Sei sulla pagina 1di 5

IL RISCHIO ELETTRICO

CAUSE DI INCENDIO DI NATURA ELETTRICA


Nel nostro paese circa 1015% di tutti gli incendi sono di origine elettrica (impianti ed apparecchi elettrici). Spesso sono causati dai cosiddetti CORTOCIRCUITI che si verificano quando due conduttori a diversa tensione vengono in contatto accidentalmente o intenzionalmente mediante una resistenza di valore relativamente basso. In tal caso pu originarsi una corrente molto elevata che provoca un riscaldamento eccessivo dei componenti interessati da tale fenomeno oppure sprigionare scintille che possono innescare un incendio se i materiali circostanti non sono ignifughi.

IL RISCHIO ELETTRICO
PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI DIRETTI La protezione dal contatto diretto totale quando ottenuta mediante l'isolamento e il rivestimento delle parti attive (sotto tensione) senza la possibilit che tale isolamento possa essere rimosso. L'isolamento deve essere in grado di resistere alle sollecitazioni meccaniche, chimiche, elettriche e termiche previste. Nell'impianto di casa o di un ufficio la protezione dal contatto diretto sempre di tipo totale. La protezione parziale quando ottenuta tramite ostacoli rimovibili (con o senza attrezzi) o mediante l'allontanamento delle parti attive. Questa protezione utilizzata esclusivamente in locali il cui accesso consentito a personale autorizzato, mai in ambienti civili. Le apparecchiature utilizzate nell'impianto, per esempio gli interruttori, le prese, ecc., devono assicurare a coloro che li manovrano la protezione dal contatto diretto. In alcuni ambienti di lavoro l'apparecchiatura deve assicurare che l'elemento attivo non venga raggiunto da corpi solidi estranei o da acqua. A tal fine, in funzione dei vari tipi di ambienti, sono state definite dalle norme una serie di classi protezione a cui devono soddisfare i dispositivi impiegati in tali ambienti.

IL RISCHIO ELETTRICO
PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI DIRETTI Il simbolo che identifica il grado di protezione di un dispositivo composto da due cifre precedute dalle lettere IP comuni a tutte le classi. La prima cifra identifica il livello di protezione da penetrazione di corpi solidi, la seconda il livello di protezione dalla penetrazione di acqua.
Cifra protezione 0 1 2 Descrizione sintetica prima cifra Non protetto. Protetto contro corpi solidi estranei di diametro > 50 mm. Protetto contro corpi solidi estranei di diametro > 12,5 mm. Protetto contro corpi solidi estranei di diametro > 2,5 mm. Protetto contro corpi solidi estranei di diametro > 1 mm. Protetto contro la polvere. Totalmente protetto contro la polvere. Descrizione sintetica seconda cifra Non protetto. Protetto contro gocce d'acqua. caduta verticale di

Protetto da caduta verticale di gocce e inclinazione massima involucro di 15. Protetto contro la pioggia. Protetto contro corpi solidi estranei di. Protetto contro spruzzi d'acqua. Protetto contro la polvere. contro i getti d'acqua. Protetto

3 4 5 6 7 8

Protetto contro i getti d'acqua potenti. Protetto contro gli effetti dell'immersione temporanea. Protetto contro gli sommersione continua. effetti della

IL RISCHIO ELETTRICO
Pericolosit di adattatori che permettono di inserire una spina da 16 A in una presa da 10 A. Adattatori, da presa italiana a spina Schuko.

Presa con un certo grado di protezione alla penetrazione dell'acqua e della polvere, ma che non pu essere installata allaperto o in luoghi comunque bagnati, poich a spina inserita presenta un grado di tenuta allacqua decisamente insufficiente.

TIPOLOGIE DI PRESE E SPINE

IL RISCHIO ELETTRICO

Nelle installazioni allaperto buona norma evitare che i pressacavi e i pressatubi siano montati sul lato superiore.

Prese di tipo industriale 380V.

TIPOLOGIE DI PRESE E SPINE