Sei sulla pagina 1di 2

Carlo Collodi

Le avventure di Pinocchio
Storia di un burattino

0.Introduzione
La celebre favola di Carlo Lorenzini detto Collodi, apparsa a puntate nel << Giornale per i
bambini>> tra il 1881 e il 1883, per la prima parte con il titolo La storia di un burattino, per la
seconda con Le avventure di Pinocchio. “Possiamo dire che Pinocchio percorre il viaggio verso
dell’individuazione, un vero e proprio viaggio dell’eroe con tutte le sue traversie, per raggiungere
lo scopo che è l’indivduazione, ovvero il ritrovamento di sé”1.

1.Trama
La storia comincia così “Come andò che Maestro Ciliegia, falegname, trovò un pezzo di legno,
che piangeva e rideva come un bambino”2. Gepetto riceve in regalo quell pezzo di legno che riesce
a parlare. Decide di usarlo per costruire un piccolo burattino. Il burattino impara a camminare e
comincia a crearegrandi problemi per Gepetto.

Geppetto finisce in prigione per colpa sua e mentre Pinocchio si ritrova solo in casa, appare il
Grillo Parlante che ammonisce il burattino per il suo comportamento. Pinocchio lo uccide con un
martello. Pinocchio sente che ha fame e va a cercare cibo, ma non riesce, perchè tutti lo cacciano.
Fortunatamente Geppetto esce di prigione e Pinocchio promette che sarà ubbidiente, impaurito di
dover rimanere di nuovo da solo, e assicura al papà che comincia anche andare a scuola come tutti
gli altri bambini. Geppetto inizia a preparare dei vestiti di carta per il suo piccolino. Lui era un
uomo povero e per questo si sacrifica vendendo la sua giacca per compare a
Pinocchio un abbecedario.

Andando a scuola vede un teatro di marionette ed era curioso e voleva vedere lo spettacolo. Deve vendere
il suo abbecedario per comprare il biglietto. Nel teatro le marionette cominciano a festeggiare Pinocchio,
ma il burattinaio, Mangiafuoco, infastidito dal rumore pensa di bruciarlo.

1
1
PINOCCHIO....avventura pedagogica da Prof.ssa Katia Lombardo
(http://www.itimonaco.it/documpdfvari/Lombardo/PINOCCHIO.pdf) consultato nel 16 novembre
2
Carlo Collodi Le avventure di Pinocchio Storia di un burattino
Luca Serianni, Storia della lingua italiana, Bologna 1990 p. 201
Dopo il burattino sarà vittima della Volpe e del Gatto, che vogliono rubare i soldi del Pinocchio. Appare lo
spirito del Grillo Parlante che vuole aiutare Pinocchio, ma lui non lo vuole ascoltare. Loro impiccano il
piccolo burattino a una quercia.

Pinocchio incontra la Fata Turchina, che vuole aiutare il bambino e vuole vedere se è ancora vivo o no. Lui
ha la febbre, ma non vuole prendere la medicina. Dopo che la Fata ha convinto il bambino di bere la
medicina Pinoccio la racconta la sua storia, ma dicendo bugie e inizia a crescere il naso.

Qualche tempo dopo Il burattino incontra di nuovo il Gatto e la Volpe, che anche adesso lo possono
convincere di seguirli. Pinocchio si ritrova di nuovi nei guai e verrà imprigionato per cinque mesi.
Finalmente dopo questi disavventure Pinocchio può tornare a casa, ma la Fata è morta. Mentre Pinocchio
non era a casa e nessuno sapeva dove fosse Gepetto è andato a cercarlo, ma il bambino era già a casa.
Pincchio va a cercare Gepetto e nuota tutto il notte, ma arriva sull’isola delle Api Industriose e scopre che
nell’Oceano vive un Pescecane che forse ha inghiottito la barca di Gepetto. Pinocchio incontra di nuovo la
Fata che credeva che era morta. Lei promette a Pinocchio che lo farà diventare un vero bambino. Nel temo
succedono molte cose con Pinocchio, cose cattive. Un giorno si sveglia e vede che si è trasformato in un
asino, ma viene salvato di nuovo della Fata e viene inghiottito dal Pescecane e finalmente incontra Gepetto.

Pinocchio inizia a lavorare e prende cura di Gepetto e finalmente diventerà un vero bambino.