Sei sulla pagina 1di 29

ERKENNUNGSMARKE

Le piastrine di riconoscimento
dell’esercito tedesco nella Seconda Guerra Mondiale

La piastrina di riconoscimento serviva, come in tutti gli eserciti, per il


riconoscimento del soldato caduto in combattimento. Nell’Esercito Tedesco la
piastrina era di forma ovale ( circa 7 x 5 cm ) con tre spaccature lineari nel mezzo
( circa 1,5 cm x 1 mm ) per permettere una facile divisione della stessa nel caso
dovesse essere rotta.

Rotta perché in caso di morte in combattimento del soldato la piastrina veniva


divisa in due parti: una parte, assieme al Soldbuch e ad altri oggetti personali,
veniva consegnata al comandante di compagnia e l’altra parte rimaneva sul corpo
per altri eventuali scopi di identificazione post morte.

Era inoltre responsabilità del comandante di compagnia segnalare l’esatto motivo


della morte del soldato ed in quali circostanze questa era avvenuta. In qualche
caso la metà della piastrina veniva consegnata alla famiglia assieme agli effetti
personali del caduto.

Ritornando alla nostra piastrina, oltre a quanto detto prima, nella parte superiore
sono presenti anche due fori in cui passare una cordina, in molti casi uguale a
quella interna al liner degli elmetti tedeschi, lunga circa 80 cm per permettere di
portarla al collo.

Non chiaro invece il motivo della presenza di un solo foro nella parte inferiore.
Si suppone un utilizzo per mettere assieme le mezze piastrine dei caduti una volta
espletate tutte le operazioni di sepoltura. Non ho trovato da nessuna parte se
invece rimaneva sulla salma.

Da sottolineare che la cordina non necessariamente era quella degli elmetti, il


soldato usava tutto quello che naturalmente poteva trovare come lacci per scarpe,
stringhe in cuoio o altri tipi di cordino.
Il soldato, inoltre, poteva conservare la piastrina in taschette di cuoio di varie
forme e su alcuni modelli erano stampati dei motivi portafortuna come, per
esempio, il classico quadrifoglio. Il metallo con cui venivano costruite le piastrine

1
era principalmente l’alluminio, ma nel corso della guerra l’alluminio cominciò a
diventare materiale strategico per altre costruzioni e quindi si cominciarono a
costruire in zinco e in altri tipi di metallo cosiddetti di guerra ( kriegsmetall )

Molto difficile, se non addirittura raro, trovare marchi di fabbricanti incisi sulle
piastrine.

Importante segnalare che la scritta del reparto sulla piastrina ( riportata anche sul
SB e WP ) è quella relativa alla prima unità in cui il militare ha prestato servizio e
anche in caso di trasferimento non verrà cambiata. Solo nel caso di perdita della
prima piastrina, la nuova piastrina verrà stampata con i dati della nuova unità e il
cambiamento dovrà essere riportato anche sul SB, anche se raramente, nella parte
dell’equipaggiamento speciale, con il commento “Besondere Bekleidungs
Vermerke “.
La nuova piastrina in questo caso, ma non sempre, doveva riportare la scritta DPL
( DUPLIKAT ).

Un dato non sempre presente sulle piastrine era il gruppo sanguigno che poteva
essere riportato solamente con le lettere ( A, AB, B e 0 ) oppure con la parola
Blutgruppe ( = gruppo sanguigno ) seguito dalla lettera, abbreviato in più modi
( Bltgr, Br, Bl, Gr, etc . . . ). Da notare che poteva non essere riportato, riportato
solo su una parte, su tutte e due o solo sul retro.

A partire dal luglio 1940, stando ad una disposizione del Oberkommando des
Heeres, il gruppo sanguigno diventa obbligatorio sulle piastrine.

Esistono anche piastrine con la scritta sul retro DEUTSCHES REICHSHEER,


qualche volta cancellata, che indicava che il soldato era arruolato nell’esercito già
con la Repubblica di Weimar o, più semplicemente, si trattava di un riutilizzo di
piastrine esistenti.

Nel caso il soldato lasciava il servizio attivo per un qualsiasi motivo, la sua
piastrina doveva essere riposta nella tasca dell’ultima di copertina del Wehrpass.

Di uguale forma anche le piastrine per le SS e Aviazione, diverse quella della


Marina. Di forma più piccola ( circa 50 x 33 cm ) riportavano, a differenza delle
altre, il nome del marinaio, sia da truppa che da ufficiale.

2
Riporto, quindi di seguito alcune note importanti per interpretare meglio le
piastrine :

INFANTERIE ( FANTERIA )
- a partire dal 15 ottobre 1942 tutti gli Infanterie Regimenter e Infanterie
Bataillone sono chiamati Grenadier Regimenter e Grenadier Bataillone

ERSATZEINHEITEN ( RECLUTE / RIMPIAZZI )


- Nei battaglioni reclute la compagnia comando è indicata come Stamm mentre
dei reparti normali viene riportato St. o Stab.
- Dal ottobre 1942 i Battaglioni Ersatz sono rinominati Ersatz und Ausbildung
Bataillone.
- Dal giugno 1943 i Federersatz Bataillone sono rinominati Marsh Bataillone

PANZERABWEHR ( CONTROCARRI )
- Dal 16 marzo 1940 le unità controcarro ( Panzerabwehr Abteilungen )
vengono rinominate Panzerjager Abteilungen ( cacciatori di carri ).

PANZERTRUPPE ( CARRISTI )
- Dal 15 aprile 1940 i battaglioni dei pionieri delle divisione Panzer ( Pionier
Bataillone der Panzer Divisionen ) vengono rinominati Panzer Pionier
Bataillone.

ARTILLERIE ( ARTIGLIERIA )
- L’Artiglieria era divisa in Batterien ( = Kompanien ) e Abteilungen ( =
Bataillone ).

BAUTRUPPEN ( GENIERI )
- Dal 10 agosto 1943 i battaglioni genieri ( Bau Bataillone ) sono rinominati Bau
Pionier Bataillone.

3
Alcune foto di piastrine della mia collezione con relativa traduzione :

Piastrina in alluminio del Comandante ( notare la matricola 1 ) la 42a Compagnia


Genio, senza gruppo sanguigno.

Traduzione:

Bau = Genio
Kp = Kompanie = Compagnia

4
Piastrina in alluminio della 1a Compagnia del 12° Battaglione Genio, gruppo
sanguigno su entrambe le parti.

Traduzione :

Bau = GENIO

5
2 piastrine dello stesso reparto, entrambe con il gruppo sanguigno.
Si tratta del 14° Battaglione Reclute Pionieri.
Forse i due soldati si conoscevano, chissà.
Una piastrina è stata trovata in una fiera di militaria, l’altra a distanza di qualche
mese sul noto sito d’aste.

Traduzione :

Pi = Pionier = Pioniere
Ers = Ersatz = Rimpiazzi / Reclute

6
Una piastrina in zinco, con gruppo sanguigno della Compagnia Comando del 53°
Battaglione Reclute Granatieri ( Motorizzato ).

Traduzione :

Stamm = Comando
Kp= Kompanie = Compagnia
Gren = Grenadier = Granatiere
Ers = Ersatz = Reclute / Rimpiazzi
( mot ) = motorisiert = motorizzato

7
Questa,invece,è una piastrina della 214a Compagnia Pionieri,gruppo sanguigno
solo su una parte.

Traduzione :

Pi = Pionier = Pionieri
Kp = Kompanie = Compagnia

8
Piastrina della Luftwaffe,gruppo sanguigno ben stampato e molto evidente.
11° Reggimento Trasmissioni Motorizzato.

Traduzione :

Lg = Luftgau = simile al Wehrkreis ( Distretto Militare ) e bacino di fornitura


degli effettivi della
Luftwaffe
Nachtr = Nachrichten = Trasmissioni
Rgt = Regiment = Reggimento
Mot = motorisiert = motorizzato

9
Soldbuch e piastrino dello stesso soldato della 24 a Compagnia reclute controcarro
del 24° Reggimento Reclute di Fanteria.

Traduzione :

Jnf = Jnfanterie = Fanteria


Pz = Panzer = Carri
Abwehr = Protezione / Difesa
Kp = Kompanie = Compagnia
Inf = Jnfanterie
Ers = Ersatz = Reclute / Rimpiazzi
Rgt = Regiment = Reggimento

10
WP, SB, patente militare e piastrina dello stesso soldato di prima.
Questo soldato ha cominciato la guerra inquadrato in una compagnia controcarro
e l’ha terminata come trasmettitore,sempre per sottolineare che la piastrina riporta
i dati di incorporazione e non quelli del reparto effettivo.

11
Altro SB e piastrina in zinco della stessa persona della Compagnia Comando del
617° Reggimento Pionieri.

Traduzione :

StaB = Comando
Pi = Pionier
Rgt = Regiment

12
Rovescio della stessa piastrina con il gruppo sanguigno,qui per esteso.

13
Piastrina in alluminio senza gruppo sanguigno del plotone trasmettitore della 1a
batteria del 179° Reggimento di Artiglieria.

Traduzione :

NACHR = Nachrichten = Trasmissioni


ZG = Zug = Plotone
A = Artillerie = Artiglieria
R = Regiment = Reggimento

14
Alcune custodie di cuoio, con relative piastrine.

Le piastrine con le loro taschette sono dei seguenti reparti,da sinistra a destra:

Compagnia Comando del Battaglione Reclute e Addestramento Mortai Pesanti

Stamm = Comando
S = Schwer = Pesante
W = Werfer = Mortai
Ers = Reclute / Rimpiazzi
U = und = e
Aus = Ausbildungs = Addestramento
Btl = Bataillone = Battaglione

15
e

possibile Comando della 1a Compagnia del 133° Battaglione Rimpiazzi ( Ersatz


Bataillone ). Dico possibile per il fatto che viene indicato STAMM e non St o
Stab.

STAMM = Comando
KP = Kompanie = Compagnia

In dettaglio quelli vuoti.

All’interno di quello più grande, oltre alla piastrina, ho trovato anche un piccolo
crocefisso di legno. Probabilmente questi sacchetti erano in vendita negli spacci
militari o magari venivano regalati ai soldati dai propri familiari.

16
Altro modello di custodia con la sua piastrina, 216a Compagnia Reclute
Cacciatori di Carri di Fanteria.

Traduzione :

Inf = Infanterie = Fanteria


Pz = Panzer = Carri
Jag = Jager = Cacciatori
Ers = Ersatz = Reclute / Rimpiazzi
Kp = Kompanie = Compagnia

17
Piastrina con gruppo sanguigno riportato solo sulla parte posteriore.

18
Stessa piastrina, lato anteriore della 13a Compagnia del 99° Reggimento Alpini.

Traduzione :

Gb = Gebirgs =Montagna
Jg = Jager = Cacciatore
R = Regiment = Reggimento

19
Bellissima piastrina con cordino originale in alluminio e Soldbuch di un soldato
della 3a Compagnia del 318° Battaglione Reclute di Fanteria. Gruppo sanguigno
presente su entrambi i lati.
Come già ribadito, la piastrina riporta l’unità militare di primo inquadramento.
Infatti questo soldato è stato trasferito, nel corso della sua storia militare, in più
unità di artiglieria Flak anche se ha cominciato la sua avventura come un fante.

Traduzione :

Jnf = Jnfanterie
Ers = Ersatz = Reclute / Rimpiazzi
Btl = Bataillone = Battaglione

20
Piastrina di Sanità incomprensibile, modificata sicuramente dal suo proprietario,
forse per uno spostamento di reparto.
Presente il gruppo sanguigno su entrambe le parti.

21
Piastrina del soldato matricola 185 del 206° Squadrone Reclute Ciclisti. Curioso
il fatto che il gruppo sanguigno sia stampato ben 4 volte.
L’identificativo Schwadron è proprio di unità di cavalleria e di ricognizione.

Traduzione :

Radf = Radfahr = Ciclisti


Ers = Reclute / Rimpiazzi
Schw = Schwadron = Squadrone

22
Piastrina di un appartenente al comando del 169° reggimento di Fanteria,
matricola 34 in zinco.

Traduzione :

Stab = Comando
J.R. = Infanterie Regiment = Reggimento di Fanteria

23
Il retro della stessa con la scritta DEUTCHES REICHSHEER cancellata.
Probabilmente un riutilizzo delle piastrine in uso nella Repubblica di Weimar.

24
Ora anche un paio di foto di soldati che indossano la piastrina.
La foto è datata 17 agosto 1941, fronte russo e anche se in tenuta molto estiva i
tre soldati hanno al collo la loro “ERKENNUNGSMARKE “.

25
Ecco invece due Alpini fotografati durante la pietosa opera di recuperare forse un
compagno caduto. Il soldato a destra porta la piastrina legata alle bretelle di
sospensione dei pantaloni, metodo già visto anche in altre foto.
Sul retro della foto la scritta “ITALIEN”: non voglio aggiungere altro.

26
E per finire, purtroppo, una piastrina spezzata di un possibile caduto della 11a
Compagnia del 88° Reggimento di Fanteria.
Gruppo sanguigno presente, cordino sostituito da una laccio da scarpa.

Traduzione :

I = Infanterie = Fanteria
R = Regiment = Reggimento

27
Per concludere questo mio studio, frutto di ricerche in rete, riviste, traduzioni di
libri in mio possesso ed esperienze personali, ho fotografato anche tre piastrine
della Marina Militare Tedesca della mia collezione, giusto per fare notare le
differenze con le piastrine dell’esercito.

Il gruppo sanguigno è riportato sulle piastrine solo dal 1941 e il nome e cognome
fino al 1942. Come per l’esercito, si è passati da una produzione iniziale in
alluminio ( nell’esempio 1938 ) per poi passare allo zinco (1941) e per finire ad
una lega molto leggera anodizzata color oro (1945),riducendo anche al limite le
informazioni in esse contenute.

Sto approfondendo anche la storia di queste piastrine, ma per ora ho solamente


poche informazioni e molto confuse.

28
Ricapitolando, le misure sono 50 x 33 mm e sono divise da una linea incisa che
permette di spezzarle in due parti, al contrario di quelle dell’esercito che hanno
invece tre linee e sono più grosse.
Analizzandole più nel dettaglio, nella prima riga viene riportato nome e cognome
che scompariranno e saranno sostituiti dalla scritta Kriegsmarine a partire dal
gennaio 1942.

La seconda riga deve riportare la lettera N o O, dove N corrisponde a


Marinestationskommando Nordsee di Wilhelmshaven ( mare del Nord ) e O ( mar
Baltico ) sta per Marinestationskommando Ostsee di Kiel, il numero di matricola
e altre lettere.

Il significato delle altre lettere non mi è però chiaro per le troppe modifiche
apportate al regolamento della Kriegsmarine: spero di riuscirle a capire con il
tempo.

29

Potrebbero piacerti anche