Sei sulla pagina 1di 10

6 maggio ore 9.15: ...il peggio è alle spalle?

..... Ma se il peggio è alle spalle, come mai i consumi sono crollati a marzo (-1.7%) al
minimo dal 2005?

La domanda è legittima ma ..... antiquata....

Sappiamo già che tutto ciò che va a finire sui giornali, spiega perfettamente perché la
Borsa è andata in una certa direzione (ribasso nel caso specifico), ma non indica
come ....... andrà in futuro.

Famo a capisse: le notizie che arrivano sui giornali, i PDN le conoscevano già da
tempo......

....Non so si mi ho capito...??

Guardate, ad esempio, il dato relativo ai consumi: risale a Marzo; ..... un secolo fa


(borsisticamente parlando).

E la produzione industriale e il Pil?

Idem come sopra; quando il dato arriva sui giornali si riferisce a mesi fa...... come
fosse, ormai, preistoria.

Altro esempio: Yahoo! ieri è crollata in Borsa (-15%) sulla "notizia" che Microsoft ha
ritirato l'offerta d'acquisto......

Adesso ditemi: da quanto tempo Bill Gates ed i suoi collaboratori sapevano che
avrebbero ritirato l'offerta?

..... Non mi verrete a raccontare che, anche loro, l'hanno .... "scoperto" ..... ieri?

E' evidente, dunque, che le azioni Yahoo! possedute in quei "circoli", sono già state
vendute prima che la notizia arrivasse sui giornali.

Semmai, la vera domanda da porsi è: perché quella notizia è stata diffusa ieri?

Io mi rispondo così: perché avant'ieri tutte le azioni possedute in quei "circoli" erano
già state vendute e, probabilmente, si erano già costituite delle massicce posizioni
short....

Che volete, io la penso ancora in quella vecchia, sciagurata maniera: .... a pensar
male, si commette peccato, ma, quasi sempre, ci si azzecca ...... E, per favore, non mi
ponete neanche la domanda ...... ma la legge sull'insider trading ......??

Ritornando alla domanda d'inizio: il crollo dei consumi d'Aprile è ormai notizia
"antica", e non è certamente in grado di "scuotere" la borsa; la vera novità e la
nuova politica della Fed (se non ha più intenzione di abbassare i tassi, significa che il
peggio è alle spalle) e la liquidità (M3) in circolazione (se c'è più denaro, ci saranno
anche più consumi).

Notate che tra un aumento di M3, e un aumento di consumi, ci sono circa tre mesi di
sfasamento (la linea rossa di figura sotto rappresenta le variazioni di M3, mentre la
blu rappresenta le variazioni della produzione industriale).....
..... in sostanza: non basta mettere più soldi in circolazione, bisogna farli arrivare ai
"destinatari"........

In America, il governo Bush ha optato per "concedere" dei rimborsi fiscali; quindi: gli
assegni (di rimborso) devono "fisicamente" arrivare a destinazione, devono essere
depositati in banca e, poi, devono essere spesi.....

Tre mesi ci vogliono tutti.

Significa dire che gli aumento di M3 visti nel report di ieri (da gennaio ad aprile
2008), cominceranno a produrre (pochi) effetti da aprile 2008 fino a molti effetti, a
partire da agosto-settembre.

In conclusione: la ripresa piena dei consumi arriverà nel secondo semestre 2008......

..... E proprio li stanno guardando i PDN.... per investire adesso i loro piccioli.

E quale sarà l'effetto sul cambio euro-dollaro della nuova politica della Fed?
Se non ci saranno più ribassi del costo del denaro (come la relazione di
accompagnamento di Ben Bernanke sembra indicare), ma ci potrebbe essere
un'inversione di politica (quindi rialzi), la corsa dell'euro dovrebbe, per il momento,
fermarsi........

........ almeno fino alla primavera 2009.

Poi dovrebbe ricominciare, perché i motivi del "crollo" del greenback sono strutturali
e, quindi, non si "cancellano" con operazioni di quick patch (rattoppo veloce).

Lo scenario di cui sopra, si traduce (nel breve-medio periodo) in quello di sotto.


E il cambio del franco svizzero rispetto all'euro?

La previsione è ancora quella sotto che, come vedete, non è molto diversa da quella
presentata nelle ..... "puntate precedenti".
Ed anche sul Bund siamo su una previsione molto simile alle precedenti ......
...... che a breve-medio termine è quasi identica a quella precedente.
Sull'azionario italiano (e, di pari passo, tedesco) ormai sappiamo (quasi) tutti ciò che
c'è da sapere......
...... sicché è perfettamente inutile aggiungere dell'altro, se non che, a meno di
variante 4 (probabilità 17%), oggi è Buy day.
Notizie flash:

Gli analisti di Goldman Sachs hanno aggiunto alla loro Pan-Europe Conviction Sell
List i titoli di Generali Assicurazioni. "Continuiamo a credere che l'azione sia
interessante per il suo profilo difensivo, ma in Borsa è ormai pienamente valorizzata
con la possibilità che l'attivismo degli investitori potrebbe non essere più di sostegno
nel prossimo futuro".