Sei sulla pagina 1di 57

FROZEN IL REGNO DI CHIACCIO

Proposta di musical

1.1 Prologo
1) Balletto del ghiaccio
E’ un balletto.
Entrano poi le Fate del Nord e quasi immobili cantano.

2) CUORE DI GHIACCIO
Quando il vento avvolge i monti
con il suo gelido abbraccio
l'unione forma un cuore freddo
dal quale nasce il ghiaccio

Spaccato in due mostrerà


quello che l'uomo ancora non sa
spezza il cuore a metà
ed ognuno saprà
qual è la verità...

Ehi tu! Vieni qui, tira su...


Ehi, tu! Vieni qui, tira su...

Lucido!
Splendido!
Solido!
Puro!

Fai attenzione al suo lato oscuro


vince con te, vince con noi
vince con duemila eroi...

Quando il vento avvolge i monti


col suo gelido abbraccio
l'unione forma un cuore freddo
dal quale nasce il ghiaccio

Spezzalo in due, mostrerà


quello che l'uomo ancora non sa
dividi il cuore a metà
ed ognuno saprà
che forza enorme ha...
Le ballerine, una aa una, si trasformano in statue insieme alle fate del Nord.
Buio.
1
1.2 Il castello. Elsa e Anna bambine.
Sullo sfondo una grande porta. Elsa dorme. Anna entra con cautela e quatta quatta si avvicina alla sorella per
svegliarla.
ANNA BAMBINA:
Elsa! Psss!
ELSA BAMBINA
Ancora dormendo
MMMM
ANNA BAMBINA
Elsa! Sveglia, sveglia sveglia!
ELSA BAMBINA
Con voce insonnolita
Anna, torna a dormire
ANNA BAMBINA
Non ce la faccio! Si è svegliato il cielo, perciò sono sveglia! Dobbiamo giocare!
ELSA BAMBINA
Scansando la sorella
Va a giocare da sola
ANNA BAMBINA
Senza lasciarsi scoraggiare
Lo facciamo un pupazzo di neve?
Elsa apre gli occhi divertita, la sorella ha vinto!
ANNA BAMBINA
Corri corri corri corri!
ELSA BAMBINA
La guarda con affetto e sorride. Si alza e vanno al centro del palco.
ANNA BAMBINA
Fa una magia, fa una magia!!!
Elsa comincia a muovere le mani
ANNA BAMBINA
Oooh
ELSA BAMBINA
Pronta?

2
ANNA BAMBINA
Mm
Elsa inizia a fare figure di ghiaccio. Compare Olaf.
ANNA BAMBINA
E’ stupendooooo!!!
Anna ride e saltella intorno alla sorella.
ELSA BAMBINA
Scimmiottando la voce di un adulto
“Ciao io sono Olaff ed amo i caldi abbracci”
ANNA BAMBINA
Ti adoro Olaff!!!
Anna abbraccia e gioca con Olaff. Le due sorelle cominciano a giocare insieme con i fasci di ghiaccio creati da
Elsa
ELSA BAMBINA
Presa!
ANNA BAMBINA
Non ancora!
ELSA BAMBINA
Ora!
Elsa lancia un getto di ghiaccio e colpisce la sorella alla testa. Anna cade a terra. Olaf si spaventa e esce.
ELSA BAMBINA
Anna!!
Rendendosi conto che la sorellina non rinviene
Madre!! Padre!! Tranquilla Anna: ci sono io!
E’ stato un incidente. Mi dispiace Anna!
Compaiono sullo sfondo le Fate del Nord. Stavolta si avvicinano alle bambine. Hanno un atteggiamento
solenne.

3) Le fate del nord. Guarire la mente dal gelo.


Buio.

1.3 Il castello. Elsa e Anna divengono giovani donne.


Lo sfondo centrale è una grande porta. E’ la porta della camera di Elsa. Entra Anna a sei anni.

4) FACCIAMO UN PUPAZZO DI NEVE


ANNA BAMBINA
Bussa alla porta
3
Elsa?
Sei già in piedi oppure dormi?
Giochiamo insieme dai
da quando non ti vedo più mi sento giù
mi manchi molto, sai?
Noi siamo tanto amiche, o forse no
che cosa ti ho fatto mai?
Se tu vuoi spiegarmi come
faremo un bel pupazzo insieme.
ELSA
Voce fuori campo
Vattene via, Anna!
ANNA BAMBINA
Ok ciao
Anna esce. Si proietta una enorme, buia camera. Torna a vedersi la porta della camera di Elsa. Entra Anna
adolescente.
ANNA ADOLESCENTE:
Sei già sveglia oppure dormi?
Vuoi fare un giro insieme a me?
Mi annoio troppo, non ne posso più
parlare ai quadri non diverte poi granché (ferma Giovanna!)
Indicando un quadro con Giovanna d’Arco
giochiamo con la neve o con quel che vuoi
ma esci, ti prego, dai.
Silenzio. Anna adolescente esce. Si proietta la camera di Elsa in pieno inverno. Di nuovo la porta di Elsa.
Entra Anna adulta, ma passa ormai davanti alla porta della sorella senza bussare. Poi torna indietro e si
ferma davanti alla porta.
ANNA:
Elsa, puoi lasciarmi entrare?
Prima eri sempre accanto a me
vorrei capire perché proprio tu
non puoi avermi più insieme a te
ed ora che faremo?
Siamo sole ormai
4
quale conforto avrò?
Anna si inginocchia davanti alla porta di Elsa
Ora tu mi manchi troppo...
Sullo schermo viene proiettato il ghiaccio che promana da Elsa all’interno della sua camera. Buio.

1.4 Davanti al castello. Kristoff ed Emma


EMMA
Chissà perché le principesse non escono mai dal castello…
KRISOFF
E che ti importa?
Incurante
EMMA
Chissà com’è vivere rinchiusi in un castello…
KRISTOFF
Con la bocca piena
Io non potrei mai vivere rinchiuso in un castello, io…
EMMA
Interrompendolo
Tu preferisci le stalle…
Prendendolo in giro per come mangia
Perché sei un maialino!
KRISTOFF
Piccato
Non sono un maialino
EMMA
Certo che lo sei!
Per questo mi piaci!
Ride
KRISTOFF
Sempre piccato, ma per scherzo
Tu invece non mi piaci per niente!
Sei un maschiaccio!! Un attaccabrighe!
Si intenerisce
Sei… sei la mia migliore amica.
5
EMMA
La tua unica amica.
Perché un bifolco, ignorante, vandalo, troll…
Non può avere amici!
KRISTOFF
Certo! Solo un’orchessa può essere amica di un troll!
Le da una pacca sulla spalla. Entrano il Conte e il Duca
DUCA
Messere!
Come potete trattare così la vostra pur…
Si trattiene un secondo di troppo per nascondere il ribrezzo
La vostra pur…
Si ricompone
Nonostante tutto è vostra moglie e le dovete rispetto!
CONTE
Ecco!
KRISTOFF
Li guarda sbalordito. Non capisce.
Non… non è mia moglie!
CONTE
Non è la vostra consorte?
Si guardano interdetti. Poi prende le punta delle dita di Emma con galanteria
In ogni caso madamigella merita d’esser trattata con cortesia, messere.
Non a pacche sulle spalle!
EMMA
Compiaciuta
Ecco. Diteglielo messere al buzzurro, qui.
DUCA
Sebbene…
Codesta familiarità… in una pubblica piazza…
EMMA
Piccata
Cosa volete dire?
DUCA
Che una gentildonna non… non…

6
KRISTOFF
Serio
Signore, siamo gente semplice, ma non amiamo essere insultati
CONTE
Più conciliante. Prende il Duca e lo porta via.
Nessuno vuole insultare nessuno.
A bassa voce. Al Duca
Ma non vedete con chi avete a che fare?
Non si sa mai come possono reagire!
Sono il volgo. Non vanno provocati, vanno guidati!
Uscendo. Ad alta voce a Kristoff e Emma
Sareste comunque una bella coppia!
Escono
EMMA
Io non voglio sembrare tua moglie!
KRISTOFF
Non lo sei!
EMMA
La gente pensa che ce la intendiamo!
KRISTOFF
Possono pensare quello che vogliono!
Le prende le mani. Serio
Tu sei la mia amica.
Ti voglio bene.
Niente di più.
Niente di meno.
EMMA
Sorride
Amen!
Si prendono per mano e escono. Buio

5) Le fate del Nord. Passano gli anni e arriva il momento di regnare.

1.5 Il castello. IL risveglio di Anna e Elsa


La camera di Elsa.

7
CAMERIERE
Principessa!
ANNA
Sbadigliando
Eh? Si?
CAMERIERE
Chiedo scusa se vi ho svegliata
ANNA
Ancora sbadigliando
No no no, niente, sono sveglia da ore
Fa per riaddormentarsi e poi si risveglia di botto
ANNA
Chi è?
CAMERIERE
Sono sempre io altezza. Presto le porte saranno aperte, dovete prepararvi
ANNA
Ma certo
Ancora insonnolita
Prepararmi per cosa?
CAMERIERE
C’è l’incoronazione di vostra sorella!
ANNA
Ancora non rendendosi bene conto
L’incoronazione di mia sorella …
Guarda l’abito nuovo appeso al manichino
AH! C’è l’incoronazione
Finalmente si rende conto e salta giù dal letto, si veste in fretta e si infila i fermagli nei capelli. Il cameriere esce.

6) OGGI PER LA PRIMA VOLTA


ANNA
La luce che irrompe fin quassù
credevo che non accadesse più,
non ho mai visto tanti piatti qua!
Ormai da tempo immemore

8
qui non si vede un ospite
oggi quel cancello si aprirà...

Quanta gente incontreremo,


in quell'enorme via vai,
mi sento emozionata più che mai!

Questa è la vita che volevo!


Niente mura da guardare...
Avrò quello che sognavo,
oggi io potrò ballare!

Non posso sopportare l'attesa,


Penso che forse impazzirò!
Però stasera di sicuro
mi divertirò!

Incontrerò tutti non vedo l'ora,


e se incontrassi quello giusto?

Avrò uno splendido abito


semplice ma bellissimo
ammireranno tutti quanti me!
E poi d'improvviso lui è lì
nessuno è più bello di così
E' meglio se mi butto sul buffet...

Staremo insieme fino all'alba


lui s'innamorerà,
Solo che ancora non lo sa!

Oggi per la prima volta


proprio come per magia
ho la vita che sognavo
9
per una notte in mano mia...

E' un'idea del tutto pazzesca


mi sembra folle ma...
Credo di avere per davvero
un'opportunità!
In un angolo del palco si accende una luce su Elsa, davanti a uno specchio.
Elsa
Non dire mai la verità,
se sei brava nessuno lo saprà!
Celare, domare...
perché io so che è un segreto
e lo proteggerò!
ELSA
Proprio oggi tuttavia...
ANNA
Quest'oggi tuttavia...
Elsa
...l'attesa è un'agonia...
ANNA
... l'attesa è un'agonia...
ELSA
... ma oramai lo show avrà il via!
ANNA
... il via!!
ANNA
Oggi per la prima volta
ELSA
Non dire mai la verità!
ANNA
La vita forse cambierà

10
ELSA
Se sei brava nessuno lo saprà!
ANNA
Finora ero sola ma...
ELSA
Celare!
ANNA
da oggi chi lo sa?
ELSA
Dovrai soffrire ancora un po'!
ANNA
E' un giorno da ricordare,
sono certa che lo sia!
E so che per la prima volta
quella vita che sognavo
oggi sembra mia!
Si spengono le luci su Elsa, che esce. Anche Anna esce correndo, piena di entusiasmo.

1.6 Fuori dal castello. L’incontro con Hans


Con lo stesso entusiasmo torna in scena Anna. Dalla parte opposta entra Hans. Si scontrano,
ANNA
Hey!
HANS
Sono desolato! Si è fatta male?
ANNA
Ciao, ehm, io, no no, tutto bene.
HANS
Sei sicura?
ANNA
Si, non guardavo dove mettevo i piedi, ma vado…alla grande!
HANS
Oh, grazie a al cielo!
Lui le offre la sua mano e i loro occhi si incontrano: è un colpo di fulmine!

11
La aiuta ad alzarsi.
HANS
Inchinandosi
Principe Hans delle Isole del Sud.
ANNA
Principessa Anna di Arendelle.
HANS
Principessa? Milady!
Inchinandosi frettolosamente, inciampa e cade su Anna. Imbarazzo.
ANNA
Sotto Hans
Ciao! Sono sempre io
HANS
Alzandosi precipitosamente
Oh perbacco!
ANNA
Imbarazzante ..o meglio, no, non TU, sono io che sono imbarazzante, tu sei bellissimo!
Aspetta… che?

Si sorprende delle sue parole. Hans si rialza in fretta ed aiuta Anna ad alzarsi.
HANS
Mi scuso per aver urtato la principessa di Arendelle e per quanto è successo da allora.
ANNA
Oh No, no, no: non fa niente!
Non sono quel tipo di principessa.
Se avessi urtato mia sorella Elsa sarebbe stato… oh mamma!
Perché lei è… ma, per tua fortuna, sono solo io.
HANS
Solo tu?
Si guardano intensamente. Poi un rintocco di campana.
ANNA
Le campane, l’incoronazione! Io…ohi!
Meglio che vada… io… meglio che vada… aaaddio!
Hans resta per un attimo impalato poi, con passo goffo, decide di seguirla.

12
1.7 Il salone delle feste. L’INCORONAZIONE
Sullo sfondo una vetrata. Coro che canta.
Il vescovo incorona Elsa, mentre Anna, posizionata a fianco della sorella, saluta Hans che si trova tra gli
astanti.
Il Vescovo porge ad Elsa il cuscino con lo scettro e il globo e le fa segno di togliere i guanti.
Elsa esita. Poi toglie i guanti e prende lo scettro e il globo, si volta verso i presenti e solleva i due oggetti, mentre il
vescovo recita una preghiera. Poi, accorgendosi che il ghiaccio si cristallizza sul globo, li ripone frettolosamente sul
cuscino infilando nuovamente i guanti.
LA FOLLA
ELSA REGINA DI ARENDELLE! EVVIVA!!!
Elsa viene accompagnata fuori.
CERIMONIERE
Si dia inizio ai festeggiamenti!
Si interrompe il coro ed inizia una mazurka. Gli astanti iniziano a ballare.
BIMBO
Perché devo vestirmi così?
SIGNORA
Perché è’ il giorno dell’incoronazione!!
BIMBO
Beh non è colpa mia!
DUCA
Hai visto lo sguardo della principessa?
CONTE
Ho visto solo quanto è bella!
DUCA
Hai notato il suo tremore quando il vescovo le ha porto lo scettro?
Dobbiamo tenere gli occhi aperti!
Arendelle è un nostro importante alleato.
Non possiamo permetterci la sua debolezza.
Non che le donne non sappiano usare il pugno di ferro, anzi.
Si guarda intorno quasi timoroso che compaia Emma la vendicatrice. Si ricompone.
Ma questa principessa nasconde qualcosa.
CONTE
Ironico
Nasconde i forconi della rivoluzione!

13
DUCA
Irritato
Voi ridete. Ma l’ordine e la disciplina sono l’unica garanzia del benessere di tutti.
Anche dei villani!
CONTE
Scimmiottandolo.
L’ordine! La disciplina! Proteggiamo i villani!
Chi non lo capisce è un cretino! Un deficiente!
CERIMONIERE
Interrompendolo
La regina di Arendelle: Elsa!
Elsa avanza e si inchina
e la principessa di Arendelle: Anna!
Anna arriva correndo e saluta gli invitati imbarazzata, facendo ciao con la mano. Il cerimoniere le fa cenno di
posizionarsi accanto alla sorella.
ANNA
Uh, sicuro? Perché non credo che dovrei… d’accordo!
Squillo di trombe e applauso del pubblico.
ELSA
Alla sorella
Salve
ANNA
Salve… a me? Oh, Ehm…salve!
ELSA
Sei molto bella
ANNA
Grazie!!!! Tu sei spaventosamente bella…non nel senso “da spavento” solo…più bella.
ELSA
Allora…è così il ricevimento.
ANNA
E’ più caldo di quanto pensassi.
ELSA
Cos’è questo profumino invitante...??
Inspira vistosamente, e anche Anna

14
INSIEME
Cioccolato!!!
Scoppiano a ridere.
CERIMONIERE
Presentando il duca e il conte
Vostra maestà, il conte di Gastaland e il duca di Waselton
DUCA
Risentito
Wiselton!

Poi avanzando e rivolgendosi ad Elsa


Duca di Wilselton vostra maestà.
Come vostro maggiore alleato commerciale, mi sembra quanto meno doveroso invitarvi al
primo ballo da regina.
Con un complicato movimento si inchina…e con lui si rovescia anche il parrucchino.
Anna ed Elsa si portano le mani alla bocca per evitare di scoppiare a ridere, poi Elsa
ELSA
Grazie, purtroppo non ballo
CONTE
Prendendola per il braccio
La regina di Arendelle è certamente una meravigliosa ballerina
Iniziano a ballarte
DUCA
Prende Anna per un braccio
Fanciulla fortunata!
ANNA
Sottovoce
Io non credo
DUCA:
Trascinandola in pista
Se svanite avvertitemi… vi prenderò in braccio!
Il Duca saltella orribilmente intorno ad Anna, che cerca di fare buon viso a cattivo gioco.
DUCA
Come un agile pavone!
A proposito è splendido che abbiate aperto le porte: perché sono state chiuse tanto a lungo?
15
Ne conoscete la ragione?
Sguardo inquisitorio, avvicinandosi al volto della ragazza
ANNA
No
DUCA
No? Va bene, come non detto
CONTE
Fa fare un caschè spericolato ad Elsa
Non per niente mi chiamano il reuccio del caschè!
Finito il ballo le sorelle si avvicinano.
ELSA
Beh, molto agile eh?
ANNA
Si, specie per un uomo con i tacchi!
Massaggiandosi i piedi
Sai io non mi sono mai sentita meglio: è così bello, vorrei tanto che fosse così sempre!
ELSA
Anch’io
Poi Elsa subito si rabbuia
ELSA
Ma non posso
ANNA
Perché no? Insomma
Si avvicina ma Elsa si scosta
ELSA
Non posso e basta
Anna si scosta e con voce affranta e offesa
ANNA
Scusa, con permesso
Si fa largo tra gli invitati e di nuovo inciampa. Una mano la trattiene: è Hans.
HANS
Ti ho presa, grazie al cielo.
ANNA
Hans!

16
La rimette in piedi e la conduce in pista a ballare. Lentamente le luci e la musica sfumano ed escono tutti. Una
luce illumina le fate del nord.

7) Le fate del nord cantano E’ una storia sai.


È una storia sai
Vera più che mai
Oggi amici e poi
Uno dice noi
Tutto cambia già.

È una realtà
Che spaventa un po'
Una poesia
Piena di perché
E di verità.

Ti sorprenderà
Come il sole a est
Quando sale su
E spalanca il blu
Dell'immensità.

Stessa melodia
Nuova armonia
Semplice magia
Che ti cambierà
Ti riscalderà.

Quando sembra che


Non succeda più
Ti riporta via
Come la marea
La felicità.

Ti riporta via
Come la marea
La felicità.
Anna e Hans si svegliano come da un sogno. Ma solo per un istante: non si vogliono svegliare. Non smettono di
guardarsi negli occhi. Dopo diversi secondi di sguardo:
HANS
Che cos’hai lì?
Indicando il ciuffo di capelli bianchi
ANNA
Ci sono nata, anche se ho sognato di essere stata baciata da una Fata del Nord

17
HANS
Interessante!
ANNA
Scusa, quanti mi dicevi che sono i tuoi fratelli?
HANS
12, tutti più grandi di me. Tre di loro hanno finto che io fossi invisibile, letteralmente, per 2
anni.
ANNA
E’ orribile!
HANS
I fratelli fanno così
ANNA
Anche le sorelle. Elsa e io eravamo così unite da piccole, ma poi, un giorno, mi ha esclusa dalla
sua vita e… non ho mai saputo perché
Parte la base della canzone “La mia occasione”
HANS
Io non ti escluderei mai dalla mia vita
ANNA
Ecco vorrei, posso dire una follia?
HANS
Amo le follie!

8) LA MIA OCCASIONE
ANNA
Ho sperato molte volte in qualcosa per me
Come un fulmine sei comparso tu
HANS
E' la stessa cosa che penso io! Perché.
Non avevo mai trovato un posto finche'
all'improvviso una speranza, o qualcosa di piu'
ANNA
Ma se noi (Ma se noi)
HANS
stiamo insieme

18
ANNA
mi sento bene
ANNA E HANS
Ed è facile adesso che io so.
Che occasione ho
Che occasione ho (ho)
Che occasione ho con te (con te) con te (con te!)
Che occasione ho
HANS
Non trovi strano?
ANNA
Cosa?
HANS
Sentirsi davvero
ANNA
simili
HANS
Stavo per dirlo io!
ANNA
E' bello accorgersi
ANNA E HANS
che sono uguale a te
Flic! Flic di nuovo!
Abbiamo fatto un duetto, che sembra proprio perfetto
HANS
Tu
ANNA
ormai
HANS
lo

19
ANNA
sai
ANNA E HANS
più di me
ANNA
Di' addio (Di' addio)
ANNA E HANS
alla malinconia
Tutto cambia ora che io so.
Che occasione ho
Che occasione ho (ho)
E non ti lascerò
ANNA
mai più
HANS
perché
ANNA
lo so
HANS
che tu
ANNA E HANS
sei tutto cio' che ho (ho)
HANS
Posso dire una follia?
ANNA
Si
HANS
Vuoi sposarmi?
ANNA
Posso dire una follia ancora più folle? Si!
Buio.

20
1.8 Il salone delle feste.
Rientrano nella sala da ballo tenendosi per mano e facendosi largo a fatica tra la folla. Elsa si sta
trattenendo con alcuni invitati.

ANNA
Elsa!
Poi quasi ripensandoci
Voglio dire… Regina! Sono sempre io.
Poi solenne
Posso presentarvi il Principe Hans delle Isole del Sud
HANS
Inchinandosi
Maestà!
Elsa accenna un inchino con la testa
HANS ED ANNA
Noi vorremmo… ehm… la vostra benedizione… per… il nostro matrimonio!
Accoccolandosi
ELSA
Che? Matrimonio?
ANNA
Siiii
ELSA
Perdonate, sono confusa
ANNA
Beh, anche noi, dobbiamo ancora decidere dei dettagli…
Ci vuole ancora qualche giorno per organizzare la cerimonia:
certo ci sarà la zuppa, l’arrosto, il gelato…aspetta!
Rivolgendosi ad Hans
ma vivremo qui?
ELSA
Non riesce a controllarsi
Qui?
HANS
Vede solo Anna
Assolutamente si!

21
ELSA
Anna!
ANNA
Vede solo Hans
Ehi, potremmo invitare i tuoi 12 fratelli a stare con noi!
ELSA
No no no no! Calma, un momento! Qui non viene a stare nessuno, e non ci sarà alcun
matrimonio.
ANNA
Aspetta, che?
ELSA
Posso parlarti per favore… in privato?
ANNA
No! Quello che devi dire, puoi dirlo a tutti e due.
ELSA
Va bene: non puoi sposare un uomo che conosci appena.
ANNA
Puoi, se è vero amore
ELSA
Anna, che cosa sai tu del vero amore?
ANNA
Beh, molto più di te! Tu sai solo chiudere le porte in faccia!
ELSA
Oh… avete chiesto la mia benedizione, e la mia risposta è no.
E ora, con permesso.
Fa per andarsene
HANS
Maestà! Se potessi chiarire con voi…
ELSA
Non puoi, ed io ritengo che tu debba andare.
Mentre se ne va
La festa è finita, chiudete le porte.
ANNA
Cosa? Elsa no! No aspetta!
La trattiene per un braccio e così facendo le sfila il guanto

22
ELSA
OH! Ridammi il guanto!
ANNA
Rigirando e stringendo il guanto nelle mani
Elsa ti prego, ti prego, non posso più vivere così !!!! Io…
ELSA
Allora vattene!
Riprende ad andarsene verso il portone.
ANNA
In lacrime
Ma che cosa ti ho mai fatto???
ELSA
Con voce sofferente
Basta Anna!
ANNA
Ma perché? Perché mi respingi?? Perché respingi tutti? Di che cosa hai tanta paura?
ELSA
HO DETTO BASTA!!
Voltandosi lancia un getto di ghiaccio. Tutti sono sconvolti e si rincorrono esclamazioni “Ma che cosa ha fatto?”
“Cos’è?” “E’ una magia?”
DUCA
Stregoneria! Sapevo che c’era sotto qualcosa di losco.
ANNA
Hans!
Elsa scappa in mezzo alla folla sempre più agitata.
DONNA
Vostra maestà, state poco bene?
ELSA
Io…
Elsa si appoggia alla fontana ma questa si ghiaccia in maniera spettacolare.
DUCA
Fermatela!
ELSA
Vi prego state lontani da me, state lontani!

23
Ma un getto di ghiaccio improvviso esce incontrollato dalle mani di Elsa, mancando per un pelo il duca, che viene
scagliato a terra dalla violenza del colpo.
DUCA
Mostro! Mostro!
Elsa riprende la sua corsa e scappa.
ANNA
Elsa!
Prova ad inseguire la sorella ma scivola.
ANNA
Elsa fermati!
Elsa esce. Hans raggiunge Anna e si china su di lei.
HANS
Ti senti bene?
ANNA
No
HANS
Tu lo sapevi?
ANNA
No.
DUCA
Oh guardate, nevica, sta nevicando!
La regina ha maledetto questa terra, dev’essere fermata! Dobbiamo inseguirla!
ANNA
Aspetti! No!
DUCA
Voi?! Siete una strega anche voi?
CONTE
Siete un mostro anche voi?
ANNA
No! No che dite? Sono una persona comune!
HANS
Poggiandole una mano sulla spalla
Si! Comune, è vero…ehm, ehm, in senso buono.
Sorride ad Anna

24
ANNA
E mia sorella non è un mostro!
DUCA
Stava per uccidermi!
HANS
Siete scivolato sul ghiaccio.
DUCA
Il SUO ghiaccio!
ANNA
E’ stato un incidente! Era spaventata, non voleva farlo.
Non voleva fare niente di tutto questo.
Stasera è stata colpa mia: l’ho esasperata, perciò sono io che devo andare a cercarla adesso.
DUCA E HANS INSIEME
Che cosa?
ANNA
Partirò oggi stesso alla ricerca di mia sorella!
HANS
Anna no! E’ troppo pericoloso.
ANNA
Elsa non è pericolosa. La ricondurrò qui e sistemerò tutto.
HANS
Vengo con te.
ANNA
No, devi restare qui. Per governare Arendelle.
HANS
Sul mio onore.
ANNA
Rivolta alla folla
Lascio il principe Hans in carica.
HANS
Sei certa di poterti fidare di lei? Non voglio che ti faccia del male.
ANNA
E’ mia sorella. Non mi farebbe mai del male.
Esce.
Buio.

25
1.9 La montagna ghiacciata
Elsa ha raggiunto la montagna e cammina su un manto di neve (macchina del fumo?), avvolta dalla tempesta.

9) ALL’ALBA SORGERO’
La neve che cade sopra di me,
copre tutto col suo oblio,
in questo remoto regno,
la regina sono io.
Ormai la tempesta nel mio cuore irrompe già,
non la fermerà la mia volontà.
Ho conservato ogni bugia,
per il mondo la colpa è solo mia.
Così non va,
non sentirò… un altro no!
D’ora in poi lascerò,
che il cuore mi guidi in po’,
scorderò quel che so,
e da oggi cambierò.
Resto qui,
non andrò più via.
Sono sola ormai,
da oggi il freddo è casa mia!
A volte è un bene, poter scappare un po’,
può sembrare un salto enorme,
ma io lo affronterò.
Non è un difetto, è una virtù,
e non la fermerò mai più.
Nessun ostacolo per me, perché…
…d’ora in poi troverò la mia vera identità,
e vivrò, sì, vivrò,
per sempre in libertà.
Se è qui il posto mio,
io lo scoprirò.
Il mio potere si diffonde intorno a me.
Il ghiaccio aumenta e copre ogni cosa accanto a sé.
Un mio pensiero cristallizza la realtà.
Il resto è storia ormai, che passa e se ne va!
Io lo so, sì lo so,
come il sole tramonterò,
perché poi, perché poi
all’alba sorgerò!

26
Ecco qua, la tempesta che,
non si fermerà.
Da oggi il destino appartiene a me.
Elsa Esce. Buio
Entra Anna che procede a fatica sulla neve alta alla ricerca della sorella. Kristoff e Emma la osservano tra lo
stupito e il divertito
ANNA
Elsa! Elsa! Elsa sono io, Anna, la tua sorellina che non voleva farti congelare l’estate.
Mi dispiace, è tutta colpa mia!
Certo niente di tutto questo sarebbe successo se lei mi avesse rivelato il suo segreto.
Che altezzosa!
Come al solito, scivola
Neve, doveva essere neve,
lei non poteva certo avere una magia tropicale che ricoprisse il fiordo di sabbia bianca e
caldo…..
Esce Anna. Entrano Kristoff e Emma

10) Un regno ghiacciato


KRISTOFF
Giocano i sovrani con la neve
Beati loro
Ma per me non c’è più lavoro
Eppure incanta
Questo ghiaccio straordinario
Questa magia di forme
Splendide e terribili
Evocano sogni
E l’incubo che manchi il pane

Entra Anna (durante la canzone). Ascolta interessata. Alla fine dice
ANNA
Bel duetto!
KRISTOFF
Sorpreso
Chi sei tu? Che vuoi?

27
ANNA
Determinata
Sono la regina di Arendelle. Voglio che mi porti sulla montagna del nord!
KRISTOFF
Io non ti porto da nessuna parte.
Anna è sconcertata e affranta
EMMA
Le si avvicina e in confidenza
Io userei un’altra formula
ANNA
Sostenuta
Sono la regina!
EMMA
Allora arrangiati con lo scettro.
ANNA
Sostenuta
Una regina non…
Guarda Kristoff, poi Emma. Velocemente si getta ai piedi di Kristoff
Portami sulla montagna del Nord! ...per favore
Kristoff la guarda con sospetto
ANNA
Senti, io so come fermare l’inverno.
KRISTOFF
Cosa?
Gli piacerebbe crederci, ma è impossibile.
EMMA
Una lo ha provocato… magari l’altra lo farà finire
A Kristoff passa per la mente che forse…
ANNA
Oppure potrai continuare a cercare di vendere il tuo ghiaccio in un eterno inverno…
KRISTOFF
Si decide.
Ho una slitta fantastica!

28
ANNA
Siiii!
Emma e Anna battono il cinque, ma Emma è un po’ convinta e un po’ preoccupata.
Escono tutti
Buio.
Urla di Kristoff Emma e Anna. Hanno perso il controllo della slitta.
Silenzio.
Le luci si riaccendono su Kristoff Emma e Anna siedono sconsolati attorno ai rottami di una slitta distrutta.
ANNA
Guardando desolata i rottami
Ohh, ….ti ricomprerò la slitta e quello che c’era dentro e…capirò se non vorrai aiutarmi più.
Kristoff è sotto shock. Emma a gesti lo invoglia a consolare Anna. Non se ne parla.
KRISTOFF
Uhm, certo che non voglio aiutarla più, anzi, tutta questa storia mi ha convinto a non aiutare
più nessuno
EMMA
Ma lei morirà da sola
KRISTOFF
Me ne farò una ragione
EMMA
Ma non avrai la slitta nuova se lei morirà..
KRISTOFF
A volte non mi piaci proprio!
EMMA
Ha vinto
Prova ad essere gentile, una volta.
KRISTOFF
Ci prova. Ma evidentemente non è convinto.
E… dimmi… come mai la regina ha avuto questa crisi agghiacciante?
ANNA
Ah beh, anche questo è stato tutta colpa mia.
Mi sono fidanzata, e lei si è subito infuriata perché lo avevo appena conosciuto, sai, quello
stesso giorno, e ha detto che non avrebbe benedetto il matrimonio e..
KRISTOFF
Ci ha provato, ma è proprio impossibile
29
Scusa, hai conosciuto un uomo e ti ci sei fidanzata nello stesso giorno?
ANNA
Come se non fosse mai stata interrotta
Si, comunque, io mi sono arrabbiata e lei si è arrabbiata,
e così voleva andar via, e io le ho strappato il guanto…
KRISTOFF
Scandendo tutte le parole e con aria di chi non concepisce una cosa del genere
Un momento, vuoi dirmi che hai conosciuto un uomo e ti sei fidanzata con lui in quello stesso
giorno?
ANNA
Sta raccontando la cosa più naturale del mondo
Si, presta attenzione!
Ma il fatto è che lei indossa i guanti sempre, perciò credevo che fosse fissata con lo sporco!
EMMA
I tuoi genitori non ti hanno messo in guardia contro gli sconosciuti?
ANNA
Ssi, certo!
incrociando le braccia
Ma Hans non è affatto uno sconosciuto!
KRISTOFF
Ah si? E qual è il suo cognome?

ANNA
Delle Isole del Sud
KRISTOFF
Cibo preferito?
EMMA
Immediatamente
Stufato di fagioli! Con tutte le sue conseguenze
Ride
ANNA
Irritata
Le tartine
KRISTOFF
Nome del suo migliore amico?

30
EMMA
Finta(?) arrabbiata
Niente scherzi, baby.
ANNA
Ancora più irritata
Probabilmente Gian
KRISTOFF
Colore degli occhi?
EMMA
Da pesce fracico
ANNA
Smorfia
Da sogno!
KRISTOFF
Numero di scarpe?
EMMA
Quarantasei!
ANNA
Furiosa
Il numero delle scarpe non conta!
KRISTOFF
Hai mai cenato con lui? E se non sopportassi il modo in cui mangia?
EMMA
Se scoprissi che si scaccola?
ANNA
Si scaccola??
KRISTOFF
guardandola con sfida
e poi se le mangia!
ANNA
Scusate tanto signori: lui è un principe!
EMMA
I maschi lo fanno tutti!

31
ANNA
Disgustata
Ohhh! D’accordo, non conta molto, è vero amore!
KRISTOFF
Non sembra VERO amore!
ANNA
Deridendolo
Tu sei una specie di esperto in amore?
KRISTOFF
No, ma…ho degli amici esperti.
ANNA
TU, avresti amici esperti in amore? Non me la bevo.
KRISTOFF
Zitta
ANNA
No no no, vorrei conoscere…
KRISTOFF
Davvero! Zitta!
Le mette una mano sulla bocca
ANNA
Grugnito
KRISTOFF
Shhh
Si sentono ululare dei lupi.

ANNA
Che cosa sono?
KRISTOFF
Lupi.
ANNA
Lupi???!!!
Kristoff prende un bastone e fa scudo col suo corpo ad Anna e Emma.
ANNA
Cosa vuoi fare?
KRISTOFF
Ci penso io. Tu non ti muovere e non farti mangiare
32
ANNA
Ma voglio esserti d’aiuto!
KRISTOFF
No.
ANNA
Perché no?
EMMA
Come facendole una confidenza
Non si fida del tuo giudizio
ANNA
Oltraggiata
Come prego?
KRISTOFF
Chi sposa un uomo appena conosciuto?
ANNA
E’ vero amore
Anna inciampa su qualcosa e involontariamente lo scalcia fuori dal palco. Si sentono dei botti (tipo fuochi
d’artificio) seguiti dal guaito dei lupi.
KRISTOFF
Stavi per ucciderci!
ANNA
Ma vi ho salvato!
EMMA
Stavi per ucciderci.
ANNA
Cerca un modo per cambiare discorso.
Non ho mai pensato che l’inverno potesse essere così …bello.
Entra Olaf.
OLAF
Si, è bello davvero, no?
Kristoff si spaventa. Emma si incuriosisce. Anna si incanta
OLAF
Ma è tutto così biaanco, non sarebbe meglio avere un po’ di colore,
pensavo che magari, un po’ di rosso cremisi, o verde caraibi, che ne dite del giallo?
No giallo no, giallo sulla neve, brr, non va, ahahahah
33
ridacchia
Sono tutti allibiti. Olaf non se cura.
Dico bene?
Anna dà un calcio a Olaf per la paura e gli fa cadere la testa. La raccoglie Kristoff
OLAF: Ciao!
KRISTOFF: Fai spavento
E lancia la testa di Olaf ad Anna
ANNA: non la voglio!
KRISTOFF: Riprenditela!
OLAF: Oh oh, cominciamo male!
Anna lancia via la testa che atterra sul corpo di Olaf, ma al contrario!
OLAF: Ma che fate? Perché siete appesi a testa in giù come pipistrelli?
ANNA: Uh, va bene, aspetta un attimo.
E corre a girare la testa di Olaf nella posizione corretta.
OLAF: oh, ahah, oh, grazie!
ANNA: Ma ti pare
OLAF: Adesso sono perfetto!
ANNA: eh, beh, quasi perfetto
OLAF: (rivolgendosi a Kristoff) Era come se la mia vita fosse sottosopra
Anna gli infila una carota nella testa
ANNA: AH, troppa forza, scusa
OLAF: OH! Ho le vertigini
ANNA
Stai bene?
OLAF
Vuoi scherzare, mi sento…una meraviglia!!
Ridacchiando
Ho sempre desiderato un nasino, che carino, è come un piccolo unicorno
Anna da dietro spinge meglio la carota in avanti
OLAF
Oh! Mi piace ancora di più! Va bene, ricominciamo da capo, ciao a tutti, io sono Olaf e amo i caldi
abbracci
ANNA: Olaf? …è vero, Olaf!
OLAF: E tu sei….?
ANNA: Oh, io sono Anna!
OLAF
E chi è quella bella biondona?
34
ANNA
E’ Emma
OLAF

Indicando Emma
L’altra invece?
ANNA
E’… è… Emma
OLAF: Ah, hanno lo stesso…ok, è più facile per me
Sven cerca di mangiare la carota di Olaf
OLAF: Che carino, cerca di baciarmi il naso! (rivolto a Sven) Mi piaci anche tu!
ANNA: Olaf, ti ha fatto Elsa?
OLAF: Si perché?
ANNA: Sai dov’è?
OLAF: Si perché?
ANNA: Pensi di poterci indicare la strada?
Nel frattempo Kristoff gioca con il ramoscello che fa da braccio a Olaf
OLAF: Si perché? E smettila Sven! sto cercando di concentrarmi! (Poi di nuovo rivolto ad Anna)
Perché?
KRISTOFF: Te lo dico io perché: Elsa deve far tornare l’estate.
OLAF: L’estate!!! Oh non so perché ma ho sempre amato l’idea dell’estate e del sole, e il caldo afoso!
(Anna e Kristoff osservano la scena un po’ scioccati)
KRISTOFF: Davvero? Direi che non hai molta familiarità col caldo.
OLAF: No, (parte la base) ma a volte amo chiudere gli occhi e immaginare come sarebbe se venisse
l’estate

11) SOGNANDO L’ESTATE


Basta che l’ape svolazzi accanto a me,
e io ricordi in un attimo quello che amo.
Un drink? Lo vorrei.
Magari anch’io mi abbronzerei.
Penso all’estate perché la amo!
Le onde, il mare, la marea
e poi caldo a volontà.
Se il sole si incontra col ghiaccio freddo chissà che fa.
E lo sai, credo che guarderebbero tutti me.
Il mio sex-appeal dà il meglio di sé d’estate.
dara-dadù-ababababù
Uniamo il freddo ed il caldo intenso,
ecco un’idea che ha davvero senso.
rara-dadà-dadadadadadadù
35
Sole in estate, il mio cuore si scalda,
la gioia che provo pensandoci… è enorme!
È questo il sogno che mi piace da morire,
ti rilassa e poi ti aiuta un po’,
se vuoi sbollire.
Sole caldo su di noi,
ci sareste anche voi.
Un’estate da re da vivere in tre, insieme!
Kristoff: Io glielo dico.
Anna: Non ci provare!
Olaf: Insieme!

OLAF: Su andiamo! Elsa è da questa parte, facciamo tornare l’estateeeeee!


ANNA: Arrivo!
KRISTOFF: (incredulo) Qualcuno glielo deve dire

1.10 Il castello di Arendelle


Siamo di nuovo al palazzo di Arendelle. Ia neve ha coperto ogni cosa e Hans cerca di aiutare gli
indigenti muovendosi nel paese con i soldati per consegnare più coperte possibili.
HANS: Una coperta! a chi serve una coperta?
DONNA: Arendelle è in debito verso di voi vostra altezza
HANS: Il castello è aperto, c’è zuppa e grog caldo nel grande salone. Ecco (consegnando le coperte ad
una guardia) distribuitele.
Il Duca si avvicina ad Hans con i due guardiaspalla.
DUCA: Dovremmo restare qui a gelare mentre regalate tutti i beni commerciabili di Arendelle?
HANS: La principessa Anna ha dato ordini ..
DUCA: E c’è anche un’altra cosa! Non avete pensato che la vostra principessa potrebbe cospirare con
la strega per distruggerci tutti?
HANS: Non osate dubitare della principessa! Ha lasciato ME, in carica, ed io non esiterò a difendere
Arendelle dal tradimento
DUCA: Eh, tradimento?
Si sente un nitrito, è il cavallo di Anna che torna al castello, solo.Il cavallo è imbizzarrito e Hans si fa
avanti e lo calma.Hans lancia un’occhiata nella direzione da cui proviene il cavallo.
HANS: La principessa Anna è in pericolo. Servono volontari che vengano con me e mi aiutino a
trovarla.
DUCA: Io offro due volontari, Milord. (poi rivolto sottovoce ai guardiaspalla) Siate pronti a tutto, e se
doveste incontrare la regina, dovrete porre fine a quest’inverno..mi sono spiegato?

1.11 Nel castello di Elsa


Kristoff e Anna sono ancora in cammino.

36
KRISTOFF: E come pensi di far cambiare questo tempaccio?
ANNA: Mm, intendo parlare con mia sorella.
KRISTOFF: E’ questo il tuo piano? Il mio commercio di ghiaccio dipende dalla chiacchierata con tua
sorella?
ANNA: Si.
KRISTOFF: Così non hai nessuna paura di lei?
ANNA: Perché dovrei averne?
OLAF: Si, scommetto che è la persona più carina, gentile e affettuosa del mondo. Oh guarda, mi sono
stalactittato! (si è infilato per errore in una punta di ghiaccio)
Arrivano davanti ad una parete di roccia scoscesa.
ANNA: E ora?
KRISTOFF: E’ troppo ripido. Ho solo una fune e tu non sai scalare le montagne.
ANNA: E chi lo dice?
Anna tenta di arrampicarsi.
KRISTOFF: Che cosa fai?
ANNA: Sto andando a trovare mia sorella.
Kristoff e Sven la guardano con compatimento
KRISTOFF: Ti ucciderai così…io non metterei il piede lì
ANNA: mi distrai!
KRISTOFF: Come sai che Elsa vorrà vederti?
ANNA: Va bene. Adesso ti ignoro e basta, perché devo concentrarmi.
KRISTOFF: La maggior parte della gente che si rifugia in montagna vuole stare sola.
ANNA: Nessuno vuole stare solo…a parte forse te!
KRISTOFF: Io non sono solo! Ho degli amici, ricordi?
ANNA: Cioè gli esperti in amore?
KRISTOFF: Si, gli esperti in amore.
ANNA: (sbuffando) ti prego dimmi che sono quasi arrivata!
Ovviamente si trova ancora a meno di un metro da terra.
ANNA: L’aria non ti sembra più rarefatta quassù?
KRISTOFF: (ridacchiando) Resisti!
OLAF: Sven, non sono sicuro che questo risolva il problema, ma ho trovato una scala che porta
esattamente dove volete andare.
ANNA: Ahahahah, grazie al cielo! Prendimi! (rivolta a Kristoff)
E lascia la presa sulla parete di roccia. Kristoff la prende al volo.
ANNA: Grazie! È stata una folle prova di fiducia.
La scala di cui parla Olaf conduce ad un bellissimo castello completamente composto da ghiaccio.
ANNA: Però!

37
KRISTOFF: Ecco, QUESTO è ghiaccio! Voglio piangere
ANNA: Fa pure. Non ti giudicherò.
Anna ed Olaf si avviano su per la scala. Sven tenta la scalata ma non ci riesce perché scivola sul
ghiaccio : Kristoff lo aiuta a tornare sulla terra ferma.
KRISTOFF: Resta qui Sven.
Salendo la scala di ghiaccio…
KRISTOFF: (con voce sognante) E’ perfetta!
Arrivati tutti in cima
OLAF: Bussa, dai bussa
Anna esita.
OLAF: Perché non bussa? ( poi rivolto a Kristoff) Secondo te sa bussare?
Anna bussa ed il portone di ghiaccio si spalanca.
ANNA: Si è aperto! …mai successo. ( poi rivolta a Kristoff) oh, tu, tu è meglio se aspetti fuori.
KRISTOFF: Che cosa?
ANNA: L’ultima volta che le ho presentato un ragazzo, ha congelato tutto.
KRISTOFF: Ma, ma..oh, smettila! E’ un palazzo fatto di ghiaccio!!! Il ghiaccio è la mia vita!
OLAF: Addio Sven! (facendo per entrare)
ANNA: ( con tenerezza ma ferma) Anche tu Olaf
OLAF: Anch’io?
ANNA: Lasciateci solo un minuto.
OLAF: Va bene.
Olaf e Kristoff si siedono su uno scalino
OLAF: Uno, due, tre…
KRISTOFF e OLAF: Quattro….
Anna entra nel castello di ghiaccio
ANNA: (sottovoce ) WOW!
ANNA: Elsa! Sono io, Anna,
ELSA: Anna!
Elsa compare in cima ad una scala e lì resta mentre parlano.
ANNA: Oh, Elsa (impressionata) sei…cambiata!..in meglio, davvero! E questo posto è, …meraviglioso!
ELSA: Grazie, non mi rendevo conto di cosa fossi in grado di fare.
ANNA: Mi dispiace per quanto è successo, se avessi saputo io…
ELSA: No, va tutto bene! Non devi chiedermi perdono…ma dovresti andar via, ti prego!
ANNA: Ma sono appena arrivata!
ELSA: Il tuo posto è ad Arendelle.
ANNA: Anche il tuo!

38
ELSA: No Anna, il mio posto è qui, da sola, dove posso essere m stessa, senza far male a nessuno
ANNA: Veramente, a proposito di questo…
Si sente un parlottìo
ELSA: Aspetta, ma chi è?
Entra Olaf saltellando.
OLAF: Ciaooo! Io sono Olaf e amo i caldi abbracci.
ELSA: Olaf?
OLAF: Sssi, mi hai fatto tu, non te lo ricordi?
ELSA: E sei vivo?
OLAF: (muovendo mani e piedi) e, ehm..credo di si.
ANNA: Sembra quello che abbiamo fatto da piccole.
ELSA: Si.
ANNA: (nostalgica ) Elsa, eravamo così unite! Possiamo esserlo di nuovo.
Elsa riflette e le si ripropongono nella sua mente le immagini del ferimento di Anna durante il loro gioco.
ELSA: No, non possiamo. (voce di pianto ) Addio Anna.
Si volta e fa per andarsene
ANNA: Elsa aspetta!
ELSA: No! Cerco solo di proteggerti.
ANNA: Non devi proteggermi, io non ho paura.. Non escludermi di nuovo dalla tua vita!
(parte la base di Oggi per la prima volta – REPRISE)

12) OGGI PER LA PRIMA VOLTA – REPRISE


dai, non dirmi no.
Non dovrai scappare adesso che lo so,
posso aiutarti per davvero, tu fidati di me
tutto quello che volevo era stare accanto a te
insieme risolveremo tutto
e vedrai sarà così,
tutto è diverso perché adesso
hai un'amica qui

(Elsa)
Anna, mi domandi troppo.
Dai retta a me, non c'è nulla qua
per una come te
(Anna)
Si ma...
39
(Elsa)
Lo so, tu pensi che mi aiuterai
ma senza me problemi non ne avrai
e non dovrai più preoccuparti ormai

(Anna)
Sai non è così
(Elsa)
Come non è così?
(Anna)
Non puoi saperlo neanche tu
(Elsa)
Parla forza su,
(Anna)
Lì la neve è sempre sempre sempre sempre di più
(Elsa)
Cosa?
(Anna)
Hai portato un inverno perenne. ovunque
(Elsa)
Ovunque?
(Anna)
Ma non fa niente, puoi sciogliere tutto
(Elsa)
No non posso, non so come fare!
(Anna)
Certo che puoi, io so che puoi!
(Insieme)
Avrò la forza per restare (Oh, non avrò mai la libertà)
Non dovrai scappare sai (Sono in trappola e nulla cambierà)
Sul mio aiuto puoi contare (Lo faccio d'ora in poi)
Non sei più da sola ormai (Oh, Anna vuoi salvarmi ma non puoi)
Tranquilla, (è colpa mia)
vedrai funzionerà (non c'è altra via)
Se le forze riuniremo
so che noi ci riusciremo (ah-)

40
e la bufera passerà! (Vai via!)

Elsa, nell’agitazione, lancia un getto di ghiaccio che colpisce Anna al cuore.


Anna si accascia. Entrano Kristoff e Olaf.
KRISTOFF: Anna!!!! Come ti senti!
ANNA: (rialzandosi a fatica) Sto bene,….sto bene.
ELSA: Chi è lui?..aspetta, non… non m’importa, solo, devi andare via.
ANNA: No, io so che insieme possiamo trovare una soluzione!
ELSA: Come? Che potere hai tuo per fermare questo inverno? Per fermare me!!
KRISTOFF: Anna, penso che sia meglio andare.
ANNA: No non vado via senza di te, Elsa.
ELSA: Si, invece vai!
E lancia un getto di neve che prende vita in un enorme mostro.
Il mostro afferra Anna, Olaf e Kristoff e li conduce giù fino alla porta del castello di ghiaccio.
ANNA: Fermo mettici giù!
MOSTRO: Andate via!
Gettando Anna e Kristoff in una scivolata sulla scalinata di ghiaccio esterna, e poi gettando anche Olaf.
ANNA: Mmmaleducato! Non si tirano le persone!
KRISTOFF: (trattenendola) Ehm, no no no no no! Furia scatenata, da brava, rilassati! Vedi di calmarti,
calmati!
ANNA: Ecco, va bene, tutto a posto.
KRISTOFF: Lascia in pace il mostrone di neve!
ANNA: Sono calma!
KRISTOFF: Brava.
Anna si gira di scatto e lancia furibonda una palla di neve al mostro.
KRISTOFF: Stà buona!
Il mostro si gira arrabbiatissimo e con cattive intenzioni.
KRISTOFF: Ecco, hai visto adesso l’hai fatto arrabbiare.
OLAF: Lo distraggo io! Voi due andate!
Kristoff e Anna scappano.Il mostro li insegue e sono costretti ad ancorare una fune per calarsi in un
precipizio come unica via di salvezza. Olaf, che è rimasto indietro, si lancia nel precipizio e Anna e
Kristoff cominciano a calarsi velocemente per raggiungerlo.
In fondo al precipizio si ritrovano tutti e 3, compreso Sven.
OLAF: Ahh, Sven!! Ci ha trovati! Chi è la mia rennetta dolce? (abbracciando Sven)
KRISTOFF: Non parlargli così! (poi rivolto ad Anna) Tutto bene?
ANNA: Bene! E tu? Come va la testa?
KRISTOFF: Va bene, tranquilla, ho il cranio tosto.
OLAF: Io non ce l’ho il cranio…e le ossa nemmeno.
41
KRISTOFF: Allora….che facciamo?
ANNA: Che facciamo? …(poi più agitata) che facciamo? OOOOH, che cosa faccio io? Mi ha cacciata
via, non posso tornare ad Arendelle con questo tempaccio…e..e poi c’è la tua vendita del ghiaccio, e…
KRISTOFF: Ehi, no, non preoccuparti per la vendita del ghiaccio…(poi accorgendosi) pensa ai tuoi
capelli!
ANNA: Che? Sono appena caduta da una rupe, dovresti vedere i tuoi.
KRISTOFF: No, i tuoi stanno diventando bianchi!
ANNA: (incredula) Bianchi? ..ehm…che? ( si accorge che la treccia è diventata bianca)
KRISTOFF: E’ perché lei ti ha colpita, vero?
ANNA: ..m’invecchiano?
KRISTOFF: ehm..no!
OLAF: Hai esitato!
KRISTOFF: Noo, non è vero. Anna, hai bisogno di aiuto, d’accordo? Andiamo.
OLAF: D’accordo, dove andiamo?
KRISTOFF: A trovare i miei amici.
ANNA: Gli esperti in amore?
OLAF: Esperti in amore?
KRISTOFF: uh uh (annuisce) e tranquilla, loro ti guariranno.
ANNA: Come lo sai?
KRISTOFF: Perché gliel’ho già visto fare una volta.
OLAF: Amo considerarmi un esperto in amore.

Si avviano tutti quanti a cercare i Troll.

1.12 Il castello di ghiaccio


Elsa cammina nervosa nel suo castello, parlando a sé stessa.
ELSA: Cerca di dominarti, controllati! Niente emozioni, niente emozioni, niente emozioni! Niente
emozioni!
Ma il ghiaccio cresce e si ispessisce intorno a lei.

1.13 Le fate del nord. Il cuore ghiacciato


I 4 viaggiatori sono ancora in cammino.
OLAF: Sven, guarda, si è svegliato il cielo!
Anna si strofina le braccia addosso
KRISTOFF: Hai freddo?
ANNA: Un pochino.
KRISTOFF: Aspetta! Vieni qui.
42
Si avvicinano tutti e due ad un getto di aria calda che fuoriesce dalla terra.
ANNA: uhh! Ahh!!
Scaldandosi contenta.
KRISTOFF: Dunque, a proposito dei miei amici, beh, dico amici ma sono più una famiglia. Comunque,
quando ero piccolo, eravamo soli Sven e io, finché loro beh, non ci hanno accolti.
ANNA: Davvero?
KRISTOFF: Si, ..ehm, non voglio spaventarti, possono essere leggermente sfacciati e…chiassosi,
molto chiassosi! Sono anche testardi, a volte, e un po’ prepotenti..e pesanti ..davvero, davvero pesanti!
Cosa che, capirai, sono buoni, hanno buone…
ANNA: (interrompendolo) Kristoff! Sembrano meravigliosi.
KRISTOFF: Bene, allora….ti presento la mia famiglia!
Indicando un gruppo di pietre e poi rivolgendosi a loro..
KRISTOFF: Ciao ragazzi!!
ANNA: Sono…..rocce????
KRISTOFF: Siete una gioia per gli occhi! Ehi guarda, Max è tornato dalle vacanze..
OLAF: (sussurrando ad Anna) E’ completamente pazzo!!
KRISTOFF: Rocco è elegante come sempre…ehi! Oh, quasi non ti riconoscevo: hai perso peso!
OLAF: Io lo distraggo, tu scappa! (poi rivolgendosi a Kristoff e alle rocce) Ciaooo! Famiglia di Sven!
Piacere di conoscervi! (distribuendo colpetti affettuosi sulle rocce)
Poi Olaf si rivolge di nuovo ad Anna sottovoce
OLAF: Io ti voglio bene Anna, insisto che tu scappi! (e di nuovo alle rocce, ad alta voce) Ho sentito che
siete esperti in amore!!! Ohhh ( e ancora ad Anna sottovoce) Perché non scappi???
ANNA: Certo, beh…io andrei.
KRISTOFF: No, no Anna! Aspetta.
In quel momento le rocce cominciano ad oscillare violentemente e a spostarsi verso di loro.
ANNA: (spaventata) Kristoff??
KRISTOFF: (rivolto alle rocce) Ciao!!
Le rocce si srotolano e svelano dei buffi Troll.
BULDA: Kristoff è tornato!!!!!!
I vari Troll cominciano ad acclamare Kristoff e a parlare tutti insieme. Olaf, preso dall’entusiasmo..
OLAF: Kristoff è tornato!!!!...aspetta..Kristoff?
TROLL 1: Oh, fatti vedere!
TROLL 2: Dammi i vestiti, te li lavo!
KRISTOFF: No, i vestiti me li tengo! Sapete, è bello rivedervi tutti, ma dov’è Granpapà?
BIMBO Troll: Sta dormendo! Ma guarda mi è cresciuto un fungo!
BIMBA Troll: Io ho avuto il mio cristallo di fuoco!
TROLL 3: Io ho espulso un calcolo
BIMBO Troll: Kristoff, prendimi in braccio! (gettandosi su di lui)

43
KRISTOFF: Ouch, stai diventando pesante! (ridacchiando)
ANNA: (a voce alta )Troll! Sono troll!!!!
I Troll si voltano tutti e si accorgono per la prima volta di Anna.
BULDA: Ha portato una donna!!!!!!!!!
Partono acclamazioni al grido di “Evviva! una donna!” ed Anna viene spinta verso Kristoff.
ANNA: Che succede?
KRISTOFF: Io ho imparato a lasciarli fare.
Bulda sale su un altro troll per toccare e valutare Anna come se fosse una puledra.
BULDA: Fa vedere, occhi brillanti, naso libero, dentatura perfetta, si si !! Andrà benissimo per il nostro
Kristoff!!
ANNA: Ehm, no, no
KRISTOFF: Ti sei fatta un’idea sbagliata. No, non l’ho portata qui per questo.
ANNA: Giusto, noi non siamo …io non sono, ehm..
BULDA: Qual è il problema tesoro? Perché respingi un uomo simile?
(parte la base)

13) UN PROBLEMINO DA SISTEMARE


Bulda: Saltella sempre come un troll…
Cliff: …non gli piace il rock’n'roll…
Troll femmina: …ha dei piedi grossi quasi quanto me.
Troll maschio: Magari trovi disarmante,
quell’odore un po’ ruspante.
Bulda: Ma un ragazzo più stupendo e dolce…
Bulda e Cliff: …credici non c’è!
C’è qualche aspetto da sistemare,
ma ciascuno ne ha.
Troll femmina: La fissazione perenne…
Troll maschio: …che ha per le renne…
Troll gruppo: …con un po’ di pazienza passerà!
Troll tutti: C’è qualche aspetto da sistemare,
ma fidati di noi,
ogni ostacolo si supera,
con l’amore tra di voi!
Kristoff (parlato): Potremmo smetterla di parlare di questo?
Abbiamo un problema molto più grave da affrontare!
Bulda: Direi! Allora cara,
c’è chi si caccia in mezzo ai guai…
Troll maschio: …o è perché non parla mai?
Troll cucciolo: La fa nel bosco quando non la tiene più.
Cliff: Forse non vuoi dargli un bacio,
perché è biondo e poco macho?
Troll femmine: O perché lui non si vanta delle sue virtù?
Troll tutti: C’è qualcosina da sistemare,
qualche difetto lo ha.
È rattristato, lo ha confermato,
cerca di ispirare un po’ di umanità.
È molto meglio di quel che sembra,
lui ha una marcia in più.

44
Se pure qualcosa va cambiato,
lo potrai cambiare tu.
Kristoff (parlato): Basta ora!
Lei è fidanzata con un altro, è chiaro?
Cliff: A quanto pare c’è un altro tipo.
Troll maschio: Sembra sia così.
Troll maschio: Ho visto bene o non sono insieme?
Troll cucciolo: E poi non ha nessun anello qui.
Troll maschi: Il fidanzato va eliminato,
è semplice perché
se con cortesia lo cacci via
il suo cuore è per te.
Bulda: Ma non credere che cambi,
vedrai che non accadrà,
puoi scoprire che anche lui,
ha molte qualità.
Spesso i nostri errori,
ci procurano dei guai,
ma chi ascolta il cuore sa…
Troll femmine: …chi ascolta il cuore sa…
Bulda e Troll femmine: …che non si sbaglia mai!
Troll tutti: Che non si sbaglia mai!
Qui non c’è nessuno che sia perfetto,
ecco la verità!
Cliff: Padre!
Troll femmina: Figlia!
Troll maschio: Fratello!
Troll tutti: È questo il bello,
l’amore ci completerà!
Ogni problemino lo trovi sempre,
succede a tutti noi.
Olaf: Ma con l’amore più profondo,
puoi cambiare tutto il mondo se…
Troll in coro: …se tu, tu,
tu, tu,
tu, tu,
puoi, se lo vuoi, solamente se,
puoi, se lo vuoi… uh uh
Troll prete: Vuoi tu Anna prendere Kristoff come tuo troll-legittimo…
Anna: Aspetta, che?
Troll prete: Vi state sposando.
Troll tutti: Puoi!

Anna ha un mancamento. Kristoff la sostiene.


KRISTOFF: E’ fredda come il ghiaccio.
Si sente un rumore e una pietra si fa largo rotolando verso di loro. E’ Granpapà.
GRANPAPA’: Qui c’è una strana magia.
KRISTOFF: Granpapà!
GRANPAPA’: Presto, presto, portala qui da me.

45
Prende le mani di Anna, che apre gli occhi.
GRANPAPA’: Anna, la tua vita è in pericolo. Hai del ghiaccio nel cuore. E’ stata tua sorella a metterlo.
Se non verrà rimosso, il ghiaccio di congelerà per sempre.
ANNA: Cosa? No!
KRISTOFF: Ma tu lo puoi rimuovere, vero?
GRANPAPA’: Non posso. Mi dispiace Kristoff, se fosse nella testa sarebbe facile, ma ..solo un atto di
vero amore può sciogliere un cuore ghiacciato.
ANNA: un atto di vero amore…
BULDA: Il bacio del vero amore, magari.
Anna ha un altro mancamento e i capelli continuano a tingersi sempre più di bianco.
KRISTOFF: Anna, dobbiamo riportarti da Hans.
ANNA: Hans!
KRISTOFF: Olaf, andiamo!
OLAF: Eccomi! Andiamo a baciare Hans!...ma chi è questo Hans??
Kristoff carica Anna in groppa a Sven e partono tutti insieme.

1.14 Il castello di ghiaccio. Elsa catturata


Hans ha raggiunto con un gruppo di volontari il castello di Elsa.
HANS : Siamo qui per trovare la principessa Anna! State in guardia, ma non venga torto un capello alla
regina. Sono stato chiaro?
UOMINI: Si vostra grazia!
Il mostro di neve, rimasto acquattato ai piedi della scala di ghiaccio, si rianima e attacca Hans e i suoi.
I due guardiaspalla del Duca, approfittando della battaglia, intravedono Elsa sulla soglia del castello e
corrono sulla scalinata per raggiungerla, armati di balestra.
GUARDIASPALLA: La regina! Via, via, andiamo.
Entrano nel castello ed Elsa fugge al piano superiore, ma i guardiaspalla la raggiungono ed ingaggiano
una battaglia con lei. Elsa vuole solo mandarli via, ma loro puntano ad ucciderla.
Il potere di Elsa è grande e riesce a mettere alle corde uno dei due uomini. Sta per far precipitare nel
burrone il secondo, quando Hans, che è riuscito a sopraffare il mostro, irrompe nella stanza.
HANS : Regina Elsa! Non siate il mostro che tutti temono!
Elsa si ferma e smette di generare lingue di ghiaccio. Un uomo la punta con la balestra, Hans è pronto
a deviare il colpo ma la freccia colpisce una lastra di ghiaccio che pende dall’alto e che si sfracella a
terra, colpendo, in seconda battuta, anche Elsa.

1.15 Elsa in prigione


Elsa si risveglia in una segreta del castello di Arendelle: indossa due guanti di ferro infilati alle mani,
tenuti insieme da una catena, legata a terra. Cerca di raggiungere l’unica piccola finestra e si rende
conto che tutto, all’esterno, è ghiacciato.
ELSA: Oh no! Che cosa ho fatto?!
Entra Hans, con una lanterna in mano. La poggia su una panca.

46
ELSA: Perché mi hai portata qui?
HANS: Non potevo permettere che vi uccidessero.
ELSA: Ma io sono un pericolo per Arendelle. Va da Anna!
HANS: Anna non è tornata. Maestà, dovete fermare l’inverno, riportare l’estate, vi prego!
ELSA: Non vedi? Non posso!.....
Hans realizza quel che dice la regina e fa una faccia spaventata.
ELSA: Devi lasciarmi andare!
HANS: Farò tutto il possibile.
Esce lasciando di nuovo la regina sola.

1.16 Raggiungere il castello di Arendelle


Kristoff galoppa sulla neve senza sosta. Anna sta sempre peggio.
KRISTOFF: Resisti Anna! Resisti!
Arrivano alle porte di Arendelle ed Olaf si divide da Kristoff, scivolando, nella corsa, sulla neve.
OLAF: Ci vediamo al castello!!
KRISTOFF: Sta nascosto Olaf!

Kristoff arriva al castello di Arendelle. Una sentinella avvista Sven che galoppa verso il portone.
SENTINELLA: E’ la principessa Anna!!!
Kristoff scende da Sven con Anna in braccio e si avvia a piedi verso l’entrata del castello.
ANNA: Tu, tu stai bene?
KRISTOFF: Non preoccuparti per me.
Alcuni domestici del castello escono a prendere Anna.
GERDA: Anna! Oh! Eravamo tanto in pena!
KAI: Milady! Ma voi state gelando!
KRISTOFF: Portatela al caldo, e trovate il principe Hans subito!
KAI: Lo faremo, ..grazie!

KRISTOFF
Fate in modo che si rimetta!
Triste
Lui deve darle il bacio del vero amore.
Le porte del castello si chiudono davanti a Kristoff.

14) La leggendaria storia del bacio


Baci leggendari lunghi come scene
Di vecchi films
Baci dolci e duri come le mascelle
47
Di James Dean
D'ogni tipo sono i baci
Timidi e impacciati, forti e smaliziati
Silenziosi o rumorosi basta che sian baci
Baci in bianco e nero mentre il cielo
Fa da scenografia
Baci contagiosi perché amarsi spesso
E' una malattia
Che si cura con i baci, qualche volta audaci
Però mai violenti... e se ti lamenti
Sono baci tuoi
Baci esaminati al rallentatore... si fa così
Appoggia le tue labbra su di me
Dimenticando il mondo intorno a te
Appoggia le tua labbra sulle mie
Sulle mie malinconie
Erotici baci dimmi quanti punti erogeni hai
Io li ho censurati questi baci solo tu li vedrai
Questi baci bambini qualche volta assassini
Che s'incontrano furtivi provocando dei suoni
Come certe note dolci che diventan canzoni
Ma che belli questi baci son così profondi
Che pian piano affondi nel profondo
Dell'anima mia
Baci che ho imparato
Che tu mi hai insegnato a dare così
Appoggia le tue labbra su di me
Dimenticando il mondo intorno a te
Appoggia le tua labbra sulle mie
Sulle mie malinconie
Appoggia le tua labbra sulle mie
Sulle mie malinconie
Baci sulle gote come quelli che ti danno le zie

48
Baci baci baci baci baci baci
Baci baci baci baci baci baci

Appoggia le tue labbra su di me

Baci baci baci baci

(appoggia le tue labbra su di me)


Lunghi come scene di vecchi films

Baci baci baci baci

(appoggia le tue labbra su di me)


Duri come quelli di James Dean

Baci baci baci baci

(appoggia le tue labbra su di me)


Mentre il cielo fa da scenografia

Baci baci baci baci baci baci

Appoggia le tue labbra su di me

Baci baci baci baci baci baci


Baci baci baci baci baci baci

1.17 Hans vuole il potere


Dentro il castello, in una sala, il principe Hans è a colloquio con altri gentiluomini.
HANS: Io torno laggiù a cercare la principessa Anna.
DIGNITARIO FRANCESE: Non potete rischiare di tornare là!
HANS: Se le dovesse accadere qualcosa..
DIGNITARIO SPAGNOLO: Se accadesse qualcosa alla principessa, solo voi potreste salvare
Arendelle.

49
Gerda e Kai entrano con Anna, malferma sulle gambe.
KAI: Il principe è qui…Principe Hans!
HANS: Anna! (gettandosi ad abbracciarla)
HANS: Oh, sei ghiacciata!
ANNA: Hans devi baciarmi
HANS: Cosa?
ANNA: Subito, subito!
GERDA: Vi lasciamo qualche momento da soli
I dignitari escono insieme a Gerda e Kai.
ANNA: Vieni!
HANS: Cosa è successo laggiù?
ANNA: Elsa mi ha colpito coi suoi poteri.
HANS: Dicevi che non ti avrebbe fatto del male
ANNA: Mi sbagliavo... oh (sentendosi male)
HANS: Anna!
Hans prende Anna in braccio e la adagia sul divano.
ANNA: Mi ha gelato il cuore... e solo un atto di vero amore può salvarmi.
HANS: Il bacio del vero amore…
Hans carezza dolcemente il viso di Anna, fa per baciarla ma si ferma a pochi millimetri dalle sue labbra.
Una luce cattiva compare nei suoi occhi.
HANS: Oh, Anna, se solo qualcuno ti amasse davvero.
ANNA: Che cosa?
Anna lo guarda incredula.
ANNA: Tu, tu dicevi di amarmi.
HANS: (chiudendo le imposte) Come tredicesimo nella linea di successione del mio regno non avevo
speranze, sapevo di dover sposare l’erede al trono di qualche regno.
ANNA: Di che cosa stai parlando?
Hans spenge le candele e si avvicina al divano.
HANS: Come erede Elsa era preferibile, certo, ma nessuno aveva possibilità con lei.
ANNA: Oh Hans
HANS: ….mentre tu, tu avevi una tale sete di amore da sposarmi senza che io facessi niente.
Hans spegne il fuoco nel camino.
HANS: ..pensavo, dopo sposati, di architettare un piccolo incidente per Elsa
Anna solleva un braccio per fermarlo ma cade dal divano.
ANNA: Hans…no!!! fermo
HANS: ..ma si è condannata da sola..e tu sei stata così sciocca da seguirla
ANNA: No..ti prego
50
HANS: Ora non resta che, uccidere Elsa e far tornare l’estate.
ANNA: Tu non sei all’altezza di Elsa!
HANS: No ( prendendole il viso con durezza) TU non sei all’altezza di Elsa! Io al contrario, sono l’eroe
che salverà Arendelle dalla distruzione!
Si dirige verso la porta della stanza.
ANNA: Non riuscirai a farla franca!
HANS: Oh, ci sono già riuscito!
Hans esce chiudendo a chiave la porta e lasciando Anna nella stanza ormai fredda.
Anna si alza a fatica e si aggrappa alle maniglie della porta, ma non riesce ad aprirla.
ANNA: (con un filo di voce) Vi prego aiutatemi!
Rimane rannicchiata addosso alla porta.
SCENA 16
In un’altra sala del castello.
DUCA: Fa più freddo ogni secondo che passa! Se non facciamo qualcosa subito, moriremo assiderati.
Hans entra nella stanza con la faccia sconvolta
DIGNITARI: Principe Hans!
HANS: La principessa Anna è….morta!
DIGNITARI: Cosa?
DUCA: Che le è successo.
Aiutano Hans a sedere su una poltrona.
HANS: E’ stata uccisa …dalla regina Elsa!
DIGNITARI : OHHH
DUCA: Dalla sorella??
HANS: almeno, abbiamo pronunciato i voti coniugali, prima che spirasse fra le mie braccia.
DUCA: Non c’è alcun dubbio ora : la regina Elsa è un mostro e noi siamo in grave pericolo!
DIGNITARIO SPAGNOLO: Principe Hans! Arendelle si affida a voi!
HANS: Con il cuore infranto, io accuso la regina Elsa di Arendelle di alto tradimento..e la condanno a
morte!
SCENA 17
Nella cella di Elsa il ghiaccio si diffonde sempre di più. Elsa prova a scardinare le catene. Nel frattempo
giungono davanti alla porta della cella le guardie del principe Hans, per giustiziarla.
GUARDIE: E’ pericolosa, attenti! Facciamolo in fretta e con decisione! La porta non si apre! E’ bloccata
da dietro!
Quando riescono a forzare la porta, trovano la cella vuota. La regina è riuscita ad aprire un buco nel
muro, col suo potere, ed è fuggita. Hans è furioso!

1.18 Anna svela Kristoff a Kristoff


Kristoff e Sven camminano sulla neve. Kristoff ha l’aria molto abbattuta. Sven, che cammina dietro di
lui, lo raggiunge e sbuffando, gli si piazza davanti.
51
KRISTOFF: Che hai Sven?
Sven lo spinge con il muso nella direzione opposta a quella in cui stanno procedendo: vuole riportarlo
ad Arendelle.
KRISTOFF: Ehi, piano! Ma che cos’hai???
Sven muggisce furiosamente
KRISTOFF: Non capisco quando parli così!
E cerca di oltrepassarlo. Sven allora lo solleva con le corna
KRISTOFF: Fermo! Mettimi giù!!!
Sven lo scarica a terra e Kristoff si rialza!
KRISTOFF: No, non torniamo indietro! Lei è con il suo vero amore!

15) Rap dell’amicizia


KRISTOFF: Anna!!
Torna ad Arendelle

1.19 Olaf salva Anna


Anna è stesa a terra, i capelli ormai tutti bianchi. Qualcuno forza la porta della stanza.
Entra Olaf. Solita aria allegra, ridacchiando per la soddisfazione. Poi nota Anna stesa a terra.
OLAF: Oh! Anna!
ANNA: Olaf
OLAF: (Guardando il fuoco spento) Oh no!
Olaf corre ad accendere il fuoco.
ANNA: Oh Olaf,…Olaf..vattene via da lì!
OLAF: Cavolo! Allora questo è il caldo! Lo amo!
Mentre avvicina le mani, uno dei rametti che formano le braccia prende fuoco.
OLAF: AH!!..ma non si tocca!
Corre a prendere Anna e la trascina verso il camino.
OLAF: Beh, dov’è Hans? E com’è stato quel bacio?
ANNA: Mi sbagliavo su di lui: non era vero amore.
OLAF: Ma siamo venuti di corsa fin qui!
ANNA: Ti prego Olaf, devi andar via subito! Ti scioglierai!
OLAF: Non me ne andrò finché non troveremo un altro atto di vero amore per salvarti! Tu hai in mente
qualcosa?
ANNA: Non so nemmeno cosa sia l’amore.
OLAF: Fa niente! Io sì! L’amore è…mettere il bene di un altro prima del tuo. Sai, come Kristoff che ti ha
portata qui da Hans e ha rinunciato a te per sempre.
ANNA: Ah… Kristoff… mi ama?
OLAF: Cavolo, ma allora tu non sai proprio niente dell’amore, vero?

52
Mentre parla la carota scivola…Olaf sta cominciando a liquefarsi.
ANNA: Olaf! Ti stai sciogliendo!
OLAF: A volte vale la pena sciogliersi per qualcuno…
Osservando che si sta proprio sciogliendo
OLAF: Si ma questo non è il momento adatto!!
Una finestra si spalanca lasciando entrare una raffica di neve.
OLAF: Ehi, non ti preoccupare, ci penso io!
Si avvia verso la finestra e affacciandosi
OLAF: Un momento, vedo qualcosa…AHH! Sono Kristoff e Sven! Vengono verso di noi!!
ANNA: Oh..davvero?
OLAF: Cavolo, si avvicinano velocemente! Mm forse mi sbagliavo, Kristoff non ti ama al punto da
rinunciare a te per sempre.
ANNA: Ah! Aiutami Olaf, per favore.
OLAF: No no no no no, resta accanto al fuoco a riscaldarti!
ANNA: Devo andare da Kristoff!
OLAF: Perché? Oh oh oh…lo so perché!!!!!! Eccolo il tuo atto di vero amore che galoppa lungo il fiordo
come un valoroso e puzzolente re delle renne!! Andiamo!!
Il soffitto si ghiaccia a vista d’occhio: Anna e Olaf provano a scappare ma stalattiti di ghiaccio spuntano
dappertutto impedendo la fuga. Riescono a saltare da una finestra e scivolare giù sfruttando i cumuli di
neve.

1.20 Elsa e Anna ancora insieme


Elsa corre in mezzo alla tempesta. Kristoff galoppa con la sua renna ed entra nella tempesta. Anna ed
Olaf procedono a piedi.
ANNA: Kristooooff!!!
OLAF: (portato via dal vento) Non fermartiiiiiii!!!
ANNA: Kristooooff!!!
Kristoff e Sven si fanno largo fra i relitti pericolanti che ondeggiano e si sfracellano sul ghiaccio.
Durante un salto Kristoff cade e riprende la sua corsa a piedi.
Anna continua a chiamare il nome di Kristoff, che finalmente la sente. Purtroppo le raffiche di vento
hanno accelerato la malattia di Anna che si sta progressivamente trasformando in una statua di
ghiaccio.
Ma anche Hans è sul fiordo, nella tempesta, e compare alle spalle di Elsa.
HANS: Elsa! Non puoi sfuggire a questo!
ELSA: Abbi solo cura di mia sorella!
HANS: Tua sorella è tornata dalle montagne debole e fredda : ha detto che le hai gelato il cuore.
ELSA: Nooo
HANS: Ho tentato di salvarla ma era troppo tardi : la sua pelle era ghiaccio, i capelli bianchi ..tua sorella
è morta per colpa tua!
ELSA: No, no ..
53
Elsa si accascia e la tempesta cessa. Finalmente Anna e Kristoff si vedono e si corrono incontro ma
mentre Anna si muove volta lo sguardo e scorge Hans che si avvicina minaccioso verso Elsa
brandendo una spada. Guarda un’ultima volta Kristoff e poi corre verso Hans.
Si mette tra la sorella e la lama della spada e proprio in quel momento si completa il suo congelamento.
La spada si spezza e Hans viene sbalzato a terra. Elsa si accorge di quanto è successo e si avvicina
alla statua della sorella.
ELSA: Anna! No Anna! No! Ti prego
Elsa abbraccia la statua di Anna piangendo!
Olaf e Kristoff sono ai margini della scena, e anche tutti i dignitari, che osservano quanto accade da
una finestra del castello.
Mentre Elsa tiene le braccia intorno alla sorella, piangendo, il corpo di Anna rivive.
ELSA: Anna!
ANNA: Oh Elsa!
ELSA: Volevi sacrificarti per me?
ANNA: Io ti voglio bene!
OLAF: Ahh, un atto di vero amore scioglierà un cuore di ghiaccio!
ELSA: L’amore scioglierà...?! L’amore! Ma certo!
ANNA: Elsa!
ELSA: L’amore!
Elsa lancia la sua magia: la neve si dissolve e la primavera torna ad Arendelle.
ANNA: Ce l’hai fatta! Lo sapevo!
OLAF: Occhio eh! Perché questo è il giorno più bello della mia vita!
Così dicendo comincia a sciogliersi
OLAF: …e molto probabilmente l’ultimo!
ELSA: Oh Olaf! Resisti piccolo!
E lo ricompone magicamente formando una nuvoletta che fa cadere neve solo su di lui
OLAF: Evviva! La mia nevicata personale!

ANNA
Cercavamo qualcuno che facesse un gesto d’amore nei miei confronti, invece lo dovevo fare io.

1.21 Canzone finale


16) Sul vero amore.
LE FATE DEL NORD
Fammelo, fammelo
Un gesto d’amore
Dammelo, dammelo

54
Il bacio del vero amore.
Cercalo, cercalo
Il vero amore
Si, proprio quello
Che fa rima con cuore.
ANNA
A Olaf
Hai messo me davanti a te
Hai rischiato te stesso
Tu mi hai insegnato che vuol dire amare
KRISTOFF
A Emma
Se tu non leggi gli occhi miei
Cosa voglio davvero
Non lo potrei neanche immaginare
ELSA
Ad Anna
Hai scavato nel ghiaccio
Fino a trovarmi il cuore

1.22 Dopo gli applausi del pubblico


Gli attori scendono dal palco. Danno le spalle al pubblico ed inizia un filmato composto da brevissime scene col
destino dei personaggi.
 Hans
Da una parte della scena c’è Hans che sta rinvenendo. Kristoff vorrebbe sistemarlo ma Anna gli fa cenno di
lasciarlo a lei. Si para davanti ad Hans.
HANS
Anna! Ma… ti aveva gelato il cuore!
ANNA
L’unico cuore di ghiaccio da queste parti è il tuo!
E gli dà un pugno gettandolo in mare!

55
GUARDIA
Ricondurrò sto poraccio nelle sue terre: vedremo cosa penseranno i suoi 12 fratelli del suo
comportamento.
ANNA
Arendelle vi ringrazia milord.
 Duca e Conte
Il Duca e il conte vengono accompagnati al porto dalle guardie
DUCA
Questo è inaccettabile. Io sono stato vittima della…
CONTE
Sono traumatizzato… ahhh mi è venuto il torcicollo! C’è un medico che possa visitarmi qui?
DUCA
Io pretendo di vedere la regina!!
KAI
Oh, ho un messaggio della regina, “Arendelle d’ora in poi non intratterrà commerci di alcun
tipo con Waterton!
Mentre le guardie li conducono via.
DUCA
Weaselton! Weaselton!
CONTE
Io stavo cor libanese!
 Anna e Kristoff
Anna conduce Kristoff bendato e lo fa andare a sbattere ad un palo.

ANNA
Entusiasta
Bene, bene, ci siamo!
Anna toglie la benda a Kristoff e davanti a loro c’è una splendida slitta.
ANNA
Beh, ti dovevo una slitta…
KRISTOFF
Dici sul serio?
ANNA
SSiiii!! Ed è l’ultimo modello!
KRISTOFF
No, non posso accettare!

56
ANNA
Ma devi! Niente resi, niente cambi! Ordine della regina. Ti nominato ufficialmente Mastro
Consegnatore del Ghiaccio di Arendelle!
KRISTOFF
Che? Ma non esiste!
ANNA
Oh sì che esiste! E c’è perfino un porta-bicchiere! ... Ti piace?
KRISTOFF
Se mi piace?
Prende Anna in braccio e la fa girare.
KRISTOFF
La adoro!!!
Ridendo felice
Ti bacerei!!
Poi rendendosi conto di ciò che ha detto
Ehm, potrei, cioè, mi piacerebbe… posso? Non siamo poi…beh, possiamo noi…aspetta che?
Anna si avvicina le lo bacia sulla guancia.
ANNA
Siamo!
Kristoff d’impeto la bacia sulla bocca.
 Emma
Siede su una roccia, pensosa. Arriva, su un veicolo improbabile (Cavallo? Sidecar? Bicicletta?) Davide Gallus
vestito da principe azzurro. Le bacia la mano. La fa salire. Si vedono allontanarsi insieme.
 Olaf
Riproduciamo la scena dell’ombrellone e bibita. Olaf saluta, divertito e sereno.
 Elsa
Dal niente compaiono le Fate del Nord in forma di statua. Elsa le guarda. Sorride. Ha capito. Si alza. Le
raggiunge. Diventa una statua con loro. (E ti è andata bene  ).
 Hans
La scena dura due secondi. Hans, in ghingheri, bacia la mano della principessa Sara Lanzi. (E’ diventato
buono e si è sposato? Ha trovato una nuova vittima? Non lo sapremo mai.

57

Potrebbero piacerti anche