Sei sulla pagina 1di 3

AROMI ADDITIVI SEMILAVORATI

INGREDIENTI ALIMENTARI
Novembre/Dicembre 2017
anno 16 - numero 95
Poste Italiane spa - Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1 comma 1 MBPA NORD OVEST - n. 6/2017 - IP - ISSN 1594-0543

VIVIAM O LA TERRA

10064 PINEROLO - ITALIA - Tel. 0121393127 - Fax 0121794480 CHIRIOTTI EDITORI


info@chiriottieditori.it
Come cambia il mondo
del food retail

FOOD
DESIGN Da qualche anno assistiamo a un Si riducono gli spazi di magazzini,
A cura di fenomeno che grazie a internet e mentre i prodotti in esposizione
Paolo Barichella al mondo digitale online sta radi- diventano articoli che consentono
food designer calmente modificando la fisiono- di provare taglie, colori e modelli.
mia del mondo del food retail.
Il millenial tipo oggi entra in uno
I veri protagonisti che stanno alla store monomarca a seguito del
testa di questa rivoluzione sono i fascino subito tramite la brand
“Millenials” i quali stanno favoren- awareness, stimolata attraverso
do la diffusione a macchia d’olio sollecitazioni che provengono da
del modello 4.0 nel sistema retail. molteplici canali di comunicazione.

Ciò a cui stiamo assistendo Una volta entrato, prova i prodotti


mostra come i negozi monomarca che la marca propone e che il ne-
e i flagship store sempre più si gozio espone, invia foto via social
trasformino in show room dove network in tempo reale ad amici
trasferire a chi entra il concetto con i prodotti indossati o nelle sue
di brand experience. Locali dove mani per testarne il gradimento,
spesso e volentieri, per creare dopodichè tramite lo smartphone
un modello che porta i clienti procede all’acquisto online control-
a stazionare il più possibile, vi lando il miglior prezzo superscon-
trovano spazio il bar e il food sotto tato e le relative offerte proposte
forma di proposte tematiche di dalle varie piattaforme globali
ristorazione. dell’e-commerce specializzate
nel consegnare a casa il prodotto
entro una giornata.

Il negozio quindi cambia il tipo


di servizio passando da punto
vendita, a punto sul territorio dove
provare i prodotti, con l’ulteriore
vantaggio di uscire dallo store sen-
za dover andare in giro con borse e
sacchetti.

Se nel monomarca la logica fun-


ziona perché oltre a fare brand,
di fatto il produttore, anche se
attraverso canali diversi dal solo
punto vendita effettua comun-
que la vendita, viceversa, cosa

18 ingredienti alimentari - xvi (2017) - dicembre


food design

ben diversa è ciò che succede nei


multimarca, che subiscono gravi
perdite derivanti dal fatto che
sono esclusivamente distributori e
non produttori. Di fatto sempre più
spesso si trovano nella scomoda
situazione di offrire il servizio di
prova del prodotto senza ricavarne
poi il vantaggio della vendita.

Come impatta invece il mondo dei


millenials nel settore Food?

Al momento il modello è molto


sviluppato in logica 3.0 attraverso
totem di prenotazione e menu su
tablet forniti ai clienti per l’ordina- se il prodotto piace il cliente si ne del cliente il giorno dopo, ma
zione. fidelizza e torna per consumarlo anche acconsentire di accedere
e acquistarlo per farlo entrare nel con il proprio smartphone al menu
La grande differenza tra il retail tempo a far parte della propria lista per ordinare i prodotti del bar o
3.0 e il 4.0 è che nel primo è dei “trust must have”. Solo in quel del ristorante e pagare attraverso
l’ospite a interagire con la tecno- momento avviene il fenomeno di il cellulare con tutti i sistemi oggi
logia presente nel punto vendita, fiducia acquisita che garantisce disponibili online.
mentre nel 4.0 avviene il contrario, l’acquisto anche attraverso il canale
è il punto vendita con tutti i suoi online. Inoltre, la somministrazione Tutto questo per dare un servizio
sistemi perlopiù in cloud, come e il consumo, tranne nel caso in sempre più al passo con le nuove
gestionale, ordini e CRM, a inte- cui il prodotto venga consegnato a abitudini che il mondo della comu-
ragire sull’hardware degli ospiti, domicilio sempre grazie a sistemi nicazione in mobilità ha determi-
nello specifico smartphone e tablet 4.0, avvengono sul posto dove ci nato e riuscire a farlo trasferendo i
di proprietà dei clienti. Essendo si trova. La vendita può avvenire in vantaggi che il brand porta all’in-
beni di consumo non durevoli differita, ma il tasting è il meccani- terno del suo sistema di retail per
come negli altri comparti, nel food smo chiave per valutare il prodotto creare il senso di appartenenza, il
il processo è più lento, ma altret- e scegliere se entrare poi a far vero e proprio concetto di lifestyle.
tanto efficace. Questo incontro- parte della community di amatori
vertibile trend si sta assestando di quel prodotto. Il sistema funziona se tutto è
anche all’interno dei nuovi format integrato alla perfezione in modo
di ristorazione modificando le La tecnologia negli store 4.0 è tale da creare sensazioni positive
abitudini di consumo, di acquisto, perlopiù nascosta e serve per e uno stato d’animo trasmesso a
di pagamento e di consegna. dialogare in modo diretto con il chi entra nel mondo di ... e ci vorrà
cliente offrendogli servizi estrema- ritornare, perché lo sente adatto
Uno degli aspetti fondamentali di mente evoluti attraverso l’utilizzo al suo modo di essere e di vivere.
cui tenere conto nello sviluppo è del proprio device. Sistemi estremamente efficaci e
che nel food esiste un meccani- all’avanguardia per determinare un
smo primordiale che non verrà mai Caricabatterie a induzione integrati senso di fiducia verso i prodotti e
meno, anche in piena epoca con nei tavoli per ricaricare “cableless” il brand.
ritmi dettati dalle nuove tecnologie. gli smartphone dei clienti, anten-
ne RFID che dialogano attraverso Solo in questo modo è possibile
Già, nel food esiste ancora il NFC per favorire il link diretto creare l’experience, qualcosa di
meccanismo dell’assaggio come è all’acquisto di un prodotto in scientifico che pochi sono in grado
sempre stato nei mercati di quar- vetrina che poi verrà consegnato di controllare e replicare di cui parle-
tiere, provare per credere... e poi direttamente presso l’abitazio- remo nel prossimo appuntamento.

ingredienti alimentari - xvi (2017) - dicembre 19