura2a l7a%ici*ia cosE rinno2ata e la %adre, co%/rendendo che le sue consola*ioni non a2e2ano sortito alcun e&&etto, /ro/ose, co%e un nuo2o es/ediente /er ristorare lo s/irito di #atherine, di &are una 2isita alla signora Allen. 6e due case dista2ano solo un -uarto di %iglio e, %entre ca%%ina2ano, la signora orland es/resse ra/ida%ente tutti i suoi /ensieri a /ro/osito della delusione di 1a%es. ,#i dis/iace /er lui0, disse, ,%a non c7D stato gran danno a ro%/ere -uel &idan*a%ento. Non era certo desiderabile 2ederlo &idan*ato con una raga**a che non conosce2a%o %ini%a%ente e che era co%/leta%ente sen*a denaro. Adesso, do/o un tale co%/orta%ento, non /ossia%o certo /ensar bene di lei. Sul %o%ento sarC dura /er il /o2ero 1a%es, %a non sarC cosE /er se%/re e sarC un uo%o /iA /rudente /er tutta la 2ita, do/o la &ollia della sua /ri%a scelta0. Suesto &u il so%%ario /unto di 2ista sulla &accenda che #atherine ascoltJ; un7altra &rase a2rebbe /otuto s/e**are la sua condiscenden*a e rendere %eno ra*ionale la sua re/lica, /erchI tutti suoi /ensieri &urono /resto assorbiti dalla ri&lessione sul %uta%ento dei suoi senti%enti dall7ulti%a 2olta che a2e2a /ercorso -uella strada. Non erano ancora /assati tre %esi dal %o%ento in cui, /iena di &elici as/ettati2e, era corsa a2anti e indietro su -uella stessa strada /er dieci 2olte al giorno, col cuore leggero, gaio e s/ensierato, /regustando un /iacere nuo2o e i%/re2isto, libera dalla /reoccu/a*ione del %ale e da ogni conoscen*a di esso. Tre %esi /ri%a era stata /ro/rio cosE: adesso che era tornata, co%e era di2ersa[
4>4

)u rice2uta dagli Allen con tutta la gentile**a che il suo arri2o inas/ettato ris2eglia2a in chi le era a&&e*ionato; e grande &u la loro sor/resa e caldo il loro dis/iacere nel sentire co%e era stata trattata, sebbene il racconto della signora orland non &osse in alcun %odo esagerato nI si ri2olgesse alle loro /assioni. ,#atherine ci ha sor/reso, ieri sera0, disse. ,Fa 2iaggiato da sola, in diligen*a e &ino a sabato sera non sa/e2a nulla del suo 2iaggio /erchI il generale Tilney, /er -ualche strana &antasia, o /er -ualche altro %oti2o, si D stancato di a2erla lE e l7ha -uasi cacciata di casa. #erto, D stato assai /oco cortese. De27essere /ro/rio uno strano uo%o. a noi sia%o &elici di a2erla -ui, ed D stata una grande gioia sco/rire che non D una /o2era creatura inca/ace %a che sa ca2arsela da sola0. "n -uella occasione, il signor Allen si es/resse con il ragione2ole risenti%ento di un a%ico sensibile e la signora Allen /ensJ che le es/ressioni di lui &ossero abbastan*a buone da usarle subito anche lei. 6a %era2iglia di lui, le congetture che &ece e le s/iega*ioni che diede, di2ennero i%%ediata%ente le sue, con l7aggiunta di -uesta singola sottolineatura: ,Non ho /ro/rio /a*ien*a col generale[0, &rase buttata lE a rie%/ire ogni /ausa accidentale. E ,non ho /ro/rio /a*ien*a col generale0 &u ri/etuto due 2olte, do/o che il signor Allen ebbe lasciato la stan*a, sen*a alcun cedi%ento nell7ira o nessuna digressione di /ensiero. 9n grado /iA considere2ole di distra*ione acco%/agnJ la ter*a ri/eti*ione e, do/o a2er co%/letato la -uarta, ella aggiunse i%%ediata%ente: ,Pensa, %ia cara, /ri%a di lasciare Hath %i sono &atta ra%%endare -uello s/a2entoso stra//o nel %io %iglior %erletto e il ra%%endo D stato &atto cosE bene che non si nota ne%%eno. Debbo &artelo 2edere, un giorno o l7altro. Hath D un /osto %olto bello, #atherine, do/otutto. Ti assicuro che non a2e2o nessuna 2oglia di 2enir 2ia. "l &atto che ci &osse la signora Thor/e D stato cosE /iace2ole /er noi, 2ero. 6o sai -uanto era2a%o s/erdute, tu e io, all7ini*io[0. ,SE, %a non D durato a lungo0, disse #atherine con gli occhi che le brilla2ano al ricordo di ciJ che /er /ri%o a2e2a rallegrato il suo soggiorno. ,\ 2ero: ci sia%o incontrate /resto con la signora Thor/e, e /oi non abbia%o a2uto bisogno di nulla. ia cara, non ti /are che -uesti guanti di seta %i stiano %olto bene. 6i ho %essi nuo2i /er la /ri%a 2olta -uando sia%o andati alle 6oGer $oo%s, e li ho indossati un sacco di 2olte, /oi. $icordi -uella sera.0 ,#erto[ Per&etta%ente[0. ,\ stato %olto /iace2ole, 2ero. "l signor Tilney ha /reso il tD con noi. Fo se%/re /ensato che &osse una buona conoscen*a. Era cosE grade2ole. i /are che hai ballato con lui, %a non ne sono sicura. $icordo che a2e2i indossato il %io 2estito /re&erito0. #atherine non /otI ris/ondere e, do/o una bre2e rassegna di altri argo%enti, la signora Allen tornJ a dire: ,Non ho /ro/rio /a*ien*a col generale[ Se%bra2a un uo%o cosE gentile, cosE degno[ Non credo, signora orland, che lei abbia %ai conosciuto un uo%o %eglio educato in 2ita sua. 6a sua casa D stata ria&&ittata /ro/rio il giorno in cui loro l7hanno lasciata. a non c7D da %era2igliarsi, in ilso% Street, lo sai[0. entre torna2ano 2erso casa, la signora orland tentJ di &ar co%/rendere alla &iglia la &ortuna di a2ere degli a%ici cosE bene2oli co%e il signore e la signora Allen e di con2incerla a tenere in /oco conto la %ancan*a di gentile**a da /arte di conoscen*e su/er&iciali co%e i Tilney, dal %o%ento che conser2a2a la buona o/inione e l7a&&etto di a%ici di /iA antica data. #7era %olto buon senso in -uello che lei dice2a, %a ci sono alcune situa*ioni del cuore u%ano in cui il buon senso /uJ /oco, e i senti%enti di #atherine contraddice2ano -uasi ogni assunto del discorso della %adre. Era /ro/rio dal co%/orta%ento di -ueste conoscen*e su/er&iciali che di/ende2a tutta la sua /resente &elicitC e, %entre la signora orland tro2a2a
4>+

con&er%a alle sue o/inioni con l7esatte**a delle sue di%ostra*ioni, #atherine silen*iosa%ente /ensa2a che adesso Fenry do2e2a essere giunto a Northanger; adesso do2e2a essere 2enuto a sa/ere della sua /arten*a; e adesso, &orse, sta2ano tutti /artendo /er Fere&ord.

4>:

#apitolo quindicesimo
6e inclina*ioni naturali di #atherine non erano /er la sedentarietC nI le sue abitudini erano %ai state industriose, %a -ualsiasi /otessero una 2olta essere stati i suoi di&etti di -uesta sorta, la %adre non /otI &are a %eno di rendersi conto che adesso erano assai au%entati. Non /ote2a sedere tran-uilla a la2orare /er dieci %inuti di seguito; /asseggia2a continua%ente /er il giardino e /er il &rutteto co%e se &osse s/inta solo dalla 2olontC di %uo2ersi e se%bra2a che /re&erisse /er&ino ca%%inare all7interno della casa, /iuttosto che restarsene seduta in salotto. 6a sua %ancan*a di buon u%ore era tutta2ia la /iA grande della %odi&iche che il suo carattere a2e2a subito. "l suo 2agare e la sua /igri*ia la rende2ano la caricatura di se stessa, %a il suo silen*io e la sua triste**a la rende2ano l7esatto contrario di ciJ che era stata. Per due giorni la signora orland consentE che le cose /rocedessero cosE, sen*a alludere a nulla; %a -uando una ter*a notte di ri/oso non ebbe /ortato alcun ristoro alla s/ensierate**a di lei nI accresciuto la sua ca/acitC di rendersi utile nI le ebbe dato alcuna inclina*ione /er i la2ori d7ago, non /otI trattenersi da un garbato ri%/ro2ero: , ia cara #atherine, te%o che tu stia crescendo co%e una gran signora. Non so -uando la cra2atta del /o2ero $ichard sarC &inita, se non ha altra a%ica che te. 6a tua testa corre tro//o a Hath, %a c7D un te%/o /er ogni cosa... un te%/o /er giocare a /alla e un te%/o /er la2orare. Fai a2uto un lungo /eriodo di di2erti%ento e adesso de2i cercare di renderti utile0. #atherine /rese i%%ediata%ente il suo la2oro dicendo con 2oce a22ilita che ,non /ensa2a a Hath... al%eno non %olto0. ,Allora ti addolori a /ro/osito del generale Tilney ed D una sciocche**a: dieci a uno che non lo 2edrai %ai /iA. Non ti de2i crucciare /er delle sciocche**e0. E do/o un bre2e silen*io /roseguE: ,S/ero, #atherine, che non /erderai il tuo buonu%ore /erchI la tua casa non D cosE grandiosa co%e Northanger; ciJ signi&icherebbe ca%biare la tua 2isita in un %ale. Do2u-ue tu sia, do2resti se%/re essere contenta, %a s/ecial%ente a casa, /erchI D -ui che de2i /assare la /iA /arte del tuo te%/o. Non %i D /iaciuto a&&atto, a cola*ione, sentirti /arlare tanto del /ane &rancese di Northanger0. ,Oh, non %i i%/orta niente del /ane. Suello che %angio &a lo stesso0. ,#7D un saggio in uno dei libri che stanno di so/ra: D %olto interessante e tratta /ro/rio di -uesto argo%ento, o22ero di &anciulle che si sono disa%orate della /ro/ria casa a causa di conoscen*e tro//o altolocate... ,The irror0, %i /are. Te lo cercherJ un giorno o l7altro, /erchI sono certa che ti &arC bene leggerlo0. #atherine non disse altro e si s&or*J di &ar bene a//licandosi al la2oro, %a do/o /ochi %inuti, sen*a accorgersene, ricadde nel languore e nell7indolen*a, %uo2endosi sulla sedia, a causa della noia, %olto di /iA di -uanto non %uo2esse l7ago. 6a signora orland osser2J il /rogredire di -uesta ricaduta e, 2edendo che la &iglia a2e2a un as/etto assente e insoddis&atto, ebbe la /ro2a /iena di -uella scontente**a cui a2e2a adesso inco%inciato ad attribuire la sua %ancan*a di buonu%ore. Di conseguen*a andJ in &retta di so/ra a /rendere il libro in -uestione, ansiosa di non /erdere te%/o nell7attaccare un %ale cosE te%ibile. #i 2olle -uanche te%/o /ri%a che /otesse tro2are ciJ che cerca2a; altre &accende di &a%iglia /oi la trattennero e ci 2olle un -uarto d7ora /ri%a che /otesse tornare giA col libro in cui a2e2a ri/osto tante s/eran*e. 6e sue occu/a*ioni di so/ra non le a2e2ano /er%esso di
4>5

sentire alcun ru%ore oltre -uelli che &ace2a lei e non se//e -uindi che negli ulti%i %inuti era arri2ato un 2isitatore, &inchI, entrando nella stan*a, la /ri%a cosa che 2ide &u un gio2ane che non a2e2a %ai 2isto /ri%a. Guardandola con %olto ris/etto, -uesti si al*J i%%ediata%ente e, essendole stato /resentato dalla &iglia inti%idita co%e il signor Fenry Tilney, egli, con l7i%bara**o di chi D /ro&onda%ente sensibile, co%inciJ a scusarsi /er essere arri2atJ lE, rendendosi conto che, do/o -uello che era accaduto, a2e2a ben /ochi diritti di as/ettarsi di essere ben2enuto a )ullerton e dichiarando che la causa della sua intrusione era l7i%/a*ien*a di essere rassicurato sul &atto che la signorina orland a2esse raggiunto la /ro/ria casa sana e sal2a. Non si era indiri**ato a un giudice %ale2olo o a un cuore risentito. Hen lontana dal 2oler ritenere res/onsabili lui e sua sorella della catti2a condotta del /adre, la signora orland era stata se%/re ben dis/osta nei loro con&ronti, e, contenta del suo arri2o, lo rice2ette con se%/lici dichiara*ioni di bene2olen*a, ringra*iandolo /er le atten*ioni nei con&ronti della &iglia, rassicurandolo che gli a%ici dei suoi &igli erano se%/re ben2enuti e /regandolo di non dire altro a /ro/osito del /assato. Egli non era %aldis/osto a obbedire a -uesta richiesta /erchI, sebbene il suo cuore &osse assai solle2ato /er tale inas/ettata dolce**a, in -uel %o%ento non gli era /ossibile dire altro in /ro/osito. Sedette di nuo2o in silen*io e ri%ase /er alcuni %inuti a ris/ondere assai cortese%ente alle do%ande della signora orland a /ro/osito del te%/o e delle strade. Nel &ratte%/o #atherine, la ansiosa, agitata, &er2ida #atherine, non disse una /arola, %a le guance accese e gli occhi brillanti diedero alla %adre la certe**a che -uesta gentile 2isita, se non altro, l7a2rebbe tran-uilli**ata /er un certo te%/o. Hen 2olentieri, -uindi, %ise 2ia, /er un7altra 2olta, il /ri%o 2olu%e del , irror0. Desiderosa dell7assisten*a del signor orland sia /er incoraggiare sia /er tro2are argo%enti di con2ersa*ione /er il suo os/ite, il cui i%bara**o a causa del /adre ella co%/iange2a /ro&onda%ente, la signora orland a2e2a s/edito subito uno dei &igli a cercarlo, %a il signor orland non era a casa e tro2andosi cosE sen*a alcun aiuto, do/o un -uarto d7ora non ebbe /iA nulla da dire. Do/o un /aio di %inuti di silen*io ininterrotto, Fenry, 2olgendosi 2erso #atherine /er la /ri%a 2olta do/o che la %adre era entrata, le chiese con i%/ro22isa soler*ia, se il signore e la signora Allen erano a )ullerton e, a2endo chiarito, dalla con&usione delle /arole che lei gli disse in ris/osta, -uel signi&icato che una se%/lice sillaba gli a2rebbe co%unicato, es/resse i%%ediata%ente la /ro/ria inten*ione di /orger loro i /ro/ri osse-ui e, arrossendo un /oco, le chiese se a2rebbe a2uto la bontC di %ostrargli la strada. ,PuJ 2edere la casa da -uesta &inestra, signore0, l7in&or%J Sarah; e l7in&or%a*ione /rodusse solo un inchino di riconoscen*a da /arte dell7uo%o e un silen*ioso cenno da /arte della %adre, /erchI la signora orland, /ensando che, /robabil%ente, un %oti2o secondario del desiderio di lui di &ar 2isita ai loro degni 2icini, &osse -uello che a2e2a da dare a #atherine alcune s/iega*ioni sul co%/orta%ento di suo /adre che &orse era /iA /iace2ole /er lui co%unicare a lei sola, non 2ole2a in nessun %odo i%/edirle di acco%/agnarlo. #o%inciarono la loro /asseggiata: la signora orland non si era a&&atto sbagliata nella sua 2aluta*ione del desiderio di lui. A2e2a da dare alcune s/iega*ioni sul conto del /adre, %a il suo /ri%o /ro/osito &u -uello di s/iegare se stesso e, /ri%a che a2essero raggiunto i terreni degli Allen, lo a2e2a &atto cosE bene che #atherine non /ensJ certo che -uelle /arole le /otessero 2enir ri/etute tro//o s/esso. 6e &u assicurato l7a&&etto di lui e le &u chiesto il dono di -uel cuore che, &orse, a%bedue sa/e2ano essere giC intera%ente di lui; /erchI, sebbene Ferny &osse ora sincera%ente legato a lei, sebbene egli &osse ben contento di tutte le -ualitC del carattere di lei e godesse sincera%ente della sua co%/agnia, debbo con&essare che il suo
4><

a&&etto non a2e2a altra origine che nella gratitudine o, in altre /arole, la /ersuasione che lei a2esse un /articolare interesse /er lui era stata la sola causa dal &atto che lui a2esse /ensato seria%ente a lei. \ una circostan*a nuo2a in una storia ro%antica, %e ne rendo conto, e tre%enda%ente degradante /er la dignitC di un7eroina; %a se D nuo2a anche nella 2ita -uotidiana, %i sarC do2uto il credito al%eno di una i%%agina*ione sen*a li%iti. 9na 2isita assai bre2e alla signora Allen, durante la -uale Fenry /arlJ a caso, sen*a senso e #atherine, /erduta nella conte%/la*ione della sua indicibile &elicitC, -uasi non a/rE bocca, li lasciJ /oi alle estasi di un altro t_tePCPt_te e, /ri%a che -uesto do2esse /urtro//o &inire, ella /otI giudicare &ino a che /unto, /er ciJ che concerne2a la sua attuale richiesta, Fenry a2esse a2uto la san*ione dell7autoritC /aterna. Al suo ritorno da Boodston, due giorni /ri%a, il suo i%/a*iente /adre gli era andato incontro nei /ressi dell7Abba*ia e lo a2e2a subito in&or%ato, in ter%ini assai irati, della /arten*a della signorina orland e gli a2e2a ordinato di non /ensare %ai /iA a lei. Suesto era il /er%esso su cui si basa2a adesso l7o&&erta della sua %ano. 6a s/a2entata #atherine, in %e**o ai terrori dell7attesa, ascoltando -uesto racconto, non /otI che rallegrarsi della gentile cautela con cui Fenry l7a2e2a sal2ata dalla necessitC di do2erlo res/ingere, i%/egnando la sua &ede /ri%a di %en*ionare il /roble%a e, -uando egli continuJ a darle i /articolari e a s/iegarle i %oti2i della condotta del /adre, il cuore di lei si indurE &ino al /unto di /ro2are una sorta di gioia trion&ante. "l generale non a2e2a nessun ca/o d7accusa contro di lei, niente a suo carico, se non il &atto che lei era stato l7in2olontario inconsa/e2ole oggetto di una delusione che l7orgoglio di lui non /ote2a /erdonare e che un orgoglio %eglio ri/osto si sarebbe 2ergognato di con&essare. 6ei era col/e2ole di essere %eno ricca di -uanto lui a2e2a su//osto. #on l7erronea con2in*ione che lei a2esse /ro/rietC e &osse un7ereditiera, a2e2a cercato la sua a%ici*ia a Hath, sollecitato la sua co%/agnia a Northanger e l7a2e2a designata co%e sua nuora. Sco/rendo il suo errore, la cosa %igliore da &arsi gli era /arsa cacciarla di casa, sebbene -uest7 a*ione gli se%brasse una /ro2a inadeguata del suo risenti%ento nei con&ronti di lei e del suo dis/re**o nei con&ronti della &a%iglia. "l /ri%o inganno era /artito da 1ohn Thor/e. "l generale, accorgendosi una sera al teatro che suo &iglio /resta2a %olta atten*ione alla signorina orland, a2e2a casual%ente chiesto a Thor/e se ne conosce2a -ualcosa /iA del no%e. Thor/e, assai &elice di /arlare con un uo%o dell7i%/ortan*a del generale, era stato gioiosa%ente e orgogliosa%ente co%unicati2o e, essendo a -uel te%/o non soltanto in attesa del &idan*a%ento di orland con "sabella, %a /iuttosto risoluto lui stesso a s/osare #atherine, era stato indotto dalla 2anitC a ra//resentare la &a%iglia /iA ricca di -uanto la sua stessa 2anitC e la sua a2iditC gli a2e2ano &atto credere che &osse. #on chiun-ue egli &osse, o 2olesse essere, in ra//orto, la sua /resun*ione lo s/inge2a a &ar sE che si ra&&igurasse l7altro i%/ortante e, %an %ano che la sua conoscen*a con -ualcuno /rogredi2a, cosE si accresce2a la &ortuna di -uesti. 6e /ros/etti2e di ereditC del suo a%ico orland, dun-ue, &in dall7ini*io so/ra22alutate, erano andate crescendo &in da -uando l7a2e2a /resentato a "sabella e, se%/lice%ente raddo//iandole /er la grandiositC del %o%ento, raddo//iando ancora -uello che a2e2a deciso di /ensare che &osse la rendita del signor orland, tri/licando la sua &ortuna /ri2ata, attribuendogli una *ia ricca e eli%inando la %etC dei &igli, /resentJ al generale l7intera &a%iglia nella luce /iA &a2ore2ole. Per #atherine, co%un-ue, che era il /articolare oggetto della curiositC del generale e delle sue /ro/rie s/ecula*ioni, a2e2a ancora -ualcosa in riser2a e dieci%ila o -uindici%ila sterline che il /adre le a2rebbe /otuto dare, sarebbero state una /iace2ole aggiunta alla /ro/rietC del
4>>

signor Allen. 6a sua a%ici*ia con loro lo a2e2a deter%inato seria%ente a /ensare che le sarebbero stati destinati dei bei legati e di -ui a /arlare di lei co%e la -uasi certa erede di )ullerton, il /asso &u bre2e. #on tali in&or%a*ioni il generale /rocedette, dal %o%ento che non a2e2a %ai a2uto occasione di dubitare della loro autenticitC. 67interesse di Thor/e /er la &a%iglia, di%ostrato dal &atto che la sorella sta2a /er i%/arentarsi con uno dei suoi %e%bri, e che lui stesso a2e2a delle %ire su di un altro Mcircostan*e che egli 2anta2a con uguale sinceritCN da2ano garan*ie su&&icienti di 2eritC su -uanto dice2a; a ciJ si aggiunge2a la assoluta certe**a che gli Allen erano ricchi e sen*a &igli, che la signorina orland era a&&idata a loro e che ] la sua conoscen*a gli a2e2a /er%esso di giudicarlo ] la tratta2ano con la &a%iliaritC di /arenti stretti. 6a sua decisione &u /resto /resa. GiC nel co%/orta%ento del &iglio a2e2a notato una certa atten*ione nei con&ronti della signorina orland e, gra*ie alle noti*ie &ornitegli dal signor Thor/e, si era deter%inato a non ris/ar%iarsi alcuna &atica nell7indebolire l7interesse di -uesti e nel distruggere le sue /iA care s/eran*e. #atherine non /ote2a ignorare tutto ciJ a -uel te%/o, /iA di -uanto lo ignorassero i &igli del generale. Fenry ed Eleanor, non 2edendo nulla nella sua situa*ione che /otesse s/ingere il /adre a %ostrarle /articolare ris/etto, a2e2ano conte%/lato con stu/ore l7i%/ro22iso continuo accrescersi delle atten*ioni di lui e, sebbene /iA tardi, da alcune allusioni che a2e2ano acco%/agnato un -uasi es/licito ordine al &iglio di &are -ualsiasi cosa in suo /otere /er attrarla, Fenry si &osse con2into che il /adre ritenesse che ella /otesse essere una /arentela 2antaggiosa, &ino all7ulti%a s/iega*ione a Northanger, essi non a2e2ano a2uto la /iA /iccola idea dei calcoli erronei che l7a2e2ano indotto ad agire cosE. #he essi &ossero errati, il generale lo a2e2a sa/uto dalla stessa /ersona che glieli a2e2a suggeriti, dallo stesso Thor/e, che a2e2a di nuo2o incontrato in cittC e che, sotto l7in&luen*a di senti%enti esatta%ente o//osti, irritato dal ri&iuto di #atherine e anche dal &alli%ento di un recente tentati2o di o/erare una riconcilia*ione tra orland e "sabella, con2into che erano di2isi /er se%/re e dis/re**ando un7a%ici*ia che non gli sarebbe /iA stata utile, si era a&&rettato a contraddire tutto ciJ che a2e2a /ri%a detto a 2antaggio dei orland: con&essJ di essersi co%/leta%ente sbagliato /er ciJ che concerne2a i loro beni e la loro re/uta*ione; era stato tratto in inganno dalle rodo%ontate del suo a%ico ed era stato /ortato a credere da lui che il /adre &osse un uo%o ricco e di buona re/uta*ione %entre le transa*ioni delle ulti%e due o tre setti%ane di%ostra2ano che non era nI una cosa nI l7altra. PerchI, do/o essersi &atto a2anti al %o%ento dei /ri%i contatti tra le due &a%iglie /er il %atri%onio con i /ro/ositi /iA liberali, egli, %esso alle strette dall7intelligen*a di chi /arla2a, era stato costretto a riconoscere la sua i%/ossibilitC di dare ai gio2ani /er&ino un decente sostenta%ento. Erano in e&&etti una &a%iglia /o2era, nu%erosa al di lC di ogni i%%agina*ione, /er nulla ris/ettabile e /er nulla ris/ettata dal /ro/rio 2icinato, co%e egli a2e2a a2uto ulti%a%ente %odo di sco/rire; %ira2ano a uno stile di 2ita che la loro sostan*a non /ote2a loro garantire e cerca2ano di %igliorare la loro condi*ione i%/arentandosi con gente ricca. Erano /ersone insolenti, s/accone, calcolatrici. 6o s/a2entato generale /ronunciJ allora con tono in-uisiti2o il no%e degli Allen, e anche a -uesto /ro/osito Thor/e disse di essersi sbagliato. Gli Allen, egli crede2a, a2e2ano 2issuto a lungo accanto a loro, %a lui ora sa/e2a chi &osse il gio2ane cui )ullerton sarebbe toccato in ereditC. Al generale non ser2E altro. Arrabbiato con tutto il %ondo, tranne che con se stesso, era /artito il giorno do/o /er l7Abba*ia, do2e l7abbia%o giC 2isto all7o/era. 6ascio alla sagacia dei %iei lettori decidere -uanto di tutto -uesto &u /ossibile a Fenry co%unicare in -uel %o%ento a #atherine; -uanto di tutto -uesto a2e2a /otuto sa/ere dal
4>;

/adre; in -uali /unti le sue conoscen*e deri2a2ano da sue dedu*ioni e -uale /arte in2ece sarebbe stata chiarita da una lettera di 1a%es. Fo unito /ro/rio /er la co%oditC dei lettori ciJ che loro debbono di2idere /er la %ia. #atherine, in ogni caso, a2e2a sentito abbastan*a /er rendersi conto che, sos/ettando il generale Tilney di a2er ucciso o rinchiuso sua %oglie, a2e2a &atto /oco torto al suo carattere o a2e2a /oco esagerato la sua crudeltC. Fenry, do2endo ri&erire tali cose di suo /adre, era da co%/iangere -uasi -uanto lo era stato la /ri%a 2olta che a2e2a do2uto con&essarle a se stesso. ArrossE -uando do2ette es/orre il /iano %eschino che -uesti a2e2a &atto. 6a con2ersa*ione tra di loro a Northanger era stata assai ostile. 67indigna*ione di Fenry nel sentire co%e era stata trattata #atherine, nel co%/rendere il /unto di 2ista di suo /adre e nel sentire gli ordini che lui gli da2a, era stata a/erta e audace. "l generale, abituato in ogni occasione a dettar legge in &a%iglia, /re/arato a non a2ere alcuna obie*ione, se non -uella dei senti%enti, alcuna o//osi*ione es/licita ai suoi desideri, %al so//ortJ la ribellione del &iglio, /er -uanto &osse sostenuta dalla san*ione della ragione2ole**a e dai detta%i della coscien*a. "n tale causa, tutta2ia, la rabbia di lui, sebbene do2esse col/irlo, non riuscE a inti%idire Fenry, che era sostenuto dalla con2in*ione di essere nel giusto. Si senti2a legato, nell7onore e nell7a&&etto, alla signorina orland e, credendo che -uel cuore che era stato indotto a con-uistare &osse suo, nessuna indegna ritratta*ione di un tacito consenso, nessun ordine dettato da rabbia ingiusti&icata, /oterono scuotere la sua &edeltC o in&luen*are le risolu*ioni che -uesta gli /ro/one2a. Si era ri&iutato con &er%e**a di acco%/agnare il /adre nell7Fere&ordshire, un i%/egno creato sul %o%ento /er &acilitare la cacciata di #atherine, e &er%a%ente dichiarJ la sua inten*ione di o&&rirle la sua %ano. "l generale era &urioso e si se/ararono in /ro&ondo disaccordo. Fenry, agitato e scon2olto, ebbe bisogno di %olte ore di solitudine /er ritro2are la cal%a. Era tornato -uasi subito a Boodston e nel /o%eriggio del giorno seguente a2e2a ini*iato il suo 2iaggio /er )ullerton.

4>8

#apitolo sedicesimo
6a sor/resa del signore e della signora orland al sentire il desiderio del signor Tilney di s/osare la loro &iglia &u, /er alcuni %inuti, considere2ole. Non era %ai loro /assato /er la testa di sos/ettare che ci &osse tra loro un a&&etto, %a dal %o%ento che nulla, do/o tutto, /ote2a essere /iA naturale che a%are #atherine, i%/ararono /resto a considerare la cosa con la &elice agita*ione dell7orgoglio grati&icato e, /er -uanto concerne2a loro, non ebbero alcuna obie*ione da o//orre. " %odi /iace2oli di lui e il suo buon senso lo rende2ano racco%andabile e, non a2endo %ai sentito /arlare %ale di lui, non /ote2ano in nessun %odo su//orre che ci &osse -ualcosa di %ale da dire. 6a buona 2olontC /rende2a il /osto dell7es/erien*a, e il suo carattere di conseguen*a non a2e2a bisogno di attesta*ioni. ,#atherine sarC una donna di casa %olto disordinata0, &u la /re2isione della %adre; %a si consolJ /ensando che non c7D niente di %eglio della /ratica. Non c7era altro che un ostacolo, in bre2e, da %en*ionare. a &ino a che -uell7ostacolo non &osse stato ri%osso, /er loro era i%/ossibile a//ro2are il &idan*a%ento. " loro caratteri erano dolci, %a i loro /rincE/i erano saldi, e &inchI il /adre di lui /roibi2a cosE es/ressa%ente il %atri%onio loro non /ote2ano certo incoraggiarlo. #he il generale do2esse &arsi a2anti a sollecitare l7unione, o che do2esse a//ro2arla di cuore, non erano cosE esigenti da &arne un /unto essen*iale, %a ci 2ole2a al%eno l7a//aren*a di un consenso, e una 2olta ottenuto -uello, e i loro cuori erano &iduciosi che non sarebbe stato a lungo negato, la loro a//ro2a*ione sarebbe stata i%%ediata%ente data di buon grado. "l consenso di lui era tutto ciJ che 2ole2ano. Non a2e2ano nessun desiderio nI alcun diritto di chiedere il suo denaro. "l &iglio, s/osandosi, a2e2a di suo una considere2ole &ortuna; le sue /resenti entrate gli /er%ette2ano indi/enden*a e co%oditC di 2ita e, da un /unto di 2ista /ecuniario era un %atri%onio al di lC delle as/ettati2e della loro &iglia. " gio2ani non si sor/resero di -uesta decisione. Ne erano addolorati e la de/lora2ano, %a non se ne risentirono; si se/ararono tentando di s/erare che il generale ca%biasse idea, cosa che crede2ano -uasi i%/ossibile che /otesse accadere ra/ida%ente, /er essere di nuo2o uniti nella /iene**a dell7a&&etto. Fenry tornJ a -uella che adesso era la sua sola casa, a controllare le sue gio2ani /iante e a estendere i %igliora%enti /er lei, con cui s/era2a di condi2iderli, e #atherine ri%ase a )ullerton a /iangere. Se i tor%enti dell7assen*a &urono o no alle2iati da una corris/onden*a clandestina, non lo indaghere%o. "l signore e la signora orland non lo &ecero %ai... erano stati tro//o gentili /er chiedere una -ualsiasi /ro%essa in -uesto senso e ogni-ual2olta #atherine rice2e2a una lettera, il che in -uesto /eriodo accade2a /iuttosto s/esso, guarda2ano se%/re da un7altra /arte. 67ansia che, in -uesto stadio del loro a&&etto, era /ro/ria di Fenry e di #atherine, e di tutti coloro che si a%ano l7un l7altro, su co%e le cose andranno a &inire, te%o che non /ossa essere co%unicata ai %iei lettori che si accorgeranno benissi%o, dal &atto che ci sono /oche /agine da2anti a loro, del &atto che ci stia%o a&&rettando insie%e 2erso la /er&etta &elicitC. 67unico dubbio che resta D costituito dai %e**i con i -uali -uesto %atri%onio sarC /ortato a ter%ine. Suali /robabili circostan*e /ossono a2ere in&luito su un carattere co%e -uello del generale. 6a circostan*a che /articolar%ente gio2J &u il %atri%onio di sua &iglia con un uo%o ricco e di buon casato che ebbe luogo nel corso dell7estate... 9n7ascesa di rango che /rocurJ al generale un attacco di buonu%ore dal -uale non si ri/rese &ino a do/o che
4>3

Eleanor ebbe ottenuto il suo /erdono /er Fenry e il suo /er%esso /er lui /erchI ,&acesse /ure il /a**o, se gli /iace2a[0. "l %atri%onio di Eleanor Tilney, il suo allontana%ento da tutti i %ali di una casa -uale Northanger era di2entata do/o che Fenry era stato bandito, 2erso una casa di sua scelta e con l7uo%o che lei a2e2a scelto, D un e2ento che %i as/etto che dia generale soddis&a*ione a tutti -uelli che l7hanno conosciuta. 6a %ia gioia in -uesta occasione D sincera. Non conosco nessuno che abbia /iA diritto, /er i suoi %eriti sen*a /retese, o che sia %eglio /re/arata, /er la sua abitudine alla so&&eren*a, a godere della &elicitC. 6a sua inclina*ione /er -uesto gentiluo%o non ha origini recenti: egli era stato trattenuto dal richiedere la sua %ano solo dall7in&erioritC della sua /osi*ione. "l suo inas/ettato accesso a un titolo e ai beni relati2i a2e2a ri%osso ogni di&&icoltC e il generale non a2e2a %ai a%ato tanto la &iglia, in -uelle ore in cui gli a2e2a &atto co%/agnia, gli era stata utile, l7a2e2a so//ortato /a*iente%ente, -uanto la /ri%a 2olta che /otI ri2olgerle la /arola con un ,Sua Signoria0. "l %arito era 2era%ente degno di lei. "ndi/endente%ente dalla sua ricche**a, dalla sua nobiltC e dal suo a&&etto /er lei, era /recisa%ente il /iA a&&ascinante gio2ane del %ondo. Ogni ulteriore descri*ione dei suoi %eriti non do2rebbe essere necessaria: il gio2ane /iA a&&ascinante del %ondo D i%%ediata%ente da2anti all7i%%agina*ione di tutti noi. Al suo riguardo, co%un-ue, debbo solo aggiungere Msono consa/e2ole che le regole della co%/osi*ione 2ietano l7introdu*ione di un /ersonaggio non connesso con il &ilone /rinci/ale del raccontoN che egli era /ro/rio -uel gentiluo%o il cui ser2itore negligente a2e2a lasciato -uella colle*ione di conti di la2anderia, risultato di una lunga 2isita a Northanger, a causa dei -uali la %ia eroina &u i%/licata in una delle sue /iA s/a2entose a22enture. 67in&luen*a del 2isconte e della 2iscontessa in &a2ore del &ratello &u aiutata anche da una %igliore conoscen*a della situa*ione econo%ica del signor orland, che il generale ebbe non a//ena consentE a essere in&or%ato da coloro che erano -uali&icati a dargliela. Se//e allora che era stato ingannato sia dalle /ri%e s%argiassate di Thor/e sulle ricche**e della &a%iglia, sia dal contrario; che in nessun senso del ter%ine i orland erano bisognosi o /o2eri e che #atherine a2rebbe a2uto tre%ila sterline. Suesto &u un tale %igliora%ento, ris/etto alle sue as/ettati2e, che contribuE grande%ente a s%or*are il suo orgoglio e certa%ente non &urono sen*a e&&etto certe sue /ri2ate in&or%a*ioni, che si era dato la /ena di /rocurarsi, dalle -uali risulta2a che la /ro/rietC di )ullerton era intera%ente a dis/osi*ione del suo /resente /ro/rietario e di conseguen*a a/erta a ogni sua a2ida s/ecula*ione. "n base alla &or*a di ciJ il generale, subito do/o il %atri%onio di Eleanor, /er%ise al &iglio di tornare a Northanger, di -ui lo &ece /ortatore del suo consenso es/resso cortese%ente in una /agina /iena di 2uote &or%ule indiri**ate al signor orland. Presto seguE l7e2ento che -uesto consenso autori**a2a. Fenry e #atherine si s/osarono, le ca%/ane suonarono e tutti sorrisero; e dal %o%ento che ciJ ebbe luogo entro il dodicesi%o %ese dal loro /ri%o incontro, non se%bra che do/otutto gli s/a2entosi ritardi causati dalla crudeltC del generale li col/issero /articolar%ente. "nca%%inarsi sulla 2ia della /er&etta &elicitC a 2entisei e diciotto anni D cosa /iuttosto /ositi2a e /ro&essando%i in /iA con2inta che le ingiuste inter&eren*e del generale, lungi dall7essere dannose alla loro &elicitC, &urono &orse /iuttosto &a2ore2oli a essa, contribuendo a %igliorare la loro conoscen*a reci/roca e aggiungendo &or*a al loro attacca%ento, lascio da stabilire da /arte di chi /ossa essere interessato, se la tenden*a di -uest7o/era sia a racco%andare la tirannia dei genitori o a rico%/ensare la disobbedien*a dei &igli. T
4;=

$agione e sentimento
T

4;4

La %commedia& dellesisten a
6e /eculiaritC stilistiche, la ca/acitC di osser2a*ione e 67arguto u%oris%o che costituiscono i caratteri /iA e2identi dell7arte della Austen sono tutti /resenti in $agione e senti%ento, o22ero Sense and Sensibility, il suo /ri%o ro%an*o Mla stesura ini*iale in &or%a e/istolare, che era intitolata Elinor and arianne, risale al 4;3<, -uando la Austen a2e2a 2ent7anni; riscritto nel 4;3;P4;38 con il titolo attuale, e /oi nuo2a%ente ri2eduto nel 48=3P484=, Sense and Sensibility &u in&ine /ubblicato nel 4844, due anni /ri%a di Pride and Pre!udiceN. #on la storia di Elinor e arianne la Austen s2ilu//a il genere del ro%an*o &a%iliare giC in certa %isura antici/ato da $ichardson MPa%elaN e )ielding MA%eliaN; ciJ che de&inisce /erJ i contorni del %ondo della Austen D il %odo in cui il destino delle sue eroine si gioca tutto in base a -uelle 2icende, a -uelle &ortune e s&ortune, che /reludono a ciJ che, nella %entalitC dell7autrice, D l7e2ento /rinci/ale della 2ita &e%%inile: il %atri%onio. 67es/erien*a della Austen, indubbia%ente li%itata, non le consente una ra//resenta*ione a tutto ca%/o della s&era della %ondanitC; 67a%biente dei suoi ro%an*i D -uello dell7inti%itC do%estica, 67at%os&era D -uella di una /ro2incia tran-uilla, dagli ori**onti circoscritti, colta in un7e/oca in cui le regole della 2ita -uotidiana se%bra2ano del tutto al sicuro da -ualsiasi %inaccia di ca%bia%ento. 9na cerchia di gentiluo%ini di /ro2incia, in cui i ra//orti &ra i /ersonaggi sono /ri2i di /articolari co%/lica*ioni, gli e2enti da22ero dra%%atici sono rari, e l7atten*ione /uJ concentrarsi sull7etica dei ra//orti e le s&u%ature %orali. "l realis%o di 1ane Austen, in -uesto senso, D certo /iA /sicologico di -uello di $ichardson: la ra//resenta*ione della realtC della 2ita Mdei ra//orti u%ani, delle con2ersa*ioni e delle reci/roche si%/atie e anti/atieN D estre%a%ente accurata e con2incente. 1ane Austen ha un7intui*ione che le consente una de&ini*ione ra/ida e &elice dei caratteri dei /ersonaggi, tanto s/ontanea e /enetrante da a//arire ele%entare. 6a sua /erce*ione D 2i2ace e /iena di &resche**a; cogliendo i%%ediata%ente i caratteri indi2iduali e -uindi anche 67ele%ento curioso e /oten*ial%ente co%ico della 2ita, /resenta al lettore una ra//resenta*ione s%ali*iata dell7eterna co%%edia dell7esisten*a. 6a sua rea*ione /ersonale al contatto con la realtC si identi&ica in un atteggia%ento di2ertito, /ri2o di a%are**a, o di ri%/ianti, in cui l7autocontrollo non cancella la si%/atia, cosE co%e l7intui*ione del carattere non rende su/er&lua la registra*ione &edele e arguta dei gesti e delle inten*ioni dei /ersonaggi. 6a 2anitC, l7egois%o, la %eschinitC, tutti -uegli as/etti del co%/orta%ento che il ro%an*o /essi%ista anali**erC con l7intensitC e l7a%are**a della denuncia, nelle o/ere della Austen sono tratteggiati con una sobrietC e un7ironia che tendono se%/re a %ini%i**are le rea*ioni e%oti2e. Sense and Sensibility racconta co%e l7assennate**a abbia la sua ri2incita sugli eccessi senti%entali a cui due sorelle, Elinor e arianne DashGood, rischia2ano di sacri&icare la loro 2ita. 6a storia si i%/ernia -uindi sulle 2icende senti%entali di -ueste due gio2ani, entra%be belle, attraenti e /iene di 2irtA, anche se /ro&onda%ente di2erse tra loro Muna ter*a sorella, argaret, non tro2a alcuna caratteri**a*ione /recisa, e ri%ane creatura di s&ondoN. Elinor, la %aggiore, seria e /iena di buonsenso, segue se%/re i detta%i della ragione; l7altra, arianne, si abbandona co%/leta%ente agli i%/ulsi del cuore. 67intreccio, relati2a%ente /ri2o di e2enti dra%%atici, D %olto lineare. Suando 1ohn DashGood, alla %orte del /adre, ri%ane /adrone assoluto di Norland, la casa /aterna, ne
4;+

allontana la %atrigna e le tre sorellastre Elinor, arianne e argaret, e -ueste sono costrette a ritirarsi a Harton, un %odesto 2illino nel De2onshire. 6asciando Norland, Elinor de2e se/ararsi dall7uo%o che a%a2a, EdGard )errars; /iA tardi sa/rC del suo segreto &idan*a%ento con 6ucy Steele, %a 2edrC risolte le sue di&&icoltC dall7atteggia%ento della stessa 6ucy Steele, che /re&erirC s/osare il &ratello %inore di EdGard, di2enuto ricco /ro/rio /erchI la %adre a2e2a diseredato il /ri%ogenito EdGard a causa del suo &idan*a%ento segreto. "n2ece la triste storia di arianne, inna%oratasi di Billoughby, un libertino su/er&iciale e 2anesio che la abbandona /er s/osare una ricca ereditiera, tro2a un esito consolatorio nel saggio e con2eniente %atri%onio con un 2ecchio e %aturo /retendente, il #olonnello Hrandon. "l li%ite /rinci/ale di 1ane Austen in Sense and Sensibility deri2a /robabil%ente dal non a2er sa/uto rinunciare a utili**are, /er a/rire la strada al chiari%ento &inale, certi clichI della narrati2a settecentesca Mla /o2era &anciulla sedotta e abbandonata, il duello co%e rituale attra2erso cui gli uo%ini di&endono l7onore ecc.N. Anche la di&&icoltC di in&ondere 2era credibilitC ai /ersonaggi %aschili testi%onia l7ines/erien*a della scrittrice alla sua /ri%a /ro2a Mnell7o/era della Austen, co%un-ue, i ritratti %aschili saranno se%/re %eno 2i2i e co%/lessi di -uelli &e%%iniliN: EdGard )errars e il #olonnello Hrandon, se//ure %oral%ente inecce/ibili, sono al-uanto grigi e inconsistenti; %entre il brillante Billoughby non D che un libertino di %atrice /retta%ente ro%an*esca. "l lettore non /otrC /oi non ritenere /iuttosto i%/robabile, e /oco con2incente, l7i%/ro22iso ca%bia%ento di rotta di 6ucy Steele, la &redda arri2ista, che /er interesse s/osa $obert )errars an*ichI il &ratello di lui, EdGard, con cui era &idan*ata; anche se ciJ D indis/ensabile a garantire il lieto &ine. Nel suo atteggia%ento 2erso la %orale e 2erso l7e%o*ione, 1ane Austen si di%ostra, in Sense and Sensibility, una 2era classicista. \ tutt7altro che cinica nei con&ronti dell7a%ore e dis/re**a il %atri%onio di con2enien*a; /erJ ritiene che il decoro sia /iA i%/ortante della &elicitC, e a//are con2inta che, se D un bene che i %atri%oni siano l7es/ressione di un senti%ento autentico, l7i%/ortante D che abbiano le carte in regola /er &un*ionare, e ciJ si /uJ stabilire in base a criteri basati sull7assoluta concrete**a. 6e doti indis/ensabili alla &elicitC sono l7e-uilibrio e il buonsenso, /er2asi da una tran-uilla, disci/linata ar%onia delle &or*e %orali, dirette e do%inate dall7intelligen*a e acco%/agnate da una discreta rendita. 9no dei /roble%i che la Austen do2ette risol2ere, attra2erso le 2arie stesure di Sense and Sensibility, D -uello di co%e sollecitare la si%/atia nei con&ronti dei suoi /ersonaggi nonostante le loro %ancan*e, nonostante l7es/licita condanna da /arte dell7autrice; e non D certo un caso se la storia a2e2a ini*ial%ente tro2ato es/ressione in &or%a e/istolare: l7es/ediente di usare le stesse eroine co%e narratrici che ri/ortano le /ro/rie es/erien*e o&&ri2a la /ossibilitC di considerare le 2icende del ro%an*o attra2erso i loro stessi occhi, &acendo in %odo che il giudi*io %orale, /ur ine2itabile, ri%anesse sos/eso, cosE da non i%/edire o li%itare l7identi&ica*ione del lettore. Nel ro%an*o cosE co%e lo conoscia%o, -uesto risultato D ottenuto dalla Austen dando se%/re ai /ersonaggi, /er&ino a -uelli /iA negati2i, la /ossibilitC di %ettere a nudo la /ro/ria ani%a, tanto da /ortare il lettore a /ro2are /er loro un7a&&ettuosa si%/atia e ad augurare loro &elicitC, nonostante le col/e riconosciute. \ /ro/rio -uesta ca/acitC della Austen di sos/endere il giudi*io a con&erire, alla sua 2aluta*ione %orale, serenitC ed e-uilibrio. Persino a Billoughby, il &atuo libertino, il /iA negati2o tra i caratteri di Sense and Sensibility, 2iene consentito di dare la sua 2ersione dei &atti; e alla &ine del suo lungo s&ogo il lettore non /uJ non concordare con Elinor sul
4;:

&atto che Billoughby, /ri%a di essere un &ur&ante %atricolato, D un gio2ane 2i*iato, la 2itti%a di un7educa*ione tro//o /er%issi2a:

Elinor non ris/ose. " suoi /ensieri erano silen*iosa%ente ri2olti sul danno irre/arabile che una indi/enden*a tro//o /re%atura, con le sue conseguenti abitudini all7o*io, alla dissi/a*ione e al lusso, a2e2ano /ortato alla %ente, al te%/era%ento, alla &elicitC di un uo%o che uni2a a tutti i bene&ici dell7a22enen*a e dell7ingegno, a un carattere /er natura a/erto e onesto, una natura sensibile e a&&ettuosa. "l %ondo lo a2e2a reso /rodigo e &atuo; la /rodigalitC e la 2anitC lo a2e2ano reso egoista e s/ietato. 6a 2anitC, cercando il /ro/rio col/e2ole trion&o a s/ese degli altri, lo a2e2a s/into a un a&&etto sincero, che la tro//a /rodigalitC, o al%eno ciJ che ne era conseguito co%e necessitC, a2e2a condannato al sacri&icio.

6a 2era col/a di Billoughby D -uella di non a2er i%/arato a te%/o le regole della %odera*ione. $egole che arianne, la gio2ane /ortata a cedere agli eccessi del senti%ento, riuscirC in2ece, a sue s/ese, a i%/arare; arianne non %orirC /er la sua delusione d7a%ore, anche se una %alattia la condurrC a s&iorare la %orte; e non si isolerC in una sorta di clausura, co%e lei stessa a2e2a /rogettato. $iconoscerC in2ece i /ro/ri errori e s/oserC -uell7a%%iratore &edele che all7ini*io ritene2a scialbo e noioso, e /er il -uale i%/arerC a nutrire una &or%a di a&&ettuosa a%ici*ia. 1ane Austen ignora il ro%anticis%o che si 2a a&&er%ando, o %eglio lo considera con ironica condiscenden*a. "l senti%entalis%o ro%antico D un eccesso scriteriato, e il cedi%ento a un7e%o*ione tro//o esas/erata /er essere autentica 2iene e-ui/arato allo s-uilibrio intellettuale e %orale. 67atteggia%ento di 1ane Austen nei con&ronti del ro%anticis%o di2errC, col te%/o, %eno critico; %a &ino all7ulti%o la sua 2isione della 2ita ri%arrC legata all7accetta*ione della &or*a della realtC, delle condi*ioni %ateriali della &elicitC, con una se%/licitC che non cela alcuna ribellione, alcuna /rotesta; la %orale della Austen D &atta di una /ruden*a sen*a illusioni, tutta &ondata sull7idea di un7ar%onia tra ragione e senti%ento. Anche se la descri*ione della /assione non tro2a /osto nelle sue /agine Me in -uesto /uJ a2er /arte anche il desiderio di distinguersi dai ro%an*i /o/olari, in cui le /assioni erano cosE esas/erateN, le sue eroine sono se%/re estre%a%ente oneste nel loro atteggia%ento 2erso l7a%ore; non c7D traccia della &alsa %odestia tanto di&&usa nei /ersonaggi &e%%inili dell7e/oca. a la 2era &or*a della ra//resenta*ione della Austen D, ri%ane, nell7acuta descri*ione del suo a%biente /ro2inciale, un %ondo tran-uillo, con2en*ionale e /ettegolo, e nella ca/acitC di tratteggiare, con garbo /ieno d7ironia, certe situa*ioni &a%iliari che, se anche sono /enose e /er&ino tragiche /er gli interessati; &iniscono /er di2entare %oti2o di eccitato di2erti%ento /er gli s/ettatori che le co%%entano; co%e accade, /er ese%/io, nel trentasettesi%o ca/itolo, con le chiacchiere della signora 1ennings in %erito ai dra%%atici e2enti legati al &idan*a%ento di 6ucy ed EdGard. Nelle descri*ioni attente e argute di certe 2isite di cortesia i%/oste dalle buone regole della societC, in cui /ersone che non hanno nulla in co%une tra loro ritornano continua%ente su -uell7unico /unto di reci/roco interesse che sono riuscite a
4;5

tro2are Mco%e &anno i iddleton a Harton Par(N, o dei giochi degli e-ui2oci che scaturiscono da -uei %argini di a%biguitC che la buona educa*ione rende indis/ensabili, il tratto D cosE sicuro da con&erire ancor oggi, alle /agine della Austen, un7estre%a 2i2acitC. 6a conseguen*a di tanta atten*ione all7a%biente D una caratteri**a*ione sanguigna ed estre%a%ente /untuale dei /ersonaggi secondari, che in Sense and Sensibility sono &orse /iA 2i2i e /iA 2eri degli stessi /rotagonisti. Sir 1ohn, 6ady iddleton, la signora 1ennings, cosE co%e tanti altri /ersonaggi %inori, sono /er&etta%ente indi2iduati nella loro di%ensione -uotidiana, e costituiscono dei ritratti incisi2i ed estre%a%ente arguti. Se Sense and Sensibility 2uole es/ri%ere il contrasto tra due o//oste 2isioni della 2ita, /ersoni&icate nelle due sorelle, e cioD -uella del %ondo classico e -uella del %ondo ro%antico, la sua %orale D, co%e si D accennato, un7a/erta condanna del ro%anticis%o, in -uanto eccesso %alsano; e//ure, al lettore odierno, Elinor, che con tutto il suo buonsenso e il suo e-uilibrio, la sua inalterabile &or*a d7ani%o e la sua 2irtA costituisce il %odello /ro/osto dalla Austen, a//are un, /ersonaggio assai %eno riuscito e /al/itante della ro%antica arianne. E in2ece /ro/rio gra*ie al /ersonaggio di arianne, uno dei caratteri /iA originali nell7o/era della Austen, che Sense and Sensibility, /ur %eno /er&etto di Pride and Pre!udice, risulta in un certo %odo /iA 2i2o e ricco di %o2i%ento. arianne, /iena di slanci, di ideali e di /oesia V e al te%/o stesso s/re**ante 2erso chiun-ue non sa//ia abbandonarsi /er intero, co%e lei, al /ro/rio sentire V eccessi2a nell7a%ore -uanto nel dolore, tanto &ragile da causare dis/iaceri a sI e agli altri, D il 2ero nucleo 2itale del ro%an*o. Nonostante l7ironica condiscenden*a con cui l7autrice la giudica, nonostante la disa//ro2a*ione con cui 2aluta il suo co%/orta%ento, arianne, la diciassettenne inna%orata e ardente, D la creatura /iA intensa e autentica di Sense and Sensibility; e /er -uesto, do/o -uasi due secoli, D ancora un /ersonaggio ricco e con2incente. P"ET$O ENEGFE66"

4;<

#apitolo primo
6a &a%iglia DashGood si era stabilita nel SusseO da %olto te%/o; le loro /ro/rietC terriere erano 2aste, e al centro sorge2a Norland Par(, la residen*a in cui /er %olte genera*ioni a2e2ano 2issuto in %odo tanto ris/ettabile da essersi guadagnati la sti%a di tutti nei dintorni. 67ulti%o /ro/rietario era stato un 2ecchio sca/olo, che a2e2a raggiunto un7etC %olto a2an*ata, e che /er %olti anni a2e2a a2uto co%e co%/agna e direttrice della casa la /ro/ria sorella. a la %orte di lei, a22enuta dieci anni /ri%a della sua, a2e2a /rodotto un gran ca%bia%ento nella sua esisten*a; /erchI, /er so//erire alla /erdita, a2e2a in2itato e accolto in casa la &a%iglia del ni/ote, Fenry DashGood, che era l7erede legitti%o della /ro/rietC di Norland e la /ersona a cui lui intende2a lasciarla alla /ro/ria %orte. "l 2ecchio signore /assJ serena%ente i suoi ulti%i giorni, in co%/agnia del ni/ote, della %oglie di -uesti e dei loro &igli. "l suo a&&etto /er tutti loro non &ece che au%entare. 6e costanti /re%ure di%ostrate dal signore e dalla signora DashGood nel soddis&are ogni suo desiderio, che nasce2ano non solo dall7interesse %a anche dal buon cuore, gli dettero tutto l7e&&etti2o con&orto che alla sua etC /ote2a ancora rice2ere; e l7allegria dei ba%bini aggiunse alla sua esisten*a una nota di gioia. "l signor DashGood a2e2a a2uto un &iglio da un %atri%onio /recedente; e dalla %oglie attuale, tre ba%bine. "l &iglio, un gio2ane /osato e ris/ettabile, gode2a delle risorse ra//resentate dalla &ortuna di sua %adre, che era consistente; %etC di essa gli era stata de2oluta -uando a2e2a raggiunto la %aggiore etC. #ol suo %atri%onio, che era a22enuto subito do/o, a2e2a inoltre au%entato le sue ricche**e. Suindi /er lui la successione alla /ro/rietC Norland non era cosE i%/ortante -uanto /er le sue sorelle; -ueste in&atti a2e2ano ben /oco, a /rescindere da -uello che /ote2a toccare loro una 2olta che il /adre a2esse ereditato la /ro/rietC. 6a loro %adre non /ossede2a nulla, e il /adre dis/one2a solo di sette%ila sterline, /erchI l7altra %etC della dote della /ri%a %oglie era anch7essa intestata al &iglio, e lui non ne rice2e2a che un usu&rutto. "l 2ecchio signore %orE; &u data lettura del testa%ento e, co%e -uasi se%/re accade con i testa%enti, esso ra//resentJ una delusione e un /iacere. Non era stato nI tanto ingiusto nI tanto ingrato da togliere la /ro/rietC al ni/ote, gliela a2e2a /erJ lasciata con dei ter%ini tali da cancellare %etC del 2alore del lascito. "l signor DashGood l7a2e2a desiderata /iA /er la %oglie e le &iglie che /er sI o /er il &iglio; ed ecco che era stata lasciata /ro/rio al &iglio, e al &iglio del &iglio, un bi%bo di -uattro anni, e a condi*ioni tali da non consentirgli di /ro22edere a -uelle che gli erano /iA care, e che ne a2rebbero a2uto tanto bisogno, %ediante -ualche rendita che scaturisse dalla /ro/rietC o -ualche 2endita dei suoi /re*iosi boschi. Era tutto bloccato a bene&icio del ba%bino, il -uale, nel corso delle 2isite che di tanto in tanto &ace2a a Norland con i genitori, a2e2a sa/uto guadagnarsi l7a&&etto dello *io gra*ie a delle doti /er nulla ecce*ionali nei ba%bini di due o tre anni Muna /ronuncia a//rossi%ati2a, un gran desiderio di &are co%e 2ole2a lui, %olte uscite /iene di &urbi*ia e una gran ca/acitC di &are chiassoN, tanto da &ar /assare in secondo /iano tutte le cure rice2ute /er anni da /arte di suo ni/ote e delle &igliole di -uesto. D7altra /arte, co%e si D giC detto, il 2ecchio signore non 2ole2a essere ingiusto, e co%e testi%onian*a del suo a&&etto /er le tre raga**e a2e2a lasciato loro %ille sterline ciascuna. 6a delusione del signor DashGood &u, all7ini*io, %olto &orte; a2e2a /erJ un te%/era%ento allegro e 2igoroso, e /ote2a ragione2ol%ente s/erare di 2i2ere ancora %olti anni e, &acendo
4;>

econo%ie, %ettere da /arte un ca/itale ragguarde2ole con i redditi di una /ro/rietC terriera che, giC grande, /ote2a a2ere dei %igliora%enti -uasi i%%ediati. a la &ortuna, che era stata cosE tardi2a a 2enire, &u dalla sua /arte solo /er un anno. Non so/ra22isse allo *io /iA di tanto, e dieci%ila sterline, co%/resi i legati /iA recenti, &urono tutto -uanto ri%ase /er la 2edo2a e le or&ane. "l &iglio &u %andato a chia%are alle /ri%e a22isaglie di /ericolo, e a lui il signor DashGood racco%andJ, con tutta la gra2itC e la sollecitudine che la situa*ione /ote2a is/irargli, gli interessi della %atrigna e delle sorelle. 1ohn DashGood non a2e2a la stessa /ro&onditC di senti%enti che caratteri**a2a gli altri %e%bri della &a%iglia, %a ri%ase toccato da una racco%anda*ione di -uel genere, &atta in un %o%ento co%e -uello, e /ro%ise di &are tutto -uanto a2rebbe /otuto /er il loro bene. "l /adre accolse con sollie2o -uel suo i%/egno; 1ohn DashGood a2rebbe /oi a2uto tutto il te%/o /er decidere -uello che, sen*a di%enticare la /ruden*a, sarebbe stato in grado di &are /er loro. Non era un gio2anotto catti2o, a %eno che a2ere un te%/era%ento /iuttosto &reddo ed egoista non signi&ichi essere catti2i; in genere era ris/ettato, /erchI ade%/i2a ai suoi do2eri in %odo a//ro/riato. Se a2esse a2uto una %oglie /iA a%abile, sarebbe stato ris/ettato anche di /iA; e sarebbe di2enuto %igliore, /erchI -uando l7a2e2a s/osata era %olto gio2ane, e %olto inna%orato. a nella signora DashGood i di&etti del %arito era accentuati: era in&atti /iA %eschina ed egoista di lui. entre &ace2a a suo /adre -uella /ro%essa, lui /rogetta2a dentro di sI di accrescere la &ortuna delle sorelle con un regalo di %ille sterline ciascuna. E si senti2a da22ero all7alte**a della situa*ione. 6a /ros/etti2a di -uattro%ila sterline l7anno in aggiunta al reddito di cui gode2a allora, so%%ato alla restante %etC della &ortuna di sua %adre, gli scalda2a il cuore e lo &ace2a sentire ca/ace di generositC. SE, a2rebbe dato loro tre%ila sterline; -uesto sarebbe stato generoso e bello[ #osE le a2rebbe siste%ate del tutto. Tre%ila sterline[ Non gli sarebbe costato tro//o &are a %eno di una so%%a tanto ragguarde2ole. #i /ensJ su /er tutto il giorno, e /er %olti giorni a seguire, e non si /entE del suo /ro/osito. A//ena concluso il &unerale del /adre, la signora DashGood, sen*a a2er &atto nulla /er a22ertire delle sue inten*ioni la suocera, si /resentJ con il ba%bino e la ser2itA. Nessuno /ote2a negarle un tale diritto: la casa era di suo %arito, dal %o%ento della %orte del /adre; %a l7indelicate**a del suo co%/orta%ento era /ro/rio /er -uesto tanto /iA gra2e, e /oi un gesto si%ile non /ote2a non risultare, /er -ualsiasi donna ca/ace di un %ini%o di senti%enti che si tro2asse nella situa*ione in cui di &atto era la signora DashGood, assai /oco si%/atico; oltretutto la signora DashGood a2e2a un senso dell7onore tanto delicato e una generositC cosE ro%antica che -ualun-ue o&&esa del genere, chiun-ue &osse a in&liggerla o a subirla, sarebbe bastata a suscitare in lei il /iA /ro&ondo disgusto. 6a %oglie di 1ohn DashGood non era stata %ai %olto gradita a nessuno della &a%iglia di suo %arito; %a &ino a -uel %o%ento non a2e2a a2uto occasione di di%ostrare -uanto /oco ris/etto /er gli altri /otesse %ani&estare -uando le circostan*e lo consenti2ano. 6a signora DashGood si o&&ese tal%ente /er -uesto co%/orta%ento 2illano e dis/re**J tanto la nuora, che a2rebbe abbandonato la casa all7istante, e /er se%/re; %a /ri%a le su//liche della &iglia %aggiore la con2insero a ri&lettere sull7o//ortunitC di andarsene; /oi il tenero a%ore che nutri2a /er le sue tre raga**e le &ece decidere di &er%arsi ed e2itare, /er a%ore loro, una rottura con l7unico &ratello che a2e2ano. Elinor, la &iglia %aggiore, il cui /arere era stato tanto in&luente, /ossede2a un7intelligen*a e una luciditC che &ace2ano di lei, anche se a2e2a solo dicianno2e anni, la consigliera di sua
4;;

%adre, e s/esso l7a2e2ano %essa in grado di controbilanciare, a 2antaggio di tutte -uante loro, -uell7i%/ulsi2itC che so2ente s/inge2a la signora DashGood all7i%/ruden*a. A2e2a %olto cuore, un7indole a&&ettuosa e senti%enti /ro&ondi, %a sa/e2a do%inarli: un7arte che sua %adre non a2e2a ancora i%/arato, e che una delle sue sorelle a2e2a deciso di non i%/arare %ai. 6e doti di arianne erano, sotto %olti as/etti, co%/leta%ente uguali a -uelle di Elinor. Era assennata e intelligente, %a esagerata in ogni cosa; i suoi dolori e le sue gioie non conosce2ano %odera*ione. Era generosa, a%abile e interessante; era tutto, eccetto che /rudente. 6a so%iglian*a &ra lei e sua %adre era i%/ressionante. Elinor 2ede2a con /reoccu/a*ione la sensibilitC esas/erata di sua sorella; la signora DashGood, in2ece, la esalta2a e la colti2a2a. Adesso, %adre e &iglia si incoraggia2ano a 2icenda nell7esas/erare la loro a&&li*ione. "l dolore che al /rinci/io le a2e2a so/ra&&atte 2eni2a 2olontaria%ente rinno2ato, cercato, ricreato continua%ente. Si abbandona2ano del tutto al dolore, attingendo una dose ulteriore di angoscia da tutte le ri&lessioni che lo accresce2ano, decise a non tollerare alcuna &utura consola*ione. Elinor era, anche lei, /ro&onda%ente addolorata; tutta2ia /ro2a2a a &arsi coraggio, a lottare. Si consultJ con il &ratello, rice2ette la cognata -uando -uesta arri2J e la trattJ con do2eroso ris/etto, tentJ /er&ino di sollecitare sua %adre a &are lo stesso s&or*o e di incoraggiarla a %ostrare la stessa tolleran*a. argaret, l7altra sorella, era una raga**a allegra, /iena di buone -ualitC; %a sicco%e a2e2a giC assorbito una discreta dose del ro%anticis%o di arianne sen*a a2ere la sua ca/acitC di discerni%ento, non /ro%ette2a, a tredici anni, di uguagliare le sorelle in un /eriodo successi2o della 2ita.

4;8

#apitolo secondo
Or%ai la %oglie di 1ohn si era insediata a Norland da /adrona; sua suocera e le cognate erano state degradate alla condi*ione di os/iti. Pro/rio /erchI tali, 2eni2ano /erJ trattate da lei con %isurata cortesia, e, da suo %arito, con tutto l7a&&etto che /ote2a /ro2are 2erso chiun-ue non &osse lui stesso, sua %oglie o il loro ba%bino. 6ui insistette, an*i, con un certo calore, /erchI considerassero Norland co%e casa loro; e 2isto che nessun altro /rogetto se%bra2a tanto con2eniente alla signora DashGood -uanto -uello di ri%anere lC &ino a che non a2esse /otuto siste%arsi in una casa dei dintorni, il suo in2ito &u accettato. $i%anere in un /osto do2e tutto le ricorda2a la /assata &elicitC era /ro/rio -uello che /iA si addice2a al suo s/irito. Nei /eriodi di gioia, non c7era carattere /iA allegro del suo, o /iA ricco di -uella a//assionata attesa della &elicitC che D la &elicitC stessa; %a nella so&&eren*a era ugual%ente trascinata dalla &antasia e non conosce2a con&orto, cosE co%e non a2e2a li%iti nella &elicitC. 6a %oglie di 1ohn DashGood non a//ro2a2a /er nulla -uello che il %arito intende2a &are /er le sorelle. Togliere tre%ila sterline alla sostan*a del loro caro raga**ino 2ole2a dire de/au/erarlo, cosE lo /regJ di /ensarci ancora. #o%e /ote2a giusti&icare a se stesso di derubare suo &iglio, e /er di /iA il suo unico &iglio, di una so%%a cosE signi&icati2a. E -uali /retese /ote2ano a2ere le signorine DashGood, che gli erano /arenti solo /er %etC, e che lei non considera2a ne//ure /arenti, /er giusti&icare la sua generositC. Era risa/uto che tra i &igli nati da di2ersi letti non /ote2a esserci 2ero a&&etto; /erchI dun-ue do2e2a ro2inarsi, e ro2inare il loro /o2ero, /iccolo Fenry, regalando tutto il suo denaro alle sorellastre. ,\ stata l7ulti%a richiesta di %io /adre0, ris/onde2a il %arito, ,che io assistessi la sua 2edo2a e le &iglie0. ,Oserei dire che non sa/e2a -uel che sta2a dicendo; dieci contro uno che in -uel %o%ento non a2e2a la testa a /osto. Se &osse stato in /ieno /ossesso delle sue &acoltC, non gli sarebbe %ai 2enuto in %ente di chiederti di togliere a tuo &iglio %etC della tua &ortuna[0. ,Non si D /arlato di una so%%a /recisa, cara )anny; %i ha solo i%/lorato, in ter%ini generici, di assisterle e rendere la loro situa*ione /iA con&orte2ole di -uanto /otesse &are lui. Sarebbe &orse stato %eglio se a2esse lasciato del tutto a %e la cosa. Non /ote2a certo sos/ettare che le a2rei trascurate. a 2isto che ha richiesto -uella /ro%essa, non /ote2o &are altro che dargliela; o al%eno, cosE /ensa2o in -uel %o%ento. E dun-ue la /ro%essa D stata &atta, e adesso de2e essere %antenuta. Hisogna /ur &are -ualcosa /er loro non a//ena lasceranno Norland /er siste%arsi in un7altra casa0. ,Ebbene, allora, &accia%o -ualcosa /er loro: %a non D necessario arri2are a tre%ila sterline. #onsidera0, aggiunse, ,che i soldi, una 2olta tirati &uori, non tornano /iA. 6e tue sorelle si s/oseranno, e saranno /erduti /er se%/re. Se /otessero ritornare al nostro /o2ero ba%bino...0. ,Suesto D 2ero0, disse suo %arito con %olta serietC, ,cosE sarebbe un7altra cosa. 9n giorno Farry /otrebbe ri%/iangere che gli sia stata tolta una so%%a cosE cos/icua. Se do2esse a2ere una &a%iglia nu%erosa, /er ese%/io, sarebbe un7integra*ione %olto utile0. ,#erto che lo sarebbe0. ,)orse, allora, sarebbe %eglio /er tutti ridurre la so%%a di %etC. #in-uecento sterline ra//resenterebbero un &antastico au%ento /er il loro /atri%onio[ 0.
4;3

,Oh, anche tro//o grande[ Suale &ratello sulla terra &arebbe la %etC di tanto /er le /ro/rie sorelle, anche se &ossero 2ere sorelle[ entre loro in2ece... sono solo sorellastre[ a tu hai un7ani%a cosE generosa[0. ,Non 2orrei &are nulla di %eschino0, ris/ose lui. ,"n casi del genere, D se%/re %eglio &are tro//o che tro//o /oco. Al%eno, nessuno /otrC /ensare che non ho &atto abbastan*a /er loro: loro stesse non /otrebbero certo as/ettarsi /iA di tanto0. ,Suello che /ossono as/ettarsi loro non lo sa//ia%o0, disse la signora, ,%a noi non dobbia%o /ensare alle loro as/ettati2e: il /unto D -uello che tu /uoi /er%etterti di &are0. ,#erto, e /enso di /oter%i /er%ettere di dare loro cin-uecento sterline a testa. #osE, sen*a nessuna aggiunta di %io, alla %orte della %adre ognuna di loro a2rC circa tre%ila sterline: un /atri%onio /iA che adeguato /er -ualsiasi gio2ane donna0. ,\ sen*7altro cosE; an*i, %i 2iene in %ente che do/o tutto /otrebbero non a2ere a&&atto bisogno di un7integra*ione. A2ranno dieci%ila sterline da di2idere tra loro. Se si s/osano, /otranno certa%ente tro2are un7otti%a siste%a*ione; altri%enti, /otranno 2i2ere insie%e %olto co%oda%ente con gli interessi di dieci%ila sterline0. ,Suesto D 2erissi%o, %a allora non so se, nel co%/lesso, non sarebbe /iA consigliabile &are -ualcosa /er la loro %adre &inchI D 2i2a, /iuttosto che /er loro; intendo -ualcosa del ti/o di un 2itali*io. 6e %ie sorelle ne trarrebbero 2antaggio, co%e lei. 9n centinaio di sterline all7anno /otrebbe siste%arle /iA che bene tutte e -uattro0. 6a %oglie esitJ un /o7, /erJ, /ri%a di acconsentire a -uel /rogetto. ,#erto0, disse, ,D %eglio che se/ararsi da %ille e cin-uecento sterline tutte in una 2olta. a /oi, se la signora DashGood do2esse 2i2ere ancora -uindici anni, ci tro2ere%%o a essere stati raggirati0. ,Suindici anni[ a %ia cara )anny, la sua 2ita /uJ non durare ne%%eno la %etC0. ,#erto che no; /erJ, se ci &ai caso, -uando c7D in ballo un 2itali*io la gente se%bra 2i2ere in eterno; e lei D sana e robusta, e non ha che -uarant7anni. 9n 2itali*io D un /roble%a serio; si ri/ro/one tutti gli anni e non c7D %odo di liberarsene. Non sai -uello che stai &acendo. "o so bene -uanti /roble%i co%/ortino i 2itali*i, /erchI %ia %adre era tenuta, /er 2ia del testa%ento di %io /adre, a /agare tre 2ecchi ser2itori a ri/oso, e /er lei -uesto ha ra//resentato un /roble%a inenarrabile. "l 2itali*io do2e2a esser /agato due 2olte l7anno; e /oi c7era la seccatura di &arglielo a2ere; una 2olta ci &u detto che uno di loro era %orto, e /oi 2enne &uori che non era 2ero niente. ia %adre non ne /ote2a /iA. 6a sua rendita, dice2a, non era /iA sua, con -uelle /retese /er/etue; ed era stato uno sgarbo da /arte di %io /adre, tanto /iA che altri%enti il denaro sarebbe ri%asto co%/leta%ente a dis/osi*ione di %ia %adre, sen*a alcun ti/o di restri*ioni. Suesto ha /ro2ocato in %e un tale orrore dei 2itali*i che /er nulla al %ondo 2orrei tro2ar%i a do2erne /agare uno0. ,#erto D una cosa s/iace2ole0, re/licJ il signor DashGood, ,un si%ile stillicidio annuale delle /ro/rie rendite D %olto sgrade2ole. #o%e giusta%ente osser2a2a tua %adre, uno non /uJ /iA dirsi /adrone del suo /atri%onio. Essere tenuti al /aga%ento regolare di una certa so%%a, a ogni scaden*a /restabilita, non D /ro/rio desiderabile: do2e 2a a &inire l7indi/enden*a[0. ,Non c7D dubbio; e alla &in &ine non ti dicono ne%%eno gra*ie. Si sentono al sicuro, /ensano che tu non &accia altro che -uanto D loro do2uto, e non nutrono /ro/rio nessuna gratitudine. Se &ossi in te, -ualun-ue cosa decidessi di &are, la &arei a %ia intera discre*ione. Non %i sobbarcherei nessun i%/egno annuale. Potrebbe essere %olto di&&icile, tra -ualche anno, tirare &uori cento, o anche cin-uanta sterline, dal nostro bilancio0. ,#redo tu abbia ragione, a%or %io; in -uesto caso sarC %eglio lasciar /erdere il 2itali*io:
48=

-uello che sarJ in grado di dare ogni tanto sarC %olto /iA utile di un assegno annuale, /erchI se a2essero la certe**a di un reddito su/eriore co%incerebbero a &are una 2ita /iA dis/endiosa, e alla &ine dell7anno non si ritro2erebbero /iA ricche di un centesi%o. Suesta D sen*7altro la strada %igliore: una dona*ione di cin-uecento sterline, di tanto in tanto, &arC sE che non si tro2ino in di&&icoltC &inan*iarie, e, s/ero, ade%/irC a%/ia%ente la /ro%essa &atta a %io /adre0. , a certo[ An*i, a dire la 2eritC, in cuor %io sono con2inta che tuo /adre non intende2a che tu dessi loro dei soldi. Oserei dire che l7assisten*a a cui allude2a era solo -uella che si /ote2a ragione2ol%ente attendersi da te: /er ese%/io, cercare loro una co%oda casetta, aiutarle a &are il trasloco, %andare loro in regalo della sel2aggina e -ualche /esce e cosE 2ia, a seconda della stagione. #i sco%%etterei la 2ita che non intende2a /iA di -uesto: in 2eritC, sarebbe %olto strano e irragione2ole se a2esse /ensato a -ualcosa di di2erso. Pensa, caro 1ohn, co%e 2i2ranno bene, tua %adre e le tue sorelle, con gli interessi di sette%ila sterline, in aggiunta alle %ille di ciascuna delle raga**e, che &ruttano loro cin-uanta sterline all7anno a testa, da cui, natural%ente, do2ranno togliere -uello che s/etta alla %adre /er il loro %anteni%ento. #o%un-ue sia, tutte insie%e a2ranno cin-uecento sterline all7anno; e cosa /ossono %ai desiderare di /iA su -uesta terra -uattro donne. )aranno le loro econo%ie[ Non terranno nI carro**a nI ca2alli, e ben /ochi do%estici; non rice2eranno e non a2ranno s/ese di nessun ti/o[ Pensa co%e staranno bene[ #in-uecento sterline all7anno[ Ti assicuro che non riesco ne//ure a i%%aginare co%e /otranno s/enderne solo la %etC; /ensare che tu debba dare loro dell7altro, D co%/leta%ente assurdo. agari saranno loro a /oter dare -ualcosa a te0. ,Parola %ia0, disse 1ohn DashGood, ,credo tu abbia /ro/rio ragione. Di certo %io /adre non /ote2a chieder%i /iA di -uanto dici tu. Ora lo ca/isco bene, e ade%/irJ stretta%ente ai %iei obblighi %ediante l7o/era di assisten*a e i gesti gentili che tu hai descritto. Suando %ia %adre si tras&erirC in un7altra casa, %i i%/egnerJ subito ad assisterla co%e %eglio /osso. Allora /otrebbe essere o//ortuno anche regalare loro -ualche %obile0: ,#erta%ente0, ris/ose la %oglie di 1ohn. ,#7D tutta2ia da /rendere in considera*ione un7altra cosa. Suando tuo /adre e tua %adre si sono tras&eriti a Norland, -uantun-ue la %obilia di Stanhill &osse stata 2enduta, tutti i ser2i*i di /orcellana, l7argenteria e la biancheria sono stati %essi da /arte, e adesso sono ri%asti a tua %adre. Suindi la sua casa, -uando la /renderC, sarC giC attre**ata -uasi al co%/leto0. ,\ una considera*ione che ha il suo /eso, non c7D dubbio. 9n lascito di 2alore, certo[ E /ensare che /arte dell7argenteria /otrebbe ra//resentare una bella integra*ione a -uella che abbia%o -ui0. ,Pro/rio; e il ser2i*io di /orcellana /er la cola*ione D due 2olte /iA bello di -uello di -uesta casa. An*i, a /arer %io, D &in tro//o bello /er la casa in cui loro /otranno /er%ettersi di abitare. a bisogna accettarlo. Tuo /adre non /ensa2a che a loro. PerJ bisogna dirlo: non gli de2i /ro/rio nessuna /articolare gratitudine, nI alcun riguardo /er i suoi desideri, dato che sa//ia%o benissi%o che lui, se a2esse /otuto, a2rebbe lasciato -uasi tutto a loro0. 9n tale argo%ento si di%ostrJ irresistibile. Tras&or%J in risolute**a ogni /er/lessitC di 1ohn DashGood; cosE, alla &in &ine, decise che non era assoluta%ente necessario, e an*i che sarebbe stato addirittura indecoroso, &are /er la 2edo2a e le &iglie di suo /adre -ualcosa di /iA degli atti di cortesia che a2e2a indicato sua %oglie.

484

#apitolo ter o
6a signora DashGood ri%ase a Norland /er /arecchi %esi; %a non /er una riluttan*a ad andarsene, ora che la 2ista di -uei luoghi tanto cari non suscita2a /iA le 2iolente e%o*ioni che a2e2a destato /er un certo te%/o; chI an*i, da -uando il suo s/irito a2e2a co%inciato a ri/rendersi, e la sua %ente era tornata ca/ace di &are -ualche altra cosa oltre a esacerbare il dolore con i tristi ricordi, era di2enuta i%/a*iente di andarsene, e in&aticabile nel cercare una residen*a con2eniente nelle 2icinan*e di Norland, dato che le era i%/ossibile allontanarsi tro//o da -uei luoghi a%ati. Non riusci2a /erJ a tro2are nessuna siste%a*ione che si addicesse allo stesso te%/o alle sue idee di agio e co%oditC e alla /ruden*a della &iglia %aggiore, il cui accorto giudi*io a2e2a res/into, /erchI tro//o costose /er i loro redditi, 2arie case che la %a%%a a2rebbe a//ro2ato. 6a signora DashGood era stata in&or%ata dal %arito della solenne /ro%essa, che a2e2a con&ortato i suoi ulti%i /ensieri terreni, &atta dal &iglio a loro &a2ore. 6a ritene2a sincera, co%e l7a2e2a ritenuta anche suo %arito, e /er l7a%ore che /orta2a alle &iglie ci /ensa2a con /iacere, anche se, -uanto a se stessa, era /ersuasa che un /atri%onio di sette%ila sterline sarebbe bastato a &arla 2i2ere co%oda%ente. Ne era &elice anche /er il loro &ratello, ne era &elice /er il suo buon cuore; e si ri%/ro2era2a di essere stata ingiusta 2erso i suoi %eriti, di a2erlo creduto inca/ace di generositC. "l suo co%/orta%ento /re%uroso 2erso di lei e 2erso le sorelle la con2ince2a che il loro benessere gli sta2a a cuore, e /er %olto te%/o &ece conto sulla liberalitC delle sue inten*ioni. 67anti/atia che a2e2a /ro2ato /er la nuora all7ini*io della loro rela*ione crebbe %olto, con la %aggiore conoscen*a del suo carattere consentita da %e**o anno di con2i2en*a con lei e la sua &a%iglia; e &orse, a dis/etto di -ualsiasi riguardo suggerito alla /iA an*iana dalla cortesia o dall7a&&etto %aterno, le due signore non a2rebbero /otuto 2i2ere insie%e tanto te%/o, se non si &osse /resentata una circostan*a /articolare che rende2a alla signora DashGood anche /iA desiderabile la /er%anen*a sua e delle &iglie a Norland. 6a circostan*a &u una crescente si%/atia tra la &iglia %aggiore e il &ratello della %oglie di 1ohn, un gio2anotto distinto e si%/atico che conobbero a//ena la nuo2a /adrona di casa si &u insediata a Norland, e che, da allora, trascorse lC gran /arte del suo te%/o. Alcune %adri a2rebbero incoraggiato -uell7inti%itC, /er %oti2i d7interesse, 2isto che EdGard )errars era il /ri%ogenito di un uo%o che era %orto %olto ricco; altre %agari l7a2rebbero contrastata /er %oti2i di /ruden*a, /erchI, tranne una so%%a irrile2ante, tutta la sua &ortuna di/ende2a dalla %adre. a la signora DashGood non era in&luen*ata nI dall7una nI dall7altra considera*ione. Per lei basta2a che se%brasse un bra2o gio2ane, che a%asse sua &iglia e &osse rica%biato. Era contro ogni sua con2in*ione che una di&&eren*a di condi*ioni &inan*iarie se/arasse una co//ia attratta da un7a&&initC di senti%enti; e il &atto che i %eriti di Elinor non &ossero riconosciuti da tutti -uelli che la conosce2ano era, /er lei, addirittura inco%/rensibile. EdGard )errars non si distingue2a /er nessuna /articolare dote della /ersona o dell7atteggia%ento. Non era bello, e le sue %aniere riusci2ano grade2oli solo nell7inti%itC. Era tro//o /ri2o di &iducia in se stesso /er &ar giusti*ia alle /ro/rie doti, %a -uando 2ince2a la naturale ti%ide**a il suo co%/orta%ento ri2ela2a un cuore a/erto e a&&ettuoso. Era intelligente, e la sua %ente era stata a%/liata e arricchita dall7istru*ione. Gli %anca2ano
48+

tutta2ia le doti e la dis/osi*ione /er soddis&are i desideri della %adre e della sorella, che 2ole2ano 2ederlo distinguersi... co%e, non lo sa/e2ano ne//ure loro. a in un %odo o in un altro 2ole2ano che &acesse bella &igura nel %ondo. Sua %adre sogna2a che si desse alla /olitica, e di /oterlo 2edere al Parla%ento, o legato a -ualcuno dei grandi uo%ini del %o%ento. 6a %oglie di 1ohn DashGood a2e2a /er lui le stesse as/ira*ioni; %a intanto, nell7attesa di raggiungere una di tali eccelse &ortunI, si sarebbe accontentata di 2ederlo guidare un birroccio. a EdGard non a2e2a si%/atia nI /er la &a%a nI /er i birrocci. Tutti i suoi desideri &ace2ano ca/o alle gioie do%estiche e alla tran-uillitC della 2ita /ri2ata. )ortunata%ente a2e2a un &ratello %inore che risulta2a /iA /ro%ettente. EdGard do2ette stare in casa con loro /arecchie setti%ane /ri%a di attirare l7atten*ione della signora DashGood; a -uel te%/o in&atti era tro//o /resa dal suo dolore /er badare a -uanto la circonda2a. Si accorge2a solo del &atto che era tran-uillo e riser2ato, che non disturba2a i suoi senti%enti con una con2ersa*ione i%/ortuna e, /er -uesto, le /iace2a. )u sollecitata a osser2arlo e ad a//ro2arlo, all7ini*io, da un7osser2a*ione lasciata cadere da Elinor in %erito alla di&&eren*a &ra lui e sua sorella. "l contrasto era tale che non /ote2a non renderlo gradito alla %adre. ,Hasta0, a&&er%J, ,dire che non asso%iglia a )anny ed D giC su&&iciente. "%/lica tutto -uello che ci /uJ essere di a%abile. Gli 2oglio giC bene0. ,#redo che gli 2orrete bene0, osser2J Elinor, ,-uando lo conoscerete %eglio0. ,Suando lo conoscerJ %eglio[0, ribattI sua %adre sorridendo. ,Non ho %ai /ro2ato un senti%ento d7a//ro2a*ione che non andasse di /ari /asso con l7a&&etto0. ,Potreste sti%arlo0. ,Non ho %ai sa/uto co%e si /ossa se/arare la sti%a dall7a&&etto0. 6a signora DashGood si dedicJ dun-ue a &are a%ici*ia con EdGard, e i suoi %odi erano tanto attraenti che in bre2e te%/o riuscE a bandire da lui ogni riserbo. #osE non tardJ a riconoscere tutti i suoi %eriti; la certe**a del suo interesse /er Elinor &orse aiutJ la co%/rensione, %a di certo la signora giunse a sentirsi sicura del suo 2alore, e /er&ino la %ansuetudine che contrasta2a con -uello che, a sua 2ista, a2rebbe do2uto essere l7atteggia%ento /iA a//ro/riato /er un gio2anotto, non le se%brJ /iA una %ani&esta*ione d7insi/ien*a, dato che nasconde2a un cuore d7oro e un carattere a&&ettuoso. A//ena sco/rE -ualche segno di a&&etto nel suo co%/orta%ento 2erso Elinor, si ritenne certa che ci &osse tra loro un attacca%ento serio, e co%inciJ ad attendere con gioia il ra/ido a22icinarsi del loro %atri%onio. ,Tra /ochi %esi, %ia cara arianne0, dichiarJ, ,con ogni /robabilitC Elinor sarC siste%ata. Noi sentire%o la sua %ancan*a, %a lei sarC &elice0. ,Oh, %a%%a[ a co%e &are%o sen*a di lei.0 ,Tesoro %io, non si /otrC ne%%eno /arlare di una se/ara*ione. Ki2re%o a /oche %iglia di distan*a e ci 2edre%o tutti i santi giorni. Koi guadagnerete un &ratello... un 2ero &ratello, a&&e*ionato. Fo una grande sti%a del cuore di EdGard. a arianne, se%bri cosE seria; &orse disa//ro2i la scelta di tua sorella. 0 ,)orse0, ris/ose arianne, ,%i sor/rende un /o7. EdGard D %olto caro, e ho /er lui %olto a&&etto. E tutta2ia, non D il ti/o di gio2anotto... in lui %anca -ualcosa, la sua &igura non &a col/o... non ha nessuna di -uelle doti che %i sarei attesa di tro2are nell7uo%o ca/ace di con-uistare %ia sorella. Nei suoi occhi non c7D traccia di -uello s/irito, -uel &uoco che denotano il senti%ento e l7intelligen*a. E oltretutto, %a%%a, te%o /ro/rio che non abbia alcun gusto. 6a %usica se%bra signi&icare assai /oco /er lui, e anche se a%%ira %olto i
48:

disegni di Elinor, la sua non D l7a%%ira*ione di una /ersona che ne ca/isca da22ero il 2alore. \ chiaro, nonostante l7interesse che %ostra -uando lei disegna, che non ne ca/isce nulla. 67a%%ira co%e un inna%orato, non co%e un intenditore. Per soddis&are %e, -uesti due ti/i do2rebbero essere uniti. Non /otrei essere &elice con un uo%o i cui gusti non coincidessero con i %iei sotto ogni /unto di 2ista[ Do2rebbe condi2idere tutti i %iei senti%enti; ci do2re%%o sentire entra%bi attratti dallo stesso libro, dalla stessa %usica. Oh, %a%%a, co%7era noiosa e banale la lettura che EdGard ci ha &atto ieri sera[ A %e dis/iace2a %oltissi%o /er %ia sorella. E//ure lei l7ha so//ortata con grande co%/oste**a, /are2a -uasi che non se ne accorgesse. "o non riusci2o -uasi a star &er%a. Sentire -uei bellissi%i 2ersi che tante 2olte %i hanno -uasi &atto i%/a**ire, recitati con -uella i%/assibile &le%%a, con -uell7orribile indi&&eren*a[0. ,"ndubbia%ente a2rebbe &atto %eglio se si &osse trattato di una /rosa se%/lice ed elegante. i D 2enuto in %ente; %a tu hai 2oluto /ro/rio dargli #oG/er0. , a%%a[ Se non riesce a &arsi trascinare da #oG/er[ a bisogna a%%ettere che esistono di&&eren*e nei gusti. Elinor non condi2ide il %io %odo di sentire, e /erciJ /otrC /assarci so/ra, ed essere &elice con lui. a se &ossi stata io a esserne inna%orata, %i si sarebbe s/e**ato il cuore a sentirlo leggere con cosE /oca sensibilitC. a%%a, /iA conosco il %ondo, /iA %i con2inco che non tro2erJ %ai un uo%o da22ero degno di essere a%ato. Pretendo tanto[ Do2rC a2ere tutte le 2irtA di EdGard, %a la sua /ersona e le sue %aniere do2ranno essere dotate di tutto il &ascino /ossibile0. ,$icorda, a%or %io, che non hai ancora diciassette anni. \ tro//o /resto /er dis/erare di una si%ile &elicitC. PerchI do2resti essere %eno &ortunata di tua %adre. "n una cosa soltanto, cara arianne, 2orrei che il tuo destino &osse di2erso dal %io[0.

485

#apitolo quarto
,#he /eccato, Elinor0, disse arianne, ,che EdGard non sia /ortato /er il disegno[0. ,Non D /ortato /er il disegno.0, ribattI Elinor, ,%a /erchI dici cosE. Non disegna, d7accordo, %a gli /iace %olto guardare le o/ere altrui, e ti assicuro che non gli %anca a&&atto un certo gusto naturale, anche se non ha a2uto occasioni di colti2arlo. Se ci si &osse dedicato, sono sicura che disegnerebbe benissi%o. Fa tanta /oca &iducia nel /ro/rio giudi*io che D se%/re restio a dare il suo /arere su un di/into; /erJ ha un gusto istinti2o se%/lice e /reciso, che in genere lo guida assai bene0. arianne, /er /aura di di2enire o&&ensi2a, non insistette su -uell7argo%ento; %a il ti/o di a//re**a%ento suscitato in EdGard, a detta di Elinor, dalle o/ere degli altri era tro//o lontano da -uell7estatico entusias%o che era il solo, a suo /arere, che si /otesse chia%are gusto artistico. Pur sorridendo &ra sI di -uel &raintendi%ento, a%%irJ la sorella /er -uella cieca /ar*ialitC 2erso EdGard che ne era all7origine. ,S/ero, arianne0, continuJ Elinor, ,che tu non lo giudichi del tutto /ri2o di gusto. "n 2eritC, credo di /oter dire che non lo giudichi in -uesto %odo, /erchI con lui sei cordiale, %entre se -uella &osse la tua o/inione, sono sicura che non ti di%ostreresti ne%%eno educata 2erso di lui[0. arianne non se//e cosa ris/onderle. Non 2ole2a assoluta%ente &erire i senti%enti della sorella, %a d7altra /arte le risulta2a i%/ossibile dire cose che non /ensa2a. Alla &ine ris/ose: ,Non ti o&&endere Elinor, se il %io a//re**a%ento non D in tutto e /er tutto all7alte**a dei %eriti che gli riconosci tu. "o non ho certo a2uto tutte le occasioni che hai a2uto tu di 2alutare le tenden*e %eno a//ariscenti della sua %ente, le sue inclina*ioni e i suoi gusti; %a ho un7otti%a o/inione della sua serietC. Penso di lui tutto -uel che ci /uJ essere di bello e di buono0. ,Sono certa0, ribattI Elinor sorridendo, ,che il suo %iglior a%ico non a2rebbe nulla a ridire di &ronte a un tale elogio. Non /ote2i es/ri%erti con /iA calore0. arianne &u lieta di 2edere che sua sorella si accontenta2a cosE &acil%ente. ,#redo che della sua ragione2ole**a e della sua bontC0, continuJ Elinor, ,non /ossa dubitare nessuno di -uelli che lo conoscono abbastan*a da a2ere con lui una con2ersa*ione s/ontanea e &a%iliare. 6a sua intelligen*a e i suoi buoni /rincE/i sono nascosti solo dalla ti%ide**a che cosE s/esso lo costringe al silen*io. Tu lo conosci, e /uoi rendere giusti*ia al suo e&&etti2o 2alore; %a -uanto alle tenden*e %eno a//ariscenti, co%e le hai de&inite, le circostan*e ti hanno tenuta /iA all7oscuro di %e. 6ui e io sia%o stati lasciati insie%e un bel /o7, %entre tu eri tutta /resa dalla %a%%a, /er ade%/iere al /iA a&&ettuoso dei do2eri. "o l7ho 2isto %olto s/esso, ho studiato i suoi senti%enti e ho ascoltato le sue o/inioni nel ca%/o della letteratura e dell7estetica e, nel co%/lesso, /osso a**ardar%i a dichiarare che D consa/e2ole di %olte cose, che il /iacere che trae dai libri D %olto grande, che la sua i%%agina*ione D 2i2ace, il suo giudi*io lucido e corretto, e il suo gusto li%/ido e delicato. Suanto /iA lo si conosce tanto /iA si a//re**ano le sue ca/acitC, co%e /ure le sue %aniere e /er&ino la sua /ersona. A /ri%a 2ista, certo, il suo %odo di &are non col/isce; non /uJ de&inirsi bello, &ino a che non ci si accorge dell7es/ressione dei suoi occhi, che sono di una belle**a non co%une, e della dolce**a che tras/are dal suo 2iso. Adesso io lo conosco cosE bene che %i se%bra 2era%ente bello; o -uasi bello, al%eno. E tu che ne dici, arianne.0 ,Presto lo 2edrJ bello anch7io, Elinor, anche se adesso non %i riesce. Suando %i in2iterai a
48<

2olergli bene co%e a un &ratello, non coglierJ /iA i%/er&e*ioni sul suo 2iso, co%e ora non ne 2edo nel suo cuore0. A -uesta dichiara*ione Elinor trasalE e si sentE a disagio /er a2er tradito tanto calore /arlando di lui. EdGard occu/a2a un /osto %olto in alto nella sua sti%a. $itene2a che la considera*ione &osse contracca%biata; %a /er con2incere arianne del loro reci/roco attacca%ento a2rebbe a2uto bisogno di ben altra certe**a. Sa/e2a che -uel che arianne e sua %adre /ensa2ano un %o%ento, lo crede2ano 2ero il %o%ento successi2o; che, /er loro, desiderare 2ole2a dire s/erare, e s/erare attendersi che la s/eran*a si reali**asse; cosE cercJ di s/iegare alla sorella co%e sta2ano e&&etti2a%ente le cose. ,Non cercherJ di negare0, disse, ,di a2ere una grande sti%a di lui... 6o sti%o %oltissi%o, e %i /iace0. A -uesto /unto arianne /roru//e, indignata: ,6o sti%o[ i /iace[ a che cuore &reddo D il tuo, Elinor[ An*i, sei /eggio che &redda[ Tu ti 2ergogni di essere -ualcosa di di2erso. Ado/era un7altra 2olta -ueste /arole, e uscirJ i%%ediata%ente da -uesta stan*a0. Elinor non /otI trattenere una risata. ,Scusa%i0, disse, ,e stai /ur certa che non intende2o o&&enderti /arlando dei %iei senti%enti con tanta &le%%a. Puoi ritenerli /iA intensi di co%e io li abbia dichiarati; /uoi credere, inso%%a, che siano tanto grandi -uanto i suoi %eriti, e il sos/etto... la s/eran*a del suo a&&etto /er %e /ossano giusti&icare, sen*a i%/ruden*a e sen*a &ollia. a /iA in lC di tanto non andare. Non sono a&&atto sicura dei suoi senti%enti 2erso di %e. An*i, alle 2olte %i se%brano %olto incerti; e &inchI non saranno ri2elati in %odo chiaro, non /uoi %era2igliarti se /re&erirJ e2itare di incoraggiare in alcun %odo la %ia /ar*ialitC 2erso di lui. E /oi ci sono altre cose da considerare, oltre alla sua inclina*ione. EdGard non D a&&atto indi/endente. #he ti/o di donna sia 2era%ente sua %adre, noi non lo sa//ia%o; %a dagli accenni di )anny alle sue idee e al suo co%/orta%ento non sia%o %ai state /ortate a ritenerla %olto a%abile; e %i sbaglierei di grosso se /ensassi che EdGard stesso non sa//ia che incontrerebbe %olte di&&icoltC sulla sua strada, se 2olesse s/osare una raga**a che non dis/one nI di un grosso /atri%onio nI di un7alta /osi*ione sociale0. arianne si stu/E di riscontrare &ino a che /unto l7i%%agina*ione sua e di sua %adre a2esse /otuto %ettere a nudo la 2eritC. ,Ancora non siete &idan*ati[0, escla%J. , a certo lo sarete /resto, sen*a dubbio. E -uesto ritardo ci /orterC due 2antaggi. "o non ti /erderJ tanto /resto, ed EdGard a2rC %aggiori o//ortunitC di %igliorare il suo gusto naturale /er la tua atti2itC &a2orita, e -uesto sarC indis/ensabile alla 2ostra &elicitC &utura. Oh, se /otesse sentirsi tanto s/ronato dal tuo talento da i%/arare anche lui a disegnare, sarebbe &antastico[0. Elinor a2e2a detto alla sorella -uel che 2era%ente /ensa2a. Non /ote2a 2edere i /ro/ri senti%enti 2erso EdGard sotto una luce tanto &a2ore2ole -uanto arianne a2e2a creduto. "n lui c7era, alle 2olte, un abbatti%ento che, se non denota2a indi&&eren*a, lascia2a intra2edere -ualcosa di altrettanto scon&ortante. Se si &osse trattato di dubbi in %erito ai senti%enti di lei, -uesti dubbi lo a2rebbero reso sola%ente in-uieto; non a2rebbero /rodotto -uella %alinconia /ro&onda che s/esso lo assali2a. Si /ote2a cercare una causa /iA ragione2ole nella situa*ione di di/enden*a che gli /roibi2a di abbandonarsi al suo a&&etto. 6ei sa/e2a che sua %adre non gli a2rebbe %ai consentito di /oter 2i2ere in %odo /iace2ole a casa sua, nI /er%esso di &arsi una casa /er conto suo, se non si &osse attenuto stretta%ente ai suoi /rogetti grandiosi. Sa/endo ciJ, era i%/ossibile che Elinor si sentisse tran-uilla in /ro/osito. Era tutt7altro che sicura in %erito ai risultati della /re&eren*a %ostrata da EdGard 2erso di lei, risultati di cui sua %adre e sua sorella non dubita2ano a&&atto; an*i, -uanto /iA
48>

sta2ano insie%e, tanto /iA incerta se%bra2a la natura dei senti%enti del gio2ane; e alle 2olte, /er -ualche /enoso %o%ento, ritene2a che non si trattasse d7altro che di a%ici*ia. Tutta2ia, -uali che &ossero i li%iti dei senti%enti di lui, essi bastarono a &ar /reoccu/are sua sorella, -uando se ne accorse, e allo stesso te%/o Mil che era anche /iA &re-uenteN a renderla sgarbata. #olse la /ri%a occasione /er a&&rontare l7argo%ento con la suocera, /arlandole in %odo tanto signi&icati2o del grande a22enire che attende2a suo &ratello, della &er%a 2olontC della signora )errars che tutt7e due i suoi &igli &acessero un bel %atri%onio e del rischio che a2rebbe corso -ualsiasi raga**a che a2esse tentato di accala//iarlo , che la signora DashGood non /otI nI &ingere di non ca/ire nI cercare di conser2are la cal%a. 9scE dalla stan*a decisa a non es/orre la sua cara Elinor a -uelle insinua*ioni ne%%eno una setti%ana di /iA, -uali che &ossero i disagi e le s/ese di una /arten*a cosE i%/ro22isa. entre era in tale condi*ione di s/irito, le &u consegnata dalla /osta una lettera che contene2a una /ro/osta /articolar%ente te%/esti2a. Era l7o&&erta di a&&ittare, a condi*ioni %olto &a2ore2oli, una casetta di /ro/rietC di un suo lontano /arente, un ricco signore del De2onshire. Era lui stesso a scri2erle, e in tono decisa%ente a%iche2ole. A2e2a sa/uto che lei era in cerca di un alloggio, e anche se la casa che lui le /ote2a o&&rire era solo un %odesto 2illino, assicura2a che sarebbero state &atte tutte le ri/ara*ioni necessarie, nel caso che il /osto le &osse /iaciuto. Do/o a2er descritto %olto /articolareggiata%ente la casa e il giardino, insiste2a calorosa%ente /erchI andasse con le &iglie a Harton Par(, che era la sua residen*a, do2e a2rebbe /otuto 2alutare di /ersona sI il 2illino Mche era in&atti in -uella stessa /arrocchiaN /ote2a, con -ualche tras&or%a*ione, essere adattato /er lei. Se%bra2a 2era%ente ansioso di o&&rirle una siste%a*ione, e tutta la sua lettera era scritta con uno stile tanto cordiale che non /ote2a non /iacere alla cugina, in /articolar %odo in un %o%ento in cui so&&ri2a /er il co%/orta%ento &reddo e duro dei suoi /arenti /iA /rossi%i. Non ci &u -uindi bisogno di /rendere te%/o /er decidere, o in&or%arsi; la sua decisione era giC /resa %entre legge2a. 6a colloca*ione di Harton in una contea co%e il De2onshire, cosE lontana dal SusseO, solo /oche ore /ri%a sarebbe stata un %oti2o su&&iciente a &ar di%enticare -ualun-ue 2antaggio il /osto a2esse /otuto o&&rire; adesso era l7as/etto che /iA lo rende2a attraente. 6asciare i dintorni di Norland non era /iA un %ale; era, an*i, oggetto di desiderio; era una benedi*ione, in /aragone alle so&&eren*e causate dall7essere os/ite di sua nuora; e distaccarsi de&initi2a%ente da -uel luogo a%ato sarebbe stato %eno /enoso che abitarci, o tornare a 2isitarlo ora che -uella donna ne era la /adrona. Scrisse i%%ediata%ente a Sir 1ohn iddleton, /er ringra*iarlo della sua gentile**a e accettare la /ro/osta; /oi si a&&rettJ a %ostrare entra%be le lettere alle &iglie, /er essere sicura della loro a//ro2a*ione /ri%a di s/edire la sua ris/osta. Elinor a2e2a se%/re /ensato che &osse /iA /rudente /er loro siste%arsi a una -ualche distan*a da Norland, /iuttosto che nelle i%%ediate 2icinan*e delle loro attuali conoscen*e: sotto -uesto /unto di 2ista, dun-ue, non sarebbe stata certo lei a o//orsi all7inten*ione della %adre di tras&erirsi nel De2onshire. E /oi la casa, cosE co%e la descri2e2a Sir 1ohn, /are2a cosE %odesta, e l7a&&itto cosE insolita%ente %odico, da non lasciarle alcun diritto di &ar obie*ione; e cosE, nonostante il /rogetto non le risultasse /articolar%ente attraente, e nonostante co%/ortasse un allontana%ento da Norland %aggiore di -uanto lei a2rebbe desiderato, non tentJ in alcun %odo di dissuadere sua %adre dallo s/edire la ris/osta a&&er%ati2a.

48;

#apitolo quinto
Non a//ena &u s/edita la sua lettera, la signora DashGood si /rese la soddis&a*ione di co%unicare al &igliastro e a sua %oglie che ora dis/one2a di una casa, e che a//ena -uesta &osse stata /ronta /er essere abitata non li a2rebbe /iA disturbati con la sua /resen*a. 6oro accolsero la noti*ia con sor/resa. 6a %oglie di 1ohn DashGood non disse nulla; suo %arito in2ece, con /iA cortesia, es/resse la s/eran*a che si siste%asse non lontano da Norland. 6ei &u %olto soddis&atta di /oter ris/ondere che anda2a nel De2onshire. 9dendo ciJ, EdGard si 2olse di scatto a guardarla, e con un tono /ieno di %era2iglia e di /alese /reoccu/a*ione, ri/etI: ,Nel De2onshire[ Andrete da22ero &in laggiA. #osE lontano. E da -uale /arte.0. 6ei s/iegJ do2e era collocata la casa: circa -uattro %iglia /iA a nord di EOeter. ,Non D che un 2illino0, /roseguE, ,%a s/ero che %olti dei %iei a%ici 2engano a tro2ar%i. Si /ossono &acil%ente aggiungere una o due stan*e; e se i %iei a%ici non a2ranno di&&icoltC a &are un 2iaggio cosE lungo /er 2enire a 2isitar%i, di certo non ne a2rJ alcuna io /er siste%arli0. #hiuse con un /iA che cortese in2ito al signore e alla signora DashGood di andarla a tro2are a Harton; con EdGard, si es/resse in %odo anche /iA a&&ettuoso. Anche se la recente con2ersa*ione con sua nuora a2e2a /ro2ocato la sua decisione di non restare a Norland /iA dello stretto necessario, nei riguardi di -uello che ne era stato l7obietti2o s/eci&ico essa non a2e2a /rodotto su di lei il %ini%o e&&etto. Se/arare EdGard ed Elinor era /iA che %ai lontano dalle sue inten*ioni; ciJ che desidera2a &ar ca/ire alla %oglie di 1ohn, con -uell7in2ito tanto signi&icati2o, era che non tene2a /ro/rio in nessun conto la sua disa//ro2a*ione /er -uell7unione. 1ohn DashGood ri/etI /iA e /iA 2olte a sua %adre -uanto gli dis/iacesse che a2esse /reso una casa cosE lontana da Norland da rendergli i%/ossibile esserle utile nel trasloco. A dire la 2eritC, era coscien*iosa%ente dis/iaciuto della /iega che a2e2a /reso la situa*ione; giacchI -uella nuo2a siste%a*ione rende2a i%/ossibile -uell7inter2ento a cui lui a2e2a li%itato l7ade%/i%ento della /ro%essa &atta a suo /adre. " bagagli &urono s/editi 2ia %are. Si tratta2a /rinci/al%ente di biancheria, argenteria, 2asella%e, libri di &a%iglia e del bel /iano&orte di arianne. 6a %oglie di 1ohn DashGood 2ide /artire il carico con un sos/iro: non /ote2a &are a %eno di ra%%aricarsi che sua suocera, i cui redditi erano un7ine*ia in /aragone ai suoi, a2esse tali ese%/lari di arreda%ento do%estico. 6a signora DashGood /rese la casa /er un anno; era giC a%%obiliata, e a sua i%%ediata dis/osi*ione. Non ci &u alcuna di&&icoltC, nI da una /arte nI dall7altra; la signora attende2a sola%ente, /ri%a di %ettersi in 2iaggio, di essersi liberata dei suoi beni /ersonali a Norland e a2er /reso le decisioni /er la &utura siste%a*ione do%estica; e sicco%e era estre%a%ente sbrigati2a nell7eseguire le cose che le sta2ano a cuore, tutto &u /resto siste%ato. " ca2alli che le a2e2a lasciato suo %arito erano stati 2enduti subito do/o la sua %orte, e -uando si /resentJ l7occasione di 2endere la carro**a, lei accettJ di dis&arsi anche di -uella, su insisten*a della /ri%ogenita. Se a2esse assecondato solo i suoi desideri l7a2rebbe tenuta, /er co%oditC delle &iglie; %a la /ruden*a di Elinor /re2alse. )u lei che, saggia%ente, li%itJ a tre il nu%ero dei do%estici: due donne e un uo%o, scelti sen*a di&&icoltC &ra -uelli che giC erano stati a loro ser2i*io a Norland.
488

"l do%estico e una delle ca%eriere &urono i%%ediata%ente %andati nel De2onshire, a /re/arare la casa /er l7arri2o della loro /adrona, dato che -uesta, che non conosce2a 6ady iddleton, /re&eri2a recarsi diretta%ente al 2illino /iuttosto che essere os/ite a Harton Par(; si &ida2a cosE co%/leta%ente della descri*ione &atta da Sir 1ohn da non /ro2are nessuna curiositC di 2edere la casa /ri%a di stabilircisi. 6a sua ansia di andarsene da Norland era au%entata, an*ichI di%inuita, dall7e2idente soddis&a*ione della nuora all7idea della sua /arten*a; un &reddo in2ito a ri%andare la /arten*a &u tutto -uanto &ece la %oglie di 1ohn /er nascondere tale soddis&a*ione. Per 1ohn, era or%ai giunto il %o%ento di %antenere do2erosa%ente la /ro%essa &atta al /adre. Dato che a2e2a trascurato di &arlo -uando era entrato in /ossesso dell7ereditC, se%bra2a che l7occasione /iA idonea /er /ortarla a co%/i%ento si o&&risse ora che sua %adre e le sue sorelle abbandona2ano la casa; la signora DashGood /erJ non tardJ a /erdere -ualun-ue s/eran*a del genere, e a con2incersi, dalla /iega che /rende2a ogni 2olta la con2ersa*ione, che l7assisten*a /ro%essa non anda2a /iA in lC del loro %anteni%ento a Norland /er -uei sei %esi. 1ohn DashGood /arla2a cosE s/esso dell7au%ento delle s/ese /er la casa, e di -uei continui salassi subiti dal suo /orta&oglio a cui, nella sua /osi*ione sociale, era es/osto al di lC dell7i%%aginabile, che se%bra2a a2er bisogno di denaro lui stesso, in2ece che essere in condi*ione di darne agli altri. Nel giro di /ochissi%e setti%ane dall7arri2o a Norland della /ri%a lettera di Sir 1ohn iddleton, tutto nel nuo2o ri&ugio era giC siste%ato, in %odo che la signora DashGood e le sue &iglie /otessero %ettersi in 2iaggio. olte &urono le lacri%e che tutte loro 2ersarono, nel dare l7ulti%o addio a -uel luogo tanto a%ato. ,#aro, caro Norland[0, dice2a arianne aggirandosi /er la casa, l7ulti%a sera del loro soggiorno, ,-uando &inirJ di ri%/iangerti. Suando i%/arerJ a sentir%i a casa &uori di -ui. Oh, &elice di%ora, se tu sa/essi -uanto so&&ro nel guardarti da -uesto /unto, da cui &orse non ti guarderJ %ai /iA[ E 2oi, alberi tanto conosciuti[ Koi continuerete allo stesso %odo... Ne%%eno una &oglia a//assirC /erchI noi dobbia%o andarcene, ne%%eno un ra%o si seccherC /erchI noi non /ossia%o 2eder2i /iA[ No, 2oi continuerete allo stesso %odo, ignari del /iacere e del ri%/ianto che destate, e insensibili a -ualsiasi ca%bia%ento in coloro che /asseggiano sotto le 2ostre o%bre[ a chi ri%arrC a godere lo s/ettacolo che o&&rite.0.

483

#apitolo sesto
6a /ri%a /arte del loro 2iaggio &u co%/iuta in una dis/osi*ione d7ani%o tro//o %alinconica /er non essere noiosa o sgrade2ole; %a a %ano a %ano che si a22icina2ano alla %eta, l7interesse /er il /aese in cui do2e2ano abitare 2inse l7abbatti%ento, e la 2ista della 2alle di Harton, -uando ci entrarono, non %ancJ di renderle /iA allegre. Era un /osto &ertile e a%eno, /ieno di boschi e ricco di /ascoli. Do/o a2erlo attra2ersato seguendo /er /iA di un %iglio una strada ser/eggiante, giunsero alla loro casa. Tutto il terreno che c7era da2anti alla &acciata era costituito da un /iccolo /raticello 2erde; l7accesso era attra2erso un lindo cancello. #o%e casa, Harton #ottage, /er /iccolo co%7era, risulta2a co%odo e ben costruito; non /ote2a /erJ dirsi una 2era `casetta di ca%/agna`, /erchI a2e2a &or%a regolare, il tetto era co/erto di tegole, le /ersiane non erano di/inte di 2erde e le /areti non erano ri2estite di ca/ri&oglio. 9no stretto corridoio /orta2a diretta%ente, attra2erso la casa, nel giardino sul retro. Da ciascun lato dell7ingresso c7era un salotto di circa sei %etri -uadrati, dietro cui erano i ser2i*i e le scale. Suattro ca%ere da letto e due %ansarde costitui2ano il resto dell7edi&icio, che, costruito /ochi anni /ri%a, era in buono stato di conser2a*ione. "n con&ronto a Norland, era certo /iccolo e /o2ero[ a le lacri%e suscitate dai ricordi %entre entra2ano nella casa &urono /resto asciugate. 6e DashGood &urono accolte &estosa%ente dai do%estici, e ognuna di loro, /er a%ore delle altre, decise di &arsi 2edere contenta. Era l7ini*io di sette%bre; la stagione era bella, e 2edendo il /osto con tutti i 2antaggi del te%/o buono ne rica2arono un7i%/ressione &a2ore2ole, che ser2E non /oco a suscitare, da /arte loro, una dure2ole a//ro2a*ione. 6a colloca*ione della casa era buona. Alte colline le sorge2ano subito dietro, a bre2e distan*a le une dalle altre; alcune erano nude e a/erte, altre colti2ate e boscose. "l 2illaggio di Harton si stende2a /rinci/al%ente su una di -uelle colline, e costitui2a il gra*ioso /anora%a su cui a&&accia2ano le &inestre del 2illino. 6a 2eduta di &ronte era /iA a%/ia: do%ina2a tutta la 2alle e si s/inge2a anche /iA in lC. 6e colline che circonda2ano il 2illino chiude2ano, da -uella /arte, la 2alle che, con un altro no%e, rie%erge2a in un7altra dire*ione oltre le due alture %aggiori. Delle di%ensioni della casa e del %obilio la signora DashGood &u, nel co%/lesso, soddis&atta, nonostante lo stile di 2ita a cui era abituata rendesse indis/ensabile %olte aggiunte; &are %igliorie era in&atti, /er lei, una gioia; e in -uel /eriodo a2e2a denaro su&&iciente /er /ro22edere tutto -uel che era necessario a rendere i locali /iA co%odi ed eleganti. ,Suanto alla casa in se stessa0, disse, ,D sen*a dubbio tro//o /iccola /er la nostra &a%iglia, %a /er il %o%ento /otre%o starci abbastan*a co%odi, /erchI la stagione D tro//o a2an*ata /er i la2ori. )orse a /ri%a2era, se a2rJ denaro, co%e s/ero, /otre%o /ensare a costruire. Suesti due salottini sono entra%bi tro//o /iccoli /er i gru//i di a%ici che s/ero di 2edere s/esso raccolti -ui; ho una %e**a idea di inglobare in uno di essi il corridoio, e %agari anche /arte dell7altro, cosE da lasciare la su/er&icie restante co%e ingresso; un altro salotto /uJ essere aggiunto &acil%ente, con so/ra una ca%era da letto e una %ansarda, e allora di2enterC /ro/rio un 2illino co%odissi%o. Korrei che le scale &ossero belle. a non si /uJ /retendere tutto; d7altra /arte, credo che non sarebbe di&&icile ingrandirle. KedrJ co%e stare%o, -uanto a denaro, a /ri%a2era, /oi &are%o i nostri /rogetti di %igliorie0.
43=

Nel &ratte%/o, e &ino al %o%ento in cui sarebbe di2enuto /ossibile /rocedere a tutti -uei la2ori gra*ie alle econo%ie &atte su una rendita di cin-uecento sterline l7anno da una donna che non a2e2a %ai &atto econo%ia in 2ita sua, le DashGood &urono abbastan*a sagge da accontentarsi della casa cosE co%7era; e tutte si dettero da &are a siste%are -ua e lC i /ro/ri libri e gli altri oggetti di s2ago e di studio, cosE da /otersi dire a casa loro. "l /iano&orte di arianne &u tolto dall7i%ballo e siste%ato a do2ere, e i disegni di Elinor 2ennero attaccati alle /areti del salotto. Si tro2a2ano i%/egnate in -ueste occu/a*ioni -uando, il giorno do/o, subito do/o cola*ione, &urono interrotte dall7arri2o del /adrone di casa che era 2enuto a dare loro il ben2enuto a Harton e a o&&rire tutto ciJ che /otesse loro %ancare sul %o%ento, %ettendo a dis/osi*ione la sua casa e il suo giardino. Sir 1ohn iddleton era un bell7uo%o sulla -uarantina. A2e2a giC &atto loro una 2isita a Stanhill, %a era /assato tro//o te%/o /erchI le sue gio2ani cugine /otessero ricordarlo. 67es/ressione del suo 2iso era allegra e gio2ale, e i suoi %odi a%iche2oli co%e lo stile della sua lettera. Se%bra2a che il loro arri2o gli &acesse da22ero /iacere e che il loro benessere gli stesse da22ero a cuore. ParlJ tanto del /ro/rio 2i2issi%o desiderio che a22iassero un7a&&ettuosa a%ici*ia con la sua &a%iglia e insistette cosE cordial%ente /erchI andassero a /ran*o a Harton Par( tutti i giorni &ino a che non &ossero %eglio siste%ate nella loro casa che le sue richieste, /ur se cosE insistenti da rasentare -uasi l7indelicate**a, non suonarono a&&atto o&&ensi2e. 6a sua gentile**a non si li%itJ alla sole /arole; un7ora do/o la sua 2isita dalla 2illa giunse un grande cesto /ieno di 2erdure e di &rutta, seguito, /ri%a di sera, da un altro dono: cacciagione. Si o&&rE anche di /ortare e ritirare alla /osta tutta la loro corris/onden*a, e non consentE che gli &osse negata la soddis&a*ione di in2iare loro il suo giornale tutti i giorni. 6ady iddleton a2e2a %andato, tra%ite suo %arito, un7a%basciata %olto garbata, es/ri%endo l7inten*ione di andare a tro2are la signora DashGood a//ena la sua 2isita non risultasse i%/ortuna; e sicco%e le &u ris/osto con un in2ito altrettanto garbato, sua signoria &u loro /resentata il giorno do/o. Tutte loro erano, natural%ente, %olto ansiose di conoscere una /ersona da cui di/ende2a in gran /arte il loro benessere a Harton; e l7elegan*a del suo as/etto &u all7alte**a delle loro as/ettati2e. 6ady iddleton non a2e2a /iA di 2entisei o 2entisette anni; a2e2a un bel 2iso, una &igura alta e i%/onente e il suo atteggia%ento era /ieno d7attratti2a. " suoi %odi a2e2ano tutta l7elegan*a che %anca2a al %arito; sarebbero stati /erJ %igliorati da un /o7 della s/ontaneitC e del calore che lui a2e2a: e la 2isita &u abbastan*a lunga /er s%inuire un tantino l7a%%ira*ione suscitata a /ri%a 2ista, di%ostrando che, anche se era una 2era signora, era tutta2ia riser2ata e &redda, e non a2e2a nulla di suo da dire, a /arte le do%ande e le constata*ioni /iA o22ie. 6a con2ersa*ione, tutta2ia, non languE, /erchI Sir 1ohn chiacchierJ continua%ente, e /erchI 6ady iddleton a2e2a adottato la saggia /recau*ione di /ortarsi dietro il suo /ri%ogenito, un gra*ioso raga**ino di circa sei anni, cosicchI le signore a2e2ano se%/re un argo%ento a cui ricorrere in caso di necessitC; do2e2ano in&atti sa/ere il suo no%e e la sua etC, a%%irare la sua belle**a, ri2olgergli do%ande a cui sua %adre ris/onde2a al /osto suo, %entre lui se ne sta2a aggra//ato a lei a testa china, con grande sor/resa di sua signoria, che si stu/i2a di 2ederlo cosE ti%ido da2anti alla gente, %entre a casa non si riusci2a %ai a &arlo star *itto. "n ogni 2isita di cortesia do2rebbe esserci un ba%bino, /er ali%entare la con2ersa*ione. Nel caso in -uestione, ci 2ollero dieci %inuti buoni /er decidere se il /iccolo iddleton so%igliasse /iA al /adre o alla %adre, e cosa in /articolare a2esse /reso dall7uno o
434

dall7altra; /erchI natural%ente le o/inioni in %erito erano di&&erenti, e tutti si stu/i2ano dell7o/inione degli altri. a alle DashGood non tardJ a /resentarsi l7occasione di discutere anche a /ro/osito degli altri due ba%bini, /erchI Sir 1ohn non 2olle andarsene sen*a /ri%a essersi assicurato la loro /ro%essa di /ran*are alla 2illa il giorno successi2o.

43+

#apitolo settimo
Harton Par( dista2a dal 2illino %eno di un %iglio. 6e signore l7a2e2ano su/erato, al loro arri2o, attra2ersando la 2alle, %a era nascosto alla 2ista delle loro &inestre dalla s/orgen*a di una collina. 6a casa era grande e bella, e i iddleton conduce2ano lE un ti/o di 2ita in cui l7os/italitC era /ari all7elegan*a. 6a /ri%a era %erito di Sir 1ohn, l7altra di sua %oglie. Non ca/ita2a %ai che non a2essero os/ite /resso di loro -ualche a%ico, e rice2e2ano /iA. gente di -ualsiasi altra &a%iglia dei dintorni. #iJ era necessario alla &elicitC di entra%bi, /erchI, -uantun-ue di2ersi /er carattere e co%/orta%ento, si asso%iglia2ano co%e due gocce d7ac-ua in -uella assoluta %ancan*a di talento e di gusto che costitui2a un grosso li%ite alla /ossibilitC di tro2are -ualche occu/a*ione al di &uori di -uelle o&&erte dalla 2ita sociale. Sir 1ohn era uno s/orti2o, 6ady iddleton una %adre. 6ui se ne anda2a a caccia, lei &ace2a di2ertire i ba%bini. 6ady iddleton a2e2a il 2antaggio di /oter 2i*iare i suoi &igli tutto l7anno, %entre le occu/a*ioni /ersonali di Sir 1ohn dura2ano solo sei %esi; i continui i%/egni in casa e &uori, /erJ, co%/ensa2ano i li%iti sul /iano del te%/era%ento e della cultura, ali%enta2ano il buon u%ore di Sir 1ohn e tene2ano in allena%ento le belle %aniere di sua %oglie. 6ady iddleton si 2anta2a dell7elegan*a della sua ta2ola e di tutta la condu*ione della casa; e da -uesto ti/o di 2anitC rica2a2a gran /arte del /iacere che /ote2ano o&&rirle i suoi rice2i%enti. a la soddis&a*ione che Sir 1ohn trae2a dallo stare in co%/agnia era %olto %aggiore: gode2a nel raccogliere intorno a sI /iA gio2ani di -uanti la casa ne /otesse os/itare, e /iA chiasso &ace2ano /iA era contento. Era una benedi*ione /er la gio2entA dei dintorni, /erchI d7estate non &ace2a che organi**are escursioni /er %angiare /rosciutto e /ollo &reddo all7a/erto, e d7in2erno le sue &este da ballo erano abbastan*a &re-uenti /er -ualsiasi &anciulla che non &osse 2itti%a dell7insa*iabile a//etito dei -uindici anni. Se l7arri2o di una nuo2a &a%iglia in /aese era se%/re un %oti2o di gioia /er lui, delle in-uiline che s7era /rocurato /er la sua 2illetta di Harton era addirittura entusiasta. 6e signorine DashGood erano gio2ani, carine e /ri2e di a&&etta*ione. Tanto basta2a /er assicurarsi la sua si%/atia, /erchI essere /ri2a di a&&etta*ione D tutto -uel che ser2e a una bella raga**a a&&inchI il suo s/irito sia tanto seducente -uanto la sua /ersona. 6a sua s/ontanea cordialitC lo a2e2a reso lieto di &a2orire coloro la cui situa*ione /ote2a considerarsi, in con&ronto al /assato, ben /oco &ortunata. Di%ostrandosi buono e gentile 2erso le cugine a2e2a goduto dun-ue tutte le soddis&a*ioni di un cuore generoso; /er di /iA, siste%ando nel suo 2illino una &a%iglia di sole donne, a2e2a a//agato le esigen*e dello s/orti2o; /erchI lo s/orti2o, che D /ortato a sti%are solo gli es/onenti del suo sesso che sono s/orti2i co%e lui, non se%/re /erJ desidera incoraggiare le loro tenden*e /ortandoli ad abitare a casa sua. 6a signora DashGood e le sue &iglie &urono accolte sulla /orta da Sir 1ohn, che dette loro il ben2enuto a Harton Par( con genuina sinceritC; e %entre le acco%/agna2a in salotto, anda2a ri/etendo alle signorine il suo ra%%arico, giC es/resso abbondante%ente il giorno /recedente, /er non essere riuscito a catturare /er loro nessun gio2anotto attraente. A2rebbero tro2ato, disse, oltre a lui, solo un altro signore, un 2ecchio a%ico che era suo os/ite, e che non era nI gio2ane nI %olto di2ertente. S/era2a che a2rebbero scusato il &atto che la co%/agnia &osse cosE carente, e le assicurJ che non sarebbe successo %ai /iA. Suella %attina a2e2a 2isitato /arecchie &a%iglie nella s/eran*a di
43:

/rocurarsi -ualche altro os/ite, %a era te%/o di luna /iena e tutti a2e2ano un %ucchio di cose da &are. Per &ortuna era arri2ata a Harton, /ro/rio all7ulti%o %o%ento, la %adre di 6ady iddleton, e 2isto che costei era una signora %olto allegra e grade2ole, s/era2a che le signorine non si sarebbero annoiate co%e &orse si as/etta2ano. 6e signorine, e la loro %a%%a, erano &elicissi%e di &are due nuo2e conoscen*e, e non chiede2ano altro. 6a signora 1ennings, %adre di 6ady iddleton, era an*iana, gio2iale, allegra e grassa, chiacchiera2a %oltissi%o e se%bra2a &elice e beata, e /iuttosto ordinaria. $ide2a e scher*a2a continua%ente, e /ri%a della &ine del /ran*o a2e2a &atto un %ucchio di battute di2ertenti sugli inna%orati e sui %ariti, es/ri%endo la s/eran*a che le signorine non a2essero lasciato il cuore nel SusseO, e cercando in tutti i %odi di 2ederle arrossire. arianne ne &u in&astidita /er sua sorella, e /rese a girarsi, /er 2edere co%e tollera2a -uelle allusioni, con una insisten*a che %ise Elinor ancora /iA a disagio delle scontate battute della signora 1ennings. "l #olonnello Hrandon, l7a%ico di Sir 1ohn, non /are2a, /er le sue %aniere, /iA adatto a essergli a%ico di -uanto 6ady iddleton non /aresse adatta a essere sua %oglie, o la signora 1ennings a essere la %adre di 6ady iddleton. Era un uo%o serio e silen*ioso. "l suo as/etto, tutta2ia, non era sgrade2ole, nonostante arianne e argaret lo considerassero un 2ecchio sca/olo in2eterato, /erchI a2e2a giC /assato i trentacin-ue anni; anche se il suo 2iso non era bello, a2e2a dei linea%enti intelligenti e dei %odi /articolar%ente signorili. Non c7era nulla che /otesse &ar /ensare che -ualcuno dei /resenti &osse un co%/agno adatto /er le DashGood; %a l7insulsa &redde**a di 6ady iddleton era tal%ente scoraggiante che in con&ronto la serietC del #olonnello Hrandon, e /er&ino la ru%orosa allegria di Sir 1ohn e di sua suocera, /are2ano interessanti. 6ady iddleton si ani%J solo do/o /ran*o, all7ingresso dei suoi -uattro chiassosi ba%bini, che le si buttarono addosso, le stra//arono i 2estiti e %isero &ine a -ualsiasi ti/o di con2ersa*ione, se non -uella che riguarda2a loro. Suella sera sco/rirono che arianne a2e2a un talento /er la %usica e la sollecitarono a suonare. Kenne a/erto lo stru%ento, tutti si /re/ararono ad andare in estasi, e arianne, che canta2a bene, eseguE a loro richiesta alcune delle ro%an*e che 6ady iddleton a2e2a /ortato con sI al te%/o del suo %atri%onio, e che /robabil%ente da allora erano ri%aste collocate, se%/re nella stessa /osi*ione, sul /iano&orte, dato che sua signoria a2e2a celebrato l7e2ento con la rinuncia alla %usica, nonostante suonasse straordinaria%ente bene, co%e sostene2a sua %adre, e, a -uanto ebbe a dire lei stessa, le /iacesse %olto &arlo. 6a /ro2a di arianne &u %olto a//re**ata. Sir 1ohn es/resse la sua a//ro2a*ione dal &ondo della sala con lo stesso chiassoso calore con cui a2e2a continuato a /arlare durante l7esecu*ione di ogni ro%an*a. 6ady iddleton lo a2e2a richia%ato %olte 2olte all7ordine, stu/ita che -ualcuno si /otesse distrarre in tal %odo dalla %usica sia /ure /er un %o%ento, %a /oi a2e2a chiesto a arianne di cantare una certa ro%an*a che lei a2e2a di &atto a//ena &inito di eseguire. Solo il #olonnello Hrandon, tra tutti loro, l7a2e2a ascoltata sen*a andare in estasi. 6ui le ri2olse solo il co%/li%ento dell7atten*ione; e la gio2ane %usicista /ro2J /er lui, in -uell7occasione, un ris/etto a cui gli altri, con la loro 2ergognosa %ancan*a di gusto, a2e2ano giusta%ente /erso il diritto. "l /iacere che il #olonnello rica2a2a dalla %usica, anche se non arri2a2a a -uell7estatico ra/i%ento che /er lei /ote2a costituire l7unico 2ero corris/etti2o, era a//re**abile, in con&ronto all7orribile insensibilitC del resto della co%/agnia; e lei era abbastan*a ragione2ole da concedergli che, nonostante i suoi trentacin-ue anni, a2esse conser2ato la 2i2acitC dei senti%enti e una ra&&inata ca/acitC di godi%ento. Per un senso d7u%anitC, era /ronta a &are ogni concessione al #olonnello, data la
435

sua etC a2an*ata.

43<

#apitolo ottavo
6a signora 1ennings era una 2edo2a /ro22ista di una cos/icua &ortuna. A2e2a solo due &iglie, le a2e2a ris/ettabil%ente s/osate entra%be, e non le ri%ane2a altro da &are che unire in %atri%onio tutto il resto del %ondo. Nel /erseguire la sua %issione era estre%a%ente *elante, tanto -uanto consenti2ano le sue /ossibilitC, e non /erde2a alcuna occasione /er /rogettare %atri%oni tra tutti i gio2ani che conosce2a. Era %olto acuta nello sco/rire le si%/atie, a2e2a tratto /iacere dal suscitare il rossore e lusingare la 2anitC di %olte signorine &acendo insinua*ioni sulla loro ca/acitC di attrarre -uesto o -uell7altro gio2anotto; e il suo giudi*io attento le consentE, non a//ena &u arri2ata a Harton, di a&&er%are con &er%e**a che il #olonnello Hrandon era inna%oratissi%o di arianne DashGood. 67a2e2a sos/ettato &in dalla /ri%a sera che a2e2ano trascorso insie%e, a causa dell7atten*ione con cui lui l7a2e2a ascoltata %entre canta2a /er loro; e -uando la 2isita &u rica%biata e i iddleton /ran*arono al 2illino, il &atto &u con&er%ato dall7atten*ione con cui lui l7a2e2a nuo2a%ente ascoltata. SE, era cosE. Ne era assoluta%ente con2inta. Sarebbe stato un %atri%onio eccellente, /erchI lui era ricco e lei era bella. 6a signora 1ennings as/ira2a a 2edere il #olonnello ben siste%ato &in da -uando la /arentela con Sir 1ohn l7a2e2a condotta a &are la sua conoscen*a, ed era se%/re ansiosa di tro2are un buon %arito /er ogni raga**a gra*iosa. Per lei c7era /oi un 2antaggio i%%ediato non certo trascurabile, /erchI ciJ le &orni2a l7occasione /er &arli /erenne%ente oggetto delle sue battute. Alla 2illa /rende2a in giro il #olonnello, e al 2illino /rende2a in giro arianne. Al /ri%o, i suoi scher*i risulta2ano, /er -uanto lo concerne2a, /er&etta%ente indi&&erenti; alla seconda all7ini*io se%brarono inco%/rensibili, e -uando ca/E a cosa %ira2ano, non se//e se riderne, co%e di una cosa assurda, o condannarli co%e un7i%/ertinen*a, /erchI li considera2a crudeli, data l7etC a2an*ata del #olonnello e la sua triste condi*ione di sca/olo. 6a signora DashGood, che non /ote2a considerare un uo%o di cin-ue anni /iA gio2ane di lei cosE terribil%ente an*iano co%e a//ari2a alla gio2anile &antasia di sua &iglia, cercJ di &ar assol2ere la signora 1ennings dal sos/etto che intendesse /rendersi gioco dell7etC atte%/ata del #olonnello. , a al%eno, %a%%a, non negherete che sia una catti2eria assurda, anche se non inten*ionale. Sen*a dubbio il #olonnello Hrandon D /iA gio2ane della signora 1ennings, %a D abbastan*a an*iano /er essere %io /adre; e se %ai un giorno D stato tanto 2i2ace da /otersi inna%orare, de2e a2er su/erato da te%/o -ualun-ue sensibilitC del genere. \ da22ero ridicolo[ Suando %ai /otrC considerarsi al sicuro, un uo%o, da -uesto ti/o di battute, se non lo /roteggono ne%%eno l7etC e l7in&er%itC.0 ,67in&er%itC[0, escla%J Elinor. ,#hia%i il #olonnello Hrandon un in&er%o. Posso ca/ire che la sua etC se%bri %olto /iA a2an*ata a te che alla %a%%a, %a /uoi 2edere benissi%o anche tu che non ha a&&atto /erso l7uso delle %e%bra[0. ,Non l7hai sentito la%entarsi dei suoi reu%atis%i. E non D -uesta la /iA co%une in&er%itC nel /eriodo del declino della 2ita.0 ,Tesoro %io0, disse la %adre ridendo, ,i%%agino che allora il %io declino debba a//arirti terri&icante; de2e se%brarti un %iracolo che la %ia 2ita si sia /rotratta &ino all7a2an*ata etC di -uarant7anni0. , a%%a, non %i &ate giusti*ia. So benissi%o che il #olonnello Hrandon non D tanto
43>

2ecchio che i suoi a%ici debbano te%ere di /erderlo /er 2ia della legge naturale. PotrC benissi%o 2i2ere altri 2ent7anni. a a trentacin-ue anni non si ha /iA niente a che &are col %atri%onio0. ,)orse0, osser2J Elinor, ,sarebbe bene che i trentacin-ue e i diciassette non a2essero niente a che &are con un %atri%onio &ra di loro. a se /er un caso -ualun-ue ci &osse una donna ancora nubile a 2entisette o 2entott7anni, non /enso che i trentacin-ue del #olonnello Hrandon costituirebbero un ostacolo alle loro no**e0. ,9na donna di 2entisette o 2entott7anni0, dichiarJ arianne do/o un %o%ento di silen*io, ,non /uJ /iA s/erare di tro2are o di is/irare un a&&etto, e se non ha una siste%a*ione con2eniente in casa o se la sua &ortuna D tro//o %odesta, i%%agino debba adattarsi a &are l7in&er%iera, /er /otersi garantire il %anteni%ento e la sicure**a della condi*ione di donna s/osata. Non ci sarebbe nulla di %ale, -uindi, se il #olonnello s/osasse una donna cosE. Si tratterebbe di un /atto di con2enien*a, e tutti sarebbero soddis&atti. Ai %iei occhi /erJ non sarebbe a&&atto un %atri%onio, %a solo un a&&are, in cui ciascuno desidera /rocurarsi un 2antaggio a s/ese dell7altro0. ,Sarebbe i%/ossibile, lo so0, re/licJ Elinor, ,con2incerti che una donna di 2entisette o 2entott7anni /ossa /ro2are tanto a&&etto /er un uo%o di trentacin-ue da essere /er lui una 2alida co%/agna; %a non /osso non /rotestare -uando ti sento condannare il #olonnello Hrandon e sua %oglie a ri%anersene /erenne%ente serrati in un7in&er%eria solo /erchI ieri Muna giornata ben u%ida e &reddaN gli D ca/itato di accusare un leggero dolore reu%atico a una s/alla0. , a ha /arlato di /anciotti di &lanella[0, ribattI arianne. ,E /er %e un /anciotto D in2ariabil%ente collegato a dolori, cra%/i, reu%atis%i e a tutti gli acciacchi che a&&liggono i 2ecchi e i /iA %alandati0. ,Se gli &osse ca/itato un 2iolento attacco di &ebbre non l7a2resti dis/re**ato altrettanto[ #on&essa, arianne, non c7D -ualcosa d7interessante, /er te, nelle guance arrossate, negli occhi in&ossati e nelle ra/ide /ulsa*ioni della &ebbre. 0. Subito do/o -uesto discorso, -uando Elinor &u uscita dalla stan*a, arianne disse: , a%%a, a /ro/osito di %alattie, sono /reoccu/ata di una cosa che non 2i /osso nascondere. Sono certa che EdGard )errars non stia bene. Sia%o -ui da -uindici giorni, e non D ancora 2enuto. Solo una gra2e indis/osi*ione /uJ essere all7origine di un ritardo cosE straordinario. #os7altro /uJ trattenerlo a Norland.0 ,Pensa2i sarebbe 2enuto cosE /resto.0, chiese la signora DashGood. ,"o no. Al contrario, se ho a2uto -ualche dubbio in /ro/osito D stato ricordando che -uando l7ho in2itato a 2enire a Harton non D se%brato %olto contento, e ha di%ostrato un certo disagio. Elinor lo as/etta giC.0 ,Non gliene ho %ai &atto accenno; %a certo de2e as/ettarlo[0. ,#redo /ro/rio che tu stia sbagliando, /erchI ieri, -uando /arla2o con lei di %ettere un ca%inetto nella ca%era degli os/iti, ha osser2ato che non c7era alcuna &retta di &arlo, dato che /robabil%ente la stan*a non sarebbe stata usata ancora /er /arecchio te%/o0. ,#o%7D strano tutto -uesto[ #osa /uJ signi&icare. a tutto il loro reci/roco co%/orta%ento D stato ins/iegabile[ #o%e sono stati &reddi, co%/osti, i loro ulti%i addii[ #o%7era distaccata la loro con2ersa*ione, l7ulti%a sera che sono stati insie%e[ Al %o%ento dei saluti, EdGard non ha &atto alcuna distin*ione tra Elinor e %e; ha salutato entra%be con un atteggia%ento che /are2a dettato da un a&&etto &raterno. 67ulti%a %attina li ho lasciati soli di /ro/osito, ben due 2olte, e lui, nel %odo /iA ins/iegabile, %i ha se%/re seguito &uori della
43;

stan*a. Ed Elinor, -uando abbia%o lasciato Norland ed EdGard, non ha /ianto insie%e a %e. Anche adesso si do%ina se%/re. Suando %ai D abbattuta o %alinconica. Suando %ai cerca di e2itare la co%/agnia o ha l7aria di tro2arcisi a disagio, o scontenta.0.

438

#apitolo nono
Ora%ai le DashGood erano stabilite abbastan*a co%oda%ente a Harton. 6a casa, il giardino e il /aesaggio circostante erano di2enuti loro &a%iliari, e le nor%ali occu/a*ioni che a2e2ano dato a Norland tanta /arte del suo incanto 2eni2ano rico%inciate, e da2ano ancora %aggior /iacere di -uanto non a2essero /otuto o&&rirne a Norland do/o la /erdita del /adre. Sir 1ohn iddleton, che nelle /ri%e due setti%ane anda2a a salutarle tutti i giorni, e che non era abituato a 2edere %olta o/erositC in casa sua, non riusci2a a nascondere il suo stu/ore nel tro2arle se%/re occu/ate. " loro 2isitatori, a /arte -uelli di Harton Par(, non erano nu%erosi, /erchI, nonostante le insistenti racco%anda*ioni di Sir 1ohn a&&inchI &acessero un %aggior nu%ero di conoscen*e nel 2icinato e le ri/etute assicura*ioni che la sua carro**a era se%/re a loro dis/osi*ione, lo s/irito d7indi/enden*a della signora DashGood /re2alse sul desiderio di %andare in societC le &iglie; cosE la signora ri%ase &er%a%ente decisa a declinare di &ar 2isita a -ualun-ue &a%iglia che non si /otesse raggiungere con una /asseggiata. Sueste ulti%e non erano %olte, e non tutte abbordabili. A circa due chilo%etri dal 2illino, lungo la stretta e ser/eggiante 2alle di Allenha%, che co%e abbia%o detto si a/ri2a da -uella di Harton, le raga**e a2e2ano sco/erto, durante una delle loro /ri%e /asseggiate, un7antica residen*a di ris/ettabile as/etto che, sicco%e ricorda2a un /o7 Norland, a2e2a col/ito la loro i%%agina*ione e suscitato il desiderio di conoscerla %eglio. )atte le do2ute ricerche, a2e2ano /erJ sa/uto che la sua /ro/rietaria, una 2ecchia e a%abile signora, era, disgra*iata%ente, tro//o in&er%a /er &are 2ita di societC e non si s/osta2a %ai da casa. 6a ca%/agna intorno abbonda2a di s/lendide /asseggiate. 6e collinette che -uasi da ogni &inestra del 2illino in2ita2ano a cercare l7ecce*ionale godi%ento delle loro ci%e ariose erano una bella alternati2a -uando la nebbia della 2alle sottostante nasconde2a le belle**e /iA in alto; e 2erso una di -uelle colline arianne e argaret diressero i loro /assi una %attina %e%orabile, attratte dalla te%/oranea co%/arsa del sole in un cielo /io2oso e inca/aci di resistere ancora alla reclusione cui le a2e2a con&inate la /ioggia continua dei due giorni /recedenti. "l te%/o non era abbastan*a bello da in2ogliare le altre due donne, stra//andole l7una alla sua %atita e l7altra al suo libro, nonostante le a&&er%a*ioni di arianne che il sereno sarebbe durato tutto il giorno e che tutte le nu2ole %inacciose sarebbero state s/a**ate 2ia dalle loro colline; cosE le due raga**e si %isero in ca%%ino da sole. Salirono /ian /iano le collinette, rallegrandosi della loro /ers/icacia a ogni s-uarcio d7a**urro; e -uando si sentirono sul 2iso le corroboranti ra&&iche di un gran 2ento di sudP o2est, ri%/iansero le /aure che a2e2ano i%/edito alla %adre e a Elinor di godere con loro -uelle deli*iose sensa*ioni. ,#7D a -uesto %ondo0, gridJ arianne, ,&elicitC %aggiore di -uesta. argaret, /asseggere%o -uassA /er al%eno due ore0. argaret era d7accordo, e tutte e due si a/rirono la strada contro2ento, ridendo e scher*ando /er un altro -uarto d7ora circa, -uando i%/ro22isa%ente le nu2ole si addensarono sulle loro teste e una &itta /ioggia col/E i loro 2isi. "%/ressionate e sor/rese, &urono costrette, sia /ure a %alincuore, a ri/rendere la 2ia del ritorno, /erchI non c7era ri&ugio /iA 2icino della loro casa. $esta2a loro, /erJ, una consola*ione, che in un %o%ento co%e -uello a//ari2a da22ero cruciale: a2rebbero do2uto, in&atti, correre a /reci/i*io giA /er il ri/ido 2ersante
433

della collina, che /orta2a diretta%ente al cancello del giardino. Si lanciarono giA. All7ini*io arianne era in 2antaggio, %a tutt7a un tratto un /asso &also la &ece cadere a terra, e argaret, inca/ace di &er%arsi /er aiutarla, &u trascinata giA in2olontaria%ente, e giunse in &ondo sana e sal2a. 9n gentiluo%o che /orta2a un &ucile, e che a2e2a due cani che gli saltella2ano intorno, si sta2a iner/icando su /er la collina a /ochi %etri da arianne, al %o%ento dell7incidente. #ostui de/ose il &ucile e corse ad aiutarla. 6ei si era giC al*ata, %a nella caduta si era slogata una ca2iglia e non /ote2a stare in /iedi. "l signore le o&&ri i suoi ser2igi, e 2isto che la %odestia della raga**a ri&iuta2a -uello che la situa*ione rende2a necessario, la solle2J sen*7altro &ra le braccia e la /ortJ giA /er la collina. Suindi, 2arcando il cancello lasciato a/erto da argaret, la /ortJ dentro casa, do2e era a//ena entrata la sorella, e non la lasciJ &ino a che non l7ebbe de/osta su una /oltrona del salotto. Al loro ingresso, Elinor e sua %adre bal*arono in /iedi sbalordite, e sicco%e &issa2ano entra%be gli occhi su di lui con e2idente %era2iglia e segreta a%%ira*ione, lui si scusJ di /resentarsi cosE, s/iegandone la causa in %odo tanto &ranco e cosE si%/atico che la sua /ersona, ecce*ional%ente bella e /restante, ac-uistJ ancor /iA &ascino gra*ie alla 2oce e al %odo d7es/ri%ersi. Se anche &osse stato 2ecchio, brutto e ordinario, non gli sarebbero %ancate la gratitudine e la gentile**a della signora DashGood /er una cortesia &atta a sua &iglia; %a l7in&luen*a della gio2entA, dell7a22enen*a e dell7elegan*a da2a al gesto che a2e2a co%/iuto un interesse che le anda2a dritto al cuore. 6o ringra*iJ /iA 2olte, e con la sua consueta dolce**a di %odi lo in2itJ ad acco%odarsi; in2ito che lui declinJ, bagnato e in&angato co%7era. Allora la signora DashGood lo /regJ di dirle a chi do2e2a i suoi ringra*ia%enti. 6ui disse di chia%arsi Billoughby; al %o%ento 2i2e2a ad Allenha%, e s/era2a che gli &osse concesso l7onore di tornare il giorno do/o /er in&or%arsi /ersonal%ente delle condi*ioni della signorina. Tale onore gli &u /ronta%ente concesso, e se ne andJ, rendendosi ancora /iA interessante, %entre /io2e2a a dirotto. 6a sua 2irile belle**a e la sua gra*ia &uori dal co%une &urono subito oggetto dell7a%%ira*ione generale, e il &atto che &osse cosE attraente rese /iA /iccanti le battute suscitate dalle sue galanterie 2erso arianne. 6ei lo a2e2a /otuto osser2are %eno bene delle altre, /erchI la con&usione che le a2e2a i%/or/orato il 2iso -uando lui l7a2e2a solle2ata &ra le braccia le a2e2a reso i%/ossibile guardarlo, /er&ino do/o che erano entrati in casa. A ogni %odo, lo a2e2a 2isto abbastan*a /er unirsi all7a%%ira*ione generale, e con l7entusias%o che se%/re da2a calore ai suoi a//re**a%enti. 6a /ersona e il %odo di &are del gio2ane erano all7alte**a di -uel %odello &antastico che, nella sua &antasia, incarna2a l7eroe di una bella storia; e la /ronte**a con cui l7a2e2a soccorsa, sen*a tanti co%/li%enti, denota2a una 2elocitC nel /rendere le decisioni che rende2a /articolar%ente gradito -uel suo gesto. Tutto, in lui, era interessante. A2e2a un bel no%e, risiede2a nel loro 2illaggio /re&erito, e /resto la raga**a sco/rE che, di tutti gli abiti %aschili, una giacca da cacciatore era il /iA seducente. 6a sua i%%agina*ione era tutta /resa, le sue ri&lessioni /iace2oli, e il dolore della ca2iglia slogata &u co%/leta%ente ignorato. Sir 1ohn &ece loro 2isita a//ena il /ri%o inter2allo di te%/o buono gli /er%ise di uscire di casa; %entre 2eni2a %esso al corrente dell7incidente ca/itato a arianne, gli &u chiesto ansiosa%ente se conosce2a ad Allenha% un gio2ane signore che si chia%a2a Billoughby. ,Billoughby[0, escla%J Sir 1ohn. , a guarda[ \ -ui. Suesta sE che D una bella noti*ia: andrJ a cercarlo do%ani e lo in2iterJ a /ran*o /er gio2edE0. ,Allora lo conoscete.0, disse la signora DashGood.
+==

,Se lo conosco[ a certo. #o%e no, 2iene -ui tutti gli anni0. ,E che ti/o di gio2anotto D.0 ,"l %igliore che ci sia, glielo assicuro. 9n otti%o cacciatore, e uno dei /iA arditi ca2alleri**i d7"nghilterra0. ,E -uesto D tutto ciJ che sa/ete dire di lui.0, escla%J arianne, indignata. , a co%e si co%/orta, in una conoscen*a /iA inti%a. Suali sono le sue occu/a*ioni, le sue ca/acitC, il suo genio.0. Sir 1ohn era /iuttosto /er/lesso. ,Sull7ani%a %ia0, disse, ,non lo conosco cosE bene da sa/ere tutto -uesto. PerJ D un ti/o si%/atico e allegro, e ha una cagnetta nera che D il /iA bel cane da caccia del %ondo. \ uscita con lui oggi.0. arianne non /ote2a soddis&are la sua curiositC a /ro/osito del /ointer del signor Billoughby, /iA di -uanto lui non /otesse descri2erle le s&u%ature della %ente e dell7ani%a del gio2anotto. , a chi D.0, chiese Elinor. ,Da do2e 2iene. Fa una casa ad Allenha%.0. Su -uesto /unto Sir 1ohn /ote2a &ornire in&or%a*ioni /iA dettagliate, e raccontJ che il signor Billoughby non a2e2a /ro/rietC nei dintorni e che risiede2a lC solo -uando anda2a a tro2are la 2ecchia signora di Allenha% #ourt, che era sua /arente e di cui sarebbe stato l7erede; /oi aggiunse: ,SE, sE, D sen*7altro un buon /artito da accala//iare, signorina DashGood; oltre a ciJ, ha una gran bella /ro/rietC sua nel Surrey; se &ossi in 2oi, non lo lascerei alla %ia sorella /iA gio2ane, a dis/etto di tutto -uel che /uJ ru**olare giA dalle colline. 6a signorina arianne non /uJ /retendere di a2ere tutti gli uo%ini /er sI. E /oi Hrandon di2enterC geloso, se non sta attenta0. ,Non credo0, inter2enne la signora DashGood con un sorriso bonario, ,che il signor Billoughby a2rC a essere inco%odato dai tentati2i di -ualcuna delle %ie &iglie di ?accala//iarlo@, co%e dite 2oi. Non sono state educate a una si%ile occu/a*ione. Gli uo%ini sono del tutto al sicuro con noi, anche -uelli %olto ricchi. A ogni %odo, sono lieta di a//rendere che D un gio2ane ris/ettabile, e che non D scon2eniente a2er &atto la sua conoscen*a0. ,\ un7otti%a /ersona0, ri/etI Sir 1ohn. ,$icordo che lo scorso Natale, -uando abbia%o &atto -uattro salti su da noi, ha ballato dalle otto di sera &ino alle -uattro del %attino sen*a sedersi ne%%eno una 2olta0. , a da22ero.0, escla%J arianne con gli occhi scintillanti. ,E con elegan*a, con s/irito.0 ,SE; e alle otto era di nuo2o in /iedi /er andare a caccia0. ,Ecco -uel che %i /iace; D cosE che do2rebbe essere un gio2anotto[ Suali che siano le sue occu/a*ioni, do2rebbe dedicarcisi sen*a %odera*ione, e sen*a ri/ortarne un senso di stanche**a0. ,GiC, giC, so bene co%e andrC a &inire0, disse Sir 1ohn, ,so bene co%e andrC a &inire; gli getterete il ca//io al collo sen*a /ensare /iA al /o2ero Hrandon0. ,Suesta, Sir 1ohn0, disse arianne con &er2ore, ,D un7es/ressione che detesto in %odo /articolare. Aborrisco le &rasi banali che 2orrebbero essere di2ertenti; e `gettare il laccio al collo di un uo%o` o `&are una con-uista` sono le /iA detestabili. 67atteggia%ento che i%/licano D 2olgare e %eschino; e se una 2olta /ote2ano dirsi acute, il te%/o ne ha distrutto tutto lo s/irito0. Sir 1ohn non ca/E %olto -uel ri%/ro2ero; /erJ rise di cuore, co%e se l7a2esse ca/ito, /oi ris/ose:
+=4

,GiC, oserei dire che ne &arete un bel /o7, 2oi, di con-uiste, in un %odo o in un altro. Po2ero Hrandon[ \ giC cotto a /untino e 2arrebbe la /ena che glielo gettaste, il ca//io al collo, 2e lo assicuro, a dis/etto di tutto -uesto ru**olare giA dalla collina e slogarsi le ca2iglie0.

+=+

#apitolo decimo
,"l sal2atore di arianne0, co%e argaret, con /iA elegan*a che /recisione, de&ini2a Billoughby, si /resentJ al 2illino la %attina do/o /er 2edere /ersonal%ente co%e anda2ano le cose. )u rice2uto dalla signora DashGood con -ualcosa di /iA della se%/lice cortesia: con una gentile**a is/irata da -uello che Sir 1ohn a2e2a detto di lui, e inoltre con gratitudine. Tutto, durante la 2isita, contribuE ad assicurarlo del benessere, l7elegan*a, il reci/roco a&&etto e la serenitC della &a%iglia in cui il caso lo a2e2a introdotto. Suanto all7attratti2a /ersonale delle co%/onenti della &a%iglia, non a2e2a a2uto bisogno di una seconda occhiata /er esserne con2into. 6a signorina DashGood a2e2a una carnagione delicata, dei linea%enti regolari e una &igura %olto gra*iosa. arianne era anche /iA bella. 6a sua &igura, anche se non era ar%oniosa co%e -uella della sorella, col/i2a anche di /iA, /erchI a2e2a il 2antaggio della statura; e il suo 2iso era cosE deli*ioso che -uando la si de&ini2a, usando le /arole che general%ente si usano /er &are i co%/li%enti, una bellissi%a raga**a, -uesta a&&er%a*ione tradi2a la 2eritC assai %eno di -uanto di solito a22iene. A2e2a la /elle bruna, %a cosE tras/arente che la sua carnagione ac-uista2a uno s/lendore non co%une; bei linea%enti, un sorriso dolce e attraente, e nei suoi occhi, che erano %olto scuri, s/lende2ano una 2ita, uno s/irito e un &er2ore che al solo guardarli tras%ette2ano un /iacere 2i2issi%o. All7ini*io -uell7es/ressione era stata celata a Billoughby, /er il ritegno suscitato dal ricordo del suo inter2ento; %a -uando l7i%bara**o /assJ, -uando lei ri/rese coraggio, e si accorse che lui uni2a alla /er&etta educa*ione del gentiluo%o s/ontaneitC e 2i2acitC, e so/rattutto -uando lo sentE a&&er%are che a%a2a a//assionata%ente la %usica e la dan*a, gli ri2olse uno sguardo di a//ro2a*ione tale da guadagnarsi tutto il suo interesse /er il resto della 2isita. Era su&&iciente %en*ionare uno -ualun-ue dei suoi di2erti%enti /re&eriti /er s/ingerla a chiacchierare. Non /ote2a tacere -uando erano introdotti -uegli argo%enti, e nella discussione non /orta2a nI ti%ide**a nI riser2ate**a. " due gio2ani sco/rirono in un %o%ento di a2ere in co%une l7a%ore /er la %usica e /er la dan*a, il che era collegato a una generale a&&initC nel %odo di considerare tutto e tutti che li a22icina2a l7uno all7altro. S/inta a un ulteriore esa%e degli atteggia%enti del gio2ane, arianne /assJ a /arlare di libri; dichiarJ -uali erano i suoi autori /re&eriti, e li discusse con tale &er2ore che -ualun-ue gio2anotto di 2enticin-ue o 2entisei anni sarebbe stato da22ero insensibile se non si &osse con2ertito i%%ediata%ente all7a%%ira*ione /er -uelle o/ere, anche se &ino a un atti%o /ri%a le a2e2a dis/re**ate. " loro gusti erano straordinaria%ente identici[ Tutt7e due adora2ano gli stessi libri, gli stessi brani; e se s/unta2a -ualche di&&eren*a, se sorge2a -ualche obie*ione, non so/ra22i2e2a alla &or*a di -uelle argo%enta*ioni, allo s/lendore di -uegli occhi. 67os/ite annui2a a tutte le a&&er%a*ioni di arianne, si accende2a a tutti i suoi entusias%i, e %olto /ri%a che la 2isita &osse &inita, i due giC /arla2ano con la &a%iliaritC di due 2ecchie conoscen*e. ,Ebbene, arianne0, disse Elinor a//ena lui &u uscito, ,%i /are che /er una sola %attina tu abbia &atto un bel /o7 di strada. Ti sei docu%entata sul /arere del signor Billoughby in -uasi tutte le -uestioni /iA i%/ortanti. Sai -uello che /ensa di #oG/er e di Scott, sei sicura che tenga nel giusto 2alore la belle**a della loro arte e ti sei con2inta in tutto e /er tutto che non a%%ira Po/e /iA di -uanto non lo rendano necessario le con2enien*e. a co%e /otrC durare
+=:

la 2ostra conoscen*a, se giC a2ete esaurito con tale straordinaria 2elocitC -ualun-ue te%a di con2ersa*ione. Tra bre2e a2rete dato &ondo a -ualsiasi argo%ento. 9n altro incontro sarC su&&iciente /er illustrare le sue o/inioni in %erito all7estetica del /ittoresco e ai %atri%oni tra 2edo2i, do/o di che non a2rai altro da chiedergli...0. ,Elinor0, escla%J arianne, ,D &orse bello, -uello che dici. \ giusto. 6e %ie idee sono /ro/rio cosE li%itate. a ca/isco benissi%o -uello che 2uoi intendere. Sono stata tro//o s/igliata, tro//o allegra, tro//o s/ontanea. Fo /eccato contro l7idea con2en*ionale del decoro; sono stata a/erta e sincera do2e a2rei do2uto essere riser2ata, /edante, noiosa e &alsa; se a2essi /arlato solo del te%/o e della condi*ione delle strade e a2essi /ro&erito una /arola ogni dieci %inuti, -uesto ri%/ro2ero %i sarebbe stato ris/ar%iato0. ,Tesoro %io0, disse la %adre, ,non de2i o&&enderti. Elinor 2ole2a scher*are. Se da22ero a2esse a2uto inten*ione di so&&ocare la gioia della tua con2ersa*ione con il tuo nuo2o a%ico l7a2rei ri%/ro2erata io stessa0. arianne si addolcE i%%ediata%ente. Billoughby, /er /arte sua, %ostra2a in tutti i %odi il suo /iacere /er -uella rela*ione e l7e2idente desiderio di a//ro&ondirla. Si /resenta2a tutti i giorni. 6a sua scusa, all7ini*io, era -uella di in&or%arsi di co%e sta2a arianne, %a l7incoraggia%ento che rice2e2a da un7accoglien*a che ogni giorno si &ace2a /iA gentile rese inutile -uella scusa ancora /ri%a che cessasse di essere /lausibile, data la /er&etta guarigione della raga**a. Suesta ri%ase con&inata in casa /er -ualche giorno; %a %ai reclusione &u %eno &astidiosa. Billoughby era un gio2ane dotato di %olte doti, i%%agina*ione /ronta, 2i2acitC di s/irito e %aniere a/erte e cordiali. Era in tutto e /er tutto &atto a//osta /er con-uistare il cuore di arianne, /erchI uni2a a -uelle doti non solo una &igura attraente, %a anche un naturale &er2ore dello s/irito, ora ris2egliato e accresciuto dall7ese%/io di lei, ed era -uesto a renderlo caro alla raga**a /iA di -ualun-ue altra cosa al %ondo. Nell7o/inione che se ne era &atta la signora DashGood, era i%/eccabile co%e in -uella di arianne; e anche Elinor non 2ede2a in lui nulla da biasi%are, se non una tenden*a, nella -uale asso%iglia2a %olto a sua sorella Mche ne se%bra2a /articolar%ente entusiastaN di dire tro//o -uel che /ensa2a, in -ualun-ue occasione, sen*a riguardo /er le /ersone e le circostan*e. Nel rendere /alese l7o/inione che si &ace2a al /ri%o col/o sugli altri, e nel sacri&icare la generica cortesia /er godere dell7atten*ione esclusi2a della /ersona in cui era i%/egnato il suo cuore, trascurando tro//o &acil%ente le &or%e e le con2enien*e, di%ostra2a una %ancan*a di /ruden*a che Elinor non /ote2a a//ro2are, nonostante tutto -uello che lui e arianne /ote2ano dire /er di&enderlo. Adesso arianne co%incia2a ad accorgersi che la dis/era*ione che l7a2e2a assalita a sedici anni e %e**o, all7idea di non /oter %ai /iA tro2are un uo%o ca/ace di soddis&are la sua idea della /er&e*ione, era stata a22entata e ingiusti&icabile. Billoughby ra//resenta2a tutto ciJ che la sua &antasia le a2e2a suggerito, in -uell7ora in&elice, co%e /ure in /iA lieti /eriodi, co%e ca/ace di attrarla; e il co%/orta%ento di lui rende2a %ani&esto che il suo desiderio di /iacerle era tanto grande -uanto grandi erano le sue doti. Anche sua %adre, nella cui %ente il /ensiero di un /ossibile %atri%onio non era stato %ini%a%ente in&luen*ato dall7idea delle ricche**e del gio2anotto, era arri2ata, /ri%a della &ine di una setti%ana, a s/erarlo e ad as/ettarselo; e si congratula2a con se stessa /er essersi guadagnata due generi co%e EdGard e Billoughby. 6a si%/atia del #olonnello Hrandon /er arianne, che era stata tanto /resto sco/erta dai suoi a%ici, di2enne /erce/ibile anche /er Elinor, -uando s%ise di essere notata da loro. Tutta la loro atten*ione e le battute erano state s/ostate sul suo &ortunato ri2ale; e gli scher*i
+=5

a cui gli altri si erano dedicati /ri%a che ci &osse una 2era si%/atia &urono abbandonati -uando i senti%enti del #olonnello co%incia2ano da22ero a suscitare -uel ridicolo cosE giusta%ente collegato a tale coin2olgi%ento. Elinor &u costretta, se//ure a %alincuore, a credere che -uella si%/atia nei con&ronti di arianne che la signora 1ennings gli a2e2a attribuito solo /er /ro/ria soddis&a*ione era da22ero, adesso, una cosa seria; e che se la generale so%iglian*a di carattere &ra le due /arti in causa /ote2a &a2orire l7a&&etto del signor Billoughby, un contrasto altrettanto note2ole di carattere non era d7ostacolo ai senti%enti del #olonnello Hrandon. Osser2a2a tutto ciJ con dis/iacere; /erchI cosa %ai /ote2a s/erare un uo%o taciturno di trentacin-ue anni, che do2e2a con&rontarsi con un ri2ale 2enticin-uenne e /ieno di 2i2acitC. E sicco%e non /ote2a augurarsi di 2ederlo trion&are, a2rebbe 2oluto al%eno 2ederlo indi&&erente. A lei era si%/atico: nonostante la sua gra2itC e la sua riser2ate**a, senti2a /er lui un autentico interesse. " suoi %odi, nonostante &ossero cosE seri, erano /ieni di dolce**a; e la sua riser2ate**a /are2a il risultato di -ualche /reoccu/a*ione s/irituale, /iuttosto che di una naturale cu/e**a di carattere. Sir 1ohn a2e2a &atto cenno a /assati dis/iaceri e delusioni che giusti&ica2ano l7idea che lei se ne era &atta co%e di un uo%o s&ortunato, cosicchI lo considera2a con ris/etto e co%/assione. )orse lo co%/ati2a e lo sti%a2a ancor di /iA /erchI era dis/re**ato da Billoughby e da arianne, i -uali, giudicandolo ingiusta%ente /erchI non era nI gio2ane nI brillante, /are2ano decisi a sotto2alutare i suoi %eriti. ,Hrandon D /ro/rio il ti/o d7uo%o0, disse Billoughby un giorno in cui /arla2ano di lui, ,di cui tutti /arlano bene e a cui nessuno bada; che tutti sono &elici di 2edere e con cui nessuno si ricorda %ai di /arlare0. ,Suesto D esatta%ente -uello che anch7io /enso di lui[0, escla%J arianne. ,Non 2e ne 2antate, /erJ0, disse Elinor, ,/erchI D un7ingiusti*ia da /arte di entra%bi. A Harton Par( D %olto sti%ato da tutti, e io stessa, ogni 2olta che lo incontro, bado bene di /arlare con lui0. ,#he 2oi lo /roteggiate0, ribattI Billoughby, ,D certa%ente a suo 2antaggio; %a -uanto alla sti%a degli altri, non gli &a certo onore. #hi si abbasserebbe a essere a//re**ato da donne co%e 6ady iddleton e la signora 1ennings, che chiun-ue considererebbe con assoluta indi&&eren*a.0 , a &orse l7insolen*a di /ersone co%e 2oi e arianne /otrC co%/ensare la sti%a di 6ady iddleton e di sua %adre. Se la loro lode 2ale co%e una critica, allora la 2ostra critica do2rC 2alere co%e una lode; /erchI loro non sono /iA a22entate di -uanto 2oi non siate ingiusti e /ieni di /regiudi*i0. ,Pur di di&endere il 2ostro /rotIgI di2entate /er&ino /ungente0. ,"l %io /rotIgI, co%e 2oi lo chia%ate, D un uo%o /ieno di ragione2ole**a; e la ragione2ole**a sarC se%/re considerata, da %e, una -ualitC %olto attraente. SE, arianne, anche in un uo%o &ra i trenta e i -uaranta. Fa 2isto il %ondo; D stato all7estero; ha letto, e ha una %ente che /ensa. \ stato ca/ace di dar%i %olte s/iega*ioni su 2ari argo%enti, e ha se%/re ris/osto alle %ie do%ande con la /ronte**a che 2iene dalla buona educa*ione e dalla bontC0. ,E cioD0, escla%J arianne, s/re**ante, ,ti ha detto che in "ndia &a un gran caldo, e che le *an*are sono &astidiose0. , e lo a2rebbe detto, non ne dubito a&&atto, se gli a2essi &atto do%ande di -uesto genere; %a -ueste, anche se non lo crederai, sono cose di cui ero giC stata in&or%ata0. ,)orse0, disse Billoughby, ,le sue osser2a*ioni si saranno estese &ino a %en*ionare
+=<

nababbi, ga**elle dorate e /alanchini0. ,Posso arrischiar%i a dire che le sue osser2a*ioni si sono s/inte assai /iA in lC della 2ostra ingenuitC. a /erchI 2i D anti/atico.0 ,Non %i D anti/atico. 6o considero, al contrario, un uo%o /iA che ris/ettabile, su cui tutti s/endono una buona /arola e a cui nessuno /resta atten*ione; che ha /iA denaro di -uanto ne /ossa s/endere, /iA te%/o di -uel che gli ser2a, e due so/rabiti nuo2i tutti gli anni0. ,Aggiungi a -uesto0, escla%J arianne, ,che non ha nI talento, nI gusto, nI s/irito. #he la sua intelligen*a non ha alcunchI di brillante, i suoi senti%enti alcun ardore e la sua 2oce alcuna es/ressi2itC0. ,Koi decidete delle sue i%/er&e*ioni cosE in blocco0, obiettJ Elinor, ,con la &or*a della 2ostra i%%agina*ione, e l7a//re**a%ento che /otrei &are di hi, in con&ronto, sarebbe &reddo e insi/ido. Posso solo a&&er%are che D un uo%o assennato, ben educato, colto, di %aniere gentili e, a -uel che credo, dotato di un cuore buono e gentile0. ,Signorina DashGood0, escla%J Billoughby, ,ora %i &ate torto[ #ercate di disar%ar%i con la ragione e di con2incer%i %io %algrado. a -uesto non D /ossibile. Ki accorgerete che la %ia ostina*ione D /ari alla 2ostra abilitC. Fo tre ragioni irre2ocabili /er detestare il #olonnello Hrandon: %i ha %inacciato annunciando la /ioggia -uando 2ole2o che &osse bel te%/o, ha a2uto da ridire sull7attacco del %io calessino, e non riesco a /ersuaderlo a co%/erare la %ia ca2alla baia. Se /erJ 2i /uJ recare -ualche soddis&a*ione sentir%i dire che sotto tutti gli altri as/etti lo considero i%/eccabile, sono /ronto a con&essarlo. E di &ronte a tale riconosci%ento, che /uJ costar%i un /i**ico di so&&eren*a, 2oi non /otete toglier%i il /ri2ilegio di considerarlo /iA detestabile che %ai0.

+=>

#apitolo undicesimo
#erto la signora DashGood e le sue &iglie non a2rebbero /otuto i%%aginare, -uando erano arri2ate nel De2onshire, che in bre2e te%/o sarebbero 2enuti /er loro tanti i%/egni, e che a2rebbero a2uto tanti in2iti, e 2isite cosE &re-uenti, da lasciare /oco te%/o libero alle occu/a*ioni /iA serie. E//ure, andJ cosE. Suando arianne &u guarita, 2ennero %essi in atto i /rogra%%i di s2ago, in casa e &uori, giC /re/arati da Sir 1ohn. Poi co%inciarono i balli /ri2ati a Harton Par(, e &urono &atte tutte le gite sul &iu%e che -uel /io2oso ottobre rese /ossibili. "n ogni riunione era incluso il si%/atico Billoughby; e la disin2oltura e la &a%iliaritC che natural%ente caratteri**a2ano -uei rice2i%enti erano /ro/rio -uel che ci 2ole2a /er accrescere la sua inti%itC con le DashGood e /er o&&rirgli l7occasione di riconoscere le doti di arianne, di %ani&estare l7intensa a%%ira*ione che a2e2a /er lei e rice2ere, dal co%/orta%ento di lei, le testi%onian*e /iA e2identi del suo a&&etto. Elinor non /ote2a stu/irsi di -uella loro intesa. A2rebbe 2oluto solo che non &osse stata /alesata cosE a/erta%ente, e in un /aio di occasioni si a**ardJ a suggerire a arianne l7o//ortunitC di un certo autocontrollo. a arianne detesta2a le &in*ioni, -uando nella s/ontaneitC non c7era nulla di %ale, e nascondere dei senti%enti che in sI non a2e2ano nulla di ri/ro2e2ole le /are2a non sola%ente un7inutile s&or*o, %a anche una /oco onore2ole sotto%issione della ragione a idee con2en*ionali e sbagliate. Anche Billoughby la /ensa2a cosE; e il loro co%/orta%ento era se%/re e do2un-ue una di%ostra*ione delle loro con2in*ioni. Suando lui era /resente, arianne non a2e2a occhi /er nessun altro. Tutto ciJ che lui &ace2a era ben &atto. Tutto -uel che dice2a era acuto e s/iritoso. Se la serata alla 2illa ter%ina2a con una /artita a carte, lui i%broglia2a se stesso e il resto della co%iti2a /er /rocurarle una buona %ano. Se il /assate%/o della serata era il ballo, dan*a2ano se%/re insie%e; se erano obbligati a se/ararsi /er un /aio di giri, &ace2ano in %odo di stare 2icini, e rara%ente ri2olge2ano una /arola a chiun-ue altro. Suesto co%/orta%ento li es/one2a, natural%ente, alle risate di tutti -uanti; %a il ridicolo non basta2a a &ar /ro2are loro alcuna 2ergogna, e an*i /are2a che non se ne accorgessero ne//ure. 6a signora DashGood acco%/agna2a tutti -uei loro senti%enti con un calore che non le consenti2a alcun tentati2o di &renare le loro eccessi2e %ani&esta*ioni d7entusias%o. Per lei non si tratta2a che delle naturali conseguen*e di un &orte a&&etto in un7ani%a gio2ane e ardente. )u, -uella, /er arianne, la stagione della &elicitC. "l suo cuore era co%/leta%ente dedito a Billoughby, e il /ro&ondo attacca%ento /er Norland che a2e2a /ortato con sI dal SusseO se%bra2a sul /unto di essere addolcito, /iA di -uanto a2rebbe %ai creduto /ossibile, dalla gioia che la /resen*a di lui con&eri2a alla nuo2a casa. 6a &elicitC di Elinor non era altrettanto grande. "l suo cuore non era cosE tran-uillo e la sua soddis&a*ione /er la loro s/ensierate**a non era cosE co%/leta. Non le o&&ri2ano una co%/agnia ca/ace di co%/ensare -uel che a2e2a lasciato dietro di sI e di &arle /ensare a Norland con %eno ri%/ianto. NI 6ady iddleton nI la signora 1ennings /ote2ano sti%olare il ti/o di con2ersa*ione che le %anca2a, anche se -uest7ulti%a era un7instancabile chiacchierona e l7a2e2a trattata &in dall7ini*io con una bene2olen*a che &ace2a di lei la destinataria di buona /arte delle sue chiacchiere. 6e a2e2a raccontato giC tre o -uattro 2olte
+=;

la storia della sua 2ita; e se la sua %e%oria &osse stata all7alte**a dei %e**i che le si o&&ri2ano /er esercitarla, Elinor a2rebbe conosciuto, &in dai /ri%i giorni della loro conoscen*a, tutti i dettagli dell7ulti%a %alattia del signor 1ennings, e anche -uel che a2e2a detto a sua %oglie /ochi %inuti /ri%a di %orire. 6ady iddleton era /iA si%/atica di sua %adre solo /erchI era /iA silen*iosa. Non ci 2olle %olto /erchI Elinor si accorgesse che la sua riser2ate**a era se%/lice%ente un atteggia%ento indolente con cui l7assennate**a non a2e2a nulla a che 2edere. Nei con&ronti di suo %arito e di sua %adre si co%/orta2a allo stesso %odo che con le DashGood, cosE che con lei non era /ossibile cercare, nI desiderare, una %aggiore inti%itC. Non a2e2a %ai nulla da dire che non a2esse giC detto il giorno /ri%a. 6a sua insi/ien*a era in2ariabile, /erchI /er&ino il suo u%ore era se%/re identico; e -uantun-ue non si o//onesse alle riunioni organi**ate da suo %arito, /urchI tutto &osse &atto in grande stile e i suoi &igli /iA grandi &ossero con lei, /are2a che non ne rica2asse /iA /iacere di -uanto ne a2rebbe /ro2ato ri%anendosene a casa; e la sua /resen*a contribui2a cosE /oco al /iacere degli altri, -uanto a -uel che /ote2a aggiungere alla con2ersa*ione, che alle 2olte i suoi os/iti si ricorda2ano che c7era anche lei solo /er la sua sollecitudine 2erso i suoi terribili raga**ini. Solo nel #olonnello Hrandon, tra tutte le nuo2e conoscen*e, Elinor tro2a2a una /ersona che /ote2a /retendere ris/etto /er le sue ca/acitC, suscitare un interesse a%iche2ole, o di%ostrarsi un co%/agno /iace2ole. Billoughby era &uori -uestione. Anche se gode2a di tutta l7a%%ira*ione di Elinor, e di un a&&etto degno di una sorella. Era inna%orato; la sua atten*ione era tutta /er arianne, tanto che alla &in &ine un uo%o %olto %eno si%/atico sarebbe risultato, nell7insie%e, /iA /iace2ole. "l #olonnello Hrandon, s&ortunata%ente /er lui, non rice2e2a lo stesso incoraggia%ento a dedicarsi solo a arianne, e dal con2ersare con Elinor trae2a la %aggior consola*ione a co%/ensare la totale indi&&eren*a della sorella. 6a co%/assione di Elinor /er lui era au%entata, da -uando a2e2a %oti2o di sos/ettare che gli &ossero or%ai note le /ene dell7a%ore non corris/osto, e ciJ a seguito di -ualche /arola che gli era s&uggita /er caso una sera, -uando sta2ano seduti insie%e, /er %utuo consenso, %entre gli altri dan*a2ano. " suoi occhi erano &issi su arianne e, do/o un silen*io di -ualche %inuto, a2e2a detto con un tenue sorriso: ,Kostra sorella, a -uanto ho /otuto ca/ire, non a%%ette un secondo a%ore nella 2ita0. ,No0, ris/ose Elinor, ,le sue idee sono del tutto ro%antiche0. ,O /iuttosto, %i se%bra, lo ritiene i%/ossibile0. ,#redo sia cosE. a co%e riesca a /ensarlo, sen*a ri&lettere sul &atto che suo /adre ha a2uto due %ogli, /ro/rio non ca/isco. Nel giro di /ochi anni, tutta2ia, le sue o/inioni si assesteranno sulla ris/ettabile base del buon senso e dell7osser2a*ione; allora saranno /iA &acili da de&inire e da giusti&icare di -uanto non lo siano adesso, da chiun-ue non sia lei stessa0. ,AndrC /robabil%ente in -uesto %odo0, ris/ose lui, ,tutta2ia c7D -ualcosa di cosE a%abile nei /regiudi*i di una %ente gio2anile che dis/iace 2ederli lasciare il ca%/o alla /ro&essione di o/inioni /iA co%uni0. ,Sui non /osso essere d7accordo con 2oi0, ris/ose Elinor. ,Senti%enti co%e -uelli di arianne co%/ortano incon2enienti che ne//ure tutta la gra*ia dell7entusias%o e dell7ignoran*a del %ondo /uJ giusti&icare. " suoi siste%i i%/licano l7in&elice tenden*a al dis/re**o delle con2enien*e; e s/ero da22ero che una %igliore conoscen*a del %ondo /otrC esserle di grandissi%o 2antaggio0. Do/o una bre2e /ausa, lui ri/rese la con2ersa*ione, dicendo:
+=8

,Kostra sorella non &a nessuna distin*ione nella sua obie*ione 2erso un secondo a%ore. O esso D ugual%ente col/e2ole /er tutti. Anche coloro che sono stati s&ortunati nella /ri%a scelta, o /er l7incostan*a dell7oggetto del loro a%ore o /er l7ostilitC delle circostan*e, do2ranno restare indi&&erenti /er il resto della 2ita.0 ,Parola d7onore, non sono in&or%ata cosE in dettaglio in %erito ai suoi /rincE/i[ So solo che non l7ho %ai sentita considerare /erdonabile un ese%/io di secondo a%ore0. ,Suesto0, ris/ose lui, ,non /uJ durare; %a un ca%bia%ento, un totale ca%bia%ento di senti%enti... no, no, non 2e lo do2ete augurare... giacchI -uando le ro%antiche esalta*ioni di una %ente gio2anile sono obbligate a battere in ritirata, %olto s/esso sono sostituite da o/inioni anche tro//o co%uni, e altrettanto /ericolose[ Parlo /er es/erien*a. 9na 2olta ho conosciuto una signora che /er te%/era%ento e /er s/irito asso%iglia2a %olto a 2ostra sorella: /ensa2a e giudica2a co%e lei. Poi /er un ca%bia%ento in2olontario... /er una serie di s&ortunate circostan*e0. Sui, i%/ro22isa%ente, si interru//e; se%brJ te%ere di a2er detto tro//o, e con il suo atteggia%ento &ece nascere congetture che altri%enti non sarebbero scaturite dalla %ente di Elinor. 6a signora di cui a2e2a /arlato sarebbe &orse /assata inosser2ata, se con -uel suo turba%ento lui non a2esse con2into la signorina DashGood che nulla di -uanto la riguarda2a a2rebbe do2uto s&uggirgli dalle labbra. A ogni %odo, non ci 2ole2a un grande eserci*io di &antasia /er ricollegare l7e%o*ione del #olonnello ai teneri ricordi di un /assato a%ore. Elinor non tentJ altre congetture. arianne, al suo /osto, non si sarebbe accontentata di cosE /oco. Tutta -uanta la storia si sarebbe ra/ida%ente ricostruita nella sua &er2ida i%%agina*ione co%e un %alinconico ese%/io di a%ore in&elice.

+=3

#apitolo dodicesimo
"l %attino successi2o, %entre Elinor e arianne /asseggia2ano insie%e, la seconda co%unicJ alla sorella una noti*ia che, nonostante tutto -uello che -uest7ulti%a giC sa/e2a dell7i%/ruden*a e della %ancan*a di criterio di arianne, la col/E co%e una bi**arra ri/ro2a di entra%be: al col%o della gioia, la raga**a le annunciJ che Billoughby le a2e2a regalato un ca2allo che lui stesso a2e2a alle2ato nelle sue terre del So%ersetshire, e che era stato addestrato /ro/rio a /ortare una donna. Sen*a %ini%a%ente /ensare che tenere dei ca2alli non era nei /rogetti di sua %adre e che, anche se a2esse ca%biato idea in &a2ore del dono, a2rebbe do2uto co%/rarne un altro /er un ser2itore, e a2ere un ser2itore /er ca2alcarlo, lei a2e2a accettato il dono sen*a esita*ione, e adesso lo racconta2a esultante alla sorella. ,"ntende %andare subito il suo stalliere nel So%ersetshire, a /renderlo0, aggiunse, ,e -uando arri2erC andre%o a ca2allo tutti i giorni. Anche tu /otrai ca2alcarlo; sarC di tutt7e due. Pensa che &elicitC, cara Elinor, /oter galo//are su /er -ueste colline0. arianne &u %olto restia a s2egliarsi da -uel sogno di &elicitC e ad accettare tutte le sgrade2oli 2eritC collegate alla situa*ione, e /er /arecchio te%/o ri&iutJ di riconoscerle. Suanto al do%estico, la s/esa sarebbe stata una sciocche**a[ 6a %a%%a, ne era sicura, non a2rebbe &atto nessuna obie*ione; e /oi /er lui sarebbe andato bene -ualun-ue ca2allo; /ote2a /renderne uno a Harton Par( -uando 2ole2a; e -uanto alla stalla, sarebbe bastato un ca/annone -ualsiasi. Elinor allora si a**ardJ a %ettere in dubbio la con2enien*a di accettare un regalo del genere da un uo%o che conosce2a cosE /oco, o al%eno da cosE /oco te%/o. E -uesto &u tro//o. ,Ti sbagli, Elinor0, escla%J arianne con tras/orto, ,se credi che io conosca /oco Billoughby. Non lo conosco da %olto te%/o, -uesto D 2ero, /erJ lo conosco %eglio di -ualun-ue altra creatura al %ondo, eccetto la %a%%a e te. Non sono il te%/o nI le circostan*e a creare l7inti%itC, %a solo la /redis/osi*ione. Sette anni non basterebbero a &are in %odo che certe /ersone si conoscano l7un l7altra, %entre /er altri sette giorni sono /iA che su&&icienti. i sentirei col/e2ole di una scon2enien*a %olto %aggiore se accettassi in dono un ca2allo da %io &ratello che accettandolo da Billoughby. Di 1ohn so /ochissi%o, nonostante si sia 2issuti insie%e /er anni; %a su Billoughby, il %io giudi*io si D &or%ato da %olto te%/o0. Elinor ritenne &osse /iA saggio non insistere. #onosce2a bene il carattere di sua sorella. "ncontrare o//osi*ione su un /unto tanto delicato l7a2rebbe resa ancor /iA attaccata alle sue o/inioni. a da un richia%o al suo a&&etto /er la %adre, dalla descri*ione di tutte le di&&icoltC e i &astidi di cui -uella %adre indulgente si sarebbe do2uta &are carico se Mco%e /robabil%ente sarebbe stato il casoN a2esse acconsentito a un si%ile au%ento delle /reoccu/a*ioni do%estiche, arianne &u scoraggiata -uasi subito, e /ro%ise di non obbligare la signora DashGood a dare /ro2a della sua i%/rudente bontC raccontandole dell7o&&erta rice2uta e di dire a Billoughby, a//ena l7a2esse incontrato, che il dono non /ote2a essere accettato. Tenne &ede alla /arola data; e -uando Billoughby si /resentJ al 2illino, -uello stesso giorno, Elinor la sentE %entre gli es/ri%e2a a bassa 2oce il suo ra%%arico nel ri&iutare il suo regalo. $i/ortJ anche i %oti2i di -uel ca%bia%ento d7idea, ed essi erano tali da rendere i%/ossibile
+4=

un7insisten*a da /arte di lui. "l dis/iacere di Billoughby tutta2ia &u %olto e2idente; do/o a2erlo es/resso con gran con2in*ione, -uesti aggiunse a bassa 2oce: , a la ca2allina D se%/re tua, arianne, anche se adesso non la /uoi usare. 6a terrJ io solo &ino a che sarai in condi*ioni di recla%arla. Suando lascerai Harton /er &arti una nuo2a casa tutta tua sarC Sueen ab a rice2erti0. Suesto discorso &u udito, /er intero, dalla %aggiore delle sorelle DashGood; e da tale discorso, dal %odo con cui il gio2ane lo /ro&erE, dalla &a%iliaritC con cui si ri2olge2a a sua sorella usando solo il no%e /ro/rio, lei riconobbe subito un7inti%itC cosE /ro&onda, un7a&&iata%ento cosE s/ontaneo da tradire l7intesa /er&etta che esiste2a tra loro. A /artire da -uel %o%ento non dubitJ /iA che si &ossero &idan*ati; e -uella certe**a non suscitJ altra sor/resa se non il &atto che -uelle due creature cosE s/ontanee a2essero lasciato /ro/rio lei, &ra tutti -uanti, a do2erlo sco/rire /er caso. "l giorno successi2o argaret le con&idJ -ualcosa che le &ece 2edere la -uestione sotto una luce anche /iA chiara. Billoughby a2e2a /assato con loro la serata /recedente, e argaret, che era ri%asta /er un /o7 nel salottino sola con lui e arianne, a2e2a a2uto occasione di osser2are certe cose che, con es/ressione /iena d7i%/ortan*a, co%unicJ alla sorella %aggiore a//ena si tro2arono insie%e. ,Oh, Elinor0, escla%J, ,de2o raccontarti un tale segreto sul conto di arianne[ Sono sicura che s/oserC %olto /resto il signor Billoughby0. ,6o hai detto -uasi tutti i giorni0, re/licJ Elinor, ,da che si sono conosciuti alla collina di Figh #hurch; do/o ne%%eno una setti%ana dal loro /ri%o incontro eri certa che arianne /ortasse al collo il suo ritratto; e /oi D saltato &uori che si tratta2a solo della %iniatura del nostro /ro*io0. , a -uesta D un7altra cosa, da22ero. Sono certa che si s/oseranno /restissi%o /erchI lui /ossiede una ciocca dei ca/elli di lei0. ,Stai attenta, argaret. Potrebbero non essere altro che ca/elli di un /ro*io di lui0. , a no, da22ero, Elinor, sono di arianne. Ne sono sicura /erchI l7ho 2isto %entre li taglia2a. "eri sera do/o il tD, -uando tu e la %a%%a era2ate uscite dal salottino, /arla2ano tra loro bisbigliando &itto &itto, e se%bra2a che lui la /regasse di -ualcosa, e tutt7a un tratto ha /reso le &orbici di arianne e le ha tagliato un lungo ricciolo, /erchI lei si era sciolti i ca/elli sulle s/alle; /oi lo ha baciato e lo ha a22olto in un &oglio di carta bianca, e se l7D %esso nell7agendina0. A -uesti /articolari, ri/ortati con tanta autoritC, Elinor non /otI non dare credito; nI era dis/osta a ritenerli in&ondati, dato che la circostan*a si accorda2a /er&etta%ente con -uel che lei stessa a2e2a /iA 2olte sentito e 2isto. 6a sagacia di argaret non tro2a2a se%/re es/ressione in %odo altrettanto soddis&acente /er sua sorella. Suando la signora 1ennings l7attaccJ, una sera, /erchI dicesse il no%e del gio2anotto /re&erito da Elinor, che da %olto te%/o era /er lei %oti2o di grande curiositC, argaret ris/ose, guardando sua sorella: ,Non lo de2o dire, non D cosE, Elinor.0. Suesto, natural%ente, &ece ridere tutti, e anche Elinor cercJ di ridere, %a lo s&or*o le risultJ /enoso. Era certa che argaret a2esse in %ente una /ersona il cui no%e non a2rebbe %ai 2oluto, lei cosE co%/osta, es/orre alle battute della signora 1ennings. arianne sta2a sincera%ente dalla sua /arte; %a &ece /iA %ale che bene alla causa, /erchI arrossE co%/leta%ente, e disse con sti**a a argaret: ,$icordati, -uali che siano le congetture che hai &atto, non hai alcun diritto di ri&erirle0. , a non ho %ai &atto congetture in /ro/osito0, ribattI argaret. ,Sei stata /ro/rio tu a
+44

dir%elo[0. Suesto au%entJ l7allegria della co%iti2a, e argaret 2enne incitata da tutte le /arti a dire -ualcosa di /iA. ,Oh, 2i /rego, signorina argaret, raccontateci tutto[0, escla%J la signora 1ennings. ,#o%e si chia%a il signore in -uestione.0 ,Non /osso dirlo, signora. PerJ so benissi%o chi D, e anche do2e si tro2a0. ,SE, sE, /ossia%o i%%aginare do2e si tro2a: a casa sua a Norland, non c7D dubbio. Oserei dire che D il curato della /arrocchia0. ,No, non D il curato. Non ha alcuna /ro&essione0. , argaret0, disse arianne con gran &er2ore, ,sai benissi%o che tutto -uesto D una tua in2en*ione, e che la /ersona di cui /arli non esiste0. ,Ebbene, arianne, allora D %orta da /oco, /erchI sono sicura che una 2olta c7era, e il suo no%e co%incia con una )0. Elinor si sentE %olto riconoscente 2erso 6ady iddleton, che in -uel %o%ento osser2J che ,/io2e2a a dirotto0, anche se era certa che -uell7inter2ento non di/ende2a tanto da un riguardo 2erso di lei -uanto dalla grande anti/atia della signora /er la 2olgaritC degli argo%enti delle battute che costitui2ano la deli*ia di suo %arito e di sua %adre. A ogni %odo, il nuo2o argo%ento &u /ronta%ente raccolto dal #olonnello Hrandon, se%/re attento ai senti%enti altrui; e andarono a2anti entra%bi a /arlare della /ioggia. Billoughby a/rE il /iano&orte e chiese a arianne di sedersi allo stru%ento; e cosE, gra*ie a tutti -uegli s&or*i congiunti /er &arlo cadere, l7argo%ento 2enne abbandonato. a a Elinor non &u &acile ri/rendersi dallo s/a2ento in cui era stata gettata. Suella sera stessa &u co%binata una riunione /er andare, il giorno successi2o, a 2edere un bellissi%o /osto a una -uindicina di %iglia da Harton, che a//artene2a a un cognato del #olonnello Hrandon, sen*a il cui inter2ento non si /ote2a 2isitare, /erchI il /ro/rietario, che in -uel /eriodo era all7estero, a2e2a lasciato ordini %olto /recisi in /ro/osito. Si dice2a che il /arco e i giardini &ossero %olto belli, e Sir 1ohn, che li racco%anda2a con %olto calore, /ote2a dirsi buon giudice, giacchI negli ulti%i dieci anni a2e2a co%binato, /er andarli a 2isitare, al%eno due escursioni ogni estate. #ontene2ano una elegante distesa d7ac-ua; andare in barca a2rebbe dun-ue costituito gran /arte del di2erti%ento della %attinata; si sarebbero consu%ati cibi &reddi e sarebbero state i%/iegate solo carro**e a/erte, tutto secondo il consueto stile di una gita di /iacere. Solo a -ualcuno della co%iti2a l7i%/resa /are2a /iuttosto rischiosa, /er2ia della stagione e del &atto che da due setti%ane /io2e2a ogni giorno; e la signora DashGood, che a2e2a giC /reso un ra&&reddore, &u con2inta da Elinor a restare a casa.

+4+

#apitolo tredicesimo
6a gita a Bhitehall che a2e2ano /rogettato risultJ %olto di2ersa da -uel che Elinor si as/etta2a. Era rassegnata a do2er tornare a casa &radicia, esausta e de/ressa; %a le cose andarono anche /eggio, /erchI non riuscirono ne%%eno a /artire. Alle dieci tutta la co%/agnia era riunita a Harton Par( /er &are cola*ione. Nonostante &osse /io2uto tutta la notte, la %attina era /iuttosto &a2ore2ole, dato che le nu2ole si dis/erde2ano in cielo e s/esso si a&&accia2a il sole. Tutti erano /ieni di entusias%o e di buon u%ore, ansiosi di di2ertirsi e decisi a &arsi carico di tutti i disagi e tutte le &atiche i%%aginabili /ur di riuscire a &arlo. entre &ace2ano cola*ione, &urono /ortate delle lettere. )ra le altre, ce n7era una /er il #olonnello Hrandon; lui la /rese, guardJ da do2e 2eni2a, i%/allidE e uscE i%%ediata%ente dalla stan*a. ,#osa D successo a Hrandon.0, chiese Sir 1ohn. Nessuno se//e cosa ris/ondere. ,S/ero non abbia rice2uto catti2e noti*ie0, disse 6ady iddleton. ,De27essere -ualcosa di straordinario, /er obbligare il #olonnello ad abbandonare la %ia ta2ola cosE all7i%/ro22iso0. #in-ue %inuti do/o il #olonnello rico%/ar2e. ,)orse a2ete a2uto -ualche brutta noti*ia, #olonnello.0, disse la signora 1ennings, a//ena entrJ nella stan*a. ,No, signora, gra*ie0. ,Kiene da A2ignone, la lettera. S/ero non dica che 2ostra sorella D /eggiorata0. ,No, signora, 2iene da 6ondra, ed D solo una lettera d7a&&ari0. , a allora, co%e %ai la calligra&ia 2i ha tanto scon2olto, se si tratta solo di una lettera d7a&&ari. Kia, 2ia, da bra2o, #olonnello; diteci la 2eritC0. ,Signora %adre0, disse 6ady iddleton, ,state /iA attenta a co%e 2i es/ri%ete0. ,)orse D l7annuncio che 2ostra cugina )anny si D s/osata.0, disse la signora 1ennings sen*a &ar caso al ri%brotto della &iglia. ,No, da22ero non si tratta di -uesto0. ,Ebbene, allora so chi D a scri2er2i, #olonnello. E s/ero stia bene0. ,Di chi /arlate, signora.0, chiese lui, arrossendo un /oco. ,Oh, sa/ete benissi%o di chi sto /arlando0. , i dis/iace %olto, signora0, continuJ il #olonnello ri2olgendosi a 6ady iddleton, ,di a2er rice2uto -uesta lettera /ro/rio oggi, /erchI si tratta di un a&&are che richiede la %ia i%%ediata /resen*a in cittC0. ,"n cittC[0, escla%J la signora 1ennings. ,E cosa /otete a2ere da &are in cittC in -uesta stagione.0 , i dis/iace enor%e%ente di do2er abbandonare una cosE si%/atica co%/agnia0, continuJ lui, ,tanto /iA /erchI so che la %ia /resen*a D necessaria /er &ar2i rice2ere a Bhitehall0. #he col/o &u, /er tutti loro[ , a se scri2este un biglietto al custode, signor Hrandon0, inter2enne con ansia arianne, ,non sarebbe su&&iciente.0. 6ui scosse il ca/o.
+4:

, a dobbia%o andarci0, dichiarJ Sir 1ohn. ,Non D /ossibile ri%andare, adesso che sia%o giC belli e /ronti. Non andrete in cittC &ino a do%ani, Hrandon, ecco tutto0. ,Korrei tanto che la cosa si /otesse siste%are cosE &acil%ente, %a non /osso /ro/rio ri%andare il 2iaggio ne%%eno di un giorno[0. ,Se ci /er%etteste di sa/ere di cosa si tratta0, suggerE la signora 1ennings, ,/otre%%o 2edere se /uJ essere ri%andata o no0. ,Se s/ostaste la /arten*a a do/o il nostro ritorno0, disse Billoughby, ,non /erdereste ne%%eno sei ore0. ,Non %i D consentito /erdere ne%%eno %e**7ora0. Allora Elinor sentE che Billoughby bisbiglia2a a arianne: ,#i sono certe /ersone che non riescono a tollerare una gita di /iacere. Hrandon D tra -ueste. A2rC /aura di /rendere &reddo, sco%%etto, e ha escogitato il trucco /er togliersi d7i%/accio. #i sco%%etterei cin-uanta ghinee che la lettera se l7D scritta da solo0. ,Non ne dubito0, ris/ose arianne. ,9na 2olta che a2ete /reso una decisione, Hrandon0, disse Sir 1ohn, ,D i%/ossibile /ersuader2i a ca%biare idea, lo so da %olto te%/o. S/ero /erJ che ci ri/enserete. #onsiderate che ci sono le due signorine #arey, che sono 2enute da NeGton, le tre signorine DashGood che hanno &atto tutta la strada dal 2illino, e il signor Billoughby, che si D al*ato due ore /ri%a del solito /ro/rio /er andare a Bhitehall0. "l #olonnello Hrandon es/resse di nuo2o il suo 2i2o dis/iacere /er essere causa di delusione alla co%iti2a, %a allo stesso te%/o dichiarJ che la /arten*a era ine2itabile. ,Heh, allora, -uando tornerete.0 ,S/ero di ri2eder2i a Harton0, disse 6ady iddleton, ,a//ena sarete in grado di ri/artire dalla cittC; ri%andere%o la gita a Bhitehall &ino al 2ostro ritorno0. ,Ki sono %olto obbligato, %a la data del %io ritorno D cosE incerta che non oso i%/egnar%i in alcun %odo0. ,Oh, do2rC tornare, e tornerC0, strillJ Sir 1ohn. ,Se non sarC -ui alla &ine de la setti%ana, andrJ io a /renderlo[0. ,SE, bra2o Sir 1ohn0, escla%J la signora 1ennings, ,cosE &orse riuscire%o a sco/rire di cosa si tratta[0. ,Non 2oglio &iccare il naso negli a&&ari degli altri. "%%agino che sia -ualcosa di cui si 2ergogna0. )u annunciato l7arri2o dei ca2alli del #olonnello. ,Non andrete &ino in cittC a ca2allo, no.0, do%andJ Sir 1ohn. ,No... solo &ino a Foniton. Da lE /renderJ la diligen*a0. ,Ebbene, se siete /ro/rio deciso ad andar2ene, non /osso &ar altro che augurar2i buon 2iaggio. a &areste %eglio a ca%biare idea0. ,Ki assicuro che non D /ossibile0. Poi il #olonnello si congedJ da tutta la co%iti2a. ,#i sarC la /ossibilitC di 2edere 2oi e le 2ostre sorelle in cittC -uest7in2erno, signorina DashGood.0 ,Te%o /ro/rio di no0. ,Allora de2o dir2i addio /er un te%/o /iA lungo di -uanto non 2orrei0. Da2anti a arianne si li%itJ a inchinarsi sen*a dir niente. ,A2anti, #olonnello0, insistette la signora 1ennings, ,/ri%a di andar 2ia diteci /erchI 2e ne andate0.
+45

6ui le augurJ il buon giorno e uscE, acco%/agnato da Sir 1ohn. Proteste e la%entele, &ino a -uel %o%ento trattenute dalla cortesia, /roru//ero da tutte le /arti; e tutti, d7a%ore e d7accordo, dissero e ri/eterono che era da22ero seccante essere delusi cosE. ,"o, /erJ, /osso i%%aginarlo benissi%o di -uali a&&ari si tratta0, disse la signora 1ennings, esultante. ,Da22ero, signora.0, escla%arono -uasi tutti. ,SE. Si tratta della signorina Billia%s, ne sono certa[0. ,E chi D la signorina Billia%s.0, chiese arianne. ,#o%e[ Non sa/ete chi D la signorina Billia%s. #rede2o che ne a2este giC sentito /arlare. \ una /arente del #olonnello, %ia cara, una /arente %olto stretta. Non dirJ -uanto, /er non scandali**are le signorine0. Suindi, abbassando la 2oce, disse a Elinor: ,\ la sua &iglia naturale0. ,Da22ero[0. ,Oh sE[ Ed D in tutto e /er tutto il suo ritratto. Sco%%etto che il #olonnello le lascerC tutto -uello che ha0. Suando rientrJ, Sir 1ohn si unE di tutto cuore al generale ra%%arico /er -uel disgra*iato contratte%/o; e concluse dichiarando che, 2isto che or%ai si erano riuniti, do2e2ano &are -ualcosa /er di2ertirsi; e do/o alcune consulta*ioni decisero che, /er -uanto ci si /otesse di2ertire soltanto a Bhitehall, /ote2ano consolarsi &acendo una bella gita in carro**a /er la ca%/agna. )urono ordinate le 2etture; -uella di Billoughby arri2J /er /ri%a, e -uando ci salE, arianne /ar2e toccare il so%%o della &elicitC. Attra2ersarono 2eloce%ente il /arco e ben /resto sco%/ar2ero agli occhi di tutti; e nessuno /iA li 2ide &ino al ritorno, che a22enne solo do/o -uello degli altri. Se%bra2ano tutt7e due entusiasti della /asseggiata, %a dissero solo, sen*a ri/ortare alcun /articolare, che si erano tenuti sui sentieri, in2ece di salire sulle colline. Decisero che la sera a2rebbero ballato, e che sarebbero stati allegri /iA che %ai /er tutto il giorno. Altri co%/onenti della &a%iglia #arey arri2arono /er /ran*o, ed ebbero la soddis&a*ione di sedere a ta2ola -uasi in 2enti, cosa che Sir 1ohn osser2J con gran /iacere. Billoughby /rese /osto, co%e di consueto, tra le due %aggiori delle DashGood. 6a signora 1ennings sede2a a destra di Elinor, e si erano a//ena siste%ati -uando lei si /rotese dietro le s/alle di -uesta e di Billoughby /er dire a arianne, abbastan*a &orte /erchI tutt7e due sentissero: ,Ki ho sco/erti, in barba a tutti i 2ostri stratage%%i. So do2e a2ete /assato l7intera %attina0. arianne arrossE e ris/ose con ansia: ,E do2e, di gra*ia.0 ,Non sa/e2ate0, inter2enne Billoughby, ,che sia%o stati in giro col %io calessino.0 ,SE, sE, signor &accia tosta, lo sa/e2o benissi%o, ed ero ben decisa a sa/ere anche do2e era2ate stati. i auguro che la sua casa 2i sia /iaciuta, signorina arianne. \ %olto grande, -uesto so, e -uando 2errJ a tro2ar2i s/ero che a2rete /ro22eduto a un nuo2o arreda%ento, /erchI ne a2e2a un gran bisogno -uando l7ho 2ista sei anni &a0. arianne si girJ tutta con&usa. 6a signora 1ennings rise di gusto, ed Elinor ca/E che, essendo decisa a sa/ere do2e erano stati, a2e2a &atto interrogare dalla sua ca%eriera lo stalliere di Billoughby, e con -uel siste%a a2e2a sa/uto che erano andati ad Allenha%, e a2e2ano trascorso /arecchio te%/o a /asseggiare /er i giardini e a 2isitare /er intero la casa. Elinor non riusci2a a crederci, /erchI le se%bra2a %olto i%/robabile sia che Billoughby /otesse a2er /ro/osto a arianne di entrare nella casa %entre c7era la signora S%ith, che lei
+4<

non conosce2a a&&atto, sia che arianne a2esse /otuto acconsentire. A//ena uscirono dalla sala da /ran*o le &ece delle do%ande in /ro/osito; e grande &u la sua sor/resa -uando sco/rE che -uello che a2e2a detto la signora 1ennings era del tutto 2ero. arianne, an*i, si inner2osE /er i suoi dubbi. ,PerchI do2resti credere, Elinor, che non do2essi%o andare a 2isitare la casa. Non lo hai desiderato anche tu, tante 2olte.0 ,SE, arianne, %a io non ci andrei %entre lE c7D la signora S%ith, e /oi da sola col signor Billoughby0. ,E//ure il signor Billoughby D la sola /ersona che abbia il diritto di &ar 2edere -uella casa; e dato che era2a%o in un calessino, era i%/ossibile &arci acco%/agnare da -ualcun altro. Non ho %ai /assato una %attina /iA bella in 2ita %ia0. ,Fo /aura0, ris/ose Elinor, ,che non se%/re il &atto che una cosa sia /iace2ole basti a /ro2arne l7o//ortunitC0. ,Al contrario, ne D la /ro2a %igliore, Elinor; se ci &osse stato -ualcosa di da22ero scon2eniente in -uel che ho &atto, %e ne sarei accorta subito, /erchI -uando &accia%o -ualcosa di %ale lo sa//ia%o se%/re, e con tale consa/e2ole**a non a2rei /otuto /ro2are alcun /iacere0. , a %ia cara arianne, non co%inci a dubitare della discre*ione della tua condotta, 2isto che ti ha giC es/osto a delle osser2a*ioni %olto /ungenti.0 ,Se le osser2a*ioni i%/ertinenti della signora 1ennings sono la /ro2a di un co%/orta%ento scon2eniente, allora tutti ci co%/ortia%o in %odo scon2eniente, in ogni %o%ento della 2ita[ Non bado a&&atto nI alle sue critiche nI alla sua a//ro2a*ione. Non %i /are di a2er &atto nulla di %ale /asseggiando nel /arco della signora S%ith, o 2isitando la casa. 9n giorno, sarC tutto del signor Billoughby, e...0. ,Se anche un giorno do2esse essere tuo, arianne, non saresti giusti&icata /er -uello che hai &atto0. 6ei arrossE a -uell7allusione, che /eraltro la lusinga2a 2isibil%ente; e do/o essere ri%asta /ensosa /er una decina di %inuti, tornJ ad a22icinarsi a sua sorella e disse allegra%ente: ,)orse, Elinor, D stato al-uanto i%/rudente, da /arte %ia, andare ad Allenha%; %a il signor Billoughby desidera2a tanto &ar%ela 2edere, ed D una bella casa, te lo garantisco[ Al /iano di so/ra c7D un salotto deli*ioso, /ro/rio della grande**a giusta /er l7uso -uotidiano, e con dei %obili %oderni sarebbe deli*ioso. \ una stan*a d7angolo, e ha le &inestre su due lati. Da una /arte si 2ede, attra2erso il ca%/o di bocce dietro la casa, un bosco s/lendido; l7altra si a&&accia sulla chiesa del 2illaggio e, /iA oltre, su -uelle belle e slanciate colline che abbia%o a%%irato tante 2olte. Non l7ho 2ista nelle condi*ioni %igliori, /erchI l7arreda%ento D /iA %alconcio di -uel che si /ossa i%%aginare... %a se &osse ri%essa in sesto... un /aio di centinaia di sterline, dice Billoughby, basterebbero a &arne una delle stan*e di soggiorno esti2e /iA attraenti di tutta l7"nghilterra0. Se Elinor a2esse /otuto ascoltarla sen*a essere interrotta dagli altri, arianne le a2rebbe descritto con altrettanto entusias%o tutte le stan*e della casa.

+4>

#apitolo quattordicesimo
6a brusca conclusione del soggiorno del #olonnello Hrandon alla 2illa, e la sua &er%e**a nel nascondere la ragione, rie%/E /er due o tre giorni i /ensieri della signora 1ennings, suscitando le /iA dis/arate illa*ioni; era in&atti &a%osa /er le sue su//osi*ioni, co%e lo sono tutti -uanti -uelli che sentono un 2i2o interesse /er i %o2i%enti delle /ersone di loro conoscen*a. Si do%anda2a sen*a /osa -uale /otesse esserne la ragione; si senti2a sicura che &osse giunta una catti2a noti*ia, e /assa2a in rassegna tutte le disgra*ie che /ote2ano essere successe all7a%ico assente, /iA che decisa a non ris/ar%iargliene nessuna. ,Do2e2a trattarsi di -ualcosa di 2era%ente triste0, dice2a, ,gliel7ho letto in &accia. Po2er7uo%o[ Fo /aura che si tro2i in catti2e ac-ue. 6a /ro/rietC di Dela&ord non D %ai stata 2alutata /iA di due%ila all7anno, e suo &ratello a2e2a lasciato un gran disordine. #redo sia stato chia%ato /er /roble%i di denaro, /erchI di che altro /uJ trattarsi. #hissC se D /ro/rio -uesto. Non so cosa darei /er conoscere la 2eritC. a &orse in2ece si tratta della signorina Billia%s... e a ben /ensarci direi che D /ro/rio cosE, /erchI se%bra2a col/ito -uando l7ho %en*ionata. )orse D a%%alata, in cittC; niente di /iA /robabile, 2isto che ho sentito dire che D se%/re /iuttosto cagione2ole. #i sco%%etterei che D a causa della signorina Billia%s. Non D /robabile che sia /reoccu/ato /er la sua situa*ione &inan*iaria /ro/rio adesso, /erchI D un uo%o %olto /rudente, e di sicuro a2rC or%ai liberato la /ro/rietC dalle i/oteche. i chiedo di cosa si /ossa trattare[ )orse sua sorella, ad A2ignone, D /eggiorata, e lo ha %andato a chia%are. "l &atto che sia sca//ato 2ia cosE in &retta e &uria &arebbe /ensare a una cosa del genere. Ebbene, gli auguro di tutto cuore di riuscire a togliersi dai guai e di guadagnarsi anche, alla &in &ine, una buona %oglie0. #osE &antastica2a, cosE chiacchiera2a la signora 1ennings, ca%biando /arere a ogni nuo2a illa*ione, e ognuna di esse, a %ano a %ano che si /resenta2a, se%bra2a ugual%ente /robabile. Elinor, /ur /ro2ando un sincero interesse /er la tran-uillitC del #olonnello Hrandon, non /ote2a tro2are nella sua i%/ro22isa /arten*a tutto l7interesse che /retende2a da lei la signora 1ennings; a /arte il &atto che a suo /arere la circostan*a non giusti&ica2a uno sconcerto cosE /rolungato e tanta 2arietC di i/otesi, a2e2a ben altro a cui /ensare, e /iA /recisa%ente allo straordinario silen*io di sua sorella e di Billoughby sull7argo%ento che, co%e non /ote2ano non sa/ere, era di tanto interesse /er tutte -uante loro. Suel silen*io continua2a, e ogni giorno lo &ace2a se%brare /iA bi**arro e inco%/atibile con il te%/era%ento di entra%bi. Elinor non riusci2a /ro/rio a ca/ire /erchI %ai non dichiarassero a/erta%ente a sua %adre e a lei -uello che, co%e il loro co%/orta%ento reci/roco di%ostra2a, a2e2a e&&etti2a%ente a2uto luogo. Pote2a &acil%ente accettare che un %atri%onio i%%ediato non &osse /ossibile, /erchI, -uantun-ue Billoughby &osse &inan*iaria%ente indi/endente, nulla consenti2a di ritenerlo ricco. 6a rendita della sua /ro/rietC a #o%be agna era stata 2alutata da Sir 1ohn a cin-ue o seicento sterline all7anno; %a lui conduce2a una 2ita assai dis/endiosa, cosicchI -uella ci&ra era certa%ente inadeguata, e d7altra /arte si la%enta2a s/esso della sua /o2ertC. Del resto, lei non riusci2a a tro2are alcuna s/iega*ione /er -uella strana segrete**a, che in realtC non nasconde2a nulla, in %erito al loro &idan*a%ento; e -uesto era tanto in contrasto con tutte le loro o/inioni e il loro %odo di co%/ortarsi che tal2olta nella sua %ente si insinua2a il dubbio che &ossero 2era%ente &idan*ati; e un tale dubbio basta2a a trattenerla dal ri2olgere
+4;

a arianne -ualsiasi do%anda. Non c7era nulla che /otesse indicare un 2i2o a&&etto /er loro /iA del co%/orta%ento di Billoughby. Per arianne a2e2a tutta la tenere**a ti/ica dell7inna%orato, e /er il resto della &a%iglia l7a&&ettuosa considera*ione di un &iglio e di un &ratello. Pare2a che il 2illino &osse la sua 2era casa, e lui lo a%asse /ro/rio co%e tale; ci trascorre2a %olte /iA ore che ad Allenha%; e se non si incontra2ano tutti -uanti a Harton Par(, era -uasi certo che la sua /asseggiata %attutina lo a2rebbe /ortato a trascorrere il resto della giornata accanto a arianne, col suo a%ato /ointer accucciato ai /iedi di lei. 9na sera in /articolare, circa una setti%ana do/o la /arten*a del #olonnello Hrandon, il suo cuore se%brJ /iA che %ai a/erto all7a&&etto /er tutti gli oggetti che lo circonda2ano; e -uando la signora DashGood accennJ casual%ente al /rogetto di abbellire il 2illino a /ri%a2era, si o//ose con calore a -ualsiasi tras&or%a*ione di un luogo che l7a%ore rende2a /er&etto ai suoi occhi. ,#he[0, escla%J. ,Abbellire -uesto caro 2illino[ Ah, no. A una cosa del genere non acconsentirJ %ai. Non una /ietra sarC aggiunta alle sue %ura, non un centi%etro alle sue di%ensioni, se si /renderanno in considera*ione i %iei senti%enti0. ,Non abbiate /aura0, disse Elinor, ,non si &arC nulla del genere, /erchI %ia %adre non a2rC %ai il denaro necessario /er /ro2arci0. ,Ne sono /ro/rio &elice0, escla%J lui. ,Possa essere se%/re /o2era, se non /uJ i%/iegare %eglio le sue ricche**e0. ,Gra*ie, Billoughby. a state /ur sicuro che non sacri&icherei il 2ostro attacca%ento a -uesto luogo, e ne//ure -uello di -ualsiasi altra /ersona a %e cara, /er -ualsi2oglia %iglioria. #ontate /ure sul &atto che -ualun-ue sia la so%%a di cui /otrJ ancora dis/orre -uando &arJ i conti a /ri%a2era, la lascerei in dis/arte inutili**ata, /iuttosto che dis/orne in %odo da arrecar2i tanta /ena. a da22ero siete cosE attaccato a -uesto angoletto da non 2ederci alcun di&etto.0 ,SE0, &u la ris/osta. ,Per %e, D /ri2o di -ualsiasi di&etto. An*i, di /iA, lo ritengo il solo ti/o di edi&icio in cui si /ossa raggiungere la &elicitC, e se &ossi abbastan*a ricco, butterei giA i%%ediata%ente #o%be agna e lo ricostruirei in tutto e /er tutto secondo il /iano di -uesto 2illino0. ,#on una scala stretta e buia, e la cucina che &a &u%o, i%%agino0, disse Elinor. ,SE0, escla%J lui con lo stesso &er2ore, ,non ci sarebbe nessun ca%bia%ento /erce/ibile, nI nei 2antaggi nI negli s2antaggi. Allora, e solo allora, sotto un si%ile tetto, a #o%be /otrei &orse esser &elice co%e lo sono stato a Harton0. ,S/ero0, ribattI Elinor, ,che nonostante lo s2antaggio di a2ere stan*e /iA belle e una scala /iA a%/ia, tro2erete la 2ostra casa i%/eccabile co%e adesso tro2ate i%/eccabile -uesta0. ,#erto0, ri/rese Billoughby, ,ci sono circostan*e che %e la rendono assai cara; %a -uesto /osto a2rC se%/re un diritto esclusi2o al %io a&&etto, che nessun altro luogo /otrC %ai condi2idere0. 6a signora DashGood guardJ con /iacere arianne, i cui begli occhi &issa2ano Billoughby con tanta intensitC da denotare chiara%ente -uanto bene lo ca/i2a. ,Suanto s/esso ho desiderato0, aggiunse lui, ,-uando sta2o ad Allenha% un anno &a, che il 2illino di Harton &osse abitato[ Non %i ca/ita2a %ai di /assarci da2anti sen*a a%%irare la sua /osi*ione e sen*a ra%%aricar%i che non ci 2i2esse nessuno. Non /ensa2o da22ero, allora, che la /ri%a noti*ia rice2uta dalla signora S%ith a//ena arri2ato in ca%/agna sarebbe stata che il 2illino era stato a&&ittato; e /er -uesto &atto ho /ro2ato un senso
+48

i%%ediato di soddis&a*ione e di interesse, che solo una /re%oni*ione della &elicitC che a2rei goduto /otrebbe s/iegare. Non do2e2a &orse essere cosE, arianne.0, le sussurrJ. Poi, ri/rendendo il solito tono di 2oce, continuJ: ,E -uesta casa, 2oi la 2orreste ro2inare, signora DashGood. 6e togliereste la sua se%/licitC, credendo di abbellirla[ E -uesto caro salotto in cui D ini*iata la nostra a%ici*ia, in cui abbia%o trascorso tutti insie%e tante ore &elici, 2orreste degradarlo allo stato di un banale ingresso, cosE che tutti 2adano a2anti e indietro /er la stan*a, /iA inti%a e /iA bella di -uanto non /ossa essere alcuna altra stan*a, anche se a2esse le di%ensioni /iA grandiose del %ondo[0. 6a signora DashGood lo assicurJ nuo2a%ente che non a2rebbe %ai tentato una si%ile altera*ione. ,Siete %olto buona0, ris/ose lui con calore. ,6a 2ostra /ro%essa D /er %e un sollie2o. "nsistete ancora un /oco, e %i renderete &elice. Dite%i che non solo la 2ostra casa resterC se%/re la stessa, %a che tro2erJ se%/re 2oi e i 2ostri inalterati co%e la 2ostra di%ora; e che /enserete se%/re a %e con la gentile**a che %i ha resa cosE cara ognuna delle cose che 2i a//artengono0. 6a /ro%essa &u subito elargita, e il co%/orta%ento di Billoughby, durante tutta la serata, continuJ a rendere /alese il suo a&&etto e la sua &elicitC. ,Ki 2edre%o do%ani sera a cena.0, chiese la signora DashGood -uando /rese congedo. ,Non 2i chiedo di 2enire la %attina, /erchI dobbia%o andare alla 2illa a &ar 2isita a 6ady iddleton0. E lui si i%/egnJ a essere da loro alle -uattro.

+43

#apitolo quindicesimo
6a 2isita della signora DashGood a 6ady iddleton ebbe luogo il giorno successi2o, e due delle &iglie l7acco%/agnarono; arianne si scusJ, col /retesto di -ualche la2oretto da sbrigare, e la %adre, deducendo che la sera /recedente Billoughby a2esse /ro%esso di andarla a 2isitare durante la loro assen*a, &u /ronta a consentirle di ri%anere a casa. Al ritorno da Hurton Par( tro2arono il calessino e il do%estico di Billoughby in attesa da2anti al 2illino, e la signora DashGood si con2inse che la sua congettura non era sbagliata. )ino a -uel /unto, tutto anda2a co%e /re2isto; %a entrando in casa 2ide -ualcosa che non /ote2a attendersi di 2edere. A//ena &urono nel corridoio, arianne si /reci/itJ &uori del salotto con tutti i segni di un &orte dis/iacere e il &a**oletto /re%uto sugli occhi e, sen*a &ar caso a loro, corse su /er le scale. Sor/rese e allar%ate, entrarono diretta%ente nella stan*a da cui la raga**a era a//ena uscita, e ci tro2arono solo Billoughby che, a//oggiato al ca%inetto, 2olge2a loro le s/alle. Al loro ingresso lui si 2olse, e l7es/ressione del suo 2olto di%ostrJ -uanto 2i2a%ente condi2idesse l7e%o*ione di arianne. ,#osa D successo a %ia &iglia.0, escla%J la signora DashGood entrando. ,Si sente %ale.0 ,S/ero di no0, ris/ose lui, cercando di se%brare allegro; e con un sorriso &or*ato subito aggiunse: ,Sono io, /iuttosto, che do2rei sentir%i %ale... a causa di una terribile delusione[0. ,Delusione.0 ,SE, /erchI non sono in grado di %antenere l7i%/egno che ho /reso con 2oi. Sta%attina la signora S%ith ha esercitato il /ri2ilegio dei ricchi su un /o2ero di/endente, s/edendo%i a 6ondra /er a&&ari. Fo rice2uto /ro/rio adesso i dettagli dell7incarico, e %i sono congedato da Allenha%; e /er col%o dell7allegria sono 2enuto a /rendere congedo da 2oi0. ,A 6ondra[... E ci andate sta%attina.0 ,Pratica%ente adesso0. , a che /eccato. a bisogna &ar contenta la signora S%ith... #o%un-ue s/ero che i suoi a&&ari non 2i terranno a lungo lontano da noi0. 6ui arrossE %entre ris/onde2a: ,Koi siete %olto buona, %a non credo /otrJ tornare subito nel De2onshire. 6e %ie 2isite alla signora S%ith non si ri/etono %ai nel corso dell7anno0. ,E la signora S%ith D la 2ostra sola a%ica. Allenha% D la sola casa dei dintorni in cui 2i sentite il ben2enuto. Kergogna, Billoughby[ A2ete bisogno di un in2ito /er 2enire -ui.0. 6ui arrossE ancor /iA, e con gli occhi &issi al suolo si li%itJ a ri/etere: ,Siete tro//o buona0. 6a signora DashGood guardJ Elinor, sor/resa; %a anche Elinor era sbigottita. Per -ualche %inuto tutti tac-uero. 6a /ri%a a /arlare &u la signora DashGood. ,Non %i ri%ane che aggiungere, caro Billoughby, che al 2illino di Harton sarete se%/re il ben2enuto; non insisterJ /erchI torniate /resto, /erchI 2oi solo /otete giudicare -uanto ciJ /ossa risultare gradito alla signora S%ith; e su -uesto /unto non sono dis/osta a dubitare del 2ostro giudi*io, nI a sos/ettare della 2ostra inclina*ione0. ," %iei i%/egni, in -uesto %o%ento...0, balbettJ il gio2ane, con&usa%ente, ,sono di natura tale che... non /osso &ar%i illusioni...0. Tac-ue. 6a signora DashGood era tro//o sbalordita /er /arlare, e seguE un7altra /ausa. Suesta 2olta &u rotta da Billoughby, che disse, con un /allido sorriso: ,E una &ollia indugiare in -uesto %odo. Non 2oglio tor%entar%i /iA a lungo trattenendo%i &ra a%ici di
++=

cui /er adesso non /osso godere la co%/agnia0. Poi si congedJ in &retta da tutte loro e uscE dalla stan*a. 6o 2idero salire in 2ettura, e in un atti%o sco%/ar2e dalla 2ista. 6a signora DashGood era tro//o e%o*ionata /er /arlare, e uscE subito dal salotto, /er s&ogare in solitudine la /reoccu/a*ione e il dis/iacere causati da -uella /arten*a i%/ro22isa. 67in-uietudine di Elinor non era in&eriore a -uella di sua %adre. $i&lette2a su -uanto era accaduto con ansia e con sos/etto. "l co%/orta%ento di Billoughby nel /rendere congedo, il suo i%bara**o, la sua &or*ata allegria e so/rattutto la riluttan*a ad accettare l7in2ito della signora DashGood, -uella riser2ate**a cosE insolita in un inna%orato, e cosE insolita in lui, la rende2ano /ro&onda%ente in-uieta. 9n %o%ento te%e2a che da /arte del loro a%ico non ci &ossero %ai state inten*ioni serie, e il %o%ento successi2o che &ra lui e sua sorella a2esse a2uto luogo -ualche %alaugurata lite; l7angoscia con cui arianne a2e2a abbandonato la stan*a era tale da giusti&icare l7idea di un litigio serio, anche se, /ensando a -uanto lo a%a2a, se%bra2a -uasi i%/ossibile che ci &osse stata una lite. E//ure, -uali che &ossero i /articolari della loro se/ara*ione, la so&&eren*a di sua sorella non /ote2a essere %essa in dubbio, e lei /ensa2a con tenerissi%a co%/assione alla 2iolenta so&&eren*a a cui, con tutta /robabilitC, la /o2eretta si sta2a abbandonando, non tanto /er trarre sollie2o da -uello s&ogo, -uanto /er nutrire e incoraggiare -uel dolore co%e un suo do2ere. Nel giro di circa %e**ora sua %adre ritornJ nella stan*a; a2e2a gli occhi rossi, %a la sua es/ressione non era a&&atto abbattuta. ,"l nostro caro Billoughby or%ai D lontano da Harton di /arecchie %iglia0, disse, sedendo al suo la2oro, ,e chi sa con che cuore /esante sta 2iaggiando[ 0. ,\ tutto %olto strano. Do2er /artire cosE, all7i%/ro22iso[ Se%bra che sia stata -uestione di un %o%ento. Non D stato con noi solo ieri sera, cosE &elice, cosE allegro, cosE a&&ettuoso. E adesso ci a22erte dieci %inuti /ri%a... e sco%/are sen*a alcuna inten*ione di ritornare[ Di certo de2e essere successo -ualcosa di /iA di -uello che ci ha co%unicato. Non /arla2a, non si co%/orta2a co%e al solito. A2rete notato la di&&eren*a anche 2oi. #osa sarC successo. A2ranno litigato. Altri%enti, /erchI tanta riluttan*a ad accettare il 2ostro in2ito.0 ,Non gli %anca2a l7inclina*ione, Elinor[ Suesto lo 2ede2o chiara%ente. a non /ote2a accettare. Fo ri/ensato a tutto, te lo assicuro, e ora /osso s/iegar%i /er&etta%ente -uello che all7ini*io /are2a strano anche a %e0. ,Da22ero /otete s/iegarlo.0 ,SE. e lo sono s/iegato nel %odo /iA soddis&acente... %a /er te, Elinor, che sei se%/re /ronta a dubitare, /er te non lo sarC altrettanto, lo so; e//ure non riuscirai a dir%i nulla che /ossa scuotere la %ia &iducia. Sono con2inta che la signora S%ith sos/etti il suo attacca%ento /er arianne, lo disa//ro2i M&orse /erchI ha /er lui altri /rogettiN, e /er -uesto sia ansiosa di allontanarlo... e che l7a&&are /er il -uale lo %anda a 6ondra non sia che una scusa. #redo sia a22enuto /ro/rio -uesto. Per di /iA, sa/endo che lei disa//ro2a la rela*ione, lui non osa con&essarle subito il suo &idan*a%ento con arianne, e si sente costretto, 2ista la sua situa*ione di di/enden*a, ad assecondarla nei suoi /rogetti, allontanandosi /er un /o7 di te%/o dal De2onshire. So che tu %i dirai che /uJ essere cosE, co%e /uJ anche essere -ualcos7altro; %a io non starJ a sentire ca2illi, a %eno che tu non sa//ia o&&rir%i un7altra s/iega*ione, che sia altrettanto soddis&acente, di -uesta 2icenda. Dun-ue, Elinor, cosa hai da dire.0 ,Nulla, %a%%a, 2isto che a2ete antici/ato la %ia ris/osta0.
++4

,Dun-ue %i a2resti detto che /uJ essere cosE co%e /uJ anche essere -ualcos7altro. Oh, Elinor, co%e sono inco%/rensibili i tuoi senti%enti[ Pre&erisci /ensare se%/re al %ale, /iuttosto che al bene. Pre&erisci /re2edere dolore /er arianne e col/a /er il /o2ero Billoughby, an*ichI riconoscere di a2ere sbagliato a /ro/osito di -uest7ulti%o. Sei /ronta a crederlo col/e2ole, /erchI si D allontanato da noi con %eno a&&etto del solito. E non c7D nulla che si /ossa /erdonare, attribuendolo all7i%/re2isto e alla de/ressione dello s/irito /er un dis/iacere tanto recente. Non si /uJ accettare nessuna /robabilitC, solo /erchI non D una certe**a. Non c7D nulla di do2uto all7uo%o che tutte abbia%o %ille ragioni /er a2ere caro e nessuna ragione /er sos/ettare. Alla /ossibilitC che ci siano %oti2i in se stessi irre&utabili, anche se /er un certo te%/o ine2itabil%ente segreti. E, do/o tutto, di cosa lo sos/etti.0 ,Non sa/rei dir2elo... a il sos/etto di -ualcosa di s/iace2ole D la conseguen*a ine2itabile della tras&or%a*ione di cui /oco &a sono stata testi%one insie%e a 2oi. #7D %olto di 2ero, /erJ, nella 2ostra /erora*ione sulle concessioni che 2anno &atte, e desidero essere se%/re onesta nei %iei giudi*i. "ndubbia%ente Billoughby /uJ a2ere ragioni su&&icienti /er il suo co%/orta%ento, e 2oglio s/erare che le abbia; %a sarebbe stato %olto %eglio co%unicarcele subito. PuJ darsi che sia o//ortuna la segrete**a; e tutta2ia non /osso &are a %eno di %era2igliar%i che 2enga /raticata /ro/rio da lui0. ,Non lo si /uJ biasi%are, /erJ, /er a2er abbandonato il suo solito %odo di &are, se era necessario &arlo. a da22ero a%%etti che -uanto ho detto in sua di&esa D giusto. Allora ne sono &elice, /erchI D assolto0. ,Non del tutto. PuJ darsi che sia o//ortuno nascondere il loro &idan*a%ento Mse /oi sono &idan*atiN alla signora S%ith, e in tal caso sarC %eglio che Billoughby si &accia 2edere ben /oco dalle nostre /arti; %a -uesta non D una scusa /er nasconderlo a noi0. ,Nasconderlo a noi[ a, %ia cara ba%bina, 2uoi da22ero accusare arianne e Billoughby di sotter&ugi. Suesto D strano da22ero, 2isto che i tuoi sguardi li ri%/ro2era2ano tutti i giorni /er la loro scarsa cautela0. ,Non ho bisogno di /ro2e del &atto che si a%ano0, disse Elinor, ,%a del loro &idan*a%ento sE0. ,"o sono del tutto sicura dell7una e dell7altra cosa0. ,E//ure non 2i D stata detta ne%%eno una sillaba in /ro/osito, da nessuno di loro due0. ,Non %i era necessaria ne%%eno una sillaba, 2isto che gli atti /arlano con tanta chiare**a. "l suo co%/orta%ento 2erso arianne e tutti noi, in /articolar %odo negli ulti%i -uindici giorni, non dichiara2a &orse che la a%a2a e la considera2a la sua &utura %oglie, e che /er noi senti2a l7a&&etto di un &iglio e di un &ratello. Non ci sia%o &orse ca/iti /er&etta%ente a 2icenda. "l %io consenso non D stato &orse richiesto ogni giorno dai suoi sguardi, dalle sue %aniere, dalle sue /re%ure, dal suo a&&ettuoso ris/etto. #ara Elinor, co%e si /uJ dubitare del loro &idan*a%ento. #o%e ti D /otuto 2enire un /ensiero del genere. #o%e si /uJ su//orre che Billoughby, con2into co%e certa%ente D dell7a%ore di tua sorella, la abbandoni, e &orse /er %olti %esi, sen*a a2erle dichiarato il suo a&&etto... che si siano se/arati sen*a un reci/roco sca%bio di &iducia.0 ,#on&esso0, ris/ose Elinor, ,che tutte le circostan*e, eccetto una, sono in &a2ore del loro &idan*a%ento; -uell7una D il totale silen*io di entra%bi in /ro/osito, e /er %e esso ha /iA /eso di tutte le altre0. ,#he strano[ De2i esserti &atta da22ero una brutta o/inione di Billoughby se /uoi dubitare ancora, do/o tutto -uello che c7D stato a/erta%ente &ra loro[ Secondo te, -uindi, /er tutto -uesto te%/o lui ha recitato una /arte con tua sorella. #redi che lei gli sia co%/leta%ente indi&&erente.0
+++

,No, -uesto non lo /osso /ensare. #erto che de2e a%arla, e l7a%a, ne sono certa0. , a -uesto suo a%ore sarebbe da22ero %olto strano, se co%e tu /ensi /otesse lasciarla con tanta &acilitC, con tanta indi&&eren*a al &uturo[0. ,Penserete, cara %a%%a, che non ho %ai dato la cosa /er certa. Fo a2uto i %iei dubbi, lo con&esso; %a ora sono /iA deboli di /ri%a, e &orse /resto sco%/ariranno del tutto. Se sco/rire%o che si scri2ono, ogni %ia /aura 2errC a cadere0. ,Da22ero una bella concessione[ Se li 2edessi all7altare, su//orresti che siano sul /unto di s/osarsi, non D cosE. Oh, co%e sei dura[ "o in2ece non ho bisogno di /ro2e. A %io /arere, non D a22enuto niente che giusti&ichi il dubbio, non D stato %esso in atto nessun sotter&ugio; tutto D stato se%/re alla luce del sole e s/ontaneo. Dei desideri di tua sorella, non /uoi dubitare; /erciJ, non /uJ essere che Billoughby a destare i tuoi sos/etti. a /erchI. Non D &orse un uo%o d7onore e di senti%ento. #7D stato, da /arte sua, -ualche co%/orta%ento incongruo, tale da solle2are dei sos/etti. \ /ossibile che sia un i%broglione.0 ,S/ero di no, credo di no0, escla%J Elinor. ,Koglio bene a Billoughby, gli 2oglio bene sincera%ente, e il sos/etto della sua disonestC a %e non /uJ riuscire %eno doloroso che a 2oi; D stato in2olontario, e non lo incoraggerJ. #on&esso che sta%attina sono stata col/ita dal ca%bia%ento nelle sue %aniere; /arla2a in %odo di2erso dal solito e ha accolto la 2ostra gentile**a sen*a nessuna cordialitC. Tutta2ia tutto ciJ si /uJ s/iegare, se si i/oti**a una situa*ione co%e -uella che 2oi a2ete su//osto. Si era a//ena se/arato da %ia sorella, e l7a2e2a 2ista terribil%ente addolorata; e se, /er ti%ore di o&&endere la signora S%ith, si senti2a costretto a resistere alla tenta*ione di ritornare -ui /resto, /ur co%/rendendo che declinando il 2ostro in2ito e dicendo che do2e2a allontanarsi /er un certo te%/o si tro2a2a a recitare una /arte innaturale e sos/etta 2erso la nostra &a%iglia, allora D co%/rensibile che &osse i%bara**ato e turbato. "n tal caso una con&essione se%/lice e s/ontanea delle sue di&&icoltC sarebbe stata /iA onore2ole /er lui, %i se%bra, e /iA consona con il suo carattere; %a non 2oglio essere tanto gretta da solle2are obie*ioni contro il co%/orta%ento di -ualcuno solo /er 2ia di una di&&eren*a tra il %io e il suo %odo di giudicare, o /er una de2ia*ione da -uel che a %e se%bra giusto e coerente0. ,Suello che dici D giusto. #erto Billoughby non %erita di essere sos/ettato. 6o conoscia%o da /oco te%/o, %a da -ueste /arti non D uno sconosciuto; e chi %ai ha /arlato %ale di lui. Se &osse stato in grado di &are a suo %odo e di s/osarsi i%%ediata%ente, sarebbe stato strano, da /arte sua, lasciarci sen*a a2er%i con&idato subito tutto; %a non D cosE. Si tratta di un &idan*a%ento che, sotto %olti as/etti, non D ini*iato in %odo &elice, /erchI il loro %atri%onio sarC ri%andato /er chissC -uanto te%/o; e /er&ino i segreti, &intanto che /ossono essere %antenuti, risultano utili0. )urono interrotte dall7ingresso di argaret; Elinor &u dun-ue libera di ri&lettere sulle conclusioni di sua %adre, di riconoscere che %olte erano realistiche, e di s/erare che &ossero tutte giuste. Non 2idero arianne &ino all7ora di /ran*o, -uando entrJ nella stan*a e /rese il suo /osto a ta2ola, sen*a dire una sola /arola. A2e2a gli occhi rossi e gon&i, e /are2a trattenere a stento le lacri%e. E2ita2a di guardarsi intorno, non /ote2a nI %angiare nI /arlare, e -uando, do/o un /o7, sua %adre le strinse una %ano con tenera co%/assione, la sua esigua riser2a di &or*a si esaurE e, sco//iando in lacri%e, uscE dalla stan*a. "n tale stato di terribile abbatti%ento ri%ase tutta la sera. Non a2e2a alcuna /ossibilitC di controllarsi, /erchI non 2ole2a a2erla. "l %ini%o accenno a -ualun-ue cosa che riguardasse Billoughby la so/ra&&ace2a in un atti%o; e -uantun-ue sua %adre e le sue sorelle &ossero
++:

ansiosissi%e di e2itarle ogni ulteriore /ena, era i%/ossibile che dicessero una /arola sen*a toccare -ualche argo%ento che ai suoi senti%enti suona2a co%e un richia%o a lui.

++5

#apitolo sedicesimo
arianne si sarebbe ritenuta da22ero i%/erdonabile se &osse riuscita a dor%ire, la /ri%a notte do/o la se/ara*ione da Billoughby; si sarebbe 2ergognata, il %attino successi2o, di guardare in &accia i suoi &a%iliari, se non si &osse al*ata dal letto /iA bisognosa di ri/oso di -uanto non lo &osse stata -uando si era coricata. Non c7era da te%ere, d7altra /arte, che incorresse nel disonore di una si%ile co%/oste**a. $i%ase s2eglia tutta la notte, /iangendo -uasi se%/re; si al*J col %al di testa, non /ote2a /arlare e non 2olle /rendere alcun cibo, &acendo /reoccu/are sua %adre e le sorelle, e ri&iutando -ualsiasi tentati2o di consola*ione sia dall7una che dalle altre. 6a sua sensibilitC era da22ero grande[ 9na 2olta ter%inata la cola*ione, uscE tutta sola e giron*olJ /er il 2illaggio di Allenha%, lasciandosi andare, /er la %aggior /arte della %attina, al ricordo delle gioie /assate, e /iangendo /er la sua /ena /resente. Anche la serata trascorse in un identico abbandono a -uei senti%enti. SuonJ di nuo2o tutte le can*oni /redilette da Billoughby, tutti i %oti2i che /iA s/esso a2e2ano cantato insie%e, e ri%ase seduta dinan*i allo stru%ento &issando tutte le righe di %usica che il gio2ane a2e2a scritto /er lei, &inchI il suo cuore &u cosE /ieno da non /oter rice2ere /iA ne%%eno una goccia di triste**a; e il dolore &u ali%entato in tal %odo tutti i giorni. Passa2a ore e ore al /iano&orte, alternando il canto e il /ianto, &inchI le lacri%e le so&&oca2ano la 2oce. Anche sui libri, co%e nella %usica, si lascia2a andare al dolore che il contrasto &ra il /assato e il /resente non /ote2a non s2egliare; legge2a solo -uello che erano abituati a leggere insie%e. 9na so&&eren*a cosE 2iolenta non /ote2a durare in eterno; in /ochi giorni si ridusse a una /iA tran-uilla %alinconia; %a le solite occu/a*ioni a cui ogni giorno si dedica2a, le /asseggiate solitarie e le silen*iose %edita*ioni /roduce2ano di tanto in tanto es/losioni di dolore /iA intenso che %ai. Non arri2J alcuna lettera di Billoughby, e /are2a che arianne non se l7as/ettasse. Sua %adre era stu/ita, ed Elinor rico%inciJ a sentirsi in-uieta. a la signora DashGood, che -uando 2ole2a sa/e2a tro2are s/iega*ioni /er -ualsiasi cosa, ne tro2J una che la soddis&ece. ,Pensa, Elinor0, disse, ,-uanto s/esso succede che Sir 1ohn ritiri lui stesso alla /osta le nostre lettere /er /ortarcele. Abbia%o giC stabilito che la segrete**a /uJ essere o//ortuna, e dobbia%o riconoscere che non /otrebbe essere %antenuta se la loro corris/onden*a do2esse /assare /er le %ani di Sir 1ohn0. Elinor non /ote2a negare che ciJ &osse esatto, e cercJ di tro2are nella situa*ione una ragione su&&iciente a giusti&icare -uel loro silen*io. a c7era un %odo cosE se%/lice, cosE diretto, e a /arer suo cosE o//ortuno /er conoscere il 2ero stato delle cose ed eli%inare in un %o%ento ogni %istero, che non /otI &are a %eno di suggerirlo alla %adre. ,PerchI non do%andate subito a arianne0, /rese a dire, ,se D &idan*ata con Billoughby o no. )atta da 2oi, che siete la sua %a%%a, e una %a%%a tanto buona e indulgente, la do%anda non /uJ suonare co%e un7o&&esa. Non sarebbe che la naturale conseguen*a del 2ostro a&&etto. arianne D se%/re stata tutta s/ontaneitC, s/ecial%ente con 2oi0. ,Non le chiederei una cosa si%ile /er nulla al %ondo[ Su//onia%o che non siano &idan*ati, che dolore le in&liggerei[ #o%un-ue, sarebbe assoluta%ente ingeneroso. Non %eriterei /iA la sua con&iden*a, do/o a2erle estorta una con&essione di -ualcosa che sen*a dubbio, al %o%ento /resente, non de2e essere ri2elato a nessuno. #onosco il cuore di arianne; so
++<

che %i a%a tenera%ente e che non sarJ l7ulti%a a cui la cosa sarC co%unicata, -uando le circostan*e lo renderanno o//ortuno. Non rischierei %ai di &or*are la con&iden*a di -ualcuno; di una &iglia, /oi, %eno che %ai, /erchI il senso del do2ere le i%/edirebbe -uel ri&iuto che le 2iene i%/osto dai suoi desideri0. Elinor /ensJ che tale generositC &osse eccessi2a, considerando la gio2ine**a di sua sorella, e tornJ a insistere, %a inutil%ente; il /iA co%une buon senso, la /iA nor%ale /ruden*a, tutto a&&onda2a nella ro%antica delicate**a della signora DashGood. Passarono /arecchi giorni /ri%a che il no%e di Billoughby &osse /ronunciato da -ualcuno della &a%iglia da2anti a arianne; Sir 1ohn e la signora 1ennings, a dire il 2ero, non &urono ugual%ente discreti; le loro battute au%enta2ano il dolore di ore giC tanto /enose, &ino a che una sera la signora DashGood, /rendendo /er caso un 2olu%e di Sha(es/eare, escla%J: ,Non abbia%o %ai &inito l7A%leto, arianne; il nostro caro Billoughby D /artito /ri%a che /otessi%o giungere alla &ine. 6o %ettere%o da /arte /er -uando ritornerC... a &orse /asseranno dei %esi /ri%a che -uesto /ossa succedere0. ,Dei %esi[0, escla%J arianne con /ro&onda sor/resa. ,No... non /asserC ne%%eno -ualche setti%ana0. 6a signora DashGood &u addolorata di a2er /arlato; Elinor in2ece ne &u contenta, /oichI a2e2a stra//ato a arianne una ris/osta che es/ri%e2a cosE tanta &iducia in Billoughby, e la conoscen*a delle sue inten*ioni. 9na %attina, circa una setti%ana do/o la sua /arten*a, arianne si lasciJ con2incere a unirsi alle sorelle /er la loro consueta /asseggiata, in2ece di andarsene a giron*olare da sola. )ino a -uel %o%ento, a2e2a accurata%ente e2itato -ualsiasi co%/agnia. Se le sorelle 2ole2ano /asseggiare sulle colline, si allontana2a subito di so//iatto /er i sentieri; se /arla2ano della 2alle, era altrettanto /ronta ad arra%/icarsi su /er le colline, e -uando le altre usci2ano non la tro2a2ano da nessuna /arte. )inal%ente, /erJ, gli s&or*i di Elinor, che era %olto contraria a -uella continua reclusione, /re2alsero. Si inca%%inarono /er la strada della 2alle, %antenendo /er gran /arte del te%/o il silen*io, dato che non era /ossibile controllare i /ensieri di arianne, ed Elinor, soddis&atta del /unto che a2e2a guadagnato, non 2ole2a rischiare di /iA. Oltre l7ingresso della 2alle, do2e la ca%/agna, /ur ancora /ittoresca, era %eno sel2aggia e /iA a/erta, si allarga2a da2anti a loro un7a%/ia 2eduta della strada che a2e2ano /ercorso 2enendo a Harton; giunte in -uel /unto, &ecero sosta /er guardarsi intorno e conte%/lare il /anora%a da una /osi*ione cosE distante dal loro 2illino, un /unto di 2ista che non a2e2ano %ai a2uto occasione di raggiungere in alcuna delle loro /recedenti /asseggiate. Tra i 2ari ele%enti del /anora%a, ben /resto ne scorsero uno in %o2i%ento; era un uo%o a ca2allo, che 2eni2a al galo//o 2erso di loro. Pochi %inuti do/o 2idero che si tratta2a di un gentiluo%o, e subito arianne escla%J, ra/ita: ,\ lui, D /ro/rio lui[ 6o so che D lui[0, e si sta2a lanciando /er corrergli incontro -uando Elinor gridJ: ,No, arianne, credo /ro/rio che tu ti stia sbagliando. Non D Billoughby. Non D alto co%e lui, e non ha il suo as/etto0. ,SE che D co%e lui, %a sE: ha il suo as/etto, la sua giacca, il suo ca2allo. 6o sa/e2o che sarebbe tornato[0. Parlando, a2an*a2a tutta agitata; ed Elinor, /er /roteggerla dal &ar %ostra di sI, giacchI senti2a con -uasi assoluta certe**a che non si tratta2a di Billoughby, accelerJ il /asso /er raggiungerla e starle al &ianco. "n /oco te%/o arri2arono a una trentina di %etri dal
++>

ca2aliere. arianne lo guardJ un7altra 2olta e il cuore le cedette; si 2olse brusca%ente, e si sta2a a&&rettando a tornare indietro -uando tutt7e due le sorelle le gridarono di &er%arsi e una ter*a 2oce, -uasi altrettanto &a%iliare di -uella di Billoughby, si unE alle loro /er /regarla di &er%arsi; allora si 2olse, stu/ita, e riconobbe EdGard )errars. Era l7unica /ersona al %ondo che, in -uel %o%ento, /ote2a &arsi /erdonare di non essere Billoughby, l7unico che a2rebbe /otuto stra//arle un sorriso; so&&ocJ le lacri%e /er sorridergli, e nella &elicitC di sua sorella /er un %o%ento scordJ la sua delusione. "l gio2ane s%ontJ, e a&&idato il ca2allo al ser2itore, ca%%inJ a /iedi insie%e a loro 2erso Harton, do2e a//unto intende2a andare /er &ar loro 2isita. Tutte lo accolsero con grande cordialitC, %a so/rattutto arianne, che di%ostrJ /iA calore della stessa Elinor. Per lei, a dire la 2eritC, l7incontro di EdGard e di sua sorella non /ar2e che una /er/etua*ione di -uella ins/iegabile &redde**a che a2e2a osser2ato tante 2olte a Norland, nel loro reci/roco co%/orta%ento. Da /arte di EdGard, in /articolare, c7era una 2era %ancan*a di tutto ciJ che un inna%orato do2rebbe di%ostrare e dire in una occasione di -uel genere. Era con&uso, /are2a solo tie/ida%ente contento di 2ederle, non si %ostra2a nI ani%ato nI allegro, /arla2a /oco, e solo -uel /oco che gli 2eni2a stra//ato con delle do%ande, e non riser2a2a /er Elinor nessun segno d7a&&etto. arianne guarda2a e ascolta2a con crescente stu/ore. #o%inciJ /er&ino a /ro2are una certa anti/atia /er EdGard; e -uesto &ece sE che, co%e or%ai le succede2a con -ualsiasi %oto dell7ani%o, i suoi /ensieri tornassero a Billoughby, le cui %aniere &or%a2ano un contrasto tanto &orte con -uelle del suo &ratello eletti2o. Do/o un bre2e silen*io che seguE alla /ri%a sor/resa e alle /ri%e do%ande, arianne do%andJ a EdGard se 2enisse diretta%ente da 6ondra. No, era nel De2onshire giC da -uindici giorni. ,Suindici giorni[0, ri/etI lei, sor/resa che &osse stato /er cosE tanto te%/o nella contea in cui si tro2a2a Elinor sen*a tentare di 2ederla /ri%a. 6ui /ar2e turbato, e aggiunse che a2e2a 2isitato alcuni a%ici nei /ressi di Ply%outh. ,Siete stato nel SusseO recente%ente.0, do%andJ Elinor. ,Sono stato a Norland circa un %ese &a0. ,E che as/etto ha la cara, carissi%a Norland.0, escla%J arianne. ,6a cara, carissi%a Norland0, disse Elinor, ,ha /robabil%ente l7as/etto consueto di -uesta stagione. " boschi e i 2iali tutti co/erti di &oglie %orte0. ,Oh[0, escla%J arianne. ,#on -uali intense sensa*ioni le osser2a2o cadere[ Suanto gode2o, %entre /asseggia2o, nel guardarle roteare intorno a %e co%e una /ioggia, trascinate dal 2ento[ Suanti senti%enti %i hanno se%/re is/irato, insie%e alla stagione e alla stessa aria[ Ora non c7D /iA nessuno che le /ossa guardare. Sono ritenute solo co%e un &astidio, 2engono s/a**ate 2ia in &retta, e nascoste il /iA /ossibile alla 2ista0. ,Non tutti0, disse Elinor, ,hanno la tua /assione /er le &oglie %orte0. ,No; D raro che i %iei senti%enti siano condi2isi, D raro che siano co%/resi. a -ualche 2olta lo sono0. Dicendo -uesto, ri/io%bJ /er -ualche %o%ento in una &antasticheria; %a /oi si scosse di nuo2o, e disse, richia%ando l7atten*ione del gio2ane sul /anora%a: ,E ora, EdGard, ecco Harton Kalley. Osser2atela, e %antenete2i cal%o, se /otete. Guardate -uelle colline[ Ne a2ete %ai 2isto l7uguale. Ecco a sinistra Harton Par(, tra -uei boschi e -uei giardini. Si 2ede una estre%itC della casa. E lE, sotto -uella collina /iA lontana, che si ele2a cosE grandiosa, c7D la nostra casa0. ,\ una bella ca%/agna0, ris/ose lui, ,%a d7in2erno -uesto &ondo2alle de2e essere /ieno di
++;

&ango0. ,Oh, co%e /otete /ensare al &ango, da2anti a -uesto s/ettacolo.0 ,PerchI0, ribattI lui sorridendo, ,tra le altre cose, nello s/ettacolo che ho di &ronte, 2edo un sentiero %olto /ol2eroso0. ,#he strano[0, %or%orJ &ra sI arianne, %entre ca%%ina2ano. ,A2ete buona co%/agnia, -ui. Sono si%/atici i iddleton.0 ,No, /er nulla0, ris/ose arianne. ,Non /otre%%o a2ere colloca*ione /eggiore0. , arianne[0, la ri%/ro2erJ la sorella. ,#o%e /uoi dirlo. #o%e /uoi essere tanto ingiusta. Sono una &a%iglia ris/ettabile, e con noi si di%ostrano %olto a%iche2oli. Fai di%enticato, arianne, -uante belle giornate dobbia%o loro.0 ,No0, %or%orJ arianne, ,e neanche -uanti %o%enti dolorosi0. Elinor non &ece caso a -uesto, e ri2olse tutta la sua atten*ione al loro 2isitatore; si s&or*J di condurre con lui una sorta di con2ersa*ione, /arlando della loro attuale residen*a e dei suoi 2antaggi, e stra//andogli ogni tanto un7osser2a*ione o una do%anda. Suella &redde**a, -uella riser2ate**a la %orti&ica2ano %olto; era dis/iaciuta, e -uasi seccata; %a decisa a uni&or%are il suo co%/orta%ento 2erso di lui sulla base delle es/erien*e /assate, /iuttosto che sul /resente, e2itJ di %ostrare risenti%ento o dis/iacere, e lo trattJ co%e ritene2a do2esse esser trattato /er 2ia delle rela*ioni di &a%iglia.

++8

#apitolo diciassettesimo
6a signora DashGood non &u %olto sor/resa di 2ederlo, /erchI la sua 2enuta a Harton era, a sua 2ista, la cosa /iA naturale del %ondo. 6a sua gioia e le sue es/ressioni d7a&&etto &urono %olto su/eriori al suo stu/ore. EdGard rice2ette da lei il ben2enuto /iA a&&ettuoso; e non ci &u ti%ide**a, &redde**a o riser2ate**a che /otesse resistere da2anti a una tale accoglien*a; se esse a2e2ano co%inciato a cadere /ri%a che lui entrasse in casa, &urono co%/leta%ente s/a**ate 2ia dalle incante2oli %aniere della signora DashGood. "n realtC, un uo%o non /ote2a inna%orarsi di una o dell7altra delle sue &iglie sen*a estendere il suo senti%ento &ino a lei; ed Elinor ebbe la soddis&a*ione di 2edere il suo a%ico ritornare se stesso. Se%brJ co%e se il suo a&&etto /er tutte loro ri/rendesse &iato, e il suo interesse /er il loro benessere &u di nuo2o e2idente. Non era di buon u%ore, /erJ; elogiJ la casa, a%%irJ il /anora%a, &u attento e cortese; %a non era di buon u%ore. Se ne accorse tutta la &a%iglia, e la signora DashGood, attribuendo la cosa a -ualche %ancan*a di liberalitC da /arte di sua %adre, sedette a ta2ola sentendosi &uriosa 2erso tutti i genitori egoisti. ,Suali sono, al %o%ento /resente, le a%bi*ioni della signora )errars /er 2oi, EdGard.0, chiese -uando, ter%inato il /asto, si raccolsero tutti intorno al &uoco. ,#ontinuate a essere destinato 2ostro %algrado a di2entare un grande oratore.0 ,No. S/ero che adesso %ia %adre si sia con2inta che non ho nI talento nI /redis/osi*ione /er la 2ita /ubblica0. , a allora, su cosa si baserC la 2ostra &a%a. GiacchI &a%oso do2rete essere, /er &are contenta tutta la 2ostra &a%iglia: e sen*a /redis/osi*ione /er la 2ita dis/endiosa, sen*a si%/atia /er gli estranei, sen*a /ro&essione e sen*a sicure**a, sarete costretto ad accorger2i che la cosa D /iuttosto di&&icile0. ,Non ci /ro2erJ neanche. Non ho alcun desiderio di distinguer%i, e ho ogni ragione di sa/ere che -uesto non succederC %ai. Gra*ie al cielo non %i si /uJ i%/orre di essere geniale ed elo-uente0. ,Non a2ete a%bi*ioni, lo so. 6e 2ostre as/ira*ioni sono %olto %oderate0. ,Non /iA di -uelle del resto delle /ersone, credo. As/iro, co%e chiun-ue altro, a essere &elice; e co%e chiun-ue altro 2oglio esserlo a %odo %io. 6a grande**a non %i /uJ dare la &elicitC0. ,Sarebbe strano se /otesse[0, escla%J arianne. ,#osa hanno a che &are la ricche**a, o la grande**a, con la &elicitC.0 ,6a grande**a ben /oco0, disse Elinor, ,%a la ricche**a %olto0. ,Kergognati, Elinor[0, disse arianne. ,"l denaro /uJ dare la &elicitC solo -uando non c7D nient7altro che la dia. A /arte i %e**i su&&icienti /er 2i2ere, non consente nessuna soddis&a*ione, in se stesso0. ,)orse0, ri/rese Elinor sorridendo, ,arri2ere%o allo stesso /unto. 6a tua idea dei %e**i su&&icienti /er 2i2ere e la %ia idea della ricche**a sono /iA o %eno identici, oserei dire, e in %ancan*a di -uelli, dato che il %ondo D -uello che D, do2re%o entra%be con2enire che %ancherebbe -ualsiasi ti/o di benessere esteriore. a le tue idee sono /iA nobili delle %ie. A2anti, -uali sono /er te i %e**i su&&icienti /er 2i2ere.0 ,#irca %illeottocento, o due%ila all7anno, non /iA di tanto0. Elinor rise. ,Due%ila all7anno[ ille, /er %e e-ui2arrebbe alla ricche**a[ 0. ,E tutta2ia due%ila all7anno D una rendita /iuttosto %odesta0, disse arianne. ,9na
++3

&a%iglia non /otrebbe 2i2ere con %eno di -uesto. Sono certa di non essere eccentrica nelle %ie esigen*e. #on %eno non si /otrebbe %antenere il nu%ero giusto di do%estici, una carro**a, %agari due, nI cani da caccia0. Elinor sorrise di nuo2o, sentendo sua sorella che descri2e2a con tanta accurate**a le sue &uture s/ese a #o%be agna. ,#ani da caccia[0, ri/etI EdGard. , a /erchI do2reste a2ere dei cani da caccia. Non tutti 2anno a caccia0. arianne arrossE %entre ris/onde2a: , a la %aggior /arte della gente sE0. ,Korrei0, disse argaret, col/ita da una nuo2a idea, ,che -ualcuno desse un %ucchio di denaro a ciascuno di noi, /er &arci di2entare tutti -uanti ricchissi%i[ 0. ,Oh, %agari[0, escla%J arianne, con gli occhi s/lendenti d7eccita*ione e le guance in &ia%%e all7idea di -uella i%%aginaria &elicitC. ,Sia%o tutti unani%i in -uesto desiderio, i%%agino0, disse Elinor, ,nonostante la 2anitC della ricche**a0. ,Oh, Signore0, escla%J argaret, ,co%e ne sarei &elice[ Non so ne//ure cosa ne &arei[0. arianne non se%bra2a a2ere dubbi su -uel /unto. ,Anch7io sarei incerta su co%e s/endere un grosso /atri%onio0, inter2enne la signora DashGood, ,se le %ie &iglie do2essero essere giC tutte ricche sen*a il %io aiuto0. ,Do2reste ini*iare i 2ostri la2ori di %igliora%ento di -uesta casa0, notJ Elinor, ,e i 2ostri /roble%i sarebbero /resto &initi0. ,Suali s/lendide ordina*ioni /artirebbero da -ui /er 6ondra0, disse EdGard, ,in un tal caso[ #he giorno &elice /er i librai, i nego*i di %usica e di sta%/e[ Koi, signorina DashGood, sottoscri2ereste una co%%issione /erchI 2i &osse %andata ogni nuo2a sta%/a di 2alore... e -uanto a arianne, conosco la grande**a della sua ani%a, e non ci sarebbe a 6ondra %usica bastante /er accontentarla. E i libri[... Tho%son, #oG/er, Scott... li co%/rereste e rico%/rereste continua%ente; sareste ca/ace di co%/rarne anche l7ulti%a co/ia, credo, /er i%/edire che cadano in %ani indegne, e 2i &areste %andare i libri che insegnano ad a%%irare un 2ecchio albero contorto. Non D cosE, arianne. Perdonate%i se sono /ungente: %a 2ole2o sa/este che non ho di%enticato le nostre 2ecchie discussioni0. , i &a /iacere che %i si ricordi il /assato, EdGard... triste o lieto che sia, a%o ricordarlo, e 2oi non %i /otrete %ai o&&endere /arlando dei te%/i andati. A2ete ragione, nell7i%%aginare co%e s/enderei il %io denaro... al%eno una /arte; il denaro li-uido sarebbe di certo i%/iegato a %igliorare la %ia colle*ione di libri e di %usica0. ,E il grosso della 2ostra &ortuna sarebbe destinata a 2itali*i /er gli scrittori o i loro eredi0. ,No, EdGard, io a2rei -ualche altra cosa cui /ensare0. ,)orse allora lo assegnereste co%e rico%/ensa a chi abbia scritto la /iA e&&icace di&esa della sua %assi%a /re&erita, e cioD che nessuno /uJ inna%orarsi /iA di una 2olta nella 2ita... /erchI la 2ostra o/inione in /ro/osito non D ca%biata, i%%agino.0 ,Sen*a dubbio. Alla %ia etC le o/inioni sono abbastan*a stabili. Non D /robabile che io ora %i tro2i a 2edere o sentire -ualcosa che %e le &accia ca%biare0. , arianne, 2edete, D risoluta co%e se%/re0, disse Elinor. ,\ se%/re la stessa0. ,\ solo di2entata un /o7 /iA seria di -uanto non &osse /ri%a0. ,Kia, EdGard0, escla%J arianne, ,non siete certo 2oi a /oter%i ri%/ro2erare. Ne//ure 2oi siete %olto allegro0. ,PerchI /ensate -uesto.0, ris/ose lui con un sos/iro. , a l7allegria non D stata %ai /arte del %io carattere0.
+:=

,E neanche, credo, di -uello di arianne0, disse Elinor. ,Non la de&inirei una raga**a allegra... D %olto seria, %olto a//assionata in tutto -uello che &a... alle 2olte /arla %olto, e se%/re con ani%a*ione, %a rara%ente D da22ero allegra0. , i /are che abbiate ragione0, ris/ose lui, ,tutta2ia io l7ho se%/re considerata una raga**a 2i2ace0. , i sono s/esso tro2ata io stessa col/e2ole di -uesto ti/o di errori0, disse Elinor, ,ca/endo %ale, /er una ragione o /er l7altra, il carattere di una /ersona: i%%aginare cioD le /ersone %olto /iA allegre o /iA serie, /iA intelligenti o /iA stu/ide di -uanto non sono in realtC, e non sa/rei /ro/rio dire co%e o /erchI sia nato l7errore. Alle 2olte si D guidati da -uello che dicono di se stesse, e assai s/esso da -uel che ne dicono gli altri, sen*a /erdere te%/o /er %editare e giudicare0. , a ho se%/re creduto &osse giusto, Elinor0, disse arianne, ,lasciarsi guidare co%/leta%ente dall7o/inione degli altri. #rede2o che il nostro criterio ser2isse solo /er adeguarci a -uello degli altri. \ se%/re stato -uesto il tuo /rinci/io, ne sono certa0. ,No, arianne, %ai. "l %io /rinci/io non ha %ai %irato alla sogge*ione della %ente. Fo se%/re cercato di in&luen*are solo il co%/orta%ento. Non &raintender%i. Sono col/e2ole, lo con&esso, di a2ere s/esso desiderato che tu trattassi le nostre conoscen*e con %aggior riguardo; %a -uando %ai ti ho consigliata di uni&or%arti ai loro senti%enti o di adeguarti ai loro giudi*i in %erito alle cose /iA serie.0 ,Allora non siete riuscita a /ortare 2ostra sorella al 2ostro li2ello di cortesia 2erso tutti0, disse EdGard a Elinor. ,Non a2ete guadagnato terreno.0 ,Al contrario[0, ribattI Elinor, lanciando a arianne un7occhiata es/ressi2a. ,Suanto a %e0, ribattI lui, ,sarei del tutto dalla 2ostra /arte, %a te%o che in /ratica io &inisca /er essere %olto /iA dalla /arte di 2ostra sorella. Non 2orrei %ai o&&endere nessuno, %a sono cosE stu/ida%ente ti%ido che s/esso se%bro &reddo e indi&&erente, -uando in2ece sono solo trattenuto dalla %ia naturale go&&aggine. Fo /ensato s/esso che la natura %i abbia &atto /er stare in co%/agnia di gente alla buona, /erchI %i tro2o cosE /oco a %io agio &ra gli aristocratici, -uando non %i sono giC &a%iliari[0. , arianne non /uJ &are ricorso alla ti%ide**a /er scusare le sue %ancan*e di considera*ione0, disse Elinor. ,#onosce tro//o bene il suo 2alore /er /ro2are una &alsa 2ergogna0, ris/ose EdGard. ,6a ti%ide**a non D che la conseguen*a di un senso di in&erioritC. Se /otessi con2incer%i che le %ie %aniere sono del tutto disin2olte e garbate, non sarei ti%ido0. , a sareste ancora riser2ato0, disse arianne, ,e -uesto D &in /eggio0. EdGard sobbal*J. ,$iser2ato. Sono riser2ato, arianne.0 ,SE, %olto0. ,Non 2i ca/isco0, ris/ose lui, arrossendo. ,$iser2ato[ a co%e, in che %odo. #osa do2rei dirle. #osa /otete su//orre.0. Elinor /ar2e stu/ita della sua e%o*ione, %a cercando di li-uidare la -uestione con una risata gli disse: ,Non conoscete dun-ue a su&&icien*a %ia sorella /er ca/ire -uello che intende dire. Non sa/ete che chia%a riser2ati tutti coloro che non /arlano in &retta co%e lei, e non 2anno in estasi /er le cose di cui lei stessa D entusiasta.0. EdGard non ris/ose. TornJ a essere serio e /ensoso, e ri%ase seduto /er un certo te%/o silen*ioso e triste.

+:4

#apitolo diciottesimo
Elinor notJ con grande in-uietudine l7abbatti%ento del suo a%ico. 6a sua 2isita le o&&ri2a solo una soddis&a*ione %olto /ar*iale, 2isto che lui se%bra2a trarne cosE /oca gioia. Era e2idente che non era &elice; e lei a2rebbe 2oluto che &osse altrettanto e2idente che la considera2a ancora con lo stesso a&&etto, -uell7a&&etto che non a2e2a dubbi di a2ergli is/irato una 2olta; adesso, di -uella /re&eren*a, /are2a %olto incerta, e continua%ente ca/ita2a che la riser2ate**a del suo atteggia%ento 2erso di lei contraddicesse -uello che uno sguardo /iA ani%ato a2e2a co%unicato un %o%ento /ri%a. 6a %attina do/o lui raggiunse lei e arianne a cola*ione /ri%a che &ossero scese le altre; e arianne, se%/re ansiosa di &are -uello che /ote2a /er la loro &elicitC, /resto li lasciJ soli. a /ri%a di raggiungere la %etC della scala sentE che la /orta del salotto si a/ri2a, e, 2oltandosi, si stu/E nel 2edere uscire EdGard. ,Kado al 2illaggio a controllare i %iei ca2alli0, disse lui, ,dato che non siete ancora /ronte /er cola*ione. TornerJ subito0.

EdGard tornJ da loro /ieno di rinno2ata a%%ira*ione /er la ca%/agna circostante; ca%%inando 2erso il 2illaggio a2e2a 2isto %olte /arti della 2alle, a//re**andole %olto; e il 2illaggio stesso, situato /iA in alto del 2illino, o&&ri2a un /anora%a che gli era %olto /iaciuto. Era un argo%ento che con-uistJ subito l7atten*ione di arianne, che sta2a co%inciando a es/ri%ere la sua a%%ira*ione /er -uelle 2edute e a interrogarlo /iA dettagliata%ente su -uello che lo a2e2a col/ito di /iA, -uando EdGard la interru//e, dicendo: ,Non do2ete indagare tro//o, arianne... ricordate che non %i intendo del /ittoresco, e che se scendessi nei /articolari 2i o&&enderei con la %ia ignoran*a e la %ia %ancan*a di gusto. "o chia%erei ri/ide le colline che andrebbero de&inite ardite, estensioni strane e desolate -uelle che do2rebbero essere as/re e irregolari; e oggetti lontani e indistinguibili -uelli che sono soltanto con&usi dietro il %orbido 2elo di un7at%os&era bru%osa. Do2ete accontentar2i dell7a%%ira*ione che /osso es/ri%ere s/ontanea%ente. #erto D una gran bella ca%/agna: le colline sono alte, i boschi se%brano /ieni di buon legna%e e la 2alle D raccolta e &ertile, con dei bei ca%/i e %olti lindi casolari s/arsi -ua e lC. Tutto ciJ ris/onde /er&etta%ente alla %ia idea di una bella ca%/agna, /erchI unisce il bello all7utile... e oserei dire che D anche un /aese /ittoresco, 2isto che 2oi lo a%%irate; /osso ben credere che sia /ieno di rocce e /ro%ontori, di %uschio grigio e di boschi, %a tutto -uesto 2a /erduto /er %e. "o non %7intendo del /ittoresco0. ,Fo /aura che sia /ro/rio 2ero0, disse arianne, ,%a /erchI 2e ne 2antate. 0 ,Sos/etto0, disse Elinor, ,che /er e2itare un certo genere di a&&etta*ione EdGard cada in un7altra. Sicco%e ritiene che %olte /ersone /retendano di a%%irare le belle**e della natura /iA di -uanto non le sentano in realtC, e sicco%e tali /retese gli sono odiose, a&&etta, /arlandone, una indi&&eren*a %aggiore e una %inore ca/acitC di co%/rensione di -uanto in realtC non abbia. \ %olto esigente, e 2uole un7a&&etta*ione tutta sua0. ,\ 2erissi%o0, disse arianne, ,che l7a%%ira*ione del /aesaggio D di2enuta con2en*ionale. Tutti /retendono di sentirla e cercano di descri2erla con il gusto e l7elegan*a
+:+

di chi ha /er /ri%o de&inito i criteri della belle**a /ittoresca. "o detesto le con2in*ioni di -ualsiasi ti/o, e s/esso ho tenuto /er %e i %iei senti%enti /erchI non tro2a2o, /er descri2erli, /arole di2erse da -uelle co%uni, logorate dall7uso e /ri2ate di -ualsiasi signi&icato0. ,Sono con2into0, disse EdGard, ,che 2oi /ro2iate da22ero, da2anti a un bel /aesaggio, tutta la gioia che %ani&estate. a in ca%bio, 2ostra sorella %i do2rC /er%ettere di non sentire nulla di /iA di -uanto dichiaro s/ontanea%ente. 9n bel /anora%a %i /iace, %a non dal /unto di 2ista del /ittoresco. Non %i /iacciono i 2ecchi alberi contorti, intrecciati e s/accati. 6i a%%iro %olto di /iA se sono alti, dritti e &iorenti. Non %i /iacciono le cata/ecchie ro2inate e cadenti. Non %i /iacciono le ortiche, i cardi, o l7erica. i dC %olto /iA /iacere una bella &attoria che una torre diroccata... e /re&erisco una schiera di contadini /uliti e allegri ai /iA bei &uorilegge del %ondo0. arianne guardJ EdGard con stu/ore, e sua sorella con co%/assione. Elinor si li%itJ a ridere. 67argo%ento &u %esso da /arte, e arianne ri%ase /ensosa, in silen*io, &ino a che -ualcosa di nuo2o attrasse la sua atten*ione. Era seduta accanto a EdGard, e la %ano del gio2ane, /rotendendosi /er rice2ere la ta**a di tD dalla signora DashGood, le /assJ da2anti, tanto 2icino da rendere chiara%ente 2isibile un anello che a2e2a al centro un cerchietto di ca/elli, che s/icca2a su una delle dita. ,Non 2i a2e2o %ai 2isto /ortare anelli, EdGard[0, escla%J. ,Sono i ca/elli di )anny. $icordo che lei a2e2a /ro%esso di dar2eli. a a2rei /ensato che &ossero /iA scuri0. arianne a2e2a /arlato in %odo a22entato, %a -uando si accorse di -uanto a2e2a con&uso EdGard, il turba%ento che /ro2J /er la sua balordaggine non &u in&eriore a -uello di lui. 6ui arrossE 2i2a%ente, e lanciato uno sguardo a Elinor, ris/ose: ,SE, sono di %ia sorella. 6a %ontatura con&erisce se%/re una s&u%atura di colore di2erso, co%e sa/ete0. Elinor a2e2a incontrato i suoi occhi, e se%bra2a i%bara**ata anche lei. #he i ca/elli &ossero suoi, ne era stata sicura i%%ediata%ente, non %eno di arianne; l7unica di&&eren*a nella conclusione che ne a2e2ano tratta era che, %entre arianne li considera2a un libero dono &atto da sua sorella, Elinor sa/e2a benissi%o che erano il &rutto di un &urto o uno stratage%%a di cui lei non sa/e2a nulla. #o%un-ue, non era certo in condi*ioni di considerarlo un a&&ronto, e &acendo %ostra di non badare all7accaduto e a&&rettandosi a /arlare d7altro, decise in cuor suo di cogliere, da allora in /oi, -ualsiasi occasione /er osser2are %eglio -uei ca/elli e assicurarsi, al di lC di ogni dubbio, che si trattasse /ro/rio della s&u%atura che a2e2ano i suoi. 67i%bara**o di EdGard si /rotrasse /er -ualche te%/o, e &inE /er rendere il suo atteggia%ento ancora /iA %ani&esta%ente astratto. )u /articolar%ente serio tutta la %attina. arianne si ri%/ro2erJ se2era%ente /er -uel che a2e2a detto; %a si sarebbe /erdonata %olto /iA in &retta se a2esse sa/uto -uanto /oco a2e2a o&&eso sua sorella. Pri%a di %e**ogiorno rice2ettero una 2isita di Sir 1ohn e della signora 1ennings, che a2endo udito che era giunto un signore al 2illino, 2eni2ano a dare un7occhiata al nuo2o arri2ato. #on l7aiuto della suocera, Sir 1ohn non tardJ a sco/rire che il no%e di )errars co%incia2a con una ), e ciJ costituE la base /er una %iniera di &uture battute, e &u solo il &atto che la conoscen*a di EdGard &osse cosE recente a trattenerli dal co%inciare subito a &a%e. #o%un-ue, Elinor a//rese, da alcuni sguardi signi&icati2i, a che /unto arri2a2a la ca/acitC di /enetra*ione che a2e2ano rica2ata dalle istru*ioni rice2ute da argaret. Sir 1ohn non anda2a %ai dalle DashGood sen*a in2itarle a /ran*o a casa sua il giorno do/o,
+::

o a /rendere il tD il /o%eriggio stesso. "n -uell7occasione, /er intrattenere %eglio il loro os/ite, al cui di2erti%ento si senti2a in do2ere di dare un contributo, li in2itJ a entra%bi. ,Do2ete /ro/rio /rendere il tD con noi stasera0, disse, ,/erchI sia%o tutti soli, e do%ani do2ete assoluta%ente /ran*are con noi, /erchI sare%o un gru//o grande0. 6a signora 1ennings ribadE: ,E chi sa che non si /ossa %ettere su una &esta da ballo0, disse. ,Non 2i sentite tentata, signorina arianne.0 ,9n ballo[0, escla%J arianne. ,"%/ossibile[ #hi c7D /er un ballo.0 ,#o%e sarebbe[ a 2oialtre, e i #arey e i Bhita(er, si ca/isce. #o%e[ #redete /ro/rio che nessuno balli /iA, solo /erchI se ne D andata una certa /ersona che non si /uJ no%inare.0 ,Korrei con tutta l7ani%a0, gridJ Sir 1ohn, ,che Billoughby &osse di nuo2o &ra noi[0. Suesto, e il rossore di arianne, destJ nuo2i sos/etti in EdGard. , a chi D Billoughby.0, chiese a bassa 2oce a Elinor, accanto alla -uale sta2a seduto. 6ei gli dette una bre2e ris/osta. 67as/etto di arianne era ben /iA signi&icati2o. EdGard 2ide a su&&icien*a /er ca/ire non solo il signi&icato delle /arole degli altri, %a anche cos7era che lo a2e2a stu/ito nel co%/orta%ento di arianne; e -uando i loro 2isitatori /resero congedo, le si a22icinJ i%%ediata%ente e le sussurrJ: ,Fo indo2inato -ualcosa. Posso dir2i cos7D.0 ,#osa intendete...0. ,Ke la dico.0 ,#erto0. ,Ebbene, ho indo2inato che il signor Billoughby 2a a caccia0. arianne &u sor/resa e con&usa, /erJ non riuscE a non sorridere della tran-uilla %ali*ia delle sue %aniere, e do/o un %o%ento di silen*io, disse: ,Oh, EdGard, co%e /otete... a s/ero che un giorno... Sono sicura che 2i /iacerC0. ,Non ne dubito0, ris/ose lui, al-uanto sbalordito di tanta serietC e tanto calore; /erchI se a2esse i%%aginato che si tratta2a di -ualcosa di /iA di uno scher*o &atto /er au%entare la loro a%ici*ia, e basato solo su -uella sciocche**uola, se non addirittura /ro/rio su -uel nulla che do2e2a esserci stato &ra il signor Billoughby e lei, non si sarebbe arrischiato a /arlarne.

+:5

#apitolo diciannovesimo
EdGard ri%ase al 2illino /er una setti%ana; &u calda%ente /regato dalla signora DashGood di trattenersi di /iA %a, neanche &osse incline solo all7auto%orti&ica*ione, se%bra2a deciso ad andarsene /ro/rio -uando il /iacere di stare &ra le sue a%iche era al cul%ine. Negli ulti%i due o tre giorni il suo u%ore, /ur continuando a essere instabile, era %olto %igliorato; la casa e i dintorni gli /iace2ano se%/re di /iA; non /arla2a %ai di andarsene sen*a &are un sos/iro, a&&er%a2a di non a2ere nulla da &are, non sa/e2a ne%%eno do2e andare... e//ure, do2e2a andarsene. 6a setti%ana era 2olata, e lui non /ote2a ne%%eno credere che &osse giC &inita, continua2a a ri/eterlo; e dice2a anche altre cose, che ri2ela2ano l7inclina*ione dei suoi senti%enti e s%enti2ano le sue a*ioni. A Norland non si di2erti2a a&&atto e detesta2a stare in cittC; e tutta2ia do2e2a tornare o a Norland, o a 6ondra. 6e loro atten*ioni gli erano enor%e%ente care, e la sua &elicitC /iA grande era nello stare con loro; e %algrado tutto ciJ do2e2a lasciarle alla &ine della setti%ana, nonostante il loro e il suo desiderio, e sen*a nessun i%/egno /reciso che lo obbligasse a &arlo. Elinor attribui2a alla %adre di lui la col/a di tutto -uel che c7era di cosE insolito nel suo %odo di co%/ortarsi; e buon /er lei che EdGard a2esse una %adre cosE /oco conosciuta da /oter ser2ire co%e scusa generale /er ogni strane**a del &iglio. a delusa e dis/iaciuta co%7era, e tal2olta /er&ino sti**ita con lui /er l7incostan*a del suo co%/orta%ento, /ur era dis/osta, nell7insie%e, a giusti&icare /iena%ente il suo %odo di &are, in gra*ia delle stesse a&&ettuose e generose scusanti che con tanta &atica sua %adre le a2e2a &atto accettare a &a2ore di Billoughby. 6a %ancan*a di 2i2acitC, di &ranche**a e di coeren*a 2eni2ano general%ente attribuite alla %ancan*a d7indi/enden*a e al &atto che EdGard conosce2a %eglio di loro le idee e i disegni della signora )errars. 6a bre2itC della sua 2isita e la &er%e**a della sua decisione di andar 2ia 2eni2ano tutte attribuite a un atteggia%ento che era il &rutto della costri*ione, alla ine2itabile necessitC di te%/oreggiare con sua %adre. 6a causa di tutto era l7antico, ben noto /roble%a del do2ere i%/osto contro la libera 2olontC, della tirannia del genitore sul &iglio. 6ei a2rebbe 2oluto sa/ere -uando sarebbero cadute -uelle di&&icoltC, -uando sarebbe cessata -uell7o//osi*ione; -uando, inso%%a, la signora )errars si sarebbe con2ertita, lasciando suo &iglio &inal%ente libero di essere &elice. a da -uesti 2ani desideri era obbligata a ri2olgersi, /er tro2are con&orto, /er ra22i2are la sua &iducia nell7ani%o di EdGard, al ricordo di tutti i segni d7a&&etto che a2e2a colto negli sguardi o nelle /arole di lui %entre era a Harton, e so/rattutto alla lusinghiera /ro2a del suo a%ore che lui /orta2a costante%ente al dito. ,#redo, EdGard0, disse la signora DashGood %entre sede2ano a cola*ione l7ulti%a %attina, ,che sareste un uo%o &elice se a2este una /ro&essione /er tener2i occu/ato e con&erire interesse ai 2ostri /rogetti e alle 2ostre a*ioni. #erto -uesto /otrebbe causare -ualche incon2eniente ai 2ostri a%ici; non /otreste /iA concedere loro cosE tanto te%/o. a0, aggiunse con un sorriso, ,bene&icereste %aterial%ente al%eno di un /articolare... sa/reste do2e andare -uando 2i se/arate da loro0. ,Ki assicuro0, ris/ose lui, ,che ci ho /ensato a lungo, co%e 2oi ci state /ensando adesso. Per %e D stata, e /robabil%ente sarC se%/re, una grande s2entura il &atto di non a2ere a2uto la necessitC di occu/ar%i dei %iei a&&ari, una /ro&essione che %i tenesse i%/egnato e %i /rocurasse una certa indi/enden*a. Purtro//o, l7atteggia%ento so&isticato %io e dei %iei
+:<

a%ici %i hanno ridotto cosE co%e sono, una /ersona o*iosa, inutile. Non sia%o %ai riusciti a %etterci d7accordo nella scelta di una /ro&essione /er %e. "o a2rei di certo /re&erito la chiesa, e la /re&erisco ancora. a non era una scelta abbastan*a elegante /er i %iei. 6oro racco%anda2ano l7esercito; %a -uesta era una scelta di gran lunga tro//o elegante /er %e. Si era d7accordo che &are l7a22ocato sarebbe stata una scelta abbastan*a aristocratica; %olti gio2anotti che hanno lo studio a Te%/le &anno bella &igura nei circoli /iA ra&&inati e scarro**ano /er la cittC in -uei calessini che tutti conoscia%o; %a io non a2e2o /redis/osi*ione /er la legge, ne%%eno /er la /arte %eno astrusa della %ateria, che la %ia &a%iglia a2rebbe a//ro2ato. Suanto alla %arina, era certo alla %oda, %a -uando si co%inciJ a /arlare dell7idea di %andar%ici era tro//o tardi... e alla &ine, 2isto che do/otutto non c7era alcuna necessitC che io a2essi una /ro&essione di -ualche genere, 2isto che /ote2o essere brillante e s/endaccione anche sen*a una giacca rossa da %ilitare, &u deciso che non &are niente era la cosa /er %e /iA 2antaggiosa e onore2ole; e general%ente un gio2ane di diciott7anni non D tanto ansioso di tro2are un7occu/a*ione da non /otere resistere alle sollecita*ioni dei suoi &a%iliari a non &are nulla. #osE entrai a OO&ord, e da allora in /oi sono stato se%/re o*ioso, co%e di /ra%%atica0. ,6a conseguen*a di tutto ciJ sarC, i%%agino0, disse la signora DashGood, ,che dato che il non a2ere un7occu/a*ione non ha &a2orito la 2ostra &elicitC, i 2ostri &igli saranno educati ad a2ere cento occu/a*ioni, /ro&essioni, i%/ieghi e co%%erci, co%e -uelli di #olu%ella0. ,Saranno educati0, disse lui in tono gra2e, ,a essere il /iA /ossibile di2ersi da %e... nel %odo di sentire, di agire, di co%/ortarsi, in ogni cosa0. ,A2anti, a2anti, -uesta non D che un7i%/ressione %o%entanea, EdGard. Siete in una condi*ione di s/irito abbattuta, e /ensate che chiun-ue si tro2i in una condi*ione di2ersa dalla 2ostra debba essere &elice. $icordate che il dolore di se/ararsi dagli a%ici D sentito da tutti, ogni tanto. "%/arate a riconoscere -uello che a2ete. Ki %anca solo un /o7 di /a*ien*a... o, /er darle un no%e /iA a&&ascinante, chia%ia%ola s/eran*a. Kostra %adre 2i consentirC, col te%/o, -uell7indi/enden*a che 2oi tanto desiderate; D suo do2ere &arlo, e di -ui a non %olto sarC, do2rC essere &elice di i%/edire che la gio2ine**a di suo &iglio 2ada sciu/ata nello scontento. #osa non /ossono &are /ochi %esi[0. ,#i 2orranno %olti %esi0, ris/ose EdGard, ,/er &are di %e -ualcosa di buono0. Anche se -uesta condi*ione d7ani%o cosE abbattuta non /ote2a in&luen*are la signora DashGood, accrebbe /er tutte il dolore della se/ara*ione che ebbe luogo /oco do/o, e lasciJ un senso di disagio, so/rattutto nei senti%enti di Elinor, alla -uale ci 2ollero non /oco te%/o e &atica /er 2incerlo. Kisto /erJ che era sua &er%a inten*ione su/erarlo, e non %ostrare di so&&rire /iA di -uanto so&&ri2a tutta la sua &a%iglia /er la /arten*a di EdGard, non adottJ anche lei il siste%a giudi*iosa%ente i%/iegato da arianne in una occasione si%ile, /er accrescere e ra&&or*are il suo dolore cercando il silen*io, la solitudine e l7inatti2itC. " loro siste%i erano di2ersi, co%e i loro obietti2i, e si adatta2ano in egual %odo a ciascuna. Elinor sedette al suo ta2olo da disegno, a//ena lui se ne &u andato, e ri%ase occu/atissi%a tutto il giorno, e non cercJ nI e2itJ di %en*ionare il no%e di lui, se%brJ /arteci/are -uasi co%e al solito agli interessi generali della &a%iglia, e se, con -uesto co%/orta%ento, non lenE il suo dolore, al%eno ne e2itJ un inutile so2ra//iA, e ris/ar%iJ %olto dis/iacere a sua %adre e alle sue sorelle. 9n co%/orta%ento del genere, che era esatta%ente l7o//osto del suo, non /are2a a arianne /iA %eritorio di -uanto non le &osse se%brato esecrabile il suo. 6ei risol2e2a in un
+:>

baleno la -uestione dell7autocontrollo: -uando si /ro2a2ano dei senti%enti intensi non era /ossibile a2erne, e -uando i senti%enti erano tie/idi non /ote2a a2ere alcun 2alore. #he l7a&&etto della sorella &osse tie/ido, non a2rebbe osato negarlo, anche se sarebbe arrossita nel riconoscerlo; e della &or*a del /ro/rio da2a una gran bella testi%onian*a seguitando ad a%are e a sti%are una sorella si%ile, nonostante -uella %orti&icante con2in*ione. Sen*a isolarsi dalla &a%iglia, nI scegliere di uscire di casa da sola, /er e2itare ogni co%/agnia, o di stare s2eglia /er notti intere indulgendo alla %edita*ione, Elinor tro2a2a ogni giorno te%/o libero a su&&icien*a /er /ensare a EdGard e al co%/orta%ento di EdGard, con tutte le 2arianti che le %ute2oli condi*ioni del suo s/irito /ote2ano /rodurre in %o%enti di2ersi; con tenere**a, /ietC, a//ro2a*ione, atteggia%ento critico e dubbio. #7erano %olte occasioni in cui, se non /er l7assen*a di sua %adre e delle sorelle, al%eno /er la natura dei loro co%/iti, la con2ersa*ione langui2a, cosicchI si /roduce2ano tutti gli e&&etti della solitudine. 6a sua %ente era co%un-ue libera; i suoi /ensieri non /ote2ano essere incatenati a -ualcosa; e il /assato e il &uturo, dato che riguarda2ano un argo%ento tanto interessante, do2e2ano stendersi dinan*i a lei, tenere occu/ata la sua atten*ione e occu/are la sua %e%oria, le sue ri&lessioni, la sua &antasia. Da un si%ile stato conte%/lati2o, %entre sede2a al suo ta2olo da disegno, &u riscossa una %attina, /oco do/o la /arten*a di EdGard, dall7arri2o di un gru//o di /ersone. #asual%ente, era sola. "l ru%ore del cancello che si chiude2a all7ingresso del cortiletto da2anti alla casa la /ortJ a guardare &uori dalla &inestra, e 2ide una nu%erosa co%iti2a che si a22icina2a alla /orta. #7erano Sir 1ohn, 6ady iddleton e la signora 1ennings; %a gli altri due, un signore e una signora, le erano del tutto sconosciuti. Elinor sede2a accanto alla &inestra, e non a//ena la 2ide Sir 1ohn lasciJ agli altri la ceri%onia di /icchiare alla /orta, e attra2ersando il /raticello la costrinse ad a/rire i 2etri /er /arlarle, anche se lo s/a*io &ra la &inestra e la /orta era cosE /oco da rendere i%/ossibile ri2olgersi all7una sen*a essere sentita dall7altra. ,Ebbene0, disse, ,2i abbia%o /ortato degli sconosciuti. Ki /iacciono.0 ,Piano[ Potrebbero sentir2i0. ,Anche se %i sentono, non i%/orta. Sono solo i Pal%er. #harlotte D %olto gra*iosa, 2e lo assicuro. 6a /otete 2edere, se guardate da -uesta /arte0. Essendo certa di 2ederla /ochi %inuti do/o, Elinor non si /rese -uella libertC, e lo /regJ di scusarla. ,Do27D arianne. \ sca//ata 2ia al nostro arri2o. Kedo il suo stru%ento a/erto0. ,\ a /asseggio, credo0. Erano stati, intanto, raggiunti dalla signora 1ennings, che non a2endo la /a*ien*a di as/ettare che la /orta &osse a/erta /er raccontare la sua storia, si a22icinJ alla &inestra gridando: ,#o%e state, %ia cara. E co%e sta la signora DashGood. E do2e sono le 2ostre sorelle. #o%e[ Tutta sola. Allora 2i &arC /iacere un /o7 di co%/agnia. Ki ho /ortato %io &iglio e %ia &iglia, giC, gli altri due. Pensate, che arri2o i%/ro22iso[ i era se%brato di sentire una carro**a ieri sera %entre sta2a%o /rendendo il tD, %a non %i D ne//ure 2enuto in %ente che /otessero essere loro[ Fo /ensato solo che /ote2a essere il #olonnello Hrandon che torna2a; cosE ho detto a Sir 1ohn: ` i se%bra /ro/rio di sentire una carro**a, &orse D il #olonnello Hrandon che ritorna...@ 0. Elinor &u obbligata a 2oltarsi, a %etC del racconto, /er rice2ere il resto della co%/agnia; 6ady iddleton /resentJ i due sconosciuti; la signora DashGood e argaret scesero /ro/rio in -uel %o%ento e tutti sedettero a scrutarsi a 2icenda, %entre la signora 1ennings continua2a a chiacchierare %entre /ercorre2a il corridoio che /orta2a al salottino, scortata
+:;

da Sir 1ohn. 6a signora Pal%er era di /arecchi anni /iA gio2ane di 6ady iddleton, e co%/leta%ente di&&erente da lei sotto tutti gli as/etti. Era /iccola di statura e /a&&uta, a2e2a un gra*iosissi%o 2isetto e l7es/ressione /iA /iena di buonu%ore che si /ossa i%%aginare. " suoi %odi non erano a&&atto eleganti co%e -uelli della sorella, %a %olto /iA si%/atici. EntrJ sorridendo, e sorrise /er tutto il te%/o della 2isita, &acendo anche delle belle risate, e sorridendo se ne andJ. Suo %arito era un gio2anotto di 2enticin-ue o 2entisei anni, dall7as/etto serio e l7aria %olto /iA distinta e assennata di sua %oglie, %a %eno dis/osto di lei a /iacere agli altri e a rica2arne /iacere. EntrJ nella stan*a %olto circos/etto, si inchinJ a//ena alle signore, sen*a /ro&erire una /arola e, do/o a2er lanciato un ra/ido sguardo a loro e al loro a%biente /rese dal ta2olo un giornale e lesse /er tutto il resto della 2isita. 6a signora Pal%er, che era in2ece dotata da %adre natura della /redis/osi*ione a essere se%/re a&&abile e allegra, si era a//ena seduta e giC %ani&esta2a la sua a%%ira*ione /er il salottino e /er tutto ciJ che contene2a. ,Da22ero[ a che a%ore di stan*a[ Non ho %ai 2isto nulla di cosE a&&ascinante[ Pensate, %a%%a, co%e D %igliorato da -uando l7ho 2isto l7ulti%a 2olta[ Fo se%/re /ensato che &osse un /osticino deli*ioso, signora0, aggiunse 2olgendosi alla signora DashGood, ,%a 2oi l7a2ete reso addirittura incante2ole[ Guarda, sorella, co%7D gra*ioso tutto -uanto[ #o%e %i /iacerebbe a2ere una casa cosE[ A te non /iacerebbe, Pal%er.0. "l signor Pal%er non ris/ose, e ne//ure al*J gli occhi dal giornale. ,"l signor Pal%er non %i sente0, disse lei ridendo, ,non %i sta %ai a sentire. #he s/asso[0. Suesta era un7idea del tutto nuo2a /er la signora DashGood, che non era a22e**a a tro2are niente di u%oristico nel %algarbo, e non /otI &ar a %eno di guardare sor/resa l7uno e l7altra. 6a signora 1ennings, intanto, chiacchiera2a continua%ente, andando a2anti a descri2ere la sua sor/resa, la sera /ri%a, nel 2edere i nuo2i arri2ati, e non si &er%J se non -uando ebbe raccontato ogni dettaglio. 6a signora Pal%er rise di cuore ricordando la sor/resa generale, e tutti con2ennero, due o tre 2olte, che era stata /ro/rio una bella i%/ro22isata. ,Potete i%%aginare co%e sia%o stati &elici di 2ederli0, aggiunse la signora 1ennings /rotendendosi 2erso Elinor e /arlando con tono con&iden*iale, co%e se non 2olesse &arsi sentire da nessuno, anche se sede2ano in due /unti di2ersi della stan*a, ,e//ure non a2rei 2oluto che 2iaggiassero cosE in &retta, &acendo un lungo giro... sono /assati da 6ondra /er 2ia di certi a&&ari, /erchI 2edete0, e annuE con es/ressione signi&icati2a, indicando la &iglia, ,non D o//ortuno, dato il suo stato. Kole2o che sta%attina ri%anesse a casa /er ri/osare, %a ha 2oluto 2enire con noi; era cosE ansiosa di conoscer2i tutte -uante[0. 6a signora Pal%er rise, e disse che non le a2rebbe &atto nessun %ale. ,Progetta di ri%anere se%/re in casa a &ebbraio0, continuJ la signora 1ennings. 6ady iddleton non /ote2a /iA tollerare -uella con2ersa*ione, e dun-ue si s&or*J di do%andare al signor Pal%er se nel giornale c7era -ualcosa di nuo2o. ,No, assoluta%ente nulla0, ris/ose lui, e seguitJ a leggere. ,Ecco arianne[0, gridJ Sir 1ohn. ,Pal%er, ora 2edrete una raga**a ecce*ional%ente carina0. 9scE i%%ediata%ente nel corridoio, a/rE la /orta d7ingresso e la &ece entrare. Suando arianne a//ar2e in salotto, la signora 1ennings le do%andJ se /er caso non &osse stata ad Allenha%; e a -uella do%anda la signora Pal%er rise allegra%ente, %ostrando di a2er ca/ito. "l signor Pal%er la guardJ %entre entra2a nella stan*a, e continuJ a &issarla /er -ualche %inuto, /oi ritornJ al suo giornale. Nel &ratte%/o i disegni a//esi tutt7intorno alle
+:8

/areti della stan*a a2e2ano attratto lo sguardo della signora Pal%er, che si al*J in /iedi /er guardarli da 2icino. ,Oh[ a co%e sono belli[ Sono /ro/rio deli*iosi[ Guardate, %a%%a, che a%ore[ Sono incante2oli; non s%etterei %ai di guardarli, /arola %ia[0 Poi, sedutasi di nuo2o, se ne di%enticJ i%%ediata%ente. Suando 6ady iddleton si al*J /er andar 2ia, anche il signor Pal%er si al*J, /oggiJ il giornale, si stirJ e si guardJ intorno. ,Fai dor%ito, a%or %io.0, gli do%andJ la %oglie ridendo. 6ui non ris/ose, %a do/o a2er esa%inato di nuo2o la stan*a, notJ che era tro//o bassa, e che a2e2a delle cre/e nel so&&itto. Poi si inchinJ di nuo2o e se ne andJ insie%e agli altri. Sir 1ohn a2e2a insistito %olto /erchI il giorno do/o trascorressero la giornata a Harton Par(. 6a signora DashGood, che si attene2a alla regola di non /ran*are con loro /iA s/esso di -uanto loro non /ran*assero al 2illino, /er suo conto ri&iutJ categorica%ente; le due &iglie /ote2ano &are co%e 2ole2ano. a -ueste non a2e2ano alcuna curiositC di 2edere co%e %angia2ano il signore e la signora Pal%er, e non /re2edendo di /oterne rica2are nulla di /iace2ole, tentarono di scusarsi anche loro; il te%/o era incerto, e non /ro%ette2a nulla di buono. a Sir 1ohn non 2olle sentire ragioni... a2rebbe %andato la carro**a a /renderle, e loro do2e2ano andare. Anche 6ady iddleton, che /ure non insistette con la signora DashGood, insistette con loro; la signora 1ennings e la signora Pal%er si unirono alle loro su//liche, e sicco%e /are2ano tutti ansiosi di e2itare una riunione di &a%iglia, le signorine &urono costrette a cedere. ,PerchI hanno do2uto in2itarci.0, disse arianne, a//ena &urono usciti. ,67a&&itto di -uesto 2illino se%bra %odesto, %a ci costa assai caro se dobbia%o /ran*are a casa loro tutte le 2olte che hanno -ualche os/ite o che ne abbia%o uno noi0. ,#on i loro &re-uenti in2iti 2ogliono solo &arci un /iacere0, disse Elinor, ,adesso co%e -ualche setti%ana &a. Non ne hanno col/a loro se -ueste riunioni sono di2entate noiose. 6a ragione dobbia%o cercarla da un7altra /arte0.

+:3

#apitolo ventesimo
"l giorno do/o, -uando le signorine DashGood entrarono nel salotto di Harton Par( da una /orta, la signora Pal%er sbucJ di corsa da un7altra, &elice e contenta co%e il giorno /recedente. 6e /rese /er %ano con grande a&&etto, es/ri%endo tutto il /iacere di ri2ederle. ,#o%e sono contenta di a2er2i -ui[0, disse, sedendosi tra Elinor e arianne. ,"l te%/o D cosE brutto che te%e2o non sareste /otute 2enire, e sarebbe stato terribile, /erchI noi ri/artia%o do%ani. Dobbia%o andar 2ia, /erchI i Beston 2engono da noi la setti%ana /rossi%a, sa/ete. D7altra /arte la nostra 2enuta D stata cosE i%/ro22isa, io non ne sono ne%%eno stata al corrente &inchI la carro**a non D 2enuta alla /orta e il signor Pal%er %i ha do%andato se 2ole2o andare con lui a Harton. \ cosE bu&&o[ Non %i dice %ai niente[ i s/iace tanto che non /ossia%o &er%arci di /iA; tutta2ia ci ritro2ere%o /resto a 6ondra, s/ero0. 6oro &urono costrette a deludere -uesta as/ettati2a. ,#o%e, non 2olete andare a 6ondra[0, escla%J la signora Pal%er con una risata. ,SarJ %olto delusa se non ci andrete. Potrei tro2ar2i la /iA bella casetta del %ondo, /ro/rio accanto alla nostra, in Fano2er S-uare. Do2ete 2enire, da22ero. "o sarJ &elicissi%a di acco%/agnar2i, in -ualsiasi %o%ento, &ino a che non %i %etterJ a letto, se alla signora DashGood non /iace andare in societC0. 6oro la ringra*iarono, %a erano obbligate a resistere a tutti i suoi alletta%enti. ,Oh, a%or %io0, escla%J la signora Pal%er 2erso suo %arito, che era a//ena entrato nella stan*a, ,de2i aiutar%i a /ersuadere le signorine DashGood a 2enire in cittC -uest7in2erno0. 67a%ore suo non ris/ose, e, do/o a2er &atto un leggero inchino alle due os/iti, /rese a la%entarsi del te%/o. ,#he te%/o terribile[0, disse. ,$ende disgustosi tutto e tutti. #on la /ioggia 2iene la noia, tanto dentro -uanto &uori. Si &inisce col detestare tutte le /ersone che si conoscono. a /erchI dia2olo Sir 1ohn non ha &atto %ettere un biliardo in -uesta casa. #o%e sono /oche le /ersone che sanno 2i2ere bene[ Sir 1ohn D stu/ido co%e -uesto te%/o0. Presto arri2J tutto il resto della co%/agnia. ,Te%o, signorina arianne0, co%inciJ Sir 1ohn, ,che oggi non abbiate /otuto &are la 2ostra solita /asseggiata ad Allenha%0. arianne assunse un7aria gra2e e non ris/ose. ,Oh, non siate cosE ti%ida con noi0, disse la signora Pal%er, ,/erchI sa//ia%o tutto, 2e lo assicuro; e a%%iro %olto il 2ostro buon gusto, /erchI D un gran bel gio2anotto. Noi abitia%o non lontano da lui, in ca%/agna, sa/ete. A non /iA di dieci %iglia, direi0. ,Saranno -uasi trenta0, disse il %arito. ,Oh, beh[ Non c7D /oi %olta di&&eren*a. "o non sono %ai stata a casa sua, %a dicono sia un gran bell7angolino0. ,"l /osto /iA brutto che abbia %ai 2isto in 2ita %ia0, disse il signor Pal%er. arianne ri%ase in assoluto silen*io, anche se l7es/ressione del suo 2iso tradi2a il suo interesse /er -uello che 2eni2a detto. ,\ cosE brutto.0, /roseguE la signora Pal%er. ,Allora i%%agino che -uello tanto carino sia un altro /osto0. Suando &urono seduti a ta2ola, Sir 1ohn osser2J con ra%%arico che erano solo in otto.
+5=

, ia cara0, disse alla sua signora, ,D /ro/rio irritante essere cosE /ochi. PerchI non a2ete chiesto ai Gilbert di 2enire da noi oggi.0 ,Non 2i ho giC detto /ri%a, Sir 1ohn, -uando %e ne a2ete /arlato, che non si /ote2a. 67ulti%a 2olta hanno /ran*ato da noi0. ,Noi due, Sir 1ohn0, inter2enne la signora 1ennings, ,non do2re%%o &are tanti co%/li%enti0. ,Allora sareste %olto %aleducati0, dichiarJ il signor Pal%er. ,A%or %io, tu contraddici se%/re tutti0, disse sua %oglie con la solita risata. , a lo sai che sei /ro/rio sgarbato.0 ,Non credo di contraddire nessuno dicendo che tua %adre D %aleducata0. ,SE, sE, trattate%i /ure co%e 2olete0, disse bonaria%ente la 2ecchia signora. , i a2ete stra//ato dalle %ani #harlotte e non /otete ridar%ela indietro. Suindi la &rusta dalla /arte del %anico ce l7ho io0. #harlotte rise di cuore al /ensiero che suo %arito non /ote2a liberarsi di lei e disse, esultante, che non le i%/orta2a nulla se era bisbetico, 2isto che do2e2ano stare insie%e. Era i%/ossibile a2ere un carattere /iA &elice, o /iA deciso a essere &elice, della signora Pal%er. 6a studiata indi&&eren*a, l7insolen*a e la scontente**a di suo %arito non le causa2ano alcun dis/iacere; -uando lui la ri%/ro2era2a o la %altratta2a, lei si di2erti2a un %ondo. ,"l signor Pal%er D cosE bu&&o[0, disse in un sussurro a Elinor. ,\ se%/re di catti2o u%ore0. Do/o a2erlo osser2ato /er un /o7, Elinor non si sentE altrettanto /ro/ensa a dargli il credito di essere da22ero cosE anti/atico e %aleducato co%e 2ole2a se%brare. )orse il suo carattere era un /o7 inacidito dall7accorgersi, co%e tanti altri del suo sesso, che in seguito a un7ins/iegabile debole**a /er la belle**a era di2enuto il %arito di una donna %olto sciocca; %a lei sa/e2a che -uel genere di sbaglio era tro//o co%une /er -ualun-ue uo%o intelligente, /erchI /otesse sentirsene &erito in eterno. Era /iuttosto, secondo lei, un desiderio di distinguersi a /rodurre -uell7atteggia%ento s/re**ante 2erso tutti, e -uella totale disa//ro2a*ione /er tutto ciJ che a2e2a intorno: un intenso desiderio di se%brare su/eriore agli altri. Era un desiderio tro//o co%une /er suscitare %era2iglia; %a -uanto all7atteggia%ento che esso /ro2oca2a, se /ote2a renderlo sen*7altro su/eriore a chiun-ue altro -uanto a %aleduca*ione, non /ote2a guadagnargli l7a&&etto di nessuno al di &uori di sua %oglie. ,Oh, cara signorina DashGood0, disse la signora Pal%er subito do/o, ,ho un grande &a2ore da chiedere a 2oi e a 2ostra sorella. Kolete 2enire a /assare -ualche giorno a #le2eland, a Natale. A2anti, a2anti, 2i /rego... 2errete -uando ci saranno i Beston. Non a2ete idea di -uanto ne sarei &elice[ SarC deli*ioso[ #aro0, aggiunse 2olgendosi al %arito, ,anche tu non 2edi l7ora, 2ero, di a2ere le signorine DashGood a #le2eland.0 , a certo0, ris/ose lui con un ghigno, ,D /ro/rio /er -uesto che sono 2enuto nel De2onshire0. ,A2anti0, disse sua %oglie, ,2edete che il signor Pal%er 2i as/etta; dun-ue non /otete ri&iutare di 2enire0. Si a&&rettarono entra%be a declinare risoluta%ente l7in2ito. , a do2ete 2enire e 2errete. Sono certa che 2i /iacerC %oltissi%o. #i saranno anche i Beston e stare%o benissi%o. Non a2ete idea che bel /osto sia #le2eland; e noi lE ci di2ertia%o %olto, /erchI il signor Pal%er ri%ane in giro tutto il giorno a raccogliere i 2oti /er l7ele*ione, e tanta gente che non a2e2o %ai 2isto 2iene a /ran*o da noi[ a, /o2erino[ Per lui D %olto &aticoso[ De2e s&or*arsi di /iacere a tutti0.
+54

Elinor riuscE a stento a trattenere le risate %entre con2eni2a su -uanto &aticoso do2esse essere /er lui -uell7obbligo. ,#o%e sarC bello0, disse #harlotte, ,-uando sarC al Parla%ento[ No. #he risate &arJ[ SarC cosE di2ertente 2edere la /arola `Onore2ole` scritta su tutte le lettere indiri**ate a lui... a sa/ete cosa dice. Non 2uole che io usu&ruisca della &ranchigia /ostale, -uesto dice. Non D 2ero, Pal%er.0. "l signor Pal%er non le badJ a&&atto. ,Non /uJ so//ortare che si scri2a, sa/ete0, continuJ lei. ,Dice che D una cosa terribile0. ,No0, disse lui, ,non ho %ai detto niente di tanto irragione2ole. Non distorcere se%/re le cose in %odo assurdo[0. ,Ecco: lo sentite co%e D bu&&o. \ se%/re cosE[ #erte 2olte non %i /arla /er un intero /o%eriggio, e /oi se ne 2iene &uori in un %odo cosE bu&&o... a /ro/osito di -ualsiasi argo%ento0. 6asciJ %olto sor/resa Elinor, %entre torna2ano nel salotto, do%andandole se non &osse entusiasta del signor Pal%er. ,#erto0, ris/ose Elinor, ,se%bra %olto si%/atico0. ,Hene... ne sono da22ero lieta. 6o i%%agina2o, a ogni %odo: D cosE a%abile[ Anche lui ha %olta a%%ira*ione /er 2oi e 2ostra sorella, 2e lo assicuro, e non a2ete idea co%e ri%arrC deluso se non 2errete a #le2eland. Non riesco a i%%aginare /erchI non do2reste 2enire0. Elinor &u costretta a declinare nuo2a%ente l7in2ito, e, ca%biando argo%ento, %ise &ine alle sue insisten*e. Pensa2a che, 2isto che abita2ano nella stessa contea, la signora Pal%er /otesse darle sul carattere di Billoughby -ualche in&or%a*ione /iA /recisa di -uanto non si /otesse raci%olare dalla relati2a conoscen*a che ne a2e2ano i iddleton; ed era ansiosa di rice2ere, da chicchessia, una con&er%a dei suoi %eriti che /otesse dissi/are ogni /reoccu/a*ione /er arianne. "ni*iJ col chiedere se a #le2eland lo 2edessero s/esso, e se lo conosce2ano inti%a%ente. ,Oh, cielo, sE, lo conosco benissi%o0, ris/ose la signora Pal%er. ,Non che io gli abbia %ai /arlato, a dire la 2eritC, /erJ l7ho 2isto da se%/re in cittC. Per una ragione o /er l7altra non %i D %ai successo di stare a Harton -uando lui sta2a ad Allenha%. 6a %a%%a l7ha 2isto lE una 2olta; %a io ero con %io *io, a Bey%outh. A ogni %odo, oserei dire che lo a2re%%o 2isto %oltissi%o nel So%ersetshire, se non &osse successo che, s&ortunata%ente, non ci sia%o %ai tro2ati in ca%/agna insie%e. Sta %olto /oco a #o%be, credo; %a anche se ci stesse %olto di /iA, non credo che il signor Pal%er lo andrebbe a tro2are, /erchI D all7o//osi*ione, ca/ite, e /oi #o%be D cosE &uori %ano[ 6o so /erchI %i chiedete di lui... lo so benissi%o... s/oserC 2ostra sorella. Ne sono &elice, /erchI allora sarC %ia 2icina, sa/ete[0. ,Parola %ia0, re/licJ Elinor, ,2oi se%brate sa/erne %olto /iA di %e, se a2ete delle ragioni /er as/ettar2i -uesto %atri%onio0. ,Non /retendete di negarlo, /erchI ne /arlano tutti, sa/ete. Posso assicurar2i che l7ho sentito dire /er&ino -uando ero di /assaggio in cittC0. , ia cara signora Pal%er[0. ,Parola %ia[ Fo incontrato il #olonnello Hrandon lunedE %attina a Hond Street, /oco /ri%a di /artire, e %i ha detto tutto -uanto0. ,Koi %i sor/rendete %olto... Ke lo ha detto il #olonnello Hrandon[ Sen*a dubbio 2i sbagliate. Se anche &osse 2ero, non %i as/etterei %ai che il #olonnello ne /arlasse a una /ersona che non D in alcun %odo interessata[0.
+5+

, a 2i assicuro che D stato /ro/rio cosE, -uanto a -uesto, an*i 2i dirJ co%e D andata. Suando l7abbia%o incontrato si D girato /er acco%/agnarci, cosE abbia%o co%inciato a /arlare di %io &ratello e di %ia sorella, e di -uesto e -uello, e io gli ho detto: `#olonnello, ho sa/uto che c7D una nuo2a &a%iglia al 2illino di Harton, e la %a%%a %i &a sa/ere che sono tanto carine e che una di loro s/oserC il signor Billoughby di #o%be agna. \ 2ero, /er &a2ore. PerchI, natural%ente, 2oi siete stato nel De2onshire da /oco, e lo do2ete sa/ere`0. ,E che cosa ha detto il #olonnello.0 ,Oh... non ha detto %olto, %a se%bra2a che lo sa/esse benissi%o, cosE da -uel %o%ento l7ho considerato sicuro. #he &elicitC[ Suando saranno le no**e.0 ,"l #olonnello sta2a bene, s/ero0. ,Oh, sE, benissi%o, e ha &atto tanti elogi di tutte -uante, non &ace2a che dire un sacco di belle cose di 2oi0. ,Sono lusingata dei suoi elogi. A %e /are un uo%o eccellente, e lo ritengo %olto si%/atico0. ,Anche io. \ un uo%o tanto a&&ascinante che D un /eccato /urtro//o sia cosE serio e noioso. 6a %a%%a dice che anche lui era inna%orato di 2ostra sorella. Ki assicuro che, se D 2ero, D un gran co%/li%ento, /erchI lui non si inna%ora %ai di nessuna0. ,"l signor Billoughby D ben conosciuto dalle 2ostre /arti del So%ersetshire. 0, disse Elinor. ,Oh sE, %olto bene[ #ioD, non credo che ci siano %olte /ersone che lo conoscono, /erchI #o%be agna D cosE &uori %ano, %a tutti lo ritengono si%/aticissi%o, 2e lo assicuro. Nessuno D /iA ben2oluto del signor Billoughby, o2un-ue 2ada, /otete dirlo a 2ostra sorella. \ una raga**a terribil%ente &ortunata, /arola %ia; %a del resto D %olto /iA &ortunato lui, /erchI lei D cosE bella e si%/atica che %erita il %eglio di ogni cosa. Non credo /erJ che sia /iA bella di 2oi, 2e lo assicuro; a %e se%brate tutte e due estre%a%ente gra*iose, e anche il signor Pal%er la /ensa cosE, ne sono sicura, anche se ieri sera non sia%o riusciti a &arglielo riconoscere0. 6e in&or%a*ioni della signora Pal%er in %erito a Billoughby non erano %olto esaurienti; %a -ualun-ue testi%onian*a a suo &a2ore, /er -uanto su/er&iciale, era un /iacere /er Elinor. ,Sono cosE contenta che &inal%ente ci sia%o conosciute0, continuJ #harlotte. ,E adesso s/ero che sare%o se%/re grandi a%iche. Non a2ete idea di -uanto lo desiderassi[ \ una tale gioia che siate 2enute ad abitare nel 2illino[ E sono cosE &elice che 2ostra sorella si s/osi[ S/ero /asserC %olto te%/o a #o%be agna anche lei. \ un bel /osto, da tutti i /unti di 2ista0. ,#onoscete il #olonnello Hrandon da %olto te%/o, 2ero.0 ,SE, da %olto te%/o; &in da -uando si D s/osata %ia sorella. Era un inti%o a%ico di Sir 1ohn. #redo0, aggiunse a bassa 2oce, ,che sarebbe stato %olto &elice di s/osar%i, se a2esse /otuto. Sir 1ohn e 6ady iddleton lo desidera2ano tanto[ a la %a%%a non crede2a che /otesse essere un buon %arito /er %e, altri%enti Sir 1ohn l7a2rebbe detto al #olonnello e ci sare%%o s/osati subito0. ,E il #olonnello Hrandon non era al corrente della /ro/osta di Sir 1ohn a sua %adre &in da /ri%a. Non 2i a2e2a %ai con&essato la sua si%/atia.0 ,Oh, no; %a oserei dire che, se la %a%%a non si &osse o//osta, gli sarebbe /iaciuto /iA di ogni altra cosa al %ondo. Non %i a2e2a 2ista /iA di due 2olte, /erchI anda2o ancora a scuola. "o /erJ sono %olto /iA &elice cosE. "l signor Pal%er D /ro/rio il ti/o d7uo%o che /iace a %e0.

+5:

#apitolo ventunesimo
" Pal%er tornarono a #le2eland il giorno seguente, e le due &a%iglie di Harton &urono di nuo2o lasciate a intrattenersi a 2icenda. Non /er %olto, /erJ. Elinor si era a//ena scordata la /resen*a degli ulti%i 2isitatori, a2e2a a//ena &inito di chiedersi /erchI %ai #harlotte &osse cosE &elice sen*a una ragione e /erchI il signor Pal%er, /ur essendo dotato di buone ca/acitC, si co%/ortasse in %odo cosE stu/ido, e co%e %ai s/esso esistesse una cosE strana inco%/atibilitC tra %arito e %oglie, che giC il &er2ido *elo di Sir 1ohn e della signora 1ennings a &a2ore della 2ita sociale co%inciarono a /rocurarle nuo2e /ersone da 2edere e 2alutare. 9na %attina, nel corso di una gita a EOeter, a2e2ano incontrato due signorine nelle -uali la signora 1ennings a2e2a a2uto la soddis&a*ione di sco/rire due sue /arenti, e -uesto era bastato /erchI Sir 1ohn le in2itasse i%%ediata%ente a Harton Par( a//ena &inito il loro /resente i%/egno a EOeter. Di &ronte a un in2ito si%ile, l7i%/egno a EOeter &u subito sciolto, e 6ady iddleton &u gettata in una considere2ole agita*ione dall7idea di rice2ere cosE /resto una 2isita di due signorine che non a2e2a %ai 2isto in 2ita sua, sen*a a2ere alcuna garan*ia in %erito alla loro elegan*a, e ne//ure sa/ere se &ossero su&&iciente%ente distinte, dato che le assicura*ioni in /ro/osito di suo %arito e di sua %adre 2ale2ano %eno di niente. "l &atto che &ossero /arenti /eggiora2a ulterior%ente le cose; e i tentati2i della signora 1ennings di consolarla dicendole di non badare tanto alla loro elegan*a, /oichI do/o tutto erano cugini, e si sarebbero so//ortarti a 2icenda, non /ote2ano dun-ue a2ere un buon esito. Kisto che or%ai era i%/ossibile i%/edire che 2enissero, 6ady iddleton si rassegnJ con tutta la &iloso&ia di una donna beneducata, accontentandosi di ri2olgere a suo %arito un gentile ri%/ro2ero, cin-ue o sei 2olte al giorno. 6e signorine arri2arono, e il loro as/etto non era certo nI 2olgare nI /oco elegante. " loro abiti erano s&ar*osi, i loro %odi %olto educati; ri%asero incantate dalla casa, caddero in estasi /er la %obilia; successe inoltre che &ossero cosE /a**a%ente inna%orate dei ba%bini da con-uistarsi la buona o/inione di 6ady iddleton /ri%a di a2er /assato un7ora a Harton Par(. 6ady iddleton dichiarJ che erano raga**e da22ero /iace2oli, il che, /er sua signoria, e-ui2ale2a a un7a%%ira*ione entusiastica. Do/o -uell7elogio cosE ani%ato la &iducia di Sir 1ohn nel /ro/rio discerni%ento si risolle2J, cosicchI /rese i%%ediata%ente la strada del 2illino /er descri2ere alle signorine DashGood l7arri2o delle signorine Steele e assicurare loro che erano le /iA care raga**e del %ondo. Da un tale elogio, /erJ, c7era /oco da attendersi; Elinor sa/e2a benissi%o che di ,/iA care raga**e del %ondo0 se ne /ote2a incontrare una -uantitC in ogni angolo dell7"nghilterra, e in -ualun-ue /ossibile e i%%aginabile 2arietC -uanto a &or%a, as/etto, carattere e s/irito. Sir 1ohn 2ole2a che tutta la &a%iglia %arciasse subito 2erso casa sua /er 2edere le sue os/iti. #he uo%o gio2iale, che &ilantro/o[ Gli risulta2a /enoso tenere solo /er sI /er&ino due cugine di ter*o grado. ,A2anti, 2enite0, dice2a, ,/er /iacere, 2enite... do2ete 2enire... 2i assicuro che 2errete... Non /otete i%%aginare -uanto 2i /iaceranno. 6ucy D ecce*ional%ente carina e tanto allegra e si%/atica[ " ba%bini le stanno giC tutti intorno, co%e se &osse una 2ecchia a%ica. Ed entra%be desiderano tanto 2eder2i, /erchI a EOeter hanno sentito dire che siete le /iA belle creature del %ondo; io ho detto loro che D 2erissi%o, an*i anche di /iA. Ne ri%arrete incantate, ne sono sicuro. Fanno /ortato una carro**a /iena di giocattoli /er i ba%bini.
+55

#o%e /otete essere cosE /er&ide da non 2enire. "nso%%a sono 2ostre cugine, sa/ete, in -ualche %odo. Koi siete cugine %ie, e loro lo sono di %ia %oglie, -uindi do2ete essere /arenti0. a Sir 1ohn non riuscE ad a2erla 2inta. $iuscE solo a ottenere la /ro%essa di una 2isita entro un giorno o due, e le lasciJ, stu/ito della loro indi&&eren*a, /er correre a casa e /arlare in %odo entusiastico di loro alle signorine Steele, /ro/rio co%e a loro a2e2a 2antato le attratti2e delle Steele. Suando ebbero luogo la 2isita /ro%essa e la conseguente /resenta*ione a -uelle signorine, le DashGood non tro2arono nulla da a%%irare nell7as/etto della %aggiore, che era -uasi trentenne e a2e2a un 2iso bruttino e /oco intelligente; %a nell7altra, che non a2e2a che 2entidue o 2entitrI anni, riconobbero una note2ole a22enen*a: a2e2a linea%enti gra*iosi, due occhi 2i2aci e acuti, e una ricercate**a nell7abbiglia%ento che la distingue2a, se /ure non basta2a a con&erirle una 2era gra*ia ed elegan*a. " loro %odi erano /articolar%ente cortesi, ed Elinor non tardJ ad attribuire loro un certo criterio, -uando 2ide con -uanta cura, costante e giudi*iosa, cerca2ano di rendersi gradite a 6ady iddleton. #on i ba%bini, /oi, erano in uno stato di continuo ra/i%ento, esalta2ano la loro belle**a, cerca2ano di attirare la loro atten*ione e accontenta2ano ogni loro ca/riccio; e il te%/o sottratto alle i%/ortune richieste che 2eni2ano incoraggiate da -uella cortesia era in2estito nell7a%%ira*ione di tutto -uel che &ace2a sua signoria, se ca/ita2a che -uesta &acesse -ualche cosa, o nel co/iare -ualche elegante abito nuo2o indossato da lei il giorno /ri%a che a2e2a &atto loro /erdere la testa. )ortunata%ente /er -uanti corteggiano gli altri con si%ili %e**i, una %adre a%orosa, se nell7andare a caccia di lodi /er i suoi &igli si di%ostra il /iA ra/ace degli esseri u%ani, si di%ostra altresE il /iA credulone; le sue esigen*e sono esorbitanti, /erJ inghiottirC -ualsiasi cosa; cosE che l7eccessi2o a&&etto e la dis/onibilitC delle signorine Steele nei con&ronti delle sue creature erano considerati da 6ady iddleton sen*a la %ini%a sor/resa, nI il %ini%o sos/etto. Kede2a con %aterna soddis&a*ione gli scher*i i%/ertinenti e i brutti tiri che le sue cugine so//orta2ano di buona gra*ia. Kede2a co%e le loro &asce 2eni2ano slacciate, i loro ca/elli tirati sulle orecchie, le loro borse da la2oro &rugate, i taglierini e le &orbici nascosti, e non le 2eni2a ne%%eno da dubitare che &osse un /iacere reci/roco. An*i, l7unica sor/resa era che Elinor e arianne se ne stessero sedute con tanta co%/oste**a, sen*a /arteci/are a -uello che sta2a succedendo. ,1ohn D cosE esuberante oggi[0, disse -uando lui /rese il &a**oletto da tasca della signorina Steele e lo buttJ &uori dalla &inestra. ,#o%bina una -uantitC di %arachelle[0. E /oco do/o, -uando il secondo ba%bino /i**icJ con 2iolen*a un dito della %edesi%a signorina, osser2J con tenere**a: ,#he giocherellone il %io Billia%[ 0. ,Ed ecco la %ia cara, /iccola Anna%aria0, aggiunse un atti%o do/o, accare**ando con dolce**a una bi%ba di tre anni, che non a2e2a &atto baccano negli ulti%i due %inuti. ,\ se%/re cosE buona, cosE -uieta... non si D 2ista %ai una ba%bina /iA tran-uilla di lei[0. Purtro//o /erJ, %entre lei dis/ensa2a -uegli abbracci, una &orcella dell7acconciatura di sua signoria, /roducendo un /iccolo gra&&io sul collo della bi%ba, tirJ &uori da -uel %odello di %ansuetudine delle urla tal%ente acute che a stento a2rebbero /otuto essere su/erate da -ualsiasi creatura de&inita ru%orosa. 6a costerna*ione della %adre &u estre%a; %a non su/erJ l7allar%e delle signorine Steele, e tutto -uello che l7a&&etto /ote2a suggerire in una e%ergen*a cosE critica &u tentato, da tutte e tre, /er cal%are l7atroce /ena della /iccola so&&erente. 6a bi%ba &u /resa sulle ginocchia dalla %a%%a, co/erta di baci, la sua &erita &u la2ata con ac-ua di la2anda da una delle signorine Steele, che si era inginocchiata /er
+5<

assisterla, %entre l7altra le rie%/i2a la bocca di cara%elle. Kisto che rice2e2a tale rico%/ensa /er le sue lacri%e, la ba%bina era tro//o saggia /er s%ettere di /iangere. AndJ a2anti a gridare e a singhio**are con &oga, /rese a calci i &ratelli che 2ole2ano a**ardarsi a toccarla, e le atten*ioni di tutti risultarono ine&&icaci, &ino a che, /er &ortuna, 6ady iddleton, ricordando che la setti%ana /recedente, in una scena di dis/era*ione si%ile, era stata a//licata con successo /er una contusione sulla &ronte la tera/ia che /re2ede2a una certa %ar%ellata di albicocche, racco%andJ ansiosa%ente lo stesso ri%edio /er -uello sciagurato gra&&io, e un leggero inter2allo nelle strilla della /iccola gentildonna, a -uella /ro/osta, &ece loro s/erare che non sarebbe stato res/into. 6a bi%ba &u /ortata &uori della stan*a nelle braccia della %a%%a in cerca di -uella %edicina e, 2isto che i due raga**etti decisero di seguirla nonostante &ossero calda%ente su//licati da sua signoria di non %uo2ersi, le -uattro signorine &urono lasciate in una condi*ione di tran-uillitC che la sala non conosce2a da %olte ore. ,Po2era creaturina[0, disse la signorina Steele, a//ena sua signoria e i ba%bini &urono usciti. ,A2rebbe /otuto tras&or%arsi in una 2era disgra*ia0. ,Non 2edo /ro/rio co%e0, escla%J arianne, ,a %eno che non &osse ca/itato in circostan*e del tutto di2erse. a cosE non si &a che accrescere l7allar%e, -uando in realtC non c7D /ro/rio nulla di cui a2er /aura0. ,#he donna /iena di dolce**a D 6ady iddleton[0, disse 6ucy Steele. arianne ri%ase in silen*io; le riusci2a i%/ossibile dire -uello che non senti2a, anche nel caso /iA insigni&icante, -uindi il co%/ito di dire bugie -uando la cortesia lo rende2a necessario tocca2a se%/re a Elinor. Suesta &ece del suo %eglio, -uando &u chia%ata in causa, /arlando di 6ady iddleton con un calore su/eriore a -uello che senti2a, e che tutta2ia era co%un-ue in&eriore a -uello della signorina 6ucy. ,E anche Sir 1ohn0, escla%J la sorella %aggiore, ,che uo%o a&&ascinante[ 0. Di nuo2o l7elogio della signorina DashGood, che si li%ita2a a essere se%/lice e giusto, %ancJ di Iclat. Elinor si li%itJ in&atti a osser2are che era %olto gio2iale e cordiale. ,E che &a%igliola incante2ole[ Non ho %ai 2isto dei ba%bini cosE belli in tutta la %ia 2ita. e ne sono giC inna%orata, dico la 2eritC, e io ho se%/re adorato i ba%bini[0. ,A2rei /otuto indo2inarlo0, disse Elinor con un sorriso, ,dalle cose che ho 2isto sta%attina0. ,Fo il sos/etto0, disse 6ucy, ,che 2oi /ensiate che i /iccoli iddleton siano un /o7 tro//o 2i*iati; &orse corrono il rischio di esserlo un tantino; %a D cosE naturale in 6ady iddleton; e /er /arte %ia, a%o i ba%bini /ieni di 2ita e d7intelligen*a. Non li /osso so//ortare -uando sono docili e tran-uilli0. ,#on&esso0, ris/ose Elinor, ,che -uando %i tro2o a Harton Par( non /enso %ai con orrore ai ba%bini docili e tran-uilli0. A -uesto discorso seguE una bre2e /ausa, che &u rotta dalla signorina Steele, che /are2a %olto dis/Jsta a con2ersare, e che all7i%/ro22iso disse: ,Ki /iace il De2onshire, signorina DashGood. "%%agino che 2i sia dis/iaciuto %olto lasciare il SusseO0. Stu/ita dalla &a%iliaritC di -uesta do%anda, o al%eno dal %odo con cui era stata &or%ulata, Elinor ris/ose di sE. ,Norland D un /osto da22ero s/lendido, no.0, aggiunse la signorina Steele. ,Abbia%o sentito che Sir 1ohn lo a%%ira %oltissi%o0, disse 6ucy, che se%bra2a ritenere necessaria -ualche scusa /er la libertC che si era /resa la sorella. ,#redo che nessuno /otrebbe 2ederlo0, ris/ose Elinor, ,sen*a a%%irarlo; %a non si /uJ
+5>

certo /ensare che -ualcuno ne /ossa ca/ire la belle**a -uanto noi0. ,E a2e2ate un sacco di gio2anotti eleganti laggiA. #redo non ce ne siano %olti in -uesta /arte del %ondo; /er /arte %ia, sono se%/re una dota*ione %olto i%/ortante0. , a co%e &ate a /ensare0, inter2enne 6ucy, e2idente%ente 2ergognandosi della sorella, ,che nel De2onshire non ci siano altrettanti gio2ani signori distinti che nel SusseO.0 ,Eh, cara %ia, D o22io che non intendo dire che non ci siano[ Si sa che ci sono un sacco di gio2anotti e di elegantoni a EOeter; %a sa/ete, co%e /otrei sa/ere -uanti ce n7erano a Norland. E sta2o /ensando che sarebbe una bella noia, /er le signorine DashGood, se -ui non ce ne &osse -uanti loro erano a22e**e ad a2erne. a &orse 2oi signorine non 2e ne curate, e 2e ne state &elici e contente anche sen*a. Per /arte %ia, /enso che siano /ro/rio /iace2oli, /urchI 2estano con elegan*a e si co%/ortino con educa*ione. a -uando sono s/orchi e %aleducati non li so//orto[ Heh, c7era il signor $ose, a EOeter, un gio2anotto ecce*ional%ente elegante, /ro/rio un beau, era il gio2ane di studio del signor Si%son, sa/ete, e//ure, se 2i succedesse di incontrarlo una %attina, &areste %eglio a non 2ederlo... Su//ongo che 2ostro &ratello &osse un gran beau, /ri%a di s/osarsi, 2isto che era cosE ricco.0 ,Parola %ia0, ribattI Elinor, ,non 2e lo /osso dire, /erchI non ca/isco bene il signi&icato della /arola. a 2i /osso dire che, se da22ero D stato un beau /ri%a di s/osarsi, lo D ancora, /erchI in lui non c7D stato il %ini%o ca%bia%ento0. ,Oh Signore[ Gli uo%ini s/osati non sono %ai beauO... hanno altro da &are[0. ,Huon Dio, Anne[0, escla%J sua sorella. ,)arai credere alla signorina DashGood che non /ensi a nient7altro[0. E /er ca%biare discorso, /rese ad a%%irare la casa e l7arreda%ento. Suel saggio delle signorine Steele &u su&&iciente. 6a &a%iliaritC di catti2o gusto e la s/ro22edute**a della %aggiore non &ace2a di certo buona i%/ressione, e non essendo tanto accecata dalla belle**a e dall7aria astuta della %inore da non 2edere la sua %ancan*a di 2era elegan*a e di se%/licitC, Elinor ritornJ a casa sen*a alcun desiderio di conoscerle %eglio. Non cosE le signorine Steele. Erano 2enute da EOeter /ro22iste di una bella dose di a%%ira*ione da usare a bene&icio di Sir 1ohn iddleton, della sua &a%iglia e di tutta la sua /arentela, e una /or*ione generosa &u /rodigata anche alle sue cugine; a&&er%arono che non a2e2ano %ai conosciuto raga**e /iA belle, eleganti, educate e si%/atiche, e che erano /articolar%ente ansiose di &are una %igliore conoscen*a. Ed Elinor ben /resto si accorse che &are una %igliore conoscen*a era ine2itabile, /erchI, dato che Sir 1ohn era co%/leta%ente dalla /arte delle signorine Steele, la loro &a*ione era tro//o &orte /er consentire un7o//osi*ione, e bisogna2a /iegarsi a -uel ti/o di inti%itC che consiste nel ri%anere un7ora o due insie%e nella stessa stan*a, -uasi tutti i giorni. Sir 1ohn non /ote2a &are di /iA; %a in realtC non a2rebbe ne//ure i%%aginato che ci 2olesse -ualcosa di /iA; stare insie%e, a sua 2ista, 2ole2a dire essere a%ici inti%i, e sicco%e i suoi continui /rogetti /er &arle incontrare 2eni2ano %essi in atto, non dubita2a da22ero che &ossero a%iche. Per rendergli giusti*ia, bisogna dire che &ace2a tutto -uel che era in suo /otere /er /ro%uo2ere tra loro %aggiore inti%itC, %ettendo al corrente le signorine Steele di tutto ciJ che sa/e2a, o i%%agina2a, sulla situa*ione delle cugine, &ino ai /iA delicati dettagli; cosicchI Elinor non le a2e2a ancora incontrate /iA di un /aio di 2olte che giC la %aggiore si congratula2a con lei /erchI sua sorella, a//ena 2enuta a Harton, a2e2a a2uto la &ortuna di acca/arrarsi un elegantissi%o beau. ,\ /ro/rio una bella cosa che si s/osi cosE gio2ane0, disse, ,e /oi sento dire che D /ro/rio un beau, e terribil%ente attraente. E s/ero abbiate /resto anche 2oi la stessa &ortuna... %a
+5;

&orse a2ete giC un a%ico dietro l7angolo0. Elinor non /ote2a su//orre che Sir 1ohn &osse stato /iA ris/ettoso di -uanto non lo &osse stato con arianne, in %erito ai sos/etti /er il suo a&&etto /er EdGard; an*i, -uesto, tra i due, era il suo gioco /re&erito, 2isto che o&&ri2a -ualcosa di /iA nuo2o e di /iA ricco di i/otesi; e do/o la 2isita di EdGard, non a2e2ano %ai /ran*ato insie%e sen*a che lui brindasse ,all7oggetto del suo a&&etto0 in %odo cosE signi&icati2o e con tante stri**atine d7occhi e %osse del ca/o da attrarre l7atten*ione di tutti. Keni2a citata anche la lettera ) co%e occasione di battute cosE innu%ere2oli che /er -uanto riguarda2a Elinor era considerata la lettera /iA s/iritosa di tutto l7al&abeto. 6e signorine Steele, co%e lei si as/etta2a, /ote2ano ora godere a//ieno di -uesti scher*i, che nella %aggiore delle due desta2ano una curiositC di sa/ere il no%e del signore a cui si allude2a che, /ur se s/esso es/ressa con %olta indiscre*ione, era /er&etta%ente in ar%onia con il suo generico desiderio di &iccare il naso negli a&&ari della &a%iglia DashGood. a Sir 1ohn non titilla2a a lungo la curiositC che a2e2a /iacere di suscitare, giacchI trae2a /er lo %eno altrettanto /iacere dal /ro&erire -uel no%e di -uanto ne /otessero rica2are le signorine Steele dal sentirlo. ,Si chia%a )errars0, disse, in un /erce/ibile sussurro, ,%a 2i /rego di non ri2elarlo, /erchI D un gran segreto0. ,)errars[0, ri/etI la signorina Steele. ,Allora D -uesto signor )errars il &ortunato, eh. a signorina DashGood, non D il &ratello di sua cognata. Pro/rio un gio2anotto si%/aticissi%o; lo conosco benissi%o0. ,#o%e /uoi dir -uesto, Anne.0, escla%J 6ucy, che era se%/re obbligata a correggere le a&&er%a*ioni di sua sorella. ,\ 2ero che lo abbia%o 2isto una o due 2olte dallo *io, %a /retendere di conoscerlo benissi%o D da22ero tro//o0. Elinor sentE tutto -uesto con atten*ione e stu/ore. E chi era -uello *io. Do2e 2i2e2a. #o%e si erano conosciuti. A2rebbe desiderato %olto che il discorso continuasse, sen*a do2er2i lei stessa /arteci/are; %a non 2enne detto altro, e /er la /ri%a 2olta nella sua 2ita ri%/ianse che la signora 1ennings %ancasse d7interesse /er i /iccoli /ettegole**i, o di dis/onibilitC a co%unicarli agli altri. "l %odo in cui la signorina Steele a2e2a /arlato di EdGard accresce2a la sua curiositC, /erchI l7a2e2a col/ita co%e -ualcosa di %aligno, e induce2a al sos/etto che -uella signorina sa/esse, o /ensasse di sa/ere, -ualcosa di s&a2ore2ole /er lui. a la sua curiositC &u inutile, /erchI le signorine Steele non &ecero /iA caso al no%e del signor )errars -uando 2i 2eni2a &atta allusione o era addirittura %en*ionato a/erta%ente da Sir 1ohn.

+58

#apitolo ventiduesimo
arianne, che non a2e2a %ai %olta tolleran*a /er tutto -uel che era i%/ertinen*a, 2olgaritC, ignoran*a, o addirittura %era di&&eren*a di gusti ris/etto ai suoi, a -uel te%/o era /articolar%ente %al dis/osta, dato il suo stato d7ani%o, a essere a%abile con le signorine Steele, o a incoraggiare i loro tentati2i di con&iden*a; era -uindi all7in2ariabile &redde**a del suo co%/orta%ento, che blocca2a -ualsiasi tentati2o d7inti%itC da /arte loro, che Elinor attribui2a la /re&eren*a /er lei che in bre2e di2enne e2idente nell7atteggia%ento di entra%be, %a s/ecial%ente di 6ucy, che non /erde2a alcuna occasione /er attaccare discorso o cercare di a//ro&ondire la loro conoscen*a attra2erso un7a/erta, sincera es/osi*ione dei suoi senti%enti. 6ucy era, /er sua natura, intelligente; le sue osser2a*ioni erano s/esso giuste e di2ertenti, e co%e co%/agna /er un /eriodo li%itato Elinor la tro2a2a s/esso /iace2ole; %a le sue doti non a2e2ano rice2uto alcun aiuto dall7educa*ione, era ignorante e incolta, e la sua %ancan*a di istru*ione, che si ri2ela2a nei /iA co%uni /articolari, non /ote2a s&uggire alla signorina DashGood, nonostante gli s&or*i che continua%ente &ace2a /er a//arire in condi*ione di 2antaggio. Elinor 2ede2a in lei, e ne a2e2a /ietC, lo s/er/ero di doti che lo studio a2rebbe /otuto rendere da22ero ris/ettabili; %a 2ede2a inoltre, e con %inore si%/atia, la co%/leta %ancan*a di delicate**a, di rettitudine e integritC s/irituale, che a Harton Par( 2eni2ano ri2elate dalle esagerate /re%ure e dalle continue adula*ioni, e non /ote2a tro2are soddis&a*ione a lungo nella co%/agnia di una /ersona che uni2a l7insinceritC all7ignoran*a, anche /erchI la sua %ancan*a di istru*ione i%/edi2a che i loro discorsi si s2olgessero su un /iano di uguaglian*a, e la sua condotta 2erso gli altri toglie2a ogni 2alore a -ualsiasi %ani&esta*ione di interesse e ris/etto 2erso di lei. ,6a %ia do%anda 2i se%brerC strana, oserei dire0, co%inciJ 6ucy un /o%eriggio, %entre si a22ia2ano insie%e, a /iedi, da Harton Par( a Harton #ottage, ,%a, /er /iacere, conoscete /ersonal%ente la %adre di 2ostra cognata, la signora )errars.0. Elinor /ensJ che -uella do%anda &osse da22ero strana, e il suo 2iso lo disse chiaro, %entre ris/onde2a di non a2er %ai 2isto la signora in -uestione. ,Kera%ente.0, ris/ose 6ucy. ,Suesto %i lascia stu/ita, /erchI crede2o /ro/rio che l7a2este 2ista -ualche 2olta a Norland. )orse allora non sa/ete dir%i che ti/o di donna D.0 ,No0, re/licJ Elinor, ben attenta a non tradire la sua 2era o/inione sulla %adre di EdGard, e non %olto desiderosa di soddis&are -uella che /are2a una curiositC &uori luogo, ,non so nulla di lei0. ,Sono sicura che /enserete che io sia %olto strana, /er interrogar2i a -uesto %odo0, disse 6ucy &issando attenta%ente Elinor %entre /arla2a, ,%a /otrebbero esserci delle ragioni... 2orrei /oter correre -uesto rischio; a ogni %odo, s/ero %i &arete la giusti*ia di credere che non intendo essere %aleducata0. T Elinor &or%ulJ una ris/osta cortese, ed entra%be /roseguirono /er -ualche %inuto in silen*io. 6o ru//e 6ucy, che ri/rese l7argo%ento, a&&er%ando con una certa esita*ione: ,Non /osso so//ortare che %i consideriate di una curiositC i%/ertinente. Non so cosa darei /er non essere giudicata cosE da una /ersona la cui o/inione D tanto /re*iosa, /er %e, -uanto lo D la 2ostra. E di sicuro non a2rei il %ini%o ti%ore di a&&idar%i a 2oi; an*i, sarei %olto
+53

&elice di a2ere il 2ostro consiglio nella di&&icile situa*ione in cui %i tro2o, %a a ogni %odo non D il caso di disturbar2i. Peccato che non conosciate la signora )errars0. ,Anche a %e dis/iace0, ris/ose Elinor, /ro&onda%ente stu/ita, ,se da22ero /ote2a esser2i utile conoscere la %ia o/inione. a, a dir2i la 2eritC, non sa/e2o che conosceste -uella &a%iglia, e -uindi sono un /o7 stu/ita, debbo con&essarlo, di una do%anda cosE seria sul carattere di -uella signora0. ,6o credo bene che lo siate, e di certo non %e ne stu/isco. a se osassi dir2i tutto, non sareste tanto sor/resa. #erto la signora )errars al /resente non D nulla /er %e... %a /uJ 2enire il %o%ento... e -uando 2errC, di/enderC da lei... in cui noi /otre%%o di2enire i%/arentate %olto inti%a%ente0. entre dice2a -uesto abbassJ gli occhi, a%abil%ente con&usa, li%itandosi a lanciare un7occhiata di sbieco alla sua co%/agna, /er 2alutare l7e&&etto delle sue /arole. ,Huon Dio[0, escla%J Elinor. , a cosa intendete dire. #onoscete il signor $obert )errars. Siete &orse la sua....0. E non si sentE %olto contenta all7idea di una si%ile cognata. ,No0, re/licJ 6ucy, ,non del signor $obert )errars... non l7ho 2isto %ai in 2ita %ia; %a0, e &issJ gli occhi su Elinor, ,di suo &ratello %aggiore0. #osa /ro2J Elinor in -uel %o%ento. Sbigotti%ento, che sarebbe stato tanto doloroso -uanto /ro&ondo se non &osse stato seguito dall7i%%ediata certe**a che non c7era nulla di 2ero. Si girJ 2erso 6ucy in silen*ioso stu/ore, inca/ace di indo2inare la ragione di una tale dichiara*ione e, /ur i%/allidendo, ri%ase salda nella sua incredulitC, e non corse alcun /ericolo di un attacco di ner2i o di uno s2eni%ento. ,#a/isco bene che siate sor/resa0, continuJ 6ucy, ,/erchI a dire la 2eritC non /ote2ate /ro/rio i%%aginarlo; oserei dire che lui non debba a2er &atto la %ini%a allusione da2anti a 2oi o a nessun altro della 2ostra &a%iglia, /erchI si D se%/re 2oluto che &osse un gran segreto, e sono certa di a2erlo %antenuto co%e tale &ino a -uesto %o%ento. Non c7D ani%a 2i2a che ne sia al corrente, &ra le %ie conoscen*e, eccetto Anne, e non lo a2rei %ai detto ne%%eno a 2oi, se non sentissi la /iA grande &iducia del %ondo nella 2ostra discre*ione; e /oi ho 2era%ente ritenuto che il %io co%/orta%ento, con tutte le do%ande che 2i ho ri2olto sulla signora )errars, do2esse se%brar2i tanto strano da richiedere una s/iega*ione. E credo che il signor )errars non si dis/iacerC -uando sa/rC che %i sono con&idata con 2oi, /erchI so che ha la /iA grande sti%a della 2ostra &a%iglia, e considera 2oi e le altre signorine DashGood co%e delle 2ere sorelle0. A -uesto /unto si interru//e. Elinor ri%ase in silen*io /er -ualche %o%ento. All7ini*io il suo stu/ore /er -uel che a2e2a sentito &u tro//o grande /er /oterlo es/ri%ere a /arole; %a alla &ine, obbligandosi a /arlare, e a /arlare con /ruden*a, disse con una cal%a che cela2a /iuttosto bene la sua sor/resa e il suo sconcerto: ,Posso do%andar2i se il 2ostro &idan*a%ento D di lunga data.0 ,Sia%o &idan*ati da -uattro anni0. ,Suattro anni[0. ,SE0. Anche se era %olto scossa, Elinor si sentE ancora inca/ace di crederle. ,)ino a ieri0, disse, ,non sa/e2o ne%%eno che 2i conosceste0. ,6a nostra conoscen*a, /erJ, risale a %olti anni &a. \ stato a&