Sei sulla pagina 1di 8

LA TEOLOGIA DEL S.

CUORE DI GES
Dio ci ama con cuore di uomo

Al centro del mistero del mondo c Ges Cristo. Al centro del mistero di Ges Cristo c la sua morte che si schiude nella risurrezione. Al centro del mistero della sua morte c il suo amore, il suo cuore. Per questo possiamo dire che la teologia e una corretta devozione del Cuore di Cristo conducono allessenza del cristianesimo: la persona di Ges, Figlio di Dio e Salvatore del mondo, svelato fin nel mistero pi intimo dei suo essere, fino alle profondit da cui scaturiscono tutte le sue parole e le sue azioni: il suo amore filiale e fraterno fino alla morte. Il cuore ha simbolizzato per gran parte delle culture il centro vivo della persona, il luogo dove nellintima unit della persona si fondano la complessit, la molteplicit delle facolt, delle energie, delle esperienze. Il cuore, inoltre, simbolo della profondit e dellautenticit dei sentimenti e delle parole, quindi, della loro sorgente profonda: lamore Il mistero delluomo abbandonato Ges, uomo perfetto, ha amato come nessun altro uomo. Alla sua scuola noi impariamo ad amare secondo dimensioni completamente nuove. Lamore di Ges non n stoico n platonico, ma sentito, tenero, delicato. Il suo cuore ha veramente provato sentimenti di gioia e ammirazione davanti allo splendore della natura, al candore dei bimbi, allo sguardo dun giovane rimasto puro; sentimenti di misericordia verso tutti i poveri: peccatori, malati, vedove in pianto, folle erranti ed affamate; sentimenti di amicizia verso gli apostoli, i discepoli, Lazzaro e le sorelle; sentimenti di piet per Gerusalemme che lo rifiuta e per Giuda che lo tradisce; dindignazione contro i venditori del tempio e contro i suoi nemici, che volendolo perdere, rovinano se stessi e il popolo; sentimenti di terrore durante lagonia, di fronte a l mistero della morte e del male che sembra trionfare. Amore e morte Ma la rivelazione pi decisiva dei cuore di Ges che lamore non totale se non passa attraverso la morte; non diviene portatore di vita se non accetta di
1

attraversare la morte. Pu trattarsi, talora, anche di morte fisica e sanguinosa, ma in ogni caso si tratta della morte a se stesso, dello spogliamento, della rinuncia, dei distacco, della perdita e oblio di se stesso. Da quando la sofferenza stata assunta per amore da Cristo, diventata portatrice di vita e di salvezza. Al centro del mistero redentore non sta tanto lazione delluomo-Dio, quanto la sua passione. Il mistero del cuore di Ges il mistero di un uomo trafitto. Fin dallinizio, Dio si fatto conoscere come colui che ama, che sceglie liberamente e si lega con fedelt agli uomini. Il Signore buono e grande nellamore canta Israele. Ma soltanto in Cristo che Dio si manifesta pienamente Amore che giunge a dare il Figlio per la salvezza degli uomini. Ges stesso, esaltando la bont del Padre che si rivela nel Figlio, afferma di essere sollecito a confortare gli affaticati e gli oppressi, di essere mite e umile di cuore Credere e rispondere allamore Vari documenti della Chiesa insistono sullo scopo di questa devozione: riportare la vita cristiana allessenziale, centrare la nostra vita e la nostra fede nel nucleo essenziale del cristianesimo. Il cristianesimo dallinizio alla fine un mistero di amore. Essere cristiano che cosa significa in definitiva se non credere allamore di Dio per noi e consentire a questo amore di espandersi e di sus citare una risposta damore? (1Gv 4,16-19). Il cuore la realt intima e unificante che evoca il mistero che resiste a tutte le analisi, che la legge silenziosa pi potente di ogni organizzazione e utilizzazione tecnica delluomo. Cuore indica il luogo dove il mistero delluomo trascende nel mistero di Dio; l la vuota infinitudine che egli esperimenta dentro di s grida e invoca la infinita pienezza di Dio. Evoca il cuore trafitto, il cuore angosciato spremuto morto. Dire cuore significa dire amore, lamore inafferrabile e disinteressato, lamore che vince nellinutilit, che trionfa nella debolezza che ucciso d la vita, lamore che Dio. Con questa parola si proclama che Dio e l dove si prega: Dio mio, perch mi hai abbandonato?. Con la parola cuore si nomina qualcosa che totalmente corporeo e tuttavia tutto in tutto, al punto che si possono contare i suoi battiti e ci si pu fermare in un pianto beato perch non pi necessario andare avanti dal momento che si trovato Dio.
2

Chi pu negare che in questa parola noi ritroviamo noi stessi, il nostro destino e il modo proprio dellesistenza cristiana che ci imposto come peso o grazia ins ieme, e assegnato come nostra missione? (K. Rahner). Presso di te la sorgente della vita

Dalle Opere di san Bonaventura, vescovo - (Opusc. 3, Il legno della vita, 29-30. 47; Opera omnia 8, 79)
Considera anche tu, o uomo redento, chi, quanto grande e di qual natura sia colui che pende per te dalla croce. La sua morte d la vita ai morti, al suo trapasso piangono cielo e terra, le dure pietre si spaccano. Inoltre, perch dal fianco di Cristo morto in croce fosse formata la Chiesa e si adempisse la Scrittura che dice: Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto (Gv 19, 37), per divina disposizione stato permesso che un soldato trafiggesse e aprisse quel sacro costato. Ne usc sangue ed acqua, prezzo della nostra salvezza. Lo sgorgare da una simile sorgente, cio dal segreto del cuore, da' ai sacramenti della Chiesa la capacit di conferire la vita eterna ed , per coloro che gi vivono in Cristo, bevanda di fonte viva che zampilla per la vita eterna (Gv 4, 14). Sorgi, dunque, o anima amica di Cristo. Sii come colomba che pone il suo nido nelle pareti di una gola profonda (Ger 48, 28). Come il passero che ha trovato la sua dimora (Sal 83, 4), non cessare di vegliare in questo santuario. Ivi, come tortora, nascondi i tuoi piccoli, nati da un casto amore. Ivi accosta la bocca per attingere le acque dalle sorgenti del Salvatore (cfr. Is 12, 3). Da qui infatti scaturisce la sorgente che scende dal centro del paradiso, la quale, divisa in quattro fiumi (cfr. Gn 2, 10) e, infine, diffusa nei cuori che ardono di amore, feconda ed irriga tutta la terra. Corri a questa fonte di vita e di luce con vivo desiderio, chiunque tu sia, o anima consacrata a Dio, e con l'intima forza del cuore grida a lui: O ineffabile bellezza del Dio eccelso, o splendore purissimo di luce eterna! Tu sei vita che vivifica ogni vita, luce che illumina ogni luce e che conserva nell'eterno splendore i multiformi luminari che brillano davanti al trono della tua divinit fin dalla prima aurora. O eterno e inaccessibile, splendido e dolce fluire di fonte nascosta agli occhi di tutti i mortali! La tua profondit senza fine, la tua altezza senza termine, la tua ampiezza infinita, la tua purezza imperturbabile!
3

Da te scaturisce il fiume che rallegra la citt di Dio (Sal 45, 5), perch in mezzo ai canti di una moltitudine in festa (Sal 41, 5) possiamo cantare cantici di lode, dimostrando, con la testimonianza, dell'esperienza, che in te la sorgente della vita e alla tua luce vediamo la luce (Sal 35, 10). Il S. Cuore, parola di Dio indirizzata a noi. Il Cuore trafitto Dio che ci dice una parola, una parola estratta dalla carne del costato di Ges, dalla lancia del soldato: lamore di Dio manifestatosi a tutti noi. Nel Cuore trafitto del Crocifisso, lo stesso Cuore di Dio stato aperto Qui vediamo chi Dio e come egli . Dio uscito dal suo nascondiglio (cf, Ratzinger, Lo Spirito della liturgia, p. 48). Ecco perch S. Giovanni unisce entrambi i significati della croce e la natura del nuovo culto a Dio nella nuova promessa fatta attraverso il profeta Zaccaria (cfr 12, 10), guarderanno a colui che hanno trafitto (Gv 19,37). Quando parliamo di teologia del S. Cuore intendiamo soprattutto questo: non i nostri discorsi sullamore, ma lamore di Dio rivelatosi a noi. Dio ci ha amati per primo, dice la Lettera di Giovanni citata (cfr 4, 10) e questo amore di Dio apparso in mezzo a noi, si fatto visibile in quanto Egli ha mandato il suo Figlio unigenito nel mondo, perch noi avessimo la vita per lui (1 Gv 4, 9). Dio si fatto visibile: in Ges noi possiamo vedere il Padre (cfr Gv 14, 9). (Deus caritas est, 17). Per capire questa parola dobbiamo fermarci a guardare il Cuore trafitto ( cfr Gv 19, 37). Guardare non con sguardo umano, ma con sguardo conquistato dallam ore (come dice Geremia: Mi hai sedotto, Signore, e mi sono lasciato sedurre; tu sei pi forte di me ed hai prevalso [20, 7]). Il messaggio sullamore che lapostolo porta essenzialmente quello che ha appreso fissando con adorazione il Cuore trafitto del Crocifisso. La parola dellamore crocifisso dura da pronunziare, non dico con le labbra, ma con la vita. Adorazione la scuola dove uno impara il S. Cuore. E nelladorazione che lapostolo riceve la parola del Cuore trafitto, che in cambio diventa il messaggio della sua vita. Il S. Cuore, la nostra parola indirizzata a Dio. Tutto ci che noi vorremmo dire a Dio stato gi detto attraverso la bocca del Cuore trafitto di Cristo. E attraverso il S. Cuore che il sangue di Cristo pi eloquente del sangue di Abele (Eb 12, 24): [24]egli invece, poich resta per sempre,
4

possiede un sacerdozio che non tramonta. [25]Perci pu salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si accostano a Dio, essendo egli sempre vivo per intercedere a loro favore (Eb 7, 24s). [18]perch grazie a due atti irrevocabili, nei quali impossibile che Dio mentisca, noi che abbiamo cercato rifugio in lui avessimo un grande incoraggiamento nell'afferrarci saldamente alla speranza che ci posta davanti. [19]In essa infatti noi abbiamo come un'ncora della nostra vita, sicura e salda, la quale penetra fin nell'interno del velo del santuario, [20]dove Ges entrato per noi come precursore, essendo divenuto sommo sacerdote per sempre alla maniera di Melchsedek (Eb 6, 18-20). [19]Avendo dunque, fratelli, piena libert di entrare nel santuario per mezzo del sangue di Ges, [20]per questa via nuova e vivente che egli ha inaugurato per noi attraverso il velo, cio la sua carne; [21]avendo noi un sacerdote grande sopra la casa di Dio, [22]accostiamoci con cuore sincero nella pienezza della fede, con i cuori purificati da ogni cattiva coscienza e il corpo lavato con acqua pura. [23]Manteniamo senza vacillare la professione della nostra speranza, perch fedele colui che ha promesso (Eb 10, 19-23).
Al centro della devozione al S. Cuore c la chiave della preghiera di Cristo al Padre. La mistica del S. Cuore, in S. Geltrude e S. Matilde, parla dellofferta del Cuore di Ges al Padre. Questo vuol dire che il S. Cuore parla per noi, prega in noi, prega attraverso noi. Noi possiamo trovare conforto: in queste parole: [14]Poich dunque

abbiamo un grande sommo sacerdote, che ha attraversato i cieli, Ges, Figlio di Dio, manteniamo ferma la professione della nostra fede. [15]Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia compatire le nostre infermit, essendo stato lui stesso provato in ogni cosa, a somiglianza di noi, escluso il peccato. [16]Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia, per ricevere misericordia e trovare grazia ed essere aiutati al momento opportuno (Eb 4, 14-16).
In questo modo ci possiamo mettere dinanzi al Cuore di Cristo, in quanto tutto ci che la preghiera dovrebbe esprimere adorazione, lode, ringraziamento, supplica e riparazione trova nel Cuore di Cristo la sua espressione pi perfetta: si manifesta cos la Chiesa dello Spirito Santo, che viene in aiuto alla nostra debolezza; perch non sappiamo pregare come dovremmo anzi lo Spirito intercede per noi con gemiti
5

inesprimibili, secondo i disegni di Dio (cfr Rom 8,26s). Il Padre che cerca ogni cuore duomo cerc il Cuore di Ges formato dallo Spirito Santo nel grembo di Maria dal momento dellincarnazione, e trov nel battito di quel cuore lespressione perfetta riguardo a quello che vuole lo Spirito. Il S. Cuore , nella vita della Chiesa, lorgano con cui lo Spirito intercede per i santi secondo il volere di Dio. Ha scritto il Card Ratzinger: noi vediamo chi Ges se lo vediamo pregando. La confessione di fede del cristiano proviene dalla sua partecipazione alla preghiera di Ges, nellessere trascinati nella sua preghiera e nellessere privilegiati nel sostenerla; essa interpreta lesperienza di preghiera di Ges, la sua interpretazione di Ges corretta, perch sprigiona dalla scelta di ci che pi personale e intimo a lui Questa la preghiera del Sacro Cuore, la preghiera che riemp i giorni e le notti della vita terrena di Ges, la preghiera che sprigion dalla sua sofferenza e culmin con la sua morte in croce, che continu nella sua discesa agli inferi. La preghiera che continua ininterrottamente nella gloria della sua risurrezione e ascensione, la preghiera incessante nel Santissimo Sacramento dellaltare. Il Card Ratzinger dice che soltanto entrando in questa parte pi intima della preghiera di Ges, conoscendo questa sua esperienza ineffabile di rapporto con il Padre, luomo pu conoscere meglio la sua identit. Inoltre colui che ha conosciuto lintimit di Ges col Padre e ha capito lui nellintimo chiamato ad essere una roccia nella Chiesa. La Chiesa risorge nel partecipare alla preghiera di Ges (cfr Lc 9, 18-20; Mt 16, 13-20) (cfr Ratzinger, Behold the pierced one, p. 19). Per conoscere la preghiera di Ges possiamo prendere: Eb 10, 5-7: [5]Per questo,

entrando nel mondo, Cristo dice: Tu non hai voluto n sacrificio n offerta, un corpo invece mi hai preparato. [6] Non hai gradito n olocausti n sacrifici per il peccato. [7] Allora ho detto: Ecco, io vengo - poich di me sta scritto nel rotolo del libro - per fare, o Dio, la tua volont.
Il Sacro Cuore: la parola della Chiesa al mondo Il S. Cuore trafitto nella morte diventa una parola di vita per il mondo. La morte che per sua natura la fine, la distruzione di ogni comunicazione, cambiata da Ges in un atto di autocomunicazione e ci la redenzione delluomo, perch significa il trionfo dellamore sulla morte. La morte che segna la fine delle parole del loro significato, diventa essa stessa una parola, diventa il posto dove il significato comunica
6

se stesso. Ci significa che dopo il silenzio di Ges dovuto alla sua morte, l rimase il costato aperto, e il cuore trafitto che parla solo damore, le ultime ed eterne parole su Dio. In ultima analisi la carit di Cristo ci sollecita (2Cor 5, 14), ha un solo messaggio: quello del cuore trafitto che rivela lamore del Padre che attira tutti a s (Gv 12, 32). Uno che ha contemplato questo messaggio scolpito nella carne della ferita del costato di Ges e ha imparato a leggerla in adorazione, ha una sola forma con cui parlare al mondo: il linguaggio del Cuore. Non si impara alluniversit o sui libri, ma nel silenzio della contemplazione del trafitto Si impara specialmente alla presenza del Santissimo Sacramento. Il linguaggio del cuore di tutti i dialetti, accenti. La devozione al S. Cuore sollecita i cristiani ad una carit dinamica, pronta ad esplorare anche loscurit pur di andare alla ricerca della pecorella smarrita Il grande gesto di amore che abbraccia ogni cosa sgorgato dal Crocifisso non ha ancora raggiunto il suo scopo, solo iniziato. Conclusione Il S. Cuore il cuore umano innalzato sulla croce: parola a Dio. E la parola della chiesa a tutti coloro che cercano, agli assetati, ai dispersi che non trovano la via del ritorno. Una parola per il mondo. Il S. Cuore di Ges il messaggio pieno e irrevocabile del Padre a noi. E ogni cosa che vorremmo e avremmo dovuto dire al Padre. E tutto ci che noi speriamo di dirci lun laltro e al mondo. Il Card Ratzinger nel 1981 scrisse: nel Cuore di Ges c il centro della cristianit. Egli scrive ogni cosa, tutto ci che c di genuino, nuovo e rivoluzionario nella nuova alleanza. Il Cuore chiama i nostri cuori. Ci invita a uscire fuori dai nostri egoismi e a dirigerci verso Cristo per scoprire la pienezza dellamore, la vera eternit che sostiene il mondo. Domande per la revisione di vita 1. Il Cuore trafitto ci rivela lamore di Dio. E questo il fondamento della nostra fede. Sentiamo questa verit come ncora della nostra vita? 2. Nel Cuore di Cristo che prega il Padre, in questo rapporto ineffabile del Figlio verso il Padre, riusciamo a conoscere la nostra vera identit? Riusciamo ad essere
7

come una roccia? Riusciamo a vedere la realizzazionedi tutte le nostre preghiere, di tutte le nostre aspirazioni? 3. Contemplando il Cuore di Cristo, nelladorazione eucaristica, abbiamo imparato il linguaggio del cuore, che linguaggio di amore, di misericordia? Il Cuore di Cristo ci chiama a uscire dai nostri egoismi e a dirigerci verso lamore a Cristo e ai fratelli.