Sei sulla pagina 1di 193

BARTOLOM DE LAS CASAS, AVVOCATO DELLUMANIT ....................

1
IL CONTESTO STORICO.......................................................................................... 11
La questione dellaffidabilit delle fonti............................................................................9 Ci possono essere degli esseri u ani !"e non dis!endono da #da o$..........................1% &o ini a et................................................................................................................ '1 La etafisi!a del sangue e della ra((a...........................................................................)* Il Requeri iento............................................................................................................. %' Co e si di1enta Las Casas$...........................................................................................%2 Ingeren(e u anitarie..................................................................................................... *9 La -isputa...................................................................................................................... 22 La dignit u ana............................................................................................................ 9) La libert...................................................................................................................... 13' &nantropologia della speran(a....................................................................................11) I diritti u ani................................................................................................................ 1'1 Il torturatore. o laddo esti!a ento delluo o 4 parte pri a......................................1') Il ago. o laddo esti!a ento delluo o 4 parte se!onda..........................................1)' Il Cristo ra((ista............................................................................................................ 1%) &n dio i pla!abile........................................................................................................ 1*3 La fine dei te pi........................................................................................................... 1*5 Il -o inio 4 l# eri!a. Sep6l1eda e l#r ageddon.......................................................173 &topia e sgo ento nel 0iardino dellEden....................................................................175 Las Casas. Eras o e Origene.......................................................................................12%

T&TTO CI+ C,E #SCEN-E. CON/ER0E .................................................................%%

IL 8#R#-ISO RICON9&IST#TO.............................................................................151 :I:LIO0R#;I#...................................................................................................... 152 LESSICO............................................................................................................... 191

BARTOLOM DE LAS CASAS, AVVOCATO DELL UMANIT Per voi meglio se io me ne vado. Perch se non me ne vado non verr da voi il Paracleto <lo Spirito !"e 1i difende. il Consolatore= . Ma quando me ne sar andato, ve lo mander. 0io1anni 17>2 Giovanni definisce cos lo Spirito Santo, dicendolo paracleto, che significa appunto avvocato; e ugualmente dice di risto nella sua lettera che egli avvocato presso il Padre per i nostri peccati . Origene. ?Co ento al Canti!o dei Canti!i@ La s!operta dell# eri!a !oin!ise !on la s!operta di un Aondo Nuo1o e di un& anit Nuo1a. di1ersa. s!on!ertante. ;ran!is!o LBpe( de 0B ara C1*1141*77D. e!!lesiasti!o e stori!o spagnolo. ri!onobbe nella s!operta dell# eri!a il piE grande e1ento della storia dopo la 1enuta del Cristo. 8er lu anit del Nuo1o Aondo fu quasi !erta ente il piE grande e1ento in senso assoluto. 0li indigeni presero !os!ien(a del nuo1o ordine quando or ai il loro ser1aggio si era trasfor ato in una !ondi(ione irre1ersibile. #l!uni !redettero !"e i nuo1i arri1ati fossero dFi o se idFi. altri. pur essendosi resi
1

!onto di a1ere a !"e fare !on degli esseri u ani pro1enienti da terre olto distanti. ri asero prigionieri del pre!on!etto !"e ogni !i1ilt suffi!iente ente a1an(ata da attra1ersare un o!eano do1e1a per for(a essere bene1ola. La aggior parte degli indigeni !essB di 1i1ere troppo in fretta per potersi fare unidea !"iara di !iB !"e sta1a a!!adendo. ;ortunata ente. tra gli Europei. !i furono an!"e persone di buona 1olont e lu!ida !os!ien(a. !o e :artolo G de Las Casas. !"e usarono il Nuo1o Aondo !o e uno spe!!"io !"e pone1a in e1iden(a il putridu e e le brutture della !i1ilt del /e!!"io Aondo e si !i entarono nelli presa di por1i ri edio. Le opinioni sono an!ora di1ise sulla figura di :artolo G de Las Casas. ?Nonostante la ole di do!u enti e di studi !"e attestano il !ontrario. ri angono an!ora pregiudi(i e riser1e 1erso un se pli!e clerigo !"e non a1e1a ai fatto studi regolari e forse ne eno raggiunto la licencia ClaureaD in teologia. la !ui opera non risponde ai !anoni a!!ade i!i ed F total ente finali((ata alla sua atti1it prati!a. quindi fa!il ente ta!!iabile di par(ialit. di apologetis o e propagandis o o nel. igliore dei !asi. di u anitaris o e essianis o e1angeli!o pri1o di edia(ioni !ulturali. Non !ontribuis!e !erto a far appre((are lopera del 8ro!uratore degli indios il suo stile !o pli!ato. farraginoso. prolisso. dis!ontinuo. po!o elegante. lontano dalla !"iare((a e dalla siste ati!it degli s!olasti!i !o e -e Soto e -e /itoria. !o e pure dallelegan(a della retori!a di un Sep6l1eda@ CTosi. '339D. C"i F dunque :artolo G de Las Casas e per!"G qual!uno do1rebbe essere interessato a leggere una sua biografia$ # io giudi(io F una figura a dir po!o straordinaria e. !o e tante personalit e!!e(ionali. dei tratti !aratteriali spigolosi "anno nuo!iuto alla sua i agine a "anno an!"e per esso ai suoi biografi di poter la1orare su ateriale intrinse!a ente sti olante. Il Nostro non a a1a i !o pro essi. se questi !o porta1ano un aggior !ari!o di sofferen(a per i suoi protetti. gli indigeni a eri!ani. Non a!!etta1a di fare passi indietro quando era !on1into di essere nel giusto. ossia quasi se pre. Aolti lo !onsidera1ano spo!!"ioso ed arrogante. e forse lo era. spe!ial ente quando ritene1a !"e i suoi a11ersari fossero pa1idi. o ignoranti. o in !atti1a fede e dunque !o pli!i di un geno!idio. -iffi!ile non dargli ragione> !"i si ostra ti ido di fronte al ale non F eno !olpe1ole di !"i lo !o ette. Nu erosi furono i politi!i. a inistratori. i prenditori. esploratori. ilitari di professione e rappresentanti del !lero !"e. per !osH dire. se la legarono al dito. Nel 1*%) un in1iperito ca!ildo C!onsiglio !oloniale !ittadinoD di Santiago del 0uate ala s!risse al so1rano !"e ?in realt sia o allibiti di !o e la 1ostra Casa. fondata
2

dai 1ostri a1i !attoli!iI1enga i pro11isa ente so11ertita da un ona!o illetterato e pri1o di senso religioso. in1idioso. 1anitoso. passionale. agitato e non pri1o di !upidigia. !olpe1ole per di piE di sus!itare s!andaloJ Tutto !iB a tal punto !"e do1unque abbia abitato in queste Indie egli "a do1uto essere espulso. non lo possono soffrire in nessun onastero. non a!!etta di obbedire a nessuno e non di ora ai a lungo nello stesso luogo@ CAa"n4Lot. 195*. p. 1%%D. Co e 0esE il Cristo. Las Casas. di estra(ione non agiata e per di piE autodidatta. s!andali((a i suoi !onte poranei !on gli insegna enti. le a(ioni. le prese di posi(ione. la prodigiosa 1italit ed energia. laspre((a delle sue pole i!"e. il rifiuto del patriottis o e dellortodossia quando as!"erano lingiusti(ia. Co e 0esE. F in1idiato. te uto. dispre((ato. bra!!ato. F pietra di s!andalo. &n giorno es!la a> ?Signore. tu 1edi !"e !osa !er!o in tutto !iB e !"e non !i guadagno !"e fa e. stan!"e((a. sete e odio da parte di tutti. Se sbaglio. F per il tuo /angelo. illu ina i affin!"G io non sia piE per il ondo uno s!andalo@. -ra ati((a. Non F profeta in patria. a la Corona lo sostiene. per!"G lui. s!altra ente. intuis!e di potersi rendere utile alla !orte di Spagna nel suo tentati1o di i brigliare i Conquistadores !"e. troppo lontani dalla adrepatria. la fanno da padroni nel Nuo1o Aondo. #n!"e una parte i portante del ondo a!!ade i!o 4 fortunata ente. al eno in quella fase. ege one K lo appoggia. per!"G i suoi ne i!i sono an!"e i loro ne i!i. 9uasi ogni sua ini(iati1a F perB destinata al falli ento. Las Casas F un perdente della storia. a un 1in!ente della e oria e della !os!ien(a u ana. !"e lo "anno pre iato. Troppo in anti!ipo sui te pi. le sue idee risultano fran!a ente don!"is!iottes!"e nel loro !ontesto. sebbene allosser1atore odierno possano apparire !o e e inente ente ragione1oli e sensate. Con il suo (elo pesta troppi piedi. Co enta il 1es!o1o del 0uate ala ;ran!is!o de AarroquLn> ?-a quando padre :artolo G "a ri!e1uto la itra "a dato libero sfogo alla sua 1anitM quando si d pro1a di (elo. o!!orre unir1i lu ilt@. Las Casas non F u ile. non "a nG il te po nG la disposi(ione ad esserlo. -e1e sal1are quante piE 1ite sia possibile. de1e proteggere le !ulture e le !o unit lo!ali. ?non per!"G io <sia= un !ristiano igliore degli altri. a per la !o passione !"e <pro1o= istinti1a ente nel 1edere questa gente subire si ili ingiusti(ie@. Il suddetto 1es!o1o ri!onos!e !"e ?F olto dol!e e se pre tale rester. aI"a !o in!iato a re!al!itrare@. Aarianne Aa"n4Lot osser1a olto giusta ente !"e ?gli spagnoli di Ciudad Real erano !redenti a odo loro. a non pote1ano sopportare il fatto !"e il 1es!o1o esigesse da loro una trasfor a(ione tanto repentina e
3

radi!ale del proprio stile di 1ita@. N intransigente. F orali((atore. F s!"ietto. F auda!e. ?9uesto parlare F duro> !"i lo puB as!oltare$ Aa 0esE. !onos!endo in se stesso !"e i Suoi dis!epoli or ora1ano di !iB. disse loro> 9uesto 1i s!andali((a$@ C01. 7. 73471D. Il ?-ifensore degli Indiani@. stori!o. antropologo. politologo. filosofo orale. teologo autodidatta. !onsa!rB la sua 1ita alla difesa dei deboli. degli oppressi e dellu anit in generale. al di l di interessi e 1i!issitudini stori!"e. ;u un oderno Sisifo. lottB per anni. in ogni suo s!ritto ed in ogni sua ora(ione. !ontro un !ini!o realis o !"e a1e1a gi di!"iarata persa la battaglia degli Indios. !"e non !i !rede1a piE e an(i. 1ede1a in una struttura organi((ati1a neofeudale luni!a alternati1a allestin(ione degli auto!toni. Aolti tra i suoi a11ersari. in fondo. dispre((a1ano quellu anit inferiore. Las Casas fu un no1ello Sisifo per!"F il a!igno !"e fa!e1a rotolare Clo s"andalonD era enor e e ponderoso. la salita era aspra e gli sfor(i se bra1ano futili in una so!iet !"e a!!u ula1a detriti sulla !i a per allontanare la eta e !"e irride1a !"i spinge1a la ro!!ia della dignit e dei diritti u ani. ta!!iandolo di stolto idealis o o di labilit entale. Il issionario fran!es!ano Toribio de :ena1ente. detto AotolinLa. s!ri1e1a alli peratore> ?Non so !o e Sua Aaest abbia potuto soportare un uo o !osH pesante. irrequieto. i portuno. turbolento. litigioso. agitato. aledu!ato. offensi1o. sen(a pa!e@. Era in !orso un !ontrasto tra do eni!ani e fran!es!ani sulla aniera di e1angeli((are gli auto!toni e AotolinLa. !"e pure a1e1a a !uore le sorti dei edesi i. a!!usa1a Las Casas di e!!essi1o idealis o. di !ausare turbati1e del Nuo1o Ordine. di essere un anti4!olonialista. ?Se "anno perseguitato Ae. perseguiteranno an!"e 1oiM se "anno osser1ato la Aia parola. osser1eranno an!"e la 1ostra.@ C01. 1*. '3D. Eppure. ogni giorno. questapostolo della libert e della giusti(ia K e non F fa!ile retori!a. !o e a1rB odo di di ostrare K si ris1eglia1a e riprende1a a sospingere. per!"G la sua 1ita non a1rebbe a1uto senso altri enti. Co e il Sisifo di #lbert Ca us. la sua a(ione fu una ri1olta !ontro lassurdo della Conquista. !ontro la disu ana insensate((a di una realt sen(a Cristo. di fronte alla quale non si pote1a non le1are la 1o!e in protesta. se si intende1a ri anere u ani e !ristiani. La protesta di Las Casas fu a pia. intensa e lungi irante. abbra!!iando di1ersi !a pi del sapere e non an!B di influen(are /oltaire ed altri intellettuali illu inisti. 9uesto pensatore4 ilitante. a tratti !ontradditorio. a tratti proiettato in una di ensione irrealisti!a. si rif agli autori !anoni!i ed alle Sa!re S!ritture. a supera i pri i per passione. i pegno !i1ile ed u anit ed e ula 0esE il Cristo nel suo !arattere so11ersi1o. uni1ersalista e
4

essiani!o. -ialoga !on profitto !on la punta di dia ante della teoria giuridi!a europea. gli esponenti della S!uola di Sala an!a ;ran!is!o de /itoria. -o ingo de Soto e Ael!"or Cano. a se ne dis!osta per il aggior ruolo !"e affida al agistero della C"iesa e per lopposi(ione alle ingeren(e u anitarie ar ate ed alla dottrina dei ?do1eri naturali@ degli Indios 1erso gli Spagnoli. Se ai. per Las Casas. erano gli Spagnoli ad a1er !ontratto do1eri ben pre!isi 1erso gli auto!toni al o ento della s!operta. Crede energi!a ente nellunit della spe!ie u ana e nei suoi attributi intrinsi!i di dignit. uguaglian(a. so!ie1ole((a. ra(ionalit e libert. !"e per ettono a !ias!un essere u ano di godere di diritti in1iolabili ed inalienabili. Crede !"e ogni so!iet ed ogni uo o possano reali((are il loro poten(iale attra1erso ledu!a(ione ed il pieno godi ento della loro libert. 8er lui il perfe(iona ento. fine ulti o dellu ano. si ottiene tra ite la lu!e dellintelletto !"e. an!"e autono a ente. puB !ondurre alla !onos!en(a naturale di -ioM un e1ento spontaneo. 1isto !"e . ne F !on1into. non esistono esseri u ani !"e non tendano al di1ino. in odi e for e di1erse e proprie. N un paladino del rispetto delle usan(e. !reden(e. leggi e !ostu i degli altri popoli. anti!ipando di quattro se!oli il relati1is o episte ologi!o della professione antropologi!a. Non ritiene !"e la barbarie K !"e pure !onsidera tale K di !erte prati!"e possa di1entare un pretesto per i bar!arsi in !ro!iate di i perialis o !i1ili((atore. # piE riprese sottolinea !o e larretrate((a di una !ultura o !i1ilt in !erti suoi aspetti K giudi!ata in base ai su en(ionati prin!ipi4!ardine della natura u ana K si sor onta persuadendo le persone !on ragioni solide. fa!endo appello allintelletto. al buon senso. alla 1olont. sen(a li piego di i posi(ioni e 1iolen(a. Solo !osH la spe!ie u ana puB aturare in ar onia !on la sua natura. La 1ia della pa!e. della !on!ordia e del rispetto F quella indi!ata dal Cristo ed F luni!a da seguire. Il siste a di sfrutta ento ed asser1i ento neofeudale delle encomiendas Cser1i(i di !or1G !oloniali i posti agli indigeniD F in diretta !ontraddi(ione !on lessen(a della natura u ana. F un pe!!ato !ontro lani a e !ontro -io !"e dilapida la stessa 1ita u ana. #n!ora una 1olta !on i pressionante lungi iran(a. Las Casas insiste !"e il potere di so1ranit risiede nella gente. nel popolo. non nella so it della pira ide so!iale. Sen(a la base non esiste al!una so!iet e da essa pro!edono il diritto ed i diritti. Nessuno puB go1ernare una na(ione sen(a il !onsenso dei go1ernati. Lautorit si de1e !ostituire !on libere ele(ioni !"e in!ludano lintera !ittadinan(a. uo ini e donne> il prin!ipio del suffragio uni1ersale de o!rati!o. teori((ato a et del
5

Cinque!entoJ Il fine ulti o dei go1ernanti de1essere quello di garantire il bene !o une. inteso !o e giusti(ia. libert. prosperit e !on!ordia. Il li ite della(ione di go1erno F stabilito dai diritti dei !ittadini e dalla legge. 8iE sorprendente an!ora F la ri!"iesta !"e ogni autorit legitti a re!epis!a la 1olont popolare tra ite un 1ero e proprio referendu . quando le !ir!ostan(e sono dra ati!"e e le de!isioni !o portano !onseguen(e i portanti per lintera !o unit. In prati!a. nella 1isione las!asiana. un so1rano K o per eglio dire un presidente. o un supre o delegato K non puB di!"iarare guerra a nessun altra na(ione o intraprendere una politi!a !oloniale sen(a il !onsenso dei sudditiO!ittadini. Il grado di perfe(ione di una !o unit si isura in fun(ione della libert di !ui godono i suoi !ittadini. 9uesto F un !riterio pretta ente liberale. !on!epito !ir!a due!ento anni pri a !"e il liberalis o prendesse piede in Europa. e !on buona pa!e di !"i. !on una lettura alta ente seletti1a delle sue opere. fo!ali((ata sulla pri a et della sua atti1it pubbli!isti!a. lo "a a!!usato di essersi prestato uni!a ente a ser1ire il ruolo di agente atti1o e parte!ipe delli perialis o e!!lesiasti!o e !oloniale europeo CCapde1ila. 1995M Castro. '332D. Loriginalit e for(a anti!ipatri!e di Las Casas non si fer a1a qui. Il !arattere inno1ati1o delle sue proposte e ra!!o anda(ioni non 1a ri!er!ato nelle pre esse K gi ben delineate da di1ersi teori!i u anisti spagnoli. italiani e fia ing"i K a nella radi!alit delle sue !on!lusioni. frutto di una !reati1it spe!ulati1a ali entata dalla are((a e disgusto per un presente inu ano e dal sogno di un ondo real ente igliore e non !onfe(ionato ad uso e !onsu o dei so1er!"iatori e pre1ari!atori. CosH. ad ese pio. il 1es!o1o del C"iapas teori((a1a !"e il so1rano non detene1a beni di propriet per diritto di nas!ita. a solo in rela(ione alla 1olont popolareM questi beni pote1ano an!"e essere alienati in !aso di algo1erno. -i !onseguen(a le encomiendas perpetue erano illegitti e. i ser1i indoa eri!ani do1e1ano essere e an!ipati e le ri!!"e((e redistribuite. in quanto sottratte illegal ente. I popoli trattati ingiusta ente e tiranni!a ente a1e1ano il diritto di ribellarsi ed an!"e di usare la for(a #llo stesso te po. perB. !erti 1i(i in seno ad una !o unit do1e1ano essere tollerati se il tentati1o di risol1erli ris!"ia1a di pro1o!are !onseguen(e aggior ente dannose rispetto alla loro sussisten(a. Non !i fu nessun Las Casas a proteggere i nati1i norda eri!ani e gli s!"ia1i neri di quelli !"e di1enteranno gli Stati &niti. I piE !elebri e1angeli((atori puritani non ritennero ai !"e questi esseri u ani a1essero la edesi a dignit dei !oloni e li 1idero !o e un intral!io al -estino Aanifesto della loro !i1ilt. Lespressione del
6

8otere. in Norda eri!a. non tro1B seri antagonisti in grado di !ontenerlo e fra entarlo e il risultato fu lo ster inio degli auto!toni. 9uel !"e ri ase fu un assordante silen(io di fronte al ale !"e. !o e si F detto. equi1ale a !o pli!it. 9uanto alla disputa teologi!o4antropologi!a di /alladolid tra Las Casas e la sua ne esi. il filosofo di Cordoba Puan 0inGs de Sep6l1eda. pri a an!ora di essere una !ontro1ersia sui diritti delluo o. essa !on!erne la natura u ana. to!!a una pluralit di dis!ipline e ri1ela i a!"ia1ellissi i !"e ris!"iano di os!urare la 1erit dietro una !ortina di fu o fatta di ragiona enti !ap(iosi e !ir!olari. anipola(ioni se anti!"e e si boli!"e ed appello alla assi i((a(ione dellutile. Essa "a !o unque gettato le fonda enta per la teoria dei diritti u ani e legitti ato i fini del o1i ento indigenista. 8ersonal ente ritengo !"e sia uno dei piE i portanti dibattiti della storia della teologia. del diritto e dellQantropologia politi!a e !"e abbia anti!ipato di se!oli le attuali pole i!"e sulla bioeti!a e sul globalis o. -a una parte !QF il !a pione del naturalis o neo4paganeggiante Ce. paradossal ente. di unortodossia inflessibileD. dello s!io1inis o ilitarista4 i perialista. del feti!is o della di1ersit C!"e di1enta fine a se stessa e gerar!"i((ataD. -allaltra un a iratore di Eras o da Rotterda . un paladino dei diritti u ani uni1ersali. di una globali((a(ione equa. egalitaria. giusta. rispettosa. pa!ifi!a. dellQidea !"e ogni essere u ano de1Qessere esso nelle !ondi(ioni di deter inare il proprio destino e non 1a trattato !o e un infante o uno ?s!"ia1o di natura@. -i !onseguen(a questo F an!"e un saggio sul !ontatto tra una !i1ilt te!nologi!a ente a1an(ata. rapa!e e oral ente degradata ClI pero spagnoloD ed una !i1ilt de!adente e 1iolenta. isolata. de1astata dalle pande ie. sado aso!"isti!a ente prigioniera di attese apo!alitti!"e ClI pero a(te!oD. Ci fu !"i. tra gli e issari della pri a. difese nobil ente la dignit della se!onda di fronte agli in1asori. ris!attando al eno in parte le nefande((e della propria. Tra questi. il piE illustre fu :artolo G de las Casas. una figura purtroppo non suffi!iente ente nota. nonostante unesisten(a abbondante ente 1issuta e !"e "a las!iato un segno nella storia K oltre !inquantanni di lu!i della ribalta tra /e!!"io e Nuo1o Aondo ed una de!isi1a influen(a su ben quattro tra re ed i peratori dellepo!a doro spagnola. Loriginalit di questa biografia risiede nella prospetti1a. !"e non F es!lusi1a ente stori!a a an!"e so!io4antropologi!a. filosofi!a. giuridi!a e politologi!a e ri ar!a lattualit del pensiero di una persona ?aiutata@ da i pre1edibili esperien(e di 1ita a
7

trasfor are !erti suoi difetti !aratteriali in 1irtE e a dare il eglio di sG. ad essere allalte((a della sfida de!isi1a. a ser1ire da odello an!"e a distan(a di se!oli. -opo una pri a se(ione dedi!ata ad una disa ina del !ontesto stori!o ed una se!onda !"e esplora la 1ita di Las Casas. i soffer o sul te a dellappropria(ione del Cristo. Entra be le parti K a11ersari e difesori degli indigeni K se ne appropriarono. a solo i pri i ne so11ertirono il essaggio. Lo s!enario prospettato dai !riti!i di Las Casas F quello di una !ro!iata di ;ratelli Aaggiori. giunti nel Nuo1o Aondo per de!isione del :uon 8astore. il Sal1atore !"e a1rebbe !ondotto il gregge allo1ile. La 1isione dello stesso Las Casas e degli indigenisti non era troppo dissi ile. se non in un punto !ru!iale. !"e sta alla base della !i1ilt !onte poranea> il libero arbitrio unito al rispetto della dignit u ana ed al !onsenso infor ato. questulti o inteso nella!!e(ione piE a pia di una rela(ione in !ui !o plete((a. trasparen(a ed onest per ettono alle persone di essere piena ente !onsape1oli di quali siano le ra ifi!a(ioni del loro benepla!ito. 8er gli a11ersari dei las!asiani. non di o1ile si tratta1a. a di una !atena di ontaggio. Lo slogan uffi!iale era quello della11ento della !i1ilt della ore. della pa!e e del benessere. dopo il terrore a(te!o. a la realt era ben di1ersa. I nuo1i signori soffri1ano di unilli itata bra osia di beni ateriali e anodopera gratuita. Le in1o!a(ioni ad a arsi ed a 1i1ere in pa!e !on i !onquistadores seguendo lese pio di 0esE erano dunque inganne1oli. per!"G ira1ano ad i porre una !erta 1isione del ondo. indu!endo unauto4lesionisti!a ansuetudine irriflessi1a nei sudditi. Esiste1a unenor e dis!repan(a tra le parole ed i fatti. La predi!a(ione della ore e della pa!e si a!!o pagna1a a isure di radi!ale intolleran(a 1erso i non4allineati. 1erso una so!iet definita sen(a -io e irri ediabil ente !orrotta. !"e ri!"iede1a un 1asto sa!rifi!io !olletti1o per essere rifondata sulla base dei die!i !o anda enti. il piE i portante dei quali F lassoluta e !o pleta obbedien(a e sotto issione al 1ero -io. Contro tutto questo si s!agliB Las Casas. !ontro la ar!ia ipo!risia di quelli il !ui uni!o -io era K a quanti di loro la1e1ano da11ero !apito$ K luni1erso ateriale. a si pro!la a1ano ra((ial ente e spiritual ente superiori. appellandosi alle parole di 0esE e dei Aaestri della C"iesa. Contro !"i non sape1a !osa farsene dell# ore e for a1a !aste do inanti !"e esige1ano 1enera(ione. onore. lealt. sotto issione. !on1ersione al loro !ulto e ti orata idolatria. non a ore. Las Casas obiettB allingiun(ione di adorare ed onorare la presunta 1olont di -io e di rispettare le sue leggi. se !iB !o porta1a lannulla ento di ogni libera 1olont ed istan(a !riti!a.
8

ObiettB alla segrega(ione degli indigeni nelle encomiendas e repartimientos # ?un go1erno di tirannia olto piE ingiusto di quello al quale furono soggetti gli Ebrei dal faraone egi(iano@ K. alla rituali((a(ione della fede e della quotidianit. per!"G questa ottunde1a le enti e fa!ilita1a il !o pito di quelli !"e !"ia a1a ?tiranni@. s!atenando la furia di CortGs e 8i(arro. In questo nuo1o ordine instaurato dai !onquistadores. !"i disobbedi1a era punito nei odi piE atro!i per!"G il perdono e la tolleran(a erano er!e rara. Lidea di pe!!ato ortale a!quista1a un signifi!ato letterale in un !li a !ulturale da et del bron(o. I nuo1i fedeli erano infantili((ati e si affer a1a !"e -io K per ano e per bo!!a dei suoi in1iati K si era assunto lin!ari!o di siste are le !ose. per!"G i nati1i a1e1ano di ostrato in odo definiti1o la loro inettitudine. abie(ione e peri!olosit per se stessi !ontinuando a farsi la guerra e a sa!rifi!are i prigionieri. Las Casas !apH !"e olti !olonialisti e !ortigiani non 1ede1ano nella predi!a(ione un 1ei!olo di illu ina(ione spirituale a un pretesto per antenere los!urantis o e lignoran(a ed il do inio sulla ente. il !orpo e lo spirito dei sottoposti. In un paradosso orRelliano. ogni opposi(ione indigena a questo stato di !ose era bollata !o e ispirata da Satana. dall#nti!risto. Solo la 1o!e autore1ole dei issionari indigenisti e dei teologi u anisti ri1ela1a !"e il re era nudo. !ioF !"e la fede dei !oloni era segnata da uninterpreta(ione onoliti!a. unilaterale e per1ersa K a olto !on1eniente K della tradi(ione 1eterotesta entaria. fatta di 1iolen(a. risenti ento. soprusi. tirannia. ran!ore e sanguinariet. #n!"e qui. la !entralit della !elebre disputa di /alladolid F san!ita dalle1iden(a del fatto !"e nessuno. nG pri a nG dopo. si era ai tro1ato a dis!ettare di natura u ana e destino della sua !i1ilt in seguito alla s!operta di un Nuo1o Aondo e di traiettorie ?e1oluti1e@ separate. Luni!it delle1ento e delle sue i pli!a(ioni F fuor di dubbio> una situa(ione analoga si reali((erebbe solo se fosse possibile retro!edere nel te po fino al o ento dellin!ontro tra luo o anato i!a ente oderno e il neandertal o se una !i1ilt eStraterrestre prendesse !ontatto !on la nostra. 8rospetti1e !"e sono per il o ento alquanto re ote. La questione e!!a""i a#i!it$ e!!e "onti

Pu essere rimasto uno spa$io di sagge$$a in questa terra di avidit% ;ran!is!o Cer1antes de Sala(ar. dis!orso del '* gennaio 1**)

&no studio !o parati1o di realt olto di1erse de1e partire dal ?prin!ipio di u anit@. !"e presuppone uno s!"e a di rela(ioni tra !reden(e. desideri e ondo !"e sia il piE si ile possibile a quello !"e usia o quotidiana ente. Aa quanto possia o fidar!i delle infor a(ioni ra!!olte da !ronisti e issionari europei$ E. soprattutto. non ris!"ia o di in!appare in grossolani fraintendi enti. appli!ando s!"e i danalisi !onte poranei a delle realt del tutto estranee ad essi$ Lu!iano 0allino F della11iso !"e ?lobie(ione tal1olta ossa ai la1ori di storiografia dei so!iologi F di for(are in uno s!"e a !ategoriale deri1ato in pre1alen(a dallanalisi delle so!iet !onte poranee. gli e1enti di so!iet del passato. Obie(ioni si ili tradis!ono la ri!aduta in uno stori!is o di pretto sta po dilt"eTano. per il quale soltanto le !ategorie dei soggetti degli e1enti studiati sono 1alide per !o prendere il passato. -i fatto. gran parte della storiografia e della so!iologia post4 stori!isti!"e "anno da te po inato alla base lipotesi !"e !oloro !"e parte!ipa1ano agli e1enti si tro1ino in !ondi(ioni di pri1ilegio per spiegare o per !o prendere o interpretare gli e1enti stessi. elaborando una serie di !on!etti strutturali la !ui fun(ione pre inente F di porre il !onte poraneo in !ondi(ione di spiegare e1enti del passato assai eglio di quanto non abbiano potuto fare !oloro !"e parte!iparono ad essi@ C0allino. 199)> 77%D. #llo stesso odo. lantropologia oderna "a da te po posto in rilie1o !o e la defini(ione !"e la fonte d della sua realt so!io4!ulturale F general ente infi!iata da un pro!esso !ogniti1o di auto4 rappresenta(ione ideale. C"e fare allora$ ,o !er!ato di illustrare quale fosse la defini(ione las!asiana di 1erit e di realt ed i li iti della sua per!e(ione soggetti1a. :artolo G de las Casas non i parB ai le lingue indigene e non ra!!olse ateriale etnografi!o. per!"G non idolatra1a le !ulture. a a a1a le persone in !arne ed ossa e. per aiutarle. si spostB in!essante ente. 8oi!"G 1i1e1a in una so!iet in !ui il 1alore di una persona era !o isurato alle sue reali((a(ioni !ulturali. si tro1B a do1er agnifi!are le 1irtE !i1ili ed intellettuali degli indo4a eri!ani. 8er !ontrastare le des!ri(ioni grottes!a ente en(ognere degli indigeni da parte di !ronisti 1is!eral ente ra((isti ed in !o butta !on i !oloni e gli s!"ia1isti. Las Casas si sentH obbligato ad in1ertirle di segno e finH per ideali((are ed esagerare i eriti dei nati1i. o ettendo gli aspetti piE sgrade1oli della loro !i1iltM li trasfor B nella pietra di paragone della perfe(ione. in ?nobili sel1aggi@ di fine intelletto. 1asta spiritualit. robusta !ostitu(ione e 1alore guerriero. 0iunse perfino ad indi!are i sa!rifi!i u ani di assa !o e indi!e di
10

1itale religiosit nati1a. In questo odo traslB i soggetti della sua analisi 1erso un piano di irrealt !"e ris!"ia1a di ortifi!are !o unque la loro u anit e quotidianit e di !an!ellare !on un tratto di penna la disu anit pre!edente alla Conquista. ;ran!es!o Surdi!". do!ente di Storia delle esplora(ioni e s!operte geografi!"e a 0eno1a. F dellopinione !"e Las Casas abbia ideali((ato stru ental ente il ondo indigeno. rendendolo di piE ardua de!odifi!a(ione. per!"G piE interessato a difenderli !"e a farli !onos!ere CSurdi!". '33'D. 9uesto tipo di dis!orso. ispirato da una sensibilit post odernista. a io a11iso las!ia perB il te po !"e tro1a. :isogna tenere a ente le !ir!ostan(e stori!"e in !ui si tro1B ad operare. ossia unepo!a in !ui non esiste1a unopinione pubbli!a attenta e i pregiudi(i etno!entri!i erano per!epiti !o e dog i. I suoi antagonisti nel Nuo1o Aondo erano spesso persone di s!arsa !ultura e di 1asta a bi(ione e !upidigia. quelli nel /e!!"io Aondo erano eruditi pri1i di una !onos!en(a diretta della realt !oloniale. Nel fratte po i nati1i ori1ano letteral ente !o e os!"e. sen(a !"e lui potesse in al!un odo arrestare questapo!alisse. se non perorando la !ausa indigena alla !orte di Spagna !on passione ed eloquio. a an!"e !on astu(ia. destre((a e diplo a(ia. Non si a!!ontentB ai di !onfutare le tesi degli a11ersari. a fe!e atti1is o politi!o. !er!ando di influen(are il pro!esso legislati1o. di far appro1are piani per listitu(ione di !o uni utopi!"e per i nati1i !on1ertiti. per fer are le guerre. ?giuste@ o ?ingiuste@ !"e fossero. per abolire la s!"ia1itE e s!reditare e !ondannare quegli sfruttatori rapa!i !"e erano gli encomenderos. Se Las Casas pe!!B di etno!entris o e bene1olo paternalis o nelle sue a(ioni e prese di posi(ione. lo si puB giudi!are !on una !erta agnani it e !le en(a. 8ossia o !erta ente preferirlo a !"i. !o e :ernardino de Sa"agun e PosG de de #!osta. !onsiglia1a 1i1a ente di apprendere le !ulture indigene. le supersti(ioni e gli errori per poterli !urare. !o e si era fatto !on i pagani gre!i e ro ani. IL CONTESTO STORICO &l prete <Las Casas=, irato, va contro di loro riprendendoli aspramente per ostacolarli, ed essi, che lo rispettavano un poco, cessarono quello che stavano per fare, e cor restarono vivi quaranta indios, ed i cinque se ne andarono ad ucciderne dove gli altri uccidevano. ' poich( il prete rimase fermo nell)ostacolare la morte dei quaranta, che erano giunti l come portatori, quando
11

and avanti, trov una catasta di morti, che avevano fatto con i corpi, che era una cosa certamente da far spavento. *uando lo vide +arv,e$, il capitano, gli disse- . osa sem!ra a Sua Signoria di questi nostri spagnoli% he hanno fatto%/. Gli rispose il prete, vedendo davanti a s( tanti fatti a pe$$i, molto tur!ato dall)avvenimento cos crudele- .0i mando, sia 1ei sia loro, al diavolo/ :artolo G de las Casas. 2istoria de las &ndias Las Casas fu. !o e tutti. un uo o del suo te po. !ioF legato al suo a biente !ulturale. so!iale e politi!o. :isogna dunque tenerne !onto per poter 1alutare la sua figura. sen(a per questo !edere alla tenta(ione di attribuire alla sua 1ita ed al suo insegna ento quegli attributi di uni!it. in!o parabilit ed in!o uni!abilit !"e i pedirebbero allo studioso ed ai suoi lettori di trarne delle le(ioni utili per la loro esisten(a. in unepo!a per olti 1ersi differente a per altri inquietante ente si ile. Infatti F ia opinione !"e le guerre sante. il fanatis o religioso. il Gott mit uns "anno una radi!e !o une nelliniquit della Conquista e nella pretesa ai sopita di a!!elerare !on ogni e((o lunifi!a(ione del ondo nelluni!o o1ile e sotto luni!o pastore profeti((ato nella :ibbia K unum ovile et unus pastor K. lobietti1o dello ologa(ione !ulturale finale ad un uni!o odello superiore e pre1alente. #l te po di Las Casas. ipo!rita ente. non si usB spesso il ter ine ?s!"ia1itE@. per!"G la giurispruden(a spagnola la !onte pla1a solo per i prigionieri di guerra. Esso fu presto sostituito dallistituto dellencomienda. una s!"ia1itE di fatto. as!"erata da !ontratti di deri1a(ione edie1ale. #ffer are !"e si era pe!!atori per!"G si sfrutta1ano gli Indiani era tanto s!on!ertante quanto affer are !"e lo si era per!"G si sfrutta1ano gli ani ali da so a. In quellepo!a sfruttare gli indios ed essere !ristiano e prete non era !onsiderata una !ontraddi(ione in ter ini. Ce lo ra!!onta Las Casas nella sua 2istoria> ?Ri asero tutti era1igliati e an!"e spa1entati da !iB !"e egli disse loro. e al!uni !o punti e altri !o e se lo sognassero. as!oltando !ose tanto nuo1e !o e il dire !"e non pote1ano a1ere gli indios al loro ser1i(io sen(a pe!!atoM e non !i !rede1ano. !o e se di!essero !"e non si pote1ano ser1ire delle bestie del !a po@. Lo stesso presidente del Consiglio delle Indie K istitu(ione alla quale Las Casas ri1olse di1ersi appelli K. Puan RodrHgue( de ;onse!a. !"e era 1es!o1o a :urgos. si 1anta1a di possedere olti s!"ia1i indios. 8er questo il 1es!o1o del C"iapas fu !ostretto ad assaltare le trin!ee ideologi!"e dei suoi oppositori partendo dal basso. I pregiudi(i erano saldissi i e robusti e le
12

ore!!"ie spesso tappate dalle esigen(e erariali e da piE prosai!"e a((ette dei !oloni. !"e 1ole1ano garantirsi lauti profitti. e delle ultina(ionali del te po. !o e la !orpora(ione ban!ario4 assi!urati1a della fa iglia Uelser. !"e si era i padronita di una fetta del /ene(uela !on i suoi er!enari. guidati dal !onquistador tedes!o NiVolaus ;eder ann. 9uella delle infa ie perpetrate dal !apitalis o !olonialista fu unaltra delle questioni di !ui Las Casas si o!!upB in pri a persona. s!ri1endo una lettera di denun!ia al Consiglio delle Indie> ?E !o e non 1ede1ano le /ostre Signorie lo sfrutta ento !ui i tedes!"i a1rebbero sottoposto quella terra e i suoi abitanti nel te po !"e gliela a1este !on!essa$ Non si adopereranno a sfruttarla e a distruggerla per ri!a1are !iB !"e "anno prestato ed F !ostato loro$ 8oi!"G affer o !"e. nei quattro anni in !ui di!ono debba durare loro Cla !on!essioneD. potranno rubare tanto per !o prare tutta la 0er ania. 8er!"G. signori. !on!edete !osH generosa ente !iB !"e non !onos!ete. nG sapete !iB !"e offrite. nG !iB !"e potete dare. !on sH grande danno di -io e del prossi o$@. 9uesta F in1e!e una feli!e sintesi del uro di go a !ontro !ui si tro1B a !o((are> ?Tutti !ostoro. o al!uni di loro. furono i pri iI !"e a !orte infa arono gli indios. di!endo !"e non sape1ano go1ernarsi o !"e a1e1ano bisogno di tutoriM e questa !atti1eria !rebbe se pre. tanto !"e li u iliarono fino a dire !"e erano in!apa!i di fede K !"e non F una pi!!ola eresia K e a renderli uguali alle bestie. !o e se in tante igliaia di anni da!!"G queste terre sono popolate. piene di popoli e genti. !on i loro re e signori. 1i1endo in tutta pa!e e tranquillit. in tutta abbondan(a e prosperit K quella !"e la Natura ri!"iede affin!"G gli uo ini 1i1ano e si oltipli!"ino in in enso K a1essero a1uto bisogno della nostra prote(ione. <I=. E !osH ini(iarono per tutto questo orbe a infa are e dire quanti ali si pote1ano !redere negli indios e. prin!ipal ente. !"e erano bestie. fannulloni e !"e a a1ano lo(io e !"e non si sape1ano go1ernare. per fingere ne!essit !"e se brasse opportuno possederli e ser1irsi di loro in quellinfernale s!"ia1itE in !ui li isero. di!endo di !i1ili((arli e per farli la1orare@ C 2istoria de las &ndiasD. CosH le ri!"ieste del Nostro furono spesso respinte. sebbene il suo erois o ed il suo spirito indo ito non an!assero di portare dalla sua parte di1erse figure di non po!o prestigio e di influen(are al!une de!isioni so1rane sulla politi!a !oloniale spagnola.

13

Ci %ossono esse&e

e'!i esse&i u(ani )*e non A a(o+

is)en ono

#dolp" :andelier. un insigne ar!"eologo s1i((ero !"e esplorB l# eri!a !entrale e eridionale a !a1allo tra il di!ianno1esi o ed il 1entesi o se!olo. riassunse. in un interessantissi o ed esausti1o arti!olo apparso nel 193*. le di1erse tradi(ioni peru1iane !"e en(iona1ano una qual!"e sorta di leggendario sbar!o di stranieri sulle !oste suda eri!ane. Egli segnala1a !"e lorigine delle genti !"e a1e1ano popolato il Nuo1o Aondo era stato forse il pri o dei proble i !"e si erano tro1ati ad affrontare gli Europei in seguito alla s!operte delle # eri!"e. Co e 1edre o. in genere la posi(ione pre1alente fu quella monogenetista. !"e tende1a a prediligere uninterpreta(ione elasti!a delle :ibbia. I nati1i sarebbero stati i dis!endenti dei popoli protagonisti delle igra(ioni !onseguenti al !rollo della Torre di :abele o. piE rara ente. delle tribE dIsraele s!o parse in seguito alla deporta(ione in terra di :abilonia in un periodo su!!essi1o. :andelier fe!e notare !"e per gli Spagnoli del te po della Conquista fu olto fa!ile interpretare le leggende lo!ali !o e pro1e stori!"e a sostegno di questo assunto. Egli stesso ette in guardia !"i intenda i pegnarsi nella disa ina delle suddette leggende> ?!iB !"e desidero si tenga nella assi a !onsidera(ione F il peri!olo !"e le tradi(ioni orali indiane siano state ?arri!!"ite@ da !"i le "a ra!!olte. in odo da fornire sostegno ad una parti!olare teoria@ C:andelier. 193*. p. '*1D. Il !li a !ulturale e dottrinario del periodo influen(B dunque pesante ente i !ronisti della pri a fase dell@ispani((a(ione@ della futura # eri!a Latina. 9uesto !apitolo esa ina al!une delle teorie piE in 1oga sullorigine delle popola(ioni a eri!ane. ele enti di un furioso dibattito !"e si era s!atenato in Europa allindo ani della s!operta del Nuo1o Aondo e dellu anit !"e lo popola1a. -a do1e pro1eni1ano queste genti$ Erano figli del de onio o a1e1ano ri!e1uto in una qual!"e isura il essaggio e1angeli!o da ipoteti!i predi!atori giunti in # eri!a pri a di Colo bo$ 8ote1ano essere !onsiderati di pari dignit rispetto ai !onquistatori europei oppure s!"ia1i di natura$ :andelier raggruppB in tre grandi !ategorie le oltepli!i tradi(ioni riguardanti larri1o di ?predi!atori !au!asoidi@ nel Suda eri!a in unepo!a pre!edente allo sbar!o degli Spagnoli. La pri a !o prende quelle narra(ioni !"e a!!ennano alla !o parsa di esseri u ani di fisiono ia di1ersa da quella indigena. La se!onda anno1era quelle !"e fanno en(ione di anti!"i insedia enti a eri!ani !ostituiti da genti pro1enienti da regioni oltreo!eano.
14

Infine nella ter(a tro1ia o le leggende !"e narrano di sbar!"i a11enuti sulla !osta nord4o!!identale dell# eri!a eridionale. -alla or3nica morali$ada del 4rden de San 5gustin en el Peru di padre #ntonio de la Calan!"a 1enia o a sapere !"e uo ini bian!"i e barbuti. dopo essere sbar!ati sulle !oste brasiliane ed a1er attra1ersato l# a((onia. erano giunti sul Titi!a!a predi!ando alla aniera di issionari. L uno di loro era stato u!!iso. entre laltro a1e1a proseguito il suo !a ino fino ad arri1are sulle !oste del 8a!ifi!o. do1e era s!o parso. In Colo bia. presso i Auis!a ed i C"ib!"a. in!ontria o :o!"i!a. predi!atore dalla lunga barba. s!al(o e 1estito !on una spe!ie di tuni!a. 9uesta !ategoria di leggende in genere fa riferi ento alla figura di Uira!o!"a. una spe!ie di se idio predi!atore. !"e fu presto adottato !o e pro1a de!isi1a dai pro otori della tesi se!ondo !ui il Nuo1o Aondo era gi stato 1isitato dagli apostoli di Cristo. !o e ad ese pio San To aso. o da anoni i dis!epoli in un periodo posteriore. 8r la se!onda !ategoria !i sono per1enute le rela(ioni dei frati agostiniani sulla regione di ,ua a!"u!o. elaborate tra il 1**' ed il 1*71. !"e "anno tras!ritto la !reden(a lo!ale nellesisten(a in un re oto passato di insedia enti di stranieri !"e si sarebbero in parte estinti !on il passare del te po ed in parte sarebbero e igrati sen(a piE fare ritorno. Se!ondo Cie(a de Leon C ronica del Per6D. un !apo indigeno un giorno si diresse 1ero il Titi!a!a e tro1B ?sullisola aggiore di quella palude delle genti di pelle bian!a e barbute !on le quali si s!ontrB. ster inandoli@. Nell2istoria del Per7 8 varones insignes en santidad . #nello Oli1a. un gesuita italiano 1issuto tra il W/I ed il W/II se!olo. riferis!e !"e un nu ero i pre!isato di stranieri sbar!arono lungo la !osta del /ene(uela. nei pressi di Cara!as. per poi spingersi nellinterno. fino a raggiungere Santa Elena nellE!uador e poi. per e((o di una lunga na1iga(ione !ostiera. nel 8erE eridionale ed in Cile. Oli1a sostiene !"e i dati in suo possesso testi oniano !o e questo popolo non fosse nati1o del Nuo1o Aondo a pro1enisse dalla Tartaria. la Cina di allora. Oli1a fu il porta1o!e di un o1i ento gesuita !landestino !"e !er!a1a di tutelare la dignit dei nati1i in qualunque odo possibile. an!"e a11alendosi di tradi(ioni arbitraria ente odifi!ate. Tutta1ia queste !reden(e esiste1ano an!"e nel nord del paese. piE pre!isa ente tra i C"i E. ed era diffusa una tradi(ione in!ai!a !"e !ollega1a la genesi del ondo al !a ino ?de iurgi!o@ di una spe!ie di antenato tote i!o peru1iano di1ini((ato. tale #pu Xon TiVse Uira!o!"a Co XoniraTa Uira!o!"aD. il quale. supre o artefi!e delluni1erso. non si negB una lunga peregrina(ione attra1erso le terre da lui !reate. !on la
15

relati1a assegna(ione ad ogni popolo del suo proprio territorio di stan(ia ento e luogo di !ulto. Co e segnala Aario Aar!"iori. ?il fatto !"e in questo ito si parli di luog"i !"e furono in!orporati nelli pero in!ai!o relati1a ente tardi las!ia supporre !"e questa 1ersione sia il risultato dellin!orpora(ione. operata dagli In!a stessi per !onsolidare il loro i pero. di iti originaria ente lo!ali@ CAar!"iori. 1999. 12*D. Nella !rona!a di Oli1a. basata sui ra!!onti di Catari. uno degli ulti i sapienti in!a C quipucama8ocD. ritro1ia o al!uni dei oti1i presenti nelle fonti essi!ane> larri1o in # eri!a susseguente al -ilu1io &ni1ersale C Pacha"utiD. la !oesisten(a di u ani e giganti Calti tra i % ed i * etriD !"e li tiranneggia1ano. il pellegrinaggio di predi!atori di aspetto europeo. la stretta !onnessione tra potere i periale e !ulto del sole. Oli1a fe!e parte di un ristretto e piuttosto riser1ato !ir!olo di gesuiti dediti allo studio delle !ulture lo!ali nellintento di rendere loro giusti(ia. Carlos 0al1e( 8eYa. nella sua introdu(ione alla !rona!a di Oli1a. s!ri1e !"e ?alla base della sua opera si situa la !on1in(ione nella dignit u ana degli indiani@ !"e !ondi1ide !on ?un altro u anista del suo stesso ordine. padre PosG de #!osta@. #l!une di!"iara(ioni del gesuita italiano gli guadagnarono laperta ostilit di al!uni potenti gesuiti spagnoli. olto preo!!upati a !ausa della ?!atti1a@ influen(a dei gesuiti italiani in 8erE. Se pre 8eYa osser1a !"e nellopera di 8adre /argas ?:ibliote!a peruana@. si fa riferi ento a un !li a agitato e per nulla ?fraterno@. N in parti!olar odo sul te a della 1aluta(ione della dignit u ana degli indigeni a eri!ani !"e si !onsu a la frattura fra i gesuiti italiani e u anisti Cgesuiti e nonD spagnoli. Nessuno stato o signoria italiana a1e1a il ben!"G ini o interesse nelle # eri!"e. a !ausa della posi(ione geografi!a de!entrata della nostra penisola. !"e si tro1a1a separata dall#tlanti!o proprio da quelle poten(e !oloniali iberi!"e !"e si sarebbero di1ise la futura # eri!a Latina. Il papato in1e!e si tro1a1a i pegnato nellorgani((a(ione del progra a di e1angeli((a(ione delle nuo1e terre. La !rea(ione della Co pagnia del 0esE C1*)%D fu !osH appro1ata da papa 8aolo III C1*%3D ed in!ari!ata di fare opera di proselitis o in Estre o Oriente e nel Nuo1o Aondo. #llini(io del W/II se!olo si for arono due fa(ioni gesuite di1ise proprio dalla pro1enien(a dei propri si pati((anti. -a una parte tro1ia o gesuiti italiani !o e Oli1a e 0io1anni #ntonio Cu is. o Aatteo Ri!!i e Aartino Aartini in Cina. e dallaltra soprattutto quelli spagnoli. In 1erit non esiste1ano !onfini netti. a solo dei poli di attra(ione !ontrapposti. !"e riprodu!e1ano nel !ontesto gesuita il dissidio tra latifondisti e issioni. spe!ial ente in Aessi!o. s!aturito fin dallini(io della !oloni((a(ione a !ausa di
16

una di1ersa 1isione della dignit ed u anit dei 1inti. -a una parte erano s!"ierati i !oloni. fautori delle encomiendas. !ioF di una for a di s!"ia1itE legitti ata dalla ne!essit di !ondurre gli indigeni sulla retta 1ia. 0i il )3 no1e bre del 1*11 il frate #ntonio de Aontesinos si ri1olge1a in una predi!a ai !oloni. !on queste parole> ?9uesti. non sono uo ini$ Non "anno ani e ra(ionali$ Non siete obbligati ad a arli !o e 1oi stessi$@. ;u proprio questa predi!a a trafiggere la !os!ien(a di Las Casas. a11iandolo alla sua 1o!a(ione> la difesa dellu anit e dignit degli oppressi. La giustifi!a(ione di questo siste a di asser1i ento era ri!er!ata nella teoria politi!a di #ristotele. !"e gode1a di un 1ero e proprio rinas!i ento di interesse in quegli anni. e nel pensiero dell#quinate. !"e a1e1a distinto due tipi di do inio. uno ?reale@. !"e !onsiste1a nel ?go1ernare uo ini liberi e sudditi per il loro bene e utilit@. e laltro ?dispoti!o@. !"e ?F !o e da signore a ser1o@. Il li!en(iato 0regorio appli!B questo se!ondo odello agli indios. !"e ritiene giusto. dal o ento !"e ?si appli!a 1erso !oloro !"e per natura sono ser1i e barbari. quelli !"e an!ano di giudi(io e di !o prendonio. !o e sono questi indios. !"e se!ondo lopinione di tutti. sono !o e ani ali !"e parlano@ C##.//.. 195%. p. 9*D. Lencomienda di1enne dunque un ? e((o olto piE !on1eniente <rispetto alla libert= per ri!e1ere la fede e !ontinuare a perse1erare in essa@. Laspetto piE sgrade1ole di questa disputa fu !"e un sotterfugio per ottenere anodopera gratuita si trasfor B in un pregiudi(io duro a orire an!"e per gli stessi e!!lesiasti!i. olti dei quali !on!lusero !"e non 1ale1a la pena di spre!are delle energie per degli esseri !"e non erano del tutto u ani. quindi non adatti ad a!!ogliere il essaggio e tanto eno i sa!ra enti. CosH. entre negli a bienti !oloniali !olti dilaga1ano !on!e(ioni poligeniste del popola ento del ondo. se!ondo !ui gli Indios non erano dis!endenti di #da o. a di altro !eppo u ano. e quindi non a1e1ano la edesi a dignit. oltre !"e le stesse poten(ialit. degli Europei. dallaltra parte della barri!ata si s1iluppa1a un a!!eso dibattito onogenista. 9uesto !er!a1a di dare una risposta al quesito posto dallesisten(a di !ulture e1olute in (one !osH distanti dal ondo !i1ile e !"e allo stesso te po progetta1a nuo1e for e di in!ultura(ione degli indigeni tra ite le reducciones. soprattutto ad opera dei issionari italiani !"e non erano in1is!"iati negli interessi e!ono i!i dei !oloni. ;u in questo stesso periodo !"e si !onsu B an!"e una par(iale frattura tra gesuiti italiani ed u anisti italiani. #llinterno dellordine gesuita esiste1ano per!iB delle !orrenti di pensiero !"e si dista!!a1ano. talora in aniera dra ati!a. da quello !"e do1e1a essere lindiri((o uffi!iale. stabilito dalle alte
17

gerar!"ie dellordine stesso. #l!uni gesuiti subirono la rea(ione dei loro superiori a !ausa di atteggia enti non se pre ?!onsoni@ ai loro in!ari!"i. Nel 1959. la s!operta in una !olle(ione pri1ata di Napoli del !osiddetto ?Aanos!ritto di Napoli@. ra!!olta di s!ritti di al!uni gesuiti. tra i quali Oli1a. Cu is e 8edro de Illanes. !onfer B !o e allinterno dellOrdine esistessero delle !orrenti di pensiero in !ontrasto !on la politi!a filo4spagnola del 8adre 0enerale #qua1i1a e !"e furono !ostrette alla !landestinit dal rigore di questulti o. # Cu is fu i pedito il trasferi ento in Cina. entre ad Oli1a non fu !on!essa la pubbli!a(ione della sua pri a opera. 8edro de Illanes operB in un periodo posteriore. quando lOrdine !o in!ia1a gi a risentire delle pressioni politi!"e dei regni !ristiani. se pre piE insofferenti 1erso le !ontinue intro issioni dei gesuiti nei loro affari interni e i superiori a1e1ano proble i ben piE gra1i della dis!iplina di issionari re!al!itranti. Eppure Illanes espri e opinioni del tutto affini a quelle dei gesuiti !"e redassero il anos!ritto e per olti 1ersi in !onsonan(a !on le piE inti e !on1in(ioni di Las Casas. In un passo del sopra!itato do!u ento. in !ui Illanes sinterroga sullidentit degli autori del anos!ritto sulle origini degli In!a e del loro siste a di s!rittura. leggia o> ?C"iunque egli sia. "a s!ritto una pagina di storia 1era ente dra ati!a> F po!o. sen(a dubbio. !iB !"e resta dellanti!a 0erusale e sulla quale passarono. 1iolenti e de1astatori. i Conquistadores. -io ne abbia iseri!ordiaI@. -unque per Illanes. !"e s!ri1e1a nel 12)2. era an!ora del tutto naturale lereti!a asso!ia(ione tra il lI pero In!a CTaRantisuTuD e la ?Citt di -io@ agostiniana. Ri ane da !itare il isterioso :las /alera. del quale 0io1anni #ntonio Cu is di!e !"e ?per lintero popolo dei 8iruani. essendo egli eti!!io. fu non solo guida spirituale. a soprattutto loro difensoreIil quale ebbe olti fastidi dai suoi stessi !onfratelli. per il fatto !"e sera s!"ierato !ontro le torture della ques"ua !"e gli Spagnoli prati!a1ano per estor!ere loroInon 1ole1a !"e al!uni di essi Ci sa!erdoti !ristianiD. falsa ente !ol no e di 0esE Cristo sulla bo!!a. a!!usassero di idolatria il popoloIin quanto la religione da esso professata era olto si ile a quella Cattoli!a@. Lo stesso Oli1a di!"iara !"e ?tutte le religioni "anno fonda enta !o uni@. In un i portante brano. dedi!ato alla figura di ,uaTna Capa!. undi!esi o In!a. Oli1a espri e la sua !on1in(ione !"e il 1angelo sia stato in qual!"e odo per!epito dagli indigeni an!"e pri a dellarri1o dei issionari. N il fol.2%1.. dal quale apprendia o !"e lIn!a si era per esso di non piegare la testa di fronte al padre Inti. il Sole. oti1ando questa sua !ondotta sa!rilega !on un ragiona ento tanto arguto !"e era stato in grado di !on1in!ere il 0ran Sa!erdote. Nessun suddito pote1a
18

!ostringere li peratore a fare al!un!"G. Stando !osH le !ose solo un essere piE potente pote1a obbligare il Sole a seguire !ostante ente la traiettoria !eleste ad esso assegnataM di qui linutilit di ostrare de1o(ione 1erso un ser1o. Oli1a !o enta questa argo enta(ione dellIn!a affer ando !"e. se i issionari fossero giunti a quel te po. sarebbero !erta ente rius!iti a !on1ertirlo alla 1era fede. dato !"e il se e era stato gi gettato dalla di1ina pro11iden(a. Il iraggio di una !o unit u ana unita da una stessa !reden(a per1ade1a questi !onfratelli. al punto da far loro intra1edere la possibilit !"e le sue fonda enta fossero gi state in qual!"e odo gettate pri a dellarri1o dei Conquistadores. 9uesto per erito delle riflessioni di al!uni indi1idui parti!olar ente ispirati. o per una predi!a(ione diretta da parte di !ristiani spintisi fin laggiE se!oli addietro. Aa tornia o alla do anda !entrale !"e !i si pose al o ento del Contatto. !"e F poi quella for ulata da #gostino> !i possono essere degli esseri u ani !"e non dis!endono da #da o$ Se!ondo 0iuliano 0lio((i lappartenen(a degli # eri!ani al genere u ano non fu ai seria ente essa in dis!ussione nella Spagna del pri o Cinque!ento. ligia alle !onsegne papali C0lio((i. 1922D. 8er il gesuita PosG de #!osta. autore della 2istoria natural 8 moral de las &ndias era irrile1ante il odo in !ui -io a1e1a popolato il Nuo1o AondoM !iB !"e !onta1a era la fonda entale unit dellu anit. To aso Ca panella. sebbene onogenista in a!!ordo !on le Sa!re S!ritture. era fautore della tesi della progressi1a !orru(ione della stirpe noa!"i!a approdata in # eri!a e quindi della giuste((a della puni(ione degli Indios da parte degli Spagnoli !"e. u iliandoli. di1eni1ano stru enti della 1olont pro11iden(iale. Ca panella sostene1a !"e le Sa!re S!ritture en(iona1ano il Nuo1o Aondo> AosG. a suo parere. a1e1a tra andato !"e i figli di Pa1an a1e1ano raggiunto le isoleM 0esE. se pre a suo parere. affer a1a di 1oler ra!!ogliere !on sG an!"e ?le altre pe!ore. !"e non sono di questo1ile@. Infine Esdra !"e. ispirato dall#ltissi o. parla1a dello stretto !"e si de1e oltrepassare per regnare sopra il 1asto are C0lio((i. 1922D. Nella prospetti1a onogenetista. !"e do ina1a gli a bienti e!!lesiati!i del te po. intensa ente i pegnati a repli!are alle teorie poligenetiste ?libertine@. era naturale !"e le # eri!"e non potessero essere intese !o e un ondo assoluta ente estraneo a quello bibli!o4!ristiano. CiB a1rebbe signifi!ato abdi!are dalla issione supre a del suo !o pleto ingloba ento reali((ato !on le1angeli((a(ione e !on la !ostitu(ione di una onar!"ia uni1ersale !attoli!a. -i !onseguen(a per Ca panella luni!a
19

fa iglia u ana. !"e "a !o e !apostipite #da o. fu distrutta da -io !on il dilu1io uni1ersale !"e separB. !o e testi onia 8latone. il /e!!"io dal Nuo1o Aondo. 9uesto fu ripopolato da NoF. !"e pro11ide a andar1i ?!olonie <I= per la C"ina ed il 0iappone. ed e pH di abitatori tutto il paese sin a :a!!alaos e tutto il 8erE@ C0"io((i. op. !it.D. 9uesti dis!endenti non ebbero la possibilit di ri!e1ere la parola di Cristo. e per questo !ontinuarono a pe!!are. #ntonio de la Calan!"a C1*5%4175%D. ona!o agostiniano e antropologo ante littera . sostene1a lipotesi tartara per!"G an!"e lui non era ri asto i une alla ?fas!ina(ione@ europea 1erso lestre o Oriente. &no dei pri o estensori delle !ronistorie indigene. il padre gesuita Aiguel Cabello de /alboa. malague9o di nas!ita e giunto in # eri!a a partire dal 1**7. era noto per la pre!isione delle sue ri!er!"e. redatte dopo a1er inu(iosa ente esplorato gli altipiani e la foresta 1ergine dellE!uador e del 8erE settentrionale. a an!"e per essersi for ato una per1i!a!e !on1in(ione riguardo allorigine dei nati1i. /on ,agen C/on ,agen 1952. p. 112D annota !"e ?frate Puan de Oro(!o Zn. un erudito fran!es!ano !"e in olti suoi s!ritti a1e1a gi a1an(ato ipotesi sulle ?origini@. !osH rispose a Cabello. a1ido di sapere> gli indiani erano EbreiM essi dis!ende1ano ?da NoF attra1erso Se ed attra1erso Ofir pronipote di NoF@. 8adre Cabello adottB questa tesi. Aentre era a 9uito. a1e1a persino eseguito una appa. ora perduta. per rappresentare queste igra(ioniM egli si lan!iB a di ostrare per e((o dellindagine !"e quegli indiani dis!endenti da Ofir a1e1ano raggiunto il Suda eri!a passando per le isole sparpagliate nel 8a!ifi!o. tra lIndia e le due # eri!"e. 8er !on!ludere. la testi onian(a di ;ran!es!o 0ui!!iardini. !"e !osH !o enta1a la s!operta del Nuo1o Aondo nel !apitolo nono del libro sesto della ?Storia dItalia@> ?NG solo "a questa na1iga(ione !onfuso olte !ose affer ate dagli s!rittori delle !ose terrene. a dato. oltre a !iB. qual!"e ansiet aglinterpreti della S!rittura sa!ra. soliti ad interpretare !"e quel 1ersi!olo del sal o. !"e !ontiene !"e in tutta la terra us!H il suono loro. e nei !onfini del ondo le parole loro. signifi!asse !"e la fede di Cristo fosse per la bo!!a degli #postoli penetrata per tutto il ondo> interpreta(ione aliena dalla 1erit. per!"G. non apparendo noti(ia al!una di queste terre. nG tro1andosi segno o reliquia al!una della nostra fede. F indegno di essere !reduto. o !"e la fede di Cristo 1i sia stata innan(i a questi te pi. o !"e questa parte sH 1asta del ondo sia ai piE stata s!operta. o tro1ata da uo ini del nostro e isferio@ C0ui!!iardini. 197)D. Aolte idee e tutte po!o !"iare.

20

8er !o pletare la des!ri(ione del !li a ideologi!o nel quale si s1ilupparono le teorie sul popola ento del Nuo1o Aondo. sar ora ne!essario !on!entrarsi sulla no(ione di ra((a !o e sta1a prendendo for a allepo!a della Ri!onquista. ossia della !a!!iata dei Aori dal suolo iberi!o. a11enuta nel 1%9'. po!o pri a della s!operta dell# eri!a. quasi !"e li pulso espansionisti!o della !orona di Castiglia non potesse arrestarsi sulle !oste del Aediterraneo. Uo(ini a (et$ &l sott)uomo, questa creatura, con le sue mani, i suoi piedi, quel suo tipo di cervello, con i suoi occhi e la sua !occa, una creatura che sem!ra appartenere alla stessa specie di quella umana. :uttavia se ne discosta completamente- una creatura orri!ile, una parven$a di uomo, con tratti simili a quelli dell)uomo, ma situata, in virt7 del suo spirito, della sua anima, al di sotto dell)animale. 5ll)interno di questa creatura vi un caos di passioni selvagge, sen$a freniun)indici!ile volont di distru$ione, messa in atto dagli appetiti pi7 primitivi, un)infamia sen$a pudore. &ffi!io !entrale delle SS per la ra((a e la !oloni((a(ione. testo di propaganda !ontro gli Ebrei C19%'D +el secolo presente i neri sono creduti di ra$$a e di origine totalmente diversi da) !ianchi, e nondimeno totalmente uguali a questi in quanto a diritti umani. +el secolo decimosesto i neri, creduti avere una radice coi !ianchi, ed essere una stessa famiglia, fu sostenuto, massimamente da) teologi spagnuoli, che in quanto a diritti, fossero per natura, e per volont divina, di gran lunga inferiori a noi. ' nell)uno e nell)altro secolo i neri furono e sono venduti e comperati, e fatti lavorare in catene sotto la sfer$a. :ale l)etica; e tanto le creden$e in materia di morale hanno a che fare colle a$ioni 0ia!o o Leopardi. 8ensieri LW/I #tro!it. geno!idi e s!"ia1itE sono ine1itabili$ Non per Las Casas. !"e si sfor(a1a di tro1are un odo per pre1enire la prepoten(a dei forti sui deboli. ra!!ogliendo tutte le ragioni !"e potessero sostenere la sua !a pagna u anitaria. Non si oppone1a allidea !"e al!uni popoli fossero effetti1a ente barbari a fa!e1a rile1are !o e ?queste genti delle Indie. !o e noi le sti a1a o barbare. !osH an!"esse. non !o prendendo!i. !i !onsidera1ano tali@ C5polog(tica 2istoria II. %)*D. Ribadi1a inoltre !"e tutti gli
21

esseri u ani sono stati !reati ad i agine e so iglian(a di -io e quindi 1anno !onsiderati fratelli. redenti dal sa!rifi!io del Cristo. Sen(a questa !reden(a nella !rea(ione autoriflessa la ser1itE naturale sarebbe stata piE fa!il ente difendibile. :isogna perB pure a ettere !"e lassunto !ristiano da essa deri1ato dellidenti!o 1alore di tutte le ani e u ane potr an!"e a1er influen(ato positi1a ente il pensiero giuridi!o europeo. a non "a i pedito !"e la s!"ia1itE nei paesi !attoli!i sia ri asta in 1igore per quasi 1933 anni CCuba abolH la s!"ia1itE nel 1553 ed il :rasile nel 1555D. ossia per !ir!a il 9* per !ento della storia della Cristianit stessa. 0regorio W/I. nella bolla &n Supremo C15)9D. denun!ia1a questa nefande((a in ter ini inequi1o!abili> ?Aa poi. e lo di!ia o !on i enso dolore. sono sorti. nello stesso a biente dei fedeli !ristiani. al!uni !"e. a!!e!ati dalla bra osia di uno spor!o guadagno. in lontane e ina!!essibili regioni ridussero in s!"ia1itE Indiani. Negri e altre iserabili !reature. oppure. !on un se pre aggiore e organi((ato !o er!io. non esitarono ad ali entare 1indegna !o pra1endita di !oloro !"e erano stati !atturati da altri@. Nonostante !iB. il suo su!!essore. 8io IW. nelle sue istru(ioni del '3 giugno 1577 4 po!"i esi dopo lentrata in 1igore del tredi!esi o e enda ento. aboli(ionista. della Costitu(ione degli Stati &niti d# eri!a. il 7 di!e bre 157* 4 di!"iara1a !"e> ?La ser1itE in quanto tale. !onsiderata nella sua natura fonda entale. non F del tutto !ontraria alla legge naturale e di1inaM possono esser!i olti giusti diritti alla ser1itE e sia i teologi !"e i !o entatori dei !anoni sa!ri 1i "anno fatto riferi ento. Non F !ontrario alla legge naturale e di1ina !"e un ser1o possa essere 1enduto. a!quistato. s!a biato o regalato@ C!f. Aartina. 195*D. 8er lintero !orso della storia u ana. listinto della pre1ari!a(ione e lideologia delloppressione "anno !ontinuato a di1idere lu anit in due !ategorie> la spe!ie degli uo ini autenti!i e la spe!ie dei se iu ani. sottou ani o pri ati superiori. passibili di assoggetta ento. ;ortunata ente il filosofo britanni!o Po"n Lo!Ve C17)' K123%D. paladino della propriet pri1ata. fu lulti o dei grandi pensatori europei a produrre argo enta(ioni in fa1ore della s!"ia1itE perpetua. 8ossia o dunque sperare !"e e1entuali future in1ersioni di rotta. !o e durante il na(is o. siano solo episodi!"e. Aentre nel Nord Europa si dibatte1a sulla possibilit !"e di1ersi !eppi della spe!ie u ana si fossero s1iluppati in di1ersi punti del globo. la disfida dialetti!a tra Las Casas e i suoi a11ersari orbitB piuttosto intorno al te a della pari dignit in !ontrapposi(ione alla !ondi(ione di ser1itE naturale. In un !erto senso gli s!"ia1isti
22

ispani!i utili((a1ano le argo enta(ioni del pensiero ra((iale e solo in rari !asi anifesta1ano pubbli!a ente il ridu(ionis o terio orfo del na(is o. !"e !o batte1a Ebrei e Ro !o e spe!ie anti4ariane e per!iB sub4u ane ed anti4u ane. Non era a essibile farlo. spe!ial ente dopo la bolla Su!limis ;ei del 1*)2. in !ui 8aolo III affer a1a !"e i nati1i a eri!ani erano esseri u ani !o e tutti gli altri e per!iB perfetta ente idonei alla issione alla !o unit dei fedeli. Non solo. il pontefi!e sferra1a un atta!!o de1astante alle opinioni di tutti !oloro !"e giudi!a1ano se i4u ani o sotto4u ani gli indiani. asso!iandoli a Satana> ?Il ne i!o del genere u ano. !"e se pre si oppone alle opere buone affin!"G gli uo ini peris!ano. in1entB un e((o fino ad oggi inaudito per i pedire !"e la 8arola di -io fosse predi!ata alle genti per la loro sal1e((a e ispirB al!uni dei suoi sottoposti !"e. desiderando !o pia!erlo. non "anno esitato ad affer are !"e gli Indiani o!!identali e eridionali e le altre genti di !ui in questi te pi abbia o a1uto !onos!en(a. de1ono. !on il pretesto !"e ignorano la fede !attoli!a. essere !ondotti alla nostra obbedien(a !o e se fossero ani ali e li ridu!ono in s!"ia1itE. affliggendoli !on quelle 1iolen(e !"e si usano !on le bestie. Noi quindi !"e. ben!"G indegna ente. fa!!ia o in terra le 1e!i di Nostro Signore e !"e !on ogni sfor(o !er!"ia o di !ondurre al suo o1ile le pe!ore del suo gregge !"e !i sono state affidate e !"e stanno fuori del suo re!into. !onsiderando gli stessi indiani !o e i 1eri uo ini !"e sono. !"e non solo sono !apa!i di ri!e1ere la fede !ristiana. a !"e. se!ondo le nostre infor a(ioni. a!!orrono pronta ente ad essa. e desiderando inter1enire !on ri edi opportuni. fa!endo uso dell#utorit apostoli!a deter inia o e di!"iaria o attra1erso le presenti lettere !"e detti Indiani. e tutte le genti di !ui in futuro i !ristiani 1erranno a !onos!en(a. ben!"G 1i1ano fuori della fede !ristiana. possono usare. possedere e godere libera ente e le!ita ente della loro libert e del do inio delle loro proprietM !"e non de1ono essere ridotti in s!"ia1itE e !"e quanto sia fatto !ontro di !iB F nullo e sen(a 1aloreM !"e detti Indiani e le altre genti de1ono essere in1itati ad abbra!!iare la fede di Cristo attra1erso la predi!a(ione della 8arola di -io e !on lese pio di una santa 1ita. non essendo1i nulla in !ontrario@. 8ensieri espli!iti e !ategori!i. a purtroppo pronun!iati in un siste a ondiale non regolato dal diritto interna(ionale e dai e((i per farlo rispettare. La quasi totale indifferen(a dei parte!ipanti al Con!ilio di Trento nei !onfronti della questione delle1angeli((a(ione degli Indios e il fatto !"e entro la et del sedi!esi o se!olo il go1erno spagnolo a1e1a gi no inato autono a ente 1entidue 1es!o1i ed ar!i1es!o1i sul

23

suolo a eri!ano. di ostrano lo s!arso as!endente papale in queste fa!!ende. Le !rona!"e. le rela(ioni e le !orrisponden(e ostrano !"e olti Spagnoli non ebbero al!uno s!rupolo e !rede1ano sin!era ente !"e la fal!idie degli indios !ausata dalle epide ie fosse una puni(ione di1ina e quindi la pro1a !"e -io sta1a dalla loro parte. Si sti a !"e. nel 1%97. lisola di ,ispaniola Cgli attuali stati di Santo -o ingo ed ,aitiD a1esse una popola(ione di oltre ) ilioni e e((o di abitanti. -opo soli '' anni il nu ero di indigeni era !alato fino a 17.333. dopo %% anni ne erano ri asti '*3. Se!ondo una sti a !o plessi1a. al o ento del !ontatto. la popola(ione essi!ana era di !ir!a '* ilioni. -opo un se!olo era s!esa ad un ilione. In 8erE si passB da oltre )3 ilioni a * ilioni di indios in '5 anni di o!!upa(ione. La !ausa del !ollasso de ografi!o non 1a ri!er!ata solo nelle epide ie e igra(ioni. Il !alo !ontinuB an!"e quando la situa(ione si era or ai stabili((ata. 9uel !"e a11enne fu !"e il !rollo delle strutture so!io4!ulturali indigene a1e1a u!!iso la speran(a in un futuro igliore e non si fa!e1ano piE ba bini. !i si sui!ida1a. !i si las!ia1a orire di inedia. o si ori1a per esauri ento fisi!o da sfrutta ento e!!essi1o CTraboulaT. 199%D. Sia padre PosG de #!osta. peraltro un uo o general ente tollerante e !o prensi1o. sia :ernal -La( del Castillo. esploratore. !onquistador e !ronista. stabili1ano un parallelo tra Teno!"titlan e 0erusale e e tra gli Indios e gli Ebrei !ondannati dal -io !ristiano. 0regorio 0ar!La. nell 4rigen del los &ndios del nuevo mundo. legitti a1a la guerra santa fa!endo riferi ento alle piag"e bibli!"e !"e a1e1ano i per1ersato nel Nuo1o Aondo per punire gli indigeni. Il issionario fran!es!ano Toribio de :ena1ente. detto AotolinLa. !"e pure in di1erse o!!asioni fustiga1a la 1iolen(a e larrogan(a dei !onquistatori. era dello stesso a11iso e !o in!iB la sua 2istoria elen!ando le die!i piag"e in1iate da -io a punire il Nuo1o Aondo. La guerra era un !astigo. la ser1itE unespia(ione. la distru(ione di !ulture. si boli e stili di 1ita era ipo!rita ente ele1ata a prin!ipio di libert tras!endente e reden(ione. &n sinistro e terribile ese pio di ni!"ilis o teologi!o4 orale> bisogna1a dispre((are la 1ita terrena per potersi guadagnare quella ultraterrena. Con1inti del fatto !"e -io fosse dalla loro parte. gli Spagnoli trasfor arono il Aessi!o in un 1ero e proprio lager. do1e gli indigeni ori1ano !o e os!"e. do1endo persino pagare di tas!a proprio per il ateriale da !ostru(ione !"e erano !ostretti ad usare per !ostruire la !itt dei nuo1i signori. entre i loro !a pi non 1eni1ano !olti1ati. !ondannandoli a orire di fa e. 0li s!"ia1i
24

!"e la1ora1ano nelle iniere re!a1ano sul 1olto i segni dei 1ari padroni !"e li a1e1ano posseduti. #lla fine al!uni 1isi di1eni1ano irri!onos!ibili. I neonati 1eni1ano fatti di1orare dai !ani per ?diletto@ o per sfa arli. I trasferi enti u!!ide1ano una gran parte di questi s!"ia1i. Innu ere1oli testi oni assistettero a stupri di assa. pire di prigionieri an!ora 1i1i e assa!ri !o pleta ente gratuiti. !on terribili a puta(ioni e torture. per il puro pia!ere di farlo. per!"G era possibile farlo sen(a in!orrere in al!una puni(ione. !o e in :osnia. !o e in Ruanda. !o e a Nan!"ino. !o e nellEuropa na(ista. Cera !"i si senti1a i une da ogni potere esterno. per!"G nessuno lo a1rebbe in!ri inato per le sue a(ioni. Troppi esseri u ani tro1ano gratifi!ante 1iolare le nor e orali piE basilari. I !onquistatori piE !rudeli non si !o portarono a quel odo solo per!"G erano a1idi e 1ole1ano di1entare ri!!"i nel piE bre1e te po possibile. gia!!"G loro !onquista titoli. onorifi!en(e. prestigio. status. e!!. Lo fe!ero an!"e per!"G si di1erti1ano a farlo. altri enti non a1rebbe a1uto senso distruggere la for(a la1oro !"e per ette1a loro di arri!!"irsi. Si esaltarono nel loro istinto di orte. nel <em=chtigungs!etrie!, listinto di do inio. di sopraffa(ione. &na so!iet di as!"i guerrieri. arri1isti. ingordi. brutali. stolti. pa1idi. rinnegatori di se stessi. par1enu. le!!apiedi pri1i di !os!ien(a e di s!rupoli. sadi!i !"e gode1ano nel torturare e assa!rare gli a11ersari do ati. Aa an!"e di a inistratori !oloniali odello. !"e porta1ano a ter ine il proprio !o pito sen(a esa inare il suo !ontenuto. sen(a interrogarsi sulla sua eti!it. !"e a a1ano un la1oro ben fatto in quanto tale. Tutto questo !ondusse ad unanesteti((a(ione della sensibilit. NG CortGs nG 8i(arro. nG olti altri ster inatori si sentirono ai 1era ente responsabili di nulla. an!"e se a1e1ano fatto qual!osa di !osH enor e !"e non pote1ano non ri!onos!erlo. La guerra di ster inio spagnola so11ertH lordine so!iale lo!ale e per1ertH quello della adrepatria a il tutto a11enne in una parentesi te porale. in un Nuo1o Ordine di un Nuo1o Aondo do1e le regole del 1e!!"io non 1ale1ano piE. o olto li itata ente. &n inter1allo di te po sospeso. al di fuori della storia. non una !esura K an!"e se per gli indigeni fu la piE de1astante delle !esure. &na libera(ione dalle !ostri(ioni della 1ita quotidiana in un siste a !"iuso. una s!atola nera er eti!a ente sigillata rispetto allesterno. do1e lanor alit di1enta1a la nor a. le !on1en(ioni non 1ale1ano piE e an!a1a una reale presa di !os!ien(a di quel !"e si sta1a fa!endo. &n senso di finalit. di irre1ersibilit. di apatia ed intorpidi ento orale !onquistB tanti !onquistatori. !"e non rius!i1ano a pro1are al!una !o passione se non per se stessi ed i !o pagni dar e. /i1e1ano alla grande.
25

erano di1entati ri!!"i. anda1ano a letto !on la pan!ia piena. sen(a preo!!upa(ioni per il futuro. Ognuno a1e1a ri!a1ato un profitto e si era las!iato alle spalle gli in!on1enienti della iseria. le nor e so!iali della adrepatria e i prin!ipi fondanti della religione. In olti !asi F assai probabile !"e non per!epissero di a1ere una 1era e propria esisten(a indi1iduale e non la ri!onos!essero alle 1itti e. esatta ente !o e queste ulti e K gli #(te!"i ed i loro alleati K non la1e1ano ri!onos!iuta ai popoli sotto essi. 9ual!uno do1e1a re!itare la parte della 1itti a e qual!un altro quella del perse!utore trionfante. 8oi !era il ridu(ionis o (oologi!o. In ogni geno!idio si ani ali((ano le 1itti e. 8iE re oto ed alieno il ne i!o. piE !ala itoso il assa!ro> !on lespandersi degli ori((onti. lesotis o degli in!ontri. lindebolirsi delle leggi e lallontanarsi delle for(e dellordine. tutto F per esso. Ci si !on1in!e !"e -io non "a nulla a !"e 1edere !on le 1itti e. an(i. F fa1ore1ole alla loro distru(ione. Sen(a questi ele enti di !erte((a orale. distan(a psi!ologi!a e fatalis o biologisti!o e teologi!o. sen(a il !arattere assoluto di questo progetto. F diffi!ile i aginare !"e la Conquista si sarebbe reali((ata !osH brutal ente. Esa inia o eglio questo aspetto terio orfi((ante. Nel 1**7 il !ronista 0on(alo ;ernZnde( de O1iedo diede alle sta pe la 2istoria general 8 natural de las &ndias. !"e des!ri1e1a !on abbondan(a di parti!olari le usan(e indie. a 1olte in odo abbastan(a obietti1o. e talora persino !on paragoni piuttosto fa1ore1oli rispetto a 0re!i e Ro ani. Tutta1ia. pur non ridu!endo gli indiani al rango di !a1alli o asini. li !ollo!a1a da qual!"e parte tra i ateriali da !ostru(ione e gli altri oggetti inani ati. ?-io pro11eder presto a distruggerli tutti@. tuona1a. si!uro !"e ?linfluen(a di Satana s!o parir quando la aggior parte degli indiani sar ortaI!"i puB negare !"e luso della pol1ere da sparo !ontro i pagani equi1ale alla !o bustione dellin!enso in onore di Nostro Signore$@. Con!lude1a poi !"e gli Indiani sono ?!odardi so((i e entitori !"e si sui!idano per noia. solo per danneggiare gli Spagnoli !on la loro orteM non "anno al!un desiderio o !apa!it di la1orare@ e lidea di farne dei Cristiani equi1ale1a a ? artellare il ferro quando F freddo@ per!"G le loro teste erano !osH dure !"e quando !o batte1ano !ontro di loro gli Spagnoli do1e1ano stare attenti a non !olpirli in testa !on le spade. per non spe((arle. I so1rani indiani. !ontinua1a lo stori!o e naturalista spagnolo. non a1e1ano al!una piet e go1erna1ano !on lintento di in!utere il terrore. non fa!endosi a are. #dora1ano il dia1olo. a non per sin!ero a ore. a per!"G lo te e1ano. Essi spiega1ano ai !ronisti !"e se non lo a1essero fatto lui a1rebbe in1iato la grandine a
26

distruggere i loro ra!!olti. O1iedo assi!ura1a !"e gli uo ini erano pigri. anda1ano le donne e i ba bini a la1orare entre loro batte1ano la fia!!a e passa1ano le giornate ad ubria!arsi. /i1e1ano in po1ert per le!!essi1a tassa(ione dei so1rani a(te!"i e se non rius!i1ano a pagare le tasse erano 1enduti !o e s!"ia1i. ;u luni!o !ronista ad essere !itato da Sep6l1eda nella -isputa di /alladolid a supporto della tesi dellintrinse!a depra1a(ione ed inferiorit degli Indiani. Las Casas ribattF !"e il !ronista di !orte a1e1a questa pessi a opinione degli indios per!"G lui stesso a1e1a preso parte alla Conquista> il suo giudi(io era distorto dalle nefande((e !"e a1e1a a sua 1olta !o esso o autori((ato. #!!anto a queste asser(ioni se ne possono enu erare altre !"e presenta1ano gli indiani !o e esseri se i4u ani. In1ero. la aggior parte dei !o entatori europei a!!etta1a lidea !"e i nati1i fossero u ani. a era inde!isa sul loro grado di u anit. #ltri non rius!i1ano a trattenere il loro dispre((o per gli auto!toniM gli Indios erano una 1ia di e((o tra le s!i ie e gli uo ini. !reati da -io per ser1ire luo o o !o unque !o e osta!oli da sor ontare nella1an(ata lungo la scala naturae. al fine di forgiare lo spirito e lintelletto. Lu anista aronese 8ietro Aartire d#ng"iera ed il filosofo politi!o 0io1anni :otero si tro1a1ano da!!ordo nello s inuirne lu anit per la presunta assen(a di leggi e di una 1era e propria !lasse dirigente. Il 1i!erG ;ran!is!o de Toledo. otti o a inistratore delle risorse inerarie del 8erE quanto fu un pessi o gestore di quelle u ane. asseri1a !"e ?pri a di di1enire !ristiani. gli indios de1ono di1entare uo ini@. Il giurista -iego de Co1arrubias. in seguito un aboli(ionista. li defini1a ?stolidi. de entes. obtusi. "ebeti@ e ?di ingegno ani ale@. 8ersino ledu!atore fran!es!ano fia ingo 8ieter 1an der Aoere C8edro de 0anteD. !"e si !onsidera1a un padre per i suoi dis!enti. s!risse a ;ilippo II. nel 1*5*. !"e erano ?ani ali sen(a ragione. indo abili. !"e non possia o portare in seno alla C"iesa@. sal1o poi dare un i portante !ontributo allo sradi!a ento delle tradi(ioni lo!ali. ?I nati1i di questa terra sonoIadatti a ri!e1ere la nostra santa fede. Aa "anno lo s1antaggio di essere di !ondi(ione ser1ile. per!"G non fanno nulla se non li si !ostringeInon "anno appreso a fare nulla per a ore di 1irtE. a solo per ti ore e paura. Tutti i loro sa!rifi!i. !ioF u!!idere i propri figli o utilarli. lo fa!e1ano per la paura. non per a ore degli dFi@ C!f. T"o as 199%. p. %7)D PosG de #!osta. antropologo ante littera e naturalista gesuita. nell2istoria natural 8 moral de las &ndias a1e1a denun!iato il pregiudi(io di !"i !rede1a !"e gli indiani fossero dei bruti. notando !o e. al !ontrario. !"i li a1e1a studiati ed a1e1a appreso la loro
27

storia era ri asto assoluta ente ?stupito di !o e !i siano stati !osH tanto ordine e ra(io!inio tra loro@. CiB nonostante ebbe a dire degli indigeni non asso!iati in for e statuali !"e ?a tutti !ostoro. !"e a alapena sono uo ini. o sono uo ini a et. F opportuno insegnare a essere uo ini e istruirli !o e ba bini. E se attraendoli !on !are((e si las!eranno istruire. tanto eglioM a se resistono. non per questo bisogna abbandonarli. <I= Aa bisogna !ostringerli !on la for(a ed il potere opportuni. ed obbligarli ad abbandonare la sel1a ed a riunirsi in 1illaggi e. an!"e in !erto odo !ontro la loro 1olont. far loro for(a per!"G entrino nel regno dei !ieli@. Il do eni!ano -o ingo de :etan(os li !"ia a1a ?bestias@. Nel 1*'5 disse !"e la loro barbarie !ondanna1a i Nati1i # eri!ani ad una rapida e !erta ente eritata estin(ione. sal1o poi. nel 1*%9. sul letto di orte. s!onfessare tutto quello !"e a1e1a detto sugli Indiani. di!"iarandolo frutto di un equi1o!o do1uto alla s!arsa !onos!en(a della lingua auto!tona ed alla sua ignoran(a in generale. Il giurista spagnolo Puan de Aatien(o li !onsidera1a ?piE s!"ia1i dei iei negri@. Il do ini!ano To Zs Orti( s!ri1e1a al Consiglio delle Indie !"e gli auto!toni erano !annibali. sodo iti. non !onos!e1ano la giusti(ia. gira1ano nudi. non rispetta1ano la ore. la 1irginit e la 1erit. sal1o quando anda1a a loro 1antaggio. Erano an!"e s!i uniti. instabili. i pre1identi. ingrati e 1olubili. brutali. si diletta1ano nellesagerare i propri difetti. erano disubbidienti. insubordinati ed irrispettosi. Si rifiuta1ano o erano in!apa!i di apprendere il giusto odo di 1i1ere. Le puni(ioni non ser1i1ano da deterrente !on loro. Aangia1ano insetti e 1er i. osa1ano affer are !"e il essaggio !ristiano era adatto agli Spagnoli. a non ne!essaria ente a loroM non 1ole1ano !a biare le loro usan(e. 8iE 1e!!"i di1enta1ano. peggio si !o porta1ano> da raga((ini se bra1ano a1ere una par1en(a di !i1ilt. da 1e!!"i di1enta1ano delle bestie. ?-e1o dunque affer are !"e -io non "a ai !reato una ra((a tanto radi!ata in 1i(i e bestialit. sen(a al!una presen(a di bont e !i1ilt@. Il fran!es!ano :ernardino de Sa"ag6n 1a appre((ato non solo per a1er studiato rispettosa ente la lingua fran!a del Aessi!o !entrale. il nahuatl e la !ultura Na"ua dei AeSi!a. a an!"e per la lode1ole ini(iati1a di a1er preser1ato i olloquios 8 doctrina christiana . i ser oni dettati dai pri i fran!es!ani giunti in Aessi!o agli ulti i filosofi na"ua. -a questi apprendia o perB !"e la 1isione !o une era !"e lindio. in quanto o un!olo. pote1a essere u!!iso o asser1ito. a non solo. era ne!essario !"e a!!ettasse questa sua !ondi(ione attra1erso lo stru ento di persuasione del terrore.

28

9uando lu anit indigena non fu piE essa in dis!ussione e la tesi della loro s!"ia1itE naturale fu respinta. si es!ogitB ling"ippo della ser1itE paternalisti!a Cs!"ia1itE legaleD. !ioF della presa in !onsegna di terre. risorse e popola(ione in for(a del prin!ipio della res nullius Carea legitti a ente appropriabile in quanto libera da 1in!oli proprietariD. dello ius !elli Cil diritto di guerraD in una ?guerra legitti a@ C!ellum iustumD. dello ius predae Cdiritto al bottinoD e delli perati1o della buona a inistra(ione di popoli i aturi Cin!apa!it giuridi!aD. /ale la pena di segnalare !"e questi stessi !riteri di li!eit furono quelli !"e !onsentirono agli statunitensi di i padronirsi delle terre indiane e di segregare i nati1i a eri!ani nelle riser1e. #n!"e in quel !aso una delle ragioni addotte fu lin!apa!it ra((iale di assol1ere la issione orale di ettere a frutto le risorse naturali. #n!ora nel 19%* il giudi!e della Corte Supre a Robert ,. Pa!Vson. !"e fu an!"e il pro!uratore !apo a eri!ano al pro!esso di Nori berga. !o enta1a !o e segue la senten(a di ?Nort"Restern :ands of S"os"one Indians 1. &nited States@ )'% &.S. ))* C19%*D> ?Il senso del possesso. !"e sta alla base del diritto reale fonda entale <di propriet=. F una !onquista es!lusi1a dei popoli !i1ili@. In prati!a. gli Europei a1e1ano s!operto la terra. an!"e se questa era abitata da te pi an!estrali. e quindi se la pote1ano tenere C!on a!!lusa lu anit i1i di oranteD. per!"G erano signori e padroni di natura. in quanto dotati di quelle fa!olt intelletti1e e di quella sagge((a !"e an!a1ano agli altri popoli. Nel 1*'% CortGs in persona si ri1olge1a al so1rano per difendere lo status quo> ?Con1iene !"e /ostra Aaest ordini !"e gli Indiani di queste parti si affidino agli Spagnoli perpetua ente per!"G in questo ondo si a1r !ura di ognuno !o e di una !osa propria. uneredit !"e do1r su!!edere ai dis!endenti@. Nel 1*9*. il gesuita Luis de Aolina C1*)*41733D pubbli!B il pri o 1olu e di ;e &ustitia et &ure. affrontando il proble a posto dalla tratta degli s!"ia1i per la sensibilit e !os!ien(a !ristiana. Rigetta1a largo ento della s!"ia1itE naturale a sostene1a !"e. al eno pro11isoria ente. si do1essero age1olare ?gli s!"ia1isti pii@. quelli !ioF disposti a donare agli s!"ia1i la fede !ristiana. strappandoli !osH ad una 1ita barbara ed e pia. ?sebbene tutto !iB si a!!o pagni alla iseria della s!"ia1itE perpetua@. N forse una delle pri e for ula(ioni dellideologia del fardello delluo o bian!o. !ostretto dalla sua !o passione1ole !os!ien(a a prendere sotto tutela lu ano inferiore. #rgo enta(ioni analog"e sarebbero poi state a1an(ate dai gesuiti #lonso de Sando1al e -iego de #1endaYo. qual!"e de!ennio dopo Aolina. In +oticias hist3ricas de la +ueva 'spa9a C1*59D. Puan SuZre( de 8eralta. figlio di un encomendero e lontano
29

parente di CortGs. s!ri1e1a !"e gli indiani se la passa1ano olto eglio rispetto a pri a della !onquista. Si do anda1a arguta ente an!"e !o e ai nessun atti1ista u anitario si fosse speso per la difesa dei diritti dei neri !o e lo a1e1ano fatto per gli indios. Ogni argo ento usato per gli uni do1e1a ne!essaria ente 1alere an!"e per gli altri. Infatti. fatta e!!e(ione per la pelle piE s!ura. nientaltro li distingue1a> erano !annibali. prati!a1ano la s!"ia1itE. lidolatria ed i sa!rifi!i u ani e non a1e1ano atta!!ato per pri i gli Spagnoli. a erano stati in1asi. Eppure gli Spagnoli di ogni ordine e grado. in!lusi 1es!o1i. preti e persino frati. possede1ano s!"ia1i neri. 8er!"G i due pesi e due isure$ ;ino al di!iottesi o se!olo. non !i fu ai un serio dibattito sulla !ondi(ione degli #fri!ani e sulla loro uguale u anit. 8er lungo te po Las Casas fu uno dei po!"i a pentirsi non solo dello issione della denun!ia a della perora(ione dello s!"ia1is o C#ndrG4 /in!ent. 1953D. Infatti nel 1*17 e 1*15 a1e1a suggerito li porta(ione di s!"ia1i afri!ani. fisi!a ente piE resistenti ed i uni alle alattie europee. e nel 1*%% a1e1a ottenuto una li!en(a per la loro i porta(ione. 9uesta presa di posi(ione. !"e s!on1olge la sensibilit dei lettori !onte poranei. 1eni1a in!ontro allesigen(a anifestata dai !oloni di i pedire !"e le an!ipa(ione degli indigeni blo!!asse lo s1iluppo delle !olonie. In prati!a. si rende1ano ne!essarie delle !on!essioni. in !a bio di una !ontropartita> la libera(ione dal giogo dei nati1i a eri!ani. -i qui la ri!"iesta dei frati issionari di passare alli porta(ione di s!"ia1i guineani. o !o$ales. Nel 1*15 il so1rano !on!ede la li!en(a di trasporto di quattro ila s!"ia1i afri!ani nelle # eri!"e. Las Casas non fu diretta ente !oin1olto in questa de!isione a non la a11ersB. an!"e per!"G frate 8edro de C[rdoba. in una issi1a. lo esorta1a a dare per persa la popola(ione !araibi!a. or ai 1irtual ente estinta. !on!entrandosi in1e!e su quella del !ontinente. Il !o porta ento las!asiano 1a dunque 1alutato alla lu!e di un frangente da11ero !atastrofi!o. in !ui un pro!esso di !oloni((a(ione ed e1angeli((a(ione giudi!ato realisti!a ente irre1ersibile F !ausa di un tra!ollo de ografi!o ina!!ettabile sia in ter ini prati!i. sia in ter ini !ristiani. Nel luglio del 1*19 Las Casas redige un progetto !"e pre1ede !"e !ias!un !olono disponga di sette s!"ia1i e s!"ia1e per poter operare in odo tale da antenersi ed arri!!"ire le !asse reali. Las Casas. olto realisti!a ente. non perde ai di 1ista la ne!essit di perorare ogni sua !ausa giustifi!andola !on linteresse del onar!a ad espandere le sue disponibilit finan(iarie. 9uesto suo progetto non !o porta1a la !attura di persone libere. a il trasferi ento
30

dalla Spagna alle # eri!"e di prigionieri di guerra. bian!"i o neri. Il suo errore piE gra1e fu quello di non essersi interrogato sulla reale origine di quegli s!"ia1i e sulla legitti it stessa della s!"ia1itE di guerra. Nonostante le sue ra!!o anda(ioni. la quota di s!"ia1i i portati. !"e non do1e1a e!!edere le quattro ila persone. fu superata olto presto. Solo nel 1*%%. e spe!ial ente a partire dal 1*%2. dopo la sua ordina(ione a 1es!o1o. Las Casas odifi!B in aniera sensibile la sua posi(ione sulla s!"ia1itE afri!ana. tanto !"e il ri1olu(ionario fran!ese -anton. ri1olgendosi alla Con1en(ione na(ionale. !"e a1rebbe appro1ato laboli(ione della s!"ia1itE il % febbraio del 129%. lo indi!a1a !o e un pre!ursore dellaboli(ionis o ed un odello da prendere ad ese pio C:eu!"ot. 199%D. Sostando a Lisbona pri a di tornare nelle # eri!"e. apprese dai do eni!ani lo!ali la realt della tratta negriera e s!oprH !"e altri uo ini di !"iesa portog"esi a1e1ano ra!!olto le sue in1etti1e !ontro il ser1aggio indio per appli!arle agli #fri!ani. ;u probabil ente allora !"e gli si aprirono gli o!!"i e 1ide !"e gli s!"ia1i non erano prigionieri di guerre ?giuste@ a 1itti e di rapi enti e deporta(ioni. La sua pri a se1era !riti!a del traffi!o di s!"ia1i portog"ese e la netta s!onfessione dei suoi pre!edenti !on1in!i enti arri1arono nel !apitolo 1'9 del ter(o 1olu e della Storia delle &ndie. !"e perB fu pubbli!ata integral ente solo tra il 152* ed il 1527. 9uesta por(ione della 2istoria de las &ndias fu !o pletata tra il 1*** ed il 1**7. Si tratta dei !apitoli !"e 1anno dal 12 al '2. quelli di !ui 8Gre( ;ernZnde( !urer unedi(ione separata sotto il titolo di <rev>sima relaci3n de la destrucci3n de ?frica . In essi il do eni!ano illustra e denun!ia la !onquista portog"ese delle Canarie. delle #((orre e della !osta o!!identale afri!ana e spiega !"e nei pri i anni del suo apostolato di1ersi !oloni si ri1olsero a lui per ottenere la li!en(a di sfrutta ento di s!"ia1i neri Calgunos negros esclavosD pro ettendo !"e in !a bio a1rebbero liberato gli indigeni. or ai !onsunti. Nella sua peti(ione al re Las Casas non distingue1a tra s!"ia1i neri e bian!"i e spe!ifi!a1a una pro1enien(a spagnola. non afri!ana Cesclavos negros 8 !lancos de astilla D. Era !on1into !"e gli s!"ia1i fossero pirati tur!"i e sara!eni !atturati nel !orso delle s!orrerie o delle rappresaglie. dunque persone !"e do1e1ano sapere a !"e pena ris!"ia1ano di andare in!ontro. Nel testo !"ia B ?tratta infernale ed ese!rabile@ la s!"ia1itE dei neri. a ettendo di a1er ?1isto e !o preso !"e ridurre in s!"ia1itE i neri era tanto ingiusto quanto nel !aso degli indiosIe non F !"iaro se lignoran(a nella quale <lui= 1ersa1a in questa ateria e se la sua buona fede gli
31

potranno ser1ire !o e s!usa dinnan(i al giudi(io di -io@. La sua identifi!a(ione della !ausa india !on quella degli s!"ia1i afri!ani. per quanto relati1a ente tardi1a. gli F !o unque 1alsa il titolo di ?pri o difensore dei neri@. da parte di \ngel Losada C1923D. # io a11iso F per!iB !orretto !on!ludere !"e la leggenda di un Las Casas peroratore dellistitu(ione s!"ia1ista fu do1uta alla lente((a !on la quale si pro11ide a pubbli!are la 2istoria de las &ndias. !"e !ontene1a la suddetta nettissi a e editata presa di distan(a dalle sue posi(ioni ini(iali e la piena. !on1inta adesione alle posi(ioni aboli(ioniste. ]]]]] Le radi!i di queste !ontro1ersie 1anno ri!er!ate agli albori della ri!er!a etnografi!a. 9uando issionari ed esploratori !o in!iarono a spingersi 1erso i quattro angoli del globo in!ontrando popola(ioni esoti!"e e ?pri iti1e@. s!oprirono !"e in olte lingue il 1o!abolo usato per indi!are gli esseri u ani era an!"e il no e della tribE dellinterlo!utore. In altre parole. i e bri della tribE erano etno!entri!a ente esseri u ani. gli altri no. &na for a pri igenia di ra((is o. In antropologia si definis!e ra((a un gruppo di popola(ioni appartenenti alla stessa spe!ie !"e differis!e in al eno al!une !aratteristi!"e fisi!"e da un altro gruppo di popola(ioni della edesi a spe!ie. Il ra((is o F in1e!e latteggia ento di !"i giudi!a e tratta le persone in fun(ione della loro ra((a per!"G ritiene !"e un sostrato biologi!o deter ini la natura delle differen(e !ulturali tra gruppi u ani. Oggi la !ategoria ra((a non pare a1ere piE al!una utilit s!ientifi!a. -a te po gli antropologi non !o piono studi ra((iali ed an!"e i genetisti "anno arginali((ato questa te ati!a !osH s!ottante. questo per!"G non esistono studi e piri!i !"e siano rius!iti a tra!!iare una linea netta e definita tra gruppi di popola(ioni. Infatti !erti tratti so ati!i o geneti!i piE diffusi allinterno di un dato gruppo u ano si possono in!ontrare in un altro gruppo !"e risiede in un !ontinente di1erso. Co e sottolinea Lu!a Ca1alli4Sfor(a CCa1alli4Sfor(a. 1997D. quando si di1ide una linea !ontinua lo si fa solo in odo arbitrario. e questo F pre!isa ente !iB !"e a11iene quando si separa la spe!ie u ana in ra((e. Il !on!etto oderno. !ioF a dire ?biologi!o@. di ra((a appar1e a partire dal quindi!esi o se!olo della nostra era nella penisola iberi!a CSReet 1992D. In pre!eden(a usul ani e !ristiani a1e1ano ridotto in s!"ia1itE le popola(ioni sub4sa"ariane sen(a porsi troppo il proble a di una giustifi!a(ione s!ientifi!a delle loro a(ioni. Aa la
32

ne!essit di separare i arrani spagnoli Cebrei !on1ertitiD dai ?1eri !attoli!i@ per poi !a!!iarli rese indispensabile lado(ione di !riteri biologi!i. Su!!essi1a ente. !on las!esa del etodo s!ientifi!o. nel di!iottesi o se!olo. rino ati naturalisti !o e Linneo. :uffon e :lu enba!" !o in!iarono a raggruppare assie e le popola(ioni u ane in fun(ione della loro posi(ione geografi!a. Aa si era an!ora distanti dalla ania gerar!"i((atri!e del se!olo su!!essi1o. quello !"e 1ide il trionfo del positi1is o. 9uando le a bi(ioni espansionisti!"e dei go1erni e della !lasse er!antile pre1alsero la s!ien(a non tro1B ai parti!olar ente arduo !onfer are i sospetti del pubbli!o europeo. e !ioF !"e se altre !i1ilt erano arretrate !iB dipende1a dallinferiorit biologi!a dei suoi e bri. 9uesta deri1a !ogniti1a e ideologi!a della s!ien(a antropologi!a e edi!a i pose una !on!e(ione gerar!"i!a delle differen(ia(ioni ra((iali basata su pre esse ?naturalisti!"e@. La scala naturae. !"e nel linguaggio teologi!o rappresenta1a la !atena !"e uni1a gli esseri 1i1enti piE se pli!i su su fino agli esseri u ani. agli angeli per arri1are infine a -io. fu ri1ista in odo tale da poter essere i piegata per rappresentare i rapporti gerar!"i!i !"e inter!orre1ano tra le ra((e e le !i1ilt u ane. 9uesta grande !atena dei 1i1enti for a1a una s!ala sulla quale si posi(iona1ano gruppi e spe!ie a se!onda del loro li1ello qualitati1o. in basso gli inferiori ed in alto quelli di ele1ato 1alore intrinse!o. La sua origine stori!a puB essere fatta risalire alle spe!ula(ioni dei filosofi politi!i della 0re!ia !lassi!a !"e sinterroga1ano sulla iglior !onfor a(ione possibile della polis. La !itt ideale. !o e sostene1ano fra gli altri 8latone ed #ristotele. a1rebbe do1uto strutturarsi in odo tale !"e gli s!"ia1i. !"e erano inferiori di natura. o!!upassero per se pre i gradini piE in basso. 9uando questa 1isione dellu anit si fuse !on una lettura finalisti!a delle1olu(ione. quella se!ondo !ui le ra((e bian!"e erano destinate fin dal prin!ipio a do inare il ondo. nulla potG osta!olare le !a pagne i perialisti!"e delle grandi poten(e europee in #sia e #fri!a e degli Stati &niti nella loro espansione 1erso lO!eano 8a!ifi!o. La distin(ione tra !lassifi!a(ione tassono i!a e giudi(io di 1alore ri ase estre a ente !onfusa. entre la 1ariabilit !ulturale fu progressi1a ente ridotta ad una questione di di1ersit biologi!a. dunque inalterabile. Lanato ista s!o((ese Robert XnoS. nel 15*3. di!"iarB !"e ?la ra((a o la dis!enden(a ereditaria sono tutto. esse ar!"iano luo o@ C,udson 1997. p. '%5D. In questo odo si radi!a1a an!"e in Europa una dottrina. lereditaris o. per olti 1ersi affine a quella Var i!a. Infatti. a differen(a di quanto general ente si !rede. il Var a non F es!lusi1a ente inteso !o e un qual!osa di astratto ed i palpabile.
33

!o e il pe!!ato originale. a an!"e !o e una sostan(a !"e puB essere tras essa attra1erso i fluidi !orporei. alla stregua di un 1irus. Nelloriginale siste a Var i!o ogni indi1iduo F punito non solo per i propri pe!!ati e an!"e1ole((e. a an!"e per quelli degli antenati e parenti CXeTes e -aniel. 195)D. Le pri e a11isaglie di ereditaris o risalgono al !on!etto edie1ale di no!lesse de race Ce del se eD. o11erosia quella !o istione di biologis o e oralis o. ra((is o e fissa(ione per i lignaggi !"e per ea1a lideologia endoga i!a dellaristo!ra(ia feudale europea e !"e potre o an!"e !"ia are genealogis o. Spiega 0iuliano 0lio((i !"e ?a !a1allo tra la biologia e la orale. il !on!etto di pure((a del sangue appartene1aI allideologia nobiliare> la prati!a endoga i!a della nobilt spagnola e tedes!a si giustifi!a1a i pli!ita ente o espli!ita ente !on lassunto !"e le 1irtE nobiliari si ereditassero !ol sangue@ C0lio((i 199)> p. '%7D. ;ondato sul prin!ipio !"e solo i nobili natali. e per!iB la pure((a del lignaggio. pote1ano assi!urare la nobilt dello spirito e dellintelletto. esso influen(B pesante ente la for a(ione del siste a !astale latino4a eri!ano i posto dai Conquistadores C0lio((i. 1957D. Non intendo insinuare !"e il prin!ipale a11ersario di Las Casas. Puan 0ines de Sep6l1eda. a1esse aderito entusiasti!a ente a questo tipo di s1iluppi teori!i e. di !onseguen(a. ai relati1i !orollari politi!i. Non F possibile di ostrarlo. per!"G Sep6l1eda non a1rebbe ai osato espri ersi pubbli!a ente in questi ter ini a. !o e mostrer, certe afferma$ioni contenute nelle sue opere e nella corrisponden$a privata sem!rano in effetti alludere ad un ori$$onte mentale e morale non sufficientemente distante da questi orientamenti e in contrasto con la sua forma$ione umanista. 5ltri cronisti della onquista furono certamente molto pi7 espliciti di lui, perch( non temevano l)autorit papale e confidavano nel fatto che la orona spagnola avre!!e chiuso entram!i gli occhi, pur di evitare .complica$ioni/ nella sua politica coloniale. 1o sterminio degli indigeni fu reso possi!ile dall)accetta$ione di premesse che andarono !en oltre il ra$$ismo pi7 sfacciato, arrivando in certi casi a sfiorare i dogmi dell)arianesimo na$ista, un !aso ese plare di aterialis o deter inisti!o radi!ali((ato. #bbia o 1isto e 1edre o !"e 1i fu non solo il rifiuto di intendere gli indi1idui quali soggetti autono i ed indipendenti. !"e "anno 1alore per quel !"e fanno e per il fatto di essere e bri della stessa spe!ie. ;u lappartenen(a alla edesi a spe!ie ad essere essa in dubbio. Aolti !o entatori dellepo!a della Conquista anifesta1ano una !erta resisten(a a !onsiderare i nati1i !o e esseri intera ente u ani.

34

CiB !"e a11enne nel na(is o ed in una por(ione tuttaltro !"e insignifi!ante dellideologia della Conquista fu un !orto!ir!uito logi!o. un annebbia ento delle fa!olt !ogniti1e !"e i pedH di 1edere nell#ltro un proprio si ile. Co e per i na(isti gli Ebrei erano una ina!!ia per lintero ordine !"e intende1ano erigere. !osH per !erti Spagnoli gli indigeni !"e si rifiuta1ano di !on1ertirsi o finge1ano di farlo per poi !ontinuare a pregare i propri dFi !ostitui1ano unoffesa alla /erit. alla 0iusti(ia. alla 8ro11iden(a di1ina. &no dei tanti eriti di Las Casas fu quello di porsi !o e osta!olo di fronte a questa deri1a. inando alle fonda enta lar!"etipo delluo o pre!i1ile ed infantile. in un perenne stato di inorit. dunque bisognoso di ri!e1ere tutela e sa!rifi!abile. se riottoso. Lo fe!e !on peri(ia ed a11edute((a. *uesto un esempio di una sua denuncia, esplicita ed inoppugna!ile- . ,anno tro1ato il odo di nas!ondere la loro tirannia ed ingiusti(ie e per giustifi!are le proprie a(ioni ai loro o!!"i. E!!o !o e "anno fatto> "anno affer ato falsa ente !"e gli Indiani erano !osH pri1i della ragione !o une a tutti gli uo ini !"e non erano in grado di go1ernare se stessi e per!iB abbisogna1ano di tutori. E linsolen(a e follia di questi uo ini F di1entata !osH grande !"e non "anno esistato ad insinuare !"e gli Indiani erano bestie o quasi !o e bestie. diffa andoli pubbli!a ente. 8oi "anno sostenuto !"e era giusto sotto etterli alla nostra autorit !on la guerra. e !a!!iarli !o e prede e ridurli in s!"ia1itE. CosH pote1ano fare uso degli indiani a loro pia!i ento@ C;e unico vocationis modo omnium infidelium ad veram religionem. 1*)3D. Si tratta ora di !apire la natura delle affinit tra il fanatis o di !erti conquistadores e una etafisi!a del sangue e della ra((a !"e "a attra1ersato i se!oli fino a raggi ungere la .dignit/ di dottrina di stato sotto il +a$ismo. I na(isti !rede1ano in una isti!a della biologia. lideologia neo4pagana della etageneti!a. lidea !"e lereditOlas!ito biologi!o e spirituale di una persona o di un popolo fossero ontologi!a ente identi!i e tras!endessero lo spa(io e il te po. La disuguaglian(a tra ra((e era di ordine biologi!o e spirituale. 8er questo. se!ondo ,itler. lEbreo era alieno allordine naturale. Si puB ipote((are !"e. per le stesse ragioni. se!ondo Puan 0ines de Sep6l1eda. la ne esi di Las Casas. gli Spagnoli a1e1ano non solo il diritto a il do1ere di sotto ettere !on la for(a i nati1i a eri!ani al fine di riallinearli spiritual ente. oral ente e !ultural ente alle sa!re leggi di natura. La (eta"isi)a e! san'ue e e!!a &a,,a

35

@ soltanto una no!ilt di nascita, una no!ilt del sangue. ABC. 1 dove si parla di Daristocra$ia dello spiritoD, di solito non mancano motivi per celare qualcosa- come noto, questa una locu$ione comune fra gli e!rei am!i$iosi. 1o spirito da solo, infatti, non no!ilita; ci vuole piuttosto, prima, qualcosa che no!iliti lo spirito. ;i che cosa c@ !isogno a tale scopo% ;el sangue ;riedri!" U. Niet(s!"e. 1a volont di poten$a Il !on!etto di ra((a pro1iene dallidea di una a!!"ia in!an!ellabile CmaculaD !"e si tro1a nella tradi(ione bibli!a delli purit e nellideologia aristo!rati!a del lignaggio. !"e i pone isure di prote(ione e perpetua(ione del sangue nobile. il ?sangue buono@. attra1erso la prati!a dellendoga ia e la!!urata !o pila(ione di ta1ole genealogi!"e. Nel !orso del te po questo !riterio F stato esteso ai popoli e ra((e. La for(a isteriosa e in!o prensibile del genos e del sangue sedusse an!"e ;riedri!" S!"legel> ?In una 1era na(ione. ossia una !o unit !"e asso iglia ad una fa iglia olto unita. i !ittadini do1rebbero essere tenuti uniti dal sangue@. Lanti!"it e la pure((a della !orrente di sangue !"e attra1ersa le genera(ioni garantis!e la persisten(a dei !ostu i tradi(ionali e ilita !ontro le influen(e esterne. Il sangue. !o e si bolo di adesione eterna alle sorti della na(ione. opera 1erti!al ente Ctras!endendo le epo!"e e proiettandosi 1erso il futuroD ed ori((ontal ente Ctras!endendo le 1i!ende personaliD. ?Solo il plas a ger inale. non lani a. F i ortale. Luo o !"e uore sen(a dis!enden(a pone fine alli ortalit dei suoi antenati. Ries!e ad u!!idere i suoi orti@. affer a lantropologo fran!ese 0eorges /a!"er de Lapouge C1es selections socials. 1597D. Il lignaggio. non la 1ita so!iale. deter ina il !arattere> tutto si eredita. leredit F tutto. Nel na(is o si arri1er alla logi!a !on!lusione di questo tipo di i posta(ione> il /olV F leterna !atena di sangue !"e unis!e una genera(ione allaltra. Lindi1iduo F una for a o entanea di una grande !orrente ereditaria !"e giunge dal passato e 1a nel futuro. Cias!uno F solo un anello nella !atena della !orrente del sangue dei nostri a1i. !"e giunge dalleternit e de1e andare 1erso leternit. Co pito di un popolo o di una ra((a F fare in odo !"e questa !orrente di sangue non si esauris!a. 8er #lfred Rosenberg sangue e !arattere. ra((a e ani a sono soltanto differenti designa(ioni della stessa entit. Il deter inis o del sangue non las!ia spa(io a !on1ersioni ed assi ila(ioni. Esistono solo due leggi naturali> lendoga ia e la sele(ione. Il na(is o di1enta allora una issione !os i!a. a!ro4 stori!a. !"e ingloba lorigine delle !i1ilt. del pianeta. Lobietti1o F
36

quello di ritornare alluni1erso olisti!o e solipsisti!o della tribE. !on il suo es!lusi1is o e la sua orale brutale. a questo allinterno di uno s!"e a apo!alitti!oO illenaristi!o !"e !oin1olge lintero globo. lintera spe!ie u ana. Il na(is o F stato s!onfitto. a non olti anni fa il filosofo politi!o !onser1atore statunitense Russell XirV C19154199%D !rede1a an!ora in un grande ordine eterno do1e il !o pito delluo o F quello di ?1enerare la isteriosa unione so!iale dei orti. dei 1i1enti e dei nas!ituri@. Linquisi(ione papale !"e pre!edette quella spagnola a1e1a gi disposto !"e gli ereti!i non in!ar!erati o eli inati indossassero delle !ro!i gialle sui loro 1estiti. Nella Spagna dellInquisi(ione fu ri!"iesto ai edi!i di deter inare il grado di pure((a ra((iale di i putati sospettati di essere ebrei falsa ente !on1ertiti. !o e do1e1a poi a11enire nella 0er ania na(ista. quando la figura del edi!o genetista C'r!ar$tD fu in1estita del !o pito di stabilire la propor(ione di ?ebrai!it@ di !erti !ittadini tedes!"i. 9uesta proble ati!a riguarda da 1i!ino la 1ita e le s!elte di Las Casas. !"e era nipote di ebrei !on1ertiti. allos tesso odo in !ui un nu ero spropor(ionato dei piE ispirati paladini dei diritti dei nati1i a eri!ani era dis!endente di ebrei !on1ertiti. Tra questi. ;ran!is!o de /itoria e olti dei suoi !olleg"i alle uni1ersit di /alladolid e Sala an!a. E1idente ente lappartenen(a a due ondi in !onflitto influen(B drasti!a ente la 1isione del ondo di questi u anisti. La Spagna della Ri!onquista e dellInquisi(ione fu per!iB un laboratorio speri entale di o ologa(ione e soggioga ento etni!o ali entato dal fanatis o religioso e dal realis o politi!o4giuridi!o. Co e nota1a a!uta ente Cristoforo Colo bo. la de!isione di !a!!iare gli Ebrei dalla Spagna fu presa lo stesso ese in !ui si a!!olse la sua ri!"iesta di partire alla ri!er!a di una rotta o!!identale per le Indie. In prati!a nello stesso. fatidi!o anno. il 1%9'. si 1erifi!arono lespulsione di Ebrei e Aori. la !onquista di 0ranada e la s!operta dell# eri!a. Lunit dei Cattoli!i do1e1a essere reali((ata a qualunque !osto e quindi ser1i1a uno stato forte ed autoritario. una politi!a aggressi1a ed una !a pagna di disu ani((a(ione dei ne i!i. Su!!essi1a ente. per i brigliare quegli Ebrei !"e non erano fuggiti e si erano !on1ertiti fitti(ia ente. furono e anati gli statuti di pure((a del sangue. !"e i pedi1ano agli infedeli di intraprendere una !arriera nel settore pubbli!o. nelleser!ito e nel !lero. In realt gi nel 1)%5 le leggi ?Las Siete 8artidas@ designa1ano gli Ebrei una na(ione straniera in Spagna. ;urono seguite da perse!u(ioni piE o eno 1iolente ed uffi!iali. Nel 1%%9 il Con!ilio di Toledo adottB il pri o statuto. !"e fu subito
37

rintu((ato da una bolla di Ni!olB / !"e ribadi1a la for(a redentri!e del battesi o e proibi1a di dis!ri inare i nuo1i !ristiani. CiB non i pedH !"e altri statuti fossero appro1ati in altre !itt. a ai a li1ello na(ionale. In Spagna i edi!i funsero da !onsulenti per gli inquisitori i pegnati ad epurare i falsi !on1ertiti. fornendo una legitti a(ione ?s!ientifi!a@ alle loro prati!"e nella for a di tre argo enti prin!ipali. !"e saranno poi tal1olta riappli!ati agli indigeni a eri!ani> CaD gli Ebrei sono intrinse!a ente depra1ati ed inferioriM CbD la loro inferiorit e i oralit non risulta da fattori esterni a dallessere e bri di una ra((a distintaM C!D non !i puB essere al!una reden(ione per loro. per!"G queste !aratteristi!"e sono !ostitu(ionali ed ereditarie. I nuo1i !ristiani. i arrani. i !on1ertiti dalla fede ebrai!a. do1ettero essere inseriti in una griglia di !lassifi!a(ione del eti!!iato ordinata su 1enti !ategorie. entre lortodossia della fede finH per !oin!idere !on la pure((a della genealogia. !ioF del sangue Climpie$a de sangreD C-edieu 199'D. La griglia fu re!uperata e re4i piegata nelle !olonie a eri!ane per distinguere le appartenen(e !astali in base ai gradi di eti!!ia ento. 9uesto pro!esso di biologi((a(ione della fede ebbe ini(io nel quindi!esi o se!olo. quando la dis!ri ina(ione so!iale 1erso quelli !"e non erano originaria ente !ristiani si trasfor B in dis!ri ina(ione ra((iale CXa en 1992D. Si sostene1a infatti !"e al o ento del !on!epi ento il feto a1esse gi a!quisito i tratti dei genitori e !"e lodio giudeo 1erso i !ristiani era uninfe(ione !"e sarebbe stata tras essa di adre in figlio. # questo riguardo lo stori!o spagnolo Pulio Caro :aro^a C!f. 0ra!ia 0uillGn 195%. p. ))5D "a sottolineato !o e la entalit inquisitoriale era ?!osH i pregnata di biologis o !"e si ritene1a !"e il latte di una adre ebrea giudai((asse il figlio@. La 1aluta(ione della pure((a di una persona si effettua1a 1erifi!ando il proprio albero genealogi!o e le deposi(ioni sotto giura ento di parenti e testi oni. I !on1ertiti. o nuo1i !ristiani C? arrani@ se pre!edente ente ebrei e ? oris!"i@ se pre!edente ente usul aniD non pote1ano ri!oprire !ari!"e pubbli!"e o e igrare nelle !olonie a eri!ane. Tutta1ia olti aggirarono i di1ieti e rius!irono a rifarsi una 1ita nel Nuo1o Aondo. !ostringendo lInquisi(ione ad estendere la sua longa anus an!"e oltreo!eano. il '* gennaio del 1*79. Sebbene i nati1i a eri!ani non rientrassero uffi!ial ente nella giurisdi(ione dellinquisi(ione !oloniale. essi furono !o unque assi ilati ai !on1ertiti da un punto di 1ista giuridi!o. per!"G an!"e a loro fu 1ietato di !ongiungersi !on gli spagnoli. Il risultato di questa patologia orale e !ulturale fu lassurda prolifera(ione di portatori sani di sangue i puro. 9uesti
38

statuti !rearono una !asta di paria !"e infetta1a tutti quelli !oi quali a1e1a degli inter!orsi. Aa questa non era una !asta ri!onos!ibile da !aratteristi!"e esteriori e per!iB nessuno pote1a i aginare !"e. entrando in una fa iglia o a!!ogliendo qual!uno nella sua fa iglia. sta1a !o pro ettendo per se pre lonorabilit del suo no e !on una a!!"ia indelebile. N tutta1ia i portante tenere a ente !"e il !orpo legislati1o na(ionale spagnolo K !o e quello fran!ese e degli stati italiani K. erede della giurispruden(a ro ana !"e separa1a rigida ente ius naturale e ius civile. rifiutB re!isa ente di adottare para etri biologi!i per la defini(ione della persona giuridi!a. 0li statuti di limpie$a de sangre spagnoli furono a11ersati persino da nu erosi inquisitori. !"e usa1ano la 1erifi!a del sangue solo per !orroborare altre pro1e. -i !onseguen(a essi 1ennero rara ente adottati. ed an!or piE rara ente osser1ati. ser1endo soprattutto per risol1ere le lotte di potere tra fa iglie altolo!ate e soppri ere ogni 1elleit erito!rati!a e di obilit so!iale. Ri ane il fatto !"e fu proprio questa fissa(ione per il sangue !"e rese a!!ettabile la !lassifi!a(ione e separa(ione degli esseri u ani nelle !olonie. ;u proprio questo il paradig a !ontro !ui Las Casas si battF gagliarda ente> li anentis o ra((ista !"e assegna ad una data !o unit il !o pito di riprodurre !ontinua ente la sua presunta essen(a. per!"G essa F. di natura. una !o unit di essen(a !ondi1isa. Il ra((is o della Conquista fu. !o e tutte le sue anifesta(ioni. una for a di deter inis o aterialisti!o. il sinto o di un odo di pensare. piuttosto !"e la sua !ausa. Il sinto o della 1olont di pre1alere. di separare e gerar!"i((are gli esseri u ani dalla nas!ita. Co e abbia o 1isto il no!!iolo si boli!o del ra((is o spagnolo fu lo s!"e a genealogi!o. lidea di filia(ione !"e tras ette di genera(ione in genera(ione una sostan(a biologi!a e spirituale. indi!e del possesso delle 1irtE ne!essarie al !o ando ed alla supre a(ia. Le parole !"ia1e sono li utabilit e linalterabilit. 9uesta ideologia era allorigine della ?banalit del ale@ della Conquista. Sen(a dubbio non tutti i !oloni erano unifor e ente rea(ionari. bigotti. ignoranti. es!"ini. irra(ionali. patologi!i. Nel Nuo1o Aondo giunsero an!"e persone aperte. intelligenti e abbastan(a beninfor ate. CiB nonostante. il linguaggio della pure((a del sangue !o e 1ei!olo di fede autenti!a e nobili 1irtE dellani o o. al !ontrario. di 1i(i orali tras essi di genera(ione in genera(ione. finH per !ondi(ionare la 1ita so!iale delle !olonie a eri!ane iberi!"e fino al di!ianno1esi o se!olo. Era un paradig a se1ero. !ategori!o. an!"e spietato nelle sue
39

appli!a(ioni piE rigide. # li1ello teori!o. non a1rebbe potuto a ettere grada(ioni di pure((a. a gi nel !orso del di!iassettesi o se!olo !i si era resi !onto del fatto in!ontro1ertibile !"e gli statuti sta1ano anda1ano in ro1ina li pero. e!ono i!a ente e de ografi!a ente. e olti si opposero a questa prati!a denun!iando la sua in!on!iliabilit !on il diritto !anoni!o e !i1ile e !on la tradi(ione neotesta entaria. Aa la dis!ri ina(ione !astale. sebbene abbandonata nella prati!a. ter inB uffi!ial ente solo nel 122). entre linquisi(ione sopra11isse fino allini(io del se!olo su!!essi1o. Nelle # eri!"e le !ose furono piE !o pli!ate. per!"G la realt lo!ale era estre a ente eterogenea. Spagna e 8ortogallo 1ietarono li igra(ione !oloniale di Ebrei. Aori. 0itani ed ereti!i. in!lusi i loro figli. a la !risi de ografi!a !ausata da epide ie ed oppressione !ostrinse i so1rani a piE iti !onsigli. La etafisi!a del sangue fu presto estro essa dal dis!orso giuridi!o4 legislati1o e le unioni !on gli indigeni non furono proibite. Tutta1ia. o forse proprio per questo. le no(ioni di ra((a ed etni!it !ontinuarono a per1adere le so!iet lo!ali. I eti!!i nas!e1ano quasi se pre da rela(ioni eStra!oniugali o !asuali K da !ui il pro1erbio !olo biano ?la palabra de esti(o se entiende de ilegLti o@ K ed erano estre a ente al1isti. per!"G di non fa!ile !lassifi!a(ione e per!"G general ente ritenuti inaffidabili. ri estatori delle gerar!"ie naturali. In prati!a la !ontrapposi(ione !on un #ltro piE esoti!o ser1H a ri!o pattare la so!iet !oloniale europea. 9uesto pro!esso si intensifi!B !on lafflusso degli s!"ia1i afri!ani. !"e subirono li patto piE dra ati!o del aterialis o biologi!o assurto a !odi!e di organi((a(ione so!io4e!ono i!a. Aentre dopo tre genera(ioni il sangue spagnolo !an!ella1a la ? a!!"ia@ del sangue indio. quella nera era indelebile. 9uasi nessuno. oltre a Las Casas. obietta1a allidea della s!"ia1itE dei neri. -i !onseguen(a la so!iet spagnola. e spe!ial ente quella andalusa. ri ase una so!iet s!"ia1ista. Nel sedi!esi o se!olo. gli s!"ia1i !ostitui1ano ben il quattordi!i per !ento degli abitanti di 0ranada. Sia o ben lontani dalle per!entuali dell#tene !lassi!a. a non si puB dire !"e lu anesi o !ristiano spagnolo abbia affrontato questo paradosso !on il do1uto i pegno ed una suffi!iente lu!idit. In # eri!a Latina la !on!entra(ione di as!"i europei era tale !"e non si sarebbe potuta antenere in 1ita una so!iet !astale di tipo indiano. o una qual!"e for a di apart"eid !"e anti!ipasse quello sudafri!ano. # differen(a di quel !"e a11eni1a in Nord # eri!a K do1e si trasferi1ano intere fa iglie nord4europee per sfuggire alle perse!u(ioni religiose K. le politi!"e !oloniali relati1e
40

alla pure((a di sangue furono piuttosto elasti!"e. a non lo furono le prati!"e so!iali. per!"G lideologia !astale non tollera gradienti e sfu ature tra i tipi u ani. I !onfini de1ono essere netti e de1ono !o portare signifi!ati1e 1aria(ioni di status. I Conquistatori e le donne dellaristo!ra(ia indigena pote1ano sposarsi. an(i. !iB pote1a eglio garantire la stabilit del Nuo1o Ordine. a i eti!!i non for a1ano ununi!a !ategoria tassono i!a. Cerano gli espa9oles. i !reoli. i casti$os. i ulatti. i oris!"i. gli albini. i $am!os e persino gli In!a. Oltre una do((ina di !ategorie. !ias!una a sua 1olta suddi1isa in parti. a se!onda della per!entuale di sangue ?i puro@ di una persona. LGlite !oloniale trattB di1ersa ente i nuo1i eti!!i rispetto ai dis!endenti di eti!!i !"e per al!une genera(ioni non si erano ?!onta inati@. Le persone la !ui !ondi(ione so!iale. sangue e persino latte di balia ?!on!orda1ano@ pote1ano an!"e essere !onsiderate inferiori. a al eno erano pure. #n!"e i !reoli. gli ispani!i nati nelle !olonie a eri!ane e quindi per !iB stesso di1ersi da quelli nati e !res!iuti nella adrepatria. erano in qual!"e odo a!!"iati se erano stati allattati da balie indie o afri!ane. #i eti!!i era fatto di1ieto di intraprendere una !arriera ilitare. a!!ade i!a o e!!lesiasti!a. In 8erE non pote1ano ereditare en!o iendas. #ltro1e il !odi!e penale li distingue1a dai !reoli. punendoli piE se1era ente. La loro !apa!it di fungere da ponte tra indigeni e !oloni li rende1a peri!olosi per il Nuo1o Ordine. poten(ial ente so11ersi1i. 9uesta profe(ia si !o pH nel 1253. quando la 1igorosa ri1olta indigenista di T6pa! # aru II 1ide un assi!!io !oin1olgi ento di eti!!i ai quali non era stato per esso di integrarsi nella so!iet !oloniale. Con il passare del te po e la !o plessifi!a(ione dei rapporti so!iali do1uta alla globali((a(ione del !olonialis o e dei !o er!i interna(ionali. le genealogie di sta po feudale 1ennero abbandonate ed il !olore della pelle e la fisiono ia del 1olto Ctratti so ati!iD di1ennero i nuo1i para etri di !lassifi!a(ione. Non basta1a di ostrare di essere ?Spagnolo@. si do1e1a essere ?bian!o@ Cblan!oD o ?biondo@ CrubioD. 8ossia o dire !"e una delle grandi intui(ioni di Las Casas fu quella di !apire !"e per a1ere un i patto prolungato. unideologia de1e rispe!!"iare !erti 1alori e si boli !"e eser!itano una de!isi1a influen(a in una so!iet. -unque per abbattere il ra((is o si do1e1ano !reare le pre esse per una profi!ua !on1i1en(a tra i gruppi etni!i. ossia uninterdipenden(a in grado di annullare la per!e(ione di un di1ario radi!ale tra esseri u ani. Las Casas !o prese !"e il feti!!io del sangue pote1a essere s!onfitto solo !on il eti!!iato ed il feti!!io della !i1ilt superiore solo !on la :uona No1ella di 0esE il Cristo. 0i nel suo Memorial de los Eimedios
41

dellaprile del 1*17 a1e1a proposto !"e Spagnoli ed Indiani ?si sarebbero do1uti es!olare dando in sposi i figli degli uni alle figlie degli altri@. Ser1i1a unen!o ienda indi1isa. un ge ellaggio per anente. una grande fa iglia> ?0li uni sposeranno gli altri. e da loro si for er una sola repubbli!a. una delle igliori e agari persino la piE !ristiana e pa!ifi!a del ondo@. Sarebbe stato suffi!iente per estirpare la logi!a !ir!olare di !"i affer a1a !"e !erti odi di fare e !onsiderare una !osa erano giusti per!"G naturali e se erano naturali allora do1e1ano essere 1eri e 1alidi. !"e F poi la tenden(a a !onfi!!are gli esseri u ani in !aselle. !ondannandoli a ripetere deter inisti!a ente gli stessi pensieri. gli stessi !o porta enti. le stesse e o(ioni. in un eterno ritorno dellidenti!o a se stesso !"e !ongela ogni possibilit di obilit so!iale. I! Reque&i(iento La Corona spagnola !er!B se pre un !o pro esso tra le esigen(e di un u anitaris o !o passione1ole e quelle del realis o piE be!ero e letale. !on risultati !ontradditori se non addirittura in!o prensibili. #d ese pio nel 1*1' furono pro ulgate le Leggi di :urgos C1e8es de <urgosD. !on!epite per regola entare i rapporti tra !onquistatori e !onquistati e per definire lo status degli Indigeni. Essi erano !onsiderati uo ini liberi e tutta1ia sottoposti alla so1ranit spagnola. !"e a1e1a il !o pito di e1angeli((arli e !onsenti1a il loro sfrutta ento a patto !"e non fosse i oderato K uno spagnolo non pote1a detenere piE di 1*3 s!"ia1i. Tra le 1arie disposi(ioni 1i era an!"e quella. olto lungi irante ed a11ertita. se!ondo !ui ?nessuno pote1a pi!!"iare o frustare o !"ia are !ane un indio. o usare qualunque altro no e !"e non fosse il suo@. N tutta1ia fa!ile notare !"e queste ordinan(e. nella loro appli!a(ione. preser1a1ano sostan(ial ente lo status quo. per!"G erano soggette ad intepreta(ioni del tutto soggetti1e. 8er di piE queste in!lude1ano an!"e il ri!orso alla for(a in !aso di resisten(a alle1angeli((a(ione. !"e quindi !o porta1a una guerra giusta. Era una beffa per tutti quei predi!atori e lai!i !"e a1e1ano protestato pubbli!a ente !ontro la tirannide !"e si sta1a instaurando nel Nuo1o Aondo a po!"i anni dalla sua ?s!operta@. Laspetto triste ente ironi!o della fa!!enda era !"e si stabili1a !"e una popola(ione sta1a resistendo alle1angeli((a(ione in base alla sua rea(ione al !osiddetto Eequerimiento. uningiun(ione indiri((ata agli indiani !"e era stata redatta nel 1*1% da uno dei igliori giuristi spagnoli del te po. 8ala!ios Rubios. per 1enire in!ontro allesigen(a di regolare una !onquista piuttosto !aoti!a. /eni1a letta agli indigeni in !astigliano. il !"e e1idente ente ne i pedi1a la !o prensione. La sua utilit
42

era dunque quella di pla!are le po!"e !os!ien(e non in1ase dal !inis o e dalla !upidigia. -o1e1a essere letto agli indigeni a ser1i1a in realt a !on1in!ere gli Europei !"e la Conquista era legitti a. Las Casas si sarebbe poi s!agliato !ontro questingiun(ione. spiegando !"e affer a(ioni !o e> ?-io "a s!elto San 8ietro !o e guida dellu anitIaffin!"G stabilis!a la sua sede in tutte le parti del ondo e go1erni su tutti i popoli. siano essi !ristiani. ori. ebrei gentili o qualunque altra setta@ erano solo ese pi di uninde!ente e grossolana ipo!risia. Il Eequerimiento non fa!e1a altro !"e !onfer are !"e le !o unit nati1e pote1ano autogo1ernarsi a !"e la loro autorit do1e1a !o unque piegarsi alle esigen(e delle1angeli((a(ione e dello Stato. Ai si !onsenta di !itare a pi stral!i di questo do!u ento. per!"G questo stesso tipo di retori!a finta ente bene1ola F oneta di fa!ile reperi ento nella politi!a interna(ionale di oggigiorno. sotto entite spoglie pseudo4 u anitarie. ?-a parte del re -on ;erdinando. e di -onna 0io1anna. sua figlia. regina di Castiglia e LGon. di #ragona. delle -ue Si!ilie <...= do inatori delle na(ioni barbare. noi loro ser1itori /i notifi!"ia o e rendia o noto al eglio delle nostre possibilit. !"eI<I=Iri!onos!iate la C"iesa !o e 0o1ernante e Superiore del ondo intero. e il so o sa!erdote !"ia ato 8apa. e in suo no e il Re e la Regina -onna 0io1anna nostri signori. in sua 1e!e. !o e superiori e signori di queste isole e di questa Terra ;er a in 1irtE della detta dona(ione. e !"e !onsentiate e diate luogo !"e questi padri religiosi debbano di!"iarare e predi!are alla 1ostra 1olta la sopradetta parola. Se farete in questo odo. farete bene e !iB !"e 1oi siete obbligati a fare nei !onfronto delle loro #lte((e. e noi in loro no e 1i ri!e1ere o !on tutto la ore e la !arit e 1i las!ere o. !on le 1ostri ogli e figli e terre. liberi. sen(a ser1itE. sH !"e 1oi possiate disporre di essi e di 1oi stessi libera ente e nel odo !"e 1i pia!!ia e riteniate eglio. ed essi non 1i !ostringeranno a far1i Cristiani. a eno !"e 1oi stessi. una 1olta infor ati della 1erit. non 1ogliate !on1ertir1i alla nostra Santa ;ede Cattoli!a. !o e quasi tutti gli abitanti delle restanti isole "anno fatto. E. oltre a questo. le loro #lte((e 1i a!!ordano olti pri1ilegi ed esen(ioni e 1i !onferiranno olti benefi!i. Aa. se 1oi non fate questo e !on ali(ia frapponete ritardi. io 1i di!"iaro !"e. !on laiuto di -io. noi fare o ingresso !on la for(a nel 1ostro paese e 1i fare o guerra in tutti i odi e aniere !"e potre o e 1i assoggettere o al giogo e allobbedien(a della C"iesa e delle loro #lte((eM 1i prendere o le 1ostre ogli e figli e ne fare o degli s!"ia1i e !o e tali li 1endere o e ne disporre o !o e 1ogliano ordinare le loro #lte((e. e 1i prendere o i 1ostri beni e 1i fare o
43

tutto il ale e i danni !"e possia o. !o e a 1assalli !"e non obbedis!ono e rifiutano di ri!onos!ere il loro Signore. e gli resistano e lo !ontraddi!anoM e di!"iaria o !"e le orti e le perdite !"e da questo deri1eranno sono 1ostra !olpa e non delle loro #lte((e o nostre. nG dei !a1alieri !"e 1engono !on noi@. La pre essa era !"e 0esE Cristo. signore del lignaggio u ano e so1rano supre o !on giurisdi(ione sullintero uni1erso. a1e1a tras esso il suo potere a 8ietro e da questo esso era stato trasferito ai papi ed ai so1rani di Spagna e 8ortogallo. In questo odo si pote1ano s!"ia1i((are altri esseri u ani nel no e di una religione uni1ersalista ed egualitaria. La ?s!elta@ degli auto!toni era quella tra di1entare 1olontaria ente s!"ia1i !on1ertendosi. oppure di1entarlo da superstiti. Co F noto. il !o ento di Las Casas fu !"e ?<non sape1a= se ridere o piangere dinan(i allassurdit <di tale ingiun(ione=@ e non potG fare a eno di do andarsi se nella prospetti1a indigena ?tutto questo non do1e1a se brare delirio o !ose fuori di ragione e fuori strada. tutti 1aneggia enti e spropositi. soprattutto quando 1eni1a loro detto !"e erano obbligati ad assoggettarsi alla C"iesa@. 0usta1o 0utiGrre( "a opportuna ente segnalato !"e ?Cristo e la libert u ana sono i due grandi assenti dalla teologia del Requeri iento> il pri o non 1iene en(ionato e la se!onda non F ri!onos!iuta 1era ente agli indios. Si tratta di !atti1a teologia. al eno quanto alla for ula(ione teori!a. per!"G sul piano delle ine1itabili !onseguen(e prati!"e F ne!essario piuttosto dire !"e 1i F una totale assen(a di teologia. 1ale a dire di riflessione sulla fede in un -io da ore !"e sfo!i nella ore per il prossi o@ C0utiGrre(. 199*. p. 1*9D. TUTTO CI CHE ASCENDE, CONVERGE Fccidere un uomo non difendere un)idea, uccidere un uomo SGbastien Castellion C1*1*41*7)D I Conquistadores non furono se!ondi a nessuno in quanto a doppie((a> !on una ano propaga1ano i prin!ipi della loro santa fede. !"e in1ita1a alla sobriet. alla odera(ione ed alla se pli!it. entre !on laltra depreda1ano i nuo1i !redenti !oatti. La loro bra osia di ri!!"e((a si as!"era1a da piet. la loro fanati!a a bi(ione da de1o(ione patriotti!a. la !rudelt adottata !o e stru ento di !on1ersione e !i1ili((a(ione dei pagani. lasser1i ento !o e uni!a speran(a di sal1e((a. ?La guerra F pa!e. la libert F s!"ia1itE. lignoran(a F for(a@. orRelliana ente. Il totalitaris o
44

a(te!o tro1B la sua degna prose!u(ione in quello spagnolo. ?0uardate1i dai falsi profeti i quali 1engono 1erso di 1oi in 1esti da pe!ore. a dentro son lupi rapa!i. Li ri!onos!erete dai loro frutti@ CAatteo 2>1*417D. Las Casas era di1erso per!"G non pensa1a !"e la politi!a e la predi!a(ione a1rebbero potuto trasfor are la natura u ana degli indigeni K non !e nera bisogno K. a piuttosto !"e sarebbero do1ute ser1ire a ris!attarli dalla tirannide e dallignoran(a. La sua inten(ione era quella di aiutare !"i non era nella posi(ione di aiutare se stesso. di proteggere !"i non a1e1a i e((i per farlo. opponendosi alla religione della poten(a ed alla teologia del potere esse in !a po dagli SpagnoliM pro uo1endo !onte poranea ente leser!i(io della libert !onsape1ole e la presa di !os!ien(a indigena della propria dignit. del proprio essere stati !reati spiritual ente ad i agine e so iglian(a di -io. della 1erit !"e tutti gli esseri u ani sono a ati dal Creatore allo stesso odo e nella stessa isura. an!"e quando sbagliano. ed infine liberandoli dellerrore di !redere !"e il fine dellesisten(a u ana F lobbedien(a fine a se stessa o il risar!i ento di un debito pregresso !ontratto !on -io. Las Casas era si!uro !"e lu anit stesse as!endendo. stesse per!orrendo un tragitto di perfe(iona ento spirituale e orale. stesse !on1ergendo 1erso -io. sebbene lungo strade di1erse. Li portante era !onos!ere la parola del Cristo. !"e reindiri((a gli sfor(i di igliora ento di !ias!un indi1iduo e popolo. sen(a interferire !on la loro 1olont. La sua ne esi. Puan 0inGs de Sep6l1eda. era piE in!line a !redere !"e luni1erso e la 1ita fossero brutali. spietati e 1iolenti. !"e la natura u ana fose sprege1ole e !orrotta Ctranne quella dei ? igliori@D e !"e non 1era ri edio. e!!e(ion fatta per li posi(ione della 1olont pa!ifi!atri!e del piE forte e illu inato dalla fede. Nella sua prospetti1a la assa degli u ani era pri1a di 1era grande((a. non era destinata alla gloria a alla sopra11i1en(a e!!ani!a. seguita da unanoni a estin(ione. Era dunque nellordine delle !ose !onsiderare quasi tutte le persone !o e ingranaggi di un e!!anis o K lI pero Spagnolo K perfetta ente oliato dalla teologia !ristiana. !o e anelli di unindistruttibile !atena della ne!essit. Sep6l1eda non si fa!e1a s!rupolo di appoggiare !on la sua eloquen(a e la sua erudi(ione i progetti di !"i utili((a1a le !ose dello spirito per fini egoisti!i e aterialisti!i. di !"i si pone1a al posto di -io. giudi!ando so ersi e sal1ati. Las Casas sape1a. per esperien(a di 1ita. a1endo a1uto odo di in!ontrare un nu ero enor e di popoli e persone. dalle ;iandre fino al 8erE e da Ro a al Aessi!o !entrale. !"e nessuno puB pre1edere
45

!on !erte((a !"e !osa F e !"e !osa F destinato a di1entare qual!uno. nel bene e nel ale. Nessuno puB real ente !apire !osa passi per la testa di !ias!un altro. !o e questi per!epis!a ed interpreti il ondo. # differen(a di Sep6l1eda. Las Casas era !apa!e di e disponibile a fare a enda. a ette1a di a1er !o esso errori e non !er!a1a alibi. Il suo pregio era quello di a1er ri!onos!iuto lesisten(a di un o!eano interiore di spiritualit e fede !"e si espande1a e si !ontrae1a a se!onda della solle!itudine !"e ri!e1e1a. Cura !"e !o porta1a il sottoporsi ad un !ostante esa e di !os!ien(a. allintrospe(ione. allesplora(ione di sG stessi e del ondo. per estendere i !onfini del proprio sapere e quindi dellauto!os!ien(a. di1entando se pre piE !onsape1oli della 1astit di questo!eano e della ore di -io. Credo !"e da !iB dipendesse un suo atteggia ento !"e olti !riti!i "anno i putato ad arrogan(a e superbia. Nessuno di noi era presente e puB parlare a ragion 1eduta a. a e pare !"e. tranne qual!"e rara e!!e(ione. nei suoi s!ritti Las Casas non dia lidea di essere borioso e non ostri di essere ini a ente interessato alla fa a. alla gloria. ai beni ateriali. 9uanto alle sue a(ioni. a1endo la possibilit di di1entare 1es!o1o della prestigiosa e ri!!"issi a dio!esi di Cu(!o. preferH quella se is!onos!iuta e proble ati!a del C"iapas. -opo il disastro del suo pri o esperi ento di !on1i1en(a tra indigeni e spagnoli. non insistette e dedi!B lung"i anni alla ri!er!a delle !ause del suo falli ento. !"e era !ostato la 1ita a de!ine di nati1i e ad al!uni !onfratelli. Cer!B di !apire do1e a1e1a sbagliato leggendo i reso!onti dei !ronisti. s!a biando opinioni !on altri issionari. interrogando la sua !os!ien(a in solitudine. La 1isione del ondo e la personalit di Sep6l1eda erano dra ati!a ente di1erse. Le sue osser1a(ioni denota1ano una personalit egotista. unirragione1ole e s isurata atten(ione 1erso se stessi !"e non era guidata e sostenuta dallintrospe(ione auto!riti!a e dalle patia e quindi non pote1a arri1are a !o prendere !"e la logi!a !"e go1erna il !reato e !ias!un indi1iduo F la edesi a. se!ondo la 1olont di -io. Non era interessato a s!oprire gli uni1ersi altrui. a!!e!ato !o era dallorgoglio. dalla 1anit e dalla bra osia. Il suo era un atteggia ento aggressi1o e predatorio nei !onfronti del prossi o e del Nuo1o Aondo. Ri!onos!ibilissi i. !o e 1edre o in seguito. sono il suo nar!isis o. il pessi is o antropologi!o. la egalo ania ed uninestirpabile insoddisfa(ione di fondo. unita allin1idia nei !onfronti dei su!!essi altrui. Considera1a lordine so!iale esistente !o e uno spe!!"io dei talenti innati dei singoliM di !onseguen(a gli interessi ed i senti enti altrui a1e1ano eno 1alore dei suoi. e ana(ioni di un intelletto e di una personalit superiori.
46

Natural ente questo F !iB !"e si pone1a di !redere. !on uno (elo pari solo alla fero!ia !on la quale lo tor enta1ano linsi!ure((a ed il sospetto di non essere spe!iale. senti enti !"e lo spinsero a s!ri1ere un pa p"let intitolato PropossiGiones :emerarias, 'scandalosas 8 her(ticas in !ui a!!usa1a Las Casas di essere uno sfa!!iato entitore ed un ereti!o per a1er s as!"erato la sua ipo!risia e per a1er essen(ial ente preannun!iato le intui(ioni fonda entali !"e stanno alla base della -i!"iara(ione &ni1ersale dei -iritti & ani. la quale stabilis!e !"e ?tutti gli esseri u ani nas!ono liberi ed eguali in dignit e diritti@ Cart. 1D. ?sen(a distin(ione al!una. per ragioni di ra((a. di !olore. di sesso. di lingua. di religione. di opinione politi!a o di altro genere. di origine na(ionale o so!iale. di ri!!"e((a. di nas!ita o di altra !ondi(ione@ Cart. 'D. Las Casas si sarebbe tro1ato in pieno a!!ordo !on questo ri!onos!i ento della !o une appartenen(a alla spe!ie u ana. del 1alore e della dignit del singolo indi1iduo in quanto tale e del diritto di !ias!uno di essere esso nelle !ondi(ioni di potersi sentire ed essere libero. aterial ente. psi!ologi!a ente e spiritual ente. Enun!iati irri!e1ibili per Sep6l1eda !"e ri ane1a in1e!e legato alle tesi agostiniane e to asiane dellorgani!it del rapporto indi1iduo4!o unit. fondato sul presupposto delli perfe(ione della persona e perfe(ione della !o unit. sulla dialetti!a dellordinare ed essere ordinato e sul sa!ro do1ere dellobbedien(a ad un ordine pira idale e paternalista. Co(e si i-enta Las Casas+

*uando verr lo Spirito di verit. egli vi guider alla verit tutta intera. 0io1anni 1*. 1) :artolo G de Las Casas fu sen(a dubbio la figura !entrale di quel o1i ento !"e si atti1B per tutelare i nati1i a eri!ani Indiani nel !orso del sedi!esi o se!olo. # dire il 1ero. non F a((ardato definirlo una delle piE straordinarie figure della storia. Se gli eroi sono tutte quelle persone !"e. di fronte alloppressione ed allingiusti(ia si spendono personal ente. ettendo a repentaglio la propria in!olu it. per por1i ri edio. fronteggiando for(e so1er!"ianti. allora Las Casas fu un eroe. Las Casas si tro1B nel posto giusto al o ento giusto e seppe fare la s!elta giusta. quella della 1erit in luogo della en(ogna. della giusti(ia in luogo del sopruso. del !oraggio in luogo della pusillani it. della libert in luogo della tirannia.
47

Ebbe la fortuna di nas!ere in un periodo ed in !ir!ostan(e tali !"e gli per isero di frequentare al!une tra le enti piE ri ar!"e1oli del suo te po proprio quando un nuo1o ondo e nuo1e !i1ilt furono s!operte dagli Europei. Eloquente. de1oto. !aritate1ole. tena!e. 1igoroso. inflessibile. fer1ente. a 1olte fin troppo fer1ente. olto attento ai rapporti u ani. 8io e saggio. disposto al sa!rifi!io. a an!"e i pregnato di una furiosa indigna(ione !"e non gli da1a pa!e. ;orse non potF ai essere di1erso da quel !"e senti1a di do1er essere. La sua non fu una 1era s!elta. ;urono la sua !os!ien(a e la sua indole a s!egliere al posto suo. -isinteressato ai beni ateriali ed al prestigio. rifiutB se pre dona(ioni personali e a1an(a enti nella gerar!"ia della C"iesa. Conobbe ;erdinando. ;ilippo il :ello. Carlo / e ;ilippo II ed ogni 1olta. dopo a1er assistito allas!esa e de!lino di notabili e signori. si tro1B !ostretto ad intraprendere nuo1a ente la stessa battaglia per !on1in!ere la nuo1a genera(ione di dirigenti ed a inistratori della giuste((a della sua !ausa. # 5' anni. po!o pri a di orire. an!ora nel pieno possesso delle sue fa!olt. si tro1a1a al !ospetto dei inistri di ;ilippo II per in1o!are la !on!essione ai 0uate alte!"i di una !orte di giusti(ia autono a. !o e da pro essa. 8er tutta la 1ita lottB per un uni!o obietti1o. quello del ri!onos!i ento della dignit e del rispetto dellu anit e la difesa di popoli assa!rati ed u iliati. !ontro i !apri!!i e le pretese di re. prin!ipi. s!"ia1isti. !oloni. generali. alti prelati. ed in generale !ontro una !i1ilt !"e si presu e1a superiore entre spiana1a !o e uno s!"ia!!iasassi tutto !iB !"e le si oppone1a. ;u in grado di 1edere le !ose di1ersa ente dalla nor a !ontingente per!"G 1i1e1a di1ersa ente. Risiede1a nel ondo in aniera attenta e !onsape1ole e. !osH fa!endo. seppe superare le restri(ioni episte ologi!"e !"e i pedis!ono a !"i fa parte di una !erta !lasse. gruppo o !o unit u ana di i edesi arsi in !"i non ne fa parte. #l!uni se!oli piE tardi. -ietri!" :on"oeffer a1rebbe esortato le persone a !onte plare i grandi e1enti della storia dal basso. adottando la prospetti1a di !"i F altrattato. arginali((ato. s1ilito. sofferente. ;u lotti!a di Las Casas. !"e !o prese rapida ente !"e era il profitto ad agu((are lingegno ed anesteti((are la !os!ien(a degli Spagnoli. non lignoran(a. Indipendente ente da qualunque sfor(o di sensibili((a(ione. gli en!o enderos non erano disposti a !a biare stile di 1ita e 1isione del ondo. !on1inti !"e in fondo la situa(ione a1rebbe benefi!iato gli uni e gli altri. nel lungo ter ine. ;u questa sua otti!a piE organi!a. piE obietti1a !"e lo differen(iB da !"i si o!!upB solo di ri ediare alle sofferen(e degli indigeni sen(a s1iluppare una proposta di rifor a !"e inibisse gli abusi. o da !"i.
48

oltreo!eano. edifi!a1a era1igliose strutture giuridi!"e e filosofi!"e in difesa dellu anit. sen(a preo!!uparsi di renderle appli!abili alle realt spe!ifi!"e. Las Casas non si fissB ai su una parti!olare teoria o prati!a> si ser1H 1olentieri di tutto quel !"e pote1a tornare utile agli indios CRuston. '33%D. Le sue denun!e furono a irate da !"i guarda1a !on !o passione alla sorte degli indigeni. detestate dai Conquistadores e dai na(ionalisti spagnoli K spe!ial ente ai te pi della dittatura fran!"ista. a an!ora fino ai nostri giorni K e anipolate dalle altre poten(e !oloniali !"e le trasfor arono nella ?Leggenda Nera@ anti4 spagnola. #d ese pio. il futuro liberatore dellOlanda dal giogo spagnolo. 0ugliel o dOrange. !ita1a Las Casas per di ostrare la ?naturale predisposi(ione@ degli Spagnoli alle !rudelt. 8er la pri a 1olta un i pero do1e1a badare a !o e le ini(iati1e dei propri !oloniali si riflette1ano sulla propria i agine interna(ionale. I fautori dei diritti u ani lo !onsiderano general ente un loro antesignano. altri pongono in risalto le nu erose !ontraddi(ioni del suo pensiero e gli aspetti piE os!uri della sua ini(iale 1isione utopi!o4teo!rati!a. Resta il fatto !"e. dal punto di 1ista di popola(ioni or ai sotto esse e artoriate. fu un dono del !ielo. Indubbia ente non fu luni!o a denun!iare le atro!it spagnole. Lesploratore e s!rittore italiano 0irola o :en(oni des!ri1e1a analog"e 1i!ende nella sua Storia del +uovo Mondo C1*7*D e in quegli stessi anni !ir!ola1ano altre des!ri(ioni dei assa!ri perpetrati dagli Spagnoli ai danni dei !al1inisti fran!esi in ;lorida. !"e !orrobora1ano li pressione !"e questi fossero i 1eri nuo1i barbari. Las Casas perB non si li itB a denun!iare. fe!e tutto quel !"e era u ana ente possibile fare per siste are le !ose e per pre1enire future pre1ari!a(ioni. 8er la pri a 1olta. !er!B di !ollo!are al !entro del dibattito politi!o4giuridi!o la no(ione basilare di dignit intesa !o e diritto di non essere u iliato. e solo in quanto tale fonda ento di ogni altro diritto inalienabile. non !onferito da un so1rano a patri onio naturale dellintera spe!ie u ana. indipendente ente dallaspetto. dalla !ultura. dalle !reden(e e dalle prati!"e so!iali. Il suo falli ento non F ragione suffi!iente per !ontinuare ad es!luderlo dal pant"eon del pensiero politi!o e giuridi!o ondiale. :artolo G na!que nel 1%5% a Si1iglia. una !itt strappata ai Aori nel 1'%5. !"e s1olse un ruolo fonda entale !o e trait dunion tra le !olonie a eri!ane ed i territori europei delli pero spagnolo. Era figlio di conversos. ossia di Ebrei !"e a1e1ano rinun(iato alla propria fede pur di non essere !ostretti allesilio. e questo quasi !erta ente
49

influen(B il suo odo di porsi nei !onfronti dei popoli oppressi. #n!ora raga((ino. era presente al o ento del ritorno trionfale di Colo bo dal Nuo1o Aondo e ri ase !olpito dai sette Tainos !"e l# iraglio delle Indie porta1a !on sG. Nel 1%9). suo padre. 8edro. assie e ad al!uni dei suoi (ii. si bar!B per il Nuo1o Aondo !on la se!onda spedi(ione di Colo bo. 8edro rientrB in patria solo nel 1%95 re!ando un regalo per suo figlio. un gio1ane ser1o taino. di no e Puani!o. #1e1a fatto fortuna e potG garantire al figlio un ini o di istru(ione. Nel 1%95 a!!o pagnB suo padre nel Nuo1o Aondo assie e a Colo bo. ritornando a Cadi!e nel 1*33. Nel 1*3' 1i ritornB per restar!i. al seguito della spedi(ione di Ni!olZs de O1ando. !"e do1e1a assu ere il titolo di go1ernatore di ,ispaniola. La sua parte!ipa(ione gli 1alse il !onferi ento del diritto di sfruttare un lotto di indigeni nella for a dell encomienda. Nel 1*32 fu ordinato sa!erdote a Ro a. &na 1olta tornato nelle # eri!"e. pur 1estendo labito talare. a!quistB terreni e s!"ia1i e !ondusse una 1ita prospera ed apparente ente serena. sen(a nutrire parti!olari re ore per il fatto !"e il suo benessere deri1a1a dallo sfrutta ento di altri esseri u ani. Nella sua autobiografia ri!orda1a quel giorno ad ,ispaniola Cle odierne ,aiti e Santo -o ingoD. quando un frate do eni!ano si rifiutB di !onfessarlo. 0li !"iese ragione del rifiuto e pro!edette poi a !onfutare gli argo enti del frate. fornendo !ontro4 pro1e fri1ole e !ontenenti. a suo dire. solo una par1en(a di ragione1ole((a e 1erit. #d un !erto punto il frate lo interruppe di!endo> ?sono arri1ato alla !on!lusione. padre. !"e la 1erit ebbe se pre olti ne i!i e la en(ogna olti aiuti@. Las Casas ri!orda !"e ?il !"ieri!o <:artolo G= subito gli diede ragione. per la ri1eren(a e ossequio !"e gli si do1e1a. per!"G il religioso era una 1eneranda persona e uo o olto dotto. piE del preteM a per quanto riguarda liberare gli indios non si !urB della sua opinione@ C 2istoriaD. Eppure. !on il passare del te po la sua prospetti1a !o in!B a !a biare. per 1ia della!!u ularsi di esperien(e !"e segnarono profonda ente la sua !os!ien(a. non ulti a la parte!ipa(ione !o e !appellano ilitare alla !onquista di Cuba. !"e si risolse in un bagno di sangue del tutto gratuito. 1isto !"e la aggior parte degli indigeni non era inten(ionata a ri!orrere alla resisten(a ar ata. Las Casas riferH poi di a1er 1isto ?!rudelt su una s!ala !"e nessun essere 1i1ente a1e1a ai 1isto o si aspetta1a di do1er 1edere@. -opo a1er assistito a questi insensati assa!ri. si ris1egliB in lui una sensibilit sopita. ;u un "airos. un inter1allo di !risi e presa di !os!ien(a. !"e la1rebbe !ondotto ad una tappa radi!al ente nuo1a della sua esisten(a. Ne na!que un senti ento di rigetto nei !onfronti del siste a e di !iB !"e !o porta1a la!!ettarlo !osH !o era.
50

passi1a ente. Si rese quindi !onto !"e luni!a s!elta oral ente de!ente era quella della difesa degli indigeni !ontro i suoi !o patrioti e !orreligionari. CosH len!o endero Las Casas si !on1ertH nella ne esi degli en!o enderos e la storia della sua 1ita si !onfuse !on quella della lotta per le an!ipa(ione degli indiani. In questo fu assistito dal buon 8edro de la Renteria. un lai!o !on lani o di un ona!o> solitario. generoso e bene1olo. !onte plati1o al punto da essere quasi !o pleta ente indifferente alle bra e del aterialis o. La s1olta de!isi1a K non la !on1ersione di un pe!!atore. a la ri1ela(ione della sua 1o!a(ione di profeta K giunse !on la lettura di un passo del Libro del Sira!ide C)%. 154''D in prepara(ione del ser one pente!ostale> ?Sa!rifi!are il frutto dellQingiusti(ia F unofferta da burla. i doni dei al1agi non sono graditi a -io. L#ltissi o non gradis!e le offerte degli e pi e per la oltitudine delle 1itti e non perdona i pe!!ati. Sa!rifi!a un figlio da1anti al proprio padre !"i offre un sa!rifi!io !on i beni dei po1eri. Il pane dei bisognosi F la 1ita dei po1eri. toglierlo a loro F !o ettere un assassinio. &!!ide il prossi o !"i gli toglie il nutri ento. /ersa sangue !"i rifiuta il salario alloperaio@. La !risi di !os!ien(a !"e lo attanagliB tro1B po!o dopo uno sbo!!o !ostrutti1o gra(ie ad un potente. 1ibrante ed indignato ser one di padre #ntonio de Aontesinos. !"e Las Casas ebbe lopportunit di as!oltare ad ,ispaniola il % di!e bre del 1*11 e !"e riporta nei suoi s!ritti. Aontesinos esorta1a a ri!onos!ere lu anit dei nati1i !on queste parole> ?/i1ete nel pe!!ato ortale per le atro!it !"e a1ete i posto tiranni!a ente a questa gente inno!ente. -ite i. !"e diritto a1ete di s!"ia1i((arli$ In base a !"e autorit a1ete fatto loro la guerra quando 1i1e1ano in pa!e nei loro territori e li a1ete u!!isi in odo !"e non si erano ai sentiti pri a$ Co e potete oppri erli e non !urar1i di !urarli e nutrirli. e farli la1orare fino alla orte per soddisfare la 1ostra a1idit$ E per!"G non 1i !urate della loro salute spirituale. affin!"G possono arri1are a !onos!ere -io. !"e siano batte((ati e !"e possano as!oltare la essa e santifi!are i giorni di festa$ Non sono forse degli esseri u ani$ Non "anno forse unani a ra(ionale$ Non siete forse obbligati ad a arli !o e a ate 1oi stessi$ I8otete star si!uri !"e. in quanto a Sal1e((a. la 1ostra !ondi(ione non F igliore di quella dei Aori o dei Tur!"i !"e rifiutano la fede !ristiana@ CIannarone. 199'. pp. 994133D. 8re1edibil ente. queste parole. ed i ser oni su!!essi1i. !"e pure !ontribuirono alla pro ulga(ione delle 1e8es de <urgos a tutela degli indigeni. produssero non po!o s!on!erto ed irrita(ione alla !orte di re ;erdinando. !"e era di tuttaltra pasta rispetto alla
51

oglie Isabella. La regina. fin!"G ri ase in 1ita. insistette !"e gli indigeni fossero !onsiderati e trattati !o e uo ini liberi. Lui era un !ini!o realista. piE interessato alloro !"e alle1angeli((a(ione. ed autori((B la deporta(ione di intere popola(ioni per rinsanguare le regioni disabitate in seguito alle epide ie. Il so1rano !on1o!B Aontesinos in Spagna per !"iedere ragione della sua !ondotta. Nel 1*1% Las Casas a1e1a gi de!iso !"e tutto !iB !"e era stato !o esso ai danni degli Indiani era ?ingiusto e tiranni!o@ e !"e la !osa igliore da fare sarebbe stata uo1ersi !o e un pendolare tra /e!!"io e Nuo1o Aondo prestando il proprio ser1i(io !o e un a11o!ato dei diseredati. CosH. nel 1*1*. Las Casas !olse lo!!asione e ripartH per la Spagna assie e a Aontesinos. per parlare !ol re ed ottenere finan(ia enti per ulti are la !ostru(ione di un onastero do eni!ano. Ebbe !osH odo di prendere !ontatto per la pri a 1olta !on gli a bienti di !orte !"e a1rebbe frequentato assidua ente negli anni a 1enire per perorare la !ausa dei nati1i a eri!ani. Nel !orso di questo 1iaggio presentB il suo Memorial de remedios. in !ui elen!a1a 1enti ragioni per !ui gli indiani non do1e1ano essere !onsegnati agli Spagnoli in en!o ienda. 1assallaggio o risar!i ento e potG in!ontrare il !ardinale ;ran!is!o de Wi enes e #driano di &tre!"t. futuro papa #driano /I e pre!ettore di Carlo I C!"e sar intronato !on il no e di Carlo /D. il quale 1i1e1a an!ora nelle ;iandre. 9uesti si pati((a1ano per la sua !ausa e fe!ero in odo !"e. nel 1*17. ri!e1esse il titolo di ?8ro!urador o prote!tor uni1ersal de todos los indios de las Indias@. !onferitogli dal !ardinal Cisneros assie e al !o pito di tenere infor ata la !orona riguardo alli ple enta(ione delle disposi(ioni pre1iste dalle leggi a tutela degli indios. ;u autori((ato a portare !on sG quegli uo ini di !"iesa !"e giudi!a1a piE idonei. 0li insegna enti orali del Sira!ide e il ser one di Aontesinos !on1insero dunque Las Casas !"e bisogna1a passare alla(ione. affran!ando i propri s!"ia1i e predi!ando affin!"G gli altri !oloni fa!essero lo stesso e rinun!iassero allen!o ienda. Aa questo non gli pote1a bastare. #1e1a in ente qual!osa di olto piE ri1olu(ionario. la !on!reti((a(ione del sogno utopi!o di una so!iet ideale in !ui la dignit u ana fosse sal1aguardata ed il essaggio di Cristo potesse essere insegnato sen(a li piego di etodi di !oer!i(ione. Tras!orse gli anni tra il 1*17 ed il 1*'' tentando in tutti i odi di istituire una !o unit !ristiana speri entale a Cu an. nel nord del /ene(uela. do1e !oloni spagnoli e indigeni a1rebbero !on1issuto in pa!e e !on!ordia. !o e fratelli spirituali di pari dignit. Li peratore lo autori((B a portare !on sG dei !oloni spagnoli. !"e ribatte((B ?I !a1alieri dello sperone doro@. per
52

infondere un senso di ro anti!o erois o. Las Casas a1e1a persino disegnato ununifor e per loro K una 1este bian!a !on una !ro!e rossa sul petto K a fu !osH onesto da a ettere in seguito !"e fu luni!o ad indossarla. Lidea era quella di far 1i1ere assie e indigeni e spagnoli affin!"G i pri i apprendessero la parola di -io e le te!ni!"e agri!ole per e ula(ione. I la1oratori indigeni sarebbero stati salariati. a1rebbero appreso nuo1e te!ni!"e di !olti1a(ione dai !ontadini spagnoli e a1rebbero a1uto a!!esso agli ospedali. Entro un anno. nel 1*'1. i nati1i si erano gi ribellati per 1ia delle s!orrerie degli s!"ia1isti !"e a1e1ano rapito )* indiani dopo essere passati per la issione Crendendola !o pli!e agli o!!"i degli indigeniD. Le !ontinue fri(ioni tra !oloni in !er!a di guadagni fa!ili ed indigeni tuttaltro !"e pa!ifi!i !ausarono lu!!isione di due frati. La rappresaglia spagnola non si fe!e attendere> furono tutti s!"ia1i((ati. Lintera i presa fallH isera ente. per!"G tra i desideri degli idealisti e la realt quotidiana si frappongono i 1i(i della natura u ana. !"e F !o e F e non !o e i rifor atori 1orrebbero !"e fosse nei loro progetti piE radi!ali. I detrattori di Las Casas usarono subito questo fias!o per di ostrare !"e la !on1ersione e pa!ifi!a(ione degli Indiani pote1a essere ottenuta solo !on la for(a e la 1iolen(a. Tutta1ia. !o e spesso a11iene. non tutto il ale 1ien per nuo!ere. Lo s!a!!o !ostrinse il frate ad un profondo esa e di !os!ien(a e ad un attento riesa e delle sue strategie. Lesperien(a fu una salutare le(ione di u ilt e !on!rete((a !"e lo a11iB su un per!orso piE produtti1o. quello della!!etta(ione dei difetti u ani e del rifiuto dell"Tbris artifi!ialisti!a. !ioF a dire dellidea !"e sia non solo possibile a ne!essario fare tabula rasa dellesistente per ri!rearlo inu(iosa ente dalle sue fonda enta. fa!endo in odo !"e la 1ariabile u ana non interferis!a !on i piani dellutopista. -a quel o ento in poi Las Casas insister su oti1i !o e ladesione naturale. lo slan!io spontaneo e la libert responsabile di una s!elta infor ata !"e erano agli antipodi rispetto ai progetti di ingegneria so!iale dei suoi a11ersari. intenti a !ostruire una so!iet do inata dalla 1olont e rapa!it del piE forte in una !orni!e di astra(ioni dis!ri inanti. rigide asi etrie !astali. unifor it dispoti!"e. progra a(ioni irate alla e!!ani((a(ione dellu anit indigena. in unipertrofia di ingordigia e ra(ionalit inesorabile ed indifferente. Las Casas reagH s!o parendo dalla s!ena pubbli!a. in un onastero do eni!ano a Santo -o ingo. nel 1*'). non pri a perB di a1er affrontato dialetti!a ente. nel 1*19. laristoteli!o Puan 9ue1edo. 1es!o1o del -arien. # :ar!ellona. da1anti al gio1ane i peratore Carlo /. Las Casas liquidB #ristotele !o e ?un gentile
53

!"e bru!ia allinferno. la !ui dottrina non 1a ne!essaria ente seguita a eno !"e non sia !onfor e alla 1erit !ristiana@. # 9ue1edo riser1B un tratta ento non dissi ile> ?E 1oi Signore. a1ete pe!!ato ille e piE 1olte per!"G non a1ete ris!"iato la 1ostra 1ita per le 1ostre pe!ore. per sottrarle alle ani dei tiranni !"e le ster inano@. 9uanto agli Indios. il do eni!ano do1ette a ettere !"e il re a1e1a a!!ettato. per!"G al!onsigliato. !"e esseri u ani ra(ionali fossero trattati alla stregua di pe((i di legno da !ostru(ione o !o e greggi di pe!ore o !o e qualunque altro ani ale !"e possa essere spostato indis!ri inata ente. ?e !"e se an!"e orissero per strada non sarebbe una gran perdita@. # Santo -o ingo Las Casas potF !ontinuare i suoi studi teologi!i. editare sul da farsi e la1orare alla stesura della 2istoria de las &ndias. pubbli!ata nel 1*71. e del pri o trattato di issiologia della storia. il ;e unico vocationis modo omnium infidelium ad veram religionem C?-elluni!o odo di attrarre tutti i popoli alla 1era Religione@D. !"e 1ide la lu!e tra il 1*'2 ed il 1*)3 C a fu pubbli!ata in spagnolo solo nel 19%'D e fu esso alla pro1a al!uni anni piE tardi a Tu(ultlZn. nel 0uate ala. Tra il 1*)7 ed il 1*)5 la sua opera di e1angeli((a(ione pa!ifi!a non rispose piena ente alle sue attese nG in Ni!aragua nG in 0uate ala a. a par(iale !onsola(ione. il risultato non fu neppure !atastrofi!o !o e in /ene(uelaM tantF !"e fu possibile ribatte((are ?/erapa(@ C/era 8a!eD la regione guate alte!a !"e ini(ial ente era stata !"ia ata ?Tierra de 0uerra@ CTu(ultlZnD. per il !arattere spartano della so!iet indigena. In seguito 1isitB il 8erE e tornB in Europa. nel 1*)9. per re!lutare nuo1i issionari ed in!ontrare il so1rano. -urante la sua per anen(a s!risse la !elebre <rev>sima Eelaci3n de la ;estrucci3n de las &ndias. !"e complet nel HIIJ, ma che fu distri!uita solo nel HIKK, dopo la sua morte e tradotta in olandese nel 1*25. in fran!ese nel 1*29. in inglese lanno seguente. in latino nel 1*95 ed infine in tedes!o entro la fine del se!olo. 8resentB questopera. an!ora abbo((ata. al Con!ilio delle Indie nel 1*%1. in 1ista della rifor a legislati1a del 1*%'. Era un trattato !"e intende1a fornire pro1e testi oniarie e s!io!!anti di !iB !"e sta1a a11enendo nelle !olonie spagnole a eri!ane. In questa rela(ione Las Casas a!!usa1a i !oloni spagnoli di ster inio siste ati!o e stabili1a una peraltro for(ata di!oto ia tra !atti1i spagnoli ed indiani buoni. ?pa(ienti. u ili. pa!ifi!i@. Ne a1e1a !o unque ben donde. Aentre nelle alte sfere si dis!etta1a di quieta diplo a(ia. gli Indios si sta1ano estinguendo ed i Conquistadores bada1ano solo ad a!!u ulare ri!!"e((e. Nelle en!o iendas i ariti erano separati dalle ogli e i genitori dai figli e andati a la1orare lontano dalle
54

loro !o unit. I !oloni si !o porta1ano da ne i!i. non da insegnanti. e daltra parte gli indiani non a1e1ano bisogno di tutela. sapendo gi !a1arsela bene da soli nelle intera(ioni so!iali. Cera solo bisogno di qual!uno !"e insegnasse loro la dottrina !ristiana. nulla piE di questo. Ed in piena libert. per!"G ?la libert F il piE pre(ioso e piE ele1ato di tutti i beni di questo ondo@. anda1a ripetendo Las Casas. entre nellen!o ienda la !ondi(ione degli indigeni era quella degli s!"ia1i. I nati1i erano ridotti a ?pure bestie@. distrutti !o e ?sale nella!qua@ in un ondo in !ui il loro !onsenso e libero arbitrio non !onta1ano nulla. L encomienda. !ontinua1a Las Casas. era assoluta ente illegale. per!"G non a1e1a ri!e1uto ?il !onsenso di tutti quei popoli !"e non erano stati !"ia ati. sentiti o difesiI!o e ri!"iesto dalla legge naturale. di1ina. !anoni!a e i periale@. Tra le affer a(ioni !"e generarono piE !ontro1ersia !i fu quella se!ondo !ui ?fin dallini(io gli Spagnoli non si sono presi la briga di predi!are la fede !ristiana a queste genti piE !"e se si fosse trattato di !ani ed altri ani ali@ e la!!usa !"e lopera dei frati era ostruita ?per!"G si te e1a !"e la diffusione del /angelo si sarebbe interposta tra loro e loro e le ri!!"e((e !"e bra a1ano@. # oni1a le autorit> se le en!o iendas non fossero state abolite. il Nuo1o Aondo sarebbe ri asto spopolato. Se in1e!e se gli indigeni fossero stati trattati !o e liberi 1assalli sotto la diretta giurisdi(ione della !orona le !olonie a1rebbero potuto garantire grande prosperit alla Spagna. Il do eni!ano. assennata ente. to!!a1a il tasto dei benefi!i !on!reti !"e sarebbero deri1ati agli Spagnoli ri asti in adrepatria a dis!apito degli e igrati. non parti!olar ente leali nei !onfronti della stessa. #ltri enti. !on!lude1a ina!!iosa ente. ?-io ander orribili puni(ioni e forse distrugger la Spagna@. Nel 1*%' appar1ero le 0e8nte Ea$ones C?/enti Ragioni@D in difesa delle libert dei nati1i. proprio in !oin!iden(a !on le ana(ione delle 1e8es +uevas. da lui forte ente 1olute. !"e restringe1ano larbitrio degli en!o enderos e ribadi1ano !erti diritti degli Indios. 9ueste Nuo1e Leggi segui1ano in gran parte le sue indi!a(ioni e pre1ede1ano laboli(ione della s!"ia1itE tranne !"e per gli s!"ia1i a!quistati legitti a ente in pre!eden(a. la libera(ione degli indigeni dalle en!o iendas di propriet pri1ata e la soppressione di quelle illegitti e. in 1ista della graduale eli ina(ione di questo istituto. ?-isponia o e ordinia o !"e dora in a1anti nessun indiano sia fatto s!"ia1o per al!un oti1o. nG di guerra. nG di ribellione o ris!attoM a siano trattati !o e quello !"e sono. !ioF sudditi della Corona di Castiglia@. In unaltra disposi(ione leggia o !"e> ?Nessuno potr ser1irsi degli indiani !o e persone al
55

proprio ser1i(io nG in al!un altro odo !ontro la loro 1olont@. Non a1e1a perB effi!a!ia retroatti1a C de aqu en adelanteD. Si san!i1a altresH !"e gli esploratori a1rebbero do1uto ottenere una li!en(a e si do1e1ano fare a!!o pagnare da e!!lesiasti!i !"e ne a1rebbero itigato gli e!!essi. I nati1i do1e1ano infine essere trattati !on rispetto. 8iE !"iaro di !osH. Eppure. fatta la legge tro1ato linganno> il ser1i(io personale obbligatorio fu sostituito da quello 1olontario. !"e lo era solo for al ente. In teoria. dunque. le leggi aboli1ano intera ente le en!o iendas. a furono aggirate in olti odi K tra i quali !ospi!ue dona(ioni al so1rano K e la s!"ia1itE non fu di fatto abolita. Il pri o 1i!erF del 8erE. :las!o NEYe( de /ela. !"e !er!B di rendere effetti1e le Nuo1e Leggi. pro1o!B una so ossa e finH de!apitato. la sua testa atta!!ata ad una !orda e tras!inata in giro. Il '3 ottobre 1*%* la for(a di queste stesse leggi fu li itata drasti!a ente !on la re1o!a del !apitolo WWW e solo nel 1*7' ;ilippo II de!ise di non assegnare le en!o iendas in perpetuit. La su!!essi1a legisla(ione non risolse nulla e ser1H se pli!e ente ad esaltare il ruolo degli Spagnoli !o e pa!ifi!atori in1e!e !"e !onquistatori. Listitu(ione dellen!o ienda s!o par1e solo al prin!ipio del di!iottesi o se!olo. !on de!reto aboliti1o del ') no1e bre 1215. 9ueste leggi ser1irono !o unque a !o uni!are ai !oloni ispano4a eri!ani !"e i loro soprusi non a1rebbero in!ontrato la !o pia!en(a della onar!"ia spagnola. 8er il suo ruolo nella for ula(ione di queste leggi Las Casas fu ina!!iato di orte da !"i a1e1a interesse a antenere le !ose !o e sta1ano. Nel 1*%) rifiutB di di1entare 1es!o1o di Cu(!o. per!"G lofferta ser1i1a uni!a ente ad allontanarlo. a nel 1*%% a!!ettB il seggio epis!opale del C"iapas. do1e si diresse assie e a %* frati do ini!ani e 2 assistenti lai!i !o e guide ed interpreti. Nel fratte po le Nuo1e Leggi a1e1ano !ausato un inaspri ento delle tensioni tra !oloni e onar!"ia. In 8erE era in !orso una 1era e propria insurre(ione !ontro la adrepatria. !apitanata da 0on(alo 8i(arro. uno dei fratelli inori di ;ran!is!o 8i(arro. il !onquistatore del 8erE. ;u do ata solo nel 1*%5. dopo !"e le Nuo1e Leggi furono par(ial ente abrogate. proprio in quei punti piE deter inanti per la sorte degli indigeni e piE de1astanti per le rendite dei !oloni. CiB fe!e infuriare Las Casas !"e. a Ciudad Real del C"iapas. a1e1a gi do1uto subire una !ontinua serie di ina!!e e di pi!!ole 1endette da parte delle autorit spagnole. !ul inata in un !o plotto !"e do1e1a !on!ludersi !on il suo assassinio. La sua pri a ossa per e1itare lo s!a!!o fu quella di repli!are !on il suo Confessionario C5visos 8 Eeglas Para onfesores D. In esso ingiunge1a ai predi!atori di rifiutarsi di assol1ere gli s!"ia1isti e i
56

1enditori dar i. Lassolu(ione pote1a seguire solo la restitu(ione del altolto e della libert. In punto di orte i !oloni erano !osH !ostretti a fir are un atto !on !ui distribui1ano i loro beni agli indigeni sfruttati o ai loro dis!endenti. in !a bio dellassolu(ione. La resisten(a e le proteste a queste ?diretti1e@ di Las Casas. !"e gode1a del fa1ore di oltissi i e1angeli((atori. furono 1iolente. 0li en!o enderos erano 1enuti dalla Spagna !on po!"i soldi in tas!a e tutto quel !"e a1e1ano guadagnato lo do1e1ano alla anodopera gratuita degli indigeni. 8er di piE i loro eredi non a1rebbero ri!e1uto nulla. Leffi!a!ia del Confessionario non fu duratura e fu essen(ial ente ristretta alla regione andina. a ser1H quanto eno a oderare la1idit dei !onquistatori. In esso si riaffer arono due prin!ipi fonda entali> le an!ipa(ione degli indios e la restitu(ione del altolto e !o pensa(ione delle 1itti e. Puan 0inGs de Sep6l1eda. la ne esi di Las Casas. definH questo s!ritto ?s!andaloso e diaboli!o@. La Corona lo interpretB !o e uni pli!ita !riti!a al suo operato e !"iese ragione di queste a!!use. entre di1erse figure tra a1ano affin!"G fosse a!!usato di alto tradi ento. TornB in Spagna nel 1*%2. un anno dopo la orte di ;ran!is!o de /itoria. e fu i ediata ente !oin1olto in tre dispute. La pri a in difesa delle nuo1e leggi. sotto atta!!o da parte degli en!o enderos e dei loro alleati nel !lero. 8oi si do1ette difendere dalle a!!use ri1oltegli dai edesi i per la sua proibi(ione di assol1erli pri a !"e a1essero risar!ito gli Indios. Infine la !elebre disfida di /alladolid. !ontro Sep6l1eda. Las Casas ri be!!B i suoi denigratori !on i ?Trenta 8roponi enti@ in !ui spiega1a !"e la issione europea nel Nuo1o Aondo era quella di predi!are il essaggio di Cristo. non di perseguitare altri esseri u ani. Las Casas sostene1a !"e la bolla papale di dona(ione &nter aetera C% aggio 1%9)D di #lessandro /I. quella !"e di1ide1a il ondo ad o!!idente delle Colonne dEr!ole tra Spagna e 8ortogallo. era stata !on!epita per solle!itare i so1rani iberi!i ad espandere e proteggere la fede e !on1ertire gli infedeli. -unque i fini ateriali. pur i portanti. non pote1ano a1ere la pre!eden(a su quelli spirituali. per il buon no e stesso della Corona. -i !onseguen(a i go1ernanti indigeni non pote1ano essere pri1ati dei loro titoli di so1ranit in a!!ordo !on la legge naturale e la legge delle na(ioni. #ltri enti si sarebbe data 1ia libera allesproprio arbitrario e 1iolento ed alla tirannia. Lidolatria non era !erto una ragione suffi!iente per perpetrare il latro!inio ai danni di !"i se ne a!!"ia1a. 0li indigeni non a1e1ano ai a1uto lopportunit di as!oltare il 1angelo e quindi non a1e1ano !olpe. 0li uni!i !"e anda1ano puniti erano quelli !"e osta!ola1ano
57

deliberata ente la predi!a(ione. Las Casas a1rebbe poi ri1isto il suo giudi(io an!"e su questo punto. sostenendo !"e persino in questo !aso la 1iolen(a era ingiustifi!ata. Le pre esse erano gi !"iare in questo testo. Infatti il Nostro pre1ede1a !"e. una 1olta !on1ertiti. i !api lo!ali a1rebbero ri!onos!iuto la so1ranit spagnola a K e questo era un ragiona ento parti!olar ente auda!e. per quei te pi K an!"e il rifiuto di !on1ertirsi non era ragione suffi!iente per punirli. Le !onquiste ar ate non a1e1ano per!iB al!una 1alidit giuridi!a ed erano e ri ane1ano ?ingiuste. inique e tiranni!"e@. 8er quel !"e riguarda1a il siste a di la1oro !oatto. la sua opinione era !"e il dia1olo in persona non a1rebbe potuto in1entarsi un etodo piE effi!a!e dellencomienda e del repartimiento per distruggere il ondo dei nati1i a eri!ani. per!"G questi !ostringe1ano gli Indiani a la1orare nelle iniere e !o e portatori su lung"issi e distan(e. di1idendo le fa iglie. Las Casas !on!lude1a ra entando al so1rano !"e questi a1e1a la responsabilit di proteggere le leggi ed i !ostu i lo!ali quando erano in ar onia !on le leggi e la oralit spagnola. !a biando solo quelle !"e non lo erano ed aiutando i nati1i a ri ediare ai difetti dei loro siste i di go1erno. In quegli anni Las Casas !o pletB ben no1e trattati. tra i quali la gi !itata <revissima rela$ione della distru$ione delle &ndie. !"e forse non era stata pensata per essere pubbli!ata a solo per ser1ire da !ano1a!!io. IrritB olte figure influenti. Nella sua Storia delle &ndie ridi!oli((B 0on(alo ;ernZnde( de O1iedo definendolo ?il peggiore ne i!o degli Indiani@. un uo o !"e !er!a1a solo il suo profitto personale. e !"ia B entitore L[pe( de 0[ ara. In !a bio L[pe( de 0[ ara lo !"ia B lunati!o e. nella sua 2istoria General. si rife!e allautorit di Sep6l1eda per legitti are la !onquista. AotolinLa a!!usB a sua 1olta Las Casas di essere un falso profeta ed un ipo!rita !"e distrugge1a la reputa(ione interna(ionale della Spagna. 8er AotolinLa la !onquista era un e1ento pro11iden(iale. di1ino e legato alla11ento del Aillennio. Egli insinuB altresH !"e Las Casas era troppo i pegnato a ri estare nel torbido in Spagna per o!!uparsi del suo 1es!o1ato del C"iapas. Nel fratte po il !onsiglio uni!ipale di Citt del Aessi!o fe!e di1erse dona(ioni a Sep6l1eda affin!"G !ontinuasse la sua opera di difesa delle sue prerogati1e. Las Casas si osse abil ente per!"G ribadH linno!en(a della Corona e in!olpB di tutto !oloni a1idi e pri1i di !os!ien(a. In questo odo offrH al re lopportunit di ri ettere in riga i suoi sudditi a eri!ani !"e !er!a1ano di ritagliarsi una se pre aggiore autono ia. La sua destre((a F ulterior ente testi oniata dal fatto !"e fu in grado di !reare attorno a sG una rete di si pati((anti !"e eser!ita1a una note1ole influen(a a !orte. 8er fare un ese pio
58

delleffi!a!ia del suo atti1is o e lobbis o basti pensare !"e :ernal -La(. un en!o endero fa1ore1ole ai assa!ri pre1enti1i !o e onito per gli indigeni insubordinati o belligeranti. pur detestando Las Casas. !er!B di ser1irsene. ri1olgendosi a lui per farsi aiutare in di1erse o!!asioni K ad ese pio per !onsolidare la sua posi(ione professionale. ora !"e era ?atte pato e !on una fa iglia nu erosa@. 9uesto per!"G ?so !"e do1unque Lei ponga ano. ottiene dei risultati. !"e F proprio !o e de1essere@. Las Casas ignorB le sue ri!"ieste. 8ersino il 1i!erF della Nuo1a Spagna. Luis de /elas!o. si ri1olse a lui per ottenere un au ento di stipendio dal re. Ingerenze umanitarie 1@idea di un uso della for$a non pi7 collegato alla pura e semplice poten$a na$ionale, ma messo al servi$io del !ene comune dei popoli, comporta molti rischi in termini di vite umane, ma un classico esempio giusto di glo!ali$$a$ione dei diritti e dei valori assolutamente irrinuncia!ile, come recita la ostitu$ione. Se la vita umana diviene l)o!iettivo essen$iale delle imprese militari, allora esse sono imprescindi!ili per la pace nel mondo. Se poi ciascuna for$a armata lega il proprio compito ad una missione umanitaria che non appartiene pi7, di fatto, al solo interesse sovrano dello Stato di cui parte, allora a!!iamo una fun$ione na$ionale che si amplia fino a diventare un)istitu$ione etica glo!ale . PoaquLn Na1arro4/alls. ?0li eser!iti globali@. La Repubbli!a. er!oledH 13 no1e bre '313. ' se il giogo di risto tanto soave ed il suo carico tanto leggero che prendendolo sulle spalle, le anime trovano refrigerio e piacere, perch( consentite si addossi loro un peso s doloroso, insopporta!ile, un giogo cos amaro e fonte di tanta dispera$ione% Las Casas. Lettera al Consiglio delle Indie Las Casas !ondusse un)esisten$a lunga ed attiva, morendo a LJ anni. Puan 0inGs de Sep6l1eda non lo s!onfisse nellarena della retori!a. a lo rius!H a superare in longe1it. Na!que nel 1%93 nei pressi di Cordoba. !itt do1e orH nel 1*2). a 5) anni. quasi fosse si boli!a ente legato al suo ri1ale. StudiB ini(ial ente ad #l!al e Sig_en(a. per poi trasferirsi in Italia. paese !"e a1rebbe a ato appassionata ente. gra(ie ad una borsa di studio per il Colegio de San Cle ente a :ologna. do1e affinB la sua prepara(ione sotto il fa oso. sebbene teologi!a ente dis!usso. filosofo 8ietro 8o pona((i. grande a ante della filosofia gre!a. Laltro suo
59

patrono fu #lberto 8io. prin!ipe di Carpi. nipote di 8i!o della Airandola e frequente 1isitatore del suddetto !ollegio. 9uesti appre((B olto la statura intellettuale di Sep6l1eda e lo tenne a lungo !on sG presso la !orte di Carpi. tra il 1*'' ed il 1*'*. In Italia lu anista spagnolo assistette al Sa!!o di Ro a del 1*'2 ed allassedio di Napoli del 1*'5. 8er lin!orona(ione ad i peratore di Carlo /. s!risse 1)esorta$ione a arlo 0 a muovere guerra ai :urchi C1*'9D !ontro la ina!!ia otto ana. ?per!"G se non lo si arresta in te po. gra1i saranno il ris!"io ed il peri!olo in!o benti sulla nostra si!ure((a e libert@. 8oi. in seguito al de!esso del suo patrono papale. Cle ente /II. seguH in Spagna li peratore. per di1entare suo !ronista e !appellano. Era stato lontano dalla Spagna per '3 anni. Traduttore dal gre!o al latino delle opere di #ristotele. era un grande a iratore della Ro a i periale. Era in1e!e ostile. !o e lo fu #lberto 8io. alle teorie di Eras o da Rotterda e dei suoi esti atori. tra i quali proprio il nostro Las Casas !"e. pur non essendo un eras iano. a1e1a !onferito e1identi a!!enti eras iani alle sue opere. pro uo1endo un !attoli!esi o non !onfor ista. in unepo!a in !ui pure tira1a una brutta aria per i difensori spagnoli di Eras o. Il teologo si1igliano si las!iB !oin1olgere in !ontinue pole i!"e !on gli eras iani a. nei loro !onfronti. i suoi toni furono quasi se pre olto !i1ili e !ortesi. N degna di nota la sua !ontrariet al pa!ifis o eras iano !"e. osser1a1a !on una !erta inquietudine. sta1a fa!endo proseliti an!"e a :ologna. 8er Eras o li perialis o ro ano era un ese pio perfetto dei peri!oli di unilli itata auto!ra(ia e per questa stessa ragione era estre a ente sospettoso nei !onfronti del suo erede. il Sa!ro Ro ano I pero. !"e tassa1a i suoi !o patrioti olandesi !on una for a di parassitis o !"e appari1a sen(a li iti. sen(a fine e sen(a ritegno. Eras o sole1a an!"e !riti!are se1era ente quegli edu!atori !"e istilla1ano nei prHn!ipi il desiderio di e ulare 0iulio Cesare. un leader a suo a11iso tuttaltro !"e glorioso. a an(i ?pestifero@. 0li eras iani esalta1ano lunit e la !on!ordia della ra((a u ana in sintonia !on loriginale insegna ento di 0esE il Cristo e !ondanna1ano i fattori di di1isione e dis!ordia. in!lusa la de4u ani((a(ione dei nati1i a eri!ani. In risposta a questi pro!la i pa!ifisti ed anti4ro ani. Sep6l1eda s!risse Gonsalus C1*')D. unapologia della rin!orsa della gloria. !"e se!ondo lui equi1ale1a alla ri!er!a del bene !o une. In seguito s!risse altre tre opere in fa1ore della giusta guerra. 9uella del 1*'9. alla quale abbia o gi a!!ennato. per !ontrobattere alla posi(ione di Lutero !"e nega1a il diritto dei Cristiani di fare guerra ai Tur!"i. &na nel 1*)). il ;emocrates primus, o ;e conuenentia militaris
60

disciplinae cum christiana religione dialogus per riaffer are la !o patibilit tra la guerra e lessere !ristiani. in risposta allinfluen(a di ?quelli !"e si abbandonano al desiderio di no1it di fronte alle nuo1e idee@. Infine il ?Trattato sulla giusta guerra nelle Indie@ C;emocrates segundo o de las Mustas causas de la guerra contra los indiosD del 1*%%. riassunto poi nell 5pologia pro li!ro de iustis !elli causis. !"e apparir il 1 aggio del 1**3 e ser1ir per la -isputa di /alladolid. Las Casas. olto te pesti1a ente. rediger i ediata ente la sua repli!a. l 5polog>a contra los adversarios de los indios. !"e non fu ai diffusa. Sep6l1eda !"ia a a sostegno delle sue tesi sulla guerra giusta Sant#gostino> ?CosF !"e non !i sta bene della guerra$ C"e qual!"e 1olta uoiono quelli !"e de1ono orire affin!"G quelli !"e de1ono 1in!ere do inino in pa!e. -eplorare questo F da uo ini ti idi e po!o religiosi@M San 0erola o> ?!"i !olpis!e i ali in quelli !"e sono al1agi e possiede stru enti di orte per u!!idere i peggiori. F inistro di -io@M e infine Sant# brogio> ?9uando per ingiun(ione di1ina insorgono i popoli per !astigare i pe!!ati. !o e fe!e il popolo ebrai!o per o!!upare la terra pro essa e distruggere le genti pe!!atri!i. si puB spargere il sangue dei pe!!atori sen(a in!orrere in al!una !olpa. e !iB !"e possiedono ingiusta ente passer debita ente sotto il !ontrollo dei buoni@. #lla fine del 1*)1 Sep6l1eda s!oprH suo algrado !"e il pa!ifis o u anista si era insinuato persino tra gli studenti spagnoli del suo !ollegio a :ologna. ora piE !"e ai deter inati a difendere la tesi se!ondo !ui non si puB essere allo stesso te po un soldato ed un buon !ristiano. 9uesto o1i ento di 1era e propria !ontesta(ione studentes!a pa!ifista eser!itB uninfluen(a piuttosto estesa. geografi!a ente e te poral ente. &n ese pio i portante F quello di #lberi!o 0entili. u anista italiano e igrato in Ing"ilterra per!"G protestante. !"e pubbli!B intorno al 1*55 il ;e iure !elli. una !onfuta(ione dellesisten(a delle guerre sante. 0entili era dellopinione !"e la religione non potesse essere un oti1o suffi!iente per di!"iarare una guerra per!"G essa riguarda il rapporto tra luo o e -io e nessun uo o puB per!iB la entarsi !on qual!un altro di essere stato insultato per 1ia di una di1ergen(a nelle !reden(e religiose. &n altro argo ento solle1ato era quello dellinesisten(a degli s!"ia1i di natura. ?per!"G. al !ontrario. sia o tutti natural ente fratelliIe non esiste una ripugnan(a naturale delluo o 1erso luo oISe i desideri u ani sono s!onfinati e non !F suffi!iente gloria e potere per soddisfarli. quella non F una legge di natura. a un difetto@. Tanto eno sussiste1a il diritto di far la guerra ad un popolo per!"G si rifiuta1a di as!oltare il 1angelo>
61

?#n!"e se sta s!ritto ?#ndate in tutto il ondo a predi!are il 1angelo ad ogni !reatura@ CA! 17.1*D non ne !onsegue !"e ogni !reatura !"e si rifiuti di as!oltare debba essere !ostretta a farlo !on la for(a della guerra e delle ar i. 9ueste sono assurdit@. -al punto di 1ista delle Glites tradi(ionali la diffusione del pa!ifis o tra i gio1ani studenti a1rebbe potuto !reare una genera(ioni di ?obiettori di !os!ien(a@ di fronte alla ina!!ia isla i!a. Sep6l1eda s inuH li portan(a della !onsidera(ione !"e nel Nuo1o Testa ento non si parla1a di fare guerra. ribattendo !"e. se si 1ole1e prendere 0esE a odello. 1isto !"e lui non !ondanna1a ladultera. allora si sarebbe do1uto fare altrettanto. a non !i sogna1a o di farlo. Aettere a !onfronto ladulterio e la guerra. in riferi ento ad una ri1ela(ione !"e era uni1ersal ente asso!iata alla pa!e. alla !on!ordia. alla fratellan(a. alla !arit ed alla ore per il prossi o. era una s!elta argo entati1a quanto eno !uriosa. a Sep6l1eda non se ne diede !onto. la ina!!ia era troppo gra1e. 0li intellettuali pa!ifisti indeboli1ano il fronte !o une !ontro il ne i!o> ?-i!ono !"e i !ristiani do1rebbero 1in!erli non !on la 1iolen(a. a !on la pa(ien(aM 1o!i queste !"e. !o e altre opinioni ereti!"e. sono si!uro non pro!edono da errori della ente. da depra1a(ioni del pensiero o da a bi(ione. a dal sa!rilegio !ri inale ed insidioso di !"i. !orrotto dai Tur!"i !on doni e pro esse. ette in gra1e peri!olo la libert dei Cristiani@. N in questo !ontesto !"e na!que lanti4eras iano ;emocrates primus. pubbli!ato a Ro a. !"e si pernia1a sulla !elebra(ione del !odi!e !a1alleres!o> se gli altri non si sanno difendere. allora erita1ano di essere 1inti e soggiogati. La s!onfitta ed il soggioga ento !ostituiranno la giusta puni(ione per i loro !ri ini !olletti1i !ontro la natura e per il loro falli ento nel !reare una so!iet !i1ile. 9uesto anos!ritto sar seguito dal piE fa oso ;emocrates secundus Co Primus 5lterD. la !ui stesura fu solle!itata da un e bro del Consiglio delle Indie per inare alla base i prin!ipi !"e infor a1ano le Nuo1e Leggi del 1*%' ed il rifiuto dei issionari di assol1ere i !oloni. 9uesto anos!ritto in!orpora1a il dibattito sul Nuo1o Aondo e sulle Nuo1e Leggi. ispirate agli s!ritti e dis!orsi di Las Casas e irate alla restri(ione del potere dei nuo1i signori lo!ali sugli indigeni. Il ;emocrates secundus ri!apitola1a i te i !entrali del pri o> le guerre giuste sono autori((ate dalla legge di natura e !iB !"e F !onsentito dalla legge di natura F pari enti per esso dalla legge di1ina. &n soldato non de1e ai !"iedersi se una guerra sia giusta o no. de1e solo obbedire in buona fede. !ontando sul fatto !"e la responsabilit non ri!adr su di lui. &na regola di 1ita !"e fu adottata da #dolf Ei!" ann e dal giurista na(ista ,ans ;ranV. !on le loro personali
62

for ula(ioni delli perati1o Vantiano> rispetti1a ente ?agis!i !o e se il prin!ipio delle tue a(ioni fosse quello stesso del legislatore o della legge del tuo 8aese@ e ?agis!i in aniera tale !"e il ;_"rer. se !onos!esse le tue a(ioni. le appro1erebbe@. Nel periodo inter!orso tra la pri a opera ed il suo seguito. Sep6l1eda a1e1a aggiornato il suo pensiero. #1e1a !apito !"e gli #(te!"i erano guerrieri. non ?edu!ande@. e !"e i AeSi!a erano !on1inti !"e CortGs fosse un e issario del dio 9uet(al!oatl. identifi!ato !on il lontano so1rano spagnolo. 8ositi1a ente i pressionato da questa ri1ela(ione nei suoi aneliti autoritari. K per!"G la personalit autoritaria onora se pre un ne i!o s!onfitto a 1aloroso. quando la sua resisten(a "a esso in risalto il 1alore del 1in!itore K a1e1a a orbidito i toni. Esalta1a lauda!ia della loro difesa finale e ne ini i((a1a i 1i(i. arri1ando ad attribuire ai AeSi!a una !onos!en(a intuiti1a delli ortalit dellani a e laspira(ione alla sal1e((a. Si registra una !res!ente odera(ione nei suoi giudi(i. !"e !ontinua !on l#pologia del 1**3. !"e des!ri1e la so!iet AeSi!a in ter ini relati1a ente positi1i. un giudi(io perB non esteso alle altre so!iet indigene. E1idente ente la i!i(ia !on CortGs K !"e. se!ondo lui. nel Nuo1o Aondo a1e1a ?agito da apostolo@ K e !on di1ersi !ronisti della Conquista a1e1a utato la sua opinione. In fondo. !o e re!ita il detto. ? olti ne i!i olto onore@. Non si pote1a !erto s inuire li presa spagnola. Aa. an!ora una 1olta. il suo giudi(io sulla restante barbarie disorgani((ata non si dis!osta1a olto dai giudi(i pre!edenti. CosH s!ri1e1a nel ;emocrates 5lter> ?Sono !osH igna1i e ti idi !"e a ala pena possono sopportare la presen(a ostile dei nostri. e spesso sono dispersi a igliaia e fuggono !o e donnette. sbaragliati da un nu ero !osH esiguo di spagnoli !"e non arri1a neppure al !entinaio. <...= CosH CortGs. allini(io. per olti giorni tenne oppressa e terrori((ata. !on laiuto di un pi!!olo nu ero di spagnoli e di po!"i indigeni. una i ensa oltitudine. !"e da1a li pressione di an!are non soltanto di abilit e pruden(a. a an!"e di senso !o une. Non sarebbe stato possibile esibire una pro1a piE de!isi1a o !on1in!ente per di ostrare !"e al!uni uo ini sono superiori ad altri per ingegno. abilit. forte((a dani o e 1irtE. e !"e i se!ondi sono ser1i per natura@. Sep6l1eda non !a biB ai idea sulla an!an(a di strutture politi!"e atte allautogo1erno e ri ase !on1into di tre !ose> CaD !"e tutte le a(ioni sono il risultato di una de!isione di1ina o di una sua autori((a(ioneM CbD !"e !i sono !erte a(ioni !"e si reali((ano ira!olosa ente per disegno di1inoM C!D !"e la 8ro11iden(a illu ina i leader pres!elti rendendoli !ons!i di !o piere una issione di1ina.
63

Lori((onte entale !"e affiora dalla lettura dei suoi s!ritti e della sua !orrisponden(a F. !o e detto. quello di una personalit autoritaria> se pli!e. rigido. dualisti!o. !"iara ente deli itato. Noi. gli a i!i. e Loro. i ne i!i. /i F un ele1ato grado di subordina(ione alle autorit. di aggressi1it Can!"e solo 1erbaleD nel no e delle autorit. e di !on1en(ionalis o4!onfor is o> tutti de1ono seguire le nor e e prati!"e stabilite dallalto. Crede1a !"e. al fine di antenere la pa!e. i sudditi do1essero tenersi an!"e i !api piE in!o petenti o oral ente depre!abili. per!"G le leggi erano fatte per essere osser1ate. non per ribellar1isi. Tipi!a ente. Sep6l1eda F giusti(ialista 1erso i di1ersi e per issi1o 1erso i potenti e 1erso !"i aggredis!e qual!uno !"e F il bersaglio delle autorit. La puni(ione di1ina o u ana del !ri inale lo fa sentire bene. lo fa sentire puro. per!"G F inti a ente persuaso !"e luni1erso sia intrinse!a ente giusto e !"e le !ose !atti1e su!!edono alle persone !atti1e e !"e se !iB non a11iene F per un qual!"e i pers!rutabile disegno di1ino !"e 1a a!!ettato. In pubbli!o si auto!ontrolla1a. appari1a gentile. so!ie1ole. pia!e1ole. a i!"e1ole K riaffer a1a lassen(a di a11ersione personale nei !onfronti di Las Casas. !"e !onsidera1a una persona ira!onda e peri!olosa. ?di inten(ioni igliori dei suoi giudi(i@. 1erso il quale di!"iara1a perB di non nutrire al!una ostilit e di li itarsi a ?pregare !"e -io gli !on!edesse una ente piE serena. affin!"G arri1asse a preferire le quiete riflessioni ai progetti turbolenti@ C'pistola ad Melchiorem anumD. In pri1ato era un 1ul!ano !"e attende di eruttare in tutta si!ure((a e !on lappro1a(ione del potere. Se si fosse tro1ato dallaltra parte. se !ioF fosse nato a(te!o o in!a. F presu ibile !"e si sarebbe !o portato nella stessa aniera. !on la stessa foga e (elo. an!"e se a ruoli in1ertiti. Non si puB ignorare la soddisfa(ione !"e traspare quando lautore distingue e dis!ri ina. !o e se !iB lo potesse far sentire piE 1i1o. Co e lideologo rea(ionario statunitense del 1entesi o se!olo Leo Strauss. Sep6l1eda era persuaso !"e le asse abbisognassero di !o ando e dis!iplina. non di go1erno Cper!"G sono politi!a ente troppo in!o petentiD ed andassero frenate. represse. !onfinate Cper!"G troppo dissolute e 1olgariD. Colti1a1a il ito dellautorit politi!a e di quelle strutture di potere in !ui !"i !o anda gode di enor e dis!re(ione e si autogratifi!a !on abbondante liberalit. entre !"i F !o andato F relegato in rigidi binari orali. E!!o !o e pone1a a !onfronto la !ondi(ione degli auto!toni pri a e dopo larri1o degli Spagnoli> ?8ri a della 1enuta dei !ristiani a1e1ano il !arattere. i !ostu i. la religione e i nefandi sa!rifi!i !"e abbia o des!rittoM ora. dopo a1er ri!e1uto !ol nostro do inio le nostre lettere. le nostre leggi e la
64

nostra orale ed essersi i pregnati della religione !ristiana. !oloro K e sono olti K !"e si sono ostrati do!ili ai aestri e ai sa!erdoti !"e abbia o loro pro!urato. si dis!ostano tanto dalla loro pri a !ondi(ione quanto i !i1ili((ati dai barbari. i dotati di 1ista dai !ie!"i. i ansueti dagli aggressi1i. i pii dagli e pi e. per dirla !on una sola espressione. quasi quanto gli uo ini dalle bestie@ C ;em3crates segundoD. Sep6l1eda era profonda ente !olto e s!ri1e1a elegante ente. a i suoi ragiona enti non si dipana1ano !on s!orre1ole((a. ;orse per!"G. !o e insinua1a lo studioso ellenista Puan 8Gre( de Castro. nei suoi s!ritti non si rius!i1a a !apire 1era ente !osa intendesse dire. per!"G non era un uo o di prin!ipio. In effetti i ragiona enti degli autoritari tendono ad essere falsati da pregiudi(i. salti logi!i. !o parti enta(ione della !onos!en(a. o issioni. doppiopesis o. ipo!risia. an!an(a di auto!riti!a. ri o(ioni. inferen(e erronee. etno!entris o e dog atis o. La logi!a e le1iden(a e piri!a non pote1ano !a biare le sue opinioni. 9uesto F pre!isa ente !iB !"e a11enne nello s!a bio di opinioni !on Las Casas. Lesperien(a in presa diretta del do eni!ano non fu ai suffi!iente a odifi!are il punto di 1ista di Sep6l1eda. prigioniero in una gabbia di erudi(ione !"e gli i pedi1a di rendersi !onto della realt della sofferen(a di ilioni di esseri u ani. 0rande a ante del pensiero aristoteli!o ed uno dei piE appre((ati traduttori e !o entatori spagnoli di #ristotele del sedi!esi o se!olo. Sep6l1eda sottos!ri1e1a i pareri espressi nei seguenti brani della Politica di #ristotele> ?9uale sia la natura dello s!"ia1o e quali le sue !apa!it. F !"iaro da queste !onsidera(ioni> un essere !"e per natura non appartiene a se stesso a a un altro. pur essendo uo o. questo F per natura s!"ia1o> e appartiene a un altro !"i. pur essendo uo o. F oggetto di propriet> e oggetto di propriet F uno stru ento ordinato alla(ione e separato@. E an!ora> ?Ora gli stessi rapporti esistono tra gli uo ini e gli altri ani ali> gli ani ali do esti!i sono per natura igliori dei sel1ati!i e a questi tutti F gio1e1ole essere soggetti alluo o. per!"G in tal odo "anno la loro si!ure((a. CosL pure nelle rela(ioni del as!"io 1erso la fe ina. luno F per natura superiore. laltra inferiore. luno !o anda. laltra F !o andata K ed F ne!essario !"e tra tutti gli uo ini sia proprio in questo odo. 9uindi quelli !"e differis!ono tra loro quanto lani a dal !orpo o luo o dalla bestia Ce si tro1ano in tale !ondi(ione !oloro la !ui atti1it si ridu!e alli piego delle for(e fisi!"e ed F questo il eglio !"e se ne puB trarreD. !ostoro sono per natura s!"ia1i. e il eglio per essi F star soggetti a questa for a di autorit. proprio !o e nei !asi !itati@.

65

;edeli a questo odello. gli #ristoteli!i difende1ano una no(ione gerar!"i!a del 1alore u ano !"e 1ede1a alla so it della pira ide i as!"i adulti dotati di ra(io!inio. !on in fondo le donne e i ba bini dei popolo piE sel1aggi. Lu anista spagnolo non !ita1a espli!ita ente questi passi dello Stagirita. gi abbondante ente dibattuti. a F e1idente !"e il suo argo ento !"e il ?piE perfetto@ F se pre superiore al ? eno perfetto@ deri1a1a diretta ente dalla Politica di #ristotele. ?&n singolo prin!ipio e dog a naturale> il go1erno ed il do inio della perfe(ione sulli perfe(ione. della for(a sulla debole((a. della 1irtE sul 1i(io@. s!ri1e1a il pensatore !ordobese> gli Indios erano destinati a ser1ire gli Spagnoli. ? de ingenio m,s elegantes@. Nel :ratado so!re las Mustas causas de la guerra contra los &ndios. !"e generB la !ontro1ersia di /alladolid. !ita1a ese pi bibli!i di guerre giuste. !ondotte !on obietti1i nobili e sa!rali e ribadi1a !"e la legge di natura stabilis!e una gerar!"ia tra signori perfetti e s!"ia1i i perfetti Cpreludio a Niet(s!"eD. 0li Spagnoli. nonostante il sa!!o di Ro a. se!ondo lui ese plifi!a1ano la 1irtE e la gra(ia. Il suo punto di 1ista F arti!olato in aniera inequi1o!abile> ?N per questo !"e le bel1e sono do ate e sono sottoposte allautorit delluo o. 8er questo oti1o luo o !o anda alla donna. ladulto al fan!iullo. il padre al figlio> !ioF. i piE forti e i perfetti pre1algono sui piE deboli e sugli i perfetti. 9uesta stessa situa(ione si ris!ontra tra gli uo iniM per!"G 1e ne sono di quelli !"e sono per natura signori di altri !"e per natura sono ser1i. 9uelli !"e superano gli altri per pruden(a e per sagge((a. an!"e se non pre1algono per la for(a fisi!a. quelli sono. per la stessa natura. i signoriM al !ontrario. i pigri. i tardi di ente. an!"e se "anno le for(e fisi!"e per !o piere tutti i la1ori ne!essari. sono per natura dei ser1i. Ed F giusto ed utile !"e essi siano ser1i. e noi lo 1edia o san(ionato dalla stessa legge di1ina. per!"G sta s!ritto nel libro dei 8ro1erbi> ?Lo stolto ser1ir il saggio@. Tali sono le na(ioni barbare e inu ane. estranee alla 1ita !i1ile e ai !ostu i tranquilli. E sar se pre giusto e !onfor e al diritto naturale !"e queste genti siano sotto esse allautorit di prin!ipi e na(ioni gi !olte ed u ane. di odo !"e. gra(ie alla 1irtE di questulti i ed alla pruden(a delle loro leggi. essi abbandonino la barbarie e si !onfor ino ad una 1ita piE u ana ed al !ulto delle 1irtE. E se essi rifiutano questa autorit. si puB loro i porla per e((o delle ar i e questa guerra sar giusta !o e lo di ostra il diritto naturale. <...= In !on!lusione> F giusto. nor ale e !onfor e alla legge naturale !"e gli uo ini probi. intelligenti. 1irtuosi ed u ani do inino tutti quelli !"e non "anno queste 1irtE@.

66

#ltrettanto illu inante F questo suo rifarsi diretta ente a quel passaggio della :ibbia K ?Lo stolto ser1ir il saggio@ K !"e era stato !itato fa1ore1ol ente da To aso d#quino. ed allese pio dei Ro ani. ?il !ui do inio sugli altri popoli era giusto e legitti o@. Sep6l1eda en(ionB an!"e il !oraggio di CortGs nella !onquista del Aessi!o !o e pro1a dellinnata superiorit degli Spagnoli. in !ontrasto !on la natura ser1ile degli indigeni. Stia o parlando di quello stesso CortGs !"e si era gloriato del fatto !"e nellassedio di Teno!"titlan erano orti piE Indiani !"e Ebrei nellassedio di 0erusale e. Sep6l1eda defini1a gli indiani ?homunculi@ Csi!JD i erite1oli di una qual!"e for a di autodeter ina(ione. a al !ontrario tenuti a ser1ire i nuo1i signori e padroni. Ignora1a la distin(ione tra pagani. !"e non a1e1ano ai potuto as!oltare la parola di Cristo. ed infedeli !o e i Ausul ani e gli Ebrei !"e. pur a1endo a1uto a!!esso ad essa. la rifiuta1ano. Aette1a a !onfronto la ? agnani it. la te peran(a. lu anit e la religione@ degli Spagnoli ?!on quelle degli homunculi nei quali non ri ane quasi al!una 1estigia di u anit@ <?Co para a"ora estas dotes de pruden!ia. ingenio. agnani idad. te plan(a. "u anidad T religi[n. !on las que tienen esos "o bre!illos en los !uales apenas en!ontrarZs 1estigios de "u anidad. que no s[lo no poseen !ien!ia alguna. sino que ni siquiera !ono!en las letras ni !onser1an ning6n onu ento de su "istoria sino !ierta os!ura T 1aga re inis!en!ia de algunas !osas !onsignadas en !iertas pinturas. T ta po!o tienen leTes es!ritas. sino institu!iones T !ostu bres bZrbaras@. ;em3crates segundo. )39=. Con!ede1a !"e. ?!on il passare del te po. quando saranno di1entati piE u aniI@ allora sarebbe stato possibile a!!ordare loro aggiori libert. &na 1olta !ostretti ad abbandonare le loro prati!"e innaturali. la pa!e e la giusti(ia sarebbero pre1alse. Aa era diffi!ile i aginare !"e !iB sarebbe a11enuto in te pi ragione1oli. Infatti. se pre se!ondo il nostro. !o e tutti i barbari. gli Indios non !onos!e1ano il senso della isura. si da1ano agli e!!essi. entre ? in medio stat virtus@. 9ueste genti. la !ui religione era unin1ersione della piet !ristiana. si !o porta1ano da11ero ?!o e aiali !on gli o!!"i se pre fissi sul terreno@. La pubbli!a(ione di questopera fu ini(ial ente appro1ata dal !onsiglio di Castiglia. a poi. tra il 1*%2 ed il 1*%5. il libro do1ette essere riesa inato da una !o issione di teologi alle uni1ersit di Sala an!a e #l!al. !"e lo !ondannarono. Sep6l1eda i putB alle interferen(e di Las Casas il an!ato 1ia libera e de!ise di in1iare un sunto del testo alla !orte papale. !"e lo appro1B e lo fe!e pubbli!are nella for a di un#pologia. Tutta1ia tutte le !opie !"e giunsero in Spagna furono bru!iate per ordine del so1rano. In
67

realt nessuno dei suoi s!ritti pole i!i fu ai pubbli!ato in Spagna entre lui era in 1ita. inoltre le pressioni !ensorie di Sala an!a ed #l!alZ. oltre a quelle dellOrdine dei -o eni!ani. furono suffi!ienti ad e1itare !"e la sua opera arri1asse nelle # eri!"e Cse non !landestina enteD e raffor(asse le pretese dei !oloni. Li pressione generale era !"e Sep6l1eda fosse ben lontano dal !orrispondere alli agine dellu anista illu inato tipi!a di una !erta 1ulgata storiografi!a. #l!uni giudi!a1ano !erte sue asser(ioni isteri!"e o !o unque irragione1oli. Lerudito ellenista Puan 8Ze( de Castro. !onfessore di ;ilippo II. lo bollB !o e lopera di un uo o ?non sani !apitis@ Cnon sano di enteD. forse sulla s!orta di un s!a bio espitolare !on lautore. !"e si era la entato delli posi(ione dellobbligo di lan!iare degli a11erti enti pre1enti1i a degli idolatri quali erano gli indiani. Nei te pi bibli!i. osser1a1a Sep6l1eda. non !erano stati a11erti enti ed inoltre era piuttosto e1idente !"e ?nessun popolo abbandoner ai la religione dei suoi a1i se non per la for(a delle ar i o per ira!olo@. #ltri re!ensori a1e1ano tro1ato irritante lo stile letterario !on !ui a1e1a s!ritto il ;emocrates 5lter. Aa il suo intento era quello di farsi leggere da un 1asto pubbli!o. non da un gruppo di spe!ialisti. 9uesti teologi si atteggia1ano a guardiani dello stile. ostili a !"i si per ette1a di 1ar!are le giurisdi(ioni dis!iplinari sen(a a1ere i titoli per farlo. Sep6l1eda. !o e Eras o. era 1isto !o e un i pudente outsider. /a !o unque pre!isato !"e la 1isione del ondo di Sep6l1eda non era agli antipodi rispetto alla teologia ?politi!a ente !orretta@> !er!a1a di non dare troppa enfasi alla sua fede nel deter inis o biologi!o e ribadi1a !"e. alla lunga. gli indigeni pote1ano essere !i1ili((ati e !"e questo era lobietti1o di -io. 8ri a perB do1e1ano essere sotto essi. Se!ondo lui il passo del /angelo di 0io1anni C13>17D in !ui 0esE riferi1a di a1ere ?altre pe!ore. !"e non sono di questo o1ileM an!"e quelle de1o !ondurre. ed esse as!olteranno la ia 1o!e. e di1erranno un solo gregge. un solo pastore@ pote1a alludere ai nati1i a eri!ani. an!"e se piE probabil ente le pe!ore in questione erano unallegoria dei popoli li itrofi non4Ebrei. Sorprendente ente. in tutto questo i suoi ragiona enti non si differen(ia1ano poi olto da quello di ;ran!is!o de /itoria. ?il pinna!olo del pensiero u anista spagnolo di quellepo!a@. !elebrato an!ora oggi !o e uno dei padri della dottrina dei diritti u ani. 8er farsi unidea della sua i portan(a. al o ento della sua orte. nel 1*%7. quasi trenta dei suoi studenti erano gi do!enti uni1ersitari. Nelle sue le(ioni uni1ersitarie /itoria a1e1a difeso i nati1i a eri!ani. il loro diritto alla propriet pri1ata e perfino quello a non farsi
68

!on1ertire !on la for(a al !attoli!esi o. Aa leggia o il punto di 1ista di questulti o sugli indiani> ?#n!"e se questi barbari non sono del tutto pa((i. non sono neppure troppo lontani dallesserloI Non sono !apa!i. o non lo sono piE. di go1ernarsi da soli piE di quanto lo saprebbero fare dei folli o delle bestie ed ani ali sel1ati!i. 1isto e !onsiderato !"e il loro !ibo non F piE grade1ole e per nulla igliore di quello degli ani ali sel1ati!i@. Inoltre la loro stupidit F ? aggiore di quella dei ba bini e pa((i in altri paesi@. Non !"e !i fosse al!un!"G di inerente ente sbagliato in loro. F solo !"e erano stati sottoposti alle influen(e sbagliate. Se pote1ano se brare insensati e stolti Cinsensati et he!etesD era per !olpa della !atti1a edu!a(ione. Confer e pro1eni1ano dalle osser1a(ioni del teologo #lonso de la /era!ru( !"e 1i1e1a a Citt del Aessi!o e riferi1a !"e gli indiani !"e risiede1ano in !itt si !o porta1ano in odo perfetta ente !i1ile. Il fran!es!ano Puan de Sil1a era della11iso !"e gli indiani do1e1ano essere edu!ati a !apire !iB !"e altri esseri u ani pote1ano !ogliere intuiti1a ente. :isogna1a renderli !onsape1oli del fatto !"e erano da11ero ?uo ini ra(ionali !on unani a sensibile. ra(ionale ed i ortale@. #naloga ente. per /itoria. lindio. !o e il po1ero 1illano europeo. era forse un essere u ano inferiore. a ri ane1a un ?"o o sapiens@. Non s!"ia1o naturale. a infante naturale. una !reatura ra(ionale in poten(a. a non in atto. Era per!iB le!ito inter1enire per eser!itare il diritto di tutela a benefi!io degli indigeni e delle loro enti non inferiori. a se pli!e ente i ature. !"e do1e1ano essere plas ate e quindi ri!"iede1ano una !ostante tutela. In questo odo si anti!ipa1a largo ento di 8ufendorf !"e se qual!uno F !apa!e di apprendere. an!"e retrospetti1a ente. !"e qual!osa F nel suo interesse. si puB dire !"e 1i abbia a!!onsentito an!"e se F e1idente a tutti !"e non "a eser!itato al!una effetti1a libera s!elta. La legge naturale e -io a1e1ano !osH de!retato> il !ontratto so!iale non pote1a essere odifi!ato. i sudditi non a1e1ano 1o!e in !apitolo su !"i li !o anda1a. a si go1erna1a !o unque !on il loro !onsenso. #llo stesso odo gli Indios do1e1ano a!!ettare 1olontaria ente la loro sotto issione. per!"G questa li a1rebbe a11antaggiati. ;in!"G gli Indios fossero ri asti nella !ondi(ione infantile gli Spagnoli si sarebbero presi !ura di loro Caccipere curam illorumD. -unque /itoria. un altro u anista !"e ragiona1a per sentito dire. dietro la as!"era del rispetto del diritto interna(ionale. offri1a in prati!a. piE o eno !onsape1ol ente. un perfetto pretesto per una politi!a !oloniale non troppo di1ersa dallodierna paN americana. Legato a doppio filo. !o e olti altri !olleg"i. alle spe!ula(ioni aristoteli!"e. nel 1*)9 /itoria lesse ;e &ndis Eelectio Posterior, sive de iure !elli .
69

uno dei testi se inali del diritto interna(ionale. alluni1ersit di Sala an!a. a !o ise un errore tanto ingenuo quanto e1idente nel reinterpretare arbitraria ente la posi(ione di #ristotele. in1e!e di rifiutarla re!isa ente. Il risultato fu un trattato !"e ra(ionali((a li piego della guerra in deter inate !ir!ostan(e e !on !ristiana odera(ione. dopo unelen!a(ione delle fonti s!ritturali !"e in1e!e la !ondannano. Ora. poi!"G /itoria era un intelletto di grandissi o spessore ed esperien(a. F le!ito sospettare !"e il suo obietti1o fosse quello di legitti are li perialis o spagnolo. !er!ando perB nel !onte po di sal1are lessen(a del essaggio e1angeli!o. &ni presa oral ente dis!utibile e te!ni!a ente irreali((abile. se non fa!endo uso di !ontorsioni logi!"e e ripro1e1oli o issioni. Sia !o e sia. !ontro ogni e1iden(a testuale. /itoria affer B di ritenere !"e #ristotele non !redesse 1era ente allesisten(a di una s!"ia1itE di natura. a fosse piuttosto orientato a giustifi!are la tutela degli uo ini superiori su quelli inferiori. fino a quando questi ulti i non fossero aturati a suffi!ien(a da potersi e an!ipare. In fondo. !o e altri ebbero o!!asione di sottolineare. lo stesso #gostino dIppona non era stato !ontrario alla s!"ia1itE. per!"G questa offri1a lopportunit di s1iluppare le 1irtE dellu ilt. perdono. odestia. obbedien(a e pa(ien(a. ossia parte del progra a di1ino per la rigenera(ione della ra((a u ana. In questa aniera si sal1a1a il !ostrutto teori!o aristoteli!o purgandolo di ogni i pli!a(ione biodeter inisti!a K ?sei s!"ia1o e la tua natura non puB essere odifi!ata@. &na posi(ione perlo eno stra1agante. 1isto !"e se il filosofo gre!o a1esse 1oluto indi!are la re1ersibilit o alterabilit della !ondi(ione di s!"ia1o non a1rebbe !erto insistito sul !on!etto di stato naturale. Il risultato di questa a!roba(ia !on!ettuale fu uni bara((ante giustifi!a(ione della tirannia !"e a1rebbe a1uto un note1ole su!!esso nei se!oli a 1enire. 8er di piE questa pro1eni1a da un difensore dei diritti u ani ed era fondata su una re1isione del pensiero dello stagirita !"e pote1a essere !onfutata !on una fa!ilit disar ante. !itando an!"e solo un paio di estratti dalla Politica in !ui il filosofo espli!ita1a il fa1ore !on !ui 1ede1a lidea di s!"ia1itE naturale per anente. /itoria !er!B inso a di far passare #ristotele per un difensore della dignit u ana. andando an!"e oltre le ?!orre(ioni@ di To aso d#quino. !"e pure pro!ede1ano in quella stessa dire(ione. L#quinate. infatti. si era al eno peritato di pre!isare !"e homo homini o!!edire non tenetur, sed solum ;eo K gli uo ini de1ono rispondere solo a -io delle a(ioni !"e riguardano la loro sfera personale.

70

9uesto punto di !ontatto tra i due intellettuali. /itoria e Sep6l1eda. non de1e !o unque os!urare i eriti della Eelectio de &ndis. !"e ri!onos!e1a !o unque. tra le altre !ose. la dignit u ana degli indios. il diritto di propriet ed il diritto dei popoli di difendere la propria so1ranit CdominiumD. 9uesto in base alla seguente !onsidera(ione> CaD !"e non F 1ero !"e il pe!!ato i pedis!e di possedere delle terre in quanto questo do inio F !onferito per gra(ia di1ina e quindi il pe!!atore non la puB ri!e1ere. 8er l#quinate gli esseri u ani ra(ionali eser!itano il do inio e gli indios "anno di ostrato !on le loro reali((a(ioni !"e sono ra(ionali. Sarebbero !olpe1oli di pe!!ato ortale se rifiutassero la parola del Signore presentata da !ristiani dalla !ondotta orale i pe!!abile e dagli argo enti di ostrabil ente ragione1oli. Aa purtroppo le !ose non sta1ano an!ora !osHM CbD !"e ?una persona F padrona dei suoi atti quando puB s!egliere questo o quello@M C!D !"e gli indios ?"anno a odo loro luso di ragione@. per!"G ?F e1idente !"e seguono un !erto ordine nelle loro !ose> "anno !itt debita ente go1ernate. atri oni ben definiti. agistrati. nobili. leggi. professori. industrie. !o er!ioM tutto !iB ri!"iede luso di ragione. Inoltre "anno an!"e una !erta for a di religione e non sbagliano ne eno nelle !ose !"e sono e1identi ad altri. !osa !"e F un indi(io delluso di ragione. -io e la natura non li abbandonano in !iB !"e F indispensabile per la spe!ieM la fa!olt prin!ipale nelluo o F la ragione ed F inutile la poten(a !"e non si ridu!e in atto@. Infine /itoria sottolinea1a !"e 0esE a1e1a affer ato espli!ita ente !"e il suo regno non era di questo ondo. e di !onseguen(a la pretesa papale del dominus totius or!is era in1alidataM al pontefi!e non spetta1a al!un potere te porale nG per diritto naturale. nG per diritto u ano e neppure per diritto di1ino. Inoltre. ?an!"e a ettendo !"e il So o 8ontefi!e a1esse questa potest politi!a su tutto lorbe. non potrebbe tras etterla ai prHn!ipi se!olari@ e ?an!"e se i barbari non 1olessero ri!onos!ere nessun do inio del 8apa. non si <potrebbe= per questo far loro guerra. nG i possessarsi dei loro beni e dei loro territori@. 8arole agnifi!a ente ri1olu(ionarie. queste. !"e perB si arrestarono ad un passo dal traguardo !"e sar 1ar!ato solo da Las Casas> il rifiuto di !onsiderare legitti a uningeren(a u anitaria non ri!"iesta dai suoi presunti benefi!iari. Co e abbia o 1isto. /itoria e Sep6l1eda erano da!!ordo nel ritenere !"e !erti popoli barbari fossero a alapena in grado di autogo1ernarsi e ne!essitassero di assisten(a. o per eglio dire di una tutela paternalisti!a !"e pote1a an!"e !o portare una guerra giusta. nel !aso in !ui fossero state 1itti e di tirannia. idolatria e abusi> ?&n
71

altro titolo K spiega1a /itoria K puB essere la tirannia degli stessi barbari o le leggi tiranni!"e a danno degli inno!enti. !o e quelle !"e ordinano il sa!rifi!io di uo ini inno!enti o lu!!isione di uo ini sen(a !olpa al fine di angiarli@. In questi !asi esiste1a un obbligo orale di inter1enire> ?Ne F la pro1a il fatto !"e -io abbia andato ognuno a prendersi !ura del suo prossi o e tutti questi sono il nostro prossi o@. /itoria de olis!e le giustifi!a(ioni !orrenti delle guerre !ondotte in # eri!a. a ritiene tutta1ia !"e delle guerre giuste siano possibili. quando sia 1iolato il ?diritto naturale di so!ie1ole((a e !o uni!a(ione@. oppure qualora linter1ento sia !o piuto per proteggere degli inno!enti !ontro la tirannia dei !api e delle leggi e prati!"e indigene. Non 1i F al!una no(ione. neppure in fieri. di una 1era eguaglian(a fra spagnoli e indiani. !o e si e1in!e dalla giustifi!a(ione ulti a della guerra nelle # eri!"e> ?:en!"G questi barbari non siano affatto pa((i. non sono tutta1ia lontani dalla follia <I=M Non sono piE !apa!i di go1ernarsi da sG di quanto lo siano i pa((i. gli ani ali e le bestie fero!i. 1isto !"e il loro !ibo non F piE grade1ole ed F appena igliore di quello delle bel1e@. Era dunque le!ito inter1enire nel loro paese per eser!itar1i un diritto di tutela. i pe!!abile base legale per delle guerre i perialiste. N i portante ri!ordare !"e questo giudi(io non era !ondi1iso dallintero spettro dei giuristi spagnoli. 8er ese pio. se da un lato Puan de Sol[r(ano T 8ereTra si rifa!e1a allo ius ad su!iciendum eos. il diritto a sotto ettere gli indigeni. assi!urando !"e ?non 1F na(ione !osH barbara. !osH stupida !"e. se edu!ata e istruita !orretta ente. non si liberi dalla barbarie@. dallaltro /as!o de 9uiroga. agistrato. e bro della Se!onda #udien!ia !"e a inistrB la giusti(ia in Nuo1a Spagna tra il 1*)1 ed il 1*)* e pri o 1es!o1o di Ai!"oa!Zn. era re!isa ente !ontrario a progetti di addestra ento e riedu!a(ione finali((ati alladdo esti!a(ione dellindio. Egli denun!iB ripetuta ente un siste a di potere !"e a1e1a bisogno di antenere gli indiani in una !ondi(ione degradante per potersene ser1ire !o e ?bestie pri1e di ragione@. Ael!"ior Cano. !"e nel ;e dominio indiorum a1e1a !ategori!a ente es!luso la possibilit dellesisten(a di esseri u ani ser1i di natura K ?nullus homo est natura servus @ K. aggiunge1a !"e. se si inter1eni1a in difesa di inno!enti. non si do1e1a andare oltre il ne!essario per garantire la loro tutela. Certa ente !iB non !o porta1a spolia(ioni e tributi 1essatori !o e risar!i ento. 0li Spagnoli erano andati in # eri!a ?non !o e pellegrini. a !o e in1asori. a eno !"e uno non 1oglia !"ia are quello di #lessandro un pellegrinaggio@. -iego de Co1arrubias. dis!epolo di /itoria e Cano. superB la posi(ione di /itoria. sostenendo !"e gli indiani
72

a1e1ano il diritto di 1ietare il passaggio an!"e agli Spagnoli es!lusi1a ente interessati al !o er!io per!"G. una 1olta entrati. la loro supre a(ia ilitare a1rebbe !ausato la ro1ina degli indigeni. Il giurista ;ran!is!o ;al!Bn. ?pro!urador general de los indios@ e rappresentante dei !a!i!!"i peru1iani al se!ondo Con!ilio pro1in!iale di Li a del 1*72 di!"iarB. ardita ente. in quello!!asione> ?se Sua Aaest F so1rana delle terre del Regno di Castiglia. per a1erle !onquistate se!ondo giusta guerra. la stessa !osa non la si puB dire per questi regni <le Nuo1e Indie=. per!"G non li "a a1uti !on giusta guerraM <I= sarebbe <piuttosto= da ritenersi tirannia@. Il giurista progressista ;ernando /Z(que( de Aen!"a!a C1*1'41*79D. !"e a!!o pagnB ;ilippo II al Con!ilio di Trento. non fu eno espli!ito e denun!iB la teoria della s!"ia1itE di #ristotele !o e un ese pio di !o e le persone !er!"ino di dissi ulare le loro guerre dietro la as!"era della giusti(ia e di ?quel rilassa ento dello spirito u ano !"e F quasi se pre !ausato dallinfluen(a e dallopera di quelli !"e desiderano !o pia!ere i prin!ipi illustri e potenti@M forse un 1elato riferi ento a Sep6l1eda. 8rosegui1a poi an!or piE espli!ita ente> ?La dottrina di queste autori F una tirannia bella e buona. introdotta in guisa di a i!i(ia e saggi !onsigli. per il si!uro ster inio della ra((a u ana e dispotis o sui superstiti. 8er poter prati!are in tutta libert questa tirannia. sa!!"eggiando !itt e usando 1iolen(a. !er!ano di giustifi!arla !on no i fitti(i. des!ri1endola !o e una dottrina 1antaggiosa per !"i subis!e 1essa(ioni. entre in realt non si F ai sentito o 1isto nulla di piE lontano dal 1ero e piE erite1ole di essere sbeffeggiato e 1ilipeso@. Nei pri i anni del sedi!esi o se!olo gli eras isti spagnoli erano stati spinti in un angolo ed al!uni a1e1ano optato per una 1irtuale !landestinit. entre i guerrafondai do ina1ano il dibattito. Lo stesso /itoria in una lettera al suo a i!o ;rate Aiguel de los #r!os si la enta1a del fatto !"e durante gli a!!esi dibattiti a !orte si ris!"ia1a di essere giudi!ati sleali nei !onfronti delli peratore. Aa. gra(ie an!"e a queste figure. gli anni a !a1allo della et del se!olo ser1irono ad attenuare li patto della Conquista. 8oi. purtroppo. il pendolo os!illB nella dire(ione opposta. per!"G il o1i entis o teologi!o4giuridi!o progressista ette1a in dubbio la li!eit delle i prese !oloniali. e questo fin dallini(io. Leggia o per ese pio !osa s!ri1e1a a questo proposito il teologo do eni!ano -o ingo de Soto. gi nel 1*)*> ?#bbia o stabilito !"e li peratore in nessun odo detiene il do inio sullintero ondo. Con quale diritto. dunque. possedia o noi li pero oltre arino appena s!operto$ Io da11ero non lo so@. Las Casas la pensa1a
73

esatta ente allo stesso odo e. in una lettera del 1*%9. ra!!o anda1a irrealisti!a ente a Soto di pretendere dal re una !ondanna pubbli!a ed uffi!iale della Conquista. 9uella stessa lettera. perB. !i istruis!e su di un aspetto !ru!iale dellintera questione. #n!"e le personalit piE sensibili alla !ausa indigena erano disinfor ati o. in alternati1a. usa1ano estre a !autela nel solle1are !erte questioni !on il so1rano. Infatti Soto. !onfessore di Carlo /. in una lettera pre!edente indiri((ata a Las Casas a1e1a spiegato di non sentirsi abbastan(a infor ato per poter fornire una sua opinione di !arattere teologi!o4politi!o. figuria o!i per protestare presso li peratore. :artolo G Carran(a. !"e insegna1a al !ollegio di San 0regorio a /alladolid. presen(iB assie e alli peratore al !on!ilio di Trento e si s!"ierB dalla parte di Las Casas nella fa osa -isputa di /alladolid. non fu !osH fortunato o forse si spinse troppo oltre nella issione pubbli!a del suo eras is o. sen(a poter godere di appoggi suffi!iente ente influenti a !orte. No inato ar!i1es!o1o di Toledo nel 1**5. un in!ari!o estre a ente prestigioso. lanno su!!essi1o fu !o unque in!ar!erato dallInquisi(ione a /alladolid per il reato di eresia. Las Casas lo aiutB in ogni odo. testi oniando in suo fa1ore e denun!iando durante il pro!esso il !onflitto di interessi dellinquisitore. il quale te e1a !"e se le opinioni di Carran(a a1essero tro1ato as!olto a !orte i suoi affari C!o pra1endita di latifondiD a1rebbero subito un duro !olpo. La Spagna del te po non pote1a tollerare al!un tipo di religiosit interiori((ata e en !"e eno isti!a. !o e quella a essa da Carran(a. Nel 1*27 fu !ondannato for al ente da papa 0regorio WIII e gli si ordinB di abiurare sedi!i opinioni ereti!"e !ontenute nel suo !ate!"is o. AorH po!o te po dopo. # dispetto di queste 1o!i. tuttaltro !"e isolate. lu anissi o uffi!iale !oloniale Rodrigo de #lborno( do1ette !o entare a ara ente !"e sebbene !i fossero %33 difensori degli Indiani per ogni indiano. la s!"ia1itE ed il !o er!io u ano non furono ai aboliti. Eppure. ?non "o tro1ato nella legge di Cristo !"e la libert dellani a debba essere pagata !on la s!"ia1itE del !orpo@. Ri!apitolando. a quellepo!a si era assistito ad un 1asto re!upero della sapien(a aristoteli!a. !"e pote1a perB an!"e essere adoperata K e fu proprio !iB !"e a11enne K per puntellare un odello di so!iet in !ui una 1asta assa di ser1i per ette1a ad una inoran(a di signori di indulgere in una 1ita edonisti!a. o nel igliore dei !asi !onte plati1a. 9uesti s!"ia1i naturali non pote1ano pensare da sG e pro11edere per sG. Tutta1ia. !o e gli
74

ani ali addo esti!ati a !ontatto !on i padroni affinano le proprie !apa!it. !osH an!"e loro si pote1ano ris!attare. !ol passare del te po. /itoria aderi1a allidea di To aso d#quino !"e lu anit !ostituisse un !orpo isti!o spirituale e te porale e !"e il destino del ondo !ristiano non pote1a essere separato dal destino dellu anit. Se una na(ione non era !apa!e di autogo1erno do1e1a inter1enire qual!uno dal di fuori. prendere in ano la situa(ione e riedu!arla. fa!endola ragionare. Entra be le prospetti1e legitti a1ano la presen(a spagnola nel Nuo1o Aondo in quanto bra!!io terreno per la reali((a(ione del disegno pro11iden(iale della !on1ersione dellu anit alla !ristianit. 0li indigeni erano !osH i obili((ati in uno s!"e a di storia pro11iden(iale a loro alieno ed in un siste a politi!o4a inistrati1o aristoteli!o4!ristiano per loro diffi!il ente intelligibile. Lege onia del diritto di origine ro ana nella giurispruden(a iberi!a !o portB il graduale supera ento della no(ione di s!"ia1itE naturale K ossia linterse!arsi della dottrina !i!li!a delleterno ri!orso Cgli esseri u ani sono una era espressione di lignaggi an!estrali piE o eno puriD e della !on!e(ione teleologi!a naturale della storia Cla biologia F un destino personale e !olletti1oD. CiB nonostante. allestensione lineare delle leggi naturali nella sfera so!iale. si sostituH lopposi(ione fonda entale C!ulturalistaD tra il !ristiano e il non !ristiano !o e pretesto per !ostringere questulti o a !a biare. -a s!"ia1i naturali Cper anentiD gli indigeni di1ennero s!"ia1i so!io4!ulturali e pro11iden(iali. laffran!a ento dei quali era rin1iato a data da destinarsi. Nel !orso della -isputa di /alladolid arri1B il benser1ito ad #ristotele da parte di Las Casas ed il rinsalda ento del lega e !on il essaggio originario di 0esE Cristo> ?#ddio #ristoteleJ Il Cristo. !"e F 1erit eterna. !i "a las!iato questo !o anda ento> `# erai il tuo prossi o !o e te stesso. CID :en!"G fosse un filosofo profondo. #ristotele non era degno di essere sal1ato e di giungere a -io attra1erso la !onos!en(a della 1era fede@ C5polog>a. )D. Egli !ontrastB se pre lidea !"e le for e !ulturali potessero essere lespressione di disposi(ioni innate. a la lu!ida for(a e perspi!a!ia della posi(ione di Las Casas risiede1a nella sua !apa!it di asserire 1igorosa ente e sen(a riser1e ed esita(ioni !"e un regalo non puB essere un !o pito. un fa1ore non puB essere un in!ari!o. la disponibilit non puB essere una pretesa. Lu anis o ?u anitario@ della correctio fraterna di Sep6l1eda era quello !"e fa!e1a dire a ,.-. T"oreau> ?Se sapessi !on si!ure((a !"e !F un uo o !"e sta 1enendo a !asa ia !on il piano !onsape1ole di far i del bene. s!apperei a rotta di !ollo@. Las Casas. a1endo 1issuto di persona in
75

!ir!ostan(e !"e ri1ela1ano la spudorata ipo!risia di questa ideologia. a1e1a ben !o preso !"e la regola aurea nelle rela(ioni !on il prossi o K ?;ai agli altri quello !"e 1orresti fosse fatto a te@ K anda1a !o pletata. nel senso delli perati1o di trattare gli altri !o e loro. in pri o luogo. 1orrebbero essere trattatiM !ioF as!oltare il loro punto di 1ista. le oti1a(ioni piE profonde. !apire le loro esigen(e ed aspettati1e ed agire di !onseguen(a. #n!"e se questo pote1a signifi!are non batte((are nessuno !"e non a1esse ben !o preso !osa signifi!asse e !"e non a1esse fornito il suo !onsenso infor ato. &na logi!a dia etri!a ente opposta a quella di quei fran!es!ani !"e si li ita1ano a batte((are e!!ani!a ente. !o e in una !atena di ontaggio. sen(a 1erifi!are se i nuo1i !ristiani a1e1ano real ente !apito a !"e !osa si sta1ano sottoponendo. Si !o pia!e1ano di a1er batte((ato la strabiliante !ifra di quattro ilioni di pagani in dodi!i anni di atti1it. !on un pi!!o di 1* ila indiani in un sol giorno. &no di loro. Puan de Te!to CPan -eVVersD. s!risse l5polog>a del !autismo 5dministrado a los gentiles MeNicanos con solo el agua 8 la forma sacramental . in !ui difende1a il etodo del battesi o di assa argo entando !"e la fine del ondo era prossi a e. sostan(ial ente. non bisogna1a guardare per il sottile. La !on1ersione degli indigeni a1rebbe a!!elerato il !o pi ento delle profe(ie !"iliasti!"e. #i nostri giorni lar!i1es!o1o e erito di Ailano. Carlo Aaria Aartini. si uo1e sulla stessa lung"e((a donda di Las Casas quando in1ita a seguire lesorta(ione di 0esE ad a are il nostro prossi o per!"G F !o e noi. ossia plurale. eterogeneo. fluido. Non si puB enfati((are a suffi!ien(a la grande((a ed attualit dellintui(ione las!asiana. !"e "a una 1alen(a uni1ersale. 9uesta rie!"eggia nelle parole del filosofo inglese 8eter 0. Uin!". quando affer a !"e ?trattare una persona !on giusti(ia 1uol dire prendere seria ente la sua !on!e(ione di sG stessa. i suoi atta!!a enti e predile(ioni. la sua !o prensione della sua situa(ione e di !"e tipo di !o porta ento le F ri!"iesto in quelle !ir!ostan(e@ e in quelle del filosofo neo4!onfu!iano Li a"i. quando s!ri1e !"e> ?F da se stessi. non dagli altri. !"e bisogna innan(itutto esigere lonest. lo (elo e lintrepide((aM queste 1irtE. quando le possedia o. !essano olto rapida ente di se brare a abili se pretendia o troppo dagli altri@. Non basta donare tanto per donare. o ettersi al ser1i(io del prossi o in risposta ad un !o plesso di !olpa esisten(iale !"e !i attanaglia. fa!endo!i pensare !"e dobbia o qual!osa al prossi o ed al !os o e pri a li risar!ia o eglio F. In quel !aso F !o e prendere. 8urtroppo. a differen(a di Las Casas e di non olti altri. di1ersi ?indigenisti@ aiutarono i nati1i per oti1i
76

fonda ental ente egoisti!i. !o e ad ese pio per rin!uorarsi nella !erte((a di una ri!o pensa di1ina. o per ri!e1ere segni tangibili di appre((a ento. Inso a lo fe!ero per igliorare la propria i agine agli o!!"i degli altri. di se stessi e soprattutto di -io. Nel farlo 1iolarono siste ati!a ente il libero arbitrio degli auto!toni e quindi tradirono lo spirito del essaggio di 0esE il Cristo. Il Las Casas delle speri enta(ioni di ingegneria so!iale 1ene(uelana rientra1a in questa !ategoria di benefattori !o pulsi1i. Lastu(ia di olti !onquistatori. i prenditori ed autorit !oloniali fu quella di far le1a su questo u anitaris o interessato per reali((are i propri obietti1i. in ulti o distruggendo il !orpo !"e li nutri1a. !o e dei parassiti infinita ente 1ora!i. eterna ente insoddisfatti. insa(iabil ente a !a!!ia di ri!!"e((e ateriali. risorse. potere. !ontrollo sul prossi o. in!apa!i di a!!ettare li iti e di appre((are il senso della isura. In questo senso il ondo dei Conquistadores era un ondo di fantasie e grandiosi sogni di su!!esso e ri!o pense. segnato da un forte desiderio di do inare o di essere do inati !"e non pote1a non attirare Sep6l1eda. 9uesti era un uo o !"e. stando al ritratto di bngel Losada. !"e pure F un suo apologeta. fu ?do inato dal desiderio di in!re entare le sue propriet@ e tras!orse la 1ita i pegnato in !o pra1endite di terreni ed i obili. ?Non fe!e altro nella sua 1ita !"e !o prare. 1endere. affittare ed a!!u ulare rendite e!!lesiasti!"e@ ed ispe(ionare la sua tenuta ed i suoi a ati al1eari. dallosser1a(ione dei quali. si puB presu ere. trasse spunto per le sue teori((a(ioni politologi!"e. &n uo o !"e. pur di 1edersi dar ragione. non esita1a a illantare !redito presso !"i non gliene a1rebbe dato. al punto !"e tre e!!lesiasti!i s!rissero a Las Casas per la entarsi del fatto !"e Sep6l1eda a1esse affer ato pubbli!a ente e falsa ente !"e loro erano dalla sua parte. La sto!!ata del do eni!ano non si fe!e attendere> ?La s etta di nas!ondere i suoi errori dietro i no i di !osH tanti uo ini e !o in!i a sostenere la !ausa di Cristo. !o e si !on1iene ad uno studioso@. La Dis%uta Nel 1**3. lanno in !ui si s1olse il !onfronto dialetti!o !on Sep6l1eda. Las Casas a1e1a 77 anni. Le opinioni erano di1ise e il re !on1o!B alla !orte di /alladolid una giunta di teologi e giuristi per diri ere la questione se sia le!ito fare la guerra a popoli le !ui ?!olpe@ risalgono a quando erano infedeli. ;urono !on1o!ati i due ri1ali. in un !onfronto destinato a tras!endere loggetto del !ontendere per !ristalli((are nelle due tratta(ioni i due possibili
77

appro!!i politi!i al proble a dellaltro. del di1erso> quello delle pira idi oligar!"i!"e e !astali e quello de o!rati!o. uni1ersalista ed egalitario. Las Casas a1e1a las!iato il Nuo1o Aondo nel 1*%2 ed era deter inato a dedi!are gli anni !"e gli ri ane1ano da 1i1ere allatti1it di a11o!ato difensore dellu anit a eri!ana. Sebbene per estra(ione so!iale fosse un popolano. Las Casas era tuttaltro !"e un se pli!iotto. 0li studi e la passione per lapprendi ento la1e1ano reso un erudito della letteratura teologi!a4s!olasti!a e del diritto !anoni!o C8aris". 199'D. Lesperien(a di 1ita e la prati!a della dialetti!a a1e1ano affinato la sua arte retori!a. ;u oderno nel reperire nella atri!e delle!ono ia di profitto e rapina le radi!i dellideologia !oloniale e nellinsistere !"e il benessere ateriale e la sopra11i1en(a degli indigeni do1e1ano 1enire pri a di ogni altra !osa. persino della !on1ersione. Solo una !on1ersione per a ore era 1alida. entre il !o porta ento tiranni!o e distrutti1o degli Spagnoli era ?uno s!andalo agli o!!"i di -io@. #nali((B la !i1ilt a(te!a. quella degli s!onfitti. nell 5polog(tica 2istoria. !o posta tra il 1*'2 ed il 1**3. !"e perB ri ase inedita per oltre tre se!oli. 9uesta 1era e propria ri!er!a etnografi!a si basa1a sulle sue esperien(e personali. sulla sua estesa !orrisponden(a e su anos!ritti altrui. Lo s!opo era quello di di ostrare !"e gli indiani soddisfa!e1ano tutti i requisiti aristoteli!i della buona 1ita. Erano se pli!e ente ri asti isolati dal resto del ondo e non a1e1ano potuto fruire della !ir!ola(ione della !onos!en(a e della 1erit. In bre1e a1rebbero potuto re!uperare il te po perduto per!"G fa!e1ano parte di ununi!a u anit. dotata delle edesi e fa!olt. 9uesto. natural ente. a patto !"e nella loro edu!a(ione si i piegasse il etodo giusto. fatto di ?a ore. gentile((a e pre ura@. La disputa fu equilibrata. Sep6l1eda e!!elle1a nella !ultura !lassi!a e nel latino. Las Casas possede1a una fer1ida eloquen(a 4 in1idiabile e da olti in1idiata 4 ed unesperien(a sul !a po estesissi a. aggiore di !"iunque altro. !osa !"e fe!e pesare nel dibattito. quando ad ese pio insinuB !"e il suo ri1ale ?a1e1a s!ritto il suo libretto 1elo!e ente e sen(a soppesare adeguata ente il ateriale e le !ir!ostan(e@. Nel !orso della disputa Sep6l1eda si li itB sostan(ial ente a riassu ere i punti prin!ipali della sua posi(ione ?rigida ente ortodossa ed alta ente s!io1inista@ C8agden. 1959D !"e. !o prensibil ente. non pote1a essere elaborata ulterior ente in un !ontesto !o e quello della adrepatria. !"e in generale non 1ede1a di buon o!!"io pro!la i biodeter inisti!i Cla natura !o e destinoD !"e pone1ano li iti alla
78

-i1ina 8ro11iden(a. Las Casas in1e!e approfittB dello!!asione per illustrare la !ondi(ione dei nati1i e lesse estratti dalla sua apologia per di1ersi giorni. Entra bi si autopro!la arono 1in!itori. a la !o issione non espresse al!un giudi(io. #l !entro del !onflitto tra i due ?!olossi@ !era il prin!ipio di separa(ione !ontrapposto a quello di unit. Sep6l1eda rius!i1a a 1edere K o da1a ostra di 1edere K solo differen(e. disparit. gerar!"ie. identifi!ando in ogni di1ersit la !ifra dellinferiorit ed una !onfer a !"e gli Spagnoli a1e1ano il diritto4do1ere di i porre il bene. ?Sep6l1eda !rede !"e non leguaglian(a. a la gerar!"ia sia lo stato naturale della so!iet u ana@ CTodoro1. 199'D. Las Casas enfati((a1a le analogie. le affinit e la !ondi1isione paritaria. ossia quei prin!ipi nutriti1i !"e "anno ali entato la quer!ia dei diritti !i1ili e dei diritti u ani. Se!ondo Sep6l1eda i nati1i a erindiani pote1ano usufruire del diritto alla libert. a non nei edesi i ter ini degli Europei !ristiani. La libert dei pri i era forte ente attenuata dalla loro natura spe!ifi!a ed inferiore. !iB !"e lo indu!e1a a ritenere !"e non si sarebbe ai 1era ente raggiunta una !ondi(ione di uguaglian(a e !"e quindi la so1ranit spagnola non sarebbe ai stata seria ente essa in dis!ussione nei se!oli a 1enire. In prati!a. la posi(ione dellu anista di Cordoba F ladatta ento piE estre o delle spe!ula(ioni aristoteli!"e sulla di1ersit u ana !"e si potesse a!!ettare in un !ontesto giuridi!o e teologi!o general ente ostile al !on!etto di inferiorit e s!"ia1itE naturale. a tollerante nei !onfronti dellaggioga ento dei prigionieri di guerra a fini di !on1ersione e !i1ili((a(ione. &ni posta(ione radi!al ente anti4!ristiana ed anti4u ana agli o!!"i del do eni!ano !"e. nella <revissima rela$ione della distru$ione dell)5frica. !ondanna1a queste prati!"e sen(a e((i ter ini> ?Co e se -io fosse un 1iolento ed iniquo tiranno e gradisse e appro1asse. per la parte !"e gliene offrono. le tirannie@. Sep6l1eda diede la11io alle sue argo enta(ioni usando !o e !aso e ble ati!o li pero a(te!o. ritenuto la !i1ilt piE s1iluppata del Nuo1o Aondo. Il !o porta ento di Aonte(u a C Mote"Omat$in. in lingua Na"uatlD. !"e a1rebbe potuto s!"ia!!iare i po!"i in1asori a si li itB a dissuaderli dalla11i!inarsi alla !apitale. per poi a!!oglierli sen(a offrire resisten(a. F indi!ato !o e pro1a della !odardia. inanit. an!an(a di spirito degli #(te!"i. Nessun aspetto della !i1ilt era da11ero degno di nota> !o er!io. edifi!i. 1ita so!iale erano solo ne!essit naturali !"e sorgono auto ati!a ente e spontanea ente. sen(a erito al!uno da parte di !"i ne fa uso. La loro esisten(a di ostra1a solo !"e ?non sono orsi o s!i ie e non sono !o pleta ente pri1i di ragione@. -altra parte non
79

a1e1ano sapien(a. nG s!rittura e ar!"i1i stori!i. a solo i agini pittografi!"e. Non a1e1ano leggi s!ritte a solo usan(e e !ostu i barbariM soprattutto non !onos!e1ano la propriet pri1ata. C"e a1essero a!!ettato questo stato di !ose sen(a ribellarsi !onfer a1a lo spirito es!"ino e ser1ile di questi barbari !"e anda1ano sotto essi per il loro bene. Le loro terre sarebbe state eglio gestite da !"i se ne intende1a e non !o ette1a pe!!ati !osH infa antiM il pontefi!e non a1rebbe a1uto nulla da ridire. Las Casas risponde1a !"e il papa non a1e1a una giurisdi(ione puniti1a uni1ersale e. se la1esse a1uta. questa si sarebbe do1uta estendere fino a in!ludere la forni!a(ione. il furto e lo i!idio. Inoltre Israele non si era ai i padronito delle terre dei 1i!ini per!"G erano non !redenti o idolatri o per!"G !o ette1ano pe!!ati !ontro natura. CiB detto. pur do andandosi !on quale autorit questo papa assegna1a terre !"e non gli appartene1ano e ettendo in dis!ussione la 1alidit giuridi!a dellespropria(ione dei beni indigeni. non nega1a !"e le !ose piE i perfette do1essero !edere il passo a quelle piE perfette quando le in!ontra1ano. ?!o e la ateria dinnan(i alla for a. il !orpo dinnan(i allani a ed il senti ento dinnan(i alla ragione@. a non quando queste !aratteristi!"e appartene1ano a soggetti distinti. 8er!iB la gerar!"i((a(ione nei rapporti tra !oloni e soggetti era illegitti a> ?Nessun popolo libero puB essere !ostretto a sotto ettersi ad un popolo piE edu!ato. an!"e se questa sotto issione do1esse di ostrarsi di grande 1antaggio per il pri o@. 9ui Las Casas si rifa!e1a al prin!ipio !ardine dello Mus gentium. il !onsenso 1olontario dei soggetti. #n!"e lui a1e1a studiato il suo #ristotele. a lo usa1a solo per !onfer are le S!ritture. non per reinterpretarne il senso. -opo tutto. lo stesso Stagirita non a1e1a ai indi!ato !"iara ente !o e distinguere uno s!"ia1o da un uo o libero. Tra i due esiste1a un forte di1ario eti!o ed esisten(iale> uno ette1a al !entro luo o ed i deboli. laltro il !eto e la na(ione Ci ri!!"i e i potentiD. Sep6l1eda !ede1a alla passione per le!ono ia politi!a. al li ite delleresia. !on argo enta(ioni !"e al si !on!ilia1ano !on il diritto !anoni!o e la teologia e !"e !ela1ano un sostrato pagano e naturalista. Le sue tesi erano in !ontrasto !on la issione e1angeli((atri!e della Conquista a non !on quella sfruttatri!e dei Conquistadores. 8er questo non erano ben a!!olte a Corte. entre erano olto ben 1iste in # eri!a. 8er !erti 1ersi il pensiero di Sep6l1eda fu lespressione assi a della !os!ien(a so!iale e politi!a dei !onquistatori. Lo Mus gentium. !"e regola1a i rapporti tra i popoli. se!ondo lui altro non era !"e uno s1iluppo del
80

diritto di guerra. 8one1a !osH la 1iolen(a e la sopraffa(ione allorigine del diritto. in diretto !onflitto !on il Nuo1o Testa ento. Inoltre. insistendo sullautono ia della sfera so!iale e politi!a da quella religiosa. si !ollo!a1a ad una distan(a piuttosto ridotta da Lutero. al quale. oltre 1enti!inque anni pri a. a1e1a ri1olto una se1era !riti!a. Sep6l1eda di!"iara1a !"e si era tenuti a sotto ettere !on le ar i. se non fosse stato possibile farlo di1ersa ente. quei popoli !"e per !ondi(ione naturale do1e1ano obbedire ad altri e rifiuta1ano il loro fato. Ogni disuguaglian(a era naturale e. in quanto naturale. era tale per de!reto di1ino. 9uesto assunto non era perB ri!e1ibile dai giuristi spagnoli. !"e da te po a1e1ano a!!ettato lidea !"e lo stato di diritto non a1rebbe las!iato spa(io a rapporti di sfrutta ento ser1ile. prediligendo la for a di !ontratto so!iale tra indi1idui giuridi!a ente liberi. 8er questa ragione il siste a di s!"ia1itE di fatto !"e esiste1a nelle !olonie a eri!ane non fu ai san!ito giuridi!a ente. Co e al giorno doggi la tortura. il la1oro nero e lo sfrutta ento della prostitu(ione. pur non do1endo esistere. la s!"ia1itE esiste1a. e nessuno pote1a far!i nulla. CosH si ideB listitu(ione neo4feudale dell encomienda. fingendo ipo!rita ente !"e !iB non fosse in !ontrasto !on lo spirito delle leggi delli pero. Sep6l1eda a1e1a unidea ben definita del nuo1o ordine !"e do1e1a essere !ostruito nelle # eri!"e> il diritto do1e1a rispe!!"iare il siste a di potere e le strutture gerar!"i!"e i poste dai 1in!itori. Il dis!ri ine tra !i1ile e barbaro era la propriet pri1ata. fino ad allora s!onos!iuta nel Nuo1o Aondo. La Conquista era unopera di !i1ili((a(ione non tanto per!"G di1ulga1a le parole di Cristo. a per!"G esporta1a il odello !apitalista4 er!antilista e pedagogi!o europeo. &nanti!ipa(ione della retori!a del fardello delluo o bian!o. uffi!ial ente tollerato in quanto atto !aritate1ole. &n go1erno autono o e rispettoso dei suoi !ittadini spetta1a es!lusi1a ente ai popoli a1an(ati. quelli inferiori K pri1i di sangue !ristiano e do inati dalle passioni e dai 1i(i K ne!essita1ano di go1erni autoritari !"e li a11iassero su un !a ino di rettitudine. an!"e se !iB !o porta1a il dispre((o delluo o per luo o. I nuo1i signori a1rebbero agito !o e stru enti di reden(ione e rigenera(ione. 1i!ari di -io in terra. 9uattro furono le oti1a(ioni addotte per dar !onto di questa posi(ione> CaD la gra1it dei delitti degli indiani. soprattutto la loro idolatria e i loro pe!!ati !ontro naturaM CbD la grossolanit della loro intelligen(a. !"e ne fa!e1a una na(ione ser1ile. barbara. destinata ad essere sotto essa allobbedien(a da parte di uo ini piE a1an(ati. quali gli spagnoliM C!D le esigen(e della fede. poi!"G il loro
81

assoggetta ento a1rebbe reso piE fa!ile e rapida la predi!a(ioneM CdD il ale !"e si fa!e1ano tra loro. u!!idendo degli uo ini inno!enti per offrirli in sa!rifi!io. La pri a giustifi!a(ione dellasser1i ento degli Indios era for ulata !o e segue> ?CosH il oti1o per porre fine a questi atti !ri inali e ostruosi e per liberare gli inno!enti dalle a(ioni ingiuriose !o esse !ontro di loro. potrebbe gi da solo !on!eder1i il diritto. peraltro gi assegnato1i da -io e dalla Natura. di sotto ettere i barbari al 1ostro do inioIa !iB si aggiunga lintento di garantire ai barbari olte !ose utili e ne!essarieIuna 1olta !"e questi beni siano stati offerti e !"e le ostruosit !"e spa1entano per la loro e piet. siano state soppresse dallo sfor(o. la1oro e 1alore della nostra gente. e !"e la religione !ristiana e le sue otti e leggi sia stata introdotta. !o e potrebbero questi popoli ripagar!i di tanta abbondan(a. 1ariet ed i ortalit di doni$@. In questa prospetti1a la issione !i1ili((atri!e arre!a1a solo benefi!i ai !oloni((ati. !"e do1e1ano essere eterna ente grati ai loro nuo1i signori. Lautorit di usare la for(a trae1a origine dalla superiorit del siste a di 1alori e for a di go1erno dei !oloni((atori. La !i1ilt non era il regalo della Spagna al ondo a di -io allu anitM la Spagna era solo un 1ei!olo della 1olont di -io. Sep6l1eda espri e1a !on !ini!a fran!"e((a lidea !"e linferiore F uni1ersal ente responsabile per la sua !ondi(ione. 0li indios obbedi1ano allarbitrio e non si !ura1ano della loro libert> ?Tale !o porta ento spontaneo e 1olontario. sen(a essere oppressi dalla for(a delle ar i. F un segno e1idente dellani o ser1ile e 1ile di questi barbari <I=. Tali erano inso a lindole e i !ostu i di questi o un!oli. tanto barbari. in!olti e disu ani. pri a dellarri1o degli Spagnoli@. Il do1ere dei padroni4edu!atori non era quello di !olti1are la personalit dei singoli. !o e unit indipendenti. a di adattarli inu(iosa ente alla loro u ile fun(ione di ingranaggi nella ega a!!"ina dellI pero. in no e di un fine piE ele1ato. il :ene Co une. l#r onia Superiore. la reali((a(ione della /olont di -io in terra. # dispetto delle giustifi!a(ioni addotte dai suoi sostenitori. la 1isione so!iale di Sep6l1eda era inu ana e !erebrale. ostile agli Indios nella loro realt !on!reta. per!"G si prefigge1a degli obietti1i irrealisti!i. rispetto ai quali non a1rebbero ai potuto essere allalte((a. Si indi!a1a la possibilit !"e la natura u ana indigena. seppur distinta da quella euro4!ristiana. potesse essere odellata ed adattata al siste a gra(ie ad una !orretta pedagogia. ad unorgani((a(ione politi!o4so!iale dirigista e a aglie strette e ad

82

una pianifi!a(ione pre1eggente. La diffiden(a totale nei !onfronti dell#ltro era alla base di questapologia del Nuo1o Ordine. Leggere le tesi dei sostenitori della Conquista riporta alla ente il te a dell@a!!usa del sangue@. !osH ben delu!idata da ;urio Pesi. 0li Indios. !o e gli Ebrei. erano 1isti !o e ?una popola(ione !"e. pur as!"erandosi ipo!rita ente sotto par1en(e di !i1ilt. era di fatto. e per sua in!an!ellabile natura. di1ersa !o e i sel1aggi erano di1ersi dagli uo ini !i1ili. <I=. Negli Ebrei. popolo ?sa!rifi!atore ed antropofago@ si ri!onos!e1a dunque una singolare !o istione di !i1ilt e di natura sel1aggia. di !ultura e di i pulsi !annibali!i@. Ipo!rita ente ed esterior ente !i1ili((ati. dallani o ?!rudo. fero!e e sanguinario@. non sono ?sel1aggi allo stato puro. a sel1aggi as!"erati. quelli !"e non astu(ia e ipo!risia sono rius!iti a fingere di essere !i1ili@ CPesi. '332D. La distopia del Nuo1o Ordine Cristiano do1e1a essere protetta dal pe!!ato. dal sin!retis o. dallidolatria as!"erata. persino dai piE re!onditi pensieri dei sudditi. appannaggio del pe!!ato. per!"G troppo iniqui. troppo fragili. troppo 1ulnerabili rispetto alle passioni. Aentre per Las Casas lindio era un essere u ano !o e lui. per Sep6l1eda lindio era una risorsa ed un osta!olo in un ordine do1e tutto do1e1a essere in perfetta sintonia !on la 1olont degli en!o enderos. Lu anit era s1alutata per!"G in!o piuta ed i bara((ante e persino lele ento spagnolo do1ea1a guardarsi dalla !onta ina(ione !"e se pre segue il !ontatto !on li puro. Non era il !ristiano !"e si a!!"ia1a delle piE atro!i s!ellerate((e !on perfida inno!en(a. era lauto!tono !"e gli a1e1a for(ato la ano. !on la sua indo!ilit e stolte((a. La !os!ien(a di questulti o anda1a !oloni((ata !o e si fa !on le aree geografi!"e. denaturata !o e da indi!a(ioni del 0rande ;ratello orRelliano> ?Ti spre ere o fino a !"e tu non sia !o pleta ente s1uotato e quindi ti rie pire o di noi stessi@. Lindio do1e1a essere reso do!ile. duttile. do1e1a !apire !"e la 1olont dei suoi signori4tutori era espressione della for(a della ne!essit. dellindispensabilit. !"e si sbaglia1a se !rede1a di essere diretto surretti(ia ente in una !erta dire(ione> la sua era una s!elta libera Csi!JD !"e !onsegui1a alla sua atura(ione !i1ile. alla sua debarbari((a(ione. Sep6l1eda si era !ostruito una stra1agante !on!e(ione dellautono ia e delle an!ipa(ione. 0li indigeni sarebbero stati pronti allautodeter ina(ione quando fossero stati in grado di agire nel senso 1oluto da !"i li a1e1a edu!ati. dai suoi de iurg"i4pedagog"i. 9uesto siste a. in !ui si era piena ente liberi se !i si in!"ina1a. se si di ostra1a la propria inno!en(a. in !ui i signori si riser1a1ano il pri1ilegio di far sentire
83

liberi e uguali i ser1itori a loro piena dis!re(ione. era un si ula!ro di libert. una burla estre a ente dolorosa per !"i se ne a11ede1a. N stupefa!ente osser1are !o e le pres!ri(ioni di ?ingegneria !o porta entale@ di Sep6l1eda !oin!idano talora !on quelle della pedagogia di 0orQVi^ K ?Solo nella sofferen(a lani a u ana F bella@ K e AaVarenVo K ?La !rudelt F la piE alta for a di u anesi o per!"G !ostringe lindi1iduo a !a biare an!"e !ontro1oglia@. Aa F an!ora piE sorprendente !onstatare la so iglian(a !on il 0rande Inquisitore si1igliano di I1an Xara a(o1. Sep6l1eda esorta1a gli Spagnoli a ?sradi!are le turpi nefande((e e il gra1e !ri ine di di1orare !arne u ana. !ri ini !"e offendono la natura. !osH !o e !ontinuare a rendere !ulto ai de oni piuttosto !"e a -io <I= e sal1are da gra1i ingiusti(ie olti inno!enti !"e questi barbari i ola1ano tutti gli anni@. -io era !on loro e nessuno a1rebbe potuto arrestare la loro opera redentri!e. poi!"G ?per olte !ose e olto gra1i. questi barbari sono obbligati a ri!onos!ere il do inio degli spagnoli <I= e se rifiutano il nostro do inio potrebbero essere obbligati !on le ar i ad a!!ettarlo. e questa guerra. !on lautorit di grandi filosofi e teologi. sar una guerra giusta per legge naturale@. Luso della 1iolen(a e della guerra giusta era giustifi!ato an!"e dalla parabola e1angeli!a CL! 1*.1*4'%D di quel signore !"e. dopo a1er in1itato olti a no((e. alla fine obbliga i po1eri a parte!ipare al ban!"etto. Lu anista si ri!"ia a1a allinterpreta(ione di Sant#gostino il quale. riferendosi ai pri i. osser1a1a !"e li si in1ita ad entrare. entre i po1eri sono obbligati. ?9uesti. barbari. quindi. !"e 1iolano la natura. sono blasfe i ed idolatri. per!iB sostengo !"e non solo li si puB in1itare. a an!"e obbligare C compellereD. !ostringere affin!"G. ri!e1endo li posi(ione del potere dei !ristiani. as!oltino gli apostoli !"e annun!iano loro il /angelo@. 9uesto argo ento !onsegui1a alla tesi !entrale del ;emocrates 5lter> si pote1a ottenere piE in un ese !on una !onquista !"e in un se!olo di predi!a(ione. Non ser1i1ano ira!oli. per!"G i e((i u ani !"e gode1ano di san(ione di1ina ottene1ano gli stessi risultati. La guerra era inso a ne!essaria e giusta e se si insegna1a ai nati1i sen(a terrori((arli. questi sarebbero ri asti testarda ente aggrappati alle loro tradi(ioni se!olari. Nulla di strano !"e il do eni!ano Ael!"or Cano. subentrato a de /itoria. tro1asse in questopera passaggi !"e suona1ano ?offensi1i per le ore!!"ie pie@. Sep6l1eda se bra1a affas!inato dai 1in!oli di ser1itE C vinculum serviendiD e dal patriar!alis o !"e !o penetrano l#nti!o Testa ento. Non a a1a la libert e forse non la !api1a. La no(ione di giusti(ia pari enti gli sfuggi1a.

84

Se!ondo Carlo Aaria Aartini ?la giusti(ia F lattributo fonda entale di -io. Nel giudi(io uni1ersale 0esE for ula !o e !riterio di distin(ione tra il bene e il ale la giusti(ia. li pegno a fa1ore dei pi!!oli. degli affa ati. degli ignudi. dei !ar!erati. degli infer i. Il giusto lotta !ontro le disuguaglian(e so!iali@. Se questo F 1ero. -io non era !on Sep6l1eda quando. rifa!endosi alle ingiun(ioni di1ine !ontenute nel -euterono io. affer a1a !"e la Spagna era autori((ata a uo1ere guerra a qualunque na(ione di religione di1ersa. Non gli era a!!anto ne eno quando. se pre nel ;emocrates 5lter. di!"iara1a !"e ?il fatto !"e qual!uno di loro abbia unintelligen(a per !erte !ose e!!ani!"e non signifi!a !"e abbiano una aggiore sa1ie((a. per!"G 1edia o !o e !erti ani ali !o e le api e i ragni fa!!iano !ose !"e nessuna ente u ana potrebbe ideare@. N !ristiano il ondo 1isto !o e un intero ordinato in !ui lordine F stretta ente gerar!"i!o e opera e!!ani!a ente. in !ui il 1alore della natura e dellu anit inferiore !orrisponde al suo 1alore duso. in !ui lobietti1o dei do inatori F ottenere il libero !onsenso delle 1itti e al loro suppli(io. in odo da potersi s!agionare pre1enti1a ente$ 8er fortuna lantagonista di Sep6l1eda sape1a il fatto suo. Nella sua difesa Las Casas si a11alse della sua 5polog>a e della 5pologetica 2ist3ria Sum,ria. la sua opera piE antropologi!a. !o pletata dopo il 1**1. Intende1a guadagnarsi un pubbli!o piE a pio. non solo gli esperti della !o issione. e 1ole1a altresH di ostrare al piE 1asto nu ero di persone possibili !"e gli indiani erano e bri di pari dignit della !o unit u ana e !"e le loro so!iet erano sostan(ial ente ature e !i1ili. a dispetto della di1ersit di tradi(ioni e !ostu i. /ole1a !orroborare la tesi !"e ?dietro le e1identi differen(e !ulturali tra i popoli u ani esiste1a un edesi o sostrato di i perati1i so!iali e orali@ C8agden. 1959D. 0uardate alle !ose !"e abbia o in !o une. non a quello !"e !i di1ideJ # irate le splendite !itt a(te!"e e in!aJ Nel !onfronto !on 0re!i e Ro ani gli #(te!"i 1in!e1ano a li1ello te!nologi!o. ar!"itettoni!o. artigianale ed artisti!oM spe!ial ente nelluso de!orati1o delle piu e. !on le quali rius!i1ano a !o porre ritratti e rappresenta(ioni !"e pote1ano !o petere !on larte rinas!i entale e per di piE !angia1ano i !olori a se!onda della prospetti1a dellosser1atore. ?Non abbia o al!una ragione di era1igliar!i dei difetti. delle usan(e non !i1ili e sregolate !"e possia o ris!ontrare presso le na(ioni indiane. nG abbia o ragione di dispre((arle per questo. Infatti. tutte o la aggior parte delle na(ioni del ondo furono olto piE per1ertite. irra(ionali e depra1ate. e fe!ero ostra
85

di olto inor pruden(a e saga!ia nel loro odo di go1ernarsi e di eser!itare le 1irtE orali. Noi stessi fu o olto peggiori al te po dei nostri antenati e su tutta lestensione del nostro territorio. sia per lirra(ionalit e la !onfusione dei !ostu i. sia per i 1i(i e le usan(e bestiali@ C5pologetica 2ist3riaD. 8er non parlare della loro odestia e ite((a. 9uanto al sa!rifi!io u ano. si!ura ente i sa!rifi!i indigeni re!la a1ano eno 1itti e della Conquista> ?Non F 1ero affer are !"e nella Nuo1a Spagna si sa!rifi!a1ano ogni anno 1enti ila persone. nG !ento. nG !inquanta. per!"G. se !osH fosse. non tro1ere o tante infinite genti !o e ne tro1ia o. Tale affer a(ione altro non F !"e la 1o!e dei tiranni. per s!usare e giustifi!are le loro arbitrarie 1iolen(e e per oppri ere. depredare e tiranneggiare gli indios... E questo pretendono !oloro !"e di!ono di essere dalla loro parte. !o e il dottore e i suoi segua!iIIl dottore "a !ontato alissi o. per!"G possia o !on aggiore 1erit e eglio dire !"e gli Spagnoli "anno sa!rifi!ato alla loro dea a atissi a e adorata. la !upidigia. ogni anno della loro per anen(a nelle Indie una 1olta entrati in ogni pro1in!ia. piE ani e di quante in !entanni gli indios in tutte le Indie ne a1essero sa!rifi!ato ai loro dei@. Inoltre gli indigeni non a1e1ano a1uto sentore di al!una alternati1a pri a dellarri1o degli Spagnoli> ?Tanto !oloro !"e 1olontaria ente per ettono di essere sa!rifi!ati. !o e i se pli!i uo ini del popolo in generale. quanto i inistri !"e li sa!rifi!ano agli dFi per ordine dei prin!ipi e dei sa!erdoti. agis!ono sotto gli effetti di una ignoran(a in1in!ibile. e il loro errore de1essere perdonato an!"e se arri1assi o a supporre lesisten(a di un giudi!e !o petente !"e possa punire tali pe!!ati@ C 5polog>aD. Non erano dunque in !atti1a fede e. fin!"G i !ristiani non fossero rius!iti a di ostrare !oi fatti !"e la loro religione era ispirata da -io. ?essi sono sen(a dubbio tenuti a difendere il !ulto dei loro dFi e la loro religione. e ad us!ire !on le loro for(e ar ate !ontro !"iunque !er!"i di pri1arli di tale !ulto o religione. o di re!are loro offesa o i pedirne i sa!rifi!iM !ontro di essi sono !osH tenuti a lottare. a u!!iderli. !atturarli ed eser!itare tutti quei diritti !"e sono !orollario di una giusta guerra. in a!!ordo !on il diritto delle genti@ Cibid.D. Aai si era udita una tesi !osH ardita. !"e ritor!e i prin!ipi della s!olasti!a !ontro !"i li i piega1a per giustifi!are li perialis o. #ngGl Losada. nellintrodu(ione all5polog>a. "a !osH riassunto linno1ati1a interpreta(ione las!asiana del to is o> ?se i !ristiani fanno uso di e((i 1iolenti per i porre la loro 1olont agli indios. F eglio !"e questi ri angano nella loro religione tradi(ionaleM an(i. in tal !aso

86

sono gli indios pagani a tro1arsi sulla buona strada. e da loro de1ono i parare i !ristiani !"e si !o portano !osH@. 9uesto argo ento si riaggan!ia alla strategia di !onfrontare !i1ilt a eri!ane e !i1ilt !lassi!"e. 9uale so!iet non "a prati!ato sa!rifi!i nel suo passato$ Non fa!e1ano sa!rifi!i u ani an!"e gli Spagnoli. i 0re!i e i Ro ani$ In seguito perB erano di1entati popoli !i1ili. Lo stesso #bra o a1e1a offerto in sa!rifi!io suo figlio a -io. Eppure non ritenia o questi popoli depra1ati a de1oti. sebbene non an!ora illu inati dalla 0ra(ia. &n te po il sa!rifi!io era i portante per 1enerare -io. #rri1a1ano persino a sa!rifi!are se stessi per -io> una de1o(ione piE appassionata di questa non la si puB i aginareJ Las Casas. esibendo uni pressionante ed anti!ipatri!e !apa!it di dista!!o relati1isti!o dalloggetto della sua analisi !o parati1a. !o pleta1a il ragiona ento fa!endo rile1are !"e il sa!rifi!io u ano non era in !ontrasto !on la ragione naturale. era piuttosto un errore intrinse!o della ragione naturale. 0li indoa eri!ani non erano u ani difettosi. Originaria ente. a suo giudi(io. erano onoteisti. !o e di ostrano i iti del dio !reatore e !i1ili((atore diffusi in tutte le # eri!"e. ;u soltanto in seguito !"e lisola ento li a1e1a esposti alla(ione subdola e !orruttri!e del de onio. spingendoli 1erso il politeis o. Ora li si do1e1ano aiutare a rinun!iare ai sa!rifi!i !on la for(a delle argo enta(ioni e ostrando ese pi di alternati1e igliori. non !on quella delle ar i. ?Se questi sa!rifi!i offendono -io spetta a -io punirli. non !erto a noi@. Non era stato forse San 8aolo. nella 8ri a lettera ai Corin(i. a !"iarire una 1olta per tutte questo punto$ ?Spetta forse a e giudi!are quelli di fuori$ Non sono quelli di dentro !"e 1oi giudi!ate$ 9uelli di fuori li giudi!"er -io@. La C"iesa do1e1a forse oltraggiare -io ergendosi a giudi!e degli esseri u ani quando lo stesso 0esE il Cristo. stando a Lu!a C1'. 1)D. a1e1a obiettato> ?O uo o. !"i i "a !ostituito giudi!e o ediatore sopra di 1oi$@. Infatti. se pre rifa!endosi al Nuo1o Testa ento. ?Cristo non F 1enuto per giudi!are il ondo. a per!"G il ondo si sal1i per e((o di lui@ C0io1anni ). 12D. 0li Indios do1e1ano essere essi nelle !ondi(ioni di a!!ettare sin!era ente e libera ente la !ristianit. non indotti a farlo sleal ente o !oer!iti1a ente. La pedagogia a(te!a insegna1a ai figli ad essere ordinati. sensibili. prudenti e ra(ionali> non !erto il segno di una so!iet !"e non a1rebbe saputo autogo1ernarsi. Luni!o tratto barbaro era lignoran(a delle S!ritture. a a questo si pote1a presto porre ri edio. # questo punto la tratta(ione si fe!e allegori!a. Le 1arie anifesta(ioni dellu ano !"e sin!ontra1ano nel ondo erano eterogenee. #l!une asso iglia1ano a dei !a pi
87

non !olti1ati. E proprio !o e un !a po abbandonato produ!e1a solo spine e !ardi a. se !olti1ato. da1a frutti. !osH ogni essere u ano. per quanto apparente ente barbaro e sel1aggio. era dotato delluso della ragione e pote1a apprendere e generare i frutti delle!!ellen(a. #l ri!"ia o alle terribili puni(ioni di1ine des!ritte nel /e!!"io Testa ento. repli!B !"e esse anda1ano !onte plate !on era1iglia. non i itate. 9uanto alla ro((e((a degli Indiani. egli pote1a produrre innu ere1oli pro1e a sostegno della tesi in1ersa. #lla questione della aggiore rapidit delle !on1ersioni dopo una !onquista. si pote1a obiettare portando ad ese pio lopera dei issionari do eni!ani. La quarta tesi. quella del ale inore K una guerra !ausa eno orti dei sa!rifi!i di assa K. fu !ontrastata appellandosi al !o anda ento ?non u!!idere@. piE effi!a!e delli perati1o di ?difendere gli inno!enti@. spe!ial ente se !iB !o porta1a una guerra indis!ri inata !"e non pote1a !"e far detestare la 1era fede agli indigeni. ?9uando io parlo della for(a delle ar i. parlo del peggiore di tutti i ali@. Sui soldati della Conquista Las Casas era irre o1ibile> ?Essendo stati edu!ati allinsegna ento di Cristo. non possono ignorare !"e non si de1e arre!are danno alle persone inno!enti. C"i an!a di questo dis!erni ento F reo di un gra1issi o !ri ine 1erso -io ed F degno di una !ondanna eterna@. Las Casas a!!etta1a !"e !i potessero essere danni !ollaterali a !ose e persone. a ribadi1a !"e luso della for(a non do1e1a a1ere un obietti1o pre1enti1o ed offensi1o. Neppure la libera(ione di inno!enti pote1a giustifi!are la essa a ris!"io dellin!olu it di un gran nu ero di altri inno!enti. 8er questo pre!isa1a !"e. ?sebbene sia 1ero !"e u!!idere un tiranno. !"e F una pestilen(a per la repubbli!a. F una(ione buona e eritoria. lo stesso non si puB dire nel !aso in !ui il suo assassinio dia origine ad una ribellione o gra1e tu ulto !"e raddoppi i ali della suddetta repubbli!a@. Lintero ragiona ento di Sep6l1eda era !ontraddittorio e a1rebbe arre!ato infiniti danni alla !ausa delle1angeli((a(ione> ?Co e potranno a ar!i queste persone. e fare a i!i(ia !on noi C!ondi(ione ne!essaria affin!"G possano ri!e1ere la nostra fedeD se i figli si 1edono orfani delle proprie adri. le ogli perdono i ariti. i padri perdono i loro figli ed a i!iM se 1edono i loro !ari feriti. tenuti prigionieri. spogliati delle loro propriet e linnu ere1ole oltitudine di !ui fa!e1ano parte ridotta ad uno sparuto gruppo$@. Nel Nuo1o Testa ento non si pote1ano tro1are appigli !"e per ettessero di sostenere una si ile bestialit> ?Citi dunque Sep6l1eda un solo passaggio in !ui il Cristo o i Santi 8adri !i abbiano
88

insegnato !"e i pagani debbono essere soggiogati ediante la guerra pri a !"e gli si predi!"i il 1angeloJ@. Non sarebbe stato possibile. infatti. ?quando Cristo andB i suoi dis!epoli a predi!are. non li ar B !erto !on spade e bo barde@. Se il sa!rifi!io era luni!o odo !onos!iuto dai nati1i per onorare -io. non si pote1a i piegarlo !o e pretesto per assoggettarli. -altronde an!"e i Ro ani li !o pi1ano. a quando fondarono li pero non punirono i popoli dediti ai sa!rifi!i. si li itarono a proibirli per de!reto. /olgendo poi latten(ione a Lu!a 1%.1*. do1e il compelle intrare. interpretato da #gostino !o e unesorta(ione a !ostringere ad entrare nello1ile della C"iesa. se bra1a portare a!qua al ulino di !"i gradi1a luso delle aniere forti. Las Casas ribatte1a !"e la !ostri(ione do1e1a essere di origine interiore. !o e !onfer ato dallanalisi della edesi a parabola effettuata da To aso d#quino. !"e parla1a di ?effi!a!e persuasione@. I porre il 1angelo !on le ar i era solo un pretesto per depredare i nati1i> ?C"e te ano -io. 1endi!atore della a!!"ina(ioni per1erse. quelli !"e. !on il pretesto di propagare la fede. !on la for(a delle ar i in1adono le propriet altrui. le sa!!"eggiano e se ne appropriano@. Il pro!esso di !on1ersione pote1a solo fun(ionare se si fosse usato Cristo ed il suo essaggio !o e odello. Luso della 1iolen(a !oatti1a nel no e della 1erit assoluta pote1a solo s as!"erare la natura per1ersa di !"i pro!la a1a di rappresentarlo. Cita1a sant# brogio> ?9uando gli apostoli 1ollero !"iedere il fuo!o dal !ielo. per!"G bru!iasse i sa aritani !"e non a1e1ano 1oluto ri!e1ere 0esE nella loro !itt. egli. 1oltatosi. in1eH di!endo loro> non !onos!ete lo spirito al quale appartenete. il figlio delluo o non 1iene per andare in ro1ina le ani e. a per sal1arle@. Inoltre. una 1olta !"e il 1aso di 8andora della 1iolen(a fosse stato s!oper!"iato. questulti a a1rebbe finito per ritor!ersi !ontro i suoi perpetratori. in for(a della giusta puni(ione di1ina. #n!ora piE in!isi1a ente. !er!ando la sto!!ata de!isi1a> ?Il dottore fonda questi diritti <del re di Spagna sul Nuo1o Aondo= sulla superiorit delle ar i e sulla aggiore for(a fisi!a. 9uesto ser1e solo a porre i nostri so1rani nella posi(ione di tiranni. Il loro diritto si basa sullestensione del /erbo nel Nuo1o Aondo e sulla loro buona a inistra(ione delle Indie. Negare questa dottrina signifi!a adulare ed ingannare i nostri onar!"i e ettere in peri!olo la loro stessa sal1e((a. Il dottore per1erte il naturale ordine delle !ose. trasfor ando i e((i in fini e !iB !"e F se!ondario in fonda entale. N se!ondario il 1antaggio te porale. F fonda entale la predi!a(ione della 1era fede. C"i ignora questo "a una !onos!en(a ben li itata e !"i lo nega non F piE !ristiano di Aao etto@.
89

In 1erit. purtroppo. Las Casas era abbastan(a isolato in questa sua presa di posi(ione in Spagna. Lo stesso Soto. !"e ri!apitola1a brillante ente le argo enta(ioni dei duellanti ebbe a dire> ?se bra !"e il signor 1es!o1o K se non i sbaglio io K sia !aduto in un errore. per!"G una !osa F !"e li possia o !ostringere a las!iar!i predi!are. il !"e F opinione di olti dottori. altra !osa !"e li possia o obbligare ad assistere alle nostre predi!"e. il !"e non F altrettanto !"iaro@. In altre parole la for(a non pote1a essere usata per !ostringere alla !on1ersione a era legitti a se 1eni1ano posti osta!oli alle1angeli((a(ione. in 1irtE dello Mus defendi nos. !"e !i riporta alla bi((arra no(ione !"e gli Spagnoli. se in buona fede. erano auto ati!a ente dalla parte giusta. di !"i difende1a se stesso e il Cristo dalle ingiurie e gli assalti dei non4!redenti. Lu anista di Cordoba 1ide !"e il do eni!ano si era s!operto ed assestB un fendente> ?per lopinione se!ondo !ui gli infedeli non possono essere giusta ente for(ati ad as!oltare la predi!a(ione. si tratta di una dottrina nuo1a e falsa. e !ontraria a tutti !oloro !"e nutrirono una di1ersa opinione. Il 8apa infatti "a il potere K an(i il !o ando K di predi!are egli stesso e per e((o di altri il /angelo in tutto il ondo. e questo non si puB fare se i predi!atori non 1engono as!oltatiM per!iB egli "a il potere. per andato di Cristo. di !ostringere ad as!oltarli@. 0usta1o 0utiGrre( C0utiGrre( 199*D parla olto a proposito di ?teologia elaborata nella prospetti1a del potere@. Las Casas era assoluta ente persuaso !"e si do1esse s!ongiurare il ?peri!olo del !an!ro 1elenoso@ !"e il !ontraddittore 1ole1a diffondere. ?C"e uo o di sano intelletto K si !"iede1a. esagerando retori!a ente le 1irtE dei suoi protetti K appro1erebbe una guerra !ontro uo ini !"e sono inno!ui. ignoranti. gentili. te perati. disar ati e pri1i di ogni difesa$@. Insiste1a. poi. riportando il dis!orso nei binari del buon senso> ?Sarebbe i possibile tro1are nel ondo unintera ra((a. na(ione o regione !"e F !osH tonta. i be!ille. s!ellerata o !o unque pri1a in gran parte di un li1ello suffi!iente di !onos!en(a e !apa!it naturale da non sapersi go1ernare autono a ente@. Sep6l1eda. lo abbia o 1isto. non era dello stesso a11iso> ?In buon senso. talento. 1irtE ed u anit sono tanto inferiori agli Spagnoli quanto i ba bini lo sono nei !onfronti degli adultiI!o e le s!i ie lo sono a !onfronto degli uo ini@ < <ien puedes comprender P4h 1eopoldoQ se es que conoces las costum!res 8 naturale$a de una 8 otra gente, que con perfecto derecho los espa9oles imperan so!re estos !,r!aros del +uevo Mundo e islas ad8acentes, los cuales en prudencia, ingenio, virtud 8 humanidad
90

son tan inferiores a los espa9oles como los ni9os a los adultos 8 las muMeres a los varones, ha!iendo entre ellos tanta diferencia como la que va de gentes fieras 8 crueles a gentes clement>simas, de los prodigiosamente intemperantes a los continentes 8 templados, 8 esto8 por decir que de monos a hom!res . ?-e [!rates segundo@. )3*=. Las Casas ette1a in dubbio la !o peten(a del ri1ale> ?Non F andato a rileggersi le s!ritture !on diligen(a. o si!ura ente non "a !o preso a suffi!ien(a !o e appli!arle per!"G. in questepo!a di gra(ia e !arit. !er!a di appli!are i rigidi pre!etti della /e!!"ia Legge !"e erano stati dati in !ir!ostan(e spe!iali e quindi apre la porta a tiranni e sa!!"eggiatori. a !rudeli in1asioni. oppressioni. 1iola(ioni e il !rudo asser1i ento di na(ioni inoffensi1e@. In prati!a. non a1e1a senso !redere !"e fosse giusto fare agli Indios quel !"e -io a1e1a !o andato agli Ebrei di fare agli egi(iani e !ananiti. Sep6l1eda era da!!ordo sul fatto !"e la issione prin!ipale era !on1ertire gli indiani a. in linea !on lo spirito del Eequerimiento. ribadi1a !"e la !onquista ilitare a1rebbe fa!ilitato questo !o pito. 0li indiani si erita1ano tutto quello !"e gli era franato addosso per!"G erano !ultural ente e oral ente barbari. la !i1ilt europea era superiore e ad essa do1e1ano sotto ettersi per il loro bene. Si rifa!e1a non solo alla no(ione aristoteli!a di s!"ia1itE naturale a an!"e alla defini(ione agostiniana di s!"ia1itE !o e puni(ione per i propri pe!!ati. Lidolatria. i sa!rifi!i u ani ed il !annibalis o erano !olpe e1identi e pro1e della giuste((a della sua posi(ione. Esiste1a un diritto Clegitimus titulusD di inter1ento belli!o in difesa degli innocentes. !ioF delle 1itti e di sa!rifi!i. antropofagia. tirannia dei so1rani indigeni e delle loro leggi. aberranti nor e religiose dei popoli indigeni. e!!. Le stesse ragioni !"e legitti ano le ?guerre u anitarie@ !onte poranee. Sep6l1eda era s!"ietta ente a elegante ente ra((ista. ed in perfetta buona fede. poi!"G la sua ente era dog ati!a. ideologi!a. La ri!e(ione negati1a della sua opera in Spagna era in parte do1uta an!"e al fatto !"e a1e1a s!elto la for a espositi1a del dialogo. in luogo della tratta(ione !lassi!a. Il dialogo a1e1a enfati((ato le differen(e tra !onquistatori e indigeni fino a renderle !ari!aturali. indebolendo !osH la !ogen(a delle argo enta(ioni. 8er lui i nati1i sarebbero an!"e potuti di1entare a i!i dei nuo1i do inatori. a non pri a di essere stati soggiogati. Aentre i loro talenti a1rebbero potuto gradual ente sorpassare quelli delle s!i ie e degli orsi. i loro li iti entali fisiologi!i a1rebbero i pedito loro per lungo te po di tras!endere ?le !apa!it delle api e dei ragni@. # suo a11iso la aggior parte degli indiani non era
91

piena ente u ana. ostra1a solo una par1en(a di u anit. Lo di ostra1a la dis!repan(a tra il !oraggio. la agnani it e le 1irtE !i1ili degli Spagnoli e la natura sel1aggia dei nati1i a eri!ani. !"e rifiuta1ano le nor e e usan(e della 1ita !i1ile. Si 1alutino i te pera enti dei rispetti1i leader. es!la a1a an!ora una 1olta> ,ernan CortGs era nobile e !oraggioso. Aonte(u a era un !odardo. 8er questo gli Spagnoli erano oral ente e politi!a ente giustifi!ati nelle loro pretese di do inio assoluto. /itoria a1e1a sostenuto !"e il li1ello di aturit !i1ile e orale di al!une delle !ulture nati1e era pari a quello dei !ontadini europei e !"e era la !ultura !"e a1e1a !ausato la di1ergen(a nei per!orsi di s1iluppo. non una naturale !ondi(ione di s!"ia1i. Sep6l1eda sottos!ri1e1a questa prospetti1a. a naturali((a1a la !ultura. Non pote1a esser!i un 1ero argine di s1iluppo u ano attra1erso un pro!esso !i1ili((atore !"e non !o portasse lestirpa ento delle !ulture lo!ali. C"i non 1ole1a !apirlo si fa!e1a parte!ipe di una farsa ipo!rita. #l !"e Las Casas non pote1a esi ersi dal !"iedersi quando gli indigeni !ristiani((ati a ilioni sarebbero stati giudi!ati degni di 1i1ere da uo ini e donne libere$ Non arri1B al punto di affer are !"e do1e1ano essere las!iati !o pleta ente in pa!e. per!"G era pur se pre un e1angeli((atore. a ribadH !"e la tolleran(a era una pre!ondi(ione della !on1ersione. entre per Sep6l1eda le ne!essit del realis o politi!o e della dottrina !ristiana non las!ia1ano spa(io alla tolleran(a !"e. al assi o. pote1a seguire la !on1ersione !o pleta. 8ur a ettendo !"e !erano state 1iolen(e ed atro!it. egli ritene1a !"e il fine giustifi!asse i e((i quando in1e!e. !o e abbia o 1isto. Las Casas a oni1a !"e tradurre i e((i in fini ed i fini in e((i era una disastrosa falla!ia logi!a e orale. La !o issione !"e 1alutB la disputa. !o posta da giuristi e studiosi della s!uola di Sala an!a e del Consiglio di Castiglia e delle Indie non possede1a al!un potere for ale o legale oltre quello di offrire !onsulen(a al onar!a. I due non si in!ontrarono ai nella stessa stan(a. 9uesto !onsiglio non las!iB al!un do!u ento pubbli!o in !ui fossero registrate le loro preferen(e. #l!uni non erano stati !on1inti da Sep6l1eda a nessuno si pronun!iB a fa1ore di Las Casas. In effetti la giunta non si pronun!iB a fa1ore di nessuno dei due !ontendenti. a la onar!"ia de!ise !"e il trattato di Sep6l1eda ;e Mustis !elli causis era troppo peri!oloso e lo bandH dal Nuo1o Aondo. Lautore. pi!!ato. a!!usB il suo a11ersario di os!urare la 1erit e la giusti(ia !on uneloquen(a. una !ir!ospe(ione ed una peri(ia !"e
92

?a !onfronto l&lisse di O ero era inerte e balbettante@. 0li addebitB la responsabilit di a1er pro1o!ato ?un grande s!andalo ed infa ia !ontro i nostri so1rani@. Nella sua apologia Las Casas rispose !"e il suo ri1ale a1e1a ?diffa ato questi popoli di fronte al ondo intero@. Il grande !ardinale tedes!o Posef ,cffner. !oltissi o. anti4 na(ista e ?0iusto tra le Na(ioni@. un giorno s!risse !"e ?tra gli Spagnoli. fu il nobile Las Casas !"e !o prese piE profonda ente lo spirito del /angelo di Cristo@. La i'nit$ u(ana

Gli &ndios sono nostri fratelli e il risto ha donato la sua vita per loro. Perch( li perseguitiamo con una crudelt inumana, sen$a che ci a!!iano fatto nulla per meritare un trattamento del genere% :artolo G de Las Casas R importante riconoscere che la prosecu$ione della vita umana fisica non di per s( il principio primo e assoluto. Sopra di esso sta quello della dignit umana, dignit che nella visione cristiana e di molte religioni comporta una apertura alla vita eterna che ;io promette all)uomo. Possiamo dire che sta qui la definitiva dignit della personaB 1a vita fisica va dunque rispettata e difesa, ma non il valore supremo e assoluto. Carlo Aaria Aartini Nelle loro rispetti1e Eelectiones. /itoria e Soto sinteti((arono effi!a!e ente quali erano gli interessi e le questioni al !entro della -isputa. !ioF !osa !era in ballo> ?Con quale diritto gli indios sono stati assoggettati al do inio spagnolo@. ?quale sia la potest te porale e !i1ile dei reali di Spagna sugli indios@ e ?se sia giusto !"e un uo o possa essere signore di un altro uo o@. Sono 1erten(e !"e "anno a!!o pagnato lintera storia della atura(ione politi!a e !i1ile dellu anit. Luni1ersalis o !"e sostiene la oderna teoria dei diritti u ani risale allideale gre!o di paideia. a quello !os opolita degli Stoi!i. allu anitaris o ?giudeo4 !ristiano@. allantropo!entris o u anista del Rinas!i ento ed alla no(ione di indi1idualit de o!rati!a !"e !o in!iB ad affer arsi !on lIllu inis o. &n !a ino progressi1o !"e "a in!ontrato innu ere1oli osta!oli. Sappia o !"e i na(isti assegna1ano 1alori di1ersi alle persone e sulla base di questo !riterio arbitrario le a a1ano o odia1ano. la1ora1ano per la loro s!"ia1i((a(ione. eli ina(ione o integra(ione nella ra((a ariana. C"i assegna un
93

1alore arbitrario alle persone finis!e per a are solo quelli !"e fanno di tutto per !o pia!erlo e per detestare quelli !"e non la pensano !o e lui. La ri!etta perfetta per un disastro. 9uegli Indios !"e resiste1ano furono a!ellati e torturati. &n destino ine1itabile. questo. se!ondo Sep6l1eda. !"e nel ;emocrates 5lter giustifi!a1a la guerra !ontro quelli ?la !ui !ondi(ione naturale ri!"iede !"e debbano obbedire ad altri. qualora rifiutino tale i perio e non ri anga altra 1ia@. -i !ontro Las Casas !ontribuH a for are i rudi enti della teoria dei diritti u ani uni1ersali. !"e trae origine dalle no(ioni di dignit etafisi!a dellessere u ano e di unitariet della spe!ie u anaM queste tras!endono !riteri quantitati1i. qualitati1i e so ati!i. per riaffer are il 1alore in!ontestabile ed assoluto dellu ano prototipi!o. ideale. !"e 1a al di l delle preferen(e soggetti1e. La lungi iran(a e genialit di Las Casas in questo !a po F testi oniata dal !osiddetto 8iano Las Casas4Cisneros. ideato nel 1*17 per sal1are le !o unit indigene !araibi!"e trasferendole dalle encomiendas a 1illaggi autono i CcorregimientosD. a ai portato a !o pi ento per la orte del !ardinal ;ran!is!o Pi Gne( de Cisneros. !"e peraltro non gode1a dei fa1ori del nuo1o i peratore. Carlo /. giunto in Spagna dalle ;iandre nel 1*12. 9uesto progra a san!i1a la 1alidit di quasi tutti quei prin!ipi !"e. dopo di1ersi se!oli. sarebbero ser1iti a tra!!iare le linee guida della dottrina dei diritti u ani> la ra(ionalit degli Indoa eri!aniM il diritto alla 1ita ed allintegrit fisi!aM il diritto alla si!ure((a personaleM il diritto alla dignitM il diritto alla tutela della propria !ulturaM il diritto di asso!ia(ione ed il diritto di parola e di !onsulta(ione in fa!!ende !"e rigurdano la propria !ondi(ione giuridi!a. 8rin!ipi !"e non ne!essitano di al!una di ostra(ione. !o e san!ito nella -i!"iara(ione dIndipenden(a # eri!ana del % luglio del 1227> ?Noi !onsideria o !o e autoe1identi queste 1erit. ossia !"e tutti gli uo ini sono stati !reati uguali. !"e essi sono stati dotati dal loro Creatore di si!uri diritti inalienabili. e !"e tra questi sono la 1ita. la libert ed il persegui ento della feli!it@. Con la stessa !on1in(ione. nell2istoria. Las Casas di!"iara1a> ?Tutte le na(ioni del ondo sono uo ini. e di tutti gli uo ini e di !ias!uno di essi una sola F la defini(ione. ed essa F !"e sono ra(ionali> tutti "anno !o prensione e 1olont e il loro libero arbitrio. essendo for ati a i agine e so iglian(a di -ioM tutti gli uo ini "anno i loro !inque sensi esterni e i loro quattro interni. e !ias!uno di essi si uo1e se!ondo il suo oggettoM tutti "anno i prin!ipd naturali o se i per intendere e per apprendere e sapere le s!ien(e e le !ose !"e non sanno. e questo non soltanto in quelli di buona in!lina(ione. a
94

si tro1ano an!"e in quelli !"e per !ostu i depra1ati sono al1agi. tutti si rallegrano del bene e sentono pia!ere di !iB !"e F gustoso e allegro e tutti respingono e aborrono il ale e si irritano dello sgrade1ole e di !iB !"e nuo!e loro@. Il erito di Las Casas e di altri teologi 1ersati nella teoria politi!a e giuridi!a fu quello di !apire !"e non si pote1a fondare un giudi(io di 1alore su un 1alore !"e non sia ulti o. non ulterior ente fondabile e quindi oggetti1o. pena la !rea(ione di una !on!atena(ione infinita. e !"e questo 1alore non pote1a essere uninterpreta(ione arbitraria della 1olont di -io o di quella papale. 8ri a di tutto !era lu ano. !"e si autofonda1a. Le dottrine totalitarie !o e quella dei Conquistadores sono antiu anisti!"e per!"G. a differen(a della filosofia u anisti!a. !onsiderano superabile la persona u ana. #l !ontrario. se!ondo Las Casas ed i giuristi di Sala an!a. luo o non rientra1a nella !ategoria di !iB !"e F sottoponibile alla potest o fa!olt di appropria(ione per luso di qual!un altro. Lintui(ione fonda entale e non ra(ionali((abile era !"e la persona non "a un 1alore in base a quello !"e "a o !"e fa. a possiede una dignit assoluta ed F per questo erite1ole del nostro assoluto rispetto. La 1ita u ana F sa!ra per!"G !ias!uno "a un 1alore pari alla so a di tutte le 1ite u ane. passate. presenti e future. 9uesta dignit non deri1a es!lusi1a ente da uno status pri1ilegiato nelluni1erso. Sussisterebbe ugual ente in quanto la 1ita u ana F una !rea(ione di !"i la 1i1e. Lu anit adatta !iB !"e la !ir!onda. non 1i!e 1ersa. !o e F in1e!e il !aso degli altri ani ali. 8er questo Las Casas. !o e altri grandi !redenti della storia. assegna1a uni portan(a onu entale alla libert. in!lusa la libert di !ulto. Egli a1e1a !o preso !"e i due tipi di dignit. quella fondata sulluni1ersal ente !o une Cla dignit u ana. quella dellessere u anoD e quella !"e nas!e dalluni1ersal ente differente Cla dignit della personaD. sin!ontrano. si !ongiungono e si !oniugano nel libero arbitrio. In questo senso la teoria u anisti!a dei diritti presuppone una dottrina della dignit u ana. della sua pre(iosit e sa!ralit !"e non puB essere fa!il ente disso!iata dalla !reden(a in -io o al eno da una 1isione del ondo spiritualeOreligiosa in un senso profonda ente etafisi!o. Il diritto "a se pre a esso !"e la persona possa non essere autono a. a "a ri!onos!iuto !apa!it giuridi!a. !ioF titolarit di diritti. ai inori ed ai inorati !"e pure "anno una ridotta !apa!it di agire. La dignit ri ane intatta. per!"G essere persona F qual!osa di piE profondo e !o prensi1o dellessere autono i. La le(ione di Las Casas e dei Sal antini F !"e la !ondi(ione dellu ano non puB essere ridotta o degradata a
95

quella degli ani ali irruenti. delle a!!"ine. delle !oseOstru enti o di ba bini indo!ili o di alati !roni!i in !ostante bisogno di assisten(a. !o e 1ole1ano far !redere Sep6l1eda e quelli !o e lui. La nostra dignit deri1a in parte an!"e dalla nostra !apa!it di essere !reati1i ed auda!i nelluso della nostra libert da(ione. di pensiero e artisti!a. di essere responsabili di noi stessi e di essere un proprio progetto e non un anufatto o la !reatura di qual!un altro. 9uesto. per Las Casas. era il dato di parten(a e non ritenne ai di do1ersi sfian!are in un tentati1o di difenderlo analiti!a ente. La sua esperien(a personale era piE !"e suffi!iente. Lu anit F parte!ipe di una edesi a !ondi(ione e non esiste una igliore in!arna(ione dellu ano rispetto alle altre. -i qui la sua tolleran(a K se gli uo ini sono essen(ial ente uguali F possibile a ettere !"e possano !ontinuare ad essere superfi!ial ente di1ersi K e di qui la sua perentoria di!"iara(ione in una lettera al prin!ipe ;ilippo. datata 1*%%. !"e ?Le leggi e le regole naturali e i diritti degli uo ini sono uguali in tutte le na(ioni. !ristiane e gentili. qualunque sia la loro setta. legge. stato. !olore e !ondi(ione. sen(a al!una differen(a@. 9uando gli esseri u ani non sono oggetto di abusi e degrado "anno se pre di ostrato di eritarsi rispetto. !o prensione e affetto. Nella sua Sonda$ione della metafisica dei costumi C125*D. I anuel Xant distinguer tra esseri ra(ionali e !ose. Se!ondo Xant tutto "a un pre((o oppure una dignit. Le !ose "anno un pre((o. un 1alore equi1alente di qual!"e genere e possono essere s!a biati. 0li esseri !on dignit non "anno pre((o e non possono essere s!a biati. 8er Xant luo o non puB disporre di sG stesso per!"G non puB essere nello stesso te po persona e !osa. proprietario e propriet. per!"G questa sarebbe uninsanabile !ontraddi(ioneM ne !onseguirebbe la sua er!ifi!a(ione e la li!eit giuridi!a della s!"ia1itE. -i qui li perati1o Vantiano> ?#gis!i in odo da trattare lu anit sia nella tua persona !"e nella persona di ogni altro se pre nello stesso te po !o e un fine. e ai se pli!e ente !o e un e((o@. Ebbene Las Casas. piE di due se!oli pri a. a1e1a !o preso questa 1erit. !"e F frutto di unintui(ione orale !"e "a quasi !erta ente per!orso lintera traiettoria esisten(iale dell,o o Sapiens. non essendo una era !onseguen(a logi!a di un freddo !al!olo ra(ionale. 9uando Las Casas affer a1a !"e la sua libert F la edesi a di quella degli indigeni. intende1a an!"e dire !"e se questi ulti i non sono esseri u ani !o e lui. !ioF se non sono persone di pari dignit. allora proprio non esistono delle persone e si de1e negare lidea di u anit. #n!"e i piE deboli. alati. orenti. ental ente !arenti. ignoranti ri angono persone per la legge
96

!o e per quel senso !o une !"e an!ora tanto !o une non era e torner a non esserlo nel tragi!o 1entesi o se!olo. Las Casas si rifiuta1a di des!ri1ere il 1alore della 1ita u ana !o e una !on1en(ione legata ad una no(ione soggetti1a di legge naturale e di natura u ana. per!iB inappli!abile nel !aso degli indigeni !"e. non essendo piena ente u ani. non erano ?!operti@ da essa. 9uesto tipo di logi!a era se pli!e ente !ontrario alla sua e ad ogni esperien(a u ana di !"e !osa abbia 1alore. Il 1alore della sua e dellaltrui 1ita era intrinse!o. sen(a altre qualifi!"e. CiB !"e era do1uto a lui per il se pli!e fatto di essere u ano era do1uto an!"e agli Indios. La Su!limis ;ei non las!ia1a dubbi in ateria quando enun!ia1a> ?Considerando gli stessi indiani !o e i 1eri uo ini !"e sono@. In un !erto senso. la religione !ristiana di Las Casas era. !o e quella delle origini. unautenti!a religione dellu anit. la base ini a e non4nego(iabile per !ostruire e far fun(ionare una so!iet in !ui 1alga la pena di 1i1ere. Laspetto ri1olu(ionario. in tutto questo. F !"e -io non gio!a1a un ruolo de!isi1o. Cristo era il suo referente prin!ipale. il odello ese plare. Lantropologia filosofi!a e politi!a di Las Casas a!!etta1a lipotesi di un -io !"e. pur essendo onnipresente ed onnipotente. !on!ede1a alluo o la fa!olt di seguire o non seguire il essaggio di suo figlio. di la1orare !on Lui diretta ente e deliberata ente. oppure indiretta ente ed in!onsape1ol ente. !o e fu per #da o ed E1a. La sua filosofia orale. in!entrata su un profondo rispetto della 1ita !"e supera1a le no(ioni di ra(ionalit e legge naturaleOdi1ina. tro1a1a il suo fonda ento teori!o nel !on!etto di !ondi1isione della 1ita. nel senso di fratellan(a. !o unan(a e !o passione. nella !onsape1ole((a della nostra ortalit. 1ulnerabilit e finite((a e nella !on1in(ione !"e il prin!ipio fonda entale della oralit sarebbe do1uto essere quello se!ondo !ui !ias!un indi1iduo 1a !apito attra1erso la ore. se!ondo linsegna ento di 0esE il Cristo. -io non era responsabile nG del bene. nG del ale. era un testi one inatti1o. a parte!ipe. degli a!!adi enti. Las Casas s!ri1e1a non per esaltare -io e la sua opera. a per ris!"iarare un ondo !osH i po1erito di retroterra etafisi!o !"e i Conquistadores ed i !oloni spagnoli. sebbene ?!ristianissi i@. di fatto si tro1a1ano pri1i di altra guida orale !"e non fosse la 1olont di poten(a. agari dissi ulata dietro tradi(ioni e !ita(ioni teologi!"e. S!ri1e1a per ri!ordare ai suoi !onte poranei le parole del Cristo. il suo ese pio. la sua 1olont di !apire la realt dellaltro attra1erso unopera da ore. di giusti(ia e di !o passione. senti enti !"e di1enta1ano for e di !o prensione piuttosto !"e ere pre!ondi(ioni o presupposti !"e fa!ilita1ano lintendi ento
97

re!ipro!o. S!ri1e1a per espri ere il suo sdegno 1erso !"i predi!a1a bene e poi sgua((a1a nella realt ateriale !"e in1e!e da sola non basta. 1erso !"i si bea1a dei suoi !astelli spe!ulati1i ed era in!apa!e di raggiungere unautenti!a. piena !o prensione di quel !"e F fonda entale per la 1ita u ana. !iB !"e !i spinge ad attener!i ad una !ondotta orale. per!"G la !er!a1a nella dire(ione sbagliata. nelle defini(ioni e nelle !ita(ioni dotte. Aolte di quelle defini(ioni. !o e il do eni!ano si pegnB a di ostrare nella -isputa ed in innu ere1oli altri s!ritti. non sarebbero ri aste in piedi ad unattenta analisi. 9uel !"e i porta1a era il fatto. non la sua defini(ione e an!or piE pressanti erano la !o prensione e la sensibilit. per!"G la per!e(ione della 1ulnerabilit e ortalit !"e !i a!!o una. !i rende piE in!lini alla tolleran(a ed alla pre ura e solle!itudine 1erso il nostro prossi o. Non a !aso la ?!on1ersione@ di Las Casas allu anitaris o fu a!!elerata grande ente dalla parte!ipa(ione a spedi(ioni sanguinarie e dalla 1isione dellabbruti ento di igliaia di esseri u ani proprio !o e lui. N assai probabile !"e la personalit di Sep6l1eda fosse struttural ente in!apa!e di !o prendere il senso piE profondo degli argo enti del suo antagonista. In una lettera allinquisitore AartLn de Oli1a. datata 1 ottobre 1**1. si las!ia1a andare ad una serie di re!ri ina(ioni> ?Co e si puB 1edere. le ie pro1e erano olto piE !on1in!enti delle sue. sen(a !ontare il fonda ento della ia argo enta(ione. sen(a dubbio piE solida di quella dei iei a11ersari. Essi. F 1ero. aneggia1ano la falsa dialetti!a !on unabilit sorprendente> abituati !o e erano alle pole i!"e s!olasti!"e. forni1ano le piE strane ed ingegnose interpreta(ioni delle Sa!re S!ritture e delle testi onian(e dei Santi 8adri. distor!endo !o pleta ente il loro senso e offus!ando la 1erit piuttosto !"e las!iarla risplendere@ C!f. -i Liso. '332. p. 1*'D. Sospetto !"e quella di Sep6l1eda fosse una for a di aliena(ione dal linguaggio della ore. della tolleran(a. della !o prensione e del rispetto. #i suoi o!!"i il Nuo1o Aondo era e do1e1a essere ingiusto. !o e il /e!!"io. il !inis o era luni!o 1ero realis o ed un linguaggio analiti!o4prag ati!o era ra(ional ente piE attraente e plausibile. 8er lui non esiste1a una !o une u anit. non sussiste1ano lega i in1isibili di !arattere non utilitaristi!o !"e intesse1ano la tra a so!iale. quel isterioso potere !"e abbia o di influen(ar!i lun laltro in odi i pre1edibili !"e in!oraggia linterdipenden(a. il utuo supporto e la disponibilit a parte!ipare a progetti !o uni. 8er lui. presu ibil ente. solo la ra(ionalit e lutile so!iale erano di per sG degni di rispetto. entre per Las
98

Casas il linguaggio dellutilit ra(ionale era se pre parassitario rispetto a quello della ore e ina1a alle fonda enta la possibilit di ri!onos!ere agli indigeni una dignit orale indipendente dalla loro !apa!it di !ontribuire al bene dellI pero. Coerente ente. Las Casas ripudia1a la s!"ia1itE o la ser1itE estorta. per!"G s!a biare un indio per denaro !orro pe1a il suo 1alore. !"e appartene1a ad una sfera di1ersa. piE alta. spirituale e di1ina. ed assegna1a un 1alore spropor(ionato al denaro. La sorprendente odernit di Las Casas. !"e non era un u anista di for a(ione. a lo di1entB !ol te po. da autodidatta. fu la !o prensione !"e la libert sospinge ogni for a di uguaglian(e e luguaglian(a pro uo1e ogni tipo di libert. La libert e luguaglian(a !o portano la ri1endi!a(ione di unu anit !o une e la dignit dellindi1iduo. !"e appartiene a se stesso e non ad altri. F ar!"itetto della sua 1ita e della sua ani a. non di quella altrui. F i aginifi!o e !reati1o e la sua pelle non puB essere indossata da altri. ?Nellarringa finale. il /es!o1o del C"iapas elegge a !riterio fonda entale di giusti(ia globale lautono a soggetti1it delle popola(ioni indigene e il com6n consenso de toda la Eep6!lica 8 de todos los particulares . N un pensiero da11ero radi!ale !"e tende ad affer are. per un 1erso. luguaglian(a naturale di tutti gli uo ini e di tutti i popoli e lunit del genere u ano e. per un altro 1erso. la libert C!i1ile. e!ono i!a. !ulturale. religiosa politi!aD e la piena so1ranit delle comunidades e dei ?regni@ indigeni allinterno di unorgani((a(ione federati1a e soprana(ionale. Nel quadro di una teo!ra(ia pontifi!ia radi!al ente s1uotata di poteri te porali e ri!on1ertita alle pure esigen(e e1angeli!"e. F garantita la libert di !os!ien(a. di religione e di !ulto degli indios. an!"e di fronte ai predi!atori e alla C"iesa e1angeli((atri!e@ C-i Liso '332. p. 7%D. Si potrebbe ipoti((are. e lo si F fatto. !"e luni!o erito di Las Casas sia stato quello di a1er appli!ato le piE a1an(ate teorie giuridi!"e spagnole del te po al !aso indiano. Aa questa interpreta(ione "a il gra1e difetto di obliterare la !ausa pri a della sua ilitan(a in fa1ore dei diritti u ani e della dignit u ana. Las Casas si !o portB a quel odo per!"G to!!B !on ano lorrore di un ondo !"e non intende1a ri!onos!ere questi prin!ipi. !o e i posteri a1rebbero to!!ato !on ano lorrore del na(is o e dei 1ari totalitaris i di destra e di sinistra. Esperien(e !"e ra entano allu anit !o e sarebbe il ondo sen(a questi 1alori. il piE nobile prodotto dellingegno e della !i1ilt u ana. &n ondo do1e il ito fa apparire una !ontingen(a disu ana !o e eterna ed inesorabile. do1e uni agina(ione o !uriosit perni!iosa 1otata al ale. alla 1i(iosit ed alli pulso di orte F ? aestra dellerrore@. un gelido
99

ostro !"e genera una 1irulenta e repellente tenden(a a 1i1ise(ionare la realt e. letteral ente. le persone. Si leggano. a questo proposito. le testi onian(e di !"i a1e1a 1isto i Conquistadores. !ristiani di no e a non !erto di fatto. e1is!erare e utilare donne e ba bini indigeni. 9uesto entre uni agina(ione indolente diffonde lassitudine orale. !rudele indifferen(a e disinteresse e !ie!a. !onfor isti!a obbedien(a. &n uni1erso parallelo in !ui il dispre((o irato 1erso il di1erso. 1erso !iB !"e F ?!ontro natura@. F !orri1o !on la logi!a del !arnefi!e. dettata dallodio organi((ato e da ideali !"e. oralisti!a ente ed ipo!rita ente. si pro!la ano nobili. in piena adesione ai prin!ipi del bene. a abbrutis!ono !"i li professa e !"i li subis!e. &na di ensione do inata dallesteti!a ani!"ea della dualit. !"e si abbatte fero!e sulla dignit ed alterit dei singoli. da un !ulto del subli e. delle linee nette e pre!ise. i !onfini ben tra!!iati. i !olori ordinata ente disposti sulla ta1olo((a. tipi!o di !"i !rede !"e la belle((a sia una. ordinata e pre1edibile e non tollera !iB !"e gli appare !o e brutto. sfor ato. !aoti!o. s!iatto. s!ialbo. i pro11isato. in!oerente. fluido e edio!re. E an!"e dalla dis!iplina paternalisti!a. tanto !ara ai isantropi autoritari. quelli !"e 1edono solo brutte((a e degrada(ione naturale nellu ano non addo esti!ato. non inquadrato in una !o posi(ione ben regolata e agari an!"e esteti!a ente attraente. non pedina. preda. o bestia da so a. La lettura delle !rona!"e delle tru!ida(ioni di assa nella Nuo1a Spagna ri!"ia a alla ente la barbarie na(ista. /orrei riportare un passo di Aario Spinella. tratto da ?Ae oria della Resisten(a@ C199*. p. 1)2D. per!"G i se bra e ble ati!o della entalit della Conquista !ontro !ui si battG Las Casas> ?E i do anda1o per quale ostruosa logi!a i tedes!"i !redessero di do1er !er!are una giustifi!a(ione per tru!idare i russi. #1rebbero potuto prenderli a !aso. a forse il solo fingere !"e si tratta1a di ebrei. ser1i1a loro da pretesto etafisi!o. li assol1e1a da1anti al loro Signore@. R.-. Laing la1rebbe !"ia ato un ?siste a di fantasia so!iale@. ossia una 1isione della realt in !ui un gruppo !rede fer a ente an!"e se non !orrisponde alla realt fattuale. Las Casas era ese!rato dai !olonialisti proprio per!"G le sue denun!e produ!e1ano !repe in questo siste a iner(iale e le sue des!ri(ioni degli orrori !ostringe1ano li agina(ione di !"i risiede1a in adrepatria ad us!ire dalla odalit seletti1a ente inatti1a in qui era stata !onfinata. se pre in no e dellutile so!iale e del bene dellI pero. &na odalit !"e. pri a di Aontesinos e Las Casas e po!"i altri uo ini di fede e di u anit. era rius!ita a rendere
100

assente il presente e presente lassente. !ostruendo una realt parallela su !ui si pote1ano fare progetti !o e se questa fosse luni!a autenti!a. !o e se la realt tangibile fosse assente. o inesistente. o fosse un inus!olo pe((etto della realt !"e si 1ole1a fosse 1era. una sua !ari!atura. Co e se gli indigeni fossero da11ero nu eri. unit. quantit. ateriale da !ostru(ione o di s!arto. stru enti o i pedi enti. #llora i Conquistadores lotta1ano !on tutte le proprie energie per barri!arsi in queste fin(ioni i pedendo lo (a pilla ento di s!"i((i o getti di realt. !o parti entando la propria esisten(a. La 1erit era estirpata e sostituita !on la !reden(a. !on il !ostrutto entale. il pregiudi(io. la !ongettura. la fantasti!"eria. lubbia. il !apri!!io. il fantas a del reale. La destina(ione finale era lini aginato. !"e per gli Indios e gli Ebrei fu lini aginabile. la tentata pianifi!a(ione di unestin(ione. Non 1era spa(io per li agina(ione benigna. quella orale. !"e !i per ette di ri!onos!ere nel prossi o un nostro fratello. La !risi esisten(iale e orale di Las Casas. in1e!e. gli per ise di neutrali((are quel e!!anis o innato dellu anit !"e i pedi1a a troppi suoi !o patrioti di assegnare agli altri un grado di realt uguale al proprio. Co e Ei!" ann. !"e non era pri1o di idee. a era posseduto da idee fisse per!"G il suo pi!!olo sG agogna1a signifi!ati. linearit. !"iare((a. ordine. !o andi. laboriosit. la sotto issione appassionata ad unesteti!a do inante. intossi!ante e 1irulenta C!o e una !on1ersione religiosaD !"e depri1a la persona della !apa!it di tener !onto delle !onsidera(ioni orali. I quotidiani della Repubbli!a So!iale Italiana annun!ia1ano> ?Non si puB 1i1ere sen(a ideali. i nostri ideali sono i piE alti@. -iffi!ile distinguerli dai Conquistadores !"e. !o e loro. u!!ide1ano per!"G senti1ano di possedere un !odi!e orale intatto. per!"G erano s1iati dalla 1olont. an(i dalla ne!essit di !redere. una ro((a for a di autoinganno !"e distrugge lintegrit delle persone. trasfor andole in 1a!ui ed opa!"i stru enti di enda!it e di i oralit. Leggia o diretta ente da Las Casas. in <revissima rela$ione della distru$ione delle &ndie. li patto di queste fantasie so!iali. o iopie seletti1e. sulla dignit u ana> ?8erni!iosissi a F se pre stata la !e!it !"e "anno a1uto !oloro !ui F affidato il go1erno delle Indie. <...=. Tale offus!a ento "a raggiunto il !ol o quando sono state es!ogitate. !o andate e esse in prati!a !erte inti a(ioni da fare agli indiani. !on le quali si ingiunge loro di adottare la fede e di rendere obbedien(a ai re di Castiglia. pena la guerra a fuo!o e a sangue. la orte e la s!"ia1itE. Co e se il figlio di -io. !"e si F pur sa!rifi!ato an!"e per ognuno di loro. !ol dire. a proposito della sua legge. euntes docete omnes gentes. a1esse ordinato di fare tali
101

ingiun(ioni agli infedeli !"e 1i1ono pa!ifi!i e tranquilli nelle loro terreM !o e se a1esse !o andato !"e poi. sen(a predi!a(ione al!una nG dottrina. se questi non si fossero piegati subito a osser1arla e non si fossero dati !orpo e ani a alla signoria di un re ai 1isto nG !onos!iuto. a un re dai sudditi e dai essaggeri tanto !rudeli. spietati e orribil ente tiranni!i <...= -o1essero per !astigo perdere i beni e le terre. la libert. le donne e i figli insie e alle lor 1ite. tutti. E una !osa assurda. stolta. degna dogni ludibrio e 1ituperio> dellinferno@. Nella filosofia. !o e nella 1ita. tre sono le distin(ioni !"e !ontano> tra 1ero e falso. tra adeguato ed inadeguato e tra libero e ser1o. N su questa base !"e !ias!uno puB giudi!are se stesso ed F. i agino. questo il senso di uni portante riflessione di Las Casas. !"e a sua 1olta si rif a Sene!a> ?lo spirito u ano 1uole essere persuaso e non !ostretto. in quanto "a in sG qual!"e !osa di ele1ato e di subli e !"e non sopporta !ostri(ioni a si !o pia!e di !iB !"e F rispettabile e 1irtuoso. per!"G lo ritiene in grado di !onfer are la propria dignit@. #utenti!it. 1erit. integrit ed adeguate((a si reali((ano solo attra1erso il libero arbitrio di una ente non offus!ata. Re!uperando una sapien(a anti!a. Las Casas riaffer a1a il prin!ipio !"e il fine dellu ano F essere libero. libero di essere onesto !on se stesso e !on gli altri. di pensare !on la propria testa sen(a do1ersi ogni 1olta !"iedere !osa gli altri pensino. di 1i1ere piena ente ed abbondante ente. !ioF autenti!a ente. La !i#e&t$ 1a prescri$ione opera in favore della li!ert e mai contro la li!ert. 1a li!ert, al contrario, non si pu mai perdere per prescri$ione :artolo G de las Casas &lpiano a1e1a riassunto in po!"e for ule gli i perati1i eti!i uni1ersali !"e do1e1ano go1ernare le questioni u ane> honeste vivere C1i1ere onesta enteDM alterum non laedere Cnon danneggiare gli altriDM suum cuique tri!uere Cdare a !ias!uno il suo. !iB !"e si eritaD. Las Casas non a1rebbe a1uto nulla da e!!epire. a non a1rebbe neppure esitato a porre in !i a a questa lista ?essere libero e non s!"ia1o@. Las Casas ripete1a insistente ente !"e luo o F libero ?di for a !ostituti1a@ e !"e la libert religiosa F un !orollario ne!essario del fonda entale 1alore antropologi!o della libert e della dignit u ana. In questa sua deter inata adesione al prin!ipio della tolleran(a si s!orge la piE alta !o prensione della
102

1i!enda u ana e del essaggio e1angeli!o. dia etral ente opposta alla s!iagurata interpreta(ione agostiniana del compelle eos intrare CL! 1%. ')D. 9uesto suo s!onfinato atta!!a ento alla libert lo ri!a1B probabil ente dal suo essere dis!endente di conversos> non si !on1erte nessuno !on la paura. per!"G la fede de1essere autenti!a. altri enti non "a al!un 1alore. Il rifuto della fede non pote1a in al!un odo !o portare lado(ione di isure puniti1e. Coerente ente. Las Casas risolse diplo ati!a ente la questione della ri1olta C1*1941*))D di Enriquillo. so1rano !ristiano dei TaLno indigeni di ,ispaniola. ri!onos!endo le ragioni di questa insurre(ione e proponendo solu(ioni in grado di porre ri edio al alessere indigeno. 0li Spagnoli si do1e1ano li itare ad operare !o e ? ediatori e !oadiutori di 0esE Cristo per la !on1ersione di !osH nu erosi infedeli@ C2istoria de las &ndiasD. 8eraltro. ?infedeli@ F un ter ine !"e il do eni!ano usa1a sporadi!a ente e soprattutto a fini retori!i. 8er il resto la sua per!e(ione degli Indios era !erta ente piE si ile a quella dei po1eri del /angelo. attra1erso i quali Cristo !o uni!a la /erit. 9uello della libert !o e attributo essen(iale dellu ano F un dato !"e noi oderni dia o per s!ontato. a non !osH gli anti!"i. Linsigne filologo tedes!o :runo Snell. ne 1a cultura greca e le origini del pensiero europeo CSnell. '33'D "a rile1ato !"e nellIliade non si tro1ano de!isioni personali. Linter1ento degli dFi F deter inante in ogni s!elta e non !F 1era introspe(ione. !onsape1ole((a della propria libert. !o e non !i sono s!rupoli. ri orsi e ripensa enti. Tutto a11iene per!"G !osH de1e a11enire. al di l del bene e del ale. del giusto e dello sbagliato. Nelle sag"e nordi!"e ris!ontria o il edesi o oti1o C0ure1i!". 199*D. Il destino F installato nelleroe !o e un softRare. Leroe rispetta i suoi detta i e produ!e le !ondi(ioni adatte alla reali((a(ione delle profe(ie. Il suo fato. la sua isura di buona sorte e iserie F ri1elato dal suo aspetto Cin gre!o. "alo"agathia- il bello e il buono. assu endo for a !orporea. di1entano 1eriD e dalle sue i prese o falli enti. Le a(ioni delleroe sono e!!ani!"e. auto ati!"e. ine1itabili. per!"G de!retate dallordine !os i!o. !"e si riflette nellordine !lani!o. do1e il personale ed il so1rapersonale sono indistinguibili ed inseparabili. Non 1i F !os!ien(a personale. a solo !os!ien(a di gruppo. Non si puB dire !"e una !osa F sbagliata. a solo> ?la gente ritiene !"e questa !osa sia sbagliata@. Non esistono para etri eti!i uni1ersali a solo !ostu an(e !lani!"e e !opioni di ruolo tra andati dalla notte dei te pi. !ioF !oordinate so!io4 !ulturali da interiori((are. La itologia gre!a offre nu erosi ese pi di eroi !"e di!"iarano di essere nati per !o piere un destino
103

preordinato e per difendere il proprio no e. la propria reputa(ione. Nelle sag"e nordi!"e. !o e nelle epopee gre!"e. F arduo in!ontrare eroi !"e disobbedis!ano al andato di1ino o alle leggi della propria !itt per sal1are una !o unit CAa!ERen. '337D. Leroe gre!o. quello ger ani!o e quello giapponese non possono fare a eno di isurare il proprio 1alore in fun(ione del soddisfa!i ento delle prerogati1e asso!iate al proprio status e lignaggio. oltre !"e del !onsegui ento della gloria personale. La !i1ilt a(te!a non si dis!osta1a da questo odello iper4fatalisti!o. # partire da Aonte(u a. !"e a oni1a> ?Ed io 1oglio etterti in guardiaM sen(a al!un dubbio. tutti sare o assa!rati da questi dFi e il destino dei sopra11issuti sar di di1entare s!"ia1i e 1assalli@. 0li #(te!"i insiste1ano ossessi1a ente sulla !opertura di etallo degli Spagnoli. trattandoli !o e esseri so1rannaturali. ?dFi41enuti4dal4 !ielo@. Le loro na1i erano ?opera. !erto. piE di dFi !"e di uo ini@. CortGs era 9uet(al!oatl redi1i1o. di !ui si attende1a essiani!a ente il ritorno. Lui ne approfittB per sotto etterli. ?N la no1it. linsolito aspetto. la di1ersit !"e. insie e !on la superiorit delle !o peten(e te!nologi!"e. indu!e lassun(ione dei nuo1i 1enuti al rango di dFi@ CTodoro1 e :audot. 1955. p. WWI/D. In1e!e di !ontrastare la loro a1an(ata. li 1enera1ano. -e!i ati dalle epide ie. interpretate !o e puni(ioni di1ine. tra gli indigeni lo stupore las!ia1a il posto alla rassegna(ione ed alla!!etta(ione> ?Non !i F dato sottrar!i ai de!reti del destino@. ?!iB !"e F stato de!iso. nessuno puB s!ongiurarlo@. ?non si puB sfuggire a !iB !"e de1e a!!adere@. ?queste !ose si !o piranno. Nessuno potr i pedirle@. ?!"i non sapr !o prendere. orrM !"i !apir. 1i1r@. N an!ora Todoro1 a !o entare lu!ida ente la!!aduto> ?0li Indigeni non furono s!on1olti dal ti ore di perdere le loro terre. i loro regni o i loro a1eri. a dalla !erte((a !"e il ondo or ai era giunto al suo ter ine. !"e tutte le genera(ioni do1e1ano. or ai. s!o parire e perire. gia!!"G gli dFi erano dis!esi dal !ielo e ad altro non si pote1a pensare !"e alla fine. alla ro1ina e alla distru(ione di tutte le !ose@. Lo stesso fatalis o e deter inis o a11in!e1a gli Spagnoli. !"e legge1ano i segni e !er!a1ano nelle Sa!re S!ritture un annun!io profeti!o delle loro i prese. Las Casas non ne era i une. a la stra(iante realt della ega a!!"ina ortifera e s!"ia1ista della Conquista lo s!io!!arono ad un punto tale da non !onsentirgli piE di restare indifferente e passi1o. In lui teoria e prati!a erano indissolubil ente inter!onnessi. -a quel o ento in poi la difesa e !aldeggia ento del libero arbitrio. la ri1endi!a(ione di una sfera di libert in1iolabile nellessere u ano di1ennero la !ifra delle sue parole ed a(ioni.
104

N degno di nota il fatto !"e. forse intuiti1a ente o forse in!ons!ia ente. Las Casas !olse la perni!iosit della fusione di pessi is o. fanatis o e deter inis o bio4!ulturale Clordine esistente riflette innate propor(ioni di talento ed intelligen(aD e si fe!e un punto donore e di prin!ipio di de olire ogni singolo pilastro portante di questedifi!io anti4u ano ed anti4!ristiano. !osH idoneo a far e ergere ed irrobustire le peggiori pulsioni dellani o u ano. Egli ripudia1a il desiderio e lillusione di appartenere ad unGlite pri1ilegiata K una ra((a spirituale do inante K. li perati1o di s1uotarsi della propria !os!ien(a. personalit e libero arbitrio. linfantilis o i posto agli indigeni. le rela(ioni strenua ente gerar!"i((ate. la fobia del di1erso. il pre1alere dellidea astratta sulla persona. dellobbedire sul pensare. del ser1ire sulla are. del 1egetare sul 1i1ere. dellu ilia(ione sullu ilt. del !onfor is o spirituale sulla 1ita dellani a. delle ripeti(ioni a pappagallo sulla !onsape1ole((a. del fine di plas are il prossi o in1e!e di aiutarlo fiorire. #bbia o detto !"e il suo !redo politi!o era in!entrato sul prin!ipio di libert. 8er Las Casas -io stesso F prin!ipio di libert. In una lettera al prin!ipe ;ilippo. datata '3 aprile 1*%%. s!ri1e> ?Tutti gli indiani !"e 1i si tro1ano de1ono essere !onsiderati liberi> per!"G in 1erit lo sono. in base allo stesso diritto per !ui io stesso sono libero@. &na !onsidera(ione profonda ente in anti!ipo sui te pi. 8o!o eno di %33 anni dopo. un grande a11o!ato statunitense. Claren!e -arroR. era an!ora !ostretto a spiegare alla giuria !iB !"e a1rebbe do1uto essere auto4e1idente. e !ioF !"e ?potete proteggere le 1ostre libert a questo ondo solo se proteggete la libert altrui. 8otete essere liberi solo se io sono libero@. Le ra ifi!a(ioni di questo assunto a li1ello so!io4politi!o a1rebbero potuto essere diro penti. se fossero state re!epite in Europa. 8er Las Casas. la gente do1e1a poter 1i1ere in !o unit politi!a ente organi((ate. essendo soggetta al ini o !ontrollo ne!essario a farle fun(ionare. Non era le!ito usare il pretesto della riottosit per i porre regi i di dispotis o illu inato. La libert dei singoli do1e1a essere lobietti1o finale. per!"G sen(a la libert la ragione. !"e fa propendere le persone per una 1ita so!iale pa!ifi!a ed ar oniosa. non a1rebbe potuto ri!er!are il bene ed e1itare il ale sen(a in!ontrare restri(ioni. Ogni restri(ione era un passo 1erso il ale. Se il libero eser!i(io della ragione !ostitui1a un diritto u ano fonda entale per gli Europei. lo stesso do1e1a 1alere per i nati1i a eri!ani. Ne eno il papa pote1a re1o!are questo diritto. neppure a benefi!io delle1angeli((a(ione. per!"G il pontefi!e non a1e1a al!una autorit sui non4Cristiani e non pote1a autori((are la puni(ione dei loro pe!!ati o ordinare la ri o(ione dei loro !api. Ogni
105

!on1ersione do1e1a essere libera e 1olontaria. nessun uso della for(a pote1a essere !ondonato. ?0li #postoli fa!e1ano appello alla sola persuasione. 0esE non li "a ai autori((ati a !ostringere !oloro !"e non 1ole1ano as!oltare o ad infastidire !"i!!"essia. -o1e1ano in1e!e ar arsi di una grande pa(ien(a. poi!"G le ani e si !onquistano soltanto !on la dol!e((a della 1o!e. il 1olto u ile e laffabilitIEssi do1e1ano testi oniare il loro dispre((o dei beni te porali. e la loro !ondotta do1e1a essere buona e i !ostu i irreprensibiliI0li #postoli non furono ai 1isti persegitare o u!!idere un essere u ano. ne eno i loro ne i!i@. La predi!a(ione do1e1a dunque a11enire ?quieta ente. tranquilla ente e dol!e ente. utili((ando un odo !al o e soa1e. rogati1o ed attraente. ed in inter1ali di te po su!!essi1i. affin!"G si possa pri a di tutto pensare sulle affer a(ioni !"e 1engono proposte ed inferire se !rederle e dare il !onsensoI.In !on!lusione. F indipensabile disporre di te po suffi!iente per as!oltare. pensare. dis!orrere e deliberare su !iB !"e 1iene proposto !osH da !onos!ere se sono 1eritiere o false. se sono degne od indegne le !ose alle quali prestia o il nostro assenso@ C ;e unico vocationis modo omnium infidelium ad veram religionem D. Rifa!endosi al pensiero di /itoria. Las Casas ribadi1a !"e se una !o unit indiana si rifiuta1a di as!oltare la parola del Signore o di osser1are leggi di1erse dalle sue non li si pote1a !ostringere a farlo. Puan de la 8eYa. studente di Cano e Carran(a e legatissi o a Las Casas. !ondi1ide1a lopinione di questo suo a i!o fraterno> la fede F un dono soprannaturale. nessuno puB essere !ostretto a ri!e1erlo. altri enti F tirannia. Aentre se!ondo Sep6l1eda gli s!"ia1i afri!ani sta1ano eglio da s!"ia1i !"e da uo ini liberi in #fri!a. de la 8eYa repli!a1a !"e solo in una !ondi(ione di !o pleto !aos so!iale e 1iolen(a generali((ata si pote1a dire una !osa del genere e non era !erto il !aso nG degli #fri!ani nG degli Indiani. 9uanto alla distin(ione tra superiori ed inferiori. il giurista sal antino !"iede1a retori!a ente se il re di Spagna a1rebbe a1uto il diritto di inter1enire in ;ran!ia se si fosse stabilito !"e gli Spagnoli erano superiori in intelligen(a. 8er entra bi. il 1es!o1o del C"iapas ed il giurista. gli indios a1e1ano il diritto naturale di for are la so!iet !"e preferi1ano ed in # eri!a non sarebbe stato illegale per dei Cristiani essere soggetti. 1olontaria ente. a non4Cristiani. 1isto !"e la so1ranit indiana sulle proprie terre era legitti a e linter1ento spagnolo era illegale quando !o porta1a lespropria(ione di terre. La supre a(ia spagnola sarebbe stata autori((ata solo da una libera s!elta da parte di una aggioran(a degli indigeni.

106

Nel prea bolo alla sua opera piE i portante dal punto di 1ista della teoria politi!a. il ;e regia potestate. pubbli!ato postu o a ;ran!oforte nel 1*21 e su a del suo pensiero negli ulti i tre anni di 1ita. Las Casas di!"iara1a solenne ente> ?-allini(io del genere u ano tutti gli uo ini sono liberi per diritto naturale e per il diritto dei popoli. La libert F uguale per tutti@. 9uestopera F. sostan(ial ente. un trattato politi!o sulla libert delle persone e dei popoli in un ondo in !ui il pontefi!e eser!ita1a una potest e!u eni!a a es!lusi1a ente spirituale e il so1rano non a1e1a al!un potere !"e non fosse stabilito sulla base del !onsenso dei sudditi K nulla su!iectio imposita fuit sine consensu populi . Il popolo. s!ri1e1a Las Casas. F la !ausa effi!iente e finale di ogni autorit legitti a e la legge "a lo s!opo di fungere da garan(ia della libert dei !ittadini !ontro larbitrio dei forti e prepotenti. Sulla stessa linea. al!uni se!oli dopo. si uo1er il pensiero del religioso e politi!o fran!ese Pean4:aptiste ,enri La!ordaire C153' K 1571D. uno dei fondatori del !ristianesi o oderno. !"e parafrasando Rousseau. senten(ia1a> ?Tra il debole e il forte. tra il po1ero e il ri!!o. tra il ser1o e il padrone. F la libert !"e oppri e ed F la legge !"e affran!a@. 8er Las Casas la so!iet ideale era quella do1e i !ittadini elegge1ano i propri dirigenti K per li!eram electionem K e. nel farlo. non perde1ano la propria libert. C"i anda1a al potere non si do1e1a sentire autori((ato a !ostringere le persone ad agire a detri ento proprio o del bene !o une al di fuori della !orni!e legislati1a e del diritto naturale. 9uesto era un diritto originario. uni1ersale e ne!essario. indi1isibile. !"e a!!o una1a tutti gli esseri u ani nella stessa isura ed era i pres!ri1ibile. Seguendo la le(ione stoi!a. !on riferi ento espli!ito a Ci!erone. Las Casas sostene1a !"e tutte le na(ioni ed i popoli. per il se pli!e fatto di esistere. a pres!indere dalle loro !reden(e e !ostu an(e. erano liberi e do1e1ano ri anere tali. Non a1rebbe a1uto senso. e sarebbe stato !ontrario al diritto naturale. !redere !"e dopo la 1enuta di Cristo i non4!redenti fossero stati pri1ati dei loro diritti. trasferiti istantanea ente ai !redenti. !o e se questi fossero gli uni!i. 1eri uo ini. ;urono nu erosi i issionari !"e. pur denun!iando linfa ia del siste a neofeudale e gerar!"i!o dell encomienda. !on!lusero !"e forse quello era un ale inore. luni!a aniera per porre ri edio al disastro. pri a !"e a!quistasse un !arattere definiti1o. Confida1ano nel fatto !"e. !on al!uni !orretti1i. nel Nuo1o Aondo la for(a dei signori sarebbe stata te perata dai do1eri 1erso i sottoposti e da una tutela paternalisti!a illu inata. Las Casas non fu ai di questo a11iso. #!!usato di a1ere in ente una teo!ra(ia
107

sa!erdotalista ana!ronisti!a. in realt il radi!alis o !ristiano di Las Casas a1rebbe de olito qualunque struttura pira idaleM seguendo lese pio di 0esE il Cristo. appunto. Non a11ersa1a gli encomenderos a lencomienda. Era pronto a redistribuire le ri!!"e((e restituite ai !oloni ri!!"i an!"e ai !oloni po1eri. !"e a1rebbero !o unque potuto !ontinuare a ri!e1ere una parte dei profitti di un la1oro indiano libero da 1in!oli di sfrutta ento padronale. in un regi e di equa sparti(ione delle risorse. Non era un fanati!o indigenista. a un sin!ero !ultore della giusti(ia e della libert. libert !"e non a1rebbe a1uto senso in una !ondi(ione di iseria e dispera(ione. do1e non sarebbe possibile una genuina adesione alla 1erit. un sin!ero atto di fede. -altra parte per Las Casas un di1erso grado di s1iluppo !i1ile e benessere e!ono i!o non ina!!ia1a lunit fonda entale del genere u ano. &nuguaglian(a ontologi!a. radi!ata nella legge naturale e di1ina. fonda1a luguaglian(a giuridi!a degli uo ini. La no(ione di un diritto !"e esiste1a nella natura. pote1a essere ri!onos!iuto dallu anit e 1eni1a pri a delle leggi spe!ifi!"e era unidea piuttosto diffusa nella !ristianit e nellu anesi o del te po. Las Casas perB. !o e altri. si augura1a !"e il Nuo1o Aondo di1entasse il luogo deputato ad un esperi ento nuo1o> la possibilit di disfarsi della frenesia er!antile e di ettere il prati!a il essaggio del Cristo. S!ri1e Las Casas> ?#iuta olto queste terre ad essere feli!issi e e fertilissi e laria tanto !le ente e le uta(ioni del !li a tanto opportune e fa1ore1oli. !osH !"e pur !ol po!"issi o la1oro !"e queste genti !o pi1ano. oltissi o a1an(a1a a tutti. e in ogni parte a1e1ano il ne!essario. Non si F ai 1ista tra loro la fa e se non dopo !"e !i arri1a o noi !ristiani. !"e in un giorno gli angia1a o e sperpera1a o tutto quello !"e a loro basta1a per antenere le loro fa iglie per due esi. In questQisola Ispaniola. e in quella di Cuba e in quella di San Puan e 0ia ai!a. 1i erano infiniti 1illaggi. !on le !ase 1i!ine e !on olti abitanti uniti di di1ersi parentadi. E poi!"F in questQisola era !onsolidata la pa!e e lQa!!ordo tra al!uni popoli e regni e gli altri. non ebbero ne!essit di unirsi in olta gente e di for are !entri abitati assai 1asti> !osH 1i erano !o une ente 1illaggi di !ento. due!ento e !inque!ento abitanti> di!o !ase in !ui di ora1ano die!i e quindi!i abitanti !on le loro donne e i loro figli. E questo F assai note1ole e si!uro argo ento della bont naturale. ite((a. u ilt e a or di pa!e di queste na(ioni. !"e in una !asa di paglia la quale a1r trenta quaranta piedi di 1ano. ben!"F rotonda. e !"e non "a ritirata nG luog"i appartati. possono 1i1ere die!i quindi!i abitanti per tutta la 1ita. sen(a !"e i ariti !on i ariti. nF le ogli !on le ogli. nF i figli !on i figli abbiano litigi o !ontese. piE
108

!"e se fossero tutti figli di un padre o di una adre. N !"iaro !"e se ne a1essero tra loro e non 1i1essero in pa!e. dQa ore e dQa!!ordo. non si potrebbero sopportare. e per !onseguen(a sarebbe ne!essario !"e uno degli abitanti. per 1i1ere in pa!e. si allontanasse dallQaltro> sappia o bene quante 1olte a!!ade tra noi !"e figli e genitori non possano 1i1ere uniti nella stessa !asa@ C 5pologetica 2istoriaD. Lideali((a(ione dellu anit indigena F !"iara ente intesa ad irrobustire in se stesso e nel lettore la fede nella reali((abilit del disegno di1ino !o e era stato delineato nel Nuo1o Testa ento. in 1ista del Aillennio. del ritorno del Cristo. un e1ento in !ui Las Casas !rede1a fer a ente. E!!o un altro brano !"e s1ela lirrealisti!o utopis o las!asiano> ?Tutte queste uni1erse e infinite genti dogni ra((a o na(ione. -io le "a !reate se pli!i. sen(a al1agit nF doppie((e. obbedientissi e ... e piE di ogni altre al ondo u ili. pa(ienti. aliene da risenti enti. da risse. da liti. da aldi!en(e. sen(a ran!ori. odi. desideri di 1endetta. Sono dintendi ento !"iaro. libero e 1i1a!e. assai !apa!i e do!ili per apprendereogni buon insegna ento ... Tra questi ... giunsero gli spagnoli ... e altro non "anno fatto. da quarantanni a questa parte ... !"e stra(iarli. a a((arli. angustiarli. tor entarli e distruggerli !on !rudelt straordinaria@. Noi oggi sappia o !"e gli indigeni sape1ano essere tanto fero!i quanto gli Spagnoli. a in quel o ento il 1es!o1o del C"iapas do1e1a per for(a alterare la realt per !ontrastare altre e piE letali !ontraffa(ioni della 1erit !onfe(ionate dai Conquistatori. i pegnati a ini i((are responsabilt e pla!are !os!ien(e. Aa. allora. !osa distingue1a lesteti((a(ione della realt indigena operata da Las Casas dalla de oni((a(ione Senofobi!a dei suoi a11ersari$ Il fatto !"e le sue inten(ioni erano bene1ole$ -i buone inten(ioni sono lastri!ate le strade !"e !ondu!ono allinferno. 8osto !"e le Sa!re S!ritture sono state i piegate per giustifi!are guerre i perialiste. torture. !ro!iate. !a!!e alle streg"e. sa!re inquisi(ioni. e!!. !redo si possa dire !"e solo un estetis o bene1olo puB dar !onto della legitti at dei diritti u ani. Le patia. il fonda ento della dignit u ana. F una si patia i aginati1a. un a!!res!i ento di 1ita. Solo la persona e pati!a F real ente 1i1a ed ogni li ita(ione alla si patia i aginati1a F un i pulso di orte. li pulso a restringere i argini di libert della 1ita. Las Casas. quando raggruppB !oloni e indigeni nella sua !o unit speri entale 1ene(uelana. !"iese loro di fare in odo !"e le loro differen(e e pregiudi(i non deter inassero le loro intera(ioni. 9uesto F il nu!leo !entrale del pensiero de o!rati!o> le persone non sono uguali per natura. a lo sono nella so!iet e. per i
109

!redenti. agli o!!"i di -io. spiritual ente. O. nelle parole di Si one Ueil. ?la 1irtE soprannaturale della giusti(ia !onsiste nel !o portarsi esatta ente !o e se !i fosse uguaglian(a quando uno F piE forte in un rapporto diseguale@. -i !onseguen(a. Las Casas dedi!B la sua 1ita alla lotta alle !on!e(ioni antropologi!"e deter inisti!"e !"e negano il libero arbitrio e la !os!ien(a e quindi legitti ano li posi(ione del ?bene@. uffi!ial ente la prin!ipale issione della !ro!iata iberi!a nel Nuo1o Aondo. Las Casas era !ontrario ai guardiani della fede. Crede1a in -io e in Cristo e nella issione e!u eni!a ed e1angeli((atri!e della C"iesa. a non intende1a prendere il !ontrollo delle 1ite degli indigeni professando autoinganne1oli oti1a(ioni u anitarie> se gli indigeni non 1ole1ano abbra!!iare il /erbo. solo -io a1rebbe potuto deliberare sulla sorte delle loro ani e. 8iuttosto. la sua i posta(ione di u anesi o !ristiano e Eespu!lica hristiana era per olti 1ersi affine a quella della dottrina so!iale della C"iesa e fu a11ersata da una parte dellestablis" ent e!!lesiasti!o fin dai te pi del Con!ilio di Trento. #n!ora nel 15)' 0regorio W/I s!o uni!a1a La ennais per a1er propugnato la li!ert di coscien$a. unidea !"e il pontefi!e qualifi!a1a !o e ?delirio@. Solo nel 197*. !on un ritardo di !ir!a %33 anni rispetto a Las Casas. la di!"iara(ione ;ignitatis humanae del Con!ilio /ati!ano II appro1a1a quel edesi o ?delirio@> ?9uesto Con!ilio /ati!ano di!"iara !"e la persona u ana "a il diritto alla libert religiosa. Il !ontenuto di tale libert F !"e gli esseri u ani de1ono essere i uni dalla !oer!i(ione da parte di singoli indi1idui. di gruppi so!iali e di qualsi1oglia potest u ana. !osH !"e in ateria religiosa nessuno sia for(ato ad agire !ontro la sua !os!ien(a nG sia i pedito. entro debiti li iti. di agire in !onfor it ad essa. <I= Inoltre di!"iara !"e il diritto alla libert religiosa si fonda real ente sulla stessa dignit della persona u ana. <I=. Leser!i(io della religione. per sua stessa natura. !onsiste an(itutto in atti interni 1olontari e liberi. !on i quali lessere u ano si dirige i ediata ente 1erso -io> e tali atti da unautorit era ente u ana non possono essere nG !o andati. nG proibiti@. Las Casas F un pensatore !o piuta ente ed autenti!a ente anti4totalitario. forse uno dei pri i. forse uno dei grandi. Non sogna 1ere e proprie utopie per!"G la sua F unesperien(a in presa diretta. Sa di !osa "anno bisogno gli indigeni. !onos!e i loro proble i. !apis!e i loro desideri. Interagis!e !on persone in !arne ed ossa. persone !"e a a. nelle quali ries!e ad identifi!arsi e pati!a ente. 9ual F allora lalternati1a proposta da Las Casas$ Lidea F quella di ?propagare la sua <di -io= santa C"iesa e forse trasferirla del tutto
110

di l@ C2istoriaD. !ioF lontana dalle tenta(ioni e !orru(ioni del /e!!"io Aondo. per ripartire da (ero. !o e i pri i Cristiani. Non F i une da paternalis o. !o e si desu e da una lettera in !ui di!"iara !"e ?bisogna strappare questa terra al potere dei padri snaturati e darle un arito !"e la tratter in odo ragione1ole e se!ondo i suoi eriti@. 8erB non stabilis!e siste i di gerar!"ie e di potere pronti a plas are unu anit ideale in una so!iet ideale. Non 1i F al!una sin!roni((a(ione di !orpi. enti ed atti per !onseguire una produtti1it otti ale. La regola enta(ione statale non F per nulla in1adente. an(i. abbia o 1isto !"e !rede1a fer a ente !"e il fine ulti o di ogni istitu(ione do1e essere la libert delle persone. Las Casas F stato a!!usato di far ri!o parire la !ostri(ione alla !on1ersione surretti(ia ente sotto for a di indottrina ento e di in!enti1i orali. 9uesto era probabil ente 1ero nel pri o Las Casas. quello !"e non era an!ora stato s!onfitto dalla realtM il Las Casas aturo F !a biato. Ai pare !"e Carlos Castillo abbia repli!ato piE !"e soddisfa!ente ente a queste !riti!"e C199). p. '9D. elen!ando le idee !entrali della teologia politi!a las!asiana> ?9uella di libert totale. !ioF la libert degli indios in tutti i sensi della 1ita u ana. !o e !ondi(ione pre!edente alla!!etta(ione della fede> libert di 1i1ere. di riprodursi di essere popoli. di essere persone. di autogo1ernarsi. di antenere i propri !ostu i. perfino di !redere nei propri dFi. 9uella di !on1ersione. non solo !o e !a bio di religione al !ristianesi o. a an!"e !o e nuo1a !o prensione della fede. partendo dalle !ose positi1e dei propri !ostu i. 9uella dellatteggia ento e1angeli((atore. do1e il predi!atore F soprattutto qual!uno !"e de1e !o portarsi !o e ?suddito@ degli indios !"e e1angeli((a. 9uella di difesa naturale. per e((o della quale ri!onos!e !"e gli indios non sono ribelli per!"G non sono sudditi di nessuno. Si difendono soltanto e natural ente per!"G sono atta!!ati@. 8er olti 1ersi Las Casas aspira ad una so!iet libera. in !ui si de1e per ettere !"e le !ose pro!edano da sG. !on odera(ione e isura. per!"G lordine di1ino si prender !ura di tutto e le nor e di !ondotta predi!ate dal Cristo sono suffi!ienti a far fun(ionare la so!iet in odo equo. ar onioso e solidale. E!!o !osa s!ri1e nell2istoria> ?Il 1ero ri edio non era altro !"e di las!iarli nelle proprie terre nati1e e paeselli !"e a1e1ano. per po!"i !"e fossero. e !on!edere loro tutta la libert. affin!"G sapessero !"e non do1e1ano ser1ire ai piE gli spagnoli. e di tanto in tanto fa!essero loro 1isita i religiosi per insegnare la dottrina !ristiana. e !osH riprendessero a oltipli!arsi !o e !onigliIsH !"e fossero !erti di do1ersi godere la propria libert e !"e i loro la1ori non do1essero
111

goderseli i loro !apitali ne i!i. !"e tanto disonesta ente li a1e1ano eli inati dalla fa!!ia della terra@. Il di1ario tra questutopia e la aggior parte delle utopie u aniste del suo te po 1a ri!er!ato e1idente ente nelleser!i(io del potere e del !ontrollo. Non puB esistere un 1ero !ontrollo se !i sono solo persone disponibili a !ontrollare. Ser1e an!"e una aggioran(a di persone. di indigeni. !"e desidera essere !ontrollata. Lapparato de1e !olti1are una fantasia di soggioga ento 1olontario e spontaneo !"e !o in!ia !on linfan(ia e !"e antiene la popola(ione in uno stato di infantilis o prolungato. N questo lo spirito delle proposte di Sep6l1eda. olto si ile al dispotis o !o e la1e1a profeti((ato #leSis de Toque1ille nel 15%3> ?8iE esteso. eno 1iolento e degraderebbe gli uo ini sen(a torturarli. La 1iolen(a a11err. a solo in periodi di !risi. !"e saranno rari e passeggeriI#l di sopra di questa folla 1edo innal(arsi un i enso potere tutelare. !"e si o!!upa da solo di assi!urare ai sudditi il benessere e di 1egliare alle loro sorti. N assoluto. inu(ioso. etodi!o. pre1idente e persino ite. #sso iglierebbe alla potest paterna. se a1esse per s!opo. !o e quella. di preparare gli uo ini alla 1irilit. Aa. al !ontrario. non !er!a !"e di tenerli in uninfan(ia perpetua@. &na tirannia as!"erata da utopia !"e a inistra una giusti(ia inflessibile e spietata. ossia le ana(ione della 1irtE ed espressione della 1olont so1rana della !asta do inante. &n ?autis o !olletti1o@. un onis o !"e antiene gli inferiori in uno stato di ser1ilis o e subordina(ione. !o e dei burattini. dei se i4idioti. 8urtroppo per olti indios del nostro te po. questo in!ubo si F a11erato. a Las Casas fe!e da11ero tutto quello !"e era in suo potere per e1itare il presente degrado della loro !ondi(ione. ;ino allulti o. Nel 1*7*. a po!"i esi dalla sua orte. i possibilitato a parlare di persona. in1iB il suo ulti o e oriale al Consiglio delle Indie. do1e riassunse per so i !api le !on!lusioni di e((o se!olo di a11o!atura in difesa degli indigeni e del genere u ano> ?Tutte le guerre. !"e !"ia arono !onquiste. furono e sono in giustissi e e proprie dei tiranni. Tutti i regni e do ini delle Indie li abbia o usurpati. Le en!o iendas o reparti ientos di indios sono piE !"e iniqui e di ?per sG@ !atti1i. e !osH pure arbitrari. e questo odo di go1erno tiranni!o. Tutti !oloro !"e le !on!edono pe!!ano ortal ente. e !oloro !"e le detengono sono se pre in pe!!ato ortale e. se non le las!iano. non si potranno sal1are. Il re. nostro signore. !"e -io renda prospero e !onser1i. !on tutto il potere !on!essogli da -io. non puB giustifi!are le guerre e i furti fatti a queste genti. nG i suddetti reparti ientos o en!o iendas. piE di
112

quanto possa giustifi!are le guerre e i furti !"e fanno i tur!"i al popolo !ristiano. Tutto quanto loro e largento. perle ed altre ri!!"e((e giunte in Spagna. e !"e nelle Indie si er!anteggiano tra i nostri spagnoli. sono furti !on po!"issi e e!!e(ioni. Se !oloro !"e lo "anno rubato ed oggi rubano !on le !onquiste e !on i riparti ientos o en!o iendas e !oloro !"e di esso parte!ipino non lo ri borsano. non si potranno sal1are@. 9uesta F lutopia di Las Casas> un popolo libero di !ittadini liberi. so1rani sulle loro terre e beni. !"e aturano !on i loro te pi e nei loro odi e !"e "anno la possibilit di farlo an!"e gra(ie alla parola di 0esE il Cristo. Ci 1ollero se!oli pri a !"e questi prin!ipi basilari del diritto interna(ionale e delle issioni e1angeli!"e fossero re!epite dai piE. E an!ora adesso ri ane il ti ore !"e da un giorno allaltro i nostri benea ati diritti e prin!ipi possano essere essi seria ente in dis!ussione dal prossi o auto!rate e dalla prossi a oligar!"ia dispoti!a. Unant&o%o!o'ia e!!a s%e&an,a

0li s!ritti di Las Casas non for ano ununi!a opera filosofi!o4 antropologi!a strutturata. Il suo intento era di1erso. !ioF quello di ri be!!are ogni assalto teori!o alla natura u ana e pari dignit dellindio. 8er questo le ripeti(ioni e le !ontraddi(ioni abbondano e si de1e an!"e a ettere. !on onest. !"e il suo argo entare F tuttaltro !"e li pido e lineare. La 1ee en(a e la prolissit rendono i suoi trattati di non fa!ile lettura. per un lettore !onte poraneo. Ri!"iedono una !ostante atten(ione per non fraintendere il senso di un ragiona ento non se pre ben arti!olato. !"e talora pe!!a di se pli!is o. s!arsa !"iare((a. ingenuit. li itata organi!it, !oesione e siste ati!it. Si puB ipoti((are !"e gli a bienti in !ui espone1a le sue tesi non si sarebbero a!!ontentati dei se pli!i reso!onti della sua in!"iesta antropologi!a e in1estigati1a e !"e !iB lo abbia !ostretto ad i pro11isarsi saggista e !ronista. Eppure ri ane la netta i pressione di unonesta !oeren(a !on!ettuale e orale. Las Casas non te e1a le !onseguen(e delle sue requisitorie per!"G era si!uro di essere dalla parte della giusti(ia e della 8ro11iden(a. di lottare !ontro la stessa iniquit denun!iata da 0esE il Cristo. Si pone1a a 1iso aperto. sen(a ipo!risie. tentenna enti. ripensa enti. astu(ie !"e al si !on!ilia1ano !on la sua 1isione dellu ano e della sua issione uni1ersale> luo o desidera il bene ed e1ita il ale. se ne F !onsape1ole. per!"G questo F il fine per !ui F stato !reato da -io. Co e 8itagora. So!rate e :oe(io. Las Casas
113

era !on1into !"e ?nel !uore delluo o F infuso un naturale anelito per il 1ero bene@. !osi!!"G alla fine giunge quasi se pre a destina(ione ?!o e lubria!o !"e non sa per !"e strada sia rius!ito ad arri1are a !asa@ C;e unico vocationis modo omnium infidelium ad veram religionemD. Il Aale F unassen(a di :ene. di sapien(a. un a an!o. non unaggiunta di qual!osa. Le fa!olt ra(ionali u ane. se ben !olti1ate !on ledu!a(ione. non pote1ano !"e dare buoni frutti. ?sani e benefi!i@ Csanos 8 provechososD. Co e si 1ede. quella di Las Casas era unantropologia positi1a. otti isti!a. rifor atri!e. anti4rea(ionaria e libertariaM era l?antropologia della speran(a@ di un uo o !onte plati1o !"e tenne se pre gli o!!"i spalan!ati di fronte alla realt. 8adre /i!ente de Couesnongle C19174199'D. an!"e lui do eni!ano. "a des!ritto !on rara aestria il dono dello sguardo antropologi!o4!onte plati1o> ?Non si tratta di passeggiare distratta ente in e((o alla gente. a di antenere lo sguardo attento su tutto quel !"e !i !ir!onda> queste persone. i loro 1olti. il loro passo. la po1ert dei loro 1estiti o linsolen(a della loro pettinaturaISaper !er!are. indo1inare quel !"e non si 1ede> falli enti. sofferen(e. aspira(ioni. S!oprire po!o a po!o !iB !"e tutto questo signifi!a nella 1ita di tutti questi uo ini. di tutte queste donne. di questi gio1ani. per loro stessi e agli o!!"i di -io@. &no sguardo !"e ?sa se pre rendere attuale quello al te po stesso di1ino ed u ano del Cristo K il piE !onte poraneo di tutti gli uo ini K sulla folla. sui alati. tutti quelli !"e sono posseduti dal aleM il denaro. le ingiusti(ie. una sessualit esa!erbata. il potere illi itato. lodio. In questa folla. !"i F Aaddalena. !"i aa!!"eo. i pubbli!ani. il sa!erdote ed il le1ita !"e 1anno da 0erusale e a 0eri!o$ C"i solo quelli !"e agognano di sentire 0esE. agari an!"e sen(a essere !onsape1oli di lui$ <I=. # i ita(ione di !iB !"e F Cristo nel suo essere e nella sua ora(ione. questa !onte pla(ione de1e essere il punto di unifi!a(ione pri1ilegiato. nella nostra 1ita. tra la fede ed il ondo@. N in for(a di unanaloga ispira(ione !"e Las Casas di!"iara1a !"e alluo o pote1a e do1e1a essere !on!essa piena libert di disporre della sua persona e della sua !os!ien(a in !onfor it alla sua 1olont e dis!re(ione per!"G in ogni !aso la ragione. -io. la ri1ela(ione !ristiana e la sua naturale so!ie1ole((a e religiosit a1rebbero pro11eduto a guidarne i passi. per quanto esitanti e riottosi. La for(a 1itale della natura. in!lusa quella u ana. era sen(a a!!"ia. in!orrotta. Tro1o olto bella e a!uta una !onsidera(ione di ;ernando Aires C1991. p. 199D sulla passione quasi ania!ale di Las Casas per la natura> ?Nelle dettagliate. a 1olte noiose. a 1olte bellissi e des!ri(ioni della natura !"e !i offre Las Casas. tro1ia o
114

lo s!ien(iato !"e !er!a le !o ponenti esatte tra la biente naturale e lessere so!iale e. al te po stesso. il !redente !"e 1i1e un profondo a ore per tutti gli oggetti della ?!rea(ione@. !o F di ostrato nelle des!ri(ioni dei tipi di pane !"e angia1ano gli Indios. degli alberi. delle pietre. dei fiori. In tutti gli oggetti 1ede una ri1ela(ione dei isteri della 8ro11iden(a e nei lega i tra oggetti ed esseri u ani tro1a la ri1ela(ione dei isteri dei rapporti so!iali. politi!i e !ulturali degli Indios. Teologia e antropologia. fede e s!ien(aM sono parti inseparabili del etodo di analisi di Las Casas@. Il nostro !"ieri!o era estre a ente !urioso. /ole1a !apire !iB !"e non !onos!e1a. 1ole1a esplorare la Crea(ione per indi1iduare i segni del di1ino. Aolto !orretta ente. il giurista tedes!o Uolfgang 0riesstetter !"e !urB ledi(ione tedes!a di ;e Eegia Potestate C1*21D lo defini1a nella sua prefa(ione !o e ?un uo o 1ersato in ogni s!ien(a@. Era an!"e uno spirito !onte plati1o. agari persino un isti!o. ?&n nuo1o tipo di isti!o. di enor e portata prati!o4 riflessi1a e !reati1a. &n isti!o. perB. la !ui esperien(a della gratuit di -io diede alla sua a(ione il 1alore e libert della profe(ia. la lu!idit del giurista. la siste ati!it del teologo. la perspi!a!ia del politi!o. la prospetti1a e !apa!it di !on!reti((are proposte dello stratega e del rifor atore@ CCastillo. 199). p. )*D. Nella 2istoria. s!ri1e1a questo di sG> ?/edendo tutto !iB i ossi. non per!"G fossi un !ristiano igliore di altri. a per una !o passione naturale e pietosa !"e "o a1uto nel 1edere genti. !"e gia ai lo eritarono. sopportare tante offese ed ingiusti(ieM ed F !osH !"e giunsi in questi regni per infor are il Re Cattoli!o di questo stato@. Le patia di Las Casas F olto a!!entuata e non !F 1ita orale sen(a e patia. Le patia ri!"iede e o(ioni. !ondi1isione di pati enti e di gioie. La grande for(a del ? ale@ risiede in1e!e nellindifferen(a. nella !aren(a di introspe(ione e di !apa!it di i edesi a(ione. di ri!onos!ere e di identifi!arsi !on i senti enti e le ne!essit degli altri. #dler sostene1a !"e le patia F la !"ia1e per reali((are la trasfor a(ione dellidentit. /edere !on gli o!!"i di un altro. as!oltare !on i suoi ore!!"i. sentire !on il suo !uore. fino ad estendersi ed in!ludere ani ali. piante ed esseri inani ati. e poi il !os o. N possibile !"e Las Casas !ostituis!a un ese pio di questo pro!esso. ,usserl parla1a di e patia tras!endentale. ipoti((ando lesisten(a di una sola !orni!e psi!"i!a per tutte le ani e. Non esiste al!una pro1a !"e di ostri !"e era questo !"e senti1a Las Casas. a lui stesso. nel suo testa ento. ri1olgendosi allu anit ed a -io. !onstata1a di a1er speso oltre !inquantanni di 1ita ?sen(altro o1ente !"e la ore di -io e la !o passione !"e pro1o nel 1eder orire queste oltitudini di !reature ra(ionali. !osH
115

pa!ifi!"e. !osH u ili. dol!i e se pli!i@. Las Casas era un uo o giusto. ed il !on!etto di giusti(ia nas!e per!"G gli esseri u ani sono !apa!i di pro1are risenti ento e si patia. Laffli(ione. le patia. lindigna(ione ed il risenti ento sono fonda entali per !iB !"e !on!erne il giusto e lo sbagliato. sono le pre!ondi(ioni ne!essarie per lesisten(a stessa dellidea di bene e di ale. giusto e sbagliato. E questo F possibile se la nostra F una risposta spontanea. un atteggia ento istinti1o !"e deri1a dallauto ati!o ri!onos!i ento del fatto !"e gli altri esseri u ani sono !o e noi. !"e i loro pati enti non sono eno signifi!ati1i dei nostri. Las Casas si rapporta1a agli Indios ed agli Spagnoli piE u ani o piE bisognosi !on e patia e a ore per!"G nel prossi o. an!"e nella persona piE ordinaria. 1ede1a un riflesso della /erit e dell# ore e tende1a ad espandere il proprio senso del sG. in un pro!esso unitario. di assi ila(ione. Las Casas a1rebbe !ondi1iso il giudi(io di -ostoe1sVi^ !"e ?la ore per lu anit F in!on!epibile. in!o prensibile e persino i possibile sen(a la !reden(a nelli ortalit dellani a@. Lui stesso s!ri1e nell 5polog(tica 2istoria> ?Essendo la nostra ani a uno spirito i ateriale. i !orpi non possono produrre nG bene nG ale nelle !ose i ateriali. <I=. E lani a. nellistante della sua infusione. ri ane deter inata nei suoi gradi di bont. o di qualit non tanto buona rispetto al naturale Cnon di!o al orale. bensH al naturaleD. E da !iB deri1a !"e dalla !apa!it del !orpo si puB isurare la !apa!it dellani a. si!!"G al!uni uo ini "anno lani a piE perfetta o eno perfetta di altri. <I=. Il li ite della natura dellani a negli uo ini F propor(ionale alla !apa!it del !orpo@. 8er Las Casas lunit del genere u ano non trae1a origine da ununifor a(ione astratta. a dalla sua unitariet tras!endentale. Inso a. gli esseri u ani erano uguali sebbene di1ersi per!"G le loro ani e dis!ende1ano dallunit del di1ino. !"e le infor a1a. Co e abbia o appena appreso. !iB non signifi!a1a !"e le ani e u ane fossero identi!"e. Se pre nell 5polog(tica 2istoria leggia o !"e ?se!ondo la !apa!it del !orpo si isura la !apa!it dellani a e al!uni uo ini "anno unani a piE o eno perfetta di altri@. In prati!a il !orpo edia1a tra ani a ed intelletto e si!!o e questo 1aria da persona a persona. allora an!"e la !o uni!a(ione dellani a al !orpo sarebbe stata qualitati1a ente di1ersa. ?E questa F la ragione per !ui possia o 1edere !"e al!uni uo ini !i appaiono piE a!uti e lu!idi di altri e eglio pro11isti delle 1irtE naturali@. Aa se pre di ani e si tratta1a. e quindi di pari dignit. gia!!"G ?ogni ani a ri ane se pre la edesi a. a se!onda della sua spe!ie@. #lle 1aria(ioni indi1iduali si so a1ano quelle
116

!li ati!"e. linfluen(a dellali enta(ione. delledu!a(ione e della !ultura. !"e per Las Casas era una se!onda natura. a pur se pre se!onda. ossia odifi!abile. # pres!indere dalle !atti1e a(ioni dei e bri di una data popola(ione. ogni singolo essere u ano pote1a essere !on1into ad abbra!!iare una 1ita oral ente e spiritual ente sana. !ioF quella in !ui non pe!!a !ontro la sua ani aM questo per opera del dialogo e delluso della ra(ionalit. 8er!"G. !o e !i spiega nel ;e unico vocationis modo omnium infidelium ad veram religionem, ?-io "a pro11isto lani a u ana di una lu!e intellettuale. !on la quale le "a fornito una !erta !onos!en(a di se stessa. !"e F il prin!ipio di !onos!en(a nellordine della fedeIinoltre "a instillato in tutti gli esseri naturali i prin!ipi ger inali di tutti gli effetti !"e do1ranno produrre. 8er questo luo o puB raggiungere da lontano una qual!"e !onos!en(a di -io per e((o della ragione naturale@. &n altro e1idente riferi ento alla tradi(ione so!rati!a. passando per #gostino> la !onos!en(a di sG F la 1ia aestra per la !onos!en(a del di1ino. La natura. a aggior ragione quella u ana. F un riflesso della sapien(a di1ina. 1erso !ui tende finalisti!a ente. -io risiede nellinti o di !ias!uno. ne dipendia o esisten(ial ente. sia o il punto di !on1ergen(a delle for(e !os i!"e !"e da esso e anano. -i !onseguen(a gli indios pote1ano 1i1ere in ar onia !on la 1erit an!"e se la1e1ano 1ista e !o presa solo par(ial enteM era suffi!iente !"e si fidassero dei loro i pulsi piE profondi. piE naturali. !"e !erta ente li a1rebbero a11i!inati alle Sa!re S!ritture. La fidu!ia di Las Casas in se stesso e nei nati1i a eri!ani era dunque una 1asta. in!ontenibile fidu!ia nelluo o e nella sua sintonia !on la /erit. !on il -i1ino. Si tratta1a solo di far e ergere questa sintonia. questo desiderio di :ene e di /ero. !on una prassi e1angeli!a !"e. an!ora una 1olta. a io a11iso. asso iglia1a dappresso alla aieuti!a so!rati!a. In questa stessa otti!a gli Spagnoli erano an!ora distanti dal traguardo. Ogni uni1erso !ulturale u ano era in ritardo. non a1endo reali((ato la sua 1o!a(ione naturale e stori!a. Li perati1o era quello di reali((are il proprio poten(iale di perfettibilit !"e. daltronde. era unesigen(a intrinse!a alla natura propria dellu ano ed anda1a rispettata e pro ossa dai go1ernanti !on ogni e((o possibile. dando priorit alle1angeli((a(ione !ristiana. nel pieno rispetto della 1olont dei singoli. Aa !o e si pote1a garantire !"e !iB a11enisse$ Non !erto !onser1ando for e di eser!i(io del potere assoluto. a stabilendo libere ele(ioni in un regi e di de o!ra(ia diretta. ?Co e se tutti fossero liberi e non uno piE signore di un altroI a !"e in1e!e tutti o la aggior parte di loro si radunassero e si a!!ordassero. s!egliendo o eleggendo
117

qual!uno !"e sia general ente ri!onos!iuto !o e piE prudente o irrobustito dalla natura in una qual!"e gra(ia o 1irtE spe!ialeIe 1i si sotto ettano di loro propria 1olont e !onsensual ente@. In piena as!esa dellassolutis o onar!"i!o il 1es!o1o del C"iapas propone1a listitu(ione del suffragio uni1ersale as!"ile e fe inile nella !orni!e di un go1erno repubbli!ano e liberale. di!"iara1a !"e un regi e politi!o sar piE perfetto quanto aggiore sar la libert !"e !on!ede ai !ittadini. ribadi1a !"e ?i sudditi non sono sottoposti alla potest del re. a a quella di una legge giusta@ e asseri1a !"e ?il potere di so1ranit pro!ede dal popolo. sen(a al!una edia(ione@ e !"e !"i go1erna1a ri ane1a un delegato. ossia un ser1itore della !o unit Cintesa nel senso oderno di persona giuridi!aD. e del bene !o une. ?Nessuna sotto issione. nessuna ser1itE. nessuna i posi(ione si puB dettare ad un popolo sen(a !"e questo. !"e de1e sopportarla. dia il suo libero !onsenso@. Il fonda ento del prin!ipio di giusti(ia. !"e per lui era pre inente. 1isto !"e. per !itare Isaia. ?la pa!e sar opera della giusti(ia@ e ?la 1era e propria politi!a. se!ondo i filosofi e la filosofia orale. !onsiste nella giusti(ia. !"e si reali((a quando ogni 1i!ino o !ittadini o e bro di una repubbli!a F !ontento di !iB !"e "a e !olti1a una disposi(ione !onfor e alla sua !ondi(ione ed alle sue ansioni. agendo se!ondo quanto !i si attende da lui. e 1i1endo in pa!e ed a ore !on gli altri. sen(a offesa o danno al prossi o@ C 5polog(tica 2istoriaD. -a !iB ne !onsegui1a !"e la giusti(ia si sarebbe !o piuta solo se si fosse as!oltato il parere dei !ittadini. Infatti. in un e oriale in1iato a ;ilippo II nel 1**7. Las Casas ri!orda1a alli peratore !"e un so1rano non rende piE giusto per legge !iB !"e per la legge di natura F ingiusto e lo in1ita1a a sondare le opinioni dei sudditi. in!lusi gli indigeni. gia!!"G ?se!ondo la legge naturale e di1ina de1ono essereIa11isati. as!oltati ed infor ati in erito ai loro diritti Cde lo que conviene a su derecho D@. Nel ;e regia protestate il Nostro insiste1a !"e ?nelle questioni !"e possono a11antaggiare o !olpire tutti. F ne!essario agire in a!!ordo !on il !onsenso generale. 8er questa ragione in ogni genere di affari pubbli!i si de1e !"iedere il !onsenso di tutti gli uo ini liberiIdi tutto il popolo@. N piuttosto sorprendente !"e riflessioni !osH a1an(ate !o e quelle !ontenute nel ;e regia protestate e nel suo !o pendio. il ;erecho P6!lico. non siano quasi ai state segnalate da politologi e stori!i e !"e ri angano !onfinate a ristretti !ir!oli di esperti del periodo della Conquista e delle opere las!asiane. Nas!e il sospetto !"e la sua fedelt alla C"iesa Cattoli!a. la pubbli!a(ione postu a. lidentifi!a(ione dellautore uni!a ente !on le denun!ie delle
118

atro!it della Conquista e la sua prossi it alle piE lu inose stelle del fir a ento della teoria politi!a dellepo!a !o e Eras o. /itoria. Aa!"ia1elli e ,obbes abbiano os!urato la poten(a 1isionaria e lungi irante delle sue for ula(ioni. Nel odello las!asiano agli indios an!a1a solo una !onos!en(a adeguata della 1era religione per di1entare esseri u ani odello> la parola del Cristo si sarebbe innestata su unotti a base di parten(a e a1rebbe espulso i gra1i pe!!ati della loro tradi(ione Cantropofagia. sa!rifi!i u ani. idolatria. e!!.D. il pri o passo 1erso una !o pleta ri1olu(ione dellu ano !"e. partendo dalle # eri!"e e per tra ite della fede. a1rebbe interessato il ondo intero. ri!ondu!endo lu anit allo stato ada i!o pri igenio. quello pre!edente alla !a!!iata dal 8aradiso Terrestre. 0usta1o aagrebelsVT C199'. p. 1%1D "a perfetta ente ragione quando sostiene !"e ?tutte le dottrine dei diritti nel senso dellu anesi o lai!o si giustifi!ano solo nella bito di unantropologia positi1a@ e !"e ?ogni antropologia negati1a C!o e quelle delluo o quale la piE fero!e tra le bestie fero!i o della natura u ana degradata da una !olpa originariaD F piuttosto la pre essa delle teorie dei do1eri@. Non !F uguale dignit e !o unan(a di intenti ed aspira(ioni sen(a e patia e fidu!ia nel poten(iale u ano. Las Casas attra1ersB l#tlanti!o die!i 1olte per diffondere. ogni 1olta piE 1ee ente ente e !on argo enta(ioni piE stringenti. la sua antropologia della speran(a. tutta in!entrata sul poten(iale degli indiani e non sui loro difetti. sulla loro dignit intrinse!a ed uguaglian(a rispetto agli Spagnoli. sulluguaglian(a di tutti gli esseri u ani in Cristo. Laddo1e i suoi !riti!i s inui1ano le 1irtE degli auto!toni e li indiri((a1ano 1erso un pro!esso di adatta ento e!!ani!o al Nuo1o Ordine. lui sottolinea1a la loro i agina(ione e !reati1it. -i1ersi studi so!iologi!i. !onfer ando il senso !o une. indi!ano !"e !"i "a una 1isione positi1a della natura u ana F piE tollerante 1erso la libert despressione e di speri enta(ione. C"i in1e!e reputa !"e le persone siano guidate da egois o. !upidigia ed altre passioni distrutti1e appoggia isure liberti!ide. Las Casas. e1idente ente. andrebbe inserito nella pri a !lasse di persone. Egli !rede1a negli indigeni e negli Spagnoli. !rede1a nella possibilit di una fonda entale e dure1ole solidariet nata dalla !o unan(a degli s!opi. dei su!!essi. delle paure. delle s!onfitte. Nel Nuo1o Aondo il do eni!ano a1e1a intra1isto un paradiso possibile. uno s!or!io di quello !"e sarebbe potuto essere il Regno di -io dopo il se!ondo a11ento di Cristo. una for a piE alta di !i1ilt a portata di ano se solo lo si fosse 1oluto !on tutta la for(a e la sin!erit ne!essarie. se si fosse fatto lo sfor(o di 1in!ere pregiudi(i. egois i.
119

sfidu!ia e diffiden(a. Las Casas si rifiuta1a di !redere !"e il destino dellu ano fosse deter inato da un ordine naturaleOdi1ino !"e pres!ri1e1a !o e siste a politi!o4so!iale ideale quello del bran!o di lupi o dellal1eare. do1e non !era al!un per!"G K 2ier ist "ein Oarum. !o e spiega1a un guardiano di #us!"Rit( a 8ri o Le1i. La ore di Las Casas per la libert s!aturi1a dalla !o prensione antropologi!a della aniera ideale di effettuare la pro o(ione e !res!ita delle !apa!it u ane. di portare lu ano alla sua piena espressione. le an!ipa(ione da for(e e !ir!ostan(e !"e lo oggettifi!ano. !"e lo rendono passi1o. pre1edibile. e!!ani!o. i potente. Aentre gli oggetti "anno !ause. i soggetti "anno oti1a(ioni e ragioni !o plesse e talora !ontraddittorie. "anno un pe!uliare !arattere trasfor ati1o !"e Las Casas a1e1a s!operto in sG. negli indigeni e negli stessi Spagnoli. ;orse. an!ora una 1olta. la sua origine da una fa iglia di !on1ersos lo a1e1a reso piE sensibile allesigen(a di essere giudi!ati per !iB !"e si F e si fa qui e ora. non per un passato sul quale non si "a 1o!e in !apitolo. 0li Indios a1e1ano fatto degli sbagli. questo era fuori di dubbio. a non a1e1ano ai as!oltato le parole del Cristo. non a1e1ano ai !onos!iuto alternati1e prati!abili al loro siste a di 1ita. Las Casas era si!uro !"e la natura F buona quando e erge dalle ani di -io ed il suo ordine e belle((a non sono inta!!ati dai pe!!ati u ani. 0li s!"ia1i di natura sarebbero dei ostri. a i ostri sono !rea(ioni u ane. non naturali. La legge naturale 1i1ifi!ata dalle1angeli((a(ione do1e1a !ostituire il 1olano del !a bia ento. della libera(ione dalle strutture oppressi1e della Conquista e di una parte della tradi(ione indigena !"e non era !onfor e alla legge naturale ed allinsegna ento di Cristo. I te pi e i odi sarebbero stati affidati alla dis!re(ione dei so1rani indiani sotto una guida apostoli!a !"e si sarebbe attenuta al prin!ipio. definito nei suoi Eemedios del 1*17. !"e ?gli Indios sono uo ini liberi e de1ono essere trattati si ultanea ente !o e uo ini e !o e uo ini liberi@. Co e T"o as 8aine. Las Casas lottB per i diritti dei 1i1i. affin!"G questi non fossero defraudati dallautorit dei orti. ossia da una tradi(ione in!artape!orita. Lu ano do1e1a a1ere la pre!eden(a. per!"G solo !osH. ele1andosi. si sarebbe reali((ata la !on1ergen(a di tutti gli esseri u ani 1erso -io. in una 1asta fraternit eletti1a. Il libero !onsenso infor ato !ostitui1a la 1ia aestra per questa trasfor a(ione illenarista. # differen(a di oltissi i altri issionari. lui non a1e1a a1uto al!un proble a ad affer are pubbli!a ente di preferire ?un indiano pagano 1i1o e libero@ ad ?un !on1ertito orto o s!"ia1o@. 8er Las Casas
120

unu anit uni1ersale a1e1a do1eri uni1ersali 1erso i suoi e bri. Co e spe!ifi!a1a Sant#gostino. ?9uando si di!e a a il tuo prossi o. F !"iaro !"e ogni uo o F il nostro prossi o@ e !o e affer a1a O1idio. ?Luo o non F un lupo per luo o. a un uo o@. altri enti nessuna so!iet sarebbe in grado di sopra11i1ere. Se 1oglia o. il suo atteggia ento 1erso gli indoa eri!ani era. piE o eno !onsape1ol ente. allinsegna dellintegrit orale ed intellettuale so!rati!a. !o e e((o per ridurre lingiusti(ia nel ondo. non stru ento per altrattare ed approfittarsi degli altri. &nintegrit !"e si nutri1a di fede u anitaria. nobilt di !uore. 1italit. spontaneit. tenere((a. sin!erit. fiere((a ed e patia. Aa an!"e delli peto dellindigna(ione di fronte allingiusti(ia piE s a!!ata. il rifiuto di a!!ettare !"e gli indios si piegassero e si abbandonassero ad una 1ita indegna di loro. in quanto esseri u ani. CF tutto il Ca us del ? i ri1olto. dunque sia o@ nello sdegno di Las Casas !ontro un ondo sottosopra. do1e il ale F !"ia ato bene ed il bene F isolato. Las Casas non pro1a1a solo indigna(ione a an!"e 1ergogna per quegli Spagnoli !o e lui. quei Cristiani !o e lui !"e lo i bara((a1ano o lo insulta1ano !on il loro !o porta ento. Rifiuta1a la !o pli!it nei loro alaffari. -i!e1a no. per sG. per gli Indios. a an!"e per gli stessi Spagnoli. ?/ostra Aaest far a tutti gli spagnoli !"e si tro1ano nelle Indie unin!redibile ed inesti abile gra(ia. liberandoli dai grandissi i pe!!ati di tiranni. latro!inio. 1iolen(a e parri!idio !"e !o ettono ogni giorno oppri endo e a a((ando quelle genti@ CAe oriale a ;ilippo IID. In lui !era la tena!e !on1in(ione !"e !"i !rede sin!era ente in Cristo sar sal1ato da questo inferno in terra. sar reso i une dalle alattie dellani a. dalla bestialit dilagante. dalliner(ia orale. dallintorpidi ento psi!ologi!o e entale !"e si sono i padroniti di 1itti e e !arnefi!i. intrappolati in questo parti!olare ordine di esisten(a. Sar reso padrone del proprio destino e libero dal !ontagio anti4!ristiano delle bra e aterialisti!"e e dei 1ili egois i ridu(ionisti!i !aratteristi!i di una entalit er!antile. tesa es!lusi1a ente allappropria(ione ed alla!!aparra ento. Non sar piE un essere u ano !o e gli altri. a un eletto. I i&itti u(ani

A1)oppressione degli indigeniC contro l)inten$ione di risto e contro la forma di carit che nel suo 0angelo ci ha tanto raccomandata, e contraddice completamente, a !en guardare, tutta la Sacra Scrittura
121

:artolo G de las Casas Il signifi!ato di ?diritti u ani@ F olto se pli!e> gli stessi diritti per ogni essere u ano. Sono fonda entali per!"G sono quelli !"e tutelano i deboli dallarbitrio dei forti. i po1eri da quello dei ri!!"i. le inoran(e da quello delle aggioran(e. In un ondo segnato da enor i sperequa(ioni !e nF un disperato bisogno ed andrebbero inseriti in una !orni!e legale indissolubile !"e per etta di !ontrastare la bigotteria. santi onia. pregiudi(i. debole((e. so1er!"ierie di quegli esseri u ani !"e eser!itano una qual!"e for a di autorit. potere o !ontrollo su di noi. Sen(a di loro. le persone !"e bra ano il potere di per se stesso a1rebbero ano libera. Nessuno do1rebbe sentirsi suffi!iente ente si!uro sen(a questo tipo di tutela. quando la storia. an!"e la storia presente K si 1edano i dibattiti sul 8atriot #!t negli Stati &niti e sulle libert !i1ili nel Regno &nito. la na(ione !"e. assie e a Singapore. F la piE onitorata del ondo K !i insegna quanto sia fin troppo fa!ile abolire !erti diritti !"e sono !ostati sangue e sa!rifi!i alle genera(ioni pre!edenti. I diritti u ani de1ono 1enire pri a di ogni altro do1ere. per!"G altri enti non sono piE tali e 1engono subito sa!rifi!ati nel no e di qual!"e fine ?piE alto@. ,anna" #rendt sottolinea1a !"e i diritti u ani garantis!ono !"e gli esseri u ani non 1engano de4u ani((ati. ridotti a eri !orpi !"e non sono altro !"e a!!"ine per soffrire. 8er Si one Ueil esiste una 1erit pri ordiale della nostra natura alla base delleti!a e del diritto ed F !"e ?!F in noi un obbligo 1erso ogni essere u ano per il solo fatto !"e F un essere u anoI9uestobbligo non si fonda su nessuna situa(ione di fattoIsu al!una !on1en(ioneI9uestobbligo F eterno. Risponde al destino eterno dellessere u ano@. Se!ondo il filosofo orale australiano Rai ond 0aita. la ore per le persone. spe!ial ente quelle piE diffi!ili da a are. F alla base dei diritti u ani uni1ersali C0aita 1991D. 0aita sostiene !"e ?se non fosse per i olti odi in !ui gli esseri u ani si a ano lun altro K dalla ore sessuale a quello i par(iale dei santi K non !redo !"e a1re o un senso della sa!ralit degli indi1idui o dellinalienabilit dei loro diritti e dignit@ C0aita. '333D. Credo !"e interpreti benissi o il pensiero giuridi!o4 orale di Las Casas !"e. nei Principia *uaedam del 1**14 1**' tratteggia1a una teoria dei diritti !i1ili ed u ani. appli!ata al !aso indiano. non an!ora siste ati!a. a !erta ente in!isi1a. sebbene inadatta ad unepo!a !o e la nostra. di spiritualit panteista o ateis o aterialista> ?8oi!"G queste genti indiane sono. per natura. u ilissi e. olto pusillani i e. nella aggior parte. pa!ifi!"e e iti. per !ui possono fa!il ente essere altrattate ed
122

oppresse dagli spagnoli. 8er la stessa ragione i re di Spagna sono obbligati. !o e !ondi(ione ne!essaria alla loro sal1e((a. a difenderle da quelli. non !o e si 1uole. a effi!a!e ente. !on la inistra(ione della giusti(ia ed altri opportuni ri ediM a ordinare. regolare e disporre il loro regi e in odo tale !"e. 1i1endo questi popoli in pa!e e tranquillit. !onser1ando i loro beni e diritti. liberandosi da tutti gli i pedi enti esterni. abbra!!ino gradata ente. libera ente e fa!il ente. la fede !attoli!aM assi ilino i buoni !ostu i e. !redendo in -io. loro 1ero !reatore e redentore. raggiungano il fine proprio della !reatura ra(ionale. ossia la feli!it eterna. !"e F allo stesso te po lobietti1o e lintento di -io@. In questa esorta(ione s!orgia o. in nu!e. i diritti fonda entali !onte poranei CXateb. '311D. 8er Las Casas non esiste1ano diritti naturali disso!iabili dalla 8ro11iden(a -i1ina. Essi si irradiano dall# ore. dalla 0iusti(ia. dalla 0ra(ia e dalla /erit di -io. C"i li 1uole intendere li intender. gli altri ri arranno in1e!e sordi e !ie!"i. Lui stesso ra!!onta di uno spagnolo !"e a1e1a se1i(iato unindia !"e gli si era rifiutata. per poi bru!iarla 1i1a. ;u !ondannato al paga ento della risibile so a di * castellanos> Las Casas sa !"e -io non si di enti!"er di lei. per!"G proprio le 1itti e inno!enti dei perse!utori gli sono piE !are. ?C"i. se "a !uore di !arne e 1is!ere u ane. potr soffirire !"e 1i sia una !rudelt !osH inu ana$ 9uale e oria di quel pre!etto della !arit ?a erai il tuo prossi o !o e te stesso@ !i sarebbe ai do1uta essere allora in !oloro !"e. a tal punto di enti!"i di essere !ristiani e persino di essere uo ini. tratta1ano !osH K in quegli uo ini K lu anit$@ C2istoriaD. I! to&tu&ato&e, o !a o(esti)a(ento e!!uo(o . %a&te %&i(a

A1)autoritC non invano porta la spada; infatti al servi$io di ;io per la giusta condanna di chi opera il male 8aolo. Ro ani 1)>% hi potre!!e du!itare che certo meglio condurre gli uomini all@amore di ;io con l@istru$ione e la persuasione, piuttosto che costringerveli con il timore e con il dolore del castigo% Ma per il fatto che gli uni sono me$$i migliori, non ne segue che i secondi de!!ano essere trascurati; infatti utile a molti prima essere scossi dal timore e dal dolore, per poi essere disposti a venir istruiti #gostino di Ippona

123

Nessuno "a il diritto di trattare qual!uno altro !rudel ente a fini pedagogi!i o di intratteni ento. -io non a1rebbe ai !reato luni1erso se pli!e ente per insegnare qual!"e le(ione orale o teologi!a del tipo ?non infliggere delle sofferen(e non ne!essarie@. &n dio del genere. a ante di astute sedu(ioni. ?edifi!anti@ tor enti e !o plotti ben elaborati ai danni di esseri u ani ignoranti. piuttosto !"e al1agi. sarebbe ne i!o del essaggio di Cristo e dellu anit stessa. Il suo !o porta ento sarebbe infantile. sadi!o e anipolatore. psi!opati!o. indegno di -io. Le torture. in!luse quelle psi!ologi!"e e entali non sono ai giustifi!abili. per nessun oti1o o fine. Aolti tra i si pati((anti dei etodi spi!!i di !erti e1angeli((atori della Conquista non sarebbero stati da!!ordo. Il fine era ?nobile@ K la !res!ita della !onsape1ole((a !i1ile degli indigeni ed il bene dellI pero K. la ortifi!a(ione ed il degrado dellu ano solo una fase transitoria ed ine1itabile. In fondo. sen(a 1aste !risi. questa la logi!a retrostante. non !i si libera dalliner(ia dei propri abiti entali. La questione piE attuale e fonda entale F natural ente se sia le!ito anipolare gli altri. sottoporli agari ad una !erta isura di sofferen(a psi!ologi!a. per il loro bene. per aiutarli a !orreggere i loro !o porta enti ed abitudini. Sep6l1eda risponde1a affer ati1a ente. Las Casas negati1a ente. Aolti fran!es!ani si s!"ierarono. ideal ente. dalla parte di Sep6l1eda. i do eni!ani. al !ontrario. !on!ordarono in gran parte !on Las Casas. Cer!"ia o di !apire per!"G. partendo da una pro1in!ia !oloniale dello fu!atZn. AanL. a inistrata dai fran!es!ani. Nel 1*71. /as!o de 9uiroga. il !o passione1ole ed illu inato 1es!o1o del Ai!"oa!Zn Coggi uno stato essi!ano !ollo!ato tra la Cordigliera e la !osta pa!ifi!a !entraleD. denun!iB i soprusi ai quali i frati di di1ersi ordini sottopone1ano gli indigeni !"e erano stati affidati loro. La des!ri(ione delle 1iolen(e e degli abusi era !osH s!on1olgente !"e non furono in olti a prenderlo sul serio. 8ersino nu erosi stori!i "anno rinun!iato ad in1estigare questa ed altre denun!e. quasi !"e non fosse opportuno a!!"iare li agine degli ordini endi!anti. La realt. purtroppo. F !"e i frati sono esseri u ani !o e gli altri e. in quelle !ir!ostan(e. non furono se pre allalte((a dei prin!ipi ispiratori dei rispetti1i ordini. La loro ?!aduta@. perB. !i aiuta a !o prendere eglio uno dei punti deboli piE gra1i della nostra !on!e(ione del pro!esso !i1ili((atore. il paternalis o redenti1o CClendinnen. '313D. Oggi sappia o !"e /as!o de 9uiroga parla1a a ragion 1eduta ed era olto ben infor ato. In quegli anni era prati!a !o une tra gli ordini endi!anti quella di ?trasferire@ igliaia di indigeni a fini didatti!i. So1ente. non !i si pre ura1a di fornire un ini o
124

prea11iso. Le fa iglie ri!e1ano la 1isita di frati e dei loro !oadiutori e 1eni1ano sfollati. le loro !ase date alle fia e. i loro po1eri beni distrutti. #l!uni dei deportati ori1ano di pri1a(ioni. altri si las!ia1ano orire per la dispera(ione. Il palo delle fustiga(ioni al !entro delle nuo1e !o unit CreduccionesD era il si bolo del potere ed un !ostante a oni ento a non 1iolare le regole. Le feste erano bandite e 1ige1a il !oprifuo!o. Non esiste1ano piE !ase !o uni a solo abita(ioni onofa iliari. #n!"e questo a!!orgi ento do1e1a ser1ire a sfibrare il tessuto so!iale tradi(ionale. allentando i lega i !lani!i. 9ual!"e ese dopo il M)accuse di 9uiroga. i fran!es!ani di AanL K tra una quindi!ina ed una 1entina di !onfratelli K istituirono un regno del terrore !"e s!on!erto e trau ati((B non solo olti !oloni. a persino gli altri fran!es!ani !"e arri1arono ad ispe(ionare le !o unit !oin1olte questopera di epura(ione 1iolenta del paganesi o. I frati dis!iplinatori ri asero perB persuasi fino alla fine di stare fa!endo non solo !iB !"e era giusto. a soprattutto !iB !"e era indispensabile. Tanto !"e protestarono 1ee ente ente !ontro le denun!e dei !onfratelli. !"ia andoli traditori ed in1o!ando in!"ieste ai loro riguardi. Cosa a11enne$ Nel aggio del 1*7'. dopo di!iassette anni di predi!a(ione. i fran!es!ani di AanL si a!!orsero di essere stati ingannati dai loro protetti quando. ispe(ionando una !a1erna. 1i tro1arono idoli e tes!"i u ani. Ini(ial ente si erano li itati a ina!!iare gli indigeni !on la pro essa della !ollera di1ina se non a1essero rinnegato i loro dFi. Aa. 1ista la loro ostina(ione. la suddetta s!operta di1enne la go!!ia !"e fe!e trabo!!are il 1aso. s!atenando unisteria !olletti1a nei predi!atori. !"e passarono alle aniere forti. alle puni(ioni !orporali. -a quel fatale istante si 1erifi!B unes!alation nelluso della 1iolen(a dis!iplinare e !orretti1a. La tortura. questa prati!a infernale. di1enne uno stru ento di dis!iplina ento e di didatti!a. Con1inti !"e le !onfessioni estorte sotto tortura potessero essere plausibili. non esitarono a !redere ad un quadro desolante> sa!rifi!i u ani. !uori an!ora pulsanti strappati dal petto. !ro!ifissioni di ba bini. Non possia o de!isa ente es!ludere !"e !erte prati!"e a1essero an!ora luogo. a la bestiale rappresaglia !"e lan!iarono !ontro lintera popola(ione e !"e si autoali entB proprio a !ausa delle fantasie estratte da bo!!"e tor entate. non si distingue1a in nulla dalle !ostu an(e indigene !"e loro stessi ritene1ano de onia!"e. In seguito. i frati si rifiutarono fin!"G poterono di rinun!iare a questo etodo ?edu!ati1o@ !"e a1e1ano indi1iduato ed appli!ato !osH s!rupolosa enteM an!"e se 1iola1a le leggi dellI pero. an!"e se
125

era agli antipodi degli insegna enti e1angeli!i. Si 1erifi!arono arresti di assa. fustiga(ioni e torture indis!ri inate. !on luso della strappada Cdallitaliano ?strappata@D. la te!ni!a di tortura usata nel Castello del :uon!onsiglio !ontro gli Ebrei a!!usati di a1er sa!rifi!ato il Si onino. nel 1%2*. Consiste1a nellissare il al!apitato legato a delle funi tra ite una !arru!ola. per poi ollare i pro11isa ente fa!endo slogare le arti!ola(ioni delle 1itti e. ;rate -iego de Landa !oordina1a linquisi(ione lo!ale. fa!endo le 1e!i di un 1es!o1o !"e non era ai stato no inato. -iego de Landa C1*'%41*29D eriterebbe un 1olu e a parte. 0iunto in Aessi!o a soli '% anni. fu un torturatore. s!"ia1ista e. nel luglio del 1*7'. il responsabile della distru(ione di 1entisette rotoli anos!ritti aTa K se si !onsidera !"e !e ne sono per1enuti solo quattro F !o e se a1esse bru!iato la :ibliote!a di #lessandria essi!ana. Nonostante questo. gli fu per esso di di1entare il se!ondo 1es!o1o dello fu!atZn. Il suo (elo paranoi!o e ?sal1ifi!o@ non si fer a1a di fronte a nulla a non gli i pedH di s!ri1ere una ?Rela(ione sulle !ose dello fu!atan@ !"e F uno dei po!"i do!u enti !"e per ette a stori!i ed antropologi di gettare uno sguardo sulla !ultura e la so!iet aTa. Il proble a. perB. F !"e gli studiosi sono !ostretti a fidarsi di una tras!ri(ione abbre1iata di un testo s!ritto da un !ronista !"e solo po!"i anni pri a era inten(ionato ad annientare !o pleta ente qualunque ?satani!a@ fonte pri aria. !"e o ette di en(ionare il rogo dei anos!ritti e la tortura degli indigeni e !"e. nella sua analisi della lingua aTa. !o ette errori grossolani. Landa. insoddisfatto dei risultati raggiunti nella pri a fase dellinquisi(ione. la estese alle due pro1in!e adia!enti di Sotuta e ,o!aba ,o un. !on etodi se pre piE stra1aganti ed esiti terribili. Lin!"iesta uffi!iale del 1*7*. !oordinata da Sebastian /a(que(. ri1elB !"e oltre %*33 uo ini e donne furono torturati. piE di sei ila frustati o rapati per puni(ione. 1*2 persone orirono per le !onseguen(e dellinterrogatorio. al eno una do((ina si sui!idB pri a di finire tra le ani dei torturatori. -i altri di!iotto non si tro1B tra!!ia e si pensB !"e si fossero u!!isi. &n nu ero i pre!isato di persone ri ase eno ato. !on i us!oli delle spalle irri ediabil ente lesionati e le ani parali((ate. Linquisi(ione i piega1a la tortura in tutte le !olonie. a in odo olto seletti1o e regolato. Non si era ai 1isto. nG si 1ide ai. nulla del genere. In queste tre pro1in!e. Landa e gli altri fran!es!ani de!retarono !"e tutti gli indiani erano idolatri e !"e non si pote1a sottoporli a pro!esso uno dopo laltro. per!"G 1agliare ogni !aso a1rebbe ri!"iesto de!ine di anni. entre la ina!!ia era
126

i ediata. 9uindi si optB per la !olpa !olletti1a. il reato preferito dai na(isti per giustifi!are le loro sanguinarie rappresaglie di assa. Ci furono !oloni spagnoli !"e !er!arono di inter1enire per interro pere il Terrore. a ris!"iarono la loro stessa in!olu it sen(a rius!ire peraltro ad ottenere al!un risultato !on!reto. Solo larri1o del 1es!o1o. un altro fran!es!ano. frate ;ran!is!o de Toral. spe((B linfernale sortilegio !"e a1e1a trasfor ato una issione e1angeli((atri!e in un !uore di tenebra dellonnipoten(a. Toral pose fine al assa!ro di!"iarando !"e le !onfessioni estorte sotto tortura erano in1en(ioni !"e le 1itti e a1e1ano offerto ai loro !arnefi!i in !a bio della fine dei suppli(i e !"e la prose!u(ione di al!une delle loro idolatrie era del tutto naturale in un popolo !"e a1e1a appena in!ontrato la 1era fede. #!!usB Landa di a1er reagito in odo assoluta ente spropor(ionato a dei !ri ini inori. spinto da rabbia. arrogan(a e !rudelt. Loren(o de :ien1enida. pioniere delle issioni fran!es!ane dello fu!atZn. fu s!on1olto nello s!oprire !"e persone deputate alla tutela degli indigeni si erano trasfor ati nei loro giudi!i. torturatori e boia. Entra bi furono perB denun!iati allordine dai fran!es!ani di AanL. !on la!!usa di tradi ento. # tre esi dal suo arri1o. Toral ri ase isolato. #n!"e quando Landa fu !on1o!ato dal Consiglio delle Indie per essere pro!essato. i fran!es!ani suoi !o pli!i !ontinuarono a difendere la bont del loro operato. N te po di !er!are una spiega(ione per questo !o porta ento disu ano. Lordine fran!es!ano a1e1a stabilito !"e lo status degli indigeni era quello di ba bini ed i figli si edu!a1ano an!"e !on le per!osse ed il terrore. #l !ontrario i do eni!ani. piE 1ersati nel diritto e nella teologia. erano riluttanti ad usare la for(a per !ostringerli a !redere alla sa!re s!ritture. Se!ondo i fran!es!ani. la naturale do!ilit degli indigni li a1e1a resi piE 1ulnerabili alla subdola a(ione del de onio. Erano troppo i pressionabili e 1olubili e !on la stessa fa!ilit !on !ui aderi1ano alla !ristianit ris!"ia1ano di allontanarsene. per questo anda1ano sor1egliati e !astigati diligente ente. 8er questi predi!atori la !ondi(ione infantile non era una fase transitoria a uno stato per anente. !o e per anente sarebbe stata la loro tutela. La furia puniti1a dei fran!es!ani forse asso igliB a quella di un genitore autoritario tradito CClendinnen. '313D. La slealt indi!a1a !"e quella terra e la sua gente erano dannate e la loro inno!en(a do1e1a essere rigenerata attra1erso la sofferen(a espiatoria. Lo stupefa!ente grado di nar!isis o. ito ania e bra a di onnipoten(a di questo nu!leo di fran!es!ani fe!e in odo !"e si persuadessero !"e sotto i !olpi della frusta gli adulti indigeni sarebbero stati nuo1a ente restituiti alla loro ?naturale@ !ondi(ione
127

di ba bini iner i. dolenti. frignanti. plas abili. Sen(a una ano fer a gli indiani sarebbero in1e!e stati ingo1ernabili. !o e gli ani ali della foresta non addo esti!ati. 0ra(ie a questi ? etodi spi!!i@ pote1ano ritornare ad una fede se pli!e e pura. La loro rela(ione spe!iale !on gli indigeni giustifi!a1a ogni intransigen(a. 9uella !"e gli altri giudi!a1ano !rudelt gratuita era in1e!e rigore appropriato e propor(ionato. 0li astratti prin!ipi della legge nulla pote1ano !ontro lo (elo riparatore e redentore di persone !"e a1e1ano fatto della sal1e((a di esseri u ani riottosi luni!a !ausa degna di essere perseguita. I nati1i do1e1ano essere guidati. sal1aguardati dalla loro debole((a. do1e1ano delegare la propria 1olont a !oloro !"e. essendo piE saggi. erano in grado di !ondurli per ano alla Sal1e((a. -o1e1ano !ollaborare nel loro addo esti!a ento. I fran!es!ani di AanL isero in piedi unorgani((a(ione !"e. !onsape1ol ente. ripristinB il progetto illenarista delladdo esti!a ento dellu ano. Laddo esti!a ento F il odello ar!"etipi!o di ogni tipo di subordina(ione so!iale. il !ul ine di ogni esperi ento totalitario. Lanno della sua orte. lo (oologo fran!ese Isidore 0eoffroT Saint4,ilaire C153* K 1571D fe!e in te po a pubbli!are un libro sulladdo esti!a(ione degli ani ali e distinse tre possibili stati in !ui luo o puB ridurre gli ani ali per subordinarli al suo 1olere> ingabbiati. addo esti!ati e do esti!i. I pri i. se liberati. tornerebbero in libert sen(a essere segnati dallesperien(a. I se!ondi sono stati do ati e non de1ono essere tenuti prigionieri. La loro idea della 1ita ideale F stata radi!al ente trasfor ata e stanno bene do1e sono. 0li ani ali do esti!i sono una spe!ie !"e or ai riprodu!e ad ogni genera(ione la !ondi(ione di addo esti!a ento. Non F piE una !ondi(ione di subordina(ione interiori((ata a li1ello indi1iduale. a !olletti1o. Non "anno piE una 1olont indipendente da quella dei loro padroni. 9uesto era anate a per Las Casas. !o e lo sarebbe stato per 0esE. !"e non !ontrolla1a le persone. si li ita1a ad in1itarle a seguirlo ed a seguire il suo ese pio. libera ente. #l !ontrario. questi predi!atori fran!es!ani. !o e Sep6l1eda. si erano prefissati pre!isa ente lobietti1o di addo esti!are e poi addestrare ed gli indigeni. Ci pare di poter dire !"e non ebbero ai ripensa enti in erito alle loro a(ioni ed alla oralit del progetto. #n!"e questa an!an(a di turba enti ed esita(ioni erita la do1uta atten(ione. 0er[ni o de Aendieta C1*'*4173%D fu un issionario fran!es!ano nella Nuo1a Spagna CAessi!oD !"e rius!H a !on!iliare nella sua !os!ien(a due identit> quella di intransigente ingegnere so!iale di una nuo1a utopia !"e do1e1a anti!ipare la11ento del
128

Regno di -io e quella. direi ?las!asiana@. di difensore degli indigeni dallo sfrutta ento. dalla 1iolen(a. dallu ilia(ione. dalla brutalit dei loro !o patrioti. Aendieta a1e1a s1iluppato uninterpreta(ione isti!a della !onquista. ar!ata da profetis o e essianis o. Crede1a. !o e Sep6l1eda. !"e o!!orresse usare la for(a per !on1ertire gli infedeli. a non una for(a illi itata. In a!!ordo !ol !onfratello AotolinLa. Aendieta affer a1a !"e essa do1e1a ser1ire solo per abbattere i regni lo!ali e per distruggere il paganesi o. &n uso e!!essi1o sarebbe stato !ontroprodu!ente nella fase della predi!a(ione. per!"G a1rebbe alienato le si patie dei nati1i. La rela(ione paterna tra predi!atori ed indigeni sarebbe in1e!e stata suffi!iente. #bbia o 1isto !"e esiste1a una di1ergen(a di 1edute tra fran!es!ani K e piristi. prati!i. !arenti in !ultura u anisti!a K e do eni!ani. !"e a1e1ano spesso ri!e1uto unedu!a(ione a!!ade i!a. Aendieta ripudia1a lassunto las!asiano !"e esiste un solo etodo per !on1ertire tutti i popoli del ondo e !"e questo etodo non puB pres!ri1ere la 1iolen(a. Sep6l1eda sottolinea1a il fatto !"e la C"iesa non pote1a !o portarsi allo stesso odo pri a e dopo Costantino C!riterio !ronologi!oD. Aendieta osser1a1a !"e aggiore era la distan(a dalle fonti della fede. aggiore do1e1a essere leser!i(io di pressioni !oer!iti1e C!riterio spa(iale4 geografi!oD. Aendieta !rede1a !"e la Spagna fosse stata pres!elta da -io !o e nuo1a Israele per portare la sua parola ai quattro angoli del ondo. unifi!ando la terra in 1ista del se!ondo a11ento. 9uesto do1e1a essere or ai prossi o. 1isto !"e. a suo parere. or ai tutte le terre e erse ed i popoli del ondo erano stati s!operti e si sarebbero presto !on1ertiti alla fede !ristiana. La Spagna era una teo!ra(ia essiani!a. i so1rani degli apostoli tra gli infedeli. i pri i issionari della onar!"ia uni1ersale. Il loro !o pito era quello di diffondere il 1angelo tra i pagani ed i loro eser!iti erano le ar ate del signore. destinate a 1in!ere per!"G -io le fa1ori1a CGott mit uns. di!e1ano i na(istiD. #n!"e Las Casas !rede1a !"e i onar!"i di Spagna fossero stati in1estiti di una sa!ra issione. a non arri1B ai a !redere !"e il su!!esso di questa issione e1angeli!a potesse essere luni!a lente attra1erso !ui osser1are la realt lo!ale. luni!o para etro eti!o in fun(ione del quale si do1e1a de!idere quali do1essero essere le regole di !ondotta nei !onfronti degli indigeni. #llopposto. questa fu proprio la strada i bo!!ata da Aendieta. la !ui entalit era spi!!ata ente 1eterotesta entaria. 8er lui ;ilippo II era il Aessia. il Re del Aondo !"e do1e1a !on1ertire lu anit alla 1igilia del 0iudi(io &ni1ersale.
129

Cera tra i fran!es!ani !"i. !o e 8edro de #(uaga. 1ede1a gli indios di1ersa ente da Aendieta. 8er lui non erano degli esseri u ani spogliati di tutto il superfluo e ridotti al deno inatore essen(iale dellu anit. linno!en(a infantile. !o e pensa1a Aendieta. si!uro !"e proprio per questa ragione sarebbero stati piE fa!il ente !on1ertibili e perfettibili rispetto agli altri esseri u ani. #(uaga interpreta1a la pronte((a !on quale si in!"ina1ano alla fede !ristiana !o e anifesta(ione di ero opportunis o. ipo!risia e ti ore delle possibili rappresaglie in !aso di diniego. La presen(a ilitare spagnola do1e1a ser1ire a pre1enire un ritorno al 1e!!"io ordine. !on lespulsione dei !oloni e dei frati. Aendieta in1o!a1a al !ontrario una !o pleta segrega(ione degli indigeni da tutte le altre ra((e presenti nel Nuo1o Aessi!o. per tutelarli dallinfluen(a !orruttri!e del Nuo1o Aondo> ?nel dubbio. bisogna se pre presu ere !"e lo spagnolo sia il reo e lindiano la 1itti a@. Con uneffi!a!e etafora> ?F un fatto notorio ed e1idente !"e quando si es!olano grandi e pi!!oli pes!i. i pri i di1oreranno olto presto tutti gli altri@ C8"elan. 1923D. Tutta1ia. per la stessa ragione. an!"e il diritto ro ano. quello a !ui si appella1a Las Casas per difendere i nati1i. non do1e1a essere appli!ato nel Nuo1o Aessi!o> troppo !o pli!ato per le loro enti se pli!i. troppo inadatto alla loro pri ordiale inno!en(a. #l suo posto. si sarebbe istituita una dis!iplina pedagogi!a e paternale. I frati do1e1ano eser!itare un !ontrollo illi itato sui nati1i. per il tra ite del 1i!erF. fondato non sulle leggi u ane a su quelle della natura. Essendo uo ini naturali. la rela(ione piE naturale do1e1a essere quella padre4figlio. in un regi e di ado(ione re!ipro!a. In ossequio al agistero del teologo fran!es!ano -uns S!oto. lautorit onar!"i!a do1e1a essere onnipotente e detene1a la prerogati1a di pro ulgare ed abrogare qualunque legge. non!"G !onfis!are qualunque bene di propriet. ridistribuendolo a suo pia!i ento. La 1isione di un tiranno assoluto. plas atore dei !orpi e delle !os!ien(e u ane. pia!e1a olto an!"e a AotolinLa e a Sep6l1eda. questulti o della11iso !"e ogni for a di 1ita inferiore do1esse essere natural ente subordinata a quella ad essa superiore. attra1erso una tutela legale. !o e per i inori in affido te poraneo !"e. perB. nel !aso degli indigeni. si profila1a !o e un affido per anente. Tutta1ia. a differen(a di Sep6l1eda. Aendieta spiega1a !"e quellinferiorit era in effetti un 1antaggio !"e a1rebbe reso gli indigeni piE autenti!a ente !ristiani dei supposti !ristiani del /e!!"io Aondo.

130

Ri!apitolando. lipotesi !"e spiega piE plausibil ente la !ondotta dei fran!es!ani nello fu!atZn !"ia a in !ausa linterse(ione di attese essiani!"e e di una spi!!ata tensione paternalista ed utilitarista. fonda ental ente ed ine1itabil ente a11ersa alla dignit u ana Infatti la logi!a dellutile non puB !"e a!!ettare !"e si !o ettano delle atro!it e si assoggettino le persone. se !iB puB au entare le opportunit di sal1e((a personale e !olletti1a sia delle 1itti e. sia dei dis!iplinatori. # ben guardare. linsegna ento prin!ipale !"e fu i partito ai nati1i a eri!ani dai !oloni e da olti e1angeli((atori Cnon solo quelli di AanLD fu> se siete diligenti. obbedienti e lesti nellapprendere le le(ioni e etterle in prati!a. sarete degni di integrar1i nel nuo1o ordine !oloniale. in una posi(ione subordinata. Si puB ben !apire !o e ai gli indios non fossero !osH entusiasti di abbandonare le loro tradi(ioni e di sognare un ritorno al passato. In questo !apitolo abbia o s!operto !"e !erano fran!es!ani !"e non ette1ano in dubbio la giuste((a del postulato !"e sia giusto sottoporre un essere u ano a pressioni !oer!iti1e. sti oli dolorosi e persino tortura psi!ologi!a o fisi!a se il fine ulti o F quello della sua illu ina(ione e atura(ione. La tortura pote1a a1ere fini didatti!i. se ser1i1a ad indi1iduare le ele ar!e nella !esta. le pe!ore nere nel gregge. La 1iolen(a psi!ologi!a era un passaggio !entrale dellini(ia(ione. il senso di onnipoten(a lattributo !aratteri((ante gli ini(iatori. Nulla pote1a essere las!iato al !aso o alli pro11isa(ione. in questo esperi ento di indu(ione di una !atarsi !olletti1a. per!"G il de onio era se pre pronto ad interferire. a tentare. a spingere dalla sua parte le pe!orelle s arrite. Li pressione !"e di questa 1i!enda si F fatto !"i s!ri1e F !"e il feti!is o delle idee F no!i1o per la dignit delle persone. !"e la 1o!a(ione assolutista di !"i 1i1e di idee ris!"ia di sfo!iare nel dispre((o per le persone !o uni. Ai do ando quanti e1angeli((atori siano rius!iti ad astenersi dal anifestare pubbli!a ente una !erta boria e sdegno nei !onfronti dei ?dis!epoli@. dato !"e le loro reali((a(ioni non !orrisponde1ano ai alle idee pure. ai progetti ideali !"e a1e1ano for ulato nelle loro enti. La dis!repan(a tra realt e i agina(ione era tale !"e possia o i aginare !"e non furono po!"i quelli !"e non rius!irono a soppri ere un oto di disgusto per !iB !"e stona1a. per quegli esseri u ani ?fuori luogo@. Ai !"iedo an!"e se dietro lardore di un -iego de Landa o di un Puan 0inGs de Sep6l1eda non fossero !elati dei bisogni nar!isisti!i insoppri ibili !"e li spinge1ano a !"iudersi autisti!a ente nel loro
131

bo((olo di !erte((e. nel loro personale uni1erso di deter inis i. se plifi!a(ioni. autoritaris i. fantasie di do inio e bra osie de iurgi!"e. !"e li deresponsabili((a1ano. spostando il fardello della !olpa sui difetti !ongeniti dei pagani. &n autoinganno !"e bolla1a !o e ina!!ia tutto !iB !"e !onta ina1a la pure((a dellidea fissa. lesteti!a dellordine ideale !o e se lerano i aginati. Il Cuore di Tenebra di AanL non fu forse unepide ia di nar!isis o tradottosi in fanatis o religioso$ Il nar!isista. se pri1ato della sua sorgente di !onfer e e rassi!ura(ioni K i !os!ien(iosi indigeni K si sente 1uoto e depresso. inutile. sen(a s!opo. a orfo. ansioso ed insi!uro. Soffre di !onsidere1oli os!illa(ioni nellautosti a e puB arri1are a !redere !"e la 1ita non sia degna di essere 1issuta. 8er e1itare questo tragi!o epilogo sente li pulso di aggrapparsi ad una qual!"e figura o idea do inante !"e fornis!a un sostegno solido. Aolti bino i padrone4ser1o potrebbero essere tranquilla ente in1ertiti. per!"G entra bi sono nar!isi ed "anno bisogno di quel tipo di rapporto patologi!o piE di quanto ne!essitino di un !erto status. N il 1uoto interiore. linautenti!it. la perdita di senso. lin!erte((a del futuro !"e pa1entano piE di ogni altra !osa. La superfi!ialit non F un proble a. il nar!isista F in ogni !aso antropologi!a ente pessi ista. il suo pensiero non F ai profondo. nG lo F la sua sti a nei !onfronti degli altri esseri u ani. !"e non sono ai suoi si ili. Non "o la pretesa di poter spiegare in ter ini pura ente psi!ologisti!i quel !"e a!!adde nel 1*7'. lanno in !ui Las Casas. or ai in et a1an(ata e prossi o alla orte. in1ia1a lennesi o e orandu per il Consiglio delle Indie. in !ui di!"iara1a. sen(a e((i ter ini. !"e gli indios ?"anno il diritto di !ondurre una giusta guerra !ontro di noi e di spa((ar!i 1ia dalla fa!!ia della terra@. Ai do ando solo se questo attributo. !"e F patologi!o in al!uni. a F an!"e unin!lina(ione piE o eno forte in !ias!uno di noi. possa a1ere s1olto un qual!"e ruolo nellestre a radi!ali((a(ione delli pegno issionario. Aagari lo s!on!erto. la de orali((a(ione. la frustra(ione. il risenti ento !"e seguirono alla s!operta della grotta pagana. infia arono gli ani i di questi fran!es!ani. spingendoli lungo la !"ina di !"i 1ede negli altri esseri u ani del ateriale da ri odellare per renderlo !o patibile !on una !erta !on!e(ione di so!iet ideale. a propria i agine e so iglian(a. in una spas odi!a ri!er!a di pure((a. autenti!it e senso. I! (a'o, o !a o(esti)a(ento e!!uo(o . %a&te se)on a

132

&l potere non spe$$a, ma ammollisce, piega e dirige le volont; non distrugge, non tiranneggia, ma ostacola, comprime, snerva, spegne, ine!etisce tutti gli uomini, riducendoli come un !ranco di animali timidi e la!oriosi, di cui lo Stato il pastore. #leSis de To!que1ille. ?La de o!ra(ia in # eri!a@ C15%3D ;urante la sua vita terrena, Ges7 risto ha rifiutato la strada del potere temporale, preferendo una vita umile, dolce, pacifica e povera. Las Casas Il popolarissi o stori!o della Conquista ;ran!is!o L[pe( de 0[ ara assi!ura1a i suoi lettori !"e se 1ole1ano farsi unidea !"iara ed affidabile della situa(ione nelle Indie do1e1ano !onsultare Sep6l1eda. il !ronista i periale. !"e a1e1a illustrato tutto !iB !"e era ne!essario sapere nel suo elegantissi o latino. ?Ne ri arrete !o pleta ente soddisfatti@. !on!lude1a. Oggi questa nota di appro1a(ione fa rabbri1idire i fautori della de o!ra(ia. La so!iet ideale di Sep6l1eda era 1erti!ale. pira idaleM !erte !ategorie. pur non godendo degli stessi diritti di altre piE pri1ilegiate. erano (a1orrate da olti piE do1eri. #l!une !lassi di esseri u ani pote1ano essere asser1ite o re!luse in !aste. non possedendo il edesi o 1alore intrinse!o delle altre. N da questo ordina ento rigida ente gerar!"i!o. neo4feudale K !"e !ollo!a su una s!ala i !ittadini. !on la assi a !on!entra(ione di diritti in !i a e la loro rarefa(ione in fondo K e dalla entalit !"e lo !ontraddistingue. !"e dis!endono le !onte poranee argo enta(ioni in fa1ore della pena di orte. della tortura. delle ?guerre u anitarie@. delle segrega(ioni interetni!"e e !ontrarie al basilare rispetto per la persona u ana. !"e non 1a ai !on!epita !o e uno stru ento a se pre !o e un fine. ai !o e una foto!opia o un ingranaggio sostituibile. a !o e un unicum di 1alore inesti abile. :ernal -La( del Castillo. nella onquista della +uova Spagna. !ondensa1a e!!ellente ente il senso della !ro!iata della Conquista> ?#l ser1i(io di -io e di Sua Aaest e per illu inare !"i gia!e nellos!urit K e an!"e ottenere quella ri!!"e((a !"e olto uo ini bra ano@. La s!operta del Nuo1o Aondo offrH a olti la possibilit di rifarsi una 1ita. di igliorare la propria posi(ione. #d altri dis!"iuse nuo1i s!enari di rifor a so!iale. Ci fu !"i. !o e i issionari indigenisti. fu solleti!ato dallidea di poter final ente edifi!are quellutopia !ristiana !"e i o1i enti onasti!i non erano rius!iti a reali((are nel /e!!"io Aondo. Aa !i fu an!"e !"i. piE o eno !onsape1ol ente. !olse lo!!asione per rin1erdire leredit
133

patriar!ale e feudale. !on un Nuo1o Ordine !ostruito attorno a !erti 1alori e prin!ipi !"e erano in netto !ontrasto !on quelli u anisti !"e do ina1ano il dibattito teologi!o4politi!o nella adrepatria. 8rin!ipi !o e quello se!ondo !ui il disordine e la guerra erano la !ondi(ione naturale dellu ano e !"e salde gerar!"ie erano ne!essarie per !ostringere gli esseri u ani a rispettare le leggi e la dottrina. 9uesti i prenditori della orale non erano ani ati dal desiderio di ele1are la !ondi(ione u ana. a piuttosto da quello di porsi alla so it della pira ide so!iale e degradare !"i si tro1a1a sotto. Intende1ano !ontrollare il gregge u ano auto!tono. !o e santi. angeli o dFi. sotto ettendolo ad un regi e di 1assallaggio per anente e ad unenergi!a !a pagna di !orre(ione so!iale. sulla base di una lettura seletti1a dell#nti!o Testa ento. Il loro intransigente oralis o non a ette1a !o pro essi e. is!elandosi al !ie!o rispetto per lautorit e a forti 1enature ra((iste e isantropi!"e. produsse un !o posto alta ente instabile. per!"G tende1a !ostante ente a sospingere 1erso lalto !"i si tro1a1a gi in alto. e 1erso il fondo !"i sostene1a la pira ide in basso. Se fossero rius!iti a pre1alere. le loro pro!edure di go1erno sarebbero state allinsegna della paura. dellautoritaris o. della tortura. della ortifi!a(ione. della en(ogna. delli barbari ento. della nega(ione del diritto di !ias!uno di essere padrone della propria esisten(a e del proprio !orpo. ossia della s!"ia1itE. intesa !o e ?spontanea@ sotto issione alla 1olont della 8ro1iden(a e dei suoi stru enti in terra. In prati!a listitu(ionali((a(ione di quello !"e sarebbe stato !"ia ato -arRinis o So!iale. pur a1endo ben po!o a !"e fare !on -arRin. E questo in no e di -io e della Cro!e. Co e si puB fa!il ente intuire. non !era nulla di edifi!ante e pedagogi!o nelle loro inten(ioni. Non erano lH per insegnare agli indigeni a superarli per 1irtE ed ingegno. a per indottrinarli al Nuo1o Ordine. 0io!a1ano a fare il dio puniti1o e redentore di un popolo degenerato e al1agio. !"e ne!essita1a di le(ioni di buona !ondotta. Sogna1ano una dittatura pedagogi!a. so!!orre1ole a se1era. rigida e puniti1a. !"e diffida1a dei ?dis!enti@ e si prefigge1a il !o pito de iurgi!o di addestrarli. addo esti!arli. plas arli. rendendoli ental ente rigidi. rispettosi. integerri i ed in!ondi(ionata ente. auto ati!a ente obbedienti. fun(ionali alle esigen(e ed allar onia dellI pero. 9uesta distopia si sarebbe autoperpetuata attra1erso la suddetta ?pedagogia nera@ !ostritti1a. la ?pedagogia dell#nti4Cristo@ o ?del 0rande Inquisitore@. 8er ottenere unadeguata obbedien(a filiale Co. per eglio dire. lobbedien(a dellani aD i nuo1i padroni do1e1ano in!utere ti ore negli auto!toni. tra ite puni(ioni fisi!"e. sadis o. profferte subito
134

s entite. 9ualunque anifesta(ione di 1olont autono a sarebbe stata ri pia((ata da abnega(ione e diniego. La inistra(ione !oloniale non sarebbe stata olto dissi ile dal odello spartano e del totalitaris o del se!olo s!orso> intrinse!a ente orale e orali((atore. edu!ati1o e for ati1o. ?pastorale@ e patriar!ale. oti1ato dalla issione di !reare la so!iet ideale ed il suddito ideale. Le sue pres!ri(ioni ed arbitrati sarebbero state inoppugnabili proprio in 1irtE della sua intangibilit orale. deri1ata dalli peratore. dalla Santa Aadre C"iesa e da -io. Il potere a1rebbe stabilito !iB !"e era giusto e 1irtuoso. 8er 1ia di questa is!ela di oralis o. responsabilit !olletti1a. utilit so!iale ed a bi(ioni te!no!rati!"e. il Nuo1o Ordine prefigurato da Sep6l1eda e dagli altri !o entatori ed analisti di entalit autoritaria. sarebbe stato in!line a !onsiderare la di1ersit !o e un i pedi ento al !orretto fun(iona ento della Aega a!!"ina i periale. Non 1i pote1a essere al!uno spa(io di libert. e di autodeter ina(ione indi1iduale o di popolo. per!"G la 1era libert. in questotti!a. F quella di piegarsi ai 1alori dei padroni. sen(a !"e siano posti osta!oli alla piE !o pleta adesione. La libert delle arionette !"e sono soddisfatte delle !ordi!elle !"e le ano1rano e del loro effi!a!e ri!ondi(iona ento entale. 9uesto era pre!isa ente il destino degli Indios> ansuetudine o estin(ione. 0li intenti di questi ingegneri so!iali ed i prenditori orali erano. ai loro o!!"i. nobili e lode1oli. per!"G finali((ati alla !res!ita della ?!onsape1ole((a@ !i1ile e religiosa degli indigeni. #i nostri appaiono !o e sadisti!i e !rudeli. dettati da un ignobile !o plesso di onnipoten(a di1ina. Le proteste dei nati1i sarebbero state interpretate !o e il risultato di un autoinganno> 1edono questo ondo !o e anipolati1o e brutale per!"G F al di l della loro !o prensione. a noi labbia o !reato per il loro beneJ E!!o. la potente intui(ione !"e -ostoe1sVi^ pone in bo!!a a #l^Bsa> ?Il tuo inquisitore non !rede in -io. e!!o tutto il suo segretoJ@ #l !"e I1n Xara a(o1. di ri ando> ?Infine tu "ai indo1inato. N proprio !osH. F ben qui soltanto !"e sta tutto il segretoI#l tra onto dei suoi giorni egli a!quista la !"iara !on1in(ione !"e uni!a ente i !onsigli del grande e terribile spirito potrebbero instaurare un qual!"e ordine fra i deboli ribelli. ?esseri i perfetti e in!o piuti. !reati per derisione@. Ed e!!o !"e. di !iB !on1into. 1ede !o e o!!orra seguire le indi!a(ioni dello spirito intelligente. del terribile spirito della orte e della distru(ione. e. alluopo. a!!ettare la en(ogna e linganno. guidare or ai !onsape1ol ente gli uo ini alla orte e alla distru(ione. e intanto ingannarli per tutto il !a ino. affin!"G non possano 1edere do1e sono !ondotti. affin!"G questi iseri
135

!ie!"i al eno lungo il !a ino si sti ino feli!i. E nota> linganno F !o piuto in no e di 9uello nel !ui ideale il 1e!!"io "a per tutta la sua 1ita !osH appassionata ente !redutoJ@. Aarionette. auto i. gli indigeni trasfor ati in una galleria di pupa((i da nar!isisti egalo ani !"e aspira1ano ad eser!itare un !ontrollo !o pleto sugli altri. de!idendo quali regole 1ale1ano per loro e quali no. eser!itando lautorit di -io. Co e nel 8ro!esso di XafVa. do1e il protagonista affronta un potere i pla!abile ed in1isibile ed alla fine uore sen(a a1er !apito !osa gli sia su!!esso e per!"G. Co e il 0rande Inquisitore di -ostoe1sVi^. lo stori!o 0on(alo ;ernZnde( de O1iedo. il giurista Puan de Aatien(o. il 1i!erF del 8erE ;ran!is!o de Toledo. il do eni!ano To Zs Orti(. lor ai fa iliare Puan 0inGs de Sep6l1eda. 8edro de #l1arado. responsabile delle!!idio di Teno!"titlZn. ,ernZn CortGs. responsabile di quello di C"olula e ;ran!is!o 8i(arro. responsabile di quello di Ca^a ar!a. erano quasi !erta ente !on1inti che gli indigeni a1rebbero un giorno !apito quale i ensa benedi(ione era to!!ata loro. #1rebbero potuto pronun!iare loro le parole del 0rande Inquisitore. fidu!ioso della sua rettitudine> ?Essi !i a ireranno e !i !onsidereranno !o e altrettanti dFi. per a1er !onsentito. dopo esser!i essi alla loro testa. a prendere sulle nostre spalle il !ari!o della libert. della quale essi "anno a1uto paura. e per a1er !onsentito a do inarliM tanto tre endo finir !ol se brar loro lessere liberiJI8er luo o ri asto libero non esiste una preo!!upa(ione piE assillante e tor entosa !"e quella di tro1are al piE presto qual!uno da1anti al quale prosternarsi@. Ser1i di natura. !o e propugnato dai sofisti 0orgia e Trasi a!o. se!ondo i quali ?la natura 1uole padroni e ser1i@. la giusti(ia naturale essendo ?lutile del piE forte@. o ser1i per !ultura. a !o unque ser1i. 8er un bre1e periodo si erano ribellati. per poi a ansirsi nuo1a ente. ?Aa il gregge di nuo1o si raduner e di nuo1o si sotto etter. e sta1olta per se pre. #llora noi gli dare o una quieta. u ile feli!it. una feli!it di esseri deboli. quali !ostitu(ional ente essi sono. O". noi li persuadere o. alla fine. a non essere orgogliosi. gia!!"G Tu li "ai solle1ati in alto. e !osH "ai insegnato loro a inorgoglirsi> di ostrere o loro !"e son deboli. !"e non son altro !"e dei po1eri ba bini. a !"e in !o penso la feli!it ba bines!a F la piE soa1e di tutte. Essi si faranno ti idi e sa11e((eranno a girar gli o!!"i a noi e a stringersi a noi tutti spa1entati. !o e pul!ini alla !"io!!ia@. 8aul Tilli!" sole1a dire !"e gli uni!i pensatori genuina ente profeti!i del nostro te po sono quelli !"e "anno dedi!ato la propria esisten(a a isurarsi !on la subdola eloquen(a del 0rande
136

Inquisitore dostoe1sVi^ano. Las Casas lo fe!e !on al!uni se!oli di anti!ipo e. se non ne us!H 1in!itore. poi!"G fu s!onfitto in quasi tutte le ini(iati1e !"e intraprese. !o e su!!ede quasi se pre ai 1isionari nati pri a del te po. rius!H !o unque a porre un argine alla piena della Conquista e a rispedire Sep6l1eda ai suoi libri ed alle sue !o pra1endite. N an!ora il 0rande Inquisitore a parlare> ?SH. noi li obblig"ere o a la1orare. a nelle ore libere dal la1oro dare o alla loro 1ita un assetto !o e di gio!o infantile. !on !an(oni da ba bini. !ori e dan(e inno!enti. <I=. Ed essi non !i terranno nas!osto assoluta ente nulla di loro stessi. Noi per ettere o loro. o proibire o. di 1i1ere !on le loro ogli e a anti. di a1ere o non a1ere figli. se pre regolando!i sul loro grado di do!ilit. ed essi si sotto etteranno a noi lieta ente e !on gioia. 8erfino i piE torturanti segreti della loro !os!ien(a. tutto. tutto porranno in ano nostra. e noi tutto risol1ere o. ed essi si affideranno !on gioia alla de!isione nostra. per!"G questa li a1r liberati dal gra1e affanno e dai tre endi tor enti !"e a!!o pagnano ora la de!isione libera e personale. <I= in silen(io essi orranno. in silen(io si estingueranno nel no e Tuo. e oltre to ba non tro1eranno !"e la orte. Aa noi anterre o il segreto. e per la loro stessa feli!it li !ullere o nellillusione duna ri!o pensa !eleste ed eterna. Infatti. seppure !i fosse qual!osa nel ondo di l. non sarebbe da11ero per della gente si ile a loro@. Sono dei sel1aggi e luni!a libert adatta a loro F linno!en(a in!os!iente degli ani ali addo esti!ati !"e si !on!entrano sulla sopra11i1en(a e sullobbedien(a. Leggendo i testi della disputa di /alladolid non "o potuto fare a eno di pensare !"e. proprio lH. in quei giorni. si sta1a s1olgendo. si boli!a ente. leterno !onfronto tra Cristo ed il suo antagonista. il !osiddetto #nti!risto. !"e predi!a il totalitaris o eude onisti!oOutilitaristi!o. il go1erno di unoligar!"ia pseudo4!ristiana. quella dei Conquistadores. !oi loro ira!oli. la loro autorit ed i loro isteri. Non a1e1ano ai goduto di al!una libert. gli indios. e non a1rebbero saputo !"e farsene. Sarebbe stato un fardello e!!essi1o. irritante. ?Si !on1in!eranno pure !"e non potranno ai ne eno esser liberi. per!"G sono deboli. 1i(iosi. inetti e ribelli. <I= Essi sono 1i(iosi e sedi(iosi. a alla fine saranno proprio loro !"e di1erranno obbedienti@. In fondo sono i 1eri benefi!iari di tutto !iB !"e F stato fatto. ?Noi dire o !"e obbedia o a Te. e !"e do inia o nel no e Tuo@. E le puni(ioni. le torture. le perse!u(ioni. i assa!ri. la s!"ia1itE$ Tutto eritato> ?La tua !ondotta e le tue a(ioni ti "anno !ausato tutto !iB. 9uesto il guadagno della tua al1agitM !o F a aroJ Ora ti penetra fino al
137

!uoreI@ C0ere ia %.15D. C"i oserebbe obiettare alla 1olont di se idFi !"e espri ono il giudi(io di -io$ ?Il !ensore dellOnnipotente 1uole an!ora !ontendere !on lui$ Colui !"e !ensura -io "a una risposta a tutto questo$@ Co e 0iobbe. gli Indios do1e1ano solo a!!ettare la loro sorte e ringra(iare il Cielo di essere 1i1i e di a1ere lopportunit di ris!attarsi. ?E!!o. io sono troppo es!"inoM !"e ti potrei rispondere$ Io i etto la ano sulla bo!!a. ,o parlato una 1olta. a non riprenderB la parola. due 1olte. a non lo farB piE@ C0iobbe %3.*D. CF unillu inante annota(ione di /ladi ir Sergee1i! Solo1e1 !"e puB ser1ire a !o prendere eglio le dina i!"e psi!ologi!"e di questi tiranni in!onsape1oli di esserlo> ?L#nti!risto !rede1a in -io. a nel profondo del suo !uore preferi1a se stesso@. Non !redo 1i sia una igliore defini(ione di !erti Conquistadores Co dei Na(istiD. Le ble a perfetto per queste stirpi di !ro!iati F luroboro. il serpente !"e si orde la !oda. &na for a di 1ita atta!!ata alla terra ed alla aterialit. indifferente alla spiritualit ed alla tras!enden(a. tossi!a per sG e per gli altri. i prigionata nella propria gabbia di bra e. gelosie ed egois i. Non F il Sole di Cristo !"e li illu ina. a piuttosto un Sole Nero. la ?fantasia dell&o o Aal1agio@. la1rebbe !"ia ata Uillia :laVe. Il Nuo1o Ordine instaurato dai Conquistadores e difeso da Sep6l1eda era un neo4feudalesi o predatorio in !ui una !asta di signori al 1erti!e della pira ide so!iale tiranneggia1a e spoglia1a le asse degli inferiori. beandosi del potere !o e di un afrodisia!o. pro1ando pia!ere nel senso di do inio e di appropria(ione. Sep6l1eda !"iuse gli o!!"i da1anti a tutto questo. 0li fu piE fa!ile dopo a1er ri!e1uto le generose regalie dei suoi sostenitori della Nuo1a Spagna. Las Casas. al !ontrario. !o prese !"e non sarebbe ai rius!ito a 1i1ere !on se stesso se non a1esse fatto quanto in suo potere per !o battere questo regi e diaboli!o. do1e lintelligen(a era al ser1i(io dellinsensate((a. dellingordigia. dellipo!risia. del so11erti ento delle !onsuete rela(ioni di !ausa effetto. dello sfrutta ento delluo o !o e bene sostituibile 4 una 1olta orti tutti gli Indios sarebbero ri asti pur se pre i neri. e poi tutti gli altri non4bian!"i non4!ristiani. La ra(ionalit di !ui Sep6l1eda si fe!e paladino non era il 1ogos. a lespressione di unintelligen(a !"e aspira ad ununi!a libert. quella di nutrirsi letteral ente del prossi o. Lintelligen(a di un guerriero !ro!iato. di un !a!!iatore duo ini> dura. i pla!abile. insensibile. indifferente. !"e tras!ende e o(ioni e 1alori. 1itti i((a linferiore e il debole. !"e sente la sua as!olinit ina!!iata dal !aos e dallindefinite((a delle e o(ioni u ane !o e le patia. la si patia
138

e la pietM !"e de1e !o battere per sopra11i1ere o non F piE se stesso. !"e intellettuali((a labuso e la pre1ari!a(ione. !"e a a i gesti radi!ali !o e si boli di potere e !onquista. !"e !onfonde la ore !on il possesso. Con le sue parole Sep6l1eda si !i entB nello sdogana ento di una 1iolen(a sadi!a !"e !er!a1a di negare tutto !iB !"e era !onsiderato i puro. una 1iolen(a 1otata alla distru(ione di !iB !"e puB essere distrutto. #leSander 1on ,u boldt a1e1a ogni ragione di osser1are a ara ente !"e ?nel paradiso delle foreste d# eri!a. lesperien(a "a insegnato a tutte le !reature !"e la bene1olen(a di rado si a!!o pagna al potere@. La teologia e la filosofia u anista del !ordobese a1e1ano !o e uni!o. espli!ito s!opo quello di !onferire potere a !"i gi lo possede1a. intende1a proteggerlo ad ogni !osto e. se possibile. ne desidera1a an!ora di piE. Ri!ordia o!i della oni ento di R.U. E erson a non dare ?arnesi affilati in ano ai ba bini. Non si dia alluo o. per a ore del !ielo. piE potere di quanto gi non disponga. fin!"G non "a i parato a usare questo un po eglio. 9uale inferno non sarebbe questo ondo. se potessi o fare !iB !"e 1oglia oJ@M F piuttosto paradossale !"e 1alesse infinita ente di piE per gli Spagnoli !"e per i tanto bistrattati indigeni. Sep6l1eda e !"i la pensa1a !o e lui enfati((B la Eangordnung tra esseri u ani. la differen(a orale ed ontologi!a tra persone a pres!indere dalle loro a(ioni. Luni!a 1era libert. una libert pretta ente niet(s!"eana. risiede1a nella spontanea sotto issione dei deboli al do inio dei forti e nel naturale eser!i(io del dispotis o da parte di questi ulti i. !"e "anno il do1ere di proteggere la propria spe!ifi!it ed e!!ellen(a. non di por1i delle restri(ioni. La teologia di1enta1a allora un ero alibi. non una oti1a(ione. Gott mit uns. ;ios est, con nosotros. 8er affer are la ia dignit de1o ortifi!are quella altrui. de1o esigere !"e la 1itti a sia !onsen(iente. Il io spa(io di libert si !o isura a quello del io arbitrio nelleser!i(io del potere> sono tiranno !on !"i i sta sotto. s!"ia1o di !"i i sta sopra. Sono libero per!"G sono in grado di !o prendere il disegno di1ino e di adeguar i!isi. Sep6l1eda non 1ede. per!"G non 1uole 1edere !"e il nobile apostolato spagnolo F segnato dallinganno. dallingiusti(ia. dallo sfrutta ento spropositato. dal !onsu o s odato e da un !ontrollo patologi!o. E tutto questo in odo siste ati!o. quasi in!ons!io. per!"G pro11iden(ial ente legitti o e per!"G le sue !ause !ulturali e psi!ologi!"e sono radi!ate ed in1eterate. N il trionfo del 1irilis o. dellaggressi1it predatoria. dellessere se pre al li ite delle proprie !apa!it e agari oltre. del desiderare di possedere piE di quanto spetta. !o e se la 1era soddisfa(ione si tro1asse oltre la
139

era soddisfa(ione. 1edere il potere !o e unopportunit di trasgressione e pre1ari!a(ione. il rifiuto del li ite e della propor(ione. Lantagonis o tra noi e loro !o e ordine !os i!o. il bisogno di prendere in1e!e di dare. di sfruttare in1e!e !"e a!!ordarsi. &naggressi1a te!no!ra(ia entale. e!!ano orfa. !"e si fregia di raffinate e istifi!atorie !orone di ragiona enti !"e !elano assunti non solo indi ostrabili. a u ana ente inde!enti. ?Io di!o !"e i barbari de1ono essere do inati. non soltanto per!"G as!oltino i predi!atori a an!"e per!"G alla dottrina e ai !onsigli si aggiungano le ina!!e e si infonda il ti ore. <I=. 0ra(ie al terrore unito alla dottrina. "anno ri!e1uto la religione !ristiana. quegli stessi !"e !on la sola predi!a(ione la1rebbero respinta@ C;emocrates 5lterD. Sep6l1eda non dubitB ai per un solo istante della 1alidit di tali assunti. !entrati su !iB !"e era nor ati1a ente per issibile. ed insensibile al te a di !iB !"e F buono. In questo senso la sua filosofia analiti!a. !"e lui !onsidera1a risoluta ente apoliti!a e quindi neutra ed obietti1a. a!quista1a !aratteri non eno politi!i dellantropologia filosofi!a di Las Casas. Lu anista liquida1a risoluta ente lele ento e o(ionale delle argo enta(ioni della11ersario !o e irrile1ante. CiB !"e !onta1a in unepiste ologia !"e era indifferente alle ragioni della dignit u ana non era il dato esperien(iale a la !oeren(a argo entati1a. la lu!idit del pro!esso di analisi. te ati((a(ione. quantifi!a(ione ed espressione. Luni!a irru(ione in questo !ir!olo autoreferen(iale era quella della 1olont dellautorit pre1alente. degli interessi !onsolidati di !"i eser!ita1a il potere. personifi!a(ione della 8ro11iden(a. Era il sui!idio della ragione. lo sprofonda ento del pensiero ra(ionale nellirra(ionalis o. nellegois o !"e si auto4 giustifi!a. nella filosofia !"e "a !o e uni!o s!opo quello di fungere da dol!ifi!ante. rendendo appetibile !iB !"e in pre!eden(a era stato giudi!ato sprege1ole. e da sol1ente di ogni obie(ione di natura orale. Ci stupis!e la !e!it di !"i a!!usa1a Las Casas di petulante arrogan(a. sen(a a!!orgersi della tra1e nei propri o!!"i. un ego dilatato al punto da non saper dire do1e finis!e il !redente e !o in!ia la di1init. Cosa "a a !"e 1edere !on leti!a predi!ata dal Cristo let"os del Conquistador. fatto !erta ente di auda!ia. disposi(ione eroi!a. nobilt. orgoglio. forte senso dellonore. lealt. senso del do1ere e del sa!rifi!io. a an!"e e soprattutto da un senso di superiorit. da esuberante egotis o. gioia sensuale. dispre((o della ite((a C1ista !o e debole((aD. aggressi1it. a bi(ione. dis!iplina. oralis o ipo!rita e presuntuoso. energia
140

so1rabbondante e robusta 1olont di potere$ Aolto po!o. #n!"e i tratti !"e a11i!inano questa ? oralit dei padroni@ a quella !ristiana sono indiri((ati alla reali((a(ione di un progetto antiteti!o a quelli di 0esE il Cristo> u iliare lu ano. addo esti!arlo e tras!inarlo a fondo. Con tutto !iB. Sep6l1eda da1a li pressione di !redere !"e o1unque fossero a1an(ate le ar ate spagnole !i pote1a solo essere !arit ed a ore. e quandan!"e !iB non fosse a!!aduto. sarebbe stata solo una questione di te po. fino a quando non si fosse rius!iti a do are la fauna u ana lo!ale. Il Conquistador. a1endo una sorta di !onnessione diretta !on un i perati1o !ategori!o !"e deter ina1a le sue a(ioni e la sua 1isione del ondo. non si sarebbe ai !o portato deliberata ente in odo barbaro e !rudele e. daltra parte. non !i pote1a essere un bene piE grande. per un Ser1itore della Rettitudine. di una guerra giusta. Lu anista si !ollo!a1a dalla parte di !"i !ura lodio !on altro odio. Luno dibatte1a per la s!"ia1itE. per il do inio delluo o sulluo o. per il dispotis o. per los!urit. per il passato. e quindi per la tortura. linquisi(ione. la !ondanna a orte per eresia e persino per reati inori. i pogro . la !a!!ia alle streg"e. le guerre di religione. li perialis o. e!!.M laltro per la libert. la dignit. le an!ipa(ione. lo s1iluppo u ano. la lu!e. Rara ente !i fu una distin(ione piE netta ed e1idente. !"e fu os!urata solo dalle insistite proteste del teologo e !ronista di !orte. !"e non si da1a pa!e di essere al interpretato. negando di a1er ai affer ato !iB !"e a1e1a dato alle sta pe. Las Casas non tras!orse il suo te po nelle bibliote!"e o !on gli agenti i obiliari. /ole1a essere a !ontatto !on le persone per!"G a a1a sin!era ente gli esseri u ani. Legge1a sH olto. a si porta1a dietro la sua bibliote!a personale. per poter essere 1i!ino alle 1itti e o a !"i pote1a aggiogare i !arnefi!i. Non fu un uo o perfetto. tuttaltro. a bisognerebbe appre((are il bene !"e fe!e e non a!!entuare irragione1ol ente le sue debole((e. ;u un essere u ano !o e gli altri e !o e tale soggetto a iriadi di falla!ie e an!"e1ole((e. in un !urioso intre!!io di astu(ia e !oraggio. generosit e iras!ibilit. pre ura ed irruen(a. onest e tenden(a ad esagerare. 9uestulti o difetto F forse il piE s!usabile. 9uando s!risse la lettera al !onsiglio delle Indie del '3 gennaio 1*)1. assi!urando !"e ? ai si 1idero. in altre epo!"e o presso altri popoli. tanta !apa!it. tanta disposi(ione e fa!ilit per questa !on1ersione. CID. Non esistono al ondo na(ioni !osH do!ili e eno refrattarie. piE atte o eglio disposte di queste a ri!e1ere il giogo di Cristo@ o quando. nella prefa(ione alla Eelaci3n. insiste1a !"e ?tutti questi popoli. innu ere1oli e di 1ario genere.
141

sono stati da -io !reati estre a ente se pli!i. sen(a !atti1eria nG doppie((a. obbedientissi i e fedelissi i ai loro signori naturali e ai !ristiani di !ui sono al ser1i(ioM sono i piE u ili. i piE pa(ienti. i piE pa!ifi!i e tranquilli uo ini !"e 1i siano al ondo. sen(a astio nG ba!!ano. sen(a liti nG 1iolen(e. sen(a ran!ore. sen(a odio. sen(a desiderio di 1endetta@. Las Casas sape1a di non potersi se pli!e ente appellare all# ore. per non fare la figura dellingenuo idealista. Realisti!a ente. gio!B la !arta del popolo inno!ente e puro. !"e a1rebbe quasi !erta ente a1uto piE !"an!e di sedurre so1rani e pontefi!i. #1e1a infatti un !er1ello di pri a qualit ed un grande !uore !"e lo spinsero ad a are e ser1ire gli esseri u ani !on sin!erit. lealt e tena!ia. ;u an!"e !osH !oraggioso e auda!e da non rendersi !onto di esserlo. e !on un tale li1ello di e patia !"e non se bra a((ardato sospettare !"e potesse a11ertire la sofferen(a e lagonia altrui !o e se fosse la sua. !ioF fisi!a ente. nella sua pelle e nella sua !os!ien(aM un tratto !aratteristi!o di quelle persone !"e si fanno influen(are da ogni 1ita !"e in!ontrano e a loro 1olta la influen(ano. Odia1a la superfi!ialit e si rifiuta1a di !onfor arsi tanto per !onfor arsi. #ssie e alla libert. un prin!ipio parti!olar ente !aro a Las Casas fu quellindefinibile qualit !"e gli uo ini !"ia ano giusti(ia e di !ui an!ora oggi si sa abbastan(a po!o. Aa pri a di tutto pone1a la ore e la piet. le uni!"e 1irtE !"e possono real ente igliorare questo ondo. Coerente ente. nel suo 'ntre los remedios C1*%'D. il do eni!ano spiega1a !"e non solo non era le!ito las!iar orire igliaia di persone per la sal1e((a di una sola persona. a an!"e !"e la 1ita di un uo o era piE i portante della sua stessa sal1e((a. Sia o ad una distan(a siderale dallaltra fa(ione. quella inebetita dalla ania della ri!!"e((a !"e si era i possessata di loro. !o e una alattia. o un !aso di possessione de onia!a. in!urabile. della quale si sarebbero liberati solo distruggendo se stessi. 9uella libera da ogni s!rupolo. !"e si senti1a al di sopra della legge. an(i. !"e pretende1a di in!arnarla. !"e a1e1a il diritto di u!!idere in quella grande industria del assa!ro !"e fu la Conquista. per!"G a1e1a il potere di farlo. Nell 2istoria Las Casas ro1es!iB s!altra ente le a!!use dei Conquistadores> ?-i fronte alla nostra s aniosa e in!ontenibile ansia di a!!u ulare ri!!"e((e e beni te porali. do1uta alla nostra innata a bi(ione e alla nostra insa(iabile !upidigia. questi indiani K lo !on!edo K potrebbero essere ta!!iati di o(iosiM a non se!ondo la ragione naturale. la legge di1ina e la perfe(ione e1angeli!a. !"e lodano e appro1ano il fatto !"e !i si a!!ontenti del puro ne!essario@. 9uellu anit. di!e1o. !"e a1e1a appreso solo la dottrina dellodio
142

e della paura e pensa1a da11ero !"e !i fosse un solo odo per tener buone le persone. terrori((arle in una isura tale da estirpare lidea stessa di potersi ?!o portare ale@ disobbedendo alle leggi del Nuo1o Ordine. ?La guerra spagnola K tuona1a Las Casas K F 1iolenta e !rudele per!"G non "a al!un diritto di fare le !ose profonda ente inique e nefande !"e fa <I= Il potere !"e si a!quista !on la for(a delle ar i. F tiranni!o e 1iolento@. C"iede1a 1ita. !o prensione. !arit. bont per so1rastare la !rudelt e lodio. !o e !"i "a si patia per i suoi !onsi ili e !"e odia la po1ert non per!"G sia po1ero a per!"G altri lo sono. 9uesto se!ondo un prin!ipio uni1ersale ed unifi!ante della oralit u ana !"e esorta alla solle!itudine per ognuno. a pres!indere da lega i parentali e so!iali. al desiderio di re!are benefi!io. alla11ersione al nuo!ere ad altri. allattribu(ione agli altri dello stesso 1alore !"e attribuia o a noi stessi. Las Casas sape1a. a11erti1a nellinti o. !"e il futuro sarebbe stato dalla sua parte e !"e la Corona non a1rebbe ri1olto il suo sguardo 1erso il passato. I! C&isto &a,,ista <adate !ene, !adate !ene; perch( temo e du!ito per la vostra salve$$a :artolo G de las Casas Credo di poter dire !"e Las Casas sia in errore quando sostiene !"e ?non da altro ossi. i !ristiani "anno a a((ato e distrutto tante e tali ani e. in nu ero in!al!olabile. non da altro guidati !"e dalla sfrenata bra a di oro. dal desiderio di e pirsi di ri!!"e((e e di ele1arsi ad alte posi(ioni. assoluta ente spropor(ionate alla qualit della loro persona@ C<revissima rela$ione della distru$ione delle &ndieD. Non dobbia o ai perdere di 1ista le1iden(a dei fatti !"e la C"iesa Cattoli!a non fu in grado di !an!ellare le !orrenti anti4se ite e ra((iste !"e la per!orre1ano. 8otG solo tenerle sotto !ontrollo. N ben 1ero !"e la Spagna. neppure al te po degli statuti di limpie$a de sangre. !onobbe un anti4se itis o paragonabile a quello piE !o une nellEst Europa e !"e la !a pagna !ontro Aori ed Ebrei era guidata da interessi di bottega. Aa F altrettanto 1ero !"e il lega e tra sangue i puro ed ?indesiderabilit@ fu stabilito allora. !"e oltre due ter(i degli Ebrei furono espulsi. e !"e ad Ebrei e conversos fu i pedito di igrare nel Nuo1o Aondo. E poi !erano i pogro . !o e quello terribile del 1)91 !"e. ben!"G generati dallinasprirsi delle !ondi(ioni e!ono i!"e dei !ontadini spagnoli. non possono. a io parere. essere tenuti intera ente distinti da quelli est4europei e
143

na(isti. an!"essi. peraltro. legati alle os!illa(ioni del !i!lo e!ono i!o ed ai !apri!!i del te po. # questo proposito. Aauri(io 0iretti. nella Storia dell)antigiudaismo e dell)antisemitismo . s!ri1e> ?Lintolleran(a 1erso le inoran(e. ebrai!a e usul ana. !ontinuB !on fasi alterne. I oti1i dello s!oppio di una sorta di fobia per il di1erso si spieganoI!on ragioni di ordine politi!o. di ri1alit so!ioe!ono i!"e. a an!"e !on una 1iolenta !a pagna ali entata dai do eni!ani. /ia 1ia !"e il potere regio per intrinse!a debole((a o per spregiudi!ato !al!olo politi!o allenta1a la sua prote(ione. essi ai((a1ano il fanatis o popolare !"e poi si sfoga1a !on 1iolenti atta!!"i !ontro i quartieri ebrai!i e usul ani@ C0iretti. '332D. 8oi. quando Ebrei e Aori si fe!ero batte((are a igliaia ed ebbero !osH a!!esso alle piE alte !ari!"e istitu(ionali. affiorarono le tenden(e !ripto4ra((iste. ?Tutto si F s1olto !o e se un paese !"e a1e1a solo tardi1a ente preso !os!ien(a di se stesso a1esse a1uto bisogno di questo ele ento negati1o K lebreo K per s!oprirsi e si fosse tro1ato nella ne!essit di rein1entarlo. una 1olta espulso o !on1ertito. Sen(a di !"e la sua esisten(a interna si sarebbe tro1ata ina!!iata@ CPean -elu eau. 1929. p. %7*D. Lanti4se itis o. in Spagna ed altro1e. fu il prodotto dellinterse!arsi delle paure ata1i!"e di assa !on le paure riflesse. quelle !"e ?sgorgano !ioF da un atteggia ento dindagine sulla sofferen(a guidato dai direttori di !os!ien(a della !olletti1it. quindi an(itutto dagli uo ini di C"iesa. <I= Essi stesero lin1entario dei ali !"e CSatanaD F !apa!e di pro1o!are e la lista dei suoi agenti> i Tur!"i. gli Ebrei. gli ereti!i. le donne Cspe!ial ente le streg"eD@ Cibide . p. )2D. 9uesta fu una odalit di espressione del ra((is o biologi!o. Lidea di ra((a F un !aso di pensiero !olletti1ista. oral ente parassitario. N il rifiuto di i aginare !"e laltro. il singolo. possa esistere in quanto tale e non !o e e bro di un qual!osa di piE 1asto. 8rende for a quando la !ultura F ridotta alla biologia. resa dipendente da questa. o quando 1iene essen(iali((ata ed ogni ele ento !ulturale si auto4giustifi!a in quanto parte di una tradi(ione stati!a. /i F una nega(ione !ategori!a della 1olont di tollerare ibrida(ioni e !ontiguit. della possibilit di !onte plare una realt in !ui ogni identit F plurale. porosa. ista. eterogenea e ute1ole. 0iuliano 0lio((i pre!isa !"e ?il !on!etto di ra((a si presenta non di rado. fino alla et dellOtto!ento. s!e1ro di olti ele enti !"e !aratteri((ano il ra((is o> o per!"G l@altro@. !on!epito !o e separato da noi. non per questo F ritenuto inferioreM o per!"G la sua inferiorit. ri!onos!iuta. F perB attribuita a !ause esterne ri o1ibiliM o an!ora per!"G. pur attribuendo allinferiorit unorigine geneti!a. se ne auspi!a laboli(ione ediante la is!ela
144

ra((iale@. Nella Spagna della Ri!onquista e della Conquista questi ele enti sono presenti. an!"e se in una !ondi(ione di sudditan(a rispetto alla 1ulgata giuridi!o4teologi!a do inante !"e. per la buona sorte degli auto!toni di quella !"e di1enter l# eri!a Latina. appoggia1a Las Casas. Il ra((is o ?ispano4a eri!ano@. !o e ogni altro ra((is o. passB dalla teoria alla prati!a solo in 1irtE del differen(iale di potere tra le parti e. in seguito. della ina!!ia !"e i eti!!i potessero prendere il potere. sostituendo la !asta padrona. ;u osta!olato dalla an!an(a di un terreno politi!o e orale fa1ore1ole a li1ello istitu(ionale. !"e perB non potG i pedire !"e esso fungesse da !oagulante per lidentit spagnola nella adrepatria e nel Nuo1o Aondo. -i qui la diffusione di prati!"e. spesso illegali o !o unque ritenute inopportune dalle autorit. di e!!anis i di es!lusione. do ina(ione e dis!ri ina(ione !"e alla fine per earono la so!iet !oloniale. /ale lannota(ione di #leSander 1on ,u boldt> ?in Spagna F un tipo di titolo di nobilt non dis!endere da Ebrei e Aori. In # eri!a. la pelle. piE o eno bian!a. F !iB !"e deter ina la !lasse !"e un indi1iduo o!!upa nella so!iet@. Ora si tratta di !apire per!"G questo proble a do1rebbe solle!itare una serie di ponderate riflessioni sulle 1i!ende !onte poranee e. in pri is. lappropria(ione del Cristo per fini di propaganda politi!a. Tutto !o in!iB !ol !ontatto. Le rela(ioni !"e per1ennero in Europa !on1insero ,egel !"e ?questi popoli di debole !ultura s!o paiono quando entrano in !ontatto !on i popoli di !ultura superiore e piE profonda@ e !"e ?gli # eri!ani 1i1ono !o e ba bini !"e si li itano ad esistere. ben lungi da tutto !iB !"e rappresenti pensieri e fini ele1ati@ C,egel. '33) <15)2=D. #bbia o gi a1uto odo di fa iliari((ar!i !on il genere di denigra(ioni alle quali erano sottoposti. piE o eno in buona fede. i nati1i. Lo stori!o e so!iologo !ileno ;ernando Aires. nel bel &n nome della croce C1991D. "a ra!!olto una serie di giudi(i !rudi e perentori !"e aiutano a !o prende linfer1ora ento las!asiano. Puan de 9ue1edo C1%*34 1*19D. il 1es!o1o !ol quale Las Casas in!ro!iB dialetti!a ente la spada a :ar!ellona. ini(ial ente non era parti!olar ente entusiasta di e1angeli((are i nati1i per!"G ?non di1enteranno ai uo iniI sono !on1into !"e sono nati per la s!"ia1itE e soltanto !on essa li potre o rendere buoni. <I=. Se in qual!"e te po al!uni popoli eritarono di essere trattati !on dure((a. sono nel presente gli Indios. piE si ili a bestie fero!i !"e a !reature ra(ionali@. Sorprende !"e la stessa persona !"e poi aderH alla ?!ro!iata@ u anitaria di Las Casas. tanto da ottenere la sua appro1a(ione per un progetto di
145

tutela degli Indios. abbia potuto altresH !"iedersi ?!"e !osa perde la religione !on tali soggetti$@ e !on!ludere !"e sen(a listituto s!"ia1isti!o ?in1ano si la1orerebbe per !ondurli alla 1ita ra(ionale di uo ini e ai si rius!ir a renderli buoni !ristiani@ CAires. p. 7'D. 9ue1edo era un frate fran!es!ano e 1es!o1o del -arien CIst oD. 8ossia o solo i aginare !osa potessero pensare gli en!o enderos. :ernardino Aesa. pri o 1es!o1o di Cuba. intra1ede1a negli indios ?tanta pi!!ola disposi(ione della natura e abitudine !"e per portarli a ri!e1ere la fede era ne!essario tenerli in qual!"e odo in s!"ia1itE. per eglio disporli e per !ostringerli alla perse1eran(a. e questo F !onfor e alla bont di -io@ CAires. p. 7)D. 0li oidores C agistratiD di Santo -o ingo. Espino(a e Sua(o. non si danno !ura di a orbidire i toni. quando insinuano !"e ?se bra !"e -io nostro Signore 1enga ser1ito eglio da queste genti di indios !on il loro !o pleto ster inio. o per i pe!!ati degli antenati o loro. o per altre !ause a noi o!!ulte@ Cop. !it.. p. 7%D. -al !anto suo il fran!es!ano 8edro de #(uaga. 1es!o1o di Santiago del Cile. s!ri1e nel ?-e iure obtentionis regnoru Indiaru questiones tres@> ?Lo!!upa(ione 1iolenta della Nuo1a Spagna fu giusta per linfedelt e per i 1i(i dei naturaliM era ne!essario !astigare lingiuria !"e questi fa!e1ano a -io !on la loro ?apostasia@. Si tratta1a di alberi infruttuosi !"e do1e1ano essere tagliati e bru!iati. -al o ento !"e a1e1ano rifiutato lin1ito di !on1ertirsi al !ristianesi o. la guerra !"e si fe!e loro era stata le!ita e ugual ente lo sarebbero state le guerre future@ Cop. !it.. p. 7%D. Infine erita di essere riportata la posi(ione radi!ale di un lai!o. il !artografo e na1igatore !on!ittadino di Las Casas AartLn ;ernZnde( de En!iso C!. 1%23 4 1*'5D> ?Le !onquiste spagnole erano legitti ate dalla dona(ione del pontefi!e #lessandro /I. !"e in 1irtE del suo supre o potere sulla terra. do1e o!!upa1a il posto di -io. pote1a !astigare il pe!!ato di idolatria degli indios K adoratori di dFi falsi !on loblio assoluto del loro Creatore !ondannandoli. !o e in effetti li !ondanna1a. alla perdita dei loro regni. a !apo dei quali !ollo!a1a i re !attoli!i di Spagna. per!"G questi. !on tutti i e((i a loro disposi(ione. pro!urassero la !on1ersione di quei barbari@ Cop. !it. p. 77D. &nidea di fondo !"e a!!o una questi sproloqui ra((isti F quella otti a ente !ondensata in uno slogan da uno degli antagonisti di Las Casas. il issionario fran!es!ano Toribio de :ena1ente. detto AotolinLa> ?/ale di piE buono per for(a !"e !atti1o per 1olont@. Credo !"e allorigine di questa fero!e intolleran(a 1i siano proble i di natura psi!ologi!a. Aolti Conquistatori. a pres!indere dallestra(ione so!iale e dalla for a(ione e professione. se brano esibire dei tratti abbastan(a definiti. Tutto !iB !"e allieta1a i
146

pensieri di Las Casas. il !alore u ano. la ore. la fluidit delle situa(ioni. delle personalit. delle identit. il fe inile in tutte le sue espressioni. era 1isto !o e spia!e1ole se non addirittura inde!oroso. Aolti Nuo1i Signori non erano preparati per questo ruolo. non sape1ano !o e eser!itare il potere !on equilibrio e odera(ione. Erano tanti ego as!olini !"e indossa1ano ar ature di ferro o di idee fisse. !"e te e1ano !"e una perdita di potere potesse signifi!are la loro disintegra(ione e fra enta(ione. Cer!a1ano solidit nei !orpi4 a!!"ina. nelle unifor i. nelle spade. nei pregiudi(i. della deferen(a e nella desensiti1i((a(ione. Las Casas in1e!e. nelle sue 1isioni rifor iste. pensa1a a strutture so!iali sen(a !onfini netti. sen(a gerar!"ie definite. sen(a !erte((e onoliti!"e Cfatta e!!e(ione per la /erit del CristoD. do1e Europei ed # eri!ani potessero !on1i1ere. a arsi. figliare. apprendere il eglio dellaltro. Il 8aradiso Terrestre sarebbe di1entato di nuo1o realt. Las Casas preferi1a parlare di ani e. ra(ionalit e senti enti. oltre !"e di giusti(ia so!iale. #n!"e se si sfor(a1a di a!!atti1arsi le si patie dei potenti. gli uni!i !"e pote1ano fer are la distru(ione delle Indie. diffida1a del potere e di !iB !"e fa agli uo ini> ?Aai si de1e far potere a uo ini po1eri o a1idi !"e a bis!ono solo ad us!ire dalla po1ert. e olto eno a !oloro !"e anelano. sospirano ed "anno per fine di esser ri!!"i. poi!"G la natura ai in1ano la1ora ed opera@. Lui si fa!e1a pe!ora tra i lupi. i suoi a11ersari. spesse 1olte. lupi tra le pe!ore. Erano ossessionati dal potere ed affas!inati dal sangue> ?/edono nel sangue 1ersato il liquido benedetto !"e per etter la !ristiani((a(ione del Nuo1o Aondo@ CAires. 1991. p. 2)D. La loro struttura entale. una is!ela di istinto agonisti!o. intransigente oralis o. ra((is o C?nessuna riabilita(ione F possibile per !erte !lassi di u ani@D. na(ionalis o C?la Spagna F inno!en(a e pure((a in!arnata@D autoritaris o e tradi(ionalis o C?i reati !ontro lordine !oloniale sono !ri ini !ontro lordine di1inoM ogni de1ia(ione da questo odello so!iale F una !aduta nel pe!!ato@D. spia!e dirlo. fa parte a pieno titolo della nostra natura ed F se pre a disposi(ione del politi!o s!afato. del leader populista. della dottrina autoritaria. del guru illenarista. Il sangue puro ed il sangue 1ersato dal Cristo nobilitano lo spirito e la /erit si testi onia !on il sangue. eglio an!ora se quello di qual!un altro. ?Tutta la !on!essione e la sua !ausa K ri!orda Las Casas in una lettera alla Corte del 1*)* K dei re di Spagna e del do inio !"e "anno su queste terre e genti F stata ed F per la loro 1ita. e per la sal1e((a e !on1ersione delle loro ani e. e sono state in1e!e trasfor ate in orte olto anti!ipata e iserabile. e perdi(ione
147

finale@. In unaltra lettera. questa 1olta indiri((ata al Consiglio delle Indie del 1*)1. leggia o> ?# quelle isere genti basta1a andare allinferno !on la loro infedelt. po!o a po!o e da sole. sen(a !"e quelli !"e a1rebbero do1uto sal1arle. i nostri !ristiani. 1enissero a toglierle dal ondo in !osH po!"i giorni. per sola a1idit. !on nuo1e e inaudite aniere di !rudelt e tirannia andandosene !osH !on loro nelle tenebre e nei la enti sen(a fine@. Non !F !o passione per gli afflitti. i pagani. i barbari !"e. in quanto ser1i disobbedienti del Signore. non "anno diritto di propriet nG sulle loro terre. nG sulle loro 1ite. Nell 2istoria Las Casas denun!ia questa situa(ione> ?E 1ole1ano piena libert per trionfare sugli indios e su tutta lisola. su signori e sudditi. per godere nei propri 1i(i sen(a !"e neppure !i fosse !"i li oderasse e sen(a !er!are oti1i e pretesti per giustifi!are e dissi ulare la loro ribellione. disobbedien(a e iniquit@. In 1erit li !er!a1ano e!!o e. e per questo ?assoldarono@ Sep6l1eda proprio !o e una ultina(ionale stipendia un tea di a11o!ati e di spin doctors C anipolatori di i agini e si boliD per ettersi al riparo dalla giusti(ia e da un e1entuale giudi(io negati1o dellopinione pubbli!a. Il teologo di Cordoba era luo o giusto per!"G !rede1a nella superiorit orale ed intellettuale di !"i !o anda. ?Se "a raggiunto il potere una ragione !i do1r pur essere@. Non !rede1a !"e tutti gli Spagnoli fossero superiori. Nutri1a dispre((o per la plebe ignorante e sordida e non a1rebbe spre!ato un pensiero per !iB !"e giudi!a1a 1olgare. Aa non a1e1a dubbi !"e la !lasse dirigente spagnola fosse la !re a dellu anit del suo te po. C"i sta1a in alto non do1e1a render !onto a nessuno delle sue de!isioni e !"i sta1a in basso do1e1a solo obbedire. Leggia o nel ;emocrates 5lter> ?In una repubbli!a <da intendersi !o e ?so!iet@. ?!o unit@. NdR= ben a inistrataInon sta !erto al 1olgo de!idere degli affari di statoI questo de1e solo obbedire gli ordini ed i de!reti del prin!ipe e degli alti agistratiIper!"G laddo1e il 1olgo si arroga lautorit di ponderare i portanti questioni di go1erno non si "a piE una repubbli!a a la sua aberra(ioneM questa for a di go1erno. detta ?popolare@. F sia ingiusta sia deleteria per il bene !o une@. 8iE oltre> ?Non !F nulla !"e sia piE in !ontrasto !on la giusti(ia redistributi1a Ccontra iustitiam distri!utivam appellatam D dellattribu(ione di uguali diritti a persone disuguali e della parifi!a(ione in fa1ori. onori o diritti di quelli !"e sono superiori per dignit. 1irtE e erito rispetto a quelli !"e gli sono inferiori@. 9uesta era la sua !on!e(ione della so!iet spagnola. figuria o!i !osa pensa1a dei rapporti tra !onquistatori e nati1i !onquistati. 8er loro a1e1a gi in ente ?una !o bina(ione di autorit paterna e
148

ser1aggio. !o e ri!"iesto dalla loro !ondi(ione e !ir!ostan(e@. E se i nati1i se la fossero presa$ I probabile. la feli!it non F uguale per tutti. CF !"i F feli!e quando ordina. per!"G F stato ?!reato per !o andare@ e !"i lo F quando F !o andato. Ognuno "a un ruolo ed una posi(ione !"e gli !o petono nella gerar!"ia so!io4politi!a. e questa F deter inata dalla natura. 8er!iB lindigeno e lo s!"ia1o afri!ano pote1ano essere quanto e persino piE feli!i dellencomendero spagnolo e dello s!"ia1ista portog"ese. Sep6l1eda non te e1a il risenti ento della asse nei !onfronti dei signori. Las Casas a1e1a ben !o preso il per!"G di tanta indifferen(a. 0li encomenderos se ina1ano pusillani it> ?Essa F il prin!ipale espediente dei tiranni per sostenersi nei loro regni usurpati> oppri ere ed affliggere di !ontinuo i piE potenti e i piE saggi. per!"G. o!!upati a piangere e ge ere le loro !ala it. non abbiano te po nG ani o per pensare alla loro libert. e !osH si i pauris!ono e degenerano in ani i ti idi e paurosi@. #lla fine lintera so!iet india era ostaggio di una ?pusillani it i ensa. s!ora ento profondo. anni!"ila(ione della sti a del proprio essere u ano. era1igliandosi e dubitando di se stessi. se erano uo ini o ani ali@ C2istoriaD. Esseri u ani o ani ali. esseri 1i1enti o oggetti. risorse$ La !ultura della 1ita di Las Casas. al eno per quel !"e F dato di !apire leggendo le sue opinioni. tras!ende1a laspetto biologi!o4 organi!o> ?Con luo o abbia o una natura non se pli!e. bensH !o posta. an!or!"G ar oni!a@. Nell 5polog(tica leggia o !"e ?-alla lu!e i pressa nellani o degli Indios si !onos!e !"e 1i F -io@. La !ultura della 1ita di Las Casas 1alori((a1a il reti!olo di signifi!ati. a(ioni. pensieri e !on1ersa(ioni di uo ini !"e ?sono fratelli. in quanto figli dello stesso 8adre !"e li <in1ita= alla sua di ora !eleste@. Si ris!ontra qui il radi!ale !ontrasto !on !"i des!ri1e gli Indios !o e ?non4an!ora4persone@ !"e non "anno diritto di parola riguardo alla loro sorte e !"e se uoiono F per 1olont di -io. 0li Indios erano in parte uti an!"e per Las Casas. !"e essendo !ontinua ente in 1iaggio. a1e1a rinun!iato ad apprendere le lingue dei 1ari popoli !"e in!ontra1a. #n!"e lui ette1a parole in bo!!a agli indigeni sen(a ini a ente sapere !osa a1rebbero detto se fosse stato loro !on!esso di espri ersi nella loro lingua. Eppure gli stessi auto!toni lo no inarono loro rappresentante. 8ote1ano non essere da!!ordo !on tutto !iB !"e affer a1a. a gli ri!onos!e1ano la buona fede e li pegno generoso. Sape1ano !"e lui a a1a la 1ita. in!lusa la loro. !"e parteggia1a per eros. !"e integra ed unis!e. !ontro t"anatos. !"e disgrega. s e bra e separa
149

Cdia1olo 1iene dal gre!o dia!allein. di1idereD. Sape1ano !"e lui insiste1a !ostante ente su un punto nodale della sua prassi teologi!a> il issionario do1e1a pensare e 1i1ere ?!o e se fosse un Indio@. Un io i(%!a)a#i!e

;a queste miti pecoreBgiunsero gli Spagnoli, che naturalmente furono riconosciuti come lupi. :artolo G de las Casas risto severo ed implaca!ile Posef 0oebbels Nella sua 5pologia. Sep6l1eda di!"iara1a !"e a 0esE Cristo era stato affidato il potere sui !ieli e sulla terra e questo potere era stato poi delegato al suo rappresentante in terra. il pontefi!e. il quale dunque era so1rano su ogni terra. La sua giurisdi(ione non si estende1a sola ente alla predi!a(ione del 1angelo a an!"e alli posi(ione dellosser1an(a della legge di natura a tutti i popoli. I posi(ione !"e. lo affer a1a espli!ita ente. do1e1a !o portare an!"e le ?guerre giuste@. !ioF le !ro!iate puniti1e e redentri!i. ?La guerra giusta F !ausa di giusta s!"ia1itE@. 9uesto enun!iato era piuttosto !ondi1iso nellEuropa dellepo!a. tantF !"e una parte degli s!"ia1i !"e 1i1e1ano in Spagna erano stati ottenuti !o battendo !ontro i Aori. Aa ri ane1a in !ontraddi(ione !on il essaggio di Cristo e persino Aar!elino AenGndes 8elaTo. suo traduttore e !o entatore. non!"G fero!e !riti!o di Las Casas. do1ette ri!onos!ere !"e ?gli sfor(i !"e Sep6l1eda fa per !on!iliare le sue idee !on la teologia ed il diritto !anoni!o non bastano per nas!ondere il loro strato pagano e naturalista@. Nel 159* AenGnde( 8elaTo portB a1anti la battaglia di Sep6l1eda definendo Las Casas un ?fanati!o intollerante@ e la <rev>sima 2istoria un ? ostruoso delirio@. &n suo studente. il filologo edie1alista Ra [n AenGnde( 8idal. era della11iso !"e il do eni!ano fosse infer o di ente e !"e gli e!!idi dei Conquistadores ai danni di quegli ?indios preistori!i. residui del Neoliti!o@. fossero stati giustifi!ati dalla ne!essit di !ontrastare le tra e di Aonte(u a. ?8ossia o ben !redere K s!ri1e AenGnde( 8idal. !on1enendo !on lappro!!io di Sep6l1eda K !"e -io abbia fornito !"iari indi(i del bisogno di ster inare questi barbari. e non an!ano dottissi i teologi !"e tra!!iano un parallelo !on i Cananei e gli # orrei. ster inati dal popolo ebreo@. # detta di Sep6l1eda. ?le !ause della guerra non
150

nas!ono dalla probit degli uo ini. nG dalla loro piet e religione. a dai !ri ini e dalle nefande !on!upis!en(e di !ui F piena la 1ita u ana@. Tutta1ia. in1e!e di ri!a1are da questa dedu(ione una riflessione piE generale sulla follia della guerra. !o e abbia o 1isto lo studioso !ordobese. esibendo una !onsidere1ole dose di !ini!o ?realis o@. stabili1a !"e la 1iolen(a F la fonte stessa del diritto. quando la giudi!a ine1itabile per la pa!ifi!a(ione di popoli !"e non a1e1ano ai interferito in al!un odo !on gli affari europei e !"e a1e1ano fin da subito preferito le 1ie diplo ati!"e rispetto allo s!ontro frontale. #bbia o gi to!!ato il te a del !arattere autoritario delle passioni !i1ili di Sep6l1eda. a tale F la loro pertinen(a ed attualit. !"e un saggio sulla filosofia orale e lantropologia politi!a di Las Casas de1e indugiar1i a lungo. Il teologo andaluso era un u anista elitario. uno di quelli !"e giudi!a 1olgare tutto !iB !"e non F eroi!o. altolo!ato ed es!lusi1o. Tutto !iB !"e riguarda il 1olgo F per defini(ione 1olgare e indegno della sua atten(ione. Se poi questo 1olgo F so ati!a ente e !ultural ente differente dalla so it della !i1ilt europea. lGlite spagnola. !o e lo sono gli indo4 a eri!ani !"e. a suo dire. non !onos!ono il !o er!io. la letteratura e la oneta. allora si puB ben !apire !"e il suo appro!!io nei loro !onfronti non potr !"e essere sussiegoso e sbrigati1o. Nel ;emocrates 5lter si pre!isa1a !"e gli indiani non do1e1ano essere oppressi in isura e!!essi1a per!"G a1rebbero potuto reagire ?tentando di disfarsi del giogo spagnolo@. Se era ben 1ero !"e gli Spagnoli si possessa1ano del loro oro e argento. era an!"e 1ero !"e in !a bio da1ano ferro. bron(o e ani ali dalle1a ento. piE utili agli indigeni. 8er non parlare dellinesti abile dono della dottrina !ristiana. Natural ente F ne!essario !apire !"e !osa intenda Sep6l1eda per dottrina !ristiana. N piuttosto e1idente !"e la distan(a !"e separa Las Casas dal suo a11ersario F la edesi a !"e separa il /e!!"io dal Nuo1o Testa ento. 0esE il Cristo non !"iede1a di fare a eno di !iB !"e era 1enuto pri a di lui K ed infatti Las Casas si affida allE!!lesiaste ed ai 8ro1erbi K a F e1idente !"e di1ersi passaggi dell#nti!o Testa ento risentono del periodo e delle !ir!ostan(e in !ui furono elaborati e sono in!o patibili !on il essaggio del Cristo. CosH Las Casas a!!usa1a il suo !ontendente di ?non a1er esa inato le s!ritture !on suffi!iente deter ina(ione@. Se!ondo il do eni!ano. in questepo!a di ?gra(ia e piet@. il suo a11ersario ri ane1a ostinata ente i pantanato ?nella sua inflessibile appli!a(ione dei rigidi pre!etti del /e!!"io Testa ento@. un gra1e errore er eneuti!o !"e a1e1a !o e uni!o risultato quello di age1olare ?loppressione. lo sfrutta ento e la
151

s!"ia1i((a(ione di na(ioni inno!enti@. -i1ersi studiosi di Sep6l1eda "anno pro1ato a ini i((are la gra1it di !erte sue asser(ioni a se 0esE il Cristo F la fonte teologi!a piE autore1ole K ?Io sono la /erit@ K ed F uni1ersal ente risaputo !"e il suo F un essaggio di a ore. tolleran(a. sapien(a e soprattutto giusti(ia. allora gli sfor(i sepul1ediani di reali((are la quadratura del !er!"io. trasfor ando questinsegna ento in un !ulto proto4niet(s!"eano del superuo o e della !asta dei signori. non solo non possono essere presi sul serio. a de1ono essere !ontrastati in ogni odo. !o e fe!e Las Casas quandera in 1ita. Sep6l1eda giudi!a1a l#nti!o Testa ento superiore al Nuo1o. per!"G !ontene1a leggi la !ui solidit a1e1a per esso loro di per1enire fino a noi. pro1a del fatto !"e erano leggi naturali. Linsegna ento di 0esE era !o ple entareM le a1e1a perfe(ionate a non abolite. Erano gi buone e naturali di per sG. Le esorta(ioni di 0esE ser1i1ano a igliorare la propria esisten(a. a !"iara ente non erano appli!abili alla sfera politi!a. Non F !"e a1esse qual!osa da ridire su di esse. a non le ritene1a 1in!olanti. per!"G sarebbe stato i possibile etterle in prati!a nella 1ita reale e per!"G !ontra11eni1ano alle leggi di natura. Infatti nell#nti!o Testa ento si 1ede1a !"iara ente !"e agli Ebrei era !onsentito !o battere una guerra quando la legge di natura lo de!reta1a ne!essario. 8oi!"G le leggi di natura erano state definite da Sant#gostino !o e espressione della 1olont di -io. !"e a1e1a stabilito !"e lordine naturale do1e1a essere !onser1ato intatto. allora qualunque !osa fosse !o piuta in a!!ordo !on la legge di natura sarebbe stata in a!!ordo !on lautorit di1ina. Si noti !"e questo tipo di ragiona ento. sebbene non appli!ato al -io !ristiano !o F general ente inteso. era !o une nella 0er ania na(ista. #dolf ,itler si appella1a in1ariabil ente alle leggi naturali de!retate dal ?Creatore dell&ni1erso@. Le leggi eugeneti!"e ser1i1ano a plas are unu anit quale ?lOnnipotente Creatore stesso a1e1a !reato@. In un dis!orso del 19''. ,itler definH 0esE ?il 1ero -io@. In seguito lo !"ia B ?il nostro piE grande leader ariano@. Se!ondo ,itler il o1i ento na(ista a1rebbe !o pletato ?il la1oro !"e Cristo a1e1a ini(iato. a non potG !o pletare@. Infatti ?il 1ero essaggio@ della Cristianit pote1a essere tro1ato proprio nel Na(is o. Cristo a1e1a !o battuto gli Ebrei e loro la1e1ano liquidato. La sua religione F la !osiddetta ?Cristianit 8ositi1a@ ossia il Cristianesi o tradi(ionale spogliato di ogni !osa !"e non gli pia!esse. La di1init di ,itler non era un deus otiosus a un dio atti1o. !"ia ato Creatore o 8ro11iden(a !"e a1e1a !reato luni1erso ed un ondo in !ui le 1arie ra((e do1e1ano !o battersi per la
152

sopra11i1en(a. 8er il ;_"rer. esatta ente !o e per -e o!rates. uno dei due interlo!utori dello oni o trattato di Sep6l1eda. ?i die!i !o anda enti sono un !odi!e di !ondotta irrefutabile. 9uesti pre!etti !orrispondono agli irrefragabili do1eri dellani a u anaM sono ispirati dal igliore spirito religioso@. #n!"e il sinistro Aartin :or ann in1o!a1a le leggi di natura. !o e fonte di 1erit ed autorit in ogni !a po dellesisten(a> ?Il potere della legge di natura F !iB !"e !"ia ia o lonnipotente for(a di -io. <I=. Noi Na(ional4So!ialisti pretendia o da noi stessi di 1i1ere nel odo piE naturale possibile. ossia in a!!ordo !on le leggi della 1ita e della natura. 8iE pre!isa ente le !o prendia o e 1i !i attenia o. piE agia o nel rispetto della 1olont della for(a onnipotente@. ,einri!" ,i ler parla1a della 1olont del 0rande Spirito in toni assolutisti!i> ?Esiste un solo grande spirito e noi indi1idui sia o le sue te poranee anifesta(ioni. Sia o eterni quando eseguia o la 1olont del 0rande Spirito. sia o !ondannati quando lo !ontestia o nel nostro egotis o ed ignoran(a. Se obbedia o. 1i1ia o. Lo sfidia o e sia o gettati nel fuo!o inestinguibile@. #dolf Ei!" ann spiegB al pastore e1angeli!o Uillia ,ull. !"e lo 1ole1a !on1ertire pri a della sua ese!u(ione. !"e ?nella ia !on!e(ione. -io. per 1ia della sua onnipoten(a. non F un punitore. non F un -io irato. a piuttosto un -io !"e abbra!!ia lintero uni1erso. lordine nel quale sono stato !ollo!ato. Il suo ordine regola tutto. Tutto lessere e il di1enire K in!luso e K F soggetto al suo ordine@. # io giudi(io la fissa(ione di Sep6l1eda per la legge di natura !ela1a una !reden(a panteista !o e quella espli!itata dalle !ita(ioni dei gerar!"i na(isti> la !reden(a in un -io4nella4natura onnipotente !"e libera luo o da ogni !ostri(ione orale. Il teologo insiste1a !on proter1ia !"e lui non sta1a difendendo la s!"ia1itE naturale a tro1a1a una !erta diffi!olt nel di ostrare di non essere un fautore di quella !i1ile. per di piE se iper anente. e quindi essen(ial ente naturale. 8ro1a1a ad aggirare il proble a parlando di dominium. lo stato di subordina(ione i posto dai Ro ani ai popoli assoggettati. a non nas!onde1a la sua !on1in(ione dellesisten(a di un ?bisogno naturale@ !"e i popoli e gli indi1idui intellettual ente e !ultural ente eno dotati si sotto ettano 1olontaria ente alla 1olont dei piE dotati. Ne!essit !"e. se pre se!ondo lui. era suffragata dal parere di Sant#gostino nella sua lettera al 1es!o1o s!is ati!o /in!en(o. in !ui giustifi!a1a le aniere forti !ontro gli ereti!i> ?Aa io penso !"e sono stati !astigati per a ore e non per odio. Tu perB de1i !onsiderare tante persone. il !ui ra11edi ento !i pro!ura ora tanta gioia. Se infatti !i li itassi o a spa1entarli sen(a a aestrarli. !iB a1rebbe
153

lQapparen(a dQuno spietato dispotis o. -Qaltra parte. se !i li itassi o ad a aestrarli sen(a spa1entarli. in!alliti !o e sono nella loro in1eterata abitudine. !o in!erebbero ad in!a inarsi troppo pigra ente sulla 1ia della guarigione. <I=. 9uando perB ad un utile spa1ento si unis!e un salutare insegna ento. in odo !"e non solo la lu!e della 1erit s!a!!i le tenebre dellQerrore. a !"e an!"e la for(a del ti ore spe((i i la!!i di una !atti1a abitudine. allora !i rallegria o 4 !o e "o detto 4 della guarigione di olti@. Sep6l1eda era irre o1ibile su questo punto> quando gli indiani resiste1ano alla 1olont ed allautorit degli Spagnoli. si ribella1ano alla 1olont della natura. e quindi a -io. 8er questo anda1ano puniti e !orretti ed i loro beni pote1ano essere legitti a ente sottratti. Non pote1ano per ettersi di rifiutare i doni degli Europei. !ioF i doni di -io. #ltri teologi e politi!i. !o e Sep6l1eda. ri!orre1ano alle Sa!re S!ritture per legitti are la Conquista e la !on1ersione manu militari. !itando lepisodio di 0eri!o. Aatteo 13>)% C?Non !rediate !"e io sia 1enuto a portare pa!e sulla terraM non sono 1enuto a portare pa!e. a una spada@D. il gi !itato Lu!a 1%>') C?E il signore disse al ser1itore> /a fuori per le strade e lungo le siepi. e !ostringili ad entrare. affin!"G la ia !asa sia piena@D. Las Casas risponde1a a!!ostando il !o porta ento dei Conquistadores a quello des!ritto in aa!!aria 11> %4*> ?CosH parla lEterno. il io -io> ?8as!i le ie pe!ore destinate al a!ello. !"e i !o pratori u!!idono sen(a rendersi !olpe1oli. e delle quali i 1enditori di!ono> Sia benedetto lEternoJ Io arri!!"is!oJ@. Cita1a Isaia )'>12> ?Il frutto della giusti(ia sar la pa!e. e leffetto della giusti(ia. tranquillit e si!ure((a per se pre@. #nnun!ia1a s!iagure a !"i si fosse a!!"iato di !olpe i perdonabili. Ri anda1a ad E(e!"iele )%>'4%. peraltro gi usato da Aontesinos alla !orte di Castiglia> ?0uai ai pastori dIsraele. !"e pas!ono se stessiJ I pastori non do1rebbero forse pas!ere il gregge$ /i nutrite di latte. 1i ri1estite di lana. a a((ate le pe!ore piE grasse. a non pas!olate il gregge. Non a1ete reso la for(a alle pe!ore deboli. non a1ete !urato le infer e. non a1ete fas!iato quelle ferite. non a1ete riportato le disperse. Non siete andati in !er!a delle s arrite. a le a1ete guidate !on !rudelt e 1iolen(a@. Ri!orre1a a 0ia!o o *>147> ?E ora a 1oi. ri!!"i> piangete e gridate per le s!iagure !"e 1i so1rastanoJ Le 1ostre ri!!"e((e sono i putridite. le 1ostre 1esti sono state di1orate dalle tar eM il 1ostro oro e il 1ostro argento sono !onsu ati dalla ruggine. la loro ruggine si le1er a testi onian(a !ontro di 1oi e di1orer le 1ostre !arni !o e un fuo!o. #1ete a!!u ulato tesori per gli ulti i giorniJ E!!o. il salario da 1oi defraudato ai la1oratori !"e
154

"anno ietuto le 1ostre terre gridaM e le proteste dei ietitori sono giunte alle ore!!"ie del Signore degli eser!iti. #1ete go((o1igliato sulla terra e 1i siete sa(iati di pia!eri. 1i siete ingrassati per il giorno della strage. #1ete !ondannato e u!!iso il giusto ed egli non puB opporre resisten(a@. Infine. nel suo testa ento teologi!o4politi!o. :ratado de las doce dudas C1*7%D. pronun!ia1a la !ondanna definiti1a e propone1a a ;ilippo di abbandonare le Indie> ?,anno gra1e ente a!!"iato il no e di 0esE Cristo e la nostra religione !ristiana. !reato degli osta!oli fatali alla propaga(ione della fede e arre!ato dei danni irreparabili allani a e al !orpo di questi popoli inno!enti. E sono !on1into !"e !o e puni(ione di tali a(ioni. e pie. s!ellerate ed igno iniose. tanto tiranni!a ente e sel1aggia ente perpetrate. -io ful iner la Spagna !on il suo furore e la sua ira@. Las Casas non dubita1a della 1eridi!it delle profe(ie sulla fine del ondo. a le i piega1a !on astu(ia. per!"G sape1a !"e. alaugurata ente. le enti se pli!i di olti Conquistadores erano piE fa!il ente s osse dalla paura piuttosto !"e dalla !o passione e dalla ragione. Se "o intrapreso questa ri!er!a F per!"G. personal ente. i tro1o piE a io agio !on la teologia politi!a di Las Casas. !"e prende le osse dalla realt della situa(ione !o e la 1i1e un popolo. i Nati1i # eri!ani nel suo !aso. e non unGlite. per poi seguire la strada di unop(ione u anista ed u anitaria piE equa. giusta e !ristiana di quella !"e "a sotto gli o!!"i. Lopera(ione las!asiana. se essa a !onfronto !on quelle sopra des!ritte. F altrettanto se pli!e> si appoggia al Cristo ?stori!o@ ed al !ristianesi o pri iti1o per esaltare il punto di 1ista antropo!entri!o degli oppressi. non per giustifi!are gli oppressori. Lop(ione di Sep6l1eda e di !"i fa uso delli agine del Cristo sfer(ante ed i pla!abile F quella di !"i sostiene la bont e ne!essit di tenden(e es!lusi1iste. settarie e fatalisti!"e. di !"i pro!la a lin!o ensurabilit. lirridu!ibile pluralit e di1ersit ontologi!a di !ulture !"iuse. distinte. o ogenee e separate. opponendo al diritto alleguaglian(a il diritto ad una differen(a gerar!"i((ata. non equa ed unitaria. 9uello !"e !"ia o il ?Cristo I pla!abile@ K una !ari!atura del Cristo. la sua nega(ione K F un Cro!iato Cos i!o !"e persegue gli interessi suoi e dei suoi fedeli a dis!apito dei diritti u ani e !"e assegna le persone al posto !"e gli spetta nellordine naturale e so!iale. sulla base di arbitrarie attribu(ioni di 1alore intrinse!o. N un Cristo inestri!abil ente asso!iato ad un pe!!ato originale onnipotente ed insoppri ibile. al ito delli utabile natura ferina ed egoisti!a u ana !"e ne deter ina le a(ioni. e della
155

1ita !o e !arosello di iniquit. ingiusti(ia e 1iolen(a. -ato questo stato di !ose. gli a11ersari di Las Casas insiste1ano sulla ne!essit di plas are la !ristianit in una religione di stato. una religione !i1ile !"e ingiungesse ai !ittadini il retto sentire ed il retto agire. in a!!ordo !on la natura e !on gli interessi di un I pero sa!rali((ato. C"i in1e!e si s!"iera1a !on Las Casas era ri!attato oral ente. esposto alla ripro1a(ione di !"i lo a!!usa1a di essere un egoista. un folle e un traditore del bene !o une. !on un li1ore !"e non s!e a neppure dopo di1ersi se!oli. #n!ora nel dopoguerra Ra [n AenGnde( 8idal ta!!ia1a Las Casas di paranoia> ?Non era nG santo. nG i postore. nG ale1olo nG folleM era se pli!e ente un paranoi!o@. Il Cristo di Las Casas F un Cristo d# ore. 8er lui !"e lindio sia !ristiano o eno fa se pre parte del !orpo di Cristo. #l li!en(iato #guirre. un suo a iratore. !onfida> ?,o las!iato. nelle Indie. 0esE Cristo flagellato. tor entato. sfer(ato e !ro!ifisso. non una. a ilioni di 1olte@. Coerente ente. sostiene !"e i non !redenti possono !o unque essere atti1i parte!ipanti nel !orpo di Cristo attra1erso la gra(ia sal1ifi!a di -io !"e F presente in ogni essere u ano. LIndio F 0esE Cristo. lui stesso F 0esE Cristo e !"iunque fa!!ia qual!osa a loro lo fa a Cristo CAatteo '*. %3D. N un ritorno alla paleo4!ristianit. la !ristianit delle origini. quella di #lessandria. di Cle ente e di Origene. questulti o una figura grande ente a irata da Eras o da Rotterda . Las Casas non !ita Origene. per!"G F un gigante del pensiero !ristiano !"e. !on il passare del te po. F di1entato s!o odo. Co penetra il pensiero di olti rifor atori !ristiani. a lo si !ita di rado. per e1itare di ettersi nel irino dellInquisi(ione. Las Casas preferis!e ritor!ere !ontro i detrattori degli indo4a eri!ani i 1ersi piE forti del /angelo. !o e quando !ita il !o ento di Sant#gostino a Aatteo '*> ?se il fuo!o eterno F il pre io per !"i "a 1isto 0esE nudo e non lo "a !operto !"e posto allinferno sar riser1ato per quelli a !ui F stato detto ?ero 1estito e tu i "ai spogliato@$@ Il si1igliano. or ai !ittadino del ondo. ritiene !"e se uno 1uole seguire linsegna ento di Cristo lo de1e fare fino in fondo. non a!!ontentarsi di 1erit par(iali. a prendere a odello !"i "a in!arnato la /erit. Il !"e perB non i pedi1a agli altri !redenti della Conquista. quelli piE ?agguerriti@ e eno tolleranti di prenderlo a odello solo per quel !"e li autori((a1a a piegare lindio alla loro 1olont. N qui !"e :artolo G non sente ragioni. Lui 1ede il nati1o. laltro. !o e uno dei po1eri del 1angelo. !o e Cristo stesso. appunto. e 1ede nei Conquistadores i suoi perse!utori> ?9uando predi!"ia o agli Indiani lu ilt e la po1ert di 0esE Cristo. e !o e "a sofferto per noi. e !o e -io "a a
156

!uore i po1eri e gli ulti i. loro pensano !"e stia o entendo@. Luni!a !ondotta oral ente degna di1enta allora quella di AosGM si de1e sfidare lira del faraone per liberare il suo popolo dalla s!"ia1itE. un paragone !"e ri!o pare piE 1olte negli s!ritti las!asiani. Reali((are un ondo di libert e giusti(ia. questa era. se!ondo Las Casas. la 1olont di -io. il !ui figlio ?non era orto per loro@. #ltri. !o e Sep6l1eda. predilige1ano un ondo di obbedien(a e sudditan(a. di a1idit e sopraffa(ione. in !ui luo o ?infine F prigioniero e s!"ia1o del denaro. e de1e fare quel !"e gli !o anda il suo padrone. F se pre preo!!upato e diligente e si i pegna per essergli gradito e ri!er!arlo. poi!"G da lui si attende ogni !onforto. il suo bene. al fine dei suoi desideri e tutta la sua beatitudine@ CLas Casas. 'l octavo rem(dioD. Il loro era un dio di1erso. non !erto quello di !ui parla 0esE il Cristo e !"e Cristoforo Colo bo a1e1a 1oluto far !onos!ere in # eri!a. 8er Las Casas Colo bo era un uo o della 8ro11iden(a. Lo indi!a1a il no e stesso K ?Aa quelluo o illustre. rinun!iando al no e !onsa!rato dalluso. 1olle !"ia arsi Col[n. ripristinando il 1o!abolo anti!o. non tanto per questa ragione. a in quanto osso. dobbia o !redere. dalla 1olont di1ina !"e lo a1e1a pres!elto per reali((are !iB !"e il suo no e e !ogno e signifi!a1ano. <...= 8er questo egli era !"ia ato Crist[bal. !ioF C"ristu ferens. !"e 1uol dire portatore di Cristo. e !osH fir B olto spessoM per!"G. in 1erit. egli fu il pri o a s!"iudere le porte del are O!eano per far1i passare il nostro Sal1atore 0esE Cristo. fino a quelle terre lontane e a quei regni fino ad allora s!onos!iuti. <...= Il suo no e fu Col[n. !"e signifi!a ripopolatoreM un no e !"e ben si !on1iene a !"i. !on i suoi sfor(i. "a per esso !"e fossero s!operti quei popoli. quelle innu ere1oli ani e !"e. gra(ie alla predi!a(ione del /angelo. <...= sono andate e andranno ogni giorno a ripopolare la !itt gloriosa del Cielo@ C2istoria. I. 'D. In1e!e ,ernZn CortGs e quelli !o e lui erano essaggeri di ro1ina. iniquit ed igno inia. Luni!a aniera di fer arli. !o e ra!!o anda1a nel ;ell)uni!o odo di attrarre tutti i popoli alla vera Eeligione. era sfor(arsi di ?1i1ere una 1ita pura e santa. essere di ese pio !on le proprie parole. aniere. !arit. fede. !astit. di odo !"e nessuno abbia a dispre((are <noi predi!atori=@. Non basta !"ia arsi !ristiani per esserlo. &n autenti!o !ristiano F uno !"e si !o porta !o e tale. non !o e un auto a. una a!!"ina. o un lupo tra1estito da agnello. &no !"e ripudia le guerre e le torture. non le !onsidera stru enti per esportare fede e ?de o!ra(ia@. 1isto !"e la fede. !o e ripete Las Casas. pro1iene da dentro di sG. da una
157

ente e da un !uore !"e si aprono a -io. e non puB in al!un essere i posta dallesterno. La "ine ei te(%i

odo

Se questo il tempo della Salve$$a nascosto nei secoli passati, come ha detto l)5postolo, perch( si tramuta in un tempo di tri!ola$ione, vendetta, ira, affli$ione, dissipa$ione, crudelt e morte% Lettera di Las Casas al Consiglio delle Indie. 1*)1 Ges7 risto non ha fissato un limite di tempo per la conversione degli uomini, ha lasciato loro tutta la vita :artolo G de las Casas Il gi !itato AotolinLa. uno dei pri i dodi!i issionari a raggiungere le # eri!"e. in una lettera a Carlo / del 1***. interpreta1a la Conquista del Aessi!o !o e la11ento del quinto regno. o quinta era della storia u ana. preludio alla parusia del Cristo. &n regno !"e rie pir di sG lintero pianeta e di !ui li peratore sar leader C caudilloD e !apitano. Nella lettera il issionario i plora1a li peratore di ?i piegare tutta la diligen(a possibile@ affin!"G questo regno si reali((i. #n!"e :artolo G de las Casas !rede1a !"e il 0iudi(io &ni1ersale fosse or ai alle porte. Inoltre. lo abbia o appena 1isto. era persuaso !"e Cristoforo Colo bo fosse l&o o della 8ro11iden(a !"e a1e1a raggiunto la Terra 8ro essa K ?s!else il di1ino e so o aestro tra i figli di #da o !"e in questi nostri te pi 1i1e1ano sulla terra. quellillustre e grande Colo bo. al quale affidare una delle piE egregie i prese !"e in questo se!olo 1olle nel suo ondo fare@ C 2istoria de las &ndiasD. Ne era persuaso per!"G sia lui sia Colo bo. del quale era un sin!ero a iratore. a1e1ano ri!a1ato dalla lettura della :ibbia li pressione !"e Isaia a1e1a profeti((ato la s!operta dell# eri!a. 8er l# iraglio. l# eri!a era Ofir. la sede delle fa ose iniere di re Salo one. ?La s!operta delle nuo1e terre F. per Colo bo. un e1ento pre1isto e profeti((ato nelle s!ritture sa!re. La predi!a(ione del 1angelo si estender final ente a tutto il ondo e lopera degli apostoli sar !o pletata gra(ie agli stru enti !"e la pro11iden(a di1ina "a preparato a tale s!opo> in pri o luogo lui. Colo bo. e i so1rani di Castiglia e d#ragona. # questi ulti i F riserbata la !onquista di 0erusale e e luni1ersale !on1ersione delle genti al !ristianesi o. In questo odo si anifesta la 1olont di1ina di abbre1iare i te pi dellulti a fase della storia del ondo.
158

rispar iando sofferen(e agli eletti se!ondo la pro essa e1angeli!a@ C8rosperi. 1927. p. 2D. 8er Las Casas lundi!esi a ora del ondo era s!o!!ata proprio gra(ie a Colo bo ed ora la Spagna pote1a re!itare una parte de!isi1a nel dipanarsi della issione di Cristo. in 1ista del "airos apo!alitti!o. il te po di -io. ?N !osa di !erto !redibile !"e <il papa= rendesse lodi e ringra(ia enti i ensi a -io. datore dei beni. per!"G nei suoi ulti i giorni a1e1a 1isto aperto il !a ino per il prin!ipio dellulti a predi!a(ione del /angelo e per lappello o !ondu(ione degli operai o(iosi alla 1igna della Santa C"iesa. gi alla fine del ondo. !"e F. se!ondo la parabola di Cristo. lora undi!esi a@ C2istoriaD. Aalaugurata ente. !o e si rese presto !onto. il ?popolo eletto@ spagnolo. in1e!e di fa!ilitare la reden(ione dei nati1i e la sal1e((a del genere u ano. sta1a trasgredendo la sua issione. #llo stesso te po. non esita1a a suggerire lipotesi !"e olti degli eletti da -io sarebbero stati indo4a eri!ani. ?E potr essere !"e !ostoro. !"e in tanto dispre((o abbia o a1uto. si tro1ino. piE di noi. nel giorno del giudi(io alla destra del 8adreM e questa !onsidera(ione do1rebbe antener!i notte e giorno in gran ti ore@ C2istoriaD. -i !onseguen(a tutti gli indigeni do1e1ano essere rispettati e tollerati. an!"e solo per e1itare il ris!"io di ferire o u!!idere uno degli eletti. 9ueste sue !on1in(ioni spiegano perB solo in parte il suo atti1is o solidaristi!o. In nessuno dei suoi s!ritti d li pressione di essere stato !ondi(ionato da questa !reden(a. peraltro olto diffusa negli anni della S!operta dell# eri!a e !apa!e di affas!inare persino NeRton. uno dei patroni della s!ien(a oderna. Las Casas non fa quello !"e fa per!"G anela lo s!ontro finale tra il bene e il ale. una trasfor a(ione epo!ale !"e pre i gli eletti e danni i al1agi. Non !rede !"e il ondo stia inabissandosi nel pe!!ato. nella !orru(ione. nellabie(ione. Non !rede !"e un -io !astigatore sia in pro!into di prendere il !ontrollo della situa(ione or ai sfuggita di ano agli esseri u ani. Las Casas "a fidu!ia nella sua spe!ie. "a fidu!ia nel potere delledu!a(ione e del /erbo. La sua 1isione del ondo e della storia u ana. an!"e dopo a1er assistito a stragi e perse!u(ioni. ri ane angeli!a. non !atastrofista. /ede. soffre e denun!ia le alefatte dei singoli. sen(a fare di tutte le erbe un fas!io. Non giudi!ando il ondo or ai al di l di ogni possibile reden(ione. non auspi!a li piego di isure terribili e tra!otanti. !onseguenti alla ?!orrisponden(a auto ati!a tra assi o grado di abie(ione e assi a probabilit della sua eli ina(ione@ C8la!ani!a 1993D. N un gradualista. Sa !"e tutto !a bia. !"e le persone aturano e !osH le !i1ilt e !"e la ri1ela(ione !ristiana fa sH !"e
159

tutto !iB !"e F a!!aduto pri a e dopo la11ento di Cristo sia progresso spirituale. orale e !i1ile. La 1iolen(a sarebbe !ontroprodu!ente. gia!!"G ?il o1i ento o odo !on !ui la di1ina sapien(a guida tutti gli esseri !reati. e soprattutto gli esseri ra(ionali. al !onsegui ento del loro bene naturale o soprannaturale. F dol!e. deli!ato e soa1e. 9uindi il odo di !"ia are gli uo ini al seno della 1era religione. ediante la quale de1ono raggiungere il bene soprannaturale eterno. de1e essere un odo deli!ato. dol!e e soa1e. in una isura olto aggiore di quello del odo !"e !orrisponde agli altri essere della !rea(ione@ C ;ell)unico modoD. 8aradossal ente. per uno !"e !rede nelli inen(a della fine dei te pi. la entalit las!asiana F anti4!atastrofista. Laddo1e il !atastrofista 1ede solo un ondo do inato dalle for(e del Aale e si affida alla speran(a. alla fidu!ia. allobbedien(a ed allattesa !o e uni!a 1ia di sal1e((a per se stesso. lui insiste !"e il progresso u ano non puB essere slegato dalla ra(ionalit. dalla !o prensione e soprattutto dalla !ollabora(ione. Nel su en(ionato anuale di e1angeli((a(ione. pre!isa !"e ?portare gli uo ini alla !onos!en(a della fede e della religione !ristiana F si ile al odo di portarli alla !onos!en(a della s!ien(a@ e !"e il predi!atore non puB per ettersi di ra((olare ale> ?La predi!a(ione sia perlo eno utile ai predi!atori@. affin!"G le1angelista offra un odello di !o porta ento ed ?insegni piE !on le sue opere !"e !on le parole@. Lapo!alitti!o fornis!e uninterpreta(ione del ale del ondo e del destino u ano !"e in fondo solle1a gli uo ini da ogni responsabilit e giustifi!a li obilis o. Las Casas ripudia questa 1isione !ripto4gnosti!a> ognuno far se pli!e ente quel !"e F !"ia ato a fare. indipendente ente da !iB !"e a!!adr al pianeta ed allu anit nellapprossi arsi del giudi(io uni1ersale. ?9ualunque nobilt. qualunque e!!ellen(a e 1irtE !"e in qualunque !osa !reata per i segni di1ini si tro1a. non F altra !osaIse non un 1estigio e i pronta olto sottile della di1ina perfe(ione@ C5polog(tica 2istoriaD. I! Do(inio . !A(e&i)a, Se%/!-e a e !A&(a'e on

Sanno li!agioni in onore di <aal>, cio dell)idolo peculiare di quanti si comportano in quel modo e che li domina, li tiene in sogge$ione e li possiede; questo, in altre parole, il desiderio di dominare, la smisurata am!i$ione di ricche$$e che non mai sa$ia e mai finisce, e che anch)essa idolatria. Perch( # secondo san Girolamo # <aal> significa il mio idolo, colui che mi possiede. :utto ci si addice a

160

ogni am!i$ioso, o avido o avaro e, in particolare a simili predicatori, o piuttosto a questi misera!ili e infelici tiranni :artolo G de Las Casas C;ell)unico modoD. Negli ulti i de!enni ogni sondaggio effettuato negli Stati &niti indi!a !"e oltre il !inquanta per !ento dei !ittadini a eri!ani !rede nella 1eridi!it della 1isione !ontenuta nell#po!alisse di 0io1anni. La politi!a ediorientale degli ulti i anni F stata forte ente !ondi(ionata dallattesa dell#r ageddon. del ritorno del Cristo o del Aa"di e dellinstaura(ione del suo Regno. ?;edele alle dottrine apo!alitti!"e dellaTatolla" Aesba" fa(di. il presidente <#" adine^ad= si di!e !on1into !"e lera dellulti o I a . il dodi!esi o I a essiani!o. il Aa"di o!!ultato da -io per oltre 1133 anni stia per riaprirsi. !on il ritorno del Aa"di. Tutte le apo!alissi. an!"e quelle ebrai!"e e !ristiane. sono ri1ela(ioni !"e presuppongono te pi torbidi. in !ui il ale sintensifi!a. #n!"e per la s!uola ,aVVani. !"e fa(di dirige e !ui appartengono gli ,e(bolla" iraniani. il ale 1a assi i((ato per produrre il :ene finale. LaTatolla" "a insegnato a #" adine^ad luso del essianesi o a fini politi!i. non teologi!i. I politi!i essiani!i in genere parlano di #po!alisse non per!"G !redono nella Ri1ela(ione. a per!"G nell#po!alisse il dialogo !on -io F diretto Cnell#po!alisse di 0io1anni s!o paiono i te pliD e il !apopopolo non "a piE bisogno del !lero !o e inter ediario. Lapo!alisse ser1e a es!ludere il !lero dalla politi!a e forse an!"e la religione@ CSpinelli. '339D. &n analogo essianis o. for al ente !ristiano a nei fatti anti4!ristiano. "a do inato la destra a eri!ana dai te pi della pri a guerra nel 0olfo ed F andato al potere !on 0eorge U. :us". N piuttosto !urioso !"e gli Stati &niti siano attual ente luni!o paese al ondo assie e allIran s!iita do1e sia sorto un illenaris o di assa CTonello. 1997D. Aa non sorprende !"e siano an!"e la na(ione. assie e alla 0er ania. do1e la !a!!ia alle streg"e F stata piE intensa e do1e il a!!artis o F rius!ito per un atti o a far pre!ipitare una de o!ra(ia trionfante in una so!iet di delatori. perse!utori e 1itti e. Nella sua for a piE 1irulenta. !"ia ata -o inionis o. questideologia intollerante e radi!ale si affanna a !onquistarsi argini di potere politi!o ed e!ono i!o se pre piE a pi. fino a trasfor are gli Stati &niti. per il o ento uno stato lai!o. in una ?na(ione !ristiana@ K una sorta di ?de o!ra(ia ,erren1olV@. della stirpe eletta K. odello per tutte le altre na(ioni. in !ui ogni istitu(ione sar go1ernata in a!!ordo !on le Sa!re S!ritture. o !o unque !on uninterpreta(ione do inante delle stesse. #l
161

o ento attuale oltre )* ilioni di # eri!ani CpiE di uno su die!iD. aderis!ono al ?!ristianesi o do inionista@. unes!atologia !"e insegna !"e il ondo si ris!atta ?spor!andosi le ani@ !on la politi!a. !ioF prendendo il potere. pri a dellarri1o del Cristo. Lele(ione di 0eorge U. :us" "a rappresentato per la Teologia del -o inio un segno del fa1ore di1ino. il pri o di una serie di presidenti !"e. da ? inistri di -io in terra@. a1rebbe preparato l# eri!a al ritorno del Cristo. 0li obietti1i di questa teologia politi!a non "anno quasi nulla a !"e fare !on quello !"e olti pensano sia linsegna ento di 0esE il Cristo. Si parla di edifi!are una teono ia Cossia non una teo!ra(ia a una repubbli!a go1ernata non diretta ente da -io. a se!ondo le sue leggiD. di soppri ere sinda!ati. diritti !i1ili. lo stato so!iale Cper!"G !i si de1e ri1olgere a -io. non a Uas"ingtonD. le s!uole non4religiose. di punire i ne i!i dell# eri!a. !"e sono per defini(ione ne i!i di -io. di ridi ensionare linfluen(a delle donne nella sfera pubbli!a a eri!ana. negare la !ittadinan(a ai non4Cristiani. dis!ri inare gli o osessuali. N bene segnalare !"e la presiden(a di Ronald Reagan fu !aratteri((ata dalla sensa(ione di un i inente #r ageddon. tanto !"e il o1i ento e!ologista si sentH rispondere !"e non a1e1a senso preo!!uparsi della biente 1isto !"e il ondo sarebbe ter inato pri a !"e le sue risorse si fossero esaurite. Sono gli stessi argo enti essi in !a po negli ulti i anni dai -o inionisti !"e. an(i. si augurano !"e la !risi e!ologi!a globale ridu!a i te pi di attesa del Regno di -io C,endri!Vs. '33*D. Il bersaglio F la so!iet lai!a. !"e fa!ilita le opere di Satana. #bbatterla signifi!a fornire assisten(a a 0esE. !"e presto torner a regnare e si aspetta !"e la Nuo1a Israele sia go1ernata se!ondo le leggi bibli!"e e gli editti !ristiani K Sola scriptura, Sola gratia, Sola fide, Solus hristus, Soli ;eo Gloria. !ioF i !inque sola della rifor a protestante # del nuo1o presidente. !o e da ingiun(ione di San 8aolo nella Lettera ai Ro ani C1)> 147D> ?Cias!uno stia sotto esso alle autorit !ostituiteM poi!"G non !F autorit se non da -io e quelle !"e esistono sono stabilite da -io. 9uindi !"i si oppone allautorit. si oppone allordine stabilito da -io. E quelli !"e si oppongono si attireranno addosso la !ondanna. I go1ernanti infatti non sono da te ere quando si fa il bene. a quando si fa il ale. /uoi non a1er da te ere lautorit$ ;a il bene e ne a1rai lode. poi!"G essa F al ser1i(io di -io per il tuo bene. Aa se fai il ale. allora te i. per!"G non in1ano essa porta la spadaM F infatti al ser1i(io di -io per la giusta !ondanna di !"i opera il ale. 8er!iB F ne!essario stare sotto essi. non solo per ti ore della puni(ione. a an!"e per ragioni di !os!ien(a@. I -o inionisti. !"e organi((ano
162

!a pi di addestra ento per gio1ani ilitanti e ili(ie di er!enari !o e la fa igerata :la!VRater Coggi We Ser1i!es LLCD e sostengono i teori!i della tortura giustifi!ata e della 0uerra al Terrore per anente. appoggiano !on tutta la loro for(a ediati!a e lobbisti!a ogni pretesa sionista. 9uesto per!"G !redono !"e il loro ?Cristo4Ra bo@ 1endi!ati1o e giusti(iere non possa tornare sulla terra pri a !"e si !o pia la profe(ia dell#po!alisse e si 1erifi!"i l#r ageddon. la distru(ione di IsraeleM un se!ondo Olo!austo in seguito al quale i 1eri Cristiani as!enderanno al !ielo C :he EaptureD e siederanno al fian!o di -io Cassie e agli Ebrei !"e si saranno sin!era ente !on1ertiti e dunque si sal1eranno pri a della loro eli ina(ioneD. N de!isa ente sorprendente !"e la destra sionista israeliana a!!olga !on fa1ore questo sostegno. -altra parte le !olo be. in Israele. sono spesso !onsiderate alla stregua di traditori. Il -io !o passione1ole e bene1olo !"e parla per bo!!a del Cristo nel -is!orso della Aontagna F e!lissato. esiliato. Non !F posto per iti e ansueti. per giusti e iseri!ordiosi. per puri di !uore e pa!ifisti. Oggi !o e ai te pi della Conquista. quando ,ernZn CortGs. !itato da Sep6l1eda nella sua ronica &ndiana. si ri1olge1a alle sue truppe !on queste parole> ?Spesso io stesso "o ri uginato nei iei pensieri tali diffi!olt e !onfesso !"e al!une 1olte questo pensiero i rende1a 1i1a ente inquieto. 8erB riflettendo da un altro punto di 1ista. i 1engono in ente olte !ose !"e i riani ano e i sti olano. In pri o luogo. la nobilt e la santit della !ausaM infatti !o battia o per la !ausa di Cristo quando lottia o !ontro gli adoratori degli idoli. !"e proprio per questo sono ne i!i di Cristo. dal o ento !"e adorano de oni al1agi in1e!e del -io della bont e onnipoten(a. e fa!!ia o la guerra sia per !astigare !oloro !"e !ontinuano nella loro ostina(ione. !o e per per ettere la !on1ersione alla fede di Cristo di !oloro !"e "anno a!!ettato lautorit dei !ristiani e del nostro Re@. #n!ora una 1olta F Sep6l1eda ad offrire un ritratto arti!olato. a!!urato e !o pleto delle radi!i stori!"e e dottrinali del do inionis o e della sua 1o!a(ione alle guerre giuste e pre1enti1e. Nella sua logi!a !ir!olare autoreferen(iata K le pre esse !ontengono in sG le !on!lusioni K non !F nulla !"e sia piE in ar onia !on la legge naturale !"e sfor(arsi in ogni aniera di i pedire a !"i intende negare le gerar!"ie e lordine naturale delle !ose de!retato da -io di ettere in prati!a le proprie inten(ioni. In questo !aso la guerra non F solo per essa. a ne!essaria. Infatti
163

non !ontra11iene alla legge di1ina quando la si fa per una giusta !ausa. e non !F. appunto. iglior !ausa di quella di difendere i disegni della 8ro11iden(a. CosH non !i puB essere 1era pa!e ed ar onia. non !i puB essere un ondo pri1o di ar i. fin!"G liniquit e la al1agit non saranno bandite dai !uori dei 1iolenti. siano essi !o patrioti o stranieri. ;ino a quel o ento i giusti do1ranno !o battere guerre giuste per !onsentire ai loro dis!endenti di 1i1ere in pa!e. 1irtE ed equani it. Nel !aso degli indios. ?per e((o di una guerra giusta !er!"ia o an!"e di istituire un imperium su quelli il !ui benessere !i sta a !uore. affin!"G i barbari K una 1olta !"e siano stati pri1ati della li!en(a di pe!!are. !"e le loro !onsuetudini !ontrarie alla legge di natura siano state estirpate e !"e siano stati esortati a seguire uno stile di 1ita piE u ano attra1erso un go1erno !i1ile K siano antenuti entro i ragione1oli li iti dei loro do1eri@. 0li stessi s!"ia1i afri!ani dei 8ortog"esi 1i1ono in una !ondi(ione igliore di pri a. #llini(io non se ne sono resi !onto. a i teologi sanno !"e !erte isure 1anno prese per il loro bene. an!"e !ontro le loro resisten(e. per!"G non !i si de1e i pensierire troppo riguardo agli e pi desideri delluo o. CiB !"e da11ero !onta F la recta ratio. Lo sostiene an!"e il -euterono io C'3> 1341*D> ?9uando ti a11i!inerai a una !itt per atta!!arla. le offrirai pri a la pa!e. Se a!!etta la tua offerta di pa!e e ti apre le sue porte. tutto il popolo !"e 1i si tro1a pag"er i tributi e ti ser1ir. Aa se non 1uole far pa!e !on te e ti 1uole far guerra. allora la stringerai dassedio. 9uando poi lEterno il tuo -io. te la dar nelle ani. passerai tutti i as!"i a fil di spadaM a le donne i ba bini. il bestia e e tutto !iB !"e sar nella !itt. tutto quanto il suo bottino. li prenderai !o e tua predaM e angerai il bottino dei tuoi ne i!i !"e lQEterno. il tuo -io. ti "a dato. CosH farai per tutte le !itt !"e sono olto lontane da te e !"e non sono !itt di queste na(ioni@. Lu anista !"iosa !"e ?F assoluta ente !"iaro !"e per legge naturale e di1ina quelli !"e !o battono una guerra giusta possono u!!idere il ne i!o. spogliarlo delle sue propriet. etterlo ai !eppi. distruggere i suoi 1illaggi e !itt. de1astare i suoi !a pi ed infliggere ogni tipo di !ala it su di lui fin!"G la 1ittoria non sia assi!urataM dando per s!ontato. natural ente. !"e tutto !iB sia fatto !on le igliori inten(ioni e !on la pa!e !o e obietti1o ulti o@. Su!!essi1a ente. -e o!rates. lalter ego di Sep6l1eda. !"e non fa distin(ioni tra indigeni pa!ifi!i e belli!osi in quanto sono !o unque tutti idolatri e !annibali. itiga questa posi(ione. pre!isando !"e non "a senso oppri ere ed indebolire fatal ente i propri sudditi. Sarebbe

164

s1antaggioso nella logi!a di una politi!a !oloniale a lungo ter ine. Li portante F asser1irli. il !"e F nellinteresse di entra be le parti. Leopoldo. linterlo!utore. si !"iede !"e !osa intenda -e o!rates !on lespressione servi natura. La risposta F !"e quando un popolo si rifiuta di assol1ere i suoi obblig"i naturali allora puB essere sottoposto ad una guerra giusta e di1entare bottino. I 1inti saranno !on1ertiti in ? stipendiares et vectigales@ Cstipendiari e tributariD. ?!o e si !on1iene alla loro natura e !ondi(ione@. Il solito 1e((o dei parallelis i !on i pre!edenti depo!a ro ana. unito ai !a1illi da leguleio !"e os!urano !iB !"e altri enti sarebbe o11io. Il ?dia1olo@ "a olti !ausidi!i e penni1endoli. la 1erit olti ne i!i. 9uel !"e sorprende F !"e questo ragiona ento palese ente falla!e sia stato ritenuto degno di udien(a e !onsidera(ione. Riflettia o bene su !iB !"e si sta affer ando. Il fonda ento giuridi!o della guerra giusta e dellasser1i ento degli indiani deri1a dallatto stesso di !o batterli e sotto etterli. Infatti se non si ribellassero non !i sarebbe bisogno di u!!iderli ed i prigionarli. Se !ollaborassero spontanea ente non si do1rebbero !ostringere a ser1ire nelle encomiendas. Aa poi!"G la loro stessa esisten(a F unoffesa allordine naturale. un atta!!o alla 1olont di -io. allora la guerra i perialista F una guerra difensi1a e per!iB giusta. #llo stesso te po. perB. la resisten(a degli Indiani agli in1asori non F una guerra giusta a una oti1a(ione aggiunti1a e de!isi1a per la loro !onquista e soppressione. N arduo !apire !o e !i sia !"i sti a un pensatore !"e adorna edifi!i spe!ulati1i fondati su pre esse !osH anifesta ente insostenibili e istifi!atri!i. o per eglio dire tragi!o i!"e. #n!ora una 1olta. lenfasi su !iB !"e F nor ati1a ente per issibile ado bra !iB !"e F eti!a ente buono. 9ui perB an!a persino la !oeren(a argo entati1a della filosofia analiti!aM la stessa pretesa tipi!a del realis o di stabilire !osa sia naturale e quindi !orretto era !ontestata gi a quei te pi. Nellapologia dello status quo di Sep6l1eda. po!o i porta !"e ne sia !onsape1ole oppure no. !F lidea !"e gli indiani non abbiano diritti per!"G questi sono il frutto delle predile(ioni della !i1ilt piE a1an(ata. Il resto sono supersti(ioni oppure !onsigli e1angeli!i per una !ondotta di 1ita piE soddisfa!ente. Non esistono diritti naturali per !"i si oppone alla natura. ossia allinterpreta(ione !"e di essa ne danno i 1in!itori. Il diritto F lespressione oggetti1a degli interessi !onsolidati e della 1olont di poten(a della !i1ilt !"e pre1aleM e questa F la prag ati!a sorgente della orale ege one. o per eglio dire uni!a. Nessuna etafisi!a. nessuna tras!enden(a. se non un !on1eniente riferi ento ad un -io !reato ad i agine e so iglian(a di !"i de1e giustifi!are un !ri ine di assa. Solo
165

lutilit so!iale. Le buone leggi i poste dai !onquistatori renderanno buoni i !oloni((ati e !iB andr a 1antaggio di tutti. &na realt ultidi ensionale F ridotta alla sua for a bidi ensionale. Sep6l1eda se la prende !on i suoi !riti!i. spe!ial ente !on Las Casas. a!!usandoli di ipo!risia. ignoran(a. par(ialit e presun(ione. a F indis!utibile !"e le sue argo enta(ioni danno adito al sospetto !"e stia difendendo pregiudi(i o !o pia!endosi di sfoggiare erudi(ione. o il presunto !oraggio intellettuale del sedi!ente pensatore serio. quello 1ero. quello !"e non si fer a da1anti a nulla quando pensa. !"e non "a paura delle !on!lusioni alle quali per1iene. per quanto queste possano se brare spia!e1oli. 9uello !"e di!e pane al pane e 1ino al 1ino e !"e se !F da dire !"e una parte dellQu anit F inde!orosa e in!o patibile !on la legge naturale non si ritrae. Inso a uno s!an(onato eroe del libero pensiero !"e si la enta di essere 1itti a di una !ongiura di ale1oli. Non !"e peraltro qual!uno labbia !ostretto a pensare !iB !"e "a pensato e renderlo pubbli!o. Si badi bene. non "a offerto al!una resisten(a e luni!o suo !ru!!io pare sia stato la!!oglien(a non parti!olar ente positi1a !"e le sue idee "anno ri!e1uto in !erti a biti a!!ade i!i. N piE probabile !"e abbia pro1ato il pia!ere i!ono!lasta prodotto da !iB !"e F ?fas!inosa ente trasgressi1o@. entre si spa!!ia1a per un pensatore integro e realista. In realt lutilitaris o ilitante di -e o!rates sfo!ia nel relati1is o. nellindifferen(a 1erso !iB !"e F giusto e !iB !"e F bene. :ene F relati1o a !iB !"e F utile al piE forte. La Conquista F oral ente giusta. in a!!ordo !on la recta ratio. e ser1e solo qual!uno !"e sappia assaggiare le opinioni di al!uni notabili e studiosi e di una parte del !lero per rendere il tutto a!!ettabile. an(i appetibile. La filosofia di Sep6l1eda. !"e non F a ore per il sapere a ?a ore@ per lerudi(ione K quella passione tiranni!a !"e antepone le idee agli esseri u ani K. F giustifi!ati1a. funge assie e da sol1ente. diluente e dol!ifi!ante !"e do1rebbe gradual ente produrre un a pio !onsenso> quel !"e F reale F ra(ionale e quel !"e F ra(ionale F orale. Ritro1ia o il piglio fiero e superbo del 0rande Inquisitore. il perfetto realista giuridi!o4politi!o. !"e !i assi!ura !"e CaD esistono dei fatti in!onfutabili a proposito della natura u ana e degli esseri u ani. e quindi degli indios e degli spagnoliM CbD gli indios sono barbari e di !onseguen(a le loro a(ioni sono essen(ial ente i orali o a oraliM C!D non sono neppure !apa!i di soddisfare le proprie esigen(e pri arie ed interessi prin!ipaliM CdD fortunata ente nella loro se pli!ioneria questi indigeni sono anipolabili Cnon godono di un 1ero e proprio libero
166

arbitrio. F al di l della loro portataDM CeD il potere !onferis!e il diritto. la legge sta dalla parte di !"i "a il !oltello dalla parte del ani!o. !"e "a il diritto di stabilire !osa sia !ongruente !on il ondo in !ui desidera 1i1ereM CfD la giusti(ia non F altro !"e linteresse del piE forte !"e F e1idente ente ben1oluto e pres!elto da -io per portare a1anti i suoi progetti terreni. Leopoldo a((arda una do anda> non F per !aso possibile !"e la ragione stia da entra be le parti e non sia assoluta$ -e o!rates opina !"e non si d ai il !aso in !ui le ragioni di entra bi siano si ultanea ente giuste. 9uel !"e a11iene. in1e!e. F !"e una parte. a!!e!ata dallignoran(a. !rede di essere nel giusto. a si sbaglia. -e o!rates non F neppure sfiorato dallidea !"e quella parte possa essere la sua. N nel giusto per defini(ione. per!"G la sua interpreta(ione delle leggi di natura e del 1olere di1ino F anifesta ente !orretta. La risposta las!asiana a questo genere di in1asa enti !astigatori F stata. e non potrebbe essere altri enti. un ri!"ia o allese pio di 0esE il Cristo. !"e non "a !"iesto sa!rifi!i. a iseri!ordia CAatteo. 9>1)D. e non "a ai parlato di puni(ioni terrene> ?Cristo non stabilH al!una pena !orporale per !astigare in questo ondo. ne eno per gli uo ini !"e non a!!ettassero la sua fede. !ioF quelli !"e non !redessero. bensH una pena eterna dopo questa 1ita@ C?-elluni!o odo@D. Il !"ieri!o. !"e !o e abbia o 1isto al /e!!"io Testa ento preferis!e il Nuo1o. rifiuta la 1iolen(a !"e non sia pura ente difensi1a. Nellopera su!!itata non las!ia spa(io ad equi1o!i> ?<La guerra= F !o e un uragano e !o e un o!eano. !"e tutto in1ade e distrugge. Essa apre la 1ia alle a(ioni depra1ate. e!!ita odi e ran!ori. I po1eri non "anno piE nullaM i ri!!"i sono spodestati. Tutto si rie pie di ti ore. le leggi sono aboliteM ogni senti ento u ano sparis!eM non !F piE equit e religioneM sa!ro e profano si !onfondono. CosF la guerra se non un o i!idio$...F perdita delle ani e. dei !orpi e delle ri!!"e((e@. 9uanto alla !on1ersione !oatta> ?Il odo !onsistente nellassoggettare i popoli infedeli per e((o della guerra per!"G in seguito as!oltino la predi!a(ione della fede e abbra!!ino la religione !ristiana F !ontrario al odo !"e seguirono gli anti!"i santi padri in tutte le et. dalle origini del ondo fino alla 1enuta di Cristo. <I= <La guerra= F !ontro il diritto di1inoI!"e non soltanto proibis!e di pro1o!are la orte del nostro prossi o. e prin!ipal ente degli inno!entiM a i pone an!"e !"e non lo spoglia o dei suoi beniI !"e non lo !alunnia o nG lo oppri ia oM !"e non rendia o testi onian(a !ontro la sua 1itaM !"e non prendia o !iB !"e F suo !on la 1iolen(a@. E an!ora> ?<la guerra F sbagliata= per!"G distrugge
167

la fede do1uta a -ioIponendo osta!oli alla stessa piet di1ina. allonore e al !ulto di1ini. !"e si a!!res!erebbero !on la diffusione della fede e !on la !on1ersione dei gentili !"e <in1e!e= gli encomenderos s!andali((ano. oppri ono e u!!idono@. N infine sbagliata per!"G i conquistadores ?antepongono il loro utile parti!olare al te porale K !osa !"e F propria dei tiranni K al bene !o une e uni1ersale@ e per!"G ?il potere !"e si a!quista !on la for(a delle ar i. o !"e in qual!"e odo si F a!quistato !ontro la 1olont dei sudditi. F tiranni!o e 1iolento. e ai puB essere duraturo@. In !onseguen(a di !iB. il pagano ?si rifiuter di !redere alle 1erit della fede e dispre((er !olui !"e gliele insegna. Se lo si !ostringe ad as!oltare egli rifiuter il suo assenso@. Uto%ia e s'o(ento ne! 0ia& ino e!!E en

'rano nudi, pacifici e semplici come degli agnellini. Stetti ad osservarli a lungo, soprattutto un vecchio dall)aspetto molto venerando, di alta statura, il volto allungato, l)aspetto imponente che suscitava rispetto. Mi sem!rava di vedere in lui il nostro padre 5damo, quando era ancora nello stato di innocen$aBquanti di quelli ce n)erano tra tante gentiB :artolo G de las Casas. 2istoria> -i fronte alla S!operta dell# eri!a ed al suo signifi!ato stori!o le rea(ioni di Las Casas e Sep6l1eda sono state presso!"G identi!"e. Entra bi "anno !o preso di poter essere protagonisti di unepopea della spe!ie u ana. di una !ongiuntura stori!a irripetibile !"e anda1a sfruttata appieno per rifor are la so!iet e ris!attare lu ano nel senso da loro prediletto. La ilitan(a politi!o4 ideologi!a F stata intensa in entra bi. e !osH le aspira(ioni palingeneti!"e. Aa le loro posi(ioni sono in!on!iliabili. ?8osto di fronte alla dra ati!a realt della Conquista e dei suoi e!!anis i. nella prospetti1a di liberare quella 1erit !"e egli 1ede in!atenata e soffo!ata daglinteressi e!ono i!i. dallQinestinguibile sete di ri!!"e((a. dalla !e!it o dalle !o pli!it orali. Las Casas 1i1e e di!"iara !on estre a urgen(a la ne!essit di una nuo1a dottrina. in grado di far fronte alla di ensione reale dei proble i posti dalla s!operta di un ondo nuo1o. un ondo !"e a1an(a il diritto inalienabile di 1enire ri!onos!iuto nella propria alterit@ CCantE. 199)D. Il suo ri1ale o. se 1oglia o. la sua ne esi. "a in ente qual!osa di profonda ente di1erso. un i perialis o uni1ersalista !"e. per !erti 1ersi. oltrepassa surretti(ia ente quello !"e per!epis!e !o e il parro!!"ialis o del !ristianesi o politi!o.
168

Lu anista !ordobese F al te po stesso anti!o e oderno. pagano e !ristiano per!"G. !o e Las Casas. assorbe da 1arie fonti !iB !"e piE gli aggrada e !"e eglio ser1e il fine di definire un Nuo1o Ordine per un Nuo1o Aondo. alternati1o a quella Toinona. !o unit di spiriti inti i. solidali e !orresponsabili. eras iana ?Libera ;ratellan(a di &guali@ K del tipo ?tutti per uno. uno per tutti@ K !"e s!alda1a il !uore a Las Casas. Nel ;emocrates 5lter Sep6l1eda nega !"e lese pio di 0esE il Cristo possa essere esso in prati!a. Si puB essere guerrieri di professione. a are lopulen(a ed essere nel !onte po autenti!i !ristiani. #l !ontrario. non si possono prati!are ?in buona !os!ien(a@ !erte 1irtE !ristiane sen(a entrare in !onflitto !on spe!ifi!i do1eri !i1i!i. !"e do1rebbero in1e!e a1ere se pre la pre!eden(a. 8er lui la spiritualit F una ina!!ia per la stabilit so!iale. la !onte pla(ione e la sagge((a di1ina degli intral!i al ? vivir !ien@. La !o unit na(ionale F il 1ero bene ed il !ittadino probo a!!etter la se!olari((a(ione della 1irtE sen(a sprofondare nelli oralis o a!"ia1elli!o. Lo Stato Eti!o. la verdadera ra$3n de 'stado. infrange ogni 1elleit !os opolita ed e!u eni!a. Esistono tre !ategorie duo ini> quelli natura domini. quelli natura servi e gli altri. !"e ?non e!!ellono nG in intelligen(a nG in giudi(io. an!"e se non ne sono del tutto pri1i@. 9uesti !ostituis!ono la gran assa degli esseri u ani. -i riflesso. esistono na(ioni intelligenti e giudi(iose ed altre !"e ignorano deliberata ente o in!onsape1ol ente la legge di natura. 9ueste ulti e do1rebbero las!iarsi go1ernare dalle pri e. in odo da fruire di leggi ed istitu(ioni igliori. ?Se si do1essero rifiutare di a!!ogliere un go1erno !"e F buono e 1antaggioso per loro. la legge naturale i pone di !ostringerle a !onfor arsi. N sulla base di questo diritto !"e i Ro ani sotto isero i barbari@. CosH il diritto della for(a F !onsa!rato !o e lo stru ento legitti o di risolu(ione delle questioni interna(ionali. #llo stesso te po. lenfasi F posta sul !on!etto di responsabilit so!iale e orale. 0li indios posseggono in gran parte il libero arbitrio. a lo usano ale. N !o e se non !e la1essero. entre !iB !"e F do1uto 1a fatto. Non si fanno s!onti. La fun(ione del regi e !oloniale illu inato F quella di eli inare o !ontenere i ris!"i !"e !o porta la !oesisten(a !on dei sel1aggi antiso!iali !"e sfidano irragione1ole ente lautorit terrena e quella di1ina. !"e 1ogliono solo il loro bene. Sep6l1eda non F interessato alle !ulture ed alle so!iet auto!tone. non sinterroga sulle loro ragioni e oti1i. In questo odo. dopo a1er fatto us!ire la etafisi!a del ale dalla porta prin!ipale. la fa rientrare dal retro. !o e e!!eden(a di realt
169

!"e non sa e non intende spiegare. Lignoto. lesoti!o. li pre1edibile lo spa1entano. !iB !"e F di1erso 1a !ollo!ato in un luogo di1erso> le encomiendas e i repartimientos. Lautoritaris o paternalista di Sep6l1eda non !onsente es!olan(e. non per ette !"e la libert di1enga un pretesto per porre a ris!"io lordine. la regolarit. la !al!olabilit e la !lassifi!abilit dei singoli. Singoli 1isti !o e unit. !o e nella !lassi!a distorsione dellu anesi o !"e si fissa sull& anit a dis!apito degli u ani in !arne ed ossa. nella loro indi1idualit e spe!ifi!it. N !urioso !"e un se1ero ed intransigente !riti!o di Aartin Lutero !o e lui finis!a per !ondi1idere sostan(ial ente il punto di 1ista del padre spirituale della rifor a protestante. quando affer a !"e ?-io "a disposto !"e gli inferiori. i sudditi. fossero del tutto isolati. separati fra loro. e "a tolto loro la spada. e li "a gettati in !ar!ere. Aa quando si solle1ino. e si unis!ano ad altri e infurino e prendano la spada. al !ospetto di -io sono erite1oli di !ondanna e di orte@. Sep6l1eda sostiene !"e i nati1i a eri!ani potranno essere edu!ati. a non in realt non F ai stata !on!essa loro la possibilit di farlo nei loro odi e nei loro te pi. Non F a!!ettabile. non F quasi !on!epibile !"e !"i F restio a parte!ipare al nuo1o ordine pedagogi!o. a rendersi utile alli peratore e a -io. a farsi !ollo!are nella nuo1a gerar!"ia di potere. in uno stato se i4ser1ile. al fondo della pira ide so!iale. Il feti!!io dellastra(ione> si astrae un tratto dal tutto. lo si esa ina. si stabilis!e essere disar oni!o. si pro11ede a ri uo1erlo. La sensibilit del filosofo e teologo spagnolo !i ri anda piuttosto allintegralis o puritano. N lutopis o dell@uo o sen(a petto@ C!f. Men Uithout hests di C. S. LeRisD. uno !"e usa la testa per de!idere a non il !uore per guidare le sue de!isioni. un giardiniere !"e estirpa le erba!!e e toglie di e((o le ra aglie !"e ro1inano lesteti!a del giardino e !"e. nei !asi estre i. !o e quando si addo esti!a un popolo barbaro. ri!orre alla.logi!a del bonsaista> si tagliano 1ia quasi tutte le radi!i. tranne quelle piE gio1ani e si !onfina la pianta nella prigione di un 1aso. 9uesto per il suo bene. per!"G F della retori!a del benessere !"e si a anta lu anesi o autoritario di Sep6l1eda. 9uesti. s!etti!o in erito alla possibilit dei nati1i di 1i1ere sen(a danneggiare il prossi o. !onte pla piani di ar oni((a(ione so!iale !"e indu!ano una qual!"e for a di rinun!ia 1olontaria ai !onflitti in no e del bene !o une. La sa!rali((a(ione dello Stato F solo il pri o passo. a F ne!essario. per!"G o!!orre stabilire !o e pre essa di fondo li possibilit !"e il so1rano e la na(ione possano essere ingiusti o no!i1i per sudditi e !ittadini. Ser1e
170

li unit orale. lintangibilit !"e F propria del sa!ro. ossia di !iB !"e in!arna le for(e del bene e luni!a 1erit possibile C recta ratioD. Condi1ido lopinione di ;ernando Aires quando !on!lude !"e ?!iB !"e !aratteri((a il pensiero rinas!i entale di Sep6l1eda F la1erlo esso al ser1i(io di !ause Cstato. na(ione. !lasse. e!!.D !"e non pongono al !entro luo o@. -i fatto il filosofo tote i((a e 1enera tutto !iB !"e non F u ano. s!reditando la sua stessa for a(ione di u anista. appunto. In unina11ertita auto!astra(ione orale ed intellettuale. la sua issione non F 1alori((are lu ano a pro uo1ere il prag atis o ane o(ionale della ega a!!"ina buro!rati!a i periale. Co e a1rebbe poi s!operto AaS Ueber. ?la buro!ra(ia nel suo pieno s1iluppo si tro1a an!"e. in senso spe!ifi!o. sotto il prin!ipio della !ondotta sine ira ac studio. La sua spe!ifi!a !aratteristi!a. gradita al !apitalis o. ne pro uo1e lo s1iluppo in odo tanto piE perfetto quanto piE essa si ?disu ani((a@ K e !iB 1uol dire !"e !onsegue la sua struttura propria. ad essa attribuita !o e 1irtE. !"e !o porta les!lusione della ore e dellodio. di tutti gli ele enti affetti1i pura ente personali. in genere irra(ionali e non !al!olabili. nellade pi ento degli affari di uffi!io@. &na !on!e(ione del ondo e dellu ano !"e F. an!ora una 1olta. agli antipodi di quella las!asiana. la quale predi!a !"e oralit e reali((a(ioni intellettuali non 1anno a bra!!etto C a poi elogia le i prese artisti!"e ed ar!"itettoni!"e dei nati1i a eri!aniDM !elebra le1iden(a del fatto !"e tutti i gruppi u ani fanno parte della edesi a fa iglia e !"e !ias!uno d il suo spe!ifi!o !ontributo al progresso dellu anit 1erso -ioM infine a onis!e !"e non si fanno rifor e sen(a spirito auto!riti!o e !"e quando questo an!a. lorgoglio superbo !"e ri ane ser1e solo gli s!opi di un i perialis o anti4!ristiano. -o1endo s!egliere. !on!lude Las Casas. ?uno do1rebbe dare piE peso allosser1an(a della legge di 0esE Cristo !"e alla disappro1a(ione dei onar!"i@. Las Casas non F per nulla propenso a dar 1ita ad una !on!ordia totalitaria. !"e se bra in1e!e essere laspira(ione di Sep6l1eda. 8er lui laddi1enire ad ?un solo o1ile e un solo pastore@. ossia la !on1ersione dellintera u anit alla 1era religione. F un e1ento !"e preannun!ia il ritorno del Cristo. a non puB !alpestare il do1ere della tolleran(a. Non F tutto a!!ettabile quando si persegue lunit. an!"e quando questa garantis!e il ri!onos!i ento e la difesa della pari dignit orale degli indigeni. Non !F dubbio !"e lo stesso dispre((o 1erso i popoli inferiori C!"e 1anno sgre((ati ed addestratiD di Sep6l1eda !onnota an!"e latteggia ento di Ponat"an SRift. agnifi!a ente esposto in tutta la sua 1irulen(a da 0eorge OrRell> ?Lo s!opo. !o e se pre. F
171

u iliare l&o o ri!ordandogli quanto F debole e ridi!oloIe la ragione ulti a. probabil ente. F un qual!"e tipo di in1idia. lin1idia del fantas a per il 1i1ente. di !"i sa !"e non puB essere feli!e per quelli !"e K te e K possono essere piE feli!i di lui. Lespressione politi!a di questa prospetti1a de1essere o rea(ionaria o ni!"ilista. per!"G la persona !"e la perora 1uole e1itare !"e la so!iet e1ol1a in una dire(ione in !ui il suo pessi is o possa essere ingannato@. 9ual!uno potrebbe obiettare !"e Sep6l1eda difende il diritto dei nati1i di ri!e1ere qual!"e benefi!io dalla Conquista e !"e il loro benessere F tuttaltro !"e arginale nelle sue argo enta(ioni. a F diffi!ile dissipare il sospetto !"e sia 1irtual ente indifferente alle !rudelt spagnole nel Nuo1o Aondo. 1isto !"e le ritiene un ale inore. o un e((o spia!e1ole giustifi!ato da un nobile fine e !"e per lui qualunque dis!orso inerente lautodeter ina(ione degli indigeni F futil ente idealisti!o. Rileggia o un brano e ble ati!o della sua 5polog>a> ?F proprio dellusan(a e della natura u ana !"e i 1inti adottino !on fa!ilit i !ostu i dei 1in!itori e do inatori. e li i itino 1olentieri in !iB !"e fanno e di!ono@. Nessun !o pro esso F pre1isto. /in!ere F !on1in!ere. -i !ontro. Las Casas. fedele alla sua !on1in(ione !"e ogni essere u ano erita rispetto in quanto ani a in!arnata. ossia anifesta(ione terrena del di1ino. denun!ia an!"e la prati!a di ispani((are i toponi i e i no i propri degli indigeni. addirittura sostituendo !on no i spagnoli quelli delle figure piE pro inenti. Co prende i ediata ente !"e. !o F poi a11enuto nell#lto #dige fas!isti((ato. questo F uno passaggio !"ia1e dellespropria(ione dellidentit auto!tona. assie e alle propriet indo4a eri!ane. N bene perB non ideali((are e!!essi1a ente la liberalit del do eni!ano. Nel 1*17 a1e1a !"iesto allinquisitore Cisneros di trapiantare linquisi(ione nel Nuo1o Aondo. per e1itare !"e le !os!ien(e suggestionabili dei nati1i fossero !orrotte da possibili influen(e protestanti o ereti!"e. Inoltre il suo rispetto per i !ulti lo!ali. talora persino e!!essi1o K !o e quando difende i sa!rifi!i u ani in un fre ito post4 odernista ante littera K. F pur se pre finali((ato alla defini(ione degli stessi !o e propedeuti!i alle1angeli((a(ione della 1era fede. In altre parole i nati1i non "anno altra s!elta se non quella di di1entare !ristiani. per il se pli!e fatto !"e Las Casas non puB neppure !on!epire lidea !"e una ente ra(ionale. an!"e dopo lung"e disquisi(ioni. possa rifiutarsi di a are 0esE il Cristo. !o e questi a a1a gli esseri u ani. ?Tutte le na(ioni del ondo sono u ane@ e ?la nostra
172

religione !ristiana F la edesi a e puB essere adattata a tutte le na(ioni del ondo e da tutte essa ri!e1e in ugual isura. e non sottrae a nessuna la loro so1ranit. nG le soggioga@. s!ri1e. #llora !o e si puB pensare di rifiutare un dono. quando non si !"iede nulla in !a bio. se non appre((a ento e 1alori((a(ione$ -i qui il suo aggiore !ru!!io> ?Loro <gli indigeni= !"e arri1ano a detestare -io stesso poi!"G lo !onsiderano la !ausa di tutti le loro disgra(ieIa tal punto !"e dedu!ono !"e i loro dFi erano igliori del nostro -io. poi!"G questo pro!ura loro tanto ale@. i detto, e tenendo conto del fatto che pur sempre un uomo di hiesa, giusto elogiare la costan$a e la lucidit con la quale il +ostro demolisce iconoclasticamente ogni motivo di vanto degli Spagnoli, incluso l)appellativo di .conquistadores/, a suo avviso .il pi7 infame dei titoli, anche se loro lo considerano un grande onore/. 1a rea$ione di chi doveva difendere i propri interessi socioV economici dall)assalto di chi li giudicava giuridicamente e moralmente illegittimi non poteva che essere !rutale. 1as asas stato accusato di essere uno strumento del demonio dall)5n3nimo de Wuca8 nel HIXH che si lamentato della sua nefasta influen$a e degli scrupoli che ha fatto insorgere nell)animo dell)imperatore e nei teologi spagnoli. Fna manipola$ione certamente d)origine dia!olica, .era una scaltra opera del diavolo convincere il mondo cos repentinamente di un tale inganno/. 1)esploratore e cosmografo Pedro Sarmiento de Gam!oa, nel suo prologo alla 2istoria de los incas. spiega !"e il dia1olo. a1endo ri!onos!iuto il de!lino del suo !ulto nelle # eri!"e. si era ser1ito dei suoi stessi ne i!i. frati !o e Las Casas. per ettere in dis!ussione le leggi e la so1ranit spagnola nelle Indie. I Conquistadores sono struttural ente in!apa!i di !o prendere !"e esiste un odello di so!iet !ristiana ideale !"e F radi!al ente differente rispetto a quello spagnolo. CiB li spinge a s1alutare tutto !iB !"e in!ontrano e a so1rasti are i loro !apri!!i e le loro fissa(ioni. Lutopia di 0on(alo ;ernZnde( de O1iedo F e ble ati!a della 1oragine !"e si era aperta tra luno e laltro s!"iera ento. Aentre Las Casas sottolinea la dignit e pre(iosit di tutte quelle espressioni della !i1ilt u ana !"e non osta!olano la diffusione della ri1ela(ione di 0esE il Cristo e patro!ina laboli(ione dellen!o ienda. O1iedo elabora la sua risposta alla do anda su !o e sia possibile far !a biare i nati1i in odo da tra utarli nel tipo u ano !"e do1rebbero essere. O11ia ente lencomienda. una ?nobile istitu(ione@. rappresenta lar!"itra1e di questa risposta. Il proble a 1ero F !"e non tutti sono degni di gestirla. non tutti lo sanno fare !o e si de1e. -o1rebbe essere !on!essa in usufrutto es!lusi1a ente a ca!alleros 8
173

personas de mucha hidalgu>a e no!le sangre . per!"G +on potest ar!or mala !onos fructus facere. lalbero !atti1o non puB dare buoni frutti. Ritorna dunque il oti1o dellasso!ia(ione di sangue puro ed aristo!rati!o e superiore intelletto e padronan(a !"e do1rebbe for are una gerar!"ia indefor abile ed ar oniosa. garante di un ordine assoluto. pa!ifi!o ed industrioso. Se il Consiglio delle Indie in1iasse an!"e solo !ento !a1alieri del glorioso Ordine di Santiago. la rifor a di1enterebbe realt i antinente ente. Las Casas, E&as(o e O&i'ene risto costituisce le ricche$$e dell)anima e pertanto lui stesso la sua reden$ione Origene Tro1o assoluta ente stupefa!ente !"e una persona !osH solerte ed a11eduta nellapprofondi ento siste ati!o e ragionato della questione indo4a eri!ana sia la stessa !"e. da 1es!o1o del C"iapas. de!ise di s!ri1ere al prin!ipe ;ilippo una lettera di questo tenore> ?Credo !"e -io i illu iner su !o e agireI-io 1uole !"e io ri!o in!i a rie pire i !ieli e la terra di grida. di pianti e ge iti da1anti a questa Corte e in questo ondo fin!"G Lu!ifero non us!ir dalle Indie. poi!"G egli 1i regna e 1i detta legge piE !"e quando questa gente 1i1e1a nel paganesi o piE totaleIIl io uni!o desiderio F !"e -io i dia la for(a ne!essaria@. Las Casas era profeti!o. isti!o ed idealista ed al te po stesso prati!o e giudi(ioso. Non era un uo o di e((e isure e di te pera ento !ontegnoso. Tutto questo lo rende1a un geniale inno1atore. a tratti so11ersi1o. a ai a suffi!ien(a da di1enire in1iso ai 1ari so1rani ai quali si appella1a. Non i F parso !"e Las Casas abbia ai no inato quelli !"e sono i pensatori !"e lo "anno aggior ente ispirato. Eras o da Rotterda e Origene. I agino !"e !iB sia da addebitarsi al fatto !"e entra bi erano presen(e s!o ode nel pant"eon intellettuale della C"iesa. Lorigenis o non pia!e1a alli peratore 0iustiniano e la C"iesa post4!ostantiniana. !ol quinto !on!ilio e!u eni!o di Costantinopoli. !ondannB gli origenisti C a non OrigeneD per le loro influen(e pitagori!"e. platoni!"e e neo4 platoni!"e. Ritengo tutta1ia !"e sia assai probabile !"e Las Casas !onos!esse piuttosto bene il loro pensiero e lo a irasse. Infatti il Rinas!i ento 1ide un forte re!upero dellinteresse per Origene. !on la pubbli!a(ione di nu erose edi(ioni !riti!"e delle sue opere. Aa an!"e se non a1esse ai potuto leggere al!uno s!ritto originale.
174

ri ane pur se pre 1ero quel !"e sostiene ,ans &rs 1on :alt"asar in Geist und Seuer. ossia !"e ?non !F nessun pensatore della C"iesa !"e F !osH in1isibil ente onnipresente quanto Origene@. Las Casas puB a1er assorbito lorigenis o da olte fonti. Eras o non fu luni!o rifor atore u anista ad esserne influen(ato. Sono per!iB indotto ad ipoti((are !"e il Nostro abbia !er!ato di appli!are la loro le(ione alla realt a eri!ana e !"e al!une delle sue riflessioni piE pe!uliari. dalla etafisi!a dellani a al rifiuto di assol1ere gli en!o enderos indi!"ino una !"iara influen(a in questo senso. Le personalit e entalit di Eras o e di :artolo G erano parti!olar ente !ongruenti. Erano entra bi spiriti liberi ed indo iti. appassionati. sensibili. !ultori della i!i(ia. insofferenti alle gerar!"ie. responsabili. perse1eranti. giusti. pa!ifisti. s!etti!i nei !onfronti di rituali e osser1an(e e!!ani!"e. !ontrari a di1isioni e !onfini. e per!iB !riti!i del patriottis o e del na(ionalis o e !os opolitiM e an!ora a anti dei !lassi!i. !risto!entri!i e sospettosi di ogni 1erbosa !o pli!a(ione teologi!a !"e ris!"iasse di os!urare la parola del Cristo. i pegnati ad estendere alle rela(ioni tra i popoli e le na(ioni le 1irtE da lui indi!ate !o e pri arie. Eras o. !o e Las Casas. !rede1a !"e i die!i !o anda enti fossero passati in se!ondo piano rispetto alle :eatitudini. !"e la politi!a do1esse essere subordinata alla orale insegnata nei /angeli e !"e una teologia della pa!e sarebbe stata an!"e una teologia della libera(ione. per!"G la pa!e presuppone1a la fratellan(a e la solidariet. sen(a le quali sarebbe irrealisti!o pensare di poter essere liberi C,alVin 1955D. 8er tutti e due la C"iesa non era unistitu(ione pira idale a il !orpo isti!o del Cristo. Las Casas. nel prologo all,istoria. !osH lo des!ri1e1a> ?un ne!essario e !attoli!o prin!ipio. 1ale a dire. !"e non !F nG !F ai stata genera(ione. nG stirpe. nG popolo. nG lingua. fra tutte le genti !reateIda !ui K tanto piE dopo lIn!arna(ione e la 8assione del Redentore K non si debba ra!!ogliere e !o porre quella gran oltitudine !"e nessuno puB !ontare. !"e san 0io1anni 1ide nel !apitolo sette dell#po!alisse. e !"e F il !orpo isti!o di 0esE e C"iesa. o uo o perfetto@. -iffi!ile i aginare !"e la teologia politi!a e lantropologia filosofi!a di Las Casas. di!iotto anni piE gio1ane di Eras o. non siano state influen(ate dallu anista olandese. Carlo / era nato a 0and C0entD. nelle ;iandre. e presso la sua !orte Las Casas in!ontrB di1ersi influenti fia ing"i !"e lo presero in si patia e !ontinuarono a perorare la sua !ausa CT"o as. 199%D. Tra questi. il !an!elliere Pean le Sau1age. !"e era an!"e protettore di Eras o ed a1e1a addirittura proposto questulti o per un seggio 1es!o1ile in
175

Si!ilia ed il !appellano del !an!elliere. 8ierre :arbier. !"e fu indi!ato !o e 1es!o1o Csen(a obbligo di residen(aD della dio!esi di 8aria T Cu anZ. proprio quella do1e Las Casas a1e1a isera ente fallito la sua speri enta(ione so!iale. N per!iB abbastan(a naturale !"e la sua fa osa Co fa igerata. per !"i 1i si oppone1aD esorta(ione ad astenersi dallassol1ere gli oppressori !o e e((o per liberare gli oppressi a1esse un pre!edente illustre proprio in Eras o !"e. nel trattato *uerela Pacis C1*12D. in1ita1a a non assol1ere ilitari di professione orenti e a non seppellirli in terreno !onsa!rato> ?I preti !onsa!rati a -io non do1rebbero frequentare luog"i do1e si fa la guerra. a quelli do1e la guerra "a ter ine@. #n!"e il pa!ifis o assennato di Las Casas a1e1a olto in !o une !on quello di Eras o. S!ri1e1a Las Casas nel ;ell)unico modo> ?F !o e un uragano e !o e un o!eano. !"e tutto in1ade e distrugge. Essa apre la 1ia alle a(ioni depra1ate. e!!ita odi e ran!ori. I po1eri non "anno piE nullaM i ri!!"i sono spodestati. Tutto si rie pie di ti ore. le leggi sono aboliteM ogni senti ento u ano sparis!eM non !F piE equit e religioneM sa!ro e profano si !onfondono. CosF la guerra. se non un o i!idio$...perdita delle ani e. dei !orpi e delle ri!!"e((e@. Nell5polog>a. una11eduta !ondanna del !al!olo utilitaristi!o nella delibera(ione sulla giuste((a di una guerra> ?gli infedeli !"e !o ettano un !ri ine di questo genere. !ioF a dire. !"e u!!idano i ba bini in sa!rifi!io o li angino. non 1anno se pre !o battuti !on una guerra. sebbene sia in !onfor it ai !o piti della C"iesa tro1are dei ri edi !"e pongano fine a questo aleM perB. innan(itutto. o!!orre rifletter!i bene. di odo !"e per i pedire la orte di po!"i inno!enti non si !ausi quella di uninnu ere1ole oltitudine di persone !"e pari enti non lo eritano. non si distruggano interi regni. non sinfettino i loro ani i !on lodio 1erso la religione !ristiana e non desiderino ai piE sentir parlare del no e del Cristo. nG as!oltare la sua dottrina@. In uno!!asione il do eni!ano difese lu anista olandese dalla!!usa di essere un disfattista in odore di eresia. N forse uno dei po!"i rapidi a!!enni dedi!ati a questa figura !"e si possono tro1are negli s!ritti uffi!iali di Las Casas. quasi !erta ente per!"G Eras o. a quel te po. era ?persona non grata@ nel dibattito teologi!o spagnolo. /a rile1ata !o unque la !o une enfasi sulla natura pa!ifi!a dellinsegna ento del Nuo1o Testa ento. sullessen(ialit del libero arbitrio e sulla bont della natura spirituale dellu ano. ?Tutte queste uni1erse ed infinite genti. di ogni genere. -io le "a !reate se pli!i. sen(a al1agit nG doppie((e. obbedientissi e e fedelissi e ai loro signor naturali ed
176

ai !ristiani !"e ser1onoM piE di ogni altre al ondo u ili. pa(ienti. pa!ifi!"e e tranquille. aliene da risse e da baruffe. delitti e aldi!en(e. sen(a ran!ori. odi nG desideri di 1endetta@ C <revissima rela$ione della distru$ione delle &ndie D. # questo io aggiungerei quella !"e sospetto sia unidenti!a passione per lorigenis o. Eras o era un pensatore i pregnato di origenis oM affer a1a !"e ?una sola pagina di Origene i insegna piE filosofia !ristiana !"e die!i di #gostino e tro1o piE !o passione in una pagina di Origene !"e in die!i di #gostino@ C0odin. 195'. pp. 75%475*D. #rri1B ad asso!iare Origene. il suo autore di riferi ento in olti !a pi del sapere K in!luso il te a del libero arbitrio> Eras o basa le sue riflessioni sul Peri 5rchon di Origene K. a /enere. di!"iarandolo sen(a !onfronti. rappresentante per e!!ellen(a di !iB !"e lui !"ia a1a la sagge((a della prisca vetustas. la piE 1enerabile anti!"it. Origene. !"e per ,.&. 1on :alt"asar. uno dei assi i teologi !attoli!i del se!olo s!orso. ?resta il piE geniale. il piE grandioso interprete e a ante della 8arola di -io@ C!f. ;ran!o '33*D. insiste1a se pre sulla bont di -io K !"e non puB essere !ausa del ale K e sulla libert delluo o. !"e "a generato il ale> ?-io non "a prodotto la ali(ia. a una 1olta prodottasi per la s!elta 1olontaria di !oloro !"e "anno piegato dalla 1ia retta. non "a 1oluto toglierla del tutto. pre1edendo !"e. an!"e se inutile a quelli !"e se ne ser1i1ano. egli pote1a renderla tutta1ia utile a !oloro !ontro i quali era eser!itata@ COrigene. !f. ;ran!o. op. !it. p. 1%3D. Co e Eras o e Las Casas. Origene non !rede1a alle !ro!iate !ontro il Aale. per!"G presuppone1a !"e le !ose delluni1erso fossero ordinate in un !erto odo da -io. !"e a1e1a in ente la Sal1e((a della Crea(ione. ?-obbia o e1itare in tutti i odi !"e si tro1i in noi il aleM negli altri dobbia o sfor(ar!i di 1in!erlo. non di soppri erlo. poi!"G an!"e quelli nei quali !F il ale apportano un !on!orso ne!essario al ondo. Niente F inutile. niente 1ano da1anti a -io. poi!"G egli si ser1e del buon proposito delluo o per il bene. e del proposito !atti1o per !iB !"e F ne!essario@. 8er Las Casas. !o e per Origene e Eras o. il deter inis o fatalista e pessi ista. non!"G isantropi!o. !"e a1e1a par(ial ente !ondi(ionato le1olu(ione della dottrina !ristiana era insostenibile. 8er tutti e tre il 1ero grande aestro era Cristo. a So!rate e i filosofi neo4platoni!i erano giunti olto 1i!ini a !erte 1erit basilari. Con!entrandosi ora sulle affinit tra Las Casas e Origene. queste si possono ris!ontrare gi a li1ello antropologi!o. Origene da1a i an!abil ente la priorit ontologi!a allani a sulla aterialit del !orpo per!"G la so iglian(a !on -io C0enesi 1. '7D si
177

spiega solo nella tras!enden(a. non !erto nella ortalit fisi!a. Las Casas fa!e1a lo stesso e tradu!e1a questo prin!ipio in regole atte alla retta predi!a(ione> ?Lo spirito u ano 1uole essere persuaso e non !ostretto. in quanto "a in sG qual!"e !osa di ele1ato e di subli e !"e non sopporta a si !o pia!e di !iB !"e F rispettabile e 1irtuoso. per!"G lo ritiene in grado di !onfer are la propria dignit@ C;ell)unico modoD. Lassegue C192%D spiega !"e ?Las Casas situa lindio in un pro!esso generale. in una ar!ia !ulturale dellu anit. 8iE in l o piE in qua> il luogo dellindio se!ondo Las Casas F utopi!o. 1ale a dire !"e si tratta di un luogo proprio a nessuno e a tutti. luogo al quale lu anit si 1ede spinta dal desiderio. dalla fa e di feli!it totale@. Las Casas. al eno uffi!ial ente. non abbra!!iB ai lapo!atastasi origeniana K e di Cle ente #lessandrino. 0regorio di Nissa e 0io1anni S!oto Eriugena #. !ioF la !reden(a !onsiderata ereti!a !"e la beatitudine di1err realt dopo la11enuta resurre(ione del Cristo. quando laspira(ione a ri!ongiungersi al Cristo e a -io per etter a tutte le ani e. !o prese quelle dannate. di raggiungere la eta e il giorno del giudi(io i !orpi fisi!i saranno trasfor ati in !orpi spirituali. &na !reden(a !"e in prati!a di!"iara la fun(ione della C"iesa superflua. in !ontrasto !on la assi a ?eNtra ecclesiam nulla salus@. ribadita dal Con!ilio di Trento. Tutta1ia il Nostro pone1a !o e uni!o li ite te porale per la !on1ersione il 0iorno del 0iudi(io. opponendosi quindi alla s ania !on1ertitri!e dei fran!es!ani fia ing"i K tra questi 8edro de 0ande K. !"e a1e1ano trasfor ato il battesi o in una !atena di ontaggio. Il do eni!ano non !rede1a !"e. sen(a battesi o. gli indios sarebbero stati auto ati!a ente dannati. #bbia o 1isto !"e ette in guardia gli Spagnoli dal !redere di essere piE ben1oluti da -io rispetto agli Indios. -i!"iara1a !"e non si sarebbe sorpreso di 1edere quelle persone !"e erano state !onsiderate subu ane tro1arsi in gran nu ero a!!anto a -io. Contestando la 1alidit del requerimiento. Las Casas lo des!ri1e1a !o e ?un dileggiare la 1erit e la giusti(ia e 1ituperare la nostra religione !ristiana e la piet e !arit di 0esE Cristo. !"e tanto a1e1a sofferto per la sal1e((a di queste gentiM !"e non potendo fissare loro un li ite di te pi per !on1ertirsi a Cristo K poi!"G egli a nessuno lo fissB a diede tutto il te po !"e !i fu e !F dal suo prin!ipio fino al giorno del giudi(io K gli di!ono di !on!edere non ad una parti!olare persona. a ad ognuno tutto lo spa(io della 1ita della 1ita per !on1ertirsi. usando la libert del libero arbitrio@ C 2istoriaD. 8er Las Casas. !o e per Origene. la sal1e((a non era riser1ata a po!"i e 1erte1a sulla !onos!en(a !onsape1ole del signifi!ato del
178

essaggio !ristiano e della ore di -io. Non !era in1e!e sal1e((a in una fede sostenuta dalla paura di un dio 1endi!ati1o ed iras!ibile. #n!"e le ani e degli indigeni a eri!ani. !o e ogni altra ani a. erano !adute nel pe!!ato per a1er s!elto di autoaffer arsi orgogliosa ente. per essersi allontanate dal :ene. Aa per tutte 1ale1a la parabola del ;igliol 8rodigo. ?La fede !onsiste nel !onsenso !"e la 1olont d alle proposi(ioni !"e si !redono. per!"G assentire F !iB !"e !on propriet si !"ia a !redere@ C ;ell)unico modoD. Lantropologia dei due pensatori !ristiani era otti isti!a per!"G. a differen(a degli gnosti!i e di una parte della teologia !attoli!a e protestante. essi erano !on1inti !"e la 1olont e la ore di1ino !o penetrano an!"e la sfera terrena. il li1ello ateriale. Nulla di spirituale o ateriale era separato da -io e quindi K un punto al quale tene1a olto Las Casas K la !ondi(ione dellani a era stretta ente legata a quella del !orpo e 1i!e 1ersa. &n ulteriore !orollario era !"e il dia1olo non pote1a essere un a11ersario indo abile !ondannato dalla sua natura ad indurre luo o in tenta(ione> il ale si allontana1a te poranea ente da -io. a non era una for(a indipendente. Las Casas dedi!a1a olto spa(io alla figura del ?Aaligno@ ed ai suoi poteri. spe!ial ente nella 5polog(tica 2istoria. Il dia1olo non era solo a 1eni1a assistito dai suoi !ollaboratori !on i quali rapi1a gli esseri u ani e li trasporta1a altro1e. !o ette1a infanti!idi. indu!e1a !o porta enti bestiali in !erte persone predisposte. !rea1a illusioni per ingannare i sensi u ani. appari1a in for a u ana. e!!. Il suo obietti1o era quello di persuadere gli esseri u ani ad agire !ontro la loro natura. !ioF a s!egliere un !a ino !"e li a1rebbe allontanati da -io. e per farlo si ser1i1a di riti e !ulti religiosi. !osi!!"G linganno pote1a a plifi!are esponen(ial ente le s!ellerate((e u ane. Tutte le atti1it de onia!"e erano i pli!ita ente autori((ate da -io. !"e a1e1a !on!esso allintera !rea(ione la libert di errare e di indurre in errore. Satana inganna1a e anipola1a. a non pote1a 1iolare il libero arbitrio. pote1a solo influen(are le persone fa!endole sbagliare. ?Non !F bont in !iB !"e non F libero@. s!ri1e1a Las Casas nel ;ell)unico modo. Luo o ri ane1a libero di s!egliere tra bene e ale a pote1a s!egliere il se!ondo s!a biando una feli!it ondana ed effi era per il /ero :ene. Era un tra1isa ento. uno s1ia ento. !o e lo sono i sa!rifi!i u ani o i assa!ri in onore di -io. a non era unadesione !onsape1ole al Aale. Non era il rifiuto della lu!e a il !lassi!o equi1o!o tra lu!!iole e lanterne. -unque non sarebbe stato irri ediabile. gia!!"G nulla F irri ediabile. -io F :ene ed # ore. !o e potrebbe !reare qual!osa di al1agio$ -a questo assunto di fondo singenera1a il relati1is o !ulturale di Las
179

Casas. !"e rius!i1a a tollerare gli errori dei nati1i C!annibalis o. sodo ia. idolatria. e!!.D per!"G li !onsidera1a episodi. parentesi in !ontro!orrente lungo un per!orso di e1olu(ione spirituale. prodotti di un !onsenso non4infor ato e disinfor ato. a sua 1olta figlio del libero arbitrio !"e era !o unque una risorsa e!!e(ionale> ?poi!"G la libert. un bene inesti abile. non si 1ende neppure a peso doro@. Nessun deter inis o etafisi!o originario 1erso il ale. a un fuo!o di attra(ione !"e. dalla destina(ione finale dellu anit. si pegna1a ad attrarre le ani e 1erso il :ene e l# ore. las!iandole libere di rispondere al ri!"ia o oppure no. Lani a non a1e1a perso la sua libert !on la !aduta. Tutti erano an!ora liberi di s!egliere -io o di non farlo. 9ual!uno !i sarebbe arri1ato pri a di altri. seguendo per!orsi eno tortuosi. altri !i a1rebbero i piegato di piE. -io F alla fine del ?nostro@ te po e !i !"ia a a lui. non F allini(io a predeter inare le nostre osse. Origene ritene1a !"e an!"e i de oni potessero s!egliere la 1ia piE diretta a -io. 9uesto non F un proble a !"e Las Casas si pone. per!"G si o!!upa soprattutto di questioni prati!"e. non di etafisi!a. CiB nonostante egli !on!orda !on Origene nel dire !"e il prin!ipio di libert unifi!a1a la realtM ogni singola !osa nel ondo. organi!a o non4 organi!a era libera fin dalla sua origine e solo linter1ento u ano a1e1a deter inato linsorgere della propriet pri1ata o !olletti1a. 8er entra bi a aggiore ra(ionalit !orrisponde1a un grado aggiore di libert a. in un rapporto inti a ente rela(ionale. ognuno era dotato di !iB !"e era ne!essario a redi ersi. per!"G tutto lesistente era buono nella sua rela(ione !on lessere e la 1olont di -io. La fun(ione pedagogi!a di Cristo risiede1a nel odello di 1ita !"e a1e1a offerto e nei suoi insegna enti. Cristo era la /erit e per!iB a1e1a gi indi!ato tutti gli ele enti ne!essari per la sal1e((a di ognuno. pri o tra tutti il !orretto uso del proprio libero arbitrio. Las Casas. !o e Origene. enfati((a1a lunit di 1olont. ente e spirito. Il loro era uno strenuo atta!!o !ontro ogni tipo di deter inis o. 0ra(ia e libero arbitrio non si es!lude1ano a 1i!enda e sen(a libert non !i sarebbe speran(aM la loro F in!ontro1ertibil ente unantropologia della speran(a. &naltra pre essa !o une era !"e tutto !iB !"e -io a1e1a !reato a1e1a pari dignit. era uguale ai suoi o!!"i. !on le stesse opportunit e poten(iale. Tutti erano nati liberi ed uguali e in un rapporto diretto !on -io. Il libero arbitrio a1e1a fatto il resto. generando squilibri. disar onie. di1ari e gerar!"ie. 8er Origene il Logos si adatta1a olto bene alla ente ed alla 1ita dei singoli. 8er!iB non esiste1a ununi!a 1ia !"e !ondu!a a lui> qual!una era piE otti ale di altre. a non sarebbe stato possibile saperlo in anti!ipo
180

e si do1e1ano quindi !onsiderare olte op(ioni nella fede. poi!"G una di queste a1rebbe potuto essere quella piE giusta per la tal persona. quella !"e la porta1a piE 1i!ina alla 1erit di1ina. Las Casas non si spinse ai !osH lontano. a sospetto il suo senti ento eti!o della 1ita e della politi!a lo a1rebbe !ondotto ne!essaria ente lH. in !ir!ostan(e di1erse. ?Il suo essere !ristiano si !onfonde !on questo era1igliarsi dellaltro e si attua in base a !odesto stupore. N. in1e!e. ne i!o del rin!"iudersi nella !e!it dellinsensibilit@ CCastillo. 199). p. 1'D. Infine Origene predilige1a la !ristianit dei pi!!oli gruppi. !ontrapposta alla !a pagna ed alla grande !itt. Si il ente. i progetti di ingegneria so!iale di Las Casas a1e1ano lobietti1o di !ostruire delle repubbli!"e indo4spagnole !apa!i di fondere le !o ponenti piE propi(ie e !on1enienti della 1ita di !a pagna Ces. il senso !o unitarioD e di quella di !itt Ces. !iB !"e al te po si !"ia a1a la ?pruden(a politi!a@D. disfa!endosi !onte poranea ente di quelle piE deteriori. !o e gli ata1is i rurali e la frenesia a!quisiti1a delle etropoli CAires. 1991D. In !"iusura di !apitolo. 1orrei riportare due 1alidissi e !onsidera(ioni di due biografi latino4a eri!ani di Las Casas !"e se!ondo e "anno !olto piena ente nel segno. &na F del teologo della libera(ione 0usta1o 0utiGrre(. se!ondo il quale il rifiuto del Requeri iento da parte di Las Casas non era un ana!ronis o> ?Las Casas F 1issuto in quellepo!a. e per!iB il suo ripudio non puB essere piE se1eroM e questo non per!"G egli pre!orra i te pi Celogio !"e pia!e allo spirito odernoD a per!"G a!!etta le 1e!!"ie Ce se pre nuo1eD esigen(e e1angeli!"e sen(a li iti e !on!essioni@ C0utiGrre(. 199*. p. 17)D. 8oi !F losser1a(ione di ;ernando Aires !"e ritengo di i portan(a !entrale> ?Lattualit di Las Casas deri1a an!"e dal suo tradi(ionalis oM egli era portatore e difensore di !on!etti anti!"i quanto la stessa so!iet. Egli fu tradi(ionalista soprattutto per!"G nel e((o della ri1olu(ione er!antile. per difendere lindio. si trin!erB sui 1alori piE anti!"i. sen(a rinun!iare alle nuo1e !onos!en(e !ulturali e s!ientifi!"e@ CAires. 1991. p. 15%D. IL 1ARADISO RICON2UISTATO &l cacicco Acapo indigenoC dopo aver riflettuto un istante, domando al religioso se i cristiani andavano in cielo. &l religioso rispose di s, ma che ci andavano quelli !uoni. &l cacicco ri!att immediatamente che non era l che voleva andare, ma piuttosto all)inferno, per non dover stare a contatto e vedere continuamente gente tanto crudele . :artolo G de las Casas. ?,istoria de las gndias@. 1ol. III
181

&o che ho cantato il giardino gioioso perduto per la diso!!edien$a di un solo uomo, canto ora il paradiso riconquistato per tutta l)umanit dalla tenace o!!edien$a di un solo uomo, messo alla prova fino in fondo da ogni tenta$ione; e il tentatore fall in tutte le sue astu$ie, sconfitto e respinto, e l)'den s!occi nello squallido deserto . Po"n Ailton. ?Il 8aradiso Ri!onquistato@. Las Casas fu un uo o e!!ellente quanto fu un pessi o !ronista. Il Nostro a u!!"ia idee e parole. apre parentesi sen(a !"iuderle. non si !ura della punteggiatura. !o e se fosse in preda ad un flusso di !os!ien(a. Lurgen(a della denun!ia prende il sopra11ento. 8ri1ilegia la quantit sulla qualit. a s!apito della !"iare((a. della !oeren(a. della pre!isione e della leggibilit. CiB. oltre ad essere irritante e sner1ante per il lettore !onte poraneo. lo "a esposto ad un !ontinuo fuo!o di !riti!"e. Aolte di queste sono perB !o pleta ente i oti1ate. dettate da pregiudi(io. ignoran(a e alafede. piE !"e da una sin!era atten(ione al suo pensiero. 8er la stessa ragione. la sua figura. !osH !entrale e !osH s!o oda. F stata an!"e os!urata da un !erto nu ero di equi1o!i e di di!erie sen(a fonda ento. !"e non sarebbero sorte se a1esse dedi!ato piE te po alla !ura della !on!isione. della !o prensibilit e della nitide((a argo entati1a. In questo !apitolo finale. oltre a tirare le fila del dis!orso. possia o pro1are a sfatare al!uni iti !"e lo !ir!ondano C#dorno. 199)D. Il Si1igliano non fu ai un soldato> lo fu forse suo (io ;ran!is!o. Non possedette ai degli s!"ia1i> latti1it fa iliare ad ,ispaniola era di !arattere !o er!iale. Non fu il pri o prete del Nuo1o Aondo> lo di1enne a Ro a. il ) ar(o 1*32. Non fu lini(iatore della tratta degli s!"ia1i afri!ani nel Nuo1o Aondo> !rede1a. !o e olti. !"e fossero prigionieri di guerra giusta !ontro i ori e !o unque re ;erdinando a1e1a gi dato il 1ia al !o er!io allini(io del sedi!esi o se!olo. Non aggirB la !ensura inquisitoriale per pubbli!are i suoi trattati. La sua <revisima Eelacion de la ;estruccion de las &ndias non fu i ediata ente tradotta per !reare la ?Leggenda Nera@ anti4spagnola. a do1ette attendere fino al 1*25. quando fu tradotta per il er!ato dei 8aesi :assi. allo s!opo di ser1ire da a oni ento e da sprone nella lotta per lindipenden(a dalli pero spagnolo. Il suo !ontributo alla stesura delle Nuo1e Leggi fu de!isi1o. gra(ie alla sua !o peten(a giuridi!a. !"e si era !onquistata gra(ie a due spe!iali((a(ioni in diritto !anoni!o all&ni1ersit di Sala an!a. N falso !"e non abbia proposto un odello so!io4e!ono i!o alternati1o a quello dello
182

sfrutta ento !apitalisti!o delle !olonie> le sue pressioni sulliter legislati1o ser1i1ano proprio a pro uo1ere le due idee rifor isti!"e. sebbene !erte affinit !on le elabora(ioni dellanar!"is o !ristiano posteriore C!f. Tolsto^. EllulD tradis!ono il !arattere utopi!o di al!uni suoi progetti. Las Casas F luo o del ris!atto. il 0iusto !"e sal1aguarda la speran(a in unu anit possibile nel !orso di una fase parti!olar ente atro!e della storia della nostra !i1ilt. Non esito a paragonarlo a -ietri!" :on"oeffer e tro1o sbalorditi1o !"e sia an!ora !osH relati1a ente po!o noto. Las Casas anti!ipB i fonda enti filosofi!o4teologi!i dei diritti u ani ed in parti!olare i loro due !apisaldi> la dignit della persona e luni1ersalit C'ntre los remedios. 1*%'M ;e regia protestate, 1*21D. In questi presa !on!ettuale e orale fu influen(ato in odo de!isi1o da ;ran!is!o /itoria e -o ingo de Soto. entra bi edu!ati alluni1ersit di 8arigi. Aa li superB per lungi iran(a. odernit ed i pegno. Lidea di dignit delluo o era un las!ito dellu anesi o rinas!i entale. una s!uola di pensiero !"e si era fatta sentire. seppur flebil ente. fino a Sala an!a. Lui la appli!B nella realt del Nuo1o Aondo. laddo1e ser1i1a. strappandola alla sfera delle idealit astratte. Le basi del suo appro!!io non1iolento furono quasi !erta ente eras iane. per il tra ite della !orte di Carlo / e forse an!"e del frate -iego de #studillo. insigne teologo e filosofo al prestigioso Collegio di San 0regorio di /alladolid. La sua i portante !ondanna dei sofis i anipolati1i !ontenuta nel ;e unico vocationis modo C1*)3D. !"e propone1a !o e alternati1a le argo enta(ioni ragione1oli. i buoni ese pi. le testi onian(a dirette ed il dialogo non il onologo. potrebbe a1er risentito del odello so!rati!o. Las Casas era perB an!"e un a iratore di Ci!erone. O11ia ente. la sua assi a fonte di ispira(ione furono i /angeli. Non nutri1a al!un dubbio> se gli indios a1essero !o preso a fondo la grande((a del essaggio di 0esE il Cristo non a1rebbero potuto astenersi dal etterlo in prati!a. Il loro buon senso ed intelletto li a1rebbero spinti a farlo. Era suffi!iente sal1aguardare lo ius communicationis. o11erosia il libero inters!a bio di beni e di idee. altro prin!ipio fondante delle oderne de o!ra(ie. Se pre nel ;e unico vocationis modo. Las Casas ripudia la guerra e la 1iolen(a !oer!iti1a. stabilendo !"e una !on1ersione rasso iglia dappresso alla11i!ina ento di uno studente alla s!ien(a. I pensatori anti!"i piE sa1i. !o e pure i santi ed i padri della !"iesa. "anno se pre pro!la ato la ne!essit di i piegare le argo enta(ioni e non la for(a. 9uesta era la posi(ione di 0esE. !"e non sentH ai il bisogno
183

di distinguere tra di1erse odalit di e1angeli((a(ione. 9uesta ritengo sia la filosofia do inante del !attoli!esi o liberale e so!iale dei nostri giorni. # questo proposito. a io a11iso. 1i sono due intui(ioni las!asiane !"e pre!orrono i te pi in una isura quasi stupefa!ente. Il pri o F un passaggio dell 5polog>a las!asiana> ?Nessuno de1e essere for(ato ad abbra!!iare la fedeM nessuno de1e essere !astigato per il suo fardello di 1i(i. a eno !"e non sia sedi(ioso o arre!"i danno alle persone ed alle !ose@. 9uesta for ula(ione fu reintrodotta nella filosofia politi!a o!!identale K in aniera del tutto indipendente. a partire dal pensiero di Po"n Lo!Ve C;ue trattati sul governo. 1759D. Sa uel 1on 8ufendorf CSul dovere dell@uomo e del cittadino. 175'D e T"o as Pefferson C12%)415'7D K dal filosofo britanni!o Po"n Stuart Aill nel suo !elebre ?On LibertT@. nel 15*9. ossia oltre tre!ento anni dopo. #ltrettanto anti!ipatri!e del pensiero liberale F la seguente intui(ione !ontenuta nel ;e regia protestate> ?Lautorit e la giurisdi(ione dei so1rani si appli!a es!lusi1a ente per pro uo1ere gli interessi !olletti1i del popolo. sen(a osta!olare ne pregiudi!are la sua libert@. Infine. in una lettera indiri((ata a :artolo G Carran(a !"e risale al 1***. Las Casas for ulB il prin!ipio !"e sar poi alla base della -i!"iara(ione di indipenden(a degli Stati &niti d# eri!a. no taNation Oithout representation Cs!iopero fis!ale sen(a un parla ento !"e difenda le nostre istan(eD> gli indigeni non sono tenuti a pagare le tasse alla onar!"ia spagnola sen(a il loro espli!ito !onsenso < +o ser,n o!ligados a pagar quintos o derechos a los Ee8es de astilla, si los re8es 8 los pue!los de las &ndias no consintieren eNpresamente de su propia voluntad, en a!dicar de s> 8 ceder todo el derecho que ellos ten>an 8 se o!ligasen a pagar los dichos quintos a los Ee8es de astilla=. Il !ontrasto !on la dottrina di Sep6l1eda. !"e 1ede nella Conquista un bene1olo atto e an!ipatorio !"e s1in!ola lindio dalla sua !ondi(ione sel1aggia e nella 1iolen(a il giusto e((o per !astigare i nati1i. !olpe1oli di essere sottos1iluppati e non suffi!iente ente solerti nel farsi istruire al 1i1ere !i1ile. F a dir po!o s!on!ertante. Se bra di assistere allo s!ontro tra due !i1ilt orali. antropologi!"e e giuridi!"e in!on!iliabili. !"e si sono s1iluppate parallela ente a in dire(ioni opposte e. nella -isputa di /alladolid. "anno !er!ato di stabilire a !"i spettasse lege onia sul suolo a eri!ano e forse sullintero pianeta. 8er buona sorte degli indigeni. a an!"e di noi tutti. Las Casas non fu las!iato solo. Oltre agli appoggi a !orte e negli a bienti a!!ade i!i. altri issionari si assunsero la11o!atura dei popoli indigeni. Tra questi. eritano una en(ione spe!iale 8edro de
184

C[rdoba. #ntonio Aontesinos. :ernardino de Sa"ag6n e /as!o de 9uiroga. La1an(ata et non fia!!B la perse1eran(a ed abnega(ione di Las Casas. C"i era presente alle sue ?!on!ioni@ non ri!orda1a segni di spossate((a nel tono della sua 1o!e. Aa possia o i aginare !"e. dopo a1er assistito alle !rudelt ed ingiusti(ie del ondo e dei suoi !o patrioti in parti!olare e dopo a1erle subite in pri a persona. perseguitato !o e qualunque uo o !on un sogno !"e oltrepassa la 1isione ristretta dei suoi !onte poranei. questi segni attra1ersassero il suo 1olto. Non si perse perB ai dani o e !ontinuB. fin!"G ne ebbe la for(a. a ri!ordare a !"i a1e1a una !os!ien(a e le da1a as!olto. !"e gli indios do1e1ano essere soggetti della loro stessa 1ita e !"e lintera i presa !oloniale ?F !ontro linten(ione di 0esE Cristo e !ontro la for a di !arit !"e nel suo /angelo !i "a tanto ra!!o andata. e !ontraddi!e !o pleta ente. a ben guardare. tutta la sa!ra S!rittura@ C 2istoriaD. Nel 1*7'. in un e orandu per il Consiglio delle Indie. ro pendo ogni indugio. ribadi1a !on for(a e s!"iette((a !iB !"e era andato di!endo per quarantanni. !on toni eno apoditti!i. ossia !"e> ?I nati1i delle IndieI"anno il diritto di !ondurre una giusta guerra !ontro di noi e di spa((ar!i 1ia dalla fa!!ia della terra. 9uesto diritto durer fino al giorno del giudi(io@. CiB non a11enne e. in 1erit. quando orH nel !on1ento di #to!"a a Aadrid. si puB tranquilla ente dire !"e nessuna delle sue ri!"ieste e nessuno dei suoi desideri erano stati esauditi. -a un !erto punto di 1ista la 1ita di Las Casas fu una lunga serie di falli enti> a partire dalla !olonia ideale nel /ene(uela C1*'1D. seguita dallesperi ento di e1angeli((a(ione uni!a ente pa!ifi!a del 0uate ala C1*)241**'D. !"e non fu allalte((a delle sue attese. lo s1uota ento di senso delle Nuo1e Leggi nel 1*%* K quando gli en!o enderos isero assie e ilioni di pesos per ? assaggiare@ la 1olont onar!"i!a K lesperien(a nel 1es!o1ato del C"iapas in quegli stessi anni K i !oloni e una parte del !lero si !oali((arono !ontro di lui per !a!!iarlo K. la battaglia s!olasti!a !on Sepul1eda. !"e finH in una patta. a soprattutto la an!ata aboli(ione dellen!o ienda. ;urono in1e!e i suoi libri ed il suo ese pio a de!retarne lingresso nella storia> i suoi a iratori !ontinuarono la lotta an!"e dopo la sua orte. La 1ittoria della guerra era stata solo posti!ipata. a la sensibili((a(ione degli a bienti intellettuali europei alla questione dei diritti naturali fu !erta ente di per sG un !ontributo agnifi!o e fruttuoso. 8ossia o i aginare !"e forse il suo piE grande ra ari!o fu quello di non a1er saputo e1itare la
185

polari((a(ione tra !"i lo 1ede1a !o e il fu o negli o!!"i e !"i a1e1a inteso il senso piE profondo della sua issione. quella !ioF di riaffer are !"e le 1erit e1angeli!"e do1e1ano essere esse in prati!a sen(a !o pro essi ed esita(ioni. !"e non si pote1ano in1entare !a1illi e furbi(ie per aggirare il signifi!ato della testi onian(a di 0esE il Cristo. &na parte della C"iesa del suo te po K e possia o sospettare una parte della C"iesa !onte poranea K non a!!ettB le(ioni di oralit e !oeren(a da questo profeta indigenista. Aa la !oloni((a(ione pa!ifi!a del Aessi!o settentrionale e delle ;ilippine si !o pH an!"e e soprattutto gra(ie alla(ione dei o1i enti indigenisti !"e prende1ano ese pio da Las Casas. Inoltre fu in gran parte il disperato bisogno di fondi di ;ilippo II !"e portB ad un !ostante in!re ento della tassa(ione e allaboli(ione di ogni esen(ione. !"e i pedH ai progetti las!asiani di tro1are un aggior seguito. CiB non toglie !"e fu an!"e gra(ie a lui ed a !"i si pati((a1a per la sua !ausa !"e nel 1*92 ;ilippo II e anB un de!reto !"e restitui1a i tributi ra!!olti ingiusta ente dagli indigeni filippini non4!ristiani. Il de!reto ri!"iede1a un !onsenso 1olontario. non estorto. alla loro sotto issione alla Corona di Spagna. CosH. tra i prin!ipi !"e guidarono la politi!a !oloniale spagnola nel sedi!esi o se!olo. fe!ero la loro !o parsa an!"e il !onsenso di !"i F go1ernato ed il potere legitti a ente !ostituito. Non i risulta !"e unaltra poten(a !oloniale abbia e ulato la Spagna in questo. Solo la Spagna si fe!e degli s!rupoli e sinterrogB sulla bont delle sue ini(iati1e. Las Casas !erta ente esagerB le responsabilit u ane nel geno!idio indigeno e ini i((B o ignorB il ruolo delle pande ie e fe!e !osH un fa1ore ai ne i!i della Spagna !"e enfati((arono le de1asta(ioni !oloniali tralas!iando la lotta per la giusti(ia ed i diritti u ani. !"e fu in1e!e s!orretta ente qualifi!ata dalle altre poten(e i perialiste !o e lotta !ontro li perialis o spagnolo. Certa ente lui fu tra i pri i a !apire ed affer are !"e solo un atta!!o radi!ale allintero assetto !oloniale a1rebbe potuto interro pere il geno!idio in !orso. a questeti!"ettatura "a os!urato la grande((a del si1igliano. restringendo indebita ente il suo !a po da(ione ed i suoi eriti. oltre !"e quelli della stessa Spagna. gia!!"G in prati!a la stessa so!iet !"e produsse gli agu((ini alle1B an!"e i paladini delle 1itti e. Negli anni Ottanta PosG #l!ina ;ran!". uno dei grandi etnografi e stori!i del periodo pre!olo biano. des!ri1e1a latti1is o di Las Casas !o e la lotta di un -a1ide !ontro il 0olia dei poteri oligar!"i!i di sta po feudale. una ?lotta titani!a di un uo o i pegnato a !a biare la realt del suo te po utili((ando ogni e((o disponibileI a il !ui pensiero era !osH pre!orritore dei te pi
186

!"e solo ora lo stia o raggiungendo. <I=. #n!ora oggi !i sono olte persone !"e non arri1ano a !o prenderlo. Co e pote1ano !o prenderlo i suoi !onte poranei$@ C#l!ina ;ran!". 195*D In una Suplicaci3n a ;ilippo II del 1*7* Las Casas. or ai 1e!!"io e alato. ri!apitolB la 1o!a(ione di una 1ita e a onH la Spagna !"e se non a1esse !a biato la sua !ondotta la giusti(ia di1ina sarebbe stata tuttaltro !"e bene1ola nei suoi !onfronti. La lessero al Consiglio delle Indie> ?!on questa suppli!a !"e presento a Sua Aaest al ter ine della ia 1itaI!redo di a1er assolto il inistero !"e -io i "a assegnato> porre ri edio alle tante ingiusti(ie !o esse in !osH gran nu ero pri a !"e inter1enga il 0iudi(io. # !ausa della ia negligen(a. "o tutta1ia ottenuto po!"i risultati e te o !"e -io abbia oti1o di !astigar i@. &na 1ita spesa predi!ando un -io d# ore e Co prensione. per poi !edere proprio alla fine alla tenta(ione del dio iras!ibile. 1anesio e !astigatore. !"e o!!"ieggia persino in quello !"e do1e1a essere il suo testa ento spirituale. &na robusta indi!a(ione della for(a !oer!iti1a di !onsuetudini ed abiti entali duri a orire. CiB detto. il suo ese pio puB ser1ire an!ora a ris!aldare i !uori e ad in!oraggiare i giusti ad operare nel senso di una trasfor a(ione epo!ale di al eno una parte della so!iet e della !os!ien(a u ana. &na ri1olu(ione non1iolenta allinsegna della dignit. della pa!e. delle patia. della giusti(ia. della libert e della spiritualit. per!"G non sia o auto i preposti alla perpetua(ione di una Cultura. di un 0eno a o di una Aoda. a essere u ani !on una pluralit di identit. attributi ed interessi e !on un destino !os i!o an!ora in gran parte inesplorato. BIBLIO0RA3IA ##.//.. 1a etica en la conquista de 5m(rica, Corpus ,ispanoru de 8a!e. '*. Aadrid 195%. 9*. Rolena #dorno. ?T"e politi!s of publi!ation> :artolo G de las Casas T"e -e1astation of t"e Indies@. In hNeR Uest Indian 0uideO NieuRe Uest4Indis!"e 0ids i 72 C)O%D C199)D. pp.'5*4'9'. PosG #l!ina ;ran!". <artolom( de las asas; o!ra indigenista. #lian(a Ed.. Aadrid 195*. 8"ilippe4Igna!e #ndrG4/in!ent. <artolom( de las asas, prophte du +ouveau Monde. Tallandier. 8aris 1953. #dolp" ;. :andelier. :raditions of Precolum!ian 1andings on the Uestern oast of South 5merica. in h# eri!an #nt"ropologisti 2C'D C193*D. pp. '*34'23.
187

Aar!el :ataillon. #ndrG Saint4Lu Ca !ura diD. 1as asas et la d(fense des &ndiens 0alli ard4Pulliard. 8aris. 192). Aauri!io :eu!"ot. 1os fundamentos de los derechos humanos en <artolom( de 1as asas. #nt"ropos. :ar!elona 199% Nestor Capde1ila. 1as asas - une politique de l@humanit( - l@homme et l@empire de la foi. Editions du Cerf. 8aris. 1995. #ldo #ndrea Cassi. Fltramar - l@inven$ione europea del nuovo mondo Later(a. Ro a M :ari '332. Carlos Castillo. <artolom( de las asas - un itinerario cristiano . Cultura della 8a!e. S. -o eni!o di ;iesole C;ID 199). -aniel Castro. 5nother Sace of 'mpire > <artolom( de 1as asas.. &ndigenous Eights, and 'cclesiastical &mperialism . -ur"a > -uVe. &ni1ersitT 8ress. '332 Luigi Lu!a Ca1alli4Sfor(a. Geni, popoli e lingue. #delp"i. Ailano 1997. Inga Clendinnen :he cost of courage in 5$tec societ8- essa8s on Mesoamerican societ8 and culture. NeR forV> Ca bridge &ni1ersitT 8ress. '313. Pean48ierre -edieu. 1)administration de la foi. Casa de /elZ(que(. Aadrid. 199'. Pean -elu eau. 1a paura in 4ccidente> se!oli 1%.415. La !itt assediata. So!iet Editri!e Interna(ionale. Torino 1929. Sa1erio -i Liso Ca !ura diD. 1a controversia sugli indios. <artolom( de 1as asas, Yuan Gin(s de Sep6lveda. 8agina. :ari '332. ;ran!es!o ;ran!o. 1a passione dell@amore- l@ermeneutica cristiana di <althasar e 4rigene. E-:. :ologna '33*. Rai ond 0aita. Good and 'vil- 5n 5!solute onception Aa! illan. London 1991. Rai ond 0aita. 5 ommon 2umanit8M :hin"ing a!out 1ove e :ruth e Yustice. Routledge, London and NeR forV '333. Aauri(io 0iretti Storia dell@antigiudaismo e dell@antisemitismo . Aondadori. Ailano '332 0iuliano 0lio((i. 5damo ed il +uovo Mondo. La Nuo1a Italia. ;iren(e. 1922. 0iuliano 0"io((i. 1e teorie della ra$$a nell)et moderna. Loes!"er. Torino 1957. 0iuliano 0lio((i ;ifferen$e e uguaglian$a nella cultura europea moderna - scritti HZKKVHZZH. /i1ariu . Napoli 199). #ndrG 0odin. [rasme lecteur d@4rigne. -ro( librairie. 0enF1e 195'. -iego.0ra!ia 0uillGn. ?Pudais o. edi!ina T entalidad inquisitorial en la EspaYa del siglo W/I@. in #ngel #l!alZ Ca !ura diD, &nquisici3n espa9ola 8 mentalidad inquisitorial. #riel, :ar!elona 195%. pp. )'54 )*'.
188

;ran!es!o 0ui!!iardini. 1a storia d@&talia. Salani. ;iren(e. 197). #aron 0ure1i!". :he origins of 'uropean individualism. :la!VRell. OSfordM Ca bridge. Aass 199*. 0usta1o 0utiGrre(. 5lla ricerca dei poveri di Ges7 risto- il pensiero di <artolom( de 1as asas. 9ueriniana. :res!ia 199*. LGon Ernest. ,alVin. 'rasme- sa pens(e et son comportement . /arioru Reprints. London 1955. LeRis ,anVe. 5ristotle and the 5merican &ndians > 5 Stud8 in Eace PreMudice in the Modern Uorld. ,enrT RegnerT Co panT. C"i!ago19*9. LeRis ,anVe. 5ll man"ind is one- a stud8 of the disputation !etOeen <artolom( de 1as asas and Yuan Gin(s de Sepulveda in HII\ on the intellectual and religious capacit8 of the 5merican &ndians . Nort"ern Illinois uni1ersitT press. -eXalb. Ill.. 192%. 0eorg Uil"el ;riedri!" ,egel. 1e$ioni sulla filosofia della storia . Later(a. Ro aM :ari '33) <15)2=. Step"enie ,endri!Vs. ;ivine ;estruction> Uise Fse, ;ominion :heolog8, and the Ma"ing of 5merican 'nvironmental Polic8 . Ael1ille ,ouse. ,oboVen. NP '33*. Ni!"olas ,udson. Srom .nation/ to .race/- :he origin of racial classification in HLthVcentur8 thought . hEig"teent"4!enturT studiesi. '9C)D C1997D. pp.'%24'7%. Reginaldo Iannarone. 1a scoperta dellQ5merica e la prima difesa degli &ndios. ES-. :ologna 199'. ;ran!es!a CantE. 1e scoperte di ristoforo olom!o nei testi di <artolomeo de 1as asas. ' 1oll.. Istituto poligrafi!o e (e!!a dello stato. Ro a 199) ;urio Pesi 1@accusa del sangue- la macchina mitologica antisemita . :ollati :oring"ieri. Torino '332. ,enrT Xa en. :he Spanish &nquisition- a historical revision . fale &ni1ersitT 8ress. NeR ,a1en and London. 1992. 0eorge Xateb. 2uman ;ignit8. Ca bridge. Aassa!"usetts> ,ar1ard &ni1ersitT 8ress. '311. C"arles. ;. XeTes. E. /alentine -aniel Ca !ura diD. Tarma. 5n 5nthropological &nquir8> &ni1ersitT of California 8ress. :erVeleT 195). :artolo G de Las Casas. 4!ras ompletas. #lianja Editorial. Aadrid 19554199'. :artolo G de Las Casas. 4!ras escogidas. #tlas. Aadrid19*241971. :artolo G de Las Casas e ;ran!is!o ;ernZnde( :ueT. ristianismo 8 defensa del indio americano. Los Libros de la Catarata. Aadrid 1999.

189

Puan :autista LassFgue. 1a larga marcha de 1as asas. Centro de Estudios T 8ubli!a!iones. Li a. 192%. #ngel Losada. Sra8 <artolome de 1as asas a la lu$ de la moderna critica historica. Editorial Te!nos. Aadrid 1923. Aarianne Aa"n4Lot. <artolomeo de 1as asas e i diritti degli indiani . Pa!a booV. Ailano 195*. Aario Aar!"iori. &l puma ed il condor- miti e leggende delle 5nde e della :erra del Suoco. Edi(ioni San 8aolo. Ailano 1999. 0ia!o o Aartina. Pio &]. Editri!e 8ontifi!ia &ni1ersit 0regoriana. Ro a. 195* ;ernando Aires. &n nome della croce - di!attito teologicoVpolitico sull@olocausto degli indios nel periodo della conquista La pi!!ola editri!e. Celleno C/TD. 1991. ;riedri!" U. Niet(s!"e. 1a volont di poten$a. NeRton Co pton. Ro a 195%. #nt"onT 8agden 1a caduta dell@uomo naturale - l@indiano d@5merica e le origini dell@etnologia comparata. Einaudi. Torino 1959. ,ellen Rand. 8aris". 1as asas en M(Nico. 2istoria 8 o!ra desconocidas. ;ondo de Cultura E!on[ i!a. AGSi!o 199'. Po"n LeddT 8"elan. :he millennial "ingdom of the Sranciscans in the +eO Uorld. &ni1ersitT of California 8ress. :erVeleT 1923. Ra [n Aenende( 8idal. 'l padre 1as asas. Su doble personalHdad. Espasa4Calpe. Aadrid 197). #ugusto 8la!ani!a. Segni dei tempi. &l modello apocalittico nella tradi$ione occidentale. Aarsilio. /ene(ia 1993 #driano 8rosperi. 5merica e 5pocalisse. +ote sulla Qconquista spiritualeQ del +uovo Mondo. hCriti!a Stori!ai 1) C1927D. pp. 1471. Puan 8ablo AartLn Rodrigues. <artolom( de las asas, 5 Pena contra a 'spada. Tesi di aster in ?Teoria della Letteratura@. Re!ife. &ni1ersidade ;ederal de 8erna bu!o '337. Roger Ruston. 2uman Eights and the &mage of God . SCA 8ress. London '33%. ;ranV Salo on. Stuart :. S!"Rart(. ?NeR 8eoples and neR Vinds of people> adaptation. read^ust ent. and et"nogenesis in Sout" # eri!an indigenous so!ieties C!olonial eraD@. in ;ranV Salo on. Stuart :. S!"Rart( :he am!ridge 2istor8 of the +ative Peoples of the 5mericas. Ca bridge &ni1ersitT 8ress. Ca bridge 1999. pp.%%)4*31 RubGn #. SZn!"e(40odoT. Mercanc>a, gentes pac>ficas 8 plaga<artolom( de las asas 8 los or>genes del pensamiento a!olicionista en el atl,ntico i!(rico . tesi di dottorato. ;a!ultT of #rts and S!ien!es. &ni1ersitT of 8ittsburg" '339.

190

:runo Snell. 1a cultura greca e le origini del pensiero europeo . Einaudi. Torino '33'. :arbara Spinelli. 1)5pocalisse maschera del potere. La Sta pa. '5 giugno '339. ;ran!es!o Surdi!". 0erso il +uovo Mondo. 1@immaginario europeo e la scoperta dellQ5merica. 0iunti. ;iren(e '33' Pa es ,. SReet. :he &!erian Eoots of 5merican Eacist :hought . in hUillia and AarT 9uarterlTi. *% C1992D. 1%)4177. Uerner T"o as. Misioneros flamencos en 5m(rica 1atina. in hEspa!io. Tie po T ;or ai 2 C199%D. pp. %*14%25. T(1etan Todoro1. 1a conquista dell)5merica. Einaudi. Torino 199' T(1etan Todoro1. 0eorges :audot Ca !ura diD. Eacconti a$techi della conquista. Einaudi. Torino 1955. 0iuseppe Tosi. :artolo G de Las Casas. in Yura Gentium / C'339D. 1 "ttp>OORRR.^uragentiu .unifi.itOitOsur1eTsOrig"tsOprofilesOlas!asasO C1* gennaio '311D -a1id A. TraboulaT. olum!us and 1as asas- the onquest and hristiani$ation of 5merica, H^ZJVHIKK. &ni1ersitT 8ress of # eri!a. In!.. AarTland 199%. /i!tor U. /on ,agen. Gli imperi del deserto nel Per7 precolom!iano . NeRton Co pton. Ro a 1922. 0usta1o aagrebelsVT. &l diritto mite. Einaudi. Torino 199'. LESSICO PosG de #!osta C1*)9K1733D. Aissionario e !ronista gesuita. 8ioniere dellantropologia. 8edro de #l1arado T Contreras C1%5*$41*%1D. Conquistador e go1ernatore del 0uate ala. 8ietro Aartire d#ng"iera C1%*2K1*'7D. Stori!o di origini italiane. Aiguel de los #r!os C1%5'41*7%D. Teologo do eni!ano. -o ingo de :etan(os C1%53K1*%9D. Aissionario do ini!ano. 0io1anni :otero C1*%%K1712D. ;ilosofo italiano. #ntonio de la Calan!"a C1*5%K175%D. Religioso agostiniano e pioniere dellantropologia. To aso Ca panella C1*75K17)9D. -o eni!ano !alabrese. filosofo e letterato. #utore dellopera utopi!a intitolata ?La Citt del Sole@. :artolo G Carran(a C1*3)K1*27D. #r!i1es!o1o do eni!ano di Toledo. :ernal -La( del Castillo C1%9'K1*5%D. Esploratore. !onquistador. !ronista. 8edro Cie(a de Leon C1*1'K1**%D. Cronista e stori!o del 8erE.
191

;ran!is!o Pi Gne( de Cisneros C1%)7K1*12D. 8oliti!o. !ardinale. issionario. pro otore di !ro!iate. &na delle figure !"ia1e della fase ini(iale delli perialis o spagnolo. Consiglio delle Indie. Consiglio della Corona di Spagna per la inistra(ione dei possedi enti doltre are. -iego de Co1arrubias C1*1'K1*22D. 0iurista della s!uola di Sala an!a. 0io1anni CPoanD #ntonio Cu is C1*)241715D. 0esuita !alabrese. 'ncomienda, o repartimiento. Sinoni i. indi!ano la prassi della sparti(ione dei nati1i. assegnati a di1ersi generi di !or1Ge a se!onda delle loro attitudini. ;ran!is!o ;al!Bn C1*'141*52D. 8ro!uratore dei nati1i del 8erE. 8edro de 0ante C8ieter 1an der AoereD C1%53K1*2'D. Aissionario fran!es!ano di origini fia ing"e. #lberi!o 0entili C1**'K1735D. 0iurista protestante italiano. ;ran!is!o L[pe( de 0[ ara C1*11K1*77D. Stori!o. apologeta del !onquistador ,ernZn CortGs. ;ran!es!o 0ui!!iardini 1%5)K1*%3D. S!rittore. storiografo e filosofo politi!o. -iego de Landa C1*'%41*29D. /es!o1o fran!es!ano dello fu!atZn. Puan de Aatien(o C1*'341*29D. 0iudi!e !oloniale e e bro della pri a Real #uden!ia del Nuo1o Aondo. ;ernando /Z(que( de Aen!"a!a C1*1'41*79D. 0iurista ed u anista spagnolo. #ntonio de Aontesinos _1%2*41*%3D. Aissionario do ini!ano. 8ri o a11o!ato della !ausa indigena. Toribio de :ena1ente. detto AotolinLa C1%5'41*75D. Aissionario fran!es!ano. uno dei pri i 1' a giungere in Aessi!o. Poan #nello Oli1a C1*2%K17%'D. 0esuita napoletano. To Zs Orti( C$ 41*)5D. /es!o1o do ini!ano. 0on(alo ;ernZnde( de O1iedo C1%27K1**2D. Stori!o e naturalista. #lberto 8io C1%2*41*)3D. 8rin!ipe di Carpi. u anista e e!enate. Nipote di 0io1anni 8i!o della Airandola. Sa uel 1on 8ufendorf C17)'4179%D. 0iurista e filosofo tedes!o. /as!o de 9uiroga C1%23$K1*7*D. 0iudi!e e pri o 1es!o1o di Ai!"oa!Zn CAessi!oD. Real #uden!ia. #lta !orte di giusti(ia. Eeducciones. istitu(ione gesuita. !o unit di la1oro e preg"iera. In !asi estre i. !o e a AanL. !entri di !on!entra ento della popola(ione indigena. !"e pote1a essere piE fa!il ente sor1egliata e !astigata in queste !itt ?!ar!erarie@. Aatteo Ri!!i C1**'K1713D. Aissionario gesuita in Cina. Aate ati!o. !artografo ed esploratore del Celeste I pero.
192

8ala!ios Rubios C1%*3K1*'%D. 0iurista spagnolo autore del requerimiento. uningiun(ione di sotto issione !"e do1e1a essere letta agli indigeni per legali((are il loro assoggetta ento. :ernardino de Sa"ag6n C1%9941*93D. Aissionario fran!es!ano. 8ioniere dellantropologia. ;ran!is!o Cer1antes de Sala(ar C1*1%$K1*2*D. Letterato. uno dei pri i a!!ade i!i in Aessi!o. Puan de Sol[r(ano T 8ereTra C1*2*417**D. 0iurista spagnolo. -o ingo de Soto C1%9%41*73D. Teologo do eni!ano. Confessore di Carlo / e suo rappresentante al Con!ilio di Trento. ;ran!is!o de Toledo C1*1741*5'D. /i!erF del 8erE dal 1*79 ed il 1*51. Aiguel Cabello de /alboa C1*)*41735D. Aer!enario pri a. issionario agostiniano in Suda eri!a poi. :las!o NEYe( de /ela C1%93K15 gennaio 1*%7D. Esploratore e pri o 1i!erF del 8erE. #lonso de la /era!ru( C1*3241*5%D. 0iurista e filosofo. #llie1o di ;ran!is!o de /itoria. ;ran!is!o de /itoria C1%5741*%7D. Teologo do ini!ano. &no dei padri del diritto interna(ionale.

193