Sei sulla pagina 1di 8

INSTRUCTIONS MANUAL FOR PORTABLE WIRE WELDER

BETRIEBSANLEITUNG FOR SCHWEIBMASCHINE


MODE D'EMPLOI POUR POSTES À SOUDER PORTATIFS À FIL
MANUAL PARA LA UTILIZACIQN DE LAS SOLDADORAS DE HILO
MANUALE PER SALDATRICE A FILO PORTATILE

I
3.300.466
MANUALE PER SALDATRICE A FILO PORTATILE

GENERALITÀ chè l'estremità sa diritta. .nblare il Ilio nel foro 01 entrata (R) farlo pas­
sare sull'albero motore (S) ed introdurlo nella guaina (T) per almeno
Lo scopo del libretto è quello di descrivere il corretto uso della salda· 50/60 cm.
tnce e d1 informarV di alcuni elementi d1 tecnica d. saldatura. Abbassare il gruppo oremlnlo (U) facendo attenzione che il f lo sia n­
SI RACCOMANDA. PERTANTO. DI SEGU RE ATIENTAMENTE I SE· rnasto dentro la scanalatura. (gola) dell'albero (fig. 2)
GUENTI CONSIGLI.
La saldatrice da Lei acquistata è stata semplificata in modo tale da es­
sere pratica, semplice da uulizzare, leggera e trasportabile con una
sola mano Essa permette la saldatura dell'ACCIAIO DOLCE, dell'AC
CIAIO INOX e dell'ALLUMINIO. La saldamce ,e viene fornita predrspo­
sta per la saldatura den'accraio dolce senza 11 bisogno d gas.

FILI UTILIZZABILI ART. 888

0 0.9 mm. filo animato 0 1,2 mm. filo animato 0 0,6 acciaio ramato
0 0,6 mm. Ilio inox 0 0,8 mm. alluminio 0 0,8 acoaio ramato
altri diametri maggiori o minori di questi fih non possono essere utiliz­
zati perché.
1 · non c'è il rullino trainatilo
2 · sr uscirebbe dalle caratteristiche della macchina
3 · non ci sono gli ugelli portacorrente

SPESSORI SALDABILI

Con filo anrnaio 0 1,2 ;t 1,5.,. 5 mm.


Con lilo animato 0 0.9 ;t 0,8 ­ 5 mm Fig. 2
Con filo alluminio 0O8 ;t 1 ­3 mm.
Con filo pieno (AA COz) 0O6 ;t 0,6 ­ 5 mm Ver flcare che la tensione d nea corrisponda a quella indicata sulla
Con filo pieno (C02) 0 0.6 ;t 0,8 ­ 5 mm rnn. m Pos 1 /r,ax targa dei dati tecnici della saldatrice. quindi collegare 11 cavo di alirnen­
Con filo pieno 0 0.8 ;t 1 ­ 5 mm. tazicne alla presa d1 corrente (PROVVISTA DI UNA EFFICIENTE PRE·
Con Ilio pieno 0 O 6 INOX ;t 1 ..,_3 mm SA DI TERRA).
Sfilare l'ugello (41), svitare l'ugello portacorrente (42)
Posizionare i deviatori (35) su 1 ·MIN :i:
MATERIALI SALDABILI Posizionare l'interruttore (33) su ON.
VERIFICARE CHE LE SPINE VOLANTI (43) DELLA TORCIA E DEL·
Con filo animato FERRO LA MASSA SIANO POSIZIONATE COME NEI SIMBOLI RIPORTATI
Con filo pieno di acciaio FERRO SULLA SALDATRICE.
Con filo inox (304 L) ACCIAI INOX con uguale composizione (18
Cr 8 Ni) che sono 11 90% degli acciai usati.
Con hlo 0,8 Al (Mg. 5) tutti i materiai! con tenore di Magnesio
3,5­5%.
+ .. I
I

MESSA IN OPERA E SALDATURA ACCIAIO DOLCE SENZA GAS

Rimuovere il tascione mobile (1)


Togliere dal vano bobina le c1ngh1e (20) n dotazione e 1nfllarle neue
apposite sedi.

1 '
Preparare la maschera come tn f1g. Tenere la guaina della torcia 1esa e senza curvature.
Premere il pulsante della torcia hnchè 11 filo non sia entrato qualche
cm. nella lancia.
Avvitare l'ugello porta corrente (42)
Infilare l'ugello (41).
Assicurarsi che I peza siano pulm e ben accostati.

�­
·­'� LA MACCHINA È PRONTA PER SALDARE

Selezionare la posrzrone d saldatura mediante I deviaton (35). in lun­


zione dello spessore da saldare e seguendo le indicazioni riportate sul
pannello

j
Avv1c nare la torcia al punto d saldatura. Portare la maschera (prepa­
rata come n fig. 1) davanti agh occhi.
!) Vet•o 1rasoa•en:�
2) Vetro 01 oro'.e,,one
Innescare l'arco di saldatura premendo a fondo la leva (39) della torcia.
\. Per una maggiore stabilità d'arco tenere la torcia il più vicino possibile
F1g. 1 al pezzo da saldare e regolare la giusta velocità del filo tramite la ma·
nopoìa (34) finchè il rumore dell'arco diventi continuo, uniforme e co­
Sfilare 11 troncone ci< filo presente nella torc a che è servito per 11 collau­ stante. Con una velocità troppo elevata il filo tende ad impuntarsi sul
do della macchina. pezzo facenoo rmbalzare la torcia. con una velocità troppo bassa 11
Togliere l'involucro che protegge 11 filo. filo fonde allontanandosi dal pezzo da saldare, oppure l'arco non ;e­
Togliere 11 filo dal foro della bobina e tagliarne quanto necessario amn­ sta acceso.

17
ALLA FINE DI OGNI SALDATURA RIMUOVERE LA SCORIA.
Per una perfetta saldatura posizionarsi corne in f,g. 3.

Fig. 3 Fig. 6

Per i piccoli spessori eseguire come in fig. 4 per spessori più grossi
NB. È NECESSARIO PER QUESTA SALDATURA MONTARE UN
eseguire come fig. 5
UGELLO PORTACORRENTE (42) DELLO STESSO DIAMETRO DEL
FILO UTILIZZATO OSSIA 0 0,6 OPPURE 0 0,8 PER L'ACCIAIO E
0 1 PER LA SALDATURA DELL'ALLUMINIO.
Per saldare l'acciaio dolce si può utilizzare miscela di Argon (750/o)
+C02 (25%) oppure C02 (100%).

SALDATURA DELL'ACCIAIO INOSSIDABILE

La saldatura deve essere predisposta come descritto al paragrafo «Sal­


datura con gas dell'acciaio dolce» utilizzando I seguenti accesson:
­ Bombola contenente miscela di Argon (75%) +C02 (25%)
­ Bobina di filo d'acciaio inossidabile
NB.: LA SALDATURA CON FILO ANIMATO NON NECESSITA D L'inclinazione della torcia e la direzione di saldatura consigliate sono
PROTEZIONE DI GAS. illustrate in fig. 3.
CON QUESTO FILO SPECIALE SI PUÒ SALDARE SOLAMENTE L'AC­
CIAIO DOLCE. PER LA SALDATURA DELL'ALLUMINIO E DELL'AC­
SALDATURA DELL'ALLUMINIO
CIAIO INOX VEDERE IL PARAGRAFO SALDATURA CON GAS.

La saldatrice deve essere predisposta come descritto nel paragrafo


«Saldatura con gas dell'acciaio dolce» utilizzando i seguenti accessori:
SALDATURA CON GAS DELL'ACCIAIO DOLCE
­ Bombola contenente Argon (100%)
POSIZIONARE LE SPINE VOLANTI DELLA TORCIA E DELLA MAS· ­ Bobina d1 filo di alluminio 0 0,8
SA IN CORRISPONDENZA DEI SIMBOLI. ­ Ugello portacorrente 0 i m/m.
L'inclinazione della torcia e la direzione di saldatura consigliate sono
illustrate in fig. 3.

//--��, I
,
'\ SALDATURA DEI CHIODI

­­­­­' +
I \

+
I
I

Nelle autocarrozzene s1 usa spesso raddrizzare le ammaccature non


accessibili dal retro. mediante la puntatura di alcuni chiodi.
La saldatrice da Lei acquistata effettua le puntature di chiodi, mendiante
un apposito ugello opzionale.
CON L'APPOSITA CHIAVE A BRUGOLA RIMUOVERE IL GRANO Predisporre la macchina per la «saldatura dell'acciaio dolce con gas»
CHE BLOCCA IL RULLINO TRAINAFILATO ALL'ALBERO MOTORE. e sostituire l'ugello gas con quello per chiodi, quindi procedere nel mo­
POSIZIONARLO CON LA GOLA NON ZIGRINATA IN CORRISPON­ do seguente:
DENZA DELLA GUAINA GUIDAFILO. RIBLOCCARE IL RULLINO
­ infilare il chiodo nell'apposito tubicino assicurandosi che il filo non
SULL'ALBERO MEDIANTE IL GRANO (Fig. 6).
tocchi il chiodo.
­ scegliere la posrzione di saldatura mediante I seletton (35) in funzio­
Allacciare la bombola alle cinghie (20) precedentemente posizionate.
ne dello spessore della lamiera.
Montare il flussometro alla bombola seguendo le istruzioni indicate nel
paragrafo «Istruzioni di impiego per dversi tipi di bombole». ­ premere la leva della torcia per il tempo occorrente alla puntatura.
Inserire nell'aspo (14) una bobina di filo di acciaio 0 0,6 o 0 0,8 per
saldatura con gas. POSIZIONARE L'INTERRUTTORE DI MODO SU NB.: Pnma di iniziare il lavoro e di montare l'ugello per chiodi consi­
( j ) quindi agire come suggerito nel paragrafo saldatura dell'ac­ gliamo dié eseguire un breve cordone di saldatura per regolare cor­
ciaio dolce senza gas. rettamente la velocità del filo.

18
ISTRUZIONI PER LA SOSTITUZIONE DELLA BOBINA DEL FILO BOMBOLE RICARICABILI (vedi fig. 9)

Spegnere la saldatrice: interruttore (33) in posizione OFF


Togliere il lasciane mobile (1)
Tagliare con un utensile ben affilato la punta terminale del filo che es­
ce dall'ugello portacorrente.
Sbloccare il gruppo premìfilo (H)
Avvolgere il filo ruotando la bobina in senso antiorario.
Bloccare 11 capo del filo laterale del rocchetto della bobina.
Togliere la bobina schiacciando le estremità dell'aspo porta bobina
fig. 7.

Fig. 9

Avvitare ìl flussometro alla bombola e stringere a fondo con una chia­


ve idonea per evitare eventuali perdite di gas.
Aprire la valvola della bombola (P) (qualora ne sia provvista). lnsenre
a fondo il tubo gas (Q) nel raccordo rapido (R). Qualora il tubo gas
in dotazione non fosse sufficiente lungo, richiedere il kit di prolunga­
mento.
Premere la leva della torcia e regolare la portata a 2 litri/min. mediante
il pomello (S) del flussometro.
NB.: È normale lasciando la leva della torcia, che l'indice del mano­
F1g. 7 metro salga.
La portata del gas deve essere regolata quando il gas esce dalla tor­
Sostituire la bobina. cia cioè quando la leva della stessa è premuta.
Inserire la molla di frizione (Q) e bloccare con la rondella (H) quindi Per evitare inutili sollecitazioni al manometro è importante chiudere l'er­
agire come in fig. 2. oqazione del gas svitando il pomello (S) prima di aprire la valvola della
bombola.
Per togliere il tubo gas dal raccordo (R) tenere premuto l'anello (T) e
N.B. Quando si utilizza una bobina d1 0 200 {kg. 5) montare prima sfilare il tubo.
della molla di frizione (Q) il supporto esterno bobina (17) che è in dota­ Per economizzare il consumo del gas è possibile. soprattutto con bas­
zione. se correnti di saldatura, diminuire la portata a meno di 2 litri/min. pur­
ché l'arco sia sufficientemente protetto e la saldatura esente da porosità.

ISTRUZIONI DI IMPIEGO PER DIVERSI TIPI DI BOMBOLE


MANUTENZIONE E CONSIGLI UTILI
BOMBOLE CON VUOTO A PERDERE (vedi fig. 8}
ATTENZIONE: prima di effetutare ispezione all'interno disinserire la
spina della saldatrice dalla linea di alimentazione.
Non avvicinare la torcia al viso per verificare l'uscita del gas e del filo.
Spegnere sempre la saldatrice dopo l'uso per evitare inutili sprechi di
energia.
Chiudere sempre il gas dopo l'uso.
La saldatrice è provvista di una protezione termica. In caso dt inter­
vento attendere alcuni minuti per consentire il raffreddamento del ge­
neratore.
Eventuali prolunghe al cavo di alimentazione devono essere di sezio­
ne adeguata e comunque non inferiore a quella del cavo in dotazione.
Tagliare il filo di saldatura con utensili che non lo pieghino. Durante
la saldatura piccolissime gocce di metallo fuso vanno a depositarsi all'in·
terno dell'ugello gas. pertanto è bene staccarsi le scorie che eventual·
mente si fossero formate.
Controllare periodicamente che il foro dell'ugello porta corrente non
si sia allargato eccessivamente.
All'interno della guaina torcia (50) vi è la guaina guidafilo (47} che si
Fig. 8 consiglia di pulire periodicamente, soffiando con un getto di aria sec­
ca e pulita.
Avvitare la bombola al flussometro e stringere solo con le mani. Inne­ Evitare nel modo più assoluto di battere la torcia e di farle subire urti
stare a fondo 11 tupo gas (I} nel raccordo (L) del flussometro. violenti; controllare periodicamente le connessioni elettriche e quelle
Premere la leva della torcia e regolare tramite il pomello (M) il flusso del gas.
del gas a 2 litri/min. (in zone ventilate è bene aumentare a 3/4 litri/min.)
per la sostituzione della bombola comprimere l'anello (N) secondo la
direzione della freccia e sfilare Il tubo gas (I} dal raccordo rapido (L) PROBLEMI IN SALDATURA
svitare la bombola dal flussometro e procedere alla sostituzione.
ALLUMINIO
LA SALDATURA NON FA PRESA OPPURE FA DELLE PALLINE DI
NB. Controllar� periodicamente lo stato dì usura della guarnizione (O)
MATERIALE.
e se necessario sostituirla con quella in dotazione.
ATTE_NZI_ONEl!I Le bombole con vuoto a perdere non possono es­ 1) Il gas non è ARGON PURO
sere ricaricate. 2) La posizione di regolazione non è adeguata

19
3) La posizione del cavo torcia sulla macchina è sbagliata (polarità) 3) Bobina di filo non avvolta bene
4) Il materiale non è della stessa composizione del filo dt apporto 4) Rullino ovalizzato (non tondo)
5) Materiale troppo grosso 5) Torcia annodata o pieghe evidenti
ACCIAIO INOX 6) Velocità di filo troopo bassa o troppo alta
LA SALDATURA È SCURA QUESTA COLORAZIONE È NORMALE 7) Gruppo prem,filo troppo stretto
IN COMMERCIO Cl SONO DEI DISOSSIDANTI IDONEI PER QUESTO
IL FILO NON AVANZA MA SCATTA IL TELERUTTORE
PROBLEMA
LA SALDATURA SI ACCUMULA, FÀ DELLE PALLINE OPPURE SI 1) Bobina con accavallamenti del ftlo
STACCA DOPO L'ESECUZIONE 2) Un filo del motorino tramat'lo è staccato
1) Gas non adeguato. NON USARE C02 3) Contati, all'interno della torcia ossidan
2) IL MATERIALE NON È DELLA STESSA COMPOSIZIONE DEL FI­ 4) Gruppo preminlo troppo stretto
LO DI APPORTO
IL FILO NON AVANZA E NON SCATTA IL TELERUTTORE
3) Materiale troppo grosso
1) Un filo all'interno della torcia staccato
4) La posizione del cavo torcia sulla macchina è sbagliata (polarità)
2) Contatti all'interno della torcia ossidati
IL MATERIALE SI DISTORCE DURANTE LA SALDATURA.
Questo è un fenomeno normale per la saldatura di questi tip, di acciai. 3) Un filo all'interno della macchina staccato
4) Scheda elettronica difettosa

SALDATURA CON GAS ­ FILO PIENO RAMATO LA MACCHINA STA SALDANDO OPPURE HA SALDATO PER
LA SALDATURA SI ACCUMULA. FA DELLE PALLINE. SPRUZZA MOLTO TEMPO POI SI INTERROMPE
MOLTO (molte scintille) È INTERVENUTO IL TERMOSTATO È NORMALE. ATTENDERE CIR­
CA 10 MINUTI E LA MACCHINA TORNERÀ IN FUNZIONE.
1) La posrzrone del cavo torcia sulla macchina è sbagliata (polarità)
2) La regolazione della velocità del filo è troppo alta oppure la potenza SPINGENDO IL PULSANTE DELLA TORCIA IL MOTORINO TRAI­
è troppo bassa NAFILO GIRA A VUOTO MA QUANDO SI ABBASSA IL GRUPPO
N.B.: Saldando con gas di protezione C02 è normale che le prore­ PREMIFILO SI FERMA.
zion, (spruzzi) aumentino. CONTATTI ALL INTERNO DELLA TORCIA OSSIDATI

SALDATURA POROSA
QUESTO DIFETTO È COMUNE A TUTTI I FILI PIENI ED È DOVUTO OPTIONAL: A richiesta può essere fornito 11 kit ruote per 11 montaggio
ALLA MANCANZA DI GAS ­ vedi fig. 1 O.
SALDATURA SENZA GAS ­ FILO ANIMATO
SALDATURA CHE NON SI ATTACCA. SALDATURA POROSA
1) La posizione del cavo torcia sulla macchina è sbagliata (polarità)
2) Si è eseguita la saldatura facendo precedere il filo al cordone dt sal­
datura.
3) Il materiale non è idoneo ad essere saldato con quel filo
N.B. QUESTO FILO PUÒ ESSERE PARAGONATO AD UN ELETTRO­
DO BASICO.
N.B. PRIMA DI SALDARE CON QUALSIASI FILO E SU QUALSIASI
MATERIALE RIMUOVERE OLII, GRASSI, TRATTAMENTI SUPERFI­
CIALI, (ZINCATURE­GALVANIZZAZIONI­SATINA"r:URE ecc ... ). QUE­
STI ELEMENTI POSSONO PROVOCARE POROSITA­INCOLLAMENTI­
DIFETTI NEL CORDONE DI SALDATURA

PROBLEMI SULLA MACCHINA

IL FILO VIENE AVANTI A SCATTI


1) Ugello portacorrente non appropriato
2) Ugello portacorrente con foro consumato Ftg 10

20
Pos Co<JtCI DESCRIPTION BENENNUNG OESCRIPTION OESCRICC!Ò:.JES I CODiCE
i COVER BEWEGLICHE GEHAUSE 8ANOE MOBILE ENVOLTURA MOVIBLE FASCIONE MOBILE

2 CABLE HOLOER ZUGENTLASTUNG PORTE CABLE PORTA CABLE PRESSACAVO

3 BEARING KUGELLAGER ROULEMENT COJINETE CUSCINffiO

4 ROLLER PIN ROLLENSTIFT PIVOT ROULEAU PIVOTE DEL ROOILLO PERNO RULLO

5 ROLLER PRESSER PIN ROLLENANORÙCKSTIFT PIVOT PRESSE ROULEAU PIVOTE PRENSA RODILLO PERNO PRE"'I RULLO

6 SPRING REST RING DRUCKSCHEIBE BAGUE APPUI­RESSORT ANILLO APOYO RESOATE ANELLO APPOGGIO MOLLA

7 SPRING FEDER RESSORT RfSORTE MOLLA

a KNOB GRIFF BORNE POMO POMELLO

9 ROLLER HOLDER ARM ROLLENHALTERARM BRAS PORTE ROULEAU BR.420 PORTA·RODILLO BRACCIO PORTA RULLO

10 WIRE FEEO MOTOR SUPPOR! DRAHTVORSCHUB MOTOR HALTER SUPORT MOTOREDUCTEUA SOPORTE MOTO REDUCTOR SUPPORTO MOTORIDUnORE

11 RING Rll'IG ANt.EAU ANILLO ANELLO

12 SPRING DRAHTROLLEFEDER RESSORT DE fRICTION RESORTE DE LA BOBINA MOLLA BOBINA

13 WIRE mo MOTOR ORAHTVORSCHUBMOTOR MOTOREDUCTEUR MOTOREOUCTOR MOTORIDUTTORE

1' COIL SUPPORT SPULENHALTER SUPPORT BOBINE SOPORTE BOBINA SUPPORTO BOBINA

15 INTERMEOIATE PLANE ZWISCHENWAND PLANE INTERMEDI.AIRE PLANO INTERMEDIO PIANO INTERMEDIO

16 RECTIFIER GLEICHAICHTER REDRESSEUR ENOEREZAOOR RADDRIZZATORE

17 REEL OUTER SUPPORT SPULENAUSSENHALTER SUPPORT EXTERIEUR BOBINE SOPORTE EXTER1011 OE LA BOBINA SUPPORTO ESTERNO BOBINA

19 CONTACIOR FERNSCHAL TER TÈLÈRUPTEUR TELEINTERRUPTOR


I TELERUTTORE

20 BELT GÙRTEL COURROIE ABRAZAOERA CINGHIA

21 HANDLE GRIFf POIGNEE MANILLA MANIGLIA

22 FIXED HOUSING FESTGEHAEUSE LOGEMENT flXE ENVOt TURA FIJA FASCIONE FISSO

23 CABLE HOLDER ZLJGENTlASTUNG PORTE CÀBLE PORTA CABLE PRESSACAVO

24 MAINS INPUT CABLE ANCHLUSSKABEL CÀllLE RESEAU CABLE ALIMENTACION CAVO RETE

25 REAR PANEL HINTERìAFEL PANNEAU ARRIERE TAPA POSTERIOR PANNELLO POSTERIORE

26 BOTIOM BODEN FONO BASE FONDO

27 THERMOSTAT THERMOWÀCHTER THERMOSTAT TERMOSTATO TERMOSTATO

28 lHERMOSTAT SPRING THERMOW.�CHETERFEOER RESSORT THERMOSTAT RE SORTE TERMOSTATO MOLL�. TERMOSTATO

29 THERMOSTAT SUPPORT THERMOWACHTER HALTER SUPPORT THERMOSTAT SOPORTE DEL TERMOSTATO SUPPORTO TERMOSTATO

30 CIRCUIT BOARO STEUERPLATltJE CIRCUIT OE COMMANDE CIRCUl!O OE MANOO CIRCUITO DI COMANDO

31 CIRCUIT BOARO SUPPOR1 HALTEWINKEL SUPPORT CIRCUIT SOPORTE DE CIRCUITO SUPPORTO CIRCUITO

32 TRAt,SFORMER TRA'IISFORM.4TOR TRANSFORMATEUR TRANSFORMADOR TRASFORMATORE

33 SWITCH SCHAllER INTERRUPT!:UR INTERRUPTOR INTERAUnORE

34 KNOB DREJ­IKNOPF BOUTON MANGO MAfJOPOLA

35 SWITCH WAHLSCHALTER OÉVIATEUR GUARDAAGUSAS DEVIATORE

36 CABLE OUTLET KABELFUHRUNG PASSE·CÀBlE GARRUCHA DE GUIA PASSACAVO

37 WIRE FEEO ROLLER ORAHTZIEHERROLLE ROULEAU TIRE­flL ROOILLO TIRA­flLO RULLINO TRAINAFILO

38 EARTH CABLE MASSEKABEL CÀBLE os TERRE CABLE MASI\ CAVO MASSA

39 TORCH LEVER BRENNERHEBEL LEVIER DE LA lORCHE PALANCA DE LA HACHA LEVA PULSANTE


40 HANDLf HANOGRIFF POIGNEE ENPUNADURA IMPUGflATURA
41 NOZZLE DÙSE BUSE IOBERA UGELLO
42 CURRENT NOZZLE STROMOUSE TUBE DE CON TACT TOBERA PORTA­CORRIENTE UGELLO PORTACORRENTE
,3 OUICK SOCKET STECKBUCHSf PRISE RAPIOE TOMA RAPIDA PRESA RAPIDA
44 COMPLEìE PUSH BUTION KOMPL ORUCKKNOPF BOUTON COMPLET BOTÒN COMPLETO PULSANTE COMPLETO
45 HANDLE HANDGRIFF POIGNEE ENPUNADURA IMPUGNATURA
46 OUICK COUPUNG SCHNEUKUPPLUt!G RACCORD RAPIDE CONEXIÒN RAPIDA RACCORDO RAPIDO
47 WIRE SHEATH DRAHTFÙHRUNGSSEELE GAINE GUIDE­FIL VAINA GUIAHILOS GUAINA GU DAFILO
48 TORCH HOOK BRENNERGRIFFHALTESUGEL CROCHET TORCHE CONNEXION DE LA HACHA ATTACCO TORCIA
49 GAS HOSE GASSCHLAUCH TUYAU GAZ TUBO GAS TUBO GAS
50 TORCH HOSE SCHLAUCHPAKETMANTEL GAINE TOACHE VAINA ANTORCHA GUAINA TORCIA
51 COMPLETE TORCH SCHLAUCHPAKET TORCHE COMPLETt HACHA COMPLETA TORCIA COMPLETA
52 LOCKING DEVICE SPERRE BLOCAGE BLOCAJE BLOCCAGGIO
54 FAN LUFTERRAD VENTILATEUA VENTILADOR VENTOLA
55 MOTOR MOTOR MOTEUR MOTOR MOTORE

In case spare parts required please always state: ìtern re. n . spare part ret. n qvant,ty and purcnase date
In der Ersatztelleianlrage mùssen immer Art. Nr .. Ersatztett­Nr , Menge und Etnkaufsdatum angegeben werden
La demande des pièces de rechange doit toujours indiquer le numéro d'arucle, la posttion, la quantilé e1 la date d'acnat.
La demanda de oiezas de repuesios debe siempre Indicar e! numero del arncuto, la posicìon, la canndao y la lecha de compra
La richiesta d1 parn di ricambio deve indicare sempre: 11 numero d1 articolo, la posizione la quantità e Ja data di acquisto

21
N
N
----

o
N

. \. ­­­­1­­­.::::::::...__:1;

L-���H-- r­,
­­N


(J)
­­N

:�
(!) '

�/;
I \

: ___,___� I

22
o
I

I ------,

23