Sei sulla pagina 1di 11

CORPO, MENTE, ANIMA

IL BENESSERE TRAMITE IL MASSAGGIO

GIADA LANFALONI

QUALIFICA OPERATORE OLISTICO I LIVELLO

IL BENESSERE OLISTICO

Il termine olismo proviene dal greco “ ὅλος” olos, che sta per “totalità”.
Un approccio di tipo olistico stabilisce la necessità di intervenire su una persona

attraverso diversi piani, ma con un’unica finalità: un reale e totalizzante stato di

benessere. Tre sono le vie d’accesso che portano a questa meta: il corpo, la mente e

lo spirito.

L’approccio olistico è finalizzato al raggiungimento del benessere individuale di un

soggetto ed è rivolto a tutti, perché ognuno di noi ha bisogno di rilassarsi, poiché

ogni giorno vive di piccole o grandi difficoltà che possono produrre disorientamenti

fisici psichici o emozionali.

Accumuli di stress, emozioni bloccate o mal gestite possono, infatti, somatizzarsi, nel

nostro corpo creando disagi e malesseri. Nell’approccio olistico alla persona si

riconosce l’esigenza di operare su più livelli per produrre uno stato di reale

benessere.

EFFETTI DEL MASSAGGIO SUL CORPO

I benefici dei massaggi sul corpo di qualsiasi persona sono tantissimi, in particolare

considerando il massaggio linfodrenante, il massaggio relax e il massaggio distensivo

circolatorio si può iniziare per esempio dagli effetti rilassanti, tonificanti, drenanti e

decontratturanti, passando poi ad altri benefici non meno importanti come:

 Miglioramento della circolazione;

 Stimolazione linfatica;

 Eliminazione delle cellule morte rendendo, quindi, la pelle più bella, luminosa e

piacevole al tatto;

 Diminuzione dello stress accumulato;


 Miglioramento della digestione e della peristalsi;

 Miglioramento della respirazione, crea una respirazione più lenta e profonda;

 Potenziamento del sistema immunitario;

 Aumento del flusso di ossigeno nei tessuti;

GLI EFFETTI DEL MASSAGGIO SULLA MENTE

Durante una seduta di massaggio, l’operatore non tocca solamente la parte fisica

della persona, ma con le sue manovre, riesce ad agire anche a livello emozionale,

psichico.

Al termine del massaggio, infatti sia la parte fisica che quella psichica della

persona si ritrovano quasi sempre in equilibrio.

E’ proprio per questo motivo, il fatto che il massaggio agisca anche sulla mente,

che alla fine di esso ci sentiamo molto calmi e rilassati.

E’ opportuno, quindi, che l’operatore riesca ad entrare in sintonia con la persona

da massaggiare, altrimenti si rischia di ottenere l’effetto contrario, cioè che alla

persona non piaccia il massaggio e che quindi non riesca a rilassarsi.

GLI EFFETTI DEL MASSAGGIO SULL’ANIMA

Il massaggio è un’arte che utilizza il tocco del corpo e della pelle per entrare

sempre più in profondità, oltre la nostra mente, per permetterci di esplorare il

nostro inconscio.

L’inconscio influisce sul benessere del nostro corpo, i malesseri, sia psichici che

fisici, derivano da uno scompenso che si crea tra il nostro corpo (soma) e la

nostra psiche.
Molti problemi che affrontiamo quotidianamente sono dovuti a delle equazioni

errate che la nostra mente fa, date da vecchie esperienze che abbiamo rimosso e

che la nostra mente ha confinato in un angolo oscuro del nostro inconscio e viene

definito la zona dell’ombra.

Entrare in questa zona dell’ombra per cercare di riportare queste esperienze

rimosse alla nostra consapevolezza è sempre molto doloroso e difficile, infatti la

nostra mente è sempre in allerta e non vuole che queste parti di noi stessi che

abbiamo rimosso, vengano a galla e ritornino a dar fastidio. Per crescere ed

evolvere, per continuare ad avanzare nel cammino che la nostra anima deve

percorrere è necessario togliere queste esperienze dall’ombra, portarle alla

consapevolezza del nostro io superiore e risolverle interiorizzandole, in modo che

non possano più costringerci a fare sempre gli stessi errori e le stesse equazioni

errate.

Quindi il massaggio agisce sull’Anima attraverso delle tecniche di oliazione di tutto

il corpo e di impastamento della cute, a volte delicato e a volte più profondo, per

portare alla consapevolezza del nostro Io i blocchi energetici e fisici che non

permettono all’energia vitale di scorrere in piena libertà. Arriviamo quindi ad

affermare che attraverso il massaggio ripetuto del corpo si stimolano delle aree

cutanee specifiche che sbloccano delle memorie di vecchi traumi che si sono

cristallizzati a livello cutaneo e si permette al nostro inconscio di esprimersi più

liberamente dal momento che la nostra mente entra in uno stato di riposo e

rilassamento totale.

IL LINFODRENAGGIO MANUALE
Tra i massaggi che sono presenti nel percorso olistico di I livello ho scelto di

analizzare il linfodrenaggio in quanto è il massaggio che più mi coinvolge. Il

linfodrenaggio è una particolare tecnica di massaggio, esercitata nelle aree del

corpo caratterizzate da eccessiva riduzione del circolo linfatico. Il linfodrenaggio,

come preannuncia la parola stessa, favorisce drenaggio dei liquidi linfatici dai

tessuti: l’azione meccanica manuale viene esercitata a livello di aree che

interessano il sistema linfatico (composto da milza, timo, noduli linfatici e

linfonodi), allo scopo di facilitare il deflusso dei liquidi organici ristagnanti.

LA LINFA E IL SUO FUNZIONAMENTO

La parola ‘linfa’ deriva dal latino lympha (acqua), che ne definisce l’aspetto

acquoso. La linfa è una sostanza liquida che nasce dal sangue ed è costituita da

acqua e proteine. Nel nostro corpo la circolazione è costituita da:

 Arterie che originano dal cuore e terminano nei tessuti del corpo,

trasportano il sangue ricco di ossigeno e nutrienti.

 Vene che raccolgono il sangue pieno di scarti delle cellule e lo trasportano

al cuore;

 Sistema linfatico, cioè un complesso sistema di vasi, capillari, linfonodi e

organi linfatici che servono per portare al cuore i fluidi contenuti nei tessuti.

Il sistema linfatico è costituito da una rete di tubi sottili chiamati vasi linfatici e

da strutture ovali chiamati linfonodi che si trovano in tutto il corpo. Questa rete

serve per raccogliere e filtrare la linfa. Il sistema linfatico è parallelo alla

circolazione venosa. Un fluido giallo chiamato linfa esce dai vasi sanguigni, si

mescola con l’acqua e i liquidi interstiziali (cioè che si trovano tra le cellule).
Questo liquido contiene sostanze nutrienti, le cellule sanguigne del sistema

immunitario e i rifiuti espulsi dalle cellule. Il sistema linfatico porta il liquido nei

vasi linfatici e nei linfonodi che contengono le cellule immunitarie. Poiché il

sistema linfatico non ha un sistema per spingere il fluido, il movimento dei

muscoli del corpo spinge il liquido verso il cuore. Quando il liquido arriva nei

linfonodi è filtrato ed eventuali organismi patogeni sono uccisi. Altri organi che

lavorano con il sistema linfatico sono: La milza che riceve i globuli rossi morti o

danneggiati e contiene i globuli bianchi che servono per combattere le

malattie. Il timo che produce i globuli bianchi. La pressione che crea il cuore

dà la spinta alla circolazione sanguigna, ma il sistema linfatico non ha una

pressione interna. L’unico modo per drenare i liquidi linfatici è l’aumento di

pressione provocato dalla contrazione muscolare. Se il liquido in eccesso è

abbastanza voluminoso, forma il cosiddetto linfedema: edema o accumulo di

liquido linfatico. Il sistema linfatico costituisce un flusso parallelo a quello

venoso perché origina dai tessuti corporei e si riversa nelle vene toraciche,

prima di entrare nel cuore. La linfa è costituita principalmente da acqua,

proteine, virus, batteri e frammenti di cellule morte. Lungo il percorso della

circolazione linfatica ci sono degli organi molto piccoli chiamati linfonodi che

producono gli anticorpi e servono per filtrare sostanze di scarto, virus e batteri.

Se a livello dei linfonodi ci sono dei rallentamenti del flusso, si accumula la

linfa negli spazi tra le cellule e si forma il linfedema.

LINFODRENAGGIO PER LA CELLULITE

Il linfodrenaggio è stato il primo massaggio anticellulite efficace e valido ideato

dai coniugi danesi Emil e Astrid Vodder, che partirono con il pensiero che il
ristagno dei liquidi causa la cellulite ed è dovuto a un difetto del sistema

linfatico. Nel sistema linfatico scorre un sistema di condotti che ha un percorso

quasi parallelo al sistema sanguigno, fatto di vasi, di capillari, che attraversano

speciali strutture, le stazioni linfatiche, all’interno delle quali la linfa viene

drenata e ripulita. Fa il giro del corpo per poi ritornare nel sangue all’altezza

delle fossette clavicolari poste alla base del collo dove si riversa, sterile, nei

grossi vasi venosi. Il suo compito è liberare i tessuti dagli scarti metabolici e

rimuovere il liquido in eccesso tra una cellula e l'altra. Se non scorre

correttamente le tossine si accumulano facendo rallentare gli scambi nutritivi

fra le cellule. E’ questo il terreno ideale per l’insorgere della cellulite. Perché la

linfa scorra liberamente, il massaggio, deve facilitare l’apertura delle stazioni

linfatiche e si deve eseguire un massaggio di spinta nelle zone interessate dalla

cellulite. Per prevenire e contrastare gli inestetismi tipici della cellulite può

essere utile analizzarne le cause, l’evoluzione e i rimedi.

Le cause

Rallentamento della circolazione sanguigna

Ristagno dei liquidi interstiziali (fra una cellula e l‘altra)

Ispessimento del tessuto connettivo con formazione dei primi noduli

L’evoluzione

1°stadio

La circolazione rallentata e l’eccessiva permeabilità dei capillari, unitamente a

un minor ritorno linfatico provocano ristagno dei liquidi e accumulo, fra una

cellula e l’altra, di scorie non drenate.


2° stadio

Attorno a questo accumulo si forma un intreccio di fibre di Collagene che

comprimono i capillari e ostacolano il nutrimento delle cellule adipose dando

origine ai primi noduli caratteristici della pelle “a buccia d’arancia”.

3°stadio

I noduli si aggregano in “macronoduli”, le fibre che li avvolgono si

sclerotizzano e conferiscono alla cute l’aspetto a “materasso”.

I rimedi

 L’ALIMENTAZIONE

E’ necessario adeguare la qualità e quantità del cibo alle reali necessità

dell’organismo perché un’alimentazione corretta agisce sulle cause profonde

della cellulite evitando gli accumuli e favorendo l’eliminazione dei liquidi.

 LO STILE DI VITA

Praticare uno sport con una certa continuità aiuta a bruciare i grassi.

 TRATTAMENTI COSMETICI ADEGUATI

PRINCIPALI BENEFICI

 Effetto anti dematoso: questo massaggio favorendo la circolazione

della linfa e aumentandone la velocità consente di ridurre superficie

dell’edema, sia esso d’origine linfatica che d’origine diversa.

Possono sottoporsi a questo trattamento donne nella fase premestruale,

individui che hanno subito l’asportazione della vena safena, chi è stato
sottoposto ad interventi d’urgenza sulle varici o ad una mastectomia.

Possono comunque formarsi edemi a seguito di qualsiasi intervento

chirurgico o estetico, a seguito di traumi o di forti eruzioni allergiche.

Sottoporsi ad una serie di sedute di massaggi linfodrenanti, in questi casi è

comunque da intendersi come una terapia coadiuvante e non sostitutiva

della terapia medica.

 Effetto immunostimolante: agendo sui linfonodi, questo massaggio

aumenta la resistenza dell’organismo alle infezioni, producendo una

rigenerazione sia del liquido interstiziale che di quello cellulare

garantendo una vita più lunga e più sana. In ogni caso non ci si deve

mai sottoporre a sedute di linfodrenaggio nel corso di infezioni o

patologie perché il massaggio sui linfonodi potrebbe provocare il loro

proliferarsi;

 Effetto cicatrizzante: il ripristino del corretto flusso di linfa

nell’organismo fa sì che le ferite siano idratate nella maniera corretta. La

linfa conduce con se elementi nutritivi in grado di ricostruire il tessuto e

di asportare dalla ferita tutte le sostanze irritanti.

 Effetto tonificante sulla microcircolazione: migliorando la

circolazione della linfa all’interno dei vasi, migliora anche la mobilità dei

capillari sanguigni che contraendosi con più facilità hanno una

funzionalità potenziata.

 Effetto rigenerante: sia sulle strutture ossee che sui tessuti, perché il

miglioramento della circolazione dei liquidi fornisce riparatore anche alle

zone più disidratate.


 Effetto antalgico: potenzia la funzione delle cellule inibitorie del

dolore, mettendo a tacere la sensazione dolorifica.

 Effetto rilassante e sedativo: favorisce il sonno in tutti i soggetti

particolarmente ansiosi e stressati. Dal punto di vista estetico il

linfodrenaggio combatte la ritenzione idrica e la cellulite. I due fenomeni

sono interconnessi, infatti entrambi dipendono da ristagni di liquidi

situati negli spazi interstiziali, che provocano nel primo caso dolore e

pesantezza soprattutto negli arti inferiori, e nel secondo buccia d’arancia

o vistosi noduli di grasso. L’azione del massaggio linfodrenante è molto

importante in questo senso per coadiuvare uno stile di vita sano ed

un’alimentazione corretta.

ESPERIENZA PERSONALE

I miei studi universitari seguono un percorso completamente diverso da

quello che ho scelto oggi nello specifico: ovvero essere una brava

massaggiatrice olistica. In particolare avrei dovuto svolgere un lavoro

prettamente sedentario (anche se molto creativo), ma l’unico contatto

diretto sarebbe stato appunto lo schermo di un note-book e di sicuro

tutto questo non avrebbe mai potuto rendermi completamente

appagata; Crescendo ho capito di aver l’esigenza di relazionarmi con le

persone su un livello più profondo e credo proprio che il massaggio sia il

modo perfetto per potermi esprimere in questo senso. Sento che questa

nuova strada mi porterà enormi soddisfazioni e il diploma olistico che ho

intrapreso con Oligenesi è solo l’inizio di altri bellissimi percorsi da

seguire insieme.