Sei sulla pagina 1di 2

2

0
Metafora corale:
Groviglio a “Parole di Mezzeria”,
5 Aprile 2009, Mondavio.

LOGODROMO NO METAFORA CORALE


Collettivo scrivere
in un pomeriggio di primavera.

7. GROVIGLIO EDIZIONI FUTURE


Con le dita sui tasti
di una vecchia e rumorosa Continental

ALLORA COME DISSI INIZIA ORA DI NOTTE


in molti hanno contribuito
alla libera raccolta di parole.
Quello che segue ne è il risultato.

Un grande interrogativo dentro di me e, penso io, in tutti. Chi crede


ma che che siamo soli con la nostra umanità,chi si dà le risposte più varie, chi
sottometto le
crede in Dio, chi è ateo, chi muore con l’interrogativo, chi si illude di
aver trovato la risposta. Luce sfiatata e fredda sera, tiepido pensare,
mie opinioni umana sfera. La poesia strega e quella rara. Il grande tempio, in que-
al giudizio sto mentre, lo stiamo costruendo, e lampi di triremi inghiottono soli
dei più saggi di versi. Caro, sai io ho paura che si spenga tutto. Vado a star male…
e all'autorità Trombone. Pescespada. Come un cane. Lo dico sempre: 5²=25 Sono
della Chiesa tre volte ulcerato. Non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere. Si è
rotto l’albero! Ci scontrammo quasi su per le scale. I tuoi occhi immo-
bilizzarono i miei, tremavano, erano lucidi, ma assolutamente fermi.
“Cosa pensi ora?”. Il nero ha in sé tutti i colori e in essi muore. Per tutta
la bellezza io mai mi perderei, ma per un non so che che si trova per
caso. OUBLIEZ CE QUI EST DERRIERE VOUS. Dimenticate ciò che
avete lasciato alle spalle. AYEZ PLUS D’ESPERANCE QUE DE SOU-
Nel "fare"
realizziamo ciò che siamo. VENIRS. Abbiate più speranze che ricordi. TOUTES CHOSES SONT
Ciò che siamo DEVENUES NOUVELLES EN JESUS CHRIST. Tutte queste cose sono
è anche ciò che siamo stati.
Ciò che saremo, diventate nuove in Gesù Cristo. JE VAIS ME DEFAIRE DE TOUS MES
anche questo si trova LIVRES DE MICHELET, ETC. ETC. Ora mi disfo di tutti I miei libri di Mi-
nel "fare". chelet, etc. etc. FAIS EN AUTANT. Tu fa altrettanto. E IL NEGRETTO? LA
Un pensiero maturo conosce BALLATA DEL NEGRETTO? COME FA? FA COME QUEL TRUCCO CHE
il valore dell’esperienza. UNA VOLTA SVELATO RESTI MAGIA E PER QUESTO COMMUOVA DI
PIÙ LE LACRIME CHE PORTA SIANO LACRIME DI MAREA LE LACRI-
Perché le mani non sono
vuote di concetti ME DI MAREA SONO LACRIME DI SECCA COME DI UN FILM CHE SI
e gli occhi incapaci TROVI CONTINUAMENTE PRESSO IL SUO FINALE BISOGNA INIZIA-
di modellare la realtà. RE OGNI VOLTA DA CAPO E MUOVERSI IN SETTE NOTE DA QUI, COL
PASSO ATTRAVERSO IL DESERTO E L’ESTATE CHE QUESTO CIELO
SIA LA CINTA D’ARIA CHE INGRASSA GLI OCCHI E LE DOMANDE
207.liberastampa@libero.it
E GONFIA STRANAMENTE LE MUTANDE CON UN FRAMMENTO DI
Carlo M. Cirino e Cecilia M. Giampaoli 1/2
groviglio Via Petrucci 19, 61121 Pesaro
at
SOLLIEVO GRANDE LA LUCE INTERCONNETTE LE SINAPSI CERCO
CONSIGLIO ALLA MIA OMBRA FUGGEVOLE questa è la più grande
giornata di felicità perc he mi sento libera e senza età magia della po-
esia A SOGGETTO HO PAGATO PER GUARDARE UNO SPETTACO-

to
LO CHE MI ANNOIA. VOGLIO UN CAMERINO PER CAMBIARMI E UN
PALCO DA CUI DIRE LE MIE BATTUTE… RECITERÒ A SOGGETTO.
SENZA COPIONE, COME FANNO I PIÙ BRAVI O QUELLI CHE NON
CE LA FANNO PIÙ A RICORDARE LA PARTE. Ruote esagonali pensieri
di catrame motori brum a 5 retromarce la quinta non ritorna DRAGO
ROSSSO CASA NUVOLA ZANARABLUB L UN R ANA VERD E E GIALL
A T A MO TENDA L’ho trovato sul tavolo, dietro tua madre l4 Giocare
è la caratteristica principale dell’Uomo Libero la vita non finisce mai
se qualcuno ti odia buttati a mare se hai toccato LA PASQUA puoi
solo risalire nella coppia DEL CRISTIANO è tutto non c’è nulla quando
avrai imparato aD amare avrai imparato CHE è giallo il mare E NELLA
MIA VITA CI SONO SOLO SEMI SGABELLO CANI E GATT I I NUVOLE
STRADA UOVO SODO COSA SONO LE PAROLE? INSIEME DI LET-

2
TERE ESCONO DALLA BOCCA SERVONO PER COMUNICARE SER-
VONO PER CAPIRE SONO ASTRATTE? SÌ? MA SONO CONCRETE
PERCHé LA MAMMA E PAPA’ CI INSEGNANO CON LE PAROLE VENTI
ZEBRE CAMMINANO SUL PRATO CINQUE CANI CORRONO NUOVO
E UN CAPPOTTO CHE MA COMPRATO LA MIA MAMMA VERDE CI
SONO DEI MAGLIONI GIALLI UNA ZANZARA CAMPI DI SPIGHE LE-
VATI I TACCHI CALZETTI A RIGHE CAMICIA A SCACCHI SU STRADA
A COLORI PAROLE DI GESSO TRAMBUSTI INTERIORI DELL’UOMO
DI ADESSO IL SENSO PROFONDO NELL’ANIMO APPOGGIA PERCHé
A CANCELLARLE CI BASTA LA PIOGGIA MARTIN MARTIN DISSE IL
PROFESSORE DECREPITO FASULLO POETA FILOSOFO INVIDIOSO
NON DISSE AL PORTINAIO CHE QUALCOSA NON ANDAVA. ARRIVO
COME SE NULLA DICO DAVVERO NON MANDATE I FIGLI A SCUOLA
NON MANDATE I FIGLI A SCUOLA QUANDO ARRIVERA IL PROFUMO
DI CARCASSA ISOLATA GIALLO FREDDO CANARINO PRESSANTE
COME UN FILOSOFO SPOCCHIOSO. NON FATE LAUREARE I VOSTRI 2
FIGLI. 0
2/2
7.