Sei sulla pagina 1di 7

w.grix.it dimensionamento alternatore per eolico ciao a tutti..ho intenzione di costruirmi un alternatore per per eolico..

lo vorrei fare con uscita 12v quindo bobine con 36 spire..volevo farlo con 9 bobine e 12 magneti da una parte e 12 dall'altra..fare nord sud alternati..volevo sapere per dimensionare la grandezza del rotore come devo fare? c' qualche formula? e anche per determinare la sezione del filo..volendo avere 12 v in uscita allora la corrente sar pi alta rispetto se avessi un uscita a 24v. volevo sapere come faccio calcolare la sezione di filo di rame per fare gli avvolgimenti a seconda del tipo di magneti al neodimio che uso(ad esempio N42) vi ringrazio in anticipo postato il: 28.02.2011, alle ore 10:52 Secondo me parti dai presupposti sbagliati, quando sidimensiona l'elettronica di un generatore eolico, di solito si scelgono motori con un elevato numero di coppie polari, questo perch si cerca di fare in modo, che anche quando le pale girano lentamente a causa del modesto vento, si riesca sempre a ricavare un minimo di potenza dal generatore, quindi l'ideale fare un motore con un elevato numero di coppie polari, e con un rotore che al contrario tende ad essere piccolo, dal momento che queste due ipotesi sono contrastanti, di solito si cerca un via di mezzo. La tensione di uscita non funzione tanto del motore in se, qunto pi dell'elettronica che dovrai mettere in mezzo, la quale a sua volta caricher degli accumulatori, e sono questi ultimi che ti forniranno la voltmetrica in uscita di cui hai bisogno. La qualit di un aerogeneratore l'azione combinata della resa del suo motore e dell'efficienza di conversione della sua centralina che carica gli accumulatori. Tieni sempre presente una cosa, i generatori eolici hanno una particolarit di cui dovrai tenere conto: lo scopo della centralina che regola la potenza che emettono ha lo scopo primario di ricaricare un certo numero di accumulatori, ma questi ultimi arriveranno ad un certo punto in cui saranno totalmente carichi, e quindi la tua centralina dovr anche leggere il livello di caric raggiunto da questi ultimi, e nel caso di piena carica deviare la potenza prodotta in surplus dall'aerogeneratore su un carico fittizio, che dissipa la potenza extra. E' una cosa importante, ed il motivo per cui -di solito- non si possono usare centraline concepite per il fotovoltaico, per l'eolico. Spero di essermi spiegato, ciao. postato il: 28.02.2011, alle ore 13:01 Immagino che vuoi realizzare uno statore simile a quelli di Hugh Piggott vero ? Dici prorio di fare lo statore con le bobine affogate nella resina e i due rotori a wafer intorno alla placca di resina giusto ?+ Beh partire da un 12 magneti, credo sia un p uno standard non dichiarato, molte realizzazini che si vedono sono fatte cos, per le formule non saprei dirti, fai conto che tu hai un certo spazio per le bobine, st poi a te vedere se vuoi fare bobine con molte spire e filo sottile (alta tensione) o con poche spire di filo spesso (alta corrente), magari dovresti trovare un compromesso. Non s come hai trovato quel numero di spire (36) se hai fatto i conti meglio cos, io personalmente non ricordo le formule, ma se vuoi qualche consiglio aumenta un p il numero delle spire rispetto a quello, di solito nei generatori si vedono avvolgere parecchie spire.

Tieni poi conto che il vento non soffier sempre al massimo, quindi sarebbe meglio far uscire che s, la sparo cos, 30 volt (con vento al fort) e limitarli a 12, cos da avere magari 15-20 volt con vento basso, in modo che puoi sempre ricavare una certa tensione. Un'altro consiglio sulla sezione dei cavi, metterli pi grossi possibile ti aiuter a ridurre la resistenza intrinseca del materiale, quindi significa maggior corrente e minore caduta di tensione sul conduttore stesso. Come hai intenzione di collegare poi i 9 avvolgimenti, farai un sistema trifase immagino ? Se non avevi questa intenzione te la consiglio caldamente, il rendimnto molto pi alto rispetto a un sistema monofase e il ripple in uscita molto pi livellato, quindi significa condensatori pi piccoli e elettronica di conversione pi felice. Ovviamente saprai che non si pu caricare direttamente una batteria con l'uscita del generatore, ma serve un circuito di carica e di regolazione, senza contare che il circuito deve staccare la batteria dall'utilizzatore sotto un certo livello di carica, tutto sommato abbatanza semplice da realizzare, con dei semplici comparatori. si avevo intenzione usare un sistema trifase con tre bobine per ogni fase..collegate a stella..magari farci una morsettiera come quella dei motori in modo che spostando le barrette metalliche cambi il collegamento da stella a triangolo..si volevo usare la resina anche se non so dove la posso acquistare e quanto mi pu costare..ho sentito dire che con venti forti consigliato il collegamento a triangolo delle bobine..personalmente so che a triangolo la tensione radice di tre volte pi grande rispetto la tensione stellata..e ho letto che usano dei rel in modo da cambiare il collegamento da stella a triangolo..io ho pensato forse fanno cos perch a stella il rotore gira con venti bassi perch oppone una resistenza di rotazione minore visto che il collegamneto a stella produce fem minore rispetto a triangolo quindo se fosse collegata a triangolo con venti bassi farebbe pi fatica girare forse per questo preferiscono collegarla quando c' vento forte..(questa un'idea che mi son fatto io ditemi se sbaglio)..comunque avevo trovato su internet quante spire servono per avere una certa tensione..per 12v-->36 spire per 24v-->70 spire e cos via..questo l'ho trovato qui: http://plent.altervista.org/statore.htm che mi sembrato interessante fabio_motors postato il: 28.02.2011, alle ore 14:03 un'ultima cosa per la dimensioni delle pale come faccio a determinarle? volevo realizzarle in legno..avendo una falegnameria a mia completa disposizione;) berna postato il: 28.02.2011, alle ore 23:30 se hai un p di pazienza ti mando tutti i dati di un generatore molto simile a quello del link compreso la costruzione delle eliche e della coda. per la resina vai a qualunche brico che la trovi e non costa molto o dove costruiscono caravan o puoi rivolgerti a qualche carozzeria. riguardo ai collegamenti stella triangolo ti consiglio di far uscire tutte le coppie delle bobine e fare i collegamenti esterni. cosi puoi vedere la resa con collegamento trifase o monofase mandami in MP ituo indirizzo e-mail che te lo spedisco fabio_motors

postato il: 01.03.2011, alle ore 00:19 berna: se hai un p di pazienza ti mando tutti i dati di un generatore molto simile a quello del link compreso la costruzione delle eliche e della coda. per la resina vai a qualunche brico che la trovi e non costa molto o dove costruiscono caravan o puoi rivolgerti a qualche carozzeria. riguardo ai collegamenti stella triangolo ti consiglio di far uscire tutte le coppie delle bobine e fare i collegamenti esterni. cosi puoi vedere la resa con collegamento trifase o monofase mandami in MP ituo indirizzo e-mail che te lo spedisco ok grazie mille! ecco l'indirizzo fabio.pela@yahoo.it dukeluca86 postato il: 01.03.2011, alle ore 00:50 Si ti consiglio di fare cos anche io, porta i fili fuori dalla resina, magari li numeri e li raccogli dentro un corrugato, cos vien fuori un lavoro pi pulito. Poi ti fai una scatola di quelle stagne da esterno con dentro il raddrizzatore trifase se vuoi ti faccio vedere come realizzarne uno con tre ponti di diodi discreti, che sono molto ma molto pi economici di un ponte trifase, poi magari nella scatoletta ci ficchi pure dei bei condensatori, cos giusto per livellare i picchi di tensione, e poi dalla scatola te ne esci solo con + e - e da li si pu ragionare per fare il circuito di carica. fabio_motors postato il: 01.03.2011, alle ore 01:52 dukeluca86: Si ti consiglio di fare cos anche io, porta i fili fuori dalla resina, magari li numeri e li raccogli dentro un corrugato, cos vien fuori un lavoro pi pulito. Poi ti fai una scatola di quelle stagne da esterno con dentro il raddrizzatore trifase se vuoi ti faccio vedere come realizzarne uno con tre ponti di diodi discreti, che sono molto ma molto pi economici di un ponte trifase, poi magari nella scatoletta ci ficchi pure dei bei condensatori, cos giusto per livellare i picchi di tensione, e poi dalla scatola te ne esci solo con + e - e da li si pu ragionare per fare il circuito di carica. si infatti avevo gi pensato di far cos, almeno poi posso sempre collegare a mio piacimento le bobine quando voglio..anche se mi sono rimasti 2 dubbi..su come realizzare il palo di sostegno..che deve anche girare su se stesso in modo che le pale siano sempre in direzione del vento..e su che magneti usare..avevo intenzione di usare magneti di 3x 6cm e 1cm di altezza con forza di attrazione 60kg se nn mi sbaglio almeno con quelli ero sicuro di ottenere una notevole potenza..per avevo letto male il prezzo e ho scoperto che spenderei piu di 300 euro di magneti per fare quello che serve a me ma nn voglio spendere una cifra del genere..che magneti mmi consigliate di usare?magari che abbiano un buon compromesso tra prezzo e forza di attrazione..

E' purtroppo i magneti al neodimio te li fanno pagare... magari se ti orienti su magneti pi piccoli, per cala la potenza o su magneti non al neodimio ma anche li cala molto la potenza, vedi se riesci a trovarli da qualche altraparte, ci sono spesso dei siti di materiale surplus che vendono magneti a prezzi umani. Per il palo di sostegn, non deve girare lui, sai che casino deve girare solo la "testa", vai sul sito di Piggott, trovi dei manuali (sono a pagamento) per a volte c anche un sacco di materiale gratis, ti f vedere come realizzare il blocco della testa rotante con un tubo leggermente pi grande di quello di sostegno che gli si infila intorno, poi per il rotore alcuni (in effetti molti) usano il mozzo di una ruota di auto, quello che tiene la ruota attaccata al telaio, non mi chiaro se si riferiscono alle ruote anteriori o posteriori comunque, ma il mozzo piccolo (relativamente) quindi penso sia quello senza lo sterzo, credo che da un rottamaio lo trovi a poco, se n puoi inventarti qualcosa tu. PS Il mio indirizzo di posta dukeluca86@gmail.com se me lo invii pure a me il fileti dico grazie. fabio_motors postato il: 02.03.2011, alle ore 00:49 dukeluca86: E' purtroppo i magneti al neodimio te li fanno pagare... magari se ti orienti su magneti pi piccoli, per cala la potenza o su magneti non al neodimio ma anche li cala molto la potenza, vedi se riesci a trovarli da qualche altraparte, ci sono spesso dei siti di materiale surplus che vendono magneti a prezzi umani. Per il palo di sostegn, non deve girare lui, sai che casino deve girare solo la "testa", vai sul sito di Piggott, trovi dei manuali (sono a pagamento) per a volte c anche un sacco di materiale gratis, ti f vedere come realizzare il blocco della testa rotante con un tubo leggermente pi grande di quello di sostegno che gli si infila intorno, poi per il rotore alcuni (in effetti molti) usano il mozzo di una ruota di auto, quello che tiene la ruota attaccata al telaio, non mi chiaro se si riferiscono alle ruote anteriori o posteriori comunque, ma il mozzo piccolo (relativamente) quindi penso sia quello senza lo sterzo, credo che da un rottamaio lo trovi a poco, se n puoi inventarti qualcosa tu. PS Il mio indirizzo di posta dukeluca86@gmail.com se me lo invii pure a me il fileti dico grazie. si infatti ho visto in certe realizzazioni su internet usavano qualcosa che sembrava far parte di un perno di qualche ruota...cmq per i magneti ho visto dei siti e ho confrontato i prezzi..quindi da come dici tu pi vasta la superficie del magnete e pi potenza ho giusto?..cmq mi sono fatto un idea su che magneti utilizzare tra diversi tipi al neodimio, sono indeciso tra alcuni: con forza di attrazione compresa tra 8kg e 14,2kg..per quello che ha attrazione maggiore tra quelli che ho preso in considerazione ha superficie pi piccola (20x20x10) mentre un altro che ha superficie maggiore ha attrazione minore(dimensione50x15x5) che ha attrazione 10,8kg..quindi ora ho un dubbio se un magnete piccolo ha pi attrazione di uno pi grande..ora della fine qual' il magnete che mi da pi potenza al mio alternatore?..se intendi i file che mi deve inviare berna appena me li manda te li spedisco dukeluca86

postato il: 02.03.2011, alle ore 09:11 Il problema quanta percentuale del campo magnetico si riesce a convertire in energia, ovvero, quanto irradi il singolo statore, se hai un datasheet del magnete sai come si

irradia il campo magnetico, dovresti coprire l'area dello statore (della bobina insomma) di solito un magnete delle stesse dimensioni della bobina l'ideale perch tendenzialmente copre bene lo statore, ah un'altra cosa, non s se la sai perci te lo dico, i due dischi che formeranno il wafer, davanti e dietro, dovranno necessariamente essere di un materiale feromagnetico, tipo ferro o acciaio (quest'ultimo non arrugginisce se inox) perch devono chiudere il campo magnetico tra le varie coppie polari, il flusso magnetico scorre lungo il mtallo dei dischi, se usi un altro materiale non funziona, o meglio potrebbe funzionare, sicuramente funzioner, ma con qualche ordine di grandezza in meno sulla potenza erogata. fabio_motors postato il: 02.03.2011, alle ore 19:24 dukeluca86: Il problema quanta percentuale del campo magnetico si riesce a convertire in energia, ovvero, quanto irradi il singolo statore, se hai un datasheet del magnete sai come si irradia il campo magnetico, dovresti coprire l'area dello statore (della bobina insomma) di solito un magnete delle stesse dimensioni della bobina l'ideale perch tendenzialmente copre bene lo statore, ah un'altra cosa, non s se la sai perci te lo dico, i due dischi che formeranno il wafer, davanti e dietro, dovranno necessariamente essere di un materiale feromagnetico, tipo ferro o acciaio (quest'ultimo non arrugginisce se inox) perch devono chiudere il campo magnetico tra le varie coppie polari, il flusso magnetico scorre lungo il mtallo dei dischi, se usi un altro materiale non funziona, o meglio potrebbe funzionare, sicuramente funzioner, ma con qualche ordine di grandezza in meno sulla potenza erogata. si avevo gi letto che il rotore andava in ferro appunto per quel motivo che dici tu..per volendo fare le bobine mi verranno sicuramente pi grandi del magnete..quindi sicuramente non verr coperta tutta la superficie della bobina ma solo in parte..ho quel dubbio che ho letto che per avere 12v bosogna avere 36 spire per avvolgimento..ma a me sinceramente sembra strano..dovrebbe variare a seconda del grado dei magneti e dall'induttanza della bobina? perche 36 spire potrei fare un avvolgimento stretto e usare meno filo oppure fare un avvolgimento con circonferenza piu grande e ovviamento usare pi filo di rame quindi in teoria l'induttanza delle 2 bobine diversa giusto?.. dukeluca86 postato il: 02.03.2011, alle ore 19:29 Preciso preciso quello che stavo pensando pure io, infatti credo si debba fare delle belle bobinotte, io avevo del materiale, ora non sono a casa, ma se mi dai il tuo indirizzo di posta, quando torno a casa ti invio tutto il matriale che ho, c' anche un p di roba in italiano oltretutto. fabio_motors postato il: 03.03.2011, alle ore 00:38 dukeluca86: Preciso preciso quello che stavo pensando pure io, infatti credo si debba fare delle belle bobinotte, io avevo del materiale, ora non sono a casa, ma se mi dai il tuo indirizzo di posta, quando torno a casa ti invio tutto il matriale che ho, c' anche un p di roba in italiano oltretutto. ok grazie mille:) ecco l'indirizzo: fabio.pela@yahoo.it

fabio_motors postato il: 03.03.2011, alle ore 14:02 ho trovato una formula in rete per ricavare la tensione di un alternatore..ma non so se sia riferita alla tensione della singola bobina e della singola fase cio la serie delle bobine..ho questa incertezza.. Vmax=N*A*R*P*B\2 N=numero spire A=area chiusa dall'avvolgimento esclusa la parte centrale vuota R=velocit rotazione magneti in cicli al secondo P=poli magnetici B=forza campo magnetico in tesla se fosse riferita ad esempio a singola bobina io per avere 12v calcolo il valore delle spire considerando una velocit di un ciclo al secondo.. mi ricavo N considerando R=1 A=0,0044m^2 da un conto che ho fatto ipotizzando la bobina di una certa dimensione..P=12 B=1,22T essendo la tensione che voglio totale per fase di 12v allora avendo 3 bobine allora come v max per bobina voglio 4volt(sperando non mi sbagli) quindi la formula : N=2Vmax\ARPB=2*4\0,0044*12*1,22*1=124,19spire adesso alcuni dati li ho ipotizzati anche perch le bobine devo ancora farle..secondo voi giusto? va b dopo variando l'area della bobina mi varia anche il numero di spire..era solo per vedere se il conto giusto oppure ho sbagliato qualcosa..ditemi voi.. dukeluca86 postato il: 03.03.2011, alle ore 14:54 Ciao, ti arrivata la mail ? V beh, comunque dovresti inserire l'area complessiva di tutte e tre le bobine in serie (erano 9 giusto, quindi 3 per fase in questo caso) Senza l'area centrale, per i poli magnetici, credo siano 3, le fasi insomma. La velocit di rotazione dovrebbe essere di... boh non lo so, ogni giro quante volte il magnete passa sopra a tutte e tre le bobine in serie contemporaneamente ? Credo a questo punto che un disegno ci semplificherebbe la vita.

postato il: 04.03.2011, alle ore 00:27 dukeluca86: Ciao, ti arrivata la mail ? V beh, comunque dovresti inserire l'area complessiva di tutte e tre le bobine in serie (erano 9 giusto, quindi 3 per fase in questo caso) Senza l'area centrale, per i poli magnetici, credo siano 3, le fasi insomma. La velocit di rotazione dovrebbe essere di... boh non lo so, ogni giro quante volte il magnete passa sopra a tutte e tre le bobine in serie contemporaneamente ?

Credo a questo punto che un disegno ci semplificherebbe la vita.

si l'ho ricevuta grazie mille ecco un 'immagine di come lo voglio realizzare.. fabio_motors postato il: 07.03.2011, alle ore 20:21 ho comprato i magneti..24 magneti 40x20x10 N42 attrazione 25kg .. conoscendo il flusso magnetico (1,28 tesla) come posso determinare la potenza massima generata dall'alternatore perch vorrei dimensionare le bobine(non so di che sezione deve essere il filo) se qualcuno pu darmi un aiuto..o magari qualche formula che faccia al caso mio..