Sei sulla pagina 1di 7

http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.

html

La Fratellanza di Miriam
Quello che segue un post un po lunghetto e riguarda la storia della Fratellanza di Miriam. Poich il mio amore per lErmetismo nato dalle letture delle opere di Giuliano Kremmerz, non ho potuto fare a meno di cercarne le vestigia. Di Kremmerz se ne parla bene e se ne parla male, questo per le vicissitudini avvenute alla sua Schola. Vale la pena pertanto cercare di farsi un quadro globale di quello che le successo nel corso dellultimo secolo. Mi perdoneranno i Miriamici che conoscono la Verit, ma la letteratura sullargomento deficitaria e discordante. Nebhepetra I commenti tra le parentesi quadre sono di IniziazioneAntica

La storia inizia nel dicembre del 1912, quando Le cinque accademie fondate tra il 1910 e il 1911 (Bari, Napoli, Taranto, La Spezia, Roma) vennero chiuse dautorit dallo stesso Kremmerz, deluso dallandamento delle stesse. Purtroppo il Kremmerz non era il padrone delle Accademie, che per loro stesso statuto, essendo dotate di un Consiglio Magistrale, potevano tranquillamente andare avanti senza la sua presenza. [Questo dimostra il perch del progressivo degradamento dellermetismo kremmerziano, oggi i circoli kremmerziani non sono quelli che aveva in mente lo stesso Kremmerz !!! Essi utilizzano il nome del Kremmerz solo per sopravvivere ! Inoltre i circoli kremmerziani si dovrebbero estinguere in modo che dalle loro ceneri possa rinascere un nuovo modo di fare ermetismo.] Nel gennaio del 1913 riaprirono le due Accademie di Roma e Bari sotto la guida del Consiglio Magistrale al cui capo era Domenico Lombardi che, allinterno dellOrdine Egizio era conosciuto con lo pseudonimo di Benno[1]. Egli apr un altro centro a Napoli, lAccademia Sebezia. LAccademia Pitagora di Bari era presieduta dallavvocato Borracci, mentre il Circolo Virgiliano di Roma era presieduto dal dottor Bonabitacola. Lombardi era stato nominato da Kremmerz Segretario generale della Fratellanza di Miriam nel 1899 e fu senza ombra di dubbio uno dei suoi pi fedeli e leali seguaci. Tutte le accademie vennero chiuse e messe in sonno negli anni 20 a seguito della durissima persecuzione del fascismo che aveva vietato qualsiasi forma di aggregazione massonica o esoterica. Addirittura Lombardi fece perdere
1 http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html

http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html

completamente le proprie tracce interrompendo qualsiasi relazione con i supersiti dei circoli disciolti. E cos che, quando nel 1947, alla fine della guerra ed alla veneranda et di 84 anni, decise di ripristinare i legami tra i fratelli dispersi per riportare in vita il sogno kremmerziano, trov molte resistenze al riconoscimento della propria autorit. A Roma, Pietro Suglia, che era subentrato a Bonabitacola, rivendicava un legame diretto con lOrdine Osirideo Egizio; a Bari, Borracci era ormai morto nel 1943. Benno dovette quindi far rinascere la Schola immettendo nuova linfa e riappropriandosi indiscutibilmente della successione iniziatica. Per riuscire in questo aveva necessit di una figura autorevole ed emblematica che lappoggiasse, capace di oscurare il tradimento da lui perpetrato pi di 20 anni prima ai fratelli di un tempo. Questa figura si identific nel matematico dr. Alfonso del Guercio, amico di Arturo Reghini. Del Guercio faceva parte di pi strutture iniziatiche, e i suoi contatti spaziavano dallEuropa al Sudamerica; tanto che in Italia nel 1944 aveva steso le basi per creare una nuova scuola ammonia, l Ordine del Mantos. Progetto che fu messo nel cassetto temporaneamente per aiutare Lombardi a riavviare il vecchio sogno Miriamico. [Grande errore !] Un altro esponente fu individuato in Arduino Anglisani (Hariel), gi kremmerziano, che fu incaricato come archivista personale di Lombardi nel 1948; vi era il napoletano Mario Parascandolo (Hahaja) ed infine il pugliese dottor Donato de Cristo (Harael). Nel dicembre del 1947 fu emessa una Circolare per mantenere la regolare continuit della Fratellanza di Miriam a firma di Domenico Lombardi, dove si specificava che tutte le comunicazioni dovevano essere inviate allindirizzo del dr. Del Guercio, in carica come Segretario Generale della Fratellanza. Ma la rediviva Schola non era nata sotto i migliori auspici: contrariamente a quanto predicato da Kremmerz, allinterno della novella struttura cominciarono ad infiltrarsi elementi massonici. Oltre a ci, sembra che Alfonso del Guercio aspirasse a prendere in toto il controllo della Fratellanza neocostituita, cosa assolutamente non condivisa e gradita da Lombardi. Pertanto, tra la fine del 1948 e linizio del 1949, Del Guercio fu estromesso dalla Fratellanza per motivi disciplinari. Del Guercio ritorn pertanto al suo antico progetto. A seguito di questo cambiamento la Segreteria della Scuola fu demandata a Mario Parascandolo il quale, alla morte di Lombardi nel dicembre del 1951, prese le redini della Fratellanza non senza che si sollevassero malumori tra alcuni degli aderenti che aspiravano a tale ruolo. Tali malumori, o meglio forti contestazioni non certo degne di persone illuminate, fecero s che, semmai con Lombardi fosse stato recuperato un qualsivoglia contatto con lOrdine Egizio, tale contatto fosse inequivocabilmente interrotto. Infatti in un suo scritto[2] Hahaja riprese le parole del Kremmerz: -Una sola cosa desidero: che gli studiosi di ermetismo magico, italiani, non si separino, non si dividano, non si combattano tra di loro in aride polemiche, ma come FIGLI DELLA GRANDE ARTE si tengano stretti intorno al punto criticissimo della
2 http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html

http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html

ricerca per la scienza pi umana che l'uomo sia mai audacemente pervenuto a possedere.LOrdine Egizio, vista la materia caotica, lhyle informe su cui si basava la struttura portante della Schola, si ritir di buon ordine lasciandola al suo destino. Fu questo il motivo per cui nel 1952, Parascandolo, insieme ad Anglisani, allingegnere Carlo Coraggia ed Agusto Lista decisero di dare vita a Roma ad una loggia massonica ANKH (Accademia NeoKremmerziana Hermetica) per costituire un nuovo Capitolo Occulto, un novello Ordine Osirideo Egizio, il cui paravento era la casa editrice C.E.U.R. (Casa Editrice Universale di Roma). Donato de Cristo - Harael, che era stato messo a capo dellAccademia Pitagora di Bari, non appoggiando tale decisione, decise di mettere in sonno le attivit della sua scuola.

Il sogno di Guardea
Nel 1954 Hahaja muore designando lingegner Coraggia (Lehahiah) quale successore, ed anche questa scelta fu causa di forti dissensi. Alcuni maestri di Miriam infatti, vantando uniniziatura diretta da parte di Kremmerz, mal vedevano un iniziato di seconda generazione a loro capo. Essi si allontanarono pertanto dalla nuova linea ortodossa delineata da Lehahiah creando dei Cenacoli autonomi. Coraggia era una persona sincera, profondo conoscitore dellermetismo e desideroso di ricomporre tutti i dissidi che permeavano lambiente kremmerziano. Inoltre era di carattere forte ed organizzato. Questo permise in breve tempo, a partire dalle due accademie di Roma e Napoli e grazie ad unaccurata opera di divulgazione e diffusione delle opere di Kremmerz, di creare una struttura di centri che si estendeva a tutta la penisola e perfino in Spagna. La fratellanza crebbe tanto che, a met degli anni 80, decise di dotarsi di una nuova ed adeguata sede per le alte gerarchie dellOrdine, che si tradusse nel castello di Guardea in provincia di Terni. LOrdine, nel corso di un ventennio si era arricchito, sia per le donazioni dei discepoli, sia perch lavanzamento al grado di Maestro di Miriam prevedeva lesborso di una dote di 90 sterline doro (pari a 25 milioni di lire dellepoca). Tale prezzo comportava laccesso del confratello ai 7 libri di Maria, il Corpus contenente le istruzioni pi riservate dellOrdine. Il neofita aveva lobbligo di trascrivere a mano entro un anno tutto il Corpus di dottrine, al termine del quale avrebbe dovuto sostenere un esame prima di poter essere iscritto nelle gerarchie ammonie. La posizione favorevole del Castello richiam un gran numero di confratelli che acquistarono abitazioni nel borgo, casali e poderi ivi adiacenti per vivere la loro crescita spirituale appartati dal mondo. Chi se lo poteva permettere viveva di rendita, altri si impegnarono in attivit agricole sfruttando i terreni, alcuni
3 http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html

http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html

insegnavano arti marziali in una palestra. Insomma il popolo miriamico si diffuse nel paese cercando lamalgama con gli autoctoni. E bene notare che tale crescente fenomeno non poteva non destare le preoccupazioni della Chiesa Cattolica. Nel 1976 Donato de Cristo (Harael) risveglia lAccademia Pitagora avocando a s ogni diritto di successione secondo la linea diretta: Benno->Hahaja-> Harael dichiarando lillegittimit del C.E.U.R. e di tutti gli altri Cenacoli Miriamici indipendenti presenti in Italia, ed adducendone la documentazione probante. Questa comunicazione, riportata anche dalla rivista Gli Arcani port notevole scompiglio tra le file del C.E.U.R., provocando la fuoriuscita di alcuni affiliati; ma Coraggia riusc a mantenere le posizioni. Nel 1984 Lehahiah, ormai vecchio e malato, muore designando quale successore il giovane medico Aleandro Tommasi (Rhatel). Anche questa volta ci furono violenti dissapori, soprattutto da parte delle sedi baresi. Rhatel, per sedare le acque, domicili nel Castello e pianific al meglio affinch fossero eseguite tutte le direttive dellOrdine, iniziando una nuova epopea di iniziative sociali, convegni e diffusione di notiziari, tanto che la Fratellanza continu a crescere anche sotto la sua guida. Ma, nonostante tutti i buoni propositi, la Catena Fluidica era ormai in caduta libera verso le tenebre: Kremmerz era ormai venerato come un dio ed invocato come un Nume tutelare; gli insegnamenti venivano centellinati, facendoli cadere dallalto e dando la possibilit di accedere ai testi solo ai pi facoltosi, mentre per addivenire alla maestranza bisognava essere milionari. [Lesatto contrario di quello che avrebbe voluto il Kremmerz!!!] Guardea era diventata la meta dellelite italiana meritevole in quanto facoltosa, mentre coloro i quali erano armati solo di buone intenzioni venivano scoraggiati dallo pseudo sinedrio egizio. Politica e Massoneria, un connubio inestricabile. Nel 1988 lAssociazione culturale Agape/Prometeo di Milano, creata dallex brigatista rosso Paolo Fogagnolo, attacc l Ordine di Guardea diffondendo un comunicato dove si denunciavano i presunti legami tra Ordine Osirideo, Ordine del Mantos e Loggia P2 e pubblicando i contenuti dei primi 3 libri del Corpus al modico prezzo di 180.000 lire[3]. Indipendentemente dalla veridicit delle affermazioni espresse nel comunicato di Agape/Prometeo, il colpo fu mortale sia perch ai confratelli dellOrdine non parve vero di potersi aggiudicare parte dellopera ad un prezzo cos modesto, sia perch era innegabile che molti realizzarono di far parte di unorganizzazione di cui in realt ben poco sapevano. E, se anche il Corpus Philosophorum Totius Magiae diffuso da Agape poteva essere discutibile in termini di autenticit dei contenuti, si dimostr come ormai tutta la struttura imbastita dal C.E.U.R. non fosse basata altro che sul mercimonio del materiale del Maestro napoletano. Come se non bastasse, Tommasi si lasci conquistare dalla spiritualit orientale che cominciava a prender
4 http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html

http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html

piede in Europa abbandonando la Tradizione occidentale, cos che in breve tempo lOrdine si sfald ed il Castello fu chiuso. Il sogno di Guardea, la citt utopica, era finito. Molti circoli chiusero, mentre le Accademie rimaste, inevitabilmente, si divisero prendendo strade diverse.

Conclusione
Cosa rimasto oggi della Fratellanza di Miriam? Basta fare una ricerca con Google digitando la parola "KREMMERZ" per visualizzare senza difficolt diverse organizzazioni che si riferiscono ai suoi insegnamenti, ognuna pretendendo di possedere la vera ed unica discendenza iniziatica dallOrdine Osirideo Egizio.

Chi ha ragione?
Non mia intenzione dare alcun giudizio di merito in quanto non ne sono in grado. Vorrei per fare unulteriore considerazione che potr chiarire perch necessaria una discendenza o un collegamento diretto con il centro spirituale supremo, e quindi perch tutti gli ordini iniziatici, non solo i Miriamici, si sbracciano a vantarlo.

Nella Circolare di Benno per mantenere la continuit iniziatica egli dice:


Quelle che sembrano delle vane forme burocratiche, sono invece, per unorganizzazione iniziatica, gli indispensabili mezzi contingenti per assicurare la necessaria trasmissione di quel lievito spirituale che, posto nel suo particolare ambiente, rappresenta la ragione prima e fondamentale dellorganizzazione stessa. Se cos non fosse, le organizzazioni iniziatiche non avrebbero ragion desistere, poich tutti gli aggruppamenti di studiosi pi o meno curiosi di metapsichica, di ermetismo, di magia, ecc. potrebbero dire di rappresentare la continuazione della Tradizione Miriamica e magari addirittura di essere dei Fr+ di Mir+ solo perch si coprono dellegida di un nome: Kremmerz, oppure Miriam. In altre parole la collettivit, essendo in definitiva soltanto una riunione di individui, non pu di per se stessa produrre niente che sia di ordine sopraindividuale. Il superiore non pu procedere dallinferiore. Se il riallacciamento ad unorganizzazione iniziatica pu avere effetti di questo genere, solamente in quanto essa depositaria di qualcosa che appunto sopraindividuale e trascendente rispetto alla collettivit, cio di uninfluenza spirituale di cui essa deve assicurare la conservazione e la trasmissione senza alcuna discontinuit.
5 http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html

http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html

[Mi permetto di sottolineare unulteriore punto di vista, e cio che anche una fratellanza costituita ex-novo, senza essere depositaria di pratiche occulte, pu riallacciarsi al mondo spirituale grazie ALLEVOLUZIONE DEI SINGOLI MEMBRI, POICHE LO SPIRITO DIVINO DISCENDE NEI CUORI PURI DI CHI LO ACCOGLIE. MENTRE CERTI GRUPPI PUR AVENDO SIGILLI, CIFRE, CARMI DI ANTICA ORIGINE, ECC NON HANNO ALCUN CONTATTO COL PIANO SPIRITUALE. E LA VIRTU DELLOPERATORE CHE FA LA DIFFERENZA E NON LO STRUMENTO ADOPERATO !] Il ricollegamento ad una Tradizione Ermetica non deve essere quindi inteso come ricollegamento ad una Catena Fluidica o ad unentit psichica collettiva. Daltro canto, il legame fra diverse realt iniziatiche non una semplice filiazione di Catene, ma la presenza, in tutte queste realt, di una stessa influenza spirituale, ovvero una o pi Intelligenze della Tradizione Misterica. Una in essenza e in obiettivo, se non addirittura nelle modalit dazione. Se dunque non esiste un legame vero, la Catena degenera, e degenera altres lorganizzazione iniziatica. Se invece lorganizzazione iniziatica a degenerare a causa dellimpurit dei suoi componenti e/o a causa di disgregazioni, anche se presente linfluenza spirituale, la sua azione necessariamente sminuita. I riti non hanno efficacia. Il caso limite quello di unorganizzazione iniziatica che finisce di esistere come tale, in cui quindi le Intelligenze si sono totalmente ritirate: in essa sussistono solo il magnetismo umano e le influenze psichiche allo stato di residui non solo nocivi, ma anche pericolosi. [COME STATO PER I CIRCOLI KREMMERZIANI] In questultimo caso, relativamente ad una Catena Terapeutica, la circolazione fluidica tra i membri della catena e gli ammalati avviene, ma quello che si muove un tipo di forza non realmente riparatrice, ma utile alimento per le entit dell'astrale che se ne nutrono sia nel paziente che negli oranti. Questi ultimi avvertiranno la sempre minore efficacia dei riti avvertendo, durante i riti stessi, uno stato di disagio crescente preludio a ben altri squilibri! [PER LAPPUNTO] Concludo questo post ricordando le parole che lAureo Maestro scrisse nei Dialoghi sullErmetismo per descriversi: "...sono uno studioso e pratico le conclusioni dei miei studi per tentarne gli effetti. Che tutti riescano questi esperimenti e che io resusciti i morti non l'ho mai detto a nessuno. So che amo tutti quelli che soffrono e che vengono in mio contatto, in certi istanti potrei dire IO SONO AMORE ...".
6 http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html

http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html

Il desiderio di Giuliano Kremmerz era di rendere ogni iniziato un faro di amore, capace di irradiare il bene e lequilibrio sulla sua famiglia umana, come sui suoi fratelli nella strada spirituale. Purtroppo non ci riusc, ma indubbio che fu comunque un grande Maestro. Nebhepetra Note [1] Bennu lanima di Ra rappresentata dalla Fenice. [2] Commento di Hahaja alla Tavola di Smeraldo di Ermete Trismegisto. [3] Lassociazione Agape successivamente si pent di questo comunicato, quando realizz di essere stata manipolata da elementi infiltrati legati al clero. A distanza di un ventennio emise infatti un nuovo comunicato, reperibile in rete, di cui si riporta uno stralcio: [Attraverso l ambiguit da lui subdolamente creata il suddetto personaggio era riuscito merc strumentalizzazioni falsificazioni e omissioni a orientare, disorientare e influenzare le posizioni del gruppo Agape/Prometeo attraverso una abile opera di disinformazione utilizzando istrionicamente lardore giovanile e limpeto focoso giustizialista caratterizzazione peculiare degli aderenti del gruppo Agape / Prometeo indirizzandoli verso posizioni anti Kremmerziane assolutamente errate che il Gruppo Agape / Prometeo attualmente assolutamente non condivide pi]

7 http://digilander.libero.it/iniziazioneantica/index.html