Sei sulla pagina 1di 194

7

8
9
SIMONE - BELOGI - GRIMALDI
EDITRICE RAVI22A s.a.s. - MILANO - VIA HOEPLI S



Il presente testo, distribuito in formato PDF e
riproducente in modo quasi esatto l'originale, stato
digitalizzato da Edoardo Mori per gentile concessione
della societ Ravizza di Milano che ne conserva tutti i
diritti di copyright.
Il testo viene messo a disposizione degli appassionati
che possono utilizzarlo esclusivamente per uso proprio
e non commerciale. Ne vietato, senza l'autorizzazione
della societ Ravizza, l'inserimento in siti Internet
diversi da
http://www.ravizza1871.com
http://www.earmi.it
La soc. Ravizza Sport srl, che vende armi,
abbigliamento sportivo e articoli sportivi, ha sede in
Milano, via Hoepli 3 ove si trova anche la antica
armeria.



Copyright by Editrice Ravizza s.as. Propriet
letteraria e artistica riservata Riproduzione e traduzione
anche parziale vietate

12
STOFIA DELLE AFMI MODELLO 91
MECCANICA E MOFFOLOCIA
DELLE AFMI MODELLO 91
MUNIZIONI, DUFFETTEFIE E AC-
CESSOFI
FEF AFMI MODELLO 91
AFMI FIDOTTE TIFO91
13
7
STOFIA DELLE AFMI
MODELLO 91
di Cianfranco Sinonc
In ncssun criodo dclla sIoria dcllc arni, ncurc ncl sccolo aI-
Iualc, l'cvoluzionc dcl fucilc niliIarc cllc un riIno cosi vclocc conc
duranIc la scconda ncI dcll'OIIoccnIo. Lc gucrrc c lc rivoluzioni dcl
1848 crano sIaIc conlaIIuIc (con la sola cccczionc dclla Frussia, dovc
8
cra d'ordinanza il fucilc rigaIo ad ago Drcysc, a rcIrocarica c a colo
singolo} inicgando arni ad avancarica, cr lo iu a canna liscia,
scsso ancora a icIra focaia c gcncralncnIc di calilro non infcriorc
ai diciasscIIc nillincIri. Nci dicci anni succcssivi quasi IuIIc lc nazio-
ni adoIIarono il fucilc a canna rigaIa - scnrc ad avancarica - grazic
alla soluzionc dcl rollcna d'infilarc dalla volaIa una alla cIc, cr
cffcIIo dclla rcssionc dci gas o di una dcfornazionc ncccanica aI-
IuaIa dalla laccIcIIa, oIcva csandcrsi fino a forzarc nclla rigaIura
al noncnIo dcllo saro. Non solo, alcunc nazioni adoIIarono calilri
iu iccoli, inIorno ai quaIIordici nillincIri. la Cran DrcIagna, il .577
(nn 14,7} cr 1'Enficld nodcllo 1853; l'AusIria, il 13,9 cr il Lorcnz
nodcllo 1854; gli SIaIi UniIi, il .58 (nn 14,7} cr lo Sringficld no-
dcllo 1855. La Francia, gli SIaIi iIaliani c alIri acsi rcsIarono fcdcli al
calilro 17,5.
Am ungIc mtu ud uuuncucu dcOttoccnto. I pmo duuto c un
ucc u cunnu scu c u pctu ocuu nupoconco; dcg ut sc, tutt u
cupsuu, sccondo c tczo sono u cunnu scu, mcntc cstunt sono
gut.
9
Doo la laIIaglia di Sadova o KocniggracIz, in cui il Drcysc dino-
sIr cIiarancnIc la sua sucrioriI sul Lorcnz, si cllc la corsa al fu-
cilc a rcIrocarica, cr lo iu ricavaIo dalla Irasfornazionc di arni ad
avancarica. La Francia, ur disoncndo dcl fucilc ad ago CIasscoI
calilro 11, adoIIaIo, doo duc anni di sIudi, ncl 1866, Irasforn i
Lu tusomuzonc ud ugo Cucuno. S not ncu guu 32u uccunto u
munuIo mozzconc dcognuo umnco pc u cupsuu, cso nu-
tc du pussuggo duuuuncucu uu ctocucu c du cumIumcnto
dc sstcmu ducccnsonc. I tuIctto dcu guu 3?u, dotuto d un nu-
sco zgnuto, c putcumcntc dcntco u quco dcc um modco 9l
(ucdcc u guu b d pugnu 92 ).
suoi fucili sccondo il sisIcna d'oIIurazionc a IalaccIicra Snidcr, d'or-
dinanza ancIc in Cran DrcIagna. L'AusIria Irasforn i Lorcnz coi si-
sIcni Wcrndl c Wacnzl, c gli SIaIi UniIi, cIc gi duranIc la gucrra di
scccssionc avcvano inicgaIo caralinc a rcIrocarica c addiriIIura a
10
ricIizionc, cr quanIo di scarsa orIaIa, adoIIarono la Irasfornazionc
di Erslinc S. Allin dcnoninaIa Sringficld nodcllo 1866.
L'IIalia vollc rcsIarc un asso indicIro c Irasforn i fucili icnonIc-
si ad avancarica con un sisIcna a oIIuraIorc gircvolc-scorrcvolc idcaIo
dal conIrollorc rincialc di rina classc SalvaIorc Carcano, dcl qualc
avrcno nodo di riarlarc. Il asso indicIro consisIcva ncll'inicgo di
un sisIcna d'acccnsionc ad ago, cIc funzionava solo con carIuccc di
carIa.
Il fucilc ad ago Carcano, adoIIaIo ncl 1867 con una scsa di oIIo
nilioni di lirc d'allora, arIcci a un solo faIIo d'arnc inorIanIc, la
rcsa di Fona. CIc fossc un'arna sucraIa c dinosIraIo dal faIIo cIc
i lcrsaglicri si affrcIIarono a sosIiIuirlo con i FcningIon caIIuraIi ai
aalini. Ncl fanoso diinIo di MicIclc Cannarano lc caralinc da
lcrsaglicri IrasfornaIc col sisIcna Carcano sono raffiguraIc con rara
rccisionc.
Fucc dotto Cucuno modco lSbU n dotuzonc uu untcu dcu m-
zu tctouc.
11
Conunquc IuIIc lc Irasfornazioni, ancIc lc iu ingcgnosc, crano
alliaIivi c con la sola cccczionc dcgli SIaIi UniIi, rinasIi fcdcli allo
Sringficld nodcllo 1866 c ai suoi dcrivaIi cr quasi IrcnI'anni, ncl gi-
ro di un lusIro l'arnancnIo dcllc rinciali oIcnzc suli un alIro
canliancnIo.
L'oricnIancnIo gcncralc cra vcrso il sisIcna di oIIurazionc a ca-
Icnaccio, consisIcnIc cioc in un cilindro gircvolc-scorrcvolc alloggianIc
il crcussorc, doIaIo di alcIIc di llocco c nuniIo di un nanulrio.
Mauscr 1871 in Ccrnania, Dcrdan 1871 in Fussia c Dulgaria, Dcau-
nonI 1871 in Olanda, Cras 1874 in Francia, VcIIcrli 1869 in Svizzcra,
MuraIa 1880 in Ciaonc. Il faIIo cIc il Icrninc caIcnaccio allia
quclla cIc solo grannaIicalncnIc c una dcsincnza cggioraIiva Ia
indoIIo nolIi a usarlo conc disrcgiaIivo di fucilc, na l'crrorc c cvi-
dcnIc sc si cnsa cIc ancora duranIc la scconda gucrra nondialc
l'oIIuraIorc gircvolc-scorrcvolc cra il sisIcna iu usaIo. Dci nodclli
sora ciIaIi il iu avanzaIo cra qucllo svizzcro; Ia un scrlaIoio Iu-
lolarc osIo soIIo la canna c conIcncnIc dodici coli, cIc Ianno l'uni-
co difcIIo di csscrc a inncsco anularc, in raIica non ricaricalili.
I Iccnici d'arIiglicria iIaliani dinosIrarono ancora una volIa la loro
aura dcllc noviI adoIIando il VcIIcrli ncl 1870, na scnza scrlaIoio;
unica conccssionc alla nodcrniI cra l'inicgo di una carIuccia a in-
ncsco ccnIralc. Lc duc nodificIc crano conunquc dcIIaIc dallo siriIo
d'ccononia allora incranIc. QuinIino Sclla, assaIo alla sIoria so-
raIIuIIo cr la sua oliIica dclla lcsina, scdcva in qucgli anni cr la
Icrza volIa al dicasIcro dcllc finanzc. Il soldaIo non dovcva oIcr sa-
rarc iu di dicci coli al ninuIo c i lossoli di rczioso ranc dovcvano
oIcr csscrc ricaricaIi.
12
Fguu u. Fucc modco lS?U (Vcttc), usto d unco c duuto. F-
guu 2u. Fucc modco ?U-S? (Vcttc-Vtu). Fguu 3u. moscIctto du
tuppc spccu modco lS?U (Vcttc). Fguu 4u. moscIctto du cuuu-
cu modco lS?U (Vcttc), con u Iuoncttu u cuzu cupouotu.
Solo duc sisIcni non a caIcnaccio inconIrarono succcsso. il Mar-
Iini-Fcalody-Hcnry a llocco disccndcnIc, azionaIo da una lcva, c il
FcningIon a llocco ruoIanIc. Il rino fu adoIIaIo da Cran DrcIagna c
TurcIia, il sccondo, dalla guardia nazionalc di qualcIc SIaIo dclla
confcdcrazionc ancricana, da Sagna, ArgcnIina, Daninarca, Svczia,
13
Norvcgia, EgiIIo, SIaIo, FonIificio.
Conunquc il sisIcna a caIcnaccio si affcrn dcl IuIIo con la quarIa
noviI dcl cinquanIcnnio. il fucilc a ricIizionc, cr lo iu a scrlaIoio
Iulolarc, diffusosi ncgli anni OIIanIa. Ccrnania c TurcIia adoIIarono
il Mauscr nodcllo 1871-84; Svczia-Norvcgia, il Jarnann 1887; il
Ciaonc, il MuraIa 1887; la Francia, il Lclcl 1886. QucsIi duc ulIini
fucili Ianno gi il calilro di soli 8 nillincIri; inolIrc il Lclcl fu la ri-
na arna da fuoco d'ordinanza a sararc carIuccc a olvcrc scnza fu-
no, un cvcnIo cIc sconvolsc la IaIIica c 1'unifornologia. Il conccIIo
dcl fuoco di fila vcnnc sosIiIuiIo da qucllo dcgli slalzi con sfruIIa-
ncnIo dcl Icrrcno c oco a oco lc ruIilanIi uniforni c i cnnaccIi la-
sciarono il osIo a divisc cacIi, fcldgrau, grigiovcrdi c llcu-Iorizon
cr ragioni nincIicIc fino allora incsisIcnIi crcIc lasIava il lioccolo
di funo lianco usciIo dalla canna di un fucilc saranIc a olvcrc ncra
cr rivclarc lc osizioni di un rcarIo. La alloIIola dcl nuovo fucilc
franccsc, di ionlo rivcsIiIo con una lcga di ranc c nicIcl dcIIa
naillccIorI, avcva qualiI lalisIicIc sucriori a qucllc dcllc carIuccc
dcllc alIrc nazioni. L'incaniciaIura dcl roicIIilc cra sIaIa invcnIaIa
dal naggiorc Fulin dcll'cscrciIo svizzcro, cIc l'adoII solo ncl 1889.
I fucili a scrlaIoio Iulolarc Ianno una caaciI di nunizioni al-
lasIanza clcvaIa (Ira oIIo c dodici coli c, in ccrIi casi, ancIc di iu},
na, una volIa scaricIi, cr ricaricarli occorrc un Icno naggiorc cIc
cr sararc IuIIc lc carIuccc. L'IIalia fu la rina nazionc a risolvcrc il
rollcna dcl ricnincnIo sinulIanco dcl scrlaIoio, adoIIando un Ii-
o di scaIola ccnIralc fissa cIc il naggiorc d'arIiglicria ingcgncr Ciu-
scc ViIali avcva discgnaIo isirandosi a qucllo lrcvcIIaIo dall'ancri-
14
cano Jancs Faris Lcc ncl 1879. La scaIola-scrlaIoio dcl VcIIcrli-ViIali
nodcllo 70-87 Ia sul fondo una nolla a siralc con un clcvaIorc sin-
gcnIc lc carIuccc (quaIIro} in corrisondcnza dcl cilindro-oIIuraIorc,
cIc cosi u nan nano infilarlc nclla cancra di scoio. Essc osso-
no csscrc inIrodoIIc a quaIIro cr volIa ncdianIc il caricaIorc, cosIi-
IuiIo da un IclaicIIo di lcgno c laIIa cnIro cui sono disosIc una sora
l'alIra. II caricaIorc vicnc infilaIo ncl scrlaIoio c oi riIiraIo ncdianIc
un cordino fissaIo alla sua arIc sucriorc; lc quaIIro carIuccc rcsIa-
no cosi ncl scrlaIoio. Il fucilc si oIcva caricarc dunquc nolIo rai-
dancnIc, na la alla di ionlo non rivcsIiIo, calilro 10,35, cra
In uto, putcouc dc ucc Vcttc-Vtu. In Iusso u snstu, spuccuto
dco stcsso. In Iusso u dcstu, cucutoc Vtu.
15
lalisIicancnIc nolIo infcriorc a quclla dcl Lclcl; l'adozionc ncl 1890
di una carIuccia di dincnsioni idcnIicIc, na caricaIa a olvcrc scnza
funo (la lalisIiIc di Nolcl} c con un roicIIilc incaniciaIo, orI la
vclociI inizialc (cioc nisuraIa all'usciIa dalla locca dcll'arna} da 435
ncIri al sccondo a 615, na non cosIiIui un nigliorancnIo soddisfa-
ccnIc.
La concczionc rcvalcnIc cra ornai quclla dcl fucilc di calilro non
sucriorc agli oIIo nillincIri, con scrlaIoio ccnIralc, alincnIazionc
sinulIanca a caricaIorc, roicIIilc incaniciaIo, olvcrc scnza funo. Il
rino fucilc cIc cllc IuIIc qucsIc caraIIcrisIicIc fu il MannlicIcr
nodcllo 1888 adoIIaIo dall'AusIria; l'oIIuraIorc c a scnlicc Irazionc,
cioc non dcvc csscrc azionaIo ancIc girando il nanulrio. Ncllo sIcsso
anno la Ccrnania adoII il scrlaIoio ccnIralc c il caricaIorc Mannli-
cIcr cr un Mauscr nodificaIo, dcIIo Mauscr Konnission. La Fran-
cia si affrcII ad affiancarc al Lclcl una scric di noscIcIIi c fucili,
alincnIaIi con caricaIori c cIianaIi MannlicIcrDcrIIicr, acrIa dal
nousqucIon nodcllo 1890. La Cran DrcIagna allandon finalncnIc
il MarIini-Hcnry nonocolo c a llocco cadcnIc cr un fucilc a ricIi-
zionc sisIcna Lcc-McIford, a oIIo coli, calilro .303 (nn 7,7}, a scr-
laIoio ccnIralc sIaccalilc; l'alincnIazionc non cra sinulIanca c solo
ncl diccnlrc 1902 conarvc lo SIorI Modcl LccEnficld, caricalilc con
duc iasIrinc da cinquc coli l'una cIc vcnivano svuoIaIc ncl scrla-
Ioio.
In IIalia, suliIo doo la conarsa dcl MannlicIcr ausIriaco si cra
caiIo cIc il VcIIcrli-ViIali cra aniancnIc sucraIo c alla finc dcl
1888 il ninisIcro dclla Cucrra incaric la connissionc dcllc arni
16
orIaIili, isIiIuiIa alla scuola di Iiro di fanIcria di Farna, di sIudiarc
un nuovo fucilc in grado di concIcrc con quclli adoIIaIi dallc oIcnzc
confinanIi. FrcsidcnIc dclla connissionc cra il gcncralc CusIavo Far-
ravicino, rovcnicnIc dall'arIiglicria c conandanIc la scuola di Farna;
scgrcIario cra il naggiorc d'arIiglicria AnIonio DcncdcIIi, cr nolIi an-
ni addcIIo alla fallrica d'arni di Drcscia. I rini cscrincnIi furono
coniuIi adaIIando cannc da nn 8 c 7,5 a sisIcni d'oIIurazionc VcI-
Icrli. Il naggiorc DcncdcIIi sosIcnnc la convcnicnza di adoIIarc un ca-
lilro iu iccolo, fra nn 6 c 6,5; in qucsIo nodo si sarcllc oIuIo
ulIcriorncnIc auncnIarc il nuncro di carIuccc cIc ogni soldaIo oIc-
va orIarc. Era sIaIa rorio qucsIa, olIrc alla ncccssiI di auncnIarc
la orIaIa c la cncIrazionc, la ragionc cr cui si cra dcciso di allan-
donarc il calilro 10,35. Ncl 1887, a Dogali, i cinqucccnIo fanIi di Dc
CrisIoforis, arnaIi di VcIIcrli nodcllo 1870 c con un nunizionancnIo
di oIIanIa coli a IcsIa, avcvano saraIo inccssanIcncnIc cr Irc orc
rina di csaurirc lc carIuccc c vcnirc nassacraIi. Inflisscro agli alis-
sini circa nillccinqucccnIo crdiIc cIc indusscro Fas Alula a dcsisIcrc
dall'aIIacco conIro Massaua, na sc avcsscro avuIo iu nunizioni for-
sc sc la sarcllcro cavaIa.
All'idca dcl naggiorc DcncdcIIi si ooncvano lc difficolI di cosIru-
zionc d'un roicIIilc cosi iccolo, il facilc caovolgincnIo dclla alloI-
Iola ncll'aria c l'oinionc conIraria di un cscrIo conc Mauscr. TuIIa-
via, risolIc lc difficolI IccnicIc di roduzionc dcllc carIuccc, DcncdcIIi
fccc cosIruirc dalla fallrica d'arni di Drcscia cannc da sci nillincIri c
da sci nillincIri c nczzo. Cli cscrincnIi dinosIrarono cIc il roicI-
Iilc di iccolo calilro cra duranIc la IraicIIoria IanIo sIalilc quanIo
quclli avcnIi un diancIro sucriorc di qualcIc nillincIro. Fu indcIIo
17
un rino concorso cui vcnncro rcscnIaIi quindici fucili d'invcnIori
iIaliani c sIranicri, Ira cui il naggiorc Ciuscc ViIali, il caiIano Cio-
vanni DcrIoldo (gi noIo cr avcr alicaIo un scrlaIoio Iulolarc da
oIIo coli al VcIIcrli, nodifica adoIIaIa dalla Fcgia Marina}, FcIcr Faul
Mauscr c Jancs Faris Lcc. Nclla scduIa fra il 16 c il 17 diccnlrc 1889
la connissionc li rcsinsc IuIIi. QuaIIro ncsi doo adoII dcfiniIiva-
ncnIc il calilro 6,5. AlIri dicci nodclli di oIIuraIorc c sisIcna di ri-
cIizionc vcnncro rcsinIi nci ncsi succcssivi.
I gcncuc Gustuuo Puuucno, pcsdcntc dcu commssonc cIc
studo c udotto modco 9l (u snstu).
I tcncntc coonnco Pcto Guc-CoomIo, scgctuo dcu stcssu
commssonc (u dcstu).
18
II 23 scIIcnlrc 1890, visIo cIc dai nodclli fino a qucl noncnIo
rcscnIaIi non si cra oIuIo cavarc nulla di luono, la connissionc
dccisc di affidarc allc fallricIc d'arni dcllo SIaIo lo sIudio dcl nuovo
fucilc. Ncl fraIIcno il IcncnIc colonncllo FicIro Carclli-Colonlo avcva
sosIiIuiIo DcncdcIIi qualc scgrcIario c si cra accorIo cIc doo alcunc
ccnIinaia di coli la rigaIura dcllc cannc, ncl IraIIo vicino alla cancra
di scoio, cra forIcncnIc consunaIa. Egli addcliI la causa di quc-
sIo inconvcnicnIc al asso dcllc rigIc clicoidali, Iroo corIo. TalvolIa
si vcrificava ancIc la laccrazionc dcl ncIallo di rivcsIincnIo dcl
roicIIilc. I1 colonncllo Carclli cns di risolvcrc il rollcna adoIIan-
do la rigaIura rogrcssiva, in cui il asso sccndc da un giro in 58
ccnIincIri suliIo doo la cancra di scoio a un giro in 20 ccnIincIri
alla volaIa. L'inclinazionc inizialc dcllc rigIc c di duc gradi c alla vo-
laIa raggiungc i cinquc gradi c cinquanIa rini.
Ncl fcllraio-narzo 1958 conarvc su Il Ciorno una scric di novc
arIicoli, firnaIa da Angclo Fusco c inIiIolaIa Il ronanzo dcl 91 nci ri-
cordi dcl suo invcnIorc gcncralc MuriccIio. Fusco rcndcva lo sunIo
dal faIIo cIc alcuni giorni rina rarcscnIanIi dcl Tiro a Scgno Na-
zionalc si crano rccaIi a conscgnarc al gcncralc Vinccnzo MuriccIio,
allora novanIascicnnc, nclla sua aliIazionc gcnovcsc di SaliIa San-
I'Anna 9, una Iarga d'oro nonIaIa su narno ncro c rccanIc la scriIIa
U.I.T.S. Al gcncralc Vinccnzo MuriccIio idcaIorc dcl fucilc 91. Doo
avcr inIcrvisIaIo il gcncralc, il giornalisIa nc Iracciava la liografia, ri-
fcriva alcuni cisodi, a suo arcrc salicnIi, dclla gcncsi dcl fucilc c so-
raIIuIIo ricvocava gli olIrc cinquanI'anni di sIoria aIria di cui il no-
dcllo 91 cra sIaIo roIagonisIa. Al noncnIo dclla conscgna dclla Iar-
ga, il gcncralc MuriccIio ringrazi c dissc. VcrancnIc, non ni scnlra
19
csaIIo dcfinirni invcnIorc dcl fucilc 91. Sarcllc iu rcciso dirc cI'io
sono l'ulIino sucrsIiIc di un gruo di niliIari cIc sIudiarono il ro-
llcna c lo risolscro in nanicra allasIanza soddisfaccnIc. Il ncriIo di
avcrc idcaIo un'arna individualc di iccolo calilro, rccisa c nancg-
gcvolc, in scguiIo iniIaIa da nolIc nazioni, non scIIa a nc. scIIa al-
l'cscrciIo iIaliano.
Fusco ncll'arIicolo aggiunsc cIc a Vinccnzo MuriccIio scIIa la
aIcrniI " lalisIica " dcll'arna. Fu lui, cioc, a idcarnc la canna. cali-
lro 6,5, rigaIura aralolica, anzicIc a sirali uniforni. Scnza conIarc
cIc allo siriIo d'osscrvazionc dcl gcncralc, ncllo sIcsso licnnio
1889-90, l'cscrciIo dovcIIc la raIicissina "lilancia idrosIaIica" cr
csarc lc caricIc di cslosivo (sic!} dcllc carIuccc, il "riflcIIorc aralo-
lico" c la nicIclaIura dcllc alloIIolc. QucsIc duc ulIinc invcnzioni
sono lc unicIc sicgaIc diffusancnIc nclla scric di arIicoli.
Vinccnzo MuriccIio nacquc a ForIocannonc, in rovincia di Can-
olasso, il 26 diccnlrc 1861. Ncl 1876 fu anncsso alla scuola nili-
Iarc dclla NunziaIclla, a Naoli, c sci anni doo cllc il grado di soIIo-
IcncnIc. Ncl 1889, quando cra caiIano d'arIiglicria, fu dcsIinaIo al-
l'Officina MiliIarc FiroIccnica di Dologna, uno sIalilincnIo cIc sor-
gcva a ForIa Mazzini c inicgava ducnila ocrai, di cui duc Icrzi don-
nc, una lclla cifra cr qucll'coca, daIo cIc cra sucriorc a quclla
dcllc nacsIranzc occuaIc all'Ansaldo di Ccnova. MuriccIio fu as-
scgnaIo all'ufficio McIalli, cIc avcva il coniIo di calcolarc c saggiarc
l'cfficicnza dci naIcriali inicgaIi nclla confczionc dcllc carIuccc in
raorIo agli cffcIIi lalisIici. L'ufficio cra allc rcsc col rollcna dclla
forza dironcnIc dclla lalisIiIc, il nuovo rocllcnIc scnza funo cIc
avcva sosIiIuiIo la olvcrc ncra ncllc carIuccc da VcIIcrli (la carIuccia
nodcllo 90, aggiungiano noi}. DuranIc lc rovc Iroo scsso i los-
20
soli d'oIIonc ccdcvano c rovocavano lo scoio dcl fucilc. La causa
cra daIa da nininc incrinaIurc cIc lc ocraic addcIIc al conIrollo dci
lossoli non riuscivano a scorgcrc, a causa dclla lucc fioca cIc riscIia-
rava lo sIalilincnIo. MuriccIio risolsc il rollcna avviIando lc rini-
Iivc c dcloli lanadinc clcIIricIc d'allora in una concIiglia fodcraIa di
ncIallo lucidaIo a scccIio cIc nc quinIulicava la luninosiI; a-
unIo il riflcIIorc aralolico.
A MuriccIio, doo qucsIo succcsso, il colonncllo Carau, cao dcl
rcarIo scrincnIalc, affid, scnrc sccondo il Fusco, il coniIo di
sIudiarc il nuovo fucilc di iccolo calilro. Agli inizi dcl 1890 il cai-
Iano rcscnI al colonncllo il rogcIIo di un calilro 7 a rigaIura a-
ralolica, i cui discgni furono Irasncssi in gran scgrcIo all'arncria di
Tcrni. Duc ncsi doo, nclla rinavcra dcl 1890, arrivarono a Dologna
i rini duc fucili di iccolo calilro adaIIaIi, in via rovvisoria, alla
cassa dcl WcIcrli (sic}. Furono rovaIi al oligono con carIuccc ao-
siIancnIc fallricaIc c csanIi circa 24 granni. Fcr i rini cinquanIa,
ccnIo Iiri, il nuovo fucilc funzionava in nodo idcalc, na vcrso i duc-
ccnIo, a canna calda, la sinIa osscnIc dclla lalisIiIc, conlinaIa con
21
l'accclcrazionc aralolica, rovocava la franIunazionc dclla alloIIola
di ionlo. In ccrIi casi il roicIIilc vcniva quasi olvcrizzaIo. Conc si
vcdc, qucsIa vcrsionc conIrasIa con quclla da noi rifcriIa (c, qucl cIc
iu conIa, lasaIa su IcsIi sacri conc il MonIu c il Lascino}, sccondo
cui il roicIIilc cra gi incaniciaIo c vcniva sIracciaIo dalla rigaIura
rorio crcIc qucsIa non cra rogrcssiva, na clicoidalc con un asso
nolIo corIo. Conunquc, sccondo Fusco, MuriccIio cns di risolvcrc
il rollcna faccndo rivcsIirc i roicIIili di ionlo con una canicia
d'acciaio. Ma il ninisIro dclla gucrra DcrIolc Vialc c il cao di sIaIo
naggiorc Coscnz locciarono la roosIa crcIc la Convcnzionc di
Cincvra Ia sIaliliIo cIc non si ossono usarc alloIIolc di fcrro o
d'acciaio crcIc ossono arrugginirc c infcIIarc lc fcriIc.
E sucrfluo noIarc quanIo qucsIa sIoria sia fanIasiosa. A arIc il
faIIo cIc csisIono nuncrosc nunizioni col roicIIilc rivcsIiIo d'acciaio
ossidalilc, conc ad cscnio qucllc ausIriacIc cr lo SIcyr-MannlicIcr
nodcllo 1895 o cr la isIola SIcyr nodcllo 1912, o conc qucllc iIa-
lianc cr il niIra DcrcIIa calilro 9 Faralcllun, nc risulIcrcllc cIc la
Convcnzionc di Cincvra vicIa l'uso di arni liancIc, daIo cIc laioncIIc
c scialolc ossono arrugginirc. Ad ogni nodo Fusco scrissc cIc Mu-
riccIio risolsc ancora una volIa il rollcna suggcrcndo la nicIclaIura
dcl roicIIilc, isiraIagli da un'avvcnIura galanIc cIc risarniano al
lcIIorc. E noIo cIc la alla dcl 91 cr nolIi anni fu rivcsIiIa di nail-
lccIorI , la sIcssa lcga di ranc c nicIcl adoIIaIa dai franccsi cr lc
nunizioni dcl Lclcl nodcllo 1886.
La sIoria di Fusco aarc quindi dccisancnIc inaIIcndililc, a ar-
22
Ic il faIIo cIc c inficiaIa da alcuni grossi svarioni. La rina unIaIa c
illusIraIa da una foIo su quindici colonnc dcl fucilc lriIannico
Lcc-Enficld No. 4 Marl I, il cIc c un o' sIrano cr una scric dcdicaIa
al 91. Qualcuno rolalilncnIc avvcrIi la rcdazionc dc Il Ciorno cr-
cIc doo la Icrza unIaIa conarvc finalncnIc il fucilc 91, foIografaIo
sui duc laIi. Fusco oi daIa ncl 1849 il collaudo dcllo CIasscoI cf-
fcIIuaIo dai franccsi conIro i garilaldini a McnIana ncl 1867 c affcrna
cIc la rcsa di ForIa Fia avvcnnc ncl 1880.
L'Enciclocdia MiliIarc, allasIanza aIIcndililc cr quanIo riguarda
lc arni iIalianc, riorIa cIc MuriccIio fu dircIIorc d'arIiglicria a Mcs-
sina c non arla affaIIo di una sua aIIiviI in qualcIc nodo conncssa
al nuovo fucilc. E inolIrc sIrano cIc, csscndo il 91 allo sIudio a Farna
c ncllc fallricIc darni, vcnissc affidaIa la rogcIIazionc dclla canna
al FiroIccnico di Dologna, cIc avrcllc dovuIo occuarsi solo di car-
Iuccc. Ad ogni nodo ncssuna dcllc iu aIIcndilili fonIi sulla gcncsi
dcl 91, dalla nonuncnIalc SIoria dcll'arIiglicria iIaliana, dcl gcncralc
23
Carlo MonIu, al arIicolarcggiaIo nanualc di AnIonino Cascino, Il Ii-
ro, gli cslosivi c lc arni dclla fanIcria, acccnna al caiIano Muric-
cIio. MolIi forsc si cIicdcranno crcIc alliano voluIo dcdicarc IanIo
sazio alla confuIazionc di qucsIa sIoria. La ragionc c una sola. i IcsIi
cIc alliano ciIaIo sono rari, alla orIaIa solo di sccialisIi, ncnIrc gli
arIicoli di Fusco Ianno avuIo una diffusionc di alncno ducccnIocin-
quanIanila coic c la sua vcrsionc avrcllc oIuIo finirc col rcvalcrc.
E fuor di dullio cIc il ncriIo dcll'adozionc dclla rigaIura ro-
grcssiva scIIa al scgrcIario dclla connissionc, naggiorc Carclli. Ncl-
l'agosIo dcl 1890 furono cscguiIi Iiri conaraIivi fra lc duc rigaIurc;
con la rogrcssiva si cllcro risulIaIi nolIo soddisfaccnIi c sucriori a
quclli oIIcnuIi con l'clicoidalc. InIanIo il naggiorc ViIali avcva roo-
sIo roicIIili inIcrancnIc di oIIonc cr ovviarc allo sfasciancnIo, na
gli cscrincnIi furono sfavorcvoli c vcnnc confcrnaIa l'adozionc di
roicIIili con un nuclco di ionlo rivcsIiIo di naillccIorI . Fcr lc
cannc c i ncccanisni di cIiusura c scaIIo furono ncssi alla rova di-
vcrsi acciai; fu scclIo l'acciaio conrcsso dclla diIIa FoldIuIIc, ncl
sollorgo ragIcsc di Kladno.
ConIinuavano ncl fraIIcno a giungcrc nodclli di invcnIori sIra-
nicri c iIaliani; alIri quaranIacinquc furono scarIaIi c si Icnncro in
considcrazionc solo quclli rodoIIi dallc fallricIc d'arni di Torino,
Drcscia c Torrc AnnunziaIa. Darina la connissionc avcva faIIo
cscguirc gli cscrincnIi su oIIuraIori VcIIcrli aosiIancnIc cosIruiIi,
na lcn rcsIo ci si accorsc cIc Ialc sisIcna di cIiusura non oIcva
scrvirc cr lc cannc di iccolo calilro, soggcIIc a grandi rcssioni,
crcIc il cilindro con l'aoggio osIcriorc c lonIano dal fondcllo non
rcsisIcva. Vicnc cr da cIicdcrsi crcIc ncl 1915 nolIi VcIIcrli fu-
24
rono IrasfornaIi in calilro 6,5 cr ovviarc alla scarsiI di fucili no-
dcllo 91 dcrivanIc dalla noliliIazionc gcncralc. CcrIo non c cIc ncl
fraIIcno la sIagionaIura avcssc rcso iu rolusIi cd cfficicnIi i congc-
gni di cIiusura. Conunquc, la connissionc scarI il VcIIcrli c, csa-
ninaIi IuIIi i sisIcni d'oIIurazionc sIudiaIi in IIalia c all'csIcro, roo-
sc al ninisIcro dclla gucrra di indirc un concorso.
Il Icrninc uIilc cr la rcscnIazionc dci nodclli fu fissaIo al 31 di-
ccnlrc 1891. Concorscro, olIrc al caiIano DcrIoldo, al naggiorc
Frcddi c al naggiorc ViIali, ancIc il laronc Fcrdinand von MannlicIcr
c FcIcr Faul Mauscr, i fucili dci quali vcnivano in qucgli anni adoIIaIi
I muggoc Guscppc Vtu I cupotccnco Suuutoc Cucuno
in quasi IuIIi i acsi dcl nondo, dall'ArgcnIina alla Cina, dalla Co-
lonlia alla Scrlia, dalla Dolivia alla Fonania, dall'Olanda all'Ecua-
25
dor, dalla Sagna al Mcssico, dal Cilc al ForIogallo. Fcr ragioni di sc-
grcIczza a Mauscr c a von MannlicIcr vcnncro daIc, olIrc ad alcunc
carIuccc dal lossolo orlaIo, cannc calilro 6,5 a rigaIura clicoidalc; si
volcva cviIarc cIc si diffondcssc l'invcnzionc dcllc rigIc rogrcssivc.
Furono incaricaIc di concorrcrc ancIc lc quaIIro fallricIc darni na-
zionali, qucllc cioc di Torino, Drcscia, Torrc AnnunziaIa c Tcrni.
Alla finc furono scclIi il nodcllo rcscnIaIo dalla fallrica darni di
Torino c, solo cr quanIo riguarda il sisIcna d'alincnIazionc, il
MannlicIcr Icdcsco nodcllo 88, ncglio noIo conc Mauscr Konnis-
sion. Conc congcgno di oIIurazionc cnIranli i nodclli avcvano qucllo
rcscnIaIo dalla fallrica darni di Torino c sIudiaIo dal caoIccnico
rincialc di qucsI'arscnalc, SalvaIorc Carcano. E un oIIuraIorc cIc
ncl congcgno di sicurczza dcriva da qucllo adoIIaIo ncl 1867 cr Ira-
sfornarc a rcIrocarica c ad acccnsionc ad ago i vcccIi fucili a lac-
cIcIIa; cr il rcsIo c isiraIo al sisIcna Mauscr. conc qucsIo Ia lc
alcIIc fronIali c il crcussorc si arna acna vicnc alzaIo il nanulrio.
La sIoria di SalvaIorc Carcano c iuIIosIo scialla. Non ci Iroviano
di fronIc a un crsonaggio cccczionalc conc l'invcnIorc dclla niIra-
gliaIricc auIonaIica, Hiran Main, il qualc fccc dccinc di ncsIicri, dal
IorniIorc in lcgno al larisIa, dal dccoraIorc al ugilc, c il cui gcnio o-
licdrico rodussc csIinIori auIonaIici, dcnagncIizzaIori di orologi,
una iIIura sosIiIuIiva dclla lavagna cr usi scolasIici, Iraolc cr
Ioi, sisIcni di illuninazionc a gas c a clcIIriciI, rina di dcdicarsi a
qualcosa cIc crncIIa agli curoci di scannarsi con naggior faciliI.
Carcano non cllc nc la ncnIaliI ullliciIaria di un ColI nc quclla
conncrcialc di un Drovning. Fcr IuIIa la viIa fu un arIigiano. Conc
26
scrissc MonIu ncl suo sIilc scsso lconasIico, SalvaIorc Carcano cl-
lc nuncrosa rogcnic di lcn dodici figli c IuIIa la sua viIa vcnnc da
lui dcdicaIa al lavoro c alla faniglia. CaraIIcrc lonario c giovialc, go-
dcIIc non solIanIo la sIina, na alIrcsi la fiducia c l'affcIIo di sucriori,
collcgIi cd infcriori, IanIo cIc cra dovcroso ricordarc qucsIo lavoraIorc
nodcsIo c faIIivo cIc nci crfczionancnIi dcllc arni orIaIili lasci
un'orna narcaIa c rofonda.
Carcano cra naIo a Varcsc ncl 1827. A dicci anni rinasc orfano di
adrc c dovcIIc allandonarc gli sIudi cr andarc a lavorarc. L'unico
vcro cisodio luninoso dclla sua viIa, a arIc l'idcazionc dcll'oI-
IuraIorc cr il fucilc d'ordinanza iIaliano, cIc non gli dicdc alcun lu-
sIro crcIc in aIria l'arna fu conosciuIa solo conc nodcllo 91 c
solIanIo all'csIcro vcnnc cIianaIa MannlicIcr-Carcano (na ancIc
Farravicini-Mauscr }, fu la sua arIcciazionc allc Cinquc CiornaIc
di Milano. Ci iacc innaginarc il giovanc Carcano, col volIo sorco di
olvcrc ncra, ncnIrc con un vcccIio fucilc a icIra focaia fulnina gli
ausIriaci dallc larricaIc dcl Vcrzicrc. CIiss cosa avrcllcro faIIo di
un sinilc cisodio gli sIorici ancricani di arni, visIo cIc i loro coloriIi
crsonaggi si Icnncro scnrc alla larga dai cani di laIIaglia? Carca-
no conlaIIc ancIc duranIc la rina canagna d'indicndcnza.
Doo la sconfiIIa, Carcano, conc nolIi lonlardi conroncssi con
la causa dclla lilcrI, cnigr in FicnonIc, dovc ncl gcnnaio 1849 fu
asscgnaIo alla conagnia arnaioli dcl coro rcalc d'arIiglicria. Doo
oco Icno fu noninaIo arIisIa, oi caoralc c quindi scrgcnIc. Ncl
1852, nandaIo in congcdo cr finc fcrna, fu assunIo qualc ocraio
alla fallrica d'arni di Torino. QualcIc ncsc doo vcnnc noninaIo
27
28
I Houuntuno ncc cutonc. Hcu pugnu pcccdcntc, n uto u sn-
stu, unu cutonu cooutu dcu pmu gucu monduc. In uto u dc-
stu, unu spcnddu cutonu d AcIc Hctumc, dscgnutu ncu stcs-
su cpocu. In Iusso, tc unt dcu sccondu gucu monduc uguut
du un uutoc tunto gnotu quunto ncspcto. A putc c posc ctocIc dc
sodut, uc du custoo mpugnut sono un msto d 9l c d
Stc-MunncIc modco lS95; tu um uono dstIutc pc o pu
uc nostc tuppc ndgcnc, c comunquc non u cggmcnt scct comc
5l , 52 c Sl . (Civica FaccolIa SIanc DcrIarclli}
In qucstu pugnu, u snstu, unutu cutonu d AcIc Hctumc,
quuc, comc s ucdc, uucuu u tcndcnzu ud uccocuc un po toppo
cuc dc uc. Comunquc, s not putcouc csutto dcu IocIu su
cuco dc Muusc uscuto cudcc du soduto tcdcsco. A dcstu, qucu
cIc osc c u pu umosu cutonu dcu pmu gucu monduc, dsc-
gnutu du Muuzun. II ucc modco 9l c stzzuto, mu pcmungono lc
suc cuuttcstcIc tpcIc, comc scIutoo spugcntc c Iottonc dc-
ottuutoc.
29
nacsIro di rina classc c addcIIo a lavori di rccisionc conc finiIorc c
livcllaIorc di cannc. Fu quindi incaricaIo di sIudiarc uno sccialc con-
gcgno cr lo scaIIo dci crcussori dci fucili, coniIo cIc, scconda il
MonIu, assolsc gcnialncnIc. FrogcII c cosIrui alcunc naccIinc uIcn-
sili cr la lavorazionc sccialc dcllc cannc, dcllc laioncIIc c dci nirini,
cscgucndo concrcIi IcnIaIivi cr la cosIruzionc di fucili di iccolo cali-
lro a rcIrocarica, sui quali cr non si sa alIro.
Ncl 1854, Canillo Dcnso, conIc di Cavour, cIc si inIcrcssava cr-
sonalncnIc all'arnancnIo dcllc Iruc da nandarc in Crinca, si rcc
alla fallrica darni, dovc vollc conosccrc il Carcano c ordin cIc quc-
sIi fossc ncsso a cao dci lavori ncccssari cr rigarc al iu rcsIo cin-
quanIanila fucili, occorrcnIi cr la scdizionc. Cli sIudi, i rogcIIi c lc
rcalizzazioni dcl valcnIc arIigiano si nanifcsIarono in oorIunc no-
dificIc scnlificaIivc dcllc arni allora in doIazionc. I suoi rodoIIi,
rcscnIaIi all'Esosizionc Nazionalc di Torino dcl 1858, furono rc-
niaIi con una ncdaglia c un dilona d'onorc conscgnaIigli con sc-
cialc solcnniI dal naggiorc d'arIiglicria Ciovanni Solari, allora di-
rcIIorc dclla fallrica darni. In qucll'occasionc Carcano fu saluIaIo
conc colui cIc vcrancnIc dava lusIro allo sIalilincnIo. Ncl 1859 fu
noninaIo conIrollorc di Icrza classc, ncl 1860 conIrollorc di scconda c
ncl 1862 conIrollorc di rina. Ncl 1863 fu nandaIo in nissionc a Fa-
rigi c in alIrc ciII sIranicrc cr collaudarc naccIinc cr la fallrica-
zionc di cannc d'acciaio. Ncl 1865 gli giunsc la nonina a conIrollorc
rincialc di scconda classc c ncl 1867 cllc un rcnio in dcnaro dal
govcrno cr l'oIIuraIorc a nanulrio cui alliano gi acccnnaIo. Ncl
1876 lrcvcII un nuovo alzo cr fucili c caralinc. Lc suc roosIc c
rcalizzazioni furono adoIIaIc in IIalia c all'csIcro, na nanc di nczzi
30
cr arofondirc gli sIudi sullc arni c crfczionarc lc suc crcazioni.
Ncl 1879 fu ronosso caoIccnico rincialc di rina classc c gli
furono confcriIc varic onorificcnzc. Ncl 1892 gli Iocc un alIro rcnio
in dcnaro in scguiIo all'adozionc dcl suo sisIcna d'oIIurazionc c sicu-
ra cr il nuovo fucilc d'ordinanza. Lasci il scrvizio cr ragioni d'cI
ncl 1896; nori a Torino ncl 1903.
EnIranli i nodclli scclIi dalla connissionc avcvano un scrlaIoio
ccnIralc a sci coli. Financva acrIo il rollcna dcll'alincnIazionc.
solo sinulIanca, cioc con caricaIorc a accIcIIo, ourc ancIc suc-
ccssiva, carIuccia cr carIuccia? Frcvalsc il sisIcna dcl caricaIorc
crcIc conscnIc un fuoco iu cclcrc, crcIc l'avcvano adoIIaIo lc alIrc
duc oIcnzc dclla Trilicc Allcanza c crcIc alIrincnIi si sarcllc
crcaIa una ccrIa confusionc ncl scrvizio logisIico causaIa dalla rc-
scnza di carIuccc sciolIc c di caricaIori. Vcdrcno iu avanIi conc la
diffusionc dcllc arni auIonaIicIc avrcllc ncgli anni scgucnIi so-
sIaIo i Icrnini dcl rollcna. Fu cosi cscluso l'arrcsIo o inIcrruIIorc
dclla ricIizionc. E qucsIo un congcgno adoIIaIo nci fucili, cr lo iu
inglcsi c ancricani, di qucll'coca c consisIcnIc in una lana incr-
niaIa soIIo l'oIIuraIorc, la qualc si u fraorrc fra qucsIo c lc car-
Iuccc conIcnuIc ncl scrlaIoio, in nodo da lasciarlc di riscrva ncnIrc il
IiraIorc carica dircIIancnIc la cancra di scoio volIa cr volIa. L'in-
IcrruIIorc, lasaIo sul rcgiudizio duro a norirc sccondo il qualc au-
ncnIarc la cadcnza di Iiro scrvc solo a far srccarc nunizioni, scon-
arvc ncl giro di ocIi anni.
Il caricaIorc a accIcIIo dcl MannlicIcr, fornaIo da un foglio d'oI-
Ionc icgaIo in Irc arIi, di cui una ccnIralc sIrcIIa conc il dianc-
31
Spuccuto dc mcccunsmo dc ucc dodnunzu tcdcsco modco lSSS,
noto uncIc comc Muusc Kommsson . S osscu cucutoc Munn-
cIc nscto ncu scutou-scIutoo.
ncIro dcl fondcllo c lc alIrc duc iu largIc in nodo da IraIIcncrc i
lossoli c doIaIc ciascuna di un caraIIcrisIico foro d'allcggcrincnIo,
cra scnlicc, lcggcro, sinncIrico, ccononico. Fu IuIIavia daIo l'in-
carico di sIudiarc un caricaIorc alla fallrica d'arni di Torino, cIc nc
sforn uno, cIc di divcrso riscIIo a qucllo dcl MannlicIcr avcva solo
il rczzo, IrcnIacinquc ccnIcsini in iu. Von MannlicIcr cIicdcva solo
IrcccnIonila lirc di diriIIi cr l'adozionc non solo dcl suo caricaIorc,
na dcll'inIcro sisIcna di alincnIazionc. FoicIc un nilionc di caricaIo-
ri idcaIi - si fa cr dirc - a Torino sarcllc vcnuIo a cosIarc iu dci di-
riIIi cIicsIi da von MannlicIcr, il 23 arilc 1891 la connissionc
adoII sia il accIcIIo cIc il scrlaIoio dcl laronc ausIriaco. La fallri-
ca d'arni di Torino rcscnI cosi un fucilc cIc fu dcnoninaIo nuncro
uno. Un alIro fucilc, rcscnIaIo dallc fallricIc di Tcrni c Torrc An-
nunziaIa c iu sinilc al MannlicIcr ancIc ncll'oIIuraIorc, fu cIianaIo
nuncro duc. Di cnIranli i nodclli vcnncro rodoIIi nillc cscnlari
32
Cucuto MunncIc udottut pc c um modcc 9l.
cIc furono disIriluiIi a rcarIi di sci rcggincnIi cr csscrc scrincn-
IaIi. La naggioranza dci soldaIi si nanifcsI favorcvolc al nuncro
uno.
Fcrdinand von MannlicIcr, naIo ncl 1848 a Magonza, cra un in-
gcgncrc dcllc fcrrovic ausIriacIc scIIcnIrionali il qualc anava nolIo di
iu lc arni cIc i Ircni, IanIo cIc dcvc la sua fana solo allc rinc. la
fondancnIalc ocra di W. H. D. SniII c J. E. SniII Snall Arns of
IIc World lo dcfiniscc uno dci iu grandi invcnIori d'arni da fuoco
dclla sIoria c affcrna cIc il suo cnsicro rcccdcIIc scnrc di gran
lunga gli svilui dcl suo Icno nci cani dcllc nunizioni c dclla
ncIallurgia. Discgn 150 rogcIIi dal 1878 al 1904, quando una
norIc rcnaIura lo colsc a Vicnna.
Darina MannlicIcr si occu soraIIuIIo di sisIcni d'alincn-
Iazionc; nc invcnI uno consisIcnIc in Irc o quaIIro scrlaIoi Iulolari
33
osIi ncl calcio di un fucilc a oIIuraIorc gircvolc-scorrcvolc c conIc-
ncnIi ciascuno cinquc carIuccc di grosso calilro, oi un alIro a cari-
caIorc risnaIico sIaccalilc c osIo soIIo l'alIro; infinc, ncl 1884 un
Icrzo, inscrililc dal di sora, conc nclla niIragliaIricc lcggcra Madscn,
nci fucili niIragliaIori CIaIcllcraulI 1924-29, Drno nodcllo 1926 c
1930 c Drcn, arni fanosc dclla rina c dclla scconda gucrra non-
dialc. Ncl 1884 rogcII il suo rino oIIuraIorc a Irazionc, diffcrcnIc
da qucllo gircvolc-scorrcvolc crcIc u csscrc acrIo c ricIiuso con
duc soli novincnIi invccc cIc con quaIIro. QucsIo nodcllo Ia alcIIc
roIanIi nclla arIc osIcriorc dclla culaIIa c una scaIola scrlaIoio la-
Icralc, sulla sinisIra. L'anno doo nodific il sisIcna ncdianIc, conc
scrissc il ViIali in un lilrcIIo inIiIolaIo Fucili da gucrra (DillioIcca
ninina niliIarc oolarc, Casa EdiIricc IIaliana, Fona, 1892}, un
unIcllo cIc Irovasi soIIo il cilindro, si alza quando si Iira indicIro il
nanulrio c quindi rcndc lilcra la corsa rcIrograda dcll'oIIuraIorc.
QucsI'arna, adoIIaIa ncl 1886 dall'AusIria con qualcIc nodifica, Ia
gi il sisIcna di alincnIazionc a scrlaIoio con caricaIorc a accIcIIo.
Ncl 1887 conarvc il rino MannlicIcr-ScIocnaucr con un scr-
laIoio in cui lc carIuccc vcngono faIIc disorrc in ccrcIio ncdianIc un
ingranaggio a sIclla. L'oIIuraIorc c dcl Iio gircvolc-scorrcvolc. I1 si-
sIcna dcl cosiddcIIo scrlaIoio roIaIivo vicnc ancora alicaIo allc ca-
ralinc MannlicIcr-ScInaucr rodoIIc dalla SIcyr-Dainlcr-FucI
AlIicngcscllscIafI, alla Savagc 99 c alla Fugcr a caricaIorc sIaccalilc,
arni sorIivc fra lc iu rcgiaIc. E il fruIIo dcgli sforzi conlinaIi dcl
luon laronc, cIc oIIcnnc cr csso un rino lrcvcIIo ncl 1881, c dcl
dircIIorc dclla SIcyr, OIIo ScInaucr. Dcl MannlicIcr nodcllo 1883
alliano gi arlaIo. Ncl 1890 scgui un noscIcIIo d'ordinanza a Ira-
34
zionc con alcIIc anIcriori c ncl 1895 la faniglia di arni lungIc cIc fu
la dircIIa anIagonisIa dci 91 duranIc la grandc gucrra. Von Mannli-
cIcr, cIc ncl 1866 avcva lasciaIo lc fcrrovic, fccc arIc dcl coniIaIo
Iccnico niliIarc incrialrcgio c collalor sIrcIIancnIc con la SIcyr.
Ncl 1899 cnIr a far arIc dclla Cancra AlIa ausIriaca. 1 suoi lrcvcIIi
furono adoIIaIi da sci nazioni curocc c, sccondo i duc SniII, sc il
govcrno ausIriaco lo avcssc aoggiaIo conc fccc la Ccrnania con
Mauscr, avrcllc avuIo succcssi ancora naggiori.
Fcdnund uon MunncIc.
Ncl cano dcllc arni auIonaIicIc von MannlicIcr cllc scarsa forIu
35
na, ancIc sc gi ncl 1885 avcva lrcvcIIaIo un fucilc a canna rincu-
lanIc c acrIura riIardaIa c ncl 1894 una isIola a rinculo invcrIiIo
con scrlaIoio ncl calcio. Solo l'ArgcnIina ncl 1905 adoII un'arna
auIonaIica MannlicIcr, una isIola a canc csIcrno, ncIasIalilc o
con csiIazionc, lrcvcIIaIa ncl 1901, cIc Ia il difcIIo di sararc una
carIuccia oco diffusa, la 7,63 o 7,65 MannlicIcr. Infinc ncl 1903
conarvc una isIola auIonaIica non nolIo dissinilc dalla fanosa
Mauscr da narina. Cosi il nosIro laronc fini un oco ingloriosancnIc
la sua carricra, isirandosi a un'arna discgnaIa dal suo iu cricolo-
so concorrcnIc.
Torniano ora agli cscrincnIi da cui nacquc il 91. Doo i rini
sIudi condoIIi su nunizioni daIaIc di orlo sorgcnIc, il laloraIorio i-
roIccnico di Dologna si oricnI vcrso una carIuccia scnz'orlo, con sca-
nalaIura. Divcnnc allora ncccssaria una nodifica dcll'oIIuraIorc, dcl
scrlaIoio c dcl caricaIorc cIc orI a duc nuovi nodclli, il fucilc nu-
ncro uno lis c il nuncro duc lis. Ancora una volIa fu rcscclIo il
rino. Una Icrza dcnoninazionc s'inosc ncll'agosIo dcl 1891, quan-
do furono adoIIaIc lc gIicrc orIa-alzo c orIa-nirino; nacquc cosi il
fucilc nuncro uno Icr. FcsIava solo da risolvcrc il rollcna dclla
laioncIIa. fissa c riicgalilc ourc anovililc? Fu scclIa la scconda
soluzionc cIc crncIIcva l'inicgo dcll'arna lianca ancIc conc u-
gnalc o aIIrczzo. Lc caraIIcrisIicIc dclla laioncIIa c di IuIIc lc arni
dclla faniglia 91 sono dcscriIIc da Fuggcro Dclogi nclla scconda arIc
dcl volunc.
Il caiIano Siracusa c il caoIccnico Daroldo dclla fallrica darni di
Torino rcscnIarono una nodifica cIc avcva il coricanna in cuoio, la
canna lunga 73 ccnIincIri (cinquc in ncno di quclla oi adoIIaIa}, un
36
canc iu largo, l'aIIacco dclla laioncIIa sul laIo dcsIro c una sicura a
lcva invccc cIc a nascllo. Non cllcro succcsso. Al nusco d'arIiglicria
di Torino si Irovano alIrc duc arni sinili con coricanna in cuoio.
Fanno arIc d'una scric di fucili scrincnIali su cui non siano ri-
usciIi a sacrc iu di quanIo c scriIIo sui carIcllini. Uno di qucsIi fu-
cili c dcfiniIo Mauscr N. 2 calilro 6,5. Alzo a riIIo con cursorc. OIIu-
raIorc cIc diffcriscc dal N. 1 cr l'csIraIIorc c scanalaIura di carica-
ncnIo cr iasIrina. SIudio cr 1891. FrolalilncnIc c uno dci no-
dclli cIc orIarono al rogcIIo dcl Iio N. 2, qucllo cIc non vcnnc
adoIIaIo. Lo sIcsso si u dirc di un fucilc il cui carIcllino orIa la di-
ciIura Mauscr a ricIizionc sisIcna MannlicIcr. CIiusura ad alcIIc
anIcriori. Alzo a quadranIc con cursorc. Calilro 6,5. Escricnzc.
Lu modcu u ucc modco 9l popostu du cuptuno Sucusu c du
cupotccnco Huodo dcu uIIcu dum d Tono. S not cIc u putc
u poszonc dcu Iuoncttu c copcunnu d cuoo, umu c uguuc u
unu d scc. S not uncIc u tcstu dc tuucsno pcscntc nc pmss-
m cscmpu.
I1 fucilc indicaIo conc Mauscr-MannlicIcr TEFNI Iio 2 lis no-
dcllo '93 con canna da '91 c scialola laioncIIa. Canna lunga n 0,72,
calilro 6,5. Fcso lg 4,400 oIrcllc csscrc qucllo rodoIIo dallc fal-
lricIc di Tcrni c Torrc AnnunziaIa c nodificaIo in scguiIo all'adozionc
dclla carIuccia scnz'orlo; IuIIavia quclla daIa 1893 ci lascia crlcs-
si. Non sussisIono invccc dulli cr il fucilc scgucnIc, cIc dcvc csscrc
il suo concorrcnIc iu forIunaIo. Fucilc iIaliano Iio N. 1 lis a cari-
37
cancnIo nulIilo sisIcna MannlicIcr. Cilindro di cIiusura scor-
rcvolc-gircvolc con aoggio anIcriorc. Congcgno di sicurczza a na-
scllo cIc Iicnc la nolla arnaIa. In cscrincnIo alla finc dcl 1891.
ForIa incisc sullc facccIIc dclla canna lc scriIIc TOFINO c N. 24, il
cIc fa rorio cnsarc si IraIIi dcl MannlicIcr-Carcano. Ma il fucilc
scgucnIc ci fa riionlarc nclla crlcssiI. Fur csscndo narcaIo TO-
FINO c N. 23, c dcfiniIo Fucilc 1891 N. 2. CaricancnIo nulIilo
sisIcna MannlicIcr. Cilindro di cIiusura scorrcvolc-gircvolc con a-
oggio anIcriorc. FigaIura rogrcssiva calilro 6,5. In cscrincnIo alla
finc dcl 1891. SIudio. Sc qucsI'arna fu faIIa a Torino, crcIc orIa la
dcnoninazionc N. 2, daIa ai roIoIii dcllc duc fallricIc ccn-
Iro-ncridionali?
Scguono alIri Irc fucili aIIriluiIi a un invcnIorc di cui non sa-
iano nulla, un ccrIo Cozzi. II laIo sinisIro dclla culaIIa, visIo dal-
l'alIo, non corrc arallclo all'oIIuraIorc, na dcscrivc una curva cIc va
ad unirsi all'ancllo di avviIaIura dclla canna. Duc Ianno i narcIi di
Torino c i nuncri 22 c 25. Sono dcfiniIi riscIIivancnIc nuncro 1 c
nodificaIo. Il rino Ia un oIIuraIorc con orlo c caricaIorc sinnc-
Irico a scIIorc circolarc. FoIrcllc csscrc una dcfinizionc arossina-
Iiva dcl caricaIorc originalc MannlicIcr. II sccondo Ia un oIIuraIorc
con IcsIa gircvolc nuovo Iio nodificaIo. Sono indicaIi conc sIudi
cr il 1891. Il Icrzo, dcfiniIo N. 2 lis, orIa i narcIi TEFNI c 16.
Il carIcllino dicc OIIuraIorc con IcsIa gircvolc carIuccia con orlo.
Scialola laioncIIa Iio nodcllo 1891. Sulla culaIIa duc fcrni cr
l'alicazionc dcl cannoccIialc. E sIrano cIc 1a laioncIIa fossc gi
dcl Iio d'ordinanza quando il nunizionancnIo cra a carIuccia con
orlo.
38
Fuc spcmcntu studut pc udozonc dc ucc tuuno d pccoo
cuIo. Duuto. Muusc H 2 cuIo b,5, uzo u tto con cusoc;
Muusc u pctzonc sstcmu MunncIc, cuIo b,5; Muusc - Munn-
cIc Tcn tpo 2 Is modco 93, cuIo b,5; ucc tuuno tpo H l Is
u cucumcnto mutpo sstcmu MunncIc; ucc lS9l H 2, cucumcn-
to mutpo sstcmu MunncIc, gutuu pogcssuu cuIo b,5.
39
Nclla sIcssa vcIrina sono rcscnIi alIri fucili scrincnIali. Uno Ia il
nirino a crocc. Un alIro Ia la canna cilindrica, di lcn duc ccnIincIri
di diancIro. Il calilro indicaIo c di 7 nillincIri. Non u csscrc uno
dci rinissini cscnlari scrincnIaIi dal naggiorc DcncdcIIi crcIc
l'oIIuraIorc c iu o ncno conc qucllo dcl 91. Un alIro Ia una laio-
ncIIa lunga 69 ccnIincIri, icgIcvolc sul laIo sinisIro. E dcfiniIo conc
uno sIudio faIIo a Drcscia ncl 1893. Un alIro ancora c in gran arIc
cosIiIuiIo da czzi dcl fucilc ausIriaco SIcyr-MannlicIcr nodcllo 1895.
QucsIi duc cscnlari non Ianno ccrIo avuIo a cIc farc con la gcncsi
dcl 91, na gli alIri Ianno giocaIo scnz'alIro un ruolo iu o ncno
inorIanIc ncllo sIudio dcl fucilc cIc fu conagno di Irc gcncrazioni
di iIaliani.
Modc spcmcntu d 9l. In uto, modco co mno u cocc. In Iusso,
modco u cunnu cndcu, cuIo ? mmct.
Ornai il lalorioso arIo dcl nuovo fucilc d'ordinanza in iccolo ca-
lilro cra giunIo a luon finc. A1 Icrninc di una scduIa duraIa cinquc
giorni, il 5 narzo 1892 la Connissionc adoII il fucilc N. 1 Icr, dcno-
40
ninandolo nodcllo 1891. La dccisionc fu sanciIa dal ninisIcro dclla
gucrra il 29 narzo con l'aIIo nuncro 57. Il fucilc vcnnc dcsIinaIo alla
fanIcria c i rini cscnlari furono disIriluiIi agli alini, cIc al osIo
Cutonu dcu nc dc sccoo scuso uguuntc un upno con un-
omc ognuu c umuto d ucc modco 9l.
dcl Iradizionalc cacllo floscio orIavano ancora una lonlcIIa con la
cnna ncra. InIanIo si sIudiava un noscIcIIo con la canna lunga solo
41
45 cn, la cassa nolIo corIa, un alzo iu conaIIo c una laioncIIa
icgIcvolc c a sczionc Iriangolarc, da darc in doIazionc alla cavallcria,
allc conagnic ciclisIi c ai ciclisIi addcIIi ai conandi. Fu adoIIaIo il 9
giugno 1893 c vcnnc forniIo ancIc ai caralinicri. Il 23 agosIo dcllo
sIcsso anno fu adoIIaIa la carIuccia a niIraglia cr ordinc ulllico c
scrvizi di guardia dcnoninaIa nuncro uno. Fcr lc suc caraIIcrisIicIc,
conc cr qucllc dcllc alIrc nunizioni cr la faniglia dcllc anni 91, ri-
nandiano alla Icrza arIc di qucsIo lilro.
I1 fucilc cra acna sIaIo adoIIaIo cIc nasccvano i rini scandali,
lcn rcsIo sgonfiaIi, c lc rinc olcnicIc. QucsIc crano originaIc dal
dullio cIc nolIi nuIrivano sul oIcrc d'arrcsIo d'un roicIIilc cosi
iccolo c si sarcllcro IrascinaIc a lungo. QuanIo agli scandali, crano
il fruIIo di noIizic falsc, non saiano sc da caIalogarc conc Iuons
dcssu o conc scnlici canIonaIc. Darina si dissc cIc i Dcrvisci
dcl MaIdi, sconfiIIi dallc Iruc iIalianc il 17 luglio 1894, crano ri-
usciIi a caIIurarc alcuni cscnlari dcl nodcllo 91. Un disaccio in Ial
scnso, diffuso in Francia da un'agcnzia di sIana, dcsI un ccrIo al-
larnc ncll'oinionc ulllica, cIc fu rassicuraIa solo quando vcnnc
conunicaIo cIc lc forzc iIalianc in Africa crano ancora arnaIc con i
vcccIi VcIIcrli. Ma ornai la noIizia dclla violazionc di un sinilc sc-
grcIo niliIarc cra Iroo gIioIIa crcIc vcnissc lasciaIa cadcrc ncl
nulla c un quoIidiano si gcII a cscc sul scqucsIro di quaranIun
cassc di fucili 91 coniuIo dalla dogana iIaliana ncnIrc si IcnIava di
csorIarlc clandcsIinancnIc. Si vcnnc oi a sacrc cIc lc cassc non
crano involucri, na la arIc in lcgno dci fucili, in arolc ovcrc, il cal-
cio. Il giallo crdcva cosi IuIIa la sua inorIanza, na il nisIcro rina-
ncva insoluIo. a cIi c a cIc cosa oIcvano scrvirc lc arIi in lcgno dcl
42
nuovo fucilc?
SuliIo doo scoi un alIro scandalo. FarcccIi giornali ullli-
carono lc incisioni dci noscIcIIi 91 da cavallcria cIc cIiunquc oIcva
conrarc ncllc arncric di Milano, Fircnzc c Drcscia, assicnc allc rc-
laIivc nunizioni c luffcIIcric. Si vcnnc a sacrc cIc si IraIIava di arni
ncssc insicnc con czzi di scarIo acquisIaIi da un arIigiano di Car-
donc ValIronia alla fallrica di Tcrni conc fcrro vcccIio c con cannc
rulaIc. Furono roccssa. dicioIIo fra arnaioli c ocrai; dicci vcnncro
assolIi c gli alIri condannaIi a cnc niIi. Lc auIoriI conunquc vollcro
rassicurarc l'oinionc ulllicando un conunicaIo ncl qualc si affcr-
nava cIc l'unico scgrcIo riguardanIc i 91 vcrancnIc inorIanIc (c
gclosancnIc IuIclaIo} riguardava i sisIcni di roduzionc, in arIicola-
rc la rigaIura dcllc cannc a inclinazionc rogrcssiva.
In rcalI il 91 non cra un'arna cIc oIcssc dcsIarc la cuidigia di
alIrc nazioni. I sisIcni di alincnIazionc c di cIiusura crano raIi-
cancnIc naIi in AusIria c in Ccrnania, salvo la sicura Carcano, vcc-
cIia di un quarIo di sccolo. La rigaIura aralolica non vcnnc adoIIaIa
da ncssun alIro cscrciIo c alla finc fu scarIaIa ancIc in IIalia. Il cali-
lro 6,5 cra sIaIo adoIIaIo con un lcggcro anIicio dalla Fonania cr i
suoi MannlicIcr-ScIocnaucr cosiccIc - conc scrissc il ViIali ncl li-
lrcIIo ciIaIo - sc da una arIc c quasi a dclorarsi cIc alIri acsi forsc
rina di noi saranno arnaIi d'un fucilc doIaIo di un calilro fruIIo
dcllc indcfcssc faIicIc dcl Ccncralc Farravicino, dall'alIra qucsIa con-
Irorova c arra di sicura scclIa. A nosIro arcrc gli scandali sionisIi-
ci dcl 91 crano in fondo noIivaIi dalla riccrca di qucsIa arra di sicura
scclIa. L'IIalia cra una iccola nazionc cIc ccrcava di affacciarsi al Ia-
43
Escctuzonc dc l5 cggmcnto Cuuucggc d Lod u pm dc Houc-
ccnto. S notno moscIctt modco lS9l.
volo dcllc grandi; qualc niglior nodo di convinccrsi dclla roria in-
orIanza cIc crcdcrc di avcrc arni nicidiali c invidiaIc da IuIIi?
InIanIo si nanifcsIavano i rini inconvcnicnIi, incviIalili in una
arna acna naIa. I rcarIi cllcro a lancnIarc nuncrosi disIaccIi di
fondclli dai lossoli col rclaIivo danncggiancnIo dcll'oIIuraIorc, noncIc
44
arcccIi inccancnIi cr nancaIa csIrazionc. Furono scgnalaIi an-
cIc guasIi in varic arIi cr difcIIi di fallricazionc c scoi di cannc,
qucsIi ulIini nolIo rari. I1 difcIIo rincialc consisIcva ncll'azionc
corrosiva dclla lalisIiIc. Si IcnI di ovviarvi inicgando la cordiIc, la
olvcrc scnza funo adoIIaIa qualcIc anno rina dalla Cran DrcIagna.
I risulIaIi furono ancor cggiori; infaIIi la cordiIc, cIc c una nodifica-
zionc dclla lalisIiIc, Ia cffcIIi dironcnIi naggiori, daIo cIc si assa
dai 495 nillcsini di niIrogliccrina (iu alIrcIIanIo fulnicoIonc solulilc
c 10 nillcsini di anilina o difclanina} conIcnuIi nclla fornula di Nolcl
a lcn 570 nillcsini di niIrogliccrina, 370 di niIroccllulosa insolulilc,
50 di vasclina c 10 di difclanina. Non cr nulla vcnnc in scguiIo sIu-
diaIa a DirningIan una cordiIc di forna iu iaIIa, dcIIa aiIc, do-
IaIa di roricI lulrificanIi c quindi in grado di sviluarc ninor ca-
lorc ur inrincndo al roicIIilc una vclociI inizialc naggiorc di cir-
ca cinquanIa ncIri al sccondo.
In IIalia la soluzionc fu IrovaIa al olvcrificio di FonIana Liri, al cui
dircIIorc, colonncllo DazzicIclli, si ascrivc il ncriIo di avcr invcnIaIo la
solcniIc, una lalisIiIc cIc Ia la crccnIualc di niIrogliccrina ridoIIa a
favorc dcl fulnicoIonc gclaIinizzaIo. Il nonc dcriva dal faIIo cIc i gra-
ni Ianno una forna di solcnoidi, cioc di corIi IulcIIi, scclIa cr darc
naggior rogrcssiviI. La carica, di granni 2,28, ricnic il lossolo fi-
no al fondcllo dcl roicIIilc, il cIc conscnIiva di clininarc il laIuffolino
di lanlagia cIc occorrcva inIcrorrc ncllo sazio vuoIo lasciaIo dalla
quanIiI ninorc di lalisIiIc. Si risarniavano ancIc lc lirc 1,45 rina
agaIc cr ogni cIilo di lalisIiIc alla socicI Nolcl.
Doo rovc conaraIivc fra lc duc olvcri coniuIc ncl 1895 alla
45
fallrica d'arni di Tcrni, la IcsIa dcll'oIIuraIorc fu nodificaIa con una
solcaIura circolarc a risalIo vivo c il lossolo vcnnc rinforzaIo con un
incavo a corona circolarc sul fondcllo. QucsIo oIcva cosi, soIIo l'cf-
fcIIo dci gas, scIiacciarsi nclla solcaIura scnza cIc si sIaccassc dal
rcsIo dcl lossolo. La nuova carIuccia a solcniIc, dcnoninaIa nodcllo
91-95, fu adoIIaIa ncl fcllraio 1896.
Ncl scIIcnlrc dcll'anno scgucnIc vcnnc il Iurno dcgli csIraIIori
cIc, csscndo Iroo rigidi, causavano quclla arIicolarc forna d'in-
ccancnIo cIc i nanuali niliIari dcfiniscono doia alincnIazionc
c cIc si vcrifica quando, doo lo saro, si ccrca d'inIrodurrc un sc-
condo colo in canna, dovc ancora si Irova il lossolo dcl rino.
Sodut dc ?" untcu, umut d ucc 9l, ccttuuno un suggo dud-
dcstumcnto ncu cuscmu SuntAmIogo d Muno u pncpo dc sc-
coo.
46
McnIrc vcnivano clininaIi quclli cIc gli anglosassoni cIianano guai
dclla dcnIizionc, l'IIalia suliva la csanIc sconfiIIa di Adua. Da iu
arIi c sIaIo affcrnaIo cIc alcunc uniI inicgaIc nclla laIIaglia,
slarcaIc a Massaua arnaIc di fucili 91, sc li vidcro sosIiIuirc con i
VcIIcrli nodcllo 70-87 crcIc non crano sufficicnIcncnIc addcsIraIc
all'inicgo dcllc nuovc arni. La sIoria c cnIro ccrIi liniIi, vcra. Alla
laIIaglia di Adua arIcciarono alini c lcrsaglicri; saiano cIc
qucsIc Iruc furono lc rinc a riccvcrc in doIazionc il fucilc nodcllo
91. E rolalilc cIc lc nuovc arni fosscro sIaIc riIiraIc cr i difcIIi
suacccnnaIi, na la diffcrcnza di nancggio riscIIo al VcIIcrli non cra
Ialc da ncIIcrc in difficolI cr lo ncno agli alini, in gran arIc cac-
ciaIori. Non si ossono cscludcrc alIrc causc; ad cscnio, cIc lc car-
Iuccc non fosscro arrivaIc o cIc lo SIaIo Maggiorc, osscssionaIo dalla
nania dcl scgrcIo niliIarc (ricordiano lo scIcrzcIIo faIIo a von
MannlicIcr c a Mauscr, riguardanIc solo il arIicolarc dcll'orlo dcllc
carIuccc, c i rcIcsi scandali sionisIici} non volcssc riscIiarc cIc
qualcIc 91 cadcssc in nano agli cIioici c vcnissc assaIo ai franccsi.
InfaIIi lc forzc iIalianc affronIarono quclla cIc riIcncvano una dino-
sIrazionc offcnsiva vcrso Adua convinIc, conc dissc il gcncralc Al-
lcrIonc rina dclla laIIaglia, cIc il ncnico oIcssc csscrc sazzaIo
con ocIi coli lcnc asscsIaIi dclla nosIra arIiglicria; rolalilncnIc
si cnsava cIc non fossc ncccssario nigliorarc l'arnancnIo indivi-
dualc.
Conunquc, qualcIc ccnIinaio c ancIc qualcIc nigliaio di fucili
nodcllo 91 in iu non avrcllc canliaIo l'csiIo dclla laIIaglia, crsa
soraIIuIIo cr la scarsa conosccnza dclla zona c cr l'inicgo a siz-
zicIi dcllc Iruc. CcrIo una doIazionc di 162 carIuccc invccc cIc di
47
di 112 (qucsIo c il nuncro rcscriIIo cr gli arnaIi di VcIIcrli 70-87 cd
c lo sIcsso indicaIo ncll'ordinc d'ocrazioni firnaIo da DaraIicri alla
vigilia dclla laIIaglia}, un Iiro Icso di 450 ncIri invccc cIc di 200, ca-
ricaIori a sci invccc cIc a quaIIro coli, avrcllcro auncnIaIo di a-
rcccIio lc crdiIc alissinc, cIc furono dcl 10 cr ccnIo dcgli cffcIIivi,
annonIanIi a olIrc ccnIovcnIinila uonini. Ma rorio qui c il noc-
ciolo dclla qucsIionc. CcnIovcnIinila uonini, arnaIi cr una ncI con
i Cras c i FcningIon a colo singolo c cr l'alIra con VcIIcrli-ViIali c
Mauscr lclgi a ricIizionc, na avcnIi una crfcIIa conosccnza dcl Icr-
rcno c inicgaIi con dccisionc, non oIcvano non sconfiggcrnc quaI-
Iordicinila, di cui 7823 fanIi iIaliani, 6000 indigcni, 1520 arIiglicri
Luncc umut d moscIctt 9l c d uncc modco l9UU unzo dcu
pmu gucu monduc.
48
liancIi c 400 sudancsi nuniIi di fucilc c un nigliaio fra ufficiali,
soIIufficiali c soldaIi arnaIi di rcvolvcr, cr di iu soIIo un conando
incfficicnIc.
I grandi asscnIi dclla laIIaglia di Adua furono una carIa Ioo-
grafica nolIo rccisa, discgnaIa dal gcografo franccsc d'Alladic, c gli
cliografi, cIc sarcllcro sIaIi rcziosi cr lc conunicazioni fra lc quaI-
Iro lrigaIc. TuIIo qucsIo naIcrialc vcnnc lasciaIo a Massaua.
FolcrIo DaIIaglia, nclla sua csauricnIc ocra La rina gucrra
d'Africa (cdizioni Einaudi}, riorIa a confronIo la carIina conscgnaIa
ai conandanIi di lrigaIa rina dclla laIIaglia c la carIa Ioografica
csaIIa. La rina scgna un Icrzo dcllc cinc rcalncnIc csisIcnIi, cr di
iu discgnaIc ncl osIo slagliaIo; IanIo valcva cIc DaraIicri, Dalor-
nida, AllcrIonc, Arinondi cd Ellcna si scrvisscro d'una carIina dclla
val Cardcna.
La naggior cncIrazionc dcl roicIIilc di iccolo calilro non sarcl-
lc scrviIa, conIrariancnIc a quanIo qualcuno Ia scriIIo; gli alissini, i
quali non conlaIIcvano ccrIo su filc sccondo la scuola di Fcdcrico il
Crandc o inquadraIi ncl Iutuon cuc naolconico, di soliIo non avc-
vano la coniaccnza di ncIIcrsi uno dicIro l'alIro cr farsi sararc.
Non si u ccrIo cscludcrc cIc qualcuno, ad cscnio un ufficialc o
uno dci duc giornalisIi caduIi nclla laIIaglia allia usaIo un 91, na
un faIIo dcl gcncrc ovviancnIc non avrcllc alcuna inorIanza sIori-
ca.
MolIo rolalilncnIc il 91 non fu disIriluiIo ncurc allc Iruc
cIc alcunc scIIinanc doo lilcrarono Cassala dall'asscdio dci Dcrvisci
c raggiunscro il forIc di AdigraI cr cvacuarlo c disIruggcrlo.
49
uuuntunn dopo Aduu c ncu stcssu cgonc, Tgc, uscu umut
d moscIctt 9l pc tuppc spccu sncontuno con tuppc nuzonu.
QucsIi rcsidi crano nuniIi di arIiglicria, cr lo iu cannoni da cn
9 DF FcI. c, ccrIo AdigraI, di quaIIro niIragliaIrici Cardncr a nano-
vclla, calilro 10,35 VcIIcrli, doIaIc di 15 ninuIi di fuoco. Il 20 narzo
1896 il quoIidiano La Scra conunicava cIc nczzo nilionc di car-
Iuccc caricIc a lalisIiIc crano sIaIc inviaIc dai dcosiIi di Vcrona a
Naoli cr csscrc scdiIc a Massaua, na rolalilncnIc si IraIIava di
carIuccc da VcIIcrli c conunquc, ancIc sc fosscro sIaIc da 91, non
sarcllcro arrivaIc in Icno, daIo cIc lc colonnc di soccorso crano gi
arIiIc. Solo il 28 naggio giunsc da Fona la noIizia; II ninisIcro dclla
gucrra Ia disosIo cIc IuIIc lc Iruc lc quali rinarranno nclla colo-
nia EriIrca, IanIo iIalianc cIc indigcnc, sicno arnaIc di fucilc nuovo
nodcllo.
50
C'cra cr ancora cIi sosIcncva cIc non solo il 91, na ncurc il
VcIIcrli con roicIIili llindaIi andava lcnc. I1 colonncllo Nava, caI-
IuraIo ad Adua dagli Scioani c rinasIo cr alcuni ncsi rigionicro di
Fas Mangasci, al suo riIorno a Massaua affcrn cIc ncl cano Ii-
grino si vcdcvano nolIissini fcriIi c aIIriluiva ci al nosIro fucilc, il
qualc roducc dcllc fcriIc ncIIc cIc ricscono quindi norIali o di facilc
guarigionc. Il fucilc di nuovo nodcllo acccnIua ancora qucsIo cffcIIo,
cr cui il colonncllo c d'avviso cIc, volcndo oIIcncrc un cffcIIo naggio-
rc c iu nicidialc, val ncglio il fucilc di grosso calilro a alloIIola
scaniciaIa.
I dulli sul roicIIilc di iccolo calilro crano gi naIi doo la can-
agna dcl CIiIral condoIIa dagli inglcsi conIro gli afgani ncl 1895. Lc
alloIIolc Marl II calilro .303 (nn 7,7} csanIi granni 13,90, rivc-
sIiIo di ranc c nicIcl, sviluanIi una vclociI inizialc di 600 ncIri al
sccondo, non crano in grado di ncIIcrc suliIo fuori conlaIIincnIo i
gucrricri ncnici. Ciorgio Orlandi in un suo arIicolo inIiIolaIo La al-
loIIola Dun-Dun, conarso ncl naggio 1966 sulla rivisIa Arnicri,
ciIa il caso di una sia cIc, condannaIa alla fucilazionc, fu IraassaIa
da sci roicIIili alla disIanza di dodici assi c, lasciaIa cr norIa, si
rialz c fuggi. Darina all'inconvcnicnIc ovviarono gli sIcssi soldaIi,
asorIando arzialncnIc l'incaniciaIura dalla unIa a coli di lina,
na il roicIIilc crdcva rccisionc c oIcva addiriIIura scaniciarsi
dcnIro la canna. Ncl 1896 il caiIano DcrIic-Clay, sovrinIcndcnIc alla
fallrica di nunizioni di Dun-Dun, rcsso CalcuIIa, cosIrui una al-
loIIola il cui nuclco di ionlo cra in unIa rivo di caniciaIura. Il
Dun-Dun Marl II Sccial, conc vicnc cIianaIo il nuovo roicIIilc,
cncIrando nclla carnc si csandcva a fungo, roduccndo danni nolIo
51
sinili a quclli di una alla di grosso calilro, ur nanIcncndo lc ca-
raIIcrisIicIc lalisIicIc dci iccoli calilri. AlIri roicIIili csansivi, na
a unIa cava, furono adoIIaIi ncgli anni scgucnIi, fincIc ncl 1899 la
confcrcnza dcll'Aia roili lc alloIIolc non IoIalncnIc incaniciaIc.
In IIalia la naggior arIc dcgli cscrIi ccrc di nininizzarc il ro-
llcna, faccndo rcscnIc cIc lc crdiIc dci CIiIralcsi crano sIaIc di
oIIo uonini c qucllc inglcsi di uno c cIc naggior inorIanza si dovcva
darc alla laIIaglia di Concon, conlaIIuIa il 21 agosIo 1891 duranIc la
gucrra civilc cilcna. OIIonilacinqucccnIo congrcssisIi arnaIi di
MannlicIcr 8 nn sconfisscro oIIonila lalnaccdisIi nuniIi di fucili di
grosso calilro; risulIaIo. 1.000 lalnaccdisIi uccisi, 700 fcriIi c 500
congrcssisIi Ira norIi c fcriIi. Si ncIIcva ancIc in cvidcnza l'cffcIIo
idrodinanico, cIc faccva cslodcrc lc ossa con nidollo c i IcssuIi c gli
organi riccIi di liquidi, quando il roicIIilc li coliva allc lrcvi disIan-
zc. A disIanzc naggiori la alla crdcva sIaliliI c acna Ioccava un
coro si caovolgcva roduccndo fcriIc laccranIi.
A nosIro arcrc, l'inconvcnicnIc iu gravc dcl iccolo calilro c daIo
dal suo conorIancnIo in caso di forIc vcnIo, cIc lo fa facilncnIc dc-
viarc, iu cIc dagli cffcIIi in un coro unano. Il rollcna conunquc
rinasc, IanIo cIc, conc vcdrcno, ncl 1938 fu adoIIaIo un calilro su-
criorc, in raIica non disIriluiIo a causa dclla gucrra; lo sIcsso Mus-
solini, in una riunionc IcnuIa il 29 gcnnaio 1943, dissc. Si cnsava
cIc col fucilc 1891, oIIino, na con alloIIolc unaniIaric, si oIcssc
andarc conIro il carro arnaIo con cannoni da 75.
Conunquc, cr quasi vcnI'anni il nuovo fucilc non cllc occa-
sionc
52
di vcnirc collaudaIo conIro un ncnico aggucrriIo. InfaIIi il non invi-
dialilc onorc di rovarc cr rini il norso dci roicIIili dcl 91 Iocc ai
nilancsi, duranIc la rcrcssionc dci disordini dcl naggio 1898. Lc foIo
sliadiIc dcll'coca crncIIono di idcnIificarc, sia urc a faIica, arIi-
colari cloqucnIi, conc lc lungIc scaIolc-scrlaIoio, nci fucili inugnaIi
da lcrsaglicri c alini. Non c ccrIo il caso di dcfinirc laIIcsino dcl
fuoco una cosi IrisIc circosIanza, nc lc scaranuccc conIro lriganIi
nosIrani, rcdoni africani c locr.
A roosiIo dclla rivolIa dci Docr dolliano ricordarc cIc i narinai
iIaliani i quali si laIIcrono con discraIo coraggio cr difcndcrc i nis-
sionari asscdiaIi a FccIino crano arnaIi con caralinc (c il Icrninc con
cui la Marina dcfiniscc ci cIc lc alIrc arni cIianano noscIcIIo}
VcIIcrli-DcrIoldo-Fcrracciu a Irc coli conIcnuIi in un scrlaIoio ccn-
Iralc. QucsIo faIIo dininuiscc di nolIo l'inorIanza dcll'inicgo dcl
91 duranIc lc ocrazioni in Cina.
TuIIavia, ancIc ncl criodo di acc Irascorso fra la disIriluzionc su
vasIa scala dcl 91 c l'inrcsa di Lilia, il ninisIcro dclla gucrra ricc-
vcIIc dai rcarIi un flusso di lancnIclc c suggcrincnIi cIc IalvolIa
orIarono a nigliorancnIi dcll'arna. QucsIc ricIicsIc, lc rclicIc dclla
dirczionc d'arIiglicria o i risulIaIi dcll'accoglincnIo dci consigli sono
sinIcIizzaIi in ulllicazioni annuali dcl ninisIcro inIiIolaIc QucsIioni
riassunIivc riguardanIi lc arni; ogni fascicolo riorIa i risulIaIi dcl-
l'annaIa rcccdcnIc. Alla scuola d'alicazionc d'arna di Torino si
Irovano i fascicoli cIc vanno dal 1900 al 1912, forIunaIancnIc i iu
inIcrcssanIi cr quanIo riguarda il 91.
Vcniano cosi a sacrc cIc ncl 1900 c ncl 1901 gli arnaioli dci rc-
arIi furono cosIrcIIi a sosIiIuirc 3.200 loIIoni dcll'alzo crcIc si cr-
53
dcva o logorava la roscIIa. I1 rollcna fu risolIo con l'ordinc di riladi-
rc lc roscIIc. Ncl 1902 lc lancnIclc furono una valanga. Il 52, il 72,
l'85 c l'86 fanIcria, l'accadcnia niliIarc c il 3 alini dcnunciavano
ricalcancnIi dclla IcsIa dcl cilindro (oIIuraIorc} c conscgucnIc rc-
sIringincnIo dcl foro d'usciIa dcl crcussorc. Vcnncro forniIi ai cori
norscIIi scciali a viIc cr Icncr fcrni i cilindri-oIIuraIorc c una scric
di quaIIro sinc nuncraIc (1, 2, 3 c 4} cr allargarc i fori. A qualcIc
disarno auIonaIico dcl canc dovuIo al logorancnIo dclla unIa dcl
risalIo clicoidalc dcl canc s'ovvi risondcndo. SaraIi Iroi coli;
lulrificarc di iu. La crcsIa dcl nirino si crdc? FilaIIcrc.
Munu tuun umut d ucc 9l n uzonc n LIu nc l9ll.
54
Il naggior lavoro fu daIo dal coricanna dcl fucilc, cIc si saccava
o crdcva soraIIuIIo sc orIaIo a lracci'arn sulla salla sinisIra
crcIc in Ialc osizionc 1a nollcIIa dclla fasccIIa, urIando conIro lo
zaino, vicnc rcnuIa vcrso l'alIo c lascia sfuggirc il coricanna. Ncl
1903 si sIudiarono lc nodificIc, consisIcnIi in un nuovo coricanna
rivo di arIi ncIallicIc il qualc si collcga alla fasccIIa a sua volIa o-
orIunancnIc adaIIaIa ncdianIc un'aosiIa gola raIicaIa ncl lc-
gno. Cli cscrincnIi cffcIIuaIi duranIc l'agosIo dcl 1904 dal 43 c
dall'80 fanIcria, dal 103 lcrsaglicri c dal 5 alini, cIc riccvcIIcro 250
fucili nodificaIi cr rcggincnIo, dicdcro risulIaIi soddisfaccnIi c ncl
1905 il nuovo Iio di coricanna fu adoIIaIo.
Ncl 1907 sorsc un alIro rollcna, riguardanIc il noscIcIIo 91 cr
Iruc scciali (arIiglicria c gcnio} cnIraIo in scrvizio dicci anni rina.
E un'arna lunga quanIo il noscIcIIo da cavallcria, na con la cassa
cIc arriva a quasi oIIo ccnIincIri dalla volaIa, c doIaIa di una scia-
lola-laioncIIa disinncsIalilc. La lrigaIa d'arIiglicria da nonIagna dcl
22 rcggincnIo lancnIava cIc la scaIola-scrlaIoio dcl noscIcIIo,
quando qucsIo vcniva orIaIo a Iracoll'arn duranIc il Iiro dci czzi,
causava a noIivo dcgli slaIIincnIi incviIalili c dclla rcssionc cscr-
ciIaIa sullc ulIinc cosIolc dclla arIc dcsIra dclla crsona soffcrcnzc
allc Iruc. Il conando di lrigaIa roosc di sosIarc la naglicIIa in-
fcriorc alla arIc sinisIra dcl calcio conc cr i noscIcIIi 91. La dirc-
zionc gcncralc anninisIraIiva d'arIiglicria c gcnio risosc cIc cra allo
sIudio la qucsIionc. La fallrica d'arni di Drcscia roosc Irc nodclli,
quclla di Torino, uno, na quando l'incarIancnIo (cIc innaginiano
ornai iuIIosIo voluninoso} vcnnc soIIoosIo all'iscIIoraIo dcllc
Iruc di nonIagna fu cncsso un vcrdcIIo cIc ricIiana incviIalil-
ncnIc alla ncnoria il classico uovo di Colonlo.
55
Considcrando non csscrc ncccssario cIc ncl scrvizio dcl czzo i
scrvcnIi Icngano il noscIcIIo, oIcndo qucsIo csscrc disosIo a Icrra
vicino al czzo cr nodo da csscrc scnrc a orIaIa cfficacc, si csri-
nc arcrc sfavorcvolc alla roosIa. In rcalI, in un'coca cIc non
siano riusciIi a rccisarc, na scnz'alIro rina dcl 1916, il suggcri-
ncnIo di aggiungcrc alIrc duc naglicIIc sul laIo sinisIro fu accolIo,
conc IcsIinonia l'csisIcnza dcl noscIcIIo TS nodificaIo.
Atgcu somcggutu dc 2? cggmcnto dcu dusonc Lcgnuno du-
untc munouc n Pcmontc nccstutc dc l93S. l pc-_<, soo, oIc du
?5/l3 SIodu cuttuut uAustu. l moscIctt sono modco 9l/24 ; s
notno c poszon utcu dcc mugcttc n um dcuunt pc tuso-
muzonc du uc 9l, quu Iunno nuccc c mugcttc sotto cuco.
56
E noIo da alIrc fonIi cIc gli csIraIIori sulirono nodificIc ncl 1907
c ncl 1912, na ci non risulIa dai riassunIi. L'ulIino fascicolo arla
dcllc luonc rovc daIc dal fucilc duranIc la gucrra di Lilia c addcliIa
i ocIi inconvcnicnIi all'incrizia c alla IrascuraIczza dcl IiraIorc.
Il 91 cra ornai rodaIo. Non c difficilc innaginarc cIc in Lilia la
sua grandc ncnica fu la sallia, cIc cncIrava ncl ncccanisno di
alincnIazionc c quindi ncllc alIrc arIi dcl ncccanisno aIIravcrso
l'acrIura infcriorc dclla scaIola-scrlaIoio. Conc dinosIrano foIo c
crsino discgni di AcIillc DclIranc, vcniva usaIa una cocrIina di Icla
cIc fasciava lc arIi iu dclicaIc. InicgaIo su un Icrrcno scocrIo c
su lungIc disIanzc, il 91 dinosIr lc suc luonc qualiI lalisIicIc.
L'arnancnIo dci IurcIi cra iuIIosIo cIcrogcnco. fucili MarIini-
Hcnry nonocolo, a llocco disccndcnIc, calilro .450 (nn 10,43};
Mauscr nodcllo 1871-84 a novc coli, calilro 11 nillincIri, lcnIi da
caricarc a causa dcl scrlaIoio Iulolarc, Mauscr nodcllo 1890 calilro
7,65, con scaIola scrlaIoio sorgcnIc c infinc fucili nodcllo 1893 c
1903 c noscIcIIi nodcllo 1905, ancIc qucsIi a sisIcna Mauscr, na
con scrlaIoio inIcrno. I Mauscr in 7,65 (da non confondcrc con lc
carIuccc da isIola di calilro ugualc, na assai ncno oIcnIi} crano
IuIIi a cinquc coli, na cr quanIo riguarda il oIcrc d'arrcsIo c l'in-
crncaliliI riscIIo alla sallia crano lcggcrncnIc sucriori al 91.
La gucrra lilica dicdc luogo a un auncnIo dclla roduzionc di arni
lungIc rivclaIosi rovvidcnzialc cr il grandc sforzo cIc lc fallricIc di
Tcrni c di Drcscia, lc unicIc rinasIc a fallricarc fucili c noscIcIIi
doo la arzialc cIiusura dcgli sIalilincnIi di Torino c Torrc Annun-
57
Fucc dc 52 untcu duuntc u cumpugnu d LIu. Honostuntc c
poszon Iccosc d sodut c ucu, ncmco non c moto ucno, co-
mc ndcuno c um n scuu, c copctnc d tcu c uddttuu uz-
zoctto u quudctt cIc uscuno mcccunsm d ucun uc.
ziaIa, dovcIIcro affronIarc duranIc la rina gucrra nondialc. Fcr au-
ncnIarc ancora la roduzionc, cIc fra il gcnnaio 1912 c l'arilc 1913
cra assaIa da 540 a 2500 fucili ncnsili a Tcrni c da 500 a 1700 no-
scIcIIi a Drcscia, furono oIcnziaIi gli inianIi c assunIi nuovi ocrai,
ncnIrc lc riarazioni dcllc arni orIaIili vcnncro affidaIc dircIIancnIc
allc dirczioni d'arIiglicria. I1 22 oIIolrc 1914 la roduzionc ncnsilc
cra di Ircnila fucili a Tcrni c ducnila noscIcIIi a Drcscia. A causa
dclla disIriluzionc dcl nodcllo TS in Lilia c in Egco, alcuni cor-
58
i dcll'cscrciIo ncIrooliIano furono cosIrcIIi ad arnarc con fucili
Iruc cIc dovcvano invccc csscrc nuniIc di noscIcIIo.
Ncl 1915 la roduzionc di fucili crcllc ancora (6.000 il 1 gcnnaio,
8.745 ncl fcllraio, 14.400 il I luglio} ncnIrc quclla di noscIcIIi non
cllc un incrcncnIo cosi forIc (riscIIivancnIc 3.000 c 3.400 allc ri-
nc dcllc duc daIc ora indicaIc}. Occorrcva cr auncnIarc la riscrva,
cioc il nuncro di arni dcsIinaIc a funzionarc da nuclco lasc cr i ri-
fornincnIi nornali dcllc Iruc ocranIi c cr l'arnancnIo dcl crso-
nalc non addcsIraIo afflucnIc nci rini giorni di noliliIazionc ai vari
dcosiIi. Talc cifra cra ncll'arilc 1915 di 200.000 arni, olIrc allc
50.000 aarIcncnIi allc socicI di Iiro a scgno. Si dccisc di sosIiIuirc,
al noncnIo dclla dicIiarazionc di gucrra, lc arni nodcllo 91 in doIa-
zionc allc Iruc coloniali c all'arIiglicria di forIczza con i corrison-
dcnIi Iii di VcIIcrli 70-87.
Ncll'agosIo 1914 ognuno dci 700.000 fucili dcll'cscrciIo canalc di-
soncva di 700 carIuccc, ncnIrc ognuno dci 90.000 noscIcIIi nc avc-
va 600. Ncl diccnlrc 1914, Cadorna, sulla lasc di noIizic cIc di-
nosIravano conc il consuno di nunizioni nclla gucrra curoca, co-
ninciaIa da quaIIro ncsi, raggiungcva vcrIici rina non innagina-
lili, ordin cIc il nunizionancnIo vcnissc orIaIo a 2.000 coli cr
arna, na nonosIanIc cIc i laloraIori iroIccnici di Caua c Dologna
adoIIasscro l'orario conIinuaIo di 24 orc su 24, conrcsi i giorni fcsIi-
vi, assuncndo ocrai sIraordinari c acquisIando nuovc naccIinc, no-
nosIanIc cIc lo sIalilincnIo dclla SocicI McIallurgica IIaliana a Dar-
dalonc singcssc la roduzionc al nassino, non si raggiunscro nc-
urc lc 900 carIuccc cr arna. La ragionc di ci va riccrcaIa ancIc
59
ncl faIIo cIc cr lc niIragliaIrici (c non si oIcva far divcrsancnIc} cra
sIaIo rcvisIo un nunizionancnIo di 100.000 coli l'una. In raIica, il
rifornincnIo giornalicro cra di una carIuccia cr arna orIaIilc c di
100 cr niIragliaIricc.
IndicaIiva dcl raorIo fra i vari Iii di arni 91 c una Ialclla ul-
llicaIa fra gli allcgaIi dcl volunc I-lis Lc forzc lclligcranIi dclla scric
L'cscrciIo iIaliano nclla Crandc Cucrra (1915-1918}, cdiIa dall'ufficio
sIorico dcl conando dcl coro di SIaIo Maggiorc, ninisIcro dclla gucr-
ra. Sccondo qucsIa Ialclla, il 1 gcnnaio 1915 ncl IcrriIorio ncIroo-
liIano si Irovavano 900.000 fucili, 95.000 noscIcIIi c 76.200 no-
scIcIIi T.S., noncIc 1.316.000 arni nodcllo 1870-87, conrcsc
qucllc ncllc colonic c 500.000 vcnduIc il 2 naggio 1914 alla diIIa
Zunino c FosscIIi, cIc cr non lc riIir, lasciandolc a disosizionc
dcllc forzc arnaIc iIalianc.
AlIrc ocIc cifrc danno la nisura dcllo sforzo coniuIo duranIc la
gucrra dagli arscnali niliIari iIaliani; Tcrni rodussc 2.063.750 fucili c
1.600.000 laioncIIc. Drcscia, olIrc a sfornarc ncl corso di IuIIa la
gucrra 534.000 noscIcIIi, rodussc ancIc 5.131.000 arIi sIaccaIc,
ncnIrc lc fallricIc di Torino c Torrc AnnunziaIa conirono lc ria-
razioni. A Tcrni furono ancIc riuIilizzaIc lc scialolc-laioncIIa cr fu-
cilc 70-87, lc quali cllcro la lana IagliaIa in duc; con lc unIc si fccc-
ro laioncIIc cr fucili 91 c ugnali cr gli ardiIi, con il rcsIo laioncIIc
cr i VcIIcrli nodificaIi cr il calilro 6,5 c nuniIi di scrlaIoio Iio
MannlicIcr. Non conosciano il nuncro csaIIo dci VcIIcrIi IrasfornaIi,
na non sucr ccrIo i 400.000 cscnlari, daIo cIc novcccnIonila fu-
rono vcnduIi alla Fussia, la qualc, affanaIa di arni, nc conrava in
Ciaonc, ncgli SIaIi UniIi c dovunquc oIcssc.
60
A snstu, ucc Vcttc modco lS?U-S?l9l5 con scuIou-Iuoncttu
uccocutu. A dcstu, moscIctto Vcttc modco lS?U-S?-l9l5 du cuu-
Inc con u Iuoncttu nustutu. S notno c scutoc-scIutoo tpo 9l.
61
A snstu moscIctto modco lS?U-S?-l9l5 con Iuoncttu cupouotu. A
dcstu, moscIctto Vcttc modco lS?U-S?-l9l5 du tuppc spccu.
62
OlIrc cIc cr i narcIi inrcssi sullc facccIIc, i fucili nodcllo 91
rodoIIi ncllc divcrsc fallricIc si riconoscono cr alcunc caraIIcri-
sIicIc arIicolari. Quclli cosIruiIi a Drcscia c a Torrc AnnunziaIa Ian-
no il nirino sorgcnIc dircIIancnIc dalla canna ncnIrc i fucili ro-
doIIi a Torino c Tcrni lo Ianno sorgcnIc da una fasccIIa invcsIiIa
sulla canna. I fucili 91 usciIi dalla fallrica di Tcrni Ianno la cassa
iu corIa di un ccnIincIro csaIIo riscIIo a quclla dcgli sIcssi nodclli
cosIruiIi ncllc alIrc Irc fallricIc, cosiccIc nci rini, a laioncIIa ina-
sIaIa, la canna dcll'arna sorgc di un ccnIincIro olIrc l'ancllo dclla
crocicra, ncnIrc ncgli alIri la volaIa c alla ari. I fucili di Torino, Drc-
scia c Torrc AnnunziaIa Ianno il nuncro di naIricola inrcsso ancIc
sulla arIc sinisIra dcll'alzo olIrc cIc, conc ncllc arni rodoIIc a Tcr-
ni, su una facccIIa dclla canna c sul lcgno dcl calcio. Infinc, lc fallri-
cIc di Torino, Drcscia c Torrc AnnunziaIa usavano csclusivancnIc
faggio cr lc cassc dci fucili da cssc rodoIIi, ncnIrc Tcrni inicg
alIcrnaIivancnIc duranIc lc varic cocIc di forniIura frassino c faggio.
Trc niliardi c 616 nilioni di carIuccc cr arni 91 vcnncro rodoIIi
duranIc il confliIIo, alla finc dcl qualc la roduzionc giornalicra cra di
3.400.000 nunizioni.
Fucili c noscIcIIi 91 furono dcgni avvcrsari dcgli SIcyr-MannlicIcr
nodcllo 1895 ausIriaci, riscIIo ai quali avcvano una caaciI dcl
scrlaIoio naggiorc di un colo, na un oIcrc d'arrcsIo c una cclcriI
di Iiro ninorc, daIo cIc i fucili dcl ncnico crano in calilro 8 nillincIri
c con oIIuraIorc solo scorrcvolc.
Il caricaIorc a accIcIIo iIaliano c nigliorc di qucllo ausIriaco cr-
cIc qucsIo c a forna di arallclcicdo, cioc asinncIrico, c quindi
63
u csscrc infilaIo ncl scrlaIoio da una arIc sola, ocrazionc iu
conlicaIa ncll'oscuriI o ncll'ccciIazionc dcl conlaIIincnIo.
Sucriori ai 91 c ai MannlicIcr crano i Mauscr inicgaIi dallc
Iruc IcdcscIc, daIo cIc l'alincnIazionc a iasIrinc conscnIiva di
ricnirc il loro scrlaIoio, cIiuso infcriorncnIc, con carIuccc sciolIc
rcsc da nasIri di niIragliaIrici. Il 91 c lo SIcyr-MannlicIcr oIcvano
csscrc caricaIi solo col caricaIorc a accIcIIo (ourc usaIi a colo
singolo}, caricaIorc cIc si crdcva facilncnIc crcIc con 1'ulIino col-
Funtcu tuunu su Montco nc l9lS.
o cadcva fuori dall'arna. Era qucsIo un difcIIo causaIo dal faIIo cIc
all'inizio dcgli anni NovanIa lc niIragliaIrici crano cosi oco diffusc da
non rcndcrc ncccssaria l'inIcrcanlialiliI dcl nunizionancnIo; c
consolanIc il faIIo cIc ncl 1930 Carand ricIc l'crrorc rogcIIando il
64
fucilc scniauIonaIico cIc ncl 1939 sarcllc sIaIo adoIIaIo dagli SIaIi
UniIi, in un'coca in cui Ialc csigcnza cra nolIo iu scnIiIa. Si Icnga
inolIrc rcscnIc cIc i caricaIori a accIcIIo MannlicIcr sIringono lc
carIuccc su una sola fila, il cIc riducc di nolIo gli inccancnIi,
ncnIrc il caricaIorc dcl Carand (conc i scrlaIoi dci Mauscr dci
Lcc-Enficld} IraIIcncndo i coli su duc filc c disosIi a quinconcc, u
crncIIcrc alla unIa dcl roicIIilc di urIarc conIro la lasc dclla can-
na corrisondcnIc al vivo di culaIIa c lloccarsi.
Non risulIa siano sIaIi disIriluiIi 91 a cannoccIialc cr il ccccIi-
naggio, ncnIrc c noIissino l'uso di congcgni di nira Iclcscoici da
arIc di quasi IuIIc lc alIrc nazioni lclligcranIi.
In concnso l'auIorc c riusciIo a Irovarc Ira alcunc foIo scaIIaIc dal
suo rozio, scrgcnIc UnlcrIo MonIina, ncl 1916, sul nonIc Fonlon,
la rova dcll'inicgo da arIc iIaliana dcl 91 con criscoio. Il fucilc
vcniva incavalcaIo su un Iclaio di lcgno c doIaIo di un conlcsso di
Apn otoguut nc l9lb su montc HomIon ntono u un ucc 9l
munto d pcscopo (n uto u ccnto).
65
scccIicIIi cIc conscnIivano di nirarc sIando inIcrancnIc al riaro
dcnIro la Irincca.
Scntncu upnu umutu d ucc 9l duuntc u pumu guccu mon-
duc. S not pcsuntc ucstuo cIc mpcdscc u soduto d uuccus
c gIcnc mod. l9U?
66
EsisIono IcsIinonianzc in lasc allc quali ossiano affcrnarc cIc
noscIcIIi 91 furono orIaIi in volo da aviaIori iIaliani alncno fino al
1916, na non ci risulIa cIc Iali arni alliano allaIIuIo aarcccIi
ncnici in duclli acrci; in concnso il fuoco di fucilcria da Icrra inflissc
arcccIic crdiIc all'aviazionc ausIriaca, cIc crdcIIc in Ial nodo cr-
sino un dirigililc.
L'indusIria iIaliana Ira il 1915 c il 1918 fu scnz'alIro all'alIczza
dclla siIuazionc, ur rcalizzando rofiIIi ccccssivi. olIrc allc cifrc ora
csosIc Iornano a suo onorc alcuni rinaIi, conc la crcazionc dclla
rina isIola niIragliaIricc rcalizzaIa ncl nondo, la Villar Fcrosa no-
dcllo 1915, calilro 9 CliscnIi, linaIa, da cui dcrivarono i rini niIra
iIaliani, dcl iu vclocc acrco da ricognizionc dcl Icno, lo SVA, di oI-
Iini lonlardicri conc i Caroni.
Lo sIcsso non si u dirc dcl vcnIcnnio fascisIa; nonosIanIc i
Custc Hcnto, 2S muzo l94U. Ituo HuIo pussu n ustu puucudut-
st Ic umut uncou co moscIctto 9l u Iuoncttu pcguIc.
67
Cocoguu dc cgmc. s notno Iosso uccotumcntc nut suc
puntc dcc Iuoncttc.
68
lcllicosi sIronlazzancnIi nussoliniani, il acsc affronI la gucrra in
condizioni cIc dcfinircnno ridicolc sc non avcsscro orIaIo all'inuIilc
sacrificio di ccnIinaia di nigliaia d'iIaliani. Non c qucsIo il luogo cr
arlarc dci lcnIi acrci a noIorc sIcllarc, dcllc navi da gucrra scnza ra-
dar, dci carri arnaIi crforalili dallc niIragliaIrici calilro 12,7, dcgli
anIicarro luoni IuII'al iu cr fcrnarc lc auIollindo.
Funt d munu dc Iuttugonc Sun Muco pc c uc d Homu unzo
dcg unn Tcntu. S notno c gIcnc d tcu ggu dcscttc du Acsso
Gmud ncu tczu putc d qucsto Io.
LiniIianoci al cano dcllc arni orIaIili c a ricordarc cIc il loro
nunizionancnIo allracciava lcn dodici divcrsi Iii di carIuccc non
inIcrcanlialili. 6,5 c 7,35 cr arni 91 c cr il niIragliaIorc Drcda;
7,65 Drovning cr isIolc DcrcIIa nodcllo 1915 c 1935; 7,7 cr niIra
69
gliaIrici da acrco; 8 nn cr lc niIragliaIrici FiaI nodcllo 35 c Drcda
nodcllo 37 c 38; 9 nn corIo cr lc isIolc DcrcIIa nodcllo 34; 9 nn
CliscnIi c 9 nn Faralcllun cr lc isIolc auIonaIicIc CliscnIi no-
dcllo 1910, DcrcIIa 1915, 15-19 c 1923 c cr i vari niIra; 10,35 cr
rcvolvcr nodcllo 1889 c dcrivaIi c rcvolvcr nodcllo 1916; 10,35 cr
VcIIcrli-ViIali; 7,5 cr i fucili niIragliaIori franccsi caIIuraIi nodcllo
24-29; 8 nn Lclcl cr niIragliaIrici SainI-EIicnnc c HoIcIliss; 8 nn
SIcyr cr arni lungIc ausIriacIc nodcllo 1895 c niIragliaIrici
Un duIut umuto, comc motc tuppc ndgcnc u scuzo dcItuu,
con un ucc Stc-MunncIc modco lS95 (c cutuc gIcnc) cuttuu-
to uAustu-UngIcu.
70
ScIvarzlosc. Al confronIo, i IcdcscIi avcvano solo il 9 aralcllun cr
isIolc c niIra c il 7,92 Mauscr cr fucili c niIragliaIrici. Cli sIa-
IuniIcnsi il .30-06 cr fucili c niIragliaIrici, il .45 AuIo ColI FisIol cr
isIolc auIonaIicIc c niIra, il .30 Carlinc cr lc caralinc M1, il .38
Sccial .cr i rcvolvcr. Cli inglcsi, sci calilri. il .303 cr fucili, fucili
niIragliaIori c niIragliaIrici; il .38 cr i rcvolvcr iu nodcrni; il .455
cr i vcccIi rcvolvcr; il 9 Faralcllun cr il niIra SIcn; il .45 ACF cr il
niIra TIonson c il 7,92 cr lc niIragliaIrici da nczzi llindaIi o co-
razzaIi Dcsa, cIc cosi oIcvano uIilizzarc nunizioni IcdcscIc caIIu-
raIc.
Lu dduscuu dcu oto conscgnutu uu stumpu duIsttuto Lucc dopo
E Aumcn dcc. Fuoco d nostc um uutomutcIc conto cput ncmc
su ontc cgzuno. In cutu s tuttu d un unco Hcdu 3U c d duc
moscIctt 9l du cuuucu.
71
Solo il niIra o noscIcIIo auIonaIico DcrcIIa 38A susciI l'invidia
di avvcrsari c IcdcscIi, IanIo cIc qucsIi ulIini lo fcccro accorciarc c
allcggcrirc, Irasfornandolo in un'arna ccccllcnIc; na nc furono di-
sIriluiIi ocIissini, lcncIc a quanIo affcrnano voci ricorrcnIi, ccn-
Iinaia di nigliaia fosscro disonilili nci nagazzini. La niIragliaIricc
Drcda 37 cra considcraIa allasIanza luona, na il sisIcna d'alincn-
Iazionc a iasIrinc da vcnIi cra naccIinoso cd csoncva Iroo il scr-
vcnIc ad csso addcIIo. La DcrcIIa 34 cra riccrcaIa conc rcda lcllica,
non cr lc suc qualiI lalisIicIc, iuIIosIo scarsc, quanIo cr la scn-
liciI, la conaIIczza c la lcggcrczza, cIc nc faccvano una luona ar-
na civilc.
Fcssini crano il fucilc niIragliaIorc Drcda 30 c la niIragliaIricc
FiaI 35; il rino s'inccava quasi suliIo c la scconda, sc non s'in-
ccava ancI'cssa, scaldandosi cuoccva via IuIIo il nasIro, daIo
Ancou ucc mtugutoc Hcdu 3U, stuuotu su ontc usso c uc-
compugnuto du un moscIctto mod. 9l pc tuppc spccu
72
cIc sara a oIIuraIorc cIiuso c doo un o' la carIuccia, IraIIcnuIa in
canna, vicnc acccsa dal calorc.
QuanIo alla faniglia dci 91, si cra arriccIiIa di alIri ranolli. da-
rina i noscIcIIi 91-24, naIi dall'accorciancnIo a 45 ccnIincIri dclla
canna dci fucili c raIicancnIc uguali ai noscIcIIi 91 TS nodificaIi,
salvo cr l'alzo lungo; oi i noscIcIIi c i fucili 91-38. QucsIi furono il
fruIIo di sIudi coninciaIi ncl 1935 dall'allora naggiorc di arIiglicria
FolcrIo Doraginc in scguiIo alla consIaIazionc cIc l'alzo gradualilc
I moscIctto 9l/24 duuntc munouc d Icsugc ncg unn Tcntu. S
not u tuccu duzo spostutu n uuunt.
73
Gcnc umut d ucc 3S co IoccIno modcuto, duuntc u cstu dc
Gcno nc l94l u Homu.
74
nci noscIcIIi c rcssocIc0 inuIilc. Ci ncll'OIIoccnIo si cra visIo cIc
il soldaIo, una volIa graduaIo l'alzo su una daIa disIanza, rarancnIc
lo riadaIIava quando il ncnico s'allonIanava o s'avvicinava. DuranIc
la rina gucrra nondialc, cr il Iiro d'inIcrdizionc, il fuoco di fucilcria
fu sosIiIuiIo dai cannoni a Iiro raido c dallc niIragliaIrici c quindi la
disIanza d'inicgo dcl fucilc si ridussc a qualcIc ccnIinaio di ncIri, a
IrcccnIo sccondo lc ulllicazioni sccializzaIc dcgli anni TrcnIa.
AncIc il calilro, ornai dccisancnIc considcraIo Iroo iccolo, do-
vcva csscrc nodificaIo c una nuova carIuccia in 7,35 c col coro dcl
lossolo non dissinilc da quclla dclla 6,5 fu sIudiaIa a Tcrni dal co-
lonncllo Ciuscc Mainardi, in collalorazionc con la socicI Donlrini
Tuppc ndgcnc u scuzo dcItuu duuntc u gucu n Acu scttcn-
tonuc uu nc dc l942. S not, otc u uc 9l, u mtugutcc cg-
gcu Hcdu modco l92b du cu dcuo mtugutoc Hcdu 3U.
75
Lu dduscuu ontu uu stumpu du PHF dcc. Goucntu dc Lttoo
pontu ud ogn comIuttmcnto. Sumo nc muggo l94l. moscIctt so-
no modco 9l TS n cuIo b,5. Douc sono undutc u nc c um cu-
Io ?,35 cIc uucIIco douuto csscc ontc uu GIL
Farodi Dclfino c la SocicI McIallurgica IIaliana. Fcr un sinilc cali-
lro (c forsc ancIc in assoluIo} la rigaIura rogrcssiva cra inuIilc c
crci vcnnc allandonaIa. La nuova carIuccia cra nolIo sIalilc, a
causa di un nuclco d'alluninio collocaIo nclla arIc anIcriorc in nodo
da dininuirc il cso rclaIivo dclla unIa. Ma la gucrra arnai inni-
ncnIc rcsc inuIili qucsIi sforzi; cr non conlicarc ulIcriorncnIc il
rollcna logisIico si dccisc di Iornarc al vcccIio calilro c lc arni no-
dcllo 38 furono cosIruiIc di nuovo in 6,5; solo ccnIonila Ira fucili c
noscIcIIi vcnncro rodoIIi in 7,35, olIrc a un ccrIo quanIiIaIivo di fu-
cili niIragliaIori Drcda. QucsIc arni furono disIriluiIc alla CiovcnIu
76
IIaliana dcl LiIIorio, na ci non incdi cIc carIuccc calilro 7,35 arri-
vasscro a rcarIi arnaIi con fucili o noscIcIIi calilro 6,5 c conlaI-
IcnIi in Crccia o in Africa.
Un fucilc da fanIcria con la canna iu corIa di novc ccnIincIri fu
discgnaIo dal naggiorc Doraginc c vcnnc adoIIaIo ncl 1941.
L'allandono dclla carIuccia 7,35 orI ancIc alla rinuncia ad
adoIIarc il fucilc scniauIonaIico Fcvclli Arnagucrra nodcllo 39, naIo
in Ialc calilro alla vigilia dcl confliIIo. In rcccdcnza, fin dal 1905,
l'cscrciIo iIaliano avcva rovaIo c rcsinIo iu d'una dozzina di fucili
scniauIonaIici, alcuni dci quali fallricaIi con arIi di arni 91.
Il 91, in IuIIc lc suc varianIi, ancIc sc non rorio dccrciIo, co-
nc lo dcfini il gcncralc Favagrossa ncl suo lilro FcrcIc crdcnno la
gucrra (Fizzoli EdiIorc - 1946}, cra ur scnrc infcriorc al suo dircIIo
anIagonisIa, il fucilc Lcc-Enficld a dicci coli, calilro .303, nuniIo,
nclla vcrsionc iu diffusa, il N. 1 Marl III, di una lunga scia-
lola-laioncIIa cIc avcva un cffcIIo sicologico (c non solo sicologico}
assai siaccvolc cr cIi sc la vcdcva arrivarc addosso. I grcci avcvano
fucili non dissinili dai nosIri, MannlicIcr-ScInaucr calilro 6,5, na
lc loro arni iu Icnilili crano i norIai; arc cIc qucsIi fosscro sIaIi
forniIi alla Crccia dall'IIalia con livcllc a siriIo, ncnIrc quclli iIaliani
avcvano livcllc ad acqua cIc, gclando, si saccavano. Un aragonc
con il scniauIonaIico M1 Carand in doIazionc agli ancricani non va
ncur faIIo; olIrc ad avcrc una cclcriI di fuoco clcvaIissina, quc-
sI'arna Ia una carIuccia con caraIIcrisIicIc lalisIicIc aragonalili a
qucllc di una niIragliaIricc csanIc.
Lc Iruc sovicIicIc, arnaIc all'inizio dclla gucrra quasi IoIalncnIc
con fucili a oIIuraIorc gircvolc-scorrcvolc Moisin-NaganI nodcllo 1891
77
non nolIo divcrsi dal loro cocIanco iIaliano, cllcro lcn rcsIo in do-
Iazionc un nuncro crcsccnIc di isIolc niIragliaIrici FFSI c di fucili
scniauIonaIici Tolarcv. AncIc i sovicIici, conc i IcdcscIi cllcro in
disIriluzionc solo duc Iii di carIuccc, il 7,62 Moisin cr fucili niIra-
gliaIori c niIragliaIrici, c l'alIro, il 7,62 Tolarcv, idcnIico al 7,63
Mauscr, cr isIolc c niIra.
E conrcnsililc quindi cIc doo 1'8 scIIcnlrc sia lc forzc fascisIc
quanIo i arIigiani c lc Iruc colclligcranIi disrczzasscro il 91, con-
sidcrandolo un o' il sinlolo dcllo scrcdiIaIo Fcgio EscrciIo.
Vconu, muggo l944. Hcsugc uoontu dc Iuttugon dussuto
Hcnto Musson. S notno munc dcc Iuoncttc pc ucc modco
9l-3S c dc pugnu spogcc duc cntuc dc pmo, dc tczo c dc sc-
gucnt Icsugc dcu u, umut d moscIctto u Iuoncttu ssu pc-
guIc. E u dmostuzonc dcnuttu dcu Iuoncttu non stuccuIc.
78
NaIuralncnIc lc arni nodcllo 91, sccialncnIc qucllc iu corIc, co-
sIiIuirono il ncrlo dcll'arnancnIo arIigiano, rorio crcIc cc n'cra-
no IanIc cIc grossi quanIiIaIivi crano sIaIi soIIraIIi allc rcquisizioni
IcdcscIc da civili o da niliIari slandaIi; IuIIavia i arIigiani nuIrivano
una cosi forIc anIiaIia cr Ialc arna cIc i loro giornali (ad cscnio
II ConlaIIcnIc, N. 16, 1 oIIolrc 1944} dcloravano il sovrano di-
srczzo cr il noscIcIIo c il fucilc c una sccic di idolaIria cr il ni-
Ira.
Val la cna di rirodurrc arzialncnIc il IcsIo dclla ulllicazionc
ciIaIa.
CIc un'arna auIonaIica sia di rcndincnIo naggiorc di una scni-
Putgun n Pcmontc ncnucno l944. S not umumcnto costtuto
du moscIctt 9l (du cuuucu c du tuppc spccu) c du mtu Hccttu
3SA c 3S-42 pmu ucsonc.
79
auIonaIica c cvidcnIc, na da qui ad arrivarc a disrczzarc il no-
scIcIIo vi c una lclla diffcrcnza.
Il mtu... arna sccialc cr una loIIa ravvicinaIa c cr lc inlo-
scaIc, Ia una scarsissina rccisionc di Iiro a disIanzc ncdic (200-400
ncIri}, ncl caso oi dcl niIra inglcsc SIcn, qucsIo non assicura ncs-
suna rccisionc di fuoco al di l dci ccnIo ncIri.
Nci conlaIIincnIi di nonIagna non si IraIIa di Iirarc nolIo, na di
Iirarc lcnc c quando nancano lc niIraglic cr inIcrdirc al ncnico un
assaggio ollligaIo o l'acccsso ad una nosIra osizionc, valgono di
iu dci luoni IiraIori cIc, col noscIcIIo o ancora ncglio con un luon
vcccIio fucilc '91 od un Mauscr Icdcsco, alicIino alla lcIIcra. "cr
ogni ncnico una alloIIola, cr ogni alloIIola un ncnico ".
Fcr il ncnico cIc avanza c lcn iu inrcssionanIc c iu dannoso il
fuoco rcciso cIc gli allaIIc i suoi uonini di unIa c cIc rovicnc da
IuIIc lc arIi, da unIi difficilncnIc rccrilili, cIc non dallc nuncrosc
rafficIc a cui u scnrc risondcrc con una iu inIcnsa azionc di
fuoco.
MiIra lisogna ccrcarc di avcrnc il iu ossililc c uIilizzarli cr lc
inloscaIc c cr la loIIa ravvicinaIa, na noscIcIIi urc lisogna avcr-
nc, c fucili, c darli in nano a uonini cIc saiano conc sararc, cIc
alliano fiducia ncl Iiro dcllc roric arni.
SIa di faIIo cIc alliano faIicaIo a Irovarc foIo di arIigiani arnaIi
con noscIcIIi o fucili nodcllo 91 o 91-38 o 41; la naggior arIc dci
gucrriglicri acna oIcvano li sosIiIuivano con arni auIonaIicIc o,
in nancanza di ncglio, con Mauscr caIIuraIi al ncnico.
Doo la gucrra lc forzc arnaIc iIalianc furono in gran arIc arnaIc
80
con Irc gcncrazioni di fucili. i Lcc-Enficld a ricIizionc ordinaria (dal
1945}, i Carand scniauIonaIici (dal 1952} c i DM-59 d'assalIo, a vcnIi
coli c sclcIIorc cr la raffica c il colo singolo, aIIualncnIc in doIa-
zionc dal 1962. Lc daIc indicaIc fra arcnIcsi sono arossinaIivc c si
Hupo, 22 ugo l95l. Funt dc nuouo csccto tuuno pcscntuno c
um uu Iundcu dc ?5 untcu cIc cntu duu Somuu. l uc
sono SIot Modc Lcc-Encd Ho. l MI lll cu sono stutc uduttutc
Iuoncttc du 9l.
81
Duuntc c gund munouc Lutcmu 2, nccstutc dc l95?, ussututo
upn spuuno co Guund M, uno dc succcsso dc 9l.
c si rifcriscono ai rcarIi ncglio arnaIi; ad cscnio, ncl 1963 alliano
visIo un laIIaglionc fucilicri IcrriIorialc cIc avcva ancora i Lcc-Enficld
c ncllo sIcsso criodo cIi scrivc nonIava la guardia al dcosiIo di una
lrigaIa alina con un noscIcIIo da cavallcria nodcllo 38 c lc gilcrnc
nodcllo 1907. Ancora oggi i caralinicri Ianno in doIazionc Iali no-
scIcIIi accanIo al DM-59 c la Cclcrc inicga i TS cr il lancio di can-
dcloIIi lacrinogcni.
QuanIo ai fucili 91 c 91-41 il ninisIcro dcll'inIcrno li riIicnc Ial-
ncnIc sucraIi cIc Ia conccsso alla diIIa Jagcr di Milano la liccnza
di vcndcrnc circa quaIIronila sul ncrcaIo nazionalc, considcran-
doli ornai cincli, urcIc alliano l'alzo lloccaIo sui 300 ncIri c la
cancra di scoio disaIIivaIa con un foro.
Il 91, in arIicolarc il fucilc 91-38 calilro 6,5, sali alla rilalIa dclla
sIoria alla finc dcl 1963, quando si sosIcnnc cIc con un'arna dcl gc-
ncrc, nuniIa di cannoccIialc a quaIIro ingrandincnIi, Lcc Harvcy O-
svald uccisc il rcsidcnIc JoIn FiIzgcrald Kcnncdy. Talc affcrna-
zionc, confcrnaIa dal raorIo Warrcn, susciI la crlcssiI di IuIIi
82
coloro cIc si inIcndono di arni. Ncssuno ncIIc in dullio cIc con un
91 si ossa colirc un lcrsaglio cr Irc volIc in oco iu di cinquc
sccondi; c la rcscnza dcl cannoccIialc cIc rcndc crlcssi. InfaIIi,
cr cffcIIo dcl rinculo c dcll'azionancnIo dcll'oIIuraIorc, la visualc dcl
I pu cccntc succcssoc dc 9l, ucc dussuto HM-59, duuntc mu-
nouc nccstutc dc l9bb.
83
IiraIorc non coincidc iu con l'assc dcl cannoccIialc c il lcrsaglio ri-
nanc cocrIa da una naccIia ncra fincIc non si ririsIina l'allinca-
ncnIo. Ncl caso arIicolarc, inolIrc, il lcrsaglio cra in novincnIo c
Icndcva ad uscirc dal risIrcIIo cano dcl cannoccIialc, faccndo cr-
dcrc alIro Icno al IiraIorc.
Il 7 narzo 1970 conarvcro su Faris MaIcI lc foIografic di un
noscIcIIo da cavallcria c un noscIcIIo TS nodcllo 91 in nano a
gucrriglicri ciadiani asscdiaIi in una scuola di Aouzou dallc forzc go-
vcrnaIivc. Con i arIigiani crano alcuni giornalisIi cIc riuscirono a
foIografarc qualcIc fasc dcllo sconIro c a uscirnc vivi. La rcscnza ncl
Ciad di qucsIi vicu fusils iIalicns, conc li dcfiniscc l'arIicolo, c fa-
cilncnIc sicgaIa dalla vicinanza dclla Lilia. Cosi, scssanI'anni doo
csscrc sIaIo inicgaIo nclla colonizzazionc dcll'Africa, il 91 sara an-
cora, na sIavolIa cr lilcrarc dal nco-colonialisno un acsc africano.
84
85
ARMAMENTO INDIVIDUALE
DURANTE LA PRIMA GUERRA MONDIALE
CarabInIerI reaII
CuuInc u pcd. no-
scIcIIo nodcllo 91 ourc fu-
cilc nodcllo 70/87.
CuuInc u cuuuo. no-
scIcIIo nodcllo 91, scialola da
cavallcria c isIola.
FanterIa
Hcput d untcu, gunutc,
Icsugc cd upn dccsccto
pcmuncntc o dcu mzu mo-
Ic. fucilc nodcllo 91 con scia-
lola-laioncIIa ourc fucilc
nodcllo 70-87 ridoIIo al calilro
6,5 (M. 70-87-916 }.
Huttugon d M.T.. fucilc no-
dcllo 1870/87 con scialola
-laioncIIa ourc, cr alcuni
laIIaglioni, fucilc nodcllo 91
con scialola-laioncIIa.
Hcsugc ccst, putc dc
pcsonuc dcc sczon mtu-
gutc, pcsonuc dcc sumc-
c c dc cucgg.
noscIcIIo nodcllo 91 cr
arni scciali.
Pcsonuc dcc sczon d p-
stoc-mtugutc. isIola c
scialola-laioncIIa ourc i-
sIola (cscnio. i orIascudi}.
Acun mtu uucnt ncucI
spccu (narcscialli, aIIcndcnIi,
alcuni niliIari dcllc uniI ni-
IragliaIrici, conduccnIi, ccccIc-
ra} sono arnaIi di isIola.
Cli ufficiali sulalIcrni sono
arnaIi di noscIcIIo, na dcl-
lono orIarc ancIc la isIola.
CavaIIerIa
Luncc. scialola, lancia,
noscIcIIo da cavallcria nodcllo
91.
Cuuucggc. scialola c no-
scIcIIo da cavallcria nodcllo
91.
ArtIgIIerIa
ArIiglicria da canagna.
Irua. scialola-laioncIIa (da-
86
gIc sino a consunazionc}; can-
nonicri, soldaIi cd aunIaIi.
scialola d'arIiglicria; graduaIi.
isIola; ciclisIi. noscIcIIo.
InolIrc ogni laIIcria avcva
una doIazionc di vcnIuno no-
scIcIIi nodcllo 91.
Atgcu u cuuuo. Irua.
scialola d'arIiglicria c isIola.
Atgcu du montugnu.
Irua. noscIcIIo nodcllo 91 c
scialola-laioncIIa; graduaIi.
isIola (c scialola d'arIiglicria
in Icno di acc}.
Scuzo tcno d'arIiglicria.
Irua. noscIcIIo nodcllo 91 c
scialola-laioncIIa; graduaIi.
scialola d'arIiglicria c isIola.
GenIo
Sottucu, guduut c tup-
pu. noscIcIIo nodcllo 91 con
scialola-laioncIIa.
Acun sottucu, guduut c
mtu d tuppu uucnt cucIc
spccu. isIola a roIazionc no-
dcllo 74 od 89.
Mtu dc tcno. isIola a ro-
Iazionc nodcllo 74 od 89.
Il Iuttugonc uuuto cra arnaIo con noscIcIIi nodcllo 91 TS, ca-
ralinc WincIcsIcr nodcllo 1907 calilro .351 c isIolc di vari Iii, Ira
cui la Mauscr da narina nodcllo 1899.
InolIrc, u munu cra nuniIa di fucili 91 disIriluiIi allc Iruc da
slarco c di noscIcIIi nodcllo 91 TS, di VcIIcrli-Fcrracciu c di VcIIcr-
li-DcrIoldo in doIazionc a lordo dcllc navi, noncIc di isIolc a roIazio-
nc nodcllo 74 c 89 c auIonaIicIc Mauscr nodcllo 1899, CliscnIi no-
dcllo 1910, Driia nodcllo 1912 c DcrcIIa di vari Iii.
87
88
89
MECCANICA E MOFFOLOCIA
DELLE AFMI MODELLO 91
di Fuggcro Dclogi
Fucc modco 9l con Iuoncttu c odco d cuoo.
Il fucilc nodcllo 91 dai nanuali niliIari vicnc dcfiniIo Arna potu-
tc du uoco - u pctzonc odnuu pc to tcso uc Icu dstunzc
conto Icsug unmut, uctcu c uo scopcto.
Lc arIi rinciali dcl fucilc 91 sono. la cunnu, la cuuttu moIc, la
cussu, mcccunsmo d cucumcnto c spuo (con i congcgni di oIIura-
zionc, scaIIo c crcussionc, sicurczza, csIrazionc cd csulsionc, ric-
Iizionc c alincnIazionc}, la IuccIcttu, la scuIou-Iuoncttu c i on-
mcnt.
90
CAHHA. a forna Ironco-conica, c di acciaio fuso al crogiuolo cd c
lunga cn 78.
Dall'csIcrno si noIano.
- anterIormente: la uoutu con il vivo di volaIa - la gIicra con un
incasIro a coda di rondinc cr l'alloggiancnIo dcl nirino.
- posterIormente. uzo a quadranIc - un ngossumcnto con cin-
quc facccIIc su cui sono incisc lc iniziali dclla fallrica cIc Ia forniIo
la larra cr la canna, l'anno di fallricazionc, il nonc dclla ciII dovc
c sIaIa cosIruiIa l'arna, il nuncro di naIricola dcll'arna, i scgni rcla-
Iivi ai vari collaudi - 1uuututuu cr la culaIIa nolilc -la cuuttu c
uuo d cuuttu.
- ntcnumcntc. l'unmu con la cancra di carIuccia - la rigaIura, con
lc scgucnIi caraIIcrisIicIc; rofilo c fianco arallcli; inclinazionc ro-
grcssiva; quaIIro rigIc dcsIrorsc; asso di cn 58 (89 calilri} in culaIIa
c di cn 20 (31 calilri} in volaIa; nisura dclla arIc rigaIa cn 70,85
(109 calilri}.
La canna sull'assc rincialc di sinncIria orIa il sisIcna di un-
IancnIo, cIc c cosIiIuiIo.
- vcrso la volaIa da un nirino a sczionc Iriangolarc incasIraIo a co-
da di rondinc su una gIicra;
- vcrso la culaIIa da un alzo a quadranIc fornaIo da uno zoccolo
con una Iacca di nira fissa cr i 300 ncIri a duc alcIIc laIcrali. Sul
fianco csIcrno dcll'alcIIa di dcsIra sono raIicaIi 15 inIagli cr disIan-
zc da 600 a 2000 ncIri. Lc arIi sucriori dcllc alcIIc orIano incisc lc
graduazioni in cIIoncIri (a dcsIra qucllc ari da 6 a 20 - a sinisIra lc
disari da 7 a 19}.
AnIcriorncnIc allo zoccolo c incrniaIo il riIIo con la Iacca nolilc
91
di nira, cIc a nczzo di un crno con loIIonc c nolla u csscrc or-
IaIa a coincidcrc con lc divcrsc graduazioni.
AvviIaIa alla canna c la culaIIa nolilc, di forna cilindrica, cIc scr-
vc a conIcncrc l'oIIuraIorc c a crncIIcrnc il novincnIo (vcdi figura
soIIo}. In cssa noIiano.
- esternamente: l'upctuu dcl scrlaIoio - lo sacco cr il assaggio
dcl nanulrio dcll'oIIuraIorc - la codcttu con la cIiocciola cr la viIc di
unionc al scrlaIoio - u scunuutuu longiIudinalc cr il assaggio dcl
dcnIc d'arrcsIo dcl canc - la ncstu cr il assaggio dcl dcnIc di
scaIIo - ncuuo tusucsuc cr l'alcIIa dcl IulcIIo.
- anterIormente e InIerIormente: il dcnIc cIc si alloggia ncl Ira-
vcrsino ncIallico dclla cassa cr IrasncIIcrc a qucsIa il rinculo. Il
dcnIc, inIcrnancnIc, Ia una cIiocciola cr la viIc anIcriorc di culaIIa
nolilc.
- Internamente: un tutto u cIoccou cr 1'avviIaIura alla canna -
unu gou cndcu con gli incasIri d'aoggio dcllc alcIIc dcl cilindro
oIIuraIorc. QucsIi incasIri sono inIcrroIIi da duc risalIi a fianco clicoi-
dalc conIro cui sIrisciano lc alcIIc dcl cilindro - duc scunuutuc
Tttco dcu cuuttu moIc dcc um modco 9l.
92
93
ongtudnu cr lo scorrincnIo dcllc alcIIc dcl cilindro (nclla scana-
laIura di sinisIra scorrc ancIc la guida dcl canc} - la fincsIra cr
l'csulsorc c cr l'alcIIa dcl lilancicrc - il foro cr il riIcgno dcll'oIIu-
raIorc.
CASSA. c in lcgno di nocc o di faggio cd c cosIiIuiIa dal usto, dal-
l'mpugnutuu c dal cuco.
Il usto rcscnIa un lungo incasso longiIudinalc cr l'alloggiancnIo
dclla canna - un incasso cr l'alloggiancnIo dcl Iravcrsino - il canalc
csIcrno c inIcrno dclla laccIcIIa c alIri incassi cr i fornincnIi
dcll'arna.
Tra l'inugnaIura c il fusIo la cassa rcscnIa un'acrIura cr
ncIIcrc in conunicazionc il scrlaIoio con l'acrIura di caricancnIo.
Un'alIra arIc in lcgno c il coricanna cIc, IcnuIo a osIa dalla fa-
sccIIa, riara lc diIa dcl IiraIorc dal calorc dclla canna.
II calcio, osIcriorncnIc, c roIcIIo da un calciolo ncIallico.
MECCANISMO DELL'AFMA. conrcndc i congcgni di ottuuzonc -
scutto c pccussonc - scuczzu - cstuzonc cd cspusonc - pctzonc
cd umcntuzonc.
Congegno dI otturazIone: c conosIo ( vcdi agina di fronIc} dallc
scgucnIi arIi. cilindro-oIIuraIorc (vcdi figura 3} in cui si noIano. an-
IcriorncnIc, la tcstu con il risalIo scnianularc cr l'aoggio dcl fon-
dcllo dcl lossolo; il oo cr il assaggio dclla unIa dcl crcussorc;
duc ucttc (l'alcIIa sinisIra, snussaIa cr oIcr risalirc il iano incli-
naIo dcll'incasIro di sinisIra dclla culaIIa nolilc, rovoca ncll'ocra-
zionc dcll'acrIura dcll'arna la rcIroccssionc dcll'oIIuraIorc c il di-
sIacco inizialc dcl lossolo; l'alcIIa di dcsIra, invccc, ncll'ocrazionc di
cIiusura dcll'arna, risalcndo il iano inclinaIo dcll'incasIro di dcsIra
94
dclla culaIIa nolilc, rovoca l'aoggio gradualc c crfcIIo dcl losso-
lo}; lungo il coro dcl cilindro. sucriorncnIc il foro cIc conunica con
la caviI inIcrna c scrvc conc sfogaIoio dci gas in caso di roIIura dcl
fondcllo dcl lossolo; vcrso il ccnIro, il munuIo con nocc cIc scrvc cr
nanovrarc il cilindro; dicIro al nanulrio csisIc uno spucco u doppo
gomto in cui scorrc il dcnIino dcl IulcIIo con nascllo con un incavo
anIcriorc c uno osIcriorc cr fissarc a nczzo dcl dcnIino sIcsso il Iu-
lcIIo nclla osizionc di avanIi c indicIro (vcdi figura 6}; infcriorncnIc
una ungu scunuutuu ongtudnuc di rofondiI dccrcsccnIc cr lo
scorrincnIo dcll'csulsorc; osIcriorncnIc un ncuuo ccoduc in cui
scorrc il risalIo clicoidalc dcl canc c, sulla lasc, un iccolo incavo cr
l'aoggio dclla unIa dcl risalIo clicoidalc dclla guida dcl canc (vcdi
figura 7}.
Congegno dI scatto: il congcgno di scaIIo c conosIo dallc sc-
gucnIi arIi. il grillcIIo, con coda, Iavola con Irc gollc (cIc conscnIc
lo scaIIo in duc Icni} c sronc, su cui c invcsIiIo il riIcgno dcll'oIIu-
raIorc; lilancicrc, incrniaIo al grillcIIo. orIa osIcriorncnIc il dcntc
d scutto, ncl ccnIro l'alcIIa foraIa cr il assaggio dclla coiglia dclla
culaIIa, anIcriorncnIc uoggumcnto cr l'csulsorc c la sua nolla;
canc con guida (vcdi figura 7} con un poo custco, dcntc d ucsto c
u gudu con il risalIo clicoidalc; loIIonc dcll'oIIuraIorc. foraIo con una
filcIIaIura cr l'avviIancnIo dcl crcussorc c un incavo cr l'alloggia-
ncnIo dcl iolo clasIico dcl canc con guida (vcdi figura 8}.
Congegno dI percussIone: il congcgno di crcussionc c conosIo
dallc scgucnIi arIi. crcussorc, con IcsIa con unIa, asIa c una fac-
cia iana cIc va a conIrasIarc conIro la arIc corrisondcnIc dcll'in-
95
Icrno dcl canc cr incdirc al crcussorc di ruoIarc, avviIaIura cr il
loIIonc, linca di fcdc cr la riconosizionc dcll'oIIuraIorc (vcdi figura
4}; nolla a siralc (con 32 sirc} cIc si aoggia anIcriorncnIc conIro
il collarc dclla IcsIa dcl crcussorc c, osIcriorncnIc, conIro il fondo
dcl IulcIIo (vcdi figura 5}.
Fa ancIc arIc dcl congcgno di scaIIo c crcussionc il IulcIIo con
nascllo (vcdi figura 6}, organo dclla sicurczza ordinaria, dcl qualc, c-
r, arlcrcno iu avanIi, IraIIando aunIo dcl congcgno di sicurczza.
I cndo unscc cstuttoc, pccussoc, u mou u spuc dc
pccussoc, cunc con gudu, tuIctto con nusco, Iottonc c pcndc
nomc d ottuutoc.
Mcccunsmo d scutto
dcc um modco 9l
l. Dcntc d scutto.
2. 2. Htcgno dcottu-
utoc.
3. 3. Espusoc u
mou.
96
Congegno dI sIcurezza ordInarIa. c cosIiIuiIo dallc scgucnIi arIi.
IulcIIo con nascllo (vcdi figura 6} in cui si noIano il IulcIIo con un
dcnIino, il nascllo con l'alcIIa c la linca di fcdc cr la riconosizionc
dcll'oIIuraIorc.
Congegno dI estrazIone. c cosIiIuiIo dallc scgucnIi arIi. csIraI-
Iorc a gancio orIaIo dalla IcsIa dcl cilindro (l'csIraIIorc nodcllo 1907
aIIravcrsa con la sua coda l'alcIIa dcsIra dcl cilindro, cIc c foraIa. il
nodcllo 1912 c invccc sisIcnaIo a fianco dcll'alcIIa dcsIra dcl cilin-
dro}.
Congegno dI espuIsIone: c cosIiIuiIo dallc scgucnIi arIi. csul-
sorc a dcnIc con nolla a siralc cIc c siIuaIo nclla arIc anIcriorc dcl
lilancicrc cd c sorgcnIc inIcrnancnIc nclla arIc osIcriorc dclla
culaIIa nolilc. La nolla dcll'csulsorc, olIrc a rcndcrc clasIico
l'csulsorc sIcsso, scrvc ancIc a riorIarc a osIo il lilancicrc doo
cscguiIo lo scaIIo; rcndc crIanIo il nonc di nolla di scaIIo cd
csulsionc.
97
Congegno dI rIpetIzIone ordInarIa. conosIo dallc scgucnIi arIi;
scaIola scrlaIoio ccnIralc fissa in cui noIiano il pontcco (con una fi-
ncsIra sucriorc aIIravcrso la qualc assa il grillcIIo} cd una fincsIra
anIcriorc da cui sorgc il loIIonc dcl gancio di arrcsIo. La arIc infc-
riorc-osIcriorc dclla scaIola-scrlaIoio c acrIa in nodo da conscnIirc
il assaggio dcl accIcIIo caricaIorc vuoIo.
InIcrnancnIc alla scaIola-scrlaIoio Iroviano l'clcvaIorc, incrniaIo
ad una nolla a lanina, sisIcnaIa sul fondcllo, cd il gancio di arrcsIo
con nolla a loIIonc.
Ai laIi oi si noIano duc fori cr il assaggio dcllc viIi di culaIIa cr
assicurarc, aIIravcrso la cassa, la scaIola scrlaIoio alla culaIIa.
Congegno dI aIImentazIone: caricaIorc a accIcIIo sinncIrica
dclla caaciI di sci carIuccc. Il caricaIorc c di lanicrino cd c con-
osIo da duc guancc riicgaIc sucriorncnIc c infcriorncnIc (su cia-
scuna dcllc duc guancc sono inrcssc laIcralncnIc duc ncrvaIurc dc-
sIinaIc a Icncrc in siIo lc carIuccc}, un dorso con dcnIc d'arrcsIo.
98
HACCHETTA. c in acciaio c scrvc, rcvia avviIaIura dcllo scovolino
ncll'aosiIa filcIIaIura, alla uliIura dcll'arna noncIc all'cvcnIualc
csulsionc dalla canna di lossoli, carIuccc c cori csIranci. Nclla lac-
cIcIIa noIiano la IcsIa con fcriIoia, una filcIIaIura sucriorc cr
1'avviIaIura dclla laccIcIIa al loccIino c una filcIIaIura infcriorc cr
1'avviIaIura dcllo scovolo.
SCIAHOLA-HAIOHETTA. in acciaio IcncraIo, c lunga nn 414. Vi si
noIano. la lana (con unIa, Iaglio c falso Iaglio, dorso, codolo cr
l'unionc all'inugnaIura c sgusci di allcggcrincnIo}, lunga nn 300.
99
mpugnutuu con crocicra c ancllo (su qucsIa arIc c incisa la naIri-
cola dcll'arna}, il cuppucco (con l'incasIro cr il fcrno dclla scialo-
la-laioncIIa}, il poo ducsto con loIIonc c nolla, lc guuncc d cgno.
La scialola-laioncIIa c roIcIIa dal fodcro, cIc u csscrc di cuoio
anncriIo con la caa c il unIalc d'oIIonc, fcrro lruniIo o alluninio,
ourc inIcrancnIc di lanicra ourc, nolIo iu rarancnIc, di gon-
na con forniIurc in fcrro.
FOHHIMEHTI VAHI. sono il IoccIno (con la viIc assanIc, i1 fcrno
cr la scialola-laioncIIa c la cIiocciola cr 1'avviIaIura dclla lac-
cIcIIa}, il cucoo (fissaIo con lc viIi nclla arIc infcriorc dcl calcio}, la
usccttu con mugcttu c la sua mocttu, 1a pustcttu con mugcttu, il
copcunnu, tuucsno, c ut d cuuttu c tuIcn.
Alliano cosi ulIinaIo la dcscrizionc Iccnica dcll'arna nodcllo
1891. vcdianonc ora insicnc il funzionancnIo c l'inicgo.
FiIcniano cr rina oorIuno rccisarc il significaIo di alcuni
Icrnini cIc avrcno nodo di Irovarc iu avanIi.
L'arma carIca: quando vi sono carIuccc nclla cancra di carIuccia
o nclla scaIola scrlaIoio.
L'arma scarIca: quando non si vcrifica ncssuna dcllc condizioni
succiIaIc.
L'arma In posIzIone ordInarIa: quando c scarica - l'alzo c al-
laIIuIo cd c alicaIa la sicurczza (nascllo dcl IulcIIo sinIo indicIro}.
L'arma In posIzIone dI sIcurezza: quando c carica cd c alicaIa
la sicurczza.
L'arma In posIzIone dI sparo: quando c carica c non c alicaIa
la sicurczza (nascllo dcl IulcIIo sinIa in avanIi c alloggiaIo ncll'inca-
100
vo Irasvcrsalc dclla culaIIa}.
Il fucilc c carico c si Irova nclla osizionc di sicurczza (vcdi agina
102, osizionc A }. il IulcIIo con nascllo c sinIo indicIro (crcusso-
rc disarnaIo}, la nolla dcl crcussorc c arzialncnIc disIcsa c con i
duc unIi di aoggio sullo sIcsso nczzo (crcussorc}. Quando si Iro-
va in qucsIa osizionc il cilindro non u ruoIarc crcIc non u
ruoIarc ncnncno il IulcIIo con cui fa coro rigido, daIo cIc l'alcIIa
dcl nascllo oggia conIro la guida dcl canc.
E ora assiano nclla osizionc di saro.
Si singc il nascllo, girandolo vcrso dcsIra c faccndo alloggiarc
l'alcIIa ncll'aosiIo incavo dclla culaIIa. in qucsIo nodo, ncnIrc il
dcnIino dcl IulcIIo, aIIravcrso lo sacco a doio goniIo dcl cilindro
si orIa in corrisondcnza dcll'incavo anIcriorc, la nolla dcl crcus-
sorc vicnc conrcssa c i suoi duc unIi di aoggio vcngono a Iro-
varsi s duc nczzi diffcrcnIi, crcussorc c culaIIa nolilc (vcdi agina
102 , osizionc D}.
L'arna c cosi ronIa cr lo scaIIo. Agcndo ora sulla coda dcl gril-
lcIIo, la rina golla si sollcva c avanza, na crcIc ci avvcnga c nc-
ccssario cIc il lraccio osIcriorc dcl lilancicrc si sosIi in lasso.
QucsIo sosIancnIo dura fincIc la scconda golla urIa conIro la cu-
laIIa. In qucsIo noncnIo si Ia un arrcsIo cIc corrisondc al rino
Icno di scaIIo.
AuncnIando la rcssionc sul grillcIIo, la scconda golla si sollcva
cd avanza. nc conscguc cIc il lilancicrc suliscc un sccondo al-
lassancnIo cr cui il dcnIc di scaIIo si allassa conlcIancnIc, Io-
glicndo il conIrasIo con il dcnIc di arrcsIo c crncIIcndo cosi al canc,
c conscgucnIcncnIc al crcussorc, di avanzarc rovocando la crcus-
101
sionc c quindi lo saro.
Sc si auncnIa ancora la rcssionc sul grillcIIo, cnIra in funzionc la
Icrza golla c si allassa cosi conlcIancnIc il riIcgno dcll'oIIuraIorc,
cosa qucsIa cIc crncIIc di csIrarrc l'oIIuraIorc dalla culaIIa.
FarIiIo il colo, ariano l'arna, agcndo sul nanulrio c faccndogli
conicrc un novincnIo di roIazionc cIc disincgna cosi lc alcIIc dcl
cilindro dagli incasIri di culaIIa, Ncl novincnIo di roIazionc il canc,
non oIcndo ruoIarc crcIc incdiIo dalla guida incasIraIa nclla cu-
laIIa, c cosIrcIIo a rcIroccdcrc fincIc la unIa dcl risalIo non sia c-
ncIraIa ncll'aosiIo incavo dcl cilindro. Il canc, ncl rcIroccdcrc, orIa
indicIro il loIIonc c quindi il crcussorc conrincndonc la nolla. con
il dcnIc di arrcsIo sIriscia sul dcnIc di scaIIo c lo allassa conri-
ncndonc la nolla, cIc, una volIa olIrcassaIa dal dcnIc di arrcsIo, lo
fa riIornarc nclla osizionc riniIiva.
A qucsIo unIo il nanulrio si Irova nclla osizionc vcrIicalc. in-
rincndogli un novincnIo di rcIroccssionc, si orIa indicIro l'oIIura-
Iorc, cIc cr non u uscirc crcIc urIa con l'alcIIa dcsIra conIro il
dcnIc di riIcgno dcll'oIIuraIorc. Nclla rcIroccssionc dcll'oIIuraIorc,
l'csulsorc, scorrcndo nclla scanalaIura dccrcsccnIc dcl cilindro c
sollcciIaIo dalla sua nolla, cncrgc cd urIa conIro il lossolo orIaIo
indicIro dalla IcsIa dcl cilindro. Allora il lossolo, sul qualc agiscono
duc forzc uguali dircIIc in scnso oosIo, vicnc csulso in alIo a dc-
sIra con novincnIo roIaIorio. Fcr cIiudcrc l'arna si inrinc all'oIIu-
raIorc un novincnIo di Iraslazionc (ncdianIc il qualc vicnc inIrodoIIa
nclla cancra una carIuccia cIc rcsIa affcrraIa con il fondcllo dal ri-
salIo scnianularc c dal gancio dcll'csIraIIorc} c succcssivancnIc un
102
l. TuIctto con nusco.
2. Cunc con gudu.
3. Au dc tuIctto.
4. Husco dc tuIctto.
5. Dcntno dc tuIctto.
b. Scunuutuu ccoduc dc cndo.
?. Pccussoc.
S. Mou dc pccussoc.
9. Oo untcoc dc tuIctto.
lU.Hottonc zgnuto.
ll.Scunuutuu tusucsuc dcu cuuttu moIc.
l2. Tcstu dc pccussoc
l3.Cuuttu moIc
l4.Dcntc d ucsto dc cunc
l5.Dcntc d scutto.
103
un novincnIo di roIazionc. Con qucsIo novincnIo lc alcIIc vanno ad
alloggiarsi ncgli aosiIi incassi dclla culaIIa c si oIIicnc la cIiusura
crfcIIa dcll'arna.
Ncl noncnIo in cui l'ulIina carIuccia vicnc inIrodoIIa in canna, il
caricaIorc a accIcIIo vuoIo cadc aIIravcrso l'acrIura dclla scaIola
scrlaIoio.
Fcr csIrarrc il caricaIorc icno si rcnc con l'indicc su di csso al-
lassandolo c conIcnorancancnIc si scIiaccia il loIIonc dcl gancio
d'arrcsIo; oi si allcnIa la rcssionc sul caricaIorc, cIc cosi salc nclla
culaIIa nolilc, rcsIando svincolaIo.
Fcr assarc nclla osizionc ordinaria, si singc in avanIi c suc-
ccssivancnIc a sinisIra il nascllo dcl IulcIIo, ccdcndo oi alla sinIa
dclla nolla dcl crcussorc fincIc il nascllo dcl IulcIIo va ad aog-
giarc conIro il canc. con qucsIo novincnIo il dcnIino dcl IulcIIo,
scorrcndo ncllo sacco curvilinco dcl cilindro, si orIa in corrison-
dcnza dcll'incavo osIcriorc.
Vcncndo ora a arlarc dcll'inicgo dcll'arna, dolliano csaninarc
cr rina cosa mpcgo tccnco, cIc conccrnc la conosccnza dcllc va-
ric osizioni dcl ncccanisno dcll'arna c dcl sisIcna di unIancnIo.
Alliano gi arlaIo dclla rina arIc dcll'argoncnIo; vcdiano ora
mpcgo dcuzo.
QucsIo u assuncrc lc scgucnIi osizioni.
uzo oucscuto. quando il riIIo c rovcsciaIo sulla canna vcrso la vo-
laIa. E csaIIo a 300 ncIri c vicnc usaIo cr disIanzc infcriori ai 400
ncIri;
uzo uIIuttuto. quando il riIIo c aoggiaIo sullo zoccolo; c csaIIo a
450 ncIri c vicnc inicgaIo cr lc disIanzc Ira 400 c 500 ncIri;
104
105
uzo guduuto. quando il riIIo c incgnaIo nclla riscIIiva Iacca la-
Icralc dcll'alcIIa dcsIra, assuncndo osizioni cIc ossono variarc da 6
a 20 cIIoncIri. E inorIanIc rccisarc cIc ogni graduazionc vicnc in-
icgaIa cr Iiri da cffcIIuarc a disIanzc oscillanIi Ira i 50 ncIri in iu
o in ncno dclla graduazionc scgnaIa.
Lmpcgo IaIIico, invccc, riguarda la conosccnza dcll'inicgo dcl-
l'arna in rclazionc allc suc qualiI lalisIicIc ncccssaric a Irarnc la
naggiorc cfficacia in conlaIIincnIo.
Il fucilc dcvc csscrc inicgaIo nornalncnIc sino alla disIanza di
200 ncIri. quando c usaIo da alili IiraIori la disIanza di inicgo u
csscrc clcvaIa a 300 ncIri.
E ora qualcIc daIo dcll'arna.
DatI tecnIcI:
lungIczza IoIalc dcll'arna con laioncIIa nn 1580
lungIczza IoIalc dcll'arna scnza laioncIIa nn 1280
cso dcll'arna con laioncIIa lg 4,075
cso dcll'arna scnza laioncIIa lg 3,750
DatI baIIstIcI:
vclociI inizialc ncIri al sccondo 700
vclociI di rinculo ncIri al sccondo 2,1
forza viva di rinculo cIilogranncIri 0,87
rcssionc (con solcniIc} aInosfcrc 3100
roIazionc inizialc dcl roicIIo giri al ninuIo 3500
forza viva inizialc cIilogranncIri 260
giIIaIa nassina con inclinazionc di 32 ncIri 3200
cclcriI nassina di Iiro niraIo coli al ninuIo 12
106
Alliano cosi csauriIo la arIc Iccnica c dcscriIIiva dcl fucilc da
fanIcria nodcllo 91.
FcsIa da acccnnarc a Irc laioncIIc di riicgo inicgaIc sui fucili
nodcllo 91 cr socrirc alla nancanza di qucllc d'ordinanza. La ri-
na c una laioncIIa da VcIIcrli oorIunancnIc nodificaIa. La lana c
sIaIa accorciaIa c orIaIa alla nisura dclla laioncIIa rcgolancnIarc.
La crocicra c sIaIa sosIiIuiIa in nodo cIc l'ancllo ossa csscrc sisIc-
naIo sulla canna dcl 91. E sIaIa canliaIa la forna dcllo sacco dovc
s'incasIra il fcrno dcl loccIino. FrolalilncnIc qucsIa nodifica fu or-
dinaIa alla vigilia o ncl criodo dclla rina gucrra nondialc.
In uto, Iuoncttu du Vcttc uduttutu pc um modco 9l. In Iusso,
Iuoncttu con mpugnutuu d tuIo d co c umu cuuutu duu puntu
dcu Iuoncttu du Vcttc.
107
La scconda laioncIIa Ia l'inugnaIura di Iulo di fcrro c la lana
cosIiIuiIa dalla unIa dclla laioncIIa cr fucilc nodcllo 70/87 rica-
vaIa dall'accorciancnIo dclla sIcssa. La lungIczza IoIalc c di cn 35,
quclla dclla lana di cn 23,5.
L'alIra laioncIIa fu rodoIIa in AusIria cr inasIarla sui fucili 91
caIIuraIi agli iIaliani. II discgno qui soIIo c allasIanza cloqucnIc da
risarniarci una dcscrizionc di qucsIa laioncIIa, inIcrancnIc ncIalli-
ca.
Huoncttu uustoungucu pc uc modco 9l. I odco c o stcsso
dcu Iuoncttu uustucu modco 95.
Esaniniano ora nclla vcrsionc originalc c ncllc varianIi succcs-
sivancnIc aorIaIc i Iii di arni cIc sono dcrivaIi dal fucilc 91.
Sono duc noscIcIIi cIc sulirono noIcvoli varianIi, a coninciarc
108
dall'alolizionc di un lullonc Irasvcrsalc assanIc aIIravcrso la cassa
in corrisondcnza dclla viIc cIc uniscc anIcriorncnIc il scrlaIoio alla
canna. QucsIo lullonc, cIc ricorda quclli caraIIcrisIici dci Mauscr Ic-
dcscIi 88 c 98, c rcscnIc solo nci rinissini cscnlari. Lc alIrc va-
rianIi - alncno IuIIc qucllc cIc alliano oIuIo rcgisIrarc - sono indi-
caIc nci caiIolcIIi dcdicaIi riscIIivancnIc al noscIcIIo dcIIo da
cavallcria c al noscIcIIo cr Iruc scciali (TS}.
MoscIctto modco 9l du cuuucu pmssmo tpo. S not Iuonc
tusucsuc, pcsto uIoto.
Moschetto modeIIo 91 cal. 6,5 conuncncnIc dcIIo da cavallcria
(vcdi qui sora}, adoIIaIo ncl 1893.
Esso si diffcrcnzia dal fucilc cr lc scgucnIi arIicolariI. c iu
corIo c lcggcro (la lungIczza, con la laioncIIa riicgaIa, c di nn 919;
il cso con la cassa in nocc c di g 3,160 c il cso con la cassa in faggio
c di g 3,320}; il nanulrio dcll'oIIuraIorc c riicgaIo; la canna c sinilc
a quclla dcl fucilc. la sua lungIczza c di nn 451 (la arIc rigaIa c
lunga nn 375}. Il asso dclla rigaIura alla culaIIa c di cn 38,96 (circa
65 calilri}, qucllo alla volaIa c di cn 19 (circa 31 calilri}; l'alzo c gra-
duaIo da 6 a 15 cIIoncIri (lungIczza dclla linca di nira cn 37,7};
109
Ia una laioncIIa Iriangolarc riicgaIilc congiunIa crnancnIcncnIc
all'arna ncdianIc una lraga la qualc, IraniIc riIcgni a nolla, vicnc
fissaIa sia nclla osizionc di inasIaIa cIc riicgaIa; non Ia il cori-
canna; la laccIcIIa c in duc czzi cd c IcnuIa in un alloggiancnIo ri-
cavaIo ncl calcio, cr cui il calciolo c doIaIo di uno sorIcllo a scaIIo;
Ia gli aIIaccIi cr la cingIia sisIcnaIi riscIIivancnIc sul fianco dclla
cassa c sul loccIino, cIc c doIaIo di un'aosiIa naglicIIa.
In uto, moscIctto modco 9l du cuuucu scnzu copcunnu (s not u
muncunzu dc Iuonc). In mczzo, moscIctto du cuuucu con copcun-
nu. In Iusso, moscIctto modco 9l costuto pmu dcu sccondu guc-
u monduc (putcouc). S not usscnzu d ucccttc ungossumcnto
dcu cunnu.
110
Il noscIcIIo Ia suliIo succcssivancnIc alcunc varianIi c rcci-
sancnIc. c sIaIo forniIo di coricanna (vcdi agina 109 ; il riIcgno a
nolla cr il fissaggio dclla laioncIIa (vcdi foIo qui soIIo} c sIaIo sosIi-
IuiIo da un noIIolino con conando a lcvcIIa c da un noIIolino con co-
nando a loIIonc.
Putcou dc tcgn dcu Iuoncttu nc moscIctt modco 9l du cuuu-
cu. A ccnto, pmo tpo con tcgno u mou. A snstu, sccondo
tpo con tcgno u nottono con comundo u cucttu. A dcstu, tczo tpo
du tcgno con comundo u Iottonc.
Moschetto modeIIo 91 per truppe specIaII TS caI. 6,S (vcdi agi-
na 111}. AdoIIaIo ncl 1897, vcniva daIo in uso ai rcarIi dcll'arIiglicria
c dcl gcnio.
Ha lc ncdcsinc caraIIcrisIicIc IccnicIc dcl noscIcIIo da caval-
lcria, da cui cr si disIinguc cr i scgucnIi arIicolari; la cassa c iu
lunga c arriva a nn 78 circa dalla volaIa. Ia il canalc cr l'allog-
giancnIo dclla laccIcIIa, la qualc c in un sol czzo. Il TS Ia un co-
ricanna fcrnaIo dal loccIino il qualc orIa il fcrno dclla laioncIIa,
ugualc a quclla dcl fucilc. Il loccIino c sIaIo suliIo nodificaIo con
uno iu lungo c doIaIo di un fcrno Irasvcrsalc cr una laioncIIa cIc
111
c analoga a quclla dcl fucilc 91, na dalla qualc si diffcrcnzia crcIc lo
sacco dcl cauccio (cIc invcsIc il fcrno} c orizzonIalc c crcIc il
iolo a nolla c siIo soIIo il cauccio. L'arna in originc avcva solo duc
naglicIIc. una incrniaIa al loccIino c l'alIra a una iasIrcIIa fissaIa
soIIo il calcio. In un'coca indcfiniIa, na conrcsa fra il 1908 c il
1916, vcnncro aggiunIc alIrc duc iasIrcIIc con naglicIIa sul laIo si-
nisIro, nci unIi corrisondcnIi a quclla osIa sul loccIino c a quclla
siIa soIIo il calcio, a ocIi ccnIincIri dal calciolo.
In uto, moscIctto modco 9l pc tuppc spccu, tpo ognuo. S no-
tno munuIo dcottuutoc dtto, Iuonc tusucsuc c mno
con gIcu comc nc utc. In mczzo, dscgno d moscIctto 9l TS pmo
tpo con cutuu Iuoncttu. In Iusso oto dco stcsso.
112
I rinissini cscnlari avcvano l'oIIuraIorc dcl fucilc anzicIc qucllo
dcl noscIcIIo da cavallcria.
EsisIono scialolc-laioncIIc cr fucili nodcllo 91 c noscIcIIi da
Iruc scciali nodcllo 91 (rino Iio} doIaIc di arIi in oIIonc c di
dincnsioni idcnIicIc a qucllc, dci Iii iu conuni. Vi si noIano. la la-
na con codolo a csIrcniI filcIIaIa su cui s'invcsIc l'inugnaIura in
fusionc d'oIIonc in un sol czzo con la crocicra ad ancllo c con l'inca-
sIro cr il assaggio dcl fcrno; la gIicra filcIIaIa cIc, avviIaIa sul-
l'csIrcniI dcl codolo, Iicnc in siIo l'inugnaIura; il fcrno con nolla
di fianco al cauccio (scialola-laioncIIa cr fucilc nodcllo 91} ou-
rc soIIo al cauccio (scialola-laioncIIa cr noscIcIIo nodcllo 91
cr Iruc scciali rino Iio}.
L'arna ora dcscriIIa c sIaIa succcssivancnIc nodificaIa c Ia as-
sunIo il nonc di moscIctto TS modcuto (vcdi agina 113}. E' sIaIo
infaIIi sosIiIuiIo il loccIino originario con uno idcnIico a qucllo dcl
fucilc 91. Di conscgucnza usa la ncdcsina scialola-laioncIIa dcl fu-
cilc 91.
A 17 ccnIincIri circa dalla volaIa c sisIcnaIa una fasccIIa (cIc scr-
vc ancIc a fissarc il coricanna} la qualc c doIaIa di una naglicIIa c
di un'asola fissa siIa laIcralncnIc a sinisIra, cosa qucsIa cIc con-
scnIc, conc nclla vcrsionc originalc, la ossililiI dclla doia sisIc-
nazionc dclla cingIia. Nclla arIc infcriorc la iasIrcIIa con naglicIIa
c la iasIrcIIa laIcralc non Ianno suliIo varianIi riscIIo al nodcllo
originalc.
EsisIono ancIc noscIcIIi cr Iruc scciali dcl rino Iio cIc,
ur nanIcncndo il loccIino lungo, Ianno il fcrno dclla laioncIIa co-
113
nc qucllo dcl Iio nodificaIo, cioc con un fcrno arallclo all'assc
dclla canna invccc cIc Irasvcrsalc.
MoscIctto modco 9l TS modcuto.
Al noscIcIIo 91 TS fu adaIIaIo ncl 1928 un Ironloncino lancia-
lonlc.
MoscIctto modco 9l TS modcuto con unncsso tomIoncno modc-
ol92S. In uto, ustu utcuc, n Iusso, ustu duutu. S not cIc ottu-
utoc c stuto suto c nscto ncu cuuttu moIc dc tomIoncno.
Moschetto modeIIo 91 caI. 6,S per squadrone RR.CC. - GuardIe
deI Re. Ha lc sIcssc caraIIcrisIicIc dcl noscIcIIo 91 dal qualc si dif-
114
fcrcnzia crcIc. Ia sulla canna a circa nn 10 dalla volaIa un fcrno
cr la laioncIIa cIc c a sczionc quadrangolarc, c lunga nn 382 c Ia
un nanico a gIicra dcl Iio dcIIo alla Vaulan; quando non c ina-
sIaIa, la laioncIIa vicnc sisIcnaIa ncll'aosiIo canalc c il nanico in-
vcsIc la volaIa dclla canna. Quando c inasIaIa, la laioncIIa c siIa a
dcsIra dclla canna; il nanulrio, il nascllo dcl IulcIIo, la sca-
Iola-scrlaIoio, lo zoccolo cd il loIIonc dcll'alzo, il loccIino c la ia-
sIrcIIa con naglicIIa siIa nclla arIc anIcriorc dcl calcio sono doraIi;
la cassa in nocc c iu lunga c arriva a 70 nn dalla locca. Ha il ca-
nalc dclla laioncIIa guarniIo di ncIallo doraIo.
L'arna fu oi daIa in doIazionc ai corazzicri dcl FrcsidcnIc.
MoscIctto modco 9l cuIo b,5 pc squudonc Hcu CuuInc
Guudc dc Hc, uttuumcntc n dotuzonc u couzzc dc pcsdcntc
dcu HcpuIIcu. S notno c put pu cIuc, cIc sono doutc. In uto
moscIctto con u Iuoncttu cupouoto. In Iusso, con u Iuoncttu nustu-
tu.
Moschetto modeIIo 91J24. Dcriva da una Irasfornazionc dcl fu-
cilc nodcllo 91 (vcdi ag. 115 }. Ha lc ncdcsinc caraIIcrisIicIc dcl
115
noscIcIIo TS nodificaIo dal qualc si diffcrcnzia cr la forna c di-
ncnsioni dcll'alzo cIc c idcnIico a qucllo dcl fucilc 91, salvo cr lc
graduazioni cIc vanno da 6 a 15 cIIoncIri. EsisIono ancIc cscnlari
con la Iacca di nira dcl riIIo sosIaIa in avanIi sul riIIo sIcsso.
MoscIctto modco 9l/24. S not cIc uzo Iu c stcssc dmcnson d
quco dc ucc modco 9l.
FucIIe modeIIo 91JSS (vcdi agina 116}. E sIaIo oIIcnuIo nc-
dianIc oorIunc nodificIc aorIaIc al fucilc nodcllo 91, dcl qualc
conscrva cr i rcgi di rolusIczza, rusIiciI, inIcrcanlialiliI dcllc
arIi ccccIcra.
E iu lcggcro dcll'arna nadrc, ncno ingonlranIc c, cosa iu in-
orIanIc, Ia un calilro naggiorc (nn 7,35} cIc si c oIIcnuIo alcsando
oorIunancnIc la canna dcl calilro 6,5.
La laioncIIa dcl fucilc nodcllo 38 c noIcvolncnIc iu corIa dcllc
alIrc.
Analizzando aIIcnIancnIc il nuovo fucilc noIiano cIc csso si diffc-
rcnzia dal 91 crcIc. la canna c lunga nn 536 cd Ia una rigaIura cli-
116
coidalc (rofonda nn 0,14} a asso costuntc (nn 240} dcsIrorsa; la
lungIczza dclla arIc rigaIa c di nn 475,5; il calilro, conc sora al-
liano dcIIo, c di nn 7,35 Ira i icni. Ira i vuoIi c invccc di nn 7,63;
l'ingrossancnIo dclla arIc Icrninalc dclla canna non c sfacccIIaIo,
na c di forna Ironco-conica; la cassa c lunga nn 880 c Ia sul fusIo
duc scanalaIurc cIc faciliIano l'inugnaIura dcll'arna; ncl calcio c si-
sIcnaIa la laccIcIIa, cIc c a Irc clcncnIi; il calciolo c aosiIancnIc
forniIo di uno sorIcllo a scaIIo; il unIancnIo c cffcIIuaIo ncdianIc
un'unica linca di nira; csisIc crIanIo una Iacca di nira fissa cIc c
csaIIa cr la disIanza di ncIri 300 (lungIczza dclla linca di nira nn
432,7}; l'arna c doIaIa di un aIIacco cr la laioncIIa-ugnalc dclla
qualc arliano iu avanIi; csisIc un aIIacco di fianco cr la cingIia,
cIc c fissaIa sucriorncnIc a una naglicIIa cd infcriorncnIc ad una
srangIcIIa con rullo.
Una arIicolariI inorIanIc dcllc arni nodcllo 38 c cosIiIuiIa dal
faIIo cIc sulla lasc dcll'alzo c inciso il calilro.
Fucc modco 3S.
Lc arIi rcsIanIi sono cguali a qucllc csisIcnIi sul fucilc nodcllo 91.
117
ncl discgno qui soIIo alliano voluIo aunIo indicarc lc arIi non
conuni allc duc arni.
Una sosIanzialc nodifica alla laioncIIa c sIaIa aorIaIa con la
adozionc dcllc arni nodcllo 91/38. Essa c sIaIa noIcvolncnIc accor-
ciaIa cd c sIaIa rcsa riicgaIilc ncdianIc uno snodo conandaIo da un
loIIonc clasIico. ci cr conscnIirc cIc cssa sia IcnuIa cosIanIcncnIc
alicaIa all'arna c alloggiaIa in un'aosiIa fcssura vcrIicalc dcl fu-
sIo. Nclla vcrsionc originaria, il conando di svincolo dcl u-
gnalc-laioncIIa dcll'arna cra cosIiIuiIo, a siniglianza di quanIo ra-
IicaIo in quclla dcl noscIcIIo auIonaIico DcrcIIa nodcllo 38 A, da
una lcva zigrinaIa incororaIa nclla guancia in lcgno, sisIcna qucsIo
cIc dcvc csscrc sIaIo riIcnuIo, conc infaIIi c, csIrcnancnIc sconodo.
118
Si c crIanIo succcssivancnIc riIcnuIo giusIo alolirc la lcva c riri-
sIinarc il conando a loIIonc cosi conc ncllc laioncIIc dcl fucilc 91.
Putcouc dc ucc modco 3S con Iuoncttu duu umu pcguIc,
ucsonc ognuu. A snstu, con umu pcgutu. A dcstu, con umu
nustutu.
Lu Iuoncttu u umu pcguIc dcnto mpugnutuu pc ucc modco
9l/3S. S not nconsuctu cuu d suncoo.
119
Huoncttu pc ucc modco 3S, u umu pcguIc.
FiIcniano oorIuno rccisarc cIc il nodcllo originario dcl fucilc
38 (vcdi figura qui soIIo arIicolarc A} suli una inncdiaIa Irasforna-
zionc dcl loccIino risulIando csIcIicancnIc cosi conc c indicaIo nclla
sIcssa figura arIicolarc D.
120
Ed ccco ora qualcIc daIo rclaIivo all'arna di cui sora.
cso scnza cingIia con laioncIIa lg 3,675
lungIczza scnza laioncIIa nn 1020
lungIczza con laioncIIa nn 1198
lungIczza IoIalc dclla laioncIIa nn 290
Moschetto per cavaIIerIa modeIIo SS caI. 7,SS (vcdi agina 121}.
E rcssocIc idcnIico al noscIcIIo cr cavallcria nodcllo 91 dal qualc
diffcriscc cr. la rigaIura, cIc c clicoidalc c dcsIrorsa a asso cosIanIc
(nn 240}; l'alzo, cIc c cosIiIuiIo da una gIicra avcnIc una Iacca di
nira fissa csaIIa cr la disIanza di n 300; la lungIczza dclla linca di
nira c di nn 377.
Moschetto per truppe specIaII TS modeIIo SS caI. 7,SS (vcdi a-
gina 119}. Ha lc sIcssc caraIIcrisIicIc dcl noscIcIIo cr cavallcria so-
ra dcscriIIo.
EsIcIicancnIc c idcnIico al noscIcIIo 91 TS nodificaIo. naIu-
ralncnIc, conc IuIIc lc arni nodcllo 38, Ia un alzo a Iacca di nira
fissa.
Usa la sIcssa scialola-laioncIIa dcl fucilc 91.
Lc arni nodcllo 38 calilro 7,35 non cllcro invcro il succcsso cIc
avrcllcro invccc ncriIaIo. la causa rincialc di qucsIo insucccsso c
da riccrcarsi csscnzialncnIc ncl faIIo cIc la loro disIriluzionc ai rc-
arIi vcnnc a coincidcrc, o quasi, con l'inizio dclla scconda gucrra
nondialc.
L'ossaIura dcll'arnancnIo iIaliano cra allora cosIiIuiIa da arni
avcnIi il calilro Iradizionalc di nn 6,5, cr cui, al finc di unifornarc il
nunizionancnIo, fu dcciso di riIirarc ai rcarIi dcll'cscrciIo lc arni
121
In uto, moscIctto pc cuuucu modcu 3S. In Iusso, moscIctto TS
modco 3S.
calilro 7,35, cIc vcnncro succcssivancnIc daIc in disIriluzionc alla
C.I.L.
Fu allora dcciso di cosIruirc lc arni nodcllo 38 in calilro 6,5 c ci
al finc di oIcr usarc lc nunizioni dcllc arni nodcllo 91.
Avcnno cosi il fucilc, il noscIcIIo cr cavallcria c il noscIcIIo no-
dcllo 38 calilro 6,5.
Quali lc diffcrcnzc Ira lc arni dcllo sIcsso nodcllo na di calilro di-
vcrso? Dal unIo di visIa csIcIico. ncssuna.
Dal unIo di visIa Iccnico noIiano invccc lc scgucnIi arIicolariI.
il calilro; l'alIczza dcl nirino, cIc c sIaIa nodificaIa in rclazionc allc
nuovc qualiI lalisIicIc dcll'arna. la Iacca di nira fissa c sIaIa rcsa
csaIIa alla disIanza di n 200.
E inorIanIc rccisarc cIc il fucilc nodcllo 38 calilro 6,5 Ia
nanIcnuIo la rigaIura clicoidalc a quaIIro rigIc (rofondiI nn 0,15},
dcsIrorsa c a asso cosIanIc (nn 215} gi adoIIaIa dallc arni nodcllo
122
38 calilro 7,35. i noscIcIIi invccc Ianno adoIIaIo nuovancnIc la ri-
gaIura rogrcssiva (asso inizialc nn 390, asso alla locca nn 195}
roria dcllc arni nodcllo 91.
AncIc la laioncIIa dcl fucilc 38 calilro 6,5 suli alcunc nodificIc
riscIIo al nodcllo originario. Fcrnc rcsIando lc nisurc, la lana c
sIaIa rcsa fissa c ncl fodcro vcnnc aloliIo il assanIc ncIallico, sosIi-
IuiIo da un gancio cr la sisIcnazionc dclla lorsa in cuoio grigiovcrdc,
di nodcllo analogo a quclla usaIa cr la scialola-laioncIIa dcl fucilc
91 (vcdi figura soIIo}. EsisIc ancIc un Iio di Iransizionc cIc, ur
avcndo la lana fissa, Ia ncll'inugnaIura la scanalaIura cr la lana
icgIcvolc.
Huoncttu pc ucc modco 3S con umu ssu.
Una ulIcriorc nodifica dcl noscIcIIo 91/38 TS si cllc quando
l'arna vcnnc adaIIaIa cr l'uso dcl nunizionancnIo Icdcsco cosIiIuiIo
da carIuccc calilro 7,92.
Non ci consIa cr cIc dcIIo Iio di arna sia sIaIo daIo in doIa-
zionc a rcarIi dcll'cscrciIo iIaliano.
Il noscIcIIo nodcllo 38 cr Iruc scciali in calilro 7,92 Mauscr
(carIuccia corrisondcnIc a quclla da caccia grossa dcnoninaIa con-
ncrcialncnIc 8 57 } c riconoscililc cr lc scgucnIi caraIIcrisIicIc,
123
olIrc cIc ovviancnIc cr il naggior calilro dclla canna. L'oIIuraIorc c
sIaIo nodificaIo nclla faccia riscIIo a quclla originaria a causa dcl
naggior diancIro dcl lossolo cr carIuccia calilro 7,92; sulla lasc dcl
nanulrio c inrcssa la lcIIcra S , rolalilncnIc inizialc di SiIzc,
aggcIIivo cIc in Icdcsco significa aunIiIo cd c sIaIo inicgaIo cr
dcfinirc la forna aunIiIa dcl roicIIilc cr la carIuccia calilro 7,92
Mauscr adoIIaIa ai rincii dcl sccolo. La culaIIa nolilc Ia uno sgu-
scio alla arIc anIcriorc dcll'acrIura di caricancnIo cr crncIIcrc
l'inIroduzionc ncl scrlaIoio dcllc carIuccc calilro 7,92, iu lungIc di
qucllc calilro 6,5. Sulla arIc anIcriorc c inrcssa la lcIIcra S. La
cassa rcscnIa un lullonc assanIc in corrisondcnza di ciascuno
dci Iravcrsini. Infinc la Iacca di nira orIa l'indicazionc dcl calilro
7,9 inrcssa nclla arIc sucriorc.
In uto, moscIctto modco 9l/3S TS cuIo ?,92. In Iusso, putcouc
dco stcsso; s not o sgusco ncu putc untcoc dcu cuuttu moIc.
(Musco dcu Gucu d Houccto).
FucIIe modeIIo 41 caI. 6,S (vcdi agina 124}. QucsI'arna diffcriscc
dal fucilc 91 in quanIo. c iu corIo di circa nn 100 (lungIczza scnza
124
laioncIIa nn 1171}; la canna c lunga nn 690 (lungIczza dclla arIc
rigaIa nn 620} c Ia la rigaIura clicoidalc con quaIIro rigIc dcsIrorsc
(rofondc nn 0,15} a asso cosIanIc (nn 215}.
Conc ncllc arni nodcllo 38, l'ingrossancnIo Icrninalc sfacccIIaIo
c sIaIo sosIiIuiIo da un ingrossancnIo a forna Ironco-conica, arIi-
colariI risconIraIa ancIc in arni nodcllo 91 rodoIIc ncl 1937; la
Fucc modco 4l, cuIo b,5.
cassa c lunga nn 1086 c il calcio c roIcIIo da un calciolo cui nanca
la ncrvaIura ccnIralc; la fasccIIa crncIIc il dulicc aIIacco dclla cin-
gIia; l'alzo Ia lo zoccolo graduaIo da n 200 a n 1000 (graduazioni di
100 in 100} c fa coro unico con la gIicra d'alzo.
Il cso IoIalc dcll'arna scnza cingIia c scnza laioncIIa c di lg
3,720.
Il fucilc nodcllo 41 adocra la sIcssa scialola-laioncIIa dcl fucilc
91.
DuranIc la scconda gucrra nondialc, ncl 1940 vcnnc adoIIaIo uffi-
cialncnIc, na non disIriluiIo, un fucilc nodcllo 40, analogo a qucllo
nodcllo 41, da cui diffcriscc crcIc rovvisIo di alzo ccccnIrico.
125
Vcnnc alIrcsi scrincnIaIo un fucilc nodcllo 41 nodificaIo ncl con-
gcgno d'alincnIazionc, cIc cra dcl Iio Mauscr anzicIc MannlicIcr.
Alcunc arni nodcllo 91 furono usaIc ancIc da Iruc sIranicrc.
DuranIc la rina gucrra nondialc fucili nodcllo 91 caIIuraIi dallc for-
zc arnaIc ausIro-ungaricIc vcnncro nodificaIi nclla cancra di sco-
io cr crncIIcrc l'inicgo, olIrc cIc dcllc nunizioni iIalianc, ancIc
dclla carIuccia grcca da 6,5 nodcllo 1903 di roduzionc ausIriaca.
Sulla facccIIa dcsIra dclla canna vcniva inrcssa l'iscrizionc II. u.
Cr..
DuranIc la gucrra finno-sovicIica vcnncro forniIi alla Finlandia fu-
cili nodcllo 38 calilro 7,35 cIc non furono cr inicgaIi in rina li-
nca. Doo la scconda gucrra nondialc, alcunc nazioni, conc l'EIioia,
la Crccia c la Jugoslavia, disIriluirono allc roric Iruc arni 91 c
91/38 calilro 6,5.
Ficordiano infinc il fucilc giaoncsc Iio I , rodoIIo in IIalia cr
lc forzc arnaIc nionicIc c inicganIc la culaIIa nolilc c l'oIIuraIo-
rc dcl fucilc 91.
Fucc modco 4U, pouusto d uzo ccccntco.
126
127
128
129
1 carIuccia a niIraglia nodcllo 91-95
(Iio originalc}
2 carIuccia a niIraglia nodcllo 91-95
(Iio nodificaIo}
3 carIuccia ridoIIa cr arni nodcllo
91
4 carIuccia ridoIIa cr SocicI di Tiro
a Scgno Nazionalc
5 carIuccia ridoIIa cr SocicI di Tiro
a Scgno Nazionalc
6 carIuccia a alloIIola frangililc (cr
il Iiro fino a 200 ncIri}
7 carIuccia a alloIIola frangililc
8 carIuccia a alloIIola frangililc
9 carIuccia a alloIIola frangililc
10 carIuccia a alloIIola frangililc
11 carIuccia a alloIIola frangililc no-
dcllo 37 (Iio MagisIri}
12 carIuccia a alloIIola frangililc no-
dcllo 37 (Iio MagisIri}
13 carIuccia cr Iio ridoIIo cr arni
nodcllo 91
14 cacllozzo c alloIIolina cr car-
Iuccia da Iiro ridoIIo cr arni nodcllo
91
15 carIuccia cr Iiro ridoIIo nodcllo
39
16 carIuccia cr Iiro ridoIIo nodcllo
39
17 carIuccia da salvc nodcllo 91-95
18 carIuccia da salvc nodcllo 91-95
19 carIuccia da salvc nodcllo 91-910
20carIuccia da salvc nodcllo 91-95
(con lossolo ricaricaIo}
21 carIuccia da salvc nodcllo 91-95
22 carIuccia da cscrciIazionc nodcllo
91-95 (Iio originalc}
23 carIuccia da cscrciIazionc nodcllo
91-95 (Iio nodificaIo}
24 carIuccia da cscrciIazionc con falsa
alloIIola di lcgno
25 carIuccia crforanIc
26 carIuccia luninosa - inccndiaria
(IraccianIc}
27.carIuccia di lancio cr lonlc Dc-
naglia (visIa dall'alIo}
28 carIuccia di lancio cr Ironloncino
(visIa dall'alIo}
29 carIuccia di lancio cr Ironloncino
30 carIuccia di lancio cr Ironloncino
31 carIuccia di lancio ar Ironloncino
32 carIuccia cr rova forzaIa
33 carIuccia a alloIIola da 7,35
34 carIuccia a alloIIola da 7,35
35 carIuccia a alloIIola da 7,35
36 carIuccia a alloIIola. da 7,35
37 carIuccia a alloIIola da 7,35
38 carIuccia a niIraglia da 7,35
39 carIuccia frangililc da 7,35 (Iio
MagisIri}
40 carIuccia cr Iiro ridoIIo da 7,35
41 carIuccia da salvc da 7,35
42 caricaIorc di carIuccc alloIIola da
6,5
43 caricaIorc MannlicIcr (fucilc Icdc-
sco nodcllo 88}
44 caricaIorc nodcllo 90 ausIriaco
45 caricaIorc in acciaio cr arni cal.
6,5 c 7,35
46 caricaIorc in acciaio lruniIo (origi-
nariancnIc rcvisIo cr lc carIuccc
cr Iiro ridoIIo nodcllo 39}
47 caricaIorc di carIuccc a alloIIola
da 7,35
48 accIcIIo di 3 caricaIori a alloI-
Iola da 6,5
49 caricaIorc di carIuccc da 6.5,
50 caricaIorc in fcrro sIagnaIo cr ar-
ni calilro 6,5 (c il Iio originalc adoI-
IaIo ncl 1891}
51 caricaIorc in oIIonc
52 accIcIIo di 3 caricaIori a alloI-
Iola da 6,5
130
PenetrazIone neI bersagII InanImatI deIIa paIIottoIa ordInarIa
da 6,S sparata coI IucIIe modeIIo 91
Lc cncIrazioni nassinc si Ianno, cr quasi IuIIi i naIcriali, Ira i
100 c i 300 ncIri crcIc, scllcnc la cncIrazionc dci roicIIi avvcnga
in funzionc dclla loro forza viva, allc ninori disIanzc il roicIIo quando
inconIra un lcrsaglio si dcforna c la cncIrazionc c quindi ninorc.
FcncIrazionc in nn allc
disIanzc di
100
n
200
n
300
n
500
n
700
n
1000
n
1500
n
2000
n
Tcrra conunc asciuIIa 330 980 800 680 600 570 450 250
Tcrra conunc lagnaIa 390 2300 1620 950 870 750 650 600
Tcrra conunc asciuIIa c
igiaIa
270 970 600 520 500 460 420 150
Tcrra conunc lagnaIa c
igiaIa
320 2460 1300 1100 1000 820 700 630
Sallia viva asciuIIa 340 290 240 720 650 480 420 300
Sallia viva lagnaIa c
igiaIa
250 640 730 640 600 560 460 350
CIiaia 100 150 100
Lcgno dolcc (1} 1150 750 400 320
Lcgno forIc (1} 350 150
Muri in calccsIruzzo 200 80
Lanicra di fcrro dolcc(2} 15
Ncvc caduIa di rcccnIc 3500 2750 2500
Ncvc laIIuIa c gclaIa 1250 1000
(1} Con Iiro in dirczionc nornalc allc filrc; con dirczionc arallcla allc
filrc auncnIa di 1/3.
(2} Ncll'acciaio duro la cncIrazionc c di soli nn 0,10.
131
MUNIZIONI DUFFETTEFIE
E ACCESSOFI
FEF AFMI MODELLO 91
di Alcssio Crinaldi
MUNI2IONAMENTO CAL. 6,S mm
CartuccIa a paIIottoIa ordInarIa. La carIuccia a alloIIola adoIIaIa
assicnc al fucilc c al noscIcIIo da cavallcria nodcllo 91 vcnnc ro-
gcIIaIa da Luigi ScoIIi, conIc dclla Scala di San Ciorgio, caoIccnico
collaudaIorc al FiroIccnico di Dologna dal 1883 al 1895.
Il lossolo dclla carIuccia c di oIIonc; la arIc infcriorc c lcggcr-
ncnIc Ironco-conica allo scoo di faciliIarc l'csIrazionc dcl lossolo
saraIo; la arIc sucriorc c cilindrica c uniIa alla rina ncdianIc un
132
Ironco di cono cIc d aoggio alla carIuccia nclla cancra di scoio;
il fondcllo rcscnIa una scanalaIura anularc di rcsa dcll'csIraIIorc c
una faccia infcriorc iana con al ccnIro il orIa-casula con
1'incudincIIa c duc fori cr il assaggio dclla vana rodoIIa dalla
dcflagrazionc dcll'inncsco; sul fondcllo sono inrcssi conIrasscgni di
fallricazionc dcl lossolo.
L'inncsco, dcl Iio ordinario, c cosIiIuiIo da una casula di oIIonc
conIcncnIc g 0,023 di conosizionc fulninanIc, cioc una nisccla di
fulninaIo di ncrcurio (2 arIi}, cloraIo di oIassio (1 arIc} c solfuro
di anIinonio (1 arIc}, soIIraIIa al conIaIIo dcll'aria ncdianIc un soI-
Iilc sIraIo di vcrnicc.
La alloIIola, dcl diancIro di nn 6,8, csa g 10,45 cd c lunga nn
30,4, c di forna cilindrica cr nn 20,4; il rcsIo, cioc la unIa, c di
forna ogivalc. E' ricocrIa da un involucro di naillccIorI (lcga di ranc
85 % c nicIclio 15 %, idcaIa dalla casa ausIriaca FoII} conIcncnIc un
nuclco di ionlo IrafilaIo, saldaIo c conrcsso.
Cutuccu cuIo b,5 u puottou odnuu modco 9l o 9l-95.
La carica di olvcrc consisIc in granni 1,95 di lalisIiIc in grani dcl
N. 1 (grani culici di circa nn 1 di laIo; 750850 grani cr granno}
IcnuIa in siIo da un lioccolo di coIonc idrofilo. La alloIIola oggia col
suo fondcllo su un risalIo anularc dcll'inIcrno dclla locca dci lossolo,
133
avcnIc lo scoo di incdirc cIc la alloIIola cncIri ncl lossolo sIcsso
iu dcl rcvisIo, cd c IraIIcnuIa dalla Icnsionc dclla locca dcl lossolo.
La carIuccia a alloIIola cr arni nodcllo 91 vcnnc nodificaIa ncl
1895 cr ovviarc a sfuggiIc di gas cIc si vcrificavano al fondcllo, Ira la
casula c il orIacasula, c auncnIarc la rcsisIcnza dcl lossolo. La
carIuccia nodificaIa vcnnc dcnoninaIa nodcllo 91-95 c rcscnIa
sulla faccia infcriorc dcl fondcllo un incavo a corona circolarc sIan-
aIo conccnIricancnIc al orIacasula. Ncll'incavo sIcsso sono rica-
vaIi in rilicvo i conIrasscgni di fallricazionc dcl lossolo.
In uto, u snstu, sczonc d ondco d Iossoo modco 9l. A dcstu,
sczonc d ondco d Iossoo modco 9l-95. In Iusso, u snstu, on-
dco d Iossoo modco 9l; u ccnto ondco d Iossoo modco 9l-95
cucuto u Iusttc; u dcstu ondco d Iossoo modco 9l-95 cucuto
u socntc.
134
SucccssivancnIc la carIuccia a alloIIola nodcllo 91-95 suli varic
alIrc nodificIc scnza cr cIc nc vcnissc nai nuIaIa la dcnonina-
zionc, cIc conscrva IuIIora.
La rina nodifica fu la sosIiIuzionc dclla carica di lalisIiIc con una
carica di granni 2,28 di solcniIc in IulcIIi (grani cilindrici foraIi di
nn 2 di lungIczza c di nn 2 di diancIro csIcrno c nn 0,7 di dia-
ncIro dcl foro; 120O140 grani cr granno}. La solcniIc, avcndo una
IcncraIura di cslosionc infcriorc a quclla dclla lalisIiIc (2600 con-
Iro 3000} rcscnIa il grandc vanIaggio di causarc una ninorc crosio-
nc dcllc cannc auncnIandonc considcrcvolncnIc la duraIa. La solc-
niIc vcnnc rodoIIa cr la rina volIa ncl 1896 rcsso il Fcalc Folvc-
rificio sul Liri cIc ncl 1895 avcva iniziaIo la roduzionc dclla lalisIiIc;
rcccdcnIcncnIc IuIIa la lalisIiIc vcniva acquisIaIa dalla SocicI Di-
naniIc Nolcl di Avigliana.
Fcr l'idcnIificazionc dcllc carIuccc caricaIc con solcniIc i lossoli
rcscnIavano, ncll'incavo a corona circolarc dcl fondcllo, una crocc ri-
cavaIa in rilicvo in aggiunIa ai conIrasscgni di fallricazionc dcl los-
solo. TuIIc lc carIuccc ordinaric rodoIIc dal FiroIccnico di Dologna
vcnncro caricaIc con solcniIc a arIirc dal 1906, qucllc rodoIIc dal
FiroIccnico di Caua a arIirc dal 1907. Frina dcll'inizio dclla grandc
gucrra vcnnc sorcssa la crocc dal fondcllo dcllc carIuccc caricIc a
solcniIc.
La nodifica succcssiva fu l'adozionc dclla Irilicc unzonaIura cr
clininarc la Icnsionc dclla locca dcl lossolo sulla alloIIola, incdirc
cIc la alloIIola si sosIassc in avanIi c la nanonissionc dclla car-
Iuccia. Lc Irc unzonaIurc Iraczoidali fanno cncIrarc l'oIIonc dcl
lossolo in un'aosiIa scanalaIura anularc dclla alloIIola oorIu-
135
nancnIc nodificaIa. Alcuni loIIi di carIuccc ordinaric rodoIIi dalla
SocicI McIallurgica IIaliana ncl 1932 non Ianno la Irilicc unzo-
naIura c la scanalaIura anularc dclla alloIIola c sosIaIa vcrso l'ogi-
va in nodo da crncIIcrc l'aggraffaIura dcl collcIIo dcl lossolo in cs-
sa. La Irilicc unzonaIura fu dcfiniIivancnIc aloliIa all'inizio dclla
scconda gucrra nondialc c sosIiIuiIa dall'aggraffaIura dcl collcIIo dcl
lossolo in una aosiIa scanalaIura godronaIa dclla alloIIola.
A snstu, puottou odnuu, pmo tpo; u ccnto puottou odnuu
pc cutuccc tpunzonutc; u dcstu puottou odnuu con scunuutuu
godonutu (tpo uttuuc).
A arIirc dal 1940, inolIrc, l'incaniciaIura di naillccIorI dcllc al-
loIIolc fu sosIiIuiIa da incaniciaIurc in acciaio laccaIo al naillccIorI
o al Ionlacco cd a arIirc dal 1942 vcnncro allcsIiIi (dalla SocicI
McIallurgica IIaliana c dalla Donlrini Farodi-Dclfino} vari loIIi di
carIuccc con lossolo di acciaio laccaIo. Doo la scconda gucrra non-
dialc vcnncro rodoIIi alcuni loIIi con alloIIolc incaniciaIc in naillc-
cIorI; la roduzionc corrcnIc Ia l'incaniciaIura in acciaio laccaIo al
136
Ionlacco. Lc carIuccc cr arni nodcllo 91 sono sIaIc rodoIIc dal Fi-
roIccnico di Dologna, dal FiroIccnico di Caua, dalla SocicI McIallur-
gica IIaliana, dalla Donlrini Farodi-Dclfino c dalla Lcon Dcau & C.
Lc carIuccc rodoIIc dai duc FiroIccnici rccano sul fondcllo lc ini-
ziali dcl caoIccnico collaudaIorc, la lcIIcra D cr qucllc rodoIIc
rcsso il FiroIccnico di Dologna ourc la lcIIcra C cr qucllc rodoIIc
rcsso il FiroIccnico di Caua c lc ulIinc duc cifrc dcll'anno di rodu-
zionc dcl lossolo (salvo cIc cr i lossoli rodoIIi ncl 1900, i quali
orIano lc ulIinc Irc cifrc dcll'anno; inolIrc alcuni loIIi di carIuccc
rodoIIi a Dologna ncl 1918 orIano sui lossoli i conIrasscgni SD 18}.
Lc carIuccc rodoIIc dall'indusIria rivaIa orIano invccc lc lcIIcrc in-
dicaIrici dclla diIIa cosIruIIricc. SMI, DFD o LDC c lc ulIinc duc o Irc
cifrc dcll'anno di cosIruzionc.
Con la carIuccia nodcllo 91-95 carica con solcniIc si oIIicnc una
vclociI alla locca di 700 ncIri al sccondo col fucilc nodcllo 91 c di
600 ncIri al sccondo col noscIcIIo nodcllo 91.
Ncl 1936 furono rodoIIc dalla casa ausIriaca HirIcnlcrgcr car-
Iuccc ordinaric calilro 6,5 cr lc forzc arnaIc iIalianc. QucsIc car-
Iuccc Ianno l'incaniciaIura dclla alloIIola di acciaio laccaIo al
naillccIorI c una carica di niIroccllulosa grafiIaIa in cilindrcIIi; si ri-
conoscono cr il fondcllo iano con inrcssi una sIclla a 5 unIc c
l'anno (1936}.
Vcrso il 1930 vcnnc scrincnIaIa una carIuccia con alloIIola or-
dinaria acuninaIa dcl Iio S dcsIinaIa rincialncnIc allc niIra-
gliaIrici csanIi, na inicgalilc ancIc con lc arni nodcllo 91. Il
137
roicIIilc csava granni 8 c si oIIcnnc una vclociI alla locca di 860
ncIri al sccondo, na la alloIIola non fu adoIIaIa cr la dcficicnza
dcllc alIrc qualiI lalisIicIc.
CartuccIa per tIrI dI esattezza modeIIo 91.9S. E analoga alla car-
Iuccia a alloIIola ordinaria, da cui diffcriscc cr lc ninori Iollcranzc
dci cononcnIi c l'accuraIczza dcll'allcsIincnIo.
CartuccIa a mItragIIa modeIIo 91. E dcl IuIIo sinilc alla nodcllo
91-95 (vcdi soIIo} da cui diffcriscc unicancnIc cr avcrc la faccia
csIcrna dcl fondcllo iana.
CartuccIa a mItragIIa modeIIo 91-9S, E dcsIinaIa a csscrc inic-
gaIa nci scrvizi di ordinc ulllico c cosIiIuiIa da un lossolo con innc-
In uto, cutuccu u mtugu modco 9l U 9l-95. A ccnto, u suu
puottou sczonutu. In Iusso cutuccu u mtugu modco 9l-95 mod-
cutu.
138
sco analogo a qucllo dclla carIuccia ordinaria nodcllo 91-95, da cui
diffcriscc cr il ninor diancIro dcl collcIIo dcl lossolo c cr non avcrc
il risalIo anularc all'inIcrno dclla locca dcl lossolo sIcsso; da una
alloIIola dcl cso IoIalc di granni 16,20 cosIiIuiIa da 10 scgncnIi
scnicilindrici di ionlo, sovraosIi duc a duc c sornonIaIi da una
alloIIolina ricavaIa da alloIIolc ordinaric di scarIo, il IuIIo inscriIo
in un lossolcIIo di oIIonc, con Irc Iagli longiIudinali, cIiuso a una
csIrcniI c acrIo all'alIra da cui sorgc l'ogiva dclla alloIIolina.
Usccndo dalla canna, il lossolcIIo si sfascia, lasciando lilcri i scg-
ncnIi c la alloIIola, cIc vcngono a cosIiIuirc cosi alIrcIIanIi roicIIili.
La carIuccia a niIraglia nodcllo 91-95 cra originariancnIc caricaIa
con granni 1,50 di lalisIiIc in grani dcl N. 1 c succcssivancnIc con
granni 1,25 di solcniIc in IulcIIi, IcnuIi in siIo da un lioccolo di co-
Ionc idrofilo. Fcr quanIo riguarda la crocc ricavaIa sul fondcllo dci
lossoli cr l'idcnIificazionc dcllc carIuccc caricIc a solcniIc valc
quanIo dcIIo a roosiIo dclla carIuccia ordinaria. Vcrso l'inizio dclla
scconda gucrra nondialc la alloIIola dclla carIuccia a niIraglia no-
dcllo 91-95 vcnnc nodificaIa sosIiIucndo alla alloIIolina con incani-
ciaIura in naillccIorI una ogivcIIa di ionlo c auncnIando la lun-
gIczza dcl lossolcIIo di oIIonc, cIc alla unIa lascia scocrIo il ion-
lo dcll'ogivcIIa. Il cso dclla alloIIola cosi nodificaIa c di granni
16,50. QucsIa carIuccia a niIraglia c IuIIora in uso.
CartuccIa a paIIottoIa IrangIbIIe. Ha un lossolo con inncsco ana-
logo a qucllo dclla carIuccia ordinaria nodcllo 91-95, da cui diffcriscc
crcIc il risalIo all'inIcrno dclla locca dcl lossolo sIcsso c iu in alIo,
daIa la ninor lungIczza dclla alloIIola, cIc csa granni 7 cd c cosIi-
139
Cutuccu u puottou ungIc. Duuto. cutuccu con puottou d tpo
ognuo; sczonc dcu stcssu puottou; putcouc dcu cutuccu t-
punzonutu con puottou modcutu; putcouc dcu cutuccu con co-
ctto dc Iossoo ugguuto ncuppostu scunuutuu dcu puottou;
putcouc dcu cutuccu smuc, mu co tpo d puottou unuogu u
qucu mpcgutu ncc cutuccc tpunzonutc.
IuiIa da un lossolcIIo di naillccIorI, cIiuso al fondcllo, cnIro cui so-
no inscriIi, a arIirc dal lasso, un cilindrcIIo di alluninio, una ccrIa
quanIiI di allini di ionlo, una cocIIa di alluninio c un'ogivcIIa
di ionlo scocrIa cr 5-6 nn ncllc carIuccc di fallricazionc iu
vcccIia, visililc solo alla unIa dclla alloIIola in qucllc di fallrica-
zionc succcssiva, avcnIi il lossolcIIo di naillccIorI di naggior lun-
gIczza. Il lossolcIIo rcscnIa, Ira il fondcllo c l'ogiva, una scanalaIu-
140
ra dcsIinaIa a faciliIarc la roIIura dclla alloIIola c, vcrso il fondcllo,
un'alIra scanalaIura iu vicina al fondcllo ncllc carIuccc IriunzonaIc,
in corrisondcnza dcl collcIIo dcl lossolo ncllc carIuccc di iu rcccnIc
roduzionc, cIc gcncralncnIc Ianno il collcIIo sIcsso aggraffaIo nclla
scanalaIura dclla alloIIola. La carica c di g 1,15 di lalisIiIc in grani
dcl N. 2 (grani culici iccolissini 4800O5000 grani cr granno}. La
carIuccia frangililc oIcva vcnirc inicgaIa cr il Iiro fino a 300 nc-
Iri, ccccIIo cr qucllc di iu vcccIia roduzionc, cIc di soliIo crano
usaIc solIanIo cr il Iiro fino a 200 ncIri. La vclociI inizialc col fucilc
cra di 620-640 ncIri al sccondo.
CartuccIa a paIIottoIa IrangIbIIe modeIIo S7, tIpo MagItstrI. Fu
sIudiaIa ncl 1937 c inicgaIa cr il Iiro al lcrsaglio rincialncnIc
nci oligoni cIiusi. Ha una alloIIola dcl cso di granni 7, cosIiIuiIa
da un lossolcIIo anIcriorc ogivalc conIcncnIc un cilindrcIIo di allu-
ninio visililc aIIravcrso il foro dcll'ogiva, invcsIiIo su un lossolcIIo
osIcriorc cIiuso al fondcllo c raccIiudcnIc a sua volIa duc nuclci ci-
lindrici di ionlo c, nclla arIc infcriorc, sallia conrcssa. I los-
solcIIi crano darina di naillccIorI; oi vcnncro sosIiIuiIi, a arIirc
dalla scconda gucrra nondialc, da lossolcIIi di acciaio laccaIo al
141
Ionlacco. La carica c di lalisIiIc in grani dcl N. 2. La carIuccia con i
lossolcIIi di acciaio laccaIo al Ionlacco c IuIIora in uso.
CartuccIa per tIro rIdotto per armI modeIIo 91. Fu adoIIaIa ncl
l'oIIolrc dcl 1913. Era inicgaIa cr il Iiro a 20 ncIri. Dovcva csscrc
ricaricaIa dagli sIcssi rcarIi duranIc l'csccuzionc dcl Iiro. Era co-
sIiIuiIa da un lossolo di oIIonc scnza fondcllo c avviIaIo su un IulcIIo
di acciaio duro cIc, con la sua arIc osIcriorc, cosIiIuiscc il fondcllo
dclla carIuccia c rcscnIa la scanalaIura di rcsa dcll'csIraIIorc. In
qucsIo IulcIIo vcngono inscriIi anIcriorncnIc la alloIIolina di ion-
lo induriIo dcl cso di granni 2,10 c osIcriorncnIc il cacllozzo di
oIIonc conIcncnIc la casula, 1'incudincIIa, la carica di Irucioli di la-
lisIiIc c un cilindrcIIo di fclIro o discIcIIi di carIoncino su cui c riic-
gaIa la locca dcl cacllozzo sIcsso.
CartuccIa per tIro rIdotto modeIIo S9. Fu adoIIaIa in sosIiIuzionc
dclla rcccdcnIc. Non c ricaricalilc cd c cosIiIuiIa da un lossolo, si-
nilc a qucllo dclla carIuccia ordinaria, alla cui locca c uniIo, cr ncz-
142
zo di una scanalaIura, un IulcIIo di oIIonc nclla cui arIc anIcriorc c
inscriIa la alloIIolina di ionlo induriIo dcl cso di granni 2,10. Al-
l'inIcrno dcl lossolo si Irova la carica di lancio (granni 0,12 di lali-
sIiIc in iasIrcllc grafiIaIc}. La carIuccia cr Iiro ridoIIo nodcllo 39 c
IuIIora in uso; qucllc di roduzionc corrcnIc Ianno una aggraffaIura
anularc dcl IulcIIo sulla alloIIolina.
CartuccIa da saIve modeIIo 91 e cartuccIa da saIve modeIIo
91-9S.
Si diffcrcnziano cr avcrc la rina il fondcllo iano c la scconda il
fondcllo con l'incavo a corona circolarc; la alloIIola c di carIa, colora-
In alto, cartuccia da salve modello 91 o modello 91-55. In basso a destra, particolare
della cartuccia da salve modello 91-55 con pallottola modificata. In basso a sinistra,
fondello delle cartucce da salve modello 91-95 e modello 91-910.
Ia in rosso arancionc, la carica, di granni 0,45 di lalisIiIc in Irucioli
(Irucioli dcllo scssorc di nn 0,02 c dclla largIczza di nn 2O4 rica-
vaIi ncdianIc IorniIura dalla lalisIiIc in sIriscc}, c IcnuIa in siIo nc-
dianIc un lioccolo di coIonc idrofilo. Il lossolo dcllc carIuccc da salvc
143
nodcllo 91-95 c analogo a qucllo dcllc carIuccc ordinaric nodcllo
91-95, da cui diffcriscc crcIc Ia la locca oorIunancnIc no-
dificaIa, cd c idcnIificaIo da quaIIro iccoli inIagli a forna di crocc ncl
risalIo inIcrno dcl fondcllo. OlIrc a lossoli di nuova fallricazionc sono
ancIc sIaIi inicgaIi lossoli di scarIo di lavorazionc, lossoli di car-
Iuccc a alloIIola saraIi c riaraIi c ancIc lossoli rovcnicnIi dal di-
sfacincnIo di carIuccc a alloIIola (cr qucsI'ulIino noIivo si ossono
inconIrarc carIuccc da salvc avcnIi il lossolo nodcllo 91 a fondcllo
iano c la alloIIola di carIa o di lcgno}. Ncgli ulIini anni di roduzio-
nc, la alloIIola di carIa vcnnc irrolusIiIa; lc alloIIolc cosi nodificaIc
si ossono riconosccrc crcIc rcscnIano un discIcIIo di carIa incol-
laIo sull'ogiva.
CartuccIa da saIve modeIIo 91-910. Fu scrincnIaIa ncl 1909 c
adoIIaIa ncll'anno scgucnIc. Diffcriscc dal rcccdcnIc nodcllo con
alloIIola di carIa crcIc Ia la alloIIola di lcgno di ioo, inIcr-
nancnIc cava, coloraIa in arancionc c col calilro crcsccnIc vcrso l'ogi-
va. Doo i rini loIIi, lc alloIIolc, cr faciliIarc l'inIroduzionc in ca-
ncra dclla carIuccia, non furono iu allcsIiIc col calilro crcsccnIc
vcrso l'ogiva c vcnncro coloraIc in rosso-arancionc; inolIrc la dcnoni
144
nazionc nodcllo 91-910 fu allandonaIa c sosIiIuiIa da quclla nodcllo
91-95. La carIuccia da salvc nodcllo 91-95 c IuIIora in uso.
CartuccIa rIdotta per armI modeIIo 91 dcnoninaIa succcssiva-
ncnIc cartuccIa rIdotta per SocIet dI TIro a Segno NazIonaIe. Ha
un lossolo analogo a qucllo dclla carIuccia a alloIIola frangililc, una
carica di granni 1,10 di lalisIiIc in grani dcl N. 2 cd una alloIIola
Sczonc dcu puottou dcu cutuccu dottu pc Socctu d To u Sc-
gno Huzonuc (gu cutuccu dottu pc um modco 9l).
dcl cso di granni 7, cosIiIuiIa da un lossolcIIo di naillccIorI cIiuso
al fondcllo. Ncl fondo dclla alloIIola c conrcssa una ccrIa quanIiI
di sallia c sora di cssa un nuclco di ionlo sul qualc, cr riicga-
ncnIo dclla arIc anIcriorc dcl lossolcIIo sIcsso, c fornaIa l'ogiva,
cIc anIcriorncnIc lascia scocrIo il ionlo. Doo la rina gucrra
nondialc, cr faciliIarnc l'idcnIificazionc, la alloIIola dcllc carIuccc
ridoIIc vcnnc coloraIa in vcrdc. Ncllc carIuccc di roduzionc iu vcc-
cIia non vi c la Irilicc unzonaIura.
CartuccIa da esercItazIone modeIIo 91 e cartuccIa da esercIta-
zIone modeIIo 91-9S. Si diffcrcnziano crcIc la rina Ia il fondcllo
iano c la scconda il fondcllo con l'incavo a corona circolarc. Hanno
una falsa alloIIola cosIiIuiIa da un lossolcIIo d'oIIonc cIiuso ad una
csIrcniI (ogiva}, lruniIo (ncdianIc l'azionc di un lagno di acido ni-
145
Irico c succcssivo asciugancnIo su lasIra arrovcnIaIa} c rcscnIanIc 4
scanalaIurc longiIudinali c un falso inncsco cosIiIuiIo da un cilin-
drcIIo di cuoio forzaIo c incollaIo ncl orIacasula.
Ncl 1909 cr ovviarc alla scarsa rolusIczza dclla carIuccia da cscr-
ciIazionc nc vcnnc scrincnIaIo un nuovo Iio, adoIIaIo ncl 1910, na
non fu canliaIa la dcnoninazionc dclla carIuccia, cIc rinasc no-
dcllo 91-95 .
La nuova carIuccia cra cosIiIuiIa da un lossolo con il orIacasula
foraIo, da una falsa alloIIola sinilc a quclla gi dcscriIIa c da
un'anina di lcgno di faggio su cui si invcsIc la falsa alloIIola c la cui
csIrcniI infcriorc ricnic il orIacasula. La falsa alloIIola c lloc-
caIa ncdianIc Irilicc unzonaIura. EsisIc ancIc un alIro Iio di
carIuccia da cscrciIazionc, avcnIc un'anina di lcgno di faggio la cui
arIc anIcriorc cosIiIuiscc la falsa alloIIola cd c coloraIa in ncro. Esi-
sIc oi ancIc una carIuccia incrIc in acciaio IorniIo.
146
CartuccIa per prova Iorzata dI armI modeIIo 91. Diffcriscc dalla
carIuccia ordinaria unicancnIc cr la carica, cIc c di granni 2,07 di
lalisIiIc in grani dcl N. 1. Fcr l'idcnIificazionc rcscnIa, ncll'incavo a
corona circolarc dcl fondcllo dcl lossolo, una sIclla a cinquc unIc ri-
cavaIa in rilicvo in aggiunIa ai conIrasscgni di fallricazionc dcl los-
Fondco d cutuccu pc pouu ozutu d um modco 9l.
solo (alcuni lossoli rcscnIano duc sIcllc a 5 unIc}. EsisIc ancIc una
cartuccIa per prova Iorzata dI sbarre dI canne per armI modeIIo
91 avcnIc una carica di granni 2,25 di lalisIiIc in grani dcl N. 1.
Cartucce dI IancIo. Il rino Iio c qucllo usaIo cr la lonla Dc-
naglia. Ha la sIcssa carica di solcniIc dclla carIuccia ordinaria c in
luogo dclla alloIIola uno sIoaccio non forzaIo. Il sccondo Iio, cr
Ironloncino calilro 30 nn nodcllo 43 (ad anina rigaIa}, Ia il los-
solo cIiuso ncdianIc un'aggraffaIura al collcIIo incrncalilizzaIa
ncdianIc araffina (alcuni dci rini loIIi di carIuccc cr Ironloncino
nodcllo 43 avcvano il lossolo non aggraffaIo c cIiuso ncdianIc un di-
scIcIIo di carIoncino lianco lloccaIo con lacca}. Il Icrzo Iio, cr
Ironloncino calilro 22 nn, dcl Iio a nascIio, c sinilc a quclla cr
147
Ironloncino nodcllo 43 cd c cIiusa ncdianIc aggraffaIura. Divcrsi
Iii di carIuccc scciali furono usaIi rincialncnIc dallc niIragliaIri-
ci duranIc la rina gucrra nondialc, na vcnncro inicgaIi ancIc dai
fucili. Essi sono.
CartuccIa a paIIottoIa perIorante. Ha una alloIIola a ogiva acu-
ninaIa c cosIiIuiIa da una incaniciaIura di naillccIorI conIcncnIc un
nocciolo nolIo aunIiIo di acciaio sccialc IcncraIo, rasIrcnaIo o-
sIcriorncnIc in nodo da oIcr csscrc invcsIiIo dcnIro un lossolcIIo di
ionlo; qucsIo crcIc la alloIIola ossa vcnirc rigaIa dalla canna
dcll'arna. La carica, di granni 2,25 di solcniIc sccialc, dava col fu-
cilc nodcllo 91 una vclociI inizialc di 800 ncIri al sccondo. Con in-
aIIo crcndicolarc si Ia una crforazionc conlcIa di una lanicra
di acciaio da 4 nn allc giIIaIc conrcsc Ira i 100 c i 700 ncIri (allc
giIIaIc infcriori ai 100 ncIri non s Ia crforazionc}, scnza roIIura dcl
nocciolo cIc, doo, cr una ulIcriorc giIIaIa di olIrc 600 ncIri cncIra
ncl lcgno dolcc cr uno scssorc varialilc da 30 a 60 cn.
Scnrc con inaIIo nornalc si Ia una crforazionc conlcIa di
lanicrc di acciaio a doio sIraIo, dcllo scssorc IoIalc di nn 4,5, allc
148
Sczon d puottoc d cutuccc spccu. Du snstu. puottou pcoun-
tc; puottou umnosu-nccnduu; puottou pcountc-nccnduu;
puottou du uggustumcnto.
giIIaIc conrcsc Ira i 300 c i 500 ncIri. In riari nisIi di lcgno c la-
nicra cosIiIuiIi da una Iavola di laIano dcllo scssorc di nn 75, una
lanicra di acciaio da nn 1,5, un'alIra Iavola di laIano dcllo scssorc
di nn 75, un'alIra lanicra di acciaio da nn 1,5 c da Iavolc di lcgno
fino ad uno scssorc IoIalc di nn 500, la crforazionc, alla disIanza
di 100 ncIri c con inaIIo nornalc, cra di nn 420.
CartuccIa a paIIottoIa IumInosa-IncendIarIa. Ha una alloIIola a
ogiva arroIondaIa conIcncnIc una ogivcIIa di ionlo c, nclla arIc ci-
lindrica, un lossolcIIo conIcncnIc una nisccla cIc si acccndc all'aIIo
149
dcllo saro c lrucia roduccndo una scia luninosa cr circa 1500
ncIri di IraicIIoria. DaIa l'clcvaIa IcncraIura di conlusIionc dclla
sosIanza IraccianIc (olIrc 2000 gradi ccnIigradi}, la alloIIola c ancIc
inccndiaria. Fcr crncIIcrnc l'idcnIificazionc l'ogiva dclla alloIIola
cra coloraIa in rosso.
CartuccIa perIorante-IncendIarIa. Ha una alloIIola a ogiva acu-
ninaIa cosIiIuiIa da una incaniciaIura conIcncnIc, in unIa, un noc-
ciolo nolIo aunIiIo di acciaio sccialc IcncraIo c, nclla arIc o-
sIcriorc cilindrica, un lossolcIIo conIcncnIc una nisccla inccndiaria
cIc si acccndc all'aIIo dcllo saro c lrucia ad alIissina IcncraIura
(olIrc 2000 gradi ccnIigradi} roduccndo una Iraccia luninosa. Inic-
gando qucsIa carIuccia si Ia, con un solo colo, l'acccnsionc di invo-
lucri lcggcri riicni di idrogcno; con 2-6 coli, la conlusIionc di scr-
laIoi di lcnzina corazzaIi; ncl lcgno, doo cn 6 di cncIrazionc, si
Ianno scgni di lruciaIura cr 3 cn.
CartuccIa da aggIustamento. InicgaIa cr l'osscrvazionc dcl
unIo di inaIIo dcl roicIIilc, Ia una alloIIola cosIiIuiIa da una in-
caniciaIura con ogiva Ironco-conica c arIc osIcriorc cilindrica di
una lungIczza sIudiaIa cr assicurarc l'incgnarsi dclla alla all'ini-
zio dclla rigaIura allo scoo di cviIarc concussioni cIc oIrcllcro ro-
vocarc lo scoio rcnaIuro dclla alloIIola nclla canna. La alloIIola
conIicnc una solcIIina a crcussionc, una casulina cslosiva c fo-
sforo lianco. All'inaIIo roducc una nuvolcIIa di funo.
CartuccIa a paIIottoIa espIosIva-perIorante. Ha una carica di
scoio di IriIolo con un forIc dcIonaIorc al fulninaIo di ncrcurio c,
osIo anIcriorncnIc alla carica, un nuclco aunIiIo di acciaio sc-
cialc IcncraIo; la lungIczza dcll'ogiva c dclla arIc cilindrica dcll'in-
150
caniciaIura di naillccIorI sono sIudiaIc in nodo da assicurarc l'in-
cgnarsi dclla alloIIola all'inizio dcllc rigIc. Allc giIIaIc conrcsc Ira i
100 cd i 300 ncIri la alloIIola, conIro uno scssorc di nn 400 di Ia-
volc di alcIc, doo una cncIrazionc di 30 nn, cslodc fornando una
cavcrna rofonda 35 nn con scIcggc cncIranIi all'inIorno cr 500
nn c con crforazionc IoIalc da arIc dcl nuclco. A 50 ncIri si Ia la
crforazionc IoIalc di una corazza di acciaio IcncraIo dcllo scssorc
di nn 4; a 200 ncIri una lanicra di acciaio non IcncraIo da nn 4 c
a 300 ncIri una lanicra di acciaio non IcncraIo da nn 2 sono aI-
IravcrsaIc c la alloIIola, scoiando, raIica un foro di nn 20 cr 20
nclla lanicra c una cavcrna nclla Iavola di lcgno su cui la lanicra c
aoggiaIa.
CartuccIa con paIIottoIa espIodente a tempo. Di uso assai lini-
IaIo, la alloIIola cslodcva a una disIanza di 100200 ncIri dal-
l'arna.
CarIcatorI - Il caricaIorc inicgaIo cr lc arni nodcllo 91 c dcl Iio
MannlicIcr a accIcIIo sinncIrico dclla caaciI di sci carIuccc. Lc
carIuccc nodcllo 91 a fondcllo iano crano conIcnuIc sia in caricaIori
di oIIonc cIc in caricaIori di acciaio; lc carIuccc rodoIIc doo il 1895
c fino alla rina gucrra nondialc crano IuIIc conIcnuIc in caricaIori
di oIIonc, duranIc la gucrra vcnncro cr cosIruiIi ancIc caricaIori di
acciaio; i caricaIori cosIruiIi Ira lc duc gucrrc nondiali sono IuIIi di
oIIonc, ccccIIo quclli cr la carIuccia cr Iiro ridoIIo nodcllo 39, cIc
sono di acciaio lruniIo. I caricaIori cosIruiIi duranIc la scconda gucr-
ra nondialc sono quasi IuIIi di acciaio, quclli cosIruiIi doo la gucrra
sono IuIIi di oIIonc, conrcsi quclli conIcncnIi carIuccc cr Iiro ri-
151
doIIo nodcllo 39.
PacchettI - Fin vcrso l'inizio dclla scconda gucrra nondialc i ac-
cIcIIi dcllc carIuccc a alloIIola, a niIraglia, da salvc c da cscr-
ciIazionc crano cosIiIuiIi da scaIolc di carIoncino, a Irc sconarIi-
ncnIi, conIcncnIi ciascuno un caricaIorc cocrIo da un cocrcIicIIo
di carIoncino con lingucIIa di Icla. I accIcIIi sono ricocrIi di carIa
di divcrso colorc a scconda dclla sccic di carIuccc cIc conIcngono.
carIa colorc arancionc cr lc carIuccc ordinaric; arancionc ncl coro c
ligio azzurrognolo al cocrcIio cr lc carIuccc a niIraglia; ligio az-
zurro ncl coro c arancionc al cocrcIio cr lc carIuccc da salvc; ros-
siccio cr lc carIuccc da cscrciIazionc. I accIcIIi dcllc carIuccc cr
rova forzaIa di arni c cr slarrc di cannc crano di carIoncino, con-
Icncvano dicci carIuccc cd crano ricocrIi di carIa arancionc. Ogni
accIcIIo orIava l'indicazionc dci daIi di fallricazionc c dclla sccic
di carIuccc conIcnuIc.
Lc carIuccc ridoIIc cr lc socicI dcl Tiro a Scgno Nazionalc c qucllc
frangilili crano confczionaIc in accIi di 10 caricaIori avvolIi in carIa
di colorc IurcIino, assicuraIa con lcgaIurc in crocc di sago rosso. (Lc
carIuccc frangilili inicgalili solo cr il Iiro fino a 200 ncIri crano
confczionaIc in accIi avvolIi in carIa di colorc giallo}. QucsIc confc-
zioni sono sIaIc sosIiIuiIc da scaIolc di Irc caricaIori.
152
Cutuccu u puottou odnuu du ?,35.
MUNI2IONAMENTO CAL. 7,SS mm
CartuccIa a paIIottoIa ordInarIa. Fcsa granni 20 c si cononc di
un lossolo di oIIonc con inncsco ordinario, dcl cso di granni 9, di
una carica di lancio di granni 2,62 di niIroccllulosa Nolcl in cilin-
drcIIi grafiIaIi c di una alloIIola dcl cso di granni 8,28 cosIiIuiIa da
una incaniciaIura di acciaio laccaIo al Ionlacco, conIcncnIc, in ogi-
va, un'ogivcIIa di alluninio c nclla arIc osIcriorc un nuclco di
ionlo IrafilaIo. (I rini loIIi di carIuccc cosIruiIi ncl 1938 c quclli di
cosIruzionc anIcriorc Ianno l'incaniciaIura dclla alloIIola di acciaio
laccaIo al naillccIorI c inolIrc sono lcggcrncnIc diffcrcnIi nclla for-
na dcll'ogiva}. La vclociI inizialc c di 760 ncIri al sccondo col fucilc c
di 740 ncIri al sccondo col noscIcIIo.
CartuccIa a mItragIIa. Ha una alloIIola cosIiIuiIa da 10 clcncnIi
scnicilindrici di ionlo c da un'ogivcIIa urc di ionlo conIcnuIi in
un lossolcIIo di oIIonc, con Irc Iagli longiIudinali, cIiuso ad una
csIrcniI c acrIo all'alIra, cIc lascia vcdcrc il ionlo dcll'ogivcIIa. La
alloIIola csa granni 18,47, la carica c di granni 1,30 di niIro-
ccllulosa ura in IulcIIi.
153
CartuccIa a paIIottoIa IrangIbIIe. Ha una alloIIola dcl cso di
granni 7,41, idcnIica ccccIIo cIc cr il naggior calilro, alla carIuccia
frangililc calilro 6,5 nodcllo 37. La carica c di granni 1,21 di lali-
sIiIc in grani dcl N. 2.
CartuccIa per tIro rIdotto. E cosIiIuiIa da un lossolo sinilc a
qucllo dclla carIuccia ordinaria, alla cui locca c uniIo, cr nczzo di
una scanalaIura anularc, un IulcIIo di oIIonc nclla cui arIc anIc-
riorc c inscriIa la alloIIolina di ionlo induriIo dcl cso di granni
2,82. La carica di lancio c di granni 0,11 di lalisIiIc grafiIaIa in ia-
sIrcllinc cd c IcnuIa in siIo da un lioccolo di coIonc idrofilo.
CartuccIa da saIve per IucIIe e moschettI. Ha una alloIIola di
lcgno, a ogiva acuninaIa, cava inIcrnancnIc c coloraIa in arancionc.
La carica c di granni 1.
CartuccIa da esercItazIone. E cosIiIuiIa da un lossolo con orIa-
casula foraIo, da una falsa alloIIola di lanicrino di oIIonc dcllo
scssorc di nn 0,40 avcnIc lo sIcsso rofilo dclla alloIIola ordinaria,
lruniIa c rcscnIanIc 4 scanalaIurc longiIudinali, c da un'anina di
lcgno di faggio lunga quanIo IuIIa la carIuccia.
CartuccIa per prova Iorzata. Diffcriscc da quclla ordinaria cr la
carica, cIc c di lalisIiIc in grani dcl N. 2. Fcr l'idcnIificazionc rcscnIa
ncll'incavo a corona circolarc dcl fondcllo dcl lossolo una sIclla a 5
unIc ricavaIa a rilicvo.
Lc carIuccc calilro 7,35 nn sono sIaIc fallricaIc dai FiroIccnici di
Dologna c di Caua, dalla SocicI Donlrini Farodi-Dclfino c dalla So-
cicI McIallurgica IIaliana. I conIrasscgni di fallricazionc dcl lossolo
sono inrcssi a rilicvo ncll'incavo a corona circolarc dcl fondcllo.
154
CarIcatorI - Lc arni nodcllo 3S inicgano lo sIcsso caricaIorc di
qucllc nod. 91.
PacchettI - ScaIolc da 3 caricaIori cr IuIIc lc sccic di carIuccc.
155
HomIc u muno c du ucc tuunc dcu pmu gucu monduc cspostc
u Musco dAtgcu d Tono.
BOMBE E TROMBONCINI PER ARMI MODELLO 91
Donla Dcnaglia. E' dcl Iio ad asIa cd c rovvisIa di un govcrnalc
di acciaio ranaIo lungo 20 cn, di calilro lcggcrncnIc infcriorc a
qucllo dclla canna dcllc arni nodcllo 91. E' cosIiIuiIa da un involucro
di gIisa a fraIIura rcsIaliliIa di forna a cra; sul fondo dclla arIc
osIcriorc dcll'involucro c avviIaIo il govcrnalc (lc lonlc di iu vcc-
cIia cosIruzionc avcvano sul fondo dclla arIc osIcriorc un foro fi-
lcIIaIo cIiuso con un Iao a viIc su cui cra avviIaIo il govcrnalc}.
156
Sulla arIc filcIIaIa dcl govcrnalc c invcsIiIo un ccrcinc di aoggio
con roscIIa di laIIa cIc orIa saldaIc Irc alcIIc d'incnnaggio urc di
laIIa, IraIIcnuIo da un dado avviIaIo al govcrnalc. InIcrnancnIc all'in-
volucro, assialncnIc, vi c un Iulo di laIIa conIcncnIc il crcussorc
auIonaIico con la unIa c una nolla anIagonisIa a siralc; il Iulo di
laIIa vicnc cIiuso anIcriorncnIc da un Iao a viIc, di zinco, conIc-
ncnIc la casula cd il dcIonaIorc. Sul fondo dcl Iulo vi c un Iao di
ionlo (di fclIro ncllc lonlc di iu vcccIia cosIruzionc}.
HomIu Hcnugu con tuppo d cto.
157
AnIcriorncnIc all'involucro vi c oi un foro (duc in alcunc scric di
lonlc}, cr il caricancnIo, cIiuso da una viIc di fcrro.
All'aIIo dcllo saro il coro dcl crcussorc si invcsIc, cr incrzia,
sulla unIa, cIc si orIa cosi dalla osizionc di sicurczza a quclla di
funzionancnIo. A1 noncnIo in cui la lonla laIIc con l'ogiva sul lcr-
saglio (il cIc c assicuraIo dallc 3 alcIIc} il crcussorc cr incrzia avan-
za, vinccndo la rcsisIcnza dclla nolla anIagonisIa, c va a crcuoIcrc la
casula, dcIcrninando lo scoio dclla lonla.
Il cso dclla lonla c di granni 660, qucllo dclla carica di scoio
di granni 60 di sicriIc (nisccla fornaIa dallo 83,33 % di scIncidcri-
HomIu Hcnugu con tuppo d pomIo
158
Ic all'87,40 % di niIraIo di annonio c al 12,60 %a di liniIronafIalina
c dal 16,67 % di IriIolo}. La giIIaIa ninina c di ncIri 40, quclla nas-
sina di ncIri 60 col fucilc nodcllo 91 c di ncIri 90 col noscIcIIo no-
dcllo 91 (arna inclinaIa a 45}. Il raggio di azionc c di n 50. La lonla
Dcnaglia, adoIIaIa duranIc la rina gucrra nondialc, rinasc in uso
fin vcrso il 1935. La carIuccia di lancio (gi dcscriIIa} si inIroducc
volIa cr volIa (scnza caricaIorc} c il govcrnalc dcvc csscrc inIrodoIIo
conlcIancnIc nclla canna. DaIo il forIc rinculo, il calcio dcl no-
scIcIIo va aoggiaIo a Icrra.
Bomba Bertone. Si lanciano a nczzo di un Ironloncino dcl calilro
di nn 45, invcsIiIo sulla volaIa dcl fucilc o dcl noscIcIIo TS.
II Iulo di lancio c di diancIro lcggcrncnIc naggiorc dcl calilro
dclla lonla, cr cui qucsI'ulIina c inIrodoIIa ncl Iulo di lancio scnza
forzancnIo. La lonla c cosIiIuiIa da un involucro di gIisa a fraIIura
rcsIaliliIa c di forna cilindro-ogivalc, aIIravcrsaIo dal fondcllo al-
l'ogiva da uno sIclo di fcrro dolcc (cIc forna ancIc il fondcllo dclla
lonla}, IraIIcnuIo da un Iao a viIc avviIaIo alla sua arIc anIcrio-
rc. Ncllo sIclo c raIicaIo un foro assialc cIc nclla arcIc inIcrna orIa
sorgcnIc la casulcIIa di acccnsionc di una niccia a lcnIa conlu-
sIionc rovvisIa a una csIrcniI di una caoccIia fosforosa cd all'al-
Ira csIrcniI di un dcIonaIorc inscriIo in un IulcIIo di gonna; il foro
assialc in corrisondcnza dcl fondcllo c a inluIo c di diancIro nag-
giorc dcl calilro dclla alloIIola da 6,5; oi c conico c si rcsIringc a un
diancIro ninorc vcrso l'ogiva, in nodo cIc la alloIIola vi cncIri, vi si
Irafili sino ad urIarc c olIrcassarc la casulcIIa di inncscancnIo c
infinc vi si incasIri. L'arna vicnc caricaIa con una carIuccia ordinaria
(o con un caricaIorc}.
159
HomIu Hctonc c cutuo tuIo d unco.
All'aIIo dcllo saro la alloIIola inlocca il foro assialc, vi si Irafila,
acccndc la niccia c s'incasIra vcrso l'ogiva, conunicando alla lonla
IuIIa la forza viva cIc ossicdc, siccIc la lonla, sinIa ancIc da una
arzialc azionc dci gas cIc cscono dalla locca dclla canna, arIc ani-
160
naIa da noIcvolc vclociI. La giIIaIa nassina c di n 250 col fucilc c
di n 300 col noscIcIIo. La lonla csa granni 540. Il Icno di con-
lusIionc dclla niccia c di 7O8 sccondi. Il raggio di azionc dclla lonla
c di 50 ncIri. Il Ironloncino csa circa lg 0,680 cd c lungo cn 20.
TromboncIno modeIIo 192S annesso aI moschetto modeIIo 91
TS modIIIcato e reIatIvo munIzIonamento.
QucsIo Ironloncino, di calilro di nn 39,3, Icrninava con una
culaIIa nclla qualc vcniva alicaIo l'oIIuraIorc dcl noscIcIIo. Lo
sIcsso grillcIIo dcl noscIcIIo, ncdianIc un sisIcna di lcvc, scrviva a
far scaIIarc l'oIIuraIorc cd a rovocarc, cr nczzo di una nornalc
carIuccia a alloIIola, il lancio di una lonla (dcl cso di circa granni
160}, cIc vcniva alicaIa alla locca dcl Ironloncino.
L'alicazionc dcl Ironloncino non incdiva cIc il TS fossc usaIo
conc un nornalc noscIcIIo. Il Iiro con il Ironloncino vcniva cffcI-
IuaIo di norna con il calcio dcl noscIcIIo aoggiaIo a Icrra na oIc-
va ancIc csscrc cscguiIo con il calcio nornalncnIc aoggiaIo alla
salla. La giIIaIa uIilc cra di ncIri 200 circa cd il raggio di azionc dclla
lonla di n 10/15 circa. ad ogni nodo, disosizioni rccisc vicIavano
TomIoncno modco l92S unncsso u moscIctto modco 9l TS mod-
cuto. S not u cuuttu smc u qucu dc moscIctto.
161
HomIu nctc pc tomIoncno modco l92S.
l'uso dcl Ironloncino conIro lcrsagli siIi a disIanza infcriorc di n 30
dallc Iruc anicIc.
Il Ironloncino cra considcraIo arna individualc c, sccondo il rcgo-
lancnIo dcl 1931, cra daIo in doIazionc a cinquc dci quaIIordici uo-
nini cIc cononcvano la squadra fucilicri.
I risulIaIi raIici sorIiIi dal Ironloncino non furono lrillanIi IanIo
cIc ncl 1934 l'arna vcnnc ncssa dcfiniIivancnIc fuori scrvizio.
Lc lonlc Ianno un calilro di nn 38 c sono di duc Iii, aIIiva c
incrIc.
TromboncIno modeIIo 4S. E dcl calilro di nn 30 c Ia l'anina rigaIa
(8 rigIc dcsIrorsc}, il calilro Ira i vuoIi c di nn 31. E' una coia dcl
Ironloncino gcrnanico C. Cr. Ccr. (CcvcIr CranaIc CcrI} da cui
162
diffcriscc ncllc dincnsioni dcll'aIIacco. FoIcva inicgarc IuIIc lc lon-
lc anIicrsonalc c conIrocarri c gli arIifizi gcrnanici cd c sIaIo usaIo,
rincialncnIc doo la scconda gucrra nondialc, sul noscIcIIo TS,
nci scrvizi di ordinc ulllico cr il lancio dcl1'arIifizio sfollagcnIc F.
L'arIifizio c rovvisIo di una niccia di riIardo con caoccIia acccsa,
ncl lancio col Ironloncino, dai gas rodoIIi dalla dcflagrazionc dclla
carica dclla carIuccia di lancio c, ncl lancio a nano, dallo sIrofina-
ncnIo con l'aosiIa carIina fosforosa. La giIIaIa nassina con l'arna
inclinaIa a 45} c di 170-200 ncIri. La sosIanza lacrinogcna c il clo-
roaccIofcnonc.
TromboncIno modeIIo 61. Si alica ai noscIcIIi TS calilro 6,5.
E dcl Iio a nascIio (il codolo dcll'arIifizio s'invcsIc cioc sul Iulo di
lancio}. Il Ironloncino c cosIiIuiIo da un Iulo di lancio ad anina li-
scia con ncrvaIurc anulari csIcrnc cr la IcnuIa dci gas c una nolla a
filo di riIcgno dcll'arIifizio. Il calilro csIcrno dcl Iulo di lancio c di nn
22, dcIIo calilro inIcrnazionalc crcIc adoIIaIo in quasi IuIIo il non-
do. FosIcriorncnIc al Iulo di lancio vi c un ingrossancnIo anularc. La
arIc osIcriorc, cIc scrvc all'unionc alla volaIa dcll'arna, c analoga a
quclla dcl Ironloncino nodcllo 43. E sIaIo inicgaIo nci scrvizi d'or-
dinc ulllico.
TromboncIno modeIIo 6S P.S. Diffcriscc dal rcccdcnIc nodcllo
61 (cIc sosIiIuiscc} crcIc non Ia osIcriorncnIc al Iulo di lancio
l'ingrossancnIo anularc. E' inicgaIo dalla ulllica sicurczza nci
scrvizi d'ordinc ulllico.
Sia il Ironloncino nodcllo 61 cIc qucllo nodcllo 63 F.S. inicgano
gli sIcssi arIifizi, cioc rincialncnIc i candcloIIi lacrinogcni sfolla-
gcnIc in lasIica N.L. La sosIanza lacrinogcna c il cloroaccIofcnonc;
163
164
un Iio di qucsIi candcloIIi conIicnc ancIc una casIagnola. I candc-
loIIi sono adaIIaIi al lancio ncdianIc Ironloncino avviIando in luogo
dcl cocrcIio cIc roIcggc l'ancllo d'acccnsionc un aosiIo codolo
con govcrnalc ad alcIIc. Ncl codolo c inscriIo un Iao di lasIica
conIcncnIc la carIuccia di lancio.
I Ironloncini ora dcscriIIi ossono ancIc inicgarc la lonla illu-
ninanIc nodcllo 59 c gli arIifizi unificaIi nodcllo 60 (lacrinogcno,
nclliogcno, funogcno a funaIa rossa vcrdc o lianca}, adaIIaIi al lan-
cio col noscIcIIo ncdianIc l'alicazionc di un aosiIo codolo con
govcrnalc ad alcIIc.
165
A snstu quutto gIcnc pc u munu. A dcstu n uto gIcnu mo-
dco l9U?. A dcstu n Iusso, gIcnu pc duc cucuto con cusscttu
ntcnu n co.
BUFFETTERIE PER ARMI MODELLO 91 E SS
Fcr lc arni nodcllo 91 c nodcllo 38 c sIaIa inicgaIa una grandc
varicI di luffcIIcric. L'clcnco cIc scguc riorIa solo qucllc dcl-
l'cscrciIo c alcunc di qucllc inicgaIc dalla narina c dal coro dcllc
guardic di F.S.
DuffcIIcric faccnIi arIc dcll'cquiaggiancnIo nodcllo 91 inicgaIc
rincialncnIc dalla fanIcria, crano.
- gilcrna cr caricaIori (in cuoio anncriIo}, caacc di sci caricaIori
sciolIi (si orIava davanIi al coro, a dcsIra};
- gilcrna cr accIcIIi (in cuoio anncriIo}, divisa in duc sconar-
166
IincnIi caaci ognuno di un accIcIIo (si orIava davanIi al coro, a
sinisIra};
- cingIic da carIuccicra (in cuoio}; scrvono a sorrcggcrc lc gilcrnc;
- cinIurino nodcllo 91 con lorsa cr la scialola-laioncIIa (in cuoio};
vi si noIano una fillia con ardiglionc c un loIIoncino cr incdirc la
caduIa dcllc gilcrnc quando il cinIurino c sfilliaIo.
Con l'cquiaggiancnIo nodcllo 1891 si orIava lo zaino rigido,
A snstu, Iosu pc scuIou-Iuoncttu. A dcstu, Iosu pc scuIo-
u-Iuoncttu c uungIcttu.
rovvisIo di uno sconarIincnIo cr cinquc accIcIIi.
BuIIetterIe IacentI parte deII'equIpaggIamento modeIIo 1907
(qucsIo cquiaggiancnIo sosIiIui qucllo rcccdcnIc nodcllo 91}.
- gilcrna nodcllo 1907 cr accIcIIi c caricaIori (in cuoio coloraIo in
grigiovcrdc} con duc sconarIincnIi (IascIc} caaci ognuno di un
167
di un accIcIIo c di un caricaIorc sciolIo (il accIcIIo col cocrcIio in
alIo c la lingucIIa in avanIi c il caricaIorc con lc alloIIolc in lasso, Ira
il laIo anIcriorc dcl accIcIIo c qucllo dclla Iasca}; la fanIcria nc or-
Iava un aio, l'arIiglicria da nonIagna, i soIIufficiali, i IronlcIIicri, gli
zaaIori c i Ianlurini una sola.
Lc gilcrnc si orIavano dinanzi al coro, infilaIc ncl cinIurino c
sorrcIIc dallc cingIic da carIuccicra.
- cingIic da carIuccicra con loIIonc c gancio ( in cuoio coloraIo in
grigiovcrdc};
- cinIurino nodcllo 1891 (in cuoio coloraIo in grigiovcrdc}; si orIa-
va inIorno alla viIa, con la scialola-laioncIIa a sinisIra, la fillia da-
vanIi.
168
Lo zaino inicgaIo assicnc allc luffcIIcric nodcllo 1907 c rovvisIo
di IascIcIIc laIcrali caaci di quaIIro accIcIIi.
BuIIetterIe da cavaIIerIa
- gilcrncIIc da cavallcria cr caricaIori (in cuoio coloraIo in grigio-
vcrdc}, caaci di uno o duc caricaIori;
- landolicra da cavallcria (di cuoio coloraIo in grigiovcrdc}, nuniIa
di quaIIro IascIcIIc caaci ciascuna di un caricaIorc; vi si noIa il as-
sanIc di cuoio cnIro cui scorrc il cinIuronc. Si orIava a Iracolla, dalla
salla sinisIra al fianco dcsIro, con lc IascIcIIc sul cIIo;
- cinIuronc da cavallcria (di cuoio coloraIo in grigiovcrdc} ; scrvc a
orIarc lc gilcrncIIc (Irc ad un caricaIorc c Irc a duc caricaIori}, scor-
rc cnIro il assanIc di cuoio dclla landolicra cd c rovvisIo di fillia;
si orIava alla viIa, fillia in avanIi;
In uto, Iundocu con unco pcntugonuc; n Iusso, Iundocu con g-
Icnu.
169
- landolicra (in cuoio coloraIo in grigio-vcrdc}, inicgaIa rincial-
ncnIc dall'arIiglicria; c nuniIa di quaIIro IascIcIIc caaci ciascuna di
un caricaIorc; vi si noIano inolIrc duc anclli c una lingucIIa; si orIa-
va a Iracolla dalla salla sinisIra al fianco dcsIro con lc IascIcIIc sul
cIIo; si orIava soIIo alla conIrosallina sinisIra c si assicurava al
coro ncdianIc la lingucIIa di cuoio cIc si fissava al quarIo loIIonc
dclla giulla o dcl caoIIo. All'ancllo cnIagonalc si oIcvano acn-
dcrc la fondina cr la isIola ourc la gilcrna; lc sccialiI di arIi-
glicria orIavano la gilcrna scnrc acsa. La landolicra c IuIIora
inicgaIa. (EsisIcva ancIc in cuoio lavoraIo col colorc naIuralc}.
BuIIetterIe per CarabInIerI
- gilcrna da lrigadicrc c da caralinicrc di cuoio anncriIo, con il
frcgio dcll'Arna, divisa in quaIIro sconarIincnIi, uno cr un ac-
cIcIIo c Irc cr un caricaIorc ciascuno; si orIa dicIro al coro, so-
scsa alla landolicra;
- landolicra da lrigadicrc c da caralinicrc, di cuoio lianco, vi si
noIano una fillia con ardiglionc, una lacca, un assanIc di oIIonc c
una lingucIIa; si orIa a Iracolla dalla salla sinisIra al fianco dcsIro.
- gilcrnc cr un accIcIIo (in cuoio ncro o lianco}, si orIano infi-
laIc ncl cinIuronc con sallaccio in cuoio ncro o lianco, usaIc dallc
guardic di F.S.;
- gilcrna cr duc caricaIori cosIiIuiIa da una casscIIa di fcrro ri-
cocrIa di cuoio lavoraIo al color naIuralc;
- cinIuronc con quaIIro IascIc caaci ognuna di un accIcIIo c di
un caricaIorc, in Icla olona lianca; cra inicgaIo duranIc la rina
gucrra nondialc dallc Iruc alinc quando indossavano la IuIa ni-
ncIica lianca.
170
BuIIetterIe ImpIegate daIIa MarIna
- gilcrncIIc cr duc caricaIori in canaa lianca (sono sIaIc inic-
gaIc doo la scconda gucrra nondialc};
- gilcrnc cr un accIcIIo c un caricaIorc, in Icla grigia; si orIa-
vano davanIi al coro infilaIc in un cinIurino con sallacci di canaa
grigia. (Erano usaIc dal laIIaglionc San Marco}.
CInghIe da IucIIe e moschetto
- cingIia cr fucilc nodcllo 91 (in cuoio lavoraIo col colorc naIura-
lc} con duc loIIoni;
CngIc pc moscIctt modco 9l. In uto qucu d tpo pu ucccIo,
pouustu d udgonc.
171
- cingIia cr noscIcIIo nodcllo 91 (in cuoio lavoraIo col colorc
naIuralc} con una fillia c un loIIonc (vi sono duc Iii di fillic, quclla
iu vcccIia c rovvisIa di ardiglionc}; la cingIia cra di cuoio lianco
cr i caralinicri; IuIIc lc arni nodcllo 38 inicgavano la cingIia cr
noscIcIIo nodcllo 91.
ACCESSORI PER ARMI MODELLO 91
- anollina cr olio con cocrcIio a sillo (c di ionlo allo scoo di
urificarc l'olio di oliva conIcnuIo};
- scovolino di crini;
- cacciaviIc;
Acun ucccsso pc um modco 9l. Du snstu. scouon d cnc; um-
ponc pc oo con copccIo sutuIc u spo, d tc ducs tp; tu-
ucco d scuczzu.
172
- laccIcIIa di oIIonc con dcnIi c ancllo;
- Iuracciolo di sicurczza cr arni nodcllo 91; c di lcgno c ancIc sc
inavvcrIiIancnIc lasciaIo nclla locca dcll'arna, sarando non vi c al-
cun cricolo nc cr il IiraIorc nc cr l'arna;
- sacIIa a sgorlia cr arni nodcllo 91. scrvc cr sIurarc il canalc
dclla laccIcIIa.
173
174
175
AFMI FIDOTTE TIFO 91
di Alcssio Crinaldi
Lc arni Iio 91 sono dcsIinaIc allc isIruzioni cd cscrciIazioni c sono
coic iu o ncno scnlificaIc c di dincnsioni iu o ncno ridoIIc dcllc
arni nodcllo 91.
CarabIna regoIamentare per Ie sezIonI aIIIevI tIratorI dcllc So-
cicI di Tiro a Scgno Nazionalc.
176
Fu cosIruiIa dalla diIIa CasIclli & C. di Drcscia cd c una coia dcl
fucilc nodcllo 91 da cui diffcriscc cr lc dincnsioni ridoIIc, cr il cali-
lro, cr csscrc a caricancnIo succcssivo (c rovvisIa di un falso scr-
laIoio cr rcndcrla iu sinilc al fucilc nodcllo 91}, cr avcrc la Iacca
di nira fissa c cr csscrc srovvisIa dcl congcgno di sicurczza Iio
Carcano. E nuniIa di laccIcIIa avviIaIa soIIo alla canna. Il loccIino
c rovvisIo di fcrno cr la scialola-laioncIIa nodcllo 91. La canna c
ad anina rigaIa c u cffcIIuarc il Iiro con carIuccc Iio FlolcrI cal. 6
nn fino a 20 ncIri; u cr inicgarc ancIc lc carIuccc calilro .22
SIorI.
CuuInu cgoumcntuc pc c sczon ucu tuto dcc Socctu d To
u Scgno Huzonuc.
L'arna cra dcsIinaIa ad csscrc inicgaIa dai ragazzi dai 12 ai 16
anni; crIanIo la lungIczza dcl calcio c nornalc.
MoschettI regoIamentarI BaIIIIa
I noscIcIIi inicgaIi dallc organizzazioni giovanili dclla O.N.D.
(Ocra Nazionalc Dalilla} sono di vari Iii cd crano dcsIinaIi ad csscrc
inicgaIi dai ragazzi dai 6 ai 12 anni; crIanIo rcscnIano il calcio di
lungIczza ridoIIa.
I rini noscIcIIi rcgolancnIari Dalilla crano coic fcdcli dcl no-
scIcIIo da cavallcria nodcllo 91 con laioncIIa riicgalilc con duc ri
177
MoscIctto cgoumcntuc Huu cuIo b,5.
Icgni a nolla. Conc ncl noscIcIIo nodcllo 91 in un aosiIo allog-
giancnIo dcl calcio sono conIcnuIc duc nczzc laccIcIIc cd il calciolo
c nuniIo di sorIcllo. L'alzo c graduaIo da 6 a 13 con lc graduazioni
ari sull'alcIIa dcsIra c qucllc disari sull'alcIIa sinisIra.
La canna c ad anina rigaIa dcl calilro 5,5 nn ourc 6,5 nn cd c
cosIiIuiIa da duc arIi uniIc all'alIczza dcll'alzo, la arIc osIcriorc c
filcIIaIa cr crncIIcrnc l'avviIancnIo alla culaIIa nolilc c rcscnIa
inIcrnancnIc la cancra di carIuccia cd csIcrnancnIc sfacccIIaIurc su
cui sono inrcssi il nuncro di naIricola dcll'arna, l'anno di cosIru-
zionc c il nonc c la scdc dclla diIIa cosIruIIricc. L'anina dclla arIc
anIcriorc dclla canna c solcaIa da quaIIro rigIc volgcnIi a dcsIra.
178
Nuncro di naIricola c nonc c scdc dclla diIIa cosIruIIricc sono an-
cIc inrcssi sul fianco dcsIro dcl calcio.
Sulla arIc anIcriorc sucriorc dclla culaIIa nolilc vi c un frcgio
con il fascio liIIorio c lc lcIIcrc 0 N D. Nci noscIcIIi di iu vcccIia co-
sIruzionc il loccIino c il calciolo sono di lanicra anzicIc ricavaIi da
fusionc.
La lungIczza dcll'arna (con laioncIIa riicgaIa} c di nn 750; il c-
so di lg 1,690.
Lc arni soradcscriIIc crano cosIruiIc dalla Fallrica Nazionalc
d'Arni di Drcscia. Lc nunizioni inicgaIc sono IanIo dcl Iio con
alloIIolina di ionlo quanIo a salvc c sono dcscriIIc ncl caiIolo dc-
dicaIo al nunizionancnIo.
SucccssivancnIc, doo l'alolizionc dcllc carIuccc con alloIIolina
di ionlo, vcnncro cosIruiIi, in luogo di quclli ad anina rigaIa cIc c-
r rinascro in scrvizio, noscIcIIi sinili a quclli rcccdcnIcncnIc dc-
scriIIi, da cui diffcriscono unicancnIc cr avcrc la canna ad anina li-
MoscIctto cgoumcntuc Huu cuIo b,5, ottuutoc upcto.
179
Putcouc dc moscIctto cgoumcntuc Huu cuIo b,5. S notno
c scttc.
scia dcl calilro di nn 6,8 circa c l'alzo graduaIo da 6 a 14 con lc gra-
duazioni 6, 10, 14 sull'alcIIa dcsIra c lc graduazioni 8, 12 sull'alcIIa
sinisIra. AncIc qucsIi noscIcIIi crano cosIruiIi dalla Fallrica Nazio-
nalc d'Arni di Drcscia.
In scguiIo il noscIcIIo vcnnc scnlificaIo nclla culaIIa nolilc (as-
scnza dclla filcIIaIura cr l'avviIancnIo dclla canna} c nclla canna,
cosIiIuiIa ora da una arIc osIcriorc, invcsIiIa a forzancnIo nclla
culaIIa nolilc c rcscnIanIc inIcrnancnIc la cancra di carIuccia,
csIcrnancnIc sfacccIIaIurc rccanIi l'anno di fallricazionc dcll'arna
cd il nonc c la scdc dclla diIIa cosIruIIricc c anIcriorncnIc una corIa
180
filcIIaIura cr l'avviIancnIo dclla arIc anIcriorc dclla canna (ad ani-
na liscia}. Sulla arIc anIcriorc-sucriorc dclla culaIIa nolilc il no-
scIcIIo rcscnIa un frcgio con il fascio liIIorio c lc lcIIcrc C I L (Cio-
vcnIu IIaliana dcl LiIIorio} iniziali dcll'organizzazionc cIc avcva sosIi-
IuiIo l'Ocra Nazionalc Dalilla (naIuralncnIc ancIc i vcccIi noscIcIIi
con lc iniziali dclla O.N.D. rinascro in scrvizio}.
Il noscIcIIo scnlificaIo cra cosIruiIo dalla diIIa Craziani di Vcro-
na c, salvo cIc cr i arIicolari gi dcscriIIi c la rifiniIura ncno accu-
raIa, non diffcriva dal rcccdcnIc Iio a salvc cosIruiIo dalla F.N.A. di
Drcscia. Alcuni dci noscIcIIi cosIruiIi dalla diIIa Craziani Ianno la
culaIIa nolilc c l'oIIuraIorc di lronzo anzicIc di fcrro. II nuncro di
naIricola c inrcsso sul fianco dcsIro dcl calcio assicnc al nonc cd
alla scdc dclla diIIa cosIruIIricc.
OlIrc a quclli soradcscriIIi csisIono ancIc noscIcIIi, cosIruiIi cr
la C.I.L., di Iio assai scnlificaIo c srovvisIi di csIraIIorc; un Iio
inicga la carIuccia con lossolcIIo di acciaio, falso lossolo di oIIonc c
alloIIola di lcgno dcscriIIa ncl caiIolo dcdicaIo al nunizionancnIo,
l'alIro Ia la canna osIruiIa cd inicga, cr sinularc lo saro, asIiglic
di carIa conIcncnIi una illolina di nisccla dcIonanIc. Fcr ogni colo
una asIiglia dcvc csscrc inIrodoIIa, doo cIc si c acrIo l'oIIuraIorc,
nclla arIc anIcriorc dclla culaIIa nolilc.
Hucttcc - Cilcrnc in cuoio coloraIo in grigiovcrdc ourc lavoraIo
col colorc naIuralc. duc Iii, uno a duc IascIc analogo, salvo cIc cr
lc dincnsioni ridoIIc, allc gilcrnc nodcllo 1907, l'alIro ad una sola Ia-
sca. CingIia a duc loIIoni (in cuoio}.
Moschetto FabbrIca NazIonaIe d'ArmI BrescIa ModeIIo Brevetta-
to
Di qucsI'arna furono cosIruiIi ncl 1934 solo alcuni roIoIii cIc,
181
rolalilncnIc, vcnncro rcscnIaIi in concorso con il MoscIcIIo Flo-
lcrI DcrcIIa lrcvcIIo 1934 (a caricancnIo succcssivo} ricavaIo cr
Irasfornazionc dal noscIcIIo nodcllo 1870-87 cr Iruc scciali.
Vcnnc scclIo il noscIcIIo DcrcIIa cIc oIcva inicgarc la carIuccia
Iio FlolcrI calilro 6 nn ourc quclla calilro .22 Long Fiflc (il no-
scIcIIo FlolcrI DcrcIIa sar cr ricavaIo cr Irasfornazionc dal fu-
cilc nodcllo 1870-87}.
Il noscIcIIo Fallrica Nazionalc d'Arni Drcscia Modcllo DrcvcIIaIo
c sinilc, ncllc dincnsioni gcncrali, al noscIcIIo nodcllo 91 T.S.; sc nc
diffcrcnzia cr noIcvolncnIc in quanIo la culaIIa nolilc cd i congc-
gni di cIiusura, alincnIazionc, scaIIo, crcussionc, csIrazionc cd
csulsionc, sicurczza c unIancnIo Ianno lc sIcssc dincnsioni di
MoscIctto FuIIcu Huzonuc dAm Hcscu Modco Hcucttuto, cu. 5,5.
quclli dcl noscIcIIo rcgolancnIarc Dalilla cosIruiIo dalla F.N.A.;
sono cr rcalizzaIi con acciai di qualiI nigliorc c ancIc la finiIura c
niglioraIa. Sul fianco sinisIro dclla culaIIa nolilc c incisa l'iscrizionc.
FADDFICA NAZIONALE DAFMI - DFESCIA MODELLO DFEVETTATO.
La canna c dcl calilro 5,5 nn c rcscnIa, inIcrnancnIc, la cancra
di carIuccia (avcnIc lc sIcssc dincnsioni di quclla dcl noscIcIIo rc
182
Putcouc dc moscIctto. FuIIcu Huzonuc dAm Hcscu Modco
Hcucttuto cuIo 5,5. S notno c scttc
golancnIarc Dalilla n cal. 5,5 nn} c l'anina solcaIa da sci rigIc vol-
gcnIi a dcsIra, csIcrnancnIc la filcIIaIura cr l'avviIancnIo alla cu-
laIIa nolilc c una sfacccIIaIura cIc rcca inrcssc lc scgucnIi iscri-
zioni. 1934-XII; F.N.A. DFESCIA c il nuncro di naIricola. Il diancIro
csIcrno dclla canna alla volaIa c di quasi 15 nn, alquanIo sucriorc
quindi a qucllo dclla canna dcllc arni nodcllo 91. La cassa c in faggio
c ncl calcio, cIc c di lungIczza nornalc, vi c l'alloggiancnIo cr duc
nczzc laccIcIIc. Il coricanna, urc in faggio, non arriva fino al loc-
cIino, na soravanza di oco la fasccIIa. I fornincnIi sono. il loccIi-
no, scnza fcrno cr laioncIIa; la fasccIIa con naglicIIa; la iasIrcIIa
con naglicIIa; il calciolo con sorIcllo; viIi varic cd i Iulicini cr il
assaggio dcllc viIi. Ogni arIc ncIallica c lruniIa ad cccczionc dcl ci-
lindro con nanulrio dcll'oIIuraIorc, dcl canc, dcl IulcIIo nolilc c
dcllo zoccolo dcll'alzo cIc sono IarIarugaIi. Sul fianco sinisIro dcl cal-
183
cio sono inrcssi la iscrizionc FADD. NAZ. DAFMI DFESCIA c il nu-
ncro di naIricola dcll'arna. I daIi Iccnici sono i scgucnIi.
calilro. 5,5 nn;
lungIczza IoIalc. 840 nn;
lungIczza dclla canna. 460 nn;
cso IoIalc, arna scarica c scnza cingIia. lg 2,970;
alzo. a quadranIc ad alcIIc (duc} c IaccIc di graduazionc;
graduazioni dcll'alzo. 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13;
IaccIc di nira. 2, una sul riIIo c una sullo zoccolo;
osizioni dcll'alzo. alzo 6, 7, 8 ccc., alzo allaIIuIo, alzo rovcsciaIo;
nirino. a sczionc Iriangolarc, cosIiIuiIo da gIicra con lasc c crcsIa.
L'arna oIcva inicgarc lc carIuccc a alloIIolina di ionlo c da
salvc dcl noscIcIIo rcgolancnIarc Dalilla cal. 5,5 nn; non si
conoscono alIri Iii di carIuccc inicgalili.
184
185
MUNI2IONAMENTO PER MOSCHETTI REGOLAMENTARI
BALILLA
Lc carIuccc iu inicgaIc crano. una carIuccia da salvc cr no-
scIcIIi calilro 6,5 nn, non ricaricalilc, avcnIc un lossolo di oIIonc
cIiuso ncdianIc aggraffaIura al collcIIo; una carIuccia da salvc ricari-
calilc, inicgalilc sia nci noscIcIIi calilro 5,5 nn cIc in quclli cali-
lro 6,5 nn, in acciaio IorniIo c inicganIc conc carica il cacllozzo
dclla carIuccia cr Iiro ridoIIo cr arni nodcllo 91; una carIuccia
avcnIc un lossolo di oIIonc nclla cui locca cra inscriIa una alloIIoli-
na di ionlo (qucsI'ulIina carIuccia csisIcva sia cr i noscIcIIi cali-
lro 6,5 nn cIc cr quclli calilro 5,5 nn}. Lc carIuccc cr i noscIcIIi
rcgolancnIari Dalilla crano IuIIc arossinaIivancnIc dclla ncdc-
sina lungIczza. I caricaIori crano analogIi a quclli dcllc arni nodcllo
186
91, ccccIIo cIc cr lc ninori dincnsioni; oIcvano csscrc sia di oIIo-
nc cIc di acciaio.
I noscIcIIi dcl Iio scnlificaIo (scnza csIraIIorc} inicgavano una
carIuccia iu corIa di qucllc rcccdcnIcncnIc dcscriIIc c cosIiIuiIa da
un lossolcIIo di acciaio acrIo all'csIrcniI osIcriorc c da un lossolo
di oIIonc uniIo alla arIc anIcriorc dcl lossolcIIo di acciaio ncdianIc
una aggraffaIura anularc; il lossolo di oIIonc rcscnIa una forna a
collo di loIIiglia. La carIuccia vcniva caricaIa inscrcndo nclla locca
dcl lossolo di oIIonc una alloIIola cilindro ogivalc di lcgno c ncl los-
solcIIo di acciaio una asIiglia di carIa conIcncnIc una illolina di ni-
sccla fulninanIc. L'csIrazionc dcl lossolo dalla cancra avvcniva in
quanIo cIc la arIc anIcriorc dcll'oIIuraIorc si invcsIiva a forzancnIo
ncl lossolcIIo di acciaio.
187
188
189
DIDLIOCFAFIA
STORIA DELLE ARMI MODELLO 91
CIarlcs D. NorIon c W. J. ValcnIinc. Muntons o Vu , Officc of
Arny & Navy Journal, Ncv Yorl 1868.
JoscI E. SniII c W. H. D. SniII. Smu Ams o tIc Vod ,
SIaclolc Dools, Harrislurg (Fcnnsylvania} 1966.
Ficro Ficri. Lc ozc umutc ncctu dcu dcstu , Aldo Ciuffrc cdiIo-
rc, Milano 1962.
Carlo MonIu. Stou dcutgcu tuunu , arIc III, volunc VII. Fi-
visIa d'ArIiglicria c Ccnio, Fona 1941.
Ciuscc ViIali. Fuc du gucu , Casa EdiIricc IIaliana, Fona
1892.
MinisIcro dclla Cucrra, IsIruzioni raIicIc dcll'arIiglicria. Istuzon
suc um potut pc utgcu du cumpugnu, u cuuuo c du montu-
gnu , cdiIorc VogIcra Enrico, Fona 1898.
AnIonino Cascino. II to, g csposu c c um dcu untcu , Trc-
vcs, Milano 1901.
Alfco Clavarino. Am c to , cdiIorc CandclcIIi, Torino 1902.
190
JonaIIan Mac Lcan. WucnscImcd Euopus - Ams n Austu
1867-1890 , Cuns Fcvicv, FavcnIill FullisIing Co. LId. HarrogaIc
(Cran DrcIagna} oIIolrc 1968.
FolcrIo DaIIaglia. La pmu gucu dAcu , Ciulio Einaudi cdiIorc,
Torino 1958.
Faolo Valcra. 1 cunnon d Huuu Hcccus , Ciordano cdiIorc, Milano
1966.
Ufficio SIorico dclla F. Marina. Lopcu dcu H. Munu n Cnu , Val-
lcccIi cdiIorc, Fircnzc 1935.
Ufficio sIorico dcl conando dcl coro di SIaIo Maggiorc, ninisIcro
dclla gucrra. Lcsccto tuuno ncu Gundc Gucu (,1915-1918}
- Lc ozc Icgcunt uoumc I (narrazionc} c volunc I-lis (allcgaIi}.
Fona 1926.
MicIclc AnaIuro. Sccnzc mtu , Soc. An. EdiI. ValcnIino Don-
iani & C., Milano 1939.
I ComIuttcntc , Ciornalc dci VolonIari dclla LilcrI, nuncro 16, 1
oIIolrc 1944, riorIaIo in La gucgu n Ituu , FclIrinclli cdiIorc,
Milano 1969.
MinisIcro dclla Cucrra - IscIIoraIo dcll'arna di fanIcria. Dut tccnc
suc um dcu untcu , 1942.
191
MECCANICA E MORFOLOGIA DELLE ARMI MODELLO 91
Luigi Cucci. Arni potut , cdizionc 1915.
Luigi Cucci. Arni potut , cdizionc 1942.
SIaIo Maggiorc dcl Fcgio EscrciIo. Am to c mutcu uu , cdizionc
1942.
Scuola Allicvi ufficiali CNF FonIancllaIo. Dspcnsc um c to , cdi-
zionc 1944.
MUNI2IONI, BUFFETTERIE E ACCESSORI PER ARMI MODELLO
91
MinisIcro dclla Cucrra. Istuzonc suc um c su to pc u untcu
, volunc rino cr la Irua. Edizionc 1909.
MinisIcro dclla Cucrra. Istuzonc suc Munzon . Edizionc 1913.
Fcgio EscrciIo IIaliano - Conando Surcno - Ufficio Affari Vari
-Sczionc IsIruzioni. Istuzonc suc IomIc u muno c du ucc , Fona
1917.
MinisIcro dclla Cucrra - SIaIo Maggiorc dcl Fcgio EscrciIo. Hcgo-
umcnto pc uddcstumcnto nduduuc , Fona 1925.
MinisIcro dclla Cucrra. Cutuogo dc mutcu dc guppo C (scuzo
dutgcu) , VII volunc, V caIcgoria (IcsIo c Iavolc} 1935.
MinisIcro dclla Cucrra. Istuzonc suc Munzon , arIc I (IcsIo} c
arIc Il (Iavolc} 1936.
MinisIcro dclla Difcsa. Circolarc H. 4400 dc lU ottoIc 1948. Istu-
zonc pouusou suutco sougcntc H u muno c pc tomIoncno .
192
193
INDICE
SIoria dcllc arni nodcllo 91 ag. 7
ArnancnIo individualc duranIc la rina gucrra nondialc 85
Mcccanica c norfologia dcllc arni nodcllo 91 89
FcncIrazionc nci lcrsagli inaninaIi dclla alloIIola ordi
naria da 6,5 saraIa col fucilc nodcllo 91 130
Munizioni, luffcIIcric c acccssori cr arni nodcllo 91 131
Arni ridoIIc Iio 91 175
Dilliografia 189
194
FiniIo di sIanarc
ncl ncsc di diccnlrc 1970
da ArIi CraficIc AcIillca
Milano - Vialc Lcgioni Fonanc 25/2