Sei sulla pagina 1di 32

Societ cooperativa fondata il 14 maggio 1905

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA TRAMITE LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA:

una scelta democratica e culturalmente avanzata

Impianto fotovoltaico connesso alla rete elettrica pubblica


Dispositivi di sezionamento e protezione Dispositivi di interruzione e protezione

RETE

U T I L I Z Z A T O R I

FV = FV
INVERTER Misuratore energia prodotta

DEL DISTRIBUTORE

kWh

kWh

Moduli fotovoltaici

Sistemi di misura del Distributore

Lesperienza italiana
il passato, il presente: dal concetto di investimento allobiettivo di produzione

Il decreto MSE e MATT del 19 febbraio 2007


Il meccanismo in conto energia: erogazione di un corrispettivo commisurato allelettricit prodotta dagli impianti. Le risorse per lerogazione delle tariffe incentivanti trovano copertura nel gettito della componente tariffaria A3.

Il nuovo decreto di incentivazione del fotovoltaico prevede:


GSE come soggetto attuatore Richiesta di ammissione alle tariffe a valle dellentrata in esercizio dellimpianto Ampliamento della potenza incentivabile ed eliminazione dei limiti annuali di potenza. Previsti 1200 MW + periodo di moratoria di 14 mesi (24 per i soggetti pubblici) Eliminato il limite massimo di 1000 kW per il singolo impianto Tariffe che premiano il grado di integrazione architettonica e luso efficiente dellenergia

Tipologie degli impianti ammessi allincentivazione

B1) Non integrato (impianto al suolo o diverso dalle seguenti tipologie) B2) Parzialmente integrato (secondo regole predefinite) B3) Integrato (secondo regole predefinite)

Non integrato

Parzialmente integrato

Integrato

Iter da seguire per accedere allincentivazione


Il soggetto responsabile inoltra il progetto preliminare al gestore di rete e chiede la connessione alla rete (ev. servizio di scambio) Ad impianto ultimato il soggetto responsabile comunica la conclusione dei lavori al gestore di rete Entro 60 giorni dalla data di entrata in esercizio dellimpianto il soggetto responsabile - pena la non ammissibilit tenuto a far pervenire al GSE la richiesta di concessione della tariffa, insieme alla documentazione finale di entrata in esercizio dellimpianto Entro i successivi 60 giorni GSE verifica il rispetto delle disposizioni del DM e comunica al soggetto responsabile la tariffa riconosciuta GSE predispone un piattaforma informatica per le comunicazioni tra soggetto responsabile e GSE, anche relative al premio sul risparmio enegetico

Valore della tariffa incentivante

La tariffa incentivante dellimpianto determinata in funzione della classe di potenza, della tipologia dellimpianto (grado dintegrazione) e dellanno di entrata in esercizio dellimpianto (decresce nel tempo) La tariffa pu essere incrementata del 5% in casi particolari codificati nellarticolo 6, comma 4 La tariffa pu essere incrementata fino ad un massimo del 30% a titolo di premio per lefficienza energetica

Incentivo riconosciuto per 20 anni allenergia prodotta


Potenza dellimpanto Fino a 3 kW Da 3 a 20 kW Oltre 20 kW Non integrato 0,40 /kWh 0,38 /kWh 0,36 /kWh Parzialmente integrato 0,44 /kWh 0,42 /kWh 0,40 /kWh Integrato 0,49 /kWh 0,46 /kWh 0,44 /kWh

Condizioni per la cumulabilit

Restano valide le principali condizioni di non cumulabilit, stabilite nei precedenti DM: contributi in conto capitale e/o interessi eccedenti il 20%, certificati verdi e titoli di efficienza energetica Per le scuole pubbliche o paritarie e le strutture sanitarie pubbliche possibile cumulare gli incentivi con contributi in conto capitale e/o interessi di qualunque entit Le tariffe incentivanti non sono cumulabili con la detrazione fiscale Sono esclusi dalle tariffe incentivanti gli impianti realizzati per obblighi di legge (n 1922005 e n 2962006), che entreranno in esercizio dopo il 31.12.2010

Utilizzo dellenergia prodotta Scambio (sino 20 kW) Cessione eccedenze Cessione totale

PROGETTO C.E.I.S.

FOTOVOLTAICO DIFFUSO
Punti salienti

Scelta strategica di tipo ambientale ed economico Offerta volta ai clienti CEIS, titolari di fornitura per uso domestico Fornitura impianto chiavi in mano nelle tipologie 2 kW o 3 kW

STEP

Aspetti progettuali Aspetti autorizzativi Rapporti con GSE Aspetti economici e contrattuali Aspetti esecutivi Aspetti gestionali

Sinergie con:

Istituti di credito Istituzioni locali Professionisti Artigiani

Rapporti con i soci/clienti

Scheda A

Caratteristiche tecniche Aspetti economici Elementi di costo: - prezzo dellimpianto (IVA 10%) - oneri annuali per manutenzione, assicurazione, gestione misure Elementi di ricavo annuale -tariffa incentivante - valore energia risparmiata perch autoprodotta

Valutazione costi/benefici differenza ricavi (costi + quota ammortamento) guadagno in 20 anni ricavo annuo netto (ricavi costi) rendimento dellinvestimento annuo anni di rientro dellinvestimento Valutazione eventuale finanziamento costo totale (IVA compresa) anticipo (IVA compresa) importo mutuo rata annuale mutuo incasso per tariffa incentivante (a) risparmio in bolletta (b) oneri annuali di esercizio (c) disponibilit annua (a+b-c)

Scheda B

Scheda C

Moduli fotovoltaici Gruppo di conversione e di interfaccia (Inverter) Strutture di sostegno dei moduli Cavi elettrici e protezioni Garanzia

Impianto fotovoltaico residenziale da 3 kW


1. 2. 3. 4.

5. 6. 7. 8. 9.

Costo totale impianto (IVA 10%) 19.800 Producibilit media attesa kWh 3.150 Ricavo annuale C.E. 1.543 Risparmio annuale sul costo evitato dellenergia in bolletta (circa 0,18 /kWh) 567 Vantaggio economico totale annuale (3+4) 2.110 Costi di esercizio annuali 180 Vantaggio economico annuale netto 1.930 Tempo di ammortamento impianto (1/5) anni 10 Tasso di redditivit dellimpianto (5/1) % 9,7