You are on page 1of 18

La civilt

micenea
Francesco Toscano

I pi importanti siti micenei


(1400 1200 a. C.)

Le fonti per la civilt micenea


tre sono i tipi di fonti di cui disponiamo
1) le fonti
archeologiche

3) i poemi di
Omero
(800-700 a. C.)

2) le tavolette in lineare B provenienti dai palazzi

La civilt micenea
fiorisce in Grecia intorno al 1400-1200 a. C.
popolazione indoeuropea
sono citt in

buona parte
autonome fra
loro
arroccate in
cima a
colline e
militarmente
organizzate e
fortificate

La Porta dei Leoni (Micene)

La citt micenea
i Micenei restano sempre guerrieri
le citt dell' Argolide, il cui nucleo come sempre

il palazzo (in cui risiedeva la famiglia reale: re,


figli, nuore, domestici, guerrieri, ecc.) con gli
annessi locali ad uso religioso, amministrativo e di
rappresentanza, tombe comprese, sorgono
sempre su di un'ardua altura (acropoli) e son
cinte di bellissime mura, formate da immensi
blocchi di calcare, le cui porte di accesso incutono
ancora oggi timore per le loro proporzioni

Ricostruzione della cinta muraria di Micene

La citt micenea
ai piedi del palazzo, lungo le pendici si addensa la

popolazione, si forma la citt. In basso, in


pianura, sorgono poveri borghi di contadini

Ricostruzione della cinta muraria di Tirinto

La struttura sociale e politica


sulla popolazione micenea regna

maschera di Agamennone

un wnaka, signore
affiancato un rawakta, capo
militare del los, aristocrazia
altre figure sono gli eqta, i
cavalieri, i teleti o dipendenti
del Palazzo (artigiani,
sacerdoti, ...),
i qasiru sono bronzieri, che con il tempo
divennero sempre pi importanti (nel greco
classico il termine re si dice basilus) e si
radunavano in una gherousa, consiglio degli
anziani
abbiamo schiavi pubblici e sacri

La struttura economica
solo il wnaka e il

rawakta hanno diritto


alla propriet privata
le tavolette in lineare B ci
parlano di un accurato
sistema di tributi e servizi
prestati, da cui possiamo
supporre che il palazzo
fosse il centro di un
apparato di riscossione e
ridistribuzione di
manufatti e materie prime
anfora micenea (XIV sec. a. C.)

Lespansione micenea
dai loro palazzi i Micenei cominciarono ad

espandersi per ampliare il raggio di azione


dei loro commerci

Lespansione micenea
ben presto arrivarono a conquistare i luoghi

in cui commerciavano

La conquista di Troia
nel 1870 gli studiosi concordavano sul fatto

che la guerra di Troia non fosse mai accaduta


ed era soltanto frutto di una mente
ingegnosa, quella di Omero, divenuto famoso
per lIliade e lOdissea
Heinrich Schliemann (1822 1890) per
scopr, con stupore di tutti, la citt di Troia in
Asia Minore e quella di Micene in Grecia
oggi molti studiosi sono d'accordo sul fatto
che la guerra di Troia sia un fatto realmente
accaduto, un conflitto fra Greci e Troiani (
dubbio che Omero abbia narrato fedelmente
la vicenda)

La conquista di Troia
il conflitto ebbe inizio a causa del rapimento di

Elena, moglie di Menelao, re di Sparta, da


parte del principe troiano Paride
Menelao, grazie all'aiuto del fratello
Agamennone, radun un incredibile esercito,
formato dai maggiori comandanti dei regni
greci e dai loro sudditi, muovendo cos guerra
contro Troia
lIliade ci narra il conflitto che dur all'incirca
dieci anni, con gravi perdite da ambo i lati, ma
si conclude con lo scontro fra Achille ed Ettore
in altri poemi (il ciclo troiano) si descrive
che Troia viene distrutta e i soldati greci
tornano in patria

La conquista di Troia
ancora oggetto di studi e controversie la

questione sulla veridicit storica degli


avvenimenti della guerra di Troia
alcuni studiosi pensano che vi sia un fondo di
verit dietro gli scritti di Omero, altri pensano
che l'antico poeta abbia voluto raggruppare
diversi avvenimenti accaduti durante guerre e
assedi, nel periodo miceneo, in un unico
conflitto, quello fra greci e troiani appunto
quelli che ritengono che la guerra di Troia sia
stato un fatto realmente accaduto collocano
cronologicamente i fatti verso la fine dell'et
del Bronzo, intorno 1300-1200 a.C.

La conquista di Troia
i Greci che presero parte allimpresa furono i

re di molte citt, che parteciparono con i loro


sudditi alla spedizione
pur riconoscendo tutti Agamennone come
capo supremo, non sempre gli obbedirono o gli
furono fedeli
Achille, ad esempio, per vari motivi, nutriva un
odio profondo contro di lui e solo per ragioni
personali parteciper alla guerra
la trasposizione letteraria della societ
micenea: un gruppo di re che si unisce per
unazione comune e che si ridividono appena
tornati in patria

Il ritorno da Troia
lOdissea ci racconta uno dei nstoi, i ritorni

degli eroi greci presso le proprie citt: Ulisse,


colui che aveva escogitato lo stratagemma del
cavallo, torna ad Itaca
sulla sua strada incontra per, proprio a causa
della maledizione di Poseidone, molti naufragi,
scontri con mostri ed esseri straordinari,
prigionia, morte dei compagni e dolore, oltre
alla nostalgia di casa. il viaggio dura cos dieci
anni
alla fine Ulisse torna e fa strage di coloro che
insidiavano sua moglie Penelope per
impadronirsi del suo regno

La fine della civilt micenea


intorno al 1200 a. C. le principale rocche

micenee furono distrutte e date alle fiamme


(le tavolette vengono cotte)

le cause?
la letteratura parla dellarrivo dal nord dei

Dori

le tavolette ci parlano di un pericolo

proveniente dal mare (i popoli del mare?)

carestie e siccit provocarono rivolte interne


i palazzi non furono ricostruiti, la scrittura

scomparve, larte si immiser

Il frazionamento del mondo greco


il territorio greco, senza pi il potere miceneo,

visse diverse ondate migratorie provenienti dal


nord, ma anche dalle coste della vicina Asia
minore, dando cos vita a nuove stirpi con
nuovi ceppi linguistici

alla fine del IX secolo a. C. abbiamo in Grecia:


Dori: Peloponneso e alcune regioni

settentrionali

Eoli: Beozia, Focide, Tessaglia e lisola di

Lesbo

Ioni: Attica, Eubea e coste dellAnatolia

DORI

EOLI

IONI