Sei sulla pagina 1di 10

Millennio

“Ed egli giudicherà tra le nazioni e rimprovererà molti popoli; ed essi forgeranno le loro spade in
vomeri d’aratro, e le loro lance in roncole — nazione non alzerà più la spada contro nazione, né
impareranno più la guerra”. 2 Nefi 12:4

“Negli ultimi giorni avverrà che il monte della casa dell'Eterno sarà stabilito in cima ai
monti e si ergerà al di sopra dei colli, e ad esso affluiranno tutte le nazioni. Isaia 2:4

“Egli sarà giudice fra molti popoli e farà da arbitro fra nazioni potenti e lontane. Con le
loro spade forgeranno vomeri, e con le loro lance falci; una nazione non leverà più la
spada contro l'altra e non saranno più addestrate per la guerra. Michea 4:3

“E diranno: "Questa terra che era desolata è divenuta come il giardino dell'Eden, e le città
devastate, desolate e rovinate sono ora fortificate e abitate". Ezechiele 36:35

Poi vidi dei troni; e a coloro che vi si sedettero fu dato il potere di giudicare. E vidi le anime di
quelli che erano stati decollati per la testimonianza di Gesù e per la parola di Dio, e di quelli che
non avevano adorata la bestia né la sua immagine, e non avevano preso il marchio sulla loro
fronte e sulla loro mano; ed essi tornarono in vita, e regnarono con Cristo mille anni. Apocalisse
20:4
“E per la rettitudine del suo popolo, Satana non ha nessun potere; pertanto non può essere sciolto
per lo spazio di molti anni; poiché non ha nessun potere sui cuori del popolo, poiché essi dimorano
in rettitudine, e il Santo d’Israele regna”. 1 Nefi 22:26

“Poiché io mi rivelerò dal cielo con potere e grande gloria, con tutte le sue schiere, e dimorerò con
gli uomini in rettitudine sulla terra per mille anni, e i malvagi non resisteranno”. Dottrina e
Alleanze 29:11

“E ancora, in verità, in verità vi dico che quando i mille anni saranno finiti e gli uomini
cominceranno di nuovo a rinnegare il loro Dio, allora io non risparmierò la terra che per una breve
stagione”. Dottrina e Alleanze 29:22

“E la terra sarà data a loro in eredità; ed essi si moltiplicheranno e si fortificheranno; e i loro


figli cresceranno senza peccato fino alla salvezza”. Dottrina e Alleanze 45:58

“Pertanto, i bambini cresceranno fino a diventare vecchi; i vecchi moriranno, però non dormiranno
nella polvere, ma saranno mutati in un batter d’occhio”. Dottrina e Alleanze 63:51

“D. Cosa dobbiamo intendere in merito al suonare di trombe menzionato nell’8º capitolo


dell’Apocalisse? R. Dobbiamo intendere che, come Dio creò il mondo in sei giorni e nel settimo
giorno terminò la sua opera e la santificò, e formò anche l’uomo dalla polvere della terra, così,
all’inizio del settimo millennio il Signore Dio santificherà la terra, e completerà la salvezza
dell’uomo, e giudicherà ogni cosa, e riscatterà ogni cosa, eccetto ciò che non ha messo in suo
potere, quando avrà suggellato ogni cosa, in vista della fine di tutte le cose; e il suonare di trombe
dei sette angeli è la preparazione e il termine della sua opera, all’inizio del settimo millennio: il
preparare la via prima del tempo della sua venuta. Dottrina e Alleanze 77:12
“E questi sono il resto dei morti; ed essi non torneranno in vita finché i mille anni non saranno
finiti, e non torneranno fino alla fine della terra”. Dottrina e Alleanze 88:101

“E così via, finché il settimo angelo suonerà la sua tromba; ed egli si ergerà sulle terra e sul mare, e
giurerà, nel nome di colui che siede sul trono, che non vi sarà più tempo; e Satana sarà legato, quel
vecchio serpente che è chiamato il diavolo, e non sarà sciolto per lo spazio di mille anni”. Dottrina
e Alleanze 88:110

“E si preparino per la rivelazione che sta per venire, quando il velo di copertura del mio tempio, nel
mio tabernacolo, che cela la terra, sarà tolto e ogni carne mi vedrà nello stesso momento. E ogni
cosa corruttibile, sia dell’uomo che delle bestie dei campi, o degli uccelli del cielo, o dei pesci del
mare, che dimora su tutta la faccia della terra sarà consumata.

E anche quella degli elementi sarà fusa con calore ardente; e tutte le cose diverranno nuove,
affinché la mia conoscenza e la mia gloria dimorino su tutta la terra. E in quel giorno l’inimicizia
dell’uomo e l’inimicizia delle bestie, sì, l’inimicizia di ogni carne cesserà dinanzi alla mia faccia.

E in quel giorno qualunque cosa un uomo chiederà gli sarà data. E in quel giorno Satana non avrà
potere di tentare nessuno. E non ci sarà alcun dolore, perché non ci sarà la morte.
In quel giorno il bimbo non morrà finché non sarà vecchio; e la sua vita sarà come l’età d’un albero;

E quando morrà non dormirà, vale a dire nella terra, ma sarà mutato in un batter d’occhio e
sarà rapito, ed il suo riposo sarà glorioso. Sì, in verità vi dico: in quel giorno, quando il Signore
verrà, rivelerà ogni cosa:

Cose che sono passate, e cose nascoste che nessuno seppe; cose della terra, mediante le quali essa fu
creata, e lo scopo e il fine d’essa: Cose preziosissime, cose che sono al di sopra e cose che sono al
di sotto, cose che sono nella terra, e sulla terra e in cielo”. Dottrina e Alleanze 101:23–34

“E là sarà la mia dimora; e sarà Sion, che uscirà da tutte le creazioni che ho fatto; e per lo spazio
di milleanni la terra si riposerà”. Mosè 7:64

Il Millennio e i suoi eventi

A quale periodo di tempo si riferiscono questi versetti? Isaia 65:17-25

Nel capitolo 65, versetti 17-25, Isaia si riferisce al Millennio. La gente che vivrà allora non sentirà
alcun desiderio delle cose così come erano una volta. Infatti la vecchia terra non si ricorderà più
delle cose di prima; “esse non torneranno più in memoria” (v. 17).

Ogni cosa sarà gloriosamente nuova, il dolore scomparirà (vedi v. 19), i bambini non morranno
nell'infanzia (vedi v. 20), le case saranno costruite per abitarvi, i frutteti e i giardini saranno
piantati e goduto il loro frutto in pace. Nessuno scaccerà un altro dalle sue terre come i santi furono
scacciati nei primi giorni di questa dispensazione (vedi vv. 21-22).

Per riassumere le condizioni prevalenti in quel giorno glorioso l'anziano Bruce R. McConkie ha
scritto: “Per quanto grandi e meravigliosi potranno essere i cambiamenti che avverranno durante
l'era millenaria, la vita terrena come tale continuerà ad esistere. I figli continueranno a nascere, a
crescere, a sposarsi, a invecchiare e a passare per quella che noi chiamiamo morte.

Si continuerà a seminare, a raccogliere e a mangiare; si continuerà ad espandere le industrie, a


costruire città, a incoraggiare l'istruzione; gli uomini continueranno a provvedere alle loro
necessità, a gestire i loro affari e a godere di tutti i benefici derivanti dal libero arbitrio.

Parlando un linguaggio puro (Sofonia 3:9), dimorando in pace, vivendo senza malattie e
progredendo secondo la guida dello Spirito Santo, l'avanzamento e il perfezionamento della società
durante il Millennio eccederanno qualsiasi altra cosa gli uomini abbiano mai immaginato o si siano
mai aspettati” (Mormon Doctrine, pagg. 496-497). Una grande mole di informazioni riguardanti il
Millennio si trova nella sezione 101, versetti 23-31, di Dottrina e Alleanze.

“Poiché allora io muterò in labbra pure le labbra dei popoli, affinché tutti invochino il nome
dell’Eterno, per servirlo di pari consentimento”. Sofonia 3:9
E da essi i loro figli furono istruiti a leggere e scrivere, e avevano un linguaggio che era puro ed incorrotto.
Mosè 6:6

1 Corinzi 15:51 Ecco, io vi dico un mistero: non tutti morremo, ma tutti saremo mutati,
1 Corinzi 15:52 in un momento, in un batter d’occhio, al suon dell’ultima tromba. Perché la tromba
suonerà, e i morti risusciteranno incorruttibili, e noi saremo mutati.
1 Corinzi 15:53 Poiché bisogna che questo corruttibile rivesta incorruttibilità, e che questo mortale
rivesta immortalità.
1 Corinzi 15:54 E quando questo corruttibile avrà rivestito incorruttibilità, e questo mortale avrà
rivestito immortalità, allora sarà adempiuta la parola che è scritta: La morte è stata sommersa
nella vittoria. --
1 Tessalonicesi 4:15 Poiché questo vi diciamo per parola del Signore: che noi viventi, i quali saremo
rimasti fino alla venuta del Signore, non precederemo quelli che si sono addormentati;
1 Tessalonicesi 4:16 perché il Signore stesso, con potente grido, con voce d’arcangelo e con la
tromba di Dio, scenderà dal cielo, e i morti in Cristo risusciteranno i primi;
1 Tessalonicesi 4:17 poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo insiem con loro rapiti sulle
nuvole, a incontrare il Signore nell’aria; e così saremo sempre col Signore. –

La terra terrestre

La terra sarà rinnovata. Quando verrà il nostro Salvatore, la terra passerà ad una
condizione terrestre per essere la conveniente dimora di esseri terrestri, e questa
condizione durerà fino alla fine del millennio, fino a quando, cioè, la terra morirà e
risorgerà per ricevere la sua gloria come un corpo celeste, che è il suo stato finale.
Noi viviamo nel grande giorno della restaurazione. Il Signore ha dichiarato che tutte
le cose saranno restaurate nelle loro condizioni primitive. Il nostro decimo Articolo di
Fede dice: «Noi crediamo ... che Cristo regnerà personalmente sulla terra; e che la
terra sarà rinnovata e riceverà la sua gloria paradisiaca».

Troppe persone hanno l'idea che questo si riferisca alla terra


celestializzata, ma non è così. Si riferisce alla terra restaurata come sarà
quando Cristo verrà per regnare. Questo ce lo insegna Isaia 65:17-25 e
Dottrina e Alleanze, sezione 101:23-31.

Quando Cristo verrà, la terra sarà mutata, e mutata sarà pure ogni cosa che
è in essa. La terra diverrà un mondo terrestre, e tale rimarrà per 1000 anni.
Questo richiederà un cambiamento negli elementi veri e propri della terra,
ed anche dei suoi abitanti che, tuttavia, saranno ancora mortali.

I non membri durante il millennio. Alcuni membri della Chiesa hanno


l'errata opinione che quando verrà il millennio, tutta la gente sarà spazzata
dalla terra, ad eccezione dei fedeli membri della Chiesa. Questo non è
vero. Ci saranno milioni di persone, cattolici, protestanti, agnostici,
maomettani, gente di ogni classe e credo, cui sarà ancora permesso di
rimanere sulla terra: ma essi saranno coloro che hanno vissuto una vita
retta, coloro che non si sono lasciati contaminare dalla malvagità e dalla
corruzione. Tutti quelli che in virtù della loro vita retta appartengono
all'ordine terrestre, nonché coloro che hanno osservato la legge celeste,
durante il millennio rimarranno sulla terra (Church News, 3 nov. 1934,
pag. 8).

Tuttavia, alla fine, la conoscenza del Signore coprirà la terra come le acque coprono
le profondità. Ma dopo l'avvento del millennio sarà necessario predicare il Vangelo
finché tutti gli uomini non saranno convertiti o morti. Nel corso di quei mille anni
tutti gli uomini, o verranno alla Chiesa, che è il regno di Dio, oppure moriranno.

In quel periodo non vi sarà morte finché gli uomini non saranno vecchi. I bambini
non moriranno, ma vivranno fino ad avere l'età di un albero, che secondo Isaia è di
100 anni. Quando per gli uomini arriverà il momento di morire, essi saranno mutati in
un batter d'occhio, e non ci saranno tombe (DeA 101:23-31; Isaia 65:17-25).
La terra dopo il millennio. Dopo il millennio la terra ritornerà all'ordine teleste? No,
ma molte delle persone che si troveranno allora sulla terra saranno come i Nefiti, che
vissero 200 anni dopo la venuta di Cristo. Esse si ribelleranno scientemente contro il
Signore e vi sarà l'ultima grande battaglia nella quale il diavolo e le sue forze saranno
sconfitti; poi la terra morirà, otterrà la sua risurrezione e diverrà un corpo celeste. La
risurrezione dei malvagi sarà uno degli ultimi avvenimenti prima della morte della
terra (DeA 88:25-26, 100-116).

La terra celeste

«La battaglia del grande Dio». Dopo mille anni Satana sarà sciolto e uscirà per
sedurre di nuovo le nazioni. Poiché gli uomini saranno ancora mortali, egli uscirà per
sedurli. Gli uomini negheranno ancora il Signore, ma lo faranno con gli occhi aperti e
perché ameranno le tenebre anziché la luce; in tal modo essi diverranno figli di
perdizione.

Satana radunerà i suoi eserciti, tanto quelli della terra quanto quelli dell'oltretomba, i
quali ultimi alla fine risorgeranno. Michele, il Principe, radunerà le sue forze e si
combatterà l'ultima grande battaglia. Satana sarà sconfitto con tutto il suo seguito.
Allora sarà la fine. Satana e tutti coloro che lo seguono saranno banditi nelle tenebre
di fuori.

Il Millennio e la Restaurazione. Quando verrà quel tempo, la «terra sarà ripiena della
conoscenza dell'Eterno, come il fondo del mare dall'acque che lo coprono». La
malvagità sarà sconfitta perché Geova «giudicherà i poveri con giustizia, farà ragione
con equità agli umili del paese. Colpirà il paese con la verga della sua bocca, e col
soffio delle sue labbra farà morir l'empio» (Isa. 11:4,9).

Restaurazione della terra. Isaia ha predetto come parte di questa grande restaurazione,
la venuta di «nuovi cieli e una nuova terra; non ci si ricorderà più delle cose di
prima» (Isa. 65:17). Questi nuovi cieli e questa nuova terra non sono che una parte
della grande restaurazione, come dice il decimo articolo della nostra fede:

«Noi crediamo nel raduno letterale d'Israele e nella restaurazione delle dieci tribù;
che Sion sarà edificata sul Continente Americano; che Cristo regnerà personalmente
sulla terra; e che la terra sarà rinnovata e riceverà la sua gloria paradisiaca».

Joseph Smith insegna che Dio è onnipotente. In «Lectures on Faith», che apparvero
nelle prime edizioni di Dottrina e Alleanze, troviamo quanto segue, che fu preparato
dal profeta Joseph Smith: «Ci sono due personaggi (quindi di carne ed ossa) che
costituiscono il grande, impareggiabile, dominante e supremo potere su tutte le cose,
per mezzo del quale fu creata ogni cosa, sia visibile che invisibile, in cielo, sulla terra
e in tutta l'immensità dello spazio. Questi due personaggi sono il Padre e il Figlio - il
Padre essendo un personaggio di spirito - (Il Padre e il Figlio sono personaggi di
spirito e di corpo.

Così come sono usate qui, queste espressioni sono sinonime e intercambiabili.
Entrambi i personaggi hanno corpi risorti.

Nella terminologia scritturale, un corpo di carne ed ossa risorto è un corpo spirituale.

Così Paolo dice: «E' seminato corpo naturale, e risuscita corpo spirituale. Se c'è un
corpo naturale, c'è anche un corpo spirituale. Così anche sta scritto: Il primo uomo,
Adamo, fu fatto anima vivente; l'ultimo Adamo è spirito vivificante» (1 Corinzi
15:44-45).

E così dice anche il Signore: «Poiché malgrado che essi debbano morire, essi pure
risusciteranno, un corpo spirituale» Dea 88:27. B.R.M) – di gloria e di potere, che
possiede tutta la perfezione e pienezza; il Figlio, che era nel seno del Padre, un
personaggio con un corpo, fatto o modellato come l'uomo, o un essere a forma e
somiglianza dell'uomo, o meglio ancora l'uomo fu formato a Sua immagine e
somiglianza; Egli è anche la precisa immagine e somiglianza del personaggio del
Padre, e possiede tutta la pienezza del Padre, o la stessa pienezza insieme al Padre»
(Lectures ori Faith, lec. 5, par. 2).
Essendo tutta la terra passata attraverso il fuoco e santificata dallo Spirito Santo, rimarranno solo le
persone che hanno conservato in sé la Luce di Cristo e l’influenza dello Spirito Santo, sono persone
buone di tutte le religioni. I corpi di tutti gli uomini subiranno una trasformazione, non saranno
soggetti a nessun dolore e malattia.

“In quel giorno il bimbo non morrà finché non sarà vecchio; e la sua vita sarà come l'età d'un
albero; E quando morrà non dormirà, vale a dire nella terra, ma sarà mutato in un batter d'occhio
e sarà rapito, ed il suo riposo sarà glorioso”. DeA 101:30-31
Joseph Fielding Smith Disse: “Quando Cristo verrà, la terra sarà mutata, e mutata sarà pure ogni
cosa che è in essa. La terra diverrà un mondo terrestre, e tale rimarrà per 1000 anni. Questo
richiederà un cambiamento negli elementi veri e propri della terra, ed anche dei suoi abitanti che,
tuttavia, saranno ancora mortali”.

Ed io dico, non sappiamo con esattezza, se il nostro corpo subirà una trasformazione come i tre
Nefiti, ma di certo una trasformazione subirà. Il Signore, disse dei tre Nefiti: E voi non soffrirete le
pene della morte; ma quando verrò nella mia gloria, sarete mutati in un batter d'occhio dalla
mortalità all’immortalità; e allora sarete benedetti nel regno di mio Padre. 3 Nefi 28:8

Mormon, ci mette a conoscenza cosa dovettero subire i corpi dei tre Nefiti: Perciò fu operata
questa trasformazione sul loro corpo, affinché non provassero la morte, né soffrissero pena o
dolore, eccetto per i peccati del mondo. Ora, questa trasformazione non fu uguale a quella che
avrà luogo all'ultimo giorno (dalla mortalità all’immortalità). 3 Nefi 28:38
1 Tessalonicesi 4:16 perché il Signore stesso, con potente grido, con voce d’arcangelo e con la
tromba di Dio, scenderà dal cielo, e i morti in Cristo risusciteranno i primi;
1 Tessalonicesi 4:17 poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo insiem con loro rapiti sulle
nuvole, a incontrare il Signore nell’aria; e così saremo sempre col Signore. –

E da essi i loro figli furono istruiti a leggere e scrivere, e avevano un linguaggio che era puro ed incorrotto.
Mosè 6:6

1 Corinzi 15:51 Ecco, io vi dico un mistero: non tutti morremo, ma tutti saremo mutati,
1 Corinzi 15:52 in un momento, in un batter d’occhio, al suon dell’ultima tromba. Perché la tromba
suonerà, e i morti risusciteranno incorruttibili, e noi saremo mutati.
1 Corinzi 15:53 Poiché bisogna che questo corruttibile rivesta incorruttibilità, e che questo mortale
rivesta immortalità.
1 Corinzi 15:54 E quando questo corruttibile avrà rivestito incorruttibilità, e questo mortale avrà
rivestito immortalità, allora sarà adempiuta la parola che è scritta: La morte è stata sommersa
nella vittoria. --
1 Tessalonicesi 4:15 Poiché questo vi diciamo per parola del Signore: che noi viventi, i quali saremo
rimasti fino alla venuta del Signore, non precederemo quelli che si sono addormentati;
1 Tessalonicesi 4:16 perché il Signore stesso, con potente grido, con voce d’arcangelo e con la
tromba di Dio, scenderà dal cielo, e i morti in Cristo risusciteranno i primi;
1 Tessalonicesi 4:17 poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo insiem con loro rapiti sulle
nuvole, a incontrare il Signore nell’aria; e così saremo sempre col Signore. –

Il Signore disse dei tre Nefiti: E voi non soffrirete le pene della morte; ma
quando verrò nella mia gloria, sarete mutati in un batter d'occhio dalla mortalità
all’immortalità; e allora sarete benedetti nel regno di mio Padre. 3 Nefi 28:8
E Mormon ci mette a conoscenza cosa dovettero subire i loro corpi: Perciò fu
operata questa trasformazione sul loro corpo, affinché non provassero la morte, né
soffrissero pena o dolore, eccetto per i peccati del mondo. Ora, questa
trasformazione non fu uguale a quella che avrà luogo all'ultimo giorno (dalla
mortalità all’immortalità). 3 Nefi 28:38
E ogni cosa corruttibile, sia dell'uomo che delle bestie dei campi, o degli uccelli del
cielo, o dei pesci del mare, che dimora su tutta la faccia della terra sarà consumata.
E anche quella degli elementi sarà fusa con calore ardente; e tutte le cose
diverranno nuove, affinché la mia conoscenza e la mia gloria dimorino su tutta la
terra. DeA 101:24-25
“E diranno: "Questa terra che era desolata è divenuta come il giardino dell'Eden, e le città
devastate, desolate e rovinate sono ora fortificate e abitate". Ezechiele 36:35

5. Essi sono come gli angeli di Dio e si manifestano a chiunque desiderino (v.
30).

6. In loro fu effettuato un cambiamento in modo che Satana non avesse alcun


potere su di loro; essi sono santificati nella carne e sono quindi santi (v. 39).

7. Essi rimarranno in questa condizione sino al giorno del giudizio di Cristo (v.
40).

Nei versetti 13-15 Mormon spiega che essi furono anche trasfigurati. L’anziano
Bruce R. McConkie ha definito così tale condizione:

“La trasfigurazione è un particolare cambiamento d'aspetto e di natura


operato su una persona o cosa per il potere di Dio. Questa trasformazione
divina porta da una condizione inferiore a una superiore; porta quindi a una
condizione più maestosa e gloriosa...

Per il potere dello Spirito Santo molti profeti sono stati trasfigurati in modo da
poter stare alla presenza di Dio e avere delle visioni dell'eternità. Parlando di
un simile episodio avvenuto nella sua vita, Mosè scrisse:
“Ora i miei propri occhi hanno veduto Iddio; ma non i miei occhi naturali, bensì
i miei occhi spirituali, poiché i miei occhi naturali non avrebbero potuto ve-
dere; mi sarei avvizzito e sarei morto in sua presenza; ma la sua gloria fu su di
me ed io contemplai la Sua faccia, poiché fui trasfigurato dinanzi a Lui” (Mosè
1:11; DeA 67:11).

Nella stessa maniera, quando i tre Nefiti “furono rapiti in cielo, ove
contemplarono e udirono cose ineffabili”, essi furono trasfigurati” (Mormon
Doctrine, pag. 803). Pertanto la differenza tra trasfigurazione e traslazione è
che la trasfigurazione è di minor durata. I tre Nefiti furono trasfigurati per
qualche tempo in modo da poter avere delle visioni dell'eternità. Essi furono
anche traslati, condizione più duratura, che cioè permane sino al giorno del
giudizio.