Sei sulla pagina 1di 12

Le Formiche

Le MINI-GUIDE ADAMA Casa e Giardino


Tutte le soluzioni testate ed efficaci
per la protezione degli ambienti
domestici interni ed
esterni
Le Formiche
Le MINI-GUIDE ADAMA Casa e Giardino

Cari amici,
le nostre MINI-GUIDE vogliono
essere un strumento utile e
pratico per aiutarvi nella
protezione delle vostre case da
insetti e parassiti indesiderati.

La protezione dell’ambiente
domestico interno ed esterno è
la nostra missione e vogliamo
offrirvi tutta la nostra
esperienza e l’eccellenza
dei nostri prodotti.

Seguite i nostri consigli,


utilizzate i nostri rimedi e
la vostra casa sarà protetta!

LE NOSTRE SOLUZIONI SONO:

CURATIVE

TESTATE

EFFICACI

Un saluto da tutto il team


ADAMA Casa e Giardino
-2-
LE FORMICHE LE SPECIE PIÙ COMUNI
Il primo passo per poterle eliminare, IN EUROPA
è conoscerle.
Sono poche le specie veramente
Le formiche sono capaci di incredibili considerate infestanti in virtù delle
azioni distruttive, che sono possibili loro abitudini alimentari e della loro
per la loro superiorità numerica e predilezione per zuccheri e proteine.
per la loro efficienza nella coope-
razione, aiutati da una prodigiosa Le specie più comuni che nidificano
comunicazione tra consimili. all’aperto sono:
A noi capita spesso di confrontare le Formica Nera (Lasius Niger)
nostre capacità con quelle di altre Formica Gialla (Lasius Flavus)
creature e restiamo impressionati Formica Rossa (Lasius Emarginatus)
quando una tale forza e capacità Formica delle Zolle
qualificano un insetto così piccolo. (Tetramorium Caespitum)

In natura le formiche sono dei for- Le specie più comuni che nidificano
midabili spazzini, utili anche per all’interno degli edifici o in prossi-
la lotta ai parassiti e svolgono fun- mità sono:
zioni importanti: Formica Argentina
• ripuliscono il terreno dagli insetti (Linepithema Humile)
morti che portano al nido come Formica Faraone
cibo; (Monomorium Pharaonis)
• trascinano i semi di cui si cibano e Formica Carpentiere
in parte li spargono nell’ambiente, (Camponotus sp.)
disseminando così le varie specie
vegetali; Le Formiche sono numerosissime e
• smuovono il terreno con un’azione popolano un mondo a noi scono-
più efficace di quella dei lombrichi, sciuto.
facendo circolare i nutrienti nel La consistenza delle popolazioni di
suolo e nel sottosuolo; formiche evoca numeri incredibili.
• tengono sotto controllo le popola- Il peso complessivo degli individui
zioni di insetti dannosi; per esem- presenti oggi su tutta la superficie
pio, è antagonista della Proces- della terra (una formica pesa in
sionaria del Pino. media ca. 4 milligrammi) sarebbe
all’incirca quello di tutti gli uomini
messi insieme; niente male, visto
che un’operaia ha una dimensione
inferiore a un milionesimo della
nostra grandezza.

-3-
LE SPECIE PIÙ DIFFUSE IN ITALIA
FORMICA NERA FORMICA ARGENTINA
(Lasius Niger) (Linepithema Humile)

D imensione da 2,5 fino a 5 mm ca. 3 mm ca.

Giallo-marrone
C olore Nero lucido
con torace irregolare

Le operaie nascono in primavera e


aumentano di numero fino all’autunno.
Il passaggio dallo stadio di uovo
C iclo a quello di adulto richiede circa
Gli individui alati (regine e maschi con
vitale capacità riproduttive) nascono all’inizio
6 settimane.
della primavera e raggiungono la loro
maturità entro 3 mesi.
Negli ambienti esterni tende a nutrirsi Le operaie possono coprire fino a
di melata prodotta dagli afidi e di 60 m di distanza per il cibo. Preferisce
insetti vivi e morti. alimenti dolci come miele, succhi
Negli ambienti interni è attratta di frutta, secrezioni zuccherine di
soprattutto da alimenti zuccherini piante, melata di afidi e cocciniglie,
come marmellate, bibite, succhi di ma hanno anche bisogno delle proteine
frutta, cioccolato e miele. Quando la della carne, uova di altri insetti e
covata richiede sostanze proteiche per può quindi nutrirsi di carcasse animali.
A bitudini svilupparsi, le operaie cercano fonti di Le colonie si trovano in zone umide e
cibo come carne e formaggi. I formicai vicine a fonti di alimentazione di solito
solitamente si trovano all’esterno di all’esterno. Quando però il terreno è
edifici, spesso nei terreni tendenti al troppo bagnato o troppo asciutto,
sabbioso e con poca vegetazione; in invadono i fabbricati percorrendo ad
corrispondenza del nido si possono esempio rami di alberi e arbusti e cavi
notare cumuli di terra. della corrente elettrica.
Si trovano spesso nei giardini in La Formica Argentina morde,
presenza di piante infestate dagli afidi. ma non punge.

È una specie particolarmente invasiva


Normalmente si spinge all’interno alla a causa della sua fertilità e della
I mportante ricerca di cibo, ma il formicaio rimane numerosità delle colonie, inoltre ha la
all’esterno. capacità di fondare “nidi satelliti” che
ne rende difficoltoso il controllo.

La più grande colonia al mondo di


C uriosità La loro Regina può vivere fino a 30 anni. questa specie si estende per 6.000 km
lungo le coste del Mediterraneo.
-4-
Quando pensiamo alle formiche le
immaginiamo: in doppia fila sul muro
FORMICA FARAONE di un edificio, lungo una condotta
(Monomorium Pharaonis)
elettrica, in un tombino, sulla trave di
legno del tetto, nella cavità buia di un
tronco, sulla corteccia di un ramo e sulle
foglie, su un filo d’erba o sullo stelo di un
fiore, su un cespuglio e nelle profondità
2 mm ca. del sottosuolo.
Marrone chiaro-ocra
con ombreggiature nere sulla parte Le Formiche sono radicate ovunque.
finale dell’addome Nei nostri ambienti ci sono formiche di
Nidificano nelle prossimità degli edifici tutte le misure: si va da insetti quasi
riscaldati e prosperano in condizioni invisibili ad insetti che superano il cm e
di elevata umidità.
Gli adulti alati volano di rado, quindi possono avere colori diversi (formiche
è difficile vederli. Le ali cadono dopo nere, rosse, grigio scuro, gialle, marroni,
l’accoppiamento. arancioni).
All’interno degli edifici sfruttano Alcune specie pungono e/o mordono,
come vie di passaggio le canaline ma lo fanno per istinto, perché infastidi-
degli impianti elettrici o le tubazioni te e per autodifesa.
dell’acqua, rendendosi invisibili. In Italia ci sono specie patogene diffuse
Preferiscono alimenti zuccherini e
proteici (carne). in ogni ambiente. Se hai visto una
Negli ambienti ospedalieri, dove formica in cucina, indaffarata con
comunque le fonti alimentari non una briciola di pane, sicuramente
mancano, è temuta anche per il suo non è sola; è la rappresentazione di
potenziale ruolo di portatore di
batteri patogeni; nei casi di grave
un’intera colonia ben ramificata che è
infestazione arriva ad attaccare composta da alcuni milioni di individui.
addirittura i pazienti che si trovano Prelevato un granello di quella briciola,
ricoverati e costretti a letto. lo porterà di corsa alle compagne per
Le operaie si spingono alla ricerca
l’assaggio, una volta stabilita la qualità,
di cibo anche a distanze
considerevoli dal nido. un drappello giungerà sul posto per
razziare ogni rimasuglio di cibo.
Piccole dimensioni, ampio raggio
d’azione e spostamenti lungo tragitti Il tragitto dal cibo al nido e viceversa
“nascosti” rendono la Formica verrà marcato con particolari sostanze
Faraone difficile da avvistare, ma è olfattive emesse dalle operaie, per age-
difficile anche individuare quale sia il volare e velocizzare il transito di tutte
nido di origine delle operaie a causa
proprio delle grandi distanze che può
le altre. Sono delle vere e proprie strade
percorrere. invisibili a due corsie, andata e ritorno,
È una specie poliginica (un maschio si una circolazione molto intensa quan-
accoppia con più femmine) in grado di do il cibo è abbondante e
formare facilmente nuovi formicai da di qualità.
quello originale.
-5-
Sanno comunicare in un modo del potrebbero unire gli sforzi e aiutarsi
tutto speciale. in una particolare attività oppure
Uno dei principali motivi di successo scambiarsi reciprocamente i ruoli per
delle formiche è la loro capacità di massimizzare l’efficienza.
comunicare.
Si parlano con modalità straordi- Sono come un gigantesco organi-
narie; le informazioni di base cor- smo.
rispondono a sostanze chimiche Se in modo del tutto casuale inci-
prodotte da particolari organi, la dentalmente un gruppo di formiche
diversa natura dell’essenza elaborata dovesse perire, subito verrebbero so-
e l’eventuale combinazione con altre stituite da nuovi elementi giovani; la
sostanze, costituiscono le “parole” regina, sotto stimolo delle operaie, si
e le “frasi” di un efficace ed evoluto metterebbe a deporre uova per rico-
modo di “conversare” tra sorelle. stituire i ranghi perduti.

I segnali chimici descritti vengono Il nido.


associati a particolari movimenti Il nido delle formiche può avere
del corpo (vibrazione delle mandibo- un’architettura molto complessa,
le, agitazione dell’addome, ecc.), al la sua dimensione e configurazione
tatto e all’emissione di suoni. dipendono dalla specie, dell’età del-
In questo modo annunciano un pe- la colonia, dalla natura del terreno
ricolo, gestiscono le mansioni dentro e dalla quantità di risorse disponibili
il nido, segnalano la presenza di una (cibo, acqua, ecc.).
fonte di cibo, organizzano i rapporti
tra gli individui e tante altre attività. A capo della comunità vi è una fem-
mina chiamata “regina” che ha
L’organizzazione interna della co- il compito esclusivo
lonia è molto articolata e il compi- della
to assegnato a ogni operaia potreb-
be anche cambiare: le sorelle
-6-
dagli attacchi esterni.
I maschi sono pochi, nascono solo
in determinati periodi dell’anno e
muoiono dopo l’accoppiamento con
la regina, questa poi deporrà migliaia
di uova.
Ogni individuo ha come unico sco-
po il benessere dell’intera comuni-
tà.

riproduzione e della deposizione delle P ossono danneggiare seriamente


uova. la nostra casa .
Tutte le altre femmine si dividono in Le formiche sono in grado di costru-
operaie e soldati. ire nidi estesi anche all’interno
Le prime hanno il compito di cercare delle nostre abitazioni, dalle fonda-
il cibo, trasportarlo nel formicaio, ac- menta ai controsoffitti.
cudire la regina e occuparsi delle lar- I danni provocati all’isolamento sono
ve; le seconde invece stanno a difesa spesso ingenti e determinano il rifa-
del formicaio e dell’intera comunità cimento della copertura dell’edificio.

I LUOGHI DELLA CASA PIÙ INFESTATI

PRESE D’ARIA

GARAGE
FINESTRE
GIARDINO

CUCINA RIFIUTI

-7-
LA SOLUZIONE AL PROBLEMA FORMICHE
ADAMA Casa e Giardino propone:

FOVAL GEL ULTRA


Gel insetticida per il controllo delle formiche

• Formulazione in gel per un’alta appetibilità


• Nuova forma triangolare adatta agli angoli
• Elimina l’intera colonia
• Utilizzo semplice e veloce sia per ambienti interni che esterni

FOVAL GEL ULTRA è un insetticida in formulazione gel efficace contro formi-


che comuni e tropicali, tra le quali Formica Nera (Lasius Niger), Formica Ar-
gentina (Linepithema Humile) e Formica Faraone (Monomorium Pharaonis).

Il prodotto può essere utilizzato sia in ambienti interni (abitazioni private e/o
edifici pubblici, di carattere residenziale, commerciale, industriale) che in am-
bienti esterni (perimetro di edifici, terrazze e giardini privati).

Grazie alla sua straordinaria appetibilità, l’esca gel risulta essere molto effi-
cace nei confronti di tutte le specie di formiche che si nutrono di sostanze
zuccherine e proteiche.

FOVAL GEL ULTRA può portare all’eliminazione dell’intera colonia: data l’al-
tissima appetibilità quest’esca viene consumata velocemente dalle formiche
che non riescono a rilevare la presenza del principio attivo e mantiene la sua
attrattività ed efficacia per un lungo periodo di tempo.
L’esca viene raccolta dalle formiche operaie e rapidamente portata nel nido,
dove viene condivisa dall’intera colonia, secondo un fenomeno detto trofallassi.
È proprio grazie a questo fenomeno di condivisione del cibo che la sostanza
attiva presente nel FOVAL GEL ULTRA arriva a tutti i membri della colonia e
ne permette il controllo completo.

FOVAL GEL ULTRA deve essere applicato nelle aree in cui le formiche sono pre-
senti, in prossimità dei nidi, presso i loro percorsi o in crepe e fessure.
Per l’utilizzo in ambienti esterni (terrazze, patii, cortili o giardini) il prodotto va
applicato nei posti di maggiore presenza: grondaie,
cornicioni e nei punti di entrata di cavi e
tubature.
-8-
FOVAL GEL ULTRA viene proposto in tre pratiche confezioni:
• Gel insetticida in TRAPPOLA TRIANGOLARE
• Gel insetticida in SIRINGA da 5 g
• Gel insetticida in SIRINGA da 35 g

TRAPPOLA TRIANGOLARE
La sua particolare forma è stata studiata per essere po-
sizionata facilmente lungo i percorsi delle formiche, ra-
sente i muri e negli angoli.

Indicazioni d’uso:
FOVAL GEL ULTRA in trappole triangolari deve essere
posizionato negli angoli delle stanze o locali coperti.

Premere al centro della trappola


per rompere la capsula conte-
nente il gel; questo verrà rila-
sciato all’interno della stessa per
attrarre le formiche.

Dosi:
1 trappola triangolare ogni 3 m2.

Frequenza di applicazione:
Dopo 7 giorni dal posizionamento, ispezionare il punto di trattamento e ricol-
locare l’esca se consumata.

Frequenza del trat-


tamento:
Il trattamento può es-
sere ripetuto dopo 3
mesi dal precedente.
Facile posizionamento
negli angoli della casa.

-9-
SIRINGA GEL INSETTICIDA
Gel insetticida pronto all’uso, è stato studiato per offri-
re un efficacia totale nel controllo delle formiche sia
in ambienti interni che in ambienti esterni (terrazze,
patii, cortili o giardini), permettendo un’applicazione
localizzata e precisa sia nelle crepe che nelle fessure.

Indicazioni d’uso:
FOVAL GEL ULTRA deve essere posizionato in piccole
gocce o in alternativa formando sottili linee nei pressi
dei nidi o dei percorsi tracciati dalle formiche.

Dosi:
0.2 g ogni m2 (corrispondenti a una goccia o una linea
sottile di 3 cm di lunghezza)

Frequenza di applicazione:
Dopo 7 giorni dall’applicazione, ispezionare il punto di
trattamento e ricollocare l’esca se consumata.

Frequenza del trattamento:


Il trattamento può essere ripetuto dopo 3 mesi dal precedente.

Può essere applicato in piccole gocce o linee sottili e con precisione nelle fessure.

Può essere applicato anche direttamente nel nido.

1 2 3 4

SVITA IL CAPPUCCIO TOGLI IL CAPPUCCIO PREMI LO STANTUFFO INSERISCI IL BECCUCCIO


NEL NIDO
-10-
L’EFFICACIA DELL’ESCA • Negli ambienti interni le esche devono
FOVAL GEL ULTRA È DATA DA: essere collocate in punti di accesso
• Principio attivo non percettibile noti o sospetti, oltre che lungo i
dalle formiche ma sufficientemente percorsi delle formiche;
potente e letale; • All’esterno devono essere posizionate
• Azione ritardata da consentire alle lungo i percorsi delle formiche e nelle
formiche di portare l’esca nel nido e vicinanze dei nidi;
distribuirlo a tutti gli individui adulti e • Le esche devono essere sistemate al
alle larve; riparo dagli agenti atmosferici.
• Altamente appetibile da stimolare
un consumo vorace (presenza di Misure di prevenzione:
sostanze zuccherine e proteiche); • Chiudere gli alimenti in contenitori
• Formulazione in gel per un rapido ben sigillati;
assorbimento. • Fare pulizia periodica dei pavimenti
e delle superfici per rimuovere
Il posizionamento dell’esca in gel è al- eventuali perdite e/o tracce di odori;
trettanto importante: • Smaltire efficacemente tutti gli scarti
• Le aree al coperto devono essere della cucina e i resti di cibo;
ripulite da fonti di cibo alternative • Sigillare con nastro adesivo di tutti i
prima del posizionamento delle esche; punti di accesso noti e nascosti.

Un momento ludico con ADAMA Casa e Giardino


“ACCHIAPPA LA FORMICA”
Seguici su:

KOLLANT S.r.l.
Via C. Colombo 7/7A - 30030 Vigonovo (VE) - Italia
Tel. +39 049 9983000 - info@kollant.it - www.kollant.it
www.adamacasaegiardino.it

Le informazioni contenute nella presente guida sono di carattere informativo e non sostituiscono quanto
riportato sull’etichetta di ogni singolo prodotto. L’utilizzatore è tenuto a leggere attentamente le avvertenze,
le dosi e le modalità d’uso riportate sulle confezioni dei prodotti. Il rispetto delle istruzioni riportate sulla
confezione è essenziale per il corretto utilizzo del prodotto stesso per evitare danni alle piante, alle persone
e agli animali. Kollant S.r.l. declina ogni responsabilità dall’uso improprio del prodotto o nel caso in cui i
prodotti vengano impiegati in violazione di qualsiasi norma.
Foval Gel Ultra Prodotto Biocida (PT18) - Aut. Min. Sal. n. IT/2018/00515/AUT.
Usare i biocidi con cautela. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto.