Sei sulla pagina 1di 4

Carissimo Fr Roberto Luongo Mio Pari, ti scrivo queste poche righe nel vivo auspicio che ti trovino in piena

forma e perfetta salute e con la sincera speranza che possano essere di valido aiuto a definire in civile armonia un rapporto di frequentazione amicale e Massonico. Pur avendoti suggerito tante e diverse scelte mi sento assolutamente Tradito come uomo e come Massone, Io ti ho seguito sino alla fine e a mia opinione ritengo che la tua conduzione abbia portato allassonnamento di troppi Fratelli e alla perdita di molte gloriose e laboriose Officine, compresa la R..L.. La Fenice n 101 all Or.. Di Milano di cui mi onoro di esserne Stato Suo Maestro Venerabile. Il Ser..mo Fr.. RIPA 33.., ex GM CAMEA, allatto delle Sue dimissione ufficiali ti ha lasciato la CAMEA che era riconosciuta da tutti, anche da organi di stampa Nazionali,(vedi la Stampa di Torino del 12. Gennaio 2008, ALLEGATA a seguire a buona memoria per chi legge) come la quarta Obbedienza in Italia (per numeri e storia dopo il GOI, Vitelleschi e la Regolare di Venzi..), con centinaia di Fr.. attivi e quotizzanti e le cui Officine coprivano l intero territorio Italiano da Udine a Trapani. E Mia personale opinione che la tua gestione ha fatto si che il malcontento tra i FRATELLI si diffondesse al punto tale che oggi sei rimasto a comandare un ESERCITO che non esiste pi, o che esiste solo sulla carta, e per la maggior parte i pochissimi rimasti a mio giudizio ti remano contro. Questo evidente anche dal fatto che NOI della R..L.. La Fenice n 101 , che era la Loggia in cui tu venivi a lavorare, in data 19 gennaio 2011 ti abbiamo REVOCATO LOBBEDIENZA come gi formalmente comunicatoti . In questo periodo mi sono incontrato ed ho sentito MOLTI vecchi CAMEINI, che hanno sollevato pi di un dubbio in ordine alla legittimit della tua Proclamazione a Sovrano Gran Commendatore che in assenza di un Testamento del compianto Sovrano Aldo Vitale.. e di una formale elezione da parte del Supremo Consiglio appare essere pi una tua AUTOPROCLAMAZIONE che non una vera e propria successione. Questo spiegherebbe anche il fatto che quasi tutti i Fratelli del 33 nominati dal compianto Fr ALDO VITALE sono fuggiti dall Obbedienza forse perch non si ritenevano rappresentati dalla Tua persona.

Tocca a t, quando lo riterrai opportuno, senza trincerarti dietro al motu proprio ,dare spiegazioni ai Cameini del tuo nuovo corso , cos come anche tocca a te spiegare, se ritieni di poterlo fare, del perch il compianto SOVRANO GRAN COMMENDATORE, POTMO FR.. ALDO VITALE 33 non ha mai affidato il LIBRO ROSSO nelle tue mani ma bens lo affid al GRAN MAESTRO ILLMO e VENMO Fr Cavallaro 3; Infatti, mi risulta che durante una Gran Loggia dopo Tue insistenti richieste fece finta di restituirtelo , ma poi se ne rimpossesso davanti a tutti i FR.. presenti. Vedi un peccato che dei Fratelli testimoni molti siano fuoriusciti da CAMEA, ma alcuni sono ancora a pi di lista, in special modo i Fratelli dell'Oriente di Siderno che mi risulta si ricordano perfettamente quanto avvenuto. Ora visto che IO ho capito e me ne sono andato e quindi non mi devi pi dare nessuna di quelle spiegazione che ti ho sempre chiesto di darmi, mia opinione che tu spiegassi ai Fratelli rimasti come sei diventato SOVRANO senza fare il famigerato gioco delle tre carte da te sempre citato . Potrebbe essere che Io, come Gran Segretario Generale del Rito, non ho mai potuto visionare il LIBRO ROSSO ed esaminare approfonditamente la documentazione riguardante il RITO per queste ed altre motivazioni?????? Sarebbe anche il caso che venisse da parte Tua, chiarita anche un altra questione, e cio visto che hai scritto sul sito CAMEA che la tua dignit di SOVRANO venne CONSACRATA dal SOVRGRAN COMM POTMO FR PEPPINO COSTA 33, non credi che per completezza di informazione dovresti dire che il tutto avvenne in una LOGGIA AZZURRA alla presenza dei Fratelli Apprendisti??? Sono sicuro che sarai daccordo con me nel pensare che in un lettore attento potrebbe sorgere il dubbio che il POT..MO FR.. PEPPINO COSTA 33 lo abbia fatto solo come estremo gesto di cortesia alla memoria del POTMO FR ALDO VITALE 33, !!!!!!????? Vedi Fr.. Mio, mia opinione che tale atto se fosse stata (come tu sostieni) una vera e completa Consacrazione la cerimonia si sarebbe dovuta svolgere in altra sede , magari in un Supremo Consiglio congiunto delle due Potenze Massoniche (CAMEA e DELLA COMUNIONE DI PIAZZA DEL GESU) cos come la pi austera Tradizione Massonica impone, o, quanto meno in un Camera di RITO e comunque MAI in Ordinaria Tornata di Apprendista Libero Muratore. Vorrei chiederti molte altre cose ma non voglio approfittare troppo del tuo tempo, per, mi devi concedere ancora qualche domanda essenziale:

Mi spieghi come mai tanti illustri e prestigiosi Fratelli se ne sono andati da Camea interrompendo ogni rapporto prima di tutto con te e nonostante abbiano dato formale comunicazione scritta capitato che e a distanza di pochi giorni si sono visti recapitare decreti di espulsione con motivazioni dubbie e non sempre comprensibili? Vedi Caro Fr.. Roberto.. giungono da pi parti voci che la stessa cosa stai cercando di fare con me ma non ci riuscirai perch sai bene che NOI TI ABBIAMO REVOCATO L'OBBEDIENZA facendoti per tempo una formale notificazione in tal senso, quindi, sono sicuro che la Tua onest ti vieta di dire in giro cose false come ad esempio che TU mi hai cacciato ed espulso da Camea. STRANO, molto STRANO che puntualmente in occasioni del genere ci sia sempre chi cerchi di specularci sopra. Cio detto credo che tu abbia compiuto un atto grave ed irreversibile per la CAMEA, nel decidere di BRUCIARE LINTERO ARCHIVIO che il Fr RIPA 33.., Ex. SERENISSIMO GRAN MAESTRO, ci aveva amorevolmente consegnato. Sono del parere che bruciando larchivio non sei riuscito ad eliminare o sminuire presenze troppo ingombranti che ti facevano e continueranno a farti ombra. Vedi Fr Mio non bruciando il lavoro degli altri che si costruisce il Proprio. Ora capisco perch tanti illustri Fratelli prima di me se ne sono andati, io come loro ho cercato di costruire qualcosa di bello che probabilmente a te non interessava e che puntualmente hai distrutto. Ora ti chiedo una ultima gentilezza , basta con intromissioni di Fratelli di altre Obbedienze , basta con il "FRATELLI MERCATO" (peggio del calcio mercato), basta con inutili lotte fratricide che sono poco edificanti per tutti i soggetti che vi vengono coinvolti e che sono portatrici di asti e rancori che con il buon senso si possono evitare. Cerchiamo di fare le cose in modo serio DA PERSONE SERIE. Tutti i Fratelli che ti hanno REVOCATO l OBBEDIENZA sono persone adulte e che conosci bene da molto tempo, quindi sai perfettamente che non si fanno certo influenzare dal sottoscritto e che sono VERAMENTE UOMINI LIBERI E DI BUONI COSTUMI. Rispettiamo la Loro VOLONTA!!!

Le Nostre strade si sono divise prematuramente ma ti invito a riflettere su quanto ancora oggi accade in CAMEA e ti auguro, di cuore, di ritrovare la forza, il SOVRANO in cui IO e tanti altri FRATELLI abbiamo creduto, ed al quale avevamo dato cieca e totale OBBEDIENZA!!! Ti lascio, come qualcuno fece prima di me, augurandoti ogni bene e soprattutto PACE E SERENITA Ti invio come sempre il Mio sincero TFA Massimo Innocenzi 33

Interessi correlati