Sei sulla pagina 1di 2

Harry Potter e la camera dei segreti

Durante le vacanze estive, Harry scopre di trovarsi nei guai: un elfo domestico di nome
Dobby, si presenta nella sua stanza a
casa Dursley e lo avverte che non può
tornare a Hogwarts, perché qualcuno
attenterà alla sua vita. Harry non è
disposto a rinunciare al secondo anno,
e per dispetto Dobby esegue una magia
in casa Dursley, facendo cadere a terra
una torta preparata per un importante
cliente di zio Vernon. In seguito un gufo
(mezzo normale di posta dei maghi)
recapita ad Harry una lettera ufficiale
del Ministero della Magia nella quale gli viene ricordato il divieto di effettuare magie al di
fuori della scuola. Visto l'insuccesso dell'affare, i Dursley rinchiudono Harry nella sua
stanza, bloccando la finestra con delle inferriate. Fortunatamente una notte i giovani
Weasley arrivano davanti alla finestra di Harry a bordo di una vecchia Ford Anglia
volante e lo liberano, portandolo a casa Weasley (la Tana), dove il giovane Harry viene
accolto come un figlio dai genitori dell'amico Ron. Il primo settembre, tentando di
raggiungere il binario 9 ¾, Harry e Ron stranamente non riescono ad attraversare la
barriera tra i binari nove e dieci. Perso il treno, decidono di raggiungere Hogwarts con la
vecchia Ford volante, anche se vengono visti da sei o sette Babbani, rischiando così di
rivelare il mondo dei maghi ai Babbani. Una volta a scuola diviene subito chiaro che non
sarà un anno facile. Hogwarts è minacciata da un mostro le cui origini sono oscure e
ignote. Gira infatti voce che sia stata riaperta la camera dei segreti, una sala creata da
Salazar Serpeverde in persona per tutelare i diritti dei suoi discendenti, che racchiude
un mostro terrificante. La prima volta che la stanza fu aperta morì una studentessa (che
in seguito si scoprirà essere Mirtilla Malcontenta, il fantasma della ragazza che infesta il
bagno del secondo piano). Tutta la scuola è in fermento, e tutti i professori sono
preoccupati, così viene fondato il club dei duellanti, dal professor Gilderoy Allock nuovo
insegnante di Difesa contro le Arti Oscure. Durante il primo incontro si scopre che Harry
è un Rettilofono e parla il serpentese, così tutti gli studenti si convincono sia stato lui ad
aprire la camera, e cominciano ad evitarlo. Lui aveva detto, involontariamente, al
serpente, di lasciar stare il ragazzo a cui si era avvicinato. Harry spiega a Ron ed
Hermione, che l'anno prima aveva liberato un serpente allo zoo. Inoltre Harry sente
strane voci, che solo lui può sentire. L'unico felice è Oliver Baston, capitano della
squadra di Quidditch che è convinto che il terrore seminato da Harry li aiuterà a vincere
la coppa. Durante una partita di Quidditch Harry rischia di morire inseguito da un bolide
incantato: è di nuovo opera dell'elfo domestico Dobby che, venuto a trovarlo la notte
nell'infermeria della scuola, gli assicura di avere solo l'intenzione di proteggerlo. Per
scoprire chi ha aperto la stanza Harry, Ron ed Hermione si cimentano nella
preparazione della pozione polisucco, nel tentativo di estorcere informazioni a Malfoy.
Intanto continuano gli incidenti, ed il Ministro della Magia Cornelius Caramell fa
arrestare Hagrid, che viene condotto ad Azkaban. Anni prima, infatti, era stato accusato
di aver introdotto un'acromantula nella scuola, e l'animale era stato ritenuto il mostro
della Camera dei Segreti: era stato il prefetto, Tom Orvoloson Riddle a denunciare
Hagrid. Nonostante questo arresto i problemi continuano ed altri studenti, tra cui la
stessa Hermione, vengono pietrificati. Persino il fantasma di Nick-Quasi-Senza-Testa
viene pietrificato, e Ginny Weasley scompare rapita. Fortunatamente Hermione aveva
risolto il dilemma prima del suo incidente: il mostro è un Basilisco, che solo Harry
poteva sentire perché Rettilofono. Per una fortunata serie di coincidenze, il mostro non
è riuscito ad uccidere con il suo sguardo, ma solo a pietrificare col suo sguardo riflesso.
L'insegnate di Difesa contro le Arti Oscure, quest'anno, è un sedicente mago, un
millantatore che conosce solo l'incantesimo per alterare la memoria. Harry e Ron, in
missione per salvare Ginny, lo costringono a scendere con loro nella Camera dei
Segreti, che può essere aperta solo da un Rettilofono. Nella Camera, Harry si trova
faccia a faccia con il giovane Tom Orvoloson Riddle, in realtà Lord Voldemort ai tempi
della scuola, tornato in vita tramite un diario incantato che Lucius Malfoy aveva passato
a Ginny. Grazie all'aiuto della fenice del professor Silente, Harry riesce a sconfiggere
prima il basilisco e poi il ricordo di Riddle salvando così Ginny. Nell'ufficio del preside
Harry scopre che Dobby è l'elfo domestico di casa Malfoy e, grazie ad un inganno, lo
libera. Egli scopre anche che la notte in cui Voldemort tentò di ucciderlo, egli gli passò
involontariamente alcune delle sue capacità, come parlare il Serpentese.