Sei sulla pagina 1di 14

DISEGNO DI MACCHINE

APPUNTI DELLE LEZIONI


Lezione 1: Introduzione al corso. Il ruolo del disegno nella
progettazione
Francesca Campana

Obiettivi del corso


Il corso di Disegno di Macchine ha lo scopo di insegnare:
come interpretare e preparare i disegni tecnici
il ruolo del disegno nella progettazione meccanica.
Per fare ci occorre comprendere:

Il disegno geometrico e le norme di disegno tecnico (per


imparare ad abbozzare ed interpretare un progetto);
Il compito della progettazione e le sue fasi di realizzazione (per
capire di cosa si parla);
la componentistica di macchine ed il loro assemblaggio (per
iniziare ad interpretare un disegno ed impostare il progetto degli
assiemi);
gli strumenti di Computer Aided Design (per imparare a redigere i
progetti esecutivi secondo strumenti attuali).

Appunti delle lezioni di Disegno di


Macchine

Pagina 2

Risultati attesi
Al termine del corso lo studente deve essere in grado di
rispondere affermativamente alle seguenti domande:
So interpretare un disegno tecnico capendo cosa
rappresenta?
So disegnare secondo la normativa tecnica un componente
meccanico? Ed un assieme?
Ho capito a cosa serve un disegno nelliter di progettazione?

Appunti delle lezioni di Disegno di


Macchine

Pagina 3

Organizzazione del corso


Lezioni frontali
Il corso si suddivide in lezioni teoriche ed esercitazioni.
Per queste ultime si richiede luso di fogli da disegno formato A4,
matita (si consiglia una mina di durezza media tipo H), riga, squadra
e compasso.
Sul sito www.costruzionedimacchine.it (sezione LaSapienza / Laurea I
livello / Disegno di macchine):
ogni settimana saranno messe a disposizione le tracce dei temi
affrontati nei giorni precedenti e le relative esercitazioni;
si riportano avvisi e novit inerenti al corso ed agli esami.
Attivit on-line
Iscrivendoti al corso di Disegno di Macchine (dismac) su
http://elearning.uniroma1.it potrai partecipare alle attivit di verifica
ed esercitazione on-line.
Sottoscrivi il feed RSS per restare aggiornato su tutte le attivit in
corso.
Appunti delle lezioni di Disegno di
Macchine

Pagina 4

Testi di riferimento
Chirone, Tornincasa, Disegno Tecnico Industriale. Edizione il
Capitello, volumi 1 & 2.
Manf, Pozza, Scarato. Manuale di Disegno Meccanico. Volume
unico, Principato Editore.

Appunti delle lezioni di Disegno di


Macchine

Pagina 5

Quadro sintetico degli argomenti trattati a lezione


Compito della progettazione ed ruolo del disegno tecnico
Principi di disegno tecnico (Assonometrie, Proiezioni, Viste in sezione)
Introduzione agli elementi costruttivi di macchine (collegamenti, elementi
per trasmissioni di potenza, cenni sugli attuatori oleodinamici)
La messa in tavola di componenti meccanici (quotature, disegno
funzionale e vincoli normativi)
Il disegno per la fabbricazione (cenni sui metodi di fabbricazione,
tolleranze e rugosit)
La rappresentazione degli assiemi (Viste Esplose, Lista delle parti)
Cenni di Computer Aided Design

Appunti delle lezioni di Disegno di


Macchine

Pagina 6

Il compito della progettazione


Un disegno tecnico una rappresentazione sintetica realizzata secondo norme
finalizzate a spiegare in modo univoco:
la forma e le dimensioni di un componente,
Il materiale di cui composto e le sue caratteristiche di fabbricazione,
le modalit di funzionamento di un assieme.
Questi elementi rappresentano i risultati del processo di progettazione ovvero di quella
serie di ragionamenti e calcoli che sono specifici del lavoro dellingegnere.
vendita
Idea

progettazione

produzione

Prodotto
finito

esercizio
dismissione
riciclo

Idea = mezzo per assolvere ad un compito secondo assegnati requisiti


Per un ingegnere dellarea industriale questo significa progettare un sistema in grado di
compiere un dato lavoro partendo da una potenza assegnata (P = Lavoro nellunit di
tempo = F*v oppure M*).
Appunti delle lezioni di Disegno di
Macchine

Pagina 7

Il compito della progettazione


I requisiti insiti nel concetto dato lavoro obbligano scelte e studi
specifici che saranno oggetto dellintero corso di laurea!
Per esempio confrontare qualitativamente le differenze esistenti
tra:
un sistema atto a sollevare un carico da H0 ad H1 (ad es. gru o
paranco) ed uno pensato per sollevare 8 persone da H0 ad
H1 (ascensore).
Oppure tra:
un sistema per il lavaggio automatico di unauto con uno per
lavare indumenti.

Appunti delle lezioni di Disegno di


Macchine

Pagina 8

Tutto parte da una richiesta del mercato


/
to
a
rc ivo
e
m
t
di get
a
nz no og
e
g
i
es isog
b

DESIGN = PRODUCT DEVELOPMENT = concept


+ integrated product-process DESIGN

MANUFACTURING = PRODUZIONE = insieme di


funzioni inerenti alla realizzazione e gestione della
produzione (approvvigionamento, gestione impianti,
fabbricazione, assemblaggio, controllo qualit, )

DISTRIBUZIONE = immagazzinaggio, trasporto,


vendita diretta o conto vendita, messa in opera
END OF LIFE =
dismissione, possibile
riciclo

Appunti delle lezioni di Disegno di


Macchine

COSTUMER = esercizio ed eventuale manutenzione

Pagina 9

Il compito della progettazione

Idea

Progetto
concettuale

Progetto di
massima

Prodotto
finito

1.
2.
3.
4.

Progetto
esecutivo
Pianificazione del processo
di produzione
Produzione

La progettazione concettuale: in cui si definisce il principio di funzionamento ed un primo


schema di massima (arrangiamento) del sistema
La progettazione di massima: in cui si procede al dimensionamento ed allottimizzazione
dellarrangiamento dei componenti
La progettazione esecutiva: in cui si indicano e risolvono tutte le problematiche di
assemblabilit e funzionalit del sistema
La progettazione della fabbricazione del sistema: in cui si risolvono tutti i problemi legati a
come produrre il sistema

Appunti delle lezioni di Disegno di


Macchine

Pagina 10

Il Ruolo del disegno tecnico

disegni di avamprogetto (schizzi a mano, rappresentazioni concettuali)

disegni costruttivi (tavole di complessivi, di sottogruppi, di componenti)


componenti)
disegni di fabbricazione (indicazioni tolleranze, rugosit
rugosit, sovrametalli, )
disegni come costruito
costruito

(progetto di massima)
(progetto esecutivo)
(per chi deve produrre)
(per llarchiviazione)

Livello di dettaglio

Ogni singola fase presuppone specifici documenti che attestano il lavoro e lo stato del progetto, i disegni (o
tavole) di progetto sono senza dubbio i documenti pi importanti.
In funzione della fase di progetto si distinguono:

Attraverso luso di specifici tipi di rappresentazioni geometriche unite alluso di


codici e norme standardizzati il disegno tecnico in grado di descrivere
oggettivamente lo stato di avanzamento di un progetto.
Introduciamo ora i tipi di rappresentazione pi comuni

Appunti delle lezioni di Disegno di


Macchine

Pagina 11

Tipi di rappresentazione
3

1. assonometria: rappresentazione grafica


studiata in geometria descrittiva finalizzata
a dare una visione delle tre dimensioni di
un oggetto. Si comprende la forma
generale del componente ma le
dimensioni si distorcono.
2. proiezioni ortogonali: rappresentazione
grafica in cui si rappresenta secondo le
reali proporzioni una vista piana
delloggetto.
3. sezione: rappresentazione dellinterno del
componente (o assieme) ottenuta
immaginando di tagliare loggetto in due
con un piano e disegnare su tale piano la
proiezione ortogonale di una delle due
parti cos ottenute.

Appunti delle lezioni di Disegno di


Macchine

Pagina 12

Tipi di rappresentazione
4. vista esplosa:
rappresentazione assonometrica
di assiemi i cui componenti sono
esplosi lungo le direzioni di
montaggio per mettere in
evidenza linsieme delle parti o la
sequenza di
montaggio/smontaggio per
fabbricazione o manutenzione.
O-ring
Code:
DEF0002

Queste rappresentazioni spesso sono presenti in combinazione per dare una visone
completa ed inequivocabile del prodotto.

Appunti delle lezioni di Disegno di


Macchine

Pagina 13

La modellazione CAD
Negli ultimi decenni levoluzione dei sistemi informatici e laffermarsi del concurrent
engineering ha portato i sistemi CAD e la loro versione evoluta CAE (Computer
Aided Engineering) ad assumere un ruolo centrale, rivoluzionando lapproccio
di progettazione e gestione dei prodotti attraverso il concetto di prototipo
virtuale
Il prototipo virtuale rappresenta un modello computerizzato del prodotto
 Navigabile attraverso i principi di computer graphics
 Modificabile attraverso i principi di modellazione geometrica
 Interrogabile attraverso funzionalit di calcolo e simulazione

Diversi tipi di simulazione numerica (FEA, CFD, cinematica, CAM, CAPP ,...)
riproducono il comportamento fisico che avr il prototipo lungo l'arco del
ciclo di vita del prodotto, rendendolo assimilabile ad un prototipo reale nelle
varie fasi del ciclo di vita.

Appunti delle lezioni di Disegno di


Macchine