Sei sulla pagina 1di 10

Christina Schmidt

I film della DDR, 1946-1992

La storia del cinema tedesco - orientale inizia nel settembre 1945, quando il nuovo
ufficio per la educazione del popolo, istituito dall’amministrazione militare sovietica,
fa un appello via stampa per cercare registi, autori, artisti, artigiani pronti a
rilanciare la produzione cinematografica.
Il 15 ottobre 1946 viene presentato il primo film tedesco prodotto dopo la fine della
Seconda Guerra Mondiale: Die Mörder sind unter uns (Gli assassini sono tra di noi).
Il regista è il giovane Wolfgang Staudte che l’aveva in precedenza inutilmente
proposto alle amministrazioni militari inglese e statunitense. I sovietici invece
diedero il via libera alla produzione nella nuova società cinematografica: la DEFA.
La DEFA venne insediata a Babelsberg, nei dintorni di Berlino, sui terreni dove un
tempo sorgeva, fino alla capitolazione del Terzo Reich, la UFA. In quegli studi erano
stati girati i film tedeschi più famosi degli anni Venti e Trenta e vi avevano lavorato i
migliori registi, attori/attrici ed artigiani addetti alla produzione cinematografica
della Germania d’anteguerra. Alcuni di loro, come Billy Wilder, Detlef (Douglas)
Sierk, Fritz Lang e Marlene Dietrich, erano stati spinti dal nazismo ad emigrare e
riprendevano la loro carriera negli studi americani di Hollywood.
La DEFA ha potuto proseguire la grande tradizione della UFA e ha avuto
un’esistenza come grande ed unico centro di produzione dei film nella DDR fino alla
sua fine nel 1990. Durante la sua attività, sono stati prodotti più di ottocento
pellicole di fiction per il cinema, ed inoltre filmati narrativi per la TV, film
documentari, film d’animazione, cinegiornali, film di divulgazione, cortometraggi.
Film molto diversi tra di loro. Alcuni sono adattamenti da testi della letteratura
contemporanea: Der geteilte Himmel(1964) di Christa Wolf, Spur der Steine
(1966)di Erik Neutsch, Die Legende von Paul und Paula (1973) di Ulrich Plenzdorf,
Jakob der Lügner (1975) di Jurek Becker.
Altri sono importanti film a soggetto storico-antifascista: Die Mörder sind unter
uns(1946), Ehe im Schatten (1947), Karbid und Sauerampfer (1963), Ich war 19
(1968), Jakob der Lügner (1975), Die Verlobte (1980), Dein unbekannter Bruder
(1982).
Di grande interesse storico sono i film che descrivono i conflitti nella società del
"Socialismo reale": Frauenschicksale (1952), Berlin–Ecke Schönhauser(1957),
Beschreibung eines Sommers (1963), Der Dritte (1972), Bis dass der Tod euch
scheidet (1979), Solo Sunny(1979), Coming Out (1989).
La categoria dei film di propaganda viene rappresentata dall’opera biografica Ernst
Thälmann – Sohn seiner Klasse/Führer seiner Klasse (1954).
Molte di queste pellicole hanno avuto un grande successo di pubblico, fino ad oggi,
ed alcuni sono diventati addirittura film cult come Die Legende von Paul und Paula
(1973) o Spur der Steine(1966). Molti film della DDR, i migliori, hanno dovuto
superare numerosi ostacoli prima di essere prodotti (e come nel caso di quelli vietati
nel periodo 1965/66, anche dopo la produzione) perché non erano certo i film che i
funzionari del partito e del governo della Germania Est desideravano. Erano opere
non soltanto di alta qualità professionale ma anche critiche e impegnate nella
discussione sociale - senza voler illustrare l'ideologia ufficiale con dei personaggi da
cartapesta, senza uno scopo propagandistico. Erano invece creati da autori e da
registi dotati di grande talento e coraggio, cresciuti alla visione delle scuole del
Neorealismo italiano, della Nouvelle Vague francese, del New Cinema inglese.
Un’influenza di cui si trova traccia nella drammaturgia e nella regia di questi film
della DDR. Essi rimangono dunque sia testimonianze interessanti di un epoca sia
prove cinematografiche di grande valore artistico ed intellettuale.
Con la fine della DDR è iniziato un processo di rilettura e revisione della sua storia,
accompagnato da tentativi di cancellarne la memoria – quello che avrebbe potuto
ricordare e testimoniare l’esistenza e le peculiarità di questo paese così strano,
esistito per 40 anni nella Mitteleuropa, tra l’Europa dell’Est e quella dell’Ovest, metà
tedesco, metà sovietico. Abbiamo però memoria di quel mondo pervenutoci dal
cinema tedesco - orientale e dai libri scritti in quegli anni.
La prima dell’ultimo film di grande successo, Coming Out, fu presentata proprio
nella serata del 9 novembre 1989 a Berlino-Est. Nello stesso istante in cui finiva la
proiezione del film, le prime persone attraversavano il posto di frontiera sul ponte
della Bornholmer Straße, a solo pochi chilometri di distanza dal cinema. Tre mesi
dopo, nel febbraio 1990, il film Coming Out vinceva l’Orso d’argento al festival di
film della Berlinale. Durante lo stesso festival venivano presentati con clamore
alcuni dei film vietati nel 1965/66.
Sino al 1993 uscirono ancora alcuni film con il logo della DEFA, perlopiù
coproduzioni con altre case e con la televisione. Ricordiamo gli ultimi lavori originari
della DEFA: Novalis – die blaue Blume di Herwig Kipping, sul poeta del
romantiscismo tedesco, e Zirri das Wolkenschaf di Rolf Losansky, un film per
l’infanzia.
Gli studi della DEFA Link a www.filmmuseum-potsdam.de/de/413-821.htm furono
venduti nel 1992 al gruppo francese CGE, oggi Vivendi Universal, che a sua volta li
ha rivenduti nel 2004. Il nome DEFA venne cancellato, i dipendenti artistici e tecnici
progressivamente licenziati. Oggi, sul terreno della DEFA sorge la Studio
Babelsberg S.p.A. che produce film in alleanza con un produttore Hollywood.

Per approfondamenti ed informazioni sui film nella DDR e il cinema tedesco -


orientale: Christina Schmidt, Al di là del Muro. Cinema e Società nella Germania Est
1945-1990, Bologna, CLUEB, 2009.

Storia del cinema della Germania Est 1946-1990, a cura di Christina Schmidt
1. 1946-1949

Il sistema antifascista-democratico del dopoguerra e la fondazione del nuovo stato


socialista.
Il dopoguerra e la ricostruzione.
L’inizio della Guerra Fredda.
La fusione di KPD e SPD al partito dell’Unità socialista SED 1946.
Le riforme della terra, dell’industria, della scuola.
La fondazione della DDR 1949.
Film:
Die Mörder sind unter uns, 1946, Wolfgang Staudte
Freies Land, 1946, Milo Harbich
Ehe im Schatten, Kurt Maetzig, 1947
Straßenbekanntschaft, 1948, Peter Pewas
Unser täglich Brot, 1949, Slatan Dudow
2. Gli anni Cinquanta
La consolidazione del potere della SED.
La morte di Stalin, marzo 1953.
La rivolta del 17 giugno 1953.
Il breve periodo del „disgelo”.
Film:
Das Beil von Wandsbek, 1951, Falk Harnack
Frauenschicksale, 1952, Slatan Dudow
Ernst Thälmann- Sohn seiner Klasse/Führer seiner Klasse, 1954, Kurt Maetzig
Die Geschichte vom Kleinen Muck, 1954, Wolfgang Staudte
Schlösser und Katen, 1956, Kurt Maetzig
Berlin, Ecke Schönhauser, 1957, Gerhard Klein
Sonnensucher, 1958, Konrad Wolf
3. Gli anni Sessanta
La frontiera aperta e la costruzione della società socialista.
La “diga antifascista”: il Muro 1961.
Le conseguenze politiche e culturali del XI Plenum del comitato centrale della SED
1965.
La Primavera di Praga 1968.
Film:
Der schweigende Stern, 1960, Kurt Maetzig
Beschreibung eines Sommers, 1963, Ralf Kirsten
Der geteilte Himmel, 1964, Konrad Wolf
Das Kaninchen bin ich, 1964, Kurt Maetzig
Spur der Steine, 1965, Frank Beyer
Die Söhne der Großen Bärin 1966, Josef Mach
Heißer Sommer 1968, Joachim Hasler
Die Russen kommen, 1968, Heiner Carow
Ich war neunzehn, 1969, Konrad Wolf
4. Gli anni Settanta
Il VIII° congresso della SED: “Non ci possono essere dei tabù...”.
La morte di Walter Ulbricht / il nuovo corso di Erich Honecker 1973: unità tra politica
economica e sociale. Speranze per l’arte e la cultura.
La emancipazione delle donne: parità dei diritti/ legalizzazione dell’aborto 1972/il
lavoro a tempo pieno per tutte.
L’espulsione del cantautore Wolf Biermann e la protesta degli intellettuali 1977.
Film:
Goya, 1971, Konrad Wolf
Der Dritte, 1972, Egon Günther
Die Legende von Paul und Paula, 1973, Heiner Carow
Die Schlüssel, 1974, Egon Günther
Ikarus, 1975, Heiner Carow
Jakob der Lügner, 1975, Frank Beyer
Hostess, 1976, Rolf Römer
Die geschlossene Gesellschaft, 1978, Frank Beyer
Solo Sunny, 1979, Konrad Wolf
5. Gli anni Ottanta
La crisi nazionale politica ed economica, e la crisi internazionale – riarmamento dei
blocchi e movimento pacifista.
La Conferenza di Helsinki: distensione europea e diritti umani.
Gli alternativi - movimenti di emancipazione e di riforme: donne – giovani –
omosessuali – ambiente.
La speranza Gorbaciov: Perestrojka e Glasnost.
Il rapporto tra Stato e Chiese.
Film:
Die Beunruhigung, 1981, Lothar Warnecke
Das Fahrrad, 1981, Evelyn Schmidt
Jadup und Boel, 1982/88, Rainer Simon
Insel der Schwäne, 1983, Hermann Zschoche
Erscheinen Pflicht, 1984, Helmut Dziuba
Ete und Ali, 1984, Peter Kahane
Die Frau und der Fremde, 1985, Rainer Simon
Einer trage des andern Last, 1988, Lothar Warnecke
Winter Adé, 1988, Helke Misselwitz
Coming Out, 1989, Heiner Carow
6. 1989-1990
Il finale.
La rivoluzione “pacifica”: dalle veglie nelle chiese alla manifestazione del 4
novembre.
La Tavola Rotonda come esercizio di democrazia.
Il crollo del Muro.
La riunificazione delle due Germanie.
Riflessioni sul passato.
Film:
Leipzig im Herbst, 1989, Andreas Voigt/Gert Kroske
Letztes Jahr Titanic, 1990, Andreas Voigt
Die Architekten, 1991, Peter Kahane
Die Mauer, 1991, Juergen Boettcher
Verfehlung, 1991, Heiner Carow
Das Land hinterm Regenbogen, 1991, Herwig Kipping
Die verriegelte Zeit, 1991, Sibylle Schönemann
Stilles Land, 1992, Andreas Dresen
Nikolaikirche, 1995, Frank Beyer

C’era una volta il Muro raccoglie il meglio della produzione della DEFA,
l’impresa cinematografica della ex Germania Est.

Dal 1945 al 1990, la DEFA realizzò più di 700 film, opere che testimoniano la vita
dall’altra parte del Muro. Uno specchio di un mondo parallelo, con regole imposte dal
regime socialista e che venivano sovvertite da alcune dei film realizzati. Titoli che
raccontavano le contraddizioni profonde della vita al di là del Muro.
Alcuni di questi capolavori videro la luce solo dopo il 9 novembre del 1989, i titoli
realizzati dalla DEFAsono oggi un prezioso osservatorio sui fenomeni che
caratterizzarono l’ex DDR, o RDT. I titoli in programma a C’era una volta il Muro
saranno anche l’occasione per vedere come il cinema è un valido strumento di
mobilitazione, propaganda, consenso ed educazione delle masse. Un viaggio con una
serie di titoli dedicati dal mondo giovanile e una serie di capolavori tutti da scoprire.
Questa sera il 5 maggio sarà Il cielo diviso, tratto dall’omonimo bestseller di Christa
Wolf, girato qualche giorno dopo al costruzione del Muro, un film dedicato in cui la
storia d’amore riflette la separazione delle due Germania. Ritirato e contrastato, il
film è un simbolo di quella ribellione che è al centro di altri titoli in programma
come: Io sono il coniglio di Kurt Maetzig o Karla di Herrmann Zschoche, dedicato
a una giovane insegnante dai metodi innovativi.
I giovani sono di nuovo protagonisti in La leggenda di Paul e Paula, la ronco più
amata nella DDR, e Coming Out, unico film gay mai girato in Germania Est e
proiettato per la prima volta la sera del 9 novembre 1989.
Molti altri titoli sono dedicati al secondo conflitto mondiale: dal capolavoro di
Konrad Wolf Avevo diciannove anni al poetico Jacob il bugiardo, l’unico film
candidato all’Oscar per l’ex Germania Est e poi ispiratore di tanti titoli successivi,
o Gli assassini sono tra noi, noir antinazista girato nel 1946 in una impressionante
Berlino distrutta dai bombardamenti.
Fra i titoli c’è anche uno di sci fi: Sojux 111 terrore su Venere, il documentario
imperdibile Die Mauer, di Jürgen Böttcher, opera mai eguagliata per ricchezza e
profondità nel racconto della storia del Muro o Wer die Erde liebt, reportage sulla
Woodstock dell’Est del 1973.
C’era una volta il Muro è in programma al Palazzo delle Esposizioni, un progetto
promosso dall’Azienda Speciale Palaexpo, il Goethe-Institut Rom e in collaborazione
con la DEFA Stiftung.
L’elenco dei film :

Der geteilte Himmel


(Il cielo diviso) di Konrad Wolf Ex RDT, 1964, 116‘
Il cielo diviso del titolo è la separazione psicologica tra i protagonisti e a quella fisica
tra Est e Ovest. Dal romanzo di Christa Wolf, fu accostato a Hiroshima Mon
Amour di Resnais.
Ich war neunzehn
(Avevo diciannove anni)
di Konrad Wolf. Ex RDT, 1968, 115′
Uno dei capolavori assoluti della storia del cinema tedesco.

Die Mörder sind unter uns


(Gli assassini sono tra noi)
di Wolfgang Staudte. Ex RDT, 1946, 81’
Opera indispensabile per comprendere il cinema tedesco: girata nell’immediato
dopoguerra, fa i conti con il recente passato.
Wer die Erde liebt
(Chi ama la terra)
di Uwe Belz, Jürgen Böttcher, Joachim Hellwig, Harry Hornig. Ex RDT, 1973, 69’
Una curiosa Woodstock dell’Est: il reportage ufficiale sul Festival mondiale della
gioventù e degli studenti.

Sabine Kleist, 7 Jahre


(Sabine Kleist, 7 anni)
di Helmut Dziuba. Ex RDT, 1982, 72’
La Berlino Est dei primi anni Ottanta raccontata da Sabine, 7 anni, scappata
dall’orfanotrofio.

Der Dritte
(t.l. Il terzo)
di Egon Günther, Ex RDT, 1972, 107’
La più spregiudicata rottura delle convenzioni sociali del cinema della DDR: la
protagonista, dopo il naufragio di due matrimoni, si mette in cerca del terzo marito.

Berlin – Ecke Schönhauser


(Berlino, angolo Schönhauser Allee)
di Gerhard Klein. Ex RDT, 1957, 79‘
Gioventù bruciata nella DDR: un cult girato prima della costruzione del Muro
dedicato a turbamenti, amori, inquietudini e ribellioni del mondo giovanile nell’epoca.

Die Spur der Steine


(t.l. La traccia delle pietre)
di Frank Beyer. Ex RDT, 1966, 129‘
Una delle perle assolute del cinema tedesco orientale, fece scandalo e fu ritirato dalle
sale per 23 anni. Il film venne marcato come un nemico dello Stato.

Der schweigende Stern


(Sojux 111 terrore su Venere)
di Kurt Maetzig. Ex RDT, 1960, 90’
Una missione spaziale su Venere svela una civiltà distrutta dalla guerra e popolata di
creature mostruose. È uno dei più celebri titoli della fantascienza comunista.

Sieben Sommersprossen
(Sette lentiggini)
di Herrmann Zschoche. Ex RDT, 1978, 79’
In un campo estivo scoppia l’amore di due adolescenti. Il Tempo delle mele della
RDT.

Karla
di Herrmann Zschoche. Ex RDT, 1965-1990, 128’
Bloccato dalla censura e proiettato solo decenni dopo, è la storia di una giovane
insegnante dai metodi innovativi e non convenzionali che la portano al
licenziamento.

Jakob, der Lügner


(Jakob il bugiardo)
di Frank Beyer. Ex RDT, 1975, 100’
Capolavoro poetico sull’Olocausto, al quale si sono ispirati tanti film successivi.
Unico film della RDT ad essere stato candidato all’Oscar.

Solo Sunny
di Konrad Wolf, Wolfgang Kohlhaase. Ex RDT, 1980, 104’
L’ ultimo film di Wolf, cineasta simbolo della DDR, valse l’Orso d’ Argento alla
protagonista Renate Krossner.

Coming out
di Heiner Carow. Ex RDT, 1989, 112’
Orso d’argento al Festival di Berlino, l’unico film a tematica gay della DDR è un
simbolo di rottura e fu proiettato proprio la sera della caduta del Muro.

Der Verdacht
(t.l. Il sospetto)
di Frank Beyer. Ex RDT, 1990-91, 94’
Nel primo lungometraggio dopo la caduta del Muro, Frank Beyer torna a
riflettere sul recente passato, attraverso la travagliata storia d’amore di due
giovani.
Die Beunruhigung
(t.l. L’agitazione)
di Lothar Warneke. Ex RDT, 1981, 96’
Girato in bianco e nero con un taglio documentaristico, affronta il tema del cancro,
considerato tabù non solo nella DDR, attraverso le inquietudini di una donna.

Die Mauer
(t.l. Il muro)
di Jürgen Böttcher. Ex RDT, 1990, 96’
Il miglior documentario sulla caduta del Muro, è il racconto memorabile del suo
smantellamento e un requiem per il Paese amato e odiato dal cineasta e pittore Jürgen
Böttcher.

Die Legende von Paul und Paula


(t.l. La leggenda di Paul e Paula)
di Heiner Carow. Ex RDT, 1973, 105’
Amore, passione, risate e lacrime sono gli ingredienti del più popolare film della
DEFA.

Das Kaninchen bin ich


(Io sono il coniglio)
di Kurt Maetzig. Ex RDT, 1965, 114’
Vietato e leggendario, dette il nome a tutti i titoli proibiti, da allora noti come “film
del coniglio”.
I bambini di Golzow (1961)

I bambini di Golzow (Die Kinder von Golzow) è un documentario sulla vita di alcuni
bambini, seguiti per anni nell'arco della loro crescita e maturazione, all'interno della
cittadina di Golzow, piccolo paese della Germania dell'Est al confine con la Polonia. Con
le sue 42 ore è il film documentario più lungo della storia del cinema.

Es werden ein paar Filme bleiben – Das war die DEFA


(t.l. Rimarranno un paio di film – Questa era la DEFA)
di Ullrich Kasten. Ex RDT, 1996, 90’
Il documentario ripercorre la vicenda appassionante della DEFA.