Sei sulla pagina 1di 19

1

ho visto funzionare un generatore con una serie di calamite circolari resinate su un rotore infilato poi su un normale statore trifase , funziona fino a 400 volt , facendo girare il rotore con un trapano a mano, ma non gira facilmente libero per le azioni dei magneti anche se posizionati in modo inclinato.

QUELLO CHE SI VEDE SU YOUTUBE E UNA FALSITA da come si richiudono le linee di forza

esiste una componente che fa ritenere che c una prevalenza di coppia anche se una parte in senso contrario ma di valore molto inferiore la cosa diventerebbe interessante come interessante il motore magnetico di PERENDEV che si vede funzionare. Sia quello a movimento assiale dello statore , che quello a tenaglia. Per come la vedo io la macchina a corrente continua tradizionale in fase di declino per lasciare il posto alle macchine meno costose e di pi facile costruzione come i motori asincroni a gabbia i vettoriali sotto inverter ed i sincroni a magneti permanenti e con intaglio polare. Mentre la fanno da padroni i motori chiamati step motor a magneti permanenti con generatori speciali per uno e 2 avvolgimenti.

Una variante il motore di Flinn poco reclamizzato in Europa. Quello che ti ho fatto vedere una macchina speciale sotto inverter a 13 hz ma un motore a magneti permanenti come mi ha detto Napolitano che ci fa manutenzione. mi spiego meglio : un motore trifase ma sicrono con magneti permanenti ( io ci credo poco ) perch basta intagliare il pacco di rotore per sincronizzare il rotore sempre a gabbia. Una cosa interessante potrebbe essere quella relativa al motore magnetico dello sperimentatore turco che partiva con un colpo di mazzetta in cui si evidenziava un qualche aggancio magnetico. In rete c qualcuno che riesce a vedere il funzionamento prima della costruzione occorre solo farsi mandare il programma di calcolo e di simulazione grafica. Sono i personaggi che girano su altra scienza che ho frequentato molto poco perch sono una elite come le lobby dei dentisti o farmacisti e perch mi si sono sempre presi per i fondelli con la ruota di ORFFYREUS.

Nel museo del circolo polare artico in SVEZIA funziona una ruota di bicicletta in una bacheca di vetro e ci sono 3 magneti a 120 che si ballottano le forze in gioco, la ruota sono 5 anni che gira. ( mia figlia mha portato il filmino ) per incoraggiarmi a proseguire nella mia ruota. 20 maggio 2013 Collaudo motore magnetico 6000 giri di querotz avevi ragione non funziona ci sono oscillazioni nellintorno dellasse neutro . anche se la somiglianza del sistema dei magneti di ferrite ricalca il perendev tanto non si ottengono risultati mi rimane da studiare meglio il motivola replica del lavoro su youtube non perfettamente uguale perch non ho usato il materiale della ruota dello stesso tipo bronzo ad alto tenore di rame che sotto movimento di flusso produce reazioni con correnti parassite. Comunque sia il perendev classico in nailon oppure in teflon . per non terminare cos drasticamente mi riservo un proseguimento pi studiato. Ci rimane il blindaggio in anello di alluminio. E ci rimane un sistema di statore con

magneti di ferrite meglio inseriti su archi di pvc molto dedicati, che debbo ancora disegnare .

MEGLIO SAREBBE SPERIMENTARNE 3 IN SERIE CON UN DISALLINEAMENTO ASSIALE PER MIGLIORARE LO SVILUPPO DELLA COPPIA MA PER LA PRIMA SPERIMENTAZIONE DOVREBBE BASTARE. C ANCORA DA MIGLIORARE IL ROTOR E INSERENDO I MAGNETI SUPER QUASI CONTRAFFACCIATI CON LA STESSA INCLINAZIONE

Come vedi luso dei supermagneti era previsto con le viti di montaggio, ma meglio non usare la vite solo colla qui parliamo di 5 anni fa ma mai portato avanti, certo una volta che uno comincia dopo la prova meglio orientarsi con luso di di molti magneti per ogni livello ( minimo 12 massimo 16 ) co n una percentuale di maggiorazione studiata meglio per 12 statore 14 per 16 statore 18.

Sotto la prova meglio condotta

Qui si capisce meglio la necessit di inclinare i magneti secondo il numero totale Ma si capisce anche che la lunghezza maggiorata dei magneti di statore che perendev non usa li fa tutti uguali , per me fanno in modo da avere molti meno impuntamenti. Se ho tempo provo la soluzione 12 14 per vedere se ci sono miglioramenti e meno impuntamenti.

Forse va meglio 16-18 la faccio dopo

Sistemazione magnetica a 2/3-4/6-8/12-16/24-32/48; dopo questa sperimentazione rimane quella dei 3 livelli ma se non ottengo risultati , meglio lasciare perdere.

QUESTA una delle ultime idee sorta dalla osservazione del perendev con magneti inclinati che ammettono sempre un minimo di coppia rotazionale anche in presenza di repulsioni allinizio del polo. Ho osservato a lungo la elaborazione di un programma di calcolo grafico per un perendev a tenaglia chiusa con statore a magneti non montati in corrispondenza delle zone di leva di spostamento e mi sono reso conto che la presenza di una continuit metallica ma magnetica come il ferro dolce, potrebbe alterare di molto il variare del flusso risultante. Allora il test su questo modellino 8/12 potrebbe avere risultati positivi a secondo come sono posizionati gli anelli magnetici di ferro che se inclinati anchessi potrebbero far muovere la ruota solo avvicinando lo statore al rotore - variare il numero o lo spessore dei magneti rotorici comporta lalterazione della rotazione dei flussi , per cui le varianti ce ne sono molte anche in previsione di magneti di ferrite invece che cilindrici a forma parallelepipeda incurvata- il turco ne ha provate molte di modellazioni rotoriche e statori che quindi molto importante, in un monopolare ,avere la possibilit di distorcere, verso un punto esterno vicino allalbero, i flussi risultanti delle facce opposte a quelle di lavoro ed anche mandarli verso lesterno in modo inclinato. E non verso il cuscinetto oppure verso lo spazio esterno in libero modo.

10

I 12 magneti 25x25x10 incurvati ( facci caso ) messi su un anello metallico magnetico in questo modo rassomigliano molto al distributore idraulico delle turbine Francis , che, man mano che si apre mette in moto la turbina. Ricorda che il motore omopolare con 2 magneti di ferrite di altoparlanti fatti a ciambella , funzionano solo quando prendono un impulso magnetico dovuto alla corrente appena dopo aver superato ( lasse del magnete ) quello del bullone. Perch sono perfettamente contraffacciati. Nel perendev anche se hai il perfetto contraffaccia mento , tuttavia hai una reazione che si trova fuori asse rispetto al cuscinetto, quindi in tutti i casi la reazione che ottieni anche sulla punta del magnete in avvicinamento ammette una reazione che una coppia motrice NELLO STESSO SENSO non lo devi scordare. Almeno questo si nota bene analizzando solo il disegno.

NEL caso di un gran numero di magneti esterni di ferrite preferibile che la dimensione dei magneti rotorici e statorici sia uguale per costruzione.

11

Il calcolo sulla velocit e sulla potenza una ipotesi occorre fare il test di funzionamento. Per il mio modo di vedere le cose , dato che il motore di ROVELLA funziona solo con la corrente immessa nelle bobine, con il sistema del contatto magnetico REED , provare con i magneti permanenti di ferrite a posto degli elettromagneti ma con asse inclinato 45 facile che il motore possa diventare perenne e bidirezionale. ( occorre provare ) Provato , ma non funziona, parte si ma dopo giro si ottiene lattrazione, solo manipolando il magnete in modo da allontanarlo e riaccostarlo in sincronismo si ottiene il movimento come con il reed : ci deve essere un attimo di superamento della zona neutra. Questo quello che si vede anche su you tube con un meccanismo di allontanamento momentaneo del magnete di statore ma funziona in quanto lenergia di movimento che si accumula ogni di giro , permette il funzionamento del movimento del meccanismo . LE CHIACCHIERE Sono inutili occorre sperimentare , il perendev una volta messo avanti rimane in funzionamento con un numero di giri non elevato e sembra a spanne intorno a 500 giri, e se lo freni a mano tende a rimanere in un altro numero di giri pi basso, mentre quello del turco una volta partito rimane imperterrito a numero di giri costante per un tempo molto elevatoTra i due la differenza sulla partenza: perendev parte con una spinta prolungata, il turco con una violenta spinta istantanea. Ho iniziato lanalisi del fenomeno repulsivo su rotore ad 8 poli ed iniziano le sorprese: i supermagneti adottati sono diametro 20 altezza 10 come 2 accoppiati diametro 20 altezza 5 , la manipolazione difficile non si riesce a staccarli occorre una attrezzatura di presa. La reattivit enorme e le coppie in gioco sono molto alte, occorrono dei collanti epossidici per mantenerli in sede. Una cosa molto importante che i magneti una volta incollati nella sede sono sottoposti ad una forza repulsiva la cui eliminazione porta ad avere un circuito di riflussaggio tra la parte rotore e quella statore come nei normali motori a poli alternati.

12

Il fenomeno notevole e per eliminarlo debbo studiare meglio la forma del motore omopolare. Molto probabilmente il motore del turco che si trova a dover manovrare con i ritorni di flusso, mi piacerebbe sapere la geometria magnetica se usa ferro dolce oppure leghe leggere. Come la vedo io mi pare doveroso chiudere i flussi di rotore con quelli di statore utilizzando 2 circuiti come sugli antichi motori omopolari simili al pacco magnetico dei trasformatori a mantello. Si giustifica cos il motore del turco che parte con una martellata. Lasciami progettare questo circuito che forse rende pi facile la costruzione , poi ti ragguaglio sui risultati .

STO PROCEDENDO IN QUESTA direzione sperimentale che utilizza una corona in legno come inizialmente ideata come supporto per i magneti di statore , inoltre i 12 S.M. SONO TENUTI CON FERRO ANGOLARE DA 35X35x4

13

con 2 viti da 6 M che vanno a chiudere flusso al dil del legno fino ad incontrare lanello di rotore con piccolo traferro. Questo per uniformare il discorso del flusso che si disperderebbe in aria compromettendo la utilizzazione della potenza, ma anche il principio di funzionamento ( secondo me ). Il richiudersi dei flussi dei S.M. risulta essere con circuiti singoli che potrebbero essere sfruttati sullo stesso rotore combinando lo stesso senso di moto ma speculare e quindi permettere la costruzione di un vero motore magnetico monopolare che ha le 2 facce di azione con polarit opposta una per il destrorso laltra per il sinistrorso come sui gruppi ward leonard- ci devo studiare sopra

Dal punto di vista costruttivo le cose sono pi semplici e la quantit di flusso che si richiude bene molta di pi e senza dispersioni , la potenza naturalmente doppia sia il rotore che lo statore possono essere magnetici . Nella parte dove si esplicano le forze repulsive il traferro molto grande anche perch impossibile tenere i S.M. contraffacciati a zero, per cui la risultante del ragionamento che deve esistere la impossibilit dello stallo oppure se c questo si esclude come fa il turco energizzando improvvisamente il rotore.

14

I S.M. montati liberi entro la sede del rotore non riescono a stare fermi , si espellono fra loro ecco perch necessario la resina e laiuto dellanello che li trattiene, quindi una necessit costruttiva. Dai primi calcoli fatti , se la coppia fosse anche la met circa 8x3/2= 12 kg, ed il numero di giri ipotizzato arrivasse a 500 rpm la potenza diventerebbe : 2*pigreco*rpm/60*12*0,1 0 = 62,8 kgm /s quasi vicino ad 1 cavallo , il che fa di questo prototipo una vera sorpresaMi rifaccio vivo quando avr finito. terni 22 05 - 2013

QUESTA una soluzione che permette una facile costruzione se si ha disponibile macchinario a c.n. per la precisione e la rapidit di esecuzione. Per un singolo costruttore privo di mezzi possibile con tempi lunghi e molte modifiche. Il rotore gi deve essere privo di cuscinetti interni e quindi fuori dallasse su degli scudi di materiale amagnetico alluminio ad es. Terni 26-06-2013

15

La attenzione costruttiva qui notevole e non somiglia affatto al Perendev non esistono flussi dispersi e la utilizzazione delle forze sono quasi totali. Il traferro stato tenuto molto lasco 15 mm sul rotore perch a braccio a quella distanza i s.m. hanno una forza di spinta intorno a 2 kg in contrapposizione fra loro, i magneti sono 20*10 e li danno per 12 kg su ferro , ma tra loro in repulsione non si possono provare , perch non si riesce ad accostarli . Lo statore formato da magneti 25*7 quindi ancora pi reattivi. Il rotore in 2 parti per rendere facile la resinatura e la lavorazione al tornio. Il semirotore di destra si pu sfalsare per permettere una migliore partenza , la vedo intorno a mezzo passo su 8 poli e quindi 22,5 gradi . Se ho tempo ti mando uno schema di un motore o generatore omopolare da 35.000 ampere 12 volt , in continua usato nei primi anni 50 dalla T.I.B.B. su

16

macchine per elettrolisi il cui principio di giramento dei flussi quasi lo stesso .

Principio di funzionamento del generatore della TIBB fra i libri di testo di macchine elettriche ho pure le foto della macchina che dovrebbe essere stata

17

prodotta in pochi esemplari . .

CON QUESTO MODELLO si capisce meglio cosa intendo con la macchina di cui sopra , la realizzazione facile e modulare ma occorre una officina meccanica con macchine fresatrici a c.n. Se funge , il valore della coppia che tira fuori diventa pi che interessante; il senso di marcia stabilito per costruzione dalla forma di rotore con le sedi fresate a dente di sega e quindi la reazione , sia essa repulsiva da polarit sud, sia essa repulsiva da polarit nord sempre del senso di marcia stabilito dalla fresatura della sede di appoggio dei s.m. braccio 21mm. E siccome il rotore in 3 pezzi , si pu progettare lo sfalsamento circonferenziale in modo che sia ridotta al minimo la fase di contrasto magnetico . Per non avere noie con la stabilit dei s.m. occorre una resinatura fatta in modo da rendere molto compatta la trattenuta usando degli appositi stampi e resine epox adatte. Anche sullo statore , formato da singoli elementi sar bene usare la resinatura per mantenere la stabilit meccanica e la facilit dei montaggi , sar il caso di

18

progettare 2 tipi di simulacri uno per a parte centrale a laltro per le parti di fianco. Gli scudi e le corone possono essere in alluminio. Le viterie da 16m a gambo lungo permettono una stabilit meccanica ancora pi elevata del normale . intuitivo che tutto il montaggio va eseguito a partire dal basso verso lalto ed alla fine la protezione della macchina diventa di alto valore IP. Si ipotizza solo una perdita dovuta ai cuscinetti e siccome non ci sono correnti in gioco si pensa solo alle correnti parassite per flussi dispersi nei dintorni del traferro . ( pochissime )

qui capisci molto meglio le reazioni risultanti sul rotore , mi spiego meglio : la macchina si dispone in condizioni di equilibrio magnetico e sta ferma , ma basta molto poco per rompere lequilibrio e metterla in rapida rotazione nel senso cui progettata.

19

La cosa importantissima il come si distorce il campo magnetico lungo lasse del rotore nei 2 sensi la met sinistra la met destra . Questo fa diventare per costruzione una macchina reattiva il prodotto finale che, una volta riusciti a montare il tutto, diventa reattiva in 2 modi diversi e si distingue anche durante la sperimentazione: in un senso si sentono i forzamenti di coppia di valore 2 kg , nellaltro i forzamenti sono di un valore sensibilmente maggiori es. 3 kg e questo cos soltanto per costruzione. Tu che hai sperimentato a mano i supermagneti mi puoi capire benissimo: molto importante riuscire ad ottenere questo tipo di reazione e lo puoi fare solo costringendo i flussi magnetici a distorcersi dentro la stessa macchina. Per motivi costruttivi di facilit montaggio , ho scelto di farlo sul rotore in 3 punti distinti e sono sufficienti 10 , 1/3 del passo polare passo questo che mette in condizioni ottimali 4 punti su 8 . Questo il mio pi semplice ragionamento che riesco a fare solo dopo avere sperimentato come fare a far girare il giocattolo di PVC. NON PRENDERE QUANTO DETTO SOTTO-GAMBA ( il fatto reale ) Secondo il mio parere, una volta partito il rotore che per costruzione su 3 livelli fra loro a 10, la macchina non si ferma pi a meno di uno sforzo eccessivo che la blocca e la si riaggancia al flusso risultante di equilibrio statico. Il Perendev cera riuscito posizionando i suoi 3 rotori spostati , ma la distorsione del campo avveniva in aria invece che sul ferro , ti lascio immaginare quello che pu succedere in caso di improvvisa forzatura , si ferma tutto anche con poco sforzo , come si vedeva sul filmato. E questo il mio modo di pensare sul motore magnetico, e mi fermo tanto ormai la spremitura di meningi esaurita . menghini