Sei sulla pagina 1di 4

Come impaginare un libro o un ebook

Come impaginare un libro o un ebook?!? Il tema sembra di grande attualità


per diversi motivi. Con la crescita del self publishing verificatasi negli
ultimi anni, molti autori hanno potuto coronare il proprio sogno di
pubblicare un libro. Per realizzare ciò, si sono dovuti improvvisare un po'
autori ed un po' editori, acquisendo in proprio tutte quelle competenze e
conoscenze che contraddistinguono la tradizionale filiera dell'editoria.
Basti pensare al numero ed alla diversità di figure professionali che
solitamente vengono impiegate nella tradizionale industria culturale per
rendersi conto di quanto sia complesso realizzare un lavoro ben fatto in
autonomia.

D'altra parte, internet è un fenomenale contenitore di competenze e


procedure operative editoriali, pertanto è sufficiente sapere cosa e come
cercare per reperire le informazioni necessarie all'esecuzione di un lavoro
più che discreto. Si tratta comunque di un compito difficile e dagli esiti
incerti, soprattutto se si è davanti alla prima pubblicazione, perché ciò a
cui non si può ovviare è la mancanza d'esperienza. Non è raro per me
ricevere email e richieste d'informazioni riguardanti dettagli ed aspetti
tecnici della formattazione ed impostazione di un libro o un ebook, fatto
che mi ha portato alla scrittura di questo piccolo tutorial.

Per prima cosa, bisogna distinguere tra libro stampato ed ebook. Quando si
parla di scrittura potete utilizzare qualsiasi formato di pagina, ma una volta
che avete terminato il vostro libro e che volete pubblicarlo tramite print on
demand, dovrete adeguarvi alle necessità del vostro vettore di stampa. Per
quanto riguarda la pubblicazioni di libri tradizionali, i formati vengono
solitamente forniti direttamente dai siti di riferimento.

Un link dal valore formidabile consiste nella raccolta gratuita di template


che viene fornita da Lulu.com e che può essere utilizzate anche in fase di
scrittura del vostro libro: in questo modo potrete assicurarvi di avere un
libro già pronto per la stampa attraverso un Pod (la tabella è riportata
nell'immagine seguente).

Nonostante nell'editoria tradizionale si usino software molto avanzati come


LaTeX, per la pubblicazione di un libro autoprodotto un semplice word
processor come Microsoft Word oppure Open Office sono più che sufficienti.
Potete trovare la tabella completa da cui scaricare i template dei libri al
seguente indirizzo web (scorrete nella pagina sino alla parte in basso).

Il discorso cambia radicalmente per l'impaginazione di un libro in formato


ebook. Dato che il libro non dovrà essere stampato ma piuttosto fruito da
uno schermo elettronico, le impostazioni del formato pagina perdono il loro
senso originale per lasciare il posto alle caratteristiche di formattazione del
carattere.

La soluzione più elegante attualmente disponibile è il formato Epub, ma


risulta anche la più complessa o costosa per gli autori indipendenti. Su
internet esistono numerosi software gratuiti in grado di convertire file di
word in formati ePub, ma i risultati non sono sempre dei migliori e
mancano di avvicinarsi alla sufficienza professionale che si ci attende da un
ebook a pagamento.
Ad ogni modo, se volete tentare, vi consiglio di utilizzare l'ottimo
convertitore gratuito Calibre, un software multiuso molto utile da tenere
nel proprio computer perché presenta anche un componente per la lettura
di ePub. La strada più sicura per un autore indipendente resta il formato
PDF, sia per la propria universalità che per la facilità di creazione (con
openoffice è presente un icona specifica direttamente nella barra degli
strumenti). Se da un lato questo formato risulta maggiormente
standardizzabile, dall'altro presenta una notevole rigidità di modifica,
pertanto il consiglio è di utilizzare un'altezza dei caratteri abbastanza
elevata, in modo da rendere più agevole la lettura a schermo.
Quando impaginate il vostro libro, prestate particolare attenzione anche
all'interlinea (per gli ebook non deve essere troppo stretta) ed al carattere
che scegliete. Deve facilitare la lettura, quindi ben venga il Times New
Roman per la versione cartacea o l'Aria ed il Verdana per l'edizione digitale.

In conclusione, se siete alle vostre prime autopubblicazioni, è molto


importante pensare a questi dettagli ed aver cura di ottenere un lavoro più
professionale possibile; il successo di un libro non risiede solo nel
contenuto ma anche nella propria forma. Non tenere presenti queste
informazioni nella fase d'impaginazione potrebbe vanificare i vostri sforzi e
penalizzare un lavoro editoriale positivo.

Informazioni di approfondimento:
http://www.calmail.it/Artisti_2.0.html