Sei sulla pagina 1di 2

Meglio donna che male accompagnata

É un romanzo autobiográfico, scorrevole, scritto da Geppi Cucciari


che é la voce narrante. Il titolo si collega con il probervio “Meglio
soli que male accompagnati” il cui si riferisce a delle persone que
preferiscono restare con cui non vanno d´accordo perche non
riescono a sopportare la solitudine.

I personaggi sono tre amiche sarde, sui trenta anni, che abitano a
Milano da molto tempo.

Geppi é attrice, cabaretista e fa stand up. É simpatica e genuina che


ha un misterioso interlocutore, il considetto “Gladiatore” con cui ce
la fa a trovarsi dopo qualche scontro.

Lucia é avvocato con una personalitá determinata, dotata di senso


pratico e di una travolgente parlantina quindi, in amore le
conquiste per lei non sono cosa impossibile. Lei sa come affascinare
un uomo, peccato que il difficile é mantenere il rapporto.

Stefania invece ha una dote que le altre due amiche le invidiano. Ha


sempre un buon peso forma, puó mangiare di tutto senza
ingrassare. Fa giornalista letteraria, é brava nel suo lavoro. É anche
molto dolce e ingenua nella vita privata, forse é per questo che in
amore si affida anche alla tecnologia.

Infine c´é Federico, il vicino di Geppi, affascinante e donnaiolo,


spregiudicato e di mente aperta. Potrebbe essere un potenziale
pretendente ma alla fine della storia scopriamo le sue preference
verso gli uomini.
Un giorno tutte e tré ricevono un invito per il matrimonio di
Monica, un´amica di vecchia data, l´unica del gruppo a non
trasferirsi a Milano e quella che sembrava avere meno chance. E
questo invito scatena un caos, un panico totale perche l´invitazione
e anche “per qualque eventuale partner”. E in quel momento le tre
amiche si ritrovano single e sole e sicuramente dovranno affrontare
le domande sul loro stato affettivo da parte di lontani compagni di
liceo e parenti vari.

C´e una cena dove le ragazze si ruiniscono e decidono che ognuna


deve trovare un fidanzato al piú presto, ma la cosa non risulta
un´impresa semplice.

Comincia qui un periodo da giornate in cui accade di tutto e di piu.


Le amiche s´impegnano al massimo per riuscire a non assistere al
evento da soli. Geppi con un misterioso Marcello che conosce tra
una chiamata sbagliata, Lucia con diverse incontri in discoteche,
lavoro e alla fine con il asiatico Tin Tin, e Stefania con l´aiuto della
web.

Alla fine arriva il giorno festivo e loro tre si presentano a Mancomer


(la loro citta di nascita e luogo del evento) da soli. Il matrimonio di
Monica non avviene per la fuga del fidanzato. E Geppi finisce con
una riflessione finale dove lei spiega che ha un consolo con la sua
personale legge delle tre grandi C: Cuore, coraggio, cervello. Poi ne
aggiunga un´altra. Cellulare. Per richiamare Marcello.