Sei sulla pagina 1di 2

Relazione di tirocinio Introduzione Il lavoro unattivit volta alla produzione o al servizio.

.Per garantire un buon lavoro i lavoratori devono godere di sicurezza e igiene nel lavoro. La sicurezza sul luogo di lavoro consiste in tutta quella serie di
misure di prevenzione e protezione ,che devono essere adottate dal datore di lavoro, dai suoi collaboratori, medico competente e dai lavoratori stessi per garantire a tutti unadeguata sicurezza.Ligiene sul lavoro consiste in uninsieme di tecniche che garantiscono la protezione da parte delle malattie professionali.La messa in sicurezza del posto di lavoro recente,molti anni fa non si conosceva la parola prevenzione.Con la formazione dellItalia unita e in seguito con lUnione Europea vi stato un vero boom della sicurezza.La sicurezza del lavoratore tutelata dalla nostra Costituzione.La nostra vecchia legge in ambito di sicurezza era la 626 del 94. Il decreto non fu il primo a regolamentare la sicurezza nei luoghi di lavoro, normata sin dagli anni cinquanta, ma super alcune leggi precedenti, dando una forma organica alle normative sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, pur non abrogandole formalmente. Il D.Lgs. n. 626/94 stato completamente trasfuso nel cosiddetto Testo Unico Sicurezza Lavoro (D.Lgs. 81/2008).

8108
Nel 2008 nacque il testo unico l8108,l'insieme di norme contenute nel Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 che - in attuazione dell'articolo 1 della Legge 3 agosto 2007, n. 123 - ha riformato, riunito ed armonizzato, abrogandole, le disposizioni dettate da numerose precedenti normative in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro succedutesi nell'arco di quasi sessant'anni, al fine di adeguare il corpus normativo all'evolversi della tecnica e del sistema di organizzazione del lavoro. Il D.lgs 81/2008 propone un sistema di gestione della sicurezza e della salute in ambito lavorativo preventivo e permanente, attraverso:l'individuazione dei fattori e delle sorgenti di rischi;la riduzione, che deve tendere al minimo del rischio;il continuo controllo delle misure preventive messe in atto;l'elaborazione di una strategia aziendale che comprenda tutti i fattori di una organizzazioni (tecnologie, organizzazione, condizioni operative...).Il decreto, inoltre, ha definito in modo chiaro le responsabilit e le figure in ambito aziendale per quanto concerne la sicurezza e la salute dei lavoratori. l D.lgs 81/2008 formato da 306 articoli, suddivisi in XIII titoli.Il I titolo (art. da 1 a 61) Principi comuni definisce le sue finalit,il campo di applicazione e il computo (calcolo) dei lavoratori.Il titolo II (art. da 62 a 68) Luoghi di lavoro si interessa dei luoghi in cui vengono svolte le attivit,delle disposizioni generali e delle sanzioni.Il titolo III (art. da 69 a 87) Uso delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale si occupa delluso delle attrezzature di lavoro, uso dei dispositivi di protezione individuale, impianti e apparecchiature elettriche.Il titolo IV (art. da 88 a 160) Cantieri temporanei o mobili si dedica alle misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei e mobili, per le norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota,alle snzioni.Il titolo V (art. da 161 a 166) Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro si dedica alle disposizioni generali e alle sanzioni.Il titolo VI (art. da 167 a 171) Movimentazione manuale dei carichi si dedica alle disposizioni generali e alle sanzioni.Il titolo VII (art. da 172 a 179) Attrezzature munite di videoterminali definisce le disposizioni generali, obblighi del datore di lavoro, dei dirigenti e dei preposti, sanzioni.Il titolo VIII (art.180 da a 220)Agenti fisici si occupa delle disposizioni generali, protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro, protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a vibrazioni, protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici, protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a radiazioni ottiche, sanzioni.Il titolo IX (art. da 221 a 265)Sostanze pericolose si occupa di protezione da agenti chimici, protezione da agenti cancerogeni e mutageni, protezione dai rischi connessi allesposizione allamianto, sanzioni.Il titolo X (art da 266 a 286)Esposizione a agenti biologicisi occupa di obblighi del datore di lavoro, sorveglianza sanitaria, sanzioni.Il titolo XI (art. da 287 a 297) Protezione da atmosfere esplosive definisce le disposizioni generali, obblighi del datore di lavoro, sanzioni.Il titolo XII (art. da 298 a 303) Disposizioni diverse in materia penale e di procedura penale.Il titolo XIII (art. da 304 a 306) disposizioni finali. La struttura del decreto impostata prima con la individuazione dei soggetti responsabili e

poi con la descrizione delle misure gestionali e degli adeguamenti tecnici necessari per ridurre i rischi lavorativi. Alla fine di ciascun titolo sono indicate le sanzioni in caso di inadempienza.Al testo degli articoli del decreto sono stati aggiunti altri 51 allegati tecnici che riportano in modo sistematico e coordinato le prescrizioni tecniche di quasi tutte le norme pi importanti emanate in Italia dal dopoguerra ad oggi.In ambito legislativo, la denominazione Testo Unico tra l'altro erronea, in quanto la sicurezza di competenza concorrente tra Stato e Regioni, ai sensi dell'Art.117 comma 3 della Costituzione Italiana; difatti all'art.1 comma 2 si sottolinea la clausola di cedevolezza di questo Decreto Legislativo, ovvero nel caso in cui un soggetto con competenza in materia di sicurezza (regioni) legiferi in opposizione al D.Lgs. 81/08, esso viene a decadere sul territorio di competenza dell'organo legiferante.

DVR
Il Documento di valutazione dei rischi ("DVR") rappresenta la mappatura dei rischi presenti in un'azienda.Deve contenere tutte le procedure necessarie per l'attuazione di misure di prevenzione e protezione da realizzare e i ruoli di chi deve realizzarle.Rappresenta il compito per eccellenza del datore di lavoro, in quanto non delegabile, inoltre deve essere corredato da data certa. uno dei documenti cardine del D.Lgs 81/08 e viene trattato negli articoli 17 e 28.

Figure professionali Il datore di lavoro colui che utilizza la forza lavoro di personale dipendente, dietro pagamento di
corrispettivo.Il datore di lavoro quindi colui che organizza il lavoro del dipendente ed creditore della prestazione di lavoro.

Il lavoratore una persona che svolge un'attivit manuale o intellettuale in un contesto di produzione di beni o erogazione di servizi in cambio di un salario.Il datore di lavoro debitore di sicurezza nei confronti del lavoratore,questultimo il ricevente e non debitore ne di salute ne di denaro. Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (o RSPP) una figura il
cui compito il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro. Si tratta del professionista esperto in sicurezza, in protezione e prevenzione designato dai datori di lavoro per gestire e coordinare le attivit del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi (SPP), ovvero l'"insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all'azienda finalizzati all'attivit di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori" del D.Lgs.81/2008 e successive modifiche ed integrazioni. Il
Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza il soggetto, scelto dai lavoratori di unazienda (RSL). In sostanza, tramite questa figura, i lavoratori hanno la possibilit di partecipare attivamente (e senza, almeno in linea di principio, la necessit di una mediazione da parte degli organismi sindacali) al sistema di valutazione e prevenzione dei rischi dellambiente in cui operano, attraverso quel meccanismo procedimentale, che deve essere adottato da tutti i datori di lavoro ai sensi della legislazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.La seguente figura ha diritto a:formazione,informazione,partecipazione e controllo del luogo di lavoro.Il rappresentate dei lavoratori per la sicurezza diverso da un normale sindacalista il cui unico compito la mediazione tra datore di lavoro e lavoratori.Il medico del lavoro ha il compito di effettuare visite mediche periodiche del personale o per la loro assunzione,il suo lavoro importante poich se riscontra una malattia prima che il dipendente cominci a lavorare presso lazienda il lavoratore non ha diritto a denunciare il datore di lavoro per una malattia professionale poich gi era malato in precedenza .I dirigenti sono i sottoposti del datore di lavoro,hanno il compito di dirigere il personale e hanno le stesse responsabilit del datore di lavoro davanti ai lavoratori.