Sei sulla pagina 1di 4

ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI MILANO

ARTICOLO 10 E ARTICOLO 18 DELLA TARIFFA PROFESSIONALE - SCHEDA APPLICATIVA PER LINTERRUZIONE DI INCARICO E INCARICO PARZIALE
settembre 2000 La tariffa professionale tratta in due articoli il problema dellincarico non completo, ovvero di una prestazione che non segue lintero sviluppo dellopera (per quanto riguarda lart.16, vedi altra scheda). Lart. 18 si occupa degli incarichi parziali fin dallorigine, mentre lart. 10 delle interruzioni di un incarico. Lapplicazione dellart.18 appare, per la maggior parte dei casi, particolarmente chiara. Ad esempio: incarico di sola progettazione in Classe Ic, aliquote di tabella B corrispondenti ad a), b), c), d), e) pari a 0,62. Si applica lincremento del 25%. Allo stesso modo calcolato lincremento previsto per linterruzione dellincarico. Se un incarico completo fin dallorigine viene interrotto in una fase intermedia, al totale delle aliquote relative alla prestazione svolta viene aggiunto il 25%. Ma nel corso degli anni vi sono state diverse opinioni circa la corretta lettura delle norme, soprattutto in relazione agli innumerevoli casi che si presentano nella pratica professionale. I dubbi e le incertezze nascono da unincerta lettura dellart.18. Occorre quindi analizzare il testo di legge per verificare i possibili criteri di applicazione che comportano, come si vedr in seguito, alcuni problemi di calcolo. la valutazione dei compensi a percentuale fatta sulla base delle aliquote specificate nell'allegata tabella B aumentata del 25 per cento Si noti che laggettivo aumentata pu riferirsi alla tabella B o alla valutazione. Se il riferimento la tabella, il valore prima citato di 0,62 si trasforma in 0,775, nuova base di calcolo per la parcella: se invece il riferimento la valutazione dei compensi, andr applicato lincremento sul valore di parcella ottenuto applicando laliquota 0,62. Non si tratta di un mero problema linguistico. Per risolvere la questione si consideri che la L.143/49 , di fatto, la trasformazione in Legge di una precedente Tariffa professionale approvata con Decreto Ministeriale nel 1932 di cui riporta integralmente la normativa e nella quale, nel corrispondente articolo 18, si dice: la valutazione dei compensi a percentuale fatta sulla base delle aliquote specificate nell'allegata tabella B, aumentate del 25 per cento. Una virgola ed un aggettivo al plurale tolgono ogni dubbio sullinterpretazione: a subire lin-cremento sono le aliquote della tabella e non la valutazione dei compensi. A confermare questa interpretazione vi sono altres i successivi commi dellart.18 della attuale e della precedente tariffa dove si citano costantemente le aliquote come oggetto degli incrementi. Affermare che sono le aliquote a modificarsi, significa che la Tabella B, per quella specifica pre-stazione, subisce una trasformazione. Tornando allesempio precedente, la modifica delle aliquote riferite ad un incarico parziale risulta: a) 0,10 diventa a) 0,125 b) 0,02 b) 0,025 c) 0,25 c) 0,3125 d) 0,10 d) 0,125 e) 0,15 e) 0,1875 pari a 0,62 0,775 La ragione di questo approfondimento si comprende quando si nelle condizioni di applicare lart.10 (interruzione dellincarico) in relazione ad una prestazione fin dallorigine parziale. Per linterruzione di incarico, dice la legge, si applicano le stesse procedure previste per lincarico parziale e la medesima percentuale del 25%. 1 di 4 SCHEDE E DELIBERE DELLORDINE DEGLI ARCHITETTI DI MILANO Applicazione della Tariffa INTERRUZIONE DI INCARICO E INCARICO PARZIALE

ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI MILANO


Ci stato spesso interpretato come identit dei due incrementi, quasi non avesse significato averli introdotti in due articoli diversi, tanto da ritenere non applicabile lincremento per sospensione di incarico in presenza di un incarico parziale. Ma se la Tabella B di riferimento per la prestazione portata ad esempio per lincarico parziale quella della colonna di destra, uneventuale interruzione di incarico dopo la redazione del solo progetto di massima porta, in applicazione delle procedure, a stabilire un incremento delle aliquote per il calcolo della parcella corrispondente al 25% di 0,15 (a + b), pari a 0,1875. (Uninterpretazione pi restrittiva potrebbe applicare lincremento riferito allo 0,12 originario di Tabella B, portando a+b a 0,18, pari a 0,12 + 0,03 + 0,03) Infatti lart.10 afferma che La sospensione per qualsiasi motivo dell'incarico dato al professioni-sta non esime il committente dall'obbligo di corrispondere l'onorario relativo al lavoro fatto e pre-disposto come precisato al seguente articolo 18: il lavoro fatto e predisposto a seguito di un inca-rico parziale ha il suo congruo corrispettivo nellapplicazione della Tabella B modificata e la sospensione non pu che comportare un ulteriore incremento. Entrando nel merito, va anche detto che il motivo per cui la legge prevede un incremento delle aliquote per incarichi parziali, non essendo il riconoscimento di un danno (che in quanto tale sarebbe da dimostrare caso per caso ed regolamentato da altre leggi, oltre che richiamato dal secondo comma dellart.10 solo per le sospensioni di incarico ed in aggiunta allincremento), da ricercare nel riconoscimento che talune elaborazioni, indispensabili allo svolgimento della prestazione, sia completa che parziale, sono, in ogni caso, da compensare proporzionalmente al lavoro da svolgere. Diverso il significato dellincremento di aliquote per la sospensione dellincarico. La legge stabilisce che qualsiasi incarico ha una sua unit e una sua completezza e che la sua interruzione crea condizioni di oggettiva difficolt per il professionista che ha programmato i tempi e ha disposto le risorse per condurre a termine nel migliore dei modi lintera prestazione che gli stata commissionata, anticipando elaborazioni e studi che, con la sospensione, risulteranno inutili. E questo sia che lincarico riguardi lintero sviluppo dellopera sia che, fin dallorigine, sia parziale. Se i due incrementi non fossero cumulabili vi sarebbe, inoltre, uningiustificata discriminazione nei confronti di chi, dovendo svolgere per incarico una prestazione non completa ed avendo applicato lincremento per incarico parziale, pu vedersi sospendere lincarico in qualsiasi momento senza essere garantito per il lavoro effettivamente svolto, pur se non portato compiutamente a termine. Risulta comunque evidente che, per le ragioni appena dette e a differenza di quanto previsto agli articoli 2 (urgenza), 17 (maggiore impegno per direzione lavori) e 21, lapplicazione degli incrementi per incarico parziale e per sospensione di incarico non pu portare ad una valutazione delle prestazioni superiore a quella che sarebbe dovuta per lincarico completo che, in quanto onnicomprensiva, copre tutte le competenze. Articolo 10. La sospensione per qualsiasi motivo dell'incarico dato al professionista non esime il committente dall'obbligo di corrispondere l'onorario relativo al lavoro fatto e predisposto come precisato al se-guente articolo 18. Rimane salvo il diritto del professionista al risarcimento degli eventuali maggiori danni, quando la sospensione non sia dovuta a cause dipendenti dal professionista stesso. Articolo 18. Quando le prestazioni del professionista non seguono lo sviluppo completo dell'opera, come si detto sopra, ma si limitano solo ad alcune funzioni parziali, alle quali fu limitato l'incarico origi-nario, la valutazione dei compensi a percentuale fatta sulla base delle aliquote specificate nel-l'allegata tabella B aumentata del 25 per cento come nel caso della sospensione di incarico di cui al primo comma dell'art. 10. Qualora per l'opera del professionista si limiti alla sola assistenza al collaudo od alla sola liqui-dazione dell'opera, ovvero anche ad entrambe queste prestazioni, dette aliquote sono aumentate del 50 per cento. Nel caso di incarico parziale originario le dette aliquote o percentuali vanno computate in base al-l'importo consuntivo lordo della opera corrispondente, o in mancanza al suo attendibile preventivo. Nel caso di sospensione dell'incarico, il compenso si valuta applicando le corrispondenti aliquote o percentuali al consuntivo della parte di opera eseguita ed al preventivo della parte di opera pro-gettata e non eseguita, facendone il cumulo, tenuto conto dei coefficienti di maggiorazione come detto sopra. In ogni caso sono da computarsi a parte gli eventuali compensi a vacazione per le prestazioni di cui all'art. 4, il rimborso delle spese di cui all'art. 6 e gli oneri di cui all'art. 17. 2 di 4 SCHEDE E DELIBERE DELLORDINE DEGLI ARCHITETTI DI MILANO Applicazione della Tariffa INTERRUZIONE DI INCARICO E INCARICO PARZIALE

ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI MILANO


Articolo 16. Gli onorari dell'art. 15 sono dovuti integralmente quando l'opera viene seguita dal professionista in tutto il suo sviluppo, dal progetto iniziale fino al compimento ed alla liquidazione dei lavori ed anche quando avviene che nell'adempimento dell'intero incarico non siano eseguite o siano solo parzialmente eseguite alcune delle particolari operazioni specificate all'art. 19, semprech l'aliquota o la somma delle aliquote parziali ad esse corrispondenti, a termini della tabella B, non superi il valore 0,20. A chiarimento dei casi pi frequenti, si propongono alcuni esempi di applicazione della norma. Incarico parziale e successiva interruzione di incarico Incarico di sola progettazione Classe e categoria Ic Valore stimato L. 1.000.000.000 Prestazioni (Tabella B) a) Progetto di massima b) Preventivo sommario c) Progetto esecutivo d) Preventivo particolareggiato e) Particolari costruttivi e decor. Totale

5,5540% (Tabella A) 0,10 0,02 0,25 0,10 0,15 0,62

Tabella B incrementata del 25% per incarico parziale a) Progetto di massima 0,10+25% = 0,125 b) Preventivo sommario 0,02+25% c) Progetto esecutivo 0,25+25% d) Preventivo particolareggiato 0,10+25% e) Particolari costruttivi e decor. 0,15+25% Totale aggiornato di Tabella B 0,62+25% L.1.000.000.000 x 0,05554 x 0,775 = L.41.932.700

= 0,025 = 0,3125 = 0,125 = 0,1875 = 0,775

Interruzione di incarico dopo la consegna del progetto di massima Prestazioni svolte a) Progetto di massima b) Preventivo sommario Totale 0,125 0,025 0,15 = 0,15625 = 0,03125 = 0,1875

Incremento del 25% per incarico interrotto a) Progetto di massima 0,125+25% b) Preventivo sommario 0,025+25% Totale 0,15+25% L.1.000.000.000 x 0,05554 x 0,1875 = L. 10.413.750

Incarico globale e successiva interruzione di incarico in fase di realizzazione Incarico di progettazione e direzione lavori Classe e categoria Ic Valore stimato L. 1.000.000.000 Prestazioni (Tabella B) a) Progetto di massima b) Preventivo sommario c) Progetto esecutivo d) Preventivo particolareggiato e) Particolari costruttivi e decor. f) Capitolati e contratti g) Direzione lavori

5,5540% (Tabella A) 0,10 0,02 0,25 0,10 0,15 0,03 0,25

3 di 4 SCHEDE E DELIBERE DELLORDINE DEGLI ARCHITETTI DI MILANO Applicazione della Tariffa INTERRUZIONE DI INCARICO E INCARICO PARZIALE

ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI MILANO


i) Assistenza al collaudo 0,03 l) Liquidazione 0,07 Totale 1,00 L.1.000.000.000 x 0,05554 x 1,00 = L.55.540.000 Interruzione di incarico ad avvenuta realizzazione di opere per L.400.000.000 Prestazioni svolte per L.1.000.000.000 a) Progetto di massima 0,10 b) Preventivo sommario 0,02 c) Progetto esecutivo 0,25 d) Preventivo particolareggiato 0,10 e) Particolari costruttivi e decor. 0,15 f) Capitolati e contratti 0,03 Totale 0,65 Percentuale di Tabella A riferita al valore di L.1.000.000.000 (5,5540%) L.1.000.000.000 x 0,05554 x 0,65 = L. 36.101.000 Incremento del 25% per incarico parziale riferito ad opere per un valore di L.600.000.000 (L. 1.000.000.000 previsti, meno L. 400.000.000 realizzati) a) Progetto di massima 0,025 b) Preventivo sommario 0,005 c) Progetto esecutivo 0,0625 d) Preventivo particolareggiato 0,025 e) Particolari costruttivi e decor. 0,0375 f) Capitolati e contratti 0,0075 Totale 0,1625 Percentuale di Tabella A riferita al valore di L.1.000.000.000 (5,5540%) L.600.000.000 x 0,05554 x 0,1625 = L. 5.415.150 Direzione lavori relativa ad opere per un valore di L.400.000.000 effettivamente realizzati e diretti g) Direzione lavori 0,25 i) Assistenza al collaudo 0,03 l) Liquidazione 0,07 Totale 0,35 Percentuale di Tabella A riferita al valore di L.400.000.000 (7,2053%) L.400.000.000 x 0,072053 x 0,35 = L. 10.087.420 Totale (L. 36.101.000+ L. 5.415.150+ L. 10.087.420) = L. 51.603.570 N.B.: Salvo diversa pattuizione, per il calcolo delle spese conglobate (art. 13 della Tariffa Professionale), per prestazioni svolte fino al 20.12.2000, fare riferimento alle delibere dellOrdine dell08.05.1991 e 19.11.1997 contenute nella Scheda Questione tariffaria. Incarico parziale e spese.

4 di 4 SCHEDE E DELIBERE DELLORDINE DEGLI ARCHITETTI DI MILANO Applicazione della Tariffa INTERRUZIONE DI INCARICO E INCARICO PARZIALE