Sei sulla pagina 1di 19

Archeoastronomia - Primi risultati della fase di validazione degli aspetti archeoastronomici legati alle forme architettoniche del Palazzo

Pretorio a Terra del Sole,citt fortezza rinascimentale,nei pressi di Forl. Sergio Dr.Ing. Berti
Vicepresidente Associazione Architettura e Geobiologia Studi Integrati Associato e cofondatore della Associazione Ligure per lo Sviluppo degli Studi Archeoastronomici( ALSSA) Associato alla Societ Italiana di Archeoastronomia ( SIA )

Abstract
A seguito del primo articolo Geometria Sacra : Ipotesi preliminari su alcuni aspetti archeoastronomici che sono stati determinanti nella progettazione di Terra del S ole ,citt id e a l e e f o r t e z z a d e l l a R o m a g n a T o s c a n a , n e i pressi di Forl , dove furono presentate alcune ipotesi preliminari sulle relazioni esistenti tra le forme architettoniche del Palazzo Pretorio ed il moto apparente del Sole a Terra del Sole, nei pressi di Forli, sono stati eseguiti,durante il 2011, una serie di rilievi fotografici, ai Solstizi e all Equinozio di Autunno,e di verifiche dimensionali e storiche sul Palazzo, oggetto della ricerca, al fine di validare quanto ipotizzato .I primi risultati ottenuti dalla ricerca hanno confermato l ipotesi della correlazione tra forme architettoniche ed il moto apparente del Sole; hanno messo in evidenza,inoltre, alcune imprecisioni della ricerca preliminare precedente dovute, in parte, a valori dimensionali non corretti, causati dalla disponibilit di documentazione che si rivelata imprecisa durante i successivi controlli dimensionali effettuati, ed, in parte, per avere utilizzato date non corrette,dal punto di vista del moto apparente del Sole,sia per la data di nascita del Granduca Cosimo I che per la data di Fondazione,perch espresse secondo il calendario gregoriano invece che secondo quello giuliano, ancora in vigore in quel periodo storico. La correlazione tra le forme ed il moto apparente del Sole sono illustrate in una serie di fotografie riprese dal Sig. Elvio Torriani ,della Pro Loco di Terra del Sole, durante i Solstizi e lEquinozio di Autunno dellanno 2011 ed elaborate dallo scrivente.

Premessa
A seguito della prima ricerca Geometria Sacra : Ipotesi preliminari su alcuni aspetti archeoastronomici che sono stati determinanti nella progettazione di Terra del Sole ,citt id e a l e e f o r t e z z a d e l l a R o m a g n a T o s c a n a , n e i pressi di Forl ,dove sono state presentate alcune ipotesi preliminari sulle relazioni esistenti tra le forme architettoniche del Palazzo Pretorio ( vedere fig. 1 ) ed il moto apparente del Sole a Terra del Sole, nei pressi di Forli, sono state eseguite una serie di rilievi fotografici, ai Solstizi e all Equinozio di Autunno 2011 ,e di verifiche dimensionali e storiche sul Palazzo, oggetto della ricerca, al fine di validare

Fig. 1 Palazzo Pretorio visto frontalmente dalla Piazza d Armi

quanto ipotizzato .Il Palazzo Pr etorio ha una base quadrata con lati di dimensioni pari a circa 40 metri ( 40,60 m,secondo i rilievi eseguiti ).La posizione e le dimensioni di base del Palazzo sono legate alla struttura della citt ( vedere figura 2 ), come evidenziabile dall applica zione della Matrice Rettangolare di Progetto (MDPR ) alla pianta relativa.

Fig. 2 Applicazione della Matrice Di Progetto Rettangolare (MDPR ) alla pianta della citt fortezza di Terra del Sole con evidenti la posizione e le dimensioni di base del Palazzo Pretorio Il Palazzo Pretorio un imponente ed armonioso edificio costruito in pietra locale con modanature in pietra arenaria ed in cotto,su due piani, con pianta quadrata di 40 metri circa di lato e gli assi maggiori orientati rispettivamente per 120 e 210. Il Donatini riporta che : Le finestre del piano nobile sono archi voltate ,quadrate quelle del piano terra,dove da un elegante loggiato a tre fornici si accede all interno. Tre cordoli marcano il piano nobile,il davanzale delle finestre centinate e il piano a soffitto,mentre un cordone in cotto sagomato salda la gronda aggettante al sottotetto.La corte,pure quadrata,si compone di un triportico classicamente armonico a due ordini,dorico e ionico,sovrastati e legati da un aggraziato cornicione dentellato in cotto. Al centro campeggia un pozzo dalla vera quadrangolare,sormontato da una arcata pure in cotto coperta a due acque. Siamo di fronte a un classico modello di architettura rinascimentale,che si rif ad una tipologia comune ai palazzi della nobilt e della borghesia fiorentina a partire dalla fine del 400..La pianta del piano terra del Palazzo Pretorio raffigurata in Fig. 3 dove in evidenza il Cortile interno con base quadrata, di 14 metri circa di lato (dalle misure effettuate risulta : 13,64 m nella direzione di 120 e 13,88 metri nella direzione per 210), con al centro la vera quadrangolare del pozzo per la captazione dell acqua dalla falda idrica sottostante.

Fig. 3 Pianta del Piano terra del Palazzo Pretorio

Le ricerche dimensionali e storiche effettuate hanno messo in evidenza alcune imprecisioni della ricerca preliminare precedente,dovute in parte a valori dimensionali non corretti, causati dalla disponibilit di documentazione che si rivelata imprecisa durante i successivi controlli dimensionali di verifica, ed, in parte, per avere utilizzato date non corrette,dal punto di vista del moto apparente del Sole,sia per la data di nascita del Granduca Cosimo I che per la data di Fondazione,perch espresse secondo il calendario gregoriano invece che secondo quello giuliano, ancora in vigore in quel periodo storico. Questo aspetto di incongruenza di calendario ridimensiona notevolmente le date indicate dal punto di vista del moto apparente del Sole ;infatti, se aggiungiamo 11 giorni alla data giuliana del 12 giugno 1519 ,per confrontarla al movimento apparente del Sole nel 2011,avremmo dovuto fare le osservazioni il giorno 23 giugno 2011 e non il giorno 12 giugno 2011. Le osservazioni al 23 Giugno non comporterebbero ,dal punto di vista del moto apparente del Sole, differenze apprezzabili tra il giorno equivalente di nascita del Granduca Cosimo I ed il Solstizio d Estate 21 Giugno 2011. Dal punto di vista del moto apparente del Sole ,la data Giuliana del 12 Giugno 1519,corrispondeva a due giorni dopo il Solstizio d Estate effettivo che in pratica,dal punto di vista astronomico, non corrispondeva al 21 giugno giuliano ma al 10 giugno giuliano. Analogamente, per la data di fondazione del 08 Dicembre 1564,se si aggiungono 11 giorni si ottiene l equivalente data per il calendario gregoriano e precisamente il 19 Dicembre e ,quindi, la data di fondazione ,dal punto di vista del moto apparente del Sole ,coincide in pratica con il Solstizio d Inverno,poich le differenze di azimuth e di altezza del Sole tra il 19 ed il 21 dicembre irrilevante. Va tenuto ,inoltre, presente che il Palazzo Pretorio stato realizzato prima della Chiesa di Santa Reparata ,anche se gi precisamente localizzata nei piani della citt di Baldassarre Lanci;il Palazzo Pretorio,fu, infatti, reso disponibile all uso gi dal 1 giugno 1579, con tanto di carceri collaudate e funzionanti. La posa della prima pietra della Chiesa di Santa Reparata avvenne,invece, come riporta il Donatini ,Il d 20 Novembre 1594 si dette principio alla Chiesa di Santa Reparata nella Terra del Sole,e si piant la prima pietra dal Vicario Generale di Mons. Vescovo di Forl ( il canonico Arcangelo Albertini) e fu benedetta e Ottavio Galeotti,Provveditore di S.A.S. messe nel fondamento sedici medaglie di bronzo del Granduca e Granduchessa avute dal Guardarobba..Interessante lo stato del Cielo la mattina del 20 Novembre 1594 al sorgere del Sole ( vedere fig. 4 );si nota ,infatti ,che il Sole sorge a 120 circa mentre sta tramontando Sirio,la stella egizia e delle dottrine ermetiche. Non dimentichiamo che Giordano Bruno il 20 Novembre 1594 era gi rinchiuso nelle carceri romane del Palazzo del Sant'Uffizio con l accusa di eresia che lo porter ad essere arso vivo il giorno 08 Febbraio 1600 in piazza Campo d Fiori a Roma.La nuova Chiesa di Terra del Sole avr l asse maggiore orientato a 120 ma non per essere in armonia con il sorgere eliaco di Sirio,come probabilmente desiderato

Fig. 4 Stato del Cielo a Terra del Sole il giorno 20 Novembre 1594,data della posa della prima pietra nella Chiesa di Santa Reparata

dalla dotta cultura ermetica rinascimentale,dai progettisti e dal Granduca stesso,ma con il sorgere del Sole nel momento in cui la stella ermetica Sirio volge la tramonto. Emblematica anche la posa delle 16 (numero molto interessante dal punto di vista della numerologia ) medaglie di bronzo del Granduca e della Granduchessa nelle fondamenta che saranno poi sovrastate dalle strutture architettoniche della nuova Chiesa; infatti, con la morte di Giordano Bruno nel febbraio del 1600 gli storici ritengono concluso il periodo del Rinascimento Italiano. La Chiesa di Santa Reparata,iniziata nel 1594 ,viene ufficialmente benedetta ed inaugurata nel 1609. Prima del termine della costruzione della Chiesa di Santa Reparata ,la luce del Sole poteva entrare direttamente dall ingresso principale del Palazzo Pretorio, verso il cortile, al passaggio dell astro sull azimuth di 120 .Attualmente riesce ad entrare parzialmente di sbieco sulla destra ,nel periodo invernale,solamente quando raggiunge livelli di azimuth superiori a 120 , dopo avere superato la sagoma della Chiesa , che funge da schermo per un certo intervallo angolare centrato per una diecina di gradi circa intorno all azimuth di 120 .Nella ricerca verranno verificate le linee di demarcazione luce-ombra,mediante l utilizzo delle fotografie effettuate dal signor Elvio Torriani ad ore stabilite durante i solstizi e l Equinozio di Autunno 2011, per poi confrontarle con le linee architettoniche del Palazzo come di seguito elencato : a) Luci e ombre sulla facciata e nel cortile del Palazzo Pretorio al passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180) b) Luci e ombre nel cortile interno del Palazzo Pretorio al passaggio del Sole per l azimuth di 210 c) Luci e ombre nel cortile interno del Palazzo Pretorio al passaggio del Sole per l azimuth di 120 Verranno ,inoltre, messe in evidenza le relazioni esistenti tra le forme architettoniche della facciata principale del Palazzo e l orologio solare celato nella facciata stessa.

Luci e ombre sulla facciata principale del Palazzo Pretorio al passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180)
Il controllo dei giochi di luce ed ombra, sulla facciata principale del Palazzo Pretorio, al passaggio del Sole sul meridiano locale (180 ), stato effettuato utilizzando le fotografie del signor Elvio Torriani eseguite negli orari e nei giorni concordati in precedenza con lo scrivente,rispettivamente, al : Solstizio d Estate 2011 Equinozio di Autunno 2011 Solstizio d Inverno 2011

Fig.5-Luci ed ombre sulla facciata principale del Palazzo Pretorio al passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180)al Solstizio d Estate 2011 ( 21 Giugno )

In figura 5, si evidenzia che il livello di ombra massimo ottenibile durante l anno dalla gronda aggettante,per il passaggio del sole sul meridiano locale,si ha al Solstizio dEstate e raggiunge il livello del cordolo delle finestre centinate del piano nobile ,consentendo cos alle finestre di essere completamente in ombra quando il sole transita nel cielo all altezza massima dell anno. Una brillante soluzione ,dal punto di vista della Bioclimatica, ma anche una importante suddivisione della facciata principale dal punto di vista architettonico poich a quel livello stato fissato il cordolo che ,in pratica, si identifica con l asse maggiore orizzontale della facciata .In figura 6 ,si evidenzia il livello che ha raggiunto l ombra della gronda aggettante,per il passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180 ),il giorno dell Equinozio di Autunno 2011 ( 23 Settembre ).Il livello raggiunto coincide con lestremit, verso l alto, della dimensione verticale delle tre finestre grandi del piano nobile e va ad indicare,quindi l altezza massima delle finestre. Inoltre,da questo giorno in poi,al passaggio sul meridiano locale,la luce del Sole che penetra dalle tre finestre ,all interno del salone del piano nobile ,rappresenter completamente la forma delle finestre fino al prossimo Equinozio di Primavera, dal quale inizier a ridursi in dimensioni longitudinali fino ad arrivare alla completa assenza nel giorno del Solstizio dEstate e questo non a caso ,vista l importanza ,in particolare ,del giorno dell Equinozio di Primavera per stabilire la data della Pasqua. Dal Solstizio d Estate in poi,al mezzogiorno vero locale , la luce del Sole proiettata attraverso le finestre riprender a crescere fino a diventare completa al prossimo Equinozio di Autunno e cos via. Va evidenziato che la parte a cuspide della forma della luce del Sole ,che attraversa ognuna delle finestre principali, percorrer,sul pavimento, nel giorno degli Equinozi una linea retta orientata perfettamente secondo la direzione Est-Ovest geografica. Tramite l osservazione della luce del Sole,attraversante le tre finestre grandi del Salone del piano nobile, possibile identificare temporalmente e con buona approssimazione i momenti pi importanti del moto apparente del Sole durante l anno.

Fig.6-Luci ed ombre sulla facciata principale del Palazzo Pretorio al passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180) all Equinozio di Autunno 2011 ( 23 Settembre ) Sar interessante documentare durante l anno in corso la proiezione della luce del sole filtrante dalle tre finestre principali sul pavimento ed, eventualmente, sulla parete del salone del piano nobile al passaggio del sole sull azimuth di 120.I livelli raggiunti dalla luce saranno correlati al moto apparente del Sole ed al calendario annuale come avviene in altri monumenti del passato pi antichi. In figura 7, rappresentato il Cavaneo dello Spirito Santo,presso La Serra di Lerici.Il manufatto di concezione architettonica molto antica ,con una volta a tholos,e non usa malta per sostenersi. In figura 8 ,sono riportate le foto relative in vari momenti dell anno. E da notare che la porta di ingresso orientata,in questo manufatto, per 215 e che la dimensione della luce del Sole proiettata all interno,quando l astro transita per questo azimuth ,pu essere utilizzata come un indicatore calendariale. Nella figura sono indicati i tre momenti temporali principali del moto apparente del Sole ( Equinozi,Solstizio dEstate e Solstizio dInverno ) con le relative proiezioni luminose all interno. E importante notare che l altezza della luce del sole ,filtrante dalla porta di ingresso alta 1 metro,sulla parete di fondo ,al solstizio dInverno, in rapporto aureo con l altezza della porta.

Fig. 7- Cavaneo dello Spirito Santo nei pressi della Serra di Lerici ( porta 100 *80 cm )

Fig.8 Luce del Sole che filtra dalla porta del Cavaneo dello Spirito Santo a Lerici,per il passaggio dell astro sull azimuth di 215,all equinozio di Autunno ,al solstizio dEstate ed al Solstizio d Inverno In figura 9,la foto del Palazzo ,per ragioni meteo, stata effettuata il giorno 20 Dicembre 2011 invece del 21 ma ci

Fig.9-Luci ed ombre sulla facciata principale del Palazzo Pretorio al passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180) nel giorno antecedente il Solstizio d Inverno 2011 ( 21 Dicembre )

non incide minimamente nello spostamento dell ombra perch il Sole ,intorno al Solstizio di Inverno,mantiene per alcuni giorni praticamente invariati l azimuth e l altezza durante il passaggio sul meridiano locale. Si nota ,quindi, che il livello raggiunto dalla linea dell ombra divide ,con buona approssimazione,l intervallo in altezza tra il cordolo del piano a soffitto ed il cordone in cotto sagomato che salda la gronda aggettante al sottotetto,dividendo cos ,a met ,le piccole finestre del piano a soffitto e fissandone ,quindi, la posizione relativa sulla facciata principale del palazzo. Nelle foto di figura5,figura 6 e figura 9 sono riportate anche le rette tangenti all ombra che si sviluppa inclinata rispetto alla verticale,nelle tre situazioni temporali prese in esame .Si osserva che il prolungamento delle tre rette fino al livello del piano terra va ad individuare dei punti peculiari dal punto di vista architettonico.

Luci e ombre nel cortile interno del Palazzo Pretorio al passaggio del Sole per l azimuth di 210
Il controllo dei giochi di luce ed ombra, nel cortile porticato del Palazzo Pretorio ,al passaggio del Sole sullazimuth di 210, stato effettuato utilizzando le fotografie del signor Elvio Torriani eseguite negli orari e nei giorni concordati in precedenza con lo scrivente ,rispettivamente, al : Solstizio d Estate 2011 Equinozio di Autunno 2011 Solstizio d Inverno 2011

In figura 10, evidenziato che al Solstizio d Estate 2011 il livello dell ombra tangente alla base della vera quadrata del pozzo del cortile fissandone, cosi, la posizione relativa centrale nell ambito del cortile ( vedere anche figura 3 ).

Fig. 10 Passaggio del Sole sull azimuth di 210 nel cortile interno del Palazzo Pretorio al Solstizio d Estate 2011 ( 21 Giugno ) In figura 11, evidenziato il livello della linea luce ombra nel giorno dell Equinozio di Autunno 2011 ( 23 Settembre ) nella parete del cortile del Palazzo Pretorio dal lato delle Segrete. Si pu notare che il livello luce-ombra arriva con buona approssimazione al livello dei due anelli fissati nelle colonne della parete. Il posizionamento degli anelli stato intenzionale per poterli utilizzare come indicatori dei giorni prossimi agli equinozi. L altezza relativa,infatti, superiore di diversi centimetri a quella degli altri anelli presenti nel cortile. Gi agli Equinozi, la base del cortile interno si trova tutta in ombra quando il Sole transita per l azimuth di 210. La posizione della linea luce-ombra ,durante l

anno ,nel cortile interno pu avere una funzione di tipo calendariale e delle relazioni geometriche ben precise con le forme architettoniche del cortile interno.

Fig. 11 Passaggio del Sole sull azimuth di 210 nel cortile interno del Palazzo Pretorio all Equinozio di Autunno 2011 ( 23 Settembre ) In figura 12, evidenziato il livello della linea luce ombra nel giorno precedente il Solstizio di Inverno 2011 ( 21 Dicembre ) nella parete del cortile del Palazzo Pretorio dal lato delle Segrete. Si pu notare che il livello luce-ombra arriva ,con buona approssimazione, al livello dove iniziano le parti arcuate delle tre finestre. La fotografia stata effettuata il giorno 20 Dicembre e non il 21 per motivi meteorologici.

Fig. 12 Passaggio del Sole sull azimuth di 210 nel cortile interno del Palazzo Pretorio il giorno precedente il Solstizio dInverno 2011 ( 21 Dicembre )

Luci e ombre nel cortile interno del Palazzo Pretorio al passaggio del Sole per l azimuth di 120
Il controllo dei giochi di luce ed ombra, nel cortile porticato del Palazzo Pretorio ,al passaggio del Sole sullazimuth di 120, stato effettuato utilizzando le fotografie del signor Elvio Torriani eseguite negli orari e nei giorni concordati in precedenza con lo scrivente ,rispettivamente, al :

Solstizio d Estate 2011 Equinozio di Autunno 2011 Solstizio d Inverno 2011

In figura 13, evidenziato che all equinozio di Autunno 2011 ,al passaggio del Sole per l azimuth di 120,la linea luceombra va ad individuare con buona precisione dove inizia il pavimento del piano nobile ,suddividendo praticamente a met, in orizzontale, la parete del cortile interno dal lato della Porta degli Orti. Questa suddivisione molto precisa della parete interna del cortile permetteva di potere individuare, con buona precisione, il giorno dell Equinozio di Primavera che consentiva , cos, di fissare la data della Pasqua successiva.

Fig. 13 Passaggio del Sole sull azimuth di 120 nel cortile interno del Palazzo Pretorio all Equinozio di Autunno 2011 ( 23 Settembre ) In figura 14, evidenziato che al Solstizio d Estate 2011 ,al passaggio del Sole per l azimuth di 120,la linea luceombra va ad individuare con buona precisione dove inizia la parte centrale della colonna dellultima arcata del portico

Fig. 14 Passaggio del Sole sull azimuth di 120 nel cortile interno del Palazzo Pretorio al Solstizio d Estate 2011 ( 21 Giugno )

di sinistra del cortile interno,contribuendo cos alla definizione delle dimensioni degli archi dei portici del cortile interno. In figura 15, evidente come la luce del Sole,al sorgere al Solstizio d inverno 2011,entra all interno del cortile interno del Palazzo Pretorio con un azimuth superiore a 120. La luce pu entrare solamente quando il Sole riuscito ,nel suo movimento apparente ,a superare la mole della Chiesa di Santa Reparata e del tetto della costruzione ottocentesca che si trova dietro la Chiesa stessa.

Fig. 15 Sorgere del Sole al Solstizio d Inverno 2011 dal Palazzo Pretorio In figura 16 , evidenziato come la luce del Sole ,sorto a lato della Chiesa,va a colpire ,dopo avere attraversato l ingresso principale,la colonna di destra del porticato a piano terra del cortile interno, in modo da suddividerla esattamente a met,individuandone perfettamente la posizione e le dimensioni relative .Questo gioco di luce avviene indipendentemente dalla presenza o meno della Chiesa ed era stato sicuramente previsto nel progetto del Palazzo.

Fig. 16 Gioco di luce al sorgere del Sole al Solstizio d Inverno 2011 all interno del cortile del Palazzo Pretorio In figura 17, riportato il livello raggiunto dalla luce del Sole il giorno dell equinozio di Autunno 2011 ( 23 Settembre ) quando il Sole transita sull azimuth di 120 .Si osserva che la luce entrante in questo giorno raggiunge ,con buona approssimazione, il livello della parete interna del Palazzo Pretorio,verso il porticato del cortile, definendone la posizione.

Fig. 17 Livello raggiunto dalla luce del Sole allEquinozio di Autunno 2011 ( 23 Settembre ) nel corridoio della porta di ingresso ,lato Piazza d Armi, del Palazzo Pretorio

Luci e ombre nel cortile interno del Palazzo Pretorio al passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180)
Il controllo dei giochi di luce ed ombra, nel cortile porticato del Palazzo Pretorio ,al passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180 ), stato effettuato utilizzando le fotografie del signor Elvio Torriani eseguite negli orari e nei giorni concordati in precedenza con lo scrivente ,rispettivamente, al : Equinozio di Autunno 2011 Solstizio d Inverno 2011 Il 08 Dicembre 2011 Nella figura 18, evidenziata la retta tangente alla linea d ombra sulla parete del cortile interno che va ad

Fig. 18 Passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180 ) il giorno dell Equinozio di Autunno 2011 ( 23 Settembre ) all interno del Cortile del Palazzo Pretorio

intercettare la mezzeria della porta di destra sulla parete del portico dal lato della porta degli Orti . In figura 19, evidenziata la tangente alla linea d ombra sulla parete delle Segrete al passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180 ) il giorno precedente il Solstizio d Inverno 2011 ( 21 Dicembre ) e le relazioni geometriche con le linee architettoniche del Palazzo dal lato delle Segrete ( mezzerie delle colonne,livelli degli archi del piano nobile,livello del piano nobile,mezzeria delle finestre,etc., ) .

Fig. 19 Passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180 ) il giorno dell Equinozio di Autunno 2011 ( 23 Settembre ) all interno del Cortile sul lato delle Segrete del Palazzo Pretorio In figura 20, evidenziata la tangente alla linea d ombra sulla parete delle Segrete al passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180 ) il giorno 08 Dicembre 2011 ( data gregoriana equivalente numericamente a quella giuliana di fondazione della citt-fortezza ) e le relazioni geometriche con le linee architettoniche del Palazzo dal lato delle Segrete ( mezzerie delle colonne,livelli degli archi del piano nobile,livello del piano nobile,mezzeria delle finestre,etc., ) .

Fig. 20 Passaggio del Sole sul meridiano locale ( 180 ) il giorno 08 Dicembre 2011 ( data gregoriana equivalente numericamente a quella giuliana di fondazione della citt-fortezza ) all interno del Cortile sul lato delle Segrete del Palazzo Pretorio

Dalla figura 20, si evidenzia che la relazione tra la linea d ombra e le strutture architettoniche molto precisa il giorno 08 Dicembre 2011 ,data numericamente equivalente a quella della fondazione della citt fortezza nel calendario giuliano, ma non dal punto di vista del moto apparente del Sole. Da documentazione storica , noto che le prigioni del lato delle Segrete furono verificate e collaudate il 24 Gennaio 1579; non siamo,quindi, molto distanti temporalmente dal 04 Ottobre 1582,data nella quale fu istituito in Italia ed in buona parte di Europa il calendario gregoriano pi preciso ,di quello che era diventato in quel tempo quello giuliano ,nei confronti del moto apparente del Sole. Si pu, al proposito , esporre una ipotesi azzardata ma non improbabile che quella che i progettisti del Palazzo,molto esperti del moto apparente del Sole,sapessero che il calendario giuliano doveva essere corretto di 11 giorni per renderlo conforme in modo pi preciso con il moto apparente del Sole e che quindi avessero dimensionato la parete dal lato delle Segrete,dal punto di vista architettonico,in modo tale da renderla in armonia con il moto apparente del Sole nella corrispondente data di fondazione ( 08 Dicembre ) del nuovo calendario gregoriano.

L Orologio solare celato nella facciata principale del Palazzo Pretorio


I controlli dimensionali ,effettuati sulla facciata principale e sulle gronde aggettanti del Palazzo Pretorio, hanno permesso di definire con maggiore precisione le dimensioni del quadrante dell orologio solare ,celato nella facciata stessa, che stato determinante nella definizione dei posizionamenti sia delle varie finestre che del porticato di ingresso. In figura 21, sono riportate le dimensioni pi accurate delle gronde aggettanti dell angolo del Palazzo di sinistra ,dove il tratto terminale della gronda aggettante ,parallela alla direzione perpendicolare alla facciata,funge da ortostilo di lunghezza 1,03 metri.

Fig. 21-Dimensioni delle gronde aggettanti dell angolo di sinistra della facciata principale del Palazzo Pretorio In figura 22 ,sono riportate le dimensioni del quadrante dell orologio solare ,formato dalla facciata e dallingombro in verticale della gronda aggettante del lato di sinistra, dove la sua parte estrema ,verso piazza d Armi ,funge da ortostilo. Nella figura, sono evidenti le linee orarie italiche ,la linea equinoziali e le linee solstiziali. La linea solstiziale invernale si nota che divide la facciata,con buona approssimazione ,come se fosse la sua diagonale ;la linea equinoziale ,nel punto dove raggiunge la base di appoggio,divide il lato maggiore della facciata ,con buona approssimazione,ad una dimensione pari ad un terzo. La linea solstiziale estiva va ad individuare sul lato maggiore di base il punto dove terminano le finestre della prima fila verticale da sinistra ( vedere anche fig. 23 ).

Fig.22- Orologio solare con ore italiche celato nella facciata principale del Palazzo Pretorio Riportando la linea equinoziale e le linee solstiziali sulla facciata principale del Palazzo si ottiene quanto evidenziato dalla figura 23,dove si evince che queste linee vanno ad interagire intimamente con le linee architettoniche della facciata principale.

Fig. 23- Linea equinoziale e linee solstiziali riportate sulla facciata principale

Conclusioni
Le nuove ricerche effettuate dal punto di vista dimensionale,storico e fotografico hanno permesso di disporre di elementi pi probanti al riguardo delle ipotesi che le linee architettoniche e della struttura principale del Palazzo Pretorio siano legate ,in modo molto stretto,con il moto apparente del Sole durante l anno.

In figura 24, riportata la facciata principale con sovrapposti i livelli dove il limite Luce-Ombra si stabilisce,sia all interno del cortile che sulla facciata,agli Equinozi ed ai Solstizi ; contemporaneamente, sono state sovrapposte la linea equinoziale e le linee solstiziali ed anche le rette tangenti all ombra che si sviluppa in verticale ,nelle tre situazioni temporali prese in esame .Si osserva che il prolungamento delle rette ,che si sviluppano a partire dal punto estremo angolare di sinistra della gronda aggettante fino al livello del piano terra, vanno ad individuare dei punti peculiari dal punto di vista architettonico. Dalla figura 24, si evince che la disposizione della facciata ed ,in particolare, la posizione dei cordoli,la suddivisione tra il piano terra ed il piano nobile,la suddivisione del piano sotto tetto e la posizione di tutte le finestre ,le tre fornici di ingresso sono legati al moto apparente del Sole.

Fig. 24 - Relazione tra l architettura della facciata del Palazzo Pretorio e le posizioni raggiunte dalla Luce-Ombra del Sole durante il moto ciclico annuale In figura 25 ,sono riportati i livelli di Luce-Ombra raggiunti dal Sole durante il moto ciclico annuale che vanno ad interessare la struttura interna del Palazzo Pretorio.

Fig. 25 Livelli di Luce-Ombra durante il moto ciclico annuale che vanno ad interessare la struttura del Palazzo Pretorio

Quando il Sole transita per l azimuth di 120 il giorno degli Equinozi,il livello di Luce relativo va ad individuare dove inizia il muro che separa il Palazzo dal portico del cortile interno ( 3 ). Nel giorno del solstizio d Estate ,il livello LuceOmbra al passaggio per lo stesso azimuth precedente va ad individuare ,con buona precisione, la posizione della terza colonna del portico dal lato opposto alle Segrete ( 1 ). Nello stesso giorno,quando il Sole transita sull azimuth di 210,il livello Luce-Ombra,va ad individuare nella base del Cortile la posizione della vera quadrata del Pozzo ( 2 ). Al passaggio del Sole sul meridiano locale agli Equinozi la retta tangente alla linea Luce Ombra va ad individuare la mezzeria dell ultima arcata del portico dal lato della porta degli Orti ( 4 ) . Resta da indagare ,per completezza del ciclo annuale del moto apparente del Sole , anche il prossimo 20 Marzo 2012 ( Equinozio di Primavera 2012) che fornir le medesime indicazioni ottenute durante l Equinozio di Autunno 2011,avvenuto il 23 Settembre dello scorso anno e gi documentato fotograficamente. Con l occasione, saranno effettuate osservazioni anche all interno del salone del Piano Nobile sulla forma e moto della luce del Sole filtrante dalle tre finestre principali. Le ricerche,inoltre, dovranno proseguire ,in modo tale,da incrementare ulteriormente il materiale a sostegno delle ipotesi iniziali. La conclusione ,in chiusura dei primi risultati confortanti della fase di validazione delle ipotesi ,relative agli aspetti archeoastronomici legati alle forme architettoniche del Palazzo Pretorio a Terra del Sole, non pu essere che una enunciazione di un grande scienziato e filosofo del secolo scorso,Albert Einstein :

Un'ipotesi una frase la cui verit momentaneamente presunta, il cui significato oltre ogni dubbio.
Dovremo ,quindi, continuare la ricerca fino all eliminazione completa della presunzione momentanea della verit.

Ringraziamenti
Un particolare ringraziamento al Signor Enzo Amadori ,Presidente della Pro Loco di Terra del Sole,per le informazioni ed il materiale messo a disposizione durante le mie visite alla Citt del Sole. Ringraziamenti a Don Enzo Donatini per tutte le ricerche e studi effettuati su Terra del Sole e per avere scritto l interessantissimo libro : Terra del Sole : la citt ideale -Grafiche Leonardo Editore. Ringraziamenti particolari al Signor Elvio Torriani per l attivit professionale fotografica effettuata e per tutto il tempo dedicato alla ricerca in corso su Terra del Sole. Ringraziamenti all Arch. Donatella Ambrosini ,Arch. Viviana Deruto ed al Dr. Geologo Marco Zanicchi per il contributo alla verifica delle dimensioni principali del Palazzo Pretorio.

Bibliografia principale
Sergio Berti-Geometria Sacra : Ipotesi sulle modalit di progettazione della Chiesa de La Vera Cruz di Segovia- http://www.scribd.com/sergio_berti Sergio Berti-Geometria Sacra : Ipotesi sulle modalit di progettazione della Villa Medicea La Magi a Quarrata Pistoia - http://www.scribd.com/sergio_berti Sergio Berti-Archeoastronomy :Preliminary hypothesis about the archeoastromical characteristics of La Vera Cruz Church in Segovia - http://www.scribd.com/sergio_berti

Sergio Berti-Geometria Sacra : Ipotesi preliminare sulle modalit di progettazione della Terra del Sole,citt ideale e fortezza della Romagna Toscana,nei pressi di Forli. - http://www.scribd.com/sergio_berti Sergio Berti-Geometria Sacra : Ipotesi preliminari su alcuni aspetti astronomici determinanti per la progettazione di Terra del Sole,citt ideale e fortezza rinascimentale della Romagna Toscana,nei pressi di Forli - http://www.scribd.com/sergio_berti Sergio Berti- Archeoastronomia : Ipotesi preliminari sui moti apparenti del Sole,di Sirio e della Costellazione di Orione in relazione con la pianta di fondazione di Terra del Sole. http://www.scribd.com/sergio_berti Enzo Donatini-L urbanistica rinascimentale e sua irradiazione europea -Terra del Sole 2006 Enzo Donatini - Terra del Sole : Citt ideale ,fortezza della Romagna Toscana-Grafiche Leonardo Editore Societ Italiana di Archeoastronomia-Il cielo e luomo:problemi e metodi di astronomia culturale-VII Convegno Nazionale della Societ Italiana di Archeoastronomia a cura di Elio Antonello Associazione Pro Loco Terra del Sole-Terra del Sole : una Citt d Autore www.terradelsole.org Wikipedia- Argomentazione varie tratte dall enciclopedia multilingue progetto di Wikimedia Fundationwww.wikipedia.org G.Hancock,R.Bauval- Talismano-Le citt sacre e la Fede Segreta- Edizioni TEA Stellarium-Planetario gratuito Open Source- www.stellarium.org M.A.Ouaknin- I Misteri dei Numeri-Edizioni Atlante T.Mazzarello-Numerologia- Canguro Editore

Foto ed immagini
Fig. 1,3,7,8 Foto di Sergio Berti Fig.4 Elaborazioni di Sergio Berti di immagine scaricata dal Planetario Stellarium www.stellarium.org Fig.2,21,22,23,24,25 Foto ed Elaborazioni di Sergio Berti Fig. 5,6,9,10,11,12,13,14,15,16,17,18,19,20 Foto del Sig. Elvio Torriani ed Elaborazioni di Sergio Berti