Sei sulla pagina 1di 100

GUIDA PER GLI STUDENTI IMMATRICOLATI

NELLA.A. 2016/2017

LAUREA DI PRIMO LIVELLO


LAUREA MAGISTRALE
DOTTORATO

ANNO ACCADEMICO 2016-2017

Indice generale
Introduzione.............................................................................................................................. 4
Laurea triennale (L-35)............................................................................................................. 5
Schema riassuntivo degli insegnamenti................................................................................. 5
Regolamento didattico........................................................................................................... 6
Premessa............................................................................................................................ 6
Presentazione..................................................................................................................... 6
Obiettivi formativi specifici e descrizione del percorso formativo......................................6
Conoscenza e capacit di comprensione............................................................................6
Capacit di applicare conoscenza e comprensione............................................................7
Autonomia di giudizio......................................................................................................... 7
Abilit comunicative........................................................................................................... 7
Capacit di apprendimento................................................................................................ 7
Profili professionali e sbocchi occupazionali.......................................................................8
Norme relative all' accesso................................................................................................. 8
Modalit di ammissione...................................................................................................... 8
Organizzazione del Corso di Laurea.................................................................................... 8
Prova finale....................................................................................................................... 14
Modalit di svolgimento della prova finale.......................................................................14
Riconoscimento CFU e modalit di trasferimento.............................................................14
Attivit di ricerca a supporto delle attivit formative che caratterizzano il profilo del corso
di studio.................................................................................................................................. 14
Docenti del corso di studio............................................................................................... 15
Altre informazioni............................................................................................................. 15
INSEGNAMENTI..................................................................................................................... 17
Laurea Magistrale (LM-40)...................................................................................................... 43
Schema riassuntivo degli insegnamenti............................................................................... 43
Regolamento didattico......................................................................................................... 45
Premessa.......................................................................................................................... 45
Presentazione................................................................................................................... 45
Obiettivi formativi specifici............................................................................................... 45
Profili professionali e sbocchi occupazionali.....................................................................48
Norme relative allaccesso................................................................................................ 48
2

Organizzazione del corso.................................................................................................. 48


Prova finale....................................................................................................................... 55
Modalit di svolgimento della prova finale.......................................................................55
Riconoscimento CFU e modalit di trasferimento.............................................................55
Attivit di ricerca a supporto delle attivit formative che caratterizzano il profilo del corso
di studio.................................................................................................................................. 56
Docenti del corso di studio............................................................................................... 56
Altre informazioni............................................................................................................. 57
INSEGNAMENTI..................................................................................................................... 58
Dottorato di ricerca................................................................................................................. 95
Formazione insegnanti............................................................................................................ 98
Informazioni utili..................................................................................................................... 99
Valutazione della preparazione iniziale (VPI)........................................................................99
Attivit didattiche di supporto............................................................................................ 101
Accordi formativi con enti esterni....................................................................................... 103
Incentivi economici per gli studenti di Matematica............................................................103
Centro Matematita.............................................................................................................. 103
Le attivit del Dipartimento................................................................................................ 104
Biblioteca............................................................................................................................ 104
Indirizzi utili........................................................................................................................ 105

Introduzione
Quale formazione?
Il laureato in Matematica ha, per sua attitudine e formazione, la capacit di trattare problemi complessi e astratti, cos
come ha facilit ad apprendere concetti nuovi. Questo gli permette di inserirsi senza troppa difficolt negli ambienti
di lavoro scientifici e tecnici pi disparati. Maggiori sono la preparazione e la capacit del laureato, maggiore la
possibilit di mettere a frutto la propria professionalit, ovvero quello che ha imparato durante il corso degli studi. Il
matematico non ha le conoscenze tecniche, ad esempio, dell'ingegnere o dell'economista, cio non sa costruire
macchine o gestire una societ finanziaria, per conosce bene la Matematica, ossia lo strumento pi raffinato spesso
utilizzato dall'ingegnere o dall'economista. Il ruolo naturale del matematico quello di lavorare in quipe con tecnici
di varia provenienza (ingegneri, informatici, geologi, chimici, economisti, statistici,), occupandosi dei modelli e
degli algoritmi utilizzati e studiandone di nuovi. Naturalmente, il matematico deve essere in grado di dialogare con
gli altri membri della squadra. Quindi deve conoscere i problemi di cui ci si occupa e soprattutto deve conoscere gli
strumenti impiegati. I nostri corsi tengono conto di questo e forniscono insegnamenti appropriati di Fisica,
Informatica, Economia e Statistica. Al loro livello pi alto, le attitudini consolidate e la professionalit acquisita
hanno come sbocco quello della ricerca matematica: idee brillanti, e loro applicazioni inaspettate, hanno cambiato il
mondo e altre potranno ulteriormente cambiarlo! Il percorso naturale per chi voglia dedicarsi alla ricerca quello,
terminata la Laurea Magistrale in Matematica, di accedere al Dottorato. Nel nostro Dipartimento attivo un
Dottorato di Ricerca Consortile in Matematica (enti consorziati: Universit degli Studi di Pavia, Universit degli
Studi di Milano-Bicocca e Istituto Nazionale di Alta Matematica Francesco Severi).

Quale professione?
In questi anni continuamente cresciuta la richiesta di Laureati in Matematica per attivit di tipo applicativo, che
costituiscono quindi un'effettiva prospettiva di lavoro anche per chi termina gli studi con il conseguimento della
Laurea in Matematica (L-35) e non prosegue con la Laurea Magistrale (LM-40). I laureati in Matematica avranno un
profilo professionale atto a svolgere attivit lavorative nel campo della diffusione della cultura scientifica, nonch del
supporto modellistico-matematico e computazionale ad attivit dellindustria, della finanza e dei servizi, e della
pubblica amministrazione. In tal senso gli sbocchi professionali previsti sono quelli corrispondenti ai codici ISTAT
che definiscono le professioni di matematico, statistico e professioni correlate (Codici ISTAT 21131 e 21132). Le
competenze dei Laureati in Matematica possono quindi trovare impiego in uffici, studi di societ pubbliche o private
e, in generale, in tutte le aziende per la cui attivit sia rilevante la modellizzazione di fenomeni fisici, naturali,
informatici, economico-finanziari, sociali e organizzativi. Inoltre, la particolare formazione metodologica apre al
laureato in Matematica la possibilit di intraprendere carriere aziendali in vari ambiti, anche diversi da quello
scientifico-tecnologico. In alternativa, il laureato in Matematica (L-35) pu approfondire la sua preparazione
matematica con la Laurea Magistrale in Matematica (LM-40), ove acquisisce una preparazione orientata sia a
intraprendere un percorso di avviamento alla ricerca matematica, pura o applicata, sia all'assunzione di ruoli di
elevata responsabilit in progetti di ricerca scientifica avanzata, nella costruzione e nello sviluppo computazionale di
modelli
matematici
di
varia
natura,
in
diversi
ambiti
applicativi
scientifici, ambientali, sanitari, industriali, finanziari, nei servizi e nella pubblica amministrazione,
nei settori della comunicazione della Matematica e della Scienza.
Le competenze dei Laureati nel corso di Laurea Magistrale in Matematica possono trovare impieg o
nella pubblica amministrazione o in enti di ricerca, uffici, studi di societ pubbliche o private e, in
generale, in tutte le aziende per la cui attivit sia rilevante la modellizzazione di fenomeni fisici ,
naturali, informatici, economico-finanziari, sociali e organizzativi.
La rigorosa formazione metodologica offre al laureato nel corso di Laurea Magistrale i n
Matematica la possibilit di intraprendere carriere aziendali in ambiti anche diversi da quello
scientifico-tecnologico.
Il corso prepara dunque in modo specifico alle professioni di matematico, statistico e alle professioni a queste
correlate. (Codici ISTAT 21131, 21132).

Laurea triennale (L-35)


Schema riassuntivo degli insegnamenti
Primo anno di corso
Insegnamento
ANALISI MATEMATICA I
ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA
FISICA I
LINGUA STRANIERA
ALGEBRA I
GEOMETRIA I
LABORATORIO DI MATEMATICA E INFORMATICA

CFU
12
8
12
3
8
8
6

Secondo anno di corso


Insegnamento
ANALISI MATEMATICA II
SISTEMI DINAMICI E MECCANICA CLASSICA
ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE
ALGEBRA II
TEORIA DELLA MISURA
CALCOLO NUMERICO
GEOMETRIA II

CFU
12
12
6
8
4
12
8

Terzo anno di corso


Insegnamento
CALCOLO DELLE PROBABILIT
FISICA II
TRE INSEGNAMENTI per un totale di 18 CFU tra quelli attivati nella tabella A, di cui
2 insegnamenti caratterizzanti nei SSD: MAT/02-MAT/03-MAT/05;
1 insegnamento caratterizzante nei SSD: MAT/06-MAT/07-MAT/08
CORSI A SCELTA per un totale di 18 CFU dalla tabella A o altri corsi offerti nellAteneo
ELABORAZIONE DI TESTI MATEMATICI (ICT)
PROVA FINALE

CFU
12
8
18
18
1
4

Tabella A
Insegnamento

CFU

SSD

Tipologia

ALGEBRA III

6 CFU

MAT/02

caratterizzante

GEOMETRIA III

6 CFU

MAT/03

caratterizzante

ANALISI III

6 CFU

MAT/05

ANALISI COMPLESSA

6 CFU

MAT/05

caratterizzante
caratterizzante

STATISTICA MATEMATICA

6 CFU

MAT/06

caratterizzante

FISICA MATEMATICA

6 CFU

MAT/07

caratterizzante

ANALISI NUMERICA

6 CFU

MAT/08

caratterizzante

Regolamento didattico
Premessa
Denominazione del corso: MATEMATICA
Denominazione del corso in inglese: MATHEMATICS
Classe L-35 Classe delle lauree in Scienze matematiche
Dipartimento di riferimento: DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E APPLICAZIONI
Durata normale: 3 anni
Crediti: 180
Titolo rilasciato: Laurea in MATEMATICA
Titolo congiunto: No
Modalit didattica: Convenzionale
Il corso : trasformazione di 517-01 MATEMATICA (cod 32326)
Massimo numero di crediti riconoscibili: 12
Corsi della medesima classe: No
Numero del gruppo di affinit: 1
Sede amministrativa: MILANO (MI)
Sedi didattiche: MILANO (MI)
Indirizzo internet: www.matapp.unimib.it
Presentazione
Il Corso di Laurea in Matematica ha una durata normale di tre anni e rilascia, al termine degli studi, la Laurea in
Matematica. Per il conseguimento della Laurea in Matematica occorre acquisire almeno 180 crediti formativi
universitari (CFU), attraverso il superamento di esami di profitto, della prova per la conoscenza di una lingua
straniera, e di una prova finale. Il numero massimo di esami non deve essere, in ogni caso, maggiore di 20. Tale titolo
consente laccesso ad attivit formative di livello superiore, tipicamente la Laurea Magistrale.
Obiettivi formativi specifici e descrizione del percorso formativo
Coerentemente con il quadro degli obiettivi qualificanti della Classe, il Corso di Laurea in Matematica ha quattro
obiettivi formativi specifici:
1 - insegnare i fondamenti dellAnalisi, dellAlgebra, della Geometria e della Probabilit;
2 - insegnare le basi delle scienze sperimentali e la loro formalizzazione matematica;
3 - insegnare come si analizza un problema concreto, a partire dalla costruzione di un modello matematico fino alla
sua risoluzione con i metodi tipici dell'analisi e in particolare dell'analisi numerica;
4 - fornire una conoscenza di base dei principali strumenti informatici, duso nelle scienze matematiche.
In termini di risultati di apprendimento, ci si aspetta che al termine degli studi uno studente di Matematica:
1 - abbia acquisito una buona padronanza del linguaggio e delle tecniche della Matematica, e pi in generale del
metodo scientifico;
2 - sappia applicare il metodo scientifico allanalisi di problemi teorici e pratici;
3 - sia in grado di collaborare con gruppi di lavoro in cui sia richiesto un significativo grado di conoscenze tecnicoscientifiche;
4 - sappia spiegare con chiarezza ed esporre con concisione i risultati matematici della propria attivit;
5 - abbia familiarit con i principali strumenti informatici.
In termini pi dettagliati, espressi tramite i cosiddetti Descrittori europei del titolo di studio (DM 16/03/2007, art. 3,
comma 7), i risultati di apprendimento attesi e le modalit di conseguimento e verifica degli stessi, sono i seguenti:
Conoscenza e capacit di comprensione
I laureati in Matematica:
1 - conoscono i fondamenti dell'Analisi (calcolo differenziale e integrale in una e pi variabili), dell'Algebra (algebra
lineare, strutture algebriche fondamentali), della Geometria (topologia, geometria di curve e superfici) e del Calcolo
delle Probabilit;
2 - posseggono inoltre conoscenze di base sulle Equazioni Differenziali e Analisi Complessa;
6

3 - hanno una conoscenza adeguata dei metodi fondamentali del Calcolo Numerico;
4 - conoscono e comprendono le applicazioni di base della Matematica alla Fisica e all'Informatica;
5 - hanno adeguate competenze computazionali e informatiche, inclusi linguaggi di programmazione e software
specifici;
6 - sono in grado di leggere e comprendere testi anche avanzati di Matematica, e di consultare articoli di ricerca in
Matematica.
Le capacit sopra delineate sono conseguite attraverso la frequenza a corsi di lezioni ed esercitazioni, e verificate
mediante prove d'esame scritte e/o orali. Sono anche previste attivit continuative di tutorato, nonch specifiche
attivit di laboratorio per sviluppare le conoscenze di calcolo numerico, simbolico, e di programmazione.
Capacit di applicare conoscenza e comprensione
I laureati in Matematica:
1 - sono in grado di produrre dimostrazioni rigorose di risultati matematici non identici a quelli gia' conosciuti ma
chiaramente correlati a essi;
2 - sono in grado di risolvere problemi di moderata difficolta' in diversi campi della matematica;
3 - sono in grado di formalizzare matematicamente problemi di moderata difficolta' formulati nel linguaggio naturale,
e di trarre profitto da questa formulazione per chiarirli o risolverli;
4 - sono in grado di estrarre informazioni qualitative da dati quantitativi;
5 - sono in grado di utilizzare strumenti informatici e computazionali come supporto ai processi matematici, e per
acquisire ulteriori informazioni.
La capacit di applicare le conoscenze acquisite conseguita durante lo svolgimento delle esercitazioni e dei
laboratori, e verificata in tali sedi richiedendo allo studente di risolvere problemi e questioni concrete,
opportunamente graduati nel corso degli studi.
Autonomia di giudizio
I laureati in Matematica:
1 - sono in grado di costruire e sviluppare argomentazioni logiche con una chiara identificazione di assunti e
conclusioni;
2 - sono in grado di riconoscere dimostrazioni corrette, e di individuare ragionamenti fallaci;
3 - sono in grado di proporre e analizzare modelli matematici associati a situazioni concrete derivanti da altre
discipline, e di usare tali modelli per facilitare lo studio della situazione originale;
4 - hanno esperienza di lavoro di gruppo pur essendo dotati di buona autonomia.
I metodi didattici adottati fin dai primi corsi mirano ad addestrare gli studenti allo sviluppo precoce di abilit logiche
e critiche, che permettano il riconoscimento di ragionamenti fallaci, la conquista del rigore dimostrativo e della
precisione del linguaggio, e un uso appropriato del metodo assiomatico. Queste capacit sono monitorate
costantemente nel corso degli studi, e verificate attraverso seminari, compiti o progetti individuali, atti a valutare il
contributo personale dello studente.
Abilit comunicative
I laureati in Matematica:
1 - sono in grado di comunicare problemi, idee e soluzioni riguardanti la Matematica, sia proprie sia di altri autori, a
un pubblico specializzato o generico, nella propria lingua e in inglese, sia in forma scritta che orale;
2 - sono in grado di dialogare con esperti di altri settori, riconoscendo la possibilita' di formalizzare matematicamente
situazioni di interesse applicativo, industriale o finanziario e formulando gli adeguati modelli matematici a supporto
di attivit in svariati ambiti.
Queste capacit sono verificate in concreto attraverso esposizioni da parte dello studente di temi proposti dai docenti,
nonch durante la partecipazione a seminari o stages.
Capacit di apprendimento
I laureati in Matematica:
1 - sono in grado di proseguire gli studi, sia in Matematica che in altre discipline, con un alto grado di autonomia;
2 - hanno una mentalit flessibile e sono in grado di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro, adattandosi
facilmente a nuove problematiche.
7

La verifica di queste capacit (con particolare attenzione allabilit di integrare nuove conoscenze con quelle
precedentemente acquisite, e di valutarle criticamente) risulter dal bilancio globale delle verifiche precedenti, e
culminer nella valutazione dei risultati raggiunti nella compilazione della tesi relativa alla prova finale.
Profili professionali e sbocchi occupazionali
I laureati in Matematica avranno un profilo professionale atto a svolgere attivit lavorative nel campo della diffusione
della cultura scientifica, nonch del supporto modellistico-matematico e computazionale ad attivit dellindustria,
della finanza e dei servizi, e nella pubblica amministrazione. In tal senso gli sbocchi professionali previsti sono quelli
corrispondenti ai codici ISTAT che definiscono le professioni di matematico, statistico e professioni correlate (Codici
ISTAT 2.1.1.3.1).
Norme relative all' accesso
Sono richieste le conoscenze generalmente impartite nella scuola media superiore, con particolare
riferimento all'algebra e alla geometria elementari. Il Regolamento Didattico del Corso di Studio determina
le modalit di verifica. Si consiglia di consultare anche il Syllabus predisposto dall' Unione Matematica
Italiana.

Modalit di ammissione
Da un punto di vista curricolare, sono richieste le conoscenze generalmente impartite nella scuola media
superiore, con particolare riferimento all'algebra e alla geometria elementari. d'altronde auspicabile che
coloro che intendano iscriversi al corso di Laurea in Matematica abbiano una certa attitudine al
ragionamento scientifico, un interesse intellettuale per discipline che presuppongano atteggiamenti critici,
e un gusto per l'astrazione non disgiunto da quello della modellizzazione rivolta alla soluzione di problemi
concreti.
Per potersi immatricolare, gli studenti devono sostenere una prova di ingresso per la verifica delle
conoscenze scientifiche di base, che consiste in domande a risposta multipla di carattere logico matematico e sar effettuata nelle date che saranno pubblicate alla pagina web www.scienze.unimib.it.
Tale prova finalizzata a favorire l'inserimento nel percorso didattico e permetter di organizzare
specifiche attivit di supporto da offrire alle matricole per le quali si evidenziassero eventuali carenze.
L'iscrizione al Corso di Laurea in Matematica consentita ma sconsigliata a coloro le cui carenze
persistano anche dopo lo svolgimento di queste attivit.
Gli iscritti che, non avendo superato la prova di valutazione delle conoscenze di base, non superassero
neanche l'esame di Analisi Matematica I previsto al primo anno del presente Regolamento, non potranno
sostenere alcun esame degli anni successivi.
N.B. Per le procedure e i termini di scadenza di Ateneo relativamente alle immatricolazioni / iscrizioni,
trasferimenti, presentazione dei Piani di studio si consulti il sito web www.unimib.it
Oltre all'iscrizione annuale (tempo pieno), lo studente potr effettuare una iscrizione a crediti (CFU)
optando per un impegno a tempo parziale, con le modalit definite nell'art. 9 del Regolamento degli
studenti disponibile alla pagina
http://www.unimib.it/go/45702/Home/Italiano/Ateneo/Regolamenti/Regolamento-degli-Studenti
Organizzazione del Corso di Laurea
Le attivit formative sono suddivise in attivit formative di base, attivit formative caratterizzanti, attivit
affini o integrative.

Le modalit e gli strumenti didattici sopra descritti sono posti in essere realizzando i percorsi formativi
delineati in questa sezione del Regolamento.
Le attivit didattiche sono organizzate in insegnamenti. Gli insegnamenti prevedono, secondo i casi, una o
pi delle seguenti attivit:
1 - lezioni frontali in aula, eventualmente coadiuvate da strumenti audiovisivi multimediali,
2 - esercitazioni in aula,
3 - attivit di laboratorio,
4 - attivit individuali assistite,
5 - tirocini individuali o di gruppo presso strutture esterne.
Lacquisizione delle competenze da parte degli studenti durante il corso di studi viene valutata in crediti
formativi universitari (CFU). I crediti formativi corrispondono alle attivit di apprendimento dello studente,
comprensive delle attivit formative attuate dal Corso di Laurea e dellimpegno riservato allo studio
personale o ad altre attivit formative di tipo individuale. Un cfu corrisponde a 25 ore di lavoro complessivo,
distribuite tra ore di lezione frontale, esercitazioni e attivit di laboratorio, studio individuale, ed eventuali
attivit di stage.
Per i corsi valgono le seguenti corrispondenze:
1 cfu di attivit didattica frontale: 8 ore
1 cfu di esercitazione in aula: 12 ore
1 cfu di laboratorio: 12 ore.

Gli insegnamenti sono:

E3501Q001 - ANALISI MATEMATICA I


E3501Q051 - ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA
E3501Q003 - ALGEBRA I
E3501Q004 - GEOMETRIA I
E3501Q008 - ANALISI MATEMATICA II
E3501Q053 - TEORIA DELLA MISURA
E3501Q010 - ALGEBRA II
E3501Q011 - GEOMETRIA II
E3501Q012 - SISTEMI DINAMICI E MECCANICA CLASSICA
E3501Q064 - CALCOLO NUMERICO
E3501Q014 - CALCOLO DELLE PROBABILITA
E3501Q065 - FISICA I
E3501Q066 - LABORATORIO DI MATEMATICA E INFORMATICA
E3501Q067 - ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE
9

E3501Q023 - FISICA II
E3501Q054 - ALGEBRA III
E3501Q055 - GEOMETRIA III
E3501Q056 - ANALISI III
E3501Q057 - ANALISI COMPLESSA
E3501Q062 - STATISTICA MATEMATICA
E3501Q059 - FISICA MATEMATICA
E3501Q058 - ANALISI NUMERICA

Nel PRIMO ANNO di corso lo studente, deve obbligatoriamente seguire i seguenti insegnamenti:
_______________________________________________________________________________

Codice - Insegnamenti obbligatori CFU Settore - ambito

E3501Q001 - ANALISI MATEMATICA I - 12 CFU- MAT/05 - base


E3501Q051 - ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA 8 CFU - MAT/03 - base
E3501Q003 - ALGEBRA I 8 CFU - MAT/02 - base
E3501Q004 - GEOMETRIA I 8 CFU - MAT/03 - base
E3501Q065 - FISICA I 12 CFU - FIS/01 - base
E3501Q066 - LABORATORIO DI MATEMATICA E INFORMATICA 6 CFU INF/01 - base
PROVA DI LINGUA STRANIERA 3 CFU

per un totale di 57 CFU


_______________________________________________________________________________

Nel SECONDO ANNO di corso, lo studente deve obbligatoriamente seguire i seguenti insegnamenti:

Codice - Insegnamenti obbligatori CFU Settore - ambito

E3501Q008 - ANALISI MATEMATICA II - 12 CFU - MAT/05 - caratterizzante


E3501Q053 - TEORIA DELLA MISURA 4 CFU - MAT/05 - affine e integrativo
E3501Q010 - ALGEBRA II - 8 CFU - MAT/02 - caratterizzante
E3501Q011 - GEOMETRIA II - 8 CFU - MAT/03 - caratterizzante
10

E3501Q012 - SISTEMI DINAMICI E MECCANICA CLASSICA 12 CFU - MAT/07 - caratterizzante


E3501Q064 - CALCOLO NUMERICO - 12 CFU - MAT/08 - caratterizzante
E3501Q067- ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE - 6 CFU - INF/01 - affine e integrativo

per un totale di 62 CFU


_______________________________________________________________________________

Nel TERZO ANNO di corso, lo studente deve obbligatoriamente seguire i seguenti insegnamenti:

Codice - Insegnamenti obbligatori CFU Settore - ambito

E3501Q014 - CALCOLO DELLE PROBABILITA - 12 CFU - MAT/06 - caratterizzante


E3501Q023 - FISICA II - 8 CFU - FIS/01 - affine e integrativo

3 INSEGNAMENTI per un totale di 18 CFU tra quelli attivati nella tabella A, di cui
2 insegnamenti caratterizzanti nei SSD: MAT/02-MAT/03-MAT/05;
1 insegnamento caratterizzante nei SSD: MAT/06-MAT/07-MAT/08.

CORSI A SCELTA per un totale di 18 CFU dalla tabella A o altri corsi offerti nellAteneo.

ELABORAZIONE DI TESTI MATEMATICI (ICT) - 1 CFU.


PROVA FINALE 4 CFU.

per un totale di 61 CFU.


_______________________________________________________________________________

Tabella A:

Codice - Insegnamenti obbligatori a scelta multipla CFU Settore - ambito

E3501Q054 - ALGEBRA III - 6 CFU - MAT/02 - caratterizzante


E3501Q055 - GEOMETRIA III - 6 CFU - MAT/03 - caratterizzante
11

E3501Q056 - ANALISI III - 6 CFU - MAT/05 - caratterizzante


E3501Q057 - ANALISI COMPLESSA - 6 CFU - MAT/05 - caratterizzante
E3501Q062 - STATISTICA MATEMATICA 6 CFU - MAT/06 - caratterizzante
E3501Q059 - FISICA MATEMATICA - 6 CFU - MAT/07 - caratterizzante
E3501Q058 - ANALISI NUMERICA - 6 CFU - MAT/08 - caratterizzante
_______________________________________________________________________________

Attivit formative a scelta dello studente

Lo studente potr scegliere i CFU relativi alle attivit formative a scelta (corsi a scelta) tra tutti
gli insegnamenti attivati nei differenti Corsi di Laurea triennale dellAteneo o di altri Atenei.
I corsi a scelta sono parte integrante del Piano di studio e devono quindi essere sottoposti all
approvazione dal Consiglio di Coordinamento Didattico al fine di verificarne la coerenza con il
progetto formativo.

Prova di lingua straniera


Lo studente tenuto a superare una prova di lingua straniera, cui corrisponde lacquisizione di
3 CFU. In conformit con la delibera del Senato Accademico del 3 luglio 2006, i crediti previsti
per la lingua straniera devono essere acquisiti prima di sostenere gli esami del secondo e del
terzo anno. Ai sensi della legge vigente, la lingua straniera pu essere scelta dallo studente fra
le lingue ufficiali della Comunit Europea. Si consiglia peraltro vivamente la scelta della lingua
inglese, che oggi la lingua franca di uso comune nelle discipline scientifiche, e la cui
conoscenza considerata generalmente necessaria ai fini degli sbocchi professionali di un
laureato in Matematica.

Tirocini formativi e stage

Forme didattiche
Le modalit e gli strumenti didattici sopra descritti sono posti in essere realizzando i percorsi
formativi delineati in questa sezione del Regolamento.
Le attivit didattiche sono organizzate in insegnamenti. Gli insegnamenti prevedono, secondo i
casi, una o pi delle seguenti attivit:
12

1 - lezioni frontali in aula, eventualmente coadiuvate da strumenti audiovisivi multimediali,


2 - esercitazioni in aula,
3 - attivit di laboratorio,
4 - attivit individuali assistite,
5 - tirocini individuali o di gruppo presso strutture esterne.

Modalit di verifica del profitto


Lacquisizione delle competenze da parte degli studenti durante il corso di studi viene valutata
in crediti formativi universitari (CFU). I crediti formativi corrispondono alle attivit di
apprendimento dello studente, comprensive delle attivit formative attuate dal Corso di Laurea
e dellimpegno riservato allo studio personale o ad altre attivit formative di tipo individuale.

Frequenza
La frequenza non obbligatoria.

Piani di studio
Il Piano di studio linsieme delle attivit formative obbligatorie, delle attivit previste come
opzionali e delle attivit formative scelte autonomamente dallo studente in coerenza con il
Regolamento Didattico del Corso di Studio.
Allo studente viene automaticamente attribuito un Piano di studio allatto delliscrizione al
primo anno, che costituisce il Piano di studio statutario. Successivamente lo studente deve
presentare un proprio Piano di studio con lindicazione delle attivit opzionali e di quelle a
scelta.
Le modalit e le scadenze di presentazione del piano sono definite dallAteneo.
Il diritto dello studente di sostenere prove di verifica relative a una attivit formativa
subordinato alla presenza dellattivit stessa nellultimo Piano di studio approvato.
I Piani di studio sono approvati secondo le modalit seguenti. I Piani di studio compilati in
osservanza delle norme descritte precedentemente saranno automaticamente approvati dalla
Commissione Piani di Studio del Consiglio di Coordinamento Didattico. La Commissione potr
prendere in considerazione anche Piani di studio compilati in deroga alle norme precedenti, ma
sempre conformi allOrdinamento del Corso di Laurea, quando siano motivati da esigenze di
carattere eccezionale avanzate dallo studente. In questo caso, la Commissione valuter il Piano
di studio presentato e lo sottoporr allapprovazione del Consiglio di Coordinamento Didattico,
13

a cui spetter la decisione di accettare o rifiutare il Piano di studio in deroga.


Per quanto non previsto, si rinvia al Regolamento dAteneo per gli Studenti.

Propedeuticit e sbarramenti
Non si fissano propedeuticit rigide; tuttavia per le discipline sviluppate in pi esami nell'arco di due o tre
anni del Corso di Laurea, le propedeuticit ragionevoli e fortemente consigliate sono dettate dalla
sequenzialit degli insegnamenti.

Scansione delle attivit formative e appelli d'esame


Le attivit formative sono organizzate in modo da equilibrare la frequenza alle lezioni, esercitazioni,
laboratori, nellarco temporale tra Ottobre e Giugno. Gli esami di profitto sono
previsti nei periodi di sospensione delle lezioni e sono in numero non inferiore a quanto
stabilito dal vigente Regolamento Didattico di Ateneo.
Gli insegnamenti possono prevedere verifiche intermedie che sono parte integrante dell'esame
finale. Gli esami di profitto possono essere orali e/o scritti, la valutazione finale prevede
comunque un colloquio.

Prova finale
La prova finale consiste nella presentazione e discussione orale di una relazione scritta sull'attivit svolta dallo
studente, sotto la supervisione di un docente tutore.
Fa parte integrante della prova finale lavvenuta acquisizione delle ulteriori abilit informatiche ad essa correlate.
Modalit di svolgimento della prova finale
Sono previste due modalit alternative:
1 - attivit di studio e approfondimento di problematiche matematiche e/o di aspetti applicativi della Matematica;
2 - stage o tirocinio presso societ, aziende, centri di ricerca, enti che adoperino competenze modellistiche, o
numerico-computazionali o statistiche, o comunque competenze matematiche.
Riconoscimento CFU e modalit di trasferimento
Trasferimento da altro Ateneo.
In caso di trasferimento da altro Ateneo, allinterno della stessa classe o altre classi, lo studente pu chiedere il
riconoscimento di crediti formativi acquisiti nel precedente Corso di Studio. Il riconoscimento viene effettuato da una
apposita commissione, nominata dal Consiglio di Coordinamento Didattico, sulla base della conformit fra i
contenuti del corso di provenienza e quelli del corso a cui si vuole accedere.
E ammesso il riconoscimento parziale di un insegnamento.
Riconoscimento cfu da attivit professionali
Il numero massimo di crediti formativi universitari riconoscibili per attivit professionali certificate individualmente
ai sensi della normativa vigente (Nota 1063 del 29/04/2011) fissato in 12 CFU complessivamente tra corsi di I
livello e di II livello (Laurea e Laurea Magistrale).
Attivit di ricerca a supporto delle attivit formative che caratterizzano il profilo del corso di studio
Le attivit formative in cui si articola possono essere collegate alle attivit di ricerca sviluppate dai docenti coinvolti,
al fine di fornire conoscenze e prospettive che rispondano alle attese degli studenti e del mercato del lavoro. Le
14

indicazioni relative a tali attivit di ricerca sono reperibili sul sito del Dipartimento di Matematica e Applicazioni:
http://www.matapp.unimib.it
Alcune tematiche di ricerca del Dipartimento
Algebra: Gruppi e algebre di Lie. Teoria dei gruppi. Crittografia. Combinatorica.
Geometria: Geometria algebrica. Geometria complessa. Topologia. Sistemi dinamici.
Analisi: Analisi armonica in spazi euclidei, variet differenziali, strutture discrete. Calcolo funzionale per operatori
differenziali su gruppi di Lie. Analisi non lineare ed equazioni differenziali. Sistemi di leggi di conservazione
iperbolici. Topologia.
Probabilit: Equazioni differenziali stocastiche. Controllo stocastico. Sistemi di particelle interagenti. Passeggiate
aleatorie.
Fisica Matematica: Geometria dei sistemi integrabili. Fluidodinamica. Meccanica quantistica. Teoria dei campi.
Analisi numerica: Approssimazione di equazioni differenziali. Algebra lineare numerica. Modellazione geometrica e
grafica computazionale. Analisi armonica numerica.
Metodi matematici: Ottimizzazione. Problemi di equilibrio. Dinamiche caotiche. Teoria dei giochi.
Convessit. Finanza matematica.
Comunicazione e didattica della matematica.
Docenti del corso di studio
I docenti di riferimento del corso di studio sono:
BRIVIO

Sonia

MAT/03

CARAVENNA

Francesco

MAT/06

DI MARTINO

Lino

MAT/02

FERRARIO

Davide Luigi

MAT/03

KUHN

Maria Gabriella MAT/05

LEVI

Sandro

MAT/05

MEDA

Stefano

MAT/05

NOJA

Diego Davide

MAT/07

PAOLETTI

Roberto

MAT/03

ROMANI

Lucia

MAT/08

RUSSO

Alessandro

MAT/08

SOARDI

Paolo Maurizio MAT/05

TABLINO POSSO Cristina

MAT/08

WEIGEL

MAT/02

Thomas Stefan

Altre informazioni
Sede del Corso: Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Coordinatore del Corso: Prof.ssa Francesca Dalla Volta
Segreteria didattica
Tel. 02 6448 5758 email: segreteria-matematica@unimib.it, Ricevimento studenti: luned: ore 14,00-16,00
Indirizzo internet del corso di laurea: http://www.matapp.unimib.it
Sono possibili variazioni non sostanziali al presente Regolamento Didattico. In particolare, per gli insegnamenti
indicati come a scelta, l'attivazione sar subordinata al numero degli studenti iscritti.
15

INSEGNAMENTI
ALGEBRA I
ALGEBRA II
ALGEBRA III
ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA
ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE
ANALISI COMPLESSA
ANALISI MATEMATICA I
ANALISI MATEMATICA II
ANALISI III
ANALISI NUMERICA
CALCOLO DELLE PROBABILITA'
CALCOLO NUMERICO
FISICA I
FISICA II
FISICA MATEMATICA
GEOMETRIA I
GEOMETRIA II
GEOMETRIA III
LABORATORIO DI MATEMATICA E INFORMATICA
SISTEMI DINAMICI E MECCANICA CLASSICA
STATISTICA MATEMATICA
TEORIA DELLA MISURA

16

ALGEBRA I (2016/2017)
Docente: Prof. Lino Di Martino
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/02
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 6 cfu
Esercitazioni: 2 cfu
Introduzione al corso:
Obiettivo del corso introdurre gli studenti ad alcuni degli oggetti e dei metodi dell'algebra. Si studieranno le
propriet di strutture algebriche fondamentali, con enfasi su gruppi, anelli e campi.
Conoscenze richieste:
Nozioni standard di matematica generale impartite nella scuola secondaria.
Programma:
1) Insiemi, relazioni, operazioni: assioma della scelta; relazioni d'ordine (Lemma di Zorn); relazioni d'equivalenza;
teorema di omomorfismo per gli insiemi; congruenze.
2) Aritmetica dell'insieme Z degli interi relativi. Aritmetica modulare.
3) Elementi di teoria dei gruppi: sottogruppi, sottogruppo generato da un sottoinsieme; gruppi ciclici; laterali di un
sottogruppo, teorema di Lagrange; congruenze in un gruppo; sottogruppi normali; orfismi di gruppo e gruppi
quoziente; teoremi fondamentali sui orfismi;automorfismi; prodotti diretti e semidiretti; gruppo simmetrico e gruppo
alterno, gruppi di permutazioni; azioni di gruppo (G-insiemi): rappresentazione regolare, azioni per coniugio, orbite
di un'azione di gruppo (equazione delle orbite, esempi); i teoremi di Sylow.
4) Elementi di teoria degli anelli: domini, corpi, campi; morfismi di anello: ideali, anelli quoziente, teoria elementare
dei morfismi.; teorema cinese dei resti; divisibilit in un dominio; immersione di un dominio in un campo; ideali
primi e ideali massimali; domini euclidei, domini a ideali principali; domini a fattorizzazione unica; interi di Gauss.
5) Algebre polinomiali: polinomi in una variabile su un campo: decomposizione di un polinomio in fattori
irriducibili, radici di un polinomio. Test di irriducibili. Costruzione di campi mediante polinomi irriducibili.
Testi:
S. Bosch, Algebra, Springer, 2003.
Jacobson, Basic Algebra I, Freeman & Co, 1985
Modalit d'esame:
Esame scritto e orale
Note:
Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono
dello studio, la sede universitaria o di lavoro, lorario di ricevimento studenti e lindirizzo e-mail.

17

ALGEBRA II (2016/2017)
Docente: Prof. Thomas S. Weigel
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/02
Anno: II
Semestre: I
Lezioni: 6 cfu
Esercitazioni: 2 cfu
Introduzione al corso:
Il corso: a) sulla base delle conoscenze sviluppate nel corso di Algebra I, approfondir alcuni argomenti di teoria
degli anelli e di teoria dei campi; b) illustrer la teoria dei moduli finitamente generati su domini a ideali principali,
con applicazioni ai gruppi abeliani e allalgebra lineare.
Conoscenze richieste:
I contenuti dei corsi Algebra lineare e Geometria e Algebra I
Programma:
Complementi di teoria degli anelli: Estensioni polinomiali. Polinomi in pi variabili. Domini noetheriani. Teorema
della base di Hilbert.
Estensioni di anelli e campi: Estensioni algebriche e trascendenti. Campo di spezzamento di un polinomio. Campi
finiti.
Moduli su un anello e algebra lineare. Moduli liberi: basi, rango, propriet universale. Torsione. Moduli su domini a
ideali principali: moduli finitamente generati; equivalenza di matrici e riduzione a forma normale. Teorema di
struttura per i moduli finitamente generati. Moduli di torsione e decomposizione primaria. Fattori invarianti, divisori
elementari. Applicazioni ai gruppi abeliani e alle matrici: Teorema di struttura per i gruppi abeliani finitamente
generati. Forme canoniche per le matrici: matrici companion, forma canonica razionale, forma canonica di Jordan.
Testi di riferimento:
S. Bosch, Algebra, Springer-Verlag, 2003.
B. Hartley & T. Hawkes. Rings, modules and linear algebra, Chapman & Hall 1970
N. Jacobson, Basic Algebra I, Freeman & Co, 1985.
Modalit d'esame:
Esame scritto e orale
Note: Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di
telefono dello studio, la sede universitaria o di lavoro, lorario di ricevimento studenti e lindirizzo e-mail.

18

ALGEBRA III (2016/2017)


Docente: Prof. Andrea Previtali
Cfu: 6
Settore disciplinare: MAT/02
Anno: III
Semestre: I
Lezioni: 6 cfu
Introduzione al corso:
Un soggetto centrale della teoria di campi lo studio delle estensioni finiti di un campo, in particolare, le estensioni
di Galois. Lo scopo del corso sar di introdurre i concetti necessari per formulare il Teorema Fondamentale della
Teoria di Galois e di analizzare le sue conseguenze. Nel tempo di E. Galois tanti matematici lavorano ancora sui
problemi formulati dei matematici greci nella antichit. Un problema di questo tipi era la trisezzione di un angolo con
compasso e riga. Con la teoria di Galois si dimostra facilmente che questo non e' possibile.
Conoscenze richieste:
Algebra I e II
Programma:
Estensioni finiti di campi, la chiusura algebrica, campi di spezzamento, estensioni normali e separabili, estensioni di
Galois, il gruppo di Galois, il Teorema fondamentale della teoria di Galois, estensioni ciclotomici, soluzioni delle
uguaglianze algebriche, costruzioni con riga e compasso.
Testi:
M. Artin, Algebra, Bollati Boringhieri, 1997.
S. Bosch: Algebra, Springer-Verlag, 2003.
Modalit d'esame:
Esame orale
Note:
Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono
dello studio, la sede universitaria o di lavoro, lorario di ricevimento studenti e lindirizzo e-mail.

19

ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA (2016/2017)


Docenti: Prof.ssa Francesca Dalla Volta (turno A-L); Prof. Alessandro Ghigi (turno M-Z)
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/03
Anno: I
Semestre: I
Lezioni: 6 cfu
Esercitazioni: 2 cfu
Introduzione al corso:
Contenuti: Spazi vettoriali; applicazioni lineari e sistemi di equazioni lineari.
Geometria Affine: sottospazi affini e loro rappresentazioni cartesiane e parametriche.
Matrici e determinanti. Autovalori, autovettori e diagonalizzazione di endomorfismi
Prodotti scalari. Teorema spettrale. Teorema di Sylvester
Prerequisiti:
Una buona conoscenza della matematica della scuola superiore.
Programma:
Calcolo matriciale.
Sistemi di equazioni lineari.
Sottospazi affini di Rn e loro rappresentazioni cartesiane e parametriche. Distanza e perpendicolarit in R n.
Spazi vettoriali.
Applicazioni lineari e matrice associata.
Determinante.
Autovalori, autovettori, polinomio caratteristico, diagonalizzabilit, Teorema di Hamilton-Cayley
Prodotti scalari e hermitiani; teorema di Sylvester.
Operatori autoaggiunti, ortogonali, unitari.
Teorema spettrale.
Testi di riferimento:
S. Lang, Algebra Lineare, ed. italiana, Boringhieri, 1970.
Ulteriori testi consigliati:
M. Abate, Geometria, McGraw Hill, 2002.
F. Dalla Volta, M. Rigoli, Elementi di Matematica discreta e di Algebra lineare, Pearson Education, 2007.
Modalit desame:
Esame scritto e orale
Valutazione dellesame:
Voto in trentesimi 18-30/30

20

ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE (2016/2017)


Docente: Prof. Daniela Micucci
Cfu: 4
Settore disciplinare: INF/01
Anno: II
Semestre: I
Lezioni: 3 cfu
Laboratorio: 1 cfu
Introduzione al corso:
Il corso si prefigge lobiettivo di insegnare la programmazione ad oggetti e cenni di progettazione del software. Alla
fine del corso lo studente dovr essere in grado di modellare un problema secondo il paradigma a oggetti e di tradurlo
in un programma scritto in un linguaggio object-oriented. Il linguaggio di riferimento Java.
Conoscenze richieste:
Programmazione strutturata.
Programma:
- Introduzione ai concetti fondamentali del paradigma a oggetti (incapsulamento, ereditariet, polimorfismo) e al
linguaggio UML (Unified Modeling Language).
- Cenni al ciclo di vita del software.
- Java come linguaggio e come piattaforma.
- Il paradigma a oggetti base nel contesto Java: classi e oggetti, attributi e metodi.
- Il paradigma a oggetti avanzato nel contesto Java: ereditariet e polimorfismo.
- Cenni ai principali package.
Testi:
Programmazione con Java, Walter Savitch 2 Edizione italiana, Pearson Italia
Modalit d'esame:
Esame scritto

21

ANALISI COMPLESSA (2016/2017)


Docente: Prof. Stefano Meda
Cfu: 6
Settore disciplinare: MAT/05
Anno: III
Semestre: II
Lezioni: 6 cfu
Introduzione al corso
Contenuti: funzioni olomorfe in una variabile. Teoremi fondamentali, funzioni meromorfe, funzioni intere, mappe
conformi.
Prerequisiti:
I contenuti dei corsi di Analisi I, Analisi II e Algebra lineare.
Programma:
Funzioni olomorfe. Serie di potenze. Integrali lungo curve.
Il teorema di Goursat. Esistenza locale di primitive e il teorema di Cauchy in un disco. Applicazione al calcolo di
integrali. Formula integrale di Cauchy. Applicazioni (teorema di Morera, successioni di funzioni olomorfe, il
principio di riflessione di Scharz, il teorema di approsimazione di Runge).
Zeri e poli. La formula dei residui. Singolarita' e funzioni meromorfe. Il principio dell'argomento e applicazioni.
Omotopie e domini semplicemente connessi. Il logaritmo complesso. Serie di Fourier e funzioni armoniche.
Trasformata di Fourier e teoremi di Paley-Wiener.
Funzioni intere. La formula di Jensen. Prodotti infiniti. Il teorema di fattorizzazione di Hadamard.
Mappe conformi. Equivalenza conforme: esempi. Il lemma di Schwarz e gli automorfismi del disco.
Il teorema della mappa di Riemann.
Testo di riferimento:
E.M. Stein e R. Shakarchi, Complex analysis, Princeton Lectures in Analysis II, Princeton University Press, 2003.
Modalit desame:
Esame scritto e orale
Valutazione dellesame:
Voto in trentesimi 18-30/30

22

ANALISI MATEMATICA I (2016/2017)


Docenti: Prof. Paolo Maurizio Soardi, Prof.ssa Rita Pini
Cfu: 12
Settore disciplinare: MAT/05
Anno: I
Semestre: I-II
Lezioni: 8 cfu
Esercitazioni: 4 cfu
Obiettivi del corso:
Fornire le basi dellAnalisi Matematica moderna
Prerequisiti
Algebra, geometria e trigonometria elementari
Programma:
- Campi numerici ordinati, estremo superiore.
- Numeri razionali numeri reali. Spazi euclidei. Disuguaglianze di Cauchy. Numeri complessi.
- Insiemi e applicazioni tra insiemi. Insiemi infiniti e loro cardinalit: insiemi numerabili, potenza del continuo.
- Spazi metrici. Classificazione dei punti dello spazio rispetto ad un insieme. Insiemi aperti, chiusi, compatti. Insiemi
limitati. Propriet dei compatti. Caratterizzazione dei compatti negli spazi euclidei. Cenni alla connessione.
- Successioni negli spazi metrici. Limiti delle successioni. Sottosuccessioni. Completezza. Successioni a valori reali.
Calcolo dei limiti per successioni a valori reali. Forme di indecisione e limiti notevoli. Cenni alla classe limite.
- Serie numeriche. Convergenza e convergenza assoluta, criterio di Cauchy. Serie a termini positivi, criteri di
convergenza. Criteri di Leibniz. Operazioni aritmetiche per le serie. Convergenza incondizionata.
- Limiti per funzioni in spazi metrici. Propriet dei limiti. Relazione coi limiti successionali. Limiti di funzioni reali e
calcolo dei limiti. Funzioni continue e loro propriet. Continuit e compattezza. Continuit e connessione. Teoremi di
Weierstrass e di Darboux.
- Derivata di funzione reale. Derivata delle funzioni elementari e regole di derivazione. I teoremi fondamentali del
calcolo differenziale (Rolle, Lagrange, De l'Hospital. Ecc.) Derivate di ordine superiore. Formula di Taylor. Massimi
e minimi. Convessit, punti di flesso. Funzioni primitive.
- Integrale di Riemann in un intervallo e sua interpretazione geometrica. Propriet dell'integrale di Riemann. Criteri
di integrabilit.
Integrale definito. Funzione integrale e teorema fondamentale del calcolo. Integrali impropri
Testi di riferimento:
Paolo M. Soardi - Analisi Matematica
Modalit desame:
Esame scritto e orale

23

ANALISI MATEMATICA II (2016/2017)


Docente: Prof.ssa Veronica Felli
Cfu: 12
Settore disciplinare: MAT/05
Anno: II
Semestre: I-II
Lezioni: 8 cfu
Laboratorio: 4 cfu
Introduzione al corso:
Linsegnamento si prefigge come obiettivi lacquisizione e la padronanza dei contenuti del corso (calcolo
differenziale in pi variabili, calcolo integrale in pi variabili, curve, superfici, forme differenziali, successioni e serie
di funzioni, equazioni differenziali ordinarie), la capacit di elaborare i concetti fondamentali del corso in maniera
critica, la capacit di risolvere problemi e di applicare i metodi appresi a contesti diversi.
Conoscenze richieste:
I contenuti dei corsi di matematica del primo anno.
Programma:
- Successioni e serie di funzioni: spazi metrici e normati, teorema delle contrazioni, successioni di Cauchy,
convergenza puntuale ed uniforme di successioni e serie di funzioni, completezza dello spazio delle funzioni
continue con la norma uniforme, passaggio al limite nell'integrazione e derivazione di successioni di funzioni, serie
di potenze, serie di Fourier.
- Calcolo differenziale in pi variabili: derivate direzionali, funzioni differenziabili, differenziabilit di funzioni
composte, derivate successive, formula di Taylor, massimi e minimi di funzioni di pi variabili.
- Calcolo integrale in pi variabili: definizione di integrale secondo Riemann per funzioni di pi variabili,
integrabilit di funzioni continue, riduzione di integrali multipli ad integrali semplici successivi, cambio di variabili,
coordinate polari nel piano e nello spazio, misura di un insieme secondo Peano-Jordan e calcolo di aree e volumi.
- Equazioni differenziali: il problema di Cauchy, riduzione di unequazione di ordine n ad un sistema di n equazioni
del primo ordine, teorema di esistenza ed unicit di soluzioni di equazioni differenziali, equazioni differenziali
lineari, equazioni del primo ordine, a variabili separabili, lineari. Sistemi lineari. Sistemi lineari a coefficienti
costanti, equazioni differenziali lineari di ordine superiore a coefficienti costanti. Prolungabilit delle soluzioni e loro
studio qualitativo.
- Curve, superfici, forme differenziali: curve e superfici regolari, lunghezza di una curva e area di una superficie,
funzioni implicite, massimi e minimi vincolati e moltiplicatori di Lagrange, forme differenziali, forme esatte e
chiuse, formule di Gauss-Green e Stokes.
Testi consigliati:
E. Giusti: Analisi matematica 2, Bollati Boringhieri.
N. Fusco, P. Marcellini, C. Sbordone: Analisi matematica due, Liguori.
G. De Marco: Analisi Due, Zanichelli Decibel.
Modalit d'esame:
Esame scritto e orale

24

ANALISI III (2016/2017)


Docente: Prof. Sandro Levi
Cfu: 6
Settore disciplinare: MAT/05
Anno: III
Semestre: I
Lezioni: 6 cfu
Introduzione al corso:
Il corso presenta un'introduzione all'analisi moderna, fornendo gli strumenti base che serviranno nei successivi corsi
di analisi matematica.
Prerequisiti:
Le conoscenze del primo biennio.
Programma:
Disuguaglianze di Cauchy- Schwarz, Young, Hlder e Minkowski in R n
Equivalenza delle norme in Rn
Definizione di L p ( E ) con E R n e 1 p e completezza
Prodotti scalari e definizione degli spazi di Hilbert
Punti di minima distanza da un convesso, proiezioni
Teorema di Riesz (il duale di uno spazio di Hilbert)
Sottoinsiemi ortogonali e disuguaglianza di Bessel
Ortogonalizzazione di Gram-Schmidt
Dimensione di uno spazio di Hilbert; identit di Parseval
Separabilita' di L 2 per una misura regolare e finita
Completezza del sistema trigonometrico
La trasformata di Fourier un'isometria fra L 2 ( T ) e l 2 ( Z )
Il duale di L p
Condizioni sufficienti di convergenza puntuale delle serie di Fourier (Giusti, Analisi 2, p. 53-66)
Teorema di Baire
Principio di limitatezza uniforme per gli spazi normati
Teorema di Banach-Steinhaus
Non convergenza puntuale delle serie di Fourier in generale
Teoremi dell'applicazione aperta e del grafico chiuso
Testi:
J.B. Conway A course in functional analysis Springer
W. Rudin Real and complex analysis Mc Graw Hill
Modalit didattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni
Modalit desame:
Prova scritta e prova orale.

25

ANALISI NUMERICA (2016/2017)


Docente: Prof. Alessandro Russo
Cfu: 6
Settore disciplinare: MAT/08
Anno: III
Semestre: II
Lezioni: 6 cfu
Contenuti:

Modelli discreti di molle e masse appese; modelli continui dell'elasticit; equazioni di equilibrio;
oscillazioni; equazione del calore; approssimazione dell'equazione del calore con il metodo degli elementi
finiti in una dimensione; metodi numerici per le equazioni differenziali ordinarie.
Obiettivi:

Analizzare vari modelli discreti e continui mettendone in luce la struttura matematica comune; sviluppo di
metodi numerici per la loro approssimazione
Conoscenze richieste:
Corsi del primo biennio
Programma:
MODELLI DISCRETI
molle e masse appese
o equazioni di equilibrio
o principio di minimo dell'energia
oscillazioni
analisi delle oscillazioni con autovettori e autovalori
frequenze proprie
MODELLI CONTINUI
barra elastica appesa
o equazioni di equilibrio
o principio di minimo dell'energia
temperatura
o equazione del calore
o significato fisico delle condizioni al bordo (Dirichlet, Neumann, Robin)
APPROSSIMAZIONE
equazioni ellittiche
o forma differenziale
o forma variazionale
elementi finiti in dimensione uno
equazioni paraboliche
o forma differenziale
o forma variazionale
o semidiscretizzazione spaziale
metodi numerici per le equazioni differenziali ordinarie
Testi:
Strang G., Introduction to Applied Mathematics, Wellesley-Cambridge Press (1986)
Modalit didattiche:
Lezioni frontali;
Modalit d'esame:
Esame orale
Note:
Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono
dello studio, la sede universitaria o di lavoro, lorario di ricevimento studenti e lindirizzo e-mail.
26

CALCOLO DELLE PROBABILIT (2016/2017)


Docente: Prof. Francesco Caravenna
Cfu: 12
Settore disciplinare: MAT/06
Anno: III
Semestre: I
Lezioni: 10 cfu
Esercitazioni: 2 cfu
Introduzione al corso:
Lo scopo del corso di fornire gli strumenti e i concetti di base del calcolo delle probabilit, illustrandone alcune
applicazioni.
Conoscenze richieste:
I corsi dei primi due anni (in particolare quelli di analisi e algebra lineare).
Programma:
Spazi di probabilit. Probabilit condizionale e indipendenza di eventi.
Variabili aleatorie, indipendenza, valore medio. Distribuzioni notevoli.
Esempi rilevanti di modelli probabilistici.
Convergenza di successioni di variabili aleatorie.
Teoremi limite: legge dei grandi numeri, teorema limite centrale.
Catene di Markov.
Testi:
F. Caravenna, P. Dai Pra, Probabilit. Un'introduzione attraverso modelli e applicazioni, Springer-Verlag Italia,
Milano (2013).
D. Williams, Probability with Martingales, Cambridge University Press (1991).
Modalit d'esame:
Scritto e orale.
Note:
Si veda il sito http://www.matapp.unimib.it/~fcaraven/did.html

27

CALCOLO NUMERICO (2016/2017)


Docente: Prof.ssa Lucia Romani
Cfu: 12
Settore disciplinare: MAT/08
Anno: II
Semestre: II
Lezioni: 8 cfu
Esercitazioni: 4 cfu
Obiettivi:
Illustrare i metodi numerici di base per il calcolo scientifico, sviluppando un'adeguata sensibilit e consapevolezza
del loro uso.
Contenuti:
Aritmetica floating point e analisi dell'errore. Condizionamento, stabilit e complessit computazionale. Algebra
lineare numerica. Approssimazione di dati e funzioni. Integrazione e derivazione approssimata. Zeri di funzione.
Equazioni differenziali ordinarie
Prerequisiti:
Conoscenze di base dei primi corsi di Matematica, in particolare Algebra lineare, Analisi I, Analisi II, Laboratorio di
Matematica e Informatica
Programma:
- Aritmetica floating point e analisi dell'errore. Condizionamento, stabilit e complessit computazionale.
- Soluzione di sistemi lineari. Metodi diretti (fattorizzazioni PA=LU, QR e di Cholesky) e metodi iterativi stazionari.
- Autovalori e autovettori di matrici. Metodo delle potenze e varianti.
- Approssimazione di dati e funzioni. Interpolazione polinomiale e con spline. Miglior approssimazione. Polinomi
ortogonali. Approssimazione ai minimi quadrati nel discreto.
- Integrazione e derivazione approssimata. Formule di Newton-Cotes. Formule gaussiane. Formule composte. Metodi
adattivi. Approssimazione delle derivate.
- Zeri di funzione. Metodi di iterazione funzionale. Criteri di arresto.
- Equazioni differenziali ordinarie. Metodi ad un passo e loro analisi. Metodi multipasso lineari. Metodi RungeKutta. Analisi di stabilit lineare. Problemi stiff.
Testi di riferimento:
A. Quarteroni, R. Sacco, F. Saleri, Matematica numerica, Springer-Verlag, 2008.
Per consultazione
R. Bevilacqua, D. Bini, M. Capovani, O. Menchi, Metodi numerici, Zanichelli, 1992.
D. Bini, M. Capovani, O. Menchi, Metodi numerici per l'algebra lineare, Zanichelli, 1988.
Modalit desame:
Esame scritto e orale con discussione degli esercizi assegnati durante il corso.
Valutazione dellesame:
Voto in trentesimi 18-30/30
Altre informazioni:
Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono
dello studio, la sede universitaria o di lavoro, lorario di ricevimento studenti e lindirizzo e-mail.

28

FISICA I (2016/2017)
Docenti: Prof. Tommaso Tabarelli De Fatis, Prof. Marco Paganoni
Cfu: 12
Settore disciplinare: FIS/01
Anno: I
Semestre: I-II
Lezioni: 9 cfu
Esercitazioni: 3 cfu
Obiettivi:
Fornisce le basi della meccanica classica del punto e dei sistemi; introduce i concetti di simmetria, le Leggi di
Conservazione e fornisce le basi della termodinamica.
Prerequisiti:
Nessuno
Programma:
La Misura; Moto in una dimensione; Vettori; Moto in due e tre dimensioni; le Forze e la leggi di Newton; Dinamica
delle particelle; Lavoro ed Energia; Conservazione dellEnergia; Sistemi di particelle; Urti; Cinematica Rotazionale;
Dinamica Rotazionale; Momento Angolare; Equilibrio dei corpi rigidi; Oscillazioni; Gravitazione. Onde; Acustica;
Temperatura; Teoria cinetica dei gas; il Calore ed il I principio della Termodinamica; l'Entropia ed il II principio della
Termodinamica.
Testi di riferimento:
Mazzoldi / Nigro / Voci: Fisica - Vol. 1, Edises
Modalit desame :
Esame scritto
Note:
Per maggiori informazioni si veda la pagina http://fisica.mib.infn.it/pages/it/chi-siamo/persone/who.php?
user=paganoni

29

FISICA II (2016/2017)
Docente: Prof. Alessandro Tomasiello
Cfu: 8
Settore disciplinare: FIS/01
Anno: III
Semestre: I
Lezioni: 6 cfu
Esercitazioni: 2 cfu
Modalit didattica:
Lezione frontale, esercitazioni
Prerequisiti:
Fisica I, Analisi I, Analisi II.
Programma:
- Elettrostatica. Legge di Coulomb; campo e potenziale elettrico. Legge di Gauss. Equazione di Poisson e
Laplaciano. Energia del campo elettrico. Rotore del campo elettrico. Funzioni armoniche. Conduttori.
Condensatori. Calcolo esterno.
- Cariche in moto. Corrente elettrica; legge di Ohm. Circuiti RC.
- Relativit ristretta. Trasformazioni di Lorentz, quadrivettori.
- Magnetostatica. Inevitabilit del campo magnetico; sua divergenza e rotore. Potenziale vettore.
- Induzione magnetica. Circuiti in moto in campo magnetico; legge di Faraday. Induttanza. Energia del
campo magnetico. Circuiti LRC. Applicazioni: linee di alta tensione, radio.
- Equazioni di Maxwell. Correnti dipendenti dal tempo. Onde elettromagnetiche. Vettore di Poynting.
Notazione relativisticamente covariante per il campo elettromagnetico e per le equazioni di Maxwell.
Calcolo esterno e spaziotempo.
- Elementi di ottica. Riflessione e rifrazione. Interferenza, diffrazione. Principio di Huygens.
Testi di riferimento:
- dispense, disponibili a https://dl.dropboxusercontent.com/u/9571828/EM.pdf
- Purcell e Morin, Electricity and magnetism. Cambridge University Press, 2013.
- Griffiths, Introduction to electrodynamics, Prentice Hall, 1999.
Modalit desame :
Esame scritto e orale.

30

FISICA MATEMATICA (2016/2017)


Docente: Prof. Diego Noja
Cfu: 6
Settore disciplinare: MAT/07
Anno: III
Semestre: II
Lezioni: 6 cfu
Introduzione al corso:
Introduzione alle classiche equazioni a derivate parziali della fisica matematica e ai modelli fisici da esse
rappresentati: equazione di Laplace, equazione del calore, equazione delle onde.
Conoscenze richieste:
Fondamenti dellanalisi classica (I & II). Elementi della geometria degli spazi euclidei finito dimensionali.
Programma:
0.Introduzione alle equazioni a derivate parziali: equazione di Laplace, equazione del calore, equazione delle onde. 1.
Deduzione delle equazioni per alcuni modelli fisicamente significativi. 2. Lequazione del calore sulla retta. 3.
Lequazione delle onde sulla retta. 4. Problemi sullintervallo: condizioni al bordo. il metodo di separazione delle
variabili. Propriet di autovalori e autofunzioni del laplaciano unidimensionale sullintervallo. Problema di SturmLiouville. Funzione di Green. 5. Funzioni armoniche. Teoremi della media e del massimo. Formule di
rappresentazione per funzioni armoniche e conseguenze. Problemi al bordo in dimensione superiore per lequazione
di Laplace e di Poisson. Funzioni di Green: generalit e costruzione nel caso del semispazio e della palla. 6. Propriet
variazionali delle soluzioni dei problemi di Dirichlet e Neumann. 7 Autovalori e autovettori del
Laplaciano.8.Trasformata di Fourier. Problema di Cauchy per lequazione del calore nello spazio. 9.Lequazione
delle onde nello spazio. Formula di Kirchhoff e metodo della discesa. Principio di Huygens. Problema inomogeneo.
Spaziotempo e invarianza di Lorentz dellequazione delle onde. 10 Introduzione alla teoria delle distribuzioni.
Derivazione di distribuzioni. Convoluzione di distribuzioni.Trasformata di Fourier di distribuzioni. Soluzioni
fondamentali per il Laplaciano, loperatore del calore e loperatore delle onde.
Testi:
W. Strauss Partial differential equations, Wiley&Sons
S.Salsa Equazioni a derivate parziali Springer Italia
M.Renardy, R.C.Rogers An introduction to partial differential equations, Springer
Modalit didattiche:
Lezioni frontali; esercitazioni
Modalit d'esame:
Esame orale
Note:
Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono
dello studio, la sede universitaria, lindirizzo e-mail; il docente riceve su appuntamento.

31

GEOMETRIA I (2016/2017)
Docente: Prof. Davide Luigi Ferrario
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/03
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 6 cfu
Esercitazioni: 2 cfu
Introduzione al corso:
Il corso fornisce unintroduzione elementare alla geometria e alla topologia. Dalla topologia della retta reale a cenni
sulla geometria degli spazi euclidei, affini e proiettivi.
Gli obiettivi sono adeguate conoscenze nell'area della geometria e topologia elementare, adeguate competenze nel
calcolo e nella formalizzazione di problemi di tipo geometrico e topologico, anche di tipo formale.
Conoscenze richieste:
Continuit e limiti per funzioni reali, algebra lineare e geometria elementare.
Programma:
Spazi metrici e continuit: topologia degli spazi metrici. Chiusura, punti di accumulazione. Spazi topologici. Base di
una topologia. Topologia indotta. Funzioni continue e omeomorfismi. Topologia prodotto. Relazioni di equivalenza.
Spazi di identificazione e topologie quoziente. Spazi di Hausdorff. Compattezza. Compattezza in spazi metrici ed
euclidei. Spazi metrici completi. Spazi connessi e connessi per archi. Esempi di gruppi topologici e di gruppi di
trasformazione. Geometria degli spazi affini. Sottospazi affini, formula di Grassmann. Struttura affine di uno spazio
vettoriale. Mappe affini. Incidenza e parallelismo. Spazi affini euclidei. Gruppo ortogonale. Gruppi di trasformazioni
classici e sottogruppi finiti. Spazi proiettivi. Proiettivit e riferimenti proiettivi, coordinate omogenee.
Completamento proiettivo di uno spazio affine, punti impropri, carte affini su uno spazio proiettivo.
Testi di riferimento:
- Sernesi, Geometria, vol. I-II, Bollati-Boringhieri, 1989, 1994.
- M. Nacinovich, Elementi di geometria analitica, Serie di matematica e fisica, Napoli Liguori Editore, 1996.
Modalit d'esame:
Esame scritto e orale.
Note: Altre informazioni in http://www.matapp.unimib.it/~ferrario/geo1-2016

32

GEOMETRIA II (2016 / 2017)


Docente: Roberto Paoletti
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/03 GEOMETRIA
Anno: II
Semestre: II
Lezioni: 6 cfu
Esercitazioni: 2 cfu
Introduzione al corso:
Il corso si propone di introdurre le tecniche e i concetti pi elementari della topologia algebrica. La filosofia di base
che a ogni spazio topologico si possono associare in modo naturale degli invarianti algebrici o analitici che ne
controllano la struttura globale. Questo principio generale verr esplorato nel contesto pi elementare e accessibile
per gli studenti del II anno, ossia quello gi familiare degli aperti del piano Euclideo; gi in questa cornice si
presentano alcune applicazioni interessanti ed istruttive. Una questione fondamentale che verr considerata la
seguente: se uno spazio X dato dallunione di due aperti Y e Z, come possiamo ricostruire la forma globale di X a
partire da informazioni su quella di Y e Z e sulla loro intersezione? Unaltra questione che motiver la discussione
la seguente: data una mappa continua XA, supposto che X sia un sottospazio topologico di Y esiste unestensione
continua YA? Introdurremo degli invarianti che determinano lesistenza o meno di tale estensione in alcuni casi
specifici, ma interessanti.
Si considereranno due tipi di invarianti: lomologia (costruita a partire da curve continue nellaperto) e la coomologia
(costruita utilizzando le 1-forme differenziali sullaperto stesso). Lenfasi sar sulle applicazioni di interesse generale
delle tecniche e dei concetti introdotti, quali per esempio il Teorema Fondamentale dellAlgebra, problemi di punto
fisso, propriet elementari delle funzioni olomorfe (si useranno essenzialmente funzioni razionali, di immediata
comprensione) come la formula di Cauchy e il principio dellargomento, localizzazione di zeri di funzioni a valori
complessi date informazioni sul comportamento al bordo di un dominio e, analogamente, localizzazione e
descrizione di punti critici di funzioni di Morse reali a partire da informazioni sul gradiente lungo il bordo di un
dominio.
Obiettivi:
Lo scopo essenziale del corso rendere gli studenti consapevoli, attraverso applicazioni e problemi molto elementari
e concreti, che lAlgebra e lAnalisi permettono di associare a ogni spazio topologico degli invarianti intrinseci che
ne descrivono la forma globale e che, viceversa, metodi topologici elementari hanno applicazioni molto concrete e
probabilmente inaspettate allo studio di funzioni su vari tipi di domini.
Conoscenze richieste:
Le nozioni dei corsi del I anno e del I semestre del II anno del corso di Laurea in Matematica, con particolare riferimento ai corsi di Algebra, Analisi e Geometria.

Programma:

1-forme differenziali e integrazioni su cammini;


sollevamento di cammini attraverso la mappa coordinate polari, esistenza e unicit;
esattezza e chiusura di 1-forme differenziali, coomologia di De Rham di un aperto nel piano;
Teorema di Gauss-Green continuo e costanza dellintegrale di 1-forme chiuse in certe classi di omotopia
(deformazioni continue) di cammini;
numeri di avvolgimento: propriet e applicazioni (per esempio: il teorema fondamentale dell'algebra, il teorema del cane al guinzaglio, il teorema del punto fisso di Brower e applicazioni di questultimo quali il teorema di Borsuk-Hulam e il teorema del panino al prosciutto);
grado locale di una funzione su un aperto del piano e grado di una mappa tra cerchi;
33

mappa di cobordo e sue applicazioni: teorema della curva di Jordan;


1- e 2-catene, 1-cicli, 1-bordi, omologia di un aperto nel piano;
Localizzazione di zeri di polinomi complessi e di punti critici di funzioni di Morse reali;
Griglie nel piano e regioni (m+1)-connesse, calcolo della loro omologia e coomologia;
Applicazioni elementari alle funzioni olomorfe;
La mappa di bordo e la sequenza esatta di Mayer-Vietoris per aperti nel piano: esempi e applicazioni;
Rivestimenti topologici: prime propriet ed esempi.

Testi:
W. Fulton, Algebraic Topology, A first course, Springer
Modalit d'esame:
Prova pratica (esercizi) e teorica (definizioni e dimostrazioni).
Note:
Viene offerta la possibilit di sostenere un parziale allincirca a met del corso e un secondo parziale subito dopo il
termine del corso; i parziali saranno una combinazione di teoria e pratica. Chi supera entrambi i parziali ha
completato lesame.

34

GEOMETRIA III (2016/2017)


Docente:
Cfu: 6
Settore disciplinare: MAT/03
Anno: III
Semestre: I
Lezioni: 6 cfu
Introduzione al corso:
Il corso offre una introduzione alla teoria delle variet differenziabili.
Conoscenze richieste:
Topologia generale. Algebra lineare. Calcolo differenziale e integrale per funzioni di pi variabili. Equazioni
differenziali ordinarie.
Programma:
Variet differenziabili astratte: carte, atlanti, spazio tangente, fibrato tangente, calcolo differenziale sulle variet.
Immersioni, sommersioni, sottovariet.
Campi di vettori, flussi, parentesi di Lie.
Forme differenziali, teorema di Stokes.
Coomologia di de Rham.
Testi:
Boothby, An Introduction to Differentialbe Manifolds and Riemannian Geometry, Academic Press;
Warner: Foundations of Differentiable Manifolds and Lie Groups, Springer Verlag.
Modalit d'esame:
Esame scritto e orale.

35

LABORATORIO DI MATEMATICA E INFORMATICA (2016/2017)


Docente: Prof. Fabio Sartori
Cfu: 6
Settore disciplinare: INF/01
Anno: I
Semestre: I
Lezioni: 4 cfu
Laboratorio blended: 2 cfu
Contenuti:
Architettura di Von Neumann. Componenti e funzionalit di un sistema operativo. Cenni alle reti di calcolatori.
Linguaggi di Programmazione. Programmazione strutturata in Java.
Obiettivi:
Scopo di questo insegnamento introdurre le nozioni base inerenti le architettura dei sistemi informatici e di rendere
lo studente in grado di identificare algoritmi risolutivi a semplici problemi e di codificarli in linguaggio di
programmazione Java
Conoscenze richieste:
Nessuna
Programma:
Architettura dei sistemi informatici

Cenni di architettura dei calcolatori e codifica dell'informazione

Cenni di sistemi operativi

Cenni di reti di telecomunicazioni


Programmazione strutturata in Java
o
Gerarchia dei linguaggi di programmazione, compilatori e interpreti
o
La Java Virtual Machine
o
Algoritmi e programmi
o
Tipi di dati primitivi.
o
Strutture di controllo selettive e iterative
o
Array di tipi primitivi
o
Metodi, definizione ed invocazione
o
Ricorsione
Paradigmi di Programmazione
o
Java e SQL
o
Java e Matlab
Testi:
Programmazione con Java, 2^ Edizione, Walter Savitch,Addison Wesley Pearson, 2012
Modalit d'esame:
Esame scritto e orale
Note:
Tutte le informazioni sul corso verranno fornite tramite la piattaforma elearning di ateneo allindirizzo
elearning.unimib.it

36

SISTEMI DINAMICI E MECCANICA CLASSICA (2016/2017)


Docente: Prof. Paolo Lorenzoni
Cfu: 12
Settore disciplinare: MAT/07
Anno: II
Semestre: I-II
Lezioni: 8 cfu
Esercitazioni: 4 cfu
Obiettivi:
Presentare sia le idee fondamentali della Meccanica Classica, dalla formulazione di Galileo e Newton a quella di
Lagrange, Hamilton e Jacobi, che le tecniche matematiche necessarie alla loro comprensione.
Contenuti:
Richiami di meccanica newtoniana.
Equazioni differenziali e loro studio qualitativo.
Il principio di D'Alembert e la meccanica di Lagrange.
La meccanica Hamiltoniana.
Conoscenze richieste:
Analisi I, Algebra Lineare e Geometria, Fisica I.
Programma:
1)I sistemi dinamici come modellizzazione dei fenomeni fisici. Cenni della teoria delle equazioni differenziali.
Punti di equilibrio e loro stabilit. Linearizzazione nei punti di equilibrio.
2)Spazio tempo ed eventi. Sistemi di riferimento e relativit galileiana. I principi di Newton e la meccanica dei
corpi puntiformi.
3)Meccanica di sistemi di corpi puntiformi e sistemi rigidi: equazioni cardinali.
4)Moti centrali e problema di Keplero.
5)Vincoli, loro classificazione, coordinate libere. Il principio di DAlembert e la meccanica di Lagrange.
6)La Lagrangiana e le equazioni di Eulero-Lagrange. Il metodo variazionale e il teorema di Noether. Corpi
rigidi. Piccole oscillazioni. Applicazioni.
7)La meccanica di Hamilton. Equazioni di Hamilton, Parentesi di Poisson, trasformazioni canoniche ed
equazione di Hamilton-Jacobi. Applicazioni.

Testi consigliati.
L.D. Landau. E. M. Lifshits, Corso di Fisica Teorica, vol. I, "Meccanica".
V.I Arnold, Metodi matematici della Meccanica Classica.
Modalit d'esame:
Esame scritto e orale

37

STATISTICA MATEMATICA (2016/2017)


Docente: Prof. Daniela Bertacchi
Cfu: 6
Settore disciplinare: MAT/06
Anno: III
Semestre: II
Lezioni: 6 cfu
Introduzione al corso:
Modelli statistici. Statistica inferenziale: stimatori, intervalli di confidenza, test d'ipotesi.
Conoscenze richieste:
Leggi di variabili aleatorie discrete e continue. Modello Bernoulliano, Poissoniano, esponenziale, Gamma, normale.
Valore atteso e varianza. Legge di funzioni di variabili aleatorie. Indipendenza.
Programma:
Introduzione alla statistica
Popolazione obiettivo, campione casuale. Problema del campionamento. Statistica. Densit dipendenti da
parametri incogniti.
Stime puntuali di parametri
Stimatore, stimatore non distorto, errore quadratico medio, consistenza in media quadratica, condizione
necessaria e sufficiente per la consistenza in media quadratica di una successione di stimatori.
Stimatori per i momenti di una VA: momenti campionari. Media campionaria.
Stimatore non distorto della varianza: varianza campionaria.
Metodo dei momenti per la costruzione di stimatori.
Funzione di verosimiglianza. Stimatore di massima verosimiglianza.
Limite inferiore della varianza di stimatori non distorti (disuguaglianza di Cramr-Rao).
Propriet di invarianza degli stimatori di massima verosimiglianza. Propriet asintotiche degli stimatori di
massima verosimiglianza.
Campionamento da v.a. Normali: legge della media campionaria. Legge del quadrato di una Normale (0,1):
legge chi quadro a 1 grado di libert. Legge della somma dei quadrati di normali standard indipendenti: legge
chi quadro a k gradi di libert. Legge della varianza campionaria di un campione normale. Legge t di
Student.
Stime intervallari
Intervalli di confidenza: definizione, livello di confidenza.
Intervalli per la media di popolazione normale (varianza nota o incognita).
Intervalli per la varianza di popolazione normale (media nota o incognita).
Quantit pivotale e suo utilizzo per il calcolo di intervalli di confidenza.
Intervalli di confidenza per grandi campioni (in particolare per frequenze ovvero parametri di Bernoulli).
Quantit pivotale per campioni provenienti da legge assolutamente continua.
Test d'ipotesi
Test per un'ipotesi statistica; test non casualizzato e regione critica. Livello di significativit, p-value. Test
uniformemente pi potente di livello fissato.
Test per una media di popolazione normale (varianza nota oppure ignota).
Test per la varianza di una popolazione normale (media nota o ignota).
Test per differenza di medie per popolazioni normali.
Test su una frequenza e su due frequenze (campione numeroso).
Test del rapporto di verosimiglianza semplice e generalizzato. Teorema di Neyman-Pearson.
Test chi quadrato di Pearson per l'adattamento (con o senza parametri stimati).
Test chi quadrato di Pearson per l'indipendenza.
Regressione lineare
Cenni al modello lineare.
38

Testi:
Introduzione alla statistica di A.M.Mood, F.A.Graybill, D.C.Boes, 1991, McGraw-Hill Italia, ISBN: 9788838606618
Modalit d'esame:
Esame scritto
Note:
Modalit didattiche: lezioni ed esercitazioni.
Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono
dello studio, la sede universitaria o di lavoro, lorario di ricevimento studenti e lindirizzo e-mail. Sul sito
elearning.unimib.it poco prima dell'inizio del corso verr inserite slide del corso e informazioni varie.

39

TEORIA DELLA MISURA (2016/2017)


Docente: Prof. Gianmario Tessitore
Cfu: 4
Settore disciplinare: MAT/05
Anno: II
Semestre: II
Lezioni: 3 cfu
Esercitazioni: 1 cfu
Introduzione al corso:
Il corso fornisce gli strumenti di base della moderna teoria della misura e dell'integrazione astratta. Si affronta sia il
caso della misura di Lebesgue sia quello di misure pi generali
Conoscenze richieste:
I contenuti dei corsi di Analisi Matematica I e II.
Programma:
Anelli algebre e algebre
Funzionali additivi e additivi
Il Teorema di estensione di Caratheodory
La misura di Lebesgue su R
Funzioni misurabili e funzioni Boreliane
Funzioni semplici
Integrale di funzioni semplici
Integrale di funzioni misurabili non-negative.
Funzioni integrabili e loro integrale
Lo spazio L1(X, E,) e la sua completezza
Misure prodotto e il Teorema di Fubini-Tonelli
La formula di cambio di coordinate
Testi:
L. Ambrosio, G. Da Prato, A. Mennucci: Introduction to Measure Theory and Integration; Dispense
Modalit d'esame:
Esame scritto

40

Laurea Magistrale (LM-40)


Schema riassuntivo degli insegnamenti*
Primo anno di corso
Insegnamento
Insegnamenti caratterizzanti
6 corsi nella tabella A di cui:
- almeno due corsi di formazione teorica avanzata (MAT/02 - MAT/03 - MAT/05)
- almeno un corso di formazione modellistico applicativa (MAT/06 MAT/07
MAT/08)
Insegnamenti affini e integrativi
2 corsi nella tabella B (MAT/02 - MAT/03 - MAT/05 - MAT/06 - MAT/07 - MAT/08 FIS/08 - SECS-S/06)

CFU
48 CFU

16 CFU

Secondo anno di corso


Insegnamento
Attivit formative a libera scelta
2 corsi nelle tabelle A o B o altri corsi dellAteneo, o anche mutuati da altri Atenei e per
i quali prevista una specifica convenzione, purch conformi alla struttura e alle finalit
del Corso di Laurea
Elaborazione di Testi Matematici (ICT)
Prova Finale

CFU
16 CFU

1 CFU
39 CFU

Tabella A insegnamenti caratterizzanti


Insegnamento
TEORIA DELLE RAPPRESENTAZIONI
TEORIA DEI NUMERI E CRITTOGRAFIA
GEOMETRIA DIFFERENZIALE
GEOMETRIA SIMPLETTICA
ANALISI SUPERIORE
ANALISI ARMONICA
ANALISI FUNZIONALE
ANALISI REALE ED EQUAZIONI
DIFFERENZIALI
PROCESSI STOCASTICI
METODI STOCASTICI PER LA FINANZA
METODI DELLA FISICA MATEMATICA
MECCANICA SUPERIORE
GEOMETRIA E FISICA
APPROSSIMAZIONE DI EQUAZIONI
DIFFERENZIALI
MODELLAZIONE GEOMETRICA E
GRAFICA COMPUTAZIONALE
COMBINATORICA ALGEBRICA

Ambito
Formazione teorica avanzata
Formazione teorica avanzata
Formazione teorica avanzata
Formazione teorica avanzata
Formazione teorica avanzata
Formazione teorica avanzata
Formazione teorica avanzata
Formazione teorica avanzata

CFU
8
8
8
8
8
8
8

Formazione modellistico applicativa


Formazione modellistico applicativa
Formazione modellistico applicativa
Formazione modellistico applicativa
Formazione modellistico applicativa
Formazione modellistico applicativa

8
8
8
8
8

Formazione modellistico applicativa


Formazione teorica avanzata

8
8
8
41

MODELLI E METODI DI
APPROSSIMAZIONE**
GEOMETRIA COMPLESSA

Formazione modellistico applicativa


Formazione teorica avanzata

Tabella B Insegnamenti affini e integrativi


Insegnamento
TEORIA GEOMETRICA DEI GRUPPI
ARGOMENTI DI GEOMETRIA E TOPOLOGIA
MATEMATICA ELEMENTARE
STORIA DELLA MATEMATICA
STORIA DELLA MATEMATICA - ELEMENTI
CALCOLO DELLE VARIAZIONI
METODI MATEMATICI PER LA FISICA MODERNA
CALCOLO SCIENTIFICO
METODI MATEMATICI PER LANALISI ECONOMICA CONTROLLO OTTIMO
METODI MATEMATICI PER LANALISI ECONOMICA OTTIMIZZAZIONE E
ANALISI CONVESSA
PREPARAZIONE DI ESPERIENZE DIDATTICHE
Tabella C Insegnamenti a scelta consigliati
Insegnamento
METODI DEL CALCOLO SCIENTIFICO (CdLM in Informatica)

8
8
CFU
8
8
8
8
4
8
8
8
8
8
8
CFU
6

TABELLA D - INSEGNAMENTI A SCELTA DELLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA


MATEMATICA DEL POLITECNICO DI MILANO
Insegnamento
CFU
NUMERICAL ANALYSIS FOR PARTIAL DIFFERENTIAL EQUATIONS II
10
COMPUTATIONAL FLUID DYNAMICS
10
COMPUTATIONAL FINANCE
10
MATHEMATICAL FINANCE II
10
BAYNESIAN STATISTICS
10
ADVANCED PARTIAL EQUATIONS II
8
GAME THEORY
8
ADVANCED PROGRAMMING FOR SCIENTIFIC COMPUTING
10
ALGORITHMS AND PARALLEL COMPUTING
10
APPLIED STATISTICS
10
DISCRETE DYNAMICAL MODELS
8
COMPUTATIONAL MODELING IN ELECTRONICS AND BIOMATHEMATICS
8
FINANCIAL ENGINEERING
10
FLUIDS LABS
10
METHODS AND MODELS FOR STATISTICAL MECHANICS
8
BIOMATHEMATICAL MODELING
8
MATHEMATICAL AND PHYSICAL MODELING IN ENGINEERING
10
OPTIMIZATION
8
STOCHASTICAL DYNAMICAL MODELS
8
REAL AND FUNCTIONAL ANALYSIS
8
STOCHASTIC DIFFERENTIAL EQUATION
8

*Gli insegnamenti saranno tenuti in inglese previo accordo con gli studenti, e comunque nel
caso la presenza di studenti stranieri lo rendesse necessario.
** 2016/2017 il corso non sar attivato nell'anno accademico 2017/2018
42

Regolamento didattico
Premessa
Denominazione del corso: MATEMATICA
Denominazione del corso in inglese: MATHEMATICS
Classe: LM-40 Classe delle lauree magistrali in Matematica
Dipartimento di riferimento: DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E APPLICAZIONI
Durata normale: 2 anni
Crediti: 120
Titolo rilasciato: Laurea Magistrale in MATEMATICA
Titolo congiunto: No
Modalit didattica: Convenzionale
Il corso : trasformazione di 552-02 MATEMATICA (cod 32327)
Massimo numero di crediti riconoscibili: 12
Corsi della medesima classe: No
Sede amministrativa: MILANO (MI)
Sedi didattiche: MILANO (MI)
Indirizzo internet www.matapp.unimib.it

Presentazione
Il Corso di Laurea Magistrale in Matematica ha durata normale biennale e rilascia, al suo termine, la Laurea
Magistrale in Matematica. Questo titolo permette laccesso ai gradi superiori di istruzione quali i Dottorati di ricerca
e i Master di livello avanzato.
Il conseguimento della Laurea Magistrale richiede che siano acquisiti 120 crediti formativi (CFU). Di questi, 80 sono
acquisiti con esami di profitto e 40 (incluso 1 CFU attribuito allacquisizione di correlate ulteriori abilit
informatiche) sono attribuiti alla prova finale. Questultima consiste nello svolgimento di una tesi elaborata in modo
originale dallo studente, sotto la guida di un relatore, su tematiche congruenti con gli obiettivi del Corso di Laurea
Magistrale.
Gli insegnamenti saranno tenuti in inglese previo accordo con gli studenti, e comunque nel caso la presenza di
studenti stranieri lo rendesse necessario.

Obiettivi formativi specifici


Il Corso di Laurea Magistrale in Matematica, ha quattro obiettivi specifici:
1 - fornire conoscenze avanzate nei settori fondamentali della Matematica in vista del loro utilizzo in ambiti
specialistici di carattere sia teorico che applicativo; tali conoscenze costituiranno una solida piattaforma per
leventuale inizio di successive attivit di ricerca teorica o applicata (e.g. Dottorato, Master di livello avanzato),
ovvero pLKer linsegnamento matematico di livello superiore e la comunicazione scientifica a livello specialistico;
43

2- fornire metodiche e strumenti avanzati per la modellizzazione e formalizzazione matematica di problemi


complessi che nascono nellambito delle scienze sperimentali, dellingegneria, delleconomia e in altri campi
applicativi;
3 - fornire metodiche e strumenti avanzati per la soluzione sia numerica che analitica dei modelli precedenti; a tal
fine, un ruolo complementare essenziale avranno le attivit di laboratorio avanzato;
4 - raffinare la competenza nelluso di strumenti informatici recenti e sofisticati, di interesse per la Matematica.

In termini di risultati di apprendimento, ci si aspetta che al termine degli studi uno studente della Laurea Magistrale
in Matematica:
1 - abbia acquisito una solida conoscenza del linguaggio, delle tecniche e di un ampio spettro di contenuti della
Matematica moderna;
2 - sia in grado di applicare le tecniche e i contenuti sopraddetti allanalisi di problemi complessi;
3 - abbia acquisito la capacit di svolgere in piena autonomia funzioni di elevata responsabilit nellambito di gruppi
di lavoro integrati nella ricerca teorica o applicata, ovvero dellinsegnamento e della comunicazione scientifica di alta
qualificazione;
4- sia in grado, nello svolgimento delle attivit precedenti, di utilizzare correttamente, sia in forma scritta, sia in
forma orale, una lingua della Comunit Europea;
5 - sia in grado di presentare i risultati delle proprie ricerche motivandone contenuti, metodi e strategie ad un ampio
spettro di interlocutori.

In termini pi dettagliati, espressi tramite i cosiddetti Descrittori europei del titolo di studio (DM 16/03/2007, art. 3,
comma 7), i risultati di apprendimento attesi e le modalit di conseguimento e verifica degli stessi, sono i seguenti:

Conoscenza e capacit di comprensione


I laureati:
1 - avranno acquisito una conoscenza ampia e adeguata di tematiche matematiche avanzate, estensione e sviluppo di
quelle acquisite nel ciclo triennale;
2 - avranno acquisito una conoscenza adeguata di tecniche di formalizzazione e modellizzazione, anche complesse,
tipiche delle applicazioni della Matematica in vari ambiti scientifici e professionali;
3 - avranno acquisito un livello di comprensione del linguaggio, delle tecniche e dei contenuti di un ampio spettro
della Matematica, tale da metterli in grado di elaborare idee originali e iniziare percorsi personali in contesti specifici
di ricerca.
Le capacit sopra illustrate saranno conseguite attraverso la frequenza a corsi di lezioni ed esercitazioni, ove sar
sollecitata la discussione sugli aspetti teorici e pratici degli insegnamenti impartiti. Le verifiche corrispondenti
avverranno attraverso prove d'esame scritte e/o orali.
Capacit di applicare conoscenza e comprensione
I laureati:
1 - saranno in grado di elaborare dimostrazioni di risultati significativi e sufficientemente profondi, e di riconoscere
la loro rilevanza anche in contesti diversi da quello naturale, ma a questo collegabili,
2 - saranno in grado di applicare tecniche e contenuti di carattere avanzato alla formulazione e risoluzione di
problemi complessi in varie aree della Matematica;
44

3 - saranno in grado di affrontare problemi nuovi e non familiari in vari contesti applicativi della Matematica,
comprendendone la natura e formulandone proposte di soluzione, anche con l'ausilio di avanzati strumenti
informatici e computazionali.
La capacit di applicare le conoscenze acquisite sar stimolata durante i corsi di lezioni, e verificata richiedendo allo
studente un'attiva partecipazione alla risoluzione di problemi e questioni, la cui natura e complessit sar
opportunamente graduata nel corso degli studi.
Autonomia di giudizio
I laureati:
1 - saranno in grado di produrre, a partire da insiemi di dati anche non perfettamente definiti o parziali, proposte e
quadri di riferimento atti a interpretare correttamente e ricercare la soluzione di problematiche complesse, sia
nell'ambito della Matematica pura, sia nell'ambito delle sue applicazioni;
2 - saranno in grado di formulare autonomamente giudizi pertinenti sull'applicabilit di modelli matematici complessi
a situazioni concrete, nonch sulle ricadute della loro implementazione in termini di etica scientifica e impatto
sociale;
3 - sapranno svolgere in piena autonomia funzioni di elevata responsabilit nellambito di gruppi di lavoro impegnati
nella ricerca teorica o applicata, ovvero nellambito dellinsegnamento e della comunicazione scientifica di alta
qualificazione.
I livelli di autonomia raggiunti dagli studenti saranno verificati nel corso degli studi attraverso seminari, sviluppo di
progetti, correzione in itinere di elaborati proposti allo studente, e valutando la capacit di orientare con un
sufficiente grado di autonomia individuale la propria attivit durante la preparazione della tesi per la prova finale.
Abilit comunicative
I laureati:
1 - saranno in grado di illustrare e discutere con rigore ed efficacia il contesto e i risultati del lavoro svolto nel cercare
di risolvere problemi sia di ordine teorico sia di tipo applicativo;
2 - saranno in grado di motivare chiaramente la scelta delle strategie, metodi e contenuti, nonch degli strumenti
computazionali adottati;
3 - saranno in grado di svolgere con successo le attivit di comunicazione delineate nei punti precedenti, sia in
ambito strettamente matematico, sia in pi generali ambiti di carattere scientifico, sia fungendo da interfaccia
effettiva in un ampio ventaglio di ambienti di lavoro e di luoghi di interlocuzione sociale.
Queste capacit saranno verificate in concreto attraverso esposizioni da parte dello studente su temi proposti dai
docenti, nonch attraverso la frequentazione attiva di seminari o stages.
Capacit di apprendimento
I laureati avranno acquisito nel loro corso di studi metodiche e stili di apprendimento e verifica delle conoscenze, tali
da metterli in grado di:
1 - proseguire i propri studi con ampia autonomia, approfondendo le proprie conoscenze a livello specialistico per
leventuale inizio di successive attivit di ricerca teorica o applicata (e.g. Dottorato, Master di livello avanzato);
2 - affrontare in modo autonomo lo studio sistematico di settori della Matematica anche non precedentemente
privilegiati, ad esempio ai fini dellinsegnamento matematico di livello superiore e della comunicazione scientifica di
alto profilo;
3 - utilizzare banche dati e le risorse di internet per estrarne informazioni e spunti atti a meglio inquadrare e
sviluppare il proprio lavoro di studio e ricerca.
La verifica di queste capacit, con particolare attenzione allabilit di integrare nuove conoscenze con quelle
precedentemente acquisite, di valutarle criticamente, e di proporre contenuti e sviluppi originali, culminer nella
valutazione dei risultati raggiunti nella compilazione della tesi relativa alla prova finale.

45

Profili professionali e sbocchi occupazionali


La ricchezza culturale e metodologica che caratterizza il percorso formativo consentir ai laureati del Corso di
Laurea Magistrale in Matematica sia di imboccare selettivamente un percorso di avviamento alla ricerca matematica,
pura o applicata, sia di assumere ruoli di elevata responsabilit in progetti di ricerca scientifica avanzata, nella
costruzione e nello sviluppo computazionale di modelli matematici in diversi ambiti scientifici, ambientali, sanitari,
industriali, finanziari, nonch nei servizi e nella pubblica amministrazione, nei settori della comunicazione della
Matematica, nella scuola e in enti di ricerca, uffici, studi e, in generale, in tutte le aziende per la cui attivit sia
rilevante la modellizzazione di fenomeni fisici, naturali, informatici, economico-finanziari, sociali ed organizzativi.
Le caratteristiche peculiari della sua formazione apriranno, infine, al laureato nel Corso di Laurea Magistrale in
Matematica la possibilit di intraprendere carriere professionali in ambiti anche diversi da quello scientificotecnologico.
Il Corso prepara dunque in modo specifico alle professioni di matematico, statistico e alle professioni a queste
correlate. (Codice ISTAT 2.1.1.3.1).

Norme relative allaccesso


Per essere ammessi al Corso di Laurea Magistrale occorre essere in possesso della Laurea o del Diploma
universitario di durata triennale, ovvero di titolo di studio conseguito allestero, riconosciuto come idoneo.
In particolare, possono essere ammessi alla Laurea Magistrale in Matematica i laureati in discipline scientifiche e
ingegneristiche.
Una Commissione, appositamente nominata dal CCD, valuter lidoneit dei candidati, basandosi sulla
documentazione presentata ed eventualmente su un colloquio.
Il possesso di una laurea in Matematica con votazione di almeno 95/110 condizione sufficiente a certificare il
soddisfacimento dei requisiti curriculari e ladeguatezza della personale preparazione.
Le date e le modalit di svolgimento degli eventuali colloqui saranno diffuse con appositi avvisi.
Su richiesta motivata, il colloquio potr tenersi in modalit telematica.

Oltre alliscrizione annuale (tempo pieno), lo studente potr effettuare una iscrizione a crediti (CFU) optando per un
impegno a tempo parziale, con le modalit definite nellart. 9 del Regolamento degli studenti disponibile alla pagina
http://www.unimib.it/go/45702/Home/Italiano/Ateneo/Regolamenti/Regolamento-degliStudenti

Organizzazione del corso

Attivit formative caratterizzanti e attivit affini o integrative

Per aiutare lo studente a costruirsi un Piano degli studi che sia vicino ai suoi interessi culturali ed equilibrato nella
scelta tra aspetti teorici e applicativi della Matematica, il Corso di Laurea Magistrale stato articolato in quattro
curricula, denominati per semplicit 1, 2 3, 4, che si differenziano per il numero di insegnamenti caratterizzanti negli
46

ambiti della formazione teorica e della formazione modellistico applicativa. Questi curricula sono riassunti nelle
seguenti tabelle, dove gli insegnamenti sono divisi in tre ambiti, teorico, applicativo, affine e integrativo.
________________________________________________________________________

I ANNO
Insegnamenti caratterizzanti (48 CFU)
6 corsi nella tabella A di cui:
8)almeno due corsi di formazione teorica avanzata (MAT/02 - MAT/03 - MAT/05)
9)almeno un corso di formazione modellistico applicativa (MAT/06 MAT/07 MAT/08)

AMBITO:
Formazione Teorica Avanzata
Formazione Modellistico Applicativa
Insegnamenti affini e integrativi (16 CFU)
2 corsi nelle tabella B
(MAT/02 - MAT/03 - MAT/05 - MAT/06 - MAT/07 - MAT/08 - FIS/08 - SECS-S/06)
________________________________________________________________________

II ANNO
Attivit formative a libera scelta (16 CFU)
2 corsi nelle tabelle A o B o altri corsi dellAteneo, o anche mutuati da altri Atenei e per i quali prevista una
specifica convenzione, purch conformi alla struttura e alle finalit del Corso di Laurea.
F4001Q041 Elaborazione di Testi Matematici
(ICT) (1 CFU)
F4001Q040 Prova Finale (39 CFU)
________________________________________________________________________

CURRICULUM 1
5 corsi caratterizzanti di formazione teorica avanzata
(MAT/02 - MAT/03 - MAT/05)
1 corso caratterizzante di formazione modellistico applicativa
(MAT/06 - MAT/07 - MAT/08)

CURRICULUM 2
47

4 corsi caratterizzanti di formazione teorica avanzata


(MAT/02 - MAT/03 - MAT/05)
2 corsi caratterizzanti di formazione modellistico applicativa
(MAT/06 - MAT/07 - MAT/08)

CURRICULUM 3
3 corsi caratterizzanti di formazione teorica avanzata
(MAT/02 - MAT/03 - MAT/05)
3 corsi caratterizzanti di formazione modellistico applicativa
(MAT/06 - MAT/07 - MAT/08)

CURRICULUM 4
2 corsi caratterizzanti di formazione teorica avanzata
(MAT/02 - MAT/03 - MAT/05)
4 corsi caratterizzanti di formazione modellistico applicativa
(MAT/06 - MAT/07 - MAT/08)

TABELLA A INSEGNAMENTI CARATTERIZZANTI

Codice - Insegnamenti - CFU - Settore Ambito

F4001Q072 - TEORIA DELLE RAPPRESENTAZIONI - 8 CFU - MAT/02 - Formazione teorica avanzata


F4001Q073 - TEORIA DEI NUMERI E CRITTOGRAFIA - 8 CFU - MAT/02 - Formazione teorica avanzata
F4001Q071 - GEOMETRIA DIFFERENZIALE - 8 CFU - MAT/03 - Formazione teorica avanzata
F4001Q099 - GEOMETRIA SIMPLETTICA - 8 CFU - MAT/03 Formazione teorica avanzata (offerto al 1 anno)
F4001Q055 - ANALISI SUPERIORE 8 CFU - MAT/05 - Formazione teorica avanzata
F4001Q074 - ANALISI ARMONICA - 8 CFU - MAT/05 - Formazione teorica avanzata
F4001Q075 - ANALISI FUNZIONALE - 8 CFU - MAT/05 - Formazione teorica avanzata
F4001Q076 - ANALISI REALE ED EQUAZIONI DIFFERENZIALI - 8 CFU - MAT/05 Formazione teorica
avanzata
F4001Q059 - PROCESSI STOCASTICI - 8 CFU - MAT/06 - Formazione modellistico applicativa
F4001Q077 - METODI STOCASTICI PER LA FINANZA - 8 CFU - MAT/06 Formazione modellistico applicativa
F4001Q063 - METODI DELLA FISICA MATEMATICA - 8 CFU - MAT/07 - Formazione modellistico applicativa
48

F4001Q078 - MECCANICA SUPERIORE 8 CFU - MAT/07 - Formazione modellistico applicativa


F4001Q079 - GEOMETRIA E FISICA - 8 CFU - MAT/07 - Formazione modellistico applicativa
F4001Q064 - APPROSSIMAZIONE DI EQUAZIONI DIFFERENZIALI - 8 CFU - MAT/08 Formazione
modellistico applicativa
F4001Q080 - MODELLAZIONE GEOMETRICA E GRAFICA COMPUTAZIONALE - 8 CFU - MAT/08 Formazione modellistico applicativa
F4001Q090 - COMBINATORICA ALGEBRICA - 8 CFU - MAT/02 Formazione teorica avanzata
F4001Q081 - MODELLI E METODI DI APPROSSIMAZIONE - 8 CFU - MAT/08 Formazione modellistico
applicativa
F4001Q069 - GEOMETRIA COMPLESSA - 8 CFU - MAT/03 Formazione teorica avanzata (offerto al 2 anno)
________________________________________________________________________

TABELLA B INSEGNAMENTI AFFINI E INTEGRATIVI

Codice - Insegnamenti - CFU - Settore Ambito

F4001Q082 - TEORIA GEOMETRICA DEI GRUPPI - 8 CFU - MAT/02


F4001Q083 - ARGOMENTI DI GEOMETRIA E TOPOLOGIA - 8 CFU - MAT/03
F4001Q084 - MATEMATICA ELEMENTARE - 8 CFU - MAT/05
F4001Q085 - STORIA DELLA MATEMATICA 8 CFU - MAT/05
F4001Q086 - STORIA DELLA MATEMATICA - ELEMENTI - 4 CFU - MAT/05
F4001Q056 - CALCOLO DELLE VARIAZIONI - 8 CFU - MAT/05
F4001Q087 - METODI MATEMATICI PER LA FISICA MODERNA - 8 CFU - MAT/07
F4001Q065 - CALCOLO SCIENTIFICO - 8 CFU - MAT/08
F4001Q094 - METODI MATEMATICI PER LANALISI ECONOMICA CONTROLLO OTTIMO - 8 CFU SECS-S/06
F4001Q095 - METODI MATEMATICI PER LANALISI ECONOMICA OTTIMIZZAZIONE E ANALISI
CONVESSA - 8 CFU - SECS-S/06
F4001Q033 - PREPARAZIONE DI ESPERIENZE DIDATTICHE - 8 - FIS/08

Bench non siano previste delle rigide propedeuticit tra questi corsi, alcuni potranno di fatto richiedere i contenuti di
altri. Per queste propedeuticit, si consultino i docenti dei corsi stessi.

Attivit formative a scelta dello studente


I crediti delle attivit formative a libera scelta dello studente (16 CFU) possono essere utilizzati sia per scegliere
insegnamenti nelle tabelle A e B, sia per scegliere tra tutti gli insegnamenti attivati nei differenti Corsi di Laurea
49

Magistrale dellAteneo, o anche corsi mutuati da altri Atenei convenzionati, purch in maniera conforme con le
finalit e la struttura generale del piano degli studi. Questi corsi a scelta sono parte integrante del piano degli studi e
devono quindi essere sottoposti allapprovazione del Consiglio di Coordinamento Didattico al fine di verificarne la
coerenza con il progetto formativo. Ci permettiamo di suggerire nelle tabelle C e D una lista non esaustiva di
possibili insegnamenti a scelta che gi non compaiono nelle tabelle A e B.
________________________________________________________________________

TABELLA C - INSEGNAMENTI A SCELTA CONSIGLIATI

Codice - Insegnamenti - CFU - Settore Ambito

F1801Q128 - METODI DEL CALCOLO SCIENTIFICO - 6 CFU - MAT/08 (CdLM in Informatica)

_______________________________________________________________________

TABELLA D - INSEGNAMENTI A SCELTA DELLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA


MATEMATICA DEL POLITECNICO DI MILANO

POLIMI - NUMERICAL ANALYSIS FOR PARTIAL DIFFERENTIAL EQUATIONS II 10 CFU


POLIMI - COMPUTATIONAL FLUID DYNAMICS 10 CFU
POLIMI - COMPUTATIONAL FINANCE 10 CFU
POLIMI - MATHEMATICAL FINANCE II - 10 CFU
POLIMI - BAYNESIAN STATISTICS - 10 CFU
POLIMI - ADVANCED PARTIAL EQUATIONS II - 8 CFU
POLIMI - GAME THEORY - 8 CFU
POLIMI - ADVANCED PROGRAMMING FOR SCIENTIFIC COMPUTING - 10 CFU
POLIMI - ALGORITHMS AND PARALLEL COMPUTING - 10 CFU
POLIMI - APPLIED STATISTICS - 10 CFU
POLIMI - DISCRETE DYNAMICAL MODELS - 8 CFU
POLIMI - COMPUTATIONAL MODELING IN ELECTRONICS AND BIOMATHEMATICS - 8 CFU
POLIMI - FINANCIAL ENGINEERING - 10 CFU
POLIMI - FLUIDS LABS - 10 CFU
POLIMI METHODS AND MODELS FOR STATISTICAL MECHANICS - 8 CFU
POLIMI BIOMATHEMATICAL MODELING - 8 CFU
POLIMI - MATHEMATICAL AND PHYSICAL MODELING IN ENGINEERING - 10 CFU
50

POLIMI - OPTIMIZATION - 8 CFU


POLIMI - STOCHASTICAL DYNAMICAL MODELS - 8 CFU
POLIMI - REAL AND FUNCTIONAL ANALYSIS - 8 CFU
POLIMI - STOCHASTIC DIFFERENTIAL EQUATION - 8 CFU

In ogni caso, gli esami a scelta dovranno essere conformi al piano di studi dello studente e approvati dalla
Commissione Piani di studio.

Tirocini formativi e stage


Sono previsti degli accordi di collaborazione tra la Regione Lombardia e il sistema universitario lombardo per la
promozione e la diffusione del contratto di apprendistato per l'alta formazione ai sensi dell'art.5, D.Lgs. 167/2011.

Forme didattiche
Il percorso formativo caratterizzato dalla presenza di insegnamenti intesi a fornire un organico spettro di argomenti
di carattere avanzato nelle discipline fondamentali (Algebra, Geometria, Analisi, Probabilit, Fisica Matematica,
Analisi Numerica). Al lavoro di tesi attribuita una valenza determinante per il compimento del ciclo di studi.
Il percorso formativo deciso dallo studente sulla base dei propri interessi e delle proprie inclinazioni, scegliendo tra
i corsi offerti nel rispetto delle norme di seguito descritte.
Tutti gli insegnamenti hanno durata semestrale. Non sono fissate rigide propedeuticit tra gli esami.
Lacquisizione delle competenze da parte degli studenti durante il Corso di Studi viene valutata in crediti formativi
universitari (CFU). I crediti formativi corrispondono alle attivit di apprendimento dello studente, comprensive delle
attivit formative attuate dal Corso di Laurea Magistrale e dellimpegno riservato allo studio personale o ad altre
attivit formative di tipo individuale. Un CFU corrisponde a 25 ore di lavoro complessivo, distribuite tra ore di
lezione frontale, esercitazioni e attivit di laboratorio, studio individuale, ed eventuali attivit di stage.
Valgono le seguenti corrispondenze: 1 CFU di attivit didattica frontale: 7 ore; 1 CFU di esercitazione in aula : 10
ORE; 1 CFU di laboratorio: 12 ore.
Il carico didattico pu essere suddiviso in modo equo nei primi tre semestri. Il secondo anno di Corso
prevalentemente riservato al lavoro di tesi.
I crediti formativi corrispondenti ad ogni insegnamento sono attribuiti allo studente previo il superamento di un
esame di profitto scritto e/o orale.

Modalit di verifica del profitto


Gli insegnamenti possono prevedere verifiche intermedie che sono parte integrante dell'esame finale. Gli esami di
profitto possono essere orali e/o scritti, la valutazione finale prevede comunque un colloquio.

Frequenza
La frequenza non obbligatoria.

51

Piano di studi
Il Piano di studio linsieme delle attivit formative obbligatorie, delle attivit previste come opzionali e delle
attivit formative scelte autonomamente dallo studente in coerenza con il Regolamento Didattico del Corso di Studio.
Allo studente viene automaticamente attribuito un Piano di studio allatto delliscrizione al primo anno, che
costituisce il Piano di studio statutario. Successivamente lo studente deve presentare un proprio Piano di studio con
lindicazione delle attivit opzionali e di quelle a scelta. In ogni caso, il numero degli esami non dovr essere
superiore a 12.
Le modalit e le scadenze di presentazione del Piano sono definite dallAteneo.
Il diritto dello studente di sostenere prove di verifica relative a una attivit formativa subordinato alla presenza
dellattivit stessa nellultimo Piano di studio approvato. I Piani di studio sono approvati secondo le modalit
seguenti. I Piani di studio compilati in osservanza delle norme descritte precedentemente saranno automaticamente
approvati dalla Commissione Piani di Studio del Consiglio di Coordinamento Didattico. La Commissione potr
prendere in considerazione anche Piani di studio compilati in deroga alle norme precedenti, ma sempre conformi
allOrdinamento del Corso di Laurea, quando siano motivati da esigenze di carattere eccezionale avanzate dallo
studente. In questo caso, la Commissione valuter il Piano di studio presentato e lo sottoporr allapprovazione del
Consiglio di Coordinamento Didattico, a cui spetter la decisione di accettare o rifiutare il Piano di studio in deroga.
Per eventuali aiuti nella compilazione dei Piani di studio o per altri problemi di orientamento e tutorato, lo studente
invitato a rivolgersi alla Commissione Piani di studio.
Per quanto non previsto da questo regolamento, si rinvia al Regolamento dAteneo per gli Studenti.

Propedeuticit e sbarramenti
Bench non siano previste delle rigide propedeuticit tra questi corsi, alcuni potranno di fatto richiedere i contenuti di
altri. Per queste propedeuticit, si consultino i docenti dei corsi stessi.

Scansione delle attivit formative e appelli d'esame


Le attivit formative sono organizzate in modo da equilibrare la frequenza alle lezioni, esercitazioni, laboratori
nellarco temporale tra Ottobre e Giugno. Il primo semestre sar tra Ottobre e Febbraio e il secondo semestre tra
Marzo e Giugno. A Febbraio ci sar un periodo di sospensione della didattica. Gli insegnamenti possono prevedere
verifiche intermedie che sono parte integrante dellesame finale, secondo modalit stabilite per ciascun
insegnamento. Gli esami di profitto sono previsti di norma nei periodi di sospensione delle lezioni e sono in numero
non inferiore a quanto stabilito dal vigente Regolamento Didattico di Ateneo.
Prova finale
La prova finale consiste nella presentazione di una tesi su argomenti originali, redatta dallo studente sotto la guida di
un relatore ufficiale assegnato dal Consiglio di Coordinamento Didattico.

Modalit di svolgimento della prova finale


La tesi discussa in seduta pubblica davanti ad una commissione di docenti ufficialmente nominata. Fa parte
integrante della prova finale lavvenuta acquisizione delle abilit informatiche ad essa correlate.

52

Riconoscimento CFU e modalit di trasferimento


Trasferimento da altro Ateneo.
In caso di trasferimento da altri Corsi di Laurea o da altro Ateneo, allinterno della stessa classe o altre classi, lo
studente pu chiedere il riconoscimento di crediti formativi acquisiti nel precedente Corso di Studio. Le attivit gi
riconosciute ai fini della attribuzione di crediti formativi universitari nellambito di corsi di Laurea non possono
essere nuovamente riconosciute come crediti formativi universitari nellambito di corsi di Laurea Magistrale.
Il riconoscimento viene effettuato da una apposita commissione, nominata dal Consiglio di
Coordinamento Didattico, sulla base della conformit fra i contenuti del corso di provenienza e quelli del corso a cui
si vuole accedere. E ammesso il riconoscimento parziale di un insegnamento.
Riconoscimento crediti da attivit professionali.
Il numero massimo di crediti formativi universitari riconoscibili per attivit professionali certificate
individualmente ai sensi della normativa vigente (Nota 1063 del 29/04/2011) fissato in 12 CFU
complessivamente tra corsi di I livello e di II livello (Laurea e Laurea Magistrale).
Ammissione di studenti laureati in Ingegneria Matematica.
Uno studente in possesso di una Laurea Magistrale in Ingegneria Matematica pu chiedere di essere ammesso al
secondo anno della Laurea Magistrale in Matematica dellUniversit di Milano Bicocca e pu, di norma, ottenere
questa nuova Laurea sostenendo 3 esami da 8 CFU pi la tesi di Laurea. I tre esami devono essere concordati con la
Commissione Piani di studio.

Attivit di ricerca a supporto delle attivit formative che caratterizzano il profilo del corso di studio
Le attivit formative sono fortemente collegate alle attivit di ricerca sviluppate nellambito del
Dipartimento di Matematica e Applicazioni. In particolare, le attivit di ricerca sviluppate nel Dipartimento sono
fonte elettiva per lelaborazione della tesi di Laurea. Le indicazioni relative a tali attivit di ricerca sono reperibili sul
sito del Dipartimento di Matematica e Applicazioni: http://www.matapp.unimib.it
Alcune tematiche di ricerca del Dipartimento
Algebra: Gruppi e algebre di Lie. Teoria dei gruppi. Crittografia. Combinatorica.
Geometria: Geometria algebrica. Geometria complessa. Topologia algebrica. Sistemi dinamici.
Analisi: Analisi armonica in spazi euclidei, variet differenziali, strutture discrete. Calcolo funzionale per operatori
differenziali su gruppi di Lie. Analisi non lineare ed equazioni differenziali. Sistemi di leggi di conservazione
iperbolici. Topologia generale.
Probabilit: Equazioni differenziali stocastiche. Controllo stocastico. Sistemi di particelle interagenti.
Passeggiate aleatorie.
Fisica Matematica: Geometria dei sistemi integrabili. Fluidodinamica. Meccanica quantistica. Teoria dei campi.
Analisi numerica: Approssimazione di equazioni differenziali. Algebra lineare numerica. Modellazione geometrica e
grafica computazionale. Analisi armonica numerica.
Metodi matematici per l'economia: Ottimizzazione. Problemi di equilibrio. Dinamiche caotiche. Teoria dei giochi.
Convessit. Finanza matematica.
Comunicazione e didattica della matematica.
53

Sono possibili variazioni non sostanziali al presente Regolamento Didattico. In particolare, per gli
insegnamenti indicati come a scelta, l'attivazione sar subordinata al numero degli studenti iscritti.
Docenti del corso di studio
Il Piano Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Matematica prevede che insegnamenti per pi di 60 crediti sono
tenuti da professori o ricercatori inquadrati nei relativi settori scientifico-disciplinari e di ruolo presso l'Ateneo.
I docenti di riferimento del corso di studio sono:
BEIRAO DA VEIGA Lourenco

MAT/08

CONTI

Diego

MAT/03

DALLA VOLTA

Francesca MAT/02

FALQUI

Gregorio

MAT/07

PINI

Rita

SECS-S/06

TESSITORE

Gianmario MAT/06

Altre informazioni
Chi volesse discutere il proprio
orientamento-matematica@unimib.it

percorso

didattico

pu

scrivere

al

seguente

indirizzo

e-mail:

Sede del Corso: Dipartimento di Matematica e Applicazioni


Coordinatore del Corso: Prof.ssa Francesca Dalla Volta
Segreteria didattica
Tel. 02 6448 5758
segreteria-matematica@unimib.it
Ricevimento studenti:
luned: ore 14,00-16,00

Indirizzo internet del corso di laurea: http://www.matapp.unimib.it

Per le procedure e termini di scadenza di Ateneo relativamente alle immatricolazioni/iscrizioni, trasferimenti,


presentazione dei Piani di studio consultare il sito web www.unimib.it.

54

INSEGNAMENTI
ANALISI ARMONICA
ANALISI FUNZIONALE
ANALISI REALE ED EQUAZIONI DIFFERENZIALI
ANALISI SUPERIORE
APPROSSIMAZIONE DI EQUAZIONI DIFFERENZIALI
ARGOMENTI DI GEOMETRIA E TOPOLOGIA
CALCOLO DELLE VARIAZIONI
CALCOLO SCIENTIFICO
COMBINATORICA ALGEBRICA
GEOMETRIA COMPLESSA
GEOMETRIA DIFFERENZIALE
GEOMETRIA SIMPLETTICA
GEOMETRIA E FISICA
MATEMATICA ELEMENTARE
MECCANICA SUPERIORE
METODI DELLA FISICA MATEMATICA
METODI MATEMATICI PER LA FISICA MODERNA
METODI MATEMATICI PER LANALISI ECONOMICA - CONTROLLO OTTIMO
METODI MATEMATICI PER LANALISI ECONOMICA - OTTIMIZZAZIONE E ANALISI CONVESSA
METODI STOCASTICI PER LA FINANZA
MODELLAZIONE GEOMETRICA E GRAFICA COMPUTAZIONALE
MODELLI E METODI DI APPROSSIMAZIONE
PREPARAZIONE DI ESPERIENZE DIDATTICHE
PROCESSI STOCASTICI
STORIA DELLA MATEMATICA
STORIA DELLA MATEMATICA - ELEMENTI
TEORIA DEI NUMERI E CRITTOGRAFIA
TEORIA DELLE RAPPRESENTAZIONI
TEORIA GEOMETRICA DEI GRUPPI

55

ANALISI ARMONICA (2016/2017)


Docente: Prof. Paolo Maurizio Soardi
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/05
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 8 cfu
Contenuti:
Analisi armonica classica e ondine
Obiettivi formativi:
Unintroduzione elementare allAnalisi Armonica classica e alla teoria delle ondine ortonormali
Prerequisiti:
Il contenuto dei corsi di Analisi Matematica I e Analisi Matematica II. Conoscenza degli spazi di Hilbert e degli spazi
L_p.
Programma:
Analisi di Fourier sul Toro. Serie di Fourier. Nuclei di sommabilit. Approssimazione mediante polinomi
trigonometrici.
Convergenza delle serie di Fourier in norma L_p. Il nucleo di Poisson. Il teorema di Riesz
Trasformata di Fourier in R. Teoria L_1 e teoria L_2.
Ondine. Analisi multirisoluzione e loro proprieta'. Ortonormalizzazione delle basi di Riesz.. Costruzione
delle ondine ortonormali.
Funzioni di scala, filtri e Teoria di Cohen. Ondine a supporto compatto secondo Daubechies.
Testi di riferimento:
Y.Katznelson: An Introduction to Harmonic Analysis
PM Soardi: Appunti sulle Ondine
Modalit desame:
Esame orale

56

ANALISI FUNZIONALE (2016 / 2017)


Docente: S. Levi
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/05
Anno: Primo Magistrale
Semestre: Secondo
Lezioni: cfu 8
Esercitazioni: cfu 0
Introduzione al corso:
Richiami di analisi dal triennio
Obiettivi:
Assimilare tecniche di analisi astratta
Conoscenze richieste:
Laurea triennale
Programma:
Teorema di Hahn-Banach; topologie deboli e applicazioni; teoremi di compattezza in spazi funzionali; introduzione
alle algebre di Banach.
Testi:
J.B. Conway A course in Functional Analysis, W. Rudin Functional Analysis
Modalit d'esame:
Orale

57

ANALISI REALE ED EQUAZIONI DIFFERENZIALI (2016 / 2017)

Docenti: Prof. Veronica Felli, Prof. Simone Secchi


Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/05
Anno: I
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu

Introduzione al corso:
Il corso si propone di introdurre la teoria degli spazi di Sobolev e di mostrarne alcune applicazioni alle equazioni alle
derivate parziali, con particolare riferimento alla teoria variazionale dei problemi ai limiti per equazioni ellittiche.

Obiettivi:
L'obiettivo del corso quello di acquisire le tecniche fondamentali dellanalisi funzionale applicata alla teoria delle
equazioni differenziali.

Conoscenze richieste:
Calcolo differenziale ed integrale in una e in pi variabili. Conoscenza dei principali risultati di analisi funzionale
lineare.

Programma:
Teorema di Hahn-Banach. Topologie deboli: spazi separabili, spazi riflessivi, metrizzabilit.
Spazi L^p: disuguaglianze fondamentali, struttura topologica, dualit, convoluzioni. Teorema di Lax-Milgram.
Calcolo differenziale in dimensione infinita e operatori di Nemitskii.
Spazi di Sobolev in una e in pi variabili: definizioni e teoremi di immersione.
Applicazioni alle equazioni differenziali alle derivate parziali: formulazione variazionale di problemi ai limiti di tipo
ellittico, regolarit delle soluzioni deboli, principi del massimo, autofunzioni del laplaciano.

Testi:
A. Bressan, Lecture Notes on Functional Analysis. American Mathematical Society.
H. Brezis, Functional Analysis, Sobolev Spaces and Partial differential equation. Springer. L. Evans, Partial
Differential Equations. American Mathematical Society.
M. Willem, Functional Analysis. Birkhauser.

Modalit d'esame: Esame orale


58

ANALISI SUPERIORE (2016/2017)


Docente: Prof. Meda Stefano
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/05
Anno: I
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
Contenuti: Il problema di Dirichlet per il laplaciano. Funzioni armoniche, funzioni di Green, metodo di Perron,
metodo di Fredholm, metodo variazionale. Distribuzioni, spazi di Sobolev. Operatori in spazi di Hilbert, operatori
compatti, separazione delle variabili, trasformata di Fourier e propriet spettrali del laplaciano.
Prerequisiti:
Calcolo in una e pi variabili, algebra lineare, integrazione secondo Lebesgue, spazi L^p, spazi di Hilbert.
Programma:
Propriet delle funzioni (sub-)armoniche. Principio del massimo. Funzione di Green. L'equazione di Laplace in una
sfera. Metodo di Perron.
Potenziali di strato semplice e di doppio strato. Equazioni integrali di Fredholm. La teoria di Fredholm-RieszSchauder per operatori compatti in spazi di Hilbert.
Il principio di Dirichlet. Distribuzioni. Trasformata di Fourier. Spazi di Sobolev. Il metodo diretto nel calcolo delle
variazioni.
Testi di riferimento:
Appunti del docente disponibili sul sito http://www.matapp.unimib.it/~stefanom
Modalit desame:
Esame scritto
Valutazione dellesame:
Voto in trentesimi 18-30/30

59

APPROSSIMAZIONE DI EQUAZIONI DIFFERENZIALI (2016/2017)


Docente: Prof. Alessandro Russo
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/08
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 6 cfu
Esercitazioni: 2 cfu
Contenuti:
Richiami sugli spazi di Sobolev; Lemma di Lax-Milgram; metodo di Galerkin; Lemma di Cea; Elementi Finiti
lineari; Elementi Finiti di Lagrange di ordine k; stime dell'errore in norma energia; Lemma di Bramble-Hilbert;
argomento di dualit di Aubin-Nitsche.
Obiettivi:
Studio della teoria matematica di base del metodo degli elementi finiti
Conoscenze richieste:
Analisi Funzionale, Spazi di Sobolev
Programma:
0: Concetti di base
Presentazione nel caso semplice monodimensionale delle idee e delle tecniche che verranno sviluppate nel corso.
1: Spazi di Sobolev.
Sono l'ambiente funzionale naturale per studiare matematicamente il metodo degli elementi finiti.
2: Formulazione variazionale di problemi ai limiti ellittici
Inquadramento funzionale astratto delle equazioni alle derivate parziali che saranno studiate nel corso.
3: Costruzione di spazi di elementi finiti
Saranno presentati gli elementi finiti pi importanti.
4: Teoria dell'approssimazione polinomiale negli spazi di Sobolev
Questa la parte centrale del corso, dove si studia come gli elementi finiti (che sono essenzialmente funzioni
continue e polinomiali a tratti) approssimano le funzioni degli spazi di Sobolev.
5: Problemi variazionali in dimensione n
Applicazione della teoria sviluppata ad alcuni casi concreti di equazioni differenziali alle derivate parziali.
Testi:
S. C. Brenner e L. R. Scott: The Mathematical Theory of Finite Element Methods, Springer
Modalit didattiche:
Lezioni frontali; esercitazioni
Modalit d'esame:
Relazione sull'attivit di laboratorio e esame orale
Note:
Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono
dello studio, la sede universitaria o di lavoro, lorario di ricevimento studenti e lindirizzo e-mail.

60

ARGOMENTI DI GEOMETRIA E TOPOLOGIA (2016/2017)


Docente: Prof. Davide Luigi Ferrario
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/03
Anno: I
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
L'obiettivo del corso di affrontare alcuni argomenti classici nella topologia algebrica dei complessi simpliciali,
introducendo teorie di omologia, coomologia e alcuni aspetti della teoria di omotopia, con alcune applicazioni
recenti. Contenuti: Complessi simpliciali, omologia e coomologia dei poliedri, variet triangolabili, gruppi di
omotopia, applicazioni allanalisi di dati e ai sistemi dinamici.
Contenuti:
Complessi simpliciali, omologia e coomologia dei poliedri, variet triangolabili, gruppi di omotopia.
Conoscenze richieste:
Corsi di base di geometria e algebra della Laurea Triennale
Programma:
Richiami su spazi topologici, connessione e compattezza. Spazi topologici euclidei, e spazi di funzioni. Cenni sulle
categorie e i diagrammi di push-out. Complessi simpliciali euclidei e astratti. Introduzione all'algebra omologica.
Omologia con coefficienti. Categoria dei poliedri. Omologia dei poliedri. Prodotti di poliedri. Coomologia di
poliedri. L'anello in coomologia, il prodotto cap. Variet triangolabili. Superfici e classificazione. Dualit di Poincar.
Gruppo fondamentale di poliedri. Gruppo fondamentale e omologia. Gruppi di omotopia. Teoria di ostruzione.
Applicazioni: omologia computazionale, omologia persistente, analisi di dati e sistemi dinamici.
Testi di riferimento:
Ferrario, Piccinini, "Simplicial structures in topology". CMS Books in Mathematics, Springer, New York, 2011.
xvi+243 pp. ISBN: 978-1-4419-7235-4
Modalit d'esame:
Esame orale.
Note:
Ulteriori informazioni: http://www.matapp.unimib.it/~ferrario/agt-2016

61

CALCOLO DELLE VARIAZIONI (2016/2017)


Docente: Prof. Arrigo Cellina
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/05
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 8 cfu
Contenuti:
Argomenti di calcolo delle variazioni
Obiettivi:
Conoscere le basi del Calcolo delle Variazioni
Prerequisiti:
conoscenze di base dell'analisi moderna.
Programma:
Introduzione; problemi classici, esempi e controesempi. Il fenomeno di Lavrentiev.
Il metodo diretto
Uso della stretta convessit e dei teoremi di confronto.
Il problema dell'area minima e costruzione di barriere.
Validit dell'equazione di Eulero Lagrange
Applicazioni dell'equazione di Eulero Lagrange: maggior regolarit delle soluzioni.
Introduzione ai problemi di controllo ottimo ed al Principio di Pontriagin.
Testi di riferimento:
Dacorogna, Direct Methods in the Calculus of Variations, Springer, Berlin
Modalit dellesame:
Esame orale.
Valutazione dellesame:
in trentesimi.

62

CALCOLO SCIENTIFICO

(2016 / 2017)

Docente: Lourenco Beirao da Veiga


Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT08
Anno: 2016-17
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu
Esercitazioni: 0 cfu
Introduzione al corso: il corso tratta lapprossimazione di problemi alle derivate parziali col metodo degli elementi
finiti, e pu essere considerato uno stadio successivo e pi avanzato rispetto al corso Approssimazione di Equazioni
Differenziali dello stesso corso di laurea. In particolare, si tratter il problema del calore non-stazionario (con
dipendenza anche dal tempo) e problemi con una formulazione detta mista, che giocano un ruolo fondamentale in
molte applicazioni (come in fluidodinamica o in problemi di diffusione in mezzi porosi). Parte del corso sar svolta
in laboratorio informatico (MATLAB).
Obiettivi: Avere una visione e una comprensione completa dei metodi trattati (dai fondamenti teorici alla
implementazione al calcolatore) e delle problematiche ad essi associate. Sviluppare anche un certo senso critico nei
confronti di possibili metodi proposti.
Conoscenze richieste: oltre alle normali conoscenze della laurea triennale in matematica, richiesto di avere seguito
il Corso Approssimazione di Equazioni Differenziali e di possedere (ad esempio avendo seguito il Corso Analisi
Superiore) nozioni di base di Analisi Funzionale.
Programma: Breve ripasso dei concetti e delle nozioni fondamentali del metodo agli elementi finiti, nonch dei
risultati principali nel caso di problemi ellittici stazionari. Il problema modello del calore non-stazionario,
discretizzazione in spazio con elementi finiti, discretizazzione in tempo (con differenze finite), analisi teorica del
metodo, implementazione al calcolatore. Problemi in forma mista. Il problema di Stokes come esempio modello,
discretizzazione e problematiche, teoria generale dei metodi misti, alcuni elementi specifici per Stokes e loro analisi,
generalizzazioni, implementazione al calcolatore. Il problema della diffusione in forma mista, discretizzazione,
analisi teorica, alcuni elementi specifici, generalizzazioni, implementazione. Possibili ulteriori argomenti potranno
essere trattati a fine corso.
Testi:

D. Braess, Finite Elements: theory, fast solvers, and applications in solid mechanics, Cambridge University
Press
F. Brezzi, M. Fortin, Mixed and hybrid finite element methods, Springer (o la nuova edizione Boffi-BrezziFortin)
V. Thomee, Galerkin Finite Element Methods for Parabolic Problems, Springer

Modalit d'esame: orale

63

COMBINATORICA ALGEBRICA (2016/2017)


Docente: Prof. Andrea Previtali
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/02
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
Acquisizione degli strumenti per la trasmissione di informazione su canali con rumore, al fine di analizzare
procedure di scambio ottimali nella rilevazione e correzione di errori.
Conoscenze richieste:
Algebra Lineare, Teoria dei Gruppi, Teoria dei Campi Finiti, Nozioni elementari di termodinamica e probabilita'.
Programma:
Informazione, trasmissione messaggi, probabilita' di errore, entropia, Teorema di Shannon, canale simmetrico, codici
correttori di errore, alfabeti, campi finiti, codici lineari, codici di Hamming, ciclici, di Reed-Solomon e Muller,
polinomio enumeratore, Teoremi di MacWilliams.
Testi:
Huffman, Pless: Fundamentals of error-correcting codes
Hall: Notes on Coding Theory
Modalit d'esame:
Esame orale
Note:
Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono
dello studio, la sede universitaria o di lavoro, lorario di ricevimento studenti e lindirizzo e-mail.

64

GEOMETRIA COMPLESSA (2016/2017)


Docente: Prof. Diego Conti
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/03
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
ll corso si propone di introdurre alcuni dei concetti e delle tecniche di base della geometria complessa, sia locali
(anello dei germi delle funzioni olomorfe e sua struttura algebrica, scoppiamento di un punto, potenziale di Kahler)
che globali (corrispondenza tra divisori e fibrati in rette, curvatura di un fibrato olomorfo Hermitiano, immersioni
proiettive e propriet coomologiche).
Conoscenze richieste:
Il corso presuppone alcuni contenuti fondamentali di algebra, topologia e analisi che sono normalmente trattate nei
primi due anni del corso di laurea triennale: spazi vettoriali, anelli, spazi topologici, calcolo differenziale e integrale.
Nozioni fondamentali di teoria delle variet differenziali e funzioni di una variabile complessa verranno richiamate
durante il corso, ma una conoscenza pregressa di questi argomenti potr essere di beneficio.
Programma:
Funzioni olomorfe e algebra lineare hermitiana.
Polinomi di Weierstrass e teorema degli zeri.
Variet complesse, fibrati vettoriali olomorfi, scoppiamenti.
Connessioni; coomologia di Dolbeault.
Divisori e fibrati in rette; sezioni globali olomorfe e morfismi proiettivi.
Spazio proiettivo complesso; successione di Eulero, metrica di Fubini-Study.
Metriche di Kahler e teorema di Kodaira.
Testo di riferimento:
D. Huybrechts, Complex Geometry. An Introduction, Springer 2005
Modalit d'esame:
Esame scritto e orale.

65

GEOMETRIA DIFFERENZIALE (2016 / 2017)


Docente: Diego Conti
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/03
Anno: 1
Semestre: 2
Lezioni: 8 CFU
Introduzione al corso:
Il corso illustrer gli strumenti di base per lo studio della struttura delle variet riemanniane, in termini dei suoi
invarianti locali (curvatura) e globali (gruppo di isometrie, olonomia).
Conoscenze richieste:
Calcolo differenziale in pi variabili, nozioni di base sulle variet differenziabili, algebra lineare e multilineare.
Programma:
Metriche e distanza riemanniana.
Connessioni e curvatura.
Geodetiche; mappa esponenziale.
Gruppi e algebre di Lie; metriche invarianti.
Gruppo di isometrie.
Metriche di Einstein.
Testi:
J. Lee. Riemannian manifolds. An introduction to curvature. Springer.
I. Chavel, Riemannian geometry. A modern introduction. Cambridge University Press.
Modalit d'esame:
Scritto e orale

66

GEOMETRIA SIMPLETTICA (2016 / 2017)

Docente: Roberto Paoletti


Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/03
Anno: I (LM)
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
La Geometria Simplettica larea della Matematica che sottende alla formulazione hamiltoniana della meccanica
classica; nella sua cornice che concetti come campo vettoriale hamiltoniano, flusso di fase, trasformazione canonica
eccetera trovano uninterpretazione naturale e sistematica. Gli spazi delle fasi della meccanica hamiltoniana sono
infatti i fibrati cotangenti di qualche spazio delle configurazioni di un sistema fisico, i quali possiedono una struttura
simplettica naturale. Tuttavia, la classe delle variet simplettiche in realt molto pi ampia e comprende, per
esempio, tutte le variet proiettive complesse (non singolari). La Geometria (e la Topologia) Simplettica un campo
fondamentale e in intensa espansione; inoltre essa ha grande importanza anche per altre aree della Matematica.
Concetti come, per esempio, mappa momento, riduzione simplettica, sottovariet Lagrangiana sono pervasivi in
Geometria e Fisica Matematica. Anche la Geometria Differenziale pu essere interpretata alla luce della Geometria
Simplettica, in quanto il flusso geodetico un caso particolare di flusso Hamiltoniano. La Geometria Simplettica
gioca inoltre un ruolo molto importante in Analisi Matematica, in particolare per quanto riguarda lo studio degli
operatori integrali di Fourier e lAnalisi Semiclassica.
Obiettivi:
Lo scopo del corso introdurre i concetti di base della Geometria Simplettica, a partire dagli aspetti locali per poi
rivolgere lattenzione alle propriet pi globali e, tempo permettendo, al tema della riduzione simplettica. Ci si
propone in particolare di chiarire la natura geometrica di diversi concetti di grande importanze che vengono introdotti
in vari contesti, quali mappa momento, funzioni generatrici, trasformazioni canoniche, equazione e teoria di
Hamilton-Jacobi, eccetera.
Conoscenze richieste:
Le nozioni di base sulle variet differenziale, come introdotte per esempio nel corso di Geometria III. Verr fatto comunque un breve riepilogo.
Programma:

Algebra lineare simplettica.


Struttura simplettica di un fibrato cotangente, equazioni di Hamilton, parentesi di Poisson.
Variet simplettiche, loro sottovariet notevoli e rispettivi intorni.
Isotopie e teoremi di Darboux e di Moser.
Funzioni generatrici, equazione di Hamilton-Jacobi, sua soluzione geometrica.
Mappe momento e loro propriet; riduzione simplettica.
Strutture complesse e quasi-complesse compatibili, variet di Kahler e variet quasi-Kahler.

Testi:
V. Guillemin, S. Sternberg, Symplectic Techniques in Physics, Cambridge University Press
D. McDuff, D. Salamon, Introduction to Symplectic Topology, Clarendon Press, Oxford

67

Letture consigliate:
V. Guillemin, S. Sternberg, Semiclassical Analysis, International Press
J. J. Duistermaat, Fourier Integral Operators, Birkhauser
Modalit d'esame:
Scritto su esercizi e dimostrazione, con discussione dello stesso.
Note:
Viene offerta la possibilit di sostenere un parziale allincirca a met del corso e un secondo parziale subito dopo il
termine del corso; i parziali saranno una combinazione di teoria e pratica. Chi supera entrambi i parziali ha
completato lesame.

68

GEOMETRIA E FISICA (2016/2017)


Docente: Prof. Franco Magri
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/07
Anno: I
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
Gli argomenti trattati nel corso sono:
1. l' elettromagnetismo di Maxwell
2. la teoria della gravitazione di Einstein
3. i buchi neri
Le equazioni di Maxwell sono state scritte da Maxwell nel 1867, nella forma di un sistema di equazioni differenziali
vettoriali sui campi E e B. L'avvento della relativit ristretta e del punto di vista spaziotemporale ha permesso di
comprendere la struttura profonda di queste equazioni e ne ha cambiato drasticamente la forma. Oggi le equazioni di
Maxwell si scrivono nella forma abbreviata dF=0 dM= Q , ricorrendo ad un nuovo e pi potente formalismo
matematico. Scopo della prima parte del corso di spiegare il significato dell'interpretazione moderna della teoria di
Maxwell. Le equazioni del campo gravitazionale prodotto da un pianeta e le equazioni di moto di un satellite
soggetto all'attrazione del pianeta sono state scritte da Einstein nel 1915. Il significato delle equazioni di Einstein
stato condensato da J.A. Wheeler nel seguente aforisma: Il pianeta dice allo spaziotempo come incurvarsi; lo
spaziotempo dice al satellite come muoversi . Questo aforisma sottolinea il punto centrale della teoria di Einstein,
secondo cui il campo gravitazionale si manifesta come curvatura dello spaziotempo. Scopo della seconda parte del
corso presentare le equazioni di Einstein e dare un senso preciso all'aforisma di Wheeler. Uno dei fenomeni pi
sorprendenti previsto dalla teoria gravitazionale einsteiniana il formarsi di buchi neri , cio di regioni dello
spaziotempo delimitate da un orizzonte degli eventi che impedisce ad ogni segnale di abbandonare il buco nero e
di raggiungere un osservatore posto all' esterno dello stesso. Scopo della terza parte del corso di presentare due
particolari esempi di campi gravitazionali einsteiniani, la metrica di Schwarzschild e la metrica di Kerr, e di discutere
la geometria del buco nero associato ad almeno uno di tali campi. Infine, tempo permettendo, il corso potrebbe
concludersi con un cenno all'evoluzione pi recente dell' idea centrale di Einstein, secondo cui le forze si manifestano
come curvatura . Questa idea il punto di partenza delle teorie di gauge, che rappresentano il tentativo moderno di
unificare le interazioni fondamentali.
Conoscenze richieste:
Sono richieste le conoscenze di base di geometria delle superfici immerse in uno spazio euclideo, di
elettromagnetismo classico e di relativit ristretta. Alcune di queste nozioni saranno brevemente richiamate durante il
corso.
Programma:
1.Teoria di Maxwell: Le equazioni di Maxwell in forma classica; lo spaziotempo di Minkowski; forme differenziali
sullo spaziotempo di Minkowski; 4-forza di Lorentz e 2-forma di Faraday; principio di conservazione della carica e
2-forma di Maxwell; forma intrinseca delle equazioni di Maxwell; il tensore energia-momento.
2.Connessioni e curvatura: Breve storia del concetto di curvatura e di trasporto parallelo; il concetto di connessione
di Koszul , derivazione covariante e connessione metrica; il concetto di connessione di Cartan: 1-forma di
connessione, 2-forma di curvatura, equazioni di struttura .
3.Gravitazione einsteiniana: Il principio di equivalenza, gravitazione come curvatura dello spaziotempo, equazioni di
campo di Einstein, principio della geodetica; gli spazitempo di Schwarzschild e di Kerr.
4. Buchi neri: Geometria dei coni-luce;singolarita' apparenti ed orizzonti degli eventi; le singolarit della metrica di
Schwarzschild; le coordinate di Eddington-Finkelstein e di Kruskal.
5. Teorie di Gauge: Connessione=potenziale, Curvatura=Forza, le equazioni di Yang-Mills.
(Questa parte opzionale e sar trattata solo se il tempo a disposizione lo consentir)
Testi:
1. Gerard t' Hooft, Introduction to General Relativity
2. S.Sternberg, Curvature in Mathematical Physics, Dover, 2012
3. Note distribuite durante le lezioni.
69

Modalit didattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni
Modalit d'esame:
Esame orale
Note:
Le lezioni saranno a disposizione sulla pagina personale del docente

70

MATEMATICA ELEMENTARE (2016/2017)


Docenti: Leonardo Colzani, Giancarlo Travaglini
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/05
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
un corso elementare di Teoria dei Numeri e Geometria.
Obiettivi:
Presentare un certo numero di risultati classici ed elementari relativi alla Teoria dei Numeri ed alla Geometria, con
particolare attenzione agli aspetti storici e didattici, e ai collegamenti con altri argomenti della Matematica.
Conoscenze richieste:
La Matematica dei primi due anni della laurea triennale in Matematica.
Modalit d'esame:
Esame orale
Programma:
Prima parte
Numeri primi, funzioni aritmetiche e punti interi. Frazioni continue e approssimazione diofantea. Convessit e
approssimazione di numeri reali. Successioni uniformemente distribuite e numeri normali. Punti interi in poliedri, il
problema delle monete di Frobenius.
Seconda parte
Gli Elementi di Euclide. Il quinto postulato e le geometrie non euclidee. I Fondamenti della Geometria di Hilbert.
Costruzioni con riga e compasso. Poliedri.
Note: sul sito web www.matapp.unimib.it nella pagina personale dei docenti possibile trovare del materiale
didattico, il curriculum vitae, il numero di telefono dello studio, la sede universitaria di lavoro, lorario di
ricevimento studenti e lindirizzo e-mail.

71

MECCANICA SUPERIORE (2016 / 2017)


Docente: Diego Noja
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT07 (Fisica Matematica)
Anno: 2016-17
Semestre: Primo
Lezioni: 56
Esercitazioni:
Introduzione al corso:
Il corso costituisce una introduzione alla Meccanica Quantistica adeguata a studenti di Matematica di livello
magistrale. Laspirazione quella di fornire una esposizione sintetica e matematicamente rigorosa degli elementi
della Teoria Quantistica e di alcune delle sue pi rilevanti conseguenze. A parte una breve introduzione storica, la
trattazione sar sistematica. Preliminarmente verr anche discussa la struttura matematica e concettuale della
Meccanica Classica.
Obiettivi:
Dare allo studente un primo orientamento alle idee e metodi della Meccanica Quantistica, e in particolare alla sua
formulazione rigorosa. Verr anche messo in evidenza il confronto con la Meccanica Classica
Conoscenze richieste:
Si richiede esclusivamente familiarit con la Matematica appresa durante la laurea triennale.
Programma:
Il vari punti del programma corrispondono alla suddivisione in argomenti, ma il tempo ad essi dedicato pu essere
molto differente. Gli argomenti segnati con un asterisco saranno svolti solo se il tempo a disposizione lo consentir.
La struttura matematica della Meccanica Classica
I sistemi integrabili e il teorema di Arnold-Liouville
Sistemi a molti corpi e Meccanica Statistica Classica
La fenomenologia quantistica e la nascita della Meccanica Quantistica
Introduzione a stati, evoluzione ed osservabili. Il principio di Heisenberg
Lequazione di Schrdinger . Particella libera, oscillatore armonico, scattering e tunneling
Lequazione di Schrdinger. Atomo di idrogeno e potenziali radiali
Sommario di teoria degli operatori. Il problema della dinamica in Meccanica Quantistica
Struttura Matematica della Meccanica Quantistica. Assiomi e interpretazione
Confronto con la struttura matematica della Meccanica Classica
Simmetria e gruppi in Meccanica Quantistica: Momento angolare e spin
Stability of Matter in Quantum Mechanics*
Problems of interpretation: Einstein-Podolski-Rosen paradox and Bell inequalities*
Testi:
Non vi un unico testo di riferimento e di volta in volta verranno segnalate dal docente le fonti pi pertinenti.
Basdevant J-L.: Lectures on Quantum Mechanics, Springer (2007)
Caldirola P.: Prosperi A.M., Cirelli, R.: Introduzione alla Fisica Teorica, Utet, (1982)
Dirac P.A.M.: Principles of Quantum Mechanics 4th revised ed. OUP (1982)
Faddeev, L.D.: Yakubovsky O.A.: Lectures on Quantum Mechanics for Mathematics Students, Student Mathematical
Library, AMS (2009)
Galindo A., Pascual P.: Quantum Mechanics I & II, TMP, Springer, (1990)
72

Hall, B.C.: Quantum Theory for Mathematicians, GTM, Springer (2013)


Hannabuss K.: An Introduction to Quantum Theory, OUP (1997)
Onofri E. Destri C.: Istituzioni di Fisica Teorica, Carocci, (1996)
Thaller B.: Visual Quantum Mechanics Springer (2000)
Thaller B.: Advanced Visual Quantum Mechanics, Springer (2005)
Thirring W.: Quantum Mathematical Physics, Springer 2nd Ed. (2001)
Modalit d'esame: Orale

73

METODI DELLA FISICA MATEMATICA (2016/2017)


Docenti: Gregorio Falqui/Franco Magri
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/07
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 6 cfu
Esercitazioni: 2 cfu
Introduzione al corso:
Il corso una concisa introduzione alle idee, ai principi generali, alle equazioni e ad alcuni problemi particolari dell'
Elasticit, della Fluidodinamica e della Termodinamica. In altri termini, il corso rivolto alla presentazione dei
fondamenti della meccanica classica dei corpi deformabili, siano essi solidi, liquidi gas.
Il corso inizia con lo studio della deformazione e del moto di un corpo deformabile, mostrando la necessit di
introdurre le nozioni di gradiente di deformazione e di gradiente di velocit. Quindi si passa allo studio delle azioni
che si esercitano sui corpi deformabili. Il centro del discorso la teoria di Cauchy degli sforzi, che porta
all'equazione generale di moto, nota come equazione di Cauchy. A questo punto si gi in grado di trattare la
dinamica dei fluidi non viscosi incomprimibili od elastici , e di presentare le equazioni di Eulero e di Bernoulli.
Queste equazioni permettono di trattare una vasta gamma di problemi pratici, che vanno dall'efflusso dell'acqua da
una diga al problema della portanza di un' ala nella galleria del vento. Presa familiarit con i fluidi non viscosi, si
torna al caso generale trattando le equazioni di bilancio della quantit di moto, del momento angolare e dell'energia.
Si discutono poi le nozioni di energia interna e di entropia e si rivedono il primo ed il secondo principio della
Termodinamica. Esaurito cos lo studio dei principi generali, si passa alla caratterizzazione delle propriet
meccaniche e termiche dei solidi, dei liquidi e dei gas, mediante le equazioni costitutive e le equazioni di stato. Si
considerano i modelli dei corpi solidi elastici e dei fluidi viscosi newtoniani , comprimibili ed incomprimibili. Per i
diversi modelli si ricavano le equazioni di Navier, di Navier-Stokes e di Stokes. L' ultima parte del corso dedicata
ad una galleria di esempi ed applicazioni.
Conoscenze richieste:
richiesta una certa familiarit con i metodi del calcolo vettoriale nello spazio euclideo , con la formulazione
classica dei teoremi di Gauss e di Stokes e con gli assiomi della meccanica newtoniana. Non sono richieste
conoscenze preliminari di elasticit o fluidodinamica.
Programma:
1.Geometria della deformazione: Corpo,spazio e configurazione. Gradiente di deformazione e tensore di dilatazione
di Green-Cauchy. Teorema di decomposizione polare, allungamenti principali e rotazione locale.
2.Campo di velocit: Velocit in rappresentazione euleriana. Gradiente di velocit e tensore di vorticit. Trasporto
convettivo.
3.Cauchy: Forze di contatto. Teoria di Cauchy degli sforzi , tensore degli sforzi ed equazione di moto di Cauchy.
4.Eulero e Bernoulli: Concetto di pressione. Fluidi ideali, equazione di Eulero, fluidi incomprimibili e fluidi elastici.
Equazione caratteristica. Teoremi di Daniele Bernoulli. Prime applicazioni. Equazioni delle onde in mezzi
comprimibili (suono) e in mezzi incomprimibili (onde marine)
5. Equazioni di bilancio: Equazioni di bilancio della quantit di moto, del momento angolare e dell'energia.
Temperatura assoluta e disequazione entropica.
6. Modelli: Equazioni costitutive dei fluidi viscosi newtoniani e dei solidi elastici. Equazioni di stato. Equazione di
Fourier. Equazioni di moto di Navier, Navier-Stokes e Stokes ( corrispondenti ai singoli modelli).

74

7. Applicazioni: Una galleria di esempi ed applicazioni pratiche che possono andare dallo studio della distribuzione
di pressione e temperatura nell' atmosfera, ai problemi di idrostatica, allo studio del moto dei liquidi scarsamente
viscosi ed incomprimibili nelle condotte, al problema del flusso attorno ad un ostacolo.
Testi:
10) P. Chadwick, Continuum Mechanics: Concise Theory and Applications, Dover
11)M. Gurtin, E.Fried, L.Anand,The Mechanics and Thermodynamics of Continua, Cambridge University Press,
2010
12)G. Falkovich, Fluid mechanics (a short course for physicists). Cambridge University Press, 2011.
Modalit d'esame:
Esame orale.
Modalit didattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni.
Note:
Le lezioni sono messe in rete sulla pagina personale del docente

75

METODI MATEMATICI PER LA FISICA MODERNA (2016/2017)


Docente: Prof. Renzo Ricca
Cfu: 8
Settore Disciplinare: MAT/07
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 8 cfu
Obiettivi del corso:
Acquisire le nozioni di base per unapproccio geometrico e topologico alla teoria elementare classica di campo, con
particolare attenzione alla teoria della vorticit classica, della magnetoidrodinamica ideale e della superfluidit.
Prerequisiti:
Elementi di Geometria Differenziale, elementi di Meccanica dei Sistemi Continui, Geometria e Fisica.
Programma:
Il programma si articola su una prima parte di carattere generale e su una seconda parte dedicata ad argomenti
specifici di carattere pi avanzato.
I Parte: Flussi fluidi e diffeomorfismi, teorema della divergenza, teoremi di conservazione e invarianti fisici,
equazioni di Eulero, equazione del trasporto della vorticit, leggi di conservazione di Helmholtz, equazioni di
Navier-Stokes, analogie con la magnetoidrodinamica ideale, legge di Biot-Savart, legge di induzione
localizzata (LIA).
II Parte: Trasformazione di Hasimoto, equazione non-lineare di Schrdinger, invarianti solitonici e loro
interpretazione geometrica, nodi toroidali, equazione di Gross-Pitaevskii e interpretazione fluidodinamica, elicit,
numero di legame, invarianti polinomiali di nodi, misure di complessit strutturale e relazioni con
lenergia.
Testi di riferimento:
- Note del Docente.
- Estratti da: Ricca, R.L. (2009) Lectures on Topological Fluid Mechanics.
Springer-CIME Lecture Notes in Mathematics 1973. Springer-Verlag. Heidelberg.
Modalit desame:
Prova scritta.

76

METODI MATEMATICI PER LANALISI ECONOMICA CONTROLLO OTTIMO (2016/2017)


Docente: Prof. Andrea Calogero
Cfu: 8
Settore disciplinare: SECS-S/06
Anno: I
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
Problemi di controllo ottimo con il metodo variazionale: teoria e modelli economici. Problemi di controllo ottimo
con la programmazione dinamica: teoria e modelli economici. Introduzione ai giochi differenziali. Lo scopo del
corso quello di fornire gli strumenti essenziali per lo studio dellottimizzazione dinamica e di mostrare alcuni
classiche applicazioni economiche, soprattutto di macroeconomia.
Conoscenze richieste:
Le conoscenze acquisite nei corsi della laurea triennale sono una base sufficiente.
Programma:
1. INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO
a. Alcuni problemi introduttivi
Il problema di allunaggio, in barca con Pontryagin, un modello di consumo ottimo, the lady in the lake.
b. Formulazione di un problema di controllo ottimo
Definizioni di controlli, dinamica, traiettorie, insieme di controllo. Controlli ammissibili. Importanza del caso della
dinamica lineare.
2. Il CONTROLLO OTTIMO CON METODO VARIAZIONALE
a. Il problema pi semplice di controllo ottimo
Il teorema di Pontryagin (DIM nel caso di insieme di controllo U=R, DIM anche del lemma tecnico): commenti e
conseguenze del principio del Massimo. Controllo estremale, moltiplicatore associato. Controllo normale e
abnormale. Condizioni sufficienti di ottimalit: la condizione di Mangasarian (DIM) e la condizione di Arrow.
Condizioni di transversalit per i problemi con punti iniziali/finali fissati. Sui problemi di minimo. Un esempio di
controllo abnormale. A two sector model with investment and consumption goods. Modello di produzione e gestione
del magazzino I.
b. Il problema pi semplice di calcolo delle variazioni
Il teorema di Eulero (DIM come caso particolare del teorema di Pontryagin). Condizioni di transversalit per i
problemi con punti iniziali/finali fissati. Condizioni sufficienti per il problema pi semplice usando
concavit/convessit. Curva di lunghezza minima.
c. Controlli singolari e bang-bang
Definizioni di controlli bang-bang, istanti di commutazione e controlli singolari. La costruzione di una strada di
montagna a costo minimo.
d. Problema pi generali di controllo ottimo
Problemi di Mayer, di Bolza e Lagrange: loro equivalenza. Condizione necessaria per il problema di Bolza con
tempo finale fisso o libero (DIM). Problemi di Bolza nel calcolo delle Variazioni: le condizioni necessarie e
sufficienti. Il modello di aggiustamento della domanda di lavoro (Hamermesh).
Problemi di time optimal. In barca con Pontryagin.
77

Problemi ad orizzonte infinito: controesempio di Halkin; condizione sufficiente (DIM). Hamiltoniana corrente e
moltiplicatore corrente. Modelli di crescita economica: preferenze, funzioni di utilit: un modello di consumo ottimo
con utilit log.
e. Problemi di esistenza e controllabilit
Esempi di classe di controlli vuota o di classe di controlli non vuota e senza controllo ottimo (controesempio di
Bolza). Disuguaglianza di Gronwall. Teorema di esistenza del controllo ottimo per i problemi di Bolza: il caso con
insieme di controllo chiuso e il caso con insieme controllo compatto.
3. CONTROLLO OTTIMO CON IL METODO DELLA PROGRAMMAZIONE DINAMICA
Definizione della funzione valore. La condizione (necessaria) finale sulla funzione valore (DIM). Il principio di
ottimalit di Bellman (DIM). Le propriet della funzione valore: lequazione di Bellmann-Hamlton-Jacobi (DIM).
LHamiltoniana della Programmazione Dinamica. Condizioni sufficienti di ottimalit (DIM). Sui problemi di
minimo. La funzione valore del problema a tempo finale fisso e valore finale libero, Lipschitz (DIM). Cenni alle
soluzioni viscose.
Condizioni necessarie e sufficienti per problemi di controllo ottimo pi generali. Soluzione del problema di strategia
aziendale di produzione/vendita. Modello di produzione e gestione del magazzino II.
Problemi autonomi, ad orizzonte illimitato: la sua funzione valore corrente e la relativa equazione di BHJ. Un
modello di consumo ottimo con utilit HARA. Cenni al modello stocastico di Merton.
Legami tra i metodi variazionali e la Programmazione Dinamica; interpretazione del moltiplicatore come prezzo
ombra (DIM).
4. GIOCHI DIFFERENZIALI
a. Nozioni introduttive
Formulazione di un gioco differenziale a 2 giocatori. Giochi simmetrici, giochi completamente cooperativi, giochi a
somma zero. Concetti di soluzioni: equilibrio di Nash, equilibrio di Stackelberg. Tipi di strategie: a ciclo aperto e
feedback.
b. Soluzioni di equilibrio di Nash
*Strategie open loop. Definizione, uso dellapproccio variazionale e condizione sufficiente per avere una strategia
open-loop. Il modello lavoratori-capitalisti di Lancaster. Due pescatori al lago.
*Strategie feedback. Definizione, uso della programmazione dinamica. Un problema di produzione per due aziende
in competizione.
c. Soluzioni di equilibrio di Stackelberg
Giocatore leader e giocatore gregario, insieme di miglior risposta. Ricerca di soluzioni open-loop con lapproccio
variazionale. Un problema di crescita economica tra governo e impresa (cenni).
d. Giochi a somma zero
Nash equilibrium controllo ottimo come punto di sella. Funzione valore inferiore e superiore, Hamiltoniana della
Programmazione Dinamica superiore e inferiore, equazione di Bellmann-Hamlton-Jacobi superiore e inferiore:
Teorema di Isaacs. Condizione di Minimax (o di Isaacs): funzione valore e sua equazione di Isaacs. Condizione
necessarie e sufficienti con lapproccio variazionale e la Programmazione Dinamica. War of attrition and attack.
Giochi di cattura-evasione: formulazione, target set, exit time. La funzione valore e lequazione di Isaacs per
problemi autonomi (DIM). Lady in the lake.
Testi di riferimento:

T. Baar, G.O. Olsder Dynamic noncooperative game theory, SIAM Classic in Applied Mathematics, 1998
78

A. Bressan Noncooperative differential games. A Tutorial, Milan Journal of Nathematics, vol 79, pag 357427, 2011.
A. Calogero Notes on optimal control theory, disponibile gratuitamente in rete.
A. Calogero A very short tour on differential games, disponibile gratuitamente in rete.
L.C. Evans An introduction to mathematical optimal control theory, disponibile gratuitamente in rete.

Modalit d'esame:
Esame scritto e orale
Note:
Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono
dello studio, la sede universitaria o di lavoro, lorario di ricevimento studenti e lindirizzo e-mail.

79

METODI MATEMATICI PER L'ANALISI ECONOMICA OTTIMIZZAZIONE E ANALISI CONVESSA


(2016/2017)
Docenti: Prof.ssa Rita Pini
Cfu: 8
Settore disciplinare: SECS-S/06
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
Scopo del corso quello di fornire gli strumenti essenziali per lo studio di problemi di ottimizzazione finitodimensionali che derivano da applicazioni economiche.
Conoscenze richieste:
Le conoscenze di base e i principali risultati di algebra lineare e analisi in ambito finito-dimensionale.
Programma:
Introduzione ai problemi di ottimizzazione.
Esempi in ambito economico.
Strumenti di calcolo di base in Rn.
Ottimizzazione libera.
Analisi convessa.
Programmazione non lineare.
Teoria della dualit e programmazione convessa.
Lultima parte del corso sar dedicata a unintroduzione alla Teoria dei Giochi.
Testi:
O. Gler, Foundations of Optimization, Springer 2010
M. S. Bazaraa, H. D. Sherali, C. M. Shetty, Nonlinear Programming, John Wiley & Sons, 1993
Per la parte relative alla Teoria dei Giochi la bibliografia verr comunicata successivamente.
Modalit d'esame:
Esame scritto

80

METODI STOCASTICI PER LA FINANZA (2016-2017)


Docenti: Prof. Gianmario Tessitore
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/06
Anno: I
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
Vengono presentati il moto Browniano e la teoria dell'integrazione stocastica, enfatizzando le applicazioni alle
equazioni alle derivate parziali e al prezzaggio di derivati in mercati a tempo continuo.
Conoscenze richieste:
Analisi, Probabilit, Teoria della misura, Processi Stocastici.
Programma:
- Il moto browniano e i processi di Levy. La propriet di Markov forte.
- Integrale stocastico. Formula di Ito. Teorema di Girsanov e rappresentazione delle martingale browniane.
- I processi di Markov e i loro generatori.
- Equazioni differenziali stocastiche, nozioni di esistenza e unicit delle soluzioni. Le soluzione di equazioni
stocastiche come processi di Markov.
- Equazione alle derivate parziali di Kolmogorov e Formula di Feynman-Kac.
- Moto browniano e problema di Dirichlet.
- Un modello di mercato finanziario Markoviano a tempo continuo: l' equazione di Black and Scholes.
Testi:
J.-F. Le Gall, Brownian Motion, Martingales, and Stochastic Calculus, Springer (2016)
Dispense dei docenti
Modalit d'esame:
Esame orale
Note:
Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono
dello studio, la sede universitaria o di lavoro, lorario di ricevimento studenti e lindirizzo e-mail.

81

MODELLAZIONE GEOMETRICA E GRAFICA COMPUTAZIONALE (2016/2017)


Docente: Prof.ssa Lucia Romani
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/08
Anno: I
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu
Obiettivi:
Il corso vuole portare a conoscenza degli studenti quel settore della matematica applicata che si occupa della
modellazione geometrica di oggetti tridimensionali e della loro visualizzazione sullo schermo.
Contenuti:
Curve B-spline e superfici B-spline prodotto-tensoriale. Schemi di suddivisione per curve e superfici. Costruzione,
analisi e studio delle propriet.
Prerequisiti:
Conoscenze di base acquisite nella Laurea Triennale in Matematica: elementi di algebra lineare e algebra dei
polinomi; nozioni elementari di analisi matematica e geometria differenziale; elementi di programmazione in Matlab.
Programma:
o La base delle B-spline, curve B-spline e superfici B-spline prodotto-tensoriale.
o Algoritmi per linserimento di uno o pi nodi e per il raffinamento di curve e superfici B-spline.
o Equazione di raffinamento della base delle B-spline uniformi.
o Propriet e limiti di rappresentazione delle superfici B-spline prodotto-tensoriale.
o Introduzione alla teoria della suddivisione e alla terminologia del settore.
o Classificazione degli schemi di suddivisione.
o La classe degli schemi di suddivisione lineari, uniformi, stazionari e le sue sottoclassi.
o Schemi di approssimazione vs schemi di interpolazione.
o Schemi univariati per la rappresentazione di curve: schemi B-spline vs schemi di Dubuc-Deslauriers. Loro
varianti con parametro di forma.
o Schemi bivariati per la rappresentazione di superfici definite a partire da mesh quadrangolari: schemi di DooSabin e Catmull-Clark vs schemi di Kobbelt e Han.
o Schemi bivariati per la rappresentazione di superfici definite a partire da mesh triangolari: schema di Loop vs
schema Butterfly.
o Analisi di convergenza e regolarit di schemi di suddivisione univariati e bivariati: metodo matriciale vs
approccio con i polinomi di Laurent.
o Stencils per la determinazione dei punti limite e della normale nei punti limite.
o Parametrizzazione di uno schema di suddivisione.
o Studio delle propriet di generazione e riproduzione polinomiale. Ordine di approssimazione.
Il corso prevede un'attivit di laboratorio che ne costituisce parte integrante.
Testi di riferimento:
L.-E. Andersson, N. F. Stewart: Introduction to the Mathematics of Subdivision Surfaces, SIAM, 2010.
J. Warren, H. Weimer: Subdivision Methods for Geometric Design, Morgan Kaufmann, 2002.
Tutorials on Multiresolution in Geometric Modelling, Part I, A. Iske, E. Quak, M. Floater (Eds.), Springer,
2002.
D. Zorin, P. Schroeder: Subdivision for Modeling and Animation, SIGGRAPH 2000 Course Notes
(http://www.cs.nyu.edu/~dzorin/sig00course)
Modalit dellesame:
Lesame consiste nella realizzazione e discussione di un progetto assegnato al termine del corso e in una prova orale
sugli argomenti trattati a lezione.
Valutazione dellesame: Voto in trentesimi 18-30/30
82

MODELLI E METODI DI APPROSSIMAZIONE (2016/2017 IL CORSO NON SAR ATTIVATO


NELL'ANNO ACCADEMICO 2017/2018)
Docente: Prof. ssa Milvia Rossini
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/08
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 8 cfu
Contenuti:
Verr considerato il problema dellinterpolazione multivariata di dati sparsi. Dopo la formulazione del problema
verr introdotto il concetto di base radiale, strumento fondamentale in questo ambito, studiate le loro propriet e
forniti esempi delle basi pi utilizzate (gaussiane, multiquadriche, potenze troncate, thin-plate spline..). Poich la
dimensione del campione pu essere molto grande, saranno proposti algoritmi per il calcolo efficiente
dellinterpolante.
Verranno inoltre presentati i metodi di partizione dellunit che permettono di decomporre problemi di grandi
dimensioni in sotto-problemi di dimensioni pi piccole e allo stesso tempo assicurare che laccuratezza ottenuta per
le approssimazioni locali sia trasportata allapprossimazione globale.
Infine si affronter lapprossimazione di dati sparsi usando il criterio dei minimi quadrati.
Obiettivi
Introdurre e studiare uno dei problemi fondamentali della teoria dellapprossimazione e in generale della
modellazione di dati: il problema dellapprossimazione di dati sparsi (scattered data) ovvero di dati dove le locazioni
x i R d non sono disposte su una griglia regolare. Per questo motivo i metodi che verranno studiati sono
detti mesh-free methods.
Prerequisiti:
Corsi di base della laurea triennale

Programma:
Approssimazione di dati sparsi in Rd
Il problema dellinterpolazione di dati sparsi
Basi radiali
Interpolazione con basi radiali
Basi radiali definite positive (esempi)
Interpolazione di dati sparsi con precisione polinomiale
Basi radiali condizionatamente definite positive (esempi)
Stima dellerrore di interpolazione
Stabilit e condizionamento dellinterpolazione con basi radiali
Algoritmi
Metodi di partizione dellunit
Approssimazione ai minimi quadrati con basi radiali

Testi di riferimento:
Gregory E. Fasshauer: Meshfree Approximation Methods with Matlab, World Scientific
Modalit desame:
Esame orale con discussione di un progetto assegnato durante il corso
Valutazione dellesame:
Voto in trentesimi 18-30/30
Modalit didattica
Lezioni frontali con esercitazioni in laboratorio
83

PREPARAZIONE DI ESPERIENZE DIDATTICHE (2015-2016)


Docente: Prof. Gianni Lucchini
Cfu: 8
Settore disciplinare: FIS/08
Anno: I
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu
Modalit didattica:
Lezioni frontali e laboratorio a piccoli gruppi (2-3 persone)
Introduzione al corso:
Completare i temi di fisica generale studiati nei corsi introduttivi e dare uno sguardo ad alcuni argomenti che possono
essere di stimolo nellinsegnamento della Fisica nelle scuole medie
Conoscenze richieste:
Corsi di fisica generale: meccanica, termodinamica, elettromagnetismo
Programma:
Ottica geometrica; gravitazione: orbite di sonde spaziali, punti lagrangiani; spettro del corpo nero; interazione
radiazione-materia e propriet ottiche dei materiali; visione a colori; introduzione allanalisi degli errori sperimentali;
alcune semplici misure in laboratorio (misure elettriche, onde stazionarie, misura di G con bilancia di Cavendish,
legge di Coulomb).
Testi:
Vengono fornite fotocopie di appunti stesi dal docente.
Modalit d'esame:
Esam orale

84

PROCESSI STOCASTICI (2016-2017)

Docenti: Prof. Francesco Caravenna, Prof. Gianmario Tessitore


Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/06
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 5 cfu
Esercitazioni: 3 cfu
Introduzione al corso:
Vengono studiati i concetti fondamentali della teoria dei processi stocastici (sopratutto quelli a tempo discreto), con
particolare enfasi su martingale e catene di Markov.
Conoscenze richieste:
Analisi, Probabilit, Teoria della misura, cenni di Analisi funzionale.
Programma:
- Legge e speranza condizionale.
- Martingale a tempo discreto, convergenza quasi certa. Uniforme integrabilit e convergenza in Lp. Disuguaglianza
massimale e di Doob.
- Catene di Markov a tempo discreto. Misure invarianti e convergenza all'equilibrio. Legami con martingale e
funzioni armoniche.
- Applicazioni: metodo Monte Carlo, problemi di arresto ottimale.
- Introduzione alle catene di Markov a tempo continuo. Semigruppi e generatori differenziali.
- Il processo di Poisson.
Testi:
D. Williams, Probability with Martingales, Cambridge University Press (1991).
Dispense dei docenti
Modalit d'esame:
Esame scritto e orale
Note:
Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono
dello studio, la sede universitaria o di lavoro, lorario di ricevimento studenti e lindirizzo e-mail.

85

STORIA DELLA MATEMATICA (2015-2016)


Docente: Prof. Leonardo Colzani
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/05
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
Il corso diviso in tre parti, due gestite autonomamente dallo studente ed una dal docente:
(1) Lo studente deve leggere e studiare un testo di storia della matematica.
(2) Lo studente, da solo o in gruppo, deve preparare una relazione scritta e tenere un seminario su una memoria
originale concordata col docente.
(3) Il docente si propone di presentare, con dimostrazioni, un certo numero di risultati classici ed elementari, e la
genesi di alcune teorie incontrate nel corso di studi, con gli uomini dietro queste teorie.
Il corso di Storia della Matematica Elementi non richiede la relazione scritta ed il seminario, ma vale la met dei
crediti, 4 invece di 8.
Obiettivi:
Presentare un certo numero di risultati classici ed elementari che uno studente curioso ha sempre voluto sapere ma
non ha mai avuto il coraggio di chiedere.
Conoscenze richieste:
Un certo interesse per la storia, e la matematica della laurea triennale. Le dimostrazioni di alcuni risultati richiedono
un po' di analisi complessa, ma un prerequisito colmabile durante il corso.
Programma:
Quadratura di cerchio e iperbole. Calcolo numerico di pigreco (Archimede, Newton).
Numeri razionali e irrazionali, algebrici e trascendenti (Pitagora, Liouville, Cantor).
Irrazionalit e trascendenza di e (Eulero, Hermite), e pigreco (Lambert, Lindemann).
Equazioni algebriche e teorema fondamentale dell'algebra (d'Alembert, Gauss).
Equazioni di primo, secondo, terzo e quarto grado (Tartaglia, Cardano, Ferrari).
Equazioni di quinto grado (Ruffini, Abel, Galois).
Numeri primi. Il teorema fondamentale dellaritmetica (Euclide, Gauss).
Esistenza di infiniti primi (Euclide, Eulero). Primi in progressioni aritmetiche (Dirichlet).
Distribuzione dei numeri primi (Riemann, Hadamard, de la Valle Poussin).
Crivelli di numeri primi (Eratostene, Brun, Schnirelmann, Selberg).
Se c' tempo, qualche altro argomento concordato con la classe.
Testi:
Un testo di storia della matematica:
C.Boyer Storia della Matematica, Oscar Mondadori.
M.Kline Storia del pensiero matematico, Einaudi.
Per gli argomenti trattati a lezione saranno disponibili delle note dettagliate. comunque auspicabile che lo studente
impari a servirsi autonomamente delle biblioteche cartacee e virtuali.
86

Modalit d'esame:
-Relazione scritta, seminario, ed esame orale.
-Il corso di Storia della Matematica Elementi di 4 cfu mutuato dal corso con 8 cfu, non prevede la relazione
scritta ed il seminario e richiede solo lesame orale.
Alcuni seminari tenuti dagli studenti
Archimede Sul cilindro e la sfera.
Pappo Mathematicae collectiones - Liber V.
Pappo e Pascal Mathematicae collectiones - Liber VII e Essay pour les coniques.
Ferrari e Tartaglia Cartelli di matematica disfida.
Huygens Horologium oscillatorium.
Newton Enumeratio linearum tertii ordinis.
Grandi Flores geometrici.
Eulero e Bernoulli De summis
1/1+1/4+1/9+1/16+1/25+1/36+etc..

serierum

reciprocarum

Inquisitio

in

summam

series

Eulero De serierum determinatione.


Eulero De fractionibus continuis dissertatio.
Eulero Demonstratio theorematis Fermatiani omnen numerum primum formae 4n+1 esse summam duorum
quadratorum.
Eulero Elementa doctrinae solidorum.
Eulero Solutio facilis problematum quorundam geometricorum difficillimorum.
Gauss Disquisitiones arithmeticae - Aequationibus circuli sectiones definientibus.
Cauchy Sur les polygones et les polydres.
Abel Recherches sur la srie 1+mx/1+m(m-1)x2/12+m(m-1)(m-2)x3/123+.
Dirichlet ber die Bestimmung der mittleren Werthe in der Zahlentheorie.
Lobaevskij Nuovi principi della geometria con una teoria completa delle parallele.
Chebyshev Sur la totalit des nombres premiers infrieus une limite done.
Riemann Fondamenti di una teorica generale delle funzioni di una variabile complessa.
Borel Les probabilits dnombrables et leurs applications arithmetiques.
Note:
Sul sito web www.matapp.unimib.it nella pagina personale del docente possibile trovare del materiale didattico, il
curriculum vitae, il numero di telefono dello studio, la sede universitaria di lavoro, lorario di ricevimento studenti e
lindirizzo e-mail.

87

STORIA DELLA MATEMATICA - ELEMENTI (2015-2016)


Docente: Prof. Leonardo Colzani
Cfu: 4
Settore disciplinare: MAT/05
Semestre: I
Lezioni: 4 cfu
Introduzione al corso:
I contenuti del corso di Storia della matematica-elementi sono gli stessi del corso di Storia della matematica,
ma non richiesto agli studenti di tenere un seminario. In particolare: (1) Lo studente deve leggere e studiare un
testo di storia della matematica. (2) Il docente si propone di presentare, con dimostrazioni, un certo numero di
risultati classici ed elementari, e la genesi di alcune teorie incontrate nel corso di studi, con gli uomini dietro queste
teorie.
Conoscenze richieste:
Un certo interesse per la storia, e la matematica della laurea triennale. Le dimostrazioni di alcuni risultati richiedono
un po' di analisi complessa, ma un prerequisito colmabile durante il corso.
Programma:
Quadratura di cerchio e iperbole. Calcolo numerico di pigreco (Archimede, Newton).
Numeri razionali e irrazionali, algebrici e trascendenti (Pitagora, Liouville, Cantor).
Irrazionalit e trascendenza di e (Eulero, Hermite), e di pigreco (Lambert, Lindemann).
Equazioni algebriche e teorema fondamentale dell'algebra (d'Alembert, Gauss).
Equazioni di primo, secondo, terzo e quarto grado (Tartaglia, Cardano, Ferrari).
Equazioni di quinto grado (Ruffini, Abel, Galois).
Numeri primi. Il teorema fondamentale dellaritmetica (Euclide, Gauss).
Esistenza di infiniti primi (Euclide, Eulero). Primi in progressioni aritmetiche (Dirichlet).
Distribuzione dei numeri primi (Riemann, Hadamard, de la Valle Poussin).
Crivelli di numeri primi (Eratostene, Brun, Schnirelmann, Selberg).
Se c' tempo, qualche altro argomento concordato con la classe.
Testi:
C.Boyer Storia della Matematica, Oscar Mondadori.
M.Kline Storia del pensiero matematico, Einaudi.
Per gli argomenti trattati a lezione saranno disponibili delle note dettagliate. comunque auspicabile che lo
studente impari a servirsi autonomamente delle biblioteche cartacee e virtuali.
Modalit d'esame:
Relazione scritta ed esame orale
Note:
Sul sito web www.matapp.unimib.it nella pagina personale del docente possibile trovare del materiale didattico, il
curriculum vitae, il numero di telefono dello studio, la sede universitaria di lavoro, lorario di ricevimento studenti e
lindirizzo e-mail.

88

TEORIA DEI NUMERI E CRITTOGRAFIA (2016/2017)


Docente: Prof.ssa Francesca Dalla Volta
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/02
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
Scopo del corso quello di presentare alcune tematiche classiche di Teoria dei numeri, con applicazioni alla
crittografia; in particolare saranno trattati alcuni sistemi crittografici a chiave pubblica.
Conoscenze richieste:
Conoscenze di base sulle strutture algebriche, generalmente acquisite nei corsi di Algebra di un corso di Laurea di
Primo Livello
Programma:
Richiami sui numeri interi e sui campi finiti, aritmetica modulare, funzione di Eulero; funzione di Mbius;
teorema cinese del resto.
Introduzione ai sistemi crittografici; chiave pubblica e chiave privata.
Caratteri di Dirichlet. Numeri primi: cenni sul Teorema di Dirichlet e sul Teorema dei numeri primi.
Cenni sulla funzione zeta; fattorizzazione di Eulero; ipotesi di Riemann e ipotesi di Riemann generalizzata.
Primalit e fattorizzazione: conseguenze del Piccolo Teorema di Fermat; numeri pseudoprimi, alcuni test di
primalit (Fermat, Jacobi, Miller-Rabin,AKS); metodo (p-1) di Pollard per la fattorizzazione.
Ipotesi generalizzata di Riemann e ripercusssioni sui test di primalit
Crittosistema di Diffie ed Hellman. Il problema del logaritmo discreto.
Curve ellittiche: equazione di Weierstrass, gruppo dei punti di una curva ellittica, curve ellittiche su campi
finiti.
Cenni su curve ellittiche e Ultimo Teorema di Fermat.
Fattorizzazione con le curve ellittiche, test di primalit con le curve ellittiche.
Crittosistemi basati sulle curve ellittiche.
Testi:
N. Koblitz, A course in Number Theory and Cryptography, volume 114 of Graduate texts in Mathematics,
Springer-Verlag, second edition, 1994.
Languasco, A. Zaccagnini, Introduzione alla Crittografia, Hoepli Editore, 2004.
H.E. Rose, A course in Number Theory, II edizione, Oxford: Clarendon press, 1994
Lawrence C. Washington, Elliptic Curves, Number Theory and Criptogtaphy CRC Press
Modalit d'esame:
Esame scritto e orale. Lo studente pu scegliere di sostituire il tradizionale esame orale con un seminario in cui
approfondisce una parte del programma.

89

TEORIA DELLE RAPPRESENTAZIONI (2016/2017)


Docente: Prof. Lino G. Di Martino
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/02
Anno: I
Semestre: I
Lezioni: 8 cfu
Introduzione al corso:
Il corso ha lo scopo di presentare i contenuti, i metodi fondamentali e alcune applicazioni della teoria classica della
rappresentazione dei gruppi finiti.
Conoscenze richieste:
I contenuti standard di un corso annuale di algebra (Algebra I e Algebra II), e qualche conoscenza ulteriore di teoria
dei campi.
Programma:
Anelli e A-moduli semisemplici:
Richiami generali su anelli e A-moduli. Anelli e A-moduli artiniani e noetheriani. Anelli e A-moduli semisemplici. Amoduli semplici. Decomposizione di un A-modulo semisemplice in componenti isotipiche. Struttura degli anelli
semisemplici. Teorema di Wedderburn. Propriet del doppio centralizzante (DCP). Struttura degli anelli artiniani
semplici.
Rappresentazioni e moduli:
Lalgebra gruppale KG di un gruppo G. KG-moduli e rappresentazioni di G. Rappresentazioni completamente
riducibili, teorema di Maschke. Rappresentazioni su splitting fields (KG semisemplice e split): struttura di KG.
Teorema di Frobenius-Schur. Esempi di rappresentazioni complesse di gruppi finiti.
Caratteri di un gruppo finito:
Definizioni generali e propriet elementari dei caratteri di un gruppo G. Lo spazio CF(G) delle funzioni di classe. Car
K = 0 e K splitting per G: caratteri e moduli; tavola dei caratteri. Rappresentazione regolare, idempotenti ortogonali,
prime relazioni di ortogonalit fra i caratteri. Caso semisemplice e split: Irr(G) una base ortonormale di CF(G);
seconde relazioni di ortogonalit fra i caratteri. Interi algebrici e caratteri; costanti di struttura del centro di KG. Il
grado di un carattere irriducibile un divisore dellordine di G. Applicazioni alla teoria dei gruppi: il p^a.q^bteorema di Burnside. Propriet strutturali di un gruppo deducibili dalla tavola dei caratteri.
[Cenni alle rappresentazioni dei gruppi compatti.]
Prodotti tensoriali di rappresentazioni:
Generalit sui prodotti tensoriali di moduli. Prodotti tensoriali di rappresentazioni, prodotti di
caratteri. Lanello dei caratteri virtuali. Teorema di Burnside-Brauer. Applicazioni al conteggio di involuzioni,
teorema di Brauer-Fowler e sue conseguenze.
Rappresentazioni permutazionali e applicazioni:
Richiami sui gruppi di permutazioni. Azioni su classi di coniugio e caratteri. Lemma permutazionale di Brauer.
Caratteri reali.
Rappresentazioni di prodotti diretti:
Caratteri irriducibili di un prodotto diretto. Applicazione: teorema di Burnside sul grado di un carattere.
Induzione e restrizione di rappresentazioni:
Rappresentazioni indotte da sottogruppi. Caratteri indotti. Propriet dellinduzione, legge di reciprocit di Frobenius
e sue applicazioni. Restrizione di una rappresentazione a un sottogruppo normale: teoria di Clifford. Gruppo
dinerzia di una rappresentazione; corrispondenza di Clifford. Teorema di Ito.
Testi:
C.W.Curtis and I. Reiner, Representation Theory of Finite Groups and Associative Algebras,Wiley Interscience 1962
C. W. Curtis and I. Reiner, Methods of Representation Theory I, Wiley 1981.
L. Dornhoff, Group Representation Theory, Marcel Dekker 1971.
B. Huppert, Character Theory of Finite Groups, de Gruyter 2011.
I.M. Isaacs, Character theory of finite groups, Academic Press 1976.
Modalit d'esame: Esame orale
90

TEORIA GEOMETRICA DEI GRUPPI (2016/2017)


Docente: Prof. Thomas Stefan Weigel
Cfu: 8
Settore disciplinare: MAT/02
Anno: I
Semestre: II
Lezioni: 6 cfu
Esercitazioni: 2 cfu
Introduzione al corso:
Lobiettivo del corso introdurre i concetti necessari per formulare e studiare la teoria di Bass e Serre su gruppi che
agiscono su alberi. Il primo passo sar introdurre la definizione adeguata di un grafo che permette di formulare
concetti geometrici come connettivit, etc.
Conoscenze richieste:
Algebra I, Geometria I.
Programma:
Grafi, sentieri, connettivit, alberi; azioni di gruppi su grafi, grafi di Cayley; gruppi liberi, prodotti liberi (amalgami),
estensioni HNN; grafi quozienti, grafi di gruppi, il gruppo fondamentale di un grafo di gruppi, il teorema
fondamentale per gruppi che agiscono su alberi.
Testi:
J-P. Serre: Trees, Springer-Verlag, Berlin, 1980.
J. Meier: Groups, Graphs and Trees, London Mathematical Society, Student Texts, 73, CUP, 2008.
O. Bogopolski: Introduction to Group Theory, EMS Textbooks in Mathematics, 2008.
Modalit d'esame:
Esame orale
Note:
Sul sito web: www.matapp.unimib.it possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono
dello studio, la sede universitaria o di lavoro, lorario di ricevimento studenti e lindirizzo e-mail.
Se nessuno dei partecipanti contrario il corso sar dato in inglese.

91

Dottorato di ricerca
Il Dipartimento di Matematica e Applicazioni concorre, congiuntamente al Dipartimento di Matematica
dellUniversit di Pavia e allINdAM, allorganizzazione di un Dottorato consortile di Ricerca in Matematica con
sede amministrativa presso lUniversit di Pavia. Tale Dottorato ha durata triennale e costituisce il tradizionale
percorso di avviamento alla ricerca. Prevede varie borse di studio. Il Corso di Dottorato in Matematica ha lo scopo di
trasmettere ai dottorandi le tecniche e le metodologie di ricerca nei settori attuali della Matematica e delle sue
applicazioni.
Per informazioni pi specifiche si rimanda al sito web: http://phdmat.unipv.eu/site/home.html

Tematiche di ricerca
Algebra : teoria dei gruppi, teoria delle algebre di Lie e delle loro rappresentazioni (MILANO BICOCCA); teoria
delle categorie (PAVIA). Geometria : geometria algebrica (PAVIA), geometria differenziale reale e complessa
(MILANO BICOCCA e PAVIA), geometria simplettica (MILANO BICOCCA) e iperbolica (PAVIA).
Analisi matematica : equazioni differenziali alle derivate parziali, problemi di controllo e ottimizzazione, analisi
non lineare e funzionale (MILANO BICOCCA e PAVIA); analisi armonica e geometrica (MILANO BICOCCA);
modelli e metodi variazionali, calcolo delle variazioni (PAVIA).
Analisi numerica e modellistica matematica : studio di metodi numerici (elementi finiti, isogeometrici, virtuali)
rivolti alla risoluzione di equazioni alle derivate parziali nell'ambito della meccanica dei solidi, fluidodinamica,
interazione fluido-struttura, elettromagnetismo, e per applicazioni di ingegneria e biomatematica; disegno assistito al
calcolatore, approssimazione di dati e funzioni, algebra lineare numerica (MILANO BICOCCA e PAVIA).
Fisica matematica : materiali speciali, meccanica dei fluidi e teorie cinetiche (PAVIA); teoria geometrica dei
sistemi integrabili e sistemi dinamici (MILANO BICOCCA). Probabilit e statistica : statistica bayesiana,
probabilit quantistica, convergenza di misure di probabilit, misure di probabilit finitamente additive (PAVIA);
meccanica statistica (MILANO BICOCCA e PAVIA); matematica finanziaria, teoria del controllo stocastico
(MILANO BICOCCA).
Collegio Docenti

Federico Bassetti Ricercatore - MAT/06 - Probabilit e Statistica - Universit degli studi di Pavia

Daniele Boffi - Professore Ordinario- MAT/08 - Analisi Numerica - Universit degli studi di Pavia

Francesco Bonsante - Ricercatore Universitario - MAT/03 Geometria - Universit degli studi di Pavia

Annalisa Buffa - Dirigente di ricerca -MAT/08 - Analisi Numerica - IMATI-CNR sede di Pavia

Francesco Caravenna - Professore Associato - MAT/06 -Probabilita' e Statistica Matematica - Universit


degli Studi di Milano Bicocca

Pierluigi Colli - Professore Ordinario -MAT/05 - Analisi Matematica e Applicazioni Universit degli studi
di Pavia

Rinaldo Mario Colombo - Professore Ordinario - MAT/05 Analisi Matematica - Dipartimento di Ingegneria
dell'Informazione - Universit di Brescia

Leonardo Colzani Professore Ordinario MAT/05 - Analisi Matematica - Universit degli Studi di Milano
Bicocca

Diego Conti - Professore Associato (L. 240/10) -MAT/03 Geometria - Universit degli Studi di Milano
Bicocca
92

Bianca Di Blasio - Professore Associato - MAT/05 - Analisi Matematica - Universit degli Studi di Milano
Bicocca

Gregorio Falqui - Professore Ordinario (L. 240/10) -MAT/07 - Fisica Matematica - Universit degli Studi di
Milano Bicocca

Veronica Felli - Professore Associato - MAT/05 - Analisi Matematica - Universit degli Studi di Milano
Bicocca

Luigi Fontana - Ricercatore -MAT/05 - Analisi Matematica - Universit degli Studi di Milano Bicocca

Paola Frediani - Professore Associato (L. 240/10) - MAT/03 Geometria - Universit degli studi Pavia

Mauro Garavello - Ricercatore - MAT/05 - Analisi Matematica - Universit degli Studi di Milano Bicocca

Ugo Pietro Gianazza - Professore Ordinario -MAT/05 - Analisi Matematica - Universit degli studi Pavia

Graziano Guerra - Professore Associato - MAT/05 - Analisi Matematica - Universit degli studi Milano
Bicocca

Antonio Lijoi - Professore Ordinario - MAT/06 - Probabilit e Statistica Matematica - Universit degli studi
di Pavia

Paolo Lorenzoni - Ricercatore - MAT/07 - Fisica Matematica - Universit degli studi Milano Bicocca

Luisa Donatella Marini - Professore Ordinario - MAT/08 - Analisi Numerica - Universit degli studi di Pavia

Federica Masiero - Ricercatore confermato - MAT/06 - Probabilit e Statistica - Universit degli studi
Milano Bicocca

Stefano Meda - Professore Ordinario -MAT/05 - Analisi Matematica - Universit degli studi Milano Bicocca

Costantino Medori Professore Associato MAT/03 Geometria - Universit degli studi di Parma

Maria Giovanna Mora - Professore Associato non confermato - MAT/05 - Analisi Matematica - Universit
degli studi di Pavia

Roberto Paoletti - Professore ordinario - MAT/03 Geometria - Universit degli studi Milano Bicocca

Paola Luisa Pietra -Dirigente di ricerca -MAT/08 - Analisi Numerica - IMATI-CNR sede di Pavia

Rita Pini - Professore Ordinario -SECS-S/06 -Metodi Mat. dell'Economia e d. Scienze Attuariali e
Finanziarie - Universit degli studi Milano Bicocca

Gian Pietro Pirola - Professore Ordinario-MAT/03- Geometria - Universit degli studi di Pavia

Eugenio Regazzini - Professore Ordinario - MAT/06 - Probabilit e Statistica Matematica- Universit degli
studi di Pavia

Pietro Rigo - Professore Ordinario- MAT/06 - Probabilit e Statistica Matematica - Universit degli studi di
Pavia

Lucia Romani - Professore Associato (L. 240/10) -MAT/08 - Analisi Numerica - Universit degli studi
Milano Bicocca

Fabrizio Ruggeri - Dirigente di ricerca - MAT/06 - Probabilit e Statistica Matematica - IMATI-CNR sede di
Pavia

Alessandro Russo - Professore Ordinario-MAT/08 - Analisi Numerica - Universit degli Studi di Milano
Bicocca
93

Giancarlo Sangalli - Professore Associato - MAT/08 - Analisi Numerica - Universit degli studi di Pavia

Giuseppe Savar - Professore Ordinario - MAT/05 - Analisi Matematica - Universit degli studi di Pavia

Giulio Fernando Schimperna - Professore Associato - MAT/05 - Analisi Matematica - Universit degli studi
di Pavia

Alberto Giulio Setti - Professore Ordinario - MAT/05 -Analisi Matematica - Universit degli studi Insubria

Jacopo Stoppa - Professore Associato - MAT/03 Geometria - Universit degli studi di Pavia

Gianmario Tessitore - Professore Ordinario-MAT/06 - Probabilita' E Statistica Matematica - Universit degli


studi Milano Bicocca

Adriano Tomassini - Professore Ordinario - MAT/03 Geometria - Universit degli studi di Parma

Giuseppe Toscani -Professore Ordinario - MAT/07 - Fisica Matematica - Universit degli studi di Pavia

Thomas Stefan Weigel - Professore Ordinario -MAT/02 Algebra - Universit degli studi Milano Bicocca

94

Formazione insegnanti
La Laurea Magistrale in Matematica (LM-40), ai sensi della normativa vigente, d accesso alle seguenti Classi di
Concorso a Cattedre per l'insegnamento nella scuola secondaria:
A-26 Matematica (ex 47/A), A-27 Matematica e Fisica (ex 49/A), A-28 Matematica e Scienze (ex 59/A), A-20 Fisica
(ex 38/A), A-41 Scienze e Tecnologie Informatiche (ex 42/A), A-47 Scienze Matematiche Applicate (ex 48/A), oltre
a Scienze e tecnologie (aero)nautiche.

Nel dipartimento attivo un gruppo di lavoro per la didattica della matematica, che si occupa degli aspetti
metodologici, didattici e tecnologici della matematica. Ogni anno, nell'offerta formativa del Corso di Studi e nella
programmazione didattica si tiene conto dei continui sviluppi del ruolo dell'insegnante nella scuola secondaria, e
degli aggiornamenti normativi sulle modalit di accesso alla professione di insegnante, in modo da permettere di
raggiungere una preparazione adeguata sia dal punto di vista dei contenuti disciplinari, che negli aspetti pi
propriamente pedagogico-didattici.

Per quanto riguarda la matematica, negli anni scorsi (2012-2015) presso l'Universit di Milano-Bicocca sono stati
attivati, con il contributo del Dipartimento di Matematica e della Facolt di Scienze della Formazione, percorsi di
formazione per gli insegnanti (TFA e PAS) relativi alle Classi di Concorso A059 (Matematica e Scienze per la scuola
secondaria di primo grado), A047 (Matematica), A049 (Matematica e Fisica). Per le analoghe iniziative dei prossimi
anni, per informazioni pi aggiornate, e per i requisiti curriculari dell'accesso alle Classi di Concorso a Cattedra, si
prega di consultare la pagina web del corso laurea.

95

Informazioni utili
Valutazione della preparazione iniziale (VPI)
Gli studenti che si immatricolano ai Corsi di Laurea ad accesso libero, ovvero non a numero programmato, dovranno
obbligatoriamente sostenere una prova di Valutazione della Preparazione Iniziale (VPI). Tale prova adottata a
livello nazionale dalle Scuole di Scienze e dai Dipartimenti di area scientifica e ha la funzione di verificare se la
preparazione acquisita durante il percorso scolastico sia adeguata al corso di laurea prescelto, fornendo anche uno
strumento di auto-valutazione per permettere agli studenti di migliorare la propria preparazione di base e di inserirsi
nel percorso universitario.
La prova non va confusa con le prove di ammissione ai Corsi di Laurea a Numero Programmato (NP) in quanto non
ha funzione di selezionare gli accessi. Lesito della prova di Valutazione della Preparazione Iniziale non preclude in
alcun caso la possibilit discrizione degli studenti al corso di laurea. Tale prova infatti finalizzata a favorire
linserimento nel percorso didattico permettendo di organizzare specifiche attivit di supporto da offrire agli studenti
in ingresso per i quali si evidenziassero eventuali lacune.
Liscrizione al test avviene automaticamente ed contestuale allimmatricolazione al corso di studio. Se tuttavia la
prova non viene superata, viene assegnato allo studente un obbligo formativo aggiuntivo, che pu prevedere
opportune attivit e ulteriori prove per certificare il superamento del debito formativo.
CORSI DI LAUREA AD ACCESSO LIBERO CON PROVA DI VALUTAZIONE DELLA PREPARAZIONE
INIZIALE:
Fisica (Classe L-30 delle lauree in Scienze e Tecnologie Fisiche)
Matematica (Classe L-35 delle lauree in Scienze Matematiche)
Scienze e Tecnologie Geologiche (Classe L-34 delle lauree in Scienze Geologiche)
LE DATE DELLA PROVA:
13 settembre 2016 per gli studenti che si immatrciolano dal 18 luglio entro le ore 23.59 del 5 settembre 2016
14 ottobre 2016 per gli studenti che si immatricolano dal 6 settembre fino al 30/09/2016
2 dicembre 2016 per gli studenti che non hanno superato la prova nelle sessioni precedenti o non hanno potuto
partecipare per comprovati motivi
A cosa serve il VPI?
La prova serve a valutare se la preparazione acquisita dallo studente durante il percorso scolastico sia adeguata ai
prerequisiti di base di tutti i Corsi di Laurea della Scuola di Scienze.
Come si partecipa alla prova VPI?
Liscrizione alle prove del 13 settembre 2016 e del 14 ottobre 2016 avviene automaticamente allatto
dellimmatricolazione ad uno dei Corsi di Laurea ad accesso libero attraverso il sito: www.unimib.it/segreterieonline
Il test gratuito per gli studenti.
Gli studenti immatricolati entro le ore 23.59 del 5 settembre 2016 saranno automaticamente iscritti al test del 13
settembre 2016; gli studenti immatricolati dal 6 settembre fino al 30 settembre 2016 verranno automaticamente
iscritti al test del 14 ottobre 2016.
La prova del 2 dicembre 2016 riservata agli studenti che non hanno superato il test di settembre/ottobre 2016 o che
non vi hanno potuto prendere parte per comprovati motivi.
Ulteriori informazioni: http://www.scienze.unimib.it/.
96

Attivit didattiche di supporto


La Scuola di Scienze offre la possibilita' agli studenti del primo anno della laurea triennale di frequentare pre-corsi e
attivita di supporto, con l'obiettivo di:
prepararsi alle prove di ingresso
recuperare in caso di mancato superamento della prova di valutazione della preparazione iniziale nei corsi ad
accesso libero
recuperare in caso di mancato superamento della sezione di matematica di base nelle prove a numero
programmato.
La Scuola di Scienze organizza anche per l'A.A. 2016/2017 numerose attivit di supporto alla didattica
specificatamente dedicate alla Matematica di base rivolte a TUTTI gli studenti in ingresso ai Corsi di Laurea di area
scientifica, sia agli studenti dei corsi di studio ad accesso libero con prova di Valutazione della Preparazione di base
obbligatoria, sia agli studenti dei Corsi di Laurea a numero programmato, che pur collocandosi in posizione utile in
graduatoria, non abbiano superato la sezione di Matematica di base, secondo le modalit definite nei bandi specifici.
Aggiornamenti sulle date di svolgimento delle nuove edizioni e informazioni per il nuovo Anno Accademico
2016/17 saranno pubblicati nei mesi di giugno/luglio e settembre 2016 sul sito :http://www.scienze.unimib.it/

PRE-CORSI DI MATEMATICA
La Scuola di Scienze organizza i Pre-Corsi di Matematica dal 19 settembre al 30 settembre 2016. Si tratta di corsi
intensivi di Matematica di base fortemente consigliati a tutti gli studenti di area scientifica in ingresso: 1- come
preparazione agli insegnamenti di Matematica del I anno 2 come utile ripasso della Matematica di base- per
colmare eventuali lacune evidenziate dal mancato superamento della prova di valutazione della preparazione iniziale
o della sezione di matematica di base nelle prove di ammissione ai Corsi di Laurea a numero programmato 3 come
preparazione per gli esami del 1^anno, in particolare gli insegnamenti di area matermatica. Il corso ad accesso
libero e gratuito. Non necessaria liscrizione, ma per motivi organizzativi e didattici occorre attenersi ai calendari e
alle suddivisioni per gruppi di studio che verranno pubblicati sulla pagina del sito della Scuola di Scienze:
http://www.scienze.unimib.it/
Metodologia dellapprendimento
In collaborazione con la Fondazione RUI, la Scuola di Scienze offre agli studenti immatricolati ai corsi di studio di
area scientifica un corso di Metodologia dellapprendimento. Il corso, della durata di una settimana circa, si
svolge dal 19 al 22 settembre 2016 ed finalizzato a rafforzare capacit e tecniche di studio, di programmazione e
di preparazione agli esami. La partecipazione al corso gratuita ma necessita di iscrizione, per motivi organizzativi.
Informazioni circa i calendari, lorganizzazione e la suddivisione per gruppi di studenti saranno pubblicate sul
sitodella Scuola di Scienze: http://www.scienze.unimib.it/..
CORSO DI RICHIAMI DI MATEMATICA
Il corso, gestito dal Dipartimento di Matematica e Applicazioni, si svolge da met ottobre 2016 a gennaio 2017 con
la duplice finalit di fornire un aiuto nel campo specifico della matematica e di servire come cerniera di raccordo tra
la metodologia di apprendimento liceale e quella a livello universitario. E rivolto sia agli studenti che non hanno
superato le prove di ingresso (VPI o sezione di Matematica di base nelle prove a numero programmato) e che
debbano colmare lacune nella Matematica di base, sia a coloro che sentissero la necessit di consolidare le basi
matematiche acquisite nella scuola superiore. Il Corso prevede sia attivit in e-learning sia lezioni in aula e un esame
finale. E necessaria liscrizione. Avvisi aggiornati a proposito delle date di svolgimento del corso, aule, scadenze
discrizione verranno pubblicati tra giugno/ luglio e settembre 2016 sul sitodella Scuola di Scienze:
http://www.scienze.unimib.it/..
CORSO IN E-LEARNING DI RICHIAMI DI MATEMATICA EDIZIONE ESTIVA
Il corso, gestito dal Dipartimento di Matematica e Applicazioni, viene erogato nella sola modalit e-learning durante
il periodo estivo. Si propone di richiamare alcuni degli argomenti principali del programma di matematica delle
scuole superiori, anche in previsione delle prove di ingresso. Lassistenza on-line sar disponibile a partire dalla met
di luglio fino al mese di ottobre 2016. Gli studenti interessati si possono registrare e utilizzare il materiale didattico
97

per esercitarsi collegandosi al sito che verr segnalato qui di seguito sul sitodella Scuola di Scienze:
http://www.scienze.unimib.it/..
MATERIALE DIDATTICO ON LINE
Al seguente indirizzo http://wims2.matapp.unimib.it/precorsi.php reperibile del materiale didattico on-line
creato nellambito del Piano Nazionale Lauree Scientifiche. Laccesso al sito libero per tutti gli utenti ma necessita
di una registrazione

Accordi formativi con enti esterni

In base ad un accordo con la SMI (Scuola Matematica Interuniversitaria) possono essere riconosciuti alcuni
crediti formativi agli studenti che ne seguono i corsi estivi. Per informazioni consultare il sito
www.matapp.unimib.it/smi

Incentivi economici per gli studenti di Matematica


Negli ultimi anni gli studenti iscritti a Matematica hanno avuto la possibilit di avere un incentivo economico in
diverse forme:
Lateneo offre borse di studio agli studenti capaci e meritevoli. Sono inoltre disponibili premi di studio per
attivit di ricerca, tesi ed altre opportunit
Il Consorzio Interuniversitario per il Diritto allo Studio CIDiS (ex ISU) un consorzio pubblico
interuniversitario per il diritto allo studio. Offre un sistema integrato di interventi per favorire laccesso agli
studi universitari degli studenti meritevoli e privi di mezzi; tra gli interventi vi sono agevolazioni per gli
alloggi e bandi per borse di studio.
Assegnazione, mediante concorso, di una borsa di studio dellIndAM (Istituto Nazionale di Alta Matematica,
http://www.altamatematica.it/it/bandi)
Incentivo economico per studenti meritevoli impegnati in attivit di tutoraggio
Allinterno dellUniversit previsto che gli studenti possano collaborare dietro compenso ad attivit
connesse al buon funzionamento dellAteneo (collaborazioni studentesche 150 ore)
Sostegno economico per mobilit allestero nellambito del programma Socrates-Erasmus, si consulti per
maggiori informazioni la pagina del sito dAteneo relativa al programma.

Centro Matematita
Il Dipartimento di Matematica e Applicazioni tra i promotori del Centro Matematita, un Centro Interuniversitario di
Ricerca per la Comunicazione e lApprendimento Informale della Matematica, che ha la sua origine nelle esperienze
di divulgazione della Matematica condotte negli ultimi anni dalle quattro Universit di Milano, Milano-Bicocca, Pisa
e Trento.
Il Centro Matematita (www.matematita.it) si propone di individuare contenuti e metodi adatti a questo tipo di
comunicazione, indagando, ad esempio, quali siano i contenuti pi adeguati, i contesti pi efficaci, il ruolo del
linguaggio, le possibilit offerte dagli strumenti multimediali, i rapporti con le altre discipline (dalle arti figurative
alle altre scienze) o i rapporti fra Matematica applicata e tecnologia.
Fra le finalit del Centro Matematita c quindi quella di progettare, realizzare e diffondere prodotti di carattere
divulgativo (mostre, libri, riviste, materiale multimediale) e studiare il loro impatto ai diversi livelli coinvolti.

98

Le attivit del Dipartimento


Le ricerche attualmente svolte nel Dipartimento coprono un ampio spettro dei settori della Matematica moderna e i
risultati ottenuti sono ampiamente riconosciuti a livello internazionale. Parte integrante dellattivit di ricerca
lorganizzazione di numerosi seminari e convegni, che garantiscono la continua presenza di professori visitatori
italiani e stranieri di alto livello.
Alcune tematiche di ricerca sono riportate di seguito.
Algebra: Gruppi e algebre di Lie. Teoria dei gruppi. Crittografia. Combinatorica.
Geometria: Geometria algebrica. Geometria complessa. Topologia. Sistemi dinamici.
Analisi: Analisi armonica in spazi euclidei, variet differenziali, strutture discrete. Calcolo funzionale per operatori
differenziali su gruppi di Lie. Analisi non lineare ed equazioni differenziali. Sistemi di leggi di conservazione
iperbolici. Topologia.
Probabilit: Equazioni differenziali stocastiche. Controllo stocastico. Sistemi di particelle interagenti. Passeggiate
aleatorie.
Fisica Matematica: Geometria dei sistemi integrabili. Fluidodinamica. Meccanica quantistica. Teoria dei campi.
Analisi Numerica: Approssimazione di equazioni differenziali. Algebra lineare numerica. Modellazione geometrica e
grafica computazionale. Analisi armonica numerica.
Metodi Matematici: Ottimizzazione. Problemi di equilibrio. Dinamiche caotiche. Teoria dei giochi. Convessit.
Finanza Matematica.
Comunicazione e didattica della matematica.
Le attrezzature di Calcolo del Dipartimento
Sono presenti nel Dipartimento due aule informatiche, gestite dal settore laboratori didattici di ateneo: una da 35
posti per le esercitazioni di laboratorio e una da 18 posti ad accesso libero quando non utilizzata per la didattica.
Ulteriori informazioni sui software installati, sulle modalit di accesso ai laboratori, cos come per le richieste di
account per la posta elettronica, si trovano sul sito servizi.didattica.unimib.it

Biblioteca
La biblioteca di ateneo ha una struttura centralizzata ed articolata in tre sedi (sede centrale, sede di Scienze e sede
di Medicina); dispone di un ricco patrimonio documentario costituito da libri, riviste e risorse elettroniche.

Sede Centrale - edificio U6: piazza dell'Ateneo Nuovo 1 - 20126 Milano


Sede di Scienze - edificio U2: piazza della Scienza 3 - 20126 Milano
Sede di Medicina - edificio U8: via Cadore 48 - 20052 Monza
Giorni e orari di apertura
Apertura al pubblico della Sede Centrale della Biblioteca di Ateneo: da luned a gioved con orario
continuato dalle 9.00 alle 19.30, il venerd dalle 9.00 alle 18.30.
Apertura al pubblico della Sede di Scienze e della Sede di Medicina della Biblioteca di Ateneo: da
luned a venerd con orario continuato dalle 9.00 alle 18.30.
Solo per il piano -I della Sede di Scienze vengono osservati i seguenti giorni e orari di apertura: da
luned a venerd con orario continuato dalle 9.00 alle 16.00.
La Biblioteca resta chiusa durante il periodo natalizio e nel mese di agosto.
La sede di Scienze offre un patrimonio bibliografico di riviste e libri italiani e stranieri molto aggiornato in
diverse discipline scientifiche: Biologia, Chimica, Fisica, Geologia e Matematica.
Grazie ad una donazione da parte del CESI (Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano) il settore di Fisica
e Matematica della biblioteca si ulteriormente arricchito di monografie e periodici.
La Biblioteca ospita il CeDRA (Centro di Documentazione sul Rumore Aeroportuale), di recente
istituzione, nato da una convenzione tra la Regione Lombardia e il nostro Ateneo.
Maggiori informazioni sulla biblioteca al sito http://www.biblio.unimib.it/

99

Indirizzi utili
Dipartimento di Matematica e Applicazioni
Via Roberto Cozzi, 53 20126 Milano
http://home.matapp.unimib.it
Direttore del Dipartimento:
Prof. Gregorio Falqui, tel. 02-6448.5749, e-mail: gregorio.falqui@unimib.it
Coordinatore dei Consigli di Corso di Laurea
Prof.ssa Francesca Dalla Volta, tel. 02-6448.5760, e-mail: francesca.dallavolta@unimib.it
Responsabile del Dottorato di Ricerca in Matematica
Prof. Roberto Paoletti, tel. 02-6448.5738, e-mail: roberto.paoletti@unimib.it
Responsabile per lOrientamento
Prof. Graziano Guerra, tel. 02-6448.5742, e-mail: graziano.guerra@unimib.it
Coordinatore alla Mobilit Erasmus
Prof. Thomas Stefan Weigel, tel. 02-6448.5739, e-mail: thomas.weigel@unimib.it
Segreteria didattica
Dott.ssa Giuseppina Cogliandro, tel. 02-6448.5758, e-mail: segreteria-matematica@unimib.it

100