Sei sulla pagina 1di 18

Venere

Il pianeta infernale

Il pianeta Venere fa riferimento allomonima dea romana, incarnazione della bellezza e dellamore, che si rispecchiano nella brillantezza del pianeta. Gi i Sumeri e i Greci erano a conoscenza della sua esistenza: veniva identificata in Lucifero o Vespero, identificandolo con la prima stella che sorgeva la sera e nellultima che tramontava al mattino

La stella dellalba e del tramonto


Venere loggetto pi luminoso nel cielo notturno dopo la Luna. Allosservatore dal nostro pianeta, Venere visibile come il suo vicino Mercurio o allalba o al tramonto. Si mostra di solito tra i 20 e i 40 di altezza sullorizzonte come una stella azzurrognola che possiamo dire essere la pi luminosa di tutto il cielo ed infatti raggiunge una magnitudine di ben -4,4. Il suo diametro varia tra un massimo di 65,2 ed un minimo di 9,5.

La foto mostra la congiunzione astrale tra Venere e la Luna

Venere il pianeta pi caldo: la temperatura al livello del suolo compresa tra 446 e 482 C, la temperatura a cui, sul suolo venusiano, i metalli come piombo e stagno fonderebbero. Latmosfera del pianeta formata al 97% da CO2, con piccole quantit di vapore acqueo, azoto e vapori di acido. Essa molto densa e calda; nei suoi strati superiori presente una spessa coltre di nubi.

Le alte temperature: leffetto serra


La densa atmosfera lascia passare la radiazione proveniente direttamente dal Sole, ma ferma la radiazione riemessa dalla superficie con una diversa lunghezza donda, cos che, anche se il calore intrappolato viene gradualmente disperso sai moti vorticosi dellalta atmosfera, la temperatura sul pianeta rimane molto alta.

Il pianeta senza vita


Venere presenta un gran numero di vulcani, causa della presenza ingente di anidride carbonica. La vicinanza al Sole, rispetto alla Terra, ha determinato una forte evaporazione e ha innescato, fin dalla nascita del pianeta, leffetto serra, facendo sparire lacqua allo stato liquido. Questo ha innescato un circolo vizioso, per cui la quantit di anidride carbonica sale: date le condizioni di temperatura, pressione e concentrazione di gas, Venere senzaltro privo di vita.

Qual il legame tra la Terra? Perch Venere detto sorella della Terra?

Dimensioni simili, distanza dal sole paragonabile e non solo!

Leffetto serra sulla Terra

Terra: nuova Venere?


Secondo alcune teorie, interventi incauti delluomo (come lemissione sconsiderata nellatmosfera terrestre di grandi quantit di CO2), potrebbero trasformare il nostro pianeta fra 2 miliardi di anni, circa, in un nuovo Venere. Ad avvalorare ci, vi la teoria secondo cui un accumulo di elio nel Sole, causer il suo aumento di luminosit e, dunque, la riduzione di masse oceaniche e lincremento di temperature.

Fortunatamente no!
La sonda americana Magellano, che dal 1990 al 1994 ha effettuato una ricognizione accurata della superficie, ha scoperto lesistenza di colate basaltiche, che immettono nellatmosfera enormi quantit di anidride carbonica, vapore d' acqua e anidride solforosa. Fra l' altro gran parte della superficie di Venere stata invasa da una massiccia colata di basalto circa 800 milioni di anni fa e i crateri che oggi si osservano sul pianeta sono nella maggior parte dei casi ancora attivi. La quantit di anidride carbonica che pu entrare nell' atmosfera terrestre anche bruciando tutti i combustibili disponibili, rimane sempre diecimila volte pi piccola rispetto a Venere.

La sonda Magellano (1990-1994)


Tra il settembre 1990 e il settembre 1992 la sonda ha acquisito il 98% della superficie venusiana.

E ha riportato interessanti dati sulla gravit su Venere

Missione Venus Express ESA (2006-ancora attiva)


Il 20 Aprile 2006 la sonda raggiunge finalmente lorbita che gli permette di ruotare attorno al pianeta in 24 ore. Importante limmagine a diverse profondit delle nuvole spazzate dal vento che ha permesso agli scienziati di avere un idea pi chiara sulla dinamica dei venti e della circolazione dellatmosfera venusiana. Inoltre un importante immagine quella che conferma la presenza dei cosiddetti Assorbitori UV , cio zone pi scure presenti nelle nuvole pi alte e assorbono circa la met dellenergia solare che il pianeta riceve. La sostanza che provoca questo fenomeno ancora sconosciuta e la sua definizione permetterebbe agli scienziati di spiegare il bilancio termico del pianeta.

Le sonde: alla scoperta della struttura di Venere


La struttura interna di Venere analoga a quella della Terra. Per quanto riguarda la struttura geologica: Il 60% della superficie debolmente ondulata Il 15% presenta ampie depressioni Il 25% costituito da altopiani I processi geologici pi attivi sono il vulcanismo e i movimenti della crosta (sollevazioni, sprofondamenti, lacerazioni).

Il transito di Venere
Un transito di Venere si verifica quanto il pianeta passa di fronte al disco solare. Il primo transito stato osservato nel 1639 da due astronomi inglesi. Per gli scienziati molto importante, poich proprio grazie allosservazione del transito di Venere davanti al disco solare che gli astronomi sono stati in grado di determinare le scale di distanza e dimensioni del nostro sistema solare prima e di conseguenza dellintero universo.

Il particolare rapporto tra il periodo di rotazione e quello di rivoluzione di Venere tale che quando il pianeta raggiunge la minima distanza dalla Terra, esso rivolge al nostro pianeta sempre la stessa faccia. Non si sa se tale fenomeno sia dovuto ad un effetto di risonanza, o se si tratti di una singolare coincidenza. Inoltre, dopo il Sole e la Luna, Venere il corpo celeste pi luminoso, visto dalla Terra, tanto che pu essere avvistato anche in pieno giorno.