P. 1
Vademecum 2009/2010 - Sociologia

Vademecum 2009/2010 - Sociologia

|Views: 7,106|Likes:

More info:

Published by: Università degli Studi di Urbino Carlo Bo on Nov 16, 2009
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

03/15/2013

pdf

text

original

Vademecum

2009-2010
Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”
INDICE
CONTATTI 5
OFFERTAFORMATIVA 6
CORSIDILAUREADIPRIMOLIVELLO(|AukEE) ¹1
'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue (C|+ººe |·z0) ¹1
'oc|o|oç|+ e 'e|.|/|o 'oc|+|e (C|+ºº| |·!9 e |·|0) z9
CORSIDILAUREADIPRIMOLIVELLOADESAURIMENTO(|AukEE Ik|E||A||) 40
Coruu|c+/|oue |u||||c||+||+ (C|+ººe ¹|) |0
'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue (C|+ººe ¹|) |¹
'e|.|/|o 'oc|+|e (C|+ººe c) |c
'oc|o|oç|+ (C|+ººe !c) |1
CORSIDILAUREADISECONDOLIVELLO(|AukEE \AC|'IkA||) 49
Coruu|c+/|oue e |u||||c||+ pe| |e 0|ç+u|//+/|ou| (C|0) · C|+ººe |\·39 |9
Ed||o||+. |u|o|r+/|oue e '|º|er| docureu|+|| (E||I') · C|+ººe |\·3 e |\·¹9 31
0|ç+u|//+/|oue e Ceº||oue de||e |o||||c|e e de| 'e|.|/| 'oc|+|| (CE|'') · C|+ººe |\·31 c!
'oc|o|oç|+ de||+ \u|||cu||u|+|||+ · C|+ººe |\·33 c3
CORSIDILAUREADISECONDOLIVELLOADESAURIMENTO(|AukEE '|EC|A||'I|CnE) 74
Coruu|c+/|oue e |u||||c||+ pe| |e 0|ç+u|//+/|ou| (C|+ººe 39/') 1|
Ed||o||+ \ed|+ e C|o|u+||ºro (C|+ººe ¹!/') 13
0|ç+u|//+/|oue e Ceº||oue de||e |o||||c|e e de| 'e|.|/| 'oc|+|| (C|+ººe 31/') 1c
'oc|o|oç|+ de||+ \u|||cu||u|+|||+ (C|+ººe 39/') 11
PROGRAMMIDEGLIINSEGNAMENTI 79
Coordinamento • Servizio Front Offce
|o||.ºº+ '|rou+ ||ç|ucc|
Grafca e impaginazione • Uffcio Informazioni e Orientamento
|o||. ||+uceºco B|+çe||| • '|ç. |ou+|e||o I||ºo||uo
Gweb • Sistema di gestione dei contenuti di Ateneo via Web
'|ç. |ou+|e||o I||ºo||uo
vademecum 2009/10
5
parte generale
CONTATTI
PRESIDENZA
||eº|de. Be|u+|do \+|||
SEGRETERIADIPRESIDENZA
\|+ '+|||. ¹3 u|||uo
|e|.. 01zz !031z0/!031z¹
|+\. 01zz !031zz
E·r+||. p|eº|deu/+©ºoc.uu|u||.||
SEGRETERIASTUDENTI
SedediUrbino
\|+ '+|||. z
|e|.. 01zz !03z3¹, |+\. 01zz !03z31
e·r+||. ºeç.ºoc|o|oç|+©uu|u||.||
0|+||o. |u|·'AB 9.!0·¹z
SedediPesaro
\|+|e I||eº|e. z9c
|e|.. 01z¹ |z!3¹, |+\. 01z¹ |z!3zz
e·r+||. ºcp©ºoc.uu|u||.||
0|+||o. |u|·'AB 9.!0·¹z
STAGESETIROCINI
SedediUrbino
\|+ '+|||. ¹3
ke|e|eu|e. |eou+|do |+ C+p||+
|e|.. 01zz !031z3, |+\. 01zz !031zz
e·r+||. |eou+|do.|+c+p||+©uu|u||.||
SedediPesaro
\|+|e I||eº|e. z9c
ke|e|eu|e. |+o|+ \|uceu/e|||
|e|.. 01z¹ |z!3z3, |+\. 01z¹ |z!3z3
e·r+||. p+o|+..|uceu/e|||©uu|u||.||
6
vademecum 2009/10
7
parte generale
OFFERTA FORMATIVA
1.OFFERTAFORMATIVADELLAFACOLTÀDISOCIOLOGIA
La Facoltà di Sociologia presenta un’offerta formativa relativa alle lauree triennali (con un carico didat-
tico di 180 crediti formativi universitari - CFU) completa e diversificata negli ambiti sociologici, comu-
nicativi e del sociale.
Sono inoltre attive le lauree magistrali che sono dei corsi biennali di secondo livello, riservati ai lau-
reati triennali e quadriennali, finalizzati alla formazione avanzata e alla specializzazione professiona-
le. Hanno la durata di due anni con un carico didattico di 120 CFU e portano al conseguimento del ti-
tolo di laurea magistrale.
I laureati nei corsi di laurea triennali possono iscriversi alle lauree magistrali, previa valutazione dei cur-
ricula universitari e di altri titoli formativi e professionali (i requisiti e i criteri di ammissione variano a
seconda dei corsi e sono illustrati nelle sezioni corrispondenti di questa Guida).
Di seguito vengono elencati i corsi della Facoltà di Sociologia ai quali è possibile iscriversi per l’anno
accademico 2009-2010
LELAUREETRIENNALI
• Scienze della Comunicazione (c|+ººe |·z0 · 'c|eu/e de||+ coruu|c+/|oue)
| pe|co|º| |o|r+||.| c|e poººouo eººe|e ºce||| d+ç|| º|udeu|| ºouo qu+|||o
1. Informazione e new media (ºede d| u|||uo)
2. Spettacolo e new media (ºede d| u|||uo) · +uc|e |u .e|º|oue e·|e+|u|uç
3. Comunicazione pubblicitaria · uure|o p|oç|+rr+|o |3 º|udeu|| (ºede d| |eº+|o)
4. Comunicazione pubblica, d’impresa e del turismo (ºede d| |eº+|o)
• Sociologia e Servizio Sociale (c|+ºº| |·!9 'oc|o|oç|+ / |·|0 'e|.|/|o ºoc|+|e)
| pe|co|º| |o|r+||.| c|e poººouo eººe|e ºce||| d+ç|| º|udeu|| ºouo due pe| |+ |+u|e+ |u 'oc|o|oç|+ (|·|0).
1. Antropologico-culturale;
2. Socio-territoriale anche in versione e-learning
ed uuo pe| que||+ |u 'e|.|/|o ºoc|+|e (|·!9).
3. Servizio sociale anche in versione e-learning
LELAUREEMAGISTRALI
• Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (c|+ººe |\·39 · 'c|eu/e de||+ coruu|c+/|oue pu||||c+. d’|r·
p|eº+ e pu||||c||+)
| pe|co|º| |o|r+||.| c|e poººouo eººe|e ºce||| d+ç|| º|udeu|| ºouo due
1. Creatività e pubblicità
2. Pubblicità, marketing e comunicazione d’impresa
• Editoria, informazione e sistemi documentari (C|+ºº| |\·3 A|c||.|º||c+ e |||||o|ecouor|+ / |\·¹9 |u|o|r+/|oue e
º|º|er| docureu|+||) |u co||+|o|+/|oue cou |+ |+co||+ d| |e|e|e e |||oºo||+
| pe|co|º| |o|r+||.| c|e poººouo eººe|e ºce||| d+ç|| º|udeu|| ºouo qu+|||o
1. Archivistica
2. Biblioteconomia
3. Editoria, contenuti digitali e multimedia
4. Informazione e multimedia
• Organizzazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (C|+ººe |\·31 · 'e|.|/|o ºoc|+|e e po||||c|e ºoc|+||)
+uc|e pe|co|ºo |o|r+||.o ou·||ue
• Sociologia della multiculturalità (C|+ººe |\·33 · 'oc|o|oç|+ e ||ce|c+ ºoc|+|e)
LELAUREEADESAURIMENTO
• Sociologia (qu+d||euu+|e)
• LT Comunicazione Pubblicitaria. cou ºede + |eº+|o (C|+ººe ¹| · 'c|eu/e de||+ coruu|c+/|oue)
• LT Scienze della Comunicazione (C|+ººe ¹| · 'c|eu/e de||+ coruu|c+/|oue)
• LT Servizio Sociale (C|+ººe c · 'c|eu/e de| ºe|.|/|o ºoc|+|e)
• LT Sociologia (C|+ººe !c · 'c|eu/e ºoc|o|oç|c|e)
• LS Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (c|+ººe 39/' · |u||||c||+ e coruu|c+/|oue d’|rp|eº+)
• LS Editoria media e giornalismo (C|+ººe ¹!/' · Ed||o||+. coruu|c+/|oue ru|||red|+|e e ç|o|u+||ºro)
• LS Organizzazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (C|+ººe 31/' · ||oç|+rr+/|oue e çeº||oue de|·
|e po||||c|e e de| ºe|.|/| ºoc|+||)
• LS Sociologia della multiculturalità (C|+ººe 39/' · 'oc|o|oç|+)
IMASTER,ICORSIDIPERFEZIONAMENTOEDIAGGIORNAMENTOPROFESSIONALE
|’e|euco ||po||+|o d| ºeçu||o ||ºu||+ +uco|+ p|o..|ºo||o. |+ ||º|+ de||u|||.+ de| \+º|e| e de| Co|º| d| |e||e/|ou+reu·
|o |e|+||.| +||’+.+. z009/z0¹0 º+|+ coruu|c+|+ qu+u|o p||r+ ue| º||o We| · |||p.//WWW.uu|u||.||· o.e º+|+ poºº||||e
ºc+||c+|e +uc|e | |e|+||.| |+ud|.
MasterdiIlivello:
• Management innovativo delle organizzazioni sanitarie. E-government della sanità (\·\|0')
• Giornalismo online e social media
8
vademecum 2009/10
9
parte generale
2.REGOLEECRITERIDITRASFERIMENTO
C|| º|udeu|| c|e |u|eudouo ||+º|e|||º| d+ +|||e uu|.e|º||+ .e||+uuo |ºc||||| +| co|º| d| |+u|e+ p|eºce||| p|e.|+ .+|u|+/|oue de|
cu|||cu|+ uu|.e|º||+|| +cqu|º||| e||e||u+|+ d+ uu+ +ppoº||+ corr|ºº|oue coº|||u||+ + ||.e||o d| oçu| co|ºo d| |+u|e+.
3.ALTREATTIVITÀ
TIROCINI
C|| º|udeu|| poººouo º.o|çe|e uuo º|+çe |o|r+||.o o||||ç+|o||o/|+co||+||.o cou || ||couoºc|reu|o de| c|ed||| p|e.|·
º|| ue| |eço|+reu|| de| Co|º| d| |+u|e+.
SOCRATES/ERASMUS
|e| |+ ro|||||+ deç|| º|udeu|| de| Co|º| d| |+u|e+ de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+ e +|||.o || p|oç|+rr+ 'oc|+|eº/E|+ºruº
c|e pe|re||e pe||od| d| |o|r+/|oue. º|ud|o e ||ce|c+ +||’eº|e|o. Au+|oç|e oppo||uu||+ d| |o|r+/|oue. º|ud|o e ||ce|·
c+ ºouo o||e||e d+||+ uu|.e|º||+ d| u|||uo +ç|| º|udeu|| º||+u|e|| p|o.eu|eu|| d+||e uu|.e|º||+ couºo|/|+|e. |+ |e|eç+·
|+ ECI' pe| |+ |+co||+ e |+ ||o|. Au|e||+ \+|c+||uo reu||e | keºpouº+|||| d|d+|||c| ºouo |+ ||o|.ºº+ |o|e||+ |e| Iu|·
|o e |+ |o||.ºº+ |+||r+ |+||u+.
|e| r+çç|o|| |u|o|r+/|ou| e poºº||||e couºu||+|e || º||o |||p.//WWW.uu|u||.||/u|o|ºe/reuu.||r|. oppu|e ||.o|çe|º|
d||e||+reu|e +||’u|||c|o 'oc|+|eº e ke|+/|ou| |u|e|u+/|ou+||. |e|. 01zz !03!!0. |+\ 01zz !03zz1.
4.ORDINAMENTODEICORSI
I«MODULI»EI«CREDITIFORMATIVIUNIVERSITARI»
C|| o|d|u+reu|| ºouo º||u||u|+|| ºecoudo | ºeçueu|| p||uc|p| çeue|+||.
• | pe|co|º| de||e |+u|ee. de| r+º|e| e de||e |+u|ee r+ç|º||+|| ºouo o|ç+u|//+|| |u rodu|| e +|||e +|||.||+ |o|r+||.e (+d
eº. ºer|u+|| |u|e|d|ºc|p||u+||. |+|o|+|o||. +|||e +|||.||+ co||+|e|+|| +||+ d|d+|||c+. e º|+çeº |u +r||eu|e d| |+.o|o) cor·
pu|+|| |u c|ed||| |o|r+||.| uu|.e|º||+||.
• 'u||+ |+ºe d| uu c+|co|o cou.eu/|ou+|e. oçu| c|ed||o co|||ºpoude |u red|+ + z3 o|e d| |rpeçuo corp|eºº|.o de|·
|o º|udeu|e. uu co|ºo |euu|o d+ uu doceu|e |e|+||.+reu|e + uu+ º|uço|+ d|ºc|p||u+ co|||ºpoude + p|u c|ed||| |o|r+·
||.| de||u||| ue| |eço|+reu|| de| co|º| d| |+u|e+. |u +|cuu| c+º| e +|||co|+|o |u rodu||. º|+ pu|e +||’|u|e|uo d| uu’uu|c+
A|e+ rodu|+|e |u|eç|+|+ (A\|). c|e corpo||+ uu+ º|uço|+ .e||||c+ d| p|o||||o ||u+|e. C|| |uºeçu+reu||. |e +|||e +|||.||+
|o|r+||.e d| .+||o ||po e ç|| º|+çeº d+uuo |uoço + c|ed|||. +|||+.e|ºo uu c+|co|o cou.eu/|ou+|e de||e o|e d| |+.o|o d|
+pp|eud|reu|o de||u||o d+| co|ºo d| |+u|e+. A|||| c|ed||| poººouo de||.+|e d+| ||couoºc|reu|o d| rodu||. +|||.||+ d|·
d+|||c|e o º|+çeº ºoº|euu|| |u roreu|| p|ecedeu|| de| p|op||o pe|co|ºo |o|r+||.o d+ p+||e de||o º|udeu|e. |e| c+·
º| º|+|||||| d+| |eço|+reu|o de||’A|eueo e poºº||||e +cqu|º||e c|ed||| ||+r||e || ||couoºc|reu|o d| couoºceu/e e +||||·
|+ p|o|eºº|ou+|| ce|||||c+|e e d| couoºceu/e e +|||||+ |o|r+||.e d| ||.e||o poº|·ºecoud+||o.
• | C|u ueceºº+|| pe| corp|e|+|e uu pe|co|ºo ºouo +cqu|º||| d+ç|| º|udeu|| +|||+.e|ºo uu pe|co|ºo d| º|ud| de||u||o
pe| c|+ºcuu Co|ºo d| |+u|e+ (c||. |e ºe/|ou| co|||ºpoudeu|| d| queº|+ Cu|d+). |e| couºeçu||e uu+ |+u|e+ e ueceºº+·
||o +cqu|º||e +|reuo ¹30 C|u. ºecoudo |e |eço|e de||u||e ue| |eço|+reu|o d|d+|||co de| co|ºo d| |+u|e+ p|eºce||o.
|e| |e |+u|ee r+ç|º||+|| +|reuo ¹z0 C|u e pe| | \+º|e| +uuu+|| c0 C|u.
• 0çu| |uºeçu+reu|o e uu+ uu||+ d|d+|||c+ +u|ouor+. corp|e|+ e de||u||+. c|e corp|eude |o º.o|ç|reu|o d| |e/|o·
u| ||ou|+|| ed e.eu|u+|reu|e d| +|||e +|||.||+ d|d+|||c|e º||u||u|+|e. ºer|u+|| e/o |+|o|+|o||. º|ud|o |ud|.|du+|e. e +|·
||.||+ d| .+|u|+/|oue de| p|o||||o.
• | c|ed||| ºouo +cqu|º||| d+||o º|udeu|e cou || ºupe|+reu|o de||’eº+re o d| +|||+ |o|r+ d| .e||||c+. ºecoudo qu+u·
|o p|e.|º|o |e|+||.+reu|e + c|+ºcuu |uºeçu+reu|o e |ud|c+|o ue||+ çu|d+ (|e |eço|e çeue|+|| ºouo ||ºº+|e d+| |eço|+·
reu|| d| |+co||+ e d| Co|ºo d| |+u|e+). |e| |e +|||.||+ |u|eç|+||.e +||+ d|d+|||c+. e pe| ç|| º|+çeº. || co|ºo d| |+u|e+ de||·
u|ºce | c|ed||| c|e |o º|udeu|e po||+ o||eue|e p+||ec|p+udo +|||.+reu|e ºecoudo rod+|||+ º|+|||||e.
• |+ +|cuu| +uu| e º|+|+ +..|+|+ |’eºpe||eu/+ de||+ d|d+|||c+ ou||ue. c|e +||u+|reu|e |u|e|eºº+ ||e co|º| d| |+u|e+ de|·
|+ |+co||+. 'oc|o|oç|+ e 'e|.|/|o ºoc|+|e. 'c|eu/e de||+ coruu|c+/|oue ed || co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u 0|ç+u|//+·
/|oue e çeº||oue de||e po||||c|e e de| ºe|.|/| ºoc|+||. E’ coº| poºº||||e +..+|e|º| d| uu |u|e|o pe|co|ºo d|d+|||co ou||·
ue. c|e |+pp|eºeu|+ uu+ oppo||uu||+ |o|r+||.+ corp|e|+ +uc|e pe| ç|| º|udeu|| c|e uou poººouo ||equeu|+|e d|
pe|ºou+ |e |e/|ou|.
5.DOTTORATIDIRICERCA
||eººo |+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+. ºouo +|||.| ||e do||o|+|| d| ||ce|c+.
-SociologiadeiFenomeniculturaliedeiprocessinormativi
-SociologiadellaComunicazioneeScienzedelloSpettacolo
-Storiadeipartitiemovimentipolitici
| co|º| d| do||o|+|o couºeu|ouo +ç|| º|udeu|| |u poººeººo d| uu+ |+u|e+ qu+d||euu+|e o d| uu+ |+u|e+ ºpec|+||º||c+ /
r+ç|º||+|e d| cou||uu+|e || p|op||o pe|co|ºo d| º|ud| |u d||e/|oue d| uu+ |o|r+/|oue ºpec|+||º||c+ ||u+||//+|+ +||+ ||·
ce|c+ ºc|eu||||c+. |’+cceººo +| co|º| e coud|/|ou+|o +| ºupe|+reu|o d| uu+ p|o.+ couco|ºu+|e. |e| oçu| uuo.o c|·
c|o d| do||o|+|o ºouo |u çeue|e p|e.|º|| ºe| poº||. ||e de| qu+|| pe|re||ouo d| uºu||u||e d| uu’+ppoº||+ |o|º+ d| º|u·
d|o. |e| |’+uuo +cc+der|co z009·z0¹0 e p|e.|º|+ |’+|||.+/|oue d| uu uuo.o c|c|o d| do||o|+|o (|| //\) eºc|uº|.+reu·
|e pe| || do||o|+|o |u 'oc|o|oç|+ de||+ coruu|c+/|oue e ºc|eu/e de||o ºpe||+co|o. |e| r+çç|o|| |u|o|r+/|ou| |e|+||·
.e +| |+udo d| couco|ºo e poºº||||e couºu||+|e || º||o We| de||’uu|.e|º||+ d| u|||uo +||+ p+ç|u+ |||p.//WWW.uu|u||.
||/||/couco|º|/|ude\.p|p
•DOTTORATODIRICERCAINSOCIOLOGIADEIFENOMENICULTURALIEDEIPROCESSI
NORMATIVI
|| do||o|+|o d| ||ce|c+ |u “'oc|o|oç|+ de| |euoreu| cu||u|+|| e de| p|oceºº| uo|r+||.|” e º|+|o |º|||u||o ue||’+uuo +cc+·
der|co ¹99|·93 (/ c|c|o) d+||’uu|.e|º||+ d| u|||uo (ºede +rr|u|º||+||.+) |u couºo|/|o cou +|||| due A|eue|. |+do.+
e Io||uo. A||u+|reu|e qu+º| |u||e |e +|||.||+ |o|r+||.e ºouo o|ç+u|//+|e p|eººo |+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+ d| u|||uo. +
cu| +||e||ºce |+ r+çç|o| p+||e de| p|o|eººo|| c|e corpouçouo || co||eç|o de| doceu||.
|| coo|d|u+|o|e de| do||o|+|o e |u|ç| A|||e||. co+d|u.+|o d+ C||º||+uo \+||+ Be||e| (.|ce·coo|d|u+|o|e |eºpouº+|||e de|·
|’+|e+ cu||u|+|e) e |u|ç|uo Cecc+||u| (.|ce·coo|d|u+|o|e |eºpouº+|||e de||’+|e+ ç|u||d|co·po||||c+).
L’OFFERTAFORMATIVA
|| do||o|+|o º| +|||co|+ |u due +r|||| p||uc|p+|| · |’+|e+ ç|u||d|co·po||||c+ e |’+|e+ cu||u|+|e · c|e +|||ou|+uo. d+ +uço·
|+|u|e d|.e|ºe. r+ |u r+u|e|+ |u|eç|+|+. |o º|ud|o de| |euoreu| cu||u|+|| e de| p|oceºº| uo|r+||.|. |+ p||r+ +|e+ |+
|||e||reu|o +| cou||||u|| |eo||c| e d| ||ce|c+ c|e p|o.euçouo d+||+ ºoc|o|oç|+ de| d|||||o e d+||e d|ºc|p||ue c|e º|ud|+·
uo | |euoreu| po||||c|. ecouor|c| ed o|ç+u|//+||.|, |+ ºecoud+ p|opoue uu +pp|occ|o d| +u+||º| c|e º| ||c||+r+ +||+
||+d|/|oue de||+ ºoc|o|oç|+ cu||u|+|e. A| ceu||o de||+ p|oç|+rr+/|oue |o|r+||.+ d| eu||+r|e |e +|ee º| co||oc+uo |e
queº||ou| couueººe +| |er| de| ru|||cu||u|+||ºro. de||+ c|||+d|u+u/+ e de||’|deu|||+ u+/|ou+|e. e|u|c+. coruu||+||+. cou
p+|||co|+|e |||e||reu|o +||e |o|re de||+ |o|o coº||u/|oue cu||u|+|e. po||||c+ e |º|||u/|ou+|e +| d|.e|º| ||.e||| |e||||o||+||.
ICURRICULA
A||e due +|ee |u cu| º| +|||co|+ || do||o|+|o. co|||ºpoudouo due ºpec|||c| cu|||cu|+ |o|r+||.|.
10
vademecum 2009/10
11
parte generale
|| Curriculum giuridico-politico couº|de|+ core p|op||o oççe||o d’|ud+ç|ue | p|oceºº| ºoc|+||. po||||c|. cu||u|+|| e ç|u·
||d|c| c|e +ccorp+çu+uo | p|o|oud| ru|+reu|| |u +||o ue| |+ppo||| ||+ ceu||o e pe|||e||+. ||+ º|+||. eu|| |oc+|| e ºo.|+·
u+/|ou+||. |u p+|||co|+| rodo. .euçouo +pp|o|oud||| ||e d|.e|º| pe|co|º| p|o||er+||c|. c|e |+uuo core |uoco ºpe·
c|||co |’+u+||º| de| ru|+reu||.
¹. ue| |+ppo||| ||+ ceu||o e pe|||e||+. cou p+|||co|+|e |||e||reu|o +||+ |euº|oue ||+ |oc+||ºro. ç|o|+||//+/|oue e ||+·
º|o|r+/|oue deç|| '|+|| u+/|ou+||.
z. ue| p|oceºº| d| |o|r+/|oue de||+ c|||+d|u+u/+. cou p+|||co|+|e |||e||reu|o +| c+r||+reu|o ue||e |+º| de| ||couo·
ºc|reu|o de| d|||||| e de||e |deu|||+ |u +r|||o |e||||o||+|e. |e||ç|oºo. d| çeue|e. d| çeue|+/|oue ecc.
!. ue| d|||||o e ue| p|oceºº| uo|r+||.|. cou p+|||co|+|e |||e||reu|o +| |+ppo||o ||+ due d|.e|ºe d|reuº|ou| e de||u|·
/|ou| de| d|||||o e de||+ uo|r+||.||+. || d|||||o |o|r+|e. p|odo||o ed +pp||c+|o d+||+ º||u||u|+ º|+|+|e. d| cou||o +d uu
d|||||o p|odo||o |u rodo deceu||+|o. eºp|eºº|oue |+u|o de||e |º|+u/e |oc+||. qu+u|o de| p|oceºº| d| de|o|r+||//+/|o·
ue de||o º||ureu|o ç|u||d|co.
|| Curriculum culturale p+||e d+| ||couoºc|reu|o d| +|cuu| +ººuu|| d| |+ºe. |uu+u/||u||o c|e |+ cu||u|+ uou e uu+ º|e·
|+ +u|ouor+. ue uu+ |o|/+ de|e|r|u+u|e. r+ uu p|oceººo |u +||o |u cu| ç|| +||o|| ºoc|+|| coº||u|ºcouo || ºeuºo de||e
|o|o +/|ou|. ºeppu|e +||’|u|e|uo d| cou|eº|| e .|uco|| ºpec|||c|. |u ºecoudo |uoço c|e |e co|u|c| |º|||u/|ou+|| e coçu|||.e
ue||e qu+|| .|eue ueço/|+|o || ºeuºo ºouo p|odo||| º|o||c|. |u||ue. c|e |+ cu||u|+ e ueceºº+||+reu|e cou||+dd|||o||+. +|
|erpo º|eººo |u|eç|+|||ce e d|º|u|eç|+|||ce. d+|o c|e || ºeuºo e ºerp|e |e|+||.+reu|e |ude|e|r|u+|o. |’+do/|oue de||+
cu||u|+ core p|oºpe|||.+ d| º|ud|o corpo||+ uu+ ce||+ +|||u||+ cou | re|od| º|o||c| ed e|uoç|+||c|. e ºpeººo cou |’+u+·
||º| ºer|o||c+ de| |eº||. Iu||+.|+. |e ºc|eu/e ºoc|+|| ºouo +||eu|e +| pe||co|| de||’|u|e|p|e|+/|oue e de||+ ºp|eç+/|oue. d+
uu+ p+||e. |+ |eudeu/+ + |e|||c+|e |’oççe||o cu||u|+|e. º|+cc+udo|o d+| cou|eº|o º|o||co e r+c|oºoc|+|e, e. d+||’+|||+. |+
ºp|u|+ ||du|||.+ c|e po||+ +d +|||||u||e |+ cu||u|+ + |+||o|| “º||u||u|+||”c|e º| p|eºurouo “|e+||” e qu|ud| de|e|r|u+u||.
|+||eudo d+ queº|| p|eºuppoº||. || cu|||cu|ur cu||u|+|e r||+ +d +rp||+|e ed |u|eç|+|e | |er| +|||ou|+|| d+||’+|e+ “ç|u·
||d|co·po||||c+” |u uu+ p|oºpe|||.+ d| “º|ud| cu||u|+||”. +|||ou|+udo |u p+|||co|+|e |e queº||ou| º|o||c|e e cou|erpo|+·
uee de||+ c|||+d|u+u/+ e de||o º|+|ou+/|oue. |u|eº| core º|º|er| d| +pp+||eueu/+ +r||çu| e cou||+º|+||.
•DOTTORATODIRICERCAINSOCIOLOGIADELLACOMUNICAZIONEESCIENZEDELLO
SPETTACOLO
CARATTERISTICHESTRUTTURALI
|| do||o|+|o |+ du|+|+ |||euu+|e e ºede |u u|||uo.
|| Coo|d|u+|o|e de| do||o|+|o e C|o.+uu| Bocc|+ A|||e||.
OBIETTIVI
|| do||o|+|o º| p|opoue core roreu|o |o|r+||.o |eo||co e d| ||ce|c+ +pe||o +d uu+ p|o|eºº|ou+||//+/|oue e.o|u·
|+ c|e |u|eç|+ d|.e|º| +ºpe|||. uu +pp|occ|o |u|e|d|ºc|p||u+|e c|e couºeu|e d| p|odu||e uu o||//ou|e d| ||||eºº|oue +|·
|+|ç+|o pe| uu’+u+||º| corp|eºº+ e ||ço|oº+ de| |euoreu| d| o||ç|ue coruu|c+||.+. uu +pp|occ|o re|odo|oç|co |u·
|eç|+|o c|e pe|re||e d| |oude|e uu+ .+||e|+ d| º||ureu|| qu+u||·qu+|||+||.| pe| eº+r|u+|e. e|+|o|+|e e ºo||opo||e +
.+ç||o c||||co |e p|+||c|e º|r|o||c|e ed eºp|eºº|.e ur+ue. uuo ºçu+|do corp+|+||.o pe| ºp|eç+|e | |euoreu| co·
ruu|c+||.|. |u.eº||ç+udo |e |u|e|ºe/|ou| ||+ º.||upp| º|o||c| e p|+||c|e cou|erpo|+uee. |e d|||e|eu/e cu||u|+|| ue| cou·
|eº|| ç|o|+|| e ||+ | .+|| +r|||| red|+||.
|e +|ee d| ||ce|c+ p|oroººe ºouo.
¹. Le nuove prospettive della comunicazione: new media e reti. 0ueº|o +r|||o d| ||ce|c+ º| p|opoue d| +u+||//+·
|e | |+ppo||| ||+ |o|re |deu|||+||e. |e|+/|ou| ºoc|+|| e |ecuo|oç|e cou p+|||co|+|e +||eu/|oue +||e |o|re ºoc|+|| de| We|
(||oç. º||| d| ºoc|+| ue|Wo|| e roud| ou||ue). +||+ d|reuº|oue ro|||e e +| |+ppo||| d| p|odu/|oue cu||u|+|e ||+ re·
d|+ r+|uº||e+r e “cou.e|º+/|ou| d+| |+ººo”. |+|||co|+|e +||eu/|oue .e||+ d+|+ +||+ |e+||+ de| p|+,e| p|odu|||.| e +||e
º||+|eç|e d| couueºº|oue cou | couºur| cu||u|+|| de| pu||||c|.
z. La comunicazione organizzativa, d’impresa e linguaggi del brand. 0ueº|o +r|||o d| ||ce|c+ ||eue cou|o de| ºe||o·
|| de||+ ||ce|c+ coruu|c+||.+ +.+u/+|+ |u +r|||o o|ç+u|//+||.o pu||||co e p||.+|o. '| ||+||+ ue| p||ro c+ºo d| +pp|o·
|oud||e |’+u+||º| ºu||e |o|re de||+ coruu|c+/|oue pu||||c+ e de||+ c|||+d|u+u/+ p+||ec|p+|+ (|e||. ºoc|+| ue|Wo||. ||oç.
ecc.) e. ue| ºecoudo c+ºo. de||o º.||uppo de| ||uçu+çç| de| ||+ud e de||e |o|re +.+u/+|e de||+ pu||||c||+.
!. La comunicazione e le forme dello spettacolo contemporaneo: studio dei legami tra mutamento sociale ed evo-
luzione dei linguaggi specifci. 0ueº|o +r|||o d| ||ce|c+ º| p|opoue d| +u+||//+|e | ru|+reu|| de| ||uçu+çç| ºpe||+·
co|+|| cou p+|||co|+|e +||eu/|oue +||e d|u+r|c|e d| e.o|u/|oue +|||º||c+. c|uer+|oç|+||c+. de||+ pe||o|r+uce cu||u|+·
|e d| r+|||ce ru|||red|+|e. |u queº|o cou|eº|o |’+||eu/|oue e ||.o||+ +||e |o|re d| |e|+/|oue ||+ |e |eo||e e |e p|+||c|e
de||’|rr+ç|u+||o cou|erpo|+ueo e d| queº|e cou |e rod+|||+ d| p|odu/|oue ºpe||+co|+|e e |’+u+||º| ºpe||+|o||+|e.
|. Comunicazione e cultura. queº|o +r|||o d| ||ce|c+ º| occup+ d| +u+||//+|e | p|oceºº| de||+ cu||u|+ |u uu+ p|oºpe|·
||.+ coruu|c+||.+ +|||uçeudo +||e ||+d|/|ou| d|ºc|p||u+|| d| ||ce|c+ ºoc|o|oç|c+. +u||opo|oç|c+. ºoc|oºer|o||c+ e ||uçu|·
º||c+. '| ||+||+ d| +u+||//+|e |e p|+||c|e d| coº||u/|oue d| º|çu|||c+|o. d+| c+rpo de| couºur| ||uo +||e d|u+r|c|e d| |u·
|e|+/|oue |+cc|+ + |+cc|+ o red|+|+. d| coº||u/|oue de||’|deu|||+ e de||+ ºoc|+|||+.
ATTIVITÀDIDATTICAEDIRICERCA
|| p|oç|+rr+ |o|r+||.o e d|d+|||co º| +|||co|+ |u uu+ ºe||e d| ºer|u+|| e +|||.||+ cu||u|+|| |e|+||.| +||e +|ee de||+ co·
ruu|c+/|oue e de||o ºpe||+co|o º||u||u|+|| +| |o|o |u|e|uo |u c|c|| |er+||c| |e|+||.| +| d|.e|º| cu|||cu|+ e pe|co|º| d|ºc|·
p||u+|| p|e.|º||.
| do||o|+ud| p+||ec|pe|+uuo +||e +|||.||+ d| k|ce|c+ de| ||p+|||reu|o d| 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|ou. \e||+. ||uçu+ç·
ç|. ºpe||+co|o |uºe|eudoº| +||’|u|e|uo de| p|oçe||| +..|+|| ue| pe||odo d| º.o|ç|reu|o de| do||o|+|o. |u |+| ºeuºo +p·
p|eude|+uuo re|odo|oç|e erp|||c|e d| ||ce|c+ e p+||ec|pe|+uuo +||+ º|eºu|+ d| |epo|| d| ||ce|c+ ºo||o || coo|d|u+·
reu|o de| |eºpouº+|||e de||+ ||ce|c+.
I|+ |e re|odo|oç|e d| ||ce|c+ .e||+uuo p|oroººe +|||.||+ |o|r+||.e e ºu| c+rpo ue| ºe||o|e re|odo|oç|c+reu|e |u·
uo.+||.o de||+ 'oc|o|oç|+ \|ºu+|e.
IDOCENTI
|e +|||.||+ |o|r+||.e co|u.o|çouo o|||e +| corpoueu|| de| Co||eç|o |oceu|| de| do||o|+|o. |e|e|eu|| de||+ coruu||+
ºc|eu||||c+ u+/|ou+|e e |u|e|u+/|ou+|e |e|+||.+reu|e +||e d|ºc|p||ue e |er+||c|e +||e|eu|| +| do||o|+|o º|eººo.
A| ||ue d| cou|uç+|e ||||eºº|oue |eo||c+ e ||ce|c+ +pp||c+|+ ue| d|.e|º| +r|||| de||+ coruu|c+/|oue e de||o ºpe||+co|o º|
+..+|e d| |eº||rou|+u/e ºer|u+||+|| p|o.eu|eu|| d+| roudo de||e p|o|eºº|ou| e de||e o|ç+u|//+/|ou| pu||||c|e e p||·
.+|e. pe| p|oruo.e|e uu r|ç||o|e co||eç+reu|o ||+ ||ce|c+ poº||+u|e+ e roudo de| |+.o|o.
A||’|u|e|uo de| do||o|+|o .euçouo |uo|||e o|ç+u|//+|| ºer|u+|| |u|e|u+/|ou+||.
LETEMATICHE
|+ |o|r+/|oue e |rp|ou|+|+ + uu+ |o|r+ ||+uºd|ºc|p||u+|e c|e p|oduce couueºº|ou| |uuo.+||.e ||+ d|.e|º| +r|||| d|·
ºc|p||u+|| d+||+ ºoc|o|oç|+ de||+ coruu|c+/|oue e de| p|oceºº| cu||u|+||. +||’+u+||º| de||e d|.e|ºe |o|re de||e coruu|·
c+/|ou| d| r+ºº+. +| d|.e|º| +r|||| de||+ coruu|c+/|oue ºpe||+co|+|e (c|uer+. |e+||o. ecc.). d+||+ ||uçu|º||c+ +||+ ºe·
r|o||c+. d+||’|u|o|r+||c+ +||+ |eo||+ de||’|u|o|r+/|oue. pe| c||+|e ºo|o |e +|ee p||uc|p+||.
12
vademecum 2009/10
13
parte generale
LARETE
C+|+||e||º||c+ d| queº|o do||o|+|o e d| +|||+uc+|e +||e +|||.||+ |o|r+||.e d| ºede |+ p+||ec|p+/|oue de| do||o|+ud| +d
|u|/|+||.e ºer|u+||+|| e d| p|eºeu|+/|oue de| |+.o|| |u |||ue|e p|eººo +|||| do||o|+|| d| ||ce|c+ |u ºoc|o|oç|+ pe|||ueu|| +|
cu|||cu|+ |o|r+||.| de| p|eºeu|e do||o|+|o e |u couueºº|oue +||e +|||.||+ o|ç+u|//+|e deç|| +|||| A|eue| ||+||+u|. de||’A|º
e d+||e ºue ºe/|ou| d| |+.o|o. \e||+ |uo|||e +pe||+ uu+ ºe/|oue ºu| We| +| ||ue d| pu||||c|//+|e |o º|+|o d| +.+u/+reu·
|o de| |+.o|| d| |eº| d| do||o|+|o e | p|odo||| |eo||c| ed erp|||c| c|e | do||o|+ud| º.||uppe|+uuo ue| ||e +uu| e |+.o||·
|e |o ºc+r||o ºc|eu||||co d| op|u|ou| |e|+||.+reu|e +| |er| ||+||+||.
ATTIVITÀDITUTORAGGIOETESIDIDOTTORATO
0çu| do||o|+udo .e||+ +|||+uc+|o d+ uu |u|o| |+ceu|e p+||e de| co||eç|o de| doceu|| c|e º| p|eoccupe|+ d| o||eu|+|ue
|e +|||.||+ |u |+ºe +ç|| ºpec|||c| |u|e|eºº| ed +|||||+. || |u|o| ºeçu||+ |+ º|eºu|+ |u |||ue|e de||+ |eº| d| do||o|+|o e ºuççe||·
|+ +|||.||+ couueººe. |eo||c|e e d| ||ce|c+ c|e º|+uo u|||| +||o º.o|ç|reu|o d| uu pe|co|ºo cu|||cu|+|e coe|eu|e.
A||’|u|/|o de| ºecoudo +uuo | do||o|+ud| p|eºeu|e|+uuo uu p+pe| |e|+||.o +| |+.o|o |eo||co e d| ||ce|c+ c|e |u|eu·
douo º.o|çe|e. I+|e |+.o|o p|e||r|u+|e .e||+ d|ºcuººo cou || Co||eç|o d| |o||o|+|o c|e do.|+ +pp|o.+|ue +pp|oc·
c|o |eo||co e re|odo|oç|+.
•DOTTORATODIRICERCAINSTORIADEIPARTITIEMOVIMENTIPOLITICI
|oººouo +ccede|e +| do||o|+|o d| ||ce|c+. ºeu/+ ||r||+/|ou| d| e|+ e c|||+d|u+u/+. co|o|o c|e ºouo |u poººeººo d| |+u·
|e+. o d| +u+|oço |||o|o +cc+der|co couºeçu||o +||’eº|e|o p|e.eu||.+reu|e ||couoºc|u|o d+||e +u|o|||+ +cc+der|c|e.
+uc|e ue||’+r|||o d| +cco|d| |u|e|uu|.e|º||+|| d| coope|+/|oue e ro|||||+.
|| |+udo d| couco|ºo pe| |’+rr|ºº|oue e er+u+|o d+| ke||o|e. |’eº+re d| +rr|ºº|oue couº|º|e |u due p|o.e. uu+ ºc||||+ e
uu+ o|+|e. |u|eºe +d +cce||+|e |e c+p+c||+ e |e +||||ud|u| de| c+ud|d+|o +||+ ||ce|c+ ºc|eu||||c+. |+ .e||||c+ de||+ couoºceu/+ de||+
o de||e ||uçue º||+u|e|e |ud|c+|e d+| c+ud|d+|o e e||e||u+|+ ue||+ p|o.+ o|+|e ed e.eu|u+|reu|e +uc|e ue||+ p|o.+ ºc||||+.
|| Coo|d|u+|o|e de| |o||o|+|o e || ||o|. '|e|+uo ||.+|o.
6.DIPARTIMENTI,CENTRIDIRICERCA
•DIPARTIMENTODISTUDISUSOCIETÀ,POLITICAEISTITUZIONI(DISSPI)
Direttore:GuidoMaggioni
\|+ '+|||. ¹3 · c¹0z9 u|||uo
Ie|. 01zz.!031!z / ! · |+\ 01zz.!031!¹
e·r+|| . d|ººp|©uu|u||.||
uk| |||p.//WWW.uu|u||.||/d|ººp|
|| ||p+|||reu|o d| '|ud| ºu 'oc|e|+. |o||||c+ e |º|||u/|ou| (||''||) e º|+|o coº|||u||o ue| r+çç|o z003. Eººo |u|eude
|+pp|eºeu|+|e || puu|o d| +çç|eç+/|oue d| +|ee e ºe||o|| d| ||ce|c+ c|e. |u rodo º|ue|ç|co e |u|e|d|ºc|p||u+|e. couco|·
|+uo + p|odu||e couoºceu/e e +pp||c+/|ou| ue||’+r|||o de||e ºc|eu/e ºoc|+||. po||||c|e e ç|u||d|c|e.
C|| º|ud| ºu ºoc|e|+. po||||c+ e |º|||u/|ou| |+uuo º.o||o uu |uo|o ºc|eu||||co |rpo||+u|e ue||’uu|.e|º||+ d| u|||uo. I+|e
|uo|o e º|+|o ||couoºc|u|o |eceu|ereu|e +uc|e d+||+ ç|+du+|o||+ u+/|ou+|e C|\k |u cu| |’A|eueo º| e +||eº|+|o +| |e|·
/o poº|o ue||’+|e+ po||||co·ºoc|+|e pe| qu+|||+ de| p|odo||| ºc|eu||||c| ||+ |e uu|.e|º||+ d| red|+ d|reuº|oue. '| ||+|·
|+ d| uu+ ||+d|/|oue c|e ||º+|e |ud|e||o ue| |erpo e c|e |+ |o||ereu|e cou||||u||o + r+|c+|e |+ p|eºeu/+ de||’A|e·
ueo d| u|||uo ue||+ coruu||+ ºc|eu||||c+ ed +cc+der|c+. \o||e |u|/|+||.e couç|uu|e |uc|oc|+uo queº|e corpe|eu/e
e queº|e couoºceu/e. |+|o|+|o||. r+º|e| e ||ce|c|e |oc+||//+|| ºu||e po||||c|e ºoc|+|| e |e||||o||+||. ºu||+ coruu|c+/|o·
ue po||||c+. ºu||e ||+º|o|r+/|ou| de| ço.e|uo |oc+|e. ºu||+ ||||eºº|oue |||oºo||c+. ºoc|o|oç|c+ e +u||opo|oç|c+ c|e +c·
corp+çu+ c||||c+reu|e |e .|ceude po||||coºoc|+|| e || ru|+reu|o de||e |º|||u/|ou|.
|| ||''|| o|||e uu cou|eº|o |º|||u/|ou+|e coruue + queº|e |u|/|+||.e e +ç|| º|ud|oº| +||e|eu|| +||e +|ee ºc|eu||||co·d|·
ºc|p||u+||. d| ||ce|c+ e º|ud|o c|e .| p+||ec|p+uo. +||u+|reu|e d|º||||u||| ||+ d|.e|ºe |+co||+. |u p+|||co|+|e 'oc|o|oç|+.
'c|eu/e po||||c|e e C|u||ºp|udeu/+.
'| ||+||+ d| uu d|p+|||reu|o |u|e|d|ºc|p||u+|e. c|e ||o.+ |+ ºu+ eºp|eºº|oue ue||+ ro||ep||c||+ deç|| +pp|occ| |eo||c| ed
erp|||c| ue||+ |e||u|+ de| |euoreu| ºoc|+|| e po||||c| c|e | p|op|| rer||| po||+uo +.+u||. |e| ºuo +r|||o occup+ uu
poº|o p||.||eç|+|o |+ ||ce|c+ erp|||c+. couº|de|+|+ core .e|co|o d| couoºceu/+ e +uc|e d| +|||cc||reu|o cu||u|+|e.
|u qu+u|o c+p+ce d| d|+|oç+|e e d| cou||ou|+|º| cou | ç|+ud| ro.|reu|| d| peuº|e|o. |+ d|reuº|oue º|o||c+. |+ |eo||+
çeue|+|e. | p|o||er| de||+ ºoc|e|+. ºu| p|+uo º|+ ç|o|+|e c|e |oc+|e.
C|| º|ud|oº| c|e +||e||ºcouo +| ||''|| cop|ouo |’|u|e|o +|co deç|| º|ud| ºu ºoc|e|+. po||||c+ e |º|||u/|ou| ue| .+|| +ºpe|·
|| de||e ºc|eu/e ºoc|+|| e po||||c|e. e d| +|||e ºc|eu/e c|e p|eºeu|+uo +cceu|u+|e |rp||c+/|ou| ||ºpe||o + queº|| +r||·
||. core que||e ç|u||d|c|e. º|o||c|e. |||oºo||c|e. |e p||uc|p+|| r+c|o +|ee d| ||ce|c+ ºouo que||e ºoc|o|oç|c+. po|||o|o·
ç|c+. |||oºo||co e º|o||co·po||||c+. ç|u||d|co·coº|||u/|ou+|e. de| d|||||| |oud+reu|+||. de||o º.||uppo ur+uo e de||e |e·
|+/|ou| e|u|co·cu||u|+||.
Cou |+ coº|||u/|oue de| ||''|| ºouo .euu|| + ceºº+|e +|cuu| |º|||u||. ||+ | qu+|| due d| que||| c|e +||e||.+uo +||+ |+co|·
|+ d| 'oc|o|oç|+ . |’|º|||u|o d| 'oc|o|oç|+ e |’|º|||u|o d| ||ºc|p||ue C|u||d|c|e e |o||||c|e.
|e||’+r|||o de| d|p+|||reu|o º| ºouo |o|r+|e ||e 'e/|ou| c|e couºeu|ouo |’+çç|eç+/|oue de||e ºpec|||c|e corpe|eu·
/e +||e|eu|| +d +|cuue de||+ d|.e|ºe +|ee |er+||c|e |u cu| º| +|||co|+ || ||p+|||reu|o.
|+ 'e/|ou|. cou | |e|+||.| keºpouº+||||. ºouo |e ºeçueu||.
· ||||||| |oud+reu|+|| e º.||uppo. C|uºeppe C||||e|||.
· |o||||c+ e |o||||c|e. ||.o ||+r+u||.
· '|ud| eu|ope| “Auu+ \+||+ B+|||º|+”. Au|ou|o C+u|+|o.
'ouo |u .|+ d| |o|r+/|oue eu||o || d|p+|||reu|o +|cuue 'e/|ou| c|e couºeu|||+uuo |’+çç|eç+/|oue de||e ºpec|||c|e
corpe|eu/e +||e|eu|| +d +|cuue de||+ d|.e|ºe +|ee d|ºc|p||u+|| cou||u||e ue| d|p+|||reu|o. core | d|||||| ur+u|. ç||
º|ud| eu|ope|. |+ po||||c+ e |e po||||c|e.
|| ||p+|||reu|o e d|º|oc+|o |u ||e d|.e|ºe ºed|. |u||e |u u|||uo. 0ue||+ |eç+|e e u||c+|+ |u .|+ '+||| ¹3 (p|eººo |uo.o
\+ç|º|e|o). |e +|||e º| ||o.+uo |u \|+ \+||eo|||. ¹ (p|eººo |+ |+co||+ d| C|u||ºp|udeu/+) e |u |.//+ C|e|+|d|. | (p|eº·
ºo |+ |+co||+ d| 'c|eu/e |o||||c|e).
PUBBLICAZIONI
|u||||c+ || |oç||o |reº|eWº e. p|eººo |’ed||o|e 0u+|||o\eu|| d| u|||uo. uu+ co||+u+ d| “'|ud| e ||ce|c|e” d||e||| d+|
||o|. \+ºº|ro |eç|o|||. |oceu|| e ||ce|c+|o|| p+||ec|p+uo |u r+u|e|+ cou||uu+||.+ +||+ ||.|º|+ “'|ud| u|||u+||”.
14
vademecum 2009/10
15
parte generale
•DIPARTIMENTODISCIENZEDELLACOMUNICAZIONE.MEDIA,LINGUAGGI,SPETTACOLO-DISC
Direttore:LellaMazzoli
\|+ '+|||. ¹3 · c¹0z9 u|||uo
Ie|. 01zz !031c0 · |+\ 01zz !031c¹
e·r+||. ºeç.ºpe||+co|o©uu|u||.||
|||p.//WWW.uu|u||.||/ºdc
|| ||p+|||reu|o d| 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue. \ed|+. ||uçu+çç|. 'pe||+co|o (||'C) e uu+ º||u||u|+ o|ç+u|//+||.+
u+|+ ue| z009 pe| çeº|||e |u r+u|e|+ |uuo.+||.+ |’+|||.||+ d| ||ce|c+ de||’A|eueo d| u|||uo |e|+||.+ +||e d|ºc|p||ue de|·
|+ coruu|c+/|oue ue||e ºue d|.e|ºe dec||u+/|ou|.
|| ||p+|||reu|o p|oruo.e e coo|d|u+ |+ ||ce|c+ |u|e|d|ºc|p||u+|e de| ºuo| rer||| ºu| |er| de||e 'c|eu/e de||+ Co·
ruu|c+/|oue c|e corp|eudouo d|.e|º| r+ co||e|+|| +r|||| d| º|ud|o.
· |+ ºoc|o|oç|+ de||+ coruu|c+/|oue e |+ red|o|oç|+. corp|eº| |+ coruu|c+/|oue d’|rp|eº+ e ||uçu+çç| de||+ pu||||c||+,
· |+ |||oºo||+ e |e ºc|eu/e de| ||uçu+çç| e d|ºc|p||ue ºer|o||c|e. |+ ºoc|o|oç|+ de||+ couoºceu/+ e de||+ cu||u|+. |+ |o·
ç|c+ e |+ p|+çr+||c+ de||+ coruu|c+/|oue. |+ |||oºo||+ de||+ ºc|eu/+,
· |e d|ºc|p||ue º|o||c|e e de||’|uduº|||+ cu||u|+|e. |e d|ºc|p||ue de||e +||| e de||o ºpe||+co|o. |+ coruu|c+/|oue .|º|.+.
|+ |o|oç|+||+. ç|| º|ud| |e+||+|| e c|uer+|oç|+||c|,
· |e d|ºc|p||ue d| +u+||º| +pp||c+|||| +||e ºc|eu/e de||+ coruu|c+/|oue c|e corp|eudouo | re|od| e rode||| de||+
º|+||º||c+ ºoc|+|e. | re|od| qu+|||+||.| de||+ ||ce|c+. |e p|ocedu|e e | rode||| d| º|ru|+/|oue d| o|d|ue |oç|co r+|e·
r+||co o de||.+|e d+ º||+|eç|e d| |u|e|||çeu/+ +|||||c|+|e.
|| ||p+|||reu|o p|oruo.e e coo|d|u+ |uo|||e |e +|||.||+ |o|r+||.e |e|+||.e +| |o||o|+|| e +| co|º| d| +||+ |o|r+/|oue
e +..|+reu|o +||+ ||ce|c+ |u eººo +|||.+|| uouc|e |e +|||.||+ d| ||ce|c+ +pp||c+|+. +ºº|º|eu/+ |ecu|c+ e |o|r+/|oue ue|
cou||ou|| d| Eu|| pu||||c| e p||.+||.
|| ||p+|||reu|o |+ ºede ue| |oc+|| de| Co|ºo d| |+u|e+ |u 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+.
• B||||o|ec+ e C|ue|ec+. || ||p+|||reu|o d|ºpoue ç|+/|e +||+ dou+/|oue d| |u|ç| C||+||u|. d| uu+ B||||o|ec+ ºpec|+||/·
/+|+ ed uu|c+ |u ||+||+. o|||e c|e d| uu p+|||rou|o |||r|co º|+ |u c|uer+|oç|+||+. e|e|||ou|c+ e d|ç||+|e d| o|||e ¹000 ||·
|o||. |+ |||||o|ec+ e º||+ +| p|+uo | de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+. |+ couºu||+/|oue de| r+|e||+|e e |||e|+. reu||e || p|e·
º|||o +..|eue ºo|o pe| ||e.| pe||od| d| |erpo e coruuque uou o|||e |’o|+||o d| c||uºu|+ de||+ |||||o|ec+. d|e||o |||+·
ºc|o d| uu docureu|o c|e +||eº|| |’|deu|||+ de| ||c||edeu|e.
|’+cceººo +| r+|e||+|e |||r|co e. |u.ece. ||ºe|.+|o. º+|.o .+||d| ro||.| ||ce|c+. +| pe|ºou+|e doceu|e. C||uuque deº|de·
|| ||ce.e|e r+çç|o|| |u|o|r+/|ou| c||c+ |+ d|ºpou||||||+ d| r+|e||+|e |||r|co o |e rod+|||+ d| couºu||+/|oue de||o º|eº·
ºo. puo cou|+||+|e .|+ e·r+|| || |eºpouº+|||e |ecu|co de||+ c|ue|ec+ (r+|co.p+udo|||©uu|u||.||).
• |+|o|+|o||o \u|||red|+|e. || ||p+|||reu|o d|ºpoue d| uu |+|o|+|o||o |u|o|r+||co ru|||red|+|e + d|ºpoº|/|oue de·
ç|| º|udeu|| c|e ||equeu|+uo +|reuo uuo de| co|º| de| Co|ºo d| |+u|e+ |u 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue. de| ||ce|c+·
|o||. de| do||o|+ud| e de| doceu|| +||e|eu|| +| ||p+|||reu|o º|eººo. || |+|o|+|o||o e coº|||u||o d+ d|ec| pe|ºou+| cor·
pu|e| equ|p+çç|+|| cou || ºo||W+|e ueceºº+||o pe| +pp||c+/|ou| d| .|deoºc||||u|+. +u||o||uç ru|||red|+|e. coruu|c+·
/|oue. deº| |op pu|||º||uç. ecc. uuo de| pe|ºou+| corpu|e| e |uo|||e do|+|o d| uu ||| pe| |+ .|deocou|e|eu/+ ºu |e·
|e d|ç||+|e |'|| (-!9 01zz !30313).
PUBBLICAZIONI
|| ||p+|||reu|o d| 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue. \ed|+. ||uçu+çç|. ºpe||+co|o cu|+ |+ pu||||c+/|oue de||+ k|.|º|+ ºe·
reº||+|e “'oc|o|oç|+ de||+ Coruu|c+/|oue”. ed||+ d+ ||+uco Auçe|| d| \||+uo. ||eººo |o º|eººo ed||o|e e +|||.+ |+
co||+u+ “Couºuro. coruu|c+/|oue. |uuo.+/|oue”. co·d||e||+ d+ |e||+ \+//o||. c|e |+ccoç||e cou||||u|| d| doceu|| de|
||p+|||reu|o e d| º|ud|oº| ||+||+u| e º||+u|e||. || ||p+|||reu|o cu|+ |uo|||e |+ pu||||c+/|oue d| +|cuu| wo|||uç |+pe|º
c|e |+cco|çouo | cou||||u|| p|u |||e.+u|| de| doceu|| oºp||| de||e +|||.||+ ºer|u+||+|| de| ||p+|||reu|o.
|| ||o|. C|+rp+o|o C|+uuo||| e |ed+||o|e de||+ ||.|º|+ '|ud| u|||u+||. e |+ p+||e de| cor||+|o ºc|eu||||co de||+ co||+u+
k|cupe|| (|oud+/|oue koro|o \u|||).
•CENTROINTERUNIVERSITARIODIRICERCHEESTUDISULLEFAMIGLIE,L’INFANZIAE
L’ADOLESCENZACIRSFIA
direttore:GuidoMaggioni
\|+ '+|||. ¹3 · c¹0z9 u|||uo
Ie|. 01zz.!031!z/! · |+\ 01zz.!031!¹
e·r+|| . c||º||+©uu|u||.||
uk| |||p.//WWW.uu|u||.||/c||º||+
I|+ |e uu|.e|º||+ d| u|||uo “C+||o Bo”. \odeu+ e keçç|o Er|||+. \||+uo e I||eº|e e º|+|o coº|||u||o ue| d|cer||e
z00c || Ceu||o |u|e|uu|.e|º||+||o d| k|ce|c|e e '|ud| ºu||e |+r|ç||e. |’|u|+u/|+ e |’Ado|eºceu/+ · C|k'||A. Ad eººo |+
ºucceºº|.+reu|e +de|||o +uc|e |’uu|.e|º||+ de| ||erou|e o||eu|+|e.
|| Ceu||o. c|e |+ ºede p|eººo |’uu|.e|º||+ deç|| º|ud| d| u|||uo “C+||o Bo”. º| p|opoue d|.
+. p|oruo.e|e. |e+||//+|e e coo|d|u+|e +|||.||+ d| º|ud|o e d| ||ce|c+. d| c+|+||e|e ºoc|o|oç|co. ºu||e |+r|ç||e. | |+r·
||u| e ç|| +do|eºceu||,
|. |+.o|||e |o ºc+r||o d| |u|o|r+/|ou| e d| r+|e||+|| ||+ ç|| |º|||u|| e | ||p+|||reu|| de||e uu|.e|º||+ couºoc|+|e e ||+
| ||ce|c+|o|| de| ºe||o|e. +uc|e ue| qu+d|o d| uu+ co||+|o|+/|oue cou +|||| |º|||u|| e ||p+|||reu|| uu|.e|º||+||. cou o|·
ç+u|ºr| d| ||ce|c+ u+/|ou+|| e |u|e|u+/|ou+||. uu||+ ope|+||.e coº|||u||e p|eººo Eu|| pu||||c| e p||.+|| e. |u p+|||co|+·
|e. cou |’Aººoc|+/|oue ||+||+u+ d| 'oc|o|oç|+,
c. |+.o|||e |u|/|+||.e d| ||ce|c+ e d| co||+|o|+/|oue |u|e|d|ºc|p||u+|e e ru|||d|ºc|p||u+|e º|+ + ||.e||o u+/|ou+|e c|e
|u|e|u+/|ou+|e,
d. p||.||eç|+|e ue||o º|ud|o e ue||+ ||ce|c+ ºu||e po||||c|e ºoc|+|| | |o|o ||||eºº| ºu||+ coud|/|oue de||e |+r|ç||e. de|
|+r||u| e deç|| +do|eºceu||,
e. coo|d|u+|e cou |e p|op||e |e |u|/|+||.e d| +|||| ºoççe||| +|||.| ue| |e||||o||o. |u .|º|+ de||+ c|e+/|oue d| 0ººe|.+|o·
|| ºu |+r|ç||e. |+r||u| e +do|eºceu||
|. p|oçe||+|e e |e+||//+|e +|||.||+ d| |o|r+/|oue ||.o||e +d u|eu/e eº|e|ue +||’+r|||o uu|.e|º||+||o. cou p+|||co|+|e ||·
çu+|do +||+ |o|r+/|oue ue| ºe|.|/| e ue| .o|ou|+||+|o,
ç. |o|u||e couºu|eu/+ e co||+|o|+/|oue d| ||ce|c+ e p|oçe||+/|oue +d eu|| pu||||c| e p||.+||,
|. p|oruo.e|e |+ po|eu/|+|e u|eu/+ eº|e|u+ de||e corpe|eu/e p|eºeu|| ue| Ceu||o cou |u|/|+||.e d| d|.u|ç+/|oue
ºc|eu||||c+. couç|eºº|. º|rpoº|. ºcuo|e e cou co||+|o|+/|ou| |u +|||.||+ d| ||ce|c+ e d| º.||uppo.
IlCentropersegueipropriscopipromuovendo:
+. |+ d|||uº|oue de||’|u|o|r+/|oue,
|. |+ |o|r+/|oue d| ||ce|c+|o|| ue| ºe||o|e,
c. |’+|||.||+ de| ||ce|c+|o|| +||e|eu||,
16
vademecum 2009/10
17
parte generale
d. ºpec|||c| |ud|||//| e p|oçe||| d| ||ce|c+. +uc|e red|+u|e |+ º||pu|+/|oue d| +ppoº||e cou.eu/|ou| cou eu|| pu||||c|
e p||.+|| e red|+u|e |+ de||u|/|oue d| +cco|d| d| coope|+/|oue cou +|||| ceu||| e |º|||u||,
e. occ+º|ou| d| ºc+r||o e d| |ucou||o ||+ ||ce|c+|o||. |º|||u||. ceu||| d| ||ce|c+. ºe|.|/| |e||||o||+||. eu|| |oc+|| e cou |+
popo|+/|oue |u çeue|+|e. red|+u|e |u|/|+||.e d| |o|r+/|oue e d|.u|ç+/|oue. cou|e|eu/e. ºer|u+||. couç|eºº|
PUBBLICAZIONI
I|+r||e || |+|o|+|o||o |u|+u/|+ e +do|eºceu/+ (||+). o|+ cou||u||o ue| C|k'||A. e º|+|+ +..|+|+ ue||’+uuo z000 p|eººo
|’ed||o|e |ou/e||| |+ co||+u+ |’Aqu||oue. ue||+ qu+|e ºouo º|+|| pu||||c+|| ç|+ ¹3 .o|ur|.
CORSI DI LAUREA DI PRIMO LIVELLO (|+u|ee |||euu+||)
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
C|+ººe |·z0 · 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue
PRESIDENZADELCORSODILAUREAINSCIENZEDELLACOMUNICAZIONE
Presidente:GiovanniBocciaArtieri
\|+ '+|||. ¹3 (p|+uo |) · u|||uo
Ie|.. -!9 01zz !031zc · |+\. -!9 01zz !031z1
e·r+||. ç|o.+uu|.|occ|++|||e||©uu|u||.||
SEGRETERIA(SEDEDIURBINO)
ke|e|eu|e. ||+uceºco C+|/|u|
\|+ '+|||. ¹3 (p|+uo |) · u|||uo
Ie|.. -!9 01zz !031c0 |+\. -!9 01zz !031c¹
e·r+||. ºeç.ºpe||+co|o©uu|u||.||
SPORTELLOINFORMATIVO(SEDEDIURBINO)
\|+ '+|||. ¹3
Ie|. . -!9 01zz !03101
e·r+||. ºoc|o|u|o©ºoc.uu|u||.||
TUTOR(SEDEDIPESARO)
\|+|e I||eº|e. z9c
Ie|. -!9 01z¹·|z!3z3 |+\ -!9 |z!3z3
E·r+||. |u|o|.ºcp©uu|u||.||
CORSOON-LINE
Coo|d|u+reu|o. A|eºº+ud|o || C+|o
-!9 01zz !031!3
+|eºº+ud|o.d|c+|o©uu|u||.||
keºpouº+|||e |ecu|co. \+|co |+udo|||
Ie|. -!9 01zz !031cz
r+|co.p+udo|||©uu|u||.||
SITOWEB
|||p.//WWW.uu|u||.||/ºdc
18
vademecum 2009/10
19
parte generale
CARATTERISTICHEGENERALI
|| Co|ºo d| |+u|e+ |||euu+|e |u 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue +pp+|||eue +||+ c|+ººe |·z0.
|| p|+uo d| º|ud|o. co|||ºpoudeu|e +d uu c+||co d|d+|||co d| ¹30 c|u (c|ed||| |o|r+||.| uu|.e|º||+||) ueceºº+|| pe| cou·
ºeçu||e |+ |+u|e+. e º||u||u|+|o ºu uu p||ro +uuo coruue e d| uu ||euu|o cu|||cu|+|e.
OBIETTIVIFORMATIVI
|| Co|ºo d| |+u|e+ |u 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue e coº||u||o ºu uu p|oçe||o |o|r+||.o c|e |u|eç|+ |+ d|reuº|oue
de| “º+pe|e” cou que||+ de| “|+|e”. r||+ pe||+u|o + |o|u||e ç|| º||ureu|| |eo||c|. re|odo|oç|c| e |ecu|c| pe| |+ |o|r+·
/|oue d| |+ºe e pe| que||+ p|o|eºº|ou+|e ue||e d|ºc|p||ue de||+ coruu|c+/|oue.
0||e|||.o |o|r+||.o ºpec|||co de| co|ºo d| |+u|e+ e |+ p|ep+|+/|oue |eo||c+. re|odo|oç|c+ e |ecu|c+ d| |+u|e+|| |u ç|+·
do d| ope|+|e.
· ue| c+rpo de||+ coruu|c+/|oue red|+|e. |u p+|||co|+|e que||+ ç|o|u+||º||c+ e que||+ |e|+||.+ +||’|de+/|oue. p|odu·
/|oue e çeº||oue de||o ºpe||+co|o e de||’|u||+||eu|reu|o ue| d|.e|º| +pp+|+|| de||’|uduº|||+ cu||u|+|e (c|uer+. |+d|o/
|e|e.|º|oue. uuo.| red|+ e |u|e|ue|),
· ue| c+rpo de||+ coruu|c+/|oue pu||||c||+||+. pu||||c+ e d’|rp|eº+ cou p+|||co|+|e |||e||reu|o +||e o|ç+u|//+/|o·
u| corp|eººe pu||||c|e e p||.+|e e +||e |o|re d| coruu|c+/|oue c|oºº red|+|e.
|+|||co|+|e +||eu/|oue .|eue p|eº|+|+ +| cou|eº|o de||’+||u+|e º||u+/|oue ºoc|o·cu||u|+|e. + p+||||e d+||’|rp+||o p|odo|·
|o d+| uuo.| red|+ e d+| ºoc|+| red|+ ue| d|.e|º|||c+|o p+eº+çç|o |ecuo|oç|co de||+ coruu|c+/|oue. |+ º.o||+ cu||u·
|+|e c|e | uuo.| red|+ |u||oducouo ue| p|oceºº| coruu|c+||.| ||c||ede uu +pp|o|oud|reu|o erp|||co de||e uuo.e
|ecuo|oç|e. de||e |o|re d| coruu|c+/|oue e uu +pp|occ|o c||||co ºuç|| eº||| e ºuç|| e||e|||.
|| pe|co|ºo |o|r+||.o |o|u|ºce corpe|eu/e |eo||c|e e +pp||c+||.e |u º|u|ou|+ cou |’|u|e|eººe çeue|+|e de||+ ||+d|/|o·
ue cu||u|+|e de||+ rode|u||+ |+ppo||+|+ +||e eº|çeu/e de||e |o|re coruu|c+||.e cou|erpo|+uee. +|||+.e|ºo |’o||e||+
d| |||ue|+|| d|d+|||c| +çç|o|u+||. o||eu|+|| +d uu +pp|occ|o ||+uºd|ºc|p||u+|e.
| |+u|e+|| |u 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue d|ºpo||+uuo d|.
· couoºceu/e e c+p+c||+ d| +u+||º| de| cou|eº|| ºoc|+||. po||||c| e cu||u|+|| c|e |u||ueu/+uo | p|oceºº| d| coruu|c+/|o·
ue e || |uu/|ou+reu|o de||e o|ç+u|//+/|ou| coruu|c+||.e ue||+ ºoc|e|+ cou|erpo|+ue+. cou p+|||co|+|e |||e||reu·
|o +||+ |eç|º|+/|oue e +||e po||||c|e de||’|u|o|r+/|oue e de||+ coruu|c+/|oue,
· couoºceu/e e c+p+c||+ d| +u+||º| de||e º||u||u|e e de| p|oceºº| de||+ coruu|c+/|oue ue||e |o|o d|.e|ºe |o|re e ||·
.e|||. d+||+ coruu|c+/|oue |u|e|pe|ºou+|e |+cc|+ + |+cc|+ ||uo +| º|º|er| corp|eºº| de||+ coruu|c+/|oue red|+|+,
· couoºceu/e e c+p+c||+ d| uºo e|||c+ce de||+ ||uçu+ ||+||+u+ e d| due ||uçue de||’uu|oue Eu|ope+. |u |o|r+ o|+|e e
ºc||||+. +uc|e cou |||e||reu|o +| ||uçu+çç| ºe||o||+|| e ºpec|+||º||c| p|op|| de||e p|o|eºº|ou| de||+ coruu|c+/|oue,
· couoºceu/e e c+p+c||+ d| +u+||º| de||e |oç|c|e. de||e |o|re o|ç+u|//+||.e. de| ||uçu+çç| de| d|.e|º| red|+. º|+r·
p+. c|uer+. |e+||o. |+d|o. |e|e.|º|oue. uuo.| red|+. ºoc|+| red|+,
· couoºceu/e e c+p+c||+ d| +u+||º| de||e p|o||er+||c|e |e|+||.e +| d|.e|º| c+rp| +pp||c+||.| de||+ coruu|c+/|oue re·
d|+|e. pu||||c+. d’|rp|eº+. pu||||c||+||+,
· corpe|eu/e e +|||||+ d| çeº||oue de||e |e|+/|ou| cou || pu||||co (u|eu||. c||eu||. c|||+d|u|) ue||e o|ç+u|//+/|ou| e
+rr|u|º||+/|ou| pu||||c|e. p||.+|e e uou p|o|||,
· corpe|eu/e e +|||||+ d| |+ºe ueceºº+||e +||’|de+/|oue e |e+||//+/|oue d| |eº|| e p|odo||| |e|+||.| +.
¹. coruu|c+/|oue ç|o|u+||º||c+ (de||+ c+||+ º|+rp+|+. de| red|+ +ud|o.|º|.|. de| uuo.| red|+. de| ºoc|+| red|+)
cou p+|||co|+|e +||eu/|oue +| ||uçu+çç| e +||e |ecu|c|e º.||upp+|| d+||e uuo.e |ecuo|oç|e (||oç. podc+º||uç. We|
ºe|.|ceº. |. d|ç||+|e ro|||e e +d +||+ de||u/|oue).
z. Coruu|c+/|oue ºpe||+co|+|e e d| |u||+||eu|reu|o ue| d|.e|º| +r|||| de||’|uduº|||+ cu||u|+|e (c|uer+. |+d|o/|e·
|e.|º|oue. uuo.| red|+ e |u|e|ue|) e de||’ed||o||+ (ºceueçç|+|u|e. ºoççe|||. º|o|,·|o+|d. .|deo. |o|r+|. p|odo|·
|| +ud|o.|º|.|. |eº|| pe| |’ed||o||+. º+çç| e +|||co||. e|c.) cou p+|||co|+|e +||eu/|oue +| ||uçu+çç| e +||e |ecu|c|e º.|·
|upp+|| d+||e uuo.e |ecuo|oç|e.
!. Coruu|c+/|oue pu||||c||+||+. cou.eu/|ou+|e (reºº+çç| pu||||c||+||. |eº|u+|| e +ud|o .|deo. e|c.) e uou cou·
.eu/|ou+|e (çue|||ç||+. +r||eu| +d.e|||º|uç. ecc.)
|. Coruu|c+/|oue d’|rp|eº+. coruu|c+/|oue pu||||c+ e de| |u||ºro.
|| Co|ºo d| |+u|e+ e p|oçe||+|o |u cou|o|r||+ cou | ||ºu||+|| d| +pp|eud|reu|o +||eº|. eºp|eºº| ||+r||e | |eºc||||o|| eu·
|ope| de| |||o|o d| º|ud|o p|eºc||||| d+| |\ ¹c/0! z001. +||.! corr+ 1.
• Couoºceu/+ e c+p+c||+ d| corp|euº|oue (|uoW|edçe +ud uude| º|+ud|uç)
• C+p+c||+ d| +pp||c+|e couoºceu/+ e corp|euº|oue (+pp|,|uç |uoW|edçe +ud uude| º|+ud|uç)
• Au|ouor|+ d| ç|ud|/|o (r+||uç judçereu|º)
• A|||||+ coruu|c+||.e (corruu|c+||ou º||||º)
• C+p+c||+ d| +pp|eud|reu|o (|e+|u|uç º||||º)
PROSPETTIVEOCCUPAZIONALI
|| Co|ºo d| |+u|e+ c|e+ ||çu|e p|o|eºº|ou+|| |u poººeººo d| corpe|eu/e c|e ºouo ç|+ ºu|||c|eu|ereu|e ºpec|||c|e pe| po|e| eu||+|e
ue| re|c+|o de| |+.o|o de||+ coruu|c+/|oue. ç|o|u+||º||. +dde||| º|+rp+. coruu|c+|o|| pu||||c|. eºpe||| ue||+ çeº||oue d| +/|eude
ed||o||+||. +r|||| de||+ coruu|c+/|oue d| r+ºº+ e |uduº|||+ cu||u|+|e. +|||.||+ d| |de+/|oue e p|odu/|oue couueºº+ +| uuo.| red|+
e +| |o|o ||uçu+çç|. +dde||| +||+ çeº||oue coruu|c+||.+ ue||e +/|eude de| ºe||o|e ºpe||+co|+|e. |u||º||co e de||+ pu||||c||+.
STRUTTURADIDATTICADELCORSO
|| Co|ºo e p|oçe||+|o ºu||+ |+ºe de||+ uuo.+ |||o|r+ uu|.e|º||+||+.
C|o º|çu|||c+ c|e || uure|o corp|eºº|.o deç|| eº+r| e ||ºº+|o eu||o uu r+ºº|ro d| z0 e c|e º| º.||upp+ +|||+.e|ºo
uu pe|co|ºo |eo||co. de||e re|odo|oç|e e |+|o|+|o||+|e. coº||u||o d+ rodu|| ed +|||e +|||.||+ |o|r+||.e (+d eº. ºer|·
u+|| |u|e|d|ºc|p||u+||. |ucou||| cou eºpe|||. p+||ec|p+/|oue + p|oçe|||. ecc.) |euu|| d+ doceu|| eºpe||| e p|o|eºº|ou|º||
de| roudo de||+ coruu|c+/|oue.
'ouo p|e.|º|e +|||.||+ d| º|+çe p|eººo |º|||u/|ou| e +/|eude c|e o|||ouo +ç|| º|udeu|| |’oppo||uu||+ d| cou||ou|+|º| cou
|+ |e+||+ |+.o|+||.+ |u .|º|+ de||+ |u|u|+ +|||.||+ p|o|eºº|ou+|e.
A |+| ||ue || co|ºo e o|ç+u|//+|o |u | cu|||cu|+.
¹. Informazione e new media (ºede d| u|||uo)
z. Spettacolo e new media (ºede d| u|||uo) · +uc|e |u .e|º|oue e·|e+|u|uç
!. Comunicazione pubblicitaria – uure|o p|oç|+rr+|o |3 º|udeu|| (ºede d| |eº+|o)
|. Comunicazione pubblica, d’impresa e del turismo (ºede d| |eº+|o)
|| pe|co|ºo ou||ue (º| .ed+ || p+|.1) e o|ç+u|//+|o cou +|||.||+ d| |u|o|+çç|o + d|º|+u/+ e |o|re d| |e/|oue ||euded.
c|e cou|uç+uo |+ |o|r+ ou||ue cou |e/|ou| |u p|eºeu/+ ue| pe||odo eº||.o.
|o º|udeu|e do.|+ |ud|c+|e +||’+||o de||’|rr+|||co|+/|oue uu cu|||cu|ur. I+|e ºce||+ p|e||r|u+|e de|e|r|ue|+ |+ ºede
|u cu| º| couº|ç||+ d| ºeçu||e || p||ro +uuo d| co|ºo. Cou|eº|u+|reu|e +||’|ºc||/|oue +| ºecoudo +uuo +..e||+ |+ ºce|·
|+ de||u|||.+ de| cu|||cu|ur e de||+ ºede d| ||equeu/+.
20
vademecum 2009/10
21
parte generale
CurriculuminComunicazionePubblicitaria
|| cu|||cu|ur “Coruu|c+/|oue |u||||c||+||+” p|e.ede uu r+ºº|ro d| |3 º|udeu|| pe| couºeu|||e uu +||o ||.e||o d| ºpe·
c|+||//+/|oue |+|o|+|o||+|e ue||e r+|e||e pu||||c||+||e. C|| º|udeu|| c|e ºce|çouo queº|o cu|||cu|ur de.ouo d|roº||+·
|e d| poººede|e c+p+c||+ c|e+||.e. +||||ud|ue +||e |er+||c|e ||+||+|e e ro||.+/|ou| +deçu+|e.
Requisitidiaccesso
Aç|| |ºc||||| +| Co|ºo d| |+u|e+ e ||c||eº|o d| d|roº||+|e. eu||o || |e|r|ue de| p||ro +uuo d| |ºc||/|oue. || poººeººo d|
corpe|eu/e e +|||||+ d| |+ºe |e|+||.e +||’uºo co||e||o de||+ ||uçu+ ||+||+u+ |u |o|r+ ºc||||+ e +||’uºo d| º|º|er| |u|o|·
r+||c|. A |+| ||ue ºouo +do||+|| +ppoº||| |eº|. co||oqu| o +|||e |douee |o|re d| .e||||c+. A|||+.e|ºo de|||e|+/|ou| de|
Couº|ç||o d| co|ºo d| |+u|e+ ºouo de||u||| o||||ç|| d| ||equeu/+ +d +|||.||+ |o|r+||.e ºpec|||c|e +çç|uu||.e pe| co|·
r+|e e.eu|u+|| |+cuue +cce||+|e.
Trasferimentodaaltricorsidistudioericonoscimentocreditiformativi
|| Co|ºo d| |+u|e+ p|e.ede ºu||+ |+ºe de||+ uo|r+||.+ .|çeu|e oppo||uue p|ocedu|e pe| ç|| º|udeu|| p|o.eu|eu|| d+
+|||| co|º| d| º|ud|o e pe| || ||couoºc|reu|o de| c|ed||| |o|r+||.|.
¹. |e| c+ºo |u cu| || ||+º|e||reu|o de||o º|udeu|e º|+ e||e||u+|o ||+ co|º| d| |+u|e+ +pp+||eueu|| +||+ redeº|r+ c|+º·
ºe. |+ quo|+ d| c|ed||| |e|+||.| +| redeº|ro ''| d||e||+reu|e ||couoºc|u|| +||o º|udeu|e uou puo eººe|e |u|e||o|e +|
30° d| que||| ç|+ r+|u|+||. |e| c+ºo |u cu| || co|ºo d| p|o.eu|eu/+ º|+ º.o||o cou rod+|||+ + d|º|+u/+. |+ quo|+ r|u|·
r+ de| 30° e ||couoºc|u|+ ºo|o ºe || co|ºo d| p|o.eu|eu/+ ||ºu||+ +cc|ed||+|o.
z. ke|+||.+reu|e +| ||+º|e||reu|o deç|| º|udeu|| d+ uu co|ºo + uu +|||o o d+ uu’uu|.e|º||+ + uu’+|||+ | keço|+reu·
|| d|d+|||c| +ºº|cu|+uo || ||couoºc|reu|o de| r+çç|o| uure|o poºº||||e de| C|u ç|+ r+|u|+|| d+||o º|udeu|e. ºecou·
do c|||e|| e rod+|||+ p|e.|º|| d+| keço|+reu|o d|d+|||co de| Co|ºo d| |+u|e+ d| deº||u+/|oue. +uc|e ||co||eudo. e.eu·
|u+|reu|e. + co||oqu| pe| |+ .e||||c+ de||e couoºceu/e e||e|||.+reu|e poººedu|e.
|| r+uc+|o ||couoºc|reu|o d| c|ed||| de.e eººe|e +deçu+|+reu|e ro||.+|o (|r ¹c r+|/o z001. +||. !. corr+ 3).
!. C|| |u|eude c||ede|e || ||couoºc|reu|o de| c|ed||| |o|r+||.| uu|.e|º||+|| +cqu|º||| |u +|||| co|º| d| |+u|e+ d| qu+|º|+·
º| A|eueo de.e p|eºeu|+|e +||+ Corr|ºº|oue |uc+||c+|+ d| .+|u|+|e | p|+u| d| º|ud|o |ud|.|du+|| |doue+ docureu|+·
/|oue c|e couºeu|+ d| º|+|||||e |+ co|||ºpoudeu/+ de| c|ed||| ºudde||| cou que||| p|e.|º|| d+| keço|+reu|o pe| || cou·
ºeçu|reu|o de||+ |+u|e+ |u 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue. |+ dor+ud+ .+ p|eºeu|+|+ eu||o e uou o|||e || !0 uo·
.er||e z009.
|| ||couoºc|reu|o .|eue de|||e|+|o d+| Couº|ç||o d| Co|ºo d| |+u|e+.
|+ dor+ud+ uou e||e||u+|+ ue| |e|r|u| uou po||+ eººe|e p|eº+ |u couº|de|+/|oue e do.|+ eººe|e ||p|eºeu|+|+ |’+u·
uo ºucceºº|.o.
Riconoscimentodelleconoscenzeeabilitàextrauniversitarie
|| Co|ºo d| |+u|e+ ||couoºce corpe|eu/e +cqu|º||e |uo|| d+||’uu|.e|º||+ ue| c+º| |u cu| º| ||+||| d| couoºceu/e e +|||||+
p|o|eºº|ou+|| ce|||||c+|e +| ºeuº| de||+ uo|r+||.+ .|çeu|e |u r+|e||+ o º| ||+||| d| couoºceu/e e +|||||+ r+|u|+|e |u +|||·
.||+ |o|r+||.e d| ||.e||o poº| ºecoud+||o +||+ cu| |e+||//+/|oue e p|oçe||+/|oue +|||+ couco|ºo |’uu|.e|º||+.
C|| º|udeu|| c|e |u|eudouo c||ede|e |+|e ||couoºc|reu|o. de.ouo p|eºeu|+|e eu||o e uou o|||e || !0 uo.er||e z009
|doue+ docureu|+/|oue +| .+ç||o de||+ Corr|ºº|oue |uc+||c+|+ d| .+|u|+|e | p|+u| d| º|ud|o |ud|.|du+|| e qu|ud| o|·
|eue|ue |’+pp|o.+/|oue de| Couº|ç||o d| co|ºo. || ||couoºc|reu|o d| c|ed||| pe| |+|| +|||.||+ uou puo coruuque ecce·
de|e corp|eºº|.+reu|e | c0 c|u (+||. | |\ ¹c.!.01. keço|+reu|o d| A|eueo |u r+|e||+ d| ||couoºc|reu|| d| +|||e +|·
||.||+ |o|r+||.e o p|o|eºº|ou+||). |+ ||c||eº|+ d| ||couoºc|reu|o º+|+ .+|u|+|+ d+| Couº|ç||o d| Co|ºo d| º|ud|o |eueu·
do cou|o de||e |ud|c+/|ou| d+|e d+ç|| 0|ç+u| Acc+der|c| e de| uure|o r+ºº|ro d| c|ed||| ||couoºc||||| ||ºº+|o ue|·
|’o|d|u+reu|o d|d+|||co de| co|ºo d| º|ud|o. || ||couoºc|reu|o po||+ +..eu||e qu+|o|+ |’+|||.||+ º|+ coe|eu|e cou ç||
o||e|||.| |o|r+||.| ºpec|||c| de| co|ºo d| º|ud|o e de||e +|||.||+ |o|r+||.e c|e º| ||couoºcouo. .|º|| +uc|e || cou|euu|o
e |+ du|+|+ |u o|e de||’+|||.||+ º.o||+.
|+ dor+ud+ uou e||e||u+|+ ue| |e|r|u| uou po||+ eººe|e p|eº+ |u couº|de|+/|oue e do.|+ eººe|e ||p|eºeu|+|+ |’+u·
uo ºucceºº|.o.
Leproved’esame
| c|ed||| co|||ºpoudeu|| + oçu| +|||.||+ d|d+|||c+ .euçouo +cqu|º||| d+||o º|udeu|e cou || ºupe|+reu|o d| uu+ p|o.+ d|
eº+re o d| +|||+ |o|r+ d| .e||||c+.
|e p|o.e d’eº+re +..euçouo +|||+.e|ºo +cce||+reu|o |ud|.|du+|e e||e||u+|o d+ uu+ corr|ºº|oue p|eº|edu|+ d+|
doceu|e |||o|+|e de| rodu|o.
C| º| |ºc||.e +ç|| eº+r| +|||+.e|ºo || º||o |||p.//WWW.uu|u||.||/||/+ppe|||/.
Laprovafinale
C|| º|udeu|| c|e +|||+uo +cqu|º||o uu uure|o d| C|u ºupe||o|e + ¹00 couco|d+uo cou uuo de| doceu|| de| co|ºo d|
|+u|e+ |’+|çoreu|o e |e rod+|||+ d| p|ep+|+/|oue de||+ p|o.+ ||u+|e. co|||ºpoudeu|e + ¹0 c|u.
|e| |e rod+|||+ d| º.o|ç|reu|o de||+ p|o.+ ||u+|e º| p|e.ede.
+. E|+|o|+|o d| +u+||º| e +pp|o|oud|reu|o d| uu+ |er+||c+ pe|||ueu|e +| co|ºo d| |+u|e+. d| u+|u|+ |eo||c+. re|o·
do|oç|c+ o +pp||c+||.+. c|e p|e.ede uu+ |+ººeçu+ de||+ |e||e|+|u|+. uu |uqu+d|+reu|o de| p|o||er+ e uu+ ||+||+·
/|oue eº+u||eu|e. uu+ |||||oç|+||+ |+ç|ou+|+.
|. ke+||//+/|oue d| uu e|+|o|+|o d| p|oçe||o |u c+rp| pe|||ueu|| +| pe|co|ºo de||+ |+u|e+ |||euu+|e (+d eº. p|oçe|·
|o d| c+rp+çu+ pu||||c||+||+. d| coruu|c+/|oue pu||||c+ o ºoc|+|e. d| uu p|odo||o +ud|o.|º|.o. d| uu º||o We|. |r·
r+ç|ue coo|d|u+|+. ecc.). cou uu |uqu+d|+reu|o |eo||co e re|odo|oç|co de| p|oçe||o c|e ue +|çoreu|| |e ºce|·
|e e |e c+|+||e||º||c|e.
ILPIANODISTUDIO
| ¹30 c|u ueceºº+|| +| couºeçu|reu|o de||+ |+u|e+ ºouo coº| ||p+|||||.
• c0 c|u co|||ºpoudeu|| +| rodu|| coruu| de| p||ro +uuo,
• 30 c|u |e|+||.| +| rodu|| e +d +|||e +|||.||+ |o|r+||.e ºpec|||c| +| cu|||cu|+ de| ºecoudo +uuo,
• !0 c|u |e|+||.| +| rodu|| de| cu|||cu|ur ºce||o,
• ¹0 c|u |e|+||.| + rodu|| |+|o|+|o||+|| e/o º|+çe c|e poººouo eººe|e ºoº|euu|| || ºecoudo e/o || |e|/o +uuo,
• u||e||o|| ¹3 c|u pe| rodu|| o +|||e +|||.||+ |o|r+||.e |||e|+reu|e ºce||| d+||o º|udeu|e ue||’+r|||o de||’o||e||+ |o|·
r+||.+ de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+ o d| +|||e |+co||+ de||’A|eueo c|e |o couºeu|+uo. |ou e poºº||||e ºceç||e|e | ro·
du|| + uure|o c||uºo d| +|||| cu|||cu|+ o co|º| d| |+u|e+,
• 3 c|u pe| |+ couoºceu/+ de||+ ||uçu+ ||+uceºe (|doue||+),
• ¹0 c|u +|||||u||| +| ºupe|+reu|o de||+ p|o.+ ||u+|e.
22
vademecum 2009/10
23
parte generale
PRIMOANNO(COMUNE A TUTTI I CURRICULA)
Settore Materia CFU
|·|||/0¹ ||uçu|º||c+ çeue|+|e e +pp||c+|+ (A\|)* ¹0
'|'/03 Cu||u|+ e ºoc|e|+ (A\|)* ¹0
\·'I0/0| '|o||+ cou|erpo|+ue+ e de||’|uduº|||+ cu||u|+|e (A\|)* ¹0
'|'/01 Ieo||+ ºoc|o|oç|c+ (A\|)* ¹0
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||+ coruu|c+/|oue (A\|)* ¹0
|·|||/¹z ||uçu+ |uç|eºe 3
|u'/09 ||||||o de||’|u|o|r+/|oue e de||+ coruu|c+/|oue 3
*|e A\| (A|ee \odu|+|| |u|eç|+|e) ºouo uu||+ d|d+|||c|e coo|d|u+|e c|e |u|eç|+uo rodu|| + cu| co|||ºpoude uu uu|co eº+re ||u+|e.
SECONDOANNO
COMUNE AI CURRICULA: “INFORMAZIONE E NEW MEDIA” E “ SPETTACOLO E NEW MEDIA” (SEDE DI URBINO)
Settore Materia CFU
'|'/03 'oc|o|oç|+ de| r+ºº red|+ e ||uçu+çç| de| ||+ud (A\|) ¹0
'EC'·'/03 '|+||º||c+ ºoc|+|e e +u+||º| de| couºur| (A\|) ¹0
'|'/01 \e|odo|oç|+ e |ecu|c|e de||+ ||ce|c+ ºoc|+|e (A\|) ¹0
\·|EA/0¹ E|uoºer|o||c+ (A\|) ¹0
'|'/03 'oc|o|oç|+ de| ueW red|+ (A\|) ¹0
SECONDOANNO
COMUNE AI CURRICULA: “ COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA” E “COMUNICAZIONE PUBBLICA, D’IMPRESA E
DEL TURISMO” (SEDE DI PESARO)
Settore Materia CFU
'EC'·'/03 '|+||º||c+ ºoc|+|e e +u+||º| de| couºur| (A\|) ¹0
'|'/01 \e|odo|oç|+ e |ecu|c|e de||+ ||ce|c+ ºoc|+|e (A\|) ¹0
'|'/03 'oc|o|oç|+ de| ueW red|+ (A\|) ¹0
'EC'·|/03 \+||e||uç (A\|) ¹0
'|'/03 'oc|o|oç|+ de| couºur| (A\|) ¹0
TERZOANNOCURRICULUM “ INFORMAZIONE E NEW MEDIA” (SEDE DI URBINO)
Settore Materia CFU
'|'/03 ||uçu+çç| de| ç|o|u+||ºro (A\|) ¹0
'|'/03 Ieo||+ e |ecu|c|e de| ||uçu+çç|o |+d|o|e|e.|º|.o (A\|) ¹0
\·'I0/0| '|o||+ de| ç|o|u+||ºro ¹ 3
\·|||/0z |oç|c+ e |||oºo||+ de||+ ºc|eu/+ 3
|o.|+uuo |uo|||e eººe|e ºce||e +|||.||+ pe| uu |o|+|e d| ¹0 C|u ||+ rodu|| |+|o|+|o||+|| c|e d+uuo o||ç|ue + |doue|·
|+ e º|+çe (uou o||||ç+|o||o).
| |+|o|+|o|| po||+uuo eººe|e ºeçu||| º|+ du|+u|e || || c|e du|+u|e || ||| +uuo.
|+|. ºc||||u|+ c|e+||.+ 3
|+|. ||uçu+çç| .|deo 3
|+|. ºoc|+| red|+ 3
|+|. coruu|c+/|oue e.eu|| ºpe||+co|+|| 3
|+|. coruu|c+/|oue .|º|.+ 3
|+|. We| cou|eu| 3
'|+çe e |||oc|u| 3
|e| || corp|e|+reu|o de| pe|co|ºo cu|||cu|+|e |o º|udeu|e de.e ºceç||e|e ¹3 C|u |u p|eu+ |||e||+ ||+ |e +|||.||+ d|d+|·
||c|e o||e||e ue||+ |+co||+ o ue||’A|eueo. c|e poººouo eººe|e p|eºce||| |u p|eu+ |||e||+ +| ºeuº| de||’A||.c corr+ c.
\euçouo |uo|||e +|||.+|e +uuu+|reu|e +|||e +|||.||+ d|d+|||c|e +| ||ue d| ç+|+u|||e |+ poºº||||||+ d| u||e||o|| couoºceu·
/e +|||u| +| cu|||cu|+ c|e .e||+uuo ºeçu+|+|e ue| º||o de| co|ºo d| |+u|e+.
TERZOANNOCURRICULUM “SPETTACOLO E NEW MEDIA” (SEDE DI URBINO)
Settore Materia CFU
|·AkI/03 Ieo||e e |ecu|c|e de| c|uer+ (A\|) ¹0
'|'/03 |o|re e ||uçu+çç| de| |e+||o e de||o ºpe||+co|o (A\|) ¹0
'|'/03 \e|od| e |ecu|c|e d| p|odu/|oue .|deo 3
\·|||/0z |oç|c+ e |||oºo||+ de||+ ºc|eu/+ 3
|o.|+uuo |uo|||e eººe|e ºce||e +|||.||+ pe| uu |o|+|e d| ¹0 C|u ||+ rodu|| |+|o|+|o||+|| c|e d+uuo o||ç|ue + |doue|·
|+ e º|+çe (uou o||||ç+|o||o).
| |+|o|+|o|| po||+uuo eººe|e ºeçu||| º|+ du|+u|e || || c|e du|+u|e || ||| +uuo.
|+|. ºc||||u|+ c|e+||.+ 3
|+|. ||uçu+çç| .|deo 3
|+|. ºoc|+| red|+ 3
|+|. coruu|c+/|oue e.eu|| ºpe||+co|+|| 3
|+|. coruu|c+/|oue .|º|.+ 3
|+|. We| cou|eu| 3
'|+çe e |||oc|u| 3
|e| || corp|e|+reu|o de| pe|co|ºo cu|||cu|+|e |o º|udeu|e de.e ºceç||e|e ¹3 c|u |u p|eu+ |||e||+ ||+ |e +|||.||+ d|d+|||·
c|e o||e||e ue||+ |+co||+ o ue||’A|eueo. c|e poººouo eººe|e p|eºce||| |u p|eu+ |||e||+ +| ºeuº| de||’A||.c corr+ c.
\euçouo |uo|||e +|||.+|e +uuu+|reu|e +|||e +|||.||+ d|d+|||c|e +| ||ue d| ç+|+u|||e |+ poºº||||||+ d| u||e||o|| couoºceu·
/e +|||u| +| cu|||cu|+ c|e .e||+uuo ºeçu+|+|e ue| º||o de| co|ºo d| |+u|e+.
TERZOANNOCURRICULUM “COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA” (SEDE DI PESARO)
Settore Materia CFU
|·AkI/03 |o|re eº|e||c|e cou|erpo|+uee 3
|·AkI/0z ||uçu+çç| +|||º||c| 3
'|'/03 Ieo||e e ||uçu+çç| de||+ pu||||c||+ (A\|) ¹0
24
vademecum 2009/10
25
parte generale
'|'/03 |rr+ç|ue d’|rp|eº+ e |deu|||+ d| r+|c+ 3
'|'/03 |+|o|+|o||o coº||u/|oue reºº+çç|o pu||||c||+||o 3
|o.|+uuo |uo|||e eººe|e ºce||e +|||.||+ pe| uu |o|+|e d| ¹0 c|u ||+ rodu|| |+|o|+|o||+|| c|e d+uuo o||ç|ue + |doue|·
|+ e º|+çe (uou o||||ç+|o||o).
| |+|o|+|o|| po||+uuo eººe|e ºeçu||| º|+ du|+u|e || || c|e du|+u|e || ||| +uuo.
|+|. |u|o|r+||c+ +pp||c+|+ 3
|+|. corpu|e| ç|+||c+ 3
|+|. |u|e|ue| corruu|c+||ou 3
|+|. d| ||uçu+çç| de||+ pu||||c||+ 3
|+|. We| cou|eu| pe| |’|rp|eº+ 3
'|+çe e |||oc|u| 3
|e| || corp|e|+reu|o de| pe|co|ºo cu|||cu|+|e |o º|udeu|e de.e ºceç||e|e ¹3 c|u |u p|eu+ |||e||+ ||+ |e +|||.||+ d|d+|||·
c|e o||e||e ue||+ |+co||+ o ue||’A|eueo. c|e poººouo eººe|e p|eºce||| |u p|eu+ |||e||+ +| ºeuº| de||’A||.c corr+ c.
\euçouo |uo|||e +|||.+|e +uuu+|reu|e +|||e +|||.||+ d|d+|||c|e +| ||ue d| ç+|+u|||e |+ poºº||||||+ d| u||e||o|| couoºceu·
/e +|||u| +| cu|||cu|+ c|e .e||+uuo ºeçu+|+|e ue| º||o de| co|ºo d| |+u|e+.
TERZOANNOCURRICULUM “COMUNICAZIONE PUBBLICA, D’IMPRESA E DEL TURISMO” (SEDE DI PESARO)
Settore Materia CFU
|·AkI/03 |o|re eº|e||c|e cou|erpo|+uee 3
'|'/03 Ieo||e e |ecu|c|e de||+ p|oro/|oue |e||||o||+|e 3
'|'/03 Coruu|c+/|oue d’|rp|eº+ (A\|) ¹0
'|'/03 Ieo||+ e |ecu|c|e de||+ coruu|c+/|oue pu||||c+ 3
'|'/09 'oc|o|oç|+ de||’o|ç+u|//+/|oue 3
|o.|+uuo |uo|||e eººe|e ºce||e +|||.||+ pe| uu |o|+|e d| ¹0 C|u ||+ rodu|| |+|o|+|o||+|| c|e d+uuo o||ç|ue + |doue|·
|+ e º|+çe (uou o||||ç+|o||o).
| |+|o|+|o|| po||+uuo eººe|e ºeçu||| º|+ du|+u|e || || c|e du|+u|e || ||| +uuo.
|+|. |u|o|r+||c+ +pp||c+|+ 3
|+|. corpu|e| ç|+||c+ 3
|+|. |u|e|ue| corruu|c+||ou 3
|+|. We| cou|eu| pe| |’|rp|eº+ 3
|+|. coruu|c+/|oue |u||º||c+ 3
'|+çe e |||oc|u| 3
|e| || corp|e|+reu|o de| pe|co|ºo cu|||cu|+|e |o º|udeu|e de.e ºceç||e|e ¹3 C|u |u p|eu+ |||e||+ ||+ |e +|||.||+ d|d+|·
||c|e o||e||e ue||+ |+co||+ o ue||’A|eueo. c|e poººouo eººe|e p|eºce||| |u p|eu+ |||e||+ +| ºeuº| de||’A||.c corr+ c.
\euçouo |uo|||e +|||.+|e +uuu+|reu|e +|||e +|||.||+ d|d+|||c|e +| ||ue d| ç+|+u|||e |+ poºº||||||+ d| u||e||o|| couoºceu·
/e +|||u| +| cu|||cu|+ c|e .e||+uuo ºeçu+|+|e ue| º||o de| co|ºo d| |+u|e+.
COMPLETAMENTODEIPERCORSICURRICULARI
A corp|e|+reu|o de| p|+uo d| º|ud|o |e|+||.o +d oçu| cu|||cu|ur. ç|| º|udeu|| de.ouo ºupe|+|e +|||.||+ |e|+||.e +|·
|+ p|o.+ ||u+|e pe| uu |o|+|e d| ¹3 c|u.
Attività formative CFU Tipologia
||o.+ ||u+|e ¹0 ||o.+ ||u+|e
Attività formative CFU Tipologia
\e||||c+ d| couoºceu/+ d| uu+ ||uçu+ º||+u|e|+
|·|||/0| · ||uçu+ e cu||u|+ ||+uceºe (|doue||+) 3 ||o.+ ||u+|e
|+ p|o.+ d| ||uçu+ ||+uceºe puo eººe|e ºoº|euu|+ || || o || ||| +uuo.
TIROCINIESTAGE
C|| º|udeu|| c|e |u|eudouo º.o|çe|e uuo º|+çe |o|r+||.o |+co||+||.o poººouo ||c||ede|ue || ||couoºc|reu|o d| 3 c|u.
co|||ºpoudeu|| + ¹30 o|e d| |||oc|u|o. |u ºoº|||u/|oue d| uu |uºeçu+reu|o |+|o|+|o||+|e (|doue||+) c|e º| puo |eue|e
|| || o ||| +uuo d| co|ºo. |’+|||||u/|oue de| c|ed||| º+|+ e||e||u+|+ d+ uu’+ppoº||+ Corr|ºº|oue.
REFERENTISTAGE:
|eou+|do |+ C+p||+ · |eou+|do.|+c+p||+©uu|u||.|| (ºede d| u|||uo)
|+o|+ \|uceu/e||| · p+o|+..|uceu/e|||©uu|u||.|| (ºede d| |eº+|o)
LOSAICHE...
-OnlineeWiFi
|| Co|ºo d| |+u|e+ u||||//+ uuo ºp+/|o d| |+.o|o coud|.|ºo ou||ue c|e couºeu|e uu ºuppo||o +| co|º|. +pp|o|oud|reu·
|| d|d+|||c|. +u+||º| e |ecupe|o d| r+|e||+|| |o|r+||.|. |o|ur d| d|ºcuºº|oue. ecc. |e ºed| de| co|ºo ºouo cope||e d+| W|
||. || c|e º|çu|||c+ c|e e poºº||||e co||eç+|º| +||+ |e|e ºeu/+ |||| |u oçu| +r||eu|e.
-CommunitySDC
|| Co|ºo d| |+u|e+ |+ uu+ corruu||, deç|| º|udeu|| |+çç|uuç||||e d+| º||o WWW.ºoc.uu|u||.||/ºdc ue||+ qu+|e e poº·
º||||e eu||+|e |eç|º||+udoº| u||||//+udo |’|ud|||//o d| poº|+ e|e|||ou|c+ |o|u||o d+||’uu|.e|º||+ +d oçu| º|uço|o º|udeu·
|e +||’+||o d| |ºc||/|oue (©|edu\.uu|u||.|| oppu|e ©c+rpuº.uu|u||.||). A||’|u|e|uo de| º||o. o|||e +d +ccede|e +d uu
|o|ur |||e|o ed uuo d|d+|||co cou|eueu|e |u|o|r+/|ou|. e poºº||||e ºc+||c+|e | rodu|| pe| |+ p+||e +rr|u|º||+||.+
de| co|ºo e r+|e||+|| u|||| pe| |+ |eº|.
-Seminariedeventi
|| Co|ºo o|ç+u|//+ |ucou|||. ºer|u+|| e Wo||º|op +||’|u|e|uo de| º|uço|| |uºeçu+reu|| +..+|eudoº| de||+ co||+|o|+·
/|oue d| eºpe||| e oºp||| p|eº||ç|oº| de| roudo de||+ coruu|c+/|oue e de||+ pu||||c||+. de| red|+. de||’|u|o|r+/|o·
ue. de||’+||e e de||e o|ç+u|//+/|ou|.
-Corsidilaureamagistraleaffini
| |+u|e+|| |u 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue poººouo +ccede|e ºeu/+ de|||| |o|r+||.| +| Co|º| d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u “Ed|·
|o||+. |u|o|r+/|oue e º|º|er| docureu|+||” e |u “Coruu|c+/|oue e |u||||c||+ pe| |e 0|ç+u|//+/|ou|” (ºede + |eº+|o.)
26
vademecum 2009/10
27
parte generale
-Produzioni
A|cuu| .|deo e |+.o|| |e+||//+|| d+ç|| º|udeu|| de| Co|ºo ºouo º|+|| p|eºeu|+|| +||’|u|e|uo d| |eº||.+| ||ce.eudo reu·
/|ou| e ||couoºc|reu||.
-laCOLONIAdellacomunicazione
A||’|u|e|uo de| Co|ºo d| |+u|e+ e +|||.+ uu’+çeu/|+ d| coruu|c+/|oue. |+ C0|0||A de||+ coruu|c+/|oue do.e ç|| º|u·
deu|| |+uuo |e+||//+|o c+rp+çue ºu corr|ºº|oue d| eu|| e |rp|eºe eº|e|ue e p+||ec|p+|o + |+ud| d| couco|ºo e ç+·
|e pu||||c|e cou |+ ºupe|.|º|oue d| doceu|| e p|o|eºº|ou|º|| de||+ coruu|c+/|oue.
ILPERCORSOFORMATIVOONLINE
|| Co|ºo d| |+u|e+ |u 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue +|||.+ uu |u|e|o pe|co|ºo d|d+|||co ou||ue. c|e |+pp|eºeu|+ uu+
oppo||uu||+ |o|r+||.+ corp|e|+ ue||’+r|||o de||e ºc|eu/e de||+ coruu|c+/|oue +uc|e pe| ç|| º|udeu|| c|e uou poº·
ºouo ||equeu|+|e d| pe|ºou+ |e |e/|ou|.
uu º|º|er+ d| e·|e+|u|uç coº||u||o |u ºede |oc+|e pe|re||e|+ d| ||equeu|+|e |e |e/|ou| |u |ero|o. o|||eudo |’oppo|·
|uu||+ d| ||equeu|+|e |’uu|.e|º||+ +uc|e ºe uou º| puo ||º|ede|e + u|||uo.
uu |o|ur |||e|+reu|e çeº|||o d+ç|| º|udeu|| ou||ue pe|re||e|+ |uo|||e d| ||c|e+|e uu+ coruu||+ .|||u+|e d| +pp|eu·
d|reu|o.
0ueº|o |o|ur po||+ eººe|e ||equeu|+|o +uc|e d+ç|| º|udeu|| c|e ||equeu|+uo |e |e/|ou| ||+d|/|ou+|| pe|re||eudo |u
queº|+ r+u|e|+ d| +ºº|cu|+|e uu |+ppo||o cou||uuo ||+ |+ coruu||+ deç|| º|udeu||.
GLIINSEGNAMENTIDELPERCORSOONLINE
|| pe|co|ºo d|d+|||co ou||ue ue||+ ºede d| u|||uo. co|||ºpoudeu|e +| cu|||cu|ur 'pe||+co|o e |eW \ed|+. º| +|||co|+
|u ||e +uu| d| co|ºo. pe| uu |o|+|e d| ¹30 c|ed||| |o|r+||.| (c|u).
|| Co|ºo d| |+u|e+ o|||e |+ poºº||||||+ d| uu+ ro|||||+ d| ||equeu/+ + d|º|+u/+ |+ cu| d|ºc|p||u+. º|+ pe| ç|| +ºpe||| d|d+|·
||c| c|e pe| que||| o|ç+u|//+||.| e ||u+u/|+||. e de||u||+ |u +ppoº||o keço|+reu|o.
C|| eº+r| pe| |+ .+|u|+/|oue de| p|o||||o º| poººouo º.o|çe|e +uc|e |u .|deocou|e|eu/+. ºecoudo |+ d|ºc|p||u+ cou·
|euu|+ ue| keço|+reu|o ||d+|||co d’A|eueo.
|’+ppoº||o keço|+reu|o de| pe|co|ºo ou||ue puo ||r||+|e |e p|o.e d’eº+re |u .|deocou|e|eu/+ +| ºo|o º|udeu|| |e·
º|deu|| +||’eº|e|o.
|| pe|co|ºo p|e.ede |uºeçu+reu|| c|e poººouo eººe|e ºeçu||| ou||ue e co|º| c|e. +d |u|eç|+/|oue de| p|ecedeu||.
poººouo eººe|e ºeçu||| du|+u|e || co|ºo eº||.o.
SITOWEB
uu º||o We| c|e |+ |+ |uu/|oue d| +|c||.|o pe| |+ couºu||+/|oue de||e |u|o|r+/|ou| çeue|+|| |e|+||.e +| rodu||, pe|
+ccede|e |u.ece +| r+|e||+|| ºpec|||c| de| co|º| ou||ue º+|+uuo ueceºº+|| uºe|u+re e p+ººWo|d c|e .e||+uuo +||||·
|u||| +| roreu|o de||’|ºc||/|oue.
MATERIALIDISTUDIO
|e| oçu| |e/|oue. .e||+uuo reºº| + d|ºpoº|/|oue de| r+|e||+|| c|e ç|| º|udeu|| po||+uuo ºc+||c+|e. +ºco||+|e e/o |eç·
çe|e. +|||.+udo coº| p|ep+|+|| +||+ c|+| · o ç|| |ucou||| .|||u+|| (||oç. ecc.) · do.e d|ºcu|e|+uuo cou | |e|+||.| doceu||.
SUPPORTOTECNICO
C|| º|udeu|| +.|+uuo + d|ºpoº|/|oue uu ºuppo||o pe|r+ueu|e pe| qu+|º|+º| p|o||er+ |ecu|co |e|+||.o +| ºo||W+|e
d| coruu|c+/|oue.
COSTI
|| coº|o pe| |+ ||equeu/+ +||+ rod+|||+ ou||ue de| Co|ºo d| |+u|e+ |u 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue. corp|euº|.+ de|
|u|o||uç |ud|.|du+|e. e d| 300 Eu|o. +çç|uu||.| +| uo|r+|| coº|| d| |ºc||/|oue. |o º|udeu|e uou e o||||ç+|o + corp|e·
|+|e || pe|co|ºo ou||ue |u |u||e |e ºue d|ºc|p||ue.
|’o||e||+ |o|r+||.+ pe| || pe|co|ºo ou||ue e |+ ºeçueu|e.
PRIMOANNO
Settore Materia CFU
|·|||/0¹ ||uçu|º||c+ çeue|+|e e +pp||c+|+ (A\|) ¹0
'|'/03 Cu||u|+ e ºoc|e|+ (A\|) ¹0
\·'I0/0| '|o||+ cou|erpo|+ue+ e de||’|uduº|||+ cu||u|+|e (A\|) ¹0
'|'/01 Ieo||+ ºoc|o|oç|c+ (A\|) ¹0
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||+ coruu|c+/|oue (A\|) ¹0
|·|||/¹z ||uçu+ |uç|eºe 3
|u'/09 ||||||o de||’|u|o|r+/|oue e de||+ coruu|c+/|oue 3
SECONDOANNOcurriculum “Spettacolo e New Media”
Settore Materia CFU
'|'/03 'oc|o|oç|+ de| r+ºº red|+ e ||uçu+çç| de| ||+ud (A\|) ¹0
'EC'·'/03 '|+||º||c+ ºoc|+|e e +u+||º| de| couºur| (A\|) ¹0
'|'/01 \e|odo|oç|+ e |ecu|c|e de||+ ||ce|c+ ºoc|+|e (A\|) ¹0
\·|EA/0¹ E|uoºer|o||c+ (A\|) ¹0
'|'/03 'oc|o|oç|+ de| ueW red|+ (A\|) ¹0
TERZOANNO
Settore Materia CFU
|·AkI/03 Ieo||e e |ecu|c|e de| c|uer+ (A\|) ¹0
'|'/03 |o|re e ||uçu+çç| de| |e+||o e de||o ºpe||+co|o (A\|) ¹0
'|'/03 \e|od| e |ecu|c|e d| p|odu/|oue .|deo 3
\·|||/0z |oç|c+ e |||oºo||+ de||+ ºc|eu/+ 3
|o.|+uuo eººe|e ºce||e +|||.||+ pe| uu |o|+|e d| ¹0 c|u ||+ rodu|| |+|o|+|o||+|| (|+|.) c|e d+uuo o||ç|ue + |doue||+
e º|+çe (.+||do 3 c|u. uou o||||ç+|o||o).
| |+|o|+|o|| po||+uuo eººe|e ºeçu||| º|+ du|+u|e || || c|e du|+u|e || ||| +uuo.
28
vademecum 2009/10
29
parte generale
u||e||o|| couoºceu/e º|+çe e |||oc|u|
Materia CFU
|+|. ºc||||u|+ c|e+||.+ 3
|+|. ||uçu+çç| .|deo 3
|+|. ºoc|+| red|+ 3
|+|. coruu|c+/|oue e.eu|| ºpe||+co|+|| 3
|+|. coruu|c+/|oue .|º|.+ 3
|+|. We| cou|eu| 3
'|+çe e |||oc|u| 3
|e| || corp|e|+reu|o de| pe|co|ºo cu|||cu|+|e |o º|udeu|e de.e ºceç||e|e ¹3 C|u |u p|eu+ |||e||+ ||+ |e +|||.||+ d|d+|·
||c|e o||e||e ue||+ |+co||+ o ue||’A|eueo. c|e poººouo eººe|e p|eºce||| |u p|eu+ |||e||+ +| ºeuº| de||’A||.c corr+ c.
\euçouo |uo|||e +|||.+|e +uuu+|reu|e +|||e +|||.||+ d|d+|||c|e +| ||ue d| ç+|+u|||e |+ poºº||||||+ d| u||e||o|| couoºceu·
/e +|||u| +| cu|||cu|+ c|e .e||+uuo ºeçu+|+|e ue| º||o de| co|ºo d| |+u|e+.
COMPLETAMENTODEIPERCORSICURRICULARI
A corp|e|+reu|o de| p|+uo d| º|ud|o |e|+||.o +d oçu| cu|||cu|ur. ç|| º|udeu|| de.ouo ºupe|+|e +|||.||+ |e|+||.e +|·
|+ p|o.+ ||u+|e pe| uu |o|+|e d| ¹3 c|u.
Attività formative CFU Tipologia
||o.+ ||u+|e ¹0 ||o.+ ||u+|e
\e||||c+ d| couoºceu/+ d| uu+ ||uçu+ º||+u|e|+.
|·|||/0| · ||uçu+ e cu||u|+ ||+uceºe (|doue||+)
3 ||o.+ ||u+|e
|+ p|o.+ d| ||uçu+ ||+uceºe puo eººe|e ºoº|euu|+ || || o || ||| +uuo.
SOCIOLOGIA E SERVIZIO SOCIALE
(C|+ºº| |·!9 e |·|0)
SPORTELLOINFORMATIVO
\|+ '+|||. ¹3
Ie|.. -!9 01zz !03101
E·r+|| ºoc|o|u|o©ºoc.uu|u||.||
INFORMAZIONIDOCENTI/TUTORDIRIFERIMENTO
ke|e|eu|e. '+|||u+ \o|e|||
Ie|. 01zz !03131
E·r+|| º+|||u+.ro|e|||©uu|u||.||
SITOWEB
|||p.//WWW.ºoc.uu|u||.||
|||p.//WWW.ºoc|o|oç|+ou||ue.ue|
GLIOBIETTIVIFORMATIVI
|| co|ºo d| |+u|e+ |u|e|c|+ººe e ||u+||//+|o +| couºeçu|reu|o de||+ |+u|e+ |u 'e|.|/|o 'oc|+|e (c|+ººe |·!9) o de||+ |+u·
|e+ |u 'oc|o|oç|+ (c|+ººe |·|0). '| ||.o|çe + qu+u|| ºouo |u|e|eºº+|| + corp|eude|e | recc+u|ºr| e |e rod+|||+ d| |uu·
/|ou+reu|o e d| ||+º|o|r+/|oue de||e ºoc|e|+ cou|erpo|+uee. +||+ |uce deç|| ºceu+|| d|ºeçu+|| d+| p|oceºº| d| ç|o·
|+||//+/|oue e d+||e uuo.e |ecuo|oç|e de||’|u|o|r+/|oue. |u |+| ºeuºo. || co|ºo ç+|+u||ºce |’+cqu|º|/|oue d| º||ureu||
couoºc|||.| d| ||po |u|e|d|ºc|p||u+|e c|e couºeu|ouo d| |u|e|.eu||e ue||e d|u+r|c|e ºoc|+|| e pe|ºou+||. coç||eudoue
|e |rp||c+/|ou| ºo||o || p|o|||o |e|+/|ou+|e. coruu|c+||.o. cu||u|+|e. |e||ç|oºo. po||||co ed ecouor|co.
|e| |+çç|uuçe|e queº|e ||u+|||+ || pe|co|ºo |o|r+||.o º| couceu||+ o|||e c|e ºu| |oud+reu|| |eo||co·couce||u+|| de|·
|e ºc|eu/e ºoc|+|| e de| ºe|.|/|o ºoc|+|e. +uc|e ºuç|| +ºpe||| re|odo|oç|c|. uu+ p+|||co|+|e |||e.+u/+. |u|+|||. .|eue +|·
||||u||+ +||’|uºeçu+reu|o de||e |ecu|c|e de||+ ||ce|c+ e de| ºe|.|/|o ºoc|+|e. +| ||ue d| do|+|e |o º|udeu|e de||e cor·
pe|eu/e ueceºº+||e + º.o|çe|e +|||.||+ d| º|ud|o. +u+||º|. .+|u|+/|oue e p|oçe||+/|oue deç|| |u|e|.eu||. A|cuue d|ºc|p||·
ue d| |+ç||o ºoc|o·pº|co|oç|co ed || |||oc|u|o |o|r+||.o (o||||ç+|o||o pe| ç|| º|udeu|| c|e op|+uo pe| |+ |+u|e+ |u 'e|·
.|/|o 'oc|+|e). |uo|||e. r||+uo + º||ro|+|e |’+pp|eud|reu|o de||e p|o||er+||c|e |eç+|e +||e d|u+r|c|e d| ç|uppo e
+||e |e|+/|ou| ºoc|+|| |u +r|||o |+.o|+||.o.
AMMISSIONEALCORSO
A| co|ºo d| |+u|e+ poººouo |ºc||.e|º| | c|||+d|u| ||+||+u| e º||+u|e|| |u poººeººo d| d|p|or+ d| ºcuo|+ ºecoud+||+ ºupe·
||o|e o d| +|||o |||o|o |doueo couºeçu||o +||’eº|e|o. |e| |’|ºc||/|oue e ueceºº+||o ºupe|+|e uu+ p|o.+ ||.o||+ +d +cce|·
|+|e || poººeººo d| +deçu+|e corpe|eu/e ed +|||||+ d| |+ºe |e|+||.e +||’uºo co||e||o de||+ ||uçu+ ||+||+u+ (ºc||||+ e p+|·
|+|+) e de| º|º|er| |u|o|r+||c|. || Couº|ç||o d| co|ºo d| |+u|e+ puo. +|||+.e|ºo +ppoº||e de|||e|e. de||u||e o||||ç|| d|
||equeu/+ +d +|||.||+ |o|r+||.e |douee + co|r+|e e.eu|u+|| ed +cce||+|e |+cuue.
|e| |’+uuo +cc+der|co z003·9 e couºeu|||+ |’|ºc||/|oue eºc|uº|.+reu|e +| p||ro +uuo de| co|ºo d| |+u|e+ |u|e|c|+ººe.
reu||e pe| || ºecoudo e |e|/o +uuo d| co|ºo |eº|+ +|||.o |’o|d|u+reu|o |u .|ço|e ue||’+uuo +cc+der|co z001·3.
30
vademecum 2009/10
31
parte generale
Riconoscimentocrediti
C|| |u|eude c||ede|e || ||couoºc|reu|o d| c|ed||| |o|r+||.| uu|.e|º||+|| pe| |e +|||.||+ |+.o|+||.e º.o||e o..e|o pe| |e
eºpe||eu/e |o|r+||.e r+|u|+|e d| ||.e||o uou uu|.e|º||+||o. de.e p|eºeu|+|e |doue+ docureu|+/|oue de||e +|||.||+
ºudde||e +| .+ç||o de||+ Corr|ºº|oue |uc+||c+|+ d| .+|u|+|e | p|+u| d| º|ud|o |ud|.|du+|| e qu|ud| +||’+pp|o.+/|oue
de| Couº|ç||o d| co|ºo. || ||couoºc|reu|o d| c|ed||| pe| |+|| +|||.||+ uou puo coruuque eccede|e corp|eºº|.+reu·
|e | c0 C|u (+||. | |\ ¹c.!.01)
C|| |u|eude c||ede|e || ||couoºc|reu|o de| c|ed||| |o|r+||.| uu|.e|º||+|| +cqu|º||| |u +|||| co|º| d| |+u|e+ d| qu+|º|+º|
A|eueo de.e p|eºeu|+|e. +||+ Corr|ºº|oue |uc+||c+|+ d| .+|u|+|e | p|+u| d| º|ud|o |ud|.|du+||. |doue+ docureu|+/|o·
ue c|e couºeu|+ d| º|+|||||e |+ co|||ºpoudeu/+ de| c|ed||| ºudde||| cou que||| p|e.|º|| d+| keço|+reu|o pe| || couºe·
çu|reu|o de||+ |+u|e+ |u 'oc|o|oç|+ (|·|0) o |u 'e|.|/|o ºoc|+|e (|·!9). || ||couoºc|reu|o .|eue de|||e|+|o d+| Cou·
º|ç||o d| co|ºo. |e| c+ºo d| ||+º|e||reu|o de||o º|udeu|e d+ co|º| d| |+u|e+ +pp+||eueu|| +||e c|+ºº| |·|0 e |·!9 º+·
|+uuo ||couoºc|u|| uou reuo de| 30° de| c|ed||| ç|+ r+|u|+|| ue| redeº|r| ºe||o|| ºc|eu||||co d|ºc|p||u+||. 'e || co|·
ºo d| p|o.eu|eu/+ e º.o||o cou rod+|||+ + d|º|+u/+ || ||couoºc|reu|o de||+ ºudde||+ quo|+ e coud|/|ou+|o +||’+cc|e·
d||+reu|o d| |+|e co|ºo.
PROSPETTIVEFORMATIVEEDOCCUPAZIONALI
|| co|ºo d| |+u|e+ |u|e|c|+ººe |u 'oc|o|oç|+ e 'e|.|/|o 'oc|+|e |u|eude |o|r+|e ||çu|e p|o|eºº|ou+|| |u poººeººo d| co·
uoºceu/e |eo||c|e e re|odo|oç|c|e ||çu+|d+u|| | |euoreu| |ud|.|du+|| e co||e|||.| ue||e ºoc|e|+ cou|erpo|+uee.
Perchiintendeproseguireglistudi
|e |+u|ee |u 'oc|o|oç|+ (|·|0) e |u 'e|.|/|o 'oc|+|e (|·!9) pe|re||ouo |’+cceººo + |u||e |e |+u|ee ºpec|+||º||c|e +|||.+|e p|eººo
|+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+ d| u|||uo. |’+cceººo e ç+|+u|||o ºeu/+ de|||| |o|r+||.| +||e due c|e .| +||e||ºcouo d||e||+reu|e.
• 0|ç+u|//+/|oue e Ceº||oue de||e |o||||c|e e de| 'e|.|/| 'oc|+|| (c|+ººe 31/' · ||oç|+rr+/|oue e Ceº||oue de|·
|e |o||||c|e e de| 'e|.|/| 'oc|+||)
• 'oc|o|oç|+ de||+ \u|||cu||u|+|||+ (c|+ººe 39/' · 'oc|o|oç|+)
| r+º|e| d| p||ro ||.e||o ed | co|º| d| pe||e/|ou+reu|o. o|ç+u|//+|| d+||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+. |+pp|eºeu|+uo uu’u|·
|e||o|e o||e||+ + d|ºpoº|/|oue de| |+u|e+|| +| ||ue d| cou||uu+|e || p|op||o pe|co|ºo |o|r+||.o. +cqu|ºeudo couoºceu·
/e ºpec|+||º||c|e + c+|+||e|e p|o|eºº|ou+||//+u|e.
Perchiintendeinserirsinelmondodellavoro
|| co|ºo d| |+u|e+ |u|e|c|+ººe |u 'oc|o|oç|+ e 'e|.|/|o 'oc|+|e r||+ + |o|r+|e ||çu|e p|o|eºº|ou+|| +pp+||eueu|| p|e.+·
|eu|ereu|e +| ºeçueu|| ç|upp| de||+ c|+ºº|||c+/|oue |º|+| de||e p|o|eºº|ou|.
• “ºpec|+||º|| |u ºc|eu/e ºoc|+||”
• “ºpec|+||º|| de| ºe|.|/| ºoc|+||”
|e| ç|| º|udeu|| c|e op|+uo pe| |+ c|+ººe de||e |+u|ee |u 'oc|o|oç|+ || co|ºo de||ue+ uu+ ||çu|+ p|o|eºº|ou+|e do|+|+ d|
corpe|eu/e c|e pe|re||ouo d| +u+||//+|e | |euoreu| ºoc|+||. po||||c| e cu||u|+|| ºu||+ |+ºe d| p|oºpe|||.e ºoc|o·+u||opo·
|oç|c|e. |º|||u/|ou+|| e o|ç+u|//+||.e. |+ |+u|e+ |u 'oc|o|oç|+ couºeu|e d| ope|+|e |u d|.e|º| cou|eº|| p|o|eºº|ou+||.
• ue||e º||u||u|e e ue||e o|ç+u|//+/|ou| c|e º| occup+uo de||o º.||uppo |e||||o||+|e |u qu+|||+ d| ºoc|o|oç|. +u|r+|o·
|| ºoc|o·ecouor|c|. ope|+|o|| de||+ p|+u|||c+/|oue e de||+ p|oçe||+/|oue. r+ +uc|e core ºpec|+||º|| d| º|º|er| eco·
uor|c| e p|oç|+rr| d| º.||uppo |eç|ou+|e. d| |+ppo||| cou || re|c+|o. |u pu||||c|e |e|+/|ou| e de||’|rr+ç|ue. de|
ºe|.|/| d| |u|o|r+/|oue e d| o||eu|+reu|o p|o|eºº|ou+|e e de| ºe|.|/| d| co||oc+reu|o,
• ue||e º||u||u|e e ue||e o|ç+u|//+/|ou| c|e º| occup+uo de||e po||||c|e ºoc|+||. cu||u|+|| ed ecouor|c|e. core ºo·
c|o|oç|. d|||çeu|| d| +ººoc|+/|ou| u+/|ou+|| e ºo.|+u+/|ou+|| o d| o|ç+u|//+/|ou| pe| |+ |+pp|eºeu|+u/+ d| |u|e|eºº|
co||e|||.| (p+|||||. º|ud+c+||. ç|upp| pe| |+ |u|e|+ de| couºur+|o|| ecc). red|+|o|| cu||u|+||. eºpe||| |u ||ce|c|e d| re|·
c+|o e +dde||| + ºe|.|/| º|ud| e ||ce|c|e,
• ue||e +rr|u|º||+/|ou| pu||||c|e e ue||’|rp|eud||o||+ p||.+|+. core ºoc|o|oç| e core ºpec|+||º|| d| o|ç+u|//+/|o·
ue de| |+.o|o. d| çeº||oue de| pe|ºou+|e e d| çeº||oue +/|eud+|e.
|e| ç|| º|udeu|| c|e op|+uo pe| |+ c|+ººe de||e |+u|ee |u 'e|.|/|o 'oc|+|e · pu| ºeu/+ +|cuu+ p|ec|uº|oue pe| ç|| º|oc·
c|| ºop|+ e|euc+|| · || co|ºo e o||eu|+|o .e|ºo |+ p|ep+|+/|oue d| uu p|o|||o p|o|eºº|ou+|e +||+reu|e qu+||||c+|o. co|·
||ºpoudeu|e +||+ ||çu|+ de||o “ºpec|+||º|+ de| ºe|.|/| ºoc|+||”. A |+|e p|opoº||o .+ ºo||o||ue+|o c|e || |||o|o couºeçu||o
cou |+ |+u|e+ |u 'e|.|/|o ºoc|+|e coº|||u|ºce || |equ|º||o ueceºº+||o pe| |’+cceººo +||’eº+re d| º|+|o c|e +|||||+ +||’eºe|·
c|/|o de||+ p|o|eºº|oue d| +ºº|º|eu|e ºoc|+|e p|eººo +rr|u|º||+/|ou| pu||||c|e (Coruu|. A/|eude º+u||+||e. \|u|º|e·
|o d| C|+/|+ e C|uº||/|+). º||u||u|e p||.+|e c|e º| occup+uo d| ºe|.|/| ºoc|+|| d| ºe|.|/| +||+ pe|ºou+ e/o o|ç+u|//+/|ou|
de| |e|/o ºe||o|e (+ººoc|+/|ou| e coope|+||.e). || |||o|o pe|re||e. |uo|||e. d| ope|+|e core p|oro|o|e e coo|d|u+|o|e
ue||’+r|||o de||e po||||c|e d| We||+|e e +p|e +||’+|||.||+ d| |||e|o p|o|eºº|ou|º|+ |u qu+|||+ d| ºpec|+||º|+.
de||+ p|oç|+rr+/|oue. o|ç+u|//+/|oue e çeº||oue de| ºe|.|/| ºoc|+||,
de||+ p|oç|+rr+/|oue e çeº||oue de||e po||||c|e d| |u|eç|+/|oue ºoc|+|e ||.o||e |u p+|||co|+|e + ºoççe||| r|ç|+u||. |u
uu+ p|oºpe|||.+ d| |e|+/|ou| ºoc|+|| |u|e|cu||u|+|| e ru|||e|u|c|e.
LACERTIFICAZIONEDIQUALITÀ
|| co|ºo d| |+u|e+ |+ +..|+|o || rou||o|+çç|o e |+ .+|u|+/|oue de| ºe|.|/| o||e||| +ç|| º|udeu||. couºeçueudo · p||ro co|·
ºo d| |+u|e+ d| 'oc|o|oç|+ |u ||+||+ · |+ ce|||||c+/|oue d| qu+|||+ |u |+ºe +||+ uo|r+ u|| E| |'0 900¹.00.
LASTRUTTURADIDATTICADELCORSO
|| pe|co|ºo d| º|ud|o e c+|+||e||//+|o d+ uu+ p||r+ +|e+ |o|r+||.+ coruue e |u|e|d|ºc|p||u+|e .o||+ +d +ºº|cu|+|e
uu’|doue+ p|ep+|+/|oue d| |+ºe ||çu+|d+u|e |e d|ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e. pº|co|oç|c|e. º|+||º||c|e. ç|u||d|c|e. po|||o·
|oç|c|e. |||oºo||c|e e +u||opo|oç|c|e. C|| º|udeu|| po||+uuo po| +d+||+|e |’o||e||+ |o|r+||.+ +| p|op|| |u|e|eºº|. ºce·
ç||eudo ||+ ||e d|||e|eu|| cu|||cu|+.
A||’+||o de||’|rr+|||co|+/|oue oçu| º|udeu|e de.e d|c||+|+|e qu+|e |+u|e+ |u|eude couºeçu||e +||+ ||ue de| |||euu|o.
ed eu||o || !0 uo.er||e de| ºecoudo +uuo d’|ºc||/|oue de.e corp||+|e e couºeçu+|e || p|+uo d| º|ud| |ud|.|du+·
|e. eºe|c||+udo |e op/|ou| couºeu|||e ue||’+r|||o de||’o||e||+ |o|r+||.+ ed |ud|c+udo core |u|eude +cqu|º||e | c|e·
d||| |+ºc|+|| +||+ ºu+ |||e|+ ºce||+. |+ ºce||+ de||+ |+u|e+ d+ couºeçu||e. coº| core || p|+uo d| º|ud| |ud|.|du+|e. poººo·
uo eººe|e rod|||c+||. ||uo +| roreu|o de||+ |ºc||/|oue +| |e|/o +uuo d| co|ºo. || p|+uo d| º|ud| |ud|.|du+|e e +pp|o·
.+|o d+| Couº|ç||o d| co|ºo.
ICURRICULAEDILILOROOBIETTIVI
| pe|co|º| |o|r+||.| c|e poººouo eººe|e ºce||| d+ç|| º|udeu|| ºouo due pe| |+ |+u|e+ |u 'oc|o|oç|+ (|·|0).
1.curriculumantropologico-culturale;
2.curriculumsocio-territoriale;
ed uuo pe| que||+ |u 'e|.|/|o ºoc|+|e(|·!9).
3.curriculumserviziosociale
32
vademecum 2009/10
33
parte generale
1.CURRICULUMANTROPOLOGICO-CULTURALE
|| pe|co|ºo |+ core o||e|||.o |o º|ud|o de||e cu||u|e ue||e |o|o d|.e|ºe corpoueu|| (+u||opo|oç|c|e. |e||ç|oºe. º|o·
||co·ç|u||d|c|e. ecc.). c|e .euçouo +u+||//+|e +||+ |uce de||e |e|+/|ou| ||+ º|º|er| º|r|o||c| e p|+||c|e ºoc|+||. |’|u|eu·
|o e d| |o|u||e º||ureu|| d| couoºceu/+ e d| |u|e|p|e|+/|oue ºoc|o|oç|c| e +u||opo|oç|c| |e|+||.| +| cou|eº|o po||||co.
cu||u|+|e e |e||ç|oºo cou|erpo|+ueo.
|| pe|co|ºo e qu|ud| o||eu|+|o + |o|r+|e. +) ºoççe||| c+p+c| d| º.o|çe|e +|||.||+ d| º|ud|o e ||ce|c+ ºoc|o·cu||u|+|e, |)
||çu|e p|o|eºº|ou+|| c|e +ud|+uuo +d ope|+|e ue||e |º|||u/|ou| pu||||c|e e p||.+|e |u|e|.eueudo ue| ºoc|+|e, c) eºpe|·
|| cou corpe|eu/e ºpec|||c|e ue||o º.o|ç|reu|o d| |uu/|ou| couueººe +||e po||||c|e d| |uc|uº|oue ºoc|+|e ||.o||e |u
p+|||co|+|e +| ºoççe||| r|ç|+u|| (º| peuº| +| “red|+|o|| |u|e|cu||u|+||” o +ç|| “+çeu|| d| cou||ue”) |u uu+ p|oºpe|||.+ d|
|e|+/|ou| ºoc|+|| |u|e|cu||u|+|| e ru|||e|u|c|e.
2.CURRICULUMSOCIO-TERRITORIALE
|| pe|co|ºo o|||e uu+ p|ep+|+/|oue |eo||c+ e re|odo|oç|c+ peuº+|+ pe| +ººo|.e|e + corp||| d| +u+||º| e d| |u|e|.eu·
|o + ||.e||o |e||||o||+|e. cou p+|||co|+|e |||e||reu|o +| cou|eº|| po||||co·|º|||u/|ou+||. u||+u|. ecouor|c| e de| |+.o|o.
|’o||e|||.o e d| |o|u||e couoºceu/e d| |+ºe |ud|ºpeuº+|||| pe| |o º|ud|o de||e po||||c|e |oc+||. || |u||o cou +||eu/|oue
+ç|| +ºpe||| |e|+||.| +| deceu||+reu|o +rr|u|º||+||.o. +||e uuo.e |uu/|ou| de||e +rr|u|º||+/|ou| |oc+||. +| uuo.| |+p·
po||| c|e º| ºouo |uº|+u|+|| º|+ cou |e ºoc|e|+ |oc+|| c|e cou |’uu|oue Eu|ope+.
|| pe|co|ºo º| p|opoue d| |o|r+|e ||çu|e p|o|eºº|ou+|| |u ç|+do d| |e+||//+|e +|||.||+ d| |ud+ç|ue. d| p|oçe||+/|oue e
d| .+|u|+/|oue de||e po||||c|e |e||||o||+|| o||eu|+|e +||o º.||uppo ºoc|o·ecouor|co de||e c|||+ e de||e coruu||+ |oc+||
e qu|ud| +uc|e ope|+|o|| de||o º.||uppo. eºpe||| de| re|c+|o de| |+.o|o. de||e o|ç+u|//+/|ou| ecouor|c|e e d| ço·
.e|uo de| |e||||o||o.
3.CURRICULUMSERVIZIOSOCIALE
|| pe|co|ºo r||+ +||+ |o|r+/|oue d| ||çu|e p|o|eºº|ou+|| |u ç|+do d| ope|+|e ue| º|º|er| |e||||o||+|| d| We||+|e. |e| que·
º|o |o|u|ºce corpe|eu/e ºpec|||c|e .o||e +. p|oruo.e|e || |eueººe|e de| c|||+d|u|, p|e.eu||e e ||ºo|.e|e º||u+/|ou|
d| d|º+ç|o c|e ||çu+|d+uo | º|uço||. |e |+r|ç||e. | ç|upp| e |+ coruu||+, co||+|o|+|e +||+ p|oç|+rr+/|oue. +||+ o|ç+·
u|//+/|oue e +||+ çeº||oue de| ºe|.|/| ºoc|+||, .+|o||//+|e |e ||ºo|ºe p|o.eu|eu|| d+| .o|ou|+||+|o e d+||e o|ç+u|//+/|o·
u| de| p||.+|o·ºoc|+|e, corp|e|e ||ce|c|e e +u+||º| ºu| ||ºoçu| pe|ºou+||. |u +r|||o ºoc|o·|e||||o||+|e. e +d e||e||u+|e
|ud+ç|u| d| .+|u|+/|oue ºu||e |e|+||.e po||||c|e.
C|| º|udeu|| c|e op|+uo pe| |+ |+u|e+ ue||+ c|+ººe |u 'e|.|/|o 'oc|+|e (|·!9) poººouo +ccede|e +||’eº+re d| º|+|o c|e
+|||||+ +||’|ºc||/|oue +||’A||o p|o|eºº|ou+|e deç|| +ºº|º|eu|| ºoc|+|| e +||’eºe|c|/|o de||+ p|o|eºº|oue ue||e +rr|u|º||+/|o·
u| pu||||c|e. ue||e º||u||u|e p||.+|e e ue||e o|ç+u|//+/|ou| de| |e|/o ºe||o|e. |e| ç|| º|eºº| .| e +d oçu| rodo |+ poº·
º||||||+ d| ope|+|e ue| ºe||o|e de| We||+|e +uc|e |u qu+|||+ d| |||e|| p|o|eºº|ou|º||.
LADIDATTICA“ON-LINE”
0|||e +||e |e/|ou|. +| ºer|u+||. e +||e cou|e|eu/e + cu| ç|| º|udeu|| poººouo p+||ec|p+|e p|eººo |+ ºede d| u|||uo. |’o|·
|e||+ d|d+|||c+ corp|eude +uc|e uu pe|co|ºo “ou·||ue”. c|e º||u||+ |e uuo.e |ecuo|oç|e de||’|u|o|r+/|oue pe| +ºº|·
cu|+|e uu+ |o|r+/|oue d| qu+|||+ pe| qu+u|| uou poººouo ºeçu||e d| pe|ºou+. 0ueº|+ rod+|||+ d| ||equeu/+ + d|·
º|+u/+ p|e.ede |uºeçu+reu|| c|e poººouo eººe|e ºeçu||| ou·||ue e co|º| c|e. +d |u|eç|+/|oue de| p|ecedeu||. poº·
ºouo eººe|e ºeçu||| du|+u|e || co|ºo eº||.o. |’o||e||+ |o|r+||.+ + d|º|+u/+ pe| |’+uuo +cc+der|co z003/z009 ||çu+|·
d+ eºc|uº|.+reu|e |+ |+u|e+ |u 'oc|o|oç|+·Cu|||cu|ur 'oc|o·|e||||o||+|e.
L’ORGANIZZAZIONEDELLADIDATTICA
|+ d|d+|||c+ de| Co|ºo d| |+u|e+ d| 'oc|o|oç|+ ou||ue u+ºce d+||’eºpe||eu/+ e deç|| º|ud| ºu||’e·|e+|u|uç e||e||u+|| d+|·
|’|º|||u|o d| 'oc|o|oç|+ e d+| Ceu||o '|ud| d’A|eueo ºu||’E·|e+|u|uç (C.k|.'.E·|.). C|| º|udeu|| º| +..+|çouo d| uu ro·
de|uo º|º|er+ d| d|d+|||c+ + d|º|+u/+ e uu |u|o| c|e || ºeçue du|+u|e |u||e |e +|||.||+ d|d+|||c|e ou||ue. |e rod+|||+
d| ||u|/|oue de||+ d|d+|||c+ ºouo coº| +|||co|+|e.
Frequenzaonline
uu+ ºe||e d| c|+| (de||+ du|+|+ d| z o|e c|+ºcuu+) pe| c|+ºcuu rodu|o d|d+|||co. + ||equeu/+ o||||ç+|o||+ e d|peu·
deu|e d+| uure|o d| c|ed||| de| co|ºo,
FrequenzaaiForumdidiscussioneonlinestudenti-docenti
uu |o|ur ºpec|||co + oçu| co|ºo + cu| p+||ec|p+uo º|+ | doceu|| c|e | |u|o|. +| ||ue d| couºeu|||e +ç|| º|udeu|| e.eu·
|u+|| u||e||o|| c||+||reu|| ºuç|| +|çoreu|| d|ºcuºº| du|+u|e |e c|+|.
SitoWeb
uu º||o We| c|e |+ |+ |uu/|oue d| +|c||.|o d| r+|e||+|| d|d+|||c| e d| |o||e|||uo d| +çç|o|u+reu||. || º||o e +cceºº||||e +
|u||| pe| |+ couºu||+/|oue de||e |u|o|r+/|ou| çeue|+|| |e|+||.e +| rodu||, pe| +ccede|e |u.ece +| r+|e||+|| ºpec|||c| de|
co|º| ou||ue ºouo ueceºº+|| uºe|u+re e p+ººWo|d c|e .euçouo +|||||u||| +| roreu|o de||’|ºc||/|oue,
Materialidistudio
|e| oçu| |e/|oue. ºouo reºº| + d|ºpoº|/|oue de| r+|e||+|| c|e ç|| º|udeu|| poººouo ºc+||c+|e. +ºco||+|e e/o |eççe|e.
+|||.+udo coº| p|ep+|+|| +||+ c|+| · o ç|| |ucou||| .|||u+|| · do.e d|ºcu|ouo cou | doceu||.
Esami
C|| eº+r| |+uuo |uoço ºecoudo |e rod+|||+ ||+d|/|ou+|| e .e||ouo ºu| |eº|| d’eº+re e ºu| r+|e||+|| |o|u||| du|+u|e || co|ºo.
Corsiestivi
|e| +|cuu| |uºeçu+reu|| |+ ||equeu/+ e p|e.|º|+ du|+u|e | co|º| |u|euº|.| eº||.| c|e º| |euçouo + u|||uo. ºo|||+reu|e
du|+u|e || reºe d| +çoº|o. e ºouo de||+ du|+|+ d| uu+ ºe|||r+u+ c|+ºcuuo.
Supportotecnico
C|| º|udeu|| |+uuo + d|ºpoº|/|oue uu ºuppo||o pe|r+ueu|e pe| qu+|º|+º| p|o||er+ |ecu|co |e|+||.o +| ºo||W+|e d|
coruu|c+/|oue.
Costi
|| coº|o pe| |+ ||equeu/+ +||+ rod+|||+ ou||ue de| co|ºo d| |+u|e+ |u 'oc|o|oç|+. corp|euº|.+ de| |u|o||uç |ud|.|du+·
|e. e d| 300 Eu|o. +çç|uu||.| +| uo|r+|| coº|| d| |ºc||/|oue.
Informazioni
Direzione Progetto Coordinamento
||o|. \u|| K+/epo. |o||. C|o.+uu| Io|||º|
,u||.|+/epo.©uu|u||.|| ç|o.+uu|.|o|||º|©uu|u||.||
Ie|.. -!9 01zz !031!9 Ie|.. -!9 01zz !031!9
ILPERCORSOFORMATIVOINMODALITÀATEMPOPARZIALE
|| co|ºo d| |+u|e+ |u 'oc|o|oç|+ e 'e|.|/|o ºoc|+|e p|e.ede |+ poºº||||||+ d| |ºc||/|oue |u “rod+|||+ + |erpo p+|/|+|e”.
|o º|udeu|e puo pe||+u|o. pe| ro||.| d| |+.o|o o d| +|||+ u+|u|+. corp|e|e || p|op||o pe|co|ºo d| º|ud| |u uu |erpo
p|u |uuço (c|uque +uu|) ||ºpe||o + que||o ||ºº+|o d+||’o|d|u+reu|o. ºecoudo |e rod+|||+ º|+|||||e d+| |eço|+reu|o
d|d+|||co d| A|eueo e d+| co|ºo d| |+u|e+.
34
vademecum 2009/10
35
parte generale
IPIANIDISTUDIO
|| co|ºo d| |+u|e+ |+ du|+|+ |||euu+|e ed e º||u||u|+|o |u ¹30 C|u. C|| |uºeçu+reu|| +|||.+|| |e|+||.+reu|e +| ||e pe|·
co|º| |o|r+||.| de||+ |+u|e+ |u 'oc|o|oç|+ e 'e|.|/|o 'oc|+|e ºouo e|euc+|| d| ºeçu||o.
•PERCORSOFORMATIVOPERLALAUREAINSOCIOLOGIA(L-40)
PRIMOANNO
Settore Disciplina CFU
\·|'|/03 |º|co|oç|+ ºoc|+|e e de| ç|upp| |. || (A\|) 3 - 3
\·'I0/0| '|o||+ cou|erpo|+ue+ |. || (A\|) 3 - 3
'|'/0¹ Au||opo|oç|+ po||||co·cu||u|+|e |. || (A\|) 3 - 3
'|'/01 |º|||u/|ou| d| ºoc|o|oç|+ 3
'|'/01 \e|odo|oç|+ de||e ºc|eu/e ur+ue |. || (A\|) 3 - 3
'|'/01 '|o||+ de| peuº|e|o ºoc|o|oç|co |. || (A\|) 3 - 3
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||+ coruu|c+/|oue | 3
|0IA. |+ º|ç|+ A\| |ud|c+ uu’A|e+ \odu|+|e |u|eç|+|+. c|e couº|º|e ue||’+|||+uc+reu|o d| due |uºeçu+reu|| c|e |+uuo uu ce||o
ç|+do d| corp|ereu|+||e|+ e |+ cu| .+|u|+/|oue de| p|o||||o +..|eue |u uu uu|co eº+re.
SECONDOANNO
Settore Disciplina CFU
|u'/03 ||||||o coº|||u/|ou+|e ||+||+uo ed eu|opeo |. || (A\|) 3 - 3
|u'/09 ||||||o pu||||co e de||e +u|ouor|e |oc+|| 3
|· |||/0| ||uçu+ e cu||u|+ ||+uceºe | 3
|·|||/¹z ||uçu+ e cu||u|+ |uç|eºe | 3
'EC'·'/03 '|+||º||c+ ºoc|+|e |. || (A\|) 3 - 3
'|'/0| 'c|eu/+ po||||c+ |. || (A\|) 3 - 3
'|'/01 \e|odo|oç|+ e |ecu|c|e de||+ ||ce|c+ ºoc|+|e 3
'|'/03 ||oceºº| ºoc|+|| e |euoreu| cu||u|+|| 3
'|'/09 'oc|o|oç|+ ecouor|c+ |. || (A\|) 3 - 3
TERZOANNO-CURRICULUM ANTROPOLOGICO-CULTURALE
Settore Disciplina CFU
0|/|0|E
||'C|||||E A 'CE|IA |Ek 3 C|u
'EC'·|/0¹ Ecouor|+ po||||c+ 3
'EC'·'/03 '|+||º||c+ 3
0|/|0|E
||'C|||||E A 'CE|IA |Ek ¹0 C|u
'|'/03 'oc|o|oç|+ de| ueW red|+ 3
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||e |e||ç|ou| 3
'|'/03 '|ud| cu||u|+|| e º|ud| d| çeue|e 3
'|'/¹¹ Ieo||+ po||||c+ 3
0|/|0|E
||'C|||||E A 'CE|IA |Ek ¹0 C|u
\·|||/0! |||oºo||+ de||e |e||ç|ou| | 3
\·|||/0! |||oºo||+ de||e |e||ç|ou| || 3
\·|||/0! |||oºo||+ ro|+|e |. || (A\|) 3 - 3
'|'/0z '|o||+ de||e do||||ue po||||c|e 3
'|'/01 Ieo||+ ºoc|o|oç|c+ 3
||0|E|IA’ |||/0¹ A|||||+ |u|o|r+||c|e 3
0|/|0|E
¹ ||uçu+ + ºce||+ de||o º|udeu|e
||0|E|IA’
|· |||/0| ||uçu+ e cu||u|+ ||+uceºe || 3
|·|||/01 ||uçu+ e cu||u|+ ºp+çuo|+ | 3
|·|||/¹z ||uçu+ e cu||u|+ |uç|eºe || 3
A ºce||+ de||o º|udeu|e ¹3
||o.+ ||u+|e ¹0
TERZOANNO-CURRICULUM SOCIO-TERRITORIALE
Settore Disciplina CFU
0|/|0|E
||'C|||||E A 'CE|IA |Ek 3 C|u
'EC'·|/0¹ Ecouor|+ po||||c+ 3
'EC'·'/03 '|+||º||c+ 3
0|/|0|E
||'C|||||E A 'CE|IA |Ek ¹0 C|u
'|'/01 |u|o|r+||c+ pe| |e ºc|eu/e ºoc|+|| 3
'|'/01 |o||||c|e ºoc|+|| e de||+ |o|r+/|oue 3
'|'/09 'oc|o|oç|+ de| |+.o|o 3
'|'/¹0 'oc|o|oç|+ de||’+r||eu|e 3
'|'/¹0 'oc|o|oç|+ u||+u+ 3
0|/|0|E
||'C|||||E A 'CE|IA |Ek ¹0 C|u
|u'/01 ||||||o de| |+.o|o e de||+ p|e.|deu/+ ºoc|+|e 3
'EC'·|/¹z '|o||+ de| ro.|reu|o coope|+||.o d| c|ed||o 3
'|'/09 'oc|o|oç|+ de||’o|ç+u|//+/|oue 3
'|'/¹¹ 'oc|o|oç|+ po||||c+ |. || (A\|) 3 - 3
'|'/¹z 'oc|o|oç|+ de| d|||||o |. || (A\|) 3 - 3
||0|E|IA’ |||/0¹ A|||||+ |u|o|r+||c|e 3
0|/|0|E
¹ ||uçu+ + ºce||+ de||o º|udeu|e ||0|E|IA’
|· |||/0| ||uçu+ e cu||u|+ ||+uceºe || 3
|·|||/01 ||uçu+ e cu||u|+ ºp+çuo|+ | 3
|·|||/¹z ||uçu+ e cu||u|+ |uç|eºe || 3
A ºce||+ de||o º|udeu|e ¹3
||o.+ ||u+|e ¹0
•PERCORSOFORMATIVOPERLALAUREAINSERVIZIOSOCIALE(L-39)
PRIMOANNO
Settore Disciplina CFU
\·|'|/03 |º|co|oç|+ ºoc|+|e e de| ç|upp| |. || (A\|) 3 - 3
\E|/|z |ç|eue çeue|+|e e +pp||c+|+ |. || (A\|) 3 - 3
'|'/0¹ Au||opo|oç|+ po||||co·cu||u|+|e |. || (A\|) 3 - 3
'|'/01 |º|||u/|ou| d| ºoc|o|oç|+ 3
'|'/01 \e|odo|oç|+ de||e ºc|eu/e ur+ue |. || (A\|) 3 - 3
36
vademecum 2009/10
37
parte generale
'|'/01 \e|od| e |ecu|c|e de| ºe|.|/|o ºoc|+|e | 3
'|'/01 |||uc|p| e |oud+reu|| de| ºe|.|/|o ºoc|+|e 3
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||+ coruu|c+/|oue | 3
|0IA. |+ º|ç|+ A\| |ud|c+ uu’A|e+ \odu|+|e |u|eç|+|+. c|e couº|º|e ue||’+|||+uc+reu|o d| due |uºeçu+reu|| c|e |+uuo uu ce||o
ç|+do d| corp|ereu|+||e|+ e |+ cu| .+|u|+/|oue de| p|o||||o +..|eue |u uu uu|co eº+re.
SECONDOANNO
Settore Disciplina CFU
|u'/01 ||||||o de| |+.o|o e de||+ p|e.|deu/+ ºoc|+|e 3
|u'/03 ||||||o coº|||u/|ou+|e ||+||+uo ed eu|opeo |. || (A\|) 3 - 3
|u'/09 ||||||o pu||||co e de||e +u|ouor|e |oc+|| 3
|· |||/0| ||uçu+ e cu||u|+ ||+uceºe | 3
|·|||/¹z ||uçu+ e cu||u|+ |uç|eºe | 3
\·|'|/01 |º|co|oç|+ d|u+r|c+ |. || (A\|) 3 - 3
\·|'|/03 |º|co|oç|+ c||u|c+ 3
'EC'·|/0! Ecouor|+ º+u||+||+ 3
'EC'·'/03 '|+||º||c+ ºoc|+|e | 3
'|'/01 \e|odo|oç|+ e |ecu|c|e de||+ ||ce|c+ ºoc|+|e 3
'|'/09 0|ç+u|//+/|oue de| ºe|.|/| ºoc|+|| 3
TERZOANNO-CURRICULUM SERVIZIO SOCIALE
Settore Disciplina CFU
0|/|0|E
||'C|||||E A 'CE|IA |Ek ¹0 C|u
\·|||/0! |||oºo||+ de||e |e||ç|ou| | 3
'|'/01 \e|od| e |ecu|c|e de| ºe|.|/|o ºoc|+|e || 3
'|'/01 |o||||c|e ºoc|+|| 3
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||+ |+r|ç||+ 3
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||’educ+/|oue 3
'|'/¹0 'oc|o|oç|+ u||+u+ 3
'|'/¹z 'oc|o|oç|+ de| d|||||o | 3
'|'/¹z 'oc|o|oç|+ de||+ de.|+u/+ 3
||0|E|IA’ |||/0¹ A|||||+ |u|o|r+||c|e 3
A ºce||+ de||o º|udeu|e ¹3
I||oc|u|o z0
||o.+ ||u+|e ¹0
| c|ed||| |o|r+||.| ||ºe|.+|| +||+ |||e|+ ºce||+ de||o º|udeu|e poººouo eººe|e +cqu|º||| +uc|e p+||ec|p+udo +| “ºer|u+·
|| |u|e|co|ºo” e.eu|u+|reu|e p|ed|ºpoº|| ue||’+r|||o de||’o||e||+ |o|r+||.+ de| co|ºo d| |+u|e+ |u 'oc|o|oç|+ e 'e|.|·
/|o 'oc|+|e. | ºer|u+|| |u|e|co|ºo ºouo +|||.||+ |o|r+||.e |u|eç|+||.e ||ºpe||o +ç|| |uºeçu+reu|| u|||c|+||. || ||ºpe||o de·
ç|| o||||ç|| d| ||equeu/+ p|e.|º|| e || ºupe|+reu|o de||e |e|+||.e .e||||c|e d| p|o||||o couºeu|e |’+cc|ed||+reu|o d| 3
c|u pe| oçu| ºer|u+||o ||equeu|+|o d+||o º|udeu|e. Auc|e pe| queº|| ºer|u+|| |’|rpeçuo o|+||o corp|eºº|.o ||ºe|·
.+|o +||o º|ud|o pe|ºou+|e o +d +|||e +|||.||+ |o|r+||.e d| ||po |ud|.|du+|e e de| 10°.
PERCORSOONLINE
|| Co|ºo d| |+u|e+ o|||e |+ poºº||||||+ d| uu+ rod+|||+ d| ||equeu/+ + d|º|+u/+ |+ cu| d|ºc|p||u+. º|+ pe| ç|| +ºpe||| d|·
d+|||c| c|e pe| que||| o|ç+u|//+||.| e ||u+u/|+||. e de||u||+ |u +ppoº||o keço|+reu|o.
C|| eº+r| pe| |+ .+|u|+/|oue de| p|o||||o º| poººouo º.o|çe|e +uc|e |u .|deocou|e|eu/+. ºecoudo |+ d|ºc|p||u+ cou·
|euu|+ ue| keço|+reu|o ||d+|||co d’A|eueo.
|’+ppoº||o keço|+reu|o pe| |+ rod+|||+ d| ||equeu/+ + d|º|+u/+ puo ||r||+|e |e p|o.e d’eº+re |u .|deocou|e|eu·
/+ +| ºo|| º|udeu|| |eº|deu|| +||’eº|e|o.
0ueº|+ rod+|||+ d|d+|||c+ p|e.ede |uºeçu+reu|| c|e poººouo eººe|e ºeçu||| ou·||ue e co|º| c|e. +d |u|eç|+/|oue de|
p|ecedeu||. poººouo eººe|e ºeçu||| du|+u|e || co|ºo eº||.o core de||u||o +uuu+|reu|e ue| r+u||eº|o deç|| º|ud|.
|’o||e||+ |o|r+||.+ + d|º|+u/+ e |+ ºeçueu|e.
•PERCORSOFORMATIVOPERLALAUREAINSERVIZIOSOCIALE(L-39)
PRIMOANNO
Attività formativa Ambiti disciplinari Settore Disciplina CFU
|| |+ºe ||ºc|p||ue pº|co|oç|c|e \·|'|/03 |º|co|oç|+ ºoc|+|e e de| ç|upp| |. || (A\|) 3 - 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue red|c|e \E|/|z |ç|eue çeue|+|e e +pp||c+|+ |. || (A\|) 3 - 3
|| |+ºe
||ºc|p||ue '|o||co · +u||opo|oç|c|e/
|||oºo||co · ped+çoç|c|e
'|'/0¹ Au||opo|oç|+ po||||co·cu||u|+|e |. || (A\|) 3 - 3
|| |+ºe ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/01 |º|||u/|ou| d| ºoc|o|oç|+ 3
|| |+ºe ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/01 \e|odo|oç|+ de||e ºc|eu/e ur+ue |. || (A\|) 3 - 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue de| ºe|.|/|o ºoc|+|e '|'/01 \e|od| e |ecu|c|e de| ºe|.|/|o ºoc|+|e | 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue de| ºe|.|/|o ºoc|+|e '|'/01 |||uc|p| e |oud+reu|| de| ºe|.|/|o ºoc|+|e 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/03 'oc|o|oç|+ de||+ coruu|c+/|oue | 3
SECONDOANNO
Attività formativa Ambiti disciplinari Settore Disciplina CFU
A|||u| o |u|eç|+||.e |u'/01
||||||o de| |+.o|o e de||+ p|e.|deu/+
ºoc|+|e
3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ç|u||d|c|e |u'/03
||||||o coº|||u/|ou+|e ||+||+uo ed eu|opeo
|. || (A\|)
3 - 3
|| |+ºe ||ºc|p||ue ç|u||d|c|e |u'/09 ||||||o pu||||co e de||e +u|ouor|e |oc+|| 3
A|||o
0|/|0|E¹ ||uçu+ + ºce||+ de||o º|udeu|e
||0|E|IA’
|· |||/0| ||uçu+ e cu||u|+ ||+uceºe | 3
|·|||/¹z ||uçu+ e cu||u|+ |uç|eºe | 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue pº|co|oç|c|e \·|'|/01 |º|co|oç|+ d|u+r|c+ |. || (A\|) 3 - 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue pº|co|oç|c|e \·|'|/03 |º|co|oç|+ c||u|c+ 3
A|||u| o |u|eç|+||.e 'EC'·|/0! Ecouor|+ º+u||+||+ 3
|| |+ºe ||ºc|p||ue po||||co· ecouor|c|e·º|+||º||c|e 'EC'·'/03 '|+||º||c+ ºoc|+|e | 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue de| ºe|.|/|o ºoc|+|e '|'/01 \e|odo|oç|+ e |ecu|c|e de||+ ||ce|c+ ºoc|+|e 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/09 0|ç+u|//+/|oue de| ºe|.|/| ºoc|+|| 3
38
vademecum 2009/10
39
parte generale
TERZOANNO-CURRICULUM SERVIZIO SOCIALE
Attività formativa Ambiti disciplinari Settore Disciplina CFU
A|||u| o |u|eç|+||.e
0|/|0|E
||'C|||||E A 'CE|IA
|Ek ¹0 C|u
\·|||/0! |||oºo||+ de||e |e||ç|ou| | 3
'|'/01 \e|od| e |ecu|c|e de| ºe|.|/|o ºoc|+|e || 3
'|'/01 |o||||c|e ºoc|+|| 3
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||+ |+r|ç||+ 3
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||’educ+/|oue 3
'|'/¹0 'oc|o|oç|+ u||+u+ 3
'|'/¹z 'oc|o|oç|+ de| d|||||o | 3
'|'/¹z 'oc|o|oç|+ de||+ de.|+u/+ 3
A|||o |\ z10/0|, +|| ¹0 ¡3 ||0|E|IA’ |||/0¹ A|||||+ |u|o|r+||c|e 3
A|||o |\ z10/0|, +|| ¹0 ¡3 A ºce||+ de||o º|udeu|e ¹3
A|||o |\ z10/0|, +|| ¹0 ¡3 I||oc|u|o z0
A|||o |\ z10/0|, +|| ¹0 ¡3 ||o.+ ||u+|e ¹0
•PERCORSOFORMATIVOPERLALAUREAINSOCIOLOGIA(L-40)
PRIMOANNO
Attività formativa Ambiti disciplinari Settore Disciplina CFU
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue +u||opo|oç|c|e \·|'|/03 |º|co|oç|+ ºoc|+|e e de| ç|upp| |. || (A\|) 3 - 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue +u||opo|oç|c|e \·'I0/0| '|o||+ cou|erpo|+ue+ |. || (A\|) 3 - 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ç|u||d|co · po|||o|oç|c|e '|'/0¹ Au||opo|oç|+ po||||co·cu||u|+|e |. || (A\|) 3 - 3
|| |+ºe ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/01 '|o||+ de| peuº|e|o ºoc|o|oç|co |. || (A\|) 3 - 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/03 'oc|o|oç|+ de||+ coruu|c+/|oue 3
|| |+ºe ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/01 |º|||u/|ou| d| ºoc|o|oç|+ 3
|| |+ºe ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/01 \e|odo|oç|+ de||e ºc|eu/e ur+ue |. || (A\|) 3 - 3
SECONDOANNO
Attività formativa Ambiti disciplinari Settore Disciplina CFU
A|||u| o |u|eç|+||.e |u'/03
||||||o coº|||u/|ou+|e ||+||+uo ed eu|opeo
|. || (A\|)
3 - 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ç|u||d|co·po|||o|oç|c|e |u'/09 ||||||o pu||||co e de||e +u|ouor|e |oc+|| 3
A|||o |\ z10/0|,
+|| ¹0 ¡3
|·|||/¹z ||uçu+ e cu||u|+ |uç|eºe | 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ç|u||d|co·po|||o|oç|c|e '|'/0| 'c|eu/+ po||||c+ |. || (A\|) 3 - 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/01 \e|odo|oç|+ e |ecu|c|e de||+ ||ce|c+ ºoc|+|e 3
|| |+ºe ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/09 'oc|o|oç|+ ecouor|c+ |. || (A\|) 3 - 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ecouor|c|e 'EC'·'/03 '|+||º||c+ ºoc|+|e |. || (A\|) 3 - 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/03 ||oceºº| ºoc|+|| e |euoreu| cu||u|+|| 3
TERZOANNO-CURRICULUM SOCIO-TERRITORIALE
Attività formativa Ambiti disciplinari Settore Disciplina CFU
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/09 'oc|o|oç|+ de| |+.o|o 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e '|'/¹0 'oc|o|oç|+ u||+u+ 3
C+|+||e||//+u|| ||ºc|p||ue ecouor|c|e 'EC'·'/03 '|+||º||c+ 3
A|||o |\ z10/0|,
+|| ¹0 ¡3
|·|||/¹z ||uçu+ e cu||u|+ |uç|eºe ||· 3
A|||u| o |u|eç|+||.e '|'/¹z 'oc|o|oç|+ de| d|||||o |. || (A\|) 3 - 3
A|||o |\ z10/0|,
+|| ¹0 ¡3
|doue||+ |||/0¹ A|||||+ |u|o|r+||c|e 3
A ºce||+ de||o º|udeu|e ¹3
||o.+ ||u+|e ¹0
|e| || corp|e|+reu|o de| pe|co|ºo cu|||cu|+|e |o º|udeu|e de.e ºceç||e|e ¹3c|u ||+ +|||.||+ d|d+|||c|e o||e||e ue| pe|·
co|º| |||euu+|| ue||+ |+co||+ o ue||’+|eueo c|e poººouo eººe|e p|eºce||| |u p|eu+ |||e||+.
|| co|ºo d| |+u|e+ o|||e coruuque |+ poºº||||||+ d| ºeçu||e u||e||o|| ¹3 c|u |u rod+|||+ ou||ue u||||//+|||| pe| ç|| |uºe·
çu+reu|| + ºce||+ de||o º|udeu|e core de||u||o +uuu+|reu|e ue| r+u||eº|o deç|| º|ud|.
TIROCINIESTAGES
|e| |o º.o|ç|reu|o de| |||oc|u|o o||||ç+|o||o p|e.|º|o d+| pe|co|ºo |u 'e|.|/|o ºoc|+|e. ç|| º|udeu|| de||ouo couco|·
d+|e cou || ||eº|deu|e de| Co|ºo d| |+u|e+ (o uu ºuo de|eç+|o) |e rod+|||+ d| º.o|ç|reu|o. º||u||u|+ oºp||+u|e. |er·
p|. |u|o| +cc+der|co e |u|o| de||+ º||u||u|+ oºp||+u|e. |e| |+ º||pu|+ de||e ueceºº+||e cou.eu/|ou| º+|+uuo +ºº|º||·
|| d+| ke|e|eu|e |||oc|u|.
| c|ed||| |o|r+||.| ||ºe|.+|| +| |||oc|u|o. º| +cqu|º|ºcouo p+||ec|p+udo +||e +|||.||+ |o|r+||.e p|ep+|+|o||e pe| uu |o|+|e
d| ! C|u. e pe| | |eº|+u|| ¹1 C|u e||e||u+udo uu |||oc|u|o çu|d+|o ºu||+ |+ºe d| uu p|oçe||o |o|r+||.o c|e oçu| º|u·
deu|e de.e couco|d+|e cou || |u|o| +cc+der|co. |o º.o|ç|reu|o de| |||oc|u|o e d|ºc|p||u+|o d+ uu+ ºpec|||c+ |eço|+·
reu|+/|oue. couco|d+|+ cou |’0|d|ue p|o|eºº|ou+|e. + cu| ç|| º|udeu|| º| de||ouo +||eue|e.
REFERENTITIROCINI:
|eou+|do |+ C+p||+. e·r+||. |eou+|do.|+c+p||+©uu|u||.||,
C|uºeppe Be||uº||. e·r+||. ç|uºeppe|e||uº||©.||ç|||o.||.
40
vademecum 2009/10
41
parte generale
CORSI DI LAUREA DI PRIMO LIVELLO AD ESAURIMENTO
COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA
C|+ººe ¹| · 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue
(|+u|e+ +d eº+u||reu|o · +|||.o ºo|o ||| +uuo)
AMMISSIONEALCORSO
|e| |’+.+. z009·z0¹0 e poºº||||e |ºc||.e|º| ºo|o +| |e|/o +uuo d| co|ºo.
|e| u||e||o|| |u|o|r+/|ou| ºu||’o|d|u+reu|o d| d|d+|||co. ºu| cu|||cu|+. ºuç|| º|occ|| p|o|eºº|ou+||. | |||oc|u| e +|||e +|||.||+ de|
co|ºo. e poºº||||e couºu||+|e || .+derecur de||’+uuo +cc+der|co z001·03 ºc+||c+|||e p|eººo || º||o |||p.//WWW.uu|u||.||
PIANODISTUDIO
IIIANNO
CURRICULUM “COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA”
Moduli obbligatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 cfu
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e ||uçu+çç| de||+ pu||||c||+ ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e ||uçu+çç| de||+ pu||||c||+ z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| coº||u/|oue de| reºº+çç|o pu||||c||+||o ¹. z . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ deç|| oççe||| d| couºuro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|u'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o +rr|u|º||+||.o . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
||C·|||/03 . . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| corpu|e| ç|+||c+ ¹. z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
Moduli a scelta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 cfu
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Coruu|c+/|oue d’|rp|eº+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e |ecu|c|e de||+ coruu|c+/|oue pu||||c+ ¹. z (A\|) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e |ecu|c|e de||+ p|oro/|oue |e||||o||+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de| |u||ºro ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||e e |ecu|c|e de| uuo.| red|+ ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
CURRICULUM “COMUNICAZIONE SOCIALE, D’IMPRESA E ISTITUZIONALE”
Moduli obbligatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 cfu
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e |ecu|c|e de||+ coruu|c+/|oue pu||||c+ ¹. z (A\|). !. . . . . . . . . . . . . . . . . 9
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Coruu|c+/|oue d’|rp|eº+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e ||uçu+çç| de||+ pu||||c||+ ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|u'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o +rr|u|º||+||.o . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
Moduli a scelta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 cfu
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| coº||u/|oue de| reºº+çç|o pu||||c||+||o ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ deç|| oççe||| d| couºuro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e |ecu|c|e de||+ p|oro/|oue |e||||o||+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de| |u||ºro ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||e e |ecu|c|e de| uuo.| red|+ ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
CURRICULUM “COMUNICAZIONE TECNOLOGICA PER LA SOCIETÀ DELLE RETI”
Moduli obbligatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 cfu
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||e e |ecu|c|e de| uuo.| red|+ ¹. z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| We| cou|eu| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
||C·||C/03 . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| corpu|e| ç|+||c+ ¹. z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|u'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o +rr|u|º||+||.o . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
Moduli a scelta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 cfu
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Coruu|c+/|oue d’|rp|eº+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| coº||u/|oue de| reºº+çç|o pu||||c||+||o ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e ||uçu+çç| de||+ pu||||c||+ ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ deç|| oççe||| d| couºuro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e |ecu|c|e de||+ p|oro/|oue |e||||o||+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de| |u||ºro ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e |ecu|c|e de||+ coruu|c+/|oue pu||||c+ ¹. z (A\|) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
CURRICULUM “COMUNICAZIONE TURISTICA E ORGANIZZAZIONE EVENTI”
Moduli obbligatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 cfu
'|'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de| |u||ºro ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de| |u||ºro z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e |ecu|c|e de||+ p|oro/|oue |e||||o||+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|u'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o +rr|u|º||+||.o . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ deç|| oççe||| d| couºuro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e ||uçu+çç| de||+ pu||||c||+ ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
Moduli a scelta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9 cfu
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Coruu|c+/|oue d’|rp|eº+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| coº||u/|oue de| reºº+çç|o pu||||c||+||o ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ e |ecu|c|e de||+ coruu|c+/|oue pu||||c+ ¹. z (A\|) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||e e |ecu|c|e de| uuo.| red|+ ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
C|+ººe ¹| · 'c|eu/e de||+ Coruu|c+/|oue
(|+u|e+ +d eº+u||reu|o · +|||.o ºo|o ||| +uuo)
Ammissionealcorso
|e| |’+.+. z009·z0¹0 e poºº||||e |ºc||.e|º| ºo|o +| |e|/o +uuo d| co|ºo.
|e| u||e||o|| |u|o|r+/|ou| ºu||’o|d|u+reu|o d| d|d+|||co. ºu| cu|||cu|+. ºuç|| º|occ|| p|o|eºº|ou+||. | |||oc|u| e +|||e +|·
||.||+ de| co|ºo. e poºº||||e couºu||+|e || .+derecur de||’+uuo +cc+der|co z001·03 ºc+||c+|||e p|eººo || º||o ||·
|p.//WWW.uu|u||.||
42
vademecum 2009/10
43
parte generale
PIANODISTUDIO
Formazionelinguistica
Settore . . . . . . . . . . . . . . . . Disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
|·|||/0| . . . . . . . . . . . . . . . ||uçu+ e cu||u|+ ||+uceºe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . |
Areadelleulterioriconoscenzelinguisticheedelleabilitàinformaticheerelazionali,tirocini
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| We| z.0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . |
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ de||’|u|o|r+/|oue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|+çe o +|||.||+ ºer|u+||+|| º||u||u|+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
Attivitàformative
C|ed||| + |||e|+ ºce||+ de||o º|udeu|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
|e| |+ p|o.+ ||u+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
IIIANNO
CURRICULUM “INFORMAZIONE”
C|| º|udeu|| c|e op|+uo pe| || cu|||cu|ur de.ouo +cqu|º||e. o|||e +| c|ed||| p|e.|º|| ºu||+ |+ºe de||’+||.z corr+ |. +|·
reuo u||e||o|| |3 c|u |e|+||.| +||e +|||.||+ |o|r+||.e d| ºeçu||o ||po||+|e.
|o º|udeu|e puo +u||c|p+|e +| || +uuo +|cuu| eº+r| cu|||cu|+|| + ºu+ ºce||+ ||+ que||| o||||ç+|o||.
Settore . . . . . . . . . . . . . . . . Disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de| ueW red|+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
|·AkI/03 . . . . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| p|odu/|oue +ud|o.|ºu+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de| ç|o|u+||ºro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/0| . . . . . . . . . . . . . . . . . 'c|eu/+ po||||c+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||uçu+çç| e |ecu|c|e de||+ ºc||||u|+ ç|o|u+||º||c+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|' 03 . . . . . . . . . . . . . . . . . k+d|o e |e|e.|º|oue (A\|) A\| | ! c|u A\| || ! c|u . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|·|||·|EI/¹¹ . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| ºc||||u|+ c|e+||.+ e ||uçu+çç| .|deo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·|||/0z . . . . . . . . . . . . . . . |oç|c+ e |||oºo||+ de||+ ºc|eu/+ ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
\·|EA/0¹ . . . . . . . . . . . . . . Au||opo|oç|+ cu||u|+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|e| || corp|e|+reu|o de| pe|co|ºo cu|||cu|+|e |o º|udeu|e de.e ºceç||e|e 9 c|u ||+ que||| |ud|c+|| c|e poººouo eººe·
|e p|eºce||| |u p|eu+ |||e||+ +| ºeuº| de||’A||. z corr+ ¹z.
Moduli a scelta per un totale di 18 CFU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
\·|EA/0¹ . . . . . . . . . . . . . . Au||opo|oç|+ cu||u|+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|u'/09 . . . . . . . . . . . . . . . . . |º|||u/|ou| d| d|||||o pu||||co . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|·AkI/0c . . . . . . . . . . . . . . . C|uer+ e |o|oç|+||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ poº|rode|u||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|·|||·|EI/¹z . . . . . . . . . . . . ||uçu|º||c+ ||+||+u+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·|||/0z . . . . . . . . . . . . . . . |oç|c+ e |||oºo||+ de||+ ºc|eu/+ z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|·AkI/01 . . . . . . . . . . . . . . . \uº|c+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·|||/03 . . . . . . . . . . . . . . . 'er|o||c+ z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Iecu|c|e e ||uçu+çç| pu||||c||+|| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|·AkI/03 . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||e e |ecu|c|e de| ||uçu+çç|o c|uer+|oç|+||co (A\|).
· Ieo||e e |ecu|c|e de| ||uçu+çç|o c|uer+|oç|+||co ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
· Ieo||e e |ecu|c|e de| ||uçu+çç|o c|uer+|oç|+||co z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . \e|od| e |ecu|c|e d| p|odu/|oue .|deo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||’+||e e de||+ |e||e|+|u|+ (uou +|||.+|o) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Iecu|c|e |e|+/|ou+|| e coruu|c+||.e (uou +|||.+|o) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|·|||/0| . . . . . . . . . . . . . . . ||uçu+ ||+uceºe pe| |e ºc|eu/e ºoc|+|| ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|u'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o +rr|u|º||+||.o ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|u'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o +rr|u|º||+||.o z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de| ro.|reu|| e de| p+||||| po||||c| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/0z . . . . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||e do||||ue po||||c|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||’Eu|op+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||’|uduº|||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . \e|odo|oç|+ de||e ºc|eu/e ur+ue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
CURRICULUM “SPETTACOLO”
C|| º|udeu|| c|e op|+uo pe| || cu|||cu|ur de.ouo +cqu|º||e. o|||e +| c|ed||| p|e.|º|| ºu||+ |+ºe de||’+||.z corr+ |. +|·
reuo u||e||o|| |3 c|u |e|+||.| +||e +|||.||+ |o|r+||.e d| ºeçu||o ||po||+|e.
|o º|udeu|e puo +u||c|p+|e +| || +uuo +|cuu| eº+r| cu|||cu|+|| + ºu+ ºce||+ ||+ que||| o||||ç+|o||.
Settore . . . . . . . . . . . . . . . . Disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de| ueW red|+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
|·AkI/03 . . . . . . . . . . . . . . . Ie+||o e ºpe||+co|o (A\|) A\| | ! c|u A\| || ! c|u . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|·AkI/0c . . . . . . . . . . . . . . . C|uer+ e |o|oç|+||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . \e|od| e |ecu|c|e d| p|odu/|oue .|deo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|·AkI/03 . . . . . . . . . . . . . . . 0|ç+u|//+/|oue ed ec. deç|| e.eu|| ºpe||+co|+|| (A\|) A\| | ! c|u A\| || !c|u . . . c
|·|||·|EI/¹¹ . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| ºc||||u|+ c|e+||.+ e ||uçu+çç| .|deo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|·AkI/01 . . . . . . . . . . . . . . . \uº|c+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·|||/03 . . . . . . . . . . . . . . . 'er|o||c+ z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|e| || corp|e|+reu|o de| pe|co|ºo cu|||cu|+|e |o º|udeu|e de.e ºceç||e|e 9 c|u ||+ que||| |ud|c+|| c|e poººouo eººe·
|e p|eºce||| |u p|eu+ |||e||+ +| ºeuº| de||’A||. z corr+ ¹z.
Moduli a scelta per un totale di 12 CFU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
\·|EA/0¹ . . . . . . . . . . . . . . Au||opo|oç|+ cu||u|+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|u'/09 . . . . . . . . . . . . . . . . . |º|||u/|ou| d| d|||||o pu||||co . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|u'/09 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o de||’|u|o|r+/|oue e de||+ coruu|c+/|oue ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de| ç|o|u+||ºro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'EC'·|/¹z . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ ecouor|c+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|·AkI/03 . . . . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| p|odu/|oue +ud|o.|ºu+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|u'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o +rr|u|º||+||.o ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|u'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o +rr|u|º||+||.o z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|·|||/0| . . . . . . . . . . . . . . . ||uçu+ ||+uceºe pe| |e ºc|eu/e ºoc|+|| ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|·|||·|EI/¹z . . . . . . . . . . . . ||uçu|º||c+ ||+||+u+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·|||/0z . . . . . . . . . . . . . . . |oç|c+ e |||oºo||+ de||+ ºc|eu/+ z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ poº|rode|u||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
44
vademecum 2009/10
45
parte generale
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de| ro.|reu|| e de| p+||||| po||||c| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/0z . . . . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||e do||||ue po||||c|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||’Eu|op+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||’|uduº|||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Iecu|c|e e ||uçu+çç| pu||||c||+|| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|·AkI/03 . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||e e |ecu|c|e de| ||uçu+çç|o c|uer+|oç|+||co (A\|).
· Ieo||e e |ecu|c|e de| ||uçu+çç|o c|uer+|oç|+||co ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
· Ieo||e e |ecu|c|e de| ||uçu+çç|o c|uer+|oç|+||co z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . \e|odo|oç|+ de||e ºc|eu/e ur+ue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
CURRICULUM “COMUNICAZIONE E MODA”
C|| º|udeu|| c|e op|+uo pe| || cu|||cu|ur de.ouo +cqu|º||e. o|||e +| c|ed||| p|e.|º|| ºu||+ |+ºe de||’+||.z corr+ |. +|·
reuo u||e||o|| |3 c|u |e|+||.| +||e +|||.||+ |o|r+||.e d| ºeçu||o ||po||+|e.
|o º|udeu|e puo +u||c|p+|e +| || +uuo +|cuu| eº+r| cu|||cu|+|| + ºu+ ºce||+ ||+ que||| o||||ç+|o||.
Settore . . . . . . . . . . . . . . . . Disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de| ueW red|+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
|·AkI/03 . . . . . . . . . . . . . . . 0|ç+u|//+/|oue ed ec. deç|| e.eu|| ºpe||+co|+|| (A\|) A\| | ! c|u A\| || ! c|u . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Coruu|c+/|oue e rod+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|·AkI/0c . . . . . . . . . . . . . . . C|uer+ e |o|oç|+||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·|||/03 . . . . . . . . . . . . . . . 'er|o||c+ z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ rod+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Iecu|c|e e ||uçu+çç| pu||||c||+|| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
||C·|||/03 . . . . . . . . . . . . . Ieo||e e |ecu|c|e d| e|+|o|+/|oue de||’|rr+ç|ue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|e| || corp|e|+reu|o de| pe|co|ºo cu|||cu|+|e |o º|udeu|e de.e ºceç||e|e ¹z c|u ||+ que||| |ud|c+|| (d| queº|| 9 poº·
ºouo eººe|e p|eºce||| |u p|eu+ |||e||+ +| ºeuº| de||’A||. z corr+ ¹z).
Moduli a scelta per un totale di 12 CFU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
\·|EA/0¹ . . . . . . . . . . . . . . Au||opo|oç|+ cu||u|+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|u'/09 . . . . . . . . . . . . . . . . . |º|||u/|ou| d| d|||||o pu||||co . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|u'/09 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o de||’|u|o|r+/|oue e de||+ coruu|c+/|oue ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de| ç|o|u+||ºro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'EC'·|/¹z . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ ecouor|c+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . \e|od| e |ecu|c|e d| p|odu/|oue .|deo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|·|||·|EI/¹¹ . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| ºc||||u|+ c|e+||.+ e ||uçu+çç| .|deo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|u'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o +rr|u|º||+||.o ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|u'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o +rr|u|º||+||.o z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|·|||/0| . . . . . . . . . . . . . . . ||uçu+ ||+uceºe pe| |e ºc|eu/e ºoc|+|| ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|·|||·|EI/¹z . . . . . . . . . . . . ||uçu|º||c+ ||+||+u+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·|||/0z . . . . . . . . . . . . . . . |oç|c+ e |||oºo||+ de||+ ºc|eu/+ z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
\·|||/03 . . . . . . . . . . . . . . . 'er|o||c+ z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ poº|rode|u||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de| ro.|reu|| e de| p+||||| po||||c| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/0z . . . . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||e do||||ue po||||c|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||’Eu|op+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||’|uduº|||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|·AkI/03 . . . . . . . . . . . . . . Ie+||o e ºpe||+co|o (A\|).
· Ie+||o e ºpe||+co|o ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
· Ie+||o e ºpe||+co|o z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
|·AkI/03 . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||e e |ecu|c|e de| ||uçu+çç|o c|uer+|oç|+||co (A\|).
· Ieo||e e |ecu|c|e de| ||uçu+çç|o c|uer+|oç|+||co ¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
· Ieo||e e |ecu|c|e de| ||uçu+çç|o c|uer+|oç|+||co z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|'/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . \e|odo|oç|+ de||e ºc|eu/e ur+ue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
PERCORSOFORMATIVOONLINE
Formazionelinguistica
Settore . . . . . . . . . . . . . . . . Disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
|·|||/0| . . . . . . . . . . . . . . . ||uçu+ e cu||u|+ ||+uceºe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . |
Areadelleulterioriconoscenzelinguisticheedelleabilitàinformaticheerelazionali,tirocini
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| We| z.0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . |
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ de||’|u|o|r+/|oue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|+çe o +|||.||+ ºer|u+||+|| º||u||u|+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
CURRICULUMSPETTACOLO
Settore Disciplina CFU Tipologia
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de| ueW red|+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 . . . . . . . . . . . d| ºede
|·AkI/03 . . . . . . . . . . . . . . . Ie+||o e ºpe||+co|o (A\|)
A\| | !c|u A\| || !c|u . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c . . . . . . . . . . . d| ºede
|·AkI/0c . . . . . . . . . . . . . . . C|uer+ e |o|oç|+||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c . . . . . . . . . . . d| ºede
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . \e|od| e |ecu|c|e d| p|odu/|oue .|deo . . . . . . . . . . . . . . . . . . c . . . . . . . . . . . d| ºede
|·AkI/03 . . . . . . . . . . . . . . . 0|ç+u|//+/|oue ed ecouor|+ deç|| e.eu|| ºpe||+co|+|| (A\|)
A\| | ! c|u A\| || !c|u . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c . . . . . . . . . . . d| ºede
|·|||·|EI/¹¹ . . . . . . . . . . . . |+|o|+|o||o d| ºc||||u|+ c|e+||.+ e ||uçu+çç| .|deo . . . . . . . . . c . . . . . . . . . . . d| ºede
|·AkI/01 . . . . . . . . . . . . . . . \uº|c+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c . . . . . . . . . . . d| ºede
\·|||/03 . . . . . . . . . . . . . . . 'er|o||c+ z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ! . . . . . . . . . . . d| ºede
Attivitàformative
C|ed||| + |||e|+ ºce||+ de||o º|udeu|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
|e| |+ p|o.+ ||u+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
46
vademecum 2009/10
47
parte generale
SERVIZIO SOCIALE
C|+ººe c · 'c|eu/e de| 'e|.|/|o 'oc|+|e
(|+u|e+ +d eº+u||reu|o · +|||.o ºo|o ||| +uuo)
AMMISSIONEALCORSO
|e| |’+.+. z009·z0¹0 e poºº||||e |ºc||.e|º| ºo|o +| |e|/o +uuo d| co|ºo.
|e| u||e||o|| |u|o|r+/|ou| ºu||’o|d|u+reu|o d| d|d+|||co. ºu| cu|||cu|+. ºuç|| º|occ|| p|o|eºº|ou+||. | |||oc|u| e +|||e +|·
||.||+ de| co|ºo. e poºº||||e couºu||+|e || .+derecur de||’+uuo +cc+der|co z001·03 ºc+||c+|||e p|eººo || º||o ||·
|p.//WWW.uu|u||.||
PIANODISTUDIO
|| p|+uo d| º|ud| couº|ç||+|o. º+|.o |e op/|ou| e |e ºce||e +||o º|udeu|e. e || ºeçueu|e.
TERZOANNO Disciplina CFU Formazione
|u'/0¹ . . . . . . . . . . . . . ||||||o d| |+r|ç||+* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c . . . . . . . Ar|||o d| ºede
|u'/01 . . . . . . . . . . . . . ||||||o de| |+.o|o e de||+ p|e.|deu/+ ºoc|+|e* . . . . . . . . . . . . c . . . . . . . Ar|||o d| ºede
'|'/01 . . . . . . . . . . . . . 'e|.|/|o ºoc|+|e r|uo|||e* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c . . . . . . . Ar|||o d| ºede
'|'/01 . . . . . . . . . . . . . |o||||c|e ºoc|+|| | · || (A\|)* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c . . . . . . . C+|+||e||//+u||
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ |+r|ç||+* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c . . . . . . . Ar|||o d| ºede
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . Ieo||+ de||’o|ç+u|//+/|oue e coruu|c+/|oue pu||||c+ . . . . . c . . . . . . . Ar|||o d| ºede
'|'/¹z . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ de.|+u/+* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c . . . . . . . Ar|||o d| ºede
I||oc|u|o . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ¹0 . . . . . . A|||e A|||.||+ |o|r+||.e
||o.+ ||u+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 . . . . . . . A|||e A|||.||+ |o|r+||.e
* C|| |uºeçu+reu|| cou||+ººeçu+|| cou |’+º|e||ºco ºouo o||||ç+|o||.
TIROCINIESTAGES
|e| |o º.o|ç|reu|o de| |||oc|u|o o||||ç+|o||o ç|| º|udeu|| de||ouo couco|d+|e cou || ||eº|deu|e de| Co|ºo d| |+u|e+
(o uu ºuo de|eç+|o) |e rod+|||+ d| º.o|ç|reu|o. º||u||u|+ oºp||+u|e. |erp|. |u|o| +cc+der|co e |u|o| de||+ º||u||u|+
oºp||+u|e. |e| |+ º||pu|+ de||e ueceºº+||e cou.eu/|ou| º+|+uuo +ºº|º|||| d+| ke|e|eu|e |||oc|u|.
uu ºupe|.|ºo|e pe| || |||oc|u|o p|o|eºº|ou+|e o||||ç+|o||o |e||+ de||e eºe|c||+/|ou| e de| ºer|u+|| ue| co|ºo de||’+uuo
+cc+der|co. |u o|+|| c|e º+|+uuo |erpeº||.+reu|e coruu|c+|| +ç|| º|udeu|| |u|e|eºº+||.
Referentitirocini:
|eou+|do |+ C+p||+. e·r+||. |eou+|do.|+c+p||+©uu|u||.||,
C|uºeppe Be||uº||. e·r+||. ç|uºeppe|e||uº||©.||ç|||o.||.
SOCIOLOGIA
C|+ººe !c · 'oc|o|oç|+
(|+u|e+ +d eº+u||reu|o · +|||.o ºo|o ||| +uuo)
AMMISSIONEALCORSO
|e| |’+.+. z009·z0¹0 e poºº||||e |ºc||.e|º| ºo|o +| |e|/o +uuo d| co|ºo.
|e| u||e||o|| |u|o|r+/|ou| ºu||’o|d|u+reu|o d| d|d+|||co. ºu| cu|||cu|+. ºuç|| º|occ|| p|o|eºº|ou+||. | |||oc|u| e +|||e +|·
||.||+ de| co|ºo. e poºº||||e couºu||+|e || .+derecur de||’+uuo +cc+der|co z001·03 ºc+||c+|||e p|eººo || º||o ||·
|p.//WWW.uu|u||.||
PIANODISTUDIO
IIIANNO
|| ºeçu||o .|eue ||po||+|+ |’o||e||+ |o|r+||.+ ºpec|||c+ de| | cu|||cu|+ de| co|ºo d| |+u|e+ |||euu+|e. +| cu| |u|e|uo ç||
º|udeu|| de.ouo ºceç||e|e rodu|| pe| uu |o|+|e d| +|reuo !9 C|u. C|| º|udeu|| po||+uuo ºceç||e|e c|uque |uºeçu+·
reu|| d+ c C|u e uuo d+ 9 C|u, oppu|e po||+uuo ºceç||e|e |uºeçu+reu|| c|e |o|+||//+uo uu uure|o r+çç|o|e
d| c|ed||| (+d eºerp|o ºe||e |uºeçu+reu|| d+ ºe| c|ed|||) cou |+ poºº||||||+ d| u||||//+|e que||| eccedeu|| | !9 C|u co·
re c|ed||| |||e||.
Curriculum1:Istituzioniinternazionali,nazionali,localiegovernodellasocietà
Settore . . . . . . . . . . . . . . . . Disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
|u'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . ||||||o coº|||u/|ou+|e de||’|u|eç|+/|oue eu|ope+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·|||/0c . . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||+ |||oºo||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·'I0/0| . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de| ro.|reu|| e de| p+||||| po||||c| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/0¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . |||oºo||+ po||||c+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/0z . . . . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||e do||||ue po||||c|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/0| . . . . . . . . . . . . . . . . . 'c|eu/+ po||||c+ A\| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
'|'/0| . . . . . . . . . . . . . . . . . ke|+/|ou| |u|e|u+/|ou+|| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
Curriculum2:Metodologiadellescienzesocialietecnichedellaricercaapplicata
Settore . . . . . . . . . . . . . . . . Disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
|||/0¹ . . . . . . . . . . . . . . . . . |u|o|r+||c+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·|||/0c . . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||+ |||oºo||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'EC'·'/0¹ . . . . . . . . . . . . . . '|+||º||c+ A\| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . |o||||c|e ºoc|+|| e de||+ |o|r+/|oue A\| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . Iecu|c|e de||+ ||ce|c+ ºoc|+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 · |·|||/0¹ . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ cu||u|+ (c c|u) · '|o||+. ºoc|e|+ e cu||u|+ (! c|u) A\| . . . . . . . . . . . 9
'|'/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . Iecu|c|e e rode||| d| º|ru|+/|oue e d| |u|e|||çeu/+ +|||||c|+|e pe| |e ºc|eu/e ºoc|+|| c
A\| · A|e+ \odu|+|e |u|eç|+|+ (+||. 1 de| |eço|+reu|o de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+)
Curriculum3:Lostudiosociologicodelleculture
Settore . . . . . . . . . . . . . . . . Disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
\·|||/0! . . . . . . . . . . . . . . . |||oºo||+ ro|+|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
\·|||/0! . . . . . . . . . . . . . . . |||oºo||+ de||e |e||ç|ou| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
48
vademecum 2009/10
49
parte generale
\·|||/0c . . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||+ |||oºo||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ couoºceu/+ (! c|u) · ||oceºº| ºoc|+|| e |euoreu| cu||u|+|| (cc|u) A\| . . . 9
'|'/03 · |·|||/0¹ . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ cu||u|+ (c c|u) · '|o||+. ºoc|e|+ e cu||u|+ (! c|u) A\| . . . . . . . . . . . 9
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . '|ud| cu||u|+|| e º|ud| d| çeue|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 · \·'I0/0z . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||e |e||ç|ou| (c c|u) · '|o||+ rode|u+ (! c|u) A\| . . . . . . . . . . . . . . . . 9
A\| · A|e+ \odu|+|e |u|eç|+|+ (+||. 1 de| |eço|+reu|o de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+)
Curriculum4:Logichesocialieorganizzativedell’economiaedellavoro
Settore . . . . . . . . . . . . . . . . Disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
'EC'·|/¹z . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de| ro.|reu|o coope|+||.o d| c|ed||o . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ |+r|ç||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/09 · '|'/¹0 . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de| |+.o|o (c c|u) · 'oc|o|oç|+ de| ç|upp| (! c|u) A\| . . . . . . . . . . . . . . 9
'|'/09 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||’o|ç+u|//+/|oue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||’+r||eu|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ u||+u+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/¹z . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ de.|+u/+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
A\| · A|e+ \odu|+|e |u|eç|+|+ (+||. 1 de| |eço|+reu|o de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+)
PERCORSOFORMATIVOON-LINE
TERZOANNO
Settore . . . . . . . . . . . . . . . . Disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
\·|||/0c . . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de||+ |||oºo||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
\·|'|/03 . . . . . . . . . . . . . . . |º|co|oç|+ ºoc|+|e A\| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
|·|||/¹z . . . . . . . . . . . . . . . . ||uçu+ |uç|eºe pe| |e ºc|eu/e ºoc|+|| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . !
'|' /03 . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ |+r|ç||+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/09 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||’o|ç+u|//+/|oue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ u||+u+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'|'/¹z . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||+ de.|+u/+ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
Ad |u|eç|+/|oue de| pe|co|ºo |o|r+||.o ou||ue. poººouo eººe|e ºeçu||| du|+u|e || Co|ºo eº||.o | ºeçueu|| |uºeçu+reu||.
'|'/¹0 . . . . . . . . . . . . . . . . . 'oc|o|oç|+ de||’+r||eu|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
'EC'·|/¹z . . . . . . . . . . . . . . '|o||+ de| ro.|reu|o coope|+||.o d| c|ed||o . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . c
A|||||+ |u|o|r+||c|e . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
A|||||+ |e|+/|ou+|| . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . z
A\| · A|e+ \odu|+|e |u|eç|+|+ (+||. 1 de| |eço|+reu|o de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+)
| p|oç|+rr| de| rodu|| ou||ue ºouo d|ºpou||||| ºu| º||o WWW.ºoc|o|oç|+ou||ue.ue|.
INFORMAZIONI
DirezioneProgetto Coordinamento
||o|. \u|| K+/epo. |o||. C|o.+uu| Io|||º|
,u||.|+/epo.©uu|u||.|| ç|o|||º|©ºoc.uu|u||.||
Ie|. -!9 01zz!031!9 Ie|. -!9 01zz!031!9
CORSI DI LAUREA DI SECONDO LIVELLO
(|+u|ee r+ç|º||+||)
COMUNICAZIONE E PUBBLICITÀ PER LE ORGANIZZAZIONI (CPO)
C|+ººe |\·39 · 'c|eu/e de||+ coruu|c+/|oue d’|rp|eº+. pu||||c+ e pu||||c||+ (+|||.+|o p||ro +uuo)
'ede d| |eº+|o
Sede: \|+|e I||eº|e. z9c · |eº+|o
Responsabile:||o|.ºº+ ko|e||+ B+||o|e|||
E-mail: |o|e||+.|+||o|e|||©uu|u||.||
Sito web: WWW.uu|u||.||/cpo
Blog: |||p.//||oçcpo.Wo|dp|eºº.cor
|| Co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u Coruu|c+/|oue e |u||||c||+ pe| |e 0|ç+u|//+/|ou| (C|0) +pp+|||eue +||+ c|+ººe |\·
39 'c|eu/e de||+ coruu|c+/|oue d’|rp|eº+. pu||||c+ e pu||||c||+. |e||’+uuo +cc+der|co z009·z0¹0 e +|||.+|o || p||·
ro +uuo de||+ |+u|e+ r+ç|º||+|e e || ºecoudo +uuo de||’orou|r+ |+u|e+ ºpec|+||º||c+. +d eº+u||reu|o. d| cu| |+ |+u·
|e+ r+ç|º||+|e e |+ ||+º|o|r+/|oue. || Co|ºo d| |+u|e+ e o|ç+u|//+|o |u co||+|o|+/|oue cou |eº+|o '|ud|.
|+ du|+|+ de| Co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e e d| z +uu|.
'ouo +rreºº| +| p||ro +uuo de| Co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e uu r+ºº|ro d| |0 º|udeu|| +|||+.e|ºo || ºupe|+reu|o
d| uu+ p|o.+ d| +rr|ºº|oue. | co|º| |u|/|+uo ue| reºe d| o||o||e.
OBIETTIVIFORMATIVI
|| Co|ºo d| |+u|e+ e deº||u+|o + c|| .uo|e +||e|r+|º| ue| roudo de||+ coruu|c+/|oue e de||+ pu||||c||+. +|||u+|e c+·
p+c||+ |eo||c|e. +|||||+ c|e+||.e. +cqu|º||e corpe|eu/e r+u+çe||+|| e.o|u|e e +pp|o|oud||e |e º||+|eç|e e |e |ecu|c|e
d| coruu|c+/|oue cou p+|||co|+|e +||eu/|oue +||+ d|reuº|oue ºoc|o·cu||u|+|e. de| couºur| e de||e uuo.e |ecuo|o·
ç|e d| coruu|c+/|oue.
|+ |+u|e+ r+ç|º||+|e p|e.ede |’+cqu|º|/|oue d|.
• corpe|eu/e re|odo|oç|c|e pe| |+ |e+||//+/|oue d| p|odo||| coruu|c+||.| e c+rp+çue p|oro/|ou+||,
• +|||||+ ºpec|+||º||c|e |e|+||.e +||e |ecu|c|e pu||||c||+||e ue| ºe||o|| de| re//| d| coruu|c+/|oue. de||’|uduº|||+ cu|·
|u|+|e e de| couºur|,
• couoºceu/e ºpec|+||//+|e ºu||e po||||c|e ope|+||.e de||+ coruu|c+/|oue e de||’|u|o|r+/|oue. +uc|e ºo||o || p|o|||o
|º|||u/|ou+|e. cou p+|||co|+|e ||çu+|do +| ºe||o|e de||+ pu||||c||+ e de||+ coruu|c+/|oue d| |rp|eº+,
• corpe|eu/e e +|||||+ |e|+||.e +||e º||+|eç|e couueººe +||e uuo.e |ecuo|oç|e de||+ coruu|c+/|oue e de||’|u|o|r+/|oue,
• couoºceu/e ºpec|+||º||c|e çeº||ou+|| e o|ç+u|//+||.e. |uu/|ou+|| +||+ de||u|/|oue de||+ co|po|+|e |r+çe +/|eud+|e.
SBOCCHIPROFESSIONALI
| |+u|e+|| poºº|edouo +|||||+ e corpe|eu/e r+u+çe||+||. o|ç+u|//+||.e e çeº||ou+|| c|e couºeu|ouo d| eºe|c||+|e |uu·
/|ou| d| e|e.+|+ |eºpouº+|||||+ ue||’+r|||o de| r+u+çereu| coruu|c+||.o e c|e+||.o +||’|u|e|uo d| |rp|eºe. eu|| e
+çeu/|e pu||||c||+||e. |u p+|||co|+|e | |+u|e+|| ºpec|+||º|| e r+ç|º||+|| poººouo ||o.+|e occup+/|oue.
50
vademecum 2009/10
51
parte generale
• ue||e +çeu/|e pu||||c||+||e (cop,W|||e| / +ccouu| / eºpe||o red|+),
• ue||e we| Açeuc, (cou|eu| r+u+çe| / p|ojec| r+u+çe|),
• ueç|| u|||c| d| coruu|c+/|oue d| |rp|eºe ed eu|| (u|||c|o r+||e||uç. r+||e||uç |e||||o||+|e. u|||c| d| |e|+/|oue cou
|| pu||||co. ecc.),
• ue| |ep+||o pu||||c||+ |u|e|uo +||e +/|eude (|ouºe +çeuc,),
• ue||e +çeu/|e d| |u||||c|e ke|+/|ou|,
• ue||e +çeu/|e d| coruu|c+/|oue |u|eç|+|+ (d||ec| r+||e||uç o |e|+||ouº||p r+||e||uç),
• core ||ee |+uce (|o|re d| couºu|eu/+ pe| +çeu/|e pu||||c||+||e o +/|eude ºu p|oçe||| ºpec|||c|).
AMMISSIONEALCORSO
'ouo +rreºº| +| Co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e. +|||+.e|ºo || ºupe|+reu|o d| uu+ p|o.+ d| +rr|ºº|oue. c|||+d|u| ||+||+·
u| o º||+u|e|| |u poººeººo d| d|p|or+ d| |+u|e+ o d| +|||o |||o|o couºeçu||o +||’eº|e|o |||euu|o |doueo. c|e d|roº|||uo
|+ couoºceu/+ d| +|reuo uu+ ||uçu+ de||’uu|oue Eu|ope+. ue| uure|o r+ºº|ro d| |0.
REQUISITIDIAMMISSIONE
|e| eººe|e +rreºº| +| co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u Coruu|c+/|oue e |u||||c||+ pe| |e 0|ç+u|//+/|ou| ç|| º|udeu·
|| de.ouo eººe|e |u poººeººo d| couoºceu/e ºpec|||c|e ueç|| +r|||| de||e ºc|eu/e de||+ coruu|c+/|oue. |u p+|||co·
|+|e de||e ºc|eu/e red|o|oç|c|e. ºer|o||c|e. ||uçu|º||c|e e |u|o|r+||c|e. de||e ºc|eu/e ur+ue ed ecouor|co·ºoc|+·
||. e ue||’+r|||o de||e d|ºc|p||ue ç|u||d|c|e. º|o||co·po||||c|e e |||oºo||c|e. ||+ | |equ|º||| cu|||co|+|| d’+cceººo e |uo|||e
p|e.|º|+ |+ couoºceu/+ de||+ ||uçu+ |uç|eºe.
'ouo coruuque couº|de|+|| |||o|| |doue| +||’+rr|ºº|oue +||+ |+u|e+ r+ç|º||+|e C|0. ºeu/+ ueceºº||+ d| u||e||o|e .e·
||||c+ pe| qu+u|o ||çu+|d+ || poººeººo de| |equ|º||| cu|||co|+|| d’+cceººo e ºeu/+ de|||| |o|r+||.|. pe| ro||.| d| cou||·
uu||+ |o|r+||.+. |e ºeçueu|| |+u|ee.
|·z0 'c|eu/e de||+ coruu|c+/|oue e\ |.\. z10/z00| d| qu+|º|+º| +|eueo ||+||+uo o |||o|o equ|po||eu|e couºeçu||o +||’eº|e|o.
| ¹| 'c|eu/e de||+ coruu|c+/|oue e\ |.\. 309/¹999 d| qu+|º|+º| +|eueo ||+||+uo o |||o|o equ|po||eu|e couºeçu||o +||’eº|e|o.
|+u|e+ qu|uqueuu+|e |u 'c|eu/e de||+ coruu|c+/|oue \.0 d| qu+|º|+º| +|eueo ||+||+uo o |||o|o equ|po||eu|e cou·
ºeçu||o +||’eº|e|o.
| |+u|e+|| ue||e +|||e c|+ºº| d| |+u|e+ ºouo |u poººeººo de| |equ|º||| cu|||co|+|| d’+cceººo + coud|/|oue c|e ue| cu|||·
cu|ur |ud|.|du+|e deç|| º|ud| +|||+uo couºeçu||o uu uure|o r|u|ro d| 10 c|u ue| ºeçueu|| ''| (d| cu| +|reuo !
c|u pe| couoºceu/e |u|o|r+||c|e e c c|u pe| ||uçu+ |uç|eºe).
|||/0¹ |||0k\AI|CA
|CAk/¹1 ||'EC|0
||C·|||/0! IE|EC0\u||CA/|0||
||C·|||/03 '|'IE\| || E|AB0kA/|0|E |E||E |||0k\A/|0||
|·AkI/0| \u'E0|0C|A E Ck|I|CA AkI|'I|CA E |E| kE'IAuk0
|·AkI/03 ||'C|||||E |E||0 '|EIIAC0|0
|·AkI/0c C||E\A. |0I0CkA||A E IE|E\|'|0|E
|·AkI/01 \u'|C0|0C|A E 'I0k|A |E||A \u'|CA
|·|||·|EI/¹¹ |EIIEkAIukA |IA||A|A C0|IE\|0kA|EA
|·|||·|EI/¹z |||Cu|'I|CA |IA||A|A
|·|||/0¹ C|0II0|0C|A E |||Cu|'I|CA
|·|||/¹z |||CuA E IkA|u/|0|E · |||CuA ||C|E'E
\·'I0/0| 'I0k|A C0|IE\|0kA|EA
\·|EA/0¹ ||'C|||||E |E\0EI|0A|Ik0|0|0C|CnE
\·|||/0¹ |||0'0||A IE0kEI|CA
\·|||/0z |0C|CA E |||0'0||A |E||A 'C|E|/A
\·|||/0! |||0'0||A \0kA|E
\·|||/0| E'IEI|CA
\·|||/03 |||0'0||A E IE0k|A |E| |||CuACC|
\·|E|/0¹ |E|AC0C|A CE|EkA|E E '0C|A|E
\·|E|/0! |||AII|CA E |E|AC0C|A '|EC|A|E
\·|E|/0| |E|AC0C|A '|Ek|\E|IA|E
\·|'|/0¹ |'|C0|0C|A CE|EkA|E
\·|'|/03 |'|C0|0C|A '0C|A|E
\·|'|/0c |'|C0|0C|A |E| |A\0k0 E |E||E 0kCA||//A/|0||
|u'/0¹ ||k|II0 |k|\AI0
|u'/09 |'I|Iu/|0|| || ||k|II0 |uBB||C0
|u'/¹0 ||k|II0 A\\|||'IkAI|\0
|u'/¹| ||k|II0 |E||’u||0|E Euk0|EA
|u'/z0 |||0'0||A |E| ||k|II0
'EC'·|/0¹ EC0|0\|A |0||I|CA
'EC' |/0z |0||I|CA EC0|0\|CA
'EC'·|/0c EC0|0\|A A||||CAIA
'EC'·|/01 EC0|0\|A A/|E||A|E
'EC'·|/03 EC0|0\|A E CE'I|0|E |E||E |\|kE'E
'EC'·|/¹0 0kCA||//A/|0|E A/|E||A|E
'EC'·'/0¹ 'IAI|'I|CA
'EC'·'/0| |E\0CkA||A
'EC'·'/03 'IAI|'I|CA '0C|A|E
'|'/0¹ |||0'0||A |0||I|CA
'|'/0z 'I0k|A |E||E |0IIk||E |0||I|CnE
'|'/0| 'C|E|/A |0||I|CA
'|'/01 '0C|0|0C|A CE|EkA|E
'|'/03 '0C|0|0C|A |E| |k0CE''| Cu|IukA|| E C0\u||CAI|\|
'|'/09 '0C|0|0C|A |E| |k0CE''| EC0|0\|C| E |E| |A\0k0
'|'/¹0 '0C|0|0C|A |E||’A\B|E|IE E |E| IEkk|I0k|0
'|'/¹¹ '0C|0|0C|A |E| |E|0\E|| |0||I|C|
'|'/¹z '0C|0|0C|A C|uk|||CA. |E||A |E\|A|/A E \uIA\E|I0 '0C|A|E
| |+u|e+|| |||euu+|| c|e uou poººeçç+uo | |equ|º||| cu|||co|+|| d| +cceººo poººouo eººe|e +rreºº| +||+ |+u|e+ r+ç|·
º||+|e C|0 + coud|/|oue c|e |ecupe||uo || de|||o |o|r+||.o eu||o || |e|r|ue u|||ro pe| |e |ºc||/|ou| +| co|ºo d| |+u|e+
r+ç|º||+|e. du|+u|e |o º|eººo pe|co|ºo de||+ |+u|e+ |||euu+|e. o +uc|e – ºe e poºº||||e – ue| reº| |u|e|co||eu|| ||+ |+
|+u|e+ |||euu+|e e |+ c||uºu|+ de||u|||.+ de||e |ºc||/|ou| +| co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e. | de|||| |o|r+||.|. c|e uou po·
||+uuo eººe|e coruuque ºupe||o|| + |3 c|u. po||+uuo eººe|e |ecupe|+|| ºoº|eueudo u||e||o|| eº+r| + ºce||+. ue||’+r·
52
vademecum 2009/10
53
parte generale
|||o de| ºudde||| 'e||o|| 'c|eu||||co ||ºc|p||u+||. |u ecceººo +| ¹30 c|u ueceºº+|| +| couºeçu|reu|o de| |||o|o d| |+u|e+
|||euu+|e. o +|||+.e|ºo |+ ||equeu/+ d| co|º| º|uço|| dopo || couºeçu|reu|o de||+ |+u|e+ |||euu+|e.
|e| u||e||o|| |u|o|r+/|ou| º| ||r+ud+ +| |eço|+reu|o de| co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e e +| |+udo.
DOMANDADIAMMISSIONE
|e |ºc||/|ou| +||+ p|o.+ d| +rr|ºº|oue +| co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e ºouo +pe||e d+ ç|o.ed| ¹c |uç||o z009 + .eue|·
d| z3 ºe||er||e z009.
|e| |’+rr|ºº|oue | c+ud|d+| do.|+uuo corp||+|e. |u |u||e |e ºue p+|||. |+ dor+ud+ d| |ºc||/|oue. d|ºpou||||e p|eººo
|+ 'eç|e|e||+ º|udeu|| de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+. .|+ '+||| z e p|eººo |+ ºede d| |eº+|o. .|+|e I||eº|e z9c. |o º|udeu·
|e po||+ |ºc||.e|º| +||+ p|o.+ d| +rr|ºº|oue +uc|e ||+r||e We| (|||p.//WWW.uu|u||.||). ºe|.|/|o +|||.o d+| ¹c |uç||o
z009. |uºe|eudo | p|op|| d+|| +u+ç|+||c| e |e |u|o|r+/|ou| ||c||eº|e. |+ cop|+ (º|+rp+|+) de||+ dor+ud+. de|||+reu·
|e |||r+|+ e co||ed+|+ de||+ docureu|+/|oue p|e.|º|+ do.|+ eººe|e p|eºeu|+|+ +||+ 'eç|e|e||+ '|udeu|| de| co|ºo d|
|+u|e+ d| |eº+|o ('oc|o|oç|+ d| |eº+|o) (\|||+ \+||u+. |u .|+|e I||eº|e z9c) |u o|+||o d| ºpo||e||o. |u||| | ç|o|u| d+| |u·
ued| +| º+|+|o d+||e o|e 9.!0 +||e o|e ¹z.00, +||e|u+||.+reu|e |+ dor+ud+ puo eººe|e |u.|+|+ pe| poº|+ |+ccor+u·
d+|+. r+ |u queº|o c+ºo do.|+ pe|.eu||e eu||o | |e|r|u| ºop|+ |ud|c+||. +| ºeçueu|e |ud|||//o. uu|.e|º||+ deç|| '|ud|
d| u|||uo. 'eç|e|e||+ '|udeu|| de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+. Co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u Coruu|c+/|oue e |u||||c||+
pe| |e 0|ç+u|//+/|ou|. .|+|e I||eº|e. z9c – c¹¹00 |eº+|o.
|e||+ dor+ud+ || c+ud|d+|o do.|+ d|c||+|+|e.
· d| eººe|e |u poººeººo de| d|p|or+ d| |+u|e+. +||eç+udo || |e|+||.o cu|||cu|ur d| º|ud| cou|eueu|e ºe||o|e d|ºc|p||·
u+|e. rodu|| e||e||u+|| e C|u co|||ºpoudeu||,
· d| couoºce|e +|reuo uu+ ||uçu+ de||’uu|oue Eu|ope+. o|||e +||’||+||+uo. ºpec|||c+udo |+/e ||uçu+/e couoºc|u|+,
· d| poººede|e |e corpe|eu/e |u|o|r+||c|e d| |+ºe ||c||eº|e.
| c+ud|d+|| ºouo +rreºº| + ºoº|eue|e |e p|o.e d| +cceººo +uc|e |u r+uc+u/+ de||+ |+u|e+. pu|c|e º|+uo ç|+ |u
poººeººo de| |equ|º||| cu|||cu|+|| e pu|c|e couºeçu+uo |+ |+u|e+ p||r+ de||’|rr+|||co|+/|oue +||+ |+u|e+ ºpec|+||·
º||c+ o r+ç|º||+|e. oºº|+ eu||o || c uo.er||e z009.
A||+ dor+ud+ de.ouo eººe|e +||eç+||.
· z |o|oç|+||e |eceu|| |o|r+|o |eººe|+. |||r+|e ºu| |e||o,
· |e |o|ocop|e |u c+||+ ºerp||ce de| d|p|or+ d| r+|u|||+ ed e.eu|u+|| +|||| |||o||,
· |+ |o|ocop|+ d| uu docureu|o .+||do d| |deu|||+ |||r+|+ d+| c+ud|d+|o,
· || cu|||cu|ur deç|| º|ud|. corp|eudeu|e |’e|euco deç|| eº+r| d| p|o||||o ºoº|euu||. |’|ud|c+/|oue de| |||o|o de||+ |e·
º| d| |+u|e+ e || .o|o de||’eº+re ||u+|e d| |+u|e+,
· |’|ud|c+/|oue de||’|ud|||//o d| poº|+ e|e|||ou|c+ + cu| |+| pe|.eu||e |e |u|o|r+/|ou| u|||| +| ||u| de| couco|ºo,
· |+ ||ce.u|+ de| .e|º+reu|o d| € z3.00 p|eººo B+uc+ \+|c|e. Ieºo|e||+ uu|.e|º||+ d| u|||uo. ºpec|||c+udo core
c+uº+|e de| .e|º+reu|o “|+u|e+ r+ç|º||+|e |u Coruu|c+/|oue e pu||||c||+ pe| |e o|ç+u|//+/|ou|” (|+ºº+ d| p+||ec|·
p+/|oue +||+ p|o.+ d| +cceººo. uou ||r|o|º+|||e |u c+ºo d| r+uc+|o eºp|e|+reu|o de| couco|ºo).
|+ dor+ud+ do.|+ pe|.eu||e eu||o |e o|e ¹z de| z3 ºe||er||e z009. +uc|e ºe ºped||+ + re//o |+ccor+ud+|+. +|·
|’uu|.e|º||+ deç|| '|ud| d| u|||uo. 'eç|e|e||+ '|udeu|| de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+. Co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u Co·
ruu|c+/|oue e |u||||c||+ pe| |e 0|ç+u|//+/|ou|. .|+|e I||eº|e. z9c – c¹¹00 |eº+|o.
C|| º|udeu|| c|e ||c||edouo |eue||c| p|e.|º|| d+||e uo|re ºu| d|||||o +||o º|ud|o (|.|.C.\· de| 9 +p|||e z00¹) do.|+u·
uo p|eºeu|+|e |+ dor+ud+ +||’Ek'u eu||o |+ d+|+ |rp|o|oç+|||e p|e.|º|+ d+| |+udo Ek'u.
PROVADISELEZIONE
|+ d+|+ de||+ p|o.+ d| +rr|ºº|oue e |e rod+|||+ d| p+||ec|p+/|oue ºouo |ud|c+|e ºu| B+udo de||+ |+u|e+ r+ç|º||+|e
|e|+||.o +||’+uuo +cc+der|co z009·z0¹0 pu||||c+|o ºu| º||o de| Co|ºo d| |+u|e+ e ºu| º||o d| A|eueo, || |+udo e +|||e·
º| d|ºpou||||e p|eººo |+ 'eç|e|e||+ '|udeu||.
A||+ p|o.+ po||+uuo p+||ec|p+|e |u||| | c+ud|d+|| c|e +.|+uuo p|eºeu|+|o |eço|+|e dor+ud+ d| |ºc||/|oue e c|e º|+·
uo |u poººeººo de| p|e|equ|º||| ||c||eº||.
'e. eº+u|||+ |+ ç|+du+|o||+ deç|| +rreºº| ||ºu||+ººe|o .+c+u|| de| poº||. º+|+uuo |eº| d|ºpou||||| ||uo +| |+çç|uuç|reu·
|o de| uure|o d| |0 cou |e rod+|||+ e | |erp| |ud|c+|| ue| |+udo.
STRUTTURADELLADIDATTICA
|| pe|co|ºo |o|r+||.o º| +|||co|+ |u due +uu| d| co|ºo. couº|º|eu|| ue||+ p+||ec|p+/|oue + rodu||. |+|o|+|o|| e Wo||º|op
p|o|eºº|ou+||//+u||.
0çu| rodu|o e uu’+|||.||+ d|d+|||c+ +u|ouor+ co|||ºpoudeu|e + 3 o ¹0 c|u ue||+ |+u|e+ r+ç|º||+|e (ue||+ |+u|e+ ºpe·
c|+||º||c+ ! c|u o c c|u). 0çu| c|u co|||ºpoude + z3 o|e d| |+.o|o corp|eºº|.o de||o º|udeu|e. c|e corp|eudouo |e·
/|ou|. º|ud|o |ud|.|du+|e. ºer|u+|| e +|||e |o|re d| +|||.||+ |o|r+||.+.
REGOLEDIFREQUENZA
|+ ||equeu/+ e o||||ç+|o||+ pe| | !/| de||e +|||.||+ d| c|+ºcuu |+|o|+|o||o. |e| |e r+|e||e |eo||c|e. d|.e|ºe d+| |+|o|+·
|o||. e o||||ç+|o||+ |+ ||equeu/+ de| 30° de||e +|||.||+ d| oçu| ºeºº|oue d|d+|||c+, ç|| º|udeu|| c|e uou couºeçu||+u·
uo |+ ||equeu/+ de| 30° pe| | º|uço|| |uºeçu+reu|| ºoº|e||+uuo |’eº+re cou | p|oç|+rr| pe| uou ||equeu|+u||. d+
couco|d+|e cou | º|uço|| doceu||. + coud|/|oue c|e º|+ |+çç|uu|o || 30° de||+ ||equeu/+ pe| ºereº||e.
PROVED’ESAME
| c|ed||| co|||ºpoudeu|| + oçu| rodu|o .euçouo +cqu|º||| d+||o º|udeu|e cou || ºupe|+reu|o d| uu+ p|o.+ d| eº+·
re o d| +|||+ |o|r+ d| .e||||c+. |e p|o.e d’eº+re +..euçouo +|||+.e|ºo +cce||+reu|o |ud|.|du+|e e||e||u+|o d+ uu+
corr|ºº|oue p|eº|edu|+ d+| doceu|e |||o|+|e de| rodu|o. +uc|e |u |||ue|e. +|||+.e|ºo eºe|c||+/|ou|. p|o.e ºc||||e e
.+|u|+/|oue d| |+.o|| p|odo||| d+||o º|udeu|e.
C| º| |ºc||.e +ç|| eº+r| eºc|uº|.+reu|e ou·||ue +|||+.e|ºo || º||o d| A|eueo. +||’|ud|||//o WWW.uu|u||.||/||/+ppe|||/.
PROVAFINALE
C|| º|udeu|| couco|d+uo cou uuo de| doceu|| de| Co|ºo d| |+u|e+ |’+|çoreu|o e |e rod+|||+ d| p|ep+|+/|oue de||+
p|o.+ ||u+|e. c|e couº|º|e ue||+ d|ºcuºº|oue d| uu e|+|o|+|o ºc||||o o +ud|o.|º|.o p|eºeu|+|o d+| c+ud|d+|o.
|’+cqu|º|/|oue d| c|ed||| pe| |+ p|o.+ ||u+|e e .|uco|+|+ +||o º.o|ç|reu|o d| uuo º|+çe +/|eud+|e. cu| ç|| º|udeu|| +cce·
douo dopo +.e|e +cqu|º||o +|reuo |3 c|u ue||’+r|||o de||+ |+u|e+ ºpec|+||º||c+ o r+ç|º||+|e. e + uu |eºocou|o de|·
|e +|||.||+ º.o||e ºo||o |o|r+ d| |e|+/|oue ºc||||+ o p|eºeu|+/|oue d| uu p|odo||o +ud|o.|º|.o.
|e||+ |+u|e+ r+ç|º||+|e +||+ p|o.+ ||u+|e .euçouo +|||||u||| z0 c|u. |e||+ |+u|e+ ºpec|+||º||c+ pe| |o º|+çe e |+ p|o.+ ||·
u+|e .euçouo corp|eºº|.+reu|e +|||||u||| z| c|u. d| cu| +|reuo c c|u deº||u+|| +||+ p|o.+ ||u+|e.
54
vademecum 2009/10
55
parte generale
PIANODISTUDIO
GLIINSEGNAMENTIDELLALAUREAMAGISTRALE(ATTIVATOSOLOILPRIMOANNO)
|| co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u Coruu|c+/|oue e |u||||c||+ pe| |e 0|ç+u|//+/|ou| |+ du|+|+ ||euu+|e. || pe|co|ºo |o|·
r+||.o º| +|||co|+ |u |e/|ou| |eo||c|e. |+|o|+|o||. Wo||º|op p|o|eºº|ou+||//+u|| e |u uuo º|+çe o||||ç+|o||o.
|| pe|co|ºo |o|r+||.o de||+ |+u|e+ r+ç|º||+|e e +|||co|+|o |u uu p||ro +uuo coruue. do.e º| couceu||+uo |e d|ºc|p||·
ue c+|+||e||//+u|| e |oud+reu|+||. e uu ºecoudo +uuo +|||co|+|o |u due cu|||co|+.
+) cu|||cu|ur |u C|e+||.||+ e |u||||c||+. o||eu|+|o p||o|||+||+reu|e + c|e+|e corpe|eu/e ue||’+|e+ de||+ c|e+||.||+ pu|·
|||c||+||+. o|||e + corpe|eu/e p|o|eºº|ou+||//+u|| ue||’+|e+ de||+ cu||u|+ e de||+ coruu|c+/|oue. coe|eu|ereu|e cou |+
|o|r+/|oue d| p|o|||| p|o|eºº|ou+|| ue||’+|e+ de||+ c|e+||.||+ de||+ coruu|c+/|oue. qu+|| +d eº. que||o d| cop,W|||e|,
|) uu cu|||cu|ur |u |u||||c||+. \+||e||uç e Coruu|c+/|oue d’|rp|eº+. o||eu|+|o p|e.+|eu|ereu|e + |o|r+|e p|o||·
|| p|o|eºº|ou+|| ue||’+|e+ de||+ p|+u|||c+/|oue. p|oçe||+/|oue e çeº||oue de| p|oceºº| coruu|c+||.| +||’|u|e|uo de||e o|·
ç+u|//+/|ou|. qu+|| +d eº. +ccouu|. coruu|c+|o|e pu||||co. +dde||o red|+. ecc.
Eu||+r|| | cu|||co|+ co|||ºpoudouo + uu uure|o d| ¹z eº+r|.
I ANNO
Discipina SSD CFU
Tipo attività
formativa
Ieo||+ de||+ ºoc|e|+ e p|oceºº| cu||u|+|| '|'/03 3 C+|+||e||//+u|e
Ieo||+ e p|+||c|e de||’|rr+ç|u+||o '|'/03 ¹0 C+|+||e||//+u|e
Ieo||+ e p|+||c|e de||+ u+||+/|oue '|'/03 3 C+|+||e||//+u|e
Coruu|c+/|oue pu||||c||+||+ e ||uçu+çç| red|+|| '|'/03 ¹0 C+|+||e||//+u|e
'oc|o|oç|+ de| couºur| e de| ||+ud '|'/03 ¹0 C+|+||e||//+u|e
Coruu|c+/|oue pu||||c+ '|'/03 ¹0 C+|+||e||//+u|e
Totale n. di Cfu per I anno 50
Totale esami I anno 6
II ANNO - CURRICULUM CREATIVITÀ E PUBBLICITÀ
Discipina SSD CFU
Tipo attività
formativa
Coruu|c+/|oue d’|rp|eº+ '|'/03 3 C+|+||e||//+u|e
|o|re e ||uçu+çç| de| c|uer+. de||+ |o|oç|+||+ e de||’+ud|o.|º|.o |·AkI/0c 3 A|||u| e |u|eç|+||.e
|eº|çu e c|e+||.||+ |CAk/¹! 3 A|||u| e |u|eç|+||.e
|+|o|+|o||o d| cop,W||||uç |·|||/0¹ 3 A|||u| e |u|eç|+||.e
|+|o|+|o||o p|odu/|oue .|deo |·AkI/0c 3 A|||u| e |u|eç|+||.e
Totale n. di Cfu per II anno 25
Totale esami II anno 5
II ANNO - CURRICULUM PUBBLICITÀ, MARKETING E COMUNICAZIONE D’IMPRESA
Discipina SSD CFU
Tipo attività
formativa
Coruu|c+/|oue d’|rp|eº+ '|'/03 3 C+|+||e||//+u|e
\+||e||uç co|ºo +.+u/+|o 'EC'·|/03 3 A|||u| e |u|eç|+||.e
Coruu|c+/|oue e r+||e||uç po||||co 'EC'·|/03 3 A|||u| e |u|eç|+||.e
\+||e||uç |e||||o||+|e e o|ç+u|//+/|oue e.eu|| 'EC'·|/03 3 A|||u| e |u|eç|+||.e
|+|o|+|o||o ºc||||u|+ ç|o|u+||º||c+ e u|||c|o º|+rp+ |·|||/0¹ 3 A|||u| e |u|eç|+||.e
Totale n. di Cfu per II anno 25
Totale esami II anno 5
A corp|e|+reu|o de| p|+uo d| º|ud| |e|+||.o +d oçu| cu|||cu|ur ç|| º|udeu|| de.ouo ºupe|+|e.
· |+|o|+|o||o d| Buº|ueºº Euç||º| (|doue||+). 3 c|u (+|||co|o ¹0. qu|u|o corr+. |e||e|+ d) de| |\ z10/z00|)
· '|+çe. ¹0 c|u (+|||co|o ¹0. qu|u|o corr+. |e||e|+ d) de| |\ z10/z00|)
· +|||.||+ + |||e|+ ºce||+ de||o º|udeu|e pe| uu |o|+|e d| ¹0 c|u (+|||co|o ¹0. qu|u|o corr+ |e||e|+ +) de| |\
z10/z00|),
· ||o.+ ||u+|e. z0 c|u (+|||co|o ¹0. qu|u|o corr+. |e||e|+ c) de| |\ z10/z00|).
A| ||ue d| ç+|+u|||e uu+ |o|r+/|oue p|o|eºº|ou+||//+u|e e coe|eu|e cou ç|| o||e|||.| |o|r+||.| de| co|ºo d| |+u|e+ r+·
ç|º||+|e. .e||+uuo d| +uuo |u +uuo +|||.+|| cou de|||e|+ de| Couº|ç||o d| |+co||+ +|reuo due de| ºeçueu|| |uºeçu+·
reu|| d+ 3 c|u ue||’+r|||o de| qu+|| ç|| º|udeu|| po||+uuo ºceç||e|e |e +|||.||+ + |||e|+ ºce||+. p|oç|+rr+|e ue| ºe·
coudo +uuo d| co|ºo.
· |+|o|+|o||o d| red|+ p|+uu|uç '|'/03
· |+|o|+|o||o j|uç|e |·AkI/01
· |+|o|+|o||o d| ºc||||u|+ c|e+||.+ |·|||/0¹
· '|o||+ de||+ pu||||c||+. \·'I0/0|
Cou |||e||reu|o +||e +|||.||+ + ºce||+ deç|| º|udeu||. |u cou|o|r||+ +||’+|||co|o ¹0. qu|u|o corr+. |e||e|+ +) de| |.\.
u. z10/0|. ºpe||+ coruuque +| Couº|ç||o d| co|ºo. +uc|e ºu||+ |+ºe de||e |ud|c+/|ou| ºuççe|||e d+||+ Corr|ºº|oue
p|epoº|+ +||’eº+re de| p|+u| d| º|ud|o |ud|.|du+||. +cce||+|ue |+ coe|eu/+ cou || p|oçe||o |o|r+||.o. core p|e.|º|o
d+||’ +||. ¹0. corr+ 3. |e||e|+ +) de| |\ u. z10/z00|.
C|| º|udeu|| do.|+uuo p|eºeu|+|e |’op/|oue pe| || cu|||cu|ur eu||o ºe||er||e e || p|+uo d| º|ud| pe| || ºecoudo +uuo |ud|c+u·
do || cu|||cu|ur p|eºce||o e |e +|||.||+ |o|r+||.e + |||e|+ ºce||+ de||o º|udeu|e eu||o | |e|r|u| º|+|||||| d+| co|ºo d| |+u|e+.
|ou ºouo poº|| ||r||| +ç|| eº+r| ºoº|eu||||| +|||+.e|ºo || p|oç|+rr+ E|+ºruº.
C|| º|udeu|| c|e |u|eudouo ||c||ede|e || ||couoºc|reu|o d| c|ed||| |o|r+||.| uu|.e|º||+|| pe| |e +|||.||+ |+.o|+||.e º.o|·
|e o..e|o pe| |e eºpe||eu/e |o|r+||.e r+|u|+|e d| ||.e||o uou uu|.e|º||+||o. de.ouo p|eºeu|+|e |doue+ docureu|+·
/|oue +| .+ç||o de||+ Corr|ºº|oue |uc+||c+|+ e qu|ud| o||eue|ue |’+pp|o.+/|oue de| Couº|ç||o d| co|ºo. || ||couoºc|·
reu|o d| c|ed||| pe| |+|| +|||.||+ uou puo coruuque eccede|e corp|eºº|.+reu|e | c0 C|u (+||. | |\ ¹c.!.01. ke·
ço|+reu|o d| A|eueo |u r+|e||+ d| ||couoºc|reu|| d| +|||e +|||.||+ |o|r+||.e o p|o|eºº|ou+||).
|e||’+uuo +cc+der|co z009/z0¹0 ºouo +|||.+|| uu|c+reu|e ç|| |uºeçu+reu|| co|||ºpoudeu|| +| p||ro +uuo d| co|ºo.
56
vademecum 2009/10
57
parte generale
LOSAICHE…
• Laboratorio di informatica e di produzione audiovisiva
|| co|ºo d| |+u|e+ d|ºpoue d| uu +rp|o e +|||e//+|o |+|o|+|o||o |u|o|r+||co cou !0 |C cou p|oç|+rr| d| 0|||ce Au·
|or+||ou e d| ç|+||c+. couueºº|oue + |u|e|ue| e +cceººo pe|ºou+||//+|o pe| oçu| º|udeu|e e d| uu |+|o|+|o||o d| p|o·
du/|oue +ud|o.|ºu+|e.
• “la COLONIA della comunicazione”
C|| º|udeu|| poººouo p+||ec|p+|e +||e |u|/|+||.e de |+ C0|0||A de||+ coruu|c+/|oue. |+|o|+|o||o/+çeu/|+ pe|r+ueu·
|e coo|d|u+|o d+| p|o|eºº|ou|º|| c|e co||+|o|+uo cou || co|ºo. |+ C0|0||A p|oçe||+ e |e+||//+ c+rp+çue d| coru·
u|c+/|oue e pu||||c||+ corr|ºº|ou+|e d+||’eº|e|uo.
|+ C0|0||A d|ºpoue d| uu |+|o|+|o||o |u|o|r+||co pe| |’e|+|o|+/|oue ç|+||c+ e || rou|+çç|o .|deo.
• On-line e Wi-Fi
|| Co|ºo d| |+u|e+ u||||//+ uuo ºp+/|o d| |+.o|o coud|.|ºo ou·||ue. |e+|u|uç ºp+ce. c|e couºeu|e uu ºuppo||o +| co|·
º|. +pp|o|oud|reu|| d|d+|||c|. +u+||º| e |ecupe|o d| r+|e||+|| |o|r+||.|. |o|ur d| d|ºcuºº|oue. ecc. |+ ºede de| co|ºo
e cope||+ d+| W|·||. || c|e º|çu|||c+ c|e e poºº||||e co||eç+|º| +||+ |e|e ºeu/+ |||| |u oçu| +r||eu|e.
•Seminariedeventi
|| co|ºo o|ç+u|//+ |ucou|||. +uc|e +pe||| +||+ c|||+d|u+u/+. ºer|u+|| e Wo||º|op +||’|u|e|uo de| º|uço|| |uºeçu+reu·
|| +..+|eudoº| de||+ co||+|o|+/|oue d| eºpe||| e oºp||| p|eº||ç|oº| de| roudo de||+ coruu|c+/|oue e de||+ pu||||c||+.
de| red|+. de||’+||e e de||e o|ç+u|//+/|ou|.
EDITORIA, INFORMAZIONE E SISTEMI DOCUMENTARI (EDITIS)
C|+ººe |\·3– A|c||.|º||c+ e B||||o|ecouor|+ · |\·¹9 |u|o|r+/|oue e '|º|er| ed||o||+||
Sede: \|+ '+|||. ¹3 (p|+uo |) · Ie|.. 01zz !!90zc
Presidente: p|o|.ºº+ |o|e||+ |e| Iu||o
E-mail: |o|e||+.de||u||o©uu|u||.||
Ricevimento
E poºº||||e cou|+||+|e |+ p|o|.ºº+ |e| Iu||o ue| ºeçueu|| rod|.
· |u||| | ç|o|u| +||’|ud|||//o e·r+||,
· ue| ç|o|u|. ç|o.ed| ¹0·¹z (||uo +| ¹3 uo.er||e)
|uued|·r+||ed|·re|co|ed| ¹¹·¹z (d+| z! uo.er||e)
Uffcio tutor
Ie|. 01zz !031c9 E·r+||. |o|e||+.de||u||o©uu|u||.||
Resp. stage: |eou+|do |+ C+p||+ E·r+||. |eou+|do.|+c+p||+©uu|u||.||
Sito web: WWW.uu|u||.||/ed||o||+

|| Co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u|e|c|+ººe |u|e||+co||+ |u Ed||o||+ |u|o|r+/|oue e '|º|er| docureu|+|| (E||I|') +pp+|·
||eue +||e c|+ºº| |\·3· A|c||.|º||c+ e B||||o|ecouor|+. e |\·¹9 ·|u|o|r+/|oue e '|º|er| ed||o||+||. |e||’+uuo +cc+de·
r|co z009·z0¹0 e +|||.+|o || p||ro +uuo de||+ |+u|e+ r+ç|º||+|e. ||+º|o|r+/|oue de||+ p|ecedeu|e ºpec|+||º||c+ Ed|·
|o||+ \ed|+ e C|o|u+||ºro (E\C). d| cu| e +uco|+ +|||.o || ºecoudo +uuo. +d eº+u||reu|o.
|+ du|+|+ de| Co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e e d| z +uu|.
OBIETTIVIFORMATIVI
|| co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u|e|c|+ººe |u|e||+co||+ |u Ed||o||+. |u|o|r+/|oue e º|º|er| docureu|+|| p|ep+|+ ºpec|+||º|| |u
ç|+do d| ope|+|e ue| c+rpo de||ed||o||+. de| ||+||+reu|o. de||+ çeº||oue e de||+ couºe|.+/|oue de|||u|o|r+/|oue e de|
docureu||. ue| ºe||o|e deç|| +|c||.| e de||e |||||o|ec|e ||+d|/|ou+|| e d|ç||+||. de|||uduº|||+ cu||u|+|e. de|||u|o|r+/|oue
e de| red|+. ue| cou|eº|o de||+||u+|e º||u+/|oue c+|+||e||//+|+ d+| p||r+|o de||e |ecuo|oç|e d|ç||+||.
C|| º|udeu|| c|e couºeçu||+uuo |+ |+u|e+ r+ç|º||+|e |u Ed||o||+. |u|o|r+/|oue e º|º|er| docureu|+|| +cqu|º||+uuo
· corpe|eu/e re|odo|oç|c|e e çeº||ou+||. +| ||u| de||o º|ud|o. de||+ p|oçe||+/|oue e de||o|ç+u|//+/|oue d| ||ºo|·
ºe de||+ couoºceu/+. d| p|odo||| ed||o||+|| d|ç||+||. d| cou|euu|| cu||u|+|| e |u|o|r+||.|. d| ºe|.|/| docureu|+||. +|c||·
.|º||c| e |||||o|ecouor|c|,
· +|||||+ p|oçe||u+|| e |ed+/|ou+||. e ue||uºo de||e |ecuo|oç|e |u|o|r+||c|e. cou |||e||reu|o p||.||eç|+|o +ç|| +r·
||eu|| e +| p|oceºº| de||+ coruu|c+/|oue d|ç||+|e. |pe||eº|u+|e. ru|||red|+|e. + .+u|+çç|o de||e |º|||u/|ou| cu||u|+·
|| e de||+ rero||+. de||ed||o||+. de||+ coruu|c+/|oue e docureu|+/|oue pu||||c+ e d|rp|eº+. de|||uduº|||+ cu|·
|u|+|e e de| ºe|.|/| d| e·ço.e|ureu|,
· corpe|eu/e pe| u||||//+|e p|eu+reu|e | p||uc|p+|| º||ureu|| |u|o|r+||c| e |e|er+||c| ueç|| +r|||| de||e +|||.||+ ed|·
|o||+|| e |ed+/|ou+||. +|c||.|º||co·||||+||e. de|||u|o|r+/|oue e de||+ coruu|c+/|oue cu||u|+|e
· corpe|eu/e ||uçu|º||c|e pe| u||||//+|e ||ueu|ereu|e. |u |o|r+ ºc||||+ e o|+|e. +|reuo uu+ ||uçu+ de||uu|oue Eu·
|ope+ o|||e |||+||+uo. cou |||e||reu|o +uc|e +ç|| ºpec|||c| |eºº|c| d|ºc|p||u+||.
58
vademecum 2009/10
59
parte generale
PROSPETTIVEOCCUPAZIONALI
C|+/|e +| pe|co|ºo cu|||cu|+|e de||+ |+u|e+ r+ç|º||+|e |u|e|c|+ººe |u Ed||o||+. |u|o|r+/|oue e º|º|er| docureu|+|| |
|+u|e+|| +cqu|º||+uuo uu+ p|o|eºº|ou+|||+ +deçu+|+ pe|
· |ed||o||+ e ||uduº|||+ cu||u|+|e. |u p+|||co|+|e ue| cou|eº|o de||e uuo.e |ecuo|oç|e d|ç||+||. de||+ ru|||red|+|||+
e de||+ c|oººred|+|||+,
· |+ |e+||//+/|oue d| p|odo||| ||+d|/|ou+||. ru|||red|+|| e |pe||eº|u+||. pe| |+ .+|o||//+/|oue de| |eu| cu||u|+|| e de|
|e||||o||o. ue| ºe||o|e pu||||co e p||.+|o,
· |+ ºc||||u|+ pe| ||u|o|r+/|oue ue| uuo.| red|+,
· |+ p|odu/|oue e || r+u+çereu| de| º|º|er| d| |u|o|r+/|oue,
· |+ couoºceu/+ de| º|º|er+ e de||e |eço|e de|||u|o|r+/|oue u+/|ou+|e e |u|e|u+/|ou+|e,
· |+u+||º| º|o||c+ de| º|º|er| docureu|+|| |u |e|+/|oue +||+ e.o|u/|oue deç|| o|d|u+reu|| ç|u||d|c| d+||+u||c|||+ +|
roudo cou|erpo|+ueo,
· |+ p|oçe||+/|oue e |o º.||uppo +uc|e |u +r||eu|e d|ç||+|e d| º||ureu|| pe| |+ |o|r+/|oue e |+ çeº||oue deç|| +|·
c||.| co||eu|| e d| depoº||o e pe| |+ couºe|.+/|oue. deºc||/|oue e .+|o||//+/|oue de| p+|||rou|o +|c||.|º||co º|o||·
co ||+d|/|ou+|e e d|ç||+|e,
· |o|ç+u|//+/|oue e |+ d||e/|oue d| |º|||u|| +|c||.|º||c| d| couºe|.+/|oue e d| ºe|.|/| pe| |+ çeº||oue docureu|+||+.
|uc|uº+ |+ |o|r+/|oue e çeº||oue d| |epoº||o|, d|ç||+|| ce|||||c+||,
· |o º|ud|o de| docureu|o ||+d|/|ou+|e e |u|o|r+||co e de| ºuo| e|ereu|| coº|||u||.|.
· |+ p|oçe||+/|oue. çeº||oue e .+|u|+/|oue d| |||||o|ec|e e ºe|.|/| docureu|+|| e |u|o|r+||.| |u +r|||o º|+ pu||||·
co º|+ p||.+|o. ºeçu+|+reu|e |u +r||eu|e ru|||red|+|e e d|ç||+|e. |u |uu/|oue de| ºodd|º|+c|reu|o d| ||ºoçu| |u·
|o|r+||.| e d| couoºceu/+ d| d|.e|ºe ||po|oç|e d| u|eu/+,
· |+ couºe|.+/|oue. deºc||/|oue e .+|o||//+/|oue de||e ||ºo|ºe docureu|+||e. A |+| ||ue. |o º|ud|o de||e d|ºc|p||ue de|
||||o e de| docureu|o (co||e ue| |o|o p|o|||o º|o||co. ue||e |o|o eºp|eºº|ou| ºc|eu||||c|e. |eo||co·re|odo|oç|c|e e
+pp||c+||.e. ue| |o|o |ec|p|oco coº|||u||º| e d|||e|eu/|+|º| e ue| |o|o +||u+|| º.||upp|) º+|+ d+ uu |+|o co||ed+|o d| ||c·
c|| e|ereu|| |o|r+||.| d| ||po ur+u|º||co. º|o||co e ç|u||d|co e d+||+|||o |u|eç|+|o d+||+pp|eud|reu|o de| p|oceº·
º| coruu|c+||.| e o|ç+u|//+||.| e d+||o º.||uppo d| c+p+c||+ +.+u/+|e ue||+ .+|u|+/|oue e ue||uºo |ud|.|du+|e e o|·
ç+u|//+||.o de||e |ecuo|oç|e e de||e ||ºo|ºe |u|o|r+||c|e. |e|er+||c|e e d|ç||+||.
STRUTTURADELCORSODILAUREA
|+ |+u|e+ r+ç|º||+|e |u|e|c|+ººe |\·3/|\·¹9 |u Ed||o||+. |u|o|r+/|oue e '|º|er| docureu|+|| p|e.ede |u |o|+|e |
cu|||cu|+. z cu|||cu|+ pe| |+ c|+ººe |\·3. z cu|||cu|+ pe| |+ c|+ººe |\·¹9. e p|ec|º+reu|e
|\·3 |\·¹9
¹) A|c||.|º||c+ ¹) |u|o|r+/|oue e ru|||red|+
z) B||||o|ecouor|+ z) Ed||o||+. cou|euu|| d|ç||+|| e ru|||red|+
|e| || couºeçu|reu|o de| |||o|o e p|e.|º|o ue||e due c|+ºº| || ºupe|+reu|o d| ¹z eº+r|. d+ c. 9 o ¹z C|u. pe| uu |o|+·
|e d| ¹z0 C|u, +|cuu| |uºeçu+reu|| ºouo o|ç+u|//+|| |u +|ee rodu|+|| |u|eç|+|e (A\|) c|e couº|º|ouo ue||’|u|eç|+·
/|oue d| p|u rodu|| e||e||u+|+ +|||+.e|ºo |+ co||+|o|+/|oue d|d+|||c+ ||+ | doceu||. ç|| eº+r| º| ºc|o|çouo ue||o º|eººo
ç|o|uo e d+uuo |uoço +d uu’uu|c+ .+|u|+/|oue.
|e +|||.||+ |o|r+||.e ºouo o|ç+u|//+|e ºecoudo || p|oºpe||o ºeçueu|e.
1.CURRICULUMINFORMAZIONEEMULTIMEDIA
IANNO
Ieo||+ e +u+||º| de| |eº||
c+|+||e||//+u||
|·|||/0¹ c
Cou|euu|| d|ç||+|| |u |e|e e +|c|||e||u|+ de||’|u|o|r+/|oue ||C·|||/03 c
C|uer+. Ieo||+ de| ||uçu+çç|o |||r|co |·AkI/0c c
|+|o|+|o||o de||+ ºc||||u|+ '|'/03 c
*||oçe||+/|oue d| cou|euu|| ru|||red|+|| |·AkI/0c c
*A\| ¹z
*k+d|o. |+ \+|cou| +| We| |·AkI/0c c
||||||| |oud+reu|+|| e d|||||o pu||||co de||’|u|o|r+/|oue |u'/09 c
*|o|re de||+ coruu|c+/|oue ºc|eu||||c+
|u|eç|+||.e
'|'/03 c
*A\| ¹z
*||+çr+||c+ '|'/03 c
|o|re e º||+|eç|e de||’|rr+ç|ue |·AkI/0c c
IIANNO
C|uer+. ||+ºº| de| |+ccou|o pe| |rr+ç|u| c+|+||e||//+u|| |·AkI/0c c
C|o|u+||ºro |+d|o·|e|e.|º|.o
|u|eç|+||.e
|·AkI/0c c
C|o|u+||ºro ou||ue |·AkI/0c c
A ºce||+ de||o º|udeu|e ¹z
ALTREATTIVITÀFORMATIVE(exart.10,DMn.270/2004)PREVISTEOBBLIGATORIAMENTE:(IIANNO)
||uçu+ e cu||u|+ |uç|eºe
u||e||o|| cou.
||uçu|º||c|e
|·|||/¹z |
A|||||+ |u|o|r+||c|e |
A|||e (|||oc|u| – º|+çeº) |
Ieº| ¹3
2.CURRICULUMEDITORIA,CONTENUTIDIGITALIEMULTIMEDIA
IANNO
Ieo||+ e +u+||º| de| |eº||
c+|+||e||//+u||
|·|||/0¹ c
Cou|euu|| d|ç||+|| |u |e|e e +|c|||e||u|+ de||’|u|o|r+/|oue ||C·|||/03 c
App||c+/|ou| ed||o||+||. cod|c|. ºeçu|. |oç|| |·AkI/0c c
|+|o|+|o||o de||+ ºc||||u|+ '|'/03 c
|+ |o|r+ de| ||||o
|u|eç|+||.e
|·AkI/0c c
|o|re e º||+|eç|e de||’|rr+ç|ue |·AkI/0c c
60
vademecum 2009/10
61
parte generale
*|o|re de||+ coruu|c+/|oue ºc|eu||||c+
|u|eç|+||.e
'|'/03 c
*A\| ¹z
*||+çr+||c+ '|'/03 c
A|c||.|º||c+ çeue|+|e \·'I0/03 c
IIANNO
*Ed||o||+ ru|||red|+|e |
c+|+||e||//+u||
|·AkI/0c c
*A\| 9
*Ed||o||+ ru|||red|+|e || |·AkI/0c !
*|+| ||||o +| e·Boo| | |·AkI/0c c
*A\| 9
*|+| ||||o +| e·Boo| || |·AkI/0c !
\+||e||uç ed||o||+|e 'EC'·|/03 c
A ºce||+ de||o º|udeu|e ¹z
ALTREATTIVITÀFORMATIVE(exart.10,DMn.270/2004)PREVISTEOBBLIGATORIAMENTE:(IIANNO)
||uçu+ e cu||u|+ |uç|eºe
u||e||o|| cou.
||uçu|º||c|e
|·|||/¹z |
A|||||+ |u|o|r+||c|e |
A|||e (|||oc|u| – º|+çeº) |
Ieº| ¹3
3.CURRICULUMARCHIVISTICA
IANNO
*A|c||.|º||c+ çeue|+|e |
c+|+||e||//+u||
\·'I0/03 c
*A\| ¹z
*A|c||.|º||c+ çeue|+|e || \·'I0/03 c
A|c||.|º||c+ ºpec|+|e \·'I0/03 c
|e||e|+|u|+ ||+||+u+ rode|u+ e cou|erpo|+ue+ |·|||·|EI ¹¹ c
||||||| |oud+reu|+|| e d|||||o pu||||co de||’|u|o|r+/|oue |u'/09 c
|u||odu/|oue +||+ |||||o|ecouor|+ e +||+ ||ce|c+ |||||oç|+||c+
|u|eç|+||.e
\·'I0/03 c
|+|o|+|o||o d| +u+||º| e deºc||/|oue +|c||.|º||c+ \·'I0/03 c
|+|eoç|+||+ \·'I0/09 c
||p|or+||c+ \·'I0/09 ¹z
IIANNO
Ed||o||+ ru|||red|+|e
c+|+||e||//+u||
|·AkI/0c c
A|c||.|º||c+ |u|o|r+||c+ \·'I0/03 c
Cou|euu|| d|ç||+|| |u |e|e e +|c|||e||u|+ de||’|u|o|r+/|oue ||C·|||/03 c
A ºce||+ de||o º|udeu|e ¹z
ALTREATTIVITÀFORMATIVE(exart.10,DMn.270/2004)PREVISTEOBBLIGATORIAMENTE:(IIANNO)
||uçu+ e cu||u|+ |uç|eºe
u||e||o|| cou.
||uçu|º||c|e
|·|||/¹z |
A|||||+ |u|o|r+||c|e |
A|||e (|||oc|u| – º|+çeº) |
Ieº| ¹3
4.CURRICULUMBIBLIOTECONOMIA
IANNO
|u||odu/|oue +||+ |||||o|ecouor|+ e +||+ ||ce|c+ |||||oç|+||c+
c+|+||e||//+u||
\·'I0/03 c
C+|+|oç+/|oue e c|+ºº|||c+/|oue \·'I0/03 c
Ieo||+ e +u+||º| de| |eº|o |·|||/0¹ c
A|c||.|º||c+ çeue|+|e | |u|eç|+||.e \·'I0/03 c
|o|re de||+ coruu|c+/|oue ºc|eu||||c+ c+|+||e||//+u|| '|'/03 c
*|+|o|+|o||o op+c e |||||o|ec+ d|ç||+|e |
|u|eç|+||.e
\·'I0/03 c
*A\| ¹z
*|+|o|+|o||o op+c e |||||o|ec+ d|ç||+|e || \·'I0/03 c
|+ |o|r+ de| ||||o
c+|+||e||//+u||
|·AkI/0c c
Cou|euu|| d|ç||+|| |u |e|e e +|c|||e||u|+ de||’|u|o|r+/|oue ||C·|||/03 c
|+|o|+|o||o de||+ ºc||||u|+ |u|eç|+||.e '|'/03 c
IIANNO
*B||||o|ecouor|+ çeº||ou+|e |
c+|+||e||//+u||
\·'I0/03 c
*A\| ¹z
*B||||o|ecouor|+ çeº||ou+|e || \·'I0/03 c
'|o||+ de||+ º|+rp+ e de||’ed||o||+ |u|eç|+||.e \·'I0/03 c
A ºce||+ de||o º|udeu|e ¹z
ALTREATTIVITÀFORMATIVE(exart.10,DMn.270/2004)PREVISTEOBBLIGATORIAMENTE:(IIANNO)
||uçu+ e cu||u|+ |uç|eºe
u||e||o|| cou.
||uçu|º||c|e
|·|||/¹z |
A|||||+ |u|o|r+||c|e |
A|||e (|||oc|u| – º|+çeº) |
Ieº| ¹3
|e rod+|||+ d| º.o|ç|reu|o de||+ d|d+|||c+. core +uc|e |+ ||po|oç|+ de||e p|o.e d| +cce||+reu|o. ºouo º|+|||||e d| .o|·
|+ |u .o||+ pe| c|+ºcuu co|ºo d+| doceu|e |||o|+|e. |o º|udeu|e do.|+ ded|c+|e +||o º|ud|o pe|ºou+|e e o +d +|||e +|||·
.||+ |o|r+||.e. |.| corp|eº| |||oc|u| e p|o.+ ||u+|e. +|reuo z300 o|e d| |+.o|o |ud|.|du+|e. ºuºce||||||| d| |uc|ereu|o
|u |e|+/|oue +||+ ||po|oç|+ de| co|º|. |u |ºpec|e que||| + p|e.+|eu|e c+|+||e|e |+|o|+|o||+|e.
62
vademecum 2009/10
63
parte generale
|e rod+|||+ d| .e||||c+ de| p|o||||o. ç|| o||||ç|| d| ||equeu/+ +||e |e/|ou| e +| ºer|u+||. |e o|e d| |e/|oue º+|+uuo |e·
º| uo|| ºu| º||o d| A|eueo e ºu| \+derecur de||e due |+co||+ pe| oçu| º|uço|+ d|ºc|p||u+. core +uc|e |e rod+|||+ d|
º.o|ç|reu|o de| |||oc|u| |o|r+||.| e d| o||eu|+reu|o.
|o º|udeu|e do.|+ d|c||+|+|e +| roreu|o de|||rr+|||co|+/|oue. || cu|||cu|ur e. d| couºeçueu/+. |+ c|+ººe d| |+u|e+
eu||o cu| |u|eude couºeçu||e || |||o|o d| º|ud|o. |o º|udeu|e puo coruuque rod|||c+|e |+ ºu+ ºce||+. pu|c|e queº|+
d|.eu|| de||u|||.+ +| roreu|o de|||ºc||/|oue +| ºecoudo +uuo.
LOSAICHE...
-IPROJECTWORKS
| p|ojec| Wo||º ºouo r||+|| +||+ p|odu/|oue/p|oçe||+/|oue d| oççe||| cu||u|+|| pe|||ueu|| +ç|| |uºeçu+reu|| de| co|ºo
d| |+u|e+ (||||| ||+d|/|ou+||. e·|oo|. We|·º||eº. co||| e docureu|+||. p|oçe||| d| c+rp+çu+ p|oro/|ou+|e. ||.|º|e. çu|·
de. ecc.), du|+uo uo|r+|reu|e uu reºe. ue| co|ºo de| qu+|e |+ d|d+|||c+ e + cu|+ d| uu p|o|eºº|ou|º|+ de| |w. ºe·
coudo uu p|oçe||o +pp|o.+|o d+| co|ºo d| |+u|e+. '| ||+||+ d| co|º| + uure|o ||r||+|o (c||c+ ¹3/z0 º|udeu|| pe| pW).
e.eu|u+|reu|e +||+|ç+|||e ºu d|ºpou||||||+ de| doceu|e. |euu|| p+||e |u |+co||+ p+||e ue| |uoç|| d| p|odu/|oue |º|||u·
/|ou+|| (c+ºe ed||||c|. |ed+/|ou|. ºed| |+|·|. ecc.). | p|odo||| ||u+|| p+|||co|+|reu|e p|eçe.o|| poººouo eººe|e reºº| |u
|e|e o pu||||c+|| + º|+rp+. d|e||o p+|e|e de| |||o|+|e de| |w.
-ESAMI
E poºº||||e ºoº|eue|e ç|| eº+r| d+ ||equeu|+u|| e d+ uou ||equeu|+u||. couco|d+udo uu p|oçe||o |o|r+||.o cou ||
doceu|e d| |||e||reu|o.
-BORSEDISTUDIO
C|| |u|eude |+ccoç||e|e |u|o|r+/|ou| |ue|eu|| +||e dor+ude d| |o|º+ d| º|ud|o e |u.||+|o + ||.o|çe|º| +||’Ek'u d| u|·
||uo. \|+ \eue|o. |!. WWW.e|ºu||.||.
-TESTATA-LABORATORIOONLINE
E ou ||ue |ure|o/e|o. |+ |eº|+|+·|+|o|+|o||o d| Ed||o||+ \ed|+ e C|o|u+||ºro. |e+||//+|+ ue||’+r|||o de| p|ojec| Wo||
“uu ç|o|u+|e ou ||ue pe| |’uu|.e|º||+” (WWW.uu|u||.||/uure|o/e|o).
ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLE POLITICHE E DEI
SERVIZI SOCIALI (GEPSS)
C|+ººe |\·31 – 'e|.|/|o 'oc|+|e e |o||||c|e 'oc|+||

Sede:
\|+ A. '+|||. ¹3 · u|||uo
Presidente
\u|| K+/epo.
\|+ '+|||. ¹3 · Ie|.. 01zz !031!9 |+\. 01zz !031!¹
E·r+||. ,u||.|+/epo.©uu|u||.||
Referenti:
do||.ºº+ Auçe|+ Ceuo.+
\|+ '+|||. ¹3 (p|+uo A)
Ie|.. 01zz·!031!0 (ºo|o du|+u|e o|+||o d| ||ce.|reu|o) |+\. 01zz·!031!¹ Ce||. !!|·31z|c9c
E·r+||. çepºº©uu|u||.||
Sitoweb
|||p.//WWW.uu|u||.||/çepº
OBIETTIVIFORMATIVI
0||e|||.o |o|r+||.o de| co|ºo e |+ p|ep+|+/|oue d| |+u|e+|| r+ç|º||+|| cou uu’e|e.+|+ c+p+c||+ d| +u+||º| e |u|e|p|e|+·
/|oue de| |euoreu| ºoc|+|| e de| p|o||er| ºoc|+|| +d eºº| couueºº|. |e| |+çç|uuçe|e queº|| o||e|||.| |o|r+||.|. | |+u·
|e+|| ºpec|+||º|| do.|+uuo +cqu|º||e |e corpe|eu/e ueceºº+||e pe| |+ p|oçe||+/|oue. |’o|ç+u|//+/|oue. |+ çeº||oue e
.+|u|+/|oue d| |u|e|.eu||. d| ºe|.|/| e d| po||||c|e ºoc|+|| ue| .+|| ºe||o|| (|+.o|o. º+u||+. |+r|ç||+. |rr|ç|+/|oue. eºc|u·
º|oue ºoc|+|e e po.e||+. p|e.eu/|oue de| d|º+ç|o. p|oro/|oue de||e p+|| oppo||uu||+) ue| qu+d|o çeue|+|e. ºoc|+|e e
|eç|º|+||.o. de||e po||||c|e d| We||+|e. | |+u|e+|| ºpec|+||º|| do.|+uuo eººe|e c+p+c| d| ope|+|e cou uu e|e.+|o ç|+do d|
+u|ouor|+ e d| º.o|çe|e |uu/|ou| d| coo|d|u+reu|o deç|| |u|e|.eu|| e d| d||e/|oue d| º||u||u|e. ºe|.|/|. d|p+|||reu·
|| e +|ee d| e|e.+|+ corp|eºº||+ ue||’+r|||o de||e po||||c|e ºoc|+|| e c+p+c||+ d| d|||çe|e || |+.o|o d| ç|uppo. p|oruo·
.eudo .+||e |o|re d| coope|+/|oue ue||e e ||+ |e º||u||u|e d| ºe|.|/|o +||+ pe|ºou+. Eºº| do.|+uuo +cqu|º||e corpe·
|eu/e |douee +||’|de+/|oue e +||o º.||uppo d| +|||.||+ d| co·p|oçe||+/|oue e ueço/|+/|oue cou +||o|| ºoc|+|| po||+|o||
d| ||ºoçu| e p|o||er|. +||o ºcopo d| |ud|.|du+|e ||ºpoº|e e d| +|||.+|e ||ºo|ºe +deçu+|e pe| ||ou|eçç|+|e ere|çeu/e
e p|o||er| ºoc|+|| e pe|ºeçu||e || |eueººe|e ºoc|+|e.
AMMISSIONEALCORSO
|e| +ccede|e +| co|ºo º| ||c||edouo couoºceu/e ºoc|o|oç|c|e. po|||o|oç|c|e e d| ºe|.|/|o ºoc|+|e. º|+ d| c+|+||e|e |eo||co
c|e p|+||co. ue| c+rpo deç|| |u|e|.eu|| e de| ºe|.|/| ºoc|+||. +cqu|º||||| ||+r||e cu|||cu|ur d| º|ud|o |||euu+|| ue||e ºeçueu||
c|+ºº| d| |+u|e+. 'e|.|/|o ºoc|+|e (|!9). 'oc|o|oç|+ (||0). 'c|eu/e |o||||c|e e de||e |e|+/|ou| |u|e|u+/|ou+|| (|!c).
|oººouo +ccede|e | |+u|e+|| |u poººeººo d| |+u|e+ |||euu+|e de||e c|+ºº| co|||ºpoudeu|| e\ 309/99 e | |+u|e+|| |u poº·
ºeººo de||e |e|+||.e |+u|ee qu+d||euu+||. |oººouo +|||eº| +ccede|e | |+u|e+|| ue| p|e.|çeu|| o|d|u+reu||. ||p|or+ uu|·
.e|º||+||o |u 'e|.|/|o 'oc|+|e. ||p|or+ d| 'cuo|+ |||e||+ + ||u| 'pec|+||. cou.+||d+ uu|.e|º||+||+ de| d|p|or+ d| +ºº|º|eu·
|e ºoc|+|e +| ºeuº| de||’+||. 3 ||k ¹| de| ¹931 e | |+u|e+|| qu+d||euu+|| |u 'c|eu/e de| 'e|.|/|o 'oc|+|e.
A|||e |+u|ee po||+uuo eººe|e |||euu|e +deçu+|e +||’+rr|ºº|oue +| co|ºo qu+|o|+ ue| cu|||cu|ur de||o º|udeu|e º|+uo
64
vademecum 2009/10
65
parte generale
p|eºeu|| |u r|ºu|+ |||euu|+ ºu|||c|eu|e |uºeçu+reu|| ºoc|o|oç|c|. po|||o|oç|c|. º|o||c| ed ecouor|c| couç|u| co| pe|·
co|ºo |o|r+||.o de||+ |+u|e+ r+ç|º||+|e.
|ud|peudeu|ereu|e d+| |equ|º||| cu|||cu|+||. pe| |u||| ç|| º|udeu|| e p|e.|º|+ uu+ .e||||c+ de||+ p|ep+|+/|oue pe|ºou+|e e de|·
|+ couoºceu/+ d| +|reuo uu+ ||uçu+ de||’uu|oue Eu|ope+ o|||e |’||+||+uo. cou |||e||reu|o +uc|e + |eºº|c| d|ºc|p||u+||.
|e| r+çç|o|| |u|o|r+/|ou| ºu||+ p|ocedu|+ pe| ||c||ede|e |+ .+|u|+/|oue pe| |’+cceººo º| .ed+ || º||o.
|||p.//WWW.uu|u||.||/çepº
SBOCCHIPROFESSIONALI
| |+u|e+|| CE|'' +ud|+uuo + º.o|çe|e +|||.||+ p|o|eºº|ou+|| cou |uu/|ou| d| e|e.+|+ |eºpouº+|||||+ e +u|ouor|+ |u o|·
ç+u|//+/|ou|. pu||||c|e e p||.+|e. ope|+u|| ue| c+rpo de||e po||||c|e e de| ºe|.|/| d| We||+|e. de||o º.||uppo coruu|·
|+||o. de||’+|||.||+ coope|+||.+. '.o|çe|+uuo. |uo|||e. +|||.||+ d| ||ce|c+ ºoc|+|e e d| p|oçe||+/|oue de||e po||||c|e e de|
ºe|.|/| ue||’+r|||o de| ºe|.|/| ºoc|+||. ºoc|o·º+u||+|| e d| |e|/o ºe||o|e. uouc|e d| .+|u|+/|oue de||’|rp+||o ºoc|+|e de·
ç|| |u|e|.eu|| ue| c+rpo de| |+.o|o ºoc|+|e. A|||.||+ d| d||e/|oue. qu+|| || coo|d|u+reu|o d| ç|upp| d| |+.o|o. |+ |eºpou·
º+|||||+ d| º||u||u|e. |+ ºupe|.|º|oue p|o|eºº|ou+|e. corp|e|+uo |e p|oºpe|||.e occup+/|ou+||.
STRUTTURADIDATTICADELCORSO
|| Co|ºo d| |+u|e+ o|ç+u|//+ |e p|op||e +|||.||+ |o|r+||.e +|||+.e|ºo. ¹) |uºeçu+reu|| |ud|||//+|| +||’+cqu|º|/|oue d|
corpe|eu/e +.+u/+|e ue||e |eo||e e ue| re|od| de| ºe|.|/|o ºoc|+|e. ue||+ ºoc|o|oç|+. ue||e po||||c|e ºoc|o·+ºº|º|eu·
/|+|| e de||’o|ç+u|//+/|oue e çeº||oue de| ºe|.|/| ºoc|+|| +||+ pe|ºou+, z)|uºeçu+reu|| |ud|||//+|| +||+ couoºceu/+ de|
d|.e|º| º|º|er| d| We||+|e. +uc|e corp+|+||.+reu|e + ||.e||o eu|opeo. uouc|e couoºceu/e +pp|o|oud||e ºu| |e|/o
e qu+||o ºe||o|e e +||e |e|+/|ou| ||+ o|ç+u|//+/|oue uou·p|o||| e ºe|.|/| ºoc|o·º+u||+||, !) +|||.||+ eº|e|ue core |||o·
c|u| |o|r+||.| p|eººo +rr|u|º||+/|ou| e º||u||u|e d| ºe|.|/|o. +uc|e eº|e|e (ue| qu+d|o deç|| +cco|d| |u|e|u+/|ou+||).
|+||’+.+. z00c·z001. |e +|||.||+ |o|r+||.e poººouo eººe|e ºeçu||e +uc|e ou||ue. |e| de||+ç|| º| .ed+ || º||o de| Co|·
ºo d| |+u|e+ CE|''.
PERCORSOGEPSSONLINE
A p+||||e d+| z00c·z001 || Co|ºo d| |+u|e+ CE|'' |+ +|||.+|o uu |u|e|o pe|co|ºo d|d+|||co ou||ue. uu +.+u/+|o º|º|e·
r+ d| e·|e+|u|uç pe|re||e d| |u|e|+ç||e cou | doceu|| |u |ero|o (+|||+.e|ºo +u|e .|||u+||·c|+|). o|||eudo |’oppo||uu|·
|+ d| .|.e|e |’uu|.e|º||+ d| p||r+ pe|ºou+ +uc|e ºe uou º| puo ||º|ede|e + u|||uo.
|| pe|co|ºo |o|r+||.o ou||ue º| +|||co|+ |u due +uu| d| co|ºo. pe| uu |o|+|e d| ¹z0 c|ed||| |o|r+||.| (C|u).
PIANODISTUDIO
PRIMOANNO
Insegnamento SSD CFU
Au+||º| ºoc|o·ecouor|c+ de| ºe|.|/| ºoc|+|| /
'|+||º||c+ pe| |+ p|oç|+rr+/|oue e .+|u|+/|oue de| ºe|.|/| ºoc|o·º+u||+|| A\|
'EC'·|/0! ·
'EC'·'/03
¹0
|+ |eºpouº+|||||+ d|||çeu/|+|e |u'/01 3
||||||o de||e p+|| oppo||uu||+ ue| |+ppo||o d| |+.o|o |. || A\| |u'/01 ¹0
||||||| |oud+reu|+||. º|o||+. |eo||+ e po||||c|e |. || A\| |u'/¹3 ¹0
|oud+reu|| de||+ ºoc|e|+ de| |eueººe|e e po||||c|e ºoc|+|| corp+|+|e |. || A\| '|'/¹0 ¹0
'oc|o·+u||opo|oç|+ de||e |e|+/|ou| e|u|co·cu||u|+|| '|'/0¹ 3
'oc|o|oç|+ de||o º.||uppo. ço.e|u+uce e p+||ec|p+/|oue '|'/09 3
|o||||c|e pe| |+ º+|u|e.rode||| e p|+||c|e '|'/01 3
|o|e. C|| |uºeçu+reu|| ºouo d|ºpou||||| +uc|e |u rod+|||+ d| ||equeu/+ + d|º|+u/+ 0||||E
SECONDOANNO
Insegnamento SSD CFU
Ceº||oue de||e |rp|eºe de| ºe|.|/| ºoc|+|| / ||oçe||+/|oue de||e |rp|eºe uo·p|o||| A\| 'EC'·|/03 · ¹0
|º|co|oç|+ de| |+.o|o ue||e o|ç+u|//+/|ou| de| ºe|.|/| ºoc|+|| \·|'|/03 3
\e|od| e |ecu|c|e d| p|oç|+rr+/|oue |e||||o||+|e (+ ºce||+) '|'/01 3
'oc|o|oç|+ ç|u||d|c+. de||+ de.|+u/+ e ru|+reu|o ºoc|+|e (+ ºce||+) '|'/¹z 3
|o||||c+ ecouor|c+ e |euoreu| r|ç|+|o|| (+ ºce||+) '|'/09 3
A|||.||+ + ºce||+ de||o º|udeu|e* ¹0
I||oc|u|o** ¹0
||o.+ ||u+|e** z0
|o|e. C|| |uºeçu+reu|| ºouo d|ºpou||||| +uc|e |u rod+|||+ d| ||equeu/+ + d|º|+u/+ 0||||E
* |o|e. |e +|||.||+ |o|r+||.e + ºce||+ de||o º|udeu|e ºouo cou|eçç|+|e ue| uure|o d| ¹. pe| corp|eºº|.| ¹0 c|u. + p|eºc|ude|e
d+| uure|o d| .+|u|+/|ou| ||u+|| e||e|||.+reu|e ºoº|euu|e. |o º|udeu|e e |u.||+|o + ºceç||e|e ||+ |e +|||.||+ |o|r+||.e + ºce||+
eºp|eºº+reu|e |ud|c+|e ue| pe|co|ºo |o|r+||.o. |o º|udeu|e puo. |u||+.|+. ºceç||e|e r+|e||e +|||.e ue||’+r|||o de||’|u|e|o A|eueo.
p|e.|+ dor+ud+ ro||.+|+ +||+ corpe|eu|e º||u||u|+ d|d+|||c+ (Corr|ºº|oue p|+u| d| º|ud|o |u .|+ couºu|||.+, Couº|ç||o d| Co|ºo
d| |+u|e+ pe| dor+ud+ e de|||e|+).
** |o|e. |ou couco||ouo + de|e|r|u+|e || uure|o r+ºº|ro d| eº+r|. |+ p|o.+ ||u+|e e |e +|||.||+ |o|r+||.e c|e d+uuo |uoço
ºo||+u|o +d uu ç|ud|/|o d| |doue||+. |||oc|u|. º|+çeº. +cce||+reu|o de||+ couoºceu/+ de||e ||uçue. ºer|u+|| e +|||e +|||.||+. |e|
queº|e u|||re +|||.||+ |o|r+||.+ e coruuque ºerp|e ||c||eº|+ |+ .e||||c+ de| p|o||||o.
|.B. C|| º|udeu|| |ºc||||| +| p||ro +uuo eu||o || !¹ d|cer||e z009 do.|+uuo p|eºeu|+|e || p|op||o p|+uo d| º|ud| couco|d+|o cou
|+ corr|ºº|oue p|+u| d| º|ud|o cou|+||+|||e .|+ er+||. çepºº©uu|u||.|| o |e|e|ouo. !!|·31z|c9c.
66
vademecum 2009/10
67
parte generale
PERCORSOATEMPOPARZIALE
E couºeu|||+ |’|ºc||/|oue p+||·||re +| co|ºo d| |+u|e+. c|e corpo||+ |+ poºº||||||+ d| +|||co|+|e ºu ||e +uu| || pe|co|ºo
|o|r+||.o e couºeçueu|e rod|||c+ de| |eç|re de||e |+ººe d| |ºc||/|oue (.ede|e |º||u/|ou| çeue|+|| pe| |’|ºc||/|oue).
|’|ºc||/|oue p+||·||re couºeu|e d| +cqu|º||e ||uo +d uu r+ºº|ro d| |z C|u pe| oçu| +uuu+|||+ ed e couº|de|+|o ||pe|eu|e
|o º|udeu|e c|e uou +|||+ +cqu|º||o +|reuo c0 C|u +| |e|r|ue de| ºecoudo +uuo. 90 C|u +| |e|r|ue de| |e|/o +uuo.
|| p+ºº+çç|o d+||+ rod+|||+ d| ||equeu/+ + |erpo p|euo de.e eººe|e e||e||u+|o +| roreu|o de||’|ºc||/|oue ed uu+
ºo|+ .o||+ ue||+ c+|||e|+ de||o º|udeu|e. 'pe||+ +||+ Corr|ºº|oue ||+u| d| '|ud|o º|+|||||e. ºu||+ |+ºe de| c|ed||| ç|+
+cqu|º||| d+||o º|udeu|e. + qu+|e +uuo d| co|ºo |ºc||.e||o.
A||o º|udeu|e + |erpo p+|/|+|e º| +pp||c+. cou |e ecce/|ou| d| cu| +| p|ecedeu|| corr|. |o º|eººo ||+uo d| '|ud| u|||·
c|+|e de| Co|ºo d| |+u|e+ p|e.|º|o pe| ç|| º|udeu|| + |erpo p|euo. cou |+ ºeçueu|e +|||co|+/|oue.
IANNO
||ºc|p||ue po||||c|e. ecouor|c|e
e º|+||º||c|e
'EC'·|/0! Au+||º| ºoc|o·ecouor|c+ de| ºe|.|/| ºoc|+|| 3
¹0 A\|
'EC'·'/03
'|+||º||c+ pe| |+ p|oç|+rr+/|oue e .+|u|+/|oue de|
ºe|.|/| ºoc|o·º+u||+||
3
||ºc|p||ue C|u||d|c|e |u'/01 |+ |eºpouº+|||||+ d|||çeu/|+|e 3 3
||ºc|p||ue pº|co·ped+çoç|c|e.
+u||opo|oç|c|e e |||oºo||c|e
'|'/0¹ 'oc|o·+u||opo|oç|+ de||e |e|+/|ou| e|u|co·cu||u|+|| 3 3
A|||e +|||.||+ |o|r+||.e
(+|||u| e |u|eç|+||.e)
'|'/09 'oc|o|oç|+ de||o º.||uppo. ço.e|u+uce e p+||ec|p+/|oue 3 3
||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e e d|
ºe|.|/|o ºoc|+|e
'|'/01 |o||||c|e pe| |+ º+|u|e. rode||| e p|+||c|e 3
¹3
'|'/¹0
|oud+reu|| de||+ ºoc|e|+ de| |eueººe|e e po||||c|e
ºoc|+|| corp+|+|e |.|| A\|
¹0
IIANNO
||ºc|p||ue C|u||d|c|e |u'/01
||||||o de||e p+|| oppo||uu||+ ue| |+ppo||o d| |+.o|o |.||
A\|
¹0 ¹0
||ºc|p||ue po||||c|e. ecouor|c|e
e º|+||º||c|e
'EC'·|/03 Ceº||oue de||e |rp|eºe de| ºe|.|/| ºoc|+|| 3
¹0 A\|
'EC'·|/¹0 ||oçe||+/|oue de||e |rp|eºe uou·p|o||| 3
A|||e +|||.||+ |o|r+||.e
(+|||u| e |u|eç|+||.e)
¹0 c|u o||||ç+|o||.
¹3
|u'/¹3 ||||||| |oud+reu|+||. º|o||+. |eo||+ e po||||c|e |.|| A\| ¹0
3 c|u + ºce||+.
'|'/01 \e|od| e |ecu|c|e d| p|oç|+rr+/|oue |e||||o||+|e 3
'|'/¹z 'oc|o|oç|+ ç|u||d|c+. de||+ de.|+u/+ e ru|+reu|o ºoc|+|e 3
'|'/09 |o||||c+ ecouor|c+ e |euoreu| r|ç|+|o|| 3
||ºc|p||ue pº|co·ped+çoç|c|e.
+u||opo|oç|c|e e |||oºo||c|e
\·|'|/03 |º|co|oç|+ de| |+.o|o ue||e o|ç+u|//+/|ou| de| ºe|.|/| ºoc|+|| 3 3
IIIANNO
A|||.||+ |o|r+||.e
e\ +||. ¹0. |\ z10/z00|
+) +|||.||+ + ºce||+ de||o º|udeu|e * ¹0
c) +|||.||+ pe| |+ p|o.+ ||u+|e** ·
z0
Ieº| z0
d) +|||e (|||oc|u| – º|+çe) ¹0
* |o|e. |e +|||.||+ |o|r+||.e + ºce||+ de||o º|udeu|e ºouo cou|eçç|+|e ue| uure|o d| ¹. pe| corp|eºº|.| ¹0 c|u. + p|eºc|ude|e
d+| uure|o d| .+|u|+/|ou| ||u+|| e||e|||.+reu|e ºoº|euu|e. |o º|udeu|e e |u.||+|o + ºceç||e|e ||+ |e +|||.||+ |o|r+||.e + ºce||+
eºp|eºº+reu|e |ud|c+|e ue| pe|co|ºo |o|r+||.o. |o º|udeu|e puo. |u||+.|+. ºceç||e|e r+|e||e +|||.e ue||’+r|||o de||’|u|e|o A|eueo.
p|e.|+ dor+ud+ ro||.+|+ +||+ corpe|eu|e º||u||u|+ d|d+|||c+ (Corr|ºº|oue p|+u| d| º|ud|o |u .|+ couºu|||.+, Couº|ç||o d| Co|ºo
d| |+u|e+ pe| dor+ud+ e de|||e|+).
** |o|e. |ou couco||ouo + de|e|r|u+|e || uure|o r+ºº|ro d| eº+r|. |+ p|o.+ ||u+|e e |e +|||.||+ |o|r+||.e c|e d+uuo |uoço
ºo||+u|o +d uu ç|ud|/|o d| |doue||+. |||oc|u|. º|+çeº. +cce||+reu|o de||+ couoºceu/+ de||e ||uçue. ºer|u+|| e +|||e +|||.||+. |e|
queº|e u|||re +|||.||+ |o|r+||.+ e coruuque ºerp|e ||c||eº|+ |+ .e||||c+ de| p|o||||o.
PROVAFINALE
|+ |+u|e+ r+ç|º||+|e º| couºeçue cou |’+cqu|º|/|oue de| c|ed||| |o|r+||.| p|e.|º|| d+| |eço|+reu|o e cou || ºupe|+·
reu|o de||+ p|o.+ ||u+|e.
|+ p|o.+ ||u+|e couº|º|e |u uu e|+|o|+|o ºc||||o d| c+|+||e|e o||ç|u+|e +|||+.e|ºo || qu+|e || c+ud|d+|o de.e d|roº||+|e
d| +.e| r+|u|+|o |e couoºceu/e e corpe|eu/e |e|+||.e +ç|| o||e|||.| |o|r+||.| de| co|ºo.
|’oççe||o de||’e|+|o|+|o d| +u+||º| e d| +pp|o|oud|reu|o de.e eººe|e uu+ |er+||c+ couco|d+|+ cou uuo de| doceu·
|| de| co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e. |’e|+|o|+|o. d| u+|u|+ |eo||c+. re|odo|oç|c+ o +pp||c+||.+. de.e eººe|e pe|||ueu|e
cou || pe|co|ºo d| º|ud| r+ç|º||+|e e p|e.ede|e uu+ |+ººeçu+ de||+ |e||e|+|u|+. uu |uqu+d|+reu|o de| p|o||er+ e
uu+ ||+||+/|oue eº+u||eu|e c|e |u||oduc+ e|ereu|| d| o||ç|u+|||+ ue| c+rpo ºpec|||co d| º|ud|. uu+ |||||oç|+||+ eººeu·
/|+|e |+ç|ou+|+ cou |||e||reu|| +||+ |e||e|+|u|+ |uuo.+||.+ e d| |eºp||o uou ºo|o u+/|ou+|e.
|+ p|o.+ ||u+|e de||+ |+u|e+ r+ç|º||+|e. cu| .euçouo +|||||u||| ¹3 c|u. couº|º|e |u e|+|o|+|o d| corp|eºº||+. +pp|o|ou·
d|reu|o e o||ç|u+|||+ ue||+reu|e ºupe||o|e + qu+u|o ||c||eº|o pe| |+ p|o.+ ||u+|e de||+ |+u|e+ |||euu+|e
|e| || ºupe|+reu|o de||+ p|o.+ ||u+|e || c+ud|d+|o de.e ºoº|eue|e uu+ d|ºcuºº|oue. cou uu’+ppoº||+ corr|ºº|oue
ç|ud|c+|||ce. ºu||’e|+|o|+|o p|eºeu|+|o ed o||eue|e uu+ .+|u|+/|oue poº|||.+.
|+ .+|u|+/|oue e eºp|eºº+ |u ceu|odec|r|. cou e.eu|u+|e |ode. e |+ p|o.+ e ºupe|+|+ ºe || c+ud|d+|o o|||eue uu+ .+·
|u|+/|oue ºupe||o|e + cc/¹¹0.
TIROCINIESTAGES
|e| |o º.o|ç|reu|o de| |||oc|u|o ç|| º|udeu|| de||ouo couco|d+|e cou || ||eº|deu|e de| Co|ºo d| |+u|e+ (o uu ºuo
de|eç+|o) |e rod+|||+ d| º.o|ç|reu|o. º||u||u|+ oºp||+u|e. |erp|. |u|o| +cc+der|co e |u|o| de||+ º||u||u|+ oºp||+u|e.
|e| |+ º||pu|+ de||e ueceºº+||e cou.eu/|ou| º+|+uuo +ºº|º|||| d+| ke|e|eu|e |||oc|u|.
ke|e|eu|| |||oc|u|. do||. |eou+|do |+ C+p||+ |eou+|do.|+c+p||+©uu|u||.||
p|o|. C|uºeppe Be||uº|| ç|uºeppe|e||uº||©.||ç|||o.||
68
vademecum 2009/10
69
parte generale
SOCIOLOGIA DELLA MULTICULTURALITÀ
C|+ººe |\·33 |u 'oc|o|oç|+ e ||ce|c+ ºoc|+|e
Sede
\|+ A. '+|||. ¹3 · u|||uo
Presidente
|u|ç| A|||e||
e·r+||. |u|ç|.+|||e||©uu|u||.||
\|+ A. '+|||. ¹3
Ie|.. 01zz !031!c |+\. 01zz !031!¹
Sitoweb
|||p.//WWW.uu|u||.||/ºoc|o|oç|+
OBIETTIVIFORMATIVI
|| co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u 'oc|o|oç|+ de||+ ru|||cu||u|+|||+ |+ |’o||e|||.o d| p|ep+|+|e | p|op|| º|udeu|| +|||uc|e
couºeçu+uo.
· uu+ e|e.+|+ c+p+c||+ d| +u+||º| ed |u|e|p|e|+/|oue de| |euoreu| ºoc|+||,
· uu+ couoºceu/+ ºpec|+||º||c+ de||e d|ºc|p||ue d| |+ºe ue||’+|e+ de||e ºc|eu/e ºoc|+||,
· uu+ couoºceu/+ +.+u/+|+ de||e d|ºc|p||ue º|o||co·|||oºo||c|e,
· uu+ couoºceu/+ +.+u/+|+ de||e d|ºc|p||ue ç|u||d|co·po|||o|oç|c|e ed ecouor|c|e. ºu| .e|º+u|e de||+ ºoc|o|oç|+
de| ||uºº| r|ç|+|o|| e deç|| e||e||| ºoc|+|| e cu||u|+|| de| p|oceºº| d| ç|o|+||//+/|oue,
· corpe|eu/e re|odo|oç|c|e +.+u/+|e |e|+||.e +||+ r|ºu|+. +| |||e.+reu|o e +| ||+||+reu|o de| d+|| pe|||ueu|| |+
||ce|c+ ºoc|+|e. e p|u |u çeue|+|e +||’+u+||º| de| |uu/|ou+reu|o de||e ºoc|e|+ corp|eººe,
· couoºceu/e +.+u/+|e de||e |eo||e e de| re|od| pe| |’+u+||º| corp+|+|+ de||e ºoc|e|+,
· uu+ couoºceu/+ +.+u/+|+ de||e d|ºc|p||ue +|||u| + que||e ºoc|o|oç|c|e. cou p+|||co|+|e ||çu+|do +||e d|ºc|p||ue de·
roe|uo+u||opo|oç|c|e e pº|coped+çoç|c|e,
· |+ c+p+c||+ d| ope|+|e |u º||u||u|e d| ||ce|c+ ºoc|+|e. o +uc|e d| +pp|eud|reu|o. º.||uppo e d|||uº|oue de||+ couo·
ºceu/+ ºoc|o|oç|c+ |u +r|||o u+/|ou+|e ed |u|e|u+/|ou+|e. cou uu e|e.+|o ç|+do d| +u|ouor|+ e |eºpouº+|||||+,
· c+p+c||+ d| u||||//+|e ||ueu|ereu|e +|reuo uu+ ||uçu+ de||’uu|oue Eu|ope+ o|||e |’||+||+uo. cou |||e||reu|o +u·
c|e +| |eºº|c| d|ºc|p||u+||,
· +u|ouore c+p+c||+ d| ||ce|c+ ue| c+rp| d| |ud+ç|ue |e|+||.| +||’|uc|deu/+ cu||u|+|e e ºoc|+|e de| |+||o|e |e||ç|oºo
ue||+ ºoc|e|+ cou|erpo|+ue+.
|e| |e|r|u| de| |eºc||||o|| eu|ope| (uo|| core deºc||||o|| d| |u|||uo · |\ ¹c/0!/z001. +||. !. corr+ 1). ç|| º|udeu·
|| c|e couºeçu||+uuo |+ |+u|e+ r+ç|º||+|e |u 'oc|o|oç|+ de||+ ru|||cu||u|+|||+ do.|+uuo.
+) poººede|e |e |+º| pe| º.||upp| e +pp||c+/|ou| o||ç|u+|| d| |dee |u uu cou|eº|o d| ||ce|c+ ºoc|o|oç|c+. cou p+|||co·
|+|e ||çu+|do +| |er| de||+ ç|o|+||//+/|oue. de||e |e|+/|ou| |u|e|cu||u|+|| e de| p|u|+||ºro |e||ç|oºo, do.|+uuo + |+|
||ue +cqu|º||e |e oppo||uue uo/|ou| º|o||c|e. ecouor|c|e. po|||o|oç|c|e. ed +.e|e ºu|||c|eu|e p+d|ou+u/+ de| d|·
|+||||o |eo||co |e|+||.o + |+|| |er|. º.||upp+udo +u|ouore c+p+c||+ d| .+|u|+/|oue c||||c+ ºo|||+eudoº| +||e ||co||eu·
|| ºerp||||c+/|ou| |deo|oç|c|e (KuoW|edçe +ud uude|º|+ud|uç),
|) d|roº||+|e |+ c+p+c||+ d| ||ºo|.e|e p|o||er| |eo||c| e +pp||c+||.| |u cou|eº|| |u|e|d|ºc|p||u+|| |e|+||.| +ç|| +r||·
|| ºop|+|ud|c+||. +uc|e red|+u|e |+ p+||ec|p+/|oue + |+|o|+|o|| e ç|upp| d| º|ud|o e |+ |ed+/|oue d| |eº|ue d| ||ce|·
c+. e ºop|+||u||o +|||+.e|ºo |e +|||.||+ o||||ç+|o||e d| º|+çe p|eººo eu|| o +/|eude (App|,|uç |uoW|edçe +ud uu·
de|º|+ud|uç),
c) d|roº||+|e |+ c+p+c||+ d| |u|eç|+|e +u|ouor+reu|e |e p|op||e couoºceu/e e d| |o|ru|+|e ç|ud|/| |u º||u+/|o·
u| |eo||c|e o +pp||c+||.e corp|eººe |e|+||.e +ç|| +r|||| ºop|+|ud|c+||. +|||||+ queº|e c|e ||o.e|+uuo |+ |o|o p|u d|·
|e||+ e ºpec|||c+ eºp|eºº|oue ue||+ |ed+/|oue de||+ |eº| d| |+u|e+. r+ do.|+uuo +uc|e eººe|e r+u||eº|+|e +|||+.e|·
ºo |’+|||.+ p+||ec|p+/|oue + d||+||||| cou | doceu|| e ||+ ç|| º|udeu|| º|eºº|. ºpec|+|reu|e ue||’+r|||o d| |+|o|+|o|| e
ºer|u+|| (\+||uç judçereu|º),
d) d|roº||+|e |+ c+p+c||+ d| coruu|c+|e |e couoºceu/e +cqu|º||e |u r+u|e|+ c||+|+. eººeu/|+|e e ºc|eu||||c+reu|e
co||e||+. c+p+c||+ c|e º+|+ .+|u|+|+ d+| doceu|| ºpec|+|reu|e ue||’+r|||o d| +|||.||+ ºer|u+||+|| ded|c+|e e |uco|+ç·
ç|+udo |+ |ed+/|oue d| º|u|e||c|e eºpoº|/|ou| ºc||||e (Corruu|c+||ou),
e) d|roº||+|e |+ c+p+c||+ d| p|ocede|e ue||’+pp|eud|reu|o cou +u|ouor|+ e ºeuºo c||||co. c+p+c||+ c|e | doceu·
|| |uco|+ççe|+uuo ue||’|u|e|o º.o|ç|reu|o de||+ d|d+|||c+ e º+|+ oççe||o d| .+|u|+/|oue p+|||co|+|reu|e +||eu|+ |u
ºede d’eº+re (|e+|u|uç º||||º).
TITOLODIAMMISSIONE
|e| eººe|e +rreºº| +| co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e ç|| º|udeu|| de.ouo eººe|e |u poººeººo d| d|p|or+ d| |+u|e+. d|·
p|or+ d| |+u|e+ |||euu+|e o d|p|or+ uu|.e|º||+||o d| du|+|+ |||euu+|e. uouc|e |||o|| equ|po||eu|| couºeçu||| +||’eº|e·
|o +| ºeuº| de||+ uo|r+||.+ .|çeu|e.
'ouo +rreºº| +u|or+||c+reu|e +| co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u 'oc|o|oç|+ de||+ ru|||cu||u|+|||+ ºeu/+ de|||| |o|·
r+||.|. ç|| º|udeu|| |u poººeººo d| |+u|ee |||euu+|| |u 'oc|o|oç|+ couºeçu||e ue||e uu|.e|º||+ ||+||+ue e d| |||o|| equ|po|·
|eu|| couºeçu||| +||’eº|e|o +| ºeuº| de||+ uo|r+||.+ .|çeu|e.
Coº|||u|ºcouo |||o|| |doue| +||’+rr|ºº|oue u||e||o|| |+u|ee |||euu+||. qu+||. 'e|.|/|o ºoc|+|e. 'c|eu/e de||+ Coruu|c+·
/|oue. 'c|eu/e po||||c|e couºeçu||e ue||e uu|.e|º||+ ||+||+ue e d| |||o|| equ|po||eu|| couºeçu||| +||’eº|e|o +| ºeuº| de|·
|+ uo|r+||.+ .|çeu|e.
A|||e |+u|ee po||+uuo eººe|e |||euu|e +deçu+|e +||’+rr|ºº|oue +| co|ºo qu+|o|+ ue| cu|||cu|ur de||o º|udeu|e º|+uo
p|eºeu|| |u r|ºu|+ |||euu|+ ºu|||c|eu|e |uºeçu+reu|| ºoc|o|oç|c|. |||oºo||c|. +u||opo|oç|c|. |eo|oç|c|. po|||o|oç|c|. º|o||·
c| ed ecouor|c| couç|u| co| pe|co|ºo |o|r+||.o de||+ |+u|e+ r+ç|º||+|e.
DEBITIECREDITIFORMATIVI
|+ Corr|ºº|oue p|+u| d| º|ud|o uor|u+|+ d+| Couº|ç||o d| co|ºo d| |+u|e+ e corpe|eu|e +||+ .+|u|+/|oue. +| ||.e||o
de| º|uço|| pe|co|º| |o|r+||.|. de||’e.eu|u+|e +rrou|+|e de| de||||. co|||ºpoudeu|e +| de||c|| |o|r+||.o c|e |o º|u·
deu|e do.|+ co|r+|e. || de|||o e |e |ud|c+/|ou| pe| |u|eç|+|e || de||c|| |o|r+||.o ºouo de|||e|+|e d+| Couº|ç||o d| Co|·
ºo d| |+u|e+. ºeu|||o || p+|e|e de||+ Corr|ºº|oue.
SBOCCHIPROFESSIONALI
|’o||e||+ |o|r+||.+ e o||eu|+|+ + p|ep+|+|e ||çu|e d| eºpe||| c|e. coud|.|deudo uu+ coruue |o|r+/|oue ºoc|o·+u||o·
po|oç|c+ e d| |eo||+ e re|odo|oç|+ ºoc|o|oç|c+. +|||+uo corpe|eu/e ºpec|||c|e ue||o º.o|ç|reu|o d| +|cuue |uu/|ou|
º||e||+reu|e co||e|+|e +||+ ºpec|||c||+ de||e o|ç+u|//+/|ou| corp|eººe c|e c+|+||e||//+uo |e ºoc|e|+ poº|rode|ue.
'| peuº+ |u p+|||co|+|e +||e ºeçueu|| ||çu|e.
· “red|+|o|e |u|e|cu||u|+|e” o “+çeu|e d| cou||ue” |u ç|+do d| po|º| core ºoççe||o |u|eç|+|o|e ||+ ºe||o|| |º|||u/|o·
u+|| c|e |ucou||+uo d||||co||+ d| coruu|c+/|oue. '| peuº| +d eºerp|o +||+ ueceºº||+ d| co|r+|e |u||| que| .uo|| co·
çu|||.| c|e ºo|çouo ue||’+|e+ de| ºe|.|/| ºoc|+|| e +ºº|º|eu/|+|| qu+udo º| de.ouo p|ed|ºpo||e |u|e|.eu|| c|e ||çu+|·
70
vademecum 2009/10
71
parte generale
d+uo º||+|| ºoc|+|| p|o.eu|eu|| d+ cu||u|e e |e||ç|ou| d|.e|ºe d+||+ uoº||+. 0 +uc|e +||+ de||u|/|oue d| |e|+/|ou| eco·
uor|c|e e º|ud+c+|| ||+ d+|o|| d| |+.o|o e |+.o|+|o|| +pp+||eueu|| + d|.e|ºe e|u|e,
· ||ce|c+|o|e d+ |uºe|||e p|eººo uu|.e|º||+ ed o|ç+u|ºr| |u|e|u+/|ou+||,
· ||ce|c+|o|e |u ceu||| º|ud| pu||||c| e p||.+||,
· |uu/|ou+||o o couºu|eu|e p|eººo |+ pu||||c+ +rr|u|º||+/|oue. cou p+|||co|+|e ||çu+|do +ç|| eu|| p|epoº|| +||e
po||||c|e ºoc|+|| e +||’+ºº|º|eu/+. e p|eººo o|ç+u|ºr| pu||||c| e p||.+|| + .+||o |||o|o |u|e|eºº+|| d+| |euoreuo de|·
|+ ru|||cu||u|+|||+,
· eºpe||o coruu|c+|o|e p|eººo |e .+||e ||po|oç|e d| red|+.
|u |||e||reu|o +||+ |oreuc|+|u|+ e c|+ºº|||c+/|oue de||e uu||+ p|o|eºº|ou+|| (|u|0c). u+|+ d+||+ co||+|o|+/|oue |º|+|·
|º|o|. º| poººouo |ud|.|du+|e |e ºeçueu|| ||çu|e p|o|eºº|ou+||. d| cu| +| º||o |||pº.//uuo.+|d|.|º|+|.||/p|o|eºº|ou|/|ude\.
p|p!cod|ce_!=z.3.!&&cod|ce_z=z.3&&cod|ce_¹=z .
· z.3.! · 'pec|+||º|| |u ºc|eu/e ºoc|+||
· z.3.!.z · 'pec|+||º|| |u ºc|eu/e ºoc|o|oç|c|e e +u||opo|oç|c|e
· z.3.!.| · 'pec|+||º|| |u ºc|eu/e º|o||c|e. +|||º||c|e. po||||c|e e |||oºo||c|e
STRUTTURAEL’ORGANIZZAZIONEDIDATTICADELCORSO
|| co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u 'oc|o|oç|+ de||+ ru|||cu||u|+|||+ |+ du|+|+ ||euu+|e. |eueudo cou|o c|e +d uu +uuo
co|||ºpoudouo cou.eu/|ou+|reu|e c0 C|u.
|| uure|o d| eº+r| p|e.|º|| pe| || couºeçu|reu|o de| |||o|o e d| ¹¹. e corp|eude +uc|e |e +|||.||+ |o|r+||.e + ºce|·
|+ de||o º|udeu|e cou|eçç|+|e ue| uure|o d| ¹. + p|eºc|ude|e d+| uure|o d| .+|u|+/|ou| ||u+|| e||e|||.+reu|e ºoº|e·
uu|e d+||o º|udeu|e.
|ou couco||ouo + de|e|r|u+|e || uure|o r+ºº|ro d| eº+r|. |+ p|o.+ ||u+|e e |e +|||.||+ |o|r+||.e c|e d+uuo |uoço
ºo||+u|o +d uu ç|ud|/|o d| |doue||+. |||oc|u|. º|+çeº. +cce||+reu|o de||+ couoºceu/+ de||e ||uçue. ºer|u+|| e +|||e +|·
||.||+. |e| queº|e u|||re +|||.||+ |o|r+||.+ e coruuque ºerp|e ||c||eº|+ |+ .e||||c+ de| p|o||||o.
'u||+ |+ºe de||e |ud|c+/|ou| ºuççe|||e d+||+ Corr|ºº|oue p|epoº|+ +||’eº+re de| p|+u| d| º|ud|o |ud|.|du+||. e cou ||·
|e||reu|o +||’+deçu+|e//+ de||e ro||.+/|ou| e.eu|u+|reu|e |o|u||e. ºpe||+ +| Couº|ç||o d| co|ºo +cce||+|e |+ coe|eu·
/+ de||+/e r+|e||+/e ºce||+/e +u|ouor+reu|e d+||o º|udeu|e ue||’+r|||o d| |u||e que||e +|||.+|e ue||’A|eueo cou ||
p|oçe||o corp|eºº|.o de| co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u 'oc|o|oç|+ de||+ ru|||cu||u|+|||+. core p|e.|º|o d+||’ +||. ¹0.
corr+ 3. |e||e|+ +) de| |.\. u. z10/z00|.
A| c|ed||o |o|r+||.o uu|.e|º||+||o. co|||ºpoudouo z3 o|e d| |rpeçuo corp|eºº|.o pe| º|udeu|e. d| cu| 3 ºouo |rpe·
çu+|e ue||e +|||.||+ |o|r+||.e cou || doceu|e. |+ qu+u|||+ red|+ d| |rpeçuo corp|eºº|.o d| +pp|eud|reu|o º.o||o
|u uu +uuo d+ uuo º|udeu|e + |erpo p|euo e cou.eu/|ou+|reu|e ||ºº+|+ |u c0 c|ed|||.
PIANODISTUDIO
|opo +.e| p|ocedu|o +||+ dor+ud+ d| |ºc||/|oue. ç|| º|udeu|| p|eºeu|+uo || p|op||o p|+uo d| º|ud| |ud|.|du+|e. |ud|·
c+udo || pe|co|ºo |o|r+||.o c|e |u|eudouo corp|e|e pe| || couºeçu|reu|o de| |||o|o. | rodu|| pe| || p|+uo d| º|ud|
ºouo d||e||+reu|e ºc+||c+|||| d+| º||o d| A|eueo.
C|| º|udeu|| |ºc||||| |||o|+|| de| |equ|º||| pe| |’+rr|ºº|oue +| co|ºo. d| cu| +||’+||. | corr+ z de| p|eºeu|e |eço|+reu|o.
poººouo p|eºeu|+|e d||e||+reu|e || p|+uo d| º|ud| +||+ ºeç|e|e||+ º|udeu|| de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+.
| c+ud|d+|| +||’+rr|ºº|oue +| Co|ºo d| |+u|e+. d| cu| +||’+||. | corr| ! e | de| p|eºeu|e |eço|+reu|o. de||ouo ||·
c||ede|e |+ .+|u|+/|oue de| p|op||o cu|||cu|ur +| |oceu|| |eºpouº+|||| de| co|ºo. |o|ueudo cou |+ ||c||eº|+ |u||+ |+
docureu|+/|oue |ue|eu|e +| p|op||o pe|co|ºo |o|r+||.o e |+.o|+||.o. 'eu|||o || p+|e|e de||+ Corr|ºº|oue ºpe||+ +|
Couº|ç||o d| Co|ºo d| |+u|e+ +pp|o.+|e |’+rr|ºº|oue d| oçu| º|uço|o c+ud|d+|o.
|o º|udeu|e do.|+ co|r+|e |’e.eu|u+|e de||c|| |o|r+||.o ue||’+r|||o de||e +|||.||+ |o|r+||.e de| co|ºo d| |+u|e+ |u 'o·
c|o|oç|+ e 'e|.|/|o 'oc|+|e de||+ |+co||+ d| 'oc|o|oç|+ de||’uu|.e|º||+ d| u|||uo.
|| co|ºo d| |+u|e+ º| +|||co|+ |u due +uu|. ue| p||ro +uuo º| p|e.edouo 1 eº+r| . 3 A\| (A|ee rodu|+|| |u|eç|+|e.
c|oe r+|e||e d|d+|||c+reu|e +u|ouore c|e coº|||u|ºcouo uu uu|co eº+re) d+ ¹0 c|u e z d+ 3 c|u pe| corp|eºº|·
.| c0 C|u, ue| ºecoudo +uuo º| p|e.edouo | eº+r|. ! A\| d+ ¹0 c|u e ¹ d+ 3 c|u pe| corp|eºº|.| !3, + queº|e +|||·
.||+ |o|r+||.e ue| ºecoudo +uuo º| de.ouo +çç|uuçe|e ! c|u d| ||uçu+ cou ç|ud|/|o d| |doue||+. | d| º|+çe o |||oc|·
u|o. e ¹3 d| |eº| d| |+u|e+.
| rodu|| e |e A\| (+|ee rodu|+|| |u|eç|+|e) p|e.|º|| ºouo. o||||ç+|o|| e |+co||+||.|.
INSEGNAMENTIPREVISTIEATTIVITÀFORMATIVEOBBLIGATORIE
|e| couºeçu||e | c|ed||| |e|+||.| + c|+ºcuu+ +|||.||+ |o|r+||.+ de| ||euu|o. ç|| º|udeu|| |+uuo + d|ºpoº|/|oue | ºeçueu·
|| |uºeçu+reu||.
IANNO
3 esami obbligatori da 10 cfu
||ºc|p||ue +u||opo|oç|c|e
º|o||co·çeoç|+||c|e e
pº|coped+çoç|c|e
A\| · Au||opo|oç|+ de||e cu||u|e
¹0 \·|EA/0¹ · Au||opo|oç|+ de||e |e||ç|ou| · 3 c|u
\·|EA/0¹ ·Au||opo|oç|+ de||e |e|+/|ou| e|u|co·cu||u|+|| 3 c|u
||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e
A\| · '|'/09 I|+º|o|r+/|ou| ecouor|c|e e de| |+.o|o ue||+ ºoc|e|+ ru|||cu||u|+|e.
• 'oc|o|oç|+ de||o º.||uppo. ço.e|u+uce e p+||ec|p+/|oue · 3 c|u
• 'oc|o|oç|+ de||e ||+º|o|r+/|ou| de| |+.o|o · 3 c|u
¹0
A\| · |o||||c|e ºoc|+|| ue||+ ºoc|e|+ ru|||cu||u|+|e.
• '|'/¹0 · |oud+reu|| de||e ºoc|e|+ de| |eueººe|e e po||||c|e ºoc|+|| corp+|+|e
· 3 c|u
• '|'/¹z · |o||||c|e ºoc|+|| pe| |+ |+r|ç||+ e pe| |’|u|+u/|+ · 3 c|u
¹0
1 esame da 10 cfu a scelta tra i seguenti:
||ºc|p||ue '|o||co |||oºo||c|e
A\| · '|o||+ de| peuº|e|o e de||+ ºc|eu/+ de||e |e||ç|ou|
• \·|||/0! · Ep|º|ero|oç|+ de||e |e||ç|ou| · 3 c|u
• \·|||/0c · '|o||+ de| peuº|e|o |e||ç|oºo · 3 c|u
¹0
A\| \·|||/0¹ · |||oºo||+ |eo|e||c+ |. ||· 3-3 c|u
1 esame da 10 cfu a scelta tra i seguentii:
A|||e +|||.||+ |o|r+||.e
(+|||u| e |u|eç|+||.e)
A\| · |u'/z0 · Au||opo|oç|+ · ||||||o·|e||e|+|u|+
• Au||opo|oç|+ ç|u||d|c+ · 3 c|u
• ||||||o e |e||e|+|u|+ · 3 c|u
¹0
A\| \·'I0/0c · '|o||+ e |||oºo||+ de||e |e||ç|ou| o||eu|+||
• '|o||+ e |||oºo||+ de| Budd|ºro · 3 c|u
• '|o||+ e |||oºo||+ de||+ |e||ç|oue |ud|+u+ · 3 c|u
1 esame da 5 cfu a scelta tra i seguenti:
||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e
'|'/01 · Ep|º|ero|oç|+ de||+ ||ce|c+ +u||opo|oç|c+ · 3 c|u
3 '|'/03 · 'oc|o|oç|+ c|+ºº|c+ e |eo||+ de| .+|o|e · 3 c|u
'|'/03 · 'oc|o|oç|+ de||+ cu||u|+ e||+|c+ · 3 c|u
72
vademecum 2009/10
73
parte generale
1 esame da 5 cfu a scelta tra i seguenti:
A|||e +|||.||+ |o|r+||.e (+|||u| e
|u|eç|+||.e)
\·'I0/0c · '|o||+ de||e |e||ç|ou| · 3 c|u
3
\·'I0/0c · '|o||+ e |||oºo||+ de||+ |e||ç|oue e de||e cu||u|e |º|+r|c|e · 3 c|u
\·|||/0z · Au||opo|oç|+ de||e |o|re º|r|o||c|e · 3 c|u
|u'/z0 · ||||||| de||’uoro · 3 c|u
IIANNO
2 esami obbligatori da 10 cfu
||ºc|p||ue
C|u||d|co·po|||o|oç|c|e
A\| · '|'/0| · 'oc|o|oç|+ de||e |deu|||+ po||||c|e
• 'oc|o|oç|+ de||e |deu|||+ po||||c|e · 3 c|u
• \e|od| e |ecu|c|e de||+ dor+ud+ po||||c+ · 3 c|u
¹0
||ºc|p||ue
\+|er+||co·º|+||º||c|e
ed ecouor|c|e
A\| · |o||||c+ ecouor|c+ e |euoreu| r|ç|+|o||
• 'EC'·|/0z · |o||||c+ ecouor|c+ e |euoreu| r|ç|+|o|| · 3 c|u
• 'EC'·'/03 · '|+||º||c+ ºoc|+|e · 3 c|u
¹0
1 esame da 5 cfu a scelta tra i seguenti:
A|||e +|||.||+ |o|r+||.e (+|||u| e
|u|eç|+||.e)
\·'I0/0c · '|o||+ de||e |e||ç|ou| · 3 c|u
3
\·'I0/0c · '|o||+ e |||oºo||+ de||+ |e||ç|oue e de||e cu||u|e |º|+r|c|e · 3 c|u
\·|||/0z · Au||opo|oç|+ de||e |o|re º|r|o||c|e · 3 c|u
|u'/z0 · ||||||| de||’uoro · 3 c|u
|o|+. '| |u|eude c|e |+ r+|e||+ d+ 3 c|u ç|+ ºe|e/|ou+|+ ||+ |e “A|||e +|||.||+ |o|r+||.e” de| p||ro +uuo uou puo eººe|e
||ºe|e/|ou+|+ +| ºecoudo +uuo.
1 esame da 10 cfu a scelta dello studente:
|e +|||.||+ |o|r+||.e + ºce||+ de||o º|udeu|e ºouo cou|eçç|+|e ue| uure|o d| ¹. pe| corp|eºº|.| ¹0 c|u. + p|eºc|ude·
|e d+| uure|o d| .+|u|+/|ou| ||u+|| e||e|||.+reu|e ºoº|euu|e. |o º|udeu|e puo ºceç||e|e |e +|||.||+ + ºce||+ ||+ |e r+·
|e||e uou ºe|e/|ou+|e ||+ |e “||ºc|p||ue ºoc|o|oç|c|e” e |e “A|||e +|||.||+ |o|r+||.e” uouc|e ||+ que||e p|eºeu|| ue| ||·
qu+d|o ºo||o ||po||+|o.
|u çeue|+|e |o º|udeu|e puo ºceç||e|e r+|e||e +|||.e ue||’+r|||o de||’|u|e|o A|eueo. p|e.|+ dor+ud+ ro||.+|+ +||+ corpe|eu|e
º||u||u|+ d|d+|||c+ (Corr|ºº|oue p|+u| d| º|ud|o |u .|+ couºu|||.+, Couº|ç||o d| Co|ºo d| |+u|e+ pe| dor+ud+ e de|||e|+).
Ulteriori insegnamenti opzionali offerti alla scelta dello studente
A|||.||+ |o|r+||.e + ºce||+ de||o
º|udeu|e e\ +||. ¹0. |\ u.
z10/z00|
\·|E|/0¹ · |o|r+/|oue +| d|+|oço |u|e||e||ç|oºo · 3 c|u
¹0 \·'I0/0| · '|o||+ ºoc|+|e de||e r|ç|+/|ou| · 3 c|u
\·|EA/0¹ · E|uo|oç|+ · 3 c|u
| c|ed||| |o|r+||.| ||ºe|.+|| +||+ |||e|+ ºce||+ de||o º|udeu|e poººouo eººe|e +cqu|º||| +uc|e p+||ec|p+udo +| “ºer|u+·
|| |u|e|co|ºo” e.eu|u+|reu|e p|ed|ºpoº|| ue||’+r|||o de||’o||e||+ |o|r+||.+ de| co|ºo d| |+u|e+ |u 'oc|o|oç|+ e 'e|.|·
/|o 'oc|+|e. | ºer|u+|| |u|e|co|ºo ºouo +|||.||+ |o|r+||.e |u|eç|+||.e ||ºpe||o +ç|| |uºeçu+reu|| u|||c|+||. || ||ºpe||o de·
ç|| o||||ç|| d| ||equeu/+ p|e.|º|| e || ºupe|+reu|o de||e |e|+||.e .e||||c|e d| p|o||||o couºeu|e |’+cc|ed||+reu|o d| 3
c|u pe| oçu| ºer|u+||o ||equeu|+|o d+||o º|udeu|e.
A|||e +|||.||+ |o|r+||.e ºouo p|e.|º|e o||||ç+|o||+reu|e. core .+|u|+/|oue d| |doue||+ (ºeu/+ .o|o)
A|||.||+ |o|r+||.e e\ +||. ¹0. |\
u. z10/z00|
|) +|||.||+ pe| |+ p|o.+ ||u+|e. ||uçu+ (+ ºce||+)
· |·|||/¹z · ||uçu+ |uç|eºe pe| |e ºc|eu/e ºoc|+||
· |·|||/0| · ||uçu+ ||+uceºe pe| |e ºc|eu/e ºoc|+||
!
c) A|||e (|||oc|u| · º|+çe) |
|o|e. |ou couco||ouo + de|e|r|u+|e || uure|o r+ºº|ro d| eº+r|. |+ p|o.+ ||u+|e e |e +|||.||+ |o|r+||.e c|e d+uuo |uoço
ºo||+u|o +d uu ç|ud|/|o d| |doue||+. |||oc|u|. º|+çeº. +cce||+reu|o de||+ couoºceu/+ de||e ||uçue. ºer|u+|| e +|||e +|||.||+. |e|
queº|e u|||re +|||.||+ |o|r+||.+ e coruuque ºerp|e ||c||eº|+ |+ .e||||c+ de| p|o||||o.
Ieº| d| |+u|e+ A|||.||+ pe| |+ p|o.+ ||u+|e. Ieº| ¹3
PROVAFINALE
|+ p|o.+ ||u+|e couº|º|e ue||+ p|eºeu|+/|oue e d|ºcuºº|oue d| uu e|+|o|+|o ºc||||o d| c+|+||e|e o||ç|u+|e. |’+|çoreu·
|o de||’e|+|o|+|o .e||+ couco|d+|o d+ oçu| |ºc||||o cou uuo de| doceu|| dopo +.e| +cqu|º||o +|reuo c0 C|u e cou·
c|uºo || p||ro +uuo d| co|ºo.
A| ºupe|+reu|o de||+ p|o.+ ||u+|e º+|+ |||+ºc|+|o || |||o|o d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u 'oc|o|oç|+ de||+ ru|||cu||u|+|||+.
INFORMAZIONI
|e| |u|o|r+/|ou| ºu p|+u| d| º|ud|o. p+ºº+çç| d| co|ºo. |uºeçu+reu||. eº+r|. o|+|| de| |e/|ou| e d| ||ce.|reu|o. ç|| º|u·
deu|| de| Co|ºo d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u 'oc|o|oç|+ de||+ ru|||cu||u|+|||+ po||+uuo couºu||+|e || º||o de||+ |+co||+. ||·
|p.//WWW.uu|u||.||/ºoc|o|oç|+. o cou|+||+|e || p|o|. |u||| A|||e|| |u|ç|.+|||e||©uu|u||.|| |e|. 01zz !031!c o |+ |o||.ºº+
\. |+o|+ \||||c+ r+||+.r||||c+©uu|u||.||
74
vademecum 2009/10
75
parte generale
CORSI DI LAUREA DI SECONDO LIVELLO AD ESAURIMENTO
(|+u|ee ºpec|+||º||c|e)

COMUNICAZIONE E PUBBLICITÀ PER LE ORGANIZZAZIONI
C|+ººe 39/' – |u||||c||+ e coruu|c+/|oue d’|rp|eº+
(|+u|e+ +d eº+u||reu|o – +|||.o ºo|o || +uuo)
'ede d| |eº+|o
AMMISSIONEALCORSO
|e| |’+.+. z009·z0¹0 e poºº||||e |ºc||.e|º| ºo|o +| ºecoudo +uuo d| co|ºo.
|e| u||e||o|| |u|o|r+/|ou| ºu||’o|d|u+reu|o d| d|d+|||co. ºu| cu|||cu|+. ºuç|| º|occ|| p|o|eºº|ou+||. | |||oc|u| e +|||e +|||·
.||+ de| co|ºo. e poºº||||e couºu||+|e || .+derecur de||’+uuo +cc+der|co z003·09 ºc+||c+|||e p|eººo || º||o
|||p.//WWW.uu|u||.||
PIANODISTUDIO
IIANNO
Settore Materia CFU
'|'/03 Ieo||e e p|+||c|e de||+ coruu|c+/|oue !
'|'/03 |+|. ||odu/|oue .|deo (|doue||+) !
|·|||/0¹ |+|. ||uçu+çç| de||+ pu||||c||+. cop,W||||uç c
'EC'·|/¹0 '||+|eç|e e |ecu|c|e de||+ coruu|c+/|oue d’|rp|eº+ | !
'EC'·|/¹0 '||+|eç|e e |ecu|c|e de||+ coruu|c+/|oue d’|rp|eº+ || !
'EC'·|/03 \+||e||uç |e|+/|ou+|e c
'|'/09 'oc|o|oç|+ de||’0|ç+u|//+/|oue e de| \+u+çereu| !
'EC'·|/01 Ecouor|+ de| couºuro. de||+ r+|c+ e de||’eºpe||eu/+ c
A|||||+ ||uçu|º||c|e e |e|+/|ou+|| |+|. Buº|ueºº +ud Corruu|c+||ou Euç||º| !
A|||||+ |u|o|r+||c|e |+|. |o|re e ||uçu+çç| de| d|ç||+|e (|doue||+) !
wo||º|op. º|+çe e p|o.+ ||u+|e z|
Totale 63
Creditiliberi
| · AkI/01 |+|. l|uç|e !
'|'/03 |+|. \ed|+ p|+uu|uç (|doue||+) !
EDITORIA MEDIA E GIORNALISMO
C|+ººe ¹!/' – Ed||o||+. coruu|c+/|oue ru|||red|+|e e ç|o|u+||ºro
(|+u|e+ +d eº+u||reu|o – +|||.o ºo|o || +uuo)
AMMISSIONEALCORSO
|e| |’+.+. z009·z0¹0 e poºº||||e |ºc||.e|º| ºo|o +| ºecoudo +uuo d| co|ºo.
|e| u||e||o|| |u|o|r+/|ou| ºu||’o|d|u+reu|o d| d|d+|||co. ºu| cu|||cu|+. ºuç|| º|occ|| p|o|eºº|ou+||. | |||oc|u| e +|||e +|·
||.||+ de| co|ºo. e poºº||||e couºu||+|e || .+derecur de||’+uuo +cc+der|co z003·09 ºc+||c+|||e p|eººo || º||o ||·
|p.//WWW.uu|u||.||
PIANODISTUDIO
|| ºecoudo +uuo p|e.ede |’+cqu|º|/|oue d| !c C|u |e|+||.| +d +|||.||+ |o|r+||.e p|o|eºº|ou+||//+u|| ºu p|oçe||o (p|ojec|
Wo||) ºo||o |ud|c+|e +||’|u|e|uo de| due pe|co|º| |o|r+||.| c|e |o º|udeu|e e |u.||+|o + ºceç||e|e +||’+||o de||’|ºc||/|oue.
· “|e p|o|eºº|ou| de| red|+”. pe| º|udeu|| c|e ºce|çouo uu pe|co|ºo p|u p|o|eºº|ou+||//+u|e e c|e |+uuo |+ poºº|·
|||||+ d| ||equeu|+|e,
· “|+ ||ce|c+ ºu| red|+”. pe| º|udeu|| cou red|e e|e.+|e. p+|||co|+|reu|e ro||.+|| +||’+|||.||+ d| ||ce|c+.
IIANNO
Settore Disciplina (Project works) CFU
'|'/03 Coruu|c+/|oue pu||||c+ 9
'|'/03 C|o|u+||ºro ou ||ue c
|·AkI/0c C|o|u+||ºro |+d|o·|e|e.|º|.o ¹
A\|
!
|·AkI/0c C|o|u+||ºro |+d|o·|e|e.|º|.o z c
|·AkI/03 | pe||od|c|. |eº|| e |rr+ç|u| 9
'|'/03·|||/0¹ |u|o|r+|e e çeue|+|e ºe|.|/| ºu| We| c
'|'/03 Ed||o||+ ||||+||+ 9
|·AkI/0c ||odu/|oue .|deo 9
'EC'·|/0c \+||e||uç ed||o||+|e c
'|'/03 uu ||||o ou ||ue 9
C|ed||| |||e|| o º|+çeº c
||o.+ ||u+|e z0

76
vademecum 2009/10
77
parte generale
ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLE POLITICHE E DEI
SERVIZI SOCIALI
C|+ººe 31/' – ||oç|+rr+/|oue e Ceº||oue de||e |o||||c|e e de| 'e|.|/| 'oc|+||
(|+u|e+ +d eº+u||reu|o – +|||.o ºo|o || +uuo)
AMMISSIONEALCORSO
|e| |’+.+. z009·z0¹0 e poºº||||e |ºc||.e|º| ºo|o +| ºecoudo +uuo d| co|ºo.
|e| u||e||o|| |u|o|r+/|ou| ºu||’o|d|u+reu|o d| d|d+|||co. ºu| cu|||cu|+. ºuç|| º|occ|| p|o|eºº|ou+||. | |||oc|u| e +|||e +|||·
.||+ de| co|ºo. e poºº||||e couºu||+|e || .+derecur de||’+uuo +cc+der|co z003·09 ºc+||c+|||e p|eººo || º||o
|||p.//WWW.uu|u||.||
PIANODISTUDIO
IIANNO
Settore Discipline CFU
'|'/01 \e|od| e |ecu|c|e d| p|oç|+rr+/|oue |e||||o||+|e c
'EC'·|/03 Ceº||oue de||e |rp|eºe de| ºe|.|/| ºoc|+|| c
|u'/¹| |o||||c|e ºoc|+|| e |oud| º||u||u|+|| de||+ C.E. c
\·|'|/0c |º|co|oç|+ de| |+.o|o ue||e o|ç+u|//+/|ou| de| ºe|.|/| ºoc|+|| c
'EC'·|/¹0 ||oçe||+/|oue de||e |rp|eºe uou·p|o||| c
|·|||/¹z ||uçu+ |uç|eºe pe| |e ºc|eu/e ºoc|+|| !
C|ed||| + ºce||+ de||o º|udeu|e c
A|||||+ |u|o|r+||c|e 3
C|ed||| pe| +|||e couoºceu/e ||uçu|º||c|e. +|||||+ |e|+/|ou+|| e |||oc|u| |
||o.+ ||u+|e ¹z
PROVAFINALE
|+ |+u|e+ ºpec|+||º||c+ º| couºeçue cou |’+cqu|º|/|oue de| c|ed||| |o|r+||.| p|e.|º|| d+| |eço|+reu|o e cou || ºupe|+·
reu|o de||+ p|o.+ ||u+|e.
|+ p|o.+ ||u+|e couº|º|e |u uu e|+|o|+|o ºc||||o d| c+|+||e|e o||ç|u+|e +|||+.e|ºo || qu+|e || c+ud|d+|o do.|+ d|roº||+·
|e d| +.e| +cqu|º||o |+ c+p+c||+.
• |ud|.|du+|e |u|e||oç+||.| ºc|eu||||c+reu|e |||e.+u|| +||o|uo +d uuo ºpec|||co |euoreuo ºoc|+|e. |o|ru|+udo uu p|o·
çe||o d| º|ud|o de| |euoreuo |ud+ç+|o ||ço|oºo e coe|eu|e,
• ||co||e|e +| re|od| e +||e |ecu|c|e p|u +pp|op||+|| pe| |’+u+||º| de| |euoreuo |ud+ç+|o. co||oc+udo | ||ºu||+|| de|
p|op||o |+.o|o d| ||ce|c+ +||’|u|e|uo d| +deçu+|e ||||eºº|ou| |eo||c|e,
• p|oç|+rr+|e. p|oçe||+|e. o|ç+u|//+|e e çeº|||e |u|e|.eu|| d| ºe|.|/| e po||||c|e ºoc|+||. uouc|e d| .+|u|+|ue |’eº||o.
|e| || ºupe|+reu|o de||+ p|o.+ ||u+|e || c+ud|d+|o de.e ºoº|eue|e uu+ d|ºcuºº|oue. cou uu’+ppoº||+ corr|ºº|oue
ç|ud|c+|||ce. ºu||’e|+|o|+|o p|eºeu|+|o ed o||eue|e uu+ .+|u|+/|oue poº|||.+.
|+ .+|u|+/|oue e eºp|eºº+ |u ceu|odec|r|. cou e.eu|u+|e |ode. e |+ p|o.+ e ºupe|+|+ ºe || c+ud|d+|o o|||eue uu+ .+·
|u|+/|oue ºupe||o|e + cc/¹¹0.
TIROCINIESTAGES
|e| |o º.o|ç|reu|o de| |||oc|u|o ç|| º|udeu|| de||ouo couco|d+|e cou || ||eº|deu|e de| Co|ºo d| |+u|e+ (o uu ºuo
de|eç+|o) |e rod+|||+ d| º.o|ç|reu|o. º||u||u|+ oºp||+u|e. |erp|. |u|o| +cc+der|co e |u|o| de||+ º||u||u|+ oºp||+u|e.
|e| |+ º||pu|+ de||e ueceºº+||e cou.eu/|ou| º+|+uuo +ºº|º|||| d+| ke|e|eu|e |||oc|u|.
ke|e|eu|e |||oc|u|. do||. |eou+|do |+ C+p||+ |eo|+c+p||+©ºoc.uu|u||.|| e || p|o|. C|uºeppe Be||uº|| ç|uºeppe|e||u·
º||©.||ç|||o.||

SOCIOLOGIA DELLA MULTICULTURALITÀ
C|+ººe 39/' · 'oc|o|oç|+
(|+u|e+ +d eº+u||reu|o – +|||.o ºo|o || +uuo)
AMMISSIONEALCORSO
|e| |’+.+. z009·z0¹0 e poºº||||e |ºc||.e|º| ºo|o +| ºecoudo +uuo d| co|ºo.
|e| u||e||o|| |u|o|r+/|ou| ºu||’o|d|u+reu|o d| d|d+|||co. ºu| cu|||cu|+. ºuç|| º|occ|| p|o|eºº|ou+||. | |||oc|u| e +|||e +|·
||.||+ de| co|ºo. e poºº||||e couºu||+|e || .+derecur de||’+uuo +cc+der|co z003·09 ºc+||c+|||e p|eººo || º||o ||·
|p.//WWW.uu|u||.||
PIANODISTUDIO
|e|co|º| op/|ou+|| pe| || ºecoudo +uuo.
•POLITICHEDELL’INTEGRAZIONESOCIALE
Insegnamentiobbligatori:
'|'/01 |oud+reu|| de||e ºoc|e|+ de| |eueººe|e e po||||c|e ºoc|+|| corp+|+|e
'|'/09 'oc|o|oç|+ de||e ||+º|o|r+/|ou| ecouor|c|e e de| |+.o|o
'|'/¹0 |o||||c|e de||’|rr|ç|+/|oue
'|'/¹z |o||||c|e ºoc|+|| pe| |+ |+r|ç||+ e pe| |’|u|+u/|+
Uninsegnamentoasceltadellostudentetraiseguenti:
\·|EA/0¹ |o|re de||+ rero||+ cu||u|+|e
\·|||/0z Ep|º|ero|oç|+
'EC'·'/03 '|+||º||c+ ºoc|+|e +.+u/+|+
'|'/0| \e|od| e |ecu|c|e d| +u+||º| de||+ dor+ud+ ºoc|+|e e po||||c+
'|'/0| \o.|reu|| ºoc|+|| e c+r||+reu|o po||||co
•ANTROPOLOGIADELLERELIGIONI
Insegnamentiobbligatori:
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||+ cu||u|+ e||+|c+
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||e cu||u|e |º|+r|c|e
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||e cu||u|e |udd|º|e
'|'/03 'oc|o|oç|+ de||e cu||u|e |ud|+ue
78
vademecum 2009/10
79
insegnamenti
Uninsegnamentoasceltadellostudentetraiseguenti:
\·|||/0c '|o||+ de| peuº|e|o |e||ç|oºo
\·'I0/0| '|o||+ cou|erpo|+ue+ de| c||º||+ueº|ro
\·|||/0c |euoreuo|oç|+ de||+ |e||ç|oue
|u'/z0 ||||||o e |e||ç|ou|
\·|E|/0¹ |o|r+/|oue +| d|+|oço |u|e||e||ç|oºo
Attivitàformativeulteriori
||uçu+ º||+u|e|+ (||uçu+ |uç|eºe pe| |e ºc|eu/e ºoc|+|| o ||uçu+ ||+uceºe pe| |e ºc|eu/e ºoc|+||)
A|||||+ |u|o|r+||c|e |
A|||||+ |u|o|r+||c|e ||
'|+çe
PROVAFINALE
|+ p|o.+ ||u+|e couº|º|e ue||+ p|eºeu|+/|oue e d|ºcuºº|oue d| uu e|+|o|+|o ºc||||o d| c+|+||e|e o||ç|u+|e. |’+|çoreu·
|o de||’e|+|o|+|o .e||+ couco|d+|o d+ oçu| |ºc||||o cou uuo de| doceu|| dopo +.e| +cqu|º||o +|reuo c0 C|u e cou·
c|uºo || p||ro +uuo d| co|ºo.
A| ºupe|+reu|o de||+ p|o.+ ||u+|e º+|+ |||+ºc|+|o || |||o|o d| |+u|e+ r+ç|º||+|e |u 'oc|o|oç|+ de||+ ru|||cu||u|+|||+.
PROGRAMMI DEGLI INSEGNAMENTI
Eventuali correzioni, integrazioni e modifiche sono consultabili sul portale d’Ateneo all’indirizzo:
www.uniurb.it/insegnamenti
Legenda
| Co|ºo d| |AukEA
Cu Co|ºo d| |AukEA + c|c|o uu|co
|' Co|ºo d| |AukEA '|EC|A||'I|CA
|\ Co|ºo d| |AukEA \AC|'IkA|E
|\C Co|ºo d| |AukEA \AC|'IkA|E + c|c|o uu|co qu|uqueuu+|e
C|A·| Co|ºo d| |AukEA +d eº+u||reu|o pe| || qu+|e uou e poºº||||e |ºc||.e|º| +| p||ro +uuo
C|A·|' Co|ºo d| |AukEA '|EC|A||'I|CA +d eº+u||reu|o pe| || qu+|e uou e poºº||||e |ºc||.e|º| +| p||ro +uuo
80
vademecum 2009/10
81
insegnamenti
Abilitàinformatiche
--

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Informatica per le scienze sociali e sistemi di didattica a distanza
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. TORRISI GIOVANNI

ObiettiviFormativi:
L’obiettivo del corso di informatica di base è quello di fornire agli studenti gli strumenti informatici, pratici ed analitici,
necessari ad affrontare il percorso formativo del corso di laurea in sociologia e, successivamente, le sfide che il mondo
del lavoro sottoporrà loro una volta laureati.
Programma:
Il corso si articola in diversi moduli interni.Gestione delle risorse di base. Scopo di questo modulo è di permettere allo
studente di familiarizzare con le principali funzioni di base di un personal computer e del suo sistema operativo;
Elaborazione testi. Le lezioni afferenti a questo modulo saranno dedicate all’analisi e all’uso dei più conosciuti
programmi di elaborazione testi. Fogli di calcolo. Il modulo affronterà sia i concetti fondamentali del foglio elettronico
sia l’utilizzo pratico di tale strumento. La rete. Questo modulo offre delle conoscenze di base inerenti l’uso e la
configurazione delle reti informatiche. Il modulo si articola in due parti. La prima concerne l’uso di Internet per la ricerca
di dati e documenti nella rete. La seconda parte riguarda invece la comunicazione per mezzo della posta elettronica, i
newsgroups, le liste di discussione, etc. Fare formazione a distanza (corso monografico) Scopo di questo modulo sarà
quello di offrire una panoramica quanto più completa possibile dello stato dell’arte nell’ambito della formazione online.
Sarà fatto un confronto tra comunicazione face-to-face, comunicazione a distanza e comunicazione in rete, seguito da
una panoramica relativa alla progettazione e allestimento dei corsi online.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari di approfondimento
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
- Calvani A., Rotta M., Fare Formazione in Internet, Erickson, 2000.
Modalitàdiaccertamento:
La valutazione avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal docente
titolare del modulo, anche in itinere, attraverso: - prove scritte - colloqui - valutazione di lavori prodotti dallo studente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio del testo
Testidistudio:
- Curtin D. P., Informatica di Base, Mc Graw-Hill, Roma 2000 Nota: Acquistare ultima edizione disponibile in commercio.
Nota per tutti: Eseguire esercizi con CD-ROM. -
- Calvani A., Rotta M., Fare Formazione in Internet, Erickson, 2000.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale con prova pratica
................................................................................................................................
Abilitàinformatiche
INF/01

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.

................................................................................................................................
Abilitàinformatiche1,2
--

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Informatica di base
Corsidilaureain: Organizzazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (CNA-LS) Sociologia della
Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. CELESCHI ALDO aldo.celeschi@uniurb.it
Ricevimento: Sempre nei giorni di lezione e in altre date previo appuntamento da prendere contattando direttamente
il docente via e-mail

ObiettiviFormativi:
Il corso intende fornire gli strumenti informatici e di area orientati all’utilizzo del pacchetto Microsoft Office, per
affrontare il percorso di formazione nel corso di laurea specialistica in Sociologia.
Programma:
Utilizzo dei fogli elettronici in genere, (Excel) in particolare. Studio dei SW applicativi, tra i quali PowerPoint e Word.
Attivitàasupportodelladidattica:
Laboratori, seminari, tesine di approfondimento
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale in aula, eventualmente avvalendosi di un personal computer il cui schermo sarà proiettato e visibile a
tutti. Tesina di approfondimento.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e di laboratorio e studio individuale.
Testidistudio:
Celeschi A., Informatica e metodologia della ricerca, Nuaova edizione, Quattroventi, Urbino 2008
Celeschi A., La misura delle relazioni sociali, Quattroventi, Urbino, 2008
Lanzavecchia G., Negrotti M., L’enigma del caso. Edizioni Goliardiche, Trieste, 2007.
Nota: Parte I, II, III (una Parte a scelta).
Modalitàdiaccertamento:
La valutazione avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal docente
titolare del modulo, anche in itinere, attraverso: - prove scritte - colloqui - valutazione di lavori prodotti dallo studente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Celeschi A., Informatica e metodologia della ricerca, nuova edizione, Quattroventi, Urbino 2008
Celeschi A.,La misura delle relazioni sociali, Quattroventi, Urbino, 2008
Modalitàdiaccertamento:
La valutazione avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal docente
titolare del modulo, anche in itinere, attraverso: - prove scritte - colloqui - valutazione di lavori prodotti dallo studente.
................................................................................................................................
AbilitàRelazionali
--

CFU 2 • DURATA 16 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La composizione e la revisione dei testi nel lavoro redazionale
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L) Organizzazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (CNA-LS)

ObiettiviFormativi:
Il modulo intende illustrare i criteri di stesura e di trattamento redazionale di un testo, concentrandosi sugli aspetti che
riguardano l’organizzazione logico-concettuale degli argomenti, la precisione linguistica, la sintesi espositiva,
82
vademecum 2009/10
83
insegnamenti
l’uniformazione stilistica e grafica.
Programma:
1. Scrittura e comunicazione 2. Programmare e organizzare un testo 3. Le fasi di realizzazione di un testo scritto 4. Criteri
di scrittura: uso del linguaggio; struttura funzionale del testo; punteggiatura 5. Norme di uniformazione redazionale:
trattamento di nomi e termini; citazioni; note; riferimenti bibliografici; indici 6. Ambiti e prodotti dell’editoria libraria 7.
Laboratorio di scrittura.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali; esercitazioni di stesura e revisione di testi; seminario di approfondimento.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e di laboratorio; esercizi di revisione dei testi; studio individuale del
testo di riferimento.
Testidistudio:
La bibliografia verrà comunicata a inizio corso, distinguendo tra studenti del corso di laurea triennale e della laurea
specialistica.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica e discussione di elaborati scritti preparati dallo studente durante la partecipazione al modulo e sviluppati nelle
ore di studio individuale; verifica e discussione degli argomenti trattati nel testo di riferimento.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale.
Obblighi:
Studio individuale del testo di riferimento.
Testidistudio:
R. Lesina, Il nuovo manuale di stile, 2ª ed., Zanichelli, Bologna, 1994; capitoli 1, 2, 4, 5, 6, 7, 13, 14, 15, 16, 17, appendice A.
Modalitàdiaccertamento:
Test scritto.
................................................................................................................................
Analisisocio-economicadeiservizisociali/Statisticaperlaprogrammazione
evalutazionedeiservizisocio-sanitariAMI
SECS-P/03 - SECS-S/05

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Analisi socio-economica dei servizi sociali/ Statistica sociale
Corsidilaureain: Organizzazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM)

Prof. ROMBALDONI ROSALBA rosalba.rombaldoni@uniurb.it

Prof. FRANCI ALBERTO alberto.franci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Parte I
Gli obiettivi principali del corso sono: offrire agli studenti una panoramica dei problemi legati alla fornitura dei servizi
sociali e sanitari; fornire tutta una serie di riferimenti concettuali che permettano di trattare il problema del trade-off tra
efficienza ed equità nel settore socio-sanitario; acquisire le competenze per poter realizzare una valutazione economica
del funzionamento del servizio sanitario e dei servizi sociali in genere.
Parte II
Il corso ha come obiettivo formativo quello di avvicinare lo studente allo studio statistico di fenomeni di notevole
rilevanza sociale oggi in Italia. In particolare l’operatore sociale nell’ambito delle discipline e problematiche proprie della
loro futura professione sarà sempre più chiamata ad un processo di aggiornamento delle conoscenze in tema di
programmazione-gestione e valutazione della qualità dei servizi sociali e sanitari. Il corso pertanto si propone di
aumentare le competenze statistiche relativamente ai seguenti aspetti dell’analisi statistica relativi al monitoraggio della
qualità percepita dai pazienti e la soddisfazione del personale di assistenza che opera nell’ampio contesto dei servizi
socio-sanitari.
Analisi dell’efficienza e l’efficacia dei servizi socio-sanitari.
Programma:
Parte I
Elementi teorici fondamentali
1. Assistenza socio-sanitaria e tutela della salute: concetti introduttivi
2. Domanda di salute e di sanità nella teoria economica
3. Il mercato dell’assistenza socio-sanitaria, il rapporto di agenzia tra paziente e medico e la domanda derivata di
assistenza socio-sanitaria
4. Efficienza, efficacia e qualità dei servizi socio-sanitari; l’equità nell’accesso alle prestazioni sanitarie
5. Produzione, offerta e mercato dei servizi sanitari
6. La valutazione economica delle attività sanitarie e di social care (Analisi costi benefici, Analisi costi efficacia, Analisi
costi utilità, QUALYs)
7. Coperture assicurative in sanità:assicurazioni private e forme di assicurazione sociale.
Applicazioni istituzionali
8. Il mix pubblico-privato e la concorrenza amministrata in sanità: sistemi sanitari a confronto
9. Il sistema sanitario italiano
a. Evoluzione del sistema e assetto attuale: fonti di finanziamento e modalità di spesa.
b. Le aziende sanitarie e i processi di contrattazione
Parte II
Per la preparazione dell’esame si consiglia di riprendere alcune nozioni di base della Statistica descrittiva che aiutino alla
comprensione di metodo statistici elementari ed avanzati volti alla misurazione di fenomeni relativi alla soddisfazione
dei pazienti, soddisfazione per il lavoro del personale con particolare riferimento agli assistenti sociali.
Modalitàdidattiche:
Parte I
Lezione frontale.
Parte II
Lezioni frontali ed esercitazioni di gruppo
Obblighi:
Preparazione di tutte le parti del programma concordate e svolte a lezione sui testi indicati. La frequenza richiesta è di
almeno ¾ delle ore di lezioni svolte.
Testidistudio:
Parte I
Mapelli V., Il sistema sanitario italiano , Il Mulino, Bologna 1999
Levaggi R., Capri S., Economia Sanitaria, F. Angeli, Milano 2003
Parte II
Vian Felice, Statistica di base, Summa, Padova (reperibile presso la copisteria l’Asterisco di Urbino - 0722 -4178)
Francesco Del vecchio, Statistica per la ricerca sociale, Cacucci Bari, Bari 2000
Alberto Franci, Corsi M. Guerrieri C., La soddisfazione per il lavoro del personale ospedaliero, in corso di stampa.
Alberto Franci, Corsi M. Guerrieri C., La soddisfazione per il lavoro nelle residenze per anziani, edizioni Summa, Padova,
2001
Alberto Franci, La distribuzione territoriale di case per anziani: costi e qualità, ed. Quattroventi, Urbino, 2005
La valutazione della qualità percepita a scelta dello studente fra i seguenti testi:
Alberto Franci, Verso l’assistenza domiciliare integrata. Una proposta di metodo della valutazione della qualità percepita,
Summa, 1998
Alberto Franci, La soddisfazione dei pazienti nella medicina di famiglia, Summa, Padova, 2001
-
Alberto Franci, La soddisfazione del paziente in ambito ospedaliero Summa, Padova, 2002.
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
L’accertamento si articola in una prova scritta e in una prova orale sulle parti del programma concordate e svolte a
lezione
Parte II
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal titolare del corso, anche in
itinere, attraverso: prove scritte – colloqui

84
vademecum 2009/10
85
insegnamenti
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale
Obblighi:
Studio testi indicati
Testidistudio:
Parte I
Mapelli V., Il sistema sanitario italiano , Il Mulino, Bologna 1999
Levaggi R., Capri S., Economia Sanitaria, F. Angeli, Milano 2003
Parte II
Vian Felice, Statistica di base, Summa, Padova (reperibile presso la copisteria l’Asterisco di Urbino - 0722 -4178)
Francesco Del vecchio, Statistica per la ricerca sociale, Cacucci Bari, Bari 2000
Alberto Franci, Corsi M. Guerrieri C., La soddisfazione per il lavoro del personale ospedaliero, in corso di stampa.
Alberto Franci, Corsi M. Guerrieri C., La soddisfazione per il lavoro nelle residenze per anziani, edizioni Summa, Padova,
2001
Alberto Franci, La distribuzione territoriale di case per anziani: costi e qualità, ed. Quattroventi, Urbino, 2005
Testi di riferimento: La valutazione della qualità percepita a scelta dello studente fra i seguenti testi:
Alberto Franci, Verso l’assistenza domiciliare integrata. Una proposta di metodo della valutazione della qualità percepita,
Summa, 1998
Alberto Franci, La soddisfazione dei pazienti nella medicina di famiglia, Summa, Padova, 2001
-
Alberto Franci, La soddisfazione del paziente in ambito ospedaliero Summa, Padova, 2002.
Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal titolare del corso attraverso
prova scritta (obbligatoria) e colloquio.
Note:
Per quanto riguada la parte I dell’esame, in alternativa ai testi indicati è possibile prepararsi su delle dispense disponibili
presso la copisteria l’Asterisco (lasterisco@libero.it).
................................................................................................................................
AntropologiaculturaleI
M-DEA/01

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: I fondamenti
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. DEL NINNO MAURIZIO maurizio.delninno@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Rifiutando la tentazione manualistica che affligge la più recente formazione universitaria, sarà proposto agli studenti in
primo luogo un quadro delle linee essenziali dello sviluppo dell’antropologia dall’Ottocento alla crisi postmoderna,
attraverso il confronto diretto con alcuni brevi scritti di studiosi di primissimo piano. La scelta presuppone la
collaborazione e la partecipazione attiva dello studente, che non deve limitare la propria preparazione al mero
contenuto degli scritti in programma, ma deve in primo luogo acquisire la capacità di orientarsi tra i contenuti proposti.
Programma:
1. Nascita dell’antropologia; il concetto di cultura; etnocentrismo e relativismo culturale; 2. evoluzionismo; diffusionismo;
3. funzionalismo (Malinowski, il metodo etnografico e l’osservazione partecipante); 4. lingua e cultura: Lévi-Strauss, lo
strutturalismo e lo sguardo da lontano; 5. Geertz e Il Diary di Malinowski; Clifford e l’autorità etnografica; 6. Augé e la
surmodernità.
Durante le lezioni saranno messi a disposizione in fotocopia brani o brevi articoli, costitutivi a tutti gli effetti del
programma di esame. Gli studenti non frequentanti troveranno tali materiali sul sito etnosemiotica.it .
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. Partecipazione attiva degli studenti con obbligo di relazioni orali e scritte.
Obblighi:
Frequenza attiva delle lezioni; studio individuale
Testidistudio:
Augé M. Il mestiere dell’antropologo, Bollati Boringhieri, Torino, 2007.
Lévi-Strauss C., “Antropologia”, in Enciclopedia del Novecento, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Roma, 1975.
Lévi-Strauss C., “La famiglia” in Lo sguardo da lontano, Einaudi, Torino, 1983.
Geertz C., “L’io testimoniante. I figli di Malinowski” in Opere e vite. L’antropologo come autore, il Mulino, Bologna, 1990.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e/o scritto; valutazione dei lavori individuali prodotti dallo studente

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale
Testidistudio:
Augé M. Il mestiere dell’antropologo, Bollati Boringhieri, Torino, 2007.
Lévi-Strauss C., “Antropologia”, in Enciclopedia del Novecento, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Roma, 1975.
Lévi-Strauss C., “La famiglia” in Lo sguardo da lontano, Einaudi, Torino 1983.
Geertz C., “L’io testimoniante. I figli di Malinowski” in Opere e vite. L’antropologo come autore, il Mulino, Bologna, 1990.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Antropologiadelleformesimboliche
M-FIL/02

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Simbolo, storia, metodologia.
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. DI CARO ALESSANDRO alessandro.dicaro@uniurb.it
Ricevimento: Sempre nei giorni di lezione. In altre date dietro appuntamento da concordare direttamente con il
docente per e-mail.

ObiettiviFormativi:
La storia puo’ portare a tutto, purchè se ne esca.L’aforisma, reso celebre da Kraus per il giornalismo e cosi’ parodiato da
Lèvi-Strauss, rappresesenta nella sua mezza verità (ma puo’ anche essere una verità e mezzo), la tendenza generale del
nostro tempo.Pensare all’antropologia come una scienza particolare definisce la svolta che Cassirer riconosce all’uomo:
un animale simbolico, oltre che razionale.Come tale rispetto alle catene della scienza (che vuole la costruzione e il
progresso) la descrizione simbolica si accontenta di una visione (dirà Wittgenstein: perspicua).
Delineati dunque i temi e gli autori: Cassirer,Lèvi-Strauss,Wittgenstein nella sinossi della visione filosofica che rivela
interessanti convergenze e inusitati confronti.
Programma:
Le lezioni affronteranno dunque il problema della “svolta simbolica” che è testimoniata con responsabile
consapevolezza da Cassirer nel Saggio sull’uomo, prosegue nello studio di Lèvi-Strauss scandito in un esempio politico,
termina con l’esibizione di una critica antropologica e filosofica definita da Wittgenstein. Tale cifra concettuale ci sembra
la piu’ adatta per definire storiograficamente i complessi nessi che attraversano quella che si chiama “postmodernita”
con nuove emergenze simboliche: i non luoghi dello spazio urbano, le eterotopie, le nuove identità.
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti dovrannno dimostrare di aver ricavato un impostazione originale sul tema della visione antropologica.Di
poter utilizzare lo strumento teorico in contesti sociologici conflittuali; incontro - scontro di simboli,culture e religioni.Di
poter giustificare il loro approccio anche in contesti diversi e non paradigmatici.Di saper elaborare riflessioni e
comportamenti autonomi.
Attivitàasupportodelladidattica:
Molte esemplificazione visuali (ppt).Cenni di logica formale e matematica per definire meglio il concetto di simbolo.
Qualche approccio metodologico sullo studio delle parentele e dei miti.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali con indicazioni di slides su internet nel sito http://www.uniurb.it/soc/F/f.htm
86
vademecum 2009/10
87
insegnamenti
Obblighi:
Partecipazione ad almeno ¾ delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
- Cassirer Ernst,Saggio sull’uomo,Armando,Roma,2004.
- Di Caro Alessandro,Falce martello e Nike,Goliardiche,Trieste,2007.
- Wittgenstein Ludwig,Note sul “Ramo d’oro” di Frazer,Adelphi,Milano,1975.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale con eventuale verifica scritta alla conclusione del modulo

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
- Cassirer Ernst,Saggio sull’uomo,Armando,Roma,2004.
- Di Caro Alessandro,Falce martello e Nike,Goliardiche,Trieste,2007.
- Wittgenstein Ludwig,Note sul “Ramo d’oro” di Frazer,Adelphi,Milano,1975.
-Di Caro Alessandro,In soccorso del barone,Liguori,Napoli,2006 (pag.1-106).
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
Note:
Per la determinazione del periodo di lezioni si rimanda al calendario di facoltà
................................................................................................................................
Antropologiadellereligioni/Antropologiadellerelazionietnico-culturali
AMI
M-DEA/01

CFU 10 • PERIODO II semestre • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: I°:Religione, storicità, liberazione. II°: La comunità
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. ALFIERI LUIGI luigi.alfieri@uniurb.it
Ricevimento: lunedì e martedì, ore 12-13, mercoledì ore 12-14 (soggetto a modifiche che saranno comunicate nel corso
dell’anno)

Prof. BELLEI CRISTIANO MARIA cmbellei@alice.it
Ricevimento: martedì e mercoledì 17-19 (soggetto a modifiche)

ObiettiviFormativi:
Antropologia delle Religioni:
Il corso, per la parte di Antropologia delle Religioni, intende presentare alcuni temi fondamentali dello studio
antropologico delle religioni, utilizzando un’ottica storico-comparativa e soffermandosi sulle potenzialità di
trasformazione sociale insite nei movimenti religiosi di liberazione, con particolare riguardo alla lotta anticolonialista.
Antropologia delle Relazioni Etnico-Culturali:
Il corso, per la parte di Antropologia delle Relazioni Etnico-Culturali, si propone di indagare i meccanismi attraverso i
quali l’essere umano costruisce la percezione di sé e dell’altro da sé. Dal Capro Espiatorio alle Rivalità Etnico-Culturali,
da Auschiwitz alla Xenofobia. Violenza, Mimetismo ed Identità sono i tre poli di un percorso multidiscilinare che ha come
obiettivo quello di mettere a nudo la comunità umana, di comprenderne la genesi e le trasformazioni.
Programma:
Antropologia delle Religioni:
La religione fra trascendenza e storia. Mito e storia, mito e rituale. Religione e liberazione. Movimenti religiosi e
movimenti politici.Le grandi scuole dell’antropologia religiosa italiana. -La religione nella prospettiva storico-
comparativa. -Antropologia e ideologia.
Antropologia delle Relazioni Etnico-Culturali:
Mimetismo ed identità sociale Antropologia dei diritti umani La paura come fondamento della coesione sociale L’altro da
noi: la funzione sociale del Capro Espiatorio
Risultatidiapprendimento:
Per superare le due parti dell’esame gli studenti dovranno:
a) possedere le basi storico-comparative per una valutazione complessiva della religione e dei rapporti etnico-
culturali come fenomeni antropologici ed acquisire consapevolezza dei loro mutamenti in un quadro storico-
sociale(Knowledge and understanding);
b) dimostrare la capacità di risolvere problemi teorici e applicativi relativi alla dimensione antropologica e storico-sociale
della religione e dei rapporti etnico-culturali in un contesto di crescente pluralismo culturale, anche mediante la
partecipazione a laboratori e gruppi di studio, la redazione di tesine di ricerca(Applying knowledge and understanding);
c) dimostrare la capacità di integrare autonomamente le proprie conoscenze e di formulare giudizi in situazioni teoriche
o applicative complesse relative agli ambiti sopraindicati, attraverso l’attiva partecipazione a dibattiti con i docenti o loro
collaboratori e tra gli studenti stessi, specialmente nell’ambito di laboratori e seminari (Making judgements);
d) dimostrare la capacità di comunicare le conoscenze acquisite in maniera chiara, essenziale e scientificamente
corretta, specialmente nell’ambito di attività seminariali dedicate o mediante la redazione di sintetiche esposizioni scritte
(Communication);
e) dimostrare la capacità di procedere nell’apprendimento con autonomia e senso critico, dimostrando la capacità di
analizzare la religione in quanto fenomeno culturale senza chiusure ideologiche o dogmatiche e con sensibilità agli
aspetti di promozione umana che i fenomeni religiosi ed i rapporti tra differenti etnie e culture possono
presentare(Learning skills).
Attivitàasupportodelladidattica:
Seminari, dibattiti, eventuali proiezioni di documentari (ne sarà data notizia durante il corso di lezioni)
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, discussione, ricorso eventuale a supporti audiovisivi.
Obblighi:
Frequenza ad almeno i ¾ delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Antropologia delle Religioni:
-Lanternari V., Movimenti religiosi di liberazione dei popoli oppressi, Editori Riuniti, Roma 2003;
-Lanternari V., Antropologia religiosa. Etnologia,storia,folklore., Dedalo, Bari 1997 Nota: Solo i capp. da I a VII compreso.
Antropologia delle Relazioni Etnico-Culturali:
-Bellei C.M., La vittima “liberata”. Dal pasto sacrificale all’economia di consumo., Giappichelli, Torino 2009.
-Alfieri L. e Bellei C.M., La comunità nuda., Casa Editrice da definire.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale, con tesina facoltativa.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio dei testi di riferimento
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
Antropologia delle Religioni:
-Lanternari V., Movimenti religiosi di liberazione dei popoli oppressi, Editori Riuniti, Roma 2003;
-Lanternari V., Antropologia religiosa. Etnologia,storia,folklore., Dedalo, Bari 1997 Nota: per intero.
Antropologia delle Relazioni Etnico-Culturali:
-Bellei C.M., La vittima “liberata”. Dal pasto sacrificale all’economia di consumo., Giappichelli, Torino 2009.
-Alfieri L. e Bellei C.M., La comunità nuda., Casa Editrice da definire.
-Goody J., Islam ed Europa, Raffaello Cortina, Milano 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale, con tesina facoltativa.
................................................................................................................................
Antropologiagiuridica/DirittoeletteraturaAMI
IUS/20
88
vademecum 2009/10
89
insegnamenti
CFU 10 • PERIODO secondo semestre • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Cultura Diritto Letteratura
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. MITTICA MARIA PAOLA maria.mittica@uniurb.it
Ricevimento: nei giorni di lezione e per appuntamento - fissato direttamente con il docente per email

ObiettiviFormativi:
Il corso ha come principale obiettivo l’acquisizione di competenze avanzate nell’analisi delle forme della giuridicità,
attraverso l’approfondimento delle teorie e dei metodi di recente elaborazione nel campo di Diritto e letteratura e più in
generale di Law and the Humanities, coniugate ad alcune prospettive e tecniche della sociologia, dell’antropologia e
della psicologia culturale. La prima parte è finalizzata all’apprendimento dell’universo teorico che interessa questo
campo di studi interdisciplinare, fino alle più recenti elaborazioni metodologiche incentrate sulla narrazione. La seconda
parte, si pone come obiettivo di elaborare un modello di narrazione giuridica e di applicarlo a una fonte letteraria in
riferimento a una società tradizionale, nella specie quella della Grecia della prima metà del V secolo. L’opera prevista per
l’analisi è l’Orestea di Eschilo.
Programma:
Dopo un’introduzione storica e una ricostruzione del quadro concettuale che fa da sfondo a Diritto e Letteratura, si
passa alla ricognizione dello stato attuale dell’arte in Italia e al livello internazionale, facendo emergere le motivazioni
che hanno portato alla ribalta e rendono questo indirizzo di studi particolarmente promettente nel quadro
epistemologico contemporaneo che interessa le scienze dell’uomo. Quindi si analizzano le varie discipline implicate in
questo studio, culturale e antropologico in senso lato, per poi concludere con alcune ricerche presenti nell’ambito della
psicologia culturale, della sociologia e degli studi sul diritto. La seconda parte, di carattere monografico, si concentrerà
sull’elaborazione del modello delle narrazioni giuridiche e sull’applicazione dello stesso sul testo eschileo dell’Orestea,
verificando come l’impiego di questo strumento sia particolarmente idoneo a far emergere la ricchezza dei contenuti
presenti in una delle fonti letterarie più significative della cultura occidentale, e in relazione a diverse prospettive - di
carattere giuridico, politico, sociale e filosofico.
Risultatidiapprendimento:
Si attende che gli studenti possano: a) maturare le basi per sviluppi e applicazioni originali di idee in un contesto di
ricerca sociologica, a partire dall’acquisizione di opportune sensibilità culturali e metodologiche, nonché di nozioni
storiche e politologiche per cogliere i prodromi delle strutture della società odierna, sviluppando autonome capacità di
valutazione critica e sottraendosi alle ricorrenti semplificazioni ideologiche (Knowledge and understanding); b)
dimostrare la capacità di risolvere problemi teorici e applicativi in contesti interdisciplinari relativi agli ambiti
sopraindicati, anche mediante la partecipazione a laboratori e gruppi di studio (Applying knowledge and
understanding); c) dimostrare la capacità di integrare autonomamente le proprie conoscenze e di formulare giudizi in
situazioni teoriche o applicative complesse relative agli ambiti sopraindicati, che dovranno essere manifestate attraverso
l’attiva partecipazione a dibattiti con il docente e tra gli studenti stessi, specialmente nell’ambito di laboratori e seminari
(Making judgements); d) dimostrare la capacità di comunicare le conoscenze acquisite in maniera chiara, essenziale e
scientificamente corretta (Communication); e) dimostrare la capacità di procedere nell’apprendimento con autonomia e
senso critico, capacità che il docente incoraggerà nell’intero svolgimento della didattica e sarà oggetto di valutazione
particolarmente attenta in sede d’esame (Learning skills).
Attivitàasupportodelladidattica:
Si prevedono la proiezione di pellicole attinenti agli obiettivi formativi, a cui seguiranno seminari e dibattiti anche con
esperti (laboratori), nonché la lettura di testi letterari che formeranno oggetto di discussione in aula e di tesine
individuali.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali interattive.
Obblighi:
Frequenza delle lezioni, dei laboratori e degli incontri seminariali.
Testidistudio:
Prima parte
1. J. Bruner, La fabbrica delle storie. Diritto, Letteratura, Vita, Laterza, Roma-Bari 2002, pp. 134 (testo obbligatorio)
2. F. Ost, Mosé, Eschilo, Sofocle. All’origine dell’immaginario giuridico, Il Mulino, Bologna 2007, pp. 230 (testo
obbligatorio)
3. G. Turnaturi, Immaginazione sociologica e immaginazione letteraria, Laterza, Roma-Bari 2003, pp. 160. (testo
consigliato)
Seconda Parte
1. Eschilo, Orestea, trad. di M. Valgimigli, Introd. di V. di Benedetto, BUR Rizzoli, Milano (testo obbligatorio)
2. M.P. Mittica, Raccontando il possibile. Eschilo e le narrazioni giuridiche, Giuffrè, Milano 2006, pp. 173 (testo
obbligatorio)
3. C. Meier, L’arte politica della tragedia greca, Einaudi, Torino 2000, pp. 286 (testo consigliato)
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale. Possibilità di integrare la prova con elaborati originali (tesine) concordate con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
--
Obblighi:
Studio del programma di esame in tutte le sue parti.
Testidistudio:
Prima parte
1. J. Bruner, La fabbrica delle storie. Diritto, Letteratura, Vita, Laterza, Roma-Bari 2002, pp. 134 (testo obbligatorio)
2. F. Ost, Mosé, Eschilo, Sofocle. All’origine dell’immaginario giuridico, Il Mulino, Bologna 2007, pp. 230 (testo
obbligatorio)
3. M.P. Mittica, Diritto e letteratura in Italia. Stato dell’arte e riflessioni sul metodo, “Materiali per una storia della cultura
giuridica”, edita da Il Mulino, n. 1, 2009, pp. 273-300, disponibile anche singolarmente all’acquisto on-line (http://www.
mulino.it/rivisteweb/) (testo obbligatorio)4. G. Turnaturi, Immaginazione sociologica e immaginazione letteraria,
Laterza, Roma-Bari 2003, pp. 160 (testo consigliato)
Seconda Parte
1. Eschilo, Orestea, trad. di M. Valgimigli, Introd. di V. di Benedetto, BUR Rizzoli, Milano (testo obbligatorio)
2. M.P. Mittica, Raccontando il possibile. Eschilo e le narrazioni giuridiche, Giuffrè, Milano 2006, pp. 173 (testo
obbligatorio)
3. C. Meier, L’arte politica della tragedia greca, Einaudi, Torino 2000, pp. 286 (testo obbligatorio - esclusi i capp. VI-VII)
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale.
Note:
Si richiamano gli studenti allo studio attento di tutte le parti dei testi. In particolare per la seconda parte è richiesta una
lettura approfondita del testo eschileo. Può essere di grande aiuto anche l’introduzione, presente nell’edizione
consigliata, di Vincenzo di Benedetto, filologo e al tempo stesso acuto interprete dei problemi filosofici e politici che il
testo dell’Orestea pone al lettore contemporaneo. Circa Diritto e Letteratura, per ulteriori notizie e materiali, si rinvia alla
consultazione del sito della ISLL (Italian Society for Law and Literature)www.lawandliterature.org.
................................................................................................................................
Antropologiapolitico-culturaleIeIIAMI
SPS/01

CFU 10 • PERIODO I semestre • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: I°Massa, potere - II° Dono, produzione e consumo nelle strategie di sopravvivenza
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. ALFIERI LUIGI luigi.alfieri@uniurb.it
Ricevimento: lunedì e martedì ore 12-13; mercoledì ore 12-14 (orario soggetto a modifiche nel corso dell’anno, che
saranno comunicate)

Prof. BELLEI CRISTIANO MARIA cmbellei@alice.it
Ricevimento: Martedì e Mercoledì 17-19 (orario soggetto a modifiche)

ObiettiviFormativi:
Parte I
L’obiettivo principale è un ripensamento della problematica del potere, in rapporto ai fenomeni di massa e alla violenza
collettiva, in un’ottica teorica e di comparazione culturale, allo scopo di individuare alcuni nessi fondativi del sociale e
90
vademecum 2009/10
91
insegnamenti
indagare le loro possibili trasformazioni. Un secondo obiettivo più specifico riguarda l’approfondimento della guerra
come fenomeno di “massa doppia” strettamente legato alla tematica del potere come “sopravvivenza”.
Parte II
Non è possibile pensare l’ordine al di fuori di una regolamentazione del principio d’indifferenziazione di cui è portatrice
la morte. Il sacrificio è una strategia di corruzione della morte fondata sul consumo del dono da parte della Divinità. Ma
cosa accade se la gerarchia del pasto sacrificale si rovescia? La determinazione dell’essere supera la mimesi col Dio per
identificarsi con il consumo in sé. Accrescimento, produzione e consumo si saldano in un’unica strategia che non ha più
come momento centrale il dono alla morte, ma l’interdizione dell’accesso al dono come negazione della vita.
Programma:
Parte I
1) Introduzione all’antropologia culturale; 2) L’antropologia poltica come dimensione specifica dell’antropologia
culturale; 3) Differenze culturali e identità collettive; 4) Concetto di “massa” in Canetti; 5) Caratteri e tipologie delle
masse; 6) Simbolica di massa e di nazionalità;7) Tipologia delle “mute”; 8) Mute e religioni; 9) Potere e sopravvivenza;
10) Figure del ‘sopravvissuto’; 11) Struttura del comando; 12) Antidoti alla ‘sopravvivenza’; 13) La metamorfosi; 14) La
massa doppia della guerra; 15) “Si tratta di uccidere”; 16) Noi e Loro: la doppia morte; !7) Trasformazioni della guerra
nel mondo contemporaneo; 18) “Indicibilità” e “impossibilità” della guerra; 19) Guerra e terrore; 20) Il destino del
“sopravvissuto” e la guerra.
Parte II
1) Il Sacro 2) Il Sacrificio 3) Tempio e Granaio come poli dell’ordine sociale 4) Il rovesciamento del pasto sacrificale 5)
Consumo e produzione come strategie di sopravvivenza 6) Il Desiderio Mimetico 7) Globalizzazione, Crisi del Politico e
Rinascita del Religioso.
Risultatidiapprendimento:
1. Conoscenze e capacità di comprensione: si tratta di acquisire uno sguardo critico riguardo alle apparenti evidenze ed
ovvietà del sociale, cercando di coglierne i fondamenti.
1.1 Gli studenti conseguono tali conoscenze di base partecipando attivamente e dialogicamente alle lezioni e studiando
analiticamente i testi proposti.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione, attraverso il riferimento di quanto appreso alla comune
esperienza, utilizzando anche le vicende di cronaca e le produzioni dell’immaginario, come le varie forme d’arte.
2.1 Discussioni in aula, seminari, conferenze, proiezioni cinematografiche.
3. Capacità di giudizio: riflessione critica utilizzando approcci multidisciplinari.
Tale capacità si manifesta nelle discussioni in aula col docente e tra colleghi, in appositi seminari di approfondimento, in
sede d’esame.
4. Abilità comunicative: è elemento importante di giudizio la reattività alle sollecitazioni del docente, l’intervento attivo
alle discussioni in aula, la capacità di proporre riflessione e obiezioni.
4.1 Tali abilità si acquisiscono progressivamente abituandosi ad un atteggiamento partecipativo e criticamente attento
nel corso delle lezioni e delle discussioni.
5. Capacità di apprendimento: gli studenti debbono sviluppare capacità di apprendimento critico e di comprensione in
profondità, riservando un ruolo secondario alla memorizzazione; debbono, senza inutile presunzione, mantenere
autonomia di giudizio e capacità di proporre visioni divergenti e alternative riguardo alle ipotesi prospettate.
5. 1 tali capacità verranno acquisite nelle diverse occasioni di interazione didattica.
Modalitàdidattiche:
Parte I
Lezioni frontali; tesina di approfondimento (facoltativa)
Parte II
Lezioni frontali con utilizzo di materiale audiovisivo. Il corso sarà integrato da una rassegna cinematografica.
Obblighi:
Parte I
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Parte II
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e studio del materiale didattico testi di riferimento
Testidistudio:
Parte I
- Elias Canetti, Massa e potere, Adelphi, Milano 1992 e segg.
- L.Alfieri, La stanchezza di Marte. Variazioni sul tema della guerra, Morlacchi, Perugia 2008.
Parte II
- Cristiano Maria Bellei, La Vittima liberata. Dal pasto sacrificale all’economia di consumo, Giappichelli, Torino 2009
-Burkert W., La creazione del Sacro, Adelphi, Milano 2003
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
Esame orale, con discussione delle eventuali tesine.
Parte II
Esame orale, con discussione delle eventuali tesine.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale dei testi, integrato da eventuali incontri con i docenti.
Obblighi:
Parte I
Studio individuale dei testi indicati.
Parte II
Studio del materiale didattico e dei testi di riferimento
Testidistudio:
Parte I
-Elias Canetti, Massa e potere, Adelphi, Milano 1992 e segg.
- L.Alfieri, La stanchezza di Marte. Variazioni sul tema della guerra, Morlacchi, Perugia 2008.
Parte II
-Cristiano Maria Bellei, La Vittima liberata. Dal pasto sacrificale all’economia di consumo, Giappichelli, Torino 2009
-Burkert W., La creazione del Sacro, Adelphi, Milano 2003
-Fabietti U., L’identità Etnica (seconda edizione), Carocci, Roma 2009
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
Esame orale
Parte II
Esame orale
................................................................................................................................
Applicazionieditoriali.Codici,segni,loghi
L-ART/06

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. TRAFELI ILIO moishe@libero.it

ObiettiviFormativi:
Creare competenze nella creazione e gestione di progetti editoriali multimediali
Programma:
Verranno organizzati gruppi di loavoro finalizzati alla creazione di progetti editoriali da presentare al mercato.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari/laboratorio. Le parti da approfondire saranno indicate durante il corso.
Obblighi:
Partecipazione adl almeno tre quarti delle ore di lezione.
Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
M. Mc Luham, Galassia Gutemberg, qualsiasi edizione disponibile
F. Barbier, Storia del libro, Dedalo, Bari 2001
Modalitàdiaccertamento:
1. Presentazione di progetti editoriali;
2. Presentazione tesine individuali su testi esame

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
92
vademecum 2009/10
93
insegnamenti
Modalitàdidattiche:
Possono partecipare ai progetti gestiti dai loro colleghi frequentanti, oppure presentano un loro progetto specifico
concordato col docente. In ogni caso, presentano la tesina relativa ai testi di esame.
Obblighi:
Studio testi indicati
Testidistudio:
M. Mc Luham, Galassia Gutemberg, qualsiasi edizione disponibile
F. Barbier, Storia del libro, Dedalo, Bari 2001
Modalitàdiaccertamento:
1. Presentazione di progetti editoriali;
2. Presentazione tesine individuali su testi esame
................................................................................................................................
Archivisticagenerale
M-STO/08

CFU 6 • PERIODO II semestre • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Archivistica generale: la formazione dell’archivio
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. GUERCIO MARIA m.guercio@mclink.it
Ricevimento: mercoledì 18:00-19:00

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire le basi concettuali, i principi teorici, la conoscenza dei problemi metodologici della
disciplina archivistica, necessari sia all’archivista responsabile della formazione dei documenti attivi presso il soggetto
produttore di archivi che all’archivista impegnato nella conservazione e fruizione del patrimonio documentario storico
Programma:
Un’attenzione specifica è dedicata alla legislazione archivistica oggi in vigore (testo unico sulla tutela dei beni culturali,
norme sull’accesso e sulla trasparenza amministrativa, testo unico sul documento amministrativo, Codice
dell’amministrazione digitale). Il corso include i seguenti temi: problemi di terminologia, il concetto di documento
archivistico, elementi di diplomatica del documento moderno e contemporaneo, tipologie documentarie, il sistema e le
fasi di gestione dei documenti, la classificazione d’archivio, la registrazione dei documenti, il trasferimento dei documenti
e la gestione dei depositi archivistici, la selezione, la natura e l’evoluzione dei sistema di gestione documentaria e della
disciplina archivistica, le definizioni di archivio, la struttura degli archivi, la tipologia dei soggetti produttori, la
legislazione archivistica post-unitaria.
Eventualipropedeuticità:
No
Attivitàasupportodelladidattica:
si prevede un’attività seminariale
Modalitàdidattiche:
lezione frontale, seminari e messa a disposizione di materiale online
Obblighi:
frequenza per almeno il 75% delle lezioni
Testidistudio:
Testi di studio
P. Carucci, M. Guercio, Manuale di archivistica, Roma, Carocci, 2008 (capitoli 1-6; 12-15)
G. Cencetti, Sull’archivio come universitas rerum, in Scritti archivistici, Roma 1970, pp. 47-55; G. Cencetti, Il fondamento
teorico della dottrina archivistica, in Scritti archivistici, Roma 1970, pp. 38-46.
C. Pavone, Ma è poi tanto pacifico che l’archivio rispecchi l’istituto, in “Rassegna degli archivi di Stato” , 1970, 1, pp.
145-149.
Normativa (disponibile sul sito del Ministero per i beni e le attività culturali, http://www.archivi.beniculturali.it)
Dpr 28.12.2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione
amministrativa (limitatamente alle norme relative alle disposizioni sugli archivi: articoli 67-69);
Dpr 8.1.2001, n. 37 Regolamento di semplificazione dei procedimenti di costituzione e rinnovo delle commissioni di
sorveglianza sugli archivi e per lo scarto dei documenti degli uffici dello Stato;
D.lgs 196/2003 Codice della protezione dei dati personali (privacy);
D.lgs 3/2004 Codice dei beni culturali e del paesaggio (limitatamente agli articoli 1-48, 53-87; 101-130).
Dlgs 82/2005 Codice dell’amministrazione digitale
Modalitàdiaccertamento:
esame orale; per gli studenti frequentanti è prevista una prova di esonero scritta a fine corso

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
studio dei testi e del materiale messo a disposizione dal docente (per informazioni si contatti Istbal, 07222940)
Testidistudio:
Testi di studio
P. Carucci, M. Guercio, Manuale di archivistica, Roma, Carocci, 2008 (capitoli 1-6; 12-15)
G. Cencetti, Sull’archivio come universitas rerum, in Scritti archivistici, Roma 1970, pp. 47-55; G. Cencetti, Il fondamento
teorico della dottrina archivistica, in Scritti archivistici, Roma 1970, pp. 38-46.
C. Pavone, Ma è poi tanto pacifico che l’archivio rispecchi l’istituto, in “Rassegna degli archivi di Stato” , 1970, 1, pp.
145-149.
E. Lodolini, Archivistica. Principi e problemi, Milano, Franco Angeli, 2007, pp. 1-159
P. Carucci, Versamenti e ordinamento degli archivi negli organi centrali dello Stato, in Antologia di scritti archivistici, a
cura di Romualdo Giuffrida, Roma, Ufficio centrale beni archivistici, 1985
M. Guercio, Manuale di archivistica informatica, Roma, Carocci, 2001 (capitoli 1-2, 4)
Normativa (disponibile sul sito del Ministero per i beni e le attività culturali, http://www.archivi.beniculturali.it)
Dpr 28.12.2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione
amministrativa (limitatamente alle norme relative alle disposizioni sugli archivi: articoli 67-69);
Dpr 8.1.2001, n. 37 Regolamento di semplificazione dei procedimenti di costituzione e rinnovo delle commissioni di
sorveglianza sugli archivi e per lo scarto dei documenti degli uffici dello Stato;
D.lgs 196/2003 Codice della protezione dei dati personali (privacy);
D.lgs 3/2004 Codice dei beni culturali e del paesaggio (limitatamente agli articoli 1-48, 53-87; 101-130).
Dlgs 82/2005 Codice dell’amministrazione digitale
Modalitàdiaccertamento:
esame orale
................................................................................................................................
ArchivisticageneraleI,IIAMI
M-STO/08

CFU 12 • PERIODO II semestre • DURATA 96 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Archivistica generale: formazione dei documenti, ordinamento e strumenti di ricerca
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. GUERCIO MARIA m.guercio@mclink.it
Ricevimento: mercoledì 18:00-19:00

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire le basi concettuali, i principi teorici, la conoscenza dei problemi metodologici della
disciplina archivistica, necessari sia all’archivista responsabile della formazione dei documenti attivi presso il soggetto
produttore di archivi che all’archivista impegnato nella conservazione e fruizione del patrimonio documentario storico,
incluse le indicazioni relative alla impostazione e realizzazione di strumenti di ricerca conformi agli standard nazionali e
internazionali. In particolare, il corso si propone di fornire le basi concettuali e pratiche oltre che gli strumenti
metodologici, per lo svolgimento delle funzioni archivistiche di ordinamento e descrizione degli archivi storici sia in
ambiente tradizionale che in ambiente informatico.
Programma:
Un’attenzione specifica è dedicata alla legislazione archivistica oggi in vigore (codice dei beni culturali, norme
sull’accesso e sulla trasparenza amministrativa, testo unico sul documento amministrativo, Codice dell’amministrazione
digitale). Il corso include i seguenti temi: problemi di terminologia, il concetto di documento archivistico, elementi di
diplomatica del documento moderno e contemporaneo, tipologie documentarie, il sistema e le fasi di gestione dei
94
vademecum 2009/10
95
insegnamenti
documenti, la classificazione d’archivio, la registrazione dei documenti, il trasferimento dei documenti e la gestione dei
depositi archivistici, la selezione, la natura e l’evoluzione dei sistema di gestione documentaria e della disciplina
archivistica, le definizioni di archivio, la struttura degli archivi, la tipologia dei soggetti produttori, la legislazione
archivistica post-unitaria.
Si analizzano inoltre principi del metodo storico e il processo della loro progressiva affermazione nella teoria
archivistica, la struttura dell’archivio e delle sue partizioni in relazione ai problemi della fruizione, le regole per
l’ordinamento e la descrizione in ambiente nazionale, lo sviluppo degli standard internazionali ISAD, ISAAR e EAD,
l’applicazione dei principi generali della descrizione nei progetti di informatizzazione
Eventualipropedeuticità:
Non si predono propedeuticità
Attivitàasupportodelladidattica:
è prevista la predisposizione di materiali di approfondimento e di orientamento
Modalitàdidattiche:
lezioni frontali e attività seminariale; attività didattica online
Obblighi:
Frequenza delle lezioni per almeno il 75%
Testidistudio:
Testi di studio
P. Carucci, M. Guercio, Manuale di archivistica, Roma, Carocci, 2008
P. Carucci, Fonti archivistiche: ordinamento e conservazione, Roma, Carocci, 1983, pp. 132-237 (incluso il glossario e la
circolare del 1966 sulla pubblicazione degli inventari);
G. Cencetti, Sull’archivio come universitas rerum, in Scritti archivistici, Roma 1970, pp. 47-55;
G. Cencetti, Il fondamento teorico della dottrina archivistica, in Scritti archivistici, Roma 1970, pp. 38-46.
C. Pavone, Ma è poi tanto pacifico che l’archivio rispecchi l’istituto, in “Rassegna degli archivi di Stato” , 1970, 1, pp.
145-149.
Normativa (disponibile sul sito del Ministero per i beni e le attività culturali, http://www.archivi.beniculturali.it)
Dpr 28.12.2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione
amministrativa (limitatamente alle norme relative alle disposizioni sugli archivi: articoli 67-69);
Dpr 8.1.2001, n. 37 Regolamento di semplificazione dei procedimenti di costituzione e rinnovo delle commissioni di
sorveglianza sugli archivi e per lo scarto dei documenti degli uffici dello Stato;
D.lgs 196/2003 Codice della protezione dei dati personali (privacy);
D.lgs 3/2004 Codice dei beni culturali e del paesaggio (limitatamente agli articoli 1-48, 53-87; 101-130).
Dlgs 82/2005 Codice dell’amministrazione digitale
Standard descrittivi:ISAD (G): General International Standards for Archival Description, Firenze 2000; ISAAR (CPF):
International Standards for Archival Authority Records, in “Rassegna degli Archivi di Stato”, 2004, n. 1-3
Modalitàdiaccertamento:
esame orale; per gli studenti frequentanti è prevista una prova scritta di esonero a conclusione del corso

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
studio dei materiali e dei testi indicati; studio delle dispense che saranno messe a disposizione del docente sul sito
dell’Istbal per il modulo di Archivistica generale e per il modulo di Teoria e tecnica dell’ordinamento e della descrizione
archivistica (contattare il seguente numero di telefono: 0722 2940)
Testidistudio:
Testi di studio
P. Carucci, M. Guercio, Manuale di archivistica, Roma, Carocci, 2008
P. Carucci, Fonti archivistiche: ordinamento e conservazione, Roma, Carocci, 1983, pp. 132-237 (incluso il glossario e la
circolare del 1966 sulla pubblicazione degli inventari);
G. Cencetti, Sull’archivio come universitas rerum, in Scritti archivistici, Roma 1970, pp. 47-55;
G. Cencetti, Il fondamento teorico della dottrina archivistica, in Scritti archivistici, Roma 1970, pp. 38-46.
C. Pavone, Ma è poi tanto pacifico che l’archivio rispecchi l’istituto, in “Rassegna degli archivi di Stato” , 1970, 1, pp.
145-149.
E. Lodolini, Archivistica. Principi e problemi, Milano, Franco Angeli, 2007, pp. 1-159
M. Guercio, Manuale di archivistica informatica, Roma, Carocci, 2001 (capitoli 1-2, 4)
A. Romiti, I mezzi di corredo archivistici e problemi di accesso, in “Archivi per la storia”, 1990, 2, pp. 217-246.
Gli articoli sono disponibili presso Istbal, Piano Santa Lucia 6, II piano
Normativa (disponibile sul sito del Ministero per i beni e le attività culturali, http://www.archivi.beniculturali.it)
Dpr 28.12.2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione
amministrativa (limitatamente alle norme relative alle disposizioni sugli archivi: articoli 67-69);
Dpr 8.1.2001, n. 37 Regolamento di semplificazione dei procedimenti di costituzione e rinnovo delle commissioni di
sorveglianza sugli archivi e per lo scarto dei documenti degli uffici dello Stato;
D.lgs 196/2003 Codice della protezione dei dati personali (privacy);
D.lgs 3/2004 Codice dei beni culturali e del paesaggio (limitatamente agli articoli 1-48, 53-87; 101-130).
Dlgs 82/2005 Codice dell’amministrazione digitale
Standard descrittivi:ISAD (G): General International Standards for Archival Description, Firenze 2000ISAAR (CPF):
International Standards for Archival Authority Records, in “Rassegna degli Archivi di Stato”, 2004, n. 1-3
Modalitàdiaccertamento:
esame orale
................................................................................................................................
Archivisticaspeciale
M-STO/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Archivistica speciale
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. GROSSI Monica monica.grossi@uniurb.it
Ricevimento: Dopo le lezioni e su appuntamento

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di analizzare la natura e la struttura di alcune tipologie di archivio approfondendo lo studio del
rapporto esistente tra fondo archivistico e soggetto produttore.
Programma:
Il corso affronterà i seguenti temi:archivi e soggetti produttori nella elaborazione della teoria archivistica italiana;
lineamenti di storia delle istituzioni comunali, degli istituti assistenziali e giurisdizionali operanti in ambito comunale, del
notariato e delle istituzioni ecclesiastiche dal medioevo all’età contemporanea e analisi della relativa produzione
documentaria.
Una parte del corso sarà infine dedicata allo studio della storia dell’Università di Urbino e del suo archivio.
Risultatidiapprendimento:
Capacità di orientamento nel quadro storico e istituzionale di produzione delle principali tipologie di archivio.
Attivitàasupportodelladidattica:
Visite guidate ad archivi e altri istituti che conservano fondi archivistici.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Testidistudio:
Per un inquadramento del tema:
F. Valenti, Nozioni di base per un’archivistica come euristica delle fonti documentarie, in F. Valenti, Scritti e lezioni di
archivistica, diplomatica e storia istituzionale, a cura di D. Grana, Roma, Ministero per i beni e le attività culturali. Ufficio
centrale per i beni archivistici, 2000 (Pubblicazioni degli Archivi di Stato. Saggi, 57), soltanto le pp. 169-224.
Per la storia delle principali istituzioni medioevali
P. Cammarosano, Italia medievale. Struttura e geografia delle fonti scritte, Roma, Carocci, 1998, pp. 113-265.
Per gli archivi comunali:
Soprintendenza archivistica per il Lazio, Gli archivi storici comunali. Lezioni, in “Rivista storica del Lazio”, VI (1998),
quaderno 1, pp. 11-52, 85-110, 143-173.
Per gli archivi notarili:
E. Lodolini, Gli archivi notarili delle Marche, Roma, 1969, pp. 9-37.
Per gli archivi ecclesiastici:
Associazione archivistica ecclesiastica, Consegnare la memoria. Manuale di archivistica ecclesiastica, a cura di E. Boaga,
S. Palese, G. Zito, Firenze, Giunti, 2003, pp. 13-51; 85-101; 203-224.
S. Palese, Tipologia e geografia degli archivi ecclesiastici, in “Archivi per la storia”, II (1989), pp. 61-71.
96
vademecum 2009/10
97
insegnamenti
Per gli archivi universitari:
Indicazioni bibliografiche saranno fornite ai frequentanti nel corso delle lezioni.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Mettersi in contatto con la docente per definire le modalità di preparazione dell’esame.
Testidistudio:
Oltre a quelli previsti per i frequentanti, si raccomanda lo studio dei seguenti testi:
P. D’Angiolini - C. Pavone, Gli archivi, in Storia d’Italia, Torino, Einaudi, 1973, vol. V, tomo 2, I documenti, pp. 1659-1691.
Guida generale degli archivi di Stato italiani, Roma, Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni
archivistici, 1981-1994, vol. I, Introduzione, pp. 1-31 (disponibile anche in rete all’indirizzo <http://www.archivi.
beniculturali.it>).
F. Valenti, Nozioni di base per un’archivistica come euristica delle fonti documentarie, in F. Valenti, Scritti e lezioni di
archivistica, diplomatica e storia istituzionale, a cura di D. Grana, Roma, Ministero per i beni e le attività culturali. Ufficio
centrale per i beni archivistici, 2000 (Pubblicazioni degli Archivi di Stato. Saggi, 57), pp. 135-169.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
Note:
La mancanza di manuali di riferimento rende consigliabile la frequenza assidua.
................................................................................................................................
Attivitàformativeperiltirocinio
--

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Attività formative per tirocinio
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. CURCURUTO FRANCESCA francescacurcuruto@virgilio.it

ObiettiviFormativi:
Questo ciclo di interventi a carattere pratico-dinamico, si propone di affiancare il percorso teorico accademico indicato
dall’Università, con l’obiettivo di prospettare agli studenti una visione “simulata” di tecniche e metodologie operative del
servizio sociale.
Programma:
Strumenti operativi dell’Assistente sociale.
- L’agire professionale dell’Assistente sociale nel territorio.
- Progettazione, verifica e valutazione del servizio sociale.
- Esercitazioni caratterizzate da improvvisazioni psico-socio- creative, psicodrammatiche e simulazioni di tecniche
interattive: colloquio tra Assistente sociale e persona con “disagio”, incontri d’equipe formati da varie figure professionali
(tra cui l’Assistente sociale).
- Tecnica dell’inversione e gioco dei ruoli.
Attivitàasupportodelladidattica:
laboratori, seminari, etc.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, seminari di approfondimento e discussione in aula con gli studenti. Rappresentazione psicodrammatica
con la tecnica dell’inversione dei ruoli.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione.
Testidistudio:
Curcuruto F. Norme e servizi sociali negli enti locali, (dispensa) - 2006
Modalitàdiaccertamento:
Lo studente deve produrre una tesina, previo accordo diretto con il docente.

Note:
Il campo “studenti non frequentanti” non è stato compilato in quanto è obbligatoria la frequenza
................................................................................................................................
Catalogazioneeclassificazione
M-STO/08

CFU 6 • PERIODO I semestre • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Sviluppi recenti della catalogazione in ambito internazionale e nazionale
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof.

ObiettiviFormativi:
L’obiettivo prncipale del corso è quello di fornire una solida base per tutto quello che concerne l’ambito della
catalogazione e i profondi cambiamenti che si stanno determinando sia a livello nazionale sia internazionale.
Programma:
Dopo una introduzione sui cataloghi e sulle norme di catalogazione in uso nella biblioteche italiane, con una breve
esposizione delle RICA, delle ISBD e delle indicizzazioni semantiche, verranno analizzati i nuovi principi internazionali di
catalogazione (ICP), i requisiti funzionali per le registrazioni bibliografiche (FRBR), la ISBD consolidata e le nuove
REICAT, Regole italiane di catalogazione.
Eventualipropedeuticità:
Il corso è propedeutico per la frequentazione dei laboratori di catalogazione e classificazione.
Modalitàdidattiche:
lezioni frontali,
Testidistudio:
Verso nuovi principi e nuovi codici di catalogazione / Mauro Guerrini, con Carlo Bianchini, Pino Buizza, Carlo Ghilli,
Antonella Novelli, Lucia Sardo. Milano : Silvestre Bonnard, 2005
Barbara B. Tillet / RDA (Resource Description and Access): lo sviluppo di un nuovo codice di catalogazione
internazionale. “Bibliotime”, XI, 1 (marzo 2008), 10 pp.
Carlo Bianchini / Rassegna critica dei recenti sviluppi della catalogazione in ambito internazionale. “Bollettino AIB”, n.
1, 2009, p. 35 - 44.
Carlo Bianchini, Mauro Guerrini / Quis custodiet ipsos custodes? : osservazioni sulle relazioni fra FRBR, ICP, ISBD e RDA.
“Il bibliotecario”, n. 1 (gen. - apr. 2009), p. 59 - 85
Alberto Petrucciani, Simona Turbanti / Per l’applicazione delle REICAT: i cambiamenti nelle forme dei nomi degli autori.
“Biblioteche oggi”, n. 6, luglio-agosto 2009, p. 7-22
Altri saggi verranno indicati durante il corso.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
Verso nuovi principi e nuovi codici di catalogazione / Mauro Guerrini, con Carlo Bianchini, Pino Buizza, Carlo Ghilli,
Antonella Novelli, Lucia Sardo. Milano : Silvestre Bonnard, 2005
Barbara B. Tillet / RDA (Resource Description and Access): lo sviluppo di un nuovo codice di catalogazione
internazionale. “Bibliotime”, XI, 1 (marzo 2008), 10 pp.
Carlo Bianchini / Rassegna critica dei recenti sviluppi della catalogazione in ambito internazionale. “Bollettino AIB”, n.
1, 2009, p. 35 - 44.
Carlo Revelli / Il catalogo. Nuova edizione con aggiornamenti in collaborazione con Giulia Visintin. Milano : Editrice
bibliografica, 2008 [p. 1- 119]
Carlo Bianchini, Mauro Guerrini / Quis custodiet ipsos custodes? : osservazioni sulle relazioni fra FRBR, ICP, ISBD e RDA.
“Il bibliotecario”, n. 1 (gen. - apr. 2009), p. 59 - 85
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

98
vademecum 2009/10
99
insegnamenti
................................................................................................................................
Cinemaefotografia
L-ART/06

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Dalla Fotografia al Cinema: le problematiche estetiche e sociali connesse alla nascita della società
multimediale.
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. NICCOLINI DANIELA daniela.niccolini@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso intende proporre allo studente un percorso all’interno dell’articolata e complessa riflessione teorica
sull’immagine che, dalla fine dell’Ottocento, ha impegnato studiosi di ambiti diversi.
Programma:
1. Nascita dell’immagine analogica e tessuto sociale dell’epoca;
2. Dalla Fotografia al Cinema: i nodi teorici ed estetici;
3. Gli Autori e l’evoluzione del linguaggio cinematografico;
4. L’immagine digitale
Risultatidiapprendimento:
Conoscenza della complessità del contributo del Cinema e dei media audiovisivi per una nuova percezione della realtà.
Modalitàdidattiche:
Lezioni teoriche con visione e analisi dei film.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione con verifica orale alla fine del corso.
Fanno parte integrante del corso le proiezioni di film che si terranno secondo un calendario che verrà comunicato
all’inizio delle lezioni.
Si precisa che i film di autori stranieri saranno proiettati in lingua originale con sottotitoli in italiano.
Testidistudio:
Sorlin P., I figli di Nadar. Il “secolo” dell’immagine analogica, Einaudi, Torino, 2001.
Costa A., Saper vedere il cinema, Milano, Bompiani, 1985.
Visione dei film proiettati durante il corso.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale.
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento. Visione dei film proiettati durante il corso. Gli studenti non frequentanti che avessero
difficoltà a reperire i film devono concordare con il docente film alternativi.
Testidistudio:
Sorlin P., I figli di Nadar. Il “secolo” dell’immagine analogica, Einaudi, Torino, 2001.
Costa A., Saper vedere il cinema, Milano, Bompiani, 1985.
Visione dei film proiettati durante il corso.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
Note:
Letture facoltative consigliate, per frequentanti e non frequentanti:
Barthes R., La camera chiara, Torino, Einaudi, 1998;
Bellour R., Fra le immagini. Fotografia, Cinema, Video, Milano, Mondadori, 2007.
................................................................................................................................
Cinema.Teoriadellinguaggiofilmico
L-ART/06
CFU 6 • PERIODO I Semestre • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Leggere il Cinema. La riflessione teorica.
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. MARCHETTI BIANCA MARIA bianca.marchetti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il Corso si propone di offrire allo studente la conoscenza di base della Teoria del Cinema, attraverso l’approfondimento
di determinate poetiche, scuole e tendenze del cinema delle origini, del cinema classico e del cinema della modernità.
Programma:
Teoria e Critica
Le origini della teoria del cinema.
Le teorie del montaggio: L.Kulesov, S.Eizenstein, D.Vertov.
La prospettiva estetica.
La critica cinematografica in Italia.
Gli Autori e i Generi.
Lo sviluppo dei Cultural Studies.
Attivitàasupportodelladidattica:Il percorso sarà supportato da una serie di analisi di film ritenuti esemplari per
interpretare, a livello linguistico-stilistico,l’evoluzione del linguaggio cinematografico.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e analisi dei film proiettati durante il Corso.
Obblighi:
Frequenza delle lezioni per almeno 3/4 delle ore e visione dei film programmati dal docente.
Testidistudio:
Casetti F., Teorie del cinema 1945-1990, Bompiani, Milano,2002.(obbligatorio)
Ambrosini M., Cardone L., Cuccu L., Introduzione al linguaggio del film, Carocci, Roma, 2003. (obbligatorio)
Modalitàdiaccertamento:
L’esame sarà costituito da un colloquio orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati e visione obbligatoria di almeno 6 film. Per la scelta si rimanda ai principali film analizzati nei
testi indicati in bibliografia.
Testidistudio:
Casetti F. Teorie del Cinema 1945-1990, Bompiani,Milano,2002. (obbligatorio)
Ambrosini M.,Cardone L.,Cuccu L., Introduzione al linguaggio del film, Carocci, Roma,2003. (obbligatorio)
Modalitàdiaccertamento:
L’esame si svolgerà in forma orale.
................................................................................................................................
Comunicazioned’impresa
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: La comunicazione di azienda per creare vantaggio competitivo
Corsidilaureain: Comunicazione pubblicitaria (CNA-L)

Prof. ZEPPA MARCELLO marcello.zeppa@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Comprendere le politiche di marca delle imprese e le modalità di fruizione della marca da parte del mercato è diventata
una questione di primaria importanza per chiunque si occupi di marketing, di strategia, di comunicazione: nello stesso
tempo, le azioni che si esercitano sulla mente dell’utilizzatore – consumatore per differenziarsi dalla concorrenza ad
integrazione e complemento delle leve di marketing che si attivano a favore del prodotto/servizio hanno assunto un
peso preponderante. L’obiettivo principale è assumere un metodo di analisi e di azione di fronte alle problematiche
100
vademecum 2009/10
101
insegnamenti
complesse di un mercato in evoluzione rapida e continua dove l’impresa ritrova a dover agire con un numero crescente
e diversificato di interlocutori e di pubblici di riferimento, all’esterno dell’azienda come all’interno dell’azienda stessa.
Programma:
1) “Focus” sugli aspetti più avanzati della comunicazione di impresa con particolare attenzione al posizionamento (di
marketing e in comunicazione
2) Esame dell’integrazione della comunicazione alla luce delle mutate esigenze della pianificazione aziendale e del
mutato approccio del consumatore ai prodotti/mercati
3) Esame dell’evoluzione delle tecniche miranti a costruire/mantenere/implementare l’immagine di marca;
4) Esame di case history peculiari per modalità e/o risultati con discussione in aula.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, con utilizzo di supporti audiovisivi. Lettura e discussione di testi.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
- Trout J., Differenziarsi per sopravvivere alla competizione, FrancoAngeli, Milano, 2001
- Prahalad C.K., Ramaswamy V., Il futuro della competizione, Il Sole24Ore, Milano, 2004 Nota: Capitoli 1, 7, 9, 10
- Fiocca R., Marino A., Testori M., Brand management. Valori e relazioni nella gestione della marca, Etas Libri,
Milano, 2007
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione dei lavori prodotti dallo studente, anche in itinere.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
- Nutrito C., Non tutto il marketing vien per nuocere. Opportunità e rischi nel mercato del terzo millennio, FrancoAngeli,
Milano, 2001
- Trout J., Differenziarsi per sopravvivere alla competizione, FrancoAngeli, Milano, 2001
- Prahalad C.K., Ramaswamy V., Il futuro della competizione, Il Sole24Ore, Milano, 2004 Nota: Capitoli 1, 7, 9, 10
- Fiocca R., Marino A., Testori M. Brand management. Valori e relazioni nella gestione della marca, Etas Libri,
Milano, 2007
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Comunicazioned’impresaAMI
SPS/08

CFU 10 • DURATA 80 ore
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Comunicazioneemoda
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La comunicazione del fashion system
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. VALLI BERNARDO bernardo.valli@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire i concetti teorici e tecnici fondamentali della “comunicazione moda” istituzionale e di prodotto.
Programma:
1. Indagare i rapporti che intercorrono tra creatività e comunicazione nell’ambito del fashion system
2. Focalizzare gli ambiti della comunicazione istituzionale, la realtà del “made in Italy”, il suo valore aggiunto, i suoi
Distretti, il suo “life-style”
3. Analizzare le tecniche, gli attori, i contenuti, i supporti, i riferimenti di una corretta linea di “comunicazione moda”,
con particolare riferimento all’evoluzione tra prodotto e comunicazione.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali con supporti audiovisivi
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
Bulgari S. (a cura di), I mondi della moda. modelli di analisi della comunicazione della moda, CLUEB, Bologna, 2005
Galoforo G., Montebelli M., Pomodoro S., Moda e pubblicità. Stili e tendenze nel fashion system, Carocci, Roma, 2005
Merlo E., Moda italiana. storia di un’industria dall’ottocento a oggi, Marsilio, 2003
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
Bulgari S. (a cura di), I mondi della moda. Modelli di analisi della comunicazione della moda, CLUEB, Bologna, 2005
Codeluppi V., Dalla corte alla strada. Natura ed evoluzione sociale della moda, Carocci, Roma, 2007
Galoforo G., Montebelli M., Pomodoro S., Moda e puubblicità. Stili e tendenze nel fashion system, Carocci, Roma, 2005.
Merlo E., Moda italiana. Storia di un’industria dall’ottocento a oggi, Marsilio, 2003.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Comunicazionepubblica
SPS/08

CFU 9 • DURATA 72 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Laboratorio di comunicazione
Corsidilaureain: Editoria, media e giornalismo (CNA-LS)

Prof. PETICCA SARA speticca@luiss.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire le conoscenze e le competenze necessarie per comprendere la comunicazione pubblica
nella sua valenza sociologica, culturale e organizzativa. Si analizzerà l’evoluzione storica della disciplina cogliendo le
opportunità e le criticità della situazione attuale e i suoi sviluppi futuri. Particolare importanza rivestiranno i problemi
della cittadinanza, il ruolo delle nuove tecnologie, le basi normative di riferimento italiane ed europee e la dimensione
strategica della comunicazione pubblica anche con riferimento ai linguaggi più adeguati per costruire prodotti e
campagne di comunicazione pubblica mirate ed efficaci.
Programma:
Il corso si articola in varie parti:
• nella prima vengono analizzati il quadro storico di riferimento, le basi normative e il contesto generale in cui si colloca
la disciplina;
• nella seconda vengono individuati i soggetti della comunicazione pubblica, i principi organizzativi dell’ufficio stampa e
dell’ufficio relazioni con il pubblico;
• nella terza si analizzano gli strumenti di cui si servono i soggetti che operano in questo settore, per raggiungere il
cittadino e comunicare in modo efficace;
• nella quarta si propongono dei casi concreti con particolare riferimento al settore della scuola, dell’ambiente, della
salute e della sicurezza;
102
vademecum 2009/10
103
insegnamenti
• nell’ultima parte si analizzavano i caratteri della comunicazione pubblica come comunicazione di servizio.
Modalitàdidattiche:
Il corso prevede lezioni frontali e lavori da concordare con gli studenti nel corso delle lezioni
Obblighi:
Frequenza di almeno 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
Mancini P., Manuale di Comunicazione, Latarza, Roma-Bari, 2006
Lovari A., Masini M. (a cura di), Comunicazione 2.0. Tenologie, linguaggi, formati, Franco Angeli, Roma , 2008

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
Mancini P., Manuale di Comunicazione, Latarza, Roma-Bari, 2006
Lovari A., Masini M. (a cura di), Comunicazione 2.0. Tenologie, linguaggi, formati, Franco Angeli, Roma , 2008
................................................................................................................................
ComunicazionepubblicaAMI
SPS/08

CFU 10 • PERIODO primo semestre • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Strategie e tecniche di comunicazione istituzionale e sociale
Corsidilaureain: Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni (LM)

Prof. DUCCI GEA gea.ducci@uniurb.it
Ricevimento: Ricevimento su appuntamento - contatto e-mail: gea.ducci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti competenze teoriche e pratiche per progettare strategicamente le attività di
informazione e comunicazione nelle Pubbliche Amministrazioni, tenendo conto dell’evoluzione che la comunicazione
pubblica ha conosciuto a livello nazionale e internazionale.
Tali competenze implicano una visione complessa e integrata della comunicazione nelle organizzazioni che tenga conto
dell’impiego delle tradizionali e più avanzate tecnologie della comunicazione.
Il corso è finalizzato inoltre a promuovere la capacità di osservare le emergenti forme di interazione e coinvolgimento
dei cittadini nei processi decisionali da parte delle istituzioni pubbliche, secondo una visione di amministrazione
partecipata e condivisa.
Programma:
1. Definizione di comunicazione pubblica: ambito di interesse e soggetti promotori.
2. Lo stato attuale della comunicazione pubblica e il riconoscimento dei nuovi profili professionali - seminario tenuto dal
prof. Alessandro Rovinetti (segretario generale dell’Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale
- Segretario generale della Federazione Europea delle Associazioni di Comunicazione Pubblica).
3. Strutture e strumenti per la comunicazione pubblica integrata
4. La comunicazione sociale e i processi partecipativi.
5. Progettare le iniziative di comunicazione istituzionale e sociale: il piano di comunicazione. Workshop laboratoriale
condotto da Pierdomenico Lonzi (Consigliere Nazionale dell’Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e
Istituzionale, docente formatore in comunicazione pubblica).
Risultatidiapprendimento:
Attivitàasupportodelladidattica:
Seminari
1. Seminario su: lo stato attuale della comunicazione pubblica e il riconoscimento dei profili professionali (prof.
Alessandro Rovinetti)
2 . Seminario su: Urp e ufficio stampa nella pubblica amministrazione - Il caso del Comune di Ancona (dott.ssa Rosanna
Tomassini)
Workshop laboratoriale
3. Workshop laboratoriale su: la programmazione delle iniziative di comunicazione istituzionale e sociale nelle pubbliche
amministrazioni - il piano di comunicazione (dott. Pierdomenico Lonzi)
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, esercitazioni di gruppo, workshop laboratoriale.
Obblighi:
Obbligo di frequenza secondo le regole del corso di laurea.
Testidistudio:
Rovinetti A., Fare comunicazione pubblica - normative, tecniche, tecnologie, Comunicazione Italiana, Roma, 2006
Levi N. (a cura di), Il piano di comunicazione nelle amministrazioni pubbliche - Analisi e strumenti per l’innovazione, I
manuali, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2004 (consultabile sul sito www.urp.it)
Cucco E., Pagani R. e Pasquali M. (a cura di), Primo rapporto sulla comunicazione sociale in Italia, RaiEri, Roma, 2005
(solo le parti che verranno indicate dal docente durante le lezioni)
Faccioli F., D’Ambrosi L. e Massoli L. (a cura di), Voci della ribalta. Comunicazione sociale, processi inclusivi e
partecipazione, Edizioni Scientifiche Italiane, Roma, 2007 (solo le parti che verranno indicate dal docente durante le
lezioni)
Lovari A. e Masini M. (a cura di), Comunicazione pubblica 2.0 - Tecnologie, linguaggi, formati, FrancoAngeli, Milano,
2008
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione dei lavori individuali e di gruppo (risultati del workshop).

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
Rovinetti A., Fare comunicazione pubblica - normative, tecniche, tecnologie, Comunicazione Italiana, Roma, 2006
Levi N. (a cura di), Il piano di comunicazione nelle amministrazioni pubbliche - Analisi e strumenti per l’innovazione, I
manuali, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2004 (consultabile sul sito www.urp.it)
Cucco E., Pagani R. e Pasquali M. (a cura di), Primo rapporto sulla comunicazione sociale in Italia, RaiEri, Roma, 2005
Faccioli F., D’Ambrosi L. e Massoli L. (a cura di), Voci della ribalta. Comunicazione sociale, processi inclusivi e
partecipazione, Edizioni Scientifiche Italiane, Roma, 2007
Testo di sola lettura:
Lovari A. e Masini M. (a cura di), Comunicazione pubblica 2.0 - Tecnologie, linguaggi, formati, FrancoAngeli, Milano,
2008
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
ComunicazionepubblicitariaelinguaggimedialiAMI
SPS/08

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Brandscapes: i nuovi linguaggi della pubblicità
Corsidilaureain: Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni (LM)

Prof. BOCCIA ARTIERI GIOVANNI giovanni.bocciaartieri@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Fornire competenze avanzate per la definizione e l’analisi della comunicazione pubblicitaria in relazione alla evoluzione
dei linguaggi mediali a fronte della di una cultura convergente tra produttori e consumatori.
Programma:
1. Pubblicità e industria dell’immaginario;
2. Ibridazioni, convergeneze e mutazioni nella relazione tra linguaggi pubblicitari e mediali;
3. Nuove forme della comunicazione pubblicitaria: ambient advertising; edge marketing; marketing guerriglia;
4. Pubblicità 2.0: l’era degli UGC;
5. Laboratorio sulle forme di comunicazione pubblicitaria sui siti di social network e mondi online (SecondLife).
Modalitàdidattiche:
Lezioni introduttive, lavoro di gruppo, seminari di approfondimento sulle fasi mediali/pubblicitarie, workshop teorico pratico.
104
vademecum 2009/10
105
insegnamenti
Obblighi:
Frequenza delle lezioni, studio individuale, eventuale partecipazione a lavori individuali o di gruppo.
Testidistudio:
1. Cova B., Giordano A., Pallera M., Marketing non-convenzionale, Il Sole24Ore, Milano, 2007
2. Jenkins H., Cultura convergente, Apogeo, Milano, 2007
3. AaVv, Network effect. Quando la rete diventa pop, Codice, Genova in corso di stampa
4. Materiali indicati a lezione
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione dei lavori individuali o di gruppo

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
1. Cova B., Giordano A., Pallera M., Marketing non-convenzionale, Il Sole24Ore, Milano, 2007
2. Jenkins H., Cultura convergente, Apogeo, Milano, 2007
3. AaVv, Network effect. Quando la rete diventa pop, Codice, Genova in corso di stampa
................................................................................................................................
Contenutidigitaliinreteearchitetturadell’informazione
ING-INF/05

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: L’informazione e gli strumenti del web: costruire siti e servizi partecipativi
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. RUSSO MASSIMO massimo.russo@gmail.com

ObiettiviFormativi:
Nei suoi quindici anni di vita (1994-2009) il web ha cambiato il mondo dell’informazione. Internet è ormai abitudine
quotidiana nella dieta mediatica di ognuno di noi. Parallelamente alla crescita degli strumenti del web 2.0, i media
tradizionali attraversano una crisi che richiede una profonda ridefinizione del prodotto. Il corso cercherà di disegnare lo
scenario evolutivo della rete nei prossimi anni per quanto riguarda informazione e contenuti, mettendo gli studenti in
grado di utilizzare e di comprendere le potenzialità dei nuovi strumenti della comunicazione, in cui i lettori/utenti
diventano co-autori. A ognuno verrà chiesto di realizzare un lavoro finale, il progetto di un servizio che risponda ai
principi e alle metodologie viste a lezione.
Programma:
Prerequisiti essenziali:
Conoscenza di base dei principi dell’HTML. Uso base di un editor html Conoscenza di base dei principi della grafica
online: elementi grafici di una pagina web, formati grafici, trattamento delle immagini, digitalizzazione e compressione
delle immagini. Uso base di Photoshop Conoscenza base software per la gestione di audio e video online Comprensione
audio e testuale della lingua inglese
Programma: I. La convergenza digitale e la fine di Internet II. I modelli di successo in rete e la distribuzione di Pareto
(longtail curve) III. Disaggregazione e riaggregazione del contenuto, l’informazione liquida III. La personalizzazione (dai
blog a Flickr, da Youtube ad Eyespot) IV. La sfida ai mezzi di comunicazione tradizionali nei settori dell’informazione e
della pubblicità V. Multimedia partecipativi in rete: dalla comunicazione definita dal mezzo alla comunicazione definita
dai contenuti e trasformata/integrata dagli utenti VI. I social Network VII. Verso il web 3.0: l’approccio semantico e la
folksonomy VIII. Assegnazione/svolgimento dei lavori..
Modalitàdidattiche:
Le modalità didattiche verranno definite e comunicate agli studenti all’inizio dell’A.A. Dopo alcuni incontri frontali,
intervallati da esercitazioni scritte ad hoc, a ognuno verrà assegnato un lavoro di fine corso, che dopo fasi di revisione e
verifica in presenza e in remoto sarà portato all’esame. Note: Il docente sarà a disposizione degli studenti durante tutte
le fasi del progetto per telefono e per e-mail. Verrà valutata anche la possibilità di organizzare degli stage formativi
presso strutture editoriali impegnate su Internet
Obblighi:
E’ necessaria l’assidua partecipazione degli studenti sia ai momenti didattici in presenza ad Urbino, sia al lavoro in
remoto. Studio del testo di riferimento.
Modalitàdiaccertamento:
Valutazione del lavoro finale e dell’impegno personale e di gruppo nel corso della realizzazione del progetto.
Esercitazioni scritte. Colloquio orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
Due a scelta tra i seguenti testi:
Gillmor Dan, We the Media, Grassroots Journalism By the People, For the People, O’Reilly, 2006
D. Tapscott, A. D. Williams Wikinomics La collaborazione di massa che sta cambiando il mondo, Etas Libri, 2007
Albert-Laszlo Parabasi, Linked: How Everything Is Connected to Everything Else and What It Means
Nota. Testi alternativi o altro materiale, sia scritto che in audio e in video, verranno indicati a lezione
................................................................................................................................
CulturaesocietàAMI
SPS/08

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO-PESARO
Titolocorso: Corpo e cultura
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. MARCARINO AURELIA aurelia.marcarino@uniurb.it

Prof. CIUFFOLI EMANUELA emanuela.ciuffoli@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Fornire strumenti teorici per analizzare e interpretare il modello dinamico della cultura, le forme espressive, i
meccanismi creativi, le contaminazioni, il comportamento culturale e la ricezione della cultura.
Programma:
1. Il concetto di cultura 2. La cultura come costruzione sociale 3. Il significato nella cultura dei media 4. I modelli di
comunicazione nei processi culturali 5. La cultura come racconto 6. Le mitologie culturali 7. Corpo, rappresentazione,
identità 8. Manipolazioni corporee e autobiografie mediali 9. La medicalizzazione delle estetiche contemporanee
Attivitàasupportodelladidattica:
Attività seminariali
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari di approfondimento sui seguenti temi:
- Introduzione ai cultural studies
- Tecnologie del sé: morfoscritture digitalizzate
- Dallo shaping allo sharing: la fotografia digitale nelle pratiche culturali
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale.
Testidistudio:
Griswold W., Sociologia della cultura, il Mulino, Bologna, 1997
Borgna P., Sociologia del corpo, Laterza, Roma - Bari, 2005
Marcarino A., Strategie comunicative, Carocci, Roma, 2004
Ciuffoli E., Texture. Manipolazioni corporee tra chirurgia e digitale, Meltemi, Roma, 2007
D’Amico E., Digitografie, Liguori, Napoli, 2007
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale
Testidistudio:
Griswold W., Sociologia della cultura, il Mulino, Bologna, 1997
Crane D., La produzione culturale, il Mulino, Bologna, 1997
106
vademecum 2009/10
107
insegnamenti
Marcarino A., Strategie comunicative, Carocci, Roma, 2004
Ciuffoli E., Texture. Manipolazioni corporee tra chirurgia e digitale, Meltemi, Roma, 2007
D’Amico E., Digitografie, Liguori, Napoli, 2007
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Diplomatica
M-STO/09

CFU 12 • DURATA 96 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

ObiettiviFormativi:
Modulo 1: Diplomatica generale (CFU 6):
Obiettivi formativi: far conoscere l’oggetto della disciplina “Diplomatica” e le sue problematiche storiche e attuali,
attraverso soprattutto i documenti pubblici.
Modulo 2: Diplomatica notarile (CFU 6):
Obiettivi formativi: introdurre allo studio dei documenti privati dei secoli XIII-XV, periodo da cui cominciano a provenire i
fondi archivistici che studenti e laureati hanno maggior probabilità di incontrare.
Programma:
Programma modulo 1:
1) Principi generali e definizioni. Storia della diplomatica. Azione giuridica e documentazione; diplomatica generale e
speciale; documento pubblico e privato. Le persone. La genesi del documento pubblico, da Roma al Medioevo. I
caratteri estrinseci e intrinseci del documento. La lingua e i formulari. Gli usi cronologici.
2) Studio diretto di documenti esemplificativi.
Programma modulo 2:
1) Genesi e caratteri del documento notarile. Il notariato nei suoi rapporti con università e comune. L’attività
professionale per i privati. La tradizione dei testi documentari. L’edizione delle fonti documentarie.
2) Studio diretto di documenti esemplificativi, anche in originale (documenti urbinati).
Modalitàdidattiche:
Modalità didattiche modulo 1: lezioni frontali; presentazione e analisi di documenti in riproduzione; durante le lezioni
verranno fornite tavole e altro materiale didattico.
Modalità didattiche modulo 2: lezioni frontali; presentazione, analisi e trascrizione di documenti in riproduzione e in
originale (questi alla Biblioteca Universitaria o alla Sezione di Archivio di Stato di Urbino); durante le lezioni verranno
fornite tavole e altro materiale didattico.
Testidistudio:
Testi di riferimento modulo 1:
A.PRATESI, Genesi e forme del documento medievale, Roma, Jouvence, ed.ultima.
A. BARTOLI LANGELI, Notai. Scrivere documenti nell’Italia medievale, Roma, Viella, 2006, capitoli 1 e 2.
Testi di riferimento modulo 2:
A. PRATESI, Genesi e forme del documento medievale, Roma, Jouvence, ed. ultima (è opportuna la conoscenza di tutto il
manuale, ma in particolare dei capitoli VI, VIII, XI-XII).
G. TAMBA, Una corporazione per il potere. Il notariato a Bologna in età comunale,
Bologna, C.L.U.E.B., 1998, Introduzione e Parte I (= capitoli 1, 2, 3).
A. BARTOLI LANGELI, Notai. Scrivere documenti nell’Italia medievale, Roma, Viella, 2006, capitoli 6 e 7).
Modalitàdiaccertamento:
Modalità di accertamento modulo 1: esame orale, comprendente il riconoscimento delle parti e degli elementi grafici e
simbolici di documenti.
Modalità di accertamento modulo 2: esame orale, comprendente l’analisi di parti di documenti.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Gli studenti sono invitati a prendere accordi con il docente.


Testidistudio:
Testi di riferimento modulo 1:
A.PRATESI, Genesi e forme del documento medievale, Roma, Jouvence, ed.ultima.
A. BARTOLI LANGELI, Notai. Scrivere documenti nell’Italia medievale, Roma, Viella, 2006, capitoli 1 e 2.
Testi di riferimento modulo 2:
A. PRATESI, Genesi e forme del documento medievale, Roma, Jouvence, ed. ultima (è opportuna la conoscenza di tutto il
manuale, ma in particolare dei capitoli VI, VIII, XI-XII).
G. TAMBA, Una corporazione per il potere. Il notariato a Bologna in età comunale,
Bologna, C.L.U.E.B., 1998, Introduzione e Parte I (= capitoli 1, 2, 3).
A. BARTOLI LANGELI, Notai. Scrivere documenti nell’Italia medievale, Roma, Viella, 2006, capitoli 6 e 7).
Modalitàdiaccertamento:
Modalità di accertamento modulo 1: esame orale, comprendente il riconoscimento delle parti e degli elementi grafici e
simbolici di documenti.
Modalità di accertamento modulo 2: esame orale, comprendente l’analisi di parti di documenti.
................................................................................................................................
Dirittidell’uomo
IUS/20

CFU 5 • PERIODO I semestre • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO-Facoltà di Giurisprudenza
Titolocorso: Diritti dell’uomo
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. MORONI ENRICO enrico.moroni@uniurb.it
Ricevimento: Giovedì, h. 9-11

ObiettiviFormativi:
Favorire la conoscenza, diffondere elementi di informazione che possano aiutare a situare il ruolo dei diritti umani nel
mondo contemporaneo e nella società globalizzata.
Programma:
La storia dei diritti umani dall’illuminismo ad oggi: una storia di concetti, idee, teorie filosofiche, politiche e giuridiche,
come pure di organizzazioni, associazioni, battaglie, campagne, istituzioni, personalità. Dai doveri ai diritti. La scoperta
dei diritti. Le regole umanitarie. I principi e la realtà. La scomparsa dei diritti. La riscoperta dei diritti. I diritti nel XXI
secolo: problemi e contraddizioni.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale
Testidistudio:
Marcello Flores, Storia dei diritti umani, il Mulino, Bologna 2008
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
Note:
Mutuato dalla Facoltà di Giurisprudenza
................................................................................................................................
Dirittifondamentaliedirittopubblicodell’informazione
IUS/09

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il diritto fondamentale dell’informazione nell’ordinamento costituzionale italiano
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)
108
vademecum 2009/10
109
insegnamenti
Prof. CANTARO ANTONIO antonio.cantaro@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
La tutela pluralistica dell’informazione nelle democrazie contemporanee.
Programma:
I media e l’ordinamento giuridico:
Le norme costituzionali in gioco: gli arrt. 15 e 21. La disciplina giuridica dell’impresa d’informazione nelle sue
articolazioni: stampa, audiovisivo e telecomunicazioni. Gli organi di governo del sistema-informazione. Relazioni e
competenze delle Autorità preposte a regolare le libertà personali ed economiche. L’ordinamento della comunicazione
nella prospettiva del legislatore comunitario, statale e locale: in particolare il settore dell’audiovisivo e delle
telecomunicazioni.
Eventualipropedeuticità:
-
Risultatidiapprendimento:-
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi consigliati.
Testidistudio:
Caretti P., Diritto dell’informazione e della comunicazione, il Mulino, Bologna, Ultima Edizione
Barbera A., Fusaro C., Corso di diritto pubblico, il Mulino, Bologna, Ultima edizione. Nota: Capitolo VI
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
-
Obblighi:
Studio dei testi consigliati.
Testidistudio:
Caretti P., Diritto dell’informazione e della comunicazione, il Mulino, Bologna, Ultima Edizione
Barbera A., Fusaro C., Corso di diritto pubblico, il Mulino, Bologna, Ultima edizione. Nota: Capitolo VI
Magnani C., La società europea dell’informazione, in Barcellona P., La società europea. Identità, simboli, politiche.
Giappichelli, Torino, 2009
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Dirittifondamentali:storia,teoriaepoliticheI,IIAMI
IUS/18

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Diritti fondamentali: storia, teoria e politiche
Corsidilaureain: Organizzazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM)

Prof. GILIBERTI GIUSEPPE giuseppe.giliberti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Lo scopo del corso è di introdurre gli studenti a una comprensione critica del concetto di diritti fondamentali, mediante il
ricorso a tre diversi approcci metodologici: analitico, storico e comparatistico. In particolare, gli studenti prenderanno
conoscenza: a) delle definizioni correnti in materia di diritti fondamentali e delle concezioni teoriche sulle quali esse
sono fondate; b) del percorso storico che ha portato alla tutela interna e a quella internazionale dei diritti; c) delle
differenze tra il modo in cui i diritti fondamentali sono concettualizzati in Europa e nel sistema delle Nazioni Unite e gli
approcci specificamente arabi, islamici e africani al problema. Gli studenti prenderanno familiarità in particolare con i
diritti sociali e con il concetto di “sviluppo umano”, nell’accezione utilizzata correntemente dall’United Nations
Development Programme.
Programma:
Cosa sono i diritti fondamentali?
- Civitas e cosmopolis. Alle origini del concetto di diritti umani
- Diritti civili e politici
- Diritti economici, sociali e culturali
- I diritti di terza generazione e i “nuovi diritti”
- La protezione internazionale dei diritti umani
E’ possibile un consenso interculturale in materia di diritti?
- Dal “Discorso delle quattro libertà” alla Dichiarazione Universale del 1948
- Convergenze e divergenze tra culture
- La “Carta di Nizza” e le tradizioni costituzionali comuni dei popoli europei
- La Carta Araba
- Il ruolo della società civile internazionale
I diritti sono “naturali”?
- Universalismo e differenzialismo
- Ius naturale e diritto delle genti, dalle origini classiche alla prima modernità
- Il concetto dignità umana nella tradizione occidentale e in quella arabo-islamica
- Integrità psico-fisica e dignità della persona
- “Bisogni fondamentali” e “sviluppo umano” in di A. Sen e M. Nussbaum.
Modalitàdidattiche:
Lezioni teoriche e seminario con discussione di testi
Obblighi:
Frequenza lezioni
Testidistudio:
Antonio Cassese, I diritti umani oggi, Laterza, Bari 2008; e Martha Nussbaum, Giustizia sociale e dignità umana, Il
Mulino, Bologna 2002. Si consiglia anche la lettura della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo (www.
centrodirittiumani.unipd.it/a_strumenti).
Modalitàdiaccertamento:
Gli studenti frequentanti potranno presentare e discutere una tesina al termine del corso.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
Antonio Cassese, I diritti umani oggi, Laterza, Bari 2008; e Martha Nussbaum, Giustizia sociale e dignità umana, Il
Mulino, Bologna 2002. Si consiglia anche la lettura della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo (www.
centrodirittiumani.unipd.it/a_strumenti).
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Dirittoamministrativo
IUS/10

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Diritto delle Amministrazioni pubbliche - Lo Stato regolatore e l’impresa economica
Corsidilaureain: Comunicazione pubblicitaria (CNA-L)

Prof. BRUSCIOTTI BRUNO b.brusciotti@studiobrusciotti.it

ObiettiviFormativi:
Il modulo si propone di introdurre le tematiche di base dell’azione amministrativa e del rapporto impresa-pubblici
poteri.
Programma:
L’azione amministrativa dello Stato. Il rapporto impresa-pubblici poteri.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari di approfondimento.
110
vademecum 2009/10
111
insegnamenti
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
Cassese S., La nuova costituzione economica, Laterza, Roma - Bari, 2004
Sorace D., Diritto delle amministrazioni pubbliche, il Mulino, Bologna, 2005
Nota: Ultima edizione
Irti N., L’ordine giuridico del mercato, Laterza, Roma-Bari, 2003 Parti da concordare
(Testo di approfondimento non obbligatorio)
Galgano F., La globalizzazione nello specchio del diritto, il Mulino, Bologna, 2005
(Testo di approfondimento non obbligatorio)
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e/o esercitazione scritta.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
Cassese S., La nuova costituzione economica, Laterza, Roma - Bari, 2004
Sorace D., Diritto delle amministrazioni pubbliche, il Mulino, Bologna, 2005
Nota: Ultima edizione
Irti N., L’ordine giuridico del mercato, Laterza, Roma-Bari, 2003
(Testo di approfondimento non obbligatorio)
Galgano F., La globalizzazione nello specchio del diritto, il Mulino, Bologna, 2005
(Testo di approfondimento non obbligatorio)
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Dirittoamministrativo1
IUS/10

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Diritto delle amministrazioni pubbliche
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. BRUSCIOTTI BRUNO

ObiettiviFormativi:
Il modulo si propone di introdurre le tematiche di base dell’azione amministrativa dei pubblici poteri.
Programma:
Principi costituzionali - Funzioni
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari di approfondimento e discussioni in aula con gli studenti
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
Sorace D., Diritto delle amministrazioni pubbliche, il Mulino, Bologna, 2007
Nota per tutti: Ultima edizione - Parti I e II (da definire nel corso delle lezioni)
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e/o esercitazione scritta

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio del testo di riferimento

Testidistudio:
Sorace D., Diritto delle amministrazioni pubbliche, il Mulino, Bologna, 2007
Nota per tutti: Ultima edizione - Parti I e II
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Dirittoamministrativo2
IUS/10

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Procedimento amministrativo
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. IORIO LUIGI CARLO

ObiettiviFormativi:
Conoscenza dei principali aspetti riguardanti le organizzazioni e le attività delle Amministrazioni pubbliche; la tutela
giurisdizionale
Programma:
Principi e problemi di organizzazione della P.A.; discrezionalità amministrativa; il procedimento amministrativo;
invalidità, irregolarità, illiceità degli atti amministrativi; tutela giurisdizionale.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari di approfondimento
Obblighi:
Frequenza di almeno i 3/4 delle lezioni
Testidistudio:
Sorace D., Diritto delle amministrazioni pubbliche, il Mulino, Bologna, 2007
Nota per tutti: Ultima edizione - Parti III e IV (da definire nel corso delle lezioni)
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e/o esercitazione scritta

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio del testo di riferimento
Testidistudio:
Sorace D., Diritto delle amministrazioni pubbliche, il Mulino, Bologna, 2007
Nota per tutti: Ultima edizione - Parti III e IV
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Dirittocostituzionaledell’integrazioneeuropea
IUS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Lo scenario europeo e quello italiano
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. CANTARO ANTONIO antonio.cantaro@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti le principali coordinate, istituzionali e dottrinali, dell’integrazione costituzionale
del diritto comunitario.
Programma:
Introduzione storica e giuridica all’ordinamento comunitario: analisi delle istituzioni europee, delle fonti primarie e
112
vademecum 2009/10
113
insegnamenti
derivate, delle competenze. Cittadinanza, diritti fondamentali e mercato.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale; seminari di approfondimento.
Obblighi:
Frequenza per almeno i 3/4 delle lezioni. Studio e lettura dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Bin R., Caretti P., Profili costituzionali dell’Unione europea , Il Mulino (Collana “Itinerari”), Bologna, 2009
Pagliarecci M. (a cura di), Diritto, politica ed economia dell’Unione, Giappichelli, Torino, 2007
Nota: Lettura obbligatoria di tutti i contributi relativi alla ‘Costituzione economica’.
Modalitàdiaccertamento:
Verifiche intermedie frequentanti; esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio e lettura dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Bin R., Caretti P., Profili costituzionali dell’Unione europea , Il Mulino (Collana “Itinerari”), Bologna, 2009
Pagliarecci M. (a cura di), Diritto, politica ed economia dell’Unione, Giappichelli, Torino, 2007
Nota: Lettura obbligatoria di tutti i contributi ad esclusione di quelli in lingua spagnola.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
Note:
Nota per tutti: Lettura della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.
................................................................................................................................
DirittocostituzionaleitalianoedeuropeoI,IIAMI
IUS/08

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: L’esperienza costituzionale italiana ed europea
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. CANTARO ANTONIO antonio.cantaro@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso è volto a fornire gli elementi principali per la comprensione delle radici e dell’evoluzione del diritto costituzionale
ed europeo.
Programma:
1) Diritto costituzionale italiano. Introduzione storica e giuridica all’ordinamento italiano: analisi delle istituzioni, delle
fonti e delle competenze.
2) Diritto costituzionale europeo. Introduzione storica e giuridica all’ordinamento comunitario: analisi delle istituzioni
europee, delle fonti primarie e derivate, delle competenze. Cittadinanza, diritti fondamentali e mercato.
Eventualipropedeuticità:
Risultatidiapprendimento:
Attivitàasupportodelladidattica:
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi consigliati.
Testidistudio:
Bin R., Caretti P., Profili costituzionali dell’Unione europea, Il Mulino (Collana “Itinerari”), Bologna, 2009
Cantaro A. (a cura di), L’integrazione europea dopo il Trattato di Lisbona, Giappichelli, 2009

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi consigliati.
Testidistudio:
Bin R., Caretti P., Profili costituzionali dell’Unione europea, Il Mulino (Collana “Itinerari”), Bologna, 2009
Cantaro A. (a cura di), L’integrazione europea dopo il Trattato di Lisbona, Giappichelli, 2009
Losurdo F., L’abuso del diritto nell’ordinamento europeo, Giappichelli, 2009
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Dirittodellavoroedellaprevidenzasociale
IUS/07

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Lavoro subordinato e sistema giuridico della previdenza sociale
Corsidilaureain: Servizio sociale (CNA-L)

Prof. QUAGLIANI ANTONIO antonio.quagliani@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso è volto a fornire innanzitutto gli elementi teorici principali per la comprensione critica della disciplina del
rapporto di lavoro e del sistema della previdenza sociale. Inoltre, è volto ad approfondire i tratti generali della
legislazione sui rapporti di lavoro nonchè la regolamentazione degli istituti del sistema giuridico della previdenza sociale.
Programma:
1. Fonti del diritto del lavoro 2. Costituzione del rapporto di lavoro 3. Contratto di lavoro subordinato e rapporto di
lavoro 4. Obbligazione di lavorare ed obbligazione retributiva 5. Sospensione del rapporto di lavoro 6. Licenziamenti
individuali e collettivi 7. La tutela dei diritti del lavoratore 8. Il sistema giuridico della previdenza sociale 9. Il rapporto
contributivo 10. Il rapporto giuridico previdenziale 11. La tutela infortuni e malattie professionali 12. La tutela per
invalidità, vecchiaia e i superstiti 13. La tutela della salute 14. La tutela contro la tubercolosi, la disoccupazione
involontaria, l’assegno per il nucleo familiare 15. Interventi per contrastare povertà e marginalità 16. La tutela dei diritti
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali
Obblighi:
Partecipazione almeno a 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi consigliati
Testidistudio:
1) Persiani M., Proia G., Contratto e rapporto di lavoro, Cedam, Padova 2006
2) Persiani M., Diritto della previdenza sociale, Cedam, Padova 2006
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi consigliati
Testidistudio:
1) Persiani M., Proia G., Contratto e rapporto di lavoro, Cedam, Padova 2006
2) Persiani M., Diritto della previdenza sociale, Cedam, Padova 2006
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Dirittodellavoroedellaprevidenzasociale
IUS/07

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Lavoro subordinato e sistema giuridico della previdenza sociale
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. QUAGLIANI ANTONIO antonio.quagliani@uniurb.it
114
vademecum 2009/10
115
insegnamenti
ObiettiviFormativi:
Il corso è volto a fornire innanzitutto gli elementi teorici principali per la comprensione critica della disciplina del
rapporto di lavoro e del sistema della previdenza sociale. Inoltre, è volto ad approfondire i tratti generali della
legislazione sui rapporti di lavoro nonchè la regolamentazione degli istituti del sistema giuridico della previdenza sociale.
Programma:
1. Fonti del diritto del lavoro 2. Costituzione del rapporto di lavoro 3. Contratto di lavoro subordinato e rapporto di
lavoro 4. Obbligazione di lavorare ed obbligazione retributiva 5. Sospensione del rapporto di lavoro 6. Licenziamenti
individuali e collettivi 7. La tutela dei diritti del lavoratore 8. Il sistema giuridico della previdenza sociale 9. Il rapporto
contributivo 10. Il rapporto giuridico previdenziale 11. La tutela infortuni e malattie professionali 12. La tutela per
invalidità, vecchiaia e i superstiti 13. La tutela della salute 14. La tutela contro la tubercolosi, la disoccupazione
involontaria, l’assegno per il nucleo familiare 15. Interventi per contrastare povertà e marginalità 16. La tutela dei diritti

Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali
Obblighi:
Partecipazione almeno a 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi consigliati
Testidistudio:
1) Persiani M., Proia G., Contratto e rapporto di lavoro, Cedam, Padova 20062) Persiani M., Diritto della previdenza
sociale, Cedam, Padova 2006
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi consigliati
Testidistudio:
1) Persiani M., Proia G., Contratto e rapporto di lavoro, Cedam, Padova 20062) Persiani M., Diritto della previdenza
sociale, Cedam, Padova 2006
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Dirittodell’informazioneedellacomunicazione
IUS/09

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO-PESARO
Titolocorso: La libertà di manifestazione del pensiero. Il diritto, le libertà e i media
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. MAGNANI CARLO carlo.magnani@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Introduzione al diritto dell’informazione e della comunicazione. A partire dall’art. 21 Costituzione e dalla legislazione si
evidenzieranno i principali temi giuridici del diritto dei media.
Programma:
1. Art. 21 Cost. e libertà d’espressione nella Costituzione italiana;
2. Stampa;
3. Radiotelevisione;
4. Telecomunicazioni;
5. Spettacoli;
6. Evoluzione della radiotelevisione.

Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali/seminari/laboratori. Le parti da approfondire saranno indicate durante il corso.

Obblighi:
Partecipazione almeno 3/4 delle ore di lezione. Studio individuale testi indicati.
Testidistudio:
1. Caretti P., Diritto dell’informazione e della comunicazione, il Mulino, Bologna, Edizione del 2005, Capitoli, I,II,III,IV.
2. Menduni E., Fine delle trasmissioni, il Mulino, Bologna, 2007.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studi testi di riferimento.
Testidistudio:
1. Caretti P., Diritto dell’informazione e della comunicazione, il Mulino, Bologna, Edizione del 2005, Capitoli, I,II,III,IV, V.
2. Menduni E., Fine delle trasmissioni, il Mulino, Bologna, 2007.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale.
................................................................................................................................
Dirittodell’informazioneedellacomunicazione
IUS/09

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. MAGNANI CARLO carlo.magnani@uniurb.it
................................................................................................................................
DirittodellepariopportunitànelrapportodilavoroI,IIAMI
IUS/07

CFU 10 • PERIODO Corso Annuale • DURATA 80 • SEDE ATTIVITA’ URBINO-Facoltà di Giurisprudenza
Titolocorso: I Modulo: Diritto delle pari opportunità nell’ordinamento nazionale del lavoro. II Modulo. Diritto delle pari
opportunità nell’ordinamento comunitario del lavoro
Corsidilaureain: Organizzazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM)

Prof. ANGELINI LUCIANO luciano.angelini@uniurb.it
Ricevimento: Prime e dopo le lezioni. In giorni diversi da quelli di lezione, previo appuntamento concordato via email

ObiettiviFormativi:
I Modulo: Il corso si propone di fornire un’ampia panoramica sulla disciplina dei rapporti di lavoro, sulle politiche e sui
principi fondamentali del diritto nazionale relativi alle persone che lavorano, attraverso l’analisi degli strumenti normativi
destinati a gestire le peculiarità dei diversi gruppi cui appartengono, nell’intento di valorizzare le differenze di cui sono
portatori e di valutare l’efficacia dei percorsi di integrazione economico e sociale loro destinati (40 h).
II Modulo: Il Corso approfondirà lo studio delle politiche e dei principi fondamentali del diritto comunitario inerenti ai
diritti delle persone che lavorano, con particolare attenzione a donne, minori, disabili, stranieri, comunitari o
extracomunitari, al fine di individuare quali siano le loro peculiari esigenze di tutela ed analizzare le misure predisposte
per la loro effettiva integrazione nei processi di valore economico e sociale (20 h.)
Programma:
I Modulo: 1. Eguaglianza e differenze nel diritto costituzionale e nel diritto del lavoro. - 2. I Divieti di discriminazione
diretta ed indiretta nell’ordinamento italiano. - 2.1. La tutela antidiscriminatoria di genere come modello. - 3. Le
istituzioni di parità. - 4. La promozione delle pari opportunità. -5. Diritto diseguale ed azioni positive nella legislazione e
nella giurisprudenza. - 6. Le pari opportunità nelle pubbliche amministrazioni. - 7. Le tutele dei lavoratori svantaggiati.
- 8. La conciliazione tra lavoro e famiglia.
II Modulo: 1. Parità di trattamento e tutela antidiscriminatoria. - 1.1. Le nuove direttive. - 2. Diritto diseguale ed azioni
positive. - 2.1. La giurisprudenza della Corte di Giustizia. - 3. Empowerment e mainstreaming. - 3.1. Strategie e
strumenti. - 4. Lavoratori svantaggiati e politiche di sostegno. - 5. Lavoratori stranieri. - 5.1. I lavoratori extracomunitari
116
vademecum 2009/10
117
insegnamenti
Modalitàdidattiche:
Corso annuale, articolato in due Moduli, con lezioni frontali, discussione di materiali e seminari di approfondimento tematico.
Obblighi:
Saranno considerati frequentanti tutti gli studenti che avranno preso parte, nell’ambito del Modulo I, ad almeno 30 ore
di lezione, e nell’ambito del Modulo II, ad almento 15 ore di lezione.
Gli studenti dovranno presentarsi all’esame preparando i testi indicati. Se concordato con il docente, gli studenti
frequentanti potranno sostituire le letture consigliate con nuovi saggi o materiali di approfondimento diversi.
Testidistudio:
I Modulo: L. Angelini, L. Calafà (e altri), Codice delle pari opportunità tra uomo e donna (sub d. lgs. n. 198/2006), in
Grandi M., Pera G. (a cura di), Commentario breve alle leggi sul lavoro, Cedam, 2009, pp. 2587- 2667; L. Angelini, Azioni
positive e politiche del mercato del lavoro tra “vecchio” e nuovo” diritto, in L. Califano (a cura di), Donne, politica e
processi decisionali, Giappichelli, Torino, 2004, pp. 87-116; M.V. Ballestrero, Eguaglianza e differenze nel diritto del
lavoro. Note introduttive, in LD, 2004, n. 3-4, pp. 501-525; G. De Simone, Obiettivi e tecniche del diritto diseguale nei
confronti dei lavoratori svantaggiati, in M.V. Ballestrero e G.G. Balandi (a cura di), I lavoratori svantaggiati tra
eguaglianza e diritto diseguale, Il Mulino, Bologna, 2005, pp. 43-69; L. Angelini, Azioni positive per i lavoratori
svantaggiati nella nuova disciplina del mercato del lavoro italiano: inedite “modalità d’uso”, in M.V. Ballestrero e G.G.
Balandi (a cura di), I lavoratori svantaggiati tra eguaglianza e diritto diseguale, Il Mulino, Bologna, 2005, pp. 95-106;
A.R. Tinti, Conciliazione e misure di sostegno. Sulle azioni positive di cui all’art. 9 della legge 53/2000, in LD, 2009, n. 2,
pp. 173- 202; S. Costantini, Contrattazione collettiva nazionale e conciliazione fra lavoro e vita familiare, in LD, 2009, n.
1, pp. 121-141.
II Modulo: M. Roccella, T. Treu, Diritto del lavoro della Comunità europea, Cedam, 2007, Cap. VII; M. Barbera (a cura di),
Il nuovo diritto antidiscriminatorio. Il quadro comunitario e nazionale, Giuffré, Milano, 2007, limitatamente ai saggi di:
Donata Gottardi (Le discriminazioni basate sulla razza e sull’origine etcnica, pp. 1-42), Marzia Barbera (Le
discriminazioni basate sulla disabilità, pp. 77-123), Olivia Bonardi (Le discriminazioni basate sull’età, pp. 125-169),
Luciana Guaglianone (Le discriminazioni basate sul genere, pp. 247-287).
Per ulteriore integrazione 1 CFU: B. Veneziani, Il “popolo” degli immigrati e il diritto al lavoro: una partitura incompiuta,
in RGL, 2007, n. 3, pp. 479-568; M. McBritton, La legge italiana sull’immigrazione e l’inclusione sociale, in RGL, 2007; n.
3, pp. 569-593.
Modalitàdiaccertamento:
La prova di esame consiste in una discussione orale.
Gli studenti frequentanti potranno sottoporsi anche ad accertamenti in itinere consistenti in prove scritte, colloqui,
valutazione di tesine preventivamente concordate con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Corso annuale, articolato in due Moduli, con lezioni frontali, discussioni di materiali e seminari di approfondimento
tematico.
Obblighi:
Gli studenti dovranno presentarsi all’esame preparando i testi indicati.
Testidistudio:
I Modulo: L. Angelini, L. Calafà (e altri), Codice delle pari opportunità tra uomo e donna (sub d. lgs. n. 198/2006), in
Grandi M., Pera G. (a cura di), Commentario breve alle leggi sul lavoro, Cedam, 2009, pp. 2587- 2667; D. Izzi.
Eguaglianza e differenze nei rapporti di lavoro, Il diritto antidiscriminatorio tra genere e fattori di rischio emergenti,
Jovene, Napoli, 2005, Cap. II; L. Angelini, Azioni positive e politiche del mercato del lavoro tra “vecchio” e nuovo” diritto,
in L. Califano (a cura di), Donne, politica e processi decisionali, Giappichelli, Torino, 2004, pp. 87-116; M.V. Ballestrero,
Eguaglianza e differenze nel diritto del lavoro. Note introduttive, in LD, 2004, n. 3-4, pp. 501-525; G. De Simone,
Obiettivi e tecniche del diritto diseguale nei confronti dei lavoratori svantaggiati, in M.V. Ballestrero e G.G. Balandi (a
cura di), I lavoratori svantaggiati tra eguaglianza e diritto diseguale, Il Mulino, Bologna, 2005, pp. 43-69; L. Angelini,
Azioni positive per i lavoratori svantaggiati nella nuova disciplina del mercato del lavoro italiano: inedite “modalità
d’uso”, in M.V. Ballestrero e G.G. Balandi (a cura di), I lavoratori svantaggiati tra eguaglianza e diritto diseguale, Il
Mulino, Bologna, 2005, pp. 95-106; A.R. Tinti, Conciliazione e misure di sostegno. Sulle azioni positive di cui all’art. 9
della legge 53/2000, in LD, 2009, n. 2, pp. 173- 202; G. De Simone, Conciliare lavori e famiglie. Differenze virtuose e
differenze perniciose in tema di tassazione dei redditi da lavoro e sistemi pensionistici, in LD, 2009, n. 2, pp. 255- 281; S.
Costantini, Contrattazione collettiva nazionale e conciliazione fra lavoro e vita familiare, in LD, 2009, n. 1, pp. 121-141.
II Modulo: M. Roccella, T. Treu, Diritto del lavoro della Comunità europea, Cedam, 2007, Cap. VII; M. Barbera (a cura di),
Il nuovo diritto antidiscriminatorio. Il quadro comunitario e nazionale, Giuffré, Milano, 2007, limitatamente ai saggi di:
Donata Gottardi (Le discriminazioni basate sulla razza e sull’origine etcnica, pp. 1-42), Marzia Barbera (Le
discriminazioni basate sulla disabilità, pp. 77-123), Olivia Bonardi (Le discriminazioni basate sull’età, pp. 125-169),
Luciana Guaglianone (Le discriminazioni basate sul genere, pp. 247-287); G. De Simone, Eguaglianza e nuove differenze
nei lavori flessibili, fra diritto comunitario e diritto interno, in LD, n. 3-4/2004, pp. 527-555; F. Savino, Differenze di
trattamento e giustificazioni legittime nella giurisprudenza della Corte di Giustizia, in LD, n. 3-4/2004, pp. 571-591; L.
Angelini, A proposito di diritti sociali e principio di uguaglianza nella Carta dei diritti fondamentali dell’unione europea,
in DLRI, 2001, pp. 633-640.
Per ulteriore integrazione 1 CFU: B. Veneziani, Il “popolo” degli immigrati e il diritto al lavoro: una partitura incompiuta,
in RGL, 2007, n. 3, pp. 479-568; M. McBritton, La legge italiana sull’immigrazione e l’inclusione sociale, in RGL, 2007; n.
3, pp. 569-593.
Modalitàdiaccertamento:
La prova di esame consiste in una discussione orale.
Note:
Insegnamento mutualto dalla Facoltà di Giurisprudenza LMG/01 (LMG).
................................................................................................................................
Dirittodifamiglia
IUS/01

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La famiglia nell’ordinamento giuridico italiano
Corsidilaureain: Servizio sociale (CNA-L)

Prof. CHIARINI GABRIELE

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti un quadro complessivo del diritto di famiglia, con particolare attenzione alle
questioni maggiormente dibattute nella prassi giurisprudenziale.
Programma:
I caratteri fondamentali del diritto di famiglia.
Il matrimonio e le sue invalidità.
I rapporti personali tra coniugi.
I rapporti patrimoniali tra coniugi.
L’impresa familiare.
La separazione, il divorzio ed i rispettivi effetti nei riguardi dei coniugi e dei figli.
La famiglia di fatto.
Il rapporto tra genitori e figli.
La filiazione legittima e la filiazione naturale.
La procreazione medicalmente assistita.
L’adozione e l’affidamento.
La parentela, l’affinità e gli alimenti.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale e discussione di casi tratti dalla giurisprudenza.
Obblighi:
Studio delle parti del testo consigliato,.relative agli argomenti inclusi nel programma. Frequenza di almeno tre quarti
delle ore di lezione svolte.
Testidistudio:
Sesta M., Manuale di diritto di famiglia, Cedam, Padova 2007
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale. Possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo accordo diretto con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio delle parti dei testi consigliati, relative agli argomenti inclusi nel programma.

118
vademecum 2009/10
119
insegnamenti
Testidistudio:
Sesta M., Diritto di famiglia, Cedam, Padova 2005
Balestra L., Brevi notazioni sulla recente legge in tema di affidamento condiviso, in Familia, 2006, fasc. 4-5, pp. 655 ss.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
Note:
Nota per tutti: Si consiglia allo studente di portare l’ultima edizione in commercio dei testi consigliati.
................................................................................................................................
Dirittoereligioni
IUS/20

CFU 6 • PERIODO II semestre • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. FANTAPPIE’ CARLO carlo.fantappie@uniurb.it
Ricevimento: Dietro avviso in Facoltà nel I semestre; durante i giorni di lezione nel II semestre.

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di offrire una breve esposizione dei sistemi e dei principali istituti giuridici di tre grandi religioni:
ebraismo, islam e induismo
Programma:
Diritto e religioni - Diritto comparato delle religioni - Il diritto indù - Il diritto ebraico - Il diritto islamico.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Testidistudio:
S. Ferrari (a cura di), Introduzione al diritto comparato delle religioni, Bologna, Il Mulino, 2008
Modalitàdiaccertamento:
Esame finale orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
1. S. Ferrari (a cura di), Introduzione al diritto comparato delle religioni, Bologna, Il Mulino, 2008:
2. R. Brague, Il futuro dell’Occidente. Nel modello romano la salvezza dell’Europa, Milano, Bompiani, 2005
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale finale.
Note:
Insegnamento mutuato dalla Facoltà di Giurisprudenza
................................................................................................................................
Dirittopubblicoedelleautonomielocali
IUS/09

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Unione europea e ruolo delle autonomie locali italiane
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. PASQUINI GIOVANNA giovanna.pasquini@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso è volto a fornire gli elementi principali per una migliore comprensione dell’interazione tra gli enti locali italiani e
l’Unione europea nel perseguimento degli obiettivi comuni.
Programma:
Dal Trattato di Parigi al Trattato di Lisbona;
Struttura istituzionale delle Comunità Europee;
Diritto comunitario e suo inserimento nel diritto italiano: Stato, Regioni, Province.
Politiche regionali: strumenti e impatto territoriale, Fondi tematici, Progetto Opportunità delle Regioni in Europa
(P.O.R.E.).
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Obblighi:
Partecipazione almeno a 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi consigliati.
Testidistudio:
Compendio di Diritto dell’Unione europea, 47/4, Ed. Simone, 2009, IX ed.
Diritto regionale e degli enti locali, 229/2, Ed. Simone, 2009 (parti da concordare).
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
-
Obblighi:
Studio dei testi consigliati.
Testidistudio:
Compendio di Diritto dell’Unione europea, 47/4, Ed. Simone, 2009, IX ed.
Diritto regionale e degli enti locali, 229/2, Ed. Simone, 2009 (parti da concordare).
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
Note:-
................................................................................................................................
Economiadelconsumo,dellamarcaedell’esperienza
SECS-P/07

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Il nuovo rapporto tra brand e consumatori
Corsidilaureain: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (CNA-LS)

Prof. DEGLI ESPOSTI PIERGIORGIO piergiorgio.degliesposti@gmail.com

ObiettiviFormativi:
Fornire strumenti teorici per la comprensione del branding come processo sociale diffuso e per la comprensione del
nuovo rapporto di collaborazione tra brand e consumatori in quanto produttori attivi di contenuti e significati della
marca, con particolare attenzione alla memoria.
Fornire strumenti per l’analisi e la comprensione delle strategie dei brand e del nuovo marketing in relazione alla
conquista della fiducia del consumatore attraverso il loro attivo coinvolgimento nella produzione dei contenuti.
Programma:
Le nuove frontiere del marketing.
Marketing divide. Brantopie. Marketing tribale, marketing esperienziale.
Marketing 2.0: le conversazioni con i consumatori.
Il nuovo rapporto fra brand e consumatori. Il branding come fenomeno sociale diffuso: nuove tendenze del rapporto tra
mercato e società, tra brand e consumatori. Societing: una nuova centralità del mercato? Brand e produzione dei
contenuti da parte degli utenti: strategie di marca e movimenti dal basso. Brand e memoria: studi di caso di
collaborazione tra brand e consumatori in relazione alla produzione dei contenuti e significati della marca e delle
imprese come “imprenditori di memoria”. Il marketing della memoria. Studi di caso.
Workshop: il metodo Meeting Point. Studi di caso.
Brand e consumi in tempo di crisi economica globale.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e workshop. Presentazione di studi di caso. Lavori individuali e di gruppo.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione, studio dei testi. Realizzazione di uno studio di caso concordata con il
docente.
120
vademecum 2009/10
121
insegnamenti
Testidistudio:
- Bartoletti R., Memoria e comunicazione. Una teoria comunicativa complessa per le cose del moderno, FrancoAngeli,
Milano 2007 (le parti indicate a lezione)
- Degli Esposti P., Nuove frontiere del marketing, in: , Per un approccio sociologico al marketing, MILANO, Franco
Angeli, 2008, pp. 28 - 42 () [capitolo di libro]
- Degli Esposti P., Web, marketing, vita 2.0: dal marketing ai marketing, dal consumatore al co-consumatore, in: , Il
consumo come produzione, MILANO, Franco Angeli, 2007, pp. 157 - 171 (Sociologia del lavoro e dei consumi)
- Materiali forniti a lezione
- Un testo di approfondimento a scelta tra i seguenti:
1) Roberts K., Effetto Lovemarks. Vincere nella rivoluzione dei consumi, FrancoAngeli, Milano 2007.
2) Roberts K., Lovemarks. Il futuro oltre i brands, Mondadori, Milano, 2005
3) Cova B., Il marketing tribale. Legame, comunità, autenticità come valori del Marketing Mediterraneo, il Sole 24 Ore,
Milano 2003
4) Di Nallo E., Quale marketing per la società complessa?, FrancoAngeli, Milano 1997
5) Fabris G., Societing. Il marketing della società postmoderna, Egea, Milano, 2008 o Franco Angeli, Milano, 2006
6) Bassetti R., Contro il target, Bollati Boringhieri, Torino, 2008.
Letture consigliate
- Degli Esposti P., Turismo, dalla comunicazione al prodotto, in: , Villaggi d’autore, turismo d’attore, MILANO,
FrancoAngeli, 2008, pp. 75 - 91 (Consumo, comunicazione, innovazione) [capitolo di libro]
- Degli Esposti P., Acquisto dunque sono: le basi metafisiche del consumo moderno, in: , Il consumo come produzione,
MILANO, Franco Angeli, 2007, pp. 26 - 42 () [capitolo di libro (traduzione)]
- Degli Esposti P., I concetti di “nothing” e “something” nella disperata ricerca del significato dei marchi e nelle comunità
di marca, in: , Cumsumo, MILANO, FrancoAngeli, 2006, pp. 43 - 64 () [capitolo di libro (traduzione)]
- Degli Esposti P., Il consumatore artigianale: cultura, artigianato e consumo nella società post-moderna, in: ,
Cumsumo: prospettive di analisi del consumo nella società globale, MILANO, FrancoAngeli, 2006, pp. 65 - 83 ()
[capitolo di libro (traduzione)]
Letture Consigliate:
- Anderson C., La lunga coda. Da un mercato di Massa ad una massadi mercati, Codice, Torino, 2007
- Barnes P., Capitalismo 3.0. Il pianeta patrimonio di tutti, Egea, Milano, 2007
- Cova B., Giordano A., Parella M. Marketing non convenzionale, viral guerrilla tribal e i 10 principi del marketing
postmoderno, Ed. Il Sole24Ore, Milano, 2007
- De Certeau M., L’invenzione del quotidiano, Edizioni Lavoro, Roma, 2001.
- Fabris G., Il nuovo consumatore verso il postmoderno, FrancoAngeli, Milano, 2003.
- Ferraresi M., Schmitt B. H., Il marketing esperienziale, Franco Angeli, Milano, 2006
- Godin S., Tribù, il mondo ha bisogno di un leader come te, Sperling & Kupfer, Milano, 2009
- Grant J., Green Marketing Manifesto, Brioschi, Milano, 2009
- Jenkins H., Cultura convergente, Apogeo, Milano, 2007
- Klein N., No Logo. Economia globale e nuova contestazione, Baldini & Castaldi, Milano, 2000.
- Maffesoli M., Il tempo delle tribù, Armando, Roma, 1988.
- Pine B. J., Gilmore J. H., L’economia delle esperienze, Etas, Milano, 2000
- Rifkin J., L’era dell’accesso. La rivoluzione della New economy, Mondadori, Milano, 2000
- Ritzer G., Il mondo alla McDonalds, il Mulino, Bologna, 1997
- Ritzer G., La globalizzazione del nulla, Slow Food Editore, Bra, 2005
- Toffler A., La terza ondata, Sperling & Kupfer, Milano, 1987
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione della tesina sullo studio di caso.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi obbligatori.
Testidistudio:
- Bartoletti R., Memoria e comunicazione. Una teoria comunicativa complessa per le cose del moderno, FrancoAngeli,
Milano 2007
- Degli Esposti P., Web, marketing, vita 2.0: dal marketing ai marketing, dal consumatore al co-consumatore, in: , Il
consumo come produzione, MILANO, Franco Angeli, 2007, pp. 157 - 171 (Sociologia del lavoro e dei consumi)
- G. Fabris, Societing. Il marketing della società postmoderna, Egea, Milano, 2008 (o FrancoAngeli, Milano 2006)
- Un testo di approfondimento a scelta tra i seguenti:
1) Roberts K., Effetto Lovemarks. Vincere nella rivoluzione dei consumi, FrancoAngeli, Milano 2007.
2) Roberts K., Lovemarks. Il futuro oltre i brands, Mondadori, Milano, 2005
3) Cova B., Il marketing tribale. Legame, comunità, autenticità come valori del Marketing Mediterraneo, il Sole 24 Ore,
Milano 2003
4) Di Nallo E., Quale marketing per la società complessa?, FrancoAngeli, Milano 1997
5) Bassetti R., Contro il target, Bollati Boringhieri, Torino, 2008.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Economiapolitica
SECS-P/01

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Economiasanitaria
SECS-P/03

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Economia sanitaria
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. MARCOLINI PIETRO petro.marcolini@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Obiettivo del corso è fornire agli studenti:
1) Gli elementi di base per la comprensione del settore sanitario attraverso l’analisi dei riferimenti concettuali che
legano i problemi dell’efficienza e dell’equità nel più ampio ambito della finanza pubblica;
2) La valutazione critica dell’evoluzione delle principali riforme sanitarie in Italia e nei principali paesi OCSE;
3) L’analisi dei principali processi di razionalizzazione nell’uso delle risorse e nella gestione dei servizi nel settore
sanitario, al fine di conseguire risultati di efficientamento economico e funzionale del sistema.
Programma:
Introduzione
1) Sviluppo economico, andamento demografico, ambiente e stato sanitario nelle economie avanzate. La tutela della
salute come attività economica e la prospettiva microeconomica.
2) La salute; dal bisogno alla domanda.
3) Il rapporto di agenzia fra medico e paziente.
4) L’offerta di servizi sanitari.
5) La valutazione economica: costi/ricavi e costi/benefici.
6) I mercati assicurativi.
7) I contratti per le prestazioni sanitarie.
8) Qualità e appropriatezza.
9) L’economia del farmaco.
10) Organizzazione e finanziamento della sanità.
11) Sistemi sanitari a confronto sul piano internazionale e regionale.
12) Strumenti e criteri di razionamento in sanità.
13) Il mix pubblico-privato e la concorrenza amministrata in sanità.
Le riforme in atto: federalismo fiscale; fondi sanitari integrativi; integrazione socio-sanitaria.

122
vademecum 2009/10
123
insegnamenti
Risultatidiapprendimento:
Il corso si prefigge di offrire agli studenti:
1) L’apprendimento dei meccanismi di funzionamento del sistema sanitario nazionale e le relazioni con il resto
dell’economia;
2) La dimestichezza con le più importanti tecniche di analisi quantitativa per la soluzione dei problemi della gestione
della sanità;
3) La consapevolezza della necessaria e costante correlazione tra le risorse impiegate ed i risultati ottenuti nell’offerta
dei servizi sanitari.
Attivitàasupportodelladidattica:
E’ previsto un seminario sulla sostenibilità finanziaria del SSN, con la partecipazione di Amministratori e Managers della
sanità pubblica e privata.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali con l’ausilio in power point con videoproiettore – materiali, a cura del docente, distribuiti agli studenti.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno ¾ delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Durante il corso verranno fornite indicazioni e offerti materiali circa le letture integrative e sostitutive dei capitoli del
testo di riferimento.
Testidistudio:
Levaggi R., Capri S., Economia sanitaria, Franco Angeli Ed., Milano 2008.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale secondo il calendario di esame con possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo accordo diretto
con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale.
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
- Levaggi R., Capri S., Economia sanitaria, Franco Angeli Ed., Milano 2008. Studio integrale del testo.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale.
................................................................................................................................
Editorialibraria
SPS/08

CFU 9 • DURATA 72 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Grazie, Gutenberg, e addio? Uno sguardo al futuro per capire il passato.
Corsidilaureain: Editoria, media e giornalismo (CNA-LS)

Prof. GUARALDI MARIO

ObiettiviFormativi:
Dopo almeno 5 lezioni frontali di quattro ore ciascuna a Urbino per impostare teoricamente e metodologicamente il
lavoro del project work vero e proprio, il gruppo di lavoro verrà impegnato sul tema della progettazione e realizzazione
di un libro in PDF e della sperimentazione delle tecniche di Print on Demand.
Quando un libro era 1 libro
Quando il libro sarà un’altra cosa
Connessioni fra la “forma” del libro e le nuove tecnologie realizzative
Un approccio simpatico al computer
Viaggio nella rete dei libri
Laboratorio: Full immersion in Casa editrice per la realizzazione creativa di un libro fatto e realizzato dagli studenti
Programma:
Quando un libro era 1 libro
• Dall’unicità dei “codici” alle potenzialità di massa connesse con l’invenzione di Gutenberg
• Escarpit :“Il libro è la sua diffusione”/ Mac Luhan “il mezzo è il messaggio”
• Dalla “Biblia Pauperum al “De Re Militari” del Valturio, primo libro illustrato della storia dell’editoria
• Internet: “il contenuto è immateriale, la forma la decidi tu, la diffusione è planetaria”.
Quando il libro sarà un’altra cosa
• Dal numerico al digitale
• Il libro visto dal punto di vista dell’Autore, dell’Editore, del Distributore, del Libraio, del Bibliotecario.
• Il libro è il suo contenuto (digitale)
• Internet, ovvero la potenziale rivoluzione distributiva
• CD, DVD, PDF, LIT, ecc: nei meandri delle sigle e dei concetti
Connessioni fra la “forma” del libro e le nuove tecnologie realizzative
• Dal filo di refe alla fresatura
• Un mobile pregiato: le cassettiere dei caratteri mobili
• Un mammuth chiamato Linotype
• Dai clichè di stampa alla fotocomposizione
• Macchine piane e rotative
• Piegatrici e legatoria: i formati della carta
Un approccio simpatic al computer
• La nascita del Desktop-publishing
• Il concetto di “creatività” in editoria”: come progettare
• Dai dischetti da 1,4 mega ai Data Pack da 45 MB fino alle chiavette USB
Viaggio nella rete dei libri
• Lo scontro fra Bill e Steve: il potere della fantasia , la fantasia del potere
• La rivoluzione di Google
• La riscossa di Microsoft
• Piattaforme e contenuti
• I Learning Objects
• L’utopia Logos
Laboratorio: Full immersion in Casa editrice per la realizzazione creativa di un libro fatto e realizzato dagli studenti
Modalitàdidattiche:
Lavoro individuale e di gruppo, lezioni frontali e comunicazione via mail. Elaborazione finale di un P.W scritto, da
impaginarsi in gruppo in forma di librfo da pubblicare sul sito dell’Ateneo.
Nota per tutti: vedi edizione 2007 già on-line: “SPECIALIZZATI IN CHE? link alla pagina web.
Obblighi:
Frequenza obbligatoria.
Testidistudio:
Dispense del docente.
Sala V.B., Dal libro di carta al libro elettronico, Apogeo, Milano, 2001
AA. VV., La revolution de l’écrit, Forum, Parigi, 1999
AA. VV., Metamorphosis of the Book, DNP
Shiffrin A., Editoria senza editori, Bollati Boringhieri, Torino, 2000
Ferretti G.C., Storia dell’Editoria Letteraria in Italia. 1945-2003, Einaudi, Torino, 2004
Figini L. - Cordova F., Come nasce uno stampato. Nozioni di arti grafiche, Edizioni Sfera, Milano, 19965 (saranno
disponibili dispense del testo)
Modalitàdiaccertamento:
Valutazione del lavoro di project work e della relazione finale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Modalità di accertamento non prevista.
Modalitàdiaccertamento:
Non prevista.
................................................................................................................................
Epistemologia
M-FIL/02
124
vademecum 2009/10
125
insegnamenti
CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il problema della casualità nella ricerca scientifica
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. NEGROTTI MASSIMO massimo.negrotti@libero.it

ObiettiviFormativi:
La ricerca scientifica e la stessa vita sociale contemporanee, stanno fortemente rinnovando l’interesse verso il ‘caso’, un
tema che, del resto, ha accompagnato, con varie accentuazioni, tutta la storia del pensiero.
L’interesse per la casualità é inoltre amplificato dall’emergere, da un lato, di teorie e, dall’altro, di fenomenologie
concrete di vario ordine, le quali paiono convergere sulla fisionomia complessa, molteplice, pluridimensionale e incerta
di realtà fra loro diverse come la dinamica dei sistemi viventi e quella dei sistemi economici, le tendenze tecnologiche o
quelle politiche.
Programma:
Casualità e causalità nelle scienze naturali e nelle scienze sociali.
Il ruolo del caso nella metodologia sperimentale.
Caso e vita quotidiana. Caso, probabilità e prevedibilità.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale.
Obblighi:
Frequenza ad almeno i tre quarti delle ore di lezione, studio dei testi di riferimento, eventuali esercitazioni.
Testidistudio:
G. Lanzavecchia - M. Negrotti (a cura di), L’enigma del caso. Fatti, ipotesi e immagini, Edizioni Goliardiche 2007.
A. Celeschi, La misura delle relazioni sociali, Quattroventi, Urbino 2009.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale dei testi di riferimento.
Testidistudio:
G. Lanzavecchia - M. Negrotti (a cura di), L’enigma del caso. Fatti, ipotesi e immagini, Edizioni Goliardiche 2007.
A. Celeschi, La misura delle relazioni sociali, Quattroventi, Urbino 2009.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale.
................................................................................................................................
Epistemologiadellaricercaantropologica
SPS/07

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il problema della casualità nella ricerca scientifica
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. NEGROTTI MASSIMO massimo.negrotti@libero.it

ObiettiviFormativi:
La ricerca scientifica e la stessa vita sociale contemporanee, stanno fortemente rinnovando l’interesse verso il ‘caso’, un
tema che, del resto, ha accompagnato, con varie accentuazioni, tutta la storia del pensiero.
L’interesse per la casualità é inoltre amplificato dall’emergere, da un lato, di teorie e, dall’altro, di fenomenologie
concrete di vario ordine, le quali paiono convergere sulla fisionomia complessa, molteplice, pluridimensionale e incerta
di realtà fra loro diverse come la dinamica dei sistemi viventi e quella dei sistemi economici, le tendenze tecnologiche o
quelle politiche.
Programma:
Casualità e causalità nelle scienze naturali e nelle scienze sociali.
Il ruolo del caso nella metodologia sperimentale.
Caso e vita quotidiana. Caso, probabilità e prevedibilità.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale.
Obblighi:
Frequenza ad almeno i tre quarti delle ore di lezione, studio dei testi di riferimento, eventuali esercitazioni.
Testidistudio:
G. Lanzavecchia - M. Negrotti (a cura di), L’enigma del caso. Fatti, ipotesi e immagini, Edizioni Goliardiche 2007.
A. Celeschi, La misura delle relazioni sociali, Quattroventi, Urbino 2009.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale dei testi di riferimento.
Testidistudio:
G. Lanzavecchia - M. Negrotti (a cura di), L’enigma del caso. Fatti, ipotesi e immagini, Edizioni Goliardiche 2007.
A. Celeschi, La misura delle relazioni sociali, Quattroventi, Urbino 2009.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale.
................................................................................................................................
Epistemologiadellereligioni/StoriadelpensieroreligiosoAMI
M-FIL/03 - M-FIL/06

CFU 10 • PERIODO I sessione • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La credenza religiosa e la sua giustificazione razionale
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. AGUTI ANDREA andrea.aguti@uniurb.it
Ricevimento: martedì e mercoledì 10-12

Prof. VALENTINI NATALINO

ObiettiviFormativi:
Parte IIl corso affronterà i temi della natura della religione e del rilievo epistemologico della credenza religiosa, offrendo
una rassegna critica dei principali modelli filosofici di giustificazione razionale di quest’ultima. La parte conclusiva del
corso sarà dedicata al problema della teodicea.
Parte II
Il corso intende proporre la conoscenza dei nuclei fondamentali della cultura slava ortodossa (russa in particolare),
tenendo conto dello sfondo storico, linguistico, antropologico, spirituale e filosofico.
Si intende inoltre far conoscere i contenuti del pensiero ortodosso in rapporto al contesto culturale europeo
contemporaneo.
Dopo aver recuperato alcuni tratti storici costitutivi della cultura slava, l’itinerario di ricerca si concentrerà sugli aspetti
peculiari dell’antropologia e della spiritualità slava ortodossa, riservando una particolare attenzione alla cultura religiosa
e filosofica russa quale sfondo di una particolare visione cristiana orientale del mondo all’interno del contesto europeo.
Programma:
Parte I- Che cosa è religione?
- La credenza come modalità conoscitiva
- La credenza religiosa
- La giustificazione razionale della credenza religiosa
- Sulla validità degli argomenti della teodicea
Parte II
1. La conversione degli Slavi orientali al Cristianesimo bizantino
- Gli slavi tra Giudaismo e Islam.
- L’opera di Cirillo e Metodio.
126
vademecum 2009/10
127
insegnamenti
- La questione della lingua e la Slavia ortodossa.
- Gli Stati slavi e Bisanzio dopo la cristianizzazione.
- Cultura e letteratura fra Bisanzio e la Rus’ kieviana.
- Tratti fondamentali della teologia bizantina.
- L’Ortodossia e le altre confessioni cristiane..
- L’Ortodossia nella nuova Europa.
2. Spiritualità slava e Cristianesimo orientale.
- La spiritualità ortodossa e le sue caratteristiche.
- La concezione antropologica: deificazione dell’uomo e del mondo.
- Apofatismo, conoscenza e contemplazione.
- Verità dogmatica e antinomia.
- Fondamenti di una teologia simbolica (simbolo e icona).
- Liturgia e “forma culturale” dell’ecclesiologia slava.
- Simbolismo e caratteristiche del rito ortodosso.
3 . La Mistica Slava
- Filocalia e ascetismo.
- Il linguaggio della verità e della bellezza (tra parola e immagine).
- L’icona e la teologia della bellezza.
- La follia in Cristo.
- La mistica del cuore.
- L’esicasmo, preghiera e santità.
- Il pellegrinaggio.
4. Il pensiero religioso russo
- Antropologia, teologia e filosofia.
- Caratteristiche del pensiero filosofico russo.
- Slavofilismo e occidentalismo.
- La conoscenza integrale e la “Sobornost’”.
- Dostoevskij e la filosofia russa.
- La libertà, il male, la sofferenza.
- Il pensiero religioso russo all’inizio del ‘900.
- Amore, eros e amicizia nel personalismo russo.
La sintesi filosofico-teologica di P.A. Florenskij.
Risultatidiapprendimento:
Parte I
Acquisire una conoscenza puntuale dei temi trattati nel corso.
Parte II
Conoscere i fondamenti della cultura religiosa slavo-ortodossa. Interpretare i tratti caratterizzanti della spiritualità
cristiana orientale. Acquisire una buona competenza conoscitiva della teologia e della filosofia russa. Distinguere i
contenuti del pensiero cristiano ortodosso nel contesto sociale e culturale europeo.
Attivitàasupportodelladidattica:
Parte I
Parte II
Si prevede l’attivazione almeno di un seminario di ricerca su una delle 4 aree di studio segnalate nel programma
Modalitàdidattiche:
Parte ILezioni frontali. Eventuale redazione di tesine monografiche.
Parte II
Lezioni frontali. Confronto e pratica interpretativa di alcuni testi scelti. Le parti da approfondire saranno indicate durante
il corso.
Obblighi:
Parte I
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Parte II
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Parte I
- G. Filoramo, Che cosa è religione, Einaudi, Torino 2004
- A. Kreiner, Dio nel dolore. Sulla validità degli argomenti della teodicea, Queriniana, Brescia 2001.
Parte II
Obbligatori:
- P.A. Florenskij, La mistica e l’anima russa (a c. di N. Valentini), San Paolo, Milano 2006.
- E. Morini, Gli ortodossi, Il Mulino, Bologna 2002.
- Saggi e dispense del docente indicate durante il corso
A scelta uno dei seguenti:
- P.A. Florenskij, La colonna e il fondamento della verità (a c. di N. Valentini), San Paolo, Milano 2009 [alcune parti
].
- P.A. Florenskij, Il simbolo e la forma. Scritti di filosofia della scienza (a c. di N. Valentini e A. Gorelov), Bollati-
Boringhieri, Torino 2007 [alcune parti].
- N.A. Berdjaev, La concezione di Dostoevskij, Einaudi, Torino 2002.
- Aa. Vv., L’Ortodossia nella nuova Europa. Dinamiche storiche e prospettive, Fondazione E. Agnelli, Torino 2003.
- N. Valentini, Pavel A. Florenskij, Morcelliana, Brescia 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
Esame orale. Eventuale tesina monografica su uno degli autori o temi trattati durante il corso.
Parte II
Esame orale: verifica orale secondo il calendario d’esame; (eventualmente) possibilità per lo studente di produrre una
tesina su alcuni degli argomenti trattati durante il corso, previo accordo diretto con il docente

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Parte I
Studio individuale dei testi indicati.
Parte II
Prevedere almeno un colloquio con il docente previo all’esame. Studio e approfondimento personale dei testi concordati
con il docente.
Obblighi:
Parte I
Studio individuale dei testi indicati
Parte II
Studio e approfondimento personale dei testi concordati con il docente . Concordare l’elaborazione di una breve tesina
su uno degli argomenti proposti.
Testidistudio:
Parte I
- G. Filoramo, Che cosa è religione, Einaudi, Torino 2004
- A. Kreiner, Dio nel dolore. Sulla validità degli argomenti della teodicea, Queriniana, Brescia 2001.
Parte II
Obbligatori:
- P.A. Florenskij, La colonna e il fondamento della verità (a c. di N. Valentini), San Paolo, Milano 2009 [alcune parti
].
- E. Morini, Gli ortodossi, Il Mulino, Bologna 2002.
- Saggi e dispense del docente indicate durante il corso.
- N.A. Berdjaev, La concezione di Dostoevskij, Einaudi, Torino 2002.
-
A scelta uno dei seguenti:
- P.A. Florenskij, La mistica e l’anima russa (a c. di N. Valentini), San Paolo, Milano 2006.
- P.A. Florenskij, Il simbolo e la forma. Scritti di filosofia della scienza (a c. di N. Valentini e A. Gorelov), Bollati-
Boringhieri, Torino 2007 [alcune parti].
- Aa. Vv., L’Ortodossia nella nuova Europa. Dinamiche storiche e prospettive, Fondazione E. Agnelli, Torino 2003.
N. Valentini, Pavel A. Florenskij, Morcelliana, Brescia 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
128
vademecum 2009/10
129
insegnamenti
Esame orale.
Parte II
Esame orale: verifica orale secondo il calendario d’esame; (eventualmente) possibilità per lo studente di produrre una
tesina su alcuni degli argomenti trattati durante il corso, previo accordo diretto con il docente.
................................................................................................................................
EtnosemioticaAMI
M-DEA/01

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. DEL NINNO MAURIZIO maurizio.delninno@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
La seconda metà del Novecento, ha visto consolidarsi un modo nuovo d’approccio ai fenomeni culturali: quello della
semiotica. Secondo uno schema consueto, la nuova disciplina si è trovata e si trova ad interagire, spesso in modo
conflittuale, con spazi accademici consolidati (letteratura, arti visive, grandi comunicazioni, antropologia).
Il corso che si propone mira a prendere in considerazione proprio l’impatto della semiotica con un campo disciplinare
accreditato già nella seconda metà dell’800: quello dell’antropologia. Certamente impegnativo, il percorso sarà
affrontato in tre tappe: lo studente sarà prima invitato a prendere confidenza con l’approccio semiotico (saranno trattati
i principi fondamentali della disciplina secondo la prospettiva della Scuola di Parigi. Questa scuola ha il suo fondamento
nel Corso di linguistica generale, di F. De Saussure e il punto di arrivo attuale nei lavori di A.J. Greimas e dei suoi allievi);
poi con quello dell’antropologia tradizionale (trattata a partire dai lavori di C. Lévi-Strauss), e infine, si cercherà di
mettere in evidenza, i nuovi orizzonti di quella area nota con la denominazione di etnosemiotica.
Rifiutando la tentazione manualistica che affligge la più recente formazione universitaria, lo studente è invitato a seguire
l’itinerario proposto attraverso il confronto diretto con alcuni brevi scritti di studiosi di primissimo piano. La scelta
presuppone la collaborazione e la partecipazione attiva dello studente, che non deve limitare la propria preparazione al
mero contenuto degli scritti ma accettare la sfida di acquisire la capacità di orientarsi tra i contenuti proposti.
Programma:
a. La semiotica
1. F. de Saussure e la semiologia [sistema; valore; segno (significato e significante); langue e parole; diacronia e
sincronia; paradigma e sintagma].
2. La scuola di Praga (fonema come fascio di tratti distintivi; strutturalismo linguistico).
3. L. Hjelmslev e la glossematica (forma, sostanza, materia; espressione e contenuto; sistema e processo; semantica
strutturale).
4. V.J. Propp e l’analisi del racconto (funzioni, personaggi e sfere d’azione nella fiaba di magia).
5. A.J. Greimas e il percorso generativo del senso (narrazione/narratività, strutture semio-narrative; strutture discorsive;
enunciazione).
b. L’antropologia
1. Nascita dell’antropologia; il concetto di cultura; etnocentrismo e relativismo culturale;
2. evoluzionismo; diffusionismo; funzionalismo (Malinowski, il metodo etnografico e l’osservazione partecipante);
3. lingua e cultura: Lévi-Strauss, lo strutturalismo, lo sguardo da lontano;
4. Geertz e Il Diary di Malinowski; Clifford e l’autorità etnografica;
5. Augé e la surmodernità.
c. Etnosemiotica
1. . La Scuola di Praga e gli studi di folklore;
2. V. Propp e l’analisi della fiaba;
3. L’antropologia strutturale di C. Lévi-Strauss: alcuni dettagli;
4. L’etnosemiotica;
5. Alcuni esempi di analisi: C. Lévi-Strauss e la deduzione della gru; E. Leach e le ingiurie verbali; L. Marin e Disneyland...
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. I frequentanti dovranno intervenire con relazioni orali e scritte.
Obblighi:
Studio accurato dei testi indicati.

Testidistudio:
1. Lévi-Strauss C., “Antropologia”, in Enciclopedia del Novecento, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Roma 1975.
2. Lévi-Strauss C., “La famiglia” in Lo sguardo da lontano, Einaudi, Torino 1983.
3. Geertz C., “L’io testimoniante. I figli di Malinowski” in Opere e vite. L’antropologo come autore, il Mulino, Bologna
1990.
4. Augé M., Il mestiere dell’antropologo, Bollati Boringhieri, Milano 2007.
5. FABBRI P., MARRONE G., 2000, Semiotica in nuce, vol 1. I fondamenti e l’epistemologia strutturale, Roma: Meltemi
(limitatamente ai saggi compresi nelle pagine. 7-80; 112-131; 176-194; 208-240).
6 GREIMAS A. J., COURTÉS J., voci “Débrayage”, “Embrayage”, “Enunciazione” in Semiotica. Dizionario ragionato della
teoria del linguaggio, Firenze, Usher, 1986. Le voci in questione potranno anche essere scaricate dal sito: http://www.
etnosemiotica.it.
7 Del Ninno M. (a cura di), Etnosemiotica. Questioni di metodo, Meltemi, Roma, 2007 (oltre che all’ “Introduzione”, all’
“Elogio dell’antropologia” di C. Lévi-Strauss, a “Fiabe di magia e fiabe cumulative” di V. Propp, l’accuratezza dello studio
di questo testo sarà limitata a sei saggi a scelta. Resta fermo che gli studenti dovranno dare conto della scelta effettuata
e, in ogni caso, mostrare una conoscenza non sommaria anche dei saggi restanti).
Durante le lezioni saranno messi a disposizione in fotocopia brani o brevi articoli, costituitivi a tutti gli effetti del
programma di esame.
Eventuali prevedibili variazioni di programma e materiali di studio potranno essere trovati sul sito: http://www.
etnosemiotica.it
Agli studenti che necessitino di chiarimenti sui termini linguistici si consiglia di fare riferimento alle voci del Dizionario
enciclopedico delle scienze del linguaggio, a cura di, DUCROT O., TODOROV T., Isedi, Torino, 1978; per chiarimenti
riguardanti termini antropologici, si rinvia a Bonte P. – Izard M. (a c. di), Dizionario di antropologia e etnologia, Einaudi,
Torino 2009.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale; eventuale valutazione dei lavori individuali prodotti dallo studente (previo accordo con l’insegnante).

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
1. Lévi-Strauss C., “Antropologia”, in Enciclopedia del Novecento, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, Roma 1975.
2. Lévi-Strauss C., “La famiglia” in Lo sguardo da lontano, Einaudi, Torino 1983.
3. Geertz C., “L’io testimoniante. I figli di Malinowski” in Opere e vite. L’antropologo come autore, il Mulino, Bologna
1990.
4. Augé M., Il mestiere dell’antropologo, Bollati Boringhieri, Milano 2007.
5. FABBRI P., MARRONE G., 2000, Semiotica in nuce, vol 1. I fondamenti e l’epistemologia strutturale, Roma: Meltemi
(limitatamente ai saggi compresi nelle pagine. 7-80; 112-131; 176-194; 208-240).
6 GREIMAS A. J., COURTÉS J., voci “Débrayage”, “Embrayage”, “Enunciazione” in Semiotica. Dizionario ragionato della
teoria del linguaggio, Firenze, Usher, 1986. Le voci in questione potranno anche essere scaricate dal sito: http://www.
etnosemiotica.it.
7 Del Ninno M. (a cura di), Etnosemiotica. Questioni di metodo, Meltemi, Roma, 2007 (oltre che all’ “Introduzione”, all’
“Elogio dell’antropologia” di C. Lévi-Strauss, a “Fiabe di magia e fiabe cumulative” di V. Propp, l’accuratezza dello studio
di questo testo sarà limitata a sei saggi a scelta. Resta fermo che gli studenti dovranno dare conto della scelta effettuata
e, in ogni caso, mostrare una conoscenza non sommaria anche dei saggi restanti).
Eventuali materiali di beani o brevi articoli saranno messi a disposizione sul sito di:
http://www.etnosemiotica.it
Agli studenti che necessitino di chiarimenti sui termini linguistici si consiglia di fare riferimento alle voci del Dizionario
enciclopedico delle scienze del linguaggio, a cura di, DUCROT O., TODOROV T., Isedi, Torino, 1978; per chiarimenti
riguardanti termini antropologici, si rinvia a Bonte P. – Izard M. (a c. di), Dizionario di antropologia e etnologia, Einaudi,
Torino 2009.
Eventuali cambiamenti al programma saranno disponibili sul sito:
http://www.etnosemiotica.it
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

130
vademecum 2009/10
131
insegnamenti
................................................................................................................................
Fenomenologiadellareligione
M-FIL/06

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Esperienza, intenzionalità e trascendenza nell’idea eckhartiana di
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. STELLA ALDO

ObiettiviFormativi:
Riflettere sul nesso sussistente tra il concetto di “distacco” in Eckhart e di “toglimento” in Hegel, onde precisare il
rapporto tra la dimensione fenomenologica della ricerca e la sua costitutiva intenzione di verità.
Programma:
1. Premessa metodologica: fenomenologia e filosofia della religione secondo lo Heidegger della Introduzione alla
fenomenologia della religione. 2. La morte dell’anima come “distacco” (Abegescheidenheit) dell’io psicologico dal
mondo e da se stesso. 3. Traduzione fenomenologia dell’intenzione di perdersi nella verità: dualità e unità come
momenti della dialettica relazionale. 4. Relazione come struttura formale dell’ordine fenomenologico. 5. Dagli Scritti
teologici giovanili alle Lezioni sulle prove dell’esistenza di Dio di Hegel: il togliersi del finito e l’emergere del valore come
dialettica restitutiva. 6. Auf-hebung (toglimento) come Er-hebung (elevazione).
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari di approfondimento tematico.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Testo obbligatorio:
- Eckhart M., Dell’uomo nobile, Adelphi, Milano 1999;
Uno a scelta tra i seguenti testi:
- Agostino, La vera religione, Città Nuova, Roma 1992;
- Eckhart M., Trattati e prediche, Rusconi, Milano 1982;
- Eckhart M., Sermoni tedeschi, Adelphi, Milano 1985; G.
– Hegel G. W. F., Scritti teologici giovanili, Guida, Napoli 1972 (Lo spirito del Cristianesimo e il suo destino e il
Frammento di Sistema del 1800);
- Hegel G. W. F., Fenomenologia dello spirito, La Nuova Italia, Firenze 1976 (Prefazione, Introduzione, Coscienza e
Autocoscienza);
- Hegel G. W. F., Scienza della logica, Laterza, Roma-Bari 1974 (Prefazioni, Introduzione, Libro primo);
- Hegel G. W. F., Lezioni sulle prove dell’esistenza di Dio, Laterza, Roma-Bari 1984;
- Heidegger M., Fenomenologia della vita religiosa, Adelphi, Milano 2003 (Introduzione, Parte prima, Agostino e il
Neoplatonismo).
Di tutti i testi è possibile scegliere una edizione diversa da quella indicata.
Modalitàdiaccertamento:
Prova orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Prova orale.
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Testo obbligatorio:
- Eckhart M., Dell’uomo nobile, Adelphi, Milano 1999;
Due a scelta tra i seguenti testi:
- Agostino, La vera religione, Città Nuova, Roma 1992;
- Eckhart M., Trattati e prediche, Rusconi, Milano 1982;
- Eckhart M., Sermoni tedeschi, Adelphi, Milano 1985; G.
– Hegel G. W. F., Scritti teologici giovanili, Guida, Napoli 1972 (Lo spirito del Cristianesimo e il suo destino e il
Frammento di Sistema del 1800);
- Hegel G. W. F., Fenomenologia dello spirito, La Nuova Italia, Firenze 1976 (Prefazione, Introduzione, Coscienza e
Autocoscienza);
- Hegel G. W. F., Scienza della logica, Laterza, Roma-Bari 1974 (Prefazioni, Introduzione, Libro primo);
- Hegel G. W. F., Lezioni sulle prove dell’esistenza di Dio, Laterza, Roma-Bari 1984;
- Heidegger M., Fenomenologia della vita religiosa, Adelphi, Milano 2003 (Introduzione, Parte prima, Agostino e il
Neoplatonismo).
Di tutti i testi è possibile scegliere una edizione diversa da quella indicata.
Modalitàdiaccertamento:
Prova orale.
Note:
Per la determinazione del periodo di lezioni si rimanda al calendario di facoltà
................................................................................................................................
FilosofiadelleReligioni
M-FIL/03

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il sacro nella filosofia delle religioni
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. GRASSI PIERGIORGIO piergiorgio.grassi@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il modulo introdurrà, nella sua prima parte, alla fenomenologia delle religioni di Mircea Eliade e in particolare alla sua
interpretazione del sacro. Nella seconda parte offrirà una trattazione storico-concettuale della filosofia delle religioni.
Programma:
I. Il mito dell’eterno in Mircea Eliade. II. Eliade e la storia delle religioni. III. La filosofia delle religioni: momenti e figure.
IV. La filosofia delle religioni: questioni controverse.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale
Obblighi:
Frequenza di almeno tre quarti delle ore di lezione.
Testidistudio:
M. Eliade, Il mito dell’eterno ritorno, Ed. Borla, Roma 1999;
N. Spineto, Mircea Eliade storico delle religioni, Morcelliana, Brescia 2006;
M. Ravera, Introduzione alla filosofia della religione, UTET, Torino 1995 oppure A. Fabris, Introduzione alla filosofia della
religione, Laterza, Roma-Bari 1996.
Si consiglia la lettura di P. Grassi, Figure della religione nella modernità, QuattroVenti, Urbino 2001 (Capp. 1-2-3).
NOTA: nel Syllabus distribuito all’inizio del corso verranno indicate alcune parti dei testi da considerarsi di sola lettura.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e tesina di approfondimento (facoltativa)

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
M. Eliade, Il mito dell’eterno ritorno, Ed. Borla, Roma 1999;
N. Spineto, Mircea Eliade storico delle religioni, Morcelliana, Brescia 2006;
M. Ravera, Introduzione alla filosofia della religione, UTET, Torino 1995 oppure A. Fabris, Introduzione alla filosofia della
religione, Laterza, Roma-Bari 1996.
Si consiglia la lettura di P. Grassi, Figure della religione nella modernità, QuattroVenti, Urbino 2001 (Capp. 1-2-3).
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale. Studio individuale dei testi indicati.
132
vademecum 2009/10
133
insegnamenti
................................................................................................................................
FilosofiadellereligioniI
M-FIL/03

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
FilosofiadellereligioniII
M-FIL/03

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
FilosofiaMorale
M-FIL/03

CFU 6 • PERIODO seconda sessione • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: I presupposti metafisici dell’Etica
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. RINALDI GIACOMO giacomo.rinaldi@uniurb.it
Ricevimento: Durante la sessione passiva tutti i giovedì dalle ore 10 alle 12 e dalle 14 alle 16. Durante la sessione attiva
nei giorni di lezione

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone anzitutto di delineare, nella prima delle due parti in cui si articola, il concetto, il metodo e i principi
fondamentali della Filosofia morale. A differenza di quanto sostenuto dalle tendenze antimetafisiche del pensiero
contemporaneo, l’analisi della sua peculiare tematica mostra con evidenza che essa non può essere sviluppata in
maniera consistente prescindendo dall’esplicazione sistematica dei suoi presupposti metafisici. Sorge così l’esigenza, che
si propone di soddisfare la seconda parte del corso, di un chiarimento del concetto e della specifica problematica della
“metafisica”. La tesi fondamentale, che verrà a tale proposito formulata, articolata in dettaglio e difesa, è che la
concezione tradizionale, scolastica e precritica della metafisica, che viene ai giorni nostri riproposta dalla cosiddetta
“metafisica dell’essere”, non appare più accettabile, e che un’adeguata fondazione dei presupposti metafisici dell’Etica
può aver luogo solo nell’ambito dell’opposta prospettiva della “metafisica della mente”, cioè di una filosofia
dell’autocoscienza infinita.
Programma:
I: L’idea della Filosofia. II:Carattere e limiti della Filosofia morale. III: Lo spirito oggettivo come oggetto della Filosofia
morale. IV: Lo spirito oggettivo come identità assoluta di pensiero e volontà. V: Il principio etico come legge morale o
dovere incondizionato; VI: Libertà ed autonomia del volere; VII: Diritto astratto, moralità, eticità. VIII: Il Bene ed il male.
IX: I presupposti metafisici dell’Etica. X: Gnoseologia e metafisica. XI: Il concetto metafisico di Dio. XII: La concezione
metafisica della natura. XIII: L’anima, la persona e la storia. XV: Dalla metafisica dell’essere alla metafisica della mente.
Risultatidiapprendimento:
Buona conoscenza della problematica della Filosofia morale
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale. Frequenza per almeno i 3/4 delle lezioni.
Obblighi:
Frequenza alle lezioni. Studio (parziale) dei due testi indicati (obbligatori). E’ consigliato concordare col docente le parti
da studiare.
Testidistudio:
G. Rinaldi, Teoria etica, Trieste: Edizioni Goliardiche 2004.
G. Rinaldi, Ragione e Verità, Roma: Aracne Editrice, in corso di stampa.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale, eventualmente tesine di approfondimento.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
(frequenza per meno dei ¾ delle lezioni)
Obblighi:
Studio individuale
Lettura (parziale) dei due testi obbligatori e di uno dei testi a scelta.
E’ consigliabile contattare il docente per precisare le parti dei testi da studiare.
Testidistudio:
G. Rinaldi, Teoria etica, Trieste, Edizioni Goliardiche 2004 (obbligatorio).
G. Rinaldi, Ragione e Verità, Roma: Aracne Editrice, in corso di stampa (obbligatorio).
Uno a scelta dei seguenti testi di autori classici:
Aristotele, Etica nicomachea, Bari, Laterza 1999.
B. Spinoza, Etica, Firenze, Sansoni 1984 (o edizioni successive).
I. Kant, Critica della ragion pratica, Bari, Laterza 2000.
J. G. Fichte, Sistema di etica, Bari, Laterza 1999.
G.W.F. Hegel, Lineamenti di filosofia del diritto, Bari, Laterza 2000.
G. Gentile, I fondamenti della filosofia del diritto, Firenze, Le Lettere 1987.
G. Gentile, Genesi e struttura della società, Firenze, Le Lettere 1994.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
FilosofiamoraleI,IIAMI
M-FIL/03

CFU 10 • DURATA 80 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
FilosofiaPolitica
SPS/01

CFU 6 • PERIODO II semestre • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Comunità e conflitto.
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. ALFIERI LUIGI luigi.alfieri@uniurb.it
Ricevimento: lunedì e martedì dalle 12 alle 13, mercoledì dalle 12 alle 14 (orario soggetto a mutamenti che saranno
comunicati)

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone, nella parte generale, di fornire una panoramica dei principali concetti filosofico-politici dell’epoca
moderna e contemporanea,. Nella parte speciale, si propone un approfondimento dell’opera di Marx riletta
criticamente noché l’indagine di alcuni sviluppi del marxismo, con particolare riguardo a Georges Sorel.
Programma:
Parte generale: 1) La filosofia politica nel mondo contemporaneo; 2) Politica e razionalità; 3) Il rapporto tra etica e
politica; 4) Autorità e potere; 5) Il pensiero dello Stato nella modernità: 6) La rottura dell’ordine politco moderno:
134
vademecum 2009/10
135
insegnamenti
teoria e prassi della democrazia; 7) Individuo e comunità; 8) Il problema della giustizia; 9) Il problema
dell’uguaglianza; 10) Il problema della libertà; 11) Il totalitarismo; 12) Verso una democrazia globale?
Parte speciale: 1) Possibilità e senso di un ritorno non marxista a Marx; 2) L’ideologia del progresso e il senso della
storia; 3)Il problema del socialismo, tra scienza e utopia; 4) Il mistero della merce; 5) Il problema dello scambio; 6)
Grandezza e miseria dell’idea di rivoluzione; 7) Il problema del superamento dello Stato; 8) Sindacalismo, rivoluzione e
mito politico in Sorel; 9) Il mito politico nel pensiero contemporaneo; 10) Mito politico e problema comunitario; 11) La
violenza tra reazione e rivoluzione; 12) Le ambiguità della liberazione.
Risultatidiapprendimento:
Per superare l’esame, gli studenti dovranno:
a) dimostrare di possedere le informazioni di base per la comprensione degli sviluppi fondamentali del pensiero politico
in rapporto alle grandi trasformazioni storiche, con particolare riguardo all’Occidente moderno e contemporaneo;
dovranno a tal fine sviluppare autonome capacità di valutazione critica e di analisi razionale del discorso
politico, sottraendosi alle semplificazioni ideologiche (Knowledge and understanding);
b) dimostrare la capacità di discutere problemi teorici negli ambiti sopraindicati, anche mediante la partecipazione a
laboratori e gruppi di studio e la redazione di tesine di ricerca (Applying knowledge and understanding);
c) dimostrare la capacità di integrare autonomamente le proprie conoscenze e di formulare giudizi negli ambiti
sopraindicati, attraverso l’attiva partecipazione a dibattiti con il docente o suoi colaboratori e tra gli studenti stessi,
specialmente nell’ambito di laboratori e seminari (Making judgements);
d) dimostrare la capacità di comunicare le conoscenze acquisite in maniera chiara, essenziale e scientificamente
corretta, specialmente nell’ambito di attività seminariali dedicate e mediante la redazione di sintetiche esposizioni scritte
(Communication);
e) dimostrare la capacità di procedere nell’apprendimento con autonomia e senso critico, ed in particolare di identificare
nessi tra problemi teorici e situazioni storiche (Learning skills).
Attivitàasupportodelladidattica:
Seminari di approfondimento e discussione
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali; tesina d’approfondimento (facoltativa); seminario (obbligatorio).
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Per la parte generale:
Gatti R., Filosofia politica, La Scuola, Brescia 2007;
Per la parte speciale:
Marx K., Antologia. Capitalismo, istruzioni per l’uso, a cura di E. Donaggio e P. Kammerer, Feltrinelli, Milano 2007;Scalzo
D. S., Combattere a vita. Il mito della produzione in Georges Sorel, Quattroventi, Urbino 2003
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale, discussione dell’eventuale tesina d’approfondimento.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale dei testi indicati.
Obblighi:
Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Per la parte generale:
Gatti R., Filosofia politica, La Scuola, Brescia 2007; Per la parte speciale:
Marx K., Antologia. Capitalismo, istruzioni per l’uso, a cura di E. Donaggio e P. Kammerer, Feltrinelli, Milano 2007 -
Scalzo D. S., Combattere a vita. Il mito della produzione in Georges Sorel, Quattroventi, Urbino 2003; Escobar, R., Paura
e libertà, Morlacchi, Perugia 2009.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
FilosofiaTeoretica
M-FIL/01

CFU 10 • PERIODO seconda sessione • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Etica e religione nel razionalismo e nell’idealismo moderno e contemporaneo
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. RINALDI GIACOMO giacomo.rinaldi@uniurb.it
Ricevimento: Sempre nei giorni di lezione. In altre date dietro appuntamento da concordare direttamente con il
docente per e-mail.

ObiettiviFormativi:
Questo corso si propone anzitutto di approfondire le concezioni dell’etica e della religione, e segnatamente delle loro
complesse relazioni vicendevoli, svolte dai maggiori esponenti del pensiero razionalistico e idealistico dell’Età moderna e
contemporanea: Spinoza, Kant, Fichte, Schleiermacher, Hegel, D.F. Strauss, B. Bauer, G. Gentile, F.H. Bradley, E. Caird e
E.E. Harris. All’esame dettagliato della loro articolazione teorica farà quindi seguito il tentativo di interpretarle e valutarle
quali successive fasi evolutive di un unico processo spirituale, in cui si realizza gradualmente una sempre più adeguata
comprensione razionale della manifestazione dell’Assoluto, rispettivamente, nella sfera spirituale della volontà (prassi,
spirito oggettivo) e in quella della rappresentazione (mito, linguaggio, simbolo, culto). Il risultato essenziale di tale
processo viene individuato, da un lato, nella rivendicazione (kantiana) della rigorosa autonomia della morale rispetto
alla religione, e, dall’altro, nella concezione immanentistica o “speculativa” (hegeliana) del divino e nella conseguente
risoluzione della religione nella filosofia.
Programma:
I. Il concetto della Filosofia. II. L’oggetto della Filosofia morale. III. L’oggetto della Filosofia della religione. IV. Differenti
configurazioni storiche del rapporto tra etica e religione. V. Dalla teologia e dalla filosofia scolastica al pensiero
razionalistico dell’Età moderna. VI. Razionalismo e idealismo. VII. Etica e religione in Spinoza. VIII. Etica e religione in
Kant e in Fichte. IX. Il romanticismo religioso e la teologia del sentimento di Schleiermacher. X. La filosofia hegeliana
dello Spirito oggettivo e dello Spirito assoluto. XI. L’”interpretazione mitica delle Scritture” di D.F. Strauss e la “teologia
critica” di B. Bauer. XI. La dottrina gentiliana delle “forme assolute dello spirito”. XII. La critica della morale e della
religione nell’”idealismo scettico” di F.H. Bradley. XIII. La concezione evolutiva della religione nell’idealismo
anglosassone: E. Caird e E.E. Harris. XIV: L’essenza della volontà etica. XVI: La concezione immanentistica del divino. XVII:
Il carattere della relazione tra etica e religione.
Risultatidiapprendimento:
Capacità di comprendere e interpretare correttamente il linguaggio e le problematiche teoretiche sviluppate nel corso
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali
Obblighi:
Frequenza ad almeno i ¾ delle ore di lezione e studio (parziale) dei testi di riferimento. E’ consigliato concordare col
docente le parti da studiare.
Testidistudio:
G. Rinaldi, Teoria etica, Trieste: Edizioni Goliardiche, 2004.
G. Rinaldi, Ragione e Verità. Parte I: Filosofia della religione. Parte II: Lo sviluppo storico della Filosofia della religione.
Parte III: Critica della metafisica dell’essere, Roma: Aracne Editrice, in corso di stampa.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale, eventualmente tesine di approfondimento.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale (paziale) dei testi di riferimento. E’ consigliato concordare col docente le parti da studiare
Testidistudio:
G. Rinaldi, Teoria etica, Trieste: Edizioni Goliardiche, 2004 (obbligatorio).
G. Rinaldi, Ragione e Verità. Parte I: Filosofia della religione. Parte II: Lo sviluppo storico della Filosofia della religione.
Parte III: Critica della metafisica dell’essere, Roma: Aracne Editrice, in corso di stampa (obbligatorio).
Uno a scelta dei seguenti testi di autori classici:
B. Spinoza, Etica, Firenze, Sansoni 1984 (o edizioni successive).
B. Spinoza, Trattato teologico-politico, Milano, Bompiani 2001.
G.W.F. Hegel, Lineamenti di filosofia del diritto, Bari, Laterza 2000.
G.W.F. Hegel, Lezioni sulla filosofia della religione, Bari, Laterza 1983.
136
vademecum 2009/10
137
insegnamenti
G. Gentile, La religione, Firenze 1965 (o edizioni successive).
G. Gentile, Genesi e struttura della società, Firenze, Le Lettere 1994.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
Fondamentidellasocietàdelbenessereepolitichesocialicomparate
SPS//07

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: I sistemi di Welfare: prospettive comparate
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. KAZEPOV YURI ALBERT KYRIL yuri.kazepov@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Scopo principale del modulo è fornire le basi concettuali e metodologiche per analizzare i sistemi di welfare nelle
economie avanzate nonché le loro trasformazioni dal dopoguerra ad oggi, delineandone le potenziali prospettive future.
Programma:
Il modulo è diviso in due parti. La prima prevede un’analisi delle diverse definizioni di welfare state e welfare system,
nonché delle diverse metodologie utilizzate per investigarne le caratteristiche. La seconda affronta il tema in chiave
storica ricostruendo i passaggi chiave di istituzionalizzazione che le politiche sociali hanno attraversato dalla loro nascita.
Verrà messo in evidenza il dibattito su convergenza e divergenza nei sistemi di welfare, cercando di cogliere i processi di
ri-territorializzazione delle politiche sociali in Europa.
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti acquisiranno gli strumenti analitici per comprendere e analizzare in termini comparati i sistemi di welfare
dei principali paesi europei.
Attivitàasupportodelladidattica:
Durante il corso avranno luogo alcune esercitazioni pratiche.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, lavoro di gruppo (predisposizione di una tesina), presentazione dei lavori e discussione. Le tesine sono
facoltative, ma contribuiscono alla valutazione finale.
Obblighi:
Frequenza ad almeno i ¾ delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento. Conseguire una buona preparazione del
programma di esame comprendente: a) una presentazione orale più un esame orale; oppure: b) una presentazione
orale più la preparazione di una tesina scritta. Ulteriori informazioni verranno date durante il corso delle lezioni.
Testidistudio:
I testi verranno concordati durante le lezioni e dipenderanno dal tema scelto per la tesina.
Modalitàdiaccertamento:
Presentazione orale durante il corso di un contributo scientifico sulle tematiche affrontate (più esame orale) o
presentazione orale e scritta di una tesina.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale dei testi di riferimento. Conseguire una buona preparazione del programma di esame.
Testidistudio:
Kazepov, Yuri e Carbone Domenico (2007) Cos’è il Welfare State? Carocci, Roma.
Ferrera Maurizio (1998), Le trappole del welfare, Il Mulino, Bologna.
Naldini Manuela (2006) Le politiche sociali in Europa. Trasformazioni dei bisogni e risposte di policy, Carocci, Roma.
Nota: solo la seconda parte del testo.
Kazepov Yuri a cura di (2008), La dimensione territoriale delle politiche sociali, Carocci, Roma. In corso di pubblicazione.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale


................................................................................................................................
FondamentidellasocietàdelbenessereepolitichesocialicomparateI,IIAMI
SPS/10

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Organizzazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM)

Prof. KAZEPOV YURI ALBERT KYRIL yuri.kazepov@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Modulo I (5 cfu)
Scopo principale del modulo è fornire le basi concettuali e metodologiche per analizzare i sistemi di welfare nelle
economie avanzate nonché le loro trasformazioni dal dopoguerra ad oggi, delineandone le potenziali prospettive future.
Modulo II (5 cfu)
Il modulo ha l’obiettivo di fornire agli studenti le conoscenze concettuali e metodologiche per l’analisi delle principali
caratteristiche di convergenza e diversità nei modelli di welfare state in Europa con particolare attenzione all’intreccio tra
sistemi di welfare e dimensione territoriale.
Programma:
Modulo I
Il primo modulo è diviso in due parti. La prima prevede un’analisi delle diverse definizioni di welfare state e welfare
system, nonché delle diverse metodologie utilizzate per investigarne le caratteristiche. La seconda affronta il tema in
chiave storica ricostruendo i passaggi chiave di istituzionalizzazione che le politiche sociali hanno attraversato dalla loro
nascita. Verrà messo in evidenza il dibattito su convergenza e divergenza nei sistemi di welfare, cercando di cogliere i
processi di ri-territorializzazione delle politiche sociali in Europa.
Modulo II
Il programma del secondo modulo prevede un’analisi delle trasformazioni della dimensione territoriale dei bisogni
sociali, in particolare considerando alcune politiche nello specifico (e.g. attivazione, assistenza sociale, immigrazione...) e
la questione della spesa sociale con i suoi risvolti territoriali.
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti acquisiranno gli strumenti analitici per comprendere e analizzare in termini comparati i sistemi di welfare
dei principali paesi europei, verificandone i nodi critici e le opzioni differenti a disposizione dei decisori politici.
Attivitàasupportodelladidattica:
Durante il corso avranno luogo alcune esercitazioni pratiche, sia in relazione al reperimento di informazioni/dati rilevanti
per l’analisi delle politiche sociali.
Modalitàdidattiche:
Modulo I e II
Lezioni frontali introduttive e di approfondimento, lavoro di gruppo (predisposizione di una tesina), presentazione dei
lavori e discussione. Le tesine sono facoltative, ma contribuiscono alla valutazione finale.
Obblighi:
Modulo I e II
Conseguire una buona preparazione del programma di esame comprendente: a) una presentazione orale più un esame
orale; oppure: b) una presentazione orale più la preparazione di una tesina scritta. Ulteriori informazioni verranno date
durante il corso delle lezioni.
Testidistudio:
I testi per gli studenti frequentanti verranno concordati durante il corso in relazione al tema scelto per la tesina.
Modalitàdiaccertamento:
Modulo I e II
Presentazione orale durante il corso di un contributo scientifico sulle tematiche affrontate (più esame orale) o
presentazione orale e scritta di una tesina.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Moduli I e II
Conseguire una buona preparazione del programma di esame.
138
vademecum 2009/10
139
insegnamenti
Testidistudio:
Moduli I e II
Kazepov, Yuri e Carbone Domenico (2007) Cos’è il Welfare State? Carocci, Roma.
Esping-Andersen G. (1988), Le tre varianti dell’Economia politica del welfare in “Democrazia e Diritto”, anno XXVIII, nr.
2-3, pp. 155-195.
Ferrera Maurizio (1998), Le trappole del welfare, Il Mulino, Bologna.
Naldini Manuela (2006) Le politiche sociali in Europa. Trasformazioni dei bisogni e risposte di policy, Carocci, Roma.
Kazepov Yuri a cura di (2009), La dimensione territoriale delle politiche sociali, Carocci, Roma. In corso di pubblicazione.
Modalitàdiaccertamento:
Moduli I e II
Accertamento orale (esame).
................................................................................................................................
Fondamentidellesocietàdelbenessereepolitichesocialicomparate/
Politichesocialiperlafamigliaeperl’infanziaAMI
SPS/10 - SPS/12

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. KAZEPOV YURI ALBERT KYRIL yuri.kazepov@uniurb.it

Prof. MAGGIONI GUIDO guido.maggioni@uniurb.it
................................................................................................................................
Formazionealdialogointerreligioso
M-PED/01

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il dialogo interreligioso tra cultura e educazione
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. GALEAZZI GIANCARLO giancarlogaleazzi1@tin.it

ObiettiviFormativi:
Puntualizzazione delle categorie di “dialogo” (nelle diverse culture), di “dialogo interreligioso” (nelle diverse religioni) e
di “formazione al dialogo interreligioso” (nelle diverse agenzie educative)
Programma:
Filosofia e teologia del dialogo e del dialogo interreligioso: il dialogo secondo le religioni universali (il dialogo
interreligioso e l’ecumenismo); la riflessione interdisciplinare e il magistero ecclesiale sul dialogo interreligioso (la libertà
religiosa e la laicità); documenti del Concilio ecumenico Vaticano II sulla libertà religiosa, sull’ecumenismo, sulle
relazioni con le religioni non cristiane e sulla Chiesa nel mondo contemporaneo; interventi pontifici da Giovanni XXIII a
Benedetto XVI; istituzioni e iniziative per il dialogo interreligioso.
Pedagogia e didattica del dialogo interreligioso: educazione e formazione; le agenzie educative e il dialogo
interreligioso; l’educazione interculturale in Italia; programmi didattici e dialogo interreligioso; insegnamento della
religione cattolica e dialogo interreligioso
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. Le parti da approfondire saranno indicate durante il corso.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati
Testidistudio:
Obbligatori:
- Galeazzi G., Dialogo interreligioso. Filosofia, teologia e pedagogia, 2009, dispensa
Un testo a scelta fra i seguenti: - Salvarani B., Vocabolario minimo del dialogo interreligioso. Per un’educazione
all’incontro tra le fedi, EDB, Bologna, 2003 - Salvarani B., Educare al pluralismo religioso. Bradford chiama Italia, EMI,
Bologna, 2006 - Bongiovanni A., Il dialogo interreligioso. Orientamenti per la formazione, EMI, Bologna, 2008
Di consultazione:
- Kung H. et al., Cristianesimo e religioni universali. Introduzione al dialogo con islamismo, induismo e buddismo,
Mondadori, Milano, 1986 – Panikkar R., Il dialogo intrareligioso, Cittadella, Assisi, 1988 – Rossano P. Dialogo e annuncio
cristiano. L’incontro con le grandi religioni, San Paolo, Cinisello Balsamo 1993 – Fitzgerald M., Dialogo interreligioso. Il
punto di vista cattolico, San Paolo, Cinisello Balsamo 2007 - Ballabio F., Le religioni e la mondialità. Per una fede capace
di ascolto e di dialogo, EMI, Bologna, 1999 - Aa. Vv., Da Abramo… in dialogo con Ebraismo e Islam. Orientamenti
teorici e prospettive didattiche, Luciano, Napoli, 2002 - Aa. Vv., Le ragioni del dialogo. Grammatica del rapporto tra le
religioni, Aracne, Roma, 2005
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame; eventuale redazione di una tesina, previo accordo diretto con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio dei testi di riferimento
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
Obbligatori:
- Galeazzi G., Dialogo interreligioso. Filosofia, teologia e pedagogia, 2009, dispensa - Salvarani B., Vocabolario minimo
del dialogo interreligioso. Per un’educazione all’incontro tra le fedi, EDB, Bologna, 2003 - Salvarani B., Educare al
pluralismo religioso. Bradford chiama Italia, EMI, Bologna, 2006 - Bongiovanni A., Il dialogo interreligioso.
Orientamenti per la formazione, EMI, Bologna, 2008
Di consultazione:
- Kung H. et al., Cristianesimo e religioni universali. Introduzione al dialogo con islamismo, induismo e buddismo,
Mondadori, Milano, 1986 – Panikkar R., Il dialogo intrareligioso, Cittadella, Assisi, 1988 – Rossano P. Dialogo e annuncio
cristiano. L’incontro con le grandi religioni, San Paolo, Cinisello Balsamo 1993 – Fitzgerald M., Dialogo interreligioso. Il
punto di vista cattolico, San Paolo, Cinisello Balsamo 2007 - Ballabio F., Le religioni e la mondialità. Per una fede capace
di ascolto e di dialogo, EMI, Bologna, 1999 - Aa. Vv., Da Abramo… in dialogo con Ebraismo e Islam. Orientamenti
teorici e prospettive didattiche, Luciano, Napoli, 2002 - Aa. Vv., Le ragioni del dialogo. Grammatica del rapporto tra le
religioni, Aracne, Roma, 2005
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale e redazione di una tesina, previo accordo diretto con il docente.
................................................................................................................................
Formedellacomunicazionescientifica
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. MATTEUCCI IVANA ivana.matteucci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Programma:
................................................................................................................................
Formedellacomunicazionescientifica/PragmaticaAMI
SPS/08

CFU 12 • DURATA 96 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La comunicazione convergente di scienza e cultura/ Linguaggio e contesti sociali
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. MATTEUCCI IVANA ivana.matteucci@uniurb.it

Prof. MARCARINO AURELIA aurelia.marcarino@uniurb.it
140
vademecum 2009/10
141
insegnamenti
ObiettiviFormativi:
FORME DELLA COMUNICAZIONE SCIENTIFICA
A fronte della esplosione della comunicazione della scienza e della tecnica, che ha toccato a vario titolo molte istituzioni
culturali, risulta necessario creare nuove competenze di settore. La diffusione dell’alfabetizzazione tecnico-scientifica,
indispensabile per un’economia basata sulla conoscenza, è nell’agenda di molti organismi nazionali ed internazionali.
Ogni comparto dell’industria culturale ne è toccato: in ciascun ambito la comunicazione della scienza ha portato temi e
contenuti specifici oltre che nuovi linguaggi e nuovi modi di comunicare la cultura. Il corso intende analizzare le
trasformazioni prodotte dall’esplosione della comunicazione della scienza e della tecnica e individuare le convergenze
tra la comunicazione della scienza e della cultura. L’obiettivo è quello di di studiare le varie forme utilizzate dagli attori
sociali per costruire discorsi ed elaborare immagini relative alla società, alla cultura, alla scienza, alla tecnica.
PRAGMATICA
Il modulo si propone di delineare azioni, modalità e funzioni del linguaggio nei vari contesti sociali e nelle pratiche
comunicative con particolare attenzione alle tipologie del discorso informativo giornalistico e audiovisivo secondo i
paradigmi delle teorie dell’azione, della pragmatica e dell’etnometodologia
Programma:
FORME DELLA COMUNICAZIONE SCIENTIFICA
1. Scienza e cultura tra moderno e postmoderno
1.1 Teorie positivistiche e teorie critiche
1.2 Costruttivismo e decostruzionismo
1.3 Oggettivismo e soggettivismo
1.4 Il determinismo e il relativismo
2. Oggetti e soggetti della scienza e della cultura
2.1 I corpi e le tecnologie del controllo
2.2 Le nuove identità tra moderno e postmoderno
2.3 Gli oggetti e gli ambienti scientifici
2.4 L’industria culturale della scienza
3. La comunicazione del rischio
3.1 Individuazione e riconoscimento del rischio
3.2 Strategie comunicative di affrontamento
3.3 Comunicazione del rischio e cambiamentio di atteggiamento
4. La forme della comunicazione scientifica
4.1 La comunicazione della scienza off-line e on-line
4.2 Testi narrativi e testi scientifici
4.3 Immagini e discorsi della scienza
PRAGMATICA
Il modulo si propone di delineare azioni, modalità e funzioni del linguaggio nei vari contesti sociali e nelle pratiche
comunicative con particolare attenzione alle tipologie del discorso informativo giornalistico e audiovisivo secondo i
paradigmi delle teorie dell’azione, della pragmatica e dell’etnometodologia
Modalitàdidattiche:
FORME DELLA COMUNICAZIONE SCIENTIFICA
Lezioni frontali e seminari di approfondimento
PRAGMATICA
Lezioni frontali e seminari di approfondimento
Obblighi:
FORME DELLA COMUNICAZIONE SCIENTIFICA
Frequenza di almento 3/4 delle lezioni
PRAGMATICA
Frequenza di almeno 3/4 delle lezioni
Testidistudio:
FORME DELLA COMUNICAZIONE SCIENTIFICA
Matteucci I., Il postmoderno. La comunicazione, i luoghi, gli oggetti, Liguori, 2009.
Matteucci I., Comunicazione e mondi reali. La costruzione della realtà da Goffman ai nuovi media, Carocci, 2009.
Bucchi M., Scienza e società, Il Mulino, 2002.
PRAGMATICA
Marcarino A., Pratiche e rituali comunicativi, F.Angeli, Milano, 2001
Duranti E., Etnopragmatica, Carocci, Roma, 2007
Marcarino A., Narratività e occasioni sociali, Liguori, Napoli 2004
Modalitàdiaccertamento:
FORME DELLA COMUNICAZIONE SCIENTIFICA
Esame orale, tesine di approfondimento
PRAGMATICA
Esame orale, tesina di approfondimento

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
FORME DELLA COMUNICAZIONE SCIENTIFICA
Studio dei testi
PRAGMATICA
Studio dei testi in bibliografia
Testidistudio:
FORME DELLA COMUNICAZIONE SCIENTIFICA
Matteucci I., Il postmoderno. La comunicazione, i luoghi, gli oggetti, Liguori, 2009.
Matteucci I., Comunicazione e mondi reali. La costruzione della realtà da Goffman ai nuovi media, Carocci, 2009.
Latour B., Il culto moderno dei fatticci, Meltemi, 2005.
PRAGMATICA
Marcarino A., Pratiche e rituali comunicativi, F.Angeli, Milano, 2001
Duranti E., Etnopragmatica, Carocci, Roma, 2007
Marcarino A., Narratività e occasioni sociali, Liguori, Napoli 2004
Modalitàdiaccertamento:
FORME DELLA COMUNICAZIONE SCIENTIFICA
Esame orale
PRAGMATICA
Esame orale
................................................................................................................................
Formedellamemoriaculturale
M-DEA/01

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Molteplicità e ambivalenze della memoria
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. ALFIERI LUIGI luigi.alfieri@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Caratteristiche e ambivalenze dei discorsi sulla memoria nella società contemporanea. Prospettive interdisciplinbari su
un tema abusato ma indispensabile.
Programma:
Saranno esaminate le caratteristiche di costituzione della memoria culturale, le sue funzioni e i mezzi attraverso i quali si
conserva e si trasmette.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, esercitazioni di scrittura, seminari interdisciplinari.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle lezioni e dei seminari interdisciplinari; studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Aleida Assmann, Ricordare. Forme e mutamenti della memoria culturale, il Mulino, 2002, capp.1-2, 7-12;
Memoria e saperi, a cura di Elena Agazzi e Vita Fortunati, Meltemi, 2007, parte I, pp.9-50.;
W.G.Sebald, Gli emigrati, Adelphi, 2007.
A scelta 1 tra i testi seguenti:
Jan Assmann, La memoria culturale, Einaudi, 1997, capp.1-3,7; Avishai Margalit, L’etica della memoria, il Mulino, 2006;
Toby Nathan, Non siamo soli al mondo, Bollati Boringhieri, 2003; Régine Robin, I fantasmi della storia. Il passato
142
vademecum 2009/10
143
insegnamenti
europeo e le trappole della memoria, Ombre corte, 2005; Eviatar Zerubavel, Mappe del tempo. Memoria collettiva e
costruzione sociale del passato, il Mulino, 2003.
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta intermedia e Tesina finale su un tema da concordare con la docente. Verifica orale finale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Tesina su un argomento da concordare con la docente. Verifica orale sui testi indicati.
Testidistudio:
Aleida Assmann, Ricordare. Forme e mutamenti della memoria culturale, il Mulino, 2002, capp.1-2, 7-12;
Memoria e saperi, a cura di Elena Agazzi e Vita Fortunati, Meltemi, 2007, parte I, pp.9-50.;
W.G.Sebald, Gli emigrati, Adelphi, 2007.
A scelta 2 tra i testi seguenti:
Jan Assmann, La memoria culturale, Einaudi, 1997, capp.1-3,7; Avishai Margalit, L’etica della memoria, il Mulino, 2006;
Toby Nathan, Non siamo soli al mondo, Bollati Boringhieri, 2003; Régine Robin, I fantasmi della storia. Il passato
europeo e le trappole della memoria, Ombre corte, 2005; Eviatar Zerubavel, Mappe del tempo. Memoria collettiva e
costruzione sociale del passato, il Mulino, 2003.
Modalitàdiaccertamento:
Valutazione della tesina scritta ed verifica orale sui testi indicati
Note:
Per l’a.a. 2009/2010 non verranno svolte le lezioni ma saranno garantiti solo gli esami.
................................................................................................................................
FormeelinguaggidelteatroedellospettacoloAMI
SPS/08

CFU 10 • DURATA 80 ore
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2008/09.
................................................................................................................................
Formeestrategiedell’immagine
L-ART/06

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La comunicazione non convenzionale
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. D’AMICO ERIKA erika.damico@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso intende fornire competenze pratiche e teoriche in relazione alle forme di comunicazione non convenzionale e
alle figure professionali a queste connesse.
Programma:
il programma si concentrerà sulle forme di comunicazione non convenzionale online e offline, cercando di fornire agli
studenti una panoramica aggiornata sulle più innovative strategie di comunicazione pubblicitaria. Si tratteranno i
seguenti temi: il subvertising, il culture jamming e il mediattivismo; il guerrilla marketing; i linguaggi non convenzionali;
il viral.
Attivitàasupportodelladidattica:
Laboratori con esperti del settore
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali con l’utilizzo di supporti audiovisivi e laboratori
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Frequenza dei 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
Ambrosio G., Le nuove terre della pubblicità, Meltemi, Roma, 2005 (solo i capitoli indicati a lezione)
Arnesano G., Viral marketing. E altre strategie di comunicazione innovativa, franco angeli, Milano, 2007
Peverini P., Spalletta M., Unconventional, Meltemi, Roma, 2009
Dispensa a cura della docente
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
Ambrosio G., Le nuove terre della pubblicità, Meltemi, Roma, 2005
Arnesano G., Viral marketing. E altre strategie di comunicazione innovativa, franco angeli, Milano, 2007
Peverini P., Spalletta M., Unconventional, Meltemi, Roma, 2009
Dispensa a cura della docente
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Formeestetichecontemporanee
L-ART/05

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Gestionedelleimpresedeiservizisociali
SECS-P/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO - Facoltà di Economia
Corsidilaureain: Organizzazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (CNA-LS)

Prof. BOCCONCELLI ROBERTA roberta.bocconcelli@uniurb.it
Ricevimento: L’orario verrà comunicato all’inizio delle lezioni.

ObiettiviFormativi:
Il corso ha l’obiettivo di fornire agli studenti le conoscenze di base circa le peculiarità del settore dei servizi e le
problematiche connesse alla gestione ed al marketing delle aziende del comparto con particolare attenzione alle
imprese dei servizi sociali.
Programma:
1. I concetti base
1.1 Profili generali del settore dei servizi
1.2 Il peso ed il ruolo del terziario nell’economia
1.3 La prospettiva strategica dei servizi
2. Le strategie competitive ed il marketing dei servizi
2.1 Le strategie dei servizi basate sui rapporti
2.2 La segmentazione del mercato dei servizi
2.3 La progettazione del sistema di offerta: il sistema di offerta incrementato
2.4 Il ruolo del cliente nel processo di erogazione dei servizi
2.5 L’importanza delle risorse fisiche, della tecnologia e delle risorse umane ai fini delle performance
2.6 Il marketing applicato al contesto dei servizi. Full time e part time marketers, marketing transazionale e relazionale,
144
vademecum 2009/10
145
insegnamenti
marketing interno
2.7 Il ruolo dell’immagine e della comunicazione
3. Qualità, produttività e redditività nei servizi
3.1 La comprensione e la gestione della qualità totale nei servizi. Il modello Servqual e la customer satisfaction nel
contesto dei servizi
3.2 La produttività nei servizi
3.3 La redditività dei rapporti di clientela
Risultatidiapprendimento:
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Gli studenti devono acquisire adeguate conoscenze e un’efficace capacità di comprensione dei contesti e dei modelli
gestionali propri dell’economia e gestione dell’impresa dei servizi sociali.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
Gli studenti devono essere in grado di applicare le conoscenze acquisite e di comprendere e risolvere problemi riferiti a
molteplici e differenti contesti che caratterizzano per loro natura le imprese di servizi, ricorrendo, dove occorra, anche a
competenze disciplinari differenti.
Autonomia di giudizio (making judgements)
Gli studenti devono saper utilizzare sia sul piano concettuale che su quello operativo le conoscenze acquisite con
autonoma capacità di valutazione e con abilità discriminati i diversi contesti applicativi.
Abilità comunicative (communication skills)
Gli studenti devono acquisire il linguaggio tecnico tipico della disciplina per comunicare in modo chiaro e senza
ambiguità con interlocutori specialisti (manager, accademici, esperti, ...) e nello stesso tempo devono saper sviluppare
abilità relazionali e comunicative con soggetti non specialisti.
Capacità di apprendimento (learning skills)
Gli studenti devono sviluppare adeguate capacità di apprendimento che consentano loro di continuare ad approfondire
in modo autonomo le principali tematiche della disciplina di marketing e management dei servizi soprattutto nei contesti
lavorativi in cui si troveranno ad operare.
Attivitàasupportodelladidattica:
Testimonianze di dirigenti ed imprenditori del settore dei servizi in aula.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale, tesine e casi studio di approfondimento.
Obblighi:
Per poter sostenere l’esame come frequentanti occore la frequenza di almeno 3/4 delle lezioni.
Testidistudio:
C. Gronroos, Management e Marketing dei Servizi, Isedi, Torino - ultima edizione (2009) in corso di pubblicazione - ad
esclusione di alcuni capitoli selezionati di cui verrà data comunicazione all’inizio delle lezioni.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e/o scritto.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
C. Gronroos, Management e Marketing dei Servizi, Isedi, Torino - ultima edizione (2009) in corso di pubblicazione - per
intero.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e/o scritto.
Note:
Insegnamento mutuato dalla Facoltà di Economia, CdL in Marketing da: Economia e gestione delle imprese di servizi
................................................................................................................................
Giornalismoonline
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Giornalismo on line
Corsidilaureain: Editoria, media e giornalismo (CNA-LS)

Prof. LUCARINI GIANNI g.lucarini@mclink.it
ObiettiviFormativi:
Obiettivo del Project Work è l’apprendimento delle conoscenze e delle tecniche per progettare e realizzare un giornale
on line su Internet. In particolare gli studenti lavoreranno alla pubblicazione dei nuovi numeri della testata online
”Numerozero”, già presente sul sito www.uniurb.it/numerozero. Il PW sarà frutto di un lavoro di gruppo, portato avanti
secondo gli specifici interessi di ciascuno e valorizzando le particolari attitudini personali. Per la parte tecnologica
verranno utilizzati i mezzi e le strutture esistenti dell’Università stessa.
Programma:
La specificità del giornalismo on line. Ipertestualità, interattività, multimedialità. Le prospettive del giornalismo on
line. Come scrivere on line. Uso degli strumenti della rete per fare informazione on line. Progettare un sito di
informazione. Elementi di usabilità. Grafica per il web. Montaggio audio e video.
Il collegamento tra Docente e studenti sarà assicurato anche dalla creazione di un Gruppo on line con Yahoo!
Eventualipropedeuticità:
Prerequisiti essenziali: * Conoscenza di base dei principi dell’HTML. Uso base di Dreamweaver
* Conoscenza di base dei principi della grafica online: elementi grafici di una pagina web, formati grafici, trattamento
delle immagini, digitalizzazione e compressione delle immagini, realizzazione immagini animate con testo e grafica. Uso
base di Photoshop
* Conoscenza di base di FTP (File Transfer Protocol) e uso di client FTP per la pubblicazione
* Conoscenza base software per la gestione di audio e video online
Modalitàdidattiche:
Il Corso prevede lezioni in presenza e attività da remoto utilizzando gli strumenti della rete.
Il Corso inizierà a gennaio 2010 con una lezione in presenza a carattere didattico e tecnico-organizzativo. Nel corso di
questo primo incontro verranno meglio evidenziate le finalità del lavoro di gruppo e definite le modalità operative in
presenza e in remoto.
Obblighi:
E’ necessaria l’assidua partecipazione degli studenti sia ai momenti didattici in presenza ad Urbino, sia all’attività
da remoto.
Testidistudio:
Verranno indicati dal Docente nel corso della prima lezione in presenza. Sono previste anche dispense.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale sui temi trattati durante il PW, con la valutazione del lavoro e dell’impegno personale nella realizzazione dei
numeri on line di “Numerozero”.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Sono ammessi al Corso anche studenti non frequentanti perchè studenti lavoratori o con particolari esigenze (da
verificare caso per caso). Per gli studenti lavoratori è necessaria la certificazione del datore di lavoro. E’ prevista
un’attività maggiore rispetto agli studenti frequentanti.
Alla prima lezione in presenza devono partecipare anche i non frequentanti.
Obblighi:
E’ necessario svolgere tutto il lavoro assegnato agli studenti frequentanti e l’attività in più prevista dal Docente.
Testidistudio:
Verranno indicati dal Docente nel corso della prima lezione in presenza. Sono previste anche dispense.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale sui temi trattati durante il PW, con la valutazione del lavoro e dell’impegno personale nella realizzazione dei
numeri on line di “Numerozero”.
Note:
Per ulteriori informazioni è possibile contattare il Docente al 335 7802273 o via mail (g.lucarini@mclink.it).
................................................................................................................................
Giornalismoradio-televisivo1e2AMI
L-ART/06

CFU 9 • DURATA 72 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La notizia, la radio, la televisione.
Corsidilaureain: Editoria, media e giornalismo (CNA-LS)
146
vademecum 2009/10
147
insegnamenti
Prof. MORANDINI CHIARIONI DANIELA d.morandini@rai.it

Prof. ROSSETTI GIANNI odgm@inwind.it

ObiettiviFormativi:
Parte 1
il corso mira alla formazione di capacità critica di lettura dell’informazione e delle competenze necessarie alla stesura di
testi per radio, televisione e stampa.
Parte 2
Si fa presto a dire giornale radio o telegiornale. Molti ritengono che il giornalismoradiofonico e quello televisivo siano
qualcosa di facile, di divertente ed eccitante. Si pensa che costruire una storia da trasmettere per radio sia una specie di
college di voci. O che un racconto televisivo sia una sorta di affascinante passeggiata attraverso le immagini a cavallo
della propria immaginazione. In realtà il giornalismo televisivo (come pure quello radiofonico) è un’attività professionale
molto complessa perché la Tv è complicata e un racconto con le immagini è radicalmente diverso da un reportage
scritto per un giornale e profondamente diverso anche da in servizio radiofonico.
L’obirettivo del Project Work è quello di far mettere... le mani in pasta, cioè lavorare concretamente con le “voci” e con le
immagini per arrivare a realizzare un prodotto pronto per essere trasmesso (servizio televisivo e servizio radiofonico). Il
corso avrà quindi la caratteristica del Laboratorio. Sono previste esercitazioni sulla scrittura giornalistica, con specifico
riferimento a notizie e testi scritti per la radio e la Tv. Le esercitazioni sono propedeutiche alla realizzazione del lavoro
finale. cioè uno speciale radiofonico (lavoro di gruppo) e uno o più servizi televisivi, montati e pronti per la messa in
onda (lavori individuali)
Programma:
Parte 1
Analisi storico-filosofica dell’informazione, analisi critica dell’informazione contemporanea; laboratorio di stesura dei
testi per l’informazione.
Parte 2
Prima fase:
fonti e teoria della notizia radiofonica e televisiva; illustrazione della tecnica di scrittura per la radio e la Tv;
come si racconta un fatto con le voci (radio) o con le immagini (Tv);
come si comunica con un pubblico di massa;
la caratteristica della colloquialità;
il rapporto fra lead e lead in;
la parola racconta, l’immagine evoca;
l’uso delle parole, la semplicità e la chiarezza espositiva.
Seconda fase:
illustrazioni e selezioni dei materiali per la realizzazione del progetto;
discussione ed elaborazione del piano di montaggio;
indicazione dei criteri per la redazione del testo scritto;
redazione dei testi;
correzione e discussione collettiva;
stesura definitiva;
montaggio e discussione generale sui singoli contributi.
Stesso percorso per lo speciale radio che si cercherà di realizzare sul campo con la collaborazione di una radio del
territorio.
Modalitàdidattiche:
Parte 1
Lezioni frontali
Parte 2
Lezioni frontali e attività laboratoriali.
Obblighi:
Parte 1
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione
Parte 2
Frequenza obbligatoria delle lezioni e partecipazione alle attività di laboratorio.
Per essere ammessi a valutazione è indispensabile aver partecipato ad almeno 3/4 delle ore di lezione e di laboratorio.
Testidistudio:
Parte 1
Dispensa fornita dal docente
- Roland Barthes, La camera chiara, Torino, Einaudi, 1980
Parte 2
Dispense fornite dal docente
Modalitàdiaccertamento:
Parte 1
Presentazione di una tesina, articolo di giornale radio, telegiornale, giornale, concordata con il docente, e colloquio sul
tema del corso.
Parte 2
Test iniziale sulla scrittura;
valutazione delle esercitazioni scritte;
valutazione del lavoro prodotto alla fina del project work (per essere ammessi a valutazione è indispensabile aver
partecipato ad almeno i 3/4 delle ore di lezione e di laboratorio).

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Parte 1
Data la natura seminariale del corso, la frequenza è vivamente raccomandata. Nel caso in cui lo studente si trovi
nell’impossibilità di frequentare, è tenuto a concordare con il docente, le modalità di lavoro alternative
Testidistudio:
Parte 1
- Roland Barthes, La camera chiara, Torino, Einaudi, 1980
- Walter Benjamin, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, Torino, Einaudi, 1966
- Carlo Emilio Gadda, Norme per la redazione di un testo radiofonico, Torino, Eri, 1989
- Mario Arosio, La programmazione radiofonica in Rai. La televisione che cambierà, a cura d Roberto Zaccaria, Torino,
Sei, 1984
- Rudolf Arnheim, La radio, l’arte dell’ascolto, Roma, Editori Riuniti, 1987
www.verdementa.org
- Umberto Eco, Le regole del potere nel regime mediatico, La Repubblica, 2004
www.30annidiradiofm.it ,trent’anni di liberta’ d’antenna.
Note:
Parte 2
Il project work, per la sua struttura, impone l’obbligo di frequenza per cui non sono previste forme di partecipazione e
valutazione alternative
................................................................................................................................
Iperiodici:testieimmagini
L-ART/05

CFU 9 • DURATA 72 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: I Periodici: testi e immagini
Corsidilaureain: Editoria, media e giornalismo (CNA-LS)

Prof. BERTOLO FABIO fbertolo@bloomsburyauctions.com

ObiettiviFormativi:
Acquisizione di capacità storico-tecniche di analisi del formato del libro e della sua evoluzione, in relazione alle diverse
tipologie testuali veicolate.
Programma:
Il corso si ripromette di seguire l’evoluzione della forma libro a partire dalla metà del Quattrocento sino ai nostri giorni,
con una particolare attenzione al layout tipografico, al formato del libro osservato in relazione ai diversi generi testuali,
al rapporto testo/immagine, per giungere sino alle più modrene soluzioni grafico-editoriali, adottate dalle riviste e dai
perodici.
148
vademecum 2009/10
149
insegnamenti
Attivitàasupportodelladidattica:
Visita alla redazione di Panorama, Milano
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e laboratorio
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione.
Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Dispense e il volume:
F.M. Bertolo, P. Chierubini, G. Inglese, L. Miglio, Breve storia della scrittura e del libro, Carocci, Roma 2006
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale delle competenze acquisite.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale dei testi indicati
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
F.M. Bertolo, P. Chierubini, G. Inglese, L. Miglio, Breve storia della scrittura e del libro, Carocci, Roma 2006
U. Bottino, Pubblicare giornali e periodici. Progetto, realizzazione e gestione, Editrice Bibliografica, Milano 1998
+ dispense
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale delle competenze acquisite.
................................................................................................................................
IgienegeneraleeapplicataI,IIAMI
MED/42

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Igiene generale e applicata (parte I) e Igiene e medicina di comunità (parte II)
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. BRANDI GIORGIO giorgio.brandi@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Parte I: Igiene generale e applicata
Definire lo stato di salute e i concetti di rischio e fattori di rischio per la salute umana; conoscere le misure atte a
prevenire, limitare o eliminare la diffusione di malattie trasmissibili e non; conoscere le principali patologie infettive e
cronico-degenerative e le principali problematiche ambientali connesse con la salute,
Parte II: Igiene e Medicina di comunità
Obiettivi formativi: fornire elementi conoscitivi sull’impatto sociale delle malattie e sul legame tra fenomeni sociali e
malattia. Approfondire i concetti di sanità pubblica e sistemi sanitari, far conoscere l’importanza della promozione della
salute nelle varie fasi della vita,
Programma:
Parte I: Igiene generale e applicata (5 CFU)
Definizione e scopi dell’Igiene. Definizione di salute. Fattori che condizionano il passaggio dalla salute alla malattia.
Principi generali di demografia ed epidemiologia. La raccolta dei dati. Misura della frequenza degli eventi sanitari. Gli
indicatori sanitari. Il fattore di rischio.
Gli studi epidemiologici con particolare riguardo a quelli descrittivi o ecologici. Elementi di Microbiologia medica e
ambientale: struttura, classificazione dei microrganismi. Rapporti ospite parassita, i microrganismi patogeni.
Epidemiologia generale delle malattie infettive: eziologia, distribuzione, riserve e modalità di trasmissione, vie di
penetrazione ed eliminazione degli agenti infettivi.
Principi generali di prevenzione. I vari livelli di prevenzione. La prevenzione delle malattie infettive: profilassi rivolta al
malato, alle modalità di trasmissione. Le difese dell’organismo contro le infezioni. Immunoprofilassi attiva e passiva.
Vaccini obbligatori e consigliati. Chemioprofilassi.
Aspetti generali di epidemiologia e profilassi delle seguenti malattie infettive: Malattie infettive a prevalente diffusione
aerea (Influenza, Meningite, malattie esantematiche), Malattie infettive a prevalente diffusione enterica (Epatite A,
Febbre tifoide, Gastroenteriti acute), Malattie infettive a prevalente diffusione ematica e/o sessuale (AIDS, Epatiti
B, Epatite C). Tetano.
Modello multifattoriale di malattia: fattori di rischio genetici, comportamentali, ambientali e le malattie cronico-
degenerative. Cenni su tumori, malattie cardiovascolari, diabete, infezioni respiratorie croniche.
Aspetti generalità sull’inquinamento delle principali matrici ambientali (acqua, aria, suolo, indoor) e riflessi sulla salute.
Igiene dell’alimentazione: fabbisogno alimentare e malnutrizione da carenza e da eccesso di principi nutritivi. Il BMI e la
piramide alimentare. Infezioni, tossinfezioni e intossicazioni alimentari.
Il sistema sanitario internazionale e nazionale.
Parte II: Igiene e medicina di comunità (5 CFU)
I principali determinanti della salute. Le diseguaglianze nella salute e la tutela della salute
Dalla prevenzione all’educazione alla salute: educazione sanitaria e comportamento, comunicazione e partecipazione.
Elementi di demografia. Principali indicatori demografici. I bisogni di salute e la richiesta di assistenza socio-sanitaria.
Nozioni di sanità pubblica: organizzazione sanitaria internazionale. Sistema sanitario Italiano. Il Piano sanitario
nazionale. Aziende sanitarie, Aziende ospedaliere, Dipartimento di Prevenzione, Distretto sanitario. I livelli essenziali di
assistenza (LEA). Cenni di programmazione ed organizzazione dei servizi sanitari. Legame tra salute e prosperità
economica. La medicina di comunità: storia, principi e aspetti culturali, normativi e assistenziali. Le metodologie della
medicina di comunità. Gli screening di popolazione. Diffusione ed importanza sociale delle malattie infettive. Malattie di
importanza sociale: neoplasie, malattie dismetaboliche, malattie cardiovascolari, obesità. Igiene dell’ambiente sociale:
alcool, incidenti stradali, tabacco e tabagismo, tossicodipendenze, i SERT e SERD, il fenomeno doping, il mobbing,
invecchiamento dell’ambiente sociale. Le malattie mentali. Il fenomeno immigratorio e i risvolti sulla salute pubblica. Le
malattie del viaggiatore internazionale e la profilassi nei viaggi. La prevenzione delle disabilità e la riabilitazione. I Livelli
essenziali di assistenza (LEA). L’igiene nelle varie fasi della vita: promozione e prevenzione nel periodo preconcezionale
gravidico e neonatale, nel periodo della prima infanzia e dell’età evolutiva, nel periodo dell’età giovanile-adulta, nel
periodo dell’età anziana, gli screening di massa. Le affezioni non infettive nell’età scolare: paramorfismi, allergie, miopie,
carie. La sicurezza nella scuola
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti devono conseguire:
1. conoscenze e capacità di comprensione: acquisendo le capacità di identificare criticamente la conoscenza dei
fenomeni sociali, in particolare quelli socio-sanitari. Gli studenti conseguono tali conoscenze di base partecipando
attivamente alle lezioni, ai seminari e attraverso lo studio di testi indicati dal docente.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
attraverso la capacità di delineare tematiche di ricerca, di reperire informazioni e dati, con approfondimenti teorici ed
empirici. I risultati sono ottenuti attraverso discussioni in aula, seminari e approfondimenti bibliografici.
3. Capacità di giudizio:
riflessione critica e approfondita sulle problematiche legate alla salute. Tali capacità verranno acquisite nelle discussioni
in aula col docente e tra colleghi nell’interazione in aula, nel confronto con i docenti e con i colleghi, così come in fase di
discussione dell’esame
4. Abilità comunicative:
assumendo un atteggiamento partecipativo e critico agli argomenti delle lezioni, ed essere in grado di utilizzare tecniche
di comunicazione interpersonale. In alcuni casi lo studente sarà stimolato anche ad utilizzare strumenti di
comunicazione informatica.
5. Capacità di apprendimento:
sviluppando ed acquisendo le competenze per l’analisi e la valutazione dei problemi; lo studente dovrà acquisire
capacità di giudizio autonomo.
Modalitàdidattiche:
lezioni frontali, seminari
Testidistudio:
ModuloI:Brandi, Liguori. Romano Spica: Igiene e Sanità Pubblica per Scienze Motorie. A. Delfino Editore. -Per i
frequentanti sono esclusi gli argomenti: “Tetano” e “Infezioni, tossinfezioni e intossicazioni alimentari”.
Modulo II: Il testo dove approfondire gli argomenti trattati verrà indicato dal docente all’inizio del corso -Per i
frequentanti: sono esclusi gli argomenti: “I livelli essenziali di assistenza” e “Cenni di Igiene ospedaliera”.

150
vademecum 2009/10
151
insegnamenti
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
lezioni frontali, seminari
Testidistudio:
ModuloI: Brandi, Liguori. Romano Spica: Igiene e Sanità Pubblica per Scienze Motorie. A. Deffino Editore.
Modulo II: Il testo dove approfondire gli argomenti trattati verrà indicato dal docente all’inizio del corso
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Immagined’impresaeidentitàdimarca
SPS/08

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Informareegenerareservizisulweb
INF/01 - SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Informare e generare servizi sul web
Corsidilaureain: Editoria, media e giornalismo (CNA-LS)

Prof. RUSSO MASSIMO

ObiettiviFormativi:
Nei suoi dieci anni di vita (1994-2004) il web 1.0 ha cambiato il mondo dell’informazione, e internet è ormai abitudine
quotidiana nella dieta mediatica di ognuno di noi. Ora si è aperta la fase del web 2.0, con il passaggio dall’interattività
alla partecipazione, dalla realizzazione di siti all’aggregazione di contenuti personalizzati. Il corso cercherà di disegnare
lo scenario evolutivo della rete nei prossimi dieci anni, mettendo gli studenti in grado di utilizzare e di comprendere le
potenzialità dei nuovi strumenti della comunicazione, in cui i lettori/utenti diventano co-autori. A ognuno verrà chiesto di
realizzare un lavoro finale.
Programma:
Prerequisiti essenziali:
- Conoscenza di base dei principi dell’Html. Uso base di un editor Html
- Conoscenze di base dei principi della grafica online: elementi grafici di una pagina web, formati grafici, trattamento
delle immagini, digitalizzazione e compressione delle immagini. Uso base di Photoshop
- Conoscenza base software per la gesione di audio e video online.
Programma:
I. La convergenza digitale e la fine di Internet.
II. I modelli di successo in rete e la distribuzione di Pareto (longtail curve).
III. Disaggregazione e riaggregazione del contenuto (Rss, podcast).
IV. La personalizzazione (dai blog a Flickr, da Youtube ad Eyespot).
V. La sfida ai mezzi di comunicazione tradizionali nei settori dell’informazione e della pubblicità.
VI. Multimedia partecipativi in rete: dalla comunicazione definita dal mezzo alla comunicazione definita dai contenuti e
trasformata/integrata dagli utenti.
VII. Verso il web 3.0: l’approccio semantico e la folksonomy.
VIII. Assegnazione/svolgimento dei lavori.
Attivitàasupportodelladidattica:
Laboratori, seminari.
Modalitàdidattiche:
Le modalità didattiche verranno definite e comunicate agli studenti all’inizio dell’A.A. Dopo alcuni incontri frontali, a
ognuno verrà assegnato un lavoro di fine corso, che dopo fasi di revisione e verifica in presenza e in remoto sarà portato
all’esame. Note: Il docente sarà a disposizione degli studenti durante tutte le fasi del progetto per telefono e per e-mail.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Saranno definiti all’inizio del corso
Modalitàdiaccertamento:
Valutazione del lavoro e dell’impegno personale e di gruppo nel corso della realizzazione del progetto. Breve colloquio
orale.
................................................................................................................................
Informatica
INF/01

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Gli strumenti informatici nella ricerca. I fogli elettronici
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. CELESCHI ALDO aldo.celeschi@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici e pratici della struttura dell’elaboratore, altre ai metodi per la
rappresentazione dell’informazione. L’utilizzo a fini etodologici dei fogli elettronici.
Programma:
1. Introduzione 1.1 Cenni storici 1.2 Aritmetica binaria e algebra Booleana 1.3 Concetto di algoritmo 1.4 Sistemi operativi
1.5 Struttura della C.P.U. 1.6 Studio di un programma applicativo (Excel). Realizzazione di una ricerca sociometrica con
l’utilizzo di SW del pacchetto Microsoft Office.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale; tesine di approfondimento
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
A.Celeschi, Informatica e metodologia della ricerca, nuova versione, Quattroventi, Urbino 2009
Celeschi A., La misura delle relazioni sociali, Quattroventi, Urbino 2008
G.Lanzavecchia, M.Negrotti, L’enigma del caso, Edizioni Goliardiche, Trieste, 2007, Parte I, II, III, una a scelta.
Modalitàdiaccertamento:
Discussione tesina di approfondimento e accertamento orale.Le parti da approfondire saranno indicate durante il corso.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Preparazione dei testi indicati
Testidistudio:
A.Celeschi, Informatica e metodologia della ricerca, nuova edizione, Quattroventi, Urbino 2008
Celeschi A., La misura delle relazioni sociali, Quattroventi, Urbino, 2008
G.Lanzavecchia, M.Negrotti, L’enigma del caso, Edizioni Goliardiche, Trieste, 2007
Modalitàdiaccertamento:
Accertamento orale
................................................................................................................................
Informaticaperlescienzesociali
SPS/07

CFU 5 • DURATA 40 ore
152
vademecum 2009/10
153
insegnamenti
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Introduzioneallabiblioteconomiaeallaricercabibliografica
M-STO/08

CFU 6 • PERIODO Secondo semestre • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO, via Piano S. Lucia 6
Titolocorso: Principi di biblioteconomia e dell’informazione bibliografica
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. DE FRANCESCHI LORETTA loretta.defranceschi@uniurb.it
Ricevimento: Giovedi ore 13.30

ObiettiviFormativi:
Sviluppare la conoscenza in merito a: i profili delle discipline del libro e del documento; le principali caratteristiche e
servizi delle biblioteche; le modalità di ricerca bibliografica con strumenti tradizionali ed elettronici; la redazione di
bibliografie
Programma:
Origini e sviluppi della biblioteconomia e della bibliografia; introduzione al concetto di biblioteca, alle tipologie di
biblioteche, alle normative catalografiche e ai servizi offerti. Metodologie e procedure di ricerca bibliografica con
repertori tradizionali e risorse in rete; stili di citazione e descrizione bibliografica
Risultatidiapprendimento:
Lo studente dovrà conoscere: gli ambiti disciplinari della biblioteconomia e bibliografia; l’organizzazione delle
biblioteche in Italia e i loro servizi; i principali metodi di ricerca, cataloghi e repertori bibliografici; le caratteristiche
redazionali e gestionali di apparati bibliografici
Attivitàasupportodelladidattica:
Visite a biblioteche
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni
Testidistudio:
F. Metitieri, R. Ridi, Biblioteche in rete. Istruzioni per l’uso, Roma, Bari, Laterza, 2007. Capitoli da 1 a 5, 9 e 10
G. Montecchi, F. Venuda, Manuale di biblioteconomia, IV ed., Milano, Ed. Bibliografica, 2006
M. Santoro, A. Orlandi, Avviamento alla bibliografia. Materiali di studio e di lavoro, Milano, Ed. Bibliografica, 2006
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e pratico

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
In aggiunta ai volumi sopra citati, i seguenti:
G. Del Bono, La bibliografia. Un’introduzione, Roma, Carocci, 2000
Guida alla biblioteconomia, a cura di M. Guerrini, Milano, Ed. Bibliografica, 2008. Pagine 1-55, 101-136, 253-309
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e pratico
................................................................................................................................
Istituzionididirittopubblico
IUS/09

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il diritto pubblico, l’ordinamento costituzionale italiano e le garanzie individuali.
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. CANTARO ANTONIO antonio.cantaro@uniurb.it
ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti la conoscenza dei principali concetti del diritto pubblico. Si propone, inoltre,
l’esame degli organi e dei poteri costituzionali, con riferimento anche alla giustizia costituzionale.
Programma:
1. Studio delle forme di Stato e di governo. 2. Aspetti di storia costituzionale italiana. 3. I diritti fondamentali. 4. Analisi
del sistema delle fonti del diritto. 5. Principi generali del costituzionalismo. 6. Parlamenti, Governo, Presidente della
Repubblica. 7. I sistemi elettorali. 8. La Corte costituzionale. 9. Il governo delle Regioni e degli enti locali.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale; seminari di approfondimento.
Obblighi:
Frequenza ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio e lettura dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Barbera A., Fusaro C., Corso di diritto pubblico, il Mulino, Bologna, ultima edizione Nota: Capitoli dal I al XIII e XV.
Cantaro A., Il diritto dimenticato. Il lavoro nella costituzione europea, Giappichelli, Torino, 2006
Nota per tutti: Lettura approfondita
Modalitàdiaccertamento:
Verifiche intermedie frequentanti. Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio e lettura dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Barbera A., Fusaro C., Corso di diritto pubblico, il Mulino, Bologna, ultima edizione Nota: Capitoli dal I al XVI
Cantaro A., Il diritto dimenticato. Il lavoro nella costituzione europea, Giappichelli, Torino, 2006
Nota per tutti: Lettura approfondita
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
Note:
Nota per tutti: Lettura della Costituzione repubblicana e lettura della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.
................................................................................................................................
Istituzionidisociologia
SPS/07

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La società e i sociologi
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. RUSSO MASSIMO STEFANO massimo.russo@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Fornire agli studenti i fondamenti teorici dell’analisi sociologica. Analizzare i paradigmi più significativi in relazione allo
studio dei fenomeni sociali, con particolare riferimento all’evoluzione delle istituzioni sociali. Le conoscenze teoriche
verranno esse a confronto con i metodi di rierca e la sociologia applicata
Programma:
1. I problemi fondamentali della sociologia. 2. Spiegare la società 3. Quale idea di sociologia.
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti devono conseguire:
1. conoscenze e capacità di comprensione: acquisendo le capacità di identificare criticamente la conoscenza dei
fenomeni sociali. 1.1 Gli studenti acquisiscono tali conoscenze partecipando alle lezioni e con lo studio analitico dei testi
scientifici proposti dal docente e discussi in aula.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: grazie alla capacità di trattare i temi della ricerca avvalendosi
dell’analisi comparativa, con approfondimenti teorici ed empirici. 2.1 Discussioni in aula, verifica con il docente, studio
dei testi.
3. Capacità di giudizio: riflessione critica sulle trasformazioni sociali ed in parallelo capacità di confrontare i diversi
154
vademecum 2009/10
155
insegnamenti
approcci scientifici avvalendosi della lettura comparata di saggi, articoli, ecc. 3.1 Tale capacità si manifesta interagendo in
aula, con il docente e con i colleghi, così come in sede di discussione dell’esame.
4. Abilità comunicative:gli studenti devono interagire attivamente nel corso delle lezioni, ponendo domande e
rispondendo alle sollecitazioni. 4.1 Con la messa a punto di momenti per il confronto in aula.
5. Capacità di apprendimento: gli studenti devono sviluppare metacompetenze esplicite con capacità di pensiero
riflessivo ed astratto, metodologie di analisi dei problemi, capacità autonoma di giudizio, discutendo ed argomentando
con gli altri studenti e con il docente i temi del corso
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione.
Testidistudio:
- Bagnasco A., Prima lezione di sociologia, Laterza, Roma-Bari 2007.
- M. Russo - Perché la sociologia, Guerini, Miano 2009
a scelta dei candidati uno dei due testi
S. Rossi, Fiducia e cooperazione, Edizioni Goliardiche 2008
S. Zambrini, La nuova sordità, Edizioni Goliardiche 2009
Il docente specificherà le parti da preparare durante il corso.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale e possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo accordo diretto con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
- Bagnasco A., Prima lezione di sociologia, Laterza, Roma-Bari 2007.
- M. Russo - Perché la sociologia, Guerini, Miano 2009
a scelta dei candidati uno dei due testi
S. Rossi, Fiducia e cooperazione, Edizioni Goliardiche 2008
S. Zambrini, La nuova sordità, Edizioni Goliardiche 2009
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale e possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo accordo diretto con il docente.
................................................................................................................................
Laformadellibro
L-ART/06

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La forma del libro
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. BERTOLO FABIO fbertolo@bloomsburyauctions.com

ObiettiviFormativi:
Acquisizione di capacità storico-tecniche di analisi del formato del libro e della sua evoluzione, in relazione alle diverse
tipologie testuali veicolate.
Programma:
Il corso si ripromette di seguire l’evoluzione della forma libro a partire dalla metà del Quattrocento sino ai nostri giorni,
con una particolare attenzione al layout tipografico, al formato del libro osservato in relazione ai diversi generi testuali,
al rapporto testo/immagine, per giungere sino alle più moderne soluzioni grafico-editoriali, adottate dalle riviste e dai
periodici.
Attivitàasupportodelladidattica:
Visita alla redazione di Panorama, Milano
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e laboratorio.

Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione.
Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Dispense e il volume:
F. M. Bertolo, P. Cherubini, G. Inglese, L. Miglio, Breve storia della scrittura e del libro, Roma, Carocci, 2006.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale delle competenze acquisite.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale dei testi indicati
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
F. M. Bertolo, P. Cherubini, G. Inglese, L. Miglio, Breve storia della scrittura e del libro, Roma, Carocci, 2006
Bollettino Umbertomaria, Pubblicare giornali e periodici. Progetto, realizzazione e gestione, Milano, Editrice
Bibliografica, 1998
+ dispense
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale delle competenze acquisite
................................................................................................................................
Laresponsabilitàdirigenziale
IUS/07

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La responsabilità dirigenziale
Corsidilaureain: Organizzazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM)

Prof. QUAGLIANI ANTONIO antonio.quagliani@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di approfondire, nel contesto del processo di riforma della pubblica amministrazione sviluppatosi nel
corso degli anni ‘90, il ruolo centrale assunto dalla dirigenza pubblica al fine di garantire un’amministrazione efficiente e
rispondente agli interessi dei cittadini.
Ricostruita la disciplina del rapporto di lavoro dei dirigenti pubblici quale risulta dalle fonti legislative e contrattuali, una
specifica attenzione viene dedicata alla questione della responsabilità dirigenziale come specie autonoma di
responsabilità oltre le due specie tradizionali della responsabilità politica e della responsabilità civile, evidenziandone
tratti ed elementi distintivi, gli strumenti e i procedimenti di controllo, nonchè i caratteri strutturali e funzionali.
Programma:
Principi costituzionali ed excursus storico
Rapporti tra politica e amministrazione
Reclutamento dei dirigenti
La disciplina del rapporto
La disciplina degli incarichi dirigenziali
I rapporti fra dirigenti
Il trattamento economico del dirigente pubblico
L’impegno di lavoro dei dirigenti
Le responsabilità dei dirigenti
Criteri e tecniche di distribuzione delle responsabilità
La responsabilità dirigenziale come potere di fare
La prestazione: obblighi di servizio e obbligazioni di risultato
Controllo e accertamento della responsabilità dirigenziale
Caratteri strutturali e funzionali della responsabilità dirigenziale
La tutela giurisdizionale dei dirigenti

156
vademecum 2009/10
157
insegnamenti
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali
Obblighi:
Partecipazione almeno a 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi consigliati
Testidistudio:
Busco L., Tenore V., La dirigenza pubblica, EPC Libri, Roma, 2009
Torchia L., La responsabilità dirigenziale, Cedam, Padova, 2000
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
-
Obblighi:
Studio dei testi consigliati
Testidistudio: Busco L., Tenore V., La dirigenza pubblica, EPC Libri, Roma, 2009
Torchia L., La responsabilità dirigenziale, Cedam, Padova, 2000
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Labwikinomics

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Laboratorio di wikinomics
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. MORUZZI MAURO mauro.moruzzi@cup2000.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di:
- fornire agli studenti le basi per la conoscienza sociologica di internet, delle imprese informazionali e della
wikieconomy, con particolare riferimento alle forme di prodotto - organizzativo - ambientale, di citizen management e di
prosumer;
- fornire elementi per comprendere l’evoluzione delle imprese economiche al tempo del web 2.0
Programma:
Il corso si articolerà in una parte istituzionale e in una parte monografica.
Parte istituzionale: analisi delle principali teorie di internet e della wikieconomy.
Parte monografica: focus di una esperienza aziendale di partecipazione del cliente/utente alla ideazione/progettazione/
qualificazione del prodotto o servizio.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, seminari di approfondimento e ricerche su internet sulla figura del prosumer e sulla wikieconomy.
Obblighi:
Partecipazione al almeno 3/4 delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
- Tapscott D., Williams A.D., Wikinomics 2.0, La collaborazione di massa che sta cambiando il mondo, Rizzoli - ETAS,
Milano, 2008
- Moruzzi M., Internet e Sanità. Organizzazioni e management al tempo della rete, Franco Angeli, Milano, 2007.
- Koblas J., Oltre Wikipedia. I Wiki per la collaborazione e l’informazione, Sperling & Kupfer, Milano, 2007
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta alla conclusione del modulo e verifica orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
- Tapscott D., Williams A.D., Wikinomics 2.0, La collaborazione di massa che sta cambiando il mondo, Rizzoli - ETAS,
Milano, 2008
- Moruzzi M., Internet e Sanità. Organizzazioni e management al tempo della rete, Franco Angeli, Milano, 2007.
- Koblas J., Oltre Wikipedia. I Wiki per la collaborazione e l’informazione, Sperling & Kupfer, Milano, 2007.
- Materiale fornito dal docente.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
Lab.businessandcommunicationenglish
Abilità linguistiche e relazionali

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Lab. Business and Communication English
Corsidilaureain: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (CNA-LS)

Prof. FERGUSON ELIZABETH ANNE betsypontellini@yahoo.com

ObiettiviFormativi:
Per poter operare con successo nell’economia globale, le aziende dovranno utilizzare sempre di più la lingua inglese,
non soltanto nella tradizionale corrispondenza commerciale con l’estero ma anche nella stesura di una vasta gamma di
materiali promozionali ed informativi spesso sconosciuti ai non addetti ai lavori. Dopo aver preso coscienza della varietà
di materiali in lingua prodotti dalle aziende, lo studente sarà introdotto all’analisi del messaggio pubblicitario in lingua
inglese e alla comprensione delle norme grammaticali e stilistiche per la stesura di vari tipi di testo (tra cui istruzioni,
comunicati stampa, cataloghi, relazioni annuali) per metterlo in grado di comprendere e produrre materiali originali in
lingua (signs, sandwichboards, slogans, ads, brochures, leaflets, viral marketing, catalog copy, labels, newsletters, press
releases and kits, instructions, ecc.).
Programma:
Partendo da un’analisi del linguaggio della pubblicità e delle particolari caratteristiche dei materiali promozionali ed
informativi in lingua inglese, si procederà ad esaminare una gamma di materiali autentici in lingua, tra cui press releases
ed altri tipi di media resources, relazioni annuali, istruzioni, manuali, materiali multimediali per la formazione del
personale, depliant e cataloghi, direct mail, inserzioni pubblicitarie, etichette e cartellonistica. Saranno illustrate le
‘norme’ per la corretta stesura di alcuni tipi di testo (comunicati stampa, istruzioni, ecc.). Nella discussione dei testi
pubblicitari, si evidenzieranno le varie strategie utilizzate, tra cui: PSP, USP, AIDA and benefit-oriented copy; active vs.
passive verbs; ‘voice’, use of sentence types and pronouns; buzz words; polysemy, puns, presupposition; formality,
‘real speech’ and ‘everyday talk’; figurative language (metaphor, simile, synecdoche, metonymy); parallelism;
alliteration, assonance, homophones; ellipsis and substitution, associative meanings and connotations.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali con utilizzo di supporti audiovisivi, attività di laboratorio. Le parti da approfondire saranno indicate
durante il corso.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati e preparazione di lavori
individuali da portare e discutere in sede di esame orale.
Testidistudio:
- Cleary M., Ferguson E. & Taylor J., Behind Business, Editrice Montefeltro, Urbino, 2007
- Dispensa: Language of Advertising and Promotion: Glossary, Key Strategies & Grammar Review.
Modalitàdiaccertamento:
Esame scritto e orale in lingua inglese, valutazione del portfolio di lavoro prodotto da ciascuno studente.
................................................................................................................................
Lab.computergrafica

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Tecnologie di elaborazione dell’immagine digitale
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)
158
vademecum 2009/10
159
insegnamenti
Prof. CAPANNA PISCE’ GUIDO guido.capannapisce@uniurb.it
Ricevimento: Durante il periodo delle lezioni mercoledì dalle 12 alle 13, diversamente previa richiesta via email.

ObiettiviFormativi:
Il modulo intende fornire i principi ed i metodi dell’eidomatica, le basi concettuali dell’analisi e della sintesi delle
immagini, limitatamente ai campi di interesse principale della multimedialità. Ci si interessa cioè prevalentemente di
esaminare metodi e principi per creare o elaborare immagini il cui scopo principale è di essere canali di comunicazione
tra persone o tra le persone e l’elaboratore. Inoltre il modulo intende fornire le basi per l’utilizzo professionale delle
tecnologie dell’immagine digitale. Saranno affrontate tutte le problematiche legate alla creazione e alla elaborazione
delle immagini vettoriali e raster sia per applicazioni on line che off line.
Programma:
Immagine digitale, risoluzione e dimensioni, scala tonale e profondità di colore, dithering, campionare un’immagine, il
colore, principali spazi colore, i dispositivi per catturare, vedere e riprodurre, relazioni tra pixel, distanza tra pixel, filtri
per immagini, filtri a maschera. Concetti fondamentali di grafica raster e vettoriale, impostazioni di un documento,
disegnare, operazioni con gli oggetti, trasformazione e distorsione degli oggetti, uso di livelli, simboli e stili, colori, tratti e
riempimenti, gestione dei colori, uso del testo, stampa, salvataggio ed esportazione dei file.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, attività didattiche in laboratorio ed esercitazioni.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
Spera M., Abecedario del grafico. La progettazione tra creatività e scienza, Seconda edizione, Gangemi, Roma, 2005
Adobe staff, Adobe Photoshop CS4-Classroom in a book, Pearson Education Italia - Adobe Press, Milano, 2009 Adobe
Staff, Adobe Illustrator CS4-Classroom in a book, Pearson Education Italia - Adobe Press, Milano, 2009 Adobe
Staff, Adobe indesign CS4-Classroom in a book, Pearson Education Italia -Adobe Press, Milano, 2009
Nota per tutti: per informazioni http://www.ppbm.it
Modalitàdiaccertamento:
Esame scritto e/o orale e valutazione dei lavori prodotti dallo studente, anche in itinere.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio dei testi indicati e dei materiali messi a disposizione. Realizzazione degli esercizi indicati.
Obblighi:
Realizzazione di lavori concordati preventivamente con il docente.
Testidistudio:
Spera M., Abecedario del grafico. La progettazione tra creatività e scienza, Seconda edizione, Gangemi, Roma, 2005
Adobe staff, Adobe Photoshop CS4-Classroom in a book, Pearson Education Italia - Adobe Press, Milano, 2009 Adobe
Staff, Adobe Illustrator CS4-Classroom in a book, Pearson Education Italia - Adobe Press, Milano, 2009 Adobe
Staff, Adobe indesign CS4-Classroom in a book, Pearson Education Italia -Adobe Press, Milano, 2009
Nota per tutti: per informazioni http://www.ppbm.it
Nota: si consiglia di contattare il docente per l’uso di testi alternativi.
Modalitàdiaccertamento:
Esame scritto e/o orale e valutazione dei lavori prodotti dallo studente, anche in itinere.
................................................................................................................................
Lab.comunicazioneeventispettacolari

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. ALESSI ROBERTO




................................................................................................................................
Lab.comunicazioneturistica

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Strumenti di analisi e di comunicazione per il turismo
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. ANTONIONI STEFANIA stefania.antonioni@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso intende fornire agli studenti una serie di strumenti che permettano di essere attivi sia nell’ambito della ricerca,
sia in quello della comunicazione riguardanti il settore turistico.
Programma:
Il corso si propone di fornire strumenti di indagine ed empirici volti alla organizzazione di campagne di comunicazione
nel settore turistico a partire dall’analisi delle forme dell’immaginario relativo al viaggio. A questo scopo verranno presi
in esame casi concreti tratti dal panorama della comunicazione turistica, concentrandosi in particolare sulle campagne di
comunicazione integrata che prevedano l’uso di strumenti afferenti alla logica del web 2.0. Gli studenti saranno
impegnati in lavori di gruppo che permettano loro di mettere alla prova le tecniche di indagine e gli strumenti di
comunicazione con i quali hanno familiarizzato dal punto di vista teorico.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, analisi di case histories, lavori di gruppo.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno i 3/4 delle ore di lezione.
Testidistudio:
- Gemini L., In viaggio. Immaginario, comunicazione e pratiche del turismo contemporaneo, FrancoAngeli, Milano,
2008.
- Giordana F., La comunicazione del turismo tra immagine, immaginario e immaginazione, FrancoAngeli, Milano, 2008.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e presentazione di lavori di gruppo.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi in programma
Testidistudio:
- Gemini L., In viaggio. Immaginario, comunicazione e pratiche del turismo contemporaneo, FrancoAngeli, Milano, 2008.
- Giordana F., La comunicazione del turismo tra immagine, immaginario e immaginazione, FrancoAngeli, Milano, 2008.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Lab.comunicazionevisiva
--

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. FRANCIOSO ROBERTO
................................................................................................................................
Lab.dicostruzionedelmessaggiopubblicitarioI
SPS/08

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Strategia, creatività, forme ed evoluzione del messaggio pubblicitario
Corsidilaureain: Comunicazione pubblicitaria (CNA-L)

160
vademecum 2009/10
161
insegnamenti
Prof. LIVI MARCO marco@marcolivi.com

ObiettiviFormativi:
Introdurre ai processi strategici e creativi coinvolti nella costruzione del messaggio pubblicitario, dal punto di vista dei
diversi media (convenzionali e non convenzionali) utilizzati. Fornire delle linee guida rispetto alle mutazioni in corso
nella comunicazione pubblicitaria.
Programma:
Elementi di strategia. La marca e sue recenti evoluzioni. La creatività pubblicitaria nei diversi media: l’importanza
dell’”idea” e del pensiero strategico di base. I grandi copywriter della storia. Mutazioni in corso. La “pubblicità” non
convenzionale.
Modalitàdidattiche:
Lezioni teoriche intercalate dalla visione/analisi di esempi significativi, italiani e internazionali
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
- Ferraresi M., Mortara A., Sylwan G., Manuale di teorie e tecniche della pubblicità, Carocci, Milano, 2007 Nota: Testo
obbligatorio (le sole parti indicate a lezione)
- Cova B.-Giordano A.-Pallera M., Marketing non-convenzionale, Sole 24 Ore, Milano 2007 Nota: Testo suggerito
- Ambrosio G., Le nuove terre della pubblicità, Meltemi, Roma, 2005 Nota: Testo suggerito
- Buchanan M., Nexus. Perché la natura, la società, l’economia, la comunicazione funzionano nello stesso modo,
Mondadori, Milano, 2003 Nota: Testo suggerito.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e/o prova scritta

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati e della dispensa del corso. Allo studente si chiede inoltre di scegliere un annuncio pubblicitario a
stampa (quotidiani, riviste) da commentare in sede d’esame.
Testidistudio:
- Ferraresi M., Mortara A., Sylwan G., Manuale di teorie e tecniche della pubblicità, Carocci, Milano, 2007
Nota: Testo obbligatorio (capitoli: 1-2-3-4-5-7)
- Cova B.-Giordano A.-Pallera M., Marketing non-convenzionale, Sole 24 Ore, Milano 2007 Nota: Testo obbligatorio
- Ambrosio G., Le nuove terre della pubblicità, Meltemi, Roma, 2005
Nota: Testo suggerito
- Buchanan M., Nexus. Perché la natura, la società, l’economia, la comunicazione funzionano nello stesso modo,
Mondadori, Milano, 2003
Nota: Testo suggerito.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Lab.dicostruzionedelmessaggiopubblicitarioII
SPS/08

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Dal brief alle idee, al messaggio (convenzionale e non). Primi passi nel copywriting.
Corsidilaureain: Comunicazione pubblicitaria (CNA-L)

Prof. LIVI MARCO marco@marcolivi.com

ObiettiviFormativi:
Introdurre ad un approccio strategico-creativo finalizzato alla costruzione del messaggio pubblicitario.
Programma:
Dall’analisi del brief, allo sviluppo di idee e concetti creativi, alla costruzione del messaggio (convenzionale e non
convenzionale). Il focus è sull’aspetto concettuale/testuale.

Modalitàdidattiche:
Il modulo avrà una spiccata formula laboratoriale, con esercitazioni pratiche intercalate a visione di esempi e momenti
di approfondimento teorico.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
- Ambrosio G., Siamo quel che diciamo, Meltemi, Roma 2002 Nota: Testo obbligatorio
- Pirella E., Il copywriter - mestiere d’arte, Il Saggiatore, Milano 2002 Nota: Testo suggerito
- Polesana M. A., La pubblicità intelligente. L’uso dell’ironia in pubblicità, FrancoAngeli, Milano, 2005 Nota: Testo
suggerito.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione dei lavori prodotti dallo studente, anche in itinere.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati e della dispensa del corso. Produzione di proposte creative in relazione al programma del corso.
Testidistudio:
- Ambrosio G., Siamo quel che diciamo, Meltemi, Roma 2002 Nota: Testo obbligatorio
- Pirella E., Il copywriter - mestiere d’arte, Il Saggiatore, Milano 2002 Nota: Testo suggerito
- Polesana M. A., La pubblicità intelligente. L’uso dell’ironia in pubblicità, FrancoAngeli, Milano, 2005 Nota: Testo
suggerito
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale. Valutazione di lavori prodotti dallo studente, precedentemente concordati con il docente.
................................................................................................................................
Lab.dilinguaggidellapubblicità

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. RAMBERTI FRANZ franz@caleidon.it

ObiettiviFormativi:
Il corso intende offrire uno sguardo su come si è evoluta la comunicazione rivolta ai cittadini dalla grafica di pubblica
utilità degli anni ‘70 all’attuale comunicazione dei Piani Strategici.
Mostrando alcuni esempi storicizzati come il lavori di Massimo Dolcini per il comune di Pesaro o il progetto I’m
amsterdam della capitale olandese si intende riflettere sull’evoluzione e le caratteristiche della pubblicità di servizio
soprattutto in riferimento all’attivazione di processi e metodologie partecipative che coinvolgono gli esperti di
comunicazione im un lungo percorso di lettura, immaginazione e costruzione del futuro delle nostre città.
Il laboratorio intende sperimentare concretamente alcuni percorsi di comunicazione proponendo soluzioni a scenari
reali o plausibili.
Programma:
Breve introduzione al tema di ogni lezione e visione di alcuni elaborati significativi.
Modalitàdidattiche:
Lezioni introduttive, lavori di gruppo e singolarmente.
Obblighi:
Frequenza delle lezioni, studio individuale, eventuale partecipazione a lavori di gruppo o individuali.
Testidistudio:
- AA. VV., L’utile Manifesto. La grafica di Massimo Dolcini per il Comune di Pesaro 1976-1987, Fara editore, 2006
- Newark Q.,Introduzione ala grafica, Logos, 2003
- Rauch A.,Graphic design,Mondadori, 2006.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione dei lavori individuali o di gruppo.


162
vademecum 2009/10
163
insegnamenti
................................................................................................................................
Lab.formeelinguaggideldigitale-idoneità
SPS/08

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Laboratorio Forme e linguaggi del digitale
Corsidilaureain: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (CNA-LS)

Prof. CRIVELLARO ROBERTO roberto.crivellaro@gmail.com

ObiettiviFormativi:
Fornire allo studente il supporto tecnico per eseguire un progetto. Il corso prevede una prima fase di istruzioni di base
sugli applicativi fondamentali utilizzati per la grafica e il foto ritocco e per l’impaginazione elettronica. Accenni su
multimedia e Internet. Durante il corso ci saranno esempi pratici con risoluzione dei vari problemi (utilizzo delle
immagini e dei font, separazione colore in tinte piatte e in quadricromia). Infine il corso si concluderà con un progetto
portato a termine dagli allievi.
Programma:
Introduzione al software grafico. La differenza fra le immagini vettoriali e immagini raster. Introduzione al software di
impaginazione. I caratteri tipografici. Le macchine da stampa offset e le macchine digitali. Preparazione di esecutivi per
la stampa.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni.
Obblighi:
Frequenza delle lezioni, studio individuale ed eventuale partecipazione a lavori individuali o di gruppo.
Testidistudio:
- Gordon M., Gordon B., Guida alla grafica digitale, Logos Books, Modena, 2002
Modalitàdiaccertamento:
Esame scritto e/o orale, valutazione dei lavori prodotti dallo studente.
................................................................................................................................
Lab.informaticaapplicata

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Lab. informatica applicata
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. SORINI LAERTE laerte.sorini@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Lo scopo del modulo è quello di approfondire le tematiche legate agli strumenti tipici di Office e alle reti Intranet ed
Internet, analizzare le possibilità tecnologiche, i temi della sicurezza, nonché l’utilizzo di strumenti per la costruzione di
pagine web, e strumenti grafici per la manipolazione di immagini.
Programma:
Una parte sarà dedicata all’utilizzo degli strumenti tipici di office quali Access, Excel, PowerPoint, Word, quindi si
approfondiranno le tecnologie di reti con particolare riferimento alle problematiche legate ad Internet, sicurezza
delle reti. Utilizzo in laboratorio degli strumenti necessari allo sviluppo di pagine web.
Attivitàasupportodelladidattica:
Sperimentazione in laboratorio sulla parte riguardante le reti.
Modalitàdidattiche:
Verranno descriti i principali strumenti di office e il loro utilizzo quindi si svilupperà il tema delle reti di calcolatori,
Internet in particolare, motori di ricerca, la sicurezza. Si esamineranno i vari tipi si siti web.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno il 3/4 delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
Dispense a cura del docente
Modalitàdiaccertamento:
Scritto a quiz e prova di laboratorio.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Si svilupperà il tema delle reti di calcolatori, Internet in particolare, motori di ricerca, la sicurezza. Si esamineranno i vari
tipi si siti web.
Testidistudio:
Dispense a cura del docente
Modalitàdiaccertamento:
Scritto a quiz e prova di laboratorio.
Note:
L’URL dove scaricare il materiale per il corso verrà comunicato nella prima lezione.
................................................................................................................................
Lab.internetcommunication

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Introduzione all’Architettura dell’Informazione ed alla User Experience
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. CAPANNA PISCE’ GUIDO guido.capannapisce@uniurb.it
Ricevimento: Durante il periodo delle lezioni mercoledì dalle 12 alle 13, diversamente previa richiesta via email.

ObiettiviFormativi:
Il corso ha lo scopo di proporre una metodologia, un “processo di produzione” di una applicazione web con una
speciale attenzione verso il punto di vista dell’organizzazione informativa e della percezione dell’utente. Il processo è
diviso in quattro fasi cui corrisponderanno altrettanti momenti del corso.
Progettare software per il web significa affrontare da una parte la moltitudine delle conoscenze tecnologiche, dall’altra la
complessità comunicativa. Entrambi questi aspetti si riveleranno utili per un approccio valido e coerente. Si rende quindi
necessario nella prima parte del corso affrontare un excursus storico - metodologico della “Cultura del Web” necessario
per un corretto approccio progettuale. La seconda parte del corso prende in esame la necessità di conoscere in modo
approfondito obiettivi ed utenti utilizzando strumenti della metodologia della ricerca sociale e dell’Architettura
dell’informazione. La terza parte prevederà lo studio e la strutturazione dei contenuti. Nell’ultima parte si procederà alla
finalizzazione, assistita dal docente, del progetto che gli studenti avranno realizzato contestualmente alle prime fasi.
Programma:
I tre assi della progettazione per il web: cultura, contesto, contenuto.
Cultura del web: Informazione digitale; interazione tra uomo e macchina - l’evoluzione dei sistemi digitali; la telematica
e le reti di computer; Internet - uomini, tecnologie e socializzazione tecnologica -; Dagli ipertesti alle interfacce software
remote. Contesto: La progettazione centrata sull’utente; Definizione degli obiettivi; Indagine sul target; Analisi
competitiva; Definizione dei personaggi (I modelli “Persona”); Task analysis; Scenari d’uso. Contenuto: Inventario dei
contenuti; Organizzazione dei contenuti; Labeling; Mappa strutturale del sito; Flussi informativi; Navigazione;
Architettura delle pagine; Percorsi adattivi.
Sviluppo: è la fase di realizzazione e di compimento del progetto.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, attività didattiche in laboratorio ed esercitazioni.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
- Morville P., Rosenfeld L., Architettura dell’informazione per il World Wide Web, Tecniche Nuove, Milano, 2002.
Modalitàdiaccertamento:
Esame scritto e/o orale e valutazione dei lavori prodotti dallo studente, anche in itinere.



164
vademecum 2009/10
165
insegnamenti
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio dei testi indicati e dei materiali messi a disposizione. Realizzazione degli esercizi indicati.
Obblighi:
Realizzazione di lavori concordati preventivamente con il docente.
Testidistudio:
- Morville P., Rosenfeld L., Architettura dell’informazione per il World Wide Web, Tecniche Nuove, Milano, 2002.
Modalitàdiaccertamento:
Esame scritto e/o orale e valutazione dei lavori prodotti dallo studente, anche in itinere.
................................................................................................................................
Lab.jingle
L-ART/07

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Jingle ti tenta tre volte tanto
Corsidilaureain: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (CNA-LS)

Prof. SAMPAOLI LUCIANO lsampaoli@libero.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di formare una nuova figura professionale capace di muoversi con forte creatività nell’ambito della
musica e della comunicazione.
Programma:
Il corso si divide in tre parti: 1) I linguaggi musicali 2) Grammatica della musica 3) Realizzazione di headline e jingle.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. Lavoro individuale e di gruppo.
Obblighi:
Frequenza delle lezioni, studio individuale ed eventuale partecipazione a lavori individuali o di gruppo.
Testidistudio:
-Julien J. R., Musica e pubblicità. Dai gridi medioevali ai jingle radiotelevisivi., Ed. Ricordi-Unicopli, Milano, 1992
-Sampaoli L., Fiori notturni, l’amore oscuro di Giovanni Pascoli, Il Ponte Vecchio, Cesena, 2005.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione dei lavori individuali e di gruppo.
................................................................................................................................
Lab.Linguaggidellapubblicità:copywriting
L-LIN/01

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Progettazione e realizzazione della comunicazione audiovisiva
Corsidilaureain: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (CNA-LS)

Prof. RITTER FABIO fabioritter23@gmail.com

ObiettiviFormativi:
Come affrontare la progettazione di una comunicazione audiovisiva; conoscenza degli elementi della comunicazione
sonora e visiva; messa a punto degli strumenti critici; il percorso produttivo; la scrittura; introduzione alle diverse figure
professionali coinvolte nella produzione audiovisiva. Come gestire la creatività. Come affrontare il briefing. Come
definire la strategia di comunicazione. Come verificare la qualità dell’idea creativa. Come seguire la produzione.
Esercitazioni pratiche singole e di gruppo.
Programma:
Analisi critica di spot, film e radio. Interpretare la propria scrittura. Allargare i confini mentali attraverso i droodles.
L’importanza della musica. Case histories. Internet: maschio o femmina? I nuovi media.
Modalitàdidattiche:
Il modulo avra una spiccata formula laboratoriale, con esercitazioni pratiche intercalate a visione di esempi e momenti
di approfondimento teorico.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
-Cerami V., Consigli a un giovane scrittore, Einaudi, Torino, 1996
-Crompton A., Il mestiere del copywriter, Lupetti, Milano, 1993
-Arnheim R., La radio - l’arte dell’ascolto, Editori Riuniti, Roma, 1987
-Menduni E., Il mondo della radio - dal transistor a internet, il Mulino, Bologna 2006.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione dei progetti prodotti dallo studente, anche in itinere.
................................................................................................................................
Lab.linguaggivideo

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. SALIMBENI STEFANO
................................................................................................................................
Lab.mediaplanning
SPS/08

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Le scelte di pianificazione e le strategie media
Corsidilaureain: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (CNA-LS)

Prof. SORRENTINO LUIGI luigi.sorrentino@mindshareworld.com

ObiettiviFormativi:
Conoscenza generale dell’argomento con approfondimento su Stampa, affissione, Cinema, On line e TV/radio . Analisi
di casi, lavori individuali e di gruppo volti alla definizione di una strategia di comunicazione. Realizzazione di un piano
mezzi attraverso la definizione del Media Plan coerente agli obiettivi di Marketing.
Programma:
Oggi comunicare è un’impresa difficile e costosa. Negli ultimi anni, i mezzi e i format si sono moltiplicati. Dunque, le
organizzazioni necessitano sempre di più, di collaboratori esperti e qualificati nel mondo dei media, che siano in grado
di avvalersi di strumenti tecnici raffinati. Al centro della pubblicità sta sempre più saldamente l’approccio del planning. E’
sulla professione media che poggia gran parte delle sorti della pubblicità. Chi svolge questa funzione deve decidere
come, dove e quando spendere il budget stanziato per promuovere marchi e prodotti.
Scenario generale e caratteristiche dei mezzi. Approfondimento mezzi: Stampa, Tv e Radio, Affissione. Esercitazioni
pratiche in aula.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni.
Obblighi:
Frequenza delle lezioni, studio individuale ed eventuale partecipazione a lavori individuali o di gruppo.
Testidistudio:
- Wotton S., Horne T., Come fare una strategia. Passo dopo passo, Lupetti, Milano, 2003
- Fiorani E., Grammatica della Comunicazione, Lupetti, Milano, 2003
- Innaccone C., La perfetta pianificazione della pubblicità sui media, Lupetti, Milano, 2005
- Errante S., Mancinelli A., Dal brief di agenzia al piano mezzi, FrancoAngeli, Milano, 2003
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale o scritto e valutazione dei lavori individuali e di gruppo.
................................................................................................................................
Lab.produzionevideo-idoneità
SPS/08

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
166
vademecum 2009/10
167
insegnamenti
Titolocorso: Introduzione alla produzione e postproduzione video.
Corsidilaureain: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (CNA-LS)

Prof. SALVUCCI MASSIMO massimosalvucci@libero.it

ObiettiviFormativi:
Attraverso la realizzazione di un piccolo audiovisivo si apprenderanno le tecniche di base della ripresa e del montaggio
digitale.
Programma:
1) Introduzione: le tecnologie digitali 2) Ideazione e organizzazione di un audiovisivo 3) Elementi di ripresa digitale 4)
Elementi di montaggio digitale.
Modalitàdidattiche:
Analisi di materiali visivi, realizzazione di un video.
Obblighi:
Frequenza della lezioni, studio individuale e partecipazione a lavori individuali o di gruppo.
Testidistudio:
-Materiali segnalati a lezione dal docente.
Modalitàdiaccertamento:
Valutazione dei lavori individuali e di gruppo.
................................................................................................................................
Lab.scritturacreativa

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Nell’officina di poeti e narratori
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. PIERSANTI UMBERTO info@umbertopiersanti.it

ObiettiviFormativi:
Fare comprendere agli studenti come la “creatività” e la “tecnica” siano indissolubilmente unite in ogni testo dotato di
valere artistico.
Programma:
1. Introduzione generale
2. Analisi dei singoli testi
3. Sintesi critica
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari
Obblighi:
Assicurare la presenza ad almeno 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
U. Piersanti, L’albero delle nebbie, Einaudi, Torino 2008
U. Piersanti, Tra alberi e vicende, Archinto, Milano 2009
U. Piersanti, Olimpo, Avagliano, Roma 2006
C. Pavese, La luna e i falò, Einaudi, Torino
C. Viviani, Credere all’invisibile, Einaudi, Torino 2009
A. Napoli, Le api dell’invisibile, Poeti italiani 1968-2008, Medusa Editore (uscita Ott. 2009)
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
U. Piersanti, L’albero delle nebbie, Einaudi, Torino 2008
U. Piersanti, Tra alberi e vicende, Archinto, Milano 2009
U. Piersanti, Olimpo, Avagliano, Roma 2006
C. Pavese, La luna e i falò, Einaudi, Torino
C. Viviani, Credere all’invisibile, Einaudi, Torino 2009
C. Pavese, Dialoghi con Leucò, Einaudi, Torino
A. Napoli, Le api dell’invisibile, Poeti italiani 1968-2008, Medusa Editore (uscita Ott. 2009)
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Lab.socialmedia

CFU 5 • DURATA 40 • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Social media lab
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. GRANIERI GIUSEPPE g.granieri@gmail.com

ObiettiviFormativi:
1. Fornire strumenti teorici e metodologici per riconoscere ed interpretare i processi sociali e culturali nei network digitali
e nei media sociali in generale;
2. Fornire strumenti teorici e metodologici per definire le regole formali e relazionali nei network digitali e nei media
sociali in generale;
3. Fornire strumenti pratici per l’utilizzo attivo e progettuale degli ambienti di network e nei media sociali in generale.
Programma:
1. Dalla grammatica dei media di massa alla grammatica dei network digitali: lettura contrastiva;
2. grammatiche culturali che cambiano coi media: la cultura verso cui stiamo andando, l’umanità accresciuta;
3. i network che si affermano facendo quello che gli altri media non fanno: costruzione di relazioni e logiche funzionali
costruiite sui comportamenti individuali;
4. identità e relazione nell’ambiente immateriale: contenuto, contesto, utenti;
5. le vocazioni dei diversi ambienti mediali: scambio e condivisione di informazioni e conoscenza;
6. le vocazioni dei diversi ambienti mediali: comunicazione;
7. le vocazioni dei diversi ambienti mediali: azione e partecipazione;
8. elementi di progettazione e analisi del networking: regole implicite, regole esplicite, regole sociali.
9. elementi base di information literacy
Le lezioni prevedono la realizzazione di un progetto di laboratorio.
Attivitàasupportodelladidattica:
Le lezioni prevedono la realizzazione di un progetto di laboratorio
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari/laboratorio
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione.
Studio individuale dei testi indicati
Testidistudio:
Granieri G., Umanità accresciuta, Laterza (Roma-Bari, 2009)
Shirky C., Uno per uno, tutti per tutti. Il potere di organizzare senza organizzazione. Codice (Torino, 2009)
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
Granieri G., Umanità accresciuta, Laterza (Roma-Bari, 2009)
Shirky C., Uno per uno, tutti per tutti. Il potere di organizzare senza organizzazione. Codice (Torino, 2009)

168
vademecum 2009/10
169
insegnamenti
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
Lab.webcontent

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Lab web content
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. Callioni Emanuele emanuele.callioni@libero.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti le competenze minime necessarie per realizzare e gestire un piccolo sito web,
con particoleare attenzione alla fase di progettazione e al coinvolgimento nell’ambito professionale di figure specifiche
atte alla realizzazione dello stesso progetto.
Programma:
Concetti di base della tecnologia sulla pubblicazione on line
1. Accenni sul World Wide web (storia, sviluppo, prospettive) verso il web 3.0
2. Elementi essenziali per la realizzare un sito Internet: la scelta dei fornitori, le tecnologie, l’inserimento della pubblicità i
servizi on line ecc.
3. Modalità per gestire un dominio internet.
4. Gestire lo spazio su un server Internet.
5. Gli strumenti authoring (Html confrontato con questi sistemi).
6. Accenni sui Content Management System (CMS)
7. Accenni ai sistemi di Multidelivery su diverse piattaforme (Web, telefonia mobile, dtt)
8. Creazione pagine web con sistema di authoring - Organizzare sito: Layout e Template, Alberatura e work flow di
lavoro. Pagine: come realizzarle e organizzarle. Pubblicazione on line (FTP ecc.)
Attivitàasupportodelladidattica:
laboratori, seminari, etc.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari/laboratorio, lavori di gruppo con simulazione di alcuni casi aziendali.
Le parti da approfondire saranno indicate durante il corso.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione.
Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Il testo ed eventuali dispense verranno indicate dal docente durante le lezioni
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta intermedia e/o finale (alla conclusione del modulo)

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studi dei testi di riferimento
Testidistudio:
Contattare il docente per e-mail
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale;
e/o verifica scritta
................................................................................................................................
Lab.webcontentperl’impresa

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)
Prof. VENTURINI FEDERICO federico.venturini@gmail.com
ObiettiviFormativi:
Sviluppare le capacità analitiche, progettuali e creative degli studenti per metterle a confronto con la pratica
professionale del Content Manager.
Programma:
Gli studenti verranno coinvolti in un progetto di Content Management collaborativo, utilizzando piattaforme di personal
publishing.
Avranno modo di familiarizzare con le più recenti tecnologie e pratiche della comunicazione online, della gestione e
promozione dei contenuti.
Verranno passati in rassegna case histories della comunicazione web aziendale e istituzionale, senza perdere di vista
l’originalità apportata dalle communities informali e di interesse. In particolare gli studenti saranno chiamati a riflettere
sull’impatto sociale delle nuove tecnologie della comunicazione, sul fenomeno dei network sociali e sul significato del
così detto “Web 2.0”.
Alla valutazione finale concorreranno in modo determinante (50%) il livello di partecipazione, l’originalità dei contributi,
la capacità tecnica di gestione di un blog.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni in aula, utilizzo di blog e pagine wiki per l’archiviazione di materiali didattico e di studio.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento e del materiale distribuito durante le
lezioni e reso disponibile sul sito del docente www.webwrite.it e sul wiki di laboratorio (http://webcontentlab.pbwiki.
com): articoli e tutorials tratti da siti specialistici.
Case history.
Schede e slide distribuite e discusse a lezione
Testidistudio:
Testi obbligatori:
-Dispensa del Docente
-Maistrello S., La parte abitata della rete, Tecniche Nuove, Milano, 2007
-Spadaro A., Connessioni. Nuove forme della cultura al tempo di Internet, Pardes Edizioni, Bologna, 2006.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento e del materiale distribuito durante le lezioni e reso disponibile sul sito del docente www.
webwrite.it e sul wiki di laboratorio (http://webcontentlab.pbwiki.com): articoli e tutorials tratti da siti specialistici.
Case history
Schede e slide distribuite e discusse a lezione.
Testidistudio:
Testi obbligatori:
- Dispensa del Docente
- Maistrello S., La parte abitata della rete, Tecniche nuove, Milano, 2007
E due volumi a scelta fra:
- Massarotto M., Internet PR. Il dialogo in rete tra aziende e consumatori, Apogeo, Milano, 2008
- Anderson C., La coda lunga. Da un mercato di massa a una massa di mercati, Codice Edizioni, Torino, 2007
- Spadaro A., Connessioni. Nuove forme della cultura al tempo di Internet, Pardes Edizioni, Bologna, 2006
- Granieri G., Blog Generation, Laterza, Roma-Bari, 2004
- Lorenzetti L., Fare un giornale online, Audino Editore, Busto Arsizio, 2004
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Laboratoriocostruzionemessaggiopubblicitario
SPS/08

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)
Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.

170
vademecum 2009/10
171
insegnamenti
................................................................................................................................
Laboratoriodellascrittura
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La scrittura come dono
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. SBARBATI SILVANO aitejesi@alice.it

ObiettiviFormativi:
Delineare e praticare attraverso attività di tipo laboratoriale il lavoro di scrittura in un approccio di base.
Programma:
La scrittura e la corporeità - la scrittura e la lettura - i tempi e i ritmi della scrittura - scrittura come descrizione - editing
- lettura e rappresentazione - critica militante - la scrittura e il “dono”
Modalitàdidattiche:
Attività di tipo laboratoriale con frequenza obbligatoria con al massimo 8 ore di assenza
Obblighi:
Frequenza obbligatoria - 8 ore massimo di assenza
Testidistudio:
Si precisa che i testi non sono obbligatori:
- Ong W., Oralità e scrittura, Il Mulino, Bologna, 1986.
- Calvino I., Lezioni americane, Mondadori, Milano, 1993.
- Volli U., Il libro della comunicazione, Il Saggiatore, MIlano, 19943.
- Corno D., Dalla comunicazione al testo, Centro Scientifico editore, Torino, 1996.
- Barthes R., Variazioni sulla scrittura, seguite da Il Piacere del testo, Einaudi, Torino, 1999.
- Wazlatzlavich, P., Pragmatica della comunicazione umana, Astrolabio, 1964.
Modalitàdiaccertamento:
Valutazione di elaborati prodotti nel corso dell’attiività laboratoriale.
Valutazione della modalità con cui lo studente ha “attraversato” l’esperienza laboratoriale
................................................................................................................................
Laboratoriodianalisiedescrizionearchivistica
M-STO/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Laboratorio di analisi e descrizione archivistica
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. GROSSI Monica monica.grossi@uniurb.it
Ricevimento: Dopo le lezioni e per appuntamento

ObiettiviFormativi:
Il laboratorio si propone di guidare gli studenti nell’acquisizione della teoria e della tecnica della descrizione archivistica,
con particolare attenzione all’attività di schedatura del materiale e di applicazione degli standard descrittivi nella
produzione di strumenti di corredo tradizionali e digitali.
Programma:
Dopo una ricognizione dello stato dell’arte in materia di normalizzazione in ambito nazionale e internazionale, si
affronteranno temi e problemi pratici della descrizione archivistica mediante l’analisi di alcuni casi di studio tratti dalla
realtà urbinate.
Il corso si articolerà in due fasi: nella prima si apprenderanno le tecniche di schedatura e descrizione del materiale
archivistico mediante esercitazioni pratiche in archivio; nella seconda, che avrà sede nelle aule del laboratorio
informatico dell’Istituto, saranno analizzate e utilizzate alcuni applicativi software per la descrizione archivistica.
Eventualipropedeuticità:
Conoscenze di archivistica generale.
Risultatidiapprendimento:
Capacità di orientamento nelle varie fasi dell’analisi e della descrizione di un fondo archivistico. Acquisizione delle
tecniche di descrizione archivistica.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, esercitazioni in istituti archivistici, visite guidate.
Obblighi:
Data la natura seminariale e pratica del corso è previsto l’obbligo di frequenza
Testidistudio:
P. Carucci, Le fonti archivistiche. Ordinamento e conservazione, Roma, La Nuova Italia Scientifica, 1983, pp. 132-237
(incluso il glossario e la circolare del 1966 sulla pubblicazione degli inventari).
M. Guercio, Manuale di archivistica informatica, Roma, Carocci, 2001 (capitolo 4, a cura di M. Grossi).
P. Caroli, D. Robotti, I presupposti e gli obiettivi dell’inventariazione, in “Archivi per la storia”, VII, 1 (1994), pp. 127-142.
ISAD (G): General International Standard Archival Description, 2 ed., 2000 (trad. it. a cura di S. Vitali, con la
collaborazione di M. Savoja, Madrid, 2000).
ISAAR (CPF): International Standard Archival Authority Records for Corporate bodies, Persons and Families, 2 ed., 2004:
lo standard è consultabile in rete sul sito dell’International Council on Archives all’indirizzo (testo originale in lingua
inglese) e <www.ica.org/biblio/ISAAR2-IT.pdf > (traduzione italiana).
E’ inoltre richiesta la capacità di consultazione di:
EAD: Encoded archival description. Tag Library (trad. it. EAD. Descrizione archivistica codificata. Dizionario dei
marcatori. Versione 2002, a cura di G. Michetti, Roma, ICCU, 2005).
Modalitàdiaccertamento:
Accertamento mediante prova pratica della capacità di predisporre schede descrittive conformi agli standard
internazionali e alla prassi descrittiva nazionale mediante applicazioni informatiche e successiva discussione delle scelte
adottate con riferimento alla teoria archivistica.
................................................................................................................................
LaboratoriodicomputergraficaIeII
ING-INF/05

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Tecnologie di elaborazione dell’immagine digitale I e II
Corsidilaureain: Comunicazione pubblicitaria (CNA-L)

Prof. CAPANNA PISCE’ GUIDO guido.capannapisce@uniurb.it
Ricevimento: Durante il periodo delle lezioni mercoledì dalle 12 alle 13, diversamente previa richiesta via email.

ObiettiviFormativi:
Il modulo intende fornire i principi ed i metodi dell’eidomatica, le basi concettuali dell’analisi e della sintesi delle
immagini, limitatamente ai campi di interesse principale della multimedialità. Ci si interessa cioè prevalentemente di
esaminare metodi e principi per creare o elaborare immagini il cui scopo principale è di essere canali di comunicazione
tra persone o tra le persone e l’elaboratore. Inoltre il modulo intende fornire le basi per l’utilizzo professionale delle
tecnologie dell’immagine digitale. Saranno affrontate tutte le problematiche legate alla creazione e alla elaborazione
delle immagini vettoriali e raster sia per applicazioni on line che off line.
Programma:
Immagine digitale, risoluzione e dimensioni, scala tonale e profondità di colore, dithering, campionare un’immagine, il
colore, principali spazi colore, i dispositivi per catturare, vedere e riprodurre, relazioni tra pixel, distanza tra pixel, filtri
per immagini, filtri a maschera. Concetti fondamentali di grafica raster e vettoriale, impostazioni di un documento,
disegnare, operazioni con gli oggetti, trasformazione e distorsione degli oggetti, uso di livelli, simboli e stili, colori, tratti e
riempimenti, gestione dei colori, uso del testo, stampa, salvataggio ed esportazione dei file.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, attività didattiche in laboratorio ed esercitazioni.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
Spera M., Abecedario del grafico. La progettazione tra creatività e scienza, Seconda edizione, Gangemi, Roma, 2005
172
vademecum 2009/10
173
insegnamenti
Adobe staff, Adobe Photoshop CS4-Classroom in a book, Pearson Education Italia - Adobe Press, Milano, 2009
Adobe Staff, Adobe Illustrator CS4-Classroom in a book, Pearson Education Italia - Adobe Press, Milano, 2009
Adobe Staff, Adobe indesign CS4-Classroom in a book, Pearson Education Italia -Adobe Press, Milano, 2009
Nota per tutti: per informazioni http://www.ppbm.it
Modalitàdiaccertamento:
Esame scritto e/o orale e valutazione dei lavori prodotti dallo studente, anche in itinere.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio dei testi indicati e dei materiali messi a disposizione. Realizzazione degli esercizi indicati.
Obblighi:
Realizzazione di lavori concordati preventivamente con il docente.
Testidistudio:
Spera M., Abecedario del grafico. La progettazione tra creatività e scienza, Seconda edizione, Gangemi, Roma, 2005
Adobe staff, Adobe Photoshop CS4-Classroom in a book, Pearson Education Italia - Adobe Press, Milano, 2009
Adobe Staff, Adobe Illustrator CS4-Classroom in a book, Pearson Education Italia - Adobe Press, Milano, 2009
Adobe Staff, Adobe indesign CS4-Classroom in a book, Pearson Education Italia -Adobe Press, Milano, 2009
Nota per tutti: per informazioni http://www.ppbm.it
Nota: si consiglia di contattare il docente per l’uso di testi alternativi.
Modalitàdiaccertamento:
Esame scritto e/o orale e valutazione dei lavori prodotti dallo studente, anche in itinere.
................................................................................................................................
Laboratoriodiproduzioneaudiovisuale
L-ART/05

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Strumenti e tecniche nel laboratorio audiovisuale
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. SALIMBENI STEFANO

ObiettiviFormativi:
Apprendimento dei metodi di elaborazione digitale dei materiali audiovisivi
Programma:
1. formati video analogici e digitali
2. le schede di acquisizione
3. il software per il montaggio non lineare
4. supporti output
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, esercitazioni
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
- Long B., Schenk S., Video digitale - Il Manuale, Apogeo, Milano, 2003 Nota: Capitoli 1-5, 9-18.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale, partecipazione alla realizzazione di un prodotto AV

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio del testo di riferimento
Testidistudio:
- Long B., Schenk S., Video digitale - Il Manuale, Apogeo, Milano, 2003 Nota: tutto il testo
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Laboratoriodiscritturacreativaelinguaggivideo
L-FIL-LET/11

CFU 6 • PERIODO II SESSIONE • DURATA 28 ore di lezione, 20 ore di laboratorio • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Luchino Visconti: un viaggio spettacolare nel mondo dell’Arte
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. MARCHETTI BIANCA MARIA bianca.marchetti.@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il Corso vuole essere una approfondita riflessione critica sulle dinamiche legate alla diffusione del mito viscontiano,
nell’ambito del sistema delle Arti e della Cultura contemporanea.
Programma:
La produzione cinematografica di Luchino Visconti verrà indagata in relazione a linguaggi artistici diversi: pittura,
fotografia, architettura, scenografia e televisione, vista come luogo di confronto dialettico tra forme, soluzioni narrative,
espressioni musicali, stili figurativi differenti, attraverso cui si afferma spettacolarmente il carattere plurale dell’opera del
Maestro.
L’organizzazione dello Spazio nei film di Visconti. Analisi dello Spazio pittorico, dello Spazio architettonico e dello Spazio
filmico.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e analisi dei film proiettati durante il Corso.
Fanno parte integrante del Corso le proiezioni dei film di Visconti, organizzate secondo un calendario predisposto
all’inizio delle lezioni.
Obblighi:
Frequenza delle lezioni per almeno 3/4 delle ore e visione dei film programmati dal docente.
Testidistudio:
Miccichè L., Luchino Visconti. Un profilo critico. Marsilio, Venezia, 1996. (obbligatorio)
Costa A., Il Cinema e le Arti visive, Einaudi, Torino, 2002. (Solo i Capitoli: Cap. II “Cinema e Pittura” (da pag.49 a pag.79),
Cap. VI “ Fra teoria e prassi” (da pag. 214 a pag. 282). (Obbligatori)
Modalitàdiaccertamento:
L’esame sarà costituito da un colloquio orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati e visione dei film di Luchino Visconti
Testidistudio:
Miccichè L., Luchino Visconti, Marsilio, Venezia, 1996. (Obbligatorio).
Costa A., Il cinema e le Arti visive, Einaudi, Torino, 2002. (Solo i Capitoli: Cap. II, “Cinema e pittura”, (da pag.49 a
pag.79), Cap. V “Avanguardie storiche, cinema e immaginario urbano” (da pag 157 a pag.204), Cap.VI “Fra teoria e
prassi”, (da pag. 214 a pag. 282) Obbligatori.
Modalitàdiaccertamento:
L’esame si svolgerà in forma orale.
................................................................................................................................
Laboratoriodiweb2.0
SPS/08

CFU 4 • DURATA 32 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Grammatica dei Network Digitali
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. GRANIERI GIUSEPPE


174
vademecum 2009/10
175
insegnamenti
ObiettiviFormativi:
1. Fornire strumenti teorici e metodologici per riconoscere ed interpretare i processi sociali e culturali nei network
digitali;
2. Fornire strumenti teorici e metodologici per definire le regole formali e relazionali nei network digitali;
3. Fornire strumenti pratici per l’utilizzo attivo e progettuale degli ambienti di network.
Programma:
1. Dalla grammatica dei media di massa alla grammatica dei network digitali: lettura contrastiva;
2. grammatiche culturali che cambiano coi media: la cultura verso cui stiamo andando, l’umanità accresciuta;
3. i network che si affermano facendo quello che gli altri media non fanno;
4. identità e relazione nell’ambiente immateriale: contenuto, contesto, utenti;
5. le vocazioni dei diversi ambienti mediali: scambio e condivisione di informazioni e conoscenza;
6. le vocazioni dei diversi ambienti mediali: comunicazione;
7. le vocazioni dei diversi ambienti mediali: azione e partecipazione;
8. elementi di progettazione e analisi del nettworking: regole implicite, regole esplicite, regole sociali.
Le lezioni prevedono la realizzazione di un progetto di laboratorio.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari/laboratorio
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale del testi indicati.
Testidistudio:
1. AA.VV., Post-Umano, Guerini, Milano, 2006 (pp. 43-56; 81-88; 163-183).
2. Granieri G., La Società Digitale, Laterza, Roma-Bari, 2006.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testidi riferimento.
Testidistudio:
1. AA.VV., Post-Umano, Guerini, Milano, 2006 (pp. 43-56; 81-88; 163-183).
2. Granieri G, La Società Digitale, Laterza, Roma-Bari, 2006.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
LaboratoriodiWebContent
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Reti e Conversazioni
Corsidilaureain: Comunicazione pubblicitaria (CNA-L)

Prof. VENTURINI FEDERICO federico.venturini@gmail.com

ObiettiviFormativi:
Sviluppare le capacità analitiche, progettuali e creative degli studenti per metterle a confronto con la pratica
professionale del Content Manager.
Programma:
Gli studenti verranno coinvolti in un progetto di Content Management collaborativo, utilizzando piattaforme di personal
publishing.
Avranno modo di familiarizzare con le più recenti tecnologie e pratiche della comunicazione online, della gestione e
promozione dei contenuti.
Verranno passati in rassegna case histories della comunicazione web aziendale e istituzionale, senza perdere di vista
l’originalità apportata dalle communities informali e di interesse. In particolare gli studenti saranno chiamati a riflettere
sull’impatto sociale delle nuove tecnologie della comunicazione, sul fenomeno dei network sociali e sul significato del
così detto “Web 2.0”.
Alla valutazione finale concorreranno in modo determinante (50%) il livello di partecipazione, l’originalità dei contributi,
la capacità tecnica di gestione di un blog.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni in aula, utilizzo di blog e pagine wiki per l’archiviazione di materiali didattico e di studio.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento e del materiale distribuito durante le
lezioni e reso disponibile sul sito del docente www.webwrite.it e sul wiki di laboratorio (http://webcontentlab.pbwiki.
com): articoli e tutorials tratti da siti specialistici.
Case history.
Schede e slide distribuite e discusse a lezione
Testidistudio:
Testi obbligatori:
-Dispensa del Docente
-Maistrello S., La parte abitata della rete, Tecniche Nuove, Milano, 2007
-Spadaro A., Connessioni. Nuove forme della cultura al tempo di Internet, Pardes Edizioni, Bologna, 2006.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento e del materiale distribuito durante le lezioni e reso disponibile sul sito del docente www.
webwrite.it e sul wiki di laboratorio (http://webcontentlab.pbwiki.com): articoli e tutorials tratti da siti specialistici.
Case history
Schede e slide distribuite e discusse a lezione.
Testidistudio:
Testi obbligatori:
- Dispensa del Docente
- Maistrello S., La parte abitata della rete, Tecniche nuove, Milano 2007
E due volumi a scelta fra:
- Massarotto M., Internet PR. Il dialogo in rete tra aziende e consumatori, Apogeo, Milano, 2008
- Anderson C., La coda lunga. Da un mercato di massa a una massa di mercati, Codice Edizioni, Torino, 2007
- Spadaro A., Connessioni. Nuove forme della cultura al tempo di Internet, Pardes Edizioni, Bologna, 2006
- Granieri G., Blog Generation, Laterza, Roma-Bari, 2004
- Lorenzetti L., Fare un giornale online, Audino Editore, Busto Arsizio, 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
LaboratorioopacebibliotecadigitaleI,IIAMI
M-STO/08

CFU 12 • PERIODO II SESSIONE • DURATA 96 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Laboratorio opac e biblioteca digitale
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. DELLA FORNACE ANNA MARIA dellafornace@abanet.it
Ricevimento: Al termine delle lezioni

ObiettiviFormativi:
Approfondire la conoscenza degli strumenti per il recupero delle informazioni in ambito bibliotecario con particolare
riferimento agli opac di nuova generazione e all’evoluzione del web 2.0.
Approfondire le capacità di utilizzo dei principali sistemi di indicizzazione in uso nelle biblioteche itaiane (Classificazione
Decimale Dewey ed. 22 e Nuovo soggettario).
Programma:
Introduzione all’evoluzione dei cataloghi elettronici: dai primi data base al web 2.0; il rinnovamento dei principi di
catalogazione e il futuro codice internazionale alla luce dell’innovazione tecnologica.
176
vademecum 2009/10
177
insegnamenti
Presentazione dei principali opac italiani e delle evoluzioni più significative degli altri paesi.
Illustrazione dell’edizione integrale della Classificazione Decimale Dewey ed. 22 e del Nuovo Soggettario con
esercitazioni e simulazioni di indicizzazione comparata.
Eventualipropedeuticità:
Aver seguito i corsi:
- Introduzione alla biblioteconomia e alla ricerca bibliografica
- Catalogazione e classificazione
Risultatidiapprendimento:
- Capacità di comprensione e abilità alla ricerca negli opac e in altri strumenti di recupero dell’informazione
- Capacità di analisi semantica e di costruzione sintattica con la CDD22 e il Nuovo Soggettario.
Attivitàasupportodelladidattica:
Esercitazioni all’utilizzo delle norme di indicizzazione e di ricerca negli opac
Modalitàdidattiche:
teoriche e pratiche
Testidistudio:
Riccardo Ridi, La biblioteca come ipertesto: verso l’integrazione dei servizi e dei documenti. Milano: Editrice
Bibliografica, 2007.
A. Marchitelli, T.Piazzini, Opac, sopac e socialnetworking:cataloghi di biblioteca 2.0 in “Biblioteche oggi” 26 (2008), n.2,
pp. 82-92, disponibile anche a: http://www.bibliotecheoggi.it/content/20080208201.pdf
R. David Lankes - Joanne Silverstein - Scott Nicholson, Le reti partecipative, la biblioteca come conversazione, traduzione
a cura del Gruppo di studio sulle biblioteche digitali dell’Associazione Italiana Biblioteche <http://www.aib.it/aib/cg/
gbdigd07.htm320>.
Michele Santoro, Questa sera si cataloga a soggetto. Breve analisi delle folksonomies in prospettiva bibliotecaria.
«Bibliotime», 10 (2007), n. 2, <http://www2.spbo.unibo.it/bibliotime/num-x-2/santoro.htm>.
L. M. Chan et al.., Classificazione Decimale Dewey. Guida pratica. 2. ed. aggiornata a DDC 21, Roma, AIB, 2001
Dewey: da 21 a 22, Roma, AIB, 2005
Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Nuovo Soggettario, Editrice Bibliografica 2007
A corredo delle lezioni verranno forniti altri suggerimenti di lettura, finalizzati all’approfondimento di singoli argomenti.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e prova pratica di indicizzazione.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Disponibilità di materiali di approfondimento e di esercitazioni.
Testidistudio:
Gli studenti non frequentanti sono invitati a presentarsi dal docente dopo l’inizio del corso al fine di concordare il
programma
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e prova pratica di indicizzazione.
................................................................................................................................
Letteraturaitalianamodernaecontemporanea
L-FIL-LET/11

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. MARCHI DONATELLA
................................................................................................................................
Linguaeculturafrancese(idoneità)
L-LIN/04

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO-PESARO
Titolocorso: Conoscenza della lingua e della cultura francese
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)
Prof. MOSCI GASTONE gastone.mosci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di insegnare la lingua francese a livello principiante, e a livello medio e di approfondirne la relativa
civiltà contemporanea.
Programma:
1. Conoscenza di base della lingua attraverso un test scritto
2. Conoscenza media e dettato
Modalitàdidattiche:
Lezioni di lettorato presso il CLA;
lezioni frontali di cultura e esercitazioni seminariali.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e laboratorio.
Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
AA.VV., Alter ego, Méthode de Français, vol. 1, Hachette, Paris, 2009
Steele R., Civilisation progressive du français, Clé International, Paris, 2003
Lettura di un quotidiano francese
Modalitàdiaccertamento:
Test scritto in itinere;
dettato e conversazione in lingua sui testi.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
AA.VV., Alter ego, Méthode de Français, vol. 1, Hachette, Paris, 2009
Steele R., Civilisation progressive du français, Clé International, Paris, 2003
Lettura di un quotidiano francese
Modalitàdiaccertamento:
Test scritto (secondo gli appelli mensili del CLA, dove iscriversi); dettato e conversazione in lingua sui testi.
................................................................................................................................
LinguaeculturafranceseI
L-LIN/04

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. MOSCI GASTONE gastone.mosci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di insegnare la lingua francese a livello di principiante e a livello medio, e di approfondirne la relativa
civiltà contemporanea.
Programma:
1. Conoscenza di base della lingua attraverso un test scritto.
2. Conoscenza media e dettato
Modalitàdidattiche:
Lezioni di lettorato presso il CLA;
lezioni frontali di cultura e esercitazioni seminariali.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e laboratorio.
Studio individuale dei testi indicati.

178
vademecum 2009/10
179
insegnamenti
Testidistudio:
AA.VV., Alter ego, Méthode de Français, vol. 1, Hachette, Paris, 2009.
Steele R., Civilisation progressive du français, Clé International, Paris, 2003.
Lettura di un quotidiano francese.
Modalitàdiaccertamento:
Test scritto in itinere; dettato e conversazione in lingua sui testi

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
AA.VV., Alter ego, Méthode de Français, vol. 1, Hachette, Paris, 2009.
Steele R., Civilisation progressive du français, Clé International, Paris, 2003.
Lettura di un quotidiano francese.
Modalitàdiaccertamento:
Test scritto (secondo gli appelli del CLA, dove iscriversi); dettato e conversazione in lingua sui testi.
................................................................................................................................
LinguaeculturafranceseII
L-LIN/04

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
LinguaeculturaingleseI
L-LIN/12

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Lingua e cultura inglese I
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. SALVUCCI ROBERTO roberto.salvucci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Acquisizione dei fondamenti grammaticali, lessicali e sintattici della lingua inglese e esercitazioni di traduzione tramite
esercizi di natura grammaticale.
Programma:
Il programma consiste principalmente nello studio di:
- preposizioni - avverbi - aggettivi comparativi e superlativi - partitivi - tempi verbali principali - verbi frasali - verbi
modali - forme verbali affermative, negative, interrogative.
Risultatidiapprendimento:
Acquisizione degli elementi essenziali della grammatica inglese e capacità di traduzione
Modalitàdidattiche:
Le lezioni saranno articolate in incontri in aula con gli studenti per la cura delle abilità grammaticali
Obblighi:
Studio del testo indicato.
Testidistudio:
Murphy R., Pallini L., Essential Grammar in Use con soluzioni, Cambridge University Press
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta consistente in esercizi grammaticali e traduzione di frasi.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale.
Obblighi:
Studio del testo indicato.
Testidistudio:
Murphy R., Pallini L., Essential Grammar in Use con soluzioni, Cambridge University Press
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta consistente in esercizi grammaticali e traduzione di frasi.
Note:
................................................................................................................................
LinguaeculturaingleseII
L-LIN/12

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
LinguaeculturaspagnolaI
L-LIN/07

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Linguafranceseperlescienzesociali
L-LIN/04

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Conoscenza della lingua
Corsidilaureain:

Prof. MOSCI GASTONE gastone.mosci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Approfondimento della lingua nel contesto del dibattito sugli intellettuali contemporanei in Francia.
Programma:
Conoscenza della lingua e della questione “intellettuale”.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Studio individuale
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione
Testidistudio:
- Maritain J., Humanisme intégral, Aubier, Paris, 2002.
Modalitàdiaccertamento:
Colloquio orale in lingua

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
180
vademecum 2009/10
181
insegnamenti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
- Maritain J., Humanisme intégral, Aubier, Paris, 2002.
Modalitàdiaccertamento:
Colloquio orale in lingua
................................................................................................................................
Linguafranceseperlescienzesociali

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Conoscenza della lingua
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. MOSCI GASTONE gastone.mosci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Approfondimento della lingua nel contesto del dibattito sugli intellettuali del Novecento in Francia.
Programma:
Conoscenza della lingua e della questione “intellettuale”.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. Studio individuale
Obblighi:
Partecipazione ad almento 3/4 delle ore di lezione. Studio delle parti del testo svolte a lezione.
Testidistudio:
Maritain J., Humanisme intégral, Aubier, Paris 2002 Nota: il programma svolto a lezione
Modalitàdiaccertamento:
Colloquio orale in lingua.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale
Obblighi:
Studio del testo indicato.
Testidistudio:
Maritain J., Humanisme intégral, Aubier, Paris 2002 Nota: tutto il libro
Modalitàdiaccertamento:
Colloquio orale in lingua.
................................................................................................................................
Linguainglese
L-LIN/12

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO-PESARO
Titolocorso: Lingua inglese
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. SALVUCCI ROBERTO roberto.salvucci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Acquisizione dei fondamenti grammaticali, lessicali e sintattici della lingua inglese e esercitazioni di traduzione tramite
esercizi di natura grammaticale.
Programma:
Il programma consiste principalmente nello studio di:
- preposizioni - avverbi - aggettivi comparativi e superlativi - partitivi - tempi verbali principali - verbi frasali - verbi
modali - forme verbali affermative, negative, interrogative.
Risultatidiapprendimento:
Acquisizione degli elementi essenziali della grammatica inglese e capacità di traduzione di frasi elementari della lingua
inglese.
Modalitàdidattiche:
Le lezioni saranno articolate in incontri in aula con gli studenti per la cura delle abilità grammaticali, lessicali e, in parte,
di traduzione.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione.
Studio individuale del testo indicato.
Testidistudio:
Murphy R., Pallini L., Essential Grammar in Use con soluzioni, Cambridge University Press, Printed in Dubai by Oriental
Press
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta consistente in esercizi grammaticali e traduzione di frasi.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale.
Obblighi:
Studio del testo indicato.
Testidistudio:
Murphy R., Pallini L., Essential Grammar in Use con soluzioni, Cambridge University Press, Printed in Dubai by Oriental
Press
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta consistente in esercizi grammaticali e traduzione di frasi.
................................................................................................................................
Linguaingleseperlescienzesociali
L-LIN/12

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Aspetti della civiltà e della società britannica.
Corsidilaureain: Organizzazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (CNA-LS)

Prof. SALVUCCI ROBERTO roberto.salvucci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso mira all’acquisizione, attraverso lo studio di alcuni aspetti della cultura e della società britannica, all’acquisizione
di un’adeguata capacità di traduzione e conversazione in lingua inglese.
Programma:
Lettura e traduzione: “International Relations”; “Social Services”.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali articolate in incontri in aula con gli studenti per la cura delle abilità di lettura, traduzione e
conversazione.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione.
Studio di alcuni capitoli del testo di riferimento.
Testidistudio:
-Oakland J., British Civilization. An Introduction, Routledge, Great Britain 2006, Sixth Edition.
Modalitàdiaccertamento:
Prova orale.



182
vademecum 2009/10
183
insegnamenti
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale.
Obblighi:
Studio di alcuni capitoli del testo di riferimento.
Testidistudio:
-Oakland J., British Civilization. An Introduction, Routledge, Great Britain 2006, Sixth Edition.
Modalitàdiaccertamento:
Prova orale.
................................................................................................................................
Linguaingleseperlescienzesociali
--

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Aspetti della civiltà e della società britannica.
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. SALVUCCI ROBERTO roberto.salvucci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso mira all’acquisizione, attraverso lo studio di alcuni aspetti della cultura e della società britannica, all’acquisizione
di un’adeguata capacità di traduzione e conversazione in lingua inglese.
Programma:
Lettura e traduzione: “International Relations”; “Social Services”.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali articolate in incontri in aula con gli studenti per la cura delle abilità di lettura, traduzione e
conversazione.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione.
Studio di alcuni capitoli del testo di riferimento.
Testidistudio:
-Oakland J., British Civilization. An Introduction, Routledge, Great Britain 2006, Sixth Edition.
Modalitàdiaccertamento:
Prova orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale.
Obblighi:
Studio di alcuni capitoli del testo di riferimento.
Testidistudio:
-Oakland J., British Civilization. An Introduction, Routledge, Great Britain 2006, Sixth Edition.
Modalitàdiaccertamento:
Prova orale.
................................................................................................................................
Linguaggiartistici
L-ART/02

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.

................................................................................................................................
LinguaggidelgiornalismoAMI
SPS/08

CFU 10 • DURATA 80 ore
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Linguaggietecnichedellascritturagiornalistica
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Linguaggi e tecniche del giornalismo
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. ELISEI FRANCO

ObiettiviFormativi:
*Questo modulo fa parte di una AMI insieme a Radio e televisione.
Si consiglia di frequentare prima Linguaggi e tecniche della scrittura giornalistica e poi Radio e televisione.
Il modulo si propone di consentire allo studente una conoscenza di base delle metodologie di lavoro, delle tipologie di
linguaggio e delle tecniche comunicative coinvolte nel lavoro giornalistico.
Programma:
I - La notizia e il giornalista; II- I linguaggi del giornalismo; III- Le tecniche del giornalismo; IV- Le forme della
comunicazione giornalistica.
Modalitàdidattiche:
lezioni frontali ed esercitazioni
Obblighi:
frequenza di almeno ¾ delle lezioni
Testidistudio:
Dispense
Floris G., Nanni F., Pedaccini P., Fatti chiari, Centro Documentazione Giornalistica, Roma, 2005
Modalitàdiaccertamento:
esame orale; eventuale prova scitta

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
studio del testo di riferimento
Testidistudio:
Papuzzi A., Professione giornalista, Donzelli, Roma, 2003
Floris G., Nanni F., Pedaccini P., Fatti chiari, Centro Documentazione Giornalistica, Roma, 2005
Modalitàdiaccertamento:
esame orale
................................................................................................................................
LinguisticageneraleeapplicataAMI
L-LIN/01

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO-PESARO
Titolocorso: La lingua. Genesi, struttura, funzioni
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. DEL TUTTO LORETTA loretta.deltutto@uniurb.it
184
vademecum 2009/10
185
insegnamenti
Prof. PIATTI MORGANTI BRUNA b.piattimorganti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso fornisce i fondamenti delle scienze del linguaggio, le teorie della lingua, la storia del pensiero linguistico;
elementi di neurolinguistica, sociolinguistica e etnolinguistica. Il corso prevede anche parti di tipo laboratoriale, con
esercitazioni pratiche di fonetica e morfologia, oltre a prove di scrittura.
Programma:
1. Introduzione 2. Specificità della lingua fra i sistemi di comunicazione 3. Linguistica e semiotica 4. Le strutture del
linguaggio 5. Linguaggio e conoscenza 6. Lingua e cervello 7. Lingua e società 8. Lingua e cultura.
Eventualipropedeuticità:
il corso è propedeutico a Semiotica.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, esercitazioni pratiche, eventuali ricerche a richiesta dello studente. Il corso prevede una modalità on line
che ha lo stesso valore della frequenza (con una tassa aggiuntiva di 500 €. Per i particolari collegarsi a www.uniurb.it/
ellab).
Obblighi:
Frequenza di almeno i 3/4 delle ore di lezione, studio dei testi indicati.
Testidistudio:
- Del Tutto L., L’idea viene parlando (in corso di stampa)
oppure
- Berruto G., Corso elementare di linguistica generale, UTET, Torino (ultima edizione);
- Del Tutto L., Dispensa 2005 (presso tutte le copisterie).
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta nelle date ufficiali d’esame

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
- Del Tutto L., L’idea viene parlando (in corso di stampa);
oppure
- Berruto G., Corso elementare di linguistica generale, UTET, Torino (ultima edizione);
- Del Tutto L., Dispensa 2005 (presso tutte le copisterie);
In più un testo a scelta fra:
- Barthes R., Elementi di semiologia, Einaudi, Torino 2002 (ristampa);
- Lorenzetti L., L’italiano contemporaneo, Carocci, Roma 2002;
Sussidio didattico consigliato:
- Casadei F., Breve dizionario di linguistica, Carocci-le Bussole, Roma (ultima edizione).
Modalitàdiaccertamento:
Prova orale (o prova scritta facoltativa), nelle date ufficiali d’esame.
Note:
Le prove scritte sono sostitutive della prova orale; lo sudente che non supera la prova scritta NON può ripresentarsi
nell’appello successivo ma solo nella sessione successiva. Dopo tre prove scritte negative lo studente può sostenere solo
l’esame orale
................................................................................................................................
Linguisticaitaliana
L-FIL-LET/12

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: L’italiano. Strutture, evoluzione, tendenze
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. DEL TUTTO LORETTA loretta.deltutto@uniurb.it


ObiettiviFormativi:
Il modulo fornisce gli strumenti per l’analisi linguistica e sociolinguistica dell’italiano come storia, sistemi, tipologia,
risorse e tendenze.
Programma:
1. L’italiano lingua europea 2. Origine e storia dell’italiano 3. Tipologia dell’italiano 4. L’italiano contemporaneo: il
neostandard e l’italiano degli immigrati 5. I registri dell’italiano 6. L’italiano e il dialetto 7. L’italiano nella comunicazione
8. ingua orale, lingua scritta
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali
Obblighi:
Frequenza di almeno 3/4 delle lezioni
Testidistudio:
Lorenzetti L., L’italiano contemporaneo, Carocci, Roma, 2002
Del Tutto L., Dispensa 2005
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta, negli appelli ufficiali d’esame

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
Lorenzetti L., L’italiano contemporaneo, Carocci, Roma, 2002
Del Tutto L., dispensa 2005
Modalitàdiaccertamento:
Prova orale (prova scritta facoltativa), negli appelli ufficiali d’esame
Note:
Per l’a.a. 2009/2010 non verranno svolte le lezioni ma saranno garantiti solo gli esami.
................................................................................................................................
Logicaefilosofiadellascienza
M-FIL/02

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Logicaefilosofiadellascienza1
M-FIL 02

CFU 3 • DURATA 22 ore di lezione, 2 ore di laboratorio • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Le logiche non classiche e linguaggi informatici
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. DI CARO ALESSANDRO alessandro.dicaro@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
La logica è stata, nella cultura e nella filosofia del novecento, un experimentum crucis discriminante e polemico. Così ci
sono filosofie che si definiscono “scienza della logica”(Hegel) ma che sono assolutamente diverse dalla logica praticata
ad esempio da un Wittgenstein. La logica, tuttavia non si può fermare alla polemica e al discrimine. A partire dalle
logiche non classiche è possibile avvicinare questi due mondi.Risulta così che la pratica linguistica e comunicativa
anticipa intuizioni che si arrestano al paradosso (tra tutti quello del mentitore) ma che saranno poi rese comprensibili
dall’elaborazione logica.

186
vademecum 2009/10
187
insegnamenti
Programma:
1) Origini della logica: Aristotele. Il suo significato culturale post-platonico.
2) Dalla logica aristotelica alla logica di Wittgenstein. Suo significato culturale in seno alle filosofie del novecento.
3) Intuizioni linguistiche e corroborazioni logiche.
4) Logica e comunicazione: gli inganni del linguaggio.
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti dovranno dimostrare di sapersi esercitare in logica e di applicare ll metodo al linguaggio comune.Dovranno
elaborare spiegazioni ed elaborazioni nei campi del sapere comunicativo, dovranno comunicare in modo costruttivo e
chiaro i principi del metodo logico.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali con esercitazioni di logica e di informatica.
Serie di slides messe a disposizione durante il corso
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione.
Testidistudio:
1. Di Caro A., In soccorso del barone. Scienze della società, itinerari, Liguori, Napoli, 2005 (obbligatorio)
2. Palladino D., Palladino C., Logiche non classiche. Un’introduzione, Carrocci, Milano, 2007 (suggerito)
3. Varzi A., Nolt J., Rohatyn D., Logica, McGraw-Hill, Milano, 2004 (suggerito)
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale con possibile anticipazione scritta alla fine del corso

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Esame orale
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
1. Di Caro A., In soccorso del barone. Scienze della società, itinerari, Liguori, Napoli, 2005(obbligatorio).
2.Di Caro A., Note di filosofia della logica,Goliardiche,Trieste 2002.(obbligatorio)
3. Palladino D., Palladino C., Logiche non classiche. Un’introduzione, Carrocci Milano, 2007 (suggerito)
4. Varzi A., Nolt J., Rohatyn D., Logica, McGraw-Hill, Milano, 2004 (suggerito)
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Logicaefilosofiadellascienza2
M-FIL/02

CFU 3 • DURATA 20 ore di lezione, 4 ore di laboratorio • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Storia e filosofia della scienza
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. DI CARO ALESSANDRO alessandro.dicaro@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Una conoscenza critica della scienza del ‘900 non può evitare la distretta per cui scienza diventa sinonimo di verità,
certezza, ammantata da fondazioni autoritative, e nel contempo la sua stoffa permane avvolta nelle nebbie
dell’incomprensione e della mancanza di dialogo tra saperi. Il conflitto delle facoltà non si ripresenta con le
caratteristiche del passato, soltanto per la resa talvolta umiliante delle postazioni letterarie, umanistiche e filosofiche al
trionfante e incomprensibile avversario. Il neopositivismo, una corrente filosofica malgrado tutto, ha reso più servigi alle
cosiddette scienze umane che alla comprensione effettiva della scienza. Ne è vistoso esempio il principio di falsificabilità
di Popper che può servire alle scienze umane, assai poco a quelle naturali perché è elemento di contesa critica, non
principio di ricerca. L’ermetico confine però deve essere superato, non foss’altro per il valore politico che ha, sempre di
più, il sapere scientifico. Ben vengano dunque le posizioni filosofiche che, come quella di Wittgenstein, non si arroccano
in chiusure e censure ma che in nome della chiarezza logica prendono sul serio la scienza e cercano di trattare in
volgare i suoi problemi, da quelli presenti in Gödel o quelli della meccanica quantistica.
Programma:
Tenendo conto di quanto detto si esporranno 5 item.
1) Il metodo scientifico: critiche al principio di fasificabilità di Popper.
2) La rivoluzione einsteiniana rapportata alla concezione di Wittgenstein.
3) La filosofia di Einstein.
4) Realismo e idealismo della meccanica quantistica.
5) I problemi filosofici che sorgono dal teorema di Gödel.
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti dovranno comprendere i teoremi filosofici e nel caso della scienza applicarli ai problemi scientifici.
La capacità di volgarizzazione dovrebbe fornire ad un tempo le abilità necessarie per comprendere le effettive difficoltà
dei problemi e il coraggio di affrontarli con chiarezza.
Attivitàasupportodelladidattica:
Esercitazioni scritte con domande chiuse sui vari aspetti delle problematiche trattate.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontali con possibili esemplificazioni audiovisive.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione.
Testidistudio:
1. Di Caro A.Note di filosofia della logica, Goliardiche,Trieste, 2000 (obbligatorio).
2. Zeilinger A.,Il velo di Einstein,Einaudi,Torino 2008.(suggerito)
3. Di Caro A., In soccorso del barone. Scienze della società, itinerari, Liguori, Napoli, 2005 (suggerito)
Modalitàdiaccertamento:
Verifiche orali intermodulo. Altra modifica dell’accertamento può essere fatta in sede d’esame.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Esame orale
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
1. Di Caro A., Note di filosofia della logica, Goliardiche, Trieste, 2000.(obbligatorio).
2.Zeilinger A.,Il velo di Einstein,Einaudi,Torino 2008 (obbligatorio).
3. Di Caro A., In soccorso del barone. Scienze della società, itinerari, Liguori, Napoli, 2005 (suggerito)
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
MarketingAMI
SECS-P/08

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Marketing 1 e 2
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. CONTI EMANUELA emanuela.conti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone anzitutto di sviluppare i contenuti di base del marketing con un duplice obiettivo: a) far acquisire i
principi del marketing, b) far conoscere i processi e le metodologie per la formulazione della strategia di marketing e le
tecniche operative per l’analisi dei mercati e la definizione delle politiche di marketing. Inoltre, il corso intende far
comprendere allo studente l’applicazione del marketing in settori specifici ed i nuovi approcci alla formulazione delle
strategie e delle politiche di marketing.
Programma:
1. La teoria di marketing e i suoi processi evolutivi
1.1 I principi e la filosofia gestionale del marketing management
188
vademecum 2009/10
189
insegnamenti
1.2 I processi evolutivi del marketing dalle origini ad oggi
2. Il ruolo del marketing nell’impresa e la formulazione delle strategie funzionali
2.1 Ruolo, struttura organizzativa e rapporti interfunzionali della funzione di marketing
2.2 La pianificazione di marketing
2.3 La segmentazione del mercato
2.4 Il posizionamento del prodotto
2.5 Il marketing relazionale
3. Il marketing come sistema informativo
3.1 Analisi del comportamento del consumatore
3.2 Le ricerche di marketing
3.3 Sistema Informativo di Marketing
4. Il marketing operativo
4.1 Strumentalità e relatività del modello delle 4 P
4.2 Le politiche di prodotto, prezzo, comunicazione e distribuzione
5. Appropriatezza del marketing e settori specifici di applicazione
5. 1 Il marketing dei servizi
6. Nuovi approcci di marketing
6.1 Il marketing esperienziale
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, discussione in aula di casi aziendali ed esercitazioni. Sono previsti interventi di esperti ed una visita
presso un’azienda di interesse rispetto ad alcuni temi trattati a lezione. Il nome dell’azienda verrà comunicato durante il
corso.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e di laboratorio.
Testidistudio:
- Cozzi G., Ferrero G., Principi ed aspetti evolutivi del marketing aziendale, Giappichelli, Torino 2004. Il manuale è da
preparare con esclusione dei capitoli 2, 3, 11 e 19.
- Ferraresi M., Schmitt B. H., Marketing esperienziale. Come sviluppare l’esperienza di consumo, FrancoAngeli, 2006. Da
preparare solamente il cap. 2
- Materiale didattico (lucidi e articoli) reso disponibile a lezione.
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta finale ed esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
- Cozzi G., Ferrero G., Principi ed aspetti evolutivi del marketing aziendale, Giappichelli, Torino 2004. Il manuale è da
preparare con esclusione dei capitoli 2, 3, 11 e 19
- M. Ferraresi M., Schmitt B. H., Marketing esperienziale. Come sviluppare l’esperienza di consumo, FrancoAngeli, 2006.
Da preparare solamente il cap. 2.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
Note:
Materiale didattico messo a disposizione dal docente:
Settimana (file coperto da password da richiedere al docente a lezione) Settimana (file coperto da password da
richiedere al docente a lezione)
................................................................................................................................
Marketingeditoriale
SECS-P/06

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Editoria, media e giornalismo (CNA-LS)

Prof. MONTRESOR GIANLUIGI gianluigi_montresor@fastwebnet.it
ObiettiviFormativi:
Trattandosi di studenti già laureati e in possesso dei principali elementi conoscitivi del comparto editoriale, il progetto
avrà un taglio decisamente concreto e operativo. Non mancheranno richiami teorici e suggerimenti bibliografici (20%
del tempo complessivo), ma l’enfasi (80% del tempo) sarà posta sulla capacità di ideare, progettare e realizzare
concretamente - in team - un prodotto editoriale in senso lato (cartaceo e non).
Programma:
Parte teorica (aula: 6 ore complessive)
In sessione plenaria, si illustreranno gli items principali aggiornati del comparto della stampa italiana, con particolare
riferimento ai quotidiani, ma con accenni anche a tutti gli altri media esistenti. Si esamineranno le principali fonti
informative del settore (in particolare ADS e Audipress) e si distribuiranno i dati più aggiornati alla data. Si
richiameranno le principali nozioni di marketing (marketing mix dei prodotti editoriali). Si rispolvereranno le principali
nozioni di conto economico e di business plan, applicati all’ambito editoriale.
Parte pratica (laboratorio: 14 ore complessive)
Fase 1 - In sessione plenaria si illustreranno gli obiettivi e le aspettative sul prodotto editoriale atteso - Si delineeranno
i gruppi di lavoro
Fase 2 - In sessione di gruppo si svilupperà una fase di brain storming, allo scopo di definire il progetto di massima e
verificarne la fattibilità pratica, alla luce delle competenze esistenti nel gruppo e ponendosi nella prospettiva concreta di
un’uscita effettiva nel mercato editoriale italiano
Fase 3 - Si applicheranno le nozioni apprese sul marketing mix, delineando le linee guida del prodotto prescelto:
prodotto - packaging - prezzo - distribuzione - comunicazione; inoltre si applicheranno le nozioni apprese sul conto
economico, delineando il tipo di business prescelto
Fase 4 - Sempre in sessione di gruppo, per ciascuno degli items si dovrà elaborare una strategia coerente
Fase 5 - Verranno distribuiti i compiti individuali da svolgere (parte in aula e parte nelle ore a casa, preferibilmente nello
stesso mese di ottobre), con strumenti di comunicazione intragruppo e organizzazione interna della redazione virtuale
(scelta di un caporedattore)
Fase 6 - Stesura del documento strategico (individuale e assemblaggio di gruppo)
Fase 7 - Sessioni di gruppo per la stesura del prototipo
Parte pratica (lavoro a casa: 40 ore complessive) Per lavoro a casa si intendono: - tutti i contributi individuali alla stesura
del documento strategico - tutti gli interventi grafici e di contenuto del prototipo È inteso che il lavoro a casa è
strettamente integrato con quanto si svolge o si è svolto in aula, sotto la regia del caporedattore e va poi ricondotto ad
unità sull’output finale
Modalitàdidattiche:
Vedi sopra
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione.
Stuido individuale dei testi indicati
Testidistudio:
Montresor G., Il marketing impossibile, Gutenberg 2000, Torino, 1994.
(essendo il volume ormai esaurito da tempo, viene sostituito dalle dispense ppt aggiornate e distribuite durante le
lezioni frontali oltre ad alcuni file di approfondimento)
Modalitàdiaccertamento:
Consegna finale del PW di gruppo e discussione collettiva - voto collettivo (salvo eccezioni)

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Sulla base del programma dei frequentanti, elaborazione di PW individuale su tema da concordare col docente.
Testidistudio:
Montresor G., Il marketing impossibile, Gutenberg 2000, Torino, 1994.
(essendo il volume ormai esaurito da tempo, viene sostituito dalle dispense ppt aggiornate e distribuite durante le
lezioni frontali oltre ad alcuni file di approfondimento)
Modalitàdiaccertamento:
Consegna anche via mail del PW e giudizio a distanza



190
vademecum 2009/10
191
insegnamenti
................................................................................................................................
Marketingrelazionale
SECS-P/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Il marketing one to one nell’era digitale
Corsidilaureain: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (CNA-LS)

Prof. GRANDE NICOLA GIORGIO nicolagrande@castaspell.it

ObiettiviFormativi:
Conoscere le discriminanti per l’implementazione di un sistema di Management del Marketing relazionale.
Programma:
I concetti di fedeltà, fidelizzazione e soddisfazione del cliente - Modelli di analisi del portfoglio clienti - Il loyalty
management La gestione delle reti relazionali: - Sei gradi di separazione - Teoria del piccolo mondo - Hub e connettori di
mercato - Applicazioni: Il marketing virale Il marketing tribale.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, esercitazioni e casi aziendali.
Obblighi:
Frequenza delle lezioni, studio individuale e partecipazione a lavori individuali e di gruppo.
Testidistudio:
-Gronroos C., Management e marketing dei servizi, Isedi, Torino, 2002
-Barabasi A. L., Link, Einaudi, Torino, 2004
-AA.VV., Materiali distribuiti dal docente.
Modalitàdiaccertamento:
Test scritto, domande aperte e a risposta multipla con possibilità di integrazione su richiesta dello studente. Durante il
corso verranno realizzate esercitazioni, ricerche e relazioni che costituiranno parte integrante del processo di
valutazione. La presentazione e discussione di un elaborato finale concordato con il docente potrà sostituire l’esame
scritto finale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei libri di testo
Testidistudio:
-Gronroos C., Management e marketing dei servizi, Isedi, Torino, 2002
-Barabasi A. L., Link, Einaudi, Torino, 2004
-Materiali distribuiti dal docente.
Modalitàdiaccertamento:
Orale.
................................................................................................................................
MetodietecnichedelserviziosocialeI
SPS/07

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Teorie del Servizio Sociale
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

ObiettiviFormativi:
Conoscenza e approfondimento delle basi teoriche del servizio sociale.
Programma:
Saranno approfonditi i seguenti temi: Il servizio sociale come scienza rivolta all’aiuto al singolo e al gruppo; il processo
di aiuto e l’individuazione del bisogno; la costruzione del processo di aiuto; i diversi modelli teorici del servizio sociale
(sistemico relazionale, psicosociale, comportamentista, centrato sul compito, esistenziale, integrato); alcuni cenni sulle
tecniche del colloquio e del counselling
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti devono conseguire:
1. conoscenze e capacità di comprensione: dei principali metodi del servizio sociale e del compito dell’assistente sociale
1.1. studio approfondito del testo, frequenza delle lezioni e partecipazione ai seminari.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: delineazione di temi di ricerca, analisi delle fonti, approfondimenti
sia da un punto di vita teorico sia attraverso la discussione di casi.
2.1. discussioni in aula, confronto con il docente, studio dei testi.
3. Capacità di giudizio: riflessione sull’interazione fra individuo e ambiente; sviluppo della capacità di sospensione del
giudizio e attivazione di un atteggiamento empatico;
3.1. qualità stimolate dalla discussione sui casi e dalla continua riflessione sul rapporto fra individuo/ambiente/istituzioni.
4. Abilità comunicative: le competenze comunicative, fondamentali per il compito di aiuto, riguarderanno
particolarmente l’interazione, la reciprocità, l’empatia, il paradosso comunicativo e il fraintendimento.
5. Capacità di apprendimento: analisi dei problemi, preparazione del piano di lavoro, preparazione e compilazione
dell’anamnesi, individuazione del bisogno reale, organizzazione del segretariato sociale, riconoscimento della centralità
e della specificità del singolo; realizzazione dell’autonomizzazione dell’interlocutore.
Attivitàasupportodelladidattica:
Seminario
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminario.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Dal Pra Ponticelli M. I modelli teorici del servizio sociale Casa Editrice Astrolabio Roma 2005.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Dal Pra Ponticelli M. I modelli teorici del servizio sociale Casa Editrice Astrolabio Roma 2005.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
MetodietecnichedelserviziosocialeII
SPS/07

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Metodietecnichedianalisidelladomandasocialeepolitica1,2AMI
SPS/04

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Domanda sociale e ricerca sociologica (le tecniche quantitative e le tecniche qulitative)
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. CECCARINI LUIGINO luigino.ceccarini@uniurb.it
Ricevimento: Sempre nei giorni di lezione. In altre date dietro appuntamento da concordare direttamente con il
docente per e-mail.

192
vademecum 2009/10
193
insegnamenti
ObiettiviFormativi:
Il corso intende fornire gli elementi di base sul concetto di bisogno sociale e sui metodi e sulle tecniche di analisi e di
monitoraggio della domanda. Nella prima parte del corso verrà prestata attenzione alla logica e alle tecniche
quantitative della ricerca applicata finalizzata all’analisi dei bisogni (need analysis). La seconda parte si concentrerà sulle
tecniche di tipo qualitativo per la ricerca applicata.
Programma:
Parte I
1. Cosa è la domanda sociale?
2. Domanda sociale e processo politico
3. Approccio positivista e costruttuvista nella ricerca
4. Ricerca quantitativa e ricerca qualitativa
5. Metodi e tecniche quantitative (indagine campionaria, studi longitudinali, questionari, campionamento, fonti
statistiche ufficiali, relazioni fra variabili e analisi dei dati)
Parte II
1. Vantaggi e svantaggi della ricerca qualitativa;
2. le tecniche di indagine;
a. la ricerca etnografica;
b. l’intervista qualitativa;
c. l’osservazione partecipante;
d. l’analisi documentaria;
3. La ricerca qualitativa: la raccolta e l’analisi dei dati, la stesura e la presentazione di un rapporto di ricerca.
Modalitàdidattiche:
Parte I
Lezioni frontali, utilizzo di suppori audiovisivi (lucidi, pawerpount....), discussione con gli studenti di casi empirici.
Esercitazione pretica per la realizzazione di disegni di ricerca e di analisi statistica dei dati
Parte II
Lezioni frontali, utilizzo di supporti audiovisivi (lucidi, powerpoint....), Discussione con gli studenti di casi empirici
Obblighi:
Frequenza ad almeno i ¾ delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
Parte I
Corbetta P., Metodologia e tecniche della ricerca sociale, Il Mulino, Bologna 1999 (limitatamente ai capitoli: 1, 3, 5, 6
(solo par. 1,2,3,4,7) 7, 8 (no formule matematiche), 12 (solo par. da 1 a 8), 13 (solo par. da 1 a 4)
Parte II
Corbetta P., Metodologia e tecniche della ricerca sociale, Il Mulino, Bologna 1999 (limitatamente ai capitoli: II, IX, X, XI.
Nota: Durante le lezioni verrano specificate le parti da preparare e distribuiti eventuali materiali integrativi
Modalitàdiaccertamento:
Va definito durante lo svolgimento del modulo in base alle attività svolte con gli studenti. E’ comunque prevista la
possibilità di inserire, oltre al colloquio orale finale, anche una prova pratica come parte integrante della verifica.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale
Obblighi:
Studio del programma indicato
Testidistudio:
Parte I
Corbetta P., Metodologia e tecniche della ricerca sociale, Il Mulino, Bologna 1999 (limitatamente ai capitoli: 1,3, 5, 6
(solo par. 1,2,3,4,7) 7, 8 (no formule matematiche), 12 (solo par. da 1 a 8), 13 (solo par. da 1 a 4)
Parte II
Corbetta P., Metodologia e tecniche della ricerca sociale, Il Mulino, Bologna 1999 (limitatamente ai capitoli: II, IX, X, XI.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale


................................................................................................................................
Metodietecnichediproduzionevideo
SPS/08

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Metodietecnichediproduzionevideo
SPS/08

CFU 6 • DURATA 16 ore di lezione, 32 ore di laboratorio • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La ripresa cinematografica
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. MELONI CLAUDIO meloni1949@gmail.com

ObiettiviFormativi:
Comprensione e pratica del linguaggio cinematografico
Programma:
1. Lezione di sensitometria generale 2. Lezioni di illuminotecnica 3. Esercitazioni pratiche di ripresa
Modalitàdidattiche:
Lezioni teoriche e pratiche
Obblighi:
Partecipazione alle ore di lezione, esercitazioni pratiche e studio dei testi indicati.
Testidistudio:
Amodio G., Flint J., Pintersmann M., Cinematografia professionale, Editrice Cinetecnica, Faenza, 1998
Nota per tutti: Da pag. 94 a pag. 164 e da pag. 239 a pag. 269
Niqvist S., Nel rispetto della luce, Lindau, Torino, 2000
De Gaetano D., Rassu N., (a cura di) Dietro la cinepresa, Lindau, Torino, 2003
The Kodak worldwide student program, Kodak, - 0 (non obbligatorio) Nota per tutti: In omaggio. Reperibile presso la
segreteria dell’istituto
Modalitàdiaccertamento:
Valutazione durante le riprese ed esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
Uccello P., Cinema, Tecnica e Linguaggio, Edizione Paoline, Alba, 1987
Nota: da pp. 11 a pp. 265
Amodio G., Flint J., Pintersmann M., Cinematografia professionale, Editrice Cinetecnica, Faenza, 1998 Nota per tutti: Da
pag. 94 a pag. 164 e da pag. 239 a pag. 269
Niqvist S., Nel rispetto della luce, Lindau, Torino, 2000
De Gaetano D., Rassu N., (acura di) Dietro la cinepresa, Lindau, Torino, 2003
The Kodak worldwide student program, Kodak, - 0 (non obbligatorio) Nota per tutti: In omaggio. Reperibile presso la
segreteria dell’istituto
Modalitàdiaccertamento:
Studio dei testi indicati
................................................................................................................................
Metodietecnichediprogrammazioneterritoriale
SPS/07
194
vademecum 2009/10
195
insegnamenti
CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La riforma in atto degli interventi e dei servizi sociali
Corsidilaureain: Organizzazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (CNA-LS)

Prof. TOMASSINI MAURIZIO
Ricevimento: Il ricevimento avverrà previo appuntamento

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di approfondire i contenuti della legge quadro n. 328/2000 in relazione all’attuazione della legge
nelle politiche regionali, nonché di esaminare contenuti ed obiettivi dell’integrazione socio-sanitaria.
Programma:
1. Legge 328/2000 “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali”: funzioni
dei Comuni e delle Province; funzioni delle Regioni e dello Stato; le Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza;
l’Autorizzazione e l’Accreditamento; le Figure Professionali Sociali; le Responsabilità Familiari; la Pianificazione
Nazionale, Regionale e di Zona; la definizione del Sistema Integrato di interventi e servizi sociali. 2. Modifiche al titolo V
della parte seconda della Costituzione: L. cost. n. 3/2001. 3. Il Piano Sociale della Regione Marche: gli obiettivi di priorità
sociale; lo sviluppo del sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali; la programmazione partecipata; la qualità
del sistema integrato; i rapporti tra Enti locali e terzo settore; la Carta dei Servizi sociali; il Sistema informativo dei servizi
sociali. 4. I Piani di Zona triennali degli Ambiti Territoriali delle Regioni. 5. La legislazione delle Regioni in materia di
politiche sociali. 6. L’Integrazione Socio-Sanitaria: il d.L.vo 229/99 – art 3 septies -; il D.P.C.M. 14/02/0. 7. La spesa sociale
dei Comuni. 8. Gli osservatori delle politiche sociali.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari di approfondimento.
Obblighi:
Frequenza dei 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi in programma.
Testidistudio:
Battistella A., De Ambrogio U., Ranci Ortigosa E., Il piano di zona: costruzione, gestione e valutazione, Carocci Editore,
Roma 2004 Nota: Le parti del testo da studiare saranno comunicate da docente all’inizio del corso.
Ciocia A., Per un welfare dalla parte dei cittadini. Aspetti territoriali della domanda delle politiche sociali, Carocci, Roma,
2007 Nota: Le parti del testo da studiare saranno comunicate da docente all’inizio del corso.
Bissolo G., Fazzi L., Costruire l’integrazione sociosanitaria. Attori, strumenti, metodi, Carocci, Roma, 2005 Nota: Le parti
del testo da studiare saranno comunicate da docente all’inizio del corso.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio del programma indicato.
Testidistudio:
Battistella A., De Ambrogio U., Ranci Ortigosa E., Il piano di zona: costruzione, gestione e valutazione, Carocci Editore,
Roma 2004
Ciocia A., Per un welfare dalla parte dei cittadini. Aspetti territoriali della domanda delle politiche sociali, Carocci, Roma,
2007
Bissolo G., Fazzi L., Costruire l’integrazione sociosanitaria. Attori, strumenti, metodi, Carocci, Roma, 2005
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Metodologiadellescienzeumane
SPS/07

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Teorie e modelli nelle scienze umane
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. NEGROTTI MASSIMO massimo.negrotti@libero.it

ObiettiviFormativi:
Il problema del metodo in sociologia. Ricerca e professione. Ricerca teorica e ricerca sperimentale nei classici della
sociologia. Sociologia e sviluppo tecnologico: esercitazione sulla teoria dell’artificiale.
Programma:
Modelli, ipotesi e teorie. Metodologia e cultura. Scienze naturali e scienze sociali. Descrizione, spiegazione e previsione.
Il problema della garanzia delle conoscenze scientifiche.
Attivitàasupportodelladidattica:
Presentazione di alcune tecnologie per la riproduzione artificiale della natura e loro discussione in rapporto ai modelli
culturali delle società avanzate.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale.
Obblighi:
Frequenza ad almeno 3/4 delle ore di lezione.
Testidistudio:
- Negrotti M, Un mondo di ipotesi, in corso di stampa.
- Bruschi A., Metodologia della ricerca sociale, Laterza, Bari-Roma, 2005. (Tutti gli studenti dovranno studiare
obbligatoriamente il primo ed il secondo capitolo. E’ richiesta la conoscenza di un terzo capitolo a scelta).
E’ inoltre richiesta la lettura di uno fra i 3 volumi seguenti:
- Celeschi A., La misura delle relazioni sociali, QuattroVenti, Urbino, 2009.
- Lanzavecchia G., Negrotti M., (a cura di), L’enigma del caso. Fatti, ipotesi e immagini, Edizioni Goliardiche, Trieste,
2007.
- Negrotti M., Teoria dell’artificiale. Casi di studio, dispensa a cura del docente.
Gli studenti frequentanti concorderanno la scelta più opportuna con il docente.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Preparazione del materiale didattico di riferimento.
Testidistudio:
- Negrotti M, Un mondo di ipotesi, in corso di stampa.
- Bruschi A., Metodologia della ricerca sociale, Laterza, Bari-Roma, 2005. (Tutti gli studenti dovranno studiare
obbligatoriamente il primo ed il secondo capitolo. E’ richiesta la conoscenza di un terzo capitolo a scelta).
E’ inoltre richiesta la lettura di uno fra i 3 volumi seguenti:
- Celeschi A., La misura delle relazioni sociali, QuattroVenti, Urbino, 2009.
- Lanzavecchia G., Negrotti M., (a cura di), L’enigma del caso. Fatti, ipotesi e immagini, Edizioni Goliardiche, Trieste,
2007.
- Negrotti M., Teoria dell’artificiale. Casi di studio, dispensa a cura del docente.
Gli studenti frequentanti concorderanno la scelta più opportuna con il docente.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
MetodologiadellescienzeumaneI,IIAMI
SPS/07

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Teorie e modelli nelle scienze umane
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. NEGROTTI MASSIMO massimo.negrotti@libero.it


196
vademecum 2009/10
197
insegnamenti
ObiettiviFormativi:
Il problema del metodo in sociologia. Ricerca e professione. Ricerca teorica e ricerca sperimentale nei classici della
sociologia. Sociologia e sviluppo tecnologico: esercitazione sulla teoria dell’artificiale.
Programma:
Modelli, ipotesi e teorie. Metodologia e cultura. Scienze naturali e scienze sociali. Descrizione, spiegazione e previsione.
Il problema della garanzia delle conoscenze scientifiche.
Risultatidiapprendimento:
1. conoscenze e capacità di comprensione: introduzione alla metodologia della scienza e ai suoi criteri di validazione.
1.1. Gli studenti conseguono tali conoscenze di base: attraverso la partecipazione alle lezioni e lo studio analitico dei testi
scientifici proposti dal docente e discussi in aula.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: avviamento alla discussione teorica e alla predisposizione di
ipotesi di ricerca sperimentale.
2.1. discussioni in aula, confronto con il docente, studio dei testi.
3. Capacità di giudizio: conseguimento di abilità minime nella valutazione dei progetti di ricerca e delle ipotesi in essi
incluse.
3.1. Capacità che si manifesta in aula, con il docente e con i colleghi così come in fase di discussione dell’esame.
4. Abilità comunicative: discussione coordinata dal docente sugli argomenti del corso e sui temi delle esercitazioni.
4.1. Messa a punto di occasioni per il confronto in aula.
5. Capacità di apprendimento: sviluppo di abilità metodologiche per l’apprendimento e l’analisi dei progetti di ricerca.
Capacità di pensiero astratto, metodiche di analisi dei problemi, capacità di fondazione razionale del giudizio,
soprattutto discutendo e argomentando con gli altri studenti e con il docente i temi del corso.
Attivitàasupportodelladidattica:
Presentazione di alcune tecnologie per la riproduzione artificiale della natura e loro discussione in rapporto ai modelli
culturali delle società avanzate.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale
Obblighi:
Frequenza ad almeno 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
M. Negrotti, Un mondo di ipotesi, in corso di stampa.
A. Bruschi, Metodologia della ricerca sociale, Laterza, Bari-Roma 2005. (Tutti gli studenti dovranno studiare
obbligatoriamente il primo ed il secondo capitolo. E’ richiesta la conoscenza di un terzo capitolo a scelta).
E’ inoltre richiesta la lettura di uno fra i 3 volumi seguenti:
A. Celeschi, La misura delle relazioni sociali, Quattroventi, Urbino 2009.
G. Lanzavecchia, M.Negrotti (a cura di), L’enigma del caso. Fatti, ipotesi e immagini, Edizioni Goliardiche, Trieste 2007.
M. Negrotti, Teoria dell’artificiale. Casi di studio, dispensa a cura del docente.
Gli studenti frequentanti concorderanno la scelta più opportuna con il docente
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Preparazione del materiale didattico di riferimento
Testidistudio:
M. Negrotti, Un mondo di ipotesi, in corso di stampa.
A. Bruschi, Metodologia della ricerca sociale, Laterza, Bari-Roma 2005. (Tutti gli studenti dovranno studiare
obbligatoriamente il primo ed il secondo capitolo. E’ richiesta la conoscenza di un terzo capitolo a scelta).
E’ inoltre richiesta la lettura di uno fra i 3 volumi seguenti:
A. Celeschi, La misura delle relazioni sociali, Quattroventi, Urbino 2009.
G. Lanzavecchia, M.Negrotti (a cura di), L’enigma del caso. Fatti, ipotesi e immagini, Edizioni Goliardiche, Trieste 2007.
M. Negrotti, Teoria dell’artificiale. Casi di studio, dispensa a cura del docente.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale


................................................................................................................................
Metodologiaetecnichedellaricercasociale
SPS/07

CFU 5 • PERIODO seconda sessione • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Metodologia e tecniche della ricerca sociale
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. MORETTI SABRINA sabrina.moretti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire gli strumenti di base per la corretta impostazione di procedure di ricerca empirica e
di analizzare le principali problematiche che accompagnano le indagini sociali.
Programma:
1. Introduzione ai fondamenti della ricerca empirica 2. L’analisi quantitativa dei dati: scale e misure 3. Il
questionario 4. L’analisi qualitativa dei dati: osservazione e interviste qualitative 5. La spiegazione scientifica in
sociologia 6. Il problema della complessità 7. Il metodo simulativo.
Risultatidiapprendimento:
1. conoscenze e capacità di comprensione: conoscenza dei temi e dei problemi relativa alla metodologia della ricerca
negli studi sociali.
1.1. Gli studenti conseguono tali conoscenze di base: attraverso la partecipazione alle lezioni e lo studio analitico dei
testi scientifici proposti dal docente e discussi in aula.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: capacità di definire semplici progetti di ricerca e di affrontare le
problematiche tipiche.
2.1. discussioni in aula, esercitazioni, confronto con il docente, studio dei testi.
3. Capacità di giudizio: conseguimento di capacità critiche nei confronti dei metodi usati nelle indagine empiriche più
comuni.
3.1. Discussioni in aula, confronto con il docente.
4. Abilità comunicative: discussione coordinata dal docente sugli argomenti del corso e sui temi delle esercitazioni.
4.1. Messa a punto di occasioni per il confronto in aula.
5. Capacità di apprendimento: sviluppo di abilità critiche, logiche e di analisi dei problemi.
5.1. discussioni in aula, esercitazioni, confronto con il docente, studio dei testi.
Attivitàasupportodelladidattica:
Seminari di approfondimento su temi specifici ed esercitazioni
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni pratiche relative alla progettazione e alla realizzazione di indagini empiriche.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
Corbetta P. Metodologia e tecniche della ricerca sociale, il Mulino, Bologna, 1999 (solo le parti indicate durante
le lezioni).
Moretti S., Modelli e conoscenza scientifica. Problemi di formalizzazione nella ricerca sociologica, Guerini,
Milano, 2005
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale o produzione di una tesina concordata con il docente

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Preparazione del materiale didattico di riferimento
Testidistudio:
Corbetta P. Metodologia e tecniche della ricerca sociale, il Mulino, Bologna, 1999. (tranne i capp. 4 e 13)
Moretti S., Modelli e conoscenza scientifica. Problemi di formalizzazione nella ricerca sociologica, Guerini, Milano, 2005
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
198
vademecum 2009/10
199
insegnamenti
................................................................................................................................
MetodologiaetecnichedellaricercasocialeAMI
SPS/07

CFU 10 • PERIODO seconda sessione • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Metodologia e tecniche della ricerca sociale AMI
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. MORETTI SABRINA sabrina.moretti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire gli strumenti di base per la corretta impostazione di procedure di ricerca empirica e di
analizzare le principali problematiche che accompagnano le indagini sociali.
Programma:
1. Introduzione ai fondamenti della ricerca empirica
2.Ipotesi
3. L’analisi quantitativa dei dati: scale e misure
4. Il questionario
5. L’analisi qualitativa dei dati: osservazione e interviste qualitative
6. L’analisi del contenuto.
7. La spiegazione scientifica in sociologia
8. Il problema della complessità
9. Modelli e teorie
10. Il metodo simulativo
Risultatidiapprendimento:
Attivitàasupportodelladidattica:
Seminari di approfondimento su temi specifici ed eventuali esercitazioni
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni pratiche relative alla progettazione e alla realizzazione di indagini empiriche.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
- Corbetta P., Metodologia e tecniche della ricerca sociale, il Mulino, Bologna, 1999 (solo le parti indicate durante le lezioni).
- Moretti S., Modelli e conoscenza scientifica. Problemi di formalizzazione nella ricerca sociologica, Guerini, Milano, 2005
- Cardano M., Tecniche di ricerca qualitativa. Percorsi di ricerca nelle scienze sociali, Carocci, Roma, 2003.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale, discussione di una tesina concordata con il docente o verifica scritta a fine corso

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Preparazione del materiale didattico di riferimento
Testidistudio:
- Corbetta P., Metodologia e tecniche della ricerca sociale, il Mulino, Bologna, 1999.
- Moretti S., Modelli e conoscenza scientifica. Problemi di formalizzazione nella ricerca sociologica, Guerini, Milano, 2005.
- Cardano M., Tecniche di ricerca qualitativa. Percorsi di ricerca nelle scienze sociali, Carocci, Roma, 2003.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
MetodologiaetecnichedellaricercasocialeAMI
SPS/07

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Teorie e modelli nelle scienze umane
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)
Prof. NEGROTTI MASSIMO massimo.negrotti@libero.it

ObiettiviFormativi:
Il problema del metodo in sociologia. Ricerca e professione. Ricerca teorica e ricerca sperimentale nei classici della
sociologia. Sociologia e sviluppo tecnologico: esercitazione sulla teoria dell’artificiale.
Programma:
Modelli, ipotesi e teorie. Metodologia e cultura. Scienze naturali e scienze sociali. Descrizione, spiegazione e previsione.
Il problema della garanzia delle conoscenze scientifiche.
Risultatidiapprendimento:
Attivitàasupportodelladidattica:
Presentazione di alcune tecnologie per la riproduzione artificiale della natura e loro discussione in rapporto ai modelli
culturali delle società avanzate.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale.
Obblighi:
Frequenza ad almeno 3/4 delle ore di lezione.
Testidistudio:
- Negrotti M., Un mondo di ipotesi, in corso di stampa.
- Bruschi A., Metodologia della ricerca sociale, Laterza, Bari-Roma, 2005. (Tutti gli studenti dovranno studiare
obbligatoriamente il primo ed il secondo capitolo. E’ richiesta la conoscenza di un terzo capitolo a scelta).
E’ inoltre richiesta la lettura di uno fra i 3 volumi seguenti:
- Celeschi A., La misura delle relazioni sociali, QuattroVenti, Urbino, 2009.
- Lanzavecchia G., Negrotti M., (a cura di), L’enigma del caso. Fatti, ipotesi e immagini, Edizioni Goliardiche, Trieste,
2007.
- Negrotti M., Teoria dell’artificiale. Casi di studio, dispensa a cura del docente.
Gli studenti frequentanti concorderanno la scelta più opportuna con il docente.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Preparazione del materiale didattico di riferimento.
Testidistudio:
- Negrotti M., Un mondo di ipotesi, in corso di stampa.
- Bruschi A., Metodologia della ricerca sociale, Laterza, Bari-Roma, 2005. (Tutti gli studenti dovranno studiare
obbligatoriamente il primo ed il secondo capitolo. E’ richiesta la conoscenza di un terzo capitolo a scelta).
E’ inoltre richiesta la lettura di uno fra i 3 volumi seguenti:
- Celeschi A., La misura delle relazioni sociali, QuattroVenti, Urbino, 2009.
- Lanzavecchia G., Negrotti M., (a cura di), L’enigma del caso. Fatti, ipotesi e immagini, Edizioni Goliardiche, Trieste,
2007.
- Negrotti M., Teoria dell’artificiale. Casi di studio, dispensa a cura del docente.
Gli studenti frequentanti concorderanno la scelta più opportuna con il docente.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Movimentisocialiecambiamentopolitico
SPS/04

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Introduzione allo studio dei movimenti sociali. Movimenti sociali e cambiamento politico.
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. CECCARINI LUIGINO luigino.ceccarini@uniurb.it


200
vademecum 2009/10
201
insegnamenti
ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti teorici e di ricerca per lo studio dei movimenti sociali e del
rapporto tra movimenti e cambiamento politico. Si propone inoltre di fornire agli studenti alcuni strumenti per
interpretare le trasformazioni che coinvolgono le forme della partecipazione politica nella società globale
Programma:
Il modulo si compone di due diverse parti. Una prima parte, di carattere generale-introduttivo, discuterà il concetto di
movimento sociale ed esaminerà le principali prospettive teoriche e di ricerca sull’azione collettiva. La seconda, più
specifica, si concentrerà sul rapporto tra movimenti collettivi e sistema politico in Italia discutendo in particolare
l’emergere e la trasformazione dei Nuovi Movimenti Sociali, il rapporto tra protesta e sistema politico negli anni novanta
e i New-Global. Focalizzando l’attenzione sui movimenti sociali contemporanei, se ne evidenzieranno le peculiarità
rispetto ai soggetti protagonisti di altri cicli di protesta (per esempio rispetto al ’68 e agli anni ’70). Quindi, si allargherà
lo sguardo fino a comprendere i cambiamenti che investono la sfera della partecipazione politica, e quelli che
interessano i soggetti tradizionali di mediazione della domanda sociale, in primo luogo i partiti politici e altre forme
collettive di coinvolgimento. Il corso, alla luce delle trasformazioni affrontate precedentemente, finirà per concentrarsi
sulle modalità emergenti del repertorio della partecipazione politica. In particolare l’attenzione si rivolgerà a forme
personali di presa di responsabilità, che intrecciano lo stile di vita quotidiano come il consumo critico e la
e-partecipazione.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e incontri seminariali di discussione e approfondimento.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
- Neveu E. (2000), I movimenti sociali, Bologna, il Mulino
- Ceccarini L. (2008), Consumare con impegno, Roma-Bari, Laterza
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale.
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
- Neveu E. (2000), I movimenti sociali, Bologna, il Mulino
- Della Porta D. (2003), I New-Global, Bologna, il Mulino
- Ceccarini L. (2008), Consumare con impegno, Roma-Bari, Laterza
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
Note:
Per la determinazione del periodo di lezioni si rimanda al calendario di facoltà
................................................................................................................................
Musica
L-ART/07

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Suoni e parole del nostro tempo
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. SAMPAOLI LUCIANO

ObiettiviFormativi:
Il modulo si propone di affrontare le tematiche relative alla musica e comunicazione con particolare attenzione ai jingle
negli spot televisivi.

Programma:
Lezioni introduttive, lettura dei testi con ascolto e analisi delle composizioni musicali, esercitazioni di gruppo.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e studio individuale
Testidistudio:
Karolij O., La musica moderna, Mondadori, Milano, 1998
Mila M., Breve storia della Musica, Einaudi, Torino, 2005
Sampaoli L., Fiori notturni - l’amore oscuro di Giovanni Pascoli, Società Editrice Il Ponte Vecchio, Cesena, 2005
Sampaoli L., Lieder e Ballate, Società Editrice il Ponte Vecchio, Cesena, 2005
Modalitàdiaccertamento:
Valutazione in itinere, esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
Karolij O., La musica moderna, Mondadori, Milano, 1998
Mila M., Breve storia della Musica, Einaudi, Torino, 2005
Sampaoli L., Fiori notturni - l’amore oscuro di Giovanni Pascoli, Società Editrice Il Ponte Vecchio, Cesena, 2005
Sampaoli L., Lieder e Ballate, Società Editrice il Ponte Vecchio, Cesena, 2005
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Organizzazionedeiservizisociali
SPS/09

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Organizzazione dei servizi sociali
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. BELBUSTI GIUSEPPE giuseppebelbusti@virgilio.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti normativi e gestionali del nuovo “sistema integrato” dei servizi
sociali, socio-sanitari e sanitari,previsto dalle due leggi quadro dlgs. 229/99 e legge 328/2000.
Consentire, inoltre, agli studenti di acquisire metodi, tecniche, strumenti operativi per la pianificazione e valutazione dei
servizi alla persona.
Programma:
- Trasformazione e armonizzazione dei sistemi sociali nella Unione Europea.-Il sistema sanitario nazionale italiano. -Il
sistema integrato dei servizi sociali. -I livelli essenziali e la rete. pianificazione e gestione dei servizi. -Metrodi e strumenti
per la pianificazione e la valutazione dei servizi alla persona. -Il piano di zona. -Il Bilancio Sociale: Gestione delle risorse
umane ed economico-finanziarie.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale
Obblighi:
Parteciapzione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Belbusti G. Pianificazione e organizzazione dei servizi sanitari e sociali. L’Asterisco Ed. Urbino 2009
Belbusti G. Il governo dei servizi sociali. L’Asterisco, Urbino 2009



202
vademecum 2009/10
203
insegnamenti
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Belbusti G. Pianificazione e organizzazione dei servizi sanitari e sociali. L’Asterisco Ed. Urbino 2009
Belbusti G. Il governo dei servizi sociali. L’Asterisco, Urbino 2009
Ranci C. (a cura di), Il mercato sociale dei servizi alla persona, Carocci, Roma 2001.
Modalitàdiaccertamento:
L’accertamento avviene in modo individuale ed è effettuato ad opera di una commissione preceduta dal docente titolare
del modulo.
................................................................................................................................
Organizzazioneedeconomiadeglieventispettacolari1e2AMI
L-ART/05

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Project Management per gli eventi e lo spettacolo dal vivo
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. ALESSI ROBERTO

ObiettiviFormativi:
Il corso pur seguendo un filo conduttore unitario è suddiviso in due parti.
La prima parte si propone di inquadrare gli elementi peculiari del sistema culturale e dello spettacolo dal vivo e le
variabili contestuali che connotano qualsiasi contesto territoriale in ambito culturale come il quadro normativo di
riferimento, la “geografia” delle principali realtà e istituzioni e le dinamiche di economia politica che connotano in forma
specifica il settore di riferimento.
La seconda parte del corso focalizza la sua attenzione sull’evento culturale e di spettacolo che nelle sue varie forme, è
diventato vettore di importanti messaggi di comunicazione venendo sempre più considerato alla stregua di un vero e
proprio medium e strumento centrale nelle politiche di valorizzazione e promozione territoriale. In questa parte del
corso ci si interrogherà su quali siano le dimensioni fondamentali che caratterizzano un evento e quali siano le
implicazioni gestionali, organizzative e amministrative connesse alla sua ideazione, pianificazione, realizzazione e
chiusura.
Programma:
Parte prima
- Elementi legislativi del sistema artistico e culturale. Evoluzione storica, quadro normativo e sistemi di finanziamento nel
settore dello spettacolo dal vivo.
- Elementi di economia della cultura. Caratteristiche generali del finanziamento pubblico alla cultura
- La spesa per la cultura in Italia (meccanismi e criteri)
- L’evoluzione della domanda e dell’offerta culturale.
Parte seconda
- Cosa è un evento? Tipologie di eventi standard.
- Il Project Management applicato al settore culturale.
- L’evento come progetto. Le fasi del progetto di un evento culturale (Ideazione, Pianificazione, Realizzazione, Chiusura).
Elementi organizzativi nell’evento culturale.
Attivitàasupportodelladidattica:
Durante il corso verrà dato spazio ad alcuni semininari monografici e verrà condotto un lavoro di gruppo per
sperimentare la strumentazione metodologica appresa.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari/laboratorio. Le parti da approfondire saranno indicate durante il corso.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati, delle dispense consegnate e
patecipazione al lavoro di gruppo.
Testidistudio:
Parte prima
Gallina M., Organizzare teatro, FrancoAngeli, Milano, 2001, (ultima edizione 2007)
(parte I, Il sistema teatrale italiano).
Parte seconda
Argano L., Bollo A., Dalla Sega P., Vivalda., Gli eventi culturali, FrancoAngeli, Milano, 2005.
Modalitàdiaccertamento:
Presentazione del lavoro di gruppo e verifica orale individuale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Parte prima
Gallina M., Organizzare teatro, FrancoAngeli, Milano, 2001, (ultima edizione 2007)
(parte I, Il sistema teatrale italiano).
Parte seconda
Argano L., Bollo A., Dalla Sega P., Vivalda, Gli eventi culturali, FrancoAngeli, Milano, 2005.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
Paleografia
M-STO/09

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. TONTINI ALBA alba.tontini@uniurb.it
Ricevimento: Orario ricevimento: Martedì ore 09-11.

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire, attraverso conoscenze paleografiche, codicologiche, storiche, i mezzi utili
all’identificazione, datazione, eventuale localizzazione, lettura delle scritture librarie (e non solo) fino alla caduta
dell’impero romano
Programma:
Studio della scrittura legato alla conoscenza dei materiali, degli strumenti, delle tecniche e modalità di esecuzione.
Indagine sulla nascita delle diverse forme grafiche, sul loro sviluppo e decadenza, sul grado di ricezione presso il
pubblico di utenti, con particolare attenzione alla capitale. Profilo storico della scrittura latina dal V sec. a. C. al VI d. C.
con esercizi di lettura, analisi paleografica, eventuale descrizione codicologica, condotti su materiale fornito durante il
corso. Cenni più generali anche sullo svolgimento della scrittura dall’alto Medioevo all’introduzione della stampa.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Testidistudio:
A. Petrucci, Breve storia della scrittura latina, Roma, Bagatto Libri, 1989; oppure G. Cencetti, Paleografia latina, ediz. a
cura di P. Supino Martini, Roma, Guide Jouvence 1, 1978; oppure G. Battelli, Lezioni di paleografia latina, Città del
Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 20024.F. M. Bertolo- P. Cherubini -G. Inglese - L. Miglio, Breve storia della scrittura e
del libro, Roma, Carocci Editore, 2004.
G. Petronio Nicolaj, Osservazioni sul canone della capitale libraria romana fra I e III secolo, in Miscellanea in onore di
Giorgio Cencetti, pp. 3-28.A. Pratesi, Nuove divagazioni per uno studio della scrittuta capitale in Frustula
palaeographica, Firenze, Olschki 1992, pp. 191-219;
A. Petrucci, L’onciale romana, in «Studi Medievali » 11, 1971, pp.75-132A. Petrucci, Scrittura e libro nell’Italia
altomedievale, in «Studi Medievali» 10, 1970, pp. 157-213
G. Cavallo (a cura di), Libri, editori e pubblico nel mondo antico. Guida storica e critica, Bari, Laterza, 1975.G. Cavallo (a
cura di), Le biblioteche nel mondo antico e medievale, Roma-Bari, Laterza, 1988.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale


204
vademecum 2009/10
205
insegnamenti
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Gli studenti non frequentanti sono pregati di contattare l’insegnante.
................................................................................................................................
Politichedell’immigrazione
SPS/10

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Immigrazione e politiche locali
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. BARBERIS EDUARDO eduardo.barberis@uniurb.it
Ricevimento: Il docente è disponibile un’ora prima e un’ora dopo le lezioni; negli altri giorni su appuntamento con
contatto via e-mail

ObiettiviFormativi: Il corso si propone di fornire agli studenti un inquadramento della dimensione territoriale delle
politiche migratorie, con un’analisi sociologica delle competenze e dei ruoli dei diversi attori istituzionali (Europa, Stato,
Regioni, Enti locali, privato sociale e di mercato) e un’attenzione critica alle questioni problematiche nella gestione e
programmazione degli interventi di policy in campo migratorio.
Programma:
Il fenomeno migratorio e il suo impatto sulle politiche
Immigrant policies e immigration policies: una tipologia
Il ruolo dell’Unione Europea
Modelli nazionali e politiche migratorie
Il governo delle politiche migratorie italiane: storia e sociologia
La dimensione territoriale delle politiche per gli immigrati: regioni, province e comuni
Lo studio, la programmazione, la gestione e la valutazione delle politiche migratorie. Studi di caso
Policy networks e ruolo degli attori
Prospettive di innovazione nelle politiche migratorie
Risultatidiapprendimento:
Conoscenze attese: conoscenza del dibattito teorico sulle politiche; orientamento nei principali orientamenti della
letteratura
Competenze: analisi critica delle politiche; capacità di approfondire teorie e legami con approcci empirici sulla materia
Abilità: capacità di declinare conoscenze e competenze acquiste nel corso e nel percorso formativo per effettuare
ricerche sociologiche sulle politiche migratorie
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali; esercitazioni
Obblighi: Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati; è possibile
concordare col docente testi alternativi e/o tesine di approfondimento a sostituzione parziale dei testi indicati.
Nel corso delle lezioni verranno distribuiti materiali integrativi parzialmente sostitutivi dei testi d’esame
Testidistudio:
A. Gli studenti della LS in Sociologia della Multiculturalità devono studiare:
Campomori F., Immigrazione e cittadinanza locale: la governance dell’integrazione in Italia, Carocci, Roma, 2008.
Barberis E., Imprenditori immigrati. Tra inserimento sociale e partecipazione allo sviluppo, Ediesse, Roma, 2008. Solo
Parte Terza. Ambrosini M., Sociologia delle migrazioni, Il Mulino, Bologna, 2005. Solo Parte Terza OPPURE Ponzo I.,
Conoscere l’immigrazione, Carocci, Roma, 2009
B. Gli studenti della LS in Organizzazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi sociali devono studiare:
Spinelli E., Immigrazione e servizio sociale, Carocci, Roma, 2005. Barberis E., Imprenditori immigrati. Tra inserimento
sociale e partecipazione allo sviluppo, Ediesse, Roma, 2008. Solo Parte Terza. Commissione Europea, Manuale
sull’integrazione per i responsabili delle politiche di integrazione e gli operatori del settore. Seconda edizione.
Commissione Europea, Bruxelles, 2007. Il testo è integralmente e liberamente scaricabile dal sito della Commissione
Europea, al link: http://ec.europa.eu/justice_home/doc_centre/immigration/integration/doc/2007/handbook_2007_it.
pdf OPPURE Ponzo I., Conoscere l’immigrazione, Carocci, Roma, 2009
E’ possibile concordare con il docente programmi alternativi.
Modalitàdiaccertamento: Esame orale; discussione di eventuale tesina di approfondimento
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale
Obblighi: Studio individuale dei testi indicati; è possibile concordare col docente testi alternativi e/o tesine di
approfondimento a sostituzione parziale dei testi indicati
Testidistudio: Oltre ai testi previsti per i frequentanti, gli studenti non frequentanti (sia di Sociologia della
Multiculturalità, Sia di Organizzazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi sociali) devono preparare uno a scelta fra i
seguenti saggi:
Allasino E., Bobbio L. & Neri S., Crisi urbane: che cosa succede dopo? Le politiche per la gestione della conflittualità
legata all’immigrazione, in: Polis, XIV(3), 2000: 431-449
Gallo G. & Tintori G., Come si diventa cittadini italiani. Un approfondimento statistico, in: Zincone G., Familismo legale.
Come (non) diventare italiano, Laterza, Roma-Bari, 2006: pp. 107-38
Zincone G. & Di Gregorio L., Il processo delle politiche di immigrazione in Italia: uno schema interpretativo integrato, in:
Stato & Mercato, 66, 2002: 433-465
Penninx R. & Martiniello M, Processi di integrazione e politiche (locali), in: Mondi Migranti, 3, 2007: 31-60
E’ possibile concordare col docente un diverso saggio di approfondimento, in base a specifici interessi degli studenti.
Modalitàdiaccertamento: Esame orale; discussione di eventuale tesina di approfondimento
Note:
Per la determinazione del periodo di lezioni si rimanda al calendario di facoltà
................................................................................................................................
Politicheperlasalute:modelliepratiche
SPS/07

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Politiche per la salute: modelli e pratiche
Corsidilaureain: Organizzazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM)

Prof. GENOVA ANGELA angela.genova@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si pone i seguenti obiettivi formativi:
1. Fornire strumenti conosciti per l’analisi dei processi di riforma delle politiche per la salute in Italia e in Europa in
prospettiva storico comparata.
2. Stimolare le competenze nella capacità di analisi e interpretazione dei dati sulla salute di una popolazione.
Programma:Il corso si articola in 6 unità didattiche.
1. Introduzione alle politiche per la salute: uno sguardo storico sul tema
2. La costruzione dei sistemi sanitari in Europa: modelli ed esperienze a confronto
3. La salute in Italia fra politiche di sanitarie e politiche di assistenza sociale: processi di riforma.
4. Le politiche per la salute in Italia: modelli organizzativi ed esperienze pratiche a confronto
5. Strumenti di valutazione per l’analisi delle politiche per la salute.
6. Gli strumenti di analisi delle politiche per la salute: progettazione e pianificazione di interventi socio sanitari
Risultatidiapprendimento:
A conclusione del corso gli studenti avranno acquisito i seguenti risultati di apprendimento e competenze:
-Conoscenze teoriche sulle politiche per la salute in Italia e in Europa e capacità di comprensione dei recenti processi di
riforma istituzionale e impatto sulle condizioni di salute della popolazione.
- Competenze nella analisi, valutazione e progettazione delle politiche per la salute in Italia. Capacità di rilevare le
principali criticità, limiti e potenzialità delle politiche per la salute attuali.
Attivitàasupportodelladidattica:
Il corso prevede la realizzazione di un project work su una tematica concordata nel corso delle lezioni.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali saranno alternate da attività di gruppo.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Genova A. Le disuguaglianze nella salute. Politiche e governance in Italia e in Europa. Carocci, Roma, 2008. (tutto il testo)
206
vademecum 2009/10
207
insegnamenti
Genova A., Palazzo F. (a cura di) Il welfare nelle Marche. Carocci, Roma, 2008. (capitoli 5,8, 12, 14, 15, 17, 19, 20)
Modalitàdiaccertamento:
Esame scritto e orale.
Possibilità per lo studente frequentante di produrre una tesina, previo accordo diretto con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio dei testi di studio.
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Genova A. Le disuguaglianze nella salute. Politiche e governance in Italia e in Europa. Carocci, Roma, 2008. (tutto il
testo)
Genova A., Palazzo F. (a cura di) Il welfare nelle Marche. Carocci, Roma, 2008. (capitoli 1,2,3,5,8, 9,11, 12, 13, 14, 15, 17,
19, 20)
Modalitàdiaccertamento:
Esame scritto.
................................................................................................................................
Politichesociali
SPS/07

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Politichesociali1e2AMI
SPS/07

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Parte I: Le politiche sociali in Italia dalla collettività all’individuo. Parte II: Il lavoro nell’epoca
dell’occupabilità: quanta diseguaglianza possiamo accettare?
Corsidilaureain: Servizio sociale (CNA-L)

Prof. GENOVA ANGELA angela.genova@uniurb.it

Prof. VINCENTI ALESSANDRA alessandra.vincenti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Parte I:
Obiettivo del corso è quello di fornire gli strumenti concettuali per analizzare le tendenze attuali dello stato sociale
italiano e della spesa sociale, con particolare attenzione ai processi che vedono il trasferimento dei rischi su individui e
famiglie.
Con riferimento all’evoluzione della politica sociale comunitaria, saranno approfonditi gli aspetti in tema di politiche di
istruzione e sanità.
Parte II:
Obiettivo del corso è quello di fornire gli strumenti concettuali per analizzare le tendenze attuali del mercato del lavoro e
delle politiche attive e di promozione dell’occupabilità. In particolare sarà affrontato come la differenza di genere si
sostanzi in diseguaglianza nella costruzione di politiche pubbliche, problematizzando il campo dell’area della cosiddetta
“conciliazione” per vedere come questa possa essere trasversale alle politiche del lavoro e produrre effetti perversi
rispetto al principio di pari opportunità.
Programma:
Parte I:
1. Globalizzazione e politica sociale: la trasformazione dell’intervento sociale.
2. La tendenza dei trasferimenti dei rischi su individui e famiglie.
3. Come è cambiata la spesa sociale nei paesi UE.
4. La storia del sistema di protezione sociale italiano.
5. Povertà e diseguaglianza.
6. La sanità: dalla L. 883/1978 alla contrattualizzazione delle politiche sanitarie.
7. Le politiche di assistenza sociale in Italia.
Parte II:
1. Le politiche del lavoro e il sistema di ammortizzatori sociali
2. Le politiche di attivazione e i servizi per l’impiego
3. Le “pratiche di conciliazione”
4. Il sistema previdenziale
Modalitàdidattiche:
Parte I:
Lezione frontale. Discussione e analisi di materiale documentario fornito dalla docente. Predisposizione e presentazione
di una tesina su un argomento concordato con le docenti. Esercitazioni.
NOTA: Le tesine sono facoltative, ma contribuiscono alla valutazione finale.
Parte II:
Lezione frontale. Discussione e analisi di materiale documentario fornito dalla docente. Predisposizione e presentazione
di una tesina su un argomento concordato con le docenti. Esercitazioni.
NOTA: Le tesine sono facoltative, ma contribuiscono alla valutazione finale.
Obblighi:
Parte I e Parte II:
Frequenza di ¾ delle ore di lezione svolte. Preparazione di tutte le parti indicate nei testi in programma.
Testidistudio:
Parte I:
Felice Pizzuti (a cura di), Rapporto sullo Stato sociale 2008, Utet, 2008
Bifulco Lavinia (a cura di), Le politiche sociali, Roma, Carocci, 2005
Le parti da studiare verranno concordate con la docente durante il corso.
Parte II:
Felice Pizzuti (a cura di), Rapporto sullo Stato sociale 2008, Utet, 2008
Bifulco Lavinia (a cura di), Le politiche sociali, Roma, Carocci, 2005
Le parti da studiare verranno concordate con la docente durante il corso.
Modalitàdiaccertamento:
Parte I e Parte II: L’accertamento avviene in modo individuale ed è effettuato ad opera di una commissione formata da
entrambi i docenti titolari dell’insegnamento. Negli appelli ufficiali d’esame si procederà alla verifica orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Parte I e Parte II: Preparazione di tutte le parti indicate nei testi in programma.
Testidistudio:
Parte I:
Felice Pizzuti (a cura di), Rapporto sullo Stato sociale 2008, Utet, 2008
(Da p. 1 a p. 265, paragrago 3.6 escluso. Il paragrafo 3.2 è escluso)
Nota: Lo studio del testo dovrebbe concentrarsi sui processi e e e le tendenze, piuttosto che sulle statistiche. Per ogni
chiarimento contattare la docente.
Bifulco Lavinia (a cura di), Le politiche sociali, Roma, Carocci, 2005
Cap. 1 - 4 - 5
Parte II:
Felice Pizzuti (a cura di), Rapporto sullo Stato sociale 2008, Utet, 2008
(Da p. 265 a p. 336. Inoltre il paragrago 3.2)
Nota: Lo studio del testo dovrebbe concentrarsi sui processi e le tendenze, piuttosto che sulle statistiche. Per ogni
chiarimento contattare la docente.
Bifulco Lavinia (a cura di), Le politiche sociali, Roma, Carocci, 2005
Cap. 2 - 3 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10
208
vademecum 2009/10
209
insegnamenti
Modalitàdiaccertamento:
Parte I e Parte II: L’accertamento avviene in modo individuale ed è effettuato ad opera di una commissione formata da
entrambi i docenti titolari dell’insegnamento. Negli appelli ufficiali d’esame si procederà alla verifica orale.
Note:
................................................................................................................................
Politichesocialiedellaformazione
SPS/07

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
PolitichesocialiedellaformazioneIeIIAMI
SPS/07

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: I - Sociologia e politiche della formazione II - Le politiche sociali in Italia in prospettiva comparata:
problemi e prospettive
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. VINCENTI ALESSANDRA alessandra.vincenti@uniurb.it

Prof. FALASCA BRUNO

ObiettiviFormativi:
Parte I
Politiche della formazione professionale
Parte II
Fornire gli strumenti concettuali e metodologici per conoscere e analizzare la rete complessiva dei servizi alla persona
fornendo un quadro normativo essenziale e una descrizione approfondita dell’attuale assetto organizzativo dei servizi
nei vari ambiti (minori e famiglia, anziani, disabili, tossicodipendenti, malati mentali, marginalità estreme).
Programma:
Parte I
Il modulo ha come obiettivo la formazione degli studenti alle politiche attive della formazione professionale e alle
strategie metodologiche finalizzate all’acquisizione degli aspetti più significativi ed efficaci per il loro inserimento nel
mondo del lavoro.
Parte II
1. Successo e crisi del welfare state: la trasformazione dell’intervento sociale
2. La storia dei servizi alla persona
3. Il sistema integrato di interventi e servizi sociali e il ruolo del terzo settore
4. I servizi per gli anziani
5. I servizi per bambini, adolescenti e famiglie
6. La rete dei servizi per le persone con disabilità
7. La rete dei servizi di contrasto alla povertà ed esclusione.
8. Le politiche di assistenza sociale in Italia: lacune originarie e nuove sfide
Modalitàdidattiche:
Parte I
Lezioni frontali con l’ausilio supporti informatici.
Parte II
Lezione frontale.


Obblighi:
Parte I
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Parte II
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e studio del materiale didattico di riferimento.
Testidistudio:
Parte I
- Falasca B., L’onda del futuro – Sociologia dei bisogni formativi e politiche delle formazione, Uniservice, Potenza 1999
- Falasca B., Sociologia della formazione – Orientare e formare nel nuovo millennio, TEKNA, Potenza 2001
Parte II
Ferrera M., Le politiche sociali. L’Italia in prospettiva comparata, Il Mulino, Bologna 2006
Cap. V
Franzoni F., Anconelli M., La rete dei servizi alla persona, Carocci, Roma, 2006
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
Colloquio orale e eventuale discussione di tesine facoltative.
Parte II
Ferrera M., Le politiche sociali. L’Italia in prospettiva comparata, Il Mulino, Bologna 2006
Cap. V
Franzoni F., Anconelli M., La rete dei servizi alla persona, Carocci, Roma, 2006

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Parte I
Studio individuale
Parte II
Studio individuale
Obblighi:
Parte I
Studio del materiale didattico di riferimento.
Parte II
Studio del materiale didattico di riferimento. Lo studente deve preparare un testo tra quelli indicati come a scelta.
Testidistudio:
Parte I
- Falasca B., L’onda del futuro – Sociologia dei bisogni formativi e politiche delle formazione, Uniservice, Potenza 1999
- Falasca B., Sociologia della formazione – Orientare e formare nel nuovo millennio, TEKNA, Potenza 2001
Lo studente deve preparare 1 testo a scelta tra quelli qui di seguito indicati:
-Crespi F., Imparare ad esistere. Nuovi fondamenti della solidarietà sociale, Donzelli, Roma 1994
-Zoll R., La Solidarietà. Eguaglianza e Differenza., IL Mulino, Bologna 2003
-R.Castel, L’insicurezza sociale. Che cosa significa essere protetti?, Einaudi, Torino 2004
Parte II
Ferrera M., Le politiche sociali. L’Italia in prospettiva comparata, Il Mulino, Bologna 2006, Capitolo 5
Franzoni F., Anconelli M., La rete dei servizi alla persona, Carocci, Roma, 2006.
Prospettive Sociali e Sanitarie: Anno XXXVII, N.9, 15 maggio 2007, Pietro Checcucci, Disabilità, inclusione sociale e lavoro
in Italia: acquisizioni e problemi aperti, pp 2-6
Prospettive Sociali e Sanitarie: Anno XXXVI, N.5, 15 marzo 2006, Pedro Morago, Lavoro sociale basato sull’evidenza, pp
2-5
Prospettive Sociali e Sanitarie: Anno XXXVI, N. 3, 15 febbraio 2006, Fausto Giancaterina, Il giro dell’oca dell’assistenza
sociale, pp 1-6
Prospettive Sociali e Sanitarie: Anno XXXVI, n.15, 1 settembre 2006, Celso Coppola, La riforma penitenziaria oggi, pp
9- 14
Prospettive Sociali e Sanitarie: Anno XXXVI, N. 2, 1 febbraio 2006, Graziella Civenti, Riflessioni sulla qualità nel lavoro
sociale pp 1- 5
Prospettive Socaili e Sanitarie: Anno XXXVI, N. 19, 1 novembre 2006, Ugo De Ambrogio et al, Sviluppare il segretariato
sociale professionale, pp 3-6
210
vademecum 2009/10
211
insegnamenti
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
Colloquio orale
Parte II
Ferrera M., Le politiche sociali. L’Italia in prospettiva comparata, Il Mulino, Bologna 2006, Capitolo 5
Franzoni F., Anconelli M., La rete dei servizi alla persona, Carocci, Roma, 2006.
Prospettive Sociali e Sanitarie: Anno XXXVII, N.9, 15 maggio 2007, Pietro Checcucci, Disabilità, inclusione sociale e lavoro
in Italia: acquisizioni e problemi aperti, pp 2-6
Prospettive Sociali e Sanitarie: Anno XXXVI, N.5, 15 marzo 2006, Pedro Morago, Lavoro sociale basato sull’evidenza, pp
2-5
Prospettive Sociali e Sanitarie: Anno XXXVI, N. 3, 15 febbraio 2006, Fausto Giancaterina, Il giro dell’oca dell’assistenza
sociale, pp 1-6
Prospettive Sociali e Sanitarie: Anno XXXVI, n.15, 1 settembre 2006, Celso Coppola, La riforma penitenziaria oggi, pp
9- 14
Prospettive Sociali e Sanitarie: Anno XXXVI, N. 2, 1 febbraio 2006, Graziella Civenti, Riflessioni sulla qualità nel lavoro
sociale pp 1- 5
Prospettive Socaili e Sanitarie: Anno XXXVI, N. 19, 1 novembre 2006, Ugo De Ambrogio et al, Sviluppare il segretariato
sociale professionale, pp 3-6
................................................................................................................................
PolitichesocialiefondistrutturalidellaC.E.
IUS/14

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Politiche sociali e Fondi Strutturali UE
Corsidilaureain: Organizzazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (CNA-LS)

Prof. PAGLIARECCI MANUELA m.pagliarecci@virgilio.it
Ricevimento: L’orario di ricevimento verrà comunicato all’inizio delle lezioni

ObiettiviFormativi:
Il corso intende fornire un quadro d’insieme sulla politica di coesione economica e sociale e territoriale e, in particolare
sulla politica regionale comunitaria, nonché sulla politica sociale europea e sui diritti sociali inscritti nella Carta di Nizza.
Programma:
Parte I – La genesi e l’evoluzione del modello di economia sociale di mercato; Cenni sulla struttura dell’Unione e in
particolare sul ruolo, funzioni della Commissione europea; l’assetto dei poteri nella programmazione e gestione dei
fondi strutturali europei.
Parte II – La genesi e lo sviluppo della politica di coesione economica e sociale in relazione alla storia dell’integrazione
europea. I fondi strutturali europei: dalla prima riforma dell’88 alla nuova programmazione 2007-2013.
Parte III – La genesi e lo sviluppo della politica sociale europea: Dalla previsione del FSE nel Trattato istitutivo della C.E.E.
alla Nuova Comunicazione della Commissione sull’Agenda Sociale, passando attraverso l’analisi della Strategia di
Lisbona
Parte IV – I diritti sociali europei nel costituzionalismo europeo e nella Carta di Nizza
La formazione della società moderna. La trama del tessuto sociale. Cultura, linguaggio e comunicazione. Controllo
sociale e devianza. La religione. Stratificazione e mobilità sociale.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, seminari e workshp. Le parti da approfondire saranno indicate durante il corso.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
I testi verranno indicati all’inizio del corso . E’ Obbligatorio lo studio della seguente normativa. Reg. (CE) n. 1828 della
Commissione del 8 dicembre 2006 che stabilisce le modalità di applicazione del Reg. (CE) 1083/2006 del Consiglio
recante le disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di
coesione e del Reg. (CE) 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo di sviluppo
Regionale, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Unione Europea n. L 371 del 27 dicembre 2006 ; Reg. (CE) n. 1081/2006
del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo sociale europeo e recante abrogazione del
Regolamento (CE) 1784/99, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Unione Europea n. L 210 del 31 dicembre 2006.:
- Cognome e Iniziale del nome puntata, Titolo in corsivo, Casa Editrice per esteso, Città, anno, eventuale edizione.
(Luhman N., La realtà dei mass media, Franco Angeli Ed., Milano, 1998)
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale. Per gli studenti che hanno ottemperato agli obblighi di frequenza è possibile concordare una prova finale
orale alla conclusione del modulo.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
I testi verranno indicati al manager didattico . E’ Obbligatorio lo studio della seguente normativa Reg. (CE) n. 1828 della
Commissione del 8 dicembre 2006 che stabilisce le modalità di applicazione del Reg. (CE) 1083/2006 del Consiglio
recante le disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di
coesione e del Reg. (CE) 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo di sviluppo
Regionale, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Unione Europea n. L 371 del 27 dicembre 2006 ; Reg. (CE) n. 1081/2006
del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo sociale europeo e recante abrogazione del
Regolamento (CE) 1784/99, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Unione Europea n. L 210 del 31 dicembre 2006
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame.
................................................................................................................................
Politichesocialiperlafamigliaeperl’infanzia1,2AMI
SPS/08

CFU 6 • PERIODO seconda sessione • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: POLITICHE SOCIALI PER LA FAMIGLIA E PER L’INFANZIA
Corsidilaureain: Organizzazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (CNA-LS)

Prof. MAGGIONI GUIDO guido.maggioni@uniurb.it
Ricevimento: martedì - mercoledì 8 - 10, oppure concordare con il docente per e-mail.

ObiettiviFormativi:
Obiettivo del corso è innanzitutto che gli studenti acquisiscano una conoscenza approfondita dei mutamenti intervenuti
nei modi di formazione delle famiglie e nelle strategie familiari. Su questa base, saranno approfondite le politiche sociali
per la famiglia e per l’infanzia, facendo particolare riferimento ai bisogni sociali delle persone e delle famiglie in età
riproduttiva e dei loro figli.
Programma:
Le politiche di sostegno alle responsabilità familiari in Italia: quadro storico. Possibilità effettive di conciliazione tra
lavoro familiare e remunerato, indipendenza delle giovani generazioni, rischi di povertà
Mutamenti nei modi di fare famiglia. Pluralità e diversità delle famiglie. L’esperienza della genitorialità nelle famiglie
contemporanee. Le politiche sociali in un quadro di pluralizzazione dei modelli familiari.
Pari opportunità e contrasto delle diseguaglianze. Le politiche familiari e l’equità sociale. I servizi sociali per le famiglie
con figli. Trasferimenti monetari alle famiglie. Progettare ed implementare le politiche per le famiglie.
Famiglie e bisogni sociali : strumenti d’intervento e buone pratiche.
Le politiche per l’infanzia in Italia e in Europa.
Risultatidiapprendimento:
Attivitàasupportodelladidattica:
Gli studenti frequentanti potranno partecipare ad attività di ricerca nell’ambito dei temi trattati nel corso
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale e tesina di approfondimento.
Obblighi:
Studio dei testi in tutte le parti indicate e frequenza di ¾ delle ore di lezione. Redazione di una tesina
Testidistudio:
Saraceno C., Mutamenti della famiglia e politiche sociali in Italia, Il Mulino, Bologna 2003.
212
vademecum 2009/10
213
insegnamenti
Di Nicola P., Famiglia: sostantivo plurale, FrancoAngeli, Milano 2008.
Guerzoni L., a cura di, Le politiche di sostegno alle famiglie con figli : il contesto e le proposte, Il Mulino, Bologna
2007Nel syllabus in distribuzione all’inizio del corso saranno indicati alcuni capitoli dei volumi sopra indicati che non
entreranno a far parte del programma d’esame, in parte sostituiti da altri testi specificamente dedicati alle politiche
dell’infanzia.
Modalitàdiaccertamento:Negli appelli ufficiali d’esame si procederà alla verifica orale, includendo anche la tesina
scritta tra i parametri di valutazione. L’accertamento avviene in modo individuale ed è effettuato ad opera di una
commissione presieduta dal docente titolare dell’insegnamento.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
studio individuale
Obblighi:
Studio dei testi del programma indicato in tutte le loro parti.
Testidistudio:
Saraceno C., Mutamenti della famiglia e politiche sociali in Italia, Il Mulino, Bologna 2003.
Di Nicola P., Famiglia: sostantivo plurale, FrancoAngeli, Milano 2008.
Guerzoni L., a cura di, Le politiche di sostegno alle famiglie con figli : il contesto e le proposte, Il Mulino, Bologna 2007
Modalitàdiaccertamento:Negli appelli ufficiali d’esame si procederà alla verifica orale. L’accertamento avviene in
modo individuale ed è effettuato ad opera di una commissione presieduta dal docente titolare del modulo.
Note:
................................................................................................................................
Politichesocialiperlafamigliaeperl’infanzia1,2AMI
SPS/12

CFU 6 • PERIODO seconda sessione • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Politiche sociali per la famiglia e per l’infanzia
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. MAGGIONI GUIDO guido.maggioni@uniurb.it
Ricevimento: martedì - mercoledì 8 - 10, oppure concordare con il docente per e-mail.

ObiettiviFormativi:
Obiettivo del corso è innanzitutto che gli studenti acquisiscano una conoscenza approfondita dei mutamenti intervenuti
nei modi di formazione delle famiglie e nelle strategie familiari. Su questa base, saranno approfondite le politiche sociali
per la famiglia e per l’infanzia, facendo particolare riferimento ai bisogni sociali delle persone e delle famiglie in età
riproduttiva e dei loro figli.
Programma:
Le politiche di sostegno alle responsabilità familiari in Italia: quadro storico. Possibilità effettive di conciliazione tra
lavoro familiare e remunerato, indipendenza delle giovani generazioni, rischi di povertà
Mutamenti nei modi di fare famiglia. Pluralità e diversità delle famiglie. L’esperienza della genitorialità nelle famiglie
contemporanee. Le politiche sociali in un quadro di pluralizzazione dei modelli familiari.
Pari opportunità e contrasto delle diseguaglianze. Le politiche familiari e l’equità sociale. I servizi sociali per le famiglie
con figli. Trasferimenti monetari alle famiglie. Progettare ed implementare le politiche per le famiglie.
Famiglie e bisogni sociali : strumenti d’intervento e buone pratiche.
Le politiche per l’infanzia in Italia e in Europa.
Attivitàasupportodelladidattica:
Gli studenti frequentanti potranno partecipare ad attività di ricerca nell’ambito dei temi trattati nel corso
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale e tesina di approfondimento
Obblighi:
Studio dei testi in tutte le parti indicate e frequenza di ¾ delle ore di lezione. Redazione di una tesina
Testidistudio:
Saraceno C., Mutamenti della famiglia e politiche sociali in Italia, Il Mulino, Bologna 2003.
Di Nicola P., Famiglia: sostantivo plurale, FrancoAngeli, Milano 2008.
Guerzoni L., a cura di, Le politiche di sostegno alle famiglie con figli : il contesto e le proposte, Il Mulino, Bologna
2007Nel syllabus in distribuzione all’inizio del corso saranno indicati alcuni capitoli dei volumi sopra indicati che non
entreranno a far parte del programma d’esame, in parte sostituiti da altri testi specificamente dedicati alle politiche
dell’infanzia.
Modalitàdiaccertamento:
Negli appelli ufficiali d’esame si procederà alla verifica orale, includendo anche la tesina scritta tra i parametri di
valutazione. L’accertamento avviene in modo individuale ed è effettuato ad opera di una commissione presieduta dal
docente titolare dell’insegnamento.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
studio individuale
Obblighi:
Studio dei testi del programma indicato in tutte le loro parti.
Testidistudio:
Saraceno C., Mutamenti della famiglia e politiche sociali in Italia, Il Mulino, Bologna 2003.
Di Nicola P., Famiglia: sostantivo plurale, FrancoAngeli, Milano 2008.
Guerzoni L., a cura di, Le politiche di sostegno alle famiglie con figli : il contesto e le proposte, Il Mulino, Bologna 2007
Modalitàdiaccertamento:Negli appelli ufficiali d’esame si procederà alla verifica orale. L’accertamento avviene in
modo individuale ed è effettuato ad opera di una commissione presieduta dal docente titolare del modulo.
Note:
................................................................................................................................
Principiefondamentidelserviziosociale
SPS/07

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Rapporto individuo/società e sostegno sociale
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. MANATTINI FABRIZIO fabrizio.manattini@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
l corso si propone di fornire agli studenti i fondamenti storico-teorici relativi alla storia dell’assistenza, ai principi e ai
valori ispiratori del lavoro sociale, nonché alla loro attuazione concreta negli atteggiamenti professionali fondamentali.
Particolare attenzione sarà data ai contributi che le principali scienze sociali (in particolare la sociologia, la psicologia
sociale e la psicologia dell’età evolutiva) possono oggi offrire tanto alla teoria quanto alla pratica del lavoro sociale.
Programma:
1. La storia del Welfare State: dalle prime forme di assistenza alla sicurezza sociale - la fase di sperimentazione -
espansione e consolidamento dello Stato sociale. 2. Storia e origini del servizio sociale: Un quadro generale - Storia del
servizio sociale in Italia. 3. I principi e i valori ispiratori del lavoro sociale: Il rapporto individuo/società: i concetti di
libertà e di uguaglianza; solidarietà, dignità umana e giustizia - Etica e servizi sociali. 4. I principi come fondamento degli
atteggiamenti professionali. 5. Scienze sociali e principi del lavoro sociale: Sociologia e rapporto individuo/comunità -
Psicologia sociale e persona - La struttura fondamentale della personalità fra Psicoanalisi e Antropologia – Psicologia
dell’età evolutiva e rapporto madre/bambino.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e studio del materiale didattico di riferimento
Testidistudio:
Manattini F., La costruzione sociale dell’alienazione, Quattroventi, Urbino 2000
Pieroni G., Dal Pra Ponticelli M., Introduzione al servizio sociale, Carocci, Roma 2005
Modalitàdiaccertamento:
Accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal docente titolare del modulo, attraverso: verifica
orale secondo il calendario d’esame. Possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo accordo diretto con il
docente.
214
vademecum 2009/10
215
insegnamenti
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio del materiale didattico di riferimento.
Testidistudio:
Manattini F., La costruzione sociale dell’alienazione, Quattroventi, Urbino 2000
Pieroni G., Dal Pra Ponticelli M., Introduzione al servizio sociale, Carocci, Roma 2005
Cambiaso G., L’affido familiare come “base sicura”, Angeli, Milano 1998 (a scelta)
Bayertz K. – Baurmann M., L’interesse e il dono. Questioni di solidarietà, Edizioni di Comunità, Torino 2002 (a scelta)
Nota: Lo studente deve preparare 1 testo tra quelli indicati come ‘a scelta’.
Modalitàdiaccertamento:
Accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal docente titolare del modulo, attraverso: verifica
orale secondo il calendario d’esame. Possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo accordo diretto con il
docente.
................................................................................................................................
Processisocialiefenomeniculturali
SPS/08

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La nascita dell’alterità
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. STAUDER PAOLO paolo.stauder@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Analizzare la crisi dei modelli culturali a partire dall’emergere del disagio giovanile
Programma:
1.Il concetto di comunicazione simbolica
2.I processi di socializzazione
3.La funzione della cultura
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e studio del materiale didattico di riferimento.
Testidistudio:
- Stauder P., La scoperta della solitudine, QuattroVenti, 2009, Urbino
- Simmel G., Il conflitto della civiltà moderna, Se, Milano, 1999.
Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal docente titolare del modulo,
attraverso: verifica orale secondo il calendario d’esame; possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo
accordo diretto con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio del materiale didattico di riferimento.
Testidistudio:
- Stauder P., La scoperta della solitudine, QuattroVenti, 2009, Urbino
- Simmel G., Il conflitto della civiltà moderna, Se, Milano, 1999.
- Oz A., Contro il fanatismo, Feltrinelli, Milano, 2005.
Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal docente titolare del modulo,
attraverso: verifica orale secondo il calendario d’esame.
................................................................................................................................
Produzionevideo
L-ART/06
CFU 9 • DURATA 10 ore frontali, 62 ore di laboratorio • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Prassi del racconto per immagini
Corsidilaureain: Editoria, media e giornalismo (CNA-LS)

Prof. CANNETO SERGIO sergiocanneto@gmail.com

ObiettiviFormativi:
Acquisizione delle capacità necessarie per la creazione di un racconto per immagini.
Capacità di utilizzare la videocamera e i sistemi di monitoraggio offline. Conoscenza della semiologia del racconto per
immagini.
Programma:
I linguaggi audiovisivi, come tutte le grandi forme di linguaggio, sono irretiti da una cultura, da una società da cui sono il
prodotto.
Il corso si pone lo scopo di leggere il codice iconico sotto questa luce per dare agli studenti i parametri necessari per lo
sviluppo di un loro peogetto audiovisivo che dovranno realizzare durante il corso.
La parte essneziale del corso riguarda l’acquisizione delle competenze necessarie per la realizzazione di un prodotto
audiovisivo. Dall’uso della videocamera ai sistemi di montaggio offline alla creazione di un dvd video.
Attivitàasupportodelladidattica:
Seminario con il Regista Daniele Gaglianone
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e laboratoriopo
Obblighi:
Partecipazione ad almento tre quarti delle ore di lezione.
Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Dispense
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale delle competenze acquisite e visione con discussione del progetto video realizzato dallo studente

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale dei testi indicati
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento e realizzazione di un progetto video
Testidistudio:
Dispense
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale delle competenze acquisite e visione con discussione del progetto video realizzato dallo studente
................................................................................................................................
Progettazionedelleimpresenonprofit
SECS-P/10

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Progettazione dell’impresa non profit
Corsidilaureain: Organizzazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (CNA-LS)

Prof. MARCON GIULIO

ObiettiviFormativi:
Fornire i fondamenti teorici, economici ed organizzativi per la creazione e lo sviluppo di imprese non profit con
particolare riferimento alla gestione e creazione di servizi sociali e offrire strumenti formativi per la gestione, il lavoro e
la progettazione delle imprese non profit nell’ambito delle nuove politiche di Welfare.
Programma:
1. Il terzo settore tra Stato e Mercato. 2. Classificazioni e dimensioni economiche del terzo settore. 3. Ruolo del terzo
216
vademecum 2009/10
217
insegnamenti
settore nella riforma del Welfare. 4. Normativa del terzo settore. 5. Caratteristiche della formazione e dell’avvio delle
imprese non profit. 6. La gestione economica, organizzativa, del lavoro nell’impresa non profit. 7. Il rapporto con gli enti
locali nella gestione dei servizi. 8. Lavorare per progetti: ideazione, attivazione, realizzazione, valutazione. 9. Strategie di
sviluppo dell’impresa non profit.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali con utilizzo di supporti audiovisivi.
Obblighi:
Frequenza dei 3/4 delle ore di lezione. Presentazione di tutte le parti indicate nei testi in programma.
Testidistudio:
Laville J., L’economia solidale, Bollati Boringhieri, Milano 1998 Nota per tutti: pp. 11-72 (cap. I)
Dalla Mura Franco, Pubblica amministrazione e non profit, Carocci, Roma 2002 Nota per tutti: Tutto
Barbetta, Cima, Zamaro, Le istituzioni non profit in Italia, Il Mulino , Bologna 2003 Nota per tutti: pp. 149 - 218 (parte
seconda).
Cimini C., Lombardi E., Marcon G., Naletto G., Lavorare nel terzo settore, Carocci, Milano 2005 Nota per tutti: Tutto
Modalitàdiaccertamento:
L’accertamento avviene attraverso una verifica orale secondo il calendario d’esame.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Laville J., L’economia solidale, Bollati Boringhieri, Milano 1998 Nota per tutti: pp. 11-72 (cap. I)
Leone L., Prezza M., Costruire e valutare i progetti nel sociale, Franco Angeli , Milano 1999 Nota: testo per non
frequentanti Nota per tutti: Da pag. 15 a pag. 131
Dalla Mura Franco, Pubblica amministrazione e non profit, Carocci, Roma 2002 Nota per tutti: Tutto
Barbetta, Cima, Zamaro, Le istituzioni non profit in Italia, Il Mulino , Bologna 2003 Nota per tutti: pp. 149 - 218 (parte
seconda).
Marcon G., Le utopie del ben fare, L’Ancora del Mediterraneo, Roma 2004 Nota: testo per non frequentanti Nota per
tutti: Da pag. 5 a pag. 44
Cimini C., Lombardi E., Marcon G., Naletto G., Lavorare nel terzo settore, Carocci, Milano 2005 Nota per tutti: Tutto
Modalitàdiaccertamento:
L’accertamento avvienee attraverso una verifica orale secondo il calendario d’esame.
................................................................................................................................
Progettazionedicontenutimultimediali/Radio.DaMarconialwebAMI
L-ART/06

CFU 12 • DURATA 96 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Progettazione di contenuti multimediali / Radio. Da Marconi al web AMI
Corsidilaureain: Editoria, Informazione e Sistemi Documentari (LM)

Prof. LUCARINI GIANNI g.lucarini@mclink.it

Prof. MORANDINI CHIARIONI DANIELA d.morandini@rai.it

ObiettiviFormativi:
Progettazione di contenuti multimediali (Gianni Lucarini)
Il Corso si propone di fornire allo studente le conoscenze, le competenze e gli strumenti necessari per la realizzazione di
contenuti multimediali fruibili attraverso le più moderne tecnologie. Il Corso è fortemente orientato alla realizzazione di
esperienze pratiche da parte dello studente.
Radio. Da Marconi al web (Daniela Morandini)
Il corso ha come oggetto l’informazione contemporanea, con riferimenti storici e filosofici. L’obiettivo e’ di suscitare nello
studente un’autonoma capacita’ di giudizio e di interpretazione. Dopo una prima parte, esplicativa, gli studenti sono
chiamati a partecipare attivamente attraverso confronti, stesure testi e realizzazioni audio.
Programma:
Progettazione di contenuti multimediali (Gianni Lucarini)
Media tradizionali e nuovi media. Ipertestualità, interattività e multimedialità. Gli strumenti del web. Il web come
contenitore e distributore di progetti multimediali. Siti web. Web radio e web tv.
Grafica multimediale ed elaborazione immagini. Il montaggio audio e video. Tecniche di comunicazione multimediale.
Il collegamento tra Docente e studenti sarà assicurato anche dalla creazione di un Gruppo on line con Yahoo!
Radio. Da Marconi al web (Daniela Morandini)
La radio da Marconi al web e la lezione delle emittenti private. L’uso dello strumento e le possibili evoluzioni di un
ascolto critico.
Eventualipropedeuticità:
Progettazione di contenuti multimediali (Gianni Lucarini)
Conoscenze base di informatica, personal computer e web.
Radio. Da Marconi al web (Daniela Morandini)
Conoscenze base di informatica, personal computer e web.
Modalitàdidattiche:
Progettazione di contenuti multimediali (Gianni Lucarini)
Il Corso prevede lezioni in presenza e lavoro di gruppo individuale e collettivo da remoto, utilizzando gli strumenti della
rete.
Radio. Da Marconi al web (Daniela Morandini)
Il programma si articola in una serie di incontri frontali. Sono inoltre previste esercitazioni.
Obblighi:
Progettazione di contenuti multimediali (Gianni Lucarini)
E’ necessaria l’assidua partecipazione degli studenti sia ai momenti didattici in preenza ad Urbino, sia all’attività da
remoto.
Radio. Da Marconi al web (Daniela Morandini)
E’ necessaria l’assidua partecipazione degli studenti alle lezioni.
Testidistudio:
Progettazione di contenuti multimediali (Gianni Lucarini)
Verrano indicati dal Docente nel corso della prima lezione in presenza. Sono previste anche dispense.
Radio. Da Marconi al web (Daniela Morandini)
D.Morandini, La radio, dispensa
R.Barthes, La camera chiara, To, Einaudi 1980
W. Benjamin, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilita’ tecnica, To, Einaudi 1966
C.E.Gadda, Norme per la redazione di un testo radiofonico, To, Eri 1989.
R.Arnheim, La radio, l’arte dell’ascolto, Roma, Editori Riuniti 1987
Trent’anni di libera antenna: www.30annidiradiofm.it
U. Eco, Repubblica 9 gennaio 2004 - Le regole del potere nel regime mediatico
Modalitàdiaccertamento:
Progettazione di contenuti multimediali (Gianni Lucarini)
Esame orale con valutazione del lavoro svolto.
Radio. Da Marconi al web (Daniela Morandini)
Esame orale con valutazione del lavoro svolto.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Progettazione di contenuti multimediali (Gianni Lucarini)
Sono ammessi al Corso anche studenti non frequentanti perchè studenti lavoratori o con particolari esigenze (da
verificare caso per caso). Per gli studenti lavoratori è necessaria la certificazione del datore di lavoro. E’ prevista
un’attività maggiore rispetto agli studenti frequentanti.
Radio. Da Marconi al web (Daniela Morandini)
Sono ammessi al Corso anche studenti non frequentanti perchè studenti lavoratori o con particolari esigenze (da
verificare caso per caso). Per gli studenti lavoratori è necessaria la certificazione del datore di lavoro. E’ prevista
un’attività maggiore rispetto agli studenti frequentanti.
Obblighi:
Progettazione di contenuti multimediali (Gianni Lucarini)
E’ necessario svolgere tutto il lavoro assegnato agli studenti frequentanti e la maggiore attività prevista dal Docente.
Radio. Da Marconi al web (Daniela Morandini)
218
vademecum 2009/10
219
insegnamenti
E’ necessario svolgere tutto il lavoro assegnato agli studenti frequentanti e la maggiore attività prevista dal Docente.
Testidistudio:
Progettazione di contenuti multimediali (Gianni Lucarini)
Verrano indicati dal Docente nel corso della prima lezione in presenza. Sono previste anche dispense.
Radio. Da Marconi al web (Daniela Morandini)
D.Morandini, La radio, dispensa
R.Barthes, La camera chiara, To, Einaudi 1980
W. Benjamin, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilita’ tecnica, To, Einaudi 1966
C.E.Gadda, Norme per la redazione di un testo radiofonico, To, Eri 1989.
R.Arnheim, La radio, l’arte dell’ascolto, Roma, Editori Riuniti 1987
Trent’anni di libera antenna: www.30annidiradiofm.it
U. Eco, Repubblica 9 gennaio 2004 - Le regole del potere nel regime mediatico
Modalitàdiaccertamento:
Progettazione di contenuti multimediali (Gianni Lucarini)
Esame orale con valutazione del lavoro svolto.
Radio. Da Marconi al web (Daniela Morandini)
Esame orale con valutazione del lavoro svolto.
Note:
Progettazione di contenuti multimediali (Gianni Lucarini)
Per ulteriori informazioni è possibile contattare il Docente al 335 7802273 o via mail (g.lucarini@mclink.it)
Radio. Da Marconi al web (Daniela Morandini)
Per ulteriori informazioni è possibile contattare il Docente via mail (d.morandini@rai.it).
................................................................................................................................
Psicologiaclinica
M-PSI/08

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Fondamenti di psicologia clinica
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. CORBELLI LAURA laura.corbelli@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti le basi fondamentali per conoscere la psicologia clinica, il suo campo
d’intervento, i suoi strumenti. Si propone altresì di mettere in luce l’utilità ed i punti di contatto tra questa disciplina e i
compiti dell’assistente sociale.
Programma:
La prima parte del corso verterà sul tentativo di definire il campo della psicologia clinica, i suoi strumenti ed i rapporti
che intervengono tra essa ed il campo dell’assistenza sociale. Successivamente verranno trattate nello specifico alcune
condizioni psicopatologiche di particolare rilievo, come ad esempio la Schizofrenia e la Depressione; le ipotesi
psicodinamiche più accreditate e alcuni modelli d’intervento. Infine, verrà dedicato uno spazio alla riflessione sulla
collaborazione tra assistente sociale e psicologo, che è da considerarsi risorsa auspicabile e che spesso risulta
indispensabile nei servizi pubblici.
Attivitàasupportodelladidattica:Seminari di approfondimento.
Modalitàdidattiche:Lezioni frontali e seminari di approfondimento.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
- Pewzner E., Introduzione alla psicopatologia dell’adulto, Einaudi editore, Torino, 2002.
- Verrasto V., Petruccelli F., Psicologia clinica. La storia, i metodi, gli strumenti, Franco Angeli ed., Milano, 2007.
Per eventuali approfondimenti (non obbligatori) a scelta dello studente:
Problematiche del post-partum:
-Ammaniti M.,Cimino S., Trentini C., Quando le madri non sono felici, Il Pensiero Scientifico, Roma 2007
Demenza:
- De Felice F., Il trattamento psicologico delle demenze, Franco Angeli, Milano 2004
Problematiche alimentari:
- Recalcati M., Zaccardi Merli U., Anoressia, bulimia e obesità, Bollati Boringhieri, Torino 2006
Alcolismo e Adolescenza:
- De Rugeriis M., L’abuso di alcol in adolescenza. L’illusione di un conforto, la certezza di un inganno, Carocci, Roma 2007
Tossicodipendenza:
- Gambini P., Il tossicodipendente e la sua famiglia, LAS, Roma 2005
Disagio Psichico e Assistente sociale:
- Cambria S., Disagio psichico e servizio sociale. Elementi di psichiatria per assistenti sociali, Franco Angeli, Milano 2005
Pazzagli C., Psicopatologia Evolutiva, In Rossi Monti M. (a cura di), Percorsi di psicopatologia. Fondamenti in evoluzione,
Franco Angeli, Milano 2001
- Cabassi A., Zini M.T., L’assistente sociale e lo psicologo, Carocci, Roma 2005
Modalitàdiaccertamento:Esame orale secondo il calendario d’esame.
Possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo accordo diretto con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Richiedere al docente appunti sui seminari e sulle lezioni. Studio individuale dei libri di testo.
Obblighi:Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
- Pewzner E., Introduzione alla psicopatologia dell’adulto, Einaudi editore, Torino, 2002.
- Verrasto V., Petruccelli F., Psicologia clinica. La storia, i metodi, gli strumenti, Franco Angeli ed., Milano, 2007.
- Caviglia G., Perrella R., La schizofrenia: Diagnisi, Teorie; Terapie, Carocci editore, Roma.
Approfondimenti: un libro (obbligatorio)a scelta dello studente tra:
Problematiche del post-partum:
- Ammaniti M.,Cimino S., Trentini C., Quando le madri non sono felici, Il Pensiero Scientifico, Roma 2007
Demenza:
- De Felice F., Il trattamento psicologico delle demenze, Franco Angeli, Milano 2004
Problematiche alimentari:
- Recalcati M., Zaccardi Merli U., Anoressia, bulimia e obesità, Bollati Boringhieri, Torino 2006
Tossicodipendenza:
- Gambini P., Il tossicodipendente e la sua famiglia, LAS, Roma 2005
Disagio Psichico:
- Cambria S., Disagio psichico e servizio sociale. Elementi di psichiatria per assistenti sociali, Franco Angeli, Milano 2005
- Pazzagli C., Psicopatologia Evolutiva, In Rossi Monti M. (a cura di), cap.4, Percorsi di psicopatologia. Fondamenti in
evoluzione, Franco Angeli, Milano 2001
- Cabassi A., Zini M.T., L’assistente sociale e lo psicologo, Carocci, Roma 2005
Modalitàdiaccertamento:Verifica orale.
Breve verifica scritta.
Note:
................................................................................................................................
Psicologiadellavoronelleorganizzazionideiservizisociali
M-PSI/06

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Psicologia del lavoro nelle organizzazioni dei Servizi Sociali
Corsidilaureain: Organizzazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali (CNA-LS)

Prof. DE FELICE FRANCO

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire i concetti teorici ed applicativi fondamentali della psicologia del lavoro per poi approfondire
le caratteristiche organizzative dei servizi sociali.
Programma:
Breve storia della psicologia del lavoro, la motivazione al lavoro, l’organizzazione del lavoro, la leadership, stress e
burnout.
220
vademecum 2009/10
221
insegnamenti
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale e attività seminariale.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno ¾ delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Avallone F., Psicologia del lavoro, Carocci editore, Roma 2000
Fraccaroli F., Il cambiamento nelle organizzazioni, Raffaello Cortina Editore, Milano 1998 (non obbligatorio)
Nota per tutti: Lo studente può studiare un testo a scelta tra Fraccaroli, La Porte e Rumiati-Bonini.
Rumiati R., Bonini N., Psicologia della decisione, Il Mulino, Bologna 2001 (non obbligatorio)
Nota per tutti: Lo studente può studiare un testo a scelta tra Fraccaroli, La Porte e Rumiati-Bonini.
La Porte J.M., Comunicazione interna e management nel no-profit, Franco Angeli Editore, Milano 2003 (non
obbligatorio)
Nota per tutti: Lo studente può studiare un testo a scelta tra Fraccaroli, La Porte e Rumiati-Bonini.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento e tesina da concordare con il Docente.
Testidistudio:
Avallone F., Psicologia del lavoro, Carocci editore, Roma 2000
Fraccaroli F., Il cambiamento nelle organizzazioni, Raffaello Cortina Editore, Milano 1998 (non obbligatorio)
Nota per tutti: Lo studente può studiare un testo a scelta tra Fraccaroli, La Porte e Rumiati-Bonini.
Rumiati R., Bonini N., Psicologia della decisione, Il Mulino, Bologna 2001 (non obbligatorio)
Nota per tutti: Lo studente può studiare un testo a scelta tra Fraccaroli, La Porte e Rumiati-Bonini.
La Porte J.M., Comunicazione interna e management nel no-profit, Franco Angeli Editore, Milano 2003 (non
obbligatorio)
Nota per tutti: Lo studente può studiare un testo a scelta tra Fraccaroli, La Porte e Rumiati-Bonini.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame.
................................................................................................................................
PsicologiadinamicaI,IIAMI
M-PSI/07

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. LAVENIA GIUSEPPE CARMELO info@giuseppelavenia.name

ObiettiviFormativi:
La psicologia dinamica è una teoria generale del funzionamento mentale.
Il corso riguarderà i temi di base della psicologia dinamica, la pragmatica della comunicazione umana, le dinamiche
relazionali e la relazione d’aiuto. Verranno analizzate le complesse relazioni tra i sistemi di cura e la psicopatologia a
partire da diverse formulazioni e interpretazioni della teoria del doppio vincolo. Gli argomenti verranno trattati
connettendo le considerazioni teoriche con lo studio di situazioni cliniche specifiche
Programma:
Forma e patologia della relazione, assiomi della comunicazione umana, teoria del doppio legame, ascolto attivo,
dinamica delle relazioni di gruppo sono gli elementi salienti che il corso approfondirà partendo dalla riflessioni di alcuni
dei maggiori autori della teoria dinamica.
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti devono acquisire una buona conoscenza dei principali strumenti della psicologia dinamica ed una buona
capacità di lettura dei fabbisogni dell’utente.
Attivitàasupportodelladidattica:
Seminari
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari. Le parti da approfondire saranno indicate durante il corso.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Jervis G., Fondamenti di psicologia dinamica. Un’introduzione allo studio della vita quotidiana, Feltrinelli 1999;
Malagoli Togliatti M., Lubrano Lavadera A., Dinamiche relazionali e ciclo di vita della famiglia, Il Mulino 2002;
Watzlawick P., Il linguaggio del cambiamento. Elementi di comunicazione terapeutica, Feltrinelli 2004
Dispensa del corso.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale (frequentanti).

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Jervis G., Fondamenti di psicologia dinamica. Un’introduzione allo studio della vita quotidiana, Feltrinelli 1999;
Gambini P , Psicologia della famiglia. La prospettiva sistemico-relazionale, Franco Angeli, 2007;
Malagoli Togliatti M., Lubrano Lavadera A., Dinamiche relazionali e ciclo di vita della famiglia, Il Mulino 2002;
Watzlawick P., Il linguaggio del cambiamento. Elementi di comunicazione terapeutica, Feltrinelli 2004
Dispensa del corso.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica scritta ed orale.
................................................................................................................................
PsicologiasocialeedeigruppiIeIIAMI
M-PSI/05

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Socializzazione, genere e identità
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. QUADRELLI ISABELLA isabella.quadrelli@uniurb.it

Prof. VINCENTI ALESSANDRA alessandra.vincenti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Parte I
Il corso intende approfondire il tema della socializzazione attraverso un approccio multidisciplinare che tiene insieme le
prospettive psico-sociale, antropologica e sociologica, per poi soffermarsi sul processo di costruzione delle identità
sociali dei giovani.
Parte II
Il corso intende approfondire le seguenti tematiche:
1. Il genere come categoria analitica.
2. La socializzazione di genere.
3. Pratiche di riconoscimento e processi di identificazione.
4. La narrazione della soggettività.
Programma:
Parte I
Nella prima parte del corso verranno affrontate le seguenti tematiche:
- Le prospettive di studio e principali teorie sulla socializzazione.
- Le costruzioni sociali di infanzia, adolescenza e giovinezza
- I cambiamenti della famiglia con particolare riguardo ai rapporti tra genitori e figli
222
vademecum 2009/10
223
insegnamenti
- La costruzione delle identità sociali dei giovani tra famiglia e gruppo dei pari
Parte II
Il corso intende affrontare come la prospettiva di genere sia un utile strumento per comprendere i processi sociali e
simbolici che mettono al centro la questione identitaria e per guardare alla complessità dei processi di identificazione e
di individualizzazione che portano ad una pluralità di appartenenze.
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti devono conseguire:
1. conoscenze e capacità di comprensione: relative ai processi connessi alla costruzione delle identità sociali in relazione
ai cambiamenti nei rapporti tra i generi e le generazioni e all’utilizzo della categoria analitica di genere.
1.1. Gli studenti conseguono tali conoscenze di base: attraverso la partecipazione alle lezioni, lo studio dei testi proposti
dalle docenti e la partecipazione ad esercitazioni e attività di ricerca.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: attraverso la capacità di delineare temi di ricerca, di reperire dati e
predisporre percorsi di approfondimento sia dal punto di vista teorico che empirico.
2.1. Questi risultati sono ottenuti attraverso le discussioni in aula, il confronto con le docenti e lo studio dei testi.
3. Capacità di giudizio: riflessione critica sui mutamenti in corso nei rapporti tra i generi e le generazioni e sui processi
sociali e simbolici che mettono al centro la questione identitaria.
3.1. Tali capacità verranno acquisite nell’interazione in aula, nel confronto con le docenti e con i colleghi così come in
fase di discussione dell’esame.
4. Abilità comunicative: gli studenti verranno sollecitati a rispondere alle stimolazioni delle docenti e a confrontarsi con i
colleghi nel corso delle lezioni e delle esercitazioni. Verranno promosse anche le abilità di presentazione e
comunicazione dei risultati sia in forma verbale che scritta..
4.1.A tale scopo verranno previsti momenti per il confronto in aula, di presentazione dei risultati delle esercitazioni e
delle attività di ricerca e la redazione di tesine..
5. Capacità di apprendimento: gli studenti devono sviluppare metacompetenze di apprendimento: capacità di pensiero
astratto, metodologie di analisi dei problemi e capacità di giudizio autonomo..
Attivitàasupportodelladidattica:
Durante il corso gli studenti verranno coinvolti nella realizzazione di un role-play.
Verranno previste relazioni su materiali forniti dalle docenti e lavori sui temi del corso
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e partecipazione alle attività previste durante il corso
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Parte I
Testi obbligatori
Ghisleni M., Moscati R. Che cos’è la socializzazione, Carocci, Roma, 2001
Garelli F., Palmonari A., Sciolla L. La socializzazione flessibile, Bologna, Il Mulino, 2006 (solo Prefazione e Parte prima,
pp.13-228)
Nota: I testi verranno integrati con materiali indicati dalla docente durante le lezioni.
Parte II
Testi obbligatori
Bianca Gelli, Psicologia della differenza di genere, Milano, Franco Angeli, 2009
David Buchbinder – Susan Petrilli (a cura di), Masculinities. Identità maschili e appartenenza culturali, Milano, Mimesis,
2009
Nota: Le parti da studiare verranno concordate con la docente durante il corso.
Il testo verrà integrato con materiali forniti dalla docente per approfondire i temi affrontati durante le lezioni.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
Possibilità di elaborare delle tesine su temi concordati con la docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
Parte I
Testi obbligatori
Dizard J. E., Gadlin H. La famiglia minima, Milano, Franco Angeli, 1996 (solo Prefazione e capp. 1, 2 e 3)
Ghisleni M., Moscati R. Che cos’è la socializzazione, Carocci, Roma, 2001
Garelli F., Palmonari A., Sciolla L. La socializzazione flessibile, Bologna, Il Mulino, 2006 (solo Prefazione e Parte prima,
pp.13-228)
Parte II
Bianca Gelli, Psicologia della differenza di genere, Milano, Franco Angeli, 2009
(ad esclusione dei cap. 3 – 4 -9)
David Buchbinder – Susan Petrilli (a cura di), Masculinities. Identità maschili e appartenenza culturali, Milano, Mimesis,
2009
Nota: Oltre all’introduzione e alla prefazione, è richiesto lo studio di otto dei saggi a scelta tra quelli raccolti nel volume.
Un testo tra i seguenti
A. Camiti Hoster, Passing. Dissolvere le identità, superare le differenze, Roma, Meltemi, 2006
F. Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Roma-Bari, Laterza, 1997
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
RadioetelevisioneI,IIAMI
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Radio e televisione (Analisi dei linguaggi della radio e della Tv e del rapporto tra studio ed esperienza,
ricerca e professione, teoria e pratica; riflessioni sui cambiamenti imposti dalla trasversalità multimediale e della tecnica
digitale
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. ROSSETTI GIANNI odgm@inwind.it

ObiettiviFormativi:
L’obiettivo del corso è quello di analizzare lo sviluppo del mezzo radiofonico e televisivo e la sua incidenza
nell’evoluzione sociale del paese.
La comunicazione giornalistica in genere sta attraversando un periodo di transizione che mette in gioco la sua credibilità
e soprattutto la possibilità per i cittadini di avere una informazione indipendente, essenziale per la formazione di una
pubblica opinione e per il buon funzionamento delle istituzioni democratiche.
Il corso partirà dall’analisi dei linguaggi (le differenze in base al mezzo) e dalle tecniche basilari della scrittura
giornalistica per arrivare all’analisi dei linguaggi e delle tecniche espressive della radio e della Tv.
Si cercherà, in particolare, di capire e interpretare il modo di essere e di operare di chi lavora nelle redazioni radio e Tv
(come si preparano i giornali radio e i telegiornali) e di riflettere sui problemi che dovranno affrontare i giornalisti nel
futuro digitale che in parte è già presente.
Nel corso delle lezioni sarà analizzata la struttura organizzativa della Radio e della Tv e si spiegheranno ruoli,
competenze, gerarchie e funzioni di una redazione radiofonica e televisiva.
L’analisi e lo studio delle tecniche di ripresa, montaggio, scrittura e impaginazione si intrecciano con le sfide quotidiane
che il giornalista Tv deve fronteggiare per svolgere il suo lavoro in modo etico: si cercherà cioè di capire come realizzare
il giusto equilibrio tra la potenza sempre crescente delle immagini, la ricchezza informativa del testo e la
personificazione dell’informazione attraverso la gestione del corpo e della parola.
L’impostazione del corso si basa sul presupposto che il giornalismo radiofonico e televisivo si serve di un linguaggio
molto complesso che non è possibile conoscere e praticare se non si è pienamente consapevoli delle caratteristiche
tecniche dei mezzi con cui l’attività giornalistica deve convivere per potersi esprimere.
In particolare nell’era digitale il giornalismo televisivo cambierà radicalmente e imporrà al nuovo reporter un cambio di
mentalità; lo costringerà a un passo avanti verso un’armonica coesistenza fra conoscenza tecnica e conoscenza
umanistica, fra cultura delle macchine e cultura della parola.
Programma:
Le lezioni riguarderanno i seguenti argomenti
1. La storia della Radio e della Tv in Italia; le tappe fondamentali dello sviluppo della Radio e della Televisione in Italia.
Storia della Radio in Italia: dall’Eiar alla Rai; le riforme della radiofonia; le radio private; il rapporto radio-Internet. La
224
vademecum 2009/10
225
insegnamenti
storia della Tv: dalla Tv “didattica e formativa” (ad Esempio il programma del maestro Manzi “Non è mai troppo tardi”,
ecc.) al Grande fratello.
2. Come la Radio e la Televisione hanno inciso nell’evoluzione sociale del paese. Pregi e difetti del sistema radiofonico e
televisivo in Italia. Le leggi di regolamentazione.
3. Il linguaggio della comunicazione radiofonica e televisiva: la notizia, i principi generali, la funzione del giornalista;
come si scrive una notizia per il Gr e per Tg; il giornalista-comunicatore. Fonti e teoria della notizia radiofonica e
televisiva. Le differenze fra l’informazione scritta e quella parlata (la passività del ricevente; la velocità di lettura; la
fuggevolezza del messaggio; la stabilità dell’attenzione). Grammatica e sintassi delle immagini.
4. Il telegiornale e il Giornale radio: storia, modelli e funzioni.
5. Le forme, i contenuti, l’evoluzione del Tg: Televideo, Internet, il modello All news, i Tg on line, la sfida digitale. Il
confronto con i telegiornali stranieri (Francia, Germania, Inghilterra). Le televisioni nel mondo.
6. L’infotainment. I falsi nella storia del giornalismo, con particolare riferimento alla radio e alla televisione. Il confine fra
notizia e fiction. Lo sviluppo della tecnologia e i rischi di manipolazione delle immagini.
7. La comunicazione punto punto; il controllo degli ascolti; l’auditel e il mercato della pubblicità.
8. L’organizzazione di una redazione radiofonica
9. L’organizzazione di una redazione televisiva: il cantastorie catodico; il lavoro di gruppo; la tipologia dei servizi
televisivi; la notiziabilità televisiva; la curva dell’attenzione; le parole della televisione.
10. Il modello all news (la televisione di informazione continua 24 ore 24). L’avventura di Ted Turner: dalla Cnn al
progetto europeo. La nascita e lo sviluppo di Rai news 24. Il modello supera anche i confini europei e trova terreno
fertile nel mondo arabo (Nile TV, Jamahirya Tv, Al Jazeera). Come i nuovi modelli stanno cambiando il ruolo del
giornalista.
11. La differenza fra giornali radio e programmi; il ruolo della pubblicità.
12. Le regole fondamentali del giornalismo: ciò che i giornalisti dovrebbero sapere e il pubblico dovrebbe esigere.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni sulla scrittura giornalistica. Scrittura di notizie per la radio e la Tv.
Obblighi:
Per essere ammessi all’esame come “frequentante” bisogna aver partecipato ad almeno i ¾ delle ore di lezione.
Testidistudio:
- Dispensa (fornita dal docente) “Radio e Televisione”
- Dispensa (fornita dal docente) “La scrittura giornalistica”
- Dispensa (fornita dal docente) “La storia della Radio in Italia”
- Dispensa (fornita dal docente) “La Tv in Italia”
- “Verso il Tigitale” di Giuseppe Mazzei – Edizioni Rai-Eri – Roma 2001 – costo 15.50 euro (Consigliato – non
obbligatorio)
- Notizie radioattive” di Giuseppe Mazzei – Edizioni Rai-Eri – Roma 2001 – costo 15.50 euro (Consigliato – non
obbligatorio)
Modalitàdiaccertamento:
Valutazione delle esercitazioni scritte;
test iniziale sulla scrittura;
test finale;
esame orale (per essere ammessi all’esame come frequentante è indispensabile aver partecipato ad almeno i ¾ delle
ore di lezione).

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
- “Verso il Tigitale” di Giuseppe Mazzei – Edizioni Rai-Eri – Roma 2001 – costo 15.50 euro (obbligatorio)
- “Notizie radioattive” di Giuseppe Mazzei – Edizioni Rai-Eri – Roma 2001 – costo 15.50 euro (obbligatorio)
- “Il salvarticolo – La zattera per chi scrive” – di Filippo Nanni e Riccardo Ferrazza, Centro di documentazione
giornalistica, Roma 2004 – costo 15 euro (consigliato, non obbligatorio)
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
Note:
Per la particolarità della materia il corso andrebbe frequentato. Chi non potrà farlo dovrà studiare i due testi base: le
domande d’esame riguarderanno gli argomenti trattati nei due libri di Mazzei (per i non frequentanti non bastano le
dispense)
................................................................................................................................
RelazioniInternazionali
SPS/04

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Gli organismi internazionali.
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. PASQUINI GIOVANNA giovanna.pasquini@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Introduzione ai temi principali delle relazioni internazionali tra gli Stati.
Programma:
Introduzione storica e giuridica per comprendere l’evoluzione della realtà internazionale da Yalta ai giorni nostri.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari di aggiornamento.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e studio del testo di riferimento.
Testidistudio:
-Pasquini G., Le organizzazioni internazionali: un’analisi storico-sociologica, Quattroventi, Urbino 2003
-Verrilli A. (ed.), Compendio di Diritto dell’UE, Simone, Napoli 2006
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi.
Testidistudio:
-Pasquini G., Le organizzazioni internazionali: un’analisi storico-sociologica, Quattroventi, Urbino 2003 -Nota:
Aggiornamento su periodici specializzati e quotidiani.Verrilli A. (ed.), Diritto dell’Unione Europea, Simone, Napoli 2005
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Scienzapolitica
SPS/04

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Politica e opinione pubblica
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. FAVA TERENZIO terenzio.fava@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di analizzare - seguendo una prospettiva interdisciplinare, con particolare riferimento alle discipline
politologiche - temi come la nascita e la storia del concetto di opinione pubblica. Il tema verrà analizzato nei suoi diversi
aspetti classici, come la folla, la massa, il pubblico, la sfera pubblica, ma anche in relazione alla dimensione più
strettamente politica. Parte del corso si concentrerà sugli atteggiamenti dei cittadini e degli elettori, le opinioni e loro basi
psicologiche, e sul nesso tra sondaggi di opinione e democrazia.
Programma:
Il modulo verrà svolto attraverso la discussione in aula con gli studenti sui seguenti temi: 1. Il concetto di opinione
pubblica 2. Opinione pubblica e sfera pubblica 3. Il pubblico e i pubblici 4. I processi di formazione dell’opinione
pubblica 5. Opinione pubblica, media e politica 6. Democrazia, opinione pubblica e sondaggi
226
vademecum 2009/10
227
insegnamenti
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale con l’utilizzo di supporti audiovisivi.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e studio
Testidistudio:
Grossi G., L’opinione pubblica, Laterza, Bari-Roma, 2004 Nota: Vanno preparate le sole parti indicate durante il corso ed
eventualmente integrate con altro materiale didattico utilizzato per le lezioni e messo a disposizione dal docente.
Modalitàdiaccertamento:
A scelta dello studente: prova scritta a conclusione del modulo oppure verifica orale secondo il calendario d’esame.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio del testo di riferimento.
Testidistudio:
Grossi G., L’opinione pubblica, Laterza, Bari-Roma, 2004 Nota: Il testo dovrà essere studiato integralmente.
................................................................................................................................
ScienzaPolitica1e2AMI
SPS/04

CFU 9 • DURATA 72 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Le teorie e i concetti di base della Scienza politica, i sistemi politici nei paesi occidentali, la politica e
l’opinione pubblica.
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. FAVA TERENZIO terenzio.fava@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Parte I
Il corso si propone di fornire agli studenti elementi conoscitivi relativi a: 1) i concetti teorici e gli strumenti fondamentali
per la comprensione della scienza politica e dell’attività di ricerca svolta dalla disciplina; 2) l’analisi comparata dei
sistemi politici, con riferimento particolare all’Italia, alla Francia, alla Germania, alla Gran Bretagna e agli Stati Uniti;
Parte II
La nascita e la storia del concetto di opinione pubblica. Tema che verrà analizzato nei suoi diversi aspetti classici, come
la folla, la massa, il pubblico, la sfera pubblica, ma anche in relazione alla dimensione più strettamente politica. Parte del
corso si concentrerà inoltre sugli atteggiamenti dei cittadini e degli elettori, le opinioni e loro basi psicologiche e sul
nesso tra sondaggi di opinione e democrazia.
Programma:
Parte I
Il modulo verrà svolto attraverso lezioni riguardanti: 1 - l’introduzione alla scienza politica: origini, definizioni e metodi;
la democrazia e i regimi non democratici; i partiti e sistemi di partito; la politica e la società civile; la politica locale; le
politiche pubbliche; 2 - (in un’ottica comparata) i sistemi e i comportamenti elettorali; la formazione e il funzionamento
degli esecutivi; i rapporti tra potere esecutivo e legislativo;
Parte II
Il concetto di opinione pubblica, l’opinione pubblica e la sfera pubblica; il pubblico e i pubblici, i processi di formazione
dell’opinione pubblica; l’opinione pubblica, i media e la politica; la democrazia, l’opinione pubblica e i sondaggi.
Modalitàdidattiche:
Parte I
Lezione frontale con l’utilizzo di supporti audiovisivi.
Parte II
Lezione frontale con l’utilizzo di supporti audiovisivi.
Obblighi:
Parte I
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e studio del materiale didattico di riferimento le cui parti/capitoli
verranno precisate durante il corso.
Parte II
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e studio del materiale didattico di riferimento le cui parti/capitoli
verranno precisate durante il corso.
Testidistudio:
Parte I
- Cotta M., della Porta D., Morlino L., Fondamenti di scienza politica, Il Mulino, Bologna 2004
-Sartori G., Ingegneria costituzionale comparata, Il Mulino, Bologna 2004
Parte II
- Grossi G., L’opinione pubblica, Laterza, Bari-Roma 2004
Nota: Per i testi sopra riportati vanno preparate le sole parti indicate durante il corso ed eventualmente integrate con
altro materiale didattico utilizzato per le lezioni e messo a disposizione dal docente.
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
A scelta dello studente: prova scritta a conclusione del modulo oppure verifica orale secondo il calendario d’esame.
Parte II
A scelta dello studente: prova scritta a conclusione del modulo oppure verifica orale secondo il calendario d’esame.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Parte I
Studio dei testi di riferimento.
Parte II
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Parte I
- Cotta M., della Porta., Morlino L., Fondamenti di scienza politica, Il Mulino, Bologna 2004 Nota: Introduzione, Cap. I, II,
IV, VII, VIII, IX, X, XII.
-Sartori G., Ingegneria costituzionale comparata, Il Mulino, Bologna 2004 Nota: Parte prima e parte seconda (pp. 15-
153)
Parte II
- Grossi G., L’opinione pubblica, Laterza, Bari-Roma 2004 Nota: Il testo va studiato integralmente
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
Esame orale.
Parte II
Esame orale.
................................................................................................................................
ScienzapoliticaI,IIAMI
SPS/04

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Le teorie e i concetti di base della Scienza politica, i sistemi politici nei paesi occidentali, la politica e
l’opinione pubblica.
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. FAVA TERENZIO terenzio.fava@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Parte I
Il corso si propone di fornire agli studenti elementi conoscitivi relativi a: 1) i concetti teorici e gli strumenti fondamentali
per la comprensione della scienza politica e dell’attività di ricerca svolta dalla disciplina; 2) l’analisi comparata dei
sistemi politici, con riferimento particolare all’Italia, alla Francia, alla Germania, alla Gran Bretagna e agli Stati Uniti;
Parte II
La nascita e la storia del concetto di opinione pubblica. Tema che verrà analizzato nei suoi diversi aspetti classici, come
la folla, la massa, il pubblico, la sfera pubblica, ma anche in relazione alla dimensione più strettamente politica. Parte del
228
vademecum 2009/10
229
insegnamenti
corso si concentrerà inoltre sugli atteggiamenti dei cittadini e degli elettori, le opinioni e loro basi psicologiche e sul
nesso tra sondaggi di opinione e democrazia.
Programma:
Parte I
Il modulo verrà svolto attraverso lezioni riguardanti: 1 - l’introduzione alla scienza politica: origini, definizioni e metodi;
la democrazia e i regimi non democratici; i partiti e sistemi di partito; la politica e la società civile; la politica locale; le
politiche pubbliche; 2 - (in un’ottica comparata) i sistemi e i comportamenti elettorali; la formazione e il funzionamento
degli esecutivi; i rapporti tra potere esecutivo e legislativo;
Parte II
Il concetto di opinione pubblica, l’opinione pubblica e la sfera pubblica; il pubblico e i pubblici, i processi di formazione
dell’opinione pubblica; l’opinione pubblica, i media e la politica; la democrazia, l’opinione pubblica e i sondaggi.
Modalitàdidattiche:
Parte I
Lezione frontale con l’utilizzo di supporti audiovisivi.
Parte II
Lezione frontale con l’utilizzo di supporti audiovisivi.
Obblighi:
Parte I
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e studio del materiale didattico di riferimento le cui parti/capitoli
verranno precisate durante il corso.
Parte II
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e studio del materiale didattico di riferimento le cui parti/capitoli
verranno precisate durante il corso.
Testidistudio:
Parte I
- Cotta M., della Porta., Morlino L., Fondamenti di scienza politica, Il Mulino, Bologna 2004
-Sartori G., Ingegneria costituzionale comparata, Il Mulino, Bologna 2004
Parte II
- Grossi G., L’opinione pubblica, Laterza, Bari-Roma 2004
Nota: Per i testi sopra riportati vanno preparate le sole parti indicate durante il corso ed eventualmente integrate con
altro materiale didattico utilizzato per le lezioni e messo a disposizione dal docente.
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
A scelta dello studente: prova scritta a conclusione del modulo oppure verifica orale secondo il calendario d’esame.
Parte II
A scelta dello studente: prova scritta a conclusione del modulo oppure verifica orale secondo il calendario d’esame.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Parte I
Studio dei testi di riferimento.
Parte II
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Parte I
- Cotta M., della Porta., Morlino L., Fondamenti di scienza politica, Il Mulino, Bologna 2004 Nota: Introduzione, Cap. I, II,
IV, VII, VIII, IX, X, XII.
-Sartori G., Ingegneria costituzionale comparata, Il Mulino, Bologna 2004 Nota: Parte prima e parte seconda (pp. 15-
153)
Parte II
- Grossi G., L’opinione pubblica, Laterza, Bari-Roma 2004 Nota: Il testo va studiato integralmente
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
Esame orale.
Parte II
Esame orale.
................................................................................................................................
Scritturacreativa

CFU 5 • SEDE ATTIVITA’ Pesaro
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)
Prof. D’ELIA GIOVAN-BATTISTA

ObiettiviFormativi:
Studiare i fondamenti del verso poetico.
Programma:
Approfondimento anche attraverso altri testi indicati, dello studio e della pratica della scrittura poetica e della lettura
critica e creativa attraverso l’analisi di esempi tratti dalla tradizione italiana e straniera: Leopardi, Baudelaire, Pascoli,
Saba, Montale, Pasolini ecc.
Modalitàdidattiche:
Verranno consegnati di volta in volta i testi poetici da analizzare. Quanto ai nuovi problemi linguistici e d’arte, nel mondo
della comunicazione tecnica, si studierà il testo di Pier Paolo Pasolini, Empirismo eretico, Garzanti, Milano 1972, più volte
ristampato, anche in economica.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lazione e di laboratorio.
Testidistudio:
- Pasolini P.P., Empirismo eretico, Garzanti, Milano 1972
- Pasolini P.P., La religione del mio tempo, Garzanti (Collana Gli Elefanti), Milano 2001
- D’Elia G., L’eresia di Pasolini, Effigie, Milano 2005 Nota per tutti: Testo consigliato non obbligatorio
Modalitàdiaccertamento:
Esame scritto e/o orale e valutazione dei lavori prodotti dallo studente, anche in itinere.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
- Pasolini P.P., Empirismo eretico, Garzanti, Milano 1972
- Pasolini P.P., La religione del mio tempo, Garzanti (Collana Gli Elefanti), Milano 2001
- D’Elia G., L’eresia di Pasolini, Effigie, Milano 2005 Nota per tutti: Testo consigliato non obbligatorio
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Semiotica2
M-FIL/05

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Semiotica. Esercizi
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. DEL NINNO MAURIZIO maurizio.delninno@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso mira a consolidare e ad approfondire le acquisizioni del primo modulo.
Programma:
Sarà riproposta la serie di esercizi di semiotica del testo elaborati da A.J. Greimas attraverso l’analisi di un racconto di
Guy de Maupassant.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. Nel corso delle lezioni ai frequentanti saranno richieste relazioni orali e scritte.
Obblighi:
Frequenza attiva delle lezioni; studio dei testi indicati.
Testidistudio:
Greimas A. J., Maupassant, La semiotica del testo. Esercizi pratici, Centro Scientifico Editoriale, Torino, 1995 Nota: dopo
la lettura dell’intero testo, gli studenti focalizzeranno la loro attenzione sull’ ‘’Introduzione” di G. Marrone, sulla
“Premessa” e su quattro “sequenze” a scelta.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e/o scritto.
230
vademecum 2009/10
231
insegnamenti
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
Greimas A. J., Maupassant. La semiotica del testo. Esercizi pratici, Centro Scientifico Editoriale, Torino, 1995 Nota: dopo
la lettura dell’intero testo, gli studenti focalizzeranno la loro attenzione sull’ “introduzione” di G. Marrone, sulla
“premessa” e su quattro “sequenze” a scelta. In particolari casi, potrà essere definito un programma alternativo.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e/o scritto.
Note:
Eventuali aggiustamenti del programma saranno segnalati all’albo dell’istituto e sul sito etnosemiotica.it
................................................................................................................................
Serviziosocialeminorile
SPS/07

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: L’attività del servizio sociale nella relazione con l’autorità giudiziaria minorile
Corsidilaureain: Servizio sociale (CNA-L)

Prof. CIASCHINI UGO

ObiettiviFormativi:
Il corso intende mettere a fuoco gli aspetti salienti, la peculiarità e le problematiche che si sviluppano nella relazione fra
servizio sociale e autorità giudiziaria minorile. Nello specifico verrà dato rilievo alla dimensione del ruolo tecnico assunto
dal servizio sociale professionale quando la magistratura è chiamata a prendere decisioni nelle materie che attengono
alla tutela e al futuro del minore.
Programma:
Parte I :
- Competenze degli organi giudiziari in materia minorile;
- Violazione dei doveri e abuso dei poteri nell’esercizio della potestà genitoriale;
- Adozione e affidamento;
- Indicatori di maltrattamento e abuso ai danni del bambino;
- Azioni e interventi dei servizi a tutela del minore;
- La costruzione della relazione sociale per la magistratura minorile.
Parte II:
- Principi generali del processo penale minorile;
- Struttura e possibili modalità di definizione del processo;
- Compiti del Servizio Sociale del Ministero della Giustizia in rapporto alla funzione giurisdizionale;
- Interazione e collaborazione tra servizi ministeriali, servizi locali e Terzo Settore.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle lezioni e studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
- Moro A. C., Manuale di diritto minorile, Zanichelli, Bologna 2002
NOTA: capitoli III, IV, V, VI, VII (solo par. 7.1, 7.2, 7.3). VIII, IX, XVII (solo par. 17.5)
- Cirillo S., Cipolloni M. V., L’assistente sociale ruba i bambini?, Raffaello Cortina Editore, Milano 1994
NOTA: Capitoli: dal IV al VIII
- Galli D., Il servizio sociale per i minori, Franco Angeli, Milano 2005
NOTA: solo gli ultimi due capitoli
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale



Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
- Moro A. C., Manuale di diritto minorile, Zanichelli, Bologna 2002
NOTA: capitoli III, IV, V, VI, VII (solo par. 7.1, 7.2, 7.3). VIII, IX, XVII (solo par. 17.5)
- Cirillo S., Cipolloni M. V., L’assistente sociale ruba i bambini?, Raffaello Cortina Editore, Milano 1994
NOTA: Capitoli: dal IV al VIII
- Galli D., Il servizio sociale per i minori, Franco Angeli, Milano 2005
NOTA: solo gli ultimi due capitoli
- Mastropasqua I., I minori e la giustizia, Liguori, Napoli 1997
NOTA: capitoli I, II, V, VI, VII, VIII, XI, XII
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Socio-antropologiadellerelazionietnico-culturali
SPS/01

CFU 5 • PERIODO Seconda sessione • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La comunità
Corsidilaureain: Organizzazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM)

Prof. BELLEI CRISTIANO MARIA cmbellei@uniurb.it
Ricevimento: Martedì e mercoledì 17-19 (soggetto a modifiche)

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di indagare i meccanismi attraverso i quali l’essere umano costruisce la percezione di sé e dell’altro
da sé. Dal Capro Espiatorio alle Rivalità Etnico-Culturali, da Auschiwitz alla Xenofobia.Violenza, Mimetismo ed Identità
sono i tre poli di un percorso multidiscilinare che ha come obiettivo quello di mettere a nudo la comunità umana, di
comprenderne la genesi e le trasformazioni.
Programma:
Mimetismo ed identità sociale
Antropologia dei diritti umani
La paura come fondamento della coesione sociale
L’altro da noi: la funzione sociale del Capro Espiatorio
Risultatidiapprendimento:
Per superare l’esame gli studenti dovranno:
a) possedere le basi storico-comparative per una valutazione complessiva dei rapporti etnico-culturali come fenomeni
antropologici ed acquisire consapevolezza dei loro mutamenti in un quadro sociale(Knowledge and understanding);
b) dimostrare la capacità di risolvere problemi teorici e applicativi relativi alla dimensione antropologica dei rapporti
etnico-culturali in un contesto di crescente pluralismo culturale, anche mediante la partecipazione a laboratori e gruppi
di studio, la redazione di tesine di ricerca(Applying knowledge and understanding);
c) dimostrare la capacità di integrare autonomamente le proprie conoscenze e di formulare giudizi in situazioni teoriche
o applicative complesse relative agli ambiti sopraindicati, attraverso l’attiva partecipazione a dibattiti, specialmente
nell’ambito di laboratori e seminari (Making judgements);
d) dimostrare la capacità di comunicare le conoscenze acquisite in maniera chiara, essenziale e scientificamente
corretta, specialmente nell’ambito di attività seminariali dedicate o mediante la redazione di sintetiche esposizioni scritte
(Communication);
e) dimostrare la capacità di procedere nell’apprendimento con autonomia e senso critico, dimostrando la capacità di
analizzare la religione in quanto fenomeno culturale senza chiusure ideologiche o dogmatiche e con sensibilità agli
aspetti di promozione umana che i fenomeni religiosi ed i rapporti tra differenti etnie e culture possono
presentare(Learning skills).
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, discussione, ricorso eventuale a supporti audiovisivi.

232
vademecum 2009/10
233
insegnamenti
Obblighi:
Frequenza ad almeno i ¾ delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
-Bellei C.M., La vittima “liberata”. Dal pasto sacrificale all’economia di consumo., Giappichelli, Torino 2009.
-Alfieri L. e Bellei C.M., La comunità nuda., Casa Editrice da definire.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale, con tesina facoltativa.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio dei testi indicati nel programma
Obblighi:
Studio dei testi indicati nel programma
Testidistudio:
-Bellei C.M., La vittima “liberata”. Dal pasto sacrificale all’economia di consumo., Giappichelli, Torino 2009.
-Alfieri L. e Bellei C.M., La comunità nuda., Casa Editrice da definire.
-Goody J., Islam ed Europa, Raffaello Cortina, Milano 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale, con tesina facoltativa
................................................................................................................................
Sociologiaclassicaeteoriadelvalore
SPS/08

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Dall’universo simbolico pre-capitalistico alla logica del denaro
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. MANATTINI FABRIZIO fabrizio.manattini@uniurb.it
Ricevimento: mercoledì 13-15; giovedì 8-10

ObiettiviFormativi:
Fornire agli studenti i fondamenti teorici per l’analisi del passaggio dagli universi simbolici tradizionali alla logica del
denaro nella cultura moderna
Programma:
- Introduzione - Gli universi simbolici comunitari: la mitopoiesi - La produzione di valori d’uso - Memoria culturale e
costruzione dell’identità - Dal valore d’uso al valore di scambio: la logica del denaro - La crisi degli universi simbolici -
Contingenza e costruzione dell’identità
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale
Obblighi:
Frequenza ad almeno i ¾ delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
-Manattini F., Strategie del simbolico e solidarietà umane, QuattroVenti, Urbino 2004
-Crespi F., Contro l’aldilà. Per una nuova cultura laica, Il Mulino, Bologna, 2008.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale; possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo accordo diretto con il docente

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale dei testi di riferimento
Testidistudio:
-Manattini F., Strategie del simbolico e solidarietà umane, QuattroVenti, Urbino 2004.
-Crespi F., Contro l’aldilà. Per una nuova cultura laica, Il Mulino, Bologna, 2008.
-Simmel G., Il denaro nella cultura moderna, Armando Editore, Roma 1998.
-Marx K., Forme che precedono la produzione capitalistica, Editori Riuniti, Roma 1986 (Se non disponibile in questa
edizione, il saggio si trova con il medesimo titolo all’interno del testo di K.Marx, Lineamenti fondamentali della critica
dell’economia politica, 2.vol., La Nuova Italia, Firenze, 1978, o in altre edizioni dello stesso testo)
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
Sociologiadeglioggettidiconsumo
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Analisi sociocomunicativa degli oggetti e delle pratiche di consumo
Corsidilaureain: Comunicazione pubblicitaria (CNA-L)

Prof. BARTOLETTI ROBERTA roberta.bartoletti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Fornire agli studenti le competenze di base per l’analisi degli oggetti e delle pratiche di consumo in una prospettiva
sociologica e antropologica, offrendo strumenti sia teorici sia metodologici.
Programma:
1. Introduzione al consumo in una prospettiva sociologica e antropologica: i concetti, le teorie e gli autori.
I concetti chiave nell’analisi del consumo: merce, feticcio, dépense, consumo vistoso e agiatezza, distinzione, stili di vita e
stili di consumo, dono.
Gli autori classici: Marx, Veblen, Mauss, Baudrillard, Bourdieu, Douglas, de Certeau.
La letteratura come fonte sul consumo.
2. Studiare il consumo, le pratiche e gli oggetti.
Studi di caso ed esercitazioni sulle metodologie di analisi del consumo.
Il telefono cellulare e altri oggetti.
Modalitàdidattiche:
Lezioni introduttive, approfondimento monografico su alcuni autori, lettura e discussione di testi. Esercitazioni in aula.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e seminari. Partecipazione alle esercitazioni in aula e ai lavori
individuali e di gruppo in aula e a casa. Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
1. Un manuale di sociologia dei consumi:
- Corrigan P., La sociologia dei consumi, FrancoAngeli, Milano 2002 oppure in alternativa Codeluppi V., Manuale di
sociologia dei consumi, Carocci, Milano, 2005 (o alternativa indicata dal docente durante il corso).
2. Brani di classici di sociologia dei consumi: Di Nallo E. (a cura di), Il significato sociale del consumo, Laterza, Roma-
Bari, 1997, limitatamente alle pp. 85-91, 101-120, 192-224 e materiali distribuiti dal docente a lezione.
3. Un testo monografico di sociologia degli oggetti di consumo: Bartoletti R., La narrazione delle cose. Analisi socio-
comunicativa degli oggetti, FrancoAngeli, Milano, 2002
4. Due articoli a scelta tra i seguenti:
- Bartoletti R., Per un’etnografia complessa degli oggetti mediali: il telefono cellulare tra comunicazione e vissuti
soggettivi, in Cipriani R. (a cura di), L’analisi qualitativa. Teorie, metodi applicazioni, Armando Editore, Roma 2008.
- Bartoletti R., Barbie e Razanne come oggetti identitari, in Bovone L., Volontè P. (a cura di), comunicare l’identità.
Percorsi della soggettività nell’età contemporanea, FrancoAngeli, Milano, 2006.
- Bartoletti R., Oggetti dell’indifferenza. Simbolico del sociale e oggetti mediali, in «Sociologia della comunicazione», n.
35-36, 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e/o scritto. Valutazione dei lavori individuali e di gruppo svolti.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
1. Un manuale di sociologia dei consumi:
234
vademecum 2009/10
235
insegnamenti
P. Corrigan, La sociologia dei consumi, FrancoAngeli, Milano 2002 oppure in alternativa Codeluppi V., Manuale di
sociologia dei consumi, Carocci, Milano, 2005.
2. Bartoletti R., La narrazione delle cose. Analisi socio-comunicativa degli oggetti, FrancoAngeli, Milano, 2002
3. Un terzo testo a scelta tra:
a) Baudrillard J., La società dei consumi, Il Mulino Bologna 2008.
b) Mauss M., Saggio sul dono, Einaudi, Torino, 2001
c) Semprini A. (a cura di), Il senso delle cose. I significati sociali e culturali degli oggetti quotidiani, FrancoAngeli, Milano,
1999, esclusivamente i capp. 5, 8, 9, 10, 11, 12. unitamente ai seguenti tre articoli di Bartoletti R.:
- Bartoletti R., Per un’etnografia complessa degli oggetti mediali: il telefono cellulare tra comunicazione e vissuti
soggettivi, in Cipriani R. (a cura di), L’analisi qualitativa. Teorie, metodi applicazioni, Armando Editore, Roma 2008.
- Bartoletti R., Barbie e Razanne come oggetti identitari, in Bovone L., Volontè P. (a cura di), comunicare l’identità.
Percorsi della soggettività nell’età contemporanea, FrancoAngeli, Milano, 2006.
- Oggetti dell’indifferenza. Simbolico del sociale e oggetti mediali, in «Sociologia della comunicazione», n. 35-36, 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e/o scritto.
................................................................................................................................
SociologiadeiconsumiAMI
SPS/08

CFU 10 • PERIODO prima sessione • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Analisi sociocomunicativa degli oggetti e delle pratiche di consumo
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. BARTOLETTI ROBERTA roberta.bartoletti@uniurb.it
Ricevimento: su appuntamento

ObiettiviFormativi:
Fornire agli studenti le competenze di base per l’analisi degli oggetti di consumo in una prospettiva sociologica e
antropologica, offrendo strumenti sia teorici sia metodologici.
Programma:
1. Introduzione al consumo in una prospettiva sociologica e antropologica: i concetti, le teorie e gli autori.
I concetti chiave nell’analisi del consumo: merce, feticcio, dépense, consumo vistoso e agiatezza, distinzione, stili di vita e
stili di consumo, dono.
Gli autori classici: Marx, Veblen, Mauss, Baudrillard, Bourdieu, Douglas, de Certeau.
La letteratura come fonte sul consumo.
2. Il consumo nella società attuale: temi innovativi nello studio dei consumi.
Il consumo nei mondi online e in rete.
Il consumo critico.
3. Studiare il consumo, le pratiche e gli oggetti.
Studi di caso ed esercitazioni sulle metodologie di analisi del consumo.
Il telefono cellulare, la Barbie e altri oggetti.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. Esercitazioni in aula al fine di applicare le conoscenze teoriche allo studio applicato degli oggetti e delle
pratiche di consumo. Seminari con esperti.
Obblighi:
Lo statuto di frequentante si acquisisce partecipando ad almeno 3/4 delle esercitazioni teoriche e pratiche svolte in aula
con il supporto del docente.
Testidistudio:
1. Un manuale di sociologia dei consumi:
Corrigan P., La sociologia dei consumi, FrancoAngeli, Milano 2002 oppure in alternativa Codeluppi V., Manuale di
sociologia dei consumi, Carocci, Milano, 2005 (o alternativa indicata dal docente durante il corso).
2. Brani di classici di sociologia dei consumi: Di Nallo E. (a cura di), Il significato sociale del consumo, Laterza, Roma-
Bari, 1997, limitatamente alle pp. 85-91, 101-120, 192-224 e materiali distribuiti dal docente a lezione.
3. Un testo monografico di sociologia degli oggetti di consumo: Bartoletti R., La narrazione delle cose. Analisi socio-
comunicativa degli oggetti, FrancoAngeli, Milano, 2002
4. Un libro sulle metodologie di studio degli oggetti:
Semprini A. (a cura di), Il senso delle cose. I significati sociali e culturali degli oggetti quotidiani, FrancoAngeli, Milano,
1999, esclusivamente i capp. 5, 8, 9, 10, 11, 12.
5. Due articoli a scelta tra i seguenti:
- Bartoletti R., Per un’etnografia complessa degli oggetti mediali: il telefono cellulare tra comunicazione e vissuti
soggettivi, in Cipriani R. (a cura di), L’analisi qualitativa. Teorie, metodi applicazioni, Armando Editore, Roma 2008.
- Bartoletti R., Barbie e Razanne come oggetti identitari, in Bovone L., Volontè P. (a cura di), comunicare l’identità.
Percorsi della soggettività nell’età contemporanea, FrancoAngeli, Milano, 2006.
- Bartoletti R., Oggetti dell’indifferenza. Simbolico del sociale e oggetti mediali, in «Sociologia della comunicazione», n.
35-36, 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale ed eventualmente verifica scritta.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
1. Un manuale di sociologia dei consumi:
Corrigan P., La sociologia dei consumi, FrancoAngeli, Milano 2002 oppure in alternativa Codeluppi V., Manuale di
sociologia dei consumi, Carocci, Milano, 2005.
2. un testo a scelta tra le seguenti alternative di classici di sociologia dei consumi:
- Mauss M., Saggio sul dono, Einaudi, Torino, 2001
- Baudrillard J., La società dei consumi, il Mulino, Bologna, 2008.
- Douglas M. e Isherwood B., Il mondo delle cose, il Mulino, Bologna, vari anni.
3. Un testo monografico di sociologia degli oggetti di consumo:
Bartoletti R., La narrazione delle cose. Analisi socio-comunicativa degli oggetti, FrancoAngeli, Milano, 2002
4. Un testo di studi di caso di oggetti di consumo:
Semprini A. (a cura di), Il senso delle cose. I significati sociali e culturali degli oggetti quotidiani, FrancoAngeli, Milano,
1999 (studiare l’introduzione e i capp. 5, 8, 9, 10, 11, 12, leggere gli altri capitoli)
5. Due articoli a scelta tra i seguenti:
- Bartoletti R., Per un’etnografia complessa degli oggetti mediali: il telefono cellulare tra comunicazione e vissuti
soggettivi, in Cipriani R. (a cura di), L’analisi qualitativa. Teorie, metodi applicazioni, Armando Editore, Roma 2008.
- Bartoletti R., Barbie e Razanne come oggetti identitari, in Bovone L., Volontè P. (a cura di), comunicare l’identità.
Percorsi della soggettività nell’età contemporanea, FrancoAngeli, Milano, 2006.
- Bartoletti R., Oggetti dell’indifferenza. Simbolico del sociale e oggetti mediali, in «Sociologia della comunicazione», n.
35-36, 2004.
................................................................................................................................
SociologiadeiconsumiedelbrandAMI
SPS/08

CFU 10 • PERIODO seconda sessione • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Consumi e memoria: consumatori produttivi e marche partecipate
Corsidilaureain: Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni (LM)

Prof. BARTOLETTI ROBERTA roberta.bartoletti@uniurb.it
Ricevimento: su appuntamento

ObiettiviFormativi:
Fornire strumenti teorici avanzati per la comprensione del branding come processo sociale diffuso e per la
comprensione del nuovo rapporto tra imprese e consumatori in quanto produttori attivi di contenuti e significati della
marca, con particolare attenzione alla memoria.
Fornire strumenti teorici e pratici per l’analisi, la comprensione e la progettazione di strategie di marca.
Programma:
Il branding come processo sociale diffuso: nuove tendenze del rapporto tra mercato e società, tra brand e consumatori.
Dal marketing al societing.
Brand e produzione dei contenuti da parte dei consumatori: strategie di marca e movimenti dal basso. Il consumatore
produttivo: la transizione dalle tattiche silenziose alla cultura convergente.
236
vademecum 2009/10
237
insegnamenti
Consumi e memoria: studi di caso di collaborazione tra brand e consumatori in relazione alla produzione dei contenuti e
significati della marca e delle imprese come “imprenditori di memoria”. Il marketing della nostalgia e della memoria.
Studi di caso.
Esercitazioni di etnografia delle pratiche di consumo.
Workshop con professionisti: le marche partecipate.
Workshop con professionisti: le strategie di marca.
Eventualipropedeuticità:
Conoscenze di base di sociologia dei consumi e conoscenze di base di marketing. Conoscenze di base del metodo
etnografico applicato alla ricerca sociale.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, esercitazioni in aula, workshop professionalizzanti con esperti del settore.
Obblighi:
Frequenza di almeno 3/4 delle attività in aula.
Testidistudio:
1) Bartoletti R., Memoria e comunicazione. Una teoria comunicativa complessa per le cose del moderno, FrancoAngeli,
Milano 2007 (le parti indicate a lezione)
2) Ferraresi M., I linguaggi della marca, Carocci, Milano 2008.
3) Bartoletti R., Ferraresi M., Russo G., volume su consumi, marca e memoria, in preparazione per gennaio 2010.
4) Testo di consultazione per il metodo etnografico: Gobo G., Descrivere il mondo. Teoria e pratica del metodo
etnografico in sociologia, Carocci Milano 2006 oppure Fabietti U., Matera V., Etnografia. Scritture e rappresentazioni
dell’antropologia, Carocci Milano 2009, oppure Dal Lago A. e De Biasi R., Un certo sguardo. Introduzione all’etnografia
sociale, Il Mulino, Bologna 2002 (Introduzione e pagg. 5-49).
5) I seguenti articoli di approfondimento moografico:
a) Bartoletti R., La fabbrica delle memorie. Oggetti di consumo e biografie nella Germania Orientale post-socialista, in
“Sociologia del lavoro”, numero monografico “Il consumo come produzione”, a cura di V. Codeluppi e R. Paltrinieri, n.
108, 2008
b) Bartoletti R., Il lato B della Barbie. La rivincita dei consumatori nel social web, in “Network effect”, AAVV, Codice,
Genova, 2009.
c) Cova B., Badot O, Bucci A., Beyond marketing: In Praise of Societing, 2006, scaricabile gratuitamente da http://
visionarymarketing.com/articles/beyondmarketing.html
d) A. Arvidsson A. 2008, Brand management: il governo del consumo produttivo, in Sociologia del lavoro, n. 108, pp.
147-156.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione dei lavori svolti dagli studenti sugli studi di caso nel corso dei workshop e delle esercitazioni.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
Gli studenti non frequentanti devono concordare il programma d’esame con il docente.
................................................................................................................................
SociologiadeimassmediaelinguaggidelbrandAMI
SPS/08

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Brand, media e società
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. VALLI BERNARDO bernardo.valli@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
il corso intende fornire agli studenti competenze teoriche inerenti la Sociologia dei mass media e un sapere teorico-
pratico relativo agli studi sul brand e la sua gestione.
Programma:
Il corso si suddivide in due parti, nella prima verranno affrontati i seguenti punti:
1)evoluzione delle principali teorie sui mass media;
2)analisi dei principali media del ‘900;
3)passaggio dai mass media ai new media.
La seconda parte del corso si focalizzerà invece sugli studi inerenti la marca. A tal proposito si approfondiranno i
seguenti punti:
1) introduzione al concetto di brand;
2) principali teorie relative al concetto di brand e alla sua gestione.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali con l’utilizzo di supporti audiovisivi e laboratori in classe.
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e laboratorio.
Testidistudio:
- Wolf M., Teorie della comunicazione di massa, Bompiani, Milano, 2001.
- Keller K. L., Busacca B., Ostilio M. C., La gestione del brand, Egea, Milano, 2005 (solo i capitoli indicati a lezione)
- Danesi M., Brands. il mondo delle marche, Carocci, Roma, 2009.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
- Wolf M., Teorie della comunicazione di massa, Bompiani, Milano, 2001.
- Keller K. L., Busacca B., Ostilio M. C., La gestione del brand, Egea, Milano, 2005 (solo i capitoli indicati a lezione)
- Danesi M., Brands. il mondo delle marche, Carocci, Roma, 2009
- Pastore A., Vermicchio M., Impresa e comunicazione, Apogeo, Milano, 2008 (capitoli 7, 8, 9, 10).
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame.
................................................................................................................................
Sociologiadeinewmedia
SPS/08

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Sociologiadeinewmedia
SPS/08

CFU 9 • DURATA 72 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Vite connesse e culture partecipative
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. BOCCIA ARTIERI GIOVANNI giovanni.bocciaartieri@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
1. Fornire strumenti teorici per definire ed interpretare lo scenario mediale emergente caratterizzato da una cultura della
convergenza e l’impatto delle tecnologie connettive sulla trasformazione dell’industria culturale e le pratiche relazionali
ed identitarie;
2. Fornire strumenti teorici e metodologici per analizzare le forme relazionali ed espressive connesse al linguaggio
neomediale con particolare attenzione sui siti di social network;
3. Fornire strumenti metodologici per analizzare la dimensione di interpretazione ed uso dei nuovi media e delle culture
partecipative nell’era digitale.
238
vademecum 2009/10
239
insegnamenti
Programma:
1. Teoria della comunicazione e scenario dei new media
2. Strumenti teorici ed empirici per interpretare i new media tra cultura, tecnologia ed istituzioni
3. Produzione/consumo nei new media: l’emergere della cultura convergente
4. Pubblici connessi: audience invisibili, confini pubblico/privato, collasso dei contesti
5. Culture partecipative e new media: tra informazione ed intrattenimento
6. Analisi di siti di social network e mondi online: tra comunità e MMORPG
7. La realtà dei nativi digitali: privacy, sicurezza, creazione, apprendimento
8. Laboratorio di analisi delle culture partecipative e dei siti di social network
Attivitàasupportodelladidattica:
Il corso si avvarrà di un sito di supporto alla didattica e spazio cooperativo di analisi mediale
Modalitàdidattiche:
Lezioni introduttive sul rapporto tra media società e individuo. Analisi delle forme dei nuovi linguaggi mediali.
Esercitazioni sui linguaggi neomediali.
Gli studenti in possesso di portatile potranno usufruire di una connessione wi fi dalle aule di lezione del corso.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio
Testidistudio:
1. Boccia Artieri G., I media-mondo. Forme e linguaggi dell’esperienza contemporanea, Meltemi, Roma, 2004;
2. Lievrouw L.A., Livingstone S. (a cura di), Capire i new media, Hoepli, Milano, 2007;
3. Jenkins H., Fans, bloggers e videogamers. L’emergere delle culture partecipative nell’era digitale, FrancoAngeli,
Milano, 2008;
4. AAVV, Network effect. Quando la rete diventa pop, Codice, Torino, 2009 in corso di stampa;
5. Palfrey J., Gasser U., Nati con la rete. La prima generazione cresciuta su Internet. Istruzioni per l’uso, Rizzoli, Milano,
2009.
Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal docente titolare del modulo,
anche in itinere, attraverso prove scritte, colloqui e valutazione di lavori prodotti dallo studente

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
1. Boccia Artieri G., I media-mondo. Forme e linguaggi dell’esperienza contemporanea, Meltemi, Roma, 2004;
2. Lievrouw L.A., Livingstone S. (a cura di), Capire i new media, Hoepli, Milano, 2007;
3. Jenkins H., Fans, bloggers e videogamers. L’emergere delle culture partecipative nell’era digitale, FrancoAngeli,
Milano, 2008;
4. AA.V,V. Network effect. Quando la rete diventa pop, Codice, Torino, 2009, in corso di stampa;
5. Palfrey J., Gasser U., Nati con la rete. La prima generazione cresciuta su Internet. Istruzioni per l’uso, Rizzoli, Milano,
2009.
Note:
Collaboratore al corso:
Luca Rossi - luca.rossi@uniurb.it
................................................................................................................................
SociologiadeldirittoI
SPS/12

CFU 5 • DURATA 40 ore

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
SociologiadeldirittoI,IIAMI
SPS/12

CFU 10 • DURATA 80 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Sociologiadellavoro
SPS/09

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Sociologiadellavoro/SociologiadeigruppiAMI
SPS/09-SPS/10

CFU 9 • DURATA 72 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il lavoro nel capitalismo che cambia/La costruzione identitaria dal fordismo alle appartenenze multiple
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. FARINA FATIMA fatima.farina@uniurb.it

Prof. VINCENTI ALESSANDRA alessandra.vincenti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Parte 1:
Il corso costituisce un’introduzione alla sociologia del lavoro. Nella prima parte vengono esaminati i contributi degli
autori classici e contemporanei allo studio del lavoro e delle sue trasformazioni. Nella seconda parte viene affrontato il
tema del mercato del lavoro e della sua flessibilizzazione nei nuovi scenari del post-fordismo, della globalizzazione e dei
nuovi equilibri tra tempo di vita e tempo di lavoro.
Parte 2:
Il modulo intende affrontare la questione identitaria a partire dall’analisi del modello sociale fordista per guardare alla
complessità dei processi di identificazione e di individualizzazione che portano ad una pluralità di appartenenze.
Programma:
Parte 1:
1. Lavoro e produzione nel capitalismo moderno 2. Il mercato del lavoro: tra economia e società 3. L’organizzazione del
lavoro nella fase fordista-taylorista 4. L’organizzazione del lavoro nella fase post-fordista 5. La flessibilizzazione del
lavoro e i diversi regimi di regolazione nelle economie avanzate 6. Gli effetti della globalizzazione
Parte 2:
1. Il modello sociale fordista.
2. I contenuti relazionali del lavoro.
3. Pratiche di riconoscimento e processi di identificazione.
4. Gestione dei potenziali conflitti.
5. La narrazione della soggettività.
Modalitàdidattiche:
Parte 1:
Lezione frontale, gruppi di lavoro e discussione in aula, esercitazioni.
Parte 2:
Lezione frontale ed esercitazioni/role play.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
Parte 1:
240
vademecum 2009/10
241
insegnamenti
-S. Negrelli, Sociologia del lavoro, Laterza, Bari, 2007
- L. Balbo, Il lavoro e la cura, Einaudi, 2008
Parte 2:
- S. Gherardi, Il genere e le organizzazioni. Il simbolismo del femminile e del maschile nella vita organizzativa, Milano,
Cortina, 1998
Modalitàdiaccertamento:
Parte 1:
Elaborazione di una tesina individuale e verifica orale finale secondo il calendario d’esame.
Parte 2:
Esame orale e/o tesine di approfondimento.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio dei testi di riferimento
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
Parte 1:
-S.Negrelli. Sociologia del lavoro , Il Mulino, Milano 2007
-E. Pugliese, E. Mingione, Il lavoro, Carocci, Roma 2002 Nota: solamente i capp. 4, 5, 6, 7, 8, 9
- L. Balbo, Il lavoro e la cura, Einaudi, 2008
Parte 2:
S. Gherardi, Il genere e le organizzazioni. Il simbolismo del femminile e del maschile nella vita organizzativa, Milano,
Cortina, 1998
A. Elliot – C. Lemert, Il nuovo individualismo. I costi emozionali della globalizzazione, Torino, Einaudi, 2006
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
SociologiadelturismoI
SPS/10

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Turismo e società. Comunicazione e immaginario dell’esperienza del viaggio
Corsidilaureain: Comunicazione pubblicitaria (CNA-L)

Prof. GEMINI LAURA laura.gemini@.uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Trattare il turismo come luogo di osservazione del sociale e del rapporto fra individuo e società attraverso l’analisi dei
processi evolutivi delle performance turistiche.
Il corso intende fornire agli studenti i fondamenti teorici e di indagine empirica per osservare il rapporto fra struttura
della società e immaginario collettivo. Il che significa tenere conto delle forme assunte dal viaggio in omologia con le
forme della società fino a connotarsi come sistema del turismo e del tempo libero, particolare ambito della società
differenziata per funzioni e delle sue logiche. Parallelamente l’evoluzione dello sguardo turistico viene indagato dal
punto di vista della mediologia nell’affermazione del passaggio da un immaginario rappresentazionista a uno
performativo del viaggio.
Programma:
1. Dinamiche evolutive del viaggio: forme della differenziazione primaria della società e rapporto fra locale e straniero.
2. Il turismo di massa: le fasi della vacanza, cultura di massa, industria culturale e loisir.
3. L’immaginario rappresentazionista del viaggio.
4. Teoria sightseeing e prospettiva dell’osservatore.
5. Viaggio e turismo nella società contemporanea.
6. Turismo e consumo vocazionale.
7. Immaginario performativo ed esperienza turistica.

Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, seminari di approfondimento ed esercitazioni in aula.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e laboratorio studio dei testi obbligatori di riferimento e di un testo a
scelta tra i non obbligatori.
Testidistudio:
-Simmel G., “Excursus sullo straniero” in Sociologia, Edizioni di Comunità, Torino, 1998
-Gemini L., In viaggio. Immaginario, comunicazione e pratiche del turismo contemporaneo, FrancoAngeli, Milano, 2008
-Gemini L., Antonioni S., Mazzoli L., Turisti per casa. Turismo, comunicazione del territorio e identità locali. Il “caso”
Levanto, FrancoAngeli, Milano, 2007
-Maffesoli M., Del nomadismo. Per una sociologia dell’erranza, FrancoAngeli, Milano, 2000
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione degli elaborati prodotti dallo studente, anche in itinere.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi obbligatori di riferimento.
Testidistudio:
-Simmel G., “Excursus sullo straniero” in Sociologia, Edizioni di Comunità, Torino, 1998
- Gemini L., In viaggio. Immaginario, comunicazione e pratiche del turismo contemporaneo, FrancoAngeli, Milano, 2008
-Gemini L., Antonioni S., Mazzoli L., Turisti per casa. Turismo, comunicazione del territorio e identità locali. Il “caso”
Levanto, FrancoAngeli, Milano, 2007
-Maffesoli M., Del nomadismo. Per una sociologia dell’erranza, FrancoAngeli, Milano, 2000
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
SociologiadelturismoII
SPS/10

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Metropoli e nuove forme di turismo culturale
Corsidilaureain: Comunicazione pubblicitaria (CNA-L)

Prof. FARINA FERRUCCIO ffarina@rimini.com

ObiettiviFormativi:
Il corso intende fornire agli studenti la capacità di individuare le fonti e i documenti significativi, in particolare i materiali
prodotti per la pubblicità, per procedere ad analisi comparative e alla individuazione dei fattori critici di successo delle
destinazioni turistiche moderne e contemporanee. Verranno esaminate alcune esperienze di destinazioni turistiche tra le
più significative in Europa e America, con particolare attenzione ai luoghi di “turismo d’acqua”, soffermando l’attenzione
sulla loro nascita, le loro dinamiche evolutive, la loro capacità di consolidare e mantenere attrattività e risultati nel
tempo. Le case histories adottate serviranno ad analizzare il rapporto tra i loro tratti identitari e le loro vocazioni, con
capacità produttiva, comunicazione, percezione e posizionamento competitivo.
Programma:
1, Turismo parlato: etimologia e definizioni di turismo dall’Oxford English Dictionary del 1811 al WTO.
2, Turismo erudito, turismo di stato: dal Grand Tour al turismo di massa tra Italia e Europa.
3, Turismo bagnato: da Pietro da Eboli a Paolo Mantegazza.
4, Il mare fa bene, il mare conviene: il turismo d’acqua tra Atlantico e Pacifico tra moda e business.
5, Comunicare necesse: grida, affiches, Baedeker, Tci, Enit.
6, I segni dei sogni: da Giovan Battista Piranesi a Marcello Dudovich.
7, Fatta per incontrarsi: il turismo della Riviera romagnola attraverso le campagne pubblicitarie 1843 - 2005.
8, La costa gentile e i bagni di Marca: turismo sulla costa marchigiana tra Otto e Novecento.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, studi di caso.
242
vademecum 2009/10
243
insegnamenti
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione.
Testidistudio:
- Costa N., La città ospitale, Bruno Mondadori, Milano, 2008
- Farina F., Architetture balneari della Belle Epoque tra Europa e Americhe, Federico Motta, Milano, 2001, (disponibile in
dispensa)
- Farina F., Una costa lunga due secoli, storie e immagini della Riviera di Rimini, Panozzo editore, Rimini, 2003,
(disponibile in dispensa)
- Materiale indicato a lezione
- Lussu J., Mangani G.; Giovannini P., L’idea delle Marche, Il Lavoro Editoriale, Ancone, 1989.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione degli elaborati prodotti dallo studente, anche in itinere.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio di un testo obbligatori di riferimento, a scelta, e di un testo, a scelta, tra i non obbligatori. Studio delle dispense
fornite dal docente a fine corso.
Testidistudio:
- Costa N., La città ospitale, Bruno Mondadori, Milano, 2008
- Farina F., Architetture balneari della Belle Epoque tra Europa e Americhe, Federico Motta, Milano, 2001, (disponibile in
dispensa)
- Farina F., Una costa lunga due secoli, storie e immagini della Riviera di Rimini, Panozzo editore, Rimini, 2003,
(disponibile in dispensa)
- Lussu J., Mangani G., Giovannini P., L’idea delle Marche, Il Lavoro Editoriale, Ancona, 1989.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Sociologiadell’ambiente
SPS/10

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. GIULIANI GIAN MARIO gmgiuliani@uol.com.br

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone riflttere sui rapporti tra la sociologia e l’ecologia, come scienze messe a confronto dall’aggravarsi
degli attuali problemi ambientali. Tali problemi riguardano le diverse società e la natura nelle sue variegate forme, intese
allo stesso tempo come mondo concreto e oggetto pensato. La riflessione sui rapporti tra societá e natura sarà
abbordata tanto dal punto di vista dello sviluppo delle teorie sociologiche, come da una prospettiva che cerca d’
includere altre aree della conoscenza e della tecnologia.
Programma:
Durante il corso si discuterà il pensiero di autori che adottano approcci diversi alla problematica in campo e a concetti
come “modernità”, “rischio”, “consumo”, “conservazione”, “risorse”, “sviluppo sostenibile”. Principalmente saranno
discussi: Malthus T.R.; Marx K.; Durkheim E.; Weber M.; Thomas K.; Passmore J.; Ehrlich P. e A.; Meadows H.D..; Hardin
G.; Morin E.; Deléage JP.; Odum E.; Ehrenfeld D.; Georgescu-Roegen N.; Giddens A.; Beck U.; Douglas M.; Luhmann N.;
Martinelli F.; Cianciullo Antonio.; Pellizzoni L. & Osti G.; Butera F.M.
Attivitàasupportodelladidattica:
Seminari e esercitazioni di gruppo.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, seminari di approfondimento, esercitazioni di gruppo.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Pellizzoni L. & Osti G., Sociologia dell’ambiente, (2003) Il Mulino, Bologna.
Pellegrini, Giuseppe, Biotecnologie e cittadinanza. Processi dis sviluppo della cittadinanza e innovazione tecnoco-
scientifica, (2005) Euganea Editoriale, P.adova.
Butera, M. Federico, Dalla caverna alla casa ecologica. Storia del confort e dell’energia, (2007) Edizioni Ambiente,
Milano.
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta intermedia e verifica finale orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Disponibile per consultazioni via internet.
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Pellizzoni L. & Osti G., Sociologia dell’ambiente, (2003) Il Mulino, Bologna.
Pellegrini, G., Biotecnologie e cittadinanza. Processi dis sviluppo della cittadinanza e innovazione tecnoco-scientifica,
(2005) Euganea Editoriale, Padova.
Butera, M. F., Dalla caverna alla casa ecologica. Storia del confort e dell’energia, (2007) Edizioni Ambiente, Milano.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale.
Note:
L’insegnamento è mutuato dalla Facoltà di Scienze e Tecnologie.
................................................................................................................................
Sociologiadell’ambiente
SPS/10

CFU 5 • DURATA 40 ore
Titolocorso: Sociologia dell’ambiente
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Sociologiadell’educazione
SPS/08

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Sociologiadell’organizzazione
SPS/09

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Concetti e metodi delle teorie dell’organizzazione
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. FRATTO FRANCESCO francesco.fratto@uniurb.it

ObiettiviFormativi:Il corso costituisce un’introduzione alla sociologia delle organizzazioni, a partire dalla distinzione
tra ‘strutture organizzative’ (l’aspetto statico: come realtà date e persistenti nel tempo) e ‘processi organizzativi (l’aspetto
dinamico: come entità mutevoli). Le organizzazioni verranno concettualizzate come ‘tecnologie’, ‘strutture sociali’,
244
vademecum 2009/10
245
insegnamenti
‘culture’ e ‘strutture fisiche’ che si compenetrano e si sovrappongono all’interno di un certo ‘ambiente’, perseguendo
specifiche ‘strategie ed obiettivi’.
Programma:
Utilizzando la chiave di lettura presentata negli ‘obiettivi formativi’ e seguendo un approccio multidisciplinare, durante il
corso verranno sviluppate le principali prospettive di analisi che caratterizzano le teorie dell’organizzazione: ‘classica’,
‘modernista’, simbolico-interpretativa’ e ‘postmoderna’. La storia del pensiero organizzativo verrà quindi sviluppata
attraverso la trattazione critica della ‘questione industriale‘ (tecnologia e consenso), della ‘questione burocratica‘
(funzioni delle norme e strategie dei soggetti) e della ‘questione organizzativa‘ (decisioni e risorse).
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, gruppi di lavoro e discussione in aula.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno ¾ delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Bonazzi G., Storia del pensiero organizzativo, Franco Angeli, Milano, 2008
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Bonazzi G., Storia del pensiero organizzativo, Franco Angeli, Milano, 2008
Bifulco L., Che cos’è una organizzazione, Carocci Editore, Roma, 2002
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame.
................................................................................................................................
Sociologiadell’organizzazione
SPS/09

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Sociologiadell’organizzazioneedelmanagement
SPS/09

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: SOCIOLOGIA DELL’ORGANIZZAZIONE E DEL MANAGEMENT
Corsidilaureain: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (CNA-LS)

Prof. PAGANI ALBERTO paganialberto@yahoo.it

ObiettiviFormativi:
Scopo del corso è fornire agli studenti la strumentazione concettuale per l’analisi dei fenomeni organizzativi. Verranno
quindi approfonditi i concetti fondamentali delle più significative teorie organizzative apparse dall’inizio del secolo
scorso ai giorni nostri: organizzazione scientifica del lavoro, relazioni umane, teoria della burocrazia, comportamento
amministrativo, sistemi socio-tecnici, teoria della contingenza strutturale.
Programma:
Nelle lezioni verranno illustrati e discussi criticamente i principali concetti e approcci allo studio delle organizzazioni
utilizzando come criterio di presentazione l’approccio metaforico. In particolare si analizzeranno le organizzazioni in
quanto: macchine, organismi, cervelli, sistemi culturali, sistemi politici, sistemi autopoietici.

Modalitàdidattiche:
Il corso si articola in una parte istituzionale e due incontri seminariali. La parte isituzionale verrà illustrata dal docente
mentre nella seconda parte si svolgeranno i seguenti incontri di carattere seminariale, in forma di workshop: “Il progetto
HERA” con il Dott. Filippo Brandolini (consigliere di amministrazione HERA S.p.A. e Presidente SOT HERA Ravenna) ed il
Dott. Roberto Prioreschi (Bain and Company Consulting). “Terremerse: una comunità di persone” con il Dott. Gianni
Errani (Presidente Terremerse) e la Dott.sa Rita Contessi (Direttore del processo di organizzazione, comunicazione e
formazione risorse umane). “La gestione del cambiamento” con il Dott. Domenico Randi (Direttore Generale Provincia
Ravenna). Altri incontri seminariali con manager esperti di organizzazione nella pubblica amministrazione e
nell’economia privata e cooperativa verranno concordati con gli studenti.
Obblighi:
Frequenza delle lezioni, studio individuale ed eventuale partecipazione a lavori individuali o di gruppo.
Testidistudio:
- Bonazzi G., Come studiare le organizzazioni, il Mulino, Bologna, 2002
- Simon H. A., Il comportamento amministrativo, il Mulino, Bologna, 1967 (non obbligatorio)
- Crozier M., Il fenomeno burocratico, Etas, Kompass, Milano, 1969 (non obbligatorio)
- Burns T., Stalker G.M., Direzione aziendale e innovazione, FrancoAngeli, Milano, 1974 (non obbligatorio)
- Woodward J., Organizzazione industriale: teoria e pratica, Rosemberg & Sellier, Torino, 1975 (non obbligatorio)
- Crozier M., Friedberg E., Attore sociale e sistema, Etas Libri, Milano, 1978 (non obbligatorio)
- March J., Simon H., Teoria dell’organizzazione, Ed. Comunità, Milano, 1979 (non obbligatorio)
- Peters T., Waterman R., Alla ricerca dell’eccellenza, Sperling & Kupfer, Milano 1984 (non obbligatorio)
- Thompson J.K., L’azione organizzativa, ISEDI, Torino, 1988 (non obbligatorio)
- Morgan G., Images. Le metafore dell’organizzazione, FrancoAngeli, Milano 1989 (non obbligatorio) Nota per tutti:
limitatamente ai capitoli 1, 2, 3, 4, 5, 6, 8, 9.
- Butera F., Il castello e la rete, FrancoAngeli, Milano, 1990 (non obbligatorio)
- Sun-Tsu, L’arte della guerra, Neri Pozza, Vicenza, 1999 (non obbligatorio).
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione dei lavori individuali e di gruppo.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
- Bonazzi G., Come studiare le organizzazioni, il Mulino, Bologna, 2002
- Simon H. A., Il comportamento amministrativo, il Mulino, Bologna, 1967 (non obbligatorio)
- Crozier M., Il fenomeno burocratico, Etas, Kompass, Milano, 1969 (non obbligatorio)
- Burns T., Stalker G.M., Direzione aziendale e innovazione, FrancoAngeli, Milano, 1974 (non obbligatorio)
- Woodward J., Organizzazione industriale: teoria e pratica, Rosemberg & Sellier, Torino, 1975 (non obbligatorio)
- Crozier M., Friedberg E., Attore sociale e sistema, Etas Libri, Milano, 1978 (non obbligatorio)
- March J., Simon H., Teoria dell’organizzazione, Ed. Comunità, Milano, 1979 (non obbligatorio)
- Peters T., Waterman R., Alla ricerca dell’eccellenza, Sperling & Kupfer, Milano 1984 (non obbligatorio)
- Thompson J.K., L’azione organizzativa, ISEDI, Torino, 1988 (non obbligatorio)
- Morgan G., Images. Le metafore dell’organizzazione, FrancoAngeli, Milano 1989 (non obbligatorio) Nota per tutti:
limitatamente ai capitoli 1, 2, 3, 4, 5, 6, 8, 9.
- Butera F., Il castello e la rete, FrancoAngeli, Milano, 1990 (non obbligatorio)
- Sun-Tsu, L’arte della guerra, Neri Pozza, Vicenza, 1999 (non obbligatorio).
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
SociologiadellacomunicazioneAMI
SPS/08

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO-PESARO
Titolocorso: Fondamenti di sociologia della comunicazione
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. MAZZOLI LELLA lella.mazzoli@uniurb.it
246
vademecum 2009/10
247
insegnamenti
ObiettiviFormativi:
Il corso intende fornire un inquadramento teorico complessivo sulla sociologia della comunicazione, a partire dalle
teorie classiche fino alle concettualizzazioni più avanzate della comunicazione.
Un obiettivo ulteriore è quello di offrire strumenti teorici ma anche di tipo applicativo che possano essere utili per
l’analisi socio-comunicativa della società contemporanea in quanto società complessa.
Inoltre verranno fornite conoscenze di base sulle teorie dei media della comunicazione di tipo mainstream con un
approfondimento alla realtà dei social media.
Programma:
Il modulo, nella sua parte istituzionale, si propone di chiarire alcuni degli elementi chiave relativi alle teorie della
comunicazione nella società complessa, a partire dalla tripartizione tra approccio sintattico, semantico e pragmatico con
un focus su quest’ultimo.
Delineato questo sfondo teorico, verrà analizzata l’evoluzione dei principali approcci teorici allo studio dei media delle
comunicazioni di massa. Un ulteriore approfondimento di carattere teorico sarà rappresentato dal tentativo di
comprendere in quale modo si inseriscano, all’interno della società complessa, i social media intesi nella loro essenza
creativa e partecipativa e in una dinamica di micro-macro link.
La parte monografica del corso è dedicata ai temi della comunicazione culturale e dell’etica dell’informazione e della
comunicazione, che saranno sviluppati attraverso seminari e workshop tematici tenuti da esperti e professionisti della
comunicazione e dell’informazione.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. Esercitazioni e lavori di gruppo. Workshop e seminari.
Obblighi:
Frequenza di almeno tre quarti delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento. Realizzazione delle esercitazioni
proposte a lezione.
Testidistudio:
Parte istituzionale
- Mazzoli L., L’impronta del sociale. La comunicazione fra teorie e tecnologie, FrancoAngeli, Milano, 2001.
- Watzlawick P., Beavin J.H., Jackson D.D., Pragmatica della comunicazione umana, Astrolabio, Roma,
1971 (limitatamente ai capp. 1 e 2).
- Giglietto F., Alle radici del futuro. Dalla teoria dell’informazione ai sistemi sociali: un’introduzione, FrancoAngeli,
Milano, 2006.
- Defleur M.L., Ball Rokeach S.J., Teorie delle comunicazioni di massa, il Mulino, Bologna 1995.
- AAVV, Network effect. Quando la rete diventa pop, Codice, Torino, 2009; (limitatamente ai capp. 1, 2 e 3).
Parte monografica
Un testo a scelta tra i seguenti:
a) Zanchini G., Il Giornalismo culturale, Carocci, Roma, 2009.
b) Marzo E., Le voci del padrone, Dedalo, Bari, 2006.
Modalitàdiaccertamento:
L’accertamento avviene in modo individuale ed è effettuato da una commissione presieduta dal docente titolare del
modulo. Esame orale e/o scritto.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Parte istituzionale
- Mazzoli L., L’impronta del sociale. La comunicazione fra teorie e tecnologie, FrancoAngeli, Milano, 2001.
- Watzlawick P., Beavin J.H., Jackson D.D., Pragmatica della comunicazione umana, Astrolabio, Roma,
1971 (limitatamente ai capp. 1 e 2).
- Giglietto F., Alle radici del futuro. Dalla teoria dell’informazione ai sistemi sociali: un’introduzione, FrancoAngeli,
Milano, 2006.
- Defleur M.L., Ball Rokeach S.J., Teorie delle comunicazioni di massa, il Mulino, Bologna 1995.
- AAVV., Network effect. Quando la rete diventa pop, Codice edizioni, Torino, 2009 (limitatamente ai cpp. 1, 2 e 3).
Parte monografica
Un testo a scelta tra i seguenti:
a) Zanchini G., Il Giornalismo culturale, Carocci, Roma, 2009.
b) Marzo E., Le voci del padrone, Dedalo, Bari, 2006.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
Note:
Materiale didattico messo a disposizione dal docente:
Presentazione Sintattica Semantica Pragmatica Spazi irriducibili
................................................................................................................................
SociologiadellacomunicazioneI
SPS/08

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Fondamenti di sociologia della comunicazione
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. MAZZOLI LELLA lella.mazzoli@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso intende fornire un inquadramento teorico complessivo sulla sociologia della comunicazione, a partire dalle
teorie classiche fino alle concettualizzazioni più avanzate della comunicazione.
Un obiettivo ulteriore è quello di offrire strumenti teorici ma anche di tipo applicativo che possano essere utili per
l’analisi socio-comunicativa della società contemporanea in quanto società complessa.
Inoltre verranno fornite conoscenze di base sulle teorie dei media della comunicazione di tipo mainstream con un
approfondimento alla realtà dei social media.
Programma:
Il modulo, nella sua parte istituzionale, si propone di chiarire alcuni degli elementi chiave relativi alle teorie della
comunicazione nella società complessa, a partire dalla tripartizione tra approccio sintattico, semantico e pragmatico con
un focus su quest’ultimo.
Delineato questo sfondo teorico, verrà analizzata l’evoluzione dei principali approcci teorici allo studio dei media delle
comunicazioni di massa. Un ulteriore approfondimento di carattere teorico sarà rappresentato dal tentativo di
comprendere in quale modo si inseriscano, all’interno della società complessa, i social media intesi nella loro essenza
creativa e partecipativa e in una dinamica di micro-macro link.
La parte monografica del corso è dedicata ai temi della comunicazione culturale e dell’etica dell’informazione e della
comunicazione, che saranno sviluppati attraverso seminari e workshop tematici tenuti da esperti e professionisti della
comunicazione e dell’informazione.
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti devono conseguire:
1. Conoscenze e capacità di comprensione: delle forme e dei linguaggi della comunicazione attraverso l’acquisizione di
competenze teoriche sulla società complessa, sulle teorie comunicative con particolare attenzione alle dinamiche
dell’informazione.
1.1. Gli studenti conseguono tali conoscenze di base attraverso la frequenza delle lezioni e lo studio dei testi discussi in
aula.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: attraverso la capacità di analizzare i prodotti della comunicazione
applicando le principali teorie della comunicazione e l’approccio alla complessità.
2.1. Competenze acquisite attraverso momenti di esercitazione in classe.
3. Capacità di giudizio: riflessione critica sulle dinamiche evolutive della comunicazione e della loro ricaduta sulla società
e sui soggetti nonché sulle forme del sistema dei media, sulla sua funzione con riferimento al sistema dell’informazione
e alle sue dimensioni etiche.
3.1. Capacità di giudizio che si deve applicare nel confronto in aula con il docente e i colleghi, durante le esercitazioni e
nella preparazione dell’esame finale.
4. Abilità comunicative: gli studenti sono chiamati ad interagire in aula attraverso domande, scambi con i compagni di
studio, stesura di brevi presentazioni in fase di esercitazione. Competenza necessaria e spendibile per coloro che fanno
della comunicazione il loro futuro professionale.
4.1. Abilità che si esercita in aula con l’organizzazione di momenti di discussione e di esercitazione.
5. Capacità di apprendimento: gli studenti apprendono ad apprendere attraverso la comunicazione nei termini di una
pragmatica della meta-comunicazione (capacità di comunicare sulla comunicazione). Acquisiscono quindi competenza
248
vademecum 2009/10
249
insegnamenti
legate al pensiero astratto, all’analisi metodologica e al giudizio autonomo.
5.1. Abilità da potenziare grazie all’argomentazione con il docente e con i compagni di corso.
Attivitàasupportodelladidattica:
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. Esercitazioni e lavori di gruppo. Workshop e seminari.
Obblighi:
Frequenza di almeno 3/4 delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento. Realizzazione delle esercitazioni proposte a
lezione.
Testidistudio:
- Mazzoli L., L’impronta del sociale. La comunicazione fra teorie e tecnologie, FrancoAngeli, Milano, 2001.
- Watzlawick P., Beavin J.H., Jackson D.D., Pragmatica della comunicazione umana, Astrolabio, Roma,
1971 (limitatamente ai capp. 1 e 2).
- Giglietto F., Alle radici del futuro. Dalla teoria dell’informazione ai sistemi sociali: un’introduzione, FrancoAngeli,
Milano, 2006.
- AAVV., Network effect, Codice edizioni, Torino, 2009 (limitatamente ai capp. 1, 2 e 3).
Modalitàdiaccertamento:
L’accertamento avviene in modo individuale ed è effettuato da una commissione presieduta dal docente titolare del
modulo. Esame orale e/o scritto.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
- Mazzoli L., L’impronta del sociale. La comunicazione fra teorie e tecnologie, FrancoAngeli, Milano, 2001.
- Watzlawick P., Beavin J.H., Jackson D.D., Pragmatica della comunicazione umana, Astrolabio, Roma,
1971 (limitatamente ai capp. 1 e 2).
- Giglietto F., Alle radici del futuro. Dalla teoria dell’informazione ai sistemi sociali: un’introduzione, FrancoAngeli,
Milano, 2006.
- AAVV., Network effect, Codice edizioni, Torino, 2009 (limitatamente ai capp. 1, 2 e 3).
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Sociologiadellaconoscenza/ProcessisocialiefenomeniculturaliAMI
SPS/08

CFU 9 • DURATA 72 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La costruzione sociale del Sé
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. MANATTINI FABRIZIO fabrizio.manattini@uniurb.it

Prof. STAUDER PAOLO paolostauder@libero.it

ObiettiviFormativi:
Parte 1:
Analizzare il rapporto individuo-società a partire dalla sua forma primaria.
Parte 2:
Analizzare la crisi dei modelli culturali a partire dall’emergere del disagio giovanile
Programma:
Parte 1:
1. Il processo di costruzione simbolica della realtà.
2. Universi simbolici e rapporto individuo-società.
3. Funzione simbolica e processo di socializzazione primaria.
Parte 2:
1.Il concetto di comunicazione simbolica
2.I processi di socializzazione
3.La funzione della cultura
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e studio del materiale didattico di riferimento.
Testidistudio:
Parte 1:
Berger P.L. – Luckmann T., La realtà come costruzione sociale, Il Mulino, Bologna, 1969 (Cap. II: La società come realtà
oggettiva e Cap. III: La società come realtà soggettiva).
Parte 2:
- Stauder P., La scoperta della solitudine, QuattroVenti, 2009, Urbino
- Simmel G., Il conflitto della civiltà moderna, Se, Milano, 1999.
Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal docente titolare del modulo,
attraverso: verifica orale secondo il calendario d’esame; possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo
accordo diretto con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio del materiale didattico di riferimento.
Obblighi:
Studio del materiale didattico di riferimento.
Testidistudio:
Parte 1:
Berger P.L. – Luckmann T., La realtà come costruzione sociale, Il Mulino, Bologna, 1969.
Parte 2:
- Stauder P., La scoperta della solitudine, QuattroVenti, 2009, Urbino
- Simmel G., Il conflitto della civiltà moderna, Se, Milano, 1999.
- Oz A., Contro il fanatismo, Feltrinelli, Milano, 2005.
N.B. I vecchi studenti studenti di sociologia della conoscenza con esame da 6 crediti possono portare il vecchio
programma riportato qui di seguito:
-Clifford G., Interpretazione di culture, Il Mulino, Bologna 2001
-Bauman, Zygmunt, Vite di scarto, Laterza, Bari 2004
-McCarthy Doyle, Conoscenza come cultura, Meltemi, - 2004
Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal docente titolare del modulo,
attraverso: verifica orale secondo il calendario d’esame.
................................................................................................................................
Sociologiadellaculturaebraica
SPS/08

CFU 6 • PERIODO primo semestre • DURATA 48 ore
Titolocorso: Storia, fonti e istituzioni dell’ebraismo
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS) Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. GRASSI PIERGIORGIO piergiorgio.grassi@uniurb.it
Ricevimento: Sempre nei giorni di lezione. In altre date dietro appuntamento da concordare direttamente con il
docente per e-mail.

ObiettiviFormativi:
Il corso offrirà un’introduzione alla comprensione della cultura ebraica sotto il profilo religioso, storico e politico.
Programma:
I. Storia di Israele. II. La cultura religiosa ebraica. III Il Sionismo. IV Lo Stato d’Israele.

250
vademecum 2009/10
251
insegnamenti
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali
Obblighi:
Frequenza ad almeno tre quarti delle lezioni e studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
P. Stefani, Gli ebrei, Il Mulino, Bologna 2005;
P. Stefani, La Bibbia, Il Mulino, Bologna 2002;
I. Greilsammer, Il Sionismo, Il Mulino, Bologna 2007;
B. Morris, Due popoli una terra. Quale soluzione per Israele e Palestina?, Rizzoli, Milano 2008.
E’ consigliata la lettura di D. Bidussa, Il sionismo politico (testi), Ed. Unicopli, Milano 1997.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio integrale dei testi indicati
Testidistudio:
P. Stefani, Gli ebrei, Il Mulino, Bologna 2005;
P. Stefani, La Bibbia, Il Mulino, Bologna 2002;
I. Greilsammer, Il Sionismo, Il Mulino, Bologna 2007;
B. Morris, Due popoli una terra. Quale soluzione per Israele e Palestina?, Rizzoli, Milano 2008.
E’ consigliata la lettura di C. Vercelli, Breve storia dello stato di Israele (1948-2008), Carocci, Roma 2008.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
Sociologiadellacultura/Storia,societàeculturaAMI
SPS/08-L-LIN/01

CFU 9 • DURATA 72 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il fenomeno della cultura
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. MARCARINO AURELIA aurelia.marcarino@uniurb.it

Prof. DEL NINNO MAURIZIO maurizio.delninno@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Parte 1:
Fornire strumenti teorici per analizzare e interpretare il modello dinamico della cultura, le forme espressive, i
meccanismi creativi, le contaminazioni, il comportamento culturale e la ricezione della cultura.
Parte 2:
Il corso prevede una rivisitazione del rapporto tra lingua e cultura, tradizionale punto di incontro tra linguisti e
antropologi.
Programma:
Parte 1:
1. Il concetto di cultura 2. La cultura come costruzione sociale 3. Il significato nella cultura dei media 4. I modelli di
comunicazione nei processi culturali 5. La cultura come racconto 6. Le mitologie culturali 7. Corpo, rappresentazione,
identità 8. Gli oggetti culturali nella prospettiva dei visual studies
Parte 2:
La definizione di lingua e il concetto di cultura. L’etnolinguistica, l’etnosemiotica e la nebulosa saussuriana.
Modalitàdidattiche:
Parte 1:
Lezioni frontali e seminari di approfondimento sui seguenti temi:
- Introduzione ai cultural studies
- Tecnologie del sé: morfoscritture digitalizzate
- Dallo shaping allo sharing: la fotografia digitale nelle pratiche culturali
Parte 2:
Lezioni frontali. I frequentanti dovranno intervenire con relazioni orali e scritte.
Obblighi:
Parte 1:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale.
Parte 2:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Parte 1:
Griswold W., Sociologia della cultura, il Mulino, Bologna, 1997
Marcarino A., Strategie comunicative, Carocci, Roma 2004
Ciuffoli E., Texture. Manipolazioni corporee tra chirurgia e digitale, Meltemi, Roma, 2007
D’Amico E., Digitografie, Liguori, Napoli, 2007
Parte 2:
M. Del Ninno (a cura di ), Tra lingua e cultura. Scritti brevi per delineare la continuità tra le due sfere.
Il volume, in preparazione, potrà essere scaricato dal sito a partire dal 1.12.2008.
Modalitàdiaccertamento:
Parte 1:
Esame orale e valutazione di lavori di gruppo prodotti dagli studenti.
Parte 2:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Parte 1:
Studio individuale
Parte 2:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Parte 1:
Griswold W., Sociologia della cultura, il Mulino, Bologna, 1997
Marcarino A., Narratività e occasioni sociali, Liguori, Napoli, 2001.
Ciuffoli E., Texture. Manipolazioni corporee tra chirurgia e digitale, Meltemi, Roma, 2007
D’Amico E., Digitografie, Liguori, Napoli, 2007
Parte 2:
M. Del Ninno (a cura di ), Tra lingua e cultura. Scritti brevi per delineare la continuità tra le due sfere.
Il volume, in preparazione, potrà essere scaricato dal sito a partire dal 1.12.2008.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Sociologiadelladevianza
SPS/12

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Normalizzazione e devianza
Corsidilaureain: Servizio sociale (CNA-L) Sociologia (CNA-L)

Prof. PAPPALARDO FABRIZIO

ObiettiviFormativi:
Il corso intende presentare le definizioni principali di devianza e la loro evoluzione nella sociologia nordamericana
contemporanea. Inoltre verrà presentato il contributo di Michel Foucault allo studio del coinvolgimento della psichiatria
nel diritto penale e dei processi di normalizzazione.
252
vademecum 2009/10
253
insegnamenti
Programma:
Nella prima parte del corso, verrà introdotto il concetto di devianza, successivamente si affronteranno le principali teorie
contemporanee, a partire dai crimini dei colletti bianchi per arrivare alla crisi delle correnti definizioni di devianza. La
seconda perte del corso sarà finalizzata alla consocennza dei processi di costruzione delle identità devianti, con
particolare riferimento al trattamento istituzionale dei cosiddetti “folli rei”, ovvero quei soggetti che hanno commesso un
reato in presenza di una accertata devianza piscologico/psichiatrica.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale e tesine di approfondimento.
Obblighi:
Frequenza di ¾ delle ore di lezione svolte. Preparazione di tutte le parti indicate nei testi in programma.
Testidistudio:
Melossi D. Stato, controllo sociale, devianza, Bruno Mondadori, Milano, 2002
Pappalardo F. Psichiatria, diritto e controllo sociale, Edizioni Goliardiche, Trieste 2009
Foucault M., Gli anormali, Feltrinelli, Milano 2000
NOTA: Gli studenti frequentanti non dovranno preparare le “lezioni” da p. 235 a p. 316
Modalitàdiaccertamento:
L’accertamento avviene in modo individuale ed è effettuato ad opera di una commissione presieduta dal docente titolare
del modulo. Al termine delle lezioni previste per il modulo, lo studente potrà sostenere una verifica secondo la modalità
della prova scritta. Negli appelli ufficiali d’esame si procederà alla verifica orale o alla certificazione dell’esito per coloro
che avranno superato la prova scritta.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Preparazione dei testi indicati.
Testidistudio:
Melossi D. Stato, controllo sociale, devianza, Bruno Mondadori, Milano, 2002
Pappalardo F. Psichiatria, diritto e controllo sociale, Edizioni Goliardiche, Trieste 2009
Foucault M., Gli anormali, Feltrinelli, Milano 2000
Modalitàdiaccertamento:
L’accertamento avviene in modo individuale ed è effettuato ad opera di una commissione presieduta dal docente titolare
del modulo.
................................................................................................................................
Sociologiadelladevianza
SPS/12

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Sociologiadellafamiglia
SPS/08

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Sociologiadellafamiglia
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Introduzione alla sociologia della famiglia
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L) Servizio sociale (CNA-L)

Prof. DONADI PAOLA paola.donadi@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici fondamentali della sociologia della famiglia, in una
prospettiva di genere e con una impostazione interdisciplinare.
Programma:
Scopo del corso sarà di illustrare la genesi dei cambiamenti che hanno investito la famiglia a partire dagli anni sessanta
con particolare riferimento all’emergere di una molteplicità di nuove forme familiari. Particolare attenzione sarà posta
alla prospettiva di genere e ad argomenti teorici specifici di grande rilevanza per la sociologia della famiglia: la
femminilizzazione delle responsabilità familiari. La femminilizzazione della povertà. Le forme patologiche che
interessano, oggi, le famiglie e le relazioni fra gli individui che le compongono.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale.
Obblighi:
Frequenza di almeno 3/4 delle lezioni. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
- Donadi P., Generi. Differenze nelle identità, Franco Angeli, Milano 2000
Nota: Capitoli da concordare con la docente.
- Saraceno C., Naldini M., Sociologia della famiglia, Il Mulino, Bologna 2002
Nota: Capitoli da concordare con la docente.
- Donadi P., Lineamenti di psicosociologia delle famiglie, Montefeltro, Urbino 2002
- Donadi P., La Regola e lo Spirito, Franco Angeli, Milano 2003
Nota: Capitoli da concordare con la docente.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
- Donadi P., Generi. Differenze nelle identità, Franco Angeli, Milano 2000
- Saraceno C., Naldini M., Sociologia della famiglia, Il Mulino, Bologna 2002
- Donadi P., Lineamenti di psicosociologia delle famiglie, Montefeltro, Urbino 2002
- Donadi P., La Regola e lo Spirito, Franco Angeli, Milano 2003
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Sociologiadellamoda
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Moda, cultura e identità
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. VALLI BERNARDO bernardo.valli@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Programma:
Il corso si propone di conferire elementi per una lettura storica, economica, culturale e sociale del senso e del significato
della moda al fine di decodificarne l’iconografia e il linguaggio attualmente adoperato per rapportarsi ai consumatori. Le
forme e gli stili (soprattutto femminili) sono collegati alle architetture metropolitane, all’espressione artistica, al pensiero
254
vademecum 2009/10
255
insegnamenti
vigente. Alcuni cenni storici illustrano l’evoluzione dell’abito rurale, aristocratico e borghese nella società. L’attenzione è
concentrata tanto sul passato quanto sul presente.
L’obiettivo del corso è portare l’attenzione dello studente sulle moltitudini di discipline in cui la moda è coinvolta e come
ciò la rende un punto d’osservazione significativo.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali con l’utilizzo di supporti audiovisivi
Obblighi:
Frequenza ad almeno almeno i 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
Baldini C. (a cura di), Sociologia della moda, Armando Editori, Milano, 2008
Giusti N., Introduzione allo studio della moda, Il Mulino, Bologna, 2009
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
Baldini C. (a cura di), Sociologia della moda, Armando Editori, Milano, 2008
Giusti N., Introduzione allo studio della moda, Il Mulino, Bologna, 2009
Kawamura Y., La moda, il Mulino, Bologna, 2006
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Sociologiadellapostmodernità
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il postmoderno nella comunicazione
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. MATTEUCCI IVANA

ObiettiviFormativi:
Il corso intende studiare le trasformazioni prodotte dall’avvento del pensiero della postmodernità negli ambiti della
comunicazione culturale, artistica e letteraria, al fine di fornire gli strumenti concettuali atti a comprendere gli eventi e le
azioni nella società contemporanea. L’obiettivo è quello di analizzare le varie modalità utilizzate dagli attori sociali per
costruire i discorsi ed elaborare le immagini relative alla società, alla relazione, all’identità.
Programma:
1. Le teorie del postmoderno
1.1. Teorie critiche (Habermas, Jameson)
1.2. Teorie costruttiviste (Giddens, Bauman)
1.3. Il decostruzionismo (Derrida, Baudrillard)
1.4. Il relativismo (Vattimo, Lyotard)
2. Le categorie del postmoderno
2.1. Individuazione e appartenenza
2.2. Globalizzazione e localizzazione
2.3. Rischio e complessità
2.4 Nomadismo e tribalismo
3. L’identità nel postmoderno
3.1. Le nuove coordinate spazio-temporali
3.2. Mobilità e virtualità
3.3. L’identico e il diverso
3.4. Il corpo come progetto identitario
4. Gli ambiti del postmoderno
4.1. La città postmoderna e i paesaggi urbani
4.2. La letteratura e la narrativa
4.3. Il cinema e la fotografia
4.4. L’architettura e la spazialità
5. Oggetti e soggetti del postmoderno
5.1. I corpi e le pratiche di controllo
5.2. Le nuove comunità
5.3. Gli oggetti di consumo
5.4. I prodotti culturali
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari di approfondimento
Obblighi:
Frequenza dei 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
Matteucci I., L’oggetto culturale della comunicazione postmoderna: arte, cinema, letteratura, sport. Liguori, Napoli,
2008.
Matteucci I., Comunicazione e mondi reali. La costruzione della realtà da Goffman ai nuovi media, Roma, 2008.
Augè M., Storie del presente. Per un’antropologia dei mondi contemporanei, Il Saggiatore, Milano, 1997.
Modalitàdiaccertamento:
Tesine, prove in itinere, esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati
Testidistudio:
Matteucci I., L’oggetto culturale della comunicazione postmoderna: arte, cinema, letteratura sport, Liguori, Napoli, 2008.
Matteucci I., Comunicazione e mondi reali. La costruzione dela realtà da Goffman ai nuovi media, Roma, 2008.
Augè M., Storie del presente. Per un’antropologia dei mondi contemporanei, Il Saggiatore, Milano, 1997.
Maffesoli M., Note sulla postmodernità, Lupetti, Milano, 2005.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Sociologiadelleculturebuddiste
SPS/08

CFU 6 • PERIODO seconda sessione • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: I buddismi e il buddismo: viaggio di una prassi religiosa attraverso il tempo, lo spazio e le culture
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. MARASSI MAURICIO ALBERTO mauricio.marassi@uniurb.it
Ricevimento: Orario ricevimento: Subito dopo le lezioni. Con appuntamento tramite e-mail: un’ora prima delle lezioni.

ObiettiviFormativi:
Approfondimenti dei significati e delle dinamiche di religione in ambiente non teista e in presenza di una forma
apofatica di idealismo. Acquisizione della visione della religione intesa come didattica. Consapevolezza di una cultura
altra, ovvero fondata su presupposti esterni al pensiero teoretico. Acquisizione delle chiavi di lettura della modalità del
“sapere come” dell’Oriente, parallelo al “sapere cosa” dell’Occidente. Palesamento del substrato delle culture religiose
dell’Estremo Oriente.
Programma:
Il corso sarà suddivisi in due parti.
PRIMA PARTE: 1., Il rapporto del buddismo con la cultura prebuddista. 2., La nascita del buddismo antico. 3.,
L’elaborazione del buddismo universale o buddismo mahāyāna. 4., La formazione di una cultura buddista, ovvero il
processo di inculturazione indiana. 5., Le scuole buddiste indiane: madhyamika, yogācāra, vajrayāna. 6., L’ingresso del
buddismo in Tibet: esempio particolare di inculturazione. 7., Lo sviluppo del buddismo vajrayana in Tibet.
SECONDA PARTE: 1., Le origini della cultura cinese, le diramazioni principali a partire da Confucio. 2., Uno schema
256
vademecum 2009/10
257
insegnamenti
religioso/filosofico/politico in grado di durare più di duemila anni: efficacia e durata di una cultura. 3., Il buddismo
cinese: dal tentativo di assimilazione all’inculturazione. 4., La rifondazione del buddismo come entità originale. 5., Il
Giappone come entità culturale autonoma attraverso la rivendicazione dell’originalità dello Shintō. 6., La penetrazione
del buddismo in Giappone: buddismo confuciano, sincretismo shintoista. 7., Il buddismo giapponese, la storia, le scuole.
Buddismo e nazionalismo: una grande tragedia.
Eventualipropedeuticità:
Può avere valore propedeutico la frequentazione, anche occasionale, di comunità, centri, istituti di pratica studio e
diffusione del buddismo in Italia/Europa/mondo.
Attivitàasupportodelladidattica:
A richiesta degli studenti possibilità di organizzare un breve soggiorno in una comunità buddista italiana. Trattandosi di
iniziativa extra-universitaria le modalità sono da concordare fuori dalle attività previste per il corso.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale
Obblighi:
Partecipazione ad almeno i ¾ delle ore di lezione, studio del materiale didattico di riferimento
Testidistudio:
- M.Y. Marassi, Il Buddismo Mahāyāna attraverso i luoghi, i tempi, le culture. L’India e cenni sul Tibet, Ed. Marietti,
Genova-Milano 2006: dal capitolo primo, compreso, sino alla fine (pgg. 45-282). (Obbligatorio).
- M.Y.Marassi, Il Buddismo Mahāyāna attraverso i luoghi, i tempi, le culture. La Cina, Ed. Marietti, Genova-Milano 2009:
dal capitolo uno al cap. IV compreso (pgg. 39-146) . Inoltre: tutto il cap. VI, tutto il cap. VIII, del cap. X pgg. 275-299
(saltare l’ultimo paragrafo), del cap. XII solo il primo paragrafo (pgg. 337-341), dell’Appendice solo l’ultimo paragrafo
(pgg. 392-396). Tot. pgg.178. (Obbligatorio).
- R.H.Robinson W.L.Johnson, La religione buddista, Ed. Ubaldini, Roma 1998: cap.X (pgg.291-325). (Obbligatorio). In
alternativa è possibile effettuare questa parte di studio (relativa ai punti 5-6-7 della seconda parte del programma) su
dispense fornite dal docente, da richiedere esplicitamente.
- T. Merton, Lo zen e gli uccelli rapaci, Ed. Garzanti, Milano 1999: da pag.7 a pag.66. (Consigliato).
- B.S. Bhante, Shintoismo, RCS, Milano 1997. (Consigliato).
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame. Possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo accordo con il
docente, da consegnarsi almeno una settimana prima dell’esame.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio del materiale didattico di riferimento.
Testidistudio:
- M.Y. Marassi, Il Buddismo Mahāyāna attraverso i luoghi, i tempi, le culture. L’India e cenni sul Tibet, Ed. Marietti,
Genova-Milano 2006: dal capitolo primo sino alla fine (pgg. 45-282). Tot. pgg. 237. (Obbligatorio).
- M.Y.Marassi, Il Buddismo Mahāyāna attraverso i luoghi, i tempi, le culture. La Cina, Ed. Marietti, Genova-Milano 2009:
dal capitolo uno al cap. IV compresi (pgg. 39-146). Inoltre: del cap. V pgg. 166-174, tutto il cap. VI, tutto il cap. VIII, tutto
il cap. IX, del cap. X pgg. 275-299 (ovvero saltare l’ultimo paragrafo), del cap. XII solo il primo paragrafo (pgg. 337-341),
dell’Appendice solo l’ultimo paragrafo ( pgg. 392-396). Tot. 212 (Obbligatorio).
- R.H.Robinson W.L.Johnson, La religione buddista, Ed. Ubaldini, Roma 1998: cap.X (pgg.291-325). (Obbligatorio). In
alternativa è possibile effettuare questa parte di studio (relativa ai punti 5-6-7 della seconda parte del programma) su
dispense fornite dal docente, da richiedere esplicitamente.
- T. Merton, Lo zen e gli uccelli rapaci, Ed. Garzanti, Milano 1999: pgg.7-66. (Obbligatorio).
- Eihei Doghen, Il cammino religioso, Ed. Marietti, Genova 1990.(Consigliato).
- B.S. Bhante, Shintoismo, RCS, Milano 1997. (Consigliato).
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame.
Note:
Visto l’argomento, la vastità del periodo storico e la dimensione semiplanetaria del fenomeno, non occorre ricordare
date e nomi con precisione. È più importante capire e saper esprimere come e perché, inquadrare ogni volta il periodo e
la sua temperie.
A richiesta degli studenti possibilità di organizzare un breve soggiorno in una comunità buddista italiana. Trattandosi di
iniziativa extra-universitaria le modalità sono da concordare fuori dalle attività previste per il corso.
Per l’approfondimento di singoli temi o dell’intero percorso si consiglia di consultare la bibliografia ragionata -ogni testo
è presentato da una breve scheda o commento- reperibile qui
................................................................................................................................
Sociologiadellecultureindiane
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Modi di pensiero indiani
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. MAGI GIANLUCA magi@gianlucamagi.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di presentare agli allievi i lineamenti
dei modi di pensiero indiani.
Programma:
Durante il corso s’incontreranno le correnti di un pensiero altro che, proprio perche formatesi in modo indipendente
dalla nostra cultura, invitano a prendere coscienza di quell’evidenza ordinaria che ci rimane nascosta proprio perche
l’abbiamo quotidianamente sotto gli occhi. Nei modi di pensiero indiani, dunque, giacciono le risorse per meglio
comprendere i nostri.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Magi G., Uscite dal sogno della veglia. Viaggio attraverso le filosofie indiane della Liberazione, Edizioni della Scuola
Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa.
Magi G., Il dharma del sacrificio del mondo, Panozzo Editore, Rimini 1998.
Magi G., Il dito e la luna, Il Punto d’Incontro, Vicenza 2007.
Magi G., La vita è uno stato mentale, Bompiani, Milano 2009.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio dei testi indicati.
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Magi G., Uscite dal sogno della veglia. Viaggio attraverso le filosofie indiane della Liberazione, Edizioni della Scuola
Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa.
Magi G., Il dharma del sacrificio del mondo, Panozzo Editore, Rimini 1998.
Magi G., Il dito e la luna, Il Punto d’Incontro, Vicenza 2007.
Magi G., “La filosofia del linguaggio eterno”, Studi Urbinati, B, 1999 (LXIX), pp. 59-76.
Magi G., La vita è uno stato mentale, Bompiani, Milano 2009.
Magi G., Lemmi primari “India”, “Buddhismo”, “Hindūismo”, “Jainismo” e lemmi secondari “Ahiṃsā”, “Ājīvika”,
“Āraṇyaka”, “Brahman”, “Brahmāṇa”, “Cārvāka”, “Darśana”, “Dharma”, “Karman”, “Māyā”, “Mīmāṃsā”, “Mokṣa o
Mukti”, “Nāgārjuna”, “Nirvāṇa”, “Nyāya”, “OṀ o AUM”, “Sāṃkhya”, “Śaṅkara”, “Śivaismo”, “ Upaniṣad”,
“Vaiśeṣika”, “Veda”, “Vedānta”, “Viṣṇuismo”, “Yoga”, in ENCICLOPEDIA FILOSOFICA, 12 voll., Bompiani, Milano 2006.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale.
Note:
Per la determinazione del periodo di lezioni si rimanda al calendario di facoltà

258
vademecum 2009/10
259
insegnamenti
................................................................................................................................
Sociologiadellecultureislamiche
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Islam e occidente
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. Zaccarelli Francesco francescozaccarelli@virgilio.it

ObiettiviFormativi:
Introdurre gli studenti alle problematiche fondamentali delle società musulmane contemporanee.
Programma:
La formazione della società moderna. La trama del tessuto sociale. Cultura, linguaggio e comunicazione. Controllo
sociale e devianza. La religione. Stratificazione e mobilità sociale.
Attivitàasupportodelladidattica:
eventuali laboratori e seminari
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale
Obblighi:
Partecipazione ad almeno i ¾ delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati
Testidistudio:
Pace E., Sociologia dell’Islam, Carocci Editore, Roma, 2004 – da pag. 1 a pag. 109 e da pag. 163 a pag. 192
Pezzimenti R., Il pensiero politico islamico del 1900, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli, 2006 – da pag. 31 a pag. 122 e
da pag. 149 a pag. 177
Yayla A. (a cura di), Islam ed economia di mercato, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli, 2005 – da pag. 3 a pag. 58
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame; possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo accordo diretto
con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
Pace E., Sociologia dell’Islam, Carocci Editore, Roma, 2004 – da pag. 1 a pag. 109 e da pag. 163 a pag. 192
Pezzimenti R., Il pensiero politico islamico del 1900, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli, 2006 – da pag. 31 a pag. 122 e
da pag. 149 a pag. 177
Yayla A. (a cura di), Islam ed economia di mercato, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli, 2005 – da pag. 3 a pag. 58
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
Sociologiadellereligioni
SPS/08

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Sociologiadellereligioni/StoriamodernaAMI
SPS/08-M-STO/02

CFU 9 • DURATA 72 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Cristianesimo e islam nella società moderna/Stato e religione nella Turchia moderna (XIX-XX secolo)
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. PARMA PIERPAOLO pierpaolo.parma@uniurb.it

Prof. TORRICO ERMANNO

ObiettiviFormativi:
Parte I
Il corso si propone, innanzitutto, di presentare agli studenti una rassegna critica dei contributi teorici più significativi
proposti da alcuni autori classici e moderni sul fenomeno religioso. In secondo luogo si propone di applicare le nozioni
apprese allo studio delle tradizioni religiose cristiana e islamica ed ai problemi che esse devono affrontare a causa dei
mutamenti prodotti dalla modernità.
Parte II
Comprensione dei processi di modernizzazione e di secolarizzazione nell’impero ottomano e nella nuova Turchia
repubblicana di Mustafà Kemal Atatürk (1839-1932).
Programma:
Parte I
1. L’oggetto della Sociologia della religione
2. La prospettiva socio-religiosa di E. Durkheim, Weber, Luhmann, Berger e Luckmann
3. Origine e sviluppo del cristianesimo: la figura del profeta, i problemi della successione, l’istituzionalizzazione e le sue
forme organizzative
4. Le dimensioni della religiosità cristiana
5. Il cristianesimo nella modernità: il pluralismo, la secolarizzazione, la laicizzazione e loro conseguenze sulla religione.
6. Religioni occidentali e orientali a confronto
7. Origine e sviluppo della religione islamica: la vita del Profeta e i problemi della successione
8. Il processo di istituzionalizzazione: costruzione del Corano, della Sunna e della Shari’a
9. Le dimensioni religiose e le forme organizzative islamiche
10. L’incontro con la modernità occidentale: risveglio, riformismo e fondamentalismo
11. Alcune questioni aperte: religione e politica, islam e democrazia, islam e diritti dell’uomo, islam e diritto di famiglia,
l’immigrazione islamica in Occidente
Parte II
1. La storia moderna e i problemi di periodizzazione; la discussione sul moderno; gli strumenti concettuali della
storiografia; i “tipi ideali” di M.Weber 2. I Turchi in Asia minore e l’impero selgiuchide; l’Islam sincretistico, sciamanico e
mistico-tribale 3. Un impero mussulmano su tre continenti; il consolidamento dell’Islam; la mistica urbana del sufismo e
delle confraternite e quello popolare e delle campagne 4. L’Europa dei Lumi e l’avvio della modernizzazione e della
secolarizzazione: “Liberté, Egalité, Ottomanéité”; l’Islam tra costituzionalismo e assolutismo 5. Crisi dello stato e i
movimenti nazionali nei Balcani; le “leggi benefiche” del 1858; la riorganizzazione (Tanzimat) dello stato e dell’esercito
(1839-1876) 6. Nazionalismo turco e islamismo: la rivoluzione dei “Giovani Turchi” del 1908 e l’insurrezione religiosa
degli ulema e dei sufisti contro il “Comitato Unione e Progresso” 7. Un impero alla ricerca di una identità: musulmano,
europeo o turco? L’Islam plurale alla fine dell’impero ottomano 8. L’impero ottomano nelle guerre balcaniche e nella
Prima guerra mondiale (1912-1918) 9. La guerra di indipendenza: rivoluzione kemalista e la nuova Turchia (1918-1923);
la nuova Carta costituzionale del 1924; forma repubblicana dello stato, l’Islam religione ufficiale, adozione della lingua
turca 10. La legge del 20 maggio 1928: abrogazione dell’articolo costituzionale che aveva dichiarato l’Islam religione
ufficiale dello stato e introduzione del criterio di fondamentale della laicità 11. Lo stato kemalista e la deislamizzazione: il
primo stato laico del mondo mussulmano 12. Interdizione delle confraternite, persecuzione e processi contro sufisti e
aleviti (1925-1930); sopravvivenza della tradizione religiosa e dell’islamismo eterodosso.
Modalitàdidattiche:
Parte I
Lezione frontale.
Parte II
Lezione frontale e approfondimenti tematici. Eventuale produzione di elaborati scritti per la valutazione finale.
Obblighi:
Parte I
Vanno preparate le sole parti indicate durante il corso eventualmente integrate con altro materiale didattico utilizzato
260
vademecum 2009/10
261
insegnamenti
per le lezioni e messo a disposizione dal docente. Lo studente deve partecipare ad almeno tre quarti delle ore di lezione.
Parte II
Lo studente deve partecipare ad almeno tre quarti delle ore di lezione.
Testidistudio:
Parte I
Pace E, Introduzione alla sociologia delle religioni, Carocci, Roma 2007. I capitoli 1, 2, e 4
Parma P., La parrocchia come struttura di plausibilità, Pazzini, Verucchio (RN), 2009. I capitoli 1, 2, 4 e la Postfazione
Pace E., Sociologia dell’islam, Carocci, Roma 2004
Berger P.L., Questioni di fede, il MUlino, Bologna, 2005 . Questo testo è consigliato per chi volesse approfondire le
problematiche relative alle sfide che la modernità pone alle credenze cristiane
P.Parte II
S.Faroqhi, L’impero ottomano, Il Mulino, Bologna 2008
Materiale bibliografico integrativo utilizzato per le lezioni messo a disposizione dal docente.
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
L’accertamento avviene in modo individuale attraverso una verifica orale durante gli appelli ufficiali d’esame.
Parte II
Verifica orale sui contenuti del corso; discussione di eventuali elaborati scritti.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Parte I
Preparazione di tutte le parti relative ai testi indicati.
Parte II
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
Parte I
Pace E, Introduzione alla sociologia delle religioni, Carocci, Roma 2007. I capitoli 1, 2, 4 e 5
Parma P., La parrocchia come struttura di plausibilità, Pazzini, Verucchio (RN), 2009. I capitoli 1, 2, 3, 4 e la Postfazione
Pace E., Sociologia dell’islam, Carocci, Roma 2004
P. Berger, Questioni di fede, il Mulino, Bologna, 2005. Testo consigliato per chi volesse approfondire le problematiche
relative alle sfide che la modernità pone alle credenze cristiane
Parte II
S.Faroqhi, L’impero ottomano, Il Mulino, Bologna 2008
P.Prodi, La storia moderna, Il Mulino, Bologna 2005 (estratto dal volume dello stesso autore Introduzione allo studio
della storia moderna, Il Mulino, Bologna 1999, pp. 13-99)
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
L’accertamento avviene in modo individuale attraverso una verifica orale durante gli appelli ufficiali d’esame.
Parte II
Verifica orale.
................................................................................................................................
Sociologiadelletrasformazionieconomicheedellavoro1,2AMI
SPS/09

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Processi di globalizzazione e sistemi di capitalismo
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. RAMELLA FRANCESCO francesco.ramella@uniurb.it
Ricevimento: Sempre nei giorni di lezione. In altre date dietro appuntamento da concordare direttamente con il
docente per e-mail.

Prof. FARINA FATIMA fatima.farina@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Parte I
Il corso tratta le questioni dello sviluppo e della governance in una prospettiva sociologica. Nelle lezioni introduttive
verranno presentati i temi fondamentali della sociologia dello sviluppo e discusse le forme di regolazione dei sistemi
sociali ed economici e la costruzione di politiche inclusive, basate sulla partecipazione dei cittadini.
Successivamente verranno analizzate le conseguenze dei processi di globalizzazione. Da un lato verrà affrontato il tema
della modernizzazione dei paesi in via di sviluppo. Dall’altro verranno analizzati i diversi mix regolativi presenti nei paesi
più avanzati, sia a livello macro - discutendo la varietà dei “sistemi di capitalismo” - che a livello micro, presentando le
implicazioni della globalizzazione sullo sviluppo locale.
Parte II
La seconda parte del corso affronta i temi delle trasformazioni del capitalismo e delle sue conseguenze sui percorsi
esistenziali dei soggetti e sulla vita quotidiana.
La frastagliata società disegnata dalla cultura del nuovo capitalismo impone nuove pratiche di vita e di lavoro che hanno
come sfondo un contesto di instabilità. Tra opportunità e vincoli che il nuovo scenario del capitalismo globale disegna il
corso intende approfondire i modi in cui mutano gli orizzonti spazio temporali dell’agire di uomini e donne che si
trovano a costruire il personale percorso esistenziale in un mondo dove la mutevolezza si accompagna a nuovi rischi di
esclusione, autoesclusione e disuguaglianza. Chi si avvantaggia e chi è sfavorito dall’allargarsi dello spazio del mercato
nella vita anche privata delle donne e degli uomini? Quali i rapporti tra vita e lavoro e tra società e mercato? Queste
alcune delle questioni su cui si imposterà il lavoro di studio nel corso.
Programma:
Parte I
1. Sociologia dello sviluppo
2. La regolazione dello sviluppo
3. I processi di globalizzazione
4. La modernizzazione dei paesi in via di sviluppo
5. Sistemi di capitalismo a confronto
6. Lo sviluppo locale
Parte II
1. Post fordismo e capitalismo avanzato
2. Il processo di individualizzazione
3. Vecchie e nuove disuguaglianze nel mercato del lavoro
4. Modelli occupazionali e strategie lavorative
5. Tra vita e lavoro
6. Nuovi equilibri di genere e intergenerazionali
Risultatidiapprendimento:
Parte I
Al termine del corso si prevede l’acquisizione dei concetti di base e dei metodi di indagine della sociologia dello
sviluppo. Lo studente apprenderà i temi del dibattito sulla globalizzazione e sulle sue conseguenze sia per i paesi in via
di sviluppo che per quelli avanzati.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, relazioni degli studenti e discussioni in aula.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno ¾ delle ore di lezione e studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
Parte I
Suzanne Berger, Mondializzazione: come fanno per competere? Cosa stanno facendo le imprese di tutto il mondo per
vincere la sfida della nuova economia, Milano, Garzanti, 2006, solo prima e seconda parte (pp. 13-118)
Parte II
Massimo Paci (2005), Nuovi Lavori, nuovo welfare. Sicurezza e libertà nella società attiva, Il Mulino, Bologna.
A.R. Hoschschild (2006), Per amore o per denaro. La commercializzazione della vita intima, tr.it Il Mulino
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale, eventuali relazioni in classe.



262
vademecum 2009/10
263
insegnamenti
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
Parte I
Suzanne Berger, Mondializzazione: come fanno per competere? Cosa stanno facendo le imprese di tutto il mondo per
vincere la sfida della nuova economia, Milano, Garzanti, 2006, solo prima e seconda parte (pp. 13-118) e sesta parte (pp.
309-365) (obbligatorio)Parte II
Massimo Paci (2005), Nuovi Lavori, nuovo welfare. Sicurezza e libertà nella società attiva, Il Mulino, Bologna.
A.R. Hoschschild (2006), Per amore o per denaro. La commercializzazione della vita intima, tr.it Il Mulino
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
Sociologiadellosviluppo:governanceepartecipazione
SPS/09

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Governance dello sviluppo e globalizzazione
Corsidilaureain: Organizzazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM)

Prof. RAMELLA FRANCESCO francesco.ramella@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso tratta le questioni dello sviluppo e della governance in una prospettiva sociologica. Nelle lezioni introduttive
verranno presentati i temi fondamentali della sociologia dello sviluppo e discusse le forme di regolazione dei sistemi
sociali ed economici e la costruzione di politiche inclusive, basate sulla partecipazione dei cittadini.
Successivamente verranno analizzate le conseguenze dei processi di globalizzazione. Da un lato verrà affrontato il tema
della modernizzazione dei paesi in via di sviluppo. Dall’altro verranno analizzati i diversi mix regolativi presenti nei paesi
più avanzati, sia a livello macro - discutendo la varietà dei “sistemi di capitalismo” - che a livello micro, presentando le
implicazioni della globalizzazione sullo sviluppo locale.
Programma:
1. Sociologia dello sviluppo
2. La regolazione dello sviluppo
3. I processi di globalizzazione
4. La modernizzazione dei paesi in via di sviluppo
5. Sistemi di capitalismo a confronto
6. Lo sviluppo locale
Risultatidiapprendimento:
Al termine del corso si prevede l’acquisizione dei concetti di base e dei metodi di indagine della sociologia dello
sviluppo. Lo studente apprenderà i temi del dibattito sulla globalizzazione e sulle sue conseguenze sia per i paesi in via
di sviluppo che per quelli avanzati.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, relazioni degli studenti
Obblighi:
Partecipazione ad almeno ¾ delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Suzanne Berger, Mondializzazione: come fanno per competere? Cosa stanno facendo le imprese di tutto il mondo per
vincere la sfida della nuova economia, Milano, Garzanti, 2006, solo prima e seconda parte (pp. 13-118) (obbligatorio)
P. Collier e D. Dollar, Globalizzazione, crescita economica e povertà, Bologna, Il Mulino, 2003 (obbligatorio)
Le parti da approfondire - di entrambi i testi - saranno indicate durante il corso.
Modalitàdiaccertamento:
Relazioni degli studenti e prova orale finale



Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Suzanne Berger, Mondializzazione: come fanno per competere? Cosa stanno facendo le imprese di tutto il mondo per
vincere la sfida della nuova economia, Milano, Garzanti, 2006, solo prima e seconda parte (pp. 13-118) e sesta parte (pp.
309-365) (obbligatorio)
P. Collier e D. Dollar, Globalizzazione, crescita economica e povertà, Bologna, Il Mulino, 2003 (obbligatorio)
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
Sociologiadellosviluppo:governanceepartecipazione/Sociologiadelle
trasformazionidellavoroAMI
SPS/09

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Governance dello sviluppo e globalizzazione
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. RAMELLA FRANCESCO francesco.ramella@uniurb.it

Prof. FARINA FATIMA fatima.farina@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Parte I
Il corso tratta le questioni dello sviluppo e della governance in una prospettiva sociologica. Nelle lezioni introduttive
verranno presentati i temi fondamentali della sociologia dello sviluppo e discusse le forme di regolazione dei sistemi
sociali ed economici e la costruzione di politiche inclusive, basate sulla partecipazione dei cittadini.
Successivamente verranno analizzate le conseguenze dei processi di globalizzazione. Da un lato verrà affrontato il tema
della modernizzazione dei paesi in via di sviluppo. Dall’altro verranno analizzati i diversi mix regolativi presenti nei paesi
più avanzati, sia a livello macro - discutendo la varietà dei “sistemi di capitalismo” - che a livello micro, presentando le
implicazioni della globalizzazione sullo sviluppo locale.
Programma:
Parte I
1. Sociologia dello sviluppo
2. La regolazione dello sviluppo
3. I processi di globalizzazione
4. La modernizzazione dei paesi in via di sviluppo
5. Sistemi di capitalismo a confronto
6. Lo sviluppo locale
Risultatidiapprendimento:
Parte I
Al termine del corso si prevede l’acquisizione dei concetti di base e dei metodi di indagine della sociologia dello
sviluppo. Lo studente apprenderà i temi del dibattito sulla globalizzazione e sulle sue conseguenze sia per i paesi in via
di sviluppo che per quelli avanzati.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, relazioni degli studenti
Obblighi:
Partecipazione ad almeno ¾ delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Suzanne Berger, Mondializzazione: come fanno per competere? Cosa stanno facendo le imprese di tutto il mondo per
vincere la sfida della nuova economia, Milano, Garzanti, 2006, solo prima e seconda parte (pp. 13-118) (obbligatorio)
P. Collier e D. Dollar, Globalizzazione, crescita economica e povertà, Bologna, Il Mulino, 2003 (obbligatorio)
Le parti da approfondire - di entrambi i testi - saranno indicate durante il corso
264
vademecum 2009/10
265
insegnamenti
Modalitàdiaccertamento:
Relazioni degli studenti e prova orale finale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Suzanne Berger, Mondializzazione: come fanno per competere? Cosa stanno facendo le imprese di tutto il mondo per
vincere la sfida della nuova economia, Milano, Garzanti, 2006, solo prima e seconda parte (pp. 13-118) e sesta parte (pp.
309-365) (obbligatorio)
P. Collier e D. Dollar, Globalizzazione, crescita economica e povertà, Bologna, Il Mulino, 2003 (obbligatorio)
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
SociologiaeconomicaI,IIAMI
SPS/09

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La costruzione sociale dell’economia
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. RAMELLA FRANCESCO francesco.ramella@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso costituisce un’introduzione all’approccio della sociologia economica. Intende fare emergere la specificità della
disciplina mettendo a fuoco i rapporti di interdipendenza tra economia e società. Nella prima parte, oltre a tracciare un
profilo storico della materia, vengono esaminati i contributi degli autori classici e contemporanei allo studio del
capitalismo e delle sue trasformazioni. Nella seconda parte viene trattato il tema della differenziazione territoriale dello
sviluppo italiano, sottolineando l’influenza esercitata dal contesto socio-istituzionale nelle diverse aree del paese.
Programma:
1. Le origini della sociologia economica
2. Origini e sviluppi del capitalismo
3. Questione sociale e trasformazioni del capitalismo
4. La modernizzazione
3. Il post-fordismo
4. Lo sviluppo italiano
Risultatidiapprendimento:
Al termine del corso si prevede l’acquisizione dei concetti di base e dei metodi di indagine della sociologia economica.
Lo studente dovrà apprendere i temi fondamentali del dibattito sulle origini e le trasformazioni dei sistemi capitalisti in
generale e di quello italiano in particolare.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e discussioni in aula
Obblighi:
Partecipazione ad almeno ¾ delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Carlo Trigilia, Sociologia economica I. Profilo storico, Il Mulino, Bologna 2002 (tutti i capitoli ad eccezione del terzo)
(obbligatorio)
Carlo Trigilia, Sociologia economica II. Temi e percorsi contemporanei, Il Mulino, Bologna 2002 (tutti i capitoli ad
eccezione del primo) (obbligatorio)
Francesco Ramella, Cuore rosso? Viaggio politico nell’Italia di mezzo, Donzelli, Roma, 2005. (obbligatorio)
Le parti da approfondire - di tutti i testi - verranno indicate durante il corso
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta a metà del corso (facoltativa) e verifica orale finale secondo il calendario d’esame

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Carlo Trigilia, Sociologia economica I. Profilo storico, Il Mulino, Bologna 2002 (obbligatorio)
Carlo Trigilia, Sociologia economica II. Temi e percorsi contemporanei, Il Mulino, Bologna 2002 (obbligatorio)
Francesco Ramella, Cuore rosso? Viaggio politico nell’Italia di mezzo, Donzelli, Roma, 2005. (obbligatorio)
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
Note:
................................................................................................................................
SociologianewmediaAMI
SPS/08

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO-PESARO
Titolocorso: Vite connesse e culture partecipative
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. BOCCIA ARTIERI GIOVANNI giovanni.bocciaartieri@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
1. Fornire strumenti teorici per definire ed interpretare lo scenario mediale emergente caratterizzato da una cultura della
convergenza e l’impatto delle tecnologie connettive sulla trasformazione dell’industria culturale e le pratiche relazionali
ed identitarie;
2. Fornire strumenti teorici e metodologici per analizzare le forme relazionali ed espressive connesse al linguaggio
neomediale con particolare attenzione si siti di social network;
3. Fornire strumenti metodologici per analizzare la dimensione di interpretazione ed uso dei nuovi media e delle culture
partecipative nell’era digitale.
Programma:
1. Teoria della comunicazione e scenario dei new media
2. Strumenti teorici ed empirici per interpretare i new media tra cultura, tecnologia ed istituzioni
3. Produzione/consumo nei new media: l’emergere della cultura convergente
4. Pubblici connessi: audience invisibili, confini pubblico/privato, collasso dei contesti
5. Culture partecipative e new media: tra informazione ed intrattenimento
6. Analisi di siti di social network e mondi online: tra comunità e MMORPG
7. La realtà dei nativi digitali: privacy, sicurezza, creazione, apprendimento
8. Laboratorio di analisi delle culture partecipative e dei siti di social network
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti devono conseguire:
1. Conoscenze e capacità di comprensione: delle forme e dei linguaggi della new media attraverso l’acquisizione di
competenze teoriche sui modelli con particolare attenzione alle dinamiche relative alle trasformazioni dell’industria
ulturale, delle dinamiche comunitarie ed identitarie.
1.1. Gli studenti conseguono tali conoscenze di base attraverso la frequenza delle lezioni e lo studio dei testi discussi in
aula.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: attraverso la capacità di analizzare i prodotti dei new media
applicando le principali metodologie di anaisli.
2.1. Competenze acquisite attraverso momenti di esercitazione in classe.
3. Capacità di giudizio: riflessione critica sulle dinamiche evolutive della relazione tra nuove tecnologie mediali e società
e sulle trasformazioni in atto delle formedella comunicazione interpersonale mediata in pubblico.
3.1. Tale capacità di giudizio dovrà essere applicata nel confronto in aula con il docente e i colleghi, durante le
esercitazioni e nella preparazione dell’esame finale.
4. Abilità comunicative: gli studenti sono chiamati ad interagire in aula attraverso domande, scambi con i compagni di
studio, stesura di brevi presentazioni in fase di esercitazione.
4.1. Abilità che si esercita in aula con l’organizzazione di momenti di discussione e di esercitazione.
5. Capacità di apprendimento: gli studenti vien richiesto di adottare un metodo di apprendimento critico capace di
266
vademecum 2009/10
267
insegnamenti
connettere competenze teoriche e analisi empirica, orientandosi alla specificazione di un pensiero autonomo.
5.1. Abilità da potenziare grazie all’argomentazione con il docente e con i compagni di corso.
Attivitàasupportodelladidattica:
Il corso si avvarrà di un sito di supporto alla didattica e spazio cooperativo di analisi mediale
Modalitàdidattiche:
Lezioni introduttive sul rapporto tra media società e individuo. Analisi delle forme dei nuovi linguaggi mediali.
Esercitazioni sui linguaggi neomediali.
Gli studenti in possesso di portatile potranno usufruire di una connessione wi fi dalle aule di lezione del corso.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio
Testidistudio:
1. Boccia Artieri G., I media-mondo. Forme e linguaggi dell’esperienza contemporanea, Meltemi, Roma, 2004;
2. Lievrouw L.A., Livingstone S. (a cura di), Capire i new media, Hoepli, Milano 2007;
3. Jenkins H., Fans, bloggers e videogamers. L’emergere delle culture partecipative nell’era digitale, FrancoAngeli,
Milano, 2008;
4. AaVv, Network effect. Quando la rete diventa pop, Codice, Genova in corso di stampa
5. Palfrey J., Gasser U., Nati con la rete. La prima generazione cresciuta su Internet. Istruzioni per l’uso, Rizzoli, Milano
2009.
Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal docente titolare del modulo,
anche in itinere, attraverso prove scritte, colloqui e valutazione di lavori prodotti dallo studente

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
1. Boccia Artieri G., I media-mondo. Forme e linguaggi dell’esperienza contemporanea, Meltemi, Roma, 2004;
2. Lievrouw L.A., Livingstone S. (a cura di), Capire i new media, Hoepli, Milano 2007;
3. Jenkins H., Fans, bloggers e videogamers. L’emergere delle culture partecipative nell’era digitale, FrancoAngeli,
Milano, 2008;
4. AaVv, Network effect. Quando la rete diventa pop, Codice, Genova in corso di stampa
5. Palfrey J., Gasser U., Nati con la rete. La prima generazione cresciuta su Internet. Istruzioni per l’uso, Rizzoli, Milano
2009.
Note:
Collaboratore al corso:
Luca Rossi - luca.rossi@uniurb.it
................................................................................................................................
Sociologiaorganizzazione
SPS/09

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
SociologiapoliticaI,IIAMI
SPS/11

CFU 10 • DURATA 80 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.


................................................................................................................................
Sociologiaurbana
SPS/10

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La città nella transizione: dalla teoria alle pratiche
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. KAZEPOV YURI ALBERT KYRIL yuri.kazepov@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso ha un duplice obiettivo formativo. Dapprima vuole fornire le basi concettuali e metodologiche per analizzare i
fenomeni urbani partendo dal contributo dei classici della sociologia. In particolare verrà considerato il passaggio tra
comunità e società come momento cruciale per la definizione del quadro teorico e storico di riferimento.
Successivamente vuole fornire le basi concettuali e metodologiche per analizzare le trasformazioni urbane dal secondo
dopoguerra ad oggi.
Programma:
Il corso è diviso in due parti. La prima presenta le principali dimensioni analitiche della “città”, illustrando il contributo
dei classici per ognuna di tali dimensioni. La seconda illustra le principali trasformazioni urbane in corso, ne analizza
l’impatto sullo spazio costruito e presenta le politiche di governance messe in atto per farvi fronte. In particolare nella
seconda parte del corso verrà istituito un laboratorio su “La città che cambia” che approfondirà i temi in relazione a due
contesti specifici: Urbino (IT) e un’altra città europea. Nell’a.a. 2008-2009 siamo stati a Berlino (DE).
Risultatidiapprendimento:
Gli Studenti acquisiranno gli strumenti analitici necessari per comprendere come analizzare una (o più) città e come
essa cambia, con particolare attenzione alle dimensioni sociali e politiche dei cambiamenti.
Attivitàasupportodelladidattica:
Per gli studenti frequentanti è previsto un laboratorio su “La città che cambia” con escursione scientifico didattica nella
città prescelta nella primavera 2010.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali, lavoro di gruppo (predisposizione di una tesina) su temi specifici relativi a “La città che cambia”,
presentazione dei lavori e discussione. Le tesine sono facoltative, ma necessarie se si vuole partecipare alle attività del
laboratorio e all’escursione scientifico-didattica nella città europea prescelta.
Obblighi:
Partecipare ad almeno il 3/4 delle ore di lezione. Presentazione orale e preparazione di una tesina scritta su un tema
concordato con il docente.
Testidistudio:
Mela, Alfredo (2007) Sociologia delle città, Carocci, Roma. (nuova edizione)
I testi per le tesine verranno indicati durante il corso e varieranno a seconda dell’argomento concordato.
Modalitàdiaccertamento:
Accertamento orale durante il modulo e valutazione di una tesina su tematiche concordate sul tema del laboratorio “La
città che cambia”.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Preparazione integrale del programma d’esame.
Testidistudio:
1) Mela, Alfredo (2007) sociologia delle città, Carocci, Roma. (nuova edizione)
Più uno dei seguenti testi:
2) Martinotti, Guido (1999), La dimensione metropolitana, Il Mulino, Bologna.
3) Bagnasco, Arnaldo; Le Galès, Patrick (2001), Le città nell’Europa contemporanea , Liguori, Napoli
4) Le Galès, Patrick (2006) Le città europee. Società urbane, globalizzazione, governo locale, Il Mulino, Bologna. (scelta
consigliata)
Più uno dei seguenti testi:
5) Nuvolati Giampaolo (2006) Lo sguardo vagabondo. Il flâneur e la città da Baudelaire ai postmoderni, Il Mulino,
268
vademecum 2009/10
269
insegnamenti
Bologna.
6) Vicari Haddock, Serena (2004), La città contemporanea, Il Mulino, Bologna.
Più uno dei seguenti testi:
7)D. Ciaffi e A. Mela (2006) La partecipazione, Dimensione, spazie, strumenti, Carocci, Roma.
8) L. Debernardi, e E. Rosso (2007) Governance e sistemi urbani, Carocci, Roma.
Modalitàdiaccertamento:
Accertamento orale (esame).
................................................................................................................................
Sociologiaurbana
SPS/10

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Statistica
SECS-S/05

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
StatisticaIeIIAMI
SECS-S/01

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Metodologia Statistica
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. FRANCI ALBERTO alberto.franci@uniurb.it

Prof. CORSI MARIO mario.corsi@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Parte I
Il modulo intende offrire una introduzione di base alla teoria dei campioni e dei sondaggi demoscopici.
Parte II
IIl modulo intende offrire una elementare introduzione all’approccio multidimensionale nell’analisi dei dati. Dopo aver
esteso il problema dello studio delle relazioni tra variabili oltre il caso bivariato, con una breve trattazione del modello
regressivo multiplo, si affronta il problema della “semplificazione” della complessità dei dati vuoi mediante la riduzione
della dimensionalità, vuoi mediante l’individuazione di sottogruppi omogenei di unità. Una conclusiva attività
seminariale darà conto dell’utilità delle tecniche multivariate nel caso concreto di uno studio di impianto tipicamente
sociale. La lettura dei testi si concentra sulla comprensione delle problematiche e delle metodiche limitando l’approccio
statistico-matematico agli elementi essenziali per la comprensione degli argomenti trattati.
Programma:
Parte I
1. Linee guida per la costruzione di un questionario. 2. Modalità di somministrazione dei questionari. 3. Richiamo alle
principali distribuzioni probabilistiche. 4. Disegni di campionamento. 5. Selezione casuale del campione. 6.
Campionamento casuale semplice. 7. Campionamento stratificato.
Parte II
La ricerca sociale e l’analisi dei dati. La matrice dei dati e lo studio della relazione tra caratteri. Rappresentazioni grafiche
e trasformazione dei dati. Analisi della regressione multipla. Analisi delle componenti principali. Distanze ed indici di
similarità. Analisi dei gruppi. Seminario sulla valutazione della soddisfazione degli utenti per il servizio della medicina di
famiglia.
Modalitàdidattiche:
Parte I
Lezione frontale
Parte II
Lezione frontale.
Obblighi:
Parte I
Preparazione dei testi indicati e del materiale didattico segnalato durante le lezioni dal docente. Frequenza di 3/4 delle
ore di lezione svolte.
Parte II
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e studio del materiale didattico di riferimento.
Testidistudio:
Parte I
-Vian F., Statistica di base, Summa, Padova 1998 Nota: Preparare la parte relativa al campionamento. -Delvecchio F.,
Statistica per la ricerca sociale, Cacucci, Bari 2000 Nota: Preparare la parte relativa al questionario.
Parte II
Fabbris Luigi, Statistica multivariata. Analisi esplorativa dei dati, McGraw-Hill, Milano 1997
Nota: Capitoli: 1, 2, 3, 5, 8
Franci Alberto, Mario Corsi, Il gradimento per la medicina di famiglia. Problemi metodologici ed aspetti applicativi,
Edizioni Summa, Padova 2003
Nota: Capitoli: 2, 3
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
L’accertamento avviene in modo individuale ed è effettuato ad opera di una commissione presieduta dal docente titolare
del modulo.
Parte II
Prova orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale
Obblighi:
Parte I
Preparazione dei testi indicati.
Parte II
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Parte I
-Vian F., Statistica di base, Summa, Padova 1998 Nota: Preparare la parte relativa al campionamento. -Delvecchio F.,
Statistica per la ricerca sociale, Cacucci, Bari 2000 Nota: Preparare la parte relativa al questionario.
Parte II
Fabbris Luigi, Statistica multivariata. Analisi esplorativa dei dati, McGraw-Hill, Milano 1997
Nota: Capitoli: 1, 2, 3, 5, 8
Franci Alberto, Mario Corsi, Il gradimento per la medicina di famiglia. Problemi metodologici ed aspetti applicativi,
Edizioni Summa, Padova 2003
Nota: Completo
Modalitàdiaccertamento:
Parte I
L’accertamento avviene in modo individuale ed è effettuato ad opera di una commissione presieduta dal docente titolare
del modulo.
Parte II
270
vademecum 2009/10
271
insegnamenti
Esame orale.
................................................................................................................................
StatisticasocialeAMI
SECS-S/05

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Elementi di statistica
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. CORSI MARIO mario.corsi@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso intende fornire alcune conoscenze elementari di statistica descrittiva ed inferente sufficienti però per interpretare
i risultati di un’indagine statistica nel campo delle scienze sociali. A tale scopo, il programma viene integrato con la
lettura di una breve monografia (2 per i non frequentanti) su tematica sociale.
Programma:
Introduzione allo studio della statistica
Il processo di ricerca
La produzione dei dati statistici e l’utilizzo delle fonti esistenti
Distribuzioni di Frequenza
Rappresentazioni grafiche
I rapporti statistici
Gli indici di centralità
Gli indici di variabilità
Gli indici di forma
Cenni di calcolo delle probabilità
Cenni sule variabili casuali. Distribuzione binomiale. Distribuzione normale
Cenni di campionamento
Il problema della stima. Media campionaria. Varianza campionaria.
Il problema della verifica delle ipotesi. Media. Proporzione
Lo studio delle relazioni tra caratteri. Contingenza. Correlazione e regressione
Risultatidiapprendimento:
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali intervallate da esercitazioni volte a valutare il progresso nell’apprendimento della disciplina
Obblighi:
Partecipazione ad almeno i ¾ delle lezioni
Testidistudio:
-Felice V., Statistica di base per le professioni della salute, Edizioni Summa, Padova, 2002 (Disponibile presso la
copisteria l’Asterisco di Urbino).
- Franci A., Corsi M., La soddisfazione per il lavoro e le sue componenti nei servizi residenziali per anziani, Edizioni
Summa, Padova, 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta semistrutturata cui potrà seguire, a integrazione e su esplicita richiesta del candidato, una prova orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
-Felice V., Statistica di base per le professioni della salute, Edizioni Summa, Padova, 2002 (Disponibile presso la
copisteria l’Asterisco di Urbino).
- Franci A., Corsi M., La soddisfazione per il lavoro e le sue componenti nei servizi residenziali per anziani, Edizioni
Summa, Padova, 2004.
- Arjuna Tuzzi A., L’analisi del contenuto, Carocci, Roma, 2003 (capitoli 1, 2, 3).
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta semistrutturata cui potrà seguire, a integrazione e su esplicita richiesta del candidato, una prova orale
................................................................................................................................
StatisticasocialeAMI
SECS-S/05

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: Tecniche di analisi statistica dei dati e indagini dei consumi
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. FRANCI ALBERTO alberto.franci@uniurb.it

Prof. GRAZIANI MANUELA manuelagra@libero.it

ObiettiviFormativi:
Il corso ha lo scopo di avviare lo studente allo studio dei fenomeni di mercato attraverso l’approfondimento di
argomenti di base di statistica descrittiva ed inferente e delle tecniche di analisi dei consumi e dei comportamenti di
acquisto.
Programma:
Gli argomenti sviluppati nel programma sono :
- le fasi della ricerca statistica;
- le scale di misura;
- le tavole semplici e a doppia entrata;
- le rappresentazioni grafiche;
- le misure di centralità;
- le misure di variabilità;
- gli indici di relazione fra caratteri
(contingenza, regressione e correlazione);
- cenni di calcolo delle probabilità e variabili casuali;
- l’indagine campionaria (tipi di campioni, estrazione campionaria e universo dei campioni, stima);
- tecniche di analisi statistica per la valutazione della customer satisfaction e della job satisfaction nel settore pubblico e
privato;
- i sondaggi di opinione;
- le indagini sui consumi: indagini ISTAT, ricerche di mercato e indagini psicografiche
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni di gruppo.
Obblighi:
Frequenza di di 3/4 delle ore di lezione svolte.
Testidistudio:
- Vian F., Statistiche di base, L’asterisco, Urbino, 2009
- Del Vecchio F., Statistica per la ricerca sociale, Cacucci Bari, Bari, 2000
- Brasini S., Tassinari F., Tassinari G., Marketing e pubblicità, il Mulino, Bologna, 1999
Nota: Le sole parti indicate a lezione
- Fabbris L., Statistica multivariata, Mc Graw-Hill, Milano, 1997. Approfondire “Cluster Analysis” e l’analisi fattoriale.
- Franci A., Corsi M., La soddisfazione per il lavoro, edizioni Summa, Padova, 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal titolare del corso, anche in
itinere, attrevarso: prove scritte - colloqui - valutazione di lavori prodotti dallo studente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
- Vian F., Statistiche di base, L’asterisco, Urbino, 2009.
- Del Vecchio F., Statistica per la ricerca sociale, Cacucci Bari, Bari, 2000
Nota: approfondire i capitoli relativi agli argomenti indicati nel programma.
272
vademecum 2009/10
273
insegnamenti
- Brasini S., Tassinari F., Tassinari G., Marketing e pubblicità, il Mulino, Bologna, 1999
Nota: Approfondire i capitoli della Parte Prima e Seconda.
- Fabbris L., Statistica multivariata, Mc Graw-Hill, Milano, 1997, Approfondire “Cluster Analysis” e l’analisi fattoriale.
- Franci A., Corsi M., La soddisfazione per il lavoro, edizioni Summa, Padova, 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal titolare del corso, attrevarso:
prove scritte e colloquio
................................................................................................................................
Statisticasocialeavanzata
SECS-S/05

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Strumenti per la valutazione delle politiche socio-sanitarie
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. CORSI MARIO mario.corsi@uniurb.it
Ricevimento: Sempre nei giorni di lezione. In altre date dietro appuntamento da concordare direttamente con il
docente per e-mail.

ObiettiviFormativi:
Il corso intende offrire una rassegna sulle problematiche e sugli strumenti statistici utilizzabili nella valutazione di
efficacia degli interventi socio-sanitari. L’utilità di tale strumentario sarà verificata nella parte monografica del corso ove
si presenteranno i risultati di alcune indagini.
Programma:
Problematiche legate alla valutazione dei fenomeni sociali. Identificazione e costruzione di indicatori semplici e
composti. Valutazione della soddisfazione dell’utenza e degli operatori in alcuni ambiti sociali e sanitari.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Obblighi:
Preparazione di tutte le parti del programma compresi due casi di studio. Frequenza di almeno i ¾ delle ore di lezione
svolte.
Testidistudio:
Il materiale didattico sarà fornito, in formato elettronico, direttamente dal Docente.
Modalitàdiaccertamento:
L’accertamento avviene in modo individuale mediante prova orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale dei materiali ed eventuali contatti via e-mail con il docente.
Obblighi:
Preparazione di tutte le parti del programma compresi tre casi di studio.
Testidistudio:
Il materiale didattico sarà fornito, in formato elettronico, direttamente dal Docente.
Nota: si pregano pertanto gli studenti di contattare direttamente il docente
Modalitàdiaccertamento:
L’accertamento avviene in modo individuale mediante prova orale.
Note:
Su esplicita richiesta dello studente la parte monografica del programma può essere sostituita da un elaborato scritto nel
quale lo stesso si misuri direttamente con il problema della valutazione in un contesto di sua conoscenza.
Per la determinazione del periodo di lezioni si rimanda al calendario di facoltà




................................................................................................................................
StatisticasocialeI
SECS-S/05

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Fondamenti di statistica sociale
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. FRANCI ALBERTO alberto.franci@uniurb.it
Ricevimento: Venerdi 11.00-13.00

ObiettiviFormativi:
Tanto il Sociologo quanto l’assistente sociale, nell’ambito delle discipline e delle problematiche della propria professione,
viene spesso chiamato ad un processo di aggiornamento delle conoscenze e delle competenze mediante un confronto
critico con la letteratura e le esperienze. Il corso si propone di avvicinare perciò lo studente allo studio statistico dei
fenomeni sociali. Esso si articola in due parti. Nella prima vengono affrontati i concetti di base della statistica descrittiva e
inferente. Nella seconda, si analizzeranno alcune tecniche statistiche applicate ai settori dell’assistenza domiciliare
integrata e all’efficienza degli ospedali.
Programma:
Processo di produzione dei dati statistici: unità statistica, popolazione, carattere statistici, tipi di variabili, descrizione dei
dati, distribuzione di frequenza, tabelle e grafici.
Rapporti, proporzioni e tassi.
Alcuni modelli di indagine epidemiologica
Misure di posizione, di tendenza centrale, e di variabilità: moda e media aritmetica, mediana, quartili e percentili,
differenze interquartile, deviazione standard.
Probabilità e variabili casuali: la distribuzione normale e la normale standardizzata
Elementi di statistica inferenziale, campioni e popolazione, il teorema del limite centrale, intervalli di confidenza; verifica
delle ipotesi (cenni).
Analisi della relazione tra variabile: (associazione tra variabili test qui quadro, associazione tra variabili quantitative (retta
di regressione, coeffi cente di correlazione r di Bravais-Pearson)
Applicazioni statistiche nella valutazione dell’efficienza ospedaliera della mobilità attiva e passiva.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni di gruppo
Testidistudio:
Vian Felice, Statistica di base, Summa, Padova (reperibile presso la copisteria l’Asterisco di Urbino - 0722 -4178)
oppure
Francesco Del Vecchio, Statistica per la ricerca sociale, Cacucci Bari, Bari 2000
Alberto Franci, Strumenti operativi per la gestione delle A.S.L., Montefeltro edizioni, Urbino, (1983) - solo capitolo 1 e 3.
Alberto Franci, Scritti di statistica sociale, l’Asterisco, Urbino, 2006
Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal titolare del corso attraverso
prova scritta (obbligatoria) e colloquio.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
Vian Felice, Statistica di base, Summa, Padova (reperibile presso la copisteria l’Asterisco di Urbino - 0722 -4178)
oppure
Francesco Del Vecchio, Statistica per la ricerca sociale, Cacucci Bari, Bari 2000
Alberto Franci, Strumenti operativi per la gestione delle A.S.L., Montefeltro edizioni, Urbino, (1983) - solo capitolo 1 e 3.
Alberto Franci, Scritti di statistica sociale, l’Asterisco, Urbino, 2006
Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal titolare del corso attraverso
prova scritta (obbligatoria) e colloquio.

274
vademecum 2009/10
275
insegnamenti
................................................................................................................................
StatisticasocialeI,IIAMI
SECS-S/05

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Statistica Sociale
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. FRANCI ALBERTO alberto.franci@uniurb.it
Ricevimento: Venerdi 11.00-13.00

Prof. CORSI MARIO mario.corsi@uniurb.it
Ricevimento: Venerdi 11.00-13.00

ObiettiviFormativi:
Tanto il Sociologo quanto l’assistente sociale, nell’ambito delle discipline e delle problematiche della propria professione,
viene spesso chiamato ad un processo di aggiornamento delle conoscenze e delle competenze mediante un confronto
critico con la letteratura e le esperienze. Il corso si propone di avvicinare perciò lo studente allo studio statistico dei
fenomeni sociali. Esso si articola in due parti. Nella prima vengono affrontati i concetti di base della statistica descrittiva,
inferente e decisionale. Nella seconda, si analizzeranno alcune tecniche statistiche applicate ai settori dell’assistenza
domiciliare integrata, all’efficienza degli ospedali, alla valutazione della dipendenza di anziani disabili e alla misurazione
e valutazione della qualità percepita, alla soddisfazione di personale e utenti dei vari servizi.
Programma:
¾ Processo di produzione dei dati statistici: unità statistica, popolazione, carattere statistici, tipi di variabili, descrizione
dei dati, distribuzione di frequenza, tabelle e grafici.
¾ Rapporti, proporzioni e tassi.
¾ Alcuni modelli di indagine epidemiologica
¾ Misure di posizione, di tendenza centrale, e di variabilità: moda e media aritmetica, mediana, quartili e percentili,
differenze interquartile, deviazione standard.
¾ Probabilità e variabili casuali: la distribuzione normale e la normale standardizzata
¾ Elementi di statistica inferenziale, campioni e popolazione, il teorema del limite centrale, intervalli di confidenza;
verifica delle ipotesi (cenni).
¾ Analisi della relazione tra variabile: (associazione tra variabili test qui quadro, associazione tra variabili quantitative
(retta di regressione, coeffi cente di correlazione r di Bravais-Pearson)
¾ Applicazioni statistiche nella valutazione dell’efficienza ospedaliera della mobilità attiva e passiva. Problemi
metodologici inerenti alla valutazione della qualità percepita nei servizi sociali e sanitari
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni di gruppo
Testidistudio:
Vian Felice, Statistica di base, Summa, Padova (reperibile presso la copisteria l’Asterisco di Urbino - 0722 -4178)
Francesco Del Vecchio, Statistica per la ricerca sociale, Cacucci Bari, Bari 2000
Alberto Franci, Scritti di statistica sociale, l’Asterisco, Urbino, 2006
Alberto Franci, Strumenti operativi per la gestione delle A.S.L., Montefeltro edizioni, Urbino, (1983) – solo capitolo 1 e 3.
Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal titolare del corso attraverso
prova scritta (obbligatoria) e colloquio.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
Vian Felice, Statistica di base, Summa, Padova (reperibile presso la copisteria l’Asterisco di Urbino - 0722 -4178)
Francesco Del Vecchio, Statistica per la ricerca sociale, Cacucci Bari, Bari 2000
Alberto Franci, Scritti di statistica sociale, l’Asterisco, Urbino, 2006
Alberto Franci, Strumenti operativi per la gestione delle A.S.L., Montefeltro edizioni, Urbino, (1983) – solo capitolo 1 e 3.

Modalitàdiaccertamento:
Avviene attraverso accertamento individuale effettuato da una commissione presieduta dal titolare del corso attraverso
prova scritta (obbligatoria) e colloquio.
................................................................................................................................
Storiacontemporaneadelcristianesimo1,2AMI
M-STO/04

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il Cristianesimo nel ‘900
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. GORI FRANCO franco.gori@uniurb.it

Prof. GALEAZZI GIANCARLO giancarlogaleazzi1@tin.it

ObiettiviFormativi:
Parte I
Conoscenza approfondita della formazione e dello sviluppo del pensiero cristiano attraverso lo studio dei documenti dei
grandi Concili, dal Concilio di Nicea fino al Concilio di Trento, con attenzione al contesto culturale e sociale
Parte II
Conoscenza della presenza del cristianesimo nella società contemporanea con particolare riguardo al cattolicesimo
attraverso il magistero ecclesiale, il pensiero personalista, il movimento cattolico e le conferenze episcopali, e con
specifica attenzione per il Concilio ecumenico Vaticano II dal punto di vista religioso e sociale.
Programma:
Parte I
Il contesto culturale, sociale e politico in cui si è formato il pensiero cristiano nei primi secoli. Le scuole teologiche
orientali e le grandi controversie dottrinali (sec. III-V).
Riforma protestante e Concilio di Trento.
Parte II
Cristianesimo: confessioni ed ecumenismo; il pensiero personalista; il movimento cattolico; il rapporto Chiesa-mondo.
Contemporaneità: secolarizzazione e post-secolarizzazione; totalitarismi e democrazia; le Carte dei diritti umani.
Chiesa universale: temi: nuova evangelizzazione, nuovo umanesimo, nuova laicità, dottrina sociale; soggetti: il magistero
pontificio: da Pio X a Benedetto XVI; il magistero conciliare: Il Vaticano II con particolare riguardo per la costituzione
Gaudium et spes.
Chiesa in Italia: temi: rapporti Stato-Chiesa; movimento cattolico; Conferenza episcopale italiana.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. Le parti da approfondire saranno indicate durante il corso.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati
Testidistudio:
Parte IObbligatori: Storia della teologia vol. 1, a cura di E. dal Covolo, Ed. Dehoniane, Bologna 1995: capp. VI, VIII, X, XI;
N.P. Tanner, I Concili della chiesa, Jaka Book, Milano 1999, pp. 19-51; 85-108
Facoltativi: J.N. Kelly, Il pensiero cristiano delle origini, Ed. Dehoniane, Bologna 1972 (o ristampe); R. Aubert, G. Fedalto,
D. Quaglioni, Storia dei Concili,Ed. San Paolo, Torino 1995; F. Winkelmann, Il cristianesimo delle origini,il Mulino,
Bologna 2004
Parte II
Obbligatori:
-Galeazzi G., Cattolicesimo e contemporaneità, 2009, dispensa.
-G. M. Vian (ed.), Storia del cristianesimo: bilanci e questioni aperte, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano, 2007
(le parti indicate dal docente).
-Concilio ecumenico Vaticano II, Gaudium et spes, qualsiasi edizione.
Facoltativi: un testo a scelta tra i seguenti nelle parti concordate con il docente: - Galeazzi G. (ed.), Come si è giunti al
Concilio Vaticano II, Massimo, Milano, 1986 -Bonifazi D. e Bressan E. (edd.), A quarant’anni dal Concilio della speranza.
L’attualità del Vaticano II, EUM, Macerata, 2008 - Galeazzi G. (ed.), Jacques Maritain, i Papi e il Vaticano II, Massimo,
276
vademecum 2009/10
277
insegnamenti
Milano, 2000 - Galeazzi G. (ed.), Montini e Maritain tra religione e cultura, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano,
2000 - Galeazzi G., Jacques Maritain un filosofo per il nostro tempo, Massimo, Milano,1999 - Galeazzi G., Personalismo,
Bibliografica, Milano, 2000.
Di consultazione: - G. Filoramo e A. Manozzi, Storia del cristianesimo, Laterza, Roma-Bari, 1995, vol. IV - G. Filoramo, La
Chiesa e le sfide ella modernità, Laterza, Roma-Bari, 2005 - P. Scoppola, La democrazia dei cristiani. Il cattolicesimo
politico dell’Italia unità, Laterza, Roma-Bari, 2005 - A. Riccardi, Il secolo del martirio. I cristiani del ‘900, Mondadori,
Milano 2000 - Pontificio Consiglio per la giustizia e la pace, Compendio della Dottrina sociale della Chiesa, Libreria
Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2006.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame; (eventualmente) possibilità per lo studente di produrre una tesina, previo
accordo diretto con il Prof. G. Galeazzi

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Obblighi:Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Parte I
Obbligatori: Storia della teologia, vol. 1, a cura di E. dal Covolo, Ed. Dehoniane, Bologna 1995: capp. VI, VII, VIII, X, XI,
XII; K. Schatz, Storia dei Concili, ediz. Dehoniane, Bologna 1999, pp. 9-89; 155-202.
Facoltativi: J.N. Kelly, Il pensiero cristiano delle origini, Ed. Dehoniane, Bologna 1072 (o ristampe); R. Aubert, G. Fedalto,
D. Quaglioni, Storia dei Concili,Ed. San Paolo, Torino 1995; F. Winkelmann, Il cristianesimo delle origini,il Mulino,
Bologna 2004
Parte II
-Galeazzi G., Cattolicesimo e contemporaneità, 2009, dispensa.
-G. M. Vian (ed.), Storia del cristianesimo: bilanci e questioni aperte, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano, 2007
(le parti indicate dal docente).
-Concilio ecumenico Vaticano II, Gaudium et spes, qualsiasi edizione.
Un primo testo a scelta tra i seguenti (nelle parti indicate dal docente): - Galeazzi G. (ed.), Come si è giunti al Concilio
Vaticano II, Massimo, Milano, 1986 - Bonifazi D. e Bressan E. (edd.), A quarant’anni dal Concilio della speranza.
L’attualità del Vaticano II, EUM, Macerata, 2008 - Galeazzi G. (ed.), Jacques Maritain, i Papi e il Vaticano II, Massimo,
Milano, 2000 - Galeazzi G. (ed.), Montini e Maritain tra religione e cultura, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano,
2000 - Galeazzi G., Jacques Maritain un filosofo per il nostro tempo, Massimo, Milano,1999 - Galeazzi G., Personalismo,
Bibliografica, Milano, 2000.
Un secondo testo a scelta fra i seguenti (nelle parti indicate dal docente): - G. Filoramo e A. Manozzi, Storia del
cristianesimo, Laterza, Roma-Bari, 1995, vol. IV - G. Filoramo, La Chiesa e le sfide ella modernità, Laterza, Roma-Bari,
2005 - P. Scoppola, La democrazia dei cristiani. Il cattolicesimo politico dell’Italia unità, Laterza, Roma-Bari, 2005 - A.
Riccardi, Il secolo del martirio. I cristiani del ‘900, Mondadori, Milano, 2000 - Pontificio Consiglio per la giustizia e la
pace, Compendio della Dottrina sociale della Chiesa, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano, 2006.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame; redazione di una tesina scritta, previo accordo diretto con il Prof. G.
Galeazzi.
Note:
................................................................................................................................
Storiacontemporaneaedell’industriaculturaleAMI
M-STO/04

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO-PESARO
Titolocorso: Parte I: L’Italia nel Novecento. Parte II: I linguaggi della storia. Parte III: Modernità industria culturale.
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Prof. GIANNOTTI GIAMPAOLO paolo.giannotti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti la conoscenza degli aspetti strutturali, sociali e politici della storia d’Italia nel
Novecento. Il corso si propone inoltre di dare una visione problematica del rapporto tra arti visive e storia. Infine le
lezioni tendono a far acquisire gli elementi critici per comprendere il ruolo dell’industria culturale nella modernità.
Programma:
Parte I: il corso si propone di analizzare i momenti e i caratteri della storia del Novecento. Particolare attenzione sarà
rivolta ai temi della cultura di massa. Verranno prese in esame anche le principali ipotesi interpretative avanzate dalla
storiografia.
Parte II: il corso affronta i problemi dell’analisi dei linguaggi della storia. Seminario sulla storia d’Italia attraverso i film.
Parte III: il corso prende in esame il dibattito sui temi della modernità e dell’industria culturale.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. Seminari.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione. Studio dei testi indicati e lettura obbligatoria di un romanzo italiano
del ‘900.
Testidistudio:
- Habermas J. , Storia e critica dell’opinione pubblica, Laterza,Roma - Bari, ultima edizione, capitoli V e VI.
- Freud S., Il disagio della civiltà, Bollati Boringhieri, Torino, ultima edizione, capitolo V.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica di fine modulo. Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale
Obblighi:
Studio dei testi indicati e lettura obbligatoria di un romanzo italiano del ‘900.
Testidistudio:
- Habermas J. , Storia e critica dell’opinione pubblica, Laterza,Roma - Bari, ultima edizione, capitoli V e VI.
- Freud S., Il disagio della civiltà, Bollati Boringhieri, Torino, ultima edizione, capitolo V.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
StoriaContemporaneaI,IIAMI
M-STO/04

CFU 10 • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Storia contemporanea
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. Preziosi Ernesto ernesto.preziosi@unicatt.it

ObiettiviFormativi:Il corso intende offrire alcune linee di lettura della storia e della storiografia contemporanea
italiana insieme ad una sintetica esposizione dei principali nodi storiografici. Verrà poi presa in esame la storia italiana
degli ultimi decenni del Novecento sotto il profilo sociale, politico, religioso e culturale.
Programma:Prima parte: storia della storiografia. La periodizzazione. La scientificità del lavoro storiografico. La storia e
le storie: la storia politica, la storia sociale e la storia delle idee. Storie principali e storie minori. Tra revisionismo ed
eclissi della storia.
Seconda parte: una rapida sintesi delal storia contemporanea italiana. Approfondimenti tematici sul secondo
dopoguerra e sul passaggio di secolo. Approfondimenti monografici su tematiche culturali e sociali, con particolare
riferimento al formarsi di una educazione e cultura popolare.
Attivitàasupportodelladidattica:Proiezioni di film e materiale audiovisivo, seminari e conferenze.
Modalitàdidattiche:Lezioni frontali e seminari/laboratori. Le parti da approfondire saranno indicate durante il corso.
Obblighi:Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Parte generale. Un testo a scelta tra:
G. Sabbatucci - V. Vidotto, Il mondo contemporaneo. Dal 1948 a oggi, Laterza, Roma-Bari 2004.
P. Ginsborg, Storia dell’Italia dal dopoguerra a oggi, 1989
G. De Rosa, Il Novecento. Corso per le scuole superiori, Minerva Italica, Milano 2002.
278
vademecum 2009/10
279
insegnamenti
Parte speciale:
E. Preziosi, Educare il popolo: azione cattolica e cultura popolare tra ‘800 e ‘900 AVE, Roma 2003.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.Per gli studenti che hanno ottemperato agli obblighi di frequenza. Verranno effettuati:
1) prova scritta intermedia
2) verifica orale secondo il calendario d’esame.
3) possibilità inoltre per lo studente di produrre una tesina, previo accordo diretto con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:Studio dei testi di riferimento
Testidistudio:
Idem
Modalitàdiaccertamento:Verifica orale secondo i calendario d’esame.
Possibilità inoltre per lo studente di produrre una tesina, previo accordo diretto con il docente.
Note:
................................................................................................................................
Storiadeimovimentiedeipartitipolitici
M-STO/04

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: I partiti politici nell’Italia nel secondo dopoguerra
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. PAOLUCCI VITTORIO vittorio.paolucci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
L’intento è di riesaminare l’intera vicenda dell’Europa cogliendo le potenzialità di uno sguardo comparativo e mettendo
in risalto le differenze di contesto.
Programma:
Il tema del corso riconduce a un campo della storiografia internazionale: quello degli studi sulle società europee del
dopoguerra.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari di approfondimento.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
Molinelli R., La ricerca storica, Argalìa, Urbino 2005
Paolucci V., La liberazione di Urbino e la Rsi, Argalìa, Urbino 2009
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta con facoltà di prova orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Obblighi:
Studio individuale dei testi indicati
Testidistudio:
Molinelli R., La ricerca storica, Argalìa, Urbino 2005
Paolucci V., La liberazione di Urbino e la Rsi, Argalìa, Urbino 2009
AA.VV., Regione Marche. Istituzioni e politica, in Studi Urbinati, a. LXI
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Storiadeimovimentiedeipartitipolitici
M-STO/02
CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: I partiti politici nell’Italia nel secondo dopoguerra
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. PAOLUCCI VITTORIO vittorio.paolucci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
L’intento è di riesaminare l’intera vicenda dell’Europa cogliendo le potenzialità di uno sguardo comparativo e mettendo
in risalto le differenze di contesto.
Programma:
Il tema del corso riconduce a un campo della storiografia internazionale: quello degli studi sulle società europee del
dopoguerra.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari di approfondimento.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
Molinelli R., La ricerca storica, Argalìa, Urbino 2005
Paolucci V., La liberazione di Urbino e la Rsi, Argalìa, Urbino 2009
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta con facoltà di prova orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Obblighi:
Studio individuale dei testi indicati
Testidistudio:
Molinelli R., La ricerca storica, Argalìa, Urbino 2005
Paolucci V., La liberazione di Urbino e la Rsi, Argalìa, Urbino 2009
AA.VV., Regione Marche. Istituzioni e politica, in Studi Urbinati, a. LXI
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Storiadelgiornalismo
M-STO/04

CFU 6 • PERIODO prima sessione • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il rapporto cultura informazione
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. PAOLUCCI VITTORIO vittori.paolucci@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Oggi a differenza di quanto accadeva negli anni ‘60 non è più possibile tenere in qualche modo distinti e separati i
discorsi che riguardano mezzi diversi di comunicazione e in particolare radio televisione e giornali.
Programma:
I nuovi interrogativi sul rapporto tra cultura e informazione, fra la semplice diffusione di dati e la crescita di una
conoscenza consapevole e dotata di strumenti critici.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e seminari di analisi.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
AA.VV., Dall’informazione alla cultura, Marsilio, Venezia 1996
280
vademecum 2009/10
281
insegnamenti
Paolucci V., La democrazia repubblicana nel Pesarese (1870-1897), Argalìa, Urbino 2009
Modalitàdiaccertamento:
Prova scritta con facoltà di prova orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale.
Testidistudio:
AA.VV., Dall’informazione alla cultura, Marsilio, Venezia 1996.
Paolucci V., La democrazia repubblicana nel Pesarese (1870-1897), Argalìa, Urbino 2009
Sassano M., Il Novecento anno per anno. Cronologia degli avvenimenti mondiali, Marsilio, Venezia 2008.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Storiadelgiornalismo1
M-STO/04

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Storiadelmovimentocooperativodicredito
SECS-P/12

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Storiadelmovimentocooperativodicredito
SECS-P/12

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La cooperazione di credito: un’alternativa di prassi e di valori
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. GARDANI LUDOVICO ludovico.gardani@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti conoscitivi necessari per comprendere il sistema bancario
italiano, le funzioni delle banche e gli aspetti normativi che ne regolamentano le iniziative con l’obiettivo di mettere in
risalto le peculiarità delle Banche di Credito Cooperativo. Attraverso la storia del movimento cooperativo di credito, si
evidenzieranno le differenze di prassi e di orientamenti valoriali che, caratterizzando da sempre queste piccole istituzioni
creditizie, le hanno fatte diventare delle importanti fonti di sviluppo economico e sociale ed oggi anche un vero e
proprio baluardo contro la tempesta finanziaria globale in atto.
Programma:
1) il sistema bancario italiano (dal 1861 ad oggi); le funzioni delle banche; la regolamentazione del sistema bancario.
2) origine ed espansione del movimento cooperativo di credito; il credito cooperativo durante il regime fascista; il
rilancio del credito cooperativo dal dopoguerra agli anni ‘60; la riorganizzazione a rete.
3) il movimento cooperativo di credito nelle Marche; il localismo “aperto” delle BCC; il ruolo delle BCC nello sviluppo del
sistema territoriale marchigiano.
4) le BCC e la tempesta finanziaria globale; casi di studio: dai bond argentini alla Parmalat, dalla Enron alla Lehman
Brothers.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale, tesine di approfondimento facoltative.
Obblighi:
Frequenza ai ¾ delle ore di lezione.
Testidistudio:
1) Pretelli S. (a cura di), Il Credito Cooperativo nelle Marche. Ricerche storiche e problemi attuali 1897-2007,
Quattroventi, Urbino, 2008, seconda edizione.
2) dispense monografiche fornite dal docente.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale ed eventuale discussione della tesina.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Preparazione dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Testo obbligatorio:
Pretelli S. (a cura di), Il Credito Cooperativo nelle Marche. Ricerche storiche e problemi attuali 1897-2007, Quattroventi,
Urbino, 2008, seconda edizione.
In aggiunta un testo a scelta tra:
De Bonis R., La Banca, Carocci Editore, Roma, 2008.
Gallino L., Con i soldi degli altri. Il Capitalismo per procura contro l’economia, Einaudi, Torino, 2009.
Mutti A., Finanza sregolata? Le dimensioni sociali dei mercati finanziari, Il Mulino, Bologna, 2008.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Storiadelpensieroreligioso1e2AMI
M/FIL/06

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (CNA-LS)

Prof. VALENTINI NATALINO natava@libero.it

ObiettiviFormativi:
Il corso intende proporre la conoscenza dei nuclei fondamentali della cultura slava ortodossa (russa in particolare),
tenendo conto dello sfondo storico, linguistico, antropologico, spirituale e filosofico.
Si intende inoltre far conoscere i contenuti del pensiero ortodosso in rapporto al contesto culturale europeo
contemporaneo.
Dopo aver recuperato alcuni tratti storici costitutivi della cultura slava, l’itinerario di ricerca si concentrerà sugli aspetti
peculiari dell’antropologia e della spiritualità slava ortodossa, riservando una particolare attenzione alla cultura religiosa
e filosofica russa quale sfondo di una particolare visione cristiana orientale del mondo all’interno del contesto europeo.
Programma:
1. La conversione degli Slavi orientali al Cristianesimo bizantino
- Gli slavi tra Giudaismo e Islam.
- L’opera di Cirillo e Metodio.
- La questione della lingua e la Slavia ortodossa.
- Gli Stati slavi e Bisanzio dopo la cristianizzazione.
- Cultura e letteratura fra Bisanzio e la Rus’ kieviana.
- Tratti fondamentali della teologia bizantina.
- L’Ortodossia e le altre confessioni cristiane..
- L’Ortodossia nella nuova Europa.
2. Spiritualità slava e Cristianesimo orientale.
- La spiritualità ortodossa e le sue caratteristiche.
282
vademecum 2009/10
283
insegnamenti
- La concezione antropologica: deificazione dell’uomo e del mondo.
- Apofatismo, conoscenza e contemplazione.
- Verità dogmatica e antinomia.
- Fondamenti di una teologia simbolica (simbolo e icona).
- Liturgia e “forma culturale” dell’ecclesiologia slava.
- Simbolismo e caratteristiche del rito ortodosso.
3 . La Mistica Slava
- Filocalia e ascetismo.
- Il linguaggio della verità e della bellezza (tra parola e immagine).
- L’icona e la teologia della bellezza.
- La follia in Cristo.
- La mistica del cuore.
- L’esicasmo, preghiera e santità.
- Il pellegrinaggio.
4. Il pensiero religioso russo
- Antropologia, teologia e filosofia.
- Caratteristiche del pensiero filosofico russo.
- Slavofilismo e occidentalismo.
- La conoscenza integrale e la “Sobornost’”.
- Dostoevskij e la filosofia russa.
- La libertà, il male, la sofferenza.
- Il pensiero religioso russo all’inizio del ‘900.
- Amore, eros e amicizia nel personalismo russo.
- La sintesi filosofico-teologica di P.A. Florenskij.
Risultatidiapprendimento:
Conoscere i fondamenti della cultura religiosa slavo-ortodossa. Interpretare i tratti caratterizzanti della spiritualità
cristiana orientale. Acquisire una buona competenza conoscitiva della teologia e della filosofia russa. Distinguere i
contenuti del pensiero cristiano ortodosso nel contesto sociale e culturale europeo.
Attivitàasupportodelladidattica:
Si prevede l’attivazione almeno di un seminario di ricerca su una delle 4 aree di studio segnalate nel programma.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. Confronto e pratica interpretativa di alcuni testi scelti. Le parti da approfondire saranno indicate durante
il corso.
Obblighi:Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.
Testidistudio:
Obbligatori:
- P.A. Florenskij, La mistica e l’anima russa (a c. di N. Valentini), San Paolo, Milano 2006.
- E. Morini, Gli ortodossi, Il Mulino, Bologna 2002.
- Saggi e dispense del docente indicate durante il corso
A scelta uno dei seguenti:
- P.A. Florenskij, La colonna e il fondamento della verità (a c. di N. Valentini), San Paolo, Milano 2009 [alcune parti
].
- P.A. Florenskij, Il simbolo e la forma. Scritti di filosofia della scienza (a c. di N. Valentini e A. Gorelov), Bollati-
Boringhieri, Torino 2007 [alcune parti].
- N.A. Berdjaev, La concezione di Dostoevskij, Einaudi, Torino 2002.
- Aa. Vv., L’Ortodossia nella nuova Europa. Dinamiche storiche e prospettive, Fondazione E. Agnelli, Torino 2003.
N. Valentini, Pavel A. Florenskij, Morcelliana, Brescia 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale: verifica orale secondo il calendario d’esame; (eventualmente) possibilità per lo studente di produrre una
tesina su alcuni degli argomenti trattati durante il corso, previo accordo diretto con il docente.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Prevedere almeno un colloquio con il docente previo all’esame. Studio e approfondimento personale dei testi concordati
con il docente.
Obblighi:
Studio e approfondimento personale dei testi concordati con il docente . Concordare l’elaborazione di una breve tesina
su uno degli argomenti proposti.
Testidistudio:
Obbligatori:
- P.A. Florenskij, La colonna e il fondamento della verità (a c. di N. Valentini), San Paolo, Milano 2009 [alcune parti
].
- E. Morini, Gli ortodossi, Il Mulino, Bologna 2002.
- Saggi e dispense del docente indicate durante il corso.
- N.A. Berdjaev, La concezione di Dostoevskij, Einaudi, Torino 2002.
-
A scelta uno dei seguenti:
- P.A. Florenskij, La mistica e l’anima russa (a c. di N. Valentini), San Paolo, Milano 2006.
- P.A. Florenskij, Il simbolo e la forma. Scritti di filosofia della scienza (a c. di N. Valentini e A. Gorelov), Bollati-
Boringhieri, Torino 2007 [alcune parti].
- Aa. Vv., L’Ortodossia nella nuova Europa. Dinamiche storiche e prospettive, Fondazione E. Agnelli, Torino 2003.
N. Valentini, Pavel A. Florenskij, Morcelliana, Brescia 2004.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale: verifica orale secondo il calendario d’esame; (eventualmente) possibilità per lo studente di produrre una
tesina su alcuni degli argomenti trattati durante il corso, previo accordo diretto con il docente.
Note:
................................................................................................................................
StoriadelpensierosociologicoI,IIAMI
SPS/07

CFU 10 • PERIODO prima sessione • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il pensiero sociologico dalle origini ad oggi
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Prof. MAGGIONI GUIDO guido.maggioni@uniurb.it
Ricevimento: 8-10 martedì e mercoledì; anche su appuntamento concordato con il docente

ObiettiviFormativi:
Obiettivo del corso è di consentire agli studenti di acquisire una formazione di base, con riferimento sia alle teorie
generali, sia al contesto sociale e culturale entro cui emerge e si sviluppa il pensiero sociologico.
Sulla base delle conoscenze acquisite, potranno sviluppare capacità di analisi relativamente ai contenuti teorici ed
epistemologici del pensiero sociologico del passato e del presente. Potranno anche verificare i loro interessi culturali e
meglio definire le loro preferenze in vista della scelta del successivo indirizzo di studi e della tesi di laurea
Programma:
Il corso presenta un profilo storico del pensiero sociologico dai precursori sino ai contemporanei. Nello svolgimento del
corso, sia nelle lezioni che nelle attività seminariali proposte, sarà dedicata un’attenzione particolare al contesto sociale e
culturale entro cui emerge e si sviluppa il pensiero sociologico moderno, inteso come un’espressione dei processi di
modernizzazione sociale e di secolarizzazione, ed al tempo stesso come una componente attiva di questi cambiamenti.
Nel trattare i diversi autori, particolarmente quelli “classici”, una speciale attenzione sarà dedicata al tema della
modernità ed al modo in cui la riflessione sociologica si è originata e sviluppata in relazione al problema di cogliere le
specificità di ciò che è “moderno” contrapposto a ciò che è qualificato come “tradizionale”.
Nella prima parte saranno presentate le origini della sociologia, dedicando particolare attenzione agli autori “classici”,
sino ad includere gli sviluppi delle teorie sociologiche sino agli anni intorno al 1920. Nella seconda parte verranno
affrontati con il medesimo approccio autori e correnti di pensiero degli anni successivi.
1. Lo sfondo storico, politico ed economico delle prime scienze sociali. Idee sul progresso e sulla scienza alle origini delle
scienze sociali. Diritto naturale, contratto sociale, illuminismo. L’empirismo inglese.
2. La sociologia tra socialismo, democrazia, liberalismo, conservatorismo. La nascita della sociologia tra positivismo e
Romanticismo. Alexis de Tocqueville: società e democrazia. Saint-Simon e i saintsimoniani. Auguste Comte. La sociologia
come scienza. La società positiva. Interpretazioni della modernità. Herbert Spencer. 3.Karl
284
vademecum 2009/10
285
insegnamenti
Marx: conflitto sociale e lotta di classe. La concezione materialistica della storia. Teoria del mutamento.
4. Francia tra fine ‘800 e primo ‘900: politica, società, cultura. Emile Durkheim. Fondamenti della solidarietà. La divisione
del lavoro sociale Crimine, devianza, anomia. Il suicidio La concezione della sociologia Studi sulla religione e visione
della società.
5. Germania tra fine ‘800 e primo ‘900: politica, società, cultura . Friedrich Nietzsche. Ferdinand Toennies. Georg
Simmel. Una sociologia delle forme. L’esperienza della
modernità. 4. 6. Max Weber. La sociologia comprendente. Il
metodo. Tipi ideali e tipi di agire sociale. I processi di razionalizzazione. Il potere e il diritto. La burocrazia Le origini del
capitalismo moderno. L’etica protestante e lo spirito del capitalismo.
7. Austria tra fine ‘800 e primo ‘900. Sigmund Freud e la nascita della psicoanalisi. Wittgenstein e la filosofia del
linguaggio. Il problema del relativismo : Karl Mannheim. 8. Le origini della sociologia americana. G. H.
Mead. La scuola di Chicago.
9. La sociologia in Italia agli inizi del XX secolo. Vilfredo Pareto: sistema sociale e agire non razionale Il compito della
sociologia fra le scienze sociali sociologia e scienza politica. La teoria delle élites.
10. La teoria critica della società. La Scuola di Francoforte. Critica dell’Illuminismo e della ragione dialettica in
Horkheimer e Adorno. Juergen Habermas. Norbert Elias.
11. La teoria funzionalista. Parsons: l’itinerario intellettuale azione e ordine sociale. Gli imperativi funzionali. Le variabili
di modello L’analisi funzionale di Robert K. Merton. Il comportamento deviante .
12. Vita quotidiana e costruzione sociale della realtà. La sociologia fenomenologica. L’interazionismo simbolico. E.
Goffman. Gli sviluppi dell’etnometodologia.
13. Le teorie dell’azione sociale. P. Bourdieu :campi, habitus e pratiche. A. Giddens e la modernità. Studi sulle donne e
cultural studies.
14. Nuovi scenari del XXI secolo. Il pensiero postmoderno. Modernità multiple.
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti devono conseguire:
1. conoscenze e capacità di comprensione: sviluppando la capacità di inquadrare i contributi dei diversi autori
collocandoli opportunamente nel tempo e nello spazio.
1.1. Gli studenti conseguono tali conoscenze di base: attraverso la partecipazione alle lezioni e lo studio analitico dei testi
scientifici proposti dal docente e discussi in aula.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: attraverso la capacità di delineare temi di ricerca, analisi delle
fonti, approfondimenti sia dal punto di vita teorico sia empirico.
2.1. tramite discussioni in aula, confronto con il docente, studio dei testi.
3. Capacità di giudizio: riflessione critica sulla storia della politica e delle istituzioni, della società e della cultura, del
periodo ‘700 - ‘900 : Rivoluzione americana e francese, l’industrialismo, i grandi movimenti politici (conservatorismo,
liberalismo, democrazia, socialismo, comunismo, fascismo) e le più importanti correnti culturali (Illuminismo,
romanticismo, positivismo....).
3.1. Questa capacità si matura nell’interazione in aula, con il docente e con i colleghi, nella lettura comparata di saggi,
articoli, ecc., così come in fase di discussione dell’esame.
4. Abilità comunicative: gli studenti apprenderanno ad interagire attivamente durante le lezioni, rispondendo a quesiti,
facendo domande.
4.1. Attraverso momenti di confronto in aula.
5. Capacità di apprendimento: ci si attende che gli studenti sviluppino competenze di apprendimento: capacità di
pensiero astratto, metodologie di analisi dei problemi, capacità di giudizio autonomo . La conoscenza dell’essenza del
pensiero degli studiosi considerati, sarà accompagnata dall’acquisizione di una capacità di valutazione .
5.1. soprattutto discutendo e argomentando con gli altri studenti e con il docente i temi del corso.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale.
Obblighi:
Preparazione degli argomenti trattati nelle lezioni e nei testi in programma. Frequenza di almeno 3/4 delle ore di lezione
svolte.
Testidistudio:
Jedlowski P., Il mondo in questione. Introduzione alla storia del pensiero sociologico, NUOVA EDIZIONE, Carocci, Roma
2009 Calabrò A. R. (a cura di) I caratteri della modernità: parlano i classici. Liguori, Napoli 2004.
Calabrò A. R. (a cura di) Oggetto e metodo della sociologia: parlano i classici. Liguori, Napoli 2005

Modalitàdiaccertamento:
L’accertamento avviene in modo individuale ed è effettuato ad opera di una commissione presieduta dal docente titolare
dell’insegnamento. Al termine delle lezioni previste per ciascuna delle due parti in cui si articola l’insegnamento, lo
studente potrà sostenere una verifica secondo la modalità della prova scritta. Negli appelli ufficiali d’esame si procederà
alla certificazione dell’esito per coloro che avranno superato la prova scritta, oppure alla verifica orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio individuale
Obblighi:
Preparazione di tutti i testi in programma.
Testidistudio:
Jedlowski P., Il mondo in questione. Introduzione alla storia del pensiero sociologico, NUOVA EDIZIONE, Carocci, Roma
2009 Calabrò A. R. (a cura di) Oggetto e metodo della sociologia: parlano i classici. Liguori, Napoli 2005
Calabrò A. R. (a cura di) I caratteri della modernità: parlano i classici. Liguori, Napoli 2004
Herbert Blumer, La metodologia dell’interazionismo simbolico, Armando, Roma 2006
Modalitàdiaccertamento:
L’accertamento avviene in modo individuale, attraverso una verifica orale, ed è effettuato ad opera di una commissione
presieduta dal docente titolare dell’insegnamento.
................................................................................................................................
Storiadell’Europa
M-STO/04

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Storia della Spagna democratica 1975-2005
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. BIAGIOLI ILARIA iliariabiagioli@yahoo.fr

ObiettiviFormativi:
Il modulo intende mettere a fuoco gli aspetti maggiormente significativi della storia spagnola del dopo Franco con
particolare attenzione agli aspetti normativi e all’organizzazione territoriale dello Stato.
Programma:
1. Tratti essenziali del regime franchista
2. L’ultimo franchismo
3. La transizione alla democrazia
4. La Costituzione del 1978
5. I governi di Adolfo Suárez
6. Le amministrazioni socialiste di Felipe Gonzáles
7. L’era Aznar
8. Rodriguez Zapatero
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale con parallele proiezioni di film e altro materiale audiovisivo relativo al periodo in esame
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione e laboratorio. Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Adagio C., Botti A., Storia della Spagna democratica. Da Franco a Zapatero, Bruno Mondadori, Milano, 2006
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati

286
vademecum 2009/10
287
insegnamenti
Testidistudio:
Costituzione spagnola del 1978 (Nota: Il testo della Costituzione Spagnola del 1978 può essere scaricato dalla rete)
Adagio C., Botti A., Storia della Spagna democratica. Da Franco a Zapatero, Bruno Mondadori, Milano, 2006
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale
................................................................................................................................
Storiadell’industria
M-STO/04

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Masse modernità e industria culturale
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. GIANNOTTI GIAMPAOLO paologiannotti@tin.it

ObiettiviFormativi:
Il modulo si propone di approfondire la conoscenza del dibattito teorico sul rapporto modernità e cultura.
Programma:
Analisi delle principali teorie sull’argomento
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali. Seminari. Esercitazioni
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Le parti dei testi da studiare vanno concordate con il docente.
Testidistudio:
Ortega Y Gasset J., La ribellione delle masse, il Mulino, Bologna, 1962 Nota per tutti: Le parti dei testi da studiare vanno
concordate con il docente
Freud S., La psicologia delle masse e analisi dell’io, Bollati Boringhieri, Torino, 1975 Nota per tutti: Le parti dei testi da
studiare vanno concordate con il docente
Adorno T. H., Horkheimer M., La dialettica dell’illuminismo, Einaudi, Torino, 2000 Nota per tutti: Le parti dei testi da
studiare vanno concordate con il docente
Benjamin W., L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, Einaudi, Torino, 2000 Nota per tutti: Le parti dei
testi da studiare vanno concordate con il docente
Modalitàdiaccertamento:
Verifiche di fine modulo. Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Le parti dei testi da studiare vanno concordate con il docente.
Testidistudio:
Ortega Y Gasset J., La ribellione delle masse, il Mulino, Bologna, 1962 Nota per tutti: Le parti dei testi da studiare vanno
concordate con il docente
Freud S., La psicologia delle masse e analisi dell’io, Bollati Boringhieri, Torino, 1975 Nota per tutti: Le parti dei testi da
studiare vanno concordate con il docente
Adorno T. H., Horkheimer M., La dialettica dell’illuminismo, Einaudi, Torino, 2000 Nota per tutti: Le parti dei testi da
studiare vanno concordate con il docente
Benjamin W., L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, Einaudi, Torino, 2000 Nota per tutti: Le parti dei
testi da studiare vanno concordate con il docente
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Storiadellafilosofia
M-FIL/06

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Natura umana e persona. Un percorso storico-sistematico.
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. AGUTI ANDREA andrea.aguti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso prenderà in analisi il tema della natura umana nei principali modelli di antropologia filosofica presenti nella
storia del pensiero occidentale e nel dibattito filosofico contemporaneo.
Programma:
I. Natura umana: questioni introduttive. II L’antropologia filosofica dell’antichità (Platone, Aristotele). III. Il tema della
natura umana nella filosofia cristiana (S. Agostino, S. Tommaso). III. L’antropologia filosofica da Cartesio a Kant. III. La
dissoluzione dell’antropologia spiritualistica da Feuerbach a Nietzsche. IV Cenni sull’antropologia filosofica del
Novecento. V. La sfida del naturalismo e il dibattito odierno sulla natura umana. VI. Sul significativo normativo della
natura umana.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali
Obblighi:
Frequenza delle lezioni e studio individuale
Testidistudio:
W. Schulz, Nuove vie della filosofia contemporanea, vol. III. Corporeità, Marietti, Genova 1988
P. Grassi-A. Aguti (a cura di), La natura dell’uomo. Neuroscienze e filosofia a confronto. Vita & Pensiero, Milano 2008.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e tesina di approfondimento (facoltativa)

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio individuale
Testidistudio:
-Abbagnano N., Storia della filosofia, TEA, Torino 1995, o altro manuale ad uso dei licei. Nota: Gli studenti non
frequentanti sosteranno l’esame sulla filosofia del XIX secolo e della prima metà del XX, studiando i seguenti autori e le
seguenti correnti: Kant, Hegel, Feuerbach, Marx, Comte, J. Stuart Mill, lo storicismo (W. Dilthey), il neo-criticismo (W.
Windelband, H. Rickert), F. Nietzsche, Wittgenstein e il neo-empirismo, la fenomenologia (E. Husserl, N. Hartmann, M.
Scheler) e l’esistenzialismo (M. Heidegger, K. Jaspers, J. P. Sartre).
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
Note:
L’insegnamento di Storia della filosofia equivale a 3 CFU per gli studenti iscritti al percorso online che sosterranno
l’esame nel corso del terzo anno. Il relativo programma è pubblicato nell’apposito vademecum del percorso.
................................................................................................................................
Storiadelledottrinepolitiche
SPS/02

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Storiadelledottrinepolitiche
SPS/02

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Liberalismo, democrazia, antropologia strutturale
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)
288
vademecum 2009/10
289
insegnamenti
Prof. DI CARO ALESSANDRO alessandro.dicaro@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il liberalismo è accompagnato, nella tradizione politica europea, alla democrazia. Non sempre tuttavia questi due
movimenti si sono rapportati con le stesse modalità. Il liberale Gaetano Mosca ad esempio ribadisce che la legge della
politica non è la maggioranza ma la minoranza organizzata. Nella contemporaneità il sistema politico evolve sempre di
più verso un sistema di alternanza che non è retto dalla legge del consenso ma di quello della limitazione del potere.
Sarà opportuna dunque una maggiore conoscenza della tradizione liberale che deve misurarsi con l’atteggiamento
epistemologico di un sapere aperto e senza dogmi. La tradizione empiristica inglese si deve misurare con quella
austriaca a partire da Popper fino ad Hayek. Conoscenza del periodo storico tra le due guerre nel settore politico e
dottrinario italiano. Il contesto italiano tuttavia è definito da movimenti che seguono ideologie molto diverse. Un
possibile metodo strutturale promette chiarificazioni e previsioni su questi disparati movimenti.
Programma:
Il liberalismo viene descritto attraverso l’intepretazione metodologica ed epistemologica, per un verso. Per l’altro
attraverso l’analisi storica.
1. Il liberalismo italiano di Gaetano Mosca.
2. Il liberalismo europeo.
3.Il liberalismo e i partiti italiani
4. Ideologie e simboli politici.
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti dovranno attualizzare i principi liberali esemplificandoli nell’attualità.Devono dunque saper presentare le
caratteristiche di un approccio sociale libertario contestualizzandolo opportunamente.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale con possibile verifica intercorso
Obblighi:
Frequenza delle lezioni del modulo per almeno 3/4 del monte ore delle lezioni e delle esercitazioni.
Testidistudio:
1) Antiseri D., Principi liberali, Rubettino, Soveria Mannelli, 2003
2) Di Caro A., Falce martello e NIke, Goliardiche, Trieste, 2007.
3) Di Caro A., “Le principali correnti dottrinarie del liberalismo politico italiano”, in AA.VV., Fano antigiolittiana,
Biblioteca federiciana, Fano.
SI PUO’ SOSTITUIRE UNO DEI TESTI CON IL SAGGIO: “Potere del linguaggio e linguaggio del potere in Elias Canetti” in
Di Caro A., Etica e potere, QuattroVenti, Urbino, 1984.
Modalitàdiaccertamento:
Possibili verifiche intercorso. Verifica finale orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio dei testi.
Obblighi:
Completezza del programma (quattro testi)
Testidistudio:
1. Antiseri D., Liberi perchè fallibili, Rubettino, Soveria Mannelli, 1995.
2. Antiseri D., Principi liberali, Rubettino, Soveria Mannelli, 2003
3. Di Caro A., “Le principali correnti dottrinarie del liberalismo politico italiano”, in AA.VV., Fano antigiolittiana,
Biblioteca federiciana.
4. Di Caro A., Falce martello e Nike, Goliardiche, Trieste 2007.
SI PUO SOSTITUIRE UNO DEI TESTI CON IL SAGGIO: “Potere del linguaggio e linguaggio del potere in Elias Canetti” in DI
Caro A., Etica e potere, QuattroVenti, Urbino, 1984.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale negli appelli d’esame.
................................................................................................................................
Storiadelledottrinepolitiche
SPS/01
CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Dal liberalismo alla democrazia: sociologia di un contesto antropologico
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. DI CARO ALESSANDRO alessandro.dicaro@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Conoscenza del periodo storico tra le due guerre nel settore politico e dottrinario italiano. Visione del liberalismo attuale.
Il liberalismo è accompagnato, nella tradizione politica europea, alla democrazia. Non sempre tuttavia questi due
movimenti si sono rapportati con le stesse modalità. Il liberale Gaetano Mosca ad esempio ribadisce che la legge della
politica non è la maggioranza ma la minoranza organizzata. Nella contemporaneità il sistema politico evolve sempre di
più verso un sistema di alternanza che non è retto dalla legge del consenso ma di quello della limitazione del potere.
Sarà opportuna dunque una maggiore conoscenza della tradizione liberale che deve misurarsi con l’atteggiamento
epistemologico di un sapere aperto e senza dogmi. La tradizione empiristica inglese si deve misurare con quella
austriaca a partire da Popper fino ad Hayek. Conoscenza del periodo storico tra le due guerre nel settore politico e
dottrinario italiano. Il contesto italiano tuttavia è definito da movimenti che seguono ideologie molto diverse.Un possibile
metodo strutturale promette chiarificazioni e previsioni su questi disparati movimenti.
Programma:
Il liberalismo viene descritto attraverso l’intepretazione metodologica ed epistemologica per un verso, per l’altro
attraverso l’analisi storica.
1. Il contesto sociologico.
2.Liberalismo italiano:Gaetano Mosca,
3.Il liberalismo europeo,
4. Ideologie,simboli e miti.Il contesto antropologico.
Risultatidiapprendimento:
Gli studenti dovranno saper distinguere il contesto sociologico da quello antropologico.Esemplificare i diversi contesti
soprattutto nel caso dei partiti italiani.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale, con possibile verifica durante il corso.
Obblighi:
Frequenza delle lezioni del modulo per almeno 3/4 del monte ore delle lezioni e delle esercitazioni.
Testidistudio:
1) Antiseri D., Trattato di metodologia delle scienze sociali, UTET, Torino 1997
NOTA: 7 capitoli a scelta.
2) Di Caro A., Le principali correnti dottrinarie del liberalismo politico italiano, in AA.VV. Fano antigiolittiana, Biblioteca
federiciana, Fano 2000
3) Di Caro A., Falce, martello e Nike, Goliardiche, Trieste 2007.
NOTA: SI PUO SOSTITUIRE UNO DEI TESTI CON IL SAGGIO: Potere del linguaggio e linguaggio del potere in Elias
Canetti, in Di Caro A., Etica e potere, Quattroventi, Urbino 1984.
Modalitàdiaccertamento:
Possibili verifiche durante il corso. Verifica al termine del modulo in forma orale. La verifica sarà poi ufficializzata negli
appelli consueti di esame.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio dei testi.
Obblighi:
Completezza del programma:quattro testi.
Testidistudio:
1) Antiseri D., Trattato di metodologia delle scienze sociali, UTET, Torino 1997
NOTA: 7 capitoli a scelta.
2) Di Caro A., Le principali correnti dottrinarie del liberalismo politico italiano, in AA.VV., Fano antigiolittiana, Biblioteca
federiciana, Fano 2000
3) Di Caro A., Falce, martello e Nike, Goliardiche,Trieste,2007.
4) Antiseri D., Principi liberali, Rubettino 2003.
290
vademecum 2009/10
291
insegnamenti
NOTA: SI PUO SOSTITUIRE UNO DEI TESTI CON IL SAGGIO: Potere del linguaggio e linguaggio del potere in Elias
Canetti, in Di Caro A., Etica e potere, Quattroventi, Urbino 1984.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale negli appelli d’esame.
................................................................................................................................
StoriadelleReligioni
M-STO/06

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Religioni: storia, cultura, simbolismo
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. MINUTIELLO MICHELE CARMINE
Ricevimento: Sempre nei giorni di lezione. In altre date dietro appuntamento da concordare direttamente con il
docente per e-mail

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone in primo luogo di introdurre alla conoscenza della disciplina nelle linee fondamentali e nei principali
sviluppi teorici e metodologici, per approfondire poi l’analisi del fenomeno religioso nei suoi elementi caratterizzanti e
nelle sue diverse espressioni.
Programma:
1. Lo studio delle culture e delle religioni
2. Teorie e interpretazioni sull’origine e sul significato delle religioni
3. I concetti di ‘religione’ e di ‘sacro’
4. Analisi fenomenologica e comparativa: dottrine e prassi
5. Aspetti del misticismo e del simbolismo
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e interattive.
Obblighi:
Frequenza di almeno 3/4 delle lezioni, studio degli appunti e della dispensa fornita dal docente
Testidistudio:
Minutiello M. C., La dimensione simbolica nelle religioni, Dispensa dell’autore, - 2006
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Frequenza ad almeno i ¾ delle ore di lezione. Studio individuale del testo indicato.
Testidistudio:
- M.C.Minutiello, La dimensione simbolica nelle religioni (dispensa,
da richiedere al docente o disponibile per fotocopie presso la libreria
“La Goliardica”, Urbino);
- M.C.Minutiello, I Guru. Maestri dell’India e del Tibet, Edizioni
Xenia, Milano 1999.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale.
Note:
Per la determinazione del periodo di lezioni si rimanda al calendario di facoltà
................................................................................................................................
Storiaefilosofiadelbuddismo/StoriaefilosofiadellareligioneindianaAMI
M-STO/06

CFU 10 • PERIODO seconda sessione • DURATA 80 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: PRIMA PARTE: I buddismi e il buddismo: viaggio di una prassi religiosa nel tempo
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. MARASSI MAURICIO ALBERTO mauricio.marassi@uniurb.it
Ricevimento: Subito dopo le lezioni. Con appuntamento: un’ora prima delle lezioni.

Prof. MAGI GIANLUCA

ObiettiviFormativi:
Approfondimenti dei significati e delle dinamiche di religione anche in ambiente non teista. Acquisizione della visione
della religione intesa come didattica. Consapevolezza di una cultura altra, ovvero fondata su presupposti esterni al
pensiero teoretico. Acquisizione delle chiavi di lettura della modalità del “sapere come” dell’Oriente, parallelo al “sapere
cosa” dell’Occidente. Palesamento del substrato delle culture religiose dell’Estremo Oriente.
Programma:
PRIMA PARTE (Storia e filosofia del buddismo): 1., La nascita del buddismo antico. 2., L’elaborazione del buddismo
universale o buddismo mahāyāna. 3., Le scuole buddiste indiane: madhyamika, yogācāra, vajrayāna. 4., L’ingresso del
buddismo in Tibet: esempio particolare di inculturazione. 5., Lo sviluppo del buddismo vajrayana in Tibet. 6., Le origini
della cultura cinese, le diramazioni principali a partire da Confucio e Laozi. 7., Un sistema religioso/filosofico/politico in
grado di durare più di duemila anni. 8., Il buddismo cinese: dal tentativo di assimilazione all’inculturazione. 9., La
rifondazione del buddismo come entità originale. 10., Il Giappone come entità culturale autonoma attraverso la
rivendicazione dell’originalità dello Shintō. 11., La penetrazione del buddismo in Giappone: buddismo confuciano,
sincretismo shintoista. 12., Il buddismo giapponese. Buddismo e nazionalismo: una grande tragedia.
Eventualipropedeuticità:
Può avere valore propedeutico la frequentazione, anche occasionale, di comunità, centri, istituti di pratica studio e
diffusione del buddismo e dell’induismo in Italia/Europa/mondo
Attivitàasupportodelladidattica:
A richiesta degli studenti possibilità di organizzare un soggiorno in una comunità buddista italiana. Trattandosi di
iniziativa extra-universitaria le modalità sono da concordare fuori dalle attività previste per il corso
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale
Obblighi:
Partecipazione ad almeno i ¾ delle ore di lezione, studio del materiale didattico di riferimento
Testidistudio:
Prima parte (Storia e filosofia del buddismo):
M.Y. Marassi, Il Buddismo Mahāyāna attraverso i luoghi, i tempi, le culture. L’India e cenni sul Tibet, Ed. Marietti,
Genova-Milano 2006: da pg. 53 a pg 282 . (Obbligatorio).
- M.Y.Marassi, Il Buddismo Mahāyāna attraverso i luoghi, i tempi, le culture. La Cina, Ed. Marietti, Genova-Milano 2009:
dal capitolo primo al cap. IV compreso (pgg. 39-146) . Inoltre: tutto il cap. VI, tutto il cap. VIII, del cap. X pgg. 284-299,
del cap. XII solo il primo paragrafo (pgg. 337-341), dell’Appendice solo l’ultimo paragrafo (pgg. 392-396). Tot. pgg.169.
(Obbligatorio).
- R.H.Robinson W.L.Johnson, La religione buddista, Ed. Ubaldini, Roma 1998: cap.X (pgg.291-325). (Obbligatorio). In
alternativa è possibile effettuare questa parte di studio (relativa ai punti 10-11-12 della seconda parte del programma) su
dispense fornite dal docente, da richiedere esplicitamente.
- T. Merton, Lo zen e gli uccelli rapaci, Ed. Garzanti, Milano 1999: da pag.7 a pag.66. (Consigliato).
- B.S. Bhante, Shintoismo, RCS, Milano 1997. (Consigliato).
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale secondo il calendario d’esame.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio del materiale didattico di riferimento.
Testidistudio:
Prima parte (Storia e filosofia del buddismo):
M.Y. Marassi, Il Buddismo Mahāyāna attraverso i luoghi, i tempi, le culture. L’India e cenni sul Tibet, Ed. Marietti,
Genova-Milano 2006: da pg. 53 a pg 282 . (Obbligatorio).
- M.Y.Marassi, Il Buddismo Mahāyāna attraverso i luoghi, i tempi, le culture. La Cina, Ed. Marietti, Genova-Milano 2009:
292
vademecum 2009/10
293
insegnamenti
dal capitolo primo al cap. IV compreso (pgg. 39-146) . Inoltre: tutto il cap. VI, tutto il cap. VIII, del cap. X pgg. 284-299,
del cap. XII solo il primo paragrafo (pgg. 337-341), dell’Appendice solo l’ultimo paragrafo (pgg. 392-396). Tot. pgg.169.
(Obbligatorio).
- R.H.Robinson W.L.Johnson, La religione buddista, Ed. Ubaldini, Roma 1998: cap.X (pgg.291-325). (Obbligatorio). In
alternativa è possibile effettuare questa parte di studio (relativa ai punti 10-11-12 della prima parte del programma) su
dispense fornite dal docente, da richiedere esplicitamente.
- T. Merton, Lo zen e gli uccelli rapaci, Ed. Garzanti, Milano 1999: pgg.7-66. (Obbligatorio).
- Eihei Doghen, Il cammino religioso, Ed. Marietti, Genova 1990.(Consigliato).
- B.S. Bhante, Shintoismo, RCS, Milano 1997. (Consigliato).
Note:
Prima parte (Storia e filosofia del buddismo):
Visto l’argomento, la vastità del periodo storico e la dimensione semiplanetaria del fenomeno, non occorre ricordare
date e nomi con precisione. È più importante capire e saper esprimere come e perché, inquadrare ogni volta il periodo e
la sua temperie.Per l’approfondimento di singoli temi o dell’intero percorso si consiglia di consultare la bibliografia
ragionata -ogni testo è presentato da una breve scheda o commento- reperibile qui
................................................................................................................................
Storiaefilosofiadellareligioneedellecultureislamiche
M-STO/06

CFU 5 • DURATA 40 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: L’islam nella modernità
Corsidilaureain: Sociologia della Multiculturalità (LM)

Prof. PARMA PIERPAOLO pierpaolo.parma@uniurb.it
Ricevimento: Lunedì e Martedì 8-10

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti le conoscenze essenziali (storiche, teologiche, giuridiche e
sociali) indispensabili per affrontare le più importanti problematiche connesse ai mutamenti intervenuti nel mondo
musulmano e causati dall’incontro con la modernità occidentale.
Programma:
Il corso si divide in due parti.
Nella prima parte saranno brevemente richiamati, in prospettiva storico-sociologica, gli eventi che hanno caratterizzato
l’origine, lo sviluppo e il consolidamento del pensiero islamico nelle sue dimensioni religiose, giuridiche, politiche e
sociali.
1. L’islam mitico 1.1.Il periodo profetico di Mecca 1.2.Il periodo politico-religioso di Medina 1.3.Il periodo della
“Grande discordia” 1.4. Sciiti e sunniti
2. L’islam storico 2.1. La costruzione del pensiero teologico: le scuole teologiche 2.2. La costruzione del pensiero
giuridico: la shari’a e le scuole giuridiche 2.3. La costruzione del pensiero politico: la questione del potere
3. L’slam moderno 3.1. Il risveglio: il wahhabbismo 3.2. Il periodo della colonizzazione 3.3. Il “rinascimento” e il
riformismo: il movimento salafita
4. L’islam contemporaneo 4.1. Le lotte per l’indipendenza 4.2. La nascita del fondamentalismo: i Fratelli Musulmani di
Hasan al-Banna 4.3. Il pensiero radicale: Sayyid. Qutb 4.4. La rivoluzione iraniana
La seconda parte sarà dedicata all’approfondimento di alcune questioni cruciali riguardanti l’incontro tra islam e
Occidente
1. Le immagini dell’altro 1.1. La costruzione sociale dell’identità 1.2. L’immagine dell’islam in Occidente 1.3.
L’immagine dell’Occidente in islam 1.4. La prospettiva dello scontro di civiltà
2. L’immigrazione islamica in Europa 2.1.La vicenda migratoria 2.2. Modelli di integrazione 2.3. Le richieste dei
musulmani 2.4. Il problema della rappresentanza
3. Donne, islam e modernità 3.1. L’avvento dell’islam e la condizione femminile 3.2. Il femminismo islamico 3.3.
Genere e islam in Europa
4. Tendenze dell’islam europeo 4.1. Le seconde generazioni 4.2. L’europeizzazione dell’islam
Risultatidiapprendimento:
Conoscenza e comprensione degli aspetti essenziali riguardanti l’islam esaminato nella sua dimensione storica,
teologica, giuridica, politica e sociale.
Capacità di comunicare in modo appropriato le conoscenze acquisite
Capacità di applicare le conoscenze acquisite alle problematiche riguardanti l’immigrazione islamica nel contesto
europeo
Capacità di ricercare e analizzare in modo autonomo i dati relativi alle problematiche dell’immigrazione islamica
Capacità di intraprendere studi più avanzati con una certa autonomia
Attivitàasupportodelladidattica:
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale
Obblighi:
Preparazione di tutte le parti indicate nei testi in programma. Frequenza di 3/4 delle ore di lezione svolte.
Testidistudio:
Testi obbligatori: Giovanni Filoramo (a cura di), Islam, Laterza, 2008
E. Pace, L’ Islam in Europa: modelli di integrazione, Carocci, 2007
R. Salih, Musulmane rivelate, Carocci, 2005 (i cap. 1, 4 e 5 )
Testi consigliati M. Campanini, Il pensiero islamico contemporaneo, il Mulino, 2009
S. Allievi, Musulmani d’Occidente, Carocci, 2005.
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale durante le sessioni ufficiali d’esame. La valutazione verrà effettuata seguendo i criteri illustrati dal docente
durante il corso

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale
Obblighi:
Preparazione di tutte le parti indicate nei testi in programma.
Testidistudio:
Testi obbligatori: G. Filoramo (a cura di), Islam, Laterza, 2008
E. Pace, L’ Islam in Europa: modelli di integrazione, Carocci, 2007
R. Salih, Musulmane rivelate, Carocci, 2005
Testi consigliati
M. Campanini, Il pensiero islamico contemporaneo, il Mulino, 2009
S. Allievi, Musulmani d’Occidente, Carocci, 2005
Modalitàdiaccertamento:
Verifica orale durante le sessioni ufficiali d’esame. La valutazione verrà effettuata seguendo i criteri illustrati dal docente
durante il corso
................................................................................................................................
Storiaeconomica
SECS-P/12

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Storia economica dell’Italia dalla
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. MAOLONI MARIO m.maoloni@comune.pesaro.ps.it

ObiettiviFormativi:
Fornire agli studenti le conoscenze storiche fondamentali degli eventi e degli accadimenti che hanno segnato gli anni che
vannodalla fine della seconda guerra mondiale, alla situazione attuale.
Programma:
La situazione economica, politica e sociale dell’Italia alla fine del secondo conflitto mondiale.
La “ricostruzione”.
L’adesione al M.E.C..
Il “miracolo economico”.
Le contraddizioni che caratterizzano gli anni ‘60.
La ristrutturazione industriale.
294
vademecum 2009/10
295
insegnamenti
Il ruolo dello Stato nell’economia.
La crisi delle Partecipazioni Statali.
Le crisi delle partecipazioni statali.
Le vicende monetarie e l’Europa.
Le privatizzazioni.
La globalizzazione.
Definizione e descrizione del processo economico, politico e sociale che caratterizza questo evento.
Globalizzazione, libera concorrenza e commercio internazionale.
I mercati finanziari.
Le politiche economiche nazionali e la globalizzazione.
Welfare e globalizzazione.
Le crisi economiche nell’economia mondiale.
Globalizzazione e sviluppo economico.
Globalizzazione e sottosviluppo.
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale. Seminari. Esercitazioni.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
P. Battilani, F. Fauri, Mezzo secolo di economia italiana 1945-2008, Il Mulino
J. Attali, La crisi e poi?, Fazi Editore
Modalitàdiaccertamento:
Verifica di fine modulo. Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi
Testidistudio:
P. Battilani, F. Fauri, Mezzo secolo di economia italiana 1945-2008, Il Mulino
J. Attali, La crisi e poi?, Fazi Editore
U. Beck, Che cos’è la globalizzazione, Carocci
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Strategieetecnichedellacomunicazioned’impresaI
SECS-P/10

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: La Comunicazione Organizzativa Aziendale. Flussi comunicativi e reti organizzative
Corsidilaureain: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (CNA-LS)

Prof. MULAZZANI GIORGIO g.mulazzani@digm.it

ObiettiviFormativi:
Attribuzione degli strumenti utili ad approcciare un progetto di comunicazione aziendale in una rete globale, semplice e
complessa, tramite:
l’analisi dell’organizzazione aziendale, della comunicazione nel mercato globale; interazioni con la cultura e i processi
storici in alcuni Paesi strategici; lo studio della comunicazione organizzativa in relazione anche ai fenomeni di
globalizzazione; la valutazione dei flussi comunicativi nei rapporti relazionali, informativi, formativi e promozionali, intesi
come espressione dei valori aziendali, finalizzati agli obiettivi dell’impresa.
Programma:
La comunicazione organizzativa: schemi e proiezioni. Forme organizzative e approcci comunicativi. Organizzazione,
mercato e marketing relazionale. Il paradigma della comunicazione organizzativa. I metodi operativi per la
comunicazione organizzativa. Analisi comunicazionale dei case history di imprese pubbliche e private.
* In funzione dei casi pratici trattati, nel corso delle lezioni potranno essere portate alcune integrazioni e/o modifiche al
programma.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali e attività seminariali.
Obblighi:
Frequenza delle lezioni, studio individuale ed eventuale partecipazione a lavori individuali o di gruppo.
Testidistudio:
-Invernizzi E., La comunicazione organizzativa: teorie, modelli e metodi, Giuffrè editore, Milano, 2000
Nota: le parti indicate a lezione.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione dei lavori individuali e di gruppo.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
-Invernizzi E., La comunicazione organizzativa: teorie, modelli e metodi, Giuffrè editore, Milano, 2000
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Strategieetecnichedellacomunicazioned’impresaII
SECS-P/10

CFU 3 • DURATA 24 ore • SEDE ATTIVITA’ PESARO
Titolocorso: La strategia di Comunicazione
Corsidilaureain: Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni (CNA-LS)

Prof. SCIALPI GIOVANNI giovanni.scialpi@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso intende fornire allo studente gli strumenti teorici e metodologici per comprendere le dinamiche attraverso le
quali la comunicazione viene utilizzata e vissuta come risorsa organizzativa del mercato e come leva di promozione
culturale.
Attraverso l’ausilio di “casi aziendali” documentati, si imposta un lavoro di analisi delle pratiche della comunicazione
applicabile su più fronti: dai contesti macro sociali agli ambiti micro, relativi ai soggetti, alle loro relazioni e alle diverse
forme di vissuto comunicativo utilizzabili nella comunicazione d’impresa.
Programma:
La strategia di comunicazione aziendale analizzata attraverso gli strumenti classici che negli ultimi decenni hanno creato
le basi tradizionali di diffusione dei messaggi pubblicitari, e attraverso gli strumenti innovativi che si impongono nelle
nuove forme del comunicare, rese più ricche ed efficaci dalla dinamica evolutiva delle esperienze comunicative
precedenti.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Obblighi:
Frequenza delle lezioni, studio individuale ed eventuale partecipazione a lavori di gruppo.
Testidistudio:
- Dorfles P., Carosello, il Mulino, Bologna, 1998
- Croce G.(a cura di), Tutto il meglio di Carosello, Einaudi, Torino, 2008
- Conley L., Sindrome ossessiva da Brand, Nuovi Mondi, Modena, 2008.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
- Dorfles P., Carosello, il Mulino, Bologna, 1998
- Conley L., Sindrome ossessiva da Brand, Nuovi Mondi, Modena, 2008
- Facchetti G. Marozzi L., Relazioni Pubbliche, Il Sole 24 Ore, 2009.

296
vademecum 2009/10
297
insegnamenti
Modalitàdiaccertamento:
esame orale.
................................................................................................................................
Studiculturaliestudidigenere
SPS/08

CFU 5 • DURATA 40 ore
Corsidilaureain: Sociologia e servizio sociale (L)

Note:
Insegnamento non attivato per l’a.a. 2009/10.
................................................................................................................................
Studiculturaliestudidigenere
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: La vita quotidiana: esperienze, narrazioni, teorie
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. FARINA FATIMA fatima.farina@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il modulo si propone di passare in rassegna le caratteristiche della vita quotidiana analizzate dalle principali correnti
sociologiche, filosofiche, artistiche e storiche recenti.
Programma:
La vita quotidiana come oggetto di analisi nel primo Novecento e nel secondo dopoguerra, nell’opera di: Simmel,
Benjamin, Hanna Hoch, Eileen Power, Louise Bourgeois, Primo Levi, Henri Lefebvre, Michel de Certeau, Rita Felski.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni di scrittura e lettura di testi.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno 3/4 delle lezioni e studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Paola Di Cori e Clotilde Pontecorvo (a cura di), Tra ordinario e straordinario: modernità e vita quotidiana, Carocci, 2007.;
capp.1-11.Obbligatorio
Primo Levi, Se questo è un uomo, Einaudi, 1961. obbligatorio
a scelta 1 tra i testi seguenti: Paolo Jedlowski, Un giorno dopo l’altro, Il Mulino, 2005; Franco La Cecla, Surrogati di
presenza, Bruno Mondadodri, 2006; Robert W.Connell, Questioni di genere, Il Mulino, 2006: capp.I,II,III,IV,V.; Stuart Hall,
Politiche del quotidiano, Il Saggiatore, 2006, capp.2,3,12,14,15,16,17; Michel de Certeau, La presa di parola, Meltemi, 2007,
capp.1-6,9,11,13, 14
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale, tesina scritta.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Preparazione dei testi di riferimento e tesina scritta su un argomento concordato con la docente.
Testidistudio:
Paola Di Cori e Clotilde Pontecorvo (a cura di), Tra ordinario e straordinario: modernità e vita quotidiana, Carocci, 2007.;
capp.1-11.Obbligatorio
Primo Levi, Se questo è un uomo, Einaudi, 1961. obbligatorio
a scelta 1 tra i testi seguenti: Paolo Jedlowski, Un giorno dopo l’altro, Il Mulino, 2005; Franco La Cecla, Surrogati di
presenza, Bruno Mondadodri, 2006; Robert W.Connell, Questioni di genere, Il Mulino, 2006: capp.I,II,III,IV,V.; Stuart Hall,
Politiche del quotidiano, Il Saggiatore, 2006, capp.2,3,12,14,15,16,17; Michel de Certeau, La presa di parola, Meltemi, 2007,
capp.1-6,9,11,13, 14

Modalitàdiaccertamento:
Esame orale e valutazione di una tesina scritta.
Note:
Per l’a.a. 2009/2010 non verranno svolte le lezioni ma saranno garantiti solo gli esami.
................................................................................................................................
TeatroespettacoloI,IIAMI
L-ART/05

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Comunicazione, performance e differenze nel teatro
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. GEMINI LAURA laura.gemini@uniurb.it

Prof. POZZI EMILIO emilio_pozzi@fastwebnet.it

ObiettiviFormativi:
Parte I
Il corso si propone di fornire degli utili strumenti di osservazione delle performance culturali e artistiche, specialmente
teatrali. A partire dall’analisi delle forme e dei linguaggi dell’immaginario collettivo contemporaneo - prodotti mediali,
spettacolari, artistici - e dalla teoria della comunicazione è possibile trattare la performance artistica come particolare
luogo di osservazione del sociale. Grazie all’utilizzo di materiale video, di supporti visivi, casi esemplificativi e
testimonianze, gli studenti potranno meglio comprendere il rapporto fra la configurazione della società, la
comunicazione dei media e le diverse tipologie di performance.
Parte II
Da oltre vent’anni si è sviluppato un nuovo filone: il teatro in carcere. In moltissimi istituti penitenziari sono nati e
agiscono compagnie teatrali formate da detenuti che sperimentano, nell’ambito di una concezione nuova della pena,
ispirata dalla legge Gozzini, il valore educativo e liberatorio di questo modo di comunicare. Gli autori preferito sono
Genet, Beckett, Pinter e Eduardo De Filippo. Molti spettacoli si basano anche su testi autobiografici degli interpreti. Su
queste realtà sono imperniate significative testimonianze, anche dal vivo, di registi e attori esterni e “interni” che hanno
svolto la loro esperienza in molte prigioni: da Padova a Milano, da Pesaro ad Ancona, da Volterra ad Arezzo, da Roma a
bari, da Napoli a Palermo. Il corso ripercorre storicamente la nascita e l’evolversi il rapporto fra “dentro” e “fuori” ed è
integrato da proiezioni di brani realizzati durante le proiezioni.
Programma:
Parte I
Teoria della performance: fondamenti antropologici e meccanismi di base. Evoluzione sociale e comunicativa della
performance culturale: dalle forme rituali, al teatro fino alle forme liminoidi dalle avanguardie ai giorni nostri. Efficacia,
intrattenimento, performance ibride. Rapporto fra media, linguaggi e spettatori partecipanti. Introduzione alla
performance artistica: il sistema sociale dell’arte. Rapporto fra sistema sociale dell’arte e sistema dei media: ricerca e
contaminazioni nelle performance ibride. La performance teatrale contemporanea: linguaggi e immagini, media e
spettatori. Analisi della comunicazione performativa e piani di osservazione.
Parte II
Introduzione al teatro in carcere. La legge Gozzini e una nuova concezione della pena. Il valore educativo e
comunicativo del teatro in carcere. Le poetiche: gli autori di riferimento. Contributi “esterni”. Il coinvolgimento “interno”
autoriale dei partecipanti: attori/autori. Esperienze e testimonianze.
Il corso si avvale di proiezioni e materiali audiovisivi.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione.
Testidistudio:
Parte I
Benjamin W., L’opera d’arte dell’epoca della sua riproducibilità tecnica. Arte e società di massa, Einaudi, Torino, 2000
Nota per tutti: Limitatamente alle pp. 125-134
298
vademecum 2009/10
299
insegnamenti
Gemini L., L’incertezza creativa. I percorsi sociali e comunicativi delle performance artistiche, FrancoAngeli, Milano,
2003.
Altro materiale indicato dal docente.
Parte II
Pozzi E., Minoia V. (prefazione di C. Melodolesi), Teatro e carcere, Nuove Catarsi, Cartoceto (PU), 2009.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Parte I
Studio dei testi indicati.
Parte II
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
Parte I
Benjamin W., L’opera d’arte dell’epoca della sua riproducibilità tecnica. Arte e società di massa, Einaudi, Torino, 2000
Nota per tutti: Limitatamente alle pp. 125-134.
Gemini L., L’incertezza creativa. I percorsi sociali e comunicativi delle performance artistiche, FrancoAngeli, Milano,
2003.
Parte II
Pozzi E., Minoia V., (prefazione di C. Meldolesi), Teatro e carcere, Nuove Catarsi, Cartoceto (PU), 2009.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Tecnichedellaricercasociale
SPS/07

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Il metodo della ricerca qualitativa. Metodi qualitativi e teoria sociale
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)

Prof. RUSSO MASSIMO STEFANO massimo.russo@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti gli elementi fondamentali per gestire le fasi della ricerca qualitativa e di
approfondire i contributi teorici necessari per gestire con competenza la prassi della ricerca qualitativa.
Programma:
I parte: Concetti di base della ricerca sociale: 1. Qualità e quantità. 2. Concetti ed indicatori. 3. Fedeltà ed affidabilità. 4. Il
disegno della ricerca. 5. L’intervista.
L’interpretazione dell’agire: 1. La raccolta delle informazioni. 2. L’osservazione partecipante. 3. Tipi di osservazione.
II parte: Teoria sociale e ricerca qualitativa: 1. La Scuola di Chicago. 2. L’etnometodologia. 3. L’interazionismo simbolico.
L’analisi dei dati qualitativi: 1. Gli usi dell’argomentazione. 2. Il controllo delle ipotesi. 3. La relazione osservativa. 4. La
scrittura nelle scienze sociali.
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali.
Obblighi:
Frequenza ai 3/4 delle lezioni e studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Zambrini S., L’erosione del neutro, Edizioni Goliardiche, Trieste 2006
Russo M., Vademecnum Metodologico, Edizioni Goliardiche, Trieste 2005
Il docente segnalerà le parti da studiare ai fini dell’esame durante il corso.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi di riferimento.
Testidistudio:
Zambrini S., L’erosione del neutro, Edizioni Goliardiche, Trieste 2006
Russo M., Questioni di metodo e ricerca sociale, Edizioni Goliardiche, Trieste 2007.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale.
................................................................................................................................
Tecnicheelinguaggipubblicitari
SPS/08

CFU 6 • DURATA 34 ore di lezione, 14 ore di laboratorio • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Tecniche e linguaggi pubblicitari
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. D’AMICO ERIKA

ObiettiviFormativi:
Formare conoscenze sul medium pubblicità, sulle teorie della pubblicità e del consumo, sui linguaggi e sulle tecniche
della pubblicità. Nel lavoro di gruppo si potranno inoltre formare competenze di analisi e di produzione.
Programma:
Le prime 18 ore del corso introducono alla teoria e alla storia del medium pubblicità. Nelle 30 ore seguenti si
alterneranno un laboratorio di analisi e produzione (in gruppi di lavoro), seminari su temi specifici, lezioni sul linguaggio
pubblicitario.
Modalitàdidattiche:
Lezioni per circa 24 ore complessive, seminari tematici per 10 ore, laboratorio e gruppi di lavoro per 14 ore.
Obblighi:
Studio dei testi indicati, nei tempi che verranno stabiliti all’inizio delle lezioni. Partecipazione al laboratorio e al lavoro di
gruppo.
Testidistudio:
Ciuffoli E., Pubblicità e brandscapes. Introduzione alle forme non convenzionali di comunicazione del marchio
(dispensa).
Ferraresi M., Mortara A., Sylvan G., Manuale di teorie e tecniche della pubblicità, Carocci, Roma, 2007
Lombardi M., La marca, una come noi. La personalità di marca nell’era post spot, FrancoAngeli, Milano, 2007
Modalitàdiaccertamento:
Preparazione di materiali pubblicitari come esperienza di gruppo, valutazione con colloquio orale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testidistudio:
Ciuffoli E., Pubblicità e brandscapes. Introduzione alla comunicazione non convenzionale del marchio (dispensa).
Ferraresi M., Mortara A., Sylvan G., Manuale di teorie e tecniche della pubblicità, Carocci, Roma, 2007
Lombardi M. (a cura di), La marca, una come noi. La personalità di marca nell’era post spot, FrancoAngeli, Milano,
2007
Cova B., Giordano A., Pallera M., Marketing non convenzionale, ilSole24Oore, Milano, 2007
Modalitàdiaccertamento:
Valutazione mediante colloquio orale
................................................................................................................................
Tecnicheemodellidisimulazioneediintelligenzaartificialiperlescienzesociali
SPS/07

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Tecniche e modelli di simulazione e intelligenza artificiale
Corsidilaureain: Sociologia (CNA-L)
300
vademecum 2009/10
301
insegnamenti
Prof. MORETTI SABRINA sabrina.moretti@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
In questo modulo verranno presentate le tecniche per la definizione di modelli di spiegazione di fenomeni sociali, basati
sulla simulazione e l’intelligenza artificiale
Programma:
1. Introduzione 2. Che cos’è la simulazione 3. Il metodo Montecarlo 4. I sistemi dinamici 5. Gli automi cellulari 6. I
sistemi multiagente 7. Gli algoritmi genetici 8. La validità dei modelli
Modalitàdidattiche:
Lezione frontale con utilizzo di supporti audiovisivi.
Obblighi:
Frequenza ad almeno i 3/4 delle ore di lezione
Testidistudio:
S. Moretti , Processi sociali virtuali. Simulazione e ricerca sociologica, Franco Angeli, Milano 1999 Nota: Solo le parti
indicate durante le lezioni.
S. Moretti, Modelli e conoscenza scientifica. Problemi di formalizzazione nella ricerca sociologica, Guerini, Milano 2005
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale o produzione di una tesina o di un semplice programma di simulazione

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalitàdidattiche:
Studio dei testi
Obblighi:
Studio dei testi
Testidistudio:
S. Moretti , Processi sociali virtuali. Simulazione e ricerca sociologica, Franco Angeli, Milano 1999
S. Moretti, Modelli e conoscenza scientifica. Problemi di formalizzazione nella ricerca sociologica, Guerini, Milano 2005
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale
................................................................................................................................
Teoriadell’informazione
SPS/08

CFU 6 • DURATA 48 ore • SEDE ATTIVITA’ URBINO
Titolocorso: Informazione, teoria dei sistemi e forme di auto-osservazione del sociale
Corsidilaureain: Scienze della comunicazione (CNA-L)

Prof. GIGLIETTO FABIO fabio.giglietto@uniurb.it

ObiettiviFormativi:
Dalla fine del XVII secolo a oggi la nostra società ha sviluppato strumenti sempre più raffinati per auto-osservarsi.
Questo processo ha subito una straordinaria accellerazione a partire dalla fine della seconda guerra mondiale quando
Claude Shannon ha contribuito a formalizzare il concetto di informazione aprendo la strada allo sviluppo
dell’informatica e delle telecomunicazioni.
Il corso intende ripercorrere quest’ultima fase di sviluppo della storia delle idee offrendo agli studenti l’opportunità di
familiarizzare con le forme di auto-descrizione della società contemporana osservabili a partire dall’analisi dei contenuti
generati dagli utenti sul web.
Programma:
Prima parte
1. Teoria dell’informazione
2. Cibernetica e teoria generale dei sistemi
3. Cibernetica di secondo ordine
4. Teorie dei sistemi sociali: Talcott Parsons e Niklas Luhmann
Seconda parte
5. Mass media, sondaggi, blog e altre forme di auto-desrizione della società contemporanea
6. Esercitazione: analisi dei contenuti generati dagli utenti su Internet
Risultatidiapprendimento:
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding): Lo studente al termine del corso avrà
conscenza degli aspetti non tecnici della teoria dell’informazione, dei principali concetti della cibernetica, della teoria
generale dei sistemi e di come questi concetti sono stati impiegati per lo studio della società.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding): Lo studente sarà in grado
di comprendere il ruolo delle tecnologie nelle forme di auto-descrizione della società.
Autonomia di giudizio (making judgements): Lo studente sarà in grado di analizzare criticamente le teorie dei sistemi
sociali e l’impatto di Internet sulle forme di auto-osservazione della società.
Abilità comunicative (communication skills): Lo studente svilupperà familiarità con il linguaggio della cibernetica, della
teoria generale dei sistemi, della cibernetica di II ordine e della teoria dei sistemi sociali.
Capacità di apprendere (learning skills): Lo studente nell’affrontare le tematiche oggetto del corso svilupperà autonome
capacità di analisi, sintesi e valutazione che consentiranno di riconoscere ed analizzare le forme di auto-descrizione della
società.
Attivitàasupportodelladidattica:
Esercitazioni per gruppi di lavoro
Modalitàdidattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni, discussione di testi e contenuti multimediali.
Obblighi:
Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione
Testidistudio:
Parte I
Giglietto F., Alle radici del futuro. Dalla teoria dell’informazione ai sistemi sociali, FrancoAngeli, Milano 2006.
Parte II
Un testo a scelta fra:
- Luhmann N., La realtà dei mass media, FrancoAngeli, Milano, 2000
- Esposito E., Probabilità improbabili. La realtà della finzione nella società moderna, Meltemi, 2008.
Modalitàdiaccertamento:
Esame orale, esercitazione di gruppo opzionale.

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Studio dei testi indicati.
Testidistudio:
Parte I
Giglietto F., Alle radici del futuro. Dalla teoria dell’informazio