Sei sulla pagina 1di 8

11/03/2018 Parrocchia Ortodossa SS. Calogero ed Elia il Nuovo - Caltanissetta

Ortodossa SS. Calogero ed Elia il Nuovo - Caltanissetta Prima Antifona. Modo 2 della Festa E'
Ortodossa SS. Calogero ed Elia il Nuovo - Caltanissetta Prima Antifona. Modo 2 della Festa E'
Ortodossa SS. Calogero ed Elia il Nuovo - Caltanissetta Prima Antifona. Modo 2 della Festa E'
Ortodossa SS. Calogero ed Elia il Nuovo - Caltanissetta Prima Antifona. Modo 2 della Festa E'

Prima Antifona. Modo 2 della Festa

E' stata impressa su di noi la luce del tuo volto, Signore:

Per intercessione della Madre di Dio, Salvatore salvaci.

Hai dato a quelli che ti temono

un segno per fuggire davanti all'arco. Salendo in alto, hai condotto schiava la schiavitù; Hai dato l'eredità a quelli che temono il tuo nome.

Gloria E ora

Seconda Antifona: Modo stesso

il tuo nome. Gloria E ora Seconda Antifona: Modo stesso Tutti i confini della terra hanno
il tuo nome. Gloria E ora Seconda Antifona: Modo stesso Tutti i confini della terra hanno
il tuo nome. Gloria E ora Seconda Antifona: Modo stesso Tutti i confini della terra hanno
il tuo nome. Gloria E ora Seconda Antifona: Modo stesso Tutti i confini della terra hanno
il tuo nome. Gloria E ora Seconda Antifona: Modo stesso Tutti i confini della terra hanno
il tuo nome. Gloria E ora Seconda Antifona: Modo stesso Tutti i confini della terra hanno
il tuo nome. Gloria E ora Seconda Antifona: Modo stesso Tutti i confini della terra hanno

Tutti i confini della terra hanno veduto la salvezza del nostro Dio.

Salva noi Figlio di Dio, o risorto dai morti, ché a Te cantiamo:

Alleluia.

Prostriamoci nel luogo dove si sono posati i suoi piedi.

Ma Dio è il nostro re prima dei secoli, ha operato la salvezza in mezzo alla terra.

Sarò esaltato tra le genti, sarò esaltato sulla terra.

Gloria E Ora O Unigenito .

Terza Antifona: Tono 1

11 Marzo 2018

[DOMENICA DELLA CROCE]

Esaltate il Signore Dio nostro e prostratevi allo sgabello dei suoi piedi perché è santo.

asupra celui potrivnici daruie te, i cu Crucea ta p ze te pe poporul

t u.

Salva o Dio il tuo popolo e benedici la tua eredità.

E pascili e innalzali in eterno.

, , , . Tropario della Chiesa Santi apostoli del risorto, Calogero del Monte Kronio ed Elia il Nuovo, angeli patroni di questo popolo, intercedete presso Cristo Dio, affinché salvi le anime nostre.

Gloria al padre Ora e sempre Kontakion. Tono pl. IV. , , . ' , , · , .

(Ti ipermàkho stratigò ta nikitìria, os litrothìsa ton dinòn efkharistìria, anagràfo si i pòlis su, Theotòke; all os èkhusa to kràtos aprosmàkhiton, ek pandìon me kindìnon elefthèroson, ìna kràzo si: Khère Nìmfi anìmfefte.)

Apolitikion modo 1

e

benedici la tua eredità, * donando

vittorie ai Re contro i Barbari * e

proteggendo con la tua Croce la tua

città.

Tropario modo grave

Distruggesti con la Croce tua la morte, * apristi al ladrone il Paradiso. * Alle Mirofore il lamento ha trasformato * ed ai tuoi apostoli, * hai ordinato di proclamare, * che sei risorto Cristo Dio, * concedendo al mondo la grande misericordia. Della Festa, modo 1 Salva o Signore, il tuo popolo * e benedici la tua eredità, * donando vittorie ai Re contro i Barbari * e proteggendo con la tua Croce la tua città.

Salva

o

Signore, il tuo

popolo

*

Mântuieste Doamne, poporul t u

i binecuvinteaz mo tenirea ta. Biruin binecredincio ilor cre tini, Al posto del Trisagion:

La Tua Croce adoriamo o Signore, e la Tua santa Resurrezione, glorifichiamo.

2

11 Marzo 2018

[DOMENICA DELLA CROCE]

Letture

Prokimenon

- Salva, o Signore, il tuo popolo e benedici la tua eredità. (Sal 27, 9)

- A te, Signore, ho gridato; non restare in silenzio con me, mio Dio. (Sal 27, 1) Apostolo- della III domenica dei Digiuni (Eb 4,14 - 5,6) Fratelli, avendo un sommo sacerdote grande, che ha attraversato i cieli - Gesù, il Figlio di Dio , rimaniamo fermi nella fede che professiamo! Non abbiamo, infatti, un sommo sacerdote che non sappia compatire le nostre infermità, essendo stato provato come noi in ogni cosa, senza commettere peccato. Accostiamoci dunque con fiducia al trono della grazia, per ottenere misericordia e trovare grazia ed essere aiutati al momento opportuno. Infatti, ogni sommo sacerdote, scelto tra gli uomini, viene costituito per il bene degli uomini nelle cose che riguardano Dio, perché offra doni e sacrifici per i peccati. Poiché anch egli è soggetto a debolezza, a motivo di essa deve per sé e per il popolo- offrire sacrifici per i peccati. Nessuno può attribuirsi da sé questo onore, ma lo riceve quando sia chiamato da Dio, come Aronne. Allo stesso modo Cristo non si attribuì la gloria di sommo sacerdote, ma gliela conferì colui che gli disse:

Tu sei mio Figlio, io oggi ti ho generato. Altrove egli dice anche: Tu sei sacerdote in eterno, secondo l ordine di Melchisedek. Alliluia - Ricordati, o Signore del tuo popolo, che ti sei acquistato nei tempi antichi; hai riscattato lo scettro della tua eredità.

- Eppure Dio è il nostro re prima dei secoli, ha operato la salvezza nella nostra terra.

Vangelo- della III domenica dei Digiuni (Mc 8, 34 - 9, 1) In quel tempo, il Signore disse: "Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinunzi a se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del vangelo, la salverà. Che giova infatti all'uomo guadagnare il mondo intero se poi perde la propria anima? Che potrebbe mai dare un uomo in cambio della propria anima? Perché se uno si sarà vergognato di me e delle mie parole in questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell'uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con gli angeli santi". E diceva loro: "In verità vi dico: vi sono alcuni qui presenti, che non gusteranno la morte senza aver visto il regno di Dio venire con potenza".

3

11 Marzo 2018

[DOMENICA DELLA CROCE]

Fra ilor, având Arhiereu mare, Care a str b tut cerurile, pe Iisus, Fiul lui Dumnezeu, s inem eu t rie m rturisirea. C nu avem Arhiereu care s nu poat suferi cu noi în neputin ele noastre, ci ispitit în toate dup asem narea noastr , afar de p cat. S ne apropiem deci cu încredere de tronul harului, ca s lu m mil i s afl m har, spre ajutor, la vreme potrivit . Într-adev r, orice arhiereu, fiind luat dintre oameni, este pus pentru oameni, spre cele ce privesc pe Dumnezeu, ca s aduc daruri i jertfe pentru p cate; el poate s fie îng duitor cu cei ne tiutori i r t ci i, de vreme ce i el este cuprins de sl biciune. Din aceast pricin dator este, precum pentru popor, a a i pentru sine, s jertfeasc pentru p cate. i nimeni nu- i la singur cinstea aceasta, ci cel chemat de Dumnezeu, ca i Aaron. A a i Hristos nu S-a preasl vit pe Sine însu i, ca s Se fac Arhiereu, ci Cel ce a gr it c tre El : Fiul Meu e ti Tu, Eu ast zi Te-am n scut. Precum zice i în alt Ioc : Tu e ti Preot în veac, dup rânduiala lui Melchisedec.

Zis-a Domnul : cel ce voie te s vin dup Mine s se lepede de sine, s - i la crucea sa i s -Mi urmeze Mie. C ci cine va voi s - i mântuiasc sufletul s u îl va pierde; dar cine- i va pierde sufletul s u pentru Mine i pentru Evanghelie, acela îl va mântui. i ce-i folose te omului s tige lumea întreag , dac - i pierde sufletul s u ?: Sau ce-ar putea s dea omul în schimb pentru sufletul s u ? Iar de cel ce se va ru ina de Mine i de cuvintele Mele în acest neam desfrânat i p c tos, i Fiul Omului se va ru ina de el când va veni în slava Tat lui S u, cu sfin ii îngeri. Apoi a zis c tre ei : adev rat v spun vou c sunt unii din cei ce stau aici care nu vor gusta moarte, pân ce nu vor vedea împ r ia lui Dumnezeu venind cu putere.

a , 3 y e 1 , e 7 A, } 7 9 z, 1 z

3 z. 4 e y a e a :

3 e s 0 , a A. a u5

e 0 a , w 1 1 , 3 a

s e 0 . s z e t B

e , s z y , ± G , 0

a 3 1 . a j 3

a : e 3 0 e e 4 . 3 w2 a 0

4 1 , a 3 1 2. 0 a

4

11 Marzo 2018

[DOMENICA DELLA CROCE]

e e , a t G , 3 H : a w 3 r 0 ,

E a h 7e , 0 Y: 7 0 3 2 2,

e 1 S. 3 4 0 : 2 3 2 7e 1

e .

, , , , . , , , , , . , . , , , , , , , . , , . , , : , ; : .

E D : 4 0 3 2, t e z E, 3 0 8 r 0 , 3

z e . 4 0 y 2 2, 1 5: 4

1 y 2 E a 3 3 , 0 e 5. az 0 l ,

w s j e , 3 t 1 y 2; 3 2 2 a l

3 2 e ; 4 1 z E, 3 1 e , 0

e 3 , 3 7 1 z 3 w2, 3 A

1 a n 7A w2 G h . 3 0 5 : 1 0

a : w y t s , 5 4 1 e ,

0 1 z r 9 e 1 .

: , , , . , , , .

5

11 Marzo 2018

[DOMENICA DELLA CROCE]

, , ? ? , , . : : , , , .

LA PROCESSIONE DELLA VENERATA CROCE

La Croce viene sistemata in un disco con mazzetti di basilico e fiori e tra candele e viene portata sulla santa Tavola. Alla fine del Mattutino o delle ore, i cori si portano fuori della porta settentrionale dell Altare ed iniziano a cantare lentamente il Santo Dio. Il sacerdote, dopo aver incensato la Venerata Croce, prende il disco e lo tiene sopra la propria testa, gira attorno alla Santa Mensa ed esce, preceduto secondo l ordine dalle lampade e dagli exapteriga, mentre i cori cantano ed il diacono o un altro incensa. Quando giungono nel mezzo del tempio, dove è stato preparato un tavolino, fatti tre giri attorno ad esso, il sacerdote stando davanti ad esso e guardando a oriente, innalza il disco e facendo con esso il segno della croce, dice:

Sapienza, in piedi!

E appoggiato il disco sul tavolino, incensa attorno ad esso, cantando l apolitikion:

Modo 1

Salva o Signore, il tuo popolo * e benedici la tua eredità, * donando vittorie ai Re contro i Barbari * e proteggendo con la tua Croce la tua città.

, , , , .

Mântuieste Doamne, poporul t u i binecuvinteaz mo tenirea ta. Biruin binecredincio ilor cre tini, asupra celui potrivnici daruie te, i cu Crucea ta p ze te pe poporul t u.

6

11 Marzo 2018

[DOMENICA DELLA CROCE]

, , , .

L apolitikion viene ripetuto da entrambi i cori, mentre il sacerdote incensa ogni volta intorno al tavolino e alla fine il popolo attorno. Quindi venera la Croce cantando:

Modo 2

La Tua Croce adoriamo o Sovrano, e la tua Santa resurrezione glorifichiamo!

E

poi alternativamente lo ripetono i cori.

Il

sacerdote bacia la Santa Croce e poi tutto il popolo, mentre si canta l idiomelon:

Venite popoli, contemplando lo straordinario prodigio, adoriamo la potenza della croce : un albero nel paradiso ha prodotto la morte, ma questo ha fatto fiorire la vita, perché porta su di sé confitto, il Signore senza peccato; e noi genti tutte, cogliendo da esso la incorruttibilità, acclamiamo: Tu che con la croce hai distrutto la morte e liberato noi, gloria a Te!.

da esso la incorruttibilità, acclamiamo: Tu che con la croce hai distrutto la morte e liberato

7

11 Marzo 2018

[DOMENICA DELLA CROCE]

Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli Arcidiocesi Ortodossa d Italia e Malta Parrocchia dei SS. Calogero del Monte Kronio ed Elia il Nuovo Caltanissetta

SS. Calogero del Monte Kronio ed Elia il Nuovo Caltanissetta A.D. 2018 Parroco: Archimandrita Paolo (Patricolo)

A.D. 2018

Parroco: Archimandrita Paolo (Patricolo) tel. 3488122532 Diacono: Michele Santagati tel. 3387843785

8