Sei sulla pagina 1di 107

A

n
alisi
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
co
m
b
in
ato
ria
A
n
alisi
Ercole Suppa ercolesuppa@gmail.com Rosanna Tupitti rosannatupitti@gmail.com
Il triangolo aritmetico come appare nell'opera del matematico
cinese Chu Shih-Chieh Yuan Yii Chien (1303).
Versione preliminare 5 aprile 2012
Indice
Indice iii
Prefazione iv
Indice dei simboli v
1 Il linguaggio della matematica 1
1.1 Elementi di teoria degli insiemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2 Relazioni e funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.3 Gli assiomi di Peano e il principio di induzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
2 Principi e tecniche combinatorie 7
2.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.2 Tecniche elementari di enumerazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.3 Metodo del doppio conteggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.4 Principio dei cassetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
2.5 Problemi esemplicativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3 Permutazioni, disposizioni, combinazioni 26
3.1 Permutazioni e disposizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
3.2 Disposizioni circolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
3.3 Combinazioni semplici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
3.4 Propriet dei coecienti binomiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
3.5 Il teorema del binomio e il triangolo di Tartaglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
3.6 Combinazioni con ripetizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.7 Coecienti multinomiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
3.8 Funzioni tra insiemi niti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
4 Successioni e relazioni ricorsive 44
4.1 Successioni numeriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
4.2 Relazioni di ricorrenza lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
5 Problemi di ricapitolazione 52
5.1 Problemi di livello base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
5.2 Problemi di livello intermedio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
5.3 Problemi di livello avanzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
5.4 Problemi tratti da gare matematiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
A Soluzioni 86
A.1 Problemi di livello base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
A.2 Problemi di livello intermedio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
A.3 Problemi di livello avanzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
A.4 Problemi tratti da gare matematiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
ii
INDICE iii
Bibliograa 99
Indice analitico 100
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Prefazione
Questa dispensa il frutto delle lezioni sul calcolo combinatorio che abbiamo impartito alle nostre clas-
si del Liceo Scientico A.Einstein dal 1995 ad oggi. Il testo, corredato da numerosi esempi svolti ed
esercizi proposti, rivolto agli studenti del Liceo e a chiunque interessato allanalisi combinatoria. Al
lettore desideroso di approfondire le tematiche trattate si raccomanda la consultazione di testi specialistici
(Bibliograa).
Saranno graditi commenti, suggerimenti, correzioni, etc., che potranno essere inviati per email al seguente
indirizzo.
Ercole Suppa Rosanna Tupitti
ercolesuppa@gmail.com rosannatupitti@gmail.com
iv
Indice dei simboli
p, q proposizioni
p negazione di p (NOT)
p q congiunzione logica di p e q (AND)
p q disgiunzione logica di p e q (OR)
p q implicazione logica
p q equivalenza logica
x per ogni x (quanticatore universale)
x esiste qualche x (quanticatore esistenziale)
:= indica che il simbolo alla sua sinistra denito da ci che scritto alla sua destra
# numero di
x A x appartiene ad A
x A x non appartiene ad A
| tale che
: tale che
insieme vuoto
insieme universo
B A B un sottoinsieme di A
B A B un sottoinsieme proprio di A
A B intersezione di A e B: {x|(x A) (x B)}
A B unione di A e B: {x|(x A) (x B)}
AB dierenza tra A e B: {x|(x A) (x B)}
A complementare di A: {x|(x ) (x A)}
AB prodotto cartesiano di A e B: {(x, y)|(x A) (y B)}
R AB R una relazione tra A e B
R AA R una relazione sullinsieme A
P(A) insieme delle parti (o sottoinsiemi) di A
f : A B f una funzione da A verso B
y = f(x) y limmagine di x tramite la funzione f
f(X) data f : A B ed X A, f(X) = {f(x) : x X}
Im(f) data f : A B, Im(f) := f(A) = {f(x) : x A}
N insieme dei numeri naturali: {0, 1, 2, 3, . . . }
N
0
insieme dei numeri naturali positivi: N
0
= N {0}
v
vi
Z insieme dei numeri interi
Z
+
insieme dei numeri interi positivi
Z

insieme dei numeri interi negativi


Q insieme dei numeri razionali
Q
+
insieme dei numeri razionali positivi
Q

insieme dei numeri razionali negativi


R insieme dei numeri reali
R
+
insieme dei numeri reali positivi
R

insieme dei numeri reali negativi


n

i=1
x
i
somma dei termini x
1
, x
2
, . . . , x
n
a | b a divide b, dove a, b Z ed a = 0
a b a non divide b, dove a, b Z ed a = 0
(a, b) := MCD(a, b) massimo comun divisore di a e b
[a, b] := mcm(a, b) minimo comune multiplo di a e b
[x] parte intera del numero reale x
(n)
k
fattoriale decrescente di n, di lunghezza k
n! fattoriale di n
_
n
k
_
numero di k-sottoinsiemi di un n-insieme (coeciente binomiale)
__
n
k
__
numero di k-multinsiemi di un n-insieme
_
n
n
1
, n
2
, . . . , n
k
_
coeciente multinomiale, dove n = n
1
+n
2
+ +n
k
PFC principio fondamentale del calcolo combinatorio
PIE principio di inclusione esclusione
MO Mathematical Olympiad
IMO International Mathematical Olympiad
TST Team Selection Test
ItaMO Italian Mathematical Olympiad
ItaTST Italian Team Selection Test
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Capitolo 1
Il linguaggio della matematica
1.1 Elementi di teoria degli insiemi
Non daremo una denizione formale di insieme, che verr invece assunto come concetto primitivo, cio non
riconducibile a nozioni pi elementari. Possiamo dare per la seguente denizione intuitiva:
Denizione 1.1.1. Un insieme una collezione di oggetti.
Osserviamo che il termine oggetto stato usato in modo informale, senza specicare cosa sia. Questa
descrizione di un insieme come una collezione di oggetti, basata sul concetto intuitivo di oggetto, fu for-
mulata per la prima volta dal matematico tedesco George Cantor nel 1895. La teoria che si sviluppa a
partire da questa denizione di insieme e luso dellidea intuitiva che, scelta una qualsiasi propriet, vi sia
un insieme formato dagli oggetti che la soddisfano, conduce a delle contraddizioni chiamate paradossi o
antinomie. Il primo che evidenzi lesistenza di tali antinomie fu il losofo inglese Bertrand Russel nel 1902.
Il paradosso di Russell considerato una delle pi celebri antinomie della storia del pensiero logico e ma-
tematico: la sua scoperta ebbe ampia risonanza allinterno della comunit di studiosi che agli inizi del
Novecento si occupavano della sistemazione dei fondamenti della matematica. Il paradosso recita cos:
Un villaggio ha tra i suoi abitanti uno ed un solo barbiere, uomo ben sbarbato. Sullinsegna del suo negozio
scritto: il barbiere rade tutti, e unicamente, coloro che non si radono da soli. La domanda a questo punto
: chi rade il barbiere?
Una semplice analisi dellantinomia porta alla luce unevidente contraddizione. Se infatti il barbiere si rade
da solo, violiamo la premessa secondo cui il barbiere, rasandosi, non raderebbe unicamente coloro che non si
radono da soli. Se invece il barbiere raso da qualcun altro, si viola la premessa secondo cui il barbiere rade
tutti coloro che non si radono da soli: per dirla in altre parole, il barbiere se si rade da solo non dovrebbe
radersi, se non si rade da solo dovrebbe radersi. Eppure il barbiere ben sbarbato . . .
Queste antinomie potrebbero essere evitate costruendo una teoria degli insiemi basata su opportuni assiomi
(teoria assioamtica degli insiemi ). Noi per adottermo la teoria degli insiemi sviluppata da Cantor (teoria
ingenua degli insiemi ), poich tutti gli insiemi che considereremo in questo libro possono essere trattati in
maniera logica consistente anche senza ricorrere ad unimpostazione assiomatica.
Gli oggetti di un insieme sono chiamati elementi dellinsieme. Indicheremo abitualmente gli insiemi con
lettere maiuscole A, B, . . . e gli elementi di un insieme con lettere minuscole. scriveremo a A per indi-
care che a un elemento dellinsieme A, mentre la notazione a A sta ad indicare che a non elemento
dellinsieme A.
Un insieme pu essere indicato:
1
2 Capitolo 1
elencando tra parentesi grae i suoi elementi (rappresentazione tabulare), ad esempio A = {1, 2, 3}.
specicando una propriet caratteristica, ossia una propriet soddisfatta da tutti e soli gli elementi
dellinsieme, ad esempio: A =
_
x R|x
2
5x + 6 = 0
_
.
con una rappresentazione graca (diagramma di Venn).
Valgono le seguenti denizioni:
Un insieme privo di elementi detto insieme vuoto e si indica con .
Un insieme A si dice nito (innito) se possiede un numero nito (innito) di elementi.
Un insieme avente un solo elemento si dice insieme puntiforme (o singleton).
Due insiemi A e B si dicono uguali se e solo se hanno gli stessi elementi. Per indicare che A e B sono
uguali scriveremo A = B.
Un insieme A si dice sottoinsieme di un insieme B se ogni elemento di A anche elemento di B. Per
indicare che A un sottoinsieme di B si usa la notazione A B. Se A un sottoinsieme proprio di
B, ossia se esiste almeno un elemento dellinsieme A che non appartiene a B, scriveremo A B.
I sottoinsiemi impropri di un insieme A sono ed A.
Si dice insieme delle parti di un insieme e si indica con P(), la collezione di tutti i sottoinsiemi
di . Ad esempio se = {1, 2, 3} abbiamo:
P() = {, {1} , {2} , {3} , {1, 2} , {1, 3} , {2, 3} , {1, 2, 3}}
Si denisce complementare di un insieme A (rispetto alluniverso ) linsieme A formato dagli elementi
di che non appartengono ad A:
A := {x | x A}
La dierenza di due insiemi A e B, indicata con A B, linsieme formato dagli elementi di A che
non appartengono a B:
AB := {x A | x B}
Lunione di due insiemi A e B, indicata con AB, linsieme formato dagli elementi che appartengono
ad A o a B (o ad entrambi).
A B := {x | (x A) (x B)}
Lintersezione di due insiemi A e B, indicata con A B, linsieme formato dagli elementi che
appartengono sia ad A che a B:
A B := {x | (x A) (x B)}
Due insiemi A e B si dicono disgiunti se non hanno elementi in comune, ossia se A B = .
Il prodotto cartesiano di due insiemi A e B, indicato con AB, linsieme formato da tutte le coppie
ordinate (a, b), dove il primo elemento varia in A ed il secondo varia in B:
AB := {(x, y) | (x A) (y B)}
Si dice ricoprimento di un insieme una famiglia di suoi sottoinsiemi non vuoti la cui unione .
Si dice partizione di un insieme una famiglia di suoi sottoinsiemi non vuoti, a due a due disgiunti,
la cui unione .
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Relazioni e funzioni 3
1.2 Relazioni e funzioni
Denizione 1.2.1. Dati due insiemi A e B si dice corrispondenza o relazione tra A e B un sottoinsieme
R del prodotto cartesiano AB.
Denizione 1.2.2. Dato un insieme A si dice relazione su A un sottoinsieme R del prodotto cartesiano
AA.
Denizione 1.2.3. Dati due insiemi A e B si dice funzione o applicazione da A in B una legge f che
associa ad ogni elemento di A uno ed un solo elemento di B. Linsieme A detto dominio, linsieme B
detto codominio e la funzione indicata con f : A B oppure con
A
f
B
Per ogni a A, lelemento b B che in modo unico gli viene associato mediante la f indicato con f(a) ed
detto immagine di a tramite f. Linsieme delle immagini degli elementi di A detto immagine della
funzione f ed indicato con:
Im(f) = f(A) = {f(a) | a A}
Si dice graco della funzione f il seguente sottoinsieme del prodotto cartesiano AB
G = {(a, b) AB | b = f(a)}
Linsieme di tutte le funzioni f : A B si indica con F(A, B) oppure con B
A
.
Denizione 1.2.4. Una funzione f : A B si dice iniettiva se elementi distinti di A hanno immagini
distinte. Pertanto la condizione di iniettivit pu essere espressa in una delle forme seguenti:
x, y A, x = y f(x) = f(y)
x, y A, x = y f(x) = f(y)
Linsieme di tutte le funzioni iniettive f : A B si indica con I(A, B).
Denizione 1.2.5. Una funzione f : A B si dice suriettiva se ogni elemento di B immagine di
almeno un elemento di A, cio se Im(f) = B. In simboli la condizione di suiettivit :
b B, a A | f(a) = b
Linsieme di tutte le funzioni suiettive f : A B si indica con S(A, B).
Denizione 1.2.6. Una funzione f : A B si dice biunivoca o biettiva se contemporaneamente iniettiva
e suriettiva, cio se ogni elemento di B immagine di uno ed un solo elemento di A. In simboli la condizione
di biettivit :
b B, ! a A | f(a) = b (il simbolo ! si legge: esiste un unico)
Una funzione biettiva f : A A detta una permutazione di A. Linsieme di tutte le funzioni biettive
f : A B si indica con B(A, B).
Le funzioni iniettive, suiettive, biettive si chiamano anche, rispettivamente, iniezioni, suiezioni, biezioni.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
4 Capitolo 1
1.3 Gli assiomi di Peano e il principio di induzione
Linsieme N = {0, 1, 2, 3, . . . } dei numeri naturali pu essere denito mediante i seguenti postulati che
furono introdotti nel 1889 dal matematico torinese Giuseppe Peano.
Denizione 1.3.1. Esiste una terna (N, 0, S) vericante i seguenti assiomi:
(P
1
) N un insieme e 0 N
(P
2
) S : N N unapplicazione da N in N chiamata successore.
(P
3
) S iniettiva
(P
4
) S(x) = 0 per ogni x N
(P
5
) Se A un sottinsieme di N tale che
(i) 0 A
(ii) se x A S(x) A
allora A = N.
Linsieme N chiamato linsieme dei numeri naturali.
I cinque assiomi di Peano deniscono linsieme N in modo assiomatico, prescindendo dalla natura dei suoi
elementi: accettiamo (senza dimostrazione) lesistenza di un insieme N vericante gli assiomi P
1
-P
5
. I
numeri naturali rimangono pertanto degli oggetti non deniti, per sono ben denite le loro propriet che
costituiscono le fondamenta dellintero edicio matematico. E possibile costruire un modello concreto dei
numeri naturali a partire dalla teoria assiomatica degli insiemi, ma non ci occuperemo di questo argomento.
Lassioma (P
5
) chiamato principio di induzione e fornisce un metodo di dimostrazione di fondamentale
importanza in matematica. Vediamo in cosa consiste una dimostrazione con il metodo di induzione:
Induzione classica. Sia P(n) una famiglia di enunciati dipendenti da un parametro n N, che possono
essere veri o falsi a seconda del valore di n. Se dimostriamo che:
(i) P(0) vera.
(ii) se P(n) vera P(n + 1) vera.
allora possiamo aermare che P(n) vera per ogni n N.
Terminologia. Generalmente il punto (i) si dice Passo base, il punto (ii) si dice Passo induttivo.
Osservazione 1.3.1. Dato k N, se sostituiamo (i) con: P(k) vera, allora possiamo aermare che
P(n) vera per ogni n k.
Esempio 1.3.1. Dimostrare che per ogni n 1 vale la seguente identit:
P(n) : 1 + 2 + 3 + +n =
n(n + 1)
2
Dimostrazione.
Passo base: P(1) vera in quanto 1 =
1(1+1)
2
.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Gli assiomi di Peano e il principio di induzione 5
Passo induttivo: Se P(n) vera allora
1 + 2 + 3 + +n + (n + 1) =
n(n + 1)
2
+ (n + 1) =
(n + 1)(n + 2)
2
e quindi anche P(n + 1) vera.
Per il principio di induzione P(n) vera per ogni n N.
Osservazione 1.3.2. Possiamo visualizzare il principio di induzione con limmagine di una sequenza di
pezzi di domino, posti verticalmente in equilibrio ad una distanza minore della loro altezza. Facendo cadere
il primo della la, gli altri pezzi cadranno successivamente uno dopo laltro (1.1):
1 2 3 4 5
Figura 1.1.
Osservazione 1.3.3. Il principio di induzione ammette le seguenti formulazioni equivalenti che, in alcune
dimostrazioni, possono essere pi convenienti da utilizzare (per la dimostrazione consultare [24]):
Induzione forte. Sia P(n) una famiglia di enunciati dipendenti da un parametro n N, che possono
essere veri o falsi a seconda del valore di n. Se dimostriamo che:
(i) P(0) vera.
(ii) se P(k) vera per ogni k {1, 2, . . . , n} P(n + 1) vera.
allora P(n) vera per ogni n N.
Principio del buon ordinamento. Se A N un sottoinsieme non vuoto allora A ammette un minimo,
ossia esiste un elemento m A tale che m a per ogni a A.
Principio della discesa innita. Se {a
n
} N una successione debolmente crescente di numeri naturali
allora a
n
costante da un certo punto in poi.
Esercizi
Esercizio 1.3.1. Dimostrare le seguenti identit:
0 1 + 3 + 5 + + (2n 1) = n
2
O 1
2
+ 2
2
+ +n
2
=
n(n + 1)(2n + 1)
6
O 1
3
+ 2
3
+ +n
3
=
n
2
(n + 1)
2
4
Esercizio 1.3.2. Se a un numero reale diverso da 1
dimostrare che
1 +a +a
2
+ +a
n
=
a
n+1
1
a 1
Esercizio 1.3.3. Dimostrare la seguente identit:
1 2 + 2 3 + +n(n + 1) =
n(n + 1)(n + 2)
3
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
6 Capitolo 1
Esercizio 1.3.4. Dimostrare che per ogni n N
0
vale la
seguente identit:
1
2
+
2
2
2
+
3
2
3
+ +
n
2
n
= 2
n + 2
2
n
Esercizio 1.3.5. Dimostrare la seguente identit:
_
1
1
4
_

_
1
1
9
_

_
1
1
16
_

_
1
1
n
2
_
=
n + 1
2n
Esercizio 1.3.6. Dimostrare la seguente identit:
1
2
2
2
+ 3
2
+ (1)
n1
n
2
= (1)
n1
n(n + 1)
2
Esercizio 1.3.7. Dimostrare la seguente identit:
1 1! + 2 2! + +n n! = (n + 1)! 1
Esercizio 1.3.8. Dimostrare la seguente identit:
sen x + sen 2x + + sen nx =
sen
nx
2
sen
(n+1)x
2
sen
x
2
Esercizio 1.3.9. Dimostrare la seguente identit:
cos x + cos 3x + + cos(2n 1)x =
sen(2nx)
2 sen x
Esercizio 1.3.10. Trova una formula per
1
1 2
+
1
2 3
+ +
1
n(n + 1)
esaminando i valori di questa espressione per piccoli valori
di n. Dimostrare la formula ottenuta.
Esercizio 1.3.11. Dimostrare che per ogni n N vale la
disuguaglianza 2
n
n + 1.
Esercizio 1.3.12. Dimostrare che n! > 4
n
per ogni
n 9.
Esercizio 1.3.13. Dire per quali valori di n vale la
disuguaglianza 3
n
n + 4.
Esercizio 1.3.14. Dimostrare la seguente disuguaglianza
1
1
2
+
1
2
2
+ +
1
n
2
< 2
Esercizio 1.3.15. Dimostrare la disuguaglianza di
Bernoulli :
(1 +x)
n
1 +nx
per ogni n N e x R, x > 1.
Esercizio 1.3.16. Dimostrare che se x+
1
x
intero allora
x
n
+
1
x
n
intero per ogni n N.
Esercizio 1.3.17. Dimostrare che n
3
n divisibile per
3 per ogni n N.
Esercizio 1.3.18. Dimostrare che la somma dei cubi di
tre numeri naturali consecutivi divisibile per 9.
Esercizio 1.3.19. Dimostrare che se n un intero
positivo dispari allora n
2
1 divisibile per 8.
Esercizio 1.3.20. Dimostrare che 5
n
1 divisibile per
4 per ogni n N
0
.
Esercizio 1.3.21. Dimostrare che 5
n
+2 11
n
divisibile
per 3 per ogni n N.
Esercizio 1.3.22. Dimostrare ceh i numeri
1007, 10017, 100117, 1001117, . . . sono tutti divisibili per
53.
Esercizio 1.3.23. Dimostrare che per ogni n 8
lequazione
3x + 5y = n
ammette soluzioni (x, y) N N.
Esercizio 1.3.24. Dimostrare che un insieme di n
elementi ha 2
n
sottoinsiemi.
Esercizio 1.3.25. Dimostrare che ogni numero naturale
n 2 prodotto di numeri primi. (Suggerimento: usare
linduzione forte).
Esercizio 1.3.26. Dire qual il maggior numero di parti
in cui il piano pu essere suddiviso da n rette.
Esercizio 1.3.27. Dire qual il maggior numero di parti
in cui il piano pu essere suddiviso da n circonferenze.
Esercizio 1.3.28. In Sikinia ogni coppia di citt col-
legata da esattamente una strada. Dimostra che esiste
sempre una citt che pu essere raggiunta da ogni citt
direttamente o passando per al massimo unaltra citt.
Esercizio 1.3.29. Una cavalletta si trova sulla prima ca-
sella di una tabella 1n. Ogni minuto si sposta verso de-
stra di 1 o 2 caselle. Dire in quanti modi pu raggiungere
lultima casella.
Esercizio 1.3.30. n 2 persone siedono al ristorante ad
un tavolo rotondo. Si possono scegliere 3 menu. Nessuna
persona vuole mangiare lo stesso menu dei suoi due vici-
ni. In quanti modi possono ordinare i loro pranzi queste
persone? (Suggerimento: Per cominciare si deve pensare
a una formula ricorsiva, poi calcolare i primi termini del-
la successione e trovare un modello. Inne dimostra per
induzione la formula trovata.)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Capitolo 2
Principi e tecniche combinatorie
2.1 Introduzione
Il calcolo combinatorio la branca della matematica che si occupa del conteggio degli elementi di un insieme
nito, a partire da altri insiemi di cui noto il numero degli elementi. I problemi di calcolo combinatorio
possono essere espressi nelle forme pi varie e possono riferirsi agli argomenti pi disparati, come appare
dai seguenti esempi:
0 Quanti sono i triangoli che compaiono nella seguente gura (2.1):
Figura 2.1.
O Si disputa una partita a battaglia navale con uno schema di 10 righe (indicate da lettere dellalfabeto)
e 12 colonne (indicate da numeri naturali). Quante sono le possibili chiamate?
O Quattordici Studenti devono sostenere un esame orale e segnano il loro nome su un foglio per stabilire
lordine delle interrogazioni. In quanti modi pu essere compilata una tale lista?
O Stessa situazione dellEsempio precedente. Si supponga ora che la Commissione Esaminatrice decida
di interrogare i Candidati in due giorni diversi, a gruppi di 7. In quanti modi pu essere compilata la
lista degli Studenti da interrogare il primo giorno?
O Quante sono le possibili cinquine in unestrazione del lotto su una ruota?
O Quanti sono i sottoinsiemi di un insieme di n elementi?
6 Quanti sono i numeri di 10 cifre in cui compare tre volte la cifra 1, cinque volte la cifra 2, due volte
la cifra 3?
O Quante sono le possibili colonne della schedina del totocalcio?
7
8 Capitolo 2
O In quanti modi si possono collocare 20 biglie, fra loro uguali, in 5 scatole numerate?
G Quanti sono i numeri minori o uguali di 50, divisibili per 3 o per 5
Come appare chiaro dagli esempi precedenti lo scopo del calcolo combinatorio quello di rispondere alla
domanda quanti sono? Un problema, per essere risolubile, deve essere formulato in maniera chiara e
inequivocabile. Solo dopo che sono stati stabiliti con chiarezza i termini del quesito, si pu pensare alla sua
risoluzione.
Non esistono metodi generali per la risoluzione di ogni tipo di problema. In linea di principio, si potrebbe
pensare di contare uno alla volta tutti gli elementi dellinsieme, ma questo procedimento , in genere,
sconsigliabile se non, addirittura, impraticabile. A volte, per, questa lunica via possibile.
Esempio 2.1.1. La gura (2.2) rappresenta la pianta di un labirinto. Un uomo parte da A e vuole arrivare
in M. Ogni volta che si trova ad un bivio, egli prende una delle strade possibili e la segue nch non scopre
che questa chiusa oppure si vede costretto a percorrere un sentiero gi utilizzato; in tal caso, ritorna
indietro no a un bivio che gli permetta di seguire un nuovo cammino. Dopo quanti tentativi, al pi, il
nostro esploratore raggiunger la meta?
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
Figura 2.2.
Soluzione. Rappresentiamo i bivi con dei punti del piano e congiungiamo con degli archi quelli che indicano
incroci uniti da sentieri. Si ottiene cos il seguente grafo:
D
E
G
H
F
I
J
K
B
L
A
M
C
Figura 2.3.
Non ci resta che annotare uno alla volta i percorsi possibili: ABA, ACDC, CEFE, EGHIGI, IJHJ,
JKLK, KM. I tentativi sono perci, al massimo, 7.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Tecniche elementari di enumerazione 9
Vogliamo imparare qualche strategia pi razionale e redditizia ma, proprio per questo, meno universale.
A parte i casi pi semplici e immediati, per arrivare al risultato , quasi sempre, opportuno scindere il
problema in altri pi semplici e riconducibili ai Problemi Tipo che esporremo tra poco.
Un problema di conteggio presenta, di regola, due ordini di dicolt: quali sono gli elementi da contare
e, poi, quanti sono. Solo il secondo punto di pertinenza del Calcolo Combinatorio; il primo di natura
completamente diversa e pu essere legato al modo di esprimersi o a questioni proprie di scienze diverse
(matematiche e non).
2.2 Tecniche elementari di enumerazione
Un insieme con un numero nito di elementi si dice un insieme nito. Diciamo che un insieme A ha
cardinalit n, e scriviamo |A| = n , se A formato da n elementi . Un insieme A di cardinalit n detto
un n-insieme e pu essere messo in corrispondenza biunivoca con linsieme I(n) = {1, 2, , n}.
Dati due insiemi niti A e B, sussistono le seguenti propriet:
|| = 0
A B |A| |B|
Corrispondenza Biunivoca. Due insiemi niti A e B hanno la stessa cardinalit se e solo se esiste
una funzione biettiva f : A B .
Regola della somma. Se A e B sono disgiunti : |A B| = |A| +|B|
Principio di inclusione esclusione (PIE).
|A B| = |A| +|B| |A B|
Infatti (Fig.2.4) lespressione che compare nel secondo membro conta una volta ogni elemento che
si trova in esattamente uno dei due insiemi A, B, conta due volte ogni elemento che si trova
nellintersezione, una volta considerandolo come elemento di A e unaltra volta come elemento di
B.
A B
Figura 2.4.
A B
C
Figura 2.5.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
10 Capitolo 2
Il PIE valido anche per tre (Fig.2.5) o pi insiemi. Per tre insiemi niti A, B, C si ha:
|A B C| = |A| +|B| +|C| |A B| |A C| |B C| +|A B C| (*)
Il numero :
|A| +|B| +|C| |A B| |A C| |B C|
conta:
una volta ogni elemento che si trova in esattamente uno dei tre insiemi A, B, C.
una volta ogni elemento che si trova nellintersezione di due degli insiemi A, B, C.
zero volte ogni elemento che si trova in A B C.
e da ci discende la formula (*).
Formula generale di inclusione-esclusione. Non dicile convincersi che la formula generale
per contare gli elementi che si trovano nellunione di n insiemi niti A
1
, A
2
, , A
n
:

1in
|A
i
|

1i<jn
|A
i
A
j
| + + (1)
n+1
|A
1
A
2
A
n
|
Regola del complementare. Invece di contare gli elementi di un insieme A, contenuto in un insieme
di n elementi, pu essere talvolta pi semplice contare gli elementi del complementare di A rispetto
a e poi sottrarre il numero cos trovato da n:
|A| = ||

Regola del prodotto. Il prodotto cartesiano A B di due insiemi A , B di rispettive cardinalit


m, n ha cardinalit :
|AB| = |A| |B| = m n
La regola del prodotto si generalizza in modo ovvio al prodotto cartesiano di pi insiemi: se A
1
, A
2
, , A
k
sono k insiemi di rispettive cardinalit n
1
, n
2
, , n
k
si ha :
|A
1
A
2
A
k
| = n
1
n
2
n
k
Principio fondamentale del calcolo combinatorio (PFC). La regola del prodotto pu essere
formulata anche nella seguente forma alternativa che si rivela utile in moltissime applicazioni:
Supponiamo che un problema P possa essere scomposto in k sottoproblemi indipendenti P
1
,P
2
, ,
P
k
. Se il sottoproblema P
1
pu essere risolto in n
1
modi, il sottoproblema P
2
in n
2
modi, , il
sottoproblema P
k
in n
k
modi, allora il problema P pu essere risolto in n
1
n
2
n
k
modi.
* * *
...
2
P
k
P P
...
1
n
2
n
k
n
...
1
P
Figura 2.6.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Metodo del doppio conteggio 11
2.3 Metodo del doppio conteggio
In combinatoria, il metodo del doppio conteggio (double counting), detto anche principio di Fubini , una
tecnica di dimostrazione che consiste nel contare in due modi diversi gli elementi di un insieme con lo scopo
di mostrare che le due espressioni risultanti sono uguali: un insieme nito viene descritto in due modi
diversi che conducono a due diverse espressioni, ognuna delle quali sar uguale a ||. Questa tecnica, che
viene usata con successo anche per dimostrare identit combinatorie, pu essere formalizzata nel modo
seguente:
Teorema 2.3.1 (Double counting). Siano dati due insiemi niti A = {a
1
, a
2
, . . . , a
m
}, B = {b
1
, b
2
, . . . , b
n
}.
Se S AB abbiamo
|S| =
m

i=1
|S(a
i
, )| =
n

j=1
|S(, b
j
)|
dove
S(a
i
, ) = {(a, b) S | a = a
i
} , S(, b
j
) = {(a, b) S | b = b
j
}
Dimostrazione. Consideriamo la matrice M = (x
ij
) di tipo mn denita da
x
ij
=
_
1 se (a
i
, b
j
) S
0 se (a
i
, b
j
) / S
Allora |S(a
i
, )| la somma degli elementi della i-esima riga ed analogamente |S(, b
j
)| la somma degli
elementi della j-esima colonna. Pertanto entrambe le somme

m
i=1
|S(a
i
, )| e

n
j=1
|S(, b
j
)| rappresentano
la somma di tutte le entrate della matrice M e da ci segue la tesi.
Esempio 2.3.1. Dimostrare lidentit:
1 + 2 + 3 + +n =
n(n + 1)
2
Soluzione. Consideriamo una griglia quadrata formata da (n + 1) (n + 1) punti (Fig.2.7 con n = 6):
1
2
3
4
5
Figura 2.7.
Il numero di punti sulla diagonale esattamente n + 1 e, chiaramente, il numero S di punti che sono sotto
della diagonale uguale al numero di punti che sono sopra. Contando in due modi il numero totale di punti
abbiamo:
(n + 1)
2
= n + 1 + 2S = S =
n(n + 1)
2
e quindi, essendo S = 1 + 2 + 3 + +n, otteneniamo lidentit richiesta.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
12 Capitolo 2
Esempio 2.3.2. Dimostrare lidentit:
1 + 3 + 5 + + 2n 1 = n
2
Soluzione. E suciente contare in due modi i punti della seguente gura:
1
3
5
2n-1
...
Figura 2.8.

Esempio 2.3.3. Sia G = (V, E) un grafo semplice nito in cui V rappresenta linsieme dei vertici ed
E linsieme dei lati. Si denisce grado d(v) di un vertice v il numero di lati incidenti con il vertice v.
Dimostrare che:

vV
d(v) = 2 |E|
Soluzione. Consideriamo linsieme S V E formato da tutte le coppie (v, e) tali che v un vertice di
e. Contando |S| in due modi si ottiene sia
|S(v, )| =

vV
d(v)
in quanto per ogni vertice v vi sono d(v) coppie aventi v come primo elemento, sia
|S(, e)| = 2 |E|
in quanto ogni lato ha due vertici. Uguagliando le due espressioni otteniamo la tesi.
Esempio 2.3.4. Sia data una scacchiera con n righe e 17n colonne; sulle sue caselle sono disposti dei
pedoni in questo modo: su ogni colonna ci sono 3 pedoni, su ogni riga c un numero diverso di pedoni,
compreso tra 1 ed n. Quanto vale n?
Soluzione. Contiamo i pedoni presenti sulla scacchiera in due modi diversi: contando per colonne abbiamo
che i pedoni sono 51n, contando per righe abbiamo che i pedoni sono 1+2+ +n =
n(n+1)
2
. Uguagliando
le due espressioni otteniamo
51n =
n(n + 1)
2
= n = 103

Esempio 2.3.5. Un quadrato 15 15 ricoperto con quadrati unitari. Ogni vertice colorato in rosso o
in blu. Vi sono in tutto 133 punti rossi. Due di questi punti rossi sono angoli del quadrato originario ed
altri 32 punti rossi sono sui lati. I lati dei quadrati unitari sono colorati rispettando la seguente regola: se
entramboi gli estremi sono rossi il lato colrato rosso, se entrambi sono blu il lato colorato blu, se uno
rosso e laltro blu il lato colorato giallo. Sapendo che vi sono 196 lati gialli, determinare il numero di
segmenti blu.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Metodo del doppio conteggio 13
Soluzione. Vi sono 15 lati di quadrati unitari in ogni riga e vi sono 16 righe. Quindi vi sono 15 16 lati
orizzontali di quadrati unitari. Analogamente vi sono 15 16 lati verticali di quadrati unitari. Complessi-
vamente vi sono allora 30 16 = 480 lati. Allora 480 196 = 284 lati sono rossi o blu. Assumiamo che r
siano rossi e 284 r blu. Ora contiamo in due modi diversi il numero |S| di occorrenze di vertici rossi come
estremi di lati unitari. Poich vi sono 2 occorrenze per ogni lato rosso e 1 occorrenza per ogni lato giallo,
abbiamo:
|S| = 2r + 196
Daltra parte, ogni vertice rosso appare 2,3,4 volte a seconda che si trova in un angolo, su un lato o allinterno
del del quadrato originale. Pertanto
|S| = 2 2 + 32 3 + (133 2 32) 4 = 496
Uguagliando le due espressioni trovate abbiamo:
2r + 196 = 496 = r = 150.
Pertanto vi sono 284 150 = 134 lati blu.
Esempio 2.3.6. In un poliedro convesso con m facce triangolari (ed eventualmente facce di altre forme)
in ogni vertice concorrono 4 spigoli. Trova il minimo valore possibile di m.
Soluzione. Siano rispettivamente F, V , S il numero di facce, di vertici e di spigoli del poliedro. Per
ogni spigolo contiamo i suoi due vertici. Poich ogni vertice appartiene esattamente a 4 spigoli abbiamo
2S = 4V . Dalla relazione di Eulero F +V = S + 2, essendo 2S = 4V , discende che
2S = 4F 8 (2.1)
Contando gli spigoli di ogni faccia e sommando rispetto a tutte le facce otteniamo un totale di almeno
3m+ 4(F m) spigoli e, dato che in questo modo ogni lato viene contato due volte, risulta
2S 3m+ 4(F m) (2.2)
Da (2.1) e (2.2) abbiamo che
4F 8 = 2S 3m+ 4(F m) = m 8
Luguaglianza m = 8 si verica se e solo se ogni faccia del poliedro un triangolo o un quadrilatero. Un
ottaedro regolare fornisce un esempio di un tale poliedro e ci prova che il valore m = 8 realizzabile.
Esempio 2.3.7. Ad una gara partecipano n studenti, e vengono proposti m problemi. Alla ne ogni
studente ha risolto esattamente la met dei problemi, inoltre ogni problema stato risolto lo stesso numero
di volte. Inne si sa che per ogni coppia di studenti, esattamente 3 problemi sono stati risolti da entrambi.
Determinare tutte le possibili coppie (m, n), dando per ciascuna un esempio costruttivo. (Giappone 1993)
Soluzione. Il numero complessivo dei problemi risolti pu essere calcolato in due modi:
n
m
2
in quanto ognuno degli n studenti risolve
m
2
problemi;
mt dove t indica il numero di volte che ogni problema stato risolto.
Uguagliando le due espressioni abbiamo:
n
m
2
= mt = t =
n
2
Sia A = linsieme dei problemi e sia B linsieme delle coppie di studenti. Diciamo che un problema p e una
coppia (x, y) di studenti sono connessi se il problema p stato risolto entrambi x ed y. Consideriamo ora
il seguente sottinsieme di AB
S = {(p, (x, y)) AB | p connesso ad (x, y)}
e calcoliamone la cardinalit con il metodo del double counting. A tal ne osserviamo che
|S(, (x, y))| = 3 in quanto ogni coppia di studenti risolve esattamente 3 problemi;
|S(p, )| =
_
n/2
2
_
in quanto ogni problema risolto da
n
2
studenti.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
14 Capitolo 2
Pertanto

pA
|S(p, )| = m
_
n/2
2
_
,

(x,y)B
|S(, (x, y))| = 3
_
n
2
_
e quindi
m
_
n/2
2
_
= 3
_
n
2
_
= m = 12 +
12
n 2
(2.3)
Le uniche soluzioni in interi positivi della (2.3) sono (13, 14), (14, 8), (15, 6), (18, 4). Dato che m ed n
devono essere pari le soluzioni accettabili sono soltanto (18, 4) e (14, 8). Entrambe le congurazioni sono
realizzabili, come mostrano gli esempi seguenti (Tabelle 2.1, 2.2):
1 1 1 1 1 1 1 1 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0
1 1 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 1 1 1 1 1
0 0 0 1 1 1 0 0 0 1 1 1 0 0 0 1 1 1
0 0 0 0 0 0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 0 0 0
Tabella 2.1. m = 18, n = 4
1 1 1 1 1 1 1 0 0 0 0 0 0 0
1 1 1 0 0 0 0 0 0 0 1 1 1 1
1 0 0 1 1 0 0 0 1 1 0 0 1 1
0 1 0 1 0 1 0 1 0 1 0 1 0 1
0 0 1 1 0 0 1 1 1 0 0 1 1 0
1 0 0 0 0 1 1 0 1 1 1 1 0 0
0 1 0 0 1 0 1 1 0 1 1 0 1 0
0 0 1 0 1 1 0 1 1 1 1 0 0 1
Tabella 2.2. m = 14, n = 8
Esempio 2.3.8 (IMO 2001). Siano t
1
, t
2
, . . . , t
n
dei numeri interi con n dispari. Sia x = (x
1
, x
2
, . . . , x
n
)
una permutazione degli interi 1, 2, . . . , n e sia f(x) = t
1
x
1
+t
2
x
2
+ +t
n
x
n
. Dimostrare che esistono due
permutazioni distinte a e b tali che f(a) f(b) divisibile per n!.
Soluzione. Supponiamo per assurdo che la tesi sia falsa. Allora prese due qualsiasi permutazioni distinte
x ed y, f(x) e f(y) devono avere resti distinti nella divisione per n!, altrimenti si avrebbe n! | f(x) f(y).
Contiamo in due modi diversi la somma S dei resti delle f(x) al variare di x nellinsieme di tutte le
permutazioni di 1, 2, . . . , n. Dato che ogni permutazione deve dare un resto diverso e che le permutazioni
sono complessivamente n! abbiamo:
S = 1 + 2 + + (n! 1) =
n!(n! 1)
2
e da ci deduciamo che la somma S non divisibile per n!, dato che n! 1 dispari. Ora calcoliamo la
somma S in questaltro modo: ogni t
i
verr moltiplicato per ogni intero j compreso tra 1 ed n tante volte
quante sono le permutazioni che mettono j alli-esimo posto, ovvero per (n 1)!, pertanto abbiamo
S =

i
t
i
(n 1)!(1 + 2 + +n) =

i
t
i
n!(n + 1)
2
=
n!(n + 1)
2

i
t
i
e allora, dato che n + 1 per ipotesi pari, abbiamo che S divisibile per n!, il che assurdo.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Metodo del doppio conteggio 15
Esempio 2.3.9. Sia X un insieme di n persone tali che:
(i) ogni persona conosce esattamente 8 persone in X;
(ii) ogni due persone che si conoscono fra loro hanno esattamente 5 conoscenti comuni in X;
(iii) ogni due persone che non si conoscono fra loro hanno esattamente 2 conoscenti comuni in X;
Determinare n.
Soluzione. Contiamo in due modi diversi la cardinalit dellinsieme S formato dalle triple ordinate (a, x, y)
di elementi di X tali che a, x si conoscono, x, y si conoscono ed a, y non si conoscono. Il primo elemento a
pu essere scelto in n modi, quindi
il secondo elemento x pu essere scelto in 8 modi, il terzo elemento y, una volta scelti a ed x, pu
essere scelto in 8 1 5 = 2 modi dato che a ed x hanno esattamente 5 conoscenti in comune.
Pertanto |S| = 16n.
il terzo elemento y pu essere scelto in n 1 8 = n 9 modi, il secondo elemento x, una volta
scelti a ed y, pu essere scelto in 2 modi dato che a ed y hanno esattamente 2 conoscenti in comune.
Pertanto |S| = 2n(n 9).
Uguagliando le due espressioni ottenute si trova che n = 17.
Esercizi
Esercizio 2.3.1. Trova il numero di triangoli e di
diagonali in una triangolazione di un n-agono.
Esercizio 2.3.2. In ogni cella di una griglia 5 5 viene
scritto +1 o 1. Viene calcolato il prodotto dei valori in
ogni riga e in ogni colonna. Dire se la somma di questi
10 valori pu essere uguale a 0.
Esercizio 2.3.3. 25 persone formano diverse commissio-
ni. Ogni commissione ha 5 membri e ogni 2 commis-
sioni hanno al pi un membro in comune. Determina il
massimo numero di commissioni.
Esercizio 2.3.4. Sia M un insieme con 7 elementi e siano
A
1
, A
2
, . . . , A
7
dei sottinsiemi di M tali che:
0 ogni A
i
ha almeno tre elementi;
O ogni coppia di elementi di M contenuta in
esattamente un A
i
.
Dimostra che ogni coppia di sottinsiemi A
i
e A
j
hanno
esattamente un elemento in comune.
Esercizio 2.3.5. Nella Duma vi sono 1600 delegati, che
hanno formato 16000 commissioni di 80 persone ognu-
na. Dimostra che esistono due commissioni aventi almeno
quattro elementi in comune. (Russia 1996).
Esercizio 2.3.6. Siano a
1
, a
2
, . . . , a
100
e b
1
, b
2
, . . . , b
100
200 numeri reali distinti. Costruire una tabella 100 100
avente a
i
+ b
j
nella casella che si trova allincrocio della
riga i e della colonna j. Supponiamo che il prodotto dei
termini di ogni colonna 1. Dimostrare che il prodotto
dei termini di ogni riga uguale a 1
Esercizio 2.3.7. In un meeting di 12k persone, ogni per-
sona scambia saluti con esattamente 3k +6 altre persone.
Per ogni due persone, il numero di coloro che scambiano
saluti con entrambi lo stesso. Quante persone vi sono
nel meeting? (Provare con un esempio che la tua risposta
pu essere realizzata).
Esercizio 2.3.8. Dimostrare le seguenti identit:
0 k
_
n
k
_
= n
_
n 1
k 1
_
O 1
_
n
1
_
+ 2
_
n
2
_
+ +n
_
n
n
_
= n 2
n1
O
n

k=0
_
n
k
__
n k
mk
_
= 2
m
_
n
m
_
Esercizio 2.3.9. Ad un torneo di basket partecipano n
squadre ed ogni squadra gioca una volta con tutte le altre.
Non esiste il pareggio. Al termine del torneo, comunque si
prendano due squadre A, B ci sono esattamente t squadre
che sia A che B hanno battuto, Dimostrare che n = 4t+3.
(Iran 2004, Round 1; Italia, Winter Campus 2006)
Esercizio 2.3.10. In uno stato ci sono 2000 citt. Al-
cune di esse sono collegate da una rotta aerea (andata e
ritorno). Si sa che, per ogni citt A, il numero delle citt
collegate con A tramite una rotta aerea una potenza di
2 (1, 2, . . . , 1024). Indichiamo con F linsieme delle cop-
pie ordiante (A, B) di citt per cui possibile andare da
A a B con alpi due voli. Per ogni coppia (A, B) F
indichiamo con S(A, B) il numero di percorsi che con-
giungono A e B costituiti da al pi due voli. Dimostrare
che non possibile che si abbia

(A,B)F
S(A, B) = 10000
(Stage PREIMO 2007)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
16 Capitolo 2
2.4 Principio dei cassetti
La pi semplice forma del principio dei cassetti la seguente:
Teorema 2.4.1 (Principio dei cassetti). Se almeno n + 1 oggetti sono distribuiti in n scatole, qualche
scatola deve contenere almeno 2 oggetti.
Dimostrazione. Ragioniamo per assurdo. Denotiamo con m
i
, (i = 1, 2, . . . , n) il numero degli oggetti
contenuti nella i-esima scatola e assumiamo che il principio non sia vero, cio che m
i
1 per ogni i =
1, 2, . . . , n. Allora
n + 1 = m
1
+m
2
+ +m
n
1 + 1 + + 1
. .
n
= n
il che impossibile.
Tale principio, detto anche pigeonhole principle o principio di Dirichlet
1
, ammette altre formulazioni
equivalenti:
Se pi di n piccioni si dispongono in n buchi allora almeno due piccioni devono occupare lo stesso
buco (versione base).
Se A e B sono due insiemi niti ed A possiede pi elementi di B allora per ogni regola che associa ad
elementi dellinsieme A elementi dellinsieme B vi sono almeno due elementi di A ai quali associato
uno stesso elemento di B.
Se A e B sono insiemi niti ed A ha cardinalit maggiore di B allora ogni funzione f : A B non
pu essere iniettiva, ossia esistono a
1
, a
2
A con a
1
= a
2
tali che f(a
1
) = f(a
2
).
Sia A un insieme nito e siano B
1
, B
2
, . . . , B
n
dei sottoinsiemi di A. Se la somma delle cardinalit
di B
1
, B
2
, . . . , B
n
maggiore del numero degli elementi di A allora almeno due di questi sottoinsiemi
hanno un elemento in comune.
Principio dei cassetti (versione estesa) : Se kn + 1 piccioni si dispongono in n buchi allora qualche
buco conterr almeno k + 1 piccioni.
Se A e B sono insiemi niti aventi rispettivamente m ed n elementi e k un intero positivo tale che
m > kn, allora per ogni funzione f : A B vi sono almeno k + 1 elementi di A aventi la stessa
immagine.
Principio dei cassetti (versione innita) : Se A un insieme innito e B un insieme nito, allora
per ogni funzione f : A B vi sono inniti elementi di A aventi la stessa immagine.
Principio dei cassetti (prima versione geometrica) : Se diversi segmenti tali che la somma delle loro
lunghezze maggiore di sono contenuti in un segmento di lunghezza allora vi sono almeno due di
essi aventi un punto in comune.
Principio dei cassetti (seconda versione geometrica) : Se diversi archi di circonferenza tali che la
somma delle loro lunghezze maggiore di 2 sono disposti su una circonferenza di raggio 1 allora vi
sono almeno due archi aventi un punto in comune.
Principio dei cassetti (terza versione geometrica) : Se diverse gure piane tali che la somma delle loro
aree maggiore di S sono contenuti in una gura di area S allora vi sono almeno due gure aventi
un punto in comune.
Il principio dei cassetti si applica frequentemente nei problemi di esistenza relativi ad insiemi niti e da
luogo a soluzioni rapide ed eleganti. La sua applicazione si articola generalmente in tre fasi:
1
In onore del matematico tedesco del XIX secolo, Peter Gustav Lejeune Dirichlet, che ne fece ampio uso.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Principio dei cassetti 17
Riconoscere che il problema pu essere arontato con il principio dei cassetti.
Individuare gli oggetti ed i cassetti (questa spesso la fase cruciale).
Completare la dimostrazione (in quanto spesso il principio dei cassetti consente di dimostrare il
penultimo passo o un passo intermedio).
Riportiamo alcuni problemi risolti applicando il principio dei cassetti.
Esempio 2.4.1. Ogni punto del piano colorato in rosso o in blu. Dimostrare che, per qualunque
colorazione, esistono due punti a distanza 1 aventi lo stesso colore.
Soluzione. Si consideri un triangolo equilatero con i lati di lunghezza 1. Vi sono tre vertici ma solo due
colori disponibili quindi, per il principio dei cassetti, vi sono almeno due vertici aventi lo stesso colore.
Esempio 2.4.2. Dati n + 1 interi positivi dimostrare che tra essi ve ne sono almeno due la cui dierenza
un multiplo di n.
Soluzione. Dividiamo per n ciascuno dei numeri dati. Poich il resto di ogni divisione un numero
compreso tra 0 ed n1, per il principio dei cassetti vi saranno almeno due numeri che, divisi per n, hanno
lo stesso resto: la loro dierenza pertanto risulta divisibile per n.
Esempio 2.4.3. Dati n numeri interi a
1
, a
2
, . . . , a
n
(non necessariamente distinti) esiste sempre un sot-
tinsieme di questi numeri la cui somma divisibile per n.
Soluzione. Consideriamo gli n numeri:
s
1
= a
1
, s
2
= a
1
+a
2
, s
3
= a
1
+a
2
+a
3
, . . . , s
n
= a
1
+a
2
+ +a
n
Se uno di questi numeri divisibile per n abbiamo terminato. Altrimenti tutti i loro resti nella divisione
per n sono diversi da 0. Poich vi sono n1 resti possibili, vi sono due numeri, diciamo s
i
ed s
j
con i < j,
che divisi per n danno lo stesso resto. Allora la dierenza
s
i
s
j
= a
i+1
+ +a
j
divisibile per n e la propriet richiesta dimostrata.
Esempio 2.4.4 (Cesenatico 1998). Dimostrare che in ogni poliedro convesso ci sono almeno due facce
con lo stesso numero di lati.
Soluzione. Sia n il numero di facce del poliedro. Poich lati distinti di una faccia connano con facce
distinte, ciascuna faccia pu avere un numero di lati compreso tra 3 ed n 1. Per il principio dei cassetti
vi devono essere almeno due facce con lo stesso numero di lati.
Esempio 2.4.5 (IMO 1972). Sia un arbitrario insieme formato da 10 numeri naturali tutti minori di
100. Dimostrare che sempre possibile trovare due sottinsiemi disgiunti A, B tali che la somma degli
elementi di A sia uguale a quella degli elementi di B.
Soluzione. Si devono trovare due sottoinsiemi i cui elementi hanno la stessa somma, per cui ragionevole
considerare i sottonsiemi come oggetti e le somme come cassetti. La pi piccola e la pi grande delle somme
possibili valgono 1 e 90 +91 + +99 = 945 rispettivamente. Di conseguenza vi sono 945 dierenti somme
(cassetti). Il numero di sottinsiemi (oggetti) 2
10
= 1024 e quindi, per il principio dei cassetti, vi devono
essere due sottinsiemi A e B per cui si ottiene la stessa somma. Se A e B sono disgiunti la tesi dimostrata,
altrimenti basta rimuovere da A e da B gli elementi comuni per avere due insiemi A

e B

vericanti la
propriet richiesta.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
18 Capitolo 2
Esercizi
Esercizio 2.4.1. Prova che in un gruppo di 13 persone
almeno due festeggiano il compleanno nello stesso mese.
Esercizio 2.4.2. Prova che in un gruppo di 367 persone
almeno due di esse sono nate nello stesso giorno dellanno.
Esercizio 2.4.3. In ogni insieme di almeno 12 numeri
interi, ne esistono almeno due la cui dierenza divisibile
per 11.
Esercizio 2.4.4. Prova che esiste un numero della forma
48814881 . . . 4881 . . . 000 . . . 0 che divisibile per 1999.
Esercizio 2.4.5. Prova che fra gli abitanti di Roma
vi sono almeno due persone aventi lo stesso numero di
capelli.
Esercizio 2.4.6. Ogni punto del piano colorato di ros-
so o di blu. Dimostra che esiste un triangolo equilatero
avente tutti vertici di uno stesso colore.
Esercizio 2.4.7. Ogni punto del piano colorato di rosso
o di blu. Dimostra che esiste un rettangolo avente tutti i
vertici di uno stesso colore.
Esercizio 2.4.8. Prova che, comunque si scelgono 10
punti in un triangolo equilatero di lato 1, vi sono almeno
due di essi la cui distanza non supera
1
3
.
Esercizio 2.4.9. Prova che, comunque si scelgono 25
punti in un rettangolo 6 16, vi sono almeno due di essi
la cui distanza non supera 2

2.
Esercizio 2.4.10. Dati 101 punti in un quadrato di lato
1, dimostrare che possibile sceglierne tre che formano
un triangolo con area minore o uguale di
1
100
.
Esercizio 2.4.11. In una sala vi sono 81 studenti. I ca-
pelli di ciascuno studente sono neri, biondi, castano, grigi.
Prova che vi sono almeno 21 persone aventi i capelli dello
stesso colore.
Esercizio 2.4.12. Prova che in un gruppo di sei persone
vi sono almeno tre persone che si conoscono a due a due
o che sono a due a due estranee.
Esercizio 2.4.13. Prova che in un qualsiasi gruppo di
persone ve ne sono almeno due che hanno lo stesso numero
di amici, nel gruppo stesso.
Esercizio 2.4.14. In un cassetto ci sono 6 paia di calzi-
ni, uno per colore. Qual il minimo numero di calzini da
prendere per esser certi che fra questi ve ne siano almeno
due dello stesso colore?
Esercizio 2.4.15. Diciassette persone corrispondono per
lettera , ogni persona con tutte le altre. Nelle loro lette-
re sono discussi solo tre argomenti diversi. Ogni cop-
pia di persone tratta con uno solo di questi argomen-
ti. Prova che esistono almeno tre persone che si scrivo-
no tra loro tutte sullo stesso argomento. (International
Mathematical Olympiad 1964)
Esercizio 2.4.16. Prova che dati 52 numeri interi, esi-
stono almeno due di essi la cui somma o la cui dierenza
divisibile per 100.
Esercizio 2.4.17. Prova che in ogni insieme di 27 nume-
ri dispari tutti minori di 100, vi una coppia di numeri
avente per somma 102. Quanti insiemi di 26 numeri si
possono scegliere in modo tale che in essi non vi sia nessu-
na coppia di elementi avente per somma 102. (American
Mathematical Olympiad 1981)
Esercizio 2.4.18. Prova che un insieme formato da 17
numeri interi contiene 5 numeri tali che la loro somma
divisibile per 5.
Esercizio 2.4.19. Prova che un insieme avente n ele-
menti contiene un sottinsieme non vuoto la somma dei
cui elementi divisibile per n.
Esercizio 2.4.20. Prova che, scelti comunque n + 1 nu-
meri interi compresi tra 1 e 2n, ne esistono tre (non ne-
cessariamente distinti) tali che uno di essi uguale alla
somma degli altri due.
Esercizio 2.4.21. Prova che esiste una potenza di 7 che,
scritta nel sistema di numerazione decimale, termina con
00000001.
Esercizio 2.4.22. Sia A un insieme formato da 101 nu-
meri interi positivi ognuno dei quali minore o uguale di
200. Prova che in A vi sono almeno due elementi uno dei
quali divisore dellaltro.
Esercizio 2.4.23. Sia A un insieme di 75 interi positi-
vi non superiori a 100. Prova che esistono almeno due
elementi di A che dieriscono di 13. Prova che per ogni
intero positivo k 49 esistono almeno due elementi di A
che dieriscono di k.
Esercizio 2.4.24. Provare che ogni sottoinsieme di 55
numeri, compresi tra 1 e 100, contiene due numeri che
dieriscono di 9.
Esercizio 2.4.25. Dimostra che, per ogni intero positivo
n, esistono due interi p, q tali che 1 q n e

2
p
q
<
1
qn

Esercizio 2.4.26. Siano dati n numeri primi


p
1
, p
2
, . . . , p
n
e sia P linsieme di tutti gli interi posi-
tivi i cui divisori primi sono compresi tra p
1
, p
2
, . . . , p
n
.
Prova che, comunque si scelgono 2
n
+ 1 elementi dallin-
sieme P, fra di essi ve ne sono almeno due il cui prodotto
un quadrato perfetto.
Esercizio 2.4.27. 101 punti sono disposti nel piano in
modo tale che, comunque se ne scelgono tre di essi, ve ne
sono due la cui distanza minore di 1. Prova che esisto-
no 51 di questi punti che possono essere ricoperti con un
cerchio di raggio 1.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Principio dei cassetti 19
Esercizio 2.4.28. Un medico che sta sperimentando una
nuova medicina da istruzione a un paziente di prendere
48 pillole per un periodo di 30 giorni. Il paziente libero
di distribuire le pillole come gli pare durante tale periodo
purch ne prenda almeno una al giorno e nisca tutte le
48 pillole nel corso di 30 giorni. Dimostrare che, indi-
pendentemente da come il paziente decide di assumere le
pillole, ci sar un intervallo di giorni consecutivi in cui il
numero totale di pillole prese sar esattamente 11.
Esercizio 2.4.29. Uno studente ha 37 giorni per prepa-
rare un esame. Dallesperienza passata egli ritiene che
saranno sucienti 60 ore di studio. Egli decide di stu-
diare almeno unora al giorno. Provare che, comunque
lo studente distribuisce le ore di studio, esiste una suc-
cessione di giorni consecutivi durante i quali egli studia
esattamente 13 ore.
Esercizio 2.4.30. Prova che tra sette numeri naturali
distinti non superiori a 126 ve ne sono almeno due, m ed
n tali che 1 <
m
n
2.
Esercizio 2.4.31. Sia A un insieme formato da 19
interi distinti appartenenti alla progressione aritmetica
1, 4, 7, . . . , 100. Provare che esistono due elementi di A
aventi per somma 104.
Esercizio 2.4.32. Sia f(x) un polinomio con coecienti
interi. Se f(x) = 2 per tre dierenti interi a, b, c prova
che non esiste nessun intero x tale che f(x) = 3.
Esercizio 2.4.33. Prova che esistono due potenze di tre
la cui dierenza divisibile per 1997.
Esercizio 2.4.34. Supponiamo che ogni casella di una
scacchiera rettangolare 4 7 sia colorata in bianco o in
nero. Provare che per ogni tale colorazione la scacchie-
ra contiene un rettangolo (con i lati paralleli ai lati della
scacchiera) avente tutti e quattro gli angoli dello stesso
colore.
Esercizio 2.4.35. Provare che esiste un intero della
forma 555 . . . 555000 . . . 00 che divisibile per 1999.
Esercizio 2.4.36. Dati sette numeri reali, prova che fra
essi vi sono due numeri x, y tali che
0
x y
1 +xy

3
3
Esercizio 2.4.37. Prova che, se a, b sono due numeri
naturali primi tra loro, esistono due numeri naturali x, y
tali che ax by = 1.
Esercizio 2.4.38. Si dice aritmopunto un punto del pia-
no cartesiano avente entrambe le coordinate intere. Da-
ti 5 aritmopunti prova che esistono almeno due di essi
tali che il segmento che li congiunge passa per un altro
aritmopunto.
Esercizio 2.4.39. Sia a un numero naturale relativamen-
te primo con 2 e 5. Prova che per ogni n N esite una
potenza di a che termina con 000 01
. .
n cifre
.
Esercizio 2.4.40. Comunque si scelgono n+1 interi dal-
linsieme {1, 2, . . . , 2n} fra di essi ve ne sono almeno due
che risultano primi fra loro.
Esercizio 2.4.41. Sia n un intero positivo che non di-
visibile per 2 e per 5. Prova che esiste un multiplo di n
avente tutte le cifre uguali a 1.
Esercizio 2.4.42. Prova che esistono tre numeri interi
a, b, c non tutti nulli ed ognuno di valore assoluto minore
di 1000000, tali che

a +b

2 +c

< 10
11
Esercizio 2.4.43. Presi a caso 606 punti in un quadra-
to di lato 1, prova che almeno 6 di essi possono essere
ricoperti con un cerchio di raggio
1
15
.
Esercizio 2.4.44. Si scelgono 11000 punti contenuti in
un cubo di lato 15. Prova che esiste una sfera di rag-
gio 1 contenente almeno 6 dei punti assegnati. (British
Mathematical Olympiad 1978)
Esercizio 2.4.45. Sia C un cerchio di raggio 16 ed A
una corona circolare con raggio maggiore 3 e raggio mi-
nore 2. Presi a caso 650 punti allinterno di C dimostrare
che la corona A pu essere disposta sulla gura in modo
da coprire almeno 10 punti.
Esercizio 2.4.46. Due dischi, uno pi piccolo dellaltro,
sono ognuno divisi in 200 settori congruenti. Nel disco pi
grande 100 dei settori sono scelti arbitrariamente e colo-
rati di rosso; gli altri 100 settori sono colorati di blu. Nel
disco pi piccolo ogni settore colorato o in rosso o in blu
(senza alcun vincolo sul numero dei settori rossi o blu). Il
disco pi piccolo disposto sul disco pi grande in modo
che i centri coincidano. Prova che possibile allineare
i due dischi in modo che il numero di settori del disco
piccolo aventi lo stesso colore di quelli corrispondenti del
disco grande sia almeno 100.
Esercizio 2.4.47. Si dispongano 41 torri su una scac-
chiera 10 10. Prova che esistono 5 di tali torri tali che
a due a due non si attaccano (due torri si attaccano se
sono poste sulla stessa riga o sulla stessa colonna).
Esercizio 2.4.48. I numeri da 1 a 81 sono scritti sul-
le caselle di una scacchiera 9 9. Prova che esistono
due numeri, posti su caselle connanti, che dieriscono di
almeno 6.
Esercizio 2.4.49. Siano date diverse circonferenze con
somma delle lunghezze uguale a 10, contenute dentro
un quadrato di lato 1. Prova che esiste una retta che
interseca almeno 4 di queste circonferenze.
Esercizio 2.4.50. Sia S una regione piana di area mag-
giore di 1. Dimostrare che possibile traslare la regione
S in modo che essa copra almeno 2 punti a coordinate
intere.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
20 Capitolo 2
2.5 Problemi esemplicativi
Esempio 2.5.1. Supponiamo di avere tre poltrone di tre colori diversi e quattro tavoli di forme diverse. In
quanti modi si possono combinare poltrona-tavolo, ottenendo quindi tanti arredamenti diversi?
Soluzione. Le possibili scelte per le poltrone sono 3, e in corrispondenza ad ogni scelta della poltrona ci
sono 4 possibili scelte dei tavoli. Quindi in tutto si hanno 3 4 = 12 possibili arredamenti.
Esempio 2.5.2. Un ristorante ha un menu al prezzo sso di 15 euro, dove si ha la possibilit di scegliere
un primo tra quattro scelte (bucatini alla amatriciana, minestrone, risotto, tagliatelle al sugo), un secondo
tra tre scelte (bistecca, pollo, salsicce) e un dessert con due scelte (gelato e torta di mele). Quante sono le
possibili scelte totali (dove per scelta totale si intende una terna, in cui il primo elemento un primo, il
secondo elemento un secondo e il terzo elemento un dessert)?
Soluzione. Il primo elemento della terna (cio il primo) pu essere scelto in 4 modi; fatta la scelta per
il primo, il secondo pu essere scelto in 3 modi, e per ogni scelta di un primo e di un secondo il
dessert pu essere scelto in due modi. In tutto quindi il numero totale di scelte possibili
4 3 2 = 24

Esempio 2.5.3. Ad una gara di atletica hanno partecipato 30 atleti. Il primo ricever una medaglia doro,
il secondo una medaglia dargento e il terzo una medaglia di bronzo. Quanti sono i possibili modi in cui
possono essere assegnate le medaglie?
Soluzione. Il problema equivale a determinare quante possono essere le terne ordinate di vincitori (tali
cio che il primo elemento della terna sia quello che riceve la medaglia doro, il secondo quello che riceve
la medaglia dargento e il terzo quello che riceve la medaglia di bronzo). E chiaro che la terna costituita
da Alberto, Bruno e Carlo (con ci intendendo che Alberto vincitore, Bruno al secondo posto e Carlo al
terzo) diversa dalla terna Bruno, Alberto, Carlo (si tratta di assegnazioni diverse delle medaglie, anche
se sul podio salgono le stesse tre persone). I possibili vincitori sono 30, i possibili secondi posti sono 29 e
i possibili terzi posti sono 28. Quindi i possibili modi in cui possono essere assegnate le medaglie sono in
numero di
30 29 28 = 24360

Esempio 2.5.4. Quanti sono i numeri interi compresi tra 3 e 20 che sono pari o primi?
Soluzione. Posto:
A = {n N | 3 n 20, n pari} = {4, 6, 8, 10, 12, 14, 16, 18, 20}
B = {n N | 3 n 20, n primo} = {3, 5, 7, 11, 13, 17, 19}
poich |A| = 9, |B| = 7 e A B = si ha che |A B| = 9 + 7 = 16.
Esempio 2.5.5. Quanti sono i numeri naturali minori o uguali di 50 che sono divisibili per 3 o per 5?
Soluzione. Posto:
A = {n N | n 50, n divisibile per 3}
B = {n N | n 50, n divisibile per 5}
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi esemplicativi 21
dobbiamo contare gli elementi di A B. Indicando con [x] la parte intera
2
del numero reale x abbiamo:
|A| =
_
50
3
_
= 16 , |B| =
_
50
5
_
= 10
Dato che 3 e 5 non hanno fattori comuni |A B| =
_
50
15

= 3. Ne segue che:
|A B| = 16 + 10 3 = 23

Esempio 2.5.6. Ci sono 240 ragazzi che studiano Francese, 270 ragazzi che studiano Inglese e 220 che
studiano Tedesco. Sappiamo inoltre che ci sono 100 studenti che seguono contemporaneamente Francese e
Inglese, 120 che seguono contemporaneamente Francese e Tedesco e 125 che seguono contemporaneamente
Inglese e Tedesco. Sappiamo inne che 400 studenti seguono almeno un corso tra Francese, Inglese e
Tedesco. Vogliamo sapere quanti sono gli studenti che studiano tutte e tre le lingue.
Soluzione. Indicati rispettivamente con A, B e C gli studenti che studiano Francese, Inglese e Tedesco, il
nostro scopo determinare |A B C|. Allora, dalla formula,
|A B C| = |A| +|B| +|C| |A B| |A C| |B C| +|A B C|
tenendo conto dei dati del problema, si ha:
400 = 240 + 270 + 220 100 120 125 +|A B C| |A B C| = 15

Esempio 2.5.7. In quanti modi si pu scegliere un asso o una carta rossa da un mazzo di 52 carte?
Soluzione. Indicando con A linsieme delle carte rosse e con B linsieme degli assi abbiamo:
|A B| = |A| +|B| |A B| = 4 + 26 2 = 28

Esempio 2.5.8. Quanti sono i sottinsiemi di un insieme A di cardinalit n?


Soluzione. Sia A = {a
1
, a
2
, . . . , a
n
}. Vogliamo contare i modi per costruire un sottoinsieme B di A. Ogni
elemento di A pu appartenere o non appartenere a B, cio abbiamo due possibilit di scelta per ogni a
i
.
Per il PFC vi sono quindi:
2 2 2
. .
n fattori
= 2
n
modi per costruire B. Quindi A possiede 2
n
sottoinsiemi.
Esempio 2.5.9. Quante sono le diagonali di un poligono convesso di n lati?
Soluzione. Osserviamo che ognuno degli n vertici pu essere scelto come primo estremo di una diagonale,
mentre dobbiamo escludere come scelta per il secondo estremo il vertice in questione e i due vertici ad esso
adiacenti. Abbiamo dunque n scelte per il primo vertice ed n 3 scelte per il secondo vertice. Il numero
delle diagonali pertanto:
n(n 3)
2
Il numero n(n 3) stato diviso per due in quanto, con il ragionamento svolto ogni diagonale stata
contata due volte.
2
Si dice parte intera di numero reale x il pi grande numero intero x.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
22 Capitolo 2
Esempio 2.5.10. Quanti numeri di 6 cifre hanno almeno una cifra pari?
Soluzione. Abbiamo 10 cifre {0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9} di cui 5 pari e 5 dispari. Vi sono:
9 10 10 10 10 10 = 900000
numeri di 6 cifre e
5 5 5 5 5 5 = 15625
numeri con 6 cifre tutte dispari. I numeri di 6 cifre aventi almeno una cifra pari sono pertanto 900000
15625 = 884375.
Esempio 2.5.11. Fra i primi 80000 numeri naturali quanti sono quelli con radice quadrata irrazionale?
Soluzione. I quadrati perfetti compresi tra 1 e 80000 sono 282 in quanto:
282
2
= 79524 < 80000 < 283
2
= 80089
I numeri richiesti sono dunque: 80000 282 = 79718.
Esempio 2.5.12. Quanti sono i numeri naturali di tre cifre, minori di 800, aventi la prima cifra pari e le
altre due cifre dispari? Quanti sono quelli con la prima cifra dispari e le altre due pari?
Soluzione. Prima domanda: i numeri cercati sono 3 5 5 = 75. Seconda domanda: i numeri cercati sono
4 5 5 = 100.
Esempio 2.5.13. Sia = {1, 2, , 100}. In quanti modi si possono scegliere tre elementi di tali che
due di essi, e non pi di due, siano consecutivi?
Soluzione. Per scegliere due numeri consecutivi, basta scegliere il pi piccolo dei due che, ovviamente,
non pu essere 100: ci sono dunque 99 possibilit. Indichiamo questi due numeri con a e a + 1. Se a = 1 o
a = 99, il terzo numero pu essere scelto in 97 modi. Per ognuna degli altri 97 valori possibili di a, il terzo
numero pu essere scelto in 96 modi. Pertanto i numeri cercati possono essere scelti in 2 97+97 96 = 9506
modi diversi.
Esempio 2.5.14. Quanti sono i numeri palindromici
3
di 5 cifre? Quanti di essi sono pari?
Soluzione. La prima cifra pu esser scelta in 9 modi, le rimanenti cifre in 10, 10, 1, 1 modi quindi vi sono
9 10 10 1 1 = 900 palindromi di 5 cifre. I palindromi pari sono 4 10 10 1 1 = 400 in quanto la prima
cifra pu essere scelta tra 2, 4, 6, 8 .
Esempio 2.5.15. In quanti modi si possono scegliere una scarpa destra e una scarpa sinistra da 9 diverse
paia di scarpe in modo che esse non formino una coppia?
Soluzione. Una scarpa destra e una sinistra si possono scegliere in 9 9 = 81 modi. Se togliamo le 9 coppie
abbiamo che il numero richiesto 81 9 = 72.
Esempio 2.5.16. Quanti numeri di 6 cifre, multipli di 5, si possono formare con le cifre 1, 2, 3, 4, 5, 6?
3
Un numero intero positivo si dice palindromico o palindromo se la sua rappresentazione decimale simmetrica, ossia se si
legge allo stesso modo da destra verso sinistra e da sinistra verso destra. Esempi: 121, 24542.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi esemplicativi 23
Soluzione. Lultima cifra pu essere scelta in 1 modo, ognuna delle altre cifre in 6 modi, pertanto i numeri
richiesti sono complessivamente 6
5
= 7776.
Esempio 2.5.17. Quanti sono i numeri pari con cifre tutte distinte compresi tra 4000 e 7000?
Soluzione. I numeri che iniziano con 4 sono : 8 7 4 = 224. Analogamente i numeri che iniziano con
6 sono 224. I numeri che iniziano con 5 sono : 8 7 5 = 280. I numeri cercati sono complessivamente:
224 + 224 + 280 = 728.
Esempio 2.5.18. Quanti sono i divisori di 300?
Soluzione. Abbiamo 300 = 3 2
2
5
2
. Ogni divisore di 300 allora della forma 3
a
2
b
5
c
con a {0, 1},
b, c {0, 1, 2}, ossia vi sono due scelte per a e tre scelte per b e c. Pertanto 300 ha 2 3 3 = 18 divisori.
Esempio 2.5.19. Quante sono le parole di lunghezza n che si possono scrivere con le lettere a, b, c e che
contengono almeno una volta a, b, c?
Soluzione. Sia linsieme di tutte le parole di lunghezza n e siano A, B, C gli insiemi delle parole che
non contengono a, b, c rispettivamente. Per il principio di inclusione-esclusione abbiamo:
|A B C| = |A| +|B| +|C| |A B| |A C| |B C| +|A B C| = 3 2
n
3
Poich || = 3
n
il numero di parole vericanti la condizione richiesta :
3
n
3 2
n
+ 3

Esempio 2.5.20. Gli interi positivi con prima cifra 2 sono scritti in successione:
2, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27, 28, 29, 200, 201, . . .
Qual la 1980-esima cifra scritta?
Soluzione. Vi 1 numero di una cifra, 10 numeri di due cifre, 100 numeri di tre cifre. Per scrivere i numeri
da 2 a 299 vengono utilizzate 1 1 + 2 10 + 3 100 = 321 cifre. Per scrivere la 1980-esima cifra si devono
scrivere altre 1980 321 = 1659 usando numeri di quattro cifre. Essendo
_
1659
4
_
= 414 , 321 + 4 414 = 1977
la 1980-esima cifra 1 (= terza cifra di 2414, 415-esimo numero di quattro cifre).
Esempio 2.5.21. Gli interi palindromici sono scritti in ordine crescente. Qual il 2004-esimo termine?
Soluzione. Vi sono 9 palindromi di una cifra, 9 palindromi di due cifre, 90 palindromi di tre cifre, 90
palindromi di quattro cifre, 900 palindromi di 5 cifre, 900 palindromi di 6 cifre. Lultimo palindromo di 6
cifre 999999 e costituisce il 1998-esimo palindromo essendo
9 + 9 + 90 + 90 + 900 + 900 = 1998
Il numero richiesto 1005001, infatti i palindromi pi grandi di 999999, in ordine crescente, sono 1000001,
1001001, 1002001, 1003001, 1004001, 1005001.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
24 Capitolo 2
Esempio 2.5.22. Quanti sono i numeri interi di quattro cifre (tutte diverse) divisibili per 3 che si possono
scrivere con le cifre 0, 1, 2, 3, 4, 5?
Soluzione. Gli interi richiesti sono della forma n = abcd, con a = 0 e a +b +c +d {6, 9, 12}.
Primo tipo: a + b + c + d = 6. Abbiamo {a, b, c, d} = {0, 1, 2, 3}, a = 0. Ci sono 3 scelte per a, quindi 3
scelte per b, 2 scelte per c e 1 scelta per d. Ci sono 3 3 2 1 = 18 numeri del primo tipo.
Secondo tipo: a + b + c + d = 9. Abbiamo due sottocasi: {a, b, c, d} = {0, 2, 3, 4} ,a = 0 oppure
{a, b, c, d} = {0, 1, 3, 5}, a = 0. Ragionando come per i numeri del primo tipo si trova che ci sono 18 numeri
in ognuno dei due sottocasi. In totale vi sono 2 18 = 36 numeri del secondo tipo.
Terzo tipo: a + b + c + d = 12. Abbiamo due sottocasi: {a, b, c, d} = {0, 3, 4, 5}, a = 0 oppure
{a, b, c, d} = {1, 2, 4, 5}. Nel primo caso abbiamo 3 3 2 1 = 18 numeri, nel secondo caso abbiamo
4 3 2 1 = 24 numeri. In totale vi sono 18 + 24 = 42 numeri del terzo tipo.
I numeri del tipo richiesto sono complessivamente: 18 + 36 + 42 = 96.
Esempio 2.5.23. Sia x = 0.123456789101112 . . . 998999 il numero ottenuto scrivendo uno dopo laltro i
numeri da 1 a 999. Qual la 2004 cifra alla destra del punto decimale.
Soluzione. Consideriamo le prime 2004 cifre di x e indichiamo con z la 2004-esima cifra. Dividiamo tali
cifre in tre blocchi:
123456789
. .
A
101112 . . . 9899
. .
B
1001001 . . . z
. .
C
Vi sono 9 cifre in A, 2 90 = 180 cifre in B e quindi 2004 189 = 1815 cifre in C. Dividendo 1815 per 3
otteniamo 605 con resto 0. Allora C consiste dei primi 605 numeri interi di tre cifre. Il 605-esimo numero
intero di tre cifre 99 + 605 = 704. Pertanto z = 4.
Esempio 2.5.24. Quanti sono gli interi positivi inferiori a 2002, divisibili per 3 o per 4, ma non per 5.
Soluzione 1. Posto:
A = {n N | n 2001, n divisibile per 3}
B = {n N | n 2001, n divisibile per 4}
C = {n N | n 2001, n divisibile per 5}
i numeri richiesti sono gli elementi dellinsieme :
= (A B) C =
_
A C
_

_
B C
_
Per il PIE abbiamo:
|| =

A C

B C

A B C

=
=
__
2001
3
_

_
2001
15
__
+
__
2001
4
_

_
2001
20
__

__
2001
12
_

_
2001
60
__
=
= 667 133 + 500 100 166 + 33 = 801

Soluzione 2. Gli interi divisibili per 3 o per 4 sono complessivamente:


|A B| =
_
2001
3
_
+
_
2001
4
_

_
2001
12
_
= 667 + 500 166 = 1001
Da questi dobbiamo escludere
_
2001
15

= 133 multipli di 15 e
_
2001
20

= 100 multipli di 20. In questo modo


per escludiamo
_
2001
60

= 33 multipli di 60 due volte, quindi dobbiamo reincluderli. Pertanto gli interi che
soddisfano alla condizione richiesta sono 1001 133 100 + 33 = 801.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi esemplicativi 25
Esempio 2.5.25. In quanti modi si possono collocare tre torri su una scacchiera 8 8 in modo che non si
attaccano. (Una torre attacca un pezzo che posto sulla sua stessa riga o stessa colonna).
Soluzione. La prima torre pu essere collocata in una qualsiasi delle 64 caselle. La seconda torre pu
essere disposta su 64 15 = 49 caselle. La terza torre su 64 28 = 36 caselle. Per il PFC il numero
richiesto : 64 49 36 = 112896.
Esempio 2.5.26. La supercie di un pallone formata da 20 esagoni e da un certo numero di pentagoni.
Ogni pentagono circondato da 5 esagoni e ogni esagono circondato da 3 esagoni e 3 pentagoni (Fig.2.9).
Quanti sono i pentagoni?
Figura 2.9.
Soluzione. Sia n il numero di pentagoni. Osserviamo che:
ogni pentagono individua 5 vertici e, a pentagoni distinti, corrispondono vertici distinti;
ogni esagono individua 6 vertici e ogni vertice individuato da due esagoni.
Allora, contando in due modi diversi, il numero di vertici otteniamo:
5n =
6 20
2
= n = 12

Esempio 2.5.27. Sia = {1, 2, . . . , 100}. Determinare la cardinalit dellinsieme


S = {(a, b, c) | a, b, c , a < b, a < c}
Soluzione. Fissato a = k {1, 2, . . . , 99}, il numero di scelte per b e per c 100k. Per il PFC il numero
delle terne (k, b, c) S (100 k)
2
. Dalla regola della somma abbiamo:
|S| = 99
2
+ 98
2
+ + 1
2
Pertanto, utilizzando la formula
n

k=1
k
2
=
n(n + 1)(2n + 1)
6
otteniamo che |S| = 328350.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Capitolo 3
Permutazioni, disposizioni, combinazioni
3.1 Permutazioni e disposizioni
Denizione 3.1.1. Si dice permutazione semplice di n oggetti a
1
, a
2
, . . . , a
n
una corrispondenza biuni-
voca dellinsieme {a
1
, a
2
, . . . , a
n
} in s. In altre parole una permutazione un gruppo ordinato formato da
tutti gli oggetti a
1
, a
2
, . . . , a
n
. Il numero di permutazioni semplici di n oggetti si indica con P
n
.
Esempio 3.1.1. Le permutazioni dellinsieme = {a, b, c}, rappresentate come liste di lettere, sono:
abc, acb, bac, bca, cab, cba
Esempio 3.1.2. Le permutazioni dellinsieme = {a, b, c, d}, rappresentate come liste di lettere, sono:
abcd, abdc, acbd, acdb, adbc, adcb
bacd, badc, bcad, bcda, bdac, bdca
cabd, cadb, cbad, cbda, cdab, cdba
dabc, dacb, dbac, dbca, dcab, dcba
Denizione 3.1.2. Per ogni intero positivo n, il fattoriale di n, il numero:
n! = n (n 1) (n 2) 3 2 1
Per convenzione poniamo 0! = 1.
Teorema 3.1.1. Se a
1
, a
2
, . . . , a
n
sono n oggetti distinti abbiamo P
n
= n!
Dimostrazione. La tesi discende dal Principio Fondamentale del Calcolo Combinatorio. Basta osservare
che il primo oggetto pu essere scelto in n modi, il secondo in n 1 modi, il terzo in n 2, . . ., ecc.
Denizione 3.1.3. Siano dati n oggetti non tutti distinti, di k tipi diversi. Supponiamo che vi siano n
1
oggetti uguali ad a
1
, n
2
oggetti uguali ad a
2
, ,n
k
oggetti uguali ad a
k
:
a
1
, a
1
, . . . , a
1
. .
n
1
a
2
, a
2
, . . . , a
2
. .
n
2
. . . a
k
, a
k
, . . . , a
k
. .
n
k
con n = n
1
+n
2
+ +n
k
Si dice permutazione con ripetizione un gruppo ordinato formato con tutti gli n oggetti, ognuno ripetuto
secondo la rispettiva molteplicit. Il numero di permutazioni con ripetizione di n oggetti si indica con P

n
.
Esempio 3.1.3. Scrivere tutti gli anagrammi della parola MAMMA.
26
Permutazioni e disposizioni 27
Soluzione. Si tratta di scrivere le permutazioni con ripetizione degli oggetti M, M, M, A, A. Ragioniamo
nel seguente modo: poniamo provvisoriamente degli indici in modo da considerare le lettere come se fossero
tutte distinte M
1
A
1
M
2
M
3
A
2
. Le cinque lettere di questa nuova parola possono essere permutate in 5! = 120
modi. Per ognuna di queste permutazioni A
1
A
2
pu essere permutata in 2! = 2 modi e M
1
M
2
M
3
pu
essere permutata in 3! = 6 modi dando luogo a una stessa permutazione della parola MAMMA. Pertanto
il numero eettivo di permutazioni con ripetizione di MAMMA
5!
2!3!
= 10
Ecco tutte le permutazioni richieste, scritte per esteso:
MMMAA, MMAAM, MAAMM, AAMMM, AMAMM
MAMAM, MMAMA, AMMAM, MAMMA, AMMMA

Ragionando come nellesempio precedente si dimostra il seguente:


Teorema 3.1.2. Siano dati n oggetti non tutti distinti, n
1
uguali ad a
1
, n
2
uguali ad a
2
, , n
k
uguali ad
a
k
. Il numero di permutazioni con ripetizione di questi n = n
1
+n
2
+ +n
k
oggetti :
P

n
=
n!
n
1
!n
2
! n
k
!
Esempio 3.1.4. Uno scaale contiene 5 libri di tedesco, 7 libri di spagnolo ed 8 libri di francese. I libri
sono tutti diversi tra loro.
(a) In quanti modi questi libri possono essere ordinati
(b) In quanti modi questi libri possono essere ordinati in modo che i libri di una stessa lingua stiano vicini
fra loro.
(c) Supposto che i libri di una stessa lingua siano tutti uguali tra loro, in quanti modi lo scaale pu essere
ordinato.
Soluzione. (a) Complessivamente si hanno 5 + 7 + 8 = 20 libri che possono essere ordinati in
P
20
= 20! = 2432902008176640000 modi
(b) Prima si sceglie un ordine tra tedesco, spagnolo, francese, quindi si ordinano i libri di ogni gruppo.
Dal PFC segue che i libri possono essere ordinati in:
3!5!7!8! = 146313216000 modi
(c) Si tratta di contare le permutazioni della parola TTTTTSSSSSSSFFFFFFFF
P

20
=
20!
5!7!8!
= 99768240

Denizione 3.1.4. Dati n oggetti a


1
, a
2
, , a
n
ed un numero intero k n si dice disposizione semplice
di classe k un gruppo ordinato di k oggetti scelti dagli n oggetti disponibili. Due disposizioni sono distinte
se dieriscono per lordine o per qualche elemento. Il numero di disposizioni semplici di n oggetti di classe
k si indica con D
n,k
.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
28 Capitolo 3
Esempio 3.1.5. Le disposizioni semplici di classe 2 dei 4 oggetti a, b, c, d sono:
ab, ac, ad, bc, bd, cd, ba, ca, da, cb, db, dc
Denizione 3.1.5. Dati due numeri interi positivi n, k con k n si dice fattoriale decrescente di
lunghezza k il numero:
(n)
k
= n (n 1) (n 2) (n k + 1)
Si osservi che (n)
k
il prodotto di k fattori decrescenti a partire da n.
Teorema 3.1.3. Il numero di disposizioni semplici di n oggetti di classe k dato da:
D
n,k
= (n)
k
= n (n 1) (n 2) (n k + 1)
Dimostrazione. La tesi discende dal PFC . Basta osservare che il primo oggetto pu essere scelto in n
modi, il secondo in n 1 modi, il terzo in , , il k-esimo oggetto in n (k 1) = n k + 1 modi.
* * *
...
1 n
1 n k
... n
Figura 3.1.
Denizione 3.1.6. Dati n oggetti a
1
, a
2
, , a
n
ed un numero intero k si dice disposizione con ripeti-
zione di classe k un gruppo ordinato di k oggetti, eventualmente ripetuti, scelti dagli n oggetti disponibili.
Due disposizioni sono distinte se dieriscono per lordine o per qualche elemento. Il numero di disposizioni
con ripetizione di n oggetti di classe k si indica con D

n,k
.
Esempio 3.1.6. Le disposizioni con ripetizione di classe 2 dei 4 oggetti a, b, c, d sono:
ab, ac, ad, bc, bd, cd, ba, ca, da, cb, db, dc, aa, bb, cc, dd
Teorema 3.1.4. Il numero di disposizioni con ripetizione di n oggetti di classe k dato da:
D

n,k
= n
k
Dimostrazione. La tesi discende dal PFC . Basta osservare che il primo oggetto pu essere scelto in n
modi, il secondo in n modi, , il k-esimo oggetto in n modi.
3.2 Disposizioni circolari
In alcuni problemi viene richiesto che alcuni oggetti siano disposti su una circonferenza. In tal caso due
disposizioni degli stessi oggetti si considerano identiche se una delle due pu essere ottenuta dallaltra
mediante una rotazione. Possiamo dare allora le seguenti denizioni:
Denizione 3.2.1. Dati n oggetti a
1
, a
2
, , a
n
ed un numero intero k n si dice disposizione circolare
(semplice) di classe k un gruppo ordinato di k oggetti scelti dagli n oggetti disponibili e disposti su una
circonferenza. Due disposizioni circolari si considerano uguali se sono formate dagli stessi oggetti ed una
delle due pu essere ottenuta dallaltra mediante una rotazione. Il numero di disposizioni circolari (semplici)
di n oggetti di classe k si indica con D
c
n,k
.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Disposizioni circolari 29
Denizione 3.2.2. Si dice permutazione circolare (semplice) di n oggetti a
1
, a
2
, . . . , a
n
una diposizione
circolare di classe k = n. Il numero di permutazioni circolari (semplici) di n oggetti si indica con P
c
n
.
Esempio 3.2.1. Dato linsieme = {a, b, c} le tre permutazioni illustrate nella seguente gura (3.2) rap-
presentano la stessa permutazione circolare:
a
b c
c
a b
b
c a
Figura 3.2.
Teorema 3.2.1. Il numero di disposizioni circolari di n oggetti di classe k dato da:
D
c
n,k
=
D
n,k
k
=
(n)
k
k
Dimostrazione. Una disposizione circolare di k oggetti x
1
, x
2
, x
k
genera k disposizioni
x
1
, x
2
, , x
k
, x
k
, x
1
, x
2
, , x
k1
, . . . , x
2
, x
3
, , x
k
, x
1
Pertanto vericata la relazione:
k D
c
n,k
= D
n,k
da cui discende la tesi.
Corollario 3.2.1. Il numero di permutazioni circolari di n oggetti di classe k dato da:
P
c
n
=
P
n
n
= (n 1)!
Esempio 3.2.2. In quanti modi 6 ragazzi e 3 ragazze si possono disporre su un tavolo circolare se
(a) non vi sono restrizioni;
(b) il ragazzo A e la ragazza a non sono seduti vicini;
(c) non vi sono ragazze sedute vicine.
Soluzione. (a) Il numero di modi P
c
9
= 8! = 40320.
(b) I 6 ragazzi e le due ragazze, esclusa la ragazza a, possono disporsi in (8 1)! modi; a questo punto
la ragazza a, se non vuole sedersi vicino al ragazzo A, ha 8 2 = 6 scelte possibili. Allora il numero
richiesto :
7! 6 = 30240
(c) I 6 ragazzi possono disporsi in (6 1)! = 5! modi; dopo che i ragazzi hanno preso posto la prima
ragazza pu sedersi in 6 modi, la seconda in 5 modi e la terza in 4 modi. Il numero richiesto
5! 6 5 4 = 14400

E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12


30 Capitolo 3
3.3 Combinazioni semplici
Denizione 3.3.1. Dati n oggetti a
1
, a
2
, , a
n
ed un numero intero k n, si dice combinazione
semplice di classe k un insieme di k oggetti scelti dagli n oggetti disponibili. In altre parole le combinazioni
di classe k non sono altro che i k-sottoinsiemi di {a
1
, a
2
, . . . , a
n
}. Due combinazioni sono distinte se
dieriscono per qualche elemento. Il numero di combinazioni semplici di n oggetti di classe k si indica con
C
n,k
.
Esempio 3.3.1. Le combinazioni semplici di classe 3 dei 5 oggetti a, b, c, d, e sono:
abc, abd, abe, acd, ace, ade, bcd, bce, bde, cde
Teorema 3.3.1. Il numero di combinazioni semplici di n oggetti di classe k dato da:
C
n,k
:=
_
n
k
_
=
(n)
k
k!
Dimostrazione. Una combinazione di classe k genera k! disposizioni (di classe k) ottenute permutando
gli elementi in tutti i modi possibili. Pertanto sussiste la relazione:
k! C
n,k
= D
n,k
da cui discende la tesi.
Denizione 3.3.2. I numeri
_
n
k
_
sono detti coecienti binomiali.
Esempio 3.3.2. In quanti modi si possono scegliere 2 rappresentanti da una classe di 23 alunni.
Soluzione. Si tratta di contare quanti sono i 2-sottoinsiemi di un insieme di 23 elementi:
_
23
2
_
=
23 22
2
= 253

Esempio 3.3.3. Dire in quanti modi, nel gioco del poker (giocando in 4 persone), si pu avere:
(a) un doppia coppia servita;
(b) una tris servito;
(c) un poker servito.
Soluzione.
(a) Doppia coppia servita :
_
8
2
_

_
6
1
_

_
4
2
_

_
4
2
_

_
4
1
_
= 28 6 6 6 4 = 24192 modi.
(b) Tris servito :
_
8
1
_

_
7
1
_

_
6
1
_

_
4
3
_

_
4
1
_

_
4
1
_
= 8 7 6 4 4 4 = 21504 modi.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Combinazioni semplici 31
(c) Poker servito :
_
8
1
_

_
7
1
_

_
4
1
_
= 8 7 4 = 224 modi.
Esempio 3.3.4. I sottoinsiemi di {a, b, c, d, e} aventi un numero dispari di elementi sono:
_
5
1
_
+
_
5
3
_
+
_
5
5
_
= 5 + 10 + 1 = 16
Esempio 3.3.5. Quante commissioni di 7 persone con un Presidente possono essere scelte da un insieme
di 21 persone?
Soluzione. Sette persone possono esser scelte in
_
21
7
_
modi, tra queste il Presidente pu esser scelto in 7
modi. Per il PFC il numero richiesto :
7
_
21
7
_
= 813960

Esempio 3.3.6. Quante commissioni di 7 persone con un Presidente e un Segretario possono esser scelte
da un insieme di 20 persone?
Soluzione. Per il PFC il numero richiesto :
7 6
_
20
7
_
= 3255840

Esempio 3.3.7. Quanti dei numeri


100, 101, , 999
hanno tre cifre diverse in ordine crescente o in ordine decrescente?
Soluzione. I numeri con le cifre in ordine decrescente sono in corrispondenza biunivoca con i sottoinsiemi
di cardinalit 3 di {0, 1, . . . , 9}. Essi sono
_
10
3
_
= 120
I numeri con le cifre in ordine crescente sono in corrispondenza biunivoca con i sottoinsiemi di cardinalit
3 di {1, 2, . . . , 9}. Essi sono
_
9
3
_
= 84
Per la regola della somma il numero richiesto : 120 + 84 = 204.
Esempio 3.3.8. In una classe vi sono 20 studenti. In quanti modi si possono assegnare 5 test dierenti,
con la condizione che ogni test deve essere assegnato a 4 studenti.
Soluzione. Possiamo scegliere gli studenti che devono svolgere il primo test in
_
20
4
_
modi, dai rimanenti
possiamo sceglierne altri 4 per il secondo test in
_
16
4
_
modi, e cos via. Per il PFC il numero richiesto :
_
20
4
_

_
16
4
_

_
12
4
_

_
8
4
_

_
4
4
_
= 305540235000

E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12


32 Capitolo 3
3.4 Propriet dei coecienti binomiali
I coecienti binomiali soddisfano moltissime propriet; le pi importanti sono espresse nel seguente:
Teorema 3.4.1. I coecienti binomiali vericano le seguenti propriet:
(a) Se k {0, 1, n} abbiamo:
_
n
0
_
= 1 ,
_
n
1
_
= n ,
_
n
n
_
= 1 (3.1)
(b) Legge dei tre fattoriali:
_
n
k
_
=
n!
k! (n k)!
(3.2)
(c) Legge delle classi complementari:
_
n
k
_
=
_
n
n k
_
(3.3)
(d) Se 0 < k n abbiamo:
_
n
k
_
=
n
k

_
n 1
k 1
_
(3.4)
(e) Legge di Stiefel:
_
n
k
_
=
_
n 1
k
_
+
_
n 1
k 1
_
(3.5)
(f) Legge di Stiefel generalizzata:
_
n
0
_
+
_
n + 1
1
_
+ +
_
n +k
k
_
=
_
n +k + 1
k
_
(3.6)
_
k
k
_
+
_
k + 1
k
_
+ +
_
n
k
_
=
_
n + 1
k + 1
_
(3.7)
(g) Numero di parti di un n-insieme:
_
n
0
_
+
_
n
1
_
+ +
_
n
n
_
= 2
n
(3.8)
(h) Semplicazione di prodotti:
_
n
k
_

_
k
r
_
=
_
n
r
__
n r
k r
_
(3.9)
(i) Formula di Vandermonde: Se a, b N abbiamo:
_
a +b
k
_
=
k

i=0
_
a
i
__
b
k i
_
(3.10)
Dimostrazione.
(a) Nellinsieme {1, 2, . . . , n} vi un sottoinsieme vuoto, n sottoinsiemi con un elemento, un sottoinsieme
con n elementi.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Propriet dei coecienti binomiali 33
(b) Dalla denizione di coeciente binomiale, moltiplicando per (n k)! abbiamo:
_
n
k
_
=
n(n 1) (n k + 1)
k!
=
n(n 1) (n k + 1) (n k)!
k! (n k)!
=
n!
k! (n k)!
(c) Basta osservare che i k-sottoinsiemi di {1, 2, . . . , n} sono in corrispondenza biunivoca con gli (n k)-
sottoinsiemi (ad ogni k-sottoinsieme facciamo corrispondere il suo complementare). Poich
_
n
k
_
conta
i k-sottoinsiemi ed
_
n
nk
_
conta gli (n k)-sottoinsiemi, la tesi provata.
La propriet pu essere dimostrata anche utilizzando la legge dei tre fattoriali:
_
n
n k
_
=
n!
(n k)! [n (n k)]!
=
n!
(n k)!k!
=
_
n
k
_
(d) Dalla legge dei tre fattoriali si ha:
n
k

_
n 1
k 1
_
=
n
k

(n 1)!
(k 1)!(n k)!
=
n!
k!(n k)!
=
_
n
k
_
(e) Sia A la famiglia dei k-sottoinsiemi di = {1, 2, . . . , n}. I k-sottoinsiemi sono di due tipi:
Primo Tipo : k-sottoinsiemi che contengono n. Essi sono
_
n1
k1
_
, infatti per ottenere un siatto
sottoinsieme basta scegliere un (k 1)-sottoinsieme di {1, 2, . . . , n 1}.
Secondo Tipo : k-sottoinsiemi che non contengono n. Essi sono
_
n1
k
_
, infatti non sono altro
che i k-sottoinsiemi di {1, 2, . . . , n 1}.
Indicando rispettivamente con B e C le famiglie dei k-sottoinsiemi del primo tipo e del secondo tipo
abbiamo che A = B C, con B C = . La tesi discende dalla regola della somma :
_
n
k
_
= |A| = |B| +|C| =
_
n 1
k 1
_
+
_
n 1
k
_
La propriet pu essere dimostrata anche algebricamente con la legge dei 3 fattoriali:
_
n 1
k
_
+
_
n 1
k 1
_
=
(n 1)!
(k 1)!(n k)!
+
(n 1)!
(k)!(n k 1)!
=
=
(n 1)!k + (n 1)!(n k)
k!(n k)!
=
=
(n 1)!n
k!(n k)!
=
n!
k!(n k)!
=
_
n
k
_
(f) La (3.7) si pu dimostrare per induzione oppure con la tecnica del double counting: consideriamo
un insieme con n + 1 elementi, = {a
1
, a
2
, . . . , a
n+1
} e contiamo in due modi diversi il numero dei
sottinsiemi A di cardinalit k + 1. Si possono avere i seguenti casi:
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
34 Capitolo 3
Se a
1
A dobbiamo scegliere k elementi da {a
1
}. Vi sono
_
n
k
_
sottinsiemi siatti;
Se a
1
/ A e a
2
A dobbiamo scegliere k elementi da {a
1
, a
2
}. Vi sono
_
n1
k
_
sottinsiemi
siatti;
;
Se a
1
, a
2
, . . . , a
nk
/ A vi sono
_
k
k
_
= 1 modi di formare A.
Per la regola della somma abbiamo che il numero dei (k + 1)-sottinsiemi di dato da:
_
k
k
_
+
_
k + 1
k
_
+ +
_
n
k
_
e ci prova la (3.7). La (3.6) discende dalla (3.7) e dalla legge delle classi complementari.
(g) Sia un insieme di cardinalit n. Indicando rispettivamente con P(), P
k
() linsieme delle parti di
e linsieme dei k-sottoinsiemi di abbiamo:
P() = P
0
() P
1
() P
n
()
e, per la regola della somma :
|P()| = |P
0
()| +|P
1
()| + +|P
n
()| =
_
n
0
_
+
_
n
1
_
+ +
_
n
n
_
= 2
n
(h) Si dimostra facilmente con la legge dei tre fattoriali.
(i) Per dimostrare la propriet applichiamo la tecnica del double counting. Consideriamo due insiemi
niti A, B di cardinalit a e b rispettivamente. Il numero di k-parti di = A B contenenti i
elementi di A e k i elementi di B
_
a
i
__
b
ki
_
. Sommando con i {0, 1, . . . , k} si ottiene il numero
di k-sottinsiemi di che, ovviamente, anche uguale a
_
a+b
k
_
.

Osservazione 3.4.1. Le propriet (3.1), . . . , (3.10) possono essere utilizzate per ottenere altre identit.
Ad esempio dalla (3.7) con k = 1 abbiamo:
_
1
1
_
+
_
2
1
_
+ +
_
n
1
_
=
_
n + 1
2
_

1 + 2 + +n =
n(n + 1)
2
In modo analogo utilizzando la (3.7) con k = 1 e k = 2 abbiamo:
1
2
+ 2
2
+ +n
2
=
n

k=1
k
2
=
n

k=1
_
2
_
k
2
_
+
_
k
1
__
=
= 2
_
n + 1
3
_
+
_
n + 1
2
_
=
= 2
(n + 1)n(n 1)
6
+
(n + 1)n
2
=
n(n + 1)(2n + 1)
6
e con la stessa tecnica si possono ricavare le somme di potenze 1
r
+ 2
r
+ +n
r
.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Il teorema del binomio e il triangolo di Tartaglia 35
3.5 Il teorema del binomio e il triangolo di Tartaglia
Il motivo per cui gli interi
_
n
k
_
prendono il nome di coecienti binomiali che essi compaiono come coef-
cienti nella formula che d lo sviluppo della potenza di un binomio. Utilizzando la moltiplicazione tra
polinomi possiamo calcolare le potenze di un generico binomio a +b:
(a +b)
0
= 1
(a +b)
1
= a +b
(a +b)
2
= a
2
+ 2ab +b
2
(a +b)
3
= a
3
+ 3a
2
b + 3ab
2
+b
3
(a +b)
4
= a
4
+ 4a
3
b + 6a
2
b
2
+ 4ab
3
+b
4
(a +b)
5
= a
5
+ 5a
4
b + 10a
3
b
2
+ 10a
2
b
3
+ 5ab
4
+b
5
(a +b)
6
= a
6
+ 6a
5
b + 15a
4
b
2
+ 20a
3
b
3
+ 15a
2
b
4
+ 6ab
5
+b
6
Se consideriamo, ad esempio, i coecienti 1, 3, 3, 1 dello sviluppo di (a + b)
3
, possiamo constatare che
questi numeri sono i coecienti binomiali
_
3
k
_
per k {0, 1, 2, 3}. Questa propriet vera in generale, vale
infatti il seguente teorema:
Teorema 3.5.1 (Teorema binomiale - Formula del binomio di Newton). Per ogni intero n 0 si
ha:
(a +b)
n
= a
n
+
_
n
1
_
a
n1
b +
_
n
2
_
a
n2
b
2
+ +
_
n
n 1
_
ab
n1
+b
n
=
n

k=0
_
n
k
_
a
nk
b
k
Dimostrazione. Calcoliamo il prodotto:
(a +b)(a +b) (a +b) = (a +b)
n
scegliendo a da tutti i fattori e, moltiplicandoli tra loro, otteniamo a
n
. Poi scegliamo a da n 1 fattori
e b dal fattore restante e, moltiplicandoli, otteniamo a
n1
b che sommiamo con tutti gli altri addendi dello
stesso tipo. Osserviamo che ci sono
_
n
1
_
addendi del tipo a
n1
b, in quanto possiamo scegliere i fattori che
contengono b in
_
n
1
_
modi.
Gli addendi del tipo a
n2
b
2
si ottengono scegliendo a in n 2 fattori e b nei due fattori restanti. In to-
tale ci sono
_
n
2
_
addendi della forma a
n2
b
2
in quanto possiamo scegliere il fattore che contiene b in
_
n
2
_
modi.
Ragionando in maniera analoga si trova che vi sono
_
n
k
_
addendi del tipo a
nk
b
k
e quindi la somma degli
addendi del tipo a
nk
b
k
uguale ad
_
n
k
_
a
nk
b
k
. Pertanto la somma di tutti termini dello sviluppo di (a+b)
n
:
(a +b)
n
=
n

k=0
_
n
k
_
a
nk
b
k

Esempio 3.5.1. Scrivere lo sviluppo di (a +b)


6
Soluzione. Abbiamo:
(a +b)
6
= a
6
+
_
6
1
_
a
5
b +
_
6
2
_
a
4
b
2
+
_
6
3
_
a
3
b
3
+
_
6
4
_
a
2
b
4
+
_
6
5
_
ab
5
+b
6
=
= a
6
+ 6a
5
b + 15a
4
b
2
+ 20a
3
b
3
+ 15a
2
b
4
+ 6ab
5
+b
6
Si osservi che i coecienti dello sviluppo 1, 6, 15, 20, 15, 6, 1 formano una successione simmetrica. Ci
discende dalla legge delle classi complementari.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
36 Capitolo 3
Esempio 3.5.2. Scrivere lo sviluppo di (3x + 2)
5
Soluzione. Abbiamo:
(3x + 2)
5
= (3x)
5
+
_
5
1
_
(3x)
4
2
1
+
_
5
2
_
(3x)
3
2
2
+
_
5
3
_
(3x)
2
2
3
+
_
5
4
_
(3x)2
4
+ 2
5
=
= 243x
5
+ 810x
4
+ 1080x
3
+ 720x
2
+ 240x + 32

Esempio 3.5.3. Utilizzando il teorema del binomio dimostrare che :


(a)
_
n
0
_
+
_
n
1
_
+ +
_
n
n
_
= 2
n
(b)
_
n
0
_

_
n
1
_
+ + (1)
n
_
n
n
_
= 0
Dimostrazione. Le propriet (a) e (b) si ottengono dal teorema del binomio
(a +b)
n
= a
n
+
_
n
1
_
a
n1
b +
_
n
2
_
a
n2
b
2
+ +
_
n
n 1
_
ab
n1
+b
n
ponendo rispettivamente a = 1, b = 1 oppure a = 1, b = 1.
Esempio 3.5.4. Determinare il coeciente di x
6
in (3 2x)
8
.
Soluzione. Dal teorema del binomio
(3 2x)
8
=

k=0
8
_
8
k
_
3
8k
(2x)
k
abbiamo che il termine che contiene x
6
:
_
8
6
_
3
86
(2x)
6
= 28 9 64x
6
= 16128x
6
Quindi il coeciente di x
6
16128.
Osservazione 3.5.1. Il teorema del binomio consente di sviluppare, ad esempio (a + b)
10
senza dover
moltiplicare i 10 fattori. Dobbiamo per notare che il calcolo di
_
10
k
_
con k = 0, 1, . . . , 10 pu richiedere
molto tempo, anche se la simmetria dei coecienti binomiali riduce di met il lavoro. Fortunatamente il
calcolo dei coecienti binomiali pu essere abbreviato mediante il triangolo di Tartaglia (detto anche
triangolo di Pascal o triangolo aritmetico) in cui ogni elemento la somma degli elementi alla sua sinistra
e alla sua destra nella riga superiore:
5
3



1
1 1
1 2 1
1 3 3 1
1 4 6 4 1
1 5 10 10 5 1
1 6 15 20 15 6 1
.
Figura 3.3.
I numeri che formano il triangolo di Tartaglia sono proprio i coecienti binomiali : dalla legge di Stiefel e
dal modo in cui il triangolo stato costruito discende che il numero situato sulla riga n (la prima riga la
riga 0) e colonna k (la prima colonna la colonna 0) il coeciente binomiale
_
n
k
_
.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Combinazioni con ripetizione 37
3.6 Combinazioni con ripetizione
Denizione 3.6.1. Dati n oggetti a
1
, a
2
, . . . , a
n
ed un numero intero k si dice combinazione con ripe-
tizione di classe k un gruppo di k oggetti, eventualmente ripetuti, scelti dagli n oggetti disponibili. Una
combinazione con ripetizione di classe k detta anche un k-multinsieme. Si dice molteplicit di un
elemento a
i
, indicata con m(a
i
), il numero di volte che esso compare nella combinazione. Due combinazio-
ni con ripetizione sono da ritenersi distinte se dieriscono per qualche elemento, mentre sono da ritenersi
uguali se dieriscono solo per lordine con cui sono disposti gli elementi. Il numero di combinazioni con
ripetizione di n oggetti di classe k si indica con C

n,k
.
Esempio 3.6.1. Scrivere le combinazioni con ripetizione di classe 3 di 5 oggetti a, b, c, d, e:
abc, abd, abe, acd, ace, ade, bcd, bce, bde, cde
aab, aac, aad, aae, abb, bbc, bbd, bbe, acc, bcc
ccd, cce, add, bdd, cdd, dde, aee, bee, cee, dee
aaa, bbb, ccc, ddd, eee
Teorema 3.6.1. Il numero di combinazioni con ripetizione di classe k che si possono formare da un insieme
di n oggetti uguale al numero di combinazioni semplici di n +k 1 oggetti di classe k
C

n,k
:=
__
n
k
__
=
_
n +k 1
k
_
Diamo due dimostrazioni:
Dimostrazione 1. Consideriamo una generica combinazione con ripetizione di classe k : indicati con
a
1
, a
2
, . . . , a
n
gli elementi e con m(a
1
), m(a
2
), . . . , m(a
n
) le rispettive molteplicit costruiamo una succes-
sione di n +k 1 numeri 1 e 0 (detta parola binaria di lunghezza n +k 1) come segue:
scriviamo m(a
1
) numeri 1 seguiti da uno 0
scriviamo m(a
2
) numeri 1 seguiti da uno 0

scriviamo m(a
n1
) numeri 1 seguiti da uno 0
scriviamo m(a
n
) numeri 1 senza aggiungere lo 0 nale
Dato che m(a
1
) +m(a
2
) + +m(a
n
) = k la successione cos costruita contiene k numeri 1 ed n1 numeri
0, quindi in totale formata da n +k 1 elementi.
Daltra parte una successione del tipo predetto (cio formata da k numeri 1 ed n 1 numeri 0) individua
univocamente una combinazione con ripetizione di classe k : i termini uguali a 0 dividono la successione
in n gruppi formati da numeri uguali ad 1, ed il numero di 1 che compaiono in ogni gruppo rappresenta la
molteplicit dellelemento corrispondente. Quindi esiste una corrispondenza biunivoca tra le combinazioni
con ripetizione di classe k e le successioni del tipo predetto. Pertanto, per contare quante sono le combina-
zioni con ripetizione, contiamo le successioni: a tal ne basta contare in quanti modi si possono posizionare
n 1 zeri in n + k 1 caselle vuote (le altre caselle verranno riempite con 1). Tale numero dato dal
coeciente binomiale
_
n +k 1
n 1
_
=
_
n +k 1
k
_
che, come noto, indica in quanti modi si possono scegliere n 1 elementi da un insieme di n + k 1
elementi.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
38 Capitolo 3
Dimostrazione 2. Senza perdita di generalit possiamo supporre che = {1, 2, . . . , n}. Sia A la famiglia
di tutti i k-multinsiemi di e sia B la famiglia di tutti i k-insiemi di = {1, 2, . . . , n +k 1}. Deniamo
unapplicazione f : A B nel modo seguente: ad ogni k-multinsieme S = {x
1
, x
2
, . . . , x
k
} di , con
1 x
1
x
2
x
k
n facciamo corrispondere:
f(S) = {x
1
, x
2
+ 1, x
3
+ 2, . . . , x
k
+k 1}
Osserviamo che
che gli elementi di f(S) sono distinti e quindi f(S) B;
la funzione f ovviamente iniettiva;
la funzione f suriettiva: per ogni T = {y
1
, y
2
, . . . , y
k
} B, posto
S = {y
1
, y
2
1, y
3
2, . . . , y
k
(k 1)}
si ha che f(S) = T.
Allora f una biezione da A verso B e quindi
__
n
k
__
= |A| = |B| = C
n+k1,k
=
_
n +k 1
k
_

Osservazione 3.6.1. Per far comprendere meglio la corrispondenza tra le combinazioni con ripetizioni e
le successioni binarie di lunghezza n+k 1 con n1 zeri facciamo un esempio concreto con n = 3 e k = 7.
Detti a, b, c gli elementi abbiamo, ad esempio:
alla combinazione aaabbcc associamo la parola binaria 111011011
alla combinazione aaacccc associamo la parola binaria 111001111
alla combinazione aaaaaaa associamo la parola binaria 111111100
alla parola binaria 110110111 associamo la combinazione aabbccc
alla parola binaria 001111111 associamo la combinazione ccccccc
alla parola binaria 111101011 associamo la combinazione aaaabcc
Esempio 3.6.2. Una pasticceria produce 5 tipi di paste a, b, c, d, e. In quanti modi diversi si pu
confezionare un vassoio con 7 di queste paste?
Soluzione. Ogni confezione di 7 paste pu essere pensata come una combinazione con ripetizione di classe
7 scelta da un insieme di 5 oggetti. Quindi si possono confezionare
__
5
7
__
=
_
5 + 7 1
7
_
=
_
11
7
_
=
_
11
4
_
= 330
vassoi diversi.
Esempio 3.6.3. Quanti sono i termini di un polinomio omogeneo completo di 6 grado nelle variabili a, b,
c, d?
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Combinazioni con ripetizione 39
Soluzione. I termini sono tanti quante le combinazioni con ripetizione di classe 6 che si possono formare
con le 4 lettere a, b, c, d, ossia:
__
4
6
__
=
_
4 + 6 1
6
_
=
_
9
6
_
=
_
9
3
_
= 84

Esempio 3.6.4. In quanti modi si possono collocare 10 palline indistinguibili in 4 scatole A, B, C, D? In


quanti modi se nessuna scatola deve rimanere vuota?
Soluzione. Le distribuzioni delle palline nelle 4 scatole sono in corrispondenza biunivoca con le combi-
nazioni con ripetizione di classe 10 di A, B, C, D come appare chiaro dal seguente esempio. Il numero
B
AAABCCDDDD
A B C D
Figura 3.4.
richiesto pertanto:
__
4
10
__
=
_
4 + 10 1
10
_
=
_
13
10
_
=
_
13
3
_
= 286
Se si vuole che nessuna scatola sia vuota basta porre preliminarmente una pallina in ciascuna scatola e
quindi collocare le altre 6 palline. Il numero cercato
__
4
6
__
=
_
4 + 6 1
6
_
=
_
9
6
_
=
_
9
3
_
= 84

Esempio 3.6.5. Un supermercato, in occasione delle festivit natalizie ha scontato 3 tipi di articoli X, Y ,
Z. Giovanni vuole approttare delloccasione e decide di acquistare 8 articoli. Quali sono i possibili modi
in cui pu eettuare gli acquisti?
Soluzione. I possibili acquisti sono tanti quante le combinazioni di classe 8 che si possono formare con i
tre oggetti X, Y , Z ossia :
__
3
8
__
=
_
3 + 8 1
8
_
=
_
10
8
_
= 45

Esempio 3.6.6. Quante sono le soluzioni dellequazione:


x
1
+x
2
+ +x
k
= n (1)
(a) con x
1
, x
2
, . . . , x
k
interi positivi
(b) con x
1
, x
2
, . . . , x
k
interi non negativi
Soluzione.
(a) Scriviamo n come somma di n addendi uguali ad 1 :
n = 1 + 1 + + 1
Per decomporre n nella somma di k addendi positivi suciente scegliere k 1 segni + e questo,
tenuto conto che vi sono n 1 segni +, pu essere fatto in
_
n1
k1
_
modi.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
40 Capitolo 3
(b) Posto x
i
= y
i
1 allora y
i
1 > 0 per ogni i e lequazione (1) si trasforma in :
y
1
+y
2
+ +y
k
= n +k (2)
Le soluzioni della (2) in interi positivi, in virt dellesempio precedente, sono complessivamente
_
n +k 1
k 1
_

Esempio 3.6.7. Determinare il numero di soluzioni dellequazione


6x
1
+x
2
+x
3
+x
4
= 20
con x
1
, x
2
, x
3
, x
4
interi non negativi.
Soluzione. Lincognita x
1
pu assumere i valori 0, 1, 2, 3. Abbiamo, pertanto, i seguenti casi:
se x
1
= 0 lequazione diventa x
2
+x
3
+x
4
= 20;
se x
1
= 1 lequazione diventa x
2
+x
3
+x
4
= 14;
se x
1
= 2 lequazione diventa x
2
+x
3
+x
4
= 8;
se x
1
= 3 lequazione diventa x
2
+x
3
+x
4
= 2;
Dallesempio precedente e dalla regola della somma ne segue che il numero di soluzioni dellequazione
assegnata dato da:
_
22
2
_
+
_
16
2
_
+
_
10
2
_
+
_
4
2
_
= 802

Esempio 3.6.8. Determinare il numero di terne (a, b, c) di interi non negativi soddisfacenti la disugua-
glianza:
a +b +c 2005
Soluzione. Le soluzioni della disuguaglianza richiesta sono in coorispondenza biunivoca con le soluzioni
(in interi non negativi) dellequazione:
a +b +c +d = 2005
e, pertanto, dato da
_
2005 + 4 1
4 1
_
=
_
2008
3
_
= 1347382056

Esempio 3.6.9. Determinare il numero di soluzioni dellequazione


(x
1
+x
2
+x
3
)(y
1
+y
2
+y
3
+y
4
) = 55
con x
1
, x
2
, x
3
e y
1
, y
2
, y
3
, y
4
interi positivi.
Soluzione. I vincoli imposti alle variabili x
i
ed y
j
implicano che le soluzioni dellequazione assegnata
vericano uno dei seguenti casi:
x
1
+x
2
+x
3
= 5 , y
1
+y
2
+y
3
+y
4
= 11
x
1
+x
2
+x
3
= 11 , y
1
+y
2
+y
3
+y
4
= 5
Applicando il PFC e la regola della somma abbiamo che il numero di soluzioni
_
5 1
3 1
__
11 1
4 1
_
+
_
11 1
3 1
__
5 1
4 1
_
=
_
4
2
__
10
3
_
+
_
10
2
__
4
3
_
= 900

E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12


Coecienti multinomiali 41
3.7 Coecienti multinomiali
Dati due numeri x
1
, x
2
ed un numero naturale n dalla formula di Newton sappiamo che
(x
1
+x
2
)
n
=
n

k=0
_
n
k
_
x
k
1
x
nk
2
Ora, generalizzando la formula precedente, vogliamo determinare i coecienti della potenza:
(x
1
+x
2
+ +x
k
)
n
dove k, n N e k 2. A tal ne introduciamo dei nuovi numeri, che possono essere considerati unestensione
dei coecienti binomiali.
Denizione 3.7.1. Dati n oggetti distinti e k numeri interi non negativi n
1
, n
2
, . . . , n
k
tali che n
1
+n
2
+
+n
k
= n chiamiamo coeciente multinomiale il numero
_
n
n
1
, n
2
, . . . , n
k
_
che denota il numero di modi di distribuire gli n oggetti in k scatole in modo che n
1
di essi siano nella
scatola 1, n
2
siano nella scatola 2, . . . , n
k
siano nella scatola k.
Teorema 3.7.1. Dati degli interi non negativi n, k, n
1
, n
2
, . . . , n
k
tali che n
1
+ n
2
+ + n
k
= n e k 1
abbiamo:
_
n
n
1
, n
2
, . . . , n
k
_
=
n!
n
1
!n
2
! n
k
!
Dimostrazione. Dati n oggetti distinti vi sono

_
n
n
1
_
modi di scegliere n
1
oggetti e metterli nella scatola 1;

_
nn
1
n
2
_
modi di scegliere n
2
oggetti dai rimanenti e metterli nella scatola 2;

.
.
.

_
n(n
1
++n
k2
)
n
k1
_
modi di scegliere n
k1
oggetti dai rimanenti e metterli nella scatola k 1;

_
n(n
1
++n
k1
)
n
k
_
modi di scegliere n
k
oggetti dai rimanenti e metterli nella scatola k;
Allora, dal PFC, abbiamo che:
_
n
n
1
, n
2
, . . . , n
k
_
=
_
n
n
1
__
n n
1
n
2
_

_
n (n
1
+ +n
k1
)
n
k
_
=
=
n!
n
1
!(n n
1
)!

(n n
1
)!
n
2
!(n n
1
n
2
)!

(n n
1
n
2
n
k1
)!
n
k
!(n n
1
n
2
n
k
)!
=
=
n!
n
1
!n
2
! n
k
!

Osservazione 3.7.1. I coecienti multinomiali generalizzano i coecienti binomiali in quanto per k = 2


risulta:
_
n
n
1
, n
2
_
=
_
n
n
1
_
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
42 Capitolo 3
Osservazione 3.7.2. I coecienti multinomiali consentono di generalizzare il teorema binomiale grazie al
seguente teorema formulato da G.W. Leibnitz (16461716) e successivamente dimostrato da J. Bernoulli
(16671748).
Teorema 3.7.2 (Teorema multinomiale Formula di Leibnitz). Dati degli interi non negativi n, k,
n
1
, n
2
, . . . , n
k
tali che n
1
+n
2
+ +n
k
= n e k 1 abbiamo:
(x
1
+x
2
+ +x
k
)
n
=

n
1
+n
2
++n
k
=n
_
n
n
1
, n
2
, . . . , n
k
_
x
n
1
1
x
n
2
2
x
n
k
k
dove la sommatoria estesa a tutte le sequenze (n
1
, n
2
, . . . , n
k
) di interi non negativi tali che

k
i
1
n
i
= n.
Dimostrazione. Sviluppando il prodotto
(x
1
+x
2
+ +x
k
)
n
= (x
1
+x
2
+ +x
k
) (x
1
+x
2
+ +x
k
)
. .
n
scegliamo, per ognuno degli n fattori, un simbolo x
i
da {x
1
, x
2
, , x
k
} e li moltiplichiamo fra loro. Allora
ogni termine dello sviluppo della forma
x
n
1
1
x
n
2
2
x
n
k
k
(*)
per opportuni interi non negativi n
1
, n
2
, , n
k
con

k
i
1
n
i
= n. Il numero di modi in cui possiamo ottenere
il termine () coincide con il numero di modi in cui possiamo scegliere n
1
fattori da cui prendere x
1
(poniamo
n
1
degli n fattori nella scatola 1), quindi sceglire n
2
fattori da cui prendere x
2
(poniamo n
2
degli n fattori
nella scatola 2), . . . , quindi scegliere n
k
fattori da cui prendere x
k
(poniamo n
k
degli n fattori nella scatola
k). Il coeciente di (), pertanto, risulta uguale al numero di modi di distribuire n oggetti distinti in k
scatole distinte in modo che n
i
oggetti siano messi nella scatola i per ogni i = 1, 2, . . . , k, dove

k
i
1
n
i
= n.
Il teorema risulta cos dimostrato.
3.8 Funzioni tra insiemi niti
Se A e B sono due insiemi niti sussistono i seguenti teoremi
Teorema 3.8.1. Dati due insiemi niti A e B
(a) se f : A B iniettiva allora |A| |B|;
(b) se f : A B suriettiva allora |A| |B|;
(c) se f : A B biettiva allora |A| = |B|.
Dimostrazione. Ovvia.
Teorema 3.8.2. Siano A e B due insiemi niti con |A| = k e |B| = n.
(a) le corrispondenze tra A e B sono: |C(A, B)| = 2
nk
(b) le relazioni su A sono: |R(A)| = 2
k
2
(c) le funzioni f : A B sono: |F(A, B)| = n
k
(d) le funzioni iniettive f : A B sono:
|I (A, B)| =
_
(n)
k
, se k n
0 , se k > n
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Funzioni tra insiemi niti 43
(e) le funzioni suiettive f : A B sono:
|S (A, B)| =
_

_
n

i=1
(1)
ni
_
n
i
_
i
k
, se k n
0 , se k < n
(f ) le funzioni biettive f : A B sono:
|B (A, B)| =
_
n! , se k = n
0 , se k = n
Dimostrazione. (a) basta osservare che |AB| = n k
(b) basta osservare che |AA| = k
2
(c) Sia A = {a
1
, a
2
, . . . , a
k
}. La tesi discende dal PFC non appena si osserva che limmagine di a
1
pu
essere scelta in n modi, limmagine di a
2
pu essere scelta in n modi, e cos via.
(d) Se k > n la tesi e banale. Se k n sia A = {a
1
, a
2
, . . . , a
k
}: la tesi discende dal PFC non appena si
osserva che limmagine di a
1
pu essere scelta in n modi, limmagine di a
2
pu essere scelta in n 1
modi, . . . , limmagine di a
k
pu essere scelta in n k + 1 modi.
(e) Se k < n la tesi e banale. Se k n siano A = {a
1
, a
2
, . . . , a
k
}, B = {b
1
, b
2
, . . . , b
n
} e, per ogni
i {1, 2, . . . , n} indichiamo con A
i
linsieme delle funzioni che mandano gli elementi di A in elementi
di B diversi da b
i
, ossia:
A
i
= {f : A B | b
i
/ Im(f)}
Utilizzando il principio di inclusioneescusione otteniamo che il numero di funzioni non suiettive da
A in B :
|A
1
A
2
A
n
| =
n

i=1
|A
i
|

i<j
|A
i
A
j
| + + (1)
n+1
|A
1
A
2
A
n
| =
=
_
n
1
_
(n 1)
k

_
n
2
_
(n 2)
k
+ + (1)
n
_
n
n 1
_
1
k
=
=
_
n
n 1
_
(n 1)
k

_
n
n 2
_
(n 2)
k
+ + (1)
n
_
n
1
_
1
k
Per ottenere il numero delle funzioni suiettive basta sottrarre questo numero dal numero di tutte le
funzioni da A in B:
|S (A, B)| = n
k
|A
1
A
2
A
n
| =
= n
k

__
n
n 1
_
(n 1)
k

_
n
n 2
_
(n 2)
k
+ + (1)
n
_
n
1
_
1
k
_
=
=
_
n
n
_
n
k

_
n
n 1
_
(n 1)
k
+
_
n
n 2
_
(n 2)
k
+ + (1)
n1
_
n
1
_
1
k
=
=
n

i=1
(1)
ni
_
n
i
_
i
k
(f) Se k = n la tesi e banale. Se k = n sia A = {a
1
, a
2
, . . . , a
k
}: la tesi discende dal PFC non appena si
osserva che limmagine di a
1
pu essere scelta in n modi, limmagine di a
2
pu essere scelta in n 1
modi, . . . , limmagine di a
k
pu essere scelta in un solo modo.

E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12


Capitolo 4
Successioni e relazioni ricorsive
4.1 Successioni numeriche
Si dice successione una funzione f : N R. Il numero reale che la funzione f associa al numero naturale n,
oltre che con la notazione standard f(n), si indica con a
n
ed chiamato ln-esimo termine della successione.
Una successione pu essere determinata in due modi:
mediante una formula esplicita (formula chiusa) che consenta, dato n, di determinare il termine a
n
.
Ad esempio a
n
= 2n + 1.
mediante una formula ricorsiva, dando alcuni termini ed una relazione che lega il termine generico
ad alcuni termini precedenti.
Molti problemi di carattere algebrico o combinatorio possono essere arontati con successo con metodi
ricorsivi, come viene illustrato negli esempi che seguono.
0 Progressioni aritmetiche a
1
, a
1
+d, a
1
+2d, a
1
+3d, . . . . La relazione di ricorrenza a
n
= a
n1
+d.
Vi sono formule chiuse per il termine generico
a
n
= a
1
+ (n 1)d
e per la somma dei primi n termini
s
n
=
a
1
+a
n
2
n
Il numero d chiamato ragione della progressione aritmetica (P.A.).
O Progressioni geometriche a
1
, qa
1
, q
2
a
1
, q
3
a
1
, . . . . La relazione di ricorrenza a
n
= qa
n1
. Vi sono
formule chiuse per il termine generico
a
n
= a
1
q
n1
e per la somma dei primi n termini
s
n
= a
1
q
n
1
q 1
Il numero q chiamato ragione della progressione geometrica (P.G.).
O I numeri di Fibonacci f
n
sono deniti mediante la relazione di ricorrenza
f
1
= 1, f
2
= 1
f
n
= f
n1
+f
n2
, n 3
I termini iniziali della successione sono 1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144, . . . .
44
Successioni numeriche 45
O Lato di un poligono regolare di 3 2
n
lati inscritto in una circonferenza di raggio 1.
O
P
H
P
A
Figura 4.1.
Illustriamo brevemente il procedimento utilizzato da Archimede per il calcolo di
n
. Indicata con a
n
la lunghezza del segmento PH (Fig.4.1) ed applicando il teorema di Pitagora ai triangoli OPH e
PHA si ha
n
= 2a
n
, OH
2
= 1 a
2
n
e

n+1
= PA =
_
PH
2
+HA
2
=
_
a
2
n
+
_
1
_
1 a
2
n
_
2
=
=
_
2 2
_
1 a
2
n
=
_
2
_
4 4a
2
n
=
_
2
_
4 (
n
)
2
Tenendo presente che
1
, lato dellesagono regolare, vale 1 si ottiene la seguente formula ricorsiva:

1
= 1

n+1
=
_
2
_
4 (
n
)
2
, n 2
O Contare le parole di n lettere, scritte usando un alfabeto di due sole lettere {a, b}, che non contengono
due b consecutive. Detto P
n
linsieme delle parole di n lettere non contenenti due b consecutive e
considerata una parola w P
n
si possono presentare due casi:
se la parola termina con la lettera a, allora le prime n 1 lettere formano una parola di P
n1
;
se la parola termina con la lettera b, allora la penultima lettera devessere una a e, per quanto
sopra osservato, le prime n 2 lettere formano una qualsiasi parola di P
n2
Pertanto, posto a
n
= |P
n1
|, vale la seguente formula ricorsiva
a
1
= 2 , a
2
= 3
a
n
= a
n1
+a
n2
, n 3
O Il numero di modi in cui si pu ricoprire perfettamente una scacchiera 2 n con dei domini 2 1
dato dal numero di Fibonacci f
n+1
.
Dimostrazione. Sia h
n
il numero di modi di ricoprire perfettamente una scacchiera 2 n con dei
domini 2 1. Poniamo per convenzione h
0
= 1. Chiaramente h
1
= 1 e h
2
= 2. Ragioniamo per
induzione: ssato n > 2, assumiamo che la propriet sia vera per una scacchiera 2 k con k < n.
Suddividiamo linsieme di tutti i ricoprimenti perfetti di una scacchiera 2 n in due insiemi A e B.
Linsieme A sia formato da tutti i ricoprimenti che hanno un domino verticale sullultima colonna a
sinistra della scacchiera. Per ipotesi induttiva, esistono ricoprimenti in A. Linsieme B sia formato da
quei ricoprimenti che hanno due domini orizzontali sulle due ultime colonne a sinistra della scacchiera.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
46 Capitolo 4
Per ipotesi induttiva, vi sono h
n1
= f
n
ricoprimenti in B. Allora il numero totale di ricoprimenti
della scacchiera 2 n dato da
h
n
= h
n1
+h
n2
= f
n
+f
n1
= f
n+1

4.2 Relazioni di ricorrenza lineari


In molte situazioni, come negli ultimi due esempi esaminati, si ha a che fare con una successione di numeri
a
0
, a
1
, a
2
, . . . soddisfacenti una relazione di ricorrenza lineare di ordine k. Ci signica che ln-esimo termine
della successione combinazione lineare dei precedenti k termini:
a
n
= c
1
a
n1
+c
2
a
n2
+ +c
k
a
nk
+b
n
, n > k 1
dove c
1
, c
2
, . . . , c
k
sono costanti e c
k
= 0 altrimenti la relazione sarebbe di ordine inferiore. Se b
n
= 0, la
relazione detta omogenea. I numeri di Fibonacci soddisfano la relazione di ricorrenza lineare di ordine
due
f
n
= f
n1
+f
n2
Esiste un procedimento generale per risolvere una relazione lineare omogenea di ordine k con coecienti
costanti. Tale procedimento fornisce la soluzione generale in funzione di k parametri che a loro volta possono
essere determinati se si conoscono i valori iniziali a
0
, a
1
, . . . , a
k1
.
Teorema 4.2.1. Se q un numero reale diverso da zero, allora a
n
= q
n
una soluzione della relazione di
ricorrenza lineare omogenea di ordine k
a
n
= c
1
a
n1
+c
2
a
n2
+ +c
k
a
nk
+b
n
(4.1)
se e solo se q una radice dellequazione caratteristica:
x
k
c
1
x
k1
c
2
x
k2
c
k1
x c
k
= 0 (4.2)
Se questo polinomio ha k radici reali distinte q
1
, q
2
, . . . , q
k
, allora
a
n
=
1
q
n
1
+
2
q
n
2
+ +
k
q
n
k
(4.3)
al variare dei parametri
1
,
2
, . . . ,
k
rappresenta la soluzione generale della (4.1). Dati i valori iniziali
a
0
, a
1
, . . . , a
k1
della successione, esistono delle costanti
1
,
2
, . . . ,
k
tali che (4.3) lunica soluzione
soddisfacente sia la relazione di ricorrenza che i valori iniziali.
Dimostrazione. Chiaramente a
n
= q
n
una soluzione se e solo se
q
n
c
1
q
n1
c
2
q
n2
c
k
q
nk
= 0
Poich q = 0 , possiamo dividere questequazione per q
nk
. Ci prova che a
n
= q
n
soluzione se e solo se
q una radice dellequazione caratteristica. Le radici di questequazione possono essere complesse e, anche
se sono tutte reali possono non essere distinte. Per il resto della dimostrazione supponiamo che lequazione
caratteristica abbia k radici distinte q
1
, q
2
, . . . , q
k
. Poich la relazione di ricorrenza omogenea e lineare,
per ogni scelta delle costanti
1
,
2
, . . . ,
k
la combinazione lineare (4.3) sar anchessa una soluzione. Dati
i valori iniziali a
0
, a
1
, . . . , a
k1
della successione, la formula (4.3) da un sistema di k equazioni lineari nelle
incognite
1
,
2
, . . . ,
k
. Resta da provare che questo sistema ha ununica soluzione
1
,
2
, . . . ,
k
. Esiste
un teorema di algebra lineare (che noi non proviamo!) che asserisce che siatto sistema ammette ununica
soluzione se le radici q
1
, q
2
, . . . , q
k
sono distinte. Questo completa la dimostrazione.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Relazioni di ricorrenza lineari 47
Non tutte le relazioni di ricorrenza lineari omogenee possono essere risolte con il metodo illustrato nel
teorema precedente in quanto lequazione caratteristica pu avere radici multiple, come nel seguente esempio
Esempio 4.2.1. Risolvere la relazione di ricorrenza
h
0
= 1, h
1
= 4
h
n
= 4h
n1
4h
n2
, n > 1
Soluzione. I primi termini di questa successione sono: 1, 4, 12, 32, 80, 192, 448, 1024, . . . . Lequazione
caratteristica :
x
2
4x + 4 = (x 2)
2
= 0
ed ammette la radice doppia q = 2. Ci signica che h
n
= 2
n
una soluzione della ricorrenza h
n
=
4h
n1
4h
n2
, ma per ottenere la soluzione generale necessario trovare una seconda soluzione. E facile
vericare che h
n
= n2
n
unaltra soluzione in quanto :
h
n
4h
n1
4h
n2
= n 2
n
4
_
(n 1) 2
n1
(n 2) 2
n2

=
= 2
n2
_
n 2
2
4 (n 1) 2 (n 2)

=
= 2
n2
[4n 4 (2n 2 n + 2)] = 2
n2
[4n 4n] = 0
Pertanto la soluzione generale data da
h
n
=
1
2
n
+
2
n2
n
= 2
n
(
1
+
2
n)
Dalle condizioni iniziali si trova che
1
=
2
= 1 e quindi la soluzione h
n
= 2
n
(n + 1).
Pi in generale se q una radice dellequazione caratteristica di molteplicit s, allora la parte della soluzione
generale della relazione di ricorrenza che corrisponde a tale radice
q
n
_

1
+
2
n +
3
n
2
+ +
s
n
s1
_
come viene precisato nel seguente
Teorema 4.2.2. Se q
1
, q
2
, . . . , q
t
sono le radici distinte dellequazione caratteristica della relazione di
ricorrenza
a
n
= c
1
a
n1
+c
2
a
n2
+ +c
k
a
nk
+b
n
ed hanno rispettive molteplicit e
1
, e
2
, . . . , e
t
allora la parte della soluzione corrispondente a q
i
data da
A
i
(n) =
_
k
1
+k
2
n + +k
e
i
n
e
i
1
_
q
n
i
e la soluzione generale :
a
n
= A
1
(n) +A
2
(n) + +A
t
(n)
Corollario 4.2.1. Data una relazione di ricorrenza lineare di ordine due a
n
= pa
n1
+qa
n2
con p, q R
e dette , le radici dellequazione caratteristica ad essa associata
x
2
px q = 0
per trovare la soluzione generale della ricorrenza possiamo distinguere tre casi:
se , R con = la soluzione generale a
n
=
1

n
+
2

n
con
1
,
2
R.
se , R con = la soluzione generale a
n
= (
1
n +
2
)
n
con
1
,
2
R.
se , C, posto = +i e = i la soluzione generale data da:
a
n
=
1

n
+
2

n
=
1
( +i)
n
+
2
( i)
n
=
1

n
cos(n) +
2

n
sen(n)
dove =

2
+
2
, = arctan

e
1
,
2
sono due parametri che possono essere determinati
mediante le condizioni iniziali.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
48 Capitolo 4
Esempio 4.2.2. I numeri di Fibonacci si possono calcolare mediante la formula di Binet
f
n
=
1

5
__
1 +

5
2
_
n

_
1

5
2
_
n
_
Dimostrazione. Lequazione caratteristica associata alla ricorrenza f
n
= f
n1
+f
n2

x
2
x 1 = 0
ed ha come soluzioni i numeri
1

5
2
. La soluzione generale della ricorrenza pertanto
f
n
=
1
_
1

5
2
_
n
+
2
_
1 +

5
2
_
n
Dalle condizioni iniziali f
1
= 1, f
2
= 1 si ottiene il sistema
_

_
_
1

5
2
_

1
+
_
1 +

5
2
_

2
= 1
_
1

5
2
_
2

1
+
_
1 +

5
2
_
2

2
= 1
Con facili calcoli si trova che la soluzione del sistema
1
=
1

5
,
2
=
1

5
e questo completa la
dimostrazione.
Esempio 4.2.3. I numeri di Lucas L
n
sono deniti mediante la ricorrenza L
n
= L
n1
+ L
n2
(proprio
come i numeri di Fibonacci ) con valori iniziali L
0
= 2 e L
1
= 1. I primi 12 termini di questa successione
sono 2, 1, 3, 4, 7, 11, 18, 29, . . . . Come per i numeri di Fibonacci la soluzione generale
L
n
=
1
_
1

5
2
_
n
+
2
_
1 +

5
2
_
n
Dalle condizioni iniziali L
0
= 2, L
1
= 1 si ottiene il sistema
_

1
+
2
= 1
_
1

5
2
_

1
+
_
1 +

5
2
_

2
= 1
Con facili calcoli si trova che la soluzione del sistema
1
= 1,
2
= 1 e quindi la formula chiusa per i
numeri di Lucas :
L
n
=
__
1 +

5
2
_
n
+
_
1

5
2
_
n
_
Esempio 4.2.4. Risolvere la relazione di ricorrenza h
n
= 2h
n1
+ 3h
n2
con h
0
= 2, h
1
= 1.
Soluzione. Lequazione caratteristica x
2
+2x3 = 0, che ha radici q
1
= 1 e q
2
= 3. Allora la soluzione
generale della relazione di ricorrenza :
h
n
=
1
+
2
(3)
n
Dai valori iniziali si ha il sistema :
_

1
+
2
= 2

1
3
2
= 1
=
_

1
=
7
4

2
=
1
4
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Relazioni di ricorrenza lineari 49
e quindi la soluzione della ricorrenza :
h
n
=
7
4
+
1
4
(3)
n
=
7 + (3)
n
4

Esempio 4.2.5. Risolvere la relazione di ricorrenza


h
0
= 1, h
1
= 1, h
2
= 2
h
n
= h
n1
+ 8h
n2
12h
n3
, n > 2
Soluzione. Lequazione caratteristica x
3
x
2
8x + 12 = (x 2)
2
(x + 3) = 0. La soluzione generale
h
n
= a 2
n
+b n2
n
+c (3)
n
Dalle condizioni iniziali si ottiene il sistema
_

_
a +c = 0
2a + 2b 3c = 1
4a + 8b + 9c = 2
=
_

_
a =
2
25
b =
3
10
c =
2
25
La soluzione della relazione di ricorrenza pertanto:
h
n
=
2
25
2
n
+
3
10
n2
n

2
25
(3)
n

Passiamo ora ad esaminare come si risolve unequazione non omogenea.


Esempio 4.2.6 (Problema delle Torri di Hanoi). Ci sono tre pioli ed n dischi circolari di grandezza
crescente inseriti su uno dei pioli con il disco pi grande in basso. Questi dischi devono essere spostati
uno alla volta su un altro dei pioli, ma non permesso mettere un disco di diametro maggiore su uno di
diametro pi piccolo. Qual il minimo numero di mosse necessarie per il trasferimento?
Soluzione. Sia h
n
il numero di mosse necessarie per spostare n dischi. Chiaramente h
0
= 0, h
1
= 1,
h
3
= 3. Per trasferire gli n dischi su un altro piolo, si devono spostare dapprima n 1 dischi sul terzo
piolo, quindi si sposta il disco pi grande sul piolo libero ed inne si trasferiscono gli n 1 dischi sul disco
maggiore. Per il ragionamento fatto i numeri h
n
soddisfano la relazione di ricorrenza (non lineare):
h
n
= 2h
n1
+ 1
che dobbiamo risolvere con le condizioni iniziali h
0
= 0, h
1
= 1. Per far ci si noti che
h
n
= 2h
n1
+ 1 = 2 (2h
n2
+ 1) + 1 = 2
2
h
n2
+ 2 + 1 =
= 2
2
(2h
n3
+ 1) + 2 + 1 = 2
3
h
n3
+ 2
2
+ 2 + 1
e cos via, per cui essendo h
1
= 1 otteniamo inne
h
n
= 2
n1
h
1
+ 2
n2
+ 2
n3
+ + 2
2
+ 2 + 1 =
= 2
n1
+ 2
n2
+ 2
n3
+ + 2
2
+ 2 + 1
Dalla la formula sulla somma dei termini di una progressione geometrica si ottiene
h
n
=
2
n
1
2 1
= 2
n
1
Ora in questa soluzione, h
n
= 2
n
1, possiamo individuare due parti:
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
50 Capitolo 4
g
n
= 2
n
una soluzione generale della relazione omogenea h
n
= 2h
n1
;
p
n
= 1 una soluzione particolare della relazione non omogenea h
n
= 2h
n1
+ 1

Il risultato di questo esempio del tutto generale in quanto si pu dimostrare che la soluzione generale
di un problema non omogeneo la somma della soluzione generale del corrispondente problema omogeneo
(per il quale esiste un ben preciso procedimento risolutivo) e una soluzione particolare del problema non
omogeneo (per il quale possibile che si sappia o non si sappia trovare una soluzione). In combinatoria ,
noi non ci aspettiamo di vedere logaritmi naturali, funzioni trigonometriche, o altre funzioni esotiche nelle
nostre relazioni di ricorrenza. Usualmente nelle relazioni di ricorrenza che si incontrano pi frequentemente
nella pratica, del tipo
a
n
= c
1
a
n1
+c
2
a
n2
+ +c
k
a
nk
+b
n
si presenta una delle seguenti situazioni:
b
n
= una costante, nel qual caso p
n
= una costante;
b
n
= un polinomio nella variabile n, nel qual caso p
n
= polinomio dello stesso grado;
b
n
= un esponenziale della forma a
n
, nel qual caso p
n
= p a
n
.
Esempio 4.2.7. Risolvere h
n
= h
n1
+ 3
n
con la condizione iniziale h
0
= 2.
Soluzione. Lequazione caratteristica dellequazione omogenea associata x2 = 0, che ammette la radice
q = 2. Allora h
n
= c 2
n
la soluzione generale della relazione omogenea h
n
= 2h
n1
. Ricerchiamo una
soluzione particolare dellequazione non omogenea della forma h
n
= p 3
n
. Sostituendo p 3
n
nellequazione
data deve aversi
p 3
n
= 2 p 3
n1
+ 3
n
ossia 3p = 2p +3. Quindi p = 3 e h
n
= p 3
n
= 3
n+1
la soluzione particolare. Allora la soluzione generale
della relazione di ricorrenza
h
n
= c 2
n
+ 3
n+1
Dalla condizione iniziale si ottiene 2 = c 2
0
+ 3
1
= c + 3 per cui c = 1 e quindi :
h
n
= 2
n
+ 3
n+1

Esercizi
Esercizio 4.2.1. In quante regioni, al massimo, si pu
dividere il piano con n rette?
Esercizio 4.2.2. Qual il massimo numero di pezzi in cui
pu esser divisa una torta mediante n tagli piani, ognuno
dei quali interseca tutti gli altri?
Esercizio 4.2.3. In quante parti si pu dividere il piano
mediante cerchi della stessa dimensione intersecantisi?
Esercizio 4.2.4. Avendo a disposizione una quantit illi-
mitata di stuzzicadenti di n colori diversi quanti triangoli
dierenti possono esser formati su una supercie piana
usando tre stuzzicadenti per i tre lati di ogni triangolo?
E quanti quadrati?
Esercizio 4.2.5. Quanti tetraedri dierenti possono es-
ser prodotti colorando ogni faccia a colore pieno con n
colori diversi? (Due tetraedri sono identici se possono es-
ser rigirati e collocati uno di anco allaltro in modo che
facce corrispondenti siano dello stesso colore)
Esercizio 4.2.6. Risolvere la relazione di ricorrenza
a
0
= 1, a
1
= 2, a
2
= 0
a
n
= 2a
n1
+a
n2
2a
n3
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Relazioni di ricorrenza lineari 51
Esercizio 4.2.7. Risolvere la relazione di ricorrenza
a
0
= 1, a
1
= 0, a
2
= 1, a
3
= 2
a
n
= a
n1
+ 3a
n2
+ 5a
n3
+ 2a
n4
Esercizio 4.2.8. Risolvere la relazione di ricorrenza
a
0
= 3
a
n
+ 2a
n1
= n + 3
Esercizio 4.2.9. Una successione denita mediante la
ricorrenza
a
0
= 2
a
n+1
=
1 +a
n
2
, n 0
Trova una formula chiusa per a
n
ed una per

n
i=0
a
i
.
Esercizio 4.2.10. Esprimere con una formula chiusa il
termine n-esimo della successione denita mediante la
ricorrenza :
a
0
= 1
a
n+1
=
a
n
1 +na
n
, n 0
Esercizio 4.2.11. Una successione denita mediante
la ricorrenza
a
0
= 3
a
n+1
=
a
n
1 +a
n
, n 0
Trova una formula chiusa per a
n
ed una per

n
i=0
1
a
i
.
Esercizio 4.2.12. Risolvere la relazione di ricorrenza
a
0
= 0
a
n+1
2a
n
= F
n
, n 0
avendo indicato con F
n
la successione di Fibonacci.
Esercizio 4.2.13. Sia {a
n
} una successione tale che
a
1
= a
2
= a
3
= 1 e a
n+4
= 3a
n+2
2a
n
, n 1.
Dimostrare che a
n
= 1 se e solo se n dispari o n = 2.
Esercizio 4.2.14. Sia {a
n
} tale che a
n+2
= a
n+1

a
n
, n 1. Sapendo che a
38
= 7, a
55
= 3 trovare a
1
.
Esercizio 4.2.15. Sia data la successione
x
0
= 0, x
1
= 1
x
n+2
= 3x
n+1
2x
n
, n 1
e sia y
n
= x
2
n
+ 2
n+2
. Dimostra che y
n
il quadrato di
un intero dispari per ogni n 0.
Esercizio 4.2.16. La successione {a
n
} denita
ricorsivamente da
a
0
= 1 , a
1
= 2
a
n
=
a
2
n1
+ 1
a
n2
Dimostra che tutti i termini della successione sono numeri
interi.
Esercizio 4.2.17. Uno studente lancia una moneta rego-
lare e ottiene 1 punto per ogni testa e 2 punti per ogni cro-
ce. Dimostra che la probabilit che lo studente totalizzi
n punti nel corso di una serie di n lanci
1
3
_
2 +
_

1
2
n
__
.
Esercizio 4.2.18. Delle parole di lunghezza n, scritte
usando lalfabeto {a, b, c}, devono essere trasmesse attra-
verso un canale di comunicazione rispettando la condi-
zione che non vi sia alcuna parola contenente due lette-
re a consecutivamente. Determinare il numero di parole
permesse nel canale di comunicazione.
Esercizio 4.2.19. Dire quante sono le parole di lunghez-
za n, scritte utilizzando le lettere a, b, c e vericanti le
due condizioni:
le parole devono iniziare e terminare con la lettera
a;
le parole non devono contenere lettere adiacenti
uguali.
Esercizio 4.2.20. Uno studente attraversa una stanza
che contiene una la di lucchetti chiusi, numerati da 1 a
1024. Egli apre il lucchetto numero 1 e poi alternativa-
mente non apre o apre ogni lucchetto chiuso che incontra.
Quando raggiunge la ne della stanza lo studente torna
indietro i direzione contraria. Egli apre il primo lucchetto
che trova chiuso e poi alternativamente non apre o apre
ogni lucchetto chiuso che incontra. Egli continua in que-
sto modo nch apre tutti i lucchetti. Qual il numero
dellultimo lucchetto che viene aperto?
Esercizio 4.2.21. In quanti modi una scacchiera 2 n
pu essere ricoperta con mattonelle 2 1 o 2 2?
Esercizio 4.2.22. In quanti modi una scacchiera 2 n
pu essere ricoperta con quadrati 1 1 ed L-tromini?
Esercizio 4.2.23. In quanti modi una scacchiera 2 n
pu essere ricoperta con quadrati 1 1 ed L-tromini?
Esercizio 4.2.24. In quanti modi una scacchiera 3 n
pu essere ricoperta con mattonelle 2 1?
Esercizio 4.2.25. In quanti modi una scacchiera 4 n
pu essere ricoperta con mattonelle 3 1?
Esercizio 4.2.26. In quanti modi una scacchiera 2 n
pu essere ricoperta con mattonelle 1 1 o 2 1?
Esercizio 4.2.27. In quanti modi una scacchiera 4 n
pu essere ricoperta con mattonelle 2 1?
Esercizio 4.2.28. Dimostra che i numeri 1, 2, . . . , 100
non possono appartenere a 12 progressioni geometriche.
Esercizio 4.2.29. Siano {x
n
} ed {y
n
} due successioni
denite per ricorrenza nel modo seguente:
x
0
= 1, x
1
= 1, x
n+1
= x
n
+ 2x
n1
, n 1
y
0
= 1, y
1
= 7, y
n+1
= 2y
n
+ 3y
n1
, n 1
Prova che, eccettuato 1, le due successioni non hanno al-
tri elementi in comune. (USA Mathematical Olympiad
1973)
Esercizio 4.2.30. In una gara sportiva, m medaglie de-
vono essere assegnate in n giorni consecutivi (n > 1). Il
primo giorno assegnata una medaglia e
1
7
delle rimanen-
ti m 1 medaglie. Il secondo giorno sono assegnate due
medaglie e
1
7
delle rimanenti; e cos via. Ln-esimo giorno
sono assegnate le rimanenti n medaglie. Quanti giorni du-
ra la gara e quante medaglie vengono complessivamente
assegnate? (International Mathematical Olympiad 1967)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Capitolo 5
Problemi di ricapitolazione
5.1 Problemi di livello base
1. Quanti sono i numeri naturali, compresi tra 100 e 800, che hanno la prima cifra pari e la seconda
dispari?
2. Dire quanti numeri pari, maggiori di 30000 e minori di 90000, si possono formare con le cifre 1, 2, 4,
5, 6, 7, 9. Quanti sono i numeri del tipo predetto aventi tutte le cifre distinte?
3. Dire quanti numeri dispari di 5 cifre minori di 70000 si possono formare con le cifre 1, 2, 3, 4, 6, 8, 9.
Quanti sono i numeri di tipo predetto aventi tutte le cifre distinte.
4. Qual il coeciente del termine di grado 32 del polinomio che si ottiene sviluppando
_
x
5
+ 3x
2
_
10
.
5. Disposti in ordine crescente i numeri interi di 5 cifre ottenuti permutando le cifre di 13579, dire quale
posto occupa il numero 73591.
6. Ad un concorso per 4 posti partecipano 15 concorrenti. Quante sono le possibili graduatorie dei 4
vincitori.
7. Un consiglio di amministrazione composto di 7 persone deve nominare, tra i suoi membri, un Presi-
dente, un Segretario e un Tesoriere. Quante sono le possibili scelte?
8. Quanti quadrilateri si possono formare con 7 punti di un piano di cui mai 3 allineati.
9. Assegnati in un piano 15 punti, di cui mai 3 allineati, quante rette si possono tracciare congiungendo
i punti a due a due.
10. In quanti punti si incontrano 10 rette di un piano tali che fra esse non vi siano coppie di rette parallele,
n terne di rette concorrenti.
11. In quanti modi diversi 3 diciottenni, 4 ventenni e 5 venticinquenni possono occupare una la di 12
posti, supposto che i ragazzi della stessa et vogliano occupare posti consecutivi.
12. Quante cifre occorrono per scrivere tutti i numeri compresi tra 1 e 2004.
13. Unurna contiene 12 palline bianche e 4 nere. In quanti modi possono essere state estratte dallurna
4 palline nellipotesi che esse siano 2 bianche e 2 nere.
14. Quanti sono i numeri tra 1 e 800 divisibili per 4, per 6 o per 9?
15. In un parcheggio vi sono 32 posti macchina. Supposto che in esso parcheggino a caso 28 macchine,
dire in quanti modi possono restare liberi gli altri 4 posti.
16. Quanti sono i numeri di sei cifre con 3 cifre pari e 3 cifre dispari.
52
Problemi di livello base 53
17. Risolvere le equazioni:
3
_
x 2
2
_
+
_
x + 1
3
_
= 4
_
x
4
_

7
6
_
x 2
2
_
5
_
x + 4
x 1
_
+
_
x + 3
4
_
= 20
_
x + 2
x 2
_
15 (x 1)! + 3x! = (x + 1)!
18. Quanti numeri di 4 cifre, minori di 5764, si possono formare con le cifre 2, 3, 4, 6, 8, 9.
19. Applicando la legge di Stiefel esprimere il numero:
_
2
2
_
+
_
3
2
_
+
_
4
2
_
+
_
5
2
_
+
_
6
2
_
+
_
7
2
_
sotto forma di coeciente binomiale.
20. Una cassaforte ha la combinazione formata con quattro delle lettere A, B, C, D, E, F, G, H, I, L,
M, N, O, P. Quanti tentativi sono necessari, al massimo, per aprirla.
21. In quanti modi diversi si pu formare un comitato di 4 persone se queste vengono scelte tra 6 uomini
e 8 donne con la condizione che almeno due membri del comitato siano donne.
22. In quanti modi diversi 5 soldati possono essere assegnati a 3 reggimenti.
23. Una signora ha 4 amiche. In quanti modi pu invitare una o pi di queste a cena?
24. Risolvere la seguente equazione:
_
x
4
_
+
_
x
3
_
=
_
x
2
_
1
25. Quanti sono i numeri di tre cifre, pi piccoli di 645, tali che
(a) non contengano le cifre 5, 7;
(b) non contengano le cifre 3, 4, 5.
26. Quanti sono i lati di un poligono con 189 diagonali.
27. Qual il coeciente di x
5
nello sviluppo di
_
x +
2
x
_
7
.
28. Quanti sono i numeri naturali compresi tra 10000 e 1000000 aventi tutte cifre pari.
29. Dire quanti colori si possono ottenere combinando in tutti i modi possibili i 7 colori fondamentali.
30. Qual il coeciente del termine di grado 24 del polinomio che si ottiene sviluppando la potenza
_
2x
4
+x
3
_
7
.
31. (a) Quanti numeri si possono formare utilizzando tutte le cifre del numero 5568332?
(b) Quanti di essi iniziano con 832?
32. Risolvere la seguente equazione:
9
_
x
3
_
4
_
x
2
_
=
5
2
D
x,2
33. Quanti sono i numeri pari, compresi tra 1 e 10000, divisibili per 3 o per 5?
34. Dieci punti sono segnati su una circonferenza. Quanti sono i poligoni convessi di 3 o pi lati, aventi per
vertici alcuni dei punti segnati sulla circonferenza (anche tutti). Due poligoni si considerano uguali
se hanno gli stessi vertici.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
54 Capitolo 5
35. In quanti modi si possono collocare 8 palline in 4 scatole A, B, C, D se:
(a) le palline sono indistinguibili;
(b) le palline sono numerate da 1 a 8;
(c) le palline sono indistinguibili e ogni scatola deve essere non vuota;
(d) le palline sono numerate da 1 a 8 e ogni scatola deve essere non vuota.
36. Quanti sono i numeri di cinque cifre contenenti la sequenza 32 ?
37. Quanti minuti intercorrono tra le 11.43 e le 14.07
38. Quanti numeri pari di 3 cifre, con cifre distinte,si possono formare con le cifre 1, 3, 4, 5, 8, 9.
39. Risolvere la seguente equazione:
2
_
x + 1
x 2
_
+
_
x
3
_
= 6x
2
6x
40. Quanti sono gli anagrammi della parola BACILLO che non iniziano con A?
41. Quanti numeri di 4 cifre, minori di 6000, si possono formare con le cifre 2, 3, 4, 7, 8, 9.
42. Sapendo che
_
2 +

3
_
6
= a +b

6, determinare a +b.
43. Dimostrare la seguente identit:
_
n + 1
3
_
= (n 1)
2
+
_
n 1
3
_
44. In una libreria vi sono 30 libri di storia, 50 di letteratura e 20 di carattere scientico. Supposto che i
libri di una stessa materia siano fra loro indistinguibili dire in quanti modi possibile scegliere 6 libri
di cui 2 di storia, 3 di letteratura e 1 scientico.
45. In quanti modi si possono distribuire 20 palline indistinguibili in 5 scatole numerate?
46. Dei 100 studenti di una scuola, 37 studiano Francese, 45 studiano Inglese e 50 Tedesco. Alcuni di
essi studiano pi di una lingua e precisamente: 12 studiano Francese e Inglese, 13 studiano Francese
e Tedesco, 15 studiano Inglese e Tedesco. Inne vi sono 3 studenti che studiano tutte e tre le lingue.
Quanti sono gli studenti che studiano almeno una lingua straniera?
47. Risolvere la seguente equazione:
_
x + 1
x 2
_
2
_
x
x 2
_
= 0
48. Dallinsieme = {1, 2, . . . , 1000} vengono eliminati tutti i multipli di 2, tutti i multipli di 5 e tutti i
multipli di 7. Quanti numeri rimangono?
49. Trovare la soluzione della seguente equazione:
6
_
x
x 2
_

_
x + 1
x 2
_
= 2
_
x
x 4
_
50. Quanti sono gli anagrammi delle parole LATINO, TETTO.
51. Sia = {a, b, c, d, e, f, g, h, i}. Dire quanti sono
(a) i sottoinsiemi di ;
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi di livello base 55
(b) i sottoinsiemi di aventi cardinalit divisibile per 3.
52. Un palindromo un numero che si legge allo stesso modo da sinistra verso destra e da destra verso
sinistra (es. 32423). Quanti sono i numeri palindromi di 7 cifre?
53. Quanti sono i palindromi compresi tra 1 e 1991?
54. Dati gli insiemi A = {a, b} e B = {1, 2, 3, 4} dire:
(a) quante sono le relazioni tra A e B;
(b) quante sono le funzioni tra A e B;
(c) quante funzioni tra A e B sono iniettive e quante sono suiettive.
55. Determinare le soluzioni della seguente equazione:
_
x 1
3
_
+
_
x
3
_
=
_
x + 1
4
_

_
x 1
2
_
56. Determinare il coeciente del monomio a
14
b
7
c
3
nello sviluppo di
_
2a
2
b + 3c
_
10
57. Quanti numeri da 1 a 500 (inclusi) non contengono la cifra 3.
58. Quante cifre uguali a 9 vi sono nella rappresentazione decimale del numero 10
1998
1998.
59. Quante sono le permutazioni dellinsieme = {a, b, c, d, e, f} che iniziano con la lettera a oppure
contengono le lettere a, b, c consecutivamente.
60. Quanti numeri pari di quattro cifre, minori di 1999 e con cifre tutte distinte, si possono formare
utilizzando 1, 2, 3, 4, 8, 9.
61. Qual il valore di
_
2000
1999
_
+
_
1000
998
_
+
_
500
497
_
62. Dati gli insiemi A = {1, 2, 3, 4} e B = {1, 2, 3} dire quante sono:
(a) le relazioni tra A e B;
(b) le funzioni tra A e B;
(c) le funzioni iniettive tra A e B;
(d) le funzioni suiettive tra A e B.
63. In un cubo si dice diagonale un segmento che unisce due vertici non appartenenti alla stessa faccia.
Quante sono le diagonali di un cubo?
64. In un poligono il rapporto tra il numero di diagonali e il numero di lati vale 2000. Quanti sono i lati
del poligono?
65. In quanti modi si possono collocare 10 palline bianche e 8 palline nere in 5 scatole numerate in modo
che ciascuna scatola contenga almeno una pallina di ogni colore. (Si suppone che tutte le palline dello
stesso colore siano indistinguibili).
66. Quanti sono gli anagrammi della parola NATALE? Scritti tutti gli anagrammi in ordine alfabetico
crescente, quale posizione occupa la parola NATALE?
67. In un ucio vi sono 10 impiegati che possono andare in ferie 3 nel mese di giugno, 3 nel mese di luglio
e 4 ad agosto. In quanti modi gli impiegati possono scegliere le ferie.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
56 Capitolo 5
68. Una busta contiene 10 caramelle che sono 3 al limone, 5 allarancio e 2 alla fragola. Conveniamo di
considerare distinguibili due caramelle se e solo se sono di gusti diversi. In quanti modi si possono
distribuire le 10 caramelle a 3 bambini.
69. In un piano sono assegnati 12 punti di cui mai 3 allineati. I punti sono 5 di colore rosso e 7 di colore
nero. Quanti quadrilateri si possono formare con tali punti aventi:
(a) tutti i vertici dello stesso colore;
(b) due vertici rossi e due neri.
70. Risolvere la seguente equazione
_
x
3
_

_
x
2
_
+
_
x
1
_
= 5
71. Uno studente che sostiene un esame deve rispondere a 8 domande su 10. Quante scelte ha? Quante
ne ha se deve rispondere almeno a 4 delle prime 5 domande?
72. In quanti modi si pu formare una commissione di 3 uomini e 2 donne scelti fra 10 uomini e 7 donne?
73. Trovare il numero di modi in cui 3 libri di geometria, 4 di storia e 6 di narrativa si possono sistemare
su uno scaale in modo che tutti i libri di una stessa materia siano vicini.
74. (a) Quanti sono gli anagrammi della parola LATTICINI?
(b) Quanti di questi anagrammi non iniziano con la lettera A?
75. (a) Quanti sono i numeri formati da cinque cifre dispari distinte?
(b) Quanti di questi numeri sono maggiori di 32558?
76. Assegnato linsieme = {1, 2, . . . , 50} dire quanti sono:
(a) gli elementi di divisibili per 3 o per 7;
(b) i sottoinsiemi di con 4 elementi;
(c) i sottoinsiemi di con 4 elementi, di cui esattamente due divisibili per 3 o per 7.
77. Quanti sono i numeri di 6 cifre aventi almeno una cifra pari?
78. Le gurine di un album sono numerate da 1 a 60 e si comprano in pacchetti da 10. Acquistando un
pacchetto di gurine si attribuisce uguale probabilit a tutte le possibili composizioni del pacchetto.
(a) Calcolare il numero di modi di formare un pacchetto;
(b) Calcolare il numero di modi di formare un pacchetto con gurine tutte diverse;
(c) Calcolare il numero di modi di avere un pacchetto con almeno 2 gurine uguali;
(d) Calcolare il numero di modi di avere un pacchetto con esattamente 2 gurine uguali.
79. La biglietteria di un teatro dispone di 100 biglietti numerati da 1 a 100. I biglietti vengono distribuiti
a caso agli acquirenti. Quattro amici acquistano separatamente un biglietto a testa. Calcolare il
numero dei modi in cui i quattro amici possono ricevere:
(a) Quattro biglietti;
(b) Quattro biglietti con numeri consecutivi;
(c) Quattro biglietti con numeri maggiori di 50;
(d) Due biglietti con numeri maggiori di 60 e due biglietti con numeri minori di 30.
80. Quanti oggetti possiamo dierenziare con delle targhe di due simboli di cui il primo una lettera
dellalfabeto latino e il secondo una cifra da 0 a 9?
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi di livello base 57
81. Quanti numeri di cinque cifre hanno almeno una cifra dispari?
82. Uno studente deve sostenere 5 esami ogni anno per i 4 anni di durata del suo corso di studi, senza
poter rimandare un esame da un anno allaltro, nellordine da lui preferito . Quante sono le possibili
sequenze dei 20 esami?
83. A una gara partecipano 20 concorrenti. Quante terne di primi tre classicati si possono formare
(nellipotesi che non vi siano degli ex-aequo)?
84. Quanti numeri pari di 4 cifre si possono formare con le cifre da 1, 2, 3, 7, 8, 9
(a) con cifre tutte distinte;
(b) minori di 7500 e con cifre anche eventualmente ripetute.
85. In una classe di 18 maschi e 12 femmine si devono scegliere 3 rappresentanti. Quanti sono i modi
possibili se:
(a) non si impongono condizioni;
(b) vi devono essere 2 maschi e 1 femmina;
(c) vi devono essere 2 femmine e 1 maschio?
86. Se le diagonali di un poligono convesso sono 20, quanti sono i lati?
87. 3 ragazze e 2 ragazzi si siedono al cinema in 5 posti consecutivi della stessa la. In quanti modi
possono occupare i posti, tenendo conto che ogni femmina vuole avere a anco almeno un maschio (e
viceversa)?
88. In una classe di 15 allievi, si suddividono gli allievi in gruppi da 5. In quanti modi si possono formare
i gruppi?
89. Supponi di distribuire 20 caramelle identiche a 4 bambini. Quante possibili distribuzioni ci sono se
(a) Non ci sono restrizioni;
(b) Ciascun bambino deve avere almeno una caramella.
90. Assegnato linsieme = {1, 2, . . . , 200} dire :
(a) quanti sono gli elementi di divisibili per 5 o per 9;
(b) quanti sono i sottinsiemi di aventi 5 elementi, di cui 2 sono divisibili per 3 ed i rimanenti sono
divisibili per 7.
91. Quanti numeri pari di 4 cifre si possono formare con le cifre da 2, 5, 6, 7, 8, 9
(a) con cifre tutte distinte;
(b) maggiori di 7500 e con cifre anche eventualmente ripetute.
92. Se le diagonali di un poligono convesso sono 27, quanti sono i lati?
93. Da unurna contenente 15 palline rosse e 10 bianche si estraggono contemporaneamente 2 palline.
(a) In quanti modi pu essere eettuata la scelta?
(b) In quanti modi pu essere eettuata la scelta di 2 palline rosse?
(c) In quanti modi pu essere eettuata la scelta di una pallina rossa e di una pallina bianca?
94. Dire quante sono le soluzioni intere dellequazione
x
1
+x
2
+x
3
= 10
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
58 Capitolo 5
(a) se x
i
0 per ogni i;
(b) se x
i
> 0 per ogni i;
95. In quanti modi si possono distribuire 15 palline indistinguibili a 3 persone, in modo che almeno due
persone ricevano almeno una pallina.
96. Quante sono le soluzioni dellequazione a +b +c +d = 17 con a, b, c, d N, d 12.
97. Ad una riunione partecipano 10 persone, ciascuna delle quali stringe la mano esattamente ad altre 3.
Determinare il numero complessivo di strette di mano.
98. Quanti numeri pari di tre cifre possono essere scritti utilizzando le cifre 1, 2, 3, 4, 5, 7.
99. In quanti modi si possono sistemare 8 oggetti distinti in 6 scatole diverse in modo che:
(a) qualche scatola pu anche essere vuota;
(b) in ogni scatola deve esserci almeno un oggetto.
100. Un test formato da 8 quesiti a risposta multipla con 5 possibilit per ogni domanda. Dire in quanti
modi possibile rispondere.
101. Qual il coeciente del monomio x
4
y
6
nello sviluppo del binomio
_
x 3y
2
_
7
.
102. Quanti sono numeri compresi tra 800 e 2005 divisibili per 12 o per 18.
103. Avendo a disposizione tre gettoni rossi e quattro gialli (i gettoni di uno stesso colore sono indistingui-
bili), determina quanti sono i possibili modi con cui possono
(a) allinearsi;
(b) allinearsi con il primo gettone rosso e lultimo giallo;
(c) allinearsi con colori alternati;
(d) allinearsi con i tre gettoni rossi vicini.
104. Quanti sono i numeri interi positivi, minori di 1000 che contengano almeno una cifra uguale ad 1 nella
loro rappresentazione decimale.
105. Quante sono le parole di lunghezza 5, con lettere tutte distinte, che si possono scrivere con {a, b, c, d, e, f, g}
tali che le lettere a e b non sono vicine tra loro.
106. Dire in quanti modi 3 italiani, 3 francesi e 3 russi possono sedersi su una la di nove sedie in modo
che 3 persone della stessa nazione non occupino tre posti consecutivi.
107. Quante sono le soluzioni dellequazione
x +y +z = 15
con x, y, z interi non negativi.
108. Quanti sono gli anagrammi della parola CAV ALLO in cui non vi sono due lettere A vicine fra loro.
109. Quanti oggetti possiamo dierenziare con delle targhe di due simboli di cui il primo una lettera
dellalfabeto latino e il secondo una cifra da 0 a 9?
110. Quanti sono gli anagrammi:
(a) della parola ANATROCCOLO;
(b) della parola ANATROCCOLO in cui non compaiono le due lettere C vicine fra loro?
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi di livello base 59
111. Quanti numeri di sei cifre hanno almeno una cifra pari?
112. Quanti sottoinsiemi di = {1, 2, . . . , 12} contengono almeno un numero dispari?
113. Quanti interi positivi minori di 1000 sono :
(a) divisibili per 5 o per 7;
(b) divisibili per 5 ma non per 7;
(c) divisibili n per 5 n per 7.
114. In quanti modi si possono disporre 7 libri A, B, C, D, E, F, G su uno scaale se:
(a) i libri D ed E devono stare vicini fra loro;
(b) i libri D, E, F non devono stare tutti e tre vicini.
115. Quanti numeri dispari di 4 cifre si possono formare con le cifre da 2, 3, 4, 6, 8, 9
(a) con cifre tutte distinte;
(b) minori di 6500 e con cifre anche eventualmente ripetute
116. In una classe di 11 maschi e 14 femmine si devono scegliere 3 rappresentanti. Quanti sono i modi
possibili se:
(a) non si impongono condizioni;
(b) vi devono essere 1 maschio e 2 femmine;
(c) vi devono essere tre persone dello stesso sesso?
117. Supponi di dover distribuire 12 palline uguali in 3 scatole. Quante sono le possibili distribuzioni se
(a) non ci sono restrizioni;
(b) ogni scatola deve contenere almeno una pallina;
(c) nessuna scatola deve contenere pi di 5 palline.
118. Quanti sono i numeri di 5 cifre aventi almeno 2 cifre pari.
119. Quanti sono i numeri di 5 cifre divisibili tali che la somma delle loro cifre un multiplo di 9.
120. Due interi si dicono relativamente primi se il loro massimo comun divisore uguale a 1. Dire quanti
sono gli interi compresi tra 1 e 800 che sono relativamente primi con 1000.
121. Quanti sono gli anagrammi:
(a) della parola PINOCCHIO;
(b) della parola PINOCCHIO in cui non compaiono le due lettere C vicine fra loro?
122. Quanti numeri di cinque cifre hanno almeno una cifra dispari?
123. Quanti sono i divisori di 3000?
124. Quanti sono i sottoinsiemi di = {a, b, c, d, e} aventi un numero dispari di elementi?
125. In quanti modi si possono disporre 6 libri A, B, C, D, E, F su uno scaale se:
(a) i libri D ed E devono stare vicini fra loro;
(b) i libri D, E, F non devono stare tutti e tre vicini.
126. Quanti numeri dispari di 4 cifre si possono formare con le cifre da 1, 3, 4, 6, 7, 9
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
60 Capitolo 5
(a) con cifre tutte distinte;
(b) minori di 5600 e con cifre anche eventualmente ripetute.
127. In una classe di 10 maschi e 8 femmine si devono scegliere 3 rappresentanti. Quanti sono i modi
possibili se:
(a) vi devono essere 2 maschi e 1 femmina;
(b) vi devono essere tre persone dello stesso sesso?
128. 15 palline uguali sono distribuite in 3 scatole. Quante possibili distribuzioni ci sono se:
(a) ogni scatola deve contenere almeno una pallina;
(b) nessuna scatola deve contenere pi di 6 palline
129. Determinare il coeciente di x
6
y
12
nello sviluppo della potenza
_
2x
2
3y
3
_
7
.
130. Quanti sono i numeri dispari con cifre tutte distinte compresi tra 5000 e 8000?
131. Quanti sono gli anagrammi:
(a) della parola CANOTTO;
(b) della parola CANOTTO in cui non compaiono due lettere uguali vicine fra loro?
132. Quanti numeri di cinque cifre hanno almeno una cifra dispari?
133. Quanti sottoinsiemi di = {1, 2, . . . , 14} contengono almeno un numero pari?
134. Quanti interi positivi minori o uguali di 900 sono:
(a) divisibili per 3 o per 11;
(b) divisibili per 3 ma non per 11;
(c) divisibili n per 3 n per 11.
135. Quante sono le colonne del totocalcio (si giovano 14 partite)
(a) con cinque segni 1, due segni X e sette segni 2;
(b) che contengono esattamente due simboli.
136. Qual il coeciente di x
12
y
12
nello sviluppo di
_
x
3
+ 2y
2
_
10
?
137. In una classe di 12 maschi (di cui 5 maggiorenni) e 13 femmine (di cui 6 maggiorenni) si devono
scegliere 3 rappresentanti. Quanti sono i modi possibili se:
(a) vi deve essere almeno un rappresentante di ogni sesso;
(b) vi devono essere o tre persone dello stesso sesso o tre maggiorenni?
138. Ad una gara matematica vengono assegnati 7 problemi, ciascuno dei quali valutato con un inte-
ro compreso tra 0 e 8. Al termine della gara, un concorrente ha realizzato in tutto solo 8 punti.
Determinare in quanti modi pu aver ottenuto questo punteggio totale.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi di livello intermedio 61
5.2 Problemi di livello intermedio
1. In quanti modi si possono staccare medaglie dalla gura seguente se si rispettano le regole
(i) scegliere una colonna da cui staccare una medaglia
(ii) staccare la medaglia pi in basso nella colonna scelta
2. Un giocatore a corto di tempo, pu fare al massimo 6 giocate al gioco dei dadi. Egli possiede tre
monete e, ad ogni giocata, ne vince o ne perde una. Continua a giocare no a quando perde le sue
tre monete oppure ne vince tre. Quante sono le possibili giocate.
3. Quanti sono i numeri di 3 cifre che si possono formare con 3, 5, 7, 8, 9 tali che
(a) siano pari
(b) siano dispari
(c) siano divisibili per 5
(d) divisibili per 3
(e) maggiori di 550
(f) maggiori di 500 e minori di 850
4. Determinare n sapendo che il coeciente di x
46
nello sviluppo di
_
x
2
+ 2x
8
_
n
1792.
5. Quanti rettangoli ci sono nella seguente gura
6. Quanti sono i numeri di 4 cifre, ciascuna non nulla, tali che ogni cifra sia non maggiore della seguente
ed aventi lultima cifra uguale a 9.
7. Sia = {1, 2, . . . , 30}. Quanti sono i sottoinsiemi di di cardinalit 4, in cui due elementi siano
divisibili per 3 o per 7, mentre non lo nessuno degli altri due.
8. Quanti sono i termini di un polinomio omogeneo completo di terzo grado nelle variabili a, b, c, d.
9. In quanti modi 10 palline identiche possono essere distribuite a 9 persone A, B, C, D, E, F, G, H,
I in modo che il numero di palline ricevute da A uguale al numero totale di palline ricevute da B,
C, D, E.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
62 Capitolo 5
10. Quanti sono i termini dello sviluppo della potenza (a +b +c +d)
6
11. Assegnato linsieme = {1, 2, . . . , 41} dire in quanti modi si possono scegliere:
(a) due elementi in modo che la loro somma sia pari;
(b) tre elementi in modo che la loro somma sia pari;
(c) due elementi in modo che la loro somma sia divisibile per 5.
12. Quanti sono gli interi da 1 a 10.000 aventi la somma delle cifre uguale ad 8 .
13. Sia n = 2
13
3
11
5
7
. Dire quanti sono i divisori di n
2
che non dividono n.
14. Quanti sono i numeri interi minori di 1999 che hanno la somma delle cifre uguale a 16.
15. Determinare il numero di soluzioni, nellinsieme N dei numeri naturali, delle seguenti equazioni
(a) x +y +z +t +u = 12;
(b) 2x +y +z +t = 12
16. Quanti sono i quadrati contenenti * nella seguente gura
*
17. Sia N il numero ottenuto scrivendo consecutivamente i numeri multipli di 3 compresi tra 3 e 9000.
(a) Quante sono le cifre del numero N;
(b) Qual la 1997 cifra del numero N.
18. Sia = {1, 2, . . . , 7}. Quanti sono i sottoinsiemi di aventi la propriet che la somma dei loro
elementi sia un numero dispari.
19. Quanti triangoli si possono formare prendendo come vertici i punti delle seguenti gure:
A B
20. Quanti sono i numeri naturali minori o uguali a 396 e relativamente primi con 396? (Due numeri
naturali a , b si dicono relativamente primi se il loro massimo comun divisore uguale ad 1).
21. Quanti sono i triangoli aventi come vertici tre punti della seguente gura:
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi di livello intermedio 63
22. Quanti numeri possono essere espressi come somma di quattro elementi distinti dellinsieme
= {17, 21, 25, 29, 33, 37, 41}
23. Una classe di 20 alunni va in visita ad un museo il cui accesso consentito a 5 persone per volta. La
maestra divide i suoi allievi in 4 gruppi di 5. Calcolare il numero dei modi in cui:
(a) la maestra pu dividere i suoi alunni nei 4 gruppi;
(b) i 4 gruppi di alunni possono entrare a turno per visitare il museo.
24. La biglietteria di un teatro dispone di 100 biglietti numerati da 1 a 100. I biglietti vengono distribuiti
a caso agli acquirenti. Quattro amici acquistano separatamente un biglietto a testa.
(a) In quanti modi i 4 amici possono ricevere i loro biglietti.
(b) In quanti modi essi possono ricevere 4 biglietti con numeri consecutivi.
(c) In quanti modi essi possono ricevere 2 biglietti con numeri maggiori di 60 e 2 biglietti con numeri
minori di 30.
25. Dire con quanti zeri termina il numero 2004! scritto in base 10.
26. Quanti sono i cammini da A a B nella seguente gura (sono consentiti solo spostamenti verso destra
e verso lalto).
A
B
27. Quante sono le terne (a, b, c) di interi non negativi che soddisfano la disuguaglianza:
a +b +c 2007
28. Qual il pi piccolo numero intero con 28 divisori?
29. Il PIN (codice identicativo personale) di una carta di credito dato da un numero di 5 cifre. Si
suppone che ogni successione possibile abbia la stessa probabilit. Calcolare il numero di modi di :
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
64 Capitolo 5
(a) Formare un PIN;
(b) Formare un PIN con cifre tutte diverse;
(c) Formare un PIN se la prima cifra deve essere diversa da 0;
(d) Formare un PIN con cifre tutte diverse se la prima cifra deve essere diversa da 0.
30. Quanti sono i triangoli non degeneri aventi come vertici tre punti della seguente gura:
31. Trova il numero di quadruple (a, b, c, d) di interi non negativi che soddisfano la disuguaglianza
a +b +c +d 100
32. Quanti sono gli anagrammi della parola LOCOMOTIV A in cui non vi sono due lettere O vicine fra
loro.
33. Quanti sono i numeri di cinque cifre divisibili per 15 e contenenti la sequenza 15 .
34. Quanti sono gli interi non negativi minori di 1000000 che, scritti nella rappresentazione in base 10,
contengono le cifre 1, 2, 3, 4 (oltre eventualmente ad altre cifre).
35. Sia X un insieme con 2007 elementi. Sia P
2
(X) = {A X : |A| pari}. Calcolare:

AP
2
(X)
|A|
(Stage Senior 2007)
36. Sia = {1, 2, . . . , 10}. Trova il numero delle coppie non ordinate {A, B}, dove A e B sottinsiemi non
vuoti e disgiunti di .
37. Determinare il coeciente di x
2
y
3
nello sviluppo di (x +y + 2)
7
.
38. Quanti sono gli interi di quattro cifre in cui il prodotto tra la prima e lultima cifra pari.
39. Quanti sono i sottoinsiemi A = {1, 2, . . . , 10} tali che A {4, 6, 9} ha al massimo due elementi.
40. Quanti sono i sottoinsiemi di = {1, 2, . . . , 20} formati da 7 elementi tali che il secondo pi piccolo
sia 5.
41. Sia un insieme con 10 elementi. Determinare la somma delle cardinalit di tutti i sottinsiemi di
aventi un numero pari di elementi.
42. Dire quanti sono i sottinsiemi dellinsieme = {1, 2, . . . , 12} tali che la somma del pi piccolo e del
pi grande dei loro elementi sia 13. (Kangourou, Gara Finale, Mirabilandia 2006)
43. Si vogliono distribuire 15 caramelle a tre bambini, Piero, Luigi e Gianni. Vogliamo che Piero ne riceva
almeno 2, Luigi un numero qualsiasi e Gianni almeno 3. Dire in quanti modi possibile distribuire le
caramelle.
44. Chiamiamo pronunciabile una parola in cui non compaiono due o pi consonanti consecutive. Dire
quanti sono gli anagrammi pronunciabili della parola MATEMATICA.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi di livello intermedio 65
45. Consideriamo i numeri da 1 a 36. Quante sono le sestine di numeri distinti che hanno almeno due
numeri consecutivi, come ad esempio {3, 7, 8, 15, 19, 32}. (Cald 2006)
46. Quanti interi di quattro cifre possono essere formati con 0, 1, 2, 3, 4 in modo che nessuna cifra sia
ripetuta e lintero risultante sia multiplo di 3.
47. Le iniziali dei nomi dei 26 giocatori di una squadra di calcio sono le 26 lettere dellalfabeto francese
(A, B, . . . , X, Y, Z). Quando i nomi di due giocatori hanno le iniziali vicine nellordine alfabetico
(ad esempio A, B oppure K, L) non sopportano di giocare insieme. Lallenatore tiene conto della
situazione quando deve formare la squadra di 11 giocatori da far scendere in campo. Dire quante
diverse squadre da 11 giocatori pu formare.
(Cald 2005)
48. Si deve realizzare uno scettro incastonando in successione, dallalto verso il basso, 18 pietre preziose
scelte tra smeraldi verdi (V ) e rubini rossi (R); non si possono per mettere due pietre verdi vicine.
Dire in quanti modi si pu realizzare lo scettro.(Kangourou, Gara Finale, Mirabilandia 2006)
49. Dire quante sono le permutazioni di {1, 2, . . . , n} in cui nessuna tripletta di {1, 2, 3, 4} appaia conse-
cutivamente. (Cio vietato 2,4,3 o 4,1,2, etc.) (Iran?)
50. Quanti sono gli anagrammi della parola MATEMATICA tali che
(a) vi siano due M consecutive;
(b) non vi siano due vocali consecutive;
(c) siano vericate entrambe le condizioni precedenti.
51. Determinare quante sono le terne ordinate (A, B, C) di sottoinsiemi di {1, 2, dots, n} tali che AB
C = .
52. Dire quanti sono i numeri di 6 cifre tali che
ogni cifra appartiene allinsieme = {1, 2, 3, 4, 5};
ogni cifra del numero compare almeno due volte.
(Karnataka RMO 2007)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
66 Capitolo 5
5.3 Problemi di livello avanzato
1. Quanti sono i sottoinsiemi di = {1, 2, . . . , 10} non contenenti due interi consecutivi.
2. Si consideri la collezione di tutti i sottoinsiemi di cardinalit 3 contenuti nellinsieme = {1, 2, . . . , 300}.
Determinare il numero di tali sottoinsiemi per i quali la somma degli elementi un multiplo di 3.
3. Quanti sono i sottoinsiemi di cardinalit 3 dellinsieme = {1, 2, . . . , 30} tali che il prodotto dei loro
elementi divisibile per 4.
4. In quanti modi si pu andare dal punto A al punto B muovendosi nel reticolato indicato in gura
(sono ammessi soltanto spostamenti verso destra e verso lalto).
A
B
5. Un numero telefonico di 7 cifre xyz abcd detto memorizzabile se il presso xyz esattamen-
te uguale ad almeno una delle due sequenze abc oppure bcd. Assumendo che x, y, z, a, b, c, d
{0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, } dire quanti sono i numeri telefonici memorizzabili di 7 cifre.
6. Quanti sono i numeri di 6 cifre contenenti esattamente tre cifre distinte.
7. Quante sono le coppie (a, b), di interi positivi tali che [a, b] = 1000, avendo indicato con [a, b] il minimo
comune multiplo di a e b.
8. Una griglia triangolare ottenuta dividendo un triangolo equilatero di lato 10 in 100 triangoli equilateri
di lato 1. Determinare il numero di parallelogrammi delimitati dai lati della griglia.
9. Un rettangolo di dimensioni 20041000 diviso in 2004000 quadrati di lato 1. Quanti sono i quadrati
attraversati da una diagonale.
10. In quanti modi un rettangolo di dimensioni 102 pu essere ricoperto con 10 rettangoli di dimensioni
1 2.
11. Si indichi con [r, s] il minimo comune multiplo degli interi positivi r, s. Quante sono le terne ordinate
(a, b, c) di interi positivi tali che [a, b] = 1000, [b, c] = 2000, [c, a] = 2000.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi di livello avanzato 67
12. Determinare il numero di coppie ordinate di numeri interi positivi (a, b) tali che il minimo comune
multiplo di a e b 324000.
13. Quante sono le terne ordinate (x, y, z) , di numeri interi soddisfacenti le condizioni
(a) 0 x y z;
(b) x +y +z 100.
(Indian Regional Mathematical Olympiad 2003)
14. Quanti sono i numeri interi di 4 cifre aventi esattamente 2 cifre distinte.
15. Quante sono le coppie non ordinate {A, B} di sottoinsiemi = {1, 2, . . . , 10} tali che:
(a) A = B;
(b) A B = .
16. In quanti modi la seguente griglia 2 8 pu essere ricoperta con
A
B
(a) due mattonelle di tipo A ed 7 mattonelle di tipo B;
(b) quattro mattonelle di tipo A ed 7 mattonelle di tipo B.
17. Quante sono le soluzioni dellequazione
a +b +c +d = 12
con a, b, c, d interi compresi tra 1 e 9.
18. Quanti sono i numeri interi positivi, minori di 10000 che, nella loro rappresentazione decimale,
(a) contengano non pi di due cifre uguali a 3;
(b) abbiano la somma delle cifre uguale a 9.
19. Su un lungo corridoio vi sono cento porte, numerate da 1 a 100, inizialmente tutte chiuse. Cento
studenti, anchessi numerati da 1 a 100, attraversano uno alla volta il corridoio e si comportano nel
modo seguente: lo studente 1 apre ogni porta, lo studente 2 cambia lo stato delle porte 2, 4, 6, . . . ; lo
studente 3 cambia lo stato delle porte 3, 6, 9, . . . ; lo studente 4 cambia lo stato delle porte 4, 8, 12, . . . ;
ognuno degli altri si comporta in modo analogo, no allo studente 100 che cambia lo stato della porta
100. Dire quante sono le porte aperte dopo che tutti gli studenti hanno attraversato il corridoio.
(Cambiare lo stato di una porta signica aprirla se essa chiusa e chiuderla se essa aperta).
20. Quante sono le coppie non ordinate {A, B} di sottoinsiemi = {1, 2, . . . , 10} tali che: A = B e
A B = {1, 2, 3}.
21. Dire quante sono le parole binarie di lunghezza n che non contengono le sequenze 010 e 101.
22. Un parola scritta con lalfabeto {0, 1, 2, 3} detta legittima se contiene un numero pari di zeri. Allora,
ad esempio, la parola 31010 legittima, mentre 01010 non lo . Dire quante sono le parole legittime
di lunghezza n.
23. Trova il numero di vettori (x
1
, x
2
, x
3
) dove ogni x
i
un numero intero e 1 x
1
x
2
x
3
10.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
68 Capitolo 5
24. Sia n 2 un intero, e sia M = {1, 2, . . . , n}. Per ogni k = 1, 2, . . . , n 1 deniamo:
x
k
=
1
n + 1

A
(min A+ max A)
dove la somma si intende estesa a tutti i sottoinsiemi A di M con esattamente k elementi. Dimostrare
che i numeri x
1
, . . . , x
n1
sono tutti interi, e non sono tutti divisibili per 4. (Stage PreIMO 2006)
25. Ad una gara matematica partecipano 10 studenti. Ogni studente riceve 4 problemi da risolvere.
Comunque si scelgano 2 studenti, questi hanno al pi un problema in comune. Determinare il minimo
numero di problemi necessario. (Stage PreIMO 2006)
26. In una universit ci sono 10001 studenti. Alcuni studenti si sono riuniti per formare dei club (uno
studente pu far parte di pi di un club). Alcuni club si sono riuniti per formare delle societ (un
club pu far parte di pi di una societ). A priori, un club potrebbe avere un solo studente iscritto, e
una societ potrebbe essere formata da un solo club. Sappiamo che in tutto ci sono k societ, e che
sono soddisfatte le seguenti 3 condizioni.
(i) Per ogni coppia di studenti, esiste esattamente un club di cui fanno parte entrambi.
(ii) Per ogni studente e per ogni societ, lo studente fa parte di esattamente un club di quella societ.
(iii) Ogni club ha un numero dispari di studenti, e ogni club con 2m + 1 studenti appartiene ad
esattamente m societ.
Determinare i possibili valori di k. (Stage PreIMO 2005)
27. Quante sono le parole binarie di lunghezza 11 che non contengono la sequenza 1010 .
28. Siano dati k segmenti complanari. Dimostrare che il numero di triangoli i cui lati appartengono
allinsieme di questi segmenti inferiore a Ck

k, dove C una costante da determinare.


29. Ad una competizione partecipano 15 squadre. Ogni squadra gioca esattamente una volta con ogni
altra squadra. Per una vittoria la squadra che vince ottiene 3 punti mentre la squadra che perde ottiene
1 punto. In caso di pareggio ciascuna delle due squadre ottiene 2 punti. Alla ne della competizione
ogni squadra ottiene un punteggio maggiore o uguale di 21 e il punteggio di ogni squadra diverso
da quello di tutte le altre. Prova che la squadra vincitrice della competizione ha ottenuto almeno un
pareggio. (German IMO Selection Test 1983)
30. Lungo un viale rettilineo sono disposti 12 alberi. In quanti modi 4 uccelli possono scegliere 4 alberi
(diversi) per costruire un nido, con la condizione che non vi siano nidi su due alberi vicini.
31. Un insieme di numeri naturali positivi detto poroso se vuoto oppure non contiene tre interi
consecutivi. Quanti sono i sottoinsiemi porosi dellinsieme = {1, 2, . . . , 10}? (Kangourou, Gara
Finale, Mirabilandia 2007)
32. In quanti modi la seguente griglia 2 8 pu essere ricoperta con piastrelle di tipo A o di tipo B
rappresentate in gura (si possono utilizzare anche entrambi i tipi di piastrelle).
A
B
33. Quante parole (anche prive di senso compiuto) di 4 lettere si possono scrivere utilizzando lettere A,
B, E, M, O in modo che nessuna delle lettere successive a una B (andando da sinistra verso destra)
sia una M? (Quindi, ad esempio, ABEB deve essere contata, ma OBAM no). (Archimede Triennio
2005)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi di livello avanzato 69
34. In una gara matematica vengono assegnati n problemi. Si ha che:
in ogni problema esattamente 3 persone hanno preso 7 punti;
per ogni coppia di problemi esattamente una persona ha preso 7 punti in entrambi.
Dimostrare che se n > 7 allora esiste un ragazzo che ha preso tutti 7. Vale la stessa conclusione se
n = 7? (ItaTST, Cortona 2000)
35. Quanti interi di m cifre formati dalle cifre 1,2,3 contengono, almeno una volta, ciascuna delle tre cifre?
36. In una competizione matematica in cui sono posti 6 problemi ad ogni partecipante, ogni coppia di
questi problemi stata risolta da pi di
2
5
dei partecipanti. Inoltre nessun partecipante ha risolto tutti
e 6 i problemi. Prova che esistono almeno due partecipanti che hanno risolto esattamente 5 problemi
ognuno. (IMO 2005)
37. Sia S linsieme dei numeri naturali n vericanti le seguenti propriet:
n ha 1000 cifre tutte dispari;
due qualsiasi cifre consecutive di n dieriscono di 2.
Determinare quanti sono gli elementi di S. (Irlanda 1997, Parma 2007)
38. Determinare il numero di anagrammi della parola MAMMALUCCO che non contengono 3 lettere M
consecutive, ma hanno almeno 3 consonanti consecutive.
39. Un insieme S di interi positivi detto felice se il suo pi piccolo elemento uguale alla cardinalit di
S. Per esempio {2, 5}, {3, 5, 9} sono felici, ma {2, 5, 9} non lo . Determinare il numero di sottinsiemi
felici di {1, 2, . . . , 10}.
40. Supponiamo di avere una griglia di nn punti. Coloriamo questi punti con 4 colori in modo che ogni
quadratino abbia i vertici di colori dierenti. Dire quante griglie siatte esistono.
41. Un quadrato (n 1) (n 1) diviso in (n 1)
2
quadratini unitari. Ciascuno degli n
2
vertici
colorato di rosso o di blu. Trovare il numero di colorazioni possibili tali che ogni quadratino unitario
abbia 2 vertici di ciascun colore.
42. La facciata del nuovo dipartimento di Matematica di Parma presenta 30 nestre disposte in una
tabella 6 5. Una sera Francesco nota che vi sono 8 luci accese e che in ogni riga e in ogni colonna
le luci accese sono o 2 o nessuna. Dire quante sono le congurazioni con 8 luci accese che rispettano
questo criterio. (Parma 2003)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
70 Capitolo 5
5.4 Problemi tratti da gare matematiche
1. Quanti sono i percorsi diversi che connettono due vertici opposti A, B di un parallelepipedo, formati
da spigoli dello stesso e che passano una e una sola volta per tutti i vertici? (Gara Junior 1992)
2. Qual il minimo numero n tale che il poligono regolare di n lati ha sei vertici che sono vertici di un
esagono regolare e dieci vertici che sono vertici di un decagono regolare. (Gara Senior 1991)
3. Si dica quanti sono i sottinsiemi di = {1, 2, 3, 4, 5, 6, 7} tali che la somma dei propri elementi sia un
numero dispari. (Gara Junior 1991)
4. Consideriamo 8 rette distinte del piano, delle quali 4 sono parallele tra loro. Quanti sono al massimo
i punti di intersezione? (Gara Junior 1990)
5. In quanti modi dierenti si possono disporre i numeri da 1 a 6 in una sequenza ordinata a
1
, a
2
, . . . , a
6
in modo che si abbia a
i
i + 2 per i = 1, 2, . . . , 6? (Gara Senior 1994)
6. In un bersaglio la corona circolare pi esterna vale un punto, la successiva ne vale due, le altre 4,8,16
punti ed inne il centro vale 32 punti. In quanti modi si possono totalizzare 51 punti tirando 5
freccette? Si tenga presente che non conta lordine con cui si tirano le freccette e che le freccette che
mancano il bersaglio totalizzano 0 punti. (Gara Junior 1993)
7. In un torneo di tennis, 8 persone decidono di giocare degli incontri di doppio (cio due contro due)
in tutti i modi possibili. Quanti incontri ci sono nellintero torneo? (Gara Senior 1993)
8. Quanti dadi diversi possiamo ottenere colorando le facce di un cubo di bianco o di nero? (Gara Junior
1994)
9. Ricordiamo che due triangoli sono uguali se hanno i tre lati di egual lunghezza (per esempio il triangolo
di lati 2, 15, 14 e uguale al triangolo di lati 2, 14, 15). Dire quanti sono i triangoli distinti aventi i
lati di lunghezza intera e perimetro uguale a 31. (Gara Junior 1990)
10. Nelle caselle di una scacchiera 8 8 poniamo un granello di riso se la casella corrisponde a una riga
dispari, due granelli se la riga e la colonna sono una pari e 1altra dispari, tre granelli se la riga e la
colonna sono entrambe pari. Quanti granelli in totale abbiamo posto sulla scacchiera? (Gara Junior
1990)
11. Nelle caselle di una scacchiera nn, ove n e un numero pari, poniamo un granello di riso se la casella
corrisponde ad una riga dispari e ad una colonna dispari, 4 granelli se la riga e la colonna sono una
pari e laltra dispari e 7 granelli se la riga e la colonna sono entrambe pari. Quanti granelli contiene
in media una casella della scacchiera? (Gara Senior 1990)
12. Un insegnante di matematica dice ai suoi alunni che per aprire il lucchetto della sua bicicletta occorre
azzeccare la giusta sequenza di 5 cifre e che tale sequenza un numero multiplo di 3 della forma
ABCBA (con A, B, C che rappresentano cifre non necessariamente distinte da 0 a 9 estremi inclusi).
Qual e il minimo numero di tentativi da eettuare per essere certi di poter rubare la bici al professore?
(Gara Senior 1993)
13. Ad un torneo di poker partecipano n persone; il torneo organizzato nel seguente modo: ogni sera 4
giocatori disputano un incontro e dopo 13 sere tutti hanno giocato una e una sola volta con tutti gli
altri. Trovare n.(Gara Senior 1991)
14. Quante sono le soluzioni dellequazione 4x + 5y + 20z = 1000 con x, y, z interi non negativi? (Gara
Senior 1989)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi tratti da gare matematiche 71
15. Alcune palline sono distribuite in 2n+1 sacchetti. Supponiamo che, tolto un qualunque sacchetto, sia
possibile suddividere i rimanenti in due gruppi di n sacchetti, in modo che ciascun gruppo contenga
lo stesso numero complessivo di palline. Dimostrare che ogni sacchetto contiene lo stesso numero di
palline. (Gara Nazionale 1990)
16. In quale riga e in quale colonna della tabella innita rappresentata a anco si trova il numero 1993?
(Gara Senior 1993)
1
2 3
4 5 6
7 8 9 10
11 12 13 14 15
17. Si consideri una scacchiera 8 8 con le caselle colorate di due dierenti colori, bianco e nero, non
come nella usuale scacchiera, ma rispettando comunque la seguente condizione: ogni colonna, cosi
come ogni riga, della scacchiera contiene quattro caselle bianche e quattro caselle nere. Dimostrare
che il numero di coppie di caselle contigue bianche e uguale al numero di coppie di caselle contigue
nere. (Due caselle si dicono contigue se hanno un lato in comune). (Gara Nazionale 1991)
18. Vi un gruppo di 28 persone tale che, comunque se ne scelgano 4, due di esse si conoscono. Dimostrare
che nel gruppo ci sono 10 persone ciascuna delle quali conosce almeno 9 persone. (Cortona 1994)
19. In un torneo di pallacanestro n squadre S
1
, S
2
, . . . , S
n
disputano un girone allitaliana (ogni squadra
incontra una ed una sola volta ciascuna delle altre), ed ogni incontro si conclude con la vittoria di
una delle due squadre. Indicati rispettivamente con v
i
e p
i
il numero degli incontri vinti e persi dalla
squadra S
i
(i = 1, 2, . . . n) si dimostri che
v
2
1
+v
2
2
+ +v
2
n
= p
2
1
+p
2
2
+ +p
2
n
(Gara Nazionale 1988)
20. Un alfabeto consiste di 6 lettere, che sono codicate in Morse come segue:
Una certa parola viene trasmessa senza intercalare spazi fra le lettere, viene cosi ricevuta una succes-
sione di linee e di punti contenente complessivamente 12 simboli. In quanti modi questa parola puo
essere letta? (Cortona 1991)
21. Ad un convegno partecipano 21 persone. Ciascuno dei partecipanti stringe la mano a ciascuno degli
altri. Quante sono state complessivamente le strette di mano? (Cortona 1991)
22. Fra i 33 studenti di una classe 18 giocano al calcio, 17 giocano a basket e 4 non praticano alcuno
sport. Quanti sono gli studenti che giocano sia a calcio che a basket? (Cortona 1988)
23. Sia a
1
, a
2
, . . . , a
n
un riordinamento dei numeri 1, 2, . . . , n con n dispari. Si dimostri che il prodotto
(a
1
1)(a
2
1) (a
n
1)
un numero pari. (Cortona 1992)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
72 Capitolo 5
24. Dimostrare che, ssato un numero positivo a, fra i numeri
a, 2a, 3a, . . . , (n 1)a
ve ne uno che dierisce al pi di
1
n
da un numero intero. (Cortona 1992)
25. Si dimostri che esiste un intero N tale che per ogni n N possibile suddividere un quadrato in
n quadratini a due a due disgiunti (Due quadratini sono considerati disgiunti se non hanno punti in
comune). (Gara Nazionale 1994)
26. E data una scacchiera innita, le cui righe e le cui colonne sono numerate con i numeri positivi.
In ogni casella della scacchiera si pu collocare al pi un gettone (si hanno a disposizione inniti
gettori). Sono date due successioni a
1
, a
2
, . . . , a
n
e b
1
, b
2
, . . . , b
n
di numeri interi positivi. Diostrare
che si possono disporre i gettoni sulla scacchiera in modo che vi siano a
1
gettoni sulla prima riga, a
2
gettoni sulla seconda riga, . . . , b
1
gettoni sulla prima colonna, b
2
gettoni sulla seconda colonna, . . . .
(Gara Nazionale 1993)
27. Si consideri un cubo di dimensioni 3 3 3 formato quindi da 27 cubetti unitari. Si domanda quante
sono le retto dello spazio che passno per esattamente 3 centri di questi 27 cubetti e quante sono quelle
che passano esattamente per 2 di tali centri. (Gara Nazionale 1990)
28. Diremo che una retta interseca propriamente un cubo se passa per un punto interno al cubo. Dato
un cubo suddiviso in 27 cubetti uguali come in gura, si dica qual il numero massimo di cubetti che
una retta pu intersecare propriamente. (Gara Nazionale 1992)
29. Vi una tavola circolare con n posti equispaziati. Gli n commensali hanno portato ciascuno un
regalo; i regali vengono messi in corrispondenza dei posti. Allingresso i commmensali si dispongono
in ordine casuale, ma qualcuno nota con rammarico di essere destinatario del regalo che lui stesso ha
portato. E possibile, qualunque sia la disposizione iniziale, eettuare una rotazione dei commensali
(che mantenga lordine reciproco) in modo che nessuno si trovi di fronte al regalo da lui portato?
(Cortona 1994)
30. Si consideri una scacchiera 10 10 e in ogni sua casella siano indicati ordinatamente i numeri da 1
a 100 incominciando dalla prima casella in alto a sinistra, andando verso destra no a terminare la
prima riga e poi proseguendo con la seconda riga sempre da sinistra a destra, no ad arrivare alla
centesima casella in basso a destra. Supponiamo ora di cambiare 1 segni a 50 di questi numeri con la
condizione che in ogni riga e in ogni colonna ci siano tanti numeri positivi quanti negativi. Si dimostri
che, dopo tale cambiamento, la somma di tutti i numeri zero. (Gara Nazionale 1994)
31. Su unisola vivono 1000 abitanti, ciascuno dei quali comunica le notizie in suo possesso ai suoi co-
noscenti entro una giornata. La situazione tale che ogni notizia raggiunge prima o poi tutti gli
abitanti. Si dimostri che, se si comunica una notizia a 90 persone opportunamente scelte, quella
notizia raggiunger tutti gli abitanti entro 10 giorni. (Cortona 1994)
32. In una tavola circolare ci sono 60 posti occupati da 30 uomini e dalle 30 rispettive mogli. Mostrare
che esistono almeno due signore che siedono alla stessa distanza dai rispettivi mariti. (Gara Nazionale
1989)
33. Siano dati 2n + 3 punti nel piano, a tre a tre non allineati e a quattro a quattro non appartenenti a
una stessa circonferenza. Dimostrare che esiste una circonferenza passante per tre di essi e tale che
racchiude nel suo interno n punti (lasciandone quindi n allesterno). (Cortona 1990)
34. Ad una festa nessuno dei ragazzi ha ballato con tutte le ragazze, ma ogni ragazza ha ballato con
almeno un ragazzo. Dimostrare che esistono due ragazzi m
1
, m
2
e due ragazze f
1
, f
2
tali che:
(1) m
1
ha ballato con f
1
, m
2
ha ballato con f
2
;
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi tratti da gare matematiche 73
(2) m
1
non ha ballato con f
2
, m
2
non ha ballato con f
1
.
(Cortona 1990)
35. Dimostrare che esiste una colorazione dellinsieme {1, 2, . . . , 1000} con tre colori tale che nessuna
progressione aritmetica di 15 termini sia monocromatica. (Cortona 1989)
36. Determinare il numero di colonne del Totocalcio che contengono tutti e tre i segni 1, X, 2. (Cortona
1993)
37. Se n e m sono due interi con n < m, quanti sono gli interi q tali che n < q < m? (Giochi di Archimede
Biennio 1994)
38. Ciascuno dei gli dei coniugi Poli ha almeno due fratelli e almeno due sorelle. Qual il numero
minimo di gli dei coniugi Poli? (Giochi di Archimede Biennio 1995)
39. 12 persone si stringono la mano. Ciascuna stringe la mano a tutte le altre. Quante sono le strette di
mano in totale? (Giochi di Archimede Triennio 1994)
40. Un ladro spia Marco mentre chiude la sua valigia con un lucchetto con combinazione di 3 cifre
(ciascuna cifra va da 0 a 9). Non ha potuto vedere la combinazione ma riuscito a capire che due
cifre consecutive sono uguali e la terza diversa. Qual il numero massimo di combinazioni che il
ladro dovr provare per aprire la valigia di Marco? (Giochi di Archimede Biennio 2000)
41. Una mamma compre 3 giacche e 4 pantaloni per i suoi 2 gemelli. I capi di vestiario sono tutti diversi
fra loro. Quando escono insieme, in quanti modi possono presentarsi vestiti i due ragazzi? (Giochi di
Archimede Triennio 1994)
42. In quanti modi si possono disporre 3 ragazzi e 3 ragazze per una foto di gruppo, sistemandi i 3 ragazzi
accovacciati e le 3 ragazze in piedi dietro di loro? (Giochi di Archimede Triennio 1999)
43. In una classe di 33 studenti 18 di essi giocano a calcio, 17 giocano a basket e 4 non praticano alcuno
sport. Quanti sono gli studenti che giocano sia a calcio sia a basket? (Giochi di Archimede Triennio
1994)
44. In una classe di 20 persone, 15 giocano a calcio, 14 a basket, 13 a pallavolo. Quanti sono, al minimo,
coloro che praticano tutti e 3 gli sport? (Giochi di Archimede Biennio 1998)
45. Sono state istituite 3 commissioni parlamentari formate da 10 membri ciascuna. Sappiamo che nessun
parlamentare membro simultaneamente di tutte e tre le commissioni. Dire qual il minimo numero
di persone coinvolte nelle 3 commissioni. (Giochi di Archimede Biennio 1997)
46. Quante sono le diagonali di un dodecagono convesso? (Giochi di Archimede Triennio 1995)
47. Un pallone di cuoio ottenuto cucendo 20 pezzi di cuoio a forma esagonale e 12 pezzi di cuoio a forma
pentagonale. Una cucitura unisce i lati di due pezzi adiacenti. Qual il numero totale di cuciture.
(Giochi di Archimede Biennio-Triennio 1996)
48. Un libro ha x pagine che sono state numerate utilizzando 900 caratteri composti dalle cifre decimali.
Determinare x. (Giochi di Archimede Biennio 1995)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
74 Capitolo 5
49. Platone amava particolarmente il dodecaedro regolare, che un poliedro le cui facce sono 12 pentagoni
regolari uguali. Quanti spigoli e quanti vertici ha tale poliedro? (Giochi di Archimede Biennio 1998)
50. Un poligono regolare ha n lati e 4n diagonali. Quanto vale n? (Giochi di Archimede Triennio 1998)
51. Un ladro ha visto Marco legare la propria bicicletta usando un lucchetto con una combinazione di
4 cifre (ciascuna cifra va da 0 a 9). Non riuscito a vedere la combinazione ma ha scoperto che
almeno due cifre consecutive sono uguali. Qual il numero massimo di combinazioni che il ladro
dovr provare per rubare la bicicletta a Marco? (Giochi di Archimede Triennio 2000)
52. Ho a disposizione cinque cifre uguali a 1 ed una cifra uguale a 2. Usando tutte o alcune di queste
cifre, quanti numeri diversi posso costruire? (Giochi di Archimede Triennio 1996)
53. La gura mostra la pianta di una cittadina in cui tutti gli isolati hanno le medesime dimensioni.
Quanti sono i percorsi di lunghezza minima per andare da A a B? (Giochi di Archimede Triennio
1995)
A
B
54. Antonio e Barbara compiono gli anni lo stesso giorno. Antonio compie 7 anni e, sistemando opportu-
namente le candeline, con tre tagli rettilinei pu dividere la sua torta di compleanno in modo che ogni
parte contenga. esattamente una candelina (vedi gura). Barbara riesce a fare la stessa operazione
con la sua torta facendo 4 tagli rettilinei, ma sa che il prossimo anno 4 tagli non basteranno pi,
comunque siano disposte le candeline. Quanti anni compie Barbara? (Giochi di Archimede Triennio
1998)
55. Tre paia di calzini, uno rosso, uno blu e uno verde, sono stesi in la. Sapendo che due calzini
dello stesso colore non sono vicini uno allaltro, quante successioni di colori si possono avere? (Gara
Provinciale 1997)
56. In quale delle seguenti gure, che rappresentano gli spigoli dei 5 solidi platonici, possibile percorrere
tutti i lati disegnati senza tornare mai sui propri passi? (Naturalmente possibile passare pi di una
volta sullo stesso vertice). (Giochi di Archimede Triennio 1997)
57. Nella gura la retta r incontra la linea a forma di S in tre punti e divide cos tale linea in quattro
parti. Se tale linea viene intersecata in modo analogo da 11 rette parallele distinte, ciascuna delle
quali la interseca in tre punti, in quante parti viene divisa la linea a forma di S? (Giochi di Archimede
Triennio 1994)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi tratti da gare matematiche 75
B A C D E
1
2
3
4
r
58. Si determini il numero di regioni in cui una supercie sferica suddivisa da n cerchi massimi tali che
nessun punto appartenga a tre di essi. (Cortona 1995)
59. Ad una gara a punti su pista partecipano nove concorrenti. Ad ogni traguardo intermedio vengono
assegnati 9 punti al primo, 8 al secondo, 7 al terzo e cos via no ad assegnare 1 punto allultimo.
Prima dellultimo sprint (in cui il punteggio assegnato vale doppio) la classica vede al comando
Abdujaparov con 2 punti di vantaggio su Boardman e 9 su Cipollini. Gli altri concorrenti hanno
un distacco in punti tale da non consentire pi loro di aggiudicarsi la gara. Quanti sono i possibili
dierenti piazzamenti dei tre corridori nellultimo sprint che permettono a Cipollini di vincere la gara?
(Gara Provinciale 1999)
60. Ogni partito ha fatto le sue promesse; due partiti qualunque hanno almeno una promessa in comune,
due partiti diversi non hanno fatto esattamente le stesse promesse. Sapendo che le promesse totali
sono al pi 5, qual il numero massimo di partiti presenti? (Gara Provinciale 1996)
61. In quanti modi possibile colorare con sei colori un pentagono dodecaedro in modo che ogni faccia
conni con cinque facce di colori diversi fra loro e da quello della faccia stessa? (Cortona 1996)
62. Per numerare i biglietti di una lotteria stata usata 999 volte la cifra 9 (i numeri dei biglietti vanno
dal numero 1 in poi). Quanti biglietti sono stati emessi per la lotteria? (Gara Provinciale 2000)
63. Siano A
1
, A
2
, . . . A
n+1
insiemi aventi ciascuno n elementi, tali che ogni coppia di insiemi abbia esatta-
mente un elemento in comune e che ogni elemento dellunione appartenga ad esattamente due insiemi.
Per quali valori di n possibile colorare con due colori gli elementi dellunione in modo che ogni insieme
possegga un ugual numero di elementi dei due colori? (Cortona 1995)
64. In un torneo di pallacanestro ogni squadra aronta esattamente due volte tutti gli altri partecipanti.
Il torneo viene vinto da una squadra sola in testa alla classica con 26 punti, mentre esattamente due
squadre arrivano ultime con 20 punti. Quante squadre hanno partecipato al torneo? (Ricordiamo che
nella pallacanestro si assegnano 2 punti alla vittoria e 0 alla scontta, mentre non possibile che una
partita. nisca in parit.) (Gara Nazionale 2001)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
76 Capitolo 5
65. I 20 alunni di una classe ricevono le pagelle e osservano che non vi sono due studenti che hanno
entrambi i voti (scritto e orale) di matematica uguali. Diremo che un alunno A pi bravo di un
alunno B in matematica se tutti e due i voti di A sono maggiori o uguali dei corrispondenti voti di B
(uno dei due essendo strettamente maggiore).
(a) Tenendo conto che i voti sono interi compresi tra 1 e 10 (estremi inclusi) si dimostri che esistono
tre alunni A, B, C tali che, in matematica, A pi bravo di B e B pi bravo di C.
(b) La tesi rimarrebbe vera se ci fossero meno di 20 alunni?
(Gara Nazionale 1995)
66. Si dimostri che in ogni poliedro convesso ci sono almeno due facce con lo stesso numero di lati. (Gara
Nazionale 1998)
67. Una regione contiene diciassette citt; ognuna di esse collegata ad esattamente altre 8 con un
volo diretto (andata e ritorno). Dimostrare che da ogni citt se ne pu raggiungere qualsiasi altra.
(Cortona 1996)
68. Sia dato un rettangolo di m n quadratini unitari. Quanti quadratini sono attraversati da una
diagonale del rettangolo? (Cortona 1996)
69. Determinare il numero delle 2n-uple (x
1
, . . . , x
n
, y
1
, . . . , y
n
) tali che:
(i) tutti gli x
i
e gli y
i
sono 0 oppure l;
(ii) la somma x
1
y
1
+ +x
n
y
n
un numero pari.
(Cortona 2000)
70. Determinare quante sono le funzioni f : {1, . . . , n} {1, . . . , 5} tali che | f(i + 1) f(i) | 3 per
i = l, . . . , n 1. (Cortona 2001)
71. Sia una permutazione dellinsieme dei numeri 1, 2, . . . , n (cio unapplicazione biunnivoca dellin-
sieme in s). Poniamo N() =

n
i=1
| (i) i |. Si determini il massimo valore che pu assumere
N(). (Cortona 1997)
72. Siano dati 8 punti distinti nel piano. Vengono costruiti tutti i possibili segmenti con estremi in tali
punti. Si sa che gli assi di almeno 22 di questi segmenti si intersecano in uno stesso punto. Si dimostri
che tutti gli assi dei segmenti costruiti si intersecano nel medesimo punto. (Cortona 1997)
73. Siano dati nel piano 2m punti rossi e 2n punti verdi. Tutti questi punti sono a tre a tre non allineati.
sempre possibile trovare una retta che divida il piano in due regioni contenenti ciascuna m punti
rossi e n punti verdi? (Cortona 1997)
74. Sia X un insieme di n elementi e siano A
1
, A
2
, . . . , A
m
, sottoinsiemi di X tali che
(i) |A
i
| = 3 per ogni i = 1, . . . , m;
(ii) |A
i
A
j
| 1 per ogni i = j.
Dimostrare che esiste un sottoinsieme di X con almeno
_
2n

elementi che non contiene nessuno


degli A
i
(si ricorda che [x] indica la parte intera di x, cio il massimo intero minore o uguale a x).
(Selezione Cortona 1999)
75. Dato un cubo C, quanti sono i triangoli che hanno per vertici tre vertici di C e che non giacciono su
nessuna delle facce di C? (Gara Provinciale 1998)
76. Data una schedina contenente n partite, determinare quante sono le possibili colonne che contengono
un numero pari di pareggi. (Gara Nazionale 1996)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi tratti da gare matematiche 77
77. Attorno a una tavola rotonda siedono n cavalieri. Ogni cavaliere odia i suoi due vicini, e nessuno
degli altri cavalieri. Questi cavalieri decidono di inviare un commando, composto da k di loro, a
liberare una principessa. Ovviamente due cavalieri che si odiano non possono far parte entrambi del
commando. Si determini in quanti modi pu essere selezionato il commando nei seguenti casi:
k = 5, n = 12 , k = 11, n = 40.
(Cortona 1999)
78. Sia n > 1 un intero. Trovare il numero delle permutazioni (a
1
, a
2
, . . . , a
n
) di (1, . . . , n) tali che esista
uno e un solo indice i appartenente a {1, . . . , n 1} con a
i
> a
i+1
. (Cortona 1998)
79. Le nuove targhe automobilistiche sono costituite da due lettere, tre cifre e altre due lettere (scelte
nellalfabeto inglese di 26 lettere). Quante targhe al massimo si possono emettere se si vuole che due
qualsiasi di esse dieriscano in almeno due posizioni? (Selezione Cortona 1996)
80. Ad una competizione internazionale partecipano 600 ragazzi provenienti da 100 nazioni diverse e da
ogni nazione provengono 6 ragazzi. Il giorno prima della gara si organizza un rinfresco in un enorme
salone a cui partecipano tutti i concorrenti. Ciascuno fa la conoscenza di tutti gli altri (ad eccezione
dei suoi connazionali che conosce gi) stringendo loro la mano. Quante sono le strette di mano?
(Giochi di Archimede Biennio 2002)
81. Immaginando di prolungare tutte le facce di un cubo, in quante regioni viene diviso tutto lo spazio
(compreso linterno del cubo)? (Giochi di Archimede Triennio 2002)
82. Un puzzle da 100 pezzi pu essere montato incastrando i pezzi uno dopo laltro, in modo da inserire
ciascun nuovo pezzo nella porzione di puzzle gi composta, oppure costruendo diversi gruppi di pezzi
e poi unendo questi tra di loro. Ogni unione (di due singoli pezzi, o di due gruppi, o di un pezzo a
un gruppo) conta una mossa. Qual il numero minimo di mosse necessarie per completare il puzzle?
(Gara Provinciale 2002, Biennio)
83. Determinare il numero di parallelepipedi retti con base quadrata che hanno tutti gli spigoli di
lunghezza intera e volume uguale a 270000. (Gara Provinciale 2002, Biennio)
84. Un sottinsieme A dei numeri naturali compresi tra 1 e 100 tale che la somma di due suoi elementi
qualsiasi divisibile per 6. Quanti elementi pu avere, al massimo, il sottinsieme A? (Gara Provinciale
2002, Triennio)
85. Gli interi da 1 a 9 sono scritti nelle 9 caselle di una scacchiera 33, ogni intero in una casella diversa,
in modo tale che ogni coppia di numeri consecutivi sia scritta in due caselle adiacenti (cio aventi un
lato comune). Quanti sono i valori possibili del numero posto sulla casella centrale? (Gara Provinciale
2002, Biennio)
86. In Italia le targe automobilistiche sono composte da 2 lettere, seguite da 3 cifre e da altre 2 lettere.
Nel paese di Ailati le cose vanno alla rovescia e le targhe sono composte da 2 cifre, seguite da 3 lettere
e da altre 2 cifre. Supponendo che in entrambi i paesi si usino 10 cifre e 22 lettere (I, O, U, Q
non sono utilizzate), determinare la dierenza tra il numero di tutte le targhe possibili nei due paesi.
(Gara Provinciale 2003, Biennio)
87. Nella griglia in gura si vuole andare dalla casella di partenza P alla casella di arrivo A, seguendo due
regole: ci si pu spostare da una casella ad unaltra solo se hanno un lato in comune; si pu passare
al pi una volta da ogni casella.
A
P
In quanti modi pu essere fatto il tragitto? (Gara Provinciale 2003, Biennio)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
78 Capitolo 5
88. Unazienda dolciaria produce due tipi di torrone, usando la stessa pasta bianca e le stesse nocciole,
ma in due proporzioni diverse. Nel torrone di tipo A le nocciole rappresentano il 30% del peso ed il
40% del volume; in quello di tipo B le nocciole rappresentano il 60% del peso. Quale percentuale del
volume rappresentano le nocciole nel torrone di tipo B? (Gara Provinciale 2003, Biennio)
89. Determinare il numero di quadruple di numeri interi (non necessariamente distinti) compresi fra 1 e
12 che vericano tutte le seguenti condizioni:
la somma dei primi due numeri pari;
la somma dei primi tre numeri multipla di 3;
la somma dei quattro numeri multipla di 4.
(Due quadruple che dieriscano anche solo per lordine degli addendi sono da considerarsi distinte).
(Gara Provinciale 2003, Triennio)
90. Un dodecaedro un solido regolare con 12 facce pentagonali. Una diagonale di un solido un segmento
che ha per estremi due vertici del solido che non appartengono ad una stessa faccia. Quante sono le
diagonali del dodecaedro? (Gara Provinciale 2003, Triennio)
91. Si vogliono regalare sette pacchi dono a sette bambini, uno a ciascuno. Si vuol fare in modo che in
ciascun pacco ci siano tre giochi diversi e che, comunque si scelgano due bambini, essi ricevano al pi
un gioco in comune. Qual il minimo numero di tipi di giochi distinti che necessario usare? (Gara
Provinciale 2003, Triennio)
92. Si vogliono colorare le 9 caselle di una scacchiera 3 3 in modo tale che ogni riga, ogni colonna e
ognuna delle due diagonali non contengano pi caselle dello stesso colore. Qual il minimo numero
di colori necessario? (Giochi di Archimede Biennio 2003)
93. In un ampio laghetto le foglie di ninfea sono disposte a reticolo, come nella seguente. I rospi sono
B
A
soliti muoversi con balzi da una foglia ad una adiacente in orizzontale o in verticale. Un rospo si trova
in A ed avvista un insetto in B. Per catturarlo, compie una traiettoria di 6 balzi (senza mai passare
due volte sulla stessa foglia) che termina in B. Quante traiettorie diverse pu aver compiuto? (Giochi
di Archimede Triennio 2003)
94. Sono dati 9 punti disposti come nella gura seguente. Quanti sono i possibili triangoli non degeneri
che hanno i vertici in 3 di tali punti? (Giochi di Archimede Triennio 2003)
95. Si consideri linsieme {1, 2, . . . , 2003}. Quanti sono i suoi sottinsiemi B tali che la somma degli
elementi di B uguale a 2007000? (Giochi di Archimede Triennio 2003)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi tratti da gare matematiche 79
96. Un villaggio costituito da abitazioni isolate, collegate da strade. Ognuna di queste strade un
sentiero che collega due abitazioni (e tra due abitazioni vi al pi un sentiero che le collega). Le
abitazioni sono di due tipi: centrali e periferiche. Ogni abitazione centrale collegata esattamente
ad altre due abitazioni. Sapendo che il numero di abitazioni centrali uguale al numero di abitazioni
periferiche, e che ci sono in tutto 30 sentieri, quante abitazioni ci sono in tutto il villaggio? (Gara
Provinciale 2004, Triennio)
97. Quanti sono i multipli di 5 fra i numeri interi di 4 cifre che si scrivono senza usare altre cifre allinfuori
di 0,1,2,3,4,5? (Giochi di Archimede Triennio 2004)
98. Su una striscia molto lunga sono scritte di seguito, in ordine alfabetico, tutte le parole di 4 lettere
(incluse quelle prive di signicato) ottenibili con le 21 lettere del nostro alfabeto a partire da AAAA.
Qual la 2004-esima lettera scritta? (Giochi di Archimede Triennio 2004)
99. Quante sono le coppie ordinate di numeri naturali (x, y), x > 0 e y > 0, tali che 5 < x + y 10?
(Attenzione: si considerano coppie ordinate, quindi, ad esempio,le coppie (3, 4) e (4, 3) sono distinte
tra loro. (Giochi di Archimede Biennio 2004)
100. Dieci amici decidono di giocare una partita di calcetto, cinque contro cinque. Sapendo che vi sono
due terne di fratelli, e che i tre fratelli Ambrosio desiderano giocare tutti nella squadra A mentre i tre
fratelli Bianchi desiderano giocare tutti nella squadra B, in quanti dierenti modi si possono formare
le due squadre? (Giochi di Archimede Biennio 2004)
101. Quanti sono i multipli di 5 fra i numeri interi di 4 cifre che si scrivono senza usare altre cifre allinfuori
di 0,1,2,3,4,5? (E consentito impiegare pi volte la stessa cifra; 0 non pu essere la cifra iniziale)
(Giochi di Archimede Biennio 2004)
102. Quanti sono gli interi compresi tra 1 e 2005 (inclusi) che hanno un numero dispari di cifre pari? (Gara
Provinciale 2005)
103. Su una scacchiera 75 75 le righe e le colonne sono numerate da 1 a 75. Chiara vuole mettere una
pedina in tutte e sole le caselle che abbiano una coordinata pari e laltra multipla di 3. Quante pedine
disporr in tutto sulla scacchiera? (Gara Provinciale 2005)
104. Quante sono le coppie ordinate (x, y) di interi positivi x ed y che soddisfano la relazione
xy + 5(x +y) = 2005
(Gara Provinciale 2005)
105. Quante cifre ha il numero 2
3
5
4
10
5
? (Giochi di Archimede Biennio 2005)
106. Alla ne di un campionato di calcio a 20 squadre (in cui ogni squadra gioca contro ogni altra squadra
esattamente due partite) i Matematici hanno vinto 19 partite, ne hanno pareggiate 12 e ne hanno
perse 7. Lallenatore osserva che si ha 19 = 12 + 7. Per una generica squadra del campionato
indichiamo con (v, n, p) la terna formata dal numero di vittorie, pareggi e scontte rispettivamente,
ottenuti nel campionato. Per quante terne distinte pu accadere che v = n+p? (Attenzione: le terne
sono ordinate, quindi, ad esempio, (19, 12, 7) e (19, 7, 12) sono da considerarsi distinte). (Giochi di
Archimede Biennio 2005)
107. Fabio ritrova un vecchio lucchetto a combinazione; per aprire il lucchetto bisogna allineare nellordine
giusto tre cifre, ciascuna delle quali pu variare da 0 a 9. Fabio non ricorda la combinazione corretta,
ma sicuro che la somma delle tre cifre sia 10. Quanti tentativi dovr fare, al massimo, per trovare
la combinazione corretta? (Giochi di Archimede Biennio 2005)
108. Quanti sono i numeri interi maggiori o uguali a 1 e minori o uguali a 100 che sono uguali al quadrato
del numero dei propri divisori positivi? (Attenzione: tra i divisori di un numero vi sono anche 1 ed il
numero stesso). (Giochi di Archimede Biennio 2005)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
80 Capitolo 5
109. In un grande ucio ci sono 84 impiegati, ciascuno dei quali conosce almeno una lingua tra linglese
e il tedesco; inoltre, il 20% di coloro che parlano linglese parla anche il tedesco, e l80% di coloro
che parlano il tedesco parla anche linglese. Quanti sono gli impiegati di quellucio che conoscono
entrambe le lingue? (Giochi di Archimede Biennio 2005)
110. Quanti sono i numeri di 4 cifre la cui cifra iniziale 1 e che hanno almeno 3 cifre uguali tra loro?
(Giochi di Archimede Triennio 2005)
111. Un gruppo di ragazze e ragazzi, 24 in totale, partecipa ad un banchetto e siedono tutti intorno ad
un tavolo rotondo. Ogni ragazza dice: Seduto al mio anco c un ragazzo. Sapendo che il numero
di ragazze il doppio di quello dei ragazzi, quante ragazze hanno certamente mentito? (Giochi di
Archimede Triennio 2005)
112. Quante parole (anche prive di senso compiuto) di quattro lettere si possono scrivere utilizzando solo
le lettere A, B, E, M, O in modo che nessuna delle lettere successive ad una B (andando da sinistra
verso destra) sia una M? (Quindi, ad esempio, ABEB deve essere contata ma OBAM no). (Giochi
di Archimede Triennio 2005)
113. I membri di una trib hanno dieci dita alle mani e nove ai piedi e quindi contano indierentemente in
base 10 o 19. Nella loro cultura matematica, un numero intero positivo detto sacro se in entrambe
le basi si scrive con le stesse due cifre (comprese tra 1 e 9). Quanti sono i numeri sacri ? (Gara
Provinciale 2006)
114. Sulla lavagna c scritto un numero di 17 cifre composto da soli 1 e 2. Paolo entra e riscrive il numero
in sequenza inversa, allineandolo sotto il precedente. Gianni entra e scrive sotto ogni colonna la cifra
massima che compare in quella colonna. Alberto entra e scrive sotto ogni colonna la cifra minima
che compare in quella colonna, poi cancella le prime due righe. Carla entra e trova scritti i numeri
12212212221221221 e 11211111211111211 e le viene spiegato che cosa hanno fatto Paolo, Gianni e
Alberto. Quanti sono i diversi numeri che potevano essere scritti sulla lavagna come primo numero?
(Gara Provinciale 2006)
115. Quanti sono i numeri di cinque cifre (cio fra 10000 e 99999) che non contengono zeri e sono multipli
di 12? (Gara Provinciale 2006)
116. Sia k 1 un numero naturale. Determinare in funzione di k il numero di interi positivi n con le
seguenti propriet:
(a) in base dieci si scrivono con k cifre, tutte dispari;
(b) sono divisibili per 5, e il quoziente
n
5
, scritto in base dieci, ha ancora k cifre, tutte dispari. (Gara
Provinciale 2006)
117. Quanti divisori positivi ha il numero 5 4 3 2? (Tra i divisori di un numero devono essere contati
anche 1 e il numero stesso.) (Giochi di Archimede Biennio 2006)
118. Quanti sono i multipli di 3 maggiori o uguali di 2000 e minori o uguali di 4000? (Giochi di Archimede
Biennio 2006)
119. 12) In quanti modi distinti si possono ordinare le lettere L, A, P, I, S, in modo che la prima e lultima
lettera siano vocali? (Giochi di Archimede Biennio 2006)
120. In una scacchiera 8 8 le righe e le colonne sono numerate da 1 a 8. Su ogni casella Mauro appoggia
dei gettoni secondo questa regola: guarda il numero di riga e di colonna corrispondenti alla casella, li
somma e mette sulla casella tanti gettoni quanto il risultato della somma. Quanti gettoni appoggia
in tutto? (Giochi di Archimede Biennio 2006)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi tratti da gare matematiche 81
121. Consideriamo tutti i numeri di quattro cifre formati dalle cifre 3, 4, 6, 7, disposte in un ordine qualsiasi
e senza che nessuna cifra sia ripetuta. Quanti di questi sono divisibili per 44? (Giochi di Archimede
Biennio 2006)
122. Quanti divisori positivi ha 6! = 1 2 3 4 5 6? (Tra i divisori di un numero devono essere contati
anche 1 e il numero stesso. (Giochi di Archimede Triennio 2006)
123. In quanti modi distinti si possono ordinare le lettere I, S, O, L, A, in modo che non vi siano due
consonanti consecutive? (Giochi di Archimede Triennio 2006)
124. Dallinsieme {1, 2, . . . , 100} scegliamo 50 numeri distinti, la cui somma 3000. Come minimo, quanti
numeri pari abbiamo scelto? (Gara Provinciale 2007)
125. Consideriamo un qualsiasi insieme di 20 numeri interi consecutivi, tutti maggiori di 50. Quanti di essi
al massimo possono essere numeri primi? (Gara Provinciale 2007)
126. Lorenza si trova su una pista avente la forma di un poligono regolare con 2007 lati, i cui vertici sono
numerati da 1 a 2007 in senso antiorario. Lorenza, partendo dal vertice 6, salta ogni volta 4 vertici e
cade sul quinto pi avanti (ad esempio, dal 20 salta al 25), ma salta indietro di 2 vertici quando cade
su un vertice identicato da una potenza di 2 (ad esempio, dopo un eventuale salto dal 27 al 32, deve
saltare indietro al 30). Dopo quanti salti Lorenza avr oltrepassato per la prima volta il vertice 1?
(Gara Provinciale 2007)
127. Nel piano ci sono due le di 14 punti ciascuna, disposte su due rette parallele tra loro e distinte. Se
tracci un segmento da ogni punto della prima la ad ogni punto della seconda la, quanti segmenti
hai tracciato? (Giochi di Archimede Biennio 2007)
128. Quanti sono i percorsi distinti che, partendo da un vertice ssato di un quadrato e movendosi solo
lungo i suoi lati e le sue diagonali, passano per ogni vertice una e una sola volta? (Giochi di Archimede
Biennio 2007)
129. Alberto deve apparecchiare una tavola rotonda per sei persone e ha sei piatti bianchi e sei piatti neri
a disposizione. Per ogni persona deve mettere uno e un solo piatto e pu sceglierlo, arbitrariamente,
di colore bianco oppure nero. Quanti modi distinti ha Alberto di apparecchiare la tavola? (Due tavole
apparecchiate che dieriscono solo per una rotazione non sono da considerarsi distinte). (Giochi di
Archimede Triennio 2007)
130. Sia data una scacchiera di 100 righe e 100 colonne, con tutte caselle bianche.
(a) E possibile colorare un numero dispari di caselle in modo tale che ogni casella colorata abbia un
numero dispari di caselle colorate adiacenti?
(b) E possibile colorare alcune caselle in modo tale che un numero dispari di esse abbia esattamente
4 caselle adiacenti colorate e tutte le altre caselle colorate abbiano esattamente 2 caselle adiacenti
colorate?
(c) E possibile colorare alcune caselle in modo tale che un numero dispari di esse abbia esattamente
2 caselle adiacenti colorate e tutte le altre caselle colorate abbiano esattamente 4 caselle adiacenti
colorate?
(Nota: Due caselle si considerano adiacenti se hanno un lato in comune). (Gara Nazionale 2002)
131. Ad uno stage partecipano 9 ragazzi, ciascuno dei quali parla al pi 3 lingue. Sapendo che ogni coppia
di ragazzi riesce a comunicare (dunque i suoi due componenti hanno una lingua in comune) si dimostri
che almeno una lingua parlata da almeno 5 ragazzi. (Stage PreIMO, Cortona 2002)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
82 Capitolo 5
132. Determinare se possibile ricoprire una scacchiera 5 7 con delle mattonelle a forma di L (ottenute
rimuovendo un quadratino ad una mattonella 2 2, eventualmente con delle sovrapposizioni, in
modo che ogni quadratino della scacchiera risulti ricoperto dallo stesso numero di mattonelle. (Stage
PreIMO, Cortona 2002)
133. Data una griglia mn (m, n 1) si dispone una pedina al centro di ogni casella e una in ogni vertice
della griglia.
(a) Trovare tutte le tabelle che hanno esattamente 500 pedine;
(b) Dimostrare che esistono inniti interi positivi k tali che non esistono griglie con esattamente k
pedine.
(Gara Nazionale 2003)
134. Sia n un intero positivo dispari. Una tabella formata da nn quadratini unitari colorata a scacchiera
di bianco e nero, in modo che gli angoli siano neri. Un tromino un pezzo costituito da tre quadratini
unitari, ottenuto rimuovendo una casella ad un quadrato 2 2..
(a) Determinare per quali n possibile piazzare un certo numero di tromini sulla scacchiera (rispet-
tando la quadrettatura) in maniera da non uscire dai bordi, evitare sovrapposizioni e ricoprire
tutte le caselle nere.
(b) Per quei valori di n per cui risulta possibile, determinare il minimo numero di tromini necessari.
(Ita TST, Pisa 2003)
135. Determinare il numero degli interi positivi minori di 2
13
che, scritti in base 2, non hanno 3 cifre uguali
consecutive (ovviamente gli zeri iniziali non contano). (Stage PreIMO, Pisa 2003)
136. Una successione di n interi positivi (non necessariamente distinti) detta completa se soddisfa le
seguenti propriet: se la successione contiene un intero k 2, allora contiene lintero k 1, ed inoltre
la prima comparsa di k 1 precede lultima comparsa di k nella successione. Determinare quante
sono le successioni complete con n termini. (Stage PreIMO, Pisa 2003)
137. La commissione olimpiadi composta da 8 persone. Determinare se possibile formare dei comitati
con i membri di tale commissione in modo da soddisfare entrambe le seguenti condizioni:
ogni comitato composto da 4 membri;
comunque si scelgano 3 membri della commissione, esiste uno ed un solo comitato di cui fanno
parte tutti e tre.
(Stage PreIMO, Pisa 2004)
138. In una nazione ci sono n citt. Ogni coppia di citt collegata (andata e ritorno) o da una linea di
autobus o da una linea ferroviaria. Un turista vuole organizzare un tour che visiti una ed una sola
volta tutte le citt per poi tornare al punto di partenza. Determinare se il turista pu scegliere il
punto di partenza e litinerario in modo da dover cambiare mezzo al pi una volta. (Stage PreIMO,
Pisa 2004)
139. Determinare quante sono le permutazioni dellinsieme {1, 2, . . . , n} tali che
|{x {1, 2, . . . , n} : (x) > x}| 1
(Stage PreIMO, Pisa 2004)
140. (a) Determinare il pi piccolo intero n con questa propriet: comunque si scelgano n interi in
{1, 2, . . . , 2004}, ve ne sono 2 che dieriscono di 10.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi tratti da gare matematiche 83
(b) Determinare quanti sono i sottinsiemi di {1, 2, . . . , 2004}, contenenti n1 elementi, in cui nessuna
coppia di elementi dierisce di 10 (n il minimo intero di cui al punto precedente).
(Stage PreIMO, Pisa 2004)
141. Una tripletta additiva una terna (a, b, c) di numeri interi distinti tali che a + b = c. Determinare il
massimo numero di triplette additive che sono contenute in un insieme di 2004 interi positivi.(Stage
PreIMO, Pisa 2004)
142. Siano n 3 e c 1 due interi positivi. Determinare quanti sono i modi di colorare i vertici di un
n-agono usando al pi c colori, in modo che i vertici adiacenti abbiano colori distinti (due colorazioni
ottenibili luna dallaltra mediante rotazione del poligono sono considerate distinte).(Stage PreIMO,
Pisa 2004)
143. Una banda di ladri vuole aprire la cassaforte di una banca. Un basista ha fatto ubriacare il direttore
della banca ed riuscito a sapere che:
(a) la combinazione formata da 5 cifre da 0 a 9;
(b) la combinazione un numero pari;
(c) esattamente una delle 5 cifre della combinazione dispari;
(d) nella combinazione compaiono quattro cifre diverse, la cifra ripetuta pari e compare in due
posizioni non consecutive.
Quante sono le combinazioni possibili in base a tali informazioni? (Gara Provinciale 2008)
144. Quanti sono i numeri naturali di quattro cifre in cui compare una e una sola volta la cifra 5 ed essa
la cifra pi grande presente nel numero? (Giochi di Archimede Biennio 2008)
145. Quanti sono i numeri interi positivi multipli di almeno uno tra 5 e 7 e minori o uguali a 1000? (Giochi
di Archimede Biennio 2008)
146. Le caselle di una scacchiera quadrata sono numerate come illustrato in gura. Nella seconda colonna
si trova la casella numero 38 e la casella della terza colonna che sta sulla sua stessa riga ha il numero
43. Quante caselle ha la scacchiera? (Giochi di Archimede Biennio 2008)
1
2
147. La Polisportiva I tropici ha organizzato un torneo di calcio a cui partecipano 3 squadre ciascuna
composta da 15 giocatori (riserve comprese) con maglie numerate da 1 a 15. La notte prima delle
partite ha nevicato e per poter giocare necessario spalare la neve dal campo. Viene deciso allora di
nominare un gruppo di 3 spalatori scegliendo un giocatore per squadra in modo che non ci siano due
giocatori con lo stesso numero di maglia. In quanti modi diversi pu essere formato il gruppo degli
spalatori? (Giochi di Archimede Biennio 2008)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
84 Capitolo 5
148. Nellultimo capodanno, andavano molto di moda degli occhiali con la forma del numero 2009 e le lenti
al posto dei due zeri. Per fabbricare occhiali simili, necessario che nel numero che rappresenta lanno
vi siano due o pi zeri consecutivi (per esempio 3500 va bene, 2010 no). Quanti anni compresi tra
lanno 999 e lanno 9999 contengono due o pi zeri consecutivi nella loro scrittura? (Gara Provinciale
2009)
149. Quanti quadrati perfetti dividono 1600? [Un quadrato perfetto un numero del tipo n
2
, con n numero
naturale. 1, 4, 9, 16, sono esempi di quadrati perfetti.] (Giochi di Archimede Biennio 2009)
150. In quanti modi distinti posso disegnare la seguente gura partendo da P, senza mai staccare la penna
dal foglio e senza passare pi di una volta da nessun punto eccettuato il vertice comune ai tre triangoli?
(Giochi di Archimede Biennio 2009)
P
151. Carla si dimenticata la password di accensione del suo nuovissimo computer! Si ricorda per che
una sequenza di 4 vocali, non necessariamente distinte, di cui due sono maiuscole e due sono
minuscole. Quante password diverse deve provare Carla, al massimo, per accendere il computer?
(Giochi di Archimede Biennio 2009)
152. Una formica si trova su un vertice di un cubo. Si muove percorrendo gli spigoli del cubo in modo da
passare una e una sola volta da ciascun vertice del cubo. Quanti sono i possibili percorsi distinti che
pu seguire? (Giochi di Archimede Triennio 2009)
153. In quanti modi diversi si possono mettere in la i numeri {21, 31, 41, 51, 61, 71, 81} in modo che,
comunque se ne scelgano quattro in posti consecutivi, la loro somma sia divisibile per tre? (Gara
Provinciale 2010)
154. Concetta immagina un mondo piatto e tondo, e lo divide in sette stati, uno centrale e gli altri sei
intorno a questo, come indicato nella seguente gura. Inoltre a ciascuno stato assegna come nome
una lettera (vedi gura). Vuole colorare ciascuno stato di rosso, oppure di verde, oppure di giallo, in
modo che due stati connanti non abbiano lo stesso colore. In quanti modi diversi pu farlo? (Giochi
di Archimede Biennio 2010)
D
A
B
C
D
E
F
G
155. Luca scrive sulla lavagna tutti i numeri pari consecutivi da 2 e 2010 (compresi). Poi Giovanni cancella
tutti i numeri che sono multipli di tre. Quanti numeri rimangono? (Giochi di Archimede Biennio
2010)
156. Scriviamo tutti i numeri naturali da 1 a 2010 (compresi) uno di seguito allaltro in modo da formare
un nuovo numero naturale; quante cifre ha questo numero? (Giochi di Archimede Biennio 2010)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi tratti da gare matematiche 85
157. Quanti sono i numeri naturali di quattro cifre, tali che la cifra delle unit sia la somma della cifra
delle decine e di quella delle centinaia? (Giochi di Archimede Biennio 2010)
158. Quanti sono i quadrati perfetti di almeno tre cifre, minori o uguali di 20102011? (Giochi di Archimede
Triennio 2010)
159. Valeria deve scegliere la combinazione della sua cassaforte, che deve essere un numero di cinque cifre,
tutte diverse da zero, divisibile per tre, e tale che delle prime quattro cifre (da sinistra) due siano pari
e due dispari. Quante possibilit ha? (Giochi di Archimede Triennio 2010)
160. Quanti sono i numeri interi positivi di 10 cifre abcdefghij, con tutte le cifre diverse e che vericano le
condizioni a +j = b +i = c +h = d +g = e +f = 9? Nota: un numero non pu iniziare con 0. (Gara
Provinciale 2010)
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Appendice A
Soluzioni
A.1 Problemi di livello base
1 3 5 10 = 150
2 4116, 600
3 5145, 780
4
_
10
4
_
3
6
= 153090
5 82
6 32760
7 210
8
_
7
4
_
= 35
9
_
15
2
_
= 105
10
_
10
2
_
= 45
11 3!3!4!5! = 103680
12 6909
13
_
12
2
_

_
4
2
_
= 396
14 311
15
_
32
4
_
= 35960
16
_
5
2
_
4 5
5
+
_
5
2
_
5
6
= 281250
17 6; 5, 7; 5
18 648
19
_
8
3
_
= 56
20 14
4
= 38416
21
_
8
2
__
6
2
_
+
_
8
3
__
6
1
_
+
_
8
4
_
= 826
22 3
5
= 243
23 2
4
1 = 15
24 4
25 293, 119
26 21
27 14
28 4 5
4
+ 4 5
5
= 15000
29 2
7
1 = 127
30
_
7
3
_
2
3
= 280
31 1260, 12
32 5
33 7334
34
_
10
3
_
+ +
_
10
10
_
= 968
35
_
11
3
_
= 165, 4
8
= 65536,
_
7
3
_
= 35,

4
i=1
(1)
4i
_
4
i
_
i
8
= 40824
36 3700 29 = 3671
37 144
38 40
39 12
40 2160
41 3 6
3
= 648
42 683
44
_
30
2
__
50
3
__
20
1
_
= 170520000
45
_
5+201
20
_
= 10626
46 95
47 5
48 1000 657 = 343
49 7
50 720, 20
51 2
9
= 512,
_
9
3
_
+
_
9
6
_
+
_
9
9
_
= 170
52 9 10
3
= 9000
53 118
54 2
8
= 256, 4
2
= 16, 12, 0
55 7
56
_
10
7
_
2
7
3
3
= 414720
57 324
58 1994
59 5! = 120, 4 3! = 24
60 36
61 21210000
62 2
12
= 4096, 3
4
= 81, 0, 36
63 28 24 = 4
64 4003
65
_
9
4
_

_
7
3
_
= 4410
66 360, 260
67
_
10
3
__
7
3
_
= 4200
86
Problemi di livello intermedio 87
68
_
5
3
__
7
5
__
4
2
_
= 1260
69
_
5
4
_
+
_
7
4
_
= 40,
_
5
2
__
7
2
_
= 210
70 5
71 45, 35
72
_
10
3
__
7
2
_
= 2520
73 3!3!4!6! = 622080
74
9!
2!3!
= 30240, 26880
75 5! = 120, 120 30 = 90
76 21,
_
50
4
_
= 230300,
_
21
2
__
29
2
_
= 85260
77 900000 5
6
= 884375
78 60
10
,
_
60
10
_
= 75394027566,
60
10

_
60
10
_
, 60
_
10
2
_
(59)
8
79 (100)
4
= 94109400,
97 4! = 2328, (50)
4
= 5527200,
_
4
2
_
40 39 30 29 = 8143200
80 210
81 90000 2500 = 87500
82 20!
83 (20)
3
= 6840
84 3 4 5 2 = 120, 216+36 = 252
85
_
30
3
_
= 4060,
_
18
2
__
12
1
_
= 1836,
_
18
1
__
12
2
_
= 1188
86 8
87 3 3! 2! = 36
88
_
15
5
__
10
5
_
= 756756
89
_
23
3
_
= 1771,
_
19
3
_
= 969
90 58,
_
66
3
__
28
2
_
= 17297280
91 180, 216 + 90 = 306
92 9
93
_
25
2
_
= 300,
_
15
2
_
= 105, 150
94
_
9
3
_
= 84,
_
12
2
_
= 66
95
_
17
2
_
45 = 91
96
_
20
3
_

_
7
3
_
= 1105
97 15
98 72
99 6
8
= 1679616,

6
i=1
(1)
6i
_
6
i
_
i
8
= 191520
100 5
8
= 390625
101 945
102 101 + 67 33 = 135
103
7!
3!4!
= 35,
5!
2!3!
= 10, 2,
5!
4!
= 5
104 10
4
9
4
= 3439
105 7! 2 6! = 3600
106 9! 4 3! = 362856
107
_
15+31
3
_
= 680
108
7!
2!2!

6!
2!
= 900
109 210
110
11!
2!3!2!
= 1663200,
1663200
10!
2!3!
= 1360800
111 9 10
5
5
6
= 884375
112 2
12
2
6
= 4032
113 314, 172, 686
114 2 6! = 1440, 7! 6! = 4320
115 120, 3 6
3
+ 3 6
2
= 756
116 2300, 1001, 529
117
_
14
2
_
= 91,
_
11
2
_
= 55,
91 81 = 10
118 90000 5
5
24 5
4
= 71875
119 10000
120 900
121 45360, 4536010080 = 35280
122 90000 4 5
4
= 87500
123 2 4 4 = 32
124 16
125 2 5! = 240, 6! 6 4! = 576
126 180, 324
127 360, 176
128 91, 1
129 22680
130 728
131 1260, 660
132 90000 4 5
4
= 87500
133 2
14
2
7
= 16256
134 354, 273, 547
135
14!
5!2!7!
= 72072,
3
_
2
14
2
_
= 49146
136
_
10
4
_
2
6
= 13440
137 13
_
12
1
_
+ 12
_
13
2
_
= 1794,
_
12
3
_
+
_
13
3
_
+
_
11
3
_

_
5
3
_

_
6
3
_
= 641
138 Si tratta di trovare il numero di
soluzioni dellequazione x
1
+ +
x
7
= 8 con x

0. Posto y
i
= x
i
+ 1
abbiamo y
1
+ + y
7
= 15 con
y
i
> 0. Il numero di soluzioni ,
pertanto,
_
14
6
_
= 3003.
A.2 Problemi di livello intermedio
1
8!
3!2!3!
= 560
4 8
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
88 Appendice A
5
_
8
2
__
5
2
_
= 280
7
_
13
2
__
17
2
_
= 10608
8
_
4+31
3
_
= 20
9

5
k=0
_
k+3
3
__
13k
3
_
= 11292
10
_
9
6
_
= 84
15
_
12+51
4
_
= 1820 ,

7
k=1
_
2k
2
_
= 252
18
__
4
1
_
+
_
4
3
_
2
3
= 64
19
_
16
3
_
10
_
4
3
_
4 = 516,
_
12
3
_
4
_
4
3
_
= 204
21
_
20
3
_
4
_
6
3
_
= 1060
27
_
2007+41
41
_
= 1351414120
30
_
20
3
_
4
_
5
3
_
9
_
4
3
_
4 = 1060
31
_
100+51
51
_
= 4598126
32
10!
3!
(9 8! 8 7!) = 282240
33 479
34 1000000 976840 = 23160 (Suggerimento: Usa il PIE ed attenzione allo 0 !)
35 2007 2
2005
.
Suggerimento: Osserva che
_
n
0
_
+
_
n
2
_
+
_
n
4
_
+ = 2
n1
ed applica la tecnica del double counting allinsieme S = {(a, A) : a A, A P
2
(X)} (oppure usa la
propriet (3.4)).
36 28501
(Suggerimento: Dimostrare che se || = n il numero di coppie {A, B} vericanti la condizione richiesta
1+3
n
2
2
n
).
37
_
7
2,3,2
_
2
2
= 840
38 9000 5
2
10
2
= 6500
39 7 2
7
= 896
40 4 155 = 12012
41

5
k=1
2k
_
10
2k
_
= 2560
42 1365
43
_
10+31
31
_
= 66
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi di livello avanzato 89
44 6 30 20 = 3600
45
_
36
6
_

_
31
6
_
= 1211511
Troviamo il numero di sottinsiemi di 6 elementi senza numeri consecutivi. Sottraendoli al totale dei sottin-
siemi di 6 elementi avremo la soluzione. Immaginiamo i 36 numeri come una riga di 36 palline, le 30 palline
non scelte (di colore bianco) e le 6 palline scelte (di colore nere). Le palline nere non devono essere conse-
cutive, quindi abbiamo 31 posti possibili dove collocarle. Dunque le palline nere possono essere collocate in
_
31
6
_
modi e la soluzione richiesta
_
36
6
_

_
31
6
_
= 1211511
46 36
47 4368
48
49
50
9!
3!2!
= 30240
_
5!
2
_
2
= 3600 2 5! = 240
52 1405
A.3 Problemi di livello avanzato
13 30787.
Soluzione 1: Poniamo x = a, y = a + b, z = a + b + c, d = 100 x y z, con a, b, c, d 0. Le terne
(x, y, z) soddisfacenti alle condizioni richieste sono in corrispondenza biunivoca con le soluzioni, in interi
positivi, dellequazione
3a + 2b +c +d = 100 (*)
Le soluzioni di (*) possono essere contate nel modo seguente:
se a = 0 sono 101+99+ +1, se a = 1 sono 98+96+ +2. Quindi se a = 0, 1 sono complessivamente
_
100
2
_
+ 101;
se a = 2, 3 sono complessivamente
_
94
2
_
+ 95;

.
.
.
se a = 30, 31 sono complessivamente
_
10
2
_
+ 11;
se a = 32, 33 sono complessivamente
_
4
2
_
+ 5.
Allora il numero di soluzioni della (*) risulta uguale a:
16

k=0
_
6k + 4
2
_
+
16

k=0
(5 + 6k) = 30787
Soluzione 2: Consideriamo tutte le terne ordinate di interi non negativi (x, y, z) tali che x + y + z 100.
A ogni terna siatta corrisponde una parola binaria (sequenza di 1 e 0) di lunghezza 103 con 3 simboli 0
(diciamo, x simboli 1, un simbolo 0, y simboli 1, un simbolo 0, z simboli 1, un simbolo 0, 100 x y z
simboli 1), quindi vi sono
_
103
3
_
terne (x, y, z) tali che x + y + z 100. Se consideriamo lordine degli
addendi irrilevante, ogni soluzione con x < y < z stata contata 6 volte, ogni soluzione con esattamente
due delle variabili x, y, z distinte stata contata 3 volte, e ogni soluzione con x = y = z stata contata una
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
90 Appendice A
sola volta. Allora, se aggiungiamo tre volte le soluzioni con x = y, y = z o x = z (il cui numero uguale
al numero di soluzioni di 2x +y 100 che 1 + 3 + 5 + + 101 = 51
2
) e altre due volte le soluzioni con
x = y = z (il cui numero 34), otteniamo 6 volte il numero delle terne desiderate con x y z. Pertanto
la risposta (
_
103
3
_
+ 3 51
2
+ 2 34)/6 = 30787.
Soluzione 3: Come abbiamo visto nella soluzione 1 suciente contare il numero di soluzioni dellequazione
3a + 2b +c +d = 100 (*)
con a, b, c, d 0. A tal ne dimostriamo il seguente:
Lemma 1. Se a
n
il numero di soluzioni dellequazione
3a + 2b +c +d = n (**)
con a, b, c, d 0, allora
_
1 +x
3
+x
6
+
_ _
1 +x
2
+x
4
+
_ _
1 +x +x
2
+
_
2
= 1 +

n=1
a
n
x
n
Dimostrazione. Infatti svolgendo il prodotto al primo membro, e denendo a
0
= 0, abbiamo
_

a=0
x
3a
__

b=0
x
2b
__

c=0
x
c
__

d=0
x
d
_
=
=

a,b,c,d=0
x
3a+2b+c+d
=

n=0
_

3a+2b+c+d=n
x
n
_
=

n=0
a
n
x
n

Dal Lemma 1 discende il


Lemma 2. Il numero a
n
di soluzioni di (**)
a
n
=
[
n
3
]

k=0
_
1
8
_
1 + (1)
3k
_
+
1
4
(n 3k + 3)(n 3k + 1)
_
Dimostrazione. Osservato che
1 +x +x
2
+ =
1
1 x
1 +x
2
+x
4
+ =
1
1 x
2
1 +x
3
+x
6
+ =
1
1 x
3
dal Lemma 1 abbiamo:

n=0
a
n
x
n
=
1
(1 x)
2
(1 x
2
) (1 x
3
)
Per trovare il coeciente di x
n
usiamo la seguente decomposizione in frazioni semplici:
1
(1 x)
2
(1 x
2
)
=
1
8
1 x
+
1
4
(1 x)
2
+
1
2
(1 x)
3
+
1
8
1 +x
Allora
1
(1 x)
2
(1 x
2
)
=
1
8

n=0
x
n
+
1
4

n=0
_
n + 1
n
_
x
n
+
1
2

n=0
_
n + 2
n
_
x
n
+
1
8

n=0
(1)
n
x
n
=

n=0
b
n
x
n
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi di livello avanzato 91
dove
b
n
=
1
8
(1 + (1)
n
) +
1
4
(n + 1)(n + 3)
Poich

n=0
a
n
x
n
=
_

n=0
b
n
x
n
_

n=0
x
3n
_
abbiamo:
a
n
=
[
n
3
]

k=0
b
n3k
ed il Lemma 2 dimostrato.
Usando Lemma 2 con n = 100 troviamo che il numero di soluzioni di (**)
a
100
=
33

k=0
_
1
8
_
1 + (1)
1003k
_
+
1
4
(101 3k)(103 3k)
_
= 30787
17
_
11
3
_
= 165
24 I sottinsiemi di M di k elementi aventi minimo 1 sono complessivamente
_
n 1
k 1
_
in quanto ssato 1 posso scegliere i restanti k1 elementi dallinsieme {2, . . . , n}. Analogamente i sottinsiemi
di k elementi aventi minimo 2 sono
_
n2
k1
_
, ecc... Pertanto:

AM,|A|=k
min A = 1
_
n 1
k 1
_
+ 2
_
n 2
k 1
_
+ + (n k + 1)
_
k 1
k 1
_
(1)
Con un simile ragionamento si trova che

AM,|A|=k
max A = n
_
n 1
k 1
_
+ (n 1)
_
n 2
k 1
_
+ +k
_
k 1
k 1
_
(2)
Sommando (1) e (2) abbiamo:

AM,|A|=k
(min A+ max A) = (n + 1)
n

i=k
_
i 1
k 1
_
(3)
Ora dalla (3.7) abbiamo.
n

i=k
_
i 1
k 1
_
=
_
n
k
_
(4)
Dalla (3) e la (4) discende che:
x
k
=
n

i=k
_
i 1
k 1
_
=
_
n
k
_
e quindi i numeri x
k
sono tutti interi. Per dimostrare la seconda parte basta osservare che:
n1

k=1
x
k
=
n1

k=1
_
n
k
_
= 2
n
2 0 (mod 4)
per cui i numeri x
1
, . . . , x
n1
non possono essere tutti divisibili per 4.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
92 Appendice A
25 13.
Suggerimento Indichiamo con k il numero di problemi e con n
i
(i = 1, 2, . . . , k) il numero di persone che
hanno risolto il problema i. Contando in due modi la cardinalit dellinsieme
S = {(X, P) : X ha risolto il problema P}
abbiamo che
k

i=1
n
i
= 40 (*)
Dato che ogni coppia di studenti ha al pi un problema in comune si ha:
_
n
1
2
_
+
_
n
2
2
_
+ +
_
n
k
2
_

_
10
2
_
da cui discende che
k

i=1
n
2
i

k

i=1
n
i
90 (**)
Da (*),(**) e dalla disuguaglianza AM QM abbiamo
40
2
k
40 90 = k 13
Per dimostrare che 13 problemi bastano suciente mostrare il seguente esempio (Tabella A.1), che stato
costruito utilizzando il piano proiettivo su Z
3
:
A B C D E F G H I L
1 2 3 1 2 3 1 2 3 1
4 4 4 5 5 5 6 6 6 2
8 9 7 9 7 8 7 8 9 3
10 12 11 11 10 12 12 11 10 13
Tabella A.1. 13 problemi, 10 studenti: A, B, C, D, E, F, G, H, I, L
26 5000
Supponiamo che vi siano complessivamente n club c
1
, c
2
, . . . , c
n
ed indichiamo con 2n
i
+ 1 (i = 1, 2, . . . , n)
il numero di studenti iscritti al club c
i
. Per la (i) abbiamo:
_
2n
1
+ 1
2
_
+
_
2n
2
+ 1
2
_
+ +
_
2n
n
+ 1
2
_
=
_
10001
2
_
=
n

i=1
n
i
(2n
i
+ 1) = 10001 5000 (*)
Applichiamo ora la tecnica del double counting contando in due modi diversi la cardinalit dellinsieme:
X = {(s, c, S) : s uno studente del club c, che a sua volta membro della societ S}
Il primo s elemento della terna (s, c, S) pu essere scelto in 10001 modi, il terzo elemento S pu essere
scelto in k modi, il secondo elemento c, una volta scelti s ed S, pu essere scelto in un solo modo in
virt della condizione (ii). Allora |X| = 10001 k.
Scelto il club c
i
, in virt di (iii), il terzo elemento S della terna (s, c
i
, S) pu essere scelto in n
i
modi;
una volta scelti c
i
ed S il primo elemento della terna pu essere scelto in 2n
i
+ 1 modi. Pertanto
|X| =

n
i=1
n
i
(2n
i
+ 1).
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi di livello avanzato 93
Uguagliando le due espressioni ottenute abbiamo:
10001 k =
n

i=1
n
i
(2n
i
+ 1) (**)
Dalle (*) e (**) ricaviamo che k = 5000.
27 1256 Suggerimento: Diciamo ammissibile una parola binaria che non contiene la sequenza 1010. Sia
a
n
il numero di parole ammissibili di lunghezza n. Indicando con b
n
, c
n
il numero di parole ammissibili di
lunghezza n che iniziano rispettivamente con 0 e con 1, abbiamo:
a
n
= b
n
+c
n
(1)
Le parole ammissibili di lunghezza n che iniziano con 0 sono in corrispondenza biunivoca con le parole
ammissibili di lunghezza n 1, per cui b
n
= a
n1
e quindi per (1) abbiamo:
c
n
= a
n
a
n1
(2)
Le parole ammissibili che iniziano con 1 sono di tre tipi
1011 . . . e queste sono c
n3
= a
n3
a
n4
;
100 . . . e queste sono b
n2
= a
n3
;
11 . . . e queste sono c
n1
= a
n1
a
n2
;
Pertanto:
c
n
= (a
n3
a
n4
) +a
n3
+ (a
n1
a
n2
) = 2a
n3
a
n2
+a
n1
a
n4
(3)
I primi 4 termini della successione a
n
sono:
a
1
= 2 , a
2
= 4 , a
3
= 8 , a
4
= 15 (4)
e inoltre da (1), (2), (3) discende che a
n
soddisfa la seguente relazione ricorsiva:
a
n
= 2a
n3
a
n2
+ 2a
n1
a
n4
n 5 (5)
Da (4) e (5) si trova che a
11
= 1256.
28 C =

2
3
(Suggerimento: Utilizzare la tecnica del double counting. Il problema stato proposto in
Russia in un concorso di ammissione allUniversit (vedi [6] pag.2)
29 Sia p
i
il punteggio nale della squadra S
i
con
21 p
1
< p
2
< < p
15
.
Poich i numeri p
i
sono interi, ne segue che p
i
20 +i per ogni i. Pertanto
p
1
+ +p
15
420 (1)
Poich ogni incontro determina un totale di 4 punti e poich vi sono
_
15
2
_
= 105 incontri, ne segue che:
p
1
+ +p
15
= 420.
Allora in (1) si ha luguaglianza e, di conseguenza, p
i
= 20 + i per ogni i. In particolare, p
15
= 35. Siano
x
i
, y
i
, z
i
i numeri di vittorie, scontte e pareggi della squadra S
i
rispettivamente. Allora
x
i
+y
i
+z
i
= 14 , 3x
i
+y
i
+ 2z
i
= p
i
= 20 +i.
Ora, se fosse z
1
5 = 0 si avrebbe
x
15
+y
15
= 14 , 3x
15
+y
15
= 35 = x
15
=
21
2
ma ci assurdo essendo x
15
un numero intero. Pertanto z
15
1 e la tesi provata.
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
94 Appendice A
30 126
Suggerimento: Per avere la soluzione suciente determinare il numero di soluzioni dellequazione
x
1
+x
2
+x
3
+x
4
+x
5
= 8 (1)
con x
1
0, x
2
1, x
3
1, x
4
1, x
5
0. Posto y
1
= x
1
+ 1, y
2
= x
2
, y
3
= x
3
, y
4
= x
4
, y
5
= x
5
+ 1 la
(1) si trasforma in
y
1
+y
2
+y
3
+y
4
+y
5
= 10 (2)
con y
i
> 0. Lequazione (2) ha
_
9
4
_
= 126 soluzioni.
31 504
Suggerimento: Indicando con a
n
il numero di sottinsiemi porosi di {1, 2, . . . , n} dimostrare che vericata
la ricorrenza a
n
= a
n1
+a
n2
+a
n3
. Essendo a
1
= 2, a
2
= 4, a
3
= 7 si trova a
10
= 504.
32 1706
Suggerimento: Indicando con a
n
il numero di ricoprimenti di una griglia 2 n dimostrare che vericata
la ricorrenza a
n
= a
n1
+ 4a
n2
+ 2a
n3
. Essendo a
1
= 1, a
2
= 5, a
3
= 10 si trova a
8
= 1706.
33 512.
Suggerimento:
34 Suggerimento:
35 3 3 2
m
+ 3
m
.
Suggerimento: Usare il PIE.
36 Suggerimento: Double counting !
37 8 3
499
38 108720
Soluzione: Il numero degli anagrammi di MAMMALUCCO con le 3 lettere M consecutive
8!
2!2!
= 10080
Determiniamo ora il numero di anagrammi contenenti almeno 3 consonanti consecutive. Indicando con x
i
(i = 1, . . . , 6) il numero di consonanti comprese tra le quattro vocali:
C . . . C
. .
x
1
V C . . . C
. .
x
2
V C . . . C
. .
x
3
V C . . . C
. .
x
4
V C . . . C
. .
x
5
abbiamo:
x
1
+x
2
+x
3
+x
4
+x
5
= 6 (*)
Per trovare il numero di soluzioni di (*) con x
i
3 per qualche i = 1, . . . , 6 applichiamo il PIE: se A
i

linsieme delle soluzioni tali che x
i
3 risulta:
|S| = |A
1
A
2
A
3
A
4
A
5
| =
5

i=1
|A
i
|

i<j
|A
i
A
j
| = 5 35 10 = 165
Poich le 4 vocali possono essere permutate in
4!
2!
= 12 modi e le 6 consonanti in
6!
3!2!
= 60 modi il numero
degli anagrammi di MAMMALUCCO contenenti almeno 3 consonanti consecutive 12 60 165 = 118800.
Pertanto il numero di anagrammi soddisfacenti la condizione richiesta :
118800 10080 = 108720

E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12


Problemi di livello avanzato 95
39 55
Suggerimento: Dimostrare che il numero H
n
dei sottinsiemi felici di {1, 2, . . . , n} soddisfa la relazione di
ricorrenza:
H
n+2
= H
n+1
+H
n
(*)
Per dimostrare (*) possiamo ragionare cos: i sottinsiemi felici dellinsieme A = {1, . . . , n + 2} contenenti
n+2 sono in corrispondenza biunivoca con i sottinsiemi felici dellinsieme B = {1, . . . , n}. Infatti posso fare
corrispondere al sottinsieme X A il sottinsieme Y B ottenuto aggiungendo 1 a tutti i suoi elementi,
ma con unelemento in pi n + 2; e viceversa.
I sottinsiemi felici di {1, . . . , n + 2} non contenenti n + 2 sono i sottinsiemi felici di {1, . . . , n + 1}. Dal
ragionamento fatto discende la relazione (*).
40 12
_
2
n1
+ 3
n2
1
_
Soluzione (Oliforum). Ci sono due tipi di griglie: quelle che hanno la prima riga di 2 colori, e quelle che
hanno la prima riga di almeno 3 colori.
Lemma. La riga sottostante ad una con 2 colori ha 2 colori. La riga sottostante ad una con almeno 3
colori, ha almeno 3 colori.
Dimostrazione. Una riga con due colori ha necessariamente il pattern ABAB. . .
. . . A B A . . .
. . . x
1
x
2
x
3
. . .
Imponendo x
2
= C, si hanno forzatamente x
1
= x
3
= D, e cosi via denendo tutta la riga a partire da
x
2
= C. Se una riga ha tre colori, esiste un punto con un pattern ABC:
. . . A B C . . .
. . . x
1
x
2
x
3
. . .
Si ha obbligatoriamente x
2
= D, e x
1
= C, x
3
= A, quindi anche la riga sottostante di almeno 3 colori e
pu essere scelta in unico modo, e cos via per tutte le altre righe ad essa sottostanti.
Quindi il numero di scacchiere ammissibili dato dalla somma delle scacchiere con 2 colori in prima riga
e dalle scacchiere con almeno 3 colori in prima riga. Quelle con due colori hanno in ogni riga un pattern
del tipo ABABA. . . . Con quattro colori le prime righe possibili diventano 12, ovvero scelgo due colori
tra quattro e lordine conta, la seconda la scegliamo in 2 modi, la terza in 2 modi e cos via, quindi
4 3 2
n1
= 4! 2
n2
scacchiere ammissibili siatte. Per quanto visto prima la scacchiera con almeno
3 colori in prima riga univocamente determinata dalla prima riga, quindi il numero di queste scacchiere
equivale il numero delle stringhe su alfabeto quaternario composte da almeno tre di queste lettere e senza
due lettere uguali vicine; 4 modi per scegliere la prima lettera, 3 modi per scegliere la seconda, 3 per la
terza e cos via, ovvero 43
n1
; cos facendo contiamo anche le righe di due soli colori, che sono 12. Quindi
abbiamo che la soluzione :
12(2
n1
+ 3
n2
1)
41 2
n+1
2
I vertici dei quadrati formano una griglia di n n punti. I punti della prima prima riga possono essere
colorati in due modi:
con due colori uguali adiacenti;
con tutti i colori alternati (BRBR. . . oppure RBRB. . . ).
Nel primo caso ciscuna delle righe rimanenti pu essere colorata in un sol modo. Nel secondo caso ciascuna
delle righe rimanenti pu essere colorata in due modi. Pertanto il numero di colorazioni richieste :
2
n
2 + 2 2
n1
= 2
n+1
2
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
96 Appendice A
Osservazione. Ragionando in modo analogo si dimostra che una griglia mn si pu colorare in 2
n
+2
m
2
modi in maniera tale che ciascun piccolo quadratino unitario abbia due vertici di ciascun colore.
42 6750
Soluzione. Ho 8 luci accese quindi ho due righe senza luci accese e una colonna senza luci accese. Posso
scegliere le 2 righe in
_
6
2
_
= 15 modi dierenti. Posso scegliere la colonna in 5 modi dierenti.
Mi rimangono 4 righe e 4 colonne con 2 luci accese in ciascuna. Nella prima tra queste 4 righe (la chiamer
semplicemente prima riga dora in poi) posso scegliere in 6 modi diversi le colonne in cui accendere 2 luci (e
le due colonne in questione le posso chiamare A e B) . Posso scegliere in 3 modi laltra riga in cui accendere
una luce nella colonna A (e la chiamer riga X). La seconda luce accesa nella colonna B pu essere nella
riga X o meno.
Se nella riga X allora non ho altre luci accese nella riga X e neppure nella prima riga, inoltre non ho altre
luci accese nemmeno nelle colonne A e B. Quindi le 4 rimanenti luci accese sono in posizioni obbligate.
Se non nella riga X: posso sceglire in 2 modi distinti la riga in cui posizionare la seconda luce accesa nella
collonna B. Inoltre posso scegliere in due modi distinti la seconda luce accesa nella riga X. Per ciascuna
di queste 2 2 = 4 scelte mi trovo ad avere due righe e due colonne con 2 luci accese ciascuna (ma la luce
della nestra nella colonna B e riga X non accesa) e quindi le rimanenti 3 luci accese si troveranno in
posizioni obbligate.
Le congurazioni possibili sono quindi: 15 5

6 3 (4 + 1) = 6750.
A.4 Problemi tratti da gare matematiche
1 6
2 30
3 64
4 22
5 162
6 4
7 210
8 10
9 24
10 128
11 4
12 334
13 13
14 1326
16 R = 63, C = 90
20 233
21 210
22 6
27 204
28 7
36 3
1332
13
+3
37 m+n 1
38 6
39 66
40 180
41 72
42 36
43 6
44 2
45 15
46 54
47 90
48 336
49 S = 30, V = 20
50 11
51 2710
52 26
53 56
54 11
55 30
56 (C)
57 34
58 2 +n(n 1)
59 30
60 16
61 720
62 non pu esistere una tale
lotteria
63 n deve essere divisibile per 4
64 12
68 m+n 1
69 2
2n1
+ 2
n
70 (n + 2)-esimo numero di Fibo-
nacci
71
n
2
2
se n pari ed
n
2
1
2
se n
dispari
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Problemi tratti da gare matematiche 97
75 32
76
3
n
+1
2
77 36;
n
k
_
nk1
k1
_
78 2
n
n 1
79 26 10
3
26
2
80 178200
81 27
82 999
83 18
84 17
85 5
86 12 10
3
22
3
87 16
88 70
89 864
90 100
91 7
92 5
93 24
94 76
95 4
96 24
97 360
98 T
99 25
100 15
101 360
102 36
103 1706
104 10
105 9
106 20
107 63
108 2
109 16
110 37
111 0
112 2
9
113 4
114 16
115 4374
116 3
k1
117 16
118 667
119 12
120 576
121 2
122 30
123 72
124 6
125 6
126 405
127 196
128 6
129 14
137 Possibile
138 Possibile
139 2
n
n
140 (a)1005 (b)66
6
141 1001 1002
142 (c 1)
n
+ (1)
n
(c 1)
143 4500
144 425
145 314
146 400
147 2730
148 171
149 8
150 48
151 3750
152 18
153 144
154 6
155 670
156 6933
157 495
158 2001
159 7200
160 3456
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Bibliograa
[1] T. Andreescu, Z. Feng, 102 combinatorial problems, Birkhauser, Boston (2003).
[2] T. Andreescu, Z. Feng, A path to combinatorics for undergraduates, counting strategies,
Birkhauser, Boston (2004).
[3] G. Berman, K.D. Fryer, Introduction to combinatorics, Academic Press, New York (1972).
[4] A. Bertoni, M. Torelli, Elementi di matematica combinatoria, Isedi, Milano (1977).
[5] P. Bna, A walk through combinatorics, World Scientic, Singapore (2002)
[6] P. Bornsztein, Megamath, Vuibert, Paris (2001)
[7] R.C. Bose, Introduction to combinatorial theory, Wiley, New York (1984).
[8] R.A. Brualdi, Introductory combinatorics, North Holland, New York (1977).
[9] P.J. Cameron, K.D. Fryer, Combinatorics: topics, techniques, algorithms,
Cambridge University Press, Cambridge (1994).
[10] M. Cerasoli, F. Eugeni, M. Protasi, Elementi di matematica discreta, Zanichelli, Bologna (1988).
[11] C.C.Chong, K.K.Meng Principles and tecniques in combinatorics, World Scientic, Singapore (1992).
[12] D.I.A. Cohen, Basic tecniques of combinatorial theory, Wiley, New York (1978).
[13] F. Conti, M.Barsanti, T.Franzoni Le olimpiadi della matematica, problemi delle gare italiane 1988-1994,
Zanichelli, Bologna (1994).
[14] F.Conti, M.Barsanti, De Lellis, T.Franzoni Le olimpiadi della matematica, problemi delle gare italiane
1995-2001, Zanichelli, Bologna (2002).
[15] R. Graham, D. Knuth, O. Patashnik, Matematica discreta, Hoepli, Milano (1992).
[16] R.P. Grimaldi, Discrete and combinatorial mathematicas, AddisonWesley, New York (1994).
[17] J. Herman, R. Kucera, J. Simsa Counting and congurations, Springer, New York (2003).
[18] C.L. Liu, Introduction to combinatorial mathematics, McGrawHill, (1968).
[19] L. Lovasz, K. Vesztergombi, Discrete mathematics, Lecture notes, (1999).
[20] D. A. Marcus Combinatorics, a problem oriented approach, MAA, Washington (1998).
[21] G. E. Martin Counting: the art of enumerative combinatorics, Springer, Berlin (2001).
[22] D. R. Mazur Combinatorics, a guided tour, MAA, Washington (2010).
[23] R. Merris, Combinatorics, Wiley, New York (2003).
98
Bibliograa 99
[24] G. M. Piacentini Cattaneo, Algebra, un approccio algoritmico, Zanichelli-Decibel, Bologna (1996).
[25] K.H. Rosen et al., Handbook of discrete and combinatorial mathematics, CRC Press, New York (2000).
[26] D. Santos, Discrete mathematics notes, http://www.opencontent.org/openpub/, 2006
[27] M.L.Prez Segu, Combinatoria, cuadernos de olimpiadas de matemticas,
Istituto de Matemticas de la Universidad Nacional Autnoma de Mxico (2010).
[28] N. J. Vilenkin Combinatorics, Academic Press, New York (1971).
[29] A. Tucker, Applied combinatorics, Wiley, New York (1995).
[30] Y. Zhang, Combinatorial problems in Mathematical Competitions, World Scientic, Singapore (2011).
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12
Indice analitico
Archimede, 45
cardinalit, 9
codominio, 3
coeciente
binomiale, 30
multinomiale, 41
combinazione
con ripetizione, 37
semplice, 30
corrispondenza, 3
Dirichlet, 16
disposizione
circolare, 28
con ripetizione, 28
semplice, 27
dominio, 3
double counting, 11
equazione
caratteristica, 46
fattoriale, 26
decrescente, 28
formula
chiusa, 44
di Binet, 48
di Leibnitz, 42
di Newton, 35
di Vandermonde, 32
ricorsiva, 44
funzione, 3
biettiva, 3
iniettiva, 3
suriettiva, 3
grado, 12
graco, 3
grafo, 12
immagine, 3
legge
dei tre fattoriali, 32
delle classi complementari, 32
di Stiefel, 32
di Stiefel generalizzata, 32
metodo
del doppio conteggio, 11
molteplicit, 37
multinsieme, 37
numeri
di Fibonacci, 44, 48
di Lucas, 48
numero
di parti, 32
parola binaria, 37
permutazione, 3
circolare, 29
con ripetizione, 26
semplice, 26
pigeonhole principle, 16
principio
dei cassetti, 16
di Fubini, 11
di inclusione-esclusione, 9
fondamentale del calcolo combinatorio, 10
induzione, 4
problema
delle torri di Hanoi, 49
progressione
aritmetica, 44
geometrica, 44
propriet
dei coecienti binomiali, 32
ragione, 44
regola
del complementare, 10
del prodotto, 10
della somma, 9
relazione, 3
di ricorrenza, 46
successione, 44
Tartaglia, 35
teorema
100
Indice analitico 101
binomiale, 35
multinomiale, 42
triangolo
di Tartaglia, 35
E. Suppa, R. Tupitti Liceo Scientico A.Einstein, Teramo a.s. 2011-12