Sei sulla pagina 1di 17

RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L P.I.S.L.

L
IMPIANTI DI ASPIRAZIONE
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
PREMESSA PREMESSA
STATO DELLARTE
CRITICITA RISCONTRATE
.COSE DA FARE
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
CRITERI PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI DI ASPIRAZIONE CRITERI PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI DI ASPIRAZIONE
A) Esame della documentazione tecnica presente in azienda A) Esame della documentazione tecnica presente in azienda Adozione di Adozione di
criteri largamente sperimentati criteri largamente sperimentati
B) Verifica dellesposizione personale o ambientale degli inquin B) Verifica dellesposizione personale o ambientale degli inquinanti anti
aerodispersi aerodispersi negli ambienti di lavoro negli ambienti di lavoro
C) Misurazioni strumentali delle velocit dellaria C) Misurazioni strumentali delle velocit dellaria
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
Acquisizione dei parametri di progettazione degli impianti di aspirazione
localizzata per valutarne lefficienza efficienza e lefficacia efficacia
EFFICIENZA EFFICACIA
Rispondenza costruttiva
dellimpianto al complesso di
regole di fluidinamica e di igiene
industriale.
Adozione di criteri largamente
sperimentati.
Capacit dellimpianto di ridurre
lesposizione professionale dei
lavoratori anche in relazione al
modo in cui viene utilizzato.
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
SCHEMA DI PROGETTAZIONE SCHEMA DI PROGETTAZIONE
Tipo di inquinante Velocit di emissione Condizioni ambientali
Scelta del tipo di
cappa
Velocit di captazione
necessaria
Calcolo della portata necessaria
Dimensionamento rete condotti
Scelta del depuratore
Calcolo perdite di carico
Scelta del ventilatore
Scelta del motore
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
CARATTERISTICHE TECNICHE DI PROGETTAZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE DI PROGETTAZIONE
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
TIPOLOGIA IMPIANTI DI ASPIRAZIONE LOCALIZZATA TIPOLOGIA IMPIANTI DI ASPIRAZIONE LOCALIZZATA
IMPIANTO ASPIRAZIONE SOV
Utilizzato per il prelievo di sostanze aerodisperse generate
dalle sostanze chimiche utilizzate durante la produzione
degli scafi (verniciature, incollaggio, resinatura, ecc)
IMPIANTO ASPIRAZIONE POLVERI
Utilizzato per il prelievo di polveri generate dalle operazioni
di aggiustamento, rifinitura ed allestimento degli scafi
IMPIANTO ASPIRAZIONE LOCALE FALEGNAMERIA
Specifico per il prelievo di polveri e trucioli nella zona
falegnameria adibita alla realizzazione degli elementi di
arredo dellimbarcazione
IMPIANTO ASPIRAZIONE FUMI SALDATURA
Utilizzato per il prelievo di fumi, gas, vapori saldatura
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
Criticit frequentemente riscontrate nellattivit di vigilanza Criticit frequentemente riscontrate nellattivit di vigilanza
NON PRESENZA IN ALCUNE AZIENDE DI DOCUMENTAZIONE TECNICA
DOCUMENTAZIONE CARENTE IN RIFERIMENTO AI PARAMETRI DI PROGETTAZIONE
ASSENZA DI IMPIANTI SPECIFICI PER LE LAVORAZIONI SVOLTE
FREQUENTE PRESENZA IMPIANTI DI ASPIRAZIONE MOBILI IN SOSTITUZIONE DI QUELLI
FISSI *
* Le aspirazioni con immissione degli inquinanti in ambienti di lavoro non sono ammesse dal
D.Lgs. 81/2008 e dal D.Lgs. 152/06 se non per lavorazioni a carattere straordinario o per
lavorazioni di manutenzione/refitting in banchina
DIFFICOLTA NELLINDIVIDUAZIONE DELLE TUBAZIONI RELATIVE AI VARI IMPIANTI
ASPIRANTI
DIAMETRI E SCELTA DEI PUNTI DI INNESTO DEI CORRUGATI NON CONFORMI ALLE
INDICAZIONI DI PROGETTO CON CONSEGUENTE MAGGIOR SVILUPPO LINEARE DEI
CORRUGATI ED ULTERIORI PERDITE DI CARICO
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
Esiti sulla valutazione delle documentazioni tecniche esaminate Esiti sulla valutazione delle documentazioni tecniche esaminate
IMPIANTI CON PORTATE INSUFFICIENTI RISPETTO AL REALE FABBISOGNO DELLE
POSTAZIONI DI LAVORO
DIAMETRI CORRUGATI NON IDONEI SE CONFRONTATI CON CRITERI LARGAMENTE
SPERIMENTATI, NON FLANGIATI O SPROVVISTI DI CAPPE DI ASPIRAZIONE
MANCANZA DI INDICAZIONI SUI DIAMETRI DEI CORRUGATI TERMINALI
DIAMETRI DELLA RETE DEI CONDOTTI DI ASPIRAZIONE SOTTODIMENSIONATI PER
ALCUNI TIPI DI LAVORAZIONE
PORTATA NEI CORRUGATI TERMINALI NON CONFORME ALLADOZIONE DI CRITERI
LARGAMENTE SPERIMENTATI PER TIPOLOGIA DI LAVORAZIONE EFFETTUATA
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
-Velocit frontale: 7 m/s
- Velocit del condotto: 10 15 m/s
-Perdita dellingresso (condotto senza flangia) = 0,93 Pa condotto
-Perdita dellingresso (cappa rettangolare conica) = 0,30 Pa condotto
Nota:
Difficilmente un impianto con portata inferiore a 1800 mc/h (cappa con
flangia) protegge il lavoratore in quanto non si riesce, nella pratica, a
saldare con limpianto a meno di 25 cm.
Adozione di criteri largamente sperimentati Adozione di criteri largamente sperimentati
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
Confronto caratteristiche tecniche (portata) tra diverse tipolog Confronto caratteristiche tecniche (portata) tra diverse tipologie di impianto ie di impianto
(Costruzione imbarcazioni acciaio (Costruzione imbarcazioni acciaio- -alluminio di lunghezza circa 50 alluminio di lunghezza circa 50 mt mt.) .)
17.000 mc/h IMPIANTO POLVERI
36.000 mc/h IMPIANTO SOV
AZIENDA C *
15.000 mc/h IMPIANTO POLVERI
17.000 mc/h IMPIANTO SOV
AZIENDA B
10.000 mc/h IMPIANTO POLVERI
10.000 mc/h IMPIANTO SOV
AZIENDA A
* E in fase di ultimazione ulteriore impianto SOV con portata pari a 20.000 mc/h
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
Considerazioni sui parametri tecnici dellimpianto e del suo uti Considerazioni sui parametri tecnici dellimpianto e del suo utilizzo lizzo
LAMPIA FASCIA DI MIGLIOR UTILIZZO DEI VENTILATORI CENTRIFUGHI (ZONA
CENTRALE DELLE CURVE CARATTERISTICHE)
LUTILIZZO DELLINVERTER OFFRE LA POSSIBILITA DI REGOLARE IL VENTILATORE IN
MANIERA AUTOMATICA (IN RELAZIONE ALLE CALATE ABILITATE AL
FUNZIONAMENTO)
Conclusioni Conclusioni
PER UN EFFICIENTE ED EFFICACE IMPIANTO OCCORRERA AGIRE SU: PER UN EFFICIENTE ED EFFICACE IMPIANTO OCCORRERA AGIRE SU:
ADOZIONE DIAMETRI CORRUGATI SECONDO CRITERI LARGAMENTE
SPERIMENTATI E PROVVISTI DI CAPPE DI ASPIRAZIONE O ALMENO
FLANGIATI
INDIVIDUAZIONE PORTATE NECESSARIE DEI CORRUGATI SECONDO
CRITERI LARGAMENTE SPERIMENTATI
FACILITARE LE MODALITA DI CAPTAZIONE (AD ES. BRACCI
ESTENSIBILI IN ALLUMINIO FACILI DA POSIZIONARE)
PORTATE IDONEE PER TIPOLOGIA DI IMPIANTO SECONDO STIME MEDIE
PIU REALISTICHE POSSIBILI RISPETTO AL NUMERO DEI PUNTI DI
CAPTAZIONE
DIAMETRI DELLA RETE DEI CONDOTTI NON SOTTODIMENSIONATI PER
ALLACCI/CALATE (AD ES. VERNICIATURE)
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L. P.I.S.L.L.
RELATORE: LUIGI CASSIODORO RELATORE: LUIGI CASSIODORO - - U.F. U.F. P.I.S.L.L P.I.S.L.L
GRAZIE PER L'ATTENZIONE