Sei sulla pagina 1di 7

2 maggio ore 9.20: entriamo in un nuovo scenario?

Giovinotti, io non ho dato per scontato che il prossimo "futuro" cambi; ho solo detto
che esiste un'altra possibilità che, via-via, sta acquistando probabilità crescenti.

Non so se mi ho capito .....??

Andiamo con ordine, allineati e coperti.

Per cominciare il (probabile) primo target ribassista di lungo termine......

...... che, vedere punto giallo di figura sopra, non cambia.

C'è un'altra maniera di posizionare quel target .......


....... col metodo delle MM di lungo periodo che, per adesso, ci da il "probabile" primo
livello di arrivo (spazio) e, più avanti, ci darà anche il tempo.

Il "nuovo" futuro, dunque, mantiene il suo "probabile" primo target (per inciso, se
quel primo target fosse superato al ribasso, si aprirebbe una voragine spaventosa
che condurrebbe a livelli che ....... per il momento, è meglio lasciare stare nel campo
delle probabilità).

Il relativo battleplan di lungo termine (del futuro in oggetto) sarebbe quello di figura
sotto (preferisco mostrare quello tradizionale, piuttosto che il Taylor, perché qui si
vede più chiaramente la divisione dei cicli)......
...... e, l'unica differenza di rilievo rispetto alla precedente previsione, risiede nel
fatto che, come dedotto dalle "discordanze" notate nei precedenti reports, l'inizio del
secondo ciclo quinquennale, del decennale in corso, potrebbe già essere in corso su
questo ciclo semestrale (piuttosto che sul prossimo).

In sostanza: tre cicli semestrali (linea blu di figura sotto) piuttosto che quattro a
comporre un ciclo biennale (linea rossa).......
...... adesso osservate il ciclo biennale (linea rossa sotto) con la relativa velocità
centrata (linea blu)......
...... il ciclo non ha ancora "girato" verso l'alto e la velocità centrata non ha ancora
attraversato l'asse dello zero......

..... E sti cazzi ......???

...... Ricordatevi che il procedimento di calcolo delle MM (e relative velocità) centrate,


si affida (necessariamente) ad una semplificazione (dati mancanti uguali ad ultimo
dato disponibile) e, quindi, il non "giramento" (ed il non "attraversamento)
potrebbero dipendere da questa semplificazione (ho sottolineato il "potrebbero"
perché, in esso, c'è tutta il senso delle probabilità ancora potenzialmente in atto).

Non so se mi ho capito .....??

Stiamo, dunque, ancora ragionando di probabilità; e non potrebbe essere


diversamente (se ci fosse un solo futuro possibile, non esisterebbe il nostro libero
arbitrio e noi, come diceva Democrito, saremmo un granello di sabbia nel
meccanismo dell'Universo).

Da una parte, dunque, un futuro che partirebbe da un'anomalia (tre cicli semestrali
invece che quattro), e dall'altra alcune "incongruenze" (un massimo superiore che,
come visto nei reports precedenti, non avrebbe dovuto esserci e ...... i PDN che
......"sembrano" vendere).

Che vuol dire che sembrano vendere.......??

Che la Borsa sale (linea nera) e loro scendono (linea rossa) ........

........ com'è possibile?

L'unica spiegazione è che ..... stanno accumulando.

E, quindi, l'intero ciclo semestrale partito ad inizio gennaio, sarebbe un ciclo di


accumulazione; e, quindi, siccome in partenza ci sarebbe un ciclo quinquennale, la
relazione: Ciclo in partenza= Ciclo di accumulazione^4, sarebbe rispettata e
funzionante.

Adesso sono le 9.00 ed il mercato apre in rialzo e, ciò, avvalorerebbe l'ipotesi in


questione (accumulazione).
In più c'è la politica monetaria della Fed, che sembra indicare che il peggio (per
l'economia mondiale) potrebbe essere passato e, quindi, la probabilità di una
partenza (del ciclo quinquennale) anticipata al terzo semestrale, è una possibilità
concreta.

Insomma quello del ciclo quinquennale già in rampa di lancio, è un'ipotesi sempre
più credibile ed uno scenario sempre più plausibile.

Preferisco "saltare" per oggi ogni altro argomento, giacché mi sembra più
importante essere online il prima possibile, in modo da dare a chi mi legge, uno
spunto tempestivo per le sue riflessioni e, eventualmente, operazioni.

Ritorna alla Home-pa