Sei sulla pagina 1di 2

Come scrivere un libro, un manuale o un saggio

Ebbene, anche voi siete arrivati a chiedervi la fatidica domanda: come


scrivere un libro, un manuale o un saggio? E come pubblicarlo? Se
desiderate realmente scrivere un libro per pubblicarlo, allora in questo
articolo troverete numerosi consigli per voi.

In effetti, sono moltissimi gl'italiani che sognano di scrivere e


pubblicare un libro, tanto che l'argomento è piuttosto dibattuto nei
forum e nei blog della rete. Allo stesso tempo, solo una piccola e ristretta
cerchia di persone possiede un lavoro nel campo editoriale o scrive a
livello professionale. Perché allora così tanti individui desiderano scrivere
un libro oppure affermano di voler fare lo scrittore? La realtà è che esiste
un'idea piuttosto romantica della professione di scrittore, un po' come
avviene anche per gli attori o gli artisti affermati. Vivere di scrittura è
sicuramente sinonimo di uno stile di vita glamour, chic ed un po'
sciovinista. In fondo, chi non ha mai desiderato di far parte dello star
system o di essere un letterato venerato in tutto il mondo?

Il problema reale consiste nell'ultima parte delle argomentazioni


precedenti: affermarsi nel campo editoriale sta diventando sempre più
difficile, e non tanto per motivazioni riguardanti i gusti letterari od il
talento ma piuttosto perché esiste una concorrenza sempre maggiore di
scrittori esordienti desiderosi di scrivere un libro, un manuale o un
saggio.

Proprio questo fattore sta rendendo la vita difficile tanto agli scrittori
esordienti quanto alle case editrici, che si trovano ad operare in un
contesto ultra-competitivo e dai margini di guadagno sempre più sottili.
Internet, in questo senso, ha giocato ancora una volta il ruolo del grande
acceleratore, tanto che oggi è semplicissimo scrivere e pubblicare la
propria opera online scegliendo uno dei tanti sistemi di self publishing.
Molto più complesso è fare di questa attività una professione, anche solo
in ottica di part time ed integrazione del proprio reddito principale.

Dal mio punto di vista, scrivere un libro è un'attività piuttosto


complessa non tanto per quanto riguarda il contenuto, ma piuttosto per
la disciplina che è necessaria per concludere con successo il lavoro di
stesura, pubblicazione e promozione. Tanto per cominciare, se
desiderate realmente vedere il vostro amato lavoro tra le pubblicazioni
esordienti dovrete prepararvi a notti insonni di scrittura, a lunghissimi
tira e molla con la vostra casa editrice per la continua correzione delle
bozze ed all'affinamento di interminabili particolari che solo a prima vista
sembravano completi ed esaurienti.

Quando avrete finalmente superato questo punto, vi accorgerete che il


vero lavoro deve ancora iniziare. Le case editrici devono possono
sicuramente aiutarvi nel marketing editoriale del vostro libro, ma il vero
lavoro spetta in realtà a voi. Scrivere e pubblicare un libro significa
anche realizzare un'attenta attività di promozione editoriale su misura
per la vostra pubblicazione, perché i limiti di budget del settore editoriale
non permettono di destinare una vasta attività di marketing e visibilità a
tutti. Se non siete già famosi o conosciuti (anche per altri motivi)
difficilmente il vostro editore deciderà di spendere ingenti risorse su di
voi, perché l'esito sarebbe troppo incerto. Purtroppo, proprio gli autori
esordienti sarebbero quelli maggiormente bisognosi di attenzione e
pubblicità, quasi fosse un cane che si morde la propria coda.

Detto questo, le soddisfazioni per chi riesce possono valere realmente la


pena del percorso precedentemente descritto. Pertanto, se dopo aver
letto quanto appena scritto avete ancora ben fissa in testa l'idea di
scrivere e pubblicare un libro, un manuale o un saggio, allora siete
probabilmente davvero pronti per dare un esito ed un riscontro positivo
al vostro sogno. Non mi resta che augurarvi buon lavoro ed un grosso in
bocca al lupo!

Leggi ORA il manuale dello Scrittore indipendente!

Scopri il manuale dello scrittore indipendente su

www.calmail.it