Sei sulla pagina 1di 3

Venezia, 4 luglio 2012

Comunicato stampa

I numeri nel Veneto dell'illegalit ambientale nel 2011: 856 infrazioni accertate, 930 persone denunciate, 195 sequestri effettuati Venezia tra le prime sette province nell'illegalit dei rifiuti Cemento e rifiuti si confermano settori clou del florido business dellecocriminalit Legambiente presenta Ecomafia 2012 le storie e i numeri della criminalit ambientale con prefazione di Roberto Saviano dedicato a Falcone e Borsellino e a tutte le vittime degli attentati mafiosi che venti anni fa sconvolsero il Paese.
Il 6 luglio nella prestigiosa sede di Ca' Farsetti a Venezia verr presentato il Rapporto Ecomafia 2012 con particolare riferimento alla situazione veneta, a cura del neonato Osservatorio veneziano ambiente e legalit Sono impressionanti i numeri dellattacco smisurato al Belpaese e al suo patrimonio ambientale, paesaggistico, culturale e artistico da parte di ecocriminali e ecomafiosi che saccheggiano e distruggono il territorio mettendo in pericolo la salute dei cittadini e il futuro del Paese, raccolti e descritti dal rapporto Ecomafia 2012, lindagine annuale di Legambiente sullillegalit ambientale, che anche questanno fotografa una situazione grave e impressionante, con un business illecito dalle cifre scioccanti, contrastato con impegno e perizia dalle forze dellordine che, solo nel 2011, hanno effettuato 8.765 sequestri, 305 arresti (100 in pi, rispetto allanno precedente con un incremento del 48,8%), con 27.969 persone denunciate (7,8% in pi rispetto al 2010). Il Veneto sale nella classifica degli illeciti nel settore dei rifiuti dal quattordicesimo allundicesimo posto con 237 illeciti, 278 persone denunciate, 54 sequestri effettuati), mentre la provincia di Venezia si piazza al settimo posto dopo Napoli, Cosenza, Reggio Calabria, Roma, Udine, Salerno - tra tutte le province italiane con 113 illeciti accertati. Quest'anno si registra l'ingresso tra le prime dieci province dItalia di quelle di Udine (quinta, con 115 infrazioni dopo quella di Roma) e Venezia (al settimo posto, con 113 illeciti accertati). Proprio a Venezia stato inaugurato le scorse settimane l'Osservatorio ambiente e legalit promosso da Legambiente e sostenuto dal Comune di Venezia. Anche questa classifica, insomma, conferma la diffusione su tutto il territorio nazionale dei fenomeni dillegalit nel ciclo dei rifiuti. Cos come le recenti clamorose inchieste che hanno portato in carcere due importanti imprenditori veneti evidenziano il fitto reticolo di alleanze tra settori dell'imprenditoria e organizzazioni criminali: "Il coinvolgimento diretto di grossi imprenditori pu preludere ad alleanze con i salotti buoni, compresi quelli politici, della societ veneta lancia l'allarme Luigi Lazzaro presidente regionale di Legambiente Veneto -, occorrono atti concreti perch si arrivi ad una regolazione rigorosa e trasparente dell'economia". In lieve flessione (ma con numeri sempre straordinari soprattutto se confrontati col business legale), i reati, a livello nazionale, nel ciclo dei rifiuti e del cemento.

L'Ufficio Stampa Legambiente Volontariato Veneto Corso del Popolo, 276 45100 - Rovigo Tel: 0425 27520 - Fax: 0425 28072 ufficiostampa@legambienteveneto.it

5.284 reati e 5.830 persone denunciate nel settore dei rifiuti. Aumentano i traffici illeciti internazionali mentre i rifiuti gestiti illegalmente e sequestrati si sono attestati sulle 346 mila tonnellate, come se 13.848 enormi tir si snodassero in una fila lunga pi di 188 chilometri. Le inchieste sui traffici organizzati dei rifiuti dalla data della prima applicazione del delitto (art.260 dlgs 152/2006) ad oggi sono 199, con ben 1.229 persone sottoposte ad ordinanza di custodia cautelare, 3.654 persone denunciate e ben 676 aziende coinvolte in tutte le regioni, Val dAosta esclusa. Le inchieste hanno riguardato anche 23 paesi esteri, sempre pi coinvolti nei traffici internazionali di rifiuti in partenza dallItalia (dal 2001 al 30 aprile 2012 sono state 32 e hanno interessato ben 23 paesi tra Europa, Asia e Africa), per cui necessario segnalare il recente e significativo fenomeno delle materie prime sottratte alle aziende e ai consorzi di riciclaggio legali che vanno ad arricchire le organizzazioni criminali. Rifiuti in plastica e rottami ferrosi risultano essere infatti, tra i materiali pi ambiti dai trafficanti di mestiere che attraverso trattamenti fittizi e giri bolla movimentano il pattume fino alla sua destinazione finale: allinterno di piloni e strade, in vecchie cave, in cantieri edili o in siti oltreconfine. La gravit dei fatti e i numeri denunciati in questo rapporto esigono una risposta efficace, un nuovo sistema di tutela del patrimonio naturale e culturale che passi necessariamente attraverso la semplificazione normativa, che riduca i margini di discrezionabilit e di incertezza; la riforma del sistema dei controlli, per evitare duplicazioni e sacche di inefficienza, e lintroduzione dei delitti contro lambiente nel codice penale, come previsto dalla direttiva comunitaria del 2008, formalmente recepita ma di fatto finora disattesa dal nostro paese. Occorre ritirare le recenti delibere regionali materia di rifiuti che danno il via libera al conferimento fuori provincia e sopprimono la figura del terzo controllore per gli impianti di trattamento dei rifiuti senza potenziare il controllo pubblico, allargando le maglie dei controlli e rendendo pi opaca la gestione dei rifiuti dichiara Luigi Lazzaro, presidente di Legambiente Veneto.

Venerd 6 luglio a Venezia, nella prestigiosa sede di C Farsetti, a partire dalle 15.00, a cura dell'Osservatorio ambiente e legalit di Legambiente e dell'assessorato all'ambiente del Comune di Venezia, il rapporto Ecomafie 2012, la tradizionale pubblicazione con cui Legambiente, in collaborazione con le forze dell'ordine, documenta le dinamiche e le tendenze della criminalit ambientale nel nostro paese. L'appuntamento veneziano sar dedicato al Veneto: con il contributo di esponenti delle forze dell'ordine e della magistratura verranno analizzati gli scenari rispetto al ciclo dei rifiuti e del cemento e gli enormi interessi che ci stanno attorno.
All'analisi della situazione seguir una tavola rotonda sulle politiche possibili per un'economia e uno sviluppo territoriale il pi possibile immune dalla criminalit ambientale ed economica. Alla tavola rotonda parteciperanno Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente. Gianfranco Bettin, assessore all'ambiente e alla citt sostenibile del Comune di Venezia, Carlo Donolo, sociologo del lavoro, Andrea Razzini, amministratore delegato di Veritas, Felice Casson, senatore. La tavola rotonda sar coordinata da Luigi Lazzaro, presidente di Legambiente Veneto. Il confine tra legalit e illegalit sempre pi labile ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza -. Vizi privati e relazioni pubbliche tendono a fondersi in ununica zona grigia dove lecito e illecito si mischiano e si sostengono a vicenda, spesso con la mediazione di figure interne alla pubblica amministrazione, grazie al collante della corruzione sempre pi diffusa. Questa mafia, evoluta e trasformata per meglio penetrare nei contesti legali e diffondersi ovunque,
L'Ufficio Stampa Legambiente Volontariato Veneto Corso del Popolo, 276 45100 - Rovigo Tel: 0425 27520 - Fax: 0425 28072 ufficiostampa@legambienteveneto.it

sembra non essere intaccata nemmeno dagli arresti dei boss, mentre lunico strumento che si dimostrato efficace, la destinazione sociale dei beni confiscati, rischia di essere rimessa in discussione col rischio che torni in campo lipotesi della vendita ai privati e quindi la scontata possibilit che i beni tornino in mano ai mafiosi. Su oltre 10.500 beni confiscati infatti, solo 5.835 sono stati destinati per finalit istituzionali o sociali. Il resto bloccato in un limbo, spesso a causa delle ipoteche bancarie. Lufficio stampa: 340.9299373

L'Ufficio Stampa Legambiente Volontariato Veneto Corso del Popolo, 276 45100 - Rovigo Tel: 0425 27520 - Fax: 0425 28072 ufficiostampa@legambienteveneto.it