Sei sulla pagina 1di 3

La ventilazione durante gli scavi delle gallerie

Per garantire la necessaria presenza di ossigeno durante i lavori di scavo delle gallerie, a tutela del personale presente, obbligo di legge provvedere ad unadeguata ventilazione forzata. Questa funzione necessaria sia che si applichi la tecnica di scavo mediante esplosivo, sia con lutilizzo delle frese, dal momento che in entrambi i casi occorre diluire gli inquinanti normalmente presenti, come i gas di combustione dei motori diesel dei mezzi operanti in galleria e i gas e i fumi prodotti dagli esplosivi. Le gallerie che si realizzano attualmente, in particolare le stradali e le ferroviarie, sono mediamente pi lunghe e pi ampie che in passato, cosa che ha reso inadeguati molti aspetti tecnici ritenuti validi fino ad alcuni anni fa. Anche per il comando e il controllo dei motori dei ventilatori, oggi solitamente di potenza pi elevata, ci si sta orientando verso tecnologie pi moderne, come lapplicazione dei convertitori di frequenza in sostituzione dei metodi pi tradizionali di avviamento, regolazione e dimensionamento della ventilazione in funzione delle varie fasi di avanzamento dei lavori. In generale la quantit daria necessaria per la ventilazione ottimale viene calcolata in base al numero di mezzi presenti in galleria nella fase di asportazione allesterno del materiale di scavo. Nel caso di utilizzo delle frese questa attivit si svolge attraverso vagoni trainati da locomotori diesel, mentre nello scavo con utilizzo di esplosivo, pi critico del precedente, lasporto viene attuato mediante autocarri su cui il materiale viene caricato per mezzo di una pala diesel.

La ventilazione durante gli scavi delle gallerie


Nella quasi totalit dei casi, soprattutto in Italia, limpianto di ventilazione costituito da ventilatori assiali posti allimbocco della galleria e collegati a una tubazione di tipo floscio che porta laria esterna fino al fronte di scavo e che, pertanto, viene progressivamente allungata con lavanzamento dei lavori. Il sistema di ventilazione deve, ovviamente, garantire portate e pressioni crescenti con lavanzare del fronte di scavo. Per questo motivo, unitamente alle inevitabili perdite di carico dovute al tipo di tubazione utilizzato, si richiede un sistema di ventilatori con prestazioni variabili, ottenute tradizionalmente mediante ventilatori multistadio la cui potenza viene regolata tra 25 e 31 kW. Questa soluzione, per, non pi sufficiente per soddisfare le esigenze connesse con lo scavo di molte delle attuali gallerie, la cui ampiezza richiede ventilatori pi grossi con potenze assai maggiori per ogni singolo motore. Lutilizzo in queste situazioni dei sistemi tradizionali davviamento stella-triangolo provocherebbe, infatti, picchi di spunto troppo elevati e problemi di resistenza meccanica della tubazione floscia. risultato quindi indispensabile applicare la regolazione mediante i ben noti inverter, cio convertitori statici di frequenza che consentono di ottimizzare i costi di gestione dellimpianto di ventilazione, regolando la velocit di rotazione e adeguando, di conseguenza, lassorbimento elettrico in base allavanzamento del fronte di scavo o delle esigenze del cantiere.

La ventilazione durante gli scavi delle gallerie

Un efficiente ricambio daria nei tunnel in costruzione di estrema importanza, tanto che la sua mancanza o unavaria nel sistema di ventilazione rendono di fatto impossibile lo svolgimento dei lavori, dal momento che si rischierebbe lintossicazione degli addetti a causa delle polveri e degli inquinanti presenti in galleria. evidente quindi lelevato livello di affidabilit e disponibilit richiesto al sistema stesso, poich ogni fermata delle attivit cantieristiche provoca notevoli danni economici. Una soluzione gi ampiamente diffusa nei moderni cantieri, tra cui tutte le gallerie autostradali in corso dopera per la variante di valico, nel tratto Sasso Marconi - Barberino del Mugello, stata sviluppata da Flkt Woods con lapplicazione degli inverter ABB ai motori dei ventilatori. Il risultato di questa cooperazione tecnica tra Flkt Woods e ABB Sace, che garantisce, tra laltro, tempestivi interventi dassistenza in caso di necessit, una tipologia di impianto adatta per qualsiasi scavo di galleria (stradale, ferroviario, idrico, minerario) con le potenze dei ventilatori che devono essere regolate tra 110 e 250 kW. Lintero progetto dei sistemi, che prevedono lutilizzo di inverter ACS800 in tecnologia DTC (Direct Torque Control), viene interamente sviluppato per ciascuna applicazione da Flkt Woods, dimensionando la ventilazione in base alla quantit dei mezzi diesel secondo un fattore di contemporaneit di presenza nel tunnel. Fino ad oggi lunica normativa italiana che regola la ventilazione in queste applicazioni, anche se molto 3 generica, contenuta nel D.P.R. n 320 art. 30 com ma 2, che impone un quantit daria di 4 m /min. (0,066 3 3 3 m /sec.) per CV Diesel e di 3 m /min. (0,05 m /sec.) per ogni lavoratore. Inoltre per il dimensionamento di questi progetti ci si avvale della letteratura tecnica disponibile o di quanto contenuto nelle norme svizzere SIA 196. Per garantire la massima sicurezza possibile in caso davaria, nelle gallerie di lunghezza superiore ai 200 metri consigliabile lutilizzo di due ventilatori in serie, in modo tale che ciascun ventilatore possa mantenere un livello minimale di ventilazione anche se con portata ridotta. In alcuni casi questo accorgimento imposto da leggi regionali. Sempre per questioni di sicurezza si prevede anche lutilizzo di un inverter per ciascun motore.

Figura 1: Gli inverter ACS800 di ABB, applicati ai sistemi di ventilazione sviluppati da Flkt Woods, consentono di ottimizzare i costi di gestione dell'impianto di ventilazione, regolando la velocit di rotazione mediante la tecnologia DTC e adeguando, di conseguenza, l'assorbimento elettrico in base all'avanzamento del fronte di scavo o alle esigenze del cantiere

La ventilazione durante gli scavi delle gallerie


In casi demergenza di qualsiasi tipo lutilizzo dei sistemi di ventilazione con inverter permette un intervento automatico ed un adeguamento delle prestazioni dellimpianto di ventilazione.

Un esempio si ha nei cantieri autostradali della variante di valico precedentemente citati dove, a causa della natura geologica, necessario un costante monitoraggio del gas metano naturale (grisou) durante lo scavo della galleria. In queste situazioni di maggior pericolo linverter, su retroazione dei sensori di gas posizionati nello scavo della galleria, in grado di intervenire escludendo il comando manuale e portando immediatamente alla massima potenza i ventilatori per diluire ed evacuare nel minor tempo possibile i gas pericolosi ed altamente esplosivi. Questi sistemi di ventilazione si utilizzano anche nelle gallerie principali delle miniere durante la normale attivit di estrazione. Nelle gallerie laterali di coltivazione, da cui viene estratto il minerale, la ventilazione, soprattutto in inverno, avviene naturalmente per convezione; quando per ci non pi sufficiente per garantire le condizioni progettuali, linverter del sistema interviene su retroazione da velocimetri per integrare la ventilazione naturale. interessante per ultimo ricordare che lutilizzo degli inverter pu portare benefici acustici allimpianto di ventilazione soprattutto in quei casi in cui limbocco del tunnel situato in prossimit di un insediamento abitativo: infatti riducendo la velocit di rotazione del motore e conseguentemente della girante per adeguare la potenza dei ventilatori alle reali esigenze del cantiere, il rumore si riduce su scala logaritmica: per esempio al 50% del numero di giri (con la frequenza che passa da 50 a 25 Hz e la potenza che varia da 250 a 31 kW) il rumore si riduce di 17 decibel.

Figura 2 I convertitori di frequenza intervengono sulla velocit di rotazione dei ventilatori regolandone la potenza tra 110 e 250 kW