Sei sulla pagina 1di 10

186822670.

doc

RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236 .

"Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilit, l'adattabilit e la visitabilit degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche ."

-----------------------------------------------CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE


Il fabbricato oggetto della presente relazione, ubicato in comune di Pesaro, localit !!!!!!. "ia !!!!!!!!.!. #. !!! di propriet della $itta !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!.. assoggettata al collocamento obbligatorio #o %i interessato dall&inter'ento di nuo'a costruzione, ampliamento o sopraele'azione ristrutturazione (a destinazione d&uso) *esidenziale +isto *esidenza-,erziario o ,erziario %er'izio Pubblico o -perto al pubblico .uogo di la'oro ed costituito da n. !!!!. unit immobiliari di cui ) !!!!!!!!. !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
/descri'ere il fabbricato in relazione alle destinazioni d&uso, alla presenza di parti comuni, al numero dei piani fuori ed entroterra0

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!! -i sensi della ..11283 per tale inter'ento ric(iesto il soddisfacimento dei seguenti li'elli di 4ualit ) Accessibilit degli spazi esterni Accessibilit delle parti comuni Accessibilit delle seguenti unit immobiliari !!!!!!!!!!!!!!!!!! Visitabilit delle seguenti unit immobiliari !!!!!!!!!!!!!!!!!!... Adattabilit delle seguenti unit immobiliari !!!!!!!!!!!!!!!!!!.. .e prescrizioni di cui al $.+. 216283 pre'edono il rispetto dei tre li'elli di 4ualit dello spazio costruito con le modalit e per le parti dell&inter'ento edilizio di seguito riportate)

SPAZI ESTERNI
5& garantita l&accessibilit agli spazi esterni /marciapiedi e percorso di collegamento tra lo spazio pubblico /strada, marciapiede, parc(eggio, piazza, ecc.0 e l&ingresso alle unit immobiliari0 attra'erso la realizzazione di almeno un percorso age'olmente fruibile /marciapiedi, rampe, ser'o-scale esterni, ecc.0 anc(e da parte di persone con ridotte o impedite capacit motorie o sensoriali. In particolare stato garantito la rispondenza ai criteri di progettazione di cui al punto 6.2 /%pazi esterni0 e alle relati'e specific(e dimensionali e2o soluzioni tecnic(e, cos7 come riportate nel citato $ecreto.

PARTI COMUNI
5& garantita la totale accessibilit di tutte le parti comuni /androni d&ingresso, scale, pianerottoli, ascensori, garage, ecc.0, specificando c(e) non stata pre'ista l&installazione dell&ascensore considerato c(e l&accesso alla pi8 alta unit immobiliare posto non oltre il terzo li'ello, i'i compresi i li'elli interrati o porticati. stata comun4ue pre'ista l&installazione dell&ascensore. stata pre'ista l&installazione dell&ascensore per ogni scala principale in 4uanto obbligatoria /considerato c(e l&accesso alla pi8 alta unit immobiliare posto oltre il terzo li'ello, i'i compresi i li'elli interrati o porticati0 e c(e lo stesso raggiungibile mediante rampe pri'e di gradini. In tutti i casi stato garantito la rispondenza ai criteri di progettazione di cui al punto 6.1 /9nit ambientali e loro componenti0 e alle relati'e specific(e dimensionali e2o soluzioni tecnic(e, cos7 come riportate nel citato $ecreto.

APPARTAMENTI
5& garantito il re4uisito della 'isitabilit , c(e si ritiene soddisfatto se il soggiorno o il pranzo, un ser'izio igienico ed i relati'i percorsi di collegamento interni alle unit immobiliari sono accessibili, ossia se consentito l&accesso da parte di persona su sedia a ruote alle zone suddette.

In particolare stato garantito la rispondenza ai criteri di progettazione di cui al punto 6.1.1 /Porte0, 6.1.6 /%er'izi Igienici0, 6.1.3 /Percorsi orizzontali0, e alle relati'e specific(e dimensionali e2o soluzioni tecnic(e, cos7 come riportate nel citato $ecreto. Per i percorsi orizzontali sono 'alide anc(e le soluzioni tecnic(e di cui al punto 3.1 /%oluzioni tecnic(e conformi relati'e ai percorsi orizzontali delle unit ambientali0.

NEGOZI
Per le unit a negozio, sedi di atti'it aperte al pubblico di superficie netta inferiore a m4.2:0, garantito il re4uisito della 'isitabilit , c(e si ritiene soddisfatto se sono accessibili gli spazi di relazione, caratterizzanti le sedi stesse, nelle 4uali il cittadino entra in rapporto con la funzione s'olta /ad esempio) la cassa, lo spazio tra scaffali, l&accettazione, ecc.0. Per le unit a negozio, sedi di atti'it aperte al pubblico di superficie netta superiore a m4.2:0, garantito il re4uisito della accessibilit , c(e si ritiene soddisfatto se sono accessibili gli spazi di relazione, caratterizzanti le sedi stesse, nelle 4uali il cittadino entra in rapporto con la funzione s'olta /ad esempio) la cassa, lo spazio tra scaffali, l&accettazione, ecc.0 oltre c(e un ser'izio igienico. In particolare stato garantito la rispondenza ai criteri di progettazione di cui al punto 6.1 /9nit ambientali e loro componenti0, 6.2 /%pazi esterni0 e 6.1 /%egnaletica0, e alle relati'e specific(e dimensionali e2o soluzioni tecnic(e, cos7 come riportate nel citato $ecreto.

UFFICI
Per le unit ad ufficio, sedi di aziende non assoggettate al collocamento obbligatorio ma aperti al pubblico, garantito il re4uisito della accessibilit , c(e si ritiene soddisfatto se sono accessibili gli spazi di relazione, caratterizzanti le sedi stesse, nelle 4uali il cittadino entra in rapporto con la funzione s'olta /ad esempio) la cassa, l&accettazione, ecc.0 oltre c(e un ser'izio igienico. Per le unit ad ufficio, sedi di aziende assoggettate al collocamento obbligatorio e aperte al pubblico, garantito il re4uisito della accessibilit , c(e si ritiene soddisfatto se sono accessibili sia gli spazi di relazione c(e 4uelli di la'oro, oltre c(e i ser'izi igienici. In particolare stato garantito la rispondenza ai criteri di progettazione di cui al punto 6.1 /9nit ambientali e loro componenti0, 6.2 /%pazi esterni0 e 6.1 /%egnaletica0, e alle relati'e specific(e dimensionali e2o soluzioni tecnic(e, cos7 come riportate nel citato $ecreto. /-ltri usi0 !!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!. !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!. !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!. !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!. Inoltre per ogni unit , 4ualun4ue sia la sua destinazione, stata 'erificata l&adattabilit di tutte le parti e componenti per le 4uali non gi stata pre'ista l&accessibilit e2o 'isitabilit . - tal proposito gli edifici di nuo'a costruzione si considerano adattabili 4uando, tramite l&esecuzione differita nel tempo di la'ori c(e non modificano n; la struttura portante, n; la rete degli impianti comuni, possono essere resi idonei, a costi contenuti, alle necessit delle persone con ridotta o impedita capacit motoria, garantendo il soddisfacimento dei re4uisiti delle norme relati'e all&accessibilit .

SPECIFIC E E SOLUZIONI ADOTTATE


#el caso specifico 'erranno adottate le soluzioni tecnic(e di seguito illustrate.

UNITA! AM"IENTALI E LORO COMPONENTI PORTE# $%&'t( ).*.* del D.M.+,-.)/0


Applicazione : appartamenti negozi- uffici - parti comuni. .a luce netta della porta di accesso di ogni edificio e di ogni unit immobiliare sar pre'ista maggiore a cm.80. .a luce netta di tutte le porte interne di ogni unit immobiliare sar superiore a cm. 7:. <li spazi antistanti e retrostanti le porte sono stati dimensionati nel rispetto dei minimi pre'isti negli sc(emi grafici di cui al punto 8.1.1 del $.+. 216283. - tale proposito 'iene allegato alla presente relazione un elaborato grafico nel 4uale 'engono 'erificate le prescrizioni suddette. .=altezza delle maniglie sar pari a cm.30. Inoltre non saranno pre'iste singole ante delle porte con larg(ezza superiore a cm. 120, e gli e'entuali 'etri saranno collocati ad un altezza di almeno cm. 60 dal piano del pa'imento. .=anta mobile potr essere usata esercitando una pressione non superiore a 8 >g.

PAVIMENTI # $%&'t( ).*.+. D.M.+,-.)/0


Applicazione : appartamenti- negozi- uffici - parti comuni. I pa'imenti interni alle unit non presenteranno alcun disli'ello essendo tra loro perfettamente complanari. Il disli'ello esistente al piano terra fra gli spazi pubblici o condominiali e 4uella delle 'arie unit immobiliari i'i presenti /negozi0 e degli ingressi condominiali alle unit dei piani superiori, non superer i 2,: cm.

ARREDI FISSI # $%&'t( ).*.1. D.M.+,-.)/0


Applicazione: parti comuni .e cassette per la posta saranno collocate ad una altezza di cm. 160. Applicazione : negozi <li e'entuali arredi fissi dei negozi in 4uestione saranno realizzati secondo le indicazioni del punto 8.1.6. e sulla base delle effetti'e atti'it c(e 'erranno s'olte in essi .

TERMINALI DEGLI IMPIANTI # $%&'t( ).*.2. D.M.+,-.)/0


Applicazione : parti comuni ,utti gli e'entuali apparecc(i elettrici, i 4uadri generali, le 'al'ole e i rubinetti di arresto delle 'arie utenze, i regolatori di impianti di riscaldamento e di condizionamento, i campanelli di allarme, il citofono, c(e saranno ubicati nelle parti comuni dello edificio in 4uestione, saranno posti ad una altezza compresa tra i 60 e i 160 cm. In particolare il citofono sar posto ad una altezza di cm. 120, come pure la bottoniera dell&ascensore /pulsante pi8 alto0, mentre gli interruttori elettrici saranno posti a100 cm.dal pa'imento.

SERVIZI IGIENICI # $%&'t( ).*.-. D.M.+,-.)/0 2

Applicazione: appartamenti, negozi, uffici #ei casi in cui ric(iesto il re4uisito della 3isitabilit, il ser'izio igienico si intende accessibile se consentito almeno il raggiungimento da parte di persona su sedia a ruote di una tazza ?.c. e di un la'abo. Per raggiungimento dell=apparecc(io sanitario si intende la possibilit di arri'are sino alla diretta prossimit di esso, anc(e senza l=accostamento laterale per la tazza ?.c. e frontale per il la'abo. - tal fine sono stati rispettati per tanto i seguenti minimi dimensionali) - *aggiungimento del la'abo, anc(e senza accostamento frontale, con un percorso di larg(ezza pari ad almeno 7: cm@ - *aggiungimento del ?.c. anc(e senza accostamento laterale, con un percorso di larg(ezza pari ad almeno 7: cm@ #ei casi in cui ric(iesto il re4uisito dell=adattabilit futura, al fine di garantire la totale accessibilit dei ser'izi igienici, stato ipotizzato A 4ualora si fosse reso necessario e cos7 come consentito dalle norme in 4uestione - anc(e la eliminazione del bidet e2o la sostituzione della 'asca con una doccia a pa'imento, ottenendo la possibilit - senza modific(e sostanziali del locale - di uno spazio laterale di accostamento alla tazza ?.c. e di spazi sufficienti di mano'ra. - tale proposito sono stati 'erificati i seguenti ulteriori minimi dimensionali. - -deguati spazi di mano'ra di cui al punto 8.0.2 o uno spazio per rotazione di 160 gradi di sedia a ruote /diametro cm.160 nei casi di ristrutturazioni e cm.1:0 negl&altri casi0@ - -ccostamento frontale del la'abo /spazio antistante il bordo anteriore del la'abo cm.800) - -ccostamento laterale del ?.c. /spazio laterale, misurato dall=asse del sanitario, cm.1000 - -ccostamento laterale al bidet /spazio laterale, misurato dall=asse del sanitario, cm.1000. - Bordo anteriore del ?.c. e del bidet posto a distanza di cm. 7:-80 dal muro posteriore@ - -sse del ?.c. e del bidet posto a distanza di cm.60 dalla parete laterale, in caso di distanza superiore per il ?.c. 'a predisposto un maniglione o corrimano. - -ccostamento laterale alla 'asca /spazio necessario cm.160 lungo la 'asca con profondit cm.800. - -ccostamento laterale alla doccia. - -ccostamento laterale alla la'atrice. Cuanto sopra stato descritto graficamente nell=elaborato allegato alla presente relazione. #ei casi in cui ric(iesto il re4uisito dell&accessibilit, il ser'izio igienico si intende accessibile se consentita la mano'ra e l&uso degli apparecc(i in rapporto agli spazi di mano'ra di cui al punto 8.0.2, l&accostamento laterale alla tazza ?.c., bidet, 'asca, doccia, la'atrice e l&accostamento frontale al la'abo. - tale proposito sono stati 'erificati pertanto i seguenti ulteriori minimi dimensionali. - -deguati spazi di mano'ra di cui al punto 8.0.2 o uno spazio per rotazione di 160 gradi di sedia a ruote /diametro cm.160 nei casi di ristrutturazioni e cm.1:0 negl&altri casi0@ - -ccostamento frontale del la'abo /spazio antistante il bordo anteriore del la'abo cm.800) - -ccostamento laterale del ?.c. /spazio laterale, misurato dall=asse del sanitario, cm.1000 - -ccostamento laterale al bidet /spazio laterale, misurato dall=asse del sanitario, cm.1000. - Bordo anteriore del ?.c. e del bidet posto a distanza di cm. 7:-80 dal muro posteriore@ - -sse del ?.c. e del bidet posto a distanza di cm.60 dalla parete laterale, in caso di distanza superiore per il ?.c. 'a predisposto un maniglione o corrimano. - -ccostamento laterale alla 'asca /spazio necessario cm.160 lungo la 'asca con profondit cm.800. - -ccostamento laterale alla doccia. - -ccostamento laterale alla la'atrice. .e caratteristic(e degli apparecc(i sanitari rispetteranno inoltre le seguenti prescrizioni) - i la'abi a'ranno il piano superiore posto a cm.80 dal calpestio e saranno sempre senza colonna con il sifone preferibilmente del tipo accostato o incassato a parete@ - i ?.c. e i bidet saranno preferibilmente di tipo sospeso, in particolare il piano superiore della tazza DE o del bidet sar a cm. 6:- :0 dal calpestio@ - la doccia sar a pa'imento, datata di sedile ribaltabile e doccia a telefono@ #ei ser'izi igienici degli alloggi accessibili di edilizia residenziale so''enzionata stata 'erifica l&attrezzabilit con maniglioni e corrimano orizzontali e2o 'erticali in 'icinanza degli apparecc(i. #ei ser'izi igienici dei locali aperti al pubblico sar installato un corrimano in prossimit della tazza D.E., posto ad altezza di cm. 80 dal calpestio, e di diametro cm. 1-6@ se fissato a parete 'err posto a cm. : dalla stessa. Cuanto sopra stato descritto graficamente nell=elaborato allegato alla presente relazione.

"ALCONI E TERRAZZI# $%&'t( ).*.) D.M.+,-.)/0


Applicazione: parti comuni Il parapetto di balconi e terrazze 'err realizzato con un=altezza di cm. 100 e sar inattra'ersabile da una sfera di cm. 10 di diametro. 5& stata 'erificata, in fase di adattabilit futura, la possibilit di permettere il cambio di direzione con la pre'isione di uno spazio entro il 4uale inscri'ibile una circonferenza di diametro di cm 160.

PERCORSI ORIZZONTALI E CORRIDOI# $%&'t( ).*./. D.M.+,-.)/0


Applicazione: appartamenti - negozi spazi di relazione! - parti comuni ,utti i corridoi o i percorsi 'erranno pre'isti di larg(ezza minima di cm. 100 e presenteranno degli allargamenti atti a consentire l=in'ersione di marcia da parte di persone su sedia a ruote /'edi punto 8.0.2. - %pazi di mano'ra0. Cuesti allargamenti saranno posti di preferenza nelle parti terminali dei corridoi e saranno pre'isti comun4ue ogni ml.10 di s'iluppo lineare degli stessi. Per le parti di corridoio o disimpegni sulle 4uali si aprono porte sono state adottate le soluzioni tecnic(e di cui al punto 3.1.1., nel rispetto anc(e dei sensi di apertura delle porte e degli spazi liberi necessari per il passaggio di cui al punto 8.1.1. Per l=esatta illustrazione delle scelte tecnic(e adottate in merito si rin'ia all=elaborato grafico allegato alla presente.

SCALE $%&'t( ).*.*4 D.M.+,-.)/0


Applicazione: parti comuni .e rampe di scale, c(e costituiscono parte comune o siano di uso pubblico, a'ranno una larg(ezza di ml. 1.20 e una pendenza limitata e costante per l=intero s'iluppo di scala. I gradini saranno caratterizzati da un corretto rapporto tra alzata e pedata) la pedata sar di cm. 10, mentre la somma tra il doppio dell=alzata e la pedata, pari a cm. !.., sar compresa tra 62266 cm. Il profilo del gradino (a un disegno discontinuo ma comun4ue l=aggetto del grado rispetto al sottogrado rimarr compreso tra un minimo di 2 cm. e un massimo di cm. 2.:. "err posto anc(e un segnale al pa'imento /fascia di materiale di'erso o comun4ue percepibile anc(e da parte dei non 'edenti0, situato almeno a cm. 10 dal primo e dall=ultimo scalino, per indicare l=inizio e la fine della rampa. Il parapetto, c(e costituisce la difesa 'erso il 'uoto, sar pre'isto con altezza di ml. 1.00 e sar inattra'ersabile da una sfera di diametro di cm. 10. In corrispondenza dell=interruzione del corrimano, lo stesso 'err prolungato di cm.10 oltre il primo e l=ultimo gradino Il corrimano sar comun4ue posto ad una altezza compresa tra ml. 0,30 - 1.00. Il corrimano posto su un parapetto o su una parete piena sar distante da essi almeno cm. 6. Applicazione: appartamenti .e rampe di scale c(e non costituiscono parte comune o non sono di uso pubblico a'ranno una larg(ezza minima di ml. 0.80. %ono stati comun4ue rispettati il gi citato rapporto tra alzata e pedata /in 4uesto caso minimo cm. 2: 0 e l=altezza minima del parapetto .

RAMPE# $%&'t( ).*.** del D.M.+,-.)/0


Applicazione: parti comuni .e rampe, c(e costituiscono parte comune o siano di uso pubblico, supereranno un disli'ello non superiore a 1,20 m ed a'ranno le seguenti caratteristic(e) - larg(ezza minima di 0,30 m., se consente il transito di una persona su sedia a ruote, e di 1,:0 m. per consentire l&incrocio di due persone@ - ogni 10 metri di lung(ezza la rampa de'e pre'edere un ripiano orizzontale di dimensioni minime pari a 1,:0 F 1,:0 m, oppure .e rampe a'ranno un andamento regolare ed omogeneo per tutto il loro s'iluppo con pendenza costante. .a pendenza longitudinale non superer l&8G nei casi di nuo'a costruzione e il 12G nei casi adeguamento. In 4uest&ultimo caso la pendenza sar comun4ue rapportata allo s'iluppo lineare effetti'o della rampa secondo il diagramma di cui al punto 8.1.11. .e rampe a'ranno un ripiano di sosta di dimensioni minima pari a 1,:0 F 1,:0 m, o''ero di 1,60 in senso tras'ersale e 1,70 in senso longitudinale al 'erso di marcia. I ripiani di sosta saranno posti ad inter'alli non superiori a 10 ml nei casi di rampe con pendenze comprese tra :G e 3G. #ei casi di pendenze superiori al 3G fino al 12G, l&inter'allo sar rapportato alla pendenza della rampa secondo il diagramma di cui al punto 8.1.11. .a rampa sar dotata di un parapetto pieno, in caso contrario sar comun4ue pre'isto un cordolo di almeno 10 cm di altezza. Il parapetto, c(e costituisce la difesa 'erso il 'uoto, sar pre'isto con altezza di ml. 1.00 e sar inattra'ersabile da una sfera di diametro di cm. 10. .&inizio e fine rampa sar segnalato con un segnale a pa'imento /fascia di materiale di'erso o comun4ue percepibile0, situato ad almeno a 10 cm da suddetti punti.

ASCENSORE 5 SERVOSCALE $%&'t( ).*.*+ D.M.+,-.)/0


Applicazione: parti comuni ,rattandosi di edi6ici( a destinazione 7eside'8iale, ed a'endo l&ingresso pi8 alto a '(' (lt7e il te78( li3ell( fuori terra, sar pre'ista la deroga per l&installazione dell=ascensore. 5& stata 'erificata la possibilit di installare, in fase di adattabilit futura del fabbricato, l&ascensore o un ser'o-scale per il superamento dei disli'elli interni. ,rattandosi di inter'ento di ade9&a:e't( di edi6ic( esiste'te, l&ascensore a'r le seguenti caratteristic(e) - Eabina di dimensioni minime di ml.1,20 di profondit e ml. 0,80 di larg(ezza@ - Porta con luce netta minima di ml.0,7: posta sul lato corto@ - Piattaforma minima di distribuzione anteriormente alla porta della cabina di ml. 1,60 F 1,60. ,rattandosi di '&(3a edi6ica8i('e di edi6ici( a destinazione 7eside'8iale, l&ascensore a'r le seguenti caratteristic(e) - Eabina di dimensioni minime di ml.1,10 di profondit e ml. 0,3: di larg(ezza@ - Porta con luce netta minima di ml.80 posta sul lato corto@ - Piattaforma minima di distribuzione anteriormente alla porta della cabina di ml. 1,:0 F 1,:0. ,rattandosi di '&(3a edi6ica8i('e di edi6ici( a destinazione '(' 7eside'8iale ( :ista /residenza-terziario0, l&ascensore a'r le seguenti caratteristic(e) - Eabina di dimensioni minime di ml.1,60 di profondit e ml. 1,10 di larg(ezza@ - Porta con luce netta minima di ml.80 posta sul lato corto@ - Piattaforma minima di distribuzione anteriormente alla porta della cabina di ml. 1,:0 F 1,:0. .e porte di cabina e di piano saranno del tipo a scorrimento automatico. In tutti i casi le porte rimarranno aperte per almeno 8 secondi e il tempo di c(iusura non sar inferiore a 6 secondi. .&arresto ai piani a''err con auto-li'ellamento con tolleranza massima 2 cm. .o stazionamento della cabina ai piani di fermata a''err con porte c(iuse. .a bottoniera di comando interna ed esterna a'r i bottoni ad una altezza massima compresa tra i 1,10 e 1,60 ml. .a bottoniera interna sar posta su una parete laterale ad almeno cm.1: dalla porta della cabina. #ell&interno della cabina, oltre al campanello di allarme, sar posto un citofono ad altezza compresa tra i 1,10 m. e 1,10 m e una luce d&emergenza con autonomia minima di 1 ore. I pulsanti di comando pre'edranno la numerazione in rilie'o e le scritte con traduzione in Brille) in adiacenza alla bottoniera 'iene posta una placca di riconoscimento di piano in caratteri Braille. %ar pre'ista segnalazione sonora dell&arri'o al piano e, o'e possibile, l&installazione di un sedile ribaltabile con ritorno automatico.

AUTORIMESSE $%&'t( ).*.*1 D.M.+,-.)/0


.e autorimesse singole e colletti'e A fatte sal'e le prescrizioni antincendio- saranno ser'ite da ascensori, c(e arri'eranno alla stessa 4uota di stazionamento delle auto. .e rampe carrabili e 2o pedonali saranno comun4ue dotate di corrimano.

SPAZI ESTERNI PERCORSI# $%&'t( ).+.* del D.M.+,-.)/0


I percorsi pedonali esterni a'ranno una larg(ezza minima di cm. 30. Per consentire l&in'ersione di marcia da parte di persone su sedia a ruote, gli stessi a'ranno degli allargamenti, c(e saranno realizzati in piano, e saranno posti almeno ogni ml. 10 di s'iluppo lineare dei percorsi stessi ed in conformit alle dimensioni di cui al punto 8.0.2 /%pazi di mano'ra0. Cualsiasi cambio di direzione rispetto al percorso rettilineo sar in piano. H'e sia indispensabile effettuare anc(e s'olte ortogonali al 'erso di marcia, la zona interessata alla s'olta, per almeno ml. 1,70 su ciascun lato a partire dal 'ertice pi8 esterno, risulter in piano e pri'a di 4ualsiasi interruzione. H'e sar necessario pre'edere un ciglio, 4uesto 'err sopraele'ato di cm. 10 dal calpestio, sar differenziato per materiale e colore dalla pa'imentazione del percorso, non presenter spigoli 'i'i. .a pendenza longitudinale del percorso esterno non superer mai il :G@ o'e ciI non si reso possibile, sono state pre'iste pendenze superiori realizzate in conformit a 4uanto pre'isto al punto 8.1.11 /rampe0. Per pendenze del :G sar necessariamente pre'isto un ripiano orizzontale di sosta di profondit di almeno ml. 1,:0 per ogni ml. 1: di lung(ezza del percorso. #ei casi di pendenze superiori la lung(ezza della rampa stata proporzionalmente ridotta fino alla misura di 10 ml nei casi di pendenza pari all&8G. .a pendenza tras'ersale massima pre'ista dell&1G. Cuando il percorso si raccorda con il li'ello strada o 'iene interrotto da un passo carrabile, sar pre'isto una rampa di raccordo con pendenza non superiore al 1:G con un disli'ello massimo di 1: cm. Jino all&altezza minima di 2.10 m dal piano di calpestio, non saranno pre'isti ostacoli di nessun genere, 4uali tabelle segnaletic(e o elementi sporgenti i fabbricati, c(e potrebbero essere causa di infortunio ad una persona in mo'imento.

PAVIMENTAZIONI# $%&'t( ).+.+ del D.M.+,-.)/0


,utte le pa'imentazioni esterne saranno del tipo antisdrucciole'oli. .e stesse saranno realizzate con materiali il cui coefficiente di attrito, misurato secondo il metodo della Britis( Eeramic *esearc( -ssociation .td /B.E.*.-.0 *ep. E5E.6281, sia superiore ai seguenti 'alori) - 0,60 per elemento sci'olante cuoio su pa'imentazione asciutta@ - 0,60 per elemento sci'olante gomma dura standard su pa'imentazione bagnata.

<li strati di supporto della pa'imentazione saranno idonei a sopportare nel tempo la pa'imentazione ed i so'raccaric(i pre'isti, nonc(; ad assicurare il bloccaggio duraturo degli elementi costituenti la pa'imentazione stessa. <li elementi costituenti la pa'imentazione esterna presenteranno giunture inferiori a : mm, saranno stilati con materiali dure'oli, saranno piani con e'entuali risalti di spessore non superiore a mm 2. <li e'entuali grigliati inseriti nella pa'imentazione saranno realizzati con maglie non attra'ersabili da una sfera di 2 cm di diametro@ i grigliati ad elementi paralleli saranno comun4ue posti con elementi ortogonali al 'erso di marcia.

PARC EGGI# $%&'t( ).+., del D.M.+,-.)/0


#elle aree di parc(eggio pubblico o d&uso pubblico, saranno pre'isti, nella misura minima di 1 ogni :0 o frazione di :0, posti auto di larg(ezza non inferiore a ml. 1,20, e riser'ati gratuitamente ai 'eicoli al ser'izio di persone disabili. $etti posti auto, opportunamente segnalati, sono stati ubicati in aderenza ai percorsi pedonali e nelle 'icinanze dell&edificio o attrezzatura.

L. 2 6ebb7ai( *//+; '.*41; a7t.+1 Eli:i'a8i('e ( s&%e7a:e't( delle ba77ie7e a7c<itett('ic<e; 'e9li edi6ici %&bblici ( %7i3at( a%e7ti al %&bblic(
Eonsiderato c(e l&inter'ento di +anutenzione %traordinaria 2 *estauro 2 *isanamento Eonser'ati'o 2 parziale *istrutturazione 5dilizia riguarda un edificio pubblico o pri'ato aperto al pubblico, stato comun4ue 'erificato il soddisfacimento del re4uisito dell&accessibilit di ogni sua parte oggetto d&inter'ento.

COGENZA DELLE PRESCRIZIONI


Eonsiderato c(e l&inter'ento riguarda il recupero di un fabbricato esistente e 'ista l&impossibilit tecnica connessa agli elementi strutturali ed impiantistici dello stesso si ric(iede, ai sensi dell&art.7 del $.+. 216283, deroga alle norme di cui sopra. $etta deroga ric(iesta in 4uanto /descri'ere i moti'i tecnico-strutturali o impiantistici0 !!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!. e limitatamente a /descri'ere le parti non a norma0 !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!. "erranno comun4ue adottate le seguenti soluzioni alternati'e /descrizione0 !!!!!!!!!!!!!!! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! al fine di garantire comun4ue i re4uisiti minimi di 4ualit degli spazi ric(iesti.

SC EMI GRAFICI DI VERIFICA


-lla presente relazione asse'erati'a 'engono allegati sc(emi grafici di 'erifica delle specific(e tecnic(e e progettuali sopra ric(iamate. In particolare sono stati esplicitati con elaborati grafici specifici dei 'ari li'elli di 4ualit degli spazi, secondo il seguente sc(ema) Ve7i6ica dell! Accessibilit degli spazi esterni, delle parti condominiali e Accessibilit ( Visitabilit delle singole unit immobiliari Adattabilit degli spazi esterni, delle parti condominiali /4ualora non gi accessibili0 e delle singole unit immobiliari

Pertanto - alla luce di uanto sopra esposto e de!li alle!ati ela"orati !ra#ici - il sottoscritto pro!ettista con il presente atto dic$iara sotto la loro pi% co&pleta responsa"ilit' c$e il pro!etto in uestione ( stato redatto in totale con#or&it' alle prescrizioni tecnic$e riportate nella Le!!e 13/89 e D.M.236/89. Pesaro, li !!!!!!!!! I. ,5E#IEH P*H<5,,I%,KKKKKKKKKKKKKKKKKKKKKKK

"i seguito vengono fornite schede riepilogative dei re#uisiti e specifiche tecniche richieste al fine di facilitare la verifica del singolo progetto. $e schede sono riferite agli interventi pi% fre#uenti e non esimono dalla studio e conoscenza della legislazione specifica in materia.

&cheda -'-

EDIFICI RESIDENZIALI UNIFAMILIARI E PLURIFAMILIARI PRIVI DI PARTI COMUNI


APPARTAMENTI
P(7te este7'e P(7te i'te7'e Disi:%e9'i e c(77id(i "a 'erificata l&adattabilit rispettando le seguenti prescrizioni) .arg(ezza minima cm. 80 .arg(ezza minima cm. 7: .arg(ezza minima cm.100, nonc(; rispetto delle specific(e 8.1.1 /Porte0 e2o delle soluzioni 3.1.1 /%oluzioni tecnic(e conformi0. "a comun4ue pre'ista la possibilit futura di ottenere l&in'ersione di direzione per persona su sedia a ruote /diametro 1:0 cm o di dim. 160 F 170 cm nelle nuo'e costruzioni, diametro 160 cm nelle ristrutturazioni0 Pre'isione futura di adeguamento in accessibilit , ottenuta tramite lo spostamento di tramezzi e2o l&eliminazione del bidet e2o della 'asca /sostituita da doccia a pa'imento0. .arg(ezza minima cm. 80, nonc(; 'erifica della possibilit di installazione futura di ser'o-scala o piattaforma ele'atrice in caso di unit immobiliare su pi8 li'elli. #on sono presenti. %e sono presenti, 'a 'erificata l&adattabilit .

"a9'i

Scale

PARTI COMUNI SPAZI ESTERNI

&cheda -(-

EDIFICI RESIDENZIALI PLURIFAMILIARI CON PARTI COMUNI E CON NON PIU! DI TRE LIVELLI
APPARTAMENTI
"isitabilit per soggiorno o pranzo, bagno e percorsi interni ed adattabilit per tutti gli altri ambienti. ,ali re4uisiti sono 'erificati rispettando le seguenti prescrizioni) .arg(ezza minima cm. 80 .arg(ezza minima cm. 7: .arg(ezza minima cm.100, nonc(; rispetto delle specific(e 8.1.1 /Porte0 e2o delle soluzioni 3.1.1 /%oluzioni tecnic(e conformi0 con realizzazione anc(e dello spazio necessario per l&in'ersione di direzione per persona su sedia a ruote /diametro 1:0 cm nelle nuo'e costruzioni, diametro 160 cm nelle ristrutturazioni0 "isitabilit con pre'isione futura di adeguamento in accessibilit , ottenuta tramite lo spostamento di tramezzi e2o l&eliminazione del bidet e2o della 'asca /sostituita da doccia a pa'imento0. .arg(ezza minima cm. 80, nonc(; 'erifica della possibilit di installazione futura di ser'o-scala o piattaforma ele'atrice in caso di unit immobiliare su pi8 li'elli. "a 'erificata l&accessibilit rispettando le seguenti prescrizioni) *ispetto delle norme punti 8.1.1 /Porte0 A 8.1.10 /scale0 A 8.1.12 /-scensore, se presente0 A 3.1.1 /%oluzioni tecnic(e conformi0. .arg(ezza minima cm. 120 e rispetto norme punto 8.1.10 /%cale0. Possibilit di non installazione dell&ascensore. In 4uesto caso 'a pre'ista la possibilit di inserirlo successi'amente, oppure di inserire un ser'o-scala. -ccessibilit dalla strada o spazio pubblico all&edificio, e'entualmente, in caso di disli'elli non superabili semplicemente con rampe, anc(e con installazione di ser'o-scala o piattaforma ele'atrice. .e rampe di accesso ai garage sono ritenute accessibili mediante l&ascensore comune interno all&edificio. %e sono presenti, 'a 'erificata l&accessibilt rispettando le prescrizioni del punto 8.2 /%pazi esterni0.

P(7te este7'e P(7te i'te7'e Disi:%e9'i e c(77id(i

"a9'i

Scale

PARTI COMUNI
I'97essi e a'd7('i Scale Asce's(7i Ra:%e

SPAZI ESTERNI

&cheda -)-

EDIFICI RESIDENZIALI PLURIFAMILIARI CON PARTI COMUNI E CON PIU! DI TRE LIVELLI
APPARTAMENTI
"isitabilit per soggiorno o pranzo, bagno e percorsi interni ed adattabilit per tutti gli altri ambienti. ,ali re4uisiti sono 'erificati rispettando le seguenti prescrizioni) .arg(ezza minima cm. 80 .arg(ezza minima cm. 7: .arg(ezza minima cm.100, nonc(; rispetto delle specific(e 8.1.1 /Porte0 e2o delle soluzioni 3.1.1 /%oluzioni tecnic(e conformi0 con realizzazione anc(e dello spazio necessario per l&in'ersione di direzione per persona su sedia a ruote /diametro 1:0 cm nelle nuo'e costruzioni, diametro 160 cm nelle ristrutturazioni0 "isitabilit con pre'isione futura di adeguamento in accessibilit , ottenuta tramite lo spostamento di tramezzi e2o l&eliminazione del bidet e2o della 'asca /sostituita da doccia a pa'imento0. .arg(ezza minima cm. 80, nonc(; 'erifica della possibilit di installazione futura di ser'o-scala o piattaforma ele'atrice in caso di unit immobiliare su pi8 li'elli. "a 'erificata l&accessibilit rispettando le seguenti prescrizioni) *ispetto delle norme punti 8.1.1 /Porte0 A 8.1.10 /scale0 A 8.1.12 /-scensore, se presente0 A 3.1.1 /%oluzioni tecnic(e conformi0. .arg(ezza minima cm. 120 e rispetto norme punto 8.1.10 /%cale0. Installazione obbligatoria dell&ascensore, con rispetto delle norme punto 8.1.12 /-scensore0. -ccessibilit dalla strada o spazio pubblico all&edificio, e'entualmente , in caso di disli'elli non superabili semplicemente con rampe, anc(e con installazione di ser'o-scala o piattaforma ele'atrice. .e rampe di accesso ai garage sono ritenute accessibili mediante l&ascensore comune interno all&edificio. %e sono presenti, 'a 'erificata l&accessibilt rispettando le prescrizioni del punto 8.2 /%pazi esterni0.

P(7te este7'e P(7te i'te7'e Disi:%e9'i e c(77id(i

"a9'i

Scale

PARTI COMUNI
I'97essi e a'd7('i Scale Asce's(7i Ra:%e

SPAZI ESTERNI

&cheda -*-

EDIFICI NON RESIDENZIALI


ATTIVITA! SOCIALI SPETTACOLI RISTORANTI
/%E9H.-, %-#I,L, E9.,9*-, -%%I%,5#M- 5 %PH*,0 $e'e essere realizzata una completa accessibilit . 9#I,-& I++HBI.I-*I %5$I $I *I9#IH#5 H %P5,,-EH.I -..&-P5*,H H -. ENI9%H, ,5+PH*-#5I H P5*+-#5#,I, EH+P*5%I I EI*EH.I P*I"-,I 5 *I%,H*-#,I "isitabilit per almeno una zona riser'ata al pubblico, un ser'izio igienico, spazi di relazione e dei relati'i ser'izi pre'isti /biglietteria, guardaroba, ecc.0. In particolare i re4uisiti suddetti sono 'erificati rispettando le prescrizioni gi indicate per gli O5difici residenziali plurifamiliari con parti comuni e con pi8 di tre li'elliP, tenendo conto c(e il ser'izio igienico de'e essere completamente accessibile e c(e la deroga per l&installazione dell&ascensore non applicabile.

ATTIVITA! RICETTIVE

9#I,-& I++HBI.I-*I %5$I $I -,,I"I,-& *IE5,,I"5 /-.B5*<NI, P5#%IH#I, "I..-<<I ,9*I%,IEI, E-+P5<<I, 5EE.0 "isitabilit per tutte le parti e ser'izi comuni ed per un numero di stanze e di zone all&aperto destinate al soggiorno temporaneo determinato in base alle disposizioni di cui al punto :.1 /%trutture ricetti'e0. In particolare i re4uisiti suddetti sono 'erificati rispettando le prescrizioni gi indicate per gli O5difici residenziali plurifamiliari con parti comuni e con pi8 di tre li'elliP, tenendo conto c(e i ser'izi igienici de'ono essere completamente accessibile e c(e la deroga per l&installazione dell&ascensore non applicabile.

CULTO

9#I,-& I++HBI.I-*I %5$I $I -,,I"I,-& $I E9.,H "isitabilit per almeno una zona riser'ata ai fedeli per assistere alle funzioni religiose. In particolare i re4uisiti suddetti sono 'erificati rispettando le prescrizioni gi indicate per gli O5difici residenziali plurifamiliari con parti comuni e con pi8 di tre li'elliP, tenendo conto c(e la deroga per l&installazione dell&ascensore non applicabile.

NEGOZI E UFFICI

.HE-.I -P5*,I -. P9BB.IEH #H# P*5"I%,I #5..5 P*5E5$5#,I E-,5<H*I5 /#5<HMI, 9JJIEI, 5EE.0 "isitabilit per gli e'entuali spazi di relazione nei 4uali il cittadino entra in rapporto con la funzione i'i s'olta, nonc(; Aconseguentemente- un ser'izio igienico accessibile. #ei negozi con superficie di 'endita inferiore a m4 2:0 il ser'izio igienico puI essere anc(e soltanto adattabile. - tal fine si de'ono rispettare le prescrizioni di cui ai punti 6.1 /9nit ambientali e loro componenti0, 6.2 /spazi esterni0 e 6.1 /%egnaletica0, atte a garantire il soddisfacimento di tale re4uisito. In particolare i re4uisiti suddetti sono 'erificati rispettando le prescrizioni gi indicate per gli O5difici residenziali plurifamiliari con parti comuni e con pi8 di tre li'elliP, tenendo conto c(e il ser'izio igienico de'e essere completamente accessibile /sal'o i casi sopra esposti0 e c(e la deroga per l&installazione dell&ascensore non applicabile.

LUOG I DI LAVORO .9H<NI $I .-"H*H #H# -P5*,I -. P9BB.IEH 5 #H# %H<<5,,I -.


$c(ll(ca:e't( '(' (bbl.0

EH..HE-+5#,H HBB.I<-,H*IH.

$e'e essere pre'ista solo l&adattabilit . In particolare i re4uisiti suddetti sono 'erificati rispettando le prescrizioni gi indicate per gli O5difici residenziali unifamiliari e plurifamiliari pri'i di parti comuniP. In 4uesto caso andr allegata specifica dic(iarazione del titolare della $itta.

LUOG I DI LAVORO .9H<NI $I .-"H*H #H# -P5*,I -. P9BB.IEH 5 %H<<5,,I -.


$c(ll(ca:e't( (bbli9at(7i(0

EH..HE-+5#,H HBB.I<-,H*IH.

$e'e essere realizzata una completa accessibilit

%c(eda ---

RE=UISITI DI "AGNO ACCESSI"ILE O VISITA"ILE


"AGNO ACCESSI"ILE 9n ser'izio igienico accessibile se conforme alle seguenti prescrizioni
/Punto 8.1.6 delle norme0) - %pazi di mano'ra di cui al punto 8.0.2 o uno spazio per rotazione di 160 gradi di sedia a ruote /diametro cm.160 nei casi di ristrutturazioni e cm.1:0 negl&altri casi0@ - -ccostamento frontale del la'abo /spazio antistante il bordo anteriore del la'abo cm.800) - -ccostamento laterale del ?.c. /spazio laterale, misurato dall=asse del sanitario, cm.1000 - -ccostamento laterale al bidet /spazio laterale, misurato dall=asse del sanitario, cm.1000. - Bordo anteriore del ?.c. e del bidet posto a distanza di cm. 7:-80 dal muro posteriore@ - -sse del ?.c. e del bidet posto a distanza di cm.60 dalla parete laterale, in caso di distanza superiore per il ?.c. 'a predisposto un maniglione o corrimano. - -ccostamento laterale alla 'asca /spazio necessario cm.160 lungo la 'asca con profondit cm.800. - -ccostamento laterale alla doccia. - -ccostamento laterale alla la'atrice.

"AGNO VISITA"ILE

9n ser'izio igienico accessibile se conforme alle seguenti prescrizioni /Punto 8.1.6 delle norme0) - *aggiungimento del la'abo, anc(e senza accostamento frontale, con un percorso di larg(ezza pari ad almeno 7: cm@ - *aggiungimento del ?.c. anc(e senza accostamento laterale, con un percorso di larg(ezza pari ad almeno 7: cm.

10