Sei sulla pagina 1di 6

La tormenta

di Aleksander Sergeevic Puskin Alla fine del 1812, unepoca per noi memorabile, viveva nella sua propriet di Nenardovo il buon Gavrila Gavrilovic !ra famoso in tutto il circondario per la sua cordiale ospitalit" i vicini andavano continuamente da lui a mangiare, a bere, a giocare cin#ue copec$i a boston con sua moglie Praskov%a Petrovna, e alcuni per vedere la loro figliola &ar%a Gavrilovna, una pallida e snella fanciulla diciassettenne !ra considerata un ricco partito, e molti aspiravano a lei per s' o per i propri figli &ar%a Gavrilovna era stata educata sui roman(i francesi e, per conseguen(a, era innamorata )oggetto del suo amore era un povero alfiere dellesercito c$e si trovava in licen(a nel proprio villaggio *a da s', si capisce, c$e il giovanotto ardeva di uguale passione e c$e i genitori della sua innamorata, notata la loro reciproca inclina(ione, avevano proibito alla figlia perfino di pensare a lui e lo ricevevano peggio c$e un assessore a riposo + nostri innamorati erano in corrisponden(a, e ogni giorno si vedevano o nel bosc$etto di pini o presso la vecc$ia cappelletta ) si giuravano a vicenda eterno amore, si lamentavano della loro sorte e facevano progetti di ogni genere Scrivendosi e penando in #uesto modo, essi ,cosa naturalissima- giunsero alla seguente conclusione. se non possiamo vivere luno sen(a laltra, e la volont di crudeli genitori impedisce la nostra felicit, non / possibile farne a meno0 Si capisce c$e #uesta idea felice venne prima in testa al giovane e c$e piac#ue assai alla romantica fantasia di &ar%a Gavrilovna Giunse linverno c$e interruppe i loro convegni, ma la corrisponden(a continu1 pi2 attiva c$e mai +n ogni lettera *ladimir Nilolaevic supplicava la fanciulla di darsi a lui, di sposarsi segretamente, di nascondersi per #ualc$e tempo e poi di andare a gettarsi ai piedi dei genitori c$e, sen(a dubbio commossi finalmente dalleroica costan(a e dallinfelicit degli innamorati, avrebbero detto loro. 334aga((i, venite nelle nostre braccia56 &ar%a Gavrilovna esit1 a lungo" numerosi piani di fuga vennero da lei respinti 7inalmente acconsent8. il giorno fissato, ella doveva non cenare e ritirarsi in camera sua con il pretesto di un mal di capo )a sua cameriera faceva parte del complotto" dovevano entrambe uscire dal giardino dalla porta di servi(io, trovare dietro il giardino la slitta pronta, salirvi e arrivare a cin#ue miglia da Nenardovo, al villaggio di 9adrino, direttamente in c$iesa, dove *ladimir si sarebbe trovato ad attendere )a vigilia del giorno fissato, &ar%a Gavrilovna non dorm8 tutta la notte" prepar1 le sue cose, avvolse gli abiti e la bianc$eria, scrisse una lunga lettera a una sentimentale signorina sua amica e unaltra ai genitori Si accomiatava da loro con le pi2 commosse espressioni, giustificava il proprio gesto con linvidiabile for(a della passione e concludeva con il dire c$e avrebbe considerato il momento pi2 felice della loro vita #uello nel #uale le sarebbe stato permesso di gettarsi ai piedi dei suoi amatissimi genitori Sigillate le due lettere con un piccolo sigillo di :ula, sul #uale erano impressi due cuori fiammeggianti con un iscri(ione adatta, ella si gett1 sul letto poco prima dellalba e si assop8" ma anc$e allora orribili fantastic$erie la destavano continuamente ;ra le pareva c$e, proprio nel momento in cui essa saliva nella slitta per andare a sposarsi, il padre la fermasse, la trascinasse per la neve con tormentosa rapidit e la buttasse in un oscuro sotterraneo, sen(a fondo< ed ella volava gi2 a capofitto con un inspiegabile struggimento di cuore" ora vedeva *ladimir c$e giaceva sullerba, pallido e coperto di sangue !gli, morendo, la supplicava con voce penetrante di affrettarsi a sposarlo Altre assurde mostruose visioni le passavano davanti, una dopo laltra< 7inalmente ella si al(1, pi2 pallida del consueto e con un non finto mal di capo +l padre e la madre notarono la sua in#uietudine. la loro affettuosa preoccupa(ione e le insistenti domande.= >$e $ai, &asa0 Sei malata, &asa0= le stra(iavano il cuore !lla cercava di tran#uilli((arli, di farsi vedere allegra, ma non ci riusciva Giunse la sera +l pensiero c$e per lultima volta aveva passato una giornata in seno alla sua famiglia le stringeva il cuore !lla era pi2 morta c$e viva" in segreto si accomiatava da tutte le persone, da tutte le cose c$e la circondava

7u servita la cena" il cuore le batteva forte >on voce tremante dic$iar1 c$e non aveva voglia di mangiare e cominci1 a salutare il padre e la madre !ssi la baciarono e, come sempre, le diedero la loro benedi(ione Poco manc1 c$e la fanciulla non scoppiasse in pianto 4itiratasi nella sua camera, si gett1 su una poltrona e vers1 calde lacrime )a cameriera cercava di calmarla e di farle coraggio :utto era pronto &e((ora dopo &asa doveva abbandonare per sempre la casa paterna, la sua stan(a, la serena vita di fanciulla 7uori imperversava la tormenta. il vento ululava, le imposte tremavano o sbattevano" tutto le pareva un minaccioso o triste presagio ?en presto nella casa ogni rumore tac#ue e si addorment1 &asa si avvolse in uno scialle, indoss1 una calda vestaglia, prese in mano una cassettina e usc8 sulla scala dalla porta di servi(io )a cameriera la seguiva portando due fagotti @scirono in giardino )a tormenta non si calmava. il vento soffiava contro, come se volesse fermare la giovane delin#uente >on fatica giunsero in fondo al giardino Sulla strada lo attendeva la slitta + cavalli, intiri((iti, non stavano fermi" il cocc$iere di *ladimir passeggiava davanti allo stang$e, trattenendo i focosi animali Aiut1 la signorina e la cameriera a sedersi e a sistemare i fagotti e la cassettina, e i cavalli partirono al galoppo Affidata cos8 la signorina alla tutela della sorte e allarte del cocc$iere :ereska, rivolgiamo ora la nostra atten(ione al giovane innamorato *ladimir per tutto il giorno era stato in giro )a mattina si era recato dal prete di 9adrino" a fatica era riuscito ad accordarsi con lui" poi era andato a cercare i testimoni fra i possidenti vicini +l primo al #uale si present1, il #uarantenne cornetta a riposo Aravin, acconsent8 volentieri Buellavventura, diceva, gli ricordava i tempi passati e le scappatelle degli ussari !gli convinse *ladimir a trattenersi a pran(o da lui e lo assicur1 c$e non sarebbe stato difficile trovare gli altri due testimoni +nfatti, subito dopo pran(o, comparvero il geometra Smidt, con baffi e speroni, e il figlio del capitano capo della poli(ia, un giovano sui sedici anni, entrato da poco negli ulani >ostoro non solo accolsero la proposta di *ladimir, ma gli giurarono anc$e di essere pronti a sacrificare per lui la vita *ladimir li abbracci1 con entusiasmo e and1 a casa a prepararsi Aa un pe((o era sceso il crepuscolo !gli mand1 il fido :ereska a Nenaradovo con la sua tro%ka con preciso, particolareggiate istru(ioni" fece attaccare per s' alla piccola slitta un solo cavallo e, sen(a cocc$iere, si diresse a 9adrino dove, dopo circa due ore, sarebbe dovuta giungere &ar%a Gavrilovna )a strada la conosceva bene, e il percorso era di soli venti minuti &a, non appena *ladimir si trov1 in aperta campagna, si al(1 il vento e si scaten1 una tale tormenta c$e egli non vide pi2 nulla +n un momento la svolta alla strada fu coperta" i dintorni scomparvero in unoscurit torbida e giallognola, attraverso la #uale volavano candidi fiocc$i di neve. il cielo si era fuso con la terra C<D Andava, andava, e 9adrino non si vedeva" il bosc$etto non finiva mai >on terrore *ladimir si accorse di essere entrato in un bosco sconosciuto )a dispera(ione si impadron8 di lui Percosse il cavallo" la povera bestia prese il trotto, ma presto cominci1 a rallentare e, dopo un #uarto dora, si mise al passo, nonostante tutti gli sfor(i dellinfelice *ladimir A poco a poco gli alberi si fecero pi2 radi, e *ladimir usc8 dal bosco" 9adrino non si vedeva Aoveva essere vicina la me((anotte )e lacrime gli sgorgarono dagli occ$i" prosegu8 a casaccio )a tormenta si era calmata, le nubi si erano aperte" davanti a lui si estendeva una pianura coperta da un bianco tappeto ondulato )a notte era abbastan(a c$iara !gli scorse poco lontano un villaggetto costruito da #uattro o cin#ue casupole *ladimir si avvi1 a #uella volta Alla prima casupola, salt1 gi2 dalla slitta, corse a una finestra e cominci1 a picc$iare Aopo #ualc$e minuto limposta di legno si al(1, e un vecc$io sporse la sua barba bianca E>$e cosa vuoi0= E! lontano 9adrino0= ESe / lontano 9adrino0= ESi, si< ! lontano0= ENon molto. ci sar una decina di miglia<= A #uesta risposta, *ladimir si afferr1 per i capelli e rimase immobile, come un uomo condannato a morte E! tu di dove sei0= prosegu8 il vecc$io *ladimir non era in condi(ione danimo di rispondere

33Non potresti, vecc$io6, disse egli procurarmi dei cavalli c$e mi portino a 9adrino06 33&a c$e cavalli vuoi c$e abbiamo06 rispose il contadino 33Non potrei avere almeno una guida0 Pag$er1 tutto #uello c$e vorr6 33AspettaFF, disse il vecc$io, riabbassando limposta 33ti mander1 mio figlio :i accompagner lui6 *ladimir cominci1 ad aspettare Non era trascorso un minuto, ed egli G riprese a bussare )imposta si al(1 e ricomparve la barba bianca 33>$e cosa vuoi06 33&a c$e fa tuo figlio06 33*iene subito. si mette le scarpe Hai freddo0 !ntra a scaldarti 6 33Gra(ie" manda presto tuo figlio 6 )a porta cigol1" usc8 un giovanotto con un grosso bastone in mano e and1 innan(i, ora indicando ora cercando la strada sepolta da cumuli di neve 33>$e ora e06 gli domand1 *ladimir 33Presto sar giorno6 rispose il giovane contadino *ladimir non diceva nemmeno pi2 una parola >antavano i galli, ed era gi c$iaro, #uando raggiunse I finalmente I 9adrino )a c$iesa era c$iusa *ladimir and1 nel cortile del prete &a nel cortile la sua tro%ka non cera Buale noti(ia lo attendeva5 &a torniamo ai buoni proprietari di Nenaradovo e vediamo c$e cosa accade da loro Nulla l due vecc$i si svegliarono ed entrarono in salotto Gavrila Gavrilovic in berretto da notte e giacca di flanella, e Praskov%a Petrovna in veste da camera ovattata 7u portato il samovar, e Gavrila Gavrilovic mand1 una raga((ina a informarsi da &ar%a Gavrilovna come stesse e come avesse riposato )a raga((ina torn1 dicendo c$e la signorina aveva riposato male, ma c$e ora si sentiva rneglio e c$e sarebbe subito scesa in salotto +nfatti la porta si apr8 e &ar%a Gavrilovna si avvicin1 per salutare il babbo e la mamma 33>ome va la tua testa, &asa06 c$iese Gavrila Gavrilovic 33&eglio, babbo6 rispose la fanciulla= 33Sen(a dubbio ieri ti $anno fatto male le esala(ioni del carboneFF disse Praskov%a Petrovna 33Pu1 darsi, mamminaFF rispose &asa )a giornata trascorse felicemente, ma durante la notte &asa si sent8 male Si mand1 in citt a prendere un medico !gli giunse verso sera e trov1 lammalata in delirio Si manifest1 una febbre violenta, e la povera inferma fu per due settimane sullorlo della tomba Nessuno in casa sapeva del suo progetto di fuga )e lettere scritte alla vigilia erano state bruciate" la sua cameriera non aveva detto nulla a nessuno, temendo lira dei padroni +l prete, il baffuto geometra e il piccolo ulano mantennero il silen(io, e a ragion veduta +l cocc$iere :ereska non rivel1 mai nulla di superfluo, neppure in stato di ubriac$e((a +n tal modo il segreto fu mantenuto da pi2 di una me((a do((ina di congiurati &a fu la stessa &ar%a Gavrilovna a rivelarlo durante il suo incessante delirio :uttavia le sue parole erano cos8 sconnesse c$e la madre, la #uale non si allontanava dal suo letto, riusc8 a capire soltanto c$e la figlia era perdutamente innamorata di *ladimir Nikolaevic e c$e, probabilmente, lamore era la causa della sua malattia !lla si consigli1 con il marito, con alcune vicine e finalmente, in pieno accordo, decisero c$e #uello era evidentemente il destino di &aria Gavrilovna, c$e #uello c$e / scritto / inevitabile, c$e la povert non / vi(io e c$e si deve vivere non con la ricc$e((a ma con la persona, e altre senten(e del genere )e senten(e morali sono straordinariamente utili nei casi in cui da soli possiamo trovare ben poco a nostra giustifica(ione 7rattanto la signorina cominciava a rimettersi Aa un pe((o *ladimir non si faceva vedere in casa di Gavrila Gavrilovic !gli era spaventato dalle solite accoglien(e 7u deciso di mandarlo a c$iamare e di comunicargli linattesa felicit. il consenso alle no((e &a #uale non fu lo stupore dei proprietari di Nenaradovo allorc$' in risposta al loro invito ricevettero da lui una lettera semifolle5 !gli dic$iarava c$e non avrebbe mai pi2 messo piede nella loro casa e pregava di dimenticare lo

sventurato per il #uale la morte rimaneva lunica speran(a5 Aopo #ualc$e giorno, essi vennero a sapere c$e *ladimir era partito per raggiungere lesercito Buesto accadeva nel 1812 Per un bel pe((o non osarono comunicarlo alla convalescente &asa !ssa non men(ionava mai *ladimir Alcuni mesi pi2 tardi, avendo trovato il nome di lui fra #uelli di coloro c$e si erano distinti ed erano stati gravemente feriti sotto ?orodino cadde priva di sensi e si temette c$e le tornasse la febbre Gra(ie a Aio, lo svenimento non ebbe conseguen(e @n altro dolore venne ad affliggere &asa. Gavrila Gavrilovic mor8, lasciandola erede di tutta la tenuta &a leredit non le diede alcun conforto. ella condivideva sinceramente il dolore della povera Praskov%a Petrovna, giurandole c$e non si sarebbe mai separata da lei" tutte due lasciarono Nenaradovo, luogo di tristi ricordi, e andarono ad abitare nella tenuta di JJJ Numerosi pretendenti ron(avano anc$e #ui attorno alla gra(iosa e ricca fanciulla" ma essa non dava a nessuno la minima speran(a :alvolta la madre cercava di persuaderla a scegliersi un compagno. &ar%a Gavrilovna scuoteva il capo e si faceva pensierosa *ladimir non esisteva pi2. egli era morto a &osca, alla vigilia dellentrata dei francesi )a sua memoria sembrava sacra per &asa" per lo meno, ella serbava tutto #uanto poteva ricordarglielo. libri da lui letti un giorno, i suoi disegni, la musica e i versi da lui copiati per lei + vicini, venuti a conoscen(a di tutto ci1, si stupivano della sua costan(a e attendevano con curiosit leroe c$e doveva finalmente trionfare della triste fedelt di #uella Artemisia verginale +ntanto la guerra si era vittoriosamente conclusa +l nostri reggimenti tornavano +l popolo accorreva a incontrarli )a musica suonava le can(oni della con#uista. Vive Henri-Quatre, val(er tirolesi e arie dallopera Gioconda Gli ufficiali, partiti per la guerra #uasi adolescenti, ritornavano uomini fatti nel clima di guerra, coperti di decora(ioni + soldati discorrevano allegramente fra loro, introducendo di continuo nelle conversa(ioni parole tedesc$e e francesi :empo indimenticabile5 :empo di gloria e di entusiasmo5 >ome palpitava un cuore russo alla parola 33patria56 >omerano dolci le lacrime dellincontro5 >on #uale concordia univamo i sentimenti di fiere((a na(ionale e di amore per il sovrano5 ! c$e momento era #uello per lui5 )e donne, le donne russe, furono allora impareggiabili )a loro abituale fredde((a era scomparsa +l loro entusiasmo era davvero inebriante #uando, accogliendo i vincitori, esse gridavano. urr5 e lanciavano in aria le loro cuffiette5 Buale degli ufficiali di #uel tempo non confesser di essere debitore alla donna russa della migliore e pi2 pre(iosa ricompensa0 +n #uellepoca splendida, &ar%a Gavrilovna viveva con la madre nel governatorato di JJJ e non vide come le due capitali festeggiassero il ritorno delle truppe &a nei distretti e nei villaggi lentusiasmo generale era forse ancora pi2 forte )a comparsa in #uei luog$i di un ufficiale era per lui un autentico trionfo Abbiamo gi detto c$e, nonostante la sua fredde((a, &ar%a Gavrilovna era, come prima, corteggiata da numerosi pretendenti &a tutti dovettero ritirarsi allorc$' comparve nel suo castello un ufficiale ferito, il colonnello degli ussari ?urmin, con la decora(ione di San Giorgio allocc$iello e con un 33pallore interessanteFF, come dicevano le signorine del posto !ra un uomo sui ventisei anni !ra venuto in licen(a nella sua tenuta c$e si trovava vicino al villaggio di &ar%a Gavrilovna &ar%a Gavrilovna gli rivolgeva una particolare atten(ione +n presen(a di lui, la sua solita pensosit si animava Non si poteva dire c$e civettasse, ma il poeta, notando il suo modo di comportarsi, avrebbe detto. Se amor non , che dunque? ?urmin era, effettivamente, un giovane molto simpatico Possedeva proprio #uellintelligen(a c$e piace alle donne. lintelligen(a del decoro e dellosserva(ione, sen(a alcuna pretesa e spensieratamente ironica +l suo contegno davanti a &ar%a Gaviilovna era semplice e disinvolto" ma, #ualsiasi cosa essa dicesse o facesse, lanima e gli sguardi di lui la seguivano !gli pareva di temperamento tran#uillo e modesto, la voce pubblica assicurava c$e era stato un terribile scapestrato, ma ci1 non lo danneggiava nellopinione di &ar%a Gavrilovna, la #uale ,come, in

genere, tutte le giovani donne- perdonava con piacere le monellerie c$e rivelavano laudacia e la focosit di un carattere &a soprattutto pi2 della sua tenere((a, pi2 del piacevole conversare, pi2 dellinteressante pallore, pi2 del braccio fasciato il silen(io del giovane ussaro suscitava la curiosit e limmagina(ione della fanciulla Non poteva non riconoscere di piacergli molto" probabilmente anc$e lui, intelligente ed esperto comera, aveva gi potuto notare c$e ella lo distingueva dagli altri" come mai, dun#ue, non laveva ancora veduto ai suoi piedi e non aveva ancora udito la sua dic$iara(ione0 >$e cosa lo tratteneva0 )a timide((a, inseparabile dallamore vero, la fiere((a o la civetteria di un astuto seduttore0 >i1 era per lei un enigma Aopo averci riflettuto su, ella decise c$e la timide((a ne era lunica causa, e si propose di incoraggiarlo con una maggiore sollecitudine e, secondo le circostan(e, anc$e con una certa tenere((a Prepar1 la solu(ione pi2 inaspettata e attese con impa(ien(a il momento di una romantica spiega(ione @n segreto Bualun#ue esso sia, / sempre penoso per un cuore femminile )e opera(ione strategic$e di lei ebbero il successo desiderato. per lo meno, ?urmin si era fatto cos8 pensoso e i suoi occ$i neri si posavano con tale ardore su &ar%a Gavrilovna c$e il minuto decisivo pareva dovesse essere prossimo + vicini parlavano delle no((e come di un fatto ormai deciso, e la buona Praskov%a Petrovna si rallegrava al pensiero c$e la figlia avesse finalmente trovato un degno fidan(ato )a vecc$ietta sedeva un giorno tutta sola nel salotto, disponendo le carte per un solitario, allorc$' ?urmin entr1 nella stan(a e c$iese subito noti(ie di &ar%a Gavrilovna 33! in giardino"FF rispose la vecc$ietta 33andate da lei, io vi aspetter1 #ui6 ?urmin usc8, e la vecc$ietta si fece il segno della croce pensando. 33>$i sa c$e la faccenda non si concluda oggi stesso5FF ?urmin trov1 &ar%a Gavrilovna presso lo stagno, sotto un salice, con un libro in mano, vestita di bianco come una vera eroina da roman(o Aopo le prime domande, &ar%a Gavrilovna lasci1 a bella posta cadere la conversa(ione, accrescendo in tal modo limbara((o reciproco, dal #uale non era possibile liberarsi se non con una c$iara e decisa spiega(ione ! cos8 accadde" ?urmin, avvertendo la difficolt della propria situa(ione, dic$iar1 c$e da lungo tempo cercava loccasione per aprirle il suo cuore e c$iese un minuto di atten(ione &ar%a Gavrilovna c$iuse il libro e abbass1 gli occ$i in segno di assenso 33+o vi amo,FF disse ?urmin 33vi amo appassionatamente FF &ar%a Gavrilovna arross8 e pieg1 il capo ancora pi2 basso 33Ho agito incautamente cedendo a una dolce consuetudine, alla consuetudine di vedervi e di ascoltarvi tutti i giorni FF &ar%a Gavrilovna ricord1 la prima lettera di Saint PreuK 33;ra / troppo tardi per oppormi al mio destino. il ricordo di voi, la vostra dolce, impareggiabile immagine resteranno dora innan(i il tormento e la consola(ione della mia vita" ma mi resta ancora da compiere un penoso dovere, #uello di svelarvi un segreto tremendo e di porre fra noi uninsormontabile barriera 6 33!ssa / sempre esistita"6 lo interruppe con vivacit &ar%a Gavrilovna E+o non potrei mai essere vostra moglie 6 33)o so"6 le rispose egli a voce sommessa 33so c$e un giorno avete amato ma la morte e tre anni di pianto ?uona, cara &ar%a Gavrilovna5 Non cercate di togliermi lultimo conforto. il pensiero c$e avreste acconsentito a darmi la felicit se 6 33:acete, per amor di Aio, tacete5*oi mi stra(iate56 33Si, lo so, lo sento c$e voi sareste mia, ma io sono la creatura pi2 infelice della terra Sono ammogliato56 &ar%a Gavrilovna lo guard1 con stupore 33Sono ammogliato,FF prosegu8 ?urmin 33Sono ammogliato da #uattro anni, e non so c$i sia mia moglie, dove si trovi e se io debba mai vederla56 33>$e cosa dite06 esclam1 &aria Gavrilovna 33>ome strano5 >ontinuate" L in seguito vi dir1 ma continuate, fatemi la gra(ia5FF 33Allini(io del l8126 disse ?urmin 33mi affrettavo verso *ilna, dove si trovava il nostro reggimento Giunto una sera tardi a una sta(ione di posta, ordinai di attaccare al pi2 presto i cavalli

#uando, allimprovviso, si scaten1 una violenta tempesta, e il maestro delle poste e il cocc$iere mi consigliarono di aspettare +o diedi loro ascolto, ma uninspiegabile in#uietudine simpadron8 di me. avevo limpressione c$e #ualcuno mi spingesse 7rattanto la tormenta non si placava" perdetti la pa(ien(a, ordinai di attaccare e partii in me((o alla bufera Al postiglione venne in mente di passare per il fiume, il c$e doveva allungare la strada di #uasi tre miglia )e rive erano coperte di neve" il postiglione oltrepass1 il punto in cui si doveva uscire sulla strada e cosi ci trovammo in una localit sconosciuta )a tormenta non si calmava" a un certo momento scorsi un lumicino e ordinai di andare a #uella volta Arrivammo in un villaggio" in una c$iesa di legno cera luce )a c$iesa era aperta e dietro il muro di cinta si trovavano alcune slitte" sul sagrato camminavano delle persone MBui, #ui5Mgridarono alcune voci ;rdinai al postiglione di avvicinarsi MAi gra(ia, dove ti sei trattenuto0Mmi c$iese #ualcuno M)a sposa / svenuta, il Prete non sa c$e cosa fare Noi eravamo gi pronti a tornare indietro !ntra presto M Scesi in silen(io dalla slitta ed entrai nella c$iesa debolmente illuminata da due o tre candele @na fanciulla stava seduta su una panca, in un angolo buio della c$iesa" unaltra le strofinava le tempie MGra(ie a AioM, disse #uesta Msiete finalmente arrivato5 Per poco non avete fatto morire la signorina M +l vecc$io prete si avvicin1 con la domanda. M;rdinate di cominciare0M M>ominciate, cominciate, batiuskaM risposi distrattamente Sollevarono la fanciulla &i parve gra(iosa @nincomprensibile, imperdonabile sventate((a mi misi accanto a lei davanti al leggio" il prete aveva fretta" tre uomini e la cameriera sostenevano la sposa e si occupavano soltanto di lei >i sposarono M?aciatevi5M ci fu detto &ia moglie volse verso di me il suo viso pallidissimo *olevo baciarla ma essa grid1. MA$, non / lui, non / lui5= e cadde priva di sensi + testimoni mi fissarono con occ$i atterriti &i voltai, uscii dalla c$iesa sen(a trovare alcun impedimento, mi gettai nella slitta e ordinai. MAvanti5=6 33&io Aio56 grid1 &ar%a Gavrilovna 33e non sapete c$e cosa sia accaduto della vostra povera moglie06 33Non lo so6 rispose ?urmin 33e non so come si c$iami il villaggio dove mi sono sposato" non ricordo da #uale sta(ione ero partito A #uellepoca davo cos8 poca importan(a alla mia delittuosa biric$inata c$e, poco lontano dalla c$iesa, mi addormentai e mi svegliai il mattino successivo, gi alla ter(a sta(ione +l servo c$e era allora con me / morto in guerra, cosicc$' non $o pi2 speran(a di ritrovare colei c$e $o cos8 crudelmente beffata e c$e, altrettanto crudelmente, / ormai vendicata6 33&io Aio, mio Aio5FF esclam1 &ar%a Gavrilovna, afferrandogli una mano 33Allora eravate voi5 ! non mi riconoscete0FF ?urmin impallid8 e si gett1 ai piedi della fanciulla ,da. I racconti di Belkin, trad A Polledro, ?ur 1NNOAomande orali ,da non fare per ora1 2 O P Q 4icostruisci la fabula Specifica la durata dei singoli eventi e in generale dellintera storia !viden(ia pause, ellissi, sommari, scene e motiva la scelta del narratore +l narratore induce il lettore in una serie di illa(ioni sbagliate Buali sono0 Sottolinea i punti in cui / evidente lironia