Sei sulla pagina 1di 590

DLl DE M1'.DM Al P~SOC~TICI, D Pl.

TONE, ANrtOtELE
l PJN>-JCIMENtO, D 1<Nt )...LL'IDEllS:MO, DMl P.S.lQt.tNMtn ML'Uf.Etl',

ISBN 88-440-0927~3

L. 27.000

Impaginazione, redazione e grafici: Sedigraf, Blevio (CO)


Disegni: Ubaldo Nicola e Diego Pasquino
Ref erenze f otografic11e: Archivio Sedigraf
La Sedigraf si dichiara disponibile a regolare eventuali spettanze
per quelle iJ11magini di cui non sia stato possibile reperire la fonte .

ATLANTE ILLUSTRATO DI
1a e<lizi<.l ne gennaio 1999

FILOSOFIA

OE~trri.JJ\ 6.r.L
Vi.a Str, 167 - S.S. 11

3 703tl Cologno la ai Cc>lli (VR)


Te L 04 5 61 741 l l fax 045 61 74100

Ubaldo Nicola

dalla Dea Madre ai Presocratici, da Platone, Aristotele


al Rinascimento, da Kant all'idealismo, dalla psicanalisi all'estetica ...

~ EMETR

Come utilizzare al meglio questo atlante

Questo atlante si pu utilizzare in due modi differenti. Il primo quello di


leggerlo nel m odo pi tradizionale, dalla prima pagina all'ultima. In questo caso 'funziona' come una storia delle idee: a partire da Dea Madte per
finire con Pos tm ode1~no, 280 concetti filosofici sono trattati seguendo la loro comparsa nel tempo o comunque inseriti nel momento in cui il loro impiego stato pi significativo.

Il m od o pi efficace, per, partire da una pagina qualunque . Si pu


cercare nell'indice alfabetico , volutamente premesso, una parola interessante oppt1re sfogliare i_l volume lasciandosi catturare da un'immagine: pu
cos avviarsi un percorso personale a partire da qualsiasi punto, grazie anche ai rimandi premessi alle varie sched e e contenuti n el corso della relat1va trattazione .
Le immagini , frutto di una lunga e accurata ricerca iconografica, sono
parte integrante del testo, non sono cio mere illustrazioni accessorie, ma
contribuiscono, a volte in mod o determinante, all'acquisizione del concetto-chiave. In ogni caso possibile partire dal testo per arrivare alle im magini o con1piere l'operazione inversa. Se la preparazione filosofica del
lettore buona, probabile che giudicher questi accostamenti intriganti ~
se alle prime armi trover nel testo tutti gli elementi necessari per impadronirsi della materia. Per ulteriori approfondimenti fornita una bibliografia, suddivisa per argomenti.

INDICE CRONOLOGICO

Indice cronologico
GRECIA

SOCRATE

De.a Madre . . .. . . .. .. . . .. . . .. . . .. . . .. . .. .. . .. . .. . . 16
Scia1nanesimo ................................. 18

Socrate silenico ............................... 90


Umanesimo socratico ...................... 92
Maieutica ......................................... 94

Mito'"
Oracolo ...........................................
Natt1ralismo religioso ......................
Omero ............. ..................................
Misteri .............................................
Riti dionisiaci ..................................

20
22
24
26
28

Iro n.ia ................................................. 96


Ti es ti ............................................... 98
PLATONE

30
Tragedia ........................................... 3 2
Orfismo ........................................... 34
Anima .............................................. 36

Polis ~ .
Ercls ....................................................
Kal()kagatia .....................................
Enigma ............................................
Proporzione .....................................

Idea platonica ................................


Viaggio dell'anima .........................
Scala ero ti ca . . . .. . . .. . . .. . . . .. . .. . . . .. . . .. . . ..
Androgino .....................................
Entusiasmo .. . . .. . . . .. .. .. .. . .. .. . . . . . .. .. . . ..
Mi mesi . . .. . . .. . . . .... .. . . .. . . . .. . . . .. . . .. . .. . . . . .
Stereometria ..................................

38
40
42
44
46

Pensiero orizzontale ......... ............. .114


Sostanza ............ ............................ . 116
Sillogismo ...................................... . 118
Inferenza . . . ... . . .. . . .. . . . .. . .. . .. . . . . .. . . . .. . . . 120
Spazio-luogo ................................. 122
Plenum/vacuum ............................ 124
Fissismo ........................................, 126
Identit sessuale ............................ 128
Cardio/cerebrocentrismo .............. 130
Facolt dell'anima ......................... 132
Retorica ......................................... 134
Figure retoriche ............................ 136

Orien te/Occi(ien te ... ................... .... . 48


Societ ionica ~ 50
CosJTI()}ogie ..................................... 52
Arch .................................................... 54
Divenire ............................................ 56
Agonismo ........................................ 58.
Numero ........................................... 60
Annoni.a musicale ........................... 62
Aritmogeometria ............................. 64
Numerologia ................................... 66
Musica delle sfere ............................ 68
Proporzione aurea .........................--.. 70
Sfero ................................................ 72
Paradossi di Zenone ........................ 74
Sensa.z ione ....................................... 76
Elementi ............................... ............ 78
Odi_o /Amore .................................... 80
Umo_ri .............................................. 82
At()mCl ............................................. 84
Deter111inismo .................................. 86
Se>fi_sti .............................................. 88

106
108
11 O
112

ARISTOTELE

PRESOCRATICI

FILOSOFlA

I 00
102
104

)"

ELLENISMO

Ellenismo . . . .. . . .. . . .. . . .. . .. . . . .. . . .. . . . .. . . ..
Scuole ellenistiche .........................
Autarchia (Cinismo) .....................
Stoicis.m o .. . . .. . . .. . . . .. .. . . .. . ... . . . .. . . .. . . . ..
Eterno ritorno ...............................
Pneuma .........................................
Ispirazione . .. .. .. .. . . .. . . . .. . . .. . . . .. . . . .. . . . .
Epicureismo ..................................
M_u seo ............................................

138
140
142
144
146
148
150
152
154

~
I

,,
I

INDICE CRONOLOGICO

Macchine meravigliose .................. 156


Fallimento tecnologico ................. 158

Fabbrica del corpo .......... .... .......... 236


Furore eroico ................ ................. 238
Immanentismo .. ........... .... ........... .. 240

ET IMPERIALE

Neoplatonismo .............. ..... ........ ... 160


I postasi ................................ ..... ..... 16 2
Emanazione ........ ...... .... ...... ..... ...... 164
Gnosi .. .... ....... ................................ 166
Carisma ......... ..................... .... ....... 168
Teurgia ... ..... ................ .................. 170
Manicheismo ................ .... ...... ....... 172

RINASCIMENTO

Aristotelismo/Platonismo ... ........... 24 2


Mito delle origini ...... .. ........... .. .. ... 244
Magia ........... ..... .... ........ ................. 246
Demonologia .............................. ... 248
Simpatia cosmica ............... .......... . 250
Er111etisn10 ....... ........... ....... ............ 25 2
Cabala .. ........................... .............. 254
Gema tria .......... ......... .................... 256
Arte combinatoria ................ ......... 258
Ars inveniendi ................ ..... ...... .... 260
Lingua sapienziale ............... ........ .. 262
Memoria artificiale ....... ... .............. 264
Immagini mnemoniche ............. .... 266
Mondanizzazione .......................... 268
Predestinazione .. .. .... ...... ............... 270
Sacerdozio universale .................... 272
Libero esame ............ ..... ........... ..... 2 74
Utopia ........................................... 2 76
Citt del Sole ......... ... ...... ........ ..... .. 278
Contrattualismo ........... .... ............. 280

MEDIOEVO

Tempo ciclico/rettilineo ................ 174


Escatologia .................................... 17 6
Chiesa primitiva ........... ............ ..... 178
Fondame11talismo ........... ..... ......... 180
Eresie cristologie he ..... .................. 182
Creazione ......... .... ........... .......... .... 184
Trascendenza ................... ...... ...... .. 186
Teologia delle icone ....................... 188
Pessi1nismo antropologico ... ......... 190
Grazia ...... ..... .................... ..... ......... 192
Citt celeste .. .............. ......... .......... 194
Teologia 11egativa ... ........... ... .......... 196
Misticismo ... .................................. 198
Meditazione .......... .......... ......... ..... 200

RIVOLUZION E SCI ENT IFI CA

Rivoluzione copernicana ............ ... 282


Mondo sublunare ........ ......... ......... 284
Geocentrismo .............. .................. 286
Pianeti vagabondi ............. .... ..... .... 288
Eliocentrismo .............................. .. 290
Infinit dell'universo ........ ... .......... 292
Scoperte di Galileo ........................ 294
Esperimento .. .. ...... ............... ..... .... 296
Strumenti ......... ........................... .. 298
Esperienze/dimostrazioni .............. 300
Disputa antichi/moderni ........ ....... 302

Es rasi . .. . . . .. . . . . .. . . .. . . . . .. . . .. . . . . .. . . . .. . .. . . . 2O2

Angel()logia ..... .... ....... .... ............... 204


Auctoritas .... .... .............................. 206
Averroismo .......................... ...... .... 208
Tomismo ..... ..... .... ......... ....... ........ . 21 O
Quadrato degli opposti ....... ......... . 212
NEOPLATONISMO

Dotta ignoranza .... ................... ..... . 214


Ma tesi .... .. ... ................. ............... ... 216
Dio geometra ....... .............. ..... ....... 218
Coincidenza degli opposti ............ 220
Contrazione/espi icazione .............. 22.2
Microcosmo/macrocosmo ........... .. 224
Anima del mondo ... .......... ............ 226
Copula mundi .................. ............. 228
Uomo camaleonte ............ ............. 230
Archetipo .......... ........................ .... 232
Citt platonica ............. ......... ......... 234

RAzIONALISMO CLASSICO

Razionalismo .............................. ... 304


Dubbio iperbolico .. ............... ........ 306
Res cogitans/res ex tensa ........... ..... 308
Ghiandola pineale ......... .. .............. 310
Body-mind problem ........................ 312
Deduzionismo cartesiano ... ........... 314

FlLOSOFl A

INDICE CRONOLOGICO

Meccanicismo ...............................
Passioni dell,anima ........................
Fisiognomica .................................
Logica binaria ................................

Naturphilosophie ............................ 390

316
318
320
322

Assoluto ........................................
Dialettica hegeliana .......................
Sistema hegeliano ..........................
Eroi cosmici ..................................
Morte dell'arte ...............................

EMPIRISMO

Empirismo: tabula rasa .................


Filosofia sperimentale ...................
Associazionismo .. .... ......................
Abitudine ....... .. .............................
lndttzione ......................................
Calcolo razionale ..........................
Gusto .............................................

324
326
328
330
332
334
336

392
394
396
398
400

POSTHEGELISMO

Volont di vivere ........................... 40 2


Nolont ......................................... 404
Angoscia ........................................ 406
Singolo .......................................... 408
Stadi della vita ............................... 41 O
Materialismo dialettico ................. 412
Alienazione ................................... 414
Antropomorfismo ......................... 416
Positivismo .................................... 418
Scientismo ..................................... 4 20
Evoluzionismo .............................. 422
Progresso .. . .. . .. .. . . .. . . . .. . .. . . . . .. . .. . . . . .. . . 4 24

l:ET DEI LUMI

Illuminismo ................................... 338


Deismo .......................................... 340
P11i losop11es .................................... 34 2
Ottimismo ..................................... 344
Pedagogia ...................................... 346
Pansofia ......................................... 348
Emilio ............................................ 350
Materialismo ................................. 352
Scala degli esseri ........................... 354
Buon selvaggio .............................. 356
Uomo silvestre .............................. 358
Razza ............................................. 360
Follia ............................................. 362
Delitto e pena ................................ 364
Classicismo ................................... 366

ANTIPOSITIVISMO

Reazione antipositivista ................ 4 26


Tempo-durata ................................ 4 28
Materia/memoria ........................... 4 30
Evoluzione creatrice ...................... 4 32
Fenomenologia ............................. 434
Epoch ........................................... 4 36
Riduzione eidetica ......................... 4 38
Simbolo ......................................... 440
Forme simboliche ......................... 44 2
Prospettiva .................................... 444
Da-sein .......................................... 446
Pragmatismo ................................. 448
Esistenzialismo ............................. 450
Patografia ...................................... 452
Differenza ...................................... 454
Interazionismo .............................. 456
Olismo ........................................... 458

KANTISMO

N ewtonianesimo ........................... 368


Spazio-tempo assoluto .................. 3 70
For1ne sintetiche a priori .............. 372
Fenomenismo ............................... 374
Spazio a priori ............................... 376
Causa-effetto .................................. 378
Sublime ......................................... 380

LA VOCE DELlIRRAZIONALISMO
Irrazionalismo ...............................
Vita ................................................
Nichilismo .....................................
Apollineo/dionisiaco .....................

IDEALISMO

Romanticismo ............................... 382


Streben. ........................................... 384
Genio ............................................ 386
Finito/infinito ................................ 388

I
~

460
462
464
466

FILOSOFIA

INDICE CRONOLOGICO

Diacronia/sincronia .. .. .... .......... .....


Struttura .......... ....................... .......
Antropologia strutturale .. .............
Triangolo semiotico ......................
Refercnzialit semantica ................
Analisi semantiche ........................
Linguistica generativa .... ... ..... .... ...

Superuom o ..... .. .......... ... ... ............. 468


Dadaisn10 ......... ............... .............. 4 70
Zen .......... .. ....... ................. .... .. .... .. . 472
EP I TEMOLOG IA

Quinto postulato ...........................


Crisi del fo11damento ...... ..............
Logicism o ... ............... ....................
Formalisn10 ......... .................. ..... ...
Relativit .. ................................... ..
Sirnultancit .......... ..................... ...
Quantistica ...... .......... .. .. .... ............
Indetermin azione ... ........ ...............
Caso .. ... ......................... .............. .......
Verifi cazio11c/falsificazione ............
Stori cit della scienza ....................
Paradign1a .... ...... .. ........... ..... ..... ....
Scoperta/giustificazione ............ .. ..
Anarcl1is mo metodologico .. ....... ...

474
4 76
4 78
480
482

522
524
526
528

530
532
534

P ICOANALI 1
Es . ........ ......................................... 536
lnco nscio ..... ... ........... ..... ........... .... 538
Subltmazione ................................. 540
Surrealismo .. ............ ..................... 54 2
Inconsc io colletti vo ...................... . 544
Are h et i po j unghia 11 o . . .. . . . .. . .. .. .. . . . . . 5 4 6
Liberazione sessuale ...................... 548

484
486

488
490
492

494
496

P ICO LC.G IA
RiOesso condizionato .................... 550
Gesta 1t . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 5 2
ln sigl1l (intuizione) .. ......... .. ... ...... . 554
Cogniti vis mo ................................. 556
Mente ........ .. ...... ............... .. ..... ...... 558
Test di Turing ...... ........ ........ .......... 560
Buon senso ....................... ............. 562

498
500

SC IENZE NATURA LI

Etologia ................... ...................... 502


!"stinto .. ..... ................ .......... .. ... .. .... 504
Aggressivit . . . . . .. . .. . .. .. ... . . .. . . . . .. .. .. . .. 5 06

Meccanismi inibitori ............... .. .... 508


Innatismo . ... . .... .. .. . .. . . . . .. .. .... . . .... . . .. 51O
Soc iobiologia ....... .......................... 512
Altruismo .... .. ..... ... ...... ........ .......... 5 14

ESTETICA

Arte non-figu rativa ... ..................... 564


Bello/brutto ................................... 566
Avanguardie ..... .. .. ..... ........... .. ...... . 568
Astrattismo .................................... 570
Pr i 1ni ti vis mo .. . . .. . . . . .. . . . .. . . . .. . . . . .. . . . . . 5 7 2
Postmoder110 ................................. 57 4

SCI ENZE UMANE

Epistemologia ge netica ................. 5 16


Stadi cognitivi ............................... 518
Strutturalisn1 0 ....................... ...... .. 520

Flll1 OFl.o\

INDICE ALFABETICO

Indice alfabetico
Abitudine ...................................... 330
Aggressivit ................................... 506
Agonismo ........................................ 58
Alienazione ................................... 414
Al truism.o ...................................... 514
Analisi semantiche ......... ............... 532
A11archismo metodologico ............ 500
Androgino .. .. . . .. . . .. . . . . .. . .. . .. . . .. . . .. . . . .. 106
Angelologia ................................... 204
Angoscia ~ 406
A11ima ...................................... ......... 36
Anima del m.o ndo ......................... 226
Antropologia strutturale ............... 526
Antropomorfismo ......................... 416
Apollineo/dionisiaco ..................... 466
Arch ...................... ......................... 54
Archetipo ...................................... 232
Archetipo junghiano ..................... 546
Aristotelismo/Platonismo .............. 24 2
Ari tmogeometria ............................. 64
Armonia musicale ........................... 62
Ars inveniendi ............................... 260
.A rte combinatoria ......................... 258
Arte non-figurativa ........................ 564
Associazionismo ............................ 328
Assoluto ........................................ 392
Astrattismo .................................... 570 ,
At.o mo ............................................. 84
Auctoritas ...................................... 206
Autarchia (Cinismo) ..................... 142
Avanguardie .................................. 568
Averroismo ...................................-. 208
Bello/brutto ................................... 566

Body-mind problem ........................ 312


Buon selvaggio ..............................
Buon sen.so ............................... ~
Ca.b ala . .. . .. . .. . . . .. . . .. .. . . . .. . .. . . . .. . .. .. .. . ..
Calcolo razionale ..........................
Cardio/cerebrocentrismo ..............
Carisma .................... ~....................
Ca.s o ..............................................
FILOSOFIA

356

562
2 54
334

Causa-effetto .................................. 3 78
Chiesa primitiva ............................ 178
Citt celeste ................................... 194
Citt del Sole ................................. 278
Citt platonica ............................... 234
Classicismo .................................... 366
Cognitivismo ................................. 5 56
Coincidenza degli opposti ............ 220
Contrattualismo ............................ 280
Contrazione/esplicazione .............. 222
Copula mundi ............................... 228
Cosmo logie . . .. . . .. . . . .. .. .. . . . .. . . . .. . . .. . . . .. . S2
Creazione .. . .. .. . . .. . .. . .. . . .. .. . .. . .. . . . .. . . . . 184
Crisi del fondamento .................... 4 76

Da-sein .......................................... 446


Dadaismo ................................. ....... 4 70
Dea Madre .. . . .. . . . .. . .. . . . . .. . . .. .. . .. .. . .. . . .. . 16
Deduzionismo cartesiano .............. 314
Deismo .......................................... 340
Delitto e pena ................................ 364
Demonologia ................................. 248
Determinismo ........................ .......... 86
Diacronia/sincronia ...................... 522
Dialettica hegeliana ....................... 394
Differenza ...................................... 454
Dio geometra ................................. 218
Disputa antichi/moderni ............... 302
Di"~11ir~ ........................................... ~6
Dotta ignoranza ............................. 214
Dubbio iperbolico ......................... 306
Elementi . . . .. .. .. .. . . . .. .. .. . . . .. . . . .. . . .. .. . . .. ... 78
Eliocentrismo ................................ 290
Elle-n ismo ...................... ................. 138
Emanazione .................................. 164
Emili() ............................................ 3~0
Empirismo: tabula rasa ................. 324
Enigma ............................................ 4'4Entusiasmo ~ 108
Epicureismo . . . . .. . . .. . .. . . . . .. . . .. . . .. .. .. . . . 15 2
Epistemologia genetica ................. 516

130
168
490

Epoch ........................................... 436

10

INDICE ALFABETICO

Induzione ....... .... .. .... .. ... ... ............. 332


Inferenza ... ............... ...... ..... .......... 120
Infinit dell'universo .. .... .... .... .. ... .. 292
Innatismo ...... ..... ...... .. ........ ........... 51 O
lnsight (intuizione) ....... .. .... ... .. .. ... 554
Interazionismo ........ ........... ....... .... 456
Ipostasi ........... .. .... ..... ........... ....... .. 162
Ironia .... .. .. ... ....... .. .......... .......... ....... 96
Irrazionalismo ......... .. ..... ....... ... .. ... 460
Ispirazione ... .... ....... ...... .. ... ....... .... 150
lstin to ... ....... ........... ....... .... .............. . 504
Kalokagatia ...... ............. .................. 4 2
Liberazione sessuale ...... ..... .. ... .. .... 548
Libero esame .... ............ ....... .......... 274
Lingua sapienziale ... .......... .... ... ..... 26 2
Linguis tica generativa ... ... ... .......... 534
Logica binaria .... ... .. ....................... 3 22
Logicismo ............. ...... ... .... ............ 4 78
Macchine meravigliose .... ..... .. .... ... 156
Magia ........ ............ ................ ........ . 2 46
Maieutica .... ... ... ... .. .... ........ ... ........... 94
Manicheismo ................................. 1 72
Materia/memoria ...... ........... ..... ... .. 4 30
Materialismo ................................. 3 52
Materialismo dialettico ... ... .. ... .. .... 412
Matesi ..... ... ........................ ............ 216
Meccan icismo ......... .. .... ... .... .. ... ... . 3 16
Meccanismi inibitori ..................... 508
Meditazione .... ... ...... .. .... ....... .. ...... 200
Memoria artificiale ........... ............. 264
M ente .. ........ .... .... ...... .. ..... .... ......... 558
Microcosmo/macrocosmo ... ...... .. .. 224
Mimesi ........................... ...... .......... 110
Misteri .... .. ..... ... ..... ... ..... .. ... .... ....... .. 28
Misticismo .................... ...... ........... 198
Mito .. .. .. ... ......... .... .. .... .. ... ...... .. ....... . 20
Mito delle origini ..... .... .... .. ........ ... 244
Mondanizzazione ..... ..... ...... .. ... ... .. 268
Mondo sttblunare ..... .. ... ........... .. ... 284
Morte dell'arte ... .......... .................. 400
Muse o . . . . . .. . . .. . . . . .. . . . .. . . . .. . . . . .. . . .. . . . . . . . 154
Musi ca delle sfere ... .... .................. ... 68
Naturalismo religioso ....... .... .......... . 24
Naturphilosophie .......... .. ............. ... 390
Neoplatonismo ....... .... .. ... .... ... .... ... 160
Newtonianesimo .... .. ........... ....... ... 368

Eresie cristologiche ...... .............. ... 182


Er111etismo .... .......... .... ........ .... .... ... 252
Eroi cosmici ... .......... ........ ... .... .. .. .. 398
Eros ..... ....... .. ....... ...... .... .... .......... .... 40
Es . . .. . . .. . . . .. . . . . . .. . . .. . . . . .. . . . .. . . . . .. . . .. .. . . . 53 6
Escatologia .... ..... ..... ... ............ .... ... 176
Esistenzialismo .. .. ..... ......... ...... .. ... 450
Esperienze/dimostrazioni .. .......... .. 300
Esperimento .. ..... ............ .... ........ ... 296
Estasi ...... ... ..... ...................... ... .. ... . 202
Eterno ritorno ... ........ .... ..... .. ..... ... . 146
Etologia ..... ...... .. ........ ................... . 502
Evoluzione creatrice ...... ...... .... ..... . 432
Evoluzionismo ...... .... ..... ...... ......... 4 22
Fabbrica del corpo ........ .. .. .... .... ... . 236
Facolt dell'anima ..... ...... ........... ... 132
Fallimento tecnologico .... ....... ..... . 158
Fenomenismo ..... ...... .. .... .. ............ 3 74
Fenomenologia ... .. .. ........ ....... ... .... 4 34
Figure retoriche .. ...... .. .. .... ............ 136
Filosofia sperimentale ... ... ... .... .... .. 326
Finito/infinito .... ..... ...... .... .... ......... 388
Fisiognomica ...... ... .... .... ..... ...... .. .. . 320
Fissismo .. .... .... .. .. .. ................ ........ 126
Follia .. . .... .............. .. .. .. ... ........ ....... 362
Fondamentalismo .... .... ..... .. ......... . 180
Formalismo .. ............... .................. 480
Forme si m bo 1iche .. . .. . . . . . . .. . . .. . . . .. . . . 44 2
Forme sintetiche a priori ............ .. 372
Furore eroico . .. . . .. . . . . .. . . . . .. . . . . .. . . .. . . . . 238
Gema tria .. ... ... ..... ... ... ......... .. .. .. ..... 256
Genio ..... ... .. ..... ............... ....... ...... . 386
G eocen trismo .. . . .. . . . .. . . . . .. . . . .. . . . . .. . . . . 286
Gesta1t . . . . .. . . . . .. . . . .. . . .. .. . . .. . . . . .. . . .. . . . . . . 5 5 2
Ghiandola pineale ... .. .. ... .. .. .... ..... .. 310
Gnosi ...... .. ......... ...... ... .. ..... .. .. .. .... .. 166
Grazia ~ 192
Gusto . ....... .. ....... ......... .......... .. ... .... 336
Idea platonica ... ......... .......... ....... ... 100
Identit sessuale ... ..... ... .. ... .. ... ... .... 128
Illuminismo ..... ............... .......... ..... 338
Immagini mnemoniche ... ... ..... ... ... 266
Immanentismo ... ... .. ....... ....... .... .... 240
Inconscio ..... .......... ........ ..... ..... .. .. .. 538
Inconscio collettivo ............... .... ... . 544
Indeterminazione .. ... .. ............... ... . 488

11

FILO OFIA

INDICE ALFABETICO

Rivoluzione copernicana ............... 282


Romanticismo ............................... 382
Sacerdozio universale .................... 2 72
Scala degli esseri ........................... 3 54
Scala erotica .................................. 104
Sciamanesimo ................................. 18
Scientismo ..................................... 4 20
Scoperta/giustificazione ................ 498
Scoperte di Galileo ........................ 294
Scuole ellenistiche ......................... 140

Nichilismo ..................................... 464


Nl)lont ......................................... 404
Numero ...... ........ ...... ....................... 60
Numerologia ................................... 66
Odio/Amore ......... ........................... 80
Olismo ........................................... 458
01nero .............................................. 26
Oracolo ................................ ........... 22
Orfismo ...... .. ................................. ... 34
Oriente/Occidente .... ....................... 48
Ottimisn10 ..................................... 344
Pansofia .......................................... 348
Paradign1a ..................................... 496
Paradossi di Zenone ........................ 74
Passioni dell'anima ........................ 318
Patografia .. ..... ............................... 452
Pedagogia ........ .............................. 346
Pensiero orizzontale ...................... 114
Pcssi mis1no antropologico ............ 190

Sensazione ................. .... .................. 7 6

Sfero ................................................ 72
Sillogismo ...................................... 118
Simbolo ......................................... 440
Simpatia cosmica .......................... 250
Simultaneit .................................. 484
Singolo .......................................... 408
Sistema hegeliano .......................... 396
Societ ionica .................................. 50
Sociobiologia ................................. 512
Socrate silenico ............................... 90

Pl1 i losCJfJl1 es ... .. ............................... 34 2

Pianeti vagabondi ........................ .. 288


Plc11u1n/vacuun1 ..... ....................... 124
P11euma ...... ...... .. .. ... .. .... .. .. ... ...... .. . 148
Polis ................................................ 38
Pl>Si ti vis mo .................................... 418
Postmoderno ................................. 57 4
Pragmatis1no ............ ..................... 448
Prcdestinazio11e .................. ........... 270
Primitivismo ................................. 572
Progresso ..... .................................. 4 24
Proporzione ..................................... 46
Proporzione aurea ........................... 70
Prospettiva .................................... 444
Quadrato degli opposti ................. 212
Quantistica .................................... 486
Quinto postulato ........................... 4 74
Razionalismo ................................ : 304
Razza .. ~ .......................................... 360
Reazione antipositivista ................ 426
Referenzialit semantica ................ 530
Relativit ....................................... 482
Res cogitans/res ex tensa ................ 308
Retorica ......................................... 134
Riduzione eidetica ......................... 438
Riflesso condizionato .................... 550
Riti dionisiaci .................................. 30
FILOSOFIA

Sofisti .............................................. 88
Sostanza .................. ...................... 116
Spazio a priori ............................... 3 76
Spazio-luogo ................................. 122
Spazio-tempo assoluto .................. 370
Stadi cognitivi ............................... 518
Stadi della vita ............................... 410
Stereometria .................................. 112

Stoicismo ....................................... 144


Storicit della scienza .................... 494
St11"e
' ben .................................... 384

Strumenti ...................................... 298


Struttura ...................... .................. 524
Strutturalismo ............................... 520
Sublimazione ................................. 540
St1blime ......................................... 380
Superuomo .................................... 468
Surrealismo ................................... 54 2
Tempo ciclico/rettilineo ................ 174
Tempo-durata ................................ 4 28
Teologia delle icone ....................... 188
Teologia negativa ........................... 196
Test di Turing ................................ 560
Teurgia .......................................... 170
Ti es ti .............................................. 98

12

INDICE ALFABETICO

Uo mo silvest re . . . . .. . . .. . ... . . .. . . . ... . .. ... 3 58


Utopia .. ..... ....... ............ ...... ........... 276
Ve rifi cazion e/falsificaz ione ... ......... 492
Viaggio dell'ani111a ..... .. .................. 102
Vita .................................................... 462
Volo11t di vive re ... ... ...... ...... ......... 402
Zen ........... ..................................... 472

To1nismo .......... ...................... ....... 210


Tragedia .. .. .......... ............................. 32
Trascendenza ............... ... .......... ..... 186
Triangolo se11i_ioti co ...................... 528
U111anesin10 socrati co ........ ........ ... ... 92
U 1nori .......................... ....................... 82
Uon10 ca111aleo nle ................ ... .... .. 230

...

13

F ILL) (.)FIA

Ubaldo Nicola

GRECIA

Dea Madre

MATRIARCATO PRIMITIVO

Vedi a11che Mito, Arch


simbolico aiuto al parto della Madre
Terra). Il culto della Madre poneva come tema centrale il 111istero della nascita e della morte, il rinnovarsi della vita
nell'uomo, negli animali e nel mondo
vegetale. La ricca decorazione grafica
(su vasella1ne, su manufatti, su statuette) con cui si esprimeva l'arte dell'epoca
richiama continuamente simboli della
generazione: il parto, la vulva (le forn1e
geometriche triangolari), l'acqua, l'umidit, for111e dinamiche (spirali, vortici),
fasi lunari. Il serpente, che rinnova annual1nente la sua pelle, esprimeva la ciclicit (una nozione i111plicita nell'idea
di fertilit). [iperaccentuazione dei seni
nelle statuette serviva a mostrare la Dea
come dispensatrice di nutrimento.

econdo lo storico delle religioni j.


-Bachofen (Il Mat1iarcato, 1861) la
pri1na forma di organizzazione sociale
dcll 'u111anit, nel periodo pre-storico
(approssi1nativa1nente dal 7000 al 2500
a.C.) sarebbe stata t1na ginocrazia ('governo delle d{)n11e') centrata sul culto
llllla Dea Madre. Po11endosi in una prospettiva positivistica, Bacl1ofen cor1sidera va qu esta societ matriarcale co1ne
una fase selvaggia, uno stato ancora 'ani111ale' dell'umanit. La stessa successione matrilineare che la caratterizzava sarebbe stata, a suo avviso , una co11segt1cnza del disordine (una promiscuit
sessuale) regnante nella 'orda pri111itiva', tale da i1npcdi re ogni certezza sul l'idrn ti t del padre . Ci nonostante la teoria matriarcale di s,1chofen veniva in
qualcl1e n1odo a ribaltare la prospettiva
tradizionale e suscit quindi nella prima
111et del 11ostro secolo numerose criti'che, ancl1e per la scarsit delle prove addotte dallo studioso, la pi importante
delle quali risiedeva nell'analisi del diritto romano , in cui Bachofen dimostrava l'esistenza di tracce residue di una
successione matrilineare dell'eredit.
Le ricerche antropologiche pi recenti, tuttavia, hanno confer1nato l'ipotesi
dello studioso tedesco.

Stt scala europea il crollo del matriarcato avvenne fra il 4000 e il 2800 a.C. a
causa di invasioni di trib provenienti
dall'Est e dotate di una cultura basata
sull'allevamento del cavallo e sulla fabbricazione delle arn1i (arco, lancia, successivamente spada). Con l'avvento del1a successione patrilineare nacquero il
diritto positivo, la mo11oga111ia, la propriet privata e una cultura basata sulla si1nbologia celeste.
Un'ipotesi antropo1ogica affermatasi in
tempi recenti sostiene che il culto della
Dea Madre non del tutto scomparso,
poich la sua durata (pi di 5000 anni)
sembra aver lasciato un'imp ronta indelebile nella psiche dell'uomo occidentale: la sua eredit sarebbe visibile nel culto di Iside, a lungo sopravvissuto alla
sua origine in Egitto, e nella figura cristiana della Madonna, in particolare delle lMadonne Iiere'.

Il governo delle regine-sacerdotesse era


caratterizzato dalla co1nunanza dei beni,
dal diritto naturale e da un sistema culturale basato appunto sul culto della
Dea Madre espresso da due importanti
simboli: la terra e l'acqua. La fecondit
femminile era posta in relazione con la
fertilit della Terra, dal cui lventre' rinasce ogni anno la vegetazione (i riti del
raccolto basati sulla danza erano un
FILOSOFIA

16

GRECIA

" . . \ \
' 1.f\'1
" .. 1.\

~.~1i), 1

I.I. . ~)

li cu lt() della Dea tvt ~1<lrc S()pra\'\' i. e a Ciprl1 e a Creta sin l) all'Et <lei Brc)nzo, innuenza nclo qLti11lli In
c i v ilt~l n1i11t1ica, CLli appartic11c il igillo ri prt)d(1lto:
1<1 Oc41 si erge t1ll.1 \'Clt a di un 111ont c. adorata eia
<l t1c ll't)n i e Lia Ltn Lt<)llll). Tr(1ccc lici CLtlt<) e.Il' Ila De.1
t1 11c.l ri Cl)nL)Sc ilJi li anc l1c nei riti dionisiaci ( ~ ).

11 i111bc.> lis1110 prei tc>ri co S])CS!:>O sc111ic.1 tratte>: in c1ucs tl) c;:tso all 'in1 111agi 11 c di t111a vt1l va

0110 U!:>!:>l> c i ~1tc s pir~1 li gcometri cl1c , cl1c ri cl1iaman{> l'acq un e 1, rcconc1i ta.

'

La 1nanca1ua tli scri.LtLtra 11on l1n ir11pcditt) la rico trttzionc (ipoteti ca) cli L1nn ideologia preistorica atcra\1 crso lo tttdi o clcll 'artc clccorat i\ 1a (M. Gi 111IJLttas Il l i 11gt~ llgi!,i<> llell ll Dea, L991 ) .
La ta tuctta fcn1n1iT1ilc riprodo tta cleco ra ta
co 11 s i1nbo1i a V (detti cl1 c.vrc>11). u n'intensifi cazio ne del sin1 bo1c>llella \rul\'a.

pos i bile lLtdiare la mentalit prci torica attravc r o la ar-

cheomitologia, una sintesi di archeologia , 111itolt1gia, an tropologia, s tucli o dcl folclore e delle religioni . Un esempio
di arcl1itcltLtr<l prin1itiva fortcn1e11tc co nnota ta di ev identi
va lori sin1bolici la to111ba ripresa cla qt1csto disegno, il cui
i11grcsso riproduce una vt1lva. La tu.mt1lazio ne del cadavere
si111t1la\'a L111 (Jarto al contrario : la ris trcltezz::\ del foro , ta le
cla rc11dere diffi co ltoso il passaggio clclJ,, saln1a (il suo ritorrl c) alla Madre Terra), era runzior1a le a ClllCS l O scop<.1.

17

FI Ll)SLFI.-\

GRECIA

Sciamanesimo

SPIRITUALIT PREFILOSOFICA

Vedi anche Misticismo, Meditazione


1 ter1nin e sciaman.o , d erivato dalla

(uno spirito, un animale) simile a quello che Platone chiam entusiasmo(~ );


il volo dell'anima, in grado di abbandonare temporaneamente il corpo e
di co1npiere peregrinazioni nel mondo
degli spiri ti (realizzando cos l'ubiquit).
I poteri esibiti dallo sciamano nello
stato di raptus comprendono anche l'iper-resistenza al dolore e l'insensibilit

1lingtta tungusa, sig11ifica letteralmente 'colui che in stato di estasi, e designa un tipo di esperienza mistica (non
una religione, non una filosofia) che si
prese11ta con caratteristiche si111ili in situazio ni geografiche e culturali fra loro
di [fere11 ti.
Ancl1e se deve sottoporsi a un duro tiroci-n io presso un maestro, lo sciamano
non acq11is ta il suo potere mettendo a
frutto l'esperienza; si tratta infatti di un
dono concesso a pochi, che si rende visibile gi durante l'adolescenza co1ne
una vocazione. Nell'et adulta si manifesta attraverso una gamma di fenomeni , fra cui spicca l'inversione sessuale:
lo sciamano presenta forti caratteristicl1e di androgino ( - >) e sviluppa caratteris ti ch e se1npre pi femminili, sino a
co stituire una famiglia con un altro
maschio.
Tramite un tirocinio 1nolto duro (isolamento, digiuno) , lo sciamano entra in
possesso della fac.olt di passare a suo
piaci1nento alla condizione di estasi (->).
Secondo la psicopatologia si tratta di un
individuo psicl1icamente instabile, tuttavia capace di porre in qualche modo
sotto controllo e persino di sfruttare positivamente la propria labilit neurovegetativa. M. Eliade (Lo sciamanesimo e
le tecniche arcaiche dell'estasi, 1951) afferma eh.e l'unica differenza rispetto a
uno psicotico eh.e lo sciamano in grado di instaurare a proprio piacimento gli
stati di dissociazione mentale.
La trance sciamanica si manifesta in
due modi tipici:
l'invasamento, uno stato di possessione da parte di una potenza esterna
Fll_()Sl1f IA

alle ferite.
Nelle societ tribali queste caratteristiche ne. fanno il depositario di una sapienza superiore, gli conferiscono abilit nella divinazione, nella poesia, nel1
la medicina, con l assunzione di rilevanti responsabilit sociali (provengono
dallo sciamano per esempio le indicazioni sul periodo adatto alla caccia o all1agricoltura).

ln Occidente lo sciamanesimo si rivelato ancora presen.t e in tempi recentissimi presso le popolazioni artiche (gli
Inuit, o Eschimesi). Si suppone tuttavia
che in tempi pre-storici fosse diffuso
ovunque, sia nel Nord-.E uropa (dmidismo) sia n.ei Paesi mediterranei, Grecia
compresa. Secondo R. Dodds (I greci e
l'irrazionale), anche se quando nacque
la filosofia, nel VI-V secolo a.C., l'esperienza dello sciamanesimo greco era
quasi del tutto esaurita, Empedocle e
Pitagora vanno considerati gli ultimi
esempi di uomo-medicina della tradizione arcaica: <<Empedocle non rappresenta un nuovo tipo di personalit, ma
anzi uno molto antico: lo sciamano, che
riunisce in s le funzioni, ancora non
differenziate, di mago e naturalista, poeta e filosofo, predicatore, guaritore e
pubblico consigliere>>.

18

GRECIA
o

Lo sciarnanesimcl era ancora vivo 11ell'esLrc1110 No rd dell'Europa agli inizi del nos tro seco lo ed sLato C[Ltintli documentato con 11otevole rigore dalla 111c>dcrna antrop1..1logia sc ientifica. L'esploratore danese K. Rasmussen (Es 1iimo Folk Talcs, 1921) l1a raccolto disegni del volo sciama.nico presso gli ultimi 'stregoni' i nuit (Eschimesi). In qL1 cllo qui riprodoLto lo sc iamano sosccnuto dagli anitnali che
ha scelto co me spirili custodi e da cui, tran1ite un meccanismo di identificaz ione , trae il propri e) potere.
,
l I
...

.'

Nel L92 l Ras mu c;c n c l1ic e a un o


sciamano e chi111c e d1 <l1 cgna re gli
s piriti co n cui c11trava in c0 11ta tto.
Quello in allo , <li n<)1nc I siLoc1. dalle
b ra ee i a 1LI n g11i s ini e e eo n Lt n un i e o
lungo dente, aiuta <l lo cic.11nanc1 a individu a re i rn c rnbri de ll a trib cl1 e
avessero infranto qu alche tab (un
divieto, una proibizione ritLta lc relati.
va a oggc ttt o
perst1 nc dota ti d1
ac ral1t). Lo piri lo ri prodo tt o a
1n1 tra, in co ntrato ca!:>Ltalrncntc e.lailo eia mano
in un g icJ rn o di
cacc ia, era (I i ve ntato il s uo pirito-gLtida .

19

GRECIA

Mito

PENSIERO PREFILOSOFICO

Vedi a11che Naturalismo religioso, Oracolo, Omero


a parol greca 1nytl1os significa discorso, racconto, in i)articolare delle gesta degli eroi e degli di con cui il
1)ensiero pre-filosofico spiegava simbolica111e11te, attraverso l'esempio delle vice11de 11arrate, i gra11di problemi relativi
all'origine del 111011do, dell'u1na11it, delle istitttzioni .

una dura contrapposizione a questa antica e tradizionale mentalit). Unica e


parziale eccezione fu Platone, il quale
non esit a sfruttare la capacit del mito di 'dire l'indicibile', ossia di esprimere seco11do verosi1t1iglianza intuizioni
tanto profonde da superare i litniti della
ragione e per questo inesprimibili se-

clJttclo ve.,"i t.

Sebbe11c la distinzio11e fra 111ito e ragio11 e s ia i11tt1iti\ an1ente e'' idente, risulta
difficile stabilire con precisione quali
siano la natttra e i procedin1enti del pensiero mitico, tanto cl1e su questa nozio11e si svilupi)ato u11 dibattito che acco1npag11a l'intera storia della filosofia .
Stori can1entc si sono alternate due in.
.
terpretaz10111:
il 111ito, i11capace di provare razional111ent.e le proprie affern1azioni, apparso a volte co1ne una for111a di intellettualit imperfetta, contrapJJosto e subordinato al discorso logico, un tentativo falli111entare di spiegare razional1nente la natura;
d'altra parte si fatto osservare che il
mito possiede sempre una propria coere nza interna, si dimostra .c apace di'
esprimere comunqu e livelli profondi di
comprensione (attraverso procedimenti pre-razionali, emotivi, simbolici,
estetici) e pu quindi essere considerato un tipo di pensiero autonomo , distinto e non paragonabile a quello
scientifico.

Nella generale svalutazione del mito che


si prolunga fino al secolo scorso, l'eccezione costituita da G.B. Vico (P1incipi
di una scienza nitova, 1730), che nel mito scorse una primordiale sapienza
poetica,. la capacit degli uomini primitivi di usar e la fantasia nel dare una
spiegazione alla natura.
[intuizione del Vico, che vede nel mito una forma di conoscenza diversa ma
non inferi ore all'argomentazione razionale, stata ripresa nel nostro secolo da
diverse scuole di pensiero: l'etnologia
(lo studio dei popoli rimasti ancora oggi allo stato tribale) di Lvy-Bruhl e
l'antropologia (lo studio delle condizioni tipiche dell'umanit in generale)
di Lvy-Strauss hanno sottolineato come il pensiero primitivo segua regole e
leggi di coerenza interna mo_lto forti, anche se diverse da quelle della logica argomentativa.
E. Cassi.rer (Filosofia delle forme
simboliche, 1925) in.fine ha individuato l'essenza della modalit mitica del
pensiero nell'incapacit di distinguere
fra contenuto e form.a del simbolo (--.. ),
ossia fra l'am,bito del concreto e quello
dei significati (in questo modo la luce
e il Sole non sono solo 'rappresentazioni, della divinit, ma divinit esse
stesse).

I filosofi greci trovarono un punto di accordo nel condannare i procedimenti


del pensiero mitico, accusato di non
prevedere e non rich.i edere alcun tipo di
dimostrazione logica (tutta la filosofia
nel suo complesso nacque attraverso
flLOSOFLA

20

GRECIA
Un esempio di rnito co111e spiegazio n e fanta stica della natura. Seco ndo Ja cosmologia
indui sta la T e rra una m ezza s fe ra,
co ll ega ta a l cielo tra mite il monte
Merhu , pos to a l suo centro e sostenuto d a elefa nti. La s tessa Terra .
sostenuta da altri e pi g randi elefanti , i quali a lor o vo lta si so rreggono SLl un'en orme ta rta ruga
che s i appoggia s u un serpe nte ,
d etto Ou robo r o , s im.b olo d el
tempo ciclico), tanto gran<le da
c ircostrvc re ( >Tempo clicli colrettilineo) l'intero uni verso .

'

Nel n1ito cosmol<.>gico i ndia110, CLI i l'im 111agi ne i


rifcrisc:e, l'uni verso C<)nccpito ul modello dcl
corpo u 1n.a 11 0 ( > Antropo111orfis1no): la Terra
(l'on1beli co del me.> ndo) a l centro: sopra e so tto si di pongono i cicli e gli in fe ri . An.aloghi
scherni di pensiero so no rintracci<1hili, in ur1a
certa rnist1ra, ancl1e all'interno del pensiero filoso fi co ma tur o
( - Microcosn10tnacrocosn10 e
Pt1e1tma ). a di-

'

mostrazione clel
fatto cl1e l~1 separazio ne fra p ensiero mitico e fi loso fi co e pi tl

problematica di

quanto appa ia a

prima vis ta .

l 'lbduismo costituisce l'ultima. tradi-


zione di pensiero mitico a ncora oggi
vitale. La relig ios it india na (p()liteista) co nsi.ste in tl na so111 n1a di stori e
relative agli di, personificazioni di nozio ni o tendc11z.e psicologiche. l<a li
clalle qua Ltro braccia simboleggia la
trasfor111azio ne.

21

FIL ) OFIA

GRECIA

Oracolo

DIVINAZIONE

Vedi anche Mito, Magia, Enigma


I te rmine 'oracolo' indica sia la sen-

persiana fu chiesto all'oracolo di Delfi, a


nome dell'intero popolo greco, che cosa
si dovesse fare. Il consiglio fu di non difendersi ma, nonostante il turbamento,
i Greci combatterono, vinser o e dimenticarono la sentenza senza perdere d'altra parte la fiducia n.e ll'oracolo.
La spiegazione di questo comportamento sta nell'ambiguit tipica del linguaggio oracolare: il dio che parla attraverso la pizia non sbaglia mai; tuttavia,
poich la sua voce arriva tramite un essere umano, non esclusa la possibilit
di equivoci. Il dio inoltre parla sempre
ricorrendo all'enigma (- >-), dice la verit
ma usa un linguaggio aperto, suscettibile di una molteplicit di interpretazioni.
Un esempio il responso dato a Creso,
ricco sovrano dell'Asia Minore: <<Se attraverserai un fiume distruggerai un
grande regno)> (il che accadde realmente, solo che il disastro profetizzato non
riguardava il regno del potente nemico,
ma il suo).

I tenza, sia l'edificio, sia il modo in cui


nell'anti ca Grecia era praticata la divinazione (l'arte di predire il futuro). roracolo pi ce lebre , vero centro della
prim.a grecit e del mito, era quello di
Delfi. Qui la pizia (una medium) rispo11deva d '1lle pro fondit di una cave rna alle domande dei pellegrini osse rvan clo il n1ovi1nento dell 'acqua in
ttn recipiente (a Dodona si interpretava lo sto r111ire delle fronde di una querc ia ~ altr()VC il movimento dei pesci in
t1na vasca o l'appetito di serpenti sacri).
certo che la pizia parlava in stato di
trance, ma non chiaro come l'estasi
( - .. ) fosse provocata: forse da esalazioni di gas nella grotta, forse con il semplice digiuno unito alla preghiera, alla
s o ppressione del sonno, agli esercizi
asceti ci effettuati sotto il controllo dei
sacerdoti.
Conosciamo le questioni che i Greci
sottoponevano all'oracolo di Delfi, poich i postulanti le scrivevano su tavolette di piombo che i sacerdoti conservarono con cura negli archivi del tempio. Colpisce il carattere umile e ordinario delle domande: <<Eraclide prega
Zeus di regalargli una fortuna e vorrebbe sapere se avr un figlio dalla moglie
Aigle>> ~ << Lisanio vorrebbe sapere da
Zeus se il bambino che la moglie Annulla attende suo o no>> ... Collettivamente, gli abitanti di una piccola citt
inviano una delegazione per sapere se il
prestito richiesto da una concittadina
sar un buon investimento.
Notevole il fatto che non sempre il
suggerimento fornito dalla pizia veniva
seguito: nell'immi'n enza dell,invasione
FtltJSOFIA

Forse per ammirazione di queste sottigliezze dialettiche molti filosofi greci,


sebbene nelle loro d.o ttrine condannassero la .m entalit mitica (di cui l'oracolo
era un'istituzione fondamentale), mantennero sempre un legame con l'oracolo di Delfi (unica istituzione riconosciuta dall'intero mondo greco). Persino Socrate, giovane e in cerca di un maestro,
non trov disdicevole porre una domanda e chiese quale fosse l'uomo pi
sapiente di tutta la Grecia. Gli fu risposto: <<Socrate stesso il pi sapiente>> ed
egli ne rimase sconcertato. Solo in seguito cap il senso vero della sentenza
(la vera sapienza consiste nel sapere di
non sapere).

22

GRECIA

state trova te
fessure,
n la mas ticaz io ne
di fogli e
cli alloro
(c he
accompagnano
sempre l in11nagin e
della tl1e,/ium )
produce
manifestazio ni
esta tiche.
1

Questo strano oggetto, una specie di incrocio fra un paracarro e t1n pan ettone con
ur1 buco so pra (in cui veniva no fatte co la re l e o fferte) , l'omphalos, oss ia
l\ ~'W~
l'ombelico del mondo , fo rse il s imbo lo pi ve n e ra to in tutt a la G rec ia.
~''A o~ Sistem ato al centro del tempio di Delfi, che si pensava fosse a s ua vo lta al
"'
~eh centro della Grecia, indicava il centro asso luto (l'o mbelico) del mo ndo.
G?
~~~

'IJ~ rii~~ 6j

7~~~
~

~.,,,

Ques to oggetto di bronzo , detto JegaLo di Piacenza, era uno s trLLrnento


usato dai sacerdo ti etruschi per 'leg.gere' le viscere degli animali sacrificaci e operare quindi la divinazio ne. Le forme geometrich e e i rilievi corrispondo no alle zon e di u n fegato di agne llo , mentre le scr itture indicano i rispettivi significati astro logici. La sentenza era formulata confronta ndo questo pro to tipo con le partico larit individuali d ell'anima le.

23

FILO OFLA

GRECIA

Naturalismo religioso

MITO/Fll..OSOFIA

Vedi anche Oracolo, Antropomorfismo


co, permaloso e imprevedibile capo degli di, non mancavano problemi politici (Ade e il dio del mare Posidone reclamano pari diritti), e neppure familiari (quasi sempre le liti con la moglie
Era, ancora pi autocratica, permalosa
e imprevedibile del celeste consorte,
erano causate dalle frequenti avven.ture erotiche di quest'ultimo con donne
terrestri).

ispetto alle altre civilt antiche (egizia, babilonese), la religione mitica


greca (espressa nell'Iliade e nell'Odissea
attribuite a Omero, nonch nella Teogonia di Esiodo) ebbe alcune particolarit,
in1portanti perch contribuirono alla
nascita della filosofia .

Mancanza di una forte casta sacerdotale. A differenza di quelli egizi o mesopt1tan1ici, i sacerdoti greci non aveva110 potere politico e neppure un ruolo di
guida spirituale o intellettuale (persino
la celebrazione dei sacrifici non era riservata loro).
Mancanza di un libro sacro, come la
Bibbia, fonte di una verit rivelata direttamente da Dio e quindi dogmatica, indiscutibile.

Gli di omerici erano entit prodigiose,


ma molto poco sovrannaturali; si intromettevano con fastidiosa frequenza
nelle beghe dei terrestri, si innamoravano di donne e maschi umani, generando cos esseri intermedi, gli eroi o
semidi, quali Dioniso o Eracle (Ercole). Non er ano eticamente migliori degli uomini, solo dotati di maggiore potenza, sia nei pregi sia nei difetti. Erano
uomini amplificati: ognuno di essi rappresentava un aspetto della psiche
umana, o una forza della natura, idealizzate e sublimate.
Fra se stessi e questi di i Greci ponevano una di[ferenza di quantit (di potenza), non di qualit. Per consegue.n za
il loro culto non fu mai associato a una
forte istanza etica n forn mai una dogmatica religiosa tale da bloccare sul nascere la libert di pensiero. La religione
mitica assolveva soprattutto funzioni
pubbliche, fornendo alla multiforme e
litigiosissima societ ellenica un minimo di coesione culturale e lasciando nel
contempo ampia possibilit di dissentire. Anche per questo motivo la nascita
della filosofia non determin la scomparsa definitiva della religione mitica ufficiale, i cui riti, sul piano formale, continuarono a essere praticati.

Oralit della trasmissione culturale. Fino all,introduzione della scrittura


nel VII secolo i poemi omerici furono
tramandati a voce, e quindi progressivamente rielaborati nel corso dei secoli.
Ne consegu una pluralit di tradizioni,
spesso in contraddizione fra loro.
Importanza attribuita alla poesia e alla musica. La memorizzazione dei testi
omerici, facilitata dalla forma poetica
(rima, metrica) e dalla recitazione (canto), costituiva la parte pi importante
dell'educazione dei giovani. Attraverso
suggestivi ed efficaci esemp.i , le storie
mitiche trasmettevano il sapere collettivo e tutto ci c.h e era necessario conoscere: le tecniche, i principi normativi,
le fonda mentali credenze relative alla vita, al mistero della nascita e cl.e lla morte,
alla natura degli di.
Visione religiosa fortem.e nte naturalistica. Gli di d.ell'Olimpo greco
formavano una famiglia in tutto simile
alla societ uman.a: a Zeus, )'autocratiFILOSOFIA

24

GRECIA
Mentre noi leggiamo i
poe mi o me ri ci, prima
d e ll a lo ro red az io ne
scritta gli anti chi poe ti
g iro vag hi ( aedi ) li
ca nt ava nC), acco mpag na nd o i co n la cetra
(tec nica necessa ria per
memorizza re la grande
massa di rnateri ale) . la
tras missione orale i 11fl tt i va fo rte mente s u l
e o n te n u t o : u n te rz o
de i poe mi o me ri c i e
cos titu ito da 'formule
mn c1noni cl1c' (vc rc;i ri corTcnti in modo sempre ugua le) .

la dea della discordia. Il ca-

rattere naturalisti co della religione greca fa s che vengano di vini zza te tLlttc le potenze della natt1ra . no11 solo
quell e eti ca ment e posi tj ve.
Esiste quindi un dio dell'a1nore (Eros). 111a ancl1e una
d ea d el la di sco rdia ( Eris).
Fu proprio quest'ttltima che,
offre11do u11a nlela d'oro alla pi bella delle dee, diede
inizio a quel disastroso litigio nella fa1niglia o limpi ca
da c ui sca tLtri la g ue rra di
Troia.

In co ntrasto con il forte interesse dei pri111i fil o ofi per la cosniologia ( - >), O n1ero non azzarda alcttna ipo t e~ i e p licita
sulla struttLtra clcll'uni\rcrso. Tmtnagina Ltna Terra piatta, ro to nd a e c ir co nd a ta d a l
gra11dc fiutnc Ocea~,,--:~r:::-A-:--...............,
no. La Grec ia 11aQ L C.
Q
t ura l111 e11tc e ra
a l ce ntr o d e l
1no11d o, u11 'id ca CLti i
G rec i rim asero se mpre
affezionati
( ~ Oracolo).
1

/V

I due laidi \1 ecc hictti riprodotti ,

ripres i d a un dipint o vasco la re


rnentre dispt1tano per una donna
urnana, sono Zeus, con la scala in
mano, e Asclepio, dio della medicina. Nessuna religione al mondo
l1a 1nai permesso di beffeggiare in
questo modo la divinit. Alla religione naturalis tica greca fu se.mpre es tra nea la n ozi on e di trascet1de11za ( - >).

25

Ft LC.) "it)rtA

GRECIA

Omero

SAPIENZA, CECIT, VECCHIAIA

Vedi anche Philosophes


smissione). La critica recente sottolinea
invece la concezione unitaria delle due
opere e i frequenti rimandi fra i canti,
che non sarebbero possibili in una stesura a pi mani (l'Iliade ruota tutta attorno al tema dell'ira di Achille; l'ultimo
canto riprende e conclude il tema del
primo).
Anche la diversit nel modo di trattare certi te1ni, spiegabile con un'evoluzione stilistica e morale nell'arco di una
vita lunga e produttiva, non sembra pertanto un argomento decisivo.

partire dal VII secolo a.e. l'educazio11e dci giovani greci consisteva
nel n1andarc a 111en1oria l,Iliade e .l'Odissea. Dopo l'introduzione della scrittura
i due poe1ni 0111erici divennero i testi
fonda111entali della grecit: le storie degli di e degli eroi illustrano, co1ne in
t111a s1)ecie di enciclopedia mitica, le
l)as i essenziali dello spirito greco: il cult() dell 'ospitalit e dcl coraggio indivitiual c, l'a1ntJre e l'acuta osservazione
della 11att1ra, il gusto della bellezza, la
vis ione naturalistica e antropomorfa del
divint1.
Per {1uesto motivo notevole che sulla vita di 01nero gi gli antichi Greci
avessero le idee confuse. Alcuni riteneva110 fosse vissuto nel XIII secolo a.e.,
in u11 'et appena seguente gli avveni111e11ti della guerra di Troia (ma Omero
rievoca questi fatti co1ne se anche a lui
giu11gcssero da un lontano passato), altri nel IX o addirittura nell'Vlll secolo
(r1cl libro XIII dell'Iliade, infatti, Omero
descrive la tattica bellica della falange,
introdotta solo a quell'epoca).
Questa ignoranza ci.rea l'epoca e la patria del poeta, assieme alla mancanza di
altre indicazioni biografiche, ha determinato la nascita della questione omerica, spingendo alcuni critici a mettere
in dubbio la sua stessa esistenza storica,
nell'ipotesi che l'Iliade e l'Odissea siano
in realt raccolte di autori diversi.
G.B. Vico (La Descoverta del vero Omero, 1730) sostenne che Omero non altro che un simbolo, la personificazione
della poesia nell'et eroica.
A suffragio di questa tesi stanno le
numerose ripetizioni e alcun.e incongruenze (le quali tuttavia possono trovare spiegazione nell'oralit della traFllt)SOFIA

Quest'ignoranza circa la realt storica di


Omero sottolinea il valore simbolico di
due tratti attribuitigli dalla tradizione: la
cecit e la vecchiaia.
Nelle societ antiche la professione
del cantore di corte era una buona prospettiva per i non vedenti (spesso dotati di una memoria eccezionale) ed
quindi effettivamente possibile che
Omero sia stato veramente cieco. Dato
tuttavia che l'idea si presenta per la prima volta solo nel VI secolo, evidente il
prevalere di un signiricato metaforico: la
cecit una condizione necessaria alla
sapienza.
Anche i pi grandi indovini (Tiresia,
Fineo) erano ciechi e quest'infermit
era interpretata come una compensazione psichica delle loro qualit straordinarie. vero che la cecit considerata la massima delle punizioni (Edipo
si conficc un coltello negli occhi), tuttavia essa pu essere anche un dono,
poich abolendo la sensibilit acuisce la
percezione intelle.ttiva. Questo il motivo per cui il filosofo Democrito (V-IV
secolo a.e.) si sarebbe volontariamente
accecato.

26

GRECIA
La vecchiaia di O mero. Il ritratto dcl poeta rea-

lizzato (inventato) nel 460 d.C. doveva produrre


un forte effetto di co ntras to acca nto alle sta tue
degli eroi, sempre dt1tati di un co rpo bello e giovane secondo l'ideale etico-estetico della halohagatia ( .- ). In una societ ch e esa ltava la giove nt
e dava una valutaz ione negativa della vcccl1iaia ,
Omero immaginato co me un vegliardo ir1 pieno
decadin1ento fi sico: la cecit S<.)tto lineata dal le
palpebre abbassate, le guance so no cad enti e la
ca lvi zie nascosta so tto un cotnplicato arrangian1ento dei cape lli. La vecchiaia di O rn ero ttna
metaft)ra della saggezza, di quella profondita di
giudizio cl1c si raggiunge solo co n la tarda et.

1successivi 'ritratti di invenzione' di Omero accentuarono i segni della vecc hiaia del

poeta. Si venne cos fissando ir1 un preciso


scl1cma l'iconografia dcl sapiente e quindi, ~1e r clcrivazio11e, clell'intellettuale. Non
dunqLte per caso, ma in rapporto a qttestc) stcrcot ipo, cl1c n.csst1n poeta , fil osofo o
pensa to re grcct) fu 111ai ritratto o rapprcse11tato in et git)vanilc.

27

F IL0Sl1FI

GRECIA

Misteri

RELIGIONE GRECA

Vedi anche Riti dionisiaci, Anima, Orfismo


pate dai misteri, in particolare dall'Or-

a religione pubblica ereditata dal


rnito 0111erico non riusc mai a soddisfare del tutto il bisogno di sacralit
del mondo greco. A partire dal VII secolo a.C., accanto a quella ufficiale ma
senza St)Stituirsi a essa, si svilupparono
forn1e di religiosit particolare, dette
com~1lessivarnente misteri perch le
credenze specifiche erano tenute rigorosan1ente segrete (i riti non erano mai
svc)lti nei templi ufficiali e spesso non
esisteva 11eppure un luogo specifico
predis1Josto al culto). Questi culti iniziatici furono numerosi: oltre a quelli
dedicati a Orfeo e a Dioniso, i pi importanti furono i misteri eleusini consacrali a Demetra e Persefone, cos
chia1nati perch 11ati nella citt di Eleusi; i misteri mitradici, di origine orientale (Mitra un'antica divinit solare
iranica); i misteri di Samotracia; quelli di Adone e molti altri ancora.
Pur praticati in inodo elitario da gruppi ristretti (nel tiaso, una comunit
informale e poco regolamentata), i misteri ebbero un'influenza straordinaria
sul pensiero filosofico, senz'altro supe- .
riore al mito omerico. Di certo il loro
influsso sull'intero pensiero dell'Occidente fu tanto profondo da non potersi
valutare con precisione. Penetrarono
nel mondo ro1nano (dove giunsero a
massima diffusione in et tardo-Imperiale, fra il III e IV secolo d.C.) e finirono con l'influenzare persino il Cristianesimo. t.:esistenza di un'ani1na (--+) individuale e la sua immortalit, l'idea di
una colpa originaria che accomuna tutti gli uomini, l'attesa del premio per i
giusti e del castigo per i malvagi dopo la
morte, tutte convinzioni prettamente
cristiane, sono in qualche modo antici-

flLC.1SOFIA

fismo (- >-).
Se questi culti pagani raggiunsero una
tale influenza perch, diversamente
dai riti della religione ufficiale volti a
propiziare la benevolenza degli di in
funzione del benessere terreno, essi si
rivolgevano a istanze interiori e profonde dello spirito.
Tutti i misteri infatti, eccettuati quelli
di Mitra, trattano un tema comune, il binomio morte-resurrezione, svolto attraverso una vicenda mitica dalla trama
molto simile. Al centro vi sempre una
coppia (marito e moglie nel caso di Orfeo, madre e figlio nel caso di Dioniso),
la cui unione prima dissolta dalla morte di una delle due figure e poi ripristinata da una rinascita.
Si ipotizza oggi che la nozione di resurrezione sia stata elaborata dalle religioni misteriche sulla base di ancor pi antichi riti legati al ciclo vegetale (alla rinascita primaverile della natura). Vi
infatti una forte analogia simbolica fra la
reincarnazione de !l'anima e la rinascita
ciclica della vegetazione dopo la morte
invernale.
comunque questa idea, cio che la
morte non sia mai una condizione irreversibile e definitiva, a formare il nucleo essenziale dei misteri: Orfeo fatto a pezzi dalle donne della Tracia, offese dal suo amore inconsolabile per la
moglie morta, ma inspiegabilmente
(cos racconta il mito) la sua testa, separata dal corpo e in bala dei flutti dell'oceano, contin.u er a cantare per sempre. Nulla, tanto meno un uomo, pu
mai dirsi definitivamente e totalmente
morto.

28

GRECIA

1 misteri di Mitra, lega ti al culto orientale del


Sole , riscossero pa rtico.lare s uccesso presso g.1i
ambienti militari ro111ani. Erano i.nfalti particolarmente violenti . Durante il rito del tauroholio
l'adepto si calava i.n una fossa sopra la quale, su
Ltn a grata veniva sgozzato Ltn toro: il LlO sangue cospa rgeva cos abbonc.lant emcntc il nco rita , co1ne in t1na sp ecie di battes imo cruent o.
1

Testa di Mitra: la disposizione dei capelli sottolinea l'identificazione del dio co n il So le. Le fes te in <)11ore di Mitra caclevan o nel () ls tizio di
inverno (la 11o tte dcl 25 dicembre). data clic i11
segt1 ito fu co nvenzionalrnen.te s tabilita p e r la
11ascita di Cris to.

If .cttlto dcl Sole (eliolatria) n1itradicol pur con1battuto d al Criscianesi1no, no11 sco mparve 1nai
del tuLLo dalla culLL1ra dell'Occiclence. Nel particolare dell'arazzo medievale riprodotto (Xl secolo) persi110 i c.iettagli attribttiti al Sole (carro, quaclriglia1corona reale, spada de l potere) riprendono l'antico paganesimo. Anche nello sv iluppo
dell'elioce11trisrt10 (->) ri11ascirne11talc so110 riconoscibili tracce dell'antica trad izion.c eliolatrica.

Ai eulri rnisteri ci pi antichi, provenienti dalla


Persia e connessi a ll'nsegi1amento di Zaratl1us rra .
era legato l,uso del sacrificio umano a scopo ritt1ale, ancora praticato in si tuazioni di eccezionale perieci.o anche nel inondo greco e ron1ano.

29

fl Lll'-;OF IA

Riti dionisiaci

DIONISISMO

Vedi anche Orfismo, Apollineo/dionisiaco

T 'itnJJOrtanza dei riti dionisiaci nella

non solo perch queste erano tassativamente escluse da ogni altra forma di celebrazione religiosa: il menadismo rappresentava una vera e propria cultura
della follia contrapposta alla razionalit, qualit che il mondo ellenico considerava prettamente maschile.

Lcivilt antica u11a scoperta recente,


ml'rito di F. Nietzscl1e, il cui saggio su
La 11ascita de 11 a L1agedia in G re eia
( l 872) ha inaugurato un modo nt1ovo
di C<)nsiderare la grecit. Secondo il filosofl1 tedesco la grandezza greca fu il
ri sult~1to di ur1a difficile e temporanea
si11tcsi fra la spiritualit apollinea, vale a dire le istanze di equilibrio e armonia espresse soprattutto in arcl1itettura
e in scultttra, e una si1nn1etrica e contraria spiritualit dionisiaca. Quest1ulti1na costituirebbe quello 'stato di.
vigore a11i111ale' che deriva dall'accettaZil1ne totale del lato oscuro e istintuale
della vita ( - >- ), in definitiva una forn1a
di irrazionalit, necessaria per alla
sop1Jortazio11e dell'esistenza e allo svilup1)0 della creativit.

Dioniso (Bacco per i Latini) era il dio


della vegetazione e della fertilit, dell'uva e del vino, quindi dell'eccesso e dell1i11[razio11e: sotto ogni aspetto, l'esatto
opposto dell'armonia orfico-apollinea.
Dio11iso significava la rottura dj ogni
barriera fra di e uo1nini; ebbro e folle, '
favoriva lui stesso la dissolutezza dei fedeli, li inselvat.iclliva e li portava al vino,
alla violenza, all'orgia. Amava le grida
disordinate, il delirio, l'esaltazione parossistica, l'estasi ( - ), la maschera e il
travestimento (a volte era ritratto in vesti e con tratti femminili), sconvolgeva
leggi, costumi e gerarchie sociali. Uncico
fra gli di, ammetteva le donne e gli
schiavi ai suoi riti.
I misteri dionisiaci erano infatti particolarmente seguiti dalle donne, dette menadi, ed probabile che ci accadesse
FILOSl)flA

30

Scopo dcl culto dionisiaco era rivivere il


tragico destino che aveva segnato la vita del dio, figlio dell'adulterio di Zeus
con una do11na u1nana e quindi perseguitato da Era, sposa di Zeus, fino alla
follia (o alla morte, 'S econdo un'altra
tradizione). Le n1enadi, i11coronate con
frasche di alloro, indossavano pelli di
animali, n1entre gli uomini si abbigliavano come satiri; nell'ebbrezza prodotta
dal vino si abbandonavano al ritmo selvaggio del ditirambo, ossessivo e ripetitivo, eseguito con flauti e tamburelli,
ed en fatizzato dal grido (evo evo) con
cui gli adepti si incitavano l'un l'altro.
Alla fine satiri e baccanti raggiungevano
il desiderato stato di trance ed entravano in una condizione di possessione
psichica che gli antichi chiamavano entusiasmo ( ~ ). I..:esito del rito, anticamente collegato al ciclo vitale della vegetazione, che si con.e ludeva nella vendemmia, era il temp oraneo ritorno a
una condizione naturale (animale): la
caccia e lo sbranamento di un animale
selvaggio ne erano il coronamento finale. A partire dal VI secolo q,uesta brutale ritualit arcaica fu progressivamente
sostituita con una rappresentazione
simbolica (dapprima solo mimica) e con
canti corali. Dalla liturgia dionisiaca che
accompagnava il sacri.f icio della bestia
(quasi sempre un capro, tragos in greco)
nacque la tragedia ( ~).

GRECIA
U na <lell c pa rtiC()la riL delle rappre c nlaz io ni di Di o ni o
(l'anfora che ne riprende il ma chcronc dt l VI secolo a.C.)
la visione frontale. Mentre LLttti gli dci <>no cmprc di egnati di f)rofil c) , egli i tnostra di fronte e dirige lo sguardo ,
fortement e interlc>Cutorio, in dircz io11c cli chi guarda. Dai
culti di o11i it1ci deri va la maschera tea trale.

li r11on1cnto CLtl111in a nte d ell 'estasi


co r1sis tcva nel.la cact ia a un a nin1 c_1le
c;c l\1atiCt) cl1c veniva ucc iso a m1ni nLtclc, qui11<li fatto i111111ccliatan1entc a pezzi
e 111angiat o ar1 cora c'11<lL1 e san gLti11a11te.

La an za a\'C\':l t111 rt1o lo in111o rt a ntc ne l ragg ittn g i111 e n l cl de 11 e La i di() 11 i ia ca: do, cva e -ere il piu poss ibil e
e<) m b i n a t a . d i a rti co lata
e
sco nnessa, fu ori
dall e rego le, libera tori a . Per
c1ucsto le: m e nadi o bacca nti si
n1 u n i van o de I
tirso . Lltl tl verga
c irco nd a ta di edera e apfJC a ntita a
t1n 'e trc1nit con clelle pi g ne, la etti unica
f unzio11c era qttclla di sbilanciare la danzatrice.

Nc lla s to ria dc Il'arte lo sc hema gesLLtalc dc Ila da n z~1 dionisiaca


(co r1 la testa rovesciata all'indietro , co1nc i11 questo altt1rilicvo <lello scultore Sl<opas) si fissato co111c imr11agi nc stereo tipa dell'estasi e (Iella follia ( -~ ).

31

GRECIA

Tragedia

SPIRITUALIT GRECA

Vedi anche Riti dionisiaci, Vita, Superomismo

Secondo la definizione di Aristotele,


tragico ci che mette in evidenza l'assurdit dell'esistenza, la vicenda che
<<suscita piet e terrore>>, in cui persone
innocenti sono punite per colpe che
non hanno commesso o sono invischiate in sit11azioni irresolubili.
Questa cruda rappresentazione della
realt della vita senza la mistificazione
del 'lieto fine' conduce a ttna purificazione delle e1nozioni che Aristotele
chiama catarsi: la tragedia insegna a padroneggiare il dolore e l'insensatezza
della vita, sviluppando una sorta di abitudine all'idea della morte e della soluzione inevitabilmente \tragica' di ogni
vicenda di vita.

cl)bcne ancl1e fra i popoli prin1itivi


_ csiste:1n() forn1e di recitazione teatrale,
l l tragedia t1n 'in\ienzione originale e
senza prececlenti dello spirito greco.
Nelle prin1e rappresentazioni arcaiche
cl1 e si S\'Olge,,ano durante le feste di
Dioniso , l'azione era svolta da mimi,
111r ntre le necessarie spiegazioni erano
affidate al coro.
La nascita della tragedia risale al V secolo a.C. , quando i lnimi f11rono sostituiti da attori parlanti e la storia (che fi110 a(i allora si limitava a ripetere le gesta dcl dio) incominci a essere scritta
d '-1 tllttc1ri (Eschilo, Sofocle, Euripide).
Ci non dcter1ni11 tuttavia la scomparsa del cr> rt) , che rimase un ele111ento
peculiare della tragedia greca (scono. sciuto in quella n1oder11a) . Al coro infatti, co1ne voce parlante dall'esterno,
s1Jettava l'essenziale con1pito del co1nn1cnto, dell'interpretazione (politica, filoso fica o morale) degli avvenimenti
ra1Jprese11 ta ti.
Alla tragedia era affidato un forte valore etico e formativo: nelle vicende
11arrate sulla scena si esprimevano in'
modo ese1nplare le nozioni sulle quali
era necessario che i buoni cittadini riflettessero. Per qtteslo, co11traria1ncnte
all'uso moderno, il cittadino veniva pagato per assistere alle rappresentazioni;
lo Stato favoriva l'universale partecipazione con 'gettoni di \presenza' e la tragedia era l'unica occasione sociale cui
potevano partecipare anche le donne e
gli schiavi.
Il legame con gli antichi riti in onore
di Dioniso (il dio ingiustamente ucciso,
ancora fanciullo, dai Tita11i) riscontrabile nei contenuti delle tragedie greche.

In epoca moderna una nuova interpretazione della tragedia stata elaborata


da F. Nietzsche, che vi ha visto la massima espressione della spiritualit greca
prima della decadenza prodotta dalla
nascita della filosofia.
Secondo Nietzsche il valore precipuo
della tragedia sta nella coesistenza di
uno spirito dionisiaco (che nel ditirambo si esprimeva come semplice rievocazione mimica delle vicende del dio) e di
u.n o spirito apollineo (l'elemento che
struttura l'opera tragica in una trama
ben costruita e avvincente).
La tragedia, nata come rievocazione
della vita di Dioniso (rito culminante
nello squartamento di un animale vivo), si sarebbe quindi trasformata nella rappresentazione astratta di una vicenda emblematica, senza ancora tentare, come avrebbe fatto la filosofia,
una spiegazione in termini razionali
del significato .

..
flL()SOFIA

32

GRECIA

Aristotele in un }Jasso della Poetica i11<li viclLta l'o rigine clella tragedia (lcltcra ln1cntc: c~1n L <) <lei capro') nel ditirambo , il canto acco 111 pagnato da danze (qui ndi gia un ve ro e pro1Jrio ~pc ll aco l o ) clic
cara tterizzava i ri ti cli onisiaci , in cui Ltn ca pro era acrifi ca to tll dio.

La divcrs ita della traged ia greca ri petto all e rap1Jrcsc nta: 1011i
ni odcrnc \1 i ibi le anche 11 e11architclt Lt ra <lei teat ro anttco. Tra la ce na u cui recita\'ano gli attori e la p l ~1tca \"i
era una zo na ce ntrale denominata orche tra , a ttorno
a CLli i di }JOne\ JnO gli SfJe ll<.llOri , OCC L1()'1la Clt,l l coro.
11 coro rappresenta a lo spettatore ideale, no n in Ler\1Cni va ncll'azio 11e ma intc ragi,,a co 11 gli ~1Ltor1 ,
co111111cn tt-1ndone lo ,,ilu IJi)O.
1

ORCHESTRA

Una ca ratteristi ca della tragedia greca


era l'uso della maschera , clic nasco11de la fis iono1nia dell'atto re e ne altera
la voce s ino alla irriconosc ibilit. Ci
da una parte per111etteva agli a tto ri
Ltomini di ir1terprelare ruoli femminili , dall'altra introdLtceva nella rapprese nt az ione Lln c lc111 ent o rit11a le : il
11ortatorc della 1nasch cra r;;,p prese ntava non pi un indivicluo, n1a u11 ti()0 umano, una classe dell'u111anit.

33

GRECIA

Orfismo

RELIGIOSIT MISTERICA

Vedi anche Riti dionisiaci, Anima


cui alla morte di ogni individuo l'anima
entra nel giro di breve tempo in un altro corpo.
l:uomo definito dal dualismo fra
anima e corpo, princpi in irresolubile
contrasto poich la salvezza dello spirito implica la repressione e la purificazione del corpo.
Dopo la morte del corpo, all'anima
riservato un giudizio, che pu essere un
castigo, ossia una nuova reincarnazione,
oppure un premio, vale a dire la liberazione definitiva dal ciclo delle incarnazioni per tornare a essere puro spirito.
In sostanza l'Orfismo promette al fedele
di liberare quanto di divino, di celeste e
di buono gi in lui, per ritornare a essere puro, divino spirito (quali fummo
tutti in origine).

rfeo (letteralmente Espulso, Colui


cl1c se> lo) il nome del mitico poeta figlio di Apollo e della Musa Calliope,
f011datore della setta orfica diffusasi in
Tracia nel V-lY secolo a.C.
Al cc11 tro della riflessione orfica, co111e in genere nei 1nisteri ( __.,) e in parti(o larc 11ei culti dedicati a Dioniso,
stav,1 l enigma della morte e della re
surrezione.

il r11ito che quando inorl Euridice, la s1Josa di Orfeo, egli scese negli
lnferi per riportarla alla vita. Con la
111us ica della sua lira riusc a placare i
gt1ardiar1i infernali, Caronte e Cerbero,
111a lungt) il cam1nino di ritorno infranse il divieto irnpostogli da Persefone, regi 11a dell'oltretomba, di non girarsi a
guardare la sposa e questa ritorn per
se111pre nell'Ade. Da quel momento Orfeo rifittt l'amore di tutte le femmine,
mentre la sua musica distoglieva gli uo111ini dai doveri coniugali. Fin quindi
con il subire la vendetta delle donne
della Tracia, che lo uccisero, lo fecero a
pezzi e lo gettarono in mare. Lepilogo
del 1nito, tuttavia, un messaggio di fede nella salvezza eterna. Infatti, nonostante il feroce sventramento, Orfeo
non 111or del tutto e la sua testa, pur separata dal corpo, a\1rebbe continuato a
cantare per sempre.
Rc1cco11ta

L:interpretazione moderna (E. Rohde


Psyche, 1894) individua la nascita dell'Orfismo (VI secolo a.C.) in una riforma interna ai riti dio11isiad volta a rovesciare in senso ascetico la fuga estatica dalla realt predicata dal Dionisismo.
La via orfica alla salvezza imponeva infatti una forte tensione etica, uno stile
di vita ordinato e costante, improntato
all'esercizio ascetico e alla continenza
(comprese norme di igiene personale) e
alla sobriet (vietati gli abiti di lana). Si
dava molta importanza a una rigida dieta vegetariana (proibite le uova e persino i fagioli) simmetricamente contraria
all'omofagia (il cibarsi di carne cruda)
del Dionisismo.
Questi ideali di equilibrio spirituale
trovarono un'espressione particolarmente felice nelle rappresentazioni di
Apollo, dio dell'armonia, della concordia e della proporzione.

I..:Orfismo poggia su tre assunti di fondo.


In ogni individuo esiste un'anima, un
principio eterno preesistente alla nascita e sopravvivente alla morte. l:Orfismo
fece propria la teoria gi diffusa in
Oriente (ancora oggi professata dall'Induismo e dal Buddhisn10) della reincarnazione o metempsicosi, secondo
FILOSOFIA

34

GRECIA

,,

Si1nbologia orfica in un 1nosa ico del 1 secolo d.C.


La ruota allude al ciclo delle rei nca rnazio11i dell'anin1a da un corpo all'altro, il teschio co n le ali
alla sua immortalit e la squadra cl1 e sovrasta il
tutto alla duplice possibilit di un prernio o di un
castigo (la squadra anche un simbolo della vita secondo misura , in cui consiste la virt nell'etica orfica).

La rapprcsc11taz il) ll C co r1. ttcta <li O rfct)


nelle vesti cJi t111 I)(\ ,torc, co n i st1oi i1nbo li: il berre tt o fri gio e la ce tra , 1 ~1 ui
COn\o lgcr1tc lllU ica fl Ll Ci\a a CO l11 I muo\'erc non
olo gli a11 in1al1 , n1a anche
le pi etre. Alct1n e ir11n1agin i cli Gc t l nel
periodo della Cliiesa prir11itiva ( ~ ) 1n osLra110 una cl1iara di1)endcnza da questo modello arca ico e paga 110 (il Jl1 tcrc tra cinan tc_ dell a pn rc)la di Cristo vcni, a e presso per si1nilitudinc dalle magicl1 c capacita mt1sicali di Orfeo).

~I

11 dipinto egizio ripreso d::il di egno ri pr<.) <lotto 111ostra


la nasci ta del grano da una r11ummia. La 1ncntalit r11itica instaura\ia tln ra pporto fra la rinas cita annuale
dell e coltivazioni e qt1 clln tl c ll ' a 11 im ~t do po la rn o rt c.
Cos come l'i11vc rn o nor1 segna la morte <lc finiti,a de lla natura, poiche eia un se111e rinasce r tlr1a 11t1 ov~1 pianta, allo stesso 111odo la morte dell 'indi\ iclt1 0 non e tt) talc: dal suo co rpo (posto sotto terra, co me il . e1ne) rinascer una nuova forma di vita.
1

La piccola tavoletta di epoca ron1ana imperiale riprodotta 111ostra una crocifissione accanto al no1ne di
Orfeo, scritto a cl1iare lettere. t1.n esempio suggestivo dei sottili e spesso nascosti rapporti di continuit
fra la religiosit orfica e quella cristiana.

35

Ft LlSC.)fl

GRECIA

Anima

RELIGIOSITA ORFICA

Vedi anche Orfismo, Pneuma


eseguire operazioni cognitive, ossia di
cogliere i significati veri delle cose (le
idee eterne e universali), l dove i sensi
mostrano una realt mutevole e sempre
particolare.

1 tern1ine lati110 a11i.1na (cl1e traduce il


greco 1Jsicl1c) indica il principio che
d la vita e si suppc)ne presente in ogni
esse re vi\'ente (a11i111ali ed esseri uma11i). u11'idea r1rccedente allo sviluppo
(icIla re ligio11e ebraico-cristia11a, presenlt' i11 111 <)lti c11lti 11<))iteisti, oltre che nel
r)ct1sicro 111itico. In Grecia l'esistenza di
qt1cs ta co11cezi()J1e era gi affermata nei
1nisteti otfici, nell'a1nbito dei quali l'a.
.
'
.
.
111111a <: r ;:1 1ntesa con1e un ent1ta immortale di ~ tinta dal corpo, principio della
\ita , della sensibilit e del pensiero, capace di tras1n igra rc da un individuo all'altro cl<1{JO la tll{)rte secondo il pri11cipio c.lclla rneteinpsicosi. Nella storia del1.ic.lca di anima due questioni in particolare sono state oggetto di contro\ ersia:
se sia una sostanza materiale o spirituale,
se sia individuale o universale.
L[)Otcsi pi accreditata presso i Greci
prevede c11e l'a11i1na consista in un elen1ento i11 qt1alcl1e modo corporeo, una
sosta11za particolare raffinatissima, ma
pur sempre naturale. Sia nell'uomo sia
negl ani111ali si re11derebbe visibile ne.I
p11eit111a (-> ), lo lspirito vitale' cl1e entra
nel corpo alla nascita e ne esce attraverso la bocca con l'ulti1no respiro.

[unico filosofo che rifiut di considerare l'anima una sostanza fu Aristotele. A


suo avviso essa non designa una realt a
parte, distinta dal corpo, ma la forma
del corpo, ove per 'forma' si deve intendere non l'assetto esteriore, ma la sua logica interna, la spinta dinamica che realizza la sua potenzialit. Per conseguenza Aristotele neg l'i1n1nortalit dell'anima individuale, che non pu sopravvivere al corpo cui inseparabilmente
connessa.

...,

Il Cristianesimo insistette sul fatto


che l'ani111a deve essere considerata un
attributo personale di ogni uomo; essa
in1mortale, 1na legata indissolubilmente a un individuo singolo. D'altra
parte i Padri della Chiesa si dimostrarono molto pi indecisi per quanto riguarda il problen1a della natura fisica
dell'anima, non escludendo mai del
tutto l'idea che potesse trattarsi, come
gi avevano sostenuto i Greci, di un
ele1nen to materiale. Il Cristianesimo
finl con l'accettare la dottrina medicofilosofica del pn euma, che forniva il
supporto scientifico per immaginare o
in qualche modo rappresentare le nozioni di 'spirito' e di 'an.i ma'. una continuit sottolineata dal lessico teologico medievale: il termine corpo pneu

mat1co era spesso usato come s1non1mo di anima, e pneumatica (letteralmente 'scienza degli spiriti') era sinonimo di angelologia (--. ).

Una prima teoria organica dell'anitna si


ebbe solo con Platone. Nel Fedro egli la
defin come <<ci che si muove da s.
Ogni corpo a cui il muoversi impresso
dal di fuori inanimato, ogni corpo che
si nluove di per s dal di dentro animato: questa la natura dell'anima>>. L.an i ma quindi per Platone una realt
individuale, unita al corpo che la ospita, n1a da questo separabile. Nell'uomo
la parte pi nobile, l'unica capace di
FI LO~()F IA

36

GRECIA

Il significa to rcligto o attribuit o dal


Cristiane imo al co nce tto d1 anirna
__,,.,,1\~ non muto per nulla la ua rarJpre~,1~~ se ntaz io ne. Ne ll 'immagin e qu i a
~I/
f i a ne C) , cl i e po e a m ed i e va Ie . Ia
,f
morte cli uri cri tia11t1 e ill u tra./ "
La esa ttamente 11cgli te i tcrr
~
mi11i dcll'i111magin c ui in i tra
(da un clipint () va ct1 la re g reco): l' Lt cita elci pt1eitr11a al co r,,
po attra\'er o la bocca dura nte
1, \
l'ulti1no re piro.
,

L'a11i 111a, rap1) rcstntala co me un doppio s pirituale dcl corpo. pa rlata in


cielo <la dL1c ange li (secolo X li ).

Il conce tto di ani111a e sta to sc1npre \1 i ualizza to in


tutte le culture con imbo li cl1e lan110 rifcrin1ento
in qL1alcl1c 1nodo all'aria (farfall e. co lombe, \cnto,
so ffi o, alito ...) L'aria , a ua vo lta, e il simbo lo pi Li
usLta le ciel pneLtma , lo s pirito vitale. Ne I l'imtnagine riprodotta Dio co nferi cc l'anitn a acl Adamo nella forma di un picco lo uon10 alato.

37

F tl l) "l)F I \

GRECIA

Polis

POLITICA, GUERRA OPLITICA

Vedi anche Ellenismo


greca l'idea di dernocrazia era indissolubilmente legata a una specifica tattica niilitare.
La rivoluzione sociale che port alla
formazione delle poleis, infatti, fu permessa dall'invenzione della fanteria
oplitica che impose un sistema di 'guerra di massa' in opposizione all'arcaico
modello aristocratico fon dato sul coraggio e ltintraprendenza individuale (nel
mito omerico la battaglia consisteva
sempre in una serie di duelli fra eroi) . Al
contrario il fante oplita, il libero cittadino-agricoltore in possesso della pesante
e costosa armatura di bronzo, si stringeva agli altri cittadini nella falange , il reparto a pi file , serrato e corazzato dagli
scudi, che si lanciava di corsa contro il
nemico cercando di romperne le fila (o
subendo un terribile urto nel caso di
scontro fra due falangi).
Stretto nelle fila l'oplita aveva scarse
possibilit di compiere gesti di eroismo
individuale, che anzi erano repressi dagli ufficiali. Unico suo compito era mantenere saldo lo schieramento e fare pressione con il proprio scudo (semisferico)
sulla schiena del compagno davanti, affinch la falange nel suo complesso si
proiettasse come un unico corpo contro
quella nemica.
Nella battaglia oplitica la vittoria era
sempre l'esito dello sforzo collettivo e la
sconfitta l'inevitabile conclusione del
prevalere fra i fanti di scelte individuali
(dettate sia dalla paura sia dall'eroismo).
La tattica della falange (con cui i Greci
batterono i Persiani) realizza"va in questo modo il momento coesivo della polis, cos come la dem.ocrazia, in tempo di
pace, ne organizzava e gestiva i contrasti interni.

eI la storia greca vi fu una conness io r1 e evide11te, chiara agli stessi


11r() tagc_)11isti , fra lc..1 sviluppo del pensiero filosofico e la conte1nporanea nascita
della lilJera citt-Stato (polis). Anche se
alc1111i fra i filosofi pi autorevoli (Pitagora, Eraclito, Parmenide, Platone) sos te r1r1ert1 i11 politi ca tesi aristocratiche
ed elitarie t1t)11 c' dt1bbio che il pensief L) fil t)St1fico fu favorito da t111 siste1na
cl1e, soprattt1tto in Atene, garantiva ampio s11(1zio al dibattito, qualunque fosse
il pa1tito al potere.
Non a caso qua11do queste libert venn<.>ro 111ent), co11 la perdita dell'indipende11za delle citt-Stato a seguito della
conqttis ta 111accdo11e, cambi radical111en te ar1cl1e il pensiero filosofico, segna11do la fi11e del periodo classico e l'i11izio dell'Ellenismo.

La libe1t della poli.s permise la sperimentazione di originali sistemi nell'esercizio dcl potere popolare (per esempio l'ostracismo, una forma di esilio
preventivo cui era condannato un cittadi110, non colpevole di alcun reato, su ,
sen1plice e im1notivata richiesta di un
grande nu1nero di persone) e detern1i11 la nascita della nozione di democrazia, il sisten1a sociale in cui il potere gestito da una libera assemblea
eletta secondo il principio 'un voto, un
cittadino'.
In realt il modo greco di intendere la
de1nocrazia aveva significati diversi dall'uso moderno del termine. La condizione di libert civile era riservata a un
gruppo ristretto, con esclusione della
grande massa di schiavi, donne, stranieri e cittadini dediti a lavori infamanti o
degradanti. Non solo: nella mentalit
FILL1~l)flA

38

GRECIA
A sinistra: il fante trad izionale, prim a della ri vt1luzio11c OJ)litica, era dotato di a rmi leggere ad.alle a una forte 1n olJi l1La individuale e a permettere la fuga. Il fante t) pli ta ( t) Ll<l) era invece dota to di un 'a rmatura cosi pe a11Lc (35 kg) e d i L1110 LUdo ta nto grande da e sere in diffi cc) ILa nel co mbattin1cnto i ndi viduale. Se, co<,1ap p c~a nLito, cni"a '>Cpa rato dall a falange, aveva ca r a capacit di n1anov ra e non riusc iva a d1fcr1 clcrsi co11 s uccesstl . Lrctti 11 ell a fa la nge gli
o p I i Li d i ve n t a \' <.111 o i 11 \ r e e e 1n1 ha t l i h i I i :
ognuno usava lo c t1<l o pe r d ifendere no n
o lo il p ro pri o fia ncc> in i Lro. 1na ancl1c
per coprire, sulla dc tra, il compag no acca11to. Per ct1 nseguer1 za ogni rotL Ltra dello cl11eran1cr1to , a11cl1e per e cnlL1<1 li att cli ero i mo
i ncl ivid'Lt<1lc. era dura rnc11te J1Ll 11 i La.

''

,.

'.
..'''

-~

La b<.1ttaglia oplitica si riso lveva in ur10 scc1ntro


ve loce e dec isivo (in un certo cn o C<)t11c ttna
votazio 11e cle111(1c rati ca) : se si realizzava lo sfond ~1m e nl o le spcrar1ze cli sa lvezza era alte , 111<.1 in
caso di ba11dan1cnto dc lla fala11gc la percentuale dci caduti , ri111asti isolati , di vc nt ~1va altiss ima.
Era una ta tti ca clic ir11pone\ra di sa l\ arsi Lltlti,
cooperando, o perire tutti 11el te11 ta ti vo <li sa lvarsi individual1nc11.tc.
1

--

-_...,,. ..-

CM ri7

39

-----.

GRECIA

Eros

SESSUALIT

Vedi a11cl1e Scala erotica, Kalokagatia


casioni di uscire di casa). Lamore ~co
nit1gale' e in genere quello che lega un
mascl1io a una femmina (anche se ovviamente ben presenti nel quotidiano)
avevano scarso peso nella cultura greca,
propensa a vedervi un semplice approfondimento dell'amicizia. Vi era una
notevole libert nei costumi sessuali
delle citt greche: la prostituzione (femminile e maschile) era svolta in case gestite dallo Stato; il conotbinato con un
numero variabile di schiave era frequente e si ammettevano pratiche sessuali 1nolto diverse dalle nostre. Di fatto quando i filosofi greci discutono dell'amore allt1dono se1npre a una passione
detta oggi omosessuale' (ma significativo che non vi sia in greco un termine
analogo). Anche se in realt non super
mai i confini delle ristrette classi aristocratiche (ed era anzi oggetto di riprovazione nelle altre classi), il raffinato erotisrno ontosessuale inf1 uenz decisamente le arti visive, imponendo una forte dose di effeminatezza nell'ideale di
bellezza maschile.

a parola greca e1~os si traduce in ita1iano con amore, tuttavia vi sono


cliffercnze sosta11ziali fra il significato
c.ici clue tern1i11i. Eros per i Greci era una
fo rza 1)rin1o rdial e della natura , qt1el
principio di armonia universale che in
an1bitt) fi sico co11nette la materia forn1andc) gli oggetti , in ambito sociale unisce fra loro i ci t tacl in i per1nettendo la
11asci t ~1 dcI la citt , in an1bi to psicologico
lega gli indi\ id ui suscitando l'amicizia e
qt1incli l'amore. t:amore fra due partner
(l'istinto cl1e propriame11te si dice erotico') non quindi di natura differente
dalla forza cl1e 111ar1tiene unito l't1niverso, da l lega1ne cl1e per esempio unisce il
St1 lc con la Luna . Leros greco non possicclc dt1nqt1e le connotazioni psicologiche e i11ti111isticl1e connaturate alla sensil)i li t moder11a.

Qt1esta mentalit traspare nel mito che


cor1siderava Eros un'entit cosmica pri1nordiale , uno degli di primigeni dai
quali deri\1arono, per generazione, tutti
gli altri. Nel periodo arcaico, prima di
fissarsi nella raffigurazione a11tropo- ,
morfa del ba1nbino alato armato di arco
e frecce con cui colpisce il cuore degli
amanti , Eros era rappresentato con simboli fallici o non iconici (per esempio
una semplice pietra).
-

Nella forma della pederastia pedagogica l'omosessualit era frequente nell1ambiente dei filosofi, legando fra loro
con un legame erotico-intellettuale il
maestro (detto in questo caso erastes,
letteral1nente 'colui che fa l'amore', cio
ha un ruolo attivo) e un giovane allievo
(detto ero1nenos, 'colui che riceve,). Per
una legge non scritta un rapporto del
genere era tollerato solo fino a quando
il giovane entrava nella maturit, dovendo a quel punto evolversi verso una
pi tradizionale amicizia (l'eroe omerico Achille era l'erastes di Patroclo; Parmenide lo era di Zenone).

Il diverso modo di intendere l'amore


sottolineato anche dalla diversa pratica
1
sociale dell uomo greco. La famiglia aveva per lui poco significato (era soprattutto un dovere civico), passava pochissimo tempo in casa e aveva scarse relazioni con la moglie (le donne, prive di
ogni diritto politico, erano socialmente
emarginate, al punto di avere poche ocfl LOSt)fJA

40

GRECIA
Un sa tiro peloso si masturba e nello stesso ternpo introduce nel propri o ano u11 pene artificiale. L'accentuazio ne e l'esposizio ne degli
orga ni genitali aveva in Grecia un significat<) burle co l) grottesco
(non pornografi co). Vi Ltna fl>rtc continu it iconografi ca fra i atiri nella cultura greca e il diavolo cristiano ( >Demonologia) .
L' id ea le di bell ezza ,
centrale in tutta l'arte
grcc.:a , prevedeva per i I
ti po viril e fo rm a n1uscolose, 1na aggraziate
(nell'i)1ustrazionc Mcl el l gro , e op i a d a Sl\. o pn , ai Muse i Vaticani ).

,j

Rapp<) rt c) an1 oro o fra l'cr<.l Stcs . l'adLtlto, e l'e rl>tn e11os, 11
giova ne alli evo. No11osta nte fra i due ci fos e tmpre
Ltna note\rolc differenza di eta, la prati ca greca 111olt o
lontana da cic) che oggi si cl1ia111a 'pedofili a'.

"'

---

,,
'

'

,,

'

Sui vasi grec i sono f rcc1uenti le rappresentaz io11e cli approcc i ero ti ci fra 111aschi clura11te il simpos io (un bancl1etto dal qua le le donne era110 escluse).

41

FILO~O Fl1\

GRECIA

Kalokagatia

ETICA ARISTOCRATICA, ESTETICA

Vedi ancl1e Socrate silenico, Proporzione


l tern1i ne llalollagatia designa l'ideale
di virt presso l'aristocrazia greca. Seco11do Aristotele <<si dice kaloliagatia ci
cl1e perfetta1nente buono e bello; tale
infatti chi compiutamente bravo, coraggioso, 11on corrotto da altri beni quali la riccl1ezza e la pote11za>>. Sulla base
di qt1csta co11cezione fortemente elitaria
e antide1nocratica l'uomo perfetto deve
essere for11ito sia delle qualit del buon
cittacli110 (C()raggio, lealt e cos via, tutte riassu11tc dal ter1nine 'bont') sia della bellezza fisica. La prestanza atletica,
la salute, la cura del proprio corpo, il rifit1to di qualsiasi lavoro manuale (eccettuato l'uso delle ar1ni in battaglia) erano
qt1indi parti costitutive di quest'etica
.
.
.
a11stocrat1ca, coerente con una soc1eta
in cui il lavoro produttivo era considerato degradante ed era svolto preferibilmente dagli schiavi.
L:uo1no virtuoso quindi eccellente
non solo nelle qualit spirituali, n1a an.che in quelle fisicl1e. Un effetto di questa coincidenza fra bellezza corporea e
virt etica fu la glorificazione del nudo
(giudicato irrivere11te nell'arte egizia o .
babilonese), u11'invenzione originale
dell'arte greca del V secolo a.C. In termini moderni si pu dire che i Greci
era110 'nudistj': a differenza dei Romani
che trovavano scandalosa la passione
greca per la nudit, essi vedevano nello
spettacolo del corpo umano un significato profon do e un valore morale. Pensavano che la bellezza di un corpo (maschile) ha il potere di rendere l'uomo
pi civile.
Lo storico Senofonte descrive la reazione degli spettatori nell'ammirare un
vincitore dei giochi in termini di commozione religiosa: <<Come quando di

'

FILO t)FIA

42

notte gli occhi umani sono attratti dal


fulgore di un corpo celeste splendente, cos la bellezza di Autolico attira su
di s gli sguardi di tutti; non uno degli
spettatori che non sia commosso nel
pi profondo dell'animo. Alcuni cadono in inconsueto silenzio, mentre il
gestire degli altri altrettanto significativo >> . Non per nulla la scultura classica greca gravit ossessivamente attorno a questo tema centrale: il corpo
nudo dell'atleta (nel mondo sublunare, dominato dall'imperfezione, solamente il corpo umano tanto perfetto
da rendere necessaria la geometria per
descriverlo).
Un corollario importante della kalollagatia era la tesi della non insegnabilit
della virtl, termine che per i Greci non
aveva ancora il significato cristiano di libera scelta del bene, ma indicava l'eccellenza in una prestazione, la capacit
di operare con successo in un determinato campo (virtuosi, in questo senso,
sono il grande musicista o il maestro in
una detern1inata arte). Nella concezione
aristocratica le virt politiche, la capacit di comandare, l'imperturbabilit
che nasce dalla coscienza della propria
superiorit, non sono acquisibili con l'educazione, ma ereditate dal 'sangue' dei
genitori.
Un solo e parziale punto di contatto fra
l'idea cristiana di virt e quella greca
pu essere trovato nel valore della temperanza: parte essenziale della kalokagat ia, infatti, la capacit di autocontrollo, di dominare i propri impulsi per
sottomettersi alle norme che regolano il
mondo umano e divino.

GRECIA

U na scena di pa lestra ripresa da un vaso greco: i due ginna sti a si nistra (uno troppo magro e l'altro troppo grasso) si mUO\'Ono i111paccia ti . c1uas i ridi co li zzati dai du e prestanti atleti Sltlla clestra. I gioc hi g.innici grec i era110 clominati da due rorti passioni che brilla no per
la l<)ro assenza nel nostro sport: il se ntirnc11to religioso e l'amore.

Le tatuc dei ll(>troi har1no


i tratti dcl voito atteggiati a
Ltn tipi co sorriso che esprime l'idea le della llc1lollc1gaLia : l'imperturbabi lit c he
cleri,,a clalla coscienza della
propri a a so 1u ta SLI pe ri orit ~l , l'asse nza <li ogni pass1one C<>nt1ngc ntc.

L'ideale etico-estetico del1'a ri toc raz i<.1 g reca s i esprcs e co n pi enezza nell e
sta tu e cl ci hcJuroi o Apol li
che deco ravano i tc1npli dcl
peri odo arcaico , caratterizzati da frontalit, simmetria,
gco metrizzaz it111e clclla fi gLtra e dei s i11goli <.1rgani, m1n<.)bilit<1 totalc e i1npcrturlJabilit
dell'espressione. Non chiaro
se rapprese ntas ero delle divi11ita ,
eroi semidivi11i o Lto1nini eccezionali (le sta tue dedica te agli atl eti
vincitori nelle gare ginniche erano
assoltttame nte si1nili ).

'

Lo scl1iavo clirnostra la prop ria esclt1sione dal genere u1nano e l'in1mo ralit dell e st1c tendenze psicologicl1e attraverso la bruttezza del corpo assoc iata alla ipertrofia sessuale.

43

FlLQ~(.) flA

GRECIA

Enigma

RAZIONALISMO, LOGOS

Vedi anche Paradossi di Zenone, Logicismo


l temine logos, di certo il pi importante di tutta la filosofia greca, inizialmente significava 'parola', discorso', ma
con il passaggio dalla co11cezione mitica
a quella filosofi ca venne a indicare ogni
s piegazione della realt in termini razio11al i. Eraclito, che us questa parola per
la prima volta, fece un'importante osservazione: <<Sebbene tutto avvenga seco11d o il logos (cio secondo ragione),
gli Ul1mini sono ottusi nei confronti del
logos, sia prima sia dopo averne sentito
parlare, e sembrano inesperti al riguardo >>. Essere razio11ali, infatti, non sigt1ifica affatto avere u11a teoria della
razionai i t .
Si pu usare bene l'intelligenza anche
senza sapere in che cosa consista, poich essa si manifesta nella vita ordinaria come un'abilit, ossia una capacit
acquis ta con l'esperienza. Tutti, chi
pi e chi nleno, usano la ragione, ma
nessuno capace di darne un'adeguata
definizione.

Proprio perch non si accontentavano


di applicare la ragione ai problemi concreti ma ne esigevano una teoria, i Greci svilupparono un forte interesse per
quei discorsi in cui il logos sembra non
funzionare. Ne forniamo qui di seguito
l'elenco.

Enigma: una sfida alle capacit dell'intelligenza , una domanda in forma


oscura e ambigua che ammette per di
certo una (e una sola) soluzione.
Antinomia: un ragionamento corretto ma insolubile, una specie di corto circuito del logos. Si realizza quando lo sviluppo di un discorso , pur condotto con
rigore in ogni suo passaggio, porta a due
conclusioni dette lesi e antitesi, entrambe valide ma opposte e inconciliabili. La
pi in1portante e nota antinomia quella cosiddetta 'del mentitore, ( << Epimenide il cretese dice che tutti i Cretesi sono
bugiardi>>).

rorigine del razionalismo ellenico nasce da questa contraddizione. I Grec~


non furono certo i primi a usare il logos;
furono per i pri1ni in assoluto a chiedersi, in modo pressante, che cosa esso
sia e quali siano le sue procedure. La
grande quantit di significati assunti dal
termine nella lingua greca testimonia a
un tempo l,ampiezza e la difficolt della
ricerca.
Di volta in volta il significato del logos
fu indicato in discorso, calcolo, valutazione, misura, ragione di essere delle
cose, causa, apprezzamento, stima, definizione, argomento, ragionamento,
pensiero, scelta, spiegazione, necessit,
e altro ancora.

Paralogismi: ragionamenti in cui


l'errore esiste, ma occultato da un'apparente coerenza. Ancora oggi chiamia . .
mo questi ragionamenti 'sofismi' perch
furono i Sofisti (in particolare gli Eristi)
a specializzarsi nell'utilizzare i pi fini
accorgimenti dialettici fino alla capziosit. Il paradosso del cornuto, per
esempio, si sviluppa in questo modo:
<<Ammetti di possedere tutto ci che
non hai perduto? Hai mai perduto un
paio di corna? Allora queste corna tu le
possiedi>>.

fJLOS()flA

Dilemma: un'argomentazione in cui


due proposizioni contrarie sono poste
come alternative, entrambe possibili.

44

GREClA
Anti110111ie ]Jossono 11asccre anche i11 aree del pensiero
diverse dal discorso razionale. Esisto110 paradossi comportamentali co me l'ingiunzio r1c trasc ritta (impossibi le a eseguirsi e il co111ando si riferisce non ad altro, ma
all a stessa frase non legge re ), O{Jpttre il tornand o sii
spo11taneo (non so lo l1on ci si riesce, rna ancl1 c ill ogico diventare spor1tanei ubbid endo a Ltn ordine) .

NON LEGGERE
I

La cultura greca rappre cnl l'c11ig111a C<)n la Sfinge, un mostro con corpo di Ico ne, ali di uccello predatore e te ta di
dc) nna. La Sfinge greca, cl1c non avc\ a alcL1na rclaz ior1 c co11 qt1cllR egizia (111nsc l1ilc e i111bolo del potere
faraonico), Sl>ttoponc\ra ai passa 11 ti un cr1ig111a e d i\1o ra\1a chi non riu ci\a a ri so lverlo, d imostrand o
co l l'cstrcrna importanza della po ta in gioco (la
'' ~l li dit cJel logos) e il carattere agot1istico di
oi,rtti sfida it1tcllett11ale.
1

Ognu11a delle clue prop<)!:> izioni ripc)rtatc pu o es ere ingolarrncntc vc r1 n1a cntran1lJc n1.ln po o no es crll) .
1

Un'a ltra fi tla al logo d i grande i11teressc per i Grec i furono i rompicapo, prc) blcmi . cicntifi ci irrisolti , i11 parlico l:1rc 1natcn1atici e geo 111ctrici, cl1e i sttppc)n e atJbiano una so luzio11e. I pi l.1 famosi ruro110 due: la quadratura del cerchio, ossia come ca lco lare l'e alta arca dcl ce rchi o, e la
trisezione de_ll'angolo , con i te nte r1cl sudd ividere se nza riga e co mpasso un. ango lo in tre
1)arti uguali . An cora nel XVl seco lo G. Bruno,
autore dell e illustrazior1i riprodotte, i arrove llava attorno a questi problemi.

45

F ILO<;OFI

GRECIA

Proporzione

ESTETICA

Vedi anche Musica delle sfere


siero filosofico. La sentenza attribuita
ai Sette Savi <<La misura la cosa migliore>> potrebbe essere assunta come
sigla di tutto il pensiero greco che assegn una posizione centrale ai concetti
di armonia, ritmo, regolarit dei fenon1eni. La stessa filosofia fu spesso definita come l'arte del <<111ettere in proporzione le cose e i concetti>>.

i a pa1Lire dal III millennio a.C.


11clla civilt egizia e babilonese le
gra11di 01Jerc architeltonicl1e furono costrLti tc sulla base di precisi rapporti matc111t:ttici. La 11ozione di proporzione inf<ll ti (un 'uguaglianza di rapporti, per
Cll i A sta a B CC)tne e sta a D) patri1not1io prcssocl1 t1niversale dell'umanit.
CcJtne afferma R. Wittkower (Il n1t.Ltevolc ccr11rcl lo di JJ1cJporzio11e, 1961), <<tutte
le 11i(1 alte forme di civilt hanno creduto in Ltr1 ordine basato sui numeri e sui
ra~1po rti nu111erici . Una correlazione armL1nica, s11esso dal carattere 1nistico e
f,lntastico, \reniva ricercata e istituita tra
le co11cezit1ni dell't1niverso, del cosn10 e
dtlla vita umana>>. Del resto secondo la
1nl1dcr11a psicologia della Gestalt (--.) vi
un bisogno di ordine profondamente
radicato nella natt1ra umana che si
es1)rin1e gi al 1i vello della semplice sensazione la c1ualc, alla luce delle ricercl1e
speri111entali 1node rne, appare come
un'at tivit mentale in grado di strutturare, sintetizzare e proporzionare la
complessit eterogenea del mondo reale. La spinta alla ricerca delle regolarit~
sa1ebbe qt1indi un i111pulso prioritario,
antecedente ogni riflessione razionale.
Ricerche etologiche ancora pi recenti
hanno dimostrato che persino alcune
specie del mo11do animale nutrono analoghe preferenze per i sistemi ordinati,
geometrici, sim1netrici ed equilibrati.

I pensatori e gli artisti greci non si limitarono, come nel passato, a usare regole proporzionali, ma sentirono la necessit di elaborarne una teoria, ossia di
fornirne u11a spiegazione razionale.
La proporzionalit fu assunta come
un criterio applicabile a tutte le manifestazioni dell'essere e fu quindi sistematicamente irnpiegata in ogni aspetto
della vita.
In ambito filosofico il ragionamento
proporzionale fu uno degli strumenti
pi usati nel mondo greco: Platone, per
esempio, pone con frequenza analogie
del tipo: <<Lessere sta al divenire come la
scienza sta all'opinione>> (oppure, in
ambito fisico: <<La terra sta all'acqua come l'aria sta al fuoco>>).
Fu tuttavia nell'ambito dell'estetica
(teoria dell'arte) che la nozione di proporzione trov le pi interessanti applicazioni. 'Le due pi importanti teorie formalizzate nel mondo greco f urono la sezione aurea (--. Propor~ione
aurea), elaborata negli ambienti pitagorici, e il canone di Policleto, un assieme di regole valide nell'ambito della
rappresentazione scultorea del corpo
umano.

Per questi motivi falso che il mondo


greco abbia i11ventato la proporzionalit, anche se ci sono da fare tre importanti precisazioni.
I.:idea di proporzione assunse un'enorme importanza all'interno del penFILOSOFIA

46

GRECIA
11 canone di Policleto s uggerisce cli co nferire n1ov imenlo (un
equilibrio dinamico) alla statua tramite un rappo rto proporzional e (ponderati o) fra le membra dcl co rpo.
Alla gamba sinistra , Oessa e arretrata, deve corri pondere l'abbassamento della s palla destra.
Alla gamba piega ta deve corrispondere sul lo stc o lato il braccio nesso.
Alla gamba porta nte co rrisponde , ullo te o lato, il bracc io
abbassato .
La testa, la cui altezza dC\'C esse re pari a un otta\'O del C<) rpo. si
in clina dalla parte opposta rispetto alla ga rnba e al braccio
i.

ne

Non esis te Ltn canone assolLtto della bellezza. Nella toria de ll'arte ono stati elaborati i tc n1i di rego le
molto differenti. ln Lina Ve nere greca (a sin i tra) lo pazio fra i due cni <loveva cssere pari all a di tanza
fra i ser1i e l'ombelico. In una Ve nere gotica cie l XIV eco lo d.C. (a destra) lo stes o spaz io i era ridt1 t to
alla met.

--

Stru ment i per proporztonare il co rpo u111ano destinati all'uso degli a rtisti sono slati elabo ra ti in cultu re
diverse (so n<) qui riprodotti un modello egizio e il Mod11lor di Le Co rbusier, XX seco lo) .

),,

La lettera cl1i ftt a sunta <lai Greci con1 c i111bolo grafico


dcl la ponclerc.1t io: es p rim e l'equili brio
a ttrave rso la proporzione di d uc clementi opposti .
.
.
l

/
~
'
~
~.

..
'

'

. .. .

r
.
...
.
; ( . .- ...' '

'

'\.~,
,

''

' 17

... ~'
~

JI

,.,,,
: .. .

.i
I

1829

,,..
-.::
-;x;.

~'

13lJ7

/J ,

'

, , --

-~

..,..
'"

I J

.. ,.

./
_ -;;f _ l'w-

\.

,.

'

...._

)
"

\
"

'

....

47

-r--...

\.

.........

ftLo o r 1

PRESOCRATICI

Oriente/Occidente

ERACLITO, lAO TZE

Vedi anche Divenire, Logos

Esistono tuttavia impressionanti affinit fra alcune teorie dei filosofi presocratici e l'insegnamento di alcuni maestri orientali, fra la dottrina dell'unit dei
contrari di Eraclito, per esempio, e il
Taoismo, la religione-filosofia cinese
fon.d ata da Lao Tze. Sia Eraclito sia Lao
Tze amarono lo stesso stile conciso, detto oracola1-e per la sua forte ambiguit;
Eraclito fu soprannominato l'oscuro, poich scriveva solo brevissime frasi volutamente e fortemente enigmatiche, ma anche Lao-Tze amava la brevit: il suo Taodejing (Il lib10 della via e della virt) consta di soli cinquemila caratteri ideografici, ed anch'esso strutturato per massime, aforismi, brevi sintesi , con grande
gusto per la formulazione paradossale.
Eccone un esempio: <<Il Tao che pu essere chiamato Tao non il vero Tao. Se il
suo nome pu essere pronunciato, non
il suo vero nome. Ci che senza nome
il principio del cielo e della terra>>.
A volte difficile stabilire se una di
queste massime appartiene all'uno o all'altro filosofo. Eraclito dice: << Congiungimenti sono l'intero e il non intero, il
concorde e il discorde, l'armonico e il
disarmonico: da tutte le cose l'uno, e
dall'uno tutte le cose >> ; tale pensiero potrebbe in effetti essere validamente usato per spiegare il simbolo del Tao.
Proprio questo caso, tuttavia, dimo stra come formulazione analoghe possono essere state raggiunte per via del
tutto indipendente. Eraclito e Lao Tze,
infatti, erano contemporanei (vissero
entrambi fra il VI e il V secolo) e quindi
fra i due non pu esservi stato alcun tipo di relazione o dipendenza.

i nell'antichit l'erudito Diogene


- Laerzio poneva la questione delle
relazioni fra la filosofia orientale e la
tradizione europea . Coincidenze e somiglianze sono infatti frequenti , almeno fin o a quando , presso i filosofi presocratici, prevalse ro i11 Occidente concezi o ni monistic he della realt molto
vicine a qttella dell'antica sa pienza indiana e cinese .
Solo con Platone diverr cl1iaro il diverso i11dirizzo del pensiero occidentale, contrassegnato dal dualismo, prima
platonico (fra idee e apparenza sensibile) , poi cristia110 (fra spirito e corpo) e
i nfi11e , in epoca moderna, scientificocartcsiano (fra mente e materia) .
Per s pi egare le iniziali coincidenze i
cornmentatori anticl1i ipotizzarono frequenti viaggi in Oriente da parte dei
primi fil osofi, ma si tratta quasi sempre
di e\1 identi aggiunte propagandistiche
per autnentare il carisma degli antichi
maestri .
In realt i Greci, anche se sapevano
dell'esistenza di un'antica e prestigiosa
sapienza orientale, non ne conoscevano
le dottrine specifiche, cosicch oggl
generalmente accettata l'idea di Diogene Laerzio secondo il quale, in ogni caso, la filosofia occideritale mostr gi
ai suoi inizi una propria specificit
(sintetizzata nella conquista della nozione di logos, l'intelligenza razionalediscorsiva).
Al di l di ogni suggestiva analogia tematica l'atteggiamento puramente razionalistico tipico ed esclusivo della
scienza occidentale.

FILOSOFIA

48

PRESOCRATICI
Seco nd o i bi og ra fi g rec i i
pritni fil oso fi av reblJe ro
tratto le loro in tui z ioni da
ripetuti viaggi in O rie nte.
P e r l a s Ll a e re cl e n z a n e I.Ia (f
rein ca rnaz io ne Pitagora era
'
addirittura rappresentato con
attributi orientali (il turbante, la lunga barba appuntita) . Questi viaggi, tuttavia ,
11on sor10 confern1ati dalla
critica moderna.

. . . -=---

,..~

._.. I

~ ~I

\tJ

~~I: ,fj
\\ \ '-

-'

..
Vi so no ttggcstivc at1 al<)gie fra il divenire di
Eraclit(1 e il Tao di Lao Tzc. Il Tao la ba e di
tutti i feno1ncni , cio che persiste in og11i 1nut~ln1 c nt o, il principio generatore e l'ur1ita delle
C<) r1tradc.Jizioni . li suo si111bolo 111ostra l'unit
co me sintesi di due (Jrinc1pi a ntago nis ti e rcci11roca mentc necessa ri : lo Yin (IJianco, fcmr11inilc, fredd o, passivo, tenebroso , ttn1id<.), r1 cgativo ... ) e lo Yang (11ero, i11ascl1il c, caldo, atti\' O , luminoso, secco, positivo ... ) La cur\1a a S
che li separa cspri111c il carattere d ina111ico della loro C<)ntrapposizi one.

' ,.

....

ll ciclo d ell e reincarn az io ni in un 'im mag in e


contcrnporanea. Di sicura deri\1azione orientale
la dottrina della metempsicosi (reincarnazione dell anima) , anco ra oggi professa ta dall 'l nduis1no e dal Buddhismo. Arrivata in Occidente tramite l'Orfismo (---+ ), fu professata da Platone e da Pitagora (c he indic le stte precedenti in carnazioni fir1 0 a risalire al ca poslipite, il
dio Apo llo: -~Sciamanesimo ) .
1

I maestri o rientaii dello yoga erano co nosciuti


in Grecia co n il nome di gimnosofisti ('co loro
che raggiungono la sapienza con il corpo'). Fino alla spedizione di Alessandro rvtagno. tuttavia, le informazioni sull'Oriente rimasero tar1to
superficiali da risultare ininfluenti.

49

PRESOCRATRICI

Societ ionica

SCUOIA DI MILETO

Vedi a11che OrienteJOccidente


secolo a partire dalla Fenicia. Il passaggio a una cultura scritta produsse effetti di grande rilievo: la facilit di apprendimento della scrittura alfabetica permetteva l'accesso alla cultura di quote
relativamente ampie della popolazione e
il mito ( ~), fino ad allora tramandato
per via orale, fu per cos dire pietrificato in una forma definitiva. Verso la met
del V secolo si era ormai sviluppato un
embrionale mercato librario.

l inerito di aver dato origine alla prima


tradizio11e filosofica (la scuola di Mileto , centrata sul concetto di arcli: --. )
spetta ad alcune colonie greche (Samo,
Mil eto , Colofone ) della Ionia (la costa
d ell'attuale Turcl1ia) . Dal VII al V secolo
a .C., fino a quando cio tutti gli insedia111cnti greci nel Medio Oriente furono
spazzati via dalle invasio11i persiane, qui
si S\ 1ilupp una cultura autonoma e dotata , rispetto alla 111adrepatria greca, di
al cune particolarit. Queste citt, infatti,
erano le 'porte dell 'Oriente' , donde le
n1erci in arrivo via terra dalla Mesopotan1ia e dalla Persia \'enivano imbarcate e
distribuite in tutta la Grecia. Dato che gli
scambi co1nmerciali sono se1npre un veicolo cli influenze culturali, fra l'Vlll e il
VII secolo iniziarono ad affluire nella Ionia una serie di importanti innovazioni
tecnologiche, tra cui due spiccano per le
ripercussioni sociali: la lavorazione del
ferro e la diffusione della scrittura.

Queste innovazioni si diffusero ben presto in tutta la Grecia, tuttavia solo nelle
colonie orientali, favorite anche da una
storica debolezza dell'aristocrazia terriera (e dal conseguente prevalere politico
del partito popolare), diedero origine a
una particolare cultura, basata sulla valorizzazione delle tecniche, sulla razionalit operativa e su un sapere che si
pu gi dire di tipo scientifico.
Il mutamento non fu socialmente indolore, perch sconvolgendo la mentalit mitica e gli assetti consolidati del
potere provoc forti resistenze: << La figura del fabbro, anche se socialmente
necessaria, era sempre stata tenuta ai
margini della societ, quasi fosse circondata da un alone di empiet. Ora,
nelle citt ioniche, il fabbro e gli altri
tecnici suoi simili (il vasaio, il costruttore, il medico) non solo vengono integrandosi nel corpo sociale, ma pongono
con chiarezza la propria richiesta di partecipare al potere politico e alla gestione
della comunit>> (M. Vegetti, Filosofie e

La lavorazione del ferro. Anticamente


le armi erano di bronzo, una lega i cui
cornponenti (ra1ne e stagno) non sono
faciltnente reperibili in Grecia e doveva~
no quindi essere importati. Leffetto di
questa tecnologia era sottomettere l'econo1nia alle grandi compagnie del co1nmercio internazionale e quindi a poche
famiglie di grandi magnati. Al contrario
quella basata sul ferro era una produzione praticabile anche da piccole colonie autosufficienti; fu quindi una potente molla di decentramento economico,
con conseguenze sociali in senso decisamente democratico.

societ, 1975).
Fu all'interno di questa cultura tecnologica che si svilupparono gli interessi
prevale11temente naturalistici dei primi
filosofi.

La diffusione della scrittur a alfabetica. Levento ebbe luogo fra l'VIII e il VII
Ftl()SQFIA

50

PRESOCRATICl
;

li ge nerale cli s inte re~ e per


o w m
il lavo ro tn a nu a lc, pe r le
prati che della produz () r1 c e
i I d ic;prezzo ociale e l1 e c1ro
eo nd a v a i la o ra to ri ma
nuali (scl1ia i e a rtigiani ) i
e prt~ e nella ernbl cma ti ca
o
fi gura dcl di o Efesto. igna <
re della rneLallurgia e del lavo ro. li fabbro dell'Olimpo
<
~
era Lt r1 di o to rpi o , go lJbo .
se 11 za alcun a di gnit a. ri cli co li zzcl t o cru cle l111 en tc da l
rcsttJ dcllJ fa mi gl1 ~1 oli mpi'
ca e per i11 0 <.J ag1i uo1nini .
Ri pc t to a q uc ta e u I tu ra
gc n cr~1 l c dcl r11 t1 ndc) greco,
c~1 rattcrizzaca da u110 ca rso intere se per lil tcc11c) logia ( ~ Fallirner1to teo1ologico ), la valori zznzic)ne delle Lec11iche appare C<.)tnc f)Cc ificit de lla cu ltu ra ioni ca.

La pianta di Mi lctcl, ri cc1strt1ita tlopo le in\'a io ni per ia nc da lppodamo , il piu celebre urhani ~ ta J ell'c1nticl1 it. 1nos tra u11a fortc att cnzio 11c <li prt)l)le1ni tecnici e il ~) rC \1 a l c re cli t111a c:cJ 1 cczi<Jnc dcm ocratica clcllc1 poli ti ca tipici de lla . <)Ctcta io nica. La
c1tta i ba sa\'a Ll Ltn modello a
scacchiera (struttura \tiaria 11crf) C11 d ict1 la rc) e ulla zonizzazione: gli edi fici pubblici craODO
ODO
n o e t) n e e 11 t r a t i n e 11 a ra e i
OD:JO
DOi:JD
cen trale e faciln1e11tc acce 1OOO:JD
ODDO
00000
h i Ii JJ e r i e i t ta di 11 i , Ie e Ll i
000000
00000 0 --....- " '
alJitazio ni e ra110 clispostc
000000
0 000000
DDODDOOr:J08
nell e aree rc~ i dc r1 oooocooooc
oocooooooo
ziali , in nit o e in
oooooooaao
0000000000
b (l SSO, fortClllCll000000000
oooooor:i.::::o
l e o 111 o g e ne e .
0000000
OOOOODC
ooooo:::H:~
pri\TC di 01 0OOODD:J
Ri!DOD
11 Ll 111 e n t i e re ~ODO
000':
go la1ne11tatc
cla prec ise tiCf38
p<>l<)gie cd i00
DO
lizie.
oc
00

00
Cl

00000000~~00[]]0000

00000000:000000000

In quella f,1sc clell'arte greca cl1e viene i11di cata


cor11c periodo geometrico erano gi \iisibili una
fo rte esigenza di rigo re e di s c111pli.fi cazione e
una s i111bol ogia di grande ril eva nza filosofi ca.
Nel vaso riprodo tto, per cse1npio, co111pare il
si111l)o]o clcll'acqua . gi ce11trale nel culto della
n ea Madre ( >) e assunto in seguito da Talete
corne arcla ( >).

51

uooo88EE

o
888880
=
ooBoooooo~;JOooouo
o
~

8BBBEPBBa~a

.....

BBBEHciBBCJDDOOO
8888 B~

r--..--r-.-r-~'"

F ILO ' OFL\

PRESOCRATICI

Cosmologie

I!UNIVERSO

Vedi anche Societ ionica, Arch


Ogni cos1nologia, proprio perch pretende di comprendere il mondo nella sua
totalit e universalit, travalica necessariamente i limiti dell'esperienza (sempre
limitata e parziale) e finisce quindi con
il produrre affermazioni extra-scientifiche, n provabili n s1nentibili. Di fatto,
fece notare Kant, la storia della cosmologia J1a prodotto insanabili a11ti11omie
(due tesi contraddittorie ma parimenti
di1nostrabili), avanzando ragioni valide
per sostenere sia che il cosmo finito sia
che non lo , sia che eterno sia che
stato creato, sia che vi domina il caso oppure, al contrario, la necessit.
Kant ne deduceva un giudizio di inconcludenza teoretica: la cosmologia,
ponendosi fuori dall'ambito scientifico,
deve essere considerata essenzialmente
una metafisica, non un tentativo di descrive re realmente il cosino, ma l'espressione della volo11t, dei desideri e
soprattutto della fantasia del cosmologo. Lo stesso Kant, tuttavia, mitig questo drastico giudizio sottolineando come l'intensa produzione cosmologica
dell'antichit, delineando tutti i possibili scenari dell'universo compresi quelli
che oggi diremmo ~virtuali', abbia avuto
un ruolo fecondo nella storia del pensiero scientifico. Di fatto agli inizi dell'epoca moderna gli astronomi che diedero il via alla rivoluzione astronomica
trovarono nel pluralismo teorico delle
cosmologie greche un'immensa ricchezza di spunti e di ipotesi, compresa la
teoria eliocentrica (-+ Eliocentrismo)
formulata da Arista reo di Samo nel III
secolo a.e.

a cosmologia la scienza del tutto,


il tentativo di spiegare unitarian1entc la struttura globale dell'universo. 1
Greci, in particolare i Presocratici, svilt1~1parono per questa fortna di speculazio11e una vera 1)assione intell ettuale,
ta11to che per 111olti secoli non e1nerse in
prt1posito alcuna teoria preclo111inante,
perch a ogni ipotesi presentata ne veni\1a subito avanzata una antitetica.

Nel pensiero dei Presocratici la cosmologia fungeva , in un certo senso, da


corn pleta111ento del sistema: era la descrizione di uno scenario cosmico compatibile con i principi enunciati in sede
fil oso fica. Per questo ogni pensatore
senti\ a il bisogno di crearsene una propria, per cosl dire pe1so11alizzata. Afferma A. Koestl er nella sua storia delle
concezioni dell'u11iverso (J sonnambuli,
1959) che <<lo spettacolo dei cosmologi
del VI secolo evoca quello di un'orchestra prima del concerto, quando ogni
musicista accorda il suo strumento ed
assorbito in ci cl1e fa senza prestare
orecchio ai n1iagolii degli altri. Non ap-,
pena uno di loro veniva a conoscenza di
una mezza dozzina di proposizioni geometriche e sentiva dire che i fenomeni
celesti riapparivano periodicamente, si
metteva a cercare una legge per il tutto
e a costruire un sistema dell'univrso>>.
1

Questa pluralit di proposte deriva dal


carattere specifico, solo parzialmente
scientifico, della cosmologia, messo in
luce nel modo pi chiaro dal filosofo tedesco lmmanuel Kant (1724-1804 ).

FILOSOFIA

52

PRESOCRATICI
i

_,,. ,,_~

divenire ( - >),

Eraclito , il fi loso fo de l
nego
------ . ...... '
l'es is te nza d c l So le e d ell a Lun a in
quanto entita ma terial i. tabi li e distinguibili. Per Erac lito i 'co rpi' cele-sti erano fenomeni meteorologici
'
'
/\
'
dati dal raccogliersi quotidiano in
\
'
. '

'

,
,

. '

'

. I , ., ,.
. ,

'

''

'

11
.
I
1
t
f .

'

'

.,
I

''

1 ')

'. .
9

,.,

_.....

-~
----

"""

,,..._

,....

.... ._
-r

.'

Una delle scoperte pi i1nportanti prodc.1tta dalla p ri n1e <> en'a--.


zi.011i ciel cielo fu il moto rotatorio dei pianeti attorno
......_ ,
alla Terra . ln precedenza i filosof ionici erano anco"ra convi nti che ogni era il ole, giLtnto a Occ1<len' , te , si dirigesse non so ltl) la Terra ma, con un cambio <li dirczio11c ortogo nale, ,cr o 11 nord geo\
\
grafi e<), per pa ~a re, la notte, d ictro i 1n )n t1
lperb<.) rei.

/
/

/
I

co ncavita del cielo, sim ili a l)a r\ cl1e rovesc ia te, d ei vapo ri de l
\ mare e delle esalaz ioni che al\ gono dalla terra.

- ""'<._

Anass imandro con idc r il ole e la lu- -....


na buchi nel cielo. A suo a vi o la Te rra
circo nda ta da un c.:e rcl11 o nc (Ltn 'e no rm e
ruota, una scorza) in CLti vi so no dci bttchi (quell i p1u
piccoli , co1nc punture cl'ag<.>, sono le stell e). La cic licit c.,lci rn c)ti astrali deriva <lai pe riod ico otlL1ra r i e d iscl1iudersi <lei rori .

.......

I
I

''
'

'

._.

'' ,

- ..

.
.
'" ... , ._ , .,
.
: , ......,. .
....
..

,
..
.
' ...- .
. ... r'
'

/
/

Senofane in tradusse per la pri111a volta l'icJca dcll'infmit dell'uni',


.,, ~ " verso , din1ostrando nel contempo la diffico lta (incapacit) dello pi ri......... - - - - Lo greco nel l'in11n tlginare questa nozione. 11 S Ll O co mo, infatti , t infinito
solo verti ca lmente, verso l'alto e il basso (no11 sul piano dell'o rizzonte): ne rsLtlta un universo tubolare , Ltn cili.11dro privo della faccia SLtpcrio,re e inferiore.

53

F ILO l1FIA

PRESOCRATICI

Arch

TALETE, ANASSIMANDRO, ANASSIMENE

Vedi a11che Societ ionica, Cosmologie, Proporzione


rici cui diede origine. Il discepolo di Talete, Anassimandro, propose come arcli la nozione, gi molto pi sofisticata,
di apeiron, letteralmente ~ci che non fa
forma', l'indeterminato: una sostanza
unica e infinita da cui tutte le cose derivano attraverso un processo di separazione progressiva prodotto dall'azione
delle coppie caldo-freddo e secco-umido. Anassimandro specific che l'apeiron non una semplice miscela di tutto
ci che esiste, ma un altro modo di essere del mondo, precedente e generativo di questo.

a prima idea filosofica, invenzione


della Scuola di Mileto (Talete,
Anassimandro, Anassimene) fu la nozione di arch. Essa consiste nel supporre l'esistenza di un principio originario, ttn qualcosa che non derivato da
n u 11 a n1 a da e u i tu t t o ( 1a ma te ria , il
1no11do nel suo complesso) necessariamente consegue.

Aristotele, che nelle pagine introduttive dell ~1 Mtlafisica riassunse breve1nente i 1 pensiero a lui precedente (e per
qt1csto considerato il primo storico
dc Ila fi Iosofia), spieg la nozione nel
modo seguente : <<La maggior parte di
coloro che per pri1ni filosofarono pensaro110 che princpi di tutte le cose fosserl) solo quelli materiali. Talete, iniziatore di questo tipo di filosofia, dice che
quel principio [l'lz1cl1] l'acqua (per
questo affern1a ancl1e cl1e la Terra galleggia sull'acqua), desumendo indubbiamente questa convinzione dalla constatazione che il nutrimento di tutte le
cose un1ido, e che perfino il calcio si
genera dall ' umido e vive nell'umido.
Ora, ci da cui tutte le cose si generano.
, appunto, il principio di tutto>>.

Anassimene, il terzo esponente della


Scuola di Mileto, torn a identifica re
l'a1cl1 in un elemento materiale: l'aria.
Il mondo, egli afferm, << come un animale gigantesco cl1e respira e il respiro
la sua vita e la sua anima>> (un'idea che
anticipa in qualche modo quelle di
pneurna e ani1na del 1no11do: ~ ).
Nonostante il concetto di dpeiron appaia filosoficamente pi sottile, non
giusto considerare la soluzione di
Anassimene un regresso rispetto a
quella di Anassimandro; in realt l'elemento costitutivo del sapere ionico fu
sempre il tentativo di identificare il
principio primo in un elemento materiale; anche l'dpeiron di Anassimandro,
per quanto indistinto e primordiale, rimane una sostanza fisica. Quello ionico fu quindi un sapere naturalistico.
Si evita in questo caso di usare il termine materialismo (-+) poich le suddette teorie non implicavano ancora una
negazione della spiritualit e della trascendenza, concetti che furono formulati solo in seguito da altri orientamenti filosofici.

Pu oggi apparire deludente che Talete


individui il fonda1nento originario del
tutto in un semplice elemento -fisico
(l'acqua); in realt per la grandezza
del suo pensiero sta non tanto nella risposta quanto nella domanda stessa, che
implica la possibilit di giungere a una
spiegazione unitaria della variegata
gan11na dei fenomeni naturali.
[importanza del dibattito cos innescato dimostrata dai rapidi progressi teofJLl)SOflA

54

PRESOCRATICI

,,

'
..

'

..

I,;

\
\

"-" ~ -'-:_.......~-~

r~~~~~
_,,~

~~-~~

Gli alchimisti consideravano la rugiada (c he


raccog li eva no con apposite pentole rotonde)
co me sperma celeste,
l'agente fis ico con cui il
di vin o feconda la terra.
Ana loghe assunzio ni
dell'acqua, posta da Talete come arche, in senso imbolico (come fonte della vita) , so no prese nti in molte c ult u re
(nel battesi mo cri tiano , per esempi o) . No n
per caso quasi tutte le
appa ri zio ni del la Mado1111a in epoca I11oderna o no acco mpagnate
dal tni racolo o ca turi re
di una sorgente.

I I pensiero fil osofi co ov-

\'iamente non na ce
dal nulla; in parte
le prime dottri11 e e n u n e i a te
dai pensa tori

1o n1 c1 co11i LC\'ano
.
111 un a ra zionalizzazio11e di tcn1i gi cl ff ro ntati dal pensiero rnitico . Ancl1e
n.ella si 111 bo log ia
d el l'a rte preclass ica
traspare un forte ir1tcrcsse per gli clementi origin.ari: in C[Llesto esempi() il fuoco rapJ)rcse ntato dal So le centrale: l'acqua rappresentata dai pesci, i fenomeni dell'energia e dcl divenire dalle spirali '-ittorcigl\atc.

ln qt1csta statua dell'antica Dea M.adre ( ) ) so no riconoscibili i s imboli con cui si esprin1eva il pen sie ro prefil oso fi co: la svastica (A e B) collegabile ai co ncetti di
clinamis1no, forza. divenire ( -) )~ la rete (C), ripetuta all'interno dci due a11imali , un si111bolo dell'acqua (umidit, fecondit, femminilit. potere generativo) .

55

FI L()<;t)FI.~

PRESOCRATICI

Divenire

ERACLITO

Vedi anche Arch, Cosmologie


fuoco allo stesso modo dell'oro con tutte le cose e di tutte le cose con l'oro>>.
Sebbene Eraclito sia passato alla storia
come il filosofo del divenire, la critica
moderna ha messo in luce un secondo
aspetto del suo pensiero, un'interpretazione pi profonda della realt nota come
teoria della unit dei contrari. Infatti il
divenire solo l'apparenza delle cose,
dietro le quali si nasconde una pi
profonda armonia. La vista inganna: la
trasformazione incessante di tutto nel
tutto sostenibile solo a un esame superficiale (quando si analizzano le cose
singolarmente), perdendo di vista il tutto, la visione d'insieme. La totalit dei fenomeni rimane sempre uguale a se stessa
e ogni coppia di contrari forma di fatto
un'indissolubile unit: <<Una la via all'in
su e la via all'ingi>> dice Eraclito, vale a
dire che a ben guardare ogni salita anche una discesa. Ugualmente il giorno (o
il bene) esiste solo in virt della notte
(del male) e la salute non sarebbe apprezzabile senza la malattia. Il mondo, all'apparenza dominato dal disordine, rivela quindi una logica interna e proprio a
questo proposito, per definire questa segreta legge dell'armonia, Eraclito us per
primo il termine logos, destinato a diventare la sigla dell'intero pensiero greco.

anta rliei, in greco 'tutto scorre',


la forrnula riassuntiva del pensiero
di Eraclito: tutto viene e tutto va, incessar1 ten1er1te . Non ci si bagna mai
tt e \'Olte 11ello stesso fiu1ne, perch solo apparentemente esso permane: in
re~1l t l acqua che lo costituisce non
n1 <1i la stessa. Neppure si pu toccare
due volte t111a sostanza nel medesimo
stat<), perch questo, a causa della velocit ciel suo ca111biamento, <<Si raccoglie
e si di s ~1e rde>> .
La realt quindi un perenne processo di mutamento prodotto dal conflitto
di eleme11ti contrari: <<Le cose fredde si
scaldano, il caldo si fredda, l'umido si
secca, ci che arido si inumidisce>> ~ <<
la guerra la madre di tutte le cose>> . Seco11do affermazioni di Eraclito co1ne
queste, in ogni cosa si nasconde una lotta di contrari.

Eraclito assunse come simbolo del divenire il fuoco, il pi instabile fra gli elementi: in qua11to calo1e principio di vita : come ltlce pervade il cosmo~ come
fia1n1na trasfor111a ci a cui si applica.
Ogni conversione di una materia in
un'altra presuppone il suo intervento:
<<11 fuoco vive la morte della terra e l'aria vive la inorte del f Ltoco, cos come
l'acqua vive la nlorte dell'aria e la terra
la morte dell'acqua>>. .
Tra i si1nboli del divenire. Eraclito pose anche il danaro. Infatti la moneta di
scambio non solo in continuo passaggio da una mano all'altra, ma anche capace di esprimere il valore di una qualsiasi merce: <<Il fuoco cambia tutte le cose e tutte le cose sono cambiate con il

FILOSOFIA

La dottrina del divenire di Eraclito


un'idea filosofica di lunga durata, segnando l'inizio di tutti i tentativi di spiegare le trasformazioni della materia e la
natura del movimento. Qualcosa di Eraclito rimane quindi anche in autori apparentemente estranei alla sua problematica ( ~ Stereometria).

56

PRESOCRATICI
Una
fo
rmulazi
one
in
norma
termini mode rni ciel
cli vc nir c : un dia norma
gra mm a <l ei piLLo re
--roro
P. Klee. Ogni r1c> rma
"O
E
e:
o
per tta naLu ra ir1"'
e
.,,,
stabi le; pr<.)grc iva --,,,
me nte ma i ne ora,,,
ao
::>
E
l)i I111 c n t c, e - <l tra"'
o
"'
o
3
e
"'"'
pa sa ne Il'eccezione
--
e d qt1i11di o rigin e a
norma
ti n a n Ll o va re go I a .
Da t o e 11 e <.) g 11 i l r a norma
!>ft) rtnazio ne i svo lge i n u n 111 t) n do
cl1iL1 o, ne co11scgLtc Lt11 prece -o ciclico e clinctmi co.
C>f

OQ
OQ

C>f

00

C>f

Q.

C>f
C>f

La nozio ne dcl d1,:enirc e pre ente nei


s i111bo li in di\c r ~c CLtlturc. Nc ll'c>rd1 n e, dall'al to, in cn o o rari o.
la <la 11 za <li hiva , la divinit induis ta della tra ro nn az i o n e~
il drago, che 11cll'alchimia rapprese nta 1,1 n1eta111orfc.1 i degli eleme nti;
il tri cc lc , t111 s imbolo numis matico (in c.1uc t () co nte to . i ono a ur1 tc pc o i111111 agi ni c he a llu do no a l
<li\1cr1irc crac litcc.1):
il Tao (la filos<.>fi a taoi ta l1a mo lti
p u n t i cl i e on \ e rge n z ~t e o n C[ u e 11 a di
Era e Ii t <.>) ;
la svastica, c lic r>ri111 a d i <li\cnt arc
c1nblcn1a del Naz isr11 0 era un in1IJ<>1

lo dcl 11c rcnr1c 111utu111 c nl() .

r.

'
57

PRESOCRATICI

Agonismo

ERACLITO, EMPEDOCLE

Vedi anche Odio/Amore, Divenire


te le aree del sapere. Questo tratto cos
peculiare dello spirito greco traeva la sua
origine da una precisa teoria che, se pure fu esplicitata compiutamente solo da
alcuni filosofi (Eraclito ed Empedocle),
esprimeva comunque un convincimento
generale: ci clte vivo tale solo in conseguaiza di un cot1trasto; viceversa, ci
che non ha al suo interno alcuna contraddizione con certezza morto.
Questa siste1natica valorizzazione dell'agonismo influ su tutte le scienze: la
medicina ippocratica , per esempio,
considerava la salute del corpo il frutto
di un eqttilibrio fra gli urnori ( __.., ), cos
come la politica democratica considerava come salttte della polis (4) non l'abolizione dei contrasti fra i cittadini
(partiti) , ma la loro composizione in un
equilibrio instabile e fecondo.
in questo senso che vanno letti gli
aforis1ni di Eraclito: quando egli afferma
che <<solo per via del contrasto tutte le
cose s1 generano o vengono a morte>>
oppure che <<la guerra la madre e la regina di tutte le cose>>, vuol dire che la
vita stessa a produrre l'agonismo. La
guerra, in questo senso, la lotta dei
contrari che produce il divenire: il caldo si oppone al freddo; l'umido al secco;
il gior110 alla notte. Dove non vi lotta
non vi neppure vita: solo contendendosi a vicenda i contrari realizzano una
forma di armonia. <<Non si conoscerebbe neppure il nome di giustizia, se non
vi fosse l'offesa>>: ci significa che l'amore e l'odio (da intendersi come forze
naturali e non come fenomeni psicologici) sono entrambi necessari, perch
nell'agonismo fra i due princpi s.i esprime una forza cosmica con cui necessario mettersi in sintonia.

o storico della filosofia j. Huizinga


ha di1nostrato (Homo lt1dcns, 1938)
coi11e i giocl1i e le gare siano un feno111eno u11iversale, presente in ogni ci\1ilt . Nessuna cultura, tuttavia, am1nette lo stesso atttore, ha sviluppato l'a1nore per la co111petizione al pari di qt1ella
greca, che 11e fece una filosofia e uno stile di vita. Questo generale cli111a agonis Li Ct) cl1e accompagnava ogni aspetto
dell a \' il a dell't1omo greco non comport solo la 11ascita dello sport (u11'invenzione se11za precedenti dello spirito
elle11ico), ina coi11\ olse anche la sfera
intcllcttt1ale. Un altro grande studioso
dclla grecit, J. Burckl1ardt, dopo aver
i11cli\1 icluato nella competitivit la compoi1cntc di maggior spicco della cultura
greca, not come l,e1nergenza di questo
fattore sia databile attorno al VI secolo
a.C., proprio nello stesso periodo in cui
nacque la filosofia. Come gi sottolineava l'oratore Isocrate nel V secolo , <<da
noi possibile assistere a gare di velocit
e di forza, 111a anche ad agoni di parole
e di ragionamento; e anche per queste
gare si attribt1iscono i pi alti premi>>~
Levide11te spirito agonistico che anima~
va le pubblicl1e discussioni fra i filosofi
(cui assistevano vere e proprie tifoserie)
port a usare anche in campo intellettuale la terminologia delle gare atletiche: De1nocrito, per esempio, ricevette
il soprannome di pe11.tatJ1los per la versatilit del suo ingegno e l'universalit
del suo pensiero e dei suoi interessi.

Anche se la spettacolarizzazione della


pratica filosofica operata dai Sofisti ( ~ ),
cui allude Isocrate, l'esempio pi noto,
in realt la cultura greca fu caratterizzata
da un alto livello di competitivit in tutFILOSOFIA

58

PRESOCRATICI

amorc+odio

amore

LE

ll caduceo (o lJas to ne di Er111cs), la baccl1 etta S Ll ct1i si att l1 rcigli a110 due sc rpc11ti
co n le teste contrapposte, fLt nel 111011do greco (e pc)i nel Medioevo, in pt:lrticolare presso gli alct1i111isti ) il in1bolo dell 'equilibrio,
dell 'energia e de l la salute dc ri van li da I la
con1pos izionc in Ltn insic1ne unitario <.li dt1c
forze a11tagoni te (il Sole e la Luna , il bianco e i.I 11ert) , e cosi \ ia) .
1

odio+t:1mL1rc

d m ore

Seco no Empedocle la \1 it~1 r1ell'L1ni cr o e po ~ ib1 le olo a causa dcl co ntra to fra dLtC forze co miche
ar1tagonistc: l'An1orc (A micizi a) , cl1e tende, ll'un1<J11c della mate ri a, e l'Otli o, c..: l1c tcn(lc alla cpa razionc. Lintcro mondo P'l sa ciclica rn ente attra\'Cr_o
qt1attro tadi: in quell<) i11iziulc, in cui pre ente c;,c>lo l'Amore. il JJ r C\ a lcrc della fo rza un ificatri ce fa 1
cl1c gli elementi si racco lga110 in lt n tutto co mputto,
t1na pccic di Sfero (- ) in ct1i nes una forn1n di ''ita e (Joss ibilc. Ancl1e l'a soluta prevalenza clcll'Ocl1 c.1 ,
prodLtcen<lt) una totale sc ~Jarazione , uccide In vita , la
c1uale e po silJil c so lt> nei J')C riodi di pa aggo, 1n cL11 l'Amorc convive co n l'O(lio.
1

'~

Aiace e Ac hill e gioc<tno a


d adi . Ne l mo11d o g reco
ogtli ga ra , sin di tipo pt1 rt\' O ia di altro ge nere , era
se111pre c1u a l cos~l d1 tcrribi l111ente erio. In certi casi la perdita con1portava la
clistrtlzione fisita ciel perdc11tc: l'indo\ ino Ca lcante,
per cse n1pi o, d o po ave r
perso la sfida con il rivale
Mop o per stabilire chi dei
due praticasse mcgli.o l'arte
di, inatoria , fu coperto da
Lln so nno di t11orte.
1

59

FI Ll)~l)F I :\

PRESOCRATICI

Numero

PITAGORA, METAFISICA

Vedi a11c11e Aritmogeometria, Musica delle sfere


acconta Aristotele nelle prime pagine della Mel.afisica che <<i Pitagorici,
applica tisi alle scienze 111atematiche, le
fecero per primi progredire. Cresciuti
poi in questo studio, vennero dell'opinio11e cl1e i loro principi fossero i principi di tutti gli esseri . E poich i principi
della inatematica sono, natural111ente, i
nt1n1cri, parve loro di vedere nei numeri, pitt cl1e nel fuoco, nella terra o nell'ari a, 1no lte son1iglianze con le cose che
so no o ch e divengono>>. In altre parole,
Pitagora individu nel nutnero l'arch
(la natttra intin1a del tutto, punto di partenza, fondamento e causa di ogni cosa
esisten te ) che i filosofi ionici avevano
trO\'atc.) in un elemento fisico.

numero e la sua sostanza. Nessuna menzogna accoglie in s la natura del numero e l'armonia~ la menzogna e l'invidia
partecipano invece della natura dell'illimitato, dell'inintelligibile e dell'irrazionale>> (ossia di ci che secondo i Pitagorici non numeralizzabile).

Fra tutti i numeri, che i Pitagorici consideravano secondo i principi della numerologia (- .. ), un particolare valore
simbolico assunse il 10, la 'madre di tutti i numeri'. La sua espressione grafica,
la tetraktys , fu considerata il simbolo
della perfezione, uno schema universale, un modello otti1nale rilevabile ovunque nella natura e divenne l'emblema su
cui giuravano i neofiti della setta. Lanascita del sistema numerico decimale ancora oggi in uso (fino ad allora i Babilonesi avevano usato un sistema su base
12 e 60) fu una conseguenza della deificazione pitagorica del 10.

Le evidenze non mancavano di certo:


so110 leggi nurneriche quelle che regolano il ten1po e le stagioni, il ciclo biologico, quello vegetativo e ogni tipo di
1novi111ento, sia la perfetta rotazione degli astri nel cielo, sia il divettire (- >-) delle sostanze naturali sulla Terra. Non vi
conoscenza cl1e non sia intrinsecan1ente misura, calcolo, proporzione. Ogni f~
gura geometrica (e quindi ogni volume,
ogni corpo) pu essere pensata come un
numero finito e potenzialmente calcolabile di elementi base unitari, i 'numeri'.
Quindi tutto 11umero e tutto numeralizz:abile. Su questa certezza Pitagora costru non solo una matematica,
ma anche una metafisica e, ancora oltre, un ideale di ordine, di razionalit, di
armonia universale. Secondo il pitagorico Filolao << la natura del numero che
fa conoscere, guida e insegna a ognuno
tutto ci che dubbio e ignoto. Nulla
sarebbe comprensibile, n le cose in s,
n le loro relazioni, se non ci fossero il
FILOSOFIA

Sullo schema della tell'Clktis era struttu-rata persino la setta pitagorica, l'organizzazione politico-filosofica guidata da
Pitagora al potere nella citt di Crotone,
nella Magna Grecia. Al vertice della piramide stava il filosofo, dotato di un
potere assoluto (e secondo R. Dodds
della venerazione dovuta a tino sdamano: -->- ); sotto il gruppo dei militanti, i
matematici ossia letteral1nente 'coloro
che possono porre domande'; pi sotto
i neofiti detti acusmatici, letteralmente
'coloro che possono solo ascoltare' (solo dopo qualche anno lo scolaro poteva
rivolgere domande al maestro). Infine,
pi sotto ancora, si colloca la popolazione di Crotone, esclusa da ogni forma
di governo.

60

PRESOCRATICI

o""'

z-

>

La \ic rs io nc elJ rai co-cabali s tica de ll a


tetraktis (le lettere co rri s po ndo no a i
11umcri da 1 a 10 ) .

...,.~_

" ..:~ I

l terni ico11c)gra rici dcl l=> itago ri n1c) i11 ttn'in11111gi11e tratta da Pl1 i l l>~C>/J l1i <111 c1Lurltli li ( L560) di All)crto Magno. o ,1ll'all() a si11i tra i Ll cguono:
1,, bil,tncia , i111IJo l{) c.lr ll a gitts ti zia cco r1d o i
tletta111i clell a 11u111er(>logit1 ; Ltr1 volto , i111l1olo
tlcll 't1 o mt) , ~ trc tt a 111c 11 te t1nit(1 all a LeLralttis ( i
11u111cri dall' l Lll 10 ), a ~ t1a volta i111l1olo tiella
1)c rfezio11 e; il com1>asso , cli c ri1n a11Lla ~t ll ' idt' a

La rego larit n1atc111ati ca della natur,t, l'inttl iz i o 11e cl i fon J o <le I Pi ta go r i rn o , nel d i eg no d i
un artis ta moderno , ] Bcu>' ( 1948) .

Ji p ro po rzio 11 c ( > Dio geo111etra ): infi11 e la


quadra , cli c allude allt:1 noziL)l1C <li 1nist1ra. A
sini tra in ba so Ltn vaso ra111)rcsc11ta ranirna. Al
ce ntro la terra e divi a in u110 scl1 c111a quatcr11aric), c:orri sr10 nd e11tc ai c1i1atho el e111.e11ti ( - >)
llclla natura; il cercl1io bianco e il ccrcl1io nero rapprescntn11c) il tc111 po (il giorno e In 11ottc).
n1i Lirato dalle ore (i l)Unli interni ).

La tetrahtis . Secondo Filolao l<:l sostanza del numero va csami 11ata in


rapporto a lla potenza che nel dieci. Perchc grande e o n11ip<.1tente e
1)ri11t if)O e guida ciella vit'' clivint1 cc lc. te e di qtLella Ltn1a11<l l ~-t natura del t1t1mcro c1t1a11<lo partecipa all a potc11za dcl dicc i. Senza d
essa tutte le co e sarebbero illi1nitate, o cure e incomprcn ibili .

61

PRESOCRATICI

Armonia musicale

PITAGORA

Vedi anc11e Musica delle sfere, Numero


pendente dal sistema meccanico utilizzato e deriva da puri rapporti matematici. [importanza della scoperta di Pitagora straordinaria. La sua fu la pri1na
f om11tlazione 1natematica di una legge
fisica, il primo passo in assoluto verso
quell'interpretazione esatta dell'universo cl1e costituisce il fulcro del pensiero
scientifico.

Ilo straordinario prestigio della


musica nel mondo greco contribu
in tnisura notevole Pitagora. Sua i11fatti ftt una scoperta decisi va: il piacere
estetico p1oat1ato da 1i11 accordo n1usicale descrivibile i1t tem1ir1i n1ateit1atici . un'osservazione notevole, forse
alla base dell'i11tero Pitagorismo. Infatti
se il 111trnero riesce a spiegare una sensazione ta11to delicata, lecito supporre, p er este11sio11e, cl1e tutto il mondo
sia i11ate111atizzabile.

D'altra parte la teoria musicale pitagorica era viziata da un difetto di fondo,


che la condusse al dogmatismo, ossia
a negare quella parte di realt che non
rie11tra nel perfetto sche1na tnatematico. Infatti la facolt di discriminare fra
armonico e disarmonico era affidata
non alla sensibilit, ma al ragionamento. Pi che un'arte, la musica era intesa
co1ne scienza della proporzione ( -+) e
dell'armonia.
Per i Pitagorici insom1na la bellezza
della n1usica consisteva nel riflettere
l'arrnonia dell'universo e quindi i quattro nu1neri seinplici, perfetti per definizione e accreditati di una speciale sacralit, dovevano essere sufficienti a spiegare, nelle loro cotnbinazioni, tutta la
complessit della musica.
Questo presupposto metafisico domin nella teoria musicale fino al XVI
secolo, vietando di complicare la teoria
con l'ammettere determinati accordi (di
quinta e di sesta) gradevoli all'orecchio,
ma non basati sui primi quattro numeri
interi. Il Pitagoristno musicale (la scala
pitagorica) divenne cos una dottrina
chiusa, contraria all'introduzione di novit che avrebbero incrinato il suo perfetto ordine matematico.

La lcgge11da tra1na11da il momento della


scc)1Jerta. Tro\ andosi a passare davanti
alla bottega di u11 fabbro, Pitagora not
cl1 e il rit1no dei suoi colpi di martello
produce,ra un assie111e piacevole. Not
anche che la consonanza ar111onica non
era do\rttta alla diversa forza dei maniscalcl1i n alla forina dei martelli, ma solo al peso di questi.
1

Le figure riprodotte nella pagina a fianco 1nostrano gli esperi1nenti di teorica


musicale in cui si sarebbe a quel punto
i1npegnato Pitagora: qua11do corde di
uguale lunghezza so110 poste in differente stato di tensione da un peso attaccato a ognuna di esse, si verifica un
accordo piacevole solo con 2, 6, 8, 9,
12, 16 kg. Si ritrova la stessa proporzione utilizzando campane, oppure
qualsiasi altro strumento musicale, per
esempio dei semplici bicchieri diversamente riempiti d'acqtta: ai rapporti di
peso si sostituiscono quelli di volume,
ma la relazione numerica rimane i1nn1utata. Pitagora ne concluse correttamente che la sintassi dei suoni indi-

fJLOSOflA

62

PRESOCRATICI

Gli espcri111c11Li cli Pitagora tesi a <l imotrarc cli c. l'acC<.) rclo n1usicale in d ifferent e ~11 sis tcn1 a n1 ccca n c<) t1tili zza to
per l)t'()Clurrc il uono. La sco pcrt41 che
f)Ct' i.110 1.111 fc11omcno pretta111cnlc s pi ritttalc cornc il goclimc11to cstcti C<) pr0tlc)t to clalla rnttsica si fo11da su leggi 111atc111,1ticl1c tbbc t1n effetto tlec isivo nell a
storia <lclla filosc>fia.

Lo s trL1111cnto t1sato dai Pitagorici per stt1diare i r<1p1:>orti frn 1nu ica e 1natcn1ati ci1 c. ra il monocordo , t111a sorta cli chitc1rra dotata di u11 cun eo 111ol1il e s t1 L111 a scala nt1merata. Pi zz ica ndo conLcm-

1)0 ra11ca111c11tc le dttc porzioni di corda si ott cngo110 accordi o dissonanze. Quand o tln tratto e il
<lop1)io dell'altro (1:2) si ottiene t1n'otlava. Poncnclo il cttncc) a due terzi della co rda i ottiene un
rapport o cli c1t1i11ta ; s ui tre quarti (4 :3) la ri 011anza cli C(tt a rta .

63

F tl(). l1F t,\

PRESOCRATICI

Aritmogeometria

PITAGORA, MATEMATICA

Vedi ancl1e Armonia musicale, Numerologia


logico favo rendo cos la numerologia
(una visione simbolico-metafisica dell'e nte numerico).
Il crollo dell'aritmogeometria pitagorica inizi con l'analisi di un semplice
quadrato. Conoscendone un lato, infatti, non possibile trovare un numero intero capace di esprimere la diagonale. Se
per esempio il lato misura 1, la diagonale sar '12 (per il noto teorema di Pitagora) ossia un numero irrazionale. Se
al contrario si quantifica la diagonale
con un numero intero, sar il lato a dover essere espresso con una radice quadrata, un 'oggetto impossibile' per i Pitagorici. vero cl1e ogni cosa pu essere singolarmente n1isurata, ma il rapporto fra grandezze diverse non sempre una qua11tit finita. Non vero quindi cl1e tutto sia matematzzabile come
pretendeva Pitagora: vi sono in natura
cose inco1n111enst1rabili, ossia non riconducibili a una stessa unit di misura
finita. Secondo la tradizione la setta pitagorica cerc di occultare la destabilizzante novit, ma il segreto fu poi divulgato da un traditore, Ippaso di Metaponto, provocando cos la ribellione
delle popolazioni dipendenti dal potere
politico pitagorico.

on il termine numero (-..) noi mo- d ern i intendiamo qualcosa di


astratto, u11 contenttto della n1ente; Pitagora, al contrario, i11tendeva qualcosa
di concreto: la dimensione essenziale
delle cose (no n un ente di ragione).
Co11seguent e1ne11te la sua matematica
11011 fu n u11'arit1n etica (scienza dei soli nu1neri) n una geometria (scienza
delle sole figure), ma una aritmogeometria , sintesi di entrambe. 111 altri termini Pitagora non solo ridusse ogni rapporto spaziale a una din1ensione nu111eri ca (come f acciaino noi), 111a assegn
anche u11 significato spaziale ai nurneri.
Ve 11e so110 cos di triangolari , di quadrati, di retta11golari, di pentagonali (un
residt10 di questa dottrina rima11e nelle
espressioni mate1naticl1e relative al 'cubo' o al quadrato' di un numero) .
Questo modo di ragionare era certo favorito da una tecnica di calcolo ancora
molto arcaica. L:etimologia di questo
termine particolarmente interessante:
calcolus significava in latino 'sassolino,,
accezione che rimane anche oggi in
campo medico (i 'calcl1li' al rene) . t:equivalenza etimologica fra sasso e numero deriva proprio dall uso pitagorico
di operare con semplici pietruzze disposte a terra per forma re i numeri: in questo modo le operazioni si tramutavano
in spostamenti spaziali delle pedine, come su u11 pallottoliere. [effetto collaterale di queste procedure fu quello di
rendere difficili le operazioni con numeri molto grandi e. di stimolare tutte le
possibili corrispondenze di tipo psico1

FILOSOFIA

La rivelazione dell 'incommensurabilit origin il pri1no conflitto storico fra


scienza e religione ed ebbe conseguenze
profonde ben oltre la cerchia pitagorica,
provocando una generale sfiducia nelle
possibilit dell'aritmetica (e contribuendo, per converso, al grande prestigio
della geometria).

64

PRESOCRATICI
L'inco n1mcnsurabilit fu scope rta ancl1 e nel piu importante i rnbolo d ella setta pitagorica, la Salute, ovvero la tclla a cinclue
punte che si otti ene tracciand o tutte le pos~ i'bili <li ago na li
di un pentago no regolare. Ogni diagonale infatti vie11e
divisa d.a un'altra in due cgme nti fra loro in c<) nlmensu rabi I i: i I loro rapporto e pres o dn un
nu1ncro irrazio nale cl1 e sara poi dett o proporzio11e aurea ( >).

I Pitagorici ra pprese ntava no i nu111 cri dis po11cndo 'calcoli' (sasS()li11i ) sull a sabbia. Vi era-

no quindi numeri triangolari , c1uadrati , pentagc.) nali e cos via. La disposizio ne spazia le elci
calcoli-nu111eri ''cniva Lltilizzata a11cl1c per corr1picre opcrazic.) ni tramite lo spostan1cnt o fi ico
e.l ei sassi. seco nd o il principio u_ato ancl1c nell'abaco , una fl) r111a piu cc.1mple sa elc i com u11c
r>all()tltl licre.

Una ra pprese11 taz ionc d el l'ineo mmensurabilit proposta da G. Bruno


( De Tripli ce Mi11irno , l 59 l ). Mentre
in orizzo ntale e in ''ertica le le sferc
si tocc.a no e posso no essere quindi
co ng iLtnte da seg me nti pa ri a ll a
so mma d ell e lo ro dim ensio ni , ci
non si verifica con le diago nali , la
CLti lunghezza sttpera di una qua ntit non esattamente dctcrininab ile
lo s pessore delle quattro palle.

65

F ILO t) Fl..\

PRESOCRATICI

Numerologia

PITAGORISMO, MAGIA

Vedi anche Aritmogeometria, Matesi


ta a un grande futuro. Per esempio nel
Il secolo d. C. il filoso[o neoplatonico
Plotino arriv a considerare l'Uno come
l'archetipo ( - .- ) della divinit.

itagora immaginava l'esistenza di


relazioni prettan1ente psicologiche
fra i nutneri chia1nando 11u1neri an1ici
quelli forma ti ognuno dalla somma dei
divisori dell'altro. Operava una distinzione fra numeri maschili (quelli dispari , considerati perfetti) e numeri femmi11ili (pari e imperfetti). Secondo i Pitagorici, a(ferma Aristotele, <<la giustizia
era una certa propriet dei numeri, una
cert'al tra era l'anima, altre ancora l'opportunit e l'intelligenza; per og11i cosa,
si pu dire, trovavano una somiglianza
con i nun1eri>>. Questo modo prescientifico di inte11dere la 1natematica sfoci
nella numerologia , la dottrina cl1e afferma l'esistenza di un potere magico
dei numeri indicato da precise corrispondc11ze con il mondo naturale e divino. La numerologia rimane ancora oggi u11a delle varianti pi frequentate della magia ( --~) e sopravvive nella mentalit comune in forma di superstizione
(per esempio l'idea che il 13 porti sfortuna). Dal punto di vista critico il filosofo che pi di tutti ha cercato di capirne le origini e il significato statq il
neokantiano E. Cassirer (Filosofia delle
f ot-m.e simboliche, 1921).

Strettamente connessa al prestigio teologico dell'unit, la triplicit ne rappresenta in un certo senso l'estensione.
Non solo Dio uno e trino nella religione cristiana, ma esistono triadi divi ne in moltissime confessioni non
monoteiste (la Trimurti orientale, per
esempio).
Intermedia fra unit e triplicit, enti di
grande prestigio magico, la duplicit ha
assunto una valenza negativa ancora oggi presente in modo residuale nel linguaggio (esiste una doppiezza morale).
Pitagora diffidava del due, il primo numero pari, quindi femminile e indeterminato, considerandolo in qualche modo mancante di qualcosa. Il due, diceva,
l'opinione contrapposta al vero sapere
(che sempre unico).
Alla quadrupli.cit si quasi sempre ricorsi per rappresentare il mondo concreto e reale, il creato contrapposto al
momento della creazione, l'esperienza
umana in opposizione a quella divina:
quattro sono le stagioni, gli elementi (- >-) della natura, gli umori ( _.,) del
corpo, le et della vita.

Al numero uno la tradizione magico-pitagorica riserva un ruolo assolutamente


eccezionale. Esso infatti non pari n
dispari, tanto che Pitagora lo chiam
.
.
.
panmpan, anzi non e neppure un vero
e proprio numero, ma rappresenta il
concetto stesso dell'unit (il generatore,
la madre di tutti i numeri) ed quindi
completamente diverso da tutte le altre
cifre che esprimono per loro natura
qualcosa di molteplice. In.izi cos con
Pitagora la mistica dell'unit, destina...

FILOSOFIA

Meno evidenti sono le ragioni che hanno fatto del sette il 'numero perfetto'. Pitagora lo definisce il momento giusto, ma
il prestigio del settenario ben pi antico: nella Bibbia per esempio l'espressione Settantasette volte sette' usata
come sinonimo di infinito.
4

66

PRESOCRATI Cl

li filosofo che piu a fondo ha svolto il programma numerologico G. Bruno. Qui a fi anco la
su a diade ( De f\.1011c1dc, 159 1). Dietro iapparcnte formulaz io11 e matematica, Bruno propo ne un
simbolo dall e importanti sugges ti o ni teo logiche. l11f(.1tti ques to sc hema a cercl11 intrecc ia ti
era usual111enle impi ega to dagli arti ti mecli evtili per clclirnitare la 'mando rl a' entro la c~ ual e di scgr1are Cris to Sovrano (lo pazio Ja dove i du e
si Jc111n o i111 u). Lo s to ri co dcl mi tici rno E. Zolla ( I11 cc>11t10 co11 l'anclrlJg i11 0. l 995) sL1 ggcri ce
cl1e ques ta ia in rea lt un a ra1Jp re cntazio nc
geometrica dell 'ar1drogir10 ( > ).

L'i111111<1gi11 c della triade (Dc f\ 1011l1clc) . Dall'a\1 \ 1Cnto dcl Cristiancs in10 tLtlt e le i1111111gi ni della tri ade l1anno Ltn e\ i<lcnte r1ferin1c11to al 111i tcro dell a Tri11it, tutta\iia il ~ iml1t1lo tcrn arit) era gi
i1111J(>ft(.t11t c prc ~<) i Pitago ri ci, per i <..1ual1 la lettera greca llcl tc1, dalla
for111 a tri<1ngo larc . era utilizzt-tlJ cc>111c in1l)t) lt1 della na!>Cita co mica.
1

U11'an ti ca tradizit) ne lega. i.I numero cinque e il


pentagono all 'c pcricnz,1 e alla forn1a dell'Lt()n10
(G. BrLtnc) De fi.'f l>tl lLllc) .

L'immagine dcl la quadruplicit secondo G.


Brttno.

67

Flll)"OFI...\

PRESOCRATICI

Musica delle sfere

PITAGORISMO, COSMOLOGIA

Vedi anche Armonia musicale, Numero


indicare per esteso le note musicali
emesse dai pianeti. E se Keplero rimane
nella storia della scienza come uno dei
protagonisti della rivoluzione astronomica (per aver dimostrato la geometria
ellittica delle orbite planetarie, mediante le cosiddette 'tre leggi di Keplero'),
anche in conseguenza della sua fede pitagorica. Infatti fu proprio il tentativo di
dimostrare l'esistenza della musica celeste (assieme a una grande capacit di rimettere in discussione le proprie ipotesi ) che lo condusse alla straordinaria
scoperta ( ~ Scopertalgiustificazio11e).

a convinzione che il mondo abbia


u11a natura matematica port Pita ..
gora a u11a straordinaria conclusione:
l'ir1tero universo deve essere considerato un enornie stmrnerito rnusicale. Co111e un la1illo11 forn1ato da i11granaggi
co11centrici, nel loro movimento i pianeti e le stelle en1ettono deter111inate vibrazioni SC)nore e producono cos una specie di musica divina (Saturno emette la
11ota pi bassa, la Luna quella pi alta).
Se i comu11i mortali no11 riescono a sentire questo concerto celestiale, solo per
via dell'abitudine. lo ascoltiamo fin
clalla nascita e quindi, per un fenomeno
di assuefazione, non siamo pi in grado
di udirne il suono , come spesso succede
per un ru111ore co11tinuo. <<Vi sono delle
a.r1nonie che sono mute ai sensi>> affer111a Plotino nelle E11ncacli <<eppure sono
fonte delle armonie manifeste.>>

Anche la religione cristiana si accost


con interesse all'ipotesi che la musica
sia una rivelazione della realt divina,
ponendo uno stretto collegamento fra
numero, 1nusica e a11gelo (- )>) musicante (uno dei temi pi diffusi di tutta l'iconografia religiosa). << Cangelo musicante ricopre gli stessi valori che appartengono al concetto cosmologico di numero; come il numero, infatti, anche
l'angelo al confine fra la realt materiale e quella spirituale>> (M. Bussagli
Sto1'ia degli angeli, 1993).

[idea della musica delle sfere celesti fu


co11divisa da molti pensatori greci oltre
la cercl1ia pitagorica~ la sostennero sia
Aristotele sia Platone, nientre il filosofo giudaico Filone d'Alessandria (~O
a.C.-50 d.C.), scendendo nei particolari, paragon il cielo a una lira a sette
corde.

Una credenza in qualche modo simile


alla dottrina pitagorica, ossia che il
mondo sia nato da una sonorit originaria, rin tracciabile in molte civilt
arcaiche: gli Egizi pensavano a una 'risata cosmica', altri popoli parlano di una
'sillaba risuonante', un 'grido di .Dio'. In
Oriente esiste un'intera teologia della
sillaba originaria (AUM), dalla quale attraverso un processo di materializzazione progressiva sarebbero nate le divinit, la Terra e con essa tutti gli esseri
che la popolano.

Per un paradosso non infrequente nella


storia della scienza, questa credenza metafisica ed extrascientifica ebbe un effetto propulsivo sullo sviluppo della cosiddetta rivoluzione copernicana ( ~ ) del
XVI secolo. Keplero (1571-1630), che
fu nello stesso tempo sia un moderno
scienziato sia un pensatore 'pitagorico',
nel saggio sulle Armonie del mondo
(1619) spinse la sua fede nella perfetta
regolarit dei movimenti celesti fino a
flL()SOFIA

68

PRESOCRATICI

Ancora agli inizi del Seice nto il mago e scienztato inglese R. Fludd (Storia di enLratnbi gli universi, J 6 17) ri propose in qt1esta immagi ne la concez ione pitagorica: nella
to ta lita delle s ue s fere il cos mo e costru i L<.1 co 111c un e>
strumento mu icalc, un monocordo cl1 e Di c) (la picco la
mano che esce dalla nuvc) la) regola e proporzi ona. onos Lan te l'evitlen Le natura cx trasc1cn li fica ( n1ctafi ica ,
magica) di questa co nvinzio ne, Fludd era perfettamente
inforn1ato sulle co nqt1istc della rivoluzione copernicana.

La sil l.aba AUM , il s uo 110 cl1c secondo la mitologia o ri c11tale ca tur dall'uovo cosmico al momento d e ll~1 nasci ta
dell 'u11i ver -t1, rapp rc cnta l'o nda o nora c lic <.)rig1 no il
ino ndo e c t1 c a n c<.1 ra lo ptrv<1dt . Nc ll n liturg ia
IJttt1dl1i ta deve essere pronun ciata prima e dopo la
preghiera , co n un c,1ntc) co rale che ripropone in
1nocl o rilLl<ll c la condizil>n e or iginan a dcl co mo.

.,

~-d- ~ti:o:!:o: ~~.!.rla:-:0~ ~+~-~


--tatumu~
LYDIVs '<"

Sr...-...,__
Mk\ -

'-PHRYG1vs

7"oo.,,_

oo~vs"

Jupitcr

M1r1rcr

- -Terra

~n ------~-.-o.-4111.!:~=~---- ;a- '! -~~~


5
a;"
-W

\=' +-.-i.
-\I~
\;I
nt-.o~
---~-vcous
Mcrcurius
Hic lo cum babct ~tiarul)

Le no te 111t1 ica li c n1essc dai f)iancti seco ndo lo


c hcn1a propu to da Keplero agli i11izi de l Sc1ccnto 11 el aggio sulle Ar111c)t1 ic llcl t11011clo.

La co rris pondenza fra le n1c lc)die mu ica l i e il


movimento dei pia neti in un'i111magi ne rina ci111entale (1496).

69

Fllt)'-C)I I

PRESOCRATICI

Proporzione aurea

PITAGORISMO, ESTETICA

Vedi anche Armonia musicale, Numero

a stretta relazione scoperta da Pitagora fra la inatematica e il fenomeno dell'annonia musicale sugger, per
estensione, l'idea che anche la bellezza
' ' isiva sia esprimibile con un rapporto
nt1merico. Per conseguenza la tradizione pitagorica elabor una grande variet
di teorie tendenti a spiegare con un approccio geo111ctrico il piacere della sensazione estetica, il cui segreto stato di
v l) l t a i n vo I t a in d iv id u a t o ne 11 e prop ric t dell'esago110, del cerchio, del pentagono, tiella li11ea curva~ e cos via.

fine del secolo scorso il pittore post-impressionista P. Srusier (ABC della pittu1~a, 1890) affermava che l'artista <<trova nel proprio corpo le misure di cui
necessita: il braccio, il piede e la spanna. Esse stanno fra loro in un rapporto
di sezione aurea: la spanna sta al piede
come il piede sta al braccio, che la
somma delle due dimensioni suddette.
Questi rapporti sono esatti in tutti gli
uomini, anche in quelli deformi>>.

Negli anni Venti del nostro secolo uno


studioso di arte greca, j. Hambidge,
sugger che i Greci usassero il rettangolo aureo come modulo costruttivo nel.l'edificazione dei templi e nella produzione degli oggetti di uso quotidiano.
In due saggi (Sim1netria dinamica e Il
Parte11011e, 1924) egli annunci di avere scoperto ~il segreto' de Ila bellezza
greca, suscita11do grande interesse, ma
anche forti controversie. vero infatti
che i Greci producevano oggetti d'uso
quotidiano seguendo modelli standardizzati che rivelano una straordinaria
regolarit geometrica, tuttavia ci non
significa cl1e seguissero un canone (un
rigido sisten1a normativo). In realt
un'analoga regolarit matematica rintracciabile nelle piramidi egizie senza
che ci autorizzi ulteriori inferenze.
Inoltre recenti ricerche hanno messo in
luce (nella pianta dei templi e nella forma degli oggetti artistici e artigianali)
una grande quantit di eccezioni alla
regola della sezione aurea (e di qualsiasi altro canone), riportan.d o al punto di
partenza il problema del Segreto' dell'arte greca.

Fra tt1tte queste teorie un posto di rilievo spetta alla sezione aurea, che i Greci vollero addirittura chiamare divina
proporzione. Trovare la sezione aurea
<li un segmento AB significa individuare il punto e interno ad esso in modo tale che AC: CB = CB: AB , ossia che la
parte min_ore stia alla maggiore come
questa all 'intero. possibile costru.re
serie di rettangoli (o anche di spirali) legati fra lt1ro da qt1esta progressione universaln1ente con-s iderata di grande validit estetica. Recenti studi di etologi~
(D. Morris Biologia dell'arte, 1985) dfn1ostra110 che persino gli animali prediligono siste1natica1nente configurazioni
visive di questo tipo.
Diven.uta patri1nonio co1nune di tutta
la. cultura greca, la tecnica della sezione
aurea ebbe una grande ripresa durante
il Rinascimento (De divit1a proportione
di L. Pacioli), ma anche in epoca moderna non sono mancati gli scie11ziati
dell'arte, ovvero artisti che hanno intravisto in questo proce.d imento costruttivo il segreto della bellezza. Ancora alla

Ftll)SOF IA

70

PRESOCRATICI

'
I

r -r
I

'

_.l -

- - r
I
I

t
I

I'

Seconclo le analisi di Hambidge, il tipo di ca li ce sc l1ematizzato ,


u na lly lix, sarebbe s tato costruito scco r1do i rapporti cli proporzi one aurea ind icati dalla griglia rettango la re.

e:~!!!!!!!!!!~='- -

- -

...J

Lo sc l1en1a della ez ionc au rea


applicato alla facciata del Pa rtenor1c.

-~ - - - -- -

LI prc)ccsst) di crcsc.ita spirali forr11c cli ques ta co 11cl1i glia a\r\'cnc cconcJo una pro})Orzio11 e at1rca. Lo studi o delle C()11chigli c
inte ress 111olto i Pitagoric i po ic l1 fo rniva esc 111p i cla111oro i di co r11c i }Jrocc!> i

IJiologici siano regolati da rigide leggi 111atcn1aticl1c.

71

f lLO OF I

PRESOCRATICI

Stero

PARMENIDE, METAFISICA

Vedi anche Paradossi di Zenone


plica la fine di ogni filosofia e di ogni discorso. Infatti l'unica frase assolutamente certa, la sola pronunciabile da
una mente veramente logica e coerente,
sempre e solo una: l'essere ; il non
'
essere non e.
Tutti i fenomeni in qualche modo legati al divenire ( ~), come il tempo, il
movimento, il ciclo vitale degli organismi, la traslazione dei corpi nello spazio, e cos via, sono negati . Infatti il divenire implica il passaggio da un essere
a un non essere (da ci che era a ci che
sar) ed quindi intimamente illogico.
Errore persino ogni frase che implica
la pluralit: non possibile dire che un
qualsiasi A uguale a un qualsiasi B,
perch ci implica che A non sia B.

armenide afferma che il linguaggio


(il pe11siero) verte sempre su cii> che
, nel senso di ci cl1e esiste. Nominare
qualcosa che non , ossia qualcosa che
non abbia alcun grado di realt, un asst1rdo, possibile solo nella fantasia, nel
sog110, ne l vaniloquio o pi se1nplice111ente 11ell'errore. Un oggetto non esistente non ptt neppure essere pensato;
al contrario, pensare una cosa implica
innanzi tutto attribuirle un qualche grado di esistenza.
<< Il solido cuore della ben rotonda verit>> che Par1nen ide riceve dalla dea
Necessit tutto riassunto in questa
bre\re frase : << t:essere , e non pu non
esse re . li non essere non , e non pu in
alct1n modo esistere>>. Solo apparentemente si tratta di un gioco di parole. In
realt una vera sfida al pensiero logico, facile da rifiutare sul piano pragmatico, i11a difficile da risolvere su quello
concettuale. Come infatti ci che non
sussiste pu diventare oggetto del discorso? Come possono propriamente
csi ste1e il n u I la, il vuoto, l'assenza? Il
linguaggio ordinario, la fallace doxa,
parlano allo stesso inodo di buio o di luce, ma evidentemente un assurdo perch una condizione di mancanza (il
buio) non ha la stessa realt di una presenza. La frase ' buio' contiene un paradosso, perch asserisce la consistenza
di un'irrealt (come qualsiasi frase che
affer1ni il non essere di una cosa).

Il mondo cos come appare alla sensazione ( _,.), in cui le cose possono essere
e non-essere, am1nissibile solo in via
di opinione, come ipotesi, quindi al di
fuori di ogni discorso logico, coerente e
rigoroso.
1.:ontologia (scienza dell'essere) parmenidea sferra un profon do attacco alla
validit della percezione sensibile. Parmenide infatti individua la forza del logos (il ragionamento) esclusivamente
nella sua coerenza interna, in totale indipendenza dalle indicazioni provenienti dall'ambiente.
Se la conclusione del ragionamento
stata trovata con rigore logico, allora va
sicuramente accettata, e se contrasta con
l'evidenza dei fatti sensibili (fenomeni),
tanto peggio per questi ultimi: una percezione non pu essere dimostrata. I
sensi possono sbagliare, la ragione no
(ovviamente se usata con criterio).

Quella di Parmenide, egli stesso lo riconobbe, una dottrina <<contraria all'opinione dei pi>>, lontana cio da ci
che comunemente detto buon senso (- ,.). Nell'accezione pi estrema im-

FtL()50FIA

72

PRESOCRATICI
Lo Sfero. Anche Parrnenide, come ttttti i presocratici, si impegn nella costruzione di una cosmologia coerente co ri
le proprie posizioni teoriche. Secondo Par111enide il cosmo nella sua essenza intelligibil e (e non certo per
quanto appare alla sensazione) eterno, immutabi le, perfettamente omogeneo e co mpatto, inestesa
ma non infinito. E sferico, nia so lo per le propriet simboli cl1 e della sfera, la for111a pi aderente all'ideale parmenideo di immttta.bilit m.etafi sica. Proprio per questo, per sottolineare la
stia estranei t a ogni cosmologia osservati va , Parmenide non parla di una sfera del mondo ma di
tino sfero. Non ci sono raffigurazioni dello Sfero
di Parm e nide, tuttav ia un ma11dala cosmico d cl
Buthan, rappresentante il movimento primario dell't1nivcrso, offre suggesti ve analogie con la concez ione
cosmologica clel fil osofo greco. Per Part11e11idc, infatti , il
cosino deve es ere considerato l'espansione abnorme e totalizzante di un punto. ln senso stretto l'universo non ha dimens ioni, poich cio implicherebbe t1na ua deter111inaz ione finita e quindi una zona di non e ere.

Le argorne11tazioni di Parmenide furono sostenute dal discepolo Zenone con una serie di paradossi.
11 pi celebre quello del pi veloce Achille, teso a dirnostrarc l'insussistenza della nozione di spazio. Aristotele lo riassLtme cos: ll pi Len to (la tartaruga), correndo, nor1 sa r mai sorpassato dal pi
vcloce:Acl1illc; l'insegt1itore infatti dovrebhe necessariarnente giungere prima l donde il fuggitivo
balzato in avanti , sicch neccssariatncnte il pi lento conserva sempre una certa precedenza .

73

Ft LO -C)flA

PRESOCRATICI

Paradossi di Zenone

PARMENIDE, METAFISICA, LOGICA

Vedi anche Sfero, Sensazione


enone di Elea non elabor una pro-

que le cose non sono affatto molteplici,


come i sensi ci inducono a credere. Tutto quindi Uno e il mondo veramente lo Sfero predicato da Parmenide, senza parti al suo interno.
rargomento della sorite ('cumulo')
negava la quantit. Si prenda dunque
un chicco di grano, poi due, tre e cos
via; alla fine se ne avr un mucchio. Ma
a partire da quale chicco la quantit
cessa di essere numericamente determinata? Non possibile stabilirlo, perci
la nozione di quantit logicamente
improponibile.
Una curiosa variante di questo ragionamento riguarda la calvizie: quanti
capelli sono necessari perch una testa
sia detta calva, spelacchiata o capelluta? Un'altra ancora riguarda il rumore:
un chicco di grano cadendo a terra non
fa rumore, un sacco di grano invece s.
Ma come possibile ci, se qualsiasi
quantit di grano consiste sempre in
una somma di chicchi? Ossia, come
pu il rumore (del sacco) essere prodotto da una somma di silenzi (dei singoli chicchi)?

Z pria dottri11a, si limit a difendere

quella del suo maestro Parmenide con


ragionan1enti, disse Aristotele nella Fisica., che <<fat1no venire il mal di testa a coloro che cercano di risolverli>>. Zenone
in fatti fu l'indiscusso inventore del ragionamento paradossale. Non dimostrava direttamente la tesi del maestro
n1a, pi sottil1ncnte, confutava le confutazioni, ossia mostrava come l'opinione dei sttoi detrattori portasse a conclusioni a11cora me110 accettabili delle sue.
I logoi (ragio11arnenti') zenoniani sono i11 tutto quaranta. 11 pi famoso il
pt1radosso della dicotomia (molto simi1e a quello del pi veloce Achille:
- '.> Sfero) . Recita che, dato un qualsivoglia A che cerca di raggiungere un qualsivoglia B posto a u11a certa distanza, A
non raggiunger mai B. Infatti A dovr
pri1na cornpiere met del viaggio, poi
met dell() spazio rimanente, poi ancora met della met e cos via, all'infinito. A ogni unjt di tempo la distanza fra
A e B diventer sempre pi piccola, ma
non sar mai 11ulla.
Zenone dimostr che anche la molteplicit i111pe11sabile. Se infatti le cose
fossero molteplici, allora sarebbero separate da altre cose intermede. Ma nasce subito un paradosso perch ci eh.e
molteplice dovrebbe essere da una
parte finito e numerabile (si pu sempre
contare una certa quantit di oggetti) e
dall'altra infinito, perch la molteplicit
implica, come si detto, che le cose si.ano separate da altre cose, queste ultime
da altre e cos via all'infinito. Ma non
possibile che una stessa quantit sia finita e infinita nello stesso tempo, dun-

Presentandosi come una sfida al pen.s iero, i paradossi di Zenone hanno avuto
una funzione decisiva nella storia della
filosofia. vero infatti che facile smentirli osservando il mondo naturale (dove movimento e molteplicit esistono
senza dubbio), tuttavia la loro forza sta
nel procedimento rigoroso, nella coerenza del ragionamento.
Il tentativo di risolverli sul piano logico impegner a lungo i filosofi greci, in
particolare Democrito (_..Atomo) e
Aristotele (-> Spazio-luogo).

74

flLOSC>FIA
'

PRESOCRATJ CI
L,argomento dello stadio criticava l'idea di velocit. Due corrido ri (A,
B) procedono in senso opposto; qt1ando si inco ntrano, ognuno di essi,
vedendo l'altro avanzare rapidamente in se nso contrari o, crcdcra d i correre molto ve loce, ma un osservatore estern o (O) non avra la stes a impress ione e dar un giudizio ben diverso sulla ve loc ita <lei due atl eti .
Quindi la velocit e una misura relativa, dipendente dal punto d i vi ta
e dallo stato di mo to di colui che la rileva. 11 che, seco ndo Zenone, era
un .paradosso (per tLttti i Greci la vc locita rimase sempre un valo re a so luto. dipendente uni can1cnte dall'impeto dello s po tamcnt()) .

La freccia immobile. Se lo spaz io fos e pt rco r o <ll ttna frcccia , allo ra


sarebbe possibile di videre c1ucsto s paz io in tante part i c<.1rric;pondcnti
esattamente all a lunghezza della freccia. In ognu11a l ii c1ucs tc estensioni la frecc ia occt1perclJhc uno paz io ugua le a e t cs~a . Ma e im pt)~ ibile cl1e t1na cosa i rnu ova all'i nterno di Ltno spazi() uguale a , pc rcl1 non avrel1IJc il p<) to in cui andare, q ui11di la f rcccia no11 pt10 attraversare lo s pazio.

An cl1e la molteplicit impensabile pe rcl1c . e le cose fossc ro rn oltc1)li ci, d ov rebbe rt) e se re e parate da
clementi interrncdi e qt1es ti ulti111i da altri anct> ra. in u n
proces o <li sttddivisio nc se nza limiti. Per co nseguenza un. numero finito di co~c ricl1ieJ erc l:>IJe un nu n1erc>
infir1ito di clc111cnti di separazione.

cosa 1

cosa 2

cose
separatrici

cose
separatrici

L'impensabilit dello spazio. Se e iste ttn o pazio e


ogni cosa es iste nello spazio. co111c afferma no i delra cto ri di Pa r1n c nidc.
cose
allor<.l lo s paz io stesso,
separatrici
es endo ancl1 'csso una
/
cosa, dov rebbe esistere
in tan a ltro s pazi o, in
qtt a lc a s ua vo lt a d ovrclJbe esse re co llocato
in un altro spazio e cos
via, all'infinito.

75

F l ll) Ot= lt\

PRESOCRATICI

Sensazione

PARMENIDE, METAFISICA

Vedi anche Facolt dell'anima


cl linguaggio filosofico la sensazione designa gli elernenti, non ulterior111ente scindibili, della conoscenza sensibile provocati dall'azione disti1noli esterni su uno dei cinque organi
di senso. Il termine di solito distinto
da quello correlato e pi generale di
percezione, desig11ante l'insie1ne delle
funzioni psichiche che permettono a
t1n soggetto di acquisire informazioni
sia sull'an1biente ester110 si stillo stato
del suo essere (non esiste quindi una
'sensazic.)ne di se stessi', ma una percezione di s, sia come corpo sia come
spiritualit).
11 valore di verit cl.a attribt1ire a queste for1ne di conoscenza (solitamente
contrapposte alla pura conoscenza intellettuale) e la natura del processo percettivo sono stati due fra gli argomenti
di 1naggiore dibattito tanto fra i filosofi
del passato quanto fra gli scienziati moderni, in particolare gli psicologi della
Gestalt (4 ' ).

gnandosi semmai nel tentativo di migliorarne le prestazioni), con Parmenide inizi una sistematica critica e negazione. Secondo Parmenide il sapere percettivamente acquisito non supera il Livello della doxa (opinione personale),
1nutevole e inaffidabile: alla doxa si deve contrapporre l'epistenie, la verit oggettiva e ben fondata raggiungibile solo
attraverso il percorso intellettuale. Pertanto quando una verit razionale sembra porsi in contrasto con l'evidenza dei
fatti visibili, come nei paradossi di Zenone (-+), tanto peggio per questi. Eintelletto non deve farsi traviare dai messaggi p.r ovenienti da organi fisiologici
(occhio, orecchio), per loro natura fallaci e ingannevoli. Se si dovesse prestare loro fede bisognerebbe concludere,
per esempio, che la Terra piatta (perch tale appare 'a prima vista').

Platone, ponendosi in un rapporto di


continuit con Parmenide, consider la
sensazione solo come uno stimolo alla
anamnesi (il ricordo delle idee perfette
intraviste dall'anima nel mondo delle
idee: 4 ' Idea platonica).
La convinzione dell'inaffidabilit della sensazione and imponendosi in ambito filosofico, favorita anche dalla grande variet di teorie (fra loro incompatibili) elaborate per spiegare l'atto fisico
della visione. Solo Aristotele rivalut
l'atto sensibile fondando su di esso l intero processo conoscitivo; anticipando
in qualche modo le teorie dell'Empirismo ( 4 ' Empirismo: tabula rasa) moderno, afferm che non c' nulla nell'intelletto che non provenga, direttamente o
tramite rielaborazioni, dal senso.

In generale nel mondo antico fu prevalente i.l considerare la sensazione come


un processo passivo: vedere (o sentire,
odorare) sig11ifica registrare gli stimoli
provenienti cl.a ll'esterno cos come un
sigillo in1prime la sua for1na in un blocco di cera (o come, secondo un altro celebre esempio, l'orma di un piede si
sta1npa sulla sabbia).
Il primo attacco alla veridicit della
conoscenza sensibile coincise con la nascita del pensiero metafisico. Mentre i
primi filosofi, gli Ionici, pur non elaborando alcuna esplicita teoria al riguardo, sembravano non dubitare del valore conoscitivo della sensibilit (inge-

FJLOSl)flA

76

PRESOCRATICI
Pitagora ed Euclide arrermarono la tattilit
dell a se nsaz io ne visiva: dall 'occ l1io parto no
co ntinu ament e 'raggi visivi' c he e pl o rano
l'ambiente come le dita. Q ue ti raggi i })loccano c1uando incontra no un ogge tto , ment re
pro eguono liberamente nello spazio VLlOt<) .

GIi At <.l rn i ti (Democrito , Lucrezio) sce lser<> in\1 cce il 111c)cl cll o c.lcll 'odo rat()'. dagli oggetti ::ii _tacta nt) continLla tnentc fra1nm enti
i r1 ri n i t e i m i ( e i cl o I a ) d i 1n a te r i a . e h e i
<l1flt)11d<)110 11 cll <..) 11azio. Gli cillala St>no tanl <J pi cco li <la rist1ltarc si11golarn1cntc invisil1ili , rn a q L1a11clo fJt 11etrano ne ll'<)cc l1ic> i11111rc-sio 11,111 c) la rct i 11'1 co111 c t1na lastra fotogra fi ca. La c11saz ionc e c.1uincli un rroccs C)
l () l~1l111 c n l e r~~ i vo .

--

1(. .J.

/1 1 1

..

- :;

-------:
4

Di particolare compie it fu la lCl)ria clal1c1rata da Platone: la visit) 11c e frullo dell 'interaz ione fra i 'fuochi' pro'1 enie11ti da tre elc1nenti (l'occh io, l'oggett o, la ILtcc) . Plato ne
de c ri se ques ti ruoc l1 i co me un a s pecie d i
l'"eu111a ( ~ ) , una o ta11za ca lda e so ttile, p1L1
sin1il c all'energia che all a materia .
1

-1.

":.?""

Nel Me,dioevo finl co11 l'affermarsi una teoria inedia, irnpovcrita e co mpro1nissoria. Si
J)Otizzava che occ l1io e ogge tt o co111t1nicl1ino a1traverso efnuvi di na tura imprec isa ta
(gli ' piritcll i cl1c esco no <lai lurni ', cari ai
11oeti ciel Dolce Stil Novo). Quanto tale teoria
f<1 se ir1sodclisfacente risulta dall'ironica do1.11a11cla di Leo11ardo: quanti s piritelli d ovrcblJero t1scire da un occl1io cl1c contc1npla
un ciclo stell ato?

77

F ILt)"t)r l ..\

PRESOCRATICI

Elementi

EMPEDOCLE

Vedi anche Agonismo, Odio/Amore


OIJO

bollire di rabbia, infiammarsi per un


ideale, raggelarsi o mantenersi freddo.

che Talete aveva i11dicato l'ar-

D chi (i) principio pritno) nell'acqua,

Anassimene 11ell'aria ed Eraclito nel


fuoco, Empedocle pose come princpi i
q11attrt1 corpi semplici, aggiungendo ai

tre so r-)ra 111enzior1ati anche un quarto


elcr11ento, cio la terra. Oltre ad assu111c re in blocco i quattro principi, iniziando cos il pluralismo ontologico
che sar svilup11ato poi da Den1ocrito
C()Jl l'A L0111is1no (-,,. Atonio), E1npedocle
ne qualific diversa111ente la natura. A
differenza dell'a1cl1 nella riflessione io11ica, c'h e si trasforma per dare <)rigine a
Lt1Lt e le cose, i suoi elem.e nti (cl1e prefc1-i cl1iamare radici dell'essere) rin1angc)no sempre qualitativamente stabili e
i11altcrati.
Le quattro radici sono eterne e ingen erate, <<11on soggette a divenire se non
]Je r aumento o diminuzione di quantit, c1uando si congiungono in una
u11it o si sciolgono da essa>>. La variet
delle sosta11ze 11aturali spiegabile con
un d.iverso assem bi aggio dei quattro
Cl>1nponenti di base e tutti i fenomeni
del divf!f1ire ( __.,) tramite il loro riunirsi ,
o separarsi.

Ciascun elemento coincide solamente


in par te con la materia di riferi1nento.
La radice 'fuoco' qualcosa cl.i pi e di
diverso del semplice processo di combustione, perch comprende una vasta
gamn1a di fen.omeni naturali: la fiamma,
la luce, il calore, la temperatura corporea (febbre), la fermentazione biologica,
.
e COSI via.
Persi.n o determinati sentimenti presentano una connessione con il fuoco:
l'animo, soprattutto in un individuo f ocoso, pu accalcJrarsi, ardere per amore,

Secondo 'E mpedocle persino le qualit


psicologiche dell'individuo dipendono
dalla sua composizione elementare ..
Il talento mostrato da certuni pe.r determinate abilit si spiega con una perfetta combinazione degli elementi (crasi) nella parte del corpo coinvolta. Il
buon oratore possiede una 'crasi linguistica' (una lingua particolarmente adatta all'arte del discorrere), il pittore una
'buona m.ano', il calciatore una 'crasi del
piede' particolarmente efficace.
Privata dei riferimenti metafisici attribui tele da Empedocle (che del resto
non rifiut una connotazione mitologica, vedendo Zeus nel fuoco, Era nella
terra, Edoneo nell'aria e Nesti nella terra), la dottrina dei quattro elementi fu
recepita dal mondo greco come una
fondamentale teoria scientifica e divenne l'assunto di base di una vasta gamma
.di dottrine, come la medicina degli
umori ( __.,) o la stereometria (--+) di

'

FlLOSt)flA

Pi che una sostanza specifica le radici


indicano una condizione della natura:
l'aria comprende tutto ci che allo stato gassoso (quindi anche un carattere
'leggero'), la terra ci che compatto e
solido, l'acqua tutto quanto almeno
potenzialmente trasformabile allo stato
liquido, compresi quindi i metalli la cui
fondibilit si spiega con una (invisibile)
componente d'acqua. La nebbia e il vapore acqueo, invece, rappresentano manifestazioni dell'aria,
il
ghiaccio
della
.
terra.

Platone.

78

PRESOCRATICI

aria
fuoco
fuocll

J t qud

Ierra

acqua
terra

L'idea cli c la natura s ia spi egab il e co me


composizio11e di clcn1cnti base presente in
cttltttre differenti . Ne i templi tibetani (sttl fJa) la sovrapposizione delle form e al.lud e
alla terra , all 'acq ua , al fuo co e all 'aria. La
rnez_zaluna indica il legno, cl1e la ct1ltura cinese asst1m c co me c1uinto ele111cnto. Rift ri 1ncnti ai quattro elcn1 cnti si trovano anche
11clle decoraz ioni della cer,1mi ca greca, 11cllc forme stilizzate riprod() tle a clestra.

J.11

Jt.1~

CO!olTR.A.

~
JlV.NJJIVS

"

La tras fo r111a zio nc d ci quat tro cle me nti,


imboleggiati cla qt1atlro ani rnali , in tt11'im1naginc ~1 lc h c mi ca cl XVl secolo.

Di o crea iI mond o a t trave rso la co rnbin az ione


dei quattro clc1nenti (XVl
seco lo) . L'ic.lca cl1c la natttra in tu Lte le stie manifes taz ioni sia pi egab ile
attraverso una particolare
niesco lan za dci qu a ttro
irridu cibili e le me nti di
ba se ha avt1to dignit
scienti fi ca fin o all 'i 11 i zio
del seco lo scorso, cio fi no alla scoperta dell'o ige no e alla co nsegue nte
nascita della clumica modcr11a.

79

PRESOCRATICI

Odio/Amore

EMPEDOCLE

Vedi anche Agonismo, Elementi, Umori


dell'Odio produce una frammentazione
generale: nel caos pi totale gli elementi non riescono pi a compattarsi in cose specifiche. La vita invece possibile
nei due stati intermedi in cui si contrappongono (equilibrandosi) i due
princpi contrapposti: la dottrina di Empedocle celebra cos filosoficamente il
valore dell'agonismo.

ect)ndo Empedocle il perenne dive- nire ( - ) del n1ondo scoperto da


Eraclito prodotto dall'interagire di
quattro elementi o 'radici dell'essere':
terra, aria, acqua e fuoco. A differenza
dell'arcl1 (->) degli Ionici, cl1e si tra.sfo rr11a qualitativa111ente nel dare origin e al mondo, le radici sono eterne, im111utabili, qualitativamente inalterabili.
11 n1ovi111ento (il divenire) dipende infatti dall'azione di due forze cosmiche,
fra loro si1111netriche e contrarie: l'Amore (An1icizia) 'ci che tiene assieme', che tende a unire fra loro i quattro
e1c1nc11ti~ l'Odio (Discordia) 'ci che
tende a separare'. Non vi alcuna connotaz io11e di tipo morale in questa teoria: Atnore e Odio sono forze naturali,
fisiche e oggettive, di natura divina e
di1nc11sione cos1nica (non sono affatto
sinonitni delle nozioni cristiane di 'bene' e 'male' ).
Secondo Ernpedocle sia l'Amore sia l'Odio sono necessari affinch si realizzi la
vita. 11 ciclo cosmico del mondo, che si
sviluppa e n1uore secondo un principio .
di eterno ritorno ( ~), prevede il susseguirsi di quattro fasi . Nella prima il dominio assoluto e incontrastato del principio di Amore produce la pi perfetta
unit: la vita non ancora possibile poich tutti gli elementi sono unificati, legati fra loro nella pi completa armonia
(che anche impossibilit di movimento). In questa fase il mondo uno Sfero (->) parmenideo, compatto, omogeneo, uniforme e necessariamente sferico, poich la sfera fra i volumi quello
che gode della massima compattezza. La
vita non possibile neppure nella condizione contraria, in cui il predominio
FILOSl)FIA

80

Dalla teoria delle quattro radici e dei


due principi cosmici deriva la dottrina
empedoclea della conoscenza, secondo
la quale 'il sitnile conosce il sin1ile': percepia1no l'elemento terra nell'ambiente
circostante solo perch anche noi siamo
fatti di terra; percepiamo l'odio e l'amore perch le due forze antagoniste sono
compresenti in ognuno di noi.
Da qt1esti presupposti Empedocle deriv anche una teoria della nascita dell'uomo, che in qualche modo prevede
l'idea di evoluzione. A detta del filosofo
la forma attuale degli esseri umani il
prodotto di una progressiva selezione:
agli inizi dell 'a ttuale ciclo cosmico,
quando l'azione dell'Odio iniziava a disgregare lo Sfera originario, le membra
che compongono gli esseri viventi vagavano nel cosmo fra loro distinte e separate. Cos per esempio vi era un naso di
bue lontano e indipendente dalle corna
e dalla coda. Sotto l'effetto di Amore
queste parti iniziarono a unirsi casualmente, dando origine ai mostri (un naso di bue vagante nello spazio poteva
unirsi con un orecchio, una bocca o
qualsiasi altro organo). Solo dalla selezione di queste forme originarie (molte
delle quali scomparse perch inadatte a
sopravvivere) sarebbero nate le attuali
specie animali, nonch l'uomo.

PRESOCRATICl
Dipi nt o d i tin o c1aman() n1 c ica 11 0 . Empedoc le fu Lt na figu ra a
n1e t tra<la f rJ la fi lc>o fi a e l'a nti ca trad iz io ne c ia ma n1 ca (
Seia111anesimo ). <)no g 1a iato , u n te 111po, farl Cllt ll o C far1 cittl la , a r l1 Lt~ t o , uccc ll <.1 e
111utc) pc cc elci 1na rc
affern1ava , 11on 11 ega n <losi neppure un orig111 e LIi v i n a : << D a q tt a l 1
o nori , d ::l (ILtalc altezza
di felicita 0 110 caduto
per e rra re qui , s t1J l,1
Terra! La vi il1 nc e 1n petlt)c lea clellc pio ione dcl corpo, della <l1 r>rrsionc clcll c men1b ra t1111anc nell<1 SJJaz io. citata e raffi gurata to11 f ret1uenza (lagli cia man i.

La m itl logia greca non ebbe t1n ~1 parti colare


pro pens io 11 c <il l'in ve n zio ne di es. e ri motrtttlsi (la Gt1 rgo nc tlna delle lJOc he eccezioni). I G ree i elaboraro110 i 11vcce u 11 a ri cca
antro po logia relativa alla n1 o~ trt1 osi t , i111111agi11a11do l'esistenza cli pO])Oli 'anormali' nelle
terre pi lo nta ne. Da sinis tra: lo sc iapod e,
due bi cefali , u11 ace falo e un cinoce ralo.

La teoria 'evo lutiva' cli En1pedocle giustificava

le malfo rmazi o11i genetiche e st1ggcri va l'esis tenza di mos tri (esse ri an co ra i in pcrfcttan1cnte assemblati ). La cultura greca prevedeva
l'esistenz'' ai co nfini del n1ondo cli siffatti popoli, fra etti quello c.legli Sciapodi , esseri dotlti di un so lo piede n1c1 ta11to grande d l po ters i
t1 are co111e ripc.1ro dal sole( - > f issis1110).

81

F ILOSOFI. \

PRESOCRATICI

Umori

EMPEDOCLE, MEDICINA

Vedi anc11e Elementi, Odio/Amore, Agonismo


corrispondenti rispettivamente al caldo,
al freddo, all'umido e al secco.
Gli umori si rendono visibili e possono quindi essere analizzati dal medico
nei sottoprodotti liquidi espulsi dal corpo, sulla cui analisi si basava quasi
esclusivamente la diagnostica antica: il
vomito (che mostra nella sua parte acida la bile gialla e nella componente
amara la bile nera); lo sperma in cui
osservabile il fle1nma; il sangue e anche
la saliva, gli escrementi, le lacrime, il
sudore, il catarro, con particolare riguardo per l'urina (l'esame della quale
rimase sino all'epoca moderna il pi i1nportante svolto dal medico).
In questa concezione medica il prevalere degli umori freddi (dovuti a un eccesso di bile nera e flemma) predispone
a malattie croniche; un eccesso di sangue o bile gialla a forme acute di patologia. Il ristabilimento dell'equilibrio era
raggiunto con interventi di tipo riduttivo: salassi (per diminuire la forza del
sangue), sostanze purgative, sudorazioni, espettorazioni, vomito, ma anche con
una dieta corretta e un giusto rapporto
con l'ambiente. Gli umori, infatti, mutano in stretta relazione con la nutrizione,
la respirazione e la qualit della vita; dipendono dal rapporto fra il corpo umano (un microcosmo: ~ Microcosmo/ma..
crocos1no) e la natura, il tempo, la storia.
Lequilibrio da cui nasce la salute, prima
ancora che fisiologico, ambientale, dietetico, ecologico e persino politico. Una
delle massime pi note della medicina
ippocratica afferma infatti: <<La democrazia produce cittadini sani, la tirannide sudditi malati>>.

laborata in connessione con la teoria dei quattro elementi, la dottri11a


degli uniori costitu la base della medicina e della psicologia anticl1e. difficile stabilirne la paternit, perch si venne S \ iluppando , a poco a poco, per apporti st1ccessivi.

Ai Pitagorici e alla loro n11merofo ..


gia ( ->) si deve il principio base della
divisione tetradica : quattro sono le
stagioni dell'anno, le et della vita (infanzia , giovinezza, inaturit, vecchiaia),
i 1)u11ti focali del corpo (cervello, cuore, 01nbclico, fai)()) e dell'ani1na (i11tellctto, intelligenza, opinione, sensazione) . Nel V secolo a.C. il medico pitagorico Alcmeone di Crotone aggiunse
u n a n uova fonda n1 e n t a Ie quaterna
(freddo, caldo, umide), secco) ed enunci() il pri11cipio ft)ndarnentale della inedicina antica: la salute una condizione di p,-oporzione ( - >), una ben equilibrata mescolanza fra queste quattro
qt1alit; la malattia il predominio di
una sola. Ogni patologia (con la sola
esclusione dei traumi) era quindi con-,
siderata una for111a di disequilibrio interno del corpo; l'ipotesi alternativa che
vede nell'infermit l'effetto di un'aggressione patogena esterna si afferm
solo in epoca moderna.

Il medico Polibio, genero di Ippocrate


(Stilla natura dell,uo1no, 410 a.C.), pose
in relazione i quattro princpi universali
con gli umori, quelle sostanze fluide che
circolano nel corpo con modalit strettamente dipendenti dalla sua fisiologia:
sangue, bile gialla, bile nera, flemma,

FI LOSOFIA

82

PRESOCRATICI
Nella s tampa riprodotta dc l Durcr, un'in1magin c della malinconia , e rappre c11Lata la partico lare co ndiz io ne d.1 dc prc5 iclnc psich jca causata, cco nclo gli a11 ti cl1i,
cla un cece o d i l)tle. Si pe n a a c li c 13
n1alin co11ia fo se a S<)Ciata a una fc> rt c capacita crea ti va : era la pato}(>gia tipica degli uomini di gei1io ( ) .

..

.,

~G

...

Fro11tcspizio di L111 tratt ate) dcl 1628 in c t1i \ e11go110


descritte va rie 111alattic cll'u() lll O ( 111i c rocc)~ 1n t> ) in re1,1zic) nC agli tlSlri ( 111l1cr oc c>s111 0) .
1

Stilla IJase clella do ttri11a Llcgli Ltm o ri l'<llltica n1ed ic i11~1


co trLtl Ltna psico lc>gia dci tempera111enti. Tutti g li indi\1icl ui ono inca cllal)ili in qLtattro ti pi fc)11damcntali . Oltre al mali ncc.1 11ico ( f rccJ<lo. secco e in tahile, sp csso dc11rcsso 111a i11tcllcttua l1ncntc clotato), cli etti si e gi a clcLLO, erano definit e le ti pologie dcl collerico (caldo-secco. con Lln ccccs o e.li bile giallt.1, act1to t r1erspi cacc , co rri p(> 11dc nte
nl fu<)CO, all.'cstatc, all'adc1 lcscc11za), dcl nemmatico (frccJdo- L1n1ido, pigro c. au tun nal e) e de l s anguigno , caldo-t11nido. A qttcst'ulti1110 co rri f)Onclo no la sc 111 plicita e la tolt czza u l pia no J)- ico logico, l'ari a, la prin1ave;-a e l'infa11zi"1 ttl piano na tLtralc n1acroco 111ico.

83

FtLO'-()rl.

PRESOCRATICI

Atomo

DEMOCR.ITO

Vedi a11cl1e Plenum-vacuum, Determinismo, Materialismo

telligenza, il p11eit1na ( ~ ). Secondo Democrito, che 1nanifest sempre un


pr<.)fondo disinteresse per i problemi
teologici, religiosi, politici e sociali , persi no gli di sono composti da queste
particelle particolari, sottilissime, leggerissi1ne e mobilissime. Ancl1e lo spirito,
infatti, fatto di atomi, una materia
psichica. Si tratta della prin1a affer1nazio11e filosofica del Materialis1no: tutto
l'esistente, senza eccezione , spiegabile
con una co1nbinazione delle specie ato111iche fo11da1nentali.

1 tentati\ 0 di risolvere i paradossi di


Zl"l10te (- >) , cl1e nega van<.) l'esistenza
del 1novi111cr1to e dello spazio, sugger a
Democrito l'idea che vi sia u11 li1nite inst111erabile nel la i\1isit111e de Ilo spazio e
della inateria: il frazionamento prt1gressivo co11d tic e a tt 11 a-lono (lettera l mente tin ele111e11to se11za di\risiote) oltre il
qu ~1le non si pu anelare.
P<.1ich 11<.)n pu> essere rotto n avere
parti , frazi oni o distinzioni fra interno e
s tl p e r f i e i e , I 'a t <.1 111 o i n d i s t r u t ti }) i I e e
qLtindi i1nmutabile e omogeneo: ft1ori
da og11i ciclo di trasfc1rmazione, estra11eo al diver1ire ( _,.), etern.o e i11ge11erato. A parte la n1olteplicit (gli atotni seconc.ltl Dcrnocrito son<.1 i11finiti) mantiene con tutta evidenza le caratteristicl1e
dello Sfero, l'Essere Unico predicato da
Parmenide.

Nell'Ato1nismo evidente l'influsso clella scrittura alfabetica, la cui diffusione


raggiunse il culn1ine nella seconda met
del V secolo. Gli atomi, infatti, si co1nbinano fra loro come le lettere dell'alfabeto, assumendo un particolare significato a seconda della posizione in cui
vengono a trovarsi rispetto al co11testo.
In definitiva tutti gli enti naturali dipendono:
dalla forma degli atomi che li compongono, cos corne la lettera A differisce al la lettera N;
dalla loro posizione, poich lo stesso
ato1no svolge un ruolo diverso se posto
in orizzontale o in verticale, cos come
la lettera N ha un significato diverso
dalJa Z;
dal loro ordine. La sequenza atomica
AN differisce da NA, cos corne le parole ROMA, RAMO, MORA, AMOR. 1n
questo nlodo un numero ristretto di atomi pu spiegare la complessit della natura, cos come bastano ventuno lettere
alfabetiche per creare tutte le parole.

GJi ato1ni non 11an110 colc)re, te1nperatura o altre propriet sensibili; la 11alt1ra
de Ile sostanze di pende solo dalla loro
forma. De1nocrito spieg le differenze
fra i quattrt1 elet1ei1ti (terra, aria, acqua,
ft1oco: ~) i11 base alle caratterislicl1e for;1na]i degli aton1i che li co1npongt)110. Il
fuoco e tutte le manifestazi()ne del calore so110 dati da u11a configurazio11e pirami<lale, instabile e volatile di un certo tipo di corpuscoli; l'aria, i gas e i vapori
so no costi Ltl i t i da a t o tn i es ago n a I i .
Quelli pi scivol<.)Si e rotondi forinano
l'acqua, mentre i pi stabili atomi cubici costituiscono la terra.
Ai quattro elementi ne va aggiunto un
quinto, l'etere, la sostanza materiale che
forma il mondo celeste, il pensiero, l'in-

F1Ll)S<.)FIA

84

PRESOCRATICI
Differenti tipi di atorno in <lLie illu traz io ni 111odcrne. Dem ocrito pi cga\1a il fcnome110 della coesione dci corpi (la
fo rza c he rnan Lic11e Lt 11ita la 111atcria) i 11 bG1 e alla pa rticolare fc)rn1a di ur1 ce rto tipo di aL0 111i ca paci di aLL<-1ccar si gli
t1ni agli alLri .

Da Q11 (l cle: rt 1<J cl1 c111111111 t i d 1 P.


Klee : 11ci Ul) co r o d1 fil o l1lia
de ll'arte prc o 1 ~1 celebre tLl {)la tedesca ciel Ba L1 l1aL1 ~ il ptttl)rc Ll il\'a qt1c to chcn1J per illt1 trare il c.011ce tl t) <l1d ivi ibi lit p rogre iva dell o ...,pa::1c.
La s t c a trL1ttL1r a , co n aggi tin l a dcl c.o lo rc e c.11 JlI re 11.. rmc (J\' rapJ)l1 te , e ri 11Lrt.1 cc1,1l)1Ie i n

ln C.) I t 1 d e i

u l) i d i r i n li .

R~lpprc c11Lc_1:::ion\ tlcll 'ato1110

cli
N. Ha r tsoe ker ( 1659- 1 725 ).
La ri1)rc a c.J cll 'a nti co Ato 1ni1110 f Lt un a co n1r o 11 cn tc im p o r t ~1 n Le d l 11 a r L o I u z t o 11e
cicnt il ic(l modcrnJ . Ne l 1696
11 naturali La c it at o. un o c.J c1
prin1i ci enziati cli c - j J\'\alsc
ciel n1icrlJ Cc) pio , creclcttc c.J1

ra\\i are quc te fr1rm c nell e


parti ce lle 111 ateri al i , c lc111 cnLi
m ini 1n1 e aLon1ici c.lell(; 111,1tcria .

'

'

...

85

..

PRESOCRATICI

Determinismo

DEMOCRITO, ATOMISMO

Vedi anche Deduzionismo cartesiano

pli.c itamente atea, il Determinismo risorse con grande forza all inizio dell epoca moderna (dal XVII al XIX secolo),
in stretto collegamento con la nascita
del Meccanicis1no (- >-). Ai primi scienziati moderni infatti la dottrina democritea parve il migliore strumento teorico per liquidare le concezioni animistiche, magiche o finaliste della natura.

1 princiJJio filosofico e scientifico del


Determinismo affern1a che fra tutti i
fent1n1eni <lella natura esiste una connessione necessaria basata sul principio
di cattSa-effetto ( ~ ) . Nella storia della
fil osofia la teoria contraria al Determi11is1110 n on s tato tanto l'Indeterminismo, ossia l'idea che non esista alcuna
ct1n11essio11e fra i feno1neni e cl1e tutto
a\ ve nga per caso ( ~ ), quanto invece il
Fi11alismo , l'idea che la conn essione
esist a in virt r1on delle cause (sempre
per lo ro natura relative al passato), ma
d el fine cui ogni cosa tende (il Finalis1110 ap1)lica all'i11tera realt il carattere
i11tenzi onal e e diretto a uno scopo tipico delle azioni u1nane) .

Secondo Democrito il principale meccanismo attraverso cui la materia tende


a strutturarsi dato dall'azione dei vortici. Anche se spesso in disaccordo sulla reale dinamica di questo processo
(nello stabilire se, per esempio, vi prevalgano le spinte centrifughe o centripete), il vortice, per le sue caratteristiche di automaticit e necessit, stato
valorizzato dalle concezioni deter1niniste di ogni epoca.
Nel XVII secolo Cartesio ricorse ancora a questa nozione per spiegare una
variegata serie di fenomeni, vale a dire
il moto planetario, la gravitazione, il
magnetismo.

La pri111a fo r1nulazione d ella dottrina


d e te rn1inis tica avv e nne per opera di
Democrito n e ll' a1nbito dell'Atomismo. Gli atomi, puramente n1ateriali,
sono indipe nd e nti e indifferenti allo
spazio cl1e attraversano; il 1novi1nento
e l1e 1i agita costituito da processi aulo tna tici, freddi, impersonali e necessari . Il 1no11do ben determinato nei suoi
meccanismi ed quindi razionale: tutto ci che avviene l'effetto di una cau.
.'
sa precisa e se c10 spesso non appare
evidente solo per via della nostra
ignoranza. Gli atomi tuttavia non hanno scopo, n fine ; il loro agitarsi non
frutto di un progetto, dell'intervento di
un ,intelligenza superiore o di Dio . Il
111ondo non evolve verso alcuna meta,
non governato da alcun principio
esterno e fondamentalmente non ha alcun senso.

Non esiste un principio guida n una


destinazione finale nell'azione di un
vortice, solo conseguenze non programmate da alcuna forza o capacit direttiva esterna. Perch si formi un vortice necessaria solo la presenza di uno
spazio vuoto: gli atomi vi accorrono in
massa, si scontrano e danno origine a
un moto rotatorio; il mulinello spinge
gli atomi pi leggeri alla periferia, quelli pi pesanti al centro, li comprime,
formando entit compatte che danno
origine ai corpi, e cos via. Anche se
nulla ha un fine, tutto avviene sempre
per necessit.

Osteggiata durante il Medioevo, per il


sospetto di essere una concezione imflLl) OFIA

86

PRESOCRATI CI

....

./

La n asc ita d e ll 'uni ve rso illus trata 111


que.st1 d isegni dal pitt ore contcn1po ra11eo P. Klee ripete la co11 cezione demo.
cri tea:
il tutto ir1izia con uno ~ tato d i caos i11
cLti gli a to111i vo lteggiano Ln tLtttc le d irczio 11i cos C() rn e il ~) Ltl,, isco l o at1n orcri co vis ibile rn un raggio <li ole clic
passa attravcr o le fi11 e tre (a inistra) ;
- da questo 1nc)tO prirnigeni o si origin a
ttn n1cccanismo, il vortice, cl1 e ordin,1,
d ivid e e struttura la 1na tcri a ino a Ila
i11di,1 id uazo11e dei cor1Ji (a l ce 11 tro);
- al moto vorticoso i d eve l'aggrega rsi
()egli atomi 111 co111plcss i ad a lta dcr1sit, va le a dire gli incli viclui e le cose (a
destra) .

L'im1n agine mitologica clcl Caso: Mercurio, C<)n quattro a li , so rregge la bilancia con una la1na e poggia un piede
<;Lt Ltn a pelle.

Aton1ismc), Dctermin is rno e dottrina de i \'Ortici tornaro


ITI Ono di grande attttalit con 1,1 nascita della scienza
clcrna nei seco li XV I e XV II. L'in1magine mostra i \1ortic1
che secondo gli scic11ziati cartesia11i ric1J1pirebbert) tutto
l'u11 iverso, determinando il 1novi mento dci co rpi cclc ti.

87

f-1 Ll)Sl1fl ,\

PRESOCRATICI
iiiiiiiiiiiiiii- i

Sofisti

PROTAGORA, GORGIA

Velli anche Umanesimo socratico, Enigma


Sofisti (letteral111ente, in greco, 'sa-

ne. Tuttavia l'asprezza dello scontro che

! pienti') negavano l'esistenza di una

oppose i due filosofi ai 'sapientissimi'


aveva anche altre spiegazioni. Il movimento sofista infatti rappresen tava qualcosa di assolutamente nuovo nel modo
di concepire !,attivit del filosofo, che i
Sofisti intendevano non come una ricerca (dato che non c' alcuna verit da trova re), ma come una professione, per
giunta molto lucrosa. I maggiori proventi venivano dalle lezioni di retorica ( _.,) offerte ai giovani ateniesi interessati alla carriera politica. All'occorrenza i Sofisti si trasformavano in logografi (letteralmente ~scrittori di discorsi'), svolgendo C()mpiti che oggi competono al g11ostw1 iter (lo 'scrittore fantas111a' cl1e prepara i discorsi degli uomini
politici) e all'avvocato. Nei tribunali ateniesi ognuno doveva difendersi da s, e
gli imputati dal non facile eloquio si li1nitavano a leggere l'arringa preparata
dal logografo.

verit esterr1a e indipendente dalle controversie umane, sostenendo le tre tesi


di fondo.
11 fenomenismo (-->-): la realt non
conoscibile in se stessa, ma solo nelle
sue appare11ze (fe11omeni).
Il soggettivismo, o relativismo~
qttalsiasi conoscenza dipendente dal
soggetto.
Lo scetticismo: impossibile decidere sulla verit o falsit di una proposizic)ne qualsiasi.
Qt1este cc.1ncezioni ft1rono magistralmente sintetizzate da Protagora, nato
ad Abdera nel 491 a.C., in una celebre
sentenza: <<!?uomo misura di tutte le
cose. In quanto le cose appaiono a me,
tali sono per me; in quanto appaiono a
te, tali sono per te>>. Per co11seguenza
esistc.1no solo opinioni, non verit: ciascun soggetto giudica sempre in base al
proprio 'vissuto', senza alcuna possibilit di costruire un discorso oggettivo.

Un'altra peculiarit che Socrate consider scandalosa era la commistione di


filosofia e spettacolo. Questi 'professionisti del pensiero' amavano esibirsi
in pubbliche di1nostrazioni delle loro
capacit: si sfidavano a improvvisare discorsi estemporanei su un tema posto
dal pubblico (confereriza quodlibetica),
oppure si cimentavano in gare di eloquenza o di memoria. Lo spettacolo
preferito dai Sofisti era quello delle antinomie: consisteva nel persuadere
dapprima gli spettatori di una qualsivoglia tesi, con argomenti convincenti,
per poi sostenere con argomenti altrettanto validi la tesi contraria (dimostrando in questo modo l'opinabilit di
qualsiasi teoria).

Gorgia, nato a Lentini (Siracusa) neJ


490 a.C., and ancora oltre, e travolse in
un'unica 011data nichilista (-->- Nicl1ilismo) sia l'ontologia, affermando che
<<nulla esiste>>, sia la gnoseologia, affermando che <<se qualcosa esistesse non
potrebbe essere pensata>>, sia infine la
log.i ca (e la stessa possibilit di una cultura): <<Se qualcosa esistess.e e fosse pure pensabile, non sarebbe comunque comunicabile in alcun modo>>.
I..:invito sofista a credere ci che si vuole, comportando la dissoluzione dell,idea stessa di verit, provoc la forte reazione prima di Socrate e poi di PlatoFILOSOFIA

88

PRESOCRATICI
L,idea di Protagora cl1 e l'uo111 0 ia la
'111isura di tulle le cose' fu trad izio nal111c n tc rappre c nta la d L
1ll a figura di
Atlante che sorregge ull c SfJallc l'intero univerS<.). Spt.1 tando per la pri111a volta la ri cerc;i dal 111o ndo naturale all'uo1110 i So fi ti i111pressero u11a svo lla decisiva al nasccn te pensiero fil oso fi co, co nLribLt e ndo a I la nascita <l e II'urt1t1r1esirno
socratico.

--

Hic C4ntttrrant't Lunam,Souf'[; lahorts


.,,lr8uruq;,pluuiefq; h1ad.g'iinofiJ; triot1

La pc) lcn1ica innescata cJalla professionalizzazione della filosofia ir1augt1r:ita tlai


()fi ti (che concedevano il propri() in. cgnan1cnto so lo a r>aga n1cnto) e lcsti1nor1ata clnllc nt1111crt) e caricn tttre tti clipi11ti va colari. I 'sa11icntissi111i ' a p~1a i o n o cor1
il cra11io rigo11fio su ogni lato , c1t1asi sul
punt o di sco ppiare per i tn11ti e prof011 cli
pensieri che vi albcrga110.

li dt idcri o <li tupirc l'ud itoril) co n te i cccentri cl1e, t Lpico dci -o ri sti . sp in e Gorgia a -cri\'crc l' E11cc1111io lii
Elc11l1, u11 IJreve saggio i11 cui soster1 c,a la no11 cc>lpc,'olczza dc ll<l dor1na cl1c con il t1 0 ac.l ulterio a\' C\ ':t provocato la guerra di Troia. L'argomc nt() di Go rgia e tipica111ente sofista: Elerl.a ft1 con\ inta a tradire il m:1rito tvle11clao dalla retorica di Paride (il diseg.n o ri pre11tle <la una
ce ra n1 i ca la sce n a i 11
etti il gio\1 a11e principe spartano co nduce
co n s la clo nna): le
parole infatti hanno il
potere di trasci nare
cl1i le ascolta, affascir1andolo sir10 a farg li
perd ere il co ntro ll o
di se st esso. L'::lrte
del la parola co 11 divide con la rr1agia ( )
la capacit d sedurre
e rnanipolare le 111er1t i , privar1dole d ell a
volont.
1

89

F t Ll)~

) ft.'\

SOCRATE

Socrate silenico

ESTETICA E VIRT

Vedi anche Maieutica, Sofisti

senso moderno, ossia un'immagine tesa a caratterizzare una personalit individuale, sarebbe stato giudicato sconvenie11te, un'infrazione alle regole della civile convivenza.

sser\'t.l11do le statue erette in onore


- dci {.ilosofi presocratici si colti da
ttna strana i111pressione: i loro volti sono
tutti si111ili e chiara111ente dipende11ti da
rigide 11or1ne con\1e11zionali, per esem
JJ IO ra1Jprese11tano se111pre un anziano
(po ic l1 l'et della sapienza la veccl1iaia: - > 01nero) . Le cattse del feno111e110 sono 1nc.1 lteplici. ln primo luogo questi ritratti furon o scolpiti solo molto
te111po dopo la i11orte dei filosofi , quando ci c), a partire dal V-IV secolo ( - > Elle11is1no ) , incc.11ninci a svilupparsi l'interesse per il loro aspetto fisico. logico
q11ind che ncss11no ricordasse pi le carattcristic.:l1e di uomini morti da oltre un
secolo. ScC()11dariamente questi ritratti
non avevano affatto lo scopo di celebrare l'indi\1idualit personale, ma quello di
riprodurre in un esen1pio specifico le
fattezze ideali del buon cittadino. lo
stesso principio per cui anche le statue
degli atleti vincitori alle Olimpiadi, pur
in11Jr<.)ntatc a un diverso inodello, si asso111igliavano tutte fra loro.
Ancl1e se di et avanzata, il cittadinofilosofo non affatto brutto, a11zi l'in-.
tensit dello sguardo e le fattezze regolari del volto esprirnono sempre una vita vissuta giustan1ente e nel rispetto
delle regole sociali. Le convinzioni fisiognomiche (-+ Fisiogno1nica) dominanti prescrivevano per questa figura
sociale una fronte ampia e spazi~sa, occhi profondi e penetranti, barba veneranda associata a incipiente calvizie e
sopracciglia corrugate, segno di intenso sforzo mentale.
In ogni caso fino agli anni seguenti la
morte di Socrate un vero ritratto in

FtLOSl)f lA

Solo su questo sfondo si pu apprezzare la sconvolgente novit del ritratto di


Socrate scolpito appena dieci, vent'anni
dopo la sua morte (399 a.C.) In evidente contrasto con l'ideale etico-estetico
della halokagatia ( - >) aristocratica, per
cui nel buon cittadino devono coincidere sia la virt sia la bellezza fisica (o altneno la cura del proprio corpo tramite
la ginnastica e la danza), Socrate descritto in termini derisori, tali da richiamare le fattezze di un sileno (essere semi[eri no seguace di Dionisio, sfrenato e
dedito al vino): il volto piatto, gli occhi 'bovini' e sporgenti, il naso piatto e
schiacciato, corto e spesso , la testa calva e l'attaccatura delle orecchie straordinariamente alta.
Si sa che Socrate era realmente molto
brutto: piccolo di statura, tarchiato e di
pancia pro1ninente, curvo di spalle e trasandato nel vestire. Egli stesso non
1na11cava di ironizzare sul proprio aspetto, tuttavia la cosa straordinaria cl1e il
ritratto non idealizza, ma esibisce questa bruttezza, in evidente contestazione
dell'etichetta iconografica e dei valori
morali tradizionali. All'arcaica etica aristocratica fondata sull'estetica del corpo
l'immagine di Socrate (come del resto lo
stesso filosofo in vita) contrappone
un'etica dello spirito, una ricerca della
verit indifferente o addirittura ostile alla bellezza materiale.

90

SOCRATE
Un ritratto di Socrate. La prima descrizi one di
Socrate nella commcclia Le 11uvo lc cli Aristofane: un illLtSO inorto cli fan1e cl1 e gira a piedi nudi fissanclo provocatoriarnente i passa nti , palli <lo, smu11to e trascuralo, con i capelli lungl1i e
incolli. QLtesta derisi<)nc dell'aspetto fi sico ave''a }Jc r i Greci un sig11 ifica to diverso dal nostro,
co1i:1portanclo un gi ttdizio negativo sulle qualit
111orali e civili della perso na. D'a ltra parte i di scepoli di Soc rate ribaltaro no qu c to criterio
trasforn1and o la bruttezza dcl n1acstrc.> nella di1nostrazione <lella sua dottrina: unt1 pirito 110l1ile pLt alJitare anche in ur1 corpo co rrotto.

...

Un'al tra i111 rnagi11c cli cerate ilt nic<.1' clc ll'et<t cli Traiano.

<.1cratc e Dioti111a (da Po mpei, I seco lo


.1.C.) f\11c l1c in qu esta rapprese ntaz ione
ocratc j)OSsiede tutti i caratteri clclla sua
j) r0\ erbi<1le brt1ttezza: a petto tarchia to e.
fJesa ntc, pa11 cia pror11i11cnte, e cos via.
Ne l Si1111J<>Si<J (Jlatoni co Socrate racco nta
cli esse re stato iniziato ai segreti clell'a more da una do11na tebana, cli t1omc Diotima. La vicenda a\' CVt\ per i Grec i t111 a pett o di ecce ntricit t l1e sfLtggc al lr ttore n1 odernc.): co nstiltarc ttna <lonna s t1
quc tio11i fil osofi cl1e era t111a bizzarria intell ettuale che poteva essere attribLLita so lo a ttno slra, aga nte antico11formista co me Socrate.
1

91

F I LO ~l

1- 11\

SOCRATE

Umanesimo socratico

L'UOMO

Vedi a11che Ironia, Ti esti


mo momento di contatto fra filosofia e
coerenza di vita ( ~).
Per questo motivo il problema logicometafisico della definizione concettuale
(ti esti), l'aspetto della predicazione socratica pi sviluppato da Platone, solo una delle linee di sviluppo che partono da Socrate, anche se storicamente la
pi importante. Un folto gruppo di discepoli, i cosiddetti Socratici minori ,
prefer interessarsi ai contenuti eticoumanistici del pensiero del maestro, sviluppando temi che nel giro di due generazioni saranno ripresi poi dalle scuole

opo un giovanile interesse per le


questioni scientifiche, Socrate
co11centr la sua attenzio11e sulle proble1naticl1e dell'uomo, assu111endo co111e proprio il celebre 1notto dell'oracolo di Delfi: Conosci te stesso. Il dialogo socratico, infatti, consisteva in un
esa1ne dell'ani1na: le don1a11de che egli
})Oneva ai suoi cittadini attraverso la
maieutica ( ~ ) erano soprattutto di tipo etico-educativo, solo seco ndaria111cnte di natura logica.
Come racconta Platone, <<chit1nque
si inette a ragionare con lui, qualunque
sia l'argomento trattato , trasci11ato
11elle S[Jire del discorso e i11evitabil1nente costretto ad andare ava11ti finch
non casca a rendere conto di s e a dire in cl1e tnodo viva e in che modo sia

ellet1isticJ1e ( _,,.).

In realt non esiste in tutta la storia del


pensiero un filosofo che abbia avuto un
maggior numero di seguaci e di diverso
orientamento. Antistene, per esempio,
estremizzando in senso negativo la diffide 11za socratica verso la ricerca del
piacere (da accettarsi solo quando conforrne alla ragione) , anticip temi del
Cinismo, enfatizzando l'autarchia ( ~),
la capacit di autodominio, di sopportare le fatiche e di bastare a se stesso. Arriv cos ad affermazioni estremamente
radicali: <<Vorrei piuttosto impazzire che
provare piacere>>; <<La mancanza di gloria un bene>>; <<Se avessi Afrodite fra le
mani la ucciderei >> ...
D'altra parte per Aristippo interpret l'insegnamento di Socrate in senso diametralmente contrario, sostenendo che il piacere, in qualunque forma,
sempre un bene ed sempre da ricercarsi attivamente, il che costituisce
un'anticipazione dell'edonismo predicato dall'Epicureismo ( - )> ).

VlSSUtO>>.

Gi i Sofisti (--+) avevano anticipato


questa te11de11za verso l'antropologia
(studio dei problerni dell'uomo); tuttavia i loro interessi umanistici erano viziati da una forte indifferenza etica e da
un atteggiamento scettico. Ci che, al
contrario, impression enor1nemente i
contemporanei fu la Vt)lont detern1inata di Socrate di legare strettamente il discorso teorico sulla virai alle sue perso11ali scelte di vita.
Le vicende che portarono nel 399 a.C.
alla sua incri1ninazion.e (per i reati di
corruzione della giovent e introduzione nella citt di divinit straniere) e soprattutto la sua serena accettazione della condanna a morte, tanto pesante e ingiusta, costituirono sia l'evento decisivo
dell'intera filosofia occide11tale sia il pri-

FILOSOFIA

92

SOCRATE

Le tre immagini riprodotte in c1ltesta pagina . la vc r ic>nc neoclassica


dcl mito socratico, prese ntano un
fil osofo magnil oq uente , un profc -o re c li c n o n cc a cl i in segn a re
nep jJLtrc in punto di n1orte, so ltoli 11ca nclo co n an1pi ges ti le sue argt1111t ntazior1i . 50 110 i1n1nagini clic il lu s tran o mt') lt o di pi l' i11tcressc
dcll'Iflurr1ir1isrno ( >) per la peda gogia ( >) che la probabil e rcal ta
d c l ve ro Soc ra te . Di certo o n o
molto lo11ta r1 e dal l'irri verente i111 1n agi n c a nti cc1 dc l
s,10-ate siler1ico (

- .-

Da G. L. David : So-

crate beve la cicL1la,


18 1O. Per la coe renza con cui acce tto la

..

.__/ r -:
",~ J011, ~-l ~,,

'

'(

{.

)f"'\ :,
n1ortc per le pr<.)p ric
idee la fi gura cl i o-?< ( Jr--'/ (_
...,
c: rate e s tata ass unta
1::....L,
dalla tra<l izic) ne C<.1n1 c que ll a d el vero
f 'filosofo . Cio ha fi<--nito per tra fortnarc que to pen atorc (ti ell e cui '' ~re cl o t ~
trin e poco appiamo in rea lt ) in ltn irnbolo amb1gt1cJ , di
cui og11i epoca l1a claho rato LI na prt1 pria \rari ante.
I

\~l

>) .

Ar1c l1 e nei tli a log hi


r) lato r1i ci So<:r a te
non cessa 1nai di esere un pcrso11agg10
tt1 nturbantc, ca pace
di tupire con co n1 ()0 rta1nenti fl1ori (lal1<.t 11o rn1a. 11 co11gc(lo
J a i ra 111 i l i a r i 11r i 111a
J cll'esecuz io ne, r1c r
esempio , racco ntato da Pl altl11 c in terni i r1 i be n <l i'' e r i r i s pe tt o a l Ca tl<)va,
che trasforn1a i I filoS<) fo in ll Tl a ffe ll llOS <>
11nd rc c1i f"lmiglia.

-()pra: A. CanO\'a Soc rc1 l c lJcvc la cic uta.


1787. So tto: A. Cant)-

''a S<)c rale co 11 geclu i


ft11J1iIiari 178 7 . Ne l
1

ra cco nt o di Pl a tone
a p j) a rC eV d C Tl l C I ' 11c; offe re n z a <li S<.)C rat c
per il (Jianto dei fa111iliari , cui cledica pocl1c
e l)r.igaLive parole, (lesi<lc ra nd o rin1 a ncrc
co n i ve ri co 11111ag11 i
dclll stia vi la.

...
93

Fl Ll1 l11 I \

SOCRATE

Maieutica

METODO DELlA FILOSOFIA

Vedi a11che Ironia, Ti esti


o di soffocamento della ricerca: al contrario, rappresenta uno sti1nolo all'indagine, un invito ad approfondire e a non
accontentarsi di facili certezze.

ella storia del JJensiero l'importanza


cli Socrate (che non volle legare il
st10 110111e ad alcuna dottrina specifica)
dipende pi dal modo con cui egli condusse la ricerca filosofica che dagli effettl\' risultali raggiunti. Dopo una delutlentc esperienza gic)vanile nell'a1nbito del sapere naturalistico-scie11tifico,
egli giu11se alla conclusione che la mente t1111a11a non pt1 affer1narc in via defi11i li \ 1a alcu11a verit assc)luta, special1ner1te se al ce11tro della ricerca si po11e
no11 la natt1ra, ma l'uc)1no.
Per conseguenza la condizic)11e prima
di t)g11i riOessio11e s11 te111i di etica, politiccl e psicologia cleve essere una professione di ignoranza (riconoscere di 'sapere di 11on sapere'). <<Ci che molti da
an11i 1ni ri111i1roverano, cio cl1e i11terrogo gli altri 1na 11on rspc1ndo mai perch
non 110 alct1n pensiero saggio da esporre , ttn giusto ri1nprc)vero>>am1nise il filosofo, convinto che solo colui che sa di
non sapere si pone in un atteggia111ento
<li ricerca ~ al contrario chi si crede gi in
possesso della verit 11on far nulla per
cercarla.
Da una }Jarte Socrate rifiut ogni fcJr~
ma di dogmatismo (l'idea cl1e una verit
possa essere conosciuta in via definitiva)
e questo tratto lo accomuna all'agnosticismo (l'idea che si d.ebba sospendere il
giudizio di fronte a problemi che travalicano l'esperienza umana) professato dai
Sofisti( -+) . D'altra parte egli, a differenza di questi ultimi, non accett mai le tesi dello scetticismo ( inutile cercare la
verit, percl1 non esiste alcun tipo di verit). Il non-sapere socratico, infatti, non
conduce a una posizione di disimpegno

FILOS()FIA

Date queste premesse, Socrate intese la


filosofia non co1ne l'esposizione di una
dottrina preconfezionata (non aveva
nulla da comunicare), ma come dialogo
interpersonale. Pre11dendo spunto dal
lavoro di levatrice della 1nadre Fenarete
volle chia1nare il proprio metodo
maieutica, letteral1nente 'l'arte dell'ostetricia' ~ il filosofo infatti un ostetrico
di ani1ne, pur essendo egli stesso sterile
come una levatrice (vuoto di sapienza),
e conduce l interlocutore a partorire la
propria verit (che se1npre una conq11ista personale).
Il 1netodo nlaieutico consisteva essenzialmente nel chiedere all'interlocutore
la definizione esatta di una qualsivoglia
parola dotata di valore etico o psicologico. Il fatto che nel linguaggio quotidiano si faccia largo uso di termini come
'amicizia', 'santit', 'generosit', 'virt', fa
nascere la presunzione di conoscere
esattamente il loro significato. Ma possedere un'abilit (usare il linguaggio)
non significa affatto averne una teoria,
cosicch di fronte alla richiesta socratica di definire il significato di una parola
come 'amore', l'interlocutore passa attraverso una serie di tentativi fallimentari (teorie parziali, esen1pi fra loro contraddittori) pri1na di am1nettere il proprio fallimento (sapere di non sapere).
Tutti amano, ma nessuno in grado di
fornire una definizione esauriente del
concetto di' 'amore'.
1

94

SOCRATE
Co11 Socrate la filosofi a inc<.1 min cia a i11terroga r i s ul co111e d ebba essere co nclotla la riflessione fi losofi ca ul 1netodo. All'idea di verit come scoperta intin1a e in d ividt1ale co rrspo11dc il lc111a iconografi co del pensatore so lit:i ri o. assorto nei propri pensieri , che ri cava la apicnza da
e tesso (l'imn1agine riproduce t1n ritra tto dello scult ore
Li ippo, IV eco lo a.C.)

.- ..

'
.._
..;.--

'.'.l

-'

'\ .

. . L'Accade mi a r>lat(1 n ica in Llll llll) aico


po mpeia no. A di fferenza cli oc ra tc.
. .;__ ,~ :-. ..
..\e
Pl ~1 to n c !:>tel e <.li crt\'Crc l C"i ll ma . 1n
\.1 . ., . - . ,,_.
.L
, ."
-
\. - ~ ~ o maggi<.) a l n1 ctocl o tnJi cuti co , c1i edc
lc> ro l:i strt1ttL1ra dcl dialogo, i11 etti le Lesi son<..) ~ ,, o ll e atlravc rS(> u11 Ct)11fro11to a pi u uci. Nc ll 41
rea lt il clia logo platc.1 ni co . i tra lor111.> IJc n prc!>tO in una forn1a cli in egna111e11to: la prati ca fi loc,ofi c'-\ si rid ttcc co 1 a Ltna trasmissione della verit clt.11<lc.>ccn tc 3JJ'all ic\'O.

Alla n1aict1li ca soc r..1tica, il di alogo ir1tcrsogge LLi\'(),


corri pc.> ndc u11'idca 'ii verit come ricerca.

...

La nascita di scuole fil oso riche nel IJcrioclo clcll'Ellenismo ( > Sc i1 olc cllc11isli cl1 e) tJrovoc ttn irrigiclin1cnto delle clc> ttrin c e una riclttzionc della
rice rca critica. La fil oso fia dive ntG
l cli pula polc111ica e
<lottri11aria, etti corrispo11tle tin'iclea ti.i verit come dogma (]Jri11cpic1 indisctttibilc pcrcl1 ga ranlito dc_l ll'atttorit di t111
maestro).

95

f ll .L)'-t~ rl :\

SOCRATE

Ironia

DIALOGO

Vedi ancl1e Umanesimo socratico, Socrate silenico

T 'ironia una delle particolarit del


L p1l>ccclimc11to maieutico socratico

va dissimulato. Per questo legame con


il 'vissuto' e per la sua paradossale funzione di dire una cosa intendendone
un'altra, l'ironia non stata molto usata dai filosofi. Il metodo socratico (il
dialogo interlocutorio faccia a faccia,
fatto di argomentazioni, domande e risposte) rimasto unico nella storia della filosofia, sostituito, gi con Platone (a
partire dagli anni della maturit), dal
saggio scritto, il trattato sistematico basato su un linguaggio tecnico (che per
sua natura non pu essere ironico, cio
dire una cosa per un'altra).

(-+Maieutica). Socrate strtttturava il


pr<.)prio dialogo in modo tipico: partiva
ponendo problemi solo apparentemente sen1plici (cl1e cosa sia la virt, per
esempio), professandosi nel contempo
incapace di risolverli (fingendosi ignora nte) e }()dando oltre misura le capacit
d ell'av\ ersario. In questo modo lo induceva a elaborare una teoria (una C<)ntraddizil1nc inascherata) che in seguito,
con s ua s tizza e vergogna, avrebbe abba11donato sotto l'incalzare delle stringenti conft1tazioni di Socrate. Per otte11crc qttestt) plateale mutamento di sce11 ~1 il fil()Sofo, in particolare all'inizio del
c.lialc)go, usava gil)Chi di parole, finzioni
dialettiche, so1Jrattutto 'parlava diversamente da come pensava'. In questa sin1ulazione dcl pensiero (differente sia
dalla verit sia dalla menzogna) consiste
l'ironia (il significa to greco del termine
dissi111lazione): una forma di comunicazione in cui si dice una cosa affermandone un'altra, spesso proprio il
contrario ( ironico, per ese1npio, dire;
<<Sarai stanco, poverino ... >> a uno stude11 te lazzarone).
1

Nell'antichit A.r istotele assegn alla simulazione ironica una parte importante
nella tragedia: l'ironia tragica indica infatti il progressivo svelamento di una catastrofe imminente attraverso le parole
di un personaggio inconsapevole.
Sulla nozione di ironia si torn a riflettere solo nel XVll I secolo, vedendovi un
antidoto contro il fanatismo religioso
del secolo precedente: una risata (una
~battuta di spirito') il miglior antidoto
per ogni pensiero malato di dogmatismo, poich svela una pluralit di significati l dove il dogmatico ne ammette
uno solo. Sviluppando questa argomentazione il Romanticismo (-+ ) vide nel1'ironia la pi alta qualit dell'uomo
creativo.
Nel pensiero romantico, ironico il
poeta, capace di assegnare valore alle parole indipendentemente dal loro significato ordinario; ironica in questo senso
anche ogni operazione artistica, poich
in arte si usano sempre certi mezzi (se ...
gn i, parole ,' suoni) per 'dire altro', per
suggerire significati dissimulati.

Lironia tende a esprimersi al meglio


nella comunicazione non verbale
(quando il tono della voce o l'espressione del volto chiariscono il vero significato delle parole) o comunque nel dialogo interpersonale, fatto di battute veloci e impreviste, silenzi eloquenti, sottolineature enfatiche. sull'ironia che
si basano le battute di spirito: la risata
scoppia quando improvvisamente appare chiaro il vero significato di un termine o di un evento che prima ri1naneFILOSOFIA

96

SOCRATE

Ltautoironia . Soc ra le non 111a ncava <l i es ere


iron ico anche verso e te!) o (per c~em p i c> co n
allusio11i all a propria brt1ttczza fi ica) . 1\ cce tt il
so pra nn ome cli 'tafa110 degli /\1enic i' per l'irritante insi tenza con CLli metteva a n udo la va nita
delle co n\rinzioni ordinarie , provoca ndo tizza
n c ll ' inte rl (>C L1L o re. La vign e tta rip rod o tt a d 1
H. Daumier iro ni zza sull a te a noz io ne socratica cl i i.ror1ia .

llfvTuctcte o.atunl1.

La leggerezza dell,ironia . L'iro ni a, capace cl i


uggerirc cor1 legge rezza i propri significa Li cnza il s upporto di pc an ti Lco rizzazioni , e una delle for111c <li co1nunicazionc pi u ate dalla 1nocier11a pul)l)li cita. Ironico e in qttes t(>ca o l't1tilizzo cli Ltn n1it o pittorico (La G i oC(> 11 cl l l cli Leo 11arc.lc.>) in u n conteste) 'leggero' e fri zzante' .

L'ironia visiva. Dal punto di vista linguistico l'iro11ia, cot11e fi gura retorica, pu essere
definita l' 11 sc> di Ltt1 l l pc1rola nel !:> ll O ~c 11so co11 t rario ( Hai combinato un bel disa tro). Vi
pu essere ironia ancl1c nella con1unicazione visiva, c1uan<lo le i111111agini s uggerisco no
significa ti che dis ill uclo no le as petta tive ,
co ntrastano co n il co ntesto o s111er1tisco110
quanto viene affermato da una sc ritta.

L'ironia dissacratoria . 11 pitto re dada is ta M.


Duchamp ( 1887-19()8) tnise i baffi alla Gioco11clc1e concluse l'opera con un tit()lo di cinque lettere scr.itl e co n caratteri cubitali so tto il riLratto:
L.l-L.0 .0 .Q., intr<ldL1 cil?ile 0111ofo11ia cl1 c in fra11ccse suona con1c: Ella l1a caldo al cu i<.) ( >- Daclais1no ).

97

FILO l1F t,\

SOCRATE

Ti esti

SOCRATFiPLATONE/ARISTOTELE

Vedi a11cl1e Idea platonica, Pensiero orizzontale, Sostanza


na delle questioni pi importanti
........, dell'intero pensiero filosofico (antico e ffi()derno) la risposta alla domanda << C 11 e cos'? >> (in greco : Ti est i) .
pc)ssibile, e a quali condizioni\ arrivare
alla definizione (specificazione dell'essenza) di una cosa?
Storicamente il proble1na fu posto per
la pri111a \'Olta da Socrate che ne fece
l'oggetto del prl)prio 1netodo di ricerca
(- ->Maieutica), sviluppandolo per solo relati\1 a111e11te alla defi11izio11e dei valori 111orali. (cl1e cos' l'amicizia, che cos' la virti1 ... )
Ft1 Platone a i111postare la qttestione
nei tern1ini pi generali, notando che
anche quando si esamina il contenuto
di parole concrete (\sedia', per ese1npio)
insorgo110 gli stessi problcn1i di qttando
si cerca di specificare l'inti111a natura di
idee astratte (amicizia, virt). Con esclusione tiei non1i propri di persona
(Marco, Giovanni ... ), che denotano
una realt singola e identificabile, tutto
il linguaggio umano costituito da sostantivi, concetti che rirna.ndano a classi di t)ggetti la cui precisa delimitazione ,
molto difficile. Che C<)S', per esempio, una sedia? La risposta facile sul
piano intuitivo, il che dimostra che in
qualche modo la 1nente possiede un codice, un sistema per la rappresentazione dei concetti (meccanismo che ta tradizione filosofica chiama categorizzazione), in base al quale ordinia1no gli
innumerevoli oggetti del mondo in
classi, rende.udo cos possibili il pensiero, il linguaggio e la comunicazione.
Sfortunatamente per non si pu osser-

FIL() $()ff A

98

vare direttamente il funzionamento della psiche; siamo consci solo dei risultati cui essa arriva, non dei procedimenti
che utilizza. Se si tenta infatti di specificare con chiarezza i criteri usati dalla
mente, ponendo cos la questione in
modo definitorio, nascono insormontabili difficolt.
I due pit1 grandi filosofi dell'antichit,
Platone e Aristotele, intesero risolvere il
problema attraverso due vie, qui brevemente indicate.
Platone suppose che a ogni classe di
oggetti (e a ogni concetto nella nostra
mente) corrisponda un'idea perfetta e
preesistente, spiegando l'atto psicologico della comprensione con l'attsilio di
un imponente apparato di teorie collaterali (il viaggio dell'ani1na nel mondo
iperuranico: ->).
Aristotele, rifiutando di ammettere
un soprannaturale mondo delle idee per
spiegare la conoscenza umana, elabor
la dottrina della sostanza, secondo cui
ogni concetto pu essere definito da una
lista di propriet singolar1nente necessarie e collettivarnente sufficienti, capaci cio di caratterizzarne l'essenza. un
approccio di grande coerenza razionale,
il cui prestigio bimillenario dipende dalla buona applicabilit al sapere mate1natico-scientifico, nel quale le nozioni
possono (anzi deb.bono) essere introdotte solo clopo un'accurata specificazione. Il concetto di 'numero pari', per
ese1npio, definito da una .sola caratteristica: lEssere divisibile per due'.

SOCRATE
;

Il prol1lcn1a dcl l1 c:-.ti appli<:ato a ttn ca~o co ncreto : !:i i tenLi cJi deri11irc (5jJicg,1 rc , no1n.i11arc ) qti c ti
og?,etli. Le CO e della cric i11 <.1ltt> -oncJ raci l111c11te d c~c ri\1 l) tli , le prin1 c pcrs1nll e prin1ibili co n lllll
j)arola (tria11g<1 lt1, cc rcl1i t1), le altre Cl> t1 t111a dcfi11izio r1c pitt e) 111cno a1Jrro 5i 111 att\'a (un.1 cala 1n
Jiago11nlc, la czit) tlc <li t111 111u rc>) . Le co e 11 cll a cric so tto ta11Lc, pttr altrc Lla nto concre te e 1)e rcc ttiva 111 cntc cl1iarc , so nc1 c11 za ig nifi c~lto e J1l) su 11l1 e ~e re tlc cr1Ltc olo co n 111t1lta dirrico lta . 111
<.tticsto tasc) , cc<.111clc1 la o lt1zio nc 1)rt>]1<) t ~l da Pl<llc)nc, t all.<> pt r:\ Ja s<) ll percez ione c n ib il c,
111 cntrc nel cast) prcccJc ntc U\1 \ 1cnut c) t1n proce t> di co no cc11za ntt r;J\cr<;() il ricon oscimento:
le for111c o no state cot1frontatc cc.1 n 111oucl li (idee) prcc i ~ Lc nli e ca talc.Jga tc 11cll 'ar1ima. E sig nirica tivo i11oltrc clic, ce rca11uo di dare lt11 ' e11s<.> a Cllt c~ tc s trane fllrn1e, ~ 1 r,1cciL1 appell o alla mem oria , ri el tcntnt i\1 0 di trO\'arc nella pro pri a co_cienza u11c> cl1 c111a intcrprclali\'C) adcgt1a to .

..
r

'"
~

~
u

...

-..

~
~

,.

~~

Il tentati vo e.l i s peciri ca re l'esa tta definizion e di un


con cetto 1n olto pi.t pro blematico di c1uanto s i po a
pensare , t,\ 11cl1c quando si an::1lizzano parole relati\'C a
ogge tti scrnpli ci. Nessuna cJcrinizionc dcl co ncetto d
sedia ( tipo: mobile co n c1ua Ltro gambe') riesce a es ere riel C<) 11 te111po sufficientemente esaustiva, o ia specifica re le ca ra tteris tiche possedute d a ogni edia , e
dutt ile , ossia in grado di accogliere le innum erevo li
ecccz io11i , casi ano mali , incerti o indec idibili con cui
si presc n tl e viene pc nsata la rea 1t .

99

F lll) OFI,.\

PLATONE

Idea platonica

METAFISICA, GNOSEOLOGIA

Vedi anche Neoplatonismo


prannaturale, eterno e immutabile, come gli di) non solo esiste realmente,
ma il suo grado di realt superiore al
mondo visibile. Esistono quindi, gerarchicamente disposti, due livelli dell'essere (dualismo metafisico) : il mondo
sensibile e il mondo ideale, cui corrispondono, nell'area della conoscenza,
la percezione delle cose (il vedere, il
sentire, che producono solo un'opinione pi o meno falsa) e la scienza, il 'sapere delle idee' del filosofo (dualismo
gnoseologico).

l merito di avere formulato la prima


()rganica teoria della conoscenza
spetta a Platone. Egli affer111 che ogni
. .
'
.
.
atto conosc1t1vo e sempre una rem1n1scenza, ossia un ricordo: sapere non
acqt1isire dall'esterno nuove cognizioni
tna ricl1iamarc alla metnoria , al proprio
in terno, ci cl1e una parte di noi (l'a11it11a : - >-) gi sa, tna ha ditnenticato. inS() m t11a un processo di anamnesi con
cui si ri C<)Struisce la verit attraverso il
ri co rd o. Dall'ambiente, ossia dalla percczio11e sensoriale del inondo, pu venire al inassimo uno spunto, uno stimolo
alla rievocazic>ne In questo senso Platone condivise la svalutazione della sensazior1e (-.-) inat1gurata da Parmenide.

raffermazione della superiorit ontologica e gnoseologica del mondo soprannatt1rale delle idee (il mondo iperuranico che egli identificava con il divino) facilit nel Medioevo una lettura religiosa
di Platone. Gi nel II secolo d.C. il neoplatonico Plotino vide nel mondo delle
idee la pri1na einanazio11e (-..) del DioU no , l'Intelletto, mentre i teologi cristiani vi scorsero di volta in volta il Paradiso, la Mente di Dio, l'Anirna del
mondo (-->-).

La teoria platonica una forma di in11atis1110 ( -->) : la conoscenza deriva nc)n


dall'esperienza, ma da un sapere (Jreesistcnte, prenatale e connaturato all'intelletto. Lo strurnento con il quale l'uomo
conosce l'anima: nel suo viaggio nel
111011do iperuranico (----> Viaggio dellani111a ) essa ha conosciuto le idee, ma incarnandosi in un nuovo corpo le ha di:n1enticate e ora le va via via riscoprendo, stimolata della sensazione e spinta
dall'an1ore (dal desiderio di bellezza:

D'altra parte possibile anche un'interpretazione laica e scientifica della gnoseologia platonica, considerando le idee
come modelli mentali, schemi pre-esperienziali, criteri di classificazione (dotati di pura realt psicologica). In questo
senso il problema della spiegazione del
concetto rimane di grande attualit. al
centro, per esempio, dell'attuale avventura dell'Intelligenza artificiale: come insegnare a una macchina a riconoscere
(identificare) un oggetto qualsiasi, per
esempio una sedia? (-->-Ti esti).

--. Scala erotica) .

Al termine idea, che per noi moderni


ha un significato esclusivamente }Jsicologico indicando un qualsivoglia contenuto della mente, Platone attribuiva
una realt sostanziale, il che conferisce alla sua dottrina un valore ontologico oltre a quello conoscitivo. li mondo
i peruranico delle idee (invisibile, so-

FILOSOFIA

100

PLATONE

'--"" lcJ nc ideale

I
I

Non

rUllL llHld

Per PlaL011e la cono cenza dcl ignifi cat > c.lclla paro la can e' 11on deri va dall'esperi enza cnc; il1ilc, os ia c.la11'a cr \' sto Ltn ce rto nu tn cro <li ca ni (co me pen ava no 1 Pre cJc rati ci), e ncr r)ure da un procc o cli clcz io11c intellettua le
delle qua lita tipicl1e di ogni si11go lc> ca ne (idea cl1c sara poi
a anzat,1 da Ari totclc). Com e illL1 tra la vignetta reali zzata in 111odo u1no ri tic<>, il ignifi cato della pa ro la viene in vece dal rie1nc rgc re nella cosc ienza c.leJ l,1 noz ione o id ea
t tcrn,1 di caninit , os ia clal ri co rcl.o del Ca ne Idea le , il prc)totiJ<) , la 1nadrc cu ncc ttualL' di tLt lti i ca11i C() ncrcti .

I
I

I
I

I
V/
D . Marr Tc c>r ia cc>111pt1/(1z io11a l< e/riia v i sic111c ( L979 ) . I tcc> ri I
ci dcll'inlcll ige nza artifi cial e, r1 cl tentati vo di dt) ta re 11 co n1'c...>"' ~
r>tller de l la capac ita cl i ric<.1nt) ce re e dio,cri 111inclf(.' le for n1 c.
( op1r d1c..inc.
si so no tr<.1 \1ati di fr<.ln tc al problem a del concetto . Unn \1 ia
tenta ta , in qttalcl1c 111c.>tl<.) s in1il c nllJ ~ o ltt z i o nc platoni ca , e s t~1to l'ttsc.> d i proto lipi , d l1 Cand o la
1n accl1ina cli ttn aLla11 1c di fo rrn c csc;c11ziali, ca pac i di co 111 1)c 11 (lia re le ca ra lteri. tic.: l1e 11ccLtl1ari e.li
c.leter111inati oggetti . Il ri c<)11osc i 111 cnto dov rcl1l1e a\vcnirc in b(l!:ic al co nfro 11to (a l g rt:tdc> di -..o m 1glianza) fra i ril c\1 a111<.' nti l1 tli ci e i 111c)c.l cl l i ~)r<.1 L L) li p ici arcl1i iat i in 111c111 o ria.

e~'--->,._" c_____.,(1

. -- .....

--------.....---------------.

_________ ....,________....______,

101

f tLO Ofl.\

PLATONE

io dell'anima

Via

METAFISICA

Vedi anche Idea platonica, Entusiasmo


Il mito suggerisce prima di tutto una
spiegazione delle dif.f erenze fra i tipi
umani: l'anima che ha contemplato il
mondo iperuranico pi a lungo dar
luogo, incarnandosi, alla figura di un
saggio; viceversa dalle anime che hanno potuto osservare di meno si svilup. . . .
. ...
peranno uom1n1 via via sempre p1u negativi. Platone sottolinea l'aspetto innatistico (--+ lt1nati smo) della sua dottrina: gli uomini migliori sono tali fin
dalla nascita.
Il mito suggerisce inoltre la possibilit
di un premio o di un castigo dopo la
morte; infatti le anime pi avvantaggiate (dotate di un cavallo bianco pi potente, secondo il mito) sono quelle provenienti da un'esperienza corporea eticamente valida. Esiste quindi una circolarit del processo, perch la qualit superiore di alcttni esseri t1n1ani dipende
dalla virt della loro ani1na nelle vite
precedenti.
Questo circolo virtuoso ha come limite finale la possibilit per l'anima di sfuggire al ciclo delle reincarnazioni. La vera realt dell'uo1no, infatti, risiede nella
sua anirna, di cui il corpo solo un 'carcere'. Linstallazione in un nuovo corpo
per l'anima una forma di degradazione:
l'evento traumatico della rinascita in un
essere umano implica l'oblio delle idee
eterne (nel mito l'anima, al momento del
parto, beve l'acqua del fiume Lete, che
offusca la coscienza). La verit tuttavia
non persa per sempre; sopravvive nelle profondit dell'anima e pu essere richiamata alla coscienza tramite la sensazione (- .,). In questo ricordo (anamnesi) consiste la conoscenza.

a teoria del mondo delle idee, centrale nel sisten1a di Platone, trov il
necessario co1nplemento nella dottrina
dell'anima (_..,) e del suo viaggio nel
mondo iperuranico. Facendo propria
la dottrina della metempsicosi gi profcssata dall'Orfismo (- 1>) e da Pitagora
(e a11cora oggi dal Buddhismo e dall'Indt1is1no), Platone afferm l'esistenza di
un principio spirituale, l'ani1na appunto , che preesiste al corpo e sopravvive
alla sua morte, in vista di una nuova
re1ncarnaz1c)ne.

t:ani1na platonica un'entit immortale


ma non personale (come vuole il Cristianesimo), poich nel corso della sua
esistenza aderisce non a un individuo,
n1a a innu n1erevol i. Dttran te il tempo
c l1e trascorre libera dalla materia, fra
u11a reincarnazi()ne e l'altra , essa ha la
possibilit di una diretta cont)Scenza del
inondo sopra11naturale, apprendendo
cos la vera realt del mondo delle idee.
Questa esperienza fu descritta da Platone nel Fl~clro con il rnito della biga alata: l'anima come un auriga che guid~
una coppia di cavalli , di cui uno, bianco
ed eccellente, esprime la tensione dell'anima alla spiritualit (verso l'alto) , l'altro, nero e pessimo , rappresenta la tendenza dell'anima verso il basso, ossia verso la dimensione materiale e istintuale.
Sebbene l'auriga (la parte razionale dell'anima), attratto dalla perfetta bellezza
del mondo ideale, tenti di indirizzare il
carro verso l'alto, la sua opera resa difficile dalle opposte tendenze dei cavalli,
cos che egli pu solamente intravedere
le idee, e solamente per poco tempo.

FILO OFIA

102

PLATONE

'''"

. ...

Nel Fedro PlaLc>ne descri e le peregrinaz ioni dell'anima nel mond o ip e rura ni co utili zza n<l o la
s imbo logia ( mit ica e artist ica )
dell'auriga , dcl carro e dci ca val Ii.
11 cc1na del viaggio nei cieli Ll carro divi no (di fuoco ) era g1a presc n te nei culti solari e nei misteti , dedicali a Mitra. La te a metafora compare c1ui a fia nco in una
pittura paricLa lc pa lcoc ri Li a na,
eh.e rapp resen ta 1a cc n io 11 c di
Elia in ciclo tt un ca rr<> d1 fuoco .

"'

La metafora clic pone in re laz ione i.I progre o della co no cc n2a


con Lt11 \1 iaggio era gi tata u ata
<la Pa rmenide , il qua le 11c l uo
poc111a filo of1 C() a \'e\1a <lc ~ c ritto
il perct)f5() <lalla falsa o pinio ne
al vero sapere co me Lln effettivo
itinerari o co mr1 iuto <lai apie ntc,
a 11artirc dalle ca~e de lla notte' ( 1
quartieri pc.>pulari <li Elea) ino al
teinpi <1 SO\'ra ta11tc la ci tta.

..

...a.k_.
Ne ll'arte c la~~ ica il ten1a della gt1ida
dcl carro n1c)lto frequente e dotalt)
di un preci o ig11ificalt1 ( riprc o dt.1
Platone nel Ftl/rc>): l'auriga, s in1l1cllc)
dcl dominio s ulle passioni e s ugli
is tinti ( l'ani111alit dci cavalli ), rapf) resc 11t a la ragio ne: il ca rro e i caV1lli ra1)1)rcsc nta110 le cli\1 erse ct1111pone11ti della personalit t1 n1a11a.

103

PLATONE

Scala erotica

IDEA DI BELLEZZA

Vedi anche Idea platonica, Furore eroico


ffer111a Platone nel Si1nposio che fra
tt1tte le for111e con cui l'amore si ma11i fcsla possi1Jile rintracciare tino scl1e111a gera1cl1ico, una scala in cui si susscgt1011t) i seguenti livelli:
11e1 piano pi })asso vi l'istinto erotico 11c11,1 sua forma pi pri111itiva e biolc)gica, 1:1n1orc per pi corpi';
lo slt:1di<.) st1ccessivt) costituito dall'innamoramento, 1ar11ore per un solo
cc1r1J<.1', el1e t1asce dalla co11te1n p1azione
della bellezza fisica della persona amata,
111a 11egli SI)iriti n1igliori evolve nella
11r<.) grcssiva valorizzazione delle qttalit
pretta 111e11 tc spiri l ttal i del partner ~
vi t infi11e l'amore puro, cio depurate) di t)gni tiI)O di sessttalit. Chi sperin1cn ta qt1csto sentitncnto si rivolge pri1na alle qualit spiritt1ali in qttanto tali
(an1ore per il coraggio, per la virt) e infi11c alla saggezza i11 quanto tale, realizza11do cos la vera filosofia (lctteral111cnte a111orc per la sapienza').

positiva, in quanto inizio dell'intero


processo (la metafora della scala, infatti, rimanda sia alla nozione di gerarchia
sia a quella di unione). Del resto nei
dialoghi platonici presente un'esplicita valorizzazione di questa dimensione
'bassa' della passione, accettata con una
naturalezza irrecuperabile oggi, dopo
l'esperienza cristiana. Nel Si,npcJsio, per
esempio, non si nasconde il sentimento
amoroso che lega Socrate ad Alcibiade.
Leros ( -~) per Platone (come per tutti i Greci) non era tanto, come per noi,
u11a dimensione psicologica individuale
(un sentimento), ma una forza cosmica con cui l'uomo interagisce: pu negarla, dominarla o esserne dominato .
Essenzialmente desiderio della bellezza e ha nel complesso del siste1na
platonico una fu11zi<.1ne decisiva: l'energia che tnuove l'aniina nell'ascesa
verso il mondo ideale. Ecco perch, secondo Platone, nella sua forma pi alta
l'an1ore una mania, una forma di entusiasnio ( ~) che produce un invasa1ne11to si1nile all'estasi (-~).

Nella storia del pensiero la dottrina


della scala erotica stata spesso semplificata in t1na semplice opposizione
fra amore volgare (carnale) e amore
celeste (asessuato, spirituale, 'tJlatonico'), deducendone una condanna della dimensione erotico-sessuale. In
real L il discorso di Platone pi con1plesso e prevede la necessit di alcune

prec1saz1on1.

La bellezza, fine e oggetto dell'amore, sempre annuncio del bene: anche


qua11do si esprime nei corpi suscitando
una passione puramente erotica, contiene sempre una spinta verso qualcosa di
superiore. Persino nell'atto dell'accoppiarnento sessuale possibile scorgere
sia un desiderio di immortalit (la procreazione di un nuovo essere esprime la
spinta dell'anima verso l'eternit) sia la
nostalgia dell'originaria condizione di
perfezione dell'attdrogino (~).

Se vero che il filosofo non deve indugiare sui gradini pi bassi della scala
amorosa ma elevare a un livello intellettuale la propria passione, tuttavia anche l'attrazione erotica ha una funzione

Flll) ()FIA

104

PLATONE
L'idea d bellezza corporea aveva per i Greci (e per Plato11e) un'accezione diversa dalla nostra, poich non co nsiderava prevalente la connotazione sessuale. Nei dipinti su vaso, se si fa attenzione solo ai tratti del vo lto,
diffi cile dis tinguere il maschio dalla femmina; ca mbiando gli accessori (pettinatura , ves titi) le fi gure potrebbero esse re scambiate. Non es is ton.o due
idea li di bellezza (femminile e virile) , ma
tlno solo. E per questo che seco ndo Platone, gi a partire dalla dimensione erotica , la contemplazione della bellezza
suggerisce all'anima la perfez ione e
l'unicit delle idee.

~I

)
/

105

Ne l dipinto vasco lare ripres o dal diseg n o il masc hi o e la fe mmina ha nno


corpo , move nze e atteggian1enti molto s imili. Il mode llo gr eco di pin Lt/J n1 asc h ile
aveva tratti accentua tame nt e
femminili , rea lizzando cos a
livell o estetico e sociale l'ideale fil osofi co dell'ar1drogi110 .
FILO OFI."\

PLATONE

Androgino

MITO, ANTROPOLOGIA

Vedi anche Scala erotica, Animus/Anima


contemporanei spinga Zeus a un'ulteriore divisione punitiva, che ridurrebbe
la specie umana a esseri con una sola
gamba e un solo braccio).

al punto di vista medico l'ermafroditismo (o androginia) una patologia caratterizzata dalla compresenza
nello stesso individuo delle gonadi dei
due sessi, a causa di un'incompleta differenziazione fisiologica. Per il mito e
p er },immaginario simbolico sia occidentale sia orientale l'androgit1ia un'ipotetica e felice condizione sessuale di
li[)O bipolare, simbolo della pienezza
dell'essere, della perfezione data dalla
compresenza di due elementi contrari e
dell'armonia che nasce dal loro reciproco riequilibrarsi.

l:androginia entr nella storia del pensiero occidentale con il mito degli uomini sferici sviluppato da Platone nel
Si1nposio per spiegare la natura dell'attrazione sessuale. Con una notevole
dose di umorismo il filosofo afferm
che non da sempre gli uomini possiedono l'attuale for1na corporea; i nostri
pi antichi antenati furono infatti plas1nati dal De miurgo in forma sferica,
senza una differenziazione di tipo sessuale fra loro: ogni individuo posscde-,
va organi doppi secondo le tre possibilit logiche, vale a dire maschio-maschio, maschio-femmina e femminaf emmina. Mobilissimi e velocissimi
(con quattro gambe e altrettante braccia si muovevano rotolando) , orgogliosi fino alla superbia della loro sferica
perfezione e dello stato di completezza
sessuale, gli androgini originari riuscirono invisi alla divinit, che li pun dividendoli nei due attuali tronconi: il
maschio e la femmina (esiste anche il
pericolo, aggiunse Platone nel suo racconto, che la superbia degli uomini

FILOSOFIA

106

Il mito spiega la natura dell'attrazione


erotica, interpretabile come un'inconsapevole nostalgia dell'antica completezza. Spiega anche la diversit delle preferenze sessuali: chi attratto dal proprio
sesso, infatti, deriverebbe da una scissione maschio-maschio o femmina-femmina, mentre chi pratica l'amore eterosessuale discenderebbe da un antenato
bisessuato. Spiega infine come il dualismo sessuale sia il frutto della decadenza. Solo l'uomo originario, l'androgino,
era vero e completo: non mancava di
nulla ed era perci indisponibile all'attrazione e alla seduzione. Ora invece solamente nell'amplesso si riacquista, in
un certo modo, l'originaria sfericit. In
questo senso quello attuale, sessualmente connotato, conclude Platone,
solo il simbolo (--..) di un uomo, letteralmente, nel significato greco della parola, un uomo a met.
Il mito dell'androgino serv a Platone
per spiegare il senso oscuro e doloroso
di una mancanza che contraddistingue
ogni sentimento d'amore. Come suggerisce un altro mito del Simposio, il dio
Eros figlio della dea Pena (Povert) e
del dio Poros (Espediente): l'amore infatti << povero, non bello e delicato come pensano in molti; ma duro, squallido, scalzo, peregrino, uso a dormire nudo per terra, all'addiaccio, di notte, sulle soglie delle case; ma sagace e capace delle pi raffinate astuzie nelle sue
strategie di conquista>>.

PLATONE

Nell'alcl1imia la trasfor111azionc dei metalli vi li in oro


era simboleggiata dalla nascita dcll'ermafrod ita nel bagno mercuriale. Secondo juog, che ha analizzato !,alchimia dal punto di vista della ps icoa nali i ( > Inconscio collettivo), l'and roginia il s im bolo della co mpresenza in ogni indi viduo di una compo nente ma~c h i l e e
una femmini le ( >Archetipo jungl1 iano ) .

Come s imbolo de ll a unificaz io ne dci co ntrari e d ella


coinddei~a degli opposti ( -~ ) , )'a11drogini'\ presence in
molti miti e religioni . L'androgino in una rappresentazione indt1ista, come unione del dio Shiva (n1aschio) e
della dea Parvati (fenlffiina).
,

'

'

'

...,
Una rapp res entazione ottocc nlc!>Ca (, opra) e un a secentesca ( otto) dc I mi l o
platonico d egli uon1ini s feric i originari ,
dotati di doppio sesso, c1t1attro braccia e
quattro ga mbe.

10 7

FILO OFlA

'

PLATONE

Entusiasmo

FOLLIA, ISPIRAZIONE

Vedi anche Furore eroico, Genio, Patografia


petta a Platone il merito di aver per
_la prima volta affrontato lo spinoso
problema della natura della follia ( ~ ).
N el Fedro egli sugger che <<non verace il discorso che a un innamorato si
debba preferire chi non ama, con il pretesto che quello delira e questo invece
san o e saggio. Ci sarebbe detto bene se
la follia fosse invariabilmente un male.
Invece i pi grandi doni ci provengono
proprio da uno s tato di delirio datoci
p er dono divin o . Infatti la profetessa
d ell'oracolo ( ~ ) di Delfi proprio in
qu ello stato di esaltazione ha ottenuto
p er la Grecia tanti benefici, sia agli individui sia alle comunit; ma quando
era in s fece poco o nulla >>. E aggiunse:
<<Su queste cose inutile dilungarsi,
p erch sono note a tutti>>. Platone dim ostra cos come la sua opinione fosse
allora ampiamente condivisa. In effetti,
con una netta divergenza rispetto alla
mentalit moderna, i Greci vedevano
nella follia non solo una malattia, ma
anche un possibile bene. La pazzia pu
essere un dono degli di concesso a pochi , una forma di entusiasmo, ossia di
quella ispirazione(- >) divina che induce a uno stato di esaltazione creativa.
Secondo Platone esistono vari tipi di

follia utile:
un entusiasmo profetico, che permette all'oracolo la predizione del futuro; la forza che ispira la Sibilla a pronunciare frasi apparentemente sconnesse (ci sembrano tali solo perch non riusciamo a capire la lingua degli di);
un entusiasmo erotico, l'inevitabile

componente di pazzia presente in ogni


delirio amoroso (~Eros);
un entusiasmo poetico, che dona al
prescelto l'ispirazione artistica. <<Chi arriva alle soglie della poesia senza il delirio delle Muse, convinto che la sola abilit lo renda poeta>> afferma Platone
<<Sar un poeta incompiuto e la poesia
del savio sar offuscata da quella dei
poeti in delirio.>>
Nella storia del pensiero la nozione platonica di entusiasmo stata recuperata
da tutte le filosofie tese a un superamento dei limiti della realt. Il misticismo
( ~) medievale volle vedervi una variante dell'estasi ( ~) religiosa; nel Rinascimento G. Bruno ne diede una versione
laica e parl di furore eroico per intendere quell'entusiasmo n.a turale (quel fervore per la verit) che deve contraddistinguere la ricerca d.el filoso[o.
In epoca moderna il Romanticismo ( -~) recuper il senso della riflessione platonica scorgendo nella follia il
fon do dello spirito umano, la sua parte
pi ancestrale e profonda che la ragione
controlla ma .n on riesce ad abolire. F.W.
Schelling nel 1810 sintetizz cos tale
concetto: <<La follia l'essenza pi
profonda dell'essere umano. Essa non
nasce ma si manifesta quando ci che
pi propriamente non essente, cio irrazionale, si attualizza>>. Ci che chiamiamo 'ragione' non altro che follia regolata; ci che chiamiamo 'pazzia' solamente un eccesso di passioni, sfuggite al
controllo razionale.

FILOSOFIA

108

PLATONE

L'entusiasmo oracolare. I tra tti strav<)lti dcl vo ito della Sibi lla indicano lo stato di invasamento (l'essere posseduti da un elio) in cui la pr<.> fctes a dcll 'o racolt) pronunciava i responsi all e don1an<lc dci pell egrini . La Sibilla folle perch la sua anima e inleramcnte occupata dal dio, clic attraverso di lei parla la lingua degli di .

L'entusiasmo erotico. Nell'immagi11ario mito logico greco il principi o c he l'a1nore s ia


una forma di follia era ese mplifi cato dalla vicenda di Menelao . Dura11te il saccl1eggio di
Troia egli si mise in ce rca di Elena , la moglie
adt1ltera c he aveva ca usato di ec i anni di guerra,
con il prec iso intente) di ucc iderla . Considerava
suo dovere farlo, ma alla vi ta dcl suo seno nudo
sn1isc di ragionare e, 'folle d'amore' , la perdono.

Le Muse sono le artefi ci dell'entusiasmo poetico. Plat o ne afferma


c he l'o ri g ine de I la poes ia no n sta
nell'arte dci poeti , i quali riescono a
comporre solo se ispirati e invasati dalla divinit . Cio implica che il
lavoro poetico co ntiene, accanto all'insos tituibil e p erizi a tecni ca ( il
mesti ere) , una co mponente extraraz ionale, al di l dcl controllo del
soggetto. Anche per questo motivo
Platone in tendeva escludere i poeti
(assieme a tutti gli artisti) dalla citta
ideale ( - > Mimesi).

109

FlLO

o r1A

PLATONE

Mimesi

ESTETICA

Vedi anche Arte non-figurativa


I dttalismo fra mondo sensibile e
n1011do delle idee ( ~ Idea platortica)
eblJc importanti conseguenze nel camp<) dell estetica. Ogni forma d'arte, aff c rm Platone, sempre un'attivit di
.
.
.
1111rt1cs1 , ossia t1na rappresentazione,
u11a copia pit1 o ineno somigliante, di
u11 o ggc tt <) o di u11 evento (l'idea che
pl>ssa esistere un'arte astratta, non figurativa, una conqt1ista del XX secolo).
Datc.1 f)Cr che le cose del mondo sono
gi di ])Cr s simulacri imperfetti della
ve ra realt delle idee, le immagini artisti c}1 c risttltano essere copia di una copia, do11piamcnte lc.)ntane dal vero. Varte , c.oncludc Platone , diseducativa e
con-utt1ice: essa solletica la sensazione
(vista e udito) , la parte meno nobile dell'uomo, mentre nel contempo offusca le
capacit razionali poich fa appello alla
fantasia e all'emozione, gli aspetti pi irrazionali della psiche ( ~ Entusiasmo).
In definitiva per Platone l'arte non una
forrna di conoscenza, ma di confusione~
il suo effetto quello di nascondere la
distinzione fra il vero e il falso.
1

Il concetto di mirnesi si applica prioritariarnente alle arti visive (pittura e scultura), nla anche alla poesia, alla letteratura
e alla musica. Nel 111 libro della Repubblica Platone defin mimetiche persino la
commedia e la tragedia (anche una rappresentazione teatrale, infatti, costituisce
una forma di imitazione della vita). Il
primo provvedimento in uno Stato governato dai filosofi dovrebbe essere quindi l'espulsione di tutti gli artisti: poeti,
pittori, musicisti e drammaturghi, oltre

f JL<.)S()f-IA

che naturalmente vati e cantori di miti.


La violenza dell'attacco platonico all'arte senza precedenti e senza seguito
nella storia del pensiero, neppure all'interno della tradizione platonica. Prima
Plotino (11 secolo d.C.) e poi il Neoplatonismo ( ~ ) rinascimentale addirittura
ribaltarono questa condanna in un'esaltazione, argomentando che la pittura,
nonostante sia condannata a utilizzare
figure realistiche (mimetiche), pu comunque usarle per esprimere significati
trascendenti ( ~ Archetipo) . All'artista,
che Platone considerava del tutto passivo, venne quindi attribuito un ruolo
propriamente intellettuale: la capacit
di intuire direttamente l'Idea che si nasconde nelle cose e rivelarla agli altri.
Alcune sue affermazioni indicano tuttavia che Platone avrebbe forse potuto accettare un'arte non mimetica. Nelle Leggi, infatti, egli dichiara di ammirare l'arte rigidamente schematica e geometrica
(non naturalistica, ma concettuale) degli
antichi Egizi, i quali <<avevano stabilito
per regola che la giovent di uno Stato
debba nelle sue esibizioni assumere solo
quegli atteggiamenti e toni che si convengono, definiti in modo molto particolareggiato. Al di fuori di questa lista ufficiale era proibito ai pittori egizi introdurre qualsiasi innovazione o invenzione
in deroga alle norme tradizionali>>. In altri termini, secondo Platone, un'arte capace di prescindere dalla rappresentazione naturalistica della realt (quindi non
mimetica) avrebbe potuto assolvere un
importante compito etico ed educativo.

110

11 principi o della mimesi pitto ri ca e letterari a in


una co pia bizantina di un manoscritt() greco: un
oggetto viene accuratamente descritto e copiato ia
a ttrave rso una rapprese ntazi o ne esa1ta elcila ua
forrna sia con una desc ri zio ne verbale e letterari a.

~Idea
-::: ui bellezza
Cancello

di bellezza
Co e belle
Arte, imilazionc
di co e belle

Schema della concezione <le Ila hcllczza 11cl pcn iL'ro di Platone, che co nsente di coglie re la ragi<.>nc
della sua sva lttlazione dell'arte.
La s toria dell'arte greca si sv ilupp <lai periodo arcaico (da sin istra a destra) vcr o e1n prc pili alti
livelli di rapprese ntazione naturalis tica. Ai tempi di Platone la rnin1esi , la capacit d i rapprc cnta-

re il mondo cos com e appare all'evidenza degli occhi , era una conq ui sta e tremamcnte recente.
Ci suggerisce l'i<lea che in un certo senso la protes ta di Platone no n fos e contro tt1tta l'arte, 111 <l
contTo quella che ai suoi tempi era l'arte moden1a.

111

PLATONE

Stereometria

MISURAZIONE SClENTIFICA

Vedi anche Pitagorismo, Atomismo


l termi11e stereometria, letteralmente
scit~ n. za della mistlrazione, indica la
dottrina con cui Platone nel Timeo (il
dial'C)go dedicato alla scienza) cerc di
riasst1n1ere in una sintesi unitaria tutte
le intuizi(_)ni scientifiche a lui precedenti (En1pcdocle, Pitagora, Democrito).
Scopo della s tereo1netria, infatti, delin eare un quadf(_) cotnplessivo dei raplJOrti che intercorrono fra realt fisica,

numen e geometria.

tre a lei affini: la fiamma sale perch nei


cieli vi una gran.de massa di fuoco,
mentre un sasso cade attratto da una naturale affinit con la terra.
I fenomeni originati dal calore sono
spiegati dalla forma appuntita dei tetraedri: le piccole piramidi dalla punta
acuminata che costituiscono il fuoco
hanno la capacit di incunearsi all'interno delle altre sostanze sciogliendole e
separandone cos gli elementi.

[assunto da cui parte Platone la perfezio11e di quei cinque poliedri regolari


cl1c i Greci chiamavano giocattoli di
Bacco (cubo, piramide, icosaedro, ottaedro, dodecaedro). Essi godono di due
propriet:
l1a11110 la ti, [acce e angoli uguali;
sono perfetta1nente inscrittibili e circoscrivibili in una sfera.
Ipotizzando che questi volumi costituiscano le forme di base della materia,
Platt1nc spieg le qualit fisiche degli
eleinenti ( -) per via geometrica: la terra stabile e cotnpatta pe.r ch formata
da cubi, strutture n1assicce che tendono ,
a com.[Jattarsi in blocchi solidi e immobili ~ il fuoco costituito da tetraedri mobili e instabili, mentre l'acqua, l'aria e
l'etere sono dati rispettivamente da icosaedri, ottaedri e dodecaedri, forrne progressiva1nen te tendenti alla sferiit e
qui11di proprie di sostanze via via sempre pi liquide, aeree, volatili.

Per affrontare il problema del divenire ( -4 ) Platone ricorse a una ulteriore


riduzione. Poich ogni volume composto da strati sovrapposti di figure piane, persino i cinque solidi possono essere a loro volta scomposti in elementi
ancora pi semplici. I 'mattoni' veramente elementari del mondo risultano
quindi essere il triangolo isoscele e
quello scaleno; bastano infatti queste
due sole figure a comporre i cinque solidi detti 'di Bacco'.
Diventa quindi possibile un'analisi
numerica del divenire: ogni ottaedro,
farmato da 48 triangoli, pu scindersi in
due tetraedri da 24 e similmente ogni
solido pu cambiarsi in altri semplicemente cedendo o assumendo triangoli.
Il dodecaedro, le cui facce sono costituite da penta.g oni, l'unico fra i 'giocattoli di Bacco' a non poter essere ridotto a triangoli: l'eccezione per non
costituisce un problema, perch la sostanza dodecaedrica associata da Platone all'etere, la quinta essenza che forma i cieli oltre la Luna. Il pentagono, gi
posto da Pitagora a si1nbolo della setta,
si avvia a un illustre destino magico,
identificato come forma e simbolo del
soprannaturale.

t:idea che le sostanze diffe,riscano fra loro per una diversa geometria atomica
permise a Platone di spiegare una stermin_a ta variet di fenomeni fisici. La gravitazione, per esempio, la tendenza di
ogni pa,r ticella ad ammassarsi con le al-

.1

'

Ir

I'

FI LOSOFIA.

112

PLATONE

Solido

Elemento

Facce

Triango li di. base

terra

6 quadrati

24 tria ngoli i o cc li

acqua

20 tri ango li ec.1u ilatcri

120 tri angc> li ca lcni

-----

cubo

-!

icosaedro

ottaedro

aria

8 triango li eq uilateri

48 triango li sca leni

tetraedro

fLlOCO

4 tria ngo li eq L1 ilatcri

24 tri ango li ca lcni

etere

12 pentago ni

J odc:caedro

..

I giocattoli di Bacco
I o l1di pla tonici in u n'clahorata illu trazione e.lei X l ~c
c o Io, e 11 e ot to I in e a iI ra p-

po rt o fra le for me. le: for1n e


gc o me tri cl1e e. g li cle me nt i
pri mar i. Da ll 'alt o e da inistra ''erso destra: o t tacdro, tetraedro ( p i rarr1 te.l e), c.l o<lc cacdro (t1nico fo rmato da pentagoni ), cubo, icosaed ro.
La s piegaz ione dc Ila funzione nutritiva dcl sangue nel Ti 111eo . 11 anguc , co tituto c.lall'c: lemcnto fu oco
(co me dimostrano il calore , la mobi-

lit, il co lore ros o). co nsiste 1n mohili tetraedri , pi cco le pirarnidi in perenne agitaz ione CO trettc a n uirc ne i
vasi sanguigni . Ne lla loro corsa e se trasportano il nutrin1cnto dcl corpo: acqua ( icosaedri ) e terra (c ubi), cl1e \ a nn o a. deposita rsi nell e
concavita pred i p o~ t e .
1

Il divenire seco ndo Platone


Quattro parti ce ll e di fu oco (tetraedri o piran1idi ), compresse da una
moltiLL1dinc di icosaedri (acqua), si
sc in<l(> no in triangoli semplici per
r <) i ri co mpa tta rsi in clue ottaedri
(aria) .

113

FI Ll1SOrl. \

ARISTOTELE

Pensiero orizzontale

METAFISICA

Vedi anche Sillogismo, Inferenza


nizioni): la matematica studia i fenomeni prodotti dalla quantit; la fisica quelli dati dal movimento dei corpi; la biologia si interessa ai problemi della vita e
della riproduzione. Ogni sapere interpreta una particolare regione' del mondo e persino le scienze del sacro non godono di uno statuto particolare: la teologia il sapere che ha per oggetto la divinit, mentre l'astronomia ne studia le
manifestazioni visibili (gli astri).
Non vi sono scienze pi o meno importanti; tutte hanno pari dignit, poich interpretano la natura da diversi
punti di vista. <<In tutte le realt naturali vi qualcosa di meraviglioso>> afferma
Aristotele: ogni parte della natura, umile o elevata che sia, ha la propria importanza. In biologia, per esempio, l'atteggiamento scientifico deve prescindere
dall'eventuale disgusto che gli animali
pi umili possono provocare.

n opposizione alla prospettiva verticale e gerarcl1ica che caratterizza la dottri11a platonica delle idee, si suole deno111inare pensiero orizzontale l'approccio laico-scientifico di Aristotele. Sia
per motivi personali (in quanto metecio,
ossia straniero, era escluso dai diritti
conferiti dalla cittadinanza ateniese), sia
per con\'it1zio11e, egli rimase sempre
lontano dagli interessi etico-politici di

Plato11e.
Per Aristotele il fine ultimo della filosofia non stava nel promuovere un rinnovamento sociale: il sapere infatti fine a
se stesso, si giustifica unicamente i11 base al bisogno istintivo cl1e l'uomo ne ha
e al r>iacere intellettuale che ne deriva.
Alla svalutazione del mondo materiale
operata da Platone Aristotele sostitu
una forte attenzio11e per la realt naturale e la scienza. Sebbene non abbia mai
preso apertamente posizione contro il
prestigioso maestro, di fatto egli fin con
l'abbandonare il punto fondamentale
della sua dottrina: il dualismo metafisico. Per Aristotele non esiste un sopramondo, qualitativamente diverso, superiore e in definitiva pi vero di quello
sensibile. La realt non scissa in due,
ma forma un tutto unitario: vi un solo
mondo ed costituito proprio da quella
natura materiale che Platone riteneva indegna di diventare oggetto di studio.

Di fatto nel Liceo, la scuola filosofica


fondata da Aristotele appena fuori dalle
mura di Atene, tutte le scienze furono
sviluppate attraverso un lavoro di ricerca collettivo e coordinato, il cui obiettivo era quello di costruire un'enciclopedia del sapere: riordinare in un quadro
strutturato la massa di conoscenze specifiche fino ad allora disperse fra un
grande numero di specialisti. D'altra
parte questo tentativo di affrontare sistematicamente scienze tanto diverse,
ognuna dotata di un proprio oggetto e
specifici metodi di ricerca, rese necessario reperire un criterio unitario di interpretazione, che Aristotele individu nel
concetto di sostanza (-+).

Nell'ambito del pensiero orizzontale


ogni sci~a indipendente e autonoma
dalle altre, perch ognuna ha un proprio oggetto qualitativamente diverso e
si basa su princpi propri (assiomi, defi-

FILOSOFIA

114

ARISTOTELE

Nella Scuola d'Alc,1c ( 1519) Raffaello s in lelizzo le


due tradizi o11i d cl pens iero fil<)so fi co, il Platonismo e l'Aristotelismo, ritraendo i due mae cri i11
un gesto esemplare. Pla to ne, con l'ind ice rivo lto
verso l'alto , suggerisce un o sviluppo in cn o ve rticale e gerarc hico del sapere; il ges to d i Aristo tele invece, la ma n e) tesa a indi care il mo11do . es pr1 111e u11 atteggia mento 'o rizzonta le' d el pensie ro.

Il nuovo a tteggiame nto di Aristotele ha un equivalente artis tico nella scultura d el suo contempo ra neo Lisippo , che evidenzia la stessa
curiosit pe r la na tura, lo stesso desiderio di osservare realistica111ente il ino ndo e di partire dall espe rienza conc reta. Il S Ll O Atleta
che si deterge coglie un aspetto, un attimo d ella vita quotidiana ben
lo nta no d al classicismo e ro ico.
1

115

FILOSOFI

ARISTOTELE

Sostanza

METAFISICA

Vedi a11che Aristotelismo/Platonismo


ell'articolazione del progetto enciclopedico di Aristotele ( ~ Pensiero orizzo11tale) gioc un ruolo fonda111e11tale la nc)zione di sostanza, cui il filosofo affid il clelicato compito di defi11i re i limiti cli og11i scienza e le regole
ge11erali del pe11siero, facendone cos l'idea 'fo11da111e11tale della sua 'filosofia pri-

nozione, metterebbe in grado di spiegare l'uso dei concetti, risolvendo il _problema della definizione (ti sti: ~) da
cui era partito Platone, senza dover ricorrere ad alcun mondo soprannaturale.
Per esempio il concetto di 'caninit', in
base al quale distinguiamo fra un cane e
un gatto, non sarebbe un ricordo dell'anima, come voleva Platone, ma una categoria mentale che discrimina gli animali in base alla diversa sostanza che li
costituisce. Non esiste quindi alcuna
'caninit ideale', e Aristotele contrasta
cos Platone nel punto essenziale della
sua dottrina: l'esistenza del mondo delle idee: ( ~ Idea platonica).
D'altra parte, secondo Aristotele, se il
ragionamento scientifico pu usare con
successo la nozione di sostanza, solo
perch il inondo nella sua realt effettiva1nente costituito da sostanze diverse, cos come in campo logico dimostra
il principio di non contraddizione
(-> lnfereiaza).

m ~1 '

t)

metafisica.

Sebbene Aristotele ne esamini i vari significati in mt)do quanto mai rigoroso,


il se11so ultimo del termine sostanza
facil111e11te i11tuibile, perch esprime ci
che 11el li11guaggio ordinario si dice essenza di qualcosa, volen.d o i11dicare ci
cl,1e stabile e duraturo in un oggetto
(non ten1poraneo, effimero o accessorio), senza il quale esso cessa di essere
quello che . La sostanza (dal latino substa1e, 'stare sotto') definisce quella pa.rte
di un oggetto che non muta anche
quando i suoi aspetti meno rilevanti,
che Aristt)tele chiama accidenti, cam-biano. La sostanza 'umanit', per esempio, quella qualit prirnaria che sottost a ogni individuo, nonostante le mqltissi me variazioni dovute all'et, alla
razza, alle particolarit soggettive. la
qualit comune a tutti gli inclividui della specie umana e ne definisce i confini.
li diverso contenuto di ogni sostanza ne
delimita anche l'ampiezza: la 'v1ta', per
esempio, quella sostanza cl1e sottost
non solo a tutti gli uomini, 1na anche
agli animali e alle piante.

Alla gnoseologia della sostanza corrisponde quin,di un'ontologia della sostan.za: l'essere di ogni cosa coincide con
la sua essenza o sostanza, l'esser e la ragione per cui una cosa quello che . In
questo senso Aristotele afferm che l'essere ontologico non unico come diceva Parmenide (<<l'essere >>), n duplice
come voleva Platone (cose sensibili e
idee soprannaturali), e neppure di numero infinito come gli atomi di Democrito, ma innumerevole: vi sono tante
sostanze quanti sono i generi delle cose
che compo11go110 l'universo (e forma no
i concetti del linguaggio).

Secondo Aristotele l'elaborazione di una


teoria della sostanza, tale da descrivere
come la .m en.te umana utilizzi questa

fll_t1~0FLA

116

ARISTOTELE
La sostanza e prima di tutto

la forma dell e cose, in conLra pposiz io n ca ll a ma lcria


(non rilevante) . Per 'forma
si d eve inte nd e re no n l'aspetto esteriore di un sinolo
(un essere individuale nella
Le r111 i no log ia a ri sL() Le l ica),
ma l'inLerna struttura che lo
fa esse re quell o cl1 e . Una
colonna Lale solo per la sua
forma, indipcndenLement e
<lai materiale di co truzione.

...

-r

Materia

Sinolo

Forma

La so lc1nza e (tnchc l'atto in co ntrapp o iz i o n c


a ll a potenza , non ril e-

va nte. L'atto e la rea li zzazione pi ena del clc tin o


imr, li cito in ogni e se re:
un ha 1 n bin o e !:>o lo u n
U() m o i 11 potenza , rn c n Lrc Lln ad ult o rea li zza
co 1n pit1t a n1 enL e la ~o
stanza co rri pon<lcn te al
co nce tto di L1omt1 .

Alto

r'otcnza

La sosta nza t <)rnc causa


formale e causa finale .
Ogni esse re po ss ied e
qualtro tipi <li caL1se: materiale, effi ciente (il lavoro per costrL1irla), formale (il proge tto) e finale (lo
scopo). Solo le ultime due
hann o rileva nza sos tanzia le: un te mpi o ta le
quando s tato progettato
per questo scopo o quando assolve in og11i 111od o
la funzi o ne religiosa, indipendentemente da chi
l'l1a costru.ito (causa efficiente) e clal materiale <li
costruzi one.

Efficiente

Materiale

--

Finale

..

.
. . . ....
-

.,.
(

Formale

117

I L() t) I L.\

ARISTOTELE

Sillogismo

LOGICA

Vedi anche Quadrato degli opposti


on la teoria del sillogismo di Ari- stotele nasce la logica, la sden~a
della dimostrazione capace di indicare
con esattezza quando e perch un ragionamento valido (coerente, ben costruito rispetto alle premesse) o falso.
Aristotele osserv prima di tutto che
non tutto il pensiero ragionamento:
un giudizio preso isolatamente (per
esempio: <<Socrate morto>>, oppure:
<<Oggi piove>>) pu essere vero o sbagliato rispetto alla realt, ma non possiede alcun valore logico ( la constatazione di un dato di fatto). Il .r agioname11to nasce quando il pensiero realizza
un movimento, passa da giudizio a giudizio, collegando fra loro le proposizioni con nessi necessari, in modo che le
co.n clusioni seguano obbligatoriamente
le premesse. In questa consequenzialit, per cui la proposizione antecedente causa delle conseguenti, consiste la
coerenza logica.
Un ragionamento minimo (sillogismo) deve quindi consistere in almeno
tre proposizioni:
premessa maggiore;
premessa minore;
conclusione.
I.:esempio classico dimostra la mortalit di Socrate argomentando in questo
modo:
tutti gli uomini sono mortali;
Socrate un uomo;
Socrate quindi mortale.
Le riflessioni aristoteliche partirono
dalla constatazione che nella conclusione non compare un terr11ine che pure
presente in entrambe le premesse (nel

FILOSOFIA

l'esempio la parola 'uomo') e che costituisce il fulcro di tutto il ragionamento.


La mortalit di Socrate (affermata in sede conclusiva) scaturisce necessariamente dal suo essere uomo e dall'idea
che tutti gli uomini siano mortali: 'uomo' quindi il cuore operativo del ragionamento. Questo termine medio
rappresenta la sostanza (-.) o ragione
del sillogismo, poich ci che le due
premesse hanno in comune e implicato
(anche se non espresso) nella conclusione. Il rapporto corretto fra le due premesse si stabilisce quando entrambe
condividono il termine medio che le lega assieme.
Il termine medio pu essere soggetto
o predicato delle proposizioni e ci permette di distinguere quattro tipi di ragionamento che Aristotele chiama figure del sillogismo. Sebbene sia possibile
costruire sillogismi corretti in tutte le figure, Aristotele consider il procedimento di prima figura (quello relativo
alla mortalit di Socrate ne un esempio) come il sillogis1r10 perfetto, naturale e dotato di evidenza palese, tale da
non richiedere ulteriori riflessioni. La
prima figura rappresenta il fondamento
intuitivo dell'intera logica; i ragionamenti esprimibili in questa forma sono
tanto semplici e certi da non richiedere
ulteriori conferme. Il lavoro del logico
aristotelico consistette quindi nel verificare la trasformabilit di una proposizione qualsiasi (incerta, complicata) in
un sillogismo di prima figura (o in altri
equivalenti). Ci assumeva un carattere
di prova: se la riduzione era possibile, il
ragionamento doveva essere accettato.

118

ARISTOTELE

-------.J..,__,
soggetto 5

Tutti gli uo mini sono mo rtali

M - P

Socrate un uo mo

S-M

Socrate mo rtale

S -P

premesse

conclusione

Quando il ternaine medio soggeLLo nella premessa maggi<) re e predicato in quella 111 ino rc il sillogismo, detto di prima figura , nella s ua forma perfetta. Ovvi amente sono possibi li a nche altri
tre tipi di ragionamento sillogistico , come mostra la tabella.
I figura

prem. n1agg.

prem. m1n.

li figu ra

M soggetto

Ili figura

IV figura

__l_ M predicato

L M_soggc tto

M predicato

M soggc LLo

M predicato

M predicato

M sogge tto

conclusione

Il matematico L. Eule-

ogni M A

ogni M A

r o ( l 70 7-1783) propose di visua lizzare i


rapporti fra i ter111ini
B
M
A ogni B M
B
ogni B M dc l s i ll og is mo co n
M
cerct1i, cos da visualizz are i rapporti di in . B,
elusione e di esclusioogn B a
ogni e a
ne. Ne deriva che, nel

primo esempio, 1) ogni t1omo (M) e mortale (A); 2) Socrate (B) un uomo ( M ) ; 3) Soc rate mortale. Nel secondo esempio, I ) nessun ttomo (M) eterno (A): 2) ogni greco (B) t1n uomo (M);
3) nessun greco eterno.

B .- - - .

e :_

~--:--~~~~

Og ni B un C

N essun B un C

G.W. Leibniz propose un sistema di visualizzazione del sil logismo in


cui i rapporti di inclusione sono mostrati dall'incidenza di punti su una
retta. Le orizzontali simboleggiano l'estensione dci concetti , le punteggiature verticali le relazioni di inclusione o di esclusione. Quando
cadono all interno della riga pi in basso si ha urta proposizione affern1ativa; quando cadono fuori si ha una proposizione negativa.
1

119

FI LO ~O F I A

ARISTOTELE

Inferenza

LOGICA

Vedi anche Sillogismo, Quadrato degli opposti

T 'utilizzo del sillogismo (-->-) ne Ila


L prtltica della ricerca scientifica pose

suoi oggetti: il numero, il pari e il dispari, le nozioni di somma, sottrazione


e cos via. La geometria parte dai cinque
postulati di Euclide e le varie scienze da
quei princpi generalissimi che sono
universalmente ammessi dagli studiosi.
In campo biologico possono essere assunte come valide premesse massime
quali <<natura non facit saltus>> (cio la
natura non fa salti') oppure <<ogni vivente destinato alla morte>>.
Alcuni di questi assiomi sono validi
per pi di una scienza: l'idea, per esempio, che <<se A uguale a B e B uguale
a C, allora C uguale ad A>> (principio
di uguaglianza) si applica non solo ai
nu1neri, ma a qualsivoglia oggetto. Per
via di generalizzazione progressiva
possibile arrivare a un assioma universale, sottostante tutte le scienze e ogni
forma di pensiero razionale: il principio di non contraddizione. Esso afferma che << impossibile che la stessa cosa sia e insietne non sia>> (se dato un
A, allora ogni B sar diverso da A). In
uh certo senso il principio di non contraddizione la cosa pi ovvia che ci
sia, tanto che nessuno sente mai la necessit di esplicitarlo.
La sua negazione, tuttavia, renderebbe impossibili il pensiero e il linguaggio
poich ogni concetto potrebbe alludere
a una cosa e contemporaneamente a
qualcos'altro, anche l'opposto. Il principio di non contraddizione esprime a livello logico la metafisica aristotelica
della sostanza ( ~ ): ogni essere ha una
propria natura determinata, una sua essenza che lo fa essere quello che , e
non altro.

ad Aristotele una serie di mportanti


di ff1cc) lt. Passat1.do dalla logica (che bada solo alla coerenza interna del discorso) alla ricerca scientifica diventa essenzi:1le il probleina della verit delle pre1nesse: un sillogis1110 scientifico, oltre a
t1sare correttamente le regole deduttive,
deve partire da presupposti giusti. [idea
di dimostrare questi ultitni tramite un
nuovo sillt)gismo non fa altro che spostare a 111onte il problema, creando una
cate11a che non pu diventare infinita.
La conoscenza delle premesse (per definizione non din1ostrabili) la questione
pi delicata della dottrina aristotelica
della scie11za.

SeCl)ndo Aristotele possibile cogliere


queste verit fondamentali su cui fondare ogni scienza attraverso due vie:
l'i n_d uzione e l intuizione.
Linduzione il procedimento per cui
si generalizza una verit generale partendo dall'analisi di casi particolari.
una forma di razionalit non sillogistica
(e neppure logica in senso stretto)~ la
constatazione (universalizzata) di innumerevoli verit particolari. I..:intuizione
la capacit dell'intelletto di cogliere
una verit immediata, tanto ovvia ed
evidente da non richiedere alcuna dimostrazione. Il confine fra intuizione e
ragionamento discorsivo dato dal sillogismo di prima figura, espressione in
forma logica di verit evidenti.
1

In questo modo la matematica parte


dalla fondazione per via intuitiva d.ei

Ftll)SOFIA

120

ARISTOTELE

A----------iC
TERTlA

N el XYl seco lo G. Bruno

Prima
fgu ra

(De lampad e ve nat oria ,


l 587) propo e una rapprcscntazic> nc grarica <lei processi inferenziali , in cui le
fi gure del sillogismo ono
esp resse d a tri a n go li ( i
ve rti ci indi cano la premesa nlaggio re, quella min o-

re e la C(1ntl u it) t1 e) . No tevo i.e la cli ve rs 1t~1 grafi ca


dc l sill ogi mc) di prirna fi -

e
MA

Seconda
fgura

B
Terza

f gura

gu ra , rapp resentato da un
tri ango l o di tipo c urvi lin C(). Seco ndo Aris totele,
infatti . i s illogi T11i di pri 1na fi gura rapprese n.tan o le

ba i di og r1i tipo di ragic)11amcn l(), verita ta nto ov\' te <la no r1 po l er i ulLeri orment c <limo tra re e acce ttate da1la men te non a ~ e
gu i Lo di u11'infere nza logica, ma p e r e mplice intui-

A__

zione 1n1nediata.

La sce lta (li C3rL1no cli rappresentare la prima figura <lei sillogi m o
con tratti ct1rv ilinci si s11icga con
il fa cto cl1 e pr()pri<.) i11 ques to tnodo si t1sava allo ra indi c<1 re i rap-

porti arn1onici it1atnbito111usicale. ln altri. te rt11ini c i s i.gn ifi ca


cl1e le verit evi d e 11ti , a cava llo
fra intuizio ne e ragionamento, da
lJ t1rre allcl base di og ni ricerca

scientifica, debbono i1nporsi alla


rn cntc ro n immediatezza e se m plicit, se r1 za lJisog110 di ltlteriori
spiegazioni , C<) n1e l'armonia delle
nl.)l e mL1s cali .

121

F1Lc sor=1

ARISTOTELE

Spazio-luogo

FISICA, ASTRONOMIA

Vedi a11che Plenum/vacuum, Atomo

ristotele, in opposizione a Democrito, defin lo spazio come il luogo

occupato dai corpi, coincidente di fatto


con il loro limite adiacente, ossia la superfi cie esterna che li delimita. Quattro
era no le assunzioni basilari in questa
.
teoria:
il lttogo spaziale di ogni cosa non n
un,1 s tta parte n una sua componente,
ma ci che con1prende la cosa stessa;
il luo go di o gni cosa non n pi
gra nde ne pi piccolo della cosa stessa ;
ogni luogo pu essere abbando11ato
<lalla cosa che lo occupava;
ogni lul1go ha un proprio orientame11to intrinseco, un alto e un basso definiti vamente stabiliti, ed definito dalle tre di111ensioni di lunghezza, larghezza e profondit.
Da queste premesse Aristotele concluse cl1e non solo ogni corpo occupa uno
s pazio, 111a anche ogni spazio deve essere sen1pre occtipato da un corpo. Spazio
e corpo, tu tlavia, rimangono distinti:
sebbene qualsiasi estensione coincida
se1npre con un corpo, essa non in se
stessa un corpo, altrimenti, ragiona Aristotele, vi sarebbero due corpi nello'
stesso luogo.
Dall' ulti1no punto deriva che lo spazio-luogo non un ambiente inerte
riempibile a piacimento da qualsivoglia
materia, ma una struttura dinamica e
diversificata, disomogenea e differenziata al suo interno, capace di scegliere,
condizionare e influire sui corpi contenuti. I luoghi posti nelle vicinanze del
centro della Terra (che anche il centro
del cosino) attraggono i corpi pesanti e

FILOSOFIA

respingono quelli leggeri; al contrario i


luoghi 'alti' (il cielo) attraggono aria e
fuoco, respingendo terra e acqua. Ognuno dei quattro elementi naturali ha un
proprio luogo elettivo, verso il quale si
dirige procedendo con un moto naturale rettilineo (il pi breve possibile). I
corpi pesanti cadono e quelli leggeri salgono; la gravit agisce non in una, ma in
due direzioni, verso l'alto o verso il basso. Il peso deve essere considerato una
qualit assoluta, non relativa, dei corpi.
Pesante << ci che per natura si porta
verso il centro; leggero ci che va in direzione opposta; pi pesante di tutto ci
che sta sotto tutti, pi leggero di tutto ci
che si mantiene al sommo>>.
In questo modo Aristotele spieg l'ac-

celerazione gravitazio11ale in ten11ini


antropo1norfi (---> A11tropo1norfismo) e finalisti come un istinto (l'appetito) della
materia: il desiderio dei corpi di ritornare nel loro luogo naturale fa s che
essi si affrettino, accelerando a mano a
mano che la meta si avvicina.
Sulla Terra (---> Mondo sublunare) oltre
al moto naturale (gravitazionale, rettilineo) possibile anche il moto violento,
prodotto da qualche azione opposta alla legge naturale (per esempio lanciare
un oggetto verso l'alto). Quando si esaurisce l'energia prodotta dall'azione umana, la natura torna alle sue leggi normali (per questo il sasso, lanciato in alto,
ricade). Nel nostro mondo i moti circolari o ciclici hanno sempre un carattere
'violento', cio contro natura; sono
quindi sempre imperfetti, effimeri e
temporanei.

122

~l

ARLSTOTELE

...

l ~:.-4

-=-

I '-

'>

Democrito

Aristotele

,,', ' o
l C:t.iscgni con ento110 il tonfronlo fra l'idea di spaz io di Democrito e quella di Aristotele. Per Democrit o l'c tensione spazial e non coincide con la materia, ma la incluclc, eco ndo un modello che
Einstein defin spazio-scatola : ttrl contenitore di n1atcria e cli ogge tti indipendente e indifferente al
tipo, all<l qtlantita ('alla qua lita (lei corpi cl1e vi risiedono. Seco11() Aristotele, al co ntrari o, lo .;;pazio co incide co n la 111ateria cc) ntcnutt.1 e non pu st1ssisterc enza di essi1. Non ptt qtlindi esistere
uno s pazio ' 'Lloto, (Jc rcl1 il 1uogo e lo spazio ono la st1perfi cic nccc ~aria per av\rolgcrc' u 11a co a.
Luogo

Da ll a teoria di Aristotele ca turi cc un pnra<l t>~ o:


cose piu picco le possono occt1pare t1110 paz io pi
grande. Come mo tra l'illu traz iont' , la parte di un
intero, l'oggetto a dc tra (B), po siede un maggio r
luogo aristotelico dell'intero stc o (AJ .

Per Ari totele l'uni verso de limitato,


e o n1 p a l l o , eh i ll o
all'inLerno di Ltn ultimo luogo , l'Empireo . Po ich no n
.
.
es is te spazio se nza
ma l e ri a, a l di la
d e ll ' Empireo n o n
''i e s pa zio. E se
q ualc tt no, obiet Lo
l'atomi s ta Lucrezio , avanzasse fin o
all 'es tre mit d e ll'ultim o margine e
da Il scagliasse nello s paz io Ltna f reccia, questa dove finirebbe?

..
.. ..,,,....
'

,_

, ,.....,.
f ,

123

ARISTOTELE

Plenum/vacuum

ARISTOTELE E DEMOCRITO

Vedi anche Spazio-luogo, Determinismo


loro le sue parti~ ma per separare due
elementi materiali necessario inserire
fra di essi qualcosa che materiale non .
Per gli Atomisti lo spazio nel quale si
alternano atomi e vuoto isotropo
(uguale a se stesso in ogni direzione),
omogeneo, modulare, estensibile in
ogni parte dell'infinito, senza un alto e
un basso, un centro o direzioni privilegiate. E una struttura a rete, costituita
da due sole sostanze: vuoto e atomi. In
questo spazio, infinito sotto ogni aspetto , anche i mondi devono essere in numero infinito.

li Atomisti giudicarono che l'unico


rnodo per risolvere i paradossi di
Zeitone (-4 ) fosse negare la possibilit di
una divisibilit inrmita della spazio. A
loro avviso, mentre in campo mate1natiC<1 no11 vi sono limiti alla divisibilit, nella 11att1ra esiste invece un limite insuperabile. Il frazionan1cnto progressivo della materia porta, a un certo punto, a un
tcr1nine ultimo: l'atomo ( ~ ), una particella senza divisione (questo il significato letterale della parola), tanto piccola
da non poter essere ulteriormente scissa.
Dal rifiuto dell'i11finita divisibilit de1i,, un't1lteric)re e fc)ndamentale consegu enza: l'esistenza del vuoto. Come
riassu111e Aristotele nella Metcifisica, <<gli
Ato111isti chiamano essere il pieno e il
so lido~ il vuoto non-essere. Per questo
sostengono che l'essere non l1a affatto
pi realt del non-essere, in quanto il
pieno non ha pi realt del vuoto. E
pongt)no questi elementi, vale a dire il
pieno e il vuoto, come cause materiali
degli esseri>>.
Secondo Democrito, se il vuoto non
esistesse allora gli atomi sarebbero tutti
strettamente e totalmente connessi fra
loro , rendendo cos impossibile ogni
forma di spostan1ento. <<Se non esistesse il vuoto i corpi non avrebbero n dove stare n dove muoversi>>, affermava
Epicuro. li vuoto quindi esiste anehe all'interno di ogni corpo, che va considerato solo come un ammasso di atomi di
maggiore densit rispetto al mezzo che
lo circonda. Del resto Democrito osserva che il semplice taglio di un oggetto
non sarebbe possibile senza separare fra

FIL()SOFIA

All'immagine democritea della natura


basata sull'esistenza del vuoto (teoria
del vacuum) si oppose La teoria del plenu1n di Aristotele, per il quale la materia forma un tutto continuo e compatto,
senza salti, intervalli o assenze: non esistono particelle ultime, atomi, e tanto
meno il vuoto. Conseguentemente l'universo non strutturato a forma di rete
ma secondo un modello centrico e pieno (~ Geoceittrismo) . Secondo Aristotele la via per risolvere i paradossi di Zenone sta nel riflettere sul rapporto che
lega lo spazio al ten1po . Una suddivisione senza limiti dello spazio richiederebbe un'analoga ripartizione dei tempi in
unit sempre pi piccole sino all'infinito, ma la dimensione temporale dell'essere umano procede sempre in tempi determinati. Per questo esiste una frattura
fra ci che effettivamente sperimentabile e ci che solo astrattamente pensabile (i paradossi di Zenone rimangono
validi sul piano matematico).

124

ARlSTOTELE

ll tt1odello a rete di Democrito


Esi te lcl rnatcri a (alo n1i).
Esiste il vt1o tt).
11 e o 111 o i n fi n i t C)
li cos n1 0 non ha cc>11fi11i .
Nc)n vi alcu11 cc 11 t ro.
li CO 111 0 OVUO ( Jll C 01nogcnco.
Le leggi fisiche ono u11ivcrsa li .
Lo ' piritttale' e 111atcriale.

---ETERE
--FUOCO

-ARIA
-ACQUA

TERRA

11 1nodello cer1tnco cl i Ari totelc


Esiste solo la ma tc ri ~1 .
11 \' u o t o non e i Le.
li cos mt> finito.
Il Ct)smo l1a confini ( Er11pirco) .
La Terra e centro <lei <:o 111 0 .
li co ino e ttb- e pcrlunarc, c<.1 n leggi fi siche
di ve rse.
V i e una materia e vi e ttn c> pirite .

Se nel mondo sublunare ccs as e ogni tipo di tnl1lo


violento , gli clen1enli naturali , tornando ognttno nel
propri o luogo naturale, finirebbero con il di spor i in
questo modo. L'universo si tra~formcrcbbc in una crie
di strali co nce ntrici e omogenei, secondo questa st1cce sion.e: cerra, acqua, aria, ft1oco , etere (quest'ultimo co n1prende11 te da solo tutta la parte iperlunare dcl co ffi() ).

125

ARISTOTELE

Fissismo

SCIENZE BIOLOGICHE

Vedi a11che Evoluzionismo


l fissismo , la teoria biologica di Aristotele, costituisce la dottri11a di pi
lunga durata nell 'intera storia della
scienza occidentale: integrata senza vari<-1zioni rilcva11ti nel Cristia11esi1no, ben
a dattandosi al concetto di creazio11e ( - ). ) e al racconto dcl Ge11csi, soprav''isse alla rivoluzio11e scientifica moder11a ed era ancora considerata valida poC(J IJi cli un secolo fa, si110 alla nascita
dell'evoluzionismo darwiniano.
La biologia aristotelica si basava su
tre pri11 cpi fondamentali , qui di seguito ricordati .
Le specie sono eterne, i1n1nutabili e
si tra111andano inalterate di ge11erazione in generazione. Non esiste alcuna
evoluzit)ne nella struttura organica degli a11imali, poich ogni specie ha gi
raggit111to la inassima perfezione possibile . D'altra parte tutte le specie possono essere ordinate in una scala conti11t1a, dalla pi semplice alla pi con1plessa. Questa scala degli esseri ( - )>)
parte dal inondo tninerale, risale senza
interruzioni a quello vegetale, animale
e umano.
La biologia interessata solo alle
specie e non agli individui. una logica conseguenza della distinzione operata in 111etafisica fra sostanza (-+ ) e accidente: la biologia studia le conformazioni essenziali (tipicl1e), disinteressandosi delle varianti individuali. Nonostante
le critiche alla dottrina platonica delle
idee (-+ Idea platonica), la ricerca scientifica di Aristotele deve molto alla concezione, comune nel rn.o ndo greco, secondo cui gli oggetti della ricerca sono

FILOSO FIA

sempre gli universali, non gli individui


concreti.
La forma degli organi sempre finalizzata alle funzioni . Non il caso ( - >), e neppure le cause efficienti o
materiali sono determinanti in natura,
n1a il fine: un piede per esempio possiede u11a determinata struttura solo per
rendere possibile il moto.
Il fissismo non escludeva a priori che vi
potessero essere processi evolutivi, le
cui prove erano evidenti anche nel mondo antico. Gi allora gli allevatori usavano gli incroci per migliorare le razze
equine e si conosceva la possibilit di ottenere nuovi tipi di ani1nali non presenti
in natura trarnite addomesticamento e
selezione (il maiale, per esempio, il
prodotto di una progressiva selezione a
partire dal cinghiale selvatico). Questi fenomeni di trasformazione biologica, tuttavia, venivano spiegati come frutto di
un'azione umana in opposizione alle leggi naturali, una nlodifica violenta della
norma biologica. Aristotele avanzava argo1nentazioni simili anche per altri fenon1eni potenzialmente in grado di smentire la teoria fissista. Spiegava l'esistenza
dei fossi li ipotizzando che alcune specie
fossero scomparse a seguito di catastrofi
cicliche. Spiegava la nascita di individui
anomali, con malformazioni orga11iche
tali da distinguerli dalla norma, sia come
prodigi divini sia ricorrendo al principio
per cui vanno prese in considerazione le
specie e non gli individui, ossia considerandoli eccezioni, varianti non significative dal punto di vista biologico.

126

ARISTOTELE
Gli uornini-alberi in un' illus trazio ne rinascim entale. Ne lla Sloria degli ct,1imali Aristotele afferm clic <<a propos ito di certi e seri che vivono nel rnare ci si potrcl)he chiedere se si tratti di
animali oppure di piant e, giacc h s tann o attalcati e rnolti di loro periscono se li i raclica .
QLtestc affermazioni portarono nel Medioevo a
crccl.crc "1 1l'esistcnza di es cri ibridi, m o~t ri per
met vegetali e per rnct anima li .

I L,aqt1ila nel Be tiario cli Hctrlly. 1 bestiari n1c-

- - - - - -- --------_-_-_-_-:_-_-_-:_-:_-:.-:.-:..-:.-=....

clicva li erano compi lazioni a llego ri cl1c d1 arg()mcntc.> eti co-zoo logico: <)gni capita i<) era ded ica to a tin ani 111alc, reale o fa nt~f.,ti co ~ _ull'c emp io dell e
o pere cli Ari s to tele , d o po un a prima parte d c c ritti vn
erano rnc e in lttce le ana logie i111bol1cJ1e co n uri prece tto 111ora lc o ttna norma di Cc>mpc1rtarnc11to. L'ac1L11la,
per esempio , rapprese nta il pcricc) IO di vo lare tr<>ppc.> 1n
alto , ri. cl1ia11do co di brucia r i a ('OnLaLLo co n il o lc.
-

La teratologia , la cicnza cl1e tudie;l le


nla lf<Jrn1,\zio ni o rgan icl1 c , costitLt t111
prcJ}Jlcn1a per ttlllc le filosofie clclla nnLLtra fin o all 'avvc11 to dcl Dar'vvinis111<1 .
Si'' nell'epoca a11tica ia 11el Mecli ocvc>,
c.it1 r)l) es ere s tato ' i11tcr1Jretato' <la un
sace rtlote, il '111ostro' (a nimale o t1 o m o
che fosse) era cmprc Ltcciso.

'

"' . '

-,

...

...

.......

127

Fl ll1 t) flr\

ARISTOTELE

Identit sessuale

SCIENZE NATURALI

Vedi anche Differenza


vita; quello femminile non l1a questa capacit. La scintilla capace di risvegliare
la materia n1orta risiede unicamente nel
seme maschile.>> Per quanto riguarda la
procreazione, quindi, non si deve parlare di maternit, ma di paternit soltanto:
il rttolo della donna si riduce a offrire in
modo passivo un ambiente adatto (l'utero) allo sviluppo dello sperma in feto.
<<Non la madre che genera chi chiamato suo figlio; ella solo la nutrice del
se1ne gettato in lei. Genera solo l'uomo
che la feconda, ed ella, come ospite a
ospite, conserva il germoglio>>: sono parole che il poeta Eschilo fa dire ad Apollo nella Orestiade e si noti che il ragionamento pronunciato in difesa di Oreste , assassino di sua madre, per dimostrare che l'uccisione di una donna
meno grave di quella di un uomo.
Persino le funzioni fisiologiche prettamente femminili erano spiegate come
deviazioni patologiche del modello maschile. La medicina degli urnori (-..) e la
metamorfosi dei fluidi che ne derivava
offrivano il necessario quadro interpretativo, permettendo di pensare che il
sangue, raffinandosi, si trasformasse in
sperma oppure, decadendo, desse origine al latte. Il mestruo era considerato
come l'eliminazione di residui sanguigni dovuti a un eccesso di alimentazione: le gravide non hanno mestruazioni
perch, ipotizzava Aristotele, durante la
gestazione il superfluo alimentare serve
come nutrimento del feto . In questo
modo anche un maschio pu avere una
forma di mestruazione, per esempio
perdendo sangue dal naso.

l i1ostro mc>do di co11cepire la sessttal it co111e u11a polarit fra opposti biologi ci, viri Ii t ve1sus fem111inilit , ognu11a clcfi11ita pe r contrasto con l,altra, nasce so lo i11 epoca moderna. Il inondo
a11tco poneva la distinzione sessuale all'interno di un diverso quadro di riferimento sottolineando sistematicamente
no11 le diversit, n1a le uguaglianze fra i
sessi (-.. Scala erotica). Portando sul
pia110 scientifico questa mentalit Aristotele afferm che il mascl1io il prototipo u11ico e assoluto dell'uo1no (dell'intera t11nanit) ~ la fe111mina non diversa, neppure sul piano fisico e anaton1ico, ma solo incompleta; una copia
111al ri11scita. La differenza fra i due sessi, disposti su un unico asse al cui vertice sta l'essere umano-maschio, solo di
quantit, non di qualit.
La fisiologia aristotelica part dall'assioma che la donna sia un 'uomo capovolto': i suoi organi di riproduzione sono
uguali a quelli maschili, con la sola differenza di essere internamente rovesciati , dentro e non fuori dal corpo. [unica
diversit rintracciabile fra i sessi risiede
non nell'anatomia, ma nella fisiologia ,
nel maggiore calore vitale (-.. P11euma)
del corpo maschile. La donna imperfetta perch internamente pi fredda.
Usando il suo fuoco interiore il maschio riesce a trasforma re il sangue in
sperma, mentre nella donna questo processo si ferma alla produzione del sangue mestruale (uno sperma non ben cotto). <<Il sesso maschile>> afferma Aristotele << in grado di portare la cottura del
cibo al suo livello pi alto, generatore di

FILOSOFIA

128

ARISTOTELE

"'-I
d

c5

Non(>Stantc 1c ap1Jarenze, questa tavo le anatorni cl1e deJ XV L e XV IL seco lo n on dc. cri vo11<.) u n pene, nia una vagina. ln accordo co n la dottrina ari Lotelica la vagi na e int erpretata c<>rne un pene
rovesciato, i1 cu i processo di crescita s i i11t errottt) durante la ges taz ione. Per cluc1n il<1 anni nc)n t
esistito un terrnine scienti_fico per des ignare le ovaie fc1nmi11 ili : nei trattati ci ~ i riferiva a e ~ e ct1n
la stessa par()la usata per i testico li niaschili, orcl1ci , lasciando int L1 ire il sesse> <lai co11tc LO.

Ne lla terminologia aris totelica il pad re l1a nella ge nerazione il ruolo di c<1usa forma le e finale, la rnad rc qL1ello di cat1 a effi ciente e materiale ( > Sostariza ). La generazione perfetta c1uclla cl1e riproduce un figlio maschio e sano; quella i1nperfctta genera, in ordine decrescente, mascl1i sani ma non sirnili al padre. ma clii rnalati, femmine, fcm111inc inalate .. . li difetto non e mai dov uto allo sperma
mascl1ilc, ma al cattivl> nL1LrirncnLo offerto dalla n1a<lre al feto nell'utero. ln
base alle teorie aristotclicl1 e gli alcl1i mis li C()Struiv,1 no il vaso alcl1 emico
imitando la forma <lcll'utcro (a destra) .
Dopo avervi cJepositato lo spcr111a cercavano <li cl1 iuderlo 'erm eti ca mente'
cos che i proccs i <l fcrmcntazio 11e
prodotti dal ca lore non fossero co rrotti dall'ambiente. Le teorie aristoteliche
innucnzaronc> pers in o il prin10 pcns ie- t ~
ro scientifico l11oclcrno . Ne l 1677 l'olandese A. van Leeuwenhoek . esamina nd o pe r la prima vo lta lo perma
u1na no al mi croscop io, individu gli
spermatozo i (e hc egli chia111 a11ima.ci1la ) e li clcscrissc (li vide e li cli egn)
e o 111 e f) i e e o l i u cJ n1 i r1 i i n m i n i a t u r a
I ho 1n u 11 eti I i I e 11 e s i m tl o v o n <> rn o1ro
graziosan1cnlc (a s inistra) .

129

'

ARISTOTELE

Cardio/cerebrocentrismo

LOCALIZZAZIONE
DELt:ANIMA

Vedi anche Anima, Microcosmo/macrocosmo


rebbe per raffinazione il pneuma. Del resto l'identit simbolica fra sangue e vita
attestata da numerosi miti ancora pi
antichi delle riflessioni di Aristotele .
Nella Bibbia (Deuteronomio) si avverte
che <<da una sola cosa devi guardarti: dal
prendere il sangue, perch per loro [gli
animali macellati] il sangue come l'anima>> (da questo precetto biblico gli
Ebrei desumono tutt'oggi un particolare
metodo di macellazion.e della carne, tale da escludere la possibilit di nutrirsi
del sangue-anima degli animali).
La riduzione del cuore a semplice muscolo avvenne solo con la scoperta della
circolazione del sangue nel XVII secolo, quando il medico meccanicista A.
Borelli ( 1608-16 79) neg l'esistenza
della 'fiamma vitale' (il pneuma) e ridusse il cuore a una semplice pompa
idraulica senza rapporti diretti con la respirazione e con il calore corporeo.

1 problema della localizzazione dell'a11i 111a (ossia della sede delle funzioni
,,itali e intellettuali) nel corpo fu risolto
nell'antica Grecia secondo due scuole di
pensiero.

[ipotesi pi antica risaliva alla tradizione r11itica orientale e fu sostenuta prima


da Empedocle, poi da Aristotele e dagli
Stoici , per essere infine sistematizzata
sul lJiano scientifico da Galeno, il pi
grande 111edico dell'antichit (II secolo
d .C.) Essa sosteneva il cardiocentrismo: il cuore il luogo in cui, attraverso un prc.)cesso di raffinazione prodotto
dal cale> re, il sangue viene trasfarmato in
pr1eun1a (- .. ), la materia della vita e dello spirito che sta alla base di ogni operazione spirituale. Secondo questa teoria
fisiologica la funzione che oggi considerian10 tipica del cuore (distribuzione del
sangue) era invece espletata dal fegato,
mentre al cervello \ eniva attribuito il
sen1plice compito di contribuire al raffreddamento del corpo (autoregolazione
termica) . Si ammetteva che alcune funzioni psichicl1e avessero luogo all'interno del cranio, escludendo per che rie
fosse coinvolto il cervello; le facolt dell'a11 i1na (--..) erano spiegabili come il
prodotto dell'attivit del pneuma circolante fra le rughe (circonvoluzioni) che
solcano la materia cerebrale. Il Guore al
contrario, centro propulsore della circolazione pneumatica (attraverso le arterie), era considerato il luogo di incontro
fra la vita del 1nacrocosmo e quella dell'individuo, sede fisiologica della sensazione, della conoscenza e delle operazioni che oggi diciamo 'cerebrali'. Della
glorificazione del cuore approfitt il
sangue, la base fisiologica da cui derive1

fl LOSl)f lA

Lipotesi pi recente, il cerebrocentrismo, fu sostenuta dai medici ippocratici e dai Pitagorici. Forse praticando la
dissezione di animali, il pitagorico Alcmeone dimostr che tutti gli organi di
senso sono collegati con il cervello e
correttamente ne dedusse che questo
1organo deputato all'elaborazione delle

percez1on1.
1

Su questo sfondo la dottrina delle tre


anime di Platone si pose come una mediazione: pur accettando il cereb.rocentrismo (l'anima razionale ha sede nel
cervello), egli ammise il cuore come
fonte delle emozioni (anima passionale)
e complet lo schema ponendo l'anima
concupiscibile (istintuale) nel ventre e
l'immaginazione nel fegato.

130

ARISTOTELE
"

11 sigillo di Martin Lutero. Il cuore rimane anco ra oggi Ltn 1mbolo operanLe dei va lori della fede, della pas ione e <lcll'an1o rc.

Nell'iconografi a religiosa popolare (per esempio


negli ex-voto) rimane un rico rdo <lcll'anti ca sacralizzazione del cuore, considerato l'orga no
vitale per eccellenza. signifi ca tivo che il simbo lisn10 teologico abbia sviluppa to l'im1naginc
del Sacro Cuore di Ges, Ina non abbia elaborato alct1nch relativamente al suo ce rve llo.

Mappa del cervell o in un trattatt) trcccnte_to di


anatomia. Mentre pe r noi e O\'\' io che le t)pe razioni ce rebrali siano e tJletate dalla 'matc r1:i gri gia'. gli antich.i no11 clava nc) impo rta nza a qLtcst'ultin1a, ma cor1sidcra ano ignifi cati e le circo nvo luzioni ce rebrali . i (11chi ( rugl1c) clic attraversano la corteccia. In (ftt c te Ca \ ita, . cco ndo i sostenitori d cl ca r<lic)cc ntris1110, circolava il
pneuma, la 'n1ateria pirituale' re po n abi le delle fun zioni psichicl1c (facolt dell'a11i1t1a) .

131

ARISTOTELE

Facolt dell'anima

PSICOLOGIA

Vedi anche Olismo, Body-mind problem


Lintelletto. La cogitativa (i processi
razionali) e la estimativa (la capacit di
giudizio e di discriminazione) operano
gli opportuni collegamenti fra i 'fantasmi' (immagini-pensiero) prodotti dall1immaginazione.
Infine nella parte posteriore del cervello situata la memoria, l'ultima delle stanze mentali, una specie di deposito dove sono conservate collezioni di
sensazioni e immagini mentali. [ipotesi
che il pensiero avesse una natura eminentemente visiva permise ad Aristotele di spiegare il funzionamento della
n1emoria con il principio di somiglianza, secondo il quale i ricordi si associano fra loro in base ai criteri di contiguit
(vicinanza) e di somiglianza (o di diversit, nel caso esattamente contrario). In
questo modo funzionerebbe la rievocazione mnemonica: il cane richiama il
lupo per somiglianza, il gatto richiama
il topo per diversit, la stalla richiama il
bue per vicinanza ...

a dottrina delle facolt dell'anima


delineata da Aristotele nel De anima
e nel Dc me1noria et ren1ir1iscentia stata
la teoria dominante in psicologia fino al
Seicento, fino a quando cio la distinzione posta da Cartesio fra res cogitans
e res extensa e~) inaugur la moderna
dicotornia fra mente e cervello. Come
tutti i Greci, infatti , anche Aristotele legava strettamente fra loro la dimensione
fi s ica e quella intellettuale dell'uomo ,
in1111aginandt) le diverse funzioni della
psiche (facolt) con1e stanze (comparti111e11ti) del cervello fra loro collegate da
un pcrcorSl) sequenziale.
La sua ripartizione, in bilico fra anatornia e psict)logia, prevedeva quattro aree.
Nella parte frontale del cervello ha sede il senso comune in cui gli stimoli
provenienti dai cinque organi della sensazior1e ( -~) sono convogliati, unificati
e tradotti in percezioni consapevoli. Aristotele considerava la sensazione un
processo di registrazione automatica
del niondo esterno: <<Co1ne un sigillo lascia la propria impronta nella cera, cos
gli stin1oli provenienti dall'ambiente si
i111prin1<1no nel cervello, come una specie di disegno>>.
Limmaginazione. Qui il materiale
grezzo prodotto dalla sensazione viene
liberamente elaborato dalla f anlasia e
dalla imaginativa, dando origine a delle
immagini mentali (chiamate fantas1ni
dal filosofo) che costituiscono la base
deJ pensiero intellettivo. Secondo Aristotele anche i concetti astratti si farmano nella psiche tramite il supporto di
forme visive: << ranima non pensa senza
un'immagine mentale>>.

FtLOS<.1FIA

La dottrina delle facolt conteneva implicazioni di grande rilevanza filosofica.


In primo luogo la sensazione deve essere considerata un processo totalmente passivo.
In secondo luogo tutta la conoscenza
deriva in definitiva da una rielaborazione degli stimoli ambientali. Quindi nessun pensiero pu dirsi in senso stretto
'inventato dal nulla' nella mente.
Infine, fra percezione e pensiero si pone, centrale e intermediaria, l'immaginazione, considerata da Aristotele il
punto di contatto fra l'uomo e il mondo,
fra il particolare e l'universale.

132

ARISTOTELE

Pur con c1ualche variazione (Avicenna consider


cinque stanze cerebral i) la dottrina delle faco lt
rimase la teoria do minante nell'am bito della psico logia fino al Rinascimento. A questo period(J
appartengono questa e le altre d ue i Ilustrazioni,
perfettamente 'aristoteliche', della pagi na.

Dal Congestvrium Artificiosae Memotiae di J.H.


Romberg ( 1533). In ter1nini moclerni la teoria
aris toteli ca locazionista , poicl1 prevede c he
le diverse attivit n1entali (facolta) abbi<rno Lttogo in s pecific he aree del cervello (Olis1no).

,.,,

'
/.
'

?i

l
l \
\\1"1\U'

c,,o'ii

GUSTUS

vermts

~\l~

Jmagtnatiua

SHus

p~~ pr..t~~\\~~::=-------~7

li cervello in un manuale rinasc imentale di mnernotecnica (Ars M e1l1orativa di G. Leporeus, 1520).


Un,mplicazionc della teoria di Aristotele cose ntiva
di porre uno stretto legame fra sensazio11e e 111cm.oria (con siderata semplice111ente un archiv i<),
un ca.talogo di percezioni e fantasmi immagi- ~
nati vi) . Pe r c1ues to alla fin e d el Medioevo la
dottrina del.I.e facolt d i.ve nne l'asse portante della psicologia della 1nernoria ar1ificiale ( - >).

133

'

--

-- -~-~

ARISTOTELE

Retorica

COMUNICAZIONE

Vedi anche Sofisti, Figure retoriche


gusti dominanti cos da poter calibrare
su di questi il messaggio promozionale.
D'altra parte, not Aristotele, un discorso che si limita a ripetere ci che gi tutti sanno rischia d'essere semplicemente
noioso. Per attirare l'attenzione dell'uditorio occorre che sia anc.h e informativo,
contenga aspetti nuovi, tali da impressionare e meravigliare. A questo servono la dispositio e l'actio.

n polen1ica con Platone, Aristotele affern1 cl1e fra la verit e l'errore esiste 1tr10 spazio internaedio in cui dominano la verosimiglia11za, l'incertezza e
l'opinabilit: vi sono problemi, quelli
politici e giudiziari per esempio, che per
loro natura non conoscono soluzioni
definiti\re n1a solo temporanee e probabili. In qt1esto ca1npo trova piena legitti1nit la retorica (la tecnica del comunicare), che favorendo la cl1iarezza dell'esposizione evita i contrasti nati dalla
rec11Jroca 1ncomprens1one.
Di seguito sono prese in considerazione ]e cir1que tappe in cui Aristotele suddivise i processi operativi della retorica.
lr1ve11tio, l'arte di individuare gli argo111enti pe1ti11enti . il punto che maggiorn1ente interess il filosofo~ pi degli
altri infatti essa pone l'accento sull'elaborazione intellettuale, sul modo con
cui si possono reperire le argomentazioni n1igliori. [intuizione di Aristotele, divenuta il fondamento dell'intera tradizione retorica, fu che il discorso, se vuole essere irresistibile, deve partire dalle
stesse opinioni dell'interlocutore. [arma pi importante dell'oratore convincere chi lo ascolta che le conclusioni
vanno accettate perch derivano, attraverso passaggi inoppugnabili, dalle sue
stesse convinzioni. La prima tappa di
ogni pratica retorica quindi la topica,
la recensione dei luoghi comuni (topoi
in greco), i punti di vista generalmente
accettabili o che comunque si suppone
siano universalmente condivisi. un approccio ancora oggi efficace: nella pubblicit per esempio questo compito
svolto dalle agenzie di marketing, che
attraverso sondaggi e interviste indagano sugli stereotipi sociali, i modelli e i

FILOSOFIA

Dispositio, l'abilit di strutturare l'or-

ganizzazione del discorso in forma adeguata all'oratoria. Aristotele ne distingue quattro parti: esordium (eventualmente preceduto da un proemio), narrati.o (relazione dei fatti ed esplicitazione della tesi), confirmatio (produzione
delle prove) ed epilogum, o conclusione.

Elocutio ovvero scelta dello stile adeguato all'argomento, all'uditorio e all'oratore stesso. Determina la formazione
delle singole frasi attraverso la combinazione delle pi appropriate figure retoriche, gli abbellimenti e le modificazioni puramente formali del discorso,
tali da renderlo nuovo e inconsueto, altamente informativo.
Actio, l'arte del recitare il discorso con
le pi efficaci tecniche verbali (dizione)
e non verbali. Poco elaborata nell'antichit, oggi tornata di grande attualit
con l'avvento dei mezzi di comunicazione visivi (TV, pubblicit).
Memoria, l'abilit essenziale per ricordare gli argomenti del discorso e il
loro ordine. Dalla memoria cos intesa
hanno avuto origine le mne1notecniche

(__., Immagini mnemoniche).

134

ARISTOTELE
Il modello comportamentale (actio) del retore antico appare
nelle statue dedicate ai grandi oratori , tutte accomunate dalla
caratteristica p osa trattenuta d el corpo (e ntrambe le braccia
sono immobilizzate , le mani nascoste sotto il mantello). C i
corrisponde a una valutazione negativa dell'actio (il gesticolare con foga che pure doveva essere diffuso fra gli o ra tori meno pres tigiosi) . Il nos tro secolo ha scoperto il valore seduttivo dell'acti.o soprattutto a partire dalla drammatica esperi enza
dei regimi totalitari . Hitler e Musso lini erano perfe ttamente
consapevoli d el s uo grande potere di fascinazione.

,,.

Oggi le fom1e clell'c1ctio sono


studia te dalla ps ico logia
cle ll a comunicazione
non verbale. l 'i m1nag ine m ostra due segnali di accentuazione
' d el discorso indivi duati dall'antropo logo D. Morris (L'uorn<)
e i suoi gesti , 1985) : a
/
sinistra la presa di forza ,
'~
c he enfatizza la n ecessit di
\ \
tenere sotto co ntro ll o o d e term inare con pi esa ttezza ci() di cui si sta Lratta n-

te una posizione autoritaria. La psicologia sperimentale e l'es perienza qL1o tidiana in egn ano che i11
c~so di concrasto fra significato del gesto e d ella i)aro la (cio fra actio cd cloct1li o) si tende a da re pi
valore al gesto. In altri tern1ini , pil.t facile mentire <:o n le paro le ch e co n il corpo.

135

F ILt)-,C.) F11\

ARISTOTELE

Figure retoriche

METAFORA

Vedi anche Sofisti, Triangolo semiotico


opo la siste1nazione operata da Aristotele la retorica ( - ,.) cess di essere creativamente sviluppata: per pi di
duemila anni le ricerche in questo ambito si sono limitate alla catalogazione
di tutte le possibili figure del discorso,
classificate n ei dizionari di retorica sotto centinaia di voci.

Scopo delle figure conferi re al discorso un carattere inaspettato secondo un


principio che la moderna teoria dell'informazione formula nel modo seguente: <<Quanto pi un messaggio vola le norme di con1unicazione acquisite
(pur restando comprensibile) tanto pi
attira l attenzione d ello spettatore; il suo
sis tema di attese d eve essere in qualche
modo sconvolto affinch il fatto informativo si realizzi in pieno>>. La necessit
di stupire in qualche modo l'uditorio
quindi il prc, bl e ma fondamentale di
ogni retorica. Nel passato ci ha portato
a forme roboanti e ampollose, ma la
stessa esigenza alla base delle manipolazioni linguistiche cui la pubblicit
C<)ntemporanea sottopone sia la lingua ,
sia l,immagine.
1

Fra tutte le figure spicca per importanza la metafora. Gli antichi la definivano un'analogia abbreviata (similitudo
brevis); la si ottiene infatti con la sostituzione di una parola con un'altra, cos
da suggerire un rapporto di somiglianza tra le due realt. Se per esempio dico: <<La sera della vita>>, istituisco un
rapporto fra la vecchiaia e la vita da una
parte, la sera e il giorno dall'altra. Co-

F JLOSC.>FJA

me il sillogismo ( ~) anche la metafora nasconde un termine intermedio


che, pur non comparendo affatto nella
formulazione della frase, risulta tuttavia fonda mentale per capirne il significato. Nella metafora << Ercole un leone>> il termine inespresso forte' o anche 'valoroso', ' audace', 'temerario', e
cos via. Il linguaggio metaforico sempre relativamente ambiguo e per questo, per la capacit di alludere a un mini mo comune denominatore fra due
oggetti diversi operandone una condensazione, rappresenta molto pi di
una figura dell'arte oratoria. Aristotele
nella Retorica afferm che <<apprendiamo soprattutto per metafore, perch
queste realizzano una conoscenza attraverso il genere >> , mettono in luce
ci che vi di simile fra due parole o
cose. In questo senso la metafora costituisce uno dei procedimenti fondamentali del pensiero ed dotata di un proprio valore conoscitivo.

136

Simile alla metafora la metonimia, in


cui il trasferimento di significato fra i
due termini realizzato in base a una loro contiguit logica, spaziale, temporale
o materiale. Siccome tutti sanno che lavorando si suda, tutti capiscono il senso
della frase metonimica <<guadagnarsi la
vita con il sudore della fronte>>. In questo caso l'effetto (sudore) scambiato
con la causa (lavoro). In altri casi un
rapporto metonimico pu sostituire il
contenente al contenuto, quando per
esempio si invita qualcuno a <<bere un
bicchiere>> o a <<vestire Armani>>.

ARISTOTELE

ERCOLE r oRZA

LEON[

Scherna <lei la metafora elabora lo cl al lingui ta R. jakobson. Ne lla frase ErC() le un. leone e imp li ci to un co mun e riferimento dci due tcrn1ini al concetto inc pres o di fo rza (termine medi o) .
Esc1npio di metonimia visiva nella storia clell'arte religiosa: la mano cJ 1
Dio rappresen ta Dio s tc o. La parte ta al po Lo dc l tulle.) .

Quc l'altra pubbli cit chie<lc cli es ere interpretata da un ]">ltr1to di \ t i. t<.l n1ctaf(1 rco. L'i111maginc e la critta Ama c1t1e la Coca suggc ri<tcc.1no
l'esiste nza e.li quale<.). a in co n1t111c fra la l)C\'ancla
e la 1Jcl lczza della ragazza.

La pttbbli cita riprodotta e Lata tudi ata da R.


Barthcs co me e. crnpo cli metonimi a ''i i''a ~
i111pli ca infatti ur1 in\ it o a pa a re d ~1 l CC) ntene nt e a l conte nut o , a c redere ciac c he n ell a
Ct)nfczic.)ne vi sia \ Cramcr11 c l)ue lcs ato. Lo tt1 dit1 clcllc for111c vi ivc della re to rica e oggi co n dotto da lla sc m iol(>gia (triat1golo semiotico ).
1

137

FtLt> <1r1

Ellenismo

FILOSO.FIA TERAPEUTICA

Vedi a11che Scuole ellenistiche

suoi problemi (la morte, la sofferenza e


la speranza della felicit), prima sottovalutati o affrontati in un'ottica esclusivamente teoretica.

a spedizione che nel 334-323 a.C.


port Alessandro Magno a conquistare gran parte del 111011do conosciuto
uno degli avvenimenti pi i111portanti
della storia universale. Nell'evoluzione
d ella societ greca rappresent una frattura irreversibile, detern1inando tanto in
arte quanto i11 filosofia la fine del periodo classico e l'inizio di quello ellenistico. Di seguito si riassumono ele111e11ti costitutivi della nuova cultura.

Limportanza assunta dalle scienze


con la costruzione del museo (---+) di

Alessa11dria.

La funzione terapeutica affidata alla


filosofia , il cui co1npito fu sempre pi
quello di garantire all'uomo la tranquillit d ello spirito e di produrre una vita
conten1plativa, indifferente, al di sopra
elle occupazioni e delle e1nozioni causare dalla vita ordinaria. Il filosofo divenne il medico dello spirito (il <<farmacista delle angosce>>, il <<chirurgo delle
op i n i o 11 i >>)

11 disinteresse per la politica e per i


problemi sociali determinato dalla fine
della polis(-+ ). Fu una grande novit rispetto alla fase classica, rispetto a Plato-_
ne in particolare, il cui pensiero, pur
11ella sua complessit di interessi, aveva
co1ne filo conduttore un interesse prettamente politico.

11 primato del problema morale su


quello teoretico e conoscitivo. Ponen. dosi dal punto di vista dell'individuo il
problema pi impellente della filosofia
divenne stabilire valide norme d'azione,
non pi il capire l'ordine dell'universo.
Il valore assunto dall'individuo, dalla
singolarit della persona. Protagonista
della filosofia divenne il soggetto con i
FILOSOFIA

In campo artistico il mutamento culturale si espresse con il definitivo imporsi


della rappresentazione naturalistica
gi perseguita dalla generazione di Aristo te le; vi infatti una diretta corrispondenza fra il suo pensiero ori~on
tale ( -+) e la poetica dello scultore Lisippo che afferma va: <<Finora gli artisti
hanno rappresentato gli uomini come
sono, io come appaiono>>. Nel periodo ellenistico questa tendenza sub una drastica accelerazione.
Nacquero cos i nuovi generi del paesaggio e della natura morta, espressione di un'attenzione per la natura e per
l'ambiente della vita quotidiana del tutto sconosciuta al mondo classico. Si affer1n la ritrattistica, anch'essa fino ad
allora sconosciuta. In epoca classica
persino le statue dedicate ai vincitori
delle Olimpiadi erano immagini stereotipe (non individualizzate) secondo gli
ideali della kalokagatia (---+).Nell'ambito del teatro ter1nin il periodo delle
grandi tragedie, con l'affermazione della commedia. Nella scultura prevalsero
temi della vita quotidiana e la rappresentazione di tipi sociali, spesso notevolmente caricata (la vecchia ubriaca, il
bambino piangente, e cos via). Ma si
punt anche sui grandi complessi con
pi figure, fortemente scenografici e
narrativi.

138

ELLENISMO

......~~~ 'if'..Mii:<.:;'a

1:

L'individualismo,
l'a tte11zio ne pe r i
probl emi ps ico logici, l'intend ere la
fil osofia come tLna
co nso laz io ne d c ll'an i n10 sono valori evidenti nella rit r a t li s ti e a e 11 e n i stica, ca ratterizzata da Lt 11 a pa rti cola re c11fa i p os ta
s ugli occhi e su Ilo
sguardo (lo specchi o ri vclat(>rc del-

l'interio rit ).

I temi della cul tura cil eni tica motran o la nu O\'a a tte nzic>nc
p e r i ~) r o I) Ie tn i <l e I la v i ta
quo lidi a n a , a n e 11e n e i
SLt o i a p e tt i 1Ja 11a li o
a l) i e L ti (a 1.n 1 tra \/ e cc11 i a Ll.l ) I ic l l(I , <li tvt irC)OC
cli Tcl)c; a de tra

Ba 111I>i 11(J e 11e t


tog,/ic l ll l CL sr 11a ).

I
I

Un tratto tipi co della nuova 1nentalit fLt il sorge re di un


interesse per la vita personale dei fil osofi e per il loro
a petto. Le Vit e dci fil osofi di Diogene Laerzio diedero
inizio a u11 nuov<J genere letterario, la biografia con1parata , in cui si tncttono a confronto dLte vi te ca ratt erizzate da un analogo destino. L'interesse bic)grafi co i rese palee anche nella scultura, in ct1i si itnpose per la prima volta
il ritratto realistico. Spesso i volti eran o rittniti in u11'unica cr111a, rendendo cos visibile il parallelisrno. Il ritratto dello stoico Seneca, a sinistra , accostato a qt1ello di Socrate, e nfatizzand o il tragico des tin o di enl ram bi (Se n eca , il Socrate romano', 111o ri Slticida).

\'

139

F I LO~O r l.\

ELLENISMO

Scuole ellenistiche

ACCADEMIA, LICEO,
STO, GIARDINO

Vedi anche Ellenismo, Stoicismo, Epicureismo


ell'Ellenismo il venir meno della libert politica deter1nin un profondo 1nutamento nei processi di trasmissione del sapere. Al posto della maieutica ( -4 ) socratica e del dialogo plall>11ico
(funzionali a un'idea di filosofia come
libera ricerca collettiva) si impose l'insegna111ento in una nuova istituzione, la
scuola. Ci) produsse una rapida decadenza dello spirito di ricerca; in poco
ten1po le scuole si trasformarono in circoli chiusi ed elitari, con una scarsa discussione all'interno e deboli contatti
con l'esterno (se si prescinde dalle dispute con le scuole avversarie). Tutto
ci f'ini con l irrigidire le rispettive posizi<Jni , for1nalizzan<lole in tradizioni vincolanti. Quest'evoluzione in senso dogmatico e settario interess sia l'Accademia fondata da Platone, sia il Liceo di
Aristotele, sia le altre due scuole attive
ad Atene dOJ)O Alessandro Magno: la
Sto (la Scuola stoica) e il Giardino di
Epicuro. Il Cinismo (-->- Autarchia) e lo
Scetticismo diedero invece origine a
movimenti scarsamente strutturati.

preciso e da questa istituzionalizzazione


nacque l'usanza di ripartire la filosofia
in settori: logica, fisica ed etica (la pi
importante nel periodo ellenistico).

Lentamente ma progressivamente queste scuole subirono un'evoluzione in


senso religioso: l'ellenizzazione dell'Oriente prodotta dalla spedizione di Alessandro Magno produsse infatti, come
contropartita, lo sviluppo di una tendenza all'orientalismo in Grecia. Il tema attorno cui ruotano sia le dottrine
ellenistiche sia le teosofie orientali (tanto che possibile trovare analogie forti
fra i precetti di vita buddhisti e quelli
stoico-epicurei) l'idea di una funzione
consolatoria della filosofia, intesa come terapia esistenziale capace di aiutare l'individuo a convivere con le sue
tre fondamentali paure (della morte, del
dolore, degli di).

La propensione per un'interpretazione


in senso religioso della filosofia si accentu durante il periodo dell'Impero
romano e fin con il condizionare la
struttura interna delle scuole: il mae-

All ~ interno

di queste sette o confraternite (vi si faceva vita in comune. co1ne in


un college) vigevano precisi rapporti gerarchici: solo gli studenti pi dotati o
pi avanti negli studi avevano un contatto diretto con il caposcuola. I differenti livelli di prestigio e autorit intellettuale erano rimarcati persino nei monumenti: le statue di Epicuro mostrano
il maestro assiso in trono; Metrodoro, il
suo discepolo prediletto, ritratto seduto su un seggio pi modesto; Ermarco
su una semplice panca.
Per i livelli pi bassi fu elaborato un
curriculum di studi via via sempre pi

stro divenne oggetto di un vero e proprio culto e i capiscuola subirono un


processo di divinizzazione. [Epicureismo in particolare svilupp questa tendenza. Epicuro era considerato e chiamato 'il Salvatore', colui che conforta
con la sua sola presenza, con lo sguardo
in particolare, e l'effetto terapeutico della sua visione si estendeva per virt magica anche alle statue che lo ritraevano.
Anticipando un tratto tipico del Cristianesimo, l'Epicureismo consider la vita
e l'esempio del maestro pi importanti
della dottrina.
I

FILO OFIA

140

ELLENISMO
Ne ll'Ellcni mo acca nto all a figura <l ei filosofo cli pro fes ione si
sv ilupp> quell a dcl fi loso fo d il ettante , dell'intellettuale che co lti va la sap ienza greca
in fam igl ia avvalendos i cl i in cgn ati pri ati e
co in vo lge nd<) per in o
Ie <l o n ne di ca sa.

Il filo ofc) cc.Iute> sul trono ( egno c..1 1 uprcmaz ia gerarchica) un tenia ic<>nc>grafi co ttp tto cl ell'Ellc11is rno. Anche la co ncorrenza fra le ~c u o l c rin geva a form e di propaga nda e di niiti zzJzi cl r1c .
e no11 addi rittL1ra <li sacralizzazi<> nc dc l r11actro fo11 datorc . Ci sa ra una diretta e ignifi cativa co ntinuita fra le prime in1magrni e.li Cri to
con gli Apo toli e 11 tcma del fil o ofc>dc>cc ntc.

Gli archeologi hanno no tato che la di[f usione nel mondo rc>111a no del busto di Epicuro superiore a qt1ella dcl
bus to d i Soc rate. Epicuro (letteralmente Salvatore) fu
oggetto di una cresce nte d ivinizzazione all'interno della sc uola, part icolarn1entc impegnata in uno s fo rzo di
proselitismo.

141

F'I Lt1~l1F L \

ELLENISMO

Autarchia (Cinismo)

DIOGENE

Vedi a11che Ellenismo


na delle pi ii1teressanti fra le scuo"'-"' le ellenistiche socratiche fu il Cinismo, fondato da Diogene di Sinope
( 413-323) detto il ci11ico, termine che in
greco significa cane. Forse fu proprio
Dioge11e ad autodefinirsi tale, va11tandosi de11'epiteto cl1e con tt1tta probabilit
gli Atc11iesi be11pe11santi gli rivolgevano
per disprezzo.

sofia e vita (~), elaborando una proposta che rimasta nei secoli (anche oggi)
il prototipo e l'esempio pi radicale degli innumerevoli movimenti (eretici,
anarchici, contestatori, esistenzialisti ... ) cl1e 1ungo tutta la storia hanno rivendicato co111e valori l'eccentricit, la
contestazione dell'ordine costituito, la
libert come eliminazione dei bisogni
superflui, il rifiuto della cultura per un

In effetti lo stile di vita eccentrico, antisociale e anticulturale prt)posto dal


Cinis1110 so111igliava molto a un ritorno
alla natura, all 'animalit: si racconta
che dt1rante un bancl1etto alcu11i detrattori gettarono a Diogene le ossa, come a un ani111ale don1estico~ il filosofo ,
invece <li rise11tirsene, quando fu sul
pttnto di andarsene ori11 sopra alle ossa co1ne fa u11a bestia. Si racconta ancl1e
cl1e un'altra volta, invitato in una casa
sor1tut1sa, gli fu cl1iesto di non sputare
per terra per ris1)etto <lei padrone~ Diogene allora, dopo essersi schiarito profondatnente la gola, sput proprio in
faccia al ricco ospite, asserendo di non
aver saputo trovare in tutta la casa un
luogo peggiore.
Vi sono n1oltissimi episodi del genere
attribuiti a Diogene e agli altri Cinici, il
suo maestro Antistene, il discepolo
Cratete e Ipparchia, una delle poche
donne coinvolte dalla filosofia. Vere o
false che siano, sono le uniche testimonianze disponibili: i Cinici infatti, a parte il fatto che consideravano inutile ogni
ricerca logico-scientifica, non scrissero
alcun testo e non professarono alcuna
particolare dottrina.

ritorno alla natura.


Diogene persegu questi ideali con un
rigore che alla fine gli valse il riconoscimento di tutti gli Ateniesi, i quali,
dopo la sua 1norte, gli eressero un monumento (una colonna cl1e sorregge un
cane) con la scritta: <<Tu solo insegnasti
ai mortali la dottri11a che la vita basta a
se st.essa, e additasti la via pi facile per
vivere>>.
La coerenza di Diogene rimasta come paradigma di un perfetto legame fra
filosofia e vita, fra dottrina e pratica
personale (questo per Diogene era il significato principale dell'insegnamento
di Socrate e della vicenda della sua
morte).
Diogene non aveva n casa n fissa dimora: gli Ateniesi, diceva indicando il
portico del tempio, gli avevano procurato un ottimo alloggio. Alla fine si ridusse a vivere nella celebre botte, divenuta con il tempo il simbolo di quanto e
come i bisogni dell'uomo possano essere ridotti al minimo. Si racconta che
possedesse solo due cose: un mantello
per coprirsi e una ciotola per bere. Un
giorno tuttavia, dopo aver visto un cane
lappare l'acqua da una pozzanghera,
cap che anche la ciotola, ultima testimonianza della vita civile, poteva essere
eliminata, e la butt.

Dalla vicenda di Socrate il cinismo desunse l'importanza del legame fra filofll0St1FIA

142

ELLENISMO
I

La vig11ctla ironi ca cli H. Daumier riproclotta illustra il pi ce lebre episodio attribuito a Diogene (al
CLti fi anco sta la lanterna co n cui Ce rca\ia l'uo1110). Un gior110 Alessandro Magno si rec in visita al fil oso fo e gli promise di esa udire un su o
c1t1alsiasi desiderio: Diogene eh ie e al potente so\1rant) di spostarsi un poco, per no11 fargli ombra.

'"

'

't . .>

--

h.
tt-..).
.'J

_
Ne ll ' ico nografi a greca il
volto dc l filo <)fo cinic(> fi ssa l'os er,,atc)re cc)n sguarclt1 insolente e prO\'t)catorio; la ba rlJ~\ e i ca ~ic lli t1no sco111 po ti ,
arru ffati, appiccicaticci, in fida alle 11orn1c dcl \ i\ crc ci,ilc.
1

DLtc r'l'IJpre en taz it)n i del


'tipico' fil e) <) fo cinico. La
11 Ltditn e il corpo avvizz ito ( in ne tt o co nt ra 10
c o 11 I' i cle a Ie ero i e o de11 a
llc1l<>ll<1ga Li c1: ~ ) <.1 ttuli 11ca nc.) la vita ra nd agia ,
l'incliffcrcnza ai lJisog11i
la ri g idit d cll 'autoco 11troll o 111orale, la capac it
di l)ad,1rc .a se te so se nza a\'Cr bi ogno di nLtlla e
di 11 ess Ltn o . De ll e dLtc
im111 ag in i ripr o d o tt e
qu ella a <l e tra ottolir1ca
]'ir1so fferenza alle 11or111c
soc iali attraverso l'asp{'lto trasa nd ato ( tcs tim o11iato dal modo di portare il 1nar1tello) . La mano
d es tra , c he r egge Ltn a
pergamena. frutto di t1n
res ta uro di fa nt as ia ( il
Ci11isn10 infatti professava ttn atteggiamento anticulturale).
1

143

FI LO":!C) rt. \

ELLENISMO

Stoicismo

ZENONE

Vedi anche Ellenismo, Autarchia

o Stoicis1110 (da stcJli, il 'portico' in cui


i maestri tenevano lezione) ftl fon dato ad Atene attor110 al 300 a.C. da Zenone di Cizio. Nella storia di quella che fu
t111a delle pi importanti scuole ellrnisticl1e (----.) si distinguono tre periodi:
1) nella Antica Sto (III-Il secolo a.C.)
pri111a Cleante e poi Crisippo siste1natizza1011.o la dottrina del 1naestro fo11datore (al punto che non possibile distingt1erc il pensiero dell'uno e dell'altro) ;
2) nella Media Sto (ll-1 secolo a.C.)
prevalse l'eclettismo e la dottrina stoica
assi n1 ilt) elementi neoplatonici , epicurei e di derivazione orientale (1nagia,
astrologia):
3) nell'et irnperiale (I-111 secolo d.C.) la
Nuova Sto conobbe un notevole rigoglio ritornando alle origini e assimilando
elementi dell'etica dr1ica~ in questo periodo diven11e la filosofia (la religione)
del ceto intellettuale romano. Di tale
orientamento furono Seneca , il filosofo
che prcfer il suicidio al venir meno al
proprio dovere (come prevede l'etica stoica), Marco Aurelio, l'imperatore 'illuminato' dell'antichit, ed Epitteto, lo schiavo-filosofo che rimase sempre stoicamen- ,
te indifferente alla propria condizione.

La morale stoica prescriveva di 'vivere


secondo natura', ossia secondo quel
pri11cipio di razionalit che gli Stoici,
con un'ottimistica valutazione della
realt, consideravano essenziale nell'uomo e nell'intero universo. La stessa logica (o pneuma., o Dio) che sottost all'intelligenza dell'uomo muove anche lanatura, in cui nulla si origina per caso ( _,.) o per fortuna.
Questo razionalismo metafisico
(cosmico, assoluto) , secondo il quale
ogni evento avviene per necessit, combinandosi alla visione ciclica del tempo,
diede origine alla dottrina dell'eten10
ritorno (- ,.).

Secondo l'uso ellenistico l'insegnamento era diviso in tre parti:


fisica (basata su concetto di pneuma: (4).
logica, in cui gli Stoici intuirono per
la prima volta la distinzione fra segno,
significante e significato, in una suggestiva anticipazione della teorie semiotiche contemporanee);
etica, su cui ben presto si concentr
la riflessione.

Nell 'uomo la vita secondo natura si


esprime nel senso del dovere (l'azione
conforme all'ordine razionale). In opposizione all'edonismo epicureo, che poneva nella felicit lo scopo dell'esistenza, lo stoicismo distinse fra:
comportamenti doverosi da perseguirsi sempre, quali l'impegno nella
vita civile, il rispetto degli obblighi familiari, della patria, dei patti e dell'am1c1z1a;
. . . . . ...
comportamenti 1ngiust1, c1oe contro
la ragione, da evitarsi sempre, anche
con il sacrificio della vita (rientrano in
questa categoria tutte le azioni dettate
dall'emozione, una vera e propria patologia dell'anima);
comportamenti indifferenti, n virtuosi n viziosi, di cui il saggio non si
cura: salute/malattia, bellezza/bruttezza,
ricchezza/povert. Il saggio non cerca il
danaro e neppure si lamenta per l'indigenza, accetta semplicemente, con indifferenza, il suo destino di vita .

FILC)~OFIA

144

ELLENISMO
Zenone ( 3 33-262 a . C ),

fond atore della scuola stoica e Crisippo ( 28 1- 208

a.C.), il terzo scolarca (dopo Cleante ). La tat uaria


. . .
g reco- ro mana t1p1 c1zzo
l' imm ag in e del fil oso fo
stoic<.1 ins istendo ulle ru ghe della fronte e sulle ::,opraccigli a co rru ccia te. La
e o n trazi o ne <l e i m u ~ <.. C) 11
<lei volto e metafora i ~ i va
di uno sfc)rzo ir1 teltettualc,
<li un 'atti ita del pen iero
intensa e di grand e impegno morale.

Fu merito dello Stoici mo co nte tare. per la prima vo lta nella stc1 ria <lei pensiero, l'istituto della schiavit per affermare l'unive rsale digni t di tutti gli e seri umani, compre 1 i
barl)ari . Un clan1<>r<) o cffctt<) uclla nuova mentalit e i ibile nel monumento eretto a Perga mo nel 230 a.C. per ce lebrare la vittoria ui Galati. ll Gc, /ctla suicida non e alta 11 vin citore ma la forza, il coraggio e per ino la grandezza morale
dei 'barbari' sco nfitti . Pur non idealizzando la rudezza dci
Galati, che combattevano nu<li , cosi come appare dalla statua, essa ritrae un <) rgoglio ()guerriero che si d la morte dopo ave r ucciso la moglie per non cadere in mani nemiche.

La nozione stoica di comportamenti diversi divenne l'ele-

mento fondamentale dcll"ctica an tica. Sul sarcofago, di CL1i e


riprod<)tt<.1 il rilievo. cli un ragazzo morto prematuramente
(Ostia, 150 d.C.) il padre si fece ritrarre in atteggiamenti impensabili in epoca classica: cura personalm ente il fanciu ll o
tenendolo affettuo a mente in braccio; si in te ressa della SLta
educazione, sorveglia l'allattamento n1aterno (consiglia to
dagli Stoici come piu 'naturale' del ricorso alle balie).

145

IL()

() f l A

ELLENISMO

Eterno ritorno

CONCEZIONE CICLICA DEL TEMPO

Vedi anc11e Escatologia

T 'i<lea cl1e il tempo abbia una strutL tt1ra ciclica, in analogia con il pe1-i<)Clico ri prese11 tarsi de Ile stagioni, dei
ri t111 i biologici nat11rali e de Ile costella-

zio11i 11cl ciclo , rin1ase se1npre un patrin1c.1nio co1n u11e di tutto il inondo greco ,
sia nel periodo mitico sia in quello filosofi co. L()Otesi inoderna di un tempo
rettilineo (--+ Tempo ciclico/reltili11eo)
en1crse solo con il Cristianesimo.
QL1csta convinzione ebbe fra gli Stoici uno sviluppo particolare data la fonda1nentale dottrina della Scuola, ovvero
la fcde nell'assoluta e totale razionalit
del 1nc.1nd<). In polen1ica con le altre filoso fie delle scuole ellenistiche (--.. ) gli
Stoici affermarono che il caso (- .-) se1nplicemente 11on esiste. Tutto ci che ha
ltna ragione per esserci, e nulla si produce in inodo fortuito, perch ogni
evento possiede una propria causa (anche se noi spesso la ignoriamo) ed
qui11di assolutamente necessario. Ogni
stato temporale dell'universo quindi il
prodotto inevitabile (l'unico possibile)
di quello precedente.
Ma se il tempo cosmico procede per ci-'
cli vitali e se ogni mondo che rinasce dai
precedenti perfettamente razionale, ne
consegue che ognuno di questi mondi
deve essere identico ai precedenti persino nei minimi particolari , secondo il
principio dell'eterno ritorno dell'uguale. Zenone (Sull ,universo e sull'essere)
cos descrisse il grande anno del 1nondo:
<<Nel corso dei periodi fatali l'universo
intero va in fiamme [ehpyrosi] e quindi
si inizia una nuova costituzione mondiale [pali11.genesi}. Tutto termina con

fJL OSOflA

146

un fuoco primordiale, che come un seme ha in s tutte le ragioni e tutte le cause degli esseri che furono, che sono e
che saranno. La formazione del nuovo
mondo [apocatastasi] dalla conflagrazione generale della materia si compie
quando dal fuoco, attraverso l'aria, av'
.
.
verra una conversione tn acqua, e una
parte di questa si depositer a forma re la
terra>>.
Dopo la periodica conflagrazione cosmica tutto si rinnova e ricomincia daccapo~ in assenza di stati caotici o casuali gli stessi processi fisici conducono alla for1nazione dello stesso numero di
astri nella stessa posizione e nello stesso movimento.
Tutto si ripeter fino nei minimi particolari (nessuno dei quali insignificante): Eracle dovr sostenere ancora (infinite volte) le sue fatiche e un altro Socrate subir la stessa condanna. Secondo gli Stoici esiste quindi il destino, ordine prefissato che determina la concatenazione necessaria degli avvenimenti.
In questo modo passato e futuro risultano in qualche modo uniti fra loro, giustificando cos almeno dal punto di vista teorico le pratiche divinatorie della
magia (--.. ).
Superata dal Cristianesimo, che prevede
un tempo unico, finalizzato e tendente
a un fine (non a una fine periodica), la
concezione ciclica tornata di grande
attualit nella filosofia del nostro secolo
dopo che F.W. Nietzsche (1844-1900),
riprendendo la dottr.ina stoica, fece dell'eterno ritorno il cardine della dottrina
del superuomo (--..).

ELLENISMO

'~
I

li grande anno del mondo . Al cc c1Lro


il t Cffif)O (A ttl'IUS) dcter111ina ia il lTI O ll do sia l't1 0 111t). Tt1tla l a 11aLt1ra. rapprese11La ta dai ctLta Ltro ele111cnti na turali
(terra , aria , aCltLta e fuoco) , coinvc)lta nell e sue spire ciclicl1e.

L'idea <lell 'eter110 riLo r11 0 <l ei tem1Ji i rl presenta in cpt)Ca co nte1n po ra11ea 11el p en ~ iero
di F.W. Nietzsche ( > Nic11ilis1110).

La fine del n1011do in Ltna desc rizio11 e


111edievalc ( H l>rlLIS Dcliciari1tt1, Xll seco lo). Ne lla t ulLLtra stoica il fuoco giocava un ruolo partico lare. Di o stesso ,
in CLttanto razior1alit cl1e regge il ino ndo, fu oco, quel pt1eittt1a ( >) o so ffi o
vita le c l1 e d. la vitt,1. 11 ft1 oco p er a.11 cl1 e il d estino del 111 <..) 11do, la etti fin e
(all 'csattrirs i di ogni ciclo) avvic11e per
combustione. V i una con ti11tt it iconografica fra c111este doLtrine paga ne e
il 1nodo in cui nel Mcclioevo cristiano
fu i1n111aginata la fir1 e ciel n1or1d o (unica e irreversil)ile) 11el giorno del Giudizio Universale.

Il ritorno ciclico degli esseri in un geroglifico teli in vc nzio11 c' ( > Lir1gi1a sapie11zjale )
del XV LI secolc): il se rpc11te che si 111angia la
coda un s i1nb<.)]t) trad izionale de lla cic licit .

.l"'4--- .; u,_
~r~

'""'

,/JAll~IUMn'V

'

- --

147

F ILO o r lt\

ELLENISMO

Pneuma

SPIRITO/MATERIA

Vedi a.nche Anima, Ispirazione


u Epicuro (Lettera a E1~odoto) a tentare di definire nel modo pi preciso
la sfuggente nozione di pneu1na (letteralmc11te, in greco, aria, soffio, respiro,
spi ,~j to, vita): <<Un corpo sottile, assai simile a un vento caldo, sparso per tutto
l'organis1no>>, quella sostanza invisibile che ani1na gli organismi, li rende vivi
ed evidentemente assente nel cadavere e nel regno minerale.
Alla base di questa credenza (e della
sua durata fino all'et moderna) vi era
una fune.lamentale esperienza medicoscie11tifica. La fisiologia elaborata nel Il
secol() d .C. da Galeno, il tnedico pi fan1oso dcll 'anticl1it e massima autorit
n1cdievale, distingueva fra il sistema venoso in cui circola il sangue (prodotto
nel fegato tramite una raffinazione del cibo) e il sistema arterioso, in cui circola il
pneuma . Il fatto che la pi importante
fonte di notizie anatomiche dell'antichit
fosse il sacrificio di animali a scopo divinatorio spiega, almeno in parte, questa
credenza: l'animale, infatti, veniva prima
sgozzato affinch mc)risse per dissanguamento e solo in un secondo tempo era
anatomizzato, con il risultato che il san~
gue si trovava ormai a essere defluito dalle arterie e dai vasi sanguigni pi grossi,
che si presentavano pertanto apparentemente vuoti o pieni d'a.ria. Secondo l'an.tica medicina proprio attraverso di essi che circolerebbero gli 'spiriti vi tali'.

ma infatti, per quanto raffinatissimo, rimane un elemento materiale e pu essere considerato la componente operativo-concreta della vita e dello spirito.
La nozione assunse particolare rilevanza presso gli Stoici, che nel pneuma vitale dei singoli individui videro solo
un'articolazione specifica del pneu1na
cosmico, lo spirito universalmente diffuso che anima e regola il mondo nel
suo complesso e ogni cosa in particolare. Presente in modo attivo in ogni individuo vivente, il pneuma esiste comunque, in forma passiva, anche nel
mondo minerale e inorganico: ogni
parte dell'universo , per cos dire, intrisa di pneuma. Animismo, vitalismo
e panteismo contraddistinguono questa dottrina: il pneuma cosmico degli
Stoici una forza divina immanente
(-4 ltnmanentismo) e diffusa nella totalit della natura. Ogni cosa, a causa del
suo semplice esistere, ne possiede almeno un poco. Ogni cosa, quindi, possiede un'anima, anche i fiumi, le grotte, il bosco; persino ogni luogo: ogni
porzione significativa dello spazio ha il
suo get1ius loci, letteralmente 'lo spirito', 'l'anima del luogo'.
In connessione con la teoria del micro-

macrocosmo (- ,. Microcosmo/macrocosmo) il pneuma poteva anche essere inteso come l'anima del mondo (- ,. ). Nel
XVI secolo, in. una visione pi moderna
e intellettualistica, G. Bruno giunse a
parlare di una mente universale, un,intelligenza diffusa in tutto il creato di cui
le menti individuali sarebbero una componente inconsapevole .

Nel mondo antico il p11euma vitale rappresent una nozione-ponte fra fisicit
e spiritualit, secondo un approccio
pre-cartesiano che nega una contrapposizione assoluta tra spirito e materia
( -+ Res cogitans/res extensa). Il pneu

fJL()SO FIA

148

ELLENISMO

'

<<11 Sig no re lddio fo rm l' uo1n o


\
con il fangcJ dell a te rra ~ gli ispir
\
in faccia il soffi o <li vita e l'uomo
fu fatto in anima vive nte:
in que LO cclehrc pa5 o
d e l '(?rirn o l i'bro d ell a
,
Bibbia , i I Genesi., l'a n i ' ma metaf() ricamente
desc ritta co 111e t1n alito vitale so ffial() d a
Di o ne ll e n_a ri ci d ell' t1 0 111 o.

/ I
'

- t----.'I

I .
: 1
i I

i I
i I
I.

A imita zion e
d ell 'o pe ra <li
Di o a 11e11e g Ii
alchi111i5ti da-

Ij

V a Il o

', ... I "

'T:"ITTl.f

. . .
I n I z I l1

o-.:.. o

~
'

\
SpiritellcJelcil'aria di
e. Klec.

all'Opera (la trasformazj()ne <lei


111ctallo vile in l1ro) attraverso il
soffio () spirito vita le.
o

~/

Ancl1e il fe nome no d e ll 'ispiraziot1e po teva essere


s.piegato co me l'azio ne di tln pnet11na clivino, rapprese11 tabile co1nc u11a colomba.

La tn o rte rappres e nt a ta co m e l' t1sc ita


clell'anima pneum.alica clalla bocca del
n1orcntc.

149

ELLENISMO

Ispirazione

RESPIRAZIONE, INSPIRAZIONE, ISPIRAZIONE

Vedi ancl1e Microcosmo/macrocosmo, Anima del mondo


ttraverso il ciclo fisiologico dell,inspirazione-espirazione dell,aria l'individuo opera un interscambio continuo con l'ambiente circostante. Dato
c11e, secc)ndo le dottrine mediche do1ninanti fino all'et moderna, nell'aria
contenuto il pneu1na (l'energia vitale
cliffusa nell'universo: ~ ),la funzione resr>iratoria stata spesso caricata di significati 1ni tic i e filosofici.

profeta, l'oracolo, il poeta, l'amante,


ma non gli eroi, i grandi uomini politici o i filosofi , i quali debbono mettere a
frutto con il massimo della lucidit le
loro capacit razionali. [ispirazione artistica (poetica, erotica, divinatoria)
infatti un tipo particolare di follia: quella che deriva dall'essere occupati da
un'entit esterna, letteralmente posseduti dalla divinit, di cui il pneuma aereo il veicolo fisico.

Aristotele, che all'aspetto fisiologico


dcl problema dedic un b reve testo specifico (S itlla respirazio11 e), riferisce la
dottrina di Democrito secondo il quale
<< dall'atto del respirare deriva un'importante conseguenza per colui che respira : viene in1pedito che l'anima sia
espulsa dal corpo. Dice Democrito cl1e
l'anima e il calore sono la stessa cosa e
che i lo ro corpi primi [--> Atonio] appartengono al tipo sferico. Nell'aria c'
ttn grande numero di questi atomi sferici e quindi, allorch si respira e l,aria
penetra in 11oi, gli atomi di questo genere, entrando insieme con essa e oppo11endosi alla compressione, impediscono all'anima, che contenu ta negli.
esseri viventi, di dissolversi . per questo che dall'inspirazione e dall,espirazione dipendono la vita e la morte>>.

La riflessione cristiana trov nel Ge11esi biblico una conferma di questa teoria; infatti il momento propriamente
creativo dell'opera divina avviene attraverso un soffio, un alito, che Dio insuffla nelle narici di Adamo dandogli cos
anima e vita.

Platone associ l'inspirazione fisiologica all'ispirazione spirituale, vedendo


nella respirazione uno dei modi con cui
l'individuo pu accedere a una condizione di divino entusiasmo (--+>), una
delle forme della pazzia positiva. Secondo il suo cri terio si possono dire
ispirati lo sciamano, lo stregone, il

FILOSOFIA

150

Un'eco delle antiche dottrine stoiche ritorna nelle parole di Nietzsche che in
Ecce homo si chiede: <<C' qualcuno alla
fine del XIX secolo che abbia un'idea
ben definita di quello che i poeti di
un'et pi energica intendevano con la
parola ispirazione? Se non c', la descriver io. Se in noi rimanesse il pi piccolo vestigio di superstizione, ci sarebbe assoluta1nente impossibile liberarci
completamente dall'idea di essere una
semplice incarnazione, o il portavoce o
il veicolo, di una forza onnipotente>>. Si
pu favorire l'insorgere di questo stato
m.entale, ma non determinarlo o controllarlo per intero. <<Si ode>> affermava
Nietzsche <<non si cerca; si prende; non
si chiede, si ha: un pensiero brilla d'improvviso come un lampo, viene necessariamente, senza esitazioni.>>

ELLENISMO
Secondo l'anti ca medicina
il pt1eum a , la
p a rt e p i
S<)ttilc dell'a
ri a, p uo e r1 trare nel co rpo umano anc he a ltrave rso
le o recc h ie ( il
p 11c t1111a c he tra po rta il
;t~~~~~l s uo ne)) . Il ni o mer1Lo dcll 'ip i razio ne d iv in a po Leva
q ttin cli e ere descritto attraverso i messaggi inviat i da una co lon1ba,
s i1nl1o lo vis ivo J c ll' im ma te ri ale s pirito
pneumatico (o Spirito Santo).

Ne l Medioevo la funzione fisico-spirituale dc I la respirazio ne d icde spiegaz ione ai


fc11ornc ni della po es io ne de1no n iaca e
clclla conseguente pratica dell'esorcis mo.
La poLen_za d ial1olica, penetrata nell 'indivi<luo tra1nite il respiro, e fo rzc1ta a Ltsc1rc aLtraverso la bl)CCa .

~-1

'

'

\ .

'

'

La credenza clic anche le oreccl1ic costituissero una


via di passaggio per il p11 c tt1n a suggeri nel Medioevo
la possibilit di ct1rare determinate tnalattie (in particolare le inspiegabili agitazioni nervose che Freud
chiam 'isterie') co11 la musica . A volte la 1nusica terapeutic.a era s uonata (so ffi.ata) cliretta111ente nei pcldiglioni at1ricolari della paziente, come illt1stra il partico lare rip rodo tto cli un quadro di Bruege l.

151

I.

ELLENISMO

Epicureismo

EPICURO

Vedi anche Ellenismo, Scuole ellenistiche


ogni dolore, l'unico in grado di condurre all'atarassia, l'agogn.a ta condizione
di imperturbabilit spirituale.
Alla felicit cos intesa serve un calcolo razionale e spassionato che ponga in
rapporto i sacrifici e i vantaggi implicati in ogni azione. Secondo Epicuro bisogna distinguere fra diversi bisogni.
I bisogni primari, naturali e necessari, come mangiare e bere , sono da
soddisfare sempre, in quanto essenziali
alla tranquillit dell'animo.
I bisogni non naturali e non necessari (bellezza, ri cchezza, potere) sono
cl.a respingere sempre, perch fonte di
turbamento emotivo.
I bisogni naturali non necessari, intermedi fra i du e estremi precedenti
(nutrirsi bene, vestire raffinatamente,
eccetera), vanno soddisfatti finch non
diventano troppo impegnativi, calcolando esattamente il costo (presente e futu ro) che implicano. Scopo ultimo di questa matematica del piacere l'abitudine all'autodeterminazione razionale del
comportamento: in nessun caso l'uomo
deve diventare schiavo dei propri desideri, impulsi o emozioni (neppure quelli eticamente positivi come l'amore, la
generosit e cos via).

seguaci della scuola che Epicuro


fond ad Atene negli ulti1ni anni del
lV secolo a.C . furono chiamati 'quelli
del giardino' poich il maestro , con
scelta indicativa della nuova mentalit,
amava insegnare in un tranquillo giardino extraurbano (l(lntano dal tumulto
della politica) , dove filosofi e studenti
potessero meditare in silenzio e in contatto con la natura . Rispetto alle altre
scuole ellenistiche l'Epicureismo si
caratterizz per la scarsa importanza
data al pensiero scientifico-razionale (la
fisica epicurea si limit a riprendere l'atomismo 1naterialistico di Democrito)
e per l'enfasi posta sul problema dell'esistenza. Con un'impostazione in qualche modo simile al Buddhismo, Epicuro vide nella filosofia un f annaco, una
pratica consolatoria, un metodo per
evitare la sofferenza e rend ere sopportabile la vita. Il filosofo il medico dell'ani1na, il chirurgo delle passioni capace di curare l'uomo dalle tre paure
fondamentali (degli di, della morte,
del dolore), restituendogli cos la pace
interiore.

Gi in epoca antica gli Epicurei furono


accusati di sostenere l'edonismo, quella filosofia di vita che invita alla soddisfazione immediata di ogni piacere con
qualunque mezzo . Lidea di Epicuro
per era molto pi sottile e richiedeva
un ferreo controllo delle passioni.
vero che la ricerca della felicit il
principio e il fine della vita (poich l'uomo tende per natura a evitare il dolore e
cercare il piacere), tuttavia bisogna distinguere fra il piacere instabile, la
gioia momentanea ed effimera, e il piacere stabile, che nasce dall'assenza di
FlLOS()fJA

La scuola epicurea fond in realt la sua


fama sul prestigio del fondatore. <<Le
grandi anime epicuree>> afferm Seneca
<<non le fece la dottrina, ma l'assidua
compagnia di Epicuro>>, cui gi in vita
furono tributati onori divini. Anticipando la mentalit che in et imperiale divenne propria delle sette religiose (e del
Cristianesimo) il buon epicureo modellava la sua condotta sull'esempio (pi
che sulle teorie) del maestro.

152

ELLENISMO
L'immagi ne popolare
riprodo tta, che ritrae
il ti pico fil oso fo epic ureo, illustra co me
le acc use di edonismo mosse contro la
setta non fosse ro del
tult o immoti va te.
Nella po sa asimm etrica a ga ml1c aperte e
affi a nca te (de l tutto
inusuale nella statLtaria greca) il pensatore
erJi cureo di1nostra la
di s involtura tipi ca
dell'uomo di mondo.
Ancl1 c la grassa pan cia (es il)ita co n soddisfazione) e i naccidi
m tt se o l i d e I t o r a c e
fanno pensa re a un a
vi ta gaudente.

La massima fo ndamentale della sc L10la epi curea era: Comportati sempre


come se Epicuro ti vedesse. D'a ltra
parte la co ntemplazione dcl suo vo lt o , i n e u i Ia e a p a e i t a i n t e 11 e Lt t1 a Ie ,
simlJolcggiata dalla fronte te a e musco losa, si acco mpagna a un'esprc sione se rena, era co nsiderata ttn i11 ciLa1>1entu1n a11im , fonte di sollievo e di
cresc ita SJJi rituale.

Il te ma della danza
dello scheletro illtlstrava l'invi to epicur eo a up e ra rc la
fJa ura della morte,
l'emozio ne piu devasta nte d ella natura umana . Era
anche un modo per
iro nizza re sui fil osofi c he pe nsa n o
sempre al la morte.

L'immagine popolare del fil oso fo toico e di


quello ep icureo a co nfronto e stata ripresa
ncll,illustrazione da una tazza del I secolo a.C.
Anche dopo la morte i due filoso fi no n ,smettono di dis putare: l'edonista Epicuro, accompagnato dal proverbiale maialino, afferra una
fetta di torta: Obiettivo supremo il piacere , sc ritto vicino al suo teschio, massi1na
con tro la quale Zenone argo men ta co n la foga dialettica tipica degli Stoici.

153

ELLENISMO

Museo

SCIENZA, ERONE

Vedi anche Macchine meravigliose, Fallimento tecnologico

no dei caratteri costitutivi dell'El........ lenismo ( ~ ), l'importanza assegnata alla ricerca scientifica, si espress e con estrema chiarezza nella fondazio11e di Alessandria d'Egitto da parte
di Alessandro Magno (322 a.C.). Fulcro degli scambi commerciali tra EuroP'l e Oriente, Alessandria era una metropoli cosmopolita (solo gli Ebrei erano 40 000) e ricchissima: vi erano quattrocento grandi palazzi, altrettanti teatri e quattromila piscine; i giardini pubblici erano curati da un esercito di dodi cimila giardinieri. Il faro nel porto era
cos imponente da }Jassare alla storia
con1e una delle sette meraviglie del
n1 ondo. Il maggior prestigio della citt
ve ni va per da due innovative istituz i o 11 i c u I tu r al i , di e u i non vi erano
ese mpi n ella storia precedente: la Biblioteca e il Museo.

negli anni appena seguenti la fon dazione del Muse o Euclide vi scrisse gli Eleme11ti di geometria; nel II secolo a.C. il
siracusano Archimede vi complet, da
studente, la sua formazione scientifica e
quattro secoli dopo Claudio Tolomeo
sintetizz in un quadro unitario (Almagesto) tutte le conoscenze astronomiche
a lui precedenti.
Questa continuit nella ricerca, unita
a un clima di fattiva collaborazione fra
gli scienziati, rese possibili alcune importanti scoperte. I..:astronomo Ipparco,
per esempio, dopo aver compilato un
atlante stellare di ben 1080 stelle e averlo confrontato con le osservazioni altrettanto precise dei suoi predecessori
alessandrini, riusc a stabilire che le stelle 'fisse' si erano mosse e calcol quindi,
con grande esattezza, la precessione degli equinozi.

La Biblioteca, secondo la tradizione, arriv a conte11ere ben 600 000 volumi, in


pratica l' intero sapere greco. Alcuni
aspetti del libro cos come lo conosciamo ora nacquero proprio per facilitare ,
la catalogazione di questo immenso patrimonio. Per esempio si rese obbligatoria l'indicazione di un titolo, sempre
omesso in precedenza, e di un autore
(per i numerosi testi di ignota provenienza i bibliotecari alessandrini ne inventavano uno di comodo).

La situazione della ricerca era per molti


versi ottimale. Gli scienziati godevano
di ampi finanziamenti dallo Stato e tuttavia non erano sottoposti ad alcuna forma di censura o pressione politica. Secondo una (dubbia) tradizione, i medici alessandrini approfittarono di questa
libert fino a praticare la vivisezione su
esseri umani (furono condannati a morte come criminali dallo Stato).

Il Museo era un complesso edilizio simile a un moderno campus universitario, messo a disposizione degli scienziati di tutto il mondo affinch attendessero alle loro ricerche, stipendiati dallo
Stato e in totale libert. Vi passarono i
migliori ingegni dell'epoca ellenistica:
Flll)SOFIA

Anche se dall'ingresso del Cristianesimo


in Egitto il Museo e la Biblioteca entrarono in un periodo di crisi, queste prestigiose istituzioni rimasero il centro
mondiale della ricerca scientifica per
pi di cinquecento anni. Furono distrutte solo nel 642 d.C. durante l'incendio che accompagn la conquista
araba di Alessandria.

154

ELLENISMO

[10

oc

D[ 0[I

...

Una delle macchine di Erone, il pi celebre fra g li in gegn e ri d el Museo di Alessandria . Era nascosta nella po rta d el te mpio e.li Alessandria: do po ch e il sacerdo te
aveva acceso il fu oco sull'altare, l'aria ne l
serba to io so ttos ta nte s i risca ldava e a u tn e ntava di vo lume. Q uindi l'acqua s ul
fond o d e l sc rb;:1to io, sotto press io n e, s i
tra vasava n e l co nte nit o re a fi a n co, c h e
scendeva muovendo le pt1legge coll egate
a i cardir1i d ella po rta.

..

a
CD

L'altare di Ctesibio. discepolo di Ero ne . si


s pegneva a uto mat icam e nte d o po un certo
period o di tempo. Il calo re d e l fu oco, in fa tti , riscaldava (e quindi espandeva) l'acqua
sottosta nte, fo rzando la a r isalire a ttraverso
i rubi .

Un'a ltra cele bre m acc l1in a d i Erone e la


scatola divina , simile a un moderno ClLri l lon. Q uando si gira la m an ovella cster11a g li
i11gra naggi nascosti traspo rta no il m o to fino a ll'ttcce llo, c he inizia a g ira re e persin o a
fischia re. lnfa tt lo s tesso movimento si comttnica alla cam pan a e la fa scendere in un
co ntenito re d 'acqt1a; in. questo moclo l'a r ia
co n te nuta nel su o vano e costre tta a ttscire
a ttraverso il fisch ie tto in a lto.

155

FILO. O f l.,l,

ELLENISMO

Macchine meravigliose

SCIENZA/TECNOLOGIA

Vedi anche Ellenismo, Museo


a condizione psicologica della meraviglia fu oggetto di riflessione da
parte di molti filosofi greci: <<Solo chi
ncll)incertezza e nella 1neraviglia crede
d essere nell)ignoranza>> e quindi si interroga, ponendo a se stesso le domande da cui nasce la sapienza, affermava
Aristotele.

Un identico scopo, meravigliare, fu alla


base della tecnologia sviluppata dai pi
illustri ir1gegneri del Museo di Alessandria d'Egitto e in genere dell'antichit. Ero ne, il pi celebre fra questi,
present la sua teoria degli specchi (Cal o t t ,-i e a ) c o n q u es te p a r o I e : << u n a
scienza che produce un senso di stupore e di meraviglia nell'osservatore. Con
il suo aiuto sono stati costruiti specchi
c.he fanno apparire la destra e la sinistra
di una figura dalla parte giusta [quelli
norn1ali invece inverto110 l'i1nmagine].
Con altri p<.)Ssibile vedere ci che accade alle nostre spalle, oppure osservarsi capovolti, con due nasi, con tre occhi
o con l'aspetto completamente alterato,
come colti da grande dolore. E poi, chi
non ritiene interessante e divertente ,
sbirciare tramite un apparecchio ottico
quanta gente c' in strada e che cosa stia
facendo, standosene tranquillamente seduto a casa sua senza essere visto?>>
Su una cosa tutti i Greci, filosofi o ingegneri, concordavano: ci che veramente meraviglioso non pu essere utile. Se vero, come disse Aristotele, che
<<gli uomini si diedero a filosofare con
lo scopo di sfuggire all'ignoranza, evidente per che essi perseguivano tale
scienza con il puro scopo di sapere e
non per qualche bisogno pratico>>. LinFIl.OSC)FIA

gegnosit greca trov quindi sbocco


nella costruzione di macchine il cui
unico fine era suscitare sorpresa, stupore e ammirazione da parte del pubblico. Nella mentalit greca solo l'inutilit dei prodotti, il fine puramente ludico e l'assenza di un tornaconto qualsiasi giustificavano moralmente l'impegno
in questioni di tecnologia. Del resto lo
stesso principio dell'inutilit pratica
tipico di tutta la scienza greca: la geometria per esempio si specializz nello
studio delle complicate sezioni coniche, che all'epoca non presentava il minimo beneficio pratico (quando per,
nel XVII secolo, Galileo scopr che i
proiettili descrivono una parabola e Keplero che i pianeti descrivono un'ellisse, l'enorme lavoro teorico che i Greci
avevano fatto per puro amore della speculazione divenne la chiave dell'arte
bellica e dell astronomia).
1

Ci che in definitiva i Greci chiedevano


all'ingegneria era solo lo spettacolo dell'ingegnosit, la dimostrazione concreta
dell'inventiva del progettista. Nella Meccanica Erone illustr il meccanismo degli ingranaggi, della puleggia e della ruota dentata, ma inutilmente si cercano applicazioni vantaggiose di tanta sapienza:
non si va oltre gli orologi ad acqua (con
allarme all'ora prefissata), gli organi ad
aria compressa, macchine per produrre
il rumore del tuono, uccelli fischiettanti, bambole prodigiose e automi semoventi. Nulla che riguardasse il lavoro
produttivo o che servisse ad alleviare la
fatica nelle campagne o nelle miniere.
Tutto ci ha indotto alcuni storici a
parlare di un fallimento tecnologico (~)
dell'antichit.

156

ELLENISMO
e

Una llell e macchin e di


Erone: il miscelatore automatico di
acqua e vi no. Regc>land o con le d ita l'apcrtu radei due l)uchi nell a pa rte alta
de ll 'anfo ra <; i co ntro lla l'ingresso dell'a ria e quindi la fuori u cita dci li quidi e
la loro me co lanza.

L'illus ione dello spettro (E ro ne). La stattta sulla


sini stra dell'illustrazione nascosta alla vista dell'osse rvatore: la sua irnmagi ne compare per nello
specchi o in alto. creando un effetto di sicura suggestione nella pcnon1l1ra del tcn1pi o.

li carillor1 ad aria ca l<la . Qu a nd o il


fu oco acce o l'aria so ttostant e, riscaldandosi. si cspan<lc e tende a u cire dagl i strun1cn li musicali de lle figt1re. mettendole cosi in movim ent o.

II dis tribt1tore di acqua benedetta (a paga rn c n to). Sis te mato al l'it1grcsso dei tcn1 pl i, funzio11ava come una
vera e propria maccl1 ina a gett o111:
i fedeli i11trodL1cevano nella fessura della

g ia ra un a mon e ta da c inqu e
dracme e qu esta, cadendo , azionava un a
leva che perrnetteva
l'emiss io ne di uno
za n1pill o di acq ua
benedetta.

,,

157

ELLENISMO

Fallimento tecnologico

ELLENISMO,
TECNOLOGIA/SCIENZA

Vedi anc11e Museo, Macchine meravigliose


econdo lo storico della scienza E.j.

_ Dijkterhuis (Il 111ecca11icis1no e l,im111agi 11l

dcl 111011do , 1980) gli antichi pos-

sedevano a livello teorico una quantit


di co noscenze non 111olto inferi ore a
quella che nel Seicento sar poi alla base della cosiddetta 'rivoluzione scientifica'. Lo di111ostrerebbe una delle macchine meravigliose di Erone, la eolopila , c l1e presuppone la conoscenza del

principio del vapore.


Da queste conoscenze tuttavia i Greci 11o n avrebbero per saputo trarre alcun profitto sul piano pratico. La pi
i111portante fonte di energia rimase
se n1 p re q u e 11 a a n i m a 1e , p e r g i u 11 t a
sfruttata nel peggio re dei modi: il collare adatto ai buoi e ai cavalli, in grado
di non strozzarli sotto tiro, fu inventato solo nel Medioevo e fino ad allora
continu a essere usato il basto, studiato per l'asino che cotnprimeva la trachea nel momento dello sforzo. Molte
piccole 1na utilissime invenzioni (la
ferratura, la staffa per i cavalli, il mulino ad acqua e a vento, la pialla, la bussola, le lenti, gli occhiali, gli orologi
meccanici, la bilancia ... ) sono state'
prodotte non dal genio greco, ma durante i 'secoli bui' del Medioevo. Proprio per segnalare questo divario fra
teoria scientifica e applicazioni pratiche Dijkterhuis parla di un fallimento

tecnologico dell'antichit.

Erone assurdo. 11 controllo di questa


energia dipende dalla capacit di forgiare accuratamente grossi cilindri di
metallo, di ottenere fra il pistone e il cilindro un gioco cos sottile da evitare la
fuga del vapore quando aumenta la
pressione e di progettare un metodo efficiente per trasformare il moto rettilineo in moto rotatorio. I problemi da superare per costruire una vera macchina
a vapore non erano solo di natura teorica, ma connessi anche con i necessari
standard di qualit e precisione. Solo
alla fine del secolo scorso si raggiunta la capacit di forgiare i metalli in costruzioni nello stesso tempo colossali e
sufficientetnente precise, quali appunto erano le prime macchine a vapore
moderne>>.
D'altra parte gli storici di impostazione
marxista suggeriscono l'esistenza di un
legame fra il fallimento tecnologico e la
diffusione della schiavit. Questa avrebbe diminuito la necessit di migliorare le condizioni di lavoro nei campi e
in genere nelle attivit pi pesanti, essendo pi facile e conveniente lo sfruttamento intensivo della mano d'opera
se.r vile. Erano gli schiavi, in fondo, la
fonte di energia pi diffusa ed economica. Questa tesi, se pure si presta a qualche critica (perch gli schiavi, la cui vita media nelle miniere non superava i

cinque anni, rimasero sempre una risorsa scarsa), avvalorata dalla constatazione che nei settori in cui il lavoro
servile non rappresentava una soluzione (per esempio nella gestione delle risorse idriche e nell'arte della guerra) il
progressi tecnici furono notevoli gi
nell'antichit.

Un'interpretazione alternativa sostiene


per che una cosa sono i princpi teorici, un'altra le applicazioni pratiche. Secondo R. Lloyd (La scienza dei Greci,
1978) <<affermare che tutti gli elementi
della macchina a vapore siano gi potenzialmente presenti nella eolopila di
FILOSOF IA

158

ELLENISMO

L'eolopila di Erone co ns is te\a in una


sfera vt1o ta e sosten uta da du e supporti a go mit o poggian ti su u11a ca ldaia. li supporto era cavo e fu nzio nava da sfiatatoio per la caldaia. Quand o
si acce nde\'a il fuoco l'acqua nell a caldaia iniziava a bollire e il vapore attraverso il su pporto cavo , entrava nella fera per
uscir11c poi dagli sfiate:1toi. A qLtesto pu nt() la sfera incotn inciava a rt1otare.
1

;;:,,....

li monclo greco realizzo enor1ni progrc si in campo


~
belli co. La bales tra automatica riprodo tta
'
montata su un cingo lato e co trL1 ita negli
arse11ali d i Rod i ave\ra una capac it distrutti\'a superio re alle prin1c arm i
f.!
da fu oco.
,f
(

1,

Ne ll e a tti vi t produtti ve in cu i
L'utilizzo degli scl1iavi non era Lln
fattore decisivo si registraron o innovazioni tecniche importanti . La gestione delle risorse idricl1 e (probl ema impellente n elle
aride isole greche) fu facilitata dalla vite
di Archimede, cl1e permetteva co n poco
sforzo d i alzare il livello cli un bacino d'acqua.

159

F ILO OFI.\

ET IMPERIALE

Neoplatonismo

PLOTINO

Vedi anche Trascendenza, Angelologia


Secondo i Neoplatonici una nozione
filosoficamente adeguata della divinit
doveva comportare il principio della sua
assoluta trascendenza: Dio l'essere
ineffabile, irraggiungibile, inesprimibile.
Per spiegare come il mondo possa nascere da un Dio siffatto Plotino elabor,
in polemica con l'idea cristiana di creazione , la nozione di emanazione ( ~ ),
un processo di produzione involontaria,
automatica e non responsabile.
I concetti di emanazione e di ipostasi {->), assieme alla teoria di un possibile ritorno a Dio attraverso vari gradi di
purificazione fino all'estasi (~ ), si sono
rilevati di straordinaria fecondit nella
storia della filosofia, ben oltre i limiti
della scuola neoplatonica.

l Neoplatonismo fu un movimento
filosofi co fondato nel III secolo d .C.
da Ammonio Sacca ad Alessandria d'Egitto e fi orito nelle metropoli dell'Impero ron1ano sino al VI secolo (fino cio
alla chiusura dell'Accademia di Atene
da parte di GiL1s tiniano, nel 529).
La pi in1portante scuola neoplatonica
fu fondata a Ron1a da Plotino (205-270
d.C.), il filt1sofo pi notevole dell,indirizzo. Con Porfirio, suo discepolo, e poi
Giamblico (vissuto in Siria dal 245 al
325) e Proclo (ad Atene dal 410 al 485)
il Neoplatonismo perse la propria originalit assumendo suggestioni dal Pitagorismo, dallo Stoicismo, dall'Arist.otelis n10 , dall ' Ebraismo e dalle religioni
orientali. Dalla fusione di approcci tanto disparati, tipica di un periodo cosmopolita e orientaleggiante quale il tardo
Impero , nacquero la Gnosi, la letteratura ermetica ( ~ E11r1etismc)), l'astrologia
e la magia ( ~ ), pratiche orientali in larga parte sconosciute al mondo greco.
Carismatici o teurghi ( ~ Carisma e
Teurgia) furono detti gli ultimi filosofi
neoplatonici, in cui la pratica della filosofia si confondeva con quella sapien.:
ziale del 1nago e del sacerdote.

Tre sono i momenti pi alti dell'influenza delle dottrine neoplatoniche sul pensiero europeo, sotto indicati.
Nel Medioevo influenzarono fortemente il mistidsrno (-)>) cristiano, tanto
che la teologia negativa ( ~ )dello Pseudo-Dionigi si pu considerare una fusione fra Neoplatonismo e Cristianesimo.
Nel Rinascimento ispirarono gli umanisti (Cusano, Ficino, Pico), che lessero le opere di Platone nell'interpretazio- .
ne mistica di Plotino. Alcune nozioni
fondamentali della rinascita culturale
del XVI secolo ( ~ Archetipo e Matesi)
sono di derivazione neoplatonica.

Ci che caratterizza i Neoplatonici, e


Plotino in particolare, una (libera) rilettura di Platone da un punto di vista
religioso. Le tesi cristiane, che pure conoscevano bene, sembravano loro inaccettabili e filosoficamente rozze: in particolare l'idea, centrale del Cristianesimo, che Dio sia un essere dotato di volont propria, sembrava loro una forma
di banale antropcJmorj-ismo ( 4) teologico (im1naginare la divinit su un modello idealizzato di uomo).
fJLOS<)FIA

Nella filosofia moderna il sistema hegeliano (~) della dialettica ( ~) (tesi,


antitesi, sintesi) riprende consapevolmente lo schema triadico di Plotino
(permanenza, emanazione, ritorno).

160

-=-=--=--=--=~==;;;;;;;;;;====-=============-=E=T==l=M-P=E=RI=A=l=E;==:===-====

''" ~..

'

Tre filo ofidi ide ntit sco nosciuta tlel periodo irnperiale. La ''olta in "c11 o rcligio o dc l pc n iero tar<lc)-antico nio<lifi cc) se11 1IJilmente la figL1ra dc l filo -oro. L i ~ pi rate, il 'tli\ri110', era empre rapprc cntato co11 1<1 f rontc
ampia, la te ta diretta vcr o l'alto e c)prattLtltu le) ~gLt .lf
clo ri,1 olto verso il cielo, nc> n piu vc r o l'in tcrl l>tL11 orc.
Nc ll'in1111agi11 c qt1i a s 11i tra (0 tia , 395 d.C.) il fi ] o ~ o fc1
ca ris111ati co , dagli occl1i cnfa ti can1cnte apert i e piene.lenti, e ci rco 11 clalo da un nimbo (l'at1reola di luc:e attorno al ca po, si111bolo c.livc nLtlo in. cgl1 ito Ll Ltalc t1c l
Cris ti a11 c i1110) . Si es pri111eva no co l'interio re fo r2a
spirituale e. il ca rattere i pira to dcl filo ofo divino.

li Li1ffat ore cli PaestLt111 , dipinto sul copcrcl1i o di un sa rcofago, l'immagine pi espre siva de ll a s piriltta lit Lard oa11Lica. Non c' alcuna pretesa
di obicLtiviL 11aturalis Lica: in
uno spaz io vuoto e irrealistico vi so no so lo f o r111 e La n Lo
astratte e rarefalle da asstt1nere un cl1iaro valore sin1bo li co~
il n1are (disegna to addiritlura
i11 rilievo) in ct1i il Lufflto re s i
bLllla ra[Jpresc nla la morte O ,
se si vuole, la \ ita, il clcstino.

.'

,..

...

161

F IL<1<;0 Fl t\

ET IMPERIALE

Ipostasi

PLOTINO, NEOPlATONISMO

Vedi anche Emanazione, Archetipo


ella filosofia del Neoplatonismo il
termine ipostasi designa i tre livelli clell'cssere scatt1re11ti da Dio attraverso il processo di enianazione.

sentazioni, nomi dell'unfco e inconoscibile Dio, un umano tentativo di descrivere l'inimmaginabile.


La terza ipostasi designa il livello dell'anima, il principio di vita eterna e spirituale presente in ogni individuo umano (non nelle piante e negli animali).
Plotino sintetizz la sua dottrina con
la metafora della luce (ripresa in seguito da Agostino): Dio, la prima ipostasi, pu essere rappresentata, come
una fonte di luce perenne e inesauribile, la seconda come la luminosit che ne
scaturisce e la terza come la zona di penon1bra che separa il fascio di luce dalle tenebre. I.:anima umana, infatti, presenta due tendenze: una rivolta verso
l'alto e la luce, alla contemplazione dello Spirito e dell'Uno, l'altra rivolta verso
il basso, verso il corpo e la materia del
mondo.

La prima ipostasi, al vertice supremo,


Dio stesso: Plotino supera il tradizionale politcisn10 della religione greco-ron1,lna e sottolinea con forza l'unicit di
Dic> ('Uno' il st10 ttnico possibile sinoni1no), accettando cos il monoteismo
cristia110. Dio costituisce l'Unit da cui
tutto discende: co1ne la luce va degradando a partire da una fonte, cos dall'U110 discendono vari gradini dell'essere, sempre pi lonta11i dal centro e quindi ontologicamente degradanti verso
l'in1 perfezione.
Dall'Uno-Dio e1nana la seconda ipostasi: lo Spirito (Intelletto, Intelligenza), ttna nozione che la scuola plotiniana declin in vario 1nodo, intendendola sia come la mente o l'anima del
mondo (-+ ), sia corne una forma di inteli igenza allo statt> puro, una specie di
mondo delle idee platonico (----+- Idea
tJfc,1to11ica) in cui tutte le nozioni preesi.:.
stono alla (eventuale) scoperta umana.
A questo livello dell'essere sono posti
tutto il sapere umano e l'intero scibile,
ogni possibile verit, comprese quelle
cl1e saranno acquisite dall'uomo_in un
lontano futuro. Qt1i si situano tutte le
im111agini di Dio elaborate da tutte le religioni del mondo. Plotino auspic la
forn1azio11e un Olimpo unificato in cui
fossero rappresentate tutte le forme del
Divino inve11tate da tutte le religioni: lo
Zeus greco pu convivere con l'egizia
Osiride e gli di orientali dall'aspetto
mostruoso perch sono tutte rappreflLOSt)FIA

Con l'anima finisce la scala degli esseri: il mondo della materia, rappresentato dalle tenebre, un non-essere (cos
come le tenebre sono assenza di luce).
La materia, che contiene il male e l'imperfezione, non ha propriamente esistenza, come il buio rispetto alla luce:
una condizione di mancanza. Plotino
afferma un. concetto ripetuto in seguito
da tutte le forme di idealismo filosofico: le sensazioni, i fenomeni, la materia
esistono solo nell'anima che li genera.
I.:uomo quindi a cavallo fra essere e
non-essere: anche se la sua corporeit
appartiene totalmente al mondo illusorio delle cose, la sua anima pu, se lo
vuole fortemente, prescindere dalla
materia e iniziare un processo di ritorno a Dio.

162

ETA IMPERIALE

La spiritualit neoplatonica costitu l'anello di co ngiun -

zione fra quella pagana e quella cristia11a. La descrizione


dell'aldil riprodot ta, posta sulla ton1l)a cli una donna pagana, prevede l'csi tcnza di Lln Angelo I3Lt<)110 (a sinis tra)
che , attraverso una Porta dcl Giudizio, i11troduce l'a11ima
della donr1a in Paradiso. ln questi Campi Elisi i git1sti godono gioie n1olto paga11c: si 1nangia in cornpagnia , si gioca sull'erba e il gros () otre sulla destra allude all'abbo nclanza del vino.

INTELLIGENZ.A

L'l metaf<lra della luce di Plotin<). Dio, l'U110, ltna fonte di luce perenne e i11esat1ril)i]e (co1ne il S<) le) . Intelligenza e anin1a sono le due ipost~1s i cl1e ne scatt1riscc)110. La rnateria l>ltio, puro non-essere. Nell'uomo quindi convivono la ncgati\rit della materia e la possibilit, data dall'an ima, di iniziare Ltn rit<1rno a Dio ( > Misticisn10).

Cristo e Brahma in un'ir111nagine popolare induista . Anche Plotino sogn


un Olimpo unificato , in cui gli di di tutte le religioni fosscro messi sullo stesso piano.

163

Ft LC.1-..t) FI. \

ET IMPERIALE

Emanazione

PLOTINO, NEOPIATONISMO

Vedi anc11e Ipostasi, Trascendenza


11 11ole111ica co11 il Cristia11esi1t10 Plotino (205-270 cl. C.) afferm che un'idea IJerJ-etta della divi11it prevede la sua
assolL1ta trasca1dCJ1za, ossia una totale
diversit e inco11grue11za con la nostra
iealt. Nulla ptt essere detto di Dio se
Ilt)tl cl1e Uno e Bene e ogni altro attribu tc) f rt1tto di un i11debito antropo111orfisn10 ( _,,).
N e 11 e E 1111 ead i , Ia r a eco 1t a de i su o i
tral tali , Plotin<) critic in particolare il
co11cetto cristia110 di creazio11e (- >) del
n1011do da parte di Dio , cui propose di
sos tituire quello cli emanazione: un
JJrocesso 11on volontario, nel conte111po
S}JC)ntaneo e necessario, attraverso il
c1ualc il inondo <<defluisce da Dio per
sovra l1b(.)nda11za >>, senza il suo in terve11 to diretto.

dell'essere, che si trasmette da ipostasi a


ipostasi, descritto da Plotino come la
connessione di tre momenti distinti, secondo uno schema circolare.
La permanenza indica la perfetta im111u tabili t dell'Uno che rin1ane eterna1nente uguale a se stesso.
La processione il 1no1nento in cui
gli esseri ~escono, dal principio senza diminuirlo in alcun modo.
La conversione il momento del ritorno, la fase in cui ogni essere, dopo
aver affer1nato la propria esistenza, tende a ritornare alla fonte originaria.
Questo sche1na, noto come procedimento dialettico , da intendersi non
come una successione cronologica ma
una coesistenza logica dei tre momenti, sar ripreso in contesti differenti da
altri filosofi ( -~ Sisten1a hegelia110 e

La prodt1zione dell'u11iverso a partire


clall'Uno non pu essere un 'piano' dettato dalla ragione o dall'a1nore, sentin1c11ti umani, non predicabili di Dio.
l11oltre Dio non pu aver voluto il mondo, altrin1enti sarebbe responsabile della sua i1nperfezione (il male, il dolore).;
Dio i11.fi11e non pu neppure pensare il
111011do, percl1 al di l di ogni volont
e pensiero. Per spiegare il processo di
emanazione Plotino sugger una serie di
celebri metafore: i gradi inferi ori dell'essere (ipostasi) scaturiscono da Dio come la luce en1ana dal Sole (senza che
questo ne sia in qualche modo diminuito), co1ne il profumo si diffonde da una
rosa o l'acqua trabocca da un vaso, come si espandono le onde in uno stagno
in cui si sia buttato un sasso.' Questo
processo di produzione involontaria

Dialettica)~

Fll.C)

()f IA

Di particolare importanza per la condizione umana il terzo di questi luoghi


metafisici, la conversione. Essa espri1ne
infatti la tendenza dell'anima ad abbandonare la corporeit, il non-essere materiale in cui si trova, per tornare alla perfetta spiritualit delle ipostasi superiori.
Plotino delinea per la prima volta il processo dell'ascesi ( ~ Misticistno): afferma infatti che la conversione, il bisogno
e il desiderio dell'anima di unirsi intimamente a Dio, implica un superamento
della dimensione razionale. Il salto a un
pi alto livello di trascendenza si attua
con una trasformazione totale dell'individuo perch a sospingere l'anima verso l'estasi (~) l'amore di Dio, un desiderio
che supera i limiti della ragione.

164

ET A IMPERIALE

I~

Lo spirito cl1 vi 11 (J tra cci(t C<JIJ lei / 1,1ce i co11fi 11 i clell 'ec; , ere, d a U lr ru S<Jtte C<)s111i hi l o ritt ( 1617) dcl filo o fo e n1ago inglc e R. Fludd
li proccdi 1ncnt o clialettic..o tri adi co <l e cr1tto co me un rroce so circolare in cui Lln pL111t o
prim a in se ( p e rmanen za ),
poi f t1o ri cli (e manazione ) e
infine, co m1J1uto un intero giro.
to rna in (co n ve rs io n e ). a l
pur1t o ini ziale.

,
Ne lla 111i11iatura ri prodotta dcl Xli secolo il conce tto della divinita di Cristo
es presso attravc rS() sin1boli che d irettamente si ri fan 11 0 alla tradizione neopl,1tonica. Dio postt) al centro cli t111 sistema di cercl1i co11centrici , cl1e ri1)rc11ciono la 111ctafora e.leIlo s tagnc.1 di Plotino.
(

165

ETA IMPERIALE

Gnosi

PAGANESIMO/CRISTIANESIMO

Vedi anche Neoplatonismo, Teurgia


fin con il giustificare comportamenti
eccentrici o socialmente riprovevoli, come gli eccessi sessuali (-> anche Magia
e Teurgia).

a Gnosi, o Gnosticismo, fu una tender1za filosofica (nor1 u11a scuola organizzata) diffL1sa 11ell'lmpero romano
dal li al lV secolo d .C. e caratterizzata
da un f()rte sincretismo (fusione di teorie diverse senza che il tutto si amalgan1i in t111a nLtova si11tesi).
r~1 c ilc riconosc e re nelle dottrine
g11ostichc elc111cnti provenienti dal mito , da l Cristia11esi1no, dal Neoplatonis1no , d ,1 ll' Ebrais1no, dall'Oriente. Ci
che in C(Ltalche rnodo unificava suggestioni tanto disparate era l'enfasi posta
sulla conoscenza, che gli Gnostici, intl ucnzati dalla teo ria dell'e1na11azio11e ( - >-) di Plotino, concepirono come
t111 'illuminazione, una specie di estasi (- >- ) conoscitva riservata a pochi eletti, tra111ite la quale sarebbe possibile raggi ungere un'intuizione in11nediata del
divino e della vera realt del mondo.

Dal Manicheismo ( - >) di origine orientale (persiana) deriva il forte dualismo


che Ct)n trassegn le tesi gnostiche: il
mondo va considerato come il prodotto
della lotta fra dt1e principi equipollen- ,
ti, il bene e il male, in perenne e irrisolto contrasto. Ne conseguirono un'alta tensione etica, una visione drammatica della vita e una concezione eroica
della santit. Poich i11 ogni individuo
si svolge u11a lotta senza possibilit di
compromesso fra il male (il corpo, la vita quotidiana) e il bene (lo spirito), la
Gnosi predic comportamenti fortemente ascetici. D'altra parte per questo rigoroso dualismo etico che escludeva ogni farina di compromesso condusse a una svalutazione della morale
corrente e delle norme codificate, considerate inferiori rispetto alla Gnosi, e
FILOSOFIA

A questi spunti di origine pagana si giustapposero le influenze di un Cristianesimo fortemente interpretato alla luce
di Plotino. Gli Gnostici videro nell'incarnazione di Ges solamente un simbolo del processo di emanazione: Dio
non ha creato il mondo e non il padre
di Ges, ma un Essere astratto e perfetto da cui discendono (emanano), senza
!,intervento della sua volont, successivi Eoni, ossia aree di realt via via sempre pi degradate (da cui deriva il termine 'evo', poich gli Eoni appaiono
nella storia come ere temporali in successione). Secondo alcuni Gnostici questi Eoni sono trenta, e l'incarnazione di
Ges altro non sarebbe che il simbolo
dell'avvento dell'ultimo Eone , con il
quale si apre l,era della salvezza (tramite la Gnosi).

166

Un elemento in comune con la mentalit dei primi cristiani era la forte tensione escatologica(--> Escatologia). Anche gli Gnostici vedevano nell'incarnazione di Ges l'annuncio di un'imminente conclusione dei tempi, bench
poi volgessero l'urgenza derivante da
questa considerazione verso fini ben diversi da quelli cristiani. Dato che il
mondo sta per finire, argomentavano,
non serve costruire alcunch; l'unica via
alla salvezza sta nella penetrazione del
mistero di Dio, nella conoscenza, da acquisirsi con ogni mezzo, del significato
vero (e non ancora chiarito) dell'incarnazione di Cristo.

ETA IMPERIALE
.Si distingue fra una Gnosi dotta , sviluppata soprattutto ad Alessandria d'Egitto e una Gnosi volgare , f ramm.entata in numero.se sette spa rse in tutto l'Impero, i11 cui prevalsero gli elementi magici, si111bolici, astrologici. La Gnosi volgare ve~
nerava l'anguipede (letteralmente 1con piedi di serpe11te') 1
un essere divino mostrttoso dualistica mente forrn ato dalla contrapposizione di due anmali diversi e contrapposti:
nella parte superio re il gallo e il leor1e, sin1boli solari ; in
basso il se rpente , animale 'notturno'. Il dua1is1no fra bene e male, con la conseguente dedizione ero ica richies ta
all 'adepto, era sottolin ea to dall 'aspetto 1narzia le dell'an g11ipede, ttn dio della guerra armato di lancia e frusta.
L'innuenza d ell'Ebraismo ben ev idcn re
nel no me eb raic o
di Di o , Ya h v ,
c l1e se1npre accompagna l'anguipedc.
1

WAll

IAW

,
/

'

~'- --

Nelle se tte degli Ofti, o Soci Ser1Je11t i r1i era praticato il culto del serpente, donde la coslr11zior1e di atnttlcti co me quelli riprod otti , in cui l'idea dualistica
espressa tra111ite la co ntrapposizio11e di forn1,e biologicl1e
11atu raListicamen Le ineo ngruen ti.

167

IAtJAHH
f l LOSC)FL1\

ET IMPERIALE

Carisma

TARDO PLATONISMO

Vedi anc11e Gnosi, Neoplatonismo, Teurgia


onosta11te la fortissima polemica
che oppose il Cristianesitno alle ulti111e resistenze del paganesimo vi furono 11otevt1li punti di contatto fra questi
due orie11la1nenti di pensiero, n pote\'a essere altri111e11ti dato che entrambi
11asceva110 dalla stessa esigenza, uni\ 'Crsal111e11te condivisa, di spiritualit e
religit1sit.

Una 11ozio11e-po11te fra i due mondi fu il


C<)ncetlo di carisma. All'inizio seco11do
la teologia c1istia11a 'carismatici' erano i
tre. s~1cciali doni conferiti dallo Spirito
Sa nto agli Apc.)stoli affinch meglio
compissero la loro opera di proselitisn10: la 11rofezia, il potere di operare n1i1acoli e la glossolalia (la capacit di
parlare lingue scon()Sciute). In seguito
si cominci a chiamare carismatico qttel
poteie cJ1e 11asce dalla co11oscet1za e si
espritne 11ella capacit di dom.in.are la
11atlira in modo non ordinario.
Questa eqt1azio11e fra possesso della
\'erit e acctuisizione di potenza era gi
presente nell't1lti1na cultura pagana,
che aveva. sempre pi inteso la filosofia ,
con1e contemplazione del mistero,
dando cos spazio per la prima volta
nella storia dell'Occidente alla Gnosi,
alla meditazione, alla 1nagia (->), alle
pratiche oracolari ( ~ Oracolo) e alla
teurgia.
Nelle ultjme scuole pagane vigeva una
netta distinzione fra i dotti tradizionali,
cui spettava il titolo di filosofo nel senso eti1nologico (ossia di colui che cerca
la sapienza), e gli 'eroi', i filosofi divini,
la ristretta schiera dei maestri che non
cercavano pi, poich in un'esperienza
mistica e religiosa avevano gi trovato i
segreti ultimi della sapienza.
F-ILOSOFlA

168

Queste tendenze si accentuarono nel


Neoplatonismo del tardo Impero. Accanto a una sempre pi scarsa produzione speculativa, si afferm una letteratu.ra apologetica dell'antica religione politeista, in opposizion.e al monoteismo
ebraico-cristiano, e la pratica magica inco1ninci a essere considerata parte integrante della filosofia. una tende.nza
gi presente in Proclo (410-485), ultimo
autore originale dell'antichit pagana, e
do1ninante in Porfirio e Giamblico, con
cui si chiude l'epoca antica (la data ufficiale che segna la fine -della filosofia antica il 529, anno in cui l'imperatore
Giustiniano proib ai filosofi non cristiani di accedere a ogni pubblico ufficio,
qui11di anche di insegnare e tenere scuole). In questi ulti1ni autori tutto il complesso discorso di Plotino relativo al
concetto di ipostasi (-).) si trasforma in
un te11tativo di di1nostrare razionalmente il politeis1no e la 1nagia (con un
netto arretra1nent() rispetto alle posizioni monoteistiche dello stesso Plotino).
Questa evoluzione della filosofia antica
in senso religioso mut la figura del filosofo, che divenne il depositario di un
sapere occulto, sempre pi simile alla figura del sacerdote e del mago. Fu un'evoluzion.e perfettamente visibile sul piano iconografico: la benda e la corona fra
i capelli, che nel mondo greco indicavan o l'appartenenza al ceto sacerdotale,
divennero un attributo usuale nei ritratti dei filosofi carismatici, ed significativo che gli artisti del tardo Impero tendano a sottolineare nell'iconografia del
filosofo _gli stessi caratteri tipici che poi
saranno abitualmente attribuiti all'i1nmagine di Cristo.

ET IMPERIALE
Nella statua riprodotta. di Ltn ignoto fil oso fo pagano del 400 <l .C. iJ potere
carisrnatico esprc so dall'ins istenza ui capelli , folti e lunghi fin o all e
spalle (d iverranno poi tipici dell'in1magin c di Cristo). Una lunga tradizione si111bolica (ri ~le nt e al r11ito di Sa11sonc) poneva nei ca pelli la sede
della potenza. A differenza di quelle dci Cinici, dei profe li biblici e degli asce ti cristiani , le capigli ature dci filo ofi teurghi sono accuratamente (razionaln1ente) pettinate. Cl1e a,1essc ro Ltn significato i1nl1oli cc> risulta evidente dal fatto che in molti rttratti qLteste chion1c sono attrilJL1itc a 1)crsonc di tarda et, probabilrn cnte calve nella rca lta.

Quell a opra un'irnn1agine ottoce nte ca che


tenta di descri ve re la prati ca dell'antica teurgia pagana , l'arte magica ([ond,lta u una teoria elci politti!>mo ) di i11fondere vita nell e tatue. Q Lt cll a di ini tra , fo rteme n te affi11c , e
un 'i1nr11 agi nc cri -tiar1a che illLt tra la res urrezione di Lazzaro OJJC rata d a Gt u. Fra le tante o rn iglianzc i no ti l ' u~o dc l ha le 11c ( da
q Lt es t e pra tie 11e te u r g ie o -e ri l ia n e cleri\'a la
bacc l1ctta magica clei prest igiator1 ).

Lezione di Llll cari t11tltico (O tia, fi rie II


sct(>lo <l .C.). Il fil ()So fo 11a ges ti solcr1ni e
l(> sguardo rivolto verso l'alt o, al n1ondo
di vino da cui trac la SLta ispitazio11e ( ).
11 suo volto non n1ostra concentrazione o
sforzo intcllellualc, ma illLt111ir1ato clalla
crit: la sua U}JC ri oriL stti co mttni n1ortali es1)ressa dalla cassa cl1e lo pone su
u11 pia no rialzato. La toncitazione degli
asco ltatori allu<lc al. loro e11tt1siasn10 ( >).
mentre i dL1e scril)i 11011 perdono 11eppurc una clelle prez io e ()arole <lei maestro.
\1

169

F ILL)"il)rl

ET IMPERIALE

Teurgia

GNOSI, NEOPLATONISMO

Vedi anche Macchine meravigliose


eurgia, letteralmente 'fabbricazione

naria: --+) della divinit. Tuttavia essa


pu essere capita solo ricostruendo l'atteggiamento antico nei confronti delle
statue: in una religione idolatra l'idolo
no11 un simbolo (--+), non rimanda cio
a un'altra realt che intende significare,
ma esso stesso la sede della sacralit
e del potere che ne deriva.

T degli di', l'arte, a met strada fra

magia (--+) e tnisticismo (--+ ), di conferi re vita alle statue degli di attraverso
riti adegt1ati e misteriosi. Nata durante
il periodo i1nperiale nell'ambito della
Gnosi, fu praticata dai filosofi caris1natici (--+ Ca1-isn1a), il pi fa1noso dei quali fu Giuliano (detto appunto 'il Teurgo'), autore nel II secolo d.C. degli Oracoli cc1ldaici, un testo che fu riscoperto
nel Ri11ascimento ed ebbe grande inOuenza sull'En11etis1no (~ ) del XVI secolo. Non sappiamo come potesse operare questa scienza occulta, ma non
escluso che facesse ricorso anche a 'effetti speciali' utilizzando le pi recenti
scoperte ingegneristiche prodotte dagli
scienziati d el Museo (--+) di Alessandria , capaci di nlttovere automi o produrre apparizio11i tran1ite un uso sofisticato d egli specchi.
Un'argomentazione filosofica in difesa
della teurgia fu elaborata dal neoplatonico Porfirio. Anche se i pagani, afferm 11el suo testo Cont10 i cristiani,
<<fossero tanto ingenui da credere che gli
di vivono all'interno degli idoli, il loro
pensiero resterebbe sempre pi puro di
quello dei cristiani, i quali credono che
la divinit sia entrata nel seno della Vergine Maria, sia diventata feto, s ia stata
generata e avvolta di vesti, piena di sangue, di membrane, di bile e di cose ancora pi vili>>.
Sul piano filosofico la teurgia fu favorita dall'arrivo a Roma di una grande
quantit di culti orientali e dalla diffusione del Neoplatonismo, che enfatizzava la funzione sacra dell'immagine in
quanto archetipo (modello, idea origiFILOSOFIA

170

Nel mondo greco tutte le sculture sacre, senza eccezione alcuna, erano dipinte con colori sgargianti e fortemente naturalistici (come del resto le strutture e i bassorilievi del tempio): pelle
rosa, labbra rosse, capelli neri, vesti colorate o patinate d'oro, abbondanza di
accessori, corona, foglie d 'alloro, abiti
veri, e cos via. Con tutta probabilit
l'effetto era veramente conturbante, capace di produrre quella particolare suggestione che ancora oggi attira milioni
di persone ai musei delle statue di cera.
Si cercava di replicare ogni particolare
dell'aspetto umano. Negli occhi venivano incastonate pietre brillanti per
imitare l'intensit dello sguardo reale.
La scultura era quotidianamente sottoposta a una toilette tipicamente umana:
lavata, aspersa, unta, rivestita con abiti, inghirlandata, incoronata e rinfrescata con acqua nella stagione calda.
Dopo averla rifornita di cibo, la si rallegrava con rappresentazioni, spettacoli, danze; periodicamente poi le si offriva la possibilit di muoversi portandola in processione.
Vi era insomma un rapporto intenso e
il pi possibile fisiologico, quasi carnale, con l'immagine: alcuni riti arcaici
prevedevano addirittura che in determinate occasioni si procedesse alla fustigazione rituale delle statue.

ETA IMPERIALE
lasciato da un paz iente curalo da Asclepio,
il dio greco della medi cina, che raffi gura la parte dcl
corpo guarita.
Ex-voto

Statua di Asclepi o ri trova ta a Epidauro e


re a li zza ta ill epoca
rom a n a . U no d e i
fa tti pi difficili a
spiega rsi della terapia incubatoria prati ca ta a Epidauro
c1uello per cui il dio, a
quanto risulta dalle descrizioni dci sogni conservate negli archi\ri dcl
tempio, appariva ai fedeli (in co rnpagnia dcl suo
scrpcn te) sempre ot tt) le
se mbi a nz e de ll a s ta tu a
qui riprodotta, Ltn vecchio
dal portamcnt() arist()Cratico , dall'es prcssio11t benevola e irnpatica.

11 rito incubatorio era praticato a Epidauro nel tempio


dedicato al dio, che si credeva po tesse sa lvare i mala ti
incurabili. Come attestano i
bassorilievi i11castonati nelle
m ura del tcn1pio co me cxvo l o, s pesso Asclepi o co1npariva in sogno al malato per
suggerirgli la terapia adatta,
se no n (anche se n1olco pi
raran1 e nte) pe r proce d er e
seduta stante a una guarigione miracolosa.

171

F I LU~C) FL\

ET IMPERIALE

Manicheismo

DUALISMO TEOLOGICO

Vedi anc 11e Pessimismo antropologico

T 'esistenza del male il problema fonL damentale di ogni religione, in par-

coerenti, perennemente in lotta ma


commiste fra loro>>. Sono parole dello
stesso sant'Agostino , che conosceva
molto bene le teorie manichee, per avere anch'egli aderito a questa setta all'et
di diciannove anni.
La risoluzione manichea del problema del male presentava in effetti due
notevoli vantaggi.
Il primo consisteva nell'offrire una
descrizione semplificata ma di grande
suggestione: il contrasto psicologico fra
bont e malvagit era assunto come
schema di lettura dell'intero universo.
Il secondo punto di forza risiedeva
nell'eroica ricerca della perfetta santit
cui erano chiamati i fedeli. I Manichei
infatti , riconobbe con onest intellettuale lo stesso Agostino, << purgavano il
b ene non solo con una vita pura, con la
castit e la rinuncia alla famiglia, ma si
astenevano anche dai lavori manuali e
seguivano un 'alimentazione particolar e >> . N e 11 a vis i on e d u al i sta non c' era
spazio per l'incertezza, n era possibile
alcun compromesso fra verit ed errore,
fra virt e perdizione. Identificando
nello spirito la co111ponente buona dell'uomo e nella carne quella cattiva, i
Manichei affermavano la necessit di
purificare la prima tramite le sofferenze
della seconda.

ti colare di quelle monoteiste. Sant'Agostino pose la questione con estrema


cl1iarezza chiedendosi : Si Deus est, unde
1nalurn?, ovvero Se Dio esiste, da dove
il11e il male? Se Dio vuole abolire il 1nale, n1a non pt1, un Dio in1potente~ se
ptt , 1na non vuole , un Dio lnaligno
cl1e si diverte a tormentare le sue creatt1re. Sia che si intenda il male come un
pri11cipio assoluto contrapposto al Bene
(male metafisico), sia corne la soffercnza, i1dolore e la 1norte (male fisico) ,
oppure ancora com.e il peccato (male
morale) , il problema resta: com' possibi lc conciliare la realt del male, in ogni
sua forma, con la b ont di Dio? forse
la prova, come afferma va Epicuro, che
Dio si disinteressa del mondo? Oppure
bi sogna am1nettere l'esistenza di due
Principi di uguale potenza, un Dio bt10no e positivo, contrapposto a uno malvagio e negativo?
\

Ques t'ultima la soluzione pi f requente nelle religioni arcaiche e politeiste.


Nell'Induismo la dea Kali dai tratti orripilanti, la dea del male cosmico, si
contrappone a Shiva, farmando una polarit di forze antagoniste, ma entrambe
necessarie l'una all'altra.
Al tempo di sant'Agostino unt variante di questo dualismo teologico
era sostenuta dal Manicheismo, una religione di origine iranica fondata dal
principe persiano Mani (216-277 d .C.)
Secondo i Manichei il cosmo, la natura
e l'anima dell 'uomo sono il campo di
battaglia fra due princpi divini le cui
nature e sostanze sono <<diverse e avverse, ma nello stesso tempo eterne e

Il movi1nento medievale dei Catari, la


setta religiosa che si diffuse nel Sud della Francia dall'XI al XIII secolo rifacendosi al messaggio manicheo, giunse fino a praticare l'endu1'a, il rito che realizzava la definitiva vittoria dello spirito attraverso la pi terribile e lenta consunzione della carne, ossia attraverso la
morte volontaria per fame.
I

FILOSOFIA

172

ETA IMPERIALE

Il dualis mo teologico e tipico dell e religioni e delle


filo ofi c orientali , c h e pre\1edono l'esis tenza di un
JJrin cipi o de l nia lc co ntra ri o 111 a equipo ll ente a l
principio del be11c. La di vi nit dcl 1nalc de ll'Indui smo la dea Kali (11 ell'illus trazio11e) , la cui tremenda potenza di truttiva sin1bo lcggia ta dall e molteplici l)raccia.

..... ..
,.... ~ .
~

..
(

ebben e Mani co n ider,1 e _uo i pred cc '>ori Buddha in O r iente e Cris to in Otc i-

dcntc , la L1a <l () ttrina 111c)-tra prof<Jndi lcgan1i con lo Zoroastrismo , 1,1ntica rcligio 11 e
irani ca che l)fC\'C<lc,a l'e t tcnzn di due dci:
Angra Mainyu , di o d c l 111a le , e A hura
Mazda , dio dc l lJcnc , rnppre cntato cl.i un
ge ni<) alato, rn czzo tlo mo e mezzo anim ale.
seco11<lo r11o(l;1li t riprese nella Grtosi ( >).

L'intero co 1n o ( r~1 11prc e ntato


dai cicli posti i11 sc111 icc rcl1ic1) <.'
cli vis<) cl ia111ctra 1n1c11 tc da l l'o1)l)l) iz io11c fra bi1nco e nero ( ILtce e tenebre, l)ct1 c e n1ale, pirito e 111atcria, ar1 i111a e co rpo ... )
cnza alcuna zo11a intermcclia o
JJOssilJilit cli co n1pron1c l) . La
rnora le lTiani cl1ca viveva dram1nat1ca111cnte ques ta co11trapposizil) nc, co n iderando p o~ ibi lc
la sa lvezza so lo attra\1 erso ttna
rigo rosa vita asce ti c a tesa a l la
separazione dcl co r1)0 (la 'gra11dc ca la mit ') d a ll o s pirito : g li
eletti n1ani cl1ei professava no il
voto di cas tit , praticavano una
dieta vegetariana , clic cotllJ)Ortava tra L'altro la rinuncia alle
bevande alcoliche e il digiuno.
k

173

FILO OFl.A.

MEDIOEVO

Tempo ciclico/rettilineo

CRISTIANESIMO,
EBRAISMO

Vedi anche Eterno ritorno, Escatologia


elle culture arcaiche e nel mondo
greco era predominante una concezione ciclica del tempo. Fu probabiln1en te l'osservazione della regolarit
ten1porale nel moto degli astri e della
costa11za dci ritmi biologici a conferire,
per estensi one, un'analoga struttura ciclica al te1npo nel suo co1nplesso. Come
le stagioni si 1iprese11tano sempre uguali , 11ulla accade che non sia gi accaduto altre vt)lte; il futuro perpetua il passato e non vi evento cl1e non debba ritornare: tutto si riproduce i11 modo
uniforme e periodico, secondo l'antica
n1 assi1na 'Nulla di nuovo sotto il Sole'.
Vi sono due i1n1nediate conseguenze
di questa co11cezione:
la sto1ia co1ne l'inte11diamo noi moderni, ossia il succedersi unico e irreversibile di fatti irripetibili, non esiste;
la periodica ciclicit implica la fondamentale razionalit degli eventi.
Come vi una ragione per cui all'estate succede l'autunno, cos un'intrir1seca necessit determi11a ogni aspetto di
ci che accade. un'idea cl1e aiuta a vivere , perch se per ogni individuo la
morte dolorosa, vi almeno il conforto della sua utilit: infatti solo la fine di
ogni organismo permette il ricambio
generazionale e il perpetuarsi del ciclo
biologico. Non solo: come la vegetazione rinasce ogni primavera, cos possibile che anche nell'uomo esista qualcosa destinato a rivivere. La credenza ampiamente diffusa nelle religioni fondate
sui Misteri (-+) nella metempsicosi,
vale a dire la reincarnazione ciclica dell'anima, deriva con tutta probabilit da

FILOSOFIA

antichissimi culti della primavera, in


cui si celebrava il cilico ridestarsi della natura.
La concezione rettilinea del tempo,
prodotto della cultura ebraica e da questa passata al Cristianesimo, si basa invece sulla persuasione che vi sia un senso unico del tempo, un suo significato
gi scritto con la nascita del mondo e da
realizzarsi nella storia . Il suo pi pregnante simbolo la croce, la cui accentuata direzionalit verso l'alto esprime
l'idea del cammino dell'umanit verso la
salvezza.
Secondo sant'Agostino, il teorico di
questa nuova concezione, il tempo possiede una struttura lineare e progressiva,
ha avuto un inizio, perch stato creato
assieme al mondo, e terminer con questo nel giorno del Giudizio Universale.
Dio ne al di fuori; l'eternit che gli
propria sta nell'esistere prima e dopo il
tempo, oltre che durante il suo corso.
La nozione cristiana di tempo implica
cos quella di storia, una sequenza di
eventi decisivi e irripetibili, tappe che
scandiscono irreversibil1nente il procedere delle epoche, e suggerisce quella di
progresso e~), un'idea fondamentale
dell'intera civilt occide11tale, non solo
in ambito religioso. Il termine 'progresso' infatti pu essere riempito di contenuti diversi: per i medievali era la salvezza spirituale dell'umanit da attuarsi
attraverso un ritorno a Dio; per l'uomo
conte1nporaneo pu anche significare la
realizzazione di un ideale laico (progresso scientifico, sociale).

174

'

''

MEDIOEVO

-~I

~-:"\

'

. .e-,

,.

(I)

...
g

...o

. a~

Al.

1"' 4

<li

:,
>....!.
<r
l

-e'

~e ~

..... ~.
I

~l
I...

~J

,.

L.J

\,

"\

1-31 =-'-! ~ ~
~ ..o.
iJ':,. ae !tr II -:.
~
I

":""

/,f'.

~ ~Il

.. ~I

:!!!:

i;

~
~
~

l i ~,.

.... .

"-;'

...

~~

:,g1

;.. T, I
i l

'-

I"\

~~

a.
~

~ ~ tp:H ~ ' .$/.,


.

1Jl

~3

~
'
~
..

,j

'JI::

~
I

r..

1.

1A

:St

.
~

--

? ~
j

'I

..

- 1

~a
~ 't

San L'Agostin o fu il pri1no a parago nare il tempo a t1na frec-

cia. Nc ll'illu traz ione riprodotta dal Liberfigitrarum di Gioachino da Fiore (Xlll secolo) a ogni rettangolo corrispo n<le
Lln'cpoca ciella SL<)ria e le clue ~)t;\rti sulla freccia del ten1po indi ca110 l'attLlalit, il pLtnto raggiLtnto dal tem110
nel suo i11csorab il c e irripctilJil c a\ranzarc.

...

I! ...

-- .

1!.. ...

- -- - m

Le immagini dc l tr 111 po che ritor11a 11 on l1anno sempre f()rma circo lare; e c11 zialc olo la regolarit ritmica . L'illLtstraz i(> nc, di origine orientale , Lttilizza la sinuo ita dcl sc rpence pe r clcno tare
la rit111icit dc l te111po .

".

"

..

..

..

..

Il " 1\
'

.. ~

,. 1(1

175

,
.'
.. ....~
l~

l.

' 'h fi

'!3

Ftll) 1Fl..l.

MEDIOEVO

Escatologia

TEOLOGIA CRISTIANA

Vedi aJtc11e Tempo ciclico/rettilineo,


Creazione, Fondamentalismo

T 'escatologia propriamente la scienL za delle cose ultime, ossia la previ-

dal 1nare, e cos via). La profezia continua descrivendo i sette angeli che riverseranno sette flagelli sulla Terra, alla fine dei quali apparir il Verbo di Dio e
inizier il millennio escatologico, un'era di assoluta pace e giustizia garantita
dal ritorno di Cristo sulla Terra. Solo alla fine di questi mille anni avr luogo il
Giudizio universale, con la discesa dal
cielo della Gerusale1nme Celeste.

sione del destino finale dell'uomo e del


mondo.
Il primo pensiero escatologico nacque
in ainbit() ebraico nelleA11ocalissi (letteraln1ente, dal greco, 'rivelazio11i'), ter111ine t1tili.zzato con.1e titolo per numerose opere redatte in ambiente giudaico
dal II secolo a.C. al 11 d.C., alcune delle
qual i sono recepite ne I Vecc11io Testa111 e11lo (Li.lJ1cJ di E11och) . Tutte assierne
for111ano u11 tipico genere letterario caratterizzato da una grande quantit di
si111boli 111isteril1si e im1nagini decisa1ne11te i1npressionanti, u110 stile letterario difficiln1ente districabile e reso ancora pi ostico da speculazioni nun1ericl1e. li conte11uto dato da rivelazioni
sulla fine ulti1na dei te1npi, notizie che i
profeti avrebbero a suo tempo divulgato
so]o all'interno di una cerchia ristretta
di iniziati.

LApocalisse di Giovanni l'esempio pi


alto di u11a concezione escatologica del
ten1po, ossia centrata sull'attesa di un
ca1nbiamento pi che radicale, se non
addirittura di un'imminente fine della
storia. Lidea che la definitiva instaurazione del Regno di Dio fosse prossi1na
era notevol1nente diffusa nelle comunit
della Chiesa primitiva (- )~ Basandosi
su nu1nerosi passi clella predicazione di
Ges si riteneva ormai vicina la parusia,
la seconda ven.uta del Cristo sulla Terra,
il suo definitivo ritorno pe:r unirsi ai fedeli nel Giudizio universale. La credenza, che era poi an che una speranza, di
una prossi111a fine dei tempi inizi a declinare con il IV secolo, in connessione
con i grandi ca1nbiamenti in.d otti dalla
legalizzazione della Chiesa cristiana.
Ci comunqtte non 11a determinato la
scomparsa dello spirito apocalittico, che
ripresentato altre volte nella storia, per
esempio nel Millenarismo del Xlii secolo, la cui pi importante figura il
monaco cistercense G. da Fiore, nato in
Calabria nel 1130 e morto nel 1202,
non in tempo quindi per assistere alla fine del inondo che egli profetizzava per
l'anno 1260.

L..Apocl1lisse canonica e neotestamentaria scritta da Giovanni, l apostolo autore del qua1' to Vangelo, non si discosta
molto da questa tradizione. Infatti questo breve e strano libro costruito sulla
ripetizione ossessiva del numero sette,
tanto che persino la stesura si presenta
nella forma di sette lettere inviate alle
prime comunit cristiane. La prima visione di Giovanni riguarda un libro con
sette sigilli che solo l'Agnello di Dio (Cristo) potr aprire, determinando cosi
una serie di eventi eccezionali. Seguc)n.o
poi sette squilli di tromba, a cui corrispondono sette allucinazioni estatiche
di Giovanni (il drago, la Bestia che sale
1

FILOSOFJA

176

f _J

MEDIOEVO
L'ange lo <lei Giudi zio
n ella ve rs ione m u uln1ana: le crede nze esca Lo Iog i c h c cl c ll ' ls lam so r1 0 molto simili a llL1c ll e bibl icl1e.

'-;. r-':'4:

U 11 o de i ln o t r i d e scrilti eia Gio\anni in


L111a delle ir1nLt111crc o11 e cl iz it) n i n1 e cl i e\' a Ii
dell 'Ar1(>Cc1li se. Le \'isit1 11i di Giova11ni, da l
ca rattere fortc rn cn te

IJ~j;..;..

U.~_,.

Jl...

:..: ~

...,
-

--

t:Jt

,...

<t 11 Lt ei r1 a t o ,

11an n l> i 11-

fl Ltc nza to I' i1n 111 aginari o 111 ed i e \'a Ie e o m e


11c Ltn (l itro te tt>.

L'Ap<Jcali sse cli Giova nni , Ltn te to cli letteratura vis ionaria , ha

innL1e11za to profondarnentc l'arte 111ed ieva lc. Nc ll'origi11alc olLtzione ico11ografi ca ri prlJclotta, la fin e del niondo (a 11nu11ciata da i
sette sc1L1illi cli tror11l')a e apprt1\1ata d ..1lla rnano di Dit)) rappresentata dallo s pazio \ uoto.
1

Scl1e111a della predizione a1)oca litti ca cli G. da fiore. I tre ce rchi


rapprc er1tl no le tre et dcl rnondc), elci Padre , clel Figli<) e dello
Spirito Sa nto (ira.mi allttclonc> alle llt1e diverse e contrappos te tracli zio11i clell'L1manil, qLtclla dci cristi ani e que lla clcgli infedeli ).
Secondo il monaco calabre e il 1non1cnLo attLtale del inondo i coll<)ca nell'i1nmir1cnza elci seC()ndo nodo, cl1c segna l'avvento dello
Spirito Santo 11cl mo11clo (il primo rapprescnt'l la vcnt1ta d i Cris to
sulla Terra). So mmando l'et dei profeti egli s tabili che la prima
et elci monclo Cc1L1clla biblica, co nclu asi con CrisLo) era clurata
1260 anni e st1gge r1 quindi clic ancl1c la scconcla fase clcll'un1anit
<love e durare altrettanto.

177

.....

'.:}

MEDIOEVO

Chiesa primitiva

RELIGIOSIT CRISTIANA
I

Vedi anc11e Sacerdozio universale, Grazia


i dice 'primitiva' la chiesa cristiana
_ dci prirni tre secoli, si110 all'editto di
Costantino (313 d.C.), che stabil la fine <lclle persecuzioni contro i Cristiani
cc)ncedendc) loro la stessa libert di culto godt1ta dalle nu111erose religioni difft1sc 11cll'lmpero. Di l a poco il rapporto fra crede11ti cristiani e pagani si sarebbe addirittura ribaltato: pri111a l'editto di Tessalonica (380) dichiar il Cristia11esi1110 religione di Stato, viet i culti paga11i e inizi la persecuzio11e delle
eresie~ poi sant'Ambrogio (339-397),
vescovo di Milano e Padre della Chiesa,
ri\re11clic alla Cl1iesa cristia11a un ruolo
di guida dell'i11tera societ. Nel giro di
dt1e generazioni una setta perseguitata
si era trasfor111ata nella struttura fonda111e11tale dello Stato. Il passaggio dall'etnarginazione al potere provoc grandi
111uta111enti e quanto profondi essi siano
stati ancora oggi argomento controverso. Infatti Martin Lutero, Calvino e
i protagonisti della Riforma protestante nel XVI secolo videro una sostanziale frattura fra la Chiesa primitiva (cui
secondo loro bisogna ritornare) e la tradizione seguente.

serrato con l'eredit pagana. Anche l'esplodere delle eresie cristologiche ( ~)


a partire dal V secolo si spiega con l'adesione in massa del ceto aristocratico,
incline a interpretare la nuova confessione usando gli strumenti del razionalismo filosofico classico.
Mut anche la liturgia, perch i primi
Cristiani ammettevano solo tre sacramenti, gli unici con una solida base nello scritto evangelico: il battesimo, l'eucaristia e la confessione (i11 certi casi
svolta in forma pubblica, una pratica capace di suscitare un clima di grande partecipazione comunitaria).
Nonostante Tertulliano, uno dei Padri
della Chiesa, affermasse che <<i Cristiani
devono mettere tutto in comune tranne
le mogli>>, molto dubbia l'esistenza di
un vero comunismo dei beni nella
Chiesa pri1nitiva. sicuramente vero
invece, nonostante le condizioni di
clandestinit, l'impegno verso gli indigenti, con la creazione delle prime forme di assistenza ai poveri, sconosciute
al mondo pagano. Esisteva un clero, ma
i suoi compiti, a parte la figura centrale
del vescovo, capo della Chiesa locale,
non erano ben definiti.

Ca1nbi in primo luogo la composizione sociale, perch la Chiesa, fino a quel


momento un'associazione segreta di
eroi votati al martirio, divenne un'organizzazione di massa e le conseguenze furono di enorme portata: ci furono uno scadimento della tensione
morale, l'insorgere di dispute dottrinarie, la nascita di for1ne diverse di religiosit (monachesimo, ascetismo, devozione popolare), la formalizzazione
definitiva dei riti e un confronto pi

FILOSOFIA

Il mutamento pi importante, all'origine del drastico giudizio di Lutero, avvenne per nella spiritualit profonda:
i primi cristiani erano convinti che il
messaggio di salvezza annunciato da
Cristo avesse tempi strettissimi e, credendo imminente il giorno del Giudizio
universale, vivevano in una di1nensione

.I

escatologica (~ Escatologia).

178

I
I

MEDIOEVO

Nei pri111i seco li s i 11rcgava co 11 le


inani (lpcrte: iI 111 od o attuale ( in gir1occhio e C(1 n le n1c1ni giu nt e), r11c.1 lto pit1 i11ti1110 e 11crsc.1 nale. si itnpo e
clo po i I M i 11 e .

Dopo l'edi tto di Tcs ~1l c.) O C(.l s i S\1ilu1)f)O l'i111n1aginc ciel Pantocrator , il Cri l <> o ra 11t1 , Pt1dro .11 c e -ignorc dcl r110 11do .
csprcs_ionc in1 l1t)li ca Lici la C l1i c~:.1 p<Jl iLi ca1ncn te c.i otn i nttn Le.
Acct1rata1nc11tc i11 c prcs i\ro nel vo lt() , in1n1 obil c e p1 ctri fi cnto ir1 ur1 gc -to ri tt1alc d 1 be 11 cdizionc <) don11n1 0, nell e rn o l tc
\tarianti dcl tctnJ il Di o del Tri t)nfo ic(le ul co ni o, circc_) r1 d<1to d,1i ~ in1ho li dcl potere: I'al)i to farzoso , il trono, lo cettro, la CC) f t) tl a, l'a urco l ~1 . una co rte di a11gc li e cli 1\ p Sl(>li .
Prima di fi~ arsi 11cll'ico nogr<1fia <.)ggi al1it t1ale il ''oltl) c11 Cristo sub"! variaz io 11i no tcvc.) li. Nei pri111i -eco li ft1 s11c _o ri tratto co me un adole cente (a s ini tra): so lo in segu it<.1 1 fini
co n 11 trO\'a re u 11' i1n 111 agin c
co11\'C11zio na le. rapprc c nta nu o un uo m o d e ll 'ap pa rente eta di tr ent'a n11i . L 'im r11agi11 c di Dio Padre ( ()Lto) ,
1
ancora pitl ta rdl , f LI Ol ten Ur, .-t a se m p li e e me n te i n ve e chiane.lo i tratti d i Cri to.

179

F I L ) ' O FIA

MEDIOEVO

Fondamentalismo

RIVEIAZIONE/PAGANESIMO

Vedi ancl1e Escatologia


luzionismo ( ~) darwiniano. Giudicando questa teoria incompatibile con
il racconto del Ge11esi e ponendosi in
modo ostile verso tutte le manifestazioni della modernit (laicismo, liberalis1no, modernismo), una parte minoritaria ma fortemente attivista del mondo
protestante americano (le Chiese evangeliche in particolare) ha voluto riafferinare la verit letterale della Rivelazione: persino il racconto del Genesi, in cui
Dio d vita al creato in sei giorni per riposarsi il settimo, deve essere accettato
alla lettera, anche come verit scientifica. Celebre rimasto il processo intentato all'inizio degli anni Venti contro un
professore liceale di biologia, colpevole
di insegnare l'Evoluzionismo contro le
leggi del Tennessee, uno Stato in cui i
fonda1nentalisti erano riusciti far vietare per legge ogni dottrina scienti fica
'anticristiana'.

l fondamentalismo quell'atteggia1nento religioso che enfatizza un riton10 alla pu1ezza originaria, al lfonda111en to' della fede, da attuarsi attra\1erso la lettura diretta del testo della Rivelazione : la Bi/JlJia per l'Ebraisrno, il
\ 1rc c11io e il Nitovo Tcsta111cnto per il Cris ti a 11esimo, il Co1a11c> per l'lslam. Per
s tia natura il fondamentalismo possil1ile sol() all 'interno di queste tre religioni rivelate, fondate su un libro sacro
i11 cui la divinit si manifesta diretta1ne11te agli U<)Inini . ln base al principio
JJer cui la parola di Dio 11on pu essere
relativa a u11 pcri()do storico e deve essere vera (perfetta) d<1 ogni pttnlo di vista, il f011dan1cntalis1no nega la possibi1i t di un 'interpretazione allegorica o
sin1bc.)lica dcl testo sacro, affer1nando la
necessit della sua assunzione nel senso letterale.

[csit() di ogni fonda1nentalismo un atteggiamento di rigore, di cliiusura nei


confronti di ogni tradizione interpretativa, che inevitabil111ente finisce con il
fare prevalere le ragioni del inondo indelJolendo la radicalit rivoluzionaria
del 1ncssaggio originario. Il fonda1nentalismo si accompagna spesso al millenarismo (la credenza in una prossima
fine del mondo) e all'integralismo, la
concezione secondo cui tutti gli aspetti
della vita debbono essere regolati da
norme religiose, con la conseguente
abolizione dell'idea di una sfera laica
dell'esistenza.

Anche se non classificate con questo


termine, forme di fondamentalismo
emersero anche nei primi secoli dell'era
cristiana, quando si tratt di regolare i
rapporti fra il Cristianesimo e la scienza
del mondo pagano. La posizione di
sant'Agostino, tesa a un recupero del
sapere antico da innestare per quanto
possibile nel quadro della nuova fede,
divenne alla lunga vincente, ma non fu
senza contrasti. Anche allora al centro
della polemica venne a trovarsi il significato da attribuire al racconto del Genesi e anche allora non manc chi sostenne la validit di un'adesione letterale al
testo. Indicativa la strana figura di Cosma Indicopleuste, sostenitore nel VI
secolo, per motivi prettamente teologici, della forma piatta della Terra.

11 fondamentalismo un fenomeno
esploso co.n grande violenza nell'epoca
moderna, in particolare alla fine del secolo scorso dopo la diffusione dell'Evo-

FtL()~OFlA

180

MEDIOEVO
Nella Topografia cristiana Cosma lndicopleuste sos tenne che
la forma della cos mo
quella di un tabernacolo (come si desume
d a m o lti pa ss i d e ll a
2
JoL
. L~
Bibbia ), una spec ie di
oca.d.e.ns r1
sca tola in cui il coper~ fol Ottvis
chio forma il cielo e la
base la Terra. La co a
notevole che l'autore
di queste affcrmazioni
ft1 uno <lei pi gra11 d i
viaggia to ri d e l Medioevo, giunto per nave sino alle co te clcl1' 1nd ia e per qttcs to
so prann o n1in a to ' ln di co pl ett~ te'. Come })C nsava no i pri1ni co 111 t) ll)gi pre 0Cr1 ti ci, ancl1c seco nd o Co 111 a il ole di nt1 tte non passa so tto la Terra, n1a gira di etro le tlll)ntagne ettcntrionali . Le righe nere,,, 1b1 li nell'1l lustrazione sono i grancli fiumi ciel niondo.

,.,,.
dou
del6
T

,r
'
d

Atgiona
occtdental11

Rtglon1

notdlqu11 ...

r
o
I

..
:E

"'

u
d

111

FE

...' '

u ""

Gotte

ro r11oiqu1

1
o
n

' u

p
d

..

'

FT

.,
f I

Il ,

..

BnWI'
r19ton1 "--"'
ori lftloleI

E
d

d au
dtl6

801111 rf9ion1 mttldlonal

d ..

con

Terre dou def6 de r octon

La ma1J11a della Terra come appare nella Topogr<1fic1crislic111a. Pur scrivendo nel VI secolo d.C., Co-

sn1a co nfut la teo ria scientifico-1)agana della sfericit della Terra. Dalla lettura della Bil1bia cled u se che la Terra piatta (retta11go l. arc) e circonclata da ogni parte dall'ocea no . Come si vede nell.illttsLrazi one, al suo fi anco, sulla destra (\ alc a dire a est, do,,e nasce il Sole), \'i so no il Paradiso terrestre e le 1nitiche 'terre al di l dell'oceano', in cui sarebbero vissuti i primi t1omini fino al dilU\' O.
1

181

M.EDIOEVO

Eresie cristologiche

TEOLOGIA CRISTIANA

Vedi anche Chiesa primitiva


e eresie che si svilupparono nel IVV secolo, alla fi11e della clandestinit
cui era stata soggetta la Chiesa primitiva, furono dette cristologiche perch riguardavano essenzialmente la figura di
Cristo, 11ell'obiettivo di coglierne il nesso con Dio da una parte e con l'umanit
dall'altra. Si accenna qui di seguito alle
pi diffllS C.

Maria fosse la madre di Dio e bollava come favola pagana l'idea che vi fosse stato un Dio avvolto in fasce e crocifisso.

radozionismo considerava Ges figlio non generato', ma adottato, da Dio


Padre.

t:arianesimo affermava che Cristo,


pur essc11do una creatura d 'ordine superiore , 11011 della stessa natura del Padre. Il prete di Alessandria d'Egitto Ario
(256-336) sostenne l'inferiorit del Figlio rispetto al Padre, nell'assunto che
ci che generato non pu essere di pari p otenza dcl suo creatore. L:arianesimo, un Cristianes i1110 semplificato dal
rifiuto d ella divinit di Cristo e quindi
d ella Trinit, divenne la religione delle
popolazioni barbare, troppo arretrate
culturalmente per accettare la sottile
dottrina tri11itaria fissata dal Concilio di
Nicea n el Credo (325 d .C.).
li monofisismo, sostenuto nel V se-.
colo da Eutichio, sosteneva l'ipotesi
contraria all'arianesi1no: la natura esclusivamente divina del Cristo.
li modalismo riteneva le persone della Trinit come tre modi, tre funzioni o
aspetti di un unico essere.
Il nestorianesimo affermava l'esistenza di due nature e due persone in
Cristo, ma distinte e connesse fra loro
' .
.
.
attraverso un unione puramente sp1r1tuale (una labitante' nell'altra, come in
un tempio). Di conseguenza Nestorio,
patriarca di Costantinopoli, negava che
fJLOSl) flA

182

Comune a tutte queste eresie era la difficolt di conciliare la potenza divina


con la sofferenza di Cristo e l'infamia
della crocifissione. La mentalit del
tempo non riusciva ad accettare che la
persona morta sulla croce (un supplizio
degradante) fosse veran1en.te Dio. Lit1sostet1ibilit del pensiero della sofferenza di Cristo dimostrata dalla vicenda iconografica: nel primo millennio
Cristo non fu mai rappresentato morente sulla croce.
Per porre fine alle eresie il concilio di
Calcedonia (451) fiss la dottrina ortodossa della consustanzialit: Cristo
<<Dio vero da Dio vero>>, consustanziale
al Padre, ossia della sua stessa essenza;
ci sono in Cristo due nature, fuse nella
stessa sostanza e legate da una unione
ipostatica, cio indissolubile, simile a
quella che fonde anima e corpo in un essere umano.
Le controversie cristologiche ebbero
un forte impatto sulla storia dell,arte.
Contro il nestorianesimo si diffuse la
rappresentazione della Madonna con il
bambino Ges sulle ginocchia (rappresentare l'infanzia di Cristo richiama evidentemente la sua vicenda storica). Per
sottolineare, contro il monofisismo, la
doppia natura del Cristo, umana e divina, si incominci a porre accanto all'aureola le lettere alfa e omega, la prima e
l'ultima lettera dell'alfabeto greco.

MEDIOEVO
-

..

La soluzio11c cl1e riu11isce tre volti i11 un solo essere ru (011da nnala dall 'autorit ecc lesiastica pc r-

cl1 sospetta di modalismo, o sia di suggerire una ralsa i<lea della Tri11ita, CtLtasi cl1 e le tre Pe r o11c rosscro i volti di Lt11a S<)la entit.

. 't '-....___.

La rapprese ntazione della Trinit con1e l'unione di tre rigLt-

La doppia 11att1ra di Cris to in una


eloq11ente i1n111agi11c simlJo li ca.

re del CULLO identiche porta a ur1a co nrt1sio11e Sttl fll Olo dc l


Paclre e del Figlio. I rnodalisti , che co nsidera\ano irrilcvar1te e transito ri a la distinzione trinitaria. erano accu ~1t i di
porre sulla croce 11on il Figlio, ma lo tes o Padre.

183

F1L<.)...,l1 rt. \

MEDIOEVO

Creazione

TEOLOGIA CRISTIANA

Vedi a11che Manicheismo, Pessimismo antropologico

e~ ling~aggio de~la

teologia la cre~
zi.one e l'atto libero e volontario
(non necessario) con una divinit trascendente (-+ Trascei1dei1za) che fa esistere l'ttnivcrso dal nulla (non trasforn1ando una rnateria precedente). La nozil1nc, ce11trale nella speculazione cristia11a Sll Dit1, di origi11e biblica (il racconto del Gc11csi in cui Dio produce l'esistc11za delle cose nominandole) e ri1nase sconosciuta al mondo greco che affront il problema dell'origine del mondo attra\7erso due soluzioni principali.

non implica un atto volontario e responsabile di Dio. I vari gradi dell'essere (- >- Ipostasi) 'procedono' da Dio automaticamente, come conseguenza inevitabile del suo essere. (La materia, secondo Plotino, non fa affatto parte di
questo processo; al contrario, ci che
vi si oppone e nulla ha a che vedere con
la divinit.)
Ci che contrassegna la soluzione ebraico-cristiana (ed era sconosciuto ai Greci) l'idea di Dio come persona, ossia
di un ente, un essere individuale dotato
di u11a propria autonorna volont, distinto e separato dal mondo, preesistente al tempo e alla materia (anch'essa
frutto della sua opera di creazione, totalmente ex nihilo e senza intermediari
demiurgici).
Concepita come un atto di pura volont divina, la nozione di creazione pose al Cristianesimo il drammatico problema della responsabilit di Dio rispetto al prodotto della sua opera, il
mondo, in cui esistono evide11ti imperfezioni (il dolore, le i11giustizie, le catastrofi). un problema che il mondo greco non conosceva, perch tutte le soluzioni elaborate dagli antichi filosofi tendevano a separare il pi possibile la divinit dalla realt del mondo, potendo
cos 'scusare' in vario modo i suoi difetti (possibili errori del Demiurgo, resistenza della materia). Al contrario il
concetto cristiano di creazione dal nulla, legando strettamente Dio alla sua
opera, poneva in termini drammatici il
problema dell'esistenza del male nel
mondo: se Dio l'onnipotente creatore
del mondo, perch non ha creato un
mondo perfetto?

li Demiurgo . Platone pensava che


l'universo non fosse stato creato, ma letteral111ente cos l 11~ito da un dio artefice, il
De111iurgo , una divinit di rango inferiore che aveva plasmato Ia in ate ria
(preesistente allo stato caotico) prendendo come modello le idee (-> Idea
JJllll(>11ica) . Non si tratta quindi di un atto propriamente creativo, ma tecnicoartigianalc: il Demiurgo non inventa gli
esseri ma li copia, pi o i11eno perfettan1en te, dai proto ti pi ideali (eterni, non
creati). Inoltre la sua azione limitata.
dalla resistenza della materia, che secondo Platone non stata creata ed esiste da se111pre. I.:idea di una creazione ex
nil1ilo, ossia che qualcosa possa nascere
dal nulla (anche per volere divino), rimase sempre inaccettabile per i Greci.
Persino Aristotele, che pensava a Dio
come al Motore Im1nobile da cui deriva
il movimento dell'universo, considerava
la materia eterna quanto Dio stesso.
L:emanazione ( _..). Plotino elabor il
concetto di emanazione secondo il quale il mondo procede da Dio attraverso
un processo oggettivo e necessario, che
Fl lt)SOFIA

184

MEDIOEVO
la sac ra s illaba AUM . Le religioni o ri enta li . ln du1 mo ,
Buddhismo e j ai nismo, h<1nno c;pinlo la credenza dell'ori gine sonora (musica le) e.l ei mondo fi110 all e e trcmc conseguenze, elalJo rando una co111 plessa teo logia del la siIla ba
originaria, AUM , da lla qL1alc, attraverso un proce so di niaterializzazionc progressiva, ono nati gli dci, la terra e LLllti gli es eri che la popolano.

ScqLtcnza della creaz ione bib li ca r1cl


Gc11es i. L'A 11ticcJ Tc sta1 11 c11tlJ 11tJn elabor UJ1l tC()ria della creaz io11c di vina <lei mondo, tna la presc11tll con1e
il racco11Lo di dati di fatto i11 cui Dio
mette in atto processi creati vi di varia 11aLLtra, u a11do sia la parola (Dio
cli s e: S ia fa tt a la lu ce. E la luce
fu ), sia il pr1eu1t1a ( offia11do la viLa
nell e nari ci di A<la1110: >) sia plasmando la materia (A tla 1110 costruito cor1 il fa11go).

li no tn c di Di(> Ul-LVH, jCl)\'~l ), da c11i scc.011do la Ca bala ( >) el:>raca "~1re l1bc ca turito il pr<.)CC o d i crea::i<.)ne.
La cos111ogonia cl)raico-cri_tia11a pone all'origine del co 1no
ttn s uono (A ll 'inizio ftt la Parola dice la Bib/Jia). I tcrn1i ni Parola, Verbo, Lc,gc>s, intes i in enst) s tretto. ono () lo
parzial1nent e aderenti a ll'c.) riginari o !:>t n !>O ebraico , O \I C i
inclica qualcosa cl1 e C\tide11tcrnc11te precede qual ia i par<.)la deterrninata e og11i co ncetlt>fondato sulla logica. Q ue ta
crcdc11za , clic il mondo ia nalll cla ttna onorit originaria,
era niolto difftt a 11clle c. ivilL arca icl1c: gli Egizi pcn a.\ ano
a t111a 'risa ta cos n1i ca' , altri a una 's illalJa ri suon.antc. un
'grido di Dio' ( > lvf1a.sic,c1 delle sfere ).
1

185

F t L<.) 'il I I.\

MEDIOEVO

Trascendenza

TEOLOGIA

Vedi anche Mito, Teologia negativa


n teologia si dice trascendente un essere collocato al di fuori del mondo e
di ogni cosa, al di l dei limiti della conoscenza umana, oltre la finitezza e l'esperic11za dell'uomo. Per contrapposizione si dice immanente ogni realt che
11on st1pera i lin1iti del soggetto umano
ccl quindi spiegabile sulla base dell'esperi e nza terrena. I due termini sono
generalmente usati per differenziare due
di\ crse concezioni del divino. Immanenti sono tutte le for1ne di panteismo e
a11i111ismo che considerano gli di una
con1ponente della realt naturale, come
la religione mitologica greca. Al contrario la nozione di trascendenza fu al centro della speculazione cristiana su Dio.
Con alcune significative varianti da
prendere in considerazione.

La Scolastica non spinse mai l'idea


della trascende11za divina sino a farne
u11 fattore di separazione irrimediabile
fra uo1no e Dio. Nella teologia razionale Dio, per quanto sede di ogni perfezione, ri 111ane un ente analizzabile
dal l'i11te Iletto.
La teologia negativa, al contrario, sostenne l'incommensurabilit fra l'uomo e la divinit. Per la sua assoluta diversit Dio non pu essere definito in alcun modo: nello stesso te1npo luce e
buio, quiete e movimento; Dio un paradosso che non pu essere pensato da
una mente umana.
La nozione di trascendenza non fu comunque un'invenzione cristiana, perch
gi la tarda antichit pagana era giunta
ad affer1nare una visione trascendente

FILOSOFIA

del divino. Nel II secolo d.C. Plotino,


rivedendo in senso mistico la tradizione
platonica ed elaborando il concetto di
en1a11azjone ( ->), aveva posto l'Uno-Bene in una posizione di lontananza incommensurabile con la natura e l'uomo.
D'altra parte anche all'interno del pensiero cristiano, in una zona ai limiti fra
l'ortodossia e l'eresia, si sono sviluppate
teorie im1na11entistiche. Tali sono le filosofie panteistiche di Giordano Bruno
(XVI secolo) e di Spinoza (XVII secolo), accomunate dal rifiuto di una concezione di Dio come un ente esterno al
mondo e da esso distinguibile.
Il diverso modo di intendere la trascendenza divina ha influito in forma decisiva sulle varie tradizioni artistiche. Il decorati vismo e il gusto per l'astrazione
geo1nctrica (l'arabesco), tipici dell'arte
ebraica e poi islamica (assieme alla scarsa frequenza della figura umana), dipendono proprio dal rifiuto di rappresentare visivamente Dio (possono essere usati simboli astratti).
Nel Cristianesimo, invece, l'incarnazione di Cristo ha complicato la questione, che fu dibattuta in particolare
nel periodo della Patristica. Da una
parte gli iconoduli (letteralmente 'schiavi dell 'immagine') sostennero la liceit
della rappresentazione del sacro e la
sua utilit soprattutto in un'epoca di
generale analfabetismo come il Medioevo. Dall'altra gli iconoclasti ('distruttori di immagini') sostennero l'impossibilit di conciliare la trascendenza
di Dio con una sua rappresentazione fisica sul modello umano, in termini di

antropomorfisnio (__.,).

186

MEDIOEVO

.,.,.

. -

L'Islam proilJisce qLtalsivoglia


rapprcser1tazione de lla divinita.
Persino il profcla Maometto e
sempre disegnato senza vo lto,
no no La nte e. i ta Ltn 'abbo n dante docu1nentazio nc torica
relativa alla sua figu ra.

.i:

...

.
Ri co!> t r uzio 11 e deI l'a rea ae ra
cbrai cLl. I cl Lt c chcru ht n i o n<'
rapprc cntati in adorazione d i
un<) spazio vuoto, un ico in1bolo p t) ibile, nell' Ehrni 1no,
per sig11ificare ),1 divinit a.

Nell'a rte delle c'1taco m be ) dt1ra r1t e il


periodo della Chiesa primitiva ( >), la
soluzione dcl problen1a ('Onico fu trova ta
nel simbolismo: l<.1 divinit era rap1Jrcscr1tata indirettamente attrave rso diagran1mi o
immagini significa nti , 1na non a ntropomorfe. La vigna .tlludc a uno dci
passi pii.1 noti ciel Vat1gclo ( lo sono la
vigna dai CLli rami ... ) ; l'ncora Lln
simbolo della salvezza a tLttt'oggi in
uso ; i pesci deri va no cla un anagramn1a clic sfrutta per ottenere la
parola 'Cristo' le lettere
di quel la che in greco
significa 'pesce'.

L'i1nmagine pi sig11ificativa della fase sin1bolica dell'iconografia


cristiana l'etirnasior1 (preparctziot1 e), il trono regale su cui Dio
sieder nel Giudizio Ltniversale. In es plicito rLferin1ento alla soluzione LlSa ta dagli Ebrei per l'arca dell alleanz.a, sulla. seclia si acCLtmulano i segni della presenza di Cristo, ma essa rimane significa tivamente vL1ota.

187

F II

t)

t1 r l,\

a-=--=--=~==~M=E=D=IO=E=V=O===-=-=-=====--=======---=======-=-~

Teologia delle icone

TRASCENDENZA
E RAPPRESENTAZIONE DI DIO

Vedi a.ncl1e Angelologia, Chiesa primitiva


clasta, durata pi di un secolo e conclusasi nell'anno 84 2 e.on la vittoria della
tendenza liberale.
A essere influenzate da queste diatribe furono soprattutto l'arte bizantina e
russo-ortodossa. Anche dopo la vittoria
degli iconofili (favorevoli alle immagini) furono poste delle limitazioni alla
possibilit di rappresentare la divinit,
fino all 'laborazione di un'originale
teologia visiva delle icone, il cui principio basilare sta nel rifiuto delle soluzioni realistiche in nome di un accentuato simbolismo. rantinaturalismo
delle figure serve a sottolineare la di mensione spirituale degli eventi teologici: se il can one greco (- >Proporzione)
poneva la granclezza della testa pari a
otto volte la lunghezza del corpo, quella degli angeli nelle icone greche deve
essere pari a un quattordicesimo, con
uno scarto netto dalla realt naturale.
Un analogo rifiuto d ella realt visiva regola la descrizione dello spazio, da at

tuars1 tramite una prospettiva inversa


( __,. Prospettiva), ovvero con tra ria alla
visione oculare.
rarte sacra cristiano-ortodossa si
quindi sviluppata, a differenza di quella
europea, all'interno di rigide regole fissate dai teologi. La nozione di Trinit,
per esempio, pu essere espressa, in via
indiretta e simbolica, solo utilizzando il
passo biblico dei tre angeli messaggeri
che chiesero ospitalit ad Abramo sotto
la quercia di Mamre. Non solo: anche la
rappresentazione delle tre figure deve
essere composta secondo un criterio di
interna circolarit (si1nbolo della misteriosa riunificazione di tre entit in un'u:..
nica persona).

elle reli gi()ni, co1nc l'Ebraismo, il


Cris tianesimo e l'Islam, in cui la divinit caratterizzata in termini di trascendenza(- >), si pone la delicata questi<)ne d ella liceit di una rappresentazjo11e di Dio. La scelta liberale del Cattc)licesimo motivata da precise cause
teologi che, perch la stessa incarnazione di Cris to a rendere possibile la
sua rappresentazione attraverso un corp t1 u111ant1 .
No11 ftt t11ttavia una scelta senza contrasti. Per tutto il Medioevo, infatti, non
era certo scon1parso il p ericolo di una
ri11ascita della idolatria, il culto attribt1ito alle stattle e alle immagini in s,
no 11 ai ' 'alori simbt1lici cui le rappresentazioni fanno riferi1nento. Persino all'interno d el clero si registrarono casi in cui
la \1en erazione delle i1nmagini era spinta ben oltre l'(Jrtodossia: vi furono per
esempio 1)reti cl1e grattavano i colori
d elle icone per unirli al vino eucaristico
o genitori che sceglievano icone come
padrini d el figlio.
Contro questi eccessi si svilupp il
movimento iconoclasta, che sconvolse
l'I1npero bizantino tra l'Vlll e il IX secolo. Nel 730 l'imperatore Leone III ordi11 la distruzione di tutte le im1nagini
sacre, a cominciare dal crocefisso conservato nel palazzo imperiale (unica effigie ammessa rimase il simbolo grafico
della croce). 11 sinodo di Heria (754)
afferm che Cristo va incontrato esclusi vamente all'interno della coscienza e
scart anche la possibilit di una sua
rappresentazione simbolica e disincarnata, per il sospetto di un implicito mo ...
nofisismo (una delle eresie cristologiche: __,. ). Era l'inizio della guerra icono-

FIL()Sl)FIA

188

MEDIOEVO
La Tri11it, dipinta nel 1422 da Andrej
Rublev , pitto re , teo l.ogo e sa nto, dive ntata un cscrnpio n ormativo e vi11colante pe r la tradizio ne ortoclossa dell a
pittura di ico ne. L' iclea trinita ri a
espressa dai tre a11gcli e da lla circo larit
d e lla co1npos izion e: esis te u11 cercl1i o
icleale cl1e passa per le tes te degli ange li
e l1a il s uo centro nell'ostia sul tavolo. La
forte spiritualizzazio11c delle fi gttre deri\1a d a un ca nor1e pro porzio na le vo lutatnentc lo ntan o sia <lagli ese mpi classici sia da lla realt: la tes ta degli angcli
estrernarnen re piccola rispetto a1 corpo .

...

,...
'
.f.'

'f

, ...

--\'.

.\

't

1- -

l (L ..:":J

'

'i\.

.....

~l

l
J'

I'
J

1 "

"'\..

P'
~ ~- " .;. ;
, -- ,~";" : .. .. 1
I

. ...

I 11

I il!

"' ~

~ ~

1,~~~;.~
I

La teo logia d e ll 'ico na ha consa pevolmente


elaborato soluzioni forn1ali non n a tt1ra lis cl1e dcl corpo umat10: per esempio l'iscrizione della testa in ttn ce rchi o perfetto, C[ttalt1nque sia il taglio JJrospettico assttnto. Molte app arenti deformaz ioI1i' dell 'arte medievale d erivan o da <-1uesto principio.
1

189

F ILO )FLA.

MEDIOEVO

Pessimismo antropologico

AGOSTINO

Vedi anc11e Citt celeste, Predestinazione


Adamo ha peccato tutta l'umanit, sia
quella attuale sia quella futura (non per
caso il tema della colpa di Adamo ed
Eva ripreso con ossessiva frequenza
nell'arte medievale). Agostino enunci
la tesi, ripresa nel XVI secolo da M. Lutero, de11'att11alit del peccato originale, i cui effetti vanno considerati tuttora
operanti nell'umanit, nonostante la
st1ccessiva venuta di Cristo. Nell'individ.uo essi appaiono come un'intrinseca
tendenza alla degenerazione, tanto che
l'un1anit nel suo complesso deve essere considerata una rnassa damnationis
(lcumulo di dannazione').

a cl1iave di volta del sistema teologico di sant'Agostino risiede nella tesi de] pessimismo antropQlogico: il
tnale esiste solo nell'uomo, non nel
J11011do, e consiste esse11zialmente nella
Stl<l capacit di volere.
La ''<>ltlntas (volont) era una dimensio11c dell 'inclvidt10 .e stranea al razionalis1no dei rilosori greci, i quali risolvevano il problema morale all'interno di
q1lcllo cognitivo, considerando il male
co1ne ttn calcolo sbagliato, u11a distrazione dell 'i11telligenza. Che si possa conosce re ci cl1e bene e nello stesso
ten1po volere il male se111brava loro un
vero paradoss o. Co11 Agostino, invece,
si ebbe per la prima volta nella storia
d e l pe11sicro il rict1nosci111ento della
complessit psicologica dell'i11dividu<.1
un1an(>, capace di compiere azioni irrazit111ali e di desiderare, a volte, il proprio e )'altrui 1nale: il vizio, la perversio11e, l' infrazione delle norme, sono
col11e volontarie (peccato), non errori
della ragione.

Il peccato si presenta in prima istanza_


corne superbia, la volont cattiva di
equi pararsi a Dio che mosse Adamo e gli
angeli ribelli. Nella Citt di Dio Agostino defin la superbia usa11do la polarit
filosofica di esse,r e/non-essere: <<La causa della beatitudine degli angeli buoni
che essi aderirono a ci che veramente
, mentre la causa della miseria degli angeli cattivi che essi si sono allontanati
dall'essere e si son o rivolti a se stessi che
non sono l'essere. Il loro vizio fu dunque quello della superbia>>.
Essenziale nella dottrina di Agostino
l'idea che il peccato originale segni indelebil1nente la natura dell'uomo: con
FILOSOFIA

Agostino precis questa dottrina in


con trasto con l'eresia pelagiana. Il
monaco Pelagio interpretava il Cristianesimo alla luce di una mentalit razionalistica e giuridica tipica d ei ceti
aristocratici solo di recente convertiti:
riteneva assurdo condannare gli uomini di oggi per l'errore di Adamo, da
considerarsi un semplice cattivo esempio individuale e non una maledizione
gravante sull'umanit; affermava la
possibilit da parte di ogni individuo di
operare una libera scelta tra il male e il
bene (libero arbitrio), argomentando
che se cos non fosse, se cio l'uomo
fosse effettivamente predisposto al ma1e, verrebbe a mancare l'essenziale fattore morale della responsabilit. In
queste teorie Agostino vedeva la rinascita dell'antica superbia, perch l'uomo non pu pensare di potersi salvare
da solo, contando esclusivamente sul
proprio buon operato. La salvezza eterna (- >- Grazia) un dono che Dio concede ad alcuni e non ad altri, per suoi
motivi imperscrutabili.

190

MEDIOEVO
Il pessimismo antropologico in u na is to ne d 1 Ildegarda di Bingen, mistica del Xll I secolo . In a lL() le te l le in
c ui fia mm eggia la fo rza di fu oco che acce nde tutte le
sci ntille v i ve nti ~ in basso , pe r s ucccssi\a degradazion e, ti
lago ne ro e profo n do cl1 e rap prcsc n Ln l'i n fc rno . L'tto mo.
che vive ne lla ~ rascia bassa' de l co mo , ri Lh ia c mp re di
esse re ing hi o ttito in que LO pozzo ne ro.

'

' /,
,

.I

'

.,,

-.
. . ....- ..
----: --_:.:.__:..._._.:.-::=- -- - .. .

...

...

li libero arbitrio : l' u o m o a


--- ~ ----=--~--._______;-~
m et s trad ,1 fra il ber1e e il ma
..
..
. ... .
le, da Pa ra(lc1xc1 c111blc111 llli ca di

.
.
. .
. __. -.
A. Bocchi (XV II seco lo). Al

.
- .
......
. .
. .
p ess1n11s 1no agost1n1a n o e rne
di eva le il Rinascimento o p .

p o rr la d o ttrina de ll'ottimismo
-
antropologico : l' u om o esa ttam e nte equidis ta nte tra il be n e e il
ma le (luce e ten ebre) J)Crch pa rtecip a di c11tra n1bc le r1a turc (di\ri11;;1 e 111atc ria le). Pos~ ied c un libe ro a rl1itrio, la capac i L cli scegli ere e di fa re di se s tesso un a 11ge lo o tln brt1t o.

.._

191

F 11 {1'1L1r1. \

Grazia

AGOSTINO, LUTERO

Vedi ancl1e Libero esame, Sacerdozio universale

.I l giusto sar salvato per la sua fe-

quindi, in un certo senso, inutile). Spingendo al limite questa visione giuridica


della salvezza si arriverebbe a un paradosso teologico: l'uomo, libero di salvarsi o dannarsi a suo piacimento, sarebbe totalmente padrone di s, mentre
Dio, non potendo compiere un atto di
ingiustizia per salvare un peccatore, sarebbe vincolato a una norma superiore,
quindi non libero.
Secondo Agostino l'autentico messaggio cristiano sta nel riconoscere la fonda menta le debolezza dell'uomo, tendente per sua natura al n1ale (--> Pessitttismo atttropologico) e quindi incapace di salvarsi senza l'aiuto di Dio, all'iniziativa del quale deve quindi abbandonarsi con totale sottomissione, accettando ogni sua decisione, anche quelle che
sembrano ingiuste dal punto di vista
della giustizia umana. Dio non obbligato nelle sue scelte da alcun criterio di
giustizia e concede la grazia come dono
gratuito e immotivato. La soluzione
contraria implica una li111itazione della
sua onn1pt)tenza.
La virt precipua del cristiano non risiede quindi n.e lle opere buone, ma nella sottomissione con cui accetta gli imperscrutabili piani divini. Agostino
giunse a enunciare i1 principio della
predestinazione(- >): l'individuo non
buono perch compie opere vali.de; al
contrario, opera bene perch ,D io l'ha
fatto nascere pio. Non deve quindi arrogante1nente inorgoglirsi per il proprio giusto comportamento, ma solo
ringraziare Dio per non averlo creato
1nalvagio.

<<

de>>: questo passo della Epistola ai


Rc)n1a11i di san Paolo il punto di partc11za della disct1ssione sulla grazia (la
salvezza eterna dell'anima), la nozi()ne
di certo pi co11troversa dell,intera teologia cristiana. Infatti attorno al problen1a di qttali siano le cot1dizio1ii che rendonc) possibile la salvezza dell'individuo
si s.o 11 o s v l t1 p p a te due in com p a ti bi I i
scuc)lc di pensiero.
Da una parte sta la posizione che si ve nne forn1ulando 11el Medioevo e fu sancita poi dalla Controriforma fi110 a dive11tare ()ggi la 111e11talit dominante fra
i cattolici: la beatit11dine del Paracliso
spetta a coloro che l'hanno meritata co11
le loro buone opere: il giorno del giudizio universale Dio pu11ir i malvagi e
accoglier accanto a s le anime di coloro che condussero la propria vita second() il bene.
D~1ll 'altra

parte sta la posizione di Agostino, fatta propria poi clalla Riforma di


M. Lutero e dal Giansenismo: la frase
di san Paolo va letta nel senso che il giu.;.
sto no11 avr la salvezza per le buone
01)ere co1npiute in vita (anche se queste
sono evidentemente un bene), n1a solo
ed esclusivamente per la sua fede.. Affermare il contrario, ossia che il Paradiso garantito a colui che abbia bene
operato in vita, significherebbe ridurre
Dio a un buon magistrato. Solo per superbia l'uomo pu pensare di salvarsi da
solo e precostituire con le sue buone
azioni il giudizio di Dio (rendendolo

FILOSOFIA

192

MEDIOEVO
I valori della pi ritualita agostiniana in
due in1rnagini dell'arte medie aie. ella rapprese ntaz ione della d1 ce a dell o
pirito Santo nel giomc) clella Pentecoste (d a un alteri c.1 parigino del XIII ccolo), l'altcggia111cnto clcgli t\110 -toli (la
prima e paradigmatica co1nunita crtStiana) illu tra re enzia le \tirtU richies ta al
creclentc: la fede . Gli Apo toli c)nl rappre entati eduti , fcr111i : non c'e alcL1n
tipo di az ione in loro, ma Ltna cond1z10ne di totale riccttivita. qua i pa i\'ita _1
noti poi la posizione della mnn o dc tra
ul CLtorc, nel gc to del giLtramcnto. La
grazia (la co lomba clic scende <lai ciclo)
un dono gratuito di Dio cli c s 1 c.J C\' C
olo attendere , co n fede.

U 11a ca ratteri ti ca peculiare


c.lclla cll1 ttrina di Agostino

l'interioris mo : l'u on10 arriva alla vcrita di Di o scruta11do le profondi ta dcl proprio
intin1 0 ( r1 on attrave rso un
rapporto co 11 il 111ondo). Nei

11
\

''f

1nosa ic i clc ll 'ar te bizantina -

1 1

gli indi vi<lL1i appaic)t10 sempre to tal111cnte iso la ti l'un o


dall'allr() anche quanclo cos titui co no grLtppi ~ la nati1ra, sin1l)olcggiata clagli all1cri se mpre e so lo un elcn1cn to di se1Jarazic)11e fra gli
1

in<livi<lt1i .

193

FILt) Ofl ,.\

'

MEDIOEVO

Citt celeste

AGOSTINO

Vedi anc11e Tempo ciclico/rettilineo,


Grazia, Pessimismo antropologico
u un eve11to drammatico, il saccheggit) di Roma da parte dei Goti di Alarico nel 410 d .C., a spingere Agostino a
sc r\'Cre La citt di Dio, il prin10 testo
della filosofia occidentale centrato sul
problema della storia. In senso stretto,
infatti, il co11cetto di storia (una success ic> ne sequenziale e dotata di senso di
eve11ti unici e irripetibili) una conquista del pensiero ebraico-cristiano; nel
n1 011do greco la prevalente concezione
ciclica dcl tempo, secondo il principio
dcll'etuno ritorno (~),implicava che le
vicende dell'u111anit avessero un decorso circolare, alternando con regolarit
perit1di di S\1 ilu1Jpo a catastrofi tali dariportare il nlondo allo stato di partenza.
Seco11do Agostino la storia dell'umanit data dalla lotta fra due regni.

re se vivere nel corpo, amando s e il


mondo fino a disprezzare Dio, oppure se
vivere nello spirito, a1nando Dio fino a
disprezzare l'amore per se stessi e per
tutto ci che mondano (gloria, danaro, salute). Nessun segno esteriore contraddistingue i due tipi di uomo, ma chi
vive nella citt di Dio pone le ragioni del
suo agire in una dimensione ultraterrena (la salvezza eterna dell'anima e dell1umanit) e guarda quindi con distacco
alle angosciose vicende della politica
(che allora voleva dire l'incipiente crollo dell'Impero romano).
La citt dell'uomo (l'assieme delle vicende propriamente storiche e politiche) trova la sua unica ragione di essere nel favorire lo sviluppo della citt di
Dio, ossia nel propiziare la cristianizzazione dell'umanit secondo il piano della Provvidenza. Non vero quindi, come sostenevano i pagani, che il disastro
dell'Impero sia causato dalla disgregazione interna prodotta dal Cristianesimo. vero invece che tutta la storia dell'Impero stata solo un episodio del
piano divino: l'unificazione territoriale
e linguistica introdotta dalla pax romana stata lo strumento della Provvidenza per creare l'ambiente pi favorevole
alla diffusione del messaggi.o cristiano.
I..:lmpero, in definitiva, si disgrega perch venuta meno la sua motivazione
finale (nella prospettiva della citt di
Dio), n deve essere rimpianto, perch
l'imminente societ cristiana realizzer
una tappa nuova e quantitativamente
superiore nel cammino dell'umanit
verso la salvezza.

La citt terrena la societ del diavolo: corrisponde alla natura, alla n1ateria, al corpo (nell'individuo), alla storia
fattuale e all'economia.
La citt celeste la citt di Dio, la comunit dei giusti, la dimensione eterna,
e quindi sovrastorica, della rivelazione'
di\i11a. Nessuna et del mondo (neppure quella pagana) stata mai dominata
esclusivamente da una di queste due dimensioni, che coesistono sempre nella
realt e interagiscono fra loro. Neppure
possibile identifica re la ci.t t terrena
con l'Impero e quella celeste con la
Chiesa: le due citt non sono riconducibili ad alcuna precisa istituzione, ma si
identificano con una dimensione dell'anima, con una decisione cui chiamato
ogni uomo. Spetta all'individuo stabili-

FILOSOFIA

194

'

'

'

'

MEDIOEVO

'

La Citt di Cristo di venne


un o dci t c 1ni pi(1 diffus i
clcll'iconografi a medievale.
La si immagin.a\1 a dotata di
dodici porte (co me gli Apo to li ) e perfe tta m ent e
rego lare, in netta antitesi al
caos Ltrbani!:> tico delle ve re
citt mcdic\rali .

La co n trar) pt) izio11 c fra la


Cit t d i Di o e Ia Ci t t dell' t1<) 1no d ivc 1111c un elc1nent o importante <lcll'architettu ra m cd ic\ a lc. I p o rtali
delle cl1i csc erano strut turati in base a qL1e ta oppo
s1z1onc .

.... ....
'"

...,
..

Mondo divino

'

Mondo umano

Miniatttra per La citt. cli Dio di sant'Ag()Sti11 0, alla BilJlio tcca Nazionale
di Pa rigi.

195

Flll1 O FIA

MEDIOEVO

Teologia negativa

DIONIGI, MISTICISMO

Vedi anche Meditazione


sulla Ge1a1"cl1ia Celeste, si articola in
due parti. Nella prima Dionigi dimostra
come l'ordine gerarchico strutturi ogni
forma dell'essere, sia la societ umana,
divisa nelle tre classi dei lavoratori,
guerrieri e sacerdoti, sia l'universo fisico, organizzato in sfere concentriche a
ognuna delle quali preposta un'Intelligenza Celeste, sia l'universo soprannaturale: anche le compagnie degli angeli, infatti, sono strutturate in base a
una precisa graduatoria secondo princpi di supremazia e di specializzazione
dei compiti.

a teologia negativa, elaborata da


Dionigi l'Areopagita e difft1sasi nel
pensiero occidentale a partire dall'IX secolo, costitu il fonda1nento teorico della mistica ( ~ Misticis1nlJ) cristiana.
Contrappt)nendosi alla teologia razionale, per la quale possibile procedere
\'erse) Dio con gli slrumenti della ragione:, essa affertn che di Dio si pu predicare solo l'i11co11oscibilit. Qualsiasi
co11cetto attribt1ito alla divinit (ancl1e
bont, giu stizia, amore) un 'indebita
estra11olazione di qualit prettamente
umane, in definiti va una forina di an tropo1notfisn10 ( ->).

Secondt1 Dionigi l'unica teologia possilJile fatta di negazioni: si pu ragionare solo su ci che Di() non . <<Solo mediante la privazione de.Ila vista e della
conoscenza, con il fatto stesso di non
vedere e di non conoscere, possibile
vedere e conoscere ci cl1e sta oltre la visione e la conoscenza. Questa infatti la
maniera d vedere veramente e di co110scere e di lodare sopra-sostanzialmente
l'Essere sopra-sosta11ziale. Quanto pi
noi ci eleviamo verso l'alto, tanto pi le'
parole si contraggo110 per la visione d
insieme delle cose intelligibli. Cos ora,
penetrando nella caligine che sta sopra
l'intelligenza, troveremo non la brevit
delle parole, bens la mancanza assoluta
di parole e di pensieri.>>
Alla nozione di incommensurabilit
di Dio Dionigi arriv partendo da una
riflessione sul concetto di gerarchia
(letteralmente 'ordine delle cose sacre').
La sua opera maggiore, il breve scritto

FIL0St1FIA

196

Questa assunzione della gerarchia come


parametro universale enfatizza per contrasto l'inquietante messaggio della seconda parte dell'opera, in cui si afferma
l'assoluta estraneit di Dio rispetto a
qualsivoglia gerarchia naturale, umana
o celeste. Con un forte recupero della
tensione plotiniana alla trascende11za (-->-), Dionigi pone Dio al di l di tutto, non al vertice di una piramide gerarchica, ma extra ordinent, al di sopra
di qualsiasi struttura. Simboli di Dio diventano cos il buio e il silenzio, non
pi la luce e la parola, oppure paradossi impenetrabili all'intelletto umano
(Dio come <<tenebra ]u minosissima>>).
Tuttavia, e questa la sconvolgente verit di Dionigi, Dio attingibile gi in
questa vita attraverso la via mistica,
un 'esperienza capace di superare la tradizionale gerarchia della preghiera (cogitati(J, meditatio, co11templatio) per arrivare, con un salto oltre la ragione, alla
deificatio, la diretta e intuitiva partecipazione al divino.

MEDIOEVO
:i

'

'
'

I '-.
1

..

Un e ffetto dura turo de ll e ri n ession i di


Dionigi s ulla nozione di gerarchia fu lo
sviluppo impetu oso de ll'angelologia
( - >). Il Medioevo in1magin la gerarchia celeste come specch io e gius tifi cazione di quella terrestre. Anche
fra le sc hiere ange liche vi so no di fferen ze di prestigio (espresse dal la
vicinanza a Dio) e una rigida d ivis ion e dei cotnpiti . Gl.i arca nge li per
esempio , ch e nella scala ge rarch.ica
occupan o un pos to mo lto ba o
( > schema al piede) , appena al <li
sopra clell'ange lo cus tode, entran o in attivi t so lo al mo mento
d e lla morte c.li Ltn ind ivi du o .
co n il co mpi to di po rta re i n
ciclo la ua anima (rappre entata da un neo ria to ne Il 'in1magi ne riprodotta a fianco,
un mo t1ico dc l batti te ro
di Sa n Ma rco a Ven ez ia).
Per ques to gli a rcangeJi erano detti psicopompi, t io
'tra portatori di a11in1c'.

Poicl1 Dio non concettualizzabile, Dionigi ~ consigl io di


utilizzare le meta fore tradi z io na li ( Di o co1ne
amore, luce . . .) cl1e posso no essere frainte e dai
fecleli (cio assLtr1te con1e spiegazioni ,,.ere). E
oppo rtuno invece usare le 1nctaforc pi difformi . cos icche sia chia ro il loro va lore pLtramente simbolico: Dio rapprese ntato da es_eri n1 0 trut)_i o enigmatici, da animali feroc
(orso, pantera) o attr"verso son1igJiar1ze il
pi possibile capziose. Una di qL1este offerta dal pellicano, cui i be tiari medievali attribLtivano l'ab itt1<line <li nut ri re
i piccoli con il proprio sangue pro ocn ndosi ferite nel petto ( imbo lo dcl
sac rificio di Cris to) . La grand e produtti\rit s imbo lica
d ell'arte 1nedievale deriva anc11e da questa dottrina.

Prima Gerarchia

1. Serafini

2. Cl1crtlbini
3. Troni

Seconda Gerarchia

4. Dominazioni
5. Pote11ze
6. Potest

Terza Gerarcl1i,a

7. Principati
8 . Arcangeli
9 . Angeli

vedono Di o con1c ultimo sco po di tutte le cose


co nosco no le ragioni della Provv ide1i.za
considera n.o la dispos izio ne d ei giudizi cli vini in s
comandan o gli altri ordini ar1gclici
eseguono i comandan1enti divi11i
conservano l'ordine imp osto daUa Provvidenza
veglian o sul bene co mune
s i occLtpano del benessere tttnano
prOV\ cdono al benesse re di ogn singolo indiv-idtto
1

197

f I LO~<) Flf\

MEDIOEVO

Misticismo

RELIGIOSIT MEDIEVALE

Vedi anche Teologia delle icone


,

l ter111ine misticismo indica un particolare tip<.1 di esperienza religiosa caratterizzala dalla fiducia nella possibilit
di un ritorno a Dio attraverso l'ascesi,
ossia una pratica 1ncditativa tale da per1nettere all'anima di liberarsi di tutto ci
cl1e corporeo, raggiungendo cos una
condizione di divinizzazione del soggetto , l'estasi ( ___.. ).
Questo processo ascetico si attua attra\1erso vie extrarazionali: tutte le varia11ti del i11isticis1no, sia dell'Oriente sia
dell'Occidente, indica110 nella conosce11za orclinaria e razior1ale del mondo
(il sa11isara 11ella ter1ni11ologia indiana)
Lt110 stato di turba111ento mentale che
de\'e essere superato. La ragione un'illusio11e, un falso sapere da combattere
tra1nite lo svuotamento della mente e
per procedere a questa 'pulizia' della
psiche og11i tradizione propone spe.cifiche tecniche di meditazione ( ~), vere
e proprie forme di profilassi mentale.

mersi, il percepire il mondo come un assieme di elementi fra loro distinti, insomma il modo normale di vivere proprio ci che. deve essere abolito. I.:insegname.n to finale di ogni misticismo
(n.o n una verit razionalmente affermata, ma una condizione da raggiungersi
nell'esperienza) 1afondan1entale u11it
dell'universo. Secondo Dionigi, il fondatore della teologia negativa ( ___..), <<bisogna abbandonare i sensi e le operazioni intellettuali, tutte le cose sensibili
e intelligibili, tutte le cose che sono e
quelle che non sono. In piena ignoranza protendersi, per quanto possibile,
verso l'unione con Colui che supera
ogni essere e conoscenza>>.

Il misticismo, di cui lo scia1nanesimo (~) fu la manifestazione pi arcaica,


una dimensione presente in vario modo in tutte le grandi religioni ed stato
particolarmente elaborato nella tradizione orientale. Fino alla nascita della
Cabala (->-), nel XIII secolo, era invece
assente nell'Ebraismo e nel pensiero filoso fico occidentale comparve pe.r la
prima volta nella dottrina di Plotino (II
secolo d.C.).

La rinuncia alla razionalit co1nunque


una condizione necessaria ma non sufficiente al realizzarsi dell'evento estatico: oltre a essere liberata dall'eccesso di
informazioni che la soffoca, la mente va
guarita dall'abitudine all'astrazione e
dall'innata tendenza a discriminare, dividere, confrontare, misurare e ordinare
in categorie. In particolare bisogna superare il processo men tale di individuazione tramite il quale identifichiamo
ogni ente differenziandolo dagli altri:
uno schema mentale utile nella vita
quotidiana ma falso, tale da nascondere
l'essenza della realt. Persino la sensibilit deve essere superata. La consapevolezza di se stessi come entit individuali e separati dall'ambiente in cui si imFtLt)SO f.;IA

Il misticismo cristiano, fenomeno marginale nella Chiesa primitiva (- >), nacque solo nell'alto Meclioevo con la teologia negativa (->) di Dionigi l'Areopagita e si afferm poi nell'a.m bito del
francescanesimo. Anche se Paolo nella
Seconda l.ett.era ai Corinti afferma di essersi elevato misticamente fino al Terzo
Cielo, il misticismo, con il suo porsi in
modo antagonista ai valori cl.e lla razionalit, occup se1npre un posto subordinato nell'Occidente cristiano.

198

MEDIOEVO

--

.. :~

L'

L'in1n1agi11e della Vergine apparsa: a Lo urdes il


17 .gennaio 1871 . La tradizio ne mistica non
arratto morta nel m o ndo m oderno. Delle Otto
apparizioni dell,1 Madonna ufficialmente ricon osciute dalla Chiesa, ben sette s i sono verifi -

cate do po il 1831. Tutt'oggi vis itazio ni , lacrimazioni di statue, apparizio ni e fenomeni collegati all esperienza n1istica son o freC(Ltenti.

'

~~

'

Un'in1rnagin c dclln scelta cli autoemarginazionc


sociale cl1e spesso acco1n pagnava la \1 itn dci 111i ti ci: la a nt a ere111ita Ma ria .Egiz1aca e ritra tta co rne
Ltna dt)i1na clvaggia clic vaga pe r i can1pi nu <l ~1 e
scar1ni gli ata , rifiL1tan.do gli alJiti clic le e11gon o o fferti cla Lt.n'altra sar.1ta.

L1asccsa dell'ani111a attra,1 erso le srere celesti


da t1n n1a11oscritto er111etico ano ni1110 del Xll
seco lo.

.
I

I I

-I

JJ
---

-- - :-.o
;

.JSI~

199

F ILO O FI

MEDIOEVO

Meditazione

MISTICISMO

Vedi anche Estasi, Misticismo


Ges Cristo, abbi piet di me>> . La ripetizione ossessiva della frase determina
uno stato semistuporoso, un indebolimento della presenza razionale, fino alla perdita del controllo cosciente. La
formula perde ben presto il proprio significato originario riducendosi a un
puro suono fonetico; dopo un certo numero di ripetizioni la coscienza non
pi in grado di attribuire a essa una
qualche realt. Proseguendo nel.la pratica della recitazione, entr.o pochi minuti inizia una sofferenza mentale che
pu degenerare, con il tempo, in stati di
profonda alterazione.

e varie tradizioni del misticismo


l1anno elaborato una diversificata
serie di tecniche meditative atte a favori re l'insorgere dell'estasi.
l mistici cristiani del Medioevo svilu]Jparono sistemi basati in particolare
st1lla deprivazione sensoriale: scegliendo di vivere soli, in perfetto silenzio e 11el buio di una caverna, si ponevano in una condizione fisiologica molto simile a quella ricostruita dagli psicologi conten1poranei nelle camere di deprivazione sensoriale. In queste strutture di laboratorio il soggetto posto in
isolamento quasi totale~ pu muoversi
solo per mangiare; gli occhi, coperti da
t1na benda\ vedono solo una luminosit
01)aca e diffusa ~ le orecchie percepisco110 il ronzio del condizionatore d'aria, il
tatto attutito da bende. In tali condizio11i le capacit intellettive e logiche, la
cor1centrazione e il pensiero in quanto
tale subiscono un drastico tracollo dopo
solo poche ore. Poich la mente non
pu funzionare in condizioni di isolamento dal mondo esterno, il vuoto sensoriale viene riempito da progressive e
se1npre pi travolgenti allucinazioni vi.:
si ve, tattili e uditive.

Il mondo musulmano ha sviluppato in


particolare tecniche mistiche connesse
alla gestione del corpo: la musica e la
danza, gi al centro dei riti dionisiaci (- '.)) greci. Le compagnie dei Dervisci
(i mistici sufi islamici che l'Occidente
ha chiamato fachiri) raggiungevano l'estasi attraverso una danza circolare, ruotando su se stessi a somiglianza del moto dei pianeti nel sistema solare.
Il controllo del respiro al centro dello yoga (l'India il luogo d'origine di
quasi tutte le tecniche meditative, anche
di quelle che poi si diffusero in Occidente), mentre il Tantrismo ha sfruttato la potenza dell'energia sessuale. Nei
templi tantrici sono frequenti raffigurazioni dell'amplesso, spesso con soluzioni esplicite: nell'unione sessuale (che
comunque no'n arrivava mai all'orgasmo) il mistico tantrico trovava lo strumento pi adatto per eliminare dalla
propria mente ogni forrna di dualismo.

Lo stesso 'cortocircuito mentale' pu


essere raggiunto anche dalla ripetizione ossessiva di un unico impulso, con
una tecnica detta mantra in Oriente,
dihr nel mondo musulmano ed esicas1no nel Cristian.e simo ortodosso. I monaci g.reci prendevano alla lettera il precetto di san Paolo <<Pregate senza interruzione>> e ripetevano senza pause una
formula monologica come: <<Signore

FILOSOFIA

200

MEDIOEVO
Nello yoga della luce il pra ti ca nte deve addo rmcnLar i do po e crs i co ncentralo sulla luminosit di una candela fin o a identifi ca rs i co n essa. La
luce lo accompagner anche nel sonno, nei sogni e 11 cll c profo nd ila o cure dell'inconscio .

Una complicata posizione sugge rita da un testo tantrico . Il


mistico doveva fermarsi prima
dell 'o rgasmo, in modo da fare
rifluire lo spe rma lungo il ca nale assiale ( la co lo nna vertebrale) fino alla testa, favo rendo
cos l'esplodere dell'estas i.

'.,/

'

\
f

'

Nella Lradizio ne 1nistica della C l1i csa ortodo a (in partico lare
fra i monaci dcl mo naslero del n1o n te ALl1os in G recia). la prcgl1icra csicastica era accom pagna la da c1uc ta partico la re p t) izio ne dcl co rpo, con la testa sulle ginoccl1ia. E ugge ti\'a la omiglianza ct1n la posizio ne de l corpo assLtnla nel vo lo de ll o scia-

mano ( - > Scia1r1a11esi rno) .

'-I

,#o

'
'

...

Nell'lslan1 la principa le do ttrina tnistica fu il Sufismo, praticato dalle compagnie di Dervisci, detti 'rotanti' per l'uso della d a n za ossess iva. T ipic i cli
questa tradizio ne erano le esibizio ni di inse11sibfl it al dolore durante la condizio t1e estatica ( facl1irisn10).

201

FtLO "OFl A

Estasi

MISTICA MEDIEVALE

Vedi a11cl1e: Meditazione, Teologia negativa

T 'ele111e11to costitutivo di ogni misti-

irrefrenabile>>, una sensazione di essere


<<sciolto da se stesso e libero da tutte le
cose>>. [esito finale di questo processo
l'indiamento (deificati o), letteralmente
'farsi Dio': l'individuo si annulla in
quanto tale e in stato di t1ance, al di l
di una percezione normale del mondo
circostante, si identifica con la. totalit e
il divino.

L cismo ( - >) il raggiungi111ento di


u11a 1)e1fetta e i11Li111a co111unione con il
divi110 detta estasi (letteraltnente esse1~ _{1.t l) l"i di s) r1ella tradizione cristiana,
11i1va11a. in quella buddl1ista, bral1a111ar1 nell'induista, tao 11ella cttltura cinese ta<)ista e satori in quella zen giapp()nese. La psicl1iatria descrive qttcsto
feno1ne110 co1ne uno stato di tra11ce,
un 'a 1tcrazio11e della coscienza 1nolto si111i lc al so11no, n1a con caratteristicl1e fisiologicl1e assai particolari (per esempio l'elettroe11cefalogra1n1na rima11e sin1i]c a quello effettuato in stato di veglia nonostante la perdita della consapevc)lczza e dei contatti con la realt
a1nbientale, acco1npagnata da amnesia
dt)pc) il risveglio).
Spesse) i 111istici ha11no descritto l'estasi
co111e 1111a i11ntizio11e prolu11ga.t a. Infatti l'i11tuizio11e (la co111prensione di qualcosa se11za i11ediazio11e i 11 tel lettttale)
se1npre, anche se cli piccola e11tit,
un'illuminazione, ttn momento in cui
i1n provvisan1en te balena la verit e si
rende presente alla coscienza come se'
provenisse dall'esterno. Ma inentre nella vita or dinaria l'i11tuire un accadime11.to eccezionale, uno stato mentale
effi111ero e sempre li1nitato nel tempo,
nella condizio11e estatica il rapporto rist1lta invertito: il mistico partecipa intuitivamente al inondo circostante, vive
un'esperienza totalizzante e liberatoria,
oltre la cog11izione di s e oltre ogni for1na di conflittualit. La coscienza egocentrica oltrepassata in una specie di
dilatazione della consapevolezza. San
Dionigi, il maggior teorico del misticismo inedievale, parl di una <<tensione
FILOSOFIA

202

Lo psicanalista O. Rank (Il sac10, 1917)


defin gli aspetti psicologici dell'esperienza estatica co11 il termine numinoso
(da 11tt111en, in latino 'potenza divina'). Il
numinoso designa un myste1iu1n treme11ditm, ossia quel sentimento di timore misto a venerazione che caratterizza
il contatto con ci che sacro.
Questa condizione ineffabile e inaccessibile alla co1nprensione concettuale
<< ptt penetrarci come un doloroso flusS(l di ar1nonioso, riposa11te, vago raccoglimento. Oppure pu trapassare l'anima con una risonanza che vibra e perdura lungamente fincl1 svanisce. Pu
anche erompere dall'anima subita1nenle
con spas1ni e convulsioni, trascinare alle pi strane eccitazioni, alla frenesia,
all'orgasmo, precipitare in un orrore
spettrale e pieno di raccapriccio, rivestire forme selvagge e de.1noniache>>.
tilluminazione arriva sempre inaspettata, come un dono elargito al meditante,
e nessun metodo contemplativo garantisce un risultato efficace. Ancl1e se richiede un itinerario fortemente arti.colato, un tirocinio che spesso i1npegna per
tutta una vita, l'improvviso contatto con
il numinoso deter1ni11a sempre uno
sconvolgimento nella personalit dell'individuo.

MEDIOEVO

f.

75

..

,j

l e nozze mistiche. Uno dci tratti piu conturlJan ti della mis tica fe1n111i11ile e 1 ~a cce ntL1 aLo cro ci mo co ri
CLti 111o)Le sante l1an11 t> descritto 1J proprio Lr3sporto es ta tico nell'amore di Cri to. A in i-tra
Mad<lalc11a dc' Pazzi ( .111 eco lo) ri ceve l"os ti a direttam ente clalle m a r1i cli G c ~ u , lo
's poso' clic ln a ntn in e t a~i dc cri\'t corn e u n u o rn o

n1 Ll

eo I <..> o . beII<.>e e n

Ll ~1-

le. A cle tra il matrimonio spiriltta lc_


co n Cri to di a nta Tere a cl"Avila nella celeb re tal Lta dcl Bcn1i.ni : i tra it i dcl
' ' isc) CC)n.\olt i cla.11a JJa io ne. la presenza clell'a ngclo e dello freccia, trc.1clizionali .i111b oli a sociati t.l Ero.s ( ,, ) e
al ra1)po rto <tm.o roso. so tLo li 11 ea110 gl1
aspetti erotici dell e 'n<>zze n1i ti ene.

I
I

I
l

~ ...-

.~~~

.
.... .
. ...

Lo sta to di a lteraz io i1e dell a me nte cl1i ar11at o


'es tas i' pu esse re raggiunto in n1o ltcplici inocli
(cl i g i tl n o , cl e p riva z i o 11 e s e n so r i a Ie ) p re g 11 i e ra
prc)lungata, tiso <li sostar1ze (Jartico lar'i ) . Nell'arte dell e c ultt1re prin1iti ve la conclizio11 e estati ca
spesso d escritta atlra,rers o la solarizzazione
della testa. cl1e sen1bra esplodere o cras fo r111arsi
in un Sole raggiante. La figt1ra a forma cli fun go
( ultima a destra) ra ppres enta i11vece l'estasi di
un o scia mano d egli india11i Va pt1s dell a Colo111l1ia, dediti al co nsu1110 sac ro del pe)'Ote , Lln
fun go ~1l l t1 t i11<)g 110 .

203

f JLO OFL.\

MEDIOEVO

Angelologia

DIONIGI, MISTICISMO

Vedi anche Demonologia, Teologia delle icone


a nozione di angelo (dalla parola che
in greco significa 'messaggero') design,1 ttn essere soprannaturale con funzilJni di intermediario fra l'uomo e la
divinit ed varia1nente presente nelle
tre religioni rivelate (Ebraismo, Cristianesimo, lsl~1mismo).
Nel Vel-cl1ic) Tcslan1ento l'esistenza degli angeli non fu oggetto di alcuno specifico insegna1nento dottrinario ma prest11Jposta ct1111e ovvia e, soprattutto, priva di og11i rilevanza teologica: il rigido
monoteismo biblico suggeriva di non
enfatizzare il ruolo di realt spirituali
preesiste11ti o co111unque autonome di
fronte a Dio.

rente sospetto che un eccesso nel culto


potesse riportare in luce residui di politeismo. Solo cos si spiega l'attenzione
quasi maniacale con cui il Medioevo intese determinare la realt dell'angelo. La
sottigliezza delle questioni affrontate
dall'angelologia divenuta leggendaria,
tanto che ancora oggi 'parlare del sesso
degli angeli' sinonimo di futilit. Ogni
tratto della vita angelica fu discusso con
passione: il cibo, l'abbigliamento (la
foggi a, il colore, la luminosit), gli strumenti musicali usati nei cori paradisiaci, il grado preciso di vicinanza a Dio
(oltre a questioni come 'quanti angeli
possono stare sulla punta di un ago').

Gli a11geli divennero oggetto di una vera e propria scienza (angelologia) solo
nel Medioevo, a partire dall'opera teor ica di san Dionigi (---> Teologia negativa) . Si stabil che gli angeli sono creatt1re incorporee, puri spiriti dotati della stessa sostanza del demonio, provvisti di un libero arbitrio e di una specificit individuale, capaci di una conoscenza intuitiva (superiore a quella ra- ,
zionale umana) e utilizzati da Dio sia
per intervenire nelle vicende del inondo (come strumento della Provvidenza) sia per governarlo (sono angeli le
Intelligenze Celesti che muovono i cieli dell'universo).
A questa descrizione la religiosit popolare aggiunse molti simboli che l'iconografia pagana riservava agli di: le ali,
la capacit di volare, la possibilit di
rendersi visibili all'uomo e di assumere
particolari sembianze. Questa contaminazione non giov certo al libero sviluppo di un'iconografia angelica, perch suscit nei teologi cristiani il ricor-

Questa razio.n alizzazione progressiva


ben visibile nella storia delle immagini.
Mentre nella strana ed extraterrestre fisionomia dei modelli arcaici traspare
una notevole tensione simbolica e immaginativa (l'angelo un serpente, un
viso senza corpo attorniato da sole ali,
una ruota rico_p erta di occhi, un androgino ... ), a partire dal Rinascimento ci si
adegu a un rigido modello antropomorfo: l'angelo si ridusse a un uomo dotato di ali, sempre meno suggestivo, fino agli stucchevoli putti angelicati del
Barocco. Liperdeterminazione ha nuociuto al simbolo, svuotandolo di ogni
carica emotiva e sottraendogli l'aura di
maest e di potenza. Di fatto nella religiosit odierna poco rimane dell'antica
popolarit degli angeli.
Dell'imponente schiera che popolava
l'immaginario medievale oggi restano
solo le figure pi eminenti (Gabriele,
Michele, Raffaele), anch'esse tuttavia
sbiadite.

flLOSOFJA

204

MEDIOEVO

=ri 'tsr
~

' , ..,,.
<-.a
q

La scala di Giacobbe. La funz io r1c di inte rmed ia1

rio fra Ll<)1110 e Dio affidata all angclo sottolineata dal freqt1enle accosta mento con il len1a della
scala. L'origine di questo si111bolo s ta nel racco nto
del profeta Giacobbe, il quale in sog.n o elJbe la visio ne di una sca la cl1e, parte ndo dai su oi piedi, a rrivava s ino a i c ieli (su ogni g radino un angelo aveva il co 111pito di a iutare il mistico n ell'ascesa).

Le pri me raffigu razio ni degli ongeli cra110 111 cno u1nc1ni_zzate dci 111 ode lli ch e si in1po cr()
co n il Rinasci 1ne nto . Gli a ngeli erano pcs o
rapp rescr1laLi se nza corpo , clou1ti di so le 'tl i o
di un indes crivihile nu111ero di occhi. Nell'i llus lrazione. una delle pri111e ingenue raffiguraz ion i 'antroporr1orfe' (pa rtico l:1re dall'altare
di Ratcl1is, arte lo11gobarcla).

... "-

La personificazione delle entit spirituali


o p erala dalla re ligiosita n1ed.ievale no n s.i limita alla figura dell'angelo. L dove i Grect ved eva 11 0 so lo la ragio n e, l' uo m o mcdie,ra le
sco rge (e raffigura n el.l'arte) una pluralita di
fo rze : la Mo rte, l'A nin1a, il Dia\ o lo, L'A ngelo .

1 Cherubini, altissimi nella gerarc l1ia ce le te, eran o rappresentati sempre con sei p aia di ali disseminate di centinaia di occhi, a si mboleggiare la loro condizione di 'pien ezza della scie nza'.
I

205

fl LO~OFIA

MEDIOEVO

Auctoritas

SCOLASTICA

Vedi a11che Tomismo


ato cl1e dal VI al XIV secolo la IJroduzione i11tellettuale si svolse quasi
totalmente all'.i11ter11<) delle scuole cristiane (pri111a in quelle an11esse ai mo11~1 s teri, poi nelle cattedrali cittadi11e e
i11fine 11elle t1ni,1e1sit), si dice ge11erica111e11te Scolastica ('cultura della scuoi a) i 1 }) e 11 si e r o ( f i1oso fico , te o 1o g ic o ,
sc ir 11tificc)) elci Medioevo. Per tutti ques ti secoli l'intellettuale cristia110 (monaco, cl1ierico, frate) fu un tlC.)t110 di scuola', il cl1e significa che concepiva la filoso fia 11011 come libera ricerca, ma co1ne
aJ)preni111ento e i11seg11a111ento.

ce o l'opinione di un dotto. Su questioni non attinenti la teologia si a1nmisero


come autorit i grandi filosofi dell'epoca greca, e persino pensatori di origine
isla111ica.

Questa in1postazione filosofica era


chiaramente rispecchiata dalla struttura dell'inseg11an1ento, organizzato in
due mo1nenti distinti: la lectio, lettura
collettiva e commento del testo di una
aitctot"itas, e la questio, in cui lo studente poteva 'porre un problema?, chiedendo di chiarire l'esatto significato di
un passo.
La spcct1lazio11e scolastica cristiana, inLa dissoluzione della Scolastica, sul
fa tt, JJ Oteva svolgersi solo all'interno
finire del Medioevo, avvenne a seguito
<leIla trad.izio11c e del l'ortodossia f"issata
di u11a crisi interna determinata dalla
tlalle at1torit,1 ecclesiali: del resto seco11sua stessa natura, ossia dalla co.n ceziodc) gli Scolastici no.11 vi alct1na verit cla
ne clell'intero sapere co111e un sistema
cercare, percl1 tutt() ci che l1a i111porchiuso, gi dato (iefinitivamente. Con
ta11za gi stato oggetto della rivelazioil progredire degli studi, infatti, le 'qt1ene divina ed contenuto nelle Sacre
stioni interpretative' divennero sempre
Scritture. Vccc11icJ e Nuovo Testan1cnto, la
pi sottili e il ricorso alla scienza degli
parola diretta di Dio , costituiscono la
antichi si di1nostr sempre pi proble1nassi111a fra le autorit, sono un dogma
matico. Le traduzioni delle antiche
(una crede11za f011da1nentale e irrinunopere dall'arabo e dal greco (XII-XIII
ciabile) cl1e no11 pu essere rnesso in cli- ' se.colo) resero disponibile un numero
scussio11e se non cadenclo nel peccatosempre inaggiore di attcto1~itates prima
reato di eresia.
dimenticate, mentre i progressi della filologia svelarono che molti autori, in
Lttnico compito del pensatore cristia110
particolare Platone e Aristotele, nel
111edievale era quello di tentare di cl1iaMedioevo tanto stimati quanto poco
rifica.re il senso, non se111.pre evidente, . conosciuti, erano inconciliabili fra loro
della Scrittura, facendo in ci ricorso
e con la dottrina cristiana. Fu sconcerad altre aucto ritates (testi la cui creditante, per esempio, scoprire che AristolJil i t n.a sce dal prestigio dell'autore).
tele, finaltnente disponibile nella traduEra110 considerate 'autorit' indiscutizione dell'arabo .A verro, aveva sostebil i Vcingeri canonici, le decisioni di un
nuto la mortalit dell'anima individuaconcilio, la sentenza di un Padre della
le ('forma' del corpo), tesi assolutaChiesa; meno sicuri ma pur sempre
mente anticristiana e potenzialmente
credibili erano l'autor it di un pontefiatea (--..Averroismo).
1

fl Ll )5t>flA

206

MEDIOEVO
Nella Sco lasti ca il principio clcll"auctoritas f Lt ap plt lato non so lo all e acre Sc rit ture e alla teologia , 111a ancl1 c al pen iero cienti fi co. A ogni arca (lt l ~Ll J)t rc cr il
prcpo to un aut ore cli c i sL1rro nc\'a a\'C'i~c el etto la
vcrita dcrini ti\1a in que l ca mpo. E cmplarc 11 ca o dell'anatomia , cl1e \1eni va insegnata co t11c mostra I i1n 111agi 11 c: il 111ac tro, in ca ttttlra e bc.~ 11 lontan o da l cada\'Crc C'O ll Cll 11 () 11 )1a alct.tn rarJ1l> rl() , legge 11 lc l O d1
Galeno , il granlJ e 1ncitc_) dcl ll cco lc> cl C. La <li'.::>~t
zionc <.t ffdata a Ltn o. t c 11~or, L111 c-,cc.: Ltl ~) rc c.,e n.:~t i111f)Ortanza, c.1ua i c111rJrc Ltn IJtlrlJicrc . e l ~t rcn lt,1 mentiva il testo non s i pcn a\'a a L111 err<.> rc dcll"l1L1 ctt1ritc1) .
r11a a una patologia o a u11a parti cc) larit't dc l cncl'-t''t re.

San Gi ova11ni i11tcnto a cr\1 erc 1'A11occ1/issc, a !> istito da u11 ar1gcl<.1 . Il pri11ci1)io clell'c1ttCt(1ritc1s i l)asav~1 sttl to ncetto di rivelazione : la vc rit<l 11 011 t frLtlto d elle capacit razio nali , nia manifc tazio11c <lei
c.li\ ino. Il Lesto rive lato non t co111po 10 <lall'nLtl(>rc .
1na da Dio stesso .
1

il

)
~

ll prin cipio dell" c1 i1 c lt)l'itc1~ non poteva e~ ere men tito


da alcL1na prO\'a concreta . co ri idcra ta 111c.> lto niet1l1 autore\1o lc dcl IJa rere di L111 gra 11 cle elci pa ato. E en1plc1 rc il ca o de lla teo ria n1Lt ica lc, cl1c olo nel ~\'1
~cco l o giun e ad amn1cttere J'c !:>Lcnza clcgli accord i <li
otta\'a, nc.)n pre\' Li da ll'a t-1 Cl<) rj((tS in tnateria , Severino Boezio (Vl secolo <l .C.), il (tLtalc i eri1 li11'1itato <l riferire le ar1cor pitt anticl1c clottri11c pitag(Jri cl1 e ( > A11r1011ia 1r11tsicale). Nc lt'illus tr<1zio nc e riprc.1 <lo tta t1na
111 inia tL1ra dal SLl O Dc c1.ritl1111ctic c1. (/e 11111 icc1. Alla cli,isio11c pite:1gorica della ricerca cic11tirict1 i11 ~1rit1n r ti ca,
gec.) 111etria. 111t1s ic<1 e a trono 111ia ri algono le c-1r1i del
q11adrivio, alla base (lell'edt1cazio11c nic(Jt t\(.1lc.

207

MEDIOEVO

Averroismo

TOMMASO D'AQUINO

Vedi anc11e Tomismo


verro fLt il no111e latino di ibn Ruschd , scienziato e filosofo arabo
s11ag11l)lo (nato a Cordoba nel 1126),
noll1 ir1 Occide11te come il Cotnmentatore' per avere tradotto e div.u lgato le
opere di Aristotele: il suo G1'a11de Com111t~ 11t o spiegava i testi aristotelici frase
per f1ase~ il M eclio Con1n1e11to si limitava
a delttcidarne il s e nso ~ il Pi ccolo Com111c11to 11e riassumeva il significato generale. Da q11esta minuta esegesi di Aristt">tcle Averro desunse una serie di tesi, incompatibili sia con l'Islatnismo sia
con il Cristianesin10.

Af[er111 l'eternit della materia,


IJreesistente a Dio e quindi non prodotta da l11i con un atto di creazione (-+ ).
Sostenne il monopsichismo, l'esistenza cio di 11na sola mente (anin1a)
superindividuale e universale di cui
l'ir1telligenzc1 (psicl1e) dei singoli sarebbe una semplice e provvisoria manifes tazione. I..:ttomo qttindi non possiede
un'anirna propria, ma partecipa, finch
vive, all'anima ct1llettiva. Contraria-,
m ente all 'insegnamento cristiano e
islan1ico, dal punlo di vista dell'individuo non esiste alcuna speranza di eternit: l'a11in1a destinata a morire assie1ne al cc)rpo.
Defin il principio secondo il quale
nella ricerca scientifica Je verit di fede
devo110 sottostare a quelle raggiunte
con la ragione. In caso di contrasto, secondo Averro., vale il criterio della doppia verit, secondo cui contemporaneam ente una stessa tesi pu essere ve ..

F ILt >SOFIA

ra in ambito teologico e falsa in ambito


scientifico.
Queste argomentazioni costarono ad
Averro una condanna all'esilio (nel
1195) e suscitarono il sospetto di eresia
sull'averroismo latino, l'indirizzo filoso-:
fico diffusosi in Occidente dopo il 1270,
in particola.re a Parigi per l'insegnamento di Sigieri di Brabante. Nel 1277 l'arcivescovo Stefano Tempier condann
219 tesi sostenute dagli aristotelici averroisti, iniziando cos una polemica filosofica che doveva concludersi solo con il
Rinascin1ento. Ci nonostante l'approccio averroista, che consisteva nell'assumere Aristotele come auctoritas (- ,.,) su-
periore alla stessa Bibbia, si diffuse a partire dal Xlll secolo fra i magistri artiutn,
i professori di formazione laica che controllavano nelle universit l'insegnamento delle scientiae (aritmetica, musica,
geometria) e della scientia prima , la metafisica aristotelica (<<Non si conosce nulla di nuovo dallo studio della teologia sacra >>era il loro motto).
Lo scontro fra questi intellettuali e
l'ortodossia religiosa raggiunse l'acme
con il Tomismo, ma nonostante la liquidazione operata da san Tommaso
(secondo il quale Averro aveva volutamente contraffatto l'insegnamento di
Aristotele) lo spirito dell'Averroismo sopravvisse nella tradizione aristotelica rinascimentale (in particolare in Pomponazzi). Il suo appello alla superiorit
della ragione sulla fede, al valore della
filosofia naturale (la pratica scientifica) in opposizione alla teologia, divenne un importante tass.ello della mentalit scientifica moderna.

208

MEDIOEVO

L'Occide11te ha avuto un
atteggiamento fortemen te aanbival ente verso la
cultura islaanica. Nel Xli
e Xlll seco lo sono fr equcnti le rapprescntazioni di un ideale co lloqLt io
fra sapienti grec i (o cristiani) e islan1 ici (nell'in1111agin e Porfirio e Averro). In rea lt il colloquio

non r1usc1
111a1 a superare
la barriera clclla lingtta e
l'a1)proccio occidentale rll
scn1pre fortemen te seletti\ 0 , interessa ndosi so lo
a ll e ope re sc ie11tifi c l1 e
is la111i che (o all e trad uzio11i grec he) senza alcun
interesse }Jer la fil osofia o
la religio ne dcll'Islaan .

,
~

(\~

n-

. --r:

-~

t~

d
IJ

Nei tr io nfi c..11 a n


T o 111ma o , , vc rroc ,
sco nftl to dal la u1Jcri <) rc cicnza cl I fil o~ lJ f o eri t1a no , g i nee
a i t i t) i r ied i , e ee ra t o
da 1 a p 1e r1 t 1 c o n1 e

fa I

t ra d Lt t tor t ' di
A r1 stotcle.

..

li... ll~ffll:~
I

I '

.~ lS

'

Lo sc l1cletro riprootto eia u11 testo pers iano cli anato1nia ( 1396) mostra notevoli i11congrue11ze, s pecie nella zc)na del le ancl1e. La clissezione anato1nica era vietata per motivi religiosi a11che nel inondo islami co, che svilttpp quindi la 1nedicin a basa nd osi so lo stti tes ti dell'anti chit (Galeno in particolare). In tutte le scienze l'apporto degli
Arabi s i limit() alla tras missione dell'antico sa pere greco (se nza produrre un'ulteriore elaborazione creativa). Ci nonostante la traduzione di opere dalla lingua araba ebbe un'inOLtenza profo11da nella riscoperta del pensiero scientifi co 11 cgli ultitni secoli de l Mcdioe\'O.

209

l)

MEDIOEVO

Tomismo

TOMMASO D'AQUINO

Vedi anc11e Averroismo

l Tom_ismo, la 1netafisica elaborata dal


frate clo111enicano Tommaso d'Aquino (1225-1274), costituisce una tappa
fondamentale nello sviluppo della filosofia cristia11a. 11 suo merito (tale da farne una dottrina ancora oggi feconda)
sta nel tentativo di conciliare la millena1ia tradizione della Chiesa con l'esige nza di assegnare il giusto valore alla
razi o nalit un1ana , che sul finire del
Medioevo si esprimeva nell'Averroismo
e I1cll'Aristotelismo.

zioni accidentali e accessorie). La novit


introdotta da Tom1naso sta nella contrapposizione fra questa tradizionale
nozione della filosofia (l'essenza aristotelica) e quella di esistenza. La sua considerazione che la mente umana capace di definire con precisione l'essenza
di cose che pure non godono di alcuna
forina di esistenza (per esempio di animali fantastici come il liocorno o i dischi volanti).
In terzo luogo Tom1naso mette in relazione la coppia concettuale essenza-esiste11za con quella aristotelica di potenza-atto. In questo modo il ciclo vitale di
ogni essere finito, che in termini aristotelici era i11dicato dal passaggio dalla potenza all'atto, viene descritto come passaggio dall'essenza all'esistenza. Ci
permette a Tommaso di mettere in luce
come ogni cosa finita goda solo temporaneamente della vita. Ci che esiste
vivo, ma non in s la vita, possiede l'esistenza, ma non l'esistenza. A ogni
cosa finita l'esistenza giunge dall'esterno (ogni nato riceve la vita dai genitori).
Ma tutto ci implica, su scala universale, che vi sia un essere originario
(Dio) da cui la catena delle esistenze abbia avuto in.izio; un ente tale da generare senza tuttavia essere stato a sua volta
generato.
Dio l'essere per eccellenza, definibile con massima ebraica <<lo sono colui
che sono>> poich in lui (e solo in lui)
essenza ed esistenza c.oincidono. Dio
quindi eterno, mentre il mondo, l'assieme di tutte le essenze che devono la loro esistenza a un impulso esterno, deve
necessariamente essere il frutto di una

creazione.

In prin10 lt1ogo Tommaso rivendica ancl1e per 1a teologia il carattere di scienza. Co1ne og11i for1na di sapere scientifico, anche la teologia razionale riesce,
partc11do da detern1inate premesse date
per certe (il testo della rivelazione) , a dimostrare per via deduttiva alcune importanti verit: l'esistenza di Dio, l'immortalit dell'anitna u1nana e soprattutto la creazione ( -+ ) divina del mondo
(questione cruciale perch negata da
Aristotele, soste11itore dell'eternit del
mondo).

In secondo luogo Tommaso procede a


un approfondimento (riforma) della
metafisica aristotelica in base alla distinzione (non presente nel pensiero del
filosofo greco) fra le nozioni di essenza
ed esistenza.
11 significato di questi termini simile a quello della vita quotidiana: l'esistenza indica l'esserci concreto, il fare
parte della realt; l'essenza (la quidditas, ci che risponde alla domanda quid
est?, ~che cos'', in latino) esprime lanatura profonda di una cosa e comprende
tutto ci che elencato nella sua definizione (escludendo invece le determinafJLO C) FIA

210

MEDIOEVO

Il Lrio11fo di sa 11 To111111aso. La po izionc cattedrati ca si ri cl1iama al la


solidita della C hi esa~ ai piedi del sa nto, sconritti , I r1lc) ofi arabt Averro e Avicenna , responsabili di una fai a' 1nterprctaz1 o r1 c di Ari tote le. Non<.1 tante la tradizione iconografica della Cl1ic a abbia pc so associato sa n Tomma o al teina del trionfo, l'acc:oglienza de ll a ua
opera no11 ft1 se m1Jrt favorevole presso i co ntc111 poranci . !'\cl 1277
l'a utorit cct lcsia ti ca di Parigi cond ar111 le te i to111 i te: (a ~teme a
c1t1ell e clcgli a ri to telici) e l'<.1 pp()Siz io nc da r artc cJcgl1 a1nb1c nti f rancesca11i lega ti a ll 'Ago~ tinis 111 0 cess so lcl UOJ)<) la bcaLifi caz 1011e d t
To111 1nasc.1 nel 1323.

Il concordismo. To111111aso ri co111po e i11 una


c.l oLLri11a Ullilaria e cris tia11a le ril o oric di Platone e di Aristotele (co ll oca ti in po i z i<-1 ne u lJor cl i nata a i su o i f ia n c 11 i)
scco11<lo t1n ideale co11cordistico ,
te 11 t a 11 do e i o <l i d i rn o s l ra r e ,
co11t ro Il' i11tcrprctazioni ercticl1 c di A \ Crr<)e, la possibi lita
di Ll 11 i n le r l) re t azio ne eri1

I,

s tiana di Aristo tele. Tt1t tc le ra111)rc cnta=io nt


di Tomma o hanno dt1c clen1cr1ti 1n co 1n unc: la
pre~en::a di l1l1ri ( egn l) t.:\1dc 11te cicli ..
Lta prc1)arazionc cicl i tri narta) e la
po 1z1c1nc 1crat1ca e 11n111ctr1ca
de l fil o o fo, edttto u un
tro no c1unc.1 regale, inibt}lc>
della so lidit della ua costruz1 0 11e fil o ofica .

211

FILO OFI

MEDIOEVO

Quadrato degli opposti

LOGICA MEDIEVALE

Vedi a11che Sillogismo, Inferenza


logici del Medioevo arricchirono la
trattazione aristotelica .d el sillogismo.
Essi osservarono che le premesse di
ogni ragiona1nento possono essere distinte per qualit (affermative e negative), oppure per quantit (universali o
particolari). Questi paran1etri creant) dei
11cssi necessari fra le premesse, che i logici medievali schctnatizzarono nel diagra111n1a nott1 co1ne quadrato delle op-

afferma cl1e alcuni non lo sono. E, se


nessuno di loro lo , sbaglia chi afferma
che alcuni lo siano.

La relazione sub-contraria (fra I e


O), particolarmente debole, quella per
cui le due proposizioni, particolare affer1na tiva e particolare negativa, possono essere entrambe vere, ma se la prima
vera non lo necessariamente la seconda: affermare che alcuni professori
sono dotti non implica necessariamente
che alcuni non lo siano (non si esclude
che lo siano tutti). D'altra parte non
possono essere entrambe false.

posizioni , o degli opposti.


Per ragio11i di tipo 111ne111onico si convenne di con11otare gli elen1enti del suddetto scl1e1na co11 una nc)tazione standardizzata: A, pri1na \'ocale del verbo
a<lfi11J10, i11dica. le proposizioni affertnative u11iversali~ I, terza vocale dello stesso verbo, le afferma tive particolari; E e
O sono .r ispettivamente la prima e la terza vocale di nego e indicano quindi le
negative universali o le negative particolari . In questo 1nodo possibile distinguere fra quattro coppie logiche di
situazioni, qui di seguito analizzate.
La relazione contraria si l1a fra una
proposizione di tipo A, universale affer-'
n1ativa, e una di tipo E, universale negativa. Le due frasi non possono essere
entrambe vere. Se vero che tutti i professori sono dotti falso il contrario, ossia che nessun professore dotto. D altra parte per potrebbero essere entrambe false (nel caso in cui non tutti, ma solo alcuni professori siano dotti).
1

Le relazioni contraddittorie (fra A e


O oppure fra E e I) sono quelle in cui la
verit dell'una implica la necessaria falsit dell altra. Se tutti i professori sono
dotti, allora sicuramente in errore chi
1

212

FILOSOFIA

Nelle relazioni sub-alterne (fra A e I


oppure fra E ~ O) la verit della prima
proposizione implica la verit della seconda, ma non il contrario. Dal fatto
che tutti i professori sono dotti consegue di necessit che alcuni lo siano, m.a
non il contrario. Ugualmente dall'affermazione che nessun professo re dotto
consegue che alcuni non lo sono, ma se
alcuni professori sono ignoranti non
consegue che nessuno sia dotto.
I rapp,o rti di inclusione/esclusione fra le
affermazioni messe in luce dal quadrato
servivano ai logici medievali nel lavoro
di riduzione sillogistica, ossia per operare la trasformazione linguistica e logica di una frase onde verificare la sua appartenenza a una delle figure sillogistiche riconosciute valide. Per esempio il
seguente sillogismo: gli Apostoli sono
dodici; Paolo e Pietro sono Apostoli;
Paolo e Pietro sono quindi dodici non
riducibile ad alcuna forma va lida ed
pertanto da considerarsi un ragionamento falso.

MEDIOEVO

Proposizioni

Qualit e quantit

Esempi

universale affer1nativa

tutti i professo ri sono dotti

tipo A

universa le negativa

tipo E

tipo I

alcuni professo ri sono dotti

particolare affermativa
-

tipo O

nessun professore dotto

partico lare negativa

alcuni pro fesseri non sono dotti

A ...._---contrarie---

E Schema concettuale del quadrato logico delle opposi-

Q)

Q)

'-

e
I...

Q)
-+-'

-ro

Q)

-ro

_Q

_Q

:J

:J

-+-'

rJ)

rJ)

zioni. La prima formalizzazione della f onni1lc1C(Lladra l a


si trova nel De dogmate PlaL lJnis di Apoleio. il poe ta latino sc rittore delle Metan1 orfo si cl1 e s i occtipo anche di
fil oso fia e di logica. Riformulato all'inizio del Medioevo
da Severino Boezio, il diagramma raggiun e la completezza con le ulterio ri aggiunte degli Scolas tici medievali , fin o a raggiungere la forma qui illus trata.

-~--sub-contrarie-_.

213

Il frontespizio della Ars


co1nbi11cito1i a ( 1666) di
W.G. Leibniz ri a s u111c in modo ese mplare
l'a nti co approccio alla
logica: il quadrato delle opposizioni s illogis ti c he , infa tti , fu so
co n quello t he oppone
fra loro i qu attro elenaenti ( ) natura li. ln
altri termini i rapporti
che regolano lo operazioni logic he so no gli
s tess i che nel mo neto
natura le governa no le
re lazi o ni fr a g li e lementi materiali .
F tLC) O Fl_r\

NEOPLATONISMO

Dotta ignoranza

CUSANO

Vedi a11che Dio geometra, Archetipo


icola Cusano, il pi i1nporta11te filosofo del Neoplatonismo quattroce11tesco, nel saggio L<t clolla ig1101~a11za
( 1440) utilizz il n1etodo delle analogie

atteggiamento possibile di fronte all'infinito e a Dio, concetti che sfuggono a ogni criterio di analisi. Dio al di
l della ragione umana, trascende ogni
cosa e non pu essere racchiuso in alcuna definizione.
I..:unico tnodo per affrontare il problema di Dio ricorrere a delle congetture, termine con cui Cusano designava
particolari analogie di tipo geometrico
capaci di suggerire la differenza fra il finito e l'infinito. Per esem1Jio la retta e il
cerchio sono figure diverse (finite) , ma
se si estende un cerchio all'infinito diventa impossibile distinguerlo da una
retta. Per questo si pu dire che Dio, esse11do infinito, tanto l't1na quanto l'altra cosa: contemporaneamente retta e
cerchio.
Queste analogie suggeriscono che
Dio al di l del principio di non contraddizione . In lui si realizza la coincidenza degli opposti (-> ): Dio il pi e
il 1neno, il punto e la circonferenza, il
minimo e il massimo. Il rapporto fra
Dio e il mondo pu essere pensato in
termini di contrazione/esplicazione
(- ,.):Dio include (con1plica, contrae) in
s tutte le cose: con1e l'unit rispetto
ai numeri, come il punto rispetto alle figure geometriche. Al contrario, il mondo l'esplicazione di questa unit: ogni
sua parte una determinazione della
divinit, un suo specificarsi in una concreta individualit. Queste riflessioni
condussero Cusano a riprendere le antiche teorie di Platone relative all'uorno
microcosmo ( ~ M icrocosmolmacrocosmo) e all'anima del n1011do ( ~), influendo cos in modo decisivo sull'intera cultura del XVI secolo e sul rinascente Neoplatonismo.

matematicl1e ( -~ Matesi) per affrontare


il proble111a gnoseologico. In base al
princiJ)io cl1e ogni conoscenza consiste
11el i1aragona1e , defin la conoscenza
ct1n1e Ltna propoyzio11e fra 11oto e ignoto (si possono conoscere cose nuove solo partendo da quelle gi conosciute).
L:acquisizi(1ne di nuove nozioni risulta
facile quandt) si affronta una sfida possibile , ossia co11cetti pi vicini e simili a
C(ttelli gi possccluti; al contrario, quando si cerca di risolvere problemi molto
lL) t1ta11i dalle nostre conoscenze attuali ,
in qualche n1odo sproporzionati con il
sapere umano (per esempio la natura di
Dio). bisogna confessa re la nostra i11capacit a co1nprendere.
Riprendendo i11 tern1ini nuovi l'antica
valorizzazione socratica del sapere di
11011 sapere ( ~ Maieutica) Cusa110 afferm l'esistenza di una dotta ignoranza che nasce dalla consapevolezza dei li~
tniti del sapere umano. Se si paragona la
verit a un cerchio, allora l'intelletto
umano sitnile a un poligono inscritto:
per quanto si aumenti il numero dei lati , esso non coincider mai con la circonferenza. Allo stesso modo la mente,
per quanto possa progredire, non comprender m.ai la verit in modo cos preciso da non poterla comprendere meglio
all'infinito.
Riproponendo il tema dell'inconoscibilit razionale di Dio elaborato dalla
teologia negativa (->), Cusano afferm che la dotta ignoranza l'unico
FtL<)S()FIA

214

NEOPLATONISMO

L' imm ag in e gco 111 c lri ca


de ll a coincidenza degli
opposti a ll 'infiniLo nell a
vc r ione <li G. Bruno (Dc:
Tripli ce f\1ini111 cJ et 1c 11 '\1.t r (1, 159 1). La c1rc(1nfc re1
1za di un cc rc l1ic) da l diameLro infinito d1,'enta indi LinguilJ1le (la una rett a.

Un'imm agine dalla Dotta 1g 11 c1 r t 111 ::(1 di Cu ano. ALt111cntando all"infinito d L1e lati cli un Lria11go lo , qLte to d i cnt a dcl tutto sirnile a una retta. Dio . argon1cnta qL1ind i il fil o of{) , e LanLo triango lo ttLtanto retta, poiche in lui tutte le co~c <l1~ t1nte
e di\1ersc, port ale all 'infir1ito, fini c;co110 cc)n il coi11 ci<lc re.

Se la ve rita e 1'01111i cic nza di,1i11\ so no u n cercl1io, all ora l'i11tcll ctto L11nan o CL1 111e un po ligo n() insc ritto . i potra au111 cntarc il nu111cro d ci SLtoi lati, rend endolo c1n prc piL1 i111ile al ccrcl1io. tLlLLc1via il LlO 11cri111ctro non di\ c11Lcra 111ai
una circo11fcrc11zn.

..

'

Cus,1 no d cfi111 Di o co me l'ente infinito in cui si realizza l<.1


co ineidc 11 z;1 dcgli <)P J)O~ L . Cio co n<l u se a .i 1n i)O Icgg1a rc
Di o con la qL1 aclra t ur~ dcl cc rcl1io, l ' i rrc~o lulJi l c e11ii,TJ11a ( ,. )
mate1n<l li co u cui gia i G reci a\'C\'ano a lu 11gu peculaLo.

Un tradizic) 11 alc 111 odo per pensa re


la conciliazione degli opposti la
fi gura dcll'a11drogii10 ( >), i I n1i Lito

esse re che riunisce in s la natura


dcl masc l1io e della fcn1111ina. SU(JCrat1do cos1 le dist inzi oni ciel n1ondo
na t tl raie. L'a r1d reg ino rapprcsc11 La
la c1tlad ratt1ra dcl cer chio in c'1n1po
biologico , il s t11)c ra 111 ento di og11i
di1nensi<) ne fir1ita e particolare.

215

F tlt)SL)fL\

NEOPLATONISMO

Matesi

CUSANO

Vedi anche Dio geometra, Dotta ignoranza,


Lingua sapienziale
varne il nascosto messaggio mistico. La
matesi una matematica che ama riflettere sulle antinon1ie, sui paradossi
(--+ Paradossi di Zenone), sui problemi
che hanno le caratteristiche dell'enigma (--+) o sono insolubili (quadratura
del cerchio, trisezione dell'angolo).
Il maggior merito di questa .disciplina
rispetto allo sviluppo della scienza l'avere posto il problema dell'infinito, che
Cusano descrive come coincidenza degli opposti (--+ ). Precisamente nel linguaggio della malesi l'infinito <<quella
figura geometrica, impensabile dall'intelletto umano, in cui tutte le figure geometriche coincidono>>.

no dei meriti del Neoplatonismo


rinascimentale (tale da fare di questa corrente filosofica uno dei presupposti necessari allo sviluppo del moderno metodo scientifico nel XVII secolo)
l aver affer111ato l'importanza delle 1naten1atiche. Ci che tuttavia i Neoplatonici intendevano con questo ter1nine
di\ crso dall accezione moderna, sia perch nel Quattrocento le co11oscenze matcn1aticl1e erano ancora molto arretrate
(la trigono1netria fu inventata nel Cinquecento, la geometria analitica nel Seice11to) , sia perch la mentalit di Cusano, Ficino, Bruno e persino Keplero
era a11 cora ben lontana dai criteri di
esattezza e di rigore necessari alla scienza. Nella prospettiva neoplatonica 'mate111atica' signific commento speculativo di determinati diagrammi (figure
geornetriche, numeri) allo scopo di elevarsi a pi profondi livelli di sapienza. Il
triangolo, il cercl1io, il quadrato, il numero uno, la forma grafica delle lettere
dell'alfabeto, i solidi di Bacco di cui Platone aveva trattato nella sua stereometria( -+) e altre figure ancora furono tutte considerate Jomae archetipiche, ossia
schemi, manifestazioni visibili delle
perfette idee platoniche (-+ Archetipo e

U
1

Cusano mantenne sempre questo tipo


di speculazioni sul piano della meditazione filosofica, utilizzando le figure come un semplice stimolo alla riflessione
(un buon esempio sono le considerazioni che egli ricava dall'analisi della lettera N svolta nelle Congetture, una vera e
propria teoria della dialettica: --+ ). Nei
Platonici del secolo seguente, e in particolare in Bruno, la malesi fu invece utilizzata all'interno di una prospettiva magica ed er1netica (assente in Cusano).
Lavvenimento che segna il passaggio al
nuovo punto di vista fu la scoperta della Cabala(--+) ebraica prodottasi in Italia dopo la cacciata degli ebrei dalla Spagna nel 1492. I maghi rinascimentali videro una conferma della matesi, a un
maggior livello di consapevolezza teorica, nel principio della ge111atria (--+), secondo cui ogni lettera dell'alfabeto
ebraico (la lingua con cui Dio cre tutte le cose, semplicemente nominandole)
sede di un significato e di un potere
trascendenti.

Idea platonica).
A questa strana geometria filosofica, in
cui sono evidenti gli influssi del Pitagorismo, stato dato il nome matesi speculativa. Le sue figure non servono a
dimostrare alcunch, non sono strumenti utili allo sviluppo di alcun teorema scientifico; sono immagini simboliche che esemplificano nozioni trascendenti altrimenti inesprimibili; figure da
contemplare (interiorizzare) per ricaFILOSOFIA

216

NEOPLATONISMO

'

Pater

E
Spiritus
Sanctus

Spiritus
Sanctus

I E.

'

Trinitas

IEUE

unus Deus

U Filius

I Pater

_j.__J

EU

UE __.\,. . . . . . . .
Spirilus

Filius

Sanc.. lus

Una delle pi anticl1e Lec11iche della matesi co nsistev<1 nell'interpretazione mistica delle lettere
deU'alfabcto. Le figure 1nosLra110 dLte esempi tratti dal LilJ1c1 de lle fi gLlte del monaco Gioachino
da Fiore ( 1130-1202). A cau a dc lla loro partico lare forma, le lettere greche ornega e alfa ~on <.> interprctate come un sin1bolo (un arclietipo, nella tcr1ninologia neop latoni ca) della Trinita <li vina.

o..----

e
E

A ...___,

K Le riOess ioni di Cusano sulla lettera N (Co 11gettt1 re) : A rappres enta il scn1e, O l'albero, G l'altrt> en1 c, K l'altro albero, e co -1 via. Si vc<lc cl L1nqt1c cl1e
il se me A, per prod urre il se me G, dev e prima
a ccndcrc al punto D. apparentemente <l e\1 ia ndo
<lai uo scopo finale . Ma ancl1 e l'albero O, vcdcn<lo
I di r1on poter conservare se medesi1no e non in un
albero si111ile a s, ten<le a K , ma non lo put> raggiungere senza piJ sarc attravcr o G. No11 ~o l o vi
co11ti11L1ita fra gencrazio11c e co rrt1zionc, nia la generaz ione di una cosa la corruzi one di un'altra.
H

...____, G
Teth. Heth, Zaio, Vau. He, Daleth, Oblmel, Yetb. let.

Legandosi all<l ge1r1atria ebraica la


111atesi s i tras fo rm nel Rinasc in1ento in una varia11te della 1r1agia
(- ) ). Cornelio Agrippa , fil oso fo,
mago e disce po lo di Cusano , elabor talis ma11i usando lettere cbraicl1e e invent nuovi alfabeti cabalistici. Quelli riprodotti sono i caratteri della scrittura celeste elaborata, seco ndo Agrippa , dagli ''ntichi
sapien Li egizi in base alla dis ~1os i
zionc delle stelle.

Tead. Pe. AJo. Bamecb. Nu.o. Mem. Lamed. Ca!, lod,

Tau._

217

Scln.

Reab. Cot.

......

NEOPLATONISMO

Dio geometra

L'ARCHITETTO DELl.?UNIVERSO

Vedi anche Coincidenza degli opposti,


Proporzione aurea, Aritmogeometria

T 'affermazione che Dio ha dato forma


L alla natura tramite la geometria non
si trova cs1Jlicita1nente in Platone, ma
da quando nel 100 d .C. lo scrittore Plutarco l,attribu al filosofo greco essa
c11trata a far parte a pieno titolo della
traclizic)ne platonica.
Le idee 111aten1atiche e geo1netriche,
i11fatti , godono di un ruolo privilegiato
n e l sis te1na platonico: sono l'esempio
piit perfetto di con1e le Idee( -~ Idea plat cJ11ica ) siano entit assolute e preesistenti alle cose concrete.
Quanclo si disegna un quadrato o un
tria11golo si allude evidentemente a forme ideali ed ben chiaro che le propriet geometriche si applicano solo a
queste figure perfette e prototipiche, di
cui lo sche1na manuale tracciato sul fogl io rappresenta solo un richiamo sensibile. Non per nulla sull'ingresso dell'antica Accademia platonica di Atene
ca111peggiava il motto Non e11t1i eh.i non
geom et1a: la matematica una via di
accesso privilegiata al mondo delle
idee, uno strumento utile alla percezione del di,,ino.

caotica e d origine agli individui. Dio


stesso ha una natura eminentemente
matematica.
l:enfasi posta sia dal Neoplatonismo
sia dal Cristianesimo sul valore assoluto (religioso) della matematica port all'invenzione della matesi ( ~), un metodo che specula sull'espressivit metafisica delle figure geometriche ass~nte come arcltetipi, simboli di verit superiori. Per questa via, in cui confluiscono
sincreticamente suggestioni derivanti
dal Pitagorismo e dall'Ermetismo ( ~ ),
si afferm l'idea che la matematica sia
una forma di conoscenza superiore (i filosofi platonici amavano ripetere che
<<due pi due fa sempre quattro, anche
nella mente di Dio>>). Il Rinascimento
svilupp queste considerazioni dal punto di vista magico, riportando a nuova
vita l'antica tradizione pitagorica della
numerologia (~), l'idea che le cifre siano sede di sapienza e di potenza.
Oggi gli storici della scienza hanno dimostrato che nel XVII e persino nel
XV111 secolo lo sviluppo del metodo
scientifico non comport un'immediata e radicale contestazione dell'idea
neoplatonica secondo la quale la matematica una forma di partecipazione
al divino. Ci spiega perch ancora
Leibniz e persino Newton abbiano
mantenuto una forte curiosit verso gli
aspetti extrascientifici della matematica e, anche se in un quadro di pensiero ormai razionalista e scientifico, abbiano a loro volta sentito il fascino delle suggestioni derivanti dalla Cabala
( ~), dalla magia dei numeri e dall,arte combinatoria (- ).

Fra gli attributi di Dio il Medioevo pose quello di Protogeometra, volendo


con questo significare che Dio impieg
nell'atto della creazione le stesse scienze utilizzate dall'uomo per investigare
la natura: l'aritmetica, attraverso cui
stabil il numero delle cose; la geometria, con cui ne determin la forma e la
misura~ la tnusica, che garant l'armonia
e l'equilibrio dinamico dell'universo. La
matematica, insom1na, lo strumento
con cui Dio ha dato forma alla realt:
essa limita l'illimitato, separa la materia

FILOSOFIA

218

NEOPLATONI SMO

Dio con la bilanci.a e il compasso ir1 u11'immagine dell XI seco lo. Vi una stretta connessione fra i temi iconografi ci sv iluppati dall'immagine del Dio geometra (la squadra, la riga , il compasso, la bilancia ... ) e i simboli della Massoneria , nata nel '\1111 seco lo.
1

In una Bi1Jbil1 del 1250 il Dio protogcometra d


ordi11e agli eleme nti d cl mo ndo t1tili zza 11 do Lt n
co rnpasso. Nell a rin essio ne m i ti ca e tcc)logica
della 111atcmnti ca ( ttratesi ) co nfllt ir<) no ia In Lr<1dizionc neoplatoni ca sia c1l1ella pi tagori ca.
Il compas o C<)111e simbolo della perfezio ne de ll'ordine cosmico e del- Vniiasef.settft~
l'azione pianificatrice di Di o. L'u o di questa mctafora raggiun e il Vnusl'])eu,s
mass ir110 della freqL1enza nei primi decenni del Scicc11Lo (al decollo della scicn Lificit moderna), ir1 particolare presso ambienti 111agico-e rm ctic i. (A sinistra il co1npasso m.istico dcl n1ago inglese R. Fludd; n llestra
La versione dcl tedesco V. Weigcl.)

Pater.

~-----A.

Thco

logia

filius.

LV X
Pbilofo

TENI

rus.

phia.
~l\.A.

Mwidus vel Homo.

tn
219

FILO~L1FI.~

NEOPLATONISMO

Coincidenza degli opposti

CUSANO

Vedi anche Dotta ignoranza, Matesi, Contrazionelesplicazione


~

ulla base della dottrina della dotta


_ ignoranza il neoplatonico Nicola
Cusano afferm che mentre la conoscenza umana sempre fondata su un
paragone (un rapporto) tra elementi relativi, la divinit si trova al di l di ogni
rel,1tivismo, oltre quel principio logico
di non contraddizione che fonda ogni
Si1pere umano. Essendo infinito, Dio
ptt essere contemporaneamente qualsiasi cosa e il suo contrario, tanto che lo
si pu dire una coincidenza di opposti.
In lui convivono il pi e il meno; il massimo e il 1ninimo; si pu definire Dio come il pi grande in assoluto, ma anche
co1ne il pi pi ccolo in assoluto; come
velocit infinita e quiete assoluta. Queste coppie di opposti (e tutte le possibili altre) non possono coesistere nel nostro mondo, ma ogni cosa che appare a
noi relativa e determinata sempre e infinitamente presente nella divinit.

due opposti metalli in cui si materializza qualsivoglia tipo di contrasto (il Sole
e la Luna, il caldo e il freddo, il maschio
e la femmina ... )
In questo modo la coesistenza di una
duplicit (il tutto e il nulla, la forza e la
debolezza, il profano e lo spirituale ... )
divenne nel Rinascimento un ideale filosofico e uno stile di vita. Pico della
Mirandola lo espresse nella dottrina
dell'uomo catnaleonte (--.. ), mentre al
rango di simbolo della pienezza integrale dell'essere umano fu eletta la figura
dell'androgitto (-> ), il mitico essere originario bisessuale che Platone aveva introdotto nel Simposio per spiegare alcuni aspetti dell'attrazione erotica.
Del resto anche la teoria della scala
erotica (-+ ), a sua volta elaborata da
Platone nel Simposio, fu letta dagli
Umanisti secondo questa nuova categoria interpretativa. Nel legame posto da
Platone fra amore sensuale e amore per
la sapienza si volle vedere un ideale di
coincidenza fra carnalit e spiritualit,
fra amore per il profano e amore per il
sacro, giustificando anche per questa via
l'avvento di una nuova mentalit basata
sulla rivalutazione del corpo, dei desideri e delle passioni.

La teoria della Coi11cidentia oppositorum,


elaborata da Cusano solamente in relazione a Dio , fu in seguito assunta ed
estesa dai pensatori rinascimentali be~
oltre l'ambito teologico, diventando un
elemento tipico della mentalit filosofica neoplatonica. Marsilio Ficino, per
esempio, fece notare che anche nell'essere umano (in quanto copula mundi: ----. ) si realizza una coincidenzadi opposte nature (il corpo che rimanda alla
materia e l'anima che rimanda allo spirito), mentre i maghi ermetici trovarono in questa dottrina una conferma teorica della pratica alchemica, nella quale l'evento della trasmutazione in oro
avviene a seguito della congiunzione di

flLOSC) flA

La coincidenza degli opposti divenne


in questo modo un elemento regolatore generale della mentalit rinascimentale. Solo cos si spiega come per un
breve periodo si sia pensato di poter fare coesistere in un'unica sapienza totalizzante l'Aristotelismo con il Platonismo, il Cristianesim.o con la magia,
l'arte con la scienza.

220

NEOPLATONISMO

Nell'imt11agine alcl1emi ca riJJrodotta il Sc>lc e la Lu11a (maschio-fe1111nina. fi so-volati le. Zolfo, Mercurio ... ) si da n110 lJattaglia, nia il pri neipi o dclla coincidenza degli opposti ri badito dalle raffigLtraz ioni in,1 ertite del So le e della
Ltt na sugli sct1d i.

La coincidenza degli opposti in un quadro del Tiziano, An1ore scLcro e c1mor profa110 ( 1515) . L'a1nore terreno rappresentato dalla donna ricca mente vestita, CLti significativamente fa da sfondo
un })aesaggio naturale; l'amore intcllettLtale i11vece rappresenta to dalla donna nLtda (nuda con1e
deve essere la verit) , cl1e si staglia st1llo sfond o del cielo. La sua superiorit dimostrata dalla preminenza della fi gura, tuttavia il ba1nbir10 che rimescola l'acqua dentro il sarco fago indica la necessit di Ltn continu o interscan1bio fra i I puro amore per la sapienza e qttel I.o profano per i corpi.
Le fi gure in lJassorilievo sul fronte d cl sa rcofago (cavalli e scene di lotta) indicano che la climensionc passionale e istintt1ale la base e il for1da111cnto di entran1bi i tipi di nmorc.

221

1LO O FI."

NEOPLATONISMO

Contrazione/espi icazione

CUSANO

Vedi a11che Microcosmo/macrocosmo


ella fil t)sofia neoplatonica di Nicola Cusano la polarit contrazio11elesplicazio11e i11dica il rapporto fra
Dio e il inondo. Dio ttn universo implicifo, in quanto contiene in s sotto
fc) r111a di unit tutto quanto vi di molteplice nel 111o ndo. Viceversa l'universo
u 11 c.l ispiega1nen to o una esplicazione
di Dio, in quanto tutti i suoi oggetti son t) for1n e co n crete , individualizzate e
rela tiv e , cli ci ch e in Dio perfetta

questo modo riusc a conciliare la decisa affermazione della trascendenza (--+)


di Dio con quella di una identit strutturale fra Dio e il mondo , ma si tratta di
un delicato equilibrio dialettico fra due
concetti opposti e incompatibili che doveva dare facilmente luogo a interpretazioni diverse.
I pensatori neoplatonici rinascimentali
videro nella nozione cusaniana di contrazione/esplicazione una conferma della teoria dell'uotno microcosmo: esattamente come in Dio sono complicate
(nel senso letterale: 'presenti insieme')
tutte le cose, anche nell'uomo, in quanto dotato di un corpo materiale e di
un'anima spirituale, possibile ritrovare, in forma contratta, tutto il creato.
<<Anche l'uomo un Dio, se pure non
assolutamente, perch uomo. un Dio
u1nano o umanamente un Dio>>, si spinge ad afferma re Cusano, ponendo cos le
premesse teoriche della dottrina ficiniana dell'uomo copula mundi (- >).

ll 11 i t.

Cusano an1mise che questo processo


di co11trazion e/esplicazione, per il quale
il tn o 1te1JI ice si riduce all 'unit e vice\1ersa l'u11it si esplica nel molteplice,
d estinato a ritnanere un paradosso senza s1Jiegazione p er ogni m ente u1nana,
st1pcra11do di tnolto le possibilit dell'intelletto (--+ Dofta igiaoranza). D'altra
parte non esit a trarre da queste congetture tutte le deduzioni possibili sul
piano scientifico, astronomico in particolare, anticipando cos per molti versi
la rivoluzione copemica11a ( _,.) del seco lo seguente.
Se l'universo un Dio contratto, egli
argome11t, non pu essere chiuso e fi:..
nito; in esso non vi pu essere un alto e
un basso e neppure un centro o un insuperabile limite esterno. Cos come
Dio in cielo, in terra e in ogni luogo,
qualsiasi punto dell'universo pu_ essere
centro e peri[e ria.

Verso la fine del XVI secolo G. Bruno,


forzando il concetto di contrazione/esplicazione fino a trasformarlo in
un rapporto di identit, convert la filosofia di Cusano in una prospettiva pa11teistica e im1nanentista (--+ Immanentismo), totalmente decristianizzata e ben
lontana dall'indirizzo del maestro. Per
Bruno Dio e mondo coincidono in un'unica realt; la divinit la mente, l'intelletto del mondo, non pi un ente separato (per contrazione) dalla natura,
ma la natura stessa. A questa quindi
vanno attribuite tutte le caratteristiche
che il Cristianesimo attribuisce a Dio, a
cominciare dall'infinit.

Cusano, inoltre, fu sempre attento nel


sottolineare la distinzione fra Dio, in
cui si realizza una perfetta coincidenza
degli opposti (--+), e la natura (in cui la
vita si realizza in forme relative e individuali), evitando cos il sospetto di
panteismo o immanentismo (----..). In
FILOSOFIA

222

1;~
(1

NEOPLATON lSMO
Cusano pose il rapporto fra Di o e mon do nei le rmini di unita- moltep licit,
riprendendo cos. in termini nuovi
l'a11tica mistica pitagori ca dell'u no , un non-nttme ro cl1e la nume r o logia ( - >) chi a mava parimpari da cui ttltle le altre cifre cleri van o per esp licazio ne.

basis pyram is lucis

-::::....-~

....s.

"'

-
-.-,
""

r ,;

--::..
~

Nell e Co11gettt1rc ( 1440) C usano , riprendendo in modo n_U()VO l'antica m etafora de Ila ltlce dell'a ntico Neopla101ris1no ( ~ ), rapprcsc r1 t i I co nce tto
di co ntrazione/esplicazione con il diagra1n111a riprodo tto. L' uni ver o e la
coi;npen ctrazion e d clue piramidi le CLli basi defin iscono altem atjva mente Lln con o di lt1ce (Dio) e un cor10 di tenehre (la 1nateria , il corpo).

. .. ... "-
.:-,, ,. .
.-!"

,.-

,1

s
"~g
!j

I.,

"'

/~
t :::

'

'\

,i t

t \i ..
~

..

c.Q

--

H"'J~
"
Gt
..._ .... .
._, ~
~

e-

~:

"!)

. e ~,. . . .v

. /"

~{-

-<:)~ ;

e
3
,..._

--

. J

..

'

'

li filoso fo e m ago inglese R. Fludd (Sto1ia cli e11tra rnbi gli i111ivers i , 1619) trasform il diagra mma
di Ct1sa110 in Ltna rappresentaz ione dell'1101110 tt1icrocos1110 . argom e ntando che an t l1 e in ogni indiviclt10 s i co111pe11etra110 l~l divina piramide luminosa e quella nla teria le e oscu ra. An cl1e il So le. pt1nto di in co ntro fra I.e cltte pira rnicli, cleve essere considerato come ltna n1a nifestazion e \risibile cli Dio .

223

FrLO O FI.

NEOPLATONISMO

Microcosmo/macrocosmo

PLATONISMO,
PITAGORISMO, MAGIA

Vedi ancJ1e Anima del mondo, Simpatia cosmica, Androgino


g11i uo1no un microcos1no, ossia
.. Ltn inondo in miniatura, poich la
sLta struttura (sia anatomica sia psichica) ripete in piccolo qt1ella dell 'universo. Viceversa la Terra, le stelle, i pianeti
e il cosino nel suo co1nplesso sono sin1ili all'uo1no; sono grancli ani1nali, vivi
e dotati di un'ani1na oltre che di organi
e di n1en1bra.
r

sta, in quanto sede dell 'intelletto, al


fuoco), Platone sottoline con enfasi
l'elemento pi strano e importante della forma del corpo umano: la sfericit
del cranio. Non affatto per caso, argoment, che questa sia l'unica parte
del corpo che si avvicina alla rotondit:
la testa, infatti, nettamente distinguibile dagli altri organi, la sede dell'anima
razionale, del pensiero e delle capacit
sensoriali. Nella testa, la sua componente pi omogenea al divino, strumento dell'intelligenza e delle funzioni
cognitive, l'uomo perfettamente sferico. E se di fatto, aggiunse Platone in un
divertente mito, gli uomini non sono
forma ti dalla sola testa ma possie.d ono
anche un corpo, la ragione solo di natura puramente funzionale , per esigenze di ordine 1neccanico. Infatti i primi
uomini, a11drogini perfettamente sferici, erano in difficolt nel muoversi rotolando sulla Terra a causa delle asperit del terreno. Chiesero e ottennero
quindi dal Demiurgo l'aggiunta di un
adatto sistema di sospensioni (il tronco
e le gambe), tale da permettere loro di
spostarsi con facilit.

'

Questo concentrato di vitalismo, animismo e antropomorfismo (-+ ), noto


co1ne leo1ia dcll'idc11lit J1a uorno e u11ive1so, ossia fra microcosmo e macrocosmo , una dottrina molto antica, rintracciabile quasi negli stessi termini nelle pi differenti culture. Prima di essere
rifiutata dalla scienza a partire dal XVll
secolo attravers ogni fase della cultura
europea, for11endo la base teorica per
u11a diversificata gam1na di scienze: la

ntagia, l'astrologia, l'arte della 1ne1noria, la 1nedici11a degli u111ori e la psicologia dri teinpua1net1ti. Nel inondo greco solo Aristotele, contrario a qualsiasi
forma di anirnismo cosmologico, la contest (anche se non esplicitamente: semplicemente tralasci di parlarne).

Platone nel Tirneo intese invece dimo-

Posta in sordina nel Medioevo, per i


suoi evidenti aspetti di anirnismo e panteis1no, l'analogia fra l'uomo e il cosmo
ritorn di grande attualit nel Rinascimento, entrando a fare parte dei fattori
che favorirono la diffusione del pensiero magico (-+ Magia). Ancora all'inizio
del XVII secolo l'astronomo Keplero,
nel suo saggio sull'A1"monia dei mondi
( 1619), paragon la Terra al corpo di
un.a balena (il cui respiro, pi o meno
forte durante la veglia o il sonno, darebbe spiegazione delle maree).

strarla attraverso un confronto particolareggiato fra il corpo umano e l'universo, giungendo cos a elabor.are una
strana fisiologia di tipo sirnbolico (una
medicina filosofica) in cui tutta l'attenzione rivolta alla forma degli organi
(non alla loro funzione). Dopo aver osservato che le ossa e lo scheletro, le
strutture portanti dell'essere umano,
possono essere paragonate alla Terra
(cos come il sangue pu essere paragonato all'acqua, il pneuma all'aria e la teFILOSOFIA

224

NEOPLATONISMO

~-==----------=----------=-=--==------===-===~

..

..

La ve rsio ne estrer11 0-o ric11lalc


clcll"Ho1110 ad cira1lu111 , il s.i111b()lo pitl IJrrgna 11tc clcJl ,1 do ttri11a dcll't101110 111 icrocos 111 0.

.. .

:. ,I . .

.
I

-
~

.......,

...

1: ..

.. ' ..

'

~;'..>(

-..

..- ~~--

IllLt trazi one <1nc.> 11 in13 t.1rdc)- lTi t(l ie,~1 l c tlcll Lt0111 0 111i cr<.)coc;1n o . _ i 11 c.1 li l'accc ntu at.,1 lin eari La
tlcgli arti (tronco , g~1mlJc e IJ raccia) <:c.) r1tr,1r111(1 la
a ll ~1 ~fcricit de l cranic.J , clic ri1)etc in 11iclc.1 ll1 l:t
fo r111<1 de ll 'Ltni\1 rrc;l1 ( ~ i 111IJo l cgg iat () d::l l cc rcl1icl
r l1e circoscri,1c la figttra ). cco11(l<.> le 111 tl1 cazit) n i dt I Ti 111 f<' JJl.1 tonico.

Ncll' illL1~tra zio 11c

riproc.lotta cla
..
un t rat Lato 111edico ciel :\I V eco lo rclat\'O al IL1nzi<1 11a111e11 tu
c.lclla percezione ' 'isi,a, il cc n cll c.)
110 _icclc la ~ te a tnttlLtrn a ccrcl1i co ncc11tri ci cJcl co 1110 tl ri t otelico. Le fL1r1 zioni intell eLti\'C o no cl ec rittc trarnitc circonvolt1zioni , capaci
cl i fu 11ziL)narc , c<.>111 c Ltn'ant cn11n . olo
CjLl<l ntll) entra11 u i11 into nin ccl 1 lt cir-

to n\1o ltlZL)t1 i c<) ~ n1i c l1c. , ~c co ncl o i

dc tta111 i <lcllrt 1ncdicin(,'l pl:ttl)nica.

225

NEOPLATONISMO

Anima del mondo

PLATONISMO

Vedi anche Microcosmo/macrocosmo


,..... econdo la dottrina dell'anima del
~mondo, l'universo fisico deve essere
cor1siderato un essere viver1te dotato di
organi, di 111ovi1nento e q11indi anche di
ttn 'a11i1na ( ~ ). Il mondo un grande
animale cl1e co1nprende al suo interno
altri .lt1i111ali (i singoli corpi celesti, il
Sole, la Ter1a, la Luna, i pianeti) sui qual i viV()O(), a loro volta, altre forme ani111ali (tra cui gli esseri umani).
Q11esta idea, gi presente nelle antiche
tradizic111i n1itiche e nel pensiero orientale, entr nella storia della filosofia con
il Ti1l1(0 di Platone, che la present corne 1111a 11eccssaria conseguenza dell'anal()gia fra microcosrno e maerocosrno.
I n fa t ti , se I ' u t> rn o e I' u n iv e r so son o
strtttturaln1ente simili, allora bisogna
an1mettere tratti tipici dell'urnanit (la
vita, l'ani111a, persino il pensiero) anche
n.cll't1niverso.

zione raggiunse maggior fortuna, presentandosi come fondamento dell'idea


di si1npatia universale (->) che giustificava la pratica dell,alchimia e degli incantesimi. Nella mentalit rinascimentale tutto collegato con tutto perch
ogni cosa solo una parte (un organo)
di un grande animale: l'universo. Anche
se pu non rendersene conto ogni singolo uomo strettamente correlato alla
totalit del cosmo, cos come un piede
pu anche non sapere di essere parte di
un corpo, o un parassita pu vivere all'interno di un organismo.
In qttesto modo, equiparando i fenomeni della fertilit vegetale a quelli della fecondit animale (e abolendo ogni
distinzione fra chimica e biologia), la
Terra fu veramente pensata durante .il
Rinascimento come un animale: le
piante sono i suoi 'peli', le foreste i ~ca
pelli', il legno le 'ossa', i fiumi sotterranei le 'vene', l'acqua il ~sangue'; le miniere e le caverne sono assimilabili a un
'utero' del mondo, in cui nascono e crescono gemme e cristalli minerali. Su
queste basi gli alchimisti concepirono la
produzione dell'oro come una semplice
accelerazione (non una smentita) delle
leggi di natura.

Come spesso accaduto per le idee pi


semplici e anticl1e, la nozione di anima
dcl mo11do ric1ncrse in 111olteplici occasioni nella storia del pensiero, variamente adattandosi a contesti diversi. Gli
Stoici (- > Stoicism.o) la identificarono
con il p11eu1na ( ->) cosmico, quella forza divina, ma immanente alla natura,
cl1e governa e fa vivere l,intero universo.
Plotino recuper la nozione all'interno
dcl suo siste1na, facendo dell'anima del
mondo una delle ipostasi dell'Essere, la
seconda emana~ione intermedia fra il
Dio-Uno e il inondo materiale, cui essa
d ordine (-> le due voci evidenziate).
Nel pensiero cristiano (in particolare della Scuola di C11artres) l'anirna del
mondo fu equiparata allo Spirito Santo,
ma fu soprattutto nel pensiero magico
(e quindi nel Rinascin1ento) che la noFlll>SOFIA

Combattuto dalla scienza moderna come f orina di antropornorfismo (-+) il


concetto di anima del mondo fu ripreso
in epoca romantica all'interno della filosofia della natura (-> Finito/itrfinito). Schelling (Sull'anima del mondo,
1798) se ne serv per argomentare il
principio della continuit fra mondo organico e inorganico, in un tutto da considerarsi come un organismo vivente
(-> Assoluto).

226

NEOPLATONISMO

Una ra pprese nt az io ne sccc 11tc ca dcl co


me grande a ni111ale.

111 cl ('O-

La vers io11e particola rnle nte elaborata dell'uovo


cosmico prop<.1sta cla Udegarda di Bingen, 111istica ted esca d el XII secolo.

Secondo A. Kircl1er ( Mu11dus s11LJlcrran et1 s, 1682)


la Terra, co111e un essere vivent e, possiede un sis te111a v e11oso co rnp osto da fiurni sotterranei di
lava, alime11tati da Ltn 'etto re', t111 fttoco ce11trale.
l 'uovo cosmico ( pitLLt ra in diana, XIX seco lo). Uno d e i
111 odi p er es prin1e r e l' idea
che I'u11ive rso sia un esser e
vive nte p e r1~~1rn c la na cita
a ttraverso Ltna via bi o l ogi c~l .
co n1e un co m.une a nima le.
So prat l Lt tt o nel p e ns ier o ori ental e n1o ltc a nti c h e cos1nogonie (teorie d ell'o rigine
clel co mo) sono fo11<le:1te sull' id ea d ell o sc l1ittc.l crs i progressivc.1 di un tto \10 cos111ico:
il gttsc io ai1<lr a forn1a re la
fera delle stelle fis e, l'albu111 e i ciel'i . il tLtorlo dar o ri gine a l la Terra.

227

FtLL1~ 0FJ.\

NEOPLATONISMO

Copula mundi

FICINO, RINASCIMENTO

Vecli anc11e Contrazione/esplicazione


1ter1nir1c Rinascimento fu introdotto
11cl 1860 da j. Burckhardt (La civilt
<ll l Ri11asci11lc11ll> i11 Italia) per indicare
4 uc l 111()\'i 111 en to lette rari o, pittorico e
fil <.)St)fic() 11ato ir1 Italia alla fine del XIV
scco l() e clifft1sosi poi in tutta Et1ropa.
Stt() presupposto fu l'i n te11so lavoro di
riSCl))JC rta e traduzic)ne dei testi classici
sv<)lt o cl~1 gli Umanisti delle precedenti
glncrazic)ni , la ctti opera si s\rolse so~)f4llt tt tto su 1 piano letterario e filologico. L.:i 11 tera CLt 1tt11a ri nasci111entale ptt
essere si 11tctizzata in tiue princpi.

non pura spiritualit ma anche concreta fisicit .


Per tutto il secolo il corpo umano rimase l'oggetto privilegiato di studio sia
nell'arte (che l'assunse come modello di
misura e proporzione) sia nella scienza.
Lo di1nostra la nascita dell'anatomia,
scienza sconoscit1ta nel mondo greco e
vietata nel Medioevo per 1notivi religiosi.
Le pri111e ricerche anatomicl1e ( - > Fabbrica del corpo) si ponevano ancora in
bilico fra speri111entalis1no e filosofia: il
corpo non era considerato co1ne nlera
materia (carcere dell'anima, degenerazione dello spirito) ina vissuto come sede di valori. Recuperando le antiche dottrine platoniche dell'equivalenza fra n1icrocos1no e n1aerocos1no ( ~ ) il Rinasci111e11 to celebr il corpo u111ano come la
struttura esemplare di tutto l'universo,
studiando il quale possibile risalire a
t1gni LiJJO di verit. Una nuova prospettiva antropologica si sostitu a quella
teologica del Medioevo e cosmologica
dell'antica Grecia.

Centralit dell'uomo. In opposizio11e alla s\1alutazi()t1e n1ed ievale vi fu in


questo periodo una riscoperta dell'uo111l1, del suo ''alore e della sua dignit.
Ficino si11tetizz questo concetto nella
dottrina dell'uomo copitla n1u11di : l'uo111t1 egual1ne11te dista11te da Dio quanto tlagli strati pii1 bassi clella creazione,
il centro di si1n111etria fra il inondo infcriore e superiore. La scala metafisica
degli esseri co111pre11de cinqtte gradini:
il corpo; la qualit~ l'ani1na (l'uomo);
l'a11gelo; Dio. t:uo1no posto in posizione ce ntr~1 le nel sistc1na, il termine medio, C<)t1<lizione unica e i11vidiabile che
lascia l'i11dividuo libero di decidere che
cosa voglia essere, se tendere verso l'alto (spiritualit) o il basso (corporeit).
Di analogo significato la metafora dell'uotno ca1naleo11te (->) proposta da Pico della Mirandola.

La figura di Leonardo, scienziato, pittore, letterato, ftt il prototipo esemplare di


uomo integrale che ancora non conosceva la specializzazione scientifica e accresceva le sue capacit in ogni direzione. Questo ideale di umanit totale
(che sfocer nel secolo seguente nella
pa11sofia: ->) fece del Rinascimento l'epoca dei manuali: non v' argo1nento
legato al benessere dell'individuo e al
potenziamento delle sue capacit fisiche
e psichiche su cui il Rinascimento non
abbia pubblicato una guida pratica. Non
per caso l'arte della mrnioria artificiale ( ~) esplose proprio nel secolo che invent la scrittura tipografica.

Integrit dell'uomo. 1n opposizione


alla 111e11talit medievale , cl1e valorizza\ 1a soltanto la SJJiritualit, si sostenne
che tutte le di1nensioni dell'umano
vanno accettate e potenziate, con1presa
quella corporale. L'uomo integrale
Fll_(.)SOFIA

228

NEOPLATONISMO
La sca la n1ct,=tfisica degli esseri elal1orata da C. de BoueUes m ostra l'L101n o co r11e sintesi del e.r eato , IJrodotto fin ale della nat ura.
~

>
...,

,...

.-.

"t>

. ~',

Hom o

...

"

.r

~
,,.

Rato

Natu
r :i

tl OI

I
I

L'imrnaginc anaton1i ca riJ)r()<lotta, dcl XVI SCC()lt) , te ti1n onia tt11


se11so religioso ncl.l'a'''' C"inarsi al co r11(). Gli e:1cul ci <li lL1cc clic . i
dira111a11t.) clal cacl~1 \1 ere (in r11ovime11Lo, qt1a _i ros e re u c itato )

~ t1n.e) Lt n 111 o t1 v o
tra cli z il> 11a1e lie 11'i co11 <)graria reii gi oa e <llcl1cn1 ica.

'
t

1.

'<
I l l

~...._ .

..i". \
I

\ \
l I

Diseg11u di L.B. t\ Iberli . L'iclca


si usa re il co r1)0 Lt111an o ct1n1e
111odul o t1rli lil'l) a l ce n Lro
clell'arte ri n'1<;ci n1en tale .

. . '.

. .'.

. ..

.
~ .

Ll corpo co1nc sede d i valori n1acro.c os111ici in un trattato di n.evologia, la scicr1za magica i11ve nlata nel XVI secolo da G ia nhat'""
l is ta Della Porta cl1e JJretende d riconoscere il des tino dc ll'indiviclLto dalla for111a e dislocazi o11e dei s t1o i 11ci .

229

. I

il

,
'

NEOPLATONISMO

Uomo camaleonte

PICO DELIA MIRANDOl.A

Vedi anc he Mito delle origini, Copula mundi

T 'elemento costituivo della mentalit

pissi nella forma che hai prescelto. Tu


potrai degenerare nelle cose inferiori, al
livello dei bruti; tu potrai, secondo il
tuo volere, rigenerarti nelle cose superiori che sono divine. Chi non ammirer questo uomo camaleonte?>>

L ri11asci111c11tale fu la riscoperta della


dignit dell'uomo e del stto ruolo privi lcgiato nel n1ondo. l:uotno possiede,
affrr111a110 concordemente tutti i filosofi dcl XVI secolo, t1na 11atura inedia che
gli co11 fcrisce t111a posizione privilegiata 11cll ~1 realt naturale, nei confronti
della tlttale egli pt1 sviluppare un rap11orto tii potere simile a quello che Dio
esercita st1ll'i11tero u11iverso. Seco11do la
fc>r111t1la di Marsilio Ficino l'uomo
cop11la n1111di, ossia costituisce la sintesi IJi perfetta di quanto esiste nell'intero t1n1\rers<.).

[uomo quindi il riassunto della natu


ra, un vero e proprio microcosmo, una
specie di compendio vivente del resto
del creato.
Sue qualit precipue sono la duttilit
e l'indeterminatezza; infatti, pur non
eccellendo per alcuna qualit o dote
specifica, ne possiede un po' di tutte. Ne
deriva una grande adattabilit: l'uomo,
nota Pico, non ha un proprio habitat naturale come tutti gli altri animali, ma
capace di adattarsi agli ambienti e ai cli1ni pi diversi.

Pico della Mirandola ( 1463-1494), in


u11'opera cl1iave dell'antropologia rinascimentale (Sttllc1 dig11il dcll 'totno,
1487), illL1str questo concetto con un
breve racconto.
Qt1a11do Dio, nei giorni della creazione dcl 1no11do, arri\' a creare l ttomo, si
accorse di avere gi attribuito tt1tte le
irtC1 disponibili alle varie specie animali . Decise allora che all'uomo fossero
riservate, non totalmente ma soltanto
in parte, Lln po' di tutte le qualit gi assegnate alle altre specie. Pico i1n1nagina
che Dio si rivolga ad Adamo con queste
parole: <<Non ti ho dato, o Adamo, n
un posto determi11ato, n un aspetto
proprio, n alcuna prerogativa tua perch quel posto, quell'aspetto, quelle
prerogative che tu desidererai tu li possa ottenere con il tuo voto e il tuo consiglio. Ti posi in mezzo al mondo perch di l tu meglio scorgessi tutto ci
che nel mondo. Non ti ho fatto n celeste n terreno, n mortale n immortale, perch da te stesso quasi libero e
sovrano artefice ti plasmassi e ti scol-

Questa flessibilit pone l'uomo in una


posizio11e in un certo senso superiore a
quella degli stessi angeli. Infatti come
l'animale non pu essere che animale,
anche l'angelo non pu cambiare la propria natura; mentre tutte le creature sono ontologicamente determinate dalla
loro essenza specifica, solo l'uomo, a
causa della mancanza di una sua precisa collocazione nella scala degli esseri (-->), pu assumerle tutte. Solo per
l'uo1no sono dunque aperte le vie alternative della degradazione verso la bestialit o dell'elevazione spirituale, e
senza questa indeterminatezza verrebbe
meno anche la sua responsabilit etica.
Riproponendo la celebre massima homo
faber ipsius fortunae, Ficino, Pico e gli
altri Umanisti affermano che l'uomo
l'artefice di se stesso, della sua fortuna
e del suo destino.

FILOS(>FIA

230

NEOPLATO NISMO
a

La scala degli esseri secondo

l' inte rpre ta z io n e di C. de


Bouelles ( 1483-15 5 3) nel Libcr de sapiente (1509). A ogni
livello della natura (ogni gradino della sca la) corrisponde
una qualit dell'essere e un tipo di co noscenza: il m ond o
m.inerale dotato di sola esis tenza ~ quello vegetale di esistenza, pi vita; quell o ani male di es is tenza, pi vita,
pi sensibilit; l'uomo, infi ne, dotato di esistenza, pi
vita , pi se nsibilit, pi ragione. Esso quindi la sintesi suprema del creato, poich
racchiude in s le capacit solo parzialmente presenti negli
altri ambiti del reale.

1tm~
MA~

-I

Vm ~

TVS
,'~'\.

U~TEL'"

LlGIT
I

SEN"ITT

SEI'ITIT SEIITIT SENTJT.r_ tiVr.,m ~~ "'1l~

VMT

V f\!IT

Vwrr VIvrr VMT-

La ce ntraii L nietafi sica del l'uomo-microcosrtro ( > Microcosmoltnacrocosmo) testi1110niata dalla larga diffusione nel RinascirnenLo di un nuovo simbolo, l 'J1otr10 ad circulatm. (Sotto, il ce lebre esc n1pio di Leonardo
da Vinci ~ a fianco, una variante 111agico-crmetica di Agrippa di Nettesheim.)

231

f 1L05 JFIA

NEOPLATONISMO

Archetipo

PLOTINO

Vedi a11cJ1e Dio geometra, Coincidenza degli opposti

dell'arte. Secondo Plotino la pittura


non necessaria1nente si risolve in una
copia delle cose sensibili secondo il
pri nei pio de I la mimesi ( -)>); essa pu
anche utilizzare le for1ne naturali per
esprimere un significato spirituale, divenendo cos un mezzo per accedere al
n1ondo archetipale.
Se l'anima, co1ne pure aveva ammesso lo stesso Platone, spinta verso il
trascendente dall'amore per la bellezza, allora bisogna pure ammettere la
necessit spirituale dell'arte, l'unica attivit u1nana capace di smuovere l'ani1no dell'individuo e impri1nergli quell'e11t11siasn10 (----.), qt1el fitrore per la
bellezza che sono condizioni necessarie
alla sua ascesa.

I ter111ine archetipo fu introdotto dai


Neo1Jlatc)nici dell'et imperiale per indicare le idee (- > lllla l'lalo11ica) in quanto n1odelli eterni delle cose, esemplari
originari da cui co 111e copie derivano
ttttte le cose sensibili. Furono Plotino e
Proclo a svilu1Jpare una teoria organica
degli arcl1etipi , c11ia1na11do con qt1esto
n<Jt11e i 111ateriali che forrnan(> l'Intelletto
di, i110, la scc<1nda ipostasi cl1e procede
})C r e111at1aziot1e dal Dio-Uno (-> entra1nbc le ' ' OC evidenziate). Esemplare
il caso della matematica e della geometria : la figura di t1n triangolo tracciata
concretan1e11te st111a lavagna solo un ricl1ia1110 visivo a uno scherna ideale perfcttl1 e oggetti\'O, eter110 e immateriale
(l'arcl1ctipo di triangolo). Questa immagine astratta di triangolo esiste nello
stesso n1odo sia in Dio sia nella inente
dcll't1<)111c): eleva11dosi a un stadio archeti11ale il pensiero ttrnanc) raggittnge il livello della di,,i11it. QLtesta dottrina diede 1nt)do a Plotino di introdurre due importanti novit rispetto a Platone.

Durante il Rinasci1nento le osservazioni


ploti11iane furono approfondite da Marsilio Ficino e dai Neoplatonici sino a divenire lo strumento teorico di una rivoluzione artistica.
Le opere di Sandro Botticelli, pittore
di meditate convinzioni filosofiche e in
stretta familiarit con l'Accademia neoplatonica (con Ficino in particolare),
sono tentativi di manifestare verit superiori, veri archetipi concettuali che
rappresentano visiva1nente nozioni filoso fiche profonde. Da ci derivano la
stranezza delle composizioni, l'ambiguit delle figure e la possibilit di letture diverse. Per esempio nella Nascita
di Vene1-e, progettata con la consulenza
di Ficino, possibile leggere un preciso
significato filosofico: l'anima (ossia
l'uomo, secondo la terminologia ficiniana) natura media e coincidenza di
opposti, fra corpo e spirito, fra passione
e pudicizia.

La teoria delle idee poteva essere inte1pretata in se11so Jorten1ente religioso,


ta11to che i teolc.)gi medie,1ali, i quali conc)bbero Platone solo nella versione plotiniana, pensarono di poter conciliare il
Cristianesimo con la dottrina del filosofo greco. Lo stesso concetto di archetipo fu accettato d.a sant'Agostino come
il <<pensiero di Dio>>e le idee platoniche
finirono con l'essere considerate gli infiniti modi con cui Dio ha pensato il
mondo (creando, per effetto di quest'azione, tutte le cose).
ri1npostazio11e plotiniana consentiva
una revisione della condan11a platonica
FILOSOFIA

232

NEOPLATONISMO

Sandro Botticelli fu un pittore co11 forti intercs!>i i11tcll etLLtali e filoso fi ci, a111ico in cimo dc i p1u notevoli pcn atori (Ficino) e letterati (P()li ziano) dell 'Accad( n1ia Pla t()Oica. Le sue opere ptu fa mo e
fJC)ssiedo 110 t1na forte a1nbigL1ita ct1ntcnutistica e i prc ta11c> a divcr e intcrp retazic> ni . Acca nt(> agli
c\1idc11ti rifcri111cnti alla n1itologia cl,1ssica, coc i ton<> infatti ig11ificati ricun<lucihil1 all" En11etis 1r10
( ~ )e forse per ino niagici. Q uc ta co mp ie it a1)11arc cv idc11tc ne lla Pri 111tL e1a , ic1 ct1i I.e fi gure
lllitologic hc (Flora, Mercurio) 11ascor1clo1i_o rifcri r11c11ti ai princ'1pi uclla fi lo ()ria platl)ni crt (Ltn 0lo e en111io: l't1gitazione delle \ Csti all Ltd e alla 11 oziu11c tli e11tusias1no ).
1

Ve11ere cl1 c esce llc1lle acque,


dello te () Bo tti celli , rapprcsc11ta si::1 il n1ito pagane)
d ell a t1 asc ita di Ve ne re tlal
1nare sia il ritc) cristi,1110 del
battes imo , ~ ac ra 1n c 11 t o clic
c<11111Jorta tlJ1<l rinascita dell'anima a lt r~vcr o la fLtnzio11c sa lvifica dcll'accitta. Dato
che Vc11crc r<1pprcsc11ta l'an i 111a, il s Ll <> a Lte gg ia t11e11Lo
casto e () rivo di s punti croLi ci allttde alla scn1plicit e alla purezza necessarie i1ell'accsa \' e rso lo SJ)i ritua le. I
venti personificati SLtlla sinistra, a11ch'cssi nucli e avvinti
in una po a lasciva, rappresc nta110 l'amore sens11ale, il soffio della passione, il 'ft1rore", l'eros ( > ).
La fi gura s ulla tlcstra, la ninfa Ore, pcsantcn1cntc ves tita e terca <li proteggere la nudita di\ enerc '1vvolgc ndt1 la cori un 111antc llc): il sin1bolo dell 'amore spirituale. Vi qu indi un,1 perfetta sim rne tria fra l'a n1 or sacro e l'a111c)r ()ro fano , due 1)ri11c1pi contrari n1a co111plcrne11 tari . l fiori che si
cliffo nclon<> ncll'<1. ria in1bolcggia110 la necessit e la fcco11di t di cntra1n bi gli atteggian1en ti.

233

NEOPLATONISMO

Citt platonica

URBANISTICA

Vedi anc11e Utopia, Citt del Sole


a prin1a riflessione urbanistica durante l'U ma11esimo fu condotta di
leon Battista Alberti (1406-1472), arcl1itetto ma anche teorico dell'arte e fi)()Sofo fra i pi rappresentativi del Quattrc)cento, autore di tre trattati (Sulla pit-

smo vivente. Viceversa l'uomo una


citt vivente: alle tre anime che secondo la psicologia platonica lo compongono (razionale, passionale e concupisci bile , con sede rispettivamente nel
capo, nel cuore e nel ventre) corrispondono altrettante parti della citt:
l'Acropoli, il mercato (agor) e il tessuto urbano.

lt~ ra;

Sulla

a1c 11itcttu1~a;

Sulla scultu1a)

cl1e danno il via al rinnova1nento rinascimentale 11elle arti visive. Personalit


multifor1nc, ricco di interessi umanistici (fu a11che letterato e poeta) , pi che
un gra11de costruttore (co1ne invece il
Bru11elleschi) fu un intellettuale completo, uno studioso della classicit e soprattutto di Platone, nelle dottrine del
quale trov indicazioni utili per l'architettura e l'urba11istica.

Da questa dottrina l'Umanesimo dedusse una concezione organica della citt.


Secondo l'Alberti essa << deve formare un
tutto talmente strutturato che una qualsiasi modificazione particolare avrebbe
l'effetto di una totale deformazione>>.
Ancor pi esplicito l'architetto neoplatonico Francesco di Giorgio Martini
(1439-1502): <<La citt deve avere ragion, misura e forma del corpo umano>>.
A livello urbanistico queste riflessioni si
concretizzarono nel principio della zonizzazione (divisione funzionale delle
aree urbane secondo la professione), gi
applicata da lppodamo da Mileto, il
pi famoso degli urbanisti greci (-> Societ io11ica).
Nei primi due decenni del Cinquecento furono pubblicati un grande numero di trattati sulla citt ideale (il pi
celebre la Sforzinda, del Filarete). Erano progetti destinati a rimanere sulla
carta, pensati a prescindere dal territorio, vere e proprie rappresentazioni di
un'idea platonica e sovrastorica di citt.
I.:interesse di questi architetti, infatti, era
rivolto esclusivamente alla forma geometrica della citt, alla perfezione grafica della pianta, ai valori estetici espressi
dal suo perimetro (la cinta muraria),
considerato ben pi importante del tessuto urbano.

Della citt ideale Platone aveva parlato nel suo capolavoro, la Re11ubblica,
descrivendone per non tanto la struttt1ra edilizia quanto qt1ella politica; il
fil oso fo delineava il tipo di cittadino
ideale senza se11tire il bisogno di im111aginarlo in una particolare situazione
urbana.
Nonostante questi limiti l'approccio
di Platone propo11eva agli architetti d'e l
XV secolo un modo totalmente nuovo
di affrontare il problema della citt,
pensandola come un medio-cosmo,
cio una realt intermedia fra il 1nicrocosmo uomo e il macrocosmo(-+ lavoce relativa).
Tutta la Repubblica, infatti, costruita sul paragone sistematico fra la struttura della citt-Stato e quella dell'uomo; la citt deve essere progettata come
un'estensione dell 'individuo, un ingrandimento (riproduzione) su scala
sociale della sua struttura, e va quindi
im1naginata come un corpo, un organiFILC.)SOflA

234

NEOPLATONISMO
La pia nta della Sforzinda, il progetto d i citt ideale dcl Filarete, s i
fondava sulla combinazione dcl quadrato e dcl cerchio, forrnc accreditate di una parti cola re pcrfcz io r1e e sacra lita negli ambienti neoplato11ici.

. . .. ..

~-

-
.

.-- ....-......
~

11 forte geometris mo de ll a progc ttualita neopla to11ica trov app li caz i<) ne non in ciLLa idea li.
1na nell e fortezze militari.

,. ''1'

'

.I

~,,

. 'l

.. . ...' ~i
.
1..
I

. 1,

L'ecrL1i\ alcnza strutlttralc fra 1uo n1() e }(l cii ta in


Lt11 disegno del Codic(' alLtzzia no di Francesco
di Giorgio Martini
( J 4 8 2 ) . L' o m b e I i e (>
co rri po ncl e a un a
piazza t ircola rr co n la
c l1icsa ; la te La alla rocca dcl signore: i pied i e
1

' ~-

.... ..f
.~,.1
. .... .

- ...

.,,
r,J

. ,....
.
""'.. _.. .. . ..:-.....
f

--

_.

----- --.....:--- ---

-~

'.

- .

i gt) miti :l to rri o 11i .

Fra' Giocondo da Verona: Vctltcta tlcll fccitta ideale ( 15 13). La


citt l1a tln peri'rnetro circo lare
e due cir1tc mttra ri e~ la s truttttra interna di ti po radiale, centralizza ta su ttna piazza dominata da un edi
fi cio religioso. l 'opera
cli fr a G ioco nd o fu
Ltno degli. sti 1noli ispirat o ri d ell a Citt ic dcl
Sole dcl Campanella.

'-"'f",..
1 ,v

235

""or=-"./
a.QflZlllle.

. ~l

!...,.- \

.,

R JI, ,.,

,.., ~ - y
' .... ,_.

f lll) "Ofl

NEOPLATONISMO

Fabbria del corpo

RINASCIMENTO,
ANTROPOLOGIA, ANATOMIA

Vedi anche Copula mundi, Uomo camaleonte


na delle pi grandi invenzioni del
.......,. Rinascimento fu l'anatomia, una
pratica 111edica sconoscittta al mondo
antico e alle civilt non europee. Esemplare il caso dei Cinesi, che nel XVIII
secolo di fronte ai testi di anat()n1ia porlJti d.1i missionari gesuiti rifiutarono la
nt1ova scie11za giudicandola impura e
irreligiosa.
Anche i pri1ni anatomisti europei avevano un senso sacrale del corpo uma110
e pensavano che l'a11atomia avrebbe pern1ess<.1 di scopri re i grandi misteri della
vita. Sape,,ano di iniziare uno studio che
mai sino ad allora era stato tentato in
n1()do sistctnatico e avevano la consapevo lczza di rompere barriere culturali
enor111i e radicate.
Anatl1111ista de1la pri111a celebre dissezione ( 153 7) fu il medico fia1nming() A.
Vesalio (1514-1564), professore per
sette anni all'Universit di Padova prima cli diventare, a soli trent'anni, medico personale dcll'in1peratore Carlo V e
abbandonare per setnpre le ricerche
speri111entali.
11 De ClJrp o1~is hurna11i f a.brica, il testo
che co1npendia le sue ricerche, del
1543, lo stesso anno di un'altra opera
capitale, il De revolutio11ibits 01bium coeleslittm di Copernico: due libri rivoluzionari che segnano l'en1ancipazione rinascimentale dal prestigio scientifico
dell'antichit.
Rivendicando la superiorit dell'osservazione empirica sulla dottrina, Vesalio riserv parole di scherno verso il sapere tradizionale: osserv che il grande
Galeno (Il secolo d.C.) era incorso in

FILOSOFIA

ben duecento errori in una sola seduta


anatomica (condotta su una scimmia),
mentre gli ianatomisti' medievali si erano limitati a imparare a men1oria il testo dello stesso Galeno, l'auctoritas
( --4') in 1nateria.
La novit filosofica dell'opera di Vesalio si condensa per nell'attribuzione al
corpo umano del termine fabbrica , generalmente utilizzato nel Cinquecento a
proposito dell'architettura. Fabbrica
l'impresa collettiva da cui nascono le
grandi opere edilizie; l'estensione su
un piano maggiore della bottega, in cui
l'artista dirige un complesso lavoro tecnico e creativo.
Analizzare il corpo come fabbrica significa quindi celebrarlo come vivente e
inst1perabile opera d'arte, metterne in
luce la bellezza estetica, scoprire l'inti1na coerenza interna delle sue parti e gli
artifici della sua struttura.
Per questo l'i11teresse di Vesalio non
pi, come nell'antica pratica di ispirazione aristotelica, teso a precisare il fine
e la natura del singolo organo.
Al centro della sua indagine sono i
processi di cooperazione, le relazio11i
fra gli organi interni (il sistema dinamico dell'articolazione delle giunture, il
sistema scheletrico, il meccanismo della nutrizione ... ). Di conseguenza, sul
piano propriamente tecnico, Vesalio introduce una nuova pratica della dissezione: si deve procedere seguendo la logica strutturale del corpo, 111ostrando
le relazioni che intercorrono tra i singoli organi e il complesso dell'organismo
(non pi, come fino ad allora era avvenuto, in base alla loro maggiore o minore deteriorabilit).

236

NEOPLATON ISMO
II teatro anatomico , in cui la d issezion e del cadave re ve n iva co n1pi u ta al la
prcse 11.za d i u na folla di curiosi, e una
dell e piu originali in\ Cnzio11i dcl Rinacinl ento.
1

T:i,ol<l dal Dc /11 1111c111 i C<>t1)<JrisJc1/Jricc1tli


A. Vcsa l i<>. Le pri1nc tavole anatomich e e ra n o ra1)11rc c11ta zi o 11i a11 ct1 ra a
111c ta s tr~ltl <1 rra a rte e _c i e n z~t : il ca<l <l.
. .
.
.
vere era 1nsc r1tt> 111 tt11p ac~agg 1 0 e 1 r1 Lt11
ambi c111 c r itra tti ct111 <1ttcn zi(111c.

a w

Y &.

U11 e ada\' e re a na to 1n i zz a l o ne e z i <> na u n cl I1ro ,


rapprc. cn tato C<>tnc Ltn<l ta tLta gr ca n1a nca11Lc di
u 11 bracc io. La rapprc c11taz io ne anatt>n1ica , e sc 11 z i ~1 lc negli LL1<l1 di m cdi c111<t, co t1tu 1scc L1r10
s pcc i ~t l c sc ttc1rc clcll 'icc.1 nografi<t (un inCt) tl tr ) pri\'ll cg iato fra a rte e c ic11zn). , il up ()ll~l i molto
lc t1 te:t 111c11tt' nel XV I e XV II ::.tco lo , ino a raggiungere l'effi cac ia di clattica delle La\'t>le 111odcrn c.
1 A 8 V

L A

LlB l l l l

1r

237

NEOPLATONISMO

Furore eroico

GIORDANO BRUNO

Vedi a11che Immanentismo, Coincidenza


degli opposti, Contrazionelesplicazione
alla lettura del Sir11posio, il testo dedicato da Platone alle questioni del1,1 n1 orc e della bellezza, gli Umanisti
neoplatonici del XV-XVI secolo derivarono t111a equazione fra eros (--+) e creati\1it i11tcllrttuale. Parve loro di desun1c1e, i11fatti, due punti ferini :
l'amore per la bellezza in ogni sua
ft)rn1a, co 1npresa qu ella corporea ed
erotica, sempre una fonte di elevazio11e spirituale;
Ltna delle qualit necessarie al sapiente, cio a colui che intende spingere }}ascesi conosciti\1a fino all'estasi (--+) e all'i11diat11ento (farsi Dio), un livello
eroico di an1ore per la bellezza , t1nfurore divi110 , nella terminologia di Ficino.
Da questa lettura di Platone, che suonava co1ne u11a cla1norosa smentita dell'oppressione 111oralistica 111edievale} deriva l'accentuato vitalismo erotico dell'arte ri11ascimentale, in cui l'identit fra
i co11cetti di bene e di bellezza fu spinta
al pu11to da erotizzare persino le figure
c.Iella Mad()n11a e del Cristo, spesso dipinti nel XVI secolo con un'avvenenza
da pi11 up.
Il concetto di furore assunse una im- '
portanza particolare in Giordano Bruno, che dedic al tenia un saggio specifico (Gli e1-oici fi1ori, 1585). Bruno distinse accuratamente il furore divino da
quello eroico~ mentre il primo conduce
al misticismo religioso e ha il suo compimento nell'estasi, il furore eroico <<
proprio dello spirito lucido e intellettuale che, pressato dal fuoco del desiderio e mosso da un interno stitnolo e fervor naturale per la verit, accende pi
che ordinariam.e nte il lume razionale>>.

FlLOSOF IA

238

Scrive la pi importante fra gli studiosi del pensiero di Bruno, l'inglese


F.A. Yates: <<Ci a cui mirano real1nente le esperienze religiose descritte da
Bruno ne Gli e1oici furori, una forma
di gttosi (--+) ermetica, vale a dire la mistica poesia amorosa dell'uomo-mago,
che stato creato divino, con poteri divini, e si avvi a a riconquistare questo
attributo di divinit ... Bench sia dato
di rintracciare es1Jlicitamente scarsi elementi magici ne Gli e1oici Ju101~i, quest'opera , per cos dire, il diario spirituale di un uomo che aspir a essere un
mago religioso>>.
Solo un amore eroico per la bellezza,
quello che Platone ponendolo fra le for1ne utili della pazzia chiamava entusias1110 (-~) e che Bruno preferisce definire
raptt"s tnentis, riscatta l'individuo dalla
sua natura animalesca, dalla sua 'asinit', e innalza la sua mente fino al cielo, trasforma11dolo in un vero uomo, ossia una divinit terrena.
Nella prospettiva i1nmanentista in cui
Bruno si pone, l'amore per la natura
anche amore per Dio, e ci in qualche
modo giustifica la magia ( ~ ). Infatti,
amando in modo totale e sovrumano, il
sapiente si pone in sintonia con l'amore
cosmico, con la si1npatia universale ( __.) vivente e diffusa in tutte le cose,
cogliendo cos l'unit profonda che le
lega. Acquisendo la capacit di intercettare e guidare ai propri fini queste forze
egli si trasforma in mago, d ai propri
sensi e al pensiero una potenza oltre l'umano, supera i limiti che vincolano la
natura assumendo il potere di guidarla
e di controllarla.

Ern1 cl c divi 110 a111at orc un tema ico nc>gra1

fico diffL1 so 11 cll a ce rchia dci fil o ofi ermeti c i. L'eros , rapp re e nta to da l cigno
cl1c scend e CC) mc un [u lmine dal c1clo, e
necessario per sc iogli ere il dL1bbio (indi ca to da ll .cloqu e11te ges to de ll a ma no d1
Er1n cte). Ne lla sofi ticala ccl elit aria cultura 11eo p lc.1tonica I' i n1 magi ne ( m c> Il<) frcctue r1Le in pittura ) dell a ciiscesa di Gio e
ull:i Terra otto forma di cign t) per accoppiars i co n Leda ignifi ca a la nec:c ita
di Ltn amore soVTUmano per raggiu11gcrc
la con() cenza ai 1n as imi li vc ll1 _

Gli eroici fi1rc>ri d i Br-u110 ruota attor110 al


mito di Atteone , il cacc iatore c l1 c per
aver vi 10 la <le::. Diana fu tra ~ forinato da
cacciatore in c l,aggina (in un cc n 1 c)) e
fL1 c1uindi l)ra11ato d ai st1o i te 1 ca ni .
Diana ra pprc~c nta la di\ int ( l1 c Bruno
ct1n idcrn immanrnl c nell a na tltra), Attco 11 e l'intell etto u 111an o. la cacci<l il f urore cr()iCc), la Lla a n ia <li ve r1t'1 e di l)c llczza . l ca11i infin e 0110 i pcn ieri e gli <llti di volo nta , gli trL1111cnti dell"int cll ctto.
La metamorfosi di Attcone ra rprc c nta
quindi il . alt o cli qLtalit co r11 piuto d, 1l'intcllctco qLtandc) ca pisce che la L1prc111a \ eri t ta11to ce rca ta no n pL10 es ere
trovata fu o ri , 1na dentro ~ e -1c i.
1

......... ...

. '

- -

- ...

._,,,

,4

..
.

239

NEOPLATONISMO

Immanentismo

BRUNO, PANTEISMO

Vedi anclie Simpatia cosmica

11 teologia si dice immanentismo o


panteismo la dottrina cl1e, i11 opposizio11c al principio di trascei1drnza ( - >),
nega la distinzione fra mondo e Dio .
A11cl1e se il tern1ine fu coniato nel Settecento, pa11 teisti co per eccellenza fu il
tll()ndo greco in tutte le sue espressioni;
sia il 1t1ito (- >-) sia l'antica filosofia con<li\'serl1 i.nfatti l'idea che la divi11it costitLtisca l'intima 11atura dell'universo.
Vi erano 0\' \ iamente i1nportanti sfun1atu1e di,ersc: il panteistno professato
dai Neoplatonici che vede\1a110 11el
lll()ndo un a1cl1etipo (_..,.), u 11a man ife~ t ~1z i() n e clel di\1 i110, ftt di tipo 111isticoreligioso, mentre quello elab()rato dagli
Stoici tendeva a una forma di naturalisn10 1naterial istico, considerando Dio
co1nc l'energia ( ~ P11eu1na) che anima
la 11at11ra dall'interno.

All<l tradizic)ne greca si OJ)posc qttella


ebraico-cristiana , fondata sull'idea che
Di() sia un essere distinto dal n1ondo e
dotato di esistenza propria. Ci tuttavia
non in1ped la penetrazione di elementi
di panteismo anche nel pe11siero di alct1ni autori cristiani. La versione neo- '
platonica dell'antico immanentis1no influ sulla teologia negativa (- >) di Dionigi Areopagita, sulla tradizione tt1istica (--. Misti ci sino), rappresentata per
esen1pio da Maestro Eckhart, e sul
pensiero di N. Cusano, che poneva i
rapporti fra Dio e mondo in termini di
contrazione/esplicazione (~).
La variante stoico-naturalistica pi decisan1ente antagonista al Cristianesi1no
riemerse negli ulti1ni anni del Rinascimento con G. Bruno. Lequivoco che
aveva permesso al suo maestro, il pio
FILO "OFIA

Marsilio Ficino, di credersi un mago


religioso, di conciliare Ermetismo e Cristianesi1no, fu sciolto da Bruno in modo
radicale: la religione egizia , di cui egli
fu il profeta, consisteva in un consapevole ritorno al culto animistico-panteistico della natura ~ anche la sua entusiastica accettazione dell'eliocentrisn10 ( _,,) derivava non da indagini astronomiche, ma dal recupero dell'eliolatria
pagana.
Dopo aver ammesso la possibilit di
un Dio supe1~ 011111ia (~a l di sopra di ogni
cosa', quindi staccato dal mondo e trascendente, secondo il modello cristiano), tutta l'attenzione di Bruno va alla
tesi contraria (da a1nmettere in base al
principio cusaniano della coincidenza
degli opposti: ~). Dio una realt insita 011111 i bus ('presente in tutte le cose'),
quel pri11cipio logico-forrnale che per1nea e a11i1na tutta la natura, descrivibile come l'anima del mondo ( __.) o come
una 1nente universale ovunque diffusa e
presente in ogni si11gola cosa (panpsichismo) . In termini esattamente contrari alla rigida separazione fra res cogitans e res extensa ( _,,) con cui Cartesio
nella seguente generazione avrebbe
inaugurato il pensiero moderno, alla fine del XVI secolo Bruno teorizzava ancora il vitalismo, l'ani1nismo e la spiritualit della materia, giustificando cos
sul piano teorico la pratica della 111agia (-+). Infatti la divina intelligenza che
l'uomo possiede consapevolinente
ovunque presente in digradanti livelli di
consapevolezza, persino nella materia.
Tutto vivo e tutto divino; la vita che
regola la natura la vita cl.i Dio e le sue
leggi possono qt1indi essere soggette a
mutamento.

240

NEOPLATONISMO
All a Trinita c ris tia na G. Bruno co ntra ppose
llna Trinit ermetica che rarJprcsc nt> 'all a egizia11a' co n tre Soli (un a specie di cliolatria cri tia ni zzata). I tre princLpi che rcggo 110 l'un i\1er() (e cl1 c, s intetizza ndo , chiarnia1no ' Dio') ()no
Nient e, l11tcllctto r A111orc.

---
-

li vitalismo d i Brun o , che nega la d1 t111=1(1 nc


fra mondo ani1nato e 1na ni 1nato, pltO f(>r e pi egare alcune s t ra nez ~ c de ll e t)pe rc cr111ct1cl1c e
elci trattati <li gco 1n c tr1~1 i11 Cltt clcn1cnt1 ''cgc tali
o IJtologici o no fLl i cnZtl lll() l \' 0 arpa rc11tc alle cc) trttzion i mate1nat1 chc ( > Matesi ).

Nei trattati er1n ctici Brt1no affi anc le im magin i qui rip ro<l otte a
Mente, lr1tcllctto e A1norc, i tre principi della ua Trinita magica. 0110 forn1e di gcon1etria cJi,in:l s t1 etti rin cttcre e meditare
econc.lo il pri11 cipi o elci la matesi . L'a petto intere . :l nte e cl1e i
tratt,1 di 111a11dala ( > lncortScio collettivo ), disegni geo1nctrici
fo rtc111 cntc cc t1tr(1lizza ti , da sen1pre Ll ali in O riente co me att ili t) nella 1ncclit<1zic1 nc 111isticn.

241

RINASCIMENTO

Aristotelismo/Platonismo
Vedi a11che Mito delle origini, Pensiero orizzontale
destra i filosofi della natura e gli scienziati (Tolomeo, Euclide, Zoroastro). Si
sottintende cos che tutte le numerose
varianti del pensiero greco possono essere ricondotte ai due approcci fondamen tali (simboleggiati dal gesto della
mano: verso l'alto di Platone, verso la
terra di Aristotele).
D'altra parte i due grandi si guardano,
sembrano quasi conversare fra loro ed
esprimono un'ideale di reciproca complen1entarit. La tesi filosofica sostenuta nel dipinto che fra le due massime
eredit del mondo greco possibile e
necessaria una sintesi unitaria. un'idea per nulla scontata, perch attorno
al ruolo e all'importanza da attribuire ai
due grandi classici si erano svolte negli
ultimi secoli del Medioevo le pi aspre
dispute.
Del resto questa speranza di un'universale conciliazione filosofica era giustificata solo da una comprensione dei
testi ancora tanto imperfetta da indurre
Ficino e gli altri filosofi ermetici (--. Er1netismo) a credere che Platone e Aristotele fossero conciliabili non solo fra
loro, ma anche con il Cristianesimo e la
magia (--. ). Lo stesso Raffaello, vittima
di questi equivoci interpretativi, pone
fra i filosofi della natura il mitico Zoroastro, cui il Rinascimento attribuiva la
composizione degli 01~acoli Calclaici (in
realt un testo magico-ermetico d'epoca
imperiale).
Con il progredire degli studi, questo
ideale unitario si rivel impraticabile e
la cultura rinascimentale si scisse in due
filoni: il naturalismo aristotelico (laico-scientifico) di Telesio e Campanella
e il misticismo neoplatonico (metafisico-religioso) di Ficino e Bruno.

el dipi11gere il grande affresco (8 m


di base) dal titolo La scucJla d'Atene
( 1510), Raffaello fu sicura1nente assis tito da una commissione di teologi e filosofi, fra cui il letterato e umanista Pietro Bembo.
Possiamo quindi apprezzare l'opera
(clic rappresenta la folla degli antichi sapic11ti 1ne11tre passeggiano filosofando)
11011 solo per il \1alore estetico, ma anche
per qt1cllo docun1cntario, come una testi111o nia11za visiva della cultura filosofica rinasci1ne ntale.

La prima osservazione rigt1arda il pres tigio conferito alla filosofia, 11on pi


'serva della teol ogia', con1e nel Medioe''o , n1a scienza ormai del tutto autono1na ed e1nancipata (non per caso l'affresco fu co111missionato da papa Gi11lio Il
p er le sue stanze private in Vatica110).
Ra ffaello dispiega t1n'a1npia gamma di
soluzioni visive atte a evidenziare ques to senso di ammirazione per l'antica
sapienza , ricorrendo a piene mani alle
soluzioni espressive introdotte dalla
prospettiva.
Il vero \messaggio' dell'opera per la'
possibilit di conciliare in un unico
ideale di sapienza sia la tradizione platonica sia quella aristotelica.
La composizione, infatti, ruota attorno alle figure centrali di Platone-e Aristotele: tutte le linee prospettiche convergono verso di loro e i loro volti sono gli unici a stagliarsi sullo sfondo del
cielo.
Anche gli altri personaggi identificabili sono collocati in base al loro rapporto con i due grandi maestri: a sinistra
stanno i personaggi di tendenza mistica
e neoplatonica (Orfeo, Pitagora); sulla
FILOSC) FIA

242

RINASCIMENTO
La Sc11ola cl 'A te11c: cli Ra ffaello . Molti pc rst) naggi
non so no iden LI fi cab1Ii .
111a anc h e que c; to e ig11 ifi cati vo : <;i uo le oste nere la co ra lita dello
forzo ve rso la apienza,
nonostante l'i111portan za
tiell e grandi per ona liLa.
Altrcttanlo ~ 1 g nificati C)
e c l1e Platone abbia il
vo lto d i Leonard o ( o
anc l1e c l1c Eraclito ubb ia i tratti <l 1 Mic he la ngelo): s igni fi ca c li c r~ 11 tica grandezza greca <)rm ai riv ive 11c llc l) 11crc
111odcrne.

Aristotele l1a nella 111ano s inis tra 1'Eti c<1 a N ico n1l1cv. opera
periferica rispetto agli interessi
p rcva lcn te 111 er1 Le 111e la fi sicosc i en Li fi c i ciel fil oso f(). u11 a
scelLa s ig nifica tiva: si vuole sos te nere che Aristo te le n o11 fu
solo un grand e scienziato tna
a n c l1 e ttn g ra 11de ttm a ni s ta.
Analoga la sce lta dcl testo che
co1111ota Platone, il T i111 eo, di
argomento scientifico. Si vuole
inf,1tti soste11crc cl1e Platone fu
anche ttno scic11ziato, oltre che
gra11de um.a11ista e filoso fo .

243

F tLO''l1fl.\

RINASCIMENTO

Mito delle origini

STORIA

Vedi ancl1e Magia, Immanentismo


I Ri11asci111ento, proprio nel 111omento
i t1 cui ro11111eva co11 il passato e creava
<.li fatto le prc111esse per il nl()ndo motlcrn<.), fLt ossessic111ato dalla necessit di
ttn ritorno all'antico: gli Un1anisti volcva11l) un ritor11t) ai classici: Lutero voi e ,, <l u n r i t t) r 11 t) al la Chiesa primi tiv a ( .. )~ Machiavelli al regi111e politico
tielle '1 11tic:l:1e CC)Olttnit (-+Polis); i filoS()fi alla sa11iei1za greca.

l'esigenza di una cronologia delle opere e dei personaggi che collocl1i ognuno nel proprio periodo e ne spiegl1i le
reciproche inflt1enze ordinandoli in
successione. Si trattava, in pratica , di
realizzare rispetto al tempo ci che la
sco1)erta della prospettiva (- >-) aveva
per1nesso per lo spazio: collocare gli
oggetti a11alizzati alla giusta distanza attraverso l'applicazione di un metodo
storiografico.

1\ll't1omo del XVI secolo fu estraneo il


t11oden10 co11cefto di piogresso ( ~ ), l'iclea d i u 11 o s\ i ltl }) po eon ti n t1 o e ti n i 1ir1care della storia, in cui nuove acquisizio ni si accu 111 t1la110 su qt1e 1le prececle11 ti in t1n 111igliora1nento ininterrotto.
Ai st1oi occl1i l'u11ico avanzamento possibile consiste\ a nel ripristino dell'antica, ttnica e insuperabile sapienza (greca,
egizia).
Larcaico, l'originario, il naturale, il
pcnsie10 degli a11tichi, divennero una
norma assoluta, la sede di una perfezione definitiva. 11 ripristino di questa
norma, per, i1nplicava una lotta contro
le interpretazioni deformanti accu1nt1latesi 11el Medioevo, che ne avevano cli~
strt1tto la genui11it, occultandone o pi
spesso sen1plicemente travisandone il
senso.
La ricerca filologica infatti, scoprendo se1npre pi frequcnten1entc clamorosi equivoci, attribuzioni errate, travisame11Li di senso e persino falsi storici (la
donazione di Costantino), dimostrava la
necessit di una ricerca sul vero significato dei testi antichi.
1

Da questo bisogno di autenticit


espresso dal Ri11ascimento nacque la
prima prospettiva storica moderna:
FILOSOFIA

1 primi risultati di questa nuova scien-

za non furo110 se11za equivoci. All'ovvio prestigio della Grecia a11tica si affianc quello dell'Egitto, culla della civilt e origine di og11i sapienza. Il mito dell'Egitto era gi forte in Platone
(in particolare nel Ti1nco), pi sfumato
invece in Aristotele, il quc.lle, riassu1ne11do nelle pri1ne pagine della Metafisica gli inizi del pensiero filosofico,
aveva stabilito cli partire direttan1ente
da Talete, implicitamente declassando
cos tutte le precedenti forme di pensiero. Forse anche per questo 111otivo il
Medioevo, se pure no11 aveva di111enticato, di certo aveva relativizzato il mito egizio, non attribt1c11d()Vi alcun speciale significato. Ritorn invece nel Rinascimento, i11 cui scoppi una vera
egittomania: i geroglifici, per esempio, vennero interpretati come una lingua sapienziale ( - )>).
Va anche ricordato come il tnito delle
origini egizie della sapienza, unito all'ansia di ritrovare non solo Platone, ma
il lvero' Platone, abbia portato all'invenzione di un Platone egizio, un filoso[o
che oggi dire1nmo 'virtuale' perch mai
esistito, di no1ne Er1nete Trismegisto
(-)> Ennetistno).

244

RINASC IMENTO
Ne ll a os La nza g li uo mini ciel Rin asc im c nL<) no n a pc,ano pratica mente nt1lla c.l cll' Egi tto storico. Anche: le prime relaz io ni d i iaggio i
c.lin1 0 Lraror1c) c.lc l tutto in capac i e.li ca pire una cultura co 1 di versa c.lalla trad iz ione eLtropea, la 11Lo da ris ultare ai r1 os Lri occ.: l1i piu fru LI<) de lla fa 11Lasia cli c cJcll'c) crvaz ione. La igr1<.) ra' a fia r1cc) e nier1Lc 111e11<l
clic la Sfi11gc, vi la e di cgnata sul pc.) te) cla u110 dci primi te timc>ni
Clculari nt ll a prima mela <lei v 1secolo.

_ ; . : : : : : - - - - .- ~ ... =

11 Ri11 ,1sti111 c11tc.1 i111 1nng1n () i gc rog lt fili co111e


una litl!,'ll<l sapie1ziale, Lt11a critlttr'1 in11Jcllicofilo~<> li ca ~ 1111 ilc a t111 rcbu . -t">nl'l c1u1 rip rotlL)lt 1
il gc.' roglifico cie l c.c) 11ccttt1 cli ' 1111ro ib 1l 1ta e
c1t1c ll <) c li c rn1111rc c nta la nc1z it1nc di 'tc r11pc>
(c li c 111angia le ore) 11 clle illttstrazio ni di ..\ . Dt1rcr 1)c r gli Hic:rc>gl1r1l1 icc1di l) ra11c)llo.
~"\~{ ~t LR.A.C
...:.. ,.
'\ . _,
-.-

_,
~

-..,.

"'JllAA IUDJI. '

-;-.,,~

LA

.U rp ~I

---

':!

l
......

't

. I
r

- .:z; ;...

-'

'"""'
~

U n i 111111 a g i 11 e r i 11<;l ~e i n1 e n ta Ie ,
asS<) lt1ta n1cntc irrettli ti ca, <lc ll c
pira111 ic.li (c he il Mcdioe\ 0 i:1\ ' C\ ' a
interpre tato co 111c granai ). L'Egitto fa 11tastico dcl Rinasci n1cnLo. i11 gran parte frutto di ur1'invc11zi onc, esprimeva so practu tl<)
il bisogno filosofi co cli u11 ape. .
.
re ortg1nar10 .
1

245

F lLl) l )l"l.A

RINASCIMENTO

Magia
Vedi anche Carisma, Ermetismo
t)nostar1te .un radicato lu~go comune la magta ebbe scarsa importanza nell'a11tichit greco-romana, che prati c solo la divinazione oracolare (--. Oracolo). Anche se si tratta di una di111cnsione dello spirito molto antica, gi
hc11 sviluppata nella ci\ ilt babilonese,
nella storia dell'Occide11te, tuttavia, co111\nci a essere i110uente solo negli ultimi secoli clell'In11)ero romano, presso lo
Stoicismo (~ ) e il Neoplatonismo (~),
Giamblico e Proclo. Con l'avvento del
Cristianesimo e l'accusa di satanismo
pro11unciata dalla Chiesa, rimase per cos dire in quiescenza, male tollerata dalla cultura teoll)gica e co1nunque confinata in un ambito ben definito, ai limiti
fra ortodossia e scienza.

nella. Del resto neppure gli scienziati


furono immuni dalla nuova passione:
tutti, compreso Galileo, pur cos lontano nel suo lavoro scientifico da ogni
concessione all'occultismo, sapevano
usare le effemeridi, l'almanacco astrologico che permette di redigere l'oroscopo. Copernico e il danese Tycho Brahe
non videro una contraddizione insanabile fra astronomia e astrologia, mentre
Keplero si spinse sino a profetizzare
una carestia e una guerra contro i Turchi
per l'anno 1595, come conseguenze di
perniciosi influssi astrali.

Il notevole peso di questi interessi nella cultura del XVI secolo non comport
alcun avanzamento teorico nel pensiero magico, caratterizzato (come la religione) da un intrinseco tradizionalismo: la formula di un incantesi1no non
1nigliorabile; esprime un sapere definitivo e immutabile. I concetti fondamentali del pensiero magico rinascimentale rimasero quelli tradizionali,
sintetizzabili nelle nozioni di si1npatia
cosmica ( ~) e di qualit occulte (le
propriet della materia che derivano
non dai rapporti di quantit, studiati
dalla scienza, ma dai rapporti di forma
e somiglianza).
Fra le numerose interpretazioni moderne due spiccano per importanza:
j.G. Frazer (Il ramo d'oro, 1911) sostiene che la magia costituisce una prescienza, un sapere imperfetto, ancora
immaturo e infantile;
C. Lvy Strauss (Il pensiero selvaggio,
1962) sostiene invece che si tratta di
una forma indipendente di conoscenza,
diversa e non paragonabile alla scienza,
ma non per questo meno feconda.

Nel Rinascimento, con l'emergere di


una visione laica della vita e di un inte1esse verso la natura no11 ancora disciplinato dalle regole della scienza, la magia divent u11a parte costitutiva del
pensiero filosofico. Divenne difficile in
questo periodo distinguere fra la figura
del filosofo e quella del mago. Solo pe!
convenzione si pongono nella seconda
categoria personaggi quali lo svizzero T.
Paracelso ( 1493-1541), che trasform
l'alchimia in un'embrionale farmacologia~ gli italiani Fracastoro (1487-1533),
Cardano (1501-1576), Della Porta, il
tedesco Agrippa ( 1486-1533), la cui Filosofia occulta influenz Bruno tanto
quanto le dottrine neoplatoniche di
Marsilio Ficino.
Nel Rinascimento si interessarono alle arti occulte tutte le scuole di pensiero: accanto al neoplatonico Ficino, vollero essere magl1i anche i filosofi di tendenza naturalistica Telesio e CampaFILOSOFIA

246

RINASCIMENTO

A BRA C A DA BRA
A B RAC A D A BR
A B RA C A D A B
ABRACADA
ABRACAD
A BRA C A
A BRA C

J!OMI

ISCYNDI

TI: ACTA TU S P R.I ML'


SBCTJdlsSCUNDA.

'

Pania.-r V Jl dlriL

AaTo&a
l.OBBkTO SLUD a.ldeF1ucT11u1

AmliprokiD NediciN Ooacno...ii ?m

A B R A
A B R
A B
A
L'abracadabra , la pi celebre fra le fo rrnul e magicl1e. Vcni,,a pronunciata dall 'alto ''Cr o il bas-

- .

=G. ~-. :o:.

.... . .....

(cor1 progrcss i\ a co11Lrazio nc fir1 0 all a so la


Jctlera A) , raggiunge ndo cosi il suo scoi)o (preservare da ll e n1 alattic) per via ridttlt iva. Pronunciata ir1 se nso i11vcrso aveva effetti contrari ,
dar1r1eggiando la perso na co ntro cui era ri volta .
s t1

=:x :

Una sintesi delle scienze occt1ltc propo ta da R.


Fludd (U trii1 sq11c c<Js111i 1iistori a, 16 17). Lo sviluppo dell'uomo. i CLti pi ecli poggiano SLtlla Terra 111cntre la Lesla sfiora il ciclo. e assicurato dalle scic r1zc 111agiche: 1)rofez ia, gcc)111anzia, mncn1otecnica , fis i og 11 o r11 i c~l. c}1iro1nanzia, !:>cienza delle piran1i 11.
11 piu cc_lebre fra i m('1gh i f Ll il medico tede co G.

Faust ( 1480- 1536). La leggenda clic egli a,rcl1be ' 'endut o l'ani111 a al dia\ 010 in ca mbio de lla
giovinezza inizi a circo lare appena dopo la LIJ
111ortc e fLt lo s punt o per nume ro e 011cre. dal
Docl<)r Fcii1_t di Marlowe (1564 -1593 ) , da CLti
Lratta l'illl1strazione a fia nco, fi110 all 'opera on10nirna di Goetl1e.
1

o-

__.

Un'immagir1e magico-astro logica utilizzata da


G. Bru110. La 11ozio ne di uorno-n1i.crocosn10
( _., Mi crocosmo/m,ac rocosmo) costittt isce l,ogge tto e lo s tru1nento principale delle OJJerazioni magicl1 e dt1rantc il Rinascimer1 Lo .

247

F tl<..1-..( >Fl r\

RINASCIMENTO

Demonologia

TEOLOGIA CRISTIANA

Vedi ancl1e Angelologia, Magia


suale aberrante. Su questo canovaccio
la demonologia 111edievale cre una serie di in1n1agi11i forti e ben delineate:
Lucifero , letteralmente 'il portatore di
lt1ce', in realt il capo delle schiere de1noniache; Belzeb, il signore delle
mosche; Ammone, il lupo con la coda
di serpente che vomita una fiamma ;
Mefistofele, il nemico della luce, e poi
ancora Satana, Belfagor, e cos via .
Questa gra11de variet di manifestazioni diabl1liche 11a una precisa causa: il
diavolo tiene celata all'uomo la sua vera forma, non compare mai nel suo spaventevole aspetto, ma se1111Jre tra\1estito. Cos co1ne l'essenza del male la negazione della verit, il diavolo si realizza nell'inganno: pu quindi essere bello, ragionevole e persino logico (il sospetto che la ragione, portatrice di dubbi , sia uno strumento nelle mani di Satana per distrarre l'uomo dalla fede, rimase per tutto il Medioevo un dubbio
angoscioso).

on lecito, secondo l'ortodossia cristiat1a, co11siderare il diavolo un


se'111plicc sin1bolo di te11denze psicologiche , come pretencle la 111entalit razio11~1li s ta co11te111poranea. Ancora in te1n~1i rcce11ti papa Paolo VI ha riconfern1aLo l'ic.lca e11unciata nel XIII secolo da
san Ton1maso: il diavolo un 'entit
reale e personale, vive nell'Inferno e
11ell 'a ria, dl)Ve tenta gli uo111ini.

Un punto teologica111ente in1portante riguartla la fonda111entale bont del diavolo. Esso infatti, se cos si pu di re,
ncJn nato cattivo: Origene, uno dei Paciri della Chiesa , 11ota cl1e Lucifero e gli
altri angeli che lo seguirono nella ribel1ione peccarono per un atto di consapevole Vt)lo11t.
Il diavolo quindi non malvagil) pe1
11 Cllt~ra , 1na per st1a libera scelta e in fondt) appartiene alla stessa specie degli angcl i buo ni . Del resto, dopo aver affer111ato l'inti1na perfezione di ogni aspetto
dcl creato, la teologia cristiana non poteva certo intendere il diavolo co1ne un
princiJ)iO assolutarnente e ontologica_1ne11tc negativo.

Contrariamente a quanto di solito si ritiene, la presenza del diavolo nella cultura europea non raggiunge il massimo
nel Medioevo, ma nel Rinascimento. Il
Martello delle St1-egl-ie, il manuale che
serviva agli inquisitori durante gli interrogatori, fu composto solo alla fine
del XV secolo e la caccia alle streghe
raggiunse l'apice nel periodo che va dal
1575 al 1625.
Solo in questo periodo si svilupp,
nelle frange pi estreme dell'Ermetismo ( - .. ) scristianizzato (Giordano
Bruno in particolare), il demonismo,
disposto al commercio con il Maligno
nella prospettiva di utilizzarne la potenza tramite operazioni magiche.

La mitologia greca non aveva prodotto


alcun simbolo che potesse essere assimilato al concetto di diavolo. In mancanza di modelli migliori, il primo Cristianesimo utilizz l'immagine mitologica del satiro, l'essere met uomo e
met bestia, con la coda e le zampe da
caprone, il volto ghignante, dedito alla
lussuria e collegato ai riti dionisiaci (--.. ). Sant'Agostino aggiunse le ipotesi che esso abiti nelle tenebre, sia sensibile al fuoco, sia for1nato da un corpo
d,aria e abbia un co1nporta1nento sesf Ilt1St1f IA

248

RINASCIMENTO
li diavo lo LcntaLore (a <les tra) , co n la coda e i piedi animalcscl1i, riprende l'a11tica ico11ografia dc l satiro (a sinistra). La
Chi esa cris ti a na no n trov ncll'imrnaginari o religioso pagano alcun concetto asin1i labi lc alla nozione
di diavo lo. ULilizzo
CjLlindi , stravolge nd o n e co mp lc tarncnte il s ig11ificato, l'im 111e:1gine del
satiro dioni iaco:
I'es ibi zio ne dc 11 a
sessualita , che nel
ni onclo greco avc\a
carattere ludi co. dive n11 e un co 11110 La to
~!!!~~~..,..
1n<) ra lc , il int o m c) di
lii
una be tialita in cc> ntrollata.

,,'

~
~

;:;,
~"'

'..'..

'
Og11 i seco lo ha aLLribLtito al diavc)lo t1r1a prop ria i111 r11agi11c. Nel XV ll l ccol<> fu rappre cntatc) co r11 c
il fL1111atorc di tabacco'. In effetti il dia\ 0 10 gc)de ri petto all'angelo di un va11Laggio iconograli co: 11c> n
e _ere per defini zione circo_cri\1 ibilc in qual \1 oglia rego la. Se Di o e colt1i che e, il dia\ 010 e colui che
cambia. Co111c 11 nialc. e Ltna co 11clizior1e
THE
<li non-e sere. e CjLlindi non ha una natura
s11ccifica. stall1 CjLtindi rapprcscntltO nelle forrne pii.t \1 ~1ri c , spesso to111c. il1ri o fra
l'Llon10 e la be Lia (il polimorfismo bioloOF
gico l'imn1,1ginc <lei di -orclinc rn oralc).
1

DRVNIZENNES.
By Willia1n Hornhy Gene.

La P.ur1La cli Arliro, un diagran11na 1n agico (t1n a m uleto in grado di evocare il de111011io) in Ltn cli cgno d G. Bruno.

tONDO N,
Pdatcd l>y G. E i o, for 'fb.,,,,,, B111ir, ancf are robe foldt
ac bia Shop, in 1hc M idd l~.Row in Holboroe.
l<Crc TOCO Stttpf1.J,,111, I

249

6 1 I,

FI LO"l) FI. \

RINASCIMENTO

Simpatia cosmica

PENSIERO MAGICO

Vedi anc11e Microcosmo/macrocosmo, Antropomorfismo


cui sono rintracciabili dei segnali persino nell'opera di W. Gilbert, il medico
inglese che nel De magnete ( 1600) affront per la prima volta in termini sperimentali le strane propriet della calamita. Oltre a quelli magnetici anche ifenomeni elettrici e chimici trovavano
una spiegazione nell'ipotesi di forze attrattive/repulsive insite nella materia
(fra l'acqua e lo zucchero, per esempio,
esistono rapporti di simpatia; fra l'acqua
e l'olio di 'antipatia').
Correlato al concetto di simpatia
quello di corrispondenza: ogni oggetto
in un determinato ordine della realt
gode di una relazione particolare con altri oggetti in altri ordini: alla rosa nel
mondo vegetale corrisponde il leone in
quello animale, una particolare pietra in
quello minerale, un profumo, una costellazione celeste, un pianeta, un tipo
di uomo e cos via.

a nozione di simpatia cosmica, il


principio basilare della ntagia (--+ ),
t1ov la pri1na organica formulazione
dttrante i secoli dell'Impero romano negli ambienti del tardo paganesimo
( -+ G11osi) . Essa afferma che in ogni
parte della natura, anche nel mondo 1nincrale, esistono attrazioni e repulsioni, affinit e antipatie fra ele111enti che si
cercano o s1 oppongono.
una teoria coerente con le idee del
1111ciirna (--+ ) cosmico e dell'anima del
mondo (-+ ) che si andavano formulando nello stesso periodo. Se l'universo
un gra11de essere vivente, ovunque permeato dallo spirito sottile del pneuma,
allora fra tutti gli oggetti che compongono la realt, anche lontani fra loro,
esiste 1a stessa interdipendenza che vi
fra le ga1nbe, lo stomaco, le mani e gli
altri orga11i di un essere vivente. Tutto
collegato con tutto.
Dal principio di simpatia universale
discende con1e corollario la possibilit
di azioni a distanza: tutte le cose, anche quelle separate nello spazio, hanno
fra loro rapporti continui e costanti. _I
maghi d.ell'antichit pensavano che ifenoineni magnetici fossero la dimostrazic.)ne di questo principio. La calamita,
infatti, Cl)ntinua ad attrarre il ferro anche se questo nascosto da una lastra di
vetro, di carta o di pietra; l'attrazione
magnetica, in grado di passare attraverso la materia, sarebbe quindi una forza
spirituale. A partire da Talete, che attribuiva un'anima alla calamita, fino a Cusano, che nel desiderio del ferro di unirsi alla calamita vide un'analogia con l'aspirazione della men.te umana alla saggezza, il mag11etismo fu sempre affrontato
in termini spiritualistici e animistici, di

FILOSOFIA

Nel tardo Medioevo questi princpi trovarono applicazione in campo medico


nella medicina astrale (introdotta in
Occidente nel XII secolo dagli Arabi): il
corpo umano va considerato una mappa cosmica, in cui a ogni singolo organo corrisponde una Casa dello Zodiaco.
Utilizzata a fini diagnostici serviva a
scoprire le predisposizioni patologiche
(il segno dei Gemelli, per esempio, in
una casa astrologica negativa predisporrebbe alle malattie polmonari). Dopo il
ritorno della peste in Europa nel XIV
secolo la medicina astrale trov una
conferma nella ciclicit con cui l'epidemia tendeva a ripresentarsi (ogni 10-12
anni circa), spiegata con fatali congiunzioni di astri particolarmente negativi
(Giove e Marte erano i pi temuti).

250

RINASCIMENTO

ii

,..

'21:

G'

::.>

~l

net lro.(agumnut funr


Jl ti.l(lb.I n (1 fQ tollmc.t .

lll1l fntllllJ . ~llOJ Cttlt .t /

JJIOlS. lll rgll. t. tpn l'Olll 11 ~

,>

f1111rtn~1 crlu~1 1 11c1.111ro

11c.1fnrrn1111.1 O'nbl1r.1111

~ ,t

-.o..
-

..

-- - ,, -

----..,...]

J O-~

_ !

O (

G. (14

ClO \

Sul principio della simpatia


cos111ica s i basa la lc ttttra
della n1ano. o chiromanzia:
a ll e lin ee e a i rili evi d e lla
n1an o co rrispondono le in0Ltcnze di cletcrmir1ati corpi
celesti . Ne lla 1na no s inis tra
leggibi le la pa rtc e rcd i taria
della persona; quc Ila des tra
mostra invl'Ce il S Ll O potenziale personale, la s ua indi\1iclualit specifica.

...

r1111111.

J 11q1111n11s.

?-0

,.

llblll.fllll('4lltll1 et h
lllllllllllllhl(Cll/111,l , "
f1111jl 1111 r,t.1\m b1011.111.1 .
I)

rr "
;

La medicina astrale: cl1cma de ll e corri po nde11ze fra le parti tlcl co rpt) umano e le co~ te ll a
zio ni zod iacali (inizio XV secolo).
Testa = Ariete
Gola= Toro
Cuore = Leone
Polmoni = Geme lli
Pelvi = Sagittario
Sto1111Co = Ca ncro
Sesso = Scorpione
Reni e fegato = Bilancia
Articolazioni= Caprico rno
Milza= Vergine
Sistema linfatico = Pesc i
Caviglie = Acqttario

Corrispondenze fra mondo vegetale e anim'-1lc


seco ndo il 111ago rinasc i1nentale G. Dalla Porta.

251

F 1L<..1 c1r1 ,\

RINASCIMENTO

Ermetismo

FICINO, BRUNO

Vedi a11che Mito delle origini


l 1nass iccio afflt1sso di sapienti greci
i11 lt;1lia dopo la caduta di Costanti11o poli nelle n1ani dei Turchi (1453)
diccle nuovo impulso alla ricerca di anti c l1i tnanoscritti . Fra quelli che Cosimo il Vecchio de' Medici, fondatore e
grande 111ece nate d ell'Accade1nia platoni ca fi orentina, riusc ad acquistare tra1n i te gli e1nissari che aveva appos itan1 cnte invia to in Grecia, grande entusiasn1 0 provoc un gruppo di diciassette trattati (cui fu dato il 11ome di Corpus l1er1neticu1n ) attribuiti a Ermete
Trismegisto.

11 fa tto cl1e Marsilio Ficino abbandon


1~1

trad uzit111e delle opere di Platone in


e tti era i111pcgnato per dedi carsi a quelle <li Er1nete dimostra la scala di valori
vigente presso i membri dell'Accade1nia . ln effetti non \'i era m otivo di dubitare dell'at1tenticit dei trattati, dato
cl1e a favore dell'esistenza e del valore
di Ermete si erano gi espresse prestigi<.)Se autorit, co1ne sant 'Agostino ,
cl1e nel IV secolo ne aveva letto le opere, condan11ando gli inviti alla pratica
d ella magia, ma riconoscendo che in.
esse <<Si parla di Dio secondo verit>>
(De civitate Dci).
La realt era ben diversa , ma fu scoperta solo nel 1614 dal filologo francese
Casaubon . Nonostante fossero -molto
orgogliosi della loro scienza filologica,
gli Umanisti erano caduti in uno dei pi
colossali e riusciti inganni della storia
del pensiero: gli autori delle opere ermetiche furono infatti ignoti scrittori di
religione pagana, probabilmente greci,
vissuti nel Il-III secolo d .C., non quindi
all'epoca di Mos (XIII secolo a.C.) in
cui si riteneva fosse vissuto Er1r1ete. AlflLOSC)FIA

lo scopo di aumentare il prestigio delle


loro opere, costoro preferirono firmarle
e attribuirle a pi antichi autori; alcuni
scelsero il poeta tracio Orfeo ( __. Orfis1110) , altri Hermes, il nome greco del
mitico sapiente egiziano Toth, di cui gi
aveva parlato Platone.
Inoltre, affinch la falsificazione non
fosse scoperta, giunsero a modificare
opportunamente il testo: era facile per
loro fingere una profezia della venuta
di Cristo, semplicemente perch questa
si era gi verificata . Del resto, pur essendo pagani, non erano pregiudizialmente ostili al Cristianesimo, in cui pi
che altro vedevano una delle tante sette irrazionaliste e magi che provenienti
dall'Oriente.
Prodotto in una societ cosmopolita e
universale qual e fu l'Impero romano, il
Co1~pus f1e 1~rt1eticu111 si caratterizza per un
forte sincretismo , l'accettazione di
princpi tratti da diverse filosofie, senza
cl1e il tutto si a1nalgami in una nuova e
organica dottrina. In esso sono presenti
dottrin e derivate dal Neoplatonis1no,
dal Cristia11esi1no, dalla Gnosi, dal Ma11icl1eisrno di origine persiana, culti egiziani e orientali (~ le varie voci).
t:incorporazione dei trattati ermetici
nella filosofia rinascimentale fu una
delle cause del grande prestigio accordato alla magia (- .. ),all'occultismo, all'elaborazione di una lingua sapienziale ( ~). I..:importanza di questi tratti nella cultura del XVI secolo una scoperta recente della critica, soprattutto grazie alle ricerche della studiosa inglese
F.A. Yates (G. Bruno e la cultura rinascimentale, 1988).

252

RINASCIMENTO
SLtl pavi111 e.11Lo del d t 10 111 0 di
Siena vi t1n m osaico clec1icato alla profezia di Ermete . li
vegge 11Le sorregge 11eIla n1a n o
s inis tra Ltn p a11n ell o in CLti
sint etizzato il ce leb re passo
clell'Asclcpio, il ])i.Lt i1nr)ort1 11te
rra i LesliattribLti tigli . Vi si legge: Dio, crecrlc>rc e.li IL1ll c le coc, creo L1.11 seccr11clo Dio ''isi/Jile
e fii C/L1csli il pr i1110 Dio cl1 e egli
j'ee e e i 11 e ti i si eo 11111 i l i e <11.1e e
Cflt.cst(> Figlio f u cl1ia111alo Sa11t o
VerlJ<J . In qtt es ta fra e Fi c ir10
\'Oll e velie re la pro fez ia dell a
vc11t1L\ lii Cristo, eppttrc la verit c h e Er111 ete tlu11a agli Lt On1 i 11 i , J) tt r r i fa e e n <lo - i e h i a ri1
:111 e n t c ai co 11cc tti cris ti <
lt1i di
I 11 ca r11az ione e T ri11 i t , fo rtcn1 c11 t c eqLt\'OCa , percl1 i l tt111n di t111 'seco ndo Dio' era tilJ ico ciel pagar1csi 1110 ncoplaton ico <lei tarclo l111pero.
Er111ete an1n1011isce al silenzio. Rip re11<le11do i te n1i della Gnosi anti C41 , l'Errneti sn1 L) ton ce 1J1 il a.pere co1ne un o $lrt1n1cnt1.1 d potere sulla 11atLtra e s ugli altri tto mini . Era quncli e~ enzialc la se,~ "l~J ,
g~etc~za d e ll~ <l o_ttri1~c ..o . 1 ~ loro e pos izi? 11 c i~ t~r.111i.)
1 lf'1,i
n1 cos i co rnpl1 ca t1 e c11fl1c1l1 eia escludere 1. n.o r1 111Lzlat1 .

_.i . .

._

Ne i tes ti rinasc i111cnLali s i ripe te co n fr equ e nza


l'ir11rnagine di Errnete cl1c d o11a all'umanit la sapienza attrave rso l'espos izi c>r1e di ge roglificj egiz iani dal si_gnificato as tro logico e cos1nologico (lingua
sapie11ziale).

253

F ILl )

ort.

RINASCIMENTO

Cabala

EBRAISMO, MAGIA

Vedi anche Ermetismo, Gematria


chitettonico, formato da Stazioni' contrassegnate da un nome, da una lettera
dell'alfabeto, da una cifra e da una fitta
rete di corrispondenze magiche. Poich
ogni Sefirot in diretto rapporto con
una delle dieci sfere celesti, il sistema
nel suo complesso costituisce una descrizione cosmologica. Ma anche una
completa sintesi della realt, perch a
ogni Sefirot corrisponde una parte dell'esistente, sia di natura materiale, sia
umana o soprannaturale.
Le Sefirot sono per anche una descrizione di Dio, poich i dieci \nomi'
espri1nono altrettanti attributi divini.
Possedendoli nella loro interezza, il mistico verrebbe quindi a conoscenza dell'essenza stessa di Dio.

1 ter111ine Cabala (Qabbalah: letteralmente tradizione' e anche 'ricezione


delle cose divine') designa il complesso
ciellc praticl1e 1nistiche ed esoteriche
ebraiche. La co11t)scenza conte1nporanea
di qt1esta tradizione si basa quasi esclusi\'a1ncnte sull'opera dello storico dell'Eb1aismt1 Gerschom Scholem (Le g1a11di
co i-1c11ti della 111istica eb1aica, 1941 ).

La tradizio11e cabalistica afferma che,


qttando Dio consegn a Mos le Tavole
della Legge, gli confid ancl1e deter111inati significati segreti della rivelazione,
per lu11go te1npo trama11dati oral1nente
e poi di1nenticati . La Cabala sostanzial111ente la ricerca di questi significati
criptici delle Sacre Scritture. Nel Genesi,
per csen1pio, scritto che Dio cre ogni
parte della realt (il giorno, la notte, la
lt1ce , il inondo animale, l'uomo e cos
via) se1nplicemente pronunciando il loro no1nc, ina non esplicita per esteso
quali furono esattamente le parole pronuncia te da Dio. Secondo i cabalisti
qt1este forn1ule era110 di natura magica,
ossia dotate di intrinseca potenza;
cl1iunque sapesse co1nprenderne a fon:.
do il significato e impadronirsene fino a
pronunciarle nel corretto ordine acquisterebbe una capacit creativa simile a
quella divina (Geinatria).
Le riflessioni cabalistiche portarono alla for1nazione di un fondamentale schema formato da dieci di queste formule
noto come albero delle Sefirot. In continuit con l'ancora pi antica tradizione della me1'kavah (mistica del trono di
Dio), il sistema delle Sefi rot era immaginato con un impianto fortemente ar-

Un limite teorico che i cabalisti ritenevano irraggiungibile la conoscenza del


vero nome di Dio, il suo nome proprio
e segreto detto E11 Sof (secondo la tradizione esoterica formato da ben settantadue lettere), conoscendo il quale si
entrerebbe in possesso della divinit.
Nel tentativo di raggiungere quest'obiettivo la Cabala proponeva una forma
di meditazione (-+) basata sulla contemplazione mistica delle Sefirot. Attraverso complicati rituali esoterici che
potevano raggiungere stati autoipnotici
profondi, il cabalista percorreva a ritroso il cammino della creazione, partendo
da Malkutl1 (il mondo terreno) per risalire fino a Keter (la Corona di Dio). I..:impossibile tentativo di conciliare la Cabala con il Cristianesimo fu l'obiettivo
della breve vita di Pico della Mirandola (900 Conclusioni filosofiche, cabalistiche e teologiche, 1486).

'

FILOSOFIA

254

RINASCIMENTO
L'incredibile complicatczza raggiunla dal sistema ca lJalistico nello scl1ema di uri 1nago cristiano. padre A. Kircher
(Ocdi[JUS aegyptiactis, 1652) . A ogni Scfirot eassoc iala una
gerarchia di angeli , il c.ui compito co nsiste nell'aiutare il
viandante 1nistico che sappia entrare in rapporto co n loro
tramite le opportune invocaz ioni e praLichc rituali.

Scl1e1na dell'albero sefirotico. Ogni 'can1era' designa un o stadio d el percorso


mistico, un 1no1ncnto della rneditazioLt Dio. Iniziando dal basso si suss eg lt o no i se gu e n t i Ii ve 11 i : i l Rt' g n o
(Mall<utl1), il Fonda1nento, la Macsta,
l' Eternit, la Piet, la Giustizia, l'Amore, l'Intelligenza , la Sapie11za , 1~1 Co r<)na Eccelsa ( Keter).

Kl l Il R

Cornn,1
1'11.,i-.lro

d,I

I 'ild...ln.'l
dcllJ

g1ud 1til1

n1 i-.nt ~Jri.li. 1

Q.!!! txp.J11Jis i11truri: 1n~1:l~11~,


zrJxijl4 0 11111ia ;1d lt s t e\"L A.

HIN1\l I ~---..........------4 tl0~1 1 \~L\11


l111tll1g('ll/ cl
SJ gL2d

lii VLJRA I I \----llo.-llo....-..L..L--L-"-----1


(.,1uJizio 1 - - -........... - -..........--..........------{

1ICSfl )
1\rn o rc

Tt rr KrTt I

B1.lk11 t1
I IC)I)
NI T /\lt
pl1:1ult1n.. 1 - - - - -........- - - - - - - { I 1.: r m l'7 7J

vrsco

rondJrnrnto

M1\ 1KLJTI I
Kl' gno

La Cabala cristiana proposta d .1 Pi.co della Mirandola . A ognLtna delle stazioni dell'albero del-

le Scfi rot, cl1e si eleva S l1 I la fera del cosmo, corrisponde una piaga dcl co rpo cli Cri to crocefisse>.

255

fl L{1$()fL\

RINASCIMENTO

Gematria

CABAIA EBRAICA

Vedi a11cl1e Cabala, Magia


01111essa alla via delle Scfir~ot ma da
-ques ta distinta, la Cabala ebraica
ta rdo-m edievale elabor t1na seconda
strategia di 1neditazio11e ( - >) mistica
nota con1e Sentiero dei nomi. [assunto era cl1e il testo della rivelazione, in
qtta11to scri tto diretta1nente da Dio, de,,e essere perfetto sotto ogni aspetto.
Ne lle parole della Bibl?ia contenuta
tutta la verit : non solo i dogmi della
teologia, rna anche il sapere scientifico e
naturale; ogni do1na11da formulata dall'11on10 vi pLt trovare la risposta definitiva. Se queste verit non sono cos evidenti, la colpa non del libro, ma di una
lettura imperfetta , incapace di coglierne
il senso prt)fondo.
Per scoprire ci che cripticam.ente si
nasconde nel testo quindi necessario
sperin1entare nuove e audaci forme di
lettura, senza tralasciarne alcuna, anche
strana o fuori da ogni nor1na. Per i cal)alisti, per esempio, non era insensato
provare a partire dall'ultima parola e leggere a ritroso fino alla pri1na, oppure
leggere una parola s e una no.
I metodi pi usati erano tre:
il Nota1iqo11 , che consisteva nel sostituire ciascuna lettera di una parola con
l'iniziale di un'altra parola;
la Te111u1-ah, che consisteva nell'invertire le lettere di una parola in modo da
comporne un'altra di significatg diverso;
la Gen1at1ia o Sentiero dei nomi, la
tecnica pi usata e di maggiore complessit, che era basata sull'equivalenza fra parole e numeri. Vediamone il
procedimento.
Si deve in primo luogo sostituire a
ogni lettera il numero corrispondente .

FILOSOFIA

256

(A= 1 ~ B=2, e cos via) e poi fare la som-

ma per stabilire cos il peso aritmetico


di ogni parola. Per esempio il ter1nine
'babbo' trasformabile nella serie nu merica 2,1,2,2, 1 e il suo peso aritmetico
quindi 8. Si assumeva che parole diverse, ma di uguale peso numerico, fossero equivalenti e fra loro intercambiabili. Un esempio: un passo del Genesi,
particolarmente equivoco, afferma che
<< lo scettro non si allontaner da Giuda,
n il legislatore dai suoi piedi finch
non arriver Schiloh, e in lui si unir
tutta la gente>>. Ora, la frase fi11ch non
ar1iver Sc11iloh ha, in lingua ebraica,
valore 11umerico 358. Ma anche la som1na delle lettere di Mlssia d lo stesso
nu111ero ed quindi din1ostrato che il
passo in realt una profezia della venuta di Cristo. Naturalmente le corrispondenze numeriche delle parole possono essere tnolteplici, il che fa della
Gematria un metodo interpretativo
strutturalrnente aperto ad acquisire
se1npre nuovi significati possibili.
ln realt la Cabala fu una riflessione sull'inconoscibile, sull'assurdo e sul paradosso, una pratica tesa a sottolineare
l'irraggiungibilit della verit ultima con
i soli mezzi della ragione. Afferma una
massima cabalistica citata da G. Scho-

lem (Le grandi correnti della mistica


eb1aica, 1941) che <<quanto pi queste
soluzioni sono incomprensibili tanto
pi alto il loro rango, finch tu giungi
all'attivit di una forza che non sottost
pi al tuo controllo, ma piuttosto essa
stessa che tiene sotto controllo il tuo intelletto e il tuo pensiero >> .

RINASCIMENTO
Il nome di Dio for1nato da lettere sovrappos te, come appare
nel De umbris idearit1n ( 1582) , un Lesto ermetico-mne1nonico di G. Bruno. Era un simbolo molto a ma to dai
cabalisti poicl1 esprime,,a l idea d ella tnediL~ione
com e inesauribile i nterpretazione del testo sacro.
1

13
31
12
30
17

22
4
21
3
26
8 35

18
36
14
5
10
28

27
9
23
32
19

11
29
16
34
15
1 6

20
2
25
7

24
33

l 'equivalenza posta dalla Ge1natri a fra nu meri e lettere dell'alfal)elo port all'invenzione dei quadrati magici, n.e i qual si ottier1e e1np re lo tesso ri ltltato in
qualunqu e m o d o si
soni.mino le cifre. Per
ese mpio som1n ando i
se i numeri in quell o
di si nistra s i ottiene
cmpre 111. In quello di des tra, il 'qt1aclra to di Giove' in ve 11tato da Agrippa
( PJ1i Ioso p11 i c1 c1cc tf le a,
15 10) , il ris ulta to e
sempre 34 .

4 14 15 1

9 7 6 12
5 11 10 8
16 2 3 13

;....._~.---..-------..::::

n .,

'

Talism a no 'per guarire l'uomo da ogni tipo di infermit' presentalo da Agrippa ( P11iLosophia occttlta). All'interno del qLladrato sono posti in orizzontale, l'uno sopra l'a ltro, quattro 'nomi di Dio' in

modo tale cl1e let dall'alto in basso fornl.ino altri nomi , sigilli sacra tissimi della divinit .

257

fI LOSO FlA

RINASCIMENTO

Arte combinatoria

LULLO

Vedi anche Cabala, Ars inveniendi, Gematria


ligrnza artificiale (~), anche perch il
filosofo non si accontent di indagini
teoriche, ma pass decisamente alla costruzione concreta delle macchine combinatorie.
La sua idea era quella di disporre su
un circolo gli ele1nenti fondamentali
che formano una nozione (per esempio, relativamente all'idea di Dio ,
bont, grandezza, onnipotenza e cos
via). Queste caselle concettuali vanno
poi rnesse in relazione fra loro da particolari schemi grafici che si possono disegnare al centro delle ruote . Poich
ogni ragionamento una forma di coll egan1e n to fra nozioni, diventa cos
possibile una rappresentazione della
conoscenza e dei suoi procedimenti secondo moduli geometrici. Nella termi11ologia moderna il lullismo consiste in
una desc1izio11e topologica delle operazioni mer1tali, in cui cio i rapporti fra le
nozioni che formano il discorso sono
espressi tramite collegarnenti di tipo
spaziale.
Questi diagrammi dovrebbero permettere di scoprire le leggi del pensiero
associativo. Lullo per esempio dimostr
che nelle ruote dedicate a problemi naturali prevale sempre lo schema del
quadrato degli opposti ( ~): terra e acqua opposte ad aria e fuoco; prirnavera
ed estate contro autunno e inverno, e
.
COSI via.
Similmente l'applicazione delle ruote
co1nbinatorie in teologia dimostrerebbe
il dogma trinitario: lo schema pi adatto per collegare gli attributi di Dio
(bont, grandezza, onnipotenza) sempre triangolare.

T 'arte combinatoria fu il frutto del


Lgenio di Raimondo Lullo (12321315), teologo , filosofo e 1nissio11ario
catala110, autt1re fra i pi prolifici (e di
difficile lettura) della storia: gli sono atLribt1ite be11. 280 opere scritte in latino
o i11 catalano (altre c.lecine, in arabo, anelarono perse in u11 naufragio) . Loscopo di qttesta fren etica attivit era di tipo mi ssio nario: co nvincere Arabi ed
Ebrei della superiore verit del Cristian esin10, in particolare del dogtna trinitario, il 1naggior ostacolo teologico sulla \'ia di una rit1 nificazic,ne delle fedi
.
1nonote1ste.
Nella Spagna del Xlii secolo la cultura
araba e 4t1ella ebraica erano al culmine
di u11 bri1l:lnle processo ii crescita e
cc)nVi\'evano pacifica111ente co11 il Cristianesimo in un clima di reciproca tollcra11za (caso unico nella storia). Lullo
era un si11cero an1miratore della cultura
degli infedeli e pensava di ottenere la loro conversione tramite il convincimento razionale, dimostrando con argo1nenti logici e incontrovertibili la superiore
verit cristiana. I..:arte con1binatoria che
ne consegu fu un assieme di logica,
mnemonica , retorica e scienza dell'invenzione~ il suo obiettivo era il corretto
uso dell'intelligenza attraverso apparecchi logici, vere e proprie macchine inferenziali capaci di dimostrare la verit
o la falsit di un'asse rzione. <<Lintelligenza>> afferma va Lu Ilo <<chiede imperiosamente una scienza generale applicabile a tutte le conoscenze>> ed quasi
inevitabile vedere in lui un precursore
delle moderne ricerche relative all'intel-

flLOS()flA

258

RINASClMENTO
li sistema cercato da Lullo una chiave universa~
le del sapere (clavis i1t1iver.sali s), uno strumento per
ordinarlo <la un t1nico e superiore punto di vista, in
tutti gli a n.1biti del reale. Si es1)rirne i11 lui per la priln.a vo lta una esigenza enciclopedica cl1 e diven.tera importante in epoca n1 0dc rn a. Lull o s lesso
saggi i propri scl1emi cogniti vi r1ci pi Ll diversi an1l1iti , dalla teo logia al la bota11ica.

ftNTIA ,DUICAVIT

..

Moltiplica11do il nun1 ero elci.l e rt:1c1te cCl11 cc ttL1ali e p o 11 e11do lc


in rotazio ne atto rno al ce ntrcJ , dive nta ~ p() ihil e crea re nU()ve e inus itate associazic) ni mentali . l n c1L1esto n1 odo l_a ars demostra11di (ca pacil di <li.111t1 trare) pcrseguitt <la Lt1llo tenclc\'a a tri1sfo r1n~1 rs i in ttna ars inver1ier1di ( pos~ ibi lita di fare scoperte) .

:I
IG~"JlA

Df.MONSTMTIVA:.~

00

L'uso dell e r11ote confer1na che i proble1ni


religiosi vanno affrontati con sch.c1ni trinita ri ( il tria11 go lo inte r11 0) n1e11tre qu elli

Lullo riprende da lla Gematria ebraica l'uso


di significare d etermi11a ti concetti tram ite let-

scie11tifici ric l1iedono Ltn s is ten1a qt1aLernario ( te rra, acqua, aria e ft1oco) .

te re <lell'a lfal)eto.

259

FlLOSOFIA

RINASCIMENTO

Ars inveniendi

BRUNO, ERMETISMO

Vedi a11che Ermetismo, Lingua sapienziale


Il pi ambizioso tentativo di Bruno di
delineare effettivamente una 'macchina
per inventare' fu il sistema delle ruote
mnemonico-associative proposto nel
De umbris idearutn ('Le ombre delle
idee', 1582).
Si ispira chiaramente a Raimondo
Lullo la disposizione concentrica delle
ruote mobili e libere di ruotare attorno
a un perno centrale. Ogni casella di
queste ruote contrassegnata da una
lettera cui corrispondono cinque im1nagi11i mne1no11iche (-+); dato che le
caselle sono trenta e le ruote variano da
tre a sette ne consegue che il sistema
nel suo complesso possiede una vastit
enciclopedica.
Chi riuscisse a impossessarsi di un
simile sistema di luoghi e di immagini,
a dominarlo mentalmente, avrebbe a
sua disposizione una sintesi dell'intero
universo.
Ruotan.d o i cerchi, si pu forma re un
numero infinito di associazioni fra le
immagini-concetto: rico1,dare significa
ricostruire questi percorsi; inventare significa instaurarne di nuovi; 'genio'
sar chiamato chi scopre associazioni
inusuali, originali ma veritiere.
Il problema, scoprire la logica che permette di rintracciare le associazioni utili fra le infinite senza senso, fu risolto da
Bruno in termini magici, proponendo di
pcrre al centro del sistema determinate
immagini celesti o mitologiche, schemi
archetipici usati nella costruzione dei
talismani, figure dell'astrologia (Case
dei pianeti, Decani). Una volta impresse fortemente nella fantasia , queste immagini mentali avrebbero positivamente condizionato la ricerca dei collegamenti associativi.

11 tratto caratteristico del Rinasci- 111e11to, che ebbe una larga diffusio11e nell'area variegata del pensiero n1agico , fu la ars invenieitdi , vale a dire laricerca di un 1nctodo, razionalmente specificabile, adatto a produrre nuove sco}Jerte Jogiche. Lo storico italiano della
fi lc)sofia Paolo Rossi cos ne riassume
gli an1biziosi obiettivi: <<Decifrare l'alfa1Jeto del mondo, riuscire a leggere, nel
gra11 libro della natura, i segni impressi
d l 1la 1nen te d ivi11a~ scoprire la piena
corrispondenza tra le forme originarie e
la catena delle u1nane ragio11i~ costruire
t111a lingua perfetta capace di elirninare
gli equivoci e di svelare le essenze mette11do l'uomo a contatto non con i seg11 i, ma co11 le cose~ dare luogo a encic101)ed ie totali, a ordi11ate classificazioni cl1e sia110 lo specchio fedele dell'ar111onia presente nel cosmo>>.

[interprete filosofico di questa tendenza fu G. Bruno, cl1e nelle sue opere ermetiche (scritte in latino) riun suggestioni provenienti dall'arte co1t1binatoria (-+ ) di Lullo, dall'arte della metnoria e dalla Cabala (-+) ebraica. <<Servendosi di immagini magiche e talismaniche come di immagini mnemoniche,
Bruno sperava di acquisire conoscenza e
poteri universali conseguendo, tramite
l'organizzazione magica dell'immaginazione, una personalit dotata di poteri
superiori, in sintonia, per cos dire, con
quelli del cosmo.>> Sono parole di F. Yates (Bruno e la tradizione ermetica,
1964), la studiosa inglese che negli ultimi vent'anni ha sottolineato l'importanza di questi aspetti finora trascurati del
pensiero di Giordano Bruno e del Rinascimento in generale.
FILOSOFIA

260

RINASCIMENTO
La rappresentazione della clavis universalis prop osta da G. Bruno nel De
triplice mi11i1110 el 1ne11st,ra. ( 159 1), uno dei suo i testi erm etici di pi dirficile comprensione. Un mito filoso fi co tipico dell' Ermetism o fu l'esis tenza di
una chiave universale, ossia di uno strumento (n1etodo) atto alla risoluzion e di tutti problemi e allo sv iluppo della crea tivita.

Raffigurazio11e lull ia n<l delln mente di Dio. Tutti i collega1nenti fra i suoi attributi (Sapienza , Volont, Virt ,
e cosi via) sot10 co11temporaneamente ope ranli ori ginando uno scl1en1a grafico retico lare.

l.e 0111bre delle idee: il sistema delle ruote

mobi li mnemonico-inve ntive proposto da

261

F ILO OFI.

RINASCIMENTO

Lingua sapienziale

BRUNO, ERMETISMO

Vedi a11cl1e Ermetismo, Ars inveniendi


Giordano Bruno (De magia, 1590) vide nei geroglifici addirittura la lingua
degli di: <<Le lettere sacre degli Egizi
erano immagini tratte dalle cose della
natura, o da parti di esse. Servendosi di
tali scritture, essi erano soliti impadronirsi, con meravigliosa abilit, della lingua degli di. In seguito all'invenzione
dell'alfabeto si determin una grave
frattura sia nella memoria, sia nelle
scienze divine e magiche>>. La scoperta
di questa sapienza egizia ebbe significativi effetti su Bruno. La cosa pi importante nella sua concezione, sintetizza F.
Ya tes (B1'uno e la t 1'allizio11e el'"metica),
<<era trovare i1nmagini, segni , voci, sigilli viventi che potessero risanare la
frattura, prodotta dai pedanti, nei mezzi di comunicazione con la natura divina, e, una volta trovati questi mezzi viventi di con1unicazione (dopo averli
itnpressi nella coscienza dura11te esperienze estatiche), unificare tramite essi
l'universo, quale si riflette nella psiche;
acquisire conseguentemente un potere
magico e vivere la vita di un sacerdote
egiziano in comunione magica con la
natura>>.

ell'a11no 1419 venne riscc.1perta e subito tradotta l'opera Hie1-oglyphica,.


cli t1n ig110Lo autore denon1inato HorusApollo, u11ico testo dedicato alla lingua
gcrt)glifica egiziana tran1andatoci dall'<1 r1ti cl1it.
Dalla st1a lettura gli Umanisti appresero cl1e il 1nitico Ermete Trismegisto
nc.1n era stato affatto l'inventore dell'alf,1l)cto (una forina gi degradata di co111 t1nicazi<1ne), ma di un tipo di scrittura pi antica, quella geroglifica, una
specie di co1nunicazione prclinguistica
basata stilla visualizzazione grafica dei
C<.)OCetti .
La ris11osta dell'a1111Jiente 11ma11istico
fu im111cdiata: i geroglifici furono consicl erati esempi di una lingua sapienziale, filosofica e perfetta, capace di rife1-irsi i1111nediatar11ente (diseg11andola)
all'essenza (icl.le cose.
Mentre i 110111i, le parole (s11011i di per
s privi di significato), hanno un rap r>orto solt1 convenzionale con le cose cui
alludt)no (e per questo sono diversi in
ogni lingua), la rappresentazione di un
concettc_1 tramite u11 disegno riuscirebbe
a esprimere la sua pi i11ti1na natura o
comunque 11e evidenzierebbe aspetti occulti e inusitati.
Gli antichi Egizi, si pens, per significare l'idea di et disegnavano il Sole e la
Luna; per sigr1ificare il tempo disegnavano un serpente che si morde la coda,
e cos via.
La convinzione di avere cos svelato il
segreto dell'antica sapienza egizia ben
visibile anche nello stile (fra il tenebroso, l'inquietante, il magico e il sapienziale) delle illustrazioni che corredano
le numerose edizioni rinascimentali del
testo di ~orapollo'.

FILOSOFIA

In realt l'interpretazione dei geroglifici


co1ne lingua figurata, sostenuta sia dagli urnanisti sia da Orapollo (che scriveva in epoca tardo-imperiale, forse nel V
secolo d.C., quando gi la lingua geroglifica non era pi in uso neppure in
Egitto), un colossale fraintendimento:
gli Egizi usavano le immagini co1ne segni fonetici, fonogrammi, pi o meno
come le lettere dell'alfabeto. Del resto la
complessit di un vero linguaggio figurato richiederebbe un numero ster1ninato di icone.

262

RINASCI.MENTO
Da Orapollo Scleclct l1icrogl)'pl1ica, 1597: il serpc1i.tc cl1e si morde la coda , detto Urol)o ro. si1nbolo del tet11po ciclico (- > Tcn1po
e i eI i eoIreLli 1i11 eo) e 11 e rito rna
se n1pre s u se s tesso. Ficino lo
intese co111c un geroglifi co.
Il geroglifi co c l1 e esprirne l' idea cli Di o invece l)occ l1io
(dagli Hierogly pl1icc1). infatti ,
1rgo111entn Ficino, (( per sg11iri ca re la divinit gli Egizi di pingeva no un occ hi o, percl1
con1e questo ''ede e gttarda ci
cl1e gli sta sotto, cos Dio co nsidera e conosce trt t te le ('OSe.

. ~<: s; ~. ')

. -~'- '

Ct1 i l'u111ar1i ta P. Valeriano (Corr11'>1e11ta ri o 'i t1lle letr ere sa.ere lleg li Egi~ia 11 i f lii altri por nl i ,
l 556) ri co tru L1n obe lisco
eg iz io e la sun i-cri zi onc
ge r og li.f i ca. Co rn c Lutei
g l i ' e gj t t o l (.) g i ' cl e l e i n qt1ecc11to egli l1 on avt\1a
mai \risto nulla di auten...
ticarnenle egiz io.

a
b
~

t
IJl

La maggior di.ffi co lt c.lell 'egittolog ia


stata quella cli capire che i diseg11i tracciati clagli ar1tichi scribi llO n avevano lo
scopo di sig11i fica re l'oggetto rappresentato, rna qLtello di indicare Ltn s t1ono. t1r1
valore fonetico (l'uccello indica il suon.o
'a'; la gatnba il st1ono 'b', e cosi via) .

263

RINASCIMENTO

Memoria artificiale

PSICOLOGIA

Vedi an.c11e Immagini mnemoniche, Facolt dell'anima

T 'arte della memoria artificiale era


L gi conosciuta e praticata nel mon-

mente deposte in una successione precisa e standardizzata, un percorso di


luoghi (loci, stanze della memoria) che
ne fissi la sequenza.
Pronunziando la sua allocuzione, il
retore compir un viaggio mentale lungo questo itinerario, ritrovando di luogo in luogo le immagini depositate, decodificando le quali potr senza sforzo
ricordare i concetti correlati. Nel complesso il sistema agisce quindi su due
differenti aspetti della memoria: in termini moderni le imagines sono una tecnica della registrazione (il mandare
qualcosa a memoria), mentre i loci ottimizzano le funzioni di recupero mnemonico (la capacit di rammentare, rievocare qualcosa di conosciuto).

do greco, che ne attribu l'invenzione al


p oe ta lirico presocratico Simonide di
Ceo (556-468 a.C.) . Ne accennarono
Cicerone nel De 01ato1'"e e Quintiliano
nell'J1tstitt,(tio 01"ato1i a, i quali per, trattandola come cosa universalmente nota,
spiegano pochissimo.
ln realt l'unico vero trattato di mnemotecnica antica rimas toci l'anonim o Ad Caiun1 He1'en11iun1 libri IV. Compila to ne11'82-86 d.C. a uso dei propri
stt1denti da un ignoto maestro di retori ca , questo bre\'e manuale, che allude
a nt1n1erose fonti greche sull'argomento andate oggi tutte perdute, riassume
in for1na sintetica i princpi dell'arte e
fu quindi di importanza essenziale nel
tra s i11 e t te re il saper e inne mo n i c o al
Medioevo.
notevole che il periodo di massima
fi oritura dell 'arte d ella memoria siano
stati i secoli dal XIV al XVII , un'epoca
in cui era gi diffusa la stampa~ ci
esclt1de che la sua motivazione ulti1na
fosse di origine prettamente materiale,
con1e sostituto di appunti o note scritte (del resto anche oggi esiste un'ampia
manualistica relativa al potenziamento
artificiale della memoria basata su
principi molto simili a quelli proposti
dall'antica arte).

Se si desidera ricordare molte cose necessario che il percorso dei luoghi mnemonici sia ben costruito. Inoltre lo stesso sistema di loci (che costituisce una
struttura vuota) pu sempre essere riutilizzato per ricordare materiale diverso.
Si tratta, insomma, di un utile strumento di lavoro per tutti i professionisti della parola (l'avvocato, il politico, il predicatore religioso, il docente e lo studente), da costruirsi mentalmente una
volta per tutte e quindi con la massima
attenzione.
I percorsi pi consigliati dai manuali
rinascimentali sono quelli architettonici o urbanistici; qualsiasi percorso,
per, va bene, purch sia sequenziale e
ben conosciuto dal soggetto (ai letterati si propone per esempio di usare la
struttura della Divina Commedia, allo
studente la serie di palazzi che incontra quotidianamente nell'andare a
scuola).

Il metodo della memoria artificiale prevede due fasi distinte. Dapprima si deve
trasforma re ci che si vuole ricordare in
un 'adeguata rappresentazione visiva,
un'imrnagine rnnernonica (- ) in vario
modo collegata alle nozioni da mandare
a memoria. Le 'figure concettuali' cos
formulate devono poi essere ordinataFILOSOFIA

264

RINASCIMENTO
w

., . \


. . ~

'i

..

-"". ..

Le s tanze della mente, i foc i in cui <lepo i tare


le immagi ni mn emoni c he. non dc ono c. ere
trOIJI)O j Il U111 i nate. pe r Il C) ll ra r c: i n ti Ila re le i mmagin i, .n troppe) oscure. E l?e r1 e cl1e sia no e.li
dimensio ni mode te, a mt ura d'uomo (co me
mostra la fi gura), percl1 un o r az i t1 eccess i o
re nclere blJe vagl1 e le in1magi n d e p,1 1ta t e . le
quali , al co ntrario, d c \' t1 r1 0 raggiunge re un e ide11za quasi 'ta tl i le' n e1l'i n1111,1g i 11nzi on r vi i va.

,. ' ~ I

'

--,.-------- ----------6
Un percorso di loci basato sull a seq11enza degli
enti naturali e cos111ici. Si pa rte in basso dai qLtattro elementi , si prosegue poi con la serie clei pianeti e co n le sca le a1i.geli cl1 e. Seguendo questo
schcn1a obbligato. il retore ritrovava i11 ognttno
cli qt1esti luogl1 le immagini mncmo11iche prcccclc11ten1ente e accuratamente elab ora te .

0
2

BEl.lA.TOl\.

DO

o o

00

Un ese mpio di percorso de lla mcn1oria rJropos .to da j.H. Romberg (CcJ11gl t o 1i t1111 artifi cio cie
111e1n ori(te, 1533) . Il st10 sttggerimento e qt1ello
(li s frt1ttare l'abitudinarie t d e i p ercor i co mpittli quo tidia na m e nte d a l oggetto. Si parte d a lla s talla dove il pas to re ( bLtlJ11l c t1 ) radttna le pecore, s i. prosegue per il lt1ogo do,,e opera il 111ace llaio (bov icitla). il libraio (bibli or1cJ /c1), l'a rn1aiolo ( bell c1tor). il barbiere ( barbilo11 or ) e s i
finisce n.el.l'alJbazia (cibatili).

265

Immagini mnemoniche

PSICOLOGIA /MEMORIA

Vecli a11cl1e Lingua sapienziale, Ermetismo, Immanentismo


importante infatti che lo studente crei
figure personalizzate, legate alla sua fantasia , svil11ppando una personale capacit inventiva. Un raro esempio di immagine mnemonica (proposto nel XV
secolo da Romberch nel Congesto1ium
artificioscie 111emo1'" iae) visibile nella pagina a fianco: le nozioni da mandare a
1nen1oria sono gli attributi della Gram111atica, la prima fra le arti liberali. La
P1cdicatio me1norizzata con una Pica
(Ltna gazza) cl1e la Grammatica tiene
nella mano destra: l'Applicatio ricordata dall'Aquila che poggia sul suo braccio ; la Co11tine11tia dovrebbe fissarsi nella 111emoria mediante l'iscrizione CONT
sul petto (costruita con un alfabcto visivo). Con questi metodi possibile registrare nella 1nemoria una quantit enorme di informazioni.

a teoria delle immagini mnemoniche ft1 for111t1lata JJer la pri111a vt1lta


i1el tri1 tlLllt) Aci Ca'itt111 Hcre1111iu111 (anon i 111 o , 82 d . C. ) , i I test o c I assi c o de 11 a
ttl(>J11oria artificiale, con le seguenti par(Jlc : <<La t1att1ra stessa ci insegna ci che
dl1lJlJi~11110 fare . Qt1ando , nella vita di
l1g11i gio r110, vcdia1no cose 111escl1ine ,
Ltst1,1li e banali , gcneral1ncnte non rius e i a 1n <.1 a rie o rcl '1 r I e , p e re 11 la 111 e n te
nc)n 11e riceve alct1no sti111olo nuo\ro o
ii1 co 11sucto. Ma se vedia1110 o udia1no
qualcosa di eccezio11al1nente basso, vergog11osc>, i11cons11eto, grande, incredibile o riclicolo, sia11'10 soliti 1ico rdarcene a
lu11go. Per C)Ltesta ragione di1nenticl1ia1110 abi tual1n e11 te cose vedute o udi te
poco addietro , ma ricordia1110 spesso
i)erfctt<.11nente avveni111enti della 11ostra
i11fa11zia . No11 potrelJbe essere cos se
11011 }Je1cl1 le cose abituali scivolano via
dalla 111c111oria, 111c11tre quelle eccitanti e
11uove si fissano 1)ii.1 a lungo nella me11te. Bisog11a du11que costruire i111magini
efficaci Ii 1nagi 11c' s c1gc11tcs] , asseg11ando
loro eccez ionale bellezza o bruttezza
si11golare: per ese1npio ador11anclole cori
inanti cli porpora OJJpurc sfigurandole,
i11trc)ducendone alcu11e macchiate di
sangue, i1nbrattate di fango, sporche di
tinta rossa, cos che l'aspetto diventi i1npressio11a11 te opJJU re ridi cole)>>.
La 111e1noria, i nsom1na, enfatizzata
dagli urti emozionali , dal bello e dal disgustoso, dal comico e dall'osceno . La
regola chiara, tuttavia l'antico trattato,
cos con1e la manualistica di ogni ten1po, molto scarso di esetnpi visivi .

FILOSOFIA

Le prestazioni straordinarie che la mnemotecnica rendeva possibili suggerirono che tecniche adegt1ate avrebbero potuto sviluppare fino ad analogl1i e portentosi livelli anche le capacit propria111e11te intellettive (cognitive, non mnemonicl1e). I..:ars Jt1e1norandi poteva essere trasforn1ala in una pi an1biziosa
ars inveniendi (-+-), l'arte della scoperta
di verit nuove, come dire il segreto della creativit e dell'intelligenza. Per questa via si oper una convergenza fra
mnemotecnica e niagia (- >-) , il cui culmine sta nell'opera di G. Bruno, che fu
vera1nente e 11el senso pi letterale un
mago della memoria, oltre che il maggior filosofo del tardo Rinasci1nento.

266

RI NASCIMENTO
Quc La i111 c1gc1 e1gc11 \ (dal I a11011i111c> A 1l e> dcl 1 icorclc1re i V c111 gc l1 lrc11111Lc fig ure, 1505) ri ;.1 Ll mc ben cinqu e ca 1) 1Lo l i (dal Il al .\ I l ) elci
\ 1c111gc lv: il te <. l1 io ri co rcla l'c111 od 1<) tiella reSttrrez1 011c di Lazza r<) : i cluc a1n,1nti i111rccc: io-

lI

t i 11 per o t1 aggio (lc l1'41c.IL1ltcra, l'occ l11 r> '>pala11cato ri1na11cla ~1 1 cieco rt~a n a to . eco 1 \ ' I d .

-x:v

- ---------

'1
I'

"j
\

lO

...

AfftRMATIO.

Una ta, ola dei T arocc l1i , le c~trt c a Lt o di,inatorio cl1e si difft1~c ro i11 ELtro pa nel X\' I cCtJlo . notc\'Olc la parc11tcla t i l1 ~ ti c<1 f r<l C[lles te i mm agi n i tn agi eh e e Ie i 111clg i11 e ag. e11 tes
elaborate eco nd <1 la 1cc11ica clclla 1n c111o ri a
nrtfici,1lc. Vi in cntran1bc Ltn'incongrua ass ociazione di oggetti , t1nn ri cercata Lranczza e ur1'a tLr<liLa (0111 11<)~ iti,a che nnLic1pan()
lo stile Ltrrca lista d c ll'~1rt c co 11t e 1np0 r~tnea .
1

L'i1111n,gi 11e 111ne111onica ciella Gra1.11n1ati ca pror)<)~La da Rombercl1 .

267

RINASCIMENTO

Mondanizzazione

RELIGIOSIT

Vedi a11cl1e Uomo camaleonte, Eresie cristologiche

nomeno definibile mondanizzazione:


la sistematica riduzione del divino all'umano. In questo periodo la sacralit e le
immagini che la rappresentano persero
del tutto l'aspetto tre1nendum (numinoso) per assumerne uno mondano, spingendo l'insistenza sull'umanit di Cristo
sino a effett. parossistici: nelle immagini di Ges Cristo bambino si giunse a
mettere in evidenza i suoi attributi ses~
suali e il suo sottostare ai comuni bisogni fisiologici, quali per esempio }'.a llattamento. Questa complessiva demitizzazione del carisma sugger la possibilit di esprimere la nozione di divinit
attraverso la sovrumana bellezza del
corpo di Cristo.

partire dalla fi11e del Medioevo si svilupp un importante mutamento


d ella religiosit 11el segno di t1na progrcssi\1a umanizzazione della figura di
Cristo. Il ca1111Jia111ento prese il via in
C(l111110 artistico, in cui sempre pi spesso si scelsero ten1i legati alla vicenda
s trettatncnte terrena di Ges: per esempic) gli eventi della nascita e dell~infanzia,
OJ)f)Ure gli episodi salienti del privato fa1niliare (Ges che aiuta Giuseppe 11el la' ' Ol' O di falegna111eria). Per la prima. volta
nella storia del Cristia11esimo vi fu curiosit per il parentado di Cristo: si rivalut la figura di sa11 Giuseppe fino ad allora ri111asta ai rnargini e si rect1perarono
dai Va11geli (I11oc1ifi personaggi rimasti
ig11orati per secoli (per ese1npio Anna e
Gioachino, i nonni di Ges). Questo
processo di quotidianizzazione trov la
pi efficace esi)ressione nell'inven_z ione
del presepe da parte di san Francesco.
[arte sacra inizi a rappresentare Cristo in atteggia1nenti e posture del tutto
normali, niente affatto eroiche: dalla
n1aest irraggiungibile e trascendente
del Cristo Pa11tocratore, autocrate e sovrano (-+ Chiesa primitiva), il Rinascfmen to pass alla forma opposta di fascina_z ione: Cristo l'uomo co1nune, 'il
prossin10' (il 'povero Cristo' di tutti i
giorni). La figura u1nana incominci a
essere usata non solo per rappresentare
Cristo, 1na anche direttamente Dio Padre (la base testa1nentaria era offerta da
un'affermazione dello stesso Cristo:
<<Cl1i ha visto me ha visto il Padre>>).

La pittura, che pure nel Rinascimento


oper una decisa rivoluzione sul piano
estetico, inizi a svuotarsi di contenuto religioso; cess di essere il v eicolo di
interpretazioni teologiche per diventare sempre pi una registrazione degli
avvenimenti biblici cos come li avrebbe visti un testimone oculare e senza
alcun ritegno nell'evidenziare le sofferenze di Cristo. Come consiglia un manuale dell'epoca, <<molta pi compunzione muove il vedere Cristo sanguinolento e difformato, che non vederlo
bello e delicato. 11 pittore mostra la forza della sua arte quando lo ritrae afflitto, sanguinoso, pieno di sputi, depelato, piagato, livido e brutto, di maniera
che non abbia pi forma d'uomo. In
questo modo tutti imparerebbero quale fu l'acerbit del suo dolore, gli
scherni, le afflizioni, le pene e le altre
miserie grandi>>.

Il processo di desacralizz_a zione del divino culmin nel Rinascimento in. un fe-

FtLOS()ffA

268

RINASCIMENTO
Dalla fine d el Medioevo il tema dell"allattamento di Ges fu sct lto empre
piu spesso percl1 si presta a so ttolin ea re la natura um ana assLt nla
da Cristo co n l'incarnazionc.

Ne l XV I ~e - .
co lo i vc n ncro frcque11 ti
immagi11i co n1e que lla ri pro<l c.)tla , <ltl p1ttc1re tedesco
A. Dt1rcr, in cui ~ j n1 05tra la di pcraz10 11c <l1 Lln Cri te>
co nsolato e sconfortato, <.lep re~ t ) e 1nal1 11 L<)n ic.c> , qL1 ,1s i co nfitto.

..._ .,/ I

San Giu cp11c, il per 011aggic> piu Lt 111an c> d c li ~ aera


Fa n1iglia, fu spesso ritratto n el gcstt> 11p1co <lcll(l malinconia , co n la n1ano ~Lilla gL1<1nc1a. Cl) 1 come prevedeva l'i co nogra fia deriva ta d:t Il'an t i c~l n1ccl il i na degli un1ori ( - ~ ).

Si ins isteva s ul tem a dcl do lore fis ico s t1b to da Cri to : la fl agellazione, l'in co ronaz io ne di s pir1e. La caduta otto il pc o della
croce. Al Cristo dei dolori si affi a11c i l tema clell'Am1a Christi, ovvero l'i11sistenza sugli s trLlmenti clella tc)rtura : c ~1 i o di , n1artello, spine. le frLtste, la la11cia, il bastone con sopra la pttgna.
(Jers ino la mano che cliec.le uno schiaffo a Gc u offere nte.

269

F1Ll1~t1 11.\

..

Predestinazione

RIFORMA, AGOSTINO, CALVlNO

Vedi a11cl1e Grazia, Sacerdozio universale


la salvezza di un uo1no dipende totalrn en te dalla qualit della sua vita, Dio
cessa di essere onnipotente e si riduce a
un mero esecutore. necessario quindi
am1nettere che una vita giusta non garantisce il Paradiso e che Dio rimane libero di concedere la grazia eterna 'secondo il suo i1nperscrutabile giudizio'.
questa la posizione sostenuta prima
da sant'Agostino (in opposizione all'eresia di Pelagio , sostenitore del libero
arbitrio) e poi teorizzata in modo sistematico da Calvino.

11cl1e se in un pasS() dell'A11Lico Teslc.111'1 c11to si 1)arla cli t111 << lilJr(1 clella
\'ila}> i11 cui Dio , ap11cna clopo aver creato il rn () t1clo , avrclJbe scritl<.1 i no1ni dei
(fttlttri) t10111i11i destinati alla salvezza, i
testi biblici 11t>n co11 tengt1no una siste111 ~1tica dottrina relati\1 a alla predestinazione, ter111inc con etti i11 teologia si inclic;.1 la J)Ossil)ilit clic Dio abbia clesti11att) alct111i t10111ini alle gioie dcl Paradiso
gi <1 clalla f 011dazio11e dcl inondo , o co111 tt nqttc pri 111a che costoro abbia no
S\'l1lto la 10 10 vicc11da di \'ta (qui 11di in
qualc11c 111odo i11cli1)e11de11te111ente dal
It) rt) co1n porta 111e11 lc)) .
L i cl e a 111 () l t o 1o n t a n a d a 11 'a t tu a Ie
111e11talit cattolica, cl1e si fo11cla al contrari t>sul concetto di libero arbitrio, il
1)ri11cipio per cui la salvezza eterna
co11cessa solo alle a11i1ne degli uo1nini
cl1e l'l1anno 111eriLata co11 buo11e opere
d Ll ra i1 te 1'es is Lenza. Ci 11 on ostante il
dibatLito sulla predesti11azione attraversa tutta la sto ria clel Cristia11esi1110.
evidente infatti cl1e portando all'estre1no il pttnto di vista cattolico si arriva
ben presto a u11 vero e proprio paraclosso teologico: se Dio si dovesse lin1itare
a pu 11i re i 1na 1\'agi e pre1n iare i giusti
(calcolando e pesando le loro azioni),
diventerebbe una specie di 'contabile',
un 'Dio ragioniere' in fondo inutile, dato che ttttte le sue decisioni sarebbero in
qttalche niodo prevedibili. Al lin1ite si
dovrebbe co11siderare la divinit meno
libera cli un setnplice individuo: mentre
qt1csti infatti pu sem1Jre scegliere la
prt)pria Ct)ndotta (fra male e bene) , Dio,
vinct)lato dall'esercizio di una giustizia
]Jerfetta e senza errori, non potrebbe
conferire la grazia a suo piacime11to. Se

Fll L)~<.)FJ A

Certamente anche l'idea che Dio, in


qttanto creatore, sia a tutti gli effetti sovrano (padrone) delle sue creature al
punto di poterne fare ci che vuole
senza vincolo alcttno , si presta a considerazioni paradossali dal punto di vista
cli un'etica u1nana: bisogna ammettere
che l'uomo git1sto possa essere dannato e il tnalvagio eletto fra i beati.
La disputa irresolubile sul piano
astratto, perch logico che nell'universo no11 possono coesistere due onnipotenze, di Dio e dell'uon10. La totale libert dell'uno li1nita quella dell'altro. 111 ogni caso l'idea calvinista della
predestinazione no11 ha affatto sviluppato il fatalismo, un'inoperosa rassegnazione al pre-giudizio divino.
Al contrario, spingendo gli individtti
a cercare i segni della grazia nella propria esistenza (nella capacit di vivere
rettamente, nella vocazione e nel successo professionale) ha storicamente
favorito nelle regioni dominate dal Calvinis1no (Olanda, Svizzera) una mentalit basata sull'attivismo, l'impegno
sociale e l'iniziativa professionale.

270

RIN ASC IMENTO

'1111b l'ill rtvigrs rc~cn/2lt11tt1.

Le due di'ver e con cczi <.1 ni che atlra,:er a ntJ il


Cri tit-1 nes i1110 i11 clue i111n1agini cJel Giudizio
di Dio , ri proclc> tlc in q11 c~ ta pag in a. M cla11t one 11el Catccl1is111n Protestc111l e ( 1 5~6 ) prc)po nc
Lt11 Cri Lo alie110 eia ogni }J r<J in1 i La e 11t i1n e11ta lc co n l' ucJmo, un g iLttl icc ua11,1<.pt tto trc-

1:ne nd o. co ll cr1 co sin o al cl iso rdin e gc Lt1 al c.


N o 11 0110 pre enti n anL111 e pa tria rcl1i a 111 1tig(:t rc la 11a cc> ll cra, e ntppttrc gli Llnge li . ri d o t t i a s e 1111) I i e i a n n Ll 11e i a t o r i - e e e u t o r i ci e I
giu tlizi o <li i110 1 po_ CJ 11 0 inlc rceclcrt tn rHvore
dc.i pccca t0 ri . Seco ndo il Lt1.) i111r1c r-,c r u tPl?il c
gittdizi.o , C ri sto 11a g1a di\' t o le. a11 i 111c rc~LL c i -

La le i11 (lu e ~cl1i e rc co r11p,tlle: i IJe~tli e 1 tl an n ~t


Li , cnza c li c vi ia tl lcLtn :J i11Lli caz io 11c elci lJ1c)
di \' ita cli c attc11c.l e g)i L1t1i e gli altri .

11 tenia d cl gLtdizicl fina le CtJr11c pesatura dell'an.i ma enfalizza i11\'E.'CC ir1 r11 ocl<) e -tre mo 11dea cl1e la alveiz. e ter11a clipe11Llt1 d~1 t111 1Jrctisc) r llJJPl>rto ( b il ;J n c i ~1 1n c nt cl ) frtl l e (> r c rt:
}) u<1n e e c1uell c ca tll\'C co 111piutc in \ ' lt<l . N<.1n
i.-1er c~lS <.) tLLte~ to lc111a i \'ilL1p11c1 11e ll <trle dcl
tartll) iVl c cJ ic) c\' ()~ rillcttc inr:t tti nel tn <.>Llc) pitl
cl1iaro l1 r1tl ova m.cn ta l1 tn i11 cl1 ,,1clt1a li t'ica e
inercanLile c l1e i11 c1t1 c~ Li _ect1li n11tl,1{'a e111ergc r1clo. li giutlizicJ ciivt nta 0 c:c~\ icl nc <li u11 ~
tra tta t'\'i1 in e tti r angc lo Cll Loclc e i l cli ,1 \'Cl lC)
te ntalo re argt1111 e11la n.o , l1tig<tn c.), co nLr,1ttd l1 l1
e tenta no J)Cr inc) e.l b'tr:ire.

271

RINASCIMENTO

Sacerdozio universale

RIFORMA, LUTERO

Vecii a11che Fondamentalismo, Predestinazione Mondanizzazione


1

l principio dcl libero esame (--..),che


1n e t te va i 11 cl i se u s si on e l' es i s te n z a
stessa clella Cl1iesa cattolica e il desiderio di un ritorno al Vangelo, suggeriro110 a Martin Lutero l'elaborazione di
u11a nuova dl)ttrina dei sacramenti ,
ter1ni11e che in teologia indica i segni
' ' isibili istituiti da Cristo per conferire
la grazia (- >- ). In effetti la Chiesa primitiva ( ~) dei pri1ni secoli non aveva
S\ ilt1ppato alcuna teologia sacramentaria, intrt)dotta per la prima volta da
Agostino: solo nel Xlll secolo, con la
s istemazione dottrinaria operata da san
Tommaso d'Aquino, il numero dei sacra1ner1ti, ritnasto sino ad allora incerto, ru fissato in sette (battesimo , cresima, eucaristia , confessione, estrema
unzio11e, ordine , tnatrimonio) e infine
nel 1439, con il concilio di Firenze, il
settenario sacra1ne11tale entr definitivamente nell '() rtodossia.

cerdote, quando egli celebra l'eucaristia


nel modo prescritto avviene sempre la
transustanziazione, ossia la totale trasformazione della sostanza (~) del pane e del vino nel corpo e nel sangue di
Cristo. Del resto il ministro dei sacramenti deve essere un sacerdote solo nei
casi dell'eucaristia, penitenza, estrema
unzione, cresima e ordine (negli ultimi
due necessario un vescovo), mentre
sono gli sposi stessi ad avere il ruolo di
ministri del matrimonio. Il battesimo,
poi, ha un valore del tutto particolare,
dato che l'unico sacramento praticato
pi o meno nello stesso modo in tutte le
varianti del Cristianesimo (sul modello
del rito cui si sottopose Cristo stesso):
secondo la teologia cattolica pu essere
celebrato da chiunque (in caso di necessit), persino da un non cristiano e
da un non battezzato, purch intenda
agire in maniera conforme alla Chiesa.

Secondo la dottrina cattolica (ribadita


nel concilio di Trento in opposizione ai
riformati luterani) il sacramento non
un semplice si1nbolo (~), ina un segno
efficace. In virt della potenza divina
esso ci che significa, produce effettivamente una nuova realt, conferisce effettivamente grazia santificante a chi lo
riceve. La sua efficacia ex opere _
operato, agisce per virt propria, come conseguenza necessaria dell'azione stessa,
delle formule verbali e delle materie sacramenta! i utilizzate nel rito (acqua,
olio .. . ), in modo del tutto indipendente
dalla qualit morale del celebrante. Per
quanto poco virtuoso possa essere il sa-

La teologia luterana riduce i sacramenti


unicamente ai due sicuramente attestati dal Vangelo: il battesimo e l'eucaristia.
In questa si ammette solo la consustanziazione: il pane e il vino diventano anche corpo e sangue di Cristo, senza per
questo cessare di essere materie concrete (il che riduce l'evento a un significato poco pi che simbolico). La contestazione del ruolo salvifico della Chiesa
comporta inoltre la dissoluzione dello
stesso concetto di clero: ogni credente
pu essere ministro del rito eucaristico,
la cui efficacia ex opere operantis, ossia
in stretto rapporto alla qualit morale
sia del celebrante sia del ricevente.

FlLO OFlA

272

RINASCIMENTO
DttranLe la cerimonia calvini ta de Il.eucaristia tutta la co ngregazione e riun ita
a tavo la co me per ur1 normale pa to, 1n
un ambi ente del tutto pri\ 0 d i in1n1agir1i religiose. Il pre idente, a ca1J<)tavo la,
presiede il rito, cl1 e i lim ita a ri c,1ocarc l'ultima cena d i Gesu senza la pretesa che il pane e il a ngue, pttri e se 111 pli ci si1nboli, si trasformin o (pe r transustanziazio ne) nel corpo d i Cri to.
1

La fo rt e desacralizzaz io ne de lla li turgia


Lipi ca di ltlll e le va ria nti del Protc ta ntesi1no non ignifico affatto il ,enir meno di i ta nze mi ticl1 c, \' isio na ri e ed
es ta1icl1c., fenomeni ben pre enti ar1cl1 e
nelle religio11i rifortna le.
QLtelli dei Qllaccheri (o Sl1alicrs, lettcraln1cntc i 'clo11clolar1ti', un mo ir11ento protes tant e de l Xl
seco lo) so110 certo i pi strani fra i riti Ct) tl etti i rifo rma ti ha11no L) tit u ito la 111e a catto lica. Gli
SJ1c1hcrs, fain e i per lo stil e di \ ita austcrL) , e primo no il sc n o della co1nunita religiosa fra gli adepti con danze rituali (ce lebre la st1uare-ortler, una spec ie di quadriglia).
r

273

FI LO_Ofl..\

RINASCIMENTO

Libero esame

RIFORMA, LUTERO

Vedi a11che Sacerdozio universale, Predestinazione, Mondanizzazione


tica. Il testo rivelato, infatti, deve essere
oggetto di un libero esame. La Chiesa
non ha il monopolio della giusta interpretazione; ciascuno chiamato a una
personale ricerca della verit e a ciascuno, non solo ai sacerdoti, deve essere
consentito di esprimere il proprio parere in ca1npo dottrinario (ovviamente dopo una riflessione seria, disinteressata e
umanamente partecipata) . La parola di
Dio e il suo esatto significato non possono diventare monopolio di alcuna
Chiesa.

o grido: Vangelo, Vangelo! Ed essi


<< tt11ift)r1nemente rispondono: Tradizion e, Tradizione! t:accordo impossibile. >> Con queste semplici parole Lutero riusc a sintetizzare tre questioni fonda111e11 t4:1I i:
l'idea che la Riforma consista in ttn ritorno a l Va11 ge l o e alla purezza della
Chiesa primitiva (-.);
la C<)ndan11a di quei metodi (<<glosse
patristiche, laboriosi e artefatti riti depositati nei secoli>>) con cui i teologi pedanti tenta\ ano di opporsi alla Riforma
tro\ra11d <.1 nella Tradizione, ossia negli
scritti dci Padri della Cl1iesa , argomenti
per giustificare ttna pratica corrotta;
ur1 attacco alla stessa esistenza della
Cl1iesa in qttanto istituzione.
Ovvia111e11te Lutero non contest l'utilit di un '(_)rganizzazione secolare dei
fedeli . 111 (lUesto senso ristretto esiste
una lChiesa luterana', 1na il pastore cl1e
la guida solo un teologo laico che svolge a ten1po pieno con1piti pastorali e
predicativi; rispetto al sacerdote cattolico non ha alcun ruolo sacramentale.
Ci che Lutero contest il fondamen~
to teologico e istituzionale della Chiesa,
in quanto intermediazione necessaria
fra il singolo individuo e Dio, unica depositaria dell'interpretazione ortodossa
dei testi rivelati e del potere di conferire
sacramenti.

Sul piano storico il principio luterano


del libero esame delle Scritture fu favorito dalla diffusione della stampa (oltre
che dalla traduzione della Bibbia nelle
lingue volgari) e divenne a sua volta
uno dei fonda1n en ti della modernit
contribuendo, ben oltre i lin1iti delle comunit riformate, a plasrnare la forma
mentis dell'uomo moderno, critica, spregiudicata e insofferente alle imposizioni
dogmatiche).
D'altra parte gi a Lutero non sfugg
che l'elemento di soggettivit scaturente dal rifiuto di qualsiasi autorit normativa poteva favorire la frammentazione dei riformati. Sebbene n:iolteplici siano stati i tentativi di pervenire a una
Confessione di fede in cui siano formulati con chiarezza i principi inopinabili del Cristia11esimo, di fatto le diver

genze rimangono ancora numeros1ss1me, non solo fra la Chiesa cattolica e il


mondo protestante, ma anche all'interno di quest'ultimo, che si presenta oggi
come una variegata famiglia di Chiese,
sette e gruppi.

Secondo Lutero la norma di fede si basa


solo sulla Scrittura (Antico e Nuovo Testarnento), testimonianza diretta della
parola di Dio cui ogni credente invitato ad avvicinarsi mobilitando al massimo la propria intellige11za e capacit cri-

FILOSOFIA

274

-. )

r -

RINASCIMENTO

,.

~ lS

'r

'\.

...

'

'
"4!
-- . -f

L'as ernbl ea di prt <l1 ca to ri rifo rm a ti d i


A n vc r a ( 156 7) . La
frammentazione co ncguente al principio
d c l libero e an1c fu
co rnl)a t Lul a cci n a sc n1b lee in CLti i prcd i ca tor i d e ll e va r1 c
CO 11 fe SiOn i r I fl) r ITI at C , d o p o un l1 hc ro
confronto, te r1 t~\an(>
<l i raggi u ngere con cordanze tt n l ve r t.1 I1
su JJri netpi di fecle .

I \r

o.&.-

11 ve ro

sig11ificn t(> clcll c immagin i prt)<l()tt c da lla Ri fo r n1,


r>rotestantc ta pt O non i11 C(1 l ll C C 111 0 lrUl(l , tna in
ci cl1e 1na11ca, in polcn1i ca co 11 13 tra<l izic; nc ca ct <1 l1ca clcl-

l'artc ae ra, pcsc:;o <1vrabl1011clc1ntt cli ~ in1l1o l1 . cll'111l 1ione dc l XV I cco lo CjLli ri11rc.1 d otta fra Lu tero l: Crt"i l<1
11o n vi son o ir1tcr111 ediari (a ngel i , nnt1 , mart rr1 , pnt r(1 111.

sacc rclo ti) : ol<.> il l il1ro apc rtc.1. La rice rcata cn1pl icita 1cc)11 ogra fi ca co rri c;11c.1 ndc no11 t> I<> t.l un 'c igc nza cli datt iL,t,
1111 ar1cl1e a L111 (le i(lerio <li cn11)lificazio11c d c> ttrin a ri ~l .

I
I

L<t Prcclica cli Lt1l c, <> d ipinta da L. Cra11ach i '''1 lge 1r1 u11
a111l) icnt c dcl tutt l> pri\ 0 cli imr11 ~g i111 e deco razioni . l i d1 co 11osc in1cntu dcl la t rad izi o11c ccclc ialc fa ori una lll">tc\ole se n1plificazio11c (lo ttrinalc: tLttla la rine io c1c lutera11a si arti cc>la attorno al mi c; tr ro elci la v ita e della 111c., rtc
cli C r isto (teologia della croce). L'im1n agine della crocfi SOtl e l'uni ca a tnLnCSSa nelle C}l CSC r>roteslanti (pe r altro so tcnitric i ll c ll 'icor1ocla..~tia : ).
1

- -

275

F11o <.1fl. \

RINASCIMENTO

Utopia

MORO

Vedi anche Citt del Sole, Citt platonica


<J!Jia (let teral men te 'non Iuogo',
~ 'luogo cl1e non esiste') il titolo co11iato nel 1516 da Tommaso Moro per
la sua maggiore opera, la particolareggiata descrizione di un'isola immaginaria in cui radicali innovazioni nelle istituzioni e nei costumi sociali creano uno
Stato perfetto, garantendo a tutti i cittacli i1i be11essere, fe1ici t e uguaglianza.
Nonostante Moro a1nmettesse di essersi ispirato alla Rcpitbblica di Platone, il
suo scl1ema narrativo (il viaggio im1nagi11ario in un luogo inesistente, ma minutamente descritto nei dettagli) fu ben
presto replicato in decine, se non centinaia di varianti , dando cos origine a un
nuovo genere filosofico-letterario (utopistico, fantascientifico), di cui la Citt
del Sole di T. Campanella e la Nuova
Atla11tide di R. Bacone sono gli ese1npi
pi noti. Per la 11on realizzabilit che
acco1nuna tutti questi progetti il termine utopia' ha finito con il designare nel
linguaggio ordinario qualsivoglia idea
nobile e suggestiva, ma non attuabile
nella pratica.
.

Sull'utilit di un pensiero utopico la cultura moderna ha espresso atteggiamenti diversi e spesso contrastanti. A favore
della fecondit di una libera progettualit fantastica si schier Rousseau, egli
stesso autore di un'utopia pedagogica
(---+ Enailio), il quale osserv che <<i realisti nemici dell'utopia, con la scusa di
volersi attenere solo a ci che fattibile,
finiscono con il difendere solo quello
che si fa>>. Fu per Kant a elaborarne
una vera giustificazione teorica: all'utopia, pur mancando il supporto dell'esperienza e della fattibilit (come alla
metafisica), spetta tuttavia l'importante
flLOSOFIA

compito di forni re un orientamento alla


ragione, anticipando per via fantastica i
possibili scenari del futuro.
In senso negativo Marx chiam 'utopisti' i socialisti del primo Ottocento
(Fourier, Owen, Saint-Simon) che disconoscevano l'importanza delle leggi
oggettive della storia pretendendo di instaurare subito la nuova societ anticapitalista. Il testo di F. Engels Il socialis1no dall'utopia alla scienza segna l'inizio
nella filosofia moderna di una corrente
antiutopica che, pur riconoscendo la
nobilt di intenti che solitamente ispira
gli utopisti, giudica irrealistico il loro
tentativo di abbreviare il cammino della
storia, annullando le necessarie tappe
intermedie. Secondo Engels la pericolosit di questi progetti si evidenzia nella
nascita di nuovo tipo di organizzazione
politica ignota all'antichit: la setta segreta di cospiratori professionali, in cui
l'utopismo politico si fonde con il riemergere di una 1nentalit millenaristica
ed escatologica (- >- Escatologia), giustificando cos la pratica della violenza e
persino del terroris1no (la Congiura degli
egitali di G. Babeuf ne il prototipo).
Nella cultura del Novecento (anche
marxista) ritorna tuttavia la tendenza a
una valutazione positiva dell'utopia, secondo l'approccio gi elaborato da Rousseau e da. Kant. stato in particolare E.
Bloch (Lo spirito dell'utopia, 1918) a
esprimere fiducia nel suo ruolo critico e
realmente propulsivo. rutopia una forza pi potente di ogni scienza e di ogni
teoria della storia, capace di muovere gli
uomini a contestare l'ordine esistente
delle cose e a progettare il futuro (<<a
camminare eretti>>).

276

'

RINASCIMENTO
La Nt1ova Atlanti(le ( 1627) di R. Bacone pu

essere considerato un testo che tori ca men te preco rre il genere letterario della fantascienza. Vi s i descri ve un parad iso della tecnica, Ltn colos aie labo ra torio in cui ono
messe a frutto le piu ge niali in ve nzi c.1 ni , risolvc r1do per via sc ientifi ca ogni problemati ca umana. li celebre fro ntespizio clelropcra qt1i riproclo tto ni os tra la navicella dell'ingegno u1nano che i avv ia o ltre le co lonne cl'Ercole, simbolo n1it ologico dc i limili
posLi alla natura um.a na.

DE 'VE~LAMI 01
Summ1' ill!J
~..-;::

' JLWCE.L~:!J-1.1 /

cf;.,

f ;/ lf

r.t

f./. D

.~

~I ' t .

Frontes1)izio dell'Ul o[Jia di Moro. La vita nell'iso la i111n1aginaria caratterizzata dall e seguenti riforme: assenza della
propriet privata; rego lamentazione statale dell'economia; tolleranza religiosa;
libert politica; eletti vit delle caricl1e;
ridimensio nan1ent o clel rt1olo della fa111iglia, sos tituita dalle is titt1zi oni pubbli c h e ~ ro tazi one dell e mansio ni proclttttive in moclo cla assicttrare ttna vera
eguagli a11za eco no1nica, o ltre a qtt clla
gittriclica.

277

F llt. OFI-\

RINASCIMENTO

Citt del Sole

CAMPANELIA, UTOPISMO

Vedi anche Pansofia, Pedagogia


gnifica in sostanza che la citt perfetta
deve essere governata dalle stesse leggi
che regolano l'universo, cos da diventare un vero mediocosmo intermedio
fra l'uomo (microcosnto) e l'universo
(macrocosmo).
Dal punto di vista sociale la citt solare deve essere una comunit integrata
che supera la famiglia . Vi si pratica la
comunanza delle donne e le scelte procreative sono determinate dalla comunit, non dal singolo, in base a criteri
eugenetici, ossia tesi al miglioramento
biologico della specie. Sono questi dei
temi che Campanella riprese dalla Repubblica di Platone e dall'Utopia di
Tom1naso Moro.

a p1oget tuali t filosofico-urbanistic a r i 11 asci 111 e 11 t a 1e ( ->- Citt p 1a torrica) trov un'ultima eco ne.Ila Citt
llfl Sole ( 1602) vagheggiata dal filosofo,
mago, astrologo, profeta e agitatore po1i ti co Tommaso Campanella ( 15681639) . Mosso da un'ansia di riforma
1111i\ ersale e profondamente imbevuto
di S}Jirito militaristico e ~ Escatologia),
egli cerc di realizzare concretamente
la prt1pria utopia (--+) con la costruzione st1lle 111ontagne della Calabria di una
libera co1nt1nit di 'solari'. Pag questo
tentativo, cl1e lo pose in conflitto con le
autorit SJJagnole, con ben ventotto an11i di carcere.

Nel progetto della Citt del Sole hanno


gra11de importanza le tecniche magiche
e as tro l o giche ~ un tratto prettamente
cinquecentesco che fa di Campanella
l't1lti1no autore rinascimentale. La fonte
della sua ispirazione, infatti, sta nella
letteratura em1etica (--+ Ermetismo), in
particolare nel Picat1ix, uno dei testi
fondamentali della magia (--+) rinascimentale, dove gi si vagheggiava una
citt 1nagica (l'idea era quella di un faro
capace di emanare luci di diverso colore con cui i sacerdoti avrebbero potuto
modificare la qualit della luminosit
solare, manipolando cos le influenze
astrali sulla vita dei cittadini). La repubblica sognata da Campanella era retta da un filosofo-mago (il
Grande Metafisico) e governata da tre
magistrati , Pon, Sin e Mor, ovvero potenza, sapienza e amore, le tre primalit (essenze necessarie) che il filosofo
considerava, in metafisica, le determinazioni dell'essere ontologico. Ci si-

FtLOSOfJA

Del tutto innovativo invece l'approccio del Campanella ai problemi dell'educazione, che il filosofo desider avulsa da tutto ci che libresco o scolastico. Deve essere la stessa citt a farsi testo: le sue mura, infatti, vanno affidate
ai pittori perch le illustrino come un
manuale. <<Nel dentro del primo girone
vanno raffigurate tutte le figure matematiche, pi numerose di quelle composte da Euclide e da Archimede, con la
loro proposizione significante. Nel di
fuori va posta la carta di tutta la Terra, e
poi le tavole d'ogni provincia con i riti,
i costumi e le leggi. Nel secondo girone
vi siano tutte le pietre preziose e non
preziose, i minerali, le erbe, gli alberi >> ,
e cos via. Camminando per i viali saranno gli stessi fanciulli, incuriositi da
queste figure, a porre le giuste domande
ai genitori, dando cos inizio a un processo educativo tanto pi efficace quanto meno scolastico.

278

RINASC IMENTO

_, ,
/
f

I
I

-~

,,-'

',

-'

f
I

'

I
t

'

,,,

'

_, /

,,

'

'
l \
'
\
\
\
''
'''
' ' ' ' .....
'
' ' ' ....

'
'' '
'
'
""'
' '
'

'

I
I

''

'

I
I

'

,, , --o- '
'
"" ,,
' ' '
J,, "" ..- --'' '
,
V
-,
'
/
/
/
'
,
'
'
I
--04'

- .....

.,. --o-,,
,,,,

11 magico segreto <lella Citt dcl Sole 1a nel-

la sua architettura . Po ta st1 un a co llin a in


un'ampia pianu ra dese rta, essa e strutturata
per gi roni sovrapposti, come una piramide o
una montagna. con un forte sviluppo in cnso ascensionale. Molto simile a un rnoderno
ricevitore di onde sonore, la citta sc n 1 c a(l attrarre sui cittadini gli innussi benefi ci cl cgl
astri . Cotne un 'a nte nna ri ceve nte, i gi ro r1i
sov rapposti ca ttura no le influenze positive
dci pianeti. e trasmettend ole ai 'solari' ga rantiscono feli cit e onest a tutti i cittadini . Vista dall'alto, la citt solare ha uri a truttura a
cercl1 i co ncentri ci a11a Ioga al la trad izi o nalc
i111magine tolemaica dcl cosmo. Cam pa nella
sognava un a citt mag ica co n1 e u n \ ero e
proprio talisrnano di grand i clirnen ioni , dotato di Ltn intrinseco po tere che deri va da lla
disposiz ione delle ue pa rti .
1

' ' ...........


'
' ' ....
'
Il
Nel punto pi alto <lella citt e posto il tempio in cui il Grancle Metafi sico O()Cra le co ngit111zioni astrali piu favo revo li. Cam1Ja nclla
immctgina un re1npio circo lare co n una gra nd e ar)erttlra sul so ffitt o, tale da pcrn1 t tte re
l'ingresso delle inlluenze stella ri.

Sull'a ltare centrai e del tempio sono collocati


un n1appamondo e sette lan1pade planetarie
che il Grande Metafisico dispone in associazioni di vo lta in volta favorevo li alla co mtlnit ( lo stesso rito che Campanella opero
nel 1628 per papa Urbano VII I, timoroso di
tt na profezia di 111orte in co nseguenza di
t1n eclissi di Sole).
1

279

f 1LO-..OFI .\

RINASCIMENTO

Contrattualismo

HOBBES, LOCKE, POLITICA

Vedi anche Buon selvaggio


l contrattualismo quella dottrina filosofico-giuridica che individua l'origine della societ civile e dello Stato in
una convenzione, un contratto stipulato fra i suoi me1nbri . Gi nell'antichit
questa prospettiva fu sostenuta dai Sofisti e da Epicuro in contrapposizione
al naturalismo politico di Aristotele,
secondo il qt1ale non si deve supporre
~1l c t1 n patto sociale originario poich societ e Stato sono realt naturali e necessarie, indipendenti dalla volont dei
singoli individui e sempre presenti in
ogni co111unit , umana o animale.

ma homo homini lupus: nell'assenza di


qualsivoglia legge vige solo la prevaricazione reciproca. Unico modo per annullare ogni sopraffazione che tutti rinuncino a tutta la libert delegando il
potere a un singolo (un sovrano o un'assemblea) affinch decida per il bene di
ognuno (e quindi di nessuno in particolare). Nel Leviatano (1651) Hobbes propose il seguente testo come formula
contrattuale: <<lo trasmetto il mio diritto a governare me stesso a quest'uomo,
a patto che anche tu ceda il tuo diritto
nella stessa maniera>>.

Il contrattualisn10 torn d'attualit in


epoca tnoderna in seguito alla caduta
delle teorie medievali relative al fondan1ento divino del potere politico. La
questione fu dibattuta in particolare
11ell'lnghilterra del XVII secolo, in connessione con le vicende della 'gloriosa
rivoluzione' (1668). Sia Thomas Hobbes, teorico dell'assolutismo monarchico, sia John Locke, sostenitore del
costituzionalismo liberale (parlamentare e democratico), convenivano sull'idea della innaturalit dello Stato, nel
presupposto che gli uo1nini vivessero
inizialmente in una condizione pre-sociale, in uno stato di natura primitivo,
disorganizzato e individualistico. Ben
diverso tuttavia era il modo con cui i
due filosofi descrissero questo contratto originario.

Diversa la soluzione di Locke, secondo


il quale anche in una condizione pre-sociale l'aggressivit umana sarebbe comunque sempre moderata dal principio
di reciprocit: anche in uno stato dinatura vale la regola razionale che ci si
debba aspettare dagli altri ci che a loro
si fa. Secondo Locke il passaggio alla societ organizzata e allo Stato quindi un
processo graduale e non traumatico, un
progressivo perfezionamento delle regole di convivenza. Il cittadino cede le
proprie libert non in blocco, ma limitatamente alla necessit di non invadere
le libert altrui e di garantire la sicurezza collettiva, mentre rimane titolare di
tutte quelle scelte di vita, di pensiero e
di fede religiosa che non minacciano la
convivenza civile. Inoltre, a garanzia
che il potere conferito agli uomini che si
occupano della cosa pubblica rimanga
nei limiti prefissati, necessaria la separazione fra i poteri (legislativo, esecutivo, giudiziario) ed prevista la possibilit di ribellione (anche violenta)
quando siano minacciate le fondamentali libert civili.

Hobbes lo im.m aginava come un patto


di soggezione per il quale ogni individuo rinuncia alla libert in nome della
sicurezza. In modo decisamente pessimistico considerava la condizione del
selvaggio pre-sociale secondo la massiFILOSOFIA

280

RINASCIMENTO

...__

- - -....____
....

-------------~._

.:.--;;:- ::'

..

.. r.
"'

:Lo stato seco ndo Hobbes paragonabile al Leviatano ( mos tro bi bli co d all e
11o ll ep lici tes te): il Dio mortale al
quale dobbiamo, dopo che al Di o im 1nortale, la nos tra pace e difesa. Con
questa autorit co nferitagli dai singo li lo
tato l1a tanta forza e potere da discipli 11are la volont di tutti>>. Il celebre fronte pizio del l'opera di Hobbes, qui riprodotto, rapprese nta lo Stato- Lev ia ta110
corne un enorme mostro il cui co rpo
for111ato dagli innumerevoli sudditi conLracnti il patto, la testa indica l au torit
a saluta elci potere sovrano, la spada il
potere civil e e l'uso clcJla forza , il pastorale il potere religioso ed ecc les iastico
(a t1.c h'esso da a ttribuire allo Stato, se co11do Hobbes).
1

L'illustrazione riprodotta , de l XVII secolo, rapprese nta lo stato di natura dell'uomo primitivo in sintonia con l'approccio contrattualistico di l oc l<.e. L'at1nosfera di idilli o do1nestico fra i co11iugi se l\1aggi esprim e l'idea di conti11uit
senza salti traumatici fra individuo, fan1iglia (prima societ organizzata) e Stato. Il castello e gli edifici tnoderni visib.i1i s ull o sfo nclo indi ca no ancl1 'ess i il
profondo legame cl1e unisce la condizione selvaggia e quella storico-cultural e
dell'u1nanit.

281

F ILO O FI~\

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

Rivoluzione copernicana

COPERNICO.,
ASTRONOMIA

Vedi ar1che Geocentrismo, Infinit dell'universo, Pianeti vagabondi


i designa come rivoluzione coperni-

sette pianeti vagabondi, senza per altro


fornire previsioni sufficientemente esatte. In questa situazione Copernico intu
che l'ipotesi eliocentrica avrebbe eliminato molte difficolt e reso pi 'economico' il sistema, semplicemente sostituendo al centro dell'universo il Sole
con la Terra e mantenendo intatto il resto dello schema.
notevole che Copernico abbia giustificato il suo rivoluzionario eliocentrismo con la necessit di salvaguardare la perfezione divina (e la bellezza)
del moto degli astri. Per nessun'altra
via, egli afferm, <<ho potuto trovare
una simmetria cos mirabile, un'unione
armoniosa tra i corpi celesti>>. Al centro
del cosmo, nell'esatto punto di mezzo
delle sfere cristalline (della ui esistenza Copernico mai dubit) , deve esservi
necessariamente il Sole, perch esso la
lucerna mtlndi, la fonte di luce che illumina e governa tutta la grande famiglia
degli astri. E come un lampadario deve
essere collocato al centro della stanza,
cos <<in questo splendido tempio, l'universo, no.n si sarebbe potuto collocare tale lampada [il Sole] in un punto
migliore>>.

~ cana

il lungo processo di trasform.a zio r1e della civilt occidentale cl1e inizi
co11 l'opera Il 111oto dei co1pi celesti (De
revolutic,nibus orbium coelestium , 1543)
d e11,astronomo polacco Niccol Copernico e si concluse con, la sistemazione
d e lla fisica da parte di Isaac Newton
( 164 2-172 7 ), in particolare con il suo
saggio sui Prin,ci.p i rnatematici di filosofia
11a lt11c1le (1687).
raspetto pri11cipale di questa rivoluzione riguard l'astronomia, con la fondame11 tale i11troduzione della teoria eliocen.trica (--. Eliocent1ismo), tuttavia le
sue i1nplicazioni coi11volsero l'intero siste111a scientifico e ancora oltre le fond a1nentali convinzioni filosofiche e religiose dell'uomo moderno. Come sintetizza lo storico della scienza Thomas
Kuhn (La 1ivoluzione cop ernica11a,
1957), alla fine di questo processo <<U01n ini convi11ti che la loro dimora terrestre fosse soltanto un pianeta, ruotante
ciecamente attorno a una fra miliardi di
stelle, valutavano la loro posizione nello sche1na cosmico ben diversamente
cl.ai loro predecessori che vedevano la
Terra con1e l'unico centro focale della
creazione divina>>.

[eliocentrismo comportava come conseguenza il movimento della Terra attorno al Sole ,( assieme ad altri cinque
pianeti) e su se stessa, attorno all'asse
dei poli.
Tutto il resto del modello tolemaico
non venne affatto messo in discussione da Copernico, cosicch il suo universo, visto alla luce degli sviluppi seguenti, appare in realt ancora straordinariamente simile a quello elaborato
da Tolomeo.

Anche se Copernico ebbe il m~rito di


iniziare l'opera di distruzione dell'astronomia tolemaica, in realt il suo obiettivo era molto li1nitato e tendeva solo a
una semplificazione del sistema tradizionale, arrivato ormai a uno stato di insopportabile complicatezza. li progresso delle osservazioni aveva reso necessari ben ottanta circoli (epicicli, eccentrici ed equanti) per spiegare il moto di
FILOSOF IA

282

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA
U11a delle cause della resistenza al mutamento dell e teo rie astronomi che era la forte co1lness ione ins taurata dal Medi oevo fra
. as tro no mi a e teo logia . A
ogni cielo fi sico ne co rrispondeva uno spirituale.

..
,~:~.,.,

-,~......;--;~-.;.-~
c..-r- f

/
/

...
- _,. "'

,,.

(r~.i-:--
~~...r-~

,,. ---~
- .. f
-., .. ... ,,
~-

.... "!.f- ...

""

'

..,,

....... '

11 1-uolo dcl Sole r1 ellc1 creclzio- I


ne del 1n <) n do ( R. F 1ud d .
1
11
1617). La frequ c11za fra il XVI
->
~
e il XVll seco lo di immagini
-~
astronomiche co me questa ri--prodotta , poco d e ttag li a te ma
- -fortemente s imbo li c ~1e , m<.)Stra che
la ri,1olt1zione coperni ca11a fu soprattutto
l'en1ergere di una nuova sensi bilit, di un nuovo m.odo cJi
se11tirsi nell't1r1i\ crso.

11 sistema copernicano. Anche se la so ti t uzionc dcl Sole al posto della Terra al centro dei

te-

prod uce una fo rte se mplificazione, lo schcLna cc.)pc rnicano del mondo risulta a ncora molto -,i111ilc a quell o ari totelico-tolemaico: l'uni,'erso ri1nane ancora cl1iuso, sferi co, <l1stinto in dLtc Z<.)11e, siw- e ipcrl11t1are ( ,. t\1vr1 clt) t1blt1nc1rc) ; i piant'li si muovo no anco ra di Ltn molo circo lare 1Je rfetto st1 sfere cristallin e tr,1sparenti .
n1a

$ 1\ \ '

\ '\;" I\
t-. ~

1 ~ ll

( Il t-: 1\ I I

\ t

l ' ll t:. C\ I

ll"l' PO

CA~ /\

COJf: R'X I

I'

l-.Xtl1H11'' \\

p I . A~ \l

283

FILO lfl.\

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

Mondo sublunare

ARISTOTELE, TOLOMEO,
ASTRONOMIA

Vedi anche Spazio-luogo, Plenum/vacuum, Pianeti vagabondi


ttorno alla met del II secolo d. C. il
sapere astrono1nico fu sistematizzato da Tolomeo, uno dei pi gra11di
scienziati dell'antichit. Il suo Aln1agcsto
(defor111azione araba del titolo originale : 'Grande trattato' ), riprendendo le
teorie aristoteliche, descrive il cosmo
co111e u11a struttura a strati concentrici,
diviso in dt1e zo11e diverse, non omogenee e regolate da leggi fisiche dissimili.

li mondo sublunare comprende la


Terra e si estende fino alla sfera della Luna. Come il nocciolo di un frutto gode
di una situazione unica ma non privilegiata: infatti solo al suo interno esistono
la 1norte, l'imperfezione e il dolore (tutti feno1neni del divei1ire: -. ). Lin1perfezione che vi regna esclude che possa essere analizzato con gli strumenti della
matematica e della geometria (applicabili secondo Aristotele e tutti i pensatori greci solo in astronomia, non in fisica
e nelle scienze naturali). Il movimento
che vi si svolge solo rettilineo (gravitazionale), verso l'alto o verso il basso.

no attorno a un centro, un perno cosmico in cui collocata la Terra; fra di


esse non vi il vuoto, ma una quinta
essenza (o etere, una sostanza semispirituale). 11 Sole un pianeta come gli altri (e questo fu di certo uno dei punti
deboli della dottrina).
Una parte dell'Almagesto dedicata alle prove dell'immobilit della Terra e
della sua centralit nell'universo (teoria
geostazionaria e geocentrica). Tolomeo produce ,u n unico ragionamento
dotato di validit scientifica (la mancanza di parallasse: ---+ Geocent1ismo),
ma nel Medioevo ebbero grande successo i suoi argomenti basati sul Senso comune', in particolare quello 'della torre'
e quello 'delle nuvole'.
4

[argomento della torre. Secondo Tolomeo la caduta verticale dei gravi prova lii1nmobilit della Terra; infatti se
questa si muovesse il peso dovrebbe cadere non proprio sotto la torre, ma di
fianco (poich la Terra nel frattempo si
sarebbe spostata).

Il mondo iperlunare arriva fino all'E111pireo, il confine dell'universo, e


non conosce alterazione perch di natura divina: il Sole, la Luna e tutti i corpi
celesti sono una manifestazione visibile
della divinit. Il movimento degli astri
deve quindi essere assolutamente perfetto, circolare, eterno e continuo, senza accelerazioni o diminuzioni. I pianeti, inoltre, non sono liberi nel loro mov'imento, ma incastonati su sfere cristalline, tanto trasparenti da risultare
invisibili dalla Terra. Queste sfere ruota-

FILOSOFIA

I.:argomento delle nuvole. Se la Terra girasse su se stessa compiendo un intero giro in un solo giorno dovrebbe
avere una grande velocit periferica;
quindi il movimento delle nuvole non
potrebbe compiersi indifferentemente
verso est (in senso contrario al movimento della Terra) o verso ovest. Anche
il volo degli uccelli dovrebbe essere pi
veloce quando asseconda il movimento
terrestre, pi lento quando lo contrasta.
Siccome tutto ci non si verifica, provato che la Terra non si muove.

284

- -

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

.I

'._~

..

La sfera armillare. Il congeg.11 0, di


gran cle compless it, era un a riprocl Ltz ione in sca la del cosin o , ed era
fcJ 1--1nato da cercl1i n1obili e concentrici. Ft1 la rnaccl1i11a pit1 prestigiosa
e co rnplicata coSLrL1iLa nel Medioevo.

Sche1na co11cettuale del cosmo ~lris lo te l i co- L ole m a i co .


stato ossenrato cl1e questo 111odcllo ricorda la truttt1ra di una cipolla o di un fru tto: infatti cos titui.to da
s fere co tnpatl e e cris talline (i cieli) racchiLt e l'una
dentro l'altra attorn o all a Tt rra , una pccie di
nocciolo compatto posto esattamente al ce ntro.
Il So le co me mar1ifcstaz io11e vis ilJil e cli Dio in
une> (]egli ultimi c..lifenso ri ciel geoce nLris n1 0
aristotcl ico- tole111aico , i 1 111ago-scienzia to R.
Fludd (Filosufi l1sc1cra , 1626).
Stelle fs e

'

Corpi
celesti

Mondo
sublunare

Terra

Mor1do
ipcrl11nare

285

Sclema della divisione (ra mondo SLtb- e iperl11nare . La perfetta circolarit del moto degli
astri , in CLli lLtCti i Greci (co.m preso Ari cotele)
idenlificavano l'aspetto visibile della divinit,
assLtnse il valore di ttn dogma religioso.
FI LO OFI

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

Geocentrismo

TOLOMEO, COPERNICO

Vedi a11cl1e Eliocentrismo, Pianeti vagabondi, Spazio-luogo

el sistema astronomico aristotelicotolemaico la pi in1portante prova


avanzata a favo re del geocentrismo era
la nlancanza di parallasse planetaria. Il
concetto di parallasse abitualmente
t1sato dai geo111etri per t1"aguardare un
oggetto. Se si osser\1a u11a cosa da due
pu11ti di vista di\'ersi e lontani fra loro,
la si vedr S()Vrapposta a due differenti
pt1nti sullo sfondo. La distanza fra questi due punti detta parallasse e dipenclc da tre fattori:
- l'entit dello spostamento dell'osservatore:
- la distanza dell'oggetto osservato~
- la lontananza dello sfondo usato come
sistcn1a di riferimento.
Secondo il ragionan1ento di Tolomeo,
se la Terra si muovesse con n1oto annuo
attorno al Sole, fra due ril evazioni a distanza di sei mesi do\ rebbe osservarsi
una parallasse stellare, ossia uno sposta1ncnto negli allineamenti planetari sulla
base delle stelle fisse . Ma di ci non vi
traccia nelle osservazioni astronomiche
e quindi, conclude Tolomeo, la Terra
non gira attorno al Sole, e il punto di vista dell'osservatore umano unico e immobile. Lo stesso procedimento pu essere usato anche per negare il moto
diurno della Terra attorno al proprio asse: infatti se si osserva un corpo celeste
a distanza di dodici ore non si -nota alcuna parallasse sullo sfondo stellare.

riescono a rilevarla. Questo ragionamento aveva per una debolezza gi ben


presente agli antichi astronomi: se la distanza fra la Terra e il pianeta osservato
fosse molto piccola rispetto alla lontananza delle stelle fisse che fanno da
sfondo, allora la parallasse diverrebbe
tanto minuscola da non potersi rilevare
a occhio nudo.
La dottrina geocentrica era quindi inti1nan1ente connessa a una valutazione
della di1nensione del cosmo. Il moto
della Terra, teoricamente possibile, potrebbe esservi solo in un mondo grandissimo , veramente immenso e s1nisurato. Il che, per i Greci, significava anche
sproporzionato, incomprensibile, incommensurabile, in definitiva illogico e
inaccettabile. Non a caso l'unica ipotesi
eliocentrica dell'antichit, formulata da
Aristarco di Samo, venne respinta e
bandita dalla comunit scientifica e
considerata irreligiosa, perch sosteneva l'idea che il cosmo fosse al di fuori
della scala umana.
Del resto con i metodi matematici in
uso nell'antichit era impossibile calcolare l'effettiva distanza dei corpi celesti.
All'astronomia greca manc sempre l'essenziale strumento della trigonometria,
quel settore della matematica che permette di calcolare la misura di tutti gli
elementi di un triangolo quando sia nota la misura di alcuni di essi. Solo l'applicazione dei metodi trigonometrici al1'astronomia agli inizi del XVI secolo
permise di farsi un'idea della vera grandezza dell'universo, togliendo cos valore all'argomento della parallasse.

importante osservare che il ragiona-

mento di Tolomeo non conteneva alcun


errore teorico; in effetti la parallasse esiste effettivamente, ma ha valori tanto
piccoli che solo gli strumenti moderni

FILOSOFlA

286

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA
11 cor1 ce tto di parallasse
in un 'illustrazione della
Cos n1 ografia ( 1539) di
P. Appiano . Se la Terra
f<)Sse in movimento , un
qtta lsiasi C() rp o celeste
(la Luna nell 'esempio)
apparirebbe SO\'rappostc>
a cltte cliversi punti sull o
fondo dell e stelle fisse.

''

''

Le cJsse rvaz io ni as tr<)nu111i chc a nti che era 11 0


basa te Ltni ca111.ente su lla ril evazi <.) ne cli gra 11 dczzc angolari . 11 moto di un pinncta dn A erS<) B (r11a ancl1e quel] () di ttno pi u lontano, da
A' verso B') era detern1inat<> 1.n isLtrando lo steso angolo 'alfa'. La 111a11canza della trigo no1netria in11Jcdi va cli ca lco lare l'effetti,a di tanza
de l pianet'l dalla Terra.

', A'
''

'
'

'

''

'

'

.
.'

'
'

''

'

Terra

: B'

'

La n1a ncanza di unn parallasse osserval)il c costit11iva la principale prova a


o teg110 della staticit della Terra. 11
ragiona1nento era Leoricame11te correrlo e pl)teva esse re sn1 entito so lo
i potizzanclc1 una dimensione s rnisura ta deJl 't111iverso , in cui cio la d.islanza fra la Terra e i piancti fosse ins ignificante ri s 1)e tto al la gra nd ezza
co1n1Jlcssiva del cos ino.

,,

,,

,,

287

,
,
,

,,

,
,
,

,
,
,

,,

,,

'

,,

,
,
,

''

''

'
'

' ' ...

'

''

''

' ..

' ' ...

...

...

'

FILO O Flr\

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

Pianeti vagabondi

ARISTOTELE, TOLOMEO,
COPERNICO

Vedi anc11e Infinit dell'universo, Eliocentrismo, Plenum/vacuum


l maggior problema posto dal sistema
astronomico aristote lico-tole1naico,
fondato sul geoce11tris1no (- >), rimase
se111pre qt1ello di spiegare il m.o to retrogrado dei pianeti (dal greco pla11omai,
letteraln1ente 'vado errando').
Per un osservatore terrestre il moto
clei pia11eti nel cielo appare complesso
e apparente1nente irregolare: a volte
essi sembrano rallentare, fermarsi, retrocedere e poi riprendere la corsa nella prin1a direzione con aumentata velocit. Questi fenomeni osservabili
speri1nental1nente contrastavano con il
clog111a (di origine 1nitica, ma poi confern1ato dal pensiero filosofico) relativo alla J)erfetta, costante, immutabile
ed eterna circolarit del moto dei corpi celesti.
Compito dell'astronomia divenne
quindi spiegare queste anomalie osservative (salva1e i fenorneni, come fu detto): riuscire a conciliare i dati osservati
nel cielo con il dog1na religioso della
perfetta circolarit orbitale, spiegando
co1ne mai questa non sia visibile dalla
Terra. La sfida su cui si fiss tutta la ricerca degli astronomi sino alla cosidd.e tta rivoluzione copen1ica11a ( ~) divenne dare ragione dell apparente 'vagabondaggio' dei pianeti senza rinunciare al moto circolare. Ci rese necessaria l'invenzione di una speciale geometria che, pur utilizzando solamente
cerchi e sfere, riuscisse a descrivere delle orbite irregolari. La pi importante
soluzione trovata fu il sistema degli
epicicli: il pianeta si muove in piccoli
cerchi attorno ai punti di un pi grande
cerchio invisi.bile che circonda la Terra,
detto deferente. In questo modo il suo
moto continua a essere circolare, ma os-

servato dalla Terra sembrer ciclicamente fermarsi, retrocedere e riprendere la corsa.


Qt1esta soluzione permise di avvicinare la dottrina della circolarit alle concrete osservazioni, ma naturalmente
non si arriv mai a una perfetta concordanza fra dati e teoria. Fu introdotta
quindi l'idea di moto eccentrico: basta
supporre che i pianeti ruotino in circonferenze il cui centro solo vicino alla Terra, ma non esattamente coincidente con questa. La conseguenza che
la loro orbita si trover alternativamente in un luogo pi vicino alla Terra (perigeo) e in un altro pi lontano (apogeo). una notevole infrazione della
perfetta simmetria del cosmo, ma i vantaggi dell'ipotesi sono notevoli: pur senza violare, il dogma della circolarit, si
spiegano la presenza di stagioni diverse
e le variazioni de,lla distanza e della luminosit dei pianeti.

In ogni caso le previsioni sulla posizione futura dei pianeti mantennero sempre un 1nargine d'errore superiore al dieci per cento. Ci produsse un continuo
complicarsi dei calcoli e la pere,nne ricerca di nuove soluzioni, caso per caso,
al fine di spiegare le irregolarit planetarie. Dopo duemila ann,i, quando alla
met del XVI secolo Copernico inaugur la rivoluzione astronomica, il risultato di questa ricerca consisteva in
un enorme complesso di teorie, pi matematiche che astronomiche, allo stesso
tempo complicatissime e inadeguate:
erano necessarie pi di ottanta circonferenze immaginarie (deferenti) per descrivere imperfettamente il movimento
dei sette pianeti allora conosciuti.

FILOSOFIA

288

RIVOLUZIONE SCIENTIFlCA

-----

1 aprile

maggio

1 luglio

1 ottobre

--

15 ottob re

--

i .

-.
_

1 giugno----

....../~.~.}

Ariete

--...--.

Toro

---- -- settembre
agosto -- -.
1

li m o tt) rclrogratlo. Nel gi ro di alcune c t t im ~tn c , il pi a ne ta Mar te


sembra ava nza re. ler111ar i , retrocedere e infine ripre nde re la C<)r a 1n
.
a van t 1.

......

Terra
Tcrrd

l\1l )\'1111 L'lll l l


d~I r1t11Hlc1

opra, Ll inistra, il 111L1 to cpicicli cc> cli t111 pianeta


att orr1 0 all'orbita deferente. A destr,1, il 111o t o cpiciclicc) di ttn pia ne ta c1sse rvato c..l ,l lla Terra. li pianeta scn1bra fcrr11arsi, retrocedere e rif)J rtire, co 1
con1c app1re 11cl fc110111cn o visivcl.

La so lL1zion e copcr11ica11a del prc)l) lcma cle l moto retrogrado dei pianeti . 'L'app,1rente rt troccclcrc e.lei pianeti sullo
sfo11do della volta ce leste una co11scgL1cnza della co 111pc>s izione ciel moto della Te rra e di qttcllo dei corpi celesti .

289

6 5 4 3 2

Terra

F II l )'i(.,11 I\

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

Eliocentrismo

KEPLERO, SOLE, LUCERNA MVNDl

Vecli ci11c11e Mondo sublunare, Spazio-luogo, Infinit dell'universo


110 dei 1notivi di co11vergenza fra il
"-"" Cristianesir110 e l'astronon1ia tolen1a ica (st)Stenitrice del geoce11tris1no: __.) stava 11clla ridt1zio11e del Sole a
t111 se1nplice pianeta. vero che nella \Tlsione 1nedie,,a)e il Sole illumina il mondo, tt1ttavia la luce cl1e da esso proviene
Jl()n l'e11ergia che 111t1ove il sistema~ per
11111ovcrsi, a11che il Sc)le come tutti gli altri C<)rpi celesti 11ecessita di un i111pulso
prove11ientc dalla periferia del cosino
(E111pirct1), dove Dio, dall 'esterno del
int111dt1, 111ette in rotaz()11e le sfere cele~
stie le 111a11tie11e poi 11el loro ordine .a m111irabile. Lt111i\ erS() 111edie\rale non un
sisten1a autt11101110 111a eterc.)diretto; non
ha una p1t1pria ft1rza inter11a e, se non
fosse per il continuo i11tervento divi110,
si fern1erebbe.
1

Ci 11onostanle J'a11tica tradizione pagana de 11 ::1 d ivi n i t s () l a re ( - > Miste 1 i , a


proposito di l\1itra) no11 sco1nparve mai
del tutlt), ne~){JUre 11el Meclioe\'O. Forse
ancl1e per qttesto la rivoluzione copernicana ( - >), che JJUre portava. con s
una visiot1e radicaln1ente innovativa del
cosmo, riusc a i111porsi tutto son11nalo
abbasta11za veloceme11te (nel giro di un
secolo) .: con essa, i11fatti, il Sole, la lu.cen1a mundi (lampada del cosmo), rilrl1vava la 11aturale centralit.
Per gli ttomini del XVI secolo era ben
cl1iaro che l'eliocentrismo aveva un significato no11 solo astrt).nomico., spazia-le e geografico; la nuova teoria copernicana implicava il fare del Sole il centro
attivo e generatore di vita, da cui in varie forme nasce l'energia cl1e anima il
m.o ndo (luce, calore, magnetismo, gravitazione). Dive11tando il motore del si

290

sterna (che solo da allora fu detto 'solare') il .Sole assumeva alcune delle funzioni sino ad allora attribuite esclusivamente a Dio. Affermava Keplero che
<<con il pi assoluto diritto noi attribuiamo al Sole il compito di reggere l'universo, poich questo solo appare, in
virt della sua dignit e potenza, adatto
per questo compito e degno di diventare la casa di Dio stesso, per non dire il
Prin10 Motore>>. In questo modo il 'copernicanesimo' descriveva un universo
autonomo, capace di funzionare con le
sue sole risorse, non pi Dio-dipendente. Furono riflessioni co1ne questa, che
implicano una chiara desacralizzazione del cosmo, a produrre nel XVI secolo l'ostilit di tutte le Chiese (sia quella
cattolica sia quelle protestanti).
Fu in particolare Keplero a riflettere
sul ruolo attivo del Sole. Egli infatti, dop(l aver scoperto che i pianeti si muovono secondo orbite ellittiche (di cui il Sole occupa uno dei due fuochi), fu naturaln1ente portato a cercare nella natura
del Sole la causa di un moto tanto strano. La sua prima ipotesi prevedeva l'esistenza di un'anima motrice, una forza
.di natura non specificata originata dal
Sole cui si deve il moto rotatorio del sistema planetario. ln seguito, tuttavia,
eglj super questa pri1na itnpostazione
in cui eran.o ancora ben presenti tracce
di pensiero magico-animistico (l'anima
motrice era una 'azione a distanza' prodotta da una specie di sin1patia cos1nica: ---+), preferendo parlare di una vis
corporea di natura magnetica. Il Sole,
secondo questa ipotesi, va considerato
come un'enorme calamita con al centro
uno dei due poli magnetici e l'altro diffuso sulla s.uperficie esterna .

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA
L'arte medievale rappresent nel modo p i.u chiaro la clipcnclcnza dell'univers<) da Dio: gli ange li usano dell e s pec ie di
ma nove lle per 1ne tte re in ro taz io ne l'ultima s fera ce les te
(l'Empireo), il cui mo to si comur1ica poi alle parti interne dcl
cosm o.

Nel gio rn o (lcl Gi udi zio Un i\ersalc l'angc lc) ri(t\rvo lgc l'un i,c: r-o corn e u 11n p e rg a 1n e n a . E Lt 11 g e t o
i1n holico cli c (l in1os tra l'i11 -, L1 lfic 1e n za , ri 11 ,\Ut:gLt(l l CZ:a ticl C(>S llll)
111c<lic\ ,1lc ..1 rcggc r~i dJ ~o l o .

Qttcsta i111magi11 e ri1Jrcsa da Keplero ir1t erprcta il


olc corn e untl ca la111ita, la cui capacita attrattiva (vis
corporea) trascina i pianeti e mantiene 1cc(Llil ibrio
<lina 111ico dcl s i tenia. La sue:1 di111ir1ttzionc in fun zi<> ne della distanza spiegl1crebbe la fo rma ellittica
<lcllc o rbite.

11 fi loso fo- mag() i 11 glese


R. Fludd mo tiv la <life-

,,,,,1111111111

I~
~z,,,.,-

'

'"\

"
~
.....

-::._

--

a dcll a11tica teo ria geoce ntrica con fig ure co1ne
t ( ue 11 e r i pro <l o t te eh e , a
SLt(> avviso, di111ostrava110
co 1ne Di o (o ur1 Pri1n o
Mo to re) fa rebbe rn o lt o
1ncno fatica a m ettere in
111o to dall'esterno le s fere
concentriche (sitLlazione
a destra) di quanta no n
farcbbe il Sole per co n1 pi ere la Stessa f Ltnz io ne
dal centro del sistctna (situazione a sinistra).

~ -

r I

_.... ..

'

. ..
~

-~

291

- ..

~.:

_:i

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

Infinit dell'universo

BRUNO, COSMOLOGIA

Vedi a11c11e Geocentrismo, Spazio-luogo


a11to poco astronomo da disti11guere
a mala ()ena i pi<1neti nel cielo stel1at(), Giordano Bruno contribu non di
1neno, e in m c)clo decisivo, alla rivoluzione copernicana (-->) . Certo la sua
adcs ic)n e all 'eliocentrismo (--.. ) ebbe
111o tivazi ()t1 i pi it fil osofi che che scientifi che, e la sua co11oscenza della teoria di
Coper11ico ri1nase del tutto embrionale:
I C> se hc111a ( ripro dotto 11e Ila pagina a
fia11 co) cl1e egli tracci durante la Cena
de lll~ Cene1i u11 rozzo diagram1na che
enfa tiz za un ica111 e nte il nuovo ruolo
central e affidato al Sole .
Per Bru110 l'i1n111agi11e copernicana
dell'u11iverso rin1ase sen1pre un geroglifi co, la sigla cr111etica di una li11gua sapie11ziale ( - >) d e11tro la quale si celano
pl1tenti tnis tcri divini che compito del
1nago-filosc)fo svelare. A11che la sua affert11azi c)ne pi rivoluzionaria in campo
astro11on1ico, quella relativa all'infinit
dell'universo, aveva rnotivazioni esclusivamente religiose: nella sua prospettiva im111anentista (--.. l1n1nan cnlismo) , in
cui Dio nc>n separabile dalla natura e
coincide con essa, solo un mondo infinito pu essere stato creato da un Dio
infinito.
Eppure il paradigtna (--.. )copernicano
e la rivoluzione scientifica devono moltissimo alle intuizioni di Bruno, che divennero parte integrante del modello
astrono111ico do1ninante fino a Newton.
Vedian10 le tesi afferma te dal. filosofo.
Non esiste un'ultima sphaera mu11di,
una barriera che racchiude dentro di s
il cosmo. L'universo non ha limiti
esterni.
Il cosmo infinito e le stelle, infinite
di numero, si dispongono nello spazio
in tutte le direzioni. Per conseguenza il

FILOSOFIA

cosmo acentrico e non contiene alcun


punto privilegiato.
Esiste una pluralit di mondi simili al nostro. Attorno alle stelle gravitano altri sistemi planetari con infiniti
mondi abitabili e abitati, in cui lecito
presumere vivano altri esseri viventi,
senzienti e razionali, probabilmente
in molti casi pi progrediti degli esseri
umani.
LUniverso omogeneo in ogni sua
parte, sia per la materia di cui formato
sia per quanto riguarda la natura dello
spazio, sempre e ovunque esprimibile in
ter111ini euclidei. Le stelle, con i loro sistemi planetari, sono disperse e sospese
nel vuoto, non incastonate in sfere cristalline, come pretendeva l'astronomia
tolemaica.
Lo spazio interstellare vuoto. Esistono quindi, come per Democrito, la
materia e il vuoto.

Nonostante l'importanza di queste affermazioni il contributo di Bruno al successo del paradigma copernicano fu
per ancora pi profondo e di ordine
pi psicologico che scientifico in senso
stretto; lo si pu definire come il superamento dell 'angoscia dell,infinito.
Cos egli riassunse il suo credo (De l'infinito universo e mondi, 1584): <<Uno il
loco generale, uno lo spazio im1nenso
che chiamar possiamo liberamente vuoto; in cui sono innumerevoli e infiniti
globi, come vi questo in cui vive mo e
vegetemo noi>> .
Linfinita immensit cosmologica, fino ad allora fonte di spavento e reverenza religiosa, dive11ta cos con Bruno
pensabile e praticabile, almeno nell'immaginazione.

292

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

F
L

Il Sole 11cl Dc l111111 c n so ~ 1591 . Pc>rtandt1 all e cstrcn1e co r1scgt1 c n ze il principio d e Il'omogeneit

s trutttarale e 111atcria lc dcll'u11ivc rso , Bruno affcrr11 c'llc il So le e fo r111 ato <l ~t fu t) C(> (s piccl1i
cl1i ari ) e eia ~1 cc1Lta
(gli piccl1 i neri).
Dtte n1 ond i a Ct> ntat to
cl e e r i t t i tia Br Ll n o . Ne 11 a
sua fanta iosa a trono111ia fi losofi ca i n1c>11di a~~ Lt lll () JlO p c
ci ( > /11 co11'> cio cc> ll ctti vo ).

la formtl cl i 111a11dala gco1nctri -

La rap1)rcscntazionc clcll'univc rso cli G. I3rttnC) i11 Llr Ccr1a


ltl~ l tc Cc11 eri ( L584 ). La part e
altl ciel disegno indi ca la concezione copc r11ica11a, alla cittalc il fil o o f1.) adc r1 con entt1s ias 1no, la parte i11 basso c1uell a
tolemai ca tracli zionale. I pianeti ono a cli tanzc regolari ,
pres cind e nd o dalle cffc tti\'C
.
. .
..
m1 uraz1on1 copernicane.

Il tentativo cli Brttn<) 11el De J1n me11so cli im1naginarc con1c apparirebbe la Terra a tln osservatore viaggiante nel cosino.

293

F II t)"t

rt

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

Scoperte di Galileo

RIVOLUZIONE ASTRONOMICA

Vedi anche Strumenti, Esperimento


gesuita le macchie non sarebbero sul Sole (la cui perfezione viene co-s salvaguardata) ma nello spazio antistante e
consisterebbero in sciami di corpuscoli
che gli ruotano attorno.

-- 011 la costruzio11e del cani1occl1iale


- ( 1609) e la pttbblicazione d el Ragg11ciglio tielle stl lle (Sidc1eus Nur1cius,
1610) , i11 etti re11deva nota un'i1npressi,)na11te qt1antit di prove a fav ore dell'eliocentrismo (- >)) Galileo Galilei
fo rni alla rivoluzione copernicana (->)
il SllJJporto e111pirico che ancc.)ra le inancava. Vedia1no quali furonc) le sue pi
i1111)l1rtanti scoperte.

Lo strano aspetto tricorporeo di Saturno, pianeta che Galileo pens formato da tre corpi strettamente uniti insieme. Fu Huygens a scoprire, solo
qualche anno pi tardi, la vera natura di
Saturno, contornato da anelli.

Le fasi di Venere, l'argo111ento di maggior presa a fa,1c.1 re dell'elioce11tris1no. Seco nd o l'a nti ca d c) ttrina Ven ere d oveva
trovarsi se111pre i11terrJosta fra la Terra e il
Sole: i11 qt1este co11clizioni le sue fasi (cio
i suo i cic li lli illu111inazione ) d ovevano
11ccessa ria1nente essere due. Galileo ditnostr invece che le fasi di Venere sono
qttattro: un feno1ncnc) spiegabile so_lo all'i11terno di t1n'i111postazione eliocentrica.
1 satelliti di Giove provaro110 ch e nel
sistc111a pl,111ctari o n on tutto gira di necessit att or110 alla Terra o al Sol e ~ esiSl()no anzi sottosiste111i rotatori strutturaln1ente anal oghi al siste1na solare .

La dimensione smisurata del cosmo


fu di.1nostrata dall 'invariabilit della
grandezza visibile d elle stelle. Galileo
no t che mentre i pianeti, osservati al
telescopio, appaiono notevolmente pi
grandi, la cosa non succede affatto per le
stelle. Attraverso l'occhio lungo esse appaiono prive dell'alone luminoso che le
circonda, ma non aumentano minimam ente di grandezza. Correttamente lo
scienziato concluse che la loro distanza
tal1nente grande da rendere ininfluente l'avvicinamento operato per mezzo
dello strumento.

Le macchie solari f orniro110 la prova


d ell'omogeneit d ell'universo, almeno
per quanto riguarda la niateria di cui
co mposto. da notare che l'evidenza
delle macch~e del Sole) la cui i1111nagine
Galileo proiettava su uno schermo bianco, non produsse di per s u11'immediata capitolazione dei suoi avversari. Il gesuita Cristoforo Scheiner avanz una
di quelle che gli epistemologi contemporanei d efiniscono ipotesi ad hoc (ossia
una soluzione (Jarziale per uno specifico rompicapo, atta a preservare il contenuto ge11erale della teoria): secondo il

Il cannocchiale rendeva visibile un


grande numero di stelle non osservabili a occhio nudo. Galileo ne dedusse
che queste ultime devono trovarsi pi
lontano delle prime e che quindi non
pu esistere l'Empireo, quell'ultimo cielo su cui le stelle dovrebbero essere incastonate, ipotizzato da Aristotele come
logica conseguenza della dottrina dello
spazio-luogo (--+ ) . Ne dedusse anche
che la Via Lattea, sulla cui natura l'antichit aveva sempre avuto grandi incertezze, costituita semplicemente da un
ammasso di innumerevoli stelle.

Fl L()Sl1FlA

294

RIVOLUZIONE SCIENTlFICA

. .._.
~~-

Fra le sensazionali rivelazioni contenu te nel Sicl crc11s Ni11 1cit1 ~ c'era C(Ltt lln per c lti J41 LLtn<l, C() 11t r a rian1ente alle teorie universaln1er1te acce ttate, prcs c11ta\ <t Lt11 a JJC tto 111(>lto . in1 il c alla r crra ( ncl l'illustrazio11c, d Lte disegni tratti dnll't11Jcra) .
1

I nei ion e dal De 111c1ct1li svlc1rilJ11 cli l)<l(lrc cl1ci11cr. 16 L2. li gt suita, pL1r os en ando co11 accLtratczza le ni accl1ic t1 l ~1ri , le 111 '-

gava co111e l'o n1l)ra di picee.lii pianet i r L1t1 t 4111 t 1 <lltcJrnt1 nl

S OLl\R.t S

,_

"' .-.... .. I' $t~... . ~

-t,..., -

&.- ..

11 pia 11eta Sa tur110, nel clisegr10 qLti


rip reso da Ga lileo, possiede u nl)
t ra11 0 'aspetto tri corporeo 11 c<111 11occhialc a s L1a disposiz ione non
()Crrncttcva di vedere gli an elli dcl
p ianctl, ma m ostr a\ 1 a Ltna fa rnia
no 11 perfetlar11cntc circolare, JJLl
- i1.11ilc a ttn ttovo cl1e a Ltna sfera.

'

Una s te ll a v is ta a occ l1i o nud o


confrontata co 11 la stessa stella oscrva ta al ca n11occ hi ale.. Pur IJCrclcndo l'alo11e ltt minoso, essa no11
appare pi gra11de. I pianeLi , invece, se111brano au111cntare notevo l1ner1t c La l or o din1cnsio11 e.

'

'

295

~t1lc .

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

Esperimento

GALILEO

Ved.i anche Strumenti, Scoperte di Galileo


differenza della pi generica esperienza, l'esperimento scientifico
non studia direttamente la natura, ma
la ricrea attificial111ente in laboratorio, riproducendo solo un modello
se 111 p Ii f iea t o de g Ii eventi natura 1i ed
C\'tando cos l'accidentalit che cotnpl ica i f eno111cni 11ella vita nor1nale.
Rallentando i te111pi con cui normal111ente si svolgono i proce.ssi naturali,
I es p e r i 111 e n t o e 1i in in a ogni 'rumore',
abolisce og11i i11terferenza.
L' esperi111ento, insom1na, non
l111'c>sscr\ azione casuale, ma una precisa domanda posta alla 11atura; con il
ter1ni11e usato da Galileo il cimento,
la verifica di u11'ipt)lesi per mezzo di
u11'esperie11za sensata (ossia sensibile,
speri111entale).
Un buo11 ese1npio di ricerca scientifica tra111ite sensa.t e esperienze (- Espe1ic11zclcli111c)st1-azi(>11i) il niodo con cui
Galileo studi la forza di gravit, arriva11do a SC<)prire la legge del moto unif<Jr111ementc accelerato dei gravi, una
cla111orosa s1nentita della teoria di Aristc)tele, cl1e considerava la velocit di
caduta proporzionale al peso.

tro notevole dell'evento. Linclinazione,


per esempio, pu essere diminuita pe.r
rallentare i tempi di caduta, oppure aumentata fino a sfiorare la ve_rticalit (in
questo modo la caduta libera diventa un
se1nplice caso-limite).
All'inizio lo scienziato affront il problen1a centrale, vale a dire il rilevamento esatto dei tempi di caduta, ponendo a
intervalli regolari sul piano i11clinato dei
campanelli in modo tale che suonassero
al passaggio della palla. Galileo, oltre ad
aver studiato musica, era anche un discreto esecutore e contava quindi sulla
sensibilit del suo orecchio, bene allenato a percepire ritmi e intervalli sonori. Ma si trattava evidentemente di una
soluzione ancora primitiva, tale da non
permettere una precisa quantificazione
dei tempi.
ringegnosi t di Galileo risolse brillantemente il problema con la costruzione
di un orologio ad acqua. Egli faceva
coincidere l'inizio della caduta del grave
con l'apertura di un rubinetto posto sotto un serbatoio (1nantenuto a pressione
costante in tutte le misurazioni). Alla fine della caduta, chiuso il rubinetto, procedeva a pesare il liquido raccolto; in
questo modo trasforn1ava le quantit di
tempo in quantit di peso, misurabili e
confrontabili con notevole prec.isione.
Galileo scopr cos che, nonostante una
m.aggiore inclinazione del piano facesse
aumentare la velocit di caduta, il rapporto fra spazi percorsi e tempi impiegati rimaneva costante per qualsiasi inclinazione (quindi anche nel caso limite della caduta libera). Scopr soprattutto che quest'accelerazione non dipende
dal peso, contrariamente a quanto affermava Aristotele.

Il piano inclinato che egli costru per lo


studio del moto gravitazionale relativamente semplice dal punto di vista tecnologico: consiste in una trave lunga sei
metri, di legno pregiato (per impedirne
l,inarcamento), incli.nabile a piacimento
e dotata di una scanalatura accuratamente levigata per ridurre al minimo
l'attrito delle palle.
Questo apparecchio tanto semplice ha
gi le caratteristiche di un n1oderno
strumento scientifico, perch permette
di modulare a piacitnento ogni pararneFlLOSt>FIA

296

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA
Un ese n1pio minimo, ma significativo, dell a differenza fra esperimento
ed esperienza. Sino alla scoperta de lla fotografi a si penso che i cava lli galoppassero o Ilevando co n tempo ranea tnente da terra le quattro za111pe.
Anco ra agli inizi dell'Ottocer11 0 Ge ricault dipingeva i cavalli in co rsa (d r
cui pur si aveva molta es peri e nza)
nel modo q ui riprodotto.

.-

\ .

o
'

'
.
.
'
. .. .
.
' ..
......

'

Scl1e1na de ll 'oro logio ad ac:q ua in venta to da Ga lileo pe r n1i s ura re i


ten1pi di cadLtta dci gravi .

, . ,,

.... :

..

''

1-

I'

' I

11 pri1110 piano incli na to di Ga lileo ercl fon1i to cli ca111panell i per segnalare i ten1pi di caduta della palla.

'

Nono tante la tradi zione, sc111bra certo cl1c Galileo


non ablJia mai sperimentato la caduta dci gra i dalla torre di Pisa. In caduta verti cale, infatti, due gra\ri
di peso d iverso cadono co n tc111pi cos rapidi da nL1 n
potersi ca lco lare con esattezza le differenze (e questo era il vero problema di Galileo). Che la \ elocit
di caduta dci gravi non sia in relazione al peso, come pretendeva Aristl)tele, pLt essere dimostrato con
un esperimento mentale (una situaz ione in1n1aginaria tanto con vincente da non dove rsi riprodurre
nella pratica). Si im1nagini cl1e dalla torre si lancino
due suicidi: avendo lo stesso peso essi cadranno con
una determinata velocit. Ma se durante la caduta i
due si abbracciano, formando un unico corpo di peso doppio, secondo Aristotele dovrebbero raddoppiare la veloc it. Se poi si separassero dovrebbero
rallentare fin o a dimezzarla. Basta i1n1naginare questo eve nto per capire che la natura non
funzio11a in questo modo.
1

297

F I L() "tFI. \

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

Strumenti

SCIENZA/TECNOLOGIA

Vedi anche Scoperte di Galileo, Esperimento


Altri detrattori motivavano la loro sfiducia con ragioni pi sottili. In ogni settore della scienza l'antichit aveva separato nettamente la ricerca pura dalle tecniche operative.
La geometria, per esempio, si era sviluppata in modo del tutto indipendente
rispetto all'ingegneria (tanto che secondo alcuni storici nell'epoca greca, accanto a un'indubbia crescita del sapere
teorico, vi fu un sostanziale f allimettto
tecnologico: _,.).
Anche l'astronomia aveva co1npiuto
progressi enormi senza l'aiuto di strumenti ottici e persino negando la loro
validit: l'idea di interporre qualcosa,
fosse anche una lente, fra l'occhio e l'oggetto era considerata un elemento perturbatore della visione.
Contando su una semplice osservazione oculare del cielo era stato possibile agli scienziati di Alessandria d'Egitto
intuire fenomeni complessi come la precessione degli equinozi; infatti il lento
movimento delle stelle fisse, che impiegano 28 000 anni per ritornare nella
stessa posizione del cielo, fu scoperto
confrontando fra loro accuratissime
mappe stellari compilate a centocinquant'anni di distanza.
In questo contesto ci che segn una
vera rivoluzione nell'atteggiamento degli scienziati fu l'assunzione di fiducia
nella tecnologia in quanto tale. I.:evento decisivo in questa rivoluzione mentale fu la dimostrazione di Galileo che
persino il cielo oltre alla terra poteva essere analizzato con uno strumento ottico e meccanico (parola che per gli antichi aveva un senso dispregiativo), nato
nell'ambiente degli artigiani e progredito mediante la pratica.

e osservazioni compiute da Galileo


con il telescopio furono decisive per
l'affer1nazio11e della rivoluzione copernicana ( - >-) ~ qt1e Ile con il piano inclinato gli pern1isero di risolvere il proble1na della caduta dei gravi. Nei decenni
seguenti questa convergenza fra ricerca
teorica e costruzio11e di nuovi strurnenLi inat1gt1rata da Galileo divenne un dato r)erma11ente e i11eli1ninabile della pratica scie11tifica: Castelli invent il termometro (1632), Torricelli il barometro (1643), Malpigl1i il microscopio
(1660), Boyle la pompa pnet1matica
(I {)60), e cos via. La scienza rnoclerna
inizi a progredire in stretto contatto
con la tec11ologia, producendo appareccl1i c11c potenziano i sensi, liberano l'occhio dagli inganni della visione ordinaria, permettono di quantificare e quindi
di mate1natizzare i fcnome11i.

Lo sviluppo di questa strumentazione,


cui si accredita un intrinseco valore conoscitivo, un carattere non accessorio
tna costitutivo della scienza nloderna.
Tuttavia questa fiducia, tipica del mon~
do moder110, nei congegni it1 cruanto ta~
li, non si affer1n senza contrasti. Alcuni detrattori di Galileo motivavano il loro rifiuto di dare valore a ci che pure
vedevano con il telescopio in base a presupposti (dogmatici) di ordine religioso: l'occ11io lungo di Galileo era da considerarsi veridico quando avvicinava oggetti terrestri (come cannocchiale fu subito comprato dalla Repubblica Veneta
a scopi 1nilitari), falso quando pretendeva di essere un telescopio, ossia di scrutare gli astri, divini e quindi per definizione 11on analizzabili, fuori dalla portata di qualsiasi tecnologia umana.
FILOSOFIA

298

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA
Lo gnomone , il pi a nti('O e pi l..t se m }) l ice
strumento sc icntfico, co nsis teva in un bastone ben pia11tato al s uolo. Segnando sul terreno l'ombra proiettata dal st10 vertice si possono svolgere molt e osservazioni . In pi ena estate, per escn1pi o il corso diurno del Sole produce l'arco di cirC() nferenza in basso ; in inve rno quello simr11ctrico in alto. Quando du ra11te tt11 intero giorno l'ombra avanza e si. ritrae su t1na linea perfettamente diritta, la Ter ra si trova all'equinoz io.
1

* *
*

..__
,, __--- . . ..

.....

I
I

I
I

Ancl1c l'a, tronomi a anti ca p(>1;, coeva degli trumenti (r1o n di tipo otti co, n1a cidatti a ril evare co n
esatt ezza la po izione <lei co rpi ce le ti ). Q uello
cl1c qtti i vede a si11i tra crviva per cffctt uL1re
pttntamenti di preci ione; c1t1cll o che i \'tdc a J ctra. Lina diottra , po~ ed c\'a u11 fil o a pi c) mbo cl1 c
pcrmc ttcv,1 di calco la re l'c111gcJlo lii i nc1clc11::t1, fo rmato dall'incontrc> fra la li11 ca <l i pu nta111 c11to e la
,e rti calc.

L'interno cli ttn gabinetto cicntifico dcl Sc icc11to


mc.1stra co n C\ 1 idcnza l'in11)l)ftanza attri bLt tta nella
nuova nic nt,1lit <lgli trt1111cnt i.
~

...

299

FI Ll...,ll I

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

Esperienze/ dimostrazioni

GALILEO

Vedi anche Disputa antichi/moderni, Strumenti


i che un teorico della scienza (come
Cartesio e Bacone), Galileo fu uno
scienziato impegnato nella ricerca; non
Ct)stru un sistema dottrinario da applicare pt1i nella pratica, ma svilupp osser\1azion i episte1nologiche a partire
<.ialla sua '1ttivit di inventore. A suo av\1iso la pratica degli scienziati deve basarsi su due pri 11cpi: le necessarie di1nostrazio11i e le sensate esperienze.

Le necessarie dimostrazioni sono ragiona n1en ti b,lsati s11lla logica ipoteticodedttttiva, capaci di trarre rigl1rosamente tutte le conseguenze possibili da un'ipotesi d partenz.a. Queste dimostrazioni costituiscono l'aspetto pi interpretativo e raziona I.e cle 1 lavoro scienti fico,
ma non per questo va11no reputate autonon1e e indipendenti rispetto all'esperienza, al cui ''aglio dovr pur sempre
essere sottl1posta qualsiasi legge, i11 ogni
niodo formulata. Il carattere 'necessario'
che contracldistingue questi ragiona111enti esprime un'esigenza di rigore mate1natico, co1ne risulta dal celebre passo
del Saggiato1e ( 1623): <<La filosofia
scritta in questo grandissimo libro che'
continuamente ci sta aperto dinanzi agli
occhi (io dico l'universo), c'h e per non
si pu intendere se prima non si impara
la lingua, e conoscere i caratteri, nei
quali scritto. Egli scritto in l~ngua
matematica: triangoli, cercl1i, e altre figure geometriche, mezzi senza i quali
impossibile intenderne umanamen.te la
parola; senza i quali un aggirarsi vanamente per un oscuro labirinto>>. In altri
termini, la natura un ordine oggettivo
e misurabile di relazioni governate da
leggi precisamente formulabili. In realt
gli strumenti prettamente matematici
FILOSOFIA

300

disponibili a Galileo erano quanto mai


scarsi (non comprendevano l'algebra,
ma solo un'aritmetica elementare) e
questa lingua esatta con cui si esprime
la natura, che Galileo chiama matematica, di fatto una geometria, dato che
tratta di triangoli, cerchi e altre figure.
Non tuttavia una geometria nel senso
tradizionale, ossia u .n a scie-nza dello
spazio, ma un metodo rigoroso, astratto
e del tutto indipendente dai rapporti
spaziali, per arrivare a deduzioni logiche. Le figure gometriche che Galileo
costruisce e su cui ragiona non sempre
rappresentano distanze e spazi~ pi
spesso indicano intervalli di tempo, velocit, o qualunque altra va riabile fisica.
La geometria, insomma, non misura
dello spazio, ma il linguaggio della natura, in ogni suo aspetto.

Le sensate esperienze, letteralmente le


esperienze dei sensi (in particolare la
vista), rappresentano il momenco induttivo-osservativo della scienza, preponderante nelle scoperte di Galileo (-~)
relative ai corpi celesti.
La tesi di Galileo contiene due significati: in opposizione ai teologi dog1natici che si rifiutavano di ammettere ci
che pur vedevano al telescopio, indica
che non si pu non credere a ci che
provato da una sensazione concreta. In
opposizione ai filosofi della natura aristotelici indica che l'esperienza veramente scientifica diversa dalla generica e confusa osservazione quotidiana
del mondo. Essa deve basarsi su misurazioni precise, assunte trami.te adeguati strumenti ed essere messa alla prova
in un Cimento', un esperimento ( __.,)
cruciale.
4

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA
Sc hema dai Discorsi intorn.o a clLte 11Lto e scienze. L'e vent o fi siccJ, l a
ca<lL1ta di un peso , e il -

lL1 str aco a d es tra. L<)

chema a sini tra rapprese nt a geo mctr1 can1 e11tc l'avvenim ento :
le linee ve rti cali ind i

.. .

,.

'

cano i tempi <li caduta,

le orizzonla li le veloci.l , la diago nale !'acce lcraziot1e. In qtte l <J


n1odo t tn peso cl1e cade a ve loc it cos tan te
d origine al rettangolo GAB F: Ltn g ra e 1n
caduta acce lerata o ri gi11a il triangr) lo ABE.
QLtesta tra fo.rrnaziOI1e
geo mctr1 ca pe rm1 e a
G a I i I eo cl i di n1 o trar e
cl1e in u 11 te111 po ug ual e ttn pc o in ca duta
cos ta nt e pe rco rr e lo
stes o paz10 d 1 u.n peo in cad uta acce lerala
( infa tti re t ta ngo lo e
tria n go Io ha 11 no Ia
stessa area) .

Disegno origi n<1le d i Galileo ( Discc) r '\ i i11lcJ1-110 a cltt c 11i-1.o,1c . cicr1 ::e , 1632).
Le op cre di Galil eo c) n C>11ic11c di i111111agi11i pittcJrico-scie ntificl1c. in cui
Ltn processo 11alLtrale dcscrilto nel 111odc) JJiL1 aderente all a [Jercez ione
!:iCn i bile. Ga lileo era a11cl1t ttn di crett) pittc)rc e ques ta sua co mpetenza arti stica fu u11 clet11e11Lo i'111JJL) rtantc ncll'i11terprctaz i() nc <lcllc. 111accllie lu11ari , cl1e lo scie11zia to corretta111ente interpret co111e 01nlJre prodotte cla alte IDL) ntagnc.

(,

A
I
I
I
I

I
I
I
I
I

-t e

Galileo cap che i pt111ti di luce 11ella parte in ombra della Luna sono le ci111e c.iell e 11itl alte vette.

301

o
FILO~OFI :\

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

"

Disputa antichi/moderni

BACONE

Vedi anc11e Utopia, Razionalismo, Empirismo


va mentalit con una metafora di grande successo: i nuovi scienziati sono c.ome ba1nbini rispetto ai grandi pensatori
del passato, tuttavia godono di un vantaggio sostanziale, quello di trovarsi sulle spalle di questi giganti e quindi pi
vicini alla verit, potendo usufruire della loro esperienza (e dei loro errori).
In un passo celebre del Novu1n Orga11i1111 ( 1620) lo stesso Bacone, pur ma.n tenendo immutata la questione centrale
(il rapporto indissolubile fra sapere e
tempo), ne ribalt i termini tradizionali: per ~antichit', afferm, <<dovrebbe intendersi la vecchiezza del mondo, che
va attribuita ai nostri tempi e non a
quella giovinezza del mondo che fu
presso gli antic.h i. E co1ne da un uomo
anziano possiamo aspettarci una conoscenza molto maggiore delle cose u1nane e un pi inaturo giudizio che da un
giovane, cos nella nostra et (se avesse
conoscenza delle sue f ()rze e volesse
sperimentare comprendere) sarebbe
giusto .a spettarsi assai pi gran cose che
dai tempi antichi, essendo la nostra, per
il 1no11do, l'et maggiore, arricchita da
innumerevoli esperienze e osservazioni>>. [accettazione di queste tesi innovative sottoline la necessit di un cambiamento del metodo scientifico. Si
convenne che se gli antichi pensatori
erano caduti in errore, la causa non poteva trovarsi in una loro scarsa genialit
personale, ma nella mancanza di valide
procedure. Sul problema del metodo e
dell'insegnamento, non pi concepibili
come trasmissione di una conoscenza
chiusa ma come ricerca innovativa, si
svilupp quindi la riflessione dei ma.g giori filosofi dell'epoca (oltre a Bacone,

er disputa degli antichi e dei mo-

derni si intende co111unen1ente quel}'acceso dibattito che si svilupp agli


inizi del XVII secolo attt)rno all'im1nagine, alla fu11zio11e e agli obiettivi della
scier1za. Alla sua nascita contribu in
n1l1do decisi\'O la rivoluzione copernica11a (-.. ), cl1e i11cri11ando il prestigio e
l'a Lttorit clegli antic.11i ebbe u11 effetto lil)eratorio su tutte le scienze. Le consegL1e11ze d ella disputa' furono notevoli:
co11cezio11e ri11asci1nentale del sapere
come ripristi110 dell'antica norma classica (11na sapienza perfetta e definitiva andata te111poranea1nente perduta nel Medioevo: -->- Mito delle origi11i) fu soppia11tata da q11ella di progresso(- ), che
implica i1uove assLtnzioni.

1,,

La perfettibilit del sapere. Emerse


la convinzione cl1e la co11oscenza sia un
processo in co11tinua crescita che 11on
1nai stato e non potr mai essere definitivo, anch.e 11el lontano futuro.
la necessit, affi11cl1 il rit1no de] progresso si acceleri, di una costruttiva col-_
laborazione fra gli scienziati, che si
oppo11ga, attraverso un'eff.icace circolazione delle conoscenze, alla tradizionale gestione sacerdotale del sapere (come
strun1ento di potere).

li le.gai11e fra scienza e tecnologia.


E111erse per la prima volta nella storia
l'ide.a che il progresso scientifico sia
gravido cl.i importanti miglioramenti
n elle condizioni sia materiali sia morali dell'umanit.

F.. Bacone nel fron tespizio del Il ptogresso del sapere ( 1605) illustr la nuoFll_OSOFIA

Galileo e Cartesio).

302

RIVOLUZIONE SCIENTIFICA

--

- R .B i\.CONl S
De

\.l:Tt' 'l.,A.,\L
AnsJl.' Ca n,cll ar1 L

Di;
1 ~

.. o

r ,.;.- i- -- -::

'~

:VG~i ENTI <::


SCI ENl l A[{\ ":\l
L1b1x

ll fronte I) izio dell 'opera Il J?rJgrc S<>


ciel sctplre ( 1605) di F. Baco ne. Gli
scie nziati dcll 'c.-1Jc.)c'1 111 od cr11 a 1..1 no
co111e bambi ni e pa ragonati ai grandi
pcn atori elci 11a alo; tuttavia e i ()no barr1bir1i sttlle spalle dei giga11Li .
Nel XV II eco lo la rice rca co rr1in cia ad a\ valersi <lei t'<.>n1ribt1to co ll ett ivo <lcgli scic11ziati in u11 errato co11fronto
cl1c si realizza 11cll c Accademie delle Scienze. E t1na nl>\' tl so tt o lir1 c~1ta con frcqt1enza nei frontespizi dei te ti acc~1d c n1i ci , in cui si mostra frcq ucntc111cnte t111 dibattito fra
cicnziati .
1

Un<) clei s i1nboli pit1 notevo li e pil.t espressivi della nuova fidL1 cia nel legame
fra scienza teo rica e tccni cl1e praticl1c
quello dell'occl1io nel paln10 della ma110. La 111ano ri1nanda a quelle cl1e Gali lco c l1iam a va serasate esperierize
(
>- Espcri e11 zrllli111 ostra zio11i ), l'occhi o
tllLtde alla ca pac it cli valtttazi one e di
discriminazi one razic.)t1ale fra i fcnc.1 rncni (le 11ecesscirie dirr1ost'razior1i , nella
tcr111i 11ologia ga lil eia11a).

..

--

303

RAZIONALISMO CLASSICO

Razionalismo

CARTESIO, DEDUZIONISMO

Vedi anche Meccanicismo


i riporta alla nozio11e di razionali~ smo in senso lato ogni atteggiamento filos<.1fico e he, in opposizio11e all'irrazio11alismo ( ~), considera la realt
ord i 11a ta e decifra bile , governata da
pri11cpi intelligibili. Galileo ne invent
la metafora pi adatta: il mondo come
un libro scritto in caratteri matematici
(e la natura quindi leggibile, comprensibile, come un libro) . ln questo
senso an1pio si dicono razionaliste varie
d () ttrine pur molto differenti fra loro
(Platonismo, Stoic'is1no, Hegelismo).
Per razionalis1110 in senso stretto, o
razionalismo classico, si intende invece la tradizione filosofica fondata nel
XVI secolo da Cartesio e proseguita poi
da Hobbes, Spinoza e Leibniz. ridea
che distinse questi filosofi fu che si pu
arrivare a valide conoscenze scientificl1e solo ed esclusivamente tra1nite la
razionalit deduttiva, secondo il mode Ilo della geometria eu.c lidea, che deduce pi di quattrocento teoremi da
cinque se1nplici assiomi (postulati) di
partenza.
Il Disco1~so sul m.etodo (1637) dj Cartesio pu essere considerato il manife-
sto di questo razionalismo: vi si sostiene infatti la possibilit di costruire tutto il sapere sviluppando per via deduttiva alcune evidenze che la mente coglie
intuitivamen.te, come idee chiare e distinte, per esempio i concetti di estensione e di materia.
Il giudizio storico sul razionalismo deve essere ambivalente. Per l'attacco condotto alle superstizion.i del passato esso
fu veramente u .n a dottrina rivoluzionaria e contribu a formare lo spirito
SCientifico moderno. Cartesio afferm
flLOSOFlA

304

che la ragione (-- Res cogitanslres exte11sa), oltre a essere identica in tutti gli
uomini e a distinguere questi ultimi dagli animali, l'unica guida che lo scienziato deve assumere. Il razionalista non
deve lasciarsi influenzare da pregiudizi
o da convinzioni religiose, non deve
per1nettere che teorie indimostrabili o
suggestive (tanto frequenti nel pensiero
magico) intersechino i percorsi logici
dell'intelletto.
Queste considerazioni portarono a dare molta importanza alla matematica, e
ci contribu notevolmente alla nascita
del metodo scientifico. Tuttavia quando
i razionalisti cercarono di estendere a
tutte le scienze il metodo assiomaticodeduttivo, facen.done la norma stessa
della scientificit, andarono incontro a
grossi insuccessi. Per esempi.o il tentativo di Cartesio di costruire una fisica naturale deducendola dall'idea di estensione non port a risultati fecondi ( ~ Deduzjonismo cartesiano).
La cosa pi grave, tuttavia, che i razionalisti, assolutizzando il ruolo della ragione, giunsero a negare valore ai
dati dell'esperienza, persino alla verifica prati ca delle teorie (-- Filosofia
sperimentale).
Estremizzando le posizioni in polemica con l'Empirismo (--) finirono
con il porsi fuori dalla linea di effettivo
sviluppo delle scienze: i loro trattati
scientifici non sono descrizioni della
realt naturale, ma costruzione di modelli teorici non sperimentabili. Nel
Settecento l'eredit positiva del razionalismo classico, moderato da un giusto valore conferito alla realt, conflu
nell'Ill~minismo ( ->-).

II
I

RAZIONALISMO CLASSICO

Nei Viagg i cli Gi-1llivcr ( 1726) lo sc rittore ir1glese jooathan Swift propose ques ta parodia dcl meto<lc) razi onalista. All'Accademia di Lagad o un o s tra mpa la to
professore (in cui fac ile intravvedere la figttra di LcilJn iz ) lavora per migli o rare la conosce nza speculati va
mediante congegni meccani ci. A un suo co mando qL1ara11ta allic\ri afferrano u11a delle mano\1clle clell'appareccl1i o spect1lativo e danno un secco giro. Come risultato , la configurazione delle parole sui ct1betti viene interamente modifi cata. li profcs <) re ordi11a allora cli leggerne il contcnLtto: le tre o qt1attro parole \1 icine cl1c potrebbero fare parte di una frase so no im1nediatamcntc
dettate agli scri v,1ni e l'operazione riprcn<le da capo. Ln
questo modo, afferma il profes ore, abbia mo gi comp t)S lo alct1ni 'trattali speculativi'.

La mente econdo i princlpi del razio na lisrno un sistema


autosufficiente di e lal1orazio11 c (con1bi naz io11e) di idee,
Lt11 poco cc) 111e l'apparecchio speculativo <l c ~ c ritt o da
Swift nei Vil1ggi cli GLllli ver.

La maccl1inC:1. specttla tiva i1n111aginata da Swift, in cui e poss ibile ricon oscere una parodia della Lit1gttc1cciratteristica cli Leibniz , era costituita da
un pa nn ell o di bl occ11e tti di legn o
collegati tra loro da bacchette metal1iche ruotanti . Sui blocchetti era no
S('ritte, se nza alcun ordine, tLttte le
parole, in tutti i modi, ten1pi e decli nazioni possibili.

305

RAZIONALISMO CLASSICO

Dubbio iperbolico

CARTESIO, METAFISICA

Vedi anc11e Res cogitans/res extensa


n gnc)seologia il tern1ine dubbio indica uno stato psicologico di incertezza
di fronte a due alternative contrarie. Si
usa fare una distinzione fra il dubbio
se etti e o , q tl a n d o I' i m po s si bi 1i t di
emettere un giudizio si presenta come il
risultato di t1na ricerca della verit, e il
dubbio metodico, quando l'appello a
sospe nd ere ogni giudizio uno strumento per pervenire a una conoscenza
fondata. Nel pri1no caso il dubbio l'unica certezza, nel seco11do la condizione per una certezza autentica. Sebbene
gi Socrate ne facesse uso nella 1naieurica (- 1>), la pratica del dubbio metodico
stretta111 ente connessa al pensiero di
Cartesio, cl1e la pose come fondamento
della sua metafisica.

Secondo Cartesio si deve incominciare


con il inettere tra parentesi le proprie
convinzioni, considerando provvisoriame11te falso tutto ci che non provato
e di cui quindi si pu dubitare. Se, dopo aver passato al vaglio di questa critica radicale tutta la propria conoscenza,
si giunger a un residuo positivo, u.n'i- _
dea sulla quale dubitare non proprio
possibile, bisogner ammetterla co1ne
assolutan1ente vera, tanto certa da poter
essere utilizzata come fondamento di
altre conoscenze.
La questione che non esiste alcuna conoscenza di cui non si possa in qualche
modo dubitare. La sensazione ( ~) non
affidabile: anche se a volte la percezione di un oggetto sembra avere carattere
d.i certezza, dimostrato che in alcune
occasioni i sensi ingannano, e quindi

FILOSOFIA

306

possono farlo se1npre. Non solo: nel sogno, nelle fantasticherie e nelle allucinazioni si possono avere rappresentazioni mentali tanto simili a quelle dello
stato di veglia che risulta impossibile
stabilire una netta demarcazione. Dato
che a volte risvegliandosi da un sogno si
11a l'impressione di uscire dalla vera
realt, nessuna particolare esperienza
potr mai sciogliere definitivamente il
dubbio di non stare sognando anche nel
mon1ento in cui si convinti di essere
svegli. Si pu dubitare persino delle conoscenze matematiche, anche se, not
Cartesio, queste rin1angono uguali sia
nella veglia sia nel sog110~ si pu addirittura mettere in discussione il mondo
intero (dubbio iperbolico), supponendo che un genio maligtto abbia sistematicamente ingannato tutti gli uomini fin
dalla nascita, facendo loro vedere e credere vero ci che non esiste e nascondendo la realt autentica.
Il carattere radicale del dubbio iperbolico serv a Cartesio per sottolineare la
fondatezza della conclusione: nel momento in cui dubito di tutto, su di una
sola certezza posso contare, sul mio
stesso dubitare. Il mio esistere in quanto soggetto pensante tanto certo quanto incerta l'esistenza delle cose sensibili. Cogito ergo sum la celebre formula con cui Cartesio riassunse queste
riflessioni: <<Penso (dubito), quindi esisto>>. La proposizione <<io esisto in
quanto essere pensante>> (in quanto
spirito o res cogitans) una certezza
originaria su cui possibile fondare la
metafisica e la scienza.

RAZIONALISMO CLASSICO

.....,.

...
' ...

'

...

~~ ..

,.

'
L,applicazionc c'1rtc iana del dttlJl)io a ogni forma di co noscenza po e il delicato pro blema della di

stinzi<.) nc fra la no rn1alc condizione de lla 1ncntc (veglia) e gli stati a lternativi ( ogno, fanta tichcria a occl1i ar>c rti , alluci11azioni ... ) li prol1lcma na cc dal fatt o che la 1ncn te in ( jLt e te co n(1tzio r1 i e
ca pace cli r)roclt1rre rapprese ntaz ioni altrettanto (e a vo lte '1ncl1c pit1) parti ca larcggintc di CJLtc ll c cnilJi li . Le '' isio ni C)11iricl1e so no s pc~so tan to realisticl1c eia illt1clerci per u11 ntti 1nc.1, al ri ' 'eglio , <l e Ila
lo ro realt. Le i1n111agi11i propo te prc cntanc) dt1c allucinazi<)ni . Q uella a ~i ni tra , una citta i11nt \tata vista dall'alto da un indi,1iduo in vo lo, la dc-Scri zio11c di u11a prolt1ngata allucinaz ione da LSD ,
is uta dal soggetto con Ltna pcrfcttt scnsazi<.) ne di rcalta . A destra si puo o cn are co me ce rte alluci11azioni dc crivano immagir1i c..lellt1 rea lt pi n1inuziose e partico lareggiate <lt (tLtelle perccttl\'C.
\

. . ,.
.
. . . ....;.....
..- :..
.
.. ..... ..
. -......:."'.:;_~: ."~'
~
. ... "-.-. .
. - .. ."

't

..
1

..

'4'

.....
'.

.~

... ' ..
.. ...

In condizio ni particolari la mente capace di visualizza re cose inesistenti ct1n il n1a - imo della
c l1i arezza . La s trana in1n1 agi ne d ell'ele fant e e
un'allucinaz ione ipnopo1npica (nell'imminenza del
sonno) regi trata da llo p ico logo St1epard; a destra
compaiono dt1e 'bal)au' , i 1nostri che eia sempre terrorizzano l'i11fanzia , disegnati da un bambino dopo essere s tati 'visti' (la fantasia infanri le presenta spesso forti caratteri allt1cinato r.i). Non esistono
scconclo Cartesio mezzi sen1plici e definiti,,i per distinguere queste visioni <la ci che \rediamo in !>tal<) di veglia: cl1i garantisce c'h e ci che tL1 ora stai vedendo 11on sia il prodotto della tua mente?

307

RAZIONALISMO CLASSICO

Res cogitans/res extensa

CARTESIO,
DUALISMO METAFISICO

Velli a11c he Body-1nind probletn


a fo11dazio11e della metafisica dualistica operata da Cartesio costituisce l'evento filost1fico fondamentale della Illl)der11it. Seco11do questa teoria tutto il n1<)11do co111posto esclusivamente
<la cl tte ti pi di sostanze ( -~ Sosta11za),
dt1e realt opp()Ste e inco1nme11surabili
fra le qt1ali non vi nulla in co1nune: il
pensiero e la materia.

Secondo Cartesio l'esistenza del la res


cogitat1s (il pensiero) di1nostrata dal
procedi nle11 to de I dubbio iperbolico (--+-): per quanto si possa dubitare di
tt1tt<J non possibile non rico11oscersi i11
qltant<.) pensiero dubitante, secondo la
celebre massi111a cogitcJ e1go su111.
La res cogilat1s i11estesa, consapevole di se stessa e libera~ non ha una dimensione 1nateriale e spaziale. In tutto
l'universo presente solo negli esseri
umani, di cui costituisce l'Io, la me11te
cosc1ente.

La nozione di res extensa fu introdotta


da Cartesio con caratteristiche sim1netricl1e e contrarie: materia tutto ci
che non spirito, ossia pura estensio-
ne spaziale priva di consapevolezza.
Nelle MectitazicJni n1er-afisiche (1641)
egli si spieg con l'ese1npio della cera.
<< Prendia1110 un pezzo di cera, che stato proprio ora estratto dall'alveare: esso
non ha perduto ancora la dolcezza del
n1iele che conteneva, serba ancora qualcosa d.e ll'odore dei fiori, dai quali stato raccolto; il suo colore, la sua figura,
la sua grandezza sono manifesti; duro,
freddo, lo si tocca, e, se lo colpite, dar
qualche suono. Tutte le cose che possono disti11tamente far conoscere un cor-

F ILOS<.)f-IA

308

po, si incontrano in questo. Ma ecco


che, mentre io vi par.lo, lo si avvicina al
fuoco: quel che vi restava di sapore esala, l'odore svanisce, il colore si cangia, la
figura si perde, la grandezza aumenta,
diviene lic1uido, si riscalda, a mala pena
si pu toccarlo, e bench lo si batta, non
render pi alcun suono. Ma la cera resta la stessa dopo questo cambiamento?
Che cosa dunque ci che si conosceva? Tutte le cose che cadevano sotto il
gusto e l'odorato o la vista o il tatto o l'udito si trovano carnbiate, e tuttavia la cera resta la stessa.>> Ci che resta d l,esatta nozione di materia: qualcosa di
esteso, flessibile e mutevole, in breve
la pura capacit di occupare uno spazio
(solo non occupando pi uno spazio la
cera cesserebbe di esistere).
La co11oscenza dei fenomeni naturali
deve quindi prescindere dalle mutevoli
qualit secondarie (odore, sapore) suggerite dagli organi di senso~ la vera conoscenza una ~visione de I la mente',
una rappresentazione fortemente semp I i fica la rispetto a I la con1 p I essi t del
inondo reale, ma sicura, esatta e incontrovertibile perch fondata sull'unico parametro oggettivo: !,estensione spaziale
e le sue derivazioni (altezza, larghezza,
profondit, area, grandezza, figura, movimento, situa.z ione, durata, numero).
Per quanto riguarda 1,uomo la polarit
res cogitans/res extensa si tramuta nell'opposizione fra mente e corpo, originando il problema delle loro reciprocl1e
relazioni, che Cartesio intese risolvere
con la teoria della ghiandola pineale (--+-), ammettendo una loro interazione nella suddetta ghiandola del cerve.Ilo.

RAZIONALISMO CLASSICO
.

I]
- - ------

Ne.ll'illustrazio11e, il n1ctodo della pro. pctti\1a carne l'ha descritto il Durcr. Il nlondo (in ques to caso t1na rnodella clalla posizione co nturbante) dc,1c e se re os en:ato con il piu as oluto di tac o. Ri <lLtcendo la realt a pura esten ione spaziale <lei corpi Cartesio opera una llcspiri t 11t1 l i::~a~io t1c <leila natt1ra, in netto C<)t1trtlSto ia co n la '' S() nc fi1141listic,1 d i Aristotele ia co ri il pe11 ic ro n1ag1co.
Fra il soggetto e l'oggetto si intcrp<.) nc co111c t1n lliafran11na la co11oscc11 za , una rapprc cntaz io nc
<.1ggctr i,1a e matematica tJel mondo. Cartesic) dcfini ce la ('ono cenza un o spcci1lu111 L1t1i crsi . unt)
pecc l1i o (una pittt1ra) cl1 c ridu ce la compi e it <l ei rea le e ne descri, c lo!:> atura raz ionale. li ogge tto della co nosce nze:1 (la rcs cc>g it l111s) e cpa rato cd ester11 0 ri petto agli oggetti dc l mo nde). Con()Scc rc i111 plica t111 attcggia1ncnto cli!:> tacca to, pc) it he la J)t:l rtccipazionc al 111ond <.l (le pa io11i. le
sensaz ioni, le cn1ozioni e i dcsic.lcri (he nasco11c) dalla vo lo11ta) so no so lo r() 11ti (J errorc.
1

.-

11 processo co nosc irivo


d elineato da Ca rtes io ha
n1olto in comt1nc con il paradigma n1cntale della prospettiva ( >). Cosl come la prospettiva a''eva clabo.rato l'idea di un soggett(l riele tto a un ttnico, in1materi.ale e immobile
punto di vista inesistente nella rea lt concreta. l'Osi per Cartesio il soggetto clella conosce nza non tutto l'individuo, ma solo la sua rcs cogita11s.

309

F ILOSOFI,-\

RAZIONALISMO CLASSICO

Ghiandola pineale

CARTESIO

Vedi anc11e Body-mi11d problem


l d~alis1no posto da Cartesio fra r~s
cogita1is e res extensa pose una serie
di dii-ficoll: se le due sostmize (- ). Sostar1za) si definiscono per opposizione
reciproca, l'una pura spiriLualit senza
estensione, l'altra pura estensione senz~:i s pi1itu1lit, co1ne pensare poi a un
loro rapporto? evidente infatti che
l'essere u1nano, a differenza di ogni altro vivente, ri ,u nisce nella sua natura sia
la r<... s cogilans (la 1nente) sia la res extc11sa (il corpo). Il pensiero inoltre, pur
no11 avendo alcuna dimensione spaziale e i1011 essendo quindi in alcun luogo
del corpo, tuttavia si dimostra in grado
di interferire co11tinuamente con esso,
senza sforzo ap1)arente. [uomo non solo pensa, ma (qt1esta la difficolt) il
suo pensiero si di1nostra in grado di
111odificare lo stato della sua res exte1lsa.

La soluzione proposta da Cartesio fu


l'interazionismo (t1n tipo di spiegazione ripreso nel nostro secolo da Popper
nella teoria dei tre mondi): si assume
che vi sia u11 luogo fisico, interno al corpo u1nano, in cui si realizza il contatto,
per111ettendo uno scambio di reciproche
informazioni e influenze. Cartesio individu qt1esto luogo di intersezio'n e (oggi direm1110 una 'in terfaccia') fra mente
e corpo, <<in una certa ghiandola 1nolto
piccola, detta pineale>> (epifisi), situata
al centro del cervello, giustificando la
sua scelta con la peculiarit della ghiandola di essere l'unico organo presente
nel cervello in 1nodo singolo (tutte le altre strutture cerebrali sono doppie e

310

Fll()SQFIA

simmetriche nei due emisferi, il destro


e il sinistro).
[ipotesi indubbiamente debole; Cartesio del resto non voleva propor re una
verit di tipo anatomico, ma un modello
teorico, il pi aderente possibile alla
realt (al punto che egli stesso si impegn
nella dissezione anatomica degli animali), ma non necessariamente vero ed effettivamente esistente. A pplicndo in
catnpo medico i principi del meccanicismo (~) .e del deduzionismo ( - >-), egli intendeva mostrare solo come pot1.ebbe configurarsi la relazione fra mente e corpo.
Cartesio immagin il cervello umano
come una cavit delimitata all'esterno
dalla corteccia cerebrale e riempita al
suo interno da una materi.a fluida (la
'poi pa'). Attaccata al fon do di qttesta cavit, impiantata sul midollo spinale, sta
la ghiandola pineale. La cavit cerebrale
una 'ca1nera di compensazione' in cui
minuscole oscillazioni della ghiandola
interpretano le informazioni sensibili e
impartiscono 'ordini' agli arti. [interazione 1nente-corpo sj realizza con un
processo fisiologicamente descrivibile
come una forma di interscambio fra
l'epfisi e la corteccia cerebrale. Ci che
funge da tramite sono gli 'spiriti vitali'
(o pneumatici:->- Pneuma) che si formano nel cuore per raffinazione del sangue.
In questo modo i processi del pensiero
sono pensabili come il rapporto fra le disposizioni assunte dalla ghiandola e le
terminazioni nervos e presenti nella corteccia cerebrale.

RAZIONALISMO CLASSICO

li J

la ghia nd ola pinea le all'in tern o d e lla c avit cere bra le

( Trall GtL O

sull'tio1no, 1644).

Le lin ee indi cano gli sca m -

bi di pneuma fra la ghia ndola e i nervi , cl1c Ca rte io ,


ap p li cando a ncl1 e in c.1 ues t o caso la metafora idraulica , co nsidera a piccoli tubi a ttravers o c11i passa no g Ii s r i riti Vi LaI i.

La gl1iandola pineale libera di oscillare in tLttte le posizioni. Nel suo movirn ento, sottra tto secondo C:i rtcs io alle leggi della grav.tazi()ne, starcblJc il segreto della fis io logia ciel JJC11s icro .

~\n11111n

~l"1ll!l' '"

-G
Anche l.~1 gh.iat1(lola, co111e la parete de lla cavit
ccrelJrale, ha una s u pcrficie porosa cos tituita
cla in11t1n1erevoli forellini attraverso etti entrano ed esco.n () gli s piriti vitali .

L'illustrazione riprodttce ttna fitta rete di


ne rvi cl1 e seco nd o Ca rtes io co llega la
ghia11dola pine,11.e a tutti gli organi periferici, tJer1ne tte11do cosi Ltn fitto sca.mbio informativo fra mente e co rpo.

311

RAZIONALISMO CLASSICO

Body-mind problem

DUALISMO CARTESIANO

Vedi anche Ghiandola pineale


a rigida distinzione d.ualistica posta
a livello metafisico da Cartesio fra
res cogitans (spirito, anima, intelligenza) e res extensa (n1ateria, corpo, istint(), fisiologia), dt1e sosta11ze opposte e
incc)1nmensu rabili , divenne uno dei
fondan1enti della rilosofia tnoderna.
Il nascente 1netodo scientifico si avvalse della despiritualizzazione della
materia i1nplicita in questo dualis1110
per sferrare t1na critica radicale alla
1nagia ( - ), basata sui princpi, esattamente oppc)sti, dell'animis1no (secondo
cui a11che la 1na teri.a pL)ssiede u11a spiritualit) e d ella simpatia cosmica (secondo cui tutto interagisce con tutto:->). Lo scienziato cartesiano, sia che
fosse un fisico, un astronomo o un cl1imi co, i11izi a trattare la materia come
pura estensione, un'entit priva di qualit psichiche , di energie immanenti, di
valori spirituali o cause finali. Anche il
biologo e lo zoologo cartesiani tendevano a co11sidcrare nello stesso modo
gli oggetti delle loro scienze. Una delle
co11segt1enze pii.1 rilevanti e discusse del
dualis1no fu la riduzione della vita ani~
male ai princpi del 1neccanidsn10 (--> ).
Infatti poich la ,~es cogitat1s (la capacit intellettuale dotata di consapevolezza) esiste solo nell'uomo e non nella
natura, gl