Sei sulla pagina 1di 4

Progettare e costruire un modello di catapulta.

Apprendimento unitario da promuovere Il ragazzo affronta un percorso didattico attraverso il quale utilizza il disegno tecnico per costruire una macchina per il lancio di proiettili e vive una vera esperienza progettuale e operativa. Approfondisce la conoscenza di s, valorizza e estrinseca le proprie attitudini, ( che possono essere anche spiccatamente operative) afferma in positivo la propria identit delineando con maggiore sicurezza il suo futuro progetto di vita (orientamento). Riferimenti analitici ai Documenti Nazionali PECUP: comprende e predispone procedure allo scopo di ideare, progettare oggetti fisici, grafici o virtuali, seguendo una definita metodologia Risolve i problemi che di volta in volta incontra Impara ad interagire con i coetanei mette in relazione la tecnologia con i contesti socio-ambientali che hanno contribuito a determinarla usa strumenti informatici per risolvere problemi attraverso documentazioni, riutilizzazione di immagini , scrittura e archiviazione di dati OSA Tecnologia : C3 A2,3,4, OSA Informatica: C1 A1,2,4,5. OSA Matematica: Misura A1,2 - C1,2,3 Introduzione al pensiero razionale C1,4,5,6,9,10,11 OSA Scienze: C 1,410,14 - . OSA Convivenza Civile: C21 A14. OSA. Obiettivi formativi e standard di apprendimento Lalunno: - Predispone rappresentazioni grafiche applicando norme e regole relative al modello da costruire. - Descrive le varie fasi di lavoro in modo organico e sintetico per costruire una macchina lancia sassi. - Utilizzando strumenti adeguati e adottando un metodo di lavoro corretto e sicuro, costruisce quanto progettato. - Organizza e gestisce la mostra di fine anno.

ragazzi dovrebbero essere supportati da una motivazione che rende necessario inserire questa attivit in unU.A a carattere interdisciplinare , magari a classi aperte, in un percorso che preveda ad esempio di capire Come sono cambiati i sistemi di difesa dallepoca romana ai nostri giorni Nel caso specifico il coinvolgimento degli alunni sorto dopo aver visitato la mostra darmature e di armi utilizzate per la difesa di un castello situato lungo il percorso della Via Claudia Augusta (Castelbrando TV). Probabilmente, proprio in seguito a questa esperienza, verr organizzata presso il castello, una mostra con i modelli e riprodotto , in scala reale il modello di catapulta oggetto di U.A. Attivit laboratoriali Linsegnante introdurr largomento coinvolgendo la classe nella analisi di questo disegno che raffigura una catapulta (tipologia utilizzata in epoca romana)

La discussione potrebbe affrontare le seguenti questioni: - quali erano le funzioni della catapulta; - in quale contesto storico stata utilizzata; - il sistema di funzionamento ( ricerca tramite internet di altre soluzioni tecniche adottate:
www.nationalgeographic.com/

Per svolgere unattivit cos programmata i

levoluzione delle macchine per lanciare( pietre, proiettili ,aerei, raggi laser). Questa macchina funzionava davvero? 1

Il percorso didattico, che si prefigge di dare una risposta concreta alla domanda, stato pensato per avviare gli alunni alla progettazione e alla costruzione di modelli. Problemi grafici , progettuali ed operativi da risolvere: A Meccanismo di trazione e armamento. A2.1 -Eseguire due disegni (in scala 1:1) il secondo verr utilizzato come maschera da incollare sul compensato di 4 mm. Valutazione esercizio A2.. In questo esercizio verranno valutate: a - le abilit nelluso delle squadrette; b - la correttezza del segno; c - la corretta interpretazione del disegno. A3 - Mozzo avvolgi cavo A3.1 -Il tondello da 8 mm di diametro dovr essere lavorato secondo le indicazioni contenute nel disegno sottostante:

A1 Ruota dentata

1 3 5 A1.1- tracciare 3 circonferenze concentriche rispettivamente di 4, 20, 26 mm. A1.2 - suddividere le due circonferenze esterne in12 parti: A1.3 - tracciare il profilo dei denti come indicato nel disegno 3; A1.4 - tracciare un corona di rinforzo (diametro esterno 30 mm. A1.5 - tracciare una seconda ruota dentata con corona di rinforzo che verr successivamente ritagliata e incollata sul compensato. Attenzione : nel ritagliare i profili dei denti seguire la linea tratteggiata esterna. Valutazione esercizio A1.. A2 -Arpionismo Linsegnante, dopo aver presentato la funzione e le norme sulla quotatura dei disegni, coinvolge gli alunni nella lettura, nella interpretazione e nella riproduzione in scala reale del disegno sottostante.

Nota :Limpronta serve per favorire e guidare la penetrazione della vite ( 2,6 x12) che funger da perno. Deve essere praticata con un chiodo o un punteruolo nel punto centrale Avvitare la vite per prova, attenzione che sia centrata e parallela allasse dellalbero. Questa operazione richiede una certa forza, per cui si deve tenere bloccato lalbero con le mani, o stringerlo nella morsa senza danneggiarlo . A4 Manopola A4.1 Riprodurre, in scala 1:1, tre quadrati come quello del disegno (senza le quote). Ripetere lo stesso esercizio su compensato da 4 mm. di spessore. Eseguire i fori centrali , ritagliare i quadrati e incollarli tra di loro. Dopo lincollaggio effettuare i fori per le aste.

A4.2 - Le aste , ricavate da un tondello di 3 mm di diametro, la lunghezza dovr essere definita in fase di discussione e progetto (25-30 mm.). Montaggio e incollaggio delle varie parti A4.3 - Assemblaggio di tutti i particolari. A4.4 - Stesura di una relazione tecnica che illustri oltre alle varie fasi, le scelte tecniche adottate durante la lavorazione, i tempi di lavorazione, le difficolt e le strategie utilizzate per superarle, ecc. Valutazione esercizio A3 - A4..

B1.1 -Traendo spunto dal disegno quadrettato ( quadretti di 5 mm) riprodurre sul foglio da disegno, in scala naturale, i 4 profili. Eseguire due copie (la prima servir per la valutazione, la seconda sar incollata sul compensato e ritagliata. B1.2- Stendere una relazione che illustri le varie fasi operative , dal disegno esecutivo alla costruzione e rifinitura del particolare. Valutazione esercizio B1.. B2 - Asta : questo particolare ricavato da un tondello di 6 mm. di diametro. B2.1 eseguire i fori, tra loro perpendicolari, secondo le quote indicate. B3 - Perno: tondello lungo 76 mm- diametro 2,5 mm. B4 occhiello: ha la funzione di far passare la fune di trazione. Nel modello stato utilizzato filo di ferro molto sottile.

B -Progetto e costruzione dellasta di lancio

Linsegnante aprir la fase progettuale discutendo e approntando una prima pianificazione del lavoro. Dopo la discussione collettiva gli alunni, singolarmente o in gruppo, disegneranno e costruiranno i vari particolari. Gli esercizi che seguono fungeranno da guida. B1 - Progetto e costruzione del cucchiaio.z Questo particolare costituito da 4 parti che verranno successivamente incollate tra di loro.

Descrivere la soluzione adottata. Nota : non incollare definitivamente il cucchiaio allasta. Valutazione esercizi B2 B3 B4 C progetto e costruzione struttura portante Controlla attentamente il disegno e la tabella ed inserisci i dati mancanti

Distinta con lelenco di tutti i materiali necessari Pos. denominazione N Dimensioni note pezzi mm. C1 Base l 2 10x30x240 C2 Base t 2 10x20x100 C3 Colonna 2* 15x15x240 C4 Puntone 2+1 15x15x240 C5 Distanziale 1 .. * C6 Telaio 2 V. disegno C7 Asse trasvers. 2 10x15x240 C8 supporto 4 10x15x30 tondello 2,5 2 compensato 170x150x4 elastico 2+2 Filo metallico Cordicella viti 25x 12- 20 * da definire in fase di progettazione. * I dati scritti in rosso devono essere inseriti dai ragazzi C0.2 Completare la distinta dei materiali inserendo i particolari relativi al meccanismo di trazione (A) e allasta di lancio (B). Continua