Sei sulla pagina 1di 48

Codice manuale: MUM01-PPS-A Modulo: M01-152-L1-0057-1

ll modulo M01-152-L1-0057-1 costituito da 46 pagine

RISOLUZIONE INCONVENIENTI (PRODOTTO)

Applicabilit Il modulo M01-152-L1-0057-1 applicabile a: PPS48 e PPS56 Indice modulo

M01-152-L1-0057-2.fm

1. GENERALIT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 2. CONTROLLO PRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 2.1. GENERALIT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 2.2. CONTROLLO DELLE PREFORME - CONTROLLO EMPIRICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 2.2.1. Preforma opaca filetto compreso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 2.2.2. Preforma opaca (in uscita dallo stampo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 2.2.3. Preforma opaca (solo in uscita dal raffreddatore) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 2.2.4. Eccessiva eccentricit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 2.2.5. Preforma cristalizzata nellanello sottobaga . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 2.2.6. Preforma cristalizzata nella zona della materozza (area superiore a 10 mm di diametro centrato sul foro materozza) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 2.2.7. Preforma incompleta nella zona filetto e corpo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 2.2.8. Preforma gialla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 2.2.9. Preforme con bave tra lip e cavit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 2.2.10.Bave sul raso della bocca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 2.2.11.Affossamenti nel corpo preforma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 2.2.12.Presenza linee di giunzione nel filetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 2.2.13.Preforma con bolle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 2.2.14.Materozza con filamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 2.2.15.Preforma con materozza lunga . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 2.2.16.Filettatto deformato o schiacciato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 2.2.17.Linea bianca (verticale e sottile) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 2.2.18.Punti neri nella preforma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 2.2.19.Punti bianchi nella preforma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 2.2.20.Acetaldeide . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 2.2.21.Completamente deformata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 2.2.22.Corpo preforma accartocciato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 2.2.23.Difetti superficiali legati allumidit: anelli, superficie irregolare e rugosa, ecc... . . . . . . . . . . . . . . 39 2.2.24.Inclusione di materiale freddo nella preforma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40

2.2.25.Troppo lunga o corta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2.26.Preforma graffiata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2.27.Affossamento del fondo preforma (lato core) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2.28.Preforma troppo calda allo scarico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2.29.Scarsa concentricit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2.30.Colore non omogeneo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2.31.Anello cristallizzato attorno al punto di iniezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.. .. .. .. .. .. ..

. . . . . . .

42 43 44 45 46 48 50

1.

GENERALIT

Il funzionamento della macchina monitorato istante per istante ed in ogni fase della produzione. compito delloperatore controllare il ciclo di lavoro della macchina e la produzione. Il controllo della produzione consiste nel controllare la forma e laspetto della preforma per modificare eventualmente i dati dimpostazione dei parametri di lavoro della macchina stessa.

2.

CONTROLLO PRODUZIONE

2.1. Generalit
Il controllo della produzione effettuato sulla bottiglia ed avviene secondo due criteri: controllo casuale; controllo statistico.

Effettuare un controllo casuale significa: 1. prelevare una qualsiasi preforma in un momento qualsiasi della produzione; 2. eseguire i controlli descritti nei paragrafi (paragrafo 2.2.). Effettuare un controllo statistico significa: 1. prelevare un campione di preforme numericamente consistente (minimo una stampata per ogni stampo) 2. eseguire i controlli descritti nei paragrafi (paragrafo 2.2.). TIPOLOGIA DEI CONTROLLI I controlli sono suddivisi secondo due tipologie: controllo empirico controllo strumentale. I controllo empirico consiste nellesame visivo/tattile della preforma (solo per operatori esperti). Il controllo strumentale consiste nellesame con strumentazione dedicata e secondo le specifiche tecniche definite della preforma e del contenitore. I controlli sono effettuati per prevenire ed eliminare preforme non idonee a causa di:
M01-152-L1-0057-2.fm

difetti di forma difetti di aspetto difetti di consistenza. M01-152-L1-0057-1

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 1

2.2. Controllo delle preforme - Controllo empirico


Di seguito sono riportati i principali difetti delle preforme.

2.2.1

Preforma opaca filetto compreso

La preforma completamente bianca, compresa la zona del filetto.

CAUSA
Materiale non essiccato

RIMEDI
Controllare il corretto funzionamento dellessiccatore. Verificare il tempo di permanenza del materiale nellessiccatore (indicativamente 4 h a 175 C).

Pagina 2

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.2

Preforma opaca (in uscita dallo stampo)

La preforma bianca ad esclusione della zona del filetto.

CAUSA
Plastificazione inadeguata della resina

RIMEDI
Controllare la temperatura dellestrusore e del fuso, aumentare le temperature dellestrusore. Aumentare la contropressione ed il numero di giri della vite dellestrusore.

Materiale non essiccato


M01-152-L1-0057-2.fm

Controllare il corretto funzionamento dellessiccatore. Verificare il tempo di permanenza del materiale nellessiccatore (indicativamente 4 h a 175 C)

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 3

M01-152-L1-0057-1

CAUSA
Temperatura della preforma troppo elevata

RIMEDI
Diminuire la temperatura del fuso (ridurre # giri estrusore, ridurre contropressione,...). Aumentare il tempo di raffreddamento. Diminuire la temperatura dellacqua di raffreddamento. Controllare la portata dellacqua di raffreddamento. Controllare la temperatura dellacqua di raffreddamento. Abbassare la temperatura del cilindro estrusore. Abbassare la temperatura delliniettore, della camera calda e degli ugelli.

Pagina 4

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.3

Preforma opaca (solo in uscita dal raffreddatore)

La preforma bianca ad esclusione della zona del filetto.

CAUSA
Scarsa efficienza del raffreddamento del robot

RIMEDI
Verificare il passaggio di acqua nel sistema di raffreddamento. Diminuire la temperatura dellacqua di raffreddamento. Verificare il funzionamento a vuoto dei bicchierini di raffreddamento.

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 5

M01-152-L1-0057-1

2.2.4

Eccessiva eccentricit

Lasse preforma non giace sulla retta, come se la preforma fosse stata piegata a banana.

CAUSA
Tempo di raffreddamento insufficiente

RIMEDI
Aumentare il tempo di raffreddamento. Diminuire la temperatura dellacqua.

Temperatura elevata nella zona lip

Verificare la temperatura;se troppo elevata, lespulsione pu causare una deformazione nella parte superiore della stessa.

Pagina 6

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

CAUSA
Errata manipolazione delle preforme

RIMEDI
Verificare il corretto allineamento del trasferitore. Verificare che la quota di prelievo del raffreddatore sia corretta. Verificare che le preforme entrino completamente nel bicchierino di raffreddamento.

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 7

M01-152-L1-0057-1

2.2.5

Preforma cristallizzata nellanello sottobaga

La preforma presenta un anello bianco nel corpo preforma, appena sotto lanello di supporto (baga).

CAUSA
Iniezione troppo veloce

RIMEDI
Diminuire la velocit di iniezione. Diminuire la pressione di mantenimento. Verificare il corretto raffreddamento delle lip.

Insufficiente sfiato d'aria

Verificare la presenza e la pulizia degli sfiati nella lip.

Pagina 8

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.6

Preforma cristallizzata nella zona della materozza (area superiore a 10 mm di diametro centrato sul foro materozza)

Opacit generalizzata nella zona del gate. A volte accompagnato da un non perfetto sviluppo sferico del fondo preforma.

CAUSA
Temperatura del punto di iniezione troppo bassa

RIMEDI
Aumentare la temperatura dellugello della camera calda. Accertarsi del buon funzionamento dellessiccatore.

M01-152-L1-0057-2.fm

Aumentare la velocit di iniezione. Aumentare la temperatura della camera calda.

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 9

M01-152-L1-0057-1

CAUSA
Temperatura del punto di iniezione troppo elevata

RIMEDI
Diminuire il tempo di mantenimento. Aumentare lanticipo chiusura otturatori. Aumentare il tempo di ritardo apertura otturatori. Inserire la decompressione. Aumentare la corsa di decompressione.

Pagina 10

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.7

Preforma incompleta nella zona filetto e corpo

La preforma non completamente formata. Generalmente avviene nella zona del collo (solo qualche preforma nella stampata).

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 11

M01-152-L1-0057-1

CAUSA
Carica delliniettore insufficiente (se presente su tutta la stampata)

RIMEDI
Aumentare la quota di carica delliniettore fino ad avere 10 mm di cuscino di PET sulliniettore a fine mantenimento. Verificare che la temperatura reale sia come da set.

Temperatura delle resistenze (se solo su alcune preforme) Iniezione troppo lenta

Aumentare la velocit di iniezione. Diminuire la corsa di rallentamento. Diminuire la quota di mantenimento. Aumentare la pressione di mantenimento. Aumentare la velocit di iniezione alla quota di transizione iniezione/mantenimento.

Temperatura dellacqua troppo fredda

Aumentare la temperatura dellacqua di raffreddamento.

Pagina 12

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

CAUSA
Otturatori

RIMEDI
Controllare (visivamente) il corretto movimento degli otturatori e leventuale presenza di materiale bruciato depositato. Controllare la pulizia filtro aria otturatori. Verificare che la pressione dellaria di movimentazione degli otturatori sia come da specifica.

Viscosit del materiale troppo elevata

Aumentare la temperatura della camera calda e degli ugelli. Aumentare la temperatura del fuso nelliniettore e nellestrusore.

Insufficiente sfiato daria

Verificare la pulizia degli sfiati daria.

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 13

M01-152-L1-0057-1

2.2.8

Preforma gialla

La preforma si presenta di colore giallastro nel corpo preforma o nella zona del gate.

Pagina 14

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

CAUSA
Materiale degradato

RIMEDI
Controllare l'essiccazione del materiale nel dryer (tempo max. di permanenza 5h a 170C mediamente)
Ridurre temperatura ugello. Spurgare la vite estrusore. Controllare il tempo di permanenza del PET allinterno della tramoggia dellessiccatore.

Temperatura ugello non corretta Materiale degradato

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 15

M01-152-L1-0057-1

CAUSA
Temperatura eccessiva del PET

RIMEDI
Se tutte le preforme sono gialle, verificare la temperatura dellestrusore, della valvola distributrice, delliniettore e della camera calda dello stampo. Verificare che il cuscino in testa allestrusore sia di circa 5 mm. Se solo una preforma gialla, verificare la resistenza e la termocoppia dellugello che ha prodotto la preforma.

Pagina 16

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.9

Preforme con bave tra lip e cavit

Gradino di materiale che si presenta come una protrusione, dovuta a materiale che si insinua tra lip e cavit.

CAUSA
Temperatura fuso elevata

RIMEDI
Abbassare temperatura canali caldi. Spurgare lestrusore.

Lip accoppiata male

Rieseguire laccoppiamento lip con cavit e maschio Diminuire la velocit nella quota di transizione fase iniezione e mantenimento. Aumentare la corsa di rallentamento.

Pressione di iniezione elevata

M01-152-L1-0057-2.fm

Aumentare la quota di transizione. Diminuire la pressione di mantenimento.

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 17

M01-152-L1-0057-1

CAUSA
Velocit di iniezione elevata Resina degradata con viscosit intrinseca ridotta (IV minore di 0.76)

RIMEDI
Diminuire la velocit iniziale e finale di iniezione. Abbassare la temperatura della melt. Abbassare la temperatura del cilindro estrusore, del distributore e delliniettore. Abbassare la temperatura della camera calda. Accertarsi del buon funzionamento dellessiccatore. Cambiare il materiale nella tramoggia.

Forza di chiusura pressa non corretta Acqua di raffreddamento troppo calda

Aumentare la pressione di chiusura della pressa. Correggere la temperatura dellacqua di raffreddamento. Verificare la presenza di difetti nelle parti di accoppiamento dello stampo.

Difetti nello stampo, danni nelle cavit e nella lip

Pagina 18

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.10

Bave sul raso della bocca

Gradino di materiale che si presenta come una protrusione, dovuto al materiale che si insinua tra core e anello porta core oppure tra core e lip.

CAUSA
Accoppiamento lip con porta maschi non corretto

RIMEDI
Verificare la corretta pulizia delle lip e dei porta maschi, rimuovendo leventuale presenza di plastica. Rieseguire laccoppiamento. Verificare lo stato di usura delle superfici di accoppiamento.

Temperatura della resina troppo alta Difetti meccanici nello stampo

Abbassare la temperatura del fuso. Verificare lo stato dellle lip e del maschio ed eventualmente sostituire le parti stampanti danneggiate.

Eccessiva pressione nella fase di formazione del collo

Diminuire la velocit finale di iniezione. Aumentare la corsa di rallentamento. Aumentare la quota di transizione. Diminuire la velocit iniziale di iniezione.

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 19

M01-152-L1-0057-1

2.2.11

Affossamenti nel corpo preforma

La preforma si presenta con avvallamenti (generalmente sulla superficie esterna) dovuti a ritiro volumetrico. Generalmente si trovano nella zona del gate o nella zona di transizione lip/cavit.

CAUSA
Insufficiente compattazione del materiale

RIMEDI
Verificare che in testa alliniettore rimanga, a fine mantenimento, un cuscino di 5 -10 mm. Regolare la quota di carico di conseguenza. Aumentare la quota di transizione tra fase di iniezione e mantenimento. Aumentare le pressioni di mantenimento. Aumentare il tempo di mantenimento.

Pagina 20

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

CAUSA
Temperatura della preforma troppo elevata

RIMEDI
Aumentare il tempo di raffreddamento. Verificare la temperatura e la portata dellacqua di raffreddamento. Diminuire la temperatura del fuso.

Tempi di manipolazione preforma troppo lunghi

Verificare che il tempo di ritardo scarico preforme dal trasferitore non sia eccessivo. Verificare che il tempo di ritardo caduta preforme non superi i 0.5 secondi.

Otturatori

Controllore che tutti gli otturatori si muovano correttamente (controllo visivo e uditivo) e che non vi sia presenza di materiale bruciato che impedisca il movimento. Controllare che le tubazioni siano innestate correttamente. Controllare la corretta pressione dellaria di movimentazione otturatori.

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 21

M01-152-L1-0057-1

2.2.12

Presenza linee di giunzione nel filetto

Gradino di materiale che si presenta come una protrusione, dovuta a materiale che si insinua tra lip e lip.

Pagina 22

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

CAUSA
Fronte del flusso troppo freddo durante liniezione

RIMEDI
Aumentare la velocit iniziale di iniezione. Aumentare la pressione delle prime fasi di mantenimento. Aumentare la temperatura del fuso. Aumentare la temperatura dellacqua di raffreddaento.

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 23

M01-152-L1-0057-1

2.2.13

Preforma con bolle

La preforma contiene una o pi bolle trasparenti dovute a gas intrappolati nel corpo preforma. A volte la bolla contiene del materiale cristallizzato (bianco).

Pagina 24

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

CAUSA
Anticipata fusione del grabnulo nellestrusore

RIMEDI
Diminuire il numero di giri della vite dellestrusore. Diminuire la temperatura del retro estrusore (zona di alimentazione del PET).

Mancata decompressione della camera calda

Aumentare la contro pressione dellestrusore. Verificare la presenza del cuscino di materiale in testa allestrusore.

Ingresso daria per eccessiva decompressione


M01-152-L1-0057-2.fm

Diminuire la percentuale e la corsa di decompressione. Verificare la corretta alimentazione del PET allestrusore.

Alimentazione PET non uniforme o mancata carica estrusore

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 25

M01-152-L1-0057-1

2.2.14

Materozza con filamento

La materozza si presenta deformata con filamenti che fuoriescono dal gate

CAUSA
Temperatura eccessiva del PET della materozza

RIMEDI
Verificare la temperatura dellacqua di raffreddamento. Verificare la portata dellacqua di raffreddamento. Aumentare il tempo di raffreddamento. Diminuire la temperatura dellugello. Diminuire la temperatura della camera calda.

Chiusura non corretta

Verificare il corretto movimento degli otturatori.

Pagina 26

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.15

Preforma con materozza lunga

La materozza si presenta deformata, eccessivamente lunga.

CAUSA
Otturatori

RIMEDI
Controllare che tutti gli otturatori si muovano correttamente (controllo visivo e uditivo) e che non vi sia presenza di materiale bruciato che impedisca il movimento. Controllare che le tubazioni siano innestate correttamente.

M01-152-L1-0057-2.fm

Controllare la corretta pressione dellaria di movimentazione otturatori.

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 27

M01-152-L1-0057-1

CAUSA
Punto iniezione troppo caldo

RIMEDI
Aumentare la temperatura dellugello. Diminuire il tempo di mantenimento e di decompressione. Aumentare il tempo di raffreddamento. Disinserire la decompressione.

Punto iniezione troppo freddo

Aumentare la temperatura dellugello. Diminuire il ritardo apertura otturatori.

Pagina 28

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.16

Filettato deformato o schiacciato

La zona del colmo completamente o parzialmente deformata, dovute a cause meccaniche.

CAUSA
Filetto troppo caldo

RIMEDI
Verificare la manipolazione della preforma dallo stampo al trasferitore. Aumentare il tempo di raffreddamento. Controllare se le ghigliottine sono danneggiate. Verificare la buona circolazione dellacqua nelle lip.

M01-152-L1-0057-2.fm

Verificare la correttezza dei movimenti del robot trasferitore. Controllare il tubo di raffreddamento del core. M01-152-L1-0057-1

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 29

2.2.17

Linea bianca (verticale e sottile)

La preforma presenta una sottile linea che parte dal gate e si estende nel corpo preforma.

CAUSA
Temperatura non corretta del PET

RIMEDI
Aumentare la temperatura della camera calda. Aumentare la temperatura degli ugelli. Inserire decompressione. Diminuire il tempo di ritardo nellapertura degli otturatori.

Pagina 30

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.18

Punti neri nella preforma

Corpi estranei nel corpo preforma, dovuti a materiale degradato o alla presenza di materiale estraneo alla resina.

CAUSA
Materiale estraneo alla resina

RIMEDI
Controllare se sono presenti eventuali impurit nella resina e/o nella tramoggia.

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 31

M01-152-L1-0057-1

CAUSA
Materiale bruciato

RIMEDI
Verificare che la temperatura reale delle resistenze corrisponda a quella di set (impostata). Verificare che la temperatura del fuso sia inferiore a 300C. Ridurre lo stress del materiale riducendo la velocit di rotazione dellestrusore. Spurgare la vite. Effettuare la pulizia dellestrusore con prodotti appropriati.

Pagina 32

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.19

Punti bianchi nella preforma

Presenza nel corpo preforma di granuli non fusi o parzialmente fusi.

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 33

M01-152-L1-0057-1

CAUSA
Granuli di PET non fusi o parzialmente fusi

RIMEDI
Controllare il buon funzionamento dellessiccatore. Verificare il funzionamento delle resistenze dellestrusore, del distributore e delliniettore. Verificare che la temperature dei chip in ingresso allestrusore sia corretta (170C). Aumentare gradualmente le temperature dellestrusore nelle zone di testa. Aumentare la temperatura del retro estrusore. Aumentare la contro pressione. Aumentare il numero di giri della vite estrusore. Verificare la presenza dei 5 mm di cuscino in testa allestrusore.

Pagina 34

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.20

Acetaldeide

Il contenuto di acetaldeide eccessivo. NOTA Difetto privo di unevidente corrispondenza visiva sulla preforma.

CAUSA
Eccessivo impiego di energia per fondere il PET

RIMEDI
Diminuire la velocit di rotazione della vite estrusore. Abbassare la temperatura del fuso, agendo sulle temperature dellestrusore, della valvola distributrice, delliniettore, della camera calda e degli ugelli. Diminuire la contro pressione dellestrusore. Diminuire la dellestrusore. velocit di trasferimento

Prolungato tempo di sosta ad alte temperature.

Controllare il tempo di permanenza del materiale nellessiccatore e la temperatura di essiccazione. Controllare il buon funzionamento dellessiccatore. Diminuire il tempo di ciclo. Diminuire il cuscinetto in testa allestrusore ed alliniettore.

Qualit scadente dell a resina

Evitare limpiego di resina rimacinata. Scegliere opportunamente la resina da impiegare.

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 35

M01-152-L1-0057-1

2.2.21

Completamente deformata

Dopo lestrazione della preforma dal core, essa subisce una deformazione meccanica.

CAUSA
Errata manipolazione preforma

RIMEDI
Controllare fotocellula della mano di presa.

Pagina 36

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.22

Corpo preforma accartocciato

La preforma collassa durante lestrazione della stessa. Generalmente viene successivamente schiacciata dalla chiusura della pressa.

CAUSA
Raffreddamento insufficiente

RIMEDI
Verificare il corretto funzionamento del sistema di raffreddamento, in particolare dei maschi e delle lip. Aumentare il tempo di raffreddamento.

Temperatura eccessiva del fuso

Diminuire la temperatura del fuso

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 37

M01-152-L1-0057-1

2.2.23

Difetti superficiali legati allumidit: anelli, superficie irregolare e rugosa, ecc...

Presenza di anelli sia sulla superficie interna della preforma (lato core), sia sulla superficie esterna (lato cavit).

CAUSA
Presenza di acqua o umidit nella parte stampante o nel robot di raffreddamento

RIMEDI
Verificare il corretto funzionamento del condizionatore della macchina. Verificare la chiusura della cabina della macchina. Aumentare la temperatura dellacqua. verificare che non ci siano perdite dacqua nel circuito di raffreddamento della macchina.

Pagina 38

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.24

Inclusione di materiale freddo nella preforma

Nel corpo o nel fondo preforma sono presenti inclusioni di resina. Si presenta generalmente come materiale freddo che aderisce alla cavit, laminato nella direzione di iniezione, oppure come protuberanza che esce dal gate.

CAUSA
Residui di materozza della preforma dela precedente stampata

RIMEDI
Aumentare la temperatura dellugello. Inserire la decompressione. Verificare il raffreddamento dello stampo. Verificare la temperatura del fuso. Verificare lassenza di bave metalliche nel foro di iniezione della cavit. Verificare lo stato di usura dellotturatore.

Valvola movimento otturatori con pressione di lavoro inferiore a 6.5 8 bar

Controllare il buon funzionamento degli otturatori Controllare la pulizia della linea di alimentazione dell'aria

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 39

M01-152-L1-0057-1

2.2.25

Troppo lunga o corta

La preforma, misurata dal filetto alla materozza esclusa, troppo lunga o troppo corta rispetto alla lunghezza nominale. NOTA Difetto privo di unevidente corrispondenza visiva sulla singola preforma. Il difetto pu essere rilevato solo confrontando le dimensioni effettive della preforma con quelle di campione ritenuto conforme.

CAUSA
Errata manipolazione della preforma (troppo corta)

RIMEDI
Diminuire pressione vuoto nel manipolatore. Diminuire quota prelievo e quota intermedia del manipolatore Ridurre il tempo di trasferimento delle preforme dallo stampo di iniezione al robot di raffreddamento.

Errata manipolazione della preforma (troppo lunga)

Pagina 40

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.26

Preforma graffiata

La preforma presenta graffi paralleli sulla superficie esterna.

CAUSA
Danni alle parti meccaniche dello stampo di iniezione e/o del robot di raffreddamento.

RIMEDI
Verificare che il maschio diniezione, la cavit e la lip non siano danneggiati. Verificare allineamento del trasferitore. Verificare che la superficie interna dei bicchierini di raffreddamento non sia danneggiata.

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 41

M01-152-L1-0057-1

2.2.27

Affossamento del fondo preforma (lato core)

Lo spessore del fondo preforma ridotto a causa del ritiro volumetrico, specialmente lato core.

CAUSA
Materiale non compattato a sufficienza

RIMEDI
Aumentare il tempo di mantenimento. Aumentare le pressioni nella fase finale del mantenimento.

Mancato raffreddamento del fondo preforma

Verificare il corretto funzionamento del sistema di raffreddamento, in particolare dei maschi. Aumentare il tempo di raffreddamento. Diminuire la temperatura degli ugelli. Diminuire la temperatura della camera calda.

Pagina 42

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.28

Preforma troppo calda allo scarico

La temperatura della preforma allo scarico eccessiva (superiore a 50C).

CAUSA
Mancato raffreddamento nel raffreddatore

RIMEDI
Verificare il circuito di raffreddamento dello stampo e del manipolatore. Verificare che il circuito pneumatico che crea il vuoto nei bicchierini di raffreddamento sia correttamente funzionante.

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 43

M01-152-L1-0057-1

2.2.29

Scarsa concentricit

Lo spessore preforma non omogeneo. Viene generalmente misurato alla fine della calotta sferica del fondo preforma (verso il corpo preforma).

CAUSA
Accoppiamento cavit-lip-core non corretto

RIMEDI
Controllare laccoppiamento stampi di iniezione. lip/cavit degli

Controllare la chiusura dello stampo mediante spessimetro (non devono superare i 0.05 mm tra le flange della lip e della cavit). Sostituire il maschio di iniezione. Sostituire la cavit Flessione del maschio di iniezione dovuto alleffetto della pressione del PET Diminuire il tempo di mantenimento. Diminuire il profilo delle pressioni di mantenimento. Diminuire la velocit iniziale di iniezione. Aumentare la quota di transizione fase iniezione e rallentamento. Aumentare la corsa di rallentamento.

Pagina 44

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A

2.2.30

Colore non omogeneo

Il colore non distribuito uniformemente nel corpo preforma.

CAUSA
Mancata omogeneizzazione del fuso con il colorante

RIMEDI
Aumentare la contro pressione dellestrusore. Aumentare il numero di giri della vite dellestrusore. Aumentare la temperatura dellestrusore. Verificare la regolarit dellalimentazione del PET prima dellingresso nellestrusore.

Irregolare alimentazione del colorante

Verificare il corretto funzionamento del dosatore di colorante. Assicurare un dosaggio del materiale il pi uniforme possibile, regolando il tempo di dose un secondo inferiore al tempo di accumulo estrusore. Se necessario impiegare il pre-mixer per miscelare il colorante al PET prima dellingresso nellestrusore.

M01-152-L1-0057-2.fm

MUM01-PPS-A

EDIZIONE 01 Luglio 2003

Pagina 45

M01-152-L1-0057-1

2.2.31

Anello cristallizzato attorno al punto di iniezione

CAUSA
Presenza di materiale freddo nellugello di inezione

RIMEDI
Aumentare la temperatura dellugello. Diminuire il tempo di raffreddamento. Anticipare o ritardare lapertura degli otturatori. Aumentare la quota e la velocit di decompressione.

Pagina 46

EDIZIONE 01 Luglio 2003

MUM01-PPS-A