Sei sulla pagina 1di 4

il giornale dalla parte dei carovignesi

francamente
È FINALMENTE Una calata di orsi sul piano regolatore?
FESTA VER A!
G
li orsi, quando escono dal letargo, sono pericolosi. Sono ancora as-
sonnati, storditi. Ma hanno una gran fame. Gli orsi che escono dal
letargo e fiutano un favo di miele diventano pericolosissimi. Il

Q
uella di quest’anno sarà una Festa destino ci scampi dagli orsi affamati che hanno fiutato il miele. Pos-
provinciale de L’Unità dal sapore par- sono produrre effetti devastanti.
ticolare. E’ infatti la prima volta nella Tra gli esseri viventi, peggio degli orsi affamati in uscita dal
storia che giungiamo a questo appuntamento letargo, possono esserlo solo certi politici quando, storditi
come forza politica che governa contempora- e al contempo allupati dal sonno della ragione, fiutano
neamente la Provincia, la Regione e l’Italia. qualche ghiotta opportunità. Possono produrre ef-
Dopo anni difficili in cui sembrava che tutto fetti più che devastanti.
fosse ormai perso, che il berlusconismo, in Ci auguriamo che sul Piano Regolatore di
tutte le sue rappresentazioni locali e naziona- Carovigno non ci sia una calata di orsi. Un
li, avesse preso definitivamente il sopravven- augurio per il bene della Città e dei suoi
to, che nella politica e nella società italiana abitanti. Un Piano Regolatore confeziona-
to su interessi particolari invece che pro-
non ci fosse più spazio per le ragioni della Si-
grammato, come dovrebbe essere, come
nistra, siamo riusciti a risalire la china e a con-
pianificazione ragionata dell’assetto gene-
quistare anno dopo anno il consenso e la fidu-
rale del territorio, produce effetti negativi
cia dei cittadini che hanno determinato con il che segnano e condizionano in modo irre-
loro voto le vittorie degli ultimi tre anni. versibile lo sviluppo futuro della comunità.
Per questo è Festa vera! Se quelle degli altri Deve essere chiaro a tutti: il destino di Ca-
anni erano feste in attesa di un successo, ora rovigno si gioca su queste scelte.
che lo abbiamo raggiunto, faremo a Carovi- In verità ci sono segnali negativi. Citiamo
gno una grande Festa. dall’intervista dell’ex sindaco Angelo Lan-
Sarà un grande appuntamento di popolo in zillotti pubblicata sul numero di marzo
cui i cittadini si potranno confrontare con le 2006 di Francamente: “Il piano regolatore
rappresentanze istituzionali della Provincia, che tanto è stato sventolato in campagna
della Regione e del Governo. Sarà l’occasio- elettorale è fermo”. Ci viene da chiedere: Come
ne per discutere con le forze sociali ed econo- mai? La risposta ce la fornisce lo stesso Lanzillotti nella
miche di questa provincia per programmare medesima intervista: “Un’Amministrazione, questa, che è com-
insieme le strategie e le iniziative da intra- pletamente ferma, che sta pensando soltanto a sistemare determinate
prendere per far ripartire questo nostro terri- cose, vedi piano regolatore, con la corsa all’acquisto di terreni che attual- sione. Alla precisa domanda sulla sua eventuale collocazione politica futu-
torio. Incontreremo il popolo delle primarie mente non sono lottizzati e che verranno regolarmente inseriti nel prossimo ra, data l’allora posizione di indipendente, c’è stata questa risposta carica di
piano regolatore”. significati: “Beh, non mi far sbilanciare su questo. Facciamo maturare alcu-
per coinvolgerlo nel processo di costruzione
Parole pesanti e non smentite. La risposta di una Amministrazione sensibi- ne cose e poi si vedrà”. Oggi l’ex sindaco silurato si è sbilanciato, scivolan-
del partito de L’Ulivo.
le alle sorti della Città sarebbe stata quella di aprire subito un confronto con do nelle file della maggioranza: quali sono le cose maturate che hanno por-
La dimensione della Festa non si esaurisce
le forze politiche e la società civile. Dimostrare la correttezza dell’operazio- tato a questa situazione?
con i temi politici. Abbiamo pensato a quattro ne con un gesto concreto di trasparenza. Scelte di questa portata non posso-
serate ricche di spettacoli in cui i visitatori Speriamo che non si tratti di una invasione di orsi su Carovigno. E ogni ac-
no restare oscurate nel segretair di qualche ufficio male illuminato, ma de- costamento a La famosa invasione degli orsi in Sicilia del grande Dino Buz-
potranno passare il loro tempo ascoltando vono uscire e lievitare alla luce del sole. Invece, sul futuro piano regolatore zati è da ritenersi del tutto casuale.
della buona musica e degustando i piatti pre- di Carovigno è mancata, fino ad oggi, ogni opportunità di confronto. Ma in
parati dai Ristoratori di Carovigno. quella intervista del dottor Angelo Lanzillotti ci sono altri spunti di rifles- NATALINO SANTORO
Una Festa ambiziosa così come deve essere
per chi ha le responsabilità di governo che a
noi sono state assegnate.
Per organizzare questo evento abbiamo scelto
la città di Carovigno. Innanzitutto perché qui
Fe s t a
la Festa de L’Unità è da ormai più di venti an-
ni una tradizione consolidata che coinvolge
provinciale de
l’intera comunità, ma anche perché riteniamo
che sia giunto il momento che anche in que-
sto paese si creino le condizioni per costruire
l ’U n it à
una valida alternativa all’attuale Amministra-
zione di Centrodestra.
Abbiamo voluto fare dunque un investimento Dal 21 al 24 Settembre
politico a sostegno del gruppo dirigente dei De- Area mercato
mocratici di Sinistra di Carovigno in una batta-
glia sicuramente difficile ma non impossibile.
Ringrazio fin da adesso quanti permetteranno
CAROVIGNO
lo svolgimento di questo evento: le Compa-
gne e i Compagni per il loro impagabile im-
pegno; le imprese, le forze sociali, i commer-
Spettacoli
cianti che saranno presenti con uno stand o
con il loro logo; le cittadine e i cittadini di Ca-
rovigno per l’ospitalità che sapranno garanti-
M u s ic a
re; le visitatrici e i visitatori che affolleranno
le quattro serate. G a s t r o n o m ia
ONOFRIO CRETÌ
SEGRETARIO PROVINCIALE DS BRINDISI P o l it ic a
francamente - nuova serie - n. 16 - SETTEMBRE 2006 - distribuzione gratuita
mensile a cura della sezione "Enrico Berlinguer" dei Democratici di Sinistra di Carovigno
Direttore responsabile: Natalino Santoro - Direttore editoriale: Mario Cicorio
Reg. Trib. di Brindisi n. 7 del 20.04.2001 - stampa: Nuova g@ srl - Ostuni - info@nuovagasrl.191.it (chiuso in Tipografia il 18/9/2006)

francamente è scaricabile dal sito www.carovigno.net


Supermercato Spesa

francamente
A &
A O
A
S E T T E M B R E 2 0 0 6
OG NI G IORNO C ON TE
2 V.le Foggia, 10 - CAROVIGNO (BR) - Tel. 0831.990695

Torre Gu a ce t o “V i a g g i o t r a g i o i e e dolori”
Che dire poi di queste ciurme di ragazzi maledu-
cati (non tutti per fortuna), che vengono portati
nel cuore della “ riserva” a bordo di enormi pul-
man per visitare la stessa oppure per fare sea-
Lettera a Francamente watching.
Ben vengano queste iniziative, ma lasciamo i
mo momento di aggregazione. (…) anche su questo c’è tanto da dire sui vari mezzi

S
pett.le redazione di “ Francamente” , ho let- mezzi fuori e dopo aver fatto loro un bel breafing
to con piacere sul numero speciale Ti sei mai chiesta cosa succede nei giorni prece- che percorrono i sentieri tutto il giorno, spesso su come ci si comporta in una “ riserva” ; portan-
luglio/agosto del vostro giornale, un bellis- denti, durante e dopo queste manifestazioni fatte forse inutilmente. doli a piedi, facendogli evitare quei fastidiosissi-
simo articolo sulla “ riserva naturale dello stato” nel cuore della “ riserva” ? te lo spiego in due pa- Questo in tante altre riserve non si verifica, in mi schiamazzi, oppure non facendogli lasciare
di Torre Guaceto. role. quanto il personale preposto, gira a piedi, in sull’arenile bottiglie, lattine, carte, buste di pla-
Vorrei complimentarmi con Maria Antonietta Una grande fiera, un mercato. Si inizia con auto- mountain-bike oppure a cavallo, che tra l’altro fa stica e quant’altro. (…)
Greco, la quale, con il suo articolo, ha dato mezzi pesanti che entrano ed escono dalla “ riser- anche bene alla salute. Mi auguro che il tuo articolo venga letto dalla
un’immagine di grande competenza della riserva, va” , inquinando, schiacciando, calpestando tutto Immagini come sarebbe bello non vedere più tar- gente amante della natura, visto che ormai Torre
esaltando giustamente la stessa. ciò che incontrano, anche sugli arenili, per tra- tarughine, ramarri oppure cervoni schiacciati dal- Guaceto è preda di forestieri poco educati, che
Premetto che sono un grandissimo estimatore sportare il necessario(palchi, amplificazioni, le ruote degli automezzi? (…) crede di essere in un parco di soli divertimenti.
della riserva di Torre guaceto, dove sono cresciu- gruppi elettrogeni, cavi elettrici, tavoli, masseri- È inaccettabile che coloro che sono preposti alla Chiudo chiedendoti se vuoi ancora tenermi per
to, ho cresciuto i miei figli ed oggi ci cresco i zie, ecc...), per l’allestimento dei vari spettacoli e tutela della “ riserva” , creino in primis questo mano e continuare il nostro viaggio, nella speran-
miei nipoti. lo svolgimento delle feste che tu citi con tanto scempio e che il W.W.F. non intervenga per fer- za che tutto questo si fermi, per fare in modo che
Come dicevo, frequento Torre Guaceto quasi tut- entusiasmo. mare tutto ciò. la nostra bella “ riserva” non diventi davvero un
ti i giorni per tutto l’anno, sin dagli anni sessan- Durante le stesse, gli ospiti entrano comodamen- Come ha fatto lo scorso anno, opponendosi ad un luogo inutile…
ta, da quando ci si arrivava con i “ travini” , cioè te seduti in pulman nella “ riserva” , nonostante i progetto per la costruzione di un complesso turi- Non smettere di fantasticare mai.
cavallo e carretto, oppure in bicicletta, solo pochi divieti, la confusione, il fuoco, la sporcizia che stico fuori dalla “ Riserva” , forse con ragione, ma GIANCARLO AGGIANO
fortunati ci arrivavano con le automobili, altri non viene raccolta del tutto ecc... (…) che certamente gioverebbe all’economia della MED. ARGENTO VALOR CIVILE
tempi! Allora si che ti immergevi nella natura, Divertiamoci pure, ma facciamolo possibilmente nostra terra. CAVALIERE DELLA REPUBBLICA
dove gli animali regnavano sovrani e gli unici ru- ai margini della “ riserva” , magari all’inizio della
mori da ascoltare erano l’ondeggiare del mare ed spiaggia di Penna Grossa, a ridosso della diga, Carissimo signor Aggiano,
il fruscio del vento. dove sicuramente non arrecheremmo tanto dan- ho letto con attenzione la lettera che ha inviato alla redazione e ho avuto piacere nel vedere at-
Negli anni successivi ho vissuto le varie evolu- no, quanto ne arrechiamo nel cuore della “ riser- traverso i suoi occhi e la sua esperienza, da assiduo frequentatore della riserva, ciò che con una
zioni di Torre Guaceto (…) fino alla costituzione va” (…): perché dove arriva l’uomo, l’animale semplice escursione non ho avuto modo di vedere, poiché ho trascorso realmente una mattinata
nel duemila del “ consorzio di gestione” . scappa via, lasciando solo topi e toponi; ecco a Torre Guaceto.
Aime! Che guaio tutto questo. Quanta gente ha perché nel tuo articolo dici “ se sei fortunato puoi Ho notato una sua, se vogliamo dire, forma di sfiducia nei miei confronti, alludendo al fatto che
attirato tutta questa evoluzione, a discapito della vedere gli aironi” . Qualche anno addietro, prima “qualcuno” mi abbia indirizzato nello scrivere determinate cose.
natura, modificando in qualche modo anche gli di questa pubblicità e solo per puro caso con l’av- Ho parlato con una mia amica chiedendole di visitare la riserva, dato che come la maggior par-
usi e i costumi della gente del luogo. vento del consorzio di gestione, gli aironi li tro- te dei miei concittadini non l’avevo fatto (non per mancanza di interesse) e lei mi ha accompa-
Tornando all’articolo di Maria Antonietta Greco, vavi ad ogni angolo, come i ramarri, dei quali sei gnato al centro visite di Torre Guaceto.
(…) mi farebbe piacere prenderla per mano e tra- sono perse le tracce, come i tassi ecc… (…) Qui, mi sono inserita in un gruppo e ho passeggiato per due ore ammirando e di conseguenza rac-
sportarla pian pianino in un viaggio ad analizza- Per concludere il discorso sulle feste , mi piacereb- contando la “natura” e mostrandola anche nel suo lato fantastico, mitologico, leggendario.
re e cercare di capire lo scopo per cui è nata la be con la stessa gente che vi ha partecipato, orga- Di tutto ciò che lei ha scritto, le assicuro che non ho notato niente, a parte le ciurme di ragazzi
“ riserva” : (…) questa area protetta nasce per la nizzare una giornata per la raccolta della plastica, disinteressati. Se lavorassi lì le avrei risposto io, ma il mio articolo era da semplice turista e le ri-
tutela (sottolineo tutela) e la fruizione del patri- delle bottiglie, delle lattine ecc… nella “ riserva” , spondo da tale. Tutto quello che posso dirle è che per me è stata un’esperienza unica, che sicura-
monio ambientale e per lo sviluppo socio-econo- per capire quanti di loro amano la natura a tal pun- mente ripeterò.
mico del territorio. (…) to da parteciparvi, sicuramente io ci sarei, come La ringrazio per la sua lettera: è giusto e siamo contenti che la gente partecipi al nostro giorna-
Nel tuo articolo parli delle fantastiche feste che si credo anche tu. le; vorrei comunque invitare la cooperativa o il consorzio di Torre Guaceto a rispondere, se vo-
svolgono all’interno della riserva, senza dubbio Dal tuo articolo deduco che tu hai percorso tutti i gliono alla sua lettera.
sentieri a piedi, spero tanto che sia così, perché MARIA ANTONIETTA GRECO
saranno bellissime. È sicuramente un grandissi-

TU TELA E VALORIZZAZIONE D EGLI U LIVI SEC OLARI


che certificherà la pregevolezza dell’olio estratto Ci siamo spesso smarriti nel rincorrere modelli di

M
erita di essere divulgata la legge che a
poco dovrà essere emanata dalla Re- dagli ulivi secolari. sviluppo altrui ma che con dovuto rispetto non
gione Puglia e che contribuirà a mo- Ulivi secolari che però non potranno essere più sono consoni ai nostri luoghi e alle nostre voca-
strare un altro forte simbolo d’identità della no- espiantati o danneggiati ma che come ritorno zioni.
stra Regione, del suo territorio, della sua storia, economico potranno dare l’opportunità agli im- Ogni territorio ha le sue gemme: la terra per vi-
delle sue innate vocazioni, e non di meno di quel prenditori agricoli che presenteranno progetti di vere; il mare che ci mette in contatto con gli altri;
ritorno economico che ne potrebbe derivare per mantenimento nella coltura di queste piante, di la storia che ci ricorda chi siamo.
tutti noi cittadini pugliesi: questo simbolo che è il accedere più facilmente a finanziamenti regiona- PRIMAROSA SAPONARO
PAESAGGIO DEGLI ULIVI. li, nazionali e comunitari. E dare al contempo un
Per la precisione, il 19 luglio è stato presentato ritorno turistico per tutto il territorio essendo pre-
dagli assessorati all’ambiente-agricoltura-assetto visti nel progetto di legge percorsi turistici fra gli
territoriale, un progetto di legge di 19 articoli dal uliveti secolari di Puglia. Laboratorio confezioni
Inoltre sempre in considerazione delle lamentele
nome: “ Tutela e valorizzazione degli ulivi seco-
lari” grazie al quale da un lato si proteggeranno degli agricoltori sull’esiguità degli indennizzi, su MICHAEL
gli ulivi secolari dalle espiantazioni selvagge a indicazione dei rappresentanti delle associazioni
cui abbiamo assistito negli ultimi anni; mentre da degli agricoltori (cia, coldiretti e confagricoltu- cerca operaie
un altro, e concretamente, si mirerà alla valoriz- ra), il Presidente Vendola ha auspicato il coinvol-
zazione di quei circa 5 milioni di piante di ulivo gimento di istituzioni mondiali come l’Unesco, confezioniste
secolari. attraverso il quale migliorare queste esigenze. E
Prima di tutto con una nuova etichetta “ olio extra chi sa che un giorno non si avveri la possibilità di telefono
vergine degli ulivi secolari di Puglia” che potrà far considerare i nostri ulivi patrimonio del- 0831.990911 - 333.6122931
essere aggiunta a quelle “ doc” e “ igt” . Etichetta l’umanità.
francamente
S E T T E M B R E 2 0 0 6

RICORD I MEMORA B IL I D EL CORTEO STORICO…

e d A LTRO…
siderarsi positivissimo.

N
on c’è che dire. Quando si realizza qualcosa di nuovo nel
nostro paese , l’evento deve rimanere impresso nella me- Peccato, però, come si diceva all’inizio che al cittadino di Carovi-
moria visiva e non solo storica della sua comunità. gno (ma anche a chi lo visita) a tutt’oggi rimanga un altro ricordo:
Peccato, però, che tale ricordo non renda giustizia né all’evento e questo purtroppo infelice.
stesso né tanto meno ai suoi stessi spettatori, ovvero ai cittadini di L’inevitabile sciogliersi dei ceri sulla pavimentazione della piazza
Carovigno. che fungevano da ornamento e scenografia sono ancora lì trasfor-
Si parla in questo caso della prima edizione del Corteo storico che matisi oramai in sgradevoli chiazze rosse che a poco a poco si con-
si è tenuto nella serata del 20 agosto in Carovigno tra il castello e fondono con il colore grigiastro di quelle chianche all’origine bian-
la piazza del paese. che ed oggi mezze rotte qua e là dal passaggio inesorabile delle
Un evento ed una manifestazione davvero riuscitissima che ha rie- macchine. A cosa potrebbe servire aver adoperato un ingente spe-
cheggiato le nozze della regina Maria d’Eingein nel castello di Ca- sa per la nuova pavimentazione per poi vederla frantumarsi in mil-
rovigno in una cornice medioevale che si apriva come tradizione le pezzi. Sarebbe come decidere di usare il parquet per la propria
vuole col: messo-banditore a cavallo che annunciava, appunto, le casa e poi camminarci su coi tacchi a spillo, no? Ma verrebbe an-
nozze della regina al suo popolo e a tutti i cortigiani; a cui segui- che da chiedersi: non sarà che lo spessore di dette chianche non era LA DOVE C'ERA
vano con un impeccabile gusto e rispetto storico delle tradizioni: consono e tale da sopportare il passaggio dei mezzi? In fin dei con-
tamburi-parata di dame e di cardinali, testimoni di Dio e del popo- ti a pagare è sempre il cittadino e per questo mi viene in mente una Quanto è bella Santa Sabina quando Settembre, con i suoi profu-
lo del matrimonio; giochi con l’arco, giocolieri e mangiafuoco che famosa frase alla TOTO’... Uno spettacolo, quello di oggi, degra- mi, i suoi sapori, i colori del suo mare, ci consegna l'estate rega-
si destreggiavano per le vie della piazza dove era allestito un son- dante e non edificante sia per il cittadino che per gli occhi di chi lo landoci quel pizzico di malinconia che la sinfonia delle stagioni,
tuoso banchetto per i sudditi. Per non parlare poi dello straordina- visita. Ma al singolo episodio che ha prodotto le predette sporcizie naturalmente, si porta appresso.
rio effetto che i nostri sbandieratori hanno saputo dare alla nume- se ne associano delle altre: strisce blu usate per altre manifestazio- È vero!
rosissima platea di turisti che ancora una volta sono rimasti amma- ni ancora presenti; le aiuole degli alberi che oramai fungono da Santa Sabina ha un suo fascino speciale e chi, come me, è cre-
liati dalla bravura di questi nel gioco delle bandiere. Corteo che in porta-rifiuti visto che mancano a tutt’oggi gli appositi cestini. Una sciuto insieme a lei (frequentavo la prima classe delle Elementa-
fine si concludeva nella magnifica vetrina e in quello che è il sim- disattenzione che si ripete nella stagione estiva nella borgata di S. ri, nel 1955, quando, con i miei, passai la mia prima estate al ma-
bolo storico del nostro paese: il castello. Sabina dove per gettare i rifiuti bisogna usare i contenitori dei bar re), non può non esserne geloso, non sentirla come qualcosa che
Il risultato, secondo mio modesto parere, e soprattutto in conside- più vicini (vedi lo stesso corso). gli appartiene, non essere contento quando qualcuno la rende più
razione dell’aspettativa e del ritorno turistico per il paese è da con- Potrebbe sembrare, questa, la solita critica distruttiva e denigrante accogliente e più fruibile.
dei nostri rappresentanti amministrativi ma l’intento è sincero e C'era una volta (l'anno scorso), un rudere maleodorante che face-
propositivo: la cura e la pulizia di un paese sono uno dei biglietti va orribile mostra di se a ridosso della spiaggia dei camerini.
da visita più importanti per qualsiasi città non anche per la cresci- Quest'anno quel rudere, grazie al sacrificio di chi ha deciso di in-
ta del senso civico del cittadino che deve essere aiutata e stimola- vestire e di scommettere sul futuro della propria città, è diventa-
ta dai suoi amministratori dalle più semplici attrezzature fino ai più to l'Hotel Mirage, un posto accogliente, un luogo che affaccia,
moderni sistemi di pulizia e tutela dell’ambiente come quello del con la sua sobria eleganza, direttamente sulla storia del porto di
riciclaggio e della raccolta differenziata che per noi sembrano an- Santa Sabina e della sua Torre.
cora un miraggio. È un altro passo avanti in direzione dello sviluppo ed è per que-
È forse questa insolenza o una legittima richiesta? Anche perché se sto che, come giornale locale, porgiamo le nostre congratulazio-
dovessimo ancora continuare a considerarci dei “ sudditi” pensavo ni e i nostri auguri all'amico Franco, alla sua famiglia ed al per-
di farmi prestare uno di quei bellissimi vestiti medioevali… giusto sonale tutto che sicuramente saprà gestirlo con affabilità e com-
per rimanere in tema. petenza.
PRIMAROSA SAPONARO PINUCCIO CALÒ

La triste storia della C hiesa di S an t’An n a


Ci sono tre secoli di storia racchiusi nelle sue mu- mentali e per dipingere ad olio i quattro evange-

A
vete presente le processioni, concittadini?
La gente che vedete camminare con quel- ra… listi sulla cupola centrale fu chiamato il famosis-
le tonache di vari colori appartiene alle Costruita tra la fine del Seicento e gli inizi del simo Pietro Sbano da Manduria.
varie confraternite delle Chiese di Carovigno. Settecento, fu considerata “ ben ornata e disposta” Dopo la breve conoscenza di alcune notizie stori-
Anche mio nonno ne faceva parte e prima di lui i e affidata per “ jus patronatus” a Michele Imperia- che sulla Chiesa, secondo voi anche se piccola è
suoi antenati. li, feudatario carovignese. giusto chiuderla e non permettere a tutti di gode-
È un affetto forte quello che ti lega ad una con- Egli concesse l’uso di questo luogo sacro alla re della bellezza seppure modesta e contenuta
fraternita, è un legame forte quello che ti lega al- confraternita del Santo Sacramento, riconosciuta della struttura? È giusto privare la gente davvero
la religione. nel millesettecentosettantanove dal re Ferdinan- devota di questo luogo di preghiera così signifi-
Quando mia madre mi ha detto che la Chiesa di do IV. cativo?
Sant’Anna è stata chiusa, ho visto una lacrima ri- Alla morte di Imperiali, la Chiesa (insieme a tut- Pensate che la confraternita si era già mobilitata
garle il viso e ho capito, quanto per chi è cresciu- ti i suoi beni) fu assorbita dalla corona Spagnola per la ristrutturazione della cupola e qualche an-
to con questo legame forte abbia significato la per mancanza di successori, ma quando quest’ul- no fa, aveva fatto restaurare anche le statue di
chiusura di un luogo così importante. timi sei presentarono per chiedere la restituzione Sant’Anna e San Gioacchino.
Perchè la Chiesa di S. Anna è stata chiusa? degli arredi sacri; il re ne dichiarò “ pacifico e le- E poi se davvero le Chiese “ minori” devono esse-
Il parroco non si è dilungato molto nelle spiega- gale il possesso” in favore della confraternita. re chiuse, come mai la piccola Chiesa dell’Addo-
zioni, adducendo un: “ ordine del vescovo la chiu- Il sedici maggio millesettecentonovantuno fu lorata continua ad essere frequentata dai suoi fede-
sura delle chiese minori!” . concesso il possesso dei beni esistenti nel feudo li a cui sono comunque assicurate delle messe?
Ora “ minore” sta per piccola nel senso struttura- di Carovigno al principe Gerardo Dentice di Caro parroco le chiedo almeno di celebrare una
le, architettonico; ma voi mi definite “ piccola” Grasso, che ne era stato l’acquirente. messa domenicale.
Sant’Anna? Si diede l’avvio alla restaurazione della Chiesa È davvero triste che la gente non possa usufruire
Una delle chiese che ha segnato la vita religiosa con l’ampliamento della stessa (originariamente di un patrimonio cittadino e di un così caro luogo
della vecchia Carovigno, quando il nostro paese era formata da un'unica navata), il pavimento fu di preghiera.
era niente di più che un borgo. costruito di cemento col sistema a mosaici orna- MARIA ANTONIETTA GRECO
KLEDIL s.r.l. V E N D E

francamente Via D. Chiesa,13 - Carovigno


Tel/Fax 0831.992121

INFO VENDITE:
APPARTAMENTI
LOCALI COMMERCIALI - BOX AUTO

Pietro BAGNULO
Teodosio DEL PRETE
S E T T E M B R E 2 0 0 6 333.2592283
Francesco DEL PRETE
P.
zza It
alia, 22 (
VialePola)-Ostuni (
BR) 4 338.4914263

Proget
to “IM PRESAND O ":

un ai
uto per l
e i
m prese
Previsti sem inari, corsi form ativi e la valutazione p reventiva gratuita

preventiva gratuita della propria situazione bancaria.

P
er tutte le aziende, le associazioni e i consorzi
di impresa nasce il nuovo progetto "IMPRE- La valutazione preventiva servirà a capire se esisto-
SANDO". E' un' iniziativa promossa da Karbi- no i presupposti necessari per l'avvio di un' azione
na sas, la società specializzata in consulenza bancaria verso la banca. Saranno inoltre organizzati seminari
e finanza di azienda, sorta circa un anno fa a Carovi- e corsi formativi.
RADIODERVISH
gno grazie all' impegno di due giovani professionisti. Il progetto "IMPRESANDO" nasce in seguito all'
in con ce rto
Il progetto "IMPRESANDO" fa parte di una campa- imminente entrata in vigore, il 1° gennaio 2007, del-
gna di informazione e sensibilizzazione, che i due le norme contenute nell'accordo di Basilea 2", affer-
soci Karbina portano avanti con l' obiettivo di far co- ma il dott. Massimo Lanzilotti. "Secondo l' accordo
noscere anche ai "non addetti ai lavori" le comples- di Basilea 2 le banche potranno erogare finanzia-
se tematiche riguardanti il mondo bancario, con cui menti solo alle imprese meritevoli di credito, per cui
tutti o quasi devono fare i conti, pur in qualità di il nostro scopo è preparare le aziende a questi cam-
semplici correntisti. Mettere in guardia i correntisti biamenti e far assumere un ruolo centrale alla fun-
da fenomeni quali l'anatocismo e l'usura, che la leg- zione finanziaria". L'iniziativa della valutazione pre-
ge considera illegali, e allo stesso tempo condurre ventiva gratuita si inserisce nella stessa ottica, come
un'azione di mediazione nei rapporti banca/impresa. continua il dott. Lanzilotti: "queste valutazioni sup-
Come afferma Giacomo Andriola: "tale azione ga- portano le decisioni riguardanti le tematiche finan-
rantirebbe una "pax finanziaria"di non poco conto ziarie di ogni impresa, fanno conoscere all'imprendi-
tra impresa e banca, i cui vantaggi sociali non sono tore un giudizio sul proprio merito creditizio e gli
di certo irrilevanti". permettono di migliorarlo attraverso il controllo del- ANTONIO e MICHELE te atro e cab are t d a Ze lig
Ma come riuscire in questo intento? L'azione è du- la propria situazione bancaria".
plice: controllare, con mezzi analitici e software mi- In particolare è previsto lo svolgimento delle se-
rati, che la Banca mantenga i costi e quindi gli inte- guenti attivita': gestione e monitoraggio del conto
ressi entro i limiti consentiti dalla legge e rispettan- corrente, analisi indici di indebitamento, determina-
do gli accordi; controllare d'altra parte l'andamento zione ed ottimizzazione rating tecnico, rapporto one-
dell'impresa, le sue oscillazioni, il fabbisogno di li- ri finanziari, analisi bancaria ottimizzazione flussi di
quidità, individuarne i momenti di crisi e convocare cassa, costituzione e gestione fondo di garanzia, rea-
le parti per le comuni soluzioni. lizzazione e gestione progetti di finanza agevolata,
Il fine del progetto è evitare che ulteriore liquidità fornitura supporti informatici, assistenza tecnica e
continui ad essere ingiustamente sottratta alle picco- legale nella gestione dei rapporti pregressi con gli
le, medie o grandi aziende. Le aziende di un sud che istituti di credito, attivita' di mediazione nella gestio-
già con molte difficoltà si accosta allo sviluppo dell' ne dei rapporti banca/impresa. Il tutto nel rispetto
imprenditoria industriale e con altrettanti rischi ne della legge vigente in materia e adoperando specifi-

SE QUESTA È LA P OLITICA
affronta ogni giorno le sfide. "L'utilità del progetto - che procedure informatiche.
continua Andriola - garantirebbe un aumento degli In definitiva un servizio di consulenza globale che
indici di redditività, un aumento del livello di occu- possa ottimizzare le risorse finanziarie dell'impresa e
ma aver lasciato vittime sul campo. Io non so
pazione ed una conseguente diminuzione della mor-
talità aziendale".
quindi migliorarne l'aspetto economico/gestionale. Il
consiglio degli esperti è dunque: "attivarsi per tem- "Se
co mio.
questa è la politica, la politica non è
per me" Neppure per me, caro ami- se continuerò più in questi appuntamenti
mensili con la mia città, quello che posso af-
Per venire in contro anche ai piccoli imprenditori il po"! Per informazioni si puòcontattare il numero ver-
progetto "IMPRESANDO" prevede la valutazione de 800 034 122 - www.karbina.it - info@karbina.it. E’ da oltre un anno che, dalle pagine di que- fermare con certezza è di essere stato impar-
sto giornale, privilegiando sempre le linee di ziale nelle mie analisi, di non avere mai offe-
principio senza mai scendere nella sfera delle so nessuno e di avere scritto sempre con l'ani-
In tutte le competizioni elettorali,susseguitesi nel nostro paese,uno degli argo- persone anche quando queste rivestono cari- mo di che intende offrire un suo contributo al-
menti più trattati ed inclusi nei vari (mai attuati) programmi elettorali è stato ed è che pubbliche, che mi sforzo di analizzare la la costruzione delle basi per una Carovigno
(e chi sa per quanto tempo lo sarà ancora) la questione relativa alla zona o area ar- situazione socio-politica di questa città che fa diversa.
tigianale. fatica a crescere, che non riesce a uscire dagli Un favore, però, voglio chiederlo alla politi-
Sia San Vito D/N e soprattutto Ostuni per citare i paesi più vicini,hanno delle aree
dedicate alle attività produttive di tutto rispetto.Degne di paesi civili ed evoluti. Ca- schemi della contrapposizione con la quale la ca: Se questa squallida giostra per il potere
rovigno invece si distingue sempre. Si distingue per degrado,inefficienza e pres- politica l'ha obbligata a convivere. deve continuare a girare e, mi auguro di no,
sappochismo. Una politica senza un minimo di etica, senza risparmiateci almeno le giustificazioni a que-
In Carovigno gli artigiani con i loro laboratori ed officine varie sono disseminati ovun- un minimo di regole condivise; una politica sto andazzo tirando in ballo le motivazioni
que non dovrebbero e cioè sotto i condomini,nei garage,accanto o sotto le civili abi-
che sulle lacerazioni della società ha costruito ideologiche.
tazioni e soprattutto adesso,fenomeno in forte crescita nelle campagne o zone pros- A cura di Aldo Bellanova
sime a diventare turistiche. Che belle scene da film:un trullo o una chiesa rupestre le fortune di qualcuno a scapito a un progetto PINUCCIO CALÒ
ed una officina meccanica. Splendido esempio di programmato sviluppo economico. di città capace di creare senso di appartenen-
Possibile che nessuno dica niente? Possibile che gli stessi artigiani o operatori in ge- za e di cittadinanza attiva.
nere dei vari settori della povera economia locale non dicano niente e soprattutto non
protestino? Possibile che le forze politiche in genere e soprattutto quelle di opposi-
zione non dicano e non fanno di fatto niente? Evidentemente tutto ciò a Carovigno è
AL SINDACO
Tutto questo, sicuramente, ha avuto conse-
guenze deleterie sulla mancanza di reattività
francamente
è aperto alla collaborazione dei cittadini
possibile e senza problemi. dei cittadini che non ha aiutato ne la democra-
E lei signor sindaco (o chi per Lei) non credo sia una bella cosa ad essere il primo zia ne le istituzioni. Per collaborazioni,
cittadino di un paese dove non esiste a tutt’oggi ancora una zona artigianale. Sie- DEL COMUNE DI Se operazioni del tipo di quelle che un mio
te,come centrodestra,ad amministrare da ormai ben 14 anni:perché non iniziate
amico definisce con molto buonismo "fibril-
informazioni,
a costruire qualcosa di concreto? Si lo sappiamo è lunga storia che si trascina dal
lazioni di mezza estate" sono possibili, è an- sponsorizzazioni:
passato. E allora? 72012 CAROVIGNO
Cari concittadini e artigiani il bello di tutto quanto ciò,se parlate con questi Signo- che dovuto alla capacità della nostra gente di Cell. 338.9861242
ri,sapete qual è?:che la zona artigianale esiste già e da parecchio tempo. Se qual- turarsi il naso. e-mail: mario_ci1975@libero.it
cuno l’ha vista in questo paese di ciechi si faccia avanti…
La politica prenda almeno coscienza che i sal- Sede: C.so V. Emanuele, 35
a d ino
d a l citt
ti delle quaglie legittimate a sistema prima o
Un sa luto 72012 CAROVIGNO (BR)
poi ne causeranno l'implosione non senza pri-

Body building - Push power


Aerobica - Step - Latino
Balli di gruppo - Ginnastica
dolce - Karate tradizionale
Aerofit marzial - Fitboxe
Via S. Quasimodo, 18 - CAROVIGNO (BR) Combat - Kick boxing
Tel. 0831.994030 Savate - Zumba - Bosu