Sei sulla pagina 1di 3

CHANGE POINTERS & IDOC

Il concetto:
SAP ha messo a punto una soluzione per tenere traccia delle modifiche rilevanti su un'ampia varietà di
documenti come l'ordine d'acquisto, un contratto o dati anagrafici (il materiale). Change Documents è il
meccanismo utilizzato in molte transazioni per tenere traccia delle modifiche, può anche essere impostato
per applicazioni custom-build. Per molte modifiche, è molto probabile che altri sistemi debbano essere
notificati e perché non usare Idoc per ottenere questo cambiamento messaggio attraverso. I point point del
cambiamento sono il punto in cui la soluzione standard SAP per tenere traccia delle modifiche (documento
Change) soddisfa la soluzione standard SAP per la messaggistica EDI (e ALE) (Idocs).
Come funziona?
Una lista di passi:

1. Innanzitutto l'utilizzo di puntatori di modifiche deve essere attivato globalmente tramite


transazione BD61 - Attivare globalmente i puntatori di modifica, quindi i puntatori di modifica devono
essere attivati per il tipo di messaggio pertinente, transazione BD50 - Attiva puntatori di modifica per il
tipo di messaggio
2. Tramite la personalizzazione delle impostazioni, alcune modifiche vengono contrassegnate come
"rilevanti da utilizzare per attivare un Idoc in uscita" (transazione BD52 : specificare i campi per i quali è
necessario scrivere i puntatori di modifica). Queste impostazioni sono fatte per un tipo di messaggio Idoc
predefinito
3. L'effetto sarà che quando si verificano effettivamente le modifiche personalizzate sopra indicate, ad
esempio una quantità dell'ordine di acquisto viene modificata, un puntatore di modifica viene salvato in
una tabella. In effetti il puntatore del cambiamento agisce come "motivo scatenante per un tipo di
messaggio predefinito" (o anche tipi di messaggi diversi).
4. Alla fine della giornata, i puntatori di cambiamento vengono interpretati (normalmente tramite un lavoro
batch) tramite transazione BD21 - Gli idoc sono scritti dai puntatori di modifica (già raccolti)

Gli Idoc in uscita che verranno prodotti dovranno essere impostati con un codice di elaborazione in uscita
(tramite transazione WE41 - In uscita: Crea un nuovo codice di processo in uscita) per consentire al sistema
di produrre l'Idoc attivato. Dettagli utili su questo: dove un idoc con segmenti di intestazione e segmenti di
articolo viene prodotto da un puntatore di modifica relativo a una modifica di elemento, il codice di azione
sull'intestazione viene impostato sul codice 018 - Rinvia. Ciò significa che i dati di intestazione vengono
inviati solo per aiutare il sistema ricevente a identificare di cosa tratta l'idoc (che è ovviamente richiesto). Le
informazioni aggiuntive di questo codice di azione sono il fatto che non è stato modificato nulla sui segmenti
di intestazione, pertanto il sistema di ricezione può ignorare la maggior parte del segmento.
Background tecnico
I puntatori di modifica vengono mantenuti sulle tabelle BDCP : "Cambia puntatore" e BDCPS "Cambia
puntatore: stato". Tabella TBDME - "Anche i dati supplementari ALE per il tipo di messaggio EDI" potrebbero
essere utili. In pratica, queste tabelle possono essere utilizzate per verificare un setup.
Alcuni utili moduli funzione in cui sono interessati i puntatori di cambiamento:
CHANGE_POINTERS_READ Leggi i puntatori di modifica
CHANGE_POINTERS_STATUS_WRITE Scrivi record di stato dei puntatori di modifica
MASTERIDOC_CREATE_SMD_* Logica IDOC in uscita utilizzando i puntatori di modifica (* = tipo di messaggio).
Se trovi la necessità di modificare i valori del campo Idoc per fare una facile corrispondenza con il sistema di
ricezione - questo può essere fatto come una cosa personalizzabile ... (estendendo alla logica ABAP se
vuoi). Si tratta di un setup che non ho visto su molte implementazioni di Idoc, tuttavia è molto potente ed è
bello sapere dell'esistenza.
Solo per situare te stesso: un Idoc in uscita che è puro standard SAP viene creato, ad esempio il CREMAS
tipo di messaggio. Si desidera modificare il valore del E1LFA1M-MSGFN campo per il campo, utilizzando una
tabella di conversione. Quindi 004 diventa X04 e 005 dovrebbe diventare XX4.
Impostazione di una regola di conversione BD62 È necessario utilizzare la transazione per collegare
una regola di conversione a un segmento. Transazione BD79 elenca i campi che possono essere impostati
(manipolati) con la regola di conversione. Seleziona un campo e fai doppio clic su di esso per scoprire quali
impostazioni di conversione sono disponibili. È possibile impostare un valore di campo su un valore
costante, un valore variabele, una conversione può essere eseguita, una regola generale può essere
applicata, possono essere utilizzate routine di conversione speciali (come ALPHA ). Un sacco di possibilità per
modificare il contenuto del campo per un determinato campo di segmento.
Collega la regola di conversione all'Idoc Che viene eseguita per combinazione mittente / destinatario
insieme a un tipo di segmento (leggi: nome segmento) (controlla la tabella TBD22 per esempi disponibili / tipi
di messaggi).
La conversione effettiva avviene immediatamente prima della creazione dell'idoc (comunicazione), pertanto
l'impostazione consente di modificare i contenuti Idoc di un IDoc SAP standard senza logica ABAP. Provalo,
può essere un risparmiatore di vita a basso impatto! Tuttavia: se lo usi, assicurati che il team di sviluppo
venga a conoscenza di ciò, per evitare di spendere molto tempo in problemi fantasma.

Con un sistema di flusso di lavoro in atto, il collegamento dell'elaborazione Idoc alla casella di posta in
entrata del flusso di lavoro è un passo logico successivo. Ovviamente qualcosa che SAP ha preparato per
noi ... Semplicemente fornendo un ID utente amministratore utente o un'unità organizzativa del flusso di
lavoro che conduce a un elenco di agenti, il sistema di elaborazione Idoc emette gli elementi di lavoro del
flusso di lavoro se qualcosa va storto. Qual è qualcosa?

Punti di impatto: quando qualcuno dovrebbe essere avvertito? immagina che qualcuno inserisca il testo
"Hello world" in un file e lo consegni a SAP come idoc ...

 Il sistema non è in grado di determinare nemmeno il profilo del partner da elaborare, pertanto viene
creato un elemento di lavoro del flusso di lavoro per gli amministratori Idoc (impostati nella
transazione OYEA - Parametri globali per l'interfaccia Idoc). Se non è stato impostato alcun
amministratore, l'elemento di lavoro viene presentato a tutti gli utenti del sistema
 Se il partner mittente può essere determinato dal file, ma il tipo di messaggio non è impostato (sulla
transazione WE20 - Controllare i profili partner), il sistema non agirà di default. Nessun articolo di lavoro
viene prodotto, a meno che non venga assegnato un "Amministratore partner"
 Dove sia il partner sia il tipo di messaggio sono impostati come specificato nell'IDoc in entrata (sulla
transazione WE20 - Controlla i profili partner), ma l'Idoc non può essere elaborato correttamente, per
impostazione predefinita il sistema non agirà. Quando viene impostato un amministratore Idoc (per
profilo partner per tipo di messaggio, verrà creato un elemento di lavoro)

Nota: gli articoli di lavoro sopra indicati verranno creati per Idoc in entrata. Se una corsa completa va storta,
l'amministratore ha molti elementi di lavoro da esaminare.
Quindi quali sono i flussi di lavoro su Idocs?
Tramite transazione WE40 - "Visualizza codici di processo del sistema" viene visualizzato un elenco di attività
a passo singolo, che verrà emesso quando richiesto.
Edi VS Ale:
I documenti di applicazione EDI - Electronic Data Interchange (ad esempio, l'ordine d'acquisto) vengono
trasformati (copiati) in uno stato elettronico (un idoc) e consegnati ai gate del sistema come file. Il file viene
quindi trasferito da qualche parte per essere nuovamente interpretato. Quindi EDI per R / 3 si basa
sull'elaborazione Idoc e Idoc
ALE - Abilitazione del collegamento dell'applicazione .. di cui EDI è rimasto, solo un po 'più avanzato. Il
concetto di interscambio elettronico di dati viene portato oltre l'effettivo "Documento applicativo nel sistema
di invio" a "Documento applicativo nel sistema ricevente" prima del completamento del collegamento
ALE. Con ALE, viene creato un idoc che viene passato a una porta RFC anziché a una porta file. Quindi,
invece di creare un file, viene fatto un collegamento diretto al sistema ricevente implicando che il sistema
ricevente riceve nello stesso tempo l'invio di sysyem di invio. In genere la comunicazione da SAP a SAP,
tuttavia alcuni altri strumenti (MQSI) possono ricevere un idoc anche tramite RFC.