Sei sulla pagina 1di 32

COLLEGIO DEI GEOMETRI

DELLA PROVINCIA DI LECCO


COMMISSIONE PARCELLE

Convegno-Incontro sulla redazione e


compilazione delle parcelle professionali

Lecco, lunedì 8 aprile 2002


Convegno-Incontro sulla redazione e compilazione
delle parcelle professionali

Lecco, lunedì 8 aprile 2002

PREMESSA

La tariffa dei geometri risale all’anno 1949 quando, con la Legge del 2 marzo n.144, è stata approvata la tariffa
degli onorari per le prestazioni professionali.
I compensi sono stati via via aggiornati con leggi specifiche nel 1951, nel 1957, nel 1961, nel 1966, nel 1967, nel
1976, nel 1982, nel 1988, nel 1993 e nel 1997.
Non sono, invece, mai stati stabiliti compensi per nuove attività che dal 1949 ad oggi sono oggetto della
professione del Geometra, vedasi solo per fare alcuni esempi, le procedure per tipi di aggiornamento del Catasto
Terreni, le procedure del catasto fabbricati, alcune prestazioni topografiche, amministrazioni condominiali,
progetto per la sicurezza, ecc.
Molto spesso, quindi, la Tariffa Professionale non contempla prestazioni del Geometra che invece rappresentano
l’attività quotidiana:
Ecco che nasce la difficoltà di redigere specifiche che diano un senso di coerenza e soprattutto di correttezza per
il Geometra e per la Committenza.
In questi casi bisogna applicare l’onorario a vacazione, oppure gli onorari a discrezione.
Su questo argomento diventa necessaria una riflessione perché la specifica emessa, per la quantificazione dei
compensi spettanti al Geometra, deve essere redatta con assoluto riguardo a due elementi essenziali e cioè.
a)- la congruità per far sì che il geometra che la emette abbia la giusta remunerazione per il lavoro svolto;
b)- la correttezza per la tutela della committenza per la quale la prestazione viene svolta.
In merito a questi due elementi può diventare opinabile la quantificazione degli onorari a vacazione o degli
onorari a discrezione perché non scaturisce da parametri definiti.
Ecco allora l’esigenza di studiare, sperimentare e proporre orientamenti per la determinazione degli onorari medi
per prestazioni simili.
Lo studio e la sperimentazione possono derivare solamente dall’esperienza e dalla dedizione nello svolgere
determinati incarichi professionali, per il raggiungimento di un risultato concreto, in tempi ragionevolmente
congrui.

2
Soprattutto nell’affrontare per la prima volta nuove attività il Geometra si trova nella necessità e nel dubbio di
trovare la giusta quantificazione degli onorari e delle spese da richiedere al Committente.
Sovente si rivolge al Collegio credendo di trovare l’immediata risposta, risposta che non può essere data,
soprattutto nei primi tempi di svolgimento delle nuove prestazioni, perché manca quell’esperienza su un
determinato numero di casi affrontati per poter determinare una media ponderata del tempo necessario e
dell’’impegno e delle conoscenze tecniche richieste.
Gli orientamenti che di seguito vengono proposti, non possono e non vogliono sostituire la mancanza di una
specifica disposizione di legge ma devono costituire un indirizzo, un canovaccio su cui adattare la specifica di
parcella per la singola prestazione, confortata da alcuni parametri fissi, per ottenere quegli obiettivi di equità di
cui si è fatto cenno prima.
Tali orientamenti sono frutto di esperienze e studi effettuati dalla Commissione parcelle su specifici argomenti
dell’attività professionale, con la più ampia casistica possibile.
In tutti i casi di ricorso agli Orientamenti va sempre richiamata l’applicazione dell’art. 60 della Tariffa
Professionale che prevede il calcolo dell’onorario, tenuto conto dell’importanza, delle difficoltà e dell’esito
dell’incarico e del tempo occorso.
L’art. 60, infatti, alla lettera L) comprende tutte quelle operazioni non previste dalla Tariffa, ma che rientrano nel
campo dell’attività del Geometra.
Conseguentemente diventa imprescindibile la necessità di sottoscrivere, da parte del Geometra e del
Committente, un disciplinare di incarico. Esso sarà redatto sulla traccia che il Collegio provvederà a far pervenire
agli iscritti, che andrà adattato di volta in volta, alle specifiche attività professionali che dovranno essere svolte;
determinante è poi l’indicazione dell’ammontare degli onorari o la metodologia da seguire per la loro
determinazione.

A questo punto mi è obbligo ringraziare per la preziosa collaborazione i componenti della Commissione Parcelle
e quant’altri hanno contribuito nell’approfondimento degli Orientamenti nelle specifiche materie, in particolare mi
sento di ringraziare il coordinatore della Commissione geometra Adriano Agostoni che da anni si adopera con
grande impegno per il buon funzionamento della Commissione.

IL PRESIDENTE
( geom. Attilio Beccalli )

3
NOTE DALLA COMMISSIONE PARCELLE

Per opportuna conoscenza si fanno presenti alcuni punti inerenti la stesura delle parcelle e alle
relative liquidazioni.

LAVORI PUBBLICI

a) VISTI
Il visto sulle parcelle viene rilasciato su fatture di acconto.
E’ opportuno allegare alla nota il disciplinare di incarico e la documentazione grafica e contabile
completa, specificando nella domanda che trattasi di “visto” su fatture di acconto.
Spese per il visto €. 51.65 (£. 100.000)
b) LIQUIDAZIONE
La liquidazione delle parcelle viene rilasciata su fatture a saldo.
Allegare il “disciplinare di incarico” stipulato con l’amministrazione.
Le note devono essere liquidate come previsto nel disciplinare con conseguente applicazione di
categoria e classe stabilita in esso.
Allegare sempre la documentazione completa, progetto di massima, definitivo , esecutivo ,
documenti catastali , certificati di regolare esecuzione , liquidazione , ecc..
Tutta la documentazione verrà restituita al momento del ritiro della nota liquidata.
Spese di liquidazione : diritti 3,00 % - spese 1.50%

ONORARI PER OPERE PUBBLICHE

Si precisa che il Decreto del Ministero della Giustizia del 4 aprile 2001, recante
“l’aggiornamento delle tariffe spettanti agli ingegneri e agli architetti inerenti i lavori
pubblici”, è stato, (a seguito degli interventi attuati dal Consiglio nazionale dei geometri)
giustamente ampliato alla nostra categoria.
Infatti il Ministero dei Lavori Pubblici, in accordo con il Ministero di Grazia e Giustizia ha
dichiarato che gli onorari di cui al Decreto 4 aprile 2001 sono applicabili a tutti i professionisti
che effettuano le prestazioni relative ai lavori pubblici.
Pertanto i corrispettivi proposti si riferiscono a tutte le prestazioni previste dalla legge quadro dei
lavori pubblici, quindi anche a quelle dei geometri, ovviamente nei limiti delle loro competenze.

4
PRIVATI O DITTE

Di norma non è previsto il rilascio di “visti” in acconto.

 LIQUIDAZIONE ( sodo poe


,fo^

Le note vengono liquidate secondo il tariffario Geometri vigente al momento dell’esecuzione


delle prestazioni.
Pertanto indicare sempre nella nota il periodo di esecuzione delle prestazioni professionali.
Qualora il collega avesse concordato con il cliente onorari diversi, allegare copia di disciplinare
sottoscritto e stendere la nota di conseguenza.

 ONORARI A VACAZIONE

Si ricorda che dal 19/12/1997 le vacazioni sono stabilite €. 44.93 (£. 87.000) per il geometra e in
€. 28.41 (£. 55.000) per l’aiutante di concetto, per i periodi precedenti si applica quanto era
previsto nei D.M vigenti all’epoca delle prestazioni.
Le spese da esporre oltre gli onorari a vacazione devono essere il più possibile dettagliate , non si
possono esporre spese a percentuale.
Per i lavori di accatastamento al N.C.E.U. , tipi di frazionamento o tipi mappali , le tariffe non
prevedono un costo medio , ma dipende dalla complessità del lavoro e di altri fattori, ecc. come
indicato di seguito.

 ONORARI A MISURA

Non ci sono particolari difficoltà , le tabelle sono chiare , le spese si possono applicare a
percentuale.
Fare attenzione alla tabella di riferimento per estensione , scala , piante , prospetti , sezioni , ecc..
Allegare sempre alla nota la documentazione completa del lavoro svolto.

5
 ONORARI A PERCENTUALE

Anche queste tabelle sono semplici e chiare; possono sorgere alcuni problemi quando la
prestazione è parziale. Inoltre in alcuni casi non è possibile riconoscere in modo certo la
prestazione come, ad esempio “il progetto esecutivo” in quanto gli elaborati non sono da
considerare “esecutivi” perché non contengono lo sviluppo completo e particolareggiato
dell’opera con tutti i dati e gli elementi necessari alla concreta attuazione.
Purtroppo la nostra tariffa non consente di configurare una prestazione intermedia tra il progetto
esecutivo e quello di massima.
Quando la prestazione è parziale si applica una maggiorazione del 25% sulle sole competenze;
non si deve applicare detta maggiorazione sulle spese a percentuale.

 CONSEGNA DELLA PARCELLA AL COMMITENTE – RICHIESTA DI


PAGAMENTO DELL’ONORARIO

Per motivi pratici, ma specialmente per motivi fiscali è consigliabile ed opportuno l’ adozione di
qualche cautela, nella stesura della nota con la quale si comunica al committente l’ammontare
delle proprie prestazioni, e/o si sollecita un acconto o il saldo del proprio credito.
Pertanto potrebbe essere utilizzato lo schema allegato alla pagina seguente.

6
RICHIESTA DI ONORARIO

Spett. / Egr…………….
………………………...
………………………...
STUDIO TECNICO
………………………...
………………………...

Luogo……. , data…………..

OGGETTO: Avviso di Parcella

Si comunica, per opportuna conoscenza ed al fine di consentire la liquidazione dell’ onorario che
dovrà avvenire entro ………………………… , che nel Vs. interesse sono state svolte le seguenti
prestazioni:
………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………………………
per le quali è maturato a favore dello scrivente un compenso di €. ……………. , in aggiunta
all’IVA nella misura del 20% , ed al contributo Cassa geometri nella misura del 2%, per cui il
credito complessivo dello scrivente , è pari a €. ……………… al lordo della ritenuta d’acconto
che è il 20% dell’imponibile (se dovuta).

Con l’occasione si richiede di comunicare per iscritto gli estremi fiscali.

Distinti Saluti

……………………………….

La presente è un avviso di pagamento e non costituisce fattura. La fattura verrà emessa al


momento della liquidazione dell’onorario, dell’IVA, del contributo CNPAIA e della ritenuta
d’acconto se ed in quanto dovuta.

7
MODALITA’- DOCUMENTAZIONE- COSTI PER LA LIQUIDAZIONE DELLE
PARCELLE

A.1 Domanda in carta da bollo €. 14,62 indirizzata al Presidente del Collegio (vedasi allegato
successivo).
A.2 Dichiarazione inerente la liquidazione stessa e contestuale versamento dell’anticipo per le
spese di liquidazione pari al 2% dell’ imponibile della parcella (vedasi allegato successivo).
A.3 Relazione sintetica con indicato il lavoro svolto , le modalità , i tempi , ed eventuali
particolarità e/o caratteristiche specifiche delle prestazioni stesse.
A.4 Tutti gli elaborati tecnici eseguiti (originali e/o copia) ; detti elaborati verranno restituititi
alla liquidazione della parcella.

B - La Commissione Parcelle può liquidare solo le parcelle relative a prestazioni


professionali, svolte in comuni della provincia di Lecco.

C - Per ogni liquidazione delle parcelle è dovuto al Collegio quanto sotto indicato:
 Contributo del 3% dell’ onorario liquidato , con un minimo di €. 45.00 (£. 88.000) ed un
massimo di € 520.00 (£. 1.005.000).
 Rimborso spese fisso pari all’1.50 % dell’onorario liquidato.
 Detto contributo e spese possono essere esposti in fondo alla parcella stessa.

Nota: la Commissione parcelle è disponibile , previo appuntamento , a sentire i colleghi che ne


hanno necessità di far liquidare delle note , per consigli e suggerimenti e quant’altro.

8
(marca da bollo €14,62)

Al Signor Presidente del


Collegio Geometri della Provincia
di Lecco
Via Aspromonte 13
23900 LECCO

OGGETTO: richiesta liquidazione parcella professionale

Il Sottoscritto geom. ...............................................................................................................

nato a ..................................................................................................il..................................

con studio professionale in.......................................................................................................

C.F...........................................................................................................................................

iscritto al Collegio dei Geometri della provincia di Lecco al n..............................................

CHIEDE

alla S.V. la liquidazione della parcella qui allegata in originale + 2 copie relativa a prestazioni

documentate dagli elaborati allegati.

Tale parcella non è mai stata trasmessa e/o è stata trasmessa al committente.

Con osservanza.

firma...................................................................................

li,..............................

N.B. Per il Visto la domanda deve essere redatta in carta semplice

9
Al Presidente del COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI LECCO
LECCO - Via Aspromonte 13

Il Sottoscritto Geom. ______________________________________________________________


nato a __________________________________ il______________________________________
residente a _______________________ Via ______________________________________
telefono _____ / __________________
nell'allegare alla presente apposita richiesta di liquidazione della sotto elencata specifica per
prestazioni professionali eseguite a favore e per conto del/della
Sig./Ditta _________________________________________________________________________
residente a _______________________ Via ________________________________________
avente per oggetto ________________________________________________________________
DICHIARA

1. di conoscere i disposti della Legge 02 Marzo 1949 n.144, e successive integrazioni e/o modifiche, in
materia di liquidazione delle specifiche, con particolare riferimento agli artt. 4-5-6 del Capo 1°
"Norme Generali";

2. di accettare quanto deciso con Delibera di Consiglio Provinciale dei Geometri di Lecco con verbale
del 13 Gennaio 1995, che stabilisce quanto segue:
2.A l'obbligatorieta' al ritiro delle parcelle liquidate entro il limite massimo di giorni 30 a partire
dalla data di comunicazione dell'avvenuta liquidazione da parte del Presidente. In caso contrario
verranno applicati gli interessi di mora nella misura del 3% per ogni mese o frazione di mese, sino ad
un periodo massimo di ulteriori 3 mesi. Trascorso tale periodo, si procedera' al recupero coatto delle
somme come sopra dovute.
2.B l'obbligatorieta', ovviamente nel caso di richiesta di liquidazione da parte del Professionista
iscritto al Collegio, al ritiro ed all'adeguamento delle specifiche giudicate non corrette dalla
Commissione Parcelle entro il limite massimo di giorni 45 a partire dalla data dell'avviso inviato al
diretto interessato. In caso contrario si provvedera' all'archiviazione della pratica nel fascicolo
personale dell'iscritto, con conseguente addebito delle spese di liquidazione per il lavoro svolto dalla
Commissione stessa. Anche per l'importo di liquidazione sopra indicato si addebiteranno gli interessi
di mora nella misura del 3% per ogni mese o frazione di mese sino ad un periodo massimo di ulteriori
3 mesi. Trascorso tale periodo si procedera' al recupero coatto delle somme come sopra dovute.
2.C versamento, alla presentazione della richiesta di liquidazione, di un anticipo delle spese di
liquidazione stesse, pari al 2% dell'importo esposto in specifica (imponibile).

DATA ___ / ___ / ________ FIRMA __________________________

10
COLLEGIO DEI GEOMETRI
DELLA PROVINCIA DI LECCO
COMMISSIONE PARCELLE

Determinazione dell’ importo presunto delle opere


spese - conglobate d’ufficio – piani di recupero

11
Determinazione dell’ importo presunto delle opere ai fini del calcolo della
parcella professionale

Per la liquidazione delle specifiche professionali , in mancanza di computo metrico estimativo


e/o consuntivo , la commissione parcelle ha stabilito le modalità di calcolo per determinare
l’ammontare delle opere al quale commisurare le competenze.

NUOVE COSTRUZIONI

1. Per abitazioni di lusso , uffici , alberghi , case di cura , edifici Da €. 310 a €. 350 al mc.

commerciali e direzionali di particolare importanza: (da £. 600.000 a £. 675.000 al


mc.)

2. Per case d’ abitazione di tipo medio fino a 1.000 mc.: Da €. 220 a €. 240 al mc.

(da £. 425.000 a £. 465.000 al


mc.)

3. Per case d’ abitazione di tipo medio oltre i 1.000 mc.: Da €. 200 a €. 210 al mc.

(da £. 385.000 a £. 405.000 al


mc. )

RISTRUTTURAZIONI

1. Ristrutturazione totale dell’immobile: Da €. 220 a €. 240 al mc.

(da £. 425.000 a £. 465.000 al


mc.)

2. Adeguamento servizi, impianti e varianti distributive: Da €. 150 a €. 160 al mc.

(da £. 290.000 a £. 310.000 al


mc.)

3. Adeguamento servizi – impianti: Da €. 75 a €. 85 al mc.

(da £. 145.000 a £. 165.000 al


mc. )

12
EDIFICI INDUSTRIALI

1. Fino a 6 mt di altezza per ogni piano: €. 290 al mq.

(£. 560.000 al mq.)

2. Da 6 mt. A 8 mt. di altezza per ogni piano: €. 325 al mq..

(£. 630.000 al mq.)

3. Oltre 8 mt. di altezza per ogni piano: €. 380 al mq.

(£. 735.000 al mq.)

N.B:
- Sono abitazioni di lusso quelle stabilite dalle vigenti leggi.
- Il computo del volume per abitazioni , uffici , alberghi , ecc. è determinato in base alla
cubatura lorda abitabile/agibile V.P.P..
- Per le parti interrate non abitabili / non agibili riduzione del 40%.

La commissione parcelle si riserva di valutare la congruità di ogni singolo caso

13
INDICAZIONE – CALCOLO PER LE SPESE CONGLOBATE D’UFFICIO
(D.M. 25.03.66 art.4).

PERCENTUALE DA UTILIZZARE PER LE SPESE

SOLO
SOLO INCARICO
UBICAZIONE DEL CANTIERE DIREZIONE
PROGETTO COMPLETO
LAVORI

Nel luogo di residenza – ufficio 30 - 35 % 30 – 40% 40-45%

Fuori da luogo di residenza - ufficio

Entro un raggio di 25 Km. 35-40% 45-50% 50-55%

Oltre i 25 Km. 40-50% 50-55% 55-60%

14
PIANI URBANISTICI – ATTUATIVI - DI RECUPERO

Non approfondiamo in questa sede le questioni relative ai Piani Regolatori e ai Piani di


Lottizzazione in quanto non di nostra competenza.
Invece è ormai consolidato che la competenza dei geometri per l’esecuzione dei Piani di
Recupero sia ammissibile qualora l’intervento si configuri di “modesta entità” in riferimento
alla dimensione volumetrica ed alla qualità progettuale dell’intervento stesso.
Non essendo indicato nel nostro tariffario come valutare detta prestazione professionale, si
fa presente quanto segue.
Per quanto riguarda il rilievo, la stesura dello stesso, il progetto esecutivo eventuali computi
metrici e preventivi per le opere a standard si fa riferimento alle specifiche tabelle del nostro
tariffario, mentre va presa in considerazione principalmente la prestazione per la redazione,
definizione e stipula della convenzione con l’ente pubblico che sarà esposta a discrezione in
quanto l’impegno può variare anche notevolmente per conflittualità tra l’esigenza dell’ente
pubblico e della committenza

15
COLLEGIO DEI GEOMETRI
DELLA PROVINCIA DI LECCO
COMMISSIONE PARCELLE

Esempi Compilazione Parcelle

16
ESEMPIO DI PARCELLA PER PROGETTAZIONE COMPLETA E CONTABILITA’ LAVORI

Incarico: Progetto completo, Direzione Lavori e Contabilità per la costruzione di un fabbricato di


civile abitazione dal valore di €206.582,72 (£.400.000.000).

Specifica delle spese ed onorari dovute al sottoscritto in base alla tariffa approvata con L. 2/3/49 n.
144 e successive modifiche, aggiornamenti ed integrazioni, per prestazioni professionali relative alla
progettazione e Direzione lavori del fabbricato di civile abitazione sito in ………….. via ………….:
prestazioni svolte dal 30/03/2000 al 25/06/2001

Art. 58 – Onorari per costruzioni: (tab. H4 - Cat. I lettera C - perc. di competenza: 5,6092% )

€. 206.582,72 x 5,6092% = €. 11.587.64

Contabilità dei lavori: (Tab. M2)


fino a €. 5.164,57 (2,89%) €. 149,26
sul di più fino a €. 10.329,14 (2,35%) €. 121,37 (2,35 di €. 5.164,57)
sul di più fino a €.25.822,84 (1,74%) €. 269,59 (1,74 di €. 15.493,70)
sul di più fino a €.51.645,69 (1,23%) €. 317,62 (1,23 di €. 25.822,85)
sul di più oltre i €.51.645,69 (1,04%)
€. 154.937,07 x 1,04% = €.1.611,35

€. 2.469,19

Art. 4 – D.M. 25/03/1966: Spese conglobate d’ ufficio

Per sopralluoghi, visite, sessioni,copisteria, copie, fotocopie ecc.


(Max. 60% degli onorari) - si adotta il 35%
e quindi €. 11.587,64 + €.2.469,19 x 0,35 €. 4.919,89
_________
1° Totale – Imponibile €.18.976,72

Cassa Geometri 2% dell’imponibile €. 379,53


_________

2° Totale €.19.356,25

I.V.A. 20% - sul 2° Totale €. 3.871,25


__________

Totale Complessivo da pagare €.23.227,50

N.B.: Per l’importo di €. 206.582.72 (£ 400.000.000) esiste da tabella la corrispondente


percentuale, per importi intermedi la percentuale va calcolata per interpolazione lineare (vedi
allegato 1);
Per importi superiori a quelli indicati nelle tabelle la percentuale si calcola con una specifica
formula matematica (vedi allegati 2-3).

17
ESEMPIO DI PARCELLA PER PROGETTAZIONE PARZIALE
Incarico: Progetto completo, Direzione Lavori per la costruzione di un fabbricato di civile
abitazione dal valore di €206.582,72 (£.400.000.000).

Incarico interrotto prima dell’ inizio lavori (viene incaricato un altro tecnico per direzione lavori).

Specifica delle spese ed onorari dovute al sottoscritto in base alla tariffa approvata con L. 2/3/49 n.
144 e successive modifiche, aggiornamenti ed integrazioni, per prestazioni professionali relative alla
progettazione del fabbricato di civile abitazione sito in ………….. via ………….: prestazioni svolte
dal 30/03/2000 al 25/06/2001

Art. 58 – Onorari per costruzioni: (tab. I2 - Cat. I lettera C - perc. di competenza: 5,6092% )

Prestazioni effettive svolte:

Progetto di massima 0,13


Prevent. Sommario 0,02
Progetto esecutivo 0,28
____
0,43

€. 206.582,72 x 0,43 x 5,6092 % €.4.982,68

Art. 59 – Aumento per prestazione parziale per interruzione incarico:

€. 4.982,68 x 25% €. 1.245,67

Art. 4 – D.M. 25/03/1966: Spese conglobate d’ ufficio


Per sopralluoghi, visite, sessioni,copisteria, copie, fotocopie ecc.
(Max. 60% degli onorari) - si adotta il 35%
e quindi €. 4982.68 x 0,35 €. 1.743,94
_________
1° Totale – Imponibile €.7.972,29

Cassa Geometri 2% dell’imponibile €. 159,44


_________

2° Totale €. 8.131,73

I.V.A. 20% - sul 2° Totale €. 1.626,37


__________

Totale Complessivo da pagare €. 9.758,10

18
ESEMPIO DI PARCELLA PER RILIEVO DI UN FABBRICATO

Incarico: Rilievo di un fabbricato di civile abitazione e restituzione dello stesso in scala 1:100

Trattasi di un fabbricato a due piani con misure in pianta di mt. 10,00 x 12,00
Altezza mt 6.50
Tetto a padiglione

Specifica delle spese ed onorari dovute al sottoscritto in base alla tariffa approvata con L. 2/3/49 n.
144 e successive modifiche, aggiornamenti ed integrazioni, per prestazioni professionali relative al
rilievo di un fabbricato di civile abitazione sito in ………….. via ………….: prestazioni svolte dal
……………… al …………..

Art. 45 – tabella D2

PIANTE : mq 240 x € 0,56 € 134,40


PROSPETTI : mq 390 x € 0,77 € 300,30
SEZIONI : mq 150 x € 0,56 € 84,00
€. 518,70

Art. 31.-. vacazioni integrative per rilievo sul posto

GEOMETRA : n°5 x € 22,47 € 112,35


AIUTANTE DI CONCETTO : n°5 x € 13,94 € 69,70

€. 182,05

Spese per copie , fotocopie , scritturato, viaggi (dettagliate) €. 75,00


________
1° Totale – Imponibile €. 775,75

Cassa Geometri 2% dell’imponibile €. 15,51


________

2° Totale €. 791,26

I.V.A. 20% - sul 2° Totale €. 158,25


__________

Totale Complessivo da pagare €. 949.51

19
ESEMPIO DI PARCELLA PER STIMA DI UN FABBRICATO
Incarico: Stima di fabbricato di civile abitazione

Si premette che per:


Stima analitica si intende una stima corredata dalla descrizione dettagliata dell’ immobile, dei
calcoli e della relazione, eseguita in base al costo dell’area e della costruzione
oppure in base al reddito o con metodo misto
Stima sommaria una stima costituita dalla descrizione e relazione sintetica
Giudizio di stima una stima esprimente il semplice parere sul valore dell’immobile

Specifica delle spese ed onorari dovute al sottoscritto in base alla tariffa approvata con L. 2/3/49 n.
144 e successive modifiche, aggiornamenti ed integrazioni, per prestazioni professionali relative alla
stima sommaria di un fabbricato di civile abitazione sito in ………….. via ………….: prestazioni
svolte dal ……………… al …………..

Art. 51 – tabella G3:- valore stimato €. 154.937,07 (percentuale applicabile 0,6610%)

€. 154.937,07 x 0.6610% €. 1.024,13

Art. 31.-. vacazioni integrative per accertamenti e rilievi

GEOMETRA : n°5 x € 22,47 € 112,35


AIUTANTE DI CONCETTO : n°5 x € 13,94 € 69,70

€. 182,05

Spese per copie , fotocopie , scritturato, viaggi (dettagliate) €. 50,00


_________
1° Totale – Imponibile €. 1.256,18

Cassa Geometri 2% dell’imponibile €. 25,12


_________
_
2° Totale €. 1.281,30

I.V.A. 20% - sul 2° Totale €. 256,26


_________

Totale Complessivo da pagare €. 1.537,56

20
COLLEGIO DEI GEOMETRI
DELLA PROVINCIA DI LECCO
COMMISSIONE PARCELLE

Tariffa consigliata per l’esecuzione delle


pratiche catastali

21
TARIFFA CONSIGLIATA PER L’ESECUZIONE DELLE PRATICHE
CATASTALI

La presente proposta è da considerarsi come “orientamento“ ed è comprensiva


delle spese generali d’ufficio.

• Gli onorari così come proposti, valgono per tutte le operazioni sotto
elencate.

• Prestazioni svolte insieme ad altre, o aventi caratteristiche di impegno


particolare, o che richiedano ingenti spese vive, verranno valutate caso per
caso.

• In linea di massima, data la complessità delle operazioni e delle procedure


da svolgere, tutte le prestazioni inerenti a pratiche catastali, verranno
compensate a discrezione.

• I diritti catastali, bollati e simili, dovranno essere esposti a piè di lista

Ciò premesso, si espongono i seguenti onorari per le specifiche prestazioni


catastali:

A- TIPI DI FRAZIONAMENTO

L’ onorario verrà esposto a discrezione, come sommatoria dei compensi di ciascuna


prestazione, in aggiunta alle spese e compensi accessori , come di seguito elencati:

1. Per indagine catastale presso l’Agenzia del Territorio(già

U.T.E.), ricerca punti fiduciali,esclusa la ricognizione in Da €. 130 a €. 210


(da £. 250.000 a £. 400.000)
sito e costituzione di nuovi punti fiduciali:

2. Ricognizione in sito dei punti fiduciali, verifica della loro


Da €. 105 a €. 155
corrispondenza, escluse nuove costituzioni: (da £. 200.000 a £. 300.000)

3. Prima stazione tacheometrica fino a 10 punti rilevati, con 3


Da €. 180 a €. 235
punti fiduciali: (da £. 350.000 a £. 450.000)

4. Per ogni punto in più rilevato, oltre i primi 10, compresi i


€. 13 cadauno
ribattuti o i punti fiduciali: (£. 25.000 cadauno)

5. Per ogni stazione in più, comprese quelle di appoggio: €. 105 cadauna


(£. 200.000 cadauna)
6. Per ogni punto fiduciale in più: €. 50 cadauno
(£. 100.000 cadauno)

22
7. Per ogni particella catastale ricavata dal frazionamento con
€. 15 cadauna
calcolo superfici nominali(escluso calcolo superficie reale): (£. 30.000 cadauna)

8. Per misurazione e calcolo delle superfici reali:

 Aree fabbricabili €. 0,18 al mq


(£. 350 al mq)
 Aree agricole €. 0,025 al mq
(£.50 al mq)
9. Elaborazione e redazione tipo, copia e deposito in catasto e

successivo ritiro, compreso eventuale inserimento


Da €. 310 a €. 415
(da £. 600.000 a £. 800.000)
autogestito:

10. Deposito e ritiro del tipo di frazionamento per notifica


€. 105
presso il Comune di appartenenza: (£. 200.000)

11. Tracciamento e/o picchettamento delle linee rosse derivanti

dal frazionamento:

 Per ogni picchetto €. 25 cadauno


(£. 50.000 cadauno)
 Per ogni stazione €. 105 cadauna
(£. 200.000 cadauna)
12. Tracciamento di linee nere di riconfinazione:

 Per ogni picchetto €. 50 cadano


(£. 100.000 cadauno)
 Per ogni stazione €. 105 cadauna
(£. 200.000 cadauna)
13. Costituzione di punti fiduciali, compresa la monografia;

 per ogni punto: Da €. 130 a €. 155


(da £. 250.000 a £. 300.000)

Nei compensi sopra elencati, non sono comprese le seguenti eventuali operazioni e/o prestazioni da
compensare a parte, a vacazione:

A.1 Domanda di riunione dei mappali.


A.2 Verifica e controllo in sito dei tipi di frazionamento in contraddittorio con il Tecnico
catastale.
A.3 Elaborazione e presentazione di domanda di voltura.
A.4 Spese vive di viaggio.

23
B- TIPO MAPPALE - Vecchia Procedura

L’onorario verrà esposto a discrezione calcolandolo come sommatoria dei compensi


sotto indicati per ciascuna prestazione, in aggiunta alle spese e compensi accessori

1. Tipo mappale semplice

a) Convalida estratto di mappa: €. 180


(da £. 350.000)
b) Introduzione in mappa di un fabbricato con linee di Da €. 260 a €. 335
(da £. 500.000 a £. 650.000)
appoggio su confini regolari:

2. Tipo mappale di media complessità

Introduzione in mappa di un fabbricato a pianta irregolare


Da €. 360 a €. 440
su appoggi di confini del lotto ben definito, compreso (da £. 700.000 a £. 850.000)

l’inserimento di accessori:

3. Tipo mappale complesso

Introduzione in mappa di un fabbricato a pianta irregolare


Da €. 465 a €. 515
su appoggio di confini del lotto irregolare, compreso (da £. 900.000 a £. 1.000.000)

l’inserimento di accessori:

4. Tipo mappale riguardante più edifici

per il primo edificio si applicano gli importi sopra elencati

(1-2-3) e per ciascuno degli altri il50% di tali importi.

Nei compensi sopra elencati, non sono comprese le seguenti eventuali operazioni e/o prestazioni da
compensare a parte, a vacazione:

B.1 Domanda di riunione dei mappali.


B.2 Rielaborazione dei tipi sospesi dal catasto per sopravvenuta variazione e\o modifiche
dei dati specifici.
B.3 Elaborazione e presentazione di domanda di voltura.(programma aggiorna).
B.4 Rilievo in loco del fabbricato.
B.5 Spese vive di viaggio.

24
C- TIPO MAPPALE - Nuova Procedura –

Onorario da applicare per le prestazioni relative ai tipi mappali eseguiti con la nuova procedura:

L’onorario verrà esposto a discrezione, calcolandolo come sommatoria dei compensi per ciascuna
prestazione, in aggiunta alle spese e compensi accessori, come di seguito elencati:
1. Per indagine catastale presso l’Agenzia del Territorio(già

U.T.E.), ricerca punti fiduciali,esclusa la ricognizione in Da €. 130 a €. 210


(da £. 250.000 a £. 400.000)
sito e costituzione di nuovi punti fiduciali:

2. Ricognizione in sito dei punti fiduciali, verifica della loro


Da €. 105 a €. 155
corrispondenza, escluse nuove costituzioni: (da £. 200.000 a £. 300.000)

3. Prima stazione tacheometrica fino a 10 punti rilevati, con 3


Da €. 180 a €. 235
punti fiduciali: (da £. 350.000 a £. 450.000)

4. Ogni punto in più rilevato, oltre i primi 10, compresi i


€. 13 cadauno
ribattuti o i punti fiduciali: (£. 25.000 cadauno)

5. Ogni stazione in più, comprese quelle di appoggio: €. 105 cadauna


(£. 200.000 cadauna)
6. Per ogni punto fiduciale in più oltre ai 3 suddetti: €. 50 cadauno
(£. 100.000 cadauno)
7. Inserimento contestuale di ulteriori fabbricati:
€. 78 cadauno
per fabbricato aggiuntivo (£. 150.000 cadauno)

8. Deposito e ritiro del tipo mappale per notifica presso il


€. 105
Comune di appartenenza: (£. 200.000)

9. Elaborazione tipo mappale, copie, deposito in Catasto e

successivo ritiro compreso eventuale inserimento Da €. 310 a €. 415


(da £. 600.000 a £. 800.000)
autogestito

Nei compensi sopra elencati, non sono comprese le seguenti eventuali operazioni e/o prestazioni da
compensare a parte, a vacazione:
C.1 Domanda di riunione dei mappali.
C.2 Verifica e controllo in sito dei tipi mappali in contradditorio con il tecnico catastale.
C.3 Rielaborazione dei tipi sospesi dal catasto per sopravvenuta variazione e\o modifiche
dei dati specifici.
C.4 Elaborazione e presentazione di domanda di voltura.(programma aggiorna).
C.5 Spese vive di viaggio.

25
D- CATASTO FABBRICATI

L’ Onorario verrà esposto a discrezione, calcolandolo come sommatoria dei compensi sottoindicati
per ciascuna prestazione, in aggiunta alle spese e compensi accessori, come di seguito indicati.
Si precisa che l’onorario stesso sarà quantificato tra un “minimo” ed un “massimo” in relazione al
numero delle unità immobiliari, alla loro dimensione e alla loro complessità.

 Dichiarazione di nuova costruzione e\o variazione al


N.C.E.U.
La prestazione professionale è costituita dalle seguenti
operazioni:
 Compilazione integrale del modello “Docfa” con
inserimento rasterizzato delle planimetrie
 Stesura elaborato planimetrico e rasterizzazione
 Consegna e ritiro della pratica in Catasto compreso la
compilazione dei modelli necessari:

1. Unità immobiliare tipo box privato e\o posto macchina e\o Da €. 130 a €. 260 cadauna
similari. (da £. 250.000 a £. 500.000 cadauna)

2. Unità immobiliare di tipo abitazione, negozio, magazzini e Da €. 205 a €. 415 cadauna


similari fino a mq.200 (per planimetrie ripetute riduzione (da £. 400.000 a £. 800.000 cadauna)
del 20%).
 da mq. 201 a 500 per ogni unità immobiliare. 1.65 €\mq
(3.200 £\mq.)
 oltre i 500 mq per ogni metro quadro eccedente. 0.65 €\mq
(1.250 £\mq.)

3. Unità immobiliare di categoria B (alberghi-collegi,


pensioni, ospedali colonie o similari).

 Per ogni piano fino a mq 200. Da €. 155 a €. 260


(da £. 300.000 a £. 500.000 )

 Per ogni piano da mq.201 a 500 mq. Da €. 206 a €. 310


(da £. 400.000 a £. 600.000 )
 Per ogni piano oltre i 500 mq. per ogni mq eccedente 0.65 €\mq
(1.250 £\mq.)

4. Unità immobiliare censibili nella categoria D:


considerata la complessità ed il maggior impegno
professionale dovuta anche alla redazione della stima
necessaria all’attribuzione delle rendite catastali si ritiene
di proporre i seguenti compensi:
 Fino a 1000 mq. Da €. 1.030 a €. 1.550
(da £. 2.000.000 a £. 3.000.000 )
 Da mq.1001 a 3000 mq. Da €. 1.550 a €. 2065
(da £. 3.000.000 a £. 4.000.000 )
 Oltre i 3000 mq. per ogni mq eccedente. 0.65 €\mq
(1.250 £\mq.)

26
Nei compensi sopra elencati, non sono comprese le seguenti eventuali operazioni e/o prestazioni da
compensare a parte, a vacazione:

D.1 Rilievo in loco del fabbricato e stesura dello stesso.


D.2 Elaborazione e presentazione domanda di voltura.
D.3 Spese vive di viaggio.

27
E- CATASTO FABBRICATI – VARIAZIONE PER CLASSAMENTO

L’ Onorario verrà esposto a discrezione, calcolandolo come sommatoria dei compensi sottoindicati
per ciascuna prestazione, in aggiunta alle spese e compensi accessori, come di seguito indicati.
Si precisa che l’onorario stesso sarà quantificato tra un “minimo” ed un “massimo” in relazione al
numero delle unità immobiliari, alla loro dimensione e alla loro complessità.

 Proposta di classamento con elaborazione DOCFA per


unità immobiliari già dichiararte all N.C.E.U.
La prestazione professionale è costituita dalle seguenti
operazioni:
 Compilazione integrale del modello “Docfa” con
inserimento rasterizzato delle planimetrie
 Consegna e ritiro della pratica in Catasto compreso la
compilazione dei modelli necessari:

1. Unità immobiliare tipo box privato e\o posto macchina e\o Da €. 78 a €. 155 cadauna
similari. (da £. 150.000 a £. 300.000 cadauna)

2. Unità immobiliare di tipo abitazione, negozio, magazzini e Da €. 130 a €. 260 cadauna


similari fino a mq.200 (per planimetrie ripetute riduzione (da £. 250.000 a £. 500.000 cadauna)
del 20%).
 da mq. 201 a 500 per ogni unità immobiliare. 1.30 €\mq
(2.500 £\mq.)
 oltre i 500 mq per ogni metro quadro eccedente. 0.41 €\mq
(800 £\mq.)

3. Unità immobiliare di categoria B (alberghi-collegi,


pensioni, ospedali colonie o similari).

 Per ogni piano fino a mq 200. Da €. 78 a €. 180


(da £. 150.000 a £. 350.000 )

 Per ogni piano da mq.201 a 500 mq. Da €. 130 a €.206


(da £. 250.000 a £. 400.000 )
 Per ogni piano oltre i 500 mq. per ogni mq eccedente 0.41 €\mq
(800 £\mq.)

4. Unità immobiliare censibili nella categoria D:


considerata la complessità ed il maggior impegno
professionale dovuta anche alla redazione della stima
necessaria all’attribuzione delle rendite catastali si ritiene
di proporre i seguenti compensi:
 Fino a 1000 mq. Da €. 775 a €. 1.290
(da £. 1.500.000 a £. 2.500.000 )
 Da mq.1001 a 3000 mq. Da €. 1.290 a €. 1.807
(da £. 2.500.000 a £. 3.500.000 )
 Oltre i 3000 mq. per ogni mq eccedente. 0.41 €\mq
(800 £\mq.)

28
Nei compensi sopra elencati, non sono comprese le seguenti eventuali operazioni e/o prestazioni da
compensare a parte, a vacazione:

E.1 Controllo-verifica in loco del fabbricato e stesura dello stesso.


E.2 Elaborazione e presentazione domanda di voltura.
E.3 Spese vive di viaggio.

29
COLLEGIO DEI GEOMETRI
DELLA PROVINCIA DI LECCO
COMMISSIONE PARCELLE

Tariffa consigliata per la determinazione


degli onorari relativi alle prestazioni di cui
alla direttiva cantieri D.L.vo 494/96 e
successive modifiche ed integrazioni

30
PROPOSTA PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONORARI RELATIVI ALLE
PRESTAZIONI PROFESSIONALI INERENTI LA DIRETTIVA CANTIERI DI CUI AL
D.L.494/96 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI

Calcolo delle spese e competenze tecniche per la prestazione completa inerente:

 Il piano di sicurezza in fase di progettazione;


 Il piano di sicurezza in fase di esecuzione.

Si ritiene di far riferimento alle percentuali indicate nella tabella H4, costruzioni (art. 57 tariffa),
applicando alle stesse percentuali dei coefficienti di riduzione così come di seguito indicati:

1. Importo dell’opera da € 51.645,69 (L. 100.000.000) a € percentuale da utilizzare pari al 45%


206.582,76 (L.400.000.000) della corrispondente percentuale
indicata nella tabella H4

2. Importo dell’opera oltre € 206.582,76 (L.400.000.000) percentuale da utilizzare pari al 43%


fino a € 361.519,83 (L. 700.000.000) della corrispondente percentuale
indicata nella tabella H4

3. Importo dell’opera oltre € 361.519,83 (L.700.000.000) percentuale da utilizzare pari al 41%


fino a € 516.456,90 (L.1.000.000.000) della corrispondente percentuale
indicata nella tabella H4

4. Importo dell’opera oltre € 516.456,90 (L.1.000.000.000) percentuale da utilizzare pari al 39%


fino a € 774.685,35 (L.1.500.000.000) della corrispondente percentuale
indicata nella tabella H4

5. Importo dell’opera oltre € 774.685,35 (L.1.500.000.000) percentuale da utilizzare pari al 37%


fino a € 1.032.913,90 (L.2.000.000.000) della corrispondente percentuale
indicata nella tabella H4

6. Importo dell’opera oltre € 1.032.913,90 percentuale da utilizzare pari al 35%


(L.2.000.000.000) fino a € 1.549.370,70 (L.3.000.000.000) della corrispondente percentuale
indicata nella tabella H4

7. Importo dell’opera oltre € 1.549.370,70 percentuale da utilizzare pari al 33%


(L.3.000.000.000) della corrispondente percentuale
indicata nella tabella H4

SI PRECISA CHE IN CASO DI PRESTAZIONE PARZIALE LA PRESTAZIONE COMPLETA


SARA’ COSI’ SUDDIVISA:

 Il 35% per il piano di sicurezza in fase di progettazione


 Il 65% per il piano di sicurezza in fase di esecuzione
31
- SPESE
Le spese relative alle prestazioni di cui sopra possono essere considerate come spese conglobate
d’ufficio e calcolate a percentuale sulle competenze così come indicato in seguito:

 per il piano di sicurezza in fase di progettazione dal 15% al 30%


 per il piano di sicurezza in fase di esecuzione dal 25% al 40%

IMPORTI MINIMI PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI RELATIVE AI PIANI DI SICUREZZA

Piano di sicurezza in fase di progettazione:


A discrezione € 775,00
Onorario e spese inerenti
(L. 1.500.000 ca.)

Piano di sicurezza in fase di esecuzione:


A discrezione € 1300,00
Onorario e spese inerenti
(L. 2.500.000 ca.)

Trattandosi di proposte indicative, si invita il professionista a redigere apposito disciplinare


d’incarico con indicati almeno i seguenti punti:

• oggetto dell’incarico;
• descrizione dell’incarico;
• modalità di svolgimento dell’incarico;
• tempi di consegna degli elaborati;
• varianti;
• obblighi del committente e/o responsabile lavori;
• corrispettivi e modalità di pagamento;
• eventuali penali e/o risoluzione del contratto;
• tasse e imposte;
• controversie.

IN CONSIDERAZIONE DELLA TIPOLOGIA DEL LAVORO E DELLA CONTEMPORANEITA’


CON LA PROGETTAZIONE E LA DIREZIONE LAVORI E’ POSSIBILE APPLICARE UNA
RIDUZIONE FINO AL 20% SULLE COMPETENZE RELATIVE AL PIANO DI SICUREZZA

32