Sei sulla pagina 1di 3

1

Alcuni esercizi sui diodi.

(A.A. 2014-2015, V1.3)

Esercizio 1
Con riferimento alla caratteristica grafica
tensione-corrente posta a fianco, relativa ad un
diodo a giunzione in silicio, determinare dei valori
approssimati sia per la tensione al ginocchio V
V sia
per la resistenza dinamica Rd, da impiegare
impiega nel
modello lineare a tratti valido in conduzione diretta.
diretta
In seguito utilizzare sia la
caratteristica grafica sia il modello
lineare a tratti prima ricavato per
determinare il punto di riposo del
diodo inserito nel circuito qui a
destra:
1V

Rd
V
40

Esercizio 2
Determinare il punto di riposo del diodo inserito nel circuito a fianco
utilizzando la caratteristica analitica I-V
I del diodo, sapendo che Is = 4nA ,
n = 2 e VT = 26mV. (Si
Si suggerisce di procedere per tentativi, ipotizzando un
valore di Vd e verificando la consistenza della equazione alla maglia).
maglia
In tali condizioni operative, qual la resistenza dinamica rd del diodo,
valida per il modello a piccolo segnale?

1k

2V

Esercizio 3
Un diodo polarizzato con una Id = 1mA ed una Vd = 0,7V. Determinare il valore di Is nellipotesi di avere
n = 1 oppure n = 2.
Ripetere lesercizio per un diodo in cui a Vd = 0,7V la Id = 1A.

Esercizio 4
Un diodo polarizzato con una Id = 1mA ed una Vd = 0,7V. Se n = 1, determinare
eterminare il valore di Vd quando
Id = 0,1mA e quando Id = 10mA

Esercizio 5
Nel circuito qui a fianco sono simultaneamente
presenti la tensione sinusoidale Vs , di ampiezza pari a
10mV, e la corrente continua Id.
Il diodo modellizabile con n = 2 ed il condensatore C
presenta una reattanza trascurabile alla frequenza del
segnale Vs .
Determinare lampiezza del segnale sinusoidale Vo
presente in uscita quando Id assume i seguenti valori:
1A, 0.1mA, 1 mA.

vs

Rs
1k

Id
VO

2
D2

R1
Esercizio 6
Nellipotesi di utilizzare per i diodi un modello lineare a
tratti ideale (V = 0V, Rd, = 0), determinare la tensione
di uscita Vo ed il punto di riposo dei diodi inseriti nel
circuito di figura nei seguenti due casi:
- R1 = 5k, R2 = 10k
- R1 = 10k, R2 = 5k

VO

10V

D1
R2

10V

Esercizio 7

10 k

Il circuito di figura impiega un diodo al germanio (D1 con


V = 0,2V) ed uno al silicio (D2 con V = 0,6V). Si supponga che
in conduzione essi abbiano una resistenza dinamica nulla,
mentre in interdizione si comportino da interruttori aperti
(resistenza dinamica infinita). Determinare i valori della tensione
VAB tra i nodi A e B del circuito per i seguenti valori della tensione
E: 0V, 6V, 12V.
[VAB = -4,37V; -4,2V; -5,7V]

Esercizio 8
Tracciare la caratteristica di trasferimento (VO vs. VI) del
circuito a lato al variare di VI tra -5V e +5V. Per i due diodi
si consideri un modello lineare a tratti con V=0,7V,
resistenza dinamica nulla e tensione inversa di rottura
infinita.

Esercizio 9
Tracciare la caratteristica di trasferimento (VO vs. VI) del
circuito a lato al variare di VI tra -10V e +10V. Per i due
diodi si consideri un modello lineare a tratti con V=0.7V ,
VZo = 5V , resistenza dinamica nulla sia in polarizzazione
diretta sia in zona Zener.

A
1 k

D1

D2

5V

D1
+

R1
2 k

D2

VI

D1

R2
2 k

VO

R1
2 k

+
VI

1 k

D2

R2
2 k

D1

VO

Esercizio 10
Nel circuito di figura i diodi D1, D2 e D3 sono dei normali diodi
al silicio per i quali si pu considerare un modello lineare a tratti
con V=0.7V, resistenza dinamica nulla e tensione inversa di
rottura infinita.
I diodi D4, D5 e D6 invece sono dei diodi L.E.D. (Light
Emitting Diode), anchessi modellizzabili come i precedenti, ma
con differenti tensioni di soglia. In particolare per i diodi D4 e D5,
di colore verde, si deve supporre V=1.9V, mentre per il diodo
D6, di colore rosso, si ha V=1.6V.
Se la tensione di ingresso VI varia tra 0V e +5V, determinare
i valori di VI in corrispondenza ai quali si accendono i vari diodi.

D1

D2

D3

100

100

D4

D5

100

VI

Esercizio 11
Un diodo Zener ha una tensione VZT = 6,8 V per una IZT = 5 mA, ed
una resistenza dinamica RZ = 20 . Determinare:
- La tensione VZ0. [6,7 V]
+
- La tensione Vo in uscita al circuito rappresentato a lato in assenza di
carico (RL = ). [6,83 V]
VI
- Le variazioni della tensione di uscita Vo dovute ad una variazione della
10V
tensione di ingresso Vi di 1V. [38,5 mV]
- Le variazioni della tensione di uscita Vo dovute all'inserimento di una
resistenza di carico in uscita RL = 2k oppure RL = 500 .
- Il valore minimo della resistenza di carico RL in grado di mantenere in
zona di rottura il diodo Zener. [1,5k ]

D6

R
500

Dz

VO
RL

RS
Esercizio 12
Progettare un regolatore di tensione basato su diodo Zener che
+
dia una tensione di uscita di circa 7,5 V. La tensione di ingresso Vi
VO
Dz
VI
pu variare tra 15V e 25V e la corrente di carico IL pu essere
compresa tra 0 e 15 mA.
15V25V
Si impieghi un diodo Zener con VZT = 7,5 V per una IZT = 20 mA
ed una resistenza dinamica rZ = 10 .
Determinare il valore della resistenza serie RS ed il valore della tensione di uscita Vo nei quattro casi
estremi (Vi minima e massima, IL minima e massima). [RS 383 per IZmin = 5 mA]

Esercizio 13
Determinare lespressione della caratteristica di trasferimento (VO vs. VI) per entrambi i circuiti qui sotto,
utilizzando per i diodi la caratteristica analitica (gli OP AMP si possono ritenere ideali).
Quali sono i limiti di funzionamento dei circuiti, tenendo conto sia della variazione della tensione di
ingresso, sia delle tensioni di alimentazione degli amplificatori operazionali?

D1

R1
1 k

R1
1 k

D1

vi

vo

vi

vo

IL
RL