Sei sulla pagina 1di 5

OPERAZIONE G.

222
INDUSTRIA

Alenia Aeronautica sta procedendo alla rimessa in efficienza e commercializzazione


dei G.222 radiati dall’Aeronautica Militare. Il primo va all’Aeronautica Nigeriana.

PAOLO FARINA

L
a dismissione della linea ne ma, soprattutto, le potenzialità G.222, si diviene potenziali clienti dei velivoli ancora volabili e pro-
G.222, in ottemperanza al che il G.222 ancora possiede per le del più prestante Spartan II, con cui mozione commerciale di questi ul-
contratto n. 190 firmato con sue brillanti prestazioni tattiche spe- è possibile rinnovare e potenziare timi sul mercato estero, a comincia-
Alenia Aeronautica per il ritiro del- cie nei teatri operativi dei paesi in successivamente la propria compo- re da quelle nazioni che già posse-
la flotta in permuta con un lotto dei via di sviluppo, sono stati elementi nente da trasporto. devano una linea di G.222.
nuovi C-27J, ha messo in moto una di valutazione più che sufficienti Le direttrici su cui avviare La demolizione, a tutt’oggi, ha
complessa operazione di riciclo, re- per intraprendere questa operazio- l’operazione erano essenzialmente riguardato due velivoli sulla base di
visione e promozione sul mercato ne. Ciò anche in relazione alle pos- tre: smontaggio dei velivoli posti in Pratica di Mare e dodici su quella
estero dei velivoli ceduti alla ditta. Il sibili ricadute commerciali derivan- “riserva logistica” per il recupero e di Pisa (undici ex AM ed uno soma-
loro numero di ore di volo non ele- ti dalla penetrazione sul mercato la rigenerazione dei ricambi, man- lo); un tredicesimo (Lyra 36, n/c
vato (da 5.000 a 7.000 a velivolo), estero del C-27J: è evidente che, ac- tenimento in condizioni minime di 4085) è stato donato da Alenia al
lo stato accettabile di conservazio- quisendo a basso costo una linea di efficienza e progressiva revisione campo scuola della Protezione Ci-

52 - JP4 Mensile di Aeronautica Ottobre 2007


ENGLISH SUMMARY

OPERATION G.222
The G.222 transport aircraft of the
Italian Air Force have been returned
to Alenia Aeronautica, as part of the
contract for the new C-27Js. These
airplanes have still much capacity as
tactical transports, and they are offe-
red abroad. Thirteen airframes have
been disassembled for spares, plus
one former Somali G.222, five were
given away as an instructional airfra-
me, and two will become museum
pieces. 22 planes are in flight condi-
tions, which are at Pisa, at Pratica di
Mare, and one at Alenia. A new com-
pany, SAS, was formed to ensure
maintenance and training for the
G.222s, while Alenia has activated the
chain of suppliers to keep the line
Sopra: attività di “mantenimento” Per procedere al recupero delle tempo esaurite. Determinante in operational. A plant was established at
dei G.222 accantonati da Alenia parti di ricambio e al mantenimen- questa direzione è stata la firma nel
Aeronautica sull’aeroporto di Pisa. Pisa for maintenance, while the Check
La prolungata permanenza to dei velivoli commercializzabili, 2005 del contratto con la Nigeria, Cs are performed at the Officine
all’aperto richiede interventi Alenia ha potuto avvalersi fin dal di cui riferiamo più avanti, che ha Aeronavali plant in Brindisi, where the
conservativi sui velivoli. 2004 della qualificata collaborazio- rimesso in moto gradualmente la airplanes are sent by road.
In apertura: rimessa in moto di ne di SAS (Special Aviation Servi- complessa catena logistica. The revamped G.222s are offered at a
uno dei G.222 di Alenia a Pisa.
ces), società formata in gran parte Nell’attesa di acquisire ulterio- price of 6 to 8 million dollars. Nigeria
da personale tecnico ex militare ri clienti, l’altra fondamentale esi- is the first customer, having signed a
vile di Bovisio Masciago (Milano). proveniente dalla linea G.222 ed in genza era quella di assicurare il contract worth 74.5 mil. dollars. Five
Altri quattro esemplari sono ugual- grado di assicurare attività manu- mantenimento della flotta G.222 NAF G.222 which were stored 10
mente destinati al recupero delle tentive ed addestrative sia in Italia da commercializzare. Il cantiere years ago at the airport of Ilorin are to
parti di ricambio ma le loro fusolie- che all’estero. Alenia, aperto già nel gennaio be upgraded, to be joined by a 6th
airframe coming from the AMI stock.
re verranno sezionate per utilizzo La riattivazione della catena 2004 sull’aeroporto di Pisa, ha ri-
Four planes were dismantled and
didattico (simulatori statici e dina- di rigenerazione della ricambistica cevuto in consegna gradualmente i flown to Lagos inside an Antonov An-
mici). Non rientrano nella cessione ha richiesto tuttavia un notevole velivoli ceduti dall’Aeronautica 124, the fifth one was flown to
ad Alenia l’esemplare destinato a sforzo da parte della ditta, anche realizzandovi interventi manutenti- Officine Aeronavali in Capodichino.
“gate guardian” sulla base di Pisa sotto il profilo degli investimenti, in vi di linea e conservativi in attesa This is now flying with Nigerian
(Lupo 81, n/c 4015) e quello a di- quanto con la dismissione della li- del loro inserimento nel program- colors, and it will be used at Caselle
sposizione del Museo di Vigna di nea G.222 operata dall’Aeronauti- ma di revisione generale, avendo for the conversion of Nigerian air-
Valle (Lupo 86, n/c 4027). ca, le aziende fornitrici nazionali ed ormai superato le specifiche sca- crews and specialists. These G.222s
La flotta di aerei riutilizzabili si estere avevano terminato progressi- denze calendariali. Non essendo are being completely revamped and
è ridotta pertanto a 22 esemplari e vamente il loro programma di assi- ancora disponibili strutture per po- fitted with new equipment. The US
precisamente 13 accantonati a Pisa stenza. È divenuto possibile così ter eseguire la manutenzione di ter- State Department, which has four C-
e 5 a Pratica di Mare, più i 3 anco- procedere a nuove revisioni dei 27As still flying in Latin America,
ra operativi (n/c 4012, 4030, 4089) propulsori T64 presso Avio, così co- asked for a first batch of 7 G.222 from
I quattro G.222 dell’Aeronautica AMI stock for military assistance pro-
sulla base romana. Un altro esem- me dei carrelli presso Magnaghi, grams in foreign countries, Libya may
Nigeriana accantonati
plare, il “3 A” (n/c 4086), già utiliz- mentre la Hamilton ha riattivato sull’aeroporto di Ilorin prima di want six more, and the Air Force of
zato per attività sperimentali, è ac- una piccola linea di produzione essere smontati per il trasferimento Cameroon has asked for three more.
cantonato da Alenia a Caselle nord. delle eliche le cui scorte erano da a bordo dell’Antonov An-124.

Ottobre 2007 JP4 Mensile di Aeronautica - 53


Operazione G.222

zo livello tecnico (Check C) sull’ae- vantaggioso per il prezzo proposto, ridottasi ad un solo velivolo effi- bre 2005 ad Ilorin è stato lo smon-
roporto di Pisa, tali interventi ri- non può non tenere conto della ne- ciente che è stato radiato recente- taggio dei quattro velivoli per il loro
chiedono lo smontaggio dei velivo- cessaria assistenza tecnica e logisti- mente a seguito di incidente in fase successivo trasferimento via aerea
li ed il loro trasferimento via strada ca e del suo relativo costo. Alenia di atterraggio - Alenia ha messo a presso la sede dove sottoporli a ma-
presso gli stabilimenti delle Offici- Aeronautica ha dovuto pertanto ri- segno un primo significativo pac- nutenzione, non essendovi in loco
ne Aeronavali di Brindisi. vedere l’intero ciclo manutentivo chetto con la Nigeria. Il contratto, hangar ed attrezzature per questo ti-
diradando le ispezioni e abbassan- del valore di 74,5 milioni di dollari, po di interventi. Il programma con-
do i costi di gestione del velivolo è stato firmato nell’estate del 2005 e cordato con le autorità militari nige-
La commercializzazione che avevano scoraggiato a suo tem- prevede la rimessa in efficienza del- riane prevede infatti di rimettere in
po la stessa Aeronautica da conti- la linea di cinque G.222 da anni efficienza quattro velivoli, utilizzan-
Assai più complesso si è rivela- nuare a mantenerlo in linea. È stato inoperativa, l’acquisto di un sesto do l’hangar disponibile sull’aero-
to il rilancio commerciale del veli- possibile così proporre il G.222 ex esemplare ex AM, l’assistenza tec- porto di Lagos Ikeja, ed il quinto
volo. Si trattava innanzitutto di av- AM sul mercato dell’usato ad un nica e logistica per due anni, l’istru- presso gli stabilimenti delle Officine
viare trattative con i vecchi clienti prezzo variabile dai sei agli otto mi- zione del personale e la costruzio- Aeronavali di Capodichino.
stranieri del G.222, proponendo lo- lioni di euro a velivolo, a seconda ne in loco di un hangar per le attivi- Lo stato di conservazione dei
ro la rimessa in efficienza delle pro- della configurazione e del supporto tà manutentive. quattro G.222 accantonati sotto il
prie linee di volo da tempo inopera- tecnico-logistico richiesto. Dei cinque velivoli in dotazio- sole cocente di Ilorin non era tutta-
tive con eventuale reintegro delle Molte le nazioni contattate, ne, quattro erano stati accantonati via dei migliori. I velivoli, dopo la
perdite o ampliamento della dota- specie nel Terzo Mondo, ma le lun- da oltre dieci anni sulla base di Ilo- consegna avvenuta nel 1985, ave-
zione mediante acquisto di esem- ghe e pazienti trattative intavolate rin, a oltre trecento chilometri da vano volato le ore disponibili fino
plari ex AM. Nel contempo era ne- hanno portato col tempo a dei si- Lagos, mentre il quinto di trovava alle scadenze previste per la grande
cessario ricercare e contattare nuo- gnificativi risultati. Sul fronte dei presso l’aeroporto della capitale. La manutenzione (terzo livello), dopo-
vi potenziali clienti. È ovvio che vecchi clienti, sfumata la possibilità prima complessa attività del cantie- dichè erano stati fermati senza rin-
l’acquisto di velivoli usati, se pur di rinnovare la flotta venezuelana - re che Alenia ha attivato nel dicem- novare il contratto di assistenza con
l’allora Aeritalia. Successive trattati-
ve erano andate a vuoto. Di conse-
guenza le ore di volo totalizzate
non superano le 400 per ciascun
velivolo, ma la prolungata perma-
nenza all’aperto, senza adeguati
trattamenti protettivi per la lunga
conservazione, aveva avuto i suoi
effetti sulle strutture e soprattutto
sull’impianto elettrico. Fortunata-
mente il clima presente nella zona
non era stato causa di eccessiva
corrosione.

A sinistra: si procede alle non facili


operazioni di smontaggio, sotto
il sole cocente di Ilorin, per portare
i quattro velivoli alle dimensioni
di “sigaro” (sola fusoliera).
In alto: i tecnici provvedono allo
smontaggio dei piani di coda
e del tronco alare centrale.

54 - JP4 Mensile di Aeronautica Ottobre 2007


zionatosi sull’aeroporto di Lagos, si
è messo al lavoro nel settore di han-
gar concesso dal 401° Aircraft
Maintenance Depot per effettuare il
“Check C” ai primi due velivoli.
Date le loro condizioni si sono resi
necessari interventi di risanamento
strutturale e la sostituzione integrale
del cablaggio elettrico le cui guaine
risultavano cotte dal caldo.
Non vanno inoltre sottovaluta-
te, quando si parla di cantieri da at-
tivare in quei paesi, le complesse
problematiche da affrontare e risol-
vere inerenti la sistemazione logisti-
ca del personale, la loro sicurezza
presso gli alloggi e nei trasferimenti
sul luogo di lavoro con relativi ser-
vizi di vigilanza e di scorta.
Nel contempo è stato messo in
lavorazione a Napoli l’esemplare
Lo smontaggio di questi veli- tà di carico dell’Antonov, la sua al- 954) sono stati trasferiti a Lagos, di- ex AM (n/c 4091) previsto dal con-
voli, per ridurli al solo “sigaro” (fu- tezza nella parte terminale essendo stante circa 45 minuti di volo, ed tratto, che nello scorso giugno ha
soliera sui propri carrelli) è avvenu- rimasta sui carrelli per il traino ha uno (NAF 950) a Napoli. Per cia- effettuato il collaudo in volo ed at-
to integralmente all’aperto e con at- dato qualche preoccupazione. Si è scuno dei primi tre voli la compa- tualmente si trova a Caselle sud per
trezzature di fortuna, richiedendo reso quindi necessario smontare gnia aerea ha richiesto un compen- la transizione in volo degli equipag-
impegno e capacità tecniche note- anche la pinna alla radice della co- so pari a 43.000 euro, mentre per il gi nigeriani. A seguire sono iniziati i
voli. Non solo: le elevate tempera- da, riuscendo così ad imbarcare il trasferimento in Italia sono stati ne- lavori per sottoporre a “Check C”
ture esterne (35°-40°) non consenti- “sigaro” in altezza per soli 12 centi- cessari 350.000 euro. anche il velivolo NAF 950 trasferito
vano di lavorare oltre le ore 14.00 metri! Tre velivoli (NAF 951, 953 e Il cantiere, non appena riposi- in Italia da Ilorin. La consegna di
del pomeriggio. Malgrado queste questo esemplare e del primo mes-
oggettive difficoltà, in soli tre mesi so in lavorazione a Lagos (NAF
sono state completate le operazioni 952) è prevista per metà 2008. La
di smontaggio dei quattro velivoli e configurazione adottata, denomi-
di imballaggio di ali, impennaggi,
motori, eliche e strumentazione per
il successivo trasporto sull’An-124- In questa pagina: l’imbarco di
100 noleggiato presso l’Antonov uno dei quattro G.222 nigeriani
Airlines di Kiev. sull’An-124 della Antonov Airlines.
Anche in questo caso il cantie- Tre aerei sono stati trasferiti a Lagos
ed il quarto a Napoli Capodichino.
re Alenia si è dovuto inventare tutto L’esigenza di trainare le fusoliere sui
di sana pianta, non essendo mai propri carrelli ha portato l’altezza
stato trasportato per via aerea il massima del carico al limite di
quella disponibile sull’Antonov per
G.222. Se il peso della sola fusolie- l’imbarco: per farlo passare è stato
ra priva di allestimenti (87 quintali) necessario rimuovere anche la
rientrava ampiamente nella capaci- pinna alla radice della deriva.

Ottobre 2007 JP4 Mensile di Aeronautica - 55


Operazione G.222
Uno dei velivoli dell’Aeronautica
Nigeriana sottoposti a “Check C-
rinforzato” nel settore di hangar
concesso sull’aeroporto di Lagos; la
struttura è stata integralmente
sverniciata per procedere ai
necessari interventi di risanamento.

nata “NAF”, introduce modifiche


essenziali quali l’impianto anti-
ghiaccio, prese d’aria a 4.000 watt,
l’aggiornamento degli attacchi mo-
tore (i nigeriani avevano ancora
“destro” e “sinistro”) e l’installazio-
ne di un GPS.
Non meno impegno sta richie-
dendo l’istruzione del personale ni-
geriano. Avendo perso ogni qualifi-
ca sul G.222 per la lunga inattività
della linea, Alenia sta provvedendo
a riqualificare da zero piloti, specia- tro i contingenti nigeriani impegnati quattro C-27A degli originari 10 ac- re in efficienza una parte dei
listi di volo e manutentori. È stato in operazioni di peace keeping sot- quistati dall’USAF nel 1990, ha ri- G.222T libici accantonati nel deser-
messo a punto un apposito “pac- to l’egida dell’ONU. chiesto un primo lotto di 7 G.222 to, l’amministrazione Gheddafi ha
chetto training”, compresso rispetto L’importante contratto con il ex AM da destinare ai programmi di espresso l’interesse per 6 G.222 ex
a quello utilizzato a suo tempo da paese africano non è il solo risulta- assistenza militare ai paesi dove è AM; altri tre sono stati richiesti dal-
AM, che tiene conto naturalmente to conseguito da Alenia nel rilancio in atto la lotta al terrorismo interna- la forza aerea del Camerun.
delle esigenze commerciali della commerciale dell’ancora valido zionale. L’interesse globale è per Buone notizie, infine, anche sul
ditta. Si tratta di un primo ciclo ba- G.222. Il Dipartimento di Stato tutti e venti i velivoli cedibili, ma vi fronte della Tailandia, ultima forza
sico, i cui corsi sono attualmente in USA, che già impiega per la lotta ai sono anche altre trattative in corso. aerea in ordine di tempo ad essersi
fase avanzata di svolgimento a Ca- narcotrafficanti in America Latina Caduta infatti la proposta di rimette- dotata del G.222 (6 esemplari), che
selle sud, e di un secondo ciclo ad- ha firmato il contratto per la rimes-
destrativo per soli equipaggi e istrut- sa in efficienza dei tre velivoli in at-
tori di volo da svolgere in Nigeria. tesa di revisione generale. Come si
Per l’ “on job training” dei ma- vede i successi conseguiti dal C-27J
nutentori, Alenia sta utilizzando il hanno smosso favorevolmente que-
velivolo I-RAIS (n/c 4093) di stanza sto segmento del mercato.
a Caselle, mentre per l’addestra-
mento in volo il NAF 955 (n/c 4091)
passato già in carico alla forza aerea
A sinistra: personale del cantiere
nigeriana. Complessivamente devo- Alenia in visita al Comando del 401°
no essere riqualificati 6 piloti, 8 co- Aircraft Maintenance Depot della
piloti, 10 loadmaster e 78 manuten- NAF sull’aeroporto Ikeja di Lagos.
tori. La NAF intende ricostituire uno Sotto: l’ex “PROCIV 52” (n/c 4091)
riportato alla configurazione NAF e
squadron di G.222 sulla base di Ilo- impiegato sull’aeroporto di Torino
rin, dove sorgerà l’hangar costruito Caselle per l’addestramento in
da Alenia, con cui supportare in tea- volo degli equipaggi nigeriani.

56 - JP4 Mensile di Aeronautica Ottobre 2007