Sei sulla pagina 1di 10

9 Novembre ore 9.25: long da lunedì sia sul Fib che sul Dax?

Sta seguendo le previsioni il settore immobiliare; è le previsioni indicavano scoppole


da lisciare il pelo.........

......... e le superscoppole continueranno fino a tutto il 2010, sicché, chi deve


comprare casa, abbia pazienza ed attenda quella data: pagherà molto meno denari
rispetto ad oggi (ed immensamente meno dei prezzi da collezione di inizio 2007,
quando, qui a Desenzano, chiedevano 10.000 euro a mq).

Alla fine del 2010, chi vorrà, potrà anche fare delle interessanti speculazioni
immobiliari: non solo i prezzi delle case saranno bassi .......
....... anche i tassi di interesse saranno molto bassi; e, quindi, fare un mutuo (per
comprare casa) costerà davvero poco (naturalmente mi riferisco ad un mutuo a tasso
fisso e durata decennale).

Osservate, invece, cosa succedeva ad inizio 2007: prezzi e tassi erano al loro
massimo; comprare allora (magari indebitandosi) era un'autentica ..... cazzata.

Perché stupirsi se quei "compratori", adesso sono in difficoltà e non possono pagare
i mutui?

Se si compra sui massimi, pagando tutto caro (anche il denaro), nella migliore delle
ipotesi si perdono soldi; nella peggiore si fa "bancarotta".

L'economia ha regole molto semplici ed immortali: se paghi troppo ciò che compri, la
pigli in saccoccia.
Nel 2010, quindi, compreremo immobili di "valore", nelle zone di pregio, e
pagheremo con mutui decennali. Le probabilità di perdere denari, in quelle
condizioni, saranno (a meno di avvenimenti straordinari) prossime allo zero.

Passiamo al trading.

L'euro Fx ha fatto un massimo esattamente uguale a 1.4739 (vedere report di ieri)


..........
.......... se tale massimo fosse confermato (dall'incrocio delle MM e dal Macd),
chiuderemo il trade sul break-down di 1.4699.

Passiamo al Bund per riposizionare il segnale di short sul break-down di 114.02 con
stop sul break-out dello stesso livello.
Per quanto riguarda il Fib ed il Dax siamo in prossimità della svolta......
...... e, quindi, si può dare corso alla strategia delineata nei reports precedenti: long
di Fib e Dax, stop e reverse sul Fib intorno al 16 novembre (il Dax resta long) e,
quindi, double-way (long di Dax e short di Fib) fino a fine novembre.

Oggi, in particolare, è short day sul Dax .........


......... e, quindi, a meno di una variante 4, gli acquisti di cui sopra, dovrebbero essere
fatti Lunedì.

Notizie flash:
Ancora una giornata carica di tensioni a Wall Street, dove solo nel finale di seduta gli indici sono
un allarme sull’economia lanciato dal presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, e la debo

Il quadro al termine della seduta è apparso a due facce. Il Dow Jones ha chiuso in calo dello 0,2
0,06%, mentre il Nasdaq ha ceduto l’1,92% dopo essere però arrivato a perdere oltre il 4%.

Al centro di forti vendite sono stati tutti i campioni della tecnologia a stelle e strisce, da Apple e
Microsoft (-2,2%), fino ad arrivare a Cisco (-9,5%). Proprio la società californiana è stata l’epic
Cisco ha infatti diffuso stime sul fatturato del trimestre inferiori alle attese di mercato, scatenan
investimenti delle aziende in tecnologia.

Sul fronte degli avvenimenti con risvolti macroeconomici, Bernanke, in una testimonianza sull’e
detto di prevedere che l’economia statunitense si indebolirà e che invece i rischi inflazionistici p
dell’escalation del prezzo del petrolio e della debolezza del dollaro.

Nella sua audizione il capo della Fed ha detto di attendersi un rallentamento del ritmo di crescita
(+3,9%), con un’economia che potrebbe rimanere sotto pressione anche nella prima metà del 2
che l’inflazione, anche nella sua lettura core, si troverà anche nel 2008 in un range coerente con
importanti rischi verso l’alto” alle previsioni.

Opzioni comunque aperte sulle prossime mosse di politica monetaria: “Formeremo il nostro giud
assicurando che la Fed non sarà dogmatica e che agirà quando necessario.
Nei pronostici la crescita dovrebbe ripartire solo nella seconda metà del 2008, quando diminuira
della correzione immobiliare, che nelle previsioni di Bernanke dovrebbe continuare a intensifica
aspettarsi un aumento dei pignoramenti di case, e ha invitato le istituzioni finanziarie a lavorare